Sei sulla pagina 1di 10

MATERIALI REFRATTARI

Si definiscono REFRATTARI quei materiali che possono essere portati a temperature elevate, senza che fondano, si decompongano o subiscano una diminuzione notevole delle loro caratteristiche meccaniche. E' importante anche che esso non reagisca in modo sensibile con le sostanze con cui viene a contatto. REFTATTARI ACIDI: Sono quelli che ad elevate temperature reagiscono facilmente con gli ossidi metallici; sono da considerare fondamentalmente da miscela di silice e di allumina. Si Al. REFRATTARI BASICI: Sono quelli che hanno tendenza a reagire con gli ossidi a carattere acido; in particolare con l'anidride silicea, sono tali i refrattari magnetici dolomitici, cromo magnesiaci. REFRATTARI NEUTRI: Quelli che non reagiscono facilmente n con gli ossidi metallici, n con gli ossidiacidi. Sono tali i refrattari cromatici e a base di carbonio. REFRATTARI SILICEI Prendono questo nome i materiali costituiti quasi esclusivamente da silice. Le NORME UNI indicano una percentuale minima del 94%, ma in pratica si arriva anche al 96 98%; tali refrattari vengono anche chiamati refrattari dinas dal nome della localit inglese di provenienza della sabbia utilizzata per la loro preparazione. La silice un composto che si pu presentare sotto forma di numerose modificazioni cristalline, ma la forma pi stabile quella che presenta la tensione di vapore minore. La forma stabile della Si a temp. ambiente il quarzo . A 573C si trasforma con rapidit da quarzo quarzo a 870C, da quarzo tridimite ...Tale reazione avviene, per, solo intorno ai 1200/1400 C in presenza di piccole quantit di impurezze che fungono da mineralizzatori. A 1470C la tridimite cristobalite (fino a 1723C) ma questo processo avviene solo se la si mantenuta per tempi lunghi al di sopra della temperatura di equilibrio. Per raffreddamento della silice liquida si forma il vetro di silice, caratterizzato da un coefficiente di dilatazione termica molto basso che gli conferisce elevatissima resistenza agli sbalzi termici. Da temperature di 230C la cristobalite critobalite . Da temperature di 163C la tridimite tridimite avvengono con facilit a temperature 117C la tridimite tridimite . Ecco dunque che i mattoni dinas sono costituiti da silice gi quasi tutta sottoforma di CIRSTOBALITE e TRIDIMITE. Per la preparazione dei refrattari silicei si parte da: QUARZITI FRANCHE: Costituiti da quarzo puro QUARZITI (di tipo ) QUARZITI A CEMENTO BASALE: Cristalli piccoli immersi nel cemento, costituito da cristalli di quarzo con piccole quantit di impurezza. Sono le pi pregiate perch grazie all'azione mineralizzatrice delle impurezza, la trasformazione del quarzo in tridimite e cristobalite avviene pi velocemente. Date le elevate caratteristiche di refrattariet sotto carico, i refrattari silicei possono venire impiegati fino a temperature di quasi 1700C. Uno degli inconvenienti pi gravi il loro carattere acido che li rende aggredibili da parte degli ossidi metallici, come la calce con cui danno CaO SiO2 silicato monocalcico a 1544C, e l'ossido ferroso dando origine a Fe2SiO4 fayalite che fonde poco sopra i 1200C. REFRATTARI SILICO ALLUMINOSI Sono costituiti da miscele di silice e allumina. Secondo le norme UNI sono silico-alluminosi i refrattari con tenore di Al2O3 compreso tra il 20 44% mentre sono definiti alluminosi quelli che contengono pi del 505 di Al 2O3 . Fra le due sostanze si forma un coposto 3Al 2O3 2SiO2 detto MULLITE, che fonde a 1850C. I refrattari silico alluminosi, sono tanto pi pregiati quanto pi elevata la % di allumina. In un buon refrattario le impurezze non sevono superare il 2 3 %. Per la preparazione di questi refrattari, a % compresa fra il 20 44% si possono usare come materie prime argille a basso tenore di fondenti. La cottura avviene intorno ai 1200/1400 C dove l'argilla si trasforma in mullite e silice. Visto che, essiccandosi, l'argilla si ritira dando origine a deformazioni e fessurazioni, i mattoni vengono preparati aggiungendo all'argilla cruda il 10 50 % di CHAMOTTE (argilla precedentemente cotta e macinata) i cui granuli formano uno scheletro indeformabile a ritiro nullo, nei cui interstizi si dispone l'argilla cruda che apporta le sue propriet plastiche. La % di Al2O3 deriva dalla presenza di impurezze nel Al2O3 2SiO2 2H2O. Per la preparazione di refrattari con maggiori % di Al 2O3 , si mescola all'argilla, allumina pura ottenuta con il processo

