Sei sulla pagina 1di 40

Comune di Capaccio Elezioni Amministrative del 06 e 07 maggio 2012

Programma del Candidato Sindaco

Gennaro De Caro
e delle liste collegate

Alternativa Democratica Nuovo Municipio

Sommario
1.Premessa........................................................................................................................................ 4 2.Partecipazione............................................................................................................................... 4 2.1.Bilancio partecipativo e sociale...............................................................................................5 2.2.Valutazione civica dei servizi pubblici locali..........................................................................5 2.3.Istituzione dei Consigli di Contrada.........................................................................................6 2.4.Nuovo ruolo del Consiglio Comunale.....................................................................................6 2.5.Altri istituti a garanzia della partecipazione dei cittadini..........................................................7 2.5.1.Concreta applicazione dellistituto del referendum consultivi e propositivi.......................7 2.5.2.Elezione diretta del difensore civico................................................................................7 2.5.3.Costituzione del Forum dei poteri democratici.................................................................7 2.5.4.Garanzia di partecipazione dei migranti..........................................................................7 2.5.5.Concreta attivazione delle Consulte.................................................................................7 2.5.6.Bollettino trimestrale di informazione..............................................................................7 2.5.7.Nuovo Ruolo dellU.R.P..................................................................................................7 2.5.8.Istituzione del Sindaco per un giorno e del Consiglio Comunale dei bambini...................8 3.Aggregazione................................................................................................................................. 8 4.Politiche Giovanili......................................................................................................................... 8 4.1.Giovani e accoglienza............................................................................................................ 8 4.2.Giovani e produzione culturale...............................................................................................8 4.3.Disagio giovanile....................................................................................................................9 5.Scuola ........................................................................................................................................... 9 5.1.Ledilizia scolastica e il dimensionamento scolastico...............................................................9 5.2.I costi della scuola ed il diritto allo studio.............................................................................10 5.3.Politiche per lintegrazione, per il diritto allo studio e contro la dispersione scolastica...........10 5.4.Realizzazione di asili nido pubblici......................................................................................10 6.Istruzione e formazione................................................................................................................ 11 6.1.Programmi per favorire listruzione universitaria e post-universitaria......................................11 6.2.La formazione professionale..................................................................................................11 6.3.Il sistema bibliotecario comunale..........................................................................................12 7.Lavoro.......................................................................................................................................... 12 8.Sicurezza..................................................................................................................................... 13 9.Salute........................................................................................................................................... 14 9.1.Piano Salute.......................................................................................................................... 14 9.2.Altri interventi in materia di salute........................................................................................14 10.Servizi........................................................................................................................................ 15 10.1.La gestione pubblica dei Servizi Pubblici Locali..................................................................15 10.2.Primi interventi in materia di servizi pubblici......................................................................16 10.3.I servizi sociali innovativi e lintegrazione con il privato sociale..........................................17 11.Intervento pubblico nelleconomia e Beni Comuni.....................................................................18 12.Finanziamento, Funzionamento e Decentramento del Municipio................................................19 12.1.12.1. Per la perequazione fiscale e tariffaria a difesa dei redditi pi bassi............................19 12.2.Riorganizzazione della macchina comunale.......................................................................19
2

13.Agricoltura................................................................................................................................. 22 13.1.(segue) Incremento delle produzioni ecocompatibili...........................................................23 14.Turismo...................................................................................................................................... 24 14.1.Il MAV (Museo Archeologico Virtuale)................................................................................26 14.2.Capaccio Capoluogo: la Citt Albergo.............................................................................27 15.Commercio................................................................................................................................ 27 16.Artigianato e Impresa.................................................................................................................. 28 16.1.LArea P.I.P......................................................................................................................... 28 17.Il governo del territorio. ............................................................................................................. 29 17.1.Consumo Zero, Recupero e Riqualificazione per una nuova estetica di Capaccio. ..............29 17.2.Gli indirizzi del nuovo Piano Urbanistico Comunale...........................................................29 17.3.La questione della Area 220............................................................................................30 17.4.Appunti per un programma di lavori pubblici......................................................................31 17.5.Riqualificazione dell' area della stazione ferroviaria di Capaccio-Roccadaspide. Idea di progetto del centro di intermodalit............................................................................................32 18.La lotta allinquinamento e linnovazione energetica..................................................................36 18.1.Programmazione anti-inquinamento...................................................................................36 18.2.Lotta allelettro-smog.......................................................................................................... 36 18.3.Promozione di un modello energetico sostenibile...............................................................37 19.Marketing territoriale.................................................................................................................. 38 19.1.Il marketing territoriale applicato allagricoltura..................................................................38 19.2.Il piano di marketing territoriale applicato al turismo...........................................................39

N radicalismi n scontri, serve il contributo di tutti quelli che vogliono scelte nette verso il bene pubblico e comune e vogliono amministrare attraverso programmi operativi efficienti e unorganizzazione di giunta rigorosa. Laggressivit e il superficialismo osservati in questi anni devono essere abbandonati e sostituiti dalla consapevolezza dello stato di rovina in cui si trova il pensiero e lazione politico-amministrativa a Capaccio. Luigi Di Lascio

1. Premessa
Immaginare unidea diversa e una pratica innovativa di democrazia, che guardi alla tutela dellambiente, agli spazi urbani ed allorganizzazione delle attivit produttive, ai saperi, alle diversit culturali ed alle relazioni umane e sociali. Valorizzare i beni comuni e diritti fondamentali ad essi collegati attraverso una democrazia profondamente rinnovata. Rilanciare la collaborazione tra enti pubblici, cittadini, operatori economici per rilanciare lo sviluppo. Il Comune di Capaccio, in questo senso, deve diventare lo spazio ideale della democrazia, un luogo di sperimentazione e contaminazione, che permetta non solo di partecipare, ma anche di concretizzare, per vivere meglio la Capaccio che vogliamo, il futuro che desideriamo, la vita che speriamo. Il programma che presentiamo ricco trae spunti e riferimenti dal programma amministrativo del 2007 del candidato sindaco Luigi Di Lascio. Ci non in nome di pretese eredit, ma in primo luogo perch riconosciamo, esplicitamente e senza vergogna, che quel programma elettorale era ricco di spunti ed intuizioni volte ad uno sviluppo armonico del territorio; in secondo luogo perch riconosciamo in quellesperienza la concretizzazione di un agire politico diverso e innovativo: un agire politico basato sul porre in primo piano il bene comune e la partecipazione ai processi decisionali, sia dentro che fuori lamministrazione. Porre in primo piano il bene comune e partecipazione ai processi decisionali sono ancora i cardini del nostro discorso politico. Affinch ci sia possibile i criteri, etici ed esteticim dei nostri comportamenti sono stati e saranno la trasparenza, la collegialit, la giustizia e la legalit, la responsabilit verso la collettivit e, attraverso unorganizzazione rigorosa, la buona amministrazione. In questo modo e con questi strumenti contiamo di realizzare gli obiettivi di seguito sommariamente descritti.

2. Partecipazione
Vogliamo essere promotori di un processo di partecipazione diretta dei cittadini che parta dal basso e che renda i cittadini stessi non solo elettori ma anche, e soprattutto, rappresentanti di se stessi. Quando parliamo di partecipazione, in tutte le nostre esperienze, parliamo di progetti di futuro che riguardano la complessit della vita delle persone, cio del loro destino produttivo e del loro destino nello spazio urbano, della vita e del lavoro insieme. Linnovazione dei meccanismi democratici, determinata dalla sperimentazione di processi partecipativi connessi alla gestione della cosa pubblica, permette, insomma, il superamento di

disuguaglianze tra i cittadini e laffermazione del principio della trasparenza dellamministrazione pubblica. Gli ingredienti di una buona partecipazione non sono molti: capacit di conoscere, apertura al dialogo, trasparenza delle informazioni, creazione di percorsi decisionali nei quali la partecipazione sia organizzata e in grado di convogliare anche quella spontanea del singolo cittadino in un processo collettivo. Il nostro programma amministrativo si pone lobiettivo di rendere protagonisti della trasformazione i soggetti operanti sul territorio, aumentandone la competitivit e la credibilit in una strategia condivisa per lo sviluppo del territorio stesso.

2.1. Bilancio partecipativo e sociale


Nellimpostare e per promuovere un percorso di reale partecipazione dei cittadini allamministrazione ed alla gestione della cosa pubblica, non si pu non partire dalle politiche di bilancio. Il bilancio partecipativo un processo decisionale che consiste in unapertura della macchina istituzionale alla partecipazione diretta ed effettiva della popolazione nellassunzione di decisioni sugli obiettivi e sulla distribuzione degli investimenti pubblici. Innanzitutto, la partecipazione si realizza su base territoriale. Il nostro territorio suddiviso in borgate. Nel corso di riunioni pubbliche la popolazione sar invitata a precisare i propri bisogni e, soprattutto, a stabilire le propriet tra i vari campi e settori di intervento e tra le varie iniziative. A ci si aggiunger la partecipazione organizzata su base tematica attraverso il coinvolgimento delle categorie professionali o lavorative e delle associazioni operanti sul territorio. Si immagina il seguente processo decisionale: Il Comune presenzia tutte le rionioni territoriali e tematiche con propri rappresentanti politici e amministrativi, che avr il compito di fornire informazioni tecniche, legali e finanziare, senza per influenzare le decisioni dei partecipanti alle riunioni. Il Comune stiler dunque il progetto di bilancio sulla base delle priorit indicate dai gruppi territoriali e tematici. Il Bilancio sar dunque approvato dal Consiglio Comunale, secondo la vigente normativa in materia. Nel corso dellanno, la cittadinanza sar chiamata a valutare la realizzazione dei lavori e dei servizi decisi con lo strumento del bilancio partecipativo. Visti i vincoli di bilancio a cui tenuto lEnte Comunale, le proposte dei cittadini potranno incidere solo su una percentuale del bilancio; e tuttavia, proprio per i vincoli di bilancio a cui sottoposto il Comune fondamentale e doveroso che siano i cittadini in prima persona a stabilire i progetti e le priorit delle opere e dei servizi da porre in essere.

2.2. Valutazione civica dei servizi pubblici locali


La metodologia della valutazione civica regolata nel comma 461 della legge n. 244 del 2007. Poco conosciuto e inapplicato andrebbe riscoperto perch contiene gli ingredienti giusti per una partecipazione buona ed efficace: lefficacia del servizio messa al centro (quindi produttivit sociale perch linefficacia uno spreco);
5

la condivisione delle funzioni di monitoraggio e controllo tra ente locale, associazioni dei cittadini e singoli cittadini che vogliano far conoscere il loro giudizio (si stimola la crescita qualitativa delle associazioni e si introduce un diritto di ascolto per il singolo, si crea un circuito virtuoso istituzioni e cittadini); una verifica annuale che mette al centro il giudizio dei cittadini (diventa una verifica delle politiche locali che mette al centro il giudizio dei cittadini). Lessenza del comma 461 sta nel superamento degli sbarramenti e nella trasformazione della politica che inizia dalla dimensione locale ad essere condivisa tra enti pubblici, associazioni e singoli cittadini.

2.3. Istituzione dei Consigli di Contrada


Lo Statuto Comunale di Capaccio, divide il territorio in 14 contrade storicamente riconosciute e cio: Cafasso-Borgonuovo, Capaccio Marittima, Capo di Fiume, Chiorbo-Cortigliano, Gromola-Foce Sele, Paestum, Laura, Ponte Barizzo, Rettifilo-Vannulo, Spinazzo-Varco Cilentano, S. Venere, Seude-Scigliati-Tempa S. Paolo-Crispi-Capaccio Vecchio, Torre-Licinella, Vuccolo Maiorano. di immediata evidenza che ciascuna di queste realt esprime un microcosmo con proprie caratteristiche. A ciascuna realt dovr essere riconosciuta pari dignit, con il fine di realizzare uno sviluppo armonioso di tutto il territorio comunale. A questo scopo assolutamente indispensabile istituire i Consiglio di Contrada, che dovranno avere un chiaro e riconosciuto ruolo di indirizzo, collaborazione, controllo relativamente allattivit di programmazione svolta dal Comune: il ruolo dei Consigli di Contrada dovr essere quello di avvicinare i cittadini allamministrazione in modo trasparente e senza oscure mediazioni personali, affinch lEnte Comunale sia garante di diritti, non concessore di favori.

2.4. Nuovo ruolo del Consiglio Comunale


Non pu essere taciuto, per, che negli enti locali, lungi dallaffermarsi di forme di democrazia diretta e di partecipazione, si innestato spesso negli ultimi anni un progressivo svuotamento delle funzioni, dei compiti e dei ruoli dei consigli comunali e dei consigli provinciali a favore del potere ormai monocratico del Sindaco e delle Giunte. Si pone, quindi, il tema della modifica della legge 81/93 sullelezione diretta dei sindaci e presidenti.
6

Comunque, anche a legislazione vigente, va rilanciata la centralit del ruolo politico e di indirizzo del Consiglio Comunale, con la sua convocazione preventiva su tutte le materie urbanisticoterritoriali, ambientali,sociali, della mobilit e sui programmi delle aziende partecipate anche al di la delle strette competenze previste dalle normative,per poter svolgere effettivamente come consiglio in ruolo di indirizzo programmatorio e di controllo sulla attivit dellente.

2.5. Altri istituti a garanzia della partecipazione dei cittadini


2.5.1. Concreta propositivi applicazione dellistituto del referendum consultivi e

2.5.2. Elezione diretta del difensore civico 2.5.3. Costituzione del Forum dei poteri democratici Del Forum dei poteri democratici dovranno far parte i consiglieri comunali, il difensore civico, i consigli di contrada, i rappresentanti degli organi di partecipazione di categoria e delle associazioni operanti sul territorio. 2.5.4. Garanzia di partecipazione dei migranti Dovr essere garantita leffettiva partecipazione ed inserimento nel tessuto socio-politico ai migranti comunitari residenti nel Comune. Mediante la modifica dello Statuto comunale, dovr essere riconosciuto il voto amministrativo ai migranti, comunitare ed extracomunitari. Fin da subito, sar istituita un consulta dei migranti, affinch i lavoratori migranti possano portare nellambito istituzionale le questioni relative alle comunit di migranti. 2.5.5. Concreta attivazione delle Consulte Con modifica dello statuto comunale, vanno riconosciute le consulte come libere e autonome espressioni delle realt sociali intermedie. Andr quindi dato vero e concreto slancio alla consulta delle associazioni. Andranno istituite una consulta dei giovani (ovvero al forum dei giovani), una consulta degli anziani, una consulta delle donne, la gi citata consulta dei migranti, la consulta dei lavoratori privati. 2.5.6. Bollettino trimestrale di informazione Un bollettino trimestrale (cartaceo ed elettronico) informer i cittadini sullo stato di attuazione del programma e sul concreto svolgersi dellazione amminsitrativa. La comunicazione sar direttamente finalizzata alla partecipazione dei cittadini e ad una migliore e pi efficace erogazione dei servizi. 2.5.7. Nuovo Ruolo dellU.R.P. Va potenziato lUfficio delle Relazioni con il Pubblico, che deve diventare il primo punto di contatto tra lAmministrazione e il cittadino, avere una valenza comunicativa estremamente forte nonch gli strumenti per accompagnare linformazione allerogazione del servizio.

