Sei sulla pagina 1di 3

Alice Doro m30036457

Marzo 2012

Abstract
Contratto Elettronicamente com', il mondo non pi grande di un villaggio. 1
Si pu ancora parlare di villaggio globale oggi? Quale sar il futuro dei media? Le rete diventata pi reale del reale? Certo, non semplice rispondere a queste domande, e non pretendo di dare risposte autorevoli. La mia ricerca vuole provare ad analizzare quale sia l'importanza della rete negli anni Duemila, dove si colloca e qual' il ruolo che andato a formarsi, e quanto questo influisce su i suoi milioni di surfers che ogni giorno ne fanno uso. Oggi il concetto di Villaggio Globale, elaborato dal sociologo della scuola di Toronto Marshall McLuhan nei suoi libri The Gutenberg Galaxy: The Making of Typographic Man(1962) e Understanding Media: The Extensions of Men(1964) sembra essere inappropriato per descrivere il panorama dei social media e la loro importanza nel nuovo secolo. Oggi i media sono forse diventati delle estensioni dei nostri sensi e del nostro essere, come avanz McLuhan, questo per non necessariamente significa che abbiamo imparato a comunicare e che tutti comunichiamo allo stesso modo. Anzi, forse oggi abbiamo dimenticato proprio perch comunichiamo.

Benjamin Symes ha scritto a proposito del villaggio globale :


Perhaps we are laying the foundations of the global village and eventually everybody may be connected through an inclusive web, but even if we were all connected and aware of our interdependence would not mean we could all instantly get to know each other and solve our problems. Per risolvere diversi tipi di problemi sicuramente la rete si rivela un strumento efficace,veloce e silenzioso. La cultura cosiddetta enciclopedica ormai non la si porta con s ma con qualche clic e una piccola ricerca abbiamo accesso a quello che stavamo cercando a anche molto di pi. Questa alternativa semplice e veloce non certo priva di effetti. L'avere accesso a questa enorme bancadati, culturale e non, fa s che il nostro modo di pensare e di immagazinare le informazioni sia molto pi diciamo a breve termine nel senso che saremo sempre pi abituati a fare affidamento alla rete per qualsiasi cosa.

McLuhan M. Understanding Media, p.5, 1964, Routledge

La Rete come medium Universale.


Questo modo di pensare l'informazione per ci fa riflettere meno, ci fa perdere senso e identit e, sostiene il Guru De Kerckhove, mentre la carta ci protegge dallalzheimer digitale. La Rete ha trasformato, o sta trasformando, sempre pi in profondo il nostro modo di sapere, leggere e infine, di pensare. Senza affrontare la questione del digital divide, degli haves e have-nots il web diventato un luogo dove incontrarsi, fare conversazione, ascoltare musica, vedere video/film e perch no,studiare! Certo che un'adolescente oggi nel 2012 passa in media 4 ore davanti allo schermo del pc. Si potrebbe allora pensare la rete come una piazza virtuale, una sorta di realt virtuale, un luogo dove sentirsi parte di una enorme comunit in realt, scrive Toms Maldonado nella sua Critica della Ragione Informatica, il villaggio globale non sarebbe un villaggio che diventa globale, ma piuttosto un globo che diventa villaggio,un globo composto da una miriade di patrie. Queste piccole patrie come si sono venute a creare?che fine ha fatto la divisione di McLuhan dei media in caldi e freddi? non ha resistito nel tempo? e anche la sua definizione di Villaggio Globale per anni considerata pioneristica ora sembra essere sempre pi debole. Si avverte che il villaggio non pi un semplice villaggio, una galassia. Siamo entrati oggi, come sostiene Castells, in un nuovo mondo della comunicazione : La Galassia Internet. E con questa transizione ad una nuova forma di societ, la Network Society, si venuta a creare assieme ad essa una nuova economia. Internet il mezzo,direbbe McLuhan oggi (DeKerckhove). Vorrei ora fare un piccolo azzardo e analizzare il ruolo dell'Informazione ai tempi dei social network con l'ausilo Dennis McQuail (1993)2, attraverso le funzioni principali assolte dai media per la societ che sono le seguenti: 1. fare informazione (su eventi, rapporti di potere, innovazione), 2. produrre correlazione (tramite linterpretazione degli eventi, con il sostegno allautorit, con la socializzazione) 3. dare continuit (esprimendo la cultura dominante, riconoscendo le sottoculture e creando una comunanza di valori), 4. intrattenere (divertendo e riducendo la tensione sociale), 5. mobilitare (al fine di raggiungere obiettivi sociali). E traslarle nel panorama contemporaneo,provando a capire come questi nuovi questi nuovi media stiano assorbendo e facendo proprie queste funzioni: Fare Informazione : Nei media tradizionali, forzatamente la figura del mediatore o della testata giornalistica che decide ci che interessa alla gente. In Internet vi
2 McQuail, D. Le comunicazioni di massa 1993

come una inversione delliniziativa, ora lindividuo che decide se linformazione interessante o meno. Sappiamo che dobbiamo continuare ad innovare e cambiare il nostro approccio. La nostra sfida sar trovare modi per informare e dare potere ai nostri lettori attraverso il social journalism in modo che la loro voce conti pi di quanto abbia mai contato prima.(Liz Heron,New York Times, 2012). Correlazione : Attraverso i Social Media commentare e interpretare gli eventi e le informazioni alla portata di tutti gli utenti. Sul web non esiste un centro che irradia linformazione, come lo fanno TV, radio, giornali, ecc. la cosa piuttosto paragonabile a un grande magazzino dellinformazione, come dice Lvy, dove ciascuno apporta ci che lui giudica interessante. Indubbiamente i social network favoriscono la socializzazione, oggi pi che mai e possono essere un potente strumento politico atto a creare il consenso, o a costruirlo. Continuit : il web si tramuta in una vera e propria realt virtuale dove un'individuo pu liberamente esprimere il proprio parere. La parola-chiave Condivisione. Nei vari social network la condivisione diviene un nuovo mezzo per conoscersi o ritrovarsi, i social media offrono nuovi strumenti per creare o accrescere l'appartenenza a determinati valori. Intrattenere : I social network hanno preso il posto della televisione, come solo l'avvento dei videogiochi aveva fatto in precedenza. Mobilitare : I social network si sono rivelati di una importanza impressionante nella mobilitazione di persone dal web alla vita reale. I social network hanno dato prova di essere uno strumento ormai indispensabile e hanno raggiunto obiettivi importanti sia dal punto di vista sociale che politico. Ovviamente questa solo una prima elaborazione, ma suppongo si possa capire meglio dove arrivato il web oggi e il ruolo dei social network analizzando sia le funzioni che le sue disfunzioni,altrettanto profonde ed importanti . Nel suo disusso e interessante articolo Did Google making us Stupid?, Nicholas Carr scrive ; When the Net absorbs a medium, that medium is re-created in the Nets image.3 quello che sta accadendo oggi con la carta stampata,quale sar il prossimo passo?

Carr N. Is Google making us stupid? The Atlantic http://www.theatlantic.com/magazine/archive/2008/07/is-google-making-us-stupid/6868/