di Bayer, oppure fa ricorso ai minerali del gruppo della sillimanite: andalusite, sillimanite, cinite. I refrattari ottenuti con queste aggiunte si chiamano: Refrattari Sillimanitici: Con 62,9% di Al2O3 con aggiunta di minerali del gruppo della sillimanite. Refrattari Mullitici: con 70 72% di Al2O3 ottenute aggiungendo allumina Bayer con argille ricche di cadimio. Tali refrattari hanno tutti comportamento acido, tanto meno spiccato quanto pi elevato il tenore di allumina. BASICI REFRATTARI MAGNESIACI Sono costituiti fondamentalmente da ossido di magnesio MgO che fonde a circa 2800C. Le materie prime sono: ROCCE ricche di carbonato di magnesio MgCO3 (GIOBERTIT) ACQUA MARINA che contiene ioni Mg++ Tali refrattari hanno comportamento nettamente basico non (???) mai utilizzabili dunque a contatto con materiali ricchi di silice. Il loro impiego in processi metallurgici, in presenza di scorie di natura basica. REFRATTARI DOLOMITICI Si ottengono cuocendo la DOLOMITE, CaCO3 MgCO3 che produce una miscela di CaO ed MgO. Entrambi questi ossidi hanno una temperatura di fusione molto elevata, e siccome la dolomite un minerale molto pi diffuso del carbonato di magnesio pi facilmente reperibile e meno costoso dei refrattari magnesiaci. L'inconveniente che contiene ossido di calce (CaO) libero che reagisce facilmente con la CO2 ed il vapore acqueo, quindi non pu stare a temperatura ambiente. (SCARSA RESISTENZA ALL'IDRATAZIONE SE CONSERVATI A TEMPERATURA AMBIENTE). Tali refrattari vengono utlizzati nell'industria metallurgica. REFRATTARI CROMITICI E' CROMO-MAGNESIACI (REF. NEUTRI) Sono quelli ottenuti a partire dalla CROMITE, minerale appartenente al gruppo degli (????????) di formula generica: (Fe, Mg) O (Cr, Al, Fe)2 O3 Molto pi impiegati dei cromatici sono i CROMO-MAGNESIACI, preparati a partire da miscele di CROMITE e di SINTER di magnesia.

MATERIALI CERAMICI
Con tale nome si intendono i prodotti ottenuti per cotture ad elevata temperatura di masse plastiche minerali costituite fondamentalmente da impasti di argilla e di acqua. I materiali ceramici si dividono in: MATERIALI CERAMICI

PRODOTTI A PASTA POROSA (PERMEABILE) Sono costituiti da granelli separati da pori e interstizi che rendono la massa permeabile ai liquidi e gas.

PRODOTTI A PASTA COMPATTA (IMPERM) Sono costituiti da particelle che in seguito a una parziale fusione durante la cottura si sono saldate rendendo la massa impermeabile.

Possono essere IMPERMEABILIZZATI ricoprendoli con una VETRINA, cio una vernice ceramica che durante il raffreddamento origina una pellicola superficiale di natura vetrosa.