2.5.8. Istituzione del Sindaco per un giorno e del Consiglio Comunale dei bambini Per estendere il senso del valore delle Istituzioni e per incrementare il senso dellappartenenza alla comunit di Capaccio , verr istituito, in collaborazione con le scuole il concorso Sindaco per un giorn, attraverso il quale la conduzione del Comune verr affidata per un giorno al Consiglio Comunale dei Bambini che esprimer un Bambino come Sindaco.

3. Aggregazione
Visto il carattere fortemente frammentario dal punto di vista territoriale nonch al forte tasso di incremento demografico dovuto ad immigrazione che ha caratterizzato il Comune fin dalla seconda met del 900, ogni progetto teso a favorire la promozione alla vita socio-culturale e politica della cittadinanza, non pu prescindere dalla creazione di reali spazi sociali di aggregazione Il Comune dovr essere il primo promotore della cultura della partecipazione, particolarmente quella giovanile, mettendo a disposizione spazi per laggregazione giovani le, luoghi per le attivit culturali, una vera biblioteca multimediale, teatro e cinema.

4. Politiche Giovanili
La collettivit, e quindi chi lamministra, ha il dovere di promuovere cultura e conoscenza al fine di prevenire stili di vita e comportamenti dannosi e distruttivi .

4.1. Giovani e accoglienza


I nostri giovani spesso si trovano imbrigliati nelle maglie della dipendenza per mancanza di alternative, per somigliare a qualcuno, per sentirsi accettati, per sentirsi pi forti. Orientare queste necessit verso attivit costruttive come lo sport, il teatro, i l cinema, lassociazionismo, la tutela dellambiente e del paesaggio vuol dire rinforzare un modello di partecipazione praticato da molti giovani ma poco valorizzato dal pubblico. Le politiche di aggregazione promosse dal pubblico con la creazione di spazi sociali sono il primo passo di un pi ampio progetto di sostegno alle politiche giovanili, che si attuer: sostenendo gli imprenditori che vorranno avviare una politica di accoglienza rivolta ai giovani con la promozione di ostelli per la giovent, stage per giovani europei interessati allarcheologia e alle arti. sostenendo tutte le attivit di promozione della conoscenza e di volontariato attive sul territorio.

4.2. Giovani e produzione culturale


Le attivit espressive e culturali avviano con naturalezza processi di incontro, tra popoli, tra individui, tra comunit. In questo contesto, lapporto innovativo dei pi giovani deve essere valorizzato, mediante la creazione di un sapere socializzato, confrontando le esperienze dei giovani lavoratori, degli studenti, dei fuori sede. Un primo passo potrebbe essere un censimento di tutti coloro che sul territorio hanno competenze nel campo. Poi a partire dalle possibilit individuate nel luogo di regia collettivo avviare progetti lavorativi e di intervento. Una seria politica di questo tipo potrebbe rivolgersi allesterno per reperimento di risorse economiche.
8

Progettare ogni anno attraverso un luogo di regia collettivo unoperazione tesa ad individuare un tema condiviso, intorno al quale costruire la programmazione artistica e culturale. Un qualcosa che diventi un punto di riferimento. Accanto ai Grandi Eventi, dunque, serve creare e stabilizzare un tessuto diffuso di iniziative e attivit che valorizzi i giovani e, in generale, i cittadini nella loro qualit di fruitori ma anche di produttori di arte e cultura. Il luogo di regia collettivo sar lo strumento per la valorizzazione delle realt culturali che vivono nel nostro territorio, come le compagnie teatrali non professionali, della messa in rete e a sistema delle numerose iniziative musicali, ecc.

4.3. Disagio giovanile


Il disagio sociale si manifesta soprattutto nel fenomeno dellutilizzo delle sostanze stupefacenti; fenomeno in continua evoluzione e che tende a diventare sempre pi complesso e veloce. Di sicuro, diminuisce let media di chi assume stupefacenti, cos come da registrare il forte aumento dellabuso di alcol tra le fasce adolescenziali. Cambiano continuamente sia le abitudini e le modalit di consumo come, del resto, in continua evoluzione il mercato delle sostanze. Vanno attivate campagne di sensibilizzazione (coinvolgendo i media locali) volte a cambiare la percezione del fenomeno tra i cittadini; occorre proporre nei territori interventi alternativi alle fallimentari politiche proibizionistiche di cui la legge Fini-Giovanardi lesempio pi evidente. necessario sviluppare percorsi di promozione della salute, comprendendo politiche di informazione corretta sulle sostanze attraverso campagne specifiche e di carattere partecipativo, a seconda sia dei luoghi (scuole, locali notturni, ecc.) che del target (incontri con i genitori, ecc.). necessario sviluppare percorsi di prevenzione, generando prassi di protagonismo giovanile nei territori, spazi di socializzazione e autogestione; cura e riabilitazione; riduzione del danno.

5. Scuola
Il sistema dellistruzione una risorsa fondamentale per la crescita della comunit locale. Le scuole vanno valorizzate come centri di promozione umana e culturale, di aggregazione sociale e di partecipazione democratica. Al fine di favorire laccesso al sapere dei cittadini e delle cittadine, con prioritaria attenzione per le fasce sociali deboli e a rischio di abbandono scolastico, necessario promuovere una serie di interventi che diano centralit alle politiche della conoscenza nella dimensione locale. La legge 133/08, attraverso un forte taglio delle risorse destinate alla scuola pubblica, ha prodotto un generale peggioramento della qualit dellintero sistema distruzione.

5.1. Ledilizia scolastica e il dimensionamento scolastico


A Capaccio-Paestum, la situazione degli edifici scolastici da sempre grave e precaria. Riteniamo sia una priorit un piano di edilizia scolastica pluriennale, che dia finalmente alle bambine e ai bambini, alle ragazze e ai ragazzi un ambiente di studio e di lavoro sicuro, funzionale e bello. Unimpegno preciso dovr essere quello di sostenere le scuole per far s che nella formazione delle classi vengano rispettati i parametri di affollamento delle aule previsti dal Testo Unico sulla sicurezza. Particolare attenzione sar posta allazione della Provincia nella predisposizione delle proposte per i Piani di dimensionamento scolastico che non dovr essere interpretato come un adempimento burocratico subordinato ad una logica ragionieristica che porterebbe alla chiusura e allaccorpamento di importanti istituzioni scolastiche periferiche, creando seri problemi di
9

funzionamento e di rapporto tra le varie sedi ed istituzioni scolastiche. Ci, se necessario, anche attraverso lapertura di veri e propri conflitti istituzionali. Il Piano, al contrario, deve essere inteso come strumento dinamico, una sorta di conferenza permanente nella quale gli Enti Locali, favorendo la partecipazione dei cittadini, si misurano concretamente con i bisogni educativi ed elaborano strategie di sostegno al diritto allo studio, sia allargando il pi possibile il ricorso alle deroghe rispetto alla previsione di accorpamento delle istituzioni scolastiche, sia intervenendo per lestensione della rete dei servizi, anche con un ruolo attivo nei confronti della Regione. Particolare attenzione andr posta anche al potenziamento ed alla messa in sicurezza delle pertinenze (verde attrezzato, ecc.) e delle aree a servizio delle scuole (parcheggio, strade di accesso, ecc.)

5.2. I costi della scuola ed il diritto allo studio


La riduzione dei finanziamenti alle scuole e dei trasferimenti statali agli Enti Locali sta provocando un aumento generalizzato della spesa per listruzione a carico dei cittadini, in aperta contraddizione con il principio costituzionale di gratuit della scuola dellobbligo. Vanno quindi messe in atto strategie, con il coinvolgimento diretto dei dirigenti scolastici, dei docenti e dei genitori, atte a garantire costi accessibili per mense e trasporti, nonch la gratuit dei libri di testo almeno nella fascia dellobbligo, anche prevedendo il ricorso al comodato duso gratuito. Va garantita la forte progressivit delle tariffe del trasporto scolastico.

5.3. Politiche per lintegrazione, per il diritto allo studio e contro la dispersione scolastica
La riduzione del numero degli insegnanti e delle compresenze comporter una riduzione di ore a disposizione delle istituzioni scolastiche, ore che oggi vengono usate o sarebbero utilizzabili per attivit di recupero per gli alunni pi in difficolt o per corsi di alfabetizzazione per alunni stranieri. La promozione di politiche mirate allinserimento di studenti stranieri dovr avvenire anche attraverso lorganizzazione di funzioni di mediazione culturale. Il Comune, allinterno di un organico Piano per il diritto allo studio, dovr fornire risorse alle scuole perch possano continuare a effettuare gli interventi nei confronti dei ragazzi che hanno maggiori necessit, prestando particolare attenzione anche allintegrazione dei soggetti disabili, implementando biblioteche e laboratori, sostenendo progetti promossi dalle scuole per il potenziamento dellofferta formativa e finalizzati a ridurre la dispersione scolastica.

5.4. Realizzazione di asili nido pubblici


La realizzazione di Scuole dell infanzia e di Asili nido pubblici, che devono essere considerati un servizio per la collettivit e quindi dovranno essere accessibili a tutti anche alle famiglie con un basso reddito.

10

6. Istruzione e formazione
6.1. Programmi per favorire listruzione universitaria e postuniversitaria
La condizione dei giovani e il valore dello studio come lavoro per la vita, talvolta nel caso della ricesca scientifica, per una vita intera, sono una parte importante e di rilievo nazionale nel presente programma. I suoi punti principali sono i seguenti: Borse di studio per studenti con curriculum particolarmente meritevoli per esperienze di ricerca per esperienze di ricerca e di studio in Italia e allEstero presso Universit di prestigio o Enti di ricerca privati; Borse di studio attraverso la catena sociale della solidariet minima a favore di studienti del Comune vincitori di concorso per frequentare dottorati di ricerca allItalia e allEstero; Programmi di scambi di studenti alla pari con citt europee per brevi corsi invernali o estivi sulla cultura e la lingua autoctone, per favorire la nascita del cittadino europeo.

6.2. La formazione professionale


Occorre orientare il sistema della formazione professionale alle fasce pi deboli sia dei giovani inoccupati che dei lavoratori espulsi dal processo produttivo individuando soluzioni formative capaci di difendere e rilanciare loccupazione. Si tratta, in definitiva, di ridare dignit al sistema della formazione professionale, riscattandola dalla tendenza, purtroppo assai diffusa in parti consistenti del Paese, ad operare per qualifiche di basso profilo destinate, nella migliore delle ipotesi, a ruoli marginali nel mercato del lavoro. Al contrario, occorre puntare su profili professionali ad elevato contenuto tecnologico e mirati alla riqualificazione ambientale e produttiva del territorio, in raccordo con l'insieme delle politiche attive per il lavoro. Attualmente, a causa delle politiche governative di deregulation, solo una percentuale molto bassa di inserimento nel mondo del mondo del lavoro passa attraverso i canali istituzionali. Per invertire la tendenza necessario potenziare l'orientamento e sviluppare forti e strutturate sinergie tra gli osservatori, l'orientamento, la formazione e i centri per l'impiego pubblici. Riteniamo necessario: attivare corsi di orientamento professionale, in collaborazione con lUniversit di Salerno e con le scuole secondarie superiori presenti sul territorio comunale; attivare cicli di incontri e seminari formativi sul tema del lavoro per laureati e laureandi; pi in generale, rivendicare la creazione di centri di formazione professionale pubblici e la predisposizione di piani formativi che tengano conto sia delle vocazioni produttive tradizionali del territorio sia dellesigenza di sviluppo alternativo, coniugandole con una generale crescita culturale; per quanto concerne i progetti ed i percorsi di formazione professionale promossi o, comunque, sostenuti dallEnte comunale, introdurre elementi di maggior controllo sullutilizzo delle risorse per le convenzioni con gestori privati e applicare in maniera restrittiva i criteri e le regole usate per laccreditamento dei soggetti che operano nella formazione, attraverso lindividuazione di precisi vincoli, con particolare riferimento alladeguatezza della struttura organizzativa (sedi, attrezzature, presenza di figure

11

professionali nel ruolo di formatori, progettisti, coordinatori, tutor,) in relazione agli obiettivi formativi; strutturare unofferta di formazione continua e permanente di qualit sia per dare la possibilit a chiunque ne senta lesigenza di arricchirsi culturalmente, sia per chi perdendo il lavoro ha bisogno di ripensare e/o riadattare il proprio futuro, sia per chi ha bisogno di riqualificarsi o acquisire nuove competenze professionali.

6.3. Il sistema bibliotecario comunale


Le biblioteche rappresentano la prima forma di laboratorio culturale. Nel territorio esiste un patrimonio librario che va valorizzato e reso fruibile con la creazione di un vero e proprio sistema bibliotecario comunale, che metta in rete le biblioteche comunali, quelle private aperte al pubblico, quelle scolastiche, secondo le seguenti linee di intervento: progetto di gestione delle biblioteche e loro promozione a centri culturali con le scuole (elementari, medie, superiori); istituzione di una nuova biblioteca nellambito del progetto di riqualificazione della stazione di Capaccio Scalo; arricchimento della biblioteca di Capaccio Scalo ; protocolli di intesa per lapertura al pubblico di biblioteche private presenti nel Comune; potenziamento delle Biblioteche di istituto e di corso, con fondi comunali per assicurare un servizio bibliotecario pomeridiano in tutte le borgate del comune; accesso ad Internet in tutte le sedi bibliotecarie. Il punto cardinale di tale sistema bibliotecario la creazione di una Biblioteca Multimediale disponibile on line da sviluppare in collaborazione con lUniversit e i suoi Dipartimenti specializzati in questo settore, ricorrendo alle innovazioni di conservazione e ricerca documentale offerta dalle tecnologie del lIntelligenza Artificiale.

