Sei sulla pagina 1di 276

Alessandro Defilippi

Danubio Rosso
2010 ISBN 9788852017858

Molte sono le forme dei demoni. Euripide ... gli dir che sono la vendetta. Shakespeare

Personaggi Principali: FLAVIO GIULIO VALENTE: imperatore d'Oriente. ALAVIVO: capo dei Tervingi. BATRAZ: magister scholae palatinae. DODOI: il pi giovane dei commilitoni di Batraz. ERMOCRATE: medico di corte. ERTEGUL: monaco, consigliere dell'imperatore. FARNAG: amico e commilitone di Batraz. FRITIGERNO: re dei Tervingi. LEIMEIE: maga e guerriera sarmata. LUPICINO: comes rei militaris della Mesia Inferiore. MARCO SULPICIO RUFO: tribuno della XI legione. MASSIMO: dux della XI legione. VITTORE: magister equitum. YAGUZ: amico e commilitone di Batraz.

Preludio nel futuro

LA CERCA
I
Foce del Danubio, Provincia della Mesia Inferiore. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, VIII giorno prima delle Calende di novembre. [25 ottobre 378 d.C.]

L'uomo dai capelli bianchi cavalca lentamente lungo il sentiero a malapena visibile nell'erba umida. il primo giorno di freddo, qui, presso la foce del grande fiume, e l'uomo si avvolto nel suo mantello. Nero il mantello, nero lo scudo che oscilla agganciato all'arcione. L'uomo ha spostato il balteo sulla spalla sinistra, in modo che la lunga spada gli ricada sulla schiena, con l'elsa a portata di mano. L'arco e una faretra colma di frecce spuntano dall'altra spalla. Ha il volto cupo, segnato da rughe profonde, a malapena nascoste dalla barba corta e dai baffi che gli circondano le labbra. Le sue armi sono lucide per l'uso e per la manutenzione. Armi di un soldato. Ha i capelli bianchi e corti, come gli aculei di un riccio, ma dimostra un'et tra i quaranta e i cinquant'anni. Al collo porta un laccio di cuoio, da cui pendono due oggetti: un sacchetto di pelle consunta e una ciocca di capelli biondi. L'uomo attraversa la foresta senza timore. Tra i rami degli alberi s'impigliano ciuffi di nebbia, ma nell'aria si avverte un tenue odore di bruciato. Un gruppo di viandanti, qualche miglio pi indietro, gli ha detto che pi in l, non sa quanto, iniziano le paludi. A oriente, un villaggio, e forse una barca per attraversare il delta del fiume. Quando li ha incontrati lo hanno guardato con paura, cercando rifugio dietro i tronchi delle querce che fiancheggiano il sentiero. Uomini e donne con gli abiti laceri, i volti smunti, il terrore negli occhi. Un carretto trainato a mano, con poche, povere cose, tra cui troneggiava una capra bianca con le mammelle gonfie di latte. smontato da cavallo e ha parlato con una vecchia che, unica, rimasta diritta nel centro del sentiero. La vecchia gli ha indicato la strada e, prima che lui si allontanasse, gli ha sfiorato la fronte con le dita. Non ha voluto parlare, nella sua lingua a malapena comprensibile, di che cosa li ha spinti a fuggire. L'odore di bruciato si fa pi intenso. Gli alberi qua e l hanno rami spezzati

e profondi tagli nella corteccia. Poco dopo l'incontro con i fuggiaschi, l'uomo ha visto il cadavere di un uccello notturno. Il gufo era inchiodato per le ali sul tronco di un salice, in croce. Lo fissava con gli occhi morti e indifferenti. Quando raggiunge il villaggio il sole sta calando. Da l iniziano le paludi del delta. Grandi stagni arrossati dal tramonto e distese di canne che si perdono verso l'orizzonte. L'erba affogata nelle marcite e il cavallo esita. La nebbia si sollevata e la temperatura pi calda. L'uomo smonta, conducendo il cavallo alla mano. L'odore di bruciato viene dal villaggio, dove le capanne sono ridotte a scheletri fumanti. Le reti dei pescatori, stese ad asciugare su alti essiccatoi, sono state adoperate per legare gli abitanti. Conta una trentina di cadaveri. Uomini, donne, vecchi, bambini. Si china accanto al corpo di una giovane donna. Il taglio che le recide la gola ancora fresco e i polsi portano lacerazioni ed escoriazioni. Controlla gli altri corpi. Tutti evidentemente sono stati uccisi dopo essere stati legati. Al centro del villaggio, dove le capanne lasciano uno spazio vuoto, sorge un oggetto che finora l'uomo ha evitato di guardare. Ora si avvicina e rimane a lungo a osservarlo. Una croce, rozzamente fabbricata con due tronchi di pioppo legati con rami di rampicante. I tronchi sono semi carbonizzati ma hanno retto. Sul braccio superiore, il teschio di un asino o di un cavallo. Bianco, calcinato dalle fiamme. Con un calcio l'uomo abbatte la croce. Si volta e si avvicina all'acqua, in cerca di qualcosa. Una barca, un tronco scavato. Qualcosa. II Ha remato nel buio che scende, orientandosi con Vespero, la stella della sera. Ora per la notte fonda e deve trovare un approdo. Poco fa, al chiarore della luna piena, ha intravisto il tetto di una capanna sbucare dal folto della riva destra. Forse la casa di un pescatore, forse un deposito per le reti. Approda in un'ansa nascosta dai canneti, a circa uno stadio dalla capanna, facendo scivolare silenziosamente la barca tra le ninfee e le pannocchie brune delle tife. Scarica la sella e la bisaccia e le nasconde, con l'arco, in un cespuglio sulla terra asciutta. Prima o poi dovr cercarsi un altro cavallo. Ma ora deve attraversare le paludi del delta. Si muove con cautela, anche se tutto intorno pare tranquillo. Ha sentito uno stridio di gabbiani, confuso e acuto, provenire dalla capanna, poi un ticchettio, come d'un beccare ripetuto. S' arrestato bruscamente, estraendo la spada. La spalla, ferita mesi prima, gli duole ancora, ma ora riesce a

sollevare il braccio oltre la testa. S'incammina tra i canneti, nell'acqua che gli arriva alle caviglie, attento a evitare ogni rumore. Dall'esterno la capanna sembra deserta. Nessun suono. Nessun movimento. Ma un piccolo fuoco arde in un focolare di pietra a qualche passo dall'ingresso. Sulla porta, una forma scura, avvolta da un turbinio di penne. Uno stormo di gabbiani, che becca, litiga, stride. L'uomo si avvicina e con la spada scaccia gli uccelli. Sa gi cosa vedr. Il pescatore stato crocifisso con spesse corde legate ai polsi e alle caviglie e assicurate alle travi del tetto. Ha una ferita nel petto che sanguina ancora. Il corpo e il volto sono coperti di minuscole ferite dove la carne stata strappata dal becco dei gabbiani. L'uomo gli appoggia una mano sul collo e avverte ancora un lieve battito. Con delicatezza lo slega, adagiandolo sul suo mantello. Il pescatore non ha nessuna possibilit di sopravvivere. solo questione di tempo. I gabbiani sono ritornati. Si sono posati a poca distanza, irrequieti sulle loro zampe che spiccano gialle nell'oscurit. Si avvicinano, si allontanano. Ogni volta si fanno pi presso. Il pescatore ha dischiuso a fatica gli occhi e bisbiglia qualcosa. L'uomo si china sulla sua bocca. un sussurro, poco pi di un respiro. Un nome. Gogmagog. III L'uomo dai capelli bianchi ha seppellito il pescatore nella terra umida della sponda, vicino alle radici di un salice. Ha atteso l'alba, ha ripreso l'arco e la sella dal nascondiglio e si addentrato nel folto della vegetazione. Oggi sembra un'altra stagione: il cielo limpido e l'aria calda fin dalle prime ore del giorno. C' una pista, tra l'erba. Gli steli sono stati schiacciati di fresco dal peso di pi cavalli e tra i rovi sono impigliati bioccoli di lana grezza e grigiastra. L'uomo li osserva e riprende il cammino, ogni volta pi cauto. Pi avanti le tracce si fanno sempre pi evidenti, mentre il caldo aumenta e l'erba diviene secca, scricchiolante sotto i piedi. Il primo che avvista una vedetta. Un barbaro venuto da oriente, si direbbe. basso e tozzo, dal colorito olivastro e gli zigomi pronunciati sul volto piatto e largo, tinto completamente d'azzurro. I capelli, lucenti d'olio, gli formano un casco nero e ispido intorno al capo. L'uomo dai capelli bianchi si arresta a distanza di sicurezza. Posa la sella e l'arco, poi, muovendosi carponi, arriva alle spalle del barbaro; inspira, trattiene il fiato e si rialza, e con unico movimento gli preme una mano sulla bocca e gli affonda la lama

di un corto coltello nella gola. Sostiene il morente finch non smette di sussultare e lo depone a terra, nascondendolo tra i cespugli. L'accampamento non pu essere molto lontano. L'uomo recupera l'arco e sempre procedendo chino raggiunge il limitare di una radura stretta e lunga. Voci. L'uomo si accovaccia rapidamente dietro una quercia. I barbari in vista sono otto. Siedono intorno a un fuoco su cui arrostiscono dei conigli selvatici. L'uomo conta i cavalli impastoiati. Nove. Quello in pi doveva appartenere alla sentinella. I barbari sfilano i conigli dagli spiedi e si preparano a mangiare. Sono sporchi, incrostati di fango, e indossano vesti lacere, ma le cotte di maglia sono lucenti e le armi posate accanto al fuoco ben curate. Gli scudi sono di legno e bronzo, con una testa d'asino dipinta rozzamente intorno all'umbone. Qualcuno ha piantato una piccola croce tra l'erba, e i barbari, prima di mangiare, vi s'inginocchiano davanti. Poi tornano a sedere presso il fuoco. L'uomo ha tempo. Cos si muove intorno alla radura, valutando la vegetazione. L'erba secca in quella zona della foresta, come se l'avesse asciugata il sole dell'estate e le paludi fossero lontane. Ne raccoglie alcuni fasci, i pi aridi, insieme a una manciata di ramoscelli. Alza il capo: il cielo azzurro, privo di nuvole, e s' alzato un vento teso e caldo, insolito per la stagione. L'uomo annuisce tra s pensieroso. Quando torna al suo rifugio dietro la quercia, i barbari hanno finito il loro pranzo. Si alzano e depositano le ossa spolpate ai piedi della croce, formando un rozzo monticello biancastro. Uno di loro pianta il cranio di un coniglio sulla cima della croce. L'uomo lega con pazienza le erbe secche alle aste di tre frecce. Poi, tenendosi nell'ombra, s'inerpica sul tronco della quercia. Trova una posizione stabile su un'inforcatura tra due grossi rami, al riparo delle fronde ingiallite ma ancora folte. S'inumidisce l'indice e controlla la direzione del vento. Estrae dalla bisaccia una selce e un sacchetto contenente una polvere di cristalli semitrasparenti. Nitrum. Salnitro. Strofina con quella polvere le erbe e le punte delle tre frecce. Sfila dalla cintura un tozzo coltello da caccia e batte con il dorso ottuso sulla selce. La pioggia di scintille cade sull'erba e sulla polvere bianca e la freccia s'infiamma. L'uomo incocca, mira, scocca. Un'altra freccia, un'altra ancora. Solo all'ultima freccia uno dei barbari nota l'asta incendiata solcare il cielo e lancia un grido d'allarme, ma l'erba secca ai margini della radura ha preso subito fuoco, e le fiamme, spinte dal vento, avanzano verso il bivacco. I

barbari balzano in piedi, urlando. Poi, all'ordine reciso del pi anziano, raccolgono le armi e corrono verso i cavalli. Li sciolgono, montano, si lanciano verso il sentiero. L'uomo ha esaurito le frecce incendiarie e inizia a mirare ai cavalieri. un tiratore rapido e preciso. Quattro barbari sono gi a terra, prima che gli altri si rendano conto di dove appostato e si dirigano verso la quercia. Un ultimo tiro, un quinto barbaro che crolla a terra. I tre superstiti sono ai piedi dell'albero; uno si sporge dalla sella e inizia a salire, mentre gli altri frugano nel fogliame con le lance. L'arco ora inutile e l'uomo dai capelli bianchi lo lascia cadere al suolo, mentre sfila la spada dal fodero sulla spalla. Il barbaro salito, rapido e silenzioso come un gatto, fino all'inforcatura dove siede l'uomo. L'uomo attende, immobile. Con un grugnito il barbaro si issa sul ramo e nel farlo china la testa, come l'uomo si attende. Un fendente dall'alto al basso. La testa del barbaro vola in una lenta parabola e il corpo rimane per un attimo sospeso, prima di rovinare a terra, strappando le fronde e i rami pi sottili. L'uomo dai capelli bianchi ha rinfoderato la spada ed gi balzato gi, atterrando sul dorso del cavallo di uno dei due guerrieri rimasti. Affonda la lama spessa del coltello da caccia tra le maglie della cotta dell'avversario, un palmo sopra la vita. Ruota il polso e il guerriero crolla al suolo. In quel momento una mano afferra la caviglia dell'uomo, disarcionandolo. L'ultimo dei barbari il capo, asciutto e muscoloso, dai movimenti rapidi e bruschi. L'uomo dai capelli bianchi non riesce ad attutire la caduta e batte violentemente la schiena. Rimane col fiato mozzo, mentre l'ombra del guerriero incombe su di lui. Il barbaro solleva l'ascia e l'abbassa brutalmente. Con un guizzo l'uomo scivola via, e l'ascia si pianta nel terreno sfiorandogli la spalla da poco cicatrizzata. Il dolore atroce. L'uomo balza in piedi, il braccio destro formicolante e inerte. Evita un altro colpo e si getta contro il ventre del barbaro. Rotolano insieme, lottando tra l'erba e i rovi, finch l'uomo dai capelli bianchi sente il braccio destro riprendere vita. Ora per il barbaro gli a cavalcioni, lo schiaccia con il suo peso e stringe entrambe le mani sul suo collo. L'uomo rantola, il respiro come legno ardente. Poi il suo braccio destro scatta in avanti, il coltello in mano, e affonda la lama nella coscia del barbaro. Il barbaro lascia la presa, cade su un fianco e l'uomo dai capelli bianchi, ansimante, gli sopra, le ginocchia che gli bloccano le braccia, il coltello alla gola. Il barbaro si immobilizza e lo fissa; si morde il labbro inferiore per non gridare. L'uomo spinge appena il coltello. Dov' diretto? domanda con voce ancora strozzata. Dov' Gogmagog? A quel nome il barbaro scuote il capo, un

lampo di terrore negli occhi. L'uomo gli affonda le dita nella ferita alla coscia. Il barbaro geme, inarcandosi. Urla. Se non parli ti uccido. Mi uccider lui. La lingua del barbaro quasi incomprensibile. Io lo far prima. Parla. Gli occhi del barbaro guizzano di lato, come se avesse avvertito una presenza accanto a loro. L'uomo getta un rapido sguardo intorno: la radura deserta. Parla! ripete. Gogmagog dappertutto! grida il barbaro. Lui ci vede. L'uomo affonda appena il pugnale. Il barbaro geme. Ancora una pressione. Il barbaro chiude gli occhi, li riapre di scatto. A settentrione sussurra. Tomi. Sul Ponto Eusino. L'uomo si risolleva lentamente, il corpo dolorante. Ti lascer in vita dice. Rinfodera il pugnale. La gamba del barbaro continua a sanguinare. L'uomo si volta, raccoglie l'arco. Un fruscio alle sue spalle. Il barbaro riuscito a rialzarsi, vacilla ma si tiene eretto. Impugnando una grossa pietra si getta su di lui con un grugnito. Un latrato feroce spezza l'aria. Un enorme mastino nero comparso dal nulla e balza sul barbaro. Il barbaro urla. Il mastino addenta una sola volta, torcendo. La grossa testa nera scatta di lato. La gola del barbaro un fiotto di sangue. Il mastino sparito, repentinamente come apparso. L'uomo dai capelli bianchi si avvicina al cadavere, ansimando per riprendere fiato. Si curva in avanti, le mani sulle ginocchia, vomita un rivolo di bile. Raccoglie l'arco e la spada. Prima di allontanarsi getter la croce dei barbari nel fuoco. Poi torner verso la barca. calmo. Il dio, ora lo sa, ancora con lui.

Parte prima I SEGNI DELLA TEMPESTA Il mio dio la mia spada. Antico detto sarmata

PIOGGIA
I
Durostorum, rive del Danubio, Provincia della Mesia Inferiore, sponda romana del confine dell'impero d'Oriente. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, XIII giorno prima delle Calende di dicembre. [19 novembre 376 d.C.]

Pioggia sulla riva del grande fiume. Pioggia sottile e gelida, che gonfiava le acque grigie, annunciando l'inverno in arrivo dal massiccio dell'Emo. La notte era percorsa dai suoni della foresta, a poche centinaia di passi dal fiume. La nebbia saliva dal fango, dove gli stivali dei legionari lasciavano impronte profonde. Camminavano in fila, cauti e silenziosi, sostenendosi con le lunghe lance nei punti pi scoscesi. Dieci uomini appesantiti dalle cotte di maglia, dai panni imbevuti di pioggia. Non portavano scudi. Quella notte non ne avrebbero avuto bisogno. Costeggiarono il fiume lungo lo stretto sentiero che conduceva a settentrione, dove il Danubio si restringeva nell'attraversare una gola rocciosa. L'alba era vicina. Nell'oscurit che si faceva livida, il tribuno si arrest. Si chin, sollevando un braccio. Gli uomini si accovacciarono, mentre un veterano gli strisciava accanto. Nascosti dagli arbusti, osservarono il fiume ai loro piedi. Il tribuno indic i canneti sottostanti, che ondeggiavano nell'ombra come percorsi dal vento. Ma di vento, in quella notte gelida, non c'era traccia. La nebbia ristagnava immobile, satura dell'odore greve del fiume. Il veterano annu lentamente, chiamando gli uomini con un cenno. Scivolarono lungo l'anfratto, senza rumore. Il movimento delle canne s'era arrestato. Il cielo, a oriente, andava schiarendosi. Sulla riva giaceva in secca un tronco rozzamente scavato: forse una quercia. Poteva sembrare un relitto portato dal fiume.

Accanto, due lunghe pertiche. Il tribuno si volt ancora verso le canne. Non ebbe bisogno di gesti: i legionari posarono le lance e impugnarono le spade, lanciandosi nel folto senza una parola. Prima, un grido di donna, poi l'ansimare convulso di una lotta. Infine, in silenzio, la cortina di canne si riapr. I legionari ne emersero, spingendo innanzi i prigionieri: un uomo con le brache e la blusa chiazzate di sangue, una donna bionda e alta che reggeva tra le braccia un bambino dagli occhi sbarrati. Altri due bambini erano aggrappati alla sua veste. Tutti avevano il volto smagrito e sotto la tunica spessa le mammelle della donna pendevano flosce. L'uomo perdeva sangue dal braccio destro. Colpendolo col piatto della spada, il veterano lo costrinse a prostrarsi di fronte al tribuno. Tu es stercus! grid. Inginocchiati. Si abbass fino ad accostargli le labbra all'orecchio. Tuam matrem futui sussurr. Il prigioniero rimase immobile, il capo chino. Il veterano si rialz. Non capisce. Il tribuno afferr il prigioniero per i capelli, forzandolo a sollevare la testa. Avvicin il suo volto a quello dell'uomo, fino a sentirne l'odore, misto di sangue e di paura. Non lui disse, con voce tranquilla. Non Fritigerno. Si volt verso il fiume, dando le spalle ai prigionieri, le mani intrecciate dietro la schiena. Con un movimento abituale, il veterano pass il filo della spada lungo il collo dell'uomo. Il getto di sangue inond la tunica della donna, che sollev il volto verso il cielo, ululando come un animale. Il veterano pul la spada sulla pelliccia del morto. La donna giovane. Portatela al campo. E i bambini? Tutti fissarono il tribuno. Anche la donna, gli occhi larghi e vuoti. Il tribuno pareva interessato solo allo scorrere del fiume. Uccideteli. Si allontan a passi lenti, mentre le grida alle sue spalle riempivano l'aria. L'alba era sorta. II Marco Sulpicio Rufo, tribuno della XI legione limitanea, la Claudia Pia et Fidelis, si lasci cadere su una roccia muscosa. Il dux gli voltava la schiena, impegnato a farsi sistemare il mantello da un servo. Marco alz gli occhi verso il cielo plumbeo: in alto, un uccello dalle larghe ali ruotava sul campo. Volava cos da giorni. I vecchi, veterani delle battaglie contro i Goti, avevano iniziato a osservarlo con timore. Un'aquila, come quella che stava sulle insegne dell'impero. Sarebbe stato un segno di

vittoria, ma inizialmente le aquile erano due. Qualche giorno prima, un gruppo di esploratori era ritornato trasportando il cadavere della seconda. L'avevano caricata su uno scudo, le grandi ali aperte, una freccia nel torace. I veterani avevano esaminato la freccia: una punta d'osso, di quelle usate dai Tervingi. Avevano scosso il capo e mormorato a lungo. L'aquila uccisa portava la guerra. Portava la morte. Marco era esausto. Da giorni il turno di sorveglianza notturno lungo il fiume era suo e dei suoi uomini. Quando infine Massimo, il dux, si volt verso di lui, aveva quasi preso sonno. Massimo lo scosse con durezza. I bambini. Marco apr gli occhi. I bambini ripet, come in sogno. Quali bambini? Marco fiss il superiore, levando le mani in segno di scusa. I bambini disse una terza volta. Mosse la testa, come per cancellarne un pensiero. Ti chiedo perdono, dux. Stavo sognando. Massimo lo osserv in silenzio. Era un uomo quasi anziano, dai capelli color del ferro, al termine della sua carriera. Presto sarebbe tornato a Roma e voleva che il suo generale, Lupicino, comes rei militaris della Mesia Inferiore, fosse contento di lui. Non c'era spazio per gli errori, a Durostorum, sul confine. Non c'era spazio per gli errori in quel momento, con Valente sul trono. Qui non si sogna. Marco annu. Qui non si sogna. Certo. Il rapporto. Abbiamo trovato la barca. Un tronco. Scavato con le pietre o con il fuoco. Non hanno ferro da sprecare. Il dux gli pos una mano sulla spalla, stringendo con forza. Dio ci protegge, allora. Era una famiglia. Una famiglia che cercava di passare il fiume. Avevano fame. Che ne hai fatto? Un silenzio. Ho eseguito i tuoi ordini. Gli ordini... Li ho fatti uccidere. Stanotte avrai lo stesso turno. Controllerai la riva verso settentrione. Massimo, assorto, si volt in direzione del fiume, invisibile oltre le mura dei castra. Fritigerno potrebbe commettere un errore, prima o poi. Cercare di passare, da solo o con pochi uomini. E noi lo prenderemo. Torn a guardare Marco. Va', ora. Il tribuno si alz, fissandolo. Va'. Devi dormire ripet Massimo. Cosa stiamo aspettando, qui? Massimo si guard intorno. Nei castra, i legionari si preparavano a un'altra giornata. La foresta poco lontano incombeva cupa, silenziosa. Non si doveva mai entrare nella foresta, se non in forze. Gli schiavi goti dicevano che tra gli alberi si nascondevano i figli delle streghe e degli spiriti del male. Li chiamavano Unni. Massimo serr

le labbra. Un cristiano non credeva a quelle storie, ma molti tra i suoi uomini erano ancora pagani. E i Goti sapevano essere convincenti. Aspettiamo. Dalmatico partito da quasi un mese, ma l'imperatore ad Antiochia, a organizzare la spedizione contro i Persiani, e non pensa certo a noi. Aspettiamo. Marco lasci il pretorio, dove risiedeva il dux, avviandosi verso i contubernia, gli alloggiamenti della truppa. Davanti alla sua bottega, un fabbro martellava cocciuto una lama che avrebbe poi immerso nell'acqua gelida, per temprarla. Poco lontano, sotto il portico del valetudinarium, un legionario medicava con un impacco vegetale la gamba di un commilitone. Il giovane, quasi imberbe, fissava con occhi smarriti la vasta ferita che gli lacerava il polpaccio. Pi in l, i lavatoi erano affollati dalle donne dei soldati, che sciacquavano i panni nell'acqua gelata. Una di loro aveva un neonato attaccato al seno: lo reggeva con un braccio e con l'altro sbatteva un paio di brache contro le pietre piatte. Marco la osserv con gli occhi pesanti. Sentiva le membra rotte e pregustava il sonno: avrebbe dormito, come sempre, con i suoi uomini. Se fosse stato fortunato, non avrebbe sognato i bambini che aveva fatto uccidere. Senza pensare oltrepass la bassa costruzione dei dormitori, dirigendosi invece verso la porta pretoria, affacciata sul fiume. Salut le sentinelle, cammin sull'erba fradicia, incurante della pioggia, fino alla sponda. Il Danubio scorreva lento. Un immenso animale grigio. Trascinava detriti e cadaveri di animali. Piccole carcasse erano impigliate tra i canneti. Il tribuno sollev lo sguardo. Sull'altra sponda, colonne di fumo nero si alzavano dagli accampamenti goti. I carri sembravano migliaia, circondati dalle fiamme dei fal. In piedi, proprio di fronte a lui, un uomo alto, sul cui capo luccicava qualcosa che pareva una corona. Guard verso Marco, che guardava verso di lui. III
Antiochia, palazzo imperiale. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, XII giorno prima delle Calende di dicembre. [20 novembre 376 d.C.]

Era stata una notte insonne e solo alle prime luci dell'alba l'imperatore Flavio Giulio Valente era riuscito ad assopirsi. Ora gemeva tra i lini impregnati di sudore, visitato da un incubo. Non era certo il primo: fin da bambino gli accadeva di svegliare con un grido

Valentiniano, il fratello maggiore che dormiva accanto a lui. Erano gli anni passati, a Cibalae, in Pannonia, o nelle tenute del padre, in Africa e in Britannia. Non era certo il primo, ma mai Valente ne aveva sognato uno simile. Nel sogno, sapeva che la morte incombeva su di lui. Si mosse bruscamente nel letto, urtando con un braccio il calice appoggiato accanto. Il calice cadde, rompendosi in frammenti di vetro verde e opaco e il fragore risuon nella stanza. Ora Valente era desto, gli occhi ancora chiusi, incapace di muoversi. Fu angosciosamente certo di essere cieco, paralizzato. I suoi servi lo avrebbero trovato cos. Qualcuno avrebbe pianto, altri sorriso nell'ombra, e lui sarebbe stato sepolto ancora vivo, andando incontro al destino di soffocare nella tomba, impotente. Sentiva sul viso un peso che gli toglieva il respiro, un sacco nero che lo avvolgeva. Con uno sforzo che lo lasci esausto riusc infine a gridare. Ud, come da molto lontano, richiami, voci concitate. Poi, la porta della grande camera si spalanc. Sulla soglia, illuminata dalle lucerne, si stagliava la figura di un uomo alto, massiccio, quasi un gigante. La luce baluginante gli segnava linee nette e taglienti sul volto. Portava le insegne di magister della schola palatina, la guardia personale di Valente. Si avvicin al letto, chinandosi per sostenere il corpo molle dell'imperatore. Valente aveva gli occhi semichiusi, che mostravano una semiluna bianca, e dalla bocca gli colava una schiuma densa e grigiastra. L'uomo lo scosse, poi, senza esitare, lo colp al volto con la mano aperta. Le guardie e i servi che reggevano le lampade distolsero il capo. Nessuno poteva colpire il corpo sacro dell'imperatore. Nessuno poteva vederlo colpire. Valente apr gli occhi, le pupille piccole come la punta di un ago. Batraz mormor. Afferr la tunica dell'uomo con mani che parevano artigli, con unghie che graffiavano. Sei qui. Allora sono vivo. Batraz annu lentamente, chiamando un servo con un cenno. L'infuso per l'imperatore. Il servo scomparve, mentre qualcuno scostava le tende dalle finestre e nella stanza penetrava il chiarore dell'alba. Era un giorno cupo. Nuvole basse. C'era un sole scarlatto, al tramonto. Valente s'era messo a sedere, il corpo imperlato di sudore. Aveva il colore del sangue. E fragore, e grida. E un calore che ardeva accanto a me. Era un incubo, Augusto. Batraz prese la ciotola portagli dal servo. Nient'altro che un incubo. La tazza conteneva un liquido verdastro e

denso, dal profumo amaro. Sostenendo il capo dell'imperatore, lo aiut a bere, a piccoli sorsi. C'era dell'altro. Valente gli ferm la mano, allontanando la ciotola. Una testa d'asino mozza e una mano che mi soffocava. Grande, ma era anche un velo nero che mi s'incollava alla bocca e alle narici. Poi sentivo il rumore dell'acqua e in quell'istante, ecco, sapevo che stavo morendo. L'imperatore fin l'infuso. Si alz, le gambe scosse da un tremito convulso, gettandosi sulle spalle un mantello purpureo. S'accost vacillando alla finestra e inspir profondamente l'aria fredda. Fa' venire il monaco ordin. Voglio pregare. IV Il vento batteva le mura del palazzo, scuotendone i vetri spessi, sibilando lungo i camminamenti, insinuandosi, oltre le porte sbarrate, fin nel lungo corridoio ancora buio, dove i servi abbassavano il capo mormorando al passaggio dei due uomini. Batraz, avvolto in una tunica di lana grigia, camminava a passi silenziosi, come un animale nella foresta, consapevole dell'alta figura vestita di nero che lo seguiva. Un'ancella pieg il ginocchio, segnandosi sul petto. L'uomo in nero sollev la destra in segno di benedizione. Di fronte alla porta degli appartamenti imperiali le guardie si scostarono, spalancando i battenti. Valente sedeva di fronte alla finestra. Un servo aveva appena terminato di lavargli il volto e le mani con una pezza umida, mentre un altro gli versava una coppa di vino leggero, la medicina consigliatagli da Ermocrate, il medico di corte, e di cui spesso Valente abusava. L'imperatore si volt, il viso corrucciato che si distendeva in un sorriso. Ertegul, eccoti. Tu sei sempre lontano nei momenti peggiori. Il monaco entr nella stanza, curvando appena il capo. Era alto, pi di sei piedi, con una corta barba nera che contrastava con il capo rasato. Camminava tenendo il lungo corpo magro ripiegato su se stesso. Il tuo uomo mi ha detto che hai avuto un incubo. Il peggiore sin da quando nacqui. E voglio che tu me lo spieghi. Queste non sono parole degne d'un cristiano. Ertegul scosse il capo. I sogni non dicono nulla sul futuro. Non dare ascolto a Ermocrate. un pagano. La stanza era in penombra. L'imperatore aveva dato ordine di spegnere i lumi e il cielo, fuori, era fosco, privo di luce. Il volto di Ertegul era immerso nell'oscurit. Ho sognato di morire.

Devi pregare. Per purificarti dei tuoi peccati. Il monaco si volt verso Batraz, fissandolo in silenzio. Va', Batraz. Valente alz la destra. Torna dai tuoi uomini. Sul volto di Ertegul comparve un sottile sorriso. A meno che anche il nostro guerriero non desideri invocare Dio nel santo nome di Ario. Batraz non disse nulla. Immobile sulla soglia ricambiava lo sguardo di Ertegul. Ma gi. Dimentico che il capo delle tue guardie un pagano. Il monaco sorrise ancora. Un pagano come magister scholae palatinae. Scosse la testa. Capo dei Gentiles Seniores. Almeno cinquecento uomini scelti al suo comando. Una ben strana decisione, per un erede di Costantino, Augusto. Volse il capo verso Valente. Forse non dovresti affidare la tua vita a un uomo che adora i massi e i tronchi della foresta. Il volto di Batraz era una pietra. Sono un Sarmata disse infine. Gli dei mi proteggono. I tuoi dei. Non sono che fantasie. Batraz ignor le parole del monaco, rivolgendosi all'imperatore. Questa notte arrivato un messo da Durostorum, Augusto. Chiede udienza. E domani, all'ora sesta, hai convocato il concistoro. Ma Valente non lo stava pi ascoltando. Teneva gli occhi sul monaco che incombeva su di lui, nella sua veste nera. V Si sentiva soffocare, nelle sale del palazzo. Si gett il mantello sulle spalle, assicurandosi la lunga spada da cavaliere al fianco sinistro, e scese lo scalone di marmo che univa gli appartamenti imperiali alla sala del consiglio. Percorse i corridoi gremiti di postulanti e funzionari, tutti in attesa che l'imperatore si decidesse a riceverli. Si stava preparando la guerra contro Sapore II, signore dei Persiani, e il tempo stringeva. Da quando Papa, il re armeno, era stato assassinato a Tarso, l'impero aveva perduto un alleato e la situazione sul confine orientale era precipitata. Il limes era sul punto di crollare. Scese un'altra scalinata e attravers i cortili, osservando le spesse mura che ricordavano pi una fortezza che un palazzo. Una fortezza che sfidava il tempo, l'aveva definita Valente. Nidi di gabbiani di fiume sugli spalti, legionari ovunque, le mani sulle armi, lo sguardo verso oriente, ad attendere una guerra annunciata. Fra di loro, vestiti di nero, gli uomini della guardia palatina, a gruppi di due o tre, silenziosi, onnipresenti. Con un gesto, Batraz rifiut la scorta che gli veniva offerta e si ferm nelle scuderie, per controllare che il suo sauro avesse ricevuto la giusta dose di fieno e avena. E finalmente fu fuori, oltre il portale sorvegliato da un nugolo di sentinelle.

L'Oronte scorreva di fronte a lui, separando la citt dall'isola su cui sorgeva il palazzo. Antiochia gli si stendeva davanti come un gran corpo. Batraz annus l'aria, cercando, come sempre, un odore di terra umida che quella terra di Siria non poteva portargli. Si avvolse nel mantello, dirigendosi verso il ponte. S'inoltr per le strade strette, fiancheggiate da alte case dalle finestre anguste, dove gli inquilini si parlavano da un piano all'altro con grida sonore. Super le botteghe degli artigiani, allineate sotto i porticati, e s'inoltr nel mercato, affollato di contadini carichi delle loro ceste. Uomini e donne correvano, si chiamavano, si urtavano, insultandosi, ridendo. Un cesto di mele si rovesci e i frutti rotolarono sul selciato, rossi, fiammeggianti. Batraz ne raccolse uno, pulendolo sulla tunica e affondandovi i denti. Una vecchia, avvolta in cenci privi di colore, gli si avvicin, tenendo per il collo un'anatra viva. Lo afferr per un braccio, mettendogliela proprio davanti al viso. Compra, bel soldato. un pranzo degno dell'imperatore. Batraz scost la vecchia che lo insult sottovoce, mentre l'anatra lo guardava con i suoi piccoli occhi puntuti e vuoti. Dalla finestra di una delle insulae si sporgeva una puttana greca, grandi occhi neri e bistrati, seni quasi nudi sotto un velo sottile. I capezzoli erano un alone scuro che traspariva dall'abito. Gli sorrise. Se non l'anatra che vuoi, forse altro che desideri. Sali da me, guerriero? Batraz le fece un cenno di saluto. Dopo, forse. Non aveva voglia di donne quel mattino, nemmeno di Marpessa. Il sogno di Valente gli aveva lasciato un sapore acre in bocca, come se fosse stato lui stesso a sognare quell'incubo di morte. Si diresse verso l'anfiteatro, in cerca di una delle rivendite di vino che abbondavano nei dintorni. Una coppa, forse due, di merum, vino puro non annacquato, gli avrebbero restituito un umore meno cupo. Avanzava a fatica tra la folla che s'infittiva. Le grida dei venditori ambulanti riempivano l'aria, con l'odore della frutta e del pesce e con quello acre del sudore. Di fronte a un banco, due servi si contendevano, per i loro padroni, un vaso colmo di garum. fatto solo con le interiora delle sardine disse il venditore in siriaco, un sorriso ampio sul volto mellifluo, un pesante accento greco. Si pass una mano tra i capelli radi e immerse il cucchiaio nel vaso, ritirandolo colmo di salsa densa, dall'afrore di decomposizione. Dagli angoli dei vicoli si levavano vortici di sabbia che trasportavano foglie morte, detriti, piccoli ossi d'animali. Avvicinandosi all'anfiteatro, gli odori si facevano pi intensi: bestie chiuse

nelle stalle, sterco di cavalli. E poi, quello inconfondibile della morte: un qualche cadavere di animale o di uomo, abbandonato. Ma quel giorno c'era qualcosa di diverso nell'aria pesante: un sentore metallico che Batraz conosceva bene. Sangue fresco. Lungo il vicolo fu costretto a fermarsi, il cammino sbarrato da una folla urlante. Bambini coperti di stracci s'infilavano tra le gambe degli adulti facendoli vacillare, le mani colme di sassi. Un'anziana matrona, il volto coperto da uno spesso strato di biacca, gridava parole senza senso, tormentandosi i riccioli grigi appena acconciati. Teneva per mano un uomo dal viso liscio e inespressivo, un vecchio dai tratti infantili, gli occhi a mandorla, la bocca aperta da cui colava un sottile rivolo di saliva. All'arrivo di Batraz la folla tacque. Si apr lentamente, lasciandogli spazio, evitando di sfiorare Batraz l'Uccisore. Il vento s'era fatto pi teso, i vortici di polvere nascondevano i muri delle case. Il fetore di sangue era pi intenso, mescolato a un odore sottile, sconosciuto. La sabbia fine gli entrava negli occhi, accecandolo. Al fondo della via, dove uomini e donne formavano un semicerchio, una forma indistinta occupava la strada. Il vento continuava a rinforzare e la polvere si levava in grandi cortine che velavano la luce del giorno, mentre nel budello tra le case scendeva l'oscurit. Si ferm, studiando il cielo, coperto da nuvole basse come un tetto grigio. Nel vicolo si vedeva a stento. La forma in fondo alla strada biancheggiava appena, muovendosi con rari, bruschi sussulti. I bambini, tenendosi lontani, la bersagliavano di sassi con tonfi sordi. Batraz si rese conto di camminare su terra umida, scura. Ne prese un grumo tra le dita: era impregnata di sangue. Riprese ad avanzare, un passo dopo l'altro. Riconobbe quello che giaceva sul terreno solo quando giunse a pochi passi. Una grande vacca bianca, dalle corna semilunate, coricata su un fianco. Scalciava, negli spasimi di una troppo lunga agonia. Tra le zampe posteriori, in un lago di sangue e di liquido amniotico, un vitello cercava di alzarsi in piedi, unito ancora alla madre dal cordone ombelicale. Il vitello aveva due teste, una cieca e una con un solo occhio, che lo osservava immobile. Batraz ricord gli occhi dell'anatra offertagli poco prima. Poi, quelli dell'imperatore, fissi sul suo incubo. Tutti, anatra, vitello, uomo, avevano lo stesso sguardo, vuoto e al tempo stesso consapevole. Allontan i bambini con un gesto rabbioso. S'inginocchi, mentre il vitello gli lappava le dita con le sue due lingue, per poi crollare sulle zampe troppo sottili. Prese tra le mani le teste, pi piccole dei suoi palmi.

Respirando a fatica l'animale lo fiss e in quel grande occhio bruno e umido, Batraz vide riflesso il suo volto. Estrasse il pugnale. Lentamente, senza distogliere lo sguardo, lo appoggi sul petto del vitello. Mormor una breve preghiera. Affond la lama.

IL RE DEVE UCCIDERE DA SOLO


I
Durostorum, Mesia Inferiore. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, XI giorno prima delle Calende di dicembre. [21 novembre 376 d.C.]

Fermiamoci qui. Siedi con me. Erano arrivati alla riva del fiume, qualche centinaio di passi oltre la porta pretoria. Un servo dai folti capelli biondi apr la sedia da campo e Massimo vi si lasci pesantemente cadere. A Marco non rest che accovacciarsi sulla terra nuda, di fronte a lui. Incroci le gambe, spostando il pomo della spada che gli premeva sul fianco. Scendeva la sera e i corvi alzavano il loro verso sul greto del fiume, frugando con il becco tra i sassi. Massimo allontan il servo con un cenno brusco. Rimasero soli. Non possiamo fidarci di loro disse Massimo. Sono Goti. Tervingi, come quelli. Indic la sponda opposta. In lontananza s'intravedeva un gruppo di donne riempire d'acqua grandi otri di pelle. Dopo giorni finalmente la pioggia era cessata e dai carriaggi dei barbari veniva odore di legna bruciata e di carne. Ti ho fatto venire qui perch non voglio che nessun altro senta gli ordini del comes. Solo coloro che devono eseguirli. Marco continu a tacere. Guard il dux con occhi interrogativi. Spie. Disertori. Massimo osserv il volto di Marco e rise. Quanti sono i barbari tra i tuoi uomini? Marco riflett brevemente. Li conosceva uno per uno, anche quelli agli ordini del suo secondo. Pi della met. Massimo scosse il capo. Pi di met sono potenziali spie, allora. Pi di met possibili disertori. Nell'XI legione? La voce di Marco vibr. Sei giovane, tribuno. L'XI legione non pi quella dei tempi di Gallieno. Sei volte pia, sei volte fedele. Massimo scosse ancora la testa, con un mezzo sorriso. Quanti sono i Goti tra quei sessanta? Quanti sono della trib dei Tervingi, come Fritigerno e i suoi? Marco annu. Capisco. Dopo l'incontro con Lupicino, quando il comes ha deciso di inviare Dalmatico dall'imperatore, sicuramente Fritigerno ha passato pi volte il fiume. Per vedere le nostre postazioni. Per contare i nostri uomini. Eppure

non siamo mai riusciti a catturarlo. Perch? Delatores. Spie. S. Qui siamo sul confine, tribuno. Alla fine del mondo. Non possiamo fidarci di nessuno. Eppure, io devo fidarmi di te. Marco non disse nulla. un grave momento, questo, per l'impero. E l'imperatore... Massimo s'interruppe bruscamente. Devo fidarmi di te ripet. Ma non ancora venuto il momento. S'alz in piedi, scorrendo con lo sguardo i carriaggi dei Goti. Questa sera il tuo incarico sar un altro. II
Sponda del Danubio di fronte a Durostorum, Dacia. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, XI giorno prima delle Calende di dicembre. [21 novembre 376 d.C.]

Cavalcavano in fila, tra gli stagni coperti di nenufari e i frassini spogli che si stagliavano contro il cielo livido. Alle loro spalle un ultimo bagliore rossastro andava spegnendosi oltre le nuvole. Avevano cacciato tutto il giorno nella foresta a settentrione e ora, mentre il crepuscolo si scuriva, portavano al campo il loro bottino. Tre grandi cinghiali, due maschi e una femmina, quattro caprioli e una ventina tra anatre e folaghe, garzette e spatole. E un sacco colmo di corteccia di salice, per le febbri. Stava tutto su un carro dalle ruote piene, che arrancava sul terreno umido. Cibo per la loro gente. E speranza che anche gli altri gruppi di cacciatori fossero stati protetti dagli dei o dal Dio degli Ariani, perch il cibo non bastava mai. E gli Unni erano sempre pi vicini. Fritigerno si volt, la sinistra appoggiata sul dorso caldo del cavallo. C'erano tutti e sette, i suoi sette cavalieri, legati a lui da un patto di sangue. Alle sue spalle cavalcava Nanderit, che per due volte lo aveva salvato dalla morte, poi Tulgilo il grasso, Oderic, dai capelli chiari come il latte, Waduulf, che, in un fodero di cuoio sulla schiena, portava la spada pi lunga e pi pesante, Giberit il fabbro, il giovane Ranilo, cui ancora non era cresciuta la barba e che cantava a mezza voce, e infine Felithanc, fratello di Nanderit, quello che i Romani chiamavano Orso. Tutti uomini fatti, eccetto Ranilo: corpi grossi e muscolosi che la fame aveva appena iniziato a scavare, baffi folti e biondi, oppure capelli del colore delle ali dei corvi, come lui,

Frithugairns, il loro re. Si avvolse meglio nel mantello di pelle d'orso. La cotta di maglia lo infastidiva e sentiva che sulle spalle gli si erano gi formate delle piccole piaghe. Ma Nanderit aveva insistito perch la indossasse. Tu sei il re, aveva detto, e come posso tornare al campo a raccontare che le zanne di un vecchio cinghiale se lo sono portato via, il re. Fritigerno sorrise. Solo poche miglia e sarebbero stati a casa, se per casa si poteva intendere l'accampamento dove lo attendeva la sua donna. L i bambini gridavano per la fame e le madri li allattavano con mammelle vizze. Ma il dio della caccia era stato generoso, quel giorno, e lui aveva ucciso il cinghiale pi grosso. Lo aveva atteso da solo, accosciato sul terreno, la lancia ben fissata accanto al piede destro, ad aspettare quell'urto di una violenza quasi incomprensibile. Solo quando il cinghiale era crollato a terra, la lancia affondata nel petto, i suoi compagni erano usciti dal sottobosco, raggiungendolo nella radura, perch il re deve uccidere da solo. Poi Nanderit s'era avvicinato e aveva finito la grande bestia con il pugnale. Lui era rimasto a guardare il cinghiale negli occhi, a cercare di capire quando si sarebbero velati, quando la vita sarebbe fuggita da quel corpo. Ora la sua preda giaceva sul carro e le sue cosce sarebbero andate a lui, e i suoi figli avrebbero mangiato bene, quella notte. La birra e l'idromele avrebbero fatto il resto. Cavalcava assorto, pensando a Ghiveric, suo fratello, l'ambasciatore inviato a Valente, da tempo partito per il meridione. Ormai avrebbe dovuto essere arrivato a corte. Forse aveva gi parlato con l'imperatore. L'imperatore: Fritigerno non se ne fidava. Lo aveva conosciuto anni prima, quando Athanareiks, che Valente chiamava Atanarico, aveva negoziato con lui la pace, dopo l'attacco romano. Si erano incontrati tutti e tre su una chiatta in mezzo al grande fiume, perch Athanareiks aveva giurato di non mettere mai piede sul territorio romano e non voleva che un Romano calpestasse quello della sua gente. Non era stato un cattivo accordo, ma Valente aveva insistito che i Goti si convertissero al Dio di Ario. Athanareiks aveva rifiutato; lui, invece, non s'era pronunciato. Ma in quella situazione convertirsi o almeno fingere di farlo avrebbe potuto essere una buona idea per convincere Valente e i suoi preti a lasciar loro passare il fiume. E poi, il libro dei cristiani, la Bibbia che il monaco Ulfila aveva tradotto, era arrivato fino a loro e anche nella sua trib molti parlavano di Dio e di Cristo. E Valente, tutti lo sapevano, era molto religioso. Aveva per consigliere un monaco, si diceva. Fritigerno si riscosse. Scendeva una neve sottile e asciutta, che gli

picchiettava sul viso. La prima neve dell'anno. Di l a poco, nei carri avrebbe fatto sempre pi freddo, e i bambini sarebbero morti. Non c'era pi tempo: doveva convincere Valente a lasciargli passare il fiume: non avevano pi casa e il vecchio mondo non esisteva pi. Alle loro spalle cavalcavano i figli delle streghe. Gli Unni si nutrivano di carne cruda, che tenevano a frollare tra la sella e il dorso del cavallo. Impugnavano archi che lui non aveva mai visto, fatti di sezioni di legno e d'osso e lunghi quasi sei piedi. Non portavano armature, gli Unni, ma avevano piccoli cavalli veloci e con quegli archi avevano fatto strage tra la sua gente. Dunque valeva ben la pena di rinunciare agli dei, che non avevano protetto i Tervingi. O di fingere di farlo. Da dietro gli giunse un richiamo. Nanderit faceva cenno verso l'alto. Stavano per entrare nell'ultimo tratto prima dell'accampamento, dove la foresta era pi fitta e i rami degli alberi si richiudevano su di loro come un tetto. Nanderit gli si affianc. Vado avanti io. il re che deve andare avanti. Fritigerno lo squadr con occhi duri. Sar cos sogghign Nanderit, ma il mio re stasera sembra dormire in sella. Sei passato davanti alla tana di un procione senza accorgertene e sei cos distratto che avrei potuto farti cadere da cavallo prima ancora che mi vedessi arrivare, come quando eravamo ragazzi. Forse hai ragione. Fritigerno rise, sorpreso di esserne ancora capace. Pensavo all'inverno, e a Ghiveric. Che gli dei lo proteggano. Non potremo resistere ancora molto. No. Se non arriva l'autorizzazione di Valente dovremo provare a passare il fiume lo stesso, prima del gelo. E sar guerra. Nanderit annus l'aria. Non ci vorr molto, temo. Ma ora rise pensiamo ad arrivare a casa. Stasera arrosto di cinghiale e birra. E donne. Dovrai sposarti anche tu, prima o poi, e fare figli. Mai, finch nelle trib ci saranno fanciulle accoglienti. E stasera ho da offrire un'intera coscia di cinghiale. Affrettiamoci, allora, altrimenti le tue fanciulle se la prenderanno con me. E preferisco affrontare i Romani. Fritigerno rallent per farsi superare. Vai avanti. Entrarono nel folto, la mano stretta sulla lancia. I Romani non si erano mai spinti oltre il fiume, ma in quel tratto di foresta gli orsi non mancavano e trovarsene uno davanti poteva essere una sgradita sorpresa. O magari no: la carne d'orso era buona, condita con miele ed erbe. Il buio intorno s'era infittito, appena rotto dalle fiaccole che Waduulf aveva acceso sul carro. Nella foresta s'era fatto silenzio: persino Ranilo aveva smesso di cantare. Fritigerno, voltandosi, lo vide raddrizzare la schiena e sbirciare intorno, nell'ombra.

Si udiva solo il suono degli zoccoli attutito dal terreno muscoso, e l'urlo di una civetta che si perdeva lontano. Nanderit sollev il capo verso l'alto. C' troppo silenzio, stanotte. Risuon un sibilo, poi un tonfo sordo. Nanderit cadde di schianto sul collo del cavallo. La punta di una freccia gli sporgeva dalla spalla destra. Dalle querce piovve un nugolo di altre frecce. Si conficcarono nel terreno, nel carro, nelle carni. Il cavallo di Fritigerno, colpito, croll sulle zampe anteriori. Lui era gi balzato gi, atterrando sul piede destro che cedette con un dolore violento. Rotol su se stesso, verso il bordo del sentiero, la lancia sollevata, stretta contro il fianco. Dagli alberi, uomini vestiti di nero si gettavano sui suoi senza un suono. Fritigerno vide Tulgilo a terra, un avversario che gli premeva sulla schiena. L'uomo, il volto coperto di nerofumo, nero come uno spirito del male, lo tir per i capelli, costringendolo a sollevare il capo. Rapido gli pass il coltello sulla gola. Sangue esplose rosso nella notte. Cavalli terrorizzati si scontrarono con suoni cupi. Ranilo perse l'equilibrio, rimase sospeso per un momento, si abbatt sotto gli zoccoli. In piedi sul carro, Waduulf il gigante roteava la sua enorme spada. Due uomini cercavano di colpirlo con le lance. Lui afferr una fiaccola, la affond nel viso di quello pi vicino, che si scost urlando e fugg, i capelli come una corona di fiamme. Tutto avvenne in pochi istanti, in silenzio, e solo allora, mentre il fragore dello scontro pareva scatenarsi d'improvviso, Fritigerno riusc a muoversi. Si alz, affondando i talloni nel muschio soffice. Era in piedi. Si deve morire in piedi, pens. Romani! grid. Corse, cercando di dominare il dolore al piede destro. La sua lancia affond nel dorso dell'uomo che aveva abbattuto Tulgilo. Senza fermarsi a recuperarla, estrasse la spada. Si guard alle spalle. Nanderit, caduto da cavallo, si era rialzato a fatica, spezzando la coda della freccia. Combatteva appoggiato al tronco di un albero. Lo vide liberarsi di un avversario con un colpo di piatto sul volto. L'uomo croll, il viso insanguinato, gli occhi ciechi. Altri Romani avanzavano. Fuggi! grid Nanderit. te che vogliono. Fritigerno torn a girarsi, la spada impugnata all'altezza del ventre, le ginocchia appena piegate. Inspir profondamente. Aveva pochi attimi a disposizione. Controll il sentiero: terreno umido, infido. Grosse radici che sporgevano sui lati, insinuandosi nel sottobosco, fitto e denso come un muro. Da l non sarebbe passato. Si volt.

Una ventina di Romani stavano attaccando il carro. Oderic e Felithanc, l'Orso, avevano raggiunto Waduulf e combattevano schiena contro schiena, coperti di sangue. Da quel lato, nessun altro dei suoi uomini era in piedi. Dall'altra parte, quattro soli Romani bloccavano il sentiero verso l'accampamento, tenuti a bada dalla spada di Nanderit. Una possibile via di fuga. Ma la decisione era presa. Fritigerno si lanci verso il carro, la spada in pugno, gridando un unico grido. Se si deve finire, si deve finire bene. A un ordine secco, tre Romani subito si disimpegnarono e avanzarono verso di lui, uno al centro del sentiero, gli altri sui lati. Fritigerno si arrest, aspettandoli. Un altro respiro profondo. Svuot la mente, valutando la situazione. Non erano uomini armati, gli altri. Erano oggetti. E lui aveva tutto il tempo. Il Romano alla sua sinistra aveva una lunga spada da cavaliere. Gli altri impugnavano gladi corti e robusti, adatti per il combattimento corpo a corpo. L'uomo con la spada avrebbe fatto una finta per distrarlo e permettere ai compagni di avvicinarsi a portata di lama corta. Fritigerno lo fronteggi spostando il peso all'indietro e molleggiando sulle ginocchia, la spada rivolta a terra, la mano sinistra, chiusa a pugno, che bilanciava il corpo. Quando il Romano tent un affondo, si volt verso gli altri due, roteando la spada. Fece un passo, spostando il peso in avanti e lasciandosi cadere sulle ginocchia. Mosse appena il braccio sinistro e nel suo pugno comparve un coltello dalla lama larga. Il primo Romano fin diritto sul pugnale, facendo ancora due passi, mentre la lama affondava nell'addome. Fritigerno sent, attraverso l'impugnatura, le convulsioni di un corpo che muore. Roteando ancora la spada, liber il pugnale. Era in piedi, circondato da altri Romani sopraggiunti. Alle sue spalle il grido di Nanderit: Non c' speranza!. Le urla lo assordavano e il sudore gli colava sugli occhi. Nel suo petto c'era una bestia che rodeva di furore e angoscia. Uccidi finch puoi grid in risposta. I Romani s'avvicinarono, mentre lui teneva la spada diritta davanti a s. Ud la civetta far risuonare due volte il suo verso. una bella notte per morire, pens. E mentre tutto per un momento sembrava immobile, esplose un fragore di grida e di zoccoli. Un gruppo di cavalieri sbuc dal sentiero illuminato dalla luna. Tervingi. Cacciatori di ritorno al campo. Con i cavalli schiacciarono i Romani contro i tronchi degli alberi, li colpirono dall'alto con le lance. Le ossa si spezzarono con uno schianto. Nei ventri si aprirono squarci e nella foresta sal odore di feci e di sangue.

Fritigerno, con un'unica mossa, affond la spada nel collo di un avversario. Tutto fin rapidamente. Solo due Romani erano sopravvissuti e ora erano immobili, disarmati, circondati dai Goti. Fritigerno sollev la mano per fermare i suoi uomini. Uno dei Romani, un veterano dai corti capelli impregnati di sangue, cadde in ginocchio, le mani premute sul ventre da cui colava un sangue denso e nero. L'altro, un uomo ancora giovane dal volto terreo, fiss Fritigerno senza abbassare lo sguardo. Io ti conosco. Tu sei Fritigerno. Il capo dei Tervingi. Il re. E tu chi sei? Fritigerno rispose in un latino incerto. Marco Sulpicio Rufo, tribuno della XI legione. Fritigerno si appoggi alla spada. La neve era cessata e un vento leggero faceva oscillare i rami spogli della foresta. Eri qui per uccidermi. Ero qui per catturarti. Il re si guard attorno. Giberit non avrebbe pi forgiato n spade n vomeri. Tulgilo non avrebbe sofferto pi la fame. E Ranilo non avrebbe mai pi cantato. I cadaveri dei Romani giacevano in un unico mucchio di braccia e gambe sghembe, mutilate. Hai ucciso i miei fratelli di sangue. la guerra. Waduulf spinse il tribuno in avanti, facendolo cadere in ginocchio. Noi non siamo in guerra con voi. Noi cerchiamo una terra dove stare. Marco tacque. Waduulf con un calcio lo scaravent a terra, voltandosi verso Fritigerno. Lo uccido? Il re riflett. Osserv il tribuno che ricambi il suo sguardo. Occhi neri, privi di paura. Scosse il capo. Non ora. Portatelo all'accampamento. E lui? Il gigante indic il veterano. Lasciatelo qui. Avr il tempo di morire. III
Antiochia, palazzo imperiale. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, XI giorno prima delle Calende di dicembre. [21 novembre 376 d.C.]

Batraz attravers lentamente l'anticamera della sala basilicale, affondata nella penombra. Indossava una semplice tunica bianca sopra le brache a sbuffo. Nessuna insegna, nessun ornamento. Apparentemente, nessuna arma. Non si porta la spada al concistoro. Ma, tra le pieghe della tunica, in un semplice fodero di pelle nera, nascondeva un

pugnale sottile, un pugio. Un dono di Vittore, magister equitum, consigliere dell'imperatore, l'unico con cui Batraz si sentisse a proprio agio. Con lui poteva parlare la sua lingua, discutere di cavalli e di donne. Non si entra disarmati al concistoro, non in questi tempi, gli aveva detto Vittore, donandogli il pugio. I servi dell'imperatore erano passati a tirare le pesanti cortine e dalle finestre affacciate sul fiume non penetrava alcuna luce. Era uno di quei giorni: uno dei giorni in cui Valente voleva che il mondo intorno a lui si muovesse nell'ombra. Nel palazzo imperiale servi e funzionari camminavano con passo leggero e le guardie sussurravano. Se avesse potuto, l'imperatore avrebbe fatto tacere anche la citt al di l delle mura massicce. Ma la citt parlava, mormorava. Quel mattino, all'ora seconda, appena sorta l'alba, Batraz era uscito dal palazzo. Aveva indossato un corto mantello grigio, il cappuccio calato sul volto ed era tornato nelle strade intorno all'anfiteatro, fingendosi uno schiavo intento alle compere per il pranzo dei suoi domini. La schiena incurvata per dissimulare la statura, la voce resa un sussurro, aveva fatto qualche domanda e aveva ascoltato molto. Il cadavere della vacca e del suo vitello erano ancora abbandonati nella polvere, coperti di mosche. Nessuno s'era occupato di trascinarli via. Il pescivendolo da cui aveva acquistato un polpo grasso e sodo aveva ammiccato, indicandoli. Che successo, aveva chiesto lui. Il pescivendolo s'era guardato intorno, poi gli aveva accostato la bocca all'orecchio. un cattivo auspicio, aveva mormorato. E non il primo. Alle porte della citt c' uno stagno coperto di uccelli morti. Batraz lo aveva fissato senza parlare. Sono presagi di guerra, aveva continuato il pescivendolo. Di rovina. Accanto a lui, una vecchia aveva annuito. Dicono che stanno arrivando i figli delle streghe, aveva farfugliato, mostrando le gengive prive di denti. Ci uccideranno tutti. E l'imperatore sta morendo, aveva aggiunto. Batraz aveva pagato e se n'era andato col suo polpo. Lungo la strada, fitti capannelli di persone sussurravano tra di loro. Batraz aveva regalato il polpo a un bambino ed era tornato a palazzo. L'ora del concistoro si avvicinava. IV Abbandonato su un sedile nell'anticamera, il volto chiazzato di polvere e fango, sedeva da ore il tribuno Dalmatico, il messo venuto dal Danubio.

Accanto, avvolto in un mantello di pelliccia, un uomo alto, biondo, dal volto rigido. Un Goto, un barbaro. Come me, pens Batraz, come tanti altri qui. I due erano arrivati nella notte e Dalmatico non aveva voluto riposare n perdere tempo a lavarsi il viso. S'era sdraiato sul pavimento, di fronte alle guardie di palazzo, ad attendere che Valente si svegliasse. Del messaggio che portava non aveva fatto cenno a nessuno, nemmeno al cubiculario, il potentissimo liberto al servizio personale dell'imperatore. Sul pavimento, Dalmatico dormiva un sonno agitato, risvegliandosi a ogni rumore, mentre il Goto fissava la parete ornata di grottesche. Con un gesto, Batraz li indic ai suoi uomini. Portate dell'acqua e del cibo ordin. Poi entr nella sala del concistoro. L'attesa di Dalmatico sarebbe stata lunga. Anche la sala, divisa in tre navate da due file di colonne di porfido, era semibuia. Batraz sedette in uno degli stalli di marmo. Sono sempre pi frequenti i giorni come questi, pens. E i consiglieri in numero ogni volta minore. Poco discosto da lui sedeva Ermocrate, il medico greco, da cui l'imperatore non si separava mai. Un mestiere pericoloso, il suo: solo pochi mesi prima, a Costantinopoli, in uno dei suoi non rari accessi d'ira, Valente gli aveva scagliato addosso un braciere e il medico ne portava ancora i segni sul volto e sulle braccia. Seguiva l'imperatore da anni, da prima che Batraz fosse nominato a capo della guardia imperiale, da prima ancora della rivolta di Procopio, l'usurpatore. Da molto prima dell'arrivo di quel monaco ariano, quell'Ertegul, apparso d'improvviso a corte, forse venuto dalle foreste del massiccio dell'Emo. Forse, da chiss dove. Batraz sfior l'amuleto nel sacchetto di pelle di serpente appeso al collo. Pronunci a bassa voce poche parole nella sua antica lingua: uno scongiuro. Ertegul era un Goto. Tra Goti e Sarmati non correva buon sangue. E anche se Batraz era un uomo maturo, aveva da poco passato i quarant'anni, secondo i racconti della sua vecchia madre, di Ertegul diffidava. Il monaco adorava il Cristo, quello che si era fatto crocifiggere per gli uomini. O almeno cos si diceva. Ma quel Cristo, cos aveva imparato Batraz, era un dio di misericordia. Secondo Ario, una specie di dio di rango inferiore, di una sostanza diversa dal Padre, gli aveva spiegato una sera l'imperatore, in vena di conversioni. Ertegul era ariano come Valente, ma in lui, di misericordia, Batraz non ne aveva mai veduta. In nessun tempo. In nessun luogo. Batraz si guard intorno. C'erano due vecchi, due senatori di cui non ricordava il nome. Valente li portava con s per salvare le apparenze, perch non si dicesse che il Senato era svuotato di ogni potere. Presenziavano ai consigli, bocche sdentate e biascicanti, ma non contavano

nulla. I loro compagni erano morti durante la rivolta di Procopio o ritirati in qualche citt dell'Oriente oppure al sicuro, a Costantinopoli. C'era Sereniano, il comes domesticorum, accanto al magister officiorum. Dietro di loro, in un angolo buio, sedevano i generali Frigerido e Sebastiano. Mancava Ricomere, inviato presso Graziano, nipote di Valente, il ragazzo imperatore, che reggeva l'Occidente dopo la morte di Valentiniano. Mancava anche Vittore, forse a colloquio con Valente. Come sempre, l'imperatore si faceva attendere. Solo molto dopo che l'ora nona era trascorsa, il cubiculario comparve sulla soglia della sala, annunciandone l'ingresso. Valente entr in silenzio, lo sguardo cupo, seguito da Vittore e da Ertegul, nella sua tonaca nera. Ermocrate, con un inchino, subito gli si avvicin, ma Valente lo scacci con un gesto impaziente, lasciando cadere a terra il mantello purpureo, che il medico s'affrett a raccogliere. Lo tenne stretto al petto mentre tornava a sedersi. Era il mantello del suo imperatore e lui badava bene, nel portarlo, che non sfiorasse il pavimento. Ertegul lanci una breve occhiata al cubiculario. A un cenno del liberto, le guardie palatine spalancarono una porta secondaria, facendo entrare Dalmatico e il suo compagno. Di fronte all'imperatore, il tribuno pieg il ginocchio, mentre il Goto rimaneva immobile, lo sguardo che correva lungo le navate. Valente li ignor, lasciandosi cadere sul seggio di marmo che gli era riservato, mentre alle sue spalle scivolava la sagoma di Ertegul. L'imperatore sollev gli occhi, fissando Dalmatico senza dir nulla, massaggiandosi con l'indice il naso aquilino. Dalmatico si rialz, guardandosi intorno, mentre il silenzio si prolungava. Dall'angolo pi buio della basilica si ud Sebastiano schiarirsi la gola. Dalmatico riconobbe nell'ombra il generale e il suo viso sembr rilassarsi. Dunque, tribuno. Perch sei qui? un viaggio lungo, dal Danubio. Ertegul aveva parlato senza quasi muovere le labbra. Dalmatico guard sconcertato Valente. Ho un messaggio per l'imperatore. Ertegul sorrise appena. L'imperatore davanti a te e ti ascolta. Parla, dunque. Ho l'ordine di riferirlo solo a lui. Ertegul alz la destra, indicando gli stalli. Sei davanti ai consiglieri dell'imperatore. Loro sono le sue orecchie. La gola di Dalmatico si mosse, inghiottendo a vuoto. Parla ripet Ertegul. Parla, soldato. il tuo imperatore che te lo ordina. La voce di Valente era poco pi di un sussurro. S, pens Batraz, una di quelle giornate. Anzi, delle peggiori. Con la coda dell'occhio intravide Ermocrate far cenno a un servo. L'uomo gli tese un'ampolla di sottile vetro verde. Ermocrate la nascose nella veste: il tonico

dell'imperatore era pronto. Ce ne sarebbe stato presto bisogno. Dalmatico chin il capo. Lupicino mi ha inviato per accompagnare quest'uomo. Il suo nome Ghiveric. Porta un'ambasceria di suo fratello Fritigerno, re dei Tervingi. Valente mosse appena la testa. Osserv il Goto con l'indifferenza con cui si osserva un animale. E che cosa vuole tuo fratello dall'imperatore? domand, la voce calma. Mentre Dalmatico scuoteva il capo, Batraz s'appoggi allo schienale. Non era un buon segno, quella voce. Spesso precedeva uno scoppio d'ira. Non parla la nostra lingua, Augusto disse il tribuno. Gli far io da interprete. Sentiamo, allora. E in fretta. A un cenno di Dalmatico, il barbaro inizi a parlare nel suo dialetto germanico. Batraz ascoltava, la fronte corrugata, osservando il volto immobile di Ertegul. Basta cos. La parola risuon nella sala come uno schianto. Valente si alz, un rivolo di sudore sul volto. Non voglio ascoltare questa lingua da bestie. Mi soffoca. Si pass una mano sulla gola. Che cosa sta dicendo, tribuno? Sbrigati. Non abbiamo tempo da perdere. Poi si rivolse al monaco. Dobbiamo parlare della guerra con la Persia. E poi devo pregare. Ertegul annu, il volto sempre impassibile. Mentre Dalmatico esitava, la bocca semiaperta, Batraz si alz lentamente. Io ho capito quel che dice il Goto, Augusto. Il comandante della tua guardia sempre fonte di sorprese, Augusto. Ertegul fece un passo in avanti, a lato dell'imperatore. Non sapevo parlassi questa lingua, magister scholae palatinae. Ho vissuto a lungo tra i Goti, Ertegul. Batraz fissava il monaco con occhi tranquilli. Ma anche tu devi aver capito. Tu appartieni al loro stesso popolo. Io sono un cittadino romano. Certo, monaco. Valente fece un cenno brusco. Smettetela. Non voglio che i miei uomini si mordano come cani. Parla tu, Batraz. Ha detto che porta un'ambasciata importante. Il popolo dei Tervingi stato cacciato dalle sue terre. Dai figli delle streghe e degli spiriti del male, ha detto. Cavalieri crudeli e terribili. Hanno distrutto le loro case, bruciato i loro campi, divorato le loro greggi. Ora i Goti sono accampati sulla sponda del Danubio, di fronte a Durostorum. Chiedono di passare il fiume e di essere accolti nelle terre dell'impero, per servirti e trovare protezione. Un brusio si lev nella sala. I due senatori si guardarono, per poi riprendere a biascicare la loro saliva. Vittore era in piedi accanto alla soglia, la mano celata sotto il mantello. Non

entrare disarmato in nessuna assemblea, Batraz, nemmeno al concistoro. Nell'ombra, Frigerido balz in piedi, apr la bocca guardando l'imperatore, torn a sedere, il volto pallido. Al suo fianco, Sebastiano si pass una mano sul mento rasato. Sorrideva, indifferente al tumulto. Entrare nell'impero? Vittore era avanzato fino al centro della sala. una follia. Si rivolse a Dalmatico: Quanti sono i Goti, tribuno?. Migliaia di carri. E i guerrieri? Molte migliaia. Decine di migliaia, forse. Ogni giorno altri ne arrivano da oriente e dal settentrione. Nella sala torn il silenzio. Frigerido si alz nuovamente, appoggiandosi al bancone di marmo. troppo pericoloso, Augusto. Le legioni limitanee sono state sguarnite. Non potremmo mai controllare una tale quantit di gente. un intero esercito. Sono d'accordo. La voce di Vittore era profonda e calma. Sul limes, in Mesia Inferiore, abbiamo solo la I Italica e la XI Claudia. E molti dei loro uomini sono stati trasferiti ad Antiochia per preparare la guerra con i Persiani. Fece una lunga pausa nel silenzio generale, fissando l'imperatore, come a riprendere un discorso precedente. E poi, tu sai, Augusto, diffido del comes Lupicino. un uomo corrotto. Valente non disse nulla, riprendendo a passarsi l'indice sul dorso del naso. Che lingua pungente, magister equitum. Ertegul fece un altro passo innanzi. Insulti uno dei comites dell'imperatore. L'imperatore sa ci che penso. Non mi fido di Lupicino dai tempi della rivolta di Procopio. E nemmeno di Massimo, che comanda a Durostorum. Eppure il comes Lupicino rimase fedele all'imperatore. Come Massimo. Ci sono molti tipi di fedelt, Ertegul. Anche quella della convenienza. Dovresti saperne qualcosa. Taci, Vittore. Obbedisco, Augusto. Bene. Valente si guard intorno. Dunque Fritigerno vuole passare il Danubio disse lentamente, con voce ironica. Che cosa consigliano i miei consiglieri? Batraz torn ad alzarsi. Io sono d'accordo con Vittore, Augusto. troppo pericoloso lasciare entrare un esercito in armi nel nostro territorio. E perch in armi? Fu Sebastiano a parlare, sorridendo all'imperatore. Possiamo disarmarli al momento del passaggio. E come potremmo farlo? Il sorriso di Batraz era ironico. Andrai tu in persona, Sebastiano? Andrai tu, con i pochi uomini che abbiamo a Durostorum, a cercare le armi nascoste nei carri? E credi che i Goti si lascerebbero disarmare senza combattere?

Se anche combattessero... Sebastiano camminava lentamente lungo il perimetro della sala. Se anche combattessero, sono solo barbari. E noi siamo Romani. Sono un barbaro anche io, Sebastiano. Il tono di Batraz era calmo. Indifferente. Anche Frigerido lo . Anche Vittore. Vuoi provare a disarmare uno di noi? Il generale tacque, senza smettere di sorridere. Batraz si volt verso l'imperatore. Ti chiedo perdono, Augusto. Mi sono lasciato trasportare dall'ira. gelida la tua ira, Batraz. Valente annu. E dopotutto, forse non mi dispiace vedere i miei uomini come cani feroci. Avremo bisogno di ferocia per sconfiggere Sapore. Si alz, misurando la navata centrale con passi lenti. Tu sei preoccupato per il numero di questi profughi e per il rischio che possano essere... irrequieti. un timore giusto e sensato. Non mi aspetto minore prudenza dal capo delle mie guardie. Si rivolse a Vittore. N dal generale della mia cavalleria. Per, potrebbero esserci buoni motivi per accogliere questi barbari. Come sempre vedi chiaramente, Augusto. Sebastiano chin il capo in segno di devozione. I Goti sono buoni guerrieri, anche se non sono Romani. E potrebbero accrescere il numero delle tue truppe. possibile. Il volto di Valente passava dalle zone d'ombra a quelle illuminate dalle grandi lampade di bronzo. Inoltre, in questo modo, avremmo meno bisogno dei coscritti delle province. E le province dovrebbero pagare anzich darci soldati. E questo potrebbe essere utile per le casse dell'impero. Sebastiano intervenne, la voce bassa. Potremmo avere buoni guerrieri gi parzialmente addestrati e inoltre pi denaro per la guerra contro Sapore. Potremmo. Valente tacque, riflettendo. Nella basilica il silenzio era completo. Poi l'imperatore si riscosse. Fece un cenno a Ermocrate che subito gli si avvicin, aiutandolo a indossare il mantello. Ma ora continu Valente, il tempo della preghiera. Vieni, Ertegul, intanto anche tu mi dirai la tua opinione. Si volt verso gli altri. In quanto a voi, miei comites, saprete la mia decisione molto presto.

I GUERRIERI PARTONO SEMPRE


Es misero tristis et asper, Amor. Tibullo I
Sponda del Danubio di fronte a Durostorum, Dacia. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, Calende di dicembre. [1 dicembre 376 d.C.]

L'inverno era arrivato. Da pi di una settimana una pioggia sottile e ghiacciata intrideva gli abiti e gelava la pelle. E presto sarebbe giunta la neve vera. Non c'erano rifugi asciutti dove ripararsi. Non per Marco, che di notte cercava il sonno addossato a una roccia, coperto dal solo mantello. Era confinato nel cerchio di carri dei fratelli di sangue e dei parenti pi stretti di Fritigerno. Una ventina di grandi carri di legno, dalle ruote piene scheggiate dai sassi. Su ciascuno era stata stesa una doppia tela grezza, ormai impregnata dalla pioggia che scorreva in ruscelli ghiacciati intridendo abiti e coperte. Ma i Goti parevano non farci caso. Si avvolgevano pi strettamente nei mantelli e continuavano a fare le loro cose. Affilavano le spade, riparavano le poche cotte di maglia ferrata che possedevano, trofeo di vittorie contro i Romani o contro i cavalieri sarmati. Tessevano indumenti di lana pesante e sostituivano le parti danneggiate dei carri. Preparavano zuppe di cipolla e radici, facendo bollire ossa ormai fragili per le troppe cotture. Proteggevano solo i fuochi e i giacigli dei bambini pi piccoli. Nell'aria c'era odore di corpi e di letame, di terra umida, di braci e di cibo. Ma il cibo era scarso. La pioggia aveva reso il terreno difficile e gli animali della foresta si tenevano al riparo. Si mangiava spesso una piatta focaccia di farina grigiastra; si beveva l'acqua del fiume. Marco si pass la mano sul volto scarno, coperto da una barba incolta. Non era mai stato legato, nemmeno il primo giorno, quando Fritigerno si era fatto consegnare la spada, facendogli giurare sul suo onore di non tentare la fuga. Nessuno dei Goti lo aveva aggredito n disturbato: per tutti era stata sufficiente la decisione del re. Il reiks, dicevano loro. Non era facile capire

chi comandava davvero, tra i Tervingi. Ciascuna trib, kuni, come la chiamavano aveva un capo o dei capi, i reiks, e nulla pareva decidersi senza un'assemblea. Ma, aveva intuito Marco, c'era qualcuno che contava pi degli altri. Fritigerno, naturalmente. E poi un Tervingio alto, cupo, che aveva sentito chiamare Alavivo e di cui talvolta aveva avvertito lo sguardo freddo e ostile. Lui e Fritigerno conversavano spesso, lasciandosi quasi sempre dopo uno scambio di parole secche e brusche. Marco aveva fame. Le donne gli avevano portato un po' di focaccia, ma ogni giorno la porzione era minore. Non poteva nemmeno cacciare: era libero di muoversi all'interno del cerchio di carri, ma gli era proibito uscirne, e solo talvolta, inerpicandosi su una roccia, spingeva lo sguardo verso settentrione. A occidente incombeva la foresta, mentre a oriente i carri si susseguivano fino al basso orizzonte nebbioso, infiniti. Ovunque fumo di legna, grida di bambini, canti lenti delle donne, bassi voli di corvi. Gli uomini, se non erano a caccia, rimanevano sui carri, a giocare con pietruzze che lanciavano come gli aliossi, oppure si addestravano con le spade, a due per volta, circondati da compagni silenziosi e attenti. A volte anche Marco si fermava a osservarli. Buoni soldati, quei Tervingi: intrepidi e feroci, ma male organizzati. Ottimi cavalieri, ma i cavalli erano pochi e un manipolo di fanteria romana in formazione serrata, usando i vecchi gladi anzich le lunghe spathae, avrebbe potuto aver ragione di un numero di loro anche molto superiore, purch appiedati. Non era forse successo cos all'imperatore Giuliano, in Germania? Seguendo le mosse dei duellanti, spesso Marco era stato tentato di suggerire, con le poche parole che aveva appreso, una parata o una finta a un guerriero troppo ingenuo. Aveva taciuto, sorpreso per di provare per quegli uomini ispidi, quei barbari, un senso di comunanza, come se il fatto di essere come lui guerrieri fosse pi importante che essere Romani o Tervingi. Quella sera, per, nessun duello. C'era fermento, nell'aria. Gli uomini del cerchio di carri avevano mangiato qualcosa, carne secca e farinata, e si erano allontanati a piccoli gruppi nell'oscurit, le fiaccole resinate in mano. A poco a poco era sceso il silenzio e i suoni, le voci avevano taciuto. Si sentivano solo lo scorrere del fiume ingrossato dalle piogge e il brusio che proveniva dagli accampamenti vicini. Anche i bambini erano scomparsi, richiamati sui carri dalle donne. Per tutto il pomeriggio erano stati intorno allo straniero, cos lo chiamavano, come i Romani chiamavano loro: barbari, stranieri vociando e facendogli piccoli

dispetti. Marco, sempre stupito dal biondo, talvolta quasi bianco, dei capelli dei bimbi, aveva insegnato loro il ludus castellorum, il gioco delle noci. Aveva messo tre noci una vicino all'altra, a formare un triangolo, e una quarta in equilibrio sulle tre. Con altre noci, colpendole con l'indice o con il pollice, bisognava cercare di abbattere quella in bilico, la torre del castello, senza scompigliare la base. Avevano giocato finch le madri erano venute a riprenderseli, lasciando lui, tribuno senza spada, a giocare da solo quel gioco tante volte perso o vinto nelle strade di Capua, la sua citt. Marco era solo. La pioggia era cessata da qualche minuto e lo strato spesso di nuvole lasciava intravedere a oriente la falce della luna. Si alz dalla bassa pietra muscosa su cui era rimasto seduto dopo la cena. Passeggiando, s'avvicin ai carri, immersi nella notte. Solo qualche fuoco illuminava la grande radura. Da sotto le tende grigie si udivano i bisbigli delle madri e le risa dei bambini che s'apprestavano al sonno. Non c'erano uomini di guardia. In quel momento, Marco si rese conto di essere libero. Avrebbe potuto tentare la fuga, scivolare tra le ruote sull'erba fradicia, costeggiare gli altri cerchi di carri e, con un po' di fortuna, raggiungere la sponda del fiume. E rubare una delle zattere che da giorni i Tervingi andavano costruendo, sotto l'occhio delle sentinelle romane sull'altra riva. I Romani. Il suo popolo. Da quando era nelle mani dei Tervingi non c'era stato nessun tentativo di liberarlo. Che lui fosse prigioniero era stato fatto capire con chiarezza. Il giorno dopo la sua cattura, il pi alto tra gli uomini di Fritigerno, Waduulf, quello dal quasi impronunciabile nome, lo aveva condotto, quella volta s in catene, sulla sponda, di fronte ai castra romani. Gli aveva cacciato con forza sulla testa un elmo ammaccato, con la cresta di traverso, un vecchio elmo da centurione, e lo aveva spinto con i piedi nell'acqua gelida. Infine le vedette di Durostorum lo avevano avvistato ed erano rientrate oltre la porta pretoria. Di l a poco era comparso un uomo anziano, seguito da un gruppo di ufficiali. Marco non aveva potuto esserne certo, ma da lontano gli era parso Massimo, il dux. Senza un gesto, Massimo aveva osservato a lungo, per poi rientrare. Allora Waduulf lo aveva ricondotto indietro, i piedi intirizziti che scivolavano sull'erba. Da quel momento, nulla. I suoi compagni certo lo davano per morto e questo suscitava in lui rabbia sorda, accendeva il furore. Scosse il capo violentemente. Da l si sentiva l'odore del fiume. Ma non l'odore di Roma. Verso occidente, dalla foresta, saliva un rumorio. Alcune voci scoppiavano con violenza, per poi acquietarsi. Un tamburo rimbomb cupamente due, tre volte. Erano tamburi diversi da quelli dei

Romani: grandi vasi di terracotta su cui era tesa una pelle d'animale. Marco ne aveva visto uno solo, sul carro del reiks, ma quella era la prima volta che ne sentiva il suono. Il tamburo tacque. Di nuovo tutto era silenzio. In lontananza si ud il gemito di una civetta. Era un segno di morte o era Minerva, l'antica dea scacciata dal Cristo, che si faceva sentire nella notte? Marco il cristiano con il pollice si segn una croce sulla fronte, si avvolse nel mantello, perch la pioggia era cessata ma s'era levato un vento freddo, e s'avvi verso settentrione, da dove era venuto il suono del tamburo. II Si diresse verso il limitare della foresta, tenendosi nell'ombra pi cupa dei carri. Nessuna sentinella: tutte concentrate sulla sponda del Danubio o verso settentrione, da dove sarebbero giunti gli spiriti del male. Un cane emerse dall'ombra, parandoglisi di fronte. Marco s'arrest, mentre il grande mastino grigio lo fissava con i denti scoperti in un ringhio appena avvertibile. Si chin lentamente, afferrando un ramo che sporgeva da un fal semi spento e tirandolo con cautela verso di s. Rimase immobile, la mano stretta attorno al ramo. Poteva sentire il calore del fuoco scaldargli il fianco destro, mentre l'altra met del suo corpo era gelida, come il sudore che gli colava sul viso. Si fissarono a lungo, poi il cane abbass il capo e trotterell verso di lui. Gli infil la testa tra le cosce, annusandogli i genitali, per allontanarsi, come se lo giudicasse anche lui troppo poco importante per aggredirlo o dare l'allarme. Rest ancora qualche istante accucciato, scosso da un lieve tremito, poi oltrepass l'ultimo cerchio di carri e s'inoltr nella foresta. Tra le felci il terreno era costellato di decine di impronte. Segu un sentiero quasi invisibile, attento a non provocare alcun rumore, finch i rami delle querce s'infittirono e la luna scomparve dietro un baluardo di nubi. Ora era cieco, perduto. Nell'oscurit i suoni parevano pi netti e vicini. Qualcosa frug in un cespuglio, mentre un refolo di vento portava un sentore selvatico. A volte i cinghiali si spingevano fino al confine dell'accampamento. A volte, dicevano le donne, gli spiriti del male erano cos vicini da poterne sentire l'odore. Poi qualcosa gli sfior il volto e si perse in lontananza. Non aveva sentito nulla, n un battito d'ali n un movimento. Si volt di scatto, la mano che cercava l'elsa di una spada che non c'era.