GRES

PORCELLANEE

VETRINATI: - MAIOLICHE - TERRAGLIE

NON VETRINATI: - LATERIZI -TERRECOTTE

COSTITUZIONE E PROPRIETA' DELL'ARGILLA L'argilla, roccia sedimentaria assai diffusa, la materia prima nella fabbricazione di materiali ceramici ed in particolare di laterizi. PROPRIETA' FISICA basilare quella di dare origine per impasto con acqua a masse plastiche la cui forma viene mantenuta anche dopo la cottura. Essa (argilla) costituita fondamentalmente da SILICATI IDRATI DI ALLUMINIO, il pi importante dei quali la cadimite Al2O3 2SiO2 formatosi per alterazione di rocce eruttive. La plasticit delle argille da attribuire al fatto che all'atto dell'impasto tra i cristallini degli idrosilicati di alluminio si inserisce un velo di molecole d'acqua, che ne acilita lo scorrimento reciproco. Costituenti secondari dell'argilla sono la SILICE IDRATA SiO3 nH2O e gli IDROSSIDI DI FERRO Fe(OH)2 e Fe(OH) che conferiscono colore giallastro. Esistono poi Minerali INERTI per la plasticit; essi sono rappresentati da SILICE CRISTALLINA (quarzo), da SILICATI DIVERSI, CARBONATI DI CALCIO, di MAGNESIO e da PIRITE (FeS2). Le argille in cui predominano i costituenti plastici sono dette GRASSE, quelle in cui prevalgono gli inerti MAGRE. COMPORTAMENTO DELLA CAOLINITE AL RISCALDAMENTO Sottoponendo a riscaldamento una massa plastica di caolinite e di H2O si ha: 1) 100 120 C Al2O3 2SiO2 2H2O + nH2O
evapora

Questo fenomeno accompagnato da una notevole contrazione di volume (RITIRO ALL'ESSICCAMENTO) perde temporaneamente la plasticit. METACAOLINO = Silicato di alluminio metastabile. 2) 500 C Al2O3 2SiO2 2H2O

Processo irreversibile che provoca la perdita definitiva di plasticit. 3) 900 C Al2O3 SiO2 3Al2O3 2SiO2 Al2O3 e SiO2 Cominciano a reagire per formare la MULLITE, mentre la silice in eccesso rimane