7. Lavoro
Il mercato, contrariamente a quanto ci hanno detto per pi di trentanni, non garantisce la piena occupazione. Ci vuole lintervento compensativo pubblico. Questa dovrebbe essere la base da cui partire, tenendo conto che tutto o quasi decentrato, esternalizzato e precarizzato e c la crisi, una crisi che sar lunga e dura. Occorrerebbe un reddito minimo garantito: un reddito di esistenza a prescindere dai lavori, che permetta di stare nel mercato del lavoro nella maniera meno traumatica possibile. Siccome non si uscir tanto facilmente dal capitalismo, siccome la flessibilit, intesa anche come precariet, sar la regola, necessario chiedersi cosa pu fare il Comune, visto che non pu garantire un reddito che risponde a politiche pi generali? Intanto essere attivo nel sostegno delle lotte e iniziative legislative in materia di redditi e garantire servizi reali e alla pi alta qualit al maggior numero di cittadini possibile, a partire da quelli fondamentali: casa, istruzione e salute. Riteniamo che il Comune debba assumersi un ruolo forte nella predisposizione di politiche attive del lavoro creando, in maniera diretta e/o indiretta, nuove opportunit di lavoro e intervenendo sulle cause della disoccupazione. Riteniamo necessario: fornire assistenza e consulenza tecnico-economica ai giovani che intendono avviare attivit imprenditoriali o commerciali;
12

attivare e promuovere circuiti di micro-credito a favore dei giovani imprenditori; attivare la consulta dei lavoratori dipendeti privati, un consiglio del lavoro dove si promuova e si programmi lo sviluppo compatibile e la piena occupazione; costituire un fondo di solidariet e sviluppo, indirizzato a favorire le piccole attivit commerciali ed artigianali; bloccare le eventuali richieste di autorizzazioni per medi e grandi centri commerciali, che desertificano il territorio. Inoltre, il Comune deve impegnarsi a prevedere nei capitolati dappalto che le aziende che lavorano per il Comune siano in regola con tutti i diritti per i lavoratori (contributi, contratti, sicurezza, quote riservate agli invalidi, ecc.) al di l ed oltre il requisito formale del DURC; che i lavoratori a tempo determinato non superino il 10% degli addetti; a impedire e vietare la pratica dei subappalti.

8. Sicurezza
Le profonde contraddizioni che caratterizzano la condizione di vita contemporanea marcano sempre pi lesigenza di garantire sicurezza e vivibilit. necessario ampliare lorganico della Polizia Locale, sino a raggiungere la quota di un vigile urbano ogni 600 abitanti prevista dalla legislazione regionale. Appare altres opportuno il potenziamento della presenza di carabinieri o polizia con lapertura di una tenenza dei Carabinieri o di un commissariato. In ogni caso, necessario coordinare, con gli altri organi ed enti competenti, le mansioni di routine di tutte le forze dellordine che operano sul territorio, in modo da garantire un servizio pi completo possibile, non ripetitivo n vessatorio. Lobiettivo non equiparare di fatto la Polizia Municipale ai corpi di polizia statali ma raggiungere, stanti le competenze e la legislazione vigente, una armonizzazione dei servizi di sicurezza per liberare i corpi di polizia statale dalle mansioni di polizia urbana in modo di poter destinare uomini e mezzi al contrasto dei fenomeni criminali pericolosi per lordine democratico (es. infiltrazioni cammorristiche) ed economico (es. usura); per liberare la Polizia Municipale dai compiti di ordine pubblico, per innovare in senso democratico le funzioni degli agenti e degli ufficiali della Polizia Locale. Ad esempio, seguendo lesperienza della Provincia di Reggio Emilia, si pu pensare ad un protocollo contro levasione fiscale e contributiva e contro il lavoro nero, facendo ricorso alla Polizia Municipale in collaborazione con gli enti ispettivi del lavoro. La giusta preoccupazione per la sicurezza, tuttavia, non deve tradursi in una deriva securitaria. Perch una citt sia sicura necessario innanzitutto che sia una citt giusta e, daltro canto, non si possono immaginare libert ed uguaglianza se non sono garantiti, in primo luogo, la salute e la sicurezza. Quindi, riteniamo necessario accompagnare gli interventi gi esposti con una progettazione sulla sicurezza seria e preventiva, che parta da unaltra idea di citt: dando dignit a stranieri e straniere, mediante gli strumenti di partecipazione gi esposti in precedenza e istituendo un osservatorio antirazzismo per monitorare e denunciare forme di intolleranza e di xenofobia; osservatorio per linfanzia;

13

presenza costante dellEnte con funzioni di presidio della sicurezza mediante appositi uffici disponibili ad ogni orario per le richieste di aiuto, assistenti sociali disponibili alla collaborazione con in cittadini ed alle attivit di formazione e sensibilizzazione.

9. Salute
LEnte Comune deve spendersi affinch il diritto alla salute diventi effettivamente esigibile da parte dei cittadini. Ma, pi in generale, il Comune deve assumersi il compito di garantire il buon vivere dei cittadini, assumendo un concetto ampio di salute, che vada oltre la mera cura della malattia.

9.1. Piano Salute


Riteniamo necessario assumere un Progetto Salute multistrategico, con tappe coordinate per preservare, recuperare ed integrare lo stato di salute del cittadino. Ci presuppone, oltre alladeguamento ed allammodernamento delle strategie sanitarie attuali, una concezione nuova, in cui lo stato di salute preceda il controllo e la cura della malattia. In questo tipo di impostazione, al settore di prevenzione e a quello di riabilitazione deve essere riservato un ruolo fondamentale, facendo in modo che tali settori siano in grado di interpretare una visione umanistica della propria missione con strumenti di elevato valore scientifico e tecnologico. Il progetto nasce con obiettivi ambiziosi: prevenire, curare, orientare, riabilitare e reinserire: in altre parole, prendersi cura del cittadino. Questi obiettivi sono possibili se si segue una metodologia operativa che tenga conto dellepidemiologia, dei fattori causali, dei meccanismi fisiopatologici e di rapporto consequenziale tra causa, menomazione, disabilit ed handicap. Tale progetto promosso dallAmministrazione prevede: struttura clinica moderna con letti di degenza (pochi) e aree per attivit ambulatoriali diurne (tante); laboratori di analisi e di ricerca: epidemiologica, ambientale, clinica; attrezzature diagnostiche davanguardia; palestre; risorse professionali deccellenza; rete tra i medici di base; condivisione e collaborazione con organi regionali e nazionali.

9.2. Altri interventi in materia di salute


Sul tema della salute altri interventi sono in programma: elaborazione di un vero e proprio piano sanitario comunale anche per far emergere i bisogni di prevenzione e riabilitazione; impegno ad interrogarsi, almeno ogni sei mesi, con i vari gruppi di volontariato, associazioni ed enti sui bisogni differenziati del territorio al fine di rispondere a nuove esigenze e bisogni; assumere assieme ad altri Comuni una posizione di interlocuzione politica pesante nei confronti delle scelte sovra comunali che non soddisfano i reali diritti e bisogni; informazione permanente della popolazione sulle scelte su cui ogni volta viene espresso dissenso; piani famiglia che, partendo dal reddito pro-capite introducano un metodo unico di calcolo dei costi per tutti i vari servizi, quali assistenza integrata, pasti e medicinali a domicilio, telesoccorso ecc.;
14

maggior coordinamento, salvaguardando autonomie, fra gruppi di volontariato; impegno a non richiedere contributi ai parenti di anziani malati cronici ricoverati negli istituti; sviluppo dei servizi destinati alla dignit e salute dei cittadini; interventi inerenti alla sfera delle nuove emarginazioni con particolare riguardo allalcoolismo e alle tossicodipendenze; Fondo sociale e buoni servizio chiari e certi per chi al di sotto della linea Istat di povert e per i lavoratori colpiti da crisi aziendali. Ferma restante la necessit che tutti i servizi siano pubblici e gestiti direttamente dallente o dallunione di enti, qualora gli stessi dovessero essere appaltati a cooperative o comunque a soggetti privati, bisogna superare il rapporto di convenzione che di fatto lega le cooperative per lo pi a scelte clientelari o di spartizione. Il cittadino deve essere lui in grado di scegliere. Devono esistere cooperative/soggetti privati accreditate rispetto alle quali il cittadino possa scegliere. Inoltre, va tenuto presente che, a causa di pesticidi ed anticrittogramici si pu morire. Quindi, fermo restante limpegno a promuovere forme di agricoltura e allevamento biologici, bisogna educare, con appositi seminari formativi, i contadini e i consumatori al corretto uso della chimica nelle campagne e si forniscano allo scopo aiuti tecnici agli agricoltori.

10. Servizi
10.1. La gestione pubblica dei Servizi Pubblici Locali
Riteniamo che sia indispensabile garantire il controllo pubblico dei Servizi Pubblici Locali. La gestione pubblica rappresenta per la collettivit uno strumento di controllo sul servizio; per lEnte pubblico il mezzo con cui praticare politiche fiscali e tariffarie redistributive e politiche di incentivo di determinati comportamenti. Proprio la normativa comunitaria (solitamente citata da chi pretende di imporre linevitabilit delle privatizzazioni e delle liberalizzazioni) propone degli elementi a sostegno di una forma di gestione dei Servizi Pubblici Locali integralmente pubblica: si tratta di due principi pi volte confermati dalla giurisprudenza europea: il principio di autonomia delle autorit pubbliche; il diritto delle autorit pubbliche di ricorrere alla auto produzione dei servizi da erogare ad una comunit Quindi devono essere conservati e progressivamente riacquisiti gestione e controllo dei servizi pubblici locali: la questione vera il raggiungimento di alti livelli di efficienza! La gestione pubblica dei servizi ha un ulteriore e non meno importante scopo. In questi anni, la tendenza strutturale delle politiche neoliberiste stata caratterizzata dalla spinta alla riduzione del prelievo fiscale progressivo e dal passaggio dallimposizione diretta a quella indiretta. Questo ha prodotto emarginazione ed esclusione sociale, il ripiego sul lavoro non retribuito delle donne in famiglia, su forme associative e mutualistiche che in realt occultano processi di precarizzazione del lavoro. In questo contesto, dunque, la gestione pubblica dei servizi fornisce la possibilit di avanzare una proposta di welfare pubblico e sociale, che mette al centro della politica: il tema delleguaglianza e dei diritti esigibili, lautodeterminazione dei soggetti deboli e discriminati, la partecipazione dal basso alla programmazione degli interventi di welfare il primato dellofferta pubblica di prestazioni e servizi
15

lincentivo verso il terzo settore e il privato sociale a esprimere tutte le proprie potenzialit in integrazione con il sistema pubblico, sottraendo i servizi alla logica mercantile della competizione sul prezzo e favorendo unofferta differenziata sulla qualit e sullinnovazione. Occorre lavorare per lintegrazione delle politiche sociali con quelle sanitarie, educative ed occupazionali verso la proposizione di un cambiamento di paradigma che sottragga alle politiche sociali il ruolo aggiuntivo, marginale e residuale, per porle al centro delle scelte politiche. Occorre programmare i servizi dal basso, sviluppando e sperimentando forme partecipate di analisi dei bisogni in maniera continuativa e non episodica, per costruire servizi sociali come luoghi di costruzione della cittadinanza a partire dai soggetti pi fragili. Le prestazioni sociali devono essere rivolte alla generalit delle persone, italiane, straniere, apolidi, richiedenti asilo, rifugiate e comunque stanziali nel territorio del Comune. La partecipazione al costo delle prestazioni e dei servizi sociali deve avvenire sulla base di criteri certi ed ispirati a: equit; progressivit e gradualit della partecipazione alla spesa, prevedendo unampia gamma di fasce ed individuando soglie di esenzione che tutelino i redditi pi bassi; pubblicit e trasparenza dei criteri di valutazione; semplificazione delle procedure per la richiesta delle esenzioni e delle agevolazioni. Vanno definiti criteri certi nel rapporto tra la composizione della popolazione (presenza di bambini, giovani, anziani, persone con disabilit o disagio abitativo e sociale) e offerta territoriale di interventi, prestazioni e servizi.

10.2. Primi interventi in materia di servizi pubblici


Sar necessario procedere: al potenziamento della rete idrica del capoluogo; allincentivo dellinstallazione dei riduttori di flusso nei condomini e nelle abitazioni; al monitoraggio e valutazione dellefficienza del servizio di raccolta differenziata, mediante unanalisi approfondita del progetto e dei contratti vigenti con la ditta appaltatrice del servizio; ci si rende necessario per raggiungere lobiettivo ambizioso dei Rifiuti Zero, mediante: il potenziamento della raccolta differenziata porta a porta; il potenziamento del compostaggio domestico; limpegno diretto dellente comunale a garantire il riciclaggio ed il recupero dei materiali, finalizzato al reinserimento nella filiera produttiva; limpegno diretto dellente comunale a favorire la sostituzione delle stoviglie e bottiglie in plastica, lutilizzo dell'acqua del rubinetto (pi sana e controllata di quella in bottiglia), lutilizzo dei pannolini lavabili, lacquisto alla spina di latte, bevande, detergenti, prodotti alimentari, sostituzione degli shoppers in plastica con sporte riutilizzabili; limpegno diretto dellente comunale a favorire la realizzazione di centri per la riparazione, il riuso e la decostruzione degli edifici, in cui beni durevoli, mobili, vestiti, infissi, sanitari, elettrodomestici, vengono riparati, riutilizzati e venduti;

16

la predisposizione di una tariffazione puntuale ossia introduzione di sistemi di tariffazione che facciano pagare le utenze sulla base della produzione effettiva di rifiuti non riciclabili da raccogliere; il recupero dei rifiuti mediante la realizzazione ovvero lutilizzo di un impianto di recupero e selezione dei rifiuti, in modo da recuperare altri materiali riciclabili sfuggiti alla Raccolta differenziata, per impedire che rifiuti tossici possano essere inviati nella discarica pubblica transitoria e stabilizzare la frazione organica residua. Impegno diretto dellente comunale nellattivit di ricerca e riprogettazione: chiusura del ciclo e analisi del residuo a valle di Raccolta differenziata, recupero, riutilizzo, riparazione, riciclaggio, finalizzata alla riprogettazione industriale degli oggetti non riciclabili, e alla fornitura di un feedback alle imprese (realizzando la Responsabilit Estesa del Produttore) e alla promozione di buone pratiche di acquisto, produzione e consumo. azzeramento rifiuti: raggiungimento entro il 2020 dell azzeramento dei rifiuti. al miglioramento dei servizi di mensa scolastica, con la collaborazione della Scuola Alberghiera di Gramola, curando la progressivit del contributo mensa ed il controllo della qualit e della composizione del pasto fornito ai bambini. Medio tempore, prima del riottenimento del controllo diretto e pubblico dei servizi pubblici essenziali, necessario inserire nei capitolati di appalto per la gestione dei servizi pubblici la clausola sociale ossia il rispettoso riferimento e la puntuale applicazione del contratto di lavoro dei dipendenti comunali.

