Sei sulla pagina 1di 545

beta

BETA Apparecchi Modulari, Fusibili BT, Quadretti e Centralini Catalogo Tecnico BETA

Installazione elettrica dalla A alla Z

Catalogo Tecnico BETA 2008/2009

Apparecchi per Centralino

Siemens@Home

Protezione

Interruttori magnetotermici Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali

BETA
Apparecchi Modulari, Fusibili BT, Quadretti e Centralini
Catalogo Tecnico BETA
Comando e Segnalazione Controllo

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari Scaricatori e limitatori di sovratensione

Apparecchi di comando e segnalazione Apparecchi di controllo

Misura

Apparecchi di misura

Fusibili BT

Fusibili di bassa tensione

Quadretti e Centralini dappartamento

STABIT - Centralini dappartamento SIMBOX - Quadri centralino

I prezzi di listino dei prodotti presenti in questo catalogo sono rilevabili allindirizzo www.siemens.it/autanddrive/listino.html

Per il download della documentazione BETA e per ulteriori approfondimenti sulla gamma BETA visitare il sito allindirizzo: www.siemens.it/ad/et/index_beta.html

Siemens@Home

1
Schede tecniche di prodotto Potenza dissipata Curve I2t e di limitazione Tabelle di coordinamento Soluzioni applicative Scelta di apparecchi per il comando di lampade Dimensioni d'ingombro

1/2 1/4 1/6 1/11 1/55 1/58 1/62

1/1

Schede tecniche di prodotto

Siemens@Home
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 1P+N in 1 u.m. 5SY3 0-7WM


Interruttori magnetotermici modulari adatti allinstallazione nel centralino domestico. Accessoriabili con contatti ausiliari, contatti di segnalazione e bobine a lancio di corrente. Esecuzioni da 1P+N in 1 u.m., per centralini e quadri con ridotta disponibilit di spazio. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito, classe di limitazione 3.

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Forte limitazione dellI2t Morsetti per sezioni di cavo Collegamento alla rete di alimentazione Dimensioni H x L x P Marchi e approvazioni IMQ Marcatura CE mm mm2 In Un Ui Icn A V c.a. V c.a. A 5SY3 0-7WM 2 40 230 250 4500 C (6 9 In) classe di limitazione 3 fino a 16 (fino a 10 con capocorda) indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori 90 x 18 x 70

>

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SY3 0-7WM

18

44

70

1/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

45 90

Siemens@Home
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici per centralino 5SJ3-7WM


Interruttori magnetotermici modulari adatti allinstallazione nel centralino domestico. Garantiscono il miglior rapporto qualit prezzo. Esecuzioni da 1P+N e 2P in 2 u.m. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito, classe di limitazione 3.

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, CEI EN 60 947-2 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Forte limitazione dellI2t Morsetti per sezioni di cavo Collegamento alla rete di alimentazione Dimensioni H x L x P Marchi e approvazioni IMQ Marcatura CE VDE mm mm2 Icn In Un Ui A V c.a. V c.a. V c.c. A kA 5SJ3-7WM 6 32 230 (1P+N); 400 (2P) e 60 V c.c. per polo 250 (1P+N) e 500 (2P) fino a 120 (2P) e 60 (1P+N) 4500 6 C (7 10 In) classe di limitazione 3 da 0,75 a 35 indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori 90 x 18 x 70

> V

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SJ3-7WM

Poteri di interruzione secondo CEI EN 60 947-2


Correnti nominali In [A] 1P+N (230 V c.a.), 2P (400 V c.a.) 6 32 6 5 Icu [kA] Ics [kA] Correnti nominali In [A] 2P (230 V c.a.) 6 32 6 5 Icu [kA] Ics [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/3

Potenza dissipata

Siemens@Home
Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata e di resistenza interna


Le seguenti tabelle riportano i valori di potenza dissipata per polo (W/polo) degli interruttori magnetotermici 5SJ3-7WM al fine di consentire la verifica dei valori di sovratemperatura allinterno di un quadro in coerenza a quanto previsto dalle norme CEI 17-13 e CEI 17-43; permettono inoltre di verificare che la potenza dissipata dagli apparecchi sia inferiore o uguale a quella che il centralino in grado di dissipare secondo le norme CEI 23-49 e CE 23-51. Resistenze interne e potenze dissipate
In [A] Dati per polo (alimentato con In) Caratteristica A R1 m Pv W 2,1 1,7 1,8 1,9 2,2 2,5 2,9 3,1 Caratteristica B R1 m 55 13 9,5 6,6 5,2 3,4 2,3 Pv W 2,0 1,3 1,6 1,7 2,1 2,2 2,4 Caratteristica C R1 m 44 14 10 8,0 6,3 5,9 4,0 3,3 2,4 2,4 Pv W 1,6 0,9 1,0 1,4 1,4 1,5 1,6 2,1 2,2 2,5 Caratteristica D R1 m 43 12 8,4 8,0 5,8 3,8 3,0 1,9 Pv W 1,6 0,7 0,8 1,4 1,5 1,5 1,9 2,0

5SJ3-7WM
6 8 10 13 15 16 20 25 30 32 58 27 18,1 11,4 8,4 6,2 4,6 3

Fattori di correzione per la potenza dissipata Corrente continua e alternata fino a Corrente alternata 60 Hz x 1,0 200 Hz x 1,1 400 Hz x 1,15 1100 Hz x 1,3

1/4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Interruttori differenziali 2P 5SM3-0WM Numero di poli Corrente nominale In [A] 2 16 25 Corrente differenziale nominale In [mA] 10 30 Potenza dissipata per polo PV [W] 2,50 2,00 2 Unit modulari