presente sotto forma di CRISTOBALITE. La serie di trasformazioni chimiche accompagnata da un ulteriore ritiro (RITIRO ALLA COTTURA) e da un incremento notevole delle caratteristiche meccaniche. FABBRICAZIONE DEI LATERIZI Si prepara l'impasto mediante miscelazione di argille pi smagrenti che portano il prodotto alla plasticit voluta (perch alla plasticit si accompagna un eccessivo ritiro all'essiccamento ed alla cottura). Come smagrante si usa sabbia silicea o frammenti sminuzzati di mattoni mal cotti (di scarto) Chamotte. L'impasto viene plasmato mediante trafilatura, cio viene pressato contro un orifizio dal quale esce sotto forma di lungo nastro continuo, tagliato da un filo di acciaio. L'essiccamento deve essere condotto gradualmente per evitare screpolature e deformazioni. Negli impianti modeni si fa uso di essiccatori continui a galleria dove i mattoni, disposti su carrelli, si muovono in direzione opposta ad un flusso di gas caldi provenienti da forni di cottura. In questo modo l'acqua dei mattoni si riscalda senza evaporare e diminuisce la sua viscosit favorendo la salita dell'acqua in superficie dove evapora definitivamente incontrando gas man mano pi caldi e secchi. La cottura finale avviene intorno ai 950 - 1000 C. I forni pi usati sono quelli a fuoco fisso e materliale mobile (forni XXX o forni tunnel) oppure i forni a fuoco mobile e materiale fisso (fornace Hoffmann). CLASSIFICAZIONE E PROVE SUI LATERIZI Secondo la normativa UNI gli elementi in laterizio per murature sono distinti in: - MATTONI: di forma parallelepipeda con volume 5500 cm - BLOCCHI: di forma parallelepipeda con volume > 5500 cm - MATTONI E BLOCCHI DI RIFERIMENTI - PEZZI COMPLEMENTARI, SPECIALI, DI CORREDO A seconda delle % di foratura (rapporto aree dei fori e superficie totale), i laterizi vengono distinti in: - MATTONI PIENI: % di foratura < 15% - MATTONI E BLOCCHI SEMIPIENI: % di foratura 15% < x < 55% - MATTONI E BLOCCHI FORATI: % foratura > 55% In base alle tecniche di produzione vengono distinti in ESTRUSI, PRESSATI E FORMATI A MANO. Le PROVE DI CONTROLLO per l'accettazione dei laterizi per muratura, ricordiamo: - CARATTERISTICHE MECCANICHE: Carico unitario di resistenza a rottura per compressione: per mattoni e blocchi pieni e per forati destinati con i fori orizzontali, il carico viene applicato in direzione perpendicolare a quella di estrusione; mentre per quelli impiegati con i fori verticali, il carico deve essere applicato secondo la direzione di estrusione. Sui sei provini si va a calcolare la resistenza caratteristica, cio quella resistenza corrispondente alla probabilit di avere solo il 5% dei dati inferiore a tale valore. - SAGGIO DI EFFLORESCENZA: Serve a valutare la presenza di sali e sostanze solubili o comunque igroscopiche (capaci di assorbile l'umidit dell'aria9 che sono indesiderate nei laterizi perch possono diffondersi e portarsi in superficie facendo comparire macchie anche sugli intonaci. La prova consiste nel disporre verticalmente un laterizio in un recipiente di vetro e coprirlo per di acqua distillata, rabboccandola ogni volta che viene assorbita. Dopo 4 gg i campioni vengono fatti asciugare lentamente in stufa a 60C e confrontati con il campione integro. L'intensit di efflorescenza va valutata ad occhio nudo da 3m e viene classificata in: Intensit nulla: nessun deposito di sali in superficie; Intensit leggera: sottile patina distribuita uniformemente; intensit media: leggera patina bianca uniforme; intensit forte: spesso strato di sali con cristallizzazioni abbondanti. - RISCHIO DI GELIVITA': Un materiale GELIVO quando subisce un notevole decadimento delle caratteristiche meccaniche in seguito ad alternanza di gelo e disgelo. I provini vengono immersi in acqua a 35 C per 3 ore e poi posti in frigo a -10 C per oltre tre ore. L'operazione ripetuta 20 volte. Al termine di procede alla prova di resistenza a rottura per compressione. La partita dichiarata NON GELIVA se il valore misurato sui provini trattati inferiore all'80% di quello misurato inizialmente. Per quanto concerne i materiali di copertura in laterizio: tegole piane o curve, tegole marsigliesi e simili; oltre alla prova di resistenza alla flessione sono previste anche: - RESISTENZA ALL'URTO: Il campione viene successivamente colpito nella zona mediana con una sfera di ghisa di massa 1kg fatta cadere da altezze crescenti di 5 cm in 5 cm a partire da 10 cm. La resistenza all'urto della tegola misurata dall'altezza in corrispondenza della quale la sfera ha rotto la tegola.

- RESISTENZA DEL NASELLO DI ACCIAIO: Si appende al nasello, mediante filo zincato avente diametro di 1 mm, un peso crescente di 5 kg in 5 kg partendo da 10 kg. La tegola, durante la prova, appoggiata sull'estremit di due coltelli arrotondati. La resistenza del nasello data dal minor peso necessario a provocarne la rottura. - SAGGIO DI IMPERMEABILITA' AI LIQUIDI: Si costruisce un recipiente di cui la tegola costituisce il fondo, vi si introduce acqua per un'altezza di 5 cm e dopo 24h si osserva se attraverso la tegola , o meno, filtrata acqua.