10.3. I servizi sociali innovativi e lintegrazione con il privato sociale


Come gi pi volte accennato, si ritiene che i servizi sociali, per definizione, non abbiano rilevanza imprenditoriale e che, pertanto, vadano sottratti alla normativa in materia di appalto per una gestione diretta. Per quanto concerne i servizi a carattere innovativo e di allargamento dellofferta pubblica, affidati in gestione a soggetti del privato sociale e del terzo settore, lo strumento da privilegiare e quello dellaccreditamento tra Ente pubblico e soggetti privati tra i quali il cittadino possa scegliere. In ogni caso, i soggetti accreditabili, devono rispondere ad una serie di requisiti: lo svolgimento come oggetto prevalente di attivit di utilit sociale rivolta alla collettivit; lo svolgimento delle attivit oggetto di accreditamento come oggetto prevalente; la destinazione totale degli utili e degli avanzi di gestione a scopi istituzionali; la democraticit della vita interna, lelettivit delle cariche, la volontariet delladesione, la pubblicit di atti e registri; una clausola di rispetto del trattamento normativo e retributivo del personale divertente; limiti nellutilizzo dei contratti di lavoro atipico, con sistemi certi e trasparenti di monitoraggio per valutare il turn-over dei dipendenti e il livello di flessibilit richiesta; la resa a titolo gratuito delle attivit di volontariato, fatti salvi i rimborsi documentati. Nellottica dellintegrazione tra pubblico e privato relativamente ai servizi di carattere innovativo e di allargamento dellofferta pubblica, va valorizzata e sostenuta lattivit delle numerose associazioni che a Capaccio operano nel campo culturale, di assistenza alle persone e in progetti di assistenza internazionale.
17

11. Intervento pubblico nelleconomia e Beni Comuni


La possibilit di gestione pubblica, partecipata e condivisa delle risorse principali parte da un presupposto fondamentale costituito dalla non propriet delle risorse pubbliche. I beni comuni prescindono dalla gestione pubblica o privata degli stessi, implicando sistemi di regolazione che favoriscano il mantenimento della caratteristica della non propriet. Uno strumento di salvaguardia dei beni comuni quello della riappropriazione del diritto di amministrazione di questi stessi beni, spettante non ai soggetti economici mossi da filosofie aziendali indirizzate al profitto e al capitale bens al loro legittimo e naturale (non)proprietario: la collettivit. Il mantenimento dei beni comuni nellambito della sfera pubblica e lallargamento della base decisionale in merito alla gestione di tali beni (attraverso lattuazione di pratiche che consentano realmente alla cittadinanza lesercizio di tale funzione di gestione) permettono di implementare modalit opposte a quelle liberiste, finalizzando la gestione dei beni comuni non al profitto ma alla concreta esigibilit dei diritti soggettivi. In questo senso, la gestione dei beni comuni deve essere indirizzata ad un uso sostenibile delle risorse ambientali, teso al loro mantenimento ed alla loro rigenerazione e ad un uso degli stessi equo e proporzionato tra tutti gli individui, tutti detentori di uguali diritti di fruizione. Inoltre, i beni e le aree demaniali e i beni di propriet pubblica possono essere il sostrato economico per la promozione di occasioni di autoimpiego. necessaria la ricognizione puntuale dei beni demaniali e di propriet pubblica insistenti nel territorio comunale, per verificarne le condizioni, la consistenza e lattuale destinazione duso; necessario poi elaborare progetti finalizzati alla valorizzazione e allutilizzazione collettiva di tali beni, attualmente abbandonati allimproduttivit. In questottica, sar favorita la creazione di cooperative di lavoratori per la gestione dei beni comunali, dei beni statali/demaniali nonch dei beni privati che si riuscir ad ottenere in uso. opportuno precisare che la cooperazione a cui si fa riferimento non n la creazione di carrozzoni colorati politicamente n lo strumento con cui imprenditori senza scrupoli possono eludere le normative a tutela dei lavoratori: dovranno essere concrete e reali esperienze di autogestione ed autorganizzazione dei lavoratori. Se, a causa del contenimento dei trasferimenti agli Enti Locali (che, verosimilimente, continuer nei prossimi anni) non sono consentite al comune altre diverse forme di intervento diretto nelleconomia, lazione amministrativa andr concentrata sul settore produttivo muovendosi in due direzioni: uso lungimirante degli strumenti di programmazione (P.U.C., P.U.A.D., Piano Commerciale, etc.) che diano risposte positive per creare le condizioni per progetti innovativi e di sviluppo, nella consapevolezza che se non sar la rete del le istituzioni ad indirizzare lo sviluppo socioeconomico, saranno i poteri economici e finanziari ad imporlo; pratiche concertative con gli attori economici territoriali: un tavolo di confronto e di decisione per progetti importanti e di interesse collettivo diventa momento di alta progettualit e concreto terreno di verifica sulle cose da fare. Istituzioni , credito, formazione, imprenditoria possono e devono trovare intese per la realizzazione di importanti progetti , per creare sistema. Il Comune, daltra parte anche datore di lavoro. Da questo punto di vista, andranno poste in essere tutte le possibili forme di contrasto alle figure di precarizzazione, sia per quanto riguarda il lavoro privato, sia per quanto riguarda il lavoro nella P.A. (uso eccessivo del part-time, uso distorto

18

delle collaborazioni coordinate, ecc.), sia per quanto riguarda le attivit esternalizzate (attraverso la previsione di clausole sociali di garanzia nei capitolati dappalto). In particolare, riteniamo necessario contrastare la tendenza alla riduzione quantitativa e qualitativa del personale comunale e ci poniamo lobiettivo di una completa deprecarizzazione della P.A., attraverso un piano pluriennale di assorbimento del personale precario.

12. Finanziamento, Funzionamento e Decentramento del Municipio


12.1. 12.1. Per la perequazione fiscale e tariffaria a difesa dei redditi pi bassi
estremamente significativo che il Comune recuperi una funzione di redistribuzione del reddito. Va perseguita una politica tariffaria che introduca elementi di reddito minimo sociale, che favorisca i disoccupati e tutte le categorie, autoctone e non, particolarmente povere e sprovviste di reddito, una politica tesa a salvaguardare e, in prospettiva, ad ampliare i livelli di protezione sociale esistenti, con la definzione di una fascia di utenza protetta, anche dalla creazione di nuovi servizi. necessario avviare un processo di redistribuzione dallalto verso il basso, predisponendo un sistema di tassazione e di tariffazione che preveda, tendenzialmente, la riduzione della pressione sui redditi pi bassi e lincremento sui redditi pi alti. In particolare, si pongono i seguenti obiettivi: recupero dellevasione fiscale attraverso ladozione di progetti obiettivo con lapporto del personale comunale che verr retribuito con le risorse destinate alla produttivit e con una piccola percentuale pre-concordata con le organizzazioni sindacali sullevasione recuperata (non accertata); con riferimento allIMU viene avanzata una proposta cos articolata: applicazione dellIMU anche agli enti ecclesiali per edifici non adibiti a culto; riduzione dellIMU nella percentuale stabilita dalla legge per i possessori di prime case (2 per mille); applicazione dellIMU nella misura prevista dalla legge per i possessori di seconde case concesse in fitto per uso abitativo (7,6 per mille); maggiorazione per i possessori di case sfitte (10,6 per mille); riduzione del carico per chi ristruttura e fa interventi per risparmio energetico, per chi sta ancora pagando mutuo ecc. applicazione fortemente progressiva delle addizionali IRPEF, con la previsione di una fascia di reddito esentata.

12.2. Riorganizzazione della macchina comunale


Il governo della citt di Capaccio un compito complesso e delicato, reso ancora pi impegnativo dalle politiche negative perpetuate negli anni precedenti, dallo stato dei luoghi di lavoro e dal lassenza di una qualunque organizzazione del rapporto tra amministratori politici e personale dipendente. Occorre rimediare a questa situazione di estremo disagio per gli amministratori, i dirigenti e i funzionari, che finisce per tradursi in una gestione poco trasparente del Comune.
19

Per realizzare un programma amministrativo che renda concrete per i cittadini le opportunit indicate necessaria una pubblica amministrazione allaltezza della sfida: efficace, efficiente, trasparente. Decisivo, perci, sar il tema della riorganizzazione e riassetto della macchina comunale. Nei primi sei mesi di mandato sar avviata unanalisi tecnica sul tema della migliore connessione tra servizi comunali e citt. Una verifica volta anche a valorizzare il lavoro dei dirigenti, legando lindennit di rendimento al raggiungimento degli obiettivi fissati a inizio anno e alla soddisfazione dei cittadini per i singoli servizi da testare attraverso iniziative periodiche di customer satisfaction, secondo il modello della valutazione civica dei servizi. Lorganizzazione della macchina comunale dovr essere coerente con gli obiettivi della nuova direzione di marcia delineata dal programma amministrativo. Circolarit delle informazioni, delle prassi di lavoro, approccio integrato dovranno contraddistinguere la nuova modalit di lavoro. La conferenza dei dirigenti dovr essere un luogo codificato per la direzione e attuato costantemente al pari dei lavori della Giunta. Lavorare in questa direzione significher, per noi, metter mano alle risorse e allorganizzazione dellAmministrazione rendendola una struttura snella e performante, capace di affrontare le sfide che provengono dallesterno, risolvere le criticit e i problemi e raccogliere le professionalit, le competenze e le opportunit per trasformarle in risorse. Per fare questo sar fondamentale agire allinterno dellEnte ma anche verso lesterno, generando un circuito virtuoso di sinergie e relazioni che rendano osmotico il passaggio di informazioni, competenze e know-how tra interno ed esterno dellorganizzazione. Il progetto di riassetto organizzativo costituisce il presupposto per assicurare lattivazione di importanti interventi rivolti allinnovazione della gestione amministrativa e alla promozione di politiche premianti e di valorizzazione delle risorse umane e sar un tema di primaria importanza per unAmministrazione che intende governare la cosa pubblica con efficienza fornendo risposte adeguate alle nuove esigenze dei cittadini e del territorio. Per questo sar necessario semplificare la struttura Amministrativa, trasformandola in organizzazione per obiettivi e progetti, sulla base della chiara attribuzione degli obiettivi politici e amministrativi. Gli obiettivi perseguiti, pertanto, sono: motivare le persone (comunicare per condividere per conseguire); ottimizzare lutilizzo delle risorse; ridefinire i confini delle responsabilit funzionali e, al tempo stesso, renderli facilmente attraversabili dai processi di lavoro; coniugare la trasparenza dei processi di lavoro con legalit, la tempestivit e la semplificazione con opportunit e senso del pubblico interesse. Saranno di conseguenza assicurate forme di controllo interno di legalit, con la verifica e la diffusione dei risultati programmati. Il nuovo modello, in coerenza con gli obiettivi e le linee di indirizzo contenute nel programma, presenter soluzioni organizzative improntate: alla creazione ex novo di strutture a presidio di funzioni strategiche per la realizzazione del programma; alla riorganizzazione di strutture a presidio di specifiche politiche con responsabilit di risultato rispetto agli obiettivi strategici indicati nel programma;
20

alla valorizzazione delle professionalit dirigenziali specialistiche da destinare a particolari incarichi di progetto, direttamente finalizzati a garantire la realizzazione di importanti obiettivi amministrativi (es. settore ambiente); alla riqualificazione funzionale di strutture esistenti che devono affrontare priorit strategiche e contesti complessi (es. settore turismo, demanio, sport, cultura); alla flessibilit e la gradualit rispetto a possibili evoluzioni strategiche di medio/lungo periodo. Saranno sottoposte a rigorosa verifica tutte le esternalizzazioni e le partecipazioni, che non devono riguardare i servizi fondamentali per la missione del Comune e le funzioni strategiche di programmazione e controllo. La regola sar la valorizzazione delle risorse che gi abbiamo, o nellamministrazione o, comunque, sul territorio comunale. Ogni sforzo sar compiuto per superare il precariato del lavoro, che genera precariet dei servizi. La dotazione organica sar adeguata coerentemente con lo sviluppo di una buona occupazione, nei limiti dei vincoli di legge, e si investir sulla formazione e laggiornamento dei dipendenti (oltre che degli amministratori) come leva per linnovazione e la costruzione di una amministrazione moderna in continua evoluzione, in grado di stare al passo coi tempi e le novit che di anno in anno prendono forma nel nostro Paese. necessario ogni sforzo per un rapporto di collaborazione con i l personale dipendente, con le forme della rappresentanza sociale e sindacale. Occorre che la professionalit dei dipendenti sia promossa e valorizzata poich rappresenta la base per un servizio di qualit. Appronteremo quindi politiche di incentivazione legate al raggiungimento di obiettivi e risultati al fine di valorizzare le competenze del personale e di consentirne la crescita. La formazione del personale dipendente rappresenter un obiettivo di qualit da perseguire: dunque lobiettivo quello di raggiungere gli obiettivi specificati mediante il personale interno e, comunque, senza oneri ulteriori per le casse comunali. Le strutture di partecipazione (eccezion fatta per gli stage di lavoro) saranno finanziate, almeno in parte, con le indennit a favore dei sindaci, degli assessori e dei consiglieri comunali di maggioranza. Sar istituito l'Albo per gli Stage, suddiviso per settori e livello di difficolt, in modo da consentire ai giovani studenti di Scuole Medie Superiori e dell'Universit di poter conoscere e vivere l'Amministrazione facendo tesoro dell'esperienza acquisita per riportarla in dote nel bagaglio formativo con il quale si affacceranno sul mondo del lavoro, anche a servizio della medesima Amministrazione locale. Non vogliamo un apparato asservito alla politica e agli interessi, bens garantiamo un'Amministrazione votata alla soddisfazione dell'unico e solo interesse del cittadino e della nostra comunit. Per i dipendenti comunali premiante non sar la fedelt politica: la qualit della funzione del servizio reso al cittadino sar l'unico metro di valutazione dell'impegno e del lavoro degli uffici. Gli assetti organizzativi del Comune saranno ridefiniti in base alle nuove funzioni amministrative che, in attuazione del principio di sussidiariet, vengono delegate ai Comuni. Saranno posti in risalto i nuovi compiti derivanti dal federalismo fiscale e demaniale, nonch quelli concernenti la lotta allevasione fiscale e allassetto urbanistico. Ulteriori linee di interventi sono le seguenti: nuova sede comunale a Capaccio Capoluogo. Occorrer scegliere tra lampliamento se possibile o una nuova sede. Lattuale sede assolutamente sottodimensionata per realizzare unefficace direzione politico-amministrava. Occorre cominciare subito, trovando anche soluzioni transitorie sempre e solo nel Capoluogo;
21

ristrutturazione ed ampliamento della sede di Capaccio Scalo, per il raddoppio e il decentramento di alcuni uffici; collegamento in tele conferenza dei vari uffici decentrati; analisi ed aggiornamento del software per l automazione dei servizi comunali, prevedendo la sostituzione dei software commerciali con software open-source. Lorganizzazione del lavoro amministrativo dovr ricevere una forte spinta verso la partecipazione diretta dei cittadini e la trasparenza dei processi politico amministrativi attraverso un sistema di deleghe per consiglieri comunali e cittadini che configurino una rete di partecipazione attiva per la realizzazione dei programmi dei vari assessorati . Ogni cittadino del la Rete selezionato per un compito specifico di uno specifico assessorato. Un ruolo fondamentale va attribuito al cosiddetto e-governement: le infrastrutture telematiche agevolano il raggiungimento degli obiettivi della P.A. Lutilizzo degli strumenti tecnologici deve essere finalizzato a: snellire lattivit dellamministrazione; renderla pi trasparente; migliorare i servizi pubblici; agevolare i processi democratici. La macchina amministrativa comunale si proietter ad acquisire risorse straordinarie dalla U.E. e dai fondi stabiliti con leggi nazionali e/o regionali (sostegno e incentivazione di iniziative produttive, formazione professionale, recupero e riqualificazione urbana, ecc.) sia utilizzando i canali concertativi con gli altri livelli istituzionali sia aprendo vere e proprie vertenze territoriali nei confronti degli enti superiori alle quali chiamare alla mobilitazione i cittadini stessi, recuperando, ove ne esistano le possibilit, una progettualit per aree pi vaste del singolo comune attraverso forme dinamiche di associazione tra Enti territoriali.