Interruttori magnetotermici differenziali 1P+N in 2 u.m. Tipo AC 5SU1 353-1WM Corrente nominale In [A] 6 8 10 13 16 20 25 32 40 Numero di ordinazione 5TT4 142-0 Breve descrizione Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) per tapparelle 230 V c.a. 16 A 2NA Breve descrizione Trasformatore per campanello con PTC 8 VA; 230 V c.a.-12 V c.a. in 1 u. m. Trasformatore per campanello con PTC 8 VA; 230 V c.a.-2 x 12/24 V c.a. Breve descrizione Interruttore a tempo 230 V c.a. 16 A per luce scale, 4 fili, 0,510 min. Breve descrizione Orologio interruttore digitale MINI Breve descrizione Interruttore riduzione campi elettrici 230 V 50 Hz 30 Corrente differenziale nominale In [mA] Caratteristica C Polo L Ri [m] 52 16,4 13,4 10,9 8,7 6,1 6,0 4,1 3,4 Polo N Ri [m] 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 1,5 1,5 Potenza dissipata totale Pv [W] 1,9 1,2 1,6 2,2 2,8 3,3 5,1 5,7 7,8

Potenza dissipata Pv della bobina di comando 1) per polo o contatto 2) (VA) (W) 7,2 0,8

Numero di ordinazione 4AC3 006-0WM 4AC3 108-0WM Numero di ordinazione 7LF6 111 Numero di ordinazione 7LF4 401-0 Numero di ordinazione 5TT3 171

Potenza dissipata Pv (W) funzionamento a vuoto 0,78 1,6 Potenza dissipata Pv (VA) della bobina di comando 5 Potenza dissipata Pv (VA) della bobina di comando 1,5 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 5

alla massima corrente di funzionamento 1,65 3,6

per polo o contatto 2) 2,6

1) 2)

Solo per funzionamento impulsivo. Con corrente nominale di impiego.


Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/5

Curve I2t e di limitazione

Siemens@Home
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SJ3-7WM 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P), caratteristica di intervento C
4500 3

I2t [kA2s]

C 32 / 25 / 20

Icc [kA]

1/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]

Interruttori magnetotermici differenziali 1P+N (2 u.m.) 5SU1 353-1WM 230 V c.a., Tipo AC; caratteristica di intervento C; P.I. = 4500 A

I2t [kA2s]

100

13/16/32/40 8/10/20/25 6 10

0,1 0,1 1 10

Ip [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/7

Siemens@Home
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]

Interruttori magnetotermici differenziali 2P (4 u.m.) 5SU1 323-1WM 230/400 V c.a., Tipo AC; caratteristica di intervento C; P.I. = 4500 A

I2t [kA2s]

C 32 / 25 / 20

0,1

0,01 0,01

0,1

Icc [kA]

1/8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SJ3-7WM 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P), caratteristica di intervento C
4500 3

Ip [kA]

Icc [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/9

Siemens@Home
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]

Interruttori magnetotermici differenziali 2P (4 u.m.) 5SU1 323-1WM 230/400 V c.a., Tipo AC; caratteristica di intervento C; P.I. = 4500 A

Ip [kA]

0,1

0,01 0,01

0,1

Icc [kA]

1/10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Tabelle di coordinamento

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY6) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3 0-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY6 Caratteristica B Caratteristica C In [A] Caratteristica D 6 8 6 Icn [kA] 6 10 6 13 6 16 6 20 6 25 6 32 6 40 6 50 6 63 6

Valori limite di back-up [kA]1) 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 6 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 -

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY6 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/11

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY4) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3 0-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY4 Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C In [A] Caratteristica D 6 8 10 Icn [kA] 10 10 10 13 10
1)

16 10

20 10

25 10

32 10

40 10

50 10

63 10

Valori limite di back-up [kA]

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 10 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY4 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

1/12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3 0-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-6 Caratteristica B 80 100 10 Icn [kA] 10 125 10 5SP4-7 Caratteristica C 80 100 10 10 125 10 5SP4-8 Caratteristica D 80 100 10 10

Valori limite di back-up [kA]1) 6 6 6 6 6 6 6

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 2 40 4,5 10

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SP4 nelle esecuzioni 1P alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/13

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY7) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3 0-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY7 Caratteristica B In [A] Caratteristica C 6 8 10 13 15 15 15 Icn [kA] 15 Valori limite di back-up [kA]1) 4,5 10 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 10 10 10 10 10 10 10 10 10 16 15 20 15 25 15 32 15 40 15 50 15 63 15

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY7 Caratteristica D 6 8 15 Icn [kA] 15 10 15 13 15 16 15 20 15 25 15 32 15 40 15 50 15 63 15

Valori limite di back-up [kA]1) 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 10 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 -

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY7 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

1/14

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY8) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3 0-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY8 Caratteristica C 6 8 40 Icu [kA] 50 Icn [kA] 10 40 13 30 16 30 20 30 25 30 32 30 40 25 50 25 63 25

Valori limite di back-up [kA]1) 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 20 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 -

Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY8 Caratteristica D 6 8 40 Icu [kA] 50 Icn [kA] 10 40 13 30 16 30 20 30 25 30 32 30 40 25 50 20 63 20

Valori limite di back-up [kA]1) 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 15 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 -

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY8 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/15

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.Bk) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3 0-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK In [A] Caratteristica C 100 Icu [A] 10 125 10 5SU1-8AK 5SU1-8BK Caratteristica D 100 10

Valori limite di back-up [kA]

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 2 40 4,5 6 6 6

1/16

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici modulari (5SJ3-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-6 Caratteristica B 80 100 125 5SP4-7 Caratteristica C 80 100 125 5SP4-8 Caratteristica D 80 100

Valori limite di back-up [kA]1) 202) 202) 202) 202) 202) 15 15

5SJ3-7WM
Caratteristica C 632 202)

1) 2)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SP4 nelle esecuzioni 1P alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a. Se vengono impiegati interruttori 5SP4 nell'esecuzione 2P alla tensione di 230 V c.a. il valore limite di back-up di 25 kA.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/17

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP9) e interruttori magnetotermici modulari (5SJ3-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP9 Caratteristica C 6 63 Valori limite di back-up [kA]1)

5SJ3-7WM
Caratteristica C 632 50

1)

I valori si riferiscono allimpiego di interruttori 5SP9 alla tensione di 230/400 V c.a.; con un impiego alla tensione di 440 V c.a. tutti i valori limite di back-up sono di 30 kA.