GRES E PORCELLANE
I GRES sono prodotti ceramici nei quali la cottura stata spinta sino a una temperatura tale da avere la formazione di piccole quantit di liquido che solidificando salda i granelli dando un prodotto impermeabole dotato di notevole resistenza meccanica FENOMENO DI GREIFICAZIONE. Si dividono in: GRES NATURALI: Preparati con argille che contengono un quantitativo sufficiente di sostanze ad azione fondente (ossidi di ferro, silico-alluminoidi alcalini o alcalino terrosi). GRES FINI (O PORCELLANATI) : I fondenti vengono aggiunti artificialmente ad argille di per s piuttosto pure. Per aumentare la propria impermeabilit i gres vengono sottoposti a vetrinatura: Per GRES NATURALI: Si esegue la SALATURA, cio durante la cottura che avviene a 1250/1300 C si getta nel forno sale comune che evapora e reagisce con gli oggetti in cottura fornendo uno strato superficiale di silicati che raffreddandosi creano una pellicola vetrosa dura ed impermeabile. Per GRES FINI: Si usano VETRINE PIOMBIFERE o STANNOSE, ottenute fondendo insieme silice, anidride borica, carbonati alcalini con ossido di piombo e di stagno. Quando solidifica viene polverizzata creando una polvere sottile detta fritte che viene cosparsa sugli elementi da vetrare. Il gres viene prima cotto a ~ 1250 - 1350 C, poi viene cosparsa la fritta e ricotto a ~ 1000 C. GRES NATURALI: Si usano per: . Condutture e recipienti per sostanze acide . Tubazioni per acque di rifiuto . Piastrelle per pavimenti GRES FINI: Sono utilizzati per: . Vasche . Lavabi . Apparecchi igienici

Le PORCELLANE sono prodotti ceramici a pasta compatta ottenuti a partire da miscele di caolinite Al2O3 2SiO2 2H2O, quarzo SiO2 e feldspato K2O Al2O3 6SiO2 20-25% 20-25% Nel prodotto finito la RESISTENZA MECCANICA aumenta con la % di QUARZO, la RESISTENZA ELETTRICA con la % di FELDSPATO, la REFRATTARIETA' con la % di CAOLINITE. Per la cottura della porcellana si esegue un primo riscaldamento a circa 1000C, dopo il quale si applica una fritta costituita da una miscela si quarzo e feldspato e si passa alla cottura definitiva di circa 1400 1500 C. Le porcellane sono usate per capsule in laboratori chimici, mortai, pestelli e mulini da laboratorio e i saldatori.

LE ACQUE
Possono essere suddivise in: Meteoriche, Superficiali e Sotterranee. METEORICHE: Le pi pure. Derivano dal ciclo EVAPORAZIONE CONDENSAZIONE. PRECIPITAZIONE. Nella prima fase della precipitazione trascinano con loro il pulviscolo Le acque che si raccolgono all'inizio della precipitazione sono meno pure. Comunque le acque meteoriche tengono in soluzione i costituenti gassosi dell'atmosfera (di cui sono sature). A causa delle differenti solubilit, la composizione dei gas disciolti non corrisponde a quella dell'aria; in particolare l'anidride carbonica (CO2) pi pesante nelle acque che nell'atmosfera. SUPERFICIALI: Quando le acque meteoriche scorrono sul terreno danno origine alle acque SUPERFICIALI. Queste solubilizzano le sostanze contenute nel terreno aumentando notevolmente la loro concentrazione nell'acqua. Parte dell'anidride carbonica presente come acido carbonico (H2CO3) che lentamente solubilizza alcuni minerali (carbonati di calcio e magnesio). Es. Per il Carbonato di Calcio (CaCO3) abbiamo la reazione: CaCO3 + H2CO3 Ca (HCO3) [Carbonato Acido o Bicarbonato di Calcio]

Quando arriviamo in un bacino chiuso le acque superficiali si concentrano progressivamente a causa dell'evaporazione. La % delle sostanze disciolte aumenta ma cambia la sua composizione. I carbonati acidi [Ca(HCO3)] si ritrasformano in gran parte in carbonati NEUTRI (insolubili) ed aumenta la percentuale di sali solubili (cloruri e solfati). SOTTERRANEE: Pi ricche di sostanze disciolte di quelle Superficiali a causa del maggiore contatto con i costituenti del terreno ed all'aumento di Temperatura e Pressione che favorisce la solubilizzazione. SOSTANZE INORGANICHE DISCIOLTE 1) 2) 3) 4) METEORICHE SUPERFICIALI CORRENTI SOTTERRANEE DI BACINO CHIUSO SOSTANZE ORGANICHE DISCIOLTE/ IN SOSPENSIONE 1) SOTTERRANEE 2) METEORICHE 3) SUPERFICIALI