E ancora una volta si sent lambire la fronte da una carezza umida. Si lasci cadere a terra, tenendo le mani sul viso, il respiro affannoso, in quel buio solido come un muro. Non voleva pi sentire quel tocco sul volto. Non temer alcun male, si sforz di pensare: i cristiani non temono le creature della notte. Non temono gli spiriti del male. Solo dopo qualche minuto scost le dita. Silenzio. Allung le mani, prima davanti a s, poi in ogni direzione. Niente, non c'era niente. Si rialz faticosamente. Il sentiero era scomparso e si rese conto d'aver perduto l'orientamento. Pens che avrebbe potuto vagare tutta la notte nella foresta. E poi pens che forse quella notte era senza fine. Si fece un rapido segno di croce. Cristo la luce, la luce torner. Fu allora che intravide in lontananza il bagliore di un fuoco. III La radura era un mosaico di ombre e di luci. grande, pens Marco, vasta quasi come il Circo Massimo, a Roma, che aveva visto una sola volta, da bambino, accompagnato per mano dal padre. Nel centro ardeva un fal e di tanto in tanto un uomo gli s'accostava per alimentarlo. Allora il fuoco si alzava, ruggiva, illuminando i volti dei Goti radunati in cerchio. Non avrebbe saputo contarli: ve n'erano anche sotto i rami, neri come pece, delle querce. Cento, forse duecento o pi. I reiks e i giudici della trib. Muovendosi con cautela s'arrampic su una roccia muscosa, nascondendosi dietro una corona di sempreverdi bassi e fitti. Il muschio era fradicio e i rovi gli graffiavano le ginocchia e i polpacci. L'assemblea pareva appena iniziata e i Tervingi, per parlare, raggiungevano, uno alla volta, il centro della radura, le spalle al fal. Marco tese l'orecchio, ma era in grado di riconoscere solo qualche parola di quella lingua feroce. Fiume, armi, barche. Si spost di pochi pollici, protendendo il capo tra le foglie puntute del cespuglio, attento a che la sua ombra non cadesse nella luce del fuoco. Fritigerno sedeva su uno scranno di legno, in prima fila, un sottile cerchio d'oro sul capo, le dita affondate nella barba. I suoi uomini ascoltavano in piedi o accovacciati, incuranti del fango. Era il turno di un barbaro di alta statura, i capelli raccolti in trecce, una striscia di colore azzurro che gli attraversava il viso e il collo, fino a scomparire sotto una lorica ammaccata. Indic il reiks, pronunciando poche rabbiose parole, che Marco non riusc a comprendere. Da un'ala dell'assemblea si lev un mormorio crescente. Gli uomini annuivano, battendo i pugni sul palmo della mano.

Uno grid, accennando un movimento, come se tendesse un arco. Un povero, pens Marco; tra i Goti solo i poveri combattevano con l'arco; eppure era l, partecipava all'assemblea, poteva dire la sua al cospetto del re. Guerra; parlavano di guerra. Poi Fritigerno si alz, il braccio levato, e tutti tacquero. Fritigerno fece un gesto e un uomo alto, dalle spalle larghe, in piedi dietro di lui, si allontan tra la folla. Marco sent un brivido lungo il braccio ancora fasciato da una pezza. Nanderit, uno dei fratelli di sangue del re, quello che lo aveva ferito durante l'agguato. Nanderit ritorn dopo pochi minuti, conducendo con s un uomo tozzo, dai capelli neri e lisci, avvolto in una tonaca scura chiazzata di sudore. Un prete, dalla pelle olivastra e dal volto rasato. Un Romano. Il Goto lo spinse nel cerchio di luce del fal, di fianco a Fritigerno, per poi sparire nell'ombra. Il prete teneva gli occhi fissi a terra. Quando Fritigerno gli pos una mano sulla spalla si scost con un tremito. Il reiks lo costrinse a voltarsi verso l'assemblea, sussurrandogli qualcosa, la bocca vicina all'orecchio, mentre le dita che serravano la spalla del prete si facevano bianche e l'uomo stringeva i denti per il dolore. Infine Fritigerno lo lasci, vacillante, dinanzi all'assemblea. Dopo una lunga esitazione, il prete inizi. Parlava in latino, con voce tremante, il capo sempre chino. Salut la nobile assemblea dei Tervingi e lentamente Fritigerno prese a tradurre. Marco si mosse appena, facendo scricchiolare i rami del cespuglio, poi strisci in avanti ancora di qualche pollice, per sentire meglio. Dal nulla, una mano lo spinse violentemente a terra, facendogli affondare la bocca tra i rovi. Due braccia enormi lo strinsero, sollevandolo ed esponendolo alla luce del fuoco. Non ebbe bisogno di voltarsi: gli bast l'odore per capire. Waduulf. Nel silenzio improvviso Fritigerno alz gli occhi e lo guard, senza alcuna sorpresa, come se si fosse aspettato di vederlo l. A un suo cenno, Waduulf lasci Marco. Un altro cenno. Un invito. Seguito dal Goto, Marco si lasci scivolare lungo la roccia. Quando si trov di fronte al reiks lo fiss senza abbassare lo sguardo. Il viso di Fritigerno era calmo, come sempre. Il prete accanto a lui si era ritratto, le braccia serrate ad abbracciarsi il petto. Potevo fuggire disse Marco a bassa voce. E non l'ho fatto. Fritigerno ebbe un mezzo sorriso. E perch non l'hai fatto, Romano? Marco tacque, rendendosi conto di non sapere che rispondere. In realt, pens, se lo stava domandando lui stesso. Ma ora sei qui, Romano. E, poich eri cos curioso, puoi ascoltare ci che dice il nostro ospite. Fritigerno indic il prete. Si chiama Marcello, cos ci

ha detto. E viene da Antiochia. Dove siede il tuo imperatore. Porta il messaggio di un suo consigliere. Poi estrasse la spada e con la punta, delicatamente, spinse il prete al centro del cerchio di luce del fal. Parla, messaggero disse. Il prete guard i volti immobili dei Goti. Il sudore gli colava sul volto in grosse gocce torbide. Cerc con gli occhi Marco, che distolse lo sguardo. Nell'aria, inconfondibile, odore di urina. Una grande chiazza di umidit si era formata all'altezza del ventre sulla tonaca dell'uomo. Parla, prete disse il tribuno, senza pensare. E nel pronunciare quelle parole sent sulle labbra il sapore del disprezzo. IV Antiochia. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, IV giorno prima delle None di dicembre. [2 dicembre 376 d.C.] Notte, l'ora a mezzo tra il tramonto e l'alba. L'ora in cui si nasce e si muore. Nella camera la lucerna proiettava sulle pareti le ombre intrecciate di un uomo e di una donna. Le ombre s'avvicinavano, si univano, parevano fondersi. Poi si separarono e l'ombra dell'uomo si allontan dal letto, distaccandosi da quella della donna. Rabbrividendo, Batraz si avvolse nel mantello. Le notti invernali erano fredde anche ad Antiochia di Siria. Pass nel triclinium, indugiando di fronte all'affresco erotico che dominava una delle pareti. Un grande cigno bianco nell'abbraccio delle cosce di Leda. Sul tavolo, coperto da un telo di lino, era stata apparecchiata una cena frugale: olive, miele, formaggio di capra. Un mazzo di fiori fresco in un vaso di vetro sottile. L'odore del vino si mescolava a quello del sesso. Sedette, mentre la donna nuda gli passava le mani sulle spalle, cercando, tra i muscoli, grumi di tensione e di stanchezza. I seni della donna oscillavano lentamente, sfiorandogli la schiena. Non dimentichi mai di essere greca. Perch dovrei dimenticare la mia terra? Ti ho preparato un pasto da re. Marpessa sorrise, il volto appena illuminato. Degno di un re pastore, come gli antichi. Io non sono un re. E avrei preferito della carne. Batraz rise, intingendo il formaggio nel miele. Lo port alla bocca, assaporandone il contrasto dolce e aspro. Ma non credo

che tu possa andare a caccia di cinghiali. Si pass le dita tra i capelli, dove da qualche tempo il grigio aveva iniziato a prevalere sul castano. La carne scarseggia, in questi giorni. Marpessa si affacci, nuda com'era, alla finestra: Antiochia era immersa nella notte. Un cane ululava nell'oscurit; da lontano veniva il pianto d'un bambino, seguito dal canto monotono di una donna. Le bestie muoiono lungo le strade e i loro cadaveri imputridiscono in poche ore. E nessuno osa toccarli. Batraz si vers una coppa di vino. La avvicin alla bocca per subito posarla, senza aver bevuto. Sentiva sulle mani la lingua rasposa di un vitello dall'unico occhio. Per un momento gli parve che un odore di sangue sovrastasse quello dei loro corpi. Superstizioni, nient'altro. Anche qui, tra i cristiani di Antiochia, come tra noi, che chiamano pagani. Scosse il capo, annusandosi le dita, cercandovi ancora il sentore di lei. Ma quello di sangue era pi forte. Gli animali muoiono. I bambini nascono gi morti. E qualcuno dice che da lontano arriveranno gli spiriti del male. Fantasie. Solo fantasie. In tutta la citt. Una vecchia m'ha raccontato di uno stagno coperto di uccelli morti. Io l'ho visto. Due giorni fa. Erano corvi e l'acqua era rossa di sangue e nera di penne. Si erano uccisi tra di loro, sventrandosi con i becchi. Marpessa si volt, fissandolo con occhi che parevano pozze di buio. Tu me lo diresti, guerriero? Me lo diresti se stesse accadendo qualcosa? Se davvero stessero arrivando gli spiriti del male? Me lo diresti, cos che io possa prepararmi a morire? Fece una pausa. Io credo negli dei della mia gente, negli spiriti della notte. Non credo nel Dio dei Romani. Nessuno verr a salvarci. Nella stanza si fece silenzio. Batraz osservava il vino nella coppa. Sulla parete l'ombra della donna era gigantesca. Gli spiriti del male non esistono. Il popolo ha paura. Parla di cavalieri che vengono da oltre un grande fiume, a settentrione, e che si nutrono di carne cruda, come le bestie. Marpessa, scossa da un lungo tremito, si strinse le braccia con le mani. C' odore di morte ovunque. Come se... Come se? Come se fossimo vicini alla fine. Tacquero finch il silenzio non venne rotto da una voce, gi nella via. Marpessa guard Batraz, esitando. La voce torn a risuonare. Attendi qualcuno? No. E solo i miei uomini sanno che sono qui. Marpessa si sporse oltre il davanzale, il corpo nudo illuminato dalle lucerne. Chi chiama? grid. Da sotto rispose una voce bassa. Marpessa si volt. Sorrise appena. Cercano te, guerriero. L'uomo sulla soglia portava le insegne della guardia palatina. Osserv il

corpo nudo della donna con un sorriso allegro, appena celato dalla barba rossa venata di grigio. Rivestiti, Marpessa. Sei troppo bella cos. Per entrare dovette chinare il capo. Si scald le mani davanti al braciere che ardeva in un angolo e sedette di fronte a Batraz, salutandolo con un cenno, come se una lunga consuetudine li unisse. E il magister potrebbe ingelosirsi. Mi hai gi vista nuda molte volte, Farnag rispose la donna, riparandosi dietro un paravento. Ne emerse con una tunica grigia, di lana grezza. Si raccolse i capelli, come un'ancella. Questo vero, ma prima che Batraz iniziasse a frequentarti Farnag annu. E poi, vestita cos, hai l'aria di una vera cristiana, di quelle che qui amano tanto. Batraz sorrise senza parlare. Farnag allung la mano per prendere la coppa di vino. La port alle labbra, bevendone un lungo sorso. Vino greco. Si asciug le labbra. L'imperatore ti ha mandato a chiamare disse a voce pi bassa. Batraz mastic lentamente un secondo pezzo di formaggio, senza sentirne il sapore. Porta altre due coppe disse a Marpessa. Se l'imperatore mi cerca nel cuore della notte non possono essere buone notizie. E quindi, beviamo, prima di andare. Marpessa riemp le coppe. Ne sollev una, osservando il vino ondeggiare oleoso. Stai per partire, guerriero. Non era una domanda. Batraz guard il volto di lei, seminascosto dai capelli neri e lucenti. Sollev una mano con un gesto brusco, per poi passarla con dolcezza su quei capelli. E tu come puoi saperlo, donna? L'hai letto nel tuo vino? Lo so, guerriero. Sei una maga, allora. Tutte le donne del mio paese sono maghe. Anche le puttane. Batraz non spost la mano. Con le dita le sfior il volto. Il naso, le sopracciglia. Non senti anche tu odore di sangue, in questa citt, Farnag? Aveva parlato senza smettere di guardare Marpessa. Farnag scosse le spalle. Non pi di quanto ce ne sia in ogni citt dell'impero. Fiss la schiena del suo magister, poi si vers una seconda coppa di vino e abbandon silenziosamente la stanza. Marpessa allontan la mano di Batraz. Si chin, per prendere la spada appoggiata alla parete. Non mi hai mai spiegato che cosa significa il tuo nome disse. E poi, dove hai lasciato cadere la tunica? Si risollev, le dita che scorrevano rapide sul viso. Ecco disse, tendendogli la veste. Batraz si sollev pesantemente. Non il nome con cui mi chiam mia madre. Batraz il nome di un eroe. S'infil la tunica. Un grande guerriero, che scendeva dal cielo come un fulmine. Un uomo fatto d'acciaio. E perch ti chiamano cos? Hanno iniziato i miei uomini, quando combattevamo i Persiani, con

l'imperatore Giuliano. Molti anni fa, allora. Molti. E anche tu sei un uomo fatto d'acciaio? Batraz allacci il fodero della spada con gesti lenti. Pareva cercare una risposta. Io sono un uccisore. L'Uccisore: la gente mi chiama cos. Chin il capo. Ma sono stanco. E avrei voluto passare questa notte con te. L'olio nella lucerna andava scemando. Marpessa si accost a Batraz, appoggiandogli il capo sul petto. Poi si allontan, respingendolo con rabbia. Le puttane non dovrebbero mai piangere. E i guerrieri partono sempre. una vecchia storia. Lei lo guard senza dire nulla; poi sollev la mano a sfiorargli la fronte. Bada a te. Quando Batraz fu sulla soglia lo richiam ancora. Non m'hai detto qual il tuo vero nome. Mi chiamo Marg. E cosa significa nella tua lingua? Significa morte. V Il vento sugli spalti del palazzo fendeva la notte come una lama. L in fondo, ai piedi della torre settentrionale, un uomo basso, infagottato in un ampio mantello rosso, guardava la citt sottostante. L'ombra della torre era una cavit nera nella luce delle fiaccole. Farnag si ferm all'inizio del camminamento, la mano sulla spada. Va'. Io rimango qui. Dove sono le sentinelle? Batraz si guard attorno. Le mura erano deserte. L'imperatore le ha fatte allontanare. Vuole che nessuno possa sentire ci che ti dir. E io sono il vostro cane da guardia. Farnag strinse il braccio dell'amico, poi si volt, per andare a prendere posto accanto alla scala. Batraz lo osserv mentre si allontanava: un barbaro alto, snello, che vegliava per il suo amico e per il loro signore. Alz lo sguardo. La luna era celata dalle nuvole. Un uccello notturno si aggirava tra le torri. Sospir profondamente e and incontro al suo imperatore. Eccomi, Augusto. Mi hai mandato a cercare. Avvicinati, Batraz. La voce di Valente era stanca. L'imperatore osservava la citt immersa nell'oscurit. Solo verso occidente risplendeva il bagliore delle fornaci, dove si lavorava tutta la notte, tutte le notti. Stanno forgiando le armi per la guerra contro i Persiani.

Saranno pronte presto, Augusto. E partiremo. S. Presto saranno pronte. E presto partir. E la fama sar mia. La fama di avere sconfitto Sapore. Vendicher la vergogna di Roma e di Valeriano. Valente tese il pugno verso oriente. Sono passati pi di cento anni. Cento anni, e ancora tutti ricordano che un imperatore romano fu catturato dai Persiani e che il loro re lo us come sgabello per montare a cavallo. Scopr i denti, che balenarono per un istante nel riflesso dei fuochi. E poi lo fece scuoiare e fece dipingere la sua pelle di rosso. Per usarla come trofeo. Cento anni, Batraz. Cento anni sono trascorsi. E ora tocca a me vendicarlo. Lo faremo, Augusto. Ho bisogno di uomini. Di soldati. L'imperatore si volt bruscamente verso Batraz. Aveva gli occhi semichiusi, l'alito che sapeva di vino. Batraz rimase in silenzio, il volto illuminato dalle fiaccole. Valente pieg il capo prima verso sinistra, poi verso destra, come in ascolto. Mio fratello Valentiniano era un soldato disse, la voce lieve, cantante. L'imperatore Gioviano gli diede il comando della sua guardia personale. Come io l'ho affidato a te. Valente aveva chiuso gli occhi; forse stava parlando a se stesso. Solo Dio sa se ti toccher una sorte analoga alla sua. Prima magister scholae palatinae e poi Augusto. Ma lui... la voce sal ancora, incrinandosi, lui era un guerriero. Un grande guerriero, come te. E anche suo figlio, quel ragazzo imberbe, vissuto sempre sui campi di battaglia. E cos, quando si parlava dell'impero, tutto era Valentiniano. E ora, tutto Graziano, il ragazzo. L'imperatore riapr gli occhi. Fiss Batraz ma fu come se il suo sguardo lo attraversasse senza vederlo. E invece il mio nome... Tu hai sconfitto Procopio, Augusto. Hai salvato l'impero. Il mio nome non significa ancora nulla. Ed tempo che incuta timore ai nemici dell'impero. Ai miei nemici. Il pugno di Valente si abbatt sulla balaustra. Tra le dita, un rivolo di sangue. L'imperatore sollev la mano, la fiss stupito, poi la port alla bocca, leccando via il sangue, come avrebbe fatto un bambino. Quando riprese, la sua voce era di nuovo quella di un uomo di quasi cinquant'anni. Permetter ai Goti di attraversare il Danubio. I guerrieri pi validi verranno condotti qui, per unirsi al mio esercito. Mander un mio legato. E tu sarai la sua scorta. E dovrai arruolare i miei nuovi soldati. Si volt bruscamente verso Batraz. Nessuno dovr sapere nulla finch il mio incaricato non sar di ritorno. Come comandi, Augusto. Nel buio, il volto di Batraz era di pietra. Sfior il suo amuleto. Marpessa, dopotutto, aveva ragione. Sarebbe partito per il confine. Ed era stanco. Cos stanco.

Tu non approvi, vero? La voce di Valente era bassa, quasi inudibile. Batraz inspir profondamente. Credo sia un errore, Augusto. I Goti sono diversi da noi. Porteranno la diversit. L'impero non sar pi lo stesso. Valente rise. Una risata soffocata. Come misuri le parole, Batraz. Tu credi che io porter Roma alla rovina. Si volt bruscamente verso il Sarmata. Non cos, forse? Quel che credo non importante, Augusto. Far quel che comandi. Fino alla fine. Fedele fino alla fine. La fine tua? La tua morte? O la mia? O quella di Roma? Valente un le mani, stringendo le dita finch non divennero bianche. Eppure sussurr, eppure io non posso agire diversamente. Ho bisogno di quegli uomini. Si riscosse. Partirai il giorno dopo domani, all'alba. La voce era netta, ora. La voce dell'imperatore. Porterai con te i migliori tra i tuoi uomini. I migliori. Dovrai proteggere il mio legato. Fino alla morte. Andr, Augusto. Ma, in mia assenza, chi veglier su di te? L'ombra presso la torre s'incresp, si mosse. Ne emerse Vittore. Venne verso di loro, calmo come sempre. Lo far io, Sarmata. E far come se fossi tu. Batraz annu. Chi dovr proteggere, Augusto? Valente tacque per un momento. Dovrai proteggere il mio monaco, Batraz. Il mio legato sar Ertegul. Poi torn a rivolgere lo sguardo verso la citt. Ricorda. Fino alla morte.

IL DOLORE UNA LUCE CHE BRUCIA IL CORPO E RENDE PI LIMPIDI I PENSIERI

I
Sponda del Danubio di fronte a Durostorum, Dacia. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, XIII giorno prima delle Calende di gennaio. [20 dicembre 376 d.C.]

Accoccolato a terra, scavava nel tronco di quercia con tutte le sue forze. Per abbatterlo e prepararlo aveva adoperato diversi arnesi: un'ascia, una pietra aguzza, un puntale di legno indurito nel fuoco. Ma il migliore si era rivelato lo scalpello di ferro che gli aveva forgiato Waduulf, con la punta scheggiata e inutilizzabile di una vecchia lancia. Avrebbe poi unito il tronco agli altri che giacevano poco lontano, gi inchiavardati con caviglie di legno e legati con grosse funi. Una zattera: una zattera per attraversare quel fiume. Lavorava sulla sponda coperta di neve, senza sentire freddo. L'odore dell'acqua gli dava una strana ebbrezza. Ma forse, pens, era solo la fame. Sul tronco cadde l'ombra di un uomo, in piedi alle sue spalle. Non si volt e continu testardamente a scavare il foro dove innestare la caviglia di legno. Sei un buon carpentiere, Romano. Ma tempo di smettere e di mangiare. Fritigerno era in piedi dietro di lui, avvolto in un pesante mantello di pelliccia d'orso. Un orso che certo doveva aver ucciso lui stesso. Il reiks sembrava esausto e aveva il volto scavato. Non portava armi n corazza, solo i panni pi caldi che possedeva. Per un momento, Marco pens che quella era l'occasione, il tempo opportuno: il kairs, come lo chiamava Evandro, il liberto greco che gli aveva fatto da precettore una vita prima. Un'altra vita. Avrebbe potuto, con un gesto solo, conficcare lo scalpello nel ventre del reiks e gettarsi in acqua. Forse i Goti lo avrebbero colpito con le loro frecce. Forse il fiume gelido se lo sarebbe portato via. Forse invece ce l'avrebbe fatta a raggiungere la riva opposta o le barche che incrociavano davanti ai castra, cariche di soldati. Guard la mano che impugnava lo scalpello. Fritigerno lo osservava in silenzio, seguendo i suoi gesti. Hai detto tu che bisogna affrettarsi disse il tribuno, nel suo incerto parlare.

Il reiks rivolse lo sguardo verso settentrione, annusando l'aria. C' odore di gelo. Torner a nevicare e il fiume potrebbe ghiacciare. Marco lasci cadere lo scalpello. Non era quello il kairs, o forse s e lui lo aveva lasciato trascorrere. Per un istante se ne domand il perch, ma gi il pensiero era scivolato via. Hai avuto notizie? domand. Nessuna. I tuoi, dall'altra parte, ci sorvegliano. Nient'altro. Ma il prete dice che questione di giorni, poi riceveranno l'ordine di lasciarci passare. Ti fidi di lui? Devo fidarmi di qualcuno. Anche di qualche Romano. Marco accenn alla sponda opposta. Loro non si fidano di te. E tu? Il tribuno si alz in piedi, raccogliendo una spessa coperta e gettandosela sulle spalle. In lontananza, un uomo alto e massiccio gli faceva cenno di avvicinarsi. Waduulf mi chiama. Ti ha tenuto da parte della focaccia e un po' di carne. Si avviarono verso l'accampamento. Marco sentiva le braccia leggere e pesanti allo stesso tempo. Aveva abbandonato lo scalpello accanto al tronco. Lo avrebbe recuperato pi tardi, per completare il suo lavoro. Per stasera la zattera sar finita. Una in pi. Una in pi. Fritigerno si arrest, posandogli una mano sulla spalla. Sei libero, Romano. Non ho bisogno di prigionieri. Puoi tornare dai tuoi. La barca con cui siete arrivati quella notte pronta. Nessuno ti fermer. Marco distolse lo sguardo, volgendosi verso l'accampamento. Attraverser il fiume con voi. L'odore di legna bruciata arrivava fin l e si udivano le grida dei bambini. Ho ancora dei giochi da insegnare ai tuoi figli. II
Oltre Apollonia Pontica, Provincia di Tracia, verso il confine con la Mesia Inferiore. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, XII giorno prima delle Calende di gennaio. [21 dicembre 376 d.C.]

Sorgeva l'alba quando la squadra di cavalieri catafratti lasci Apollonia Pontica. Il cielo, coperto da una coltre di nuvole, ingrigiva sul mare e il vento

lasciava sulle labbra una polvere salata. I catafratti seguirono la costa rocciosa finch non incontrarono la mulattiera indicata dai pescatori, invasa dall'erba e dai sassi. A un cenno di Farnag, entrarono nella pianura tracia, accompagnati dal suono della risacca che a mano a mano si affievoliva, fino a perdersi. Batraz cavalcava in fondo alla fila, il volto scuro. S'era svegliato molto prima del tempo, senza pi riuscire a riprendere sonno. Era uscito dalla tenda, lanterna in mano, e s'era diretto verso la riva del mare, attraversando un tratto di rocce sconnesse fino agli scogli. Nella notte, il Ponto Eusino si stendeva di fronte a lui, nero indistinguibile contro il nero del cielo, e il vento portava l'odore della terra alle sue spalle. Un vento gelido, che scendeva da occidente, dai monti dell'Emo. Batraz era entrato nell'acqua con i piedi nudi, sentendo il freddo risalirgli lungo le gambe. Aveva cercato di ricordare il sogno da cui era stato destato, ma ne rammentava solo la forma scura di un cane enorme e un riflesso rossastro, colore del sangue. Si era seduto sugli scogli, finch Farnag, alle prime luci dell'aurora, era venuto a cercarlo. Procedevano al passo, per non sfiancare i cavalli. Fino a Durostorum non ne avrebbero pi trovati di freschi. Avevano percorso pi di novecento miglia: Siria, Cilicia, Galatia, Bitinia, Costantinopoli. Poi la Tracia, lungo la costa del Ponto Eusino fino ad Apollonia. Rimanevano le ultime duecento miglia prima dei castra. Le pi pericolose. Per ridurre i tempi, Batraz aveva deciso di attraversare in diagonale la pianura, percorrendo stretti sentieri e rinunciando alla protezione della linea di fortificazioni lungo il limes. Dovevano attraversare una regione battuta da bande di Alani, che guadavano indisturbati il Danubio passando per il labirinto di paludi del delta. Con s aveva solo ventiquattro cavalieri. E poi aveva Farnag. Tre gruppi di otto uomini, quelli che i Romani chiamavano contubernia. Sarmati che da anni condividevano cibo, donne, giaciglio, morte. Come lui li aveva spartiti con Farnag. Li chiamavano catafratti per le loro pesanti armature. Lamelle di metallo e d'osso, fissate su spesse vesti di cuoio. Sopra indossavano un mantello nero e portavano due lunghe spathae dal pomo ad anello, una alla cintura e l'altra assicurata alla sella, accanto all'arco e allo scudo. Cavalcavano impugnando il konts, una lancia lunga pi di sette cubiti. Con lo stesso braccio reggevano uno scudo nero e privo di ornamenti. Alla partenza, Ertegul, montando sulla sua giumenta bianca, aveva domandato a Batraz perch sugli scudi rotondi non vi fossero la chi e la ro, il monogramma greco del Cristo. Non c' Dio, per noi, aveva risposto Batraz allontanandosi.

Cavalcavano da ore. Il mare era ormai dimenticato e nella pianura bruna erano comparse larghe chiazze di neve, mentre nuvole basse e pesanti si accumulavano all'orizzonte. Sulle colline scendeva la nebbia, presagio di maltempo. Quando inizi a nevicare, il cielo si fece ancora pi scuro. La neve trascinata dal vento li investiva con mulinelli gelidi, accumulandosi sul terreno. Neve bagnata, infida. In testa alla colonna, Farnag sent il cavallo scivolare sul suolo viscido. Gli uomini dietro di lui erano un serpente nero, al centro del quale il manto bianco di Ertegul si confondeva con la neve. Batraz li seguiva, a distanza di una ventina di passi. Rallentiamo. Farnag sent la sua voce disperdersi nel sibilo del vento. Baxagos, il cavaliere alle sue spalle, annu, la barba incrostata di ghiaccio. Tieni tu la testa della colonna aggiunse Farnag girando il cavallo. Raggiunse Batraz mentre il vento aumentava. una tormenta. Rialz il cappuccio del mantello. Dobbiamo fermarci o rischieremo di smarrirci. Siamo troppo esposti. Batraz fece un cenno verso la pianura. Temi gli Alani? Alani, Goti o quelli che chiamano Unni. Gli spiriti del male? Cos dicono. Figli di streghe gote e di esseri notturni. Farnag rise seccamente. E noi che ci facciamo in questo gelo, fra streghe e spiriti? Lo sai. L'imperatore vuole nuovi soldati e noi dobbiamo proteggere il suo messo. E, per proteggerlo, Augusto invia il capo della sua guardia personale? Le labbra di Farnag si stirarono appena. Non ha senso. Tanto valeva mandare il magister equitum. Ertegul che ha voluto cos. Come lo sai? Me lo ha confidato Vittore, prima che partissimo. Continuarono a cavalcare fianco a fianco, nella pianura bianca e uniforme. Batraz sentiva la neve posarsi sulle sue spalle, avvolgendolo in un bozzolo freddo. La notte precedente, durante il sogno, aveva avvertito un violento dolore alla nuca, che solo lentamente si era trasformato in un senso di peso. Ora era quasi svanito, ma rimaneva in lui un'inquietudine che non sapeva spiegarsi: qualcosa che pareva annidarsi dentro di lui, alla base del collo, nei muscoli che si tendevano sotto la nuca. Quando la voce di Farnag lo riscosse, si rese conto d'aver taciuto a lungo, perso nei suoi pensieri. Non era bene per un guerriero. Non era bene per un capo. Mi hai sentito? Farnag lo osservava con attenzione. Stai bene? S, certo. Ero distratto. Non un luogo adatto per distrarsi. Batraz non rispose. Farnag lo fiss ancora per qualche istante, poi volse lo sguardo verso la colonna. Gli uomini

avanzavano ingobbiti, avvolti nei loro mantelli. Freddo. Faceva freddo. Perch ha scelto te? domand. Anche parlare era difficile. Forse per allontanarmi da Valente. L'imperatore mi ascolta ancora. Ed stato Ertegul a convincerlo di lasciar attraversare il Danubio ai Goti. E tu cosa ne pensi? una follia. Il fiato di Batraz si condensava in nuvole opache. Cos si mette a rischio l'impero. Tu pensi troppo, amico mio. Sei pi romano che sarmata, ormai. E poi, esiste ancora l'impero? qui l'impero di Roma e di Costantinopoli? In questa landa ghiacciata? Farnag indic la pianura bianca. Valentiniano lo ha spezzato in due. Met a lui, met al fratello. E ha trascorso la vita a cercare di tenere insieme la sua parte. Era un soldato, come noi. questo il lavoro dei soldati. Ma non quello dei preti. Guarda. Non ce la fa pi. Davanti a loro, Ertegul si era lasciato staccare dalla colonna e pareva vacillare. Il monaco stanco sogghign Farnag. giusto. a causa sua se siamo qui. Farnag aggrott le sopracciglia. Lui non un prete come gli altri. un monaco, anzi un eremita. Ha vissuto da solo per anni. Batraz parlava come se avesse in bocca un cattivo sapore. Nel deserto egiziano. Poi arrivato ad Antiochia, con una visione. Batraz si volt verso l'amico. O almeno cos dice. Una visione per l'imperatore. E Valente non se n' pi separato. Mi mette a disagio. A palazzo compare sempre quando meno te lo aspetti. Se credessi agli spiriti del male, giurerei che lui il loro re. Batraz rise, nella bocca ancora gusto di fiele e di acqua gelida; lungo il collo, una fitta breve, violenta. Mentre procedevano in silenzio, dalla testa della colonna venne un richiamo. Baxagos galopp a fatica verso di loro, indicando le colline. Sul crinale, al di sopra della nebbia, un gruppo di cavalieri procedeva nella loro stessa direzione. Meno di un miglio di distanza. Galoppavano veloci nonostante la tormenta, su piccoli cavalli pezzati. Alani? domand Farnag. Non sembrano portare corazze. Vedremmo dei riflessi, anche con questa luce. Sono molto pi numerosi di noi. Batraz si sporse sulla sella, gli occhi sulle colline. La stanchezza e il dolore erano svaniti. Archi. Sporgono oltre le loro teste. Sono molto lunghi. Non potrebbero essere lance? Archi. Batraz scosse il capo. Gli Unni ne hanno di simili. Come lo sai? Ne ho incontrati, molti anni fa, nelle pianure della Scizia. E li ho visti usare quell'arco. Farnag diede un colpo di tallone al suo baio, trattenendolo con

le redini. Attacchiamo? Gli arcieri ci massacrerebbero dall'alto. Abbiamo le armature. Quegli archi hanno una gittata di pi di duecento passi. Le frecce trapasserebbero le piastre. E allora che facciamo? Sono pi leggeri di noi. Batraz scrut la pianura. Non riusciremo mai a distanziarli. Indic verso settentrione. Cerchiamo di raggiungere quegli alberi. Li affronteremo l. Prendi tu la testa della squadra. Io avviser il monaco. Farnag fiss il suo capo senza parlare, poi, prima di allontanarsi a un galoppo leggero, annu lentamente. Il volto di Ertegul era pallido, chiazzato da livide occhiaie. Sei stanco, prete? Batraz afferr le redini del cavallo del monaco. Dobbiamo correre. Allora correremo. Non preoccuparti per me. Sotto il cappuccio, gli occhi di Ertegul erano chiari come ghiaccio. Privi di espressione. Chi sono quei cavalieri, magister scholae palatinae? Forse gli spiriti del male di cui si parla ad Antiochia. Ertegul scopr i denti nella parodia di un sorriso. Denti bianchi, perfetti. Denti da lupo, pens Batraz. Allora sono figli del demonio. Anche lui un dio come gli altri. Lui un servo, pagano. Come me e come te. Ma fa parte del piano di Dio. Verr un giorno in cui scender nel mondo, e lo chiameranno Anticristo. Allora il Regno dei Cieli sar vicino. Tu sei pazzo, prete. Ma io ho promesso all'imperatore di proteggerti a ogni costo. E lo far. Sulle colline i barbari avevano iniziato a scendere in diagonale lungo il versante. Vogliono tagliarci la strada mormor Batraz. Andiamo grid. Presto. Piant i talloni nel ventre del sauro, spingendolo al galoppo per raggiungere la testa della colonna. Sotto gli zoccoli del cavallo la neve, ora pi asciutta, si alzava in cortine farinose. A Batraz parve di udire alle sue spalle una breve risata. Forse il monaco rideva perch avrebbe incontrato il suo diavolo. Galopparono, sulla neve che imbiancava la terra. Dietro di loro, la tormenta e un rimbombo attutito che annunciava l'avvicinarsi dei barbari. Il volto del giovane Dodoi, accanto a Batraz, era pallido. Spiriti. Spiriti nella nebbia. Un sibilo, una freccia si piant nel terreno, a pochi passi dalla colonna. Gli spiriti non lanciano frecce. Batraz diede di tallone. Galoppa, ragazzo. Non si vede pi nulla. Farnag teneva gli occhi semichiusi.

Gli alberi sono poco distanti. Una lunga ombra scura apparve dinanzi a loro. Querce. Batraz si arrest bruscamente sul limitare del bosco. Qui non potranno sfruttare i cavalli. Divisione in due squadre. Il sauro pestava nervoso il terreno. Met uomini con te, Farnag. Appiedati, disposizione a muro. Tu, monaco, dietro, spalle a un tronco. Il tonfo degli zoccoli si avvicinava. Batraz guard gli uomini scelti da Farnag, a ciascuno rivolgendo un cenno. Prima scaglieranno le frecce in alto, per farvi alzare gli scudi, poi mireranno in basso. Al ventre. Sono veloci. Tacque brevemente. Gli altri con me, presto. Con un colpo di talloni spinse il cavallo al galoppo, verso destra, dove gli alberi erano pi radi. Seguito da met della colonna, scomparve nel bianco mulinante. Con un gesto, Farnag fece smontare i guerrieri. Sei si accovacciarono, sovrapponendo i bordi degli scudi. Le lance, la base conficcata nel terreno, rivolte obliquamente in alto. Gli altri sei, in piedi alle loro spalle, gli scudi inclinati a proteggere le teste dei compagni. Lance con la punta verso il basso. Gli uomini si muovevano in silenzio. Rapidi, precisi. Tu, monaco, contro questa quercia sussurr Farnag. Controll la posizione degli uomini. Poi si accost al pi anziano, un catafratto dai lunghi capelli bianchi protetti dall'elmo ogivale, il mantello chiuso da una fibula d'oro a forma di cervo. Yaguz, tenetevi pronti a passare alla formazione a orbiter. Il cavaliere avvicin la bocca all'orecchio del vicino per passare l'ordine. Farnag, a fianco del muro di scudi, attese, entrambe le spade in pugno. Nessun suono, solo il sibilo del vento. Le sopracciglia degli uomini erano bianche di neve, le barbe imperlate di gocce limpide. Appoggiato al tronco, Ertegul aveva estratto un lungo pugnale. Attendeva anche lui, il volto sottile e impassibile. Il vento sembr calare. Sulla fronte di Farnag si form una goccia di sudore gelido che gli scorse lungo la tempia. Il tempo era immobile. Poi, dalla parete di nebbia e neve che incombeva davanti a loro, piovve un nugolo di frecce. Cadevano dall'alto, sul capo dei catafratti. Fermi grid Farnag. Non spostate gli scudi. La seconda bordata di frecce, in orizzontale, si conficc negli scudi della prima fila. Una colp la quercia, pochi palmi sopra il capo di Ertegul. Il monaco la afferr, spezzandola con un'unica torsione. Fermi ripet Farnag. Nessuno si mosse. Gli scudi erano un istrice con dodici punte di morte. Sulla neve, un rivolo di sangue, rosso come le bacche del sorbo. Non si udiva nulla, poi due altre ondate di frecce.

I catafratti attesero, senza muovere un muscolo. La nebbia era un muro perlaceo, attraversato da fiocchi di neve sempre pi grandi. Nella caligine risuon un ordine in una lingua incomprensibile. Neve e nebbia si squarciarono e un gruppo di guerrieri irruppe urlando. Bassi, dalla pelle giallastra, avevano lunghi capelli neri e oleosi, occhi sottili e obliqui. Demoni, pens Farnag, poi uno di quei demoni gli punt alla gola una daga dalla lama tozza e larga. Farnag par incrociando le spade. Disarm l'avversario, squarciandogli una coscia con un violento fendente. Il barbaro croll come un albero spezzato e il suo sangue gli inond il volto. L'uomo cerc di risollevarsi, la gamba ferita scossa da violenti tremiti. Farnag lo schiacci con un piede contro la neve, conficcandogli le spade nella schiena. La prima fila di catafratti resse l'urto. Un Sarmata lasci cadere lo scudo e piant la sua lancia nel ventre di uno degli aggressori. Impugnandola a due mani, sollev di forza l'uomo scalciante e urlante. Il sangue esplose come un torrente che avesse infranto gli argini. Farnag, attaccato da due avversari, falci l'aria in un fendente largo, in apparenza goffo. Uno dei barbari si avvicin troppo. La lama di Farnag incontr la sua gola. Grida, frastuono, odore di sangue. Farnag si muoveva sul fianco del gruppo di Unni, colpendoli con le due spade, parata e affondo. Cadaveri si ammassavano davanti al muro di scudi, ma i Sarmati iniziavano a vacillare, le lance spezzate. I barbari colpivano con pesanti mazze e i catafratti erano costretti a lasciare spazio tra gli scudi, per usare le spade. Yaguz era finito all'esterno delle file e si batteva con un barbaro gigantesco. L'Unno vibr la mazza e Yaguz cadde, reggendosi il braccio sanguinante. I Sarmati iniziarono ad arretrare, un passo per volta, trascinando i feriti. Farnag frug con gli occhi nella tormenta. Un'ombra comparve oltre il biancore. Ora! grid. Orbis! I catafratti si riunirono in cerchio, gli scudi serrati, i volti protetti, in un guscio di legno e metallo. Un ordine secco. Alle spalle dei barbari, partorito dalla nebbia, comparve Batraz. Gett il mantello nella neve, sollevando la spada. Scagliate. Gli uomini di Batraz tesero gli archi. Disposti in due file, mentre una fila estraeva una nuova freccia e si preparava, l'altra prendeva la mira e scoccava. Due, tre, quattro volte. Una decina di Unni caddero l'uno sull'altro, prima che il loro capo, il gigante che aveva ferito Yaguz, comprendesse ci che stava accadendo. Ma i due gruppi di Sarmati estrassero le spade, lanciandosi contro di loro. Li schiacciarono tra due fronti, macellandoli con le lame lunghe e affilate. Farnag danzava sulla neve, spade in pugno. Roteava, s'arrestava, colpiva, si ritraeva.

Facendosi largo nella mischia, Batraz cerc di avvicinarsi al capo dei barbari. Si liber di due avversari con fendenti corti, all'altezza dell'addome; ne abbatt un altro colpendolo con lo scudo, sentendo lo schianto delle ossa che si spezzavano, come rami secchi. A pochi passi da lui, il gigante aveva costretto Dodoi contro un albero. Il ragazzo aveva perduto la spada e schivava i colpi di mazza, che si abbattevano sulla corteccia, strappandone larghe schegge. Ancora una finta, ma Dodoi era ormai stanco e si mosse con lentezza: la mazza lo colp di striscio sulla spalla, gettandolo a terra. Prima che l'Unno potesse finirlo, Batraz lo affront. Si guardarono immobili, sordi al fragore della battaglia. Il barbaro aveva una larga faccia piatta, priva di espressione. Oltre alla mazza, nella sinistra teneva una spada ricurva, bagnata di sangue. Batraz tent un affondo che il gigante devi, poi, prima che potesse rimettersi in guardia, il barbaro fece un passo innanzi vibrando la mazza. Il colpo fece esplodere lo scudo di Batraz in frammenti di legno e metallo e il Sarmata vacill stordito, mentre la spada del barbaro falciava l'aria, mordendogli le carni, tre dita sopra i tendini del ginocchio. Il dolore una luce che brucia il corpo e rende pi limpidi i pensieri. Per un momento tutto si ferm. I fiocchi di neve rimasero sospesi nell'aria. La bocca del gigante era spalancata in un grido congelato, nero; la mazza sollevata per lo strazio definitivo. Una rosa di gocce di sangue galleggiava immobile nell'aria, accanto alla gamba ferita. Tutto tacque. Mentre una fitta bruciante gli artigliava la nuca, Batraz vide accanto a s la sagoma di un grande mastino nero, lo stesso del suo sogno. Solo il cane si muoveva nell'immobilit. Si raccolse sulle zampe posteriori, per balzare verso il barbaro. Sembr nuotare nell'aria. Il dolore una luce che brucia il corpo e rende pi limpidi i pensieri. Tutto esplose nel movimento. La fitta alla nuca si dissolse. Il cane era scomparso. I fiocchi ripresero a vorticare. Esplose l'urlo del barbaro. Il sangue di Batraz si deposit sulla neve. La mazza inizi la sua discesa. Batraz reggeva ancora lo scudo squarciato. Evit la mazza facendo un unico passo a destra e con il bordo dello scudo, cerchiato di metallo, colp la testa del gigante. Con un fendente lo trafisse alla spalla. La lama rimase conficcata nei muscoli duri come pietre e Batraz la strapp via, aprendo una larga ferita sul petto dell'avversario. Il barbaro fece due passi indietro, lanciandosi un rapido sguardo intorno. I Sarmati stavano massacrando i suoi uomini. Si gett di lato, rotolando su se stesso. Si rialz a fatica e corse verso la quercia dove era accucciato Ertegul, lasciando sulla neve una lunga traccia scarlatta. Afferr il monaco

con la sinistra, facendosene scudo e gli punt la spada alla gola, il braccio destro coperto di sangue. Aveva cessato di nevicare e la nebbia si stava sollevando. I barbari superstiti erano in fuga. Nella piana davanti al bosco, i Sarmati circondarono il gigante. L'uomo aveva occhi piccoli e obliqui, vuoti, il corpo percorso da un tremito. Batraz impugn la spada a due mani, facendo un cenno a Farnag, che si spost a destra della quercia, l'arco con la freccia incoccata. Farnag appoggi il ginocchio a terra. Tese l'arco. Mir al fianco del barbaro. Batraz si avvicin lentamente all'albero, in un largo arco di cerchio. Camminava di lato, come un granchio coperto di metallo. Un passo per volta, gli occhi fissi in quelli del barbaro. Lascialo andare disse in sarmata. La sua voce era calma, bassa. Il barbaro rise, mostrando una larga cavit nera tra i denti superiori. Premette appena la lama. Un velo di sangue scorse sul collo del monaco. Da un ramo cadde un cumulo di neve. Un tonfo soffice. Batraz esit. Non poteva esserci nessun vincitore. Il barbaro avrebbe perso la vita, lui avrebbe perso il monaco. Nessun vincitore, nessuna piet. Con la coda dell'occhio vide Farnag immobile, l'arco teso. Sollev poco per volta la spada. Una finta, per permettere a Farnag di colpire. Prima che il barbaro sgozzasse il prete. Forse. Poi, con un violento colpo di reni, Ertegul liber un braccio dalla stretta del barbaro. Nella sua mano, il pugnale. Lo affond nel fianco del gigante. Fino all'elsa. III La luce declinava mentre i cavalieri trascinavano i cadaveri dei barbari, ammucchiandoli in un cumulo al di l del bosco. Sulla neve rimasero larghe chiazze di sangue ghiacciato, frammenti di scudi, spade spezzate. Ci accampiamo qui? Farnag si accoccol di fronte al suo capo. Batraz sedeva con la schiena appoggiata a un tronco, il ginocchio fasciato. La voce dell'amico lo riscosse dai suoi pensieri. Annu. Dobbiamo curare i feriti. E potrebbe non essere finita. Credi che torneranno? Non credo. Penso fosse una banda isolata. E abbiamo ucciso il loro capo. Farnag si lasci cadere sulla neve, sfilandosi l'elmo. Abbiamo bisogno di riposare. Fiut l'aria. Qualcuno aveva preparato un focolare in un cerchio di pietre, dove stava arrostendo un coniglio selvatico. E di mangiare aggiunse. Siamo stati

fortunati. Solo feriti. Sette. Come sta Yaguz? Bene. Nessun osso rotto. Dodoi lo ha medicato con le erbe che mi ha dato la tua donna. Non la mia donna. Perch una puttana? Farnag scroll le spalle. Quando uso una spada, la mia spada. Quando incontro la morte, la mia morte. E quando sto con una donna, la mia donna. una buona filosofia. l'unica che conosco. Sei tu quello che sa leggere. Non colpa mia. Mi insegn mio padre. A leggere. Era stato anche lui con i Romani. Cos, quando ero ragazzo, mi fece leggere i suoi libri. Aveva Virgilio, Catullo. Seneca. Chi sono? Poeti. Filosofi. Tacquero, osservando il coniglio che sfrigolava sullo spiedo mentre scendeva la sera. C'era odore di carne nell'aria, e di erbe. Farnag si slacci una fiasca dalla cintura, tendendola all'amico. Vino. Viene dalla Grecia. Il vino aveva un sapore forte, di resina e legno. Si passarono la fiasca, senza parlare. Ho avuto una visione disse Batraz, rompendo il silenzio. Una visione? Quando il loro capo mi ha ferito. stato come se il tempo si fosse fermato. Batraz stese la mano per prendere la fiasca. Ne bevve un lungo sorso. Da uno squarcio tra le nubi la luna illuminava la neve e i rami delle querce. Ho sentito la voce di mio padre. Il dolore una luce che brucia il corpo e rende pi limpidi i pensieri. Diceva cos. Ed era la sua voce. Bevve ancora. Era la frase che ripeteva ogni volta, quando m'insegnava a battermi. Voleva che non temessi il dolore. Una frase da filosofo. Gli occhi di Batraz erano fissi sul fuoco. Sul suo volto danzavano i riflessi delle fiamme. Era la sua voce ripet. E poi tutto si fermato. Si volt verso Farnag. Tutto. Vedevo te, le spade in mano. La neve immobile nell'aria. Anche il sangue che sprizzava dalla mia ferita. Immobile. Sospeso. E il barbaro teneva la mazza sulla mia testa. Pronto a farmela a pezzi. Aveva la bocca spalancata e ferma, come un cadavere. Poi ho risentito mio padre. Il dolore una luce che brucia il corpo e rende pi limpidi i pensieri. Una voce era risuonata alle loro spalle. Si voltarono bruscamente. Ertegul li guardava, le braccia conserte. Nel chiarore del fuoco il suo volto era una lama rossastra. Farnag si alz lentamente in piedi. Ci spii, monaco? Una risata sommessa. Lo diceva anche mio padre.

Pure lui voleva che non temessi il dolore. Il monaco guard a lungo Batraz. Dio ci ha protetti, oggi. Sono state le spade a proteggerci. E il coraggio. Quando sar il tempo dell'Anticristo il coraggio non baster. Ci sar una pioggia di fuoco e nel cielo appariranno grandi bestie. Allora avremo pi carne da mangiare sorrise Farnag. Ertegul li fiss entrambi. Conservate il vostro coraggio. Ne avrete bisogno prima che sia tutto finito. Si allontan nell'ombra degli alberi. Il Dio dei Cristiani fa male agli uomini, se li rende cos. Farnag torn a sedersi. Preferisco le tue visioni. Forse sar stato il furore della battaglia. Forse. C' qualcosa che non mi hai raccontato. Batraz spost la gamba ferita. Il ginocchio pulsava, nonostante l'impacco di erbe. Si accoccol a terra accanto al fuoco, strappando un brandello di carne dal coniglio. Mastic lentamente. C' qualcosa che non ti ho raccontato disse, senza voltarsi. Tutto era immobile nella mia visione. Ma c'era un cane. Un mastino nero, che aggrediva il barbaro. Poi le cose hanno ricominciato a muoversi. E il cane scomparso. Hai sognato durante la battaglia. Non molto prudente. Se era un sogno non stato il primo. Avevo gi visto quel cane. La notte scorsa. Farnag si avvicin al fuoco. Simargl. Il cane alato. un presagio. Frug a lungo nelle braci con il coltello finch la punta divenne rossa.Un presagio di morte. Ho avuto paura di morire, oggi. Batraz sfior il sacchetto di pelle che gli pendeva dal collo. Io ho sempre paura quando combatto. Credo sia giusto. Anche io. Ma oggi ero certo di morire. Farnag fiss la lama incandescente. Forse il presagio non era per te. IV Ripartirono poco dopo l'alba. La nebbia era nuovamente scesa a cancellare la pianura e il respiro si condensava in nuvole biancastre. Andavano in un'uniformit livida, un cunicolo di neve e nebbia, dove ciascuno vedeva solo il cavaliere che lo precedeva. Il vento talora si alzava, fischiando, poi taceva e nel silenzio risuonavano i tonfi soffici degli zoccoli. Nessuno parlava. Di tanto in tanto, ai margini dello sguardo, pareva di intravedere forme in movimento, grigio su grigio, bianco su bianco. Sei certo che sia la direzione giusta? La barba di Farnag era incrostata di aghi di gelo. Cavalchiamo da ore. Batraz teneva gli occhi fissi nella nebbia, come a

seguire un'invisibile traccia. Gli uomini sono preoccupati? Sono inquieti. Se gli Unni avessero voluto, li avremmo gi avuti addosso. Farnag scosse la testa. Non hanno paura dei barbari. Dicono che c' qualcosa nella nebbia. Qualcosa che ci accompagna. Quello che ci accompagna la morte. Batraz affond i talloni nei fianchi del sauro, allontanandosi dall'amico. Dolore alla gamba ferita. La portiamo con noi. Non dobbiamo temerla. Rimase solo, in testa alla colonna. Quello che non poteva dire che, da quando si erano messi in cammino, era tornato a sentire il dolore alla nuca, profondo, pulsante, e davanti a lui era ricomparso, silenzioso, il mastino nero del sogno. Avanzava sicuro nella nebbia, talvolta si girava come per controllare che lui lo stesse seguendo. Lui lo seguiva. Continuarono a cavalcare. Un odore di fumo, sempre pi intenso. Batraz alz la destra per arrestare la colonna. Il cane nero era scomparso, e in lontananza s'intravedeva un bagliore rossastro. Qualcosa brucia pi avanti. Farnag si accost. Dovrebbero esserci dei villaggi. Cos hanno detto i pescatori ad Apollonia. Batraz annu, poi diede il segnale di tornare ad avanzare. V Il villaggio era un pugno di capanne di paglia e di legno. Quando lo raggiunsero, gli ultimi focolai dell'incendio si stavano spegnendo, soffocati dalla neve. Al fumo si sovrapponeva un sentore di carne bruciata. Batraz avvert una contrazione alla bocca dello stomaco. Fame, disgusto, piet. Furore. Scavalcavano cadaveri di contadini. Gente vestita di cenci; nella schiena, le aste delle frecce che ne avevano interrotto la fuga. Un bambino giaceva bocconi accanto a una brocca in frantumi. Non aveva tracce di ferite ma, quando Batraz smont per voltarne il corpo, lo sent gelido. Guard quel viso sottile e bianco, poi, col palmo della mano, delicatamente, gli chiuse gli occhi. Gli Unni. Sotto la maschera di ghiaccio il volto di Farnag era rigido. Ci precedono di poche ore. Calci via da un cadavere un tizzone morente. Una pioggia di scintille si spense nella neve. Hanno ucciso anche le donne e i bambini. Hanno paura di noi. Non hanno perso tempo a recuperare le frecce. Batraz si rialz, indicando i cadaveri. Sono Sarmati. Forse della trib dei Roxolani.

Fratelli. La contrazione al ventre si fece pi forte. Frugate qui intorno. Cercate i superstiti. Cercate! Si volt, incontrando lo sguardo di Ertegul. Il monaco, ancora a cavallo, osservava la scena senza alcuna espressione. Vieni qui, prete. C' del lavoro per te. Prega per questi morti. Ertegul lo fiss da sotto il cappuccio. Che t'importa? Sono pagani. Continueranno a bruciare per l'eternit. Con un gesto brutale Batraz afferr le redini della giumenta bianca. Sfoder la spada, appoggiandone la punta sul petto del monaco. Smonta. E prega per loro. O nessun messo arriver a Durostorum. Ertegul si lasci scivolare a terra, fissando Batraz oltre la lama che li separava. Perch un pagano vuole che il Dio dei Cristiani perdoni altri pagani? Batraz esercit una pressione maggiore sulla spada. La tunica del monaco si lacer, arrossandosi. Prega per loro, prete. Il tuo imperatore lo sapr. Tu prega. Il monaco si frug nella veste, estraendone una croce dorata. Lanci un ultimo sguardo a Batraz e si avvicin al bambino. Dio degli spiriti e di ogni carne, che calpestasti la morte e annientasti il diavolo e donasti la vita al tuo mondo... Si chin sul corpo per sfiorarne la fronte, poi si allontan, mentre il mormorio si perdeva. Nella luce lattiginosa, l'unico suono era il belare di una capra. Mentre gli uomini frugavano le capanne, Batraz camminava tra i morti, lividi come ghiaccio profondo. Non c'erano pensieri, in lui. Si ferm al limitare del villaggio. Verso settentrione, una capanna isolata appariva e scompariva nella nebbia. Improvvisa come un tradimento, una fitta gli artigli la nuca. Cadde in ginocchio, sopraffatto dal dolore e dalla nausea. Per un attimo fu cieco, poi, lentamente, torn a vedere; prima il biancore della pianura, poi un movimento scuro alla sua destra. La vista gli si schiar, mentre il dolore iniziava a diminuire. Laggi, di fronte alla capanna, stava accucciato il cane nero. Batraz si rialz faticosamente. Doveva affrettarsi. Il mastino lo stava attendendo. La capanna era stata in parte risparmiata dalle fiamme. Il tetto di zolle di terra era crollato e la porta sfondata. Sulla soglia giaceva il corpo di un vecchio, le dita rapprese attorno a un forcone di legno. Non aveva pi volto, il cranio sfondato da un colpo di mazza. Batraz scavalc il cadavere, sfiorando il cane, immobile accanto al corpo. Ne sent il fiato caldo sulla pelle. Non si fece domande. L'interno era immerso nella penombra. Misere suppellettili schiantate dalla furia: un mestolo di legno, un'anfora, una ghirba di pelle. Chinandosi, Batraz raccolse un frammento di vetro verde. Un porta unguenti, da cui emanava ancora un intenso profumo di sandalo. Un oggetto privo di senso in quel luogo.

Nessuno. Non c'era nessuno. Si volt per uscire. Sulla soglia, il mastino era in piedi, gli occhi scuri fissi nei suoi. Batraz fece un passo, e il cane silenziosamente gli mostr i denti. Non vuole che esca. Non vuole che esca senza aver trovato qualcosa. Quel pensiero gli parve estraneo, venuto da altrove. Poi si volt e prese a frugare tra la paglia e le rovine. Sent qualcosa di tiepido ed elastico sotto le dita. Con un gesto impaziente scost i detriti. Pi che vedere, percep un corpo accovacciato nell'oscurit dell'angolo pi lontano. Allung una mano. Un gemito, il mugolio di una bestia in trappola. Non temere sussurr. Aveva parlato nel suo dialetto. Non ti voglio fare del male aggiunse in latino. Nel buio il corpo si ritrasse ancora, sgusciando a destra. Uno scalpiccio, un movimento convulso, poi Batraz tese il braccio e la sua mano si chiuse su un seno di donna. La teneva, ora, un corpo morbido e duro, gelido e bollente. La donna si divincol con violenza, mordendogli la mano, poi s'accasci d'un tratto contro di lui, come un corpo morto. Batraz usc nel chiarore cinereo del giorno, sorreggendola tra le braccia. Il cane era scomparso e lui, senza stupore, fece ancora qualche passo, poi pos la donna sulla neve. La esamin rapidamente: bionda, minuta. Giovane. Nessuna ferita, solo un taglio superficiale su una spalla. Strisce di tintura azzurra sul volto e sul corpo nudo. Chiazze di sangue rappreso sulle cosce. La frizion con neve fresca avvolgendola a mano a mano nel suo mantello. Un rumore attutito di passi. Il giovane Dodoi stava correndo verso di lui, in mano la bisaccia con le erbe medicinali. VI
Durostorum, Mesia Inferiore. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, XI giorno prima delle Calende di gennaio. [22 dicembre 376 d.C.]

Massimo si affacci alla porta decumana, di fronte alla pianura innevata. Da l doveva venire il messo dell'imperatore. Che arrivasse, non dubitava. Quando, settimane prima, il comes Lupicino era giunto inatteso a Durostorum per parlargli, la sua idea gli era parsa eccellente. Inevitabile, anzi. I Goti avrebbero attraversato il Danubio, aveva detto il comes; era certo, perch l'imperatore aveva bisogno di soldati per la campagna contro Sapore. Metti insieme le due cose, Massimo. Soldati a buon mercato, denaro dalle province, che saranno felici di tenersi gli uomini validi. L'imperatore

non sapr resistere alla richiesta di Fritigerno. E questo... questo ci sar molto utile. Definitivamente utile. E intanto, per te, c' anche la possibilit di fare qualche affare con questi barbari. Avranno bisogno di cibo e il prezzo lo stabilirai tu. Politica, aveva pensato Massimo, ammirato. Questa politica. Arte del governo. E io ci sono dentro. Ricorda per, aveva aggiunto Lupicino, che bisogna sempre controllare il gioco: se tu riuscissi a catturare qualche capo... Fritigerno o Alavivo, sarebbe meglio. Cos, lui aveva inviato Dalmatico ad Antiochia, con quel barbaro, e ora attendeva la decisione dell'imperatore. Nel frattempo, i suoi uomini pi fedeli avevano accumulato viveri in un deposito segreto, dietro il valetudinarium, riducendo le razioni degli altri legionari. Viveri da vendere ai Goti. Al prezzo che lui avrebbe deciso. Ma non era riuscito a catturare nessuno. Aveva invece perso uno dei suoi uomini migliori, Marco. Doveva essere morto da tempo, ormai. E Lupicino non era pi l a consigliarlo. Era rientrato a Marcianopoli, a meridione. E lui era solo. Massimo aspettava. Il messo dell'imperatore tardava ad arrivare, mentre l'inverno era giunto. VII
Pianura della Mesia Inferiore. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, XI giorno prima delle Calende di gennaio. [22 dicembre 376 d.C.]

Non nevicava pi, ma il cielo era grigio come piombo. Avanzavano. La ragazza montava uno dei cavalli di scorta e, pur reggendosi a malapena in sella, cercava di tenere la schiena eretta, il volto ancora coperto di strisce azzurre. Batraz l'aveva vegliata fin quando aveva riaperto gli occhi. S'era ritratta con un gesto brusco, cercando di coprirsi, per poi rendersi conto che era ancora avvolta nel mantello del guerriero. Lo aveva guardato con sospetto, esitando ad accettare la ciotola di infuso che lui le tendeva. Poi aveva bevuto, lo aveva ancora fissato e, lentamente, aveva iniziato a raccontare. Gli Unni li avevano sorpresi durante la notte, poco prima dell'alba. Non cercavano bottino: volevano sangue, aveva detto. Lei si era salvata perch la sua capanna, prendendo fuoco, era crollata, imprigionandola tra le macerie: la paglia umida, sotto le zolle di terra del tetto, s'era spenta quasi subito. Gli Unni avevano ucciso gli uomini, massacrato i bambini, stuprato le donne.

Ma non si erano portati via niente, perch niente c'era da saccheggiare. Poi erano giunti anche alla sua capanna. Nel lungo silenzio che era seguito, Batraz aveva annuito lentamente. Non era il sangue degli abitanti del villaggio che gli Unni cercavano, ma il loro, il suo. Aveva sfiorato il suo talismano, chiedendo vendetta a Simargl, il diocane alato. Vendetta per quei poveri corpi devastati. Per le donne. Per i bambini. Vendetta e pace per loro, se le parole del Crocifisso erano vere e quei cadaveri erano stati abitati da un'anima. Vendetta e pace anche per la sua anima. In silenzio lei si era tolta il mantello che ancora l'avvolgeva, e aveva iniziato rabbiosamente a strofinarsi con la neve, come per eliminare ogni traccia. S'era pulita dal sangue che le macchiava le gambe e aveva indossato una tunica pesante. Ma non aveva cancellato le strisce azzurre dal viso. Batraz non le aveva fatto domande. Sapeva cosa significavano. Le tracce degli Unni erano ancora visibili. Batraz era rimontato in sella e, senza bisogno di ordini, i soldati avevano iniziato a seguire la pista. Lui aveva la mente piena di immagini: la giovane donna, il grifone di nome Simargl, dio della guerra. La croce del Cristo. Aveva scosso il capo rabbiosamente, per cacciare quei pensieri. Quella era l'ora della vendetta. Li raggiunsero al crepuscolo, mentre la nebbia iniziava a calare. Si sono accampati tra quelle rocce. Yaguz, in testa alla colonna, indic un gruppo di grandi macigni a settentrione. Pennacchi di fumo scuro salivano tra la foschia, come un segnale. Non possono averci visti. Farnag accenn all'orizzonte appena luminescente. No disse Batraz. La nebbia ci protegge ed gi quasi buio. Le rocce erano addossate a formare due collinette coperte di neve, alte una decina di pertiche, dalla sommit piatta e spoglia come una tavola. Tra i due rilievi, un passaggio angusto, una gola. quasi un fortino. Yaguz si pass la mano sulla barba canuta. Io avrei messo le sentinelle su una delle colline. Una sola. sufficiente per sorvegliare la gola. Possiamo deviare a sinistra, tra quegli alberi. Farnag parlava assorto, accarezzando il pomo della spada. Da l dovremmo raggiungere la collina senza essere visti. Fece una breve pausa. Forse ci saranno degli uomini anche all'imbocco del passaggio. Se ci fosse luce potremmo usare gli archi. Non credo che sprecheranno le sentinelle, stanotte disse Yaguz. Vorranno festeggiare la vittoria. Batraz alz gli occhi verso il cielo. Dal cielo sarebbe venuto Simargl, a guidarli. Stava mandando loro un segno: come la sera precedente, le nubi si andavano diradando. Ci sar abbastanza luce mormor. Poi si rivolse a Farnag. E tu salirai lass. Il sorriso di Farnag

balen nella penombra. Raggiunsero le rocce che era gi buio. Avevano abbandonato i mantelli, troppo visibili sulla neve, e affidato i cavalli e i feriti a Dodoi e alla ragazza, al riparo del folto di alberi brulli. Il monaco, che per tutto il pomeriggio aveva taciuto, li aveva guardati allontanarsi con un sorriso crudele. Attesero in silenzio, a una decina di passi dalla collina. Improvvisa si alz una folata gelida, che fece gemere i rami spogli. Si leva il vento. Farnag annus l'aria. Invisibile nel buio, Batraz annu lentamente. Simargl disperde la nebbia per noi. Simargl ripet Farnag. il momento. La luna illuminava la pianura, lasciando gli alberi nell'ombra. Uscirono dalla macchia uno per volta, accovacciandosi ai piedi del pendio. Le pareti della gola, a poche pertiche di distanza, riflettevano il bagliore dei fal e l'aria era piena di clamore. Cantano. Batraz sput nella neve, per liberarsi del sapore amaro che sentiva nella bocca. E si raccontano le imprese compiute nel villaggio. La vendetta era vicina. Era necessaria. Si pass una mano sul volto. Ma la pace non era l. Era un pensiero nuovo: la pace. Per loro non c'era pace, come non c'era Cristo. C'era solo un lavoro da portare a termine. E il dio alato della vendetta. Non si vedono sentinelle. La voce gli parve venire da lontano. Farnag aveva affondato le mani nella neve del pendio, tastando la roccia. Se conosco gli Unni, si sentiranno al sicuro. Avranno lasciato solo un uomo o due, proprio sopra di noi. La mano di Yaguz indic verso destra. L'altra collina troppo ripida e c' un ciglione che impedisce di vedere la gola. Farnag si volt verso Batraz, le sclere luccicanti nel buio. Tu che pensi? Si pu salire. Ma dovrete lasciare qui le corazze e le spade. Troppo pesanti. C' poca luce per tirare. La luna baster. E lass Batraz sollev lo sguardo c' un tratto piano, quasi una tettoia. Da l dominerete l'accampamento. Poi toccher a noi. Se ci sorprendono mentre saliamo... Batraz sorrise, scoprendo appena i denti. Io non mi muover finch non sarete arrivati. Allung una mano dietro la schiena e lentamente si sfil l'arco dalla spalla. Senza parlare, Farnag inizi a slacciarsi la corazza, imitato da altri sei uomini. Armati solo di archi e pugnali, iniziarono a scalare il pendio roccioso, mentre Batraz, la freccia incoccata, li seguiva con lo sguardo. I Sarmati salivano in un silenzio rotto solo dai loro respiri affannosi, i gambali affondati nella neve da cui sbucavano rari arbusti secchi, neri nella luce lunare. Quando furono circa a met dell'ascesa, uno dei catafratti mise un piede in fallo.

Batraz lo vide vacillare, cercare un nuovo appiglio e poi scivolare con entrambi i piedi, oscillare, le mani aggrappate alla roccia. Non un suono. Batraz poteva vedere la bocca dell'uomo spalancata, muta. Al suo fianco, Farnag tese il braccio, afferrandolo per la cintura e issandolo a forza fino a un nuovo appiglio. Nel silenzio, una cascata di sassi rovin in basso, rimbalzando con suono di grandine, lasciando nella neve una lunga traccia scura. Gli uomini si immobilizzarono, i corpi accostati alla parete, come lucertole d'inverno contro un muro gelido. Dopo pochi istanti, dal ciglio della collina si sporse una testa. Un sibilo. Batraz abbass l'arco, mentre la freccia si conficcava nell'occhio sinistro della sentinella. La testa spar senza un rumore, senza un grido. Gli uomini di Farnag ripresero la salita. Quando furono in cima, Farnag alz il braccio, in un lento segnale, e scomparve oltre il ciglio. Andiamo. Batraz estrasse la spada. Dieci uomini. Con lui undici. Sufficiunt. Aggirarono le rocce, fino all'imboccatura della gola. Un camminamento stretto, immerso nell'oscurit, che permetteva il passaggio di un uomo alla volta. Batraz alz la destra, e avanz da solo, verso il riverbero delle fiamme. Camminava nel buio, seguendo con le dita la parete di roccia. La neve scricchiolava sotto i suoi passi. Gli parve di sentire un respiro alle sue spalle, un ansito. Si volt, tese le mani. Non c'era nessuno. Riprese il cammino. Solo pochi passi ancora. L'accampamento era tranquillo. Gli Unni dormivano con i loro cavalli, al calore dei fuochi. Ne cont una trentina: i sopravvissuti dell'attacco del giorno prima. Molti portavano le ferite delle spade sarmate. Fu quasi stupito di non avvertire il dolore alla nuca. Nulla. Non c'erano cani neri a guidarlo. Nessun respiro alle sue spalle. Forse Simargl non lo avrebbe accompagnato, quella notte. Si sporse oltre la roccia. Verso settentrione, due uomini in piedi, gli archi in pugno. I pi pericolosi, perch per raggiungerli avrebbero dovuto attraversare tutto l'accampamento. A sinistra, un barbaro risaliva il sentiero verso il ciglio della collina. Lo vide arrestarsi e portare le mani a coppa attorno alla bocca. Un grido. Un richiamo per la vedetta. Cambio della guardia. Ma nessuno poteva rispondergli. Non con una freccia piantata nell'occhio sinistro. L'uomo chiam di nuovo. Silenzio. L'uomo estrasse la spada ricurva dalla cintura. Un terzo grido, verso l'accampamento. Gli Unni si mossero nel sonno. Alcuni si riscossero, torpidi, le armi nelle mani ancora molli, fissando l'uomo sul sentiero. Le due sentinelle a settentrione frugarono nelle faretre. Furono loro i primi a morire. Due frecce ciascuno, per sicurezza. Dalla collina gli uomini di Farnag, ginocchio a terra, prendevano la mira e

colpivano. Le ombre nella luce lunare erano lunghe e nere. Due ondate di frecce, tre. Gli uomini in piedi cadevano nel loro sangue, quelli ancora sdraiati morivano nel sonno, senza un gemito. Ora. Batraz alz la spada. Senza una voce, i Sarmati si scagliarono nell'accampamento, altre ombre nella luce della luna. Era un massacro. E un massacro era ci che Batraz desiderava. Negli occhi aveva ancora il bambino gelido che giaceva a terra nel villaggio distrutto. Il sangue sul corpo della ragazza. Mulin la spada in una serie di finte. Colp di taglio. And di punta con la corta daga che aveva tratto dalla cintura. Colpisci alla gola. La voce di suo padre. Alla gola o all'addome. Un ansito alle sue spalle gli disse che Simargl era giunto. Non c'era dolore nel suo corpo, quella volta. Rise, esilarato dal senso di potenza che avvertiva. La daga tagli una gola. La spada sventr un addome. Sangue. Il sangue la madre del mondo. I suoi uomini uccidevano. Per un istante vertiginoso, Batraz si domand se anche loro provassero la stessa esultanza che sentiva lui. Un altro affondo, un altro cadavere. Punta, taglio: la spada lavorava, come l'utensile di un fabbro, come il remo di un marinaio. questo il lavoro del soldato. A fermarlo fu il silenzio. Non udiva pi, alle spalle, il respiro del suo cane. Il suo cane? Si arrest, di fronte al cadavere di un barbaro. Non c'erano pi nemici davanti a lui. La lama era rossa di sangue, l'impugnatura scivolosa. Si asciug la mano sulla tunica, guardandosi intorno. Gli Unni giacevano nella neve, come animali macellati, e anche la neve era rossa. L'euforia dentro di lui si era placata e per un momento Batraz si sent invadere da uno sfinimento denso come la tristezza, lo stesso provato, a volte, dopo l'amore. Omne animal post coitum triste. Aristotele, diceva suo padre. Forse. E forse uccidere come fare all'amore. Se Farnag avesse saputo che cosa stava pensando, avrebbe riso di lui. Se Farnag avesse saputo che s'era fermato a pensare sul campo di battaglia, si sarebbe battuto con lui. Nell'oscurit rotta dalla luna, un'ombra si aggirava tra i morti, silenziosa come un gatto. Si accost a un barbaro morente, che gemeva contro il cielo. Un riflesso metallico. Una lama che passava sulla gola dell'Unno. Il barbaro tacque. La ragazza. La ragazza, che passava da un corpo all'altro. Che tagliava la gola a chi ancora viveva. Non so nemmeno come si chiama, pens Batraz.

ARRIVI
I
Durostorum, Mesia Inferiore. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, IX giorno prima delle Calende di gennaio. [24 dicembre 376 d.C.]

Il servo dest Massimo all'alba, scuotendolo per una spalla. Dalla finestra fluivano i suoni del risveglio: il vocio dei legionari, il berciare di un sottufficiale, i primi colpi di martello del fabbro. E l'odore del pane. Era il giorno del pane fresco. Massimo apr gli occhi col desiderio di battere quell'inetto. Doveva svegliarlo proprio in quel momento, mentre sognava di ritrovarsi a Roma, nel profumo di pini del colle di Giano? Si mise a sedere, senza comprendere quel che gli diceva. Taci grugn. E portami del vino. Di fronte all'esitazione del servo, lo colp sulla bocca col dorso della mano. Va' grid, asciugandosi le dita chiazzate di sangue. Era vecchio e maldestro, quel servo. Lo seguiva fin da quando era bambino e si prendeva troppe libert. Massimo si pass le dita tra i capelli arruffati, braccando il dolore che gli cerchiava la testa. Era tempo di cacciarlo. O tempo che morisse. Vuot avidamente la coppa e se ne fece riempire un'altra. Si sciacqu la bocca, sputando sul pavimento. Aveva bevuto molto, la sera prima, come gli accadeva da qualche tempo. Nostalgia di Roma. Odio per il luogo in cui era confinato: il fiume greve, l'afoso fiato dell'estate, il gelo invernale che gli mordeva le ossa. Ma, si Deo placet, presto sarebbe stato a Roma. O a Costantinopoli. Fiss il servo, gli occhi ancora impastati di sonno. Che vuoi? Stanno arrivando sussurr il vecchio. Stupido! Massimo lo colp un'altra volta, furioso. Il sangue che gli vide scorrere dal labbro spaccato fu una piccola consolazione. Dell'acqua, presto. E la mia tunica. Li avrebbe attesi nelle sue stanze. Le stanze del dux. L'inviato di Valente poteva essere chiunque: un semplice messaggero, lo stesso Dalmatico, che recava il no dell'imperatore. E allora il piano del comes Lupicino sarebbe andato in fumo. Niente soldati per l'impero, niente prospettive di carriera. Niente denaro, e tutto quel cibo sottratto alla mensa dei castra e nascosto nei depositi, quel cibo da vendere a caro prezzo ai Goti, sarebbe restato l a

marcire. Non si poteva fare come se nulla fosse accaduto. E se invece l'inviato fosse stato un plenipotenziario di Valente, venuto a dettare le condizioni del passaggio del fiume? Un uomo importante, certo da ingraziarsi, magari da coinvolgere nell'affare. E forse non solo in quello. Massimo bevve un altro sorso di vino, poi scagli la coppa per terra. Che tutto sia pulito al mio ritorno! Usc, nell'aria gelida del mattino. La colonna era in vista, a poche centinaia di passi dalla porta decumana, nella giornata insperatamente limpida. La pianura era bianca fino all'orizzonte, chiuso a occidente dalla foresta, e il freddo azzannava le carni. Massimo si pent subito di essere uscito ad accogliere i nuovi arrivati. Quello che vedeva era un ben misero seguito: una ventina di cavalieri in armatura. Barbari, probabilmente. Nell'impero i veri Romani erano sempre di meno: solo barbari, solo possibili traditori. Le cose avevano preso una brutta piega ed era tempo di cambiarle. I barbari erano necessari, ma dovevano obbedire. Lavorare e obbedire. Erano di un'altra razza, e ora invadevano l'impero con le loro voci grevi, i loro costumi grotteschi. E pretendevano di essere trattati come uomini. Ma per lui presto sarebbe stato tempo di ritornare al tepore di Roma, tra i suoi simili, con una buona provvista di oro e argento. O a Costantinopoli, vestendo, perch no, la porpora senatoriale. Se Dio avesse voluto, se Sebastiano, se Lupicino... I cavalieri portavano scudi neri, senza il monogramma di Cristo. Qualcosa si mosse nella sua mente: un ricordo inquietante, un timore, che scacci con rabbia. Era un brutto giorno per l'arrivo del legato imperiale: troppo vino, la testa che doleva, brutti ricordi. Uno dei cavalieri iss l'insegna. Massimo socchiuse gli occhi nel riverbero che il sole nascente traeva dalla neve. Il vessillifero aveva sul capo e sulle spalle una pelle di lupo, ma era di un serpente la statuetta bronzea che luccicava in cima all'asta. Il drago, gli scudi privi d'insegna. Massimo trattenne a stento una bestemmia verso il suo Dio, che gli portava quei visitatori. Il dragone dei Sarmati: gli uomini della schola palatina. E quello privo di insegne, che cavalcava tra gli altri come un semplice soldato, quello alto, quasi un gigante, quello non poteva che essere Batraz, l'Uccisore. II Dopo l'assalto al campo dei barbari, i catafratti avevano cavalcato tutta la notte attraverso la pianura uniforme, seguendo le indicazioni della ragazza, che procedeva sicura e silenziosa, guidata solo dalle stelle, luminose come fiaccole nel cielo sgombro di nubi.

Ti fidi di lei? Nel buio illuminato dalla neve, Farnag s'era affiancato all'amico. Hai visto cos' capace di fare. Potrebbe guidarci in un'imboscata. Era rabbrividito. E quei segni azzurri sul volto... una sacerdotessa. Forse una maga. Batraz aveva continuato a cavalcare, gli occhi fissi sulla donna. Mia madre era una sacerdotessa. Aveva fatto una pausa, poi s'era voltato verso Farnag. Mi fido di lei aveva detto infine. Non sappiamo nemmeno come si chiama. Si chiama Leimeie. Farnag aveva annuito e taciuto. Oltrepassarono la porta decumana, fradici di neve, stremati, accolti dai legionari con sguardi diffidenti. La guardia personale dell'imperatore. Uomini taciturni, che combattevano con due spade. Uomini pericolosi. Dodoi si lasci scivolare a terra, pieg il dorso, le mani sulle ginocchia, poi si rialz, respirando profondamente, e tese la mano a Yaguz. L'uomo smont con cautela, attento al braccio ferito, sospeso al collo da un telo impregnato di sangue. Ancora in sella, Batraz si guard attorno, valutando le mura alte, ben commesse. Tutto sembrava in ordine. Lucide le armi dei legionari di guardia, ben nutriti i cavalli nelle stalle. Per gli uomini erano pochi, sebbene Durostorum, in quel momento, fosse il luogo pi importante dell'impero. Se i Goti avessero attraversato il Danubio, controllarli sarebbe stato un duro lavoro. Un legionario gli si avvicin, afferrando le redini del cavallo. Il tuo cavallo come la tua spada. Solo tuo, come la tua donna. Con un gesto ruvido, Batraz scost la mano del soldato. Il cavallo scart bruscamente, mentre l'uomo faceva due passi indietro, gli occhi incupiti. Il Sarmata smont, facendo forza sulla gamba ferita. A un suo cenno, Dodoi si accost alla donna per aiutarla a scendere. La ragazza gli appoggi le mani sulle spalle e, mentre lui la sorreggeva per la vita, la tunica le scopr, per un istante, la pelle luminosa delle cosce. Batraz distolse gli occhi, voltandosi infine verso il dux, che attendeva in piedi, al centro della corte. Conosceva bene quel volto, anche se non lo vedeva da anni. L'uomo gli rivolse un sorriso aguzzo, sottile. Salute a te, magister scholae palatinae. Ti saluto, Massimo. Non m'aspettavo d'incontrarti qui. Lo so. passato molto tempo. Toummara. Batraz fece una lunga pausa. Sul Tigri. Tredici anni fa. Si sfil l'elmo, appoggiandolo sulla sella. Ricordi? Le rocce, il deserto. Avevamo le corazze rosse d'argilla. Con la destra scost il

mantello, scoprendo la spada appesa alla cintura. E anche allora portavo questa. La spada che mi aveva donato lui, Giuliano. Tu hai ancora la tua? Si fissarono, il capo della guardia dell'imperatore e il dux. Immobili, tra gli uomini che a poco a poco tacevano e tornavano a dividersi in due gruppi, fronteggiandosi in un largo cerchio. Farnag avanz cautamente, arrestandosi a qualche passo da Batraz, la mano appoggiata con noncuranza sull'elsa della spada. Sorrise, girando lo sguardo sui suoi uomini. I catafratti sfoderarono lentamente le spade. A un cenno di Yaguz, Dadakos, un guerriero alto, dai lunghi capelli legati in una coda di cavallo, si sfil l'arco dalle spalle, incoccandovi una freccia. Senza voltarsi, Batraz alz la destra e Dadakos abbass l'arco, puntandolo verso terra. Si fece silenzio, mentre dai castra arrivarono altri legionari al comando di un tribuno, le spade sguainate, che si disposero ai fianchi di Massimo. Al bordo del grande cerchio di uomini, Ertegul, il volto coperto dal cappuccio, attendeva, ancora a cavallo, le redini lasciate lente sul collo dell'animale. Il silenzio dur a lungo, poi Massimo si pass una mano sul volto. un ricordo doloroso quello che tu richiami. Guard a terra. La morte di un imperatore. Batraz si gir per sfilare la sella dal dorso del cavallo, dando la schiena al dux. Non so perdonarmi di non aver insistito perch indossasse la corazza, quel mattino. Massimo seguiva ogni movimento del Sarmata. Era un uomo coraggioso. Batraz si caric la sella sulla spalla. Si volt lentamente. Giuliano era un uomo. E questo non si pu dire di molti. Si avvi verso gli alloggiamenti, facendosi strada tra i legionari. Alle sue spalle, Farnag irrigid la mano sull'elsa della spada, mentre l'arco di Dadakos tornava a sollevarsi. A un ordine di Massimo i legionari si scostarono, aprendo un varco. Che cosa intendi dire, magister scholae palatinae? Il tono di Massimo era ruvido. O devo chiamarti Batraz l'Uccisore? Batraz lo fiss, il viso calmo. Puoi chiamarmi come vuoi, Massimo. Io non intendo nulla. E tu, invece? Ancora silenzio, mentre il tribuno cercava lo sguardo di Massimo, in attesa di un ordine. Poi, la voce di Ertegul. L'imperatore Giuliano era un pagano. Il monaco smont. Abbass il cappuccio e apr il mantello, mostrando la croce che portava sul petto. Per questo i Cristiani lo hanno chiamato l'Apostata. Se avesse creduto nel vero Dio, Dio non ne avrebbe permesso la morte. Si avvicin a Massimo. Le sue labbra sottili si schiusero appena. Ti saluto, dux, e ti porto la parola dell'imperatore. Massimo lo fiss con stupore, poi pieg un ginocchio nella neve, il capo chino. Abba. Il sole stava salendo nel cielo. Abba ripet Massimo, benedicimi nel nome del Cristo. Un sorriso stir il volto magro di Ertegul, senza arrivare agli occhi. Il monaco impart una lenta benedizione e per un momento l'ombra della sua mano nascose il volto di Massimo.

Il tribuno grid un ordine e i legionari iniziarono a disperdersi, mentre Farnag, con un lungo sospiro, mollava l'impugnatura della spada. Si guard il palmo della mano, dove l'elsa aveva lasciato una lunga traccia rossa. Andiamo disse ai suoi uomini. Abbiamo bisogno di riposare. Il dux si rialz. lui l'uomo che attendevi, Massimo. Batraz aveva osservato la scena senza parlare. La sua risata fu amara. lui il messo dell'imperatore.

DECISIONI
Numina in somno sunt sed non pereunt. I
Durostorum, Mesia Inferiore. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, VIII giorno prima delle Calende di gennaio. [25 dicembre 376 d.C.]