1/18

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-7KC) e interruttori magnetotermici modulari (5SJ3-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7KC Caratteristica C 16 63 Valori limite di back-up [kA]1)

5SJ3-7WM
Caratteristica C 632 50

1)

I valori si riferiscono allimpiego di interruttori magnetotermici differenziali 5SU1-7KC alla tensione di 230/400 V c.a.; con un impiego alla tensione di 440 V c.a. tutti i valori limite di back-up sono di 30 kA.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/19

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici modulari (5SJ3-7WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK In [A] Caratteristica C 100 125 5SU1-8AK 5SU1-8BK Caratteristica D 100

Valori limite di back-up [kA]

5SJ3-7WM
Caratteristica C 632 20 20 15

1/20

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY6) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY6 Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D In [A] Icn [kA] 6 6 8 6 10 6 13 6 16 6 20 6 25 6 32 6 40 6 50 6 63 6

Valori limite di back-up [kA]1) 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY6 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/21

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY4) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY4 Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D In [A] Icn [kA] 6 10 8 10 10 10 13 10 16 10 20 10 25 10 32 10 40 10 50 10 63 10

Valori limite di back-up [kA]1) 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY4 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

1/22

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-6 Caratteristica B 80 10 100 10 125 10 5SP4-7 Caratteristica C 80 10 100 10 125 10 5SP4-8 Caratteristica D 80 10 100 10

Valori limite di back-up [kA]1) 10 6 6 6 6 6 6 6

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 40 4,5

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SP4 nelle esecuzioni 1P alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/23

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY7) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY7 Caratteristica B Caratteristica C In [A] Icn [kA] 6 15 8 15 10 15 13 15 16 15 20 15 25 15 32 15 40 15 50 15 63 15

Valori limite di back-up [kA]1) 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY7 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

1/24

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY7) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY7 Caratteristica D 6 15 8 15 10 15 13 15 16 15 20 15 25 15 32 15 40 15 50 15 63 15

Valori limite di back-up [kA]1) 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY7 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/25

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY8) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icu [kA] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY8 Caratteristica C 6 50 8 40 10 40 13 30 16 30 20 30 25 30 32 30 40 25 50 25 63 25

Valori limite di back-up [kA]1) 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY8 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

1/26

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY8) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icu [kA] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY8 Caratteristica D 6 50 8 40 10 40 13 30 16 30 20 30 25 30 32 30 40 25 50 25 63 25

Valori limite di back-up [kA]1) 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY8 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/27

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] Icn [kA] 100 10 125 10 Caratteristica D 100 10 5SU1-8AK 5SU1-8BK

Valori limite di back-up [kA]

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 40 4,5 6 6 6

1/28

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Im > [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 regolabili 50 500 63 630 80 800 100 1000 125 1250 160 1600 3VF3 non regolabili 50 400 63 500 80 630 100 800 125 1000 160 1280

Icu [kA] 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 Icn [kA] Valori limite di back-up [kA]

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 40 60 80 400 4,5 4,5 70 15 70 15 70 15 70 15 70 15 65 15 70 15 70 15 70 15 65 10 65 10 65 10

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a In [A] valle Im > [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 125 1250 160 1600 200 2000 250 2500 3VF5 200 2000 250 2500 315 3150 400 4000 3VF6 3VF7 3VF8 1600 2000 20000 3WN1/ 3WS1 315 6300 3780 75600 65100

315630 400 1250 3200 6300 15000

Icu [kA] 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 45/70/100 45/70/100 45/70/100 45/70/100 45/70/100 50/70/100 70/100 Icn [kA] Valori limite di back-up [kA]

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 40 60 80 400 4,5 4,5 34 15 34 15 34 15 34 15 30 15 30 15 30 15 30 15 30 15 30 15 30 15 30 15

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/29

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra fusibili e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Valori limite di back-up [kA] Fusibili a monte 50 63 80 100 125 160

5SU1 353-1WM
6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 35 35 35 35 35 50 50 50 50 35 30 25 30 30 25 35 35 35 30 30 25 25 25 15

1/30

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-6 Caratteristica B 80 100 125 Valori limite di back-up [kA]1) 202) 202) 202) 202) 202) 202) 15 15 5SP4-7 Caratteristica C 80 100 125 5SP4-8 Caratteristica D 80 100

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32

1) 2)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SP4 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a. Se vengono impiegati interruttori 5SP4 nellesecuzione 2P alla tensione di 230 V c.a., il valore limite di back-up di 25 kA.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/31

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP9) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP9 Caratteristica C In [A] 6 63 Valori limite di back-up [kA]1) 50

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SP9 alla tensione di 230/400 V c.a; con un impiego alla tensione di 440 V c.a. tutti i valori limite di back-up sono di 30 kA (per impieghi a tensioni superiori vedere la tabella di pagina 2/22 del Catalogo Generale BETA).

1/32

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] 100 125 Valori limite di back-up [kA] 5SU1-8AK 5SU1-8BK Caratteristica D 100

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32 20 20 15

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/33

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-7KC) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7KC Caratteristica C In [A] 6 63 Valori limite di back-up [kA]1) 50

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori magnetotermici differenziali 5SU1-7KC alla tensione di 230/400 V c.a; con un impiego alla tensione di 440 V c.a. tutti i valori limite di back-up sono di 30 kA (per impieghi a tensioni superiori vedere la tabella di pagina 2/22 del Catalogo Generale BETA).

1/34

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icu [kA] Icn [kA] Valori limite di back-up [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione non regolabili 16 25/ 40/ 70 20 25/ 40/70 25 25/40/ 70 32 25/40/ 70/ 100 40 25/40/ 70/ 100 50 25/40/ 70/ 100 63 25/40/ 70/ 100 80 25/40/ 70/ 100 100 25/40/ 70/ 100 125 25/40/ 70/ 100 160 25/40/ 70/ 100 200 40/70/ 100 225 40/70/ 100

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32 4,5 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6 6/6/6

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icu [kA] Icn [kA] Valori limite di back-up [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione regolabili 4050 40/ 70/ 100 5063 40/ 70/ 100 6380 40/ 70/ 100 80100 40/70/ 100 100125 40/70/ 100 125160 40/70/ 100 3VF3 protezione motori senza mancanza fase regolabili 40-80 40/70 80100 40/70 100160 40/70 160205 40/70 3VF3 protezione motori con mancanza fase regolabili 40-80 40/70 80100 40/70 100160 40/ 70 160205 40/ 70