ANALISI DELL'ACQUA

POTABILE

USO INDUSTRIALE

TIPI DI ANALISI:

SOSTANZE IN SOSPENSIONE RESIDUO FISSO ANALISI QUANTITATIVA DELLE SOSTANZE DISCIOLTE ANALISI DEI GAS DISCIOLTI

SOSTANZE IN SOSPENSIONE: Raccolta per filtrazione su un filtro tarato. RESIDUO FISSO: E' l'insieme delle sostanze di natura organica ed inorganica disciolte. Si introduce un quantitativo noto di acqua in una capsula di platino, facendola evapotare e poi seccando il residuo a 105 e 180C. La differenza ta i

due valori perdita dell'acqua di cristallizzazione di alcuni sali. Per es. CaSO4 idrato CaSO4 anidro. ANALISI QUANTITATIVA DELLE SOSTANZE DISCIOLTE: Si determina la SILICE, gli ioni Al +++, Fe++, e Fe+++, Ca+ + , Mg++,Na+, K+, Cl-, HCO3-,SO4--. ANALISI DEI GAS DISCIOLTI: OSSIGENO corrode METALLI ANIDRIDE CARBONICA corrode METALLI E CEMENTI Si determina sfruttando la solubilit dei gas nei liquidi a temperatura di ebollizione che si annulla. Questi gas vengono raccolti in recipienti graduati, misurati ed analizzati. I risultati sono espressi in parti per milione (PPM)

DUREZZA DELLE ACQUE


Si studia la presenza e la % di sali solubili di calcio e magnesio. La DUREZZA si esprime in gradi Francesi. Si ha 1 grado Francese quando la quantit di sali (Calcio e Magnesio) contenuta in 100lt di acqua corrisponde stechiometricamente a 1g di Carbonato di Calcio (CaCO3). ESEMPIO: In 1000lt di acqua si trovano 150 g/m di CaSO4 , ovvero 15g in 100lt. Poich 1 mol di CaSO4 corrisponde stechiometricamente ad una mole di CaCO3, contando i pesi molecolari (136 per CaSO4 e 100 per CaCO3) si ha: 136 : 100 = 15 : x x = 11 E' la durezza in gradi Francesi. DUREZZA

TEMPORANEA Carbonati Acidi CARBONATICA Si elimina scaldando l'acqua a 90 100C Si rimanda a pagina 6 del libro per le formule. DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA DUREZZA.

PERMANENTE Altri sali di Calcio e Magnesio ACARBONATICA

METODO BURTON BOUDET o DELLA SOLUZIONE SAPONOSA: Si inseriscono 40 cm di acqua in una buretta, ad essa si aggiunge, goccia a goccia, una soluzione acquoso-alcolica a TITOLO NOTO DI SAPONE (i saponi contengono molti atomi di Ca). All'inizio nn si nota formazione di schiuma. Quando tutti gli ioni di Calcio e Magnesio son stati precipitati, il nuovo sapone aggiunto modifica la tensione superficiale. Si cessa di aggiungere sapone quando si forma una schiuma di 5 mm che dura per 5 minuti. Sulla buretta si legge direttamente il valore della durezza totale. Sulla buretta c' un doppio zero che indica il sapone necessario a dare schiuma in un'acqua senza sali disciolti. Per la durezza permanente di fa bollire l'acqua e si ripete l'operazione. La durezza temporanea viene calcolata per differenza. Ma il metodo impreciso di 0.5 1 Grado Francese. METODO DEI COMPLESSANTI.