Mattino. La spianata di fronte alla porta pretoria, quella che d'estate i Romani usavano per le esercitazioni, era stata ripulita dalla neve, ma l'umidit della notte aveva lasciato sull'erba un sottile strato di brina che scricchiolava sotto gli stivali dei legionari. I carpentieri avevano lavorato fino all'alba per preparare un palco di legno, su cui erano stati appoggiati gli sgabelli per Ertegul e per il dux. Un altro sgabello, pi basso, avrebbe accolto Fritigerno. Non c'era bisogno di un interprete: il monaco ricordava bene la lingua dei suoi padri e il latino del re dei Tervingi sarebbe stato sufficiente per Massimo. Alle spalle del palco erano schierati da ore uomini in armi, agli ordini di un tribuno. Ertegul era chiuso dall'alba nelle stanze del pretorio, insieme a Massimo. Ne sarebbe uscito solo dopo l'arrivo di Fritigerno. Sulla passerella che costeggiava le mura dei castra, Batraz attendeva, avvolto nel mantello, le mani appoggiate sulle larghe pietre, grigie come il cielo di quella mattina. Il sole del giorno prima era stato una breve illusione e dalla foresta a occidente gi saliva lenta la nebbia. Di fronte alla porta pretoria il Danubio scorreva rapido. Dalla sponda opposta era appena salpata una larga barca dal fondo piatto, priva di insegne, che ora avanzava faticosamente sul fiume ingrossato dalle nevicate. Quattro uomini facevano forza sui remi, mentre altri quattro, le lunghe pertiche pronte, attendevano di raggiungere acque meno profonde. A poppa era tesa una spessa tenda grigia, che ricadeva fin sul pagliolato; Fritigerno, pens Batraz, era l. Si accorse con stupore di non provare nulla: n aspettazione n curiosit. Attendeva. Un suono di passi lungo le mura. Batraz continu a seguire con lo sguardo la barca, che faticava a tenere la tozza prua verso la riva meridionale. Ho pensato che ci avrebbe fatto bene. Farnag gli si accost, i capelli rossi raccolti da un nastro, tendendogli la fiasca.

Ancora il tuo vino greco. una buona idea. l'ultimo. Ma nei depositi ho visto delle anfore di vino delle Gallie. Farnag sogghign. Massimo sar felice di condividerlo con gli uomini della guardia palatina. Ammicc. In verit, tre anfore sono gi nella nostra camerata. Ce ne siamo occupati io e Dodoi. Bene. Farnag si sporse, osservando il fiume. Ed ecco l'ospite del monaco. per lui che siamo qui. E chiss per quanto ci resteremo. Per un momento, nei pensieri di Batraz comparve il volto di Marpessa, cos come l'aveva visto l'ultima volta, gli occhi oscuri nella luce delle candele. Sei preoccupato? Fritigerno sta arrivando. Ertegul porr le sue condizioni e Fritigerno le accetter. Non pu fare altrimenti. E i Goti entreranno nell'impero. Ci siamo entrati anche noi, molti anni fa. E ora ci chiamano Romani. Almeno qualcuno. Batraz scosse il capo. diverso. Noi eravamo diversi. Questa la fine dell'impero. La fine di Roma. Nel parlare si rese conto che quel che diceva era vero. Quel mattino, quelle nubi grigie gonfie di neve, quella barca che beccheggiava sul fiume imbarcando acqua erano il segno di un tempo nuovo, che nessuno poteva prevedere. E lui era laggi, ai confini del mondo, a vedere l'inizio di quel tempo. E quel tempo poteva significare la fine di ci che lui conosceva. Fu sorpreso da quel pensiero. Lo scacci. Lui era un soldato. Non un politico. Non un filosofo. Tutti sono diversi, all'inizio. Farnag scroll le spalle. Tutti sono stranieri, barbari, finch non arrivano a Roma. Poi ci sar chi sposer una donna di Antiochia o un legionario di Cuma. Bevve un lungo sorso di vino. E i loro figli saranno Romani. Forse l'unico modo in cui l'impero pu sopravvivere. Dammi la fiasca. Batraz annu. Forse hai ragione tu. Roma vecchia. E anche Costantinopoli. C' bisogno di sangue nuovo. Vers qualche goccia di vino sulla passerella. Libiamo agli dei, allora, e al sangue nuovo. Sorrise, lo sguardo distante. Che laver via il nostro dal mondo. La barca era arrivata al centro del fiume e i rematori lottavano contro un vortice greve di rami spezzati. Cosa c' tra te e Massimo? una storia lunga. Abbiamo tempo. Se vuoi. Batraz inarc un sopracciglio. Eravamo insieme, durante la campagna dell'imperatore Giuliano contro i Persiani. Incresp le labbra in un sorriso ironico. C' sempre una campagna contro i Persiani. L'impero ha bisogno di avversari, per sopravvivere. Tacque, osservando i rematori che cercavano di superare il gorgo. Amici riprese.

Eravamo amici. Entrambi guardie personali di Giuliano. Farnag ascoltava in silenzio. Era raro che Batraz parlasse di s. Si doveva tacere. Tu eri rimasto in Gallia, a Lutezia. Batraz ebbe un lieve sorriso. La mia cara Lutezia, la chiamava Giuliano. Ponti di legno e acque purissime, diceva. Cos me la ricordo anche io. Non cambiata sussurr Farnag. buono il vino di quelle viti. E io invece lo seguii. Prima a Sirmio, poi a Costantinopoli. Fu l che conobbi Massimo. Era un giovane ufficiale, appena arrivato da Roma. Ma eravamo giovani tutti, allora. Eravamo giovani. Batraz sembr non aver sentito. Andammo ad Antiochia. All'inizio andava tutto bene. Giuliano era un uomo, ho detto. Un uomo singolare, che parlava anche con la gente del popolo. Ma lui credeva ancora nei vecchi dei. In Mithra, soprattutto. Non amava i Cristiani. E Massimo, in quei mesi, s'era convertito, proprio ad Antiochia. Non lo disse all'imperatore e mi fece giurare di non parlarne. E io Batraz chin il capo, come se si fosse improvvisamente fatto pesante, io lo feci. Non dissi nulla. Tese la mano per prendere nuovamente la fiasca. Ad Antiochia, Giuliano cambi. Divenne trasandato, sospettoso. Era circondato da gente infida, sebbene lui avesse fatto del suo meglio, come sempre. Ma iniziava a non fidarsi pi di nessuno. Se non c'era Sallustio, tu lo conosci, il prefetto del pretorio d'Oriente, il filosofo... Se lui era assente, si fidava solo di me. E di Massimo. Una risata amara. Di Massimo. Un altro sorso di vino. Poi, qualcuno incendi il tempio di Apollo, in un bosco vicino alla citt. E Giuliano si convinse che erano stati i Cristiani. Non era del tutto in s, temo. E cos fece chiudere la Chiesa Grande di Antiochia e cacciare il vescovo. Ci furono problemi, tumulti, ma non cedette. Da allora, anche Massimo cambi. Aveva preso a frequentare la casa di Procopio, il cugino di Giuliano. Il ribelle? Colui che fu sconfitto da Valente? Batraz annu. S. All'epoca si diceva che fosse l'erede designato di Giuliano. E Massimo aveva iniziato a ingraziarselo. Batraz pieg appena le labbra. Una smorfia. Chi pu dirlo? Certo che spesso li si vedeva insieme. Procopio, Massimo e Sebastiano. Sebastiano? Lui. Il generale che qualche settimana fa ha tanto caldeggiato la richiesta di Fritigerno, durante il concistoro. Tocc a Farnag ora bere a lungo dalla fiasca. strano. Procopio, Sebastiano e Massimo. Tutti cristiani. Tutti amici. Procopio erede designato, mentre l'esercito elegge prima Gioviano e, alla sua morte, Valentiniano. Valentiniano che divide l'impero con il fratello Valente.

Procopio che si ribella e viene infine sconfitto. E ora, anche il nostro Massimo mi sembra molto favorevole al passaggio dei Goti. Come Sebastiano. Come Ertegul. Un altro cristiano. Dimentichi Lupicino. All'epoca della rivolta di Procopio appoggi Valente, ma si sempre sospettato che l'abbia fatto solo perch aveva capito chi avrebbe vinto. E anche Lupicino vuole i Goti nell'impero. Proprio cos. E il monaco? Lui, che c'entra? Non lo so. Credo che abbia un suo progetto. E non so quale. Ma un uomo pericoloso. Ed il primo consigliere dell'imperatore. Tacquero a lungo, ciascuno perso nei propri pensieri. Pensi a un complotto? Farnag parl senza guardare l'amico. Ci ho pensato. Ci penso. Un esercito di Goti agli ordini di Sebastiano. O di Lupicino. Per deporre Valente. Gli amici di Procopio che ne vendicano la morte. possibile. Anche se pi che la vendetta credo che desiderino il potere. Sono uomini. Che altro potrebbero desiderare? E in mezzo ci siamo noi. Le guardie dell'imperatore. I suoi uomini. E lui stesso ci ha mandati qui. Dovremmo essere con lui. Per difenderlo. Siamo pi utili qui. L'imperatore non sa nulla. Si fida del monaco e di Sebastiano. Ne ho parlato con Vittore. Con lui ad Antiochia, l'imperatore al sicuro. E io... E noi potremo controllare la situazione qui. Farnag sput oltre le mura. Politica! Odio la politica. Continua la tua storia. La mia storia... sentivo l'ostilit di Massimo verso Giuliano, ma pensavo che sarebbe passata. Che per un soldato la fedelt all'imperatore fosse pi importante della religione. Era il suo lavoro, fare il soldato. E un lavoro va fatto bene. Con dignit e con coerenza. La barca aveva superato il vortice e gli uomini frugavano nell'acqua con le pertiche, in cerca del fondo. Davanti alla porta pretoria, i legionari erano immobili, nel gelo mattutino, ma nei castra stava montando l'attesa. I volti erano tirati, pallidi. Anche il fabbro aveva lasciato il lavoro e si era accostato alla porta, spiando il fiume, le mani incrociate sul pesante grembiule di cuoio. Gli uomini di Batraz badavano ai loro cavalli, apparentemente indifferenti a quel che stava accadendo. Avevano per le spade alla cintura e gli archi erano riuniti in un fascio presso la porta delle scuderie. A portata di mano. E poi? domand Farnag. Sollevarono gli occhi contemporaneamente, come a un richiamo. Lungo la passerella, in lontananza, una figura avvolta in un mantello scuro veniva verso di loro. Un turbine improvviso di vento le sollev il cappuccio, scoprendo una lunga treccia bionda. Per un istante la ragazza vacill, sorpresa dall'aria gelida e vorticante. Poi il vento si chet e lei riprese il

cammino. Batraz indugi a osservarla. Leimeie disse. Sta venendo qui. Farnag lo afferr per un braccio. Continua disse con voce pressante. Parlami di Massimo. E dell'imperatore. La campagna and bene, all'inizio. Eravamo pi di sessantamila. Poi l'imperatore divise l'esercito. Met con lui, met con Sebastiano e Procopio. Io e Massimo andammo con lui, com'era naturale. C'era anche Vittore, al comando della retroguardia. Giuliano si fidava di noi, e io speravo che a quel punto, lontano dai suoi nuovi amici, Massimo sarebbe tornato quello di un tempo. Ma non fu cos. Comunque... comunque andavamo avanti. Vincevamo. Vidi Seleucia, il Tigri... sconfiggemmo i Persiani presso Ctesifonte, ma l ci fermammo. Non potevamo prendere la citt. Avremmo avuto bisogno delle truppe di Procopio, che doveva ricongiungersi con noi. Ma il tempo passava e lui non arrivava mai. Cos Giuliano decise di andargli incontro. Faceva caldo, un caldo atroce, e i Persiani ci attaccavano sui fianchi, poi sparivano. Incendiavano i campi e sparivano. Non avevamo pi cibo. Avevamo sete. La nostra, ormai, era diventata una ritirata. Sapore ci inseguiva da lontano, ma non accettava mai il combattimento. Ci faceva terra bruciata intorno. Ci spingeva via. Poi... Tacque bruscamente. Leimeie li aveva raggiunti. Li fiss senza parlare, poi prese la mano di Batraz e se la pos sul petto. Batraz la guard come se non la vedesse. Ritrasse la mano e lei rimase, immobile, di fronte a lui. Continua amico mio. Farnag fece un gesto verso di lei. E tu, donna, va', torna indietro. Lascia che resti disse bruscamente Batraz. Poi, con voce normale: Non c' nulla che non possa ascoltare. Farnag s'irrigid. Come tu desideri, magister. Fece una pausa. Il vento s'era fatto pi continuo e batteva gelido le mura. Continua, magister. Batraz lo osserv con un mezzo sorriso. Arrivammo presso Toummara riprese. E ci accampammo. Quel mattino ero nella sua tenda. Giuliano era cupo. Taciturno. Nella notte, mi disse, era stato visitato da uno spirito. Il Genius Publicus. Il Genio dell'impero. Lo stesso che gli era apparso a Lutezia, quando decise di prendere il potere. Stava l, ai piedi del letto da campo, il volto velato. Lo aveva guardato a lungo, senza parlare, e poi era svanito. Giuliano disse che il suo tempo era venuto. Fu allora che arriv Massimo, annunciando che la retroguardia era stata attaccata. Giuliano afferr la spada, uscendo di corsa. Lo seguii, gridandogli di indossare l'armatura. Mi voltai verso Massimo. Dov' l'armatura dell'Augusto, gli domandai. Sei tu che la custodisci. Ma lui fece mostra di non sentirmi. Lo afferrai per la veste. Dov', gridai. Ma Giuliano era gi montato a cavallo. Allora lasciai Massimo e corsi anche io al

mio cavallo, ma nel campo c'era confusione, e dovetti organizzare gli uomini. Cos, quando raggiunsi Giuliano... quando raggiunsi Giuliano, giaceva a terra, un giavellotto nel fianco. Mor il giorno dopo. Accusasti Massimo? La voce di Farnag era aspra. Si volt verso Leimeie. La ragazza fissava il fiume. La zattera era arrivata a poche pertiche dalla riva. Batraz annu, lo sguardo assorto. S. Lo accusai di fronte a Sallustio. Ma, pochi giorni dopo, Procopio e Sebastiano ci raggiunsero e lo presero sotto la loro protezione. Si riscosse. Fritigerno sta per approdare. E questa la storia. Acta est fabula. II Quando Fritigerno tocc terra, cap che quella non era soltanto la sponda opposta del fiume. Era un altro mondo. Annus l'aria, stupito di non trovarla diversa. Gli odori erano gli stessi del suo accampamento: l'aroma della zuppa che sobbolliva nelle caldaie, il lezzo di sudore e di tensione che saliva dai legionari schierati di fronte alla porta, il sentore dei cavalli proveniente dalle scuderie. Eppure c'era qualcosa di diverso. Ma non avrebbe saputo dire cosa. Sbarcando aveva lasciato che il manto di pelliccia d'orso mostrasse la cotta di maglia, lucidata per l'occasione, e la spada dall'elsa ricoperta di cuoio iberico. Quel colloquio di fronte alle mura di Durostorum era un rischio ma, anche se la spada e gli uomini che lo avevano accompagnato gli sarebbero serviti a poco, i Romani dovevano sapere che il re non giungeva disarmato. Ci sarebbe stato dopo il tempo di posare le armi, in omaggio alla sacralit dei colloqui. E pi tardi, anche per togliersi la corona. Il sottile cerchio d'oro gelido gli stringeva le tempie, dove il sangue bussava con colpi sordi. Si volt verso Alavivo, che lo seguiva a pochi passi, la bocca serrata in una smorfia sdegnosa. Non c'erano solo nemici all'esterno, pens, ma anche tra il suo popolo. Ma pure a quello avrebbe pensato dopo. Se un dopo ci fosse stato. Allontan con rabbia quelle riflessioni: adesso era il tempo di trattare. Si ferm, esitando, sulla riva del fiume, mentre i suoi uomini sedevano accanto alla barca tirata in secca. Alavivo taceva, chiuso in un silenzio ostile. Nessuno veniva ad accoglierli. Non accadeva nulla. Dai castra non giungeva alcun rumore e dietro il palco di legno i legionari rimanevano immobili e silenziosi. Alle spalle del tribuno, l'aquilifer, un africano scuro come la pece, era avvolto in una pelle d'orso e reggeva con la destra l'Aquila Imperiale dorata, con affisse le phalerae, i riconoscimenti al valore militare della Legione. Non ce n'era bisogno, pens Fritigerno. Lui lo conosceva fin troppo bene. Sul capo, l'aquilifer portava, come un elmo, la testa di un orso, zanne giallastre e spezzate sul nero del

volto del legionario. Il gigante accanto a lui aveva la pelle rosea e i capelli chiari. Un Britanno, forse. Portava una picca, su cui era fissato un drappo purpureo con la figura di un lupo che balzava in avanti. Vicino alla porta, un uomo con un grembiule di cuoio, certo un fabbro, le mani posate sul ventre prominente. Dietro le sue ampie spalle sporgeva il volto pallido d'un ragazzo con la fronte avvolta in una benda intrisa di sangue. Non accadeva nulla. Rimanevano gli odori, mescolati in quel particolare sentore che, solo allora Fritigerno cap, era l'odore di Roma. Per un istante, prov il desiderio di voltarsi e risalire sulla barca. Quell'odore, pens, lo avrebbe cambiato. Lo avrebbe reso diverso. Irritato con se stesso, spost un piede, trovando una posizione pi stabile. Attese. Qualcuno sarebbe venuto. Uno stormo di anatre tardive attravers lentamente il cielo, come una freccia verso meridione. Il fiume scorreva con un rombo attutito. Solo dopo un certo tempo, il tribuno si stacc dal gruppo dei legionari e venne verso di loro. Senza una parola, si fece consegnare le armi e li accompagn fino al palco. Indic lo sgabello. Continuando a fissare davanti a s, Fritigerno sedette, consapevole della presenza di Alavivo, in piedi alle sue spalle, inquieto, contrariato. Anche lui, ne era certo, guardava l'Aquila Imperiale. Trascorse altro tempo e un altro stormo di anatre solc il cielo. Infine, due figure uscirono lentamente dalla porta pretoria. Un ufficiale basso e dai capelli quasi bianchi, dalla pelle lucida, con una lorica di cuoio su cui luccicavano metalliche le piastre del pettorale. Dietro di lui, un prete alto, magro, avvolto in un mantello bianco che lo rendeva simile a un grande uccello dalle ali ripiegate, il volto semicelato dal cappuccio. Poi il prete sollev il capo e guard Fritigerno, con gli occhi sottili di un rapace. Eccolo, pens Fritigerno. Era lui. III
Sponda del Danubio di fronte a Durostorum, Mesia Inferiore. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, VIII giorno prima delle Calende di gennaio. [25 dicembre 376 d.C.]

Notte. Passeremo il fiume. La notte era scesa da poco e la radura, illuminata dal fal, era un cerchio di luce nell'oscurit. Il grande fiume tumultuava lontano, invisibile e presente. Il re sedeva tra le radici di un grande frassino, circondato dai capi delle

trib. I rami spogli, coperti di neve, gettavano ombre mobili sul suo volto. In piedi alle sue spalle, le braccia conserte, Nanderit, l'unico autorizzato a portare le armi durante l'assemblea, osservava i convenuti. Accanto a lui, su un piccolo fuoco, bolliva una pignatta di terracotta. L'infuso, di bacche e di piccoli funghi, era quasi pronto. Mentre i Goti confabulavano fittamente, in attesa che Fritigerno continuasse, dalla prima fila si alz un uomo alto pi della media, le spalle coperte da un mantello rosso degno di un tribuno romano. Accoccolato ai piedi di una quercia, un po' discosto dagli altri, Marco riconobbe Alavivo, con cui Fritigerno divideva il comando militare delle trib. Alavivo pass un lento sguardo sui partecipanti, scostandosi dal viso i capelli biondi e lunghi. Trent'anni, pens Marco. Trenta o poco pi. Una cicatrice presso l'angolo dell'occhio destro. Che cosa ci chiedono in cambio, i Romani? Alavivo fece un passo in avanti e si volt, rivolgendosi all'assemblea. La sua ombra si stagli contro il frassino, nascondendo il volto di Fritigerno. Frithugairns ha parlato con loro in latino. Si volt verso il re. E io non ho capito. Io non so che cosa si sono detti. Io non so che cosa ha detto Frithugairns. Tra i Goti, il mormorio si era levato fino a coprire le ultime parole. In quelle voci gutturali Marco avvert perplessit e stupore. Non in quella di Alavivo, per: l'anima di quell'uomo era ostile. Pericolosa. Il tribuno si rialz, appoggiandosi al tronco, per studiare il viso di Fritigerno. Il reiks, che gli aveva distrattamente concesso di assistere all'assemblea, pareva indifferente a quel che accadeva; le dita affondate nella barba, attendeva che il brusio scemasse. Ci offrono della terra, a meridione del grande fiume disse infine, quando tutti ebbero taciuto. E cibo per le nostre donne e per i nostri figli. Subito. Appena saremo nel territorio dell'impero. Le voci ripresero, salendo ancora di tono. Alavivo sollev il braccio destro, zittendo l'assemblea. Un'altra cicatrice percorreva la carne dal polso al gomito. Nel riflesso del fuoco i suoi capelli e la sua barba avevano il colore del tramonto. Questo ci che ci offrono. E io ti credo. Ed quello che vogliamo. Annu solennemente. Ma tu non ci hai ancora detto quel che loro vogliono. Vi fu una lunga pausa, rotta solo dal sibilo del vento che ravvivava i fuochi. Vogliono obbedienza all'impero. La voce di Fritigerno era calma. Ci chiedono di coltivare le loro terre, che diventeranno nostre. E di pagare il tributo. Con che cosa pagheremo? La domanda era risuonata, inattesa, alle spalle di Marco. Waduulf era arrivato attraverso la foresta, senza fare alcun rumore. Al polso, come Nanderit, portava il bracciale dei fratelli di sangue del re.

Non abbiamo pi n oro n argento. Alavivo annu ancora. Con che cosa pagheremo? ripet. Fritigerno non rispose subito. Si guard attorno. Pagheremo in uomini. Soldati per Roma. Soldati per la guerra contro i Persiani. Nell'assemblea scoppi un tumulto di grida. Alavivo, immobile nella luce del fal, sorrideva, evidentemente compiaciuto. Un uomo pericoloso, si ripet Marco. Si volt verso Waduulf. Che cosa dicono? domand. Non riesco a capire. Che non vogliono servire i Romani. Che portarci via i guerrieri una trappola. Che i Romani vogliono renderci schiavi. Fritigerno si era alzato in piedi. Fece un cenno e Nanderit immerse un mestolo di legno nella pignatta, riempiendone una ciotola. Dobbiamo attraversare il fiume, altrimenti moriremo di fame prima ancora che gli Unni ci raggiungano. Non c' pi farina e abbiamo poche coperte. I cavalli sono magri e le donne non hanno pi latte. Tra poco, cercheremo i nostri figli tra i morti. Se i Romani ci chiedono questo, noi questo accetteremo. Per le nostre donne. Per i nostri figli. Fritigerno tacque, il capo chino nell'ombra. Poi si risollev. E rispetteremo l'accordo. Ma se verremo traditi, combatteremo e porteremo il fuoco tra i nostri nemici. Fiss Alavivo. So che molti di noi adorano il Cristo Bianco e il Dio di Ulfila. Io credo ancora ai nostri dei e so che ci guideranno. Il dio del fiume e il dio della guerra. Fece un'altra pausa, sollevando la ciotola in modo che tutti potessero vederla. Chieder il loro consiglio. Ho fatto preparare l'infuso sacro. Quello dei nostri padri. L'infuso dell'estasi. E ora lo berr. Chin nuovamente il capo. L'infuso mi dar la visione degli dei. La visione della verit. Fritigerno accost la ciotola alle labbra ma, prima che potesse bere, Alavivo gli afferr la mano con un gesto violento. La ciotola rotol a terra e l'infuso si rovesci sulla neve, macchiandola d'un colore rugginoso. Tra i Goti si fece silenzio, subito rotto da nuovi clamori e grida. Waduulf si slanci in avanti, trattenuto da Marco. Sacrilegio! grid. Aspetta mormor il tribuno. Waduulf lo afferr per la gola, lo sguardo furente. Il dolore fu immediato e brutale, e Marco vide una luce rossastra lampeggiargli davanti agli occhi. Nelle orecchie, un tintinnio metallico. Aspetta ripet con la voce strozzata. Il reiks sa quello che sta facendo. Le dita del guerriero si rilassarono appena, senza mollare la presa. Io ti ho accolto sul mio carro. Ma se menti, morirai. Nel cerchio luminoso, Nanderit aveva sfoderato la spada e l'aveva puntata al petto di Alavivo. Fritigerno lo ferm con un gesto. L'assemblea sacra disse con voce tranquilla.

Non commettiamo l'errore del nostro fratello. Dalle fila dei Goti si lev un mormorio di approvazione. I vecchi annuivano, tacitando i pi giovani. Mentre Nanderit rinfoderava la spada, Marco fece a Waduulf un sorriso stentato. Infil le dita sotto quelle del Goto e fece pressione. Con un grugnito d'assenso, il gigante apr la mano e Marco si lasci scivolare a terra. Hai mani da fabbro, amico mio. Spero che questa sia l'ultima volta che le sentir su di me. Annuendo, Waduulf gli tese la destra, per aiutarlo a rialzarsi. Entrambi tornarono a osservare la scena. Fritigerno aveva raccolto la ciotola e ora la tendeva ad Alavivo perch la riempisse di nuovo. Questo il filtro delle Haliurunne. Alavivo scosse la testa, la ciotola tra le mani. Fritigerno annu. Nessuno deve berne continu Alavivo, la voce roca. Nessuno deve bere la bevanda delle streghe. Nel silenzio seguito alle sue parole, un vecchio si alz dalla prima fila. Eretto, scarno, i panni grigi coperti da un mantello di lana. Aveva i piedi nudi, affondati nella neve. Igila sussurr Waduulf. Marco osserv pi attentamente. Igila, il sacerdote cieco, l'uomo pi anziano della trib di Fritigerno. Di lui si diceva fosse muto, perch nessuno ricordava l'ultima volta in cui aveva parlato. Le Haliurunne disse il sacerdote, con voce sorprendentemente chiara. Chi parla delle Haliurunne? Io, vecchio. Alavivo. Il vecchio si avvicin, appoggiandosi a un bastone di legno di quercia. Si ferm a poco pi di un passo da Alavivo. Aveva gli occhi ciechi, coperti da una spessa patina biancastra, e li teneva fissi su di lui, come se avesse potuto vederlo. Allung la destra, sfiorandogli il volto. Mi ricordo di tuo padre. Alavivo scost dolcemente la mano di Igila. Che fai qui, vecchio? Fa freddo. Chi offende gli dei? Tu, che sei cristiano? Non ho offeso i vecchi dei. Le Haliurunne sono streghe. Le madri degli Unni. Filimer, quando arriv nella terra delle acque, le scacci dal nostro popolo. Igila sorrise. Sul suo volto, la rete delle rughe si distese, formando una V dalla punta rivolta in basso. Questa una storia che raccontano i padri dei nostri padri. E poi ancora i loro padri. E cos fino ai tempi delle origini. Scosse il capo. Le Haliurunne sono le guide del regno dei morti. Coloro che ci conducono nel grande viaggio. Si volt verso l'assemblea. Filimer, il figlio di Gadareiks, le scacci e dopo anche noi fummo scacciati dalla terra delle paludi. E ora siamo qui, di nuovo in fuga, qui, dove ci ha condotti il Dio dei cristiani. Torn a rivolgersi ad Alavivo. questo che vuoi, figlio? Che continuiamo a vagare senza una terra? questo che vuole il tuo Cristo? L'infuso maledetto.

L'infuso ci d la vista. E le belagines, le nostre consuetudini, non lo vietano. Sei cieco, vecchio. Che cosa vuoi vedere? Alavivo scagli la ciotola a terra. E forse dobbiamo darci nuove leggi. Non esistono gli dei. Solo il Crocifisso. Il figlio di Dio. E noi dobbiamo seguirlo. Tra i Goti il tumulto crebbe nuovamente, mentre Alavivo fissava sorridendo l'assemblea, gli occhi freddi e calmi. Che cosa succede, ora? domand Marco. Sono coloro che credono nel Cristo Bianco che insultano i seguaci degli dei. Ma siamo ancora in molti ad adorare Teiws, il signore della guerra. E Frithugairns il suo sacerdote. La sua voce. Tacete. L'ordine di Fritigerno risuon chiaro. Tacete. Anche i Romani... Si rivolse ad Alavivo. Anche i Romani vogliono che seguiamo la croce. la loro ultima condizione. E io dico che, se necessario, la seguiremo tutti, anche quelli che non credono nel tuo Cristo. Anche io. Il vociare dell'assemblea divenne assordante. Alcuni si alzavano in piedi, ricacciati bruscamente a terra dai vicini, i pugni levati, le bocche urlanti. Uno di loro, con una minuscola testa rasata e una grande croce di legno sulla tunica, tese le braccia al cielo, scuotendo i polsi carichi di pesanti braccialetti d'osso e di metallo. Chi ? domand Marco. Un prete brontol Waduulf. Con tutti quei gioielli? Waduulf lo guard con un sorriso ironico. Perch? I tuoi preti sono diversi? Marco lo fiss disgustato. Un prete deve essere umile, pens. Si segn con la croce, allontanandosi da quella che rischiava di diventare una gigantesca mischia. I Goti si fronteggiavano in due gruppi, l'uno guidato dal prete e l'altro da un vecchio che portava i capelli grigi raccolti in una treccia spessa. I pi anziani gi cadevano, urtati da quelli che cercavano di avanzare verso il cerchio di luce del fal. Con un grido rauco, il vecchio con la treccia spinse con violenza un giovane, dal naso arcuato identico al suo, contro il prete. I due si guardarono in cagnesco, i muscoli lucidi di sudore, le braccia tese in avanti, pronte alla presa. Il prete afferr la croce per il braccio superiore, estraendone una lama larga e pesante. Roteando l'arma fece un passo verso il ragazzo, che si chin afferrando un grosso sasso tra la neve. Gli altri tacquero d'improvviso, facendo largo ai due avversari, che iniziarono lentamente a muoversi in cerchio. Quando il prete tent il primo fendente vi fu un grido. Waduulf era piombato tra i due. Li afferr per le spalle e con un violento strattone li separ, mandandoli a sedere nella neve. Tra la folla vi fu un momento d'esitazione. Molti si frugarono tra le vesti, cavandone coltelli, mentre Waduulf li osservava pacato, le braccia conserte. Scivolando fuori dall'ombra, Marco gli si avvicin, in pugno lo scalpello con cui lavorava il legno per le

zattere. Senza guardarlo, Waduulf accost la schiena alla sua. Il vento era calato. Dal folto degli alberi venne lo stridio di un animale notturno. Il prete, ancora a terra, fissava Waduulf, la lama luccicante nella mano. D'un tratto, il vecchio con la treccia cominci a ridere. Ti si geler il culo, prete disse. Il prete lo guard torvo, senza lasciare la lama. Poi, qualcosa sul suo volto ossuto inizi a vibrare, le labbra serrate si piegarono nello sforzo di rimanere chiuse e infine si aprirono in una larga, contagiosa risata. Dopo un istante di esitazione, tutti tornarono lentamente a sedersi, parlottando, mentre il vecchio aiutava il prete a rialzarsi. Solo il ragazzo continuava a guardarsi intorno, bellicoso. Infine, il volto rosso di vergogna, sgusci tra la folla, scomparendo nella foresta. Marco si volt verso Waduulf. Questa volta le mani le hai usate bene. Waduulf sollev appena l'angolo della bocca, poi fiss Marco. Puoi dormire ancora nel mio carro disse. Fritigerno aveva seguito la scena con un lieve sorriso. Alz le braccia, imponendo silenzio. Ecco cosa accade se non restiamo tutti fratelli. Guard Alavivo che annu, il volto inespressivo. Dobbiamo decidere aggiunse il reiks. L'infuso mi dir quel che vogliono i nostri padri. E se sar necessario, seguiremo la croce. Alavivo lo fiss. Io non mi fido, Frithugairns. Se qualcuno deve bere la bevanda delle Haliurunne, non voglio che sia tu. Lo far io. La voce limpida di Igila risuon nella radura. Berr io l'infuso delle Haliurunne. Igila si volt verso Alavivo. Ti fidi delle mie parole, figlio? Con un grugnito Alavivo si allontan di qualche passo, mentre Fritigerno raccoglieva la ciotola e la riempiva. Il reiks prese la mano del sacerdote e la chiuse intorno alla ciotola. Ecco disse. Bevi. Il vecchio bevve e lasci cadere la ciotola. Chin il capo e curv le spalle, come se un grande peso fosse calato su di lui. Rimase a lungo immobile, quasi aggrappato al bastone, poi, come un cencio privo di sostegno, scivol a terra, accoccolandosi nella neve, le mani che cingevano le ginocchia. In lontananza risuon un rombo attutito, come il fragore di tamburi lontani. Tuona sussurr Marco, nel silenzio. Waduulf annu, senza staccare gli occhi dal vecchio. Come possibile? inverno. Taci, cristiano. la voce di Teiws. Lui si avvicina per parlare. Il tuono si ripet, pi prossimo, e Marco sent vibrare il tronco cui s'era appoggiato. Si avvicin al fuoco, superando le schiere dei Goti in attesa. Igila sedeva immobile presso il fal. Il velo biancastro che gli ricopriva gli occhi pareva pi sottile, venato di azzurro. Un altro rombo, questa volta proprio sopra la

radura, fece sussultare Marco. Gli parve che grandi tamburi avessero suonato nella sua testa, nelle sue ossa, nei denti che batterono tra di loro, come per un lungo brivido. E lungo fu anche il tuono, che mor lentamente. Il vecchio sollev il capo. La patina bianca era scomparsa, lasciando posto alle iridi azzurre e limpide. Igila pareva fissare qualcosa alle spalle dell'assemblea, con un lieve sorriso sulle labbra. Marco si volt. Dietro di loro, i rami di una quercia isolata e spoglia ardevano silenziosamente nell'aria ferma, senza un crepitio, senza una scintilla. Marco fece un passo verso l'albero, ma venne fatto sedere bruscamente da Waduulf, che si port un dito alle labbra, intimandogli di tacere. Il Goto accenn a Igila. Il vecchio aveva iniziato a tremare, prima lievemente, poi con grandi sussulti. Marco si avvicin ancora, curvo sulle ginocchia, come un animale. Poi Igila parl. Il fiume scand, con voce bassa. Il fiume rosso di sangue. Il mio popolo lo attraversa. Molti muoiono, ma il mio popolo lo attraversa. E il fiume rosso. Fritigerno ascoltava, come tutti, lo sguardo rivolto a terra. Avvolto nell'ombra del frassino, solo Alavivo teneva il capo eretto, la bocca serrata. C' un incendio, lontano. Il vecchio, dopo una lunga pausa, aveva ripreso. Un incendio in una pianura. Morti, migliaia di morti. I morti sono come i chicchi del grano caduto sulla terra. Si port le braccia intorno al corpo e prese a dondolarsi, quasi cullandosi, come un bambino. C' un uomo che muore. Un uomo che porta la corona. E la pianura simile al fiume. Rossa di sangue. Rossa del sangue dei Romani. Il vecchio ebbe un lungo sussulto. Si rizz in piedi. La croce grid. Dobbiamo seguire la croce. Il suo sguardo si fece opaco, pieno di timore. Si copr il volto con le mani, smarrito. Il tuono risuon ancora, pi lontano. Lungo i rami della quercia il fuoco si stava spegnendo, senza lasciare segni di bruciature. Il vecchio aveva scostato le mani dal viso e i suoi occhi erano bianchi e ciechi. Respir profondamente, per poi scivolare tra le braccia di Nanderit. Fritigerno lev alta la mano nella luce delle fiamme. Attraverseremo il fiume grid. IV Il reiks sedeva da solo presso il fuoco morente, nella radura deserta. Marco aveva accompagnato Waduulf fino al carro, poi, con la scusa di andare alle latrine, presso la foresta, era ritornato sui suoi passi. Si avvicin, procurando di fare rumore. Non voleva rischiare di trovarsi la spada di Fritigerno alla gola. Passando tra gli arbusti ne spezz qualche ramo.

Fritigerno non si volt, ma raddrizz per un momento la schiena, per poi tornare a chinarsi verso il fal. Eccoti, Romano disse, senza guardarlo. Vedo la tua ombra dinanzi a me. Siedi. Marco si accovacci, accostando le mani alle braci. Teneva lo sguardo sul fuoco. Hai sentito, dunque. Passeremo il fiume. La voce di Fritigerno risuon monotona. Una voce morta. Marco gett una manciata di ramoscelli nel fal. Le fiamme arsero alte, per subito chetarsi. Ho sentito. Rimasero entrambi in silenzio. Che fai qui? domand infine Fritigerno. Marco inizi a giocherellare con un sasso che teneva in mano. Ho sentito le parole di Igila disse. Tu credi a quel che ha detto? Non lo so. Non so se gli dei ci parlino ancora. Il reiks sospir. Quando ho deciso di bere l'infuso, pensavo che sarebbe stato il modo di convincere il mio popolo a seguirmi. Scosse il capo. Non possiamo pi resistere a lungo. Affond la mano nella neve, portandone una manciata alla bocca e succhiandola. Ho sete. Quindi tu non credi al tuo dio? Fritigerno era un'ombra scura avvolta nel mantello. L'ombra ebbe un fremito. Credo in Teiws se pu aiutare il mio popolo. Ma sono disposto a credere anche nel tuo Cristo Bianco. Quindi non credi in niente. Un capo non pu credere. Deve fare. E credere in un dio spinge a fare troppi errori. Seguirai la croce, per. Mi utile. utile ai miei. Marco gett il sasso nel fuoco, osservando le scintille che cadevano tra la neve. I tuoi... I miei non sono venuti a cercare di salvarmi. Sarebbe stato troppo rischioso. Avevano gi perso troppi uomini. E cos hanno perso anche me. Che intendi? Marco non rispose. Gett un altro sasso tra le fiamme. Igila ha detto che un re morir. Non hai paura? Fritigerno tacque a lungo. Ho paura. La voce sembrava venire dal buio. Ma non c' altra strada. Se devo morire, sar cos. Si scost bruscamente il cappuccio dal capo. Rise, e la sua risata risuon tra gli alberi. Ma non sono il solo a portare la corona. Anche il tuo signore la porta. Valente. Che farai, allora? Guider il mio popolo nelle terre che ci daranno. E veglier perch non c'ingannino. Io non voglio pi essere ingannato.

tempo che tu ritorni tra la tua gente. A prendere il tuo posto. Forse c'incontreremo ancora. Dietro le nostre spade. Per la prima volta Marco si volt per fissare il re. Non accadr disse. I Romani mi hanno tradito. E ognuno deve scegliere da che parte stare. Io verr con te. Abbass lo sguardo. Se tu mi vorrai, reiks dei Goti. Fritigerno si alz, camminando intorno al fuoco. Alavivo dice che dovrei ucciderti. Che tenerti qui stato come allevare un serpente nel proprio letto. Se pensi cos anche tu, fallo. Non cercher di fuggire. Siamo soli e io sono disarmato. Fallo ora, reiks. Qui. Fritigerno si volt verso la grande quercia ai limiti della radura. Hai visto anche tu i rami bruciare? Li ho visti. per questo che voglio seguirti. Igila, quando si ripreso, ha detto che devo portarti con me. Fritigerno era in piedi, a pochi passi. Marco pens che avrebbe potuto ucciderlo in quel momento. Il re gli girava le spalle. Inerme; pareva aspettare. Marco sorrise. Si frug nelle vesti, estraendone lo scalpello e lo gett tra i piedi di Fritigerno. Trascorse altro tempo. Infine il re si volt. Raccolse lo scalpello, tendendolo a Marco. Tienilo. Ne avrai bisogno, per costruire la zattera con cui attraverseremo il fiume.

DANUBIO ROSSO
I
Durostorum, Mesia Inferiore. Anno MCXXIX dalla fondazione di Roma, VII giorno prima delle Calende di gennaio. [26 dicembre 376 d.C.]

Si dest poco prima dell'alba. Nella camerata i suoi uomini dormivano ancora, abbandonati sui giacigli come animali stanchi. Il gelo s'infiltrava dalle basse finestre, sbarrate da imposte di legno mal commesse. Aveva sognato: ricordava il mastino nero, accucciato ai suoi piedi. Nel sogno cercava di nutrirlo con la carne d'una gallina, ma il cane la respingeva, fiutando l'aria, per poi scomparire. Al suo posto giaceva Leimeie, il viso, libero da ogni traccia di pittura, rivolto verso il suo. Lui aveva allungato una mano e le aveva accarezzato una guancia. Ma subito anche lei era svanita e s'era ritrovato ai piedi di una croce in fiamme. Solo allora, misericordiosamente, s'era svegliato. Si lev, gettandosi il mantello sulle spalle. Cammin nel buio fino alla porta e usc nella corte. Dodoi vegliava appoggiato al muro, la lancia tra le mani stanche. Lo salut con un gesto, gli occhi cerchiati di rosso. Il cielo era ancora scuro, ma a oriente s'intravedeva un velo rossastro. Immerse la testa nella fontana e l'acqua gelida dissip le forme confuse che i sogni gli avevano lasciato nella mente. Dopo una breve esitazione si tolse gli abiti e si lav, sfregandosi con forza tutto il corpo, finch la pelle non divenne rossa. Come il cielo a oriente. Si rivest e s'avvi verso la porta pretoria. Il monaco era l, dove s'aspettava di trovarlo, in piedi presso la sponda del fiume, lo sguardo rivolto a settentrione. Due legionari attendevano a pochi passi da lui, i volti scabri e olivastri nascosti dagli elmi. Quando Batraz lo raggiunse, Ertegul volse appena la testa. Sei mattiniero, magister. Dalla riva opposta proveniva il suono ritmato e ottuso di mazze picchiate con forza sul legno. Costruiscono altre zattere. Batraz affond la testa tra le spalle. Sentiva i muscoli del collo dolenti e affaticati, come se, durante il sonno, avesse tenuto il capo eretto, eretto per guardare qualcosa. Per vedere qualcosa che non ricordava. Dunque hanno accettato. Ho chiesto un segno. Il monaco fissava l'accampamento, appena visibile

nell'oscurit. Fino ad allora, siamo preparati a respingerli. Indic la sponda. Nascosti tra i cespugli, invisibili se non si sapeva dove cercare, erano schierati gli arcieri. Gli ufficiali li avevano disposti di fronte alla porta pretoria, lungo una breve insenatura che costituiva una sorta di approdo naturale. Nell'insenatura erano attraccate decine di barche a remi e alcuni grandi pontoni. A occidente, verso la foresta, era schierato, bene in vista, un manipolo di legionari. Ci sono altri uomini a oriente, oltre quelle rocce. Ertegul sorrise. E a occidente ci sono gli altri forti. Passeranno solo se lo vorremo. Qual il segno? Tu sei un pagano. Ertegul scroll le spalle. Non capiresti. Passeranno solo se rispetteranno il volere di Dio. Molti di loro credono. Ariani, come te. Molti non basta. Non basta a Dio. Non a me. Il cielo si andava schiarendo. Un altro giorno di nubi, ma le nubi a oriente rimanevano rosse e dal fiume saliva un odore pesante. Batraz scroll le spalle. Io servo l'imperatore anche se non credo nel vostro Dio. Tu sei un cane fedele. E lo saresti comunque. Ma Dio divider chi con lui da chi contro di lui. E che ne far? Batraz sogghign. Quelli che non credono in lui moriranno. Per sempre. Mi basta una sola volta. Le Scritture dicono cos. E Dio punisce chi non le segue. uno strano Dio, il tuo. Batraz respir a fondo, osservando la nuvola di vapore che ondeggiava nella brezza gelida. Parla d'amore, ma uccide coloro che non credono. O che non lo conoscono. un Dio geloso. Nel cuore deve esserci posto solo per lui. Forse non ama farsi conoscere. Sulla riva opposta i Goti si stavano muovendo. Un gruppo di uomini liberava dalla neve una spianata a pochi passi dall'acqua. Ma tu ci credi davvero? continu Batraz. Ertegul si volt di scatto, osservandolo con attenzione. In Dio? Batraz scosse il capo. Penso che non sia questo il problema. Non la fede soltanto. Dalla bisaccia che aveva a tracolla, estrasse una mezza forma di pane nero. Lo spezz in due, tendendone una met al monaco. Masticarono lentamente, impregnando di saliva il pane duro e saporito. E cos'altro? Ertegul affond nella crosta i denti piccoli e lucenti. Politica. Tutto politica. A volte anche la fede ha bisogno di politica. E tu da che parte stai? Ertegul mastic a lungo, poi, con un gesto, chiam uno dei legionari che gli porse una fiasca d'acqua.

Tieni disse. Batraz bevve e gli pass la fiasca. Io sto dalla parte del mondo che deve arrivare disse Ertegul. Non sar pi lo stesso, allora. Il monaco scroll le spalle. Non pi lo stesso da molto. Ma tu non te ne sei ancora accorto. Per chi sa leggerli, questi sono giorni pieni di segni. Ad Antiochia dicono le stesse cose. Anche le puttane. Guarda. Ertegul sollev la mano. Il cielo rosso come il sangue. Nascono ovunque bambini deformi. Ieri, la donna di un soldato ha partorito un neonato senza gambe. Lo ha affogato nel fiume ed fuggita. Stacc con le dita un altro pezzo di pane. Gli uomini fanno sogni di morte. Il vecchio tempo finito. E non c' spazio per gli uomini che non lo capiscono. Nemmeno per te, magister scholae palatinae. Si volt, fissando Batraz come se lo vedesse per la prima volta. Questo sar il tempo dei barbari, come me. E come te. Tu lo sai. Perch non vuoi accettarlo? Nell'alba scarlatta, i Goti accendevano i fuochi. Dall'accampamento si levavano nuvole di fumo grigio. L'odore delle braci arrivava fino a loro, portato dalla brezza. possibile. Batraz incroci le braccia. Freddo, faceva freddo. Questo mondo sta morendo. Ma il mio e non ne voglio un altro. Gi. Roma. Il tuo Catullo, il tuo Virgilio. Ho sentito che sei un lettore. Cosa rara, magister. Ma anche Virgilio sapeva che tutto sarebbe cambiato. Magnus ab integro saeclorum nascitur ordo. Il grande ordine dei secoli nasce di nuovo. Lo dice nella quarta egloga. La quarta egloga. Un lieve sorriso sulle labbra di Batraz. Un ricordo. Mio padre me la fece avere quando ero in Persia. Ne parlai a lungo. Con Vittore, con Giuliano stesso. Abbiamo avuto padri simili. Fu lui a leggermela, la prima volta. Un nuovo ordine. rischioso. venuto il tempo... Ertegul s'interruppe bruscamente, lo sguardo fisso sull'accampamento goto. Ecco disse. Sulla sponda opposta gli uomini avevano attaccato i cavalli a uno dei carri e ora lo guidavano sulla spianata. Ecco ripet Ertegul. I Goti arrestarono il carro in modo che fosse ben visibile, con il fianco voltato verso Durostorum. Abbassarono i teli che lo ricoprivano e iniziarono a fare forza con delle grosse funi. Che fanno? domand Batraz. il segno che attendevo. Lentamente, sul carro, una grande croce di legno venne issata fino a quando non fu perfettamente verticale. Poi i Goti affrancarono le funi e uno di loro si arrampic fino all'incrocio dei bracci.

Sulle tre estremit erano avvolti quelli che sembravano dei panni posti a proteggere il legno. Uno dei Goti sul carro sollev una torcia accesa. L'uomo sulla croce la afferr e appicc le fiamme ai panni, che presero adagio a bruciare. Pece, pens Batraz. Li hanno immersi nella pece. Ecco il segno. Batraz non rispose. Di fronte ai castra, la sponda si andava affollando. Giungevano alla spicciolata, richiamati dalle fiamme. Legionari senza cotta, schiavi, artigiani, donne. Bambini, condotti per mano dalle madri od occhieggianti impauriti dietro i cespugli. Osservavano in silenzio la croce fiammeggiante, come si osserva un'eclissi o una cometa. Tra la folla, i volti illuminati da riflessi rossastri, Batraz vide Farnag, avvolto in un mantello grigio. Guardava la croce con il volto duro, privo d'espressione. Accanto a lui, Dodoi, si appoggiava alla lancia, la bocca semiaperta per lo stupore. Batraz torn a fissare la croce, cercando di scacciare dalla mente il ricordo del suo sogno. Sent una mano posarsi sul suo braccio. Leimeie gli stringeva il polso, gli occhi sulla riva opposta. Le sue dita avevano un tremito leggero. Poi, lei gli indic il fiume. Nelle acque si riflettevano le fiamme, e il sole, offuscato dalle nuvole quasi cremisi, le copriva di luce. Il Danubio era rosso.

IL POPOLO DELLE ZATTERE


I
Sponda del Danubio di fronte a Durostorum, Dacia. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, Idi di gennaio. [13 gennaio 377 d.C.]

Il dio del fiume era furioso. Ingrossato dalle nevicate e dalla pioggia che da due settimane batteva la pianura, il Danubio fustigava i canneti, trascinava rami e detriti verso la foce che li avrebbe ingoiati. Spezzava tronchi. Montava, lungo le sponde, fino a inondare le rive, dove la neve era diventata una poltiglia fangosa e grigia. E i Goti attraversavano il grande fiume. Avevano iniziato la mattina stessa. Le prime barche romane avevano passato il Danubio all'alba, rimorchiando i grandi pontoni dalle fiancate basse che avrebbero imbarcato i carri dei barbari. I legionari, al comando del tribuno Manlio, avevano il compito di far salire a bordo prima le donne e i bambini. Solo cos, aveva mormorato Ertegul a Massimo, saremo al sicuro. I bambini saranno il nostro scudo. Nemmeno i Goti vorranno uccidere i loro figli. Dopo, toccher ai vecchi e infine agli uomini validi, che porteranno i carri. E le armi, aveva domandato il dux. Le faremo sequestrare. Tutte. Anche quelle dei capi. Massimo aveva annuito, perplesso. Quando Ertegul aveva ripetuto le stesse cose a Batraz, Batraz aveva scosso il capo. E tu credi davvero che ce le consegneranno, aveva detto allontanandosi. I legionari erano disposti su due file, a coppie separate da una ventina di passi. Facevano passare le donne e i bambini a piccoli gruppi, sorvegliandone l'imbarco. I Goti si trascinavano nella neve molle, i piedi infagottati in panni laceri, i pesanti involti sulle spalle, in una lunga colonna fradicia di pioggia. Il cielo era grigio, uniforme, infinito. Sesto Autronio, un veterano dai capelli quasi bianchi, si rivolse a Numerio, il legionario di fronte a lui. Hai paura, ragazzo? domand. Il giovane si reggeva alla lancia, scavando un solco profondo nel fango. Oscillava, come se fosse stato in procinto di svenire. Aveva il volto cereo, rigato dalla pioggia. la prima volta che li vedi da vicino? Sesto Autronio accenn a settentrione. I Goti dei primi contingenti, separati dalle donne e dai bambini, erano riuniti in uno spiazzo circondato da arcieri e soldati armati di giavellotto, dove i legionari distribuivano ciotole di zuppa calda. Oltre il

cordone di Romani, i carri sembravano arrivare fino al basso orizzonte. Sono grandi. Numerio annu, lo sguardo vuoto. Sembrano animali. Orsi. Sesto Autronio scoppi a ridere. Estrasse un ramoscello dalla tunica, lo scosse per asciugarlo, e inizi a pulirsi i denti radi e ingialliti. Indugi tra i molari, dove si aprivano larghi spazi. Non sono che bestie. Si sfil il berretto frigio, passandosi la mano tra i capelli unti e grondanti. Grossi, alti, biondi. Sput nel fango. Una razza inferiore. Sogghign, indicando una ragazza che avanzava tra le file dei soldati, gli occhi, rivolti a terra, che di tanto in tanto guizzavano impauriti. Guardala. Ti sembra una donna? un animale da monta, buona solo per quello. Con un gesto brusco, il veterano allung la lancia, sbarrando la strada alla ragazza. Fermati disse con la voce roca. La ragazza inciamp nell'asta e rimase in piedi a fatica, levando lo sguardo verso l'uomo. Sesto Autronio indic il fagotto che portava sulla schiena. Vi batt sopra con la lancia. Svuotalo ordin. Lei continu a fissarlo, senza capire, le labbra percorse da un tremito leggero. Sesto Autronio la colp sulle gambe con il legno della lancia. Svuotalo ripet, gli occhi luccicanti. La ragazza sembrava non riuscire a muoversi, mentre il tremito le si estendeva a tutto il corpo. A qualche decina di passi, due donne pi anziane erano state fermate da un'altra coppia di legionari. La fila era bloccata e i legionari osservavano ridendo Sesto Autronio, mentre donne e bambini si ammassavano, silenziosi come pecore condotte agli stabbi. Gli uomini, oltre la fila degli arcieri, sedevano a terra, privi di armi, sorbendo la zuppa fumante. Cosa vuoi fare? Numerio impugnava la lancia con entrambe le mani, le nocche sbiancate. Ci hanno ordinato di controllare che non portino armi, no? Sesto Autronio sogghign ancora. E noi lo facciamo. Si avvicin alla ragazza e le strapp brutalmente il fagotto, rovesciandolo al suolo. Frug con i piedi tra le pezze di stoffa e le ciotole di legno. Niente disse. Afferr la ragazza per un braccio. Ma queste puttane sono furbe. I pugnali se li tengono addosso. Piant la lancia nel terreno e infil la mano sotto gli abiti della ragazza. Vediamo cosa nascondi, puttana. Che fai? Lasciala! Numerio fece un passo in avanti. Lasciala! Le fai male! Sta' fermo, ragazzo. O te la vedrai con me. Sesto Autronio alz appena il capo. Male a una bestia? Con un calcio scaravent la ragazza a terra e, tenendola ferma con le ginocchia, inizi a frugarle tra i seni. Vediamo queste tette ghign. Lasciala ripet Numerio, paralizzato dalla paura e dal disgusto. Non ha fatto niente. Il vicarius ti punir.

Gli ufficiali se ne fregano di quel che facciamo. Sesto Autronio cercava di sollevare la veste della ragazza, che si dibatteva gridando, gli occhi spalancati. Un urlo risuon poco lontano, sovrastando le strida dei gabbiani di fiume. Una delle vecchie aveva superato lo sbarramento dei legionari e correva verso di loro. Si gett su Sesto Autronio, afferrandogli il viso, cercandogli gli occhi con le dita adunche. Il veterano, colto di sorpresa, riusc a rovesciarla a terra, ma non prima che la vecchia lo colpisse con un calcio sui genitali. Sesto Autronio croll in ginocchio, mentre la vecchia strisciava verso la la ragazza e le si accovacciava accanto, stringendola tra le braccia. Finalmente Numerio si riscosse dal suo attonimento, chinandosi per aiutare Sesto Autronio a rialzarsi. Il legionario aveva gli occhi iniettati di sangue, un filo di bava rossastra che gli scendeva dalle labbra. Si infil un dito in bocca, tastando una larga piaga. Nel cadere si era morsicato la lingua. Scortum foedum! grid. Sput un bolo di saliva rossastra e afferr la lancia. Prima che Numerio potesse fermarlo, la conficc nella schiena della vecchia. Vi fu un silenzio improvviso. La donna inarc la schiena senza un grido, mentre le sue gambe sussultavano, percuotendo violentemente il terreno due, tre, quattro volte. Infine si fermarono e la donna croll come un mucchio di stracci insanguinati. Da lontano, gli altri legionari guardavano immobili, come statue di sale. Poi, dalla fila delle donne, sal un clamore urlante, mentre una pioggia di sassi risuonava sugli scudi e sulle cotte di maglia dei soldati. Nel recinto a settentrione, i Goti iniziarono a rumoreggiare. Dopo una breve esitazione, gettate le ciotole, si scagliarono contro gli arcieri. Un nugolo di frecce solc l'aria, facendo cadere una decina di barbari. Poi i lanciatori di giavellotto si fecero avanti, le armi bilanciate nelle mani, il piede destro indietro, pronti a lanciare. Fermi! L'ordine risuon nella pioggia. Manlio, il tribuno, era comparso alle spalle dei legionari. Indietro. I legionari arretrarono, fronteggiando i Goti, poi, dalle fila dei barbari si fece largo Fritigerno. Avanz scavalcando i cadaveri dei suoi uomini. Si ferm di fronte a Manlio, i denti scoperti dalle labbra pallide. I tuoi uomini hanno ucciso una donna. La sua voce era ferma, colma di una furia gelida. E ora massacrano i miei. Avvicin il volto fino a pochi pollici da quello del tribuno. Ci avevate detto che eravamo vostri alleati. Che ci avreste dato cibo e case. Indic i guerrieri alle sue spalle. Ci avete disarmati. Ma possiamo uccidervi con le mani nude. Manlio non rispose. Poi annu lentamente. Si volt verso il sottufficiale alla sua destra. Fa' abbassare i giavellotti disse. E fa' condurre via gli arcieri. Torn a rivolgersi a Fritigerno. I colpevoli saranno puniti. Te lo prometto disse

lentamente. Dillo ai tuoi uomini. Non accadr pi. Noi siamo alleati. Fritigerno fiss il tribuno senza parlare, poi gli volt le spalle, tornando tra i suoi. Manlio inspir a fondo e richiam il sottufficiale. Trova gli arcieri che hanno scagliato. E riportali subito a Durostorum. Di loro decider il dux. Si avvolse nel mantello, incamminandosi verso la sponda. Ma prima portami dove hanno ucciso la donna. Presso i pontoni i legionari formavano un gruppo serrato. Sesto Autronio, la cotta di maglia chiazzata di sangue, era in piedi accanto al cadavere della vecchia, circondato dai commilitoni che lo guardavano in silenzio. Numerio lo tratteneva per un polso, stringendolo con forza. Arriva il tribuno sussurr un fromboliere. I soldati si scostarono, lasciando passare il tribuno. Manlio osserv la pozza scarlatta nel fango, la lancia conficcata nel dorso della vecchia, la ragazza inginocchiata che piangeva, il volto immobile, gli occhi vuoti. I gabbiani stridevano, alti nel cielo e nell'aria c'era odore di sangue e di feci. Il tribuno sollev il capo. Chi stato? domand. Sesto Autronio si divincol bruscamente, liberandosi della stretta di Numerio con uno strattone violento. Ha cercato di uccidermi grid. Si gett sul cadavere, frugandolo e risollevandosi frenetico, un coltello nel pugno. Ecco, guardate! Sollev il coltello. Guardate. Voleva uccidermi. Il tribuno si avvicin, prendendogli il coltello dalla mano. Lo osserv, per poi scagliarlo a terra. un pugnale militare. tuo disse lentamente. Si rivolse ai soldati: Prendete quest'uomo e portatelo ai castra. Due legionari afferrarono il veterano per le braccia, torcendogliele dietro la schiena. Manlio fiss Numerio. Tu aspetta. Lui era il tuo commilitone e tu non l'hai fermato. Ora tocca a te punirlo. Numerio lo guard, gli occhi sbarrati, le palpebre che vibravano in un tremore irrefrenabile. Venti colpi di bastone sulla schiena. Venti sulle gambe. Anche se si spezzano. Sesto Autronio sollev il capo verso il cielo cupo. Grid, come una bestia ferita, mentre i legionari lo portavano via. Il tribuno continu a fissare il giovane. Sarai in grado di farlo? Numerio deglut con sforzo evidente. Poi annu. Il tribuno si pass una mano sul volto. Sar fatto in modo che tutti vedano. Abbiamo bisogno che questa gente si fidi di noi. Poi ritorna qui. Prenderai il posto del tuo compagno. Senza una parola, il giovane si allontan. Manlio lo osserv a lungo, poi respir profondamente e si avvi verso il recinto.

II
Durostorum, Mesia Inferiore. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, XVI giorno prima delle Calende di febbraio. [17 gennaio 377 d.C.]

Con un gesto rabbioso, Batraz sollev il cadavere e lo gett sugli altri, affastellati ai margini della foresta. Muovendosi nel buio, i legionari accumulavano tra i corpi fascine di legna, che la pioggia inumidiva in pochi minuti. Nell'oscurit la massa informe di cadaveri pareva una bassa collina. Non bruceranno mai. Dodoi si appoggi all'ascia. Non c' pi un ramo secco in tutta la foresta. Devono bruciare. O presto arriveranno le febbri. E moriremo anche noi. Il giovane annu con un cenno stanco, poi si caric l'ascia sulla spalla, incamminandosi verso le ombre nere degli alberi. Batraz curv le spalle per rilassare i muscoli della schiena, le mani sulle ginocchia. Si volt verso le mura dei castra, confuse oltre la cortina di pioggia. Sulla riva un grande fal era stato protetto con dei teli di canapa e veniva alimentato continuamente con legna imbevuta di un olio scuro e denso contenuto in grandi anfore. Naphta. L'aveva riconosciuta immergendo le dita nel liquido spesso che gli aveva lasciato sulla pelle una patina scivolosa. Una figura sottile, nera nel riverbero del fuoco, si dirigeva verso Batraz. Un refolo di vento le fece aderire il mantello bagnato al corpo, rivelandone la curva del seno. Batraz si rialz, massaggiandosi le reni. Vecchio, pens. Era vecchio. Troppo vecchio. La donna gli si accost, abbassando il cappuccio. Il viso di Leimeie era percorso da segni azzurri. Privo, come sempre, di sorriso. Batraz not che la pittura era fresca, appena sbavata dalla pioggia. Seria come un bambino, la donna scost il mantello e gli tese una ciotola fumante. Bevi. caldo. Il guerriero bevve senza distogliere lo sguardo dalla ragazza. Gallina. Brodo di gallina. I Romani non ne bevono. Dove l'hai trovato? La ragazza incresp appena le labbra. Farnag abile. Sa cacciare anche nelle cucine dei castra. Probabilmente era la cena del monaco. Batraz rise. Sorb ancora un lungo sorso, poi le porse il brodo. E tu? Ne hai bevuto? La ragazza scosse il capo, portando la ciotola alla bocca. Si asciug le labbra con il dorso della mano. Ci sono molti morti. Batraz annu, indicando il fiume. Sull'acqua nera decine di fiaccole incerte indicavano le barche e i pontoni che continuavano la traversata. Le correnti

sono forti. E il vento non cade. Perch di notte non si fermano? Batraz scroll le spalle. Fame. Hanno fame. E presto l'avremo anche noi. Non c' cibo? Cos dice Massimo. Batraz scosse il capo. Strano. Strano che un forte romano sia a corto di viveri. Tu non gli credi. Non gli credo. Come sempre. Pensi che lo nasconda? Pu darsi. Si voltarono bruscamente verso il fiume, richiamati da un grido. La corrente aveva spinto uno dei pontoni al di l dell'approdo previsto e il largo scafo piatto veniva trascinato oltre Durostorum, dove le sponde tornavano ad allontanarsi. A qualche centinaio di pertiche pi a valle la riva sinistra era quasi invisibile anche di giorno. A bordo della barca che trainava il pontone, i Romani, ombre pi nere del cielo, remavano freneticamente, cercando di allontanarsi dai vortici formatisi attorno a una serie di tronchi galleggianti. Le donne, alla luce delle fiaccole, si affannavano a sgottare l'acqua che le onde del gorgo rovesciavano sul pontone, mentre da riva si avvertivano le grida dei bambini. Non ce la faranno. Leimeie fissava il fiume con il volto immobile. Moriranno. Il pontone era ormai stato afferrato dal vortice; lo videro iniziare lentamente a ruotare su se stesso, come un pezzo di sughero gettato da un bambino in una pozzanghera. La prua e la poppa, indistinguibili l'una dall'altra, beccheggiavano sempre pi violentemente. Le donne avevano smesso di sgottare e si erano aggrappate alle basse murate, i figli stretti tra le braccia. Poi, dalla barca dei Romani, che il pontone stava trascinando nel gorgo, un soldato si sporse, un'ascia in mano. Con pochi colpi recise la fune che li univa al pontone e la barca, con un balzo in avanti, torn a lottare contro la corrente. Leimeie lanci un grido: un grosso tronco aveva urtato brutalmente il fianco del pontone. Videro alcune donne gettarsi nel fiume, stringendo al petto i minuscoli fagotti in cui erano avvolti i neonati, mentre il pontone s'inclinava su un fianco. I bambini, avvinghiati alla murata, presero lentamente a scivolare verso l'acqua e il pontone, ancor pi sbilanciato da coloro che cercavano di salvarsi, si sollev ancora, come una lama. Nella luce delle torce Batraz vide una donna levare in alto il proprio figlio e lanciarlo verso la barca romana. Il piccolo si dibatt nella corrente, un braccio teso verso le mani dei Romani che cercavano invano di afferrarlo. Il braccio rimase sollevato, come un segnale, come il ramo d'un albero, poi scomparve, inghiottito dalle acque. Sul pontone le fiaccole iniziarono a spegnersi sfrigolando. Lo scafo rimase sospeso, oscillando appena, poi, bruscamente, s'inabiss con uno schianto seguito dal silenzio.

Batraz continu a guardare, le braccia lungo i fianchi. Accanto a lui, un suono confuso, il lamento d'un animale ferito. Solo dopo qualche istante cap che erano i gemiti di Leimeie. Si volt, tendendo le dita verso il volto della ragazza, ma Leimeie scivol via, scomparendo nel buio. Batraz sollev la testa, lasciando che la pioggia gli inondasse il volto. Si avvi adagio verso il fal. Scostando i soldati che alimentavano il fuoco, afferr una delle fascine gi pronte, e l'accost alle fiamme. Tenendo alta la torcia, raggiunse, quasi correndo, il cumulo dei cadaveri presso la foresta. Si ferm, osservando i corpi lividi e gonfi degli annegati. Infine scagli la fascina ardente tra i cadaveri e guard a lungo il fuoco che si levava, annusando l'odore della carne bruciata come un rimorso, come una giusta punizione. III
Danubio. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, VIII giorno prima delle Calende di febbraio. [25 gennaio 377 d.C.]

La zattera sussultava con violenza, preda della corrente. Marco si aggrapp al timone, un tronco di frassino che aveva sagomato con cura lui stesso. Fece forza con tutto il corpo, cercando di mantenere la prua orientata verso la sponda opposta. Le acque scorrevano rabbiose, sollevando alti spruzzi e ricadendo oltre la protezione di travi di quercia. Dal carro, legato al centro della zattera, provenivano rumori metallici. Marco si asciug il volto con un gesto stanco. Aguzz gli occhi. La riva romana era ancora lontana, confusa nella nebbia. Sent una mano posarglisi sulla spalla. Lascia il timone, Romano. il mio turno. I capelli di Waduulf erano fradici, come le sue vesti. Sembra di essere in mare. Forse gli dei non vogliono che attraversiamo il fiume. Waduulf indic la croce fissata davanti al carro. Lascia il timone ripet. Ci sono tronchi galleggianti. Attento. Waduulf annu, pesando con le braccia e il torace sulla traversa del timone. La forza dell'acqua quasi lo spinse via, costringendolo a puntare i piedi tra le travi. C' qualcosa che fa rumore. Marco accenn al carro. Non te ne preoccupare. Waduulf contrasse appena la bocca, ruotando lievemente il timone per evitare le radici di un frassino trascinato dalla corrente. Va' ad asciugarti. Ti daranno da bere. Marco lo guard con un sorriso. Tu non ti sei asciugato molto. Mia moglie dice che devo lavarmi pi spesso grugn Waduulf. E oggi la

incontrer di nuovo. Sospir. E ci saranno anche le sue sorelle. E, peggio di tutte, la loro madre. Non mi consentiranno di ubriacarmi. Verr a prenderti e berremo insieme. I tuoi capi non te lo permetteranno. Marco si aggrapp a una delle funi che trattenevano il carro. Fiss la nebbia, verso Durostorum. Il mio capo Frithugairns, ora. Vuoi disertare? Ti riconosceranno. Waduulf sput sottovento un pesante grumo di saliva. Ti batteranno a morte. Mi darai il tuo mantello. E tu prenderai il mio. grande abbastanza anche per te. Crederanno sia una preda di guerra. Marco si pass la mano bagnata sul volto, accarezzandosi le guance scavate. Sono pi magro, ora. E ho la barba e i capelli lunghi. Tacque, il volto cupo, lo sguardo perso nella nebbia. Vi fu una lunga pausa, rotta solo dal rombo del fiume. Perch li odi? domand infine Waduulf. Aveva parlato senza guardare il compagno. Come rivolgendosi all'aria. Marco non rispose subito. Non sono venuti a cercarti riprese il Goto. vero. Ma siamo avversari. Nemici un tempo e forse anche ora. E loro sono la tua gente. accaduto molto tempo fa. Marco scroll le spalle. Ero bambino. Waduulf attese, in silenzio. Avevo una nutrice. Una ragazza giovane, bionda. Le parole di Marco uscivano lentamente, in un sussurro appena percettibile nel fragore delle acque. Mi pareva bellissima. Mia madre non la vedevo mai. Era sempre malata. E cos io stavo sempre con Sivegerna. un nome goto. Era del tuo popolo. Mi faceva giocare. Mi teneva stretto, la notte, quando avevo paura. Poi... Poi? Poi un amico di mio padre s'invagh di lei. Gliela chiese. Era disposto a pagare. E molto. Ma mio padre sapeva che io le volevo bene e rifiut. Un'altra pausa, ancora pi lunga. La rapirono. Mi svegliai un mattino e lei non c'era pi. Mio padre la fece cercare, tutto intorno, nella campagna. La ritrovammo a sera. L'avevano gettata in un cespuglio, come una cosa rotta. Morta. Coperta di sangue. Avevano fatto ci che volevano e poi l'avevano uccisa. Marco si pass la mano sulla bocca. Era solo una serva, disse l'amico a mio padre. Gliene avrebbe fatte portare altre. Una serva. Niente pi. Waduulf fece forza sul timone, distogliendo lo sguardo. Sembri davvero uno straniero con quella barba disse, dopo un po'. Un barbaro rise forzatamente Waduulf. Come ci chiamate voi. Fiss Marco.

Come ci chiamano loro. Marco annu. Si freg le mani sul viso. E poi, quando sbarcheremo, mi sporcher la faccia di fango. Chi vuoi che badi a un Goto in pi o in meno, laggi? Che farai, dopo? Seguir il reiks. Gli ho giurato fedelt. Come a te. Lui non mi ha ucciso e mi ha accolto. Marco si volt, il viso aperto in una risata imprevista. Lo faccio per te vibr una pacca sulla schiena di Waduulf, dura come il legno. Che faresti senza di me, mio grosso amico? Hai bisogno di qualcuno che t'insegni gli usi dei Romani. Waduulf gli scocc uno sguardo corrucciato, poi scoppi a ridere. Allung una mano, larga come il ferro di una vanga, e assest uno scappellotto sulla nuca di Marco. Il Romano oscill in avanti, aggrappandosi alla fune con entrambe le mani. Piuttosto il viso di Marco era tornato serio, sei sicuro che siano ben nascoste, le armi? Waduulf lo guard sconcertato. E tu che ne sai? Vi ho visto caricarle sui carri. E il reiks me ne ha parlato. Si fida di te, allora. Cos pare. Waduulf studi il viso del compagno. Poi scroll le spalle, gonfie per lo sforzo. Le abbiamo messe sotto le carcasse dei cani. Abbiamo dovuto uccidere tutti quelli che rimanevano. Poi abbiamo caricato le carcasse. Puzzano. Diremo che sono la nostra riserva di cibo. I Romani ci crederanno. Per loro noi siamo bestie e possiamo mangiare carne marcia. Ma non andranno a frugarci in mezzo. il discorso pi lungo che ti ho mai sentito fare. Marco fece un mezzo sorriso. Hai ragione. I Romani le lasceranno passare. IV
Durostorum, Mesia Inferiore. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, VIII giorno prima delle Calende di febbraio. [25 gennaio 377 d.C.]

Avevano trascinato dei massi dalla foresta fin davanti alla porta pretoria e vi avevano appoggiato corte travi di quercia, a formare dei rudimentali scrittoi. Ingobbiti sugli sgabelli, gli scrivani contavano gli sbarcati, registrandone il numero su tavolette cerate che ammucchiavano nelle ceste al loro fianco. Poi i carri venivano rapidamente ispezionati e i Goti condotti nei recinti a oriente, in una grande spianata a un centinaio di pertiche dalle mura, dove potevano finalmente riunirsi alle loro famiglie. Ogni recinto era sorvegliato da legionari in cotta di maglia, i giavellotti

impugnati al riparo degli scudi. Ertegul scrutava la lunga processione di profughi che sfilava ordinatamente dinanzi agli scrivani. Arricci il naso, fiutando l'odore di decomposizione che proveniva dai carri riuniti sulla sponda. la carne. Alle sue spalle, Massimo sogghign. Si sono portati le scorte. Carne di cane. Carne putrefatta. E la mangiano. E presto non avranno nemmeno quella, pens. E dovranno venire da me. Si stropicci le mani, indifferente allo sguardo sospettoso del monaco. Poco lontano, una coppia di legionari stava ispezionando un carro: i buoi aggiogati erano crollati sulle zampe anteriori e un ragazzo dai capelli biondi e folti li pungolava con un ramo, mentre un uomo con la casacca lacera faceva forza sui finimenti. I soldati erano saliti sul pianale e rovistavano tra i sacchi e le coperte. Sotto la pioggia fitta e gelida Durostorum pareva una piccola citt, circondata dai carri e da capanne di legna e paglia. Nei campi goti, dai pochi fuochi accesi, salivano colonne di fumo grigio, impregnato dell'odore di brace e di zuppa. Quanti uomini sono arrivati dalle altre guarnigioni? Qualche centinaio. Massimo distolse lo sguardo e fece un cenno a un servo che gli tese una coppa. Vuoi anche tu del vino? Solo qualche centinaio? Ertegul scost bruscamente la mano del Romano. E quanti, di preciso? Il dux inghiott rumorosamente un sorso. Toss, sprizzando gocce rosse sulla lorica da parata, istoriata d'argento. Ti far portare il numero esatto da Settimio. Ertegul si alz. E tu saresti il dux? Tu comanderesti le legioni limitanee della Mesia Inferiore? La voce del monaco era gelida. Tu saresti il secondo di Lupicino, del comes rei militaris dell'imperatore? Non ti rendi conto, stolto? Abbiamo bisogno di controllare decine di migliaia di uomini. Ertegul fiss Massimo con uno sguardo carico di disprezzo. E tu sai bene. Sai bene a cosa mi riferisco. Il volto di Massimo era paonazzo. Non posso sguarnire gli altri forti. A oriente sono stati avvistati gruppi di Greutungi. Altri Goti. Vogliono passare anche loro il fiume. Alle spalle hanno gli Unni, dicono. Abbiamo bisogno di uomini. Ma dobbiamo essere certi di controllarli. Massimo fece una smorfia. E troppi legionari potrebbero essere... d'impiccio sussurr con tono mellifluo. Ertegul lo fiss in silenzio. Poi annu. E sia. Ma dovrai essere in grado di comandare questi che stiamo facendo sbarcare. Si volt, ignorando Massimo. E presto disse ancora. Mentre il dux scagliava a terra la coppa, sul volto di Ertegul comparve un sorriso sottile. Altre zattere erano approdate ed era il turno di un carro condotto da una

specie di colosso. Il monaco lo osserv da lontano. Ecco un buon guerriero, pens. Uno da ricordare. Si sporse verso lo scrivano. Chiedi il nome di quell'uomo ordin. I legionari avevano fermato il colosso e frugavano con la punta delle spade negli interstizi del carro. Poi il pi anziano si allontan, battendo con la spada sulla groppa dei buoi, la mano al volto per turarsi le narici. Tengono la carne marcia con le coperte. Massimo sput nel fango. Non cambieranno mai. Possono essere solo servi. Mentre lo scrivano annotava, il carro si avvi verso i recinti. Tu, fermati. Ertegul fece un cenno al colosso. Avvicinati disse in goto. Il colosso, prima di accostarsi, si volt verso un uomo pi basso, che tirava i buoi per le corregge. L'uomo, ingobbito, un ciuffo di capelli neri che sfuggiva dal cappuccio zuppo, si arrest, trattenendo le bestie. Si sostenne a un pesante bastone di legno, vacillando. Il monaco lo fiss per un momento, poi si rivolse al colosso. Qual il tuo nome? Waduulf brontol il colosso a voce bassa. Annotalo ingiunse Ertegul allo scrivano. E stasera portami la tavoletta. Sollev lo sguardo verso Waduulf. Sei forte. Sai anche usare la spada? Il gigante annu con un gesto pesante del capo. Allora ricordati di me. Ti verr a cercare. Va', ora. Waduulf richiam con un fischio il compagno, che fece forza sulle corregge. Le ruote cigolarono nel fango. Aspetta ordin il monaco. Quel bastone. Quello del tuo amico. un'arma. Fagliela lasciare qui. Senza non pu camminare. Ertegul si fece avanti, strappando il bastone dalla mano dell'uomo incappucciato e puntandoglielo contro la gola. Alza la testa! Fece un verso di disgusto. Sei coperto di fango. E puzzi come il tuo carro. Si volt verso Waduulf e lo sferz sul volto con il bastone. Il colosso sussult, le guance coperte di sangue. Il monaco sorrise, scagliando via il bastone. Adesso sai come devi rispondermi. E ora trascina via il tuo amico storpio. Senza una parola, Waduulf si pass una mano sul viso, poi s'accost al compagno e lo sorresse con il braccio, dirigendosi verso i recinti.

V
Durostorum, Mesia Inferiore. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, il giorno prima delle Calende di marzo. [28 febbraio 377 d.C.]

Scendeva la notte, mentre rientrava dalla caccia. A poco pi di uno stadio dalla porta decumana mise i cavalli al passo, lasciando che rilassassero i muscoli del collo, irrigiditi dalla lunga marcia. Procedeva nella pianura fangosa, le redini abbandonate e ciondolanti, il muso del sauro che frugava nella mota in cerca di cibo. Il grosso baio legato alla sella trascinava una slitta di rami intrecciati, su cui aveva caricato le prede uccise. Durostorum incombeva poco lontano. A oriente, i recinti dove erano rinchiusi i Goti si profilavano bui contro il cielo livido, appena rischiarati dai fuochi morenti. In lontananza, oltre i recinti, spiccava un fabbricato basso, le strette finestre illuminate. Batraz lo fiss incuriosito. Non l'aveva mai notato nei giorni precedenti e la vivacit della luce faceva pensare a un incendio. Ma il gruppo di Romani di fronte alla porta pareva divertirsi, berciando e gesticolando. Altri soldati ne uscivano e si dirigevano verso le mura dei castra. Un grido sovrast lo schiamazzo, facendolo tacere per un istante, poi cess e gli uomini presero a ridere, battendosi le cosce con le mani. L'aria era ancora fredda e sapeva di boschi. Non lo attraeva affatto tornare a respirare il tanfo greve di Durostorum, n inciampare nei bambini nudi, figli dei legionari e di schiave germaniche, che ne affollavano le vie. Nella foresta non aveva voluto nessuno con s e aveva cercato di dimenticarsi del suo compito. D'altronde, per il momento, lui non era indispensabile: prima era necessario condurre i Goti nell'interno, verso le terre che sarebbero state loro affidate. Poi, a Marcianopoli, poco meno di un centinaio di miglia pi a meridione, avrebbe iniziato la selezione degli uomini da arruolare per l'imperatore. La porta decumana era vicina. Dagli spalti qualcuno gli faceva ampi segnali con una lanterna. Poi scomparve e poco dopo il picchetto di guardia spalanc la porta, lasciandone uscire un cavaliere che gli galopp incontro, il mantello nero ampio come una vela alle sue spalle, il battere degli zoccoli che infrangeva il silenzio. cupo, pens Batraz, avvertendo una contrazione allo stomaco. un suono cupo. Eccoti finalmente. Nella penombra il volto di Farnag era cereo. Che succede? Batraz raccolse le redini e trattenne il sauro. Farnag gli si affianc. Vieni. Indic la costruzione illuminata. Presto.

Estrasse un pugnale e recise i finimenti del baio. Il cavallo, improvvisamente libero, prese a raspare nella mota gelata, mentre i due guerrieri galoppavano verso i recinti. Che succede? ripet Batraz. Gett un'occhiata all'amico, rendendosi conto che aveva entrambe le spade infilate nei foderi. Dove andiamo? Leimeie. Il nome cadde come una pietra. Che stai dicendo? La contrazione allo stomaco si accentu. Una sbarra, pens Batraz. Ho una sbarra nel ventre. I soldati hanno chiesto un lupanare. Per le donne gote e per le puttane dei castra. A Durostorum non c'era pi sufficiente spazio. Massimo ha acconsentito e ha fatto costruire quella capanna. Hanno impiegato meno di un giorno. Farnag si sfreg le dita sulla bocca, come a raschiarne un sapore corrotto. Le pagano con del cibo. I Goti sono alla fame. S'interruppe, esitante. Continua. La voce di Batraz era calma. Sono venuti stasera. Un tribuno e tre legionari. La ragazza era con Dodoi, a cercare erbe, ai margini della foresta. Lui era senz'armi. Lo hanno ferito alla testa e hanno portato via lei. Quando si ripreso, Dodoi venuto a chiamarmi, pochi minuti fa. Batraz affond i talloni nei fianchi del sauro. La capanna era davanti a loro: luce alle finestre, senso di calore. Gli uomini in attesa sulla soglia si passavano un'anfora di vino e cantavano con voci sguaiate. Sulla porta era dipinto un fallo rosso, con la scritta Hic habitat felicitas. Piombarono al galoppo tra i soldati, scaraventando a terra i pi vicini. Senza aspettare che il sauro si arrestasse, Batraz balz al suolo, mentre Farnag tratteneva i cavalli. Hic habitat felicitas. Hic habitat felicitas. Con un pugno il Sarmata atterr un legionario che gli sbarrava la strada. In malam pestem, canes! grid il soldato rialzandosi, la spada sguainata. Batraz gli assest una ginocchiata nel basso ventre e spalanc con un calcio la porta del lupanare. L'interno era una lunga camerata divisa in una decina di cubicoli chiusi da tende grigie. Su ciascuna delle tende era stato dipinto un nome: Alypia, Guntelda, Lupa... La tenda pi vicina, sotto al nome, portava una scritta scarabocchiata di recente. Bene fellat, lesse Batraz. Alle sue spalle sentiva il respiro affannoso di Farnag, immobile sulla soglia, entrambe le spade in pugno. Batraz si ferm, le mani sul viso, un dolore sordo che gli pulsava nella nuca. Le grida dei soldati trattenuti da Farnag s'erano fatte fioche e alle sue spalle, come da molto lontano, sentiva avvicinarsi un ansito profondo. Il cane, pens, il mio cane. qui. L'ansimare era una corsa, un galoppo. Poi, il dolore al capo raggiunse l'apice e inizi a scemare. Batraz sfoder la spada e con un fendente squarci la prima tenda. L'uomo affondato tra le cosce di una donna bionda dal volto piatto si volt sorpreso,

trovandosi a fissare la sua spada. Un'altra tenda lacerata, un altro uomo, seduto su un basso letto di legno, una donna inginocchiata ai suoi piedi. Capelli rossi, sciolti. Il legionario si alz di scatto, il membro ancora eretto, un coltello in pugno. Una piattonata violenta sul volto. Il soldato stramazz sulla terra battuta che inizi a impregnarsi di sangue. Batraz fiss il volto attonito della donna. Prosegu. Altre tende, altri uomini dalle brache calate, la cotta di maglia gettata in un angolo. Altre donne dagli occhi vuoti. Il fiato rovente del mastino sul collo. L'ultima tenda. Un nome: Leimeie. La vernice rossa era colata in una larga macchia. Colore del sangue. Batraz sent un suono basso e rugghiante e cap che proveniva dalla sua gola. Il mastino nero era accanto a lui, pronto a balzare. Non poteva vederlo ma lo sentiva. Con un gesto che gli parve lentissimo, Batraz strapp il tessuto. Davanti a lui, le natiche magre e pallide di un soldato, agitate da un movimento convulso. Da sotto una spalla del legionario, un volto di donna, coperto di trucco pesante. Bianco di cerussa sulla fronte e sul collo, rosso di cinabro sulle guance, nero di bistro intorno agli occhi. Il pugno della ragazza si abbatteva sul fianco del soldato, come affondando un pugnale, sui lombi che si muovevano, sui lombi che la schiacciavano contro il letto sporco. Batraz allung il braccio destro e afferr il soldato per i capelli, lo sollev, sentendone il grido, vedendo il sangue scorrergli lungo il collo. Lo scagli contro la parete, mentre la ragazza lo fissava in silenzio. Senza guardarla, Batraz spinse la lama della spada contro la gola del legionario. Il ragazzo, non poteva avere pi di vent'anni, pareva cieco, le sclere divorate dal bianco degli occhi sbarrati. Batraz appoggi il palmo della mano sulla lama, iniziando a premerla sul collo del soldato. I latrati del mastino erano assordanti. Nell'aria, odore di sangue. Il suo sangue, che scorreva dal palmo lacerato dal filo della spada. Fu in quel momento che si sent afferrare da due braccia robuste, mentre una mano gli stringeva dolorosamente il polso. Fermati gli sussurr una voce sconosciuta, sovrastata dai ringhi del mastino. Fermati, fratello. Batraz inarc la schiena, ma lo sconosciuto alle sue spalle gli aveva passato un braccio attorno al collo e gli schiacciava la trachea. Sent il respiro mancare, poi d'improvviso i latrati del mastino cessarono e Batraz lasci cadere la spada. La stretta sulla sua gola si allent. Si volt: di fronte a lui, il volto di Farnag. Fermati, fratello. Lo hai quasi ucciso. Batraz guard il soldato riverso a terra. Scosse il capo. Senza una parola, si avvicin al letto. Avvolse la ragazza nel suo mantello nero, la aiut ad alzarsi e la sorresse verso la porta. Lei lo guardava, i grandi occhi prigionieri del bistro, del cinabro, della cerussa.