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32 4,5 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icu [kA] Icn [kA] Valori limite di back-up [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per avviatori 63 70 100 70 160 70 3VF3 solo magnetici 100 70 160 70 3VF4 per distribuzione non regolabili 125 40/70/ 100 160 40/70/ 100 200 40/70/ 100 250 40/70/ 100 3VF4 per distribuzione regolabili 100125 40/70/ 100 125160 40/70/ 100 160200 40/70/ 100 200250 40/70/ 100

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32 4,5 6 6 6 6 6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/35

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 per avviatori 3VF4 3VF5 3VF5 per distribuzione regolabili 3VF5 per distribuzione elettronici regolabili 200-400 40/70/100 solo per distribuzione non regolabili magnetici 200 70 250 40/70 200 40/70/ 100 250 40/70/ 100 315 40/70/ 100 400 40/70/ 100

In [A] Icu [kA] Icn [kA]

125 70

160 70

160200 40/70/ 100

200250 40/70/ 100

250315 40/70/ 100

315400 40/ 70/ 100

Valori limite di back-up [kA]

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32 4,5 6 6 6 6 6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF5 protezione motori senza mancanza di fase regolabili In [A] Icu [kA] Icn [kA] Valori limite di back-up [kA] 160-315 40-65 3VF6 3VF5 3VF6 3VF6 protezione per avviatori motori con mancanza di fase regolabili 160-315 40-65 200 65 250 65 315 65 solo per distribuzione non regolabili magnetici

400 40/65

315 45/70/ 100

400 45/70/ 100

500 45/70/ 100

630 45/70/ 100

800 50

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32 4,5 6/6 6/6 6 6 6 6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF6 per distribuzione regolabili 3VF6 per distribuzione elettronici regolabili 315-630 45/70/ 100 3VF6 protezione motori senza mancanza di fase regolabili 250-500 40/65 3VF6 3VF6 3VF6 solo magnetici 3VF7 per distribuzione elettronici regolabili proteper avviatori zione motori con mancanza di fase regolabili 250-500 40/65 315 65 400 65 500 65

In [A] Icu [kA] Icn [kA]

250315 45/70/ 100

315400 45/70/ 100

400500 45/70/ 100

500630 45/70/ 100

500 65

630 40

400800 50/ 70/ 100

6301250 50/ 70/ 100

Valori limite di back-up [kA]

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32 4,5 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6 6/6 6 6 6 6 6 6/6/6 6/6/6

1/36

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF7 solo magnetici In [A] Icu [kA] Icn [kA] Valori limite di back-up [kA] 800 50/70 1250 50/70 3VF8 per distribuzione elettronici regolabili 800-1600 70/100 10002000 70/100 16002500 70/100 3VF8 solo magnetici 1600 65 2000 65

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 32 4,5 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 6 6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/37

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3 0-7WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici 5SP4 e gli interruttori magnetotermici 5SY3 0-7WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit di interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-7 Caratteristica C 100 In [A] 80 Valori limite di selettivit [kA] 125 5SP4-8 Caratteristica D 80 100

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 2 6 0,8 8 0,6 10 0,6 13 0,6 16 0,6 20 0,6 25 0,6 32 0,6 40 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 0,8 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2

1/38

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3 0-7WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY3 0-7WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] 100 125 5SU1-8AK 5SU1-8BK Caratteristica D 100

Valori limite di selettivit [kA]

5SY3 0-7WM
Caratteristica C 2 6 1,5 8 1,2 10 1,2 13 1,2 16 1,2 20 1,2 25 1 32 1 40 0,8 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/39

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici modulari (5SJ3-7WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici 5SP4 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SJ3-7WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-7 Caratteristica C In [A] 80 100 Valori limite di selettivit [kA] 125 5SP4-8 Caratteristica D 80 100

5SJ3-7WM
Caratteristica C 6 0,8 10 0,6 16 0,6 20 0,6 25 0,6 32 0,6 1,5 1,2 1,2 1,2 1 1 3 2,5 2 2 1,5 1,5 3 2,5 2 2 1,5 1,5 4 3 3 3 2,5 2,5

1/40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici modulari (5SJ3-7WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK e gli interruttori magnetotermici modulari 5SJ3-7WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] 100 125 5SU1-8AK 5SU1-8BK Caratteristica D 100

Valori limite di selettivit [kA]

5SJ3-7WM
Caratteristica C 6 1,5 10 1,2 16 1,2 20 1,2 25 1 32 1 3 2,5 2 2 1,5 1,5 4 3 3 3 2,5 2,5

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/41

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3RV1) e interruttori magnetotermici modulari (5SJ3-7WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3RV1 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SJ3-7WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 101 sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I >[A] Icn [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3RV1.1 10 120 50 12 144 50 3RV1.2 8 96 100 10 120 100 12,5 150 100 16 192 50 20 240 50 22 264 50 25 300 50

Valori limite di selettivit [kA]1) 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,3 0,2 0,2 0,4 0,4 0,4 0,5 0,4 0,4 0,4 -

5SJ3-7WM
Caratteristica C 6 10 16 20 25 32 60 100 160 200 250 320 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 -

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i limiti di selettivit devono essere ridotti del 10%. I > = corrente di intervento.

1/42

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3RV1) e interruttori magnetotermici modulari (5SJ3-7WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3RV1 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SJ3-7WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 101 sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I >[A] Icn [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3RV1.3 16 192 50 20 240 50 25 300 50 32 384 50 40 480 50 45 540 50 50 600 50

Valori limite di selettivit [kA]1) 0,2 0,2 0,3 0,2 0,2 0,4 0,4 0,4 0,4 0,6 0,6 0,6 0,6 0,5 0,8 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 1 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 1 1 1 1 0,8 0,8

5SJ3-7WM
Caratteristica C 6 10 16 20 25 32 60 100 160 200 250 320 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i limiti di selettivit devono essere ridotti del 10%. I > = corrente di intervento.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/43

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3RV1) e interruttori magnetotermici modulari (5SJ3-7WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3RV1 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SJ3-7WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 101 sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I >[A] Icn [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3RV1.4 16 192 100 20 240 100 25 300 100 32 384 100 40 480 100 50 600 100 63 756 100 75 900 100 90 1080 100 100 1140 100

Valori limite di selettivit [kA]1) 0,2 0,2 0,3 0,3 0,3 0,5 0,4 0,4 0,4 0,6 0,6 0,6 0,6 0,5 0,8 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 1 1 1 1 0,8 0,8 2 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 2,5 2 2 2 1,5 1,5 5 3 3 3 2,5 2,5 5 3 3 3 2,5 2,5

5SJ3-7WM
Caratteristica C 6 10 16 20 25 32 60 100 160 200 250 320 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i limiti di selettivit devono essere ridotti del 10%. I > = corrente di intervento.