EDTA = ACIDO ETILDIAMMINOTETRACETICO

TRATTAMENTI DELLE ACQUE SEDIMENTAZIONE E COAGULAZIONE OBIETTIVO: Eliminare sostanze solide in sospensione. TRATTAMENTI SEDIMENTAZIONE: Deposizione spontanea delle particelle solide sospese. La velocit di caduta approssimata dalla legge di STOKES: V = 2/q . g/ . R . (d2 d1) Dove: = Viscosit del liquido R = Raggio particelle (supposte sferiche) d2 = Densit delle particelle solide d1 = Densit del liquido

DECANTATORI ORIZZONTALI Si tratta di lunghe vasche percorse longitudinalmente dall'acqua per un tempo superiore a quello necessario affinch la maggior parte delle particelle sospese possano cadere. Sono inclinati per favorire la raccolta e la diminuzione del fango. TEMPO: Ordine delle decine. DECANTATORI A FLUSSO ASCENDENTE L'acqua entra nel centro diretta verso l'alto e cambia subito direzione per poi fuoriuscire ai lati del decantatore. La velocit di risalita/uscita dell'acqua deve essere inferiore a quella di precipitazione delle particelle. COAUGULAZIONE Si utilizza per ovviare alle particelle di piccole dimensioni (cariche negativamente) che si respingono contrastando l'aggregamento ed ostacolando la precipitazione. Si aggiunge all'acqua un elettrolita che neutralizza la carica delle particelle dando origine a sostanze fioccose insolubili che trascinano con se le altre sostanze sospese. Il coaugulante pi usato il solfato di idrato di alluminio: Al2 (SO4)3 18H2O Che, con una reazione, si trasforma in Alluminio Fioccoso. Nelle acque pi dure si aggiunge calce spenta. I fiocchi di Idrossido di Alluminio esercitano anche azione antibatterica. FILTRAZIONE E' un processo che completa la CHIARIFICAZIONE DELL'ACQUA. Consiste nel passaggio dell'acqua attraverso mezzi porosi insolubili ed inattaccabili dall'acqua. I FILTRI agiscono in due modi. Prima bloccano le particelle pi grosse che hanno diametro maggiore di quello dei pori del filtro. Le particelle pi piccole vengono bloccate dallo strato gelatinoso che si forma sui pori. Come materiali si usano la sabbia silicea ed i granuli di carbone. FILTRI LENTI Vasche con sistemi di drenaggio per raccogliere l'acqua filtrata. Sul fondo c' uno strato di ghiaia e sabbia grossa che sorregge lo strato superiore [filtro]. Questo strato formato da sabbia fine di diametro 0,3 < d < 1 mm ed spesso 1 < h < 1,5 m. La direzione di filtraggio verso il basso. La velocit del filtro di 0,1 0,2 m/ora per ogni m. Quando si intasano vengono rigenerati asportando 23 cm dalla zona superiore. RAPIDI Prima del filtraggio bisogna trattale la sedimentazione e la coaugulazione. Si tratta di cassoni in acciaio o calcestruzzo con dentro un letto filtrante di granuli con diametro 1 < d < 1,5 mm e di spessore 1 < h < 2 m. La velocit di passaggio 5 20 m/ora per ogni m. Si intasano ogni 15-20 ore e si rigenerano con un lavaggio controcorrente. Ne esistono di due tipi. Il primo funziona a gravit, il secondo a pressione. Questi ultimi sono in acciaio per resistere ad elevate pressioni.

DEGASAGGIO (2 CASI) SI DEVONO ELIMINARE I GAS ACCIDENTALMENTE DISCIOLTI. Si ottiene per aerazione. Si fa piovere acqua polverizzata da una torre e dal basso si soffia una corrente d'aria. LEGGE DI HENRY: La solubilit di un liquido a temperatura costante direttamente proporzionale alla pressione parziale del gas stesso nella fase gassosa. SI DEVE ELIMINARE L'OSSIGENO. Si usano DEGASSATORI MECCANICI in cui l'acqua Viene polverizzata in ambienti in cui si prodotto un vuoto parziale. Migliori risultati si ottengono con il DEGASAGGIO PER VIA TERMICA. Si sfrutta la Minore solubilit dei gas nei liquidi all'aumentare della temperatura, annullandosi all'ebollizione. [VIA CHIMICA] Si aggiungono sostanze riducenti come il SOLFITO SODICO o l'IDRAZINA. DOLCIFICAZIONE (Eliminazione della durezza) METODO PER PRECIPITAZIONE: [calce] [soda] Utilizzo di CALCE SODA: Si aggiunge all'acqua Idrossido di Calcio [Ca (OH)2] e Carbonato Sodico [Na2CO3]. Il primo elimina la durezza temporanea mentre il secondo quella permanente. COME AVVIENE IL TRATTAMENTO. Viene effettuato sia a freddo che a caldo (70 - 80C). Si versano in una vasca ad incastro dove avvengono le reazioni e la precipitazione. Dagl angoli esterni ne esce acqua quasi limpida. L'acqua dolcificata sar quindi filtrata per eliminare le ultime tracce di reagenti in sospensione. Questo un metodo economico ma lento che lascia 2-3f di durezza all'acqua. Per ottenere risultati migliori si abbina a questo metodo l'utilizzo di FOSFATO TRISODICO. Con questo reagente si abbatte la durezza fino a valori inferiori a 1f. Il reattivo , per, costoso e si fa precedere dal metodo Calce-Soda effettuato con difetto di reattivo eliminando in seguito, col fosfato trisodico [Na3PO4] il 10 15% della durezza residua.

