Sei sulla pagina 1di 2

Soprattutto in questo periodo di crisi, che ha toccato purtroppo anche la nostra stupenda citt, le nostre famiglie e le nostre piccole

imprese, un dovere per chi si mette in gioco nella politica, preparare dei programmi seri e responsabili, con delle iniziative che possano rilanciare l'economia, l'educazione, il turismo di Verona e migliorare la nostra qualit di vita, senza gravare sulle spalle dei cittadini! Come? Date un'occhiata qua sotto... PIANO REGOLATORE GENERALE Recuperare o ristrutturare gli edifici pericolanti, e le strutture fatiscenti in generale, mediante concessione a privati (tramite apposita richiesta al Comune) per: - rilanciare l'attivit economica; - favorire la libera concorrenza; - evitare l'ulteriore espansione della citt con nuove strutture; - destinarli come insediamenti di edilizia pubblica e convenzionata. L'assegnazione dovr prevedere comunque determinati vincoli per il privato, pi che altro per il rispetto del Piano Regolatore Generale. Ci potrebbe favorire anche la "rinascita" di alcuni edifici storici della citt, che si trovano per in attuale stato di abbandono, rilanciandoli dal punto di vista turistico/culturale. PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Utilizzo di programmi software liberi nella Pubblica Amministrazione (fogli di calcolo, elaboratori di testo, navigazione in rete, posta elettronica).Tali programmi sono facili da utilizzare e sono compatibili con i programmi proprietari (come ad esempio Microsoft); si andrebbero cos a ridurre i costi sostenuti per le licenze dando un ampio respiro al bilancio comunale. TERRITORIO - Recuperare spazi verdi incolti e lasciati in disuso, destinandoli ad uso orto per le persone anziane. Oggi questi spazi non sono molti in citt. - Adibire piccoli chioschi, costruiti secondo determinate regole previste dal Piano Regolatore Generale (per la somministrazione di bevande e cibo) lungo i percorsi ciclabili, gli argini dell'Adige e i percorsi della salute. Due soluzioni per favorire il rilancio economico, il libero mercato e la nascita di centri di aggregazione per i cittadini, cos da vivere la citt a 360 gradi. TURISMO Ecco un paio di iniziative che potrebbero essere sponsorizzate dalle Fondazioni veronesi, per rilanciare il turismo cittadino e conoscere la storia della citt. Un primo progetto, rivolto ad un pubblico sia adulto che di giovani interessati ad una proposta culturale specifica, consiste nell'organizzare una visita guidata per le vie di Verona, alla ricerca di alcune statue di uomini illustri della storia, che non sono molto conosciute, come quelle di Paolo Caliari detto il Veronese, Michele Sanmicheli, Dante Alighieri, Camillo Benso Conte di Cavour e molte altre. La visita a queste opere verrebbe accompagnata anche da una descrizione del legame tra questi personaggi e la citt scaligera per permettere ai cittadini veronesi di conoscere meglio la storia della propria citt oltre che una pagina importante della sua storia dell'arte. Questo itinerario si svilupperebbe sia a piedi che in bicicletta e l'iniziativa potrebbe prendere il nome di "L'arte invisibile", in quanto queste opere anche se quotidianamente sono sotto gli occhi di tutti non vengono ne viste, ne promosse.

Un altro progetto potrebbe essere denominato "Sui luoghi delle leggende", perch porterebbe i visitatori alla scoperta di quei luoghi veronesi che vengono citati nelle fonti antiche o sono noti nella tradizione per essere stati oggetto di fatti leggendari come la grande coppa in porfido presente all'interno della basilica di San Zeno, trasportata a Verona dal diavolo, oppure la misteriosa vicenda delle sante Teuteria e Tosca. Si potrebbe anche prendere in considerazione la visita dei templi pagani poi divenuti cristiani di cui solo pochi ne sono a conoscenza, come l'ipogeo di Santa Maria in Stelle, il battistero della parrocchia di Grezzana e l'Iseo, successivamente diventato chiesa di Santo Stefano. MOBILITA' Aprire le corsie riservate agli autobus anche alla circolazione degli scooter e dei motocicli in generale. In questo modo, la circolazione degli stessi sar pi sicura e si incentiver un maggiore uso dei due ruote, con conseguente diminuzione del traffico. SCUOLA - Incentivare ed assicurare continuit alle attivit socio-scolastiche per aiutare gli studenti in difficolt e prevenire situazioni di disagio giovanile. Tutto ci favorir anche la crescita culturale e la vita di relazione. - Iniziative scolastiche di educazione stradale, alternando divertimento ad apprendimento del rischio potenziale derivante dalla circolazione sulla strada. AMBIENTE Favorire l'educazione ambientale sin dal periodo scolastico attraverso interventi di educazione (come fare la raccolta differenziata, ...). CULTURA Organizzare cineforum estivi dedicati a giovani aspiranti registi locali, con il patrocinio dei mass media della citt (giornali, televisione, radio,ecc...) ,cos da permettere loro di esprimere pienamente le proprie capacit artistiche e professionali.

Alessandro Boggian

www.boggian.altervista.org