1/44

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici modulari 5SP4 e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 353-1WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Im [A] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-7 Caratteristica C 80 800 10 100 1000 10 125 1250 10 5SP4-8 Caratteristica D 80 1200 10 100 1500 10

Valori limite di selettivit [kA]

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 0,8 0,7 0,6 0,6 0,6 0,7 0,6 0,6 0,6 1,5 1,2 1,2 1 1 1,2 1,2 1 1 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 2,5 2 1,5 1,5 1,5 2 1,5 1,5 1,5 4 3 1,5 1,5 1,5 3 1,5 1,5 1,5

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/45

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK, e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 353-1WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] Im [A] Icn [kA] 100 1000 10 125 1250 10 5SU1-8AK 5SU1-8BK Caratteristica D 100 1500 10

Valori limite di selettivit [kA]

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 1,5 1,2 1,2 1 1 1,2 1,2 1 1 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 4 3 1,5 1,5 1,5 3 1,5 1,5 1,5

1/46

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 353-1WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660, parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite di selettivit tra interruttori automatici scatolati/interruttori magnetotermici differenziali
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Im [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3-3F 50 400 Icu [kA] 40 100 Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] 5SU1 353-1WM Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 4,5 3 4,5 2 4,5 2 4,5 1,5 4,5 1,5 4,5 2 4,5 2 4,5 1,5 4,5 1,5 4,5 4 3 3 3 4 3 3 3 4,5 4 3 3 3 4 3 3 3 4,5 4 3 3 3 4 3 3 3 4,5 4 4 3 3 4 4 3 3 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 63 500 40 100 80 630 40 100 100 800 40 100 125 40 100 160 40 100 3VF4-3D 125 40 100 160 40 100 200 40 100 250 40 100 3VF5-3D 200 45 100 250 45 100 315 45 100 400 45 100 3VF6-3D 315 45 100 400 45 100 500 45 100 630 45 100

1000 1280 1250 1600 2000 2500 2000 2500 3150 4000 3200 4000 5000 6300

1)

Icu: potere di interruzione nominale estremo di cortocircuito a 380/415 V c.a. per gli interruttori 3VF.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/47

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) In caso di cortocircuito fra i fusibili e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 353-1WM, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Fusibili a monte In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 0,35 0,55 0,45 0,45 0,40 0,40 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 0,60 1,5 1,4 1,4 1,2 1,2 1,2 1,2 2,8 2,3 2,3 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 4,5 3,3 3,3 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 4,5 4,2 4,2 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1/48

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili (NH) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) In caso di cortocircuito fra i fusibili NH e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 353-1WM, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] Fusibili a monte NH gL/gG/aM 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 0,55 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 1,5 1,4 1,4 1,2 1,2 1,2 1,2 2,8 2,3 2,3 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 4,5 3,8 3,8 3,0 3,0 3,0 3,0 2,8 2,8 4,5 4,5 4,5 4,0 4,0 4,0 4,0 4,0 4,0 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/49

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili (NEOZED) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) In caso di cortocircuito fra i fusibili NEOZED e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 353-1WM, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] Fusibili a monte NEOZED gL/gG 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 0,35 0,55 0,50 0,50 0,40 0,40 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 0,60 1,7 1,4 1,4 1,3 1,3 1,2 1,2 3,3 2,6 2,6 2,2 2,2 2,2 2,2 2,2 2,2 4,5 3,3 3,3 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 4,5 4,2 4,2 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1/50

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili (DIAZED) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 353-1WM) In caso di cortocircuito fra i fusibili DIAZED e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 353-1WM, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] Fusibili a monte DIAZED gL/gG 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1 353-1WM
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 0,40 0,55 0,45 0,45 0,45 0,45 0,80 0,75 0,75 0,65 0,65 0,65 2,0 1,8 1,8 1,4 1,4 1,3 1,3 3,0 2,6 2,6 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 4,5 4,0 4,0 3,3 3,3 3,3 3,3 3,0 3,0 4,5 4,5 4,5 4,0 4,0 4,0 4,0 3,6 3,6 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/51

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici modulari 5SP4 e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 323-1WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-7 Caratteristica C 80 100 125 Valori limite di selettivit [kA] 5SP4-8 Caratteristica D 80 100

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 10 16 20 25 32 0,8 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 1,5 1,2 1,2 1,2 1 1 3 2,5 2 2 1,5 1,5 3 2,5 2 2 1,5 1,5 4 3 3 3 2,5 2,5

1/52

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 323-1WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] 100 125 5SU1-8AK 5SU1-8BK Caratteristica D 100

Valori limite di selettivit [kA]

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 10 16 20 25 32 1,5 1,2 1,2 1,2 1 1 3 2,5 2 2 1,5 1,5 4 3 3 3 2,5 2,5

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/53

Siemens@Home
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1 323-1WM) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1 323-1WM, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/interruttori magnetotermici differenziali modulari in
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Im [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 regolabile 40-50 500 Icu [kA] 40/70/ 100 Icn [kA] 50-63 630 40/70/ 100 63-80 800 40/70/ 100 80100 1000 40/70/ 100 100125 1250 40/70/ 100 125160 1600 40/70/ 100 3VF3 fisso 50 400 40/70/ 100 63 500 40/70/ 100 80 630 40/70/ 100 100 800 40/70/ 100 125 1000 40/70/ 100 150 1250 40/70/ 100