METODO DELLO SCAMBIO IONICO: Si usano resine scambiatrici di ioni in ciclo sodico. FRAGILITA' CAUSTICA Causata dalla corrosione dell'acciaio che si pu verificare nelle caldaie in zone sottoposte ad elevate sollecitazioni fisiche-meccaniche ed in presenza di acqua ad elevata basicit. E' una corrosione sotto sforzo. Si abbina alla tensione meccanica ed un mezzo corrosivo blando. DEMINERALIZZAZIONE Si mette a contatto l'acqua con RESINE SCAMBIATRICI CATIONICHE ED ANIONICHE. Le CATIONICHE in forma ACIDA cedono alla soluzione ioni H+ e di asportarne cationi metallici (Na+, Ca++, Mg++,...). Le ANIONICHE cedono alla soluzione ioni OH- e portano via gli altri anioni (Cl-, SO4--, ). Entrambe si suddividono in FORTI e DEBOLI. Le CATIONICHE deboli funzionano solo in ambiente neutro o basico, le forti anche in ambiente acido. Le resine ANIONICHE deboli agiscono solo con acidi forti, mentre quelle forti sostituiscono anche gli atomi derivanti da acidi deboli. Per la demineralizzazione si usano impianti A COLONNA simili a filtri a pressione. Le resine (sotto forma di granuli) sono contenute in recipienti cilindrici con diametro 0,5 < d < 2-3 m. L'acqua da trattare viene immessa dall'alto. L'impianto pi semplice costituito da due colonne, una con resina cationica forte e l'altra con resina anionica forte. Quando le resine di esauriscono vengono rigenerate: Resine cationiche: Si mettono a contatto con una soluzione ad alta concentrazione di ioni H+ (4-6% di acido cloridrico).

Resine anioniche: Si mettono a contatto con idrossido di sodio che contiene ioni OH- . Per risparmiare viene inserita, tra le due colonne, una torre di degasaggio che elimina ioni HCO3- rallentando considerevolmente il consumo della resina anionica. Un ulteriore risparmio si ha inserendo una colonna di resina anionica debole prima o dopo la torre di degasaggio. Questa resina si rigenera con reattivi poco costori ed in minor quantit. Nei sistemi pi complessi si inserisce a monte una colonna di resina cationica debole. Quando si produce poca acqua demineralizzata di usa una sola colonna con granuli misti anionici e cationici forti. Questi sistemi vengono detti a letto misto. RIGENERAZIONE: Si separano le due resine sfruttandone la diversa densit, poi si inseriscono i reattivi in due momenti diversi, si elimina l'eccesso di rigenerante lavando con acqua demineralizzata e si rimescola tutto con un getto di aria dal basso. DOLCIFICAZIONE CON RESINE SCAMBIATRICI. Si fa passare l'acqua attraverso resine cationiche in forma sodica (Idrogeno sostituito con sodio). Si rigenerano con una soluzione 8-15% di cloruro sodico. La durezza si riduce fino a 0,1-0,2f. DISTILLAZIONE PER TERMOCOMPRESSIONE: