Sei sulla pagina 1di 4
GESÙ È VIVO: OGGI Cari amici, il rischio sempre incombente è quello che la ripetitività

GESÙ È VIVO: OGGI

Cari amici,

il rischio sempre incombente è

quello che la ripetitività di certe

feste finisca per svuotarle del significato che contengono, del messaggio che ci dovrebbero trasmettere anche oggi. La solen- nità della Pasqua non fa eccezione.

Inoltre, travolti dalla frenesia dei nostri innumerevoli impegni che sembrano perseguitarci rischiamo

di perdere di vista l'essenziale, ciò

che conta, ciò che è in grado di

alimentare il presente e di fondare

la speranza del futuro.

Per chi ha il dono di credere, tutto questo significa incontrare nella propria vita di ogni giorno una persona: Gesù di Nazaret, il Figlio di Dio, morto, risorto e vivo. Lascio ora a p. Ermes Ronchi esprimere con più “forza poetica” questi pensieri che ci abitano e che possono sostenerci nel pellegri- naggio presente verso il futuro incontro con Cristo. “…A me non basta sapere che Cristo è morto, una croce in più tra i tanti patiboli della terra, io devo sapere se Cristo è risorto. Ciò che fa credere è la croce, ma ciò in cui crediamo è la vittoria della croce (Pascal). Questa è la scom- messa della mia fede, oggi. Mentre il non credente questo mi dirà: no, per me Gesù non è più vivo. La differenza è tutta qui. Dobbiamo rifiutarci di accettare una realtà in cui il carnefice abbia in eterno ragione sulla sua vittima (Max Horkheimer). Il futuro del mondo

sulla sua vittima (Max Horkheimer). Il futuro del mondo non appartiene alla violenza. Questo è il

non appartiene alla violenza. Questo è il senso profondo della pasqua per la nostra storia, dove la risurrezione di Cristo non è mai separa- ta dalla nostra risurrezione. … Pasqua è la festa dei macigni rotolati via dall'imboccatura del cuore e dell'anima. E ne usciamo pronti alla primavera di rapporti nuovi, trascinati in alto dal Cristo risorgente. Non mi toccare, dice però Gesù. Si tocca per possedere, per stringere, come non ci fosse altro. Non mi toccare, perché non è finito qui il duello: questo mattino, questo giardino è solo l'avvio. La festa del raccolto sarà solo per dopo, per molto dopo, quando Dio asciugherà ogni lacrima e non ci sarà più né morte né lutto né lamento, perché le cose di prima sono passate, e Cristo sarà tutto in tutti”. Arsuffi Giorgio

IN CAMMINO . Così s'intitolava il giornalino che si pubblicava periodicamente a Brusasco, nella Scuola

IN CAMMINO

.Così s'intitolava il giornalino che si pubblicava periodicamente a Brusasco, nella Scuola Apostolica; un ciclostilato con disegni e illu- strazioni “fai da te” che descriveva i fatti salienti del mese, le iniziative delle “camerate”, il diario delle giornate feriali e quello delle feste. Passato alla Villa Chaminade, pur mantenen- done l'impostazione, ha aggiornato la sua impaginazione, arricchendosi di foto e di bei caratteri grafici, consentiti dall'uso delle nuove tecniche di stampa. Le famiglie dei “postulanti” potevano così condividere in qualche misura la vita che i ragazzi stavano conducendo a Brusasco o a Pallanza; condotte dal racconto delle notizie e dalle brevi informazioni del “Dì per dì”, risul- tava bello e rasserenante per loro percorrere tratti di un cammino di crescita personale e di formazione marianista, a volte tracciati da “pezzi” scritti dal proprio figlio. Era un modo allora di sentirsi “in cammino” insieme: superiori insegnanti e suore mariani- sti, genitori, ragazzi.

Un cammino insieme che oggi stiamo conti- nuando, con modalità e in situazioni diversifi- cate; e pur tuttavia concrete, perché motivate. A Quaresima avviata, siamo certamente in cammino verso la Pasqua del Signore; tempo

di

ricomposizione della nostra identità di figli

di

un Abbà che ci ama e ci abbraccia e che ha

deciso di riconquistarci pagando un prezzo infinito, quello del suo Unigenito, l' “Amato”. Come Ex allievi potremo condividere l'ultimo tratto di questo cammino spirituale, personale e comunitario, vivendo insieme il Triduo Pasquale in Villa Chaminade a Pallanza, secondo il programma tradizionale. Si è pure in cammino, con progetti, tempi e cadenze differenti da zona a zona, per la com- posizione dei nuclei regionali o territoriali degli Ex. Riannodare rapporti, rinverdire antiche amicizie, riscoprire valori e interessi comuni mai dimessi, comporta tempo e ritmi pazienti. Alcuni “referenti” hanno già in mano indirizza- ri completi e una prima catena di collegamento. Sono soprattutto quelli del gruppo “anziano” di Brusasco. Non ancora ben individuato né strutturato quello dei “pallanzesi” di Villa Chaminade:

ben individuato né strutturato quello dei “pallanzesi” di Villa Chaminade: Qui Brusasco (1965?): chi si riconosce?