Valori limite di selettivit [kA]1) 4,5 4,2 4,2 4,2 3,4 3,4 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 2,5 2,3 2,1 2,1 1,9 1,9 4,5 3,7 3,7 3,7 3,0 3,0 4,5 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 4,5 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 4,5 4,5 4,4 4,4 3,6 3,6 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 10 16 20 25 32 60 100 160 200 250 320 4,5 1,9 4,5 1,7 4,5 1,5 4,5 1,5 4,5 1,1 4,5 1,1

Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte In [A] In [A] Im [A] 3VF4 125 1250 Icu [kA] 40/70/ 100 Icn [kA] 160 1600 40/70/ 100 200 2000 40/70/ 100 250 2500 40/70/ 100 3VF5 200 2000 45/70/ 100 250 2500 45/70/ 100 315 3150 45/70/ 100 400 4000 45/70/ 100 3VF6 315 3200 45/70/ 100 400 800 3VF7 400 1250 3VF8 800 2500 3WL1 315 6300

1575 - 15000 20000 3780 6400 75600 45/70/ 100 50/70/ 100 70/100 65/80/ 100

Valori limite di selettivit [kA]1) 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

5SU1 323-1WM
Caratteristica C 6 10 16 20 25 32 60 100 160 200 250 320 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I corrente d'intervento.

1/54

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Soluzioni applicative

Siemens@Home
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento per automatizzazione della gestione remota di un appartamento (es.: casa vacanza)

L1 N
5SU1 353-1WM 4AC2 401 5TT7 110

Contatto Pulito Antifurto Comando Manuale Boiler Comando Manuale Gas

5TT4 1

SPD Classe III PROTEZIONE LOGO!


5SD7 432-1

Boiler Elettrico

Elettrovalvola Gas

Contatto Termostato

Lesempio applicativo ha esclusivo carattere di informativa generale e potrebbe essere, a seconda delle circostanze, incompleto o inesatto. Siemens, inoltre, si riserva di variare in ogni momento, anche senza preavviso, le informazioni relative a detta applicazione. Siemens non si assume alcuna responsabilit per le eventualit sopra descritte o per conseguenze dannose, dirette o indirette, che dovessero derivare dallutilizzo o dalla impossibilit di utilizzo delle informazioni presenti sul sito. Per le necessarie informazioni tecniche riferite ai prodotti, si rinvia al manuale del prodotto. I collegamenti sia di terra che quelli relativi allo schema di cablaggio devono essere eseguiti secondo le normative vigenti.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/55

Siemens@Home
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento per automatizzazione della gestione degli impianti di un giardino

L1 N
Sensore Crepuscolare

Luci Scale Irrigazione ON/OFF

Cancelletto

Luci Giardino 5SU1 353-1WM 7LQ2 100-0WM

Inibizione Cancelletto

Luci Giardino

Lesempio applicativo ha esclusivo carattere di informativa generale e potrebbe essere, a seconda delle circostanze, incompleto o inesatto. Siemens, inoltre, si riserva di variare in ogni momento, anche senza preavviso, le informazioni relative a detta applicazione. Siemens non si assume alcuna responsabilit per le eventualit sopra descritte o per conseguenze dannose, dirette o indirette, che dovessero derivare dallutilizzo o dalla impossibilit di utilizzo delle informazioni presenti sul sito. Per le necessarie informazioni tecniche riferite ai prodotti, si rinvia al manuale del prodotto. I collegamenti sia di terra che quelli relativi allo schema di cablaggio devono essere eseguiti secondo le normative vigenti.

1/56

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Irrigazione

Luci Scale

Siemens@Home
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un interruttore a tempo per luci scale 7LF6 111 in un circuito a 4 conduttori, con attivazione di fase, ripristinabile
Circuito normalmente usato per nuovi impianti con linee separate per pulsanti e luci. Con linterruttore supplementare DE possibile attivare esternamente una luce permanente. A scelta, pu essere utilizzato anche un orologio interruttore . possibile un collegamento supplementare del tetto indipendente dal temporizzatore, anche se sullo stesso circuito di corrente. Il temporizzatore pu essere riattivato prima dello scadere del periodo impostato.

Esempio di collegamento di un interruttore a tempo per luci scale 7LF6 111 in un circuito a 3 conduttori, con attivazione di neutro, ripristinabile
Applicazione possibile solo con un numero limitato di fili. Il temporizzatore pu essere riattivato prima dello scadere del periodo impostato. Anche se tecnicamente questo collegamento a tre conduttori con attivazione di N possibile, esso non risponde tuttavia alle prescrizioni delledizione attualmente in vigore della norma DIN VDE 0100-460. Viene comunque utilizzato a scopo sostitutivo in impianti vecchi.

te = intervallo di attivazione

te = intervallo di attivazione

Esempio di collegamento di un bio-rel (disgiuntore) per la riduzione dei campi elettromagnetici 5TT3 171
Se lassorbimento di potenza scende a valori compresi fra 2 VA e 20 VA (regolabili), il rel separa la linea dalla tensione di rete e si commuta su una tensione inferiore. In caso di consumo elevato ripristina la tensione di rete. Unutenza elettronica deve essere dotata della resistenza di carico di base 5TG8 222.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/57

Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Siemens@Home
Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta per gli interruttori magnetotermici


Le seguenti tabelle indicano il numero massimo di lampade supportate, durante il funzionamento, da un interruttore magnetotermico. Protezione di circuiti elettrici di lampade Numero massimo di lampade fluorescenti
In [A] Lampada Alimentatori elettronici inserzione diretta a 230 V a 1 lampada 1) a 2 lampade D 66 37 19 111 62 32 177 100 51 222 125 64 277 156 80 355 200 103 B 17 17 12 36 32 20 56 51 32 70 64 40 85 80 51 100 100 65 C 35 19 12 58 32 20 94 51 32 117 64 40 147 80 51 144 103 65 D 35 19 12 58 32 20 94 51 32 117 64 40 147 80 51 188 103 65 inserzione a gruppi a 230 V a 1 lampada 2) B 66 37 19 111 62 32 177 100 51 222 125 64 277 156 80 355 200 103 C 66 37 19 111 62 32 177 100 51 222 125 64 277 156 80 355 200 103 D 66 37 19 111 62 32 177 100 51 222 125 64 277 156 80 355 200 103 a 2 lampade B 35 19 12 58 32 20 94 51 32 117 64 40 147 80 51 188 103 65 C 35 19 12 58 32 20 94 51 32 117 64 40 147 80 51 188 103 65 D 35 19 12 58 32 20 94 51 32 117 64 40 147 80 51 188 103 65

5SJ3-7WM
Caratteristica 6 10 16 20 25 32 L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W B 17 17 17 36 36 32 56 56 51 70 70 64 85 85 80 100 100 100 C 37 37 19 67 62 32 100 100 51 117 117 64 157 156 80 144 144 103

Impedenza del circuito elettrico:

il numero di lampade sopra riportato riferito ad un valore di impedenza del collegamento di 800 m. Per un valore di 400 m occorre ridurre il numero di lampade del 10%.