13. Agricoltura
A Capaccio, il settore dellagricoltura offre un bacino occupazionale insostituibile e pu e deve assicurare il presidio del territorio nei suoi aspetti ambientali, paesaggistici e culturali. La filiera agrolaminetare ha inoltre il compito di assicurare garanzie sanitarie e di qualit ai cittadini consumatori di prodotti alimentari. Bisogna ripartire dal lavoro buono, dalla crescita di reddito degli agricoltori e dalla valorizzazione dellambiente per ripensare nuovamente la questione agraria. La tutela dellagricoltura deve agire su vari piani: diversificazione dellofferta; rafforzamento della domanda locale; rafforzamento della struttura e dellefficienza economica delle imprese; integrazione dellagricoltura con gli altri comparti produttivi. Diversificazione dellofferta non significa altro che assecondare la naturale biodiversit presente sul territorio. Intesa in questo senso, la diversificazione dellofferta si intreccia con il rafforzamento della domanda, soprattutto di quella locale. Questa si ottiene attraverso i c.d. Gruppi di acquisto solidale: i gruppi di acquisto solidale acquistano allingrosso prodotti da piccoli produttori locali, per avere la possibilit di conoscerli direttamente, contribuendo alla riduzione dellinquinamento e dello spreco di energia derivante dal trasporto e quindi li ridistribuiscono tra loro. Contribuiscono altres

22

allaccorciamento della filiera di commercializzazione, facendo s che ad un prezzo inferiore per il consumatore finale corrisponda un ricavo maggiore per il produttore. Al fine di tutelare lagricoltura necessario rafforzare la struttura e lefficienza economica delle imprese agricole. Il primo obiettivo da raggiungere a questo scopo abbattere la concorrenza reciproca delle piccole e piccolissime aziende agricole presenti sul territorio. Ci si ottiene attraverso lintegrazione e la programmazione delle varie fasi della produzione: integrazione che pu avvenire con diversi gradi di intensit, a seconda degli strumenti (prevalentemente privatistici) che saranno utilizzati. Infatti lintegrazione tra le aziende si pu ottenere: attraverso lorganizzazione di consorzi, ossia organizzazioni distinte dalle imprese promotrici per lorganizzazione comune, per la disciplina e/o per lo svolgimento di determinate fasi di produzione delle rispettive imprese; attraverso la costituzione di cooperative agricole a mutualit prevalente e a propriet divisa. La maggiore dimensione delle imprese accresce lefficienza economica; la forma cooperativa a mutualit prevalente evita laccumulazione speculativa di capitale, favorisce la gestione democratica e la partecipazione del bracciantato al momento organizzativo, rende possibile meccanismi di socializzazione dei profitti e delle perdite; la propriet divisa garantisce che la gestione in cooperative non si trasformi nel cavallo di Troia del clientelismo e/o dellaccentramento di potere nella gestione delle imprese agricole. fondamentale che lagricoltura si integri e faccia sistema con gli altri settori produttivi, in particolare con il settore turistico. Ci possibile favorendo la riconversione in offerta turistica extraalberghiera dei volumi inutilizzati dei poderi. Inoltre, le imprese agricole possono diventare attrazioni turistiche in s con lo strumento delle fattorie didattiche. Questo tipo di riconversione deve necessariamente accompagnato da un piano infrastrutturale che, partendo dai tracciati delle strade comunali e delle strade di servizio ai servizi di bonifica, crei piste pedonali, ciclabili, ippiche al fine di mettere in rete i flussi turistici. Va promossa, anche attraverso incentivi in conto capitale, la costruzione, presso le aziende di allevamento, di impianti di trasformazione dei residui organici in biogas. Intendiamo promuovere la stesura di una autoregolamentazione delle coltivazioni che permetterebbe limposizione sui prodotti locali di un vero e proprio marchio di qualit. Rispetto allagricoltura necessario un intervento pubblico diretto tramite: la creazione di uno sportello di consulenza tecnico-amministrativa per le imprese e per gli operatori del settore agricolo; la considerazione negli strumenti di programmazione urbanistica delle necessit di una agricoltura moderna ed efficiente. Globalmente, riteniamo che il settore dellagricoltura possa e debba diventare un vero e proprio distretto di economia solidale, che persegua come obiettivo il raggiungimento di uneconomia equa e socialmente ed economicamente sostenibile.

13.1. (segue) Incremento delle produzioni ecocompatibili


L agricoltura non va considerata solo come produzione ma anche come tutela e salvaguardia del territorio e presidio dellambiente ed dunque necessario incentivare e sostenere lagricoltura orientandola verso modelli di sostenibilit ambientale, assistendo lazienda durante il processo di conversione da tradizionale a biologica e verso lutilizzo di fonti di energia alternative. Il Comune promuover a tale scopo un progetto di qualit, dotato di un proprio marchio e:

23

attiver uno sportello informativo di assistenza e consulenza tecnico-amministrativa gratuita a disposizione costante dellutente che guider lazienda verso le nuove scelte di produzione e verso la commercializzazione del prodotto; assister sotto il profilo tecnico-amministrativo e finanziario per linstallazione di fonti energetiche rinnovabili (con particolare riferimento agli impianti di trasformazione delle biomasse negli allevamenti) che possano rendere ogni conduttore agricolo energeticamente indipendente, anzi capace di vendere al Gestore Nazionale il surplus produttivo; creare un collegamento diretto a filiera corta business to business tra produttori e consumatori professionali del territorio, incentivando tale circuito utilizzando la leva fiscale.

14. Turismo
La crisi competitiva del turismo locale non di origine solo imprenditoriale. crisi che riguarda principalmente lo dotazioni strutturali ed infrastrutturali, su cui investe ed responsabile loperatore pubblico. Perci, per affrontarla sistematicamente, bisogna proiettarsi oltre la sola visione dimpresa (da tenere comunque nella massima considerazione) e si rivelano indispensabili approcci che tengano conto delle reali e complessive connotazioni del fenomeno. Il turismo si vende nel medesimo luogo in cui si produce: il territorio e lambiente sono elementi strutturali della qualificazione dellofferta. Il verdetto di qualit e convenienza da parte dellofferta turistica viene espresso da parte dellutenza turistica sull assemblaggio e la formazione del prodotto turistico finale inteso come insieme di beni, servizi, valori ed opportunit che si offrono alla fruizione dei turisti. Di conseguenza, sul piano della formazione del prodotto che deve realizzarsi la pi stratta simbiosi tra operatori della sfera pubblica, operatori del mondo imprenditoriale e cittadini. In questo senso, vanno elaborati piani urbanistici particolareggiati finalizzati al recupero e alla valorizzazione che, in forma integrata (arredo urbanistico, destinazione duso, spazi pubblicitari, servizi, infrastrutture, ecc.) tengano conto delle varie interdipendenze per un equilibrato rapporto tra attivit residenziali, agricole, commerciali e culturali. Riteniamo assolutamente attuali e necessariamente attuabili gli obiettivi e le linee guida del progetto di Parco Archeologico di Paestum, realizzato da un gruppo di ricerca guidato dal prof. E. Greco e vincitore di un concorso indetto dal MIBAC nel 2000. Le linee guida del progetto di Parco Archeologico sono cos sintetizzabili: eliminazione della strada di attraversamento della citt antica e valorizzazione delle aree monumentali che la stessa strada recide; riqualificazione tramite il riassetto delle aree edificate allinterno della citt e riutilizzazione di edifici di particolare valore architettonico; definizione di nuove modalit di accesso alla citt antica con il riassetto della viabilit di avvicinamento e di ingresso; riconsiderazione del ruolo del percorso che circonda ad anello le mura e riorganizzazione del sistema dei parcheggi; definizione di regole urbanistiche per gli edifici e le attivit commerciali di servizio al turismo esistenti previste; definizione di un programma per il recupero complessivo del tessuto urbano antico e di un sistema integrato di valorizzazione del pi vasto ambito di apparteneza caratterizzato da altre realt archeologiche, ambientali ed architettoniche.
24

Limpegno programmatico rispetto al turismo prevede la messa in rete dei flussi turistici, affinch il settore economico turistico non (si) sostenga su rendite di posizione monopolistiche ma sia uno strumento per la creazione di ricchezza diffusa. Ci si ottiene attraverso la creazione e/o il potenziamento di nuovi poli di offerta turistica. Alcune linee di intervento in questo senso sono: lapertura di una nuova struttura museale delocalizzata, nella quale siano esposti i reperti conservati nei depositi del Museo Archeologico Nazionale (a tal proposito, si indica fin dora larea dellex-Tabacchificio, sottoposta a vincolo artistico-architettonico, che ben si presterebba anche quale sede per la Scuola Internazionale di Specializzazione per il restauro archeologico, che troverebbe in Paestum una sede naturale); la valorizzazione, diretta ovvero con il concorso di enti pubblici o di enti pubblici e soggetti privati, dei siti dellHera Argiva, di Capaccio Vecchio, del centro storico di Capaccio Capoluogo, della necropoli del Gaudo e di atro centri di interesse artistico e culturale; ci anche mediante un circuito quotidiano di navetta per i turisti che li porti ad una visita capace di attraversare 30 secoli, dagli insediamenti preistorici, a Hera Argiva (600 a.C.), ai primi insediamenti collinari (800 d.C.), alla Madonna del Granato (anno Mille), ai portali e al Centro Storico di Capaccio, con lacquedotto romano e il Museo del Gran Tour, alle borgate odierne. Un circuito che tocchi anche gli allevamenti bufalini, i caseifici, le fattorie didattiche; la realizzazione di un sistema infrastrutturale che integri piste pedonali, ciclabili, percorsi a cavallo lungo i fiumi e i canali di bonifica, le strade vicinali e interpoderali, per collegare le aree rurali al Parco del Cilento, al centro storico, allArea Archeologica, al mare e alla costa; nel caso in cui il Museo del Gran Tour venga spostato dalla sede attuale, favorire la ricollocazione nel Capoluogo; la creazione di fattorie didattiche e il contestuale aumento di posti letto extra-alberghieri attraverso la riconversione dei volumi inutilizzati dei poderi. necessario recuperare e valorizzare la fascia costiera attraverso: la bonifica della fascia pinetata; unattenta analisi sul fenomeno dellerosione costiera che, di concerto con Provincia e Regione, porti alladozione di misure, possibilmente a basso impatto ambientale che favoriscano il ripascimento della spiaggia; la verifica delle concessioni demaniali, per quanto di competenza dellente, al fine di rilevare ed eliminare gli abusi. I punti sopradescritti sono ottenibili con lattuazione di un piano integrato di gestione delle risorse costiere (PUAD Piano di Utilizzo delle Aree Demaniali) che sia capace di risanare e valorizzare la pineta e il litorale, far uscire dallo stato di abusivismo gli operatori del settore, incrementare i flussi turistici con una diversa sistemazione dellarea costiera che consenta un accesso rapido e rispettoso del contesto e con un miglioramento dei servizi offerti, con possibilit di occupazione per cooperative di giovani disoccupati. Si ritiene fondamentale valorizzare lArea archeologica attraverso: il mantenimento della chiusura e la sua estensione, almeno parziale, di concerto con gli operatori presenti; miglioramento delle infrastrutture: illuminazione pubblica; nuovi arredi urbani;
25

panchine rivolte verso i templi. Nuovo programma di uso intensivo dellarea demaniale per programmi culturali e piccoli spettacoli. Nuova viabilit intorno alla cinta muraria, di concerto con gli Enti Competenti.

14.1. Il MAV (Museo Archeologico Virtuale)


Il MAV ha per oggetto un insieme coordinato di attivit rivolte a verificare lapplicabilit delle nuove tecnologie delle comunicazioni e della realt virtuale per la fruizione delle informazioni culturali in grado di indurre pi avvincenti, qualificate e destagionalizzate motivazioni di frequentazione e partecipazione degli spazi espositivi siano essi all'aperto o al chiuso, da parte di un pubblico pi vasto ed eterogeneo per cultura ed et. Lo sviluppo delle nuove tecnologie nel lambito della realt virtuale e la necessit di introdurre nuovi paradigmi di interazione per la fruizione di beni culturali hanno condotto negli ultimi anni al concepimento di ambienti virtuali tematici interattivi . In tali ambienti possibile immergere fisicamente un visitatore in modo da illustrare interattivamente le scene o, pi in generale, le storie associate al bene culturale, dando luogo alla produzione dellevento di intrattenimento culturale assistito personalizzato. Da tali premesse nasce MAV un museo virtuale volto a valorizzare gli scavi archeologici di Capaccio/Paestum, che coinvolge vari ambi ti scientifici tra i quali la biometria, la computer grafica, l'interazione uomo/macchina, l'elaborazione di immagini, la realt virtuale, l'antropologia, l'archeologia e l'architettura. Tale progetto nasce dall'esigenza di rendere maggiormente fruibili i beni culturali, in un'ottica di partecipazione pi avvincente e culturalmente qualificata da parte degli utenti. In altre parole MAV coniuga il paradigma dell 'EDUTAINMENT (Education + Entertainment) attraverso il quale possibile acquisire conoscenza e competenza attraverso i l divertimento. L'obiettivo quindi la creazione di un'infrastruttura tecnologica per la valorizzazione permanente della risorsa culturale del sito archeologico di Paestum, prevedendo la realizzazione di un Contenitore di Storie destinato a diventare un luogo di frequentazione, in cui acquisire interattivamente e contestualmente una maggiore conoscenza e sensibilit verso i l bene culturale. In questo spazio virtuale verranno quindi rappresentate le storie associate agli individui, agli oggetti ed al le architetture che caratterizzato il patrimonio storico e culturale del sito archeologico di Paestum, contestualizzato all'epoca del suo massimo splendore. Lo spazio virtuale realizzato mediante uninfrastruttura tecnologica che in uno spazio fisico di dimensioni ridot e oppure all 'aperto, grazie alla realt virtuale e alla realt aumentata, consente la fruizione del sito di Paestum. MAV introduce dunque un nuovo paradigma di comunicazione, realizzato mediante la generazione di approfondimenti tematici per una fruizione immersiva-att iva in cui il visitatore potr interagire con l'ambiente virtuale sotto la guida di un personaggio virtuale (avatar), personalizzando la visita in base alle proprie esigenze culturali , emotive e sensoriali . L'interazione si attua mediante la combinazione di un' interfaccia evoluta ed un motore real-time. L' interfaccia consente un'interazione intuitiva, sostituendo i tradizionali sistemi informatici di puntamento e selezione con innovative tecnologie basate su riconoscimento di gesti e guanto cibernetico. Il motore real-time integrato consente attraverso l'interfaccia l'interazione tra il visitatore e l'ambiente virtuale costituito dal sito archeologico ricostruito e gli avatar.