VI La notte era gelida e profumata. Il vento del settentrione aveva spazzato via il fetore del campo dei profughi e sgombrato il cielo. Batraz si arrest sulla soglia. Di fronte a lui, una ventina di legionari formava un semicerchio illuminato dalle torce, le spade luccicanti nella luce delle fiamme. Un uomo si stacc dalla fila. Un passo avanti. Appoggi le mani sui fianchi. Che fai qui, magister? La voce di Massimo ronfava come un gatto. Volevi uccidere dei soldati romani? Batraz ud il sibilo lieve delle lame di Farnag che uscivano dai foderi. Il corpo di Leimeie s'irrigid e lui sent la mano della ragazza sgusciargli sulla schiena, fino ad afferrare il pugnale che portava alla cintura. Questa donna viene via con noi disse, la voce serena. Massimo rise silenziosamente. Non sono sicuro che nemmeno voi potrete andarvene. Cosa ne dici, soldato? Un legionario dal labbro spaccato e sanguinante annu in silenzio. Aveva sul viso l'impronta della spada di Batraz. Tu e il tuo compagno avete attaccato dei soldati dell'imperatore. Massimo incroci le braccia. Qui siamo sul limes. Il tono di Massimo era morbido come miele. Il comando mio. Non tuo, magister. E devo far rispettare le leggi dell'impero. E tu le hai appena infrante. Schiocc le labbra, come assaporando un boccone ghiotto. Vediamo. La pena... la pena per aver aggredito i miei uomini... Un altro lento sorriso. Ah gi. la morte. Preceduta dalla fustigazione, naturalmente. Vi fu un lungo silenzio. Il legionario sfregiato sogghignava, i denti marci rivelati dallo squarcio sul labbro. Batraz tolse lentamente la mano dalla spalla della ragazza, appoggiandola sul pomo della spada. Puoi tentare, Massimo. Un sibilo. Una freccia si conficc nel terreno, a un palmo dai piedi del dux. Dal buio circostante emersero altre figure, avvolte in mantelli neri, quasi invisibili contro il cielo notturno. La prossima sar per te, dux Massimo. La voce di Yaguz risuon calma. Massimo si volt. A meno di venti passi, Dodoi, il capo avvolto in una benda insanguinata, l'arco teso, lo teneva sotto tiro. Gli altri catafratti avevano circondato i legionari e attendevano, armature indossate, ginocchio a terra, frecce incoccate. Una trappola! Massim torn a girarsi verso Batraz. Nessuna trappola. Yaguz avanz nel cerchio delle fiaccole. Camminava leggero, senza far rumore, e la luce riverberava sul fermaglio che gli chiudeva il mantello. Abbiamo seguito il nostro magister. Si accost a Massimo. Sta a te la scelta. Massimo si guard intorno, valutando la

situazione. Gett un'occhiata ai suoi uomini, paralizzati sotto il tiro delle frecce. Dopo una lunga esitazione sollev il braccio destro, i lineamenti distorti dall'ira. Andiamo. Non spargiamo sangue inutilmente. Guard Batraz. Avremo tempo per regolare la nostra faccenda. Quando vorrai. Ma prima dimmi cos' questo. Con un calcio, Batraz rovesci una cesta appoggiata accanto alla soglia. La farina si sparse tra il fango, bianca come neve. Da dove viene questo cibo? Massimo lo fiss. Non andare troppo oltre. Fece una breve pausa. Tieniti la ragazza e non cercare altri guai. S'incammin verso Durostorum, seguito dai legionari. Lo sfregiato chiudeva la fila, lo sguardo torvo fermo su Batraz. Quando furono lontani, Farnag si chin. Si risollev, succhiandosi le dita bianche di farina buona disse. Non la farina che distribuiscono a noi e nei recinti. Quella infestata dai vermi. Devono aver nascosto del cibo. Batraz si volt verso Yaguz. Ti ringrazio disse semplicemente. Il vecchio sorrise e richiam i cavalieri. La venderanno ai Goti aggiunse Batraz, accennando alla cesta. Gi. Farnag gli appoggi una mano sulla spalla. Porta al sicuro Leimeie disse. E guardati alle spalle. Batraz annu. Tese la mano alla ragazza. Scomparvero nel buio, scortati dai Sarmati. VII Aveva intinto una pezzuola nella vasca della fontana e ora la passava sul viso di Leimeie, rimuovendone gli spessi strati di colore. Nei castra, le uniche luci erano le fiaccole sugli spalti e la lanterna che ardeva ai loro piedi, nel cortile assediato dal freddo. L'unico suono, il calpestio oltre le mura della pattuglia di guardia. All'imbocco della Via Quintana, accanto alla porta della camerata riservata ai Sarmati, stava accovacciato Dadakos, l'arco tra le mani. Gli occhi. Bruciano mormor la ragazza. la tinta. Sto tremando. Leimeie chiuse gli occhi. Quel soldato... Se tu non fossi arrivato, lo avrei ucciso. Avrei atteso che si girasse o si chinasse. Lo so. Batraz inumid nuovamente il cencio. Lo so. La ragazza riapr gli occhi. Erano enormi, interrogativi, con i contorni confusi dagli ultimi residui di colore. Perch sei venuto a prendermi? Batraz non rispose. Termin delicatamente il suo lavoro e strizz la pezzuola. Da questa notte dormirai in camerata con noi. Dodoi ha teso una tenda davanti al tuo giaciglio. Sorrise. Sarai al sicuro.

Il tuo uomo veglier tutta la notte? Leimeie accenn alla porta. Gli daremo il cambio. Lo afferr per il braccio. Aveva dita forti. Voi Romani. C'era rabbia, nella sua voce. Sembrate lupi, pronti a sbranarvi l'uno con l'altro. Io non ho mai combattuto la mia gente. Io non sono un Romano. Sono un Sarmata. Come te. Che fai qui, allora? Batraz tacque, fissando la mano che gli stringeva il polso. Piccola, quasi infantile, le unghie scheggiate. Sei una guerriera? domand poi. Perch me lo chiedi? Le strisce azzurre sul tuo viso, quando ti ho trovato. Farnag crede che tu sia una strega. Allora ha paura di me. Leimeie soffoc una piccola risata. Forse non ha torto. Ti ho visto uccidere, nell'accampamento degli Unni. Le nostre donne combattono al fianco dei loro uomini. Lo hai dimenticato? Hai dimenticato le donne del tuo popolo? No. Non le ho dimenticate. La bocca di Batraz s'era assottigliata in una linea dura. Mi biasimi perch sono qui, con i Romani? Ognuno arriva dove lo conduce la vita. Leimeie scroll le spalle. Tu fai quel che devi. Fai quel che puoi. E anche io faccio cos. S. La voce di Batraz s'ammorbid. Facciamo quel che dobbiamo. E quel che possiamo. Sorrise ancora. E le strisce, dunque? Le avevo appena dipinte. Volevo andare in caccia di quegli uomini. Spada o magia? Guerriera o strega? Leimeie scosse il capo. Immerse la mano a coppa nell'acqua gelida, bevendo avidamente. Batraz annu nel buio. Non mi hai risposto disse. Poi, si sorprese a osservare la curva della guancia di lei, che, senza lasciargli il braccio, s'era voltata di profilo contro il cielo notturno e con l'altra mano, ancora bagnata, s'era scostata i capelli dal volto. E nel guardarla sent un vuoto caldo nel ventre. Si sporse, sfiorandole una spalla con la punta delle dita. Lei si gir bruscamente verso di lui. Cosa vuoi da me? domand, stringendogli ancora le dita intorno al polso, la voce colma d'urgenza. Cosa vuoi da me? Batraz le prese la mano, costringendola a lasciare la presa; la rovesci e pass le dita sul palmo calloso. Si chin a sfiorarlo con le labbra, poi morse piano la carne nel punto pi tenero, nella piega del pollice. Leimeie gli spinse la mano contro i denti, finch un sottile rivolo di sangue le rig la pelle e lui ne sent sulla lingua il sapore dolce e metallico. Succhi, delicatamente, mentre la bocca di Leimeie si schiudeva e il respiro le si spezzava. Poi la ragazza liber la mano. Ora anche io ho la mano ferita. Come te. Gli pass le dita sul palmo coperto da una crosta rossastra, poi sulle labbra,

bagnate del suo sangue. Sono in debito con te. Devo pagare il mio debito, prima. Si alz e scivol via, verso la camerata. VIII Era passata la met della notte e da poco era iniziata a cadere una sottile pioggia gelata. Era stanco, ma sapeva che non sarebbe riuscito a prendere sonno. La schiena gli doleva e sentiva ancora in bocca il sapore del sangue di Leimeie. Tanto valeva camminare. Salut con un cenno Dadakos e s'avvi lungo i baraccamenti delle truppe, da cui veniva il fievole pianto dei neonati. Oltrepass il valetudinarium e il granaio. Si accorse, con sorpresa, con irritazione, di essere confuso. Rabbia: era rabbioso perch il suo desiderio era stato frustrato. Ma c'era in lui anche un velo di tristezza. Melancholia. Bile nera. Gliene aveva parlato suo padre, nel donargli un libro di Ovidio. Sfreg la mano ferita contro il muro di un edificio, con forza, fino a farla nuovamente sanguinare. Era una donna, la causa di tutta quella confusione? Quel sentirsi debole, irresoluto? Nessun Romano avrebbe potuto capire. E nemmeno i suoi uomini. Nemmeno Farnag. Una donna si prende. O si sposa. Tutto l. Scosse il capo, greve di stanchezza. Era ora di dormire, senza pensare alle donne. Era vissuto cos e sarebbe morto cos. Aveva camminato a lungo per le vie della fortezza, senza badare alla direzione. Sollev lo sguardo per orientarsi. Di fronte a lui, lucidi di pioggia, i bassi edifici dei Principia, il quartier generale e, dall'altra parte della strada, il Pretorio. Da uno squarcio tra le nubi occhieggiava una falce di luna. Sugli scalini sotto il porticato, sedeva un uomo avvolto in un mantello bianco. Nemmeno tu dormi? Batraz si avvicin, sedendo al suo fianco. Il favorito di Vittore. Ertegul lo guard da sotto il cappuccio. una notte di strani incontri, questa. Fa freddo. E allora che fai qui, al gelo? Credevo che qualcuno avrebbe scaldato il tuo letto, stanotte. Batraz scroll le spalle. Massimo furioso con te. Dice che gli hai teso una trappola. Trappole. Batraz scorse con lo sguardo i muri del quartier generale. Mattoni rossi, finestre. Un arco, ancora in costruzione. Un arco per celebrare le fortune dell'impero. Quella presto sarebbe diventata una citt importante. E ci sarebbe stato posto per la politica e per le trappole. E per i preti. Per un

momento avvert, pungente, il desiderio di ritornare nella foresta. Le bestie sono pi facili da capire. Tu le uccidi. Loro ti uccidono. Niente di pi. Niente di meno. Non mi stai ascoltando. La voce di Ertegul lo riport al presente. Si volt: il prete lo osservava con un sorriso ironico. Per un momento in quel sorriso gli parve di cogliere qualcosa di noto da molto tempo. Di antico. Poi la sensazione svan, lasciandogli un fugace, tormentoso senso di vaghezza. Ti ascoltavo, prete. Massimo mente. Nessuna trappola. Volt appena il capo. Sapevi del lupanare? Il monaco sorrise appena. I soldati hanno bisogno di donne. E qui sono in pochi ad aver famiglia. E che le donne le rapissero lo sapevi? Massimo un imbecille. La fronte di Ertegul s'era aggrottata. Ma sono forse io il custode di mio fratello? aggiunse con voce melliflua. Batraz non rispose. Tacquero entrambi, ascoltando i richiami delle scolte. Quando partiremo? domand Batraz. Sei inquieto, magister? Siamo qui da due mesi. E da settimane i Goti sono rinchiusi nei recinti. Ti disturba? Sono uomini. Non bestie. E i Sarmati non trattano cos nemmeno gli animali. Hanno fame. Abbiamo poco cibo. Una risata amara. Credo che Massimo abbia nascosto delle scorte. E ora le stia vendendo a caro prezzo ai Goti. Asino stultior. Il monaco incresp la bocca in un'espressione sprezzante. Non capir mai ci che davvero importante. E che cosa importante? Ertegul non rispose. Stiamo aspettando rinforzi dalle legioni limitanee disse dopo un breve silenzio. Sulla riva settentrionale sono arrivate altre trib. Greutungi. E cercano di passare il fiume. La gente di Alatheus e Saphrax. Sei informato, vedo. Batraz scroll le spalle. Gli uomini delle scholae palatinae devono conoscere i nemici dell'impero. Non avevo dubbi. Ertegul sorrise. L'imperatore ha scelto bene i suoi cani da guardia. E tu, che cane sei? Ertegul non rispose. Si alz, facendo alcuni passi nella corte di fronte al portico. Non piove pi disse. Farnag mi ha detto che Massimo ora fa pattugliare il fiume. Il monaco annu. Non siamo in grado di controllare anche i Greutungi. Quindi dobbiamo evitare che sbarchino. Quando partiremo, allora? Non lo so. Il mese prossimo, forse. Se avremo abbastanza uomini. Non temi una rivolta? I Goti sono alla fame. E certo non sono disarmati. Una rivolta? Ertegul si gir. Il cielo ora era sgombro di nubi e la luna

pareva la falce di un mietitore pronta a calare su di loro. Nella luminosit bianca i denti del monaco luccicarono. Una rivolta? E perch mai? Tu la desideri, prete. Tu sei pazzo, soldato. Ertegul si avvolse pi strettamente nel mantello. E comunque ubbidiremo a Massimo. Decider lui la partenza. Batraz rise. Massimo o tu? Che importa? Nulla, in definitiva. Io sono un soldato. Partiremo quando deciderai. Batraz curv il collo, facendolo scricchiolare. L'oscurit scivolava in una tonalit grigiastra. L'alba non era lontana. Cos potrai tornare ad Antiochia. Verr solo fino a Marcianopoli. E che farai laggi? Porti nuovi ordini per Lupicino o hai un piano di cui l'imperatore all'oscuro? Io ho un sogno. Ertegul si drizz in piedi. Ma bene che tu non lo conosca. un sogno troppo grande per un uomo. Si stir, senza mascherare un lungo sbadiglio. E ora tempo di riposare almeno un poco. Vale, magister. Il monaco scomparve sotto il porticato, mentre in lontananza si udiva il grido dei gabbiani. Batraz si alz pesantemente e si diresse verso la camerata.

Primo interludio

LA CERCA
I
Castrum Album, sulla costa del Ponto Eusino, Scizia Minore. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, III giorno prima delle None di novembre. [3 novembre 378 d.C.]

Quando l'uomo dai capelli bianchi intravede in lontananza la citt, tutto gli pare cambiato. Da molti anni non attraversa quelle terre, eppure le ricorda bene. Lui nato non lontano, su una collina a settentrione, a poco pi di cinquanta miglia di distanza. Ricorda i giorni trascorsi con suo padre, a caccia o nei mercati, dove trattavano l'acquisto di pelli per la loro gente. Ricorda d'aver nuotato in quel mare. Ma tutto gli pare cambiato. Cavalca lungo la costa, fiancheggiando una lunga spiaggia battuta dal vento gelido, e percorrendo i sentieri che attraversano le distese di acquitrini. Dove il litorale inizia a curvare nell'insenatura che ospita, pi lontano, la citt, qualcosa attira il suo sguardo. La spiaggia alla sua destra argentea e nera, animata da un continuo brulicare. L'uomo avanza finch non incontra un punto in cui la vegetazione meno fitta e guida il cavallo per una ripida discesa sabbiosa, inclinando il corpo all'indietro. Il mare grigio e cupo e le nuvole verso oriente sono cumuli densi di pioggia. La spiaggia ricoperta di pesci boccheggianti. Spigole, dentici, rombi. Qua e l un grosso storione mena violenti colpi di coda nell'aria, gli occhi fissi e ciechi. L'uomo attraversa la spiaggia, mentre gli zoccoli del cavallo scivolano tra i corpi guizzanti. Presso l'arenile il mare coperto di altri pesci, che galleggiano nelle onde basse, il ventre all'ins. I gabbiani volteggiano sull'acqua, scendono in picchiata, risalgono. L'uomo dai capelli bianchi risale la spiaggia e spinge il cavallo per un sentiero di ciottoli, fino a tornare sulla pista confusa tra l'erba rasata dal vento. A occidente la pianura bruna e calva, costellata qua e l da macchie d'alberi grigiastri. All'alba, quando s' avvicinato agli alberi, ha scoperto che erano stati bruciati, come i pascoli che salgono verso settentrione. La citt ora vicina. Conosce il suo antico nome greco, Tyras, e quello latino, Castrum Album. Conosce la lingua che parlano i suoi abitanti. Sono gente del suo ceppo.

Ricorda un campo romano, vie strette e affollate, il fumo dei focolari. Ora, l'aria grigia limpida sopra i tetti crollati, che mostrano in pi punti i segni del fuoco. Lungo la strada che costeggia l'insenatura incontra cadaveri rattrappiti, carri rovesciati, cesti sventrati. Tutto intorno a lui livido e scuro, mentre sale verso le porte di Castrum Album. Ha legato il cavallo fuori delle mura per farlo riposare e ora percorre le vie deserte. Le case hanno le porte sfondate, le finestre vuote e buie. Tra i muri carbonizzati dalle fiamme echeggiano soltanto i suoi passi. Un battente semi divelto cigola al vento, poi s'arresta. Nel silenzio l'uomo si ferma, come se avesse sentito un respiro o un calpestio alle sue spalle. Si volta bruscamente, la spada puntata in avanti. Nessuno. Allora riprende a camminare, frugando con lo sguardo nelle cavit vuote delle case. Nell'aria c' un fetore greve e dolciastro. Nessuno. N vivo n morto. L'uomo prosegue, in cerca degli abitanti. Qualcuno dev'essere sopravvissuto, nascosto in una cella vinaria o nei vigneti oltre le mura. Ma i vigneti, l'uomo li ha visti arrivando, sono stati devastati e distrutti. Nessuno avrebbe potuto nascondervisi. Forse sono riusciti a fuggire. Forse. A mano a mano che avanza per le vie l'odore aumenta, sembra impregnargli le vesti e i capelli. Lo conosce bene, ma poche volte l'ha sentito cos intenso. Quando raggiunge la piazza la prima cosa che vede il porticato di marmo. Non bianco ma rossastro, butterato di chiazze scure. Il fetore lo colpisce allo stomaco come un pugno. un muro che sembra di non poter attraversare. L'uomo abbassa gli occhi. Tutta la piazza coperta di cadaveri ammucchiati in cataste sghembe, in mucchi da cui emergono braccia distese, gambe che penzolano flosce. L'uomo cammina lentamente, su un letto di sangue coagulato. Uomini, bambini, soldati, donne, vecchi, animali. L'uomo cammina verso il centro della piazza, dove si erge una croce alta pi di una pertica. Alla croce stato legato il corpo di un uomo anziano, dalle vesti ricche. Un magistrato della citt. Un arconte, come venivano chiamati in quel luogo. Ha una profonda ferita nel costato. Sul capo, come una corona di spine, gli stato piantato a forza un cranio d'asino.

II Ha cavalcato per miglia nella nebbia, attraversando un reticolo di acquitrini e inoltrandosi nei boschi. I frassini e gli ontani comparivano davanti a lui improvvisi dalla foschia, come scheletri neri. Al tramonto, la nebbia si diradata, mostrando un cielo inaspettatamente sereno. L'uomo si ritrovato lungo la costa, tra canneti e barche scure dal fondo piatto, e ha capito di aver sbagliato strada. Cos ha deciso di fermarsi e ha preparato il bivacco. L'aria fredda e pulita nella luce del sole che scende. Il mastino comparso dopo il crepuscolo. In silenzio, come sempre. Lo ha fissato, di l dal fuoco, con un basso brontolio. Poi, elastico e possente, scivolato via nel buio. L'uomo ha gettato qualche ramo sul fuoco e si disposto al sonno. Sente l'ululato prima dei fruscii. Un suono cupo, appena accennato, e l'uomo gi sveglio, immobile, pronto a scattare. Il fuoco solo una brace morente. L'ululato si ripete. il mastino. Non potrebbe confonderlo con altro. Poi sente i fruscii. Provengono dalla sua sinistra, oltre le rocce tra le quali ha cercato rifugio. Sfila con cautela il coltello da caccia dal fodero. La spada a qualche passo da lui, troppo lontana per afferrarla senza alzarsi. Un mormorio nella notte. Tra le canne, alcune ombre si rialzano, stagliandosi contro il cielo stellato. Le conta con calma. Cinque. Cinque uomini. Lo stanno osservando prima di attaccare. I cinque uomini si avvicinano, facendo crepitare la sabbia sotto i piedi. Un rumore pi forte: uno di loro calpesta un ramo secco e per un momento tutti si immobilizzano. L'ululato risuona una terza volta, come un segnale. Ed allora che l'uomo rotola su se stesso, scomparendo dal cerchio di luce morente del fuoco. Ha scelto la mossa meno prevedibile, e invece di gettarsi verso la spada scomparso nel buio, tra le canne, proprio dove le cinque ombre ora esitano. Immobile, attende. Una delle ombre a meno di un passo da lui. Nel chiarore delle stelle ne intravede il volto camuso, dipinto di azzurro. L'uomo si alza silenzioso e afferra il barbaro, una mano sulla fronte, il braccio intorno alla gola. Una torsione rapida, faticosa come spostare un macigno, e le vertebre del barbaro scricchiolano, si disarticolano con uno schianto. Il barbaro cade tra le canne con un tonfo e l'uomo, approfittando del rumore, scivola in avanti, nel folto, accucciato come un animale. Due ombre si muovono ai suoi fianchi, circa quattro passi l'una dall'altra. Gli altri sono pi lontani, ormai accanto al fuoco. Le due ombre si avvicinano, probabilmente per parlarsi. L'uomo balza in piedi, il coltello in pugno, e nel salto ruota su se stesso. Il coltello incontra la gola del barbaro alla sua destra, mentre

l'uomo, nel ricadere, d un colpo di reni e piomba sull'altro avversario, rovesciandolo a terra. L'uomo gli affonda il viso nella sabbia e il coltello alla base del collo. Spinge, finch sente i robusti legamenti cedere e la lama affondare in profondit. I barbari superstiti corrono verso di lui. Gridano, ora, e l'uomo cerca di ritrarre il coltello, ma la punta affondata nella sabbia. I barbari sono sopra di lui. Con uno scarto evita un fendente e nel cadere fa scattare la gamba destra in un calcio violento. Uno dei barbari si accascia con un gemito, le mani sui testicoli. Ma l'altro sferra un fendente in discesa che sfiora il capo dell'uomo. Mentre l'uomo cerca di rialzarsi, il barbaro lo colpisce al volto con la mano libera, rigettandolo al suolo e torna intanto a sollevare la spada. Ed in quel momento che risuona un ringhio. Il mastino arrivato, ombra enorme che abbatte il barbaro. Una lotta convulsa, poi il mastino serra le fauci. Unisce le mascelle sulla gola del barbaro fino a che si sente uno scatto quasi metallico, quando i denti tornano in contatto. Il mastino scompare nel buio. Ulula in lontananza. L'uomo dai capelli bianchi si rialza con fatica. L'ultimo dei suoi avversari, ancora vivo, mugola per il dolore, tentando freneticamente di afferrare la spada, caduta a pochi passi. L'uomo si avvicina e vibra un altro calcio nel ventre del barbaro. Poi recupera il suo coltello e afferra il superstite per i capelli. Da dove vieni? domanda. Il barbaro lo guarda con occhi in cui solo il dolore vivo. Vuole parlare. Vuole vivere, pensa l'uomo. Da dove vieni? La terra del ghiaccio... Meotide... la voce del barbaro distorce il nome. Ma per l'uomo dai capelli bianchi sufficiente. Ricambia lo sguardo del barbaro, senza rabbia, senza furia. E solo allora, di fronte a quello sguardo indifferente, il barbaro inizia a tremare. Poi, l'uomo gli appoggia la lama sul collo e l'affonda con un gesto rapido.

Parte seconda NUBI, LAMPI

LA GRANDE MARCIA
I
Pianura della Mesia Inferiore. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, XVII giorno prima delle Calende di luglio. [15 giugno 377 d.C.]

Il bambino era crollato a faccia in gi sul terreno spaccato dal sole. La madre, scivolata via con un grido dalla colonna, aveva lasciato cadere il pesante fagotto e ora gli sosteneva il capo con il braccio, cercando di farlo bere da una fiasca e parlandogli con un basso mormorio. Sopra di loro, il sole a picco in un cielo azzurro e impietoso. Il convoglio sfilava infinito, la coda confusa con l'orizzonte. Migliaia di carri, decine di migliaia di profughi, in larga parte appiedati, sorvegliati da pattuglie di fanti e da coppie di cavalieri al piccolo trotto. Marciavano in silenzio, rotti dalla stanchezza e dal caldo, accompagnati da una nuvola di polvere rossastra e da un calpestio sordo e monotono, spezzato da rari richiami. In alcuni punti, i carri affondavano nel fango fino agli assi delle ruote. Aveva piovuto fino a tre giorni prima e ora il sole, imprevisto e ardente, aveva disseccato gli strati superficiali del terreno, che cedevano sotto il peso dei carri, sprofondandoli nel limo sottostante. La campagna intorno era verde e umida, con folte macchie boscose che risalivano le colline, delimitando larghe strisce di campi coltivati. Una foschia leggera nascondeva l'orizzonte verso meridione, da cui risalivano i primi stormi di anatre. La donna continuava a cercare di rianimare il figlio, un bambino di non pi di otto anni, i piedi che sbucavano nudi e callosi dalle fasce consunte che li avvolgevano. Un carro rallent: il conducente osservava la scena, incerto se fermarsi per prestare soccorso. Poi, dalla tenda sbuc il volto grinzoso di una vecchia. Un grido gutturale e il conducente torn a pungolare i buoi con un lungo ramo. Il carro riprese il cammino e la vecchia scomparve sotto la tenda. Da una pattuglia romana poco lontano si distacc un legionario anziano, che si avvicin con passo zoppicante. Che fai, donna? Muoviti! Con una verga, il veterano prese a tormentare i fianchi della donna, che si volt a guardarlo senza capire. In piedi! grid il

legionario, vibrando la verga sulla pianta dei piedi del bambino. Le gambe, magre e coperte di croste, ebbero appena un sussulto. Sta crepando, tuo figlio. Il legionario rise, afferrando la donna per la veste e scuotendola brutalmente. Abbandonalo ai corvi! Lasciali stare! Lungo la fila di Goti che procedevano strascicando i piedi, gli occhi vuoti e indifferenti, un secondo carro s'era arrestato bruscamente. Mentre il conducente, un barbaro alto e massiccio, tratteneva i buoi, il suo compagno, la barba nera e folta che gli oscillava sul petto, correva verso la donna. Lasciali stare torn a gridare. Il colosso osservava la scena dal carro, un pesante bastone nella destra. Il veterano si volt, la verga in pugno. E tu che vuoi? L'uomo s'era arrestato a pochi passi, come indeciso, il volto parzialmente celato dal cappuccio grigio. Che vuoi? Il legionario lo scrut attentamente. Togliti il cappuccio. Non sembri un Goto. E parli latino. Vieni via, Sesto Autronio. Un legionario quasi imberbe s'era avvicinato al gruppo. Permettigli di aiutarli. Li far salire sul carro. Il veterano lo misur con lo sguardo, strofinandosi la coscia destra. Aveva le brache tagliate sopra il ginocchio e la gamba fasciata fino alla caviglia. Vuoi farmi nuovamente frustare, Numerio? Vuoi che questa volta mi spezzino le ossa? Non devi batterli. Il giovane si pass la mano sulla fronte sudata. Sono gli ordini. E tu sei gi stato punito. E che m'importa degli ordini? Il veterano sollev la verga. Vedi qualche ufficiale, qui vicino? Con un movimento improvviso colp la donna sulle spalle, strappandole un gemito. La donna abbracci pi strettamente il bambino, facendogli scudo con la schiena. Mentre Sesto Autronio, la bocca deformata da un ghigno, levava di nuovo il braccio, l'uomo dalla barba nera si frappose tra lui e la donna, afferrandogli il polso. Merda! Con un gesto convulso il veterano liber il braccio. Ora vedrai chi Sesto Autronio, fellator! Gett la verga e afferr l'elsa della spada, ma prima che potesse estrarla dal fodero una voce calma risuon alle sue spalle. Non lo fare, soldato. Sesto Autronio si volt, denti scoperti. Di fronte a lui incombevano due cavalieri a capo scoperto. Due spade, una alla cintola, l'altra affibbiata alla sella. Armature lamellari. Scudi neri, senza insegna. Sesto Autronio deglut. Schola palatina. Gentiles Seniores. Aveva gi visto quegli uomini, in lontananza. E se ne era sempre tenuto alla larga. Il pi giovane dei due, snello, dalla barba rossastra appena striata di bianco, smont con un rapido volteggio, un sorriso allegro e pericoloso sulle labbra. Io gli ubbidirei, se fossi in te disse, accennando al compagno. Sesto Autronio fiss l'uomo rimasto a cavallo. Capelli grigi cortissimi, barba appena pi scura, labbra sottili. Occhi castani,

freddi. Doveva essere alto pi di sei piedi, pens il veterano. L'Uccisore. Il nome gli risuon nella mente. Non poteva essere che lui. Chinando il capo, lasci l'elsa della spada. Ubbidisco, magister. Batraz lo guard con indifferenza. Qual il tuo nome, soldato? Mi chiamo Sesto Autronio. La bocca del veterano era asciutta. Me ne ricorder. Batraz aveva parlato ignorandolo, gi rivolto a Farnag, chinato sul bambino a terra. Come sta? vivo. Farnag scosse il capo. Malconcio, mezzo morto di fame, ma vivo. L'uomo dalla barba nera era rimasto immobile, le braccia lungo i fianchi, il cappuccio calato sul volto. Batraz lo studi in silenzio. Tu capisci il latino, a quanto pare. L'uomo annu senza rispondere. Batraz accenn un sorriso. Allora capirai se ti dico di portare la donna e il bambino sul carro. L'uomo annu nuovamente. Senza una parola, si caric sulle spalle il ragazzo, dirigendosi verso il carro. Voi, tornate di pattuglia. Risalendo a cavallo, Farnag si era rivolto a Numerio. E tu, bada al tuo commilitone. Mentre i legionari si allontanavano, Batraz accenn al carro. I due Goti stavano aiutando la donna a salire. Singolare, quell'uomo. Quello pi basso. scuro di capelli come un Romano e parla latino. Un disertore? Forse. Ma coraggioso. Questo certo. Non il momento migliore per passare dalla parte dei Goti. Batraz volt il cavallo. Hanno fame. Cerca Baxagos e fagli portare un po' delle nostre razioni. I bambini non devono morire. Premette gentilmente i talloni nei fianchi del sauro e si allontan al trotto. II
Pianura della Mesia Inferiore. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, XV giorno prima delle Calende di luglio. [17 giugno 377 d.C.]

Waduulf. il momento. Marco si volt, colto di sorpresa. Fritigerno era sopraggiunto senza alcun rumore. Come sempre, d'altronde. Ne osserv il volto smagrito e i muscoli delle braccia, tesi come corde, chiedendosi se anche lui avesse la stessa aria esausta. Era una domanda troppo facile. Camminavano da giorni, nel fango che s'era trasformato in polvere e impregnava ogni corpo, ogni cosa. Le pieghe della pelle, le rughe, i panni indossati. Il poco cibo.

Andiamo disse il reiks. Waduulf fece sparire gli aliossi nella fascia che gli stringeva la blusa e si alz, scambiando un'occhiata con Fritigerno. E lui? domand, accennando a Marco. Fritigerno scosse il capo in segno di diniego e s'avvi verso il carro. Marco li vide scivolare sotto la tenda, seguiti, da l a poco, da un gruppetto giunto alla spicciolata. Riconobbe Igila, sostenuto da un ragazzo, e Alavivo. Poi Nanderit e altri capi trib di cui non conosceva il nome. Rimase seduto nella polvere, le mani tra le ginocchia, il viso corrucciato, senza badare al bambino che lo aveva raggiunto e gli aveva afferrato il braccio, cercando di attirare la sua attenzione. Da quando lo aveva soccorso, pochi giorni prima, Unwen, questo era il nome del bambino, non si era pi allontanato da lui. La madre, una donna gi attempata, gli aveva spiegato che Unwen significava inatteso: lo aveva partorito quando ormai il suo ventre era asciutto da molti anni, aveva aggiunto. Unwen lo guard di sottecchi, indicando la bisaccia dove Marco teneva le noci con cui gli aveva insegnato a giocare al ludus castellorum. Infine il Romano gli sorrise, scompigliandogli i capelli stopposi. Non il momento di giocare disse. Va' aggiunse, indicando un gruppo di bambini che si rincorrevano pochi metri pi in l. Unwen si alz con una smorfia e si allontan svogliatamente, scalciando con i piedi scalzi i sassi che affioravano dal terreno. Marco lo vide avvicinarsi a quello che sembrava il capo dei bambini e atterrarlo con una violenta spinta. L'altro gli salt addosso e i due presero a lottare, ridendo e gridando. Hai figli, Romano? Sivegerna, la madre di Unwen, gli tendeva una ciotola colma d'acqua. Marco scosse il capo. No. Dovresti averne. Sei giovane e forte. E con chi dovrei farli? Sivegerna sorrise, sollevando appena le labbra sottili, coperte di rughe. Non con me. Io sono vecchia. Ma Waduulf ha molte sorelle e credo che sarebbe felice che tu ti unissi a una di loro. Non il tempo, donna. Sivegerna sospir. Questo il tempo della guerra. Marco aggrott le sopracciglia. Non siamo in guerra. Stiamo cercando la terra per la tua gente. La donna accenn al carro di Fritigerno. Frithugairns ha convocato la piccola assemblea disse semplicemente. Poi si alz, allontanandosi. Vieni. Ho trovato delle radici. Abbastanza per una zuppa. Scendeva la sera. Un vento pungente dissipava il pesante fetore di corpi e di escrementi. Il convoglio s'era fermato per la notte e gli ultimi carri andavano ammassandosi a settentrione. Attorno all'accampamento ardevano gi i fuochi dei bivacchi romani. Le donne cercavano i bambini per condurli a dormire e i loro richiami risuonavano nel crepuscolo.

Marco aveva fame. Non mangiava dalla sera prima, quando aveva diviso il suo pezzo di farinata con Unwen, ma non voleva perdere d'occhio il carro di Fritigerno. All'interno qualcuno aveva acceso una lucerna e le ombre si stagliavano contro la tela grezza. Non si sentiva nulla, se non un mormorio. Attese a lungo, sorbendo la zuppa che Sivegerna gli aveva portato. La donna e il bambino rimasero con lui accanto al fuoco, finch, a uno a uno, i convenuti uscirono dal carro. Solo Fritigerno e Alavivo non ricomparvero. Waduulf pass accanto a Marco senza una parola, il volto assorto. La notte avanzava e Sivegerna si era ritirata, portando in braccio Unwen, che s'era addormentato con la testa sulle ginocchia di Marco. Marco si avvolse meglio nel mantello, rigido per il fango disseccato, e s'appoggi, quasi invisibile nel buio, a una ruota del carro di Waduulf. La temperatura era calata bruscamente e il Romano cercava di scaldarsi le mani al tepore delle braci. Non sapeva che cosa stesse attendendo. Ma attendeva. Il tempo trascorse. Quasi met della notte: secunda vigilia. Marco ud avvicinarsi uno scalpiccio leggero. Due ombre furtive si accostarono al carro di Fritigerno, in cui palpitava ancora il chiarore della lucerna. Istintivamente, Marco si ritrasse dagli ultimi bagliori delle braci, ritirandosi nell'oscurit pi fitta. La tenda si sollev, illuminando i volti dei nuovi arrivati. Marco riconobbe senza sorpresa Marcello, il prete che aveva parlato alla prima assemblea cui aveva assistito. L'altro era un uomo alto, magro, avvolto in un mantello grigio. Il capo rasato, il viso sottile. Il monaco. Quello che cavalcava una giumenta bianca in testa alla colonna, accanto a Massimo. Lo aveva veduto spesso, quando si era spinto in avanti, cercando di carpire informazioni. Non ci volle molto: le ceneri del fuoco erano ancora calde quando il monaco e il prete uscirono, scomparendo nel buio, seguiti dopo qualche momento da Fritigerno e Alavivo. Il reiks aveva un'espressione pensierosa, mentre un sorriso aspro tagliava il volto di Alavivo. Ecco, pens Marco. Non capiva cosa aveva visto. Ma aveva visto.

III
Pianura della Mesia Inferiore. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, XII giorno prima delle Calende di luglio. [20 giugno 377 d.C.]

Quel giorno, i Romani avevano imposto al convoglio di partire molto prima dell'alba, e ora la lunga colonna si snodava lenta, come un serpente gigantesco e grigio. I contadini nei campi lungo la strada si fermavano in silenzio al passaggio dei barbari. Qualcuno si levava il largo cappello di paglia e si segnava sulla fronte e sul petto con una lenta croce. Altri alzavano le mani con il pollice infilato tra le dita, in segno di scongiuro. Buona terra, questa. Waduulf s'era tolto la blusa e a torso nudo si godeva il sole sulle spalle. Scura, fertile. Sar qui che ci fermeremo? Marco indic l'orizzonte. In lontananza, minuscola e tremolante per il calore, s'intravedeva la sagoma di pietra di una citt. Mura bianche contro il cielo quasi blu. Riflessi metallici che indicavano la presenza di cisterne d'acqua. Dove siamo? Marcianopoli. Fritigerno dice che ci aspettano. E ci sar del cibo, finalmente. Sono stanco di masticare la carne dei cani che ci vendono i Romani. Ho visto donne dare i figli come schiavi agli ufficiali, in cambio di un po' di farina. Waduulf annu cupamente. Ora finita. Presto ci assegneranno le terre. E proprio tu vorresti coltivare la terra? Marco sogghign. Lo sai che cercano soldati per Valente. E tu sarai tra i primi a essere scelti. Si tolse il cappello di paglia che aveva rubato a un contadino e con cui aveva sostituito il cappuccio. E io verr con te. Ero un buon contadino, prima che arrivassero gli Unni. Waduulf sput un grumo di saliva. E avevo delle bestie. Vacche, capre. Prima che Marco potesse ribattere, furono interrotti da un clamore di grida e dallo schianto di un coccio che si fracassava contro le travi. Da sotto la tenda sgusci, rapido come un gatto, Unwen, andandosi a sedere tra i due uomini. Appoggi la testa alla spalla di Marco. Che succede l dentro, ragazzo? Fece cenno verso Waduulf, ammiccando al bambino. C' tempesta? Unwen ridacchi. Litigano di nuovo. Scrut il volto rabbuiato di Waduulf e soffoc a stento il riso. Vuoi dire che tua madre ha di nuovo litigato con quell'ottima donna della moglie di Waduulf? Marco sollev le sopracciglia, rivolgendosi al Goto.

davvero strano, amico mio. Tua moglie ha un carattere cos dolce. Waduulf sospir pesantemente. Prover a rappacificarle. S'infil la blusa e scost la tenda, scomparendo nel carro. Di l a poco la sua voce profonda si aggiunse alle grida delle donne. Ora litigheranno tutti e tre e per un po' potremo stare tranquilli. Marco tese i finimenti al bambino. Va', tocca a te. Portaci a Marcianopoli. Si sdrai sul pianale e chiuse gli occhi. Io cercher di dormire. Come sempre, gli uomini di Batraz si erano tenuti lontani dalle truppe di Massimo. Procedevano al passo, a coppie, Yaguz in testa. Al centro della squadra, Leimeie montava un castrone pezzato, seguita come un'ombra da Dodoi e da Baxagos, che invariabilmente allungavano un braccio per sostenerla dove la strada si faceva pi difficile. Distaccati di diversi passi, Batraz e Farnag chiudevano la fila, conversando. La ragazza si volt a guardarli, poi, con un moto di stizza, gir bruscamente il cavallo e lo mise al trotto per raggiungerli, nonostante il richiamo di Dodoi. Cosa ci fanno quei due sempre alle mie spalle? Il volto di Leimeie era furente. Da quando siamo partiti li ho sempre con me. Per urinare devo ordinargli di allontanarsi, altrimenti mi seguirebbero anche dietro ai cespugli. Batraz, sconcertato, guard la ragazza senza saper che rispondere, mentre Farnag, l'aria indifferente, rallentava, in modo da rimanere indietro. Sono le tue guardie del corpo. Finalmente Batraz aveva ritrovato la parola. Non ne ho nessun bisogno! La voce di Leimeie era diventata un grido di rabbia. Mi so difendere. Resteranno con te. Batraz grid a sua volta. Almeno finch saremo a Marcianopoli. Abbass il tono, irritato con se stesso. Poi... Poi... Sai solo dire poi! Vuoi dirmi che cosa farai di me, allora? Di te? Batraz esit. Ma... nulla. Voglio solo proteggerti. E fino a quando, Batraz? Vuoi condurmi con te ad Antiochia? Come tua figlia adottiva? O come amante? Di fronte al viso furente della ragazza, Batraz tacque ancora. Amante? Figlia? Magister. La voce di Farnag suon sorprendentemente calma dopo le loro grida. Abbiamo visite. Con un sospiro di sollievo, Batraz fece schermo con la mano al sole quasi orizzontale. Dinanzi a loro, una nuvola di polvere accompagnava un gruppo di cavalieri al galoppo. Davanti a tutti, il vexillifer con le insegne della Claudia Pia et Fidelis. Eccolo disse Farnag. Mi aspettavo che ti cercasse, stamattina. Si rivolse a Leimeie. Vieni, ragazza. Lasciamoli soli. Siamo arrivati alla meta, Uccisore. Massimo accost il suo cavallo al sauro di Batraz. Marcianopoli. La citt pi importante della Mesia Inferiore. Finalmente. Ero stanco di Durostorum.

Dovevi lasciarli riposare di pi. Batraz teneva gli occhi fissi sul convoglio. Ne sono morti molti negli ultimi giorni. Riposeranno quando saranno arrivati. Massimo scroll le spalle. E poi, sono stati vecchi e bambini a morire. E donne. Inutili. I guerrieri sono sani. Pronti per te e per l'imperatore. Batraz accenn alla citt. Dove li farai accampare? Fuori delle mura, naturalmente. C' un avvallamento, a circa un miglio a settentrione. Ci scorre un torrente. Potranno togliersi la sete. Batraz annu. Lo conosco. Ero con Valente quando svern qui. Anni fa. Combattevamo contro Atanarico. Gi, Atanarico. Massimo fece una lunga pausa. Stasera ceneremo alla tavola del comes disse, con voce squillante. Le parole risuonarono leggere, casuali. Stasera rester con i miei uomini. Come ogni sera. Massimo raccolse le redini, rallentando l'andatura. Cavalcarono a lungo senza parlare, lo sguardo all'orizzonte. E quindi... riprese Massimo, esitando, e quindi non sarai a cena a palazzo. No. E non credo che la cosa ti addolori. Massimo sorrise. ora di seppellire la nostra ostilit, magister. Non credi? Il dux aveva gli occhi semichiusi, per proteggersi dal sole davanti a loro. Nessuna espressione. Che cosa hai in mente, Massimo? domand lentamente Batraz. Nulla. Siamo entrambi al servizio dell'imperatore. E non dobbiamo farci la guerra. Il dux strinse le ginocchia sui fianchi del cavallo, sollevandosi dalla sella e inarcando la schiena. Non ero pi abituato a cavalcare tanto a lungo. E comunque continu con voce tranquilla, dovrai pure presentarti al comes, questa sera. Prima controller che i Goti siano sistemati. Mi presenter domattina. Niente cena, allora. Massimo rise. Una risata svogliata. Te ne pentirai. Lupicino ha cuochi eccellenti. Faranno a meno di me. Batraz si volt bruscamente verso il dux. Quando verranno assegnate le terre, piuttosto? Le terre? Decider il comes. Gi. Il comes. E tu, invece, farai una distribuzione straordinaria di viveri? Quali viveri? Quelli che porti nei tuoi carri. In fondo alla colonna. O continuerai a venderglieli a caro prezzo? I barbari non hanno bisogno di molto cibo. Nemmeno tu, a quanto pare. Altrimenti stasera verresti a cena a palazzo. Fame e stanchezza sono il modo migliore per controllarli, vero? Come con i cani. Affamali e stancali. Ti ubbidiranno. O ti mozzeranno una mano.

Attento alle tue, di mani, Uccisore. La voce di Massimo era mutata. Nessuno di noi conosce il proprio destino. Arrest il cavallo, facendogli fare una mezza volta. Devo raggiungere il monaco disse aspramente. Si allontan verso la coda della colonna, seguito dallo sguardo diffidente di Batraz. A poche miglia, le mura di Marcianopoli risplendevano al sole.

LA GUERRA CERCARE LA PACE...


I
Marcianopoli, Mesia Inferiore. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, VI giorno prima delle Idi di luglio. [10 luglio 377 d.C.]

Il sole penetrava nel giardino interno del palazzo comitale, illuminando il triclinium con una luce calda e serena. Lupicino si accarezz i ricci della barba odorosa di unguento, assestandosi meglio sul letto. I servi avevano sparecchiato, gettando, come sempre, gli avanzi sul pavimento, dove si confondevano con le figure del grande mosaico: lische di pesce, teste di lepre, briciole di pane... Guardando le quaglie ancora intere che i cani si contendevano, Lupicino sorrise. Cos dev'essere la mensa di un ricco. Di un potente. Fece un cenno e il servo alle sue spalle gli mesc una nuova coppa di vino. Il comes alz la coppa. Contitum paradoxum. Niente di meno. Non ne berrai di migliore neanche a Costantinopoli. Massimo, semidisteso sul cuscino di fronte a lui, sorrise, sollevando la sua coppa. Il mio cuoco lo prepara con miele di montagna. Lupicino bevve un lungo sorso. E poi, alloro, datteri dall'Egitto, pepe, e zafferano piceno. Un altro sorso. Dolce. E forte. Bene tibi! brind Massimo. A te, signore della Mesia Inferiore ammicc. E poi, chiss. Comandante delle milizie a Costantinopoli, forse. O ancora di pi. ancora troppo presto, amico mio. Lupicino dischiuse le labbra carnose in una smorfia lusingata. I tempi sono tutto. Si alz, la tunica chiazzata di salsa, accostandosi a una finestra. Dal palazzo, posto su un'altura, si dominava la citt. Le strade di Marcianopoli erano gremite di folla e percorse dai carri dei venditori, costretti a evitare i panni stesi ad asciugare alle strette imposte delle insulae. In lontananza, il profilo dell'anfiteatro si stagliava contro il cielo sereno. Agli angoli, capannelli di uomini dignitosamente avvolti nel pallio, le teste accostate, discutevano guardandosi intorno, come a controllare che nessun altro li ascoltasse. Le grida degli ambulanti e lo scalpitio degli zoccoli salivano fino alle finestre del triclinium. Guardali. Lupicino accenn in basso. Parlano. Forse cospirano. Inarc le sopracciglia. I barbari li rendono inquieti. Bevve ancora. E temono una requisizione di viveri.

I Goti vogliono cibo. Massimo s'era avvicinato, sporgendosi verso l'esterno. E tu, ne hai ancora da vendere? Lupicino sorrise. Carri colmi. E allora non si lamentino. Distribuiscilo poco per volta. Il laccio dev'essere corto, perch i cani ubbidiscano. Corto sar. E il monaco? Lupicino aggrott la fronte, colto da un pensiero molesto. Il messo di Valente? voluto rimanere fuori dalle mura. Ha cercato una grotta. Per pregare, dice. Dorme sulla nuda terra, avvolto nel suo mantello. Un fanatico. Gliel'ho letto nello sguardo. Sebastiano mi disse di diffidare di lui. Lo ha scritto anche a me. Il comes si fiss pensosamente le mani paffute, cariche di anelli. Potrebbe avere progetti diversi dai nostri. Lo far sorvegliare. Cos sia, allora. Non perderlo di vista. Ma c' anche quell'altro. Massim restitu la coppa a uno dei servi. Basta vino, per me. Di chi parli? Batraz. Il capo dei Gentiles Seniores? Lupicino scroll le spalle. Ha con s solo una ventina di uomini. E qui comando io. un uomo pericoloso. protetto da Vittore e l'imperatore si fida di lui. E ha un grande ascendente anche sui miei soldati. Ne parlano tutti. Il labbro superiore di Massimo s'era arricciato in una smorfia di rabbia. L'Uccisore e i suoi. I guerrieri pi coraggiosi dell'impero. Un guerriero morto non pi pericoloso. Nemmeno il pi ardito. Massimo sorrise. quello che penso anche io. Bene. Allora, questa una faccenda risolta. Senza voltarsi, Lupicino tese la coppa vuota. Il servo la riemp maldestramente e il vino trabocc, schizzando sulla veste del comes. Animale! Lupicino rovesci la coppa sul volto del servo. Pulisci. E portami un'altra coppa. Il servo sgusci via, strofinandosi gli occhi irritati dal vino. Il comes torn a voltarsi verso Massimo. Piuttosto. Dobbiamo occuparci dei capi dei barbari. Fritigerno innanzitutto. lui il pi autorevole. E Alavivo. Senza di loro, i Goti saranno nelle nostre mani. Potremo farne quel che vorremo. Allora tempo di invitarli alla nostra mensa. Gi fatto. Domani. Spero di aver interpretato i tuoi desideri. Sul volto di

Lupicino si apr un largo sorriso. Ben fatto, Massimo. Ben fatto. Si asciug le dita macchiate di vino sulla veste. Andr io stesso a parlare con i cuochi. Sar un banchetto memorabile. II E cos, domani dividerai il cibo con i Romani. Con una smorfia, Nanderit pos il cucchiaio di legno. Da oltre la tenda proveniva il fragore del campo. Andremo io e Alavivo. Fritigerno annu. La zuppa puzzava. Le donne hanno gi lavato il mio mantello. Pu essere pericoloso. Avr una scorta. E poi, dobbiamo trattare. Non possiamo rimanere qui a lungo. Gli uomini lucidano le loro spade. Li ho visti. E non potrei trattenerli. Sollev la tenda, osservando la spianata nella quale sorgeva l'accampamento. E abbiamo poche armi. Troppo poche. E questa non una posizione difendibile. Siamo nel bel mezzo di un avvallamento, e i Romani potrebbero massacrarci con gli arcieri. Ne porteremmo molti con noi. Ucciderebbero le donne e i bambini. E i nostri figli sono tutto quel che abbiamo. Nanderit annu pensosamente. Che dice il monaco? Lui non aveva parlato di un banchetto. scomparso. Forse sar all'interno della citt. Lo incontrer domani. Con il pugnale Fritigerno divise in due una mela dalla buccia rossa e vizza, gettandone met a Nanderit. Bottino di Waduulf? Nanderit annu. Fritigerno affond i denti nella polpa succosa. Questa una terra ricca. Lo so. L'ho visto. Waduulf felice. Vorrebbe fermarsi qui. Se gli dei lo vorranno, lo far. Ma stasera guider la mia scorta. Verr io. Tu rimarrai qui, al comando del campo. Nanderit sorrise appena. Al comando! Scosse il capo. C' fermento tra i capi. Vogliono cibo, e subito. Ho mandato Waduulf a saccheggiare un paio di fattorie per evitare che prendessero le armi. Ma non so per quanto ancora riusciremo a controllarli. Espir a fondo. Cominciano a mormorare anche contro di te. Per, se dovesse accaderti qualcosa, la mia testa varrebbe meno di una moneta di rame. I pi giovani vorrebbero vedere il colore del mio sangue. Diede un morso alla mela. No, fratello mio. Verr con te, a guardarti le spalle, come sempre. Waduulf rimarr qui, a badare alla tua donna. E sar quel che sar.

Fritigerno lo guard interrogativamente. Hai un cattivo presagio? Ho sempre cattivi presagi. Nanderit rise, la bocca ampia sulla faccia arrossata dal sole. Ma mi hanno sempre ingannato. Scost la tenda e salt dal carro. Sar cos anche questa volta, fratello grid incamminandosi. Appena fu lontano, raccolse un sasso e lo scagli violentemente contro una roccia. Il sasso rimbalz, andando a posarsi tra l'erba morbida e lucida. Nanderit lo fiss con gli occhi cupi, poi gir lo sguardo intorno a s. Colline basse, dolci. Campi coltivati. Pascoli. Grandi distese su cui cavalcare. Boschi pieni di selvaggina. Anche a lui sarebbe piaciuto restare l. Ma aveva un cattivo presagio. III
Marcianopoli, Mesia Inferiore. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, V giorno prima delle Idi di luglio. [11 luglio 377 d.C.]

La citt era silenziosa e addormentata. Batraz camminava guardingo lungo i vicoli stretti, rabbrividendo sotto il mantello grigio e corto, simile a quello portato dai servi. Le sere e le notti erano ancora fresche, anche se gli edifici conservavano parte del tepore del sole. S'era mescolato con i venditori ambulanti, ascoltando attento e senza fare domande, finch, con il calare della sera, i banchi erano stati sgomberati. Era da sempre il suo modo di raccogliere informazioni, e quel che aveva scoperto non gli piaceva. C'era fermento tra il popolo: inquietudine per la presenza dei Goti alle porte della citt e furia per alcune fattorie razziate. Fino a quel momento non c'erano stati morti e si diceva che Lupicino avesse rimborsato i proprietari terrieri. Ma era come una catasta di legna secca. Una scintilla e il fuoco sarebbe divampato. Doveva parlare con il comes, pens, con un senso di disgusto. L'indomani. L'indomani stesso. Lo avrebbe convinto a distribuire ai Goti i viveri nascosti e avrebbe mandato i suoi nell'accampamento, a scegliere le nuove reclute per Valente. L'odore di cibo che proveniva dalle case gli ricord che non mangiava dal mattino. Era ora di rientrare: Dodoi certo gli aveva tenuto da parte qualcosa. Anche solo una zuppa di legumi, o le piccole polpette di maiale che spesso aggiungeva al rancio. Il quartiere era avvolto da un'oscurit quasi totale, rotta dalla luce che illuminava qualche rara finestra aperta. Era convinto di essere nei paraggi delle terme, ma non riusciva a orientarsi. S'infil in un budello angusto, pensando di risparmiare tempo e si ritrov immerso nelle tenebre. Un

raggio di luna vagabondo disegnava i dettagli del lastricato. Si ferm bruscamente: un'ombra pi scura era guizzata sui ciottoli, cancellando per un momento il riflesso lunare. Poi tutto era tornato come prima: la sera limpida e fresca, i bianchi e i neri dei sassi. Imprec sottovoce, per non aver portato con s una lucerna. I cadaveri, nelle notti delle citt romane, non erano infrequenti. Tagliagole, ladri, miserabili disposti a piantare un coltello nella schiena di chiunque per poche monete o per un mantello di lana. Estrasse lentamente il pugnale dal fodero nascosto sulla schiena. Non aveva spada: un servo non pu portarne una. Ma in quegli spazi ristretti gli sarebbe stata solo d'impiccio. Ud una risata soffocata davanti a lui. Rapido, si sfil il mantello, avvolgendoselo intorno al braccio sinistro e tese il pugnale in avanti, la mano all'altezza dei fianchi, la punta rivolta in alto. La posizione giusta per sventrare il malcapitato che avesse tentato di aggredirlo. La risata risuon ancora, ora dietro di lui. Si addoss al muro ruvido dell'insula, le spalle al sicuro. Ancora la risata. Pi vicina. Ma dove? Un bambino, pareva il riso di un bambino. Ci sarebbe certo stato anche un uomo con lui. Forse, pi d'uno. Flett le ginocchia, pronto a balzare di lato. Che fai di notte, soldato? La voce era risuonata alla sua destra, lieve. Poi un fruscio e un raggio di luce lo abbagli. Una lanterna cieca. Istintivamente affond il pugnale nell'aria. Non hai bisogno di difenderti. La luce ruot, rischiarando un volto di donna, simile a una maschera su uno sfondo nero. Leimeie. Il nome gli sfugg dalle labbra. Rinfoder il pugnale, pieno di vergogna e di sdegno. S'era lasciato sorprendere da una donna. Sono la tua scorta, soldato disse la ragazza abbassando la lanterna. Che fai qui? domand rabbiosamente Batraz. Dov' Baxagos? Le strisce azzurre erano evidenti sul volto di Leimeie, che indossava un mantello nero, certo prestatole da uno dei suoi uomini. Dodoi, pens Batraz. L'unico poco pi alto di lei. A cercarmi da qualche parte. Non bravo quanto pensi. La notte non fatta per una donna sola. Forse no. Ma io non sono romana. Continui a dimenticarlo. Non lo dimentico. La tua lingua tagliente non me lo permette. Nessuna Romana oserebbe parlare a un uomo come fai tu. Non le invidio, allora, anche se camminano coperte di gioielli. E io ho desiderato rubarglieli. Leimeie si fece seria. E comunque non mi far pi sorprendere come a Durostorum. Batraz sent la collera scivolare via come acqua. Ne sono sicuro, ragazza.

Perch non sei al banchetto, questa sera? Non mi piacciono i banchetti. E non mi piacciono certe persone. Nemmeno a me. Continuo a non capire che cosa tu faccia tra di loro. Ho giurato fedelt all'imperatore. Era semplice. Questo lo capisco. Leimeie lo fiss a lungo. Anche io ho giurato fedelt. Abbass gli occhi. Tacquero entrambi, evitando di guardarsi; poi il momento trascorse. Avrai fame disse ruvidamente Batraz. Andiamo. Raggiungiamo gli altri. Cos potrai prenderti gioco di Baxagos. IV Il banchetto durava da ore: la prima vigilia era trascorsa e i servi avevano acceso il grande lampadario a olio del triclinium e le lanterne del giardino. In quella sala Fritigerno si sentiva prigioniero: avrebbe voluto essere all'aria aperta, in un bosco, a cavallo. Ovunque eccetto che l, dov'era spiato dagli sguardi dei commensali, esposto come un orso in catene al mercato. E invece ancora nessuno sembrava sazio: si bevevano calici di vino accompagnati da acciughe salate e il ronzio della conversazione non accennava a scemare. E non aveva ancora parlato con Lupicino. Al loro arrivo, di fronte al solenne portone istoriato, erano stati separati dalla scorta. Sotto gli occhi scandalizzati degli schiavi della familia, i guerrieri erano entrati nell'atrio, lasciando orme fangose sul mosaico del pavimento. Si erano accoccolati accanto a una vasca in cui galleggiavano grandi piante acquatiche. Nanderit, la spada appoggiata sulle ginocchia, aveva salutato Fritigerno con il suo sorriso storto e aveva immerso le mani nell'acqua, cercando di afferrare i piccoli pesci che vi guizzavano. Un servo fastosamente vestito, che s'era presentato come il nomenclator di Lupicino, aveva squadrato Fritigerno e Alavivo con una smorfia sprezzante, mentre due schiavi prendevano i loro mantelli con la punta delle dita. Poi li aveva guidati in un lungo giro per il palazzo, indicando quelle che evidentemente erano alcune tra le ricchezze del suo padrone: piatti e bacili d'argento, posati su grandi tavoli accostati alle pareti; casse rinforzate da fasce di ferro; dipinti di dei che mangiavano o s'accoppiavano e di fronte ai quali Fritigerno non aveva saputo reprimere un fastidio subito dissimulato. Alavivo, gli occhi fissi davanti a s, non aveva degnato di uno sguardo le pareti, calde di rosso, di nero, di giallo. Avevano oltrepassato un portico, al cui soffitto erano appesi dischi di metallo sbalzato che oscillavano appena, e infine erano entrati in un'ampia stanza affacciata su un giardino interno, adorno di statue.

I convitati, gi sdraiati su grandi letti triclinari coperti di cuscini rossi, li avevano guardati, interrompendo bruscamente la conversazione. Un letto era occupato da sole donne. La pi vecchia, dal viso paffuto ricoperto da uno strato di polvere bianca, si era ritratta impercettibilmente, la bocca corrugata, mentre una ragazza, i capelli rossi acconciati in quella che pareva una fiamma, aveva portato una mano alla bocca, nascondendo un sorriso e bisbigliando qualcosa all'orecchio delle vicine. Poi tutte e tre avevano ridacchiato, guardandoli come si valuta un bue che si vorrebbe acquistare. Tra gli uomini, Fritigerno aveva riconosciuto Massimo, che s'era alzato per invitarli ad accomodarsi accanto a lui. Un uomo pingue, con pesanti anelli alle mani, aveva fatto un cenno annoiato di saluto, sorridendo con le labbra a cuore e subito riprendendo a parlare con la ragazza con i capelli rossi. Alavivo s'era lasciato cadere con un grugnito sul lettino, mentre Fritigerno s'era seduto rigidamente, affondando in quei cuscini troppo morbidi. S'era sciacquato le dita in una coppa d'acqua profumata, allontanando con un gesto il servo che si era avvicinato per sfilargli gli stivali. A un battito di mani erano comparsi altri servi, carichi di vassoi colmi di cibo che avevano deposto sui bassi tavoli tra i letti. Lattuga con vari condimenti, piselli fritti accompagnati dal sedano, lenticchie e cavoli tagliati in strisce sottili, uova sode coperte di salsa, zucchine speziate odorose di cumino. Al centro, un enorme piatto colmo di conchiglie gi aperte, dai riflessi madreperlacei. Ostreas! aveva sussurrato Massimo, con un sorriso goloso. Le conchiglie erano immerse in un letto di ghiaccio e accompagnate da certi pesci lunghi e carnosi, simili a serpenti, affogati in una salsa densa dall'odore aspro. Le donne avevano parlottato sottovoce, lanciando rapidi sguardi ai Goti, finch la pi anziana, la matrona dal volto coperto di cipria, s'era alzata. Aveva sussurrato qualcosa alle altre che avevano soffocato una risata e s'era sdraiata accanto ad Alavivo, intingendo le dita nella salsa. Poi le aveva tese verso di lui, che dopo averle annusate con diffidenza, le aveva afferrato il polso, succhiandole voracemente i polpastrelli. La donna aveva squittito, con un misto di piacere e di timore. Era stato il segnale d'inizio del banchetto. Tutti s'erano serviti dai vassoi, aiutandosi con le mani e con piccoli piatti che tenevano nella sinistra. L'odore forte delle vivande aveva procurato a Fritigerno un lieve senso di disgusto. Sotto quegli aromi aspri e dolci ne aveva avvertito uno, sottile ma inequivocabile, di decomposizione. Ci sar tempo per parlare. Adesso goditi le gustationes gli aveva detto Massimo. E il mulsum aveva aggiunto, indicando un cratere colmo di vino mescolato con il miele. Il cuoco di Lupicino degno di Costantinopoli. Fritigerno aveva scartato le conchiglie, servendosi invece da un piatto di verdure e di uova sode, condite con una crema agrodolce di formaggio

fresco. Nessuno era parso pi badargli, e Lupicino certo doveva essere lui l'uomo carico di anelli cui gli schiavi presentavano i piatti prima di servirli aveva continuato a parlare con la ragazza, lanciando talora qualche motteggio incomprensibile a Massimo. La conversazione generale, accompagnata da un musico che suonava la cetra, era punteggiata da esclamazioni d'entusiasmo alla comparsa di ogni nuovo vassoio. Fritigerno aveva bevuto due boccali di quel vino dolce prima di sentirsi girare la testa e di rifiutarne un terzo. Non bere troppo aveva sussurrato ad Alavivo, impegnato ad addentare una pernice farcita. In tutta risposta, Alavivo aveva battuto il boccale vuoto contro il bordo del piatto, chiedendo altro vino e ridendo rumorosamente con la sua vicina. Dopo un breve intervallo, era stato il turno di un enorme vassoio ricolmo di mammelle e vulve di scrofa, coperte da una salsa dall'intenso afrore di pesce, seguito da un piatto di ghiri disossati e arrostiti. Tanto cibo quanto sarebbe bastato a nutrire molte famiglie per molti giorni. E gli avanzi li gettavano per terra. Ai cani. Fritigerno aveva masticato una crosta di pane. Era sazio. Ma non era ancora venuto il momento di parlare. V Nella grotta, una cavit appena accennata nel fianco della collina, il silenzio era infranto solo dal ritmico stillare dell'acqua dalla volta umida. Il monaco s'assest il cappuccio. Faceva freddo e le membra gli dolevano. Torn a inginocchiarsi sul terreno sassoso. Aveva intagliato lui stesso la croce di legno piantata al fondo della grotta. Alla fiamma di una lucerna curv il capo, cercando in s il raccoglimento. Da molto tempo Dio non gli parlava pi. Da quando era tornato dal deserto siriaco la Sua voce non si era pi fatta sentire ed Ertegul troppo di frequente aveva dovuto prendere le sue decisioni da solo. E anche ora, che il suo obiettivo si faceva sempre pi vicino, Dio taceva. Impugn il coltello e sollev la veste. Osserv le cosce magre, segnate da pallide cicatrici antiche e da segni rossastri di tagli recenti. Pass la lama sulla carne, osservando il sangue che si raccoglieva sulla pelle e iniziava a gocciolare, lento e denso, imbevendo la terra.

VI Sei certo che sia la direzione giusta? Leimeie si ferm in mezzo al vicolo, sollevando lo sguardo. Erano nei pressi delle mura della citt e in quella zona le case erano povere, a un piano solo, con i muri coperti di graffiti. Si appoggi ai mattoni nudi, sotto una finestra illuminata da cui provenivano gemiti e risa. Batraz sollev la lanterna, illuminando una delle scritte sul muro. Hic ego puellas multas futui lesse. un bordello. Ho sbagliato strada. Siamo vicini alle mura. Ma dalla parte opposta ai contubernia. strana questa citt. Non c' aria e le strade puzzano. E la gente paga per fare l'amore. Leimeie si pass una mano sul ventre. Ho fame. Non potrebbero darci qualcosa da mangiare? In un lupanare? Batraz sorrise. Se mai, cercherebbero di mangiare te. E io sarei costretto a ucciderli. Parli bene, soldato. La ragazza rise. La stessa risata leggera di prima. Batraz non l'aveva mai sentita ridere. Ma poco fa, al buio, ero meno sicuro di te. Vuoi provare il mio braccio, ragazza? Allegro, pens Batraz. Si sentiva allegro, hilaris. E anche questa era una novit. Hilaritas. Ne ricordava la figura, incisa su un sesterzio di bronzo coniato ai tempi di Adriano. Lo aveva tenuto tra le mani da bambino. Forse vorr provare altro di te, un giorno. La ragazza lo guard, gli occhi luminosi nella penombra del vicolo male illuminato. Poi fece un passo verso di lui e premette le labbra sulle sue. Fu un bacio rapido, senza che i loro corpi si sfiorassero. Leimeie si scost, appoggiandogli una mano sul petto. Ma sono ancora in debito con te. Fu allora che scoppi il clamore. Urla, voci confuse. Una moltitudine che gridava in lontananza. Un bagliore rossastro illumin il cielo al di l delle mura. Batraz imprec sottovoce. I Goti. Alle porte, presto! Afferr la mano della ragazza e presero a correre in direzione delle grida, nel dedalo di vicoli bui. VII Nemmeno l'offerta del sangue aveva funzionato. Nemmeno quella volta. Ertegul guard la pozza ormai coagulata, nera sul terreno. La croce, davanti a lui, era un segno beffardo. Lev il braccio, il pugno chiuso, e lo abbatt sul legno. La croce, divelta, si spezz in due tronconi privi di senso. Il monaco chin il capo sulle ginocchia e pianse.

VIII Fu Fritigerno a udire per primo. Grida indistinte e poi un frastuono confuso, intervallato da cupi rimbombi, come se qualcuno percuotesse con forza un tronco cavo. Mentre i convitati tacevano, scambiandosi sguardi ansiosi, si fece scivolare sotto la blusa uno dei coltelli abbandonati dai servi sul tavolo. Nel voltarsi vide gli occhi della matrona che lo fissavano. Sorrise, scoprendo i denti, e la donna sgusci lontano, strisciando sui cuscini, il pugno sulle labbra a trattenere un grido. Accanto a lei, Alavivo russava rumorosamente, la bocca semiaperta, tra le dita un calice sussultante a ogni fremito del petto. Fritigerno lo scosse violentemente, senza risultato. Torn a sedere, in attesa. Qualcosa stava accadendo. Qualcosa stava per accadere. Nel silenzio, il nomenclator entr nella sala con passo tranquillo e si chin a sussurrare qualcosa all'orecchio di Lupicino. Il comes si alz faticosamente, gettando uno sguardo a Massimo e usc attraverso il giardino. Ascoltate. Ascoltate tutti. Massimo batt le mani per richiamare l'attenzione. Non sta succedendo nulla di grave. Un incendio in un quartiere periferico. Il comes uscito per dare disposizioni ai vigiles. Tra poco, tutto sar finito. Sorrise. tutto a posto aggiunse, con uno sguardo inquieto verso Fritigerno. Perch me lo ripeti, Romano? Il tono di Fritigerno era sereno. Massimo! Lupicino era rientrato e faceva cenno al dux di avvicinarsi. Mentre si appartavano accanto alla parete di fondo, dove un Marte nudo era circondato da ninfe appena velate, Fritigerno tast sotto la stoffa la forma rigida del coltello. Lo impugn, nascondendolo contro la coscia. la mia gente che grida disse a voce alta. Vado dalla mia gente. Si alz, rovesciando con un calcio il basso tavolino di fronte a lui. I calici di vetro verde s'infransero a terra tra i resti del cibo. A passi misurati s'avvi verso la porta, seguito dagli sguardi di tutti, le spalle rigide, in attesa del gelo di una lama. Mentre si sforzava di non accelerare, la distanza gli pareva enorme. Un sussurro alla sua sinistra; un ordine di Lupicino. Un urto violento sulla schiena, le braccia di un servo che si stringevano sul suo collo. Fritigerno si curv bruscamente in avanti, sbilanciando l'assalitore, e allo stesso tempo gli assest una violenta gomitata nel ventre, facendolo cadere sulle ginocchia. Ha un coltello! strill la matrona, le carni tremanti. Ci uccider tutti. Le grida ora s'erano fatte pi vicine, alte, tumultuose. Fritigerno sollev il coltello, ruotando su se stesso, le ginocchia piegate, il braccio sinistro disteso per equilibrarsi. Per un istante non accadde nulla. Lupicino taceva, circondato dai suoi servi. I convitati erano immobili, statue di sale sui grandi letti.

Risuon un grido, pi forte degli altri. Nanderit, la spada insanguinata, seguito da tre guerrieri, irruppe nel giardino. Via! una trappola! Corse verso Fritigerno, travolgendo gli invitati che avevano raccolto le vesti per slanciarsi verso le porte. Con una ginocchiata Fritigerno abbatt uno degli schiavi che gli si era gettato contro. Un movimento della destra e il coltello affond nella coscia di un altro. L'uomo croll a terra, un fiotto di sangue pulsante che inondava le pareti, le mani sulla ferita. Un altro colpo, col pugno chiuso, e un terzo croll a faccia in gi. Alle tue spalle! Fermalo! grid Nanderit. Fritigerno si volt, vedendo Lupicino battere due colpi su un piccolo piatto di metallo dorato. D'un tratto la stanza fu piena di legionari con le armi levate. Via, via! Mulinando la spada, Nanderit si frappose tra Fritigerno e i soldati. Via! Presto! Con un balzo, Fritigerno cerc di avvicinarsi ad Alavivo, che tentava a fatica di rialzarsi. Fece in tempo a vedere la spada di un legionario affondare nel petto del Goto, poi fu raggiunto da Nanderit che lo spinse violentemente verso il giardino. Fuggi. O sar tutto inutile. Nanderit par un affondo, poi la lama di un tribuno lo raggiunse al braccio. Uno dei suoi guerrieri prese il suo posto, mentre un altro lo trascinava verso il muro. Poco pi in l, i soldati avevano bloccato il terzo Goto. Mentre due legionari lo trattenevano per le braccia, un terzo gli conficc la spada nel ventre. Fritigerno esit, facendo un passo verso Nanderit. Poi vide la spada di Massimo calare sul capo del suo amico. Si lanci verso il giardino, rabbia e dolore e angoscia nei pensieri confusi e mozzi. Corse tra le erbe profumate, corse nei corridoi, rovesciando i tavoli adorni e costringendo i legionari che lo inseguivano a rallentare. Corse fra i dipinti dai colori caldi e belli. Corse. IX I due uomini li sorpresero mentre stavano per uscire dal vicolo. Si gettarono su di lui da una finestra buia, scaraventandolo al suolo. Afrore di aglio e di bocche marce. Batraz spost bruscamente il capo, evitando il coltello che gli cercava la gola, poi spinse il ginocchio contro i testicoli di uno degli aggressori. L'uomo lasci la presa e Batraz gli punt il gomito contro il collo, schiacciandogli la nuca con l'altra mano. Digrign i denti, percependo sotto le dita lo scricchiolio umido di qualcosa che si spezzava, poi, mentre cercava di rialzarsi, sent un dolore lancinante al capo. Un sasso, riusc a pensare. Stordito, rotol via, ma un calcio nelle reni gli mozz il respiro. Un altro

calcio, alla tempia. Mani brutali lo rovesciarono sulla schiena e una lama gli luccic davanti al viso. Prov, senza riuscirvi, a sollevare un braccio e pens, in un istante lunghissimo, che quella volta il suo dio non l'aveva protetto e che non avrebbe mai pi potuto toccare un corpo di donna. Guard in volto il suo assassino, confuso nell'oscurit. Poi vide gli occhi dell'uomo colmarsi di stupore e sent il suo peso rovinargli addosso. Tutto si fece nero e Batraz fu invaso da una grande, calma stanchezza, mentre scivolava via, in quel nero. X C'era qualcuno all'ingresso della grotta. Ertegul ne sentiva il respiro affannoso. Qualcuno che attendeva di entrare. Il monaco rimase immobile, le ginocchia martoriate dai sassi. Dopo aver riparato la croce con una striscia di stoffa strappata alla sua tonaca, s'era tracciato un'altra incisione sulla coscia. La prima era una preghiera. La seconda una punizione. Non aveva avuto abbastanza fede. Il mondo era privo di fede e doveva bruciare. E lui ne sarebbe stato lo strumento. Lo strumento di Dio. Ma Dio taceva. Il respiro alle sue spalle s'era fatto pi calmo. Ertegul curv la schiena. Se l'uomo era venuto a portargli la morte, lui l'avrebbe accettata. Avrebbe significato che Dio era scontento di lui. Padre? Un sussurro. Padre. Rispondimi. Il monaco si raddrizz. Marcello. Entra, figlio. Il prete scivol nella caverna, inginocchiandoglisi di fronte. I capelli neri e untuosi gli nascondevano la parte superiore del volto, lasciando visibile solo la bocca, piccola e tremante. Padre... Parla disse sottovoce Ertegul. Non c' tempo per tacere. Marcello esit. Il monaco inclin il capo con un lento, inquietante sorriso. Spero che sia qualcosa d'importante. Una pausa. Lo spero per te. Il prete deglut a stento. Si guard intorno. La croce alle spalle di Ertegul oscillava, prossima a cadere. La coperta distesa sul terreno era impregnata di sangue. Marcello rabbrivid. I Goti, padre mormor. I Goti? Ebbene? Il comes Lupicino oggi ha offerto un banchetto. Ha convocato i capi. Alavivo e Fritigerno. Non me ne ha parlato. Ertegul socchiuse gli occhi. Il prete deglut ancora. L'ho saputo solo ora. Sono corso dalla citt. Per avvisarti. Lupicino li uccider. Ertegul si alz lentamente. Come lo sai? Fiss il prete. Bada a ci che risponderai. Il nomenclator del comes. l'amante di... di una mia... di una mia amica.

Una donna. Certo. Allora hai detto il vero. Il monaco raccolse il mantello. Presto! Dobbiamo andare. Corse via senza voltarsi. In citt, presto! XI Dita gentili gli sfioravano il viso. Qualcuno chiamava il suo nome. Apr gli occhi, rimpiangendo quel nero quieto che lo costringevano ad abbandonare. Aveva la testa appoggiata nel grembo di Leimeie e il suo fiato sulla pelle. Sei vivo. Lei parl con una voce strana, delicata. Sono vivo. Cerc di rimettersi a sedere. Il capo gli doleva. Si port una mano alla nuca, sentendo uno spesso grumo di sangue sotto i polpastrelli. Ci hanno aggredito. Hai ucciso il primo. E l'altro? Batraz si rialz, appoggiandosi al muro. Vacill, riprese l'equilibrio. Dov'? Leimeie gir appena la testa. A meno di due passi da loro, il volto affondato in una pozza di sangue, giaceva il cadavere di uno degli assalitori. Un pugnale piantato nella schiena, a sinistra. Batraz si volt verso la ragazza. Ora non sei pi in debito. Si alz barcollando e si chin sul cadavere per frugarne le vesti. Ha armi d'ordinanza. Si risollev. Sono soldati. Chi li ha mandati? Batraz si strinse nelle spalle. Lupicino. Massimo. Forse tutti e due. Estrasse il coltello dalla schiena del cadavere, restituendolo alla ragazza. Dobbiamo raggiungere le mura. Allung una mano. Avr bisogno di aiuto. Leimeie gli pass un braccio intorno alla vita. Ora tocca a me sostenerti. Andiamo. S'incamminarono verso il clamore. XII L'acqua della vasca nell'atrio era rossa e il cadavere di uno dei suoi guerrieri galleggiava a faccia in gi. Gli altri erano sparsi per la sala, avvinghiati ai corpi dei legionari che li avevano sorpresi. I Romani avevano pagato un alto prezzo. Fren la sua corsa e con un gesto brusco strapp la spada dalla mano contratta di uno dei suoi morti. Si sent osservato da quegli occhi sbarrati e per un momento ne ebbe timore. Come se quei corpi potessero destarsi e trattenerlo. Le voci dei soldati che lo inseguivano erano pi vicine. Aveva perso tempo. Poteva ancora tentare di fuggire. O di affrontarli. Il portone era spalancato e apparentemente privo di sorveglianza. Con un grido si slanci, la spada tesa,

voltandosi prima a sinistra e poi a destra. Nessuno. I legionari dovevano esser tutti all'interno o gi presso le mura. Prese una decisione e si rifugi nell'ombra di un vicolo. C'era odore di marcio, come se qualche ratto vi fosse andato a morire. Ud i passi dei suoi inseguitori avvicinarsi e si nascose nel vano di una porta. I passi esitarono, tornarono indietro. La sagoma di uno dei legionari si stagli all'imbocco del vicolo, nella luce di una torcia. Qui c' troppa puzza anche per un barbaro. Non si resiste. Andiamo. Il legionario scomparve e i passi si allontanarono rapidi. Fritigerno attese ancora qualche istante, poi sgusci nella strada male illuminata e deserta. Il clamore, dopo una breve pausa, era ripreso e saliva di tono. Probabilmente la sua gente, disperata e affamata, aveva attaccato le botteghe cresciute come mala erba all'esterno delle mura. La spada stretta in pugno, s'incammin, cauto. XIII Quando raggiunse il palazzo di Lupicino, Ertegul trov i servi intenti a trascinare via i cadaveri dall'atrio. Dalle pareti schizzate di sangue saliva un odore dolciastro e greve, che il monaco annus voracemente, le narici dilatate. Senza una parola, si fece strada tra i servi. Lupicino, la testa tra le mani, era seduto a uno scrittoio dello studio che dava sul giardino interno, dirimpetto al triclinium. In piedi accanto a lui, Massimo, evidentemente a disagio, pareva in attesa di una parola, di una qualsiasi decisione. Senza degnarli di uno sguardo, il monaco attravers lo studio e si affacci sul giardino. Sul pavimento del triclinium, tra i corpi dei legionari, cont quattro barbari. Cinque, si corresse, riconoscendo Alavivo riverso su uno dei letti del triclinium. Ma anche da l poteva vedere che Fritigerno non era fra i caduti. Ertegul lo chiam Massimo. Che accaduto? domand il monaco senza voltarsi. Lupicino si alz pesantemente dallo sgabello. Che fai qui, monaco? Con un gesto impose il silenzio a Massimo. Che vuoi? Mi hanno detto che eri in una grotta. A pregare. Ertegul si volt lentamente, fino a fissarlo negli occhi. Che cosa hai fatto? Sorrise. Quello che si doveva fare. Ho fatto uccidere Alavivo. Uno dei loro capi pi importanti. E Fritigerno? Lupicino distolse lo sguardo, le labbra animate da un lieve tremito. Abbiamo ucciso uno dei suoi fratelli di sangue. Si port la mano alla bocca, come per fermarne il movimento. Senza smettere di sorridere, Ertegul gli vibr sul volto un violento

manrovescio. Stolto! Il comes si lasci ricadere sullo sgabello, asciugandosi il rivolo rosso che gli scorreva sul mento. Stolto ripet il monaco a voce bassa. Non era il tempo. Avevamo ancora bisogno di loro. Sollev Lupicino per la veste, avvicinandogli il viso fino a quando non pot sentire il suo fiato, carico di vino. E non siete nemmeno riusciti a ucciderli tutti. Lo lasci andare bruscamente. Ora ci attaccheranno. Sono entrato dalla porta a settentrione. A meridione i Goti stanno cercando di entrare in citt. Hanno dato fuoco alle capanne. Cercavano cibo. Cercavano armi. E hanno trovato entrambe le cose. Lupicino lo guard, gli occhi attoniti. Che facciamo ora? L'unica cosa che possiamo fare. Combattiamo. Di fronte al nuovo sorriso di Ertegul, Lupicino fece un passo indietro. Chin il capo. Combatteremo. Il monaco si pass un dito sulle labbra, lo sguardo assente. E cerchiamo di volgere le circostanze a nostro favore. XIV La pianura a meridione era illuminata dagli incendi. Bruciavano le capanne e le baracche della periferia, accoccolate ai piedi delle mura come cuccioli in fiamme sotto lo sguardo di una madre indifferente. Bruciavano i carri dei mercanti, radunati sotto il cielo stellato. Bruciavano in lontananza, con un bagliore attenuato, i recinti che circondavano l'accampamento dei Goti, e il fumo saliva nero verso il cielo, offuscando la luce lunare. Colonne di barbari, punteggiate di torce come serpenti luminosi, si dirigevano verso la citt e nel passare le torce venivano scagliate nei campi, incendiando i cespugli e l'erba secca. Bruciava la campagna intorno a Marcianopoli e il calore dell'incendio avvolgeva gli uomini sugli spalti in un mantello di sudore. Ai piedi delle mura infuriava il combattimento. Contadini e mendicanti delle capanne, semplici cittadini, drappelli di soldati privi di ordini precisi erano sciamati dalle porte della citt, armati di spade e giavellotti, coltelli e asce, randelli e roncole, e si battevano contro l'avanguardia dei Goti. Sul cammino di ronda, nella notte rossa, Batraz e Leimeie si fecero largo a fatica tra gli arcieri. Ordini confusi rimbalzavano tra i soldati, che parevano in preda al panico. Isolati da tutti, i Sarmati, arco in pugno, formavano un gruppo ordinato presso una delle torri. Miravano metodicamente nel folto dello scontro, scagliando solo a colpo sicuro.