1) 2)

Tutti i reattori elettronici vengono inseriti contemporaneamente. I reattori elettronici vengono inseriti in gruppi.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/58

Siemens@Home
Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta per gli interruttori magnetotermici


Numero massimo di lampade a scarica di vapori metallici (HQ), ad alogenuri metallici (HQI) e a vapori di sodio ad alta pressione (NAV) compensate e non compensate
Potenza nominale della lampada [W] 35 Corrente nominale lampada Corrente nominale lampada compensata Corrente massima di inserzione [A] 0,5 [A] 0,3 [A] 10 70 1 0,5 18 150 1,8 1 36 250 3 1,5 60 400 3,5 2 70 1000 9,5 6 120 2000 10,3 5,5 125 3500 18 9,8 220

In [A] Potenza nominale della lampada [W] 35 70 3 6 9 10 14 12 150 1 3 4 5 7 6 250 1 1 2 3 4 3 400 0 1 2 2 3 3 1000 0 0 1 1 2 2 2000 0 0 1 1 1 1 3500 0 0 0 0 1 1

5SJ3-7WM
Caratteristica C 6 10 16 20 25 32 6 10 16 18 25 22

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/59

Siemens@Home
Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta per gli interruttori magnetotermici


Numero di lampade fluorescenti permesse, per fase, con interruttori magnetotermici 5SJ3-7WM, caratteristica C
Corrente nominale interruttore (A) 10 Tipo lampada Monolampada Monolampada rifasata Bilampada collegamento DUO 23 23 23 15 37 37 37 24 46 46 46 30 58 58 58 37 Funzionamento con reattore elettronico Monolampada Monolampada collegata in gruppo 88 48 46 31 140 78 74 50 176 97 93 62 220 122 116 78 Bilampada Tre lampade

L18 L36 L38 L58

27 23 23 14 43 37 37 23 54 46 46 29 67 58 58 37

32 32 32 20 51 51 51 33 64 64 64 41 82 82 82 53

51 51 51 35 74 74 74 50 92 92 92 63 115 115 115 78

35 35 35 16 50 50 50 22 63 63 63 28 78 78 78 35

20 20 20 11 29 29 29 15 37 37 37 19 46 46 46 24

16

L18 L36 L38 L58

20

L18 L36 L38 L58

25

L18 L36 L38 L58

Numero di lampade a scarica a vapori metallici permesse, per fase, con gli interruttori magnetotermici 5SJ3-7WM
Corrente nominale interruttore (A) 6 10 16 20 25 32 C Caratteristica dintervento Potenza delle lampade (W) 35 6 10 16 20 26 32 70 3 5 9 11 14 17 150 1 2 4 5 7 8 250 1 1 2 3 4 5 400 1 2 2 3 4 1000 1 1 2 2 2000 1 1 1 2 3500 1 1

Carico permesso con gli interruttori magnetotermici 5SJ3-7WM in presenza di lampade ad incandescenza
Corrente nominale interruttore (A) 6 10 16 20 25 C Caratteristica dintervento Massimo carico permesso a 220 V (W) 1320 2200 3520 4400 5500

1/60

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


5TT4 142-0 Tipi di contatto Incandescenza Alogene con trasformatore Carico lampade al neon W W mA per tapparelle 2400 1200 3

Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte (DULUX) con bobina di reattanza (KVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampada Capacit del condensatore W F L18 L36 L58 Compensate in parallelo L18 4,5 L36 4,5 L58 7 Collegamento bilampada gruppo da 2 lampade 2 x L18 2 x L36 2 x L58 -

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo)


5TT4 142-0 per tapparelle 30 30 20 50 50 30 24 24 16

Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte con reattore elettronico (EVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
A 1 lampada Tipo di lampada W L18 L36 L58 A 1 lampada 2 x L18 2 x L36 2 x L58

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo)


5TT4 142-0 per tapparelle 30 30 20 18 18 12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/61

Dimensioni d'ingombro

Siemens@Home
Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 1P+N in 1 u.m. 5SY3 0-7WM

18

44

70

5SY3 0..-7WM

Interruttori magnetotermici 5SJ3-7WM

5SJ3 2..-7WM 5SJ3 5..-7WM

Interruttori differenziali 5SM3-0WM

5SM3 111-0WM 5SM3 312-0WM

Interruttori magnetotermici differenziali 1P + N in 2 u.m. da 6 A a 40 A 5SU1 353-1WM

44

5SU1 353-1WM..

1/62

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

45 90

70

Siemens@Home
Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici differenziali 2P in 4 u.m. da 6 A a 32 A 5SU1 323-1WM
1
90

3
45 90

71

5SU1 323-1WM..

Scaricatore di sovratensione combinato - Classe di prova I e II 5SD7 442-1


CS

72

6,7

43,5 64

5SD7 442-1

Scaricatore di sovratensione di origine atmosferica - Classe di prova I 5SD7 412-1


CS

72

6,7

43,5 64

5SD7 412-1

Limitatore di sovratensione di linea a ingombro ridotto - Classe di prova II 5SD7 422-0


CS

26

6,7

43,5 64

5SD7 422-0

45 90 99

45 90 99

45 90 99

10

36

6,3

44

64

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/63

Siemens@Home
Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
Limitatori di sovratensione di utenze di linea - Classe di prova III 5SD7 432-.

18

6,7

29 45 58

5SD7 432-1 5SD7 432-2 5SD7 432-3 5SD7 432-4

Limitatori di sovratensione di linea in esecuzione presa a spina Schuko 2P+T - Classe di prova III 5SD7 435-.

