Sei sulla pagina 1di 1

50 GIORNATA MONDIALE DEDICATA AL TEATRO

GLI OBIETTIVI: Creata a Vienna nel 1961 durante il IX Congresso mondiale dell'Istituto Internazionale del Teatro (ITI) su proposta di Arvi Kivimaa a nome del Centro Finlandese, dal 27 marzo 1962, si celebra dai Centri Nazionali dell'Istituto Internazionale che esistono in un centinaio di paesi del mondo, compresa l'Italia. L'obiettivo dell'ITI creato nel 1948, per iniziativa dell'U.N.E.S.C.O. (la pi importante organizzazione internazionale non governativa nel campo delle arti della scena) e di personalit famose nel campo del teatro, quello di "incoraggiare gli scambi internazionali nel campo della conoscenza e della pratica delle Arti della Scena, stimolare la creazione ed allargare la cooperazione tra le persone di teatro, sensibilizzare l'opinione pubblica alla presa in considerazione della creazione artistica nel campo dello sviluppo, approfondire la comprensione reciproca per partecipare al rafforzamento della pace e dell'amicizia tra i popoli, associarsi alla difesa degli ideali e degli scopi definiti dall'U.N.E.S.C.O.". Le manifestazioni che segnano la Giornata Mondiale del Teatro permettono di concretizzare questi obiettivi a partire dal "messaggio internazionale".

JOHN MALCKOVICH PER LA GMT 2012. Ogni anno, una personalit del mondo del teatro, o un'altra figura conosciuta per le sue qualit di cuore e di spirito, invitata a condividere le proprie riflessioni sul tema del Teatro e della Pace tra i popoli. Questo, che viene chiamato "il messaggio internazionale", tradotto in diverse lingue e viene letto davanti a decine di migliaia di spettatori prima della rappresentazione della sera nei teatri nel mondo intero, stampato nelle centinaia di quotidiani e diffuso da radio e televisione sui cinque continenti. Jean Cocteau fu l'autore del primo messaggio internazionale nel 1962. In occasione della 50esima Giornata mondiale del teatro, stato John Malkovich a leggere il suo messaggio ai colleghi e agli spettatori di tutto il mondo, si potrebbe dire "a palchi unificati". Le sue parole, vero e proprio augurio e incoraggiamento a tutti quelli che amano e vivono il teatro, sposa in pieno lo spirito della Giornata mondiale.

Che possiate superare le avversit, la censura, la povert e il nichilismo, che molti di voi sicuramente saranno costretti ad affrontare. Possiate godere di talento e di rigore, per insegnarci il battito del cuore umano in tutta la sua complessit, con l'umilt e la curiosit necessarie per rendere tutto questo il lavoro della vostra vita. Possa il meglio di voi - poich sar solo il meglio di voi, anche se solo per un attimo riuscire a formulare la pi essenziale delle domande: come viviamo?

Interessi correlati