Farnag! grid Batraz avvicinandosi. Sembra che passeggiare per il mercato sia diventato pericoloso. Farnag gli and incontro, studiandolo ironicamente. E zoppichi. Sei stata tu, ragazza, a ridurlo cos? Che ti successo, magister? Yaguz sfior le macchie di sangue sul mantello di Batraz. Ti hanno colpito. Legionari. La parola cadde nel silenzio. Un agguato. Uomini di Massimo. O del comes. A un cenno di Farnag, i Sarmati si schierarono a semicerchio, rivolti ora verso gli arcieri di Lupicino. Tenevano gli archi rivolti verso il basso, la freccia incoccata, pronti a scagliare. Ne sei certo? domand Farnag. Batraz annu. Ci penseremo dopo. Si rivolse ai suoi: Fermi. Sono soldati dell'impero, come noi. Tu sei ferito. Farnag aveva visto l'amico barcollare e portarsi la mano alla nuca. Non importante. Dimmi cos' accaduto. Farnag e Leimeie si scambiarono una rapida occhiata. La ragazza annu. D'accordo disse Farnag. Come vuoi. Indic la pianura. I Goti sono arrivati subito dopo il buio. Volevano cibo e hanno cercato di entrare in citt. Prima hanno saccheggiato le capanne fuori delle mura e i legionari sono usciti per fermarli. Poi... Poi? Poi qualcuno ha sparso la voce che Fritigerno e Alavivo sono stati uccisi. E allora hanno attaccato. Batraz soppes la notizia, valutando con lo sguardo la situazione. Chi al comando tra i legionari? Difficile a dirsi. C' confusione. Gli ufficiali di Lupicino attendono ordini che non arrivano. Quelli di Massimo hanno tentato di organizzarsi. Ma ci sono molte perdite. I Goti cercavano di scalare le mura aggrappandosi alle sporgenze delle grandi pietre bianche, respinti dalle frecce degli arcieri romani. Cadevano numerosi, ma altrettanti ne prendevano il posto. Ma il problema un altro aggiunse Farnag. Un piccolo gruppo riuscito a entrare in citt. Hanno attaccato i magazzini dove Lupicino tiene le riserve. Riserve di armi. Guarda. Al di l del tiro degli archi era fermo un carro circondato da un assembramento di barbari. Tre uomini scaricavano spade e giavellotti, distribuendoli agli altri. Dobbiamo fare una sortita. Batraz flett il collo. Il dolore alla testa non accennava a diminuire.

Nessuno si ancora sentito di dare l'ordine. Furono interrotti da grida che provenivano dalla scala. Un trapestio, poi alcuni Sarmati comparvero sul camminamento, spingendo innanzi un Goto dalle vesti imbrattate di sangue. Lo abbiamo sorpreso mentre cercava di fuggire. Il volto di Yaguz era segnato dalla stanchezza. Il barbaro era di media statura, con le spalle ampie. Perdeva sangue da una profonda ferita sul braccio destro di cui non pareva essersi accorto. Stava in piedi di fronte a loro, calmo in volto, i muscoli rilassati. Tu disse fissando Batraz. Io ti ho visto. Tu sei il Sarmata. Si scost i capelli dal volto. Fritigerno disse senza sorpresa Batraz. Sono io. Non sei morto. Io no. Un'ombra trascorse sul volto del reiks. Ma Alavivo e la mia scorta s. Guard verso la citt. E Nanderit. Il mio fratello di sangue. Un mormorio trascorse tra i Sarmati. Comprendevano bene il dolore annidato negli occhi di Fritigerno. Dobbiamo ucciderlo? L'espressione di Yaguz era incerta. Si batte bene. Ha ferito due dei nostri. Batraz lo ignor, osservando il Goto. Si guardarono a lungo. Lasciategli le braccia. Non pu fuggire. Accenn alla pianura. Dobbiamo attaccare. Lo sai. E sar un massacro disse. Fritigerno annu. Moriranno le donne. E i figli. I nostri e i vostri. Batraz attese. Non sono venuto fino qui per vedere morire i miei figli. Fritigerno indic la pianura. La mia gente pensa che sia morto. Fammi uscire e la porter via. Come posso fidarmi? Fritigerno scopr i denti in un lento sorriso. Noi c'intendiamo, Sarmata. Noi siamo simili. Batraz riflett a lungo. Io credo nell'onore di chi porta le armi. Anche io. E dopo, che accadr? E dopo sar la guerra. Siamo stati traditi. Ma guerra tra uomini. Non contro donne e bambini. Fritigerno allung la destra. Dopo un'esitazione Batraz pos la sua mano sul braccio del Goto, stringendone il polso. Fritigerno fece lo stesso. Batraz si volt verso i suoi uomini. A uno a uno i Sarmati annuirono in silenzio. Nell'aria infuocata le grida erano assordanti. Dategli un cavallo. E fatelo uscire dalla porta settentrionale. Batraz si sostenne al parapetto. Il dolore era aumentato bruscamente e sentiva le gambe vacillare. Pens al suo letto, nella camerata. Mi ricorder di te, Sarmata. Fritigerno non aveva smesso di fissarlo. Anche io. Ci incontreremo ancora. Ma ora va'. E fa' presto.

Attesero sui camminamenti, mentre dalla citt provenivano i suoni dell'allarme. Le fiamme si erano propagate alle prime case e i vigiles si affannavano con secchi di cuoio e coperte per spegnere gli incendi. Videro Fritigerno galoppare in mezzo alle schiere dei Goti. Lo videro afferrare una fiaccola e sollevarla. Un gigante accanto a lui ne portava un'altra con cui illuminava il volto del reiks. Di l a poco piccole squadre a cavallo iniziarono a radunare gli uomini, facendoli allontanare dalle mura. E ora? Baxagos abbass l'arco che impugnava nelle mani nodose. Batraz scosse il capo. E ora lasciamoli andare. Non ci vorr molto per ritrovarli. Afferr il braccio di Leimeie. Sorreggimi ancora, ragazza. Devo riposare.

... SPARGENDO SANGUE


I
Presso Marcianopoli, Mesia Inferiore. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, il giorno prima delle Idi di luglio. [14 luglio 377 d.C.]

La colonna armata si snodava per circa tre miglia lungo la strada per Cabyle, in direzione della Tracia, tra i pascoli e i campi di quella terra scura e fertile. A occidente, un rilievo di basse colline chiudeva l'orizzonte. Cinquemila legionari, che a ogni passo facevano vibrare il terreno, sollevando nubi di polvere che ricadevano abbaglianti nell'aria ferma. Gli exculcatores, i fasci di giavellotti bilanciati sulla spalla, marciavano in testa, seguiti dagli arcieri e dai frombolieri. Si muovevano sotto il sole, orgogliosi come un corpo unico: solo le file dei fanti semplici talvolta si sfrangiavano sui margini, costringendo qualcuno a rallentare o ad accelerare il passo. Un drappello di cavalleria leggera costituiva l'agmen primum, l'avanguardia inviata in perlustrazione, e li precedeva di circa due miglia. Sul fianco sinistro cavalcava Batraz, seguito dai suoi uomini. Sotto il sole quasi a picco il sudore gli ruscellava sotto la tunica di cuoio, colandogli sulla fronte fino agli occhi, socchiusi per il riverbero. Il peso dell'armatura sulle spalle e sui fianchi era tormentoso. Non avevo mai visto un agmen in marcia. La voce di Dodoi era colma di stupore. Sembrano un millepiedi. Un millepiedi di metallo. Sei vissuto troppo tempo nella tua campagna, ragazzo. Farnag rise, il volto alzato, a godersi il sole. Combattere ci far bene. Non combatteremo disse Batraz distrattamente. Quella notte, poco prima di partire, Leimeie era scivolata nel suo letto e lo aveva abbracciato con mani che gli erano parse roventi. Erano rimasti cos, senza parlare, finch non era venuto il tempo di andare. E senza parlare si erano salutati, nel crepuscolo che precedeva l'alba. Si domand, senza trovare risposta, perch non l'avesse posseduta, nonostante il desiderio. Ora lo accompagnava il ricordo di quel corpo. Con un colpo di talloni Farnag gli si avvicin. Procedevano al passo, nella pianura immersa nella luce bianca. Che cosa hai detto? Che oggi a noi vietato combattere. Ordini di Lupicino. Scelus! Farnag imprec a mezza voce. E perch? Dobbiamo osservare la battaglia da lontano. E dovremo partire per

Antiochia appena rientrati in citt. Per riferire le sue imprese. Batraz chin il capo, accentuando grottescamente il gesto. Questo il volere del comes. E tu hai accettato? Batraz scroll le spalle: Contro gli stolti non c' ragione. Non capisco. Farnag accenn al centro della colonna, dove spiccavano la lorica lucida di Lupicino e il suo mantello scarlatto. un inetto. Guardalo, parte per la guerra con l'uniforme da parata. Lui e Massimo non ci vogliono vicini in battaglia. Batraz si sfil l'elmo appoggiandolo sulla sella e si pass una mano tra i capelli fradici di sudore. Non sono riusciti a uccidermi. E non vogliono correre rischi. Noi siamo soldati, non sicari. Anche io preferisco non dovermi difendere dagli amici. Batraz ebbe un sorriso aspro. Quando si combatte, una freccia o un colpo di spada fanno in fretta ad andare dalla parte sbagliata. E il traditore pensa che tutti siano traditori. Capisco. Farnag fischi per richiamare Dodoi. Rilassati, ragazzo. Oggi assisterai soltanto al macello. Senza parteciparvi. Fattosi serio, torn a rivolgersi a Batraz: Come pensi andr a finire?. La battaglia? Tra poche ore incontreremo i Goti, e Lupicino vincer. E noi porteremo all'imperatore degli schiavi per farne dei soldati. Inspir l'odore della terra scaldata dal sole. Cos almeno lui crede. E tu? Io credo che Fritigerno sia pi abile di quel che crede Lupicino. E i Goti sono pi numerosi. Batraz rispondeva svogliatamente. L'odore di Leimeie era ancora sulla sua pelle. Farnag scorse con lo sguardo la colonna. Lupicino avrebbe potuto radunare pi uomini. Le legioni limitanee sono gi ridotte all'osso. Ma c'erano quelle di stanza a Cabyle. Domandati perch non l'ha fatto. Facile. Farnag schiacci una mosca verdazzurra sul collo del cavallo. Se avesse chiesto aiuto si sarebbe sparsa la voce. E prima o poi Valente avrebbe saputo. Che i Goti, da carne per la sua guerra, sono diventati nemici da combattere complet Farnag. Proprio cos. Altri nemici. Non finir mai, la guerra, vero? Farnag sogghign. Quelli come noi avranno sempre un mestiere. Mai. L'odore di Leimeie s'era fatto pi forte. Batraz strofin con forza una mano sul dorso del cavallo, per poi passarsela sul volto, sulle narici. Annus avidamente il sentore dell'animale. Non finir mai.

Continuarono a cavalcare, senza dir pi nulla, mentre Dodoi, alle loro spalle, osservava il cielo, duro e azzurro come uno smalto. II Era pomeriggio inoltrato quando giunsero in vista dei Goti. Gi da un'ora l'avanguardia era rientrata, per schierarsi con gli altri cavalieri sulle ali dell'agmen. Davanti a loro, una muraglia confusa di corpi: i barbari, quasi tutti a piedi, si erano attestati in un punto in cui la strada si alzava in una gobba piatta e larga, da cui dominavano i Romani. Si erano disposti trasversalmente, in un arco di cerchio che si estendeva per un paio di miglia, con i carri disposti in larghi circoli dietro i guerrieri. Immobile sotto il sole, Batraz li osservava. I volti erano macchie confuse sopra le vesti impolverate. La maggioranza era armata solo di lunghe lance, ma spiccavano numerose le cotte di maglia e le spade, razziate a Marcianopoli. Alle loro spalle, saliva il fumo dei fuochi accesi al riparo dei carri. Laggi, oltre la portata degli archi, donne, vecchi e bambini attendevano in silenzio. Batraz continu a guardarli, mentre Dodoi gli si affiancava. Che cosa accadr di loro, se vinciamo? I tribuni gridarono un ordine e il millepiedi luccicante inizi la complessa manovra per schierarsi. Batraz non rispose. Indic una collina a sinistra. ora di trovarci un luogo da cui assistere allo spettacolo. Lass andr bene. Grid un ordine e il drappello si avvi per un pendio cosparso di rovi dai rami lunghi e contorti. C'era un profumo nell'aria. More mormor Dodoi, spingendo il cavallo. Farnag gli sorrise. Non sono ancora mature. troppo presto. Il ragazzo indic il rilievo dove i barbari attendevano lo scontro. Sono molti. Farnag annu pensosamente. Pi di quanto ricordassi. Raggiunsero la cima, accolti da una brezza che scompigliava l'erba bassa e folta e faceva scorrere brividi lungo la pelle accaldata. Smontarono in una radura alle cui spalle si stendeva un fitto bosco di faggi, lasciando che i cavalli brucassero liberamente. Dadakos piant al centro della radura il vessillo con il drago, mentre Yaguz disponeva gli uomini di sentinella e faceva preparare un focolare con dei sassi larghi e piatti. Alzando la mano in un saluto, Baxagos, l'arco in spalla, scomparve nel folto degli alberi. Batraz si appoggi a una roccia coperta di muschio, dove la radura scendeva in un pendio ripido verso la pianura. In basso, i due eserciti si fronteggiavano in un silenzio innaturale, incrinato dal gracchiare dei corvi.

Un volo di gru si levava alto nel cielo. I Romani si erano schierati con la cavalleria ai lati; i fanti, al centro, erano fiancheggiati dai frombolieri e dai lanciatori di giavellotto, mentre gli arcieri, alle loro spalle, erano pronti a scagliare le loro frecce con un tiro spiovente. Sulla collina l'erba odorava di buono e gli insetti ronzavano intorno ai soffioni. Batraz si slacci il balteo, lasciando cadere la spada a terra. Vi poggi accanto l'elmo. Perch esitano? domand Dodoi. Aveva posato anche lui le armi e lasciava che il sole gli scaldasse la schiena indolenzita. Aspettano che siano i Goti ad attaccare. Il vento era calato e la roccia era umida e fresca. Batraz aveva staccato un pezzo di muschio, strofinandolo tra le mani. Non abbiamo molti cavalli, e Lupicino li user per accerchiare Fritigerno. strano. Pensavo che oggi sarei stato anche io laggi. A combattere. Batraz gli lanci il brandello di muschio. Quello con gli Unni stato il tuo primo scontro? Il ragazzo annu. Allora Farnag mi ha mentito. Non ti avrei portato con me, se lo avessi saputo. Mi sono comportato male? Il viso di Dodoi, appena coperto da una lanugine morbida, era corrucciato. No. No, certo. Sei stato bravo. Ma non mi sembra che la guerra ti piaccia. Dodoi era arrossito. Da bambino andavo a raccogliere le erbe medicinali, con mia madre. Mi diceva che guarire importante quanto combattere. Mio zio lo sa. Tuo zio? Dodoi guard Batraz, colmo d'imbarazzo. Farnag il fratello di mia madre. Credevo te l'avesse detto, magister. Batraz lo soppes con gli occhi. No. Non lo sapevo. A quanto pare il mio amico non mi dice molte cose. Accenn un sorriso. Ma non te ne preoccupare. Sei un bravo guaritore. E ti sei battuto bene. Nella pianura, i Romani erano avanzati di alcune pertiche. Formavano un rettangolo preciso, con due ali incurvate sui fianchi, le lance e le spade puntate in alto. Gli ufficiali trattenevano a stento i cavalli, innervositi dall'immobilit. Davanti a loro, lo schieramento dei Goti era attraversato da un movimento continuo. Gruppi di guerrieri uscivano dalle file, scuotendo gli scudi e gridando, per poi rientrare velocemente, come sabbia risucchiata dalla marea. Guardate! Il richiamo di Farnag risuon nell'aria calma della collina. Dal bosco era uscito Baxagos, reggendo sulle spalle un capriolo con il collo trafitto da una freccia. Scuoiarono e sventrarono il capriolo, lo misero ad arrostire sulle braci e si riunirono presso la roccia. Nella pianura nulla s'era mosso, mentre il sole, insensibilmente, aveva

iniziato a calare verso l'orizzonte. Perch non succede niente? Dodoi ruppe il silenzio che si stava prolungando. Yaguz si volt verso Batraz. Lupicino ha paura. I Goti sono molti di pi del previsto intervenne Farnag. Si sono aggiunti i Greutungi. Batraz non sembrava sorpreso. Hanno attraversato il Danubio dove le rive non erano sorvegliate. E Lupicino non se lo aspettava. No. Lui no. L'odore della carne arrostita s'era fatto pi intenso. Nell'aria rimbomb un suono cupo, proveniente dai circoli di carri. I Romani risposero battendo le spade sugli scudi. Tamburi disse Dadakos. Noi non li usiamo. Dalle schiere dei Goti provenne un grido isolato, poi, con un clamore assordante, la massa di guerrieri avanz. Correvano, le lance tese in avanti, gli umboni bronzei degli scudi simili agli aculei di enormi insetti. L'urto fu brutale. Gli arcieri romani, sorpresi dalla rapidit dell'attacco, fallirono il primo lancio. Ora la distanza era troppo breve e i legionari serrarono le fila, lasciandosi uno spazio ristretto attraverso il quale adoperare le spade. La massa dei Goti aveva colpito lo schieramento romano come un pugno colpisce un corpo, in un punto preciso, sfondando la prima linea. I Romani iniziarono la manovra di accerchiamento dalle ali, ma le seconde file dei barbari li attesero senza muoversi, le lance piantate nel terreno che schiantavano i fianchi dei cavalli. Il rimbombo dei tamburi si confondeva con le grida e con il clangore del metallo. Non cessava mai. Al centro della mischia, i Goti caricarono con gli scudi. Ci si batteva in uno spazio talmente ristretto da rendere difficile l'uso delle spade e gli umboni aguzzi schiantavano il legno degli scudi e le cotte di maglia. Sotto quella pressione, il rettangolo dello schieramento romano inizi lentamente a indietreggiare. Li stanno spingendo via. Le parole di Farnag suonarono involontariamente ammirate. Come un lottatore pi pesante con uno pi leggero. Fritigerno abile. Batraz non distoglieva gli occhi dalla battaglia. Sa che i suoi sono male armati. Cos adopera gli scudi e il numero. Tu lo vedi? Batraz indic l'altura da cui era partito l'attacco. Un uomo su un cavallo piccolo e pezzato seguiva lo scontro. Aveva accanto una decina di cavalieri e lo si vedeva talora chinarsi verso uno di loro per parlargli. Poi il cavaliere partiva al galoppo, portando i nuovi ordini alle truppe. Combatte come uno stratega disse Yaguz, allontanandosi per controllare la cottura del capriolo. La cavalleria in rotta mormor Baxagos.

Le due ali dei Romani erano state decimate dai Goti appiedati e avevano iniziato a ritirarsi, per raggiungere il grosso della fanteria, costretto dai barbari in un semicerchio che si andava restringendo. A mano a mano che i Goti guadagnavano terreno, rivelavano la pianura costellata di cadaveri, l'erba scurita, impregnata di sangue, i corpi dei cavalli distesi sul fianco, le viscere fumanti. Ora i tamburi avevano rallentato il ritmo e il loro suono scuro rimbombava isolato. un massacro. Dodoi, impallidito, s'era portato la mano alla gola. Sar peggio, se Lupicino non d l'ordine di ritirata. I Goti avevano circondato la fanteria romana, attaccandola con le lance. I fanti, pur protetti dagli scudi, cedevano in pi punti, aprendo nello schieramento larghe falle in cui i nemici s'incuneavano, separando le truppe in contingenti pi piccoli, che venivano facilmente macellati dai barbari. L! Laggi! Dadakos indicava verso settentrione. Lungo la strada offuscata dalla polvere, un drappello di cavalieri romani si era disimpegnato e fuggiva al galoppo verso Marcianopoli, protetto da una trentina di legionari che cercavano di trattenere i barbari. Lupicino che fugge. La voce di Farnag era cupa. Triste. Ha abbandonato i suoi soldati. I tamburi ripresero il ritmo, mentre nella pianura i Goti sfondavano le ultime linee di resistenza. Piccoli contingenti di legionari ruppero gli indugi e si dispersero nei campi. Le file romane oscillarono, simili a un serpente ferito, con un movimento sempre pi rapido, come rami travolti da un vortice, poi si spezzarono in rivoli di uomini che cercavano caoticamente di darsi alla fuga, abbandonando scudi e armi sul terreno. Consummatum est. Batraz guardava la carneficina con occhi privi d'espressione. I Goti non li inseguono. Mentre l'esercito romano era in rotta verso Marcianopoli, i luogotenenti di Fritigerno stavano radunando i loro uomini, riportando indietro quelli che si erano lanciati all'inseguimento. Ora raccoglieranno le armi disse Farnag. Sul campo di battaglia, spade e lance luccicavano al sole, ormai basso sull'orizzonte. Batraz annu. Fritigerno ha trovato le armi di cui aveva bisogno. Si volt a guardare i suoi. I volti che lo circondavano erano pieni di sdegno per quel che avevano visto. fuggito sussurr Baxagos. Lupicino fuggito. E ora che facciamo? Dodoi aveva gli occhi duri, adulti. Scendiamo a batterci? Sarebbe inutile rispose Batraz. Verranno loro ad attaccarci. Farnag fece scorrere la spada pi volte nel fodero. Dobbiamo essere pronti. Batraz scroll le spalle. Se verranno, combatteremo. Guard verso Yaguz che non era pi tornato indietro. Aveva

sfilato il capriolo dallo spiedo e ora lo faceva a pezzi con un largo coltello da scalco. Mangiamo disse Batraz. Se dobbiamo morire, facciamolo con il sapore della carne in bocca. I Goti giunsero quando del capriolo non restavano che le ossa. Erano non pi di una trentina, tutti a cavallo, bene armati di spade romane. Fritigerno, sporco di polvere e di sangue, precedeva un colosso biondo dall'aspetto taciturno e un giovane bruno, dal corpo nervoso. Eccoti, infine. Finendo di masticare, Batraz indic gli avanzi del pasto. Non vi abbiamo lasciato nulla. Sorrise. Se non le nostre spade. Fritigerno lo fiss senza smontare. Perch non avete combattuto? Ci era stato ordinato di non farlo. Ma ora non c' nessuno che possa darci ordini. Il reiks scosse il capo. Non voglio combattere con te. Nella pianura i Goti stavano finendo di spogliare delle armi i corpi dei nemici. Non ora. Uccidiamoli. Era stato il giovane bruno a parlare. Non dobbiamo lasciarceli alle spalle. Sono pericolosi. Taci, Marco. Il tono di Fritigerno era duro. Ho un debito con loro. Ora saldato. La prossima volta potremo ucciderli. O ci uccideranno loro borbott il colosso biondo. Mio fratello Waduulf ti stima molto, Sarmata. Batraz si alz lentamente. Scrut il volto di Marco che lo guardava con aria di sfida. Tu sei un Romano disse. Poi si rivolse a Fritigerno. Che farai, ora? Attaccherai Marcianopoli? No. Le pietre non mi interessano. Fritigerno si volt verso il colosso. Waduulf, porta qui il prigioniero. Guard Batraz. Ho qualcosa per voi disse. Waduulf si fece strada tra i Goti, conducendo un cavallo montato da un uomo con i polsi legati. L'uomo indossava un mantello rosso che gli pendeva sghembo sulle spalle e teneva la testa china, ciondolante. Waduulf si ferm di fronte a Batraz. Si sporse dalla sella e afferr il prigioniero per i capelli, costringendolo ad alzare la testa. Aveva il viso coperto di sangue: le orecchie e il naso erano stati mozzati e cauterizzati sommariamente. Tu lo conosci, Sarmata. Il tono di Fritigerno era tranquillo. Quest'uomo si chiama Massimo. Il reiks si rivolse a Waduulf: Fallo scendere, fratello. Il colosso si caric Massimo su una spalla, come un cencio, e lo costrinse a stare in piedi. Massimo rimase immobile, al centro del cerchio di uomini, il capo nuovamente chino. Costui ha venduto carne marcia alla mia gente. Farina piena di vermi. Rape putrescenti. E in cambio si preso i nostri giovani come schiavi. Fritigerno smont lentamente. Ha tradito me e Alavivo, violando il dovere dell'ospitalit. La voce gli si era incrinata. E ha

ucciso il mio fratello di sangue. Ha ucciso il mio amico. Estrasse la spada, appoggiandone la punta sull'erba. Riportalo a Lupicino, perch lo veda. Sollev la spada e la ruot in un arco di cerchio. La testa di Massimo, spiccata dal tronco, rotol ai piedi di Batraz, mentre il corpo rimaneva ancora eretto per un istante, un fiotto di sangue scarlatto che sprizzava dal collo e saliva verso il cielo. Poi, il cadavere croll a terra, con un tonfo sordo. Nessuno parl. Batraz guard il capo mozzato senza pensare a niente. Senza provare nulla. Se non un remoto senso di giustizia. Ora andremo. Fritigerno era risalito in sella. Voi potete ritornare in citt. Non vi attaccheremo. Gir il cavallo e si allontan al passo, seguito dai suoi uomini. Batraz pieg un ginocchio. Con la destra rivolt la testa di Massimo. La sollev per i capelli. Rimase a fissarla negli occhi vuoti, spalancati.

Secondo interludio

LA CERCA
Quando i mille anni saranno compiuti, Satana sar sciolto dalla sua prigione e verr fuori per sedurre le nazioni che sono ai quattro angoli della terra, il Gog e Magog, per radunarle alla guerra: il loro numero come la sabbia del mare. E salirono sulla pianura della terra e assediarono il campo dei santi e la citt diletta, e scese un fuoco dal cielo e le divor. E il diavolo che le seduce fu gettato nello stagno di fuoco e di zolfo, dove si trovano anche la bestia e il falso profeta; e saranno tormentati giorno e notte, per i secoli dei secoli. Apocalisse, 20, 7-10 I
Costa del Ponto Eusino, Scizia Minore. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, None di dicembre. [5 dicembre 378 d.C.]

Piove: aghi sottili e ghiacciati che il crepuscolo trasformer in neve. La strada principale del villaggio impastata di fango, ma gli zoccoli del cavallo scivolano sulla crosta sottostante, gelata e sudicia. Le capanne e le misere case sono grigie, le botteghe chiuse, serrate dagli scuri. La neve sui tetti annerita dalla fuliggine. L'uomo dai capelli bianchi avanza a fatica tra la folla che vaga senza meta. C' nell'aria un sentore di paura e di vecchiaia. Vecchi smunti, a malapena coperti da stracci consunti, barcollano in cerca di sostegno; donne macilente rasentano i muri, stringendosi al seno un pane bigio; qualche maiale, le costole in evidenza sotto la pelle, grufola tra le gambe della gente; un guerriero ubriaco siede nella melma, il moncherino della gamba destra esposto alla pioggia, la spada, abbandonata al fianco, coperta di ruggine; e mendicanti, mendicanti ovunque: sciancati, guerci, coperti di piaghe; mendicanti che si fanno largo spingendo arroganti, lamentandosi, chiamando; che si aggrappano ai finimenti del suo cavallo, facendolo sdrucciolare e costringendo l'uomo a respingerli con un calcio o con il piatto della spada. Due bambini stretti l'uno all'altro in un abbraccio timoroso osservano l'uomo con occhi sgranati.

La madre esce da una delle capanne, le narici che vibrano come quelle di un topo, e li conduce all'interno, lo sguardo fisso sull'uomo. Esita sull'uscio, come attendendosi un ordine, un richiamo brutale cui obbedire. Poi china il capo e scivola dentro. L'uomo dai capelli bianchi procede lentamente. Il suo cavallo affaticato, e lui esausto. Cerca un luogo. Un pagliericcio per dormire, un tavolo cui appoggiarsi per mangiare e bere un po' di vino. Una faccia da guardare, a cui rivolgersi. Non parla con nessuno da mesi, se non per chiedere indicazioni o per minacciare la morte. Ed stanco. Quando finalmente trova una taverna, costretto a farsi largo tra un gruppo di ubriachi sdraiati davanti alla porta. Sono uomini giovani, validi: otri pieni di vino che continuano a bere in silenzio, meccanicamente, gli occhi assenti. Appena smontato, un ragazzino, mento aguzzo e scapole alate sotto la tunica lacera, gli si avvicina e a cenni gli fa capire che condurr il cavallo nella stalla. L'uomo annuisce, dissella il cavallo ed entra nella bassa costruzione. All'interno il buio fitto, appena incrinato dalla lucerna sul lungo banco di pietra. Una pentola colma d'acqua bolle su un fuoco stento. C' odore di vino acido. Non di cibo. Tracce di sterco sul pavimento. Forse animale. Forse umano. Siede su uno sgabello davanti al bancone e deposita a terra la sella e l'arco. La bisaccia la tiene a tracolla: non vuole sorprese. Sembra non esserci nessuno. Solo un'ombra, contro la parete di fondo, che si muove lentamente, si alza, si avvicina. Cosa vuoi, soldato? La vecchia ha capelli di un bianco sporco e le guance scavate. Biascica le parole attraverso la bocca sdentata, scrutando l'uomo. Tu non sei dei loro conclude. Non hai il viso dipinto. L'uomo passa il palmo della mano sulla pietra unta. Hai da mangiare? domanda. La vecchia scrolla le spalle. Pane e radici. Ride, mostrando le gengive livide. Non troverai altro in tutto il villaggio. Vino ne hai? La vecchia annuisce. Portami del vino e del pane, allora. L'uomo intinge il pane nel vino, bianco e acidulo, per ammorbidirlo. Mentre mangia, la vecchia non smette di osservarlo. Tu sei un Sarmata constata dopo un po'. Come noi. Senza smettere di masticare l'uomo si versa un altro po' di vino. Che cosa successo, qui? domanda dopo un lungo silenzio. Sono stati loro inizia la vecchia. Loro. La prima volta stata alla fine dell'estate. Hanno bruciato i campi e ucciso gli uomini giovani. Hanno preso quasi tutte le donne. Ride ancora. Me non mi hanno voluta dice. Ma lo

sguardo le s'incupisce subito. Tornano ogni mese. Si portano via tutto il cibo che possiamo raccogliere. E se ce n' troppo poco, e ce n' sempre troppo poco, ammazzano qualcuno. Loro, dici. Chi sono, loro? La vecchia si guarda intorno, facendogli cenno di tacere. Poi ci ripensa, torna a scuotere le spalle. Sono vecchia e, anche se mi ammazzano, cosa cambia? E tu mi sembri un uomo giusto. Si china verso di lui, il fiato, pesante di vino, che gli alita sul volto. Un bell'uomo. Si ritrae. Gogmagog dice. Sono i servi di Gogmagog. L'uomo inarca un sopracciglio. E cosa significa? dice con la bocca semipiena. Pare a suo agio nella taverna scura e umida. Appoggia la schiena al bancone, allunga le gambe per stirarle. La vecchia ha gli occhi lucidi per le bevute precedenti. Riempie un'altra ciotola di terracotta e beve d'un fiato. Buono dice, passandosi la mano sulle labbra. Se ne versa un secondo. L'uomo non insiste. Aspetta, gli occhi sempre alla porta da cui penetra la luce livida. C'era un prete, una volta inizia la vecchia. Veniva da meridione. Annuisce, sempre pi sbronza. Ci parlava delle Scritture. Un altro sorso, che le va di traverso. Tossisce, mentre l'uomo continua a masticare. lui che ci ha raccontato la storia di Gogmagog. Gli occhi della vecchia si stanno chiudendo. un grande capo. Un capo di gente. Ed qui, ora. Distrugger tutto il mondo. La vecchia, semi assopita, torna a guardarsi intorno, come se il nome pronunciato potesse evocare una presenza. Non sono uomini. Sono spiriti. Hanno teste di lupo. Di cinghiale. E sono invincibili. Scuote il capo. Devi andare via, soldato. Domani il giorno. Domani loro verranno. Poi chiude gli occhi, con un grugnito. L'uomo la scuote, senza brutalit. Quanti saranno, domani? La vecchia ha riaperto gli occhi. Lo guarda senza capire. Quanti? Quanti verranno domani? Un sorriso furbo increspa le labbra della vecchia. Quante sono le dita delle mani farfuglia. Ho capito. L'uomo estrae il coltello da caccia e si taglia un'altra fetta di pane. La mangia con calma, mentre la vecchia ora sonnecchia, il capo chino, le mani, inutili, in grembo. II Ha dormito su una panca e s' destato prima dell'alba. Nella notte ha nevicato e l'uomo ha affondato le mani nella neve fresca che s' ammucchiata sul pavimento di terra battuta, sfregandosela con forza sul

viso. Ha raccolto le sue cose. La vecchia dorme ancora. Appoggiata al bancone, non s' mossa da ieri sera, la testa sulle braccia incrociate. L'uomo le depone accanto una manciata di monete di rame ed esce. Gli ubriachi sono tornati alle loro case o affogano nel vino in qualche angolo. L'aria grigia, un'alba soffocata. Il ragazzino seduto sullo scalino della stalla. Quando vede l'uomo gli corre incontro, afferrandolo per gli abiti, e lo conduce presso il cavallo. Lo ha strigliato e ha trovato un po' di paglia, e il cavallo gli appoggia le frogie umide sulla mano a coppa. Il ragazzo lo indica e accenna alla strada. Poi solleva le spalle, un ramo secco in pugno e, camminando pesantemente per la stalla, mima il passo di un guerriero. Solleva le mani aperte, il palmo in avanti, le dita divaricate. Torna a indicare la strada. L'uomo dai capelli bianchi annuisce. Dieci guerrieri. Ho capito. Arruffa i capelli del ragazzino che gli fa un sorriso con la bocca larga e storta. Ho capito. Devo andarmene, secondo te. Si china. Ora tocca a lui indicare l'arco e la spada. Si tocca il torace e poi impugna l'arco, tendendone la corda e rilasciandola con un suono che riecheggia nella stalla. Il ragazzino lo fissa perplesso, poi sorride di nuovo. Gli afferra la mano e lo guida fuori. III C' un ponte di legno, sulla strada che conduce verso oriente. Scavalca un torrente che trascina acque gonfie di pioggia e neve, per gettarsi, circa un miglio pi in l, nel mare color del piombo. Una catasta di legna appoggiata a una roccia sporge sul sentiero, a pochi passi dalla sponda. Quando l'uomo la vede, sorride. Il ponte angusto: permette il passaggio di un uomo a cavallo alla volta, e la catasta un riparo perfetto. Lega il cavallo in un avvallamento protetto dai rovi e siede su un ceppo, controllando le frecce. Il ragazzino non voluto tornare indietro. Ora scuote la spalla dell'uomo, una mano dietro la schiena e, quando l'uomo solleva il capo, gli mostra la fionda che teneva nascosta. L'uomo aggrotta le sopracciglia, fa cenno di no. Poi guarda meglio il ragazzo, la tunica lacera, il corpo magro, i tendini che sporgono come corde. Il volto scavato dalla fame e dal coraggio. E infine annuisce, dandogli con il pugno un colpo leggero sul petto.

IV I barbari giungono quando il mattino avanzato. Emergono dalla nebbia che avvolge la strada oltre il ponte e si arrestano prima di imboccarlo. Non s'aspettavano di trovare qualcuno. L'uomo li ha attesi seduto sul ceppo e quando li vede sopraggiungere si alza. Sfodera la spada, tenendola lungo la gamba. I cavalieri sono meno delle dita delle mani. Solo otto: probabilmente non credono ci sia bisogno di pi uomini. Come sempre hanno il volto dipinto d'azzurro, ma quello che sembra il loro capo, in groppa a un morello, ha sulle spalle una pelle di lupo, e il muso della bestia gli nasconde quasi per intero la faccia. In mano porta una croce di legno, con un cranio di animale in cima. Il cranio di un cervo, forse. Il capo grida qualcosa all'uomo dai capelli bianchi. La sua lingua talmente oscura che l'uomo non capisce. Si limita a sollevare la spada. Allora il capo ride e si fa di lato. Con un gesto ordina a uno dei suoi di avanzare. il momento che l'uomo attendeva. Aspetta che l'altro sia a tiro, poi alza la destra in un segnale, e un sasso scagliato con violenza colpisce il barbaro alla tempia. Il guerriero vacilla, poi s'inclina sul fianco. Per un istante rimane immobile, come sospeso, per poi cadere a testa in gi nelle acque rugghianti del torrente. Dalla catasta di legna ha fatto capolino il ragazzo, la bocca come una mezzaluna sgangherata dalle risa. L'uomo dalla testa di lupo bercia un altro ordine, e i guerrieri si lanciano sul ponte, uno dietro l'altro, gridando, mentre il capo solleva la croce contro le nubi basse. Il ponte lungo meno di trenta passi, e poggia su due serie di pali, infissi nel letto del torrente, e assicurati alle travi da spesse corde di canapa. Quando il barbaro in testa alla colonna dista circa una decina di passi da lui, l'uomo balza verso destra. Impugna un'ascia che gli ha procurato il ragazzo, e la cala sulle corde che uniscono il ponte al primo palo, quello presso la sponda. Un colpo solo, e le corde, gi parzialmente segate poco prima, cedono. Il palo vacilla appena, ma l'uomo vi si appoggia con tutto il suo corpo, facendo forza contro una roccia e spostandolo di qualche piede. L'uomo scivola, mentre il palo s'inclina ancora e lui si ritrova a oscillare nel vuoto, ma intanto il ponte vibra, ondeggia, mentre le travi s'inclinano verso destra, e il peso dei cavalieri, infine, fa il resto. I barbari rovinano nel torrente, dove le rocce aguzze spuntano tra la schiuma biancastra. Una colonna di polvere d'acqua si alza, colpendo come un maglio l'uomo aggrappato al palo, accecandolo. Quando ricade, sulla sponda opposta

rimangono solo due cavalieri, i visi stravolti dalla rabbia. Il capo ha l'arco in pugno e sta prendendo la mira. E poi, un sasso lo colpisce al petto, facendolo vacillare. La freccia guizza verso l'alto in una parabola stretta, ruota su se stessa, ricade nell'acqua. L'uomo dai capelli bianchi ansima, tenendosi avvinghiato al palo con una mano, mentre con l'altra cerca di afferrare le radici di sorbo che sporgono dalla sponda. Un sibilo: la fionda del ragazzino ha lasciato partire un altro sasso, che colpisce il cranio del lupo con un rumore sordo. Il capo dei barbari si accascia sul collo del morello. Non si muove pi, mentre il cavallo spaventato sgroppa e il barbaro scivola pesantemente a terra, riverso. L'uomo dai capelli bianchi riuscito a risalire sulla sponda. fradicio, tutto il corpo dolente. Guarda l'ultimo barbaro che si allontana al galoppo nella foschia. Si lascia cadere su una roccia, esausto, mentre il ragazzino gli si avvicina. Il ragazzo ha il viso luminoso d'orgoglio e di rabbia e indica il fuggitivo. L'uomo scuote il capo. Lascia che fugga dice. Si asciuga il volto ancora imperlato d'acqua. Cos Gogmagog capir chi lo sta cercando. Il ragazzo lo guarda senza capire. Ha afferrato solo il nome di Gogmagog e le sue labbra si schiudono, scoprendogli ferocemente i denti. L'uomo lo afferra per le spalle e lo scuote. Li abbiamo battuti dice. Gli appoggia l'indice sul petto. Tu li hai battuti. Si guardano ansanti, poi scoppiano a ridere, e il ragazzo, col gesto rapido di un bambino, sfiora la fronte dell'uomo con la sua. L'uomo, sempre tenendolo per le spalle lo allontana da s, fissandolo con aria grave. Sfila il coltello da caccia dal fodero e glielo tende, tenendolo per la lama. tuo dice. Il ragazzo dapprima non comprende, poi serra le dita sul manico del coltello e lo solleva verso l'alto, mentre la mano dell'uomo si posa sulla sua, stringendo, e il coltello si alza ancora, vittorioso, come per ferire le nubi basse e grigie. V L'uomo riparte prima di sera. Attraverser un guado pi a monte e proceder verso oriente. I pastori che si sono timidamente avvicinati dopo lo scontro gli hanno detto che dove il mare ghiaccia, a molte giornate di cammino, c' la terra di Gogmagog. Lo hanno anche implorato di cambiare strada, perch laggi certo lo aspettano la morte e la sofferenza. L'uomo li ha guardati senza rispondere. Prima di montare a cavallo cerca con lo sguardo il ragazzo, senza trovarlo. Uno dei pastori gli posa una mano sul braccio, facendogli cenno di

aspettare, e l'uomo attende, le redini in mano. Quando il ragazzo ritorna, tiene nel pugno una corda sfilacciata, con cui trascina un'asina vecchia e recalcitrante che raglia disperata. Il ragazzo batte una pacca sul dorso insellato dell'asina e mostra all'uomo il coltello e una bisaccia. pronto. Pronto per partire. Sorride, di un sorriso che gli riempie il viso. L'asina divarica un'altra volta le mascelle, e il suo raglio riempie l'aria. L'uomo dai capelli bianchi si fa serio e scuote il capo con decisione. Mentre il ragazzo lo guarda con gli angoli della bocca rivolti all'ingi, l'uomo sale a cavallo e si allontana, nel pomeriggio grigio.

Parte terza LA TEMPESTA

IL TEMPO DELL'ANTICRISTO
I
Antiochia di Siria, l'ippodromo. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, V giorno prima delle Calende di agosto. [28 luglio 377 d.C.]

Al di l delle colonne dell'ippodromo, le mura del palazzo imperiale si stagliavano contro il cielo, dorate dal sole. Schiavi e stallieri si affaccendavano intorno ai carri, mentre gli aurighi si erano riuniti sulla spina marmorea al centro della pista, rifugiandosi all'ombra delle statue e dell'obelisco venuto dall'Egitto. Una folla vociante gremiva gi le gradinate, dove sventolavano gli stendardi colorati dei demoi, le fazioni degli appassionati: Azzurri, Verdi, Rossi e Bianchi. I sostenitori degli Azzurri, in prevalenza mercanti e popolo minuto, erano la maggioranza e occupavano le gradinate a oriente, dirimpetto al palazzo. Da quel lato, tra le file del pubblico, si incrociavano gli ambulanti, le spalle cariche di anfore e ceste di cibo, mentre certe vecchie donne, dai capelli grigi sciolti sulle spalle, cedevano a poco prezzo, tra sussurri e sguardi d'intesa, piccole lamine di metallo su cui erano riportati maledizioni e scongiuri contro cavalli e aurighi avversari degli Azzurri. Gli ammiratori dei Verdi, meno numerosi, sedevano composti dall'altro lato, all'ombra delle mura del palazzo e, avvolti nei loro abiti ricchi o almeno dignitosi, osservavano sprezzanti il fermento del popolo sulle gradinate di fronte. Qua e l spiccava l'elaborata acconciatura che una matrona esibiva agli sguardi ammirati e invidiosi delle amiche, mentre, nelle file superiori, un piccolo gruppo di attrici di teatro, avvolte in veli trasparenti, beveva da grandi calici dorati vino mescolato a miele. Le attrici avevano i volti impastati di zinco e di bistro, e i capezzoli, turgidi sotto le tuniche, sottolineati da un rosso scarlatto. Tra poco sarebbe iniziata la prima corsa e l'imperatore non s'era ancora mostrato. Sul passaggio scoperto che conduceva direttamente dal palazzo al palco imperiale, le guardie palatine attendevano, immobili nel calore rovente.

Su un rilievo della spina, gli schiavi avevano sistemato le sette grandi uova di legno che avrebbero indicato i giri da compiere. All'altezza di una delle metae, le curve del percorso, si stavano preparando le quadrighe. Le coppie centrali, tutti nervosi cavalli arabi, venivano attaccate ai timoni dei carri, mentre i due cavalli esterni erano legati solo con lunghe corregge. Gli spettatori valutavano il cavallo esterno di sinistra, il funalis, che avrebbe determinato la strettezza e la velocit delle curve, salutavano con un grido il conduttore favorito, soppesandone le condizioni fisiche prima di scommettere. Gli aurighi rispondevano con il braccio alzato, il casco di cuoio gi calcato sul capo, e salivano sui carri, avvolgendosi le redini intorno alla vita. Tutto era pronto, in attesa. Risuonarono tre squilli. Sul passaggio erano comparsi due suonatori, le trombe di bronzo ricurvo appoggiate sulle spalle. Il fragore del pubblico si chet, per riprendere subito in un tumulto in cui le grida di entusiasmo si mescolavano a commenti ostili: Valente era uscito dal palazzo e stava andando a prendere posto nel palco, seguito dalla sua corte. L'imperatore si lasci cadere sul seggio, rinfrescandosi con un piccolo ventaglio di avorio colorato. Alle sue spalle, sedettero Sebastiano e Frigerido, imitati da alcuni senatori e magistri. Molti dignitari, tra cui Sereniano, il comes domesticorum, rimasero in piedi, per brillare della luce dell'imperatore, come specchi vicini alla fiamma. Solo Vittore era assente, impegnato sul confine persiano. Nell'ippodromo scese un grande silenzio. Le otto quadrighe, due per fazione, erano pronte. Gli aurighi trattenevano a stento i cavalli dietro le sbarre di legno dei cancelli di partenza. Da ciascun carcer partiva un cavo: erano otto in tutto, che finivano ben tesi nelle mani degli arbitri. I litui fecero risuonare altri due squilli. Gli occhi di tutti erano fissi su Valente, che aveva sollevato un panno rosso, e sembr che il pubblico trattenesse un unico immenso respiro. Poi l'imperatore lasci cadere il panno, gli arbitri abbandonarono i cavi e le sbarre dei cancelli dei carceres scattarono in basso, liberando la strada ai carri. Le quadrighe balzarono brutalmente in avanti, strappando nubi di polvere dal fondo della pista. Un urlo enorme le accompagn, e subito all'inizio del primo rettilineo uno dei due equipaggi azzurri chiuse bruscamente la strada a un carro dei Rossi. L'auriga dei Rossi si gett all'indietro, trattenendo i cavalli che andarono a colpire col fianco la parete sotto le gradinate. Poi l'auriga rilasci le redini e il carro si raddrizz, ma gli Azzurri erano passati, affiancandosi alle quadrighe dei Verdi, partiti dall'interno della curva. A met del rettilineo i Bianchi e i Rossi erano gi indietro di alcune pertiche, mentre Azzurri e Verdi correvano testa a testa, i cavalli interni obliqui sul terreno. Lo spazio tra gli animali si allargava e si restringeva, finch i dorsi si

sfioravano per poi tornare ad allontanarsi. Un auriga verde schiocc la frusta sul cavallo interno dell'avversario pi vicino, facendolo scartare a destra. Il carro azzurr oscill violentemente perdendo terreno prima di rimettersi in asse. Poi vennero la seconda meta e il secondo rettilineo, e gli schiavi sulla spina si apprestarono a far cadere il primo uovo di legno, mentre una quadriga dei Verdi aveva preso un vantaggio di una decina di passi sugli inseguitori. Sul passaggio che conduceva al palazzo era comparso il cubiculario. Corse verso il palco, reggendo la lunga veste tra le mani. Si avvicin all'imperatore, accostandogli la bocca all'orecchio. Durante il terzo giro, a met gruppo, un cavallo dei Rossi strapp la correggia. Dopo pochi passi si ferm in mezzo alla pista, mentre sopraggiungeva uno dei carri dei Bianchi. Con uno schianto l'animale venne scagliato contro la spina e i cavalli dei Bianchi rotolarono nella polvere, mentre il timone si spezzava e il carro si piegava in avanti. Nel silenzio improvviso del pubblico l'auriga cerc invano di liberarsi delle redini che lo stringevano in vita. Il carro colp la pista con la parte anteriore e rotol su se stesso, gettando l'auriga tra le ruote. La ruota destra pass sul suo corpo con un sussulto, poi i cavalli ripresero la corsa, trascinando il carro rovesciato su un fianco e il corpo esanime dell'auriga. Dal pubblico si lev un boato, mentre chi aveva scommesso sui Bianchi imprecava e gli occhi delle donne brillavano avidi e lucidi. Nessuno del pubblico aveva visto, ma sulla porta del palazzo era comparsa la figura alta e sottile di un religioso. Si avvi lentamente verso l'imperatore. Sei giunto, infine. Valente non aveva distolto gli occhi dalla pista. Ertegul si ferm accanto a lui, senza dir nulla. Ho avuto cattive notizie dalla Mesia aggiunse l'imperatore. Che hai da dirmi? Un altro incidente aveva fatto levare in piedi la folla. Il carro superstite dei Bianchi aveva cercato di sorpassare il Rosso spingendolo contro la spina, ma aveva perso il controllo. Entrambe le quadrighe si erano sfracellate con un boato, costringendo a fuggire gli schiavi radunati ai piedi dell'obelisco. Accorsero i barellieri per estrarre gli atleti feriti dai resti dei carri, mentre venivano sgomberati i cavalli e rotolava a terra l'uovo del quinto giro. Pi avanti, uno dei carri degli Azzurri aveva perso una ruota e si era fermato strisciando contro le gradinate. La gara si era ridotta a tre equipaggi: le quadrighe dei Verdi in testa e l'Azzurro rimasto che recuperava terreno sfiorando a ogni curva il basamento della spina. Dai mozzi metallici delle ruote sprizzavano scintille e ogni volta il carro pareva sul punto di sfracellarsi contro il marmo, ma l'auriga, un giovane di poco pi di vent'anni, le labbra tirate a scoprire i denti, riusciva sempre a controllare i cavalli e a guadagnare qualche passo

sugli avversari. Lo scalpitio degli zoccoli rimbombava nel grande catino dell'ippodromo. Lupicino uno stolto. Ertegul aveva parlato con tono indifferente. Eppure tu lo difendesti di fronte a Vittore. Il monaco scroll le spalle. Meriterebbe di morire. Morir, appena lo troveremo. Non tornato a Marcianopoli. E nessuno sa dove sia fuggito. Lo immaginavo. Gli schiavi fecero cadere il penultimo uovo nel canale che circondava la spina. L'uovo galleggi via, lentamente. Taci, ora intim Valente, con un gesto brusco della mano. L'Azzurro aveva sorpassato uno degli avversari e incalzava l'equipaggio in testa. Era rimasto in piedi solo un uovo di legno: un ultimo giro di pista. Sotto le sferzate dell'auriga azzurro, i quattro morelli accelerarono, portandosi a ridosso del carro rivale. L'aria era colma del rombo sordo delle ruote che vorticavano sulla sabbia ocracea. Sentendo quel suono farsi sempre pi vicino, il Verde si volt indietro. Nel vedere il muso dei morelli a meno di un passo da lui alz un corto nerbo di bue e lo batt sulle narici dei cavalli. Fu un momento: il Verde aveva calcolato male il tempo e la sua quadriga entr nell'ultima meta senza rallentare: i cavalli, accecati dalla corsa, puntarono diritti verso le gradinate. Mentre il pubblico lanciava un grido d'avvertimento, l'auriga torn a guardare avanti. Vide il muro venirgli incontro come un masso scagliato contro di lui. Spalanc la bocca in un urlo sommerso dal clamore, poi i cavalli si scontrarono con la gradinata, quasi cercando di superarla con un impossibile salto. Il carro si sfracell contro i loro posteriori e il conduttore venne scagliato in avanti, cozzando con il capo contro le pietre. Le redini, ancora allacciate in vita, lo trascinarono indietro, lasciando una lunga striscia di sangue. Il Verde ripiomb sulla terra battuta, con un ultimo, frenetico sussulto delle gambe, poi giacque immobile, mentre le bandiere dei giudici si abbassavano, certificando la vittoria dell'Azzurro. Il pubblico sulla gradinata orientale esplose in un clamore di urla e di canti, abbracciandosi e lanciando insulti agli spettatori dirimpetto che, mestamente, iniziarono ad abbandonare l'ippodromo. Sulla pista restava un cadavere contorto, sotto cui si allargava una larga pozza di sangue. Valente vibr un pugno contro il bracciolo. Ho vinto! Sorrise. Sapevo che Scorpo non mi avrebbe tradito! In pista, il vincitore aveva iniziato un lento giro trionfale. Valente allung la destra, e i senatori si alzarono uno a uno per andare a deporvi il denaro perduto nelle scommesse. Poi, il carro vittorioso si ferm ai piedi del palco imperiale e l'auriga ne discese, le braccia levate, per salire i gradini che portavano al seggio di Valente.

S'inginocchi, mentre l'imperatore gli deponeva sul capo una corona d'alloro e con un gesto ben visibile gli faceva scivolare in mano un solidus d'oro. Fate ritardare la prossima corsa. Mentre Scorpo riceveva il tributo del pubblico, Valente si alz. Andiamo disse a Ertegul. II Attraversarono il colonnato che sormontava le mura verso l'Oronte e scesero, raggiungendo il peristilio silenzioso, seguiti dagli occhi inespressivi dei servi. Oltrepassarono gli appartamenti delle donne e quelli degli ufficiali e raggiunsero il tablinum di Valente. Il sole entrava dal giardino su cui si apriva lo studio, disegnando forme oblique sulle scene di caccia intarsiate nel marmo. L il rumorio lontano dell'ippodromo taceva, sostituito dal chiocciolio delle fontane e dal verso delle colombe che tubavano tra i rami dei peschi. Il cubiculario batt le mani e da una tenda rossa sgusci uno schiavo che riemp due coppe di Falerno. Allora? Valente assaggi il vino e si assest in modo da guardare il monaco con l'occhio sinistro. Da settimane Ermocrate era preoccupato per le condizioni della sua vista e a destra, ormai, l'imperatore vedeva solo confusamente. Sono gli anni, Augusto, aveva detto il medico, ricevendone in compenso un colpo di verga sui polpacci. Sai tutto. Ertegul aveva rifiutato il vino, unendo le mani davanti al volto, i polpastrelli accostati. I messi mi hanno preceduto. Da dietro le dita, studi l'imperatore: ne valut i gesti lenti, il tremito del capo e degli arti. Quasi cinquant'anni: Valente era vecchio. E malato. Il tempo nuovo era vicino. E bisognava affrettarlo. Il monaco avvert un senso d'urgenza, il fiato che gli si mozzava. Festina lente, si disse, inspirando a fondo. So che Lupicino stato sconfitto. Valente pareva controllare a stento la rabbia. Un massacro, anzi. Cos mi scrivesti. Pi della met degli uomini disse Ertegul. E quasi tutto l'equipaggiamento. Pi di met degli uomini! La voce di Valente scimmiott il tono pacato del monaco. E quasi tutto l'equipaggiamento! Un contabile! Sal, stridula, sovrastando il mormorio dell'acqua. Parli come un contabile! Il tremito delle mani s'era accentuato e dal calice caddero alcune gocce di vino che si allargarono sul pavimento come chiazze di sangue. Cos fanno i miei dispensatores. Non il mio consigliere! Ertegul non reag; continu a fissare

l'imperatore, il volto indecifrabile. Dunque ora i Goti sono bene armati mormor infine Valente, stornando lo sguardo. Bene armati. Il monaco inarc appena le sopracciglia. Fritigerno padrone della Tracia. Padrone della Tracia! Com' possibile? In assenza di Lupicino le legioni si sono chiuse negli accampamenti, in attesa dei tuoi ordini. Ertegul s'interruppe, pensoso. Ordini che non sono arrivati riprese. E ora le strade non sono pi sicure. Sono battute da torme di Goti. Aggrediscono e si ritirano subito. Hanno razziato i cavalli nelle fattorie. Valente si massaggi a lungo l'occhio destro. Lo chiuse, lo riapr. Lo chiuse di nuovo, disturbato dalla luce. E Batraz? Che fa? Tiene Marcianopoli. Un mezzo sorriso. Ha organizzato dei pattugliamenti e delle sortite. Piccoli gruppi di cavalieri. Niente di pi. Valente si morse il labbro inferiore. Solo qualche sortita mormor. L'occhio aperto era fisso, assorto. Quanti sono i Goti? Molte migliaia, Augusto. Molte migliaia. Sono stati raggiunti dai Greutungi di Saphrax. L'imperatore si era alzato e camminava febbrilmente per il giardino. Si ferm davanti al ninfeo, seguendo i guizzi dei pesci che coloravano le vasche. Non posso inviare altre truppe. Non ora. Con le dita, stringeva e rilasciava il bordo della veste. Vittore in Persia. E sul Danubio, Unni e Alani premono. Non posso sguarnire il limes. Il monaco annu. Certo, Augusto. Anche se... S'interruppe bruscamente. Il sole disegnava una linea dura sul suo volto, lasciandone parte nell'oscurit. Osservava la schiena dell'imperatore, curva, stanca. Valente si volt. Tu hai un pensiero, Ertegul. Dimmelo. Ertegul sollev impercettibilmente le spalle. Dimmelo insistette Valente. Sorrise, come un bambino soddisfatto d'aver colto in fallo il precettore. So che stai pensando qualcosa. Lo sento. Il monaco incresp le labbra. Parve riflettere a lungo. Non tutto. Che intendi dire? I mercenari rispose Ertegul. I mercenari? Ebbene? In Tracia sono numerosi. C' fermento tra di loro. Corre notizia che i Goti abbiano vinto, ormai, e che l'impero non sia in grado di reagire. Una lunga pausa. Che tu non sia in grado di reagire. Che io non sia in grado di reagire! Che l'imperatore sia impotente! Con un gesto brusco Valente spezz un ramo, scagliandolo nella vasca. Cos si dice. Il monaco si alz e raggiunse Valente davanti alla grotta artificiale del ninfeo. Ho ricevuto un messaggio stamani. Parlava a bassa

voce, dolcemente. Ad Adrianopoli, Sueridas e Colias si sono sollevati contro il magistrato. Sono mercenari goti, come i loro uomini. Sono accampati fuori dalla citt. E Fritigerno in marcia per raggiungerli. Valente si lasci cadere su una delle panche di marmo, le mani tra i radi capelli. Oscillava su se stesso, come un pendolo. Ertegul lo guardava senza espressione. Attacchiamo disse Valente. Eliminiamoli. O perderemo la Tracia. E presto i Goti saranno a Costantinopoli. Un lieve sorriso incresp le labbra di Ertegul. Che intendi fare, Augusto? Invier delle truppe. Valente sollev il capo, il volto contratto, gli occhi infossati e acquosi. Quelle che possiamo permetterci di inviare. Mander Traiano. E Profuturo. Hanno esperienza di battaglia? Sono fedeli. Di questo ho bisogno. Bene. Sia fatta la tua volont, Augusto. L'imperatore trasse un lungo respiro e torn a chinare il capo, immerso nelle sue riflessioni. Non vide il nuovo sorriso che stirava le labbra del monaco. III Dopo il colloquio, Ertegul raggiunse le sue stanze. Scacci il servo che gli si era accostato per aiutarlo a spogliarsi e si accovacci ai piedi della parete. Si svest con gesti bruschi, quasi violenti, rimanendo nudo. Si sdrai cos sul pavimento, freddo nonostante la stagione, la schiena segnata dalle tracce di antiche frustate. Sentiva il suo pene irrigidirsi e premere contro il marmo. Si sforz di dominarsi, senza successo. Si rialz, osservando con disgusto quell'asta turgida e arrossata. Frug tra i suoi abiti, estraendone il coltello, e meticolosamente incise una nuova traccia di sangue sulla pelle della coscia. Il dolore lo invase, delizioso e terribile, e il suo pene, dopo un sussulto, si afflosci. Ora era pronto, ora poteva pregare. Il Regno Millenario era vicino e presto Dio avrebbe governato il mondo. E Dio lo avrebbe ascoltato, perch prima doveva venire il tempo dell'Anticristo.

IV
Cabyle, Tracia. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, XIII giorno prima delle Calende di settembre. [20 agosto 377 d.C.]

Non smembrer le legioni. Sotto il sole rovente, il volto aquilino di Traiano era accigliato. Un precettore di fronte a un allievo recalcitrante, pens Batraz. Roma dar battaglia in campo aperto, come sempre. E vincer, come sempre. Traiano sporse in avanti il mento, piantando gli occhi in faccia a Batraz. Questi sono i miei ordini. E sono categorici, che ti piacciano o meno, magister scholae palatinae. Pronunci le ultime parole con un sorriso sardonico. Batraz sollev la mano aperta, inspirando con forza l'aria umida e soffocante. La richiuse, stringendo il pugno ed espirando. Controll il respiro, lasci ricadere la mano. Scambi uno sguardo con Farnag che, seduto al suo fianco, non aveva smesso di osservarlo, e si alz, camminando lungo i resti del muro a secco. Il consiglio era stato convocato sull'altura che dominava Cabyle, perch cos era piaciuto a Traiano. Nel campo ferveva l'attivit dei soldati, pronti a schierarsi al grido dei sottufficiali, e nell'officina i fabbri forgiavano le punte per nuove lance, le lame per altre spade. Batraz appoggi la mano su una delle pietre, calde di sole. Quelle mura diroccate, quel tetto crollato, gli aveva spiegato Leimeie erano i resti un tempio di Cibele, abbandonato da tempo. Perch quelli erano i giorni del Cristo Bianco e la Grande Madre era stata dimenticata. Ma i ruderi del tempio erano ancora un luogo sacro, in cui le cose seguivano una legge che gli uomini avevano scordato. Se cos era, pens Batraz con risentimento, doveva trattarsi di una legge che lui non sapeva comprendere. Perch Traiano rifiutava l'evidenza e avrebbe mandato i suoi uomini al macello. E gli dei, o Dio, se esistevano, erano indifferenti come quel cielo. Il generale sedeva all'ombra del muro, circondato dai suoi consiglieri. Al suo fianco, Profuturo, il ventre sporgente sotto la tunica, pareva molto pi interessato al profumo di carne arrostita che il vento portava dalla citt. Non portava armi. Pensava a mangiare. Pensava a mangiare anche in quel momento. Batraz ritorn sui suoi passi. Attaccare in campo aperto non servirebbe insistette, forzandosi a mantenere un tono pacato. Fritigerno ha diviso i suoi uomini in piccoli gruppi.

Attaccano e fuggono, come furetti. Bisogna organizzare dei rastrellamenti. Traiano rise, battendosi le mani sulle ginocchia ossute. Come furetti! Si volt verso i suoi consiglieri, che si affrettarono a sorridere. Solo Profuturo rimase serio, concentrato nel suo odoroso rapimento. Il generale si rifece serio. Sei un uomo singolare, Batraz. Un grande guerriero. Fece una pausa. Dicono. Un'altra pausa, a beneficio del suo piccolo pubblico. Un grande guerriero che teme i furetti, forse? Batraz non rispose. Aveva iniziato a sentire lungo la nuca un intorpidimento, un lieve dolore. Ebbe un sussulto e vide gli occhi preoccupati di Farnag fissarlo con intenzione. Sii cauto, diceva quello sguardo. Batraz annu impercettibilmente. So che l'imperatore ti onora del suo favore continu Traiano. Pass le dita sul pettorale della sua lorica musculata, sagomata come un torso umano, quasi a lucidarla. Un'armatura da parata, aveva mormorato Farnag giungendo al consiglio. Proprio come quella di Lupicino. Ma qui, l'imperatore non c'. E io dico che usciremo da Cabyle e daremo battaglia. E di Fritigerno non rester nemmeno il ricordo. Traiano si rivolse ai suoi. Le ultime notizie dicono che sono scesi dalle montagne dove si erano rifugiati. Si dirigono verso il delta del Danubio, a settentrione. Sar l che li attaccheremo. Si pass una mano sul mento ben rasato. L'imperatore Graziano ha inviato un contingente al comando di Ricomere, il suo comes domesticorum. Uniremo le nostre forze e schianteremo i barbari. Tu sai quel che accaduto a Lupicino disse Batraz. Parlava alla schiena di Traiano. La sua voce risuon bassa, di gola. Il dolore alla nuca era aumentato. Lo ignor. Non era il momento. Anche lui sottovalut Fritigerno. Io c'ero. Io ho visto. Certo. Traiano si volt, le labbra increspate. Certo. Tu c'eri. Sorrise. E non hai combattuto, mi si dice. Lupicino me lo aveva proibito. Batraz s'era avvicinato, fin quasi a sfiorare le ginocchia di Traiano. Il generale si alz, fronteggiandolo. O perch sei un codardo? Il dolore alla nuca era diventato una morsa. Batraz sent sul braccio le dita ferme di Farnag. Il dolore scem, lasciandolo lucido e freddo. Se io sono un codardo puoi sempre provare a dimostrarlo. Di te invece disse lentamente si dice che sei un generale da tempo di pace. Pi abile a letto che sul campo. Prima che qualcuno potesse intervenire, Traiano aveva alzato la mano e aveva colpito Batraz in pieno volto. Farnag balz in piedi, la spada estratta a met, ma Batraz lo ferm con uno sguardo. L'imperatore disse che era contento che i suoi uomini tentassero di azzannarsi come cani. Si tocc la guancia su cui era impresso il segno della mano di Traiano. Parlava con voce bassa e gelida. Ora tu mi hai azzannato. Non lo dimenticher. Vattene. Traiano era impallidito. Non ho bisogno di te. Prendi i tuoi

uomini e vattene. Batraz annu senza smettere di fissarlo. Poi, si volt, seguito da Farnag, e si incammin lungo il sentiero che scendeva dalla collina. Ripresero a parlare solo quando giunsero davanti alle porte della citt. Che faremo? domand Farnag. Fa' preparare gli uomini. Batraz sorrise. Si sfior ancora la guancia. Andiamo a caccia di furetti. V A destarlo furono il fruscio e un lieve sussulto del pagliericcio. Batraz apr gli occhi; la sua mano cerc istintivamente la spada, poi si arrest, immobile, abbandonata. Nel cubicolo in cui dormiva da solo, la luna tracciava un quadrato netto sulla parete. Nessun rumore: solo un respiro leggero; nell'aria un profumo dolce di pelle sudata. Leimeie era seduta accanto a lui, con le cosce che sfioravano il suo corpo. tiepida, pens Batraz. Tiepida. Calda e fresca allo stesso tempo. Lei sorrise, chinandosi su di lui. Nella penombra i suoi occhi erano grandi. Liquidi. ora di svegliarsi sussurr. Tra poco partiremo. Batraz sollev la mano e le pass le dita esitanti sulla guancia. Leimeie chin il capo sulla spalla, stringendo la mano di lui contro il collo e prolungando quella carezza. Perch dici partiremo? Batraz parl con voce tranquilla. Non era sorpreso: era come se quel momento, in cui lei era l, accanto a lui, fosse stato sempre presente e al tempo stesso impossibile. La ragazza lo guard, gli occhi sereni. Verr anche io con te. Non puoi venire. Batraz scosse il capo. Io vado a cercare Fritigerno. Leimeie gli pos un dito sulle labbra. Lo so. E so che forse lo ucciderai. O sar lui a ucciderti. Cos la guerra. Ma io sar con te. Non voglio. Batraz scosse ancora il capo, pi vigorosamente. Non voglio che ti accada qualcosa. Era proprio cos, pens stupito. Lei sorrise ancora. Tu dimentichi sempre che le donne sarmate combattono al fianco del loro uomo. Con un gesto lento lasci scivolare la tunica a terra, restando bianca e nuda nella penombra. E io ho pagato il mio debito con te. Si chin ancora, e i suoi capelli si aprirono intorno al volto di lui come la corolla di un fiore. Sulla parete, la luna ritagliava un quadrato netto.

MOVIMENTI
I
Un villaggio nella pianura della Scizia Minore, non lontano dal delta del Danubio. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, III giorno prima delle Calende di settembre. [30 agosto 377 d.C.]

Il contadino si terse il sudore che gli scendeva copioso dalla fronte. L'estate era torrida e non accennava a finire: erano sempre cos le estati, laggi, fin da quando ricordava; e lui non s'era mai mosso dal suo villaggio e le rammentava tutte. Sput attraverso la larga feritoia che gli anni gli avevano aperto tra i denti e si appoggi al forcone, come ormai gli capitava di fare spesso. Si stancava prima d'un tempo; ma cos era la vita. Dal campo dove raccoglieva il foraggio si vedeva la sua casa, poco pi d'una capanna ai confini del villaggio. Il maggiore dei suoi figli stava riparando l'essiccatoio per il fieno con delle corde di canapa. Il contadino valut il tetto della casa: avrebbero dovuto sistemarlo, prima delle piogge. Suo figlio alz la mano e lui rispose al saluto. La casa era deserta: le due ragazze avevano condotto le pecore e le capre al pascolo, mentre il piccolo aveva accompagnato la madre a vendere le uova. Il contadino guard verso meridione: il cielo era grigio, cupo; una cappa d'afa nascondeva le colline. C'era qualcosa nell'aria, forse un odore, che lo inquietava. Scroll le spalle e impugn nuovamente l'attrezzo, inforcando un pesante fascio di fieno e caricandolo sul carro. L'asina, che brucava quieta, sollev bruscamente la testa, tendendo i finimenti. Il contadino le pass una mano sul dorso coperto di fiaccature. Era quasi vecchia quanto lui, pens. L'asina si calm per un momento, poi scosse la testa, con un raglio lacerante. Buona sussurr il contadino. Che cos'hai? La bestia aveva dilatato le frogie e annusava qualcosa. Qualcosa di diverso dal solito. Il contadino guard di nuovo verso meridione. A poco meno di un miglio, dove la strada piegava in un gomito, la foschia era pi densa. Pareva avvicinarsi rapidamente. Nebbia. O afa. O un temporale. Il contadino lasci cadere il forcone. O polvere. Polvere. Si lasci sfuggire un grido, poi si lanci, con quelle vecchie gambe, verso la sua casa, la prima che sarebbe stata raggiunta. Corse, agitando le braccia. Suo figlio lo ud. Sollev il capo, guardando verso di lui. Il contadino ebbe il

tempo di vederlo sorridere, nella luce livida. Poi un sibilo solc l'aria e una freccia si conficc nella schiena del ragazzo. Il contadino url e continu a urlare, finch una seconda freccia interruppe la sua corsa. Marco abbass l'arco. Ammicc al guerriero che cavalcava al suo fianco. Li ho colpiti entrambi. Sorrise. Quasi duecento passi! Accarezz l'arma, composta di sezioni di legno e di osso giustapposte. un grande dono quest'arco unno. Il guerriero, un Goto dai capelli rossi e con l'orbita destra vuota e attraversata da una lunga cicatrice, annu. Un dono del reiks disse rispettosamente. Pieg il collo, per usare l'occhio superstite, sbirciando con invidia l'arco che il Romano s'era assestato sulle spalle. Nel villaggio, i contadini avevano avvistato il gruppo di Goti. Sbarravano porte e finestre, dopo aver gettato secchi d'acqua sui tetti per inumidirli e proteggerli dagli incendi. Un piccolo gruppo, armato di scuri e forconi, si stava raccogliendo lungo la strada, dove si accatastavano tronchi d'albero in una rudimentale barricata. Ormai ci hanno visti. Marco si pass le dita tra i riccioli della barba. Lasci affiorare un sorriso, come chi pregusta un buon boccone. Da quando aveva deciso di seguire Fritigerno si sentiva libero, come mai prima d'allora. Anche combattere era diverso. E non aveva pi sognato i bambini fatti uccidere lungo il fiume. Le cose cambiano, pens con gratitudine. Esamin i suoi uomini: una quarantina, tutti Tervingi esperti e bellicosi, armati di corazze e spade romane. Attacchiamo ordin. Non risparmiate nessuno. Il guercio al suo fianco si schiar la voce, turbato. Il reiks... inizi esitante, il reiks vuole che il popolo sia con noi. Se li massacriamo, tutti nei dintorni lo verranno a sapere. Marco lo valut con lo sguardo. Non risparmiate nessuno, ho detto. Sorrise ancora. Il guercio chin il capo. Bene. Ora tutto chiarito. Cinque uomini con me dispose Marco. Gli altri al villaggio. Il gruppo si divise. Mentre Marco galoppava verso la capanna, il grosso dei suoi continu in direzione delle basse case oltre i campi. II Videro il fumo da lontano. Fumo denso, grasso. Odore di carne bruciata. Batraz diede ordine di fermarsi. Due miglia pi in l il cielo fosco era striato di rosso. Un incendio disse Leimeie, trattenendo il cavallo che annusava febbrilmente l'aria. Un villaggio. Guard Batraz. Stanno bruciando insistette. Il volto, sotto le strisce azzurre, era cupo. Dobbiamo andare disse. Presto.

Sono i Goti. Noi andremo. Tu resti qui. Batraz si batt il pugno sulla coscia. Con Dodoi. La ragazza lo guard con durezza. Mi hai trovato in un villaggio in fiamme disse. E mi hai portata con te. Poi, senza aggiungere altro, affond i calcagni nei fianchi del cavallo e si avvi in una nuvola di polvere, scomparendo oltre la curva della strada. Fermati! grid Batraz. Farnag gli si accost, un mezzo sorriso tra la barba striata di grigio. Tu le hai permesso di venire con noi. E lei una guerriera. Non potevo lasciarla a Marcianopoli. Lo sai bene. E lei non ci sarebbe mai rimasta. Un altro sorriso. Non cos, magister? Batraz lo guard furibondo e spinse il cavallo al galoppo. Farnag grid un ordine e la colonna di catafratti si gett in avanti, seguendolo. Quando raggiunsero il villaggio, i Goti stavano incendiando le ultime capanne. Una quarantina, valut Batraz. Non li avevano visti arrivare, n li avevano sentiti, protetti com'erano dal fumo e dal frastuono. Della ragazza, nessuna traccia. Sguain la spada. Voi occupatevi di loro ordin. Io cerco lei. Un colpo di tallone e scomparve nella foschia. Vi fu subito immerso, senza riuscire a orientarsi. I rumori, le urla. Il sibilo delle frecce, il cozzo rovinoso delle lance: tutto sembrava lontano in quello spesso muro grigio che attraversava. Tutto irreale, come le notti trascorse con Leimeie. Come la morte, lontana e prossima. Dov'era lei? Dov'era? Guid il cavallo al passo, tra le case che ardevano come paglia, accarezzandone il collo per chetarne il timore. Il calore era quasi insostenibile: una mano rovente sulla pelle, nel fumo che gli strappava violenti colpi di tosse dalla gola, dai polmoni. E il dio non era con lui. Forse il dio l'aveva dimenticato. Si ritrov accecato dalle nubi plumbee e venate di rosso. Si arrest, immobile, in ascolto. Si udiva solo il crepitio delle fiamme. Le grida della battaglia erano distanti come i sogni notturni. Forse quella era la morte. Il pensiero lo sorprese come un veleno lento. Forse la morte era cos: non il buio, l'assenza, ma un vagare confuso nella nebbia, in un calore insopportabile che non poteva fargli pi nulla. Nulla, perch era gi morto. Gli parve d'essersi perduto e per un momento non sent pi niente. Non lo scricchiolio dei tronchi che ardevano e crollavano. Non i lamenti degli uomini feriti. Non c'era niente, l. Non Dio, chiunque fosse. Non i suoi amici, i suoi fratelli, che stavano combattendo. Non la sua donna. C'era solo il silenzio. E il vuoto. Poi, ud un grido femminile e il grugnito di un uomo. Si riscosse: le fiamme divampavano attorno a lui e guerrieri morivano a pochi passi. Toss, nell'aria

irrespirabile. Spinse il cavallo in avanti. Il vento s'era alzato, ravvivando i fuochi e dissolvendo il fumo. In uno squarcio di luce limpida, poco lontano da lui, vide uno spiazzo libero dal fuoco. Davanti a una capanna, il cadavere di un ragazzo, una freccia tra le spalle. Accanto a lui, due corpi avvinghiati, immobili. Un mantello nero, dei capelli biondi. Smont, corse. Vol. Leimeie sedeva a cavalcioni di un uomo coperto di sangue, puntandogli il coltello alla gola. Sent arrivare Batraz, sollev il capo, lo guard con occhi vuoti. Con un violento strattone Batraz la alz, issandola contro il cielo color cenere. Lei lo fiss senza parlare, mentre lentamente i suoi occhi riprendevano luce. Poi, lui la rimise a terra, frugandole il corpo con le mani, in cerca di ferite che non trov. Sei viva disse. Sono viva rispose lei. Un gemito li riscosse. L'uomo a terra s'era sollevato sul busto, tenendosi con la destra la spalla ferita. Il braccio gli pendeva inanimato, spezzato. Batraz si avvicin, colpendolo con un violento manrovescio che lo fece ricadere all'indietro. il loro capo disse Leimeie. Batraz si chin sull'uomo. Statura media, asciutto. Bruno, con una folta barba che gli copriva il viso. Oltre al braccio spezzato, il coltello di Leimeie gli aveva inciso una profonda ferita in una gamba. Non pareva un barbaro. Tu non sei un Goto. Batraz aveva parlato in latino. L'uomo sollev il capo, sputando verso di lui. Lo schizzo gli ricadde sul torace e l'uomo si pieg in avanti, con un singulto. Marco. Mi chiamo Marco. Claudia Pia et Fidelis. L'uomo rise, con la voce rotta dal dolore, il volto esangue. Un tempo. Un tempo. E tu sei il Sarmata. Ti ho riconosciuto. Che onore essere ammazzato dal magister di una delle scholae dell'imperatore. Sput di nuovo: saliva densa mista a sangue. Ucciderti non m'interessa. Dimmi dov' Fritigerno. Parla! Batraz afferr il braccio ferito e lo scosse con forza. Parla! Marco si morse le labbra trattenendo un gemito. Altro sangue gli scorse sul mento. Fritigerno. Rise, come inebriato dalla vicinanza della morte. Tu e la tua puttana non lo prenderete mai. Vi taglier la gola. A voi. A tutti. Dov'? rugg Batraz, assestandogli un altro schiaffo con il dorso della mano. Cercalo presso i salici. Troverai i tuoi amici. I Romani. Uccisi. Marco rise ancora, con sforzo.

Uccisi come si meritano. Tutti. Un colpo di tosse, poi il Romano arrovesci gli occhi con un sussulto e giacque immobile. Morto mormor Leimeie. Batraz scosse il capo. Ha perso i sensi. Ha due brutte ferite. Ma non mortali. Le fiamme attorno a loro avevano ripreso vigore. Dobbiamo andare mormor. Presso i salici. Che intendeva dire? Ad Salices. C' un luogo. Un oppidum presso la foce del fiume. A meno di due giorni da qua. Yaguz conosce la strada. Un galoppo leggero si dirigeva verso di loro. Un richiamo, e dalla coltre di fumo emerse Farnag, la lama grondante sangue, il volto contratto in una smorfia di disgusto doloroso. Eccovi disse. Abbiamo finito. Non ci aspettavano. stato come macellare animali. Alle sue spalle altre ombre entravano e uscivano dalla foschia. Dodoi, Baxagos... Farnag gett a terra lo scudo, schiantato da un colpo di lancia. Si ferm presso il Romano svenuto. Lo conosco. Era con Fritigerno. un disertore. Farnag annu, asciugandosi gli occhi arrossati e lacrimanti per il fumo. Nessuna perdita per noi. Gli abitanti del villaggio... Leimeie lo fiss in silenzio. Morti disse Farnag. Hanno ucciso tutti. Anche i vecchi. E i bambini. Si sollev in sella, sorreggendosi con le ginocchia contro i fianchi del cavallo. Distolse lo sguardo da Leimeie. Non c'erano molte donne. Erano nei campi. O al pascolo. Stanno ritornando ora. Batraz annu lentamente. Romani, Goti. Indic Marco. Portiamo tutti la morte. Questo il nuovo tempo mormor Leimeie. Non c' legge. Non c' giustizia. Le fiamme ardevano sempre pi alte, insidiando lo spiazzo in cui si trovavano. Yaguz si fece largo tra il fumo. Affrettiamoci disse. Gli uomini ci aspettano lungo la strada. Ad Salices. Batraz mont a cavallo. Portaci l, Yaguz.

III
Pianura della Scizia Minore, nei pressi del delta del Danubio. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, il giorno prima delle Calende di settembre. [31 agosto 377 d.C.]

L'afa aveva ceduto ed era una giornata serena e fresca. Anche quell'estate sarebbe finita. Quel mattino, cavalcando verso settentrione, gli uomini avevano taciuto, sconcertati dal numero di carogne di animali disseminate ai bordi della strada. Il fetore di decomposizione soverchiava il profumo dell'erba riscaldata dal sole e il ronzio degli insetti era assordante. Verso mezzogiorno, Dodoi era smontato per esaminare la carcassa coperta di mosche di un cervo maschio. Aveva sfiorato le grandi corna rivestite di fine peluria, gli occhi sbarrati e opachi. Non ci sono segni di ferite, aveva detto. C'era stato un lungo silenzio. il tempo della morte, aveva sussurrato infine Leimeie, facendo un gesto di scongiuro e sputando a terra. Batraz aveva ricordato il vitello a due teste di Antiochia e aveva scambiato uno sguardo cupo con Farnag. Erano andati avanti. S'imbatterono nelle milizie di Traiano nel pomeriggio del giorno successivo. Erano comparse dal crinale di una collina e discendevano lentamente il versante lungo la strada di terra battuta: una massa scura e confusa, da cui il sole non traeva alcun riflesso. Non tengono la formazione. Yaguz, in testa al drappello, fu il primo ad arrestarsi, l'espressione disorientata. I soldati all'orizzonte avanzavano senz'ordine, alcuni lentamente, altri quasi a passo di corsa, distaccando quelli rimasti indietro, che si separavano dalla colonna principale, formando piccoli, caotici gruppi. I cavalli. Baxagos port una mano alla fronte, per proteggersi dal sole. Dove sono i cavalli? vero. Batraz teneva le mani appoggiate sull'arcione, le redini molli. Hanno perduto quasi tutti i cavalli. Senza bisogno di ordini, i catafratti si schierarono al lato della strada, in attesa. La colonna procedeva scoordinata, sfrangiandosi sui fianchi. Alcuni barcollavano, sostenuti dai commilitoni, altri arrancavano appoggiandosi a rami tagliati in forma di forcella. Le insegne mormor Dodoi. Guardate. I vessilliferi s'erano radunati in testa alle truppe. Alcune delle insegne erano spezzate. Nessuno tra i Sarmati parl. La colonna inizi a sfilare davanti a loro. Corazze infangate, danneggiate, coperte di sangue; volti segnati, occhi vacui. I feriti non in grado di camminare erano stati sistemati sui carri, e la cavalleria pesante, quasi del tutto appiedata, li scortava, gravata dalle armature. Pass un vexillifer

solitario, l'elmo coronato da una testa di lupo cui erano state strappate le orecchie, l'insegna oscillante sulla spalla. Ecco Traiano mormor Farnag. Il generale cavalcava circondato da un gruppo superstite di arcieri, una vistosa fasciatura sulla coscia destra. Di Profuturo, nessuna traccia. Quando Traiano incroci lo sguardo di Batraz, gir il capo, voltandosi dall'altra parte e proseguendo, senza una parola. La colonna sfil a lungo, nel rumore soffocato dei passi e nel clangore delle armi. Nessuno dei legionari parlava: guardavano davanti a loro, avanzando lentamente, un passo dopo l'altro. Baxagos chiam un fromboliere, che marciava strascicando i piedi. Che successo? domand. L'uomo lo guard senza rispondere, poi, con un ampio gesto del braccio, indic la colonna. Dov' il generale Profuturo, soldato? Batraz s'era chinato sulla sella. Il legionario parve riconoscerlo. Morto disse. Dove state andando? A Marcianopoli. A casa. Ci vollero ore prima che tutti fossero passati. Quando la colonna fu solo una nuvola di polvere verso meridione, Farnag si rivolse a Batraz. Che facciamo, adesso? Batraz scrut il cielo. Avremo ancora luce. Volt il cavallo, fronteggiando i suoi uomini. Li guard uno a uno. Baxagos, dal volto impenetrabile, Dodoi, con una ruga verticale che gli increspava la fronte, Dadakos, la lunga coda di cavallo incrostata di terra, Yaguz, l'unico che non sembrava sorpreso di ci che aveva visto. Tutti gli altri, chiusi nelle loro cotte di maglia e nei loro volti cupi, le lance lucide appoggiate sulle selle. Per ultima, guard Leimeie. La ragazza indossava una corazza troppo grande per lei e i capelli, riuniti in una treccia bionda e spessa, uscivano dall'elmo ogivale, ricadendole sulla schiena. Temo che Roma sia stata sconfitta disse Batraz. Anche questa volta in campo aperto. Come a Marcianopoli. Trattenne il cavallo che pestava nervosamente il terreno con gli anteriori. I Goti sono troppo numerosi, e sono stati raggiunti dai Greutungi e dai disertori. L'unica cosa che possiamo fare combatterli come loro hanno fatto. Colpire e fuggire. Nessuno dei suoi uomini parl. Ascoltavano. Non conosciamo le loro intenzioni. Forse Fritigerno vuole passare nuovamente il Danubio e rifugiarsi in Dacia. Batraz trasse un lungo respiro. Ma dopo oggi... Guard verso meridione, dov'era scomparsa la colonna romana. Ma dopo oggi ha capito che pu batterci. Incresp le labbra. Ha altri cavalli. Altre armi. Pu calare su Marcianopoli. E su Adrianopoli. Pu arrivare fino a Costantinopoli. Diede una pacca sul collo del cavallo.

