Sei sulla pagina 1di 1

Ritratto di un regista indipendente: Egil Pedersen Catherine Rierson Ho incontrato Egil Pedersen sulla strada verso uno dei

after-party del festival. Con le mani nelle tasche della giacca, la sciarpa ben avvolta attorno al collo e la sua indole generalmente tranquilla, ero inizialmente reticente ad avvicinarmi al regista apparentemente timido. Tuttavia, nella luminosa e fluorescente luce della metropolitana e poi nella filtrata luce blu scuro dell'after-party di CU, ho trovato coraggio e abbiamo parlato del suo rapporto personale con il cinema indipendente e con il cinema in generale. Col senno di poi mi rendo conto che Egil, 35 anni, regista norvegese e operatore sanitario, il ritratto essenziale del moderno regista indipendente. Nato a Sima, un villaggio molto piccolo nel Finnmark, un piccola contea situata nella Norvegia del nord. Egil ha avuto modo di conoscere il cinema in tutte le sue declinazioni. Mentre si giorni nostri, a Sima, si trova una sala cinematografica, durante la sua infanzia non riusciva a trovarne una, anche se c' da dire che stato al cinema solo cinque volte prima dei sedici anni. Egil inizi ad interessarsi al cinema durante l'adolescenza: inizi con una telecamera Super 8 di suo padre, sperimentando con pellicole e creando animazioni con Lego e argilla; Compr la sua prima videocamera a vent'anni con la quale gir il suo primo lungo metraggio Nel 1998 frequent un istituto superiore che ha contribuito ad accrescere il suo interesse verso il cinema e il teatro, e un anno dopo inizi gli studi nella scuola di cinema norvegese. Ora Egil abita a Jessheim, una piccola citt fuori Oslo, e guadagna da vivere con il suo lavoro nel settore sanitario in due ospedali psichiatrici e in una casa di cura per anziani. Non uso le persone con cui lavoro come diretta ispirazione per i personaggi dei miei film. Ma ho imparato molto su come le persone agiscono e si comportano in diverse circostanze della vita, in modo tale da poter aiutare ad eliminare i luoghi comuni e rendere alcuni caratteri particolari solamente pi interessanti, ha detto sul suo lavoro. Per definizione, il cinema indipendente non gode dei budget delle case grandi case di produzioni, ma Egil ha avuto la fortuna di beneficiare delle risorse che la Norvegia mette a disposizione degli artisti. Il suo ultimo film, un video di fantascienza per il duo rap Chirs Baco & T-Tune per la canzone Bustop, cos come per il video di Wilderness Rugged & Mountain Man No More per "Dropping Feathers, il videoclip che stato proiettato quest'anno ad CU, sono stati entrambi finanziati dallo Stato, e, avendo appena ricevuto da The Sami Parlament Art Scholarship dei finanziamenti, sta progettando diversi altri progetti, mantenendo sempre lo stesso stile e forma del videoclip e del cortometraggio