26

14.2. Capaccio Capoluogo: la Citt Albergo


Il palazzo Bellelli, la casa di Costabile Carducci, la barberia Rizzo sono solo gli esempi pi conosciuti del centro storico di Capaccio Capoluogo, ma quanto del centro storico capaccese disabitato, se non abbandonato e in cattive condizioni? Capaccio presenta tutte le caratteristiche per la realizzazione della Citt Albergo: la presenza degli elementi tipici delle citt antiche (palazzi nobiliari, Convento, Acquedotto), lestensione in collina, limmersione nella natura e dal punto di vista sociale un progressivo spopolamento. Ristrutturare e recuperare gli antichi palazzi e convertirli in luoghi di ospitalit il punto di partenza per la creazione della Citt Albergo di Capaccio. Questo progetto permetter di integrare lesigenza di recupero del centro storico con la necessit di creare sviluppo per il territorio con la messa in rete dei flussi, mettendo a disposizione dei turisti gli antichi palazzi del centro storico. In questo modo si creeranno un gran numero di posti letto a basso costo, che potrebbero essere destinati a ospitare una parte dei turisti del fine settimana che nel periodo estivo trascorrono il sabato e la domenica sulle nostre spiagge. Agli ospiti che sceglieranno di restare per qualche tempo nei palazzi capaccesi sar possibile offrire la partecipazione a percorsi storico-naturalistici, capaci di mettere in evidenza anche le bellezze paesaggistiche che la zona offre. Per realizzare tutto questo, c bisogno della collaborazione tra lente pubblico e i soggetti privati, ma anche di un forte coinvolgimento della popolazione locale, perch il valore aggiunto che si deve offrire al turista una nuova esperienza della vacanza, alla costruzione della quale contribuisce oltre che la bellezza del luogo, la qualit dei servizi offerti, anche laccoglienza e la cordialit ricevuta dagli abitanti locali. Fare Citt Albergo permette di rendere pi vive anche le altre zone del paese, come i Giardini Pubblici. Li immaginate i palazzi storici capaccesi abitati per qualche tempo da turisti che fuggono dalla frenetica vita di citt per venire a godere della tranquillit della collina, in unambientazione di altri secoli e con i tempi lenti tipici della societ passata? Ovviamente lidea di recuperare le antiche abitazioni si dovr applicare anche ai vecchi poderi abbandonati della piana.

15. Commercio
Notevole importanza assume nelleconomia di Capaccio il settore del commercio, soprattutto quello praticato dalle piccole e piccolissime imprese. La spinta della grande distribuzione alle aree di pregio e strategiche pressoch uniforme in tutto il territorio nazionale. Contrastare queste tendenze possibile utilizzando gli strumenti di programmazione urbanistica per impedire la devastazione del tessuto economico, territoriale, urbano e sociale che introdurrebbero nel nostro territorio. Inoltre, vanno proposte iniziative tese a ottenere incentivi fiscali e tariffari per lapertura di servizi di piccola e media distrubuzione, soprattutto quella specializzata. LIMU dovr essere utilizzata come uno strumento di calmierazione dei canoni di locazione, mediante limposizione di unaliquota pi alta sui locali commerciali sfitti da almeno due anni. Il Comune deve monitorare in modo permanente, in sinergia con le associazioni dei consumatori e le associazioni dei commercianti, il fenomeno del caro prezzi. Anche il commercio deve essere integrato con il settore del turismo attraverso pratiche concertative tra pubblico e privato che portino a:

27

misure di armonizzazione degli orari della citt (definizione chiara degli orari di apertura e chiusura degli esercizi, ecc.); coinvolgimento delle organizzazioni rappresentative dei commercianti nella produzione di iniziative culturali e/o di intrattenimento diffuse su tutto il territorio.

16. Artigianato e Impresa


Lartigianato e la piccola impresa devono essere integrate in un concetto di valorizzazione del patrimonio territoriale. Le stesse specificit locali devono concorrere ad una politica di sviluppo responsabile che crei valore aggiunto per linsieme del territorio e per tutta la comunit. La politica comunale deve favorire linsediamento di imprese artigiane legate alle specificit socioculturali del territorio: non pu non pensarsi alla realizzazione di laboratori di trasformazione e di prima lavorazione dei prodotti agricoli, magari agevolando a tale scopo la cooperazione e laggregazione dei giovani.

16.1. LArea P.I.P.


LAmministrazione in tempi molto stretti, nominer una commissione speciale composta da cittadini, tecnici locali ed operatori economici, per rivedere tutta la progettazione del comparto industriale e creare le condizioni migliori per far s che le aziende possano insediarsi con le loro attivit e dare vita attiva ad unarea di lavoro che dia occupazione solida al territorio. I tempi, le difficolt degli operatori locali e la crisi economica non ci permette pi di perdere altro tempo prezioso. Siamo in netto ritardo, questo comparto deve dare vita economica alla nostra citt. Per rendere fattibile la crescita economica del comparto P.I.P., bisogna creare delle condizioni di insediamento a favore dellimpresa. Quindi, saranno stralciate dal vigente e dormiente piano P.I.P., tutte le progettazioni di opere inutili, monumenti che sono rivolti a sperpero di danaro pubblico e lievitazione dei prezzi. Daremo subito la possibilit alle aziende locali di organizzarsi meglio e dare sviluppo al territorio. Saranno prese in esame tutte le richieste di operatori e aziende che sono nate spontaneamente in zone agricole, o che da piccole botteghe poi sono diventate importanti e che operano in angusti spazi. Faremo crescere i nostri operatori locali, della loro giusta importanza. Abbatteremo le loro difficolt, dando spazio alla loro crescita imprenditoriale e di operare in zone consoni per la crescita aziendale. Quindi, la priorit al trasferimento di tutte le aziende che operano nel centro storico, in zone agricole, o in centri abitati dove la loro presenza danneggia la vita dei cittadini o rende difficile la crescita e linnovazione aziendale dei nostri operatori. Lattivazione del nostro P.I.P. (comparto artigianale/commerciale) sar aperto prima alle aziende locali, ed una volta esaurite le richieste locali, faremo delle iniziative di incontro con aziende di carattere regionale e nazionale per valutare la possibilit di incentivo ad aprire delle unit lavorative nel nostro territorio. Per dare vita al comparto che attualmente fermo per incompetenza e negligenza, useremo il metodo di esproprio a piccoli comparti. La commissione una volta accolta la richiesta degli operatori, aggiudica il lotto, procede allesproprio a prezzi di mercato, usando riferimento di trattativa lo stesso metodo usato nei comparti di Giungano e Ogliastro Cilento e comuni vicinori. Sar praticato un equo prezzo per favorire gli insediamenti e dare opportunit di crescita al territorio.

28

17. Il governo del territorio.


17.1. Consumo Zero, Recupero e Riqualificazione per una nuova estetica di Capaccio.
Il progetto urbanistico va contenuto nellequilibrio tra sviluppo e tradizione recuperando, nei nuovi usi del territorio, le forme della memoria e le vocazioni del sito e delle comunit che lo abitano. In questottica il sistema del verde storico e agricolo si pone come elemento equilibratore delle relazioni , che partendo da unidea di tradizione, legata al concetto di produttivit agricola, riesca a promuovere uno sviluppo urbano fondato su un approccio ecologico ambientale, coinvolgendo tutti i campi della progettazione urbana, dallelemento sociale a quello economico ed estetico. Al fine di proporre una equilibrata e razionale proposta in relazione allo sviluppo territoriale, occorre riconoscere la necessit di quadri di riferimento pi ampi per costruire delle politiche di sviluppo realmente sostenibili, in termini ambientali e sociali, capaci di leggere le caratteristiche dei territori e individuarne le vocazioni, organizzarne i servizi, disegnarne lassetto. Per questo, adeguato ruolo va assegnato al Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, per valorizzarne le intuizioni positive e correggerne gli eventuali errori. Il P.U.C., che sar da riscrivere integralmente, riconoscendo centralit alla sostenibilit ambientale e sociale e allattenzione per il consumo del territorio, deve partire da una seria analisi del fabbisogno, in particolare per le problematiche di tipo abitativo e residenziale. Questi fabbisogni andranno soddisfatti prioritariamente attraverso il recupero del patrimonio edilizio esistente e alla realizzazione dei servizi e delle infrastrutture mancanti, mentre eventuali nuove previsioni dovranno rispondere a principi di compattazione degli abitati. Occorre contrastare nuove lottizzazioni e lavorare alla definizione di cinture verdi quali limiti allespansione urbana. Occorre consentire trasformazioni ordinate, capaci di ridare un nuovo slancio estetico a tutto il territorio del Comune e occorre limitare il consumo del suolo, nellottica dellobiettivo Consumo zero di territorio, forti della convinzione che i due assi trainanti dello sviluppo socio-economico di Capaccio (agricoltura e turismo) sono, di fatto, incompatibili con una disordinata e violenta espansione urbana. Occorre incentivare, mediante gli strumenti di regolazione e i piani particolareggiati oltrech con un oculato utilizzo della leva fiscale, luso di tecnologie ecocompatibili, capaci di migliorare la qualit dellabitare oltre che di ridurre i consumi energetici, idrici, etc. Un nuovo piano urbanistico comunale definito nel segno della continuit, del completamento e dellattualizzazione del Piano Regolatore Generale Airaldi, dando priorit agli interventi di recupero degli insediamenti residenziali esistenti, di sicuro consentirebbe di rilanciare leconomia locale, in misura certamente superiore rispetto ad un PUC di pura speculazione. Inoltre, confermare e ampliare le zone PEEP delimitate dal PRG e riservare la parte residua dellincremento edificatorio possibile agli interventi di edilizia sociale garantirebbe di immettere sul mercato immobiliare alloggi a prezzi contenuti, favorendo le giovani coppie e quelle maggiormente disagiate.

17.2. Gli indirizzi del nuovo Piano Urbanistico Comunale


Recupero, riqualificazione e completamento infrastrutturale dei nuclei urbani consolidati; Riconversione dei volumi edilizi improduttivi e/o inutilizzati;
29

Tutela delle architetture di pregio; Completamento e creazione di nuove infrastrutture; Riqualificazione urbana di tutte le contrade del Comune, con la creazioni di spazi verdi attrezzati, spazi per laggregazione sociale e per le attivit culturali; Riqualificazione della fascia costiera; Delocalizzazione del Mercato Ortofrutticolo; Cittadella Scolastica; Rafforzamento degli assi viari: Ponte Barizzo-Cerro; Capaccio Scalo-Borgonuovo-Paestum; Via Sterpinia, con la creazione di chioschi ed aree di parcheggio; Creazione di un asse viario Licinella-S. Venere, allaltezza del Parco dei Tigli; Ripristino del collegamento viario sullasse Capaccio-Paestum; Parco Fluviale di Capo di Fiume Centro del divertimento; Centro di accoglienza turistica, commerciale e direzionale; PalaPaestum; Abbattimento delle barriere architettoniche per una Capaccio fruibile da tutti.

17.3. La questione della Area 220


Come gi accennato, lo strumento di pianificazione urbanistica riveste un ruolo fondamentale nel rilancio socio-economico del territorio che, come noto, ha prevalente vocazione turistica ed agricola. In tale contesto, necessario affrontare la spinosa questione dellarea vincolata dalla L. n. 220/1957. Intendiamo ascoltare e coinvolgere i cittadini, gli operatori turistici e commerciali locali nella definizione delle politiche di sviluppo del territorio per raggiungere i seguenti obiettivi: mantenere e rafforzare la posizione competitiva delle imprese insediate; favorire lo sviluppo di nuove realt imprenditoriali e incrementare loccupazione; migliorare la qualit della vita dei residenti; aumentare lattrattivit del territorio per avere turisti, investitori, nuove imprese, nuovi residenti. La realizzazione del Parco Archeologico di Paestum lancora di salvezza su cui far leva. Nel PUC, che va riscritto con i tecnici e gli operatori locali, necessario prevedere un centro di accoglienza turistica-commerciale e direzionale, dotato di un ampio parcheggio e di servizi. Ne verr fuori la Nuova Paestum, con un anfiteatro e unampia agor che di giorno accoglier visitatori, turisti, clienti e la sera si trasformer in luogo di incontro e di divertimento per i residenti e non. Lo studio dellarchitetto Luca Palladino, pubblicato il 2/10/2006, dal titolo: Le mura di Paestum: 50 anni di edificazione in un territorio vincolato, rileva che il suolo consumato dalledificazione nella fascia di rispetto della L. n. 220/1957 di circa 80 ettari. Troppe campagne elettorali sono state giocate sulleventuale sanatoria delle costruzioni allinterno della fascia di rispetto. Una legge nazionale si modifica in Parlamento!

30

necessario rimuovere tutto ci che possibile, ossia le strutture rimovibili, precarie e degradate, nella fascia di rispetto e individuare la soluzione per rendere disponibili (e dunque, commerciabili e effetivamente manutenibile) le costruzioni che si trovano nel perimetro dei mille metri. Le prime operazioni da compiere saranno: rilevazione da satellite fotografer lo stato dei luoghi; cinta muraria figurativa lungo lintero perimetro dei mille metri; a ogni intersezione di strada, lungo il perimetro, innalzare una porta con fattezze e materiali identici a Porta Sirena, ripristinando le altre tre con la stessa tecnica di 2500 anni fa.