L'aria stava rinfrescando ancora. Dobbiamo scoprire le sue intenzioni. Seguirlo. Spiarlo. Torn a guardare i volti dei catafratti. Non abbiamo nessuna missione ufficiale. Traiano ci ha vietato di seguirlo e potrebbe denunciarci come disertori davanti a Valente. Qualcuno annu. Altri scrollarono le spalle. Baxagos fece un mezzo, inquietante sorriso. Io intendo andare avanti riprese Batraz. Ma non posso ordinarvi di farlo. Qui non sono pi il vostro capo. E voi non siete i miei soldati. Inspir, annuendo a se stesso. Siete i miei compagni. Pass le dita sull'amuleto che portava al collo. E come compagni e uomini liberi, siete voi a dover scegliere. Senza una parola, Farnag fece fare pochi passi al suo baio e gli si affianc. Non si guardarono nemmeno, ma Batraz sentiva il respiro calmo dell'amico accanto a s. Il silenzio dur qualche istante. Poi fu Dodoi a parlare. Proseguiamo disse. IV
Ad Salices, nei pressi del delta del Danubio. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, Calende di settembre. [1 settembre 377 d.C.]

Raggiunsero il campo di battaglia poco prima del tramonto, oltre le colline discese da quello che era stato l'orgoglioso esercito di Traiano. Una landa costellata di marcite, da cui si scorgeva in lontananza la foce del Danubio, sfavillante come una distesa di scaglie di mica. Boschetti di salici punteggiavano la pianura, percorsa da rivoli d'acqua torpida e melmosa. Verso occidente, da un agglomerato di capanne distrutto dalle fiamme, proveniva ancora un lieve calore che il vento portava fino ai cavalieri. Nell'aria, l'odore greve della torba. I primi cadaveri erano tutti romani. Colpiti alle spalle, sorpresi dalle lance o dalle frecce dei Goti durante una fuga mai conclusa, spogliati delle armi e delle corazze. Pi avanti, i corpi dei legionari e dei barbari coprivano la terra, semi affondati nelle zone pi umide. Mani tese ancora in cerca di una spada, bocche spalancate, ventri con il largo squarcio delle spade. Coppie di guerrieri abbracciati come in una danza rituale. A oriente, un cumulo di morti indicava il punto in cui doveva essersi svolto lo scontro pi cruento, prima della ritirata romana. Batraz diede l'ordine di preparare un bivacco sopravvento e, accompagnato da Farnag e Yaguz, s'inoltr in quel campo di morte. Il fetore del sangue era cos intenso da ottundere l'olfatto. Stormi di corvi si accanivano sui

cadaveri, mentre i primi lupi solitari, avanguardia di qualche branco, erano apparsi pi lontano e vagavano in tondo, avvicinandosi ai cadaveri isolati. Ne strappavano larghi brandelli e s'allontanavano con la loro corsa leggera, rifugiandosi dove i salici si facevano pi fitti. Una strage. Farnag s'era portato un lembo del mantello al volto per coprirsi le narici. Non solo di Romani. Con il piede Yaguz rivolt il corpo di un Goto. Greutungi disse, studiandone l'abbigliamento. Indic, pi avanti, il cadavere di un guerriero di bassa statura, dalla pelle olivastra. E Unni. E Alani. Tutti riuniti, al comando di Fritigerno. Batraz s'inginocchi accanto al corpo di un barbaro. Un ragazzo, non pi di quindici anni. Qualcuno, durante la lotta, gli aveva strappato l'amuleto che portava al collo e che ora giaceva accanto a lui. Batraz lo pos sul torace del cadavere. Se un'anima esisteva, ne avrebbe avuto bisogno, pens. Non un esercito disse senza voltarsi. Un popolo. Molti popoli riuniti. Farnag continuava a proteggersi il naso con il mantello. Tervingi, Greutungi, Alani, Unni. E ancora gli Alamanni sul confine occidentale. Se non li fermeremo, questa la fine. Ci odiano. Ci odiano perch hanno fame. Batraz aveva parlato rimanendo in ginocchio. Osservava il volto del ragazzo morto: prese l'amuleto e lo spinse a forza tra le dita serrate. E noi abbiamo cibo. E terra. Farnag lo studi annuendo impercettibilmente. C' una cosa che mi domando da tempo. Da quando i Tervingi hanno attraversato il Danubio. Batraz gir appena il capo. Che cosa? Tu da che parte stai? Farnag ebbe una piccola risata imbarazzata. Lo so che combatti per l'imperatore e che continuerai a farlo. Ma il tuo cuore dove sta? Batraz abbass gli occhi. Riflett a lungo. Non lo so, amico mio. Non lo so. Farnag lasci ricadere il mantello. Era giusto sentire l'odore del sangue, vedere la morte che li circondava. Nemmeno io so da che parte sta il mio cuore. Si strinse nelle spalle. Forse, stiamo solo diventando vecchi. Yaguz li interruppe con un richiamo. Aveva valutato a passi le dimensioni della pianura, osservando la distribuzione dei cadaveri. Pi di mille morti. Duemila, forse. Torniamo indietro. Batraz si pass una mano sul volto. Si avviarono. Non stata una sconfitta. Le perdite sono alla pari, direi. Dove pensi siano i Goti? domand Yaguz. Dietro quelle colline, credo. Per un po' rimarranno qui vicino. Per curare i feriti. Verranno anche a recuperare i corpi per bruciarli o seppellirli. Sposteremo il campo pi lontano. Dobbiamo trovare un luogo sicuro. Farnag annu, le sopracciglia aggrottate. Ma se le perdite sono le stesse...

inizi. Scosse il capo, incredulo. Perch Traiano si sta ritirando? Batraz sorrise. L'orizzonte si stava scurendo, mentre il sole calava a occidente. Paura disse. Ha avuto paura.

LA MORTE HA IL VOLTO DI SILENO


I
Antiochia, palazzo imperiale. Anno MCXXX dalla fondazione di Roma, Idi di settembre. [13 settembre 377 d.C.]

Quando Nahur, il cubiculario, oltrepass le porte dei bagni imperiali, fu subito avvolto da un velo di sudore. Il brusco passaggio dalla brezza che spirava lungo il peristilio al vapore del caldarium lo fece ansimare. Dagli affreschi sulle pareti, rosso pompeiano, giallo e nero, lo fissavano maschere teatrali alternate a cestini di frutta. Il caldarium era affollato dagli uomini del seguito di Valente, che si cuocevano placidi nell'acqua bollente delle vasche, schizzandosi per gioco con alti zampilli. Due vecchi senatori, i visi vacui, correvano lungo il bordo della vasca pi grande, tenendosi per mano e cantando un motivo in voga a teatro nelle ultime settimane. Nel guardarli, Nahur contenne a stento il disprezzo e lo stupore. Appartato in una vasca individuale, aveva riconosciuto il generale Saturnino, l'amico di Gregorio di Nazianzo. Come poteva mescolarsi, lui, un vero cristiano, con quei cialtroni? Ma non poteva fermarsi a riflettere. Presto: doveva fare presto. Accenn un rigido inchino che nessuno not e pass nei sudataria, dove il calore era ancora pi intenso e le pareti confuse dal vapore. Valente giaceva prono su un lettino, le gambe coperte da un telo di lana fine, gli occhi chiusi, mentre uno schiavo gli massaggiava delicatamente le spalle con olio aromatico. Nell'aria opprimente e profumata, Nahur si schiar la voce e Valente socchiuse un occhio, quello buono, guardandolo con aria interrogativa. A un suo cenno lo schiavo si allontan e il cubiculario si chin su di lui, mormorando. Quando Nahur ebbe finito di parlare, Valente rimase a lungo immobile, gli occhi nuovamente chiusi, il corpo abbandonato. Poi si alz pesantemente, per farsi asciugare. Nahur fiss il corpo dell'imperatore: il ventre prominente, la pelle delle braccia molle sopra i muscoli, le gambe secche e coperte di una fine peluria scura, il sesso ritratto come un piccolo cilindro vizzo. Sul volto rugoso di Valente, abitualmente corrucciato, aleggiava un'espressione rabbiosa e sgomenta. Avvolto nell'asciugamano, l'imperatore entr nel caldarium. Mentre nella sala scendeva il silenzio, si avvicin a Saturnino. Va' nel mio studio disse con voce atona. E aspettami l. Si volt verso

Nahur. Fa' uscire tutti e portami il monaco. Tacque, poi, come per un'idea improvvisa: Trovami un coltello aggiunse bruscamente. Mentre Nahur si affrettava a obbedirgli, e il caldarium si svuotava, l'imperatore fece scivolare a terra il telo e s'immerse nella vasca. Rimase solo, nell'acqua bollente, nella sala deserta, dove il vapore confondeva la vista. II Presso il ninfeo, dove il viale fiancheggiato da colonne che seguiva le antiche mura intersecava quello diretto, oltre l'Oronte, al palazzo imperiale, si era formato un capannello di persone. Servi, sfaccendati, donne di ritorno dal mercato. Due guardie palatine cercavano di allontanare la folla che si assiepava, nascondendo quasi completamente la grande esedra. Una matrona seguita da due servi, il capo appesantito da un'elaborata acconciatura, si accost, mentre l'assembramento iniziava a disperdersi, tra mormorii e invocazioni appena sussurrate. un segno. Una popolana si segn rapidamente sul petto. Che Dio ci salvi bisbigli un ragazzo. La fine vicina, la fine vicina. Un vecchio prete s'era fermato al centro della strada, salmodiando lentamente. La fine vicina. Pentiamoci. L'Anticristo sopra di noi. Pentiamoci. La matrona riconobbe un'amica che si allontanava. Fece un cenno per chiamarla, poi vide le lacrime che scorrevano sul suo viso e abbass la mano. I volti delle persone che sfilavano di fronte a lei erano cupi, angosciati. Si avvicin al ninfeo, nonostante i mormorii dei servi. Le guardie palatine, che avevano preso posto di fronte alla vasca, si scambiarono uno sguardo incerto, poi, riconoscendo la moglie di uno dei loro superiori, la fecero passare. La donna percorse i pochi passi che la separavano dalla vasca. Si arrest, immobile. In superficie galleggiavano decine di pesci morti, rovesciati sul dorso, i ventri bianchi esposti all'aria. L'acqua era rossa e densa, colore del sangue. III Ertegul entr nel caldarium deserto. Una fioca luce penetrava dalle feritoie praticate nelle mura, spesse per trattenere il calore. Indugi sulla soglia, cercando di abituare lo sguardo alla penombra e al vapore bianco e denso. Dalla parete accanto a lui, la maschera teatrale di Sileno, affacciandosi da

una tenda cremisi, lo guardava con i suoi occhi vuoti e sbarrati. Sileno, maestro di Dioniso, saggio e folle come Socrate. Come la morte, dicevano gli iniziati ai riti misterici. Come lui stesso. Fece un passo e fu avvolto dal vapore. Al fondo della sala, dove la fiamma di una lucerna danzava sul muro, una forma si mosse con un lento sciacquio. Vieni, Ertegul. La voce di Valente risuon opaca. Vieni da me. Il monaco avanz nell'oscurit, verso la lucerna, fino alla vasca. Valente era immerso, la schiena appoggiata contro la parete, le braccia sul bordo, le mani invisibili sotto il pelo dell'acqua. La piccola fiamma proiettava sul muro al suo fianco un'ombra grottesca. Entra con me. Il volto dell'imperatore era inerte. Senza una parola, il monaco si sfil la tonaca. Il suo corpo nudo, asciutto e segnato di cicatrici, era appena visibile. Lentamente scese i gradini, sentendo il calore scottargli la pelle. Sedette nell'acqua, mentre il sudore gli imperlava la fronte. Perch mi hai mandato a chiamare, Augusto? Ho avuto delle notizie. Valente muoveva le mani sott'acqua, causando lievi gorgoglii. Notizie da dove? Da qui. E dalla Mesia. Ertegul attese. I segni si moltiplicano. Valente riprese, il tono amaro per il silenzio del monaco. Come tu avevi predetto. Centinaia di animali morti. Lungo la strada per Costantinopoli. E qui, in citt, la vasca del ninfeo, presso il foro, colma di sangue. Mi dici cose che conosco, Augusto. Valente sorrise, sogguardando Ertegul. Sono altre le notizie che vuoi. Quelle dalla Mesia. Ora Valente parlava con il ritmo di una cantilena. Nemmeno Ertegul le sa, questa volta. E deve domandarle a me. Proprio a me. Il fratello del grande Valentiniano. A me, Valente il piccolo, il povero servo di Dio. Mosse pi velocemente le mani, sollevando una piccola onda. Sotto l'acqua, nel riflesso della lucerna, un bagliore apparve e svan. Il volto di Ertegul trad un fremito di disgusto. Poi, per un momento, nei suoi occhi scivol un'ombra simile alla compassione. Ma fu un istante. Gi i suoi tratti avevano ritrovato la loro impassibilit. Sono qui, Augusto. Dammi le notizie. Valente fiss il monaco con rabbia. Traiano ha attaccato i Goti presso Ad Salices, alla foce del Danubio. Abbiamo avuto molte perdite. Anche Profuturo morto. E Traiano si ritirato a Marcianopoli. E Fritigerno? Sta di nuovo calando verso meridione. Verso Costantinopoli. Ertegul annu.

Che cosa ordini? Saturnino mi attende nel tablinum. un buon generale. Penso di inviare lui, con altre truppe. Valente studi in silenzio il monaco. Ma potrei agire diversamente. Sorrise, con la stessa espressione infantile che gi Ertegul gli aveva visto altre volte. Guarda disse. Sollev la destra e un coltello gli balen tra le mani. Posso farla finita e morire come i grandi. Si pass delicatamente la lama sul polso sinistro. Guarda! grid. Io ho il coraggio di farlo! Ertegul non disse nulla. Non fece nulla. Attese. Valente premette la lama con pi forza, le dita tremanti, segnandosi sul polso una sottile traccia di sangue. Sollev gli occhi sul volto immobile del monaco. Posso farlo! grid. Io posso farlo! Tent di premere ancora, poi scoppi in lacrime. Ertegul si alz. Torreggi nudo su di lui. Gli strapp il coltello dalla mano. Ecco come devi fare. Con un gesto lento si apr una ferita sul braccio. Il sangue col, nero nella penombra, dilatandosi in chiazze dense nell'acqua. Ertegul tese il coltello a Valente. L'imperatore lo guard tremando, poi con la mano si copr gli occhi. Va' via disse. Vattene! Ertegul lasci cadere il coltello e con calma usc dalla vasca. Si asciug e torn a infilare le sue vesti. Saturnino ti aspetta disse, avviandosi verso la porta. Dalla parete la maschera di Sileno lo fissava. La morte, pens Ertegul, doveva avere quel volto.

Terzo interludio LA CERCA L, quando il re muore, scavano una grande fossa quadrata, e tutti innalzano un grande tumulo, gareggiando per costruirlo il pi grande possibile. Erodoto I
In qualche punto della Scizia. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, III giorno prima delle Calende di gennaio. [30 dicembre 378 d.C.]

La grande pianura silenziosa sotto la neve, e l'uomo dai capelli bianchi sa bene che si smarrito. Tutt'intorno, un deserto candido e piatto, abitato da aceri e frassini spogli, neri come corvi. Talvolta il mantello grigio argenteo di una volpe scivola tra le rocce, scomparendo dietro un tronco o confondendosi tra i cespugli nudi. L'uomo conduce lentamente il cavallo nella neve fresca, attento a evitare buche e avvallamenti. in cerca di un rifugio dove trascorrere la notte. I pochi villaggi che ha incontrato in questi giorni erano stati devastati e bruciati. Niente cibo. Nessun sopravvissuto. Fino a un certo punto a guidarlo sono stati i cadaveri disseminati lungo i sentieri. Bocche rigide e spalancate; braccia levate in alto come segnali. Poi le nevicate si sono fatte pi frequenti e i corpi sono stati inghiottiti da cumuli densi e gelati. Cos ora non sa se sta andando verso oriente: da troppo tempo il cielo nascosto dalle nubi, e lui s' orientato con le tracce di muschio sui tronchi o con i voli delle rare oche selvatiche. In lontananza di fronte a s vede una serie di basse colline, calve come crani calcinati. l che si sta dirigendo. Le raggiunge a sera, durante una tormenta di fiocchi gelidi e pungenti. Ma gi prima di arrivarvi le ha riconosciute. Non colline, ma tombe. Kurgan. Tumuli mortuari, pi antichi di quanto la memoria dell'uomo possa ricordare. Tumuli che lui ha gi visto, da bambino, con suo padre. E suo padre gli ha insegnato a evitarli. Sono luoghi sacri, diceva. Sacri e abitati. L'uomo vorrebbe proseguire, ma sa di non essere in grado di farlo. Il cavallo

esausto, ha bisogno di un riparo e di una lunga notte di riposo. E anche lui. Porta le dita agli amuleti che tiene appesi al collo: il sacchetto di pelle che contiene erbe e ossa di piccoli animali; la ciocca di capelli biondi, che ogni tanto gli sfiora la pelle come una carezza. Quel luogo sacro. E maledetto. E lui maledice la stanchezza che non gli permette di procedere oltre. I kurgan sono cinque: quattro tumuli alti poco pi di tre pertiche sono disposti a formare un quadrato, al centro del quale se ne erge un quinto, grande come una piccola collina, che incombe sugli altri. L'uomo non pu verificarlo, ma sa che quello un quadrato perfetto, al cui centro preciso si erge il tumulo maggiore. I kurgan non sembrano offrire alcun riparo, cos l'uomo scava con le mani nella neve accumulata tra le rocce. Le mani gli si ghiacciano, ma continua a scavare, finch riesce a liberare uno spazio sufficiente per il cavallo e per lui. Quando finalmente raggiunge la terra sotto la neve, dura e gelata, e lui la ricopre con uno strato di rami che strappa dai cespugli. Stende infine il suo mantello per formare una tettoia. Lui stanotte potr patire il freddo, ma il suo cavallo no. Quando ha finito, prepara un focolare con le pietre piatte che ha raccolto e accende il fuoco, poi siede tra le zampe dell'animale, scaldandosi al suo fiato. Fruga nella bisaccia, estraendone un pugno di carrube. Nel masticare, il cavallo gli lambisce la mano con la lingua spessa. L'uomo mangia a sua volta: un po' di pane e dei ceci secchi, che succhia a lungo per ammorbidirli. Sente il sonno salirgli lungo le gambe stanche, raggiungergli il ventre, il cuore. La testa gli penzola in avanti, poi il suo respiro si fa lento e profondo. Nel sogno rivede, dopo molti giorni, il suo mastino. ritto sul pendio del kurgan pi grande, ma primavera, e il tumulo assolato, coperto di erba e di piccoli fiori bianchi. L'uomo sta pi in basso, e il mastino lo fissa con i suoi grandi occhi cupi. Lui avanza di qualche passo e il mastino si avvia, si volta, come per controllare d'essere seguito, scompare oltre la curva del kurgan. L'uomo lo segue, lungo il sentiero che circonda il tumulo, fino a raggiungere una grande porta aperta sul buio dell'interno. Si arresta al di qua della soglia, un alto triangolo acuto, nero nel sole. Non vuole entrare; ha paura. Il mastino scomparso, ma ne sente l'ululato provenire dal buio. E poi si sveglia. L'ululato risuona nella notte. Il cielo sgombro, per la prima volta da molti giorni, e una grande luna illumina la pianura. Il fuoco s' spento e fa freddo. Un altro ululato. Poi, dopo un breve intervallo, un terzo, che risuona come amplificato da una grande cavit. L'uomo sa che un richiamo. Si alza, il corpo dolente fin nelle ossa, i muscoli rigidi, che si rifiutano di obbedire. Vacilla, appoggiandosi al fianco del cavallo che sbuffa nel sonno. Fruga nella bisaccia e ne estrae una torcia impeciata. Batte la selce sul dorso

del pugnale. Il coltello da caccia sarebbe stato meglio, ma l'uomo contento di averlo donato al ragazzo. Quando la fiaccola prende fuoco, la neve intorno risplende di giallo. L'uomo s'incammina verso il kurgan. Nel percorrerne lentamente il perimetro, la fiamma illumina la grande cupola coperta di neve, dove spuntano, neri e secchi, i rovi. Le ombre s'aggrovigliano al passaggio della luce; tornano a scivolare nell'oscurit. Il mastino non ha pi ululato, ma l'uomo sa che lo sta attendendo. Quando trova la porta, non ne sorpreso: un triangolo buio, alto pi di due pertiche, il cui vertice si perde nell'ombra. Tutto come ha veduto nel sogno. L'uomo esita, stringendo ancora una volta i suoi amuleti, poi inspira profondamente, senza permettersi di pensare, sguscia nell'interno. Il corridoio alto e largo a sufficienza da permettere a un uomo a cavallo di passare senza sfiorarne le pareti. inclinato verso il basso, tanto che l'uomo rischia di scivolare. La torcia ritaglia la sua ombra, sghemba sulle pareti di pietra. L'uomo cammina, accompagnato dal suo respiro e dai crepitii della fiamma che risuonano nello spazio vuoto. Poi il cunicolo termina con un muro in cui si apre un'altra porta, rettangolare e bassa, chiusa da un battente di legno scuro. Un suono, un raspare da oltre il legno. Il mastino l, e l'uomo spinge il battente che si apre senza rumore. L'uomo china il capo ed entra. Gli ci vuole qualche istante per riuscire a vedere. in una camera rettangolare, alta, dalle pareti di legno e dal tetto a capanna. Una casa, all'interno della collina. Le pareti sono coperte di scudi e di armi. A terra giacciono finimenti per i cavalli, decorati da piccole sculture prodigiosamente particolareggiate. la tomba di un re, questo evidente. Sulla parete di fondo, un'ombra pi scura, densa e nera anche nei riverberi della fiaccola. L'uomo s'avvicina: su una lastra di pietra, di fronte a lui, giacciono due corpi avvolti in vesti di seta consumate ma dai colori che ancora risplendono alla luce. Si avvicina, sfiora con le dita i tessuti. Sono i corpi di un uomo e di una donna. Le vesti, sebbene consunte, conservano il loro colore rosso, e l'uomo, il cui volto coperto da una maschera metallica, porta sul torace un pettorale d'oro. Al fianco, in un fodero consumato dal tempo, una spada, dall'elsa ricoperta di cuoio che termina in un pomolo, d'oro anch'esso. L'uomo dai capelli bianchi appoggia una mano sul petto del cadavere e sente sotto le dita qualcosa cedere, sfarinarsi. adesso che la paura lo sopraff. La fiamma della torcia, finora immobile nell'aria ferma, oscilla, come a una brezza penetrata nella tomba. L'uomo si volta, il cuore che batte pesante nel petto, le gambe molli come se fossero piene d'acqua. Vorrebbe fuggire, e fa un passo incerto verso la porta, poi si ferma bruscamente. Il mastino di fronte a lui, le zampe anteriori divaricate, la testa massiccia

puntata in avanti, i muscoli come corde. Ha le fauci semiaperte che scoprono i denti e dalla gola gli sale un ringhio basso e scuro. L'uomo avanza, e il mastino inarca il dorso, il pelo irto, serrando di scatto le mascelle con un suono metallico. L'uomo s'immobilizza, retrocede cautamente, finch non sente contro i polpacci la lastra di pietra su cui giacciono i cadaveri. Poi, il mastino balza in avanti e l'uomo istintivamente si getta all'indietro, urtando con la nuca contro la lastra di pietra. E tutto si fa buio. II Riapre gli occhi senza rendersi conto di quanto tempo sia trascorso. La fiaccola, cadendo, s' spenta, eppure nell'aria c' una vaga luminescenza rossastra che permette di intravedere i contorni delle pareti. L'uomo rimane a terra, cercando di riprendersi, la nuca dolente, la nausea che gli contrae la bocca. Sa con certezza che il mastino scomparso. Ma con la stessa certezza sente di non essere solo. Senza sorpresa nota che il chiarore sta aumentando e ora sembra provenire da dietro le sue spalle. Dopo una lunga esitazione si alza e si volta. Sulla lastra di pietra giace solo il corpo della donna, mentre, in piedi davanti alla parete di fondo, sta l'uomo, il re, avvolto di abiti rossi e ricamati d'oro. Porta un alto cappello a cono, che prima non gli aveva visto, e il volto sempre coperto dalla maschera di metallo. Il chiarore sembra provenire da l, dalla maschera che lo guarda con occhi ciechi. Con un gesto, il re indica l'oscurit davanti a lui. L'uomo torna a voltarsi fissando nel buio e lentamente vi vede prendere forma delle ombre alte e imponenti. Le ombre si muovono ed entrano nella luminosit che proviene dalla figura avvolta di rosso e d'oro. Sono due guerrieri giganteschi, che sembrano fatti di pietra nera. Si sono staccati dal muro ai lati della porta, come due statue che avessero preso vita. Non hanno volto, sotto l'elmo di bronzo: solo un vuoto nero, pi nero dell'oscurit circostante. Snudano entrambi la spada e fanno un passo in avanti. In silenzio. Poi, quello di destra solleva la spada e la cala con un pesante fendente. L'uomo dai capelli bianchi fa in tempo a scivolare di lato e sente il clangore del metallo che rimbalza contro la lastra di pietra, facendone sprizzare scintille azzurrine. Cade, si rialza e subito si piega sui ginocchi, costrettovi da un colpo di taglio da parte dell'altro gigante.

I due guerrieri avanzano, lenti e agili, e l'uomo indietreggia fino quasi a sfiorare l'alta figura vestita di rosso. Cerca con la mano la spada, subito ricordandosi d'averla lasciata al bivacco. Non ha tempo di rammaricarsene: schiva un altro fendente, ma capisce di non avere scampo. Lo spazio troppo limitato e lui inerme. Ancora un passo indietro, e sente un tocco lieve sulla spalla: si volta di scatto e vede che la figura in rosso sfila a sua volta la spada dal fodero. La spada brilla nel chiarore come acciaio, mentre il re la tiene per la lama, tendendola all'uomo, l'elsa in avanti. Senza pensare, l'uomo la impugna e subito la sente ben bilanciata nella mano, come una naturale prosecuzione del suo braccio. Un taglio alto: la lama di uno dei giganti ruota mirando alla gola, ma l'uomo questa volta pu alzare la spada in verticale e fare un passo indietro. Devia il colpo con il piatto dell'arma, e rapido ruota il polso, tentando una stoccata. Il gigante nero si getta indietro per evitare l'affondo e subito il suo posto preso dal compagno. Combattono, ora, fendenti e stoccate, tagli bassi e tagli alti, deviazioni e schivate, parate squassanti. Combattono, ma la tomba risuona solo dei gemiti del metallo e dell'ansimare dell'uomo, perch i giganti si battono in un silenzio nero come i loro volti invisibili e sembrano voler attaccare soltanto uno alla volta, cos che lui riesce, seppur a fatica, a parare gli affondi e a contrattaccare. La spada, gli pare di conoscerla da sempre. Sa istintivamente a quale distanza porsi dagli avversari e quale forza adoperare nei colpi. Non si tiene lontano dal nemico, ma cerca il gioco stretto, per sfruttare la maneggevolezza della lama. La penombra gli mostra sempre solo uno dei giganti. L'altro attende, poi lo sostituisce. Il duello sembra infinito. Solo di rado, con la coda dell'occhio, l'uomo dai capelli bianchi intravede, ritta contro la parete di fondo, la sagoma del re. Non c' stupore in lui, per quello che sta accadendo: non ce n' il tempo. Ma poi tutto si conclude repentinamente; uno dei giganti fa un passo indietro, solleva la spada oltre il capo, tenta un affondo verso il basso. L'uomo si lascia cadere in ginocchio sul pavimento di pietra, si spinge colla punta dei piedi, scivolando in avanti, su quella pietra che ora pare olio e lo conduce verso il ventre dell'avversario. Tiene entrambe le mani sull'elsa e, mentre scivola, vibra un colpo solo, un montante violento, che s'infigge nell'inguine del gigante. Dalla ferita che si apre tra le gambe del guerriero sprizza un fiotto violento di liquido nero, dall'odore metallico, e l'aria risuona di una vibrazione acuta, che sale, sino a che l'uomo non lascia cadere la spada chiazzata d'ombra e si porta le mani sulle orecchie, gemendo, mentre la vibrazione cresce ancora, come un grido, come una lacerazione e di nuovo, infine, l'uomo non vede altro che oscurit e vi cade come dentro a un pozzo privo di luce.

III Quando si riprende l'alba. Giace tra la neve, accanto al suo cavallo ancora addormentato. Il fuoco un mucchio di ceneri grigiastre. Si solleva a stento, il corpo dolorante. Si controlla: non ci sono segni sulle sue carni; non ci sono ferite. Scuote il capo, con rabbia. Un incubo, ecco. Nient'altro che un incubo dettato dalla paura e dalla fatica. La giornata limpida e gelida e il sole sorge alla sua destra, indicandogli la strada. ora di andare. Gogmagog lo attende e la palude Meotide ancora lontana, oltre la fine del mondo. L'uomo dai capelli bianchi strofina il dorso del cavallo con manciate di neve, raccoglie le sue cose, mentre il bianco intorno a lui si copre di una luce dorata. Il kurgan alle sue spalle non che un tumulo morto e, per un istante, l'uomo sente nel suo petto pulsare la vita. Poi, mentre appoggia la sella sul dorso del cavallo, gli occhi gli cadono sulla spada allacciata all'arcione. Un fodero consunto, un'elsa di cuoio. Un pomolo d'oro.

Parte quarta TEMPO CHE TRASCORRE

NODO CHE SI STRINGE


I
Tracia, circa trenta miglia a settentrione di Cabyle. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, X giorno prima delle Calende di marzo. [20 febbraio 378 d.C.]

Era l'inverno pi rigido degli ultimi anni e il freddo aveva preso in ostaggio l'impero. Aveva preso in ostaggio tutto il mondo. Se c'era un mondo oltre l'impero. Erano accampati da settimane a circa trenta miglia da Cabyle, nei cui dintorni si erano radunati i Goti di Sueridas e Colias. La neve era caduta per giorni, impedendo di proseguire e ricoprendo le tende del bivacco. Ogni mattina bisognava scuoterle, per evitare che crollassero per il peso. Ne bastavano tre, ormai. Due per gli uomini, ridotti a quindici dopo mesi di scontri con le bande dei Goti. Nella terza, pi piccola, sorvegliata giorno e notte da un Sarmata, dormiva Leimeie. E ogni notte Batraz si levava nel buio per andare da lei. Era un rigido inverno, che sembrava non aver fine. E il mondo stava cambiando. Farnag scosse la pelliccia d'orso. Era intrisa di sangue e lacerata dal colpo di spada con cui aveva ucciso il precedente proprietario, ma era calda e proteggeva dall'umidit. La nebbia era fitta e non permetteva di vedere che a qualche passo. Farnag si pass la lingua sulle labbra asciutte e sent formarsi un sottile velo di brina sulla pelle. Si stir, facendo scricchiolare le articolazioni delle spalle. Accucciato di fianco alla tenda di Leimeie, Baxagos alz la mano in un saluto, tornando subito ad affondarla nel mantello. Farnag sorrise con aria interrogativa, accennando alla tenda. Baxagos scosse il capo, e indic il bosco alle sue spalle. Sulla neve, tracce di stivali si perdevano tra gli alberi. Batraz sedeva ai piedi di un tronco spoglio, quasi invisibile contro la corteccia nera. Lo sguardo fisso sul fuoco acceso davanti a lui, non s'era accorto dell'avvicinarsi dell'amico. Farnag si ferm al riparo di un cespuglio, osservandolo. Il volto di Batraz era

scavato, gli occhi come caverne scure, la bocca che non sorrideva da tempo, se non brevemente, quando lui al mattino usciva dalla tenda di Leimeie e per un attimo sembrava l'uomo che Farnag aveva conosciuto molti anni prima: pi giovane, pi fiducioso. Quel giorno, nell'inverno troppo gelido, Batraz gli sembr un vecchio e Farnag si domand come dovesse apparirgli lui. Due vecchi guerrieri, pens, sulle tracce di un nemico troppo forte. Pos un piede su un ramo secco, spezzandolo volontariamente. Al rumore, Batraz sollev il capo e lo accolse con un mezzo sorriso. Sono mesi ormai che li seguiamo. Farnag butt una manciata di rami nel fuoco che si stava spegnendo. La fiamma si ravviv, gettando riflessi nella nebbia. Lo so. Siamo stanchi. Cacciatori e prede. Prede e cacciatori. Pi che parlare, Farnag pareva borbottare con se stesso. Non so nemmeno pi chi siano gli uni e chi gli altri. E cosa abbiamo ottenuto? Niente. Forse abbiamo salvato la pelle a qualche centinaio di bifolchi. E abbiamo perso nove uomini. E Fritigerno, lo abbiamo perduto quando ha lasciato le montagne. So anche questo. Probabilmente abbiamo sbagliato a seguire Sueridas. Fritigerno sar gi oltre il Danubio. Batraz scosse il capo, scoraggiato. Imprendibile, come uno spettro. Phantasia, non homo. Nemmeno Saturnino riuscito a fermarli. Farnag pareva non averlo sentito. Batraz scroll le spalle. Si sentiva esausto e il tono di Farnag lo infastidiva, come quello di un precettore lamentoso. Si irrit con se stesso. In realt, Farnag dava voce a una frustrazione che anche lui condivideva. Tutto l. So anche questo mormor. Gli uomini sono stremati. Non capiscono che cosa stiamo facendo. Farnag si strofin le braccia. Non dicono nulla. Non a te. Ma non ce la fanno pi. Vorrebbero ritornare. Tornare dove? domand Batraz. Dove?, si sorprese a pensare, stupito. Ora il suo mondo era l, in quelle pianure. Gli pareva che non potessero esistere altri luoghi. Farnag esit. Rifletteva. A casa. Ad Antiochia. O magari a Costantinopoli. Dormire in un letto. Trovare una donna. Qualcuno ha figli, che non rivede da un anno. Guard Batraz con un'espressione di rimprovero. Qui c' la tua donna con te. Non le nostre. Batraz annu. E tu? Tu vorresti rivedere Marpessa? Marpessa. Te la ricordi ancora? Dicevi che era la mia donna.

Forse tu non vuoi avere davvero una donna. N fare un figlio. Come me. Perch noi non vogliamo fare figli? Batraz aveva aggrottato le sopracciglia. Farnag si rialz. La neve mi gela il culo. E mi fa venire i dolori. Si sfreg le natiche sotto la pelliccia. Perch gli uomini che fanno figli sono diversi. Ci stanno, con i figli. Li vedono crescere. A noi non importa. A noi interessa la nostra vita. Non quella degli altri. Uno scricchiolio pesante di passi nella neve. Baxagos veniva verso di loro. Si ferm di fronte al fuoco, stropicciandosi le mani. I Goti disse. Ieri sera ne sono arrivati altri. Si sono accampati lungo la strada, a circa due miglia da qui. Dadakos li ha visti per caso, mentre andava a dare il cambio a Dodoi. Sono diretti a Byze, per unirsi a Sueridas e Colias. Farnag diede un calcio alle braci. Per noi non cambia nulla. Non possiamo certo attaccarli. E spiarli non serve. Finiranno di svernare qui. Poi, chiss. Baxagos lasci trascorrere del tempo. Osservava anche lui Batraz, che pareva assente, gli occhi nuovamente fissi sul fuoco. Fece un sospiro, come prima di dire qualcosa di scomodo. Nell'aria vorticavano minuti fiocchi di neve. Trasportano una pietra rossa su uno dei carri. Un masso. Yaguz l'ha riconosciuta. Dice che il dio della trib. Batraz sembrava non ascoltare nemmeno. Dice continu Baxagos che questa la trib di Fritigerno. II Sdraiati nella neve, si tenevano al riparo delle rocce e dei rovi che coronavano la collina. Sotto di loro, centinaia di carri occupavano la pianura ai lati della strada, come un grande, pacifico villaggio. Le donne preparavano il cibo e rimproveravano i bambini, che giocavano alla guerra con grossi rami, scambiandosi vigorose piattonate. Qualcuna si riparava le vesti o si frugava tra i capelli, in cerca di pidocchi. Gli uomini giocavano con gli aliossi, litigavano, berciavano, sonnecchiavano. Una ragazza, con due voluminose trecce bionde, faceva sciogliere blocchi di neve in un calderone, mentre una vecchia accanto a lei tagliava grosse rape bianche. Hanno marciato nonostante la neve bisbigli Farnag. Sapevano che cos avrebbero trovato le strade libere dai nostri. Yaguz scrutava attentamente il formicaio umano alla base della collina. Fritigerno lo sapeva. Non lo vedo replic Farnag. la sua trib. Ne sei sicuro? domand Batraz.

Yaguz accenn alla grande pietra rossastra, eretta accanto ai fuochi nel centro dell'accampamento. Quello il loro dio disse con tono definitivo. Da uno dei carri salt agilmente un uomo di statura media, capelli neri, corpo magro. Si avvicin al calderone, sfilando con destrezza dalle mani della vecchia un grosso cucchiaio di legno. Lo immerse nella zuppa, ma la ragazza gli appoggi le mani sul petto, spingendolo via. L'uomo rise e si allontan. Teneva il braccio sinistro rigido, come se lo muovesse a fatica. Quello il Romano disse Farnag. Quello ferito da Leimeie. E quello aggiunse Yaguz, indicando un colosso biondo che era uscito a sua volta dal carro il suo amico. Il gigante. Waduulf sussurr Batraz. Segue il reiks ovunque. Nel campo ora vi era agitazione. Lungo la strada, in lontananza, era comparso un gruppetto di cavalieri. Hai visto? domand Farnag. Batraz annu. Attendiamo. I cavalieri si avvicinarono. Il primo portava sul dorso del cavallo il corpo di un animale. Un cinghiale, probabilmente. Buona caccia constat Farnag. Il cavaliere si arrest tra i carri, seguito da una decina di uomini. Donne e bambini si erano avvicinati per accoglierlo. L'uomo abbass il cappuccio, mostrando il suo volto. Eccolo disse Batraz. III Tu sei pazzo. Farnag scagli la ciotola a terra. Il coccio si schiant contro una pietra affiorante e il vino caldo tinse la neve di un rosso cupo e brillante. Il fal illuminava la piccola valle dove i Sarmati erano accampati. Tu sei pazzo ripet rabbiosamente Farnag. Non te lo permetter. Erano tutti seduti intorno al fuoco, eccetto i due uomini di guardia sulla collina. Batraz si alz, gettando uno sguardo circolare sui suoi uomini. Che cosa vuoi fare, magister? Yaguz parl con calma. Aveva annodato la barba bianca e lunga in sottili trecce che gli ricadevano sul mantello. Voglio entrare nel campo di Fritigerno. E cercare di ucciderlo. Stanotte. E tu pensi che non ti riconosceranno? Farnag lo interruppe bruscamente. Ti faranno a pezzi prima che tu possa raggiungerlo. Afferr il mantello di Batraz, strattonandolo. Batraz si volt bruscamente, e la sua mano scatt in avanti, artigliando il collo dell'amico. Per un momento a Farnag parve di trovarsi di fronte uno sconosciuto che lo fissava con occhi folli. Boccheggi,

la gola stretta nella morsa di un dolore acuto, il respiro mozzo, le braccia paralizzate. Poi, qualcosa trascorse negli occhi di Batraz, che lasci la presa, barcollando all'indietro e portandosi la destra alla nuca. Perdonami, amico mio. Perdonami. Socchiuse gli occhi. Non me l'aspettavo. Il dio tornato a visitarmi. Non sapevo pi chi eri. Sedette pesantemente, il capo chino. Farnag ansim, massaggiandosi la gola, mentre intorno a loro era sceso un silenzio greve come piombo. La bocca semiaperta, Dodoi scrutava Batraz, mentre gli altri uomini avevano distolto gli occhi. Che cosa vuoi ottenere, magister? Il tono di Yaguz era pacato, come se nulla fosse accaduto. Batraz sollev lo sguardo. Se Fritigerno arrivato fin qui, pu significare solo una cosa. Fece una pausa, gli occhi ancora annebbiati. Intrecci le dita, stringendo con forza. Sueridas e Colias sono qui da settimane. E bande di Unni sono in marcia da settentrione. Unni? Come lo sai? La voce di Farnag era ancora strozzata. Batraz si volt appena. Dodoi chiam. Il ragazzo sedeva in fondo alla fila, seminascosto. Si fece avanti, arrossendo. Ero nel bosco, ieri. Cercavo qualcosa da mangiare: bacche, un uccello. Un tasso. Qualcosa. Fa' in fretta. Dodoi deglut. Sono stato sorpreso da due Goti. Probabilmente facevano parte dell'avanguardia di Fritigerno. Abbiamo combattuto. Esit. E poi? Uno l'ho ucciso subito. Sono stato fortunato. L'altro, ferito. Ferito gravemente, intendo. Ma sono riuscito a... a convincerlo a parlare. Dodoi arross nuovamente. Non mi piace quello che ho fatto disse. Era necessario. Il ragazzo annu. Comunque, ha parlato. Due grossi contingenti di Unni stanno convergendo su Cabyle. Tra i Sarmati si lev un mormorio. Farnag si rivolse bruscamente a Batraz. Perch non me lo hai detto? Non era importante. Non ancora. Farnag non disse nulla, il volto cupo. Avari, Unni. E ora Fritigerno. Significa una cosa sola, ho detto. Batraz si guard intorno. Nel silenzio si udivano i piccoli schianti del fuoco. Un lupo ulul in lontananza. I Goti si preparano a marciare su Costantinopoli. Nessuno parl. I guerrieri erano attoniti. In attesa. Marciare su Costantinopoli. Significava la fine del mondo. Era come se Batraz avesse detto che da quel giorno il sole sarebbe sorto di notte. Scossero il capo, increduli. Poi Farnag prese la parola. Marciare su Costantinopoli? Farnag era cauto, come chi cammina su uno strato di ghiaccio sottile. Non ha senso. Non sono in grado di prendere la

citt. vero, magister. Dadakos fece un gesto brusco, la mano tesa come una lama. Non ci riuscirebbero mai. Fritigerno ha rinunciato ad assediare Marcianopoli e Adrianopoli. La voce pensosa di Yaguz fece tacere gli altri. Sapeva che sarebbe stato sconfitto. Batraz annu. cos. Ma non credo che voglia prendere la citt. un uomo astuto. E quindi? domand Farnag. Vuole che il popolo abbia paura. Vuole saccheggiare le campagne intorno. E mostrarsi. Il terrore. Questo vuole. Cos Valente sar costretto ad accettare le sue condizioni. Terra, cibo. Quello che avremmo dovuto dargli fin dal principio. Farnag si affond le dita tra i capelli. Non possibile. Non possiamo essere arrivati a questo. Batraz gli rivolse uno sguardo calmo. cos, amico mio. E tu lo sai. Attese con pazienza che il mormorio degli uomini cessasse. Non siamo in grado di attaccare Fritigerno riprese. N possiamo sperare di sorprenderlo a caccia, con pochi uomini. Cabyle troppo vicina. Questa la nostra unica occasione. Vi fu un nuovo silenzio. Avvicinarglisi non impossibile. Yaguz aveva lo sguardo assorto. Fritigerno un capo, non un imperatore. Non ha una scorta e si muove per il campo da solo. Tu sei d'accordo con lui? gli domand Farnag. Yaguz annu. pericoloso ma possibile. Batraz sollev la testa, soffermando lo sguardo su Leimeie, che non aveva ancora detto nulla. E tu che pensi, donna? domand a fatica. Leimeie non rispose subito. Con un ramoscello semi carbonizzato tracci un cerchio nella neve e in mezzo vi disegn una croce uncinata. Trasse dalla veste un pugno di sassi e li lanci in alto, facendoli ricadere all'interno del cerchio. Batraz si avvicin, mentre tutti osservavano in silenzio i gesti della ragazza. I sassi si erano disposti in una spirale irregolare che convergeva verso il centro della croce, dove i bracci si incrociavano. Penso che tu debba andare disse. C'era dolore nella sua voce. Ma non so se ritornerai. Raccolse i sassi. Li lanci di nuovo. Questa volta, ricadendo, le pietre si disposero nella figura grossolana di un cerchio. Un cerchio all'interno di un cerchio. E se ritornerai sarai cambiato. Leimeie guard Batraz con gli occhi che sembravano divorarle il volto. Non sarai pi lo stesso uomo. Ma devi andare. il tuo destino, guerriero. I guerrieri partono sempre mormor Batraz, alzandosi e allontanandosi dal fuoco. Camminare gli costava dolore, come se avesse avuto una sbarra di metallo infissa nel dorso. Il dio vicino, pens. Frug con lo sguardo nella nebbia, attendendosi di vedere la massiccia

sagoma del cane. Il suo cane. Si pass una mano sugli occhi. Ritorn indietro. Uomini, ascoltate tutti. Voi, che pensate? Farnag scosse rabbiosamente il capo. Non puoi chiedere a loro. Ti ubbidiranno, come hanno sempre fatto. Senza rispondergli, Batraz cammin lentamente lungo il cerchio di uomini, fermandosi di fronte a ciascuno. Ogni guerriero lo guard in volto. Ognuno annu. L'ultimo della fila era Dodoi. Il ragazzo storn lo sguardo, poi, lentamente, fece cenno di s con il capo. IV Scivol cauto oltre la cresta della collina. Non c'erano possibilit di penetrare nel campo dalla pianura: i carri erano disposti in cerchio, come sempre, e tra l'uno e l'altro vegliava una sentinella. A intervalli regolari, una pattuglia di guerrieri faceva il giro dall'esterno, scambiando con le sentinelle un richiamo, forse una parola d'ordine. Lo sapeva sin dal mattino: l'unico modo era scendere dalla collina, con il rischio di essere avvistato. Strisci tra la neve fresca lungo il crinale, verso settentrione. L il pendio arrivava a meno di uno stadio dal campo e una bassa lingua di terra, coperta di neve e di rovi, raggiungeva uno dei carri, offrendo una certa copertura. Aveva abbandonato il mantello nero della schola e indossato la pelliccia di orso di Farnag; si era raccolto i capelli, che non tagliava da mesi, in una treccia laterale, che aveva fissato sopra la tempia. Sarebbe stato sufficiente per passare per un Goto. O almeno lo sperava. La lingua non era un problema, e nemmeno l'accento. Gli sarebbe bastato riuscire a entrare. A uscire non aveva pensato. Da quando aveva visto Fritigerno, il mattino, era come se oltre quella notte non ci fosse nulla. Ma forse era cos gi da tempo, e l'idea, la certezza, che i Goti potessero arrivare fino a Costantinopoli non era stata che una conseguenza naturale di come si era sentito negli ultimi mesi. Il mondo stava cambiando e lui era certo che in quello nuovo che andava sorgendo non ci sarebbe pi stato posto per lui. Meglio continuare a vagare nelle pianure della Tracia, non pensare, visitare di notte una donna che non riusciva a conoscere n a capire; combattere, senza domandarsi per cosa o per chi. Si cal lungo il versante, attento a non scivolare e a non fare rumore. La notte era gelida e la sua mente limpida. Guard il cielo. C'era ancora tempo prima che sorgesse la luna. Giunto quasi ai piedi della collina inciamp in una radice affiorante e cadde in avanti, in una nuvola di neve ghiacciata e polverizzata, la caviglia trafitta da un dolore lancinante. Rimase immobile, il respiro affannoso, in attesa di

capire se quel tonfo sordo avesse destato i sospetti dei Goti. Ma le due sentinelle ai lati del carro pi vicino sedevano avvolte nel mantello, apparentemente assopite. Si tocc la caviglia sinistra. L'articolazione era dolorante e si stava rapidamente gonfiando, ma le ossa parevano intatte. Mastic tra i denti una maledizione, senza sapere di quale dio stesse chiedendo la presenza. Alzarsi per controllare se era in grado di stare in piedi era fuori discussione. Fece scivolare il balteo, assestandosi la spada sul dorso, e strisci sul ventre verso il carro pi vicino. Un colpo di tosse lo fece arrestare. Una delle sentinelle si era mossa e guardava nella sua direzione. Batraz rimase immobile tra i rovi, il volto affondato nella pelliccia d'orso. Sent lo scricchiolio dei passi sulla neve avvicinarsi, esitare, fermarsi. Strinse la mano sull'elsa del pugnale, in attesa di un movimento. Del colpo di spada che gli avrebbe attraversato il dorso. Sfil il pugnale dal fodero, attento a muoversi il meno possibile, e si prepar a balzare in piedi. Inizi a contare: uno, due, tre... Al cinque, decise. Inspir profondamente e trattenne il fiato: quattro... Poi i passi ripresero, lenti, allontanandosi. Lasci uscire il respiro. Attese qualche istante, poi sollev il capo. La sentinella era tornata al suo posto, il giavellotto piantato nella neve. Guardingo, Batraz riprese a muoversi. Sgusci sotto il carro e si ferm, in ascolto. Sopra di lui un russare profondo. Il vagito debole di un bambino, poi il borbottio di una voce femminile. Il bimbo tacque, mentre si udiva il suono ritmico di un vorace succhiare. Ancora pochi passi. La testa di Batraz sbuc oltre il carro. Nel campo tutto era immobile, i fuochi ridotti a tizzoni semi spenti. Solo in lontananza s'intravedeva un gruppo di uomini e di cavalli. Un altro respiro profondo e Batraz si rizz in piedi. Appoggi cautamente il peso sulla caviglia dolorante. Tent un passo. Teneva. Era il momento. Il volto semi affondato nella pelliccia, camminava tra i carri ostentando sicurezza ed esponendosi al barbaglio delle braci. Se vuoi nascondere qualcosa, mettilo in vista: doveva assomigliare a un Goto, pensare come un Goto. Diventare un Goto. Esasper il passo dondolante di chi ha trascorso troppo tempo a cavallo, la destra infilata con noncuranza nel balteo, ma pronta a impugnare la spada. Fingendo di ciondolare per il campo, frugava con gli occhi in cerca del carro di Fritigerno. Doveva essere simile agli altri, privo di segni e di emblemi. E poteva essere ovunque: i Goti avevano costituito un solo cerchio del diametro di quasi un miglio: era impossibile controllare tutti i carri. Ricord che spesso il suo vecchio precettore gli raccontava dell'audacia di Cesare e della sua fortuna: multum cum in

omnibus rebus, tum in re militari potest fortuna. La sorte lo avrebbe aiutato o sconfitto. Incroci due uomini che vacillavano puntellandosi l'un l'altro, manifestamente ubriachi. Il pi alto, uno spilungone con il cranio completamente rasato e i baffi piegati in basso, fece due passi incerti all'indietro, urtandolo e costringendolo a forzare sulla caviglia dolente. Batraz lo respinse con un urtone e l'altro si scus con una pacca e una risata ebbra, allontanandosi nel buio con il compagno. Tutto era immerso nel sonno. Gli unici movimenti, dalla parte opposta del campo, erano quelli della pattuglia che si preparava a una nuova ispezione del perimetro esterno. Batraz sent montare dentro di s un misto di rabbia e impotenza. Non avrebbe trovato Fritigerno prima di essere scoperto e non sarebbe riuscito a fuggire dal campo. Morire, aveva sempre pensato, non era importante. Era un incerto del mestiere, che poteva avvenire a ogni cantone di via, in ogni terra. Morte per metallo, per fuoco, per acqua. Ma quella sarebbe stata una morte stupida. Sogghign. Farnag aveva ragione. Come sempre. Sarebbe toccato a lui ricondurre gli uomini a casa e proteggere Leimeie. Leimeie. Si riscosse. Per un momento s'era dimenticato di dove si trovava e perch era l. Si era smarrito nel ricordo della pelle calda della ragazza. Dell'abisso dei suoi occhi, che non sapeva mai interpretare. Non era la prima volta che pensieri simili, pensieri folli, lo coglievano nei momenti meno adatti. Nel cuore della battaglia o in notti come quella. Pensieri che gli sarebbero stati fatali, prima o poi. Una distrazione, un ricordo e il filo della sua vita sarebbe stato reciso. Scroll le spalle. Era arrivato sin l e non ci sarebbe stato un poi. Quella notte era l'ultima. Non era dispiaciuto. Non aveva timore: in quei mesi si era sentito lontano dal mondo. Scosse il capo. Erano riflessioni sorprendenti, assurde per un soldato. Farnag avrebbe riso dicendogli che non capiva nulla di quel che diceva e che i libri lo avevano rovinato. Che era diventato un filosofo. O si pensa o si usa la spada, avrebbe aggiunto, severo. Batraz osserv la vecchia lama che gli pendeva dal fianco. Forse era stanca di combattere e lui era stanco di portarla. Una luce vaga illuminava la pianura. Era la prima notte dopo la luna nuova e la falce lunare era sorta. Un'ombra lunga giungeva fino a lui. Socchiuse gli occhi, per vedere meglio. La pietra, la pietra rossa. Il dio. Ecco. Fritigerno era il sacerdote del dio, oltre che il reiks della sua trib. E dove avrebbero eretto la pietra del dio, i Goti, se non accanto al sacerdote? Si guard furtivamente attorno. Nessuno. Scivol leggero verso il carro alle

spalle della pietra, dove una lieve luminescenza indicava la presenza di una lucerna accesa. Non vide nulla, quando accost l'occhio a uno spiraglio del telo grigio e pesante. Poi la vista s'adegu al bagliore della fiammella. Bambini. Bambini coricati sui pagliericci, dai pi piccoli, che dormivano con il pollice tra le labbra, a un'adolescente bionda che sospirava nel sonno. I figli di Fritigerno. All'estremo opposto del carro una donna ancora giovane offriva il seno al minore, nato evidentemente da poche settimane. Fritigerno non era l. Batraz si ritrasse bruscamente. Un suono di passi, scricchiolanti nella neve, poco lontano. Un colpo di tosse. Sporse appena il capo. Eccolo. Il reiks si stava avvicinando con un'andatura lenta e affaticata: probabilmente aveva dato istruzioni alla pattuglia e ora ritornava, per il sonno. Batraz si accost alla fiancata, immobile nell'ombra. Vide Fritigerno fermarsi, poi ud il fruscio della tenda che si sollevava. Un bisbiglio tenero, un vagito. Il reiks aveva preso in braccio il piccolo e gli parlava con un sussurro. Poi lo tese nuovamente alla madre. Sorridendo, alz il braccio in un saluto e torn ad allontanarsi. Oltrepass il carro, quasi sfiorando Batraz che attendeva trattenendo il respiro, e si avvi nella pianura. L'uomo di guardia a pochi passi pareva dormire. Il reiks gli pass accanto senza richiamarlo. Forse cercava un po' di quiete. Forse voleva riflettere. Batraz attese il tempo di dieci respiri. Poi lo segu. Fritigerno sedeva su una roccia affiorante dalla neve, la schiena rivolta al campo. Avvolto nel mantello, nella luce della luna pareva una roccia biancastra. Nessuno nei dintorni. Batraz si avvicin, silenzioso come un gatto. Sfil il pugnale dal fodero. Ancora pochi passi. Cinque. Tre. Ora era in piedi alle spalle del reiks. Esit. Il dorso di Fritigerno era davanti a lui. Inerme. Un gesto: nient'altro, e l'esito della guerra sarebbe cambiato. Eccoti, Sarmata. Il reiks aveva parlato senza voltarsi. Sei tu, vero? Ho riconosciuto l'odore dell'uomo. diverso da quello di ogni altro animale. Alz il capo, bagnato dai raggi della luna. Fa' ci che sei venuto a fare. Non far nulla per impedirtelo. Batraz fece due passi in avanti, fronteggiandolo. Si guardarono senza parlare, poi Batraz sollev il pugnale, che balen nella luce della luna, la punta rivolta in alto, simile a un rivolo d'argento liquido. Perch non chiami i tuoi? Potrebbero sventrarmi tra pochi istanti. Fritigerno lo guard a lungo. Sereno. Ti ho sentito gi vicino al carro. Non potevi essere che tu. Non sei stanco di questa guerra, Sarmata? Batraz si sedette tra la neve. Sono stanco. E tu,

Goto? Fritigerno annu. Anche io. Vorrei riposare. Ma devo dare una terra ai miei figli. Tu li hai visti. Inarc le sopracciglia. E tu, perch continui a combattere? Hai solo pochi uomini con te. E una donna. E i generali di Valente non ti amano. Guard la pianura. L'inverno non finisce. Represse un brivido. Non ti stupire di quel che so. Tu segui me. Io seguo te. Io... Batraz riflett a lungo. Io combatto perch non so fare altro. Nemmeno io so fare altro. E combatto per l'imperatore. Non dimenticarlo. Il tuo imperatore sar sconfitto. E forse morir. Pu darsi. Anche se Sebastiano e i suoi uomini vi stanno mettendo in difficolt. Sono punture d'insetto. Quello dei Goti un grande corpo. Batraz riflett, silenzioso. Forse Valente morir disse poi. E io pure. Ma tu poco fa ti saresti lasciato ammazzare come un cane. vero. Sono stanco. Te l'ho detto. E morire sempre una buona soluzione. Fritigerno sogghign. Ma tu, perch non mi hai ancora ucciso? Non lo so constat Batraz. Forse perch il mondo sta cambiando. E credo che tu lo cambierai. Allora vuoi vedere il mondo che verr? Batraz scosse il capo. Sono troppo vecchio. E non credo mi piacer. Ma temo che debba cambiare. Fritigerno annu pensosamente. Sar diverso. Il tempo di Roma sta finendo. Lo so. L'ho letto nei presagi. E allora? Che farai? Batraz sorrise. Un sorriso largo, da ragazzo. Intanto, credo che per stanotte non ti uccider. E nemmeno per questo inverno. Lo penso anche io. Finiremo di trascorrere l'inverno qui. Ci rivedremo in primavera, quando cominceremo a muoverci. O forse in estate. Fritigerno si volt, gettando uno sguardo verso il campo. Va', ora, Sarmata. Tra non molto i miei uomini verranno a cercarmi. S. Vado. Batraz rinfoder il pugnale. Ma tra noi non finita. No. Non finita. Lo so.

IL CAPPIO
I
Villa imperiale di Melantia, circa diciassette miglia da Costantinopoli. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, Calende di giugno. [1 giugno 378 d.C.]

Il mormorio delle fontane accompagnava l'intera giornata e la notte. Nella grande villa di Valente era impossibile non sentirlo, ovunque si fosse. Come era impossibile non percepire il trascorrere del tempo, scandito dal suono metallico del grande orologio ad acqua presso il ninfeo e dallo spostarsi delle ombre sulle meridiane. Nelle sale, le clessidre venivano regolarmente rovesciate dai servi e si sussurrava che l'imperatore conoscesse il giorno e l'ora della sua morte e che volesse sempre sapere quanto tempo gli rimaneva. Mancava poco al suo cinquantesimo compleanno. Valente usc dalle terme e s'avvi lungo il porticato, la fronte aggrottata, gli occhi socchiusi per difendersi dalla luce del giorno. L'occhio destro talvolta scivolava di lato, rivelando la sclera iniettata di sangue. Dietro di lui, circondato dagli eunuchi di corte, veniva Vittore. Arrivato sul lastricato di fronte al piccolo teatro che aveva fatto aggiungere alla villa, Valente chiam con un cenno il generale e and a sedere su una delle panche di marmo. A una sua occhiata severa gli eunuchi si sparpagliarono per i prati, brontolando sottovoce. Ora puoi parlare, Vittore. Valente si massaggi l'occhio malato. Cos' accaduto ad Adrianopoli? Quel che ti ho detto, Augusto. Il generale sedette, raccogliendo la tunica tra le ginocchia. Sebastiano stato costretto ad accamparsi fuori dalle mura. Dopo le scorrerie dei Goti i cittadini avevano paura. Anche delle sue truppe. Cos non li hanno lasciati entrare, se non dopo averlo riconosciuto. privo di senso. Vittore accenn un sorriso. Privi di senso sono i tempi, Augusto. Tutto sta cambiando. Valente lo guard di sottecchi. Tutto sta cambiando, dici? Il tono s'era fatto diffidente. Che intendi? Che l'imperatore non pi in grado di difendere l'impero? Tra i due scese il silenzio. Vittore osservava i giochi d'acqua del ninfeo, mentre Valente continuava a fissarlo. Cos si dice in Tracia disse infine Vittore. Dicono che temiamo Fritigerno.

E tu che faresti, allora? Lo sai, Augusto. Continuerei con la tattica di Sebastiano. Piccoli gruppi che attaccano le bande dei barbari. Finch Fritigerno non rester senza rifornimenti. Allora sar costretto a risalire verso settentrione. E noi potremo consolidare il confine. Si volt verso l'imperatore. Ci sar tempo dopo per saldare i conti. Dopo la spedizione in Persia. Non possiamo avere due fronti. Valente sollev la mano in un gesto di stizza. Non voglio sentirne parlare! Significherebbe rimandare ancora l'invasione della Persia. E dichiarare la nostra debolezza. Ertegul ha ragione: dobbiamo liberarci di Fritigerno. Ora. Vittore serr le labbra. Annu lentamente, senza smettere di guardare il ninfeo. L'acqua ruscellava da due grandi delfini di marmo, limpida come l'aria che li circondava. Un'allodola pass sopra di loro, volando bassa. Un luogo sereno. Un luogo dove fermarsi. Vittore chin il capo. Dov' il monaco, ora? domand con indifferenza. partito venti giorni fa verso settentrione. Da solo, per raccogliere notizie. Notizie sicure. Valente si sfreg nervosamente il polso sinistro. Da settimane, Vittore lo vedeva ripetere lo stesso gesto e la pelle irritata iniziava a ulcerarsi. Il generale distolse gli occhi. Posso fidarmi solo di Ertegul. Valente gett uno sguardo a Vittore. E di te, certo aggiunse rapidamente. Ma venuto il tempo di affrontare Fritigerno a viso aperto. Graziano si appresta a partire con l'esercito d'Occidente per venirci in aiuto. Potremmo stringere i Goti in una morsa. Non ho bisogno di lui! Valente aveva gridato. Li sconfigger io soggiunse a bassa voce. Come tu vuoi, Augusto. Bene. Valente si rilass. Questo deciso. Dimmi che ha fatto Sebastiano, dopo. Ha inseguito la colonna gota e l'ha annientata presso il fiume Ebro. Ha recuperato tutto il bottino. Cos si fa. Ma non basta mormor Valente. Non basta. Che fanno le nostre legioni? Sono asserragliate nelle citt. Nessuno ha abbastanza uomini per affrontare Fritigerno in campo aperto, e lui controlla le strade. La Tracia ormai in mano sua. E lui? Lui, dov'? Nel suo accampamento fortificato nei pressi di Cabyle. Cabyle. Valente balz in piedi. Se dopo Ad Salices Traiano si fosse ritirato a Cabyle... li avrebbe potuti fermare. Passeggiava nervosamente davanti alla panca. Torn a fermarsi, di fronte a Vittore. E a Costantinopoli? Ci sono stati altri avvistamenti? Due giorni fa, poche miglia a occidente. Sembrava una banda di Unni. Dalle

mura si vedeva il fumo degli incendi. Unni. Alle mura di Costantinopoli. Valente fece una pausa. E sul confine occidentale gli Alamanni sono di nuovo inquieti. Come t'ho detto, si dice che l'impero sia debole, Augusto. Avvoltoi! La voce di Valente sal, stridula. Avvoltoi che si gettano su di noi. Respir profondamente. Ma non sanno con chi hanno a che fare disse con tono pi calmo. Piuttosto, qui attorno non s' visto nulla. Non osano avvicinarsi. Certamente sanno dei movimenti delle truppe. Valente annu. Vieni disse. Andiamo. Attraversarono i giardini fino a uno dei corpi laterali della villa. Nei prati i pavoni sollevavano rigidamente le zampe, a evitare immaginari ostacoli. Alla porta, le guardie palatine chinarono il capo, aprendo i battenti. Senza degnarli di uno sguardo, Valente entr. Vittore lo segu nella fresca penombra dell'atrio, scambiando una fugace occhiata con il capo della guardia. Salirono per la scala di marmo, raggiungendo il terrazzo. La pianura era gremita di tende e di soldati. In grandi spiazzi dove l'erba era scomparsa, soffocata dai calzari, i legionari, immersi in nubi di polvere, si esercitavano sotto l'occhio crudele ed esatto dei sottufficiali. Ampi recinti erano affollati dei cavalli delle scholae, che s'accostavano col petto alle travi urtandole e scuotendole. Poco lontano, un gruppo di frombolieri tempestava di sassi una decina di ceppi allineati a formare una serie di bersagli. Ecco. Vittore indico vers meridione. Una colonna in arrivo, anche oggi. Devono essere gli uomini di Settimio. un buon esercito, vero? Valente parl esitando. Certo. Vittore rispose dopo una breve pausa. Il migliore che potessi radunare, Augusto. Non potevo sguarnire il confine persiano. No. Non potevi. Negli occhi di Vittore pass un'ombra. Il sole iniziava a calare e la colonna di legionari in lontananza pareva un serpente scuro contro il cielo rossastro. Presto sar tempo di partire disse l'imperatore. Vittore non rispose. Guardava oltre, verso settentrione.

II
Tracia, circa trenta miglia a settentrione di Cabyle. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, Idi di luglio. [15 luglio 378 d.C.]

Perch vuoi portarmi lass? Batraz alz una mano per proteggersi dal riverbero. Il sole del pomeriggio ardeva dietro la collina e le rovine del tempio si stagliavano nere sulla cima. Conosco quel luogo. Traiano e Profuturo ci tenevano il consiglio di guerra. Un volo di corvi attravers il cielo. Uno di loro atterr sulla cima mozza di una colonna. Dal grosso becco pendeva un brandello di carne. Leimeie non rispose. Si strinse in vita la cintura cui aveva appeso il pugnale. Saliamo. Si volt verso Batraz. Un sorriso le si apr sul volto, che l'estate aveva cosparso di lentiggini. Ti fidi di me? Mi fido di te. E allora vieni. Salirono, seguendo le curve dolci del sentiero lungo il pendio. L'aria era fresca e sembrava portare un profumo salato e aspro. Il mare, pens Batraz. Ma il mare era troppo lontano per sentirne l'odore. E anche per sperare di rivederlo. L'erba sul versante era grassa e tagliente, costellata di papaveri. Un'ape solitaria ronz intorno all'orecchio di Batraz, indugi, vol via. Quando furono in cima, Leimeie si inginocchi dinanzi alle rovine. Colonne spezzate, muri diroccati. Al di l delle colonne, una radura in cui si ergeva un cubo di pietre regolari, alto poco meno di una pertica, privo di aperture. Batraz attese in piedi, senza sapere come comportarsi. Dopo un breve raccoglimento, Leimeie frug nella terra, estraendone tre sassi grigi e ruvidi. Li tenne tra le mani, la fronte china, poi li fece rotolare tra l'erba, finch non si fermarono contro le radici di un cespuglio, disponendosi in un triangolo con il vertice rivolto verso le rovine. Sollev il capo, nel sole. La Grande Madre ci d il permesso di entrare. E dove? Nel rispondere, Batraz s'accorse con stupore d'aver mormorato. Dove? ripet. Ci sono solo rovine. Leimeie si rialz, un sorriso misterioso sul volto. Gli prese la mano e lo condusse oltre i basamenti delle colonne, dove l'erba era pi bassa e morbida. Senza dir nulla, inizi a sfilarsi la tunica. Quando fu nuda si sdrai a terra, le gambe piegate e divaricate. I peli biondi del pube luccicavano al sole, cosparsi di piccole gocce di sudore. Vieni. Prendimi. Batraz esit, sconcertato, poi il suo sesso rigonfio premette contro il tessuto della tunica. Si svest lentamente, sentendo la brezza sulla pelle. Guard l'erba, il cielo, le rovine, stupito di trovarsi in quel

luogo. S'inginocchi. Fu dentro di lei. Sent, in quel momento, che lei era la padrona e lui il servo. Dopo, rimasero a lungo sdraiati, mentre il sole iniziava a calare. Perch qui? domand Batraz. Perch dovevamo rendere omaggio alla Grande Madre. Rendiamole omaggio pi spesso, allora sorrise Batraz. Non devi scherzare su questo. Leimeie gli lanci uno sguardo ammonitore. Vieni con me. Si rialz, incamminandosi, nuda com'era, verso il cubo di pietra a pochi passi da loro. Batraz osserv la schiena candida, le gambe e le braccia scurite dal sole. Fece per indossare la tunica. No. Leimeie si volt con un gesto reciso. Devi essere nudo. Con passo lento, cammin intorno al cubo, mugolando un canto senza parole e ritornando al punto di partenza, dove l'attendeva Batraz. Poi picchiett con il pugno le pietre, le labbra serrate. A un certo punto sorrise e infil le dita in una commessura pi larga delle altre, all'altezza circa dei suoi occhi. La pietra venne via facilmente, cadendo a terra con un tonfo soffice. Aiutami. La ragazza aveva gi rimosso un'altra pietra. Obbediente, Batraz afferr quella sottostante e la sfil, senza sforzo. Un'altra pietra. Un'altra ancora. Oltre la parete di pietre il cubo mostrava una cavit; dall'interno spir un odore dolciastro, di erbe aromatiche. Di pi disse Leimeie. Lavorarono finch l'apertura non fu sufficiente per passare. Leimeie vi infil il capo e poi le spalle, sgusciando dentro. Batraz rest solo, nella luce arancione del tramonto. Entra. Batraz sfior l'amuleto che portava al collo, poi scivol all'interno. Buio. Un aroma forte, come di rosmarino. Poi un crepitio e una luce nel buio. Leimeie stava dinanzi a lui, una torcia in mano. Batraz si guard intorno. Una stanza quadrata, illuminata dalla fiaccola. Pareti nude, eccetto che per un ripiano su cui giacevano altre torce pronte per essere accese. Al centro del pavimento di terra battuta, quello che pareva un grande vaso rovesciato, incavato in alto, con una serie di fori sulla parete. Leimeie frug sul ripiano, traendone un sacchetto di pelle rugosa e polverosa. Lo apr, annusandone il contenuto. Prese per mano Batraz e con un gesto lo invit a sedere di fronte al vaso. Si rovesci nel palmo della mano il contenuto del sacchetto: una polvere d'un verde pallido, mista di frammenti secchi di piccole foglie lanceolate. Tese il palmo verso Batraz. Canapa sussurr. Poi rovesci la polvere nell'incavo del vaso. Accost la torcia e la polvere inizi a bruciare, col calore della brace. Nella stanza si sparse un fumo denso e greve. L'aroma si fece pi forte. Senza parlare,

Leimeie indic la parete del vaso, poi spinse il capo di Batraz, finch le sue labbra non si accostarono a uno dei fori. Aspira. Il suo volto era immobile e cupo, come le pietre della stanza. Batraz aspir, trattenendo il fumo nei polmoni. Toss, gli occhi che lacrimavano, poi aspir di nuovo. E di nuovo. Improvvisamente tutto divenne colorato. Apparve una pianura circondata dalle colline. Il sole era a picco. Migliaia di soldati nella polvere e nella luce che abbacinava. Il clamore era assordante. Grida e stridori. Il volto di un uomo dai denti serrati, con una ferita nel petto che mostrava il cuore che batteva lentamente tra le costole bianche come avorio. Ancora un battito. Un altro. Un altro. Poi il cuore si ferm. Sangue. La pianura era immersa nel sangue e il cielo si faceva rosso cupo. Poi comparve una croce enorme, sormontata dal teschio di un animale. Un cavallo o un asino. La croce oscill e la pianura insanguinata scomparve. Suono limpido. Frusciare dell'acqua. Si vide inginocchiato mentre gridava verso un cielo vuoto e immenso. Un'ombra cupa. Il volto di Leimeie che oscillava contro il cielo, sfrangiandosi come una nuvola. Pallido. Bianco. Con un gemito Batraz si gett all'indietro. Le braccia gli dolevano e si rese conto confusamente che s'era avvinghiato al vaso. Qualcosa di umido sulle labbra. Sapore dolce, metallico. Il naso gli sanguinava. Di nuovo il volto di Leimeie, abbronzato, preoccupato. Confuso in una luce dorata. Svegliati, Batraz. Svegliati. Batraz mise a fuoco. Era nella stanza di pietra. La ragazza era china su di lui, gli occhi enormi. Cosa hai visto? Parla. Batraz distolse lo sguardo. Nulla disse. Non ho visto nulla. Ridiscesero la collina in silenzio, mentre cadeva la notte. Batraz sentiva che tra di loro era calata una barriera. Leimeie sapeva che le erbe gli avevano mostrato una visione. Lui non voleva parlarne. Si domand perch: una visione di morte, di guerra, come tante della sua vita. Ma ci di cui non voleva parlare era il volto pallido di lei. In lontananza l'accampamento di Fritigerno era indicato dai fuochi accesi davanti alle palizzate. Montarono a cavallo, sempre senza parlare, e si diressero verso il loro bivacco. Quando lo raggiunsero, furono accolti dagli uomini in fermento. Si fabbricavano nuove frecce, si lucidavano le armi. Farnag, davanti alla sua tenda, confabulava con Yaguz, gli occhi a terra, dove avevano tracciato con un ramo una mappa del territorio fino a Costantinopoli. Batraz smont, affidando le redini a Dodoi. Il ragazzo lo guard con gli occhi sbarrati, mentre gli uomini si radunavano intorno a lui, in silenzio, i volti attoniti. Batraz si avvicin a Farnag. Che succede? Farnag lo fiss a lungo,

senza rispondere. Che successo a te, amico mio? disse poi. Cosa stai dicendo? Batraz sent l'irritazione montare. I tuoi capelli. Farnag tese la mano, sfiorandogli il capo. Batraz si volt verso Leimeie. La ragazza, senza dire nulla, gli prese la destra, stringendola forte. Fece un gesto brusco. Dodoi fu il primo a capire. Prese un secchio posato accanto alle tende lo porse a Batraz, reggendolo con le braccia tese. Il Sarmata si specchi nell'acqua ferma. I suoi corti capelli erano diventati bianchi. Candidi come neve. Sent le dita di Leimeie stringersi sulle sue. Si pass la sinistra sul capo. Non pensarci. Non pensare. In lontananza gli parve di sentire un ululato. La voce del mastino. Vi fu un lungo silenzio. Poi, Farnag parl come se nulla fosse accaduto. Tra non molto ci muoveremo, finalmente disse, tenendo gli occhi a terra. Dadakos tornato prima di sera. Da settentrione stanno arrivando colonne di barbari. Molte colonne. Sollev gli occhi verso l'amico. Fritigerno sta levando il campo. La guerra. La guerra sta per ricominciare. III
Villa imperiale di Melantia, circa diciassette miglia da Costantinopoli. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, III giorno prima delle Calende di agosto. [30 luglio 378 d.C.]

Nel cielo notturno, la Lira, Ercole e il Cigno splendevano sopra i fuochi del grande accampamento presso la villa. I soldati, ammucchiati come cose inanimate, riposavano dopo il rancio serale, chiacchierando e giocando prima di ritirarsi per il sonno. Sesto Autronio usc dalla tenda, avvicinandosi ai commilitoni del suo contubernium, raccolti intorno al fal. Si fece largo con malagrazia tra due legionari e si sedette pesantemente a terra. Indic la grossa pentola che sobbolliva sulla brace. Dammi ancora della zuppa, ragazzo. Numerio, di fronte a lui, lo guard con un sogghigno. Prenditela da solo. Hai le mani per farlo. Mentre i legionari ridevano, Sesto Autronio scosse il capo. Non c' pi rispetto per i veterani. Si alz sbuffando e si riemp la ciotola. Torn a sedere, impugnando un cucchiaio di legno. Sorb un primo sorso, scottandosi la lingua. Imprec, posando la ciotola. troppo calda. Poi pass uno sguardo circolare sui suoi commilitoni. Non rispettate pi i veterani ripet.

Sono tempi bui. Piantala, vecchio intervenne un legionario smilzo e olivastro. Mangia la tua zuppa e taci. Sesto Autronio strizz appena gli occhi. Va bene. Tacer. Riprese la ciotola, affondandovi il cucchiaio. E cos non saprete le ultime notizie. Che notizie? domand lo smilzo, sporgendosi in avanti, le mani a coppa sotto il mento, i gomiti appoggiati sulle ginocchia. Gli altri uomini del contubernium smisero di parlare. Sesto Autronio valut soddisfatto gli occhi che lo scrutavano; scroll le spalle e continu a mangiare. Nel suo letto Valente giaceva sveglio. Aveva ordinato di aprire le finestre e la brezza notturna gli rinfrescava la pelle accaldata. Un altro sogno. Un altro incubo. Aveva visto Fritigerno, cos come l'aveva incontrato anni prima, sul Danubio: s'era ritrovato in una pianura assolata e deserta e un uomo, era lontano e indistinto, ma Valente sapeva che si trattava di Fritigerno, camminava rigidamente verso di lui, impugnando una spada sporca di sangue. L'uomo si avvicinava fino a riempire l'intero orizzonte, finch il suo volto si rivelava un teschio dagli occhi vuoti che s'accostava, da presso, sempre pi da presso, e premeva i denti sulle sue labbra. Valente s'era svegliato con un lamento, un'inspirazione forzata che gli aveva fatto dolere il torace. S'era seduto sul letto e aveva gridato ai servi, perch gli accendessero una lucerna. Non voleva pi dormire, quella notte. Forse, non avrebbe mai pi dormito. C' luce, nelle sue stanze. Rutilio, ultimo erede di una illustre famiglia caduta in disgrazia, indic la villa. Non dorme. E fa bene. Sesto Autronio rise sguaiatamente. Lui le conosce, le ultime notizie. Guard Rutilio con sarcasmo. E tu potresti essere con lui, tra i cuscini e le donne, se tuo nonno non avesse dilapidato tutto il patrimonio in puttane. Fellator! Rutilio balz in piedi, la daga in mano, ma gi Numerio gli aveva afferrato il polso, torcendolo e facendo cadere l'arma a terra. Fermo! Numerio costrinse il legionario a sedersi. Poi si volt verso Sesto Autronio. E tu, su, parla. Di che notizie cianci? Sesto Autronio sput un frammento d'osso, sfiorando la spalla del commilitone. Ve ne importa qualcosa, delle notizie di un vecchio? Parla e ti tratteremo meglio. S, racconta intervenne Rutilio. Anche lo smilzo, poco loquace come sempre, fece cenno con il mento, incitando il veterano. Non so Sesto Autronio fece oscillare il capo avanti e indietro. Non so se

ho voglia di parlare. A poco a poco la fiammella della lucerna calava e anche le palpebre di Valente iniziavano ad abbassarsi. Il sonno tornava a intorpidirgli le membra. Buio, un vuoto nero, privo di immagini. Valente scivol in un imbuto oscuro. La fiammella vacill, langu. Si spense. Sesto Autronio sospir. E va bene disse, sporgendo appena le labbra. Visto che insistete.... Si volt indietro. Zantikos! berci. Un soldato grosso e biondo, dal torace imponente come una botte, si sporse dalla tenda pi vicina. Che vuoi? disse. Vieni. Sesto Autronio fece un gesto d'invito. Vieni a raccontare anche a loro quel che mi hai detto. Zantikos si alz goffamente e si avvicin al fal. Camminava con le gambe arcuate, i piedi piatti. Che vuoi? ripet. Siedi con noi e bevi un po' di vino lo sollecit Numerio. Sesto Autronio dice che hai informazioni. Cose grosse, importanti. Ah. Zantikos bevve a lungo, poi si asciug la bocca con il dorso della mano. Quello. Dicci, parla. Zantikos si guard intorno, lusingato da tanta attenzione. Sono tornato da casa mia, in Dacia... esord. Vai avanti lo esort Numerio. L si dice che l'impero alla fine. Intorno al fuoco si fece silenzio. Che intendi? domand Numerio con una voce che non pareva la sua. Che tutti sanno che non siamo in grado di sconfiggere i Goti. Cos si stanno radunando le trib sui confini. Unni, Avari, Alamanni a occidente. Tutti pronti a passare il limes. Sorrise, quasi divertito. Li avremo addosso prima dell'autunno. Lo smilzo guard i suoi commilitoni, gli occhi smarriti. Ma che significa? Noi siamo qui, ci prepariamo a partire per combattere... E tu credi davvero che ci muoveremo? Sesto Autronio sghignazzava. Tutto questo fece un gesto circolare con la mano non che fumo negli occhi. Vittore vuol far credere ai Goti che siamo forti. Rise ancora, battendosi grandi colpi sul ginocchio col palmo della mano. Ma non partiremo mai. Il sonno era una massa nera che gli gravava sul petto. Non c'erano sogni: solo, come molto lontano, il presentimento dei sogni. Ma Valente s'era fatto astuto e sapeva tenersene lontano. Poi, il peso sul petto aument, trasformandosi in un movimento, una serie di scosse che lo scrollavano, lo strappavano a quel buio, lo trascinavano verso la luce. Luce. Si rannicchi come un feto, per non lasciarsi vincere da quella forza. Poi, una voce, fonda e calma.

Destati, Augusto. Destati. Spalanc bruscamente gli occhi. La lucerna era di nuovo accesa e la fiamma danzava alta. Ai piedi del letto, una forma oscura, incombente. L'imperatore lev la mano davanti al volto per proteggersi. Poi la forma si mosse, entrando nella luce tremante della lucerna. Un corpo magro e alto, un viso affilato, seminascosto da una barba nera e folta, su cui i riflessi ritagliavano vuoti d'ombra. Ertegul sussurr Valente. Il monaco gli si avvicin, il volto a pochi pollici dal suo. Lo fiss. L'impero aspetta la tua voce, servo di Dio. Fritigerno s' mosso e cala verso la capitale. tempo di combattere.

