Sei sulla pagina 1di 3

Circolo PDT Elisabetta Vindimian Lavis Zambana Nave San Rocco

IL PIANO REGOLATORE DI LAVIS: LA CUP CONFERMA LINCOMPETENZA DELLAMMINISTRAZIONE


Nel novembre 2011 il PD lavisano denunciava, alla luce di una prima presa di posizione della Commissione Urbanistica Provinciale (datata agosto 2011), levidente incompetenza della maggioranza che governa il Comune. La CUP esprimeva notevoli perplessit sulla correttezza del procedimento adottato per ladozione della variante al PRG del Comune di Lavis , invitando lAmministrazione a valutare gli aspetti di criticit sollevati al fine di intraprendere le decisioni di competenza. Il PD metteva in primo piano la gravit della mancata approvazione di quello che pu essere considerato lo strumento di pianificazione territoriale pi importante e a maggior contenuto politico per unAmministrazione. A fronte della nostra denuncia, questa maggioranza invece di procedere, come suggerito dalla CUP, a valutare e correggere gli aspetti critici - decide di avvalersi di un parere legale. Atto legittimo, ma forse di insufficiente efficacia operativa. Infatti da novembre ad oggi silenzio su tutti fronti. Il PRG scompare dal Consiglio Comunale, i cittadini attendono risposte. Siamo a marzo 2012: esattamente 2 anni dopo lapprovazione della prima delibera di adozione, la CUP trasmette allAmministrazione una relazione di dettaglio in cui argomenta i rilievi anticipati nellagosto 2011. Non si tratta di una breve comunicazione: sono servite ben 27 pagine per fare posto a tutte le osservazioni e i rilievi della Commissione Provinciale. Destino di triste Cassandra il nostro: molti dei rilievi ritrovati nero su bianco in questa deliberazione corrispondono alle osservazioni alla variante PRG che avevamo presentato in Consiglio Comunale nel maggio del 2011. Quella che per il PD lavisano era la cronaca di una incompetenza annunciata, diviene con la deliberazione 02/2012 della CUP prova provata di incompetenza: ladozione del 2011 si configura come prima variante ed annulla la precedente del 2010. La variante, promossa nella campagna elettorale del 2010, decade. La CUP valuta e commenta ora la variante approvata il 15 aprile 2011. Significa che un intero anno andato perduto. La variante 2011 presenta difformit rispetto al PUP del 2008 Dovranno essere risolte Imprecisioni peculiari: individuazione reti idrografiche e siti archeologici, mancata individuazione sito di interesse comunitario Foci dellAvisio, mancata rappresentazione dei beni ambientali, riduzione talvolta non giustificata, delle aree agricole di pregio. Dimensionamento residenziale si limita a misurare le dinamiche in corso senza tener conto delle disponibilit totali il ruolo di Lavis meriterebbe una valutazione pi articolata e consapevole Il ruolo dei privati le modifiche pi significative sembrano riguardare la soddisfazione di numerose richieste private in vari settori funzionali: dalla residenza alle aree produttive a quelle commerciali Il progetto convenzionato ... In termini generali si rileva che sfuggono le modalit e i criteri addotti per la quantificazione delle aree da cedere gratuitamente allAmministrazione comunale in cambio delledificabilit . Ci potrebbe non favorire lattuazione dei progetti o innescare contenziosi a causa di eventuali disparit di trattamento Inquinamento acustico La corretta gestione del territorio rappresenta uno degli elementi di maggiore efficacia per la lotta allinquinamento acustico e lo strumento urbanistico, nello specifico, costituisce lattuazione di tale politica preventiva la variante in esame (2011) dovrebbe quindi essere esaminata in correlazione al piano di classificazione acustica .

C_Stampa PDT Lavis 11 aprile 2012

pag. 1

Circolo PDT Elisabetta Vindimian Lavis Zambana Nave San Rocco

E adesso cosa succede? Lesperienza ci suggerisce che vedremo la maggioranza minimizzare e temporeggiare. Magari affidandosi ad altro professionista per un parere legale tutto pur di non prendere atto della propria incompetenza. Forse vedremo anche un altro incarico allArchitetto Niccolini, che dovr riprendere in mano gli elaborati e correggere i numerosissimi errori cartografici rilevati dalla CUP. Confidiamo che stavolta la prestazione del professionista sia a titolo gratuito e che i soldi dei cittadini possano essere utilizzati per miglior scopo magari per una migliore progettazione di Area Felti. Molto pi opportuno sarebbe che il governo lavisano si rendesse conto che la relazione della CUP un documento tecnico, che in quanto tale non esprime valutazioni politiche, bens di merito tecnico appunto. La nostra non unAmministrazione vittima di oscure macchinazioni: semplicemente unAmministrazione incompetente. Le richieste del PD lavisano fuor di dubbio che chi far le spese di tale incompetenza la cittadinanza, ossia tutti quei cittadini che a partire dal 2010 attendono una risposta alle loro istanze. Nulla hanno ricevuto sino ad oggi, nulla riceveranno in tempi certi. Il nostro territorio e leconomia che su di esso si dispiega restano al palo Il PD lavisano torna a chiedere con forza che la maggioranza al governo ponga immediatamente rimedio a questa situazione e proceda senza indugio ad una seria verifica e successiva risoluzione delle criticit evidenziate dalla Commissione Urbanistica Provinciale in particolare chiediamo siano coscienziosamente valutate le necessit abitative presenti e future e verificate le unit abitative gi disponibili ma inutilizzate; ci al fine di evitare interventi inutili e contribuire realmente al contenimento del consumo di territorio. Chiede che il PRG torni alla discussione in Consiglio Comunale dando modo a tutti gli attori di offrire il proprio contributo. Chiede che la maggioranza informi in assemblea pubblica i cittadini sullo stato dellarte relativamente al PRG. Non ozioso ricordare che PRG e bilancio sono i due atti fondamentali della programmazione politica di una giunta comunale. La variante in questione del 2011: lincapacit di condurre a buon fine questo importantissimo documento programmatico quindi totale responsabilit dellattuale maggioranza. Se ne traggano le debite conclusioni.

Per il Circolo PDT Elisabetta Vindimian Lavis-Zambana- Nave San Rocco Daniela Filbier (Il Segretario) daniela.filbier@gmx.it

C_Stampa PDT Lavis 11 aprile 2012

pag. 2

Circolo PDT Elisabetta Vindimian Lavis Zambana Nave San Rocco

Storia di incompetenza
2009 - OTTOBRE 2010 - MARZO 2010 - APRILE 2010 MAGGIO 2011 - APRILE 2011 - AGOSTO 2011 - OTTOBRE 2011 - NOVEMBRE 2012 - APRILE Inizia la procedure di revisione del PRG Prima adozione della variante La Provincia dichiara la variante incompleta Elezioni comunali La variante viene integrata La Commissione Urbanistica Provinciale (CUP) rileva nella variante diversi profili di illegittimit La variante oggetto di incarico di riesame La variante scompare La CUP argomenta in dettaglio i rilievi di illegittimit evidenziati ad agosto 2011

I costi della politica incompetente


Anno 2006 2009 2011 2011 Professionista Arch. Niccolini Arch. Niccolini Avv. Zancanella Arch. Niccolini Costo 50.281 37.944 1.415 5.600

TOTALE

95.240

C_Stampa PDT Lavis 11 aprile 2012

pag. 3