17.4. Appunti per un programma di lavori pubblici


Fermo restando il metodo della partecipazione, che rimette alla decisione diretta ed immediata dei cittadini lindividuazione delle opere da realizzare e le priorit di realizzazione, si indicano alcune opere che si ritengono necessarie per il miglioramento della vita a Capaccio e per il rilancio socioeconomico del territorio: Ecco alcune priorit strutturali immediate: piani di recupero di ogni contrada del Comune, abbandonando la logica degli interventi estemporanei e non coordinati e adottando piano di intervento quinquennale; il piano riguarder la viabilit, gli accessi, gli incroci , gli arredi urbani e le infrastrutture, oltre che gli eventuali interventi straordinari o di modifica urbana strutturale; acquisizione del Palazzo Stabile a Capaccio e sua riattazione; progettazione di una Casa del la Musica e sua estensione a centro culturale per eventi multimediali (cinema, teatro); piano di Edilizia Scolastica di concerto con la Provincia, sfruttando le possibilit offerte dallart. 55 del D.L. 5/2012; Parco Fluviale Capo di Fiume; Ecco alcune priorit infrastrutturali e relative allarredo urbano: piano quinquennale di revisione della pubblica illuminazione allinsegna dellefficienza (diminuzione dei costi), dellefficacia (luminosit maggiore a parit di consumo energetico), del risparmio energetico, delluso di fonti rinnovabili. pali di illuminazione elettrici alimentat i dal sole innanzi ad ogni podere. piano di manutenzione ordinaria delle strade da rinnovare ogni anno revisione dei sistemi elettronici di controllo del traffico per incrementarne lefficacia rispetto alla sicurezza; potenziamento del le corse con il Capoluogo e con lentroterra, chiedendo il potenziamento degli interventi regionali e verificando lo stato attuale delle corse autorizzate, anche alla luce delle vicende che stanno interessando il CSTP; ampliamento dei giardini pubblici di Capaccio, perch diventi la pi bella balconata sul mare e i templi di Paestum, dando a pi cittadini e turisti il piacere e la gioia di godere di ore di benessere. Istituzione di una cabina di regia con i l CBP per la gestione dell acqua potabile. Piano per la ricerca di sorgenti di acque potabili da affidare ad una ditta nazionale esperta del settore, con la collaborazione di tecnici locali

31

analisi dei flussi di traffico, finalizzata alla revisione delle allocazioni dei parcheggi a pagamento, un nuovo piano di parcheggi liberi e a pagamento ed alla sottrazione di aree cittadine al traffico, in modo permanente o temporaneo. riapertura immediata del passaggio a livello di Paestum, previa revisione del contratto con Trenitalia, rovesciando ruoli e tempi: Trenitalia con la massima sincera totale collaborazione del Comune e della Sopraintendenza realizza il sottopasso, il Comune chiude il passaggio a livello il giorno dopo la consegna operativa del sottopasso.

17.5.

Riqualificazione dell' area della stazione ferroviaria Roccadaspide. Idea di progetto del centro di intermodalit.

di

Capaccio-

La storia della organizzazione della citt moderna fortemente determinata da tre grandi rivoluzioni dei sistemi di mobilita: il treno, il tram e l'automobile, ciascuno portatore allo stesso tempo di nuovi oggetti e norme il funzionamento e di nuove potenzialit e regole nella determinazione delle dimensioni della citt e delle relazioni tra le diverse parti. I primi due richiedono inserimenti molto specializzati e regole ferree e producono nuovi sistemi di relazione che concorrono alla specializzazione degli spazi urbani, in sintonia con l'idea di citt come luogo organizzato per una elevata densit di funzioni e intensit di scambi. Il terzo introduce fenomeni antitetici a questa concezione di citt e richiede in apparenza un inserimento meno specialistico e regolato, ma diviene rapidamente un divoratore di spazio, nella realizzazione di nuove reti assolutamente dedicate ed un denominatore assoluto del modo di utilizzare quello esistente, la strada e lo spazio pubblico in generale. La facilita a fornire una accessibilit capillare, propria dell'automobile, destruttura le gerarchie stabilite dalle reti dei trasporto pubblico e satura il vuoto tra le maglie delle sue principali direttrici con tessuti indifferenziati che dilagano dalle periferie della citt, verso lo spazio suburbano. Lo spazio urbanizzato si espande pi rapidamente della crescita della popolazione, verso un modello di citt diffusa e diminuisce l'accessibilit con i mezzi alternativi (gli spostamenti a piedi e in bicicletta). il principio della autogenerazione del traffico: il circolo vizioso miglioramento delle infrastrutture - dispersione urbana - aumento del traffico - nuova esigenza di miglioramento delle infrastrutture. Le zone servite (dai mezzi pubblici) si ordinano intorno ai nodi di scambio, gli spostamenti di vicinanza, a piedi, in bicicletta e con il trasporto pubblico leggero (bus e tram) sono elementi di qualificazione urbana di un luogo, lo caratterizzano come spazio di relazione, di comunicazione, di animazione; non solo, contribuiscono alla sicurezza degli utenti e alla valorizzazione economica di un'area. Negli ultimi anni i trasporti ferroviari hanno assunto nuovamente un ruolo centrale nelle programmazioni, nel dibattito europeo ed in particolar modo sui temi dell'alta velocit e del trasporto locale. altrettanto vero che laumento dell'utilizzo del mezzo di trasporto privato ha provocato l'inasprimento dei problemi di congestione e di inquinamento: milioni di persone sono morte a causa di incidenti stradali negli ultimi dieci anni nei paes membri dell'OCSE e in Italia muoiono circa 3500 persone all'anno a causa dell'inquinamento provocato dal traffico (micropolveri). Una programmazione che aspiri a promuovere Capaccio quale citt nel senso letterale del termine non pu quindi esimersi dallaffrontare il tema specifico della riqualificazione estesa dellarea dellex stazione di Capaccio-Roccasapide, quale cardine e volano di un pi diffuso e capillare sistema di trasporti pubblici. Daltro canto, a livello nazionale ci si e dovuti misurare con la crisi dei trasporto locale dovuta:
32

all'aumento dei costi della produzione dei servizi, non sostenibili dalle finanze pubbliche; alla perdita di efficacia delle soluzioni di assetto gestionale-istituzionale che si erano affermate nel corso del tempo; alla rigidit ed alla scarsa integrazione fra i diversi sistemi e fra i servizi collettivi ed il mezzo individuale La crisi ha portato alle necessit di ottimizzare l'efficienza aziendale e a sviluppare modalit di integrazione fra i diversi modi, nel quadro di scelte urbanistiche e politiche della citt orientate allo sviluppo dei trasporto collettivo. La trasformazione delle FF.SS. in Societ per Azioni l'ha da tempo obbligata a perseguire la redditivit degli investimenti, con conseguente concentrazione delle risorse economiche e progettuali nei progetti dell'alta velocit e nella priorit di riqualificazione delle stazioni nelle grandi citt (Milano, Torino, Bologna, Roma, Firenze, ... etc) che garantiscono i maggiori ritorni. Pertanto, occorre che il Comune di Capaccio attraverso i propri strumenti di programmazione si faccia promotore per tramite di un protocollo dintesa con la Regione Campania, la Provincia di Salerno e le Ferrovie dello Stato di uno specifico progetto di riqualificazione della stazione di Capaccio-Roccadaspide in cui i temi della riqualificazione e riorganizzazione dellarea ferroviaria del trasporto locale si intrecciano con la riqualificazione di una parte dellabitato di Capaccio Scalo che mira a creare non solo linterporto di scambio con le direttrici stradali dei comuni pedemontani ma anche e soprattutto un complesso urbano con precise finalit di aggregazione sociale e interscambio economico-culturale per la creazione di un polo di aggregazione cittadina sino ad oggi mai esistita e di cui la popolazione tutta sente la mancanza. Le proposte di intervento intendono rispondere ad obiettivi di carattere generale per lutilizzo delle aree libere nei dintorni della Stazione di Capaccio-Roccadaspide, per la funzione strategica di questultima rispetto al sistema di accesso turistico alla citt, la collocazione centrale contigua al nuovo abitato. La dimensione complessiva delle aree coinvolte pu dare luogo ad un momento importante e decisivo di concretizzazione. Tali obiettivi sono cos riassumibili: Migliorare il servizio di trasporto pubblico da e per linterno pedemontano e la zona costiera; Migliorare il collegamento dei centri pedemontani e della citt di Capaccio con laccesso alla rete Alta Velocit dalla stazione di Salerno; Migliorare il collegamento dei centri pedemontani e della citt di Capaccio direttamente con Roma e Lamezia per tramite delle fermate dirette dei treni Frecciargento; Migliorare il collegamento dei centri pedemontani e della citt di Capaccio con la citt di Napoli per tramite dei collegamenti veloci tramite la linea a monte del Vesuvio; Ridurre la mobilit privata su gomma; Ridurre gli inquinamenti acustici e atmosferici; Migliorare la qualit urbana ed insediativa dellarea della stazione e delle aree limitrofe; Ridurre o eliminare leffetto barriera della ferrovia; Limitare lespansione urbana e quindi il consumo di suolo agricolo. La nuova stazione passeggeri diventer quindi il nodo centrale di un sistema ferroviario che dovr garantire laccesso diretto o indiretto ai treni nazionali e quello diretto ai regionali. Tale sistema ferroviario dovr essere integrato con il trasporto pubblico urbano ed extraurbano su gomma, con un adeguato sistema di parcheggi e di percorsi pedociclabili. Per raggiungere la massima integrazione tra i diversi vettori del trasporto pubblico e per ridurre il traffico privato si prevede di rendere accessibile la stazione su due fronti:
33

in senso pedociclabile e per il trasporto pubblico urbano; il fronte per il trasporto pubblico extraurbano ed il trasporto privato. Attualmente larea complessiva utilizzabile per una nuova stazione risulta essere ricavabile a ridosso e da ambo i lati stradali sul versante lato monte dellattuale sottopasso della fermata di Capaccio Roccadaspide. Larea complessiva di propriet mista FS e privati e, secondo lattuale PRG, con una destinazione agricola. In corrispondenza delle aree adiacenti la linea lato Salerno dovr essere realizzato un nuovo, moderno ed attrezzato sottopasso pedonale e ciclabile: questa necessit gi oggi particolarmente sentita a causa dellattivazione del nuovo plesso scolastico provinciale. Si pongono quindi due questioni: quali sono i soggetti deputati ad intervenire sullarea e con quali modalit potranno acquisirne la disponibilit; quali sono le modalit di modifica delle destinazioni duso ammesse e quali gli strumenti urbanistici di intervento attuativo. Per la prima questione sempre stata seguita lipotesi che prevede lacquisizione delle aree direttamente da FS tramite trattativa privata e sostanzialmente con uno scambio tra le aree dismesse e il pagamento del nuovo impianto (comprese le aree necessarie ipotizzate per realizzarlo, che attualmente non sono tutte di propriet FS). Una alternativa, sperimentata in altri casi analoghi in Italia, costituita dalle Societ di trasformazione urbana e da modelli perequativi di acquisizione/cessione di aree. Per quanto riguarda la zonizzazione e gli strumenti urbanistici, le possibilit sono da un lato quelle previsti dalla normativa provinciale (zonizzazione monofunzionale, piano attuativo o di recupero) o lintroduzione nella legislazione provinciale di nuovi strumenti quali i piani integrati sul modello delle altre Regioni italiane. I due riferimenti principali nelle esperienze delle altre Regioni italiane sono le Societ di trasformazione urbana (Stu) e i programmi complessi, e tra questi in particolare i programmi integrati di intervento. Nel caso della nuova stazione di Capaccio si evidenzia la necessit di intervenire con un provvedimento urbanistico che potrebbe, come gi avvenuto in casi simili, configurarsi specifico per larea dove si prevede che vengano definite le funzioni insediabili e i parametri urbanistici oppure assumere caratteri pi generali per tutti quei casi, quando si vuole intervenire in aree dimesse per attivare processi complessi di ristrutturazione urbanistica e coinvolgere una pluralit di soggetti pubblici e privati. Nucleo del progetto infatti una nuova piazza, pedonale e attrezzata per la sosta, il riposo e l'attesa degli utenti del treno, dell'autobus e delle autovetture private, posta in posizione baricentrica rispetto alle nuove attrezzature terziarie (commerciali e culturali) che nasceranno con gli ulteriori piccoli lotti di intervento. Sono inoltre state individuate un complesso di opere di riordino del traffico veicolare e pedonale teso a raccordare l'ambito urbano della vecchia stazione passeggeri con il nuovo complesso sistema urbano . Tre sono i possibili lotti di intervento, in grado di attivare finanziamenti pubblici e privati in ragione delle diverse, ma integrate, qualit di opere previste: piazza pedonale e relativi percorsi, risistemazione della nuova stazione autobus e della viabilit veicolare di collegamento tra SS 18 e la via Filette; aree verdi, pensiline, arredo urbano e fontana nella piazza pedonale; realizzazione di pensilina coperta nella zona di sosta degli autobus.
34

pensilina a copertura del parcheggio taxi e kiss and ride; pensilina pedonale di raccordo tra la zona dell'attuale fermata ferroviaria con la nuova stazione autobus e nuovo sottopasso lato Salerno, arredo urbano e progetto segnaletica; piccolo edificio commerciale e strutture di arredo sulla piazza pedonale; Biblioteca Civica Multimediale (con internet wi-fi) e parcheggio a raso con realizzazione di un nuovo edificio in luogo del magazzino merci, destinato a servizi per il trasporto pubblico, accoglienza ed informazione turistica; Il progetto prevede le seguenti distribuzioni di spazi a livello planimetrico: PianoTerra : agenzia di viaggio con biglietteria ferroviaria, dotata di un accesso e di servizi igienici autonomi, ma collegata funzionalmente alla biblioteca ed in particolare con la parte pi informale, quella destinata alla prima informazione e con particolare attenzione al comfort ed alla accoglienza dei viaggiatori; punto informazione turistico/servizi del territorio; front office e banco unico di prestito, con apertura verso l'esterno per la restituzione dei documenti in prestito; zone di attesa, organizzate secondo lo schema delle sale d'aspetto degli aeroporti, con file di sedute dotate di attacchi per personal computer, con grandi monitor su cui sono organizzate le funzioni di informazione sulla mobilit locale e regionale; zona di ingresso alla Biblioteca con area per bancone, impianto di prestito, deposito provvisorio dei libri in restituzione/prestito, tavoli elettronici per Informa giovani, Informa trasporti, Informa lavoro, Informa cultura e spettacolo, banco elettronico per la consultazione del catalogo informatizzato della Biblioteca, spazi espositivi e vetrine per le novit librarie, banco e scaffale plurilingue, zona internet-point; zona emeroteca con sala lettura; zona archivio libri; - zona libreria e giochi per bambini accompagnati. 1 Piano; zona ad ovest destinata agli uffici amministrativi e al "laboratorio del libro"; zona bancone/ reference, deposito provvisorio libri in restituzione/prestito, blocco servizi igienici pubblici, banco elettronico per la consultazione del catalogo informatizzato della Biblioteca, area di riposo /attesa; aree per audiolibri, ascolto musica, videoteca e sale separate di consultazione e lettura; sala computer; sala conferenze per n 92 posti e zona relax, con possibilit di funzionamento indipendente rispetto alla rimanente parte della Biblioteca; attivit legate alla musica (sale incisione, piccoli spazi per gruppi locali); mercatino pub e locali di ristoro/intrattenimento La struttura dovr essere dotata dei massimi requisiti di accessibilit e laddove possibile (e salvo che nei luoghi deputati alla conservazione dei libri, ai quali la luce nociva) l'illuminazione naturale preferita a quella artificiale. In particolare tutto il settore di ingresso dovr essere a totale trasparenza.