Quarto interludio LA CERCA Sal est vita. Sal est imago mortis. Sal Mysticum, XXVIII, 14 ... habitavit locum, cui Salinae nomen est... Gaio Giulio Solino I
In qualche punto della Scizia, a decine di miglia dalla sponda settentrionale del Ponto Eusino. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, XVIII giorno prima delle Calende di febbraio. [15 gennaio 378 d.C.]

Il vento salato. La neve salata. La polvere bianca che stride tra i denti salata. Da giorni l'uomo avanza nella tormenta in una terra desolata. La neve sulla terra sottile, nonostante la bufera. Ma la terra bianca lo stesso, perch sale. Il sale scioglie la neve. Ma il sale bianco. L'uomo ha attraversato luoghi morti. Gogmagog dappertutto e ha portato la morte. Gli alberi sono stati bruciati, gli animali uccisi; uccisi gli uomini. La terra liberata dalla neve e cosparsa del sale che ora lui incontra sul suo cammino. La terra un deserto. Un deserto di sale. La luce viola nel pomeriggio che scende verso la sera, e il sole sembra aver abbandonato per sempre il cielo. Il tempo immobile. Quando arrivano i cavalieri dal volto dipinto di azzurro, l'uomo li sente nel vento. C' odore di metallo nell'aria. Di metallo e di fuoco. L'uomo estrae la spada. La solleva nella tormenta. L'acciaio scuro nella luce catastrofica, ma il pomolo d'oro scintilla sulla spada del kurgan. Sulla spada del re. L'uomo avvista i guerrieri su un basso crinale di sale. Distano meno di un miglio. Si arresta, la spada in pugno. Attende. I guerrieri sono una decina e appena lo vedono lanciano i cavalli al galoppo. L'uomo attende ancora, poi sprona il cavallo con un alto grido. Davanti a lui

corre la sagoma nera del mastino. Non tempo di tattica o di imboscate. Da molti mesi il tempo del sangue. Il dolore alla nuca uno spasimo violento e l'uomo vede solo forme scure di fronte a s. Quando la spada rotea nell'aria gli pare che si sia mossa da sola. Un urto, una resistenza che subito cede, e la testa di uno dei guerrieri cade nel sale. La spada rotea dall'altro lato, lacerando un braccio che libera un getto di sangue. Poi l'uomo si ritrova oltre la linea dei barbari. Frena il cavallo, lo fa voltare, galoppa verso gli avversari, la spada mulinante come se un braccio che non il suo la muovesse. I corpi cadono, uno dopo l'altro, finch l'uomo non resta da solo nella distesa di sale, circondato dai cadaveri. Il sale scarlatto e bruno. Berserker.

Parte quinta MESSE ROSSA Tristissima noctis imago. Ovidio Nascimur uno modo, multis morimur. Cestio Pio

ADUNATA
I
La piana dei pressi di Adrianopoli, Tracia. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, VI giorno prima delle Idi di agosto. [8 agosto 378 d.C.]

Vittore raggiunse la fattoria fortificata lungo la strada per Adrianopoli poco prima di mezzogiorno. Il mattino precedente, le legioni di Valente, circa diecimila uomini, in maggioranza veterani, avevano oltrepassato Nike e s'erano accampate a poca distanza dalle mura di Adrianopoli. Vittore aveva ancora negli occhi la partenza da Melantia, pochi giorni prima. Il brulichio di migliaia di uomini in cotta di maglia, i cavalli, i carri con le salmerie, le macchine da guerra, scorpioni di legno e ferro pronti a schiantare le mura di tronchi dei campi goti. I legionari acclamavano nel mattino limpido, sollevando spade e giavellotti, e nell'aria c'era odore d'acciaio, di sudore e d'estate. Dalla capitale, il popolo era giunto a frotte: uomini e donne, vecchi e bambini, poveri e ricchi, matrone in portantina, rinfrescate da ampi ventagli di piume, e schiavi madidi di sudore, carichi di cesti ricolmi di pane, formaggio, vino. La folla s'accalcava per vedere la partenza dei soldati di Valente; per poter dire: Quel giorno io c'ero. Il giorno in cui si muoveva l'esercito che avrebbe liberato la citt dall'incubo dei barbari. Su un palco di fronte alla villa, il vescovo aveva benedetto gli stendardi sotto l'occhio appagato dell'imperatore e aveva ammonito il popolo ad abbandonare le superstizioni e a non prestar fede ai segni nefasti di cui tanto si parlava nella citt. La verit stava in Dio e l'imperatore l'avrebbe portata anche ai barbari.

Alle parole del vescovo, Valente aveva sorriso con evidente soddisfazione ed era montato su un castrone arabo per passare in rassegna le truppe. Ertegul era stato un'ombra alle sue spalle per tutto il tempo e Vittore aveva cavalcato dietro di loro, in silenzio. Durante l'ispezione, Vittore era stato avvicinato da Frigerido, da poco ritornato dalla Tracia. L'imperatore crede che siano felici di andare a combattere, aveva sussurrato Frigerido, accennando ai soldati; non sa che per il soldo pi alto e per il rancio migliore. Vittore aveva stretto le labbra, senza rispondere, e Frigerido si era allontanato, scuotendo il capo. Le legioni erano partite salutate dal suono delle trombe e dalle grida del popolo, i labari e le insegne oscillanti nel sole del mattino. Si andava alla guerra. Si andava a vincere. Vittore aveva continuato a tacere, oppresso da un disagio che s'era accentuato quando la sagoma di Melantia era scomparsa alle sue spalle. In cielo, un corvo solitario li precedeva. Non li abbandon fino al loro arrivo. E infine erano arrivati. Adrianopoli. II Gli esploratori erano rientrati nel tardo pomeriggio, con la notizia che i Goti, provenienti da Cabyle, erano attestati su una collina poche miglia a oriente della citt. Avevano parlato anche di una fattoria fortificata, non lontana dal Tonzos, il fiume che scendeva da settentrione per gettarsi nell'Hebros vicino ad Adrianopoli. La fattoria era facilmente difendibile e sembrava essere il luogo ideale per valutare il terreno di scontro. Se scontro ci sarebbe stato. Durante una discussione animata, Vittore era stato costretto a opporsi a Valente, che avrebbe voluto raggiungere subito la fattoria per un consiglio di guerra. Non puoi esporti cos, Augusto, aveva detto. Lascia che vada io per primo. La sorpresa era stata che per la prima volta anche il monaco era d'accordo con lui. Cos, all'alba, Vittore s'era messo in cammino, conducendo con s gli uomini di due scholae degli Scutarii, Prima et Secunda, un migliaio di cavalieri catafratti, genti provenienti dal massiccio dell'Emo, destinati a proteggere l'arrivo dell'imperatore. Cassione, uno dei tribuni degli Scutarii, raggiunse Vittore di fronte alle mura della fattoria. Gli si affianc, trattenendo il cavallo, piccolo e nervoso. Gli uomini sono schierati tra la fattoria e le colline, magister. Cassione si appoggi all'arcione di legno. Un semicerchio, come tu hai ordinato, con gli arcieri al centro. Osserv il profilo del magister equitum. Vittore aveva

occhi scuri e vivaci, che balenavano sull'interlocutore per subito posarsi altrove. Ma quel giorno il suo sguardo era lento, distante. Cassione si domand se l'avesse sentito. Bene. Vittore si volt verso meridione. Lungo la strada che avevano percorso erano stati scaglionati altri drappelli. Bene. Possiamo fidarci di Decimo? uno dei miei uomini migliori. Coprir la ritirata, se sar necessario. Cassione sollev l'angolo della bocca. Ma non sar necessario, magister. Vittore assent, pensieroso, fissando le colline davanti a loro. Cassione attendeva, il volto magro impassibile. Dopo un certo tempo diede un colpo di tosse. Che cosa ordini ora, magister? Sfior con i talloni i fianchi del cavallo. Il baio fece due passi in avanti, poi Cassione raccolse le redini, costringendolo a rinculare. Vittore scosse lentamente il capo, come per riprendersi da un breve sonno. Andiamo pi avanti disse. Voglio vedere i Goti da vicino. Cassione annu. Organizzo una scorta. Volt il cavallo, facendolo impennare, e si allontan. Vittore torn con lo sguardo alle colline. Sulla sommit di quella centrale, separata dalle altre da ampi spazi pianeggianti, i carri dei Goti erano disposti in una serie di grandi cerchi. I loro profili angolosi spiccavano contro il cielo come i tetti di una citt. Pi di mille, pens Vittore. Forse duemila. Duemila carri. Quanti guerrieri ci sarebbero stati? Quanta cavalleria? Gli uomini sono pronti, magister. Cassione era gi ritornato al suo fianco. Io e Bacurio verremo con te. Ho affidato il comando a Firmino fino al nostro ritorno. Vittore scroll le spalle. Andiamo disse. Sotto il sole rovente la pianura era brulla, butterata di macchie di rovi e di chiazze d'erba giallastra. Alla loro sinistra, verso occidente, luccicava il corso del Tonzos. Qua e l il vento torrido sollevava nuvole di polvere rossa che offuscavano l'aria. Il sole ritagliava ombre e cose con una luce dura. A destra c' un torrente constat Vittore. Cassione si sfil l'elmo, asciugandosi la fronte. Premette le dita sul naso, adunco e piantato in mezzo al volto come uno stendardo, ed espir con forza, per liberare una narice dal muco. L'ho gi fatto controllare. asciutto. C' siccit, quest'anno. Si gratt una tempia, dove i capelli, costretti dall'elmo, erano corti e schiacciati. A sinistra invece non c' via di fuga. Il Tonzos non guadabile. Nessuna possibilit? No. Cassione sorrise. Da quella parte non avranno scampo. Accenn alla collina. Solo fanteria aggiunse con sufficienza. Affogherebbero. I Goti avevano acceso grandi fuochi intorno ai carri e il vento portava alle narici di

Vittore l'odore della legna bruciata. L'inverno ha falcidiato i cavalli. Bacurio s'era accostato a Cassione. Piccoli, asciutti e bruni, si somigliavano come gemelli. Forse la cavalleria scappata, quando hanno saputo del nostro arrivo. Cassione ripet l'operazione di pulizia con l'altra narice. Potremmo spingerli nel Tonzos. Un attacco di sorpresa. E tutto finito. Vittore lo guard duramente. Cassione e Bacurio erano comandanti esperti, anche se talora avventati, ma non avevano mai perduto l'istintivo disprezzo dei Romani nei confronti dei barbari. I cavalli potrebbero essere nascosti dietro la collina. Per ingannarci. E se attacchiamo potremmo trovarci accerchiati. Spinse il cavallo innanzi. Alle sue spalle, Cassione e Bacurio si scambiarono un'occhiata perplessa. Vittore era molto prudente, tutti lo sapevano. E attribuiva molta importanza a quei Goti cenciosi. Ha paura sussurr Bacurio. Forse. Cassione arricci le labbra. Dovremo convincerlo. Una mossa ardita e vinceremo. Bacurio sorrise. E tu, non hai paura? Cassione sogghign. Solo dell'acqua. Non so nuotare e una vecchia maga, anni fa, mi predisse che sarei morto annegato. Qui non corri questo pericolo, direi. I due raggiunsero Vittore, che s'era arrestato fuori dalla portata degli arcieri goti, riuniti in prima fila sul versante. Sulla collina nessuno sembrava curarsi di loro. Vittore poteva vedere gli uomini riunirsi intorno ai fuochi per mangiare. Sono tranquilli disse. Saranno meno tranquilli, domani mormor Bacurio. Rientriamo disse Vittore. Tra poco arriver l'imperatore. Tornarono indietro e affidarono i cavalli agli stallieri, che li condussero negli stabbi, riforniti di fieno e di paglia fresca. Nahur, il cubiculario di Valente, era gi arrivato e aveva organizzato la fattoria come una villa estiva. Vassoi di cibo fresco erano stati preparati e i servi erano disposti negli angoli delle sale, taciti e immobili. Con un inchino pieno di dignit, Nahur salut Vittore e lo guid nell'aia, dove erano stati tesi grandi teli bianchi per ripararsi dal sole ardente. Non c'era ancora nessuno. Il cubiculario scomparve, silenzioso come sempre, e Vittore sedette su uno degli sgabelli pieghevoli, a pochi passi dal tavolo dove era distesa la pergamena giallastra sulla quale era stata tracciata una mappa dei dintorni, da Adrianopoli a Nike, qualche miglio a meridione. Il fiume. Il letto del torrente in secca. Due cerchi a segnare le citt; un altro, pi piccolo, per indicare il campo romano. Le colline. Un cerchio di monete d'argento segnava la posizione dei Goti. Valente tardava, probabilmente trattenuto a colloquio con Ricomere, il

comes domesticorum giunto la sera prima dall'Occidente con notizie di Graziano. Il giovane imperatore comunicava che era in arrivo. Non attaccate, aveva detto Ricomere. Temporeggiate. Li prenderemo in una morsa. L'aria sapeva di fieno e di concime. Senza pensare, Vittore si alz e sal gli scalini che conducevano alla cima del muro a protezione della fattoria. Il sole lo invest come acqua bollente. Si fece schermo con la mano: la collina era una massa scura contro il cielo e i movimenti dei Goti erano indistinguibili. Segu con gli occhi un immaginario semicerchio. Rotondo come la mia fronte, pens. A occidente il Tonzos, a oriente il letto asciutto del torrente senza nome. Le mura di Adrianopoli s'intuivano in lontananza, bianche e minuscole come sassi. Alz gli occhi, richiamato da un gracchiare acuto. Sopra di lui, un corvo volava in cerchio. Si domand se fosse lo stesso che li aveva seguiti da Melantia. Il corvo nero. Anche la morte nera. A distoglierlo dalle sue riflessioni fu una voce che lo chiamava. Una voce bassa, rauca. Un brivido inatteso gli corse lungo la schiena. Ai piedi della scala un uomo alto, ossa e muscoli, guardava verso di lui, sorridendo. Indossava vesti palesemente nuove, con le insegne dei Gentiles Seniores. Le insegne del magister. Vittore lo fiss perplesso, irritato. Poi, lentamente, il suo viso si schiar. Tu. La sua voce vacill. L'uomo aveva i capelli completamente bianchi. Lo vide salire lentamente, fino a fermarglisi di fronte. Poteva sentire il suo odore. Sudore fresco e metallo. Sono tornato disse l'uomo. Da molto tempo e da molto lontano mormor Vittore. Batraz. Solo nel pronunciarne il nome gli parve che l'uomo che aveva di fronte prendesse corpo. Si potesse toccare. Allung una mano. Lo sfior. Da molto tempo e da molto lontano. Batraz si pass le dita tra i capelli. Sono cambiato. Vittore lo guard senza parlare. Cos cambiato? domand Batraz. Vittore gli appoggi la mano sul braccio. Hai molto da raccontare. Squilli di tromba echeggiarono poco lontano. Vittore si volt bruscamente. L'imperatore. Batraz annu. Lo precedevo di poco. Gli hai parlato? S. Ha perdonato la mia assenza. Sa che sono qui per combattere per lui. E il monaco?

Non s' opposto. Sono strane le cose che accadono. Vittore scosse il capo. Non abbiamo tempo di parlare aggiunse. Dobbiamo scendere. Guard l'amico con occhi ombrosi. Hai molto da raccontare ripet. Ma ci sar tempo. Tempo. Batraz sorrise, indicando la collina. Il fumo dei fal saliva immobile verso il cielo. Ci sar tempo? III Con un gesto Valente fece avvicinare uno schiavo, pescando una quaglia dal piatto che gli veniva teso. Ne mastic una coscia e gett il resto a terra, ai mastini che lo avevano accompagnato e che sorvegliavano i suoi gesti, il naso vibrante a ogni traccia d'odore. Quanti pensi che siano, Vittore? domand, la voce neutra. Senza guardare nessuno dei presenti prese il calice e bevve a piccoli sorsi. Sedeva all'ombra dei teli, la pelle, pallida e sudata, tesa sugli zigomi lucidi, gli occhi cerchiati da un'ombra livida. L'armatura da parata che aveva voluto indossare gli sagomava sul petto muscoli d'acciaio. In piedi alle sue spalle, Ertegul, il volto privo d'espressione, le braccia segnate da cicatrici biancastre. Riuniti attorno al tavolo, i generali bevevano parsimoniosamente, scambiandosi sguardi di sottecchi. Gli occhi di Sebastiano setacciavano i presenti, animati e ironici. Accanto a lui, Frigerido, i capelli che formavano un velo biondo sul cranio, masticava svogliatamente un pezzo di focaccia. Ricomere non toccava cibo: severo e taciturno, sembrava volersi tenere lontano da tutti gli altri. Pi discosto e confuso tra gli altri ufficiali, avvolto nella tunica come se avesse freddo, Saturnino fissava intento l'imperatore, lo sguardo febbrile. Che ci fa lui qui, aveva domandato Batraz vedendolo arrivare. A Marcianopoli fuggito. Vittore lo aveva ammonito con gli occhi e Batraz aveva visto Saturnino sussurrare brevemente all'orecchio del monaco. Poi Ertegul aveva preso il suo posto dietro Valente e Saturnino s'era allontanato, nascondendosi dietro le spalle squadrate di Ricomere, senza dar mostra d'avere visto Batraz. I carri sulla collina sembrano pi di mille. Vittore sfior la pergamena con l'indice. Potremmo pensare a diecimila guerrieri. Cavalleria? Valente socchiuse l'occhio destro per ripararlo dal sole. Vittore esit. Fu Cassione a prendere la parola. Non se ne vede, Augusto. Solo fanteria. Solo fanteria... Valente si pass la mano sul mento. Forse i cavalieri sono lontani, a cercare provviste.

Potrebbe essere un inganno, Augusto. La voce di Ricomere era fredda. Non sappiamo quando potrebbero ritornare. Vittore annu. Ricomere ha ragione. Se attacchiamo ora, il rischio di venire sorpresi. Fritigerno potrebbe aver nascosto la cavalleria dietro la collina. cos, Augusto. Ricomere era incalzante. Attendiamo tuo nipote. Circondiamo i Goti. Non permettiamo loro di muoversi e aspettiamo l'arrivo di tuo nipote. Arriver presto, dalla strada di Filippopoli. Potremo schiacciarli, allora. Non ho bisogno di altre truppe! Valente si alz bruscamente, facendo cadere la sedia. Passeggi all'ombra dei teli, le mani intrecciate dietro la schiena. Non ho bisogno di nessuno. Nemmeno di mio nipote. Voglio farla finita. Ora! Rivolse lo sguardo verso Ertegul, come in cerca di sostegno, ma il monaco rimase impassibile, il viso immerso in una chiazza di sole. Nel silenzio rotto dalle cicale, Nahur scivol nell'aia. Esit, vedendo l'espressione dell'imperatore, poi si accost a Ertegul, parlandogli a bassa voce. Augusto. La voce del monaco risuon come un richiamo. Un'ambasceria. Un inviato dai Goti. Chi? Marcello, il prete che tu conosci. Ha seguito Fritigerno in questi mesi. Dietro mio ordine. Dietro tuo ordine mormor Valente. Tutti ordinano, ora. Tutti comandano. Sorrise senza scoprire i denti. Fallo passare, allora. A un cenno di Ertegul, le guardie presso la porta fecero entrare il prete. Marcello attravers l'aia, il capo chino, gli occhi che saettavano sui presenti. S'inchin profondamente di fronte a Valente e rimase in attesa. Parla, prete. Che cosa vuole dirmi Fritigerno? Marcello si strofin nervosamente le mani. Parla, fratello. Esort Ertegul dolcemente. I suoi denti balenarono bianchi nel sole. Augusto. La voce di Marcello trem. Il prete si schiar la gola. Augusto, il reiks dei Goti ti manda a dire che pronto a ritirarsi. Tra i presenti si lev un mormorio, subito chetato da un gesto di Valente. Dio lo ha consigliato, allora. Marcello esit, fissando l'imperatore. Che altro? domand Valente, voltandogli la schiena. Fritigerno chiede che vengano rispettati i patti. Chiede cibo e casa per la sua gente. Le dita di Batraz si contrassero, mentre il Sarmata fissava Ertegul. Il monaco aveva di nuovo sorriso, poi le sue labbra si erano chiuse e il volto era ritornato impenetrabile. Valente aveva ascoltato senza girarsi. Le spalle gli si contrassero, mentre alzava una mano. Taci, ora! Marcello fece due passi indietro, le mani che toccavano

freneticamente la croce di legno che portava appesa al collo. Porta a Fritigerno questa risposta scand lentamente l'imperatore. Se vuole ritirarsi, lo far senza condizioni. Gli permetter di farlo. Torner verso il Danubio, scortato dalle mie legioni e l si accamper. Solo allora decider che fare. Si volt verso il prete. Digli che implori la misericordia di Dio e di Roma. E forse la sua gente potr avere cibo e casa. Va', ora. Senza dire nulla, Marcello torn a inginocchiarsi. Si rialz e spar oltre la porta della fattoria. Con un grande sorriso, Valente si rivolse a Ertegul. Fritigerno ha paura. Il monaco annu lentamente. Valente torn verso il tavolo. Batt il pugno sulla pergamena. Ritorniamo al campo. Domattina, all'alba, ci muoveremo. Sebastiano sorrise. la scelta giusta, Augusto. L'imperatore parve non sentirlo. Quanti uomini hai con te? domand a Batraz. Poco meno di cinquanta, Augusto. Sufficiunt. Gli Scutarii ritorneranno con noi al campo. Alz la mano e Bacurio scatt in piedi. Avrete l'ala sinistra, domani. Bacurio annu. Valente lo fiss a lungo. Nessuno deve prendere iniziative senza il mio ordine. chiaro per te, Bacurio? Tratterr i miei uomini, Augusto, ma hanno desiderio di combattere. Che lo conservino per il momento giusto. L'imperatore si rivolse a Batraz. Tu avrai il comando dell'ala destra. Ma stanotte resterai qui. Voglio che la fattoria sia presidiata. Domattina, prima del sorgere del sole, farai una ricognizione e mi riferirai. Valente aggrott la fronte. Potremo essere qui all'ora ottava o alla nona. Avremo tutto il pomeriggio. Baster, Augusto. Sebastiano era in piedi, gli occhi socchiusi e luccicanti. Baster, s. Certo. Valente strinse i pugni. Domani vi dar le disposizioni finali. Ma il nostro piano sar il solito. Attaccheremo e circonderemo i Goti con la cavalleria delle scholae. Poi toccher alle legioni fare il loro lavoro. Fiss il sole. Domani sussurr tra s. Affrettati, tempo.

SCHIERAMENTO
I
La piana nei pressi di Adrianopoli, Tracia. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, V giorno prima delle Idi di agosto. [9 agosto 378 d.C.]

Era l'alba. Cinque giorni alle Idi di agosto. E nell'alba l'aria era fredda, nonostante la stagione, e il cielo ancora buio, eccetto che per un chiarore argenteo che defluiva lento dall'orizzonte. Batraz smont da cavallo e si avvolse nel mantello. Si inoltr in una macchia di ulivi, risalendo per un lieve pendio fino alla sommit calva di un poggio. Il terreno sotto i suoi piedi era duro e friabile. Si chin a frugare tra l'erba: piogge scarse, terra asciutta. Un buon terreno per la cavalleria, anche se poco elastico. Non si sarebbe dovuto chiedere troppo ai tendini dei cavalli. La pianura circondava la fattoria in ogni direzione, delimitata a settentrione da un semicerchio di basse colline, ancora nero contro il nero del cielo. Dove l'alba aveva gi raggiunto la terra, l'erba riarsa luccicava giallastra, mentre gli uliveti e i vigneti che fiancheggiavano il Tonzos rimanevano in ombra. Sulla collina centrale, i fuochi dei barbari erano spenti. Non si vedeva nulla, nemmeno un movimento, e i carri parevano animali addormentati. Per un momento Batraz pens che i Goti li avessero ingannati e fossero riusciti a trovare il modo di muoversi senza essere visti. Ora sarebbero stati gi l, addosso alle legioni in procinto di mettersi in marcia. Forse i carri erano vuoti, l'accampamento deserto. Un tranello. Scacci con irritazione l'idea. Dietro di lui si snodava la strada in terra battuta che proveniva da Adrianopoli. Ancora qualche ora e una nube di polvere avrebbe annunciato l'arrivo di Valente. Verso oriente, a quasi un miglio di distanza, un edificio tozzo, diroccato. Le rovine di una cappella e di una serie di celle abitate dai monaci, devastate da un'incursione di barbari pi di dieci anni prima. Batraz le aveva controllate il pomeriggio precedente. Sotto i tetti, quasi del tutto crollati, i muri sfasciati rivelavano un labirinto di corridoi e di stanze. Sulla facciata della cappella, una croce sghemba indicava il settentrione. Un luogo difendibile, aveva pensato. Un possibile rifugio, se le cose si fossero messe male. Si massaggi la nuca, senza motivo.

Nessun dolore; nessuna sensazione. Eppure oggi sarebbe stata battaglia e proprio quella notte lui aveva sognato il mastino del dio. Ma non voleva ricordare il sogno. Il suo mastino; s'era abituato a pensarlo cos. Ma ora il dio pareva averlo abbandonato. Negli ultimi tempi, era stato da solo: battersi e uccidere era stato come macellare delle bestie: un lavoro meticoloso, da eseguire con il minor dispendio possibile di energie. Gli uomini che aveva ucciso non avevano volto n sguardo. Era stato come se a combattere fosse stato un altro. Sent un passo lungo il pendio alle sue spalle. Non si volt, e quasi subito una mano fresca gli tocc il collo. Pieg la nuca all'indietro, accogliendo la carezza. Eccoti, magister. Nessuno sapeva dove fossi andato. Leimeie aveva un sorriso ironico sulle labbra. Magister? Oggi non sei il mio uomo. Sei il mio capo. La ragazza batt con il palmo sul fodero della spada che portava al fianco. Aveva strisce azzurre fresche sugli zigomi. Batraz le sollev il mento, tenendolo tra pollice e indice. Sei ancora in tempo per tornare indietro. Dodoi potrebbe accompagnarti e ad Adrianopoli saresti al sicuro. E chi ti proteggerebbe le spalle? Senza smettere di fissarlo, Leimeie lo abbracci, e lui sent sotto le mani il suo corpo sottile e muscoloso. Allora... ricorda la cotta di maglia. La ricorder. Si separarono e scesero per il declivio. Il sole stava salendo, ma sopra di loro il cielo era ancora grigio. Dal fiume si levava una nuvola di foschia attraversata dagli stridii degli aironi. Batraz si sfil il mantello, gettandoselo su una spalla. Sar una giornata torrida. Leimeie gli si par davanti, costringendolo a fermarsi. Gli pass le dita sulla fronte, tergendogli una goccia di sudore; si port i polpastrelli alla bocca, leccandoli. Vuoi fare l'amore? Spinse il ventre contro il suo. Un senso di calore nei lombi. No. Batraz le prese la mano, accarezzandola con le labbra. Piccoli calli, palmo duro come cuoio, dove premeva l'elsa della spada. Lo faremo dopo. Quando tutto sar finito. Sent un vuoto nel petto. Un dolore. Quando tutto sar finito. Leimeie annu. Parve che un'ombra le passasse sul volto. Una nuvola. Forse. Vieni. Andiamo al fiume. Raggiunsero i canneti, dove l'aria era ancora fresca, e si sdraiarono tra l'erba, senza parlare, sfiorandosi a lunghi intervalli. A mano a mano che il sole saliva, il cielo si faceva azzurro come una lastra. Hai fame? domand Leimeie. Ho del formaggio fresco. Mangiarono il

formaggio acido e bevvero da una pozza tra le canne. Gli aironi ora tacevano e il sole era alto, a picco. Batraz guard le ombre corte e nere e si alz con sforzo evidente. ora di andare. Respir a fondo l'aria fresca, l'odore dell'acqua. Tra poco le legioni saranno qui. Tornarono indietro, accompagnati dal fischio di un uccello nascosto nel folto. Le canne si scostarono e un martin pescatore frull verso il pelo dell'acqua, come una lama azzurra. La pianura era inondata di luce. Sulla collina, tra i carri goti, nessun segno di vita. A meridione, ancora lontana lungo la strada, si levava una grande nube di polvere rossastra. II Waduulf salt a terra, sorreggendosi con la mano sulla fiancata del carro. Fece un cenno rivolto a Fritigerno, seduto con altri capi intorno a un fuoco di braci. Stanno arrivando? Il reiks aveva occhi febbrili, segnati da aloni lividi. Si alz, con il movimento brusco di chi attende una notizia. Waduulf assent con il capo. Nel campo bruciato dal sole regnava il silenzio. Donne e bambini occhieggiavano dai teli grigi che coprivano i carri, mentre i fuochi erano controllati dai guerrieri stessi, in armi, cotte gi indossate ed elmi sul capo, lance in mano, punta rivolta a terra o verso il cielo. Tutto, pens Fritigerno, era pronto. Tutto quel giorno gli pareva fatidico, anche i grandi buoi accosciati a ruminare, le mandibole che ruotavano flemmaticamente. Anche la luce, bianca e inclemente, che non lasciava nulla in ombra. Una nuvola di polvere. Waduulf lo fiss. Lungo la strada di Adrianopoli. Vengono per combattere. Come tu hai detto. Il reiks si volt, cercando gli occhi degli altri capi. Alatheus? chiam. Il gigantesco capo dei Greutungi annu senza parlare, imitato dal suo compagno Saphrax, seduto accanto a lui. Si alzarono entrambi, per raggiungere i loro guerrieri. Nell'allontanarsi, Saphrax strinse la spalla di Igila, accoccolato vicino al fuoco, come se avesse freddo anche in quel giorno rovente. Il vecchio sorrise, alzando lo sguardo cieco verso il sole. Fritigerno si accost a un varco tra i carri. Appoggiato a una ruota, Marco osservava la pianura, seguendo con lo sguardo le sagome lontane di due cavalieri che ritornavano verso la fattoria fortificata. Quanti pensi possano essere? Fritigerno gli si accoccol accanto. Marco sussult. In uno di quei due gli era parso di riconoscere la ragazza

che lo aveva ferito e umiliato. Il braccio prese a pulsargli. Impossibile dirlo finch non saranno in vista. Aveva parlato con voce ferma, controllando il dolore. Ieri sera Ghiveric ha parlato di diecimila uomini. Pi la cavalleria. Marco si pass le dita tra la barba, scura come il nerofumo. Il tono inquieto di Fritigerno lo aveva colpito. Tuo fratello pu avere ragione. Con una smorfia assest meglio la spalla contro la ruota. Non di pi, certo. Valente non avr voluto sguarnire il confine con la Persia. E gli Alamanni ci hanno detto che l'esercito d'Occidente in cammino. Ma certo non arriver n per oggi n per domani. Meno di ventimila uomini, quindi. Fanti e cavalleria pesante. E arcieri. Molti arcieri. Se conosco i generali di Valente, gli arcieri occuperanno il centro, a oriente della fattoria e del fiume. Pianteranno dei pali appuntiti nel terreno e aspetteranno il momento giusto. Non voglio attaccare per primo. Fritigerno tamburell con le dita tra l'erba secca, facendola frusciare. Ma nemmeno attendere troppo. Non sappiamo quando arriver Graziano. Allora devi provocarli. Marco lo fiss. O far loro credere di essere in vantaggio. Sogghign. I Romani hanno molta fiducia in se stessi. Fritigerno annu. Troppa, forse. Senza staccare gli occhi dalla strada in lontananza, Fritigerno alz la mano. Al suo cenno, Waduulf si chin a sussurrare poche parole all'orecchio del pi anziano tra i capi. La nuvola di polvere si stava avvicinando. Oltre la cortina rossastra si intravedeva lo scintillio del metallo. Pensano gi di essere in vantaggio mormor Fritigerno. Baster schierarsi e attendere. Alle sue spalle, i guerrieri si stavano radunando. Fritigerno osserv le schiere, i volti gravi degli uomini in prima fila. Altri continuavano a giungere dal versante opposto della collina. Rivoli di guerrieri, abbigliati con i colori scuri dell'autunno. Il cerchio di carri si stava riempiendo di migliaia di uomini, mentre le donne cercavano con gli occhi i loro compagni, sollevando i figli pi piccoli perch potessero vederli. Quando Waduulf torn indietro, si accost al reiks. La cavalleria? domand. Fritigerno osserv il sole. C' tempo. Che facciamo, ora? Andiamo a farci vedere dai Romani. Fate spiegare gli uomini. E attendiamo. Sollev appena gli angoli delle labbra, in un sorriso sottile. In silenzio, finch non ve lo dir io.

III Traiano sta schierando la fanteria. Il morello di Sebastiano scalpit, gli zoccoli che raschiavano il terreno asciutto e biancastro. Oggi la faremo finita. Frigerido accanto a lui approv con un gesto del capo. Valente premette le dita sull'angolo dell'occhio malato, costringendolo a fissare in avanti. Cos sia mormor. Quel giorno la corazza gli pareva pesare pi del solito. Mosse una spalla, a disagio, cercando sollievo. Inarc la schiena, percependo uno scricchiolio corrergli lungo la colonna vertebrale. Erano su un poggio riarso, coperto di ulivi pietrosi e contorti, a poche pertiche dal corso vorticoso del Tonzos. Un gruppo di generali con il loro imperatore, accompagnati dalla scorta e da un drappello di cavalieri in equipaggiamento leggero, pronti a lanciarsi verso le truppe per portare gli ordini dell'imperatore. Con la coda dell'occhio sano, Valente poteva vedere Vittore, un po' discosto e scuro in volto. Alle sue spalle, nascosto dietro la sagoma massiccia di Ricomere, spuntava appena il volto paffuto di Saturnino, tacito come sempre. Il vento rovesciava le foglie degli ulivi, facendole luccicare come scaglie metalliche. Nella pianura, le legioni si disponevano in ordine di combattimento. Uomini quasi a contatto, file serrate, irte di lance, gli scudi rotondi disposti a formare una barriera. Il sole picchiava come una mazza sulla nuca e le cotte di maglia erano ruvide e pesanti: dove non arrivavano le tuniche, gli anelli metallici segnavano strisce rossastre e rigonfie sulla pelle. Nel riflesso abbagliante dei dragoni dorati degli stendardi i soldati seguivano rapidi gli ordini gridati dai sottufficiali. Di fronte a loro, una massa oscura e immobile. I Goti avevano abbandonato il cerchio di carri ed erano schierati in cima all'altura. Attendevano in silenzio, ordinatamente, le cotte e le armi luccicanti come denti esposti al sole. Ecco gli auxilia. Frigerido accenn in basso. I reparti barbarici, poco pi di un centinaio di uomini ciascuno, tutti altamente addestrati, si stavano sistemando sui fianchi delle legioni. Gli scudi dei Lanciarii, al centro dello schieramento, mostravano il loro sole dorato in campo scarlatto. Alla loro destra erano gi disposti i Mattiarii, una crux decussata al centro dello scudo e quattro frecce rivolte ai punti cardinali. Una testuggine irta di punte e di lame. Gli uomini migliori mormor Sebastiano. Toccher a loro l'impatto. Come le falangi di Alessandro approv l'imperatore. I soldati si muovevano orgogliosi, precisi come i pezzi di uno strumento collaudato da secoli. Dopotutto, quella non era che una battaglia. Una delle tante, anche se

preceduta da Marcianopoli e Ad Salices. La cavalleria gota? Non ce n' traccia, Augusto. Valente annus l'aria. L'odore secco della polvere presto sarebbe stato sovrastato da quello del sangue. Quello era il giorno del sangue, il suo giorno. Dopo Adrianopoli, si sarebbe parlato di Valente. Non pi di Valentiniano. Non solo di Graziano. Colto da un pensiero improvviso, si volt verso Vittore. Ertegul? Il generale fece avvicinare il cavallo. Sul suo volto era passato un moto di disprezzo, subito represso. Il monaco non s' visto. Fallo cercare. Lo voglio al mio fianco. Come tu ordini. I soldati continuavano a disporsi, muovendosi rapidamente, formando sul terreno figure geometriche che altrettanto in fretta si disperdevano, per tornare a delinearsi. L'ala sinistra, verso il Tonzos, era ancora sguarnita. Gli Scutarii, alla retroguardia durante la marcia, erano in ritardo. Di fronte ai fanti, gli arcieri avevano piantato dei pali aguzzi e si erano inginocchiati dietro a essi, ginocchio piegato, arco in pugno. Qualche freccia era gi partita, ma subito i sottufficiali avevano ristabilito l'ordine. Valente gett uno sguardo alle spalle. Gli Scutarii erano in arrivo e Batraz, con i Gentiles Seniores, aveva gi preso posto all'ala destra dello schieramento. Tutto era in ordine. Ma Ertegul, Ertegul, dov'era? IV Gli ordini sono di disporsi all'estremo dell'ala destra, a oriente degli altri reparti. Farnag scrutava attento i catafratti che sfilavano davanti a lui e a Batraz. Facendo avanzare il baio di un passo, ne ferm uno, indicandogli la lancia. L'uomo la sollev, facendola luccicare nel sole. vecchia, ma l'ho affilata ieri sera. Sorrise. una buona lancia. Mi ha gi servito bene. Farnag fece un cenno d'assenso. Va', allora. A destra avremo quest'altro fiume in secca. Batraz accenn verso meridione. Percorrendolo si pu raggiungere quella chiesa diroccata. Una buona via di fuga. Per noi o per loro? sorrise Farnag. Tu pensi che ce la faremo? Farnag non rispose subito. Sembrano meno di noi. Torn a voltarsi verso lo schieramento dei Goti. Sono silenziosi. Non c'ero abituato. E non si vede la cavalleria. Proprio cos. Nel grande vuoto della pianura, Batraz si accorse d'aver mormorato. Proprio cos ripet.

Ma noi l'abbiamo vista, quando seguivamo Fritigerno. E allora? Batraz scroll le spalle. La vecchia cotta di maglia gli aderiva sul corpo come una seconda pelle. Un vestito. Sebastiano ha convinto l'imperatore che sono andati a cercare foraggio. E dove? Lontano, a settentrione. Dove fa meno caldo e l'erba non cos secca. Sotto gli zoccoli dei cavalli gli steli giallastri si sbriciolavano, aridi. Quindi pensa che non arriveranno in tempo? Cos pare. Farnag si appoggi all'arcione, sollevandosi dalla sella. Ho gi le vesciche sul culo si lament. E me ne verranno altre, oggi. Si fece pensieroso. E tu che ne pensi? Delle tue vesciche? O del tuo culo? Una risata rapida, secca. Della cavalleria. Penso che, se Valente conoscesse meglio Fritigerno, non si fiderebbe. Lo credo anche io. Farnag si sporse per vedere meglio il fiume in secca. Quella chiesa in rovina potrebbe esserci utile, allora. Con un sorriso amaro, Batraz diede un colpo di talloni sui fianchi del suo sauro. Tra i Gentiles Seniores che sfilavano, cinquecento uomini; i suoi uomini, aveva scorto il corpo grosso e pesante di Dadakos passare accanto a Dodoi. Li chiam con un gesto. Il viso del ragazzo sotto l'ogiva dell'elmo era pallido e risoluto. Voi due, ricordate. Non dovete mai perdere di vista la ragazza. Batraz indic il fondo della fila di cavalieri, dove, tra i mantelli neri, oscillava la treccia bionda di Leimeie. Mai. Se non volete vedervela con me. I due cavalieri annuirono. Poi, Dadakos apr la bocca in un sorriso, mostrando i grandi denti cariati. Stanne certo, magister. Temo molto di pi la tua rabbia di quella dei Goti. Fai bene. La mia rabbia il tuo inferno. Osservando il volto immobile di Batraz, lentamente Dadakos richiuse la bocca, facendosi serio come un bambino rimproverato. Saremo sempre al suo fianco Dodoi si affrett a intervenire. Puoi esserne sicuro, magister. Lo so. Mi fido di voi. Li salut e i due si allontanarono per raggiungere Leimeie. Le si affiancarono e Dodoi le si accost, sussurrandole poche parole all'orecchio. Le labbra della ragazza si contrassero, mentre cercava con lo sguardo Batraz. Gli pass davanti, seguita dalla sua scorta, fissandolo con occhi duri e irosi, senza una parola. Forse la sua rabbia il tuo inferno, amico mio. Farnag aveva un lampo divertito negli occhi. Puoi dirlo forte. Batraz annu. Ma anche se io non credo nell'inferno, penso che sar oggi. E non sar certo come la rabbia di una donna.

Hai cattivi pensieri? Stanotte ho sognato il cane. Il mastino di Simargl. Aveva il muso imbrattato di sangue. E tra i denti teneva una corona. Non necessariamente un cattivo auspicio sussurr Farnag. Batraz si volt bruscamente, fissandolo, finch Farnag non distolse lo sguardo. C'era una donna a terra. Non ho visto il suo volto. Tacquero, poi Farnag allung una mano e la pos sulla spalla dell'amico. Sar quel che sar. Non siamo noi a decidere il nostro destino. Tolse la mano. Guarda disse poi. Cassione e Bacurio sono in arrivo. Sono buoni guerrieri. Tu li conosci bene? Batraz annu. Bacurio viene dal Caucaso. Sa combattere. Ma avventato. Ci penser Vittore a tenerlo a bada. Lo spero. Batraz raccolse le redini. Tu rimani qui. Io vado a parlare con Vittore. Si allontan al piccolo trotto, verso il poggio che sovrastava il Tonzos. Farnag lo guard mentre si allontanava, nero come pece contro il chiarore calcinato del giorno. V Siamo di nuovo qui. Sesto Autronio si appoggi allo scudo. Un'altra bella giornata, ci aspetta. Sput nell'erba polverosa. Poi sollev lo sguardo, fissando il sole. E si crepa di caldo. Numerio annus l'aria. C' odore di merda. Qualcuno se la sar fatta addosso Sesto Autronio ghign. Con il gomito allontan un legionario che gli sfiorava la spalla. Siamo troppo vicini. Se quelli ci attaccano non possiamo neanche tirar fuori la spada. Si sporse verso destra. Ehi tu, Rutilio. C' puzza di merda. Ti sei cagato addosso? La fila di uomini fu attraversata da una risata che si sollev come un'onda, mentre Rutilio, i denti scoperti, sporgeva verso il compagno la mano con il medio alzato. Digitus impudicus! Sesto Autronio sghignazz, un filo di saliva che gli colava dalla bocca. Non farti vedere dalle ragazze, Rutilio. Altrimenti quel dito te lo ficcherebbero loro. Silenzio! Una voce rugg poco lontano. Di botto, i legionari tacquero, raddrizzando il dorso e fissando in avanti. Manlio, il tribuno, pass tra le file. Silenzio. Siete soldati di Roma o cani bastardi? Con un ramo che teneva in mano il tribuno assest una sferzata nel mucchio. Dopo un ultimo sguardo iroso, si allontan a grandi passi. Woof, woof abbai piano Sesto Autronio. Ammicc allo sguardo scandalizzato di Numerio. Siamo cani, no? Cani bastardi.

IV Marco si asciug il sudore che gli colava negli occhi. Indossava una casacca di lana marrone, cucitagli dalla moglie di Waduulf, troppo pesante per il clima. Quanto dovremo aspettare ancora? Erano in prima fila, sul bordo del declivio che conduceva alla pianura, dove le legioni si muovevano rigorose come formiche guerriere. Si stanno schierando. Non li coglieremo mai di sorpresa. Waduulf non si volt nemmeno. Aspetteremo finch non ce lo dir lui. Accenn verso il centro della fila, dove il cavallo grigio di Fritigerno spiccava tra gli uomini appiedati. Il gigante sospir. E non possiamo nemmeno urlare. E credi che le tue grida farebbero paura ai Romani? No. Ma mi farebbero certo pensare di meno al caldo. Waduulf appoggi sul terreno la mazza, la fece ruotare, scavando una buca nella terra argillosa, e vi grav con tutto il suo peso. E mi fa anche male la schiena. Con la sinistra, assest meglio sulle spalle i foderi delle due spade. Ma le hai sempre usate entrambe? Lo sguardo di Marco era incuriosito. Ho imparato dai Sarmati. Ricordi il luogotenente di Batraz? Farnag? Non l'ho mai visto combattere. Sei stato fortunato, allora. Ma oggi imparerai qualcosa. Marco sollev le sopracciglia, perplesso. Guarda! L'esclamazione di Waduulf lo riscosse da pensieri poco piacevoli, dove danzavano vorticosamente due lame gemelle. Guarda ripet il Goto. Intorno a Fritigerno s'era formato un assembramento, dominato dalle ampie spalle di Alatheus. Fritigerno era smontato e discuteva animatamente con il Greutungio. Saphrax, alle sue spalle, annuiva con vigore. Si prepara qualcosa sussurr Marco. Vennero condotti dei cavalli dal cerchio dei carri e una mezza dozzina di guerrieri vi montarono. Uno di loro si sporse dalla sella per ricevere da Fritigerno quello che sembrava un papiro avvolto in una striscia di tessuto rosso. Poi i cavalieri, al comando di un guerriero anziano, s'incamminarono lungo il pendio. Vanno a negoziare constat Waduulf. Negoziare? Ma oggi si combatte. Marco si aggrapp al braccio di Waduulf, cercando di sporgersi oltre il mare di teste e di elmi che lo circondava. Due dei cavalieri si erano distaccati dal gruppetto e galoppavano verso settentrione. Hai visto? La sua voce era incalzante. Alatheus e Saphrax se

ne vanno. Si volt verso Waduulf. Ci abbandonano! Aspetta qui. Waduulf dischiuse le labbra, mostrando i denti come un cane e sgusci via tra la folla dei guerrieri. Attorno a Marco gli uomini sembravano eccitati pi che sorpresi. Molti sorridevano, scambiandosi pacche sulle spalle, altri passavano le mani sulle spade e sulle lance con qualcosa di molto simile all'affetto. Nonostante il lungo tempo che aveva passato con loro, pens Marco, non li avrebbe mai capiti del tutto. Forse era per quello che barbari e Romani dovevano battersi. Non c'era posto per entrambi nell'impero. Forse non ce n'era nel mondo. Che succede? si decise infine a domandare a un guerriero che lo spingeva per avvicinarsi di pi alla prima linea. tempo di battaglia lo rimbecc l'altro, infilandosi con le spalle tra la folla e raggiungendo il ciglio della collina. Ecco quel che succede. Marco lo fiss stupito. Ma sono appena partiti per andare da Valente. Il guerriero lo guard con sufficienza. per questo che tra poco combatteremo. Marco tacque. Il suo stomaco era un groviglio. Paura, certo, come prima di ogni battaglia. Strinse la sinistra intorno all'impugnatura dello scudo, dominando le fitte di dolore che gli provenivano dalla spalla. Paura e dolore. Non c'era altro. Pens ai bambini che aveva fatto uccidere presso il Danubio. Si domand perch gli venissero in mente proprio allora. Pareva un tempo infinitamente lontano. VII Quando Batraz raggiunse il poggio, i cavalieri goti erano a poche decine di pertiche di distanza. Li vide attraversare la terra di nessuno tra i due schieramenti, al passo tra l'erba bruciata dal sole, preceduti dall'insegna su cui era dipinta con mano incerta una testa di lupo. Si attard a osservare le loro ombre che iniziavano ad allungarsi. Il pomeriggio avanzava. Batraz spron il baio lungo il pendio e super al galoppo Saturnino, isolato sul crinale, inzaccherandogli di terra e sabbia il mantello. Salut Ricomere con un cenno del capo e trattenne bruscamente il cavallo accanto a Vittore. Il baio, non abituato a una mano cos pesante, inarc il collo con un nitrito di protesta, pestando violentemente sul terreno. Batraz lo accarezz, passandogli le dita sulle vene rigonfie e sussurrandogli all'orecchio, e allung la mano fino a sfiorargli le narici. Il cavallo si chet, mettendosi a brucare lentamente. Che succede? Vittore alz le spalle. Negoziatori. Valente vorr trattare?

Non lo so rispose Vittore. Sebastiano e Frigerido vogliono chiudere definitivamente la faccenda. Ricomere? Vittore si guard intorno. Ricomere cercava di evitare Saturnino che continuava a seguirlo. Non d'accordo. Abbass la voce. Preferirebbe attendere Graziano. Pochi giorni, dice. E tu, come pensi finir? Senza rispondere, Vittore indic il cielo. Sopra di loro volava un corvo, in cerchi che si stringevano a spirale per poi tornare ad allargarsi. Non ho mai visto un corvo comportarsi cos disse Batraz. Nemmeno io. Ci segue fin da Melantia. Un presagio? Un cristiano non crede ai presagi. Io non sono cristiano. La voce di Batraz s'indur. E il corvo porta la morte. Svetonio dice che porta la speranza. Cras, cras, fa il suo verso. Domani, domani. Credi a Svetonio, se vuoi. Con uno strattone alle redini, Batraz fece girare il cavallo. Domani, domani. Mi hai sempre parlato di domani. Si volt, fissando l'amico con occhi ostili. Non c' domani. Non si pu sempre temporeggiare. C' solo oggi. E oggi si combatter e non saremo noi a deciderlo. il giorno del sangue. VIII Hai visto? Sesto Autronio inclin in avanti lo scudo, appoggiandovisi con le braccia. Sono stanco. Pos la fronte sulle mani intrecciate. Cosa? Numerio era disorientato. Lass disse il veterano senza alzare il capo. Guarda bene. Sul poggio dove svettavano le insegne di Valente, un gruppo di Goti era in attesa, controllato dagli uomini di Cassione. I cavalli brucavano indolenti e gli uomini parlottavano tra di loro, sotto lo sguardo degli Scutarii. Circondato dai suoi generali, Valente aveva svolto un rotolo di papiro e leggeva attentamente, la mano che copriva l'occhio malato. Con un gesto brusco tese il papiro a Sebastiano, per tornare a fissare la pianura. Che succede? domand Numerio. Trattano. Sesto Autronio infil a stento le dita sotto l'elmo. L'imbottitura di panno era fradicia di sudore. Si frug tra i capelli. Trattano. I Goti hanno inviato una lettera all'imperatore. Come fai a dirlo? E cosa vuoi che sia? Sesto Autronio schiacci tra le unghie un pidocchio. Osserv i polpastrelli, lucidi di grasso e chiazzati di sangue, e se li strofin su

una coscia. Quello un papiro. E sul papiro ci scrivono delle cose. Una lettera d'amore? Numerio annu. Sulla collina, tra gli ufficiali era evidente un certo fermento. Dal gruppo si stacc l'alta figura di Ricomere, che si avvicin all'imperatore. Valente e il generale di Graziano conversarono a lungo, le teste accostate. Poi, Ricomere si allontan, dando un ordine a uno dei cavalleggeri in attesa, che subito raccolse le redini e part verso le retrovie. E ora che succede? Numerio non aveva staccato gli occhi dalla scena. Chiedilo a qualcun altro. Io non lo so. Sesto Autronio schiacci un altro pidocchio. Aspettiamo e capiremo. Il sole aveva appena iniziato a calare, ma il caldo rimaneva torrido. L'aria secca asciugava la pelle e le labbra e la lingua di Numerio era incollata al palato. Ho sete disse il legionario. Sesto Autronio scosse la fiasca che portava al fianco. Vuota, maledizione imprec. E la tua? Vuota. Che si fa? Si attende. Il tempo trascorse. Il sole, lentamente, continuava a scendere. Qui si muore. Numerio allontan le mosche che gli ronzavano attorno al capo. Sesto Autronio fiss lo schieramento dei Goti. Gli uomini erano immobili, molti a capo scoperto. Quei bastardi non hanno sete? Ecco bisbigli Numerio. Un gruppo di cavalleggeri aveva raggiunto il poggio. Ricomere stava indossando una veste rossa, mentre uno dei cavalleggeri conduceva una mula riottosa carica di una voluminosa cesta. Che fanno? Sei proprio un ragazzo. I Goti hanno chiesto un ostaggio. Un uomo importante. Ricomere si deve essere offerto. Ma deve portare con s le prove del suo valore. Altrimenti i Goti crederanno che gli abbiamo inviato un pezzente. un Franco, vero? Cos dicono. Il generale ora discendeva verso la pianura, preceduto dai Goti e seguito da cinque legionari. E quello chi ? domand Sesto Autronio a voce bassa. Una nuvola di polvere si stava avvicinando all'ala sinistra romana, dove gli Scutarii erano in prima linea. Un cavallo nero, un uomo solo, in una tunica bianca, un pesante involto sulle spalle. Sesto Autronio strizz gli occhi nel riverbero del sole. il monaco disse. Il monaco dell'imperatore.

IL GIORNO DEL SANGUE


I
La piana nei pressi di Adrianopoli, Tracia. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, V giorno prima delle Idi di agosto. [9 agosto 378 d.C.]

All'ala sinistra, gli Scutarii formavano un muro di scudi raggiati dal bordo porpora. Gli arcieri a cavallo erano in prima fila, mentre dietro di loro si erano allineati gli altri reparti. I vessilliferi, l'elmo coronato da una testa d'orso, sorreggevano le insegne dove luccicavano le aquile d'argento dorato. Tutto era pronto, pens Bacurio, godendosi il luccichio degli elmi. Merda! Cosa stanno facendo, adesso? Cassione, a fianco di Bacurio, era voltato di spalle. Teneva gli occhi socchiusi, per proteggersi dal sole. Sulla collina, dietro lo schieramento dei Goti, le donne avevano abbassato il telo che ricopriva uno dei carri e vibravano colpi regolari su pelli d'animale tese su vasi di terracotta. Il suono riempiva la pianura. Bacurio non rispose subito. Ascolt i tonfi cupi salire dalla collina. Sent un brivido percorrergli la schiena e per un momento gli parve che il cielo si facesse buio, scuro come quel suono. Tamburi disse infine. Come quelli che usa la mia gente, nel Caucaso. Nel pulsare dei tamburi, Ricomere avanzava con la sua scorta. Passando di fronte a Bacurio gli rivolse uno sguardo vuoto e prosegu, seguito dalla mula con il suo carico. C' qualcosa che non va. Cassione scosse il capo. Non gridano. Non hanno mai gridato. E ora... ora questo. Si port una mano alla fronte, stordito dal suono che rimbombava nel semicerchio delle colline. I Goti formavano una massa scura e allungata dove il pendio della collina si appianava prima di scivolare verso la pianura. Diecimila, forse di pi, parevano una nuvola bassa e buia di tempesta. Quasi tutti a piedi ma bene armati, pens Cassione. Certo: armati con le corazze dei Romani, con le loro spade. Sdegnato, calcol la distanza che separava i due schieramenti: non pi di un centinaio di pertiche. La nuvola ora sembrava un'onda irta di punte, che si sollevava e si riabbassava. cambiato il vento. Bacurio fece una smorfia di disgusto. L'aria era densa di un lezzo greve e dolciastro. Puzzano. La prima fila degli Scutarii controllava a stento i cavalli, innervositi dal suono dei tamburi. Un arciere incocc una freccia, la mira sui Goti che accompagnavano Ricomere.

Fermo, stolto! Dobbiamo attendere gli ordini. Cassione lo blocc con un grido. Il suo cavallo si sollev sulle zampe anteriori, scalciando. Cassione lo costrinse a una semi giravolta, frenandolo con le redini accorciate. Mehercules! Non li tratterremo a lungo in questo bordello. Si ferm, tese l'orecchio, con un sorriso brutale. Ecco la risposta. Dalle file della fanteria romana si innalzava il barritus. I legionari, in risposta al suono dei tamburi e senza che nessuno lo avesse ordinato, avevano anche iniziato a picchiare ritmicamente le impugnature delle spade contro gli scudi. Il fragore pareva quello di una frana, come se, da qualche parte, l vicino, la collina si fosse spaccata e fosse rotolata, pezzo dopo pezzo, in un vuoto concavo, risuonante. Vogliamo batterci! Un grido isolato si alz dalle file degli Scutarii. Cassione e Bacurio si scambiarono un'occhiata tesa, impaziente. Poi, bruscamente, dai cavalieri si lev un mormorio. Bacurio indic con lo scudo verso occidente. Guarda! Una nuvola di fumo, percorsa da striature rossastre, costeggiava il letto del Tonzos. Hanno dato fuoco all'erba secca. Dobbiamo attaccare! Valente sceso dal poggio. Presto ci sar l'ordine. Cassione era sconcertato. Gli Scutarii non riuscivano pi a tenere calmi i cavalli, che piroettavano su se stessi, scalpitando. Batterci! Vogliamo batterci! Il grido isolato si ripet. Bacurio continuava a osservare la nube di fumo. Non capisco. Vogliono impedirci di vedere i loro movimenti. Bacurio scosse il capo. Non ha senso. Da questa parte ci sono i canneti. Il fuoco si fermer prima. Afferr il braccio di Cassione. C' qualcuno che arriva. Fuggendo dal fuoco che avanzava, un cavaliere in tunica bianca spronava il suo morello verso di loro. il monaco. Il monaco dell'imperatore. Che cosa succede? Bacurio diede uno sguardo tutto intorno. Le linee romane si erano spezzate qua e l, per l'avanzare scoordinato di alcuni reparti. Che cosa succede? Nel fragore, il gruppo che conduceva Ricomere si era arrestato, circa a met cammino. Il generale si volt verso gli Scutarii, esitante. Poi, per un momento vi fu silenzio. I tamburi e il barritus tacquero contemporaneamente e nell'aria Bacurio pot sentire il sibilo di una freccia. Il Goto al comando degli ambasciatori croll sul collo del cavallo, un'asta di legno infissa tra le spalle. Esplose il clamore dei Goti: grida selvagge, simili a lamenti rabbiosi d'animali feriti, subito sovrastate dal battito dei tamburi. Due dei barbari corsero a

sostenere il compagno, mentre un altro, la spada sguainata, il volto contratto in uno spasimo di rabbia, galopp verso Ricomere. Fu allora che gli Scutarii fecero partire un nugolo di frecce. Le frecce si alzarono, raggiunsero l'apice, ricaddero: i Goti si abbatterono a terra, mentre Ricomere si precipitava a briglia sciolta verso le legioni. Una pausa. Tutto parve immobilizzarsi. Poi gli Scutarii, senza che fosse stato dato un ordine, lanciarono un unico, breve grido e si gettarono in avanti, contro l'ala destra dei barbari. Bacurio venne trascinato dal cavallo, rischiando di essere scaraventato a terra. Sfoder istintivamente la spada, istintivamente accompagn il grido dei suoi uomini. Sent un rombo cupo nelle orecchie e rise. Gett un ultimo sguardo a sinistra. Vivido contro la barriera rossa delle fiamme, Ertegul era immobile. Nella destra impugnava ancora l'arco. II Al centro dello schieramento, Traiano ud il grido di battaglia e scorse l'ala sinistra della cavalleria precipitarsi contro la fanteria gota. Era sconcertato. Non aveva ancora ricevuto l'ordine di attaccare e poteva vedere Valente avvicinarsi alle retrovie, al piccolo trotto. Tutto pareva ancora sospeso. Tutto normale, come prima della battaglia. Si volt: gli Scutarii avanzavano coperti dagli arcieri. Le file dei Goti ondeggiarono. Il successo, la gloria, stavano l. Bruscamente, prese la sua decisione. Lev alta la destra, osservando il sole che si rifletteva sul metallo della spada. Non s'era nemmeno reso conto d'averla estratta dal fodero. il segnale! grid. I trombettieri al suo fianco alzarono le lunghe trombe diritte, con una serie di squilli laceranti. Il barritus si alz pi intenso, e le legioni gridarono a loro volta. Un suono unico, che riemp la valle; poi, in silenzio, i Romani iniziarono a correre incontro ai Goti, in un rumore assordante di metallo. I barbari attendevano immobili, protetti dagli scudi, le lance protese. L'aria era colma del rumore dei passi dei legionari, dello strepito delle armi che si urtavano nella corsa. Una nuvola di polvere si sollev, avvolse tutto, offusc la vista. Pila. L'ordine dei centenarii risuon nel silenzio innaturale e i giavellotti si abbatterono sulle prime file dei barbari. E uno! Sesto Autronio, il respiro ansante, cercava di non perdere l'allineamento con i compagni. Sfil un secondo giavellotto dal fascio che portava dietro lo scudo, pronto a lanciare. Il volto dei soldati accanto a lui era sfigurato dalla sete, dal sudore, dalla rabbia. Dalla paura.

Un secondo lancio. Ancora tre mormor Numerio. E poi ci guarderemo in faccia! Sesto Autronio rise, correndo, tossendo. Questo meglio del vino di Falerno. Perch non ci vengono incontro? Numerio contrasse le labbra, mentre sentiva lo scroto farglisi piccolo e dolorante. Di fronte a loro i Goti non si erano ancora mossi. Avevano parato i primi lanci dei giavellotti grazie agli scudi e ora attendevano, i piedi nel sangue che aveva preso a scorrere imbevendo il terreno asciutto. E cosa vuoi che ne sappia! Sesto Autronio acceler, sulla breve salita che li avrebbe portati a contatto con il nemico. Spinse sui polpacci, il fiato sempre pi corto. Gli pareva di avere la testa affondata tra le spalle, in attesa di una freccia, del sasso scagliato da un fromboliere. Dietro di s avvertiva la presenza delle punte delle lance dei commilitoni. Se si fosse fermato, sarebbe stato trafitto, infilzato come un cinghiale allo spiedo. Corri! Cerchiamo di finire presto! Al suo fianco, nella confusione, Rutilio ruzzol tra le gambe dei legionari che li seguivano. Con uno strattone, facendo forza contro i corpi che premevano da tutte le parti, Sesto Autronio lo risollev. Si fissarono per un momento, poi di nuovo echeggi secco l'ordine: Pila! Fermarsi, inarcarsi, piegare il ginocchio, scagliare. Riprendere a correre. Un legionario cadde accanto a Sesto Autronio, l'asta di un giavellotto mal diretto infilata nella nuca, sotto l'elmo. Correre, correre. Vide i volti dei guerrieri che lo attendevano. Gli parvero, per un istante, assurdamente simili al suo. III Batraz raggiunse il monaco subito dopo l'attacco degli Scutarii. Gli strapp l'arco dalla mano. Pazzo bastardo! Cosa hai fatto? Intorno a loro, confusione e fragore. Gli elmi crestati di rosso dei centenarii degli Scutarii scomparivano nel mare delle corazze luccicanti. A oriente, la fanteria aveva lanciato la prima ondata di giavellotti e si preparava per la seconda. Solo la cavalleria dell'ala destra ancora esitava. I miei uomini. Scagli l'arco a terra. Vittore, maledetto Vittore imprec. Si volt verso Ertegul senza vederlo. Vittore ha paura. Diede coi talloni nel fianco del sauro, poi, con un brusco strattone, lo costrinse nuovamente a fermarsi. Il cavallo ruot su se stesso due volte, senza capire i comandi, la bocca rigurgitante bava verdastra. Batraz fiss Ertegul. Cosa hai fatto? ripet, i denti scoperti dalle labbra

contratte. Ho fatto quel che si doveva fare. Immobili, restarono a guardarsi mentre intorno a loro il sole era offuscato dalla polvere e dal fumo dell'incendio. Per un momento a Batraz parve di essere in un altro luogo: quiete e silenzio stavano negli occhi del monaco. Il tempo dell'Anticristo ora. La voce di Ertegul era serena. Tutto connesso. Gog e Magog percorreranno la terra, come dicono le Scritture. E la Bestia vincer. Tutto deve perire nel fuoco e nel dolore. Sorrise. Non lo sapevi, figlio? Eppure te l'ho detto. Scosse il capo con un sorriso paziente. Tu sei pazzo sussurr Batraz senza riuscire a distogliere lo sguardo. Continuando a sorridere, Ertegul estrasse un pugnale dalla tonaca e si pass la lama sul braccio. Le gocce di sangue caddero tra l'erba, dilatandosi. Dio vuole anche il mio sangue. Come il tuo, come quello del mondo. Solo cos, dopo l'Anticristo, verr il Suo Regno. Port il braccio alla bocca, succhiando avidamente la ferita. Risollev il capo. buono, il sangue. Tese il braccio verso Batraz. Bevi, figlio, bevi anche tu. Un dolore alla nuca. Un ansimare profondo, proprio l, vicino, al loro fianco, sopra di loro. Batraz si pass la mano sulla fronte. Il dolore aumentava e con esso il clamore delle grida. Quella era Adrianopoli. Quello era il giorno. Il giorno del sangue. Sfil con fatica la spada dal fodero, puntandola alla gola di Ertegul. Colpisci bisbigli il monaco. Colpisci. Uccidimi. Prendi il mio posto. Sarai tu l'Anticristo. Guiderai la fine di tutto. Ho sempre saputo che saresti stato tu. Figlio. Il monaco sorrideva, la bocca dischiusa, come fosse stata pronta per un bacio osceno. La lama vacill nella mano di Batraz. Con uno sforzo feroce, il Sarmata volt la testa, sfuggendo agli occhi del monaco. La spada si abbass. Tu sei pazzo ripet Batraz, colmo di rabbia e di paura. Fece voltare il cavallo. Gli Scutarii stavano raggiungendo la prima fila dei Goti. Al centro la fanteria s'era lanciata all'attacco, lasciando i Lanciarii e i Mattiarii di riserva. E l'ala destra era immobile. Leimeie. Il pensiero gli attravers la mente come una frustata. Affond i talloni nel ventre del sauro. Non puoi cambiare nulla! La voce lo raggiunse da dietro le spalle. Nulla! Non si pu mai salvare nessuno!

IV Fianco della collina, tratto pianeggiante; centro dello schieramento goto. Marco piant la lancia nel terreno, inclinandola in avanti ad angolo acuto. Assest lo scudo. Gett uno sguardo fulmineo sui fianchi. Dopo il primo lancio di pila, i Goti si erano allargati, allontanandosi tra loro di circa due passi. La seconda fila era disposta analogamente, ma in modo che ogni uomo chiudesse lo spazio lasciato libero da quelli della prima. E tutto questo senza ordini, ebbe il tempo di pensare. Torn a guardare avanti. I fanti romani salivano in silenzio, rallentati dal pendio. Era quel silenzio che temeva: lo stesso che, da tribuno, aveva imposto ai suoi. Ora poteva intravedere le fattezze dei legionari. L'urto, attendeva l'urto reggendo la lancia, presentendo l'impatto nella spalla. Fianco della collina, pendio; ala sinistra romana. Gli Scutarii furono i primi a entrare in contatto. Dopo un'ultima salva di frecce si lanciarono sull'ala destra dei Goti, che oscill come un ramo. Guadagnarono subito diverse pertiche di terreno. Bacurio percosse con il piatto della spada un barbaro bruno, che indossava quella che pareva una corazza romana da parata. L'uomo vacill, istintivamente cerc di afferrare la lama che lo aveva colpito. Uno strattone e le dita del Goto volarono nell'aria, mentre un getto di sangue inondava gli occhi di Bacurio. Senza vedere, il Romano allontan con un calcio l'uomo che gli si era aggrappato alla sella e si volt, roteando alla cieca la spada. Un sussulto: la lama era penetrata nella spalla di uno dei barbari che cercavano di serrarsi attorno al suo cavallo. Bacurio si rese conto di avere il respiro mozzo, il torace che doleva. Liber la spada gettandosi indietro sul dorso del cavallo e sforzandosi di respirare. Intorno a lui gli Scutarii macellavano i Goti con colpi disciplinati e potenti. Spron il cavallo, evitando una lancia puntatagli alla gola. Avanti! Con un gesto incit il vexillifer, a pochi passi da lui, ad avanzare. Ancora poche decine di pertiche e sarebbero arrivati ai carri. Sent il cavallo scivolare nel sangue, arretrare e poi gettarsi di nuovo innanzi. Piana; dietro le linee romane. Batraz lanci il sauro al galoppo lungo il retro dello schieramento romano. In fondo, presso il letto secco del fiume, vide i suoi uomini ancora immobili,

disposti ordinatamente. Alla sua sinistra, correvano le legioni, insetti luccicanti coperti di metallo. Il sole si rifletteva sulle corazze, abbagliandolo. Batraz si chin sulle orecchie del sauro. Vola sussurr e sent il dorso dell'animale flettersi e tendersi sotto di lui. Percepiva il dolore montargli lungo la schiena fino alla nuca, riempiendolo di forza e di desiderio di sangue. L'ombra nera che gli correva davanti ululava al sole ormai rossastro. Fianco della collina, tratto pianeggiante; centro dello schieramento goto. L'odore di sangue era sempre pi intenso. Waduulf vacill sotto l'urto di una lancia che gli incrin lo scudo per tutta la lunghezza. Afferr l'asta con la grossa mano, torcendola e scaraventando a terra l'uomo che la impugnava. Fece un passo di lato e affond la mazza sul capo del nemico. Uno schianto, un passo indietro, di nuovo al riparo dello scudo. I Romani avanzavano disciplinatamente, in file serrate, senza spazio tra gli uomini. Waduulf mulin di nuovo la mazza, colpendo al collo uno dei legionari. Dietro di te! Il grido di Marco. Waduulf si pieg su un fianco, abbassando il capo contro la spalla. La lama di un Romano gli sfior l'orecchio, mozzandone la parte superiore. Nella selva di lance Waduulf lasci cadere la mazza e serr la mano intorno alla gola dell'avversario. Strinse, vedendo i globi oculari dell'altro ingrandirsi e quasi sporgersi dalle orbite. Poi sent uno schianto sotto le dita. Lasci cadere il corpo con un gesto indifferente. Un momento di calma. I Goti schierati nelle seconde file erano avanzati e ora sostenevano l'urto delle legioni. Waduulf si volt verso Marco. Ti devo qualcosa disse. Poi accenn alle brache del Romano. Te la sei fatta addosso. Marco annu, appoggiato alla lancia, cercando di riprendere fiato. Succede aggiunse tranquillo Waduulf. Ora i Romani gridavano e cercavano di compiere un ultimo sforzo, spingendo i Goti contro i carri. Qua e l lo schieramento a pi file dei barbari aveva ceduto e lo scontro si stava trasformando in una serie di corpo a corpo. Prima di risollevare la mazza Waduulf gett lo sguardo verso il Tonzos. Le fiamme erano giunte ai canneti e si stavano abbassando, mentre la cortina di fumo si faceva pi nera e greve. Ora mormor tra s. Dev'essere ora o ci massacreranno. Alz la mazza, parando un colpo di spada che mirava alla sua testa e allo stesso tempo, con un movimento fluido, estrasse dalla cintura il pugnale, affondandolo tra le costole dell'assalitore. Frug, cercando il cuore, finch non vide gli occhi dell'altro velarsi mentre un rivolo scuro gli colava tra le labbra.

Poi, urlando, torn a gettarsi nella mischia. Piana; ala destra romana. Dobbiamo attaccare! Le labbra di Farnag erano pallide, aride. il momento, magister! Non abbiamo ancora ricevuto l'ordine sussurr Vittore. Non abbiamo ancora ricevuto l'ordine. Ma quale ordine! Farnag scosse violentemente il polso di Vittore che fissava immobile gli stendardi dell'imperatore confusi nelle retrovie. La battaglia iniziata. E noi non ci siamo. Se non attacchiamo ora squilibreremo il fronte. Ci aggireranno da questa parte. Non possono. La voce di Vittore era assente. Non hanno cavalleria. L'imperatore dice che non hanno cavalleria. Farnag lo guard ferocemente, gli occhi orlati di polvere e di terriccio. Si volt bruscamente, raggiungendo i suoi uomini. I Gentiles Seniores erano in prima fila, davanti alle altre scholae. Nella confusione che iniziava a serpeggiare tra le file retrostanti, avevano mantenuto lo schieramento, controllati dagli ufficiali. Yaguz, la bocca coperta da un telo rosso, interrog con gli occhi Farnag. Non vuole? domand dopo un breve silenzio. Aspetta gli ordini. E noi? Farnag strinse le mani sulle redini. E noi... dobbiamo aspettare Batraz. I catafratti osservavano il colloquio in silenzio, senza volgere il capo verso il frastuono della lotta. Da una delle file si stacc un cavallo, che trott verso Farnag. Leimeie, pens il Sarmata. E le sue ombre gemelle. Dodoi e Dadakos seguivano la ragazza a poco pi di un passo. Leimeie scivol a terra. Cosa stiamo aspettando? Farnag volt il capo dalla parte opposta. Cosa stiamo aspettando? Questa volta la ragazza grid rabbiosa, strattonando il mantello di Farnag. Ordini, donna! Ordini! esplose Farnag. Vattene al tuo posto! Farnag sput di lato. O tornatene a casa! A casa? Ordini? Il volto di Leimeie era stravolto dall'ira. Per un istante Farnag ebbe paura, come di fronte a un grosso cinghiale ferito. La ragazza lo afferr per il braccio, costringendolo a voltarsi. E quelli laggi? Li vedete quelli laggi?

V Fianco della collina, pendio; ala sinistra romana. Fu Cassione il primo a scorgerli. Alz la mano, senza dir nulla, i denti scoperti, gli occhi sbarrati. Dalla riva del Tonzos, avvolta dal fumo dell'erba incendiata, sorgevano sagome a cavallo. Ondeggiarono come ombre nell'aria che vibrava per il calore, poi un colpo di vento disperse il fumo. Cavalli. Centinaia e centinaia di cavalli. I Greutungi. La voce usc dalle labbra di Cassione in un soffio. Poi una freccia scagliata da uno dei carri si piant nel punto in cui la cotta di maglia lasciava scoperta la carne sopra la clavicola. Cassione sent il sangue invadergli i polmoni, soffocarlo, affogarlo. Come acqua, pens, come acqua. Cadde lentamente, mentre i cavalieri di Alatheus piombavano alle spalle degli Scutarii. VI Piana; retrovie romane. Arrivano! Arrivano! Per un istante l'urlo sovrast il fragore. Valente s'interruppe bruscamente, battendo la palma aperta sulla mappa, distesa sullo scrittoio pieghevole. Frigerido balz in piedi, e lo sgabello su cui sedeva cadde nell'erba con un tonfo. Valente lo guard, come si guarda un animale morto o il tronco che ci sbarra la strada. Poi sollev gli occhi. Sebastiano aveva l'espressione di chi da tempo in attesa. Lo vide sorridere, come se un coltello gli avesse attraversato il viso. Gli altri ufficiali, in piedi accanto a loro, si erano assiepati, impedendogli di vedere chi avesse gridato. Rimase seduto, gli occhi fissi su un punto scuro nel cielo. Un corvo, gli aveva detto Vittore la sera prima. Un presagio. Poi, a fatica, Saturnino si fece strada tra gli ufficiali, la tunica sporca di polvere rossastra. L'imperatore aveva taciuto a mezzo di una frase. Vide Saturnino avvicinarsi, il viso tondo contratto in una smorfia di paura. Segu con lo sguardo il suo braccio, che indicava verso oriente. Gli ufficiali si spostarono, aprendosi come un sipario.

Ecco, pens l'imperatore, alzandosi lentamente. Ecco. Come nei suoi sogni; quelli di cui aveva parlato solo con Ertegul. E il monaco lo aveva rassicurato: non devi credere ai sogni, aveva ripetuto per l'ennesima volta. I sogni sono superstizioni; non sono mandati da Dio. Ma ora una nuvola di fumo offuscava il cielo. E davanti alla nuvola, nella nuvola, un fiume scuro di cavalieri entrava nella pianura, dividendosi in due gruppi. Ombre nere nella luce rossastra e velata. Valente sent una mano invisibile serrargli la gola. I Greutungi. Alatheus. Il primo gruppo stava attaccando gli Scutarii alle spalle, mentre gli altri si stavano dirigendo verso di loro. Verso di lui. In un istante, tra gli ufficiali, vi fu il caos. Il monaco sussurr Valente. Trovatemi il monaco. Sebastiano, senza parlare, accenn con il mento. Valente si fece strada tra gli ufficiali, davanti alla pianura. Rimase abbagliato dal sole, un cerchio sanguigno che bucava il cielo illividito dalla polvere. In testa ai cavalieri goti, in groppa a un morello ( nero come il cosmetico che le donne si spargono sui capelli, pens Valente), cavalcava un uomo avvolto in una tunica bianca. Reggeva sulla spalla una croce. Poi l'uomo devi verso la collina e la croce per un istante fu un profilo nella luce. Sul braccio superiore dondolava la testa mozza di un asino. Fianco della collina, tratto pianeggiante; centro dello schieramento goto. Fritigerno si accasci contro la fiancata del carro. Il suo cavallo era stato abbattuto durante l'attacco della fanteria romana. Aveva cercato di estrarre il giavellotto dalla larga ferita all'occhio destro, ma il ferro dolce si era piegato tra le sue mani, mentre l'animale lo fissava quieto, e la punta dell'arma era affondata ancora nell'orbita. Incurante della mischia che divampava a pochi passi, aveva estratto il pugnale e lo aveva conficcato nei vasi pulsanti del grande collo. Aveva contraccambiato lo sguardo del cavallo, finch non lo aveva visto, dolcemente, confondersi. Poi era ritornato a battersi, a piedi, spada e ascia. Ora i legionari erano stati costretti a voltarsi all'indietro, per fronteggiare la cavalleria dei barbari in arrivo, e avevano allentato la morsa intorno ai carri. Fritigerno respir pesantemente, nell'improvvisa bolla di quiete che lo circondava. A pochi passi da lui, un gruppo di Scutarii era stato appiedato e si era riunito in un cerchio che i Goti cercavano di aprire con finte e affondi. La gamba destra gli pulsava con un dolore sordo; si pass le dita sulla coscia, ritraendole sporche di sangue. Sent una mano posarglisi sulla spalla. Si volt, il pugnale proteso, per trovarsi di fronte il volto di Marco, sconvolto dalla fatica. Ti stavo cercando, reiks. Fritigerno annu. Anche muovere il capo gli

costava sofferenza. Mi hanno ferito disse. Marco si abbass, allargando la lacerazione nel tessuto delle brache. Non profonda. Un colpo di taglio. Di striscio. Strapp un lembo della blusa fradicia di sudore e lo ridusse in una serie di fasce che avvolse attorno alla coscia di Fritigerno. Per ora dovrebbe bastare. Si risollev. Poi toccher a Igila curarti. Igila morto. Marco chin il capo. Non lo sapevo. Non potevi saperlo. Una freccia. Era il suo tempo. Fritigerno diede un'altra stretta alle fasce. Trovami un cavallo. Si rimise diritto. La ferita martellava, ma il sangue aveva cessato di scorrere. Piana; ala destra romana. Quando Batraz raggiunse i suoi uomini, pareva essere scesa prematuramente la sera. L'aria s'era fatta torbida e grigia, e oltre la cortina di polvere il sole iniziava a calare, denso e tondo come il tuorlo di un uovo. Odore di sangue, di metallo. Di visceri. Annus avidamente. Eccoti, finalmente. Nella luce livida, a grandi passi, Farnag camminava avanti e indietro sulla riva del letto asciutto del torrente. Quando vide Batraz gli si affrett incontro, arrivandogli a pochi pollici dal viso. Dov'eri, maledizione? Lo urt sulle spalle, costringendolo a fare un passo indietro, poi lo afferr per la cotta di maglia. Aveva le mascelle contratte, gli occhi, arrossati dalla polvere, che parevano non vedere. Dov'eri? Lo scosse. Dov'eri? Un vento caldo spirava tra i canneti rinsecchiti, facendoli scricchiolare. Batraz gli pos una mano sulla spalla. Perch non avete ancora attaccato? domand con voce tranquilla. Gli occhi di Farnag ritornarono a fuoco. Lasci la presa, inspirando a fondo. Vittore. Aspetta ordini che non arrivano. Appoggi la mano su quella dell'amico, stringendola brevemente, poi si pass le dita sulle guance, premendo. Stavo impazzendo di rabbia. E stavo per spezzarmi i denti. Mosse le labbra, stirandole in un ghigno. Dov' l'imperatore? Laggi. Dietro il muro di scudi dei Mattiarii e dei Lanciarii oscillavano le insegne dell'imperatore. Tra le due legioni e la fanteria che combatteva sulle pendici della collina s'era aperto uno spazio di un centinaio di pertiche, dove si stavano gettando i Greutungi. Alatheus aveva diviso i suoi uomini in due gruppi, incuneandosi nello schieramento romano e spaccandolo in due. Un contingente aveva accerchiato gli Scutarii, mentre il secondo stava per entrare in contatto con i primi manipoli delle legioni rimaste in difesa di Valente.

Farnag annu. Che facciamo? Vittore? Farnag indic un gruppo di alti ufficiali pochi passi pi in l. Tacevano, i volti angosciati. Uno di loro si teneva discosto dagli altri, osservando lo scontro. Quando Batraz lo raggiunse, volse appena il capo. Ti aspettavo. Sorrise ironicamente. I tuoi uomini sono furiosi. Dovevi dare l'ordine di attaccare. Avevamo perduto ancora prima che la battaglia iniziasse. Abbiamo perduto quando abbiamo pensato che la loro cavalleria non sarebbe arrivata in tempo. Sulla collina gli Scutarii erano in rotta. I cavalli, folli di paura, fuggivano sotto i colpi di lancia dei Goti che li spingevano lungo il pendio. Sdrucciolavano, cercando di mantenere l'equilibrio; vacillavano, rovinavano a terra, le zampe sghembe e spezzate, schiacciando sotto i dorsi i corpi scalcianti dei cavalieri. La collina era nera di sangue. Vittore sollev il capo. Nella foschia rossastra, un corvo volteggiava in cerchi sempre pi stretti. Avevi ragione tu, amico mio. Non c' domani. Il corvo gracchi, innalzandosi lungo una corrente di aria calda. Che vuoi fare? Vittore scosse il capo. Non ha senso far massacrare altri uomini. Cercher di portare Valente in salvo. Le riserve? Solo gli auxilia dei Batavi. Non cambierebbe nulla. Vittore fece un cenno e uno degli ufficiali si avvicin, conducendogli il cavallo alla mano. Non c' domani ripet Vittore. Abbiamo perso. Non abbiamo ancora combattuto. Non servir a nulla. Non possiamo vincere. Vittore mont. Si sporse per fissare l'amico. Vieni con me. Raggiungeremo Adrianopoli. Batraz esit. Pens alla citt. Al cibo, al vino. Al fresco delle sere estive. Al corpo di Leimeie. Poi pens al suo volto e ricord la visione nel tempio della Grande Madre, a Cabyle. Va' tu disse. Io rimango. Vittore lo guard a lungo. Poi annu. Vale. Fece girare il cavallo su se stesso. Gett un ultimo sguardo all'amico e ritorn verso i suoi uomini. VII Non c' spazio! La voce di Numerio era soffocata. Si combatteva fianco a fianco, i corpi schiacciati dai corpi, gli anelli delle maglie di ferro che penetravano nella carne. Numerio spinse con tutte le sue forze, riuscendo ad allontanare uno dei suoi compagni. Respir profondamente l'aria secca che gli parve fresca e profumata, ma poi subito

la pressione torn a opprimerlo. Dove sei, ragazzo? Dove sei? Da qualche parte, oltre il muro di corpi, oltre le grida confuse, la voce di Sesto Autronio era una cantilena roca. Numerio sent i piedi scivolare sul sangue viscido e grumoso. Perse il contatto con il terreno proprio mentre la pressione sulla sua schiena aumentava. Si sent trasportare in alto da quella massa di carne martoriata e urlante. Sbuc fino alle spalle oltre le teste dei suoi compagni, le gambe che si agitavano debolmente a cercare la terra, il fiato mozzo che bruciava nel suo torace come un fuoco. Vide la pianura gremita di soldati, il sangue che si allargava in larghe pozze che la terra assorbiva. Vide la cavalleria gota dividersi in tronconi e attaccare le retrovie dove oscillavano pallide le insegne imperiali. Poi, tra i cavalieri, vide una croce innalzarsi e per un istante fu felice. La croce si volt e vide che da essa pendeva una testa mozza, bagnata di sangue. Una testa d'animale. L'Anticristo, ebbe il tempo di pensare, poi la pressione intorno a lui aument e nel rombo che gli invadeva le orecchie sent lo schianto di qualcosa che si rompeva dentro di lui. VIII Il sole stava calando oltre il Tonzos quando i Gentiles Seniores si mossero dalla riva del torrente in secca. Avanzarono al passo per qualche pertica. Sulla collina, la fanteria e la cavalleria, schiacciate dai Tervingi e accerchiate dagli uomini di Alatheus, si stavano ritirando disordinatamente, inseguite dai Goti, mentre l'altro contingente di Greutungi aveva ormai attaccato le retrovie, dove i catafratti di Vittore erano giunti in soccorso di Valente. Tra i due tronconi superstiti dell'esercito romano si stendeva l'erba riarsa, ora colorata di rosso dal sangue e dal tramonto. Vittore cercher di portare via l'imperatore. Batraz s'era arrestato, le mani inerti sull'arcione. Non ce la faranno mai. Farnag era immobile accanto a lui. Guarda. Un altro contingente di Greutungi s'era staccato dalla battaglia sulla collina e puntava direttamente contro le legioni di Valente. Li massacreranno. Dobbiamo intercettarli. Farnag si port la mano alla fronte, facendosi ombra. Quanti saranno? Pi di un migliaio. E noi meno della met. cos. E non c' tempo per nessuna manovra. Possiamo solo caricarli. Senza parlare si volsero entrambi verso gli uomini

allineati alle loro spalle. Il vento era calato e il caldo soffocante. Batraz intravide la treccia bionda di Leimeie che sfuggiva all'elmo. La ragazza guardava fisso davanti a s. Non mi vuoi al tuo fianco, gli aveva detto nel passargli davanti poco prima. Aveva ragione: pi gli stava lontana in battaglia, tanto meglio era. Lui portava la morte con s. Chin il capo. Lo risollev, guard i suoi uomini, schierati come un fiume luccicante nel tramonto. Un refolo d'aria fresca lo sfior e lui, per un istante, si sent fiero e felice. Non era pi tempo di pensare. Era tempo di combattere. Alz la mano. Uomini! grid. Diamo a costoro quel che cercano! Diamogli la morte! Nel boato che segu le sue parole, abbass violentemente la mano e i Gentiles Seniores si lanciarono al galoppo, verso il punto in cui i Greutungi avrebbero incontrato le legioni. IX Stanno contrattaccando. Waduulf, montato il cavallo che aveva sottratto a uno Scutarius, indic la pianura. L. Scudi neri, mantelli neri. Batraz. Fritigerno, pallido, strinse i denti. La coscia aveva ripreso a sanguinare. La fanteria romana era in rotta lungo il versante della collina. I legionari abbandonavano le armi, si calpestavano, affrettandosi precipitosamente verso la salvezza. Non erano pi silenziosi, ora. Stolti mormor il reiks. Sotto li aspetta Alatheus. Marco era sopraggiunto senza rumore. Anche lui aveva trovato un cavallo: una giumenta araba, certo di qualche ufficiale romano. Parte della cavalleria greutungia aveva raggiunto la piana ai piedi del colle e attendeva i Romani. Si erano disposti ad arco, le lance puntate verso il basso, pronti a falciare la loro messe rossa. Waduulf, raduna tutti gli uomini che puoi ordin Fritigerno. Non i feriti. Passeremo a destra, tra Batraz e il fiume. Dobbiamo catturare Valente. Si volt verso Marco. Tu, raggiungi Alatheus. Guidalo dov' l'imperatore. Li attaccheremo da due lati. Senza una parola, Waduulf vece voltare il cavallo e si allontan. Marco attese che l'amico fosse lontano. Valente mio disse poi. Me lo devi. Il reiks lo fiss sbigottito. Cosa intendi? Che deve morire perch la tua vittoria sia completa. E che voglio essere io a ucciderlo. Fritigerno scosse violentemente il capo. Invece tu cercherai di proteggerlo. Ne abbiamo bisogno, per trattare. Marco sorrise ironicamente.