Qui Brusasco (1965?): chi si riconosce?

perché non progettare un incontro mirato di questi ultimi, in contemporanea con la giornata dedicata

perché non progettare un incontro mirato di questi ultimi, in contemporanea con la giornata dedicata ad una Assemblea: ad esempio quella fissata per le delibere statutarie dell'ONLUS “Opere Solidarietà Marianista”? (vedi sotto). Già! E' infatti in avanzato cammino la comples- sa pratica per la approvazione ufficia- le/governativa di una ONLUS gestita dagli Ex Allievi Marianisti (di Brusasco, Pallanza, Giove) con finalità di sostegno alle iniziative missionarie e di solidarietà dell'intera Provincia italiana dei Marianisti. Giambattista Facchetti e Mario Noro con altri hanno provveduto al disbrigo e concluso l'iter burocratico per la sua costituzione, come deciso negli incontri di Scaldaferro e di Madonna del Frassino. Il primo gesto di solidarietà previsto, e già approvato, è quello di dotare la Casa

Campesina Juan Pablo II di Latacunga, che ha come animatore e responsabile il marianista Roberto Bordignon, di un ambulatorio gineco- logico per le donne gravide e bisognose di assistenza specifica. Una tappa di questo cammino è collocata a ridosso della giornata di Pasqua in Villa Chaminade, secondo la convocazione allegata. Sono tre momenti di questo nostro essere “in cammino” come ExAllievi marianisti. Se non si potrà essere presente di persona durante il Triduo pasquale, utilissimi e incorag- gianti saranno uno scritto, un messaggio, una telefonata… che confermino: “tra gli Ex Allievi ci sono anch'io”! E' anche un bellissimo augurio, che ci scam- biamo fraternamente per Pasqua.

Franco Ressico.

ASSOCIAZIONE OPERE SOLIDARIETA’ MARIANISTA ONLUS ASSEMBLEA ORDINARIA SOCI ANNO 2012

Con la presente il Consiglio Direttivo comunica che il giorno sabato 07/04/2012 presso la sala riunioni di Villa Chaminade a Pallanza, Via S. Remigio 20, è convocata l'assemblea ordinaria della ASSOCIAZIONE OPERE SOLIDARIETA' MARIANISTA ONLUS,

in prima convocazione alle ore 12,00 e in seconda convocazione alle ore 20,30 per discutere il

seguente

ORDINE DELGIORNO

- Relazione morale sulla attività dell'Associazione;

- Relazione finanziaria generale;

- Bilancio di previsione anno 2012;

- Programma attività sociale, indirizzo e finalità;

- Definizione/approvazione quota associativa anno 2012 (art. 4 Costituz. - art. 6 Statuto);

- Varie ed eventuali (distribuzione fotocopia atto ai soci fondatori);

Vi aspettiamo numerosi.

L'assemblea è aperta anche a chi volesse aderire alla nuova Onlus.

Il Presidente

F. Ressico

PER IL 5X1000 IL CODICE FISCALE DELLA ONLUS DA INDICARE NEL MODELLO 730 O UNICO È 93034060033

INVITO per il TRIDUO PASQUALE 2012 in VILLA CHAMINADE Come di tradizione la Comunità Marianista

INVITO per il TRIDUO PASQUALE 2012 in VILLA CHAMINADE

Come di tradizione la Comunità Marianista di Villa Chaminade condividerà con gli Ex Allievi e loro Familiari e Amici i tre giorni conclusivi della Settimana Santa.

PROGRAMMA

5 aprile, Giovedì Santo.

Arrivi e sistemazione (il pranzo è alle 12,30) Ore 18,00 Eucaristia nella Cena del Signore 19,30 Consumazione degli “azzimi

ed erbe amare” Cena 21,30 Ora di adorazione eucaristica.

6 aprile, Venerdì Santo.

Giornata di riflessione e digiuno.

Ore 08,15 Ufficio delle Letture e Lodi.

11,00

Incontro di meditazione.

12,15 Ora Media Pranzo. 15,00 Via Crucis nel parco. 18,00 Azione liturgica nella Morte del Signore. 19,30 Cena di digiuno. 21,00 Via Crucis col Papa.

Signore. 19,30 Cena di digiuno. 21,00 Via Crucis col Papa. 7 aprile, Sabato Santo. Giornata dell'attesa.

7 aprile, Sabato Santo.

Giornata dell'attesa. Ore 08,15 Ufficio delle Letture e Lodi. 10,00 Visita al Sacro Monte

della Trinità di Ghiffa (cfr.Passio). 12,15 Ora Media e Pranzo. 18,30 l'Ora con Maria.

22,00

Solenne Veglia Pasquale.

8 aprile, Pasqua di Risurrezione.

Giornata della Regina Coeli. Ore 11,00 Celebrazione Eucaristica nella chiesa parrocchiale di S. Leonardo (lungolago). 12,30 Pranzo.

18,30 Messa con Vespri solenni. Cena.

9 aprile, Lunedì dell'Angelo.

Giornata di Pasquetta. Ore 08,15 Lodi. 11,30 Messa. 12,30 Pranzo con agnello allo spiedo.

NOTE ORGANIZZATIVE.

Si chiede la cortesia della prenotazione entro lunedì 1° aprile. Tel. 0323.503815 (ore pasti: 12,30 e 19,30), oppure: 347.2508177. Sistemazione in camera doppia/tripla e pensione completa con diaria di Euro 30 a persona. L'accoglienza sarà attiva , dietro avviso,. già da mercoledì santo. Verranno presentate eventuali iniziative turistiche per gli ultimi due giorni.