Sei sulla pagina 1di 10

1

VENE Distinzione tra arterie e vene Le pareti delle arterie sono pi spesse rispetto a quelle delle vene. La tonaca media delle arterie contiene un quantitativo maggiore di fibre muscolari liscie ed elastiche rispetto a quelle delle vene. Le vene sono ricche di anastomosi e valvole a differenza delle arterie. La presenza di valvole permette al sangue che circola nelle vene di non refluire. Le vene sono i vasi che riportano al cuore il sangue refluo dai vari tessuti: il sangue quindi scorre in direzione centripeta. Le vene si distinguono in base ad una classificazione funzionale:
-

Vene di tipo propulsivo come le vene degli arti inferiori,avente parete pi spessa e pi ricca di fibre muscolari; Vene di tipo recettivo ad esempio le vene del collo,avente parete molto sottile e fibrosa; Vene di piccolo calibro avente parete molto sottile.

VENE DELLA CIRCOLAZIONE POLMONARE: Le vene polmonari sono 4 (2 per ciascun polmone) e trasportano il sangue ossigenato dai polmoni allatrio sinistro del cuore. Emergono dagli ili polmonari, 2 a destra e 2 a sinistra. Quelle di destra sono pi grosse perch originano dalla confluenza di tre vene (superiore, media e inferiore) che raccolgono il sangue refluo da ciascun lobo polmonare.

VENE DELLA CIRCOLAZIONE SISTEMICA: Le vene raccolgano il sangue proveniente dagli organi e dai tessuti attraverso unelaborata rete venosa che drena nellatrio destro del cuore tramite la vena cava inferiore e superiore. Sistema della vena cava superiore (sangue refluo dalla met sopra diaframmatica del corpo cio dalla testa,dal collo,dal torace,dalle spalle e dagli arti superiori); Sistema della vena cava inferiore (sangue refluo dalla met sotto diaframmatica del corpo) Seno coronario (sangue refluo dal miocardio),in essa drenano il sangue le vene cardiache,tali sono le uniche non drenano ne nella VCS ne nella VCI; Sistema della vena porta (conduce al fegato il sangue refluo dalla porzione sotto diaframmatica del tubo digerente, dalla milza e dal pancreas)

Ritorno venoso dal cranio Le vene cerebrali superficiali si svuotano in una rete di seni durali tra i quali sono compresi i seni sagittali superiori e inferiore,i seni petrosi,il seno occipitale, i seni traversi destro e sinistro e il seno retto. Il seno pi ampio il seno sagittale superiore si trova nella compagine della falce cerebrale. La maggior parte delle vene cerebrali interne si unisce allinterno degli emisferi cerebrali e dal plesso coroideo,drenandolo nel seno retto. Altre vene cerebrali drenano nel seno cavernoso insieme alle numerose e piccole vene dellorbita. Dal seno cavernoso il sangue raggiunge la vena giugulare interna attraverso i seni petrosi. I seni traverso destro e sinistro si formano a livello della confluenza dei seni,vicino alla base della parte petrosa dellosso temporale e ciascuno drena in un seno sigmoideo,che penetra nel foro giugulare lasciando il cranio prendendo il nome di giugulare interna. Questultima scende lungo il collo parallelamente allarteria carotide comune. Le vene vertebrali drenano il midollo spinale cervicale e la superficie posteriore del cranio. Questi vasi scendono nei fori trasversi delle vertebre cervicali insieme alle arterie vertebrali. Le vene vertebrali si svuotano nelle vene brachicefaliche del torace.

Vene superficiali della testa e del collo Le vene superficiali della testa convergono formando le vene temporali,facciali e mascellari. Le vene temporali e mascellari drenano nella vena giugulare esterna: la vena facciale drena nella vena giugulare interna. Essa scende lungo il muscolo sternocleidomastoideo e dietro la clavicola sbocca nella vena succlavia. Nei soggetti sani la vena giugulare esterna facilmente e talvolta alla base del collo si pu osservare il polso venoso giugulare.

Ritorno venoso degli arti superiori Le vene digitali confluiscono nelle vene palmari superficiali e profonde della mano,interconnesse a formare gli archi venosi palmari. Larco superficiale si svuota nella vena cefalica,che risale lungo il lato radiale dellavambraccio,nella vena antibrachiale mediana e nella vena basilica che risale lungo il lato ulnare. Davanti al gomito scorre la vena cubitale mediana superficiale(si eseguono prelievi di sangue),che interconnette la vena basilica e cefalica. Dal gomito la vena basilica passa al di sopra della superficie mediale del muscolo bicipite brachiale. Avvicinandosi allascella,la vena basilica si unisce alla vena brachiale per formare la vena ascellare. Le vene palmari profonde drenano nella vena radiale e nella ulnare. Dopo attraversato il gomito queste si fondono con la vena interossea crurale anteriore a formare la vena brachiale,che decorre parallelamente allarteria brachiale. Proseguendo essa riceve il sangue dalla vena basilica prima di entrare nellascella come vena ascellare.

SISTEMA DELLA VENA CAVA SUPERIORE: La vena cefalica si unisce alla vena ascellare sulla superficie esterna della prima costa formando la vena succlavia,che si continua nel torace. La vena succlavia raggiunto il torace si fonde con le vene giugulari esterna e interna dello stesso lato. Questa fusione crea le vene anonime o tronchi venosi brachiocefalici di destra e di sinistra. Essa riceve il sangue dalla vena vertebrale. A livello della prima e seconda costa,le vene brachicefaliche destra e sinistra si fondono dando origine alla vena cava superiore. In prossimit del punto di fusione la vena toracica interna si svuota nella vena brachicefalica sinistra. La vena azygos, il suo unico ramo affluente. Questo vaso risale dalla regione lombare sul lato destro della colonna vertebrale, e penetra nella cavit toracica attraverso il diaframma. La vena azygos si fonde con la VCS a livello di T2,dopo aver ricevuto il sangue dalla pi piccola vena emiazygos. Essa pu in alternativa drena nella vena intercostale suprema, che a sua volta un affluente della vena brachicefalica sinistra,attraverso una piccola vena emiazygos accessoria. Le vene azygos e emiazygos ricevono il sangue da numerose vene intercostali che drenano il sangue dai muscoli toracici,dalle vene esofagee che drenano il sangue dallesofago e da vene pi piccole del mediastino. SISTEMA DELLA CAVA INFERIORE: raccoglie la gran parte del sangue venoso refluo dagli organi sottodiaframmatici,mentre una piccola quota raggiunge la VCS attraverso le vene azygos e emiazygos. Vene che drenano gli arti inferiori

Il sangue che lascia i capillari della pianta del piede si raccogli in una rete di vene plantari. Larco venoso plantare conduce il sangue verso le vene profonde della gamba: la vena tibiale anteriore,posteriore e fibulare o vena peronea. Larco venoso dorsale raccoglie sangue dai capillari della superficie dorsale del piede e dalle vene digitali delle dita. Larco venoso dorsale drenato da due vene superficiali: la vena grande safena e la vena piccola safena. La prima la pi lunga vena del corpo risale lungo il margine mediale della gamba e della coscia,drenano la vena femorale. La seconda pi piccola,si origina dallarco venoso dorsale,risale lungo il margine laterale e posteriore del polpaccio ed entra nella fossa poplitea dove incontra la vena poplitea,formata dallunione delle vene tibiale e fibulare. Una volta raggiunto il femore la vena poplitea diventa vena femorale,che risale lungo la coscia in vicinanza dellarteria femorale. Immediatamente prima di raggiungere la parete addominale la vena femorale riceve il sangue dalla vena grande safena,vena femorale profonda che raccoglie il sangue dalle strutture profonde della coscia e dalla vena femorale circonflessa,che drena il sangue dallarea circostante la testa e il collo del femore. Ne risulta una grande vena che penetra nella parete corporea e riemerge nella cavit pelvica come vena iliaca esterna.

Vene che drenano la pelvi Le vene iliache esterne ricevono sangue dagli arti inferiori dalla pelvi e dalla porzione inferiore delladdome. Lungo la superficie interna dellosso iliaco si fonde con la vena iliaca interna,che drena il sangue proveniente dagli organi pelvici dello stesso lato. Le vene iliache interne sono formate dallunione delle vene glutea,pudenda interna,otturatoria e sacrale laterale. Lunione delle vene iliache esterna e interna d origine alla vena iliaca comune. La vena sacrale mediale si svuota nelliliaca comune di sinistra. Le vene iliache comuni di dx e sx risalgono davanti a L5 e si uniscono a formare la VCI.

Vene che drenano laddome La parete addominale,i reni,il fegato,le gonadi, il diaframma e le ghiandole surrenali sono drenati dalla VCI. I visceri della cavit addominale sono drenati dalla vena porta. Il sangue proveniente dalla vena cava inferiore fluisce nellatrio dx dove si mescolo con il sangue portato dalla VCS. Poi entra nel ventricolo dx dal quale viene pompato nel circolo polmonare. La porzione addominale della VCI raccoglie il sangue proveniente da sei gruppi principali di vene:
-

vene lombari; Vene gonadiche; Vene epatiche; Vene renali; Vene surrenali; Vene freniche.

Il sistema portale epatico Il fegato il solo organo drenato direttamente dalla VCI. Infatti il sangue che fluisce nel sistema portale epatico. In esso il sangue venoso che assorbe i nutrienti dallintestino tenue,da tratti del crasso,dallo stomaco e dal pancreas fluisce direttamente al fegato per essere immagazzinato e elaborato. Il sangue presente nel sistema portale differente rispetto al sangue presente le circolo venoso sistemico. Ad esempio i livelli ematici di glucosio e aminoacidi nella vena porta sono pi elevati rispetto ad altre zone. Inoltre oltre al sangue venoso il fegato riceve il sangue ossigenato proveniente dallarteria epatica. Il sistema portale ha inizio nei capillari degli organi digerenti e termina al momento in cui la vena porta distribuisce il sangue ai sinusoidi epatici. Le vene affluenti della vena porta sono: - Vena mesenterica inferiore: raccoglie il sangue proveniente dallintestino crasso,parte inferiore;le sue tributarie sono la vena colica sx e le vene rettali superiori che drenano il colon e retto;
-

Vena splenica: riceve la vena mesenterica inf; Vena mesenterica superiore: raccoglie il sangue stomaco,intestino tenue e due terzi dellintestino crasso refluo dallo

10

La vena porta si forma dalla confluenza delle vene spleniche e mesenterica superiore. Questultima arreca il maggior apporto di sangue e nutrienti. Procedendo verso il fegato la vena porta riceve sangue dalle vene gastriche,che drenano il margine mediale dello stomaco, e dalle vene cistiche che drenano la colecisti.