Trattare con chi? A Costantinopoli sono rimasti solo gli eunuchi. Tutti i suoi generali sono qui. E a Graziano faremo un favore, uccidendolo. Questi sono i miei ordini, Romano. Fritigerno parl con calma, gli occhi ridotti a una fessura sottile. Il tono era quasi dolce. Come un pugnale in una pezza di seta, pens Marco. Avvert un movimento nel ventre. Si raddrizz sulla sella, sforzandosi di reggere lo sguardo del reiks. Hai capito bene, Romano? Fritigerno scand le ultime parole. Va' ora. E fa' ci che ti ho detto. Quando Marco fu scomparso, Fritigerno rimase a guardare la pianura. I mucchi di corpi. Le chiazze di sangue, nere come stagni notturni. La croce blasfema di Ertegul ondeggiava laggi, nel cuore della battaglia. Verso meridione, dove si snodava la strada per Adrianopoli, i campi erano una scacchiera gialla e marrone in una luce limpida, quieta. Rovinandogli sulla spada, il Goto lo trascin nella caduta. Vittore si ritrov schiacciato da quel corpo inerte, mentre sentiva il sangue del barbaro inondargli le vesti. Vischioso, caldo. Gir il capo. Da quella posizione il mondo era una foresta di gambe: calzari, gambali, schinieri, piedi nudi che correvano, s'inseguivano, si fronteggiavano. Stridori metallici. Grida. Nubi di polvere che si sollevavano e ricadevano lentamente, incrostando la pelle. Un oggetto rotondo, minuscolo, gli rimbalz accanto, fermandosi in una pozza rossastra. Un occhio, che lo fissava privo di vita. Storn lo sguardo, sollevando il capo a fatica. Pi lontano, dove i Greutungi avevano attaccato, sorgeva una catasta di corpi sghembi, spezzati. Sono all'inferno, pens Vittore, mormorando una preghiera. Forse Dio voleva la fine del mondo. Nel muoversi sent un acuto dolore al polso destro e uno scricchiolio che gli fece digrignare i denti. Aiutandosi con le spalle, sgusci da sotto il cadavere, la mano piegata in un angolo innaturale. Rovesci il morto sul dorso e con la sinistra gli sfil la spada dall'addome. Vi si appoggi, ancora stordito. La battaglia si era frammentata in una serie di scontri individuali, come lampi di incubi. Volti sgomenti, che sembravano emergere dal nulla. Un cavallo senza cavaliere attravers la foschia rossastra, fatta di fumo e polvere. Molti dei suoi uomini erano stati disarcionati; combattevano a piedi, impacciati dalle pesanti cotte di maglia. I Goti, armati in modo pi leggero, si muovevano rapidi, lavorando di spada e di ascia, mentre i catafratti che avevano continuato a impugnare la lancia non trovavano lo spazio per colpire. Gi le lance grid Vittore. Le spade! Adoperate le spade! La foschia si richiuse su di lui. Nessuno pareva sentirlo. Nella caligine, accanto a lui,

intravide un barbaro dal volto arrossato afferrare da dietro la spalla di un catafratto, facendolo cadere pesantemente, l'elmo che volava lontano. L'ascia del Goto piomb sul volto del Romano, in un'eruzione di sangue scarlatto. Vittore ruot su se stesso, la spada goffamente tesa in avanti. La lama scivol sullo scudo del barbaro, infilandosi tra le piastre della corazza. Ne sent la punta urtare le costole e poi avvert la morbidezza della carne che veniva squarciata. Ritrasse la spada con un movimento secco, chinandosi appena in tempo per evitare un fendente apparentemente venuto dal nulla. Poi, mentre i suoi uomini si interponevano tra lui e una coppia di Greutungi, Vittore prese a correre per il campo di battaglia, scavalcando cadaveri riversi, feriti gementi, cavalli che cercavano invano di rialzarsi. Inciamp in un braccio distaccato dal corpo, la lancia ancora nel pugno. Rischi di cadere e nel caos schiv per un soffio il fendente di un catafratto romano. Si guardarono in viso, sconvolti. Vittore sollev la spada in un saluto e riprese a correre. Amici e nemici si confondevano davanti ai suoi occhi. Ecco. Laggi. Le insegne di Valente. Di fronte a lui si par un cavaliere in tunica bianca, sulla spalla una croce su cui era piantata la testa mozza di un asino. Il monaco. Ertegul lo guard con un sorriso, poi lev la croce nella luce rossastra, e si lanci verso le insegne imperiali, che oscillavano al centro di una mischia furiosa. Valente. Dio onnipotente, Signore degli eserciti, dov'era Valente? Di l a poco sarebbe calata la sera. Quando i Sarmati intercettarono il contingente goto l'urto fu rovinoso. Da entrambe le parti i cavalieri delle prime file crollarono sotto l'impatto delle lance. A un comando di Batraz i Gentiles Seniores si ricompattarono, retrocedendo di qualche passo. Un altro ordine, gridato da Farnag, e si schierarono in un semicerchio, tra i barbari e le legioni di Valente. Vi fu un momento di quiete: l'impeto dei Greutungi era stato arrestato. I guerrieri si fronteggiavano in silenzio. Sono stanchi mormor Batraz. Hanno combattuto fino a ora. la nostra unica speranza. Batraz si volt, frugando con gli occhi tra i cavalieri. Yaguz! Sono qui magister. Prendi venti uomini e cerca di raggiungere l'imperatore. Portalo via. Il vecchio annu. Dove lo devo condurre? Un rapido sguardo tutt'intorno. La chiesa. La chiesa diroccata a meridione. Portalo l. Vado. Batraz ruot la testa. Il dolore alla nuca, dopo una breve tregua, era ricomparso. La sua mente era vigile, calma. Accanto a lui poteva vedere l'ombra immobile del mastino. Il dio con noi disse lentamente. Torn a voltarsi. Leimeie era in una delle ultime file, affiancata da Dadakos e Dodoi. Aveva dovuto ordinarle

bruscamente di allontanarsi da lui. Erano state le uniche parole che avevano potuto scambiarsi. Una fitta acuta gli percorse la schiena, fino alla base del collo. I Greutungi si mossero, lentamente, al passo. Un sordo brontolio risuon al suo fianco. il momento disse. I Gentiles Seniores attendevano, immobili, ordinati, con la luce offuscata del tramonto che bagnava i loro volti. Dove sei? Ragazzo, dove sei? Sesto Autronio si aggirava tra i cumuli di cadaveri sul pendio della collina. La voce gli si era fatta stridente, lacerata. Rivolt un corpo dall'armatura squarciata, frug con l'asta di un giavellotto tra la confusione di membra immobili. Si allontan, riprendendo il suo richiamo. Con un calcio brutale, Batraz disarcion un Goto. L'uomo stramazz a terra, una gamba sotto il corpo. Batraz mosse rapidamente il braccio, affondandogli la lancia nel fianco. La lasci dov'era. Troppo poco spazio per usarla ancora. Sguain la spada e diede di sprone. Fendente a destra, fendente a sinistra. Automatico, inconsapevole. Scricchiolio di ossa. Cos si muove la morte, pens in un soffio. Nelle orecchie, un rombo sordo che era il suono della battaglia e il fiato profondo di Simargl. Con un'impossibile nitidezza vide il mastino balzare su un cavaliere goto, azzannandolo alla gola. Lo rovesci a terra, proprio mentre Batraz stava per scontrarvisi. Sent gli zoccoli del sauro affondare nelle carni del caduto. Sussult, mentre il cavallo ritrovava il terreno e sollevava bruscamente il posteriore. Si resse in sella a fatica. Grid. Un grido gutturale di liberazione. Alz la spada. Colp, senza capire che stava colpendo. Poi colp ancora. Un lampo chiaro alla sua destra. Poco lontano la treccia di Leimeie fluttuava lenta come un'onda, mentre la ragazza piantava la spada nel ventre di un nemico. Il Goto fu sollevato da sella e proiettato indietro, le braccia spalancate che parevano ali tarpate. Batraz rise. Spron ancora il cavallo. Era invulnerabile, sent. Poi, tutto divenne rosso. Alla terza carica i Greutungi spezzarono la linea difensiva dei Lanciarii. Avanzavano urlando, le asce sollevate sul capo, i volti pallidi sotto gli elmi, i denti scoperti in un ghigno di furore e d'angoscia. Avanzavano falciando la fanteria che ondeggiava sotto l'impatto. Fu Sebastiano il primo a reagire. Con i suoi luogotenenti si trovava su un basso rilievo coperto da radi cespugli, tra le truppe e le retrovie, dove svettavano le insegne di Valente.

I pali! grid. Poi si rivolse a Saturnino. Va' dall'imperatore. Noi cercheremo di respingerli. Saturnino fece uno stanco cenno d'assenso prima di allontanarsi. Lucio! chiam Sebastiano. Uno dei suoi luogotenenti gli si fece a fianco. Fai allontanare gli uomini. Sono troppo vicini tra loro. Devono aver spazio per usare le spade. L'uomo annu e scomparve nella mischia. I Lanciarii retrocedettero di alcuni passi, cercando di ricostituire una linea continua, mentre alle loro spalle venivano piantati nel terreno dei pali appuntiti. I legionari scavavano velocemente un foro ruotando il palo, poi lo rovesciavano, fissandolo in obliquo, in modo che la punta, modellata con le accette, fosse rivolta in avanti e in alto. A un ordine di Sebastiano i Lanciarii retrocedettero ancora, scivolando dietro la selva di pali. I Goti, trascinati dall'impeto, non riuscirono a rallentare e i primi cavalli si schiantarono sulle punte aguzze, mentre i legionari, da terra, cercavano di colpire i cavalieri. La massa dei Greutungi vacill, si spezz, come un'onda che s'infrange contro un molo. Arretrarono, per ricompattarsi. Fu in quel momento che Sebastiano vide gli altri. Un drappello di non pi di cinquanta uomini, che emerse d'improvviso dalla polvere, gettandosi contro il fianco sinistro delle retrovie, dietro di lui. Con un rapido sguardo cap di non poter richiamare nessuno dallo scontro principale. Non c'era tempo per dare ordini. Volt il cavallo, piantandogli i talloni nei fianchi, e galopp verso le insegne imperiali. Il drappello di Goti non attacc. Tenendosi a distanza, i barbari si limitarono a scagliare una salva di frecce, senza alcun risultato. Oltrepassate le retrovie romane fecero dietrofront, ritornando indietro. Sebastiano poteva vedere Valente al centro della sua guardia, protetto da un muro di scudi. Poi, mentre i Goti si ritiravano rapidamente, un uomo dal capo scoperto, i capelli neri, rimase indietro. Per un istante Sebastiano incontr il suo sguardo e gli parve di riconoscere quel volto. L'uomo rise, sollev l'arco. Quasi senza puntare, scocc. Sebastiano vide la freccia partire e gli parve che volasse lentamente in un'aria densa, come nei sogni. Alle sue spalle sent salire il clamore e cap che i Goti avevano nuovamente attaccato. Inizi a gridare, senza capire che l'urlo che gli risuonava nelle orecchie era il suo. Vide la freccia infilarsi in un varco tra due scudi. La vide affondare nel ventre dell'imperatore.

X Il campo era cosparso di cadaveri. Vittore scavalc a fatica il corpo di un arciere, stretto in un abbraccio grottesco con un guerriero dalla bocca spalancata. Una statua, pens, mentre la sua mente era attraversata dal ricordo di un bordello di Antiochia e di un tempio della Dea in Anatolia, presso il mare. Si appoggi nuovamente alla spada, ansando. Intorno a lui, nella foschia, solo uniformi romane. Era arrivato, infine. Si volt. Poco lontano, i barbari erano stati rallentati dalla resistenza dei suoi uomini, ma ora, in pi punti, stavano per sfondare le loro linee. La croce di Ertegul era un segno nero inciso sul cielo polveroso. Ferm un legionario che trascinava la gamba sinistra, evidentemente spezzata. L'imperatore. Dov' l'imperatore? Il legionario lo fiss con occhi che non vedevano. Doveva essersi morso la lingua, perch un filo di sangue gli colava dalla bocca. Scosse il capo violentemente, sottraendosi alla stretta. Vittore lo vide allontanarsi, poi ritornare indietro, lo sguardo attonito, verso i Goti. Non cerc di trattenerlo. Vittore attravers una zona dove l'erba era coperta di uno strato sottile di sangue rappreso. L'arrivo della cavalleria, prima di Vittore e poi di Batraz, aveva dato un po' di respiro ai Lanciarii e ai Mattiarii, che ora cercavano di riprendere posizione, mentre i feriti erano stati raccolti l, distesi sulla terra nuda. L'aria era attraversata da gemiti e grugniti di dolore, che sovrastavano il bisbiglio di coloro che assistevano i feriti. Vittore inspir profondamente quell'odore di caccia e di macello. Pi avanzava, pi il ronzio delle mosche si faceva assordante. Erano comparse d'improvviso, durante la battaglia, tutte insieme, in nugoli densi e neri. Si posavano ovunque: sugli occhi sbarrati e ciechi dei morti, sulla bocca dei vivi, sulle piaghe aperte. Una mano gli afferr un lembo della tunica. Vittore si divincol, poi, con un sussulto, riconobbe Sebastiano. Si chin su di lui, distogliendo lo sguardo dal largo squarcio che gli attraversava il ventre. Sebastiano cerc a fatica di parlare, la bocca troppo secca e crepata dalla sete. Acqua! grid Vittore. Un capsarius, presto! Un infermiere emerse dalla caligine, tendendogli una fiasca. Vittore fece colare il liquido tra le labbra di Sebastiano, mentre il capsarius esaminava la ferita. L'imperatore... sussurr a stento Sebastiano. Dov'? Vittore si rese conto d'aver gridato.

Abbass la voce. Dov'? ripet. Andato... via. Il respiro di Sebastiano s'era fatto superficiale. Un ufficiale di Batraz... venuto... portato in salvo... Il capsarius cercava con le mani di avvicinare i labbri della ferita. Vittore lo guard. Senza dir nulla, l'infermiere scosse il capo, poi inizi a fasciare l'addome di Sebastiano. Dove l'hanno portato? domand dolcemente Vittore. Cappella... diroccata... Sebastiano chiuse gli occhi, iniziando ad ansimare con rantoli sempre pi distanziati. Vai, magister disse il capsarius. Qui non hai pi nulla da fare. Vittore fece per alzarsi ma la mano di Sebastiano lo trattenne. Il generale dischiuse gli occhi, lontani, acquosi. Bisbigli qualcosa e Vittore si curv, accostandogli l'orecchio alla bocca. I Batavi... raggiungi i Batavi... Poi, pi nulla. XI Con un movimento fluido della spada, Batraz si liber dell'ultimo avversario. Si ferm nel cuore dello scontro, d'improvviso lucido ed esausto, come al risveglio da un lungo sogno. Con stupore si rese conto che il suo sauro perdeva sangue da una spalla, e che intorno a lui i Goti avevano lasciato uno spazio vuoto, delimitato da decine di cadaveri. Un cerchio magico, pens. Si accorse che lo stavano evitando, attaccando invece i suoi uomini. E lui non ricordava nemmeno di aver combattuto. Tutto era stato una nebbia rossa, sovrastata dal ringhio del dio che lottava con lui. Rammentava solo un guerriero alto, dai capelli bianchi, dal volto slavato. Non un Goto. Il guerriero era fuggito, gridando una parola che aveva gi sentito. Berserker. Quella era la parola. Cos lo chiamava, molti anni prima, un amico del padre che lo aveva visto battersi. Un uomo venuto dal settentrione, dalle terre oltre il mare. Berserker: l'orso guerriero, posseduto dagli dei. I Gentiles Seniores stavano cedendo: decimati dal sopraggiungere di altre forze dalla collina, continuavano a lottare, ma il semicerchio con cui avevano fino ad allora contenuto la cavalleria si stava lacerando. Batraz non riusciva a vedere nulla, se non un muro di dorsi di cavalli e di corpi contorti nello sforzo. Si incammin al passo, tra i Greutungi che gli lasciavano strada dopo uno sguardo. Cercava la treccia bionda di Leimeie. L'aveva persa di vista dall'inizio della battaglia. D'un tratto, Farnag gli fu accanto. La sua cotta di maglia era lorda di sangue. Non possiamo pi trattenerli ansim. Hanno sfondato in pi punti. Lo so. Farnag sorrise. Un mezzo sorriso, un lampo bianco nel viso scuro di

sole. ora che tu vada disse. Prendi la ragazza e portala alla cappella. Noi ti copriremo e cercheremo di raggiungerti. Sei pazzo? Farnag lo fiss per qualche istante, poi gett uno sguardo sulla mischia che li circondava. Parlavano tranquilli, in quello spazio che nessun Goto osava superare. Devi andare per due motivi. Il primo che l'imperatore laggi e ha bisogno di te. Il secondo lei. Dov'? Un sogghigno. Mentre tu eri troppo impegnato ho ordinato a Dadakos e Dodoi di riportarla indietro. Ti aspettano presso il fiume in secca. Non andr ripet Batraz, la voce roca. Lo sapevo. Dalla sella, Farnag trasse un corto frustino. Va', magister, questa volta un ordine. Colp violentemente il posteriore del sauro che balz in avanti, quasi disarcionando Batraz. Un'altra frustata e gi il sauro era lontano, mentre Batraz, morbidamente, inconsapevolmente, si chinava in avanti, lanciato al galoppo. XII Noi non verremo. un massacro. Quintilio, dux dei Batavi Seniores, scosse ostinatamente il capo. Ci ritiriamo verso Adrianopoli. Vittore rimase in silenzio. Presso la fattoria fortificata tutto era tranquillo. La battaglia imperversava a meno di un miglio, ma l il crepuscolo aveva fatto levare una brezza fresca e profumata. Non posso pi ubbidire al tuo ordine, magister. Quintilio lo fiss con qualcosa che gli parve una profonda comprensione. Vieni con noi. Non farti massacrare anche tu. Devo proteggere l'imperatore. L'imperatore perduto. Il dux parlava con calma. Pu solo sperare di nascondersi. E certo gli sar pi facile con pochi uomini che non con un intero reparto. Si allontan, per dare ordini ai suoi ufficiali. Gli uomini in attesa iniziarono a raccogliere le armi. Vittore si pass le mani sul volto. Gett un ultimo sguardo sulla pianura, su cui stava scendendo la sera. La cavalleria romana era in rotta e solo pochi superstiti si frapponevano ancora tra i Goti e la fattoria. Gruppi di legionari cercavano di attraversare il Tonzos, vide un soldato cadere nell'acqua e affondare, trascinato dal peso della corazza, le braccia distese a invocare aiuto che a poco a poco sparirono nel fiume. Si volt. I Batavi erano pronti e Quintilio lo osservava, in attesa. Gir il cavallo e s'avvi verso la strada per Adrianopoli.

XIII Quando raggiunse il torrente in secca, era ormai quasi buio. Vespero luccicava bassa a occidente. Scese nell'avvallamento, dove le rive asciutte, coperte di ciuffi d'erba arida, attutivano il clamore della battaglia. Da laggi le grida parevano lontane, irreali. Avanzava al passo, guardandosi intorno. Nessuno. Non vedeva nessuno. La sabbia e i ciottoli scricchiolavano sotto gli zoccoli del sauro, che camminava stancamente, trascinando le zampe. Ogni tonfo risuonava con un'eco, anche il passo leggero che avvertiva alle sue spalle. Non si volt. Sapeva che il dio era ancora con lui. Che non era finita. Eccoti, finalmente, magister. La voce di Dodoi non lo sorprese. Il ragazzo sbuc da dietro una roccia, nell'ombra. Ti aspettavamo. Gli si avvicin. Dov' lei? A meno di un miglio da qui, oltre la curva del torrente. Dodoi sorrise. Aveva il volto sfatto, eppure indurito, ma negli occhi gli brillava la luce gentile di sempre. Seguimi. Batraz smont e lo segu, conducendo il sauro alla mano. Sono andato a esplorare oltre, a meridione. Pensavo che si potesse fuggire, seguendo la riva. Dodoi sospir. Ma in fondo c' un contingente di uomini. Una cinquantina. Hanno sbarrato la strada. Batraz non fece alcun commento. La battaglia? domand Dodoi dopo un breve silenzio. Perduta. Le legioni sono in rotta. Farnag? Un'altra pausa. Cercher di raggiungerci. Mi ha ordinato di andare alla cappella diroccata, se non fossimo riusciti a fuggire. Non abbiamo altre possibilit. Leimeie lo attendeva in piedi, a pochi passi da Dadakos, che sorvegliava la pianura da un masso tondeggiante. Gli corse incontro, lo abbracci in silenzio. Non lo baci: gli affond il viso tra collo e spalla e rimase cos, a lungo. Dopo un po', la voce di Dodoi li riscosse. Dobbiamo andare. Qui siamo troppo allo scoperto. Dadakos si lasci scivolare dal masso. Uomini sussurr. Stanno venendo lungo il letto del fiume. Sono ancora lontani, ma ci raggiungeranno. Senza staccarsi da Leimeie, Batraz annu. Andiamo. tempo.

XIV Quando Sesto Autronio trov Numerio, si lasci cadere a terra. Aveva scavato, frugato in una catasta di cadaveri. Riprese fiato, stremato, si rialz, liber il corpo da quel groviglio di membra, lo trascin in uno spiazzo deserto. Ora Numerio giaceva composto, sul dorso. Non aveva ferite e il volto era livido, affilato. Soffocato, pens Sesto Autronio. Doveva essere morto soffocato dagli altri. Torn a sedere accanto a lui, appoggiando la schiena al mucchio di cadaveri. Sent, sulle cosce, il calore del sangue che continuava a sgorgare dalla ferita che aveva al ventre. Sollev gli occhi. All'orizzonte era comparsa la stella della sera. Cap che stava per assopirsi, o cos gli pareva. Non c'era dolore, solo lo stupore di vedere il proprio corpo spezzato. Si lasci andare, scivol via, nel nero. XV finita. Waduulf zoppic verso Fritigerno. Dal poggio su cui erano saliti, la pianura era una distesa buia, punteggiata da rari fuochi. I Goti si aggiravano in piccoli drappelli, raccogliendo i feriti. Altre squadre frugavano tra i cadaveri, per catturare o finire i Romani scampati. S. finita. Abbiamo vinto, reiks. Fritigerno si pass una mano sulla coscia ferita. Cap che non lo avrebbe ancora sostenuto a lungo. Valente? domand. Non lo abbiamo trovato. Che ne pensa Marco? Waduulf inarc le sopracciglia. Non lo so. scomparso. Era accanto a me, fino a poco fa, mentre battevamo il terreno. Poi s' fermato e senza dirmi niente si allontanato. Dai carri sulla collina avevano iniziato a scendere le donne, in cerca dei loro uomini. I bambini si affaccendavano accanto ai feriti, mentre i ragazzi pi grandi preparavano delle barelle con rami e fronde. Fate accendere dei fuochi. E curate tutti quelli che potete. Waduulf fece un cenno d'assenso e s'allontan. Fritigerno sedette a terra, la schiena contro il tronco contorto di un ulivo. La polvere della battaglia era ricaduta sul terreno e l'aria era fresca sulla pelle sudata. Tutto il corpo gli doleva. La pelle stessa, come l'avesse sfregata con

un fascio di rovi. Un uccello notturno fece sentire il suo richiamo. Per un momento gli parve di essere nelle sue terre, oltre il Danubio. L'indomani sarebbe andato a caccia, con i suoi fratelli. Ma i suoi fratelli non c'erano pi. Anche di Ghiveric non sapeva nulla, dall'inizio della battaglia. Restava solo Waduulf. Raccolse da terra un'oliva caduta, ruvida e raggrinzita. La port alla bocca, succhiandola piano. Aveva sconfitto Roma. Ma quell'idea gli parve troppo grande per essere pensata. Ci sarebbe stato tempo, nei giorni a venire. Tutto sarebbe cambiato. Sent uno scricchiolio di passi nell'erba secca. Davanti a lui, un cespuglio ondeggi. Ne emerse Marco, una torcia in mano, e sul volto un'espressione rabbiosa di trionfo. Alle sue spalle, bianca contro il cielo notturno, la tunica del monaco.

SCESA LA NOTTE
I
Una cappella in rovina nei pressi di Adrianopoli, Tracia. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, V giorno prima delle Idi di agosto. [9 agosto 378 d.C.]

Notte. Dalla breccia nel muro veniva il frinire di un grillo. La notte era tiepida e profumata. Solo in sottofondo, nell'odore della terra e dell'erba, si percepiva una screziatura aspra e dolciastra. estate sussurr Leimeie. Non me ne ricordavo pi. Si scost dal varco, le braccia strette intorno al corpo. Non si sente nessun rumore. Forse se ne sono andati. La voce chioccia di Saturnino risuon dall'angolo pi buio della stanza. L'uomo, avvolto in un mantello lacero, era quasi invisibile: soltanto le sclere bianche talora balenavano, se muovendo la testa i suoi occhi intercettavano la luce dell'unica fiaccola. Attendevano nell'oscurit. Nelle prime ore della notte, avevano sentito pi volte un calpestio di cavalli risuonare nelle vicinanze. Poi, durante la secunda vigilia, pi nulla. Leimeie torn a sporgere la testa dalla breccia, osservando il cielo nero: luna nuova. Doveva essere iniziata da poco la tertia vigilia; l'alba era ancora lontana. Sono vicini. Dodoi, accanto a lei, teneva pronto nella mano l'arco dalla corda ben tesa. Rimarranno qui per giorni. Devono curare i feriti e seppellire i morti. O bruciarli. Seppellirli! Bruciarli! Il tono di Saturnino s'era fatto stridulo. Sono barbari, li lasceranno marcire! Dodoi si avvicin al generale. Sono un barbaro anche io. E anche Batraz e gli altri che sono qui. Nessuno di noi abbandonerebbe i suoi morti. Si ud uno sbuffo e Leimeie intu il gesto di Saturnino che voltava sdegnato il capo. Tornando verso la breccia, Dodoi le sfior un braccio. Hai ragione disse il ragazzo. estate e non ce ne siamo accorti. Si ud uno scalpiccio. Dodoi alz l'arco per abbassarlo subito dopo. La testa di Batraz si era chinata nella bassa apertura che conduceva nella stanza. Fuori ancora tutto tranquillo. Il Sarmata scivol accanto a Leimeie, sedendosi sul pavimento di pietra che conservava parte del calore del

giorno. Sei tornato la ragazza gli strinse le mani. Le sue erano fredde, asciutte. Ho fatto un giro qui intorno. C' fermento, sui colli vicino al Tonzos. Ci troveranno? Non lo so. Penso che stiano ancora cercando Valente. Con un cenno, Batraz fece avvicinare Dodoi. Come sta? sussurr. Il ragazzo scosse il capo. Ho fatto un impacco sulla ferita. E gli ho dato dell'oppio. Si strinse nelle spalle. tutto quel che potevo fare. Vado da lui. Batraz si alz pesantemente, sfilando le dita dalla stretta di Leimeie. Mentre si avviava verso la porta, lei continu a fissarlo. Il respiro, greve, faticoso, risuonava a lunghi intervalli per il corridoio oscuro. Valente, il colorito esangue, quasi diafano, giaceva assopito su un giaciglio d'erba secca. Mani gentili avevano ripiegato con cura il suo mantello color porpora, ponendoglielo sotto la nuca, come un cuscino. Al lume della lucerna, Yaguz, profondi canali di rughe sul volto, gli passava una pezzuola umida sulla fronte. Dorme. Quando Batraz si sporse nella minuscola cella, Yaguz sollev appena gli occhi. Cerc di sorridere, ma la bocca gli si stir in una smorfia esausta. Tra poco si sveglier. Va' ora. Riposa. Batraz si accoccol a fianco dell'imperatore. Ho appena ordinato il cambio delle sentinelle. Arriveranno. Lo sai disse pacatamente Yaguz. Non questione di molto. Sai qualcosa di Farnag? Batraz scosse il capo. Credo si sia ritirato, appena fatta notte. Penso che abbia tentato la strada per Cabyle. Potrebbe averlo fatto. da folli, ma lui potrebbe averlo fatto. Yaguz si risollev lentamente, le mani sulle ginocchia scricchiolanti. Cercher di dormire un po'. Prima di uscire dalla cella, torn a voltarsi. Quanti uomini abbiamo perduto? Migliaia. Intendevo noi. I Sarmati. Non lo so. Non lo so. Quando rimase solo con Valente, Batraz si sfil la cotta di maglia. Controll la voluminosa fasciatura che Dodoi gli aveva fatto alla spalla. La ferita era profonda e stentava a muovere il braccio destro. Ma i suoi uomini non dovevano saperlo. E nemmeno Leimeie. Soprattutto lei. Si sentiva stremato: l'energia del dio era trascorsa; la mente era libera. Conosceva il vuoto che sentiva alla bocca dello stomaco, come se stesse per saltare in un precipizio. Riconosceva il dolore che avvertiva nel profondo dei testicoli e le contrazioni del ventre, che pareva doversi svuotare a ogni minuto. Paura, vecchia compagna.

Si distese sul giaciglio, appoggiandosi sul braccio sinistro, e osserv l'imperatore. Un uomo basso, appesantito dagli anni e dagli agi. Brutto. Era stato un buon combattente, da giovane. Mai un grande generale. E lo avrebbero ricordato solo per quella sconfitta. Il volto di Valente era imperlato di sudore. Il naso, arcuato e largo, s'era fatto affilato, quasi traslucido. Le palpebre gli vibravano appena, per poi fermarsi. Un fremito ancora, pi lungo, poi si dischiusero e l'occhio buono fiss smarrito il soffitto di pietre, mentre quello malato si spostava bruscamente, come spinto all'infuori, finch l'iride parve incastrarsi nell'angolo dell'orbita. Sei al sicuro, Augusto. La mano di Valente si alz, cercando quella di Batraz. Sei tu. Come sempre quando mi sento perduto. Sono io. Hai mandato i tuoi uomini a prendermi. Mi hai portato via dalla battaglia. Tu eri ferito. E la battaglia era perduta. Valente si volt verso la stretta feritoia da cui entrava un soffio di brezza notturna. Inspir avidamente, con un suono basso e roco. Lo so. Tacquero entrambi. Quante perdite? domand infine Valente. Molte, Augusto. Migliaia di uomini. Sebastiano. Traiano. E i tuoi? Non ne so nulla. Non ancora. Ho perduto tutto. Di me si ricorder solo che sono morto in questo buco. Valente inizi a muovere il capo, oscillando da una parte e dall'altra. Non voglio sussurr. Non voglio. Non voglio. Non voglio. Cerc convulsamente di mettersi a sedere. Non deve essere! grid. La benda che gli fasciava l'addome s'inumid di sangue fresco. Afferrandogli le spalle, Batraz lo costrinse a stare gi. Ne sent la pelle ardergli sotto le dita. Non puoi alzarti. Valente si lasci ricadere sul giaciglio. Arriveranno anche qui. Tu lo sai, vero? Vogliono me. La sua voce era ritornata tranquilla. Batraz non rispose. Fammi uscire sussurr Valente. Prenderanno solo me. Non sei in grado di camminare. E poi, non servirebbe a nulla. Fritigerno vi lascerebbe andare. Forse. Batraz fece una lunga pausa. Ma c' Ertegul con lui. Valente si copr gli occhi con la mano. Attese a lungo prima di riprendere a parlare. Ertegul. Il mio consigliere. Rise, con disprezzo. Fu colto da un attacco convulso di tosse, che gli fece sputare un grumo di

sangue. Batraz gli asciug le labbra. Riposa. Bruscamente, Valente gli scost la mano. Il mio consigliere. Il mio padre. Cerc con gli occhi Batraz. Hai visto la sua croce? Batraz annu. Sai cosa significa? No, Augusto. l'Anticristo. Il male che scender sul mondo. Il mondo sta per morire. Lui me lo diceva sempre, ma io non capivo. Non capivo che parlava del mio mondo. Forse giusto cos. La voce di Batraz era un sussurro. Valente non rispose subito. L'occhio sano si fece distante, per poi ritornare a fuoco. Tu lo pensi davvero? Non lo so. Ma il nostro mondo vecchio. E quello di Fritigerno ha fame. E chi ha fame spazza via tutti coloro che gli si oppongono. Non ci avevo mai pensato. E tu? Tu non hai ancora fame? Io so soltanto combattere. Ma sono stanco. E vecchio. Batraz si accorse che l'imperatore non lo stava pi ascoltando. Forse cos. Valente aveva ripreso a scuotere il capo. Forse cos. cos che deve finire il mondo. Un suono concitato di passi nel corridoio. Dadakos sporse il capo nella cella, ansante. Stanno arrivando, magister. Stanno arrivando. II I Goti portavano fuochi. Una colonna a cavallo, che giungeva dai poggi coperti di viti e di olivi nelle vicinanze del Tonzos, snodandosi lungo la pianura, alla luce delle fiaccole. Non possono averci visti sussurr Saturnino. Non ne hanno bisogno. Batraz si ritrasse dal muro slabbrato che circondava la cappella e gli edifici collegati. C' il monaco, con loro. Leimeie appoggi le mani sulle pietre fredde, percorsa da un brivido. E quel Romano traditore. Loro sanno dove cercarci. Sanno che l'imperatore ferito e che non possibile trasportarlo. Dodoi rise, un chiocciolio soffocato. E che non lo avremmo abbandonato. Che cosa ti fa ridere, ragazzo? domand severamente Yaguz. Ho pensato a mia madre. Se sapesse che sono qui mi direbbe: Non cacciarti nei guai, figlio mio. E come farai a non cacciarti nei guai? Nel buio, Dadakos sollev le sopracciglia. Voler via, naturalmente.

Tacete! L'ordine di Batraz fu seguito dal silenzio. Dobbiamo dividerci. C' una scala, nella cappella, che conduce a una cripta. Di l parte un cunicolo. Non l'ho percorso, ma dalla direzione credo che vada verso il letto del fiume in secca. Una via di fuga disse pensieroso Yaguz. Per i preti sogghign Baxagos. Non servita a molto. Nella cripta ci sono i resti di una decina di corpi. l'unica via che abbiamo. Batraz fece un gesto reciso con la mano. Esamin gli uomini raccolti intorno a lui. Siamo rimasti in venti. La maggioranza deve restare, per rallentare i Goti disse Dadakos. Batraz annu. C' bisogno di due uomini per portare l'imperatore lungo il cunicolo. Fece una pausa. E di una terza persona, per far luce. Il conto semplice. Dadakos sorrise. Resteremo in diciassette. Tu hai gi deciso di restare? domand Dodoi. Non mangio da ieri mattina, e questo mi mette di cattivo umore. Ho voglia di menare le mani. Diciassette un numero che porta male intervenne cupo Baxagos. La diciassettesima legione fu la prima a essere massacrata a Teutoburgo. Cadde un breve silenzio. Bene. Batraz sollev il capo. Dadakos rimane. E io pure. Chi altri? Tutti fecero un passo avanti. Leimeie si accost a Batraz. Io resto con te. Batraz non la guard, come se non l'avesse sentita. Il pi vecchio e il pi giovane porteranno l'imperatore. Yaguz e Dodoi. Perch loro? Saturnino si fece avanti. E poi, perch devi essere tu a comandare? Se credi di poterti far ubbidire dai miei uomini, il comando tuo. Dai Sarmati sorse un cupo brontolio. Dadakos sogghign ostentatamente. Con una smorfia, Saturnino sollev le mani, i palmi rivolti in avanti. Va bene. Va bene. Sollev il mento in gesto di sfida. Ma perch il vecchio e il ragazzo? Perch sono quelli meno utili in battaglia. Batraz gli volt le spalle. Avete sentito? domand. Pos una mano sulla spalla di Yaguz. Mi hai sentito, vecchio? domand dolcemente. Mentre Yaguz chinava il capo con un gesto di sconfitta, Dodoi si sent ribollire il volto e ringrazi il buio che ne nascondeva il rossore. Magister... inizi. Non discutere, ragazzo. Dadakos gli appoggi una mano sul torace, spingendolo indietro. Hai sentito gli ordini del magister. Va'. Si rivolse a Batraz. E il terzo? domand. Batraz pass uno sguardo circolare sui suoi uomini. Tutti annuirono silenziosamente.

La donna disse Batraz. Saturnino sput rumorosamente a terra e si allontan, avvolgendosi nel mantello lacero. Io non andr. Leimeie scosse il braccio di Batraz, le unghie che gli scavavano la pelle. Io non andr. Sollev il viso verso di lui. Nei suoi occhi, rabbia e dolore. Andate a prendere posizione. Batraz aveva posato la mano su quella della ragazza, trattenendola. E voi due, preparate l'imperatore. Gli uomini si avviarono, scomparendo nel buio. Dadakos, tu resta disse Batraz, senza lasciare la mano di Leimeie. Poi si chin verso di lei. Tu devi andare sussurr. Lo sai. Lei lo fiss, gli occhi come pozze chiare nella notte. Perch? mormor. Per me. Con un movimento lento, Batraz le sfior le labbra. Annus l'odore dei suoi capelli, del suo sudore. Sent le sue mani sulle spalle. Rest cos, appoggiandosi a lei, mentre i suoi muscoli si rilassavano, come per permettergli di aderire a lei, di scivolare dentro di lei, di farsi portare via con lei. Da meridione s'era levato un vento fresco, che recava un odore speziato. Dalla pianura giunse, ancora lontano, il trapestio dei cavalli. Una fitta di dolore gli percorse la ferita. Si scost da lei, senza guardarla. Dadakos mormor. Accompagnala dentro. Non si volt pi. Nella pianura, la colonna di fiaccole era sempre pi vicina. III Sei certo che siano l? domand Fritigerno. una cappella. Ertegul sollev gli angoli della bocca, senza dischiudere le labbra. E Valente un buon cristiano. Quale rifugio migliore? Il volto del monaco era nascosto quasi per intero dal cappuccio. Solo il suo sorriso obliquo balenava nella luce delle fiaccole. Valente stato un avversario leale. E io non mi fido di te, prete. Il reiks si rese conto di provare rabbia per quell'uomo, accompagnata da un disagio che non comprendeva. Si mosse inquieto sulla sella. Ertegul scroll le spalle, indifferente. Che importa? Cerchiamo la stessa cosa. Un nuovo, ambiguo, sorriso. Tu perch lo cerchi? La colonna alle loro spalle procedeva al trotto. Cento uomini, i pi freschi. Waduulf e Marco cavalcavano davanti a tutti, in avanscoperta.

Devo finire il mio lavoro. Tu, piuttosto, perch hai tradito il tuo imperatore? Io servo un re che non di questa terra. E il tuo re ti ha ordinato di tradire? Il mio re ha deciso che questo mondo alla fine. Fritigerno scosse la testa. Tu sei pazzo, prete. Molti lo dicono. Ed possibile. Ma servo Dio. Prima che il reiks potesse ribattere, furono raggiunti da Marco, ritornato rapidamente indietro. Sono laggi ansim il Romano. Ci sono due arcieri sul tetto. E ho visto qualcuno muoversi lungo il muro. Fritigerno scambi un'occhiata con Ertegul. Andiamo disse. Al galoppo. IV Le prime furono frecce incendiarie. I Goti, arrivati di fronte alle rovine, si erano schierati a semicerchio; gli arcieri accostavano a una fiaccola la punta della freccia, avvolta in uno straccio intinto nella pece e, uno alla volta, lanciavano il cavallo in avanti. Scoccavano, colpivano, ritornavano indietro. In silenzio. Le travi del tetto iniziarono ad ardere col crepitio secco di un legno vecchio e asciutto. Lo schianto di un crollo. L'urlo rabbioso di un uomo sfiorato dalle fiamme. La luce arancione del fuoco, che disegnava sui muri le ombre dei guerrieri. Mirate alle fiaccole! ordin Batraz. Sentiva crescere in s una sensazione brutale e definitiva. Sconosciuta. Angor, pens in un lampo di lucidit. Angoscia. Alle fiaccole, bastardi! Tacque bruscamente, sorpreso di s, il corpo percorso da un tremito. Dadakos gli pos una mano sul braccio. Strinse. Si tengono fuori tiro, magister. Abbass l'arco, la voce tranquilla. inutile. Sprecheremmo solo le frecce. Batraz chin il capo. Per la prima volta nella sua vita, si sentiva impotente: i Goti non accennavano ad avvicinarsi; loro non potevano muoversi. Inchiodati, prigionieri. Dadakos lo fiss, poi, distogliendo lo sguardo, lanci un urlo breve e gutturale, e i guerrieri sul tetto si lasciarono cadere a terra, per correre, la schiena china, a ripararsi dietro il muro. Batraz respir a fondo. Hai fatto bene. La voce gli usciva con difficolt. Potrebbero continuare fino all'alba. O finch non saremo tutti morti disse con calma Dadakos. Batraz annu. La cappella alle loro spalle stava bruciando. Ed era l'unico

rifugio. L'unico luogo dalle mura abbastanza solide. Dobbiamo trattenerli, dare tempo a Yaguz. Lo sguardo di Dadakos era urgente, preoccupato. Batraz sent una contrazione del ventre. Doveva decidere. Presto. Subito. Manda Baxagos con un paio di uomini al pozzo nel cortile. Che spengano il fuoco. Mentre Dadakos correva via, un guerriero accanto a Batraz cadde senza un gemito, l'asta di legno ardente piantata tra le maglie della cotta. Con un crepitio sinistro le fiamme gli avvolsero la barba e i capelli, mentre nell'aria si diffondeva un odore di carne bruciata. Convulsamente, Batraz cerc di spegnere le vampe con le mani, prima di rendersi conto che l'uomo giaceva immobile. Una freccia rimbalz sul muro a un passo da lui. Una seconda ondata. Una terza. Grida. Nel cortile un guerriero cercava freneticamente di liberarsi dalle vesti incendiate, mentre la brezza notturna alimentava le fiamme. Batraz lo vide alzarsi oltre la protezione delle pietre e crollare a terra, piegato in due, un dardo conficcato nella bocca urlante. Poi i Goti avanzarono lentamente, coperti dagli arcieri. Ora grid Batraz. I Sarmati lanciarono, ma con scarsi risultati, mentre la cappella ardente era un bersaglio nitido contro il cielo stellato. Altri tre uomini caddero, come rami secchi. Maledetti! Sono gatti imprec Dadakos. Era ritornato accanto a lui strisciando lungo il muro. Vedono anche al buio. Un gorgoglio soffocato. Un Sarmata lasci cadere l'arco e piomb al suolo, come colpito dal calcio d'un mulo, una freccia conficcata nel collo. Il getto di sangue fior scarlatto nella luce del fuoco. Siamo troppo visibili. Dobbiamo ripiegare all'interno. Dadakos scosse il capo. Impossibile. Il pozzo asciutto. C' solo un fondo d'acqua. Non possiamo spegnere l'incendio. Dov' Saturnino? Fuggito. Dadakos tir. Una fiaccola si spense. L'ho visto correre via. Gett un rapido sguardo a Batraz. Verso i Goti. La pioggia di frecce s'arrest bruscamente. Nella notte l'unico rumore era il ruggito delle fiamme. Che fanno? domand Dadakos. Un'ombra scura si avvicinava lentamente. Un cavaliere. Solo. Dadakos alz l'arco, ma con un gesto Batraz glielo fece abbassare. Aspetta. Il cavaliere s'arrest a meno di uno stadio dal muro. Alz la mano, appena visibile nell'oscurit. Vuole parlare. Batraz si alz, ombra scura contro i bagliori dell'incendio. Che fai? Dadakos cerc di trattenerlo. Senza rispondere Batraz lo scosse via e scavalc il muro. Cammin nella notte quieta e profumata. La pianura si stendeva pacifica

intorno a lui, indifferente. Sei tu disse, raggiungendo il cavaliere. finita, Sarmata. Lo sai. Fritigerno si lasci scivolare dalla sella. Lo so. Consegnaci Valente e lasceremo andare te e i tuoi. E la donna. Non posso. Il reiks annu. Immaginavo che avresti risposto cos. A che ti serve? A nulla. Ma il mio onore la fedelt. Questo lo capisco. Allora dovremo uccidervi. So anche questo. Bene. Fritigerno torn in sella. Ti lascer il tempo di ritornare indietro. Poi attaccheremo. Lo guard dall'alto. Buona fortuna, Sarmata. Si allontan al passo. Batraz lo segu con lo sguardo, poi ritorn indietro. La cappella era avvolta dalle fiamme e il vento caldo dell'incendio gli arroventava la pelle. Che cosa voleva? domand Dadakos. Offrirci la resa. Dadakos si volt verso oriente. Yaguz dovrebbe essere arrivato al fiume. Dobbiamo trattenerli. E allora sia. Un urlo si alz nella notte. I Goti si lanciarono al galoppo. Frecce. Una nuova pioggia di frecce. Poi i cavalli dei barbari furono presso il muro, lo oltrepassarono di slancio. La lancia di Baxagos affond nel fianco di un cavaliere, facendolo roteare nell'aria. Batraz vide sopra di s il ventre scuro di un cavallo. Colp alla cieca, gettandosi di lato. Batt il capo contro un sasso sporgente, rialzandosi a fatica. Un'ascia luccic sopra di lui. Alz la spada, di taglio, in parata, e sent l'urto ripercuotersi sulla ferita. La lama della sua spada si spezz in due e l'ascia lo raggiunse di striscio alla spalla, strappandogli la cotta e il bendaggio. Grid, rabbiosamente, cadendo in ginocchio, e conficc il troncone acuminato della spada nel ventre del barbaro. A pochi passi da lui, Baxagos era circondato da un gruppo di Goti. Prima di riuscire a rialzarsi, Batraz vide le spade alzarsi e ricadere, come le falci dei contadini, mentre gli schizzi di sangue giungevano fino a lui, inondandogli il viso. Si risollev facendo forza sul braccio sinistro, il destro che gli pendeva lungo il fianco come un pezzo di legno. Tutto intorno a lui pareva muoversi a scatti, come se le immagini fossero immobili nei guizzi delle fiamme. Un Sarmata inchiodato da una lancia contro il muro della cappella. Un altro decapitato da un colpo d'ascia. Un terzo a terra, sovrastato da un gigante biondo che teneva sospesa sul suo capo una pietra grande come la testa di un cavallo. La pietra cadde, con uno schianto, e nello stesso momento Batraz sent qualcosa conficcarglisi nella coscia, come una falce ardente che lo avesse

mietuto. Sent il ginocchio cedergli e cadde bocconi, la bocca urlante piena di terra. Un'ombra scura incombente su di lui. Un violento dolore al capo. Buio. V L'alba stava sorgendo. Si risvegli con un sapore di bile tra le mascelle serrate. La sua testa era un maglio che batteva regolare, e il braccio destro era del tutto insensibile. Tutta la gamba sinistra pulsava brutalmente, facendogli stringere le labbra tra i denti per non gridare. Socchiuse cautamente gli occhi, sentendo la pelle tendersi e tirare sotto le incrostazioni di sangue. Era appoggiato al muro di recinzione, braccio e gamba fasciati sommariamente. A ogni battito del cuore le bende s'inumidivano di sangue. Davanti a lui, la cappella era un mozzicone nerastro e fumante, da cui provenivano crudeli soffi d'aria rovente. I Goti stavano trascinando via i corpi dei loro compagni, lasciando i cadaveri distorti dei suoi uomini abbandonati nel cortile. Con una fitta al ventre, Batraz riconobbe Baxagos solo dalla spada, ancora stretta nella mano insanguinata. Toss, senza riuscire a trattenersi. Quando sent avvicinarsi dei passi, torn a serrare le palpebre. Un tonfo sordo, poi i passi si allontanarono. Riapr gli occhi. Dadakos era stato gettato al suo fianco: aveva una larga ferita al torace, ma respirava regolarmente. Lo sfior, muovendo appena un piede. Dadakos gemette, fissandolo con uno sguardo annebbiato. Parve impiegare qualche tempo per riconoscerlo. Magister. Sono morti tutti. Perdonaci sussurr. Batraz non rispose. Due paia di gambe entrarono nel suo campo visivo. Gambali pesanti. Abbass le palpebre. Sveglia, magister. Un calcio brutale lo colp alla gamba ferita, facendolo mugolare. Ecco, bravo, apri gli occhi. Il Romano. Marco. Lo fissava con un largo sorriso, gli occhi che brillavano, lucidi di ferocia come quelli di un furetto, nel volto scarno. Fece per colpirlo di nuovo ma il gigante biondo accanto a lui lo ferm. Lascialo. un prigioniero. E si battuto bene. Marco si pass il dorso della mano sulla bocca. Come vuoi tu, Waduulf. Ma dovr dirci che ha fatto di Valente. Il gigante si volt. Ecco il reiks. Ci penser lui. Fritigerno, il viso pallido e serio, veniva

verso di loro. Marco e Waduulf si fecero di lato, mentre il reiks osservava Batraz e il suo compagno con qualcosa che pareva simile alla piet. Ci rivediamo ancora, Sarmata. Accenn ai cadaveri dei Gentiles Seniores. Li faremo seppellire o bruciare, come ci dirai tu. Batraz cerc di parlare, ma gli pareva di avere la bocca piena di stoffa asciutta. Dategli da bere ordin Fritigerno. Waduulf accost una fiasca alle labbra di Batraz. L'acqua era fresca. Meravigliosa. Batraz ne trattenne un ultimo sorso in bocca, prima di deglutirla. Fu un momento infinito. Dov' l'imperatore, Sarmata? La voce di Fritigerno era gentile. So che era qui. Non l'abbiamo visto mormor a stento Batraz, le labbra crepate. E questo cos'? domand una voce ironica. Un involto color porpora gli venne gettato in grembo. Batraz sollev il capo. Due gambe scarne. Una tunica bianca. Quella voce. L'ho trovato in una cella disse Ertegul. quello di Valente. Il monaco mostrava il suo solito sorriso, gli occhi immobili e vuoti. Fritigerno prese il mantello. Lo esamin. Si chin, accostandosi a Batraz. Dov'? disse con voce dura. Parla, meglio per te aggiunse in un sussurro inintelligibile per gli altri. Batraz scosse il capo. Un dolore al braccio, come una lama di fuoco. Marco gli aveva afferrato la spalla e stringeva, affondandogli le dita nella ferita. Bello avere un braccio inutilizzabile. Vero, magister? Come quello che mi ha lasciato la tua puttana. Basta ordin Fritigerno. Continuando a fissare Batraz, Marco lasci la presa, non prima di un'ultima stretta maligna. Facciamo parlare l'altro propose indicando Dadakos. Fritigerno lo spinse via con un gesto brusco. Non torturo i prigionieri. Un clamore di grida si lev, poco lontano. Un gruppo di cavalieri si avvicinava al trotto, trascinando con una corda un uomo appiedato, i polsi legati davanti al corpo. Il pi anziano volteggi a terra. Li abbiamo trovati disse. C' Valente. E c' una donna. Accenn alle sue spalle: stato lui a guidarci. Diede uno strattone alla corda che teneva in pugno, costringendo l'uomo appiedato ad avanzare. Barcollando, Saturnino si fece avanti, un'espressione di sfida sul volto sfigurato dal dolore. Fritigerno torn a guardare Batraz. Mi dispiace, Sarmata mormor.

VI I cespugli frusciavano al vento sulle sponde del fiume in secca. Fritigerno fu il primo a smontare e si avvi, preceduto dai suoi uomini, verso un cerchio di rocce tappezzate d'erica e di muschio. Ertegul lo seguiva, il capo coperto dal cappuccio, le mani piamente unite sul grembo. Con cautela, Waduulf aiut Batraz a scendere di sella, attento a non sfiorargli le ferite. Batraz si trascin dolorosamente fino alle rocce, poi Marco lo afferr per le spalle, spingendolo con brutalit e facendolo cadere con il volto nella polvere. Ecco i tuoi amici, magister. Batraz sollev faticosamente la testa. Dodoi, una chiazza di sangue sul fianco, era stato legato con le mani dietro la schiena, le braccia stirate dolorosamente in basso. L'imperatore giaceva tra lui e Yaguz, che i barbari avevano costretto a inginocchiarsi. Il capo di Valente era appoggiato in grembo a Leimeie. La ragazza aveva il volto striato di sangue, i capelli incrostati di terra. I suoi occhi, enormi nel viso pallido, erano fissi su Batraz, colmi di pena e di dolore. Stirando le labbra doloranti, Batraz cerc di sorriderle. Waduulf si accost a Valente. Respira ancora disse, rivolto al reiks. Ma non per molto aggiunse. Fritigerno si avvicin al suo nemico. Valente aveva gli occhi socchiusi, il respiro sibilante. La fasciatura sul ventre era intrisa di sangue scuro. Si guardarono in silenzio. Poi, con uno sforzo estremo, Valente si aggrapp alle spalle di Yaguz. Si lev a sedere, ansimando. Fritigerno allung una mano, per sostenerlo, e Valente vi si aggrapp. Mentre continuavano a fissarsi, Ertegul si fece strada tra i Goti. Reggeva tra le mani, come una reliquia, il mantello dell'imperatore. Gli si avvicin e glielo gett addosso. Il mantello s'impigli tra le spalle e il capo di Valente. La tua dignit, Augusto disse il monaco con sarcasmo. Valente si liber dalla stretta di Fritigerno e afferr con dita convulse un lembo della stoffa, scoprendosi il capo, il mento in avanti. Sforzandosi di mantenersi eretto, il respiro sempre pi corto, cerc di avvolgersi il mantello attorno al corpo. Fu allora che, repentinamente, Marco estrasse la spada e gliela piant tra le scapole. Il vento rinforz sollevando veli di polvere e per Batraz il tempo si arrest, spezzato in immagini vivide: il sorriso di Ertegul, un uccello immobile nel cielo, il volto sbigottito di Fritigerno, un sasso tondo e lucido, con una lunga striatura cinerina, gli occhi sbarrati di Yaguz. Anche il grido di Batraz era bloccato, duro nella sua gola come un cristallo. Il vento cadde e Batraz url nell'aria ferma e calda, e Leimeie balz in piedi

con un grido selvaggio, gettandosi su Marco. E Batraz vide il corpo della ragazza scagliarsi in avanti, e subito, con un movimento lento, come nei sogni, Ertegul fare un passo verso di lei. Vide il braccio del monaco sgusciare dalla tunica, armato di un corto pugnale che luccic nel sole. Vide Ertegul afferrare la ragazza per una spalla, costringendola a voltarsi. Vide il corpo di Leimeie inarcarsi e quello di Ertegul accostarlesi, come in un abbraccio sensuale. I loro volti vicini che si sfioravano. Poi vide il pugnale affondare tra i seni indifesi di Leimeie. Grid ancora, ululando come un cane e sentendo quell'ululato risuonare nella pianura; strisci in avanti, lasciando sulla sabbia un solco insanguinato. Grid, nel raggiungerla e toccarla, mentre tutt'intorno s'era fatto silenzio. Fritigerno, le braccia lungo i fianchi, osservava muto, mentre Ertegul puliva il pugnale e lo riponeva, come un attrezzo che avesse fatto bene il suo lavoro. Batraz affond il viso nel ventre di lei, nel suo sangue. Sent ancora un calore che sfumava. Poi svenne.

DOPO
I
Nei pressi di Adrianopoli, Tracia. Anno MCXXXI dalla fondazione di Roma, XVII giorno prima delle Calende di ottobre. [15 settembre 378 d.C.]

Quando videro in lontananza i cavalieri, il pomeriggio iniziava a calare. Venivano da meridione, lungo la strada di Adrianopoli. Nessuna insegna. Dodoi lasci cadere il secchio di cuoio e l'acqua si sparse sull'erba. Uomini! grid. Yaguz scivol fuori dalla capanna di travi annerite presso il letto del torrente in secca. Socchiuse gli occhi. I cavalieri erano una ventina e procedevano al passo verso di loro. Mantelli neri. Scudi neri. I capelli dell'uomo in testa al drappello luccicavano rossi nel sole. Yaguz si accost a Dodoi, in piedi nella pianura assolata. Un richiamo alle loro spalle. Chi arriva? Dadakos correva verso di loro, tre pernici, strette per il collo, nelle mani. Chi arriva? ripet. Yaguz accenn con il capo, un lieve sorriso sulle labbra. Quando Farnag smont, li abbracci a uno a uno. Afferr Dodoi per le spalle e lo fiss. Ho detto a mia sorella che sei vivo, ragazzo. Dodoi annu, distogliendo lo sguardo. Com' la situazione a Costantinopoli? domand Yaguz. Tutto cambier. E forse non cambier nulla. Si mormora che Graziano nominer Teodosio Augusto per l'Oriente. Quello che fu dux della Mesia? Proprio lui. Un buon generale mormor Yaguz. Un altro cristiano. Pare che vieter di adorare gli dei. Dodoi scroll le spalle. Che c'importa. Gli dei non esistono. Dadakos rise amaramente. Rimasero in silenzio, mentre gli uomini di Farnag dissellavano i cavalli. Vi abbiamo portato delle provviste disse infine Farnag. Non ne abbiamo bisogno. Yaguz batt una sonora pacca sulla spalla di Dadakos. Abbiamo il nostro cacciatore. Si sorrisero, felici di essere l. Vivi, nella pianura inondata di sole, dove l'erba aveva ripreso un verde intenso dopo le piogge di fine agosto. Un'ombra incresp lo sguardo di Farnag. Lui dov'? Dodoi accenn con il capo verso meridione. Da lei.

Come sempre. Farnag s'incammin lungo la sponda. Le piogge avevano trasformato il letto arido del torrente in un minuscolo rivolo che scorreva lungo il fondo, tra sassi e ciuffi d'erba. Nell'aria ronzavano api tardive e si udiva talora il fruscio profondo delle ali di una libellula. Il sole alla sua sinistra stava per tramontare e gettava sull'erba il colore di una melarancia spaccata. Trov Batraz accanto ai due tumuli. Sedeva a gambe incrociate, la mano su quello pi piccolo, gli occhi rivolti a oriente, dove il cielo iniziava a scurirsi. I capelli, tagliati cortissimi, erano completamente bianchi. Salutandolo con un cenno, Farnag sedette accanto a lui. Rimasero a osservare il buio invadere il cielo, mentre alle loro spalle il sole calava. Quando giunse il crepuscolo, Farnag si assest meglio sull'erba. Ho portato della carne secca e del vino. Non ho fame. Pi tardi, forse. Farnag strapp un filo d'erba portandoselo alle labbra. Soffi, traendone un suono acuto. Un uccello rispose da un albero oltre il fiume. Marpessa dice che le manchi. Ha te, per tenerle compagnia. E caldo il letto prov a ridere Farnag. E caldo il letto. La voce di Batraz era piana, senza modulazioni. Il silenzio torn a calare tra di loro. Graziano nominer Teodosio imperatore d'Oriente. una buona scelta. Vuole sapere se ritornerai a Costantinopoli. Batraz non rispose. Se cos non fosse, toccher a me guidare i nostri uomini. Questa una scelta ancora migliore. Batraz appoggi una mano sul ginocchio dell'amico. Sarai un grande magister. Si volt a osservare pensoso il tumulo pi grande. Volevo piantare qualcosa di suo tra le pietre. La spada, l'elmo. Ma non ho trovato nulla. Scroll le spalle. Il mantello lo abbiamo usato per avvolgerlo. Sar una tomba anonima. Farnag si pass una mano tra i capelli. Perch non vuoi che si sappia dov' seppellito Valente? Perch so che non vorrebbe essere ricordato. Cos si dimenticheranno pi in fretta di lui. Si potr pensare a una morte da eroe. Da imperatore. Batraz sollev lo sguardo. Inizia a fare freddo. Si alz, facendo forza sul braccio sinistro. Come va l'altro? Migliora. Tra un paio di settimane sar a posto. Ma gi ora posso cavalcare. Indugiarono di fronte alla tomba di Leimeie. Batraz si chin a frugare tra l'erba, raccogliendo dei rametti e preparando un piccolo fuoco. Torner pi tardi per accenderlo disse. Non voglio che si senta sola. Non questa notte.

Ecco. Farnag apr un lungo involto di stoffa nera che aveva posato accanto a s. Ne estrasse una spada, tendendola all'amico. Eccola. Te l'ho riportata. Per la prima volta Batraz sorrise. Pass le dita lungo la lama, poi la fece scomparire nel fodero. arrivata al momento giusto. Fiss l'amico, che si sorprese a vedere il buio profondo che gli si annidava negli occhi. Perch sei venuto proprio oggi? Perch ho buona memoria. Si avvi. Vieni, andiamo a mangiare. Nell'aria c'era odore di carne arrostita e si sentiva il vociare dei soldati. Allora hai deciso? domand Farnag. Batraz annu, la spada appoggiata sulla spalla. Partir domani. Lo trover disse con calma. Non puoi sapere dove sia andato. Batraz scroll le spalle. Andr verso settentrione. E poi trover le sue tracce. Non pensi sia rimasto con Fritigerno? No. Dodoi ha visto Fritigerno far frustare sia lui sia Marco. Li ha scacciati. Farnag annu. E qui intorno, come va? I Goti si stanno sistemando nelle fattorie. Il mondo cambiato. Si fermarono entrambi, nel crepuscolo. La pianura intorno a loro era immersa nella quiete. S disse Farnag. Il mondo cambiato.

FINIS TERRAE
... me mare, me venti, me fera iactat hiems. Ovidio Mors et fugacem persequitur virum. Orazio ... le acque di questa palude sfociano nel Ponto... Essa chiamata Meotide, o anche la Madre del Ponto. Erodoto I
Scizia. Foce del fiume Tanais, palude Meotide, a settentrione del Ponto Eusino. Anno MCXXXII dalla fondazione di Roma, IV giorno prima delle None di febbraio. [2 febbraio 379 d.C.]

Qui il mare ghiacciato. Perch di mare si tratta, anche se gli antichi l'hanno sempre chiamata palude. La Meotide. L'uomo dai capelli bianchi costeggia la sponda. Alla sua destra le acque sono coperte di lastre di ghiaccio che galleggiano sull'acqua bassa. Talvolta le lastre stridono e si scontrano e quel rumore l'unico che risuona nella bassa pianura, fitta di canneti. Due giorni fa l'uomo ha lasciato alle sue spalle le rovine di una citt, abbandonate da decenni, dove ha vagato a lungo per le strade deserte, entrando in case prive di tetto ma che parevano aver conservato gli odori del tempo. Da allora s' inoltrato nelle paludi, in una distesa bianca che pare senza fine. Da allora, appena visibili sull'orizzonte innevato, sono comparsi i cavalieri. Si tengono lontani, ma non lo perdono mai di vista. Si fermano quando lui si ferma; riprendono quando lui riprende. Verso oriente, questa mattina, comparsa una lunga striscia scura. Avvicinandosi al passo, l'uomo ha iniziato a distinguerne i particolari. Una fortificazione: alte mura di legno scuro e umido, con passaggi aerei che scavalcano gli stagni. Issata sui pali, una croce che pare enorme. Nel pomeriggio l'uomo riuscito a vedere i crani che la ricoprono quasi completamente. A giudicare dalle dimensioni, solo alcuni sono di origine

animale. Gli altri, di uomini. Manca meno di un miglio, ormai, alle porte della fortezza. Da qualche ora, i cavalieri si sono fatti pi presso e lo seguono a poco pi di uno stadio di distanza. Cavalcano in silenzio, come lui. L'aria gelida e grigia: una coltre di nuvole basse copre il cielo, lasciandone filtrare una luce chiara e monotona. Dagli stagni, dove l'acqua non ghiacciata, inizia a salire una fitta nebbia. Quando raggiunge le porte, fatte di tronchi legati gli uni agli altri, la nebbia si sta infittendo nel pomeriggio che muore e i cavalieri sono ormai alle sue spalle. L'uomo si arresta, sollevando lo sguardo. Dalle alte mura incombenti, decine di barbari dal volto dipinto d'azzurro lo guardano. Nel silenzio ghiacciato della pianura, senza che sia risuonato alcun ordine, le porte si aprono, con uno schianto e uno scricchiolio che rimbomba a lungo. L'uomo entra in un grande spiazzo circondato da basse capanne e tende di pelli, dove s'intrecciano vicoli angusti e bui, attraversati da ruscelli di fango ed escrementi. Il villaggio cresciuto sulla terra e sulla neve come un enorme animale deforme, percorso da fremiti, scalpiccii, respiri. Le capanne hanno porte basse che danno sull'oscurit, e di fronte a ciascuna stata piantata la croce con i teschi. L'uomo non ha dubbi: sono teschi umani. Nell'aria, odore di corruzione e di sangue. Al centro del villaggio c' una strada pi larga, che s'inoltra nell'interno. I barbari sono schierati lungo essa, le lance appoggiate alle spalle, gli occhi immobili. L'uomo guarda dietro di s, incerto. Il drappello di cavalieri fermo a pochi passi da lui e ora il capo si stacca dal contingente e gli si avvicina. Quando gli giunge di fronte, sorride, con i denti anteriori limati, che gli danno l'aspetto di un felino. C' qualcosa di noto in quel volto e in quei capelli neri che sfuggono dall'elmo su cui troneggia una testa di lupo. Il guerriero scosta il mantello, mostrando un corpo sottile e muscoloso. La spada che gli pende dal fianco , senza dubbio, romana. Sei arrivato, finalmente, Uccisore. Il guerriero bisbiglia nel silenzio. Ti aspettavamo da tempo. L'uomo con i capelli bianchi tace. Tiene le redini molli, le mani appoggiate sull'arcione. Non mi riconosci? Il guerriero si passa la lingua tra i denti limati. Sono cos cambiato, in questi mesi? Si toglie l'elmo e lo getta a terra, poi si passa le mani sul viso, cancellandone irregolarmente la patina azzurra. Occhi neri, capelli neri, le guance scavate. Un accento inconfondibile. Marco. La voce di Batraz priva di emozioni. Ti seguiamo da quando sei partito da Adrianopoli. Il Romano passato al latino.

Lo so. Avremmo potuto ucciderti molte volte. Una smorfia di disprezzo. Ma lui non ha voluto. Lui voleva che tu arrivassi qui. Sono qui, ora. Marco scuote il capo. Il nostro incontro diverso da quel che mi aspettavo. Credevo mi avresti subito aggredito. Ho ucciso il tuo imperatore. Accenna ai guerrieri che seguono senza capire la loro conversazione. Hanno l'ordine di non attaccarti. Qualunque cosa tu faccia. C' tempo. Portami da lui. Tu non sei cambiato, magister. Solo pi vecchio. Marco fa un cenno ai guerrieri che iniziano a smontare. Poi si volta verso Batraz. Loro resteranno qui. Seguimi. Ho qualcosa da mostrarti. Si avvia lungo la strada centrale del villaggio. Occhi. Occhi che seguono il loro andare. Occhi privi d'espressione, che fissano immobili tra l'azzurro della tintura. Nella nebbia spessa i barbari lasciano loro il passo, e tra le capanne sale un fumo denso e untuoso. Il silenzio ora rotto da un suono cupo. Tamburi. A mano a mano che avanzano, le croci s'infittiscono e si fanno pi alte. Da molte di esse pendono non solo crani ma interi scheletri, di animali, di uomini. Le ossa sono bianche e fragili, come se fossero state bollite. Le croci sono imbrattate di sangue secco e gli zoccoli dei cavalli affondano in una poltiglia nerastra. Il suono dei tamburi ora si sovrappone a un altro rumore, basso e monotono, che cresce a ogni passo. La strada in fondo chiusa da una costruzione pi grande: una capanna dal tetto a punta, con una porta i cui stipiti sono due tronchi di quercia incisi e scolpiti. Il rumore viene da l. Nello smontare, Marco indica gli stipiti e Batraz ne segue con lo sguardo i disegni e le figure in rilievo. Sono scene infernali: uomini e donne torturati da esseri alati che conficcano punte nelle loro carni, che li trascinano su fuochi ardenti, che li lapidano dopo averli seppelliti fino al collo. Che li issano su croci, e ridono. Gli esseri alati sembrano quelli che i cristiani chiamano angeli. Gli uomini sono uomini. Niente di pi, niente di meno. Solo sull'architrave spicca un'immagine diversa. Un uomo alto e magro, in abiti da sacerdote, che sgozza un agnello. Senza una parola, Marco spinge i pesanti battenti. L'interno costituito da un'unica sala avvolta dalla penombra, al cui centro arde un fuoco. Le ombre danzano tra le capriate del tetto. Vi sono corpi, corpi ovunque, corpi vivi, che si muovono, formicolanti. Uomini e donne scuoiati e legati, altri con gli arti mozzati, i moncherini avvolti da fasce e cinghie in modo da fermare l'emorragia. Bambini impalati, animali coperti di ferite. L'aria colma di gemiti: non c' pi forza per le

urla. Un uomo pi anziano stato inchiodato per i polsi e le caviglie contro la parete di fondo, le braccia e le gambe a formare una X grottesca. Mugola un richiamo inarticolato, e quando Batraz gli si avvicina, il vecchio spalanca dolorosamente la bocca, sporgendo la lingua ridotta a un moncone. Nel riflesso del fuoco il volto di Marco estatico. Ecco dice. Questo il mondo nuovo. Il mondo di Gogmagog. Batraz lo fissa in silenzio. Lui l'Anticristo. Lui Dio. Marco sorride. Sia fatta la sua volont. Solo attraverso la sofferenza verr il Regno. Gli occhi di Batraz sono duri e immobili. Sguaina lentamente la spada e inizia a camminare tra i corpi. Fissa ogni essere vivente negli occhi, poi affonda la lama nel cuore. un lungo lavoro. un lavoro faticoso. Non distoglie mai lo sguardo. Accoglie la sofferenza e la liberazione di quelle morti. Quando finisce, il braccio stanco, la lama arrossata, l'elsa scivolosa. Marco non ha fatto nulla per fermarlo. Che cosa credi d'aver fatto? Ce ne saranno altri. Tutti finiranno qui, tra questi corpi. Il mondo morto. Lui dov'? Lui ti attende sul ghiaccio. Il volto di Marco una maschera di odio. Ma prima ci batteremo, Uccisore. Poi ti porter da lui. Trascinandoti per i piedi. Come abbiamo fatto con la tua cagna. Batraz non si muove e, mentre Marco snuda la spada, rinfodera la sua. Estrai la spada la voce di Marco vibra per l'ira. Batraz lo guarda in silenzio, scuotendo il capo in un cenno di diniego. Il Romano scopre i denti da gatto. Come tu vuoi, magister dice e poi, mentre ancora sta parlando, attacca, con un fendente che Batraz evita facendo un passo di lato. Marco affonda una stoccata e Batraz fa un altro passo di lato: si muove nell'ombra come danzando, come ha visto fare tante volte all'amico Farnag, il fratello di un'altra vita. Non il Berserker in questo momento. lucido: non vuole perdere nulla di quello che sta accadendo. Un taglio alto di Marco, e Batraz si china rapido, subito evitando, con un balzo, il successivo taglio basso inverso. Mentre Marco attacca, Batraz attende, segue il gioco di gambe dell'avversario, lo anticipa, lo evita. Marco gronda sudore, i resti di colore che gli si sfanno sul viso, e ogni volta aumenta la rapidit e la violenza dei colpi. Batraz pare muoversi senza sforzo. Attende. Attende fino a che, in un affondo meno coordinato degli altri, Marco si ritrova proiettato in avanti, la gamba sinistra piegata, tutto il peso sul ginocchio. Batraz schiva, ruota su se stesso, e nel ruotare sfila la spada dal fodero, per un momento rimane immobile nell'aria, poi atterra morbidamente prima con il piede destro, molleggiando si china a sua volta e vibra un colpo in

diagonale, di filo dritto, che affonda nella coscia dell'avversario, profondo come il morso di una fiera. La lama ha reciso i tendini del ginocchio e Marco crolla, come un tronco abbattuto; sussulta, menando colpi alla terra impregnata del sangue delle sue vittime. Batraz lo guarda e si china su di lui, reggendo la spada con entrambe le mani. Se la solleva davanti agli occhi, che d'improvviso sembrano annebbiarsi, poi, con un gesto solo, la affonda nella gola del Romano. Quando, con un calcio, spalanca le porte della capanna, i guerrieri sono radunati nella strada. Batraz esce, trascinando per le caviglie il cadavere di Marco. Con un gesto violento lo manda a rotolare nel canale di scolo e rimane in piedi di fronte ai barbari, la spada sguainata e abbassata. In lontananza i tamburi continuano a risuonare. Batraz s'incammina e davanti a lui il muro di uomini si apre, lasciandolo passare. Dalla punta della spada stillano pesanti gocce di sangue. Cammina tra i guerrieri, che lo osservano in silenzio. Nel passare davanti a uno di loro tende la mano, indicando l'ascia che l'altro tiene in mano. Senza una parola il barbaro gliela porge. Batraz la impugna con la sinistra, soppesandola, e riprende il cammino. Si ferma di fronte a ogni croce e con un colpo violento dell'ascia l'abbatte. Nessuno fa un gesto per fermarlo. Quando raggiunge il cortile le porte sono spalancate. Il suo cavallo fuori, a frugare col muso tra la neve. Batraz si volta verso i guerrieri che lo hanno seguito e uno di loro indica con la mano verso oriente. Batraz annuisce e s'incammina. Attraversa la nebbia, raggiungendo il punto in cui la palude ricoperta di ghiaccio. Nella foschia, una figura avvolta in un mantello bianco immobile a pochi passi da lui, campita contro il cielo grigio. Il viso di Ertegul un reticolo di rughe. Ha il capo scoperto, e la neve che inizia piano a scendere si posa sul suo cranio rasato, sulla barba ingrigita, sulle sopracciglia folte. Sei giunto infine, figlio. Ti ho aspettato a lungo. stata una lunga strada. La neve scioglie il sangue seccatosi sulla spada di Batraz e il rosso impregna il bianco. Il monaco annuisce. Ora siamo entrambi qui. Alla fine di tutto. Tu sai perch sono venuto. Lo so. Fa' ci per cui sei venuto. Batraz solleva la spada dal pomolo d'oro, che luccica nell'aria cinerea. La riabbassa. Voglio sapere perch dice. Perch? Perch l'hai uccisa. Una risata breve e secca. Perch l'ho uccisa, domandi? Ertegul fa un cenno. Guarda dietro di te dice.

Accosciato tra la neve, nero ed enorme nel bianco, il mastino li osserva con i suoi occhi vuoti. Domandalo a lui. Al tuo dio. Tu... tu lo vedi. La voce di Batraz roca. Lo vedo. Mi segue e mi precede. Come segue e precede te. Batraz si passa una mano sul volto. Non capisco. Il monaco scrolla le spalle. Non c' nulla da capire. il volere di Dio. E Dio cieco e noi siamo i suoi strumenti. Guarda il guerriero e per un momento nei suoi occhi pare trascorrere qualcosa di caldo. Ho ucciso la tua donna perch tu uccidessi me. Solo cos le cose potranno accadere. Perch? Questa volta la domanda di Batraz un urlo. Che cosa vuoi sapere? Dio crudele. La tua donna per lui non conta. Come te. Come me. Quello che conta il cambiamento. E questo mondo doveva morire. Io sono stato il suo strumento perch il mondo morisse. E tu quello perch morissi io e tutto potesse ricominciare. Batraz si guarda intorno, lo sguardo smarrito. Osserva il muso del mastino, imperscrutabile come una pietra, come il cielo. Osserva la sua spada, la spada di un re morto, di un altro mondo morto prima di questo in cui sta vivendo. Osserva la fortificazione di Gogmagog, scura contro il crepuscolo che scende. Quindi, tu intendi dire che non c' mai stata libert. Che Valente doveva morire. Che lei doveva morire. Che io dovevo uccidere Marco. E uccidere te. Nel silenzio che segue il monaco annuisce. Ma tutto questo. Batraz indica la fortificazione. Le croci, i torturati, i morti, i villaggi bruciati. I bambini. Perch? Perch lo hai fatto? Le labbra di Ertegul si schiudono, mostrando i denti candidi. L'ho fatto perch potevo farlo. Tutto qui. Un nuovo sorriso. E ho amato farlo. Come ho amato uccidere la tua donna. ora che, senza una parola, senza pensare, Batraz solleva la spada e la affonda nel ventre del monaco. Il corpo di Ertegul crolla in avanti, si appoggia a Batraz. Stanno immobili, avvinti in un abbraccio, perch le braccia del monaco si sono strette intorno alle spalle di Batraz. Ecco bisbiglia Ertegul, mentre dalla sua bocca il sangue scorre nero. Ecco. Consummatum est. Alle loro spalle un ululato profondo che sembra incrinare il tessuto della sera. Mettimi a terra. Batraz appoggia il corpo del monaco tra la neve. Cerca di alzarsi, ma Ertegul lo afferra per un braccio, trattenendolo. Fuggi, ora. I miei uomini hanno ordine di lasciarti andare. Ma il mio sangue

ne chiamer dell'altro. Come quello della tua donna ha chiamato il mio. Batraz si volta, fruga con lo sguardo nella semioscurit. Il dio scomparso. Dio ha vinto. Ertegul ride, mentre dalla sua bocca il sangue ora misto di bolle trasparenti. Ha vinto, come sempre. Stringe il braccio di Batraz. Ricorda. Non c' nessun senso. Nessuna speranza. Scuote il capo. L'orrore non ha mai fine. Quando Batraz riporta il cadavere alla fortezza, gli uomini si sono lavati con la neve e mostrano il loro volto pallido. Prendono il corpo del monaco dalle sue braccia e lo portano via, verso la grande capanna. Poi, uno di loro tende a Batraz le redini del suo cavallo e una bisaccia colma di cibo. Il Sarmata monta, avvolgendosi nel mantello, e s'avvia verso oriente. La notte appena iniziata.

Fine

DEBITI E RINGRAZIAMENTI Per mantenere un'accettabile unit spazio-temporale in una vicenda tanto complessa come quella che si dipana tra la richiesta di attraversamento del Danubio da parte dei Goti e la catastrofe di Adrianopoli, sono stato costretto a sorvolare su molti episodi e altrettanti personaggi centrali sul piano della Storia ma meno su quello della storia da me narrata. Allo stesso modo ho inserito consapevolmente alcune imprecisioni o inesattezze (come ad esempio la lunga permanenza di Fritigerno nei pressi di Cabyle), senza le quali non sarei stato in grado di contenere il racconto in limiti tollerabili per il lettore. Alcuni episodi forzano, per motivi narrativi, la realt storica o geografica. Ad esempio, estremamente difficile, a causa della distanza fra le sponde del Danubio, che da Durostorum Marco potesse intravedere la corona di Fritigerno, come anche impossibile che Batraz distinguesse i particolari della croce fatta erigere da Fritigerno come segnale per Ertegul. Tant': Salgari ci insegna che talora la veridicit pi limpida e affascinante della verit storica. E un romanzo storico comunque opera di fantasia. Ho per cercato di rispettare al meglio la cronologia dei fatti e di ricostruire un'ambientazione quanto pi possibile realistica. Ho inserito temi, quali il complotto contro Valente, di pura invenzione, legati alle necessit che i personaggi fittizi, innanzitutto Ertegul e Batraz, magister scholae palatinae dei Gentiles Seniores, mi imponevano. E d'altronde, sempre per portare qualche esempio, pare che i circa cinquecento uomini di questa schola fossero d'origine germanica e non sarmatica e non fossero presenti ad Adrianopoli. Anche della legione Claudia Pia et Fidelis non si conosce la dislocazione all'epoca dei fatti. Di grande utilit mi sono stati, naturalmente, molti libri, in particolare Le storie di Ammiano Marcellino, 9 agosto 378, il giorno dei barbari di Alessandro Barbero, Adrianople, AD 378 di Simon Mac Dowall. Una citazione anche per vari volumi editi dalla Osprey, casa editoriale angloamericana specializzata in militaria. Ho pure fatto un uso, parco e attento, di molti siti della Rete e dell'inestimabile Google Earth. Sono profondamente grato ad Alessandro Barbero, amico, scrittore e storico, docente presso l'Universit del Piemonte Orientale, per l'aiuto che mi ha dato nei momenti pi complessi della mia ricostruzione. I meriti storici sono fondamentalmente suoi; le inevitabili sviste, mie. Un grazie a Marzia Mortarino e a Laura Cerutti e uno speciale a Sergio,

Alan D., Altieri, amico, scrittore, editor di grande abilit, nume tutelare di questo libro. In ultimo, amici lettori: spero che vi siate divertiti, appassionati e commossi a leggere questa storia buia quanto io a scriverla.