35

Dovr essere redatto un "progetto acustico" con l'intento di individuare tutti gli elementi tecnicocostruttivi in grado di isolare sufficientemente l'edificio dalle vibrazioni e dai rumori provenienti dai vicini binari. Lintervento in ogni suo aspetto tiene conto della sostenibilit ambientale, sociale ed economica: ad un significativo incremento delle aree di servizio, con verde pubblico, far riscontro il ricorso a soluzioni eco-tecnologiche a supporto della mobilit. Daltra parte, lintroduzione di plus-valenze funzionali dal forte carattere di aggregazione sociale (auditorium), insieme alla necessaria soluzione delle urgenze di traffico (parcheggi a decongestionare laccesso al treno a al nuovo centro cittadino) rappresentano lambizione ad ottimizzare ed integrare lorganismo distributivo con quello architettonico. Se quindi chiara la consapevolezza dell'assoluta inadeguatezza dell'attuale fermata di Capaccio-Roccadaspide, nonch la necessit di progettare ed investire su quell'area quale porta di accesso da e per le zone pedemontane la di cui salvaguardia e sviluppo viene espressamente richiesta dalla normativa urbanistica regionale, necessario attivarsi per il cambiamento di quanto attualmente previsto negli elaborati della relazione programmatica .

18. La lotta allinquinamento e linnovazione energetica


18.1. Programmazione anti-inquinamento
Va redatto un piano di risanamento della qualit dellaria, del suolo, delle falde, dei corsi dacqua e del mare che deve indicare le azioni da intraprendere per concorrere a migliorare su scala locale la qualit ambientale. Gli obiettivi di cui tenere conto sono: il miglioramento generalizzato dellambiente e della qualit della vita, evitando il trasferimento dellinquinamento tra i diversi settori ambientali; la coerenza delle misure adottate nel piano con gli obiettivi nazionali di riduzione sottoscritti dallItalia in accordi internazionali o derivanti dalla normativa comunitaria; lintegrazione delle esigenze ambientali nelle politiche settoriali, per assicurare uno sviluppo economico e sociale sostenibile; la modifica dei modelli di produzione e consumo, pubblico e privato, che incidono negativamente sulla qualit ambientale; la salvaguardia della biodiversit insistente sul territorio; lutilizzo congiunto di misure di carattere prescrittivo, economico e di mercato, anche attraverso la promozione di sistemi di ecogestione e audit ambientale; la partecipazione e il coinvolgimento delle parti sociali e della cittadinanza nelle scelte; la previsione di adeguate procedure di autorizzazione, ispezione, monitoraggio per assicurare la migliore applicazione delle misure individuate.

18.2. Lotta allelettro-smog


Sono inoltre necessarie misure serie di lotta allelettrosmog: bisogna passare dalla pratica delle autorizzazioni a quella di veri e propri piani regolatori delle antenne, in cui il Comune che decide, assumendo a cardine il principio di precauzione con regole che minimizzino lesposizione.

36

18.3. Promozione di un modello energetico sostenibile


LAmministrazione Comunale ha un ruolo di rilievo nel promuovere un modello energetico pi sostenibile, che potrebbe essere attuato secondo le seguenti linee di intervento: adozione delle caratteristiche fissate dal programma europeo GreenLight; introduzione nel regolamento edilizio di incentivi (quali, ad esempio, la riduzione o lesenzione dagli oneri di urbanizzazione o di altre imposte) per tutte quelle soluzioni tecniche applicate alle costruzioni che consentono di ottenere uno o pi indici di prestazione energetica parziali che comportano un fabbisogno di energia primaria pi basso rispetto ai valori prescritti dalle leggi; nellambito dellaggiudicazione degli appalti pubblici di forniture, introdurre criteri per incentivare limpiego di soluzioni tecnologiche pi efficienti e meno inquinanti (ad es. fornitura di autoveicoli a gpl o metano, macchine per ufficio a basso consumo, ecc.); adozione di appositi strumenti finanziari di supporto agli interventi in campo energeticoambientale; creazione le condizioni normative ed amministrative per favorire lo sviluppo delle E.S.Co.; realizzazioni di accordi volontari con rivenditori, promotori, installatori e tecnici; realizzazione di impianti dimostrativi; introduzione nella Pubblica Amministrazione di componenti e criteri di gestione finalizzati al risparmio energetico e ad un minor impatto ambientale; realizzazione di attivit di formazione e informazione indirizzate agli operatori del settore e ai cittadini per far conoscere i principali aspetti tecnici, economici, finanziari ed ambientali relativamente alle soluzioni tecnologiche e gestionali, che comportano un minor impiego delle fonti fossili; promozione nei corsi scolastici di una cultura dellefficienza e del risparmio energetico; definizione di accordi con enti specializzati in ambito agro-energetico al fine di individuare le modalit di realizzazione di una filiera nel nostro territorio, per dare impulso al settore agricolo e fornire agli operatori del settore unimportante opportunit di diversificazione degli investimenti; metanizzazione del territorio comunale: la realizzazione di una rete del metano, oltre ai benefici ambientali connessi alle minori emissioni inquinanti che comporta limpiego del metano rispetto ad altre fonti fossili, comporterebbe notevoli risparmi economici per la produzione di energia termica sia alle famiglie che alle imprese; inoltre, agevolerebbe in modo sensibile la realizzazione e la diffusione di impianti di coogenerazione, indirizzati alle utenze caratterizzate da fabbisogni termici ed elettrici simultanei per lunghi periodi dellanno (alberghi, hotel, caseifici, ecc.), consentendo di ottenere risparmi economici non trascurabili; promuovere (sia con apposita regolamentazione urbanistica sia, ove possibile, con incentivi in conto capitale) linstallazione di impianti di produzione di biogas, da usare per la produzione di energia elettrica o per il teleriscaldamento, attuando una valutazione di impatto ambientale laddove limpianto possa danneggiare il paesaggio e il territorio; promuovere il mercato delle caldaie a biomasse, a legno o a pellet a uso domestico; favorire il teleriscaldamento a biomasse; promuovere gli impianti di coogenerazione;

37

introdurre lobbligo di predisporre i nuovi edifici allistallazione del fotovoltaico e/o del solare termico; semplificare liter per la realizzazione di impianti fotovoltaici e/o di solare termico integrati negli edifici (con esclusione di quelli di particolare pregio architettonico); introdurre, con accordi tra lente locale e gli istituti di credito, tassi verdi e mutui agevolati per lacquisto da parte di privati di impianti per la produzione di energie alternative; programmi di installazione di pannelli fotovoltaici e pannelli solari termici sugli edifici pubblici; incentivi fiscali per chi installa impianti per la produzione di energie alternative ovvero disincentivi per chi non lo installa. realizzazione di un Piano Energetico Comunale per perseguire i seguenti obiettivi: razionalizzazione dei consumi esistenti; diversificazione delle fonti fossili tradizionali e sostituzione con fonti rinnovabili; individuazione ed eliminazione degli sprechi esistenti allinterno della P.A.; valutazione delle potenziali risorse energetiche presenti sul territorio comunale; sostegno alla creazione di servizi energetici locali, di nuova occupazione o conversione di occupazione preesistente, alle politiche energetiche regionali, nazionali e comunitarie; utilizzazione di disponibilit, servizi e competenze energetiche locali e tecnologie energetiche prodotte anchesse localmente, al fine di incrementare l'occupazione; limitazione dellinquinamento ambientale e dellimpiego di infrastrutture ed usi energetici poco compatibili con la politica di gestione del territorio.

19. Marketing territoriale


Secondo la definizione di Texier e Valle (1992) il marketing territoriale un insieme di azioni collettive poste in atto per attrarre in una specifica area o territorio nuove attivit economiche e produttive, favorire lo sviluppo delle imprese locali, promuovere unimmagine positiva per il benessere dei residenti. Il piano di marketing territoriale deve partire da una seria e concreta analisi macroambientale che consideri le vocazioni e le specificit territoriali affinch possano essere valorizzate. Dunque, non si pu non partire dallagricoltura e dal turismo

19.1. Il marketing territoriale applicato allagricoltura


Capaccio un territorio caratterizzato dalla presenza di diversi marchi di qualit, da prodotti di origine garantita, da specialit tradizionali registrate e da molte specialit alimentari e gastronomiche uniche dei nostri luoghi. La moltitudine di produzioni tradizionali che rischiano di scomparire, la ricchezza di prodotti, di sapori e di colori vanno salvaguardati e custoditi ma soprattutto utilizzati come fattore essenziale di sviluppo economico. Economico. I nuovi scenari prodotti dalla competizione globale degli ultimi anni hanno fatto s che la capacit competitiva della singola impresa non sia pi funzione delle sole risorse interne, ma tragga la propria forza da un sistema di conoscenze e relazioni che insistono sul territorio. Quindi dallimpresa isolata, autosufficiente e indipendente allimpresa rete, aperta verso lesterno che si integra con il territorio in uninsieme di componenti integrate come elementi propulsivi dello sviluppo locale.
38

Lamministrazione comunale si fa carico, in un contesto di rapidi mutamenti economici e tecnologici, di alimentare il processo di sviluppo locale, fornendo al vasto patrimonio agroalimentare e alle tipicit gi presenti sul territorio, strumenti innovativi in grado di valorizzare al meglio le stesse ed ottimizzarne lutilizzo. In linea con quanto detto e in concertazione con altri Enti pubblici e privati e gli stok holder del territorio, si intende attivare e/o proseguire e potenziare le seguenti iniziative di Marketing territoriale: partecipare ad eventi fieristici di respiro nazionale ed internazionale con esposizioni e degustazioni; realizzare in occasione di eventi culturali, che attirano molteplici turisti nelle aree della Magna Grecia, mercatini del biologico e delle produzioni tipiche; organizzare laboratori del gusto per esperti, giornalisti, rappresentanti della ristorazione; coinvolgere i ristoranti e gli alberghi nella promozione delle produzioni; organizzare visite guidate con figure professionali, presso i caseifici, e percorsi naturalistici alla riscoperta delle culture tipiche e delle coltura del benessere. sostenere le aziende che vogliano aderire al programma regionale Sapore di Campania; assistere le aziende nella fase di iscrizione allalbo regionale Fattorie Didattiche aderire al programma regionale di valorizzazione del territorio Costiera dei Fiori.

19.2. Il piano di marketing territoriale applicato al turismo


Con riferimento al turismo, il piano di marketing territoriale di cui il Comune di Capaccio deve assolutamente dotarsi deve partire da una chiara premessa: ciascun cittadino di Capaccio deve sentirsi e deve essere investito della responsabilit di Ambasciatore del territorio. Infatti, qualsiasi operazione di marketing all'esterno sar pressoch inutile se prima non si sensibilizzata la popolazione e il sistema turistico locale, se prima non si sar fatto "marketing interno o marketing urbano. A tale scopo necessario, per un verso, far crescere la coscienza turistica e la cultura dell'accoglienza nei cittadini; per altro verso, soddisfare le aspettative dei cittadini e degli operatori turistico - commerciali locali. sia le caratteristiche demografiche che quelle dellofferta turistica, alberghiera ed extraalberghiera. Incrociando la composizione sociodemografica con i piani dazione dellAmministrazione e le eventuali rilevazioni di soddisfazione dei cittadini, possibile progettare e realizzare interventi realmente mirati sul territorio e sviluppare servizi adeguati alle tipologie di imprese e turismo da attirare e soddisfare. A partire dallArea Archeologica di Paestum, patrimonio mondiale dellUNESCO, il piano deve mirare a valorizzare tutte le risorse turistiche del territorio e dellarea in cui lo stesso inserito, in particolare: quelle legate al turismo culturale (Museo di Paestum, Hera Argiva, Museo del Gran Tour, Museo Narrante, le necropoli); anche nellarea collinare (Capaccio vecchia con il castello, Capaccio Capoluogo, i portali, i vicoli, i palazzi, i giardini, i tramonti, il panorama, il Paese-Albergo); quelle legate al turismo religioso (Santuario della Madonna del Granato, Santuario del Getsemani, Basilica Paleocristiana di Paestum, Chiesa ss.Pietro e Paolo, Convento Francescano);

39

quelle legate al turismo enogastronomico e rurale (le Bufalare, la Mozzarella, il Carciofo, gli Agriturismi e la Ristorazione, i Bed & breakfast); quelle legate al turismo balneare (Mare, Lidi, Pineta, Camping, Villaggi, Alberghi, Pensioni) quelle legate al turismo ambientale (Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Monte Soprano, Monte Sottano, Foce del Sele, Fiume Salso, Capo di Fiume). Lobiettivo del piano di marketing territoriale quello di creare un vero e proprio sistema territorio. Il sistema territorio deve: sviluppare un dialogo continuo con tutti i segmenti interni al sistema, di cui verificare aspettative e soddisfazione (marketing del territorio), attraverso: il monitoraggio dei servizi offerti dal territorio e dallamministrazione locale e dagli operatori economici; il monitoraggio delle esigenze degli attori e dei motori dello sviluppo; strutturare, in modo organico, modalit e strumenti di comunicazione esterna finalizzate a individuare e promuovere le eccellenze del territorio e ad attrarre investimenti. In linea con quanto detto e in concertazione con altri Enti pubblici e privati e gli stok holder del territorio, si intende attivare e/o proseguire e potenziare le seguenti iniziative di Marketing territoriale: rendere effettivo il cambio di denominazione ufficiale in Capaccio-Paestum; costituzione di un comitato tra Comune e associazioni di categoria per la formazione di un pacchetto di soggiorno a Paestum da collocare sui mercati internazionali e presso le pi importanti agenzie di viaggio; incentivazione di Offerte Speciali per il Turismo Sostenibile; promuovere protocolli dintesa con Enti e Istituzioni, aziende con il concorso della Camera di Commercio di Salerno per promuovere flussi turistici alla scoperta dei prodotti e del territorio. promuovere il Turismo rurale e Agriturismo, mediante listituzione degli Itinerari del Gusto.

40