45 71 90 2 36 79 103 52 63 4

5SD7 435-0 5SD7 435-2 5SD7 435-5

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) per comando tapparelle 5TT4 142-0
A1 A2

5TT4 142-0

Trasformatore per campanello 4AC3 006-0WM

4AC3 006-0WM

1/64

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
Trasformatore per campanello 4AC3 108-0WM

4AC3 108-0WM

Suonerie e ronzatori 7LQ2 2-0WM e 7LQ2 2-1WM

7LQ2 204-0WM 7LQ2 206-0WM 7LQ2 204-1WM 7LQ2 206-1WM 7LQ2 205-0WM 7LQ2 205-1WM

Temporizzatore luce scale 7LF6 111

7LF6 111

Orologio interruttore digitale 7LF4 401-0

18

44 64

7LF4 401-0

45 83

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/65

Siemens@Home
Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
Interruttore crepuscolare 7LQ2 100-0WM

7LQ2 100-0WM

Bio-rel (disgiuntore) per la riduzione dei campi elettromagnetici 5TT3 171


L N

18

43

64

5TT3 171

STABIT - Centralini dappartamento

Cassetta

45 90

Guida DIN Frontalino

1/66

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Siemens@Home
Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
Frontalino 8GB5 304 e cassetta 8GB5 504
4 moduli

Frontalino 8GB5 308 e cassetta 8GB5 508


8 moduli

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

1/67

Siemens@Home
Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
Frontalino 8GB5 312 e cassetta 8GB5 512
12 moduli

1/68

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici

2 4 5 6 7 8 9 10 12 13

2/2 2/18 2/29 2/31 2/32 2/81 2/126 2/129

Caratteristiche generali Schede tecniche di prodotto Potenza dissipata Applicazioni in corrente continua Curve I2t e di limitazione Tabelle di coordinamento Scelta di apparecchi per il comando di lampade Dimensioni dingombro

2/1

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche costruttive
Introduzione Gli interruttori magnetotermici BETA sono equipaggiati con due sganciatori di sovracorrente: uno termico (bimetallo), per la protezione contro le piccole correnti di guasto ed i sovraccarichi, ed uno elettromagnetico, per la protezione contro le sovracorrenti di valore elevato (cortocircuiti). Il meccanismo di sgancio del tipo a scatto libero e pertanto in caso di sovracorrente linterruttore interviene automaticamente anche con la leva trattenuta nella posizione di chiuso. Laccoppiamento dei poli nelle esecuzioni multipolari realizzato non solo tramite la leva di comando ma anche attraverso lo sganciatore interno; gli interruttori magnetotermici BETA sono il risultato di una ricerca progettuale mirata ad ottenere le massime prestazioni funzionali nelle pi ridotte dimensioni di ingombro (figura 1). In particolare lelevato potere di interruzione unito alla forte limitazione dellenergia specifica passante I2t sono il frutto della perfetta realizzazione dei tre elementi funzionali base degli interruttori BETA: lo sganciatore elettromagnetico, i contatti, la camera di interruzione. Lo sganciatore elettromagnetico Grazie ad una ottimale esecuzione del circuito magnetico dello sganciatore ad intervento istantaneo e grazie ad un perfetto cinematismo, frutto di un approfondito studio della dinamica e cinematica di tutte le masse in gioco, stato possibile conferire al contatto mobile, in caso di cortocircuito, una velocit di apertura tale che gi dopo solo 0,8 ms il contatto mobile risulta separato da quello fisso. Larco elettrico che viene cos ad instaurarsi tra i contatti dellinterruttore viene, grazie alla particolare sagoma dei contatti stessi, violentemente spinto verso la camera spegniarco e quindi estinto. La camera di interruzione Lelemento funzionalmente determinante degli interruttori magnetotermici BETA, con particolare riferimento alla serie 5SY, la camera di interruzione. Costruttivamente risulta costituita da due parti: la precamera e la camera spegniarco. La prima racchiude i contatti dellinterruttore ed ha la funzione di forzare il pi velocemente possibile larco allinterno della camera spegniarco (figura 2). La precamera costituita da due elementi in materiale isolante la cui forma ad ugello e la spira metallica applicata su entrambi gli elementi concorrono a creare unelevata forza magnetica indispensabile per indirizzare velocemente larco allinterno della camera spegniarco; la quale, essendo costituita da un elevato numero di lamelle, estingue larco in tempi brevissimi riducendo ai minimi valori le conseguenti sollecitazioni termiche e dinamiche (figura 3). I contatti di potenza Il design costruttivo e soprattutto il materiale con il quale i contatti sono stati realizzati, argento e grafite, conferiscono a tali elementi delle caratteristiche funzionali altamente qualitative: - ideale andamento della traiettoria dellarco elettrico, - basso valore della resistenza elettrica di contatto, - costanza della qualit del contatto, - assoluta sicurezza contro eventuali saldature, - elevato numero di manovre elettromeccaniche: 20000.

Figura 1 - Una gamma completa di interruttori con elevate prestazioni.

2/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche costruttive

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

1 ms

2 ms

3 ms 3,5 ms Figura 2 - Sequenza fotografica del processo di interruzione su cortocircuito di un interruttore automatico 5SY4

12 13

Figura 3 - Oscillogramma relativo allinterruzione di unelevata corrente di cortocircuito con un interruttore automatico 5SY6.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/3

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche costruttive
Il sistema di aggancio a cursori Gli interruttori 5SY grazie al rivoluzionario sistema di aggancio non necessitano pi di alcun utensile per il fissaggio e lo smontaggio dalla guida DIN. Il montaggio dellinterruttore sulla guida pu essere realizzato con fissaggio a scatto, come consuetudine, oppure con il nuovo sistema a cursori in materiale isolante, che consente anche lo smontaggio dalla guida senza la necessit di ricorrere ad attrezzi. Per la prima volta, pertanto possibile montare e smontare dalla guida un interruttore senza lutilizzo di un cacciavite per lazionamento dellattacco a scatto, spesso nascosto dai cavi (figura 4). Il nuovo sistema a cursori azionabile frontalmente in maniera estremamente semplice e sicura permette, grazie anche alla nuova tipologia di morsetti, una veloce sostituzione di un interruttore. Nel caso infatti che pi interruttori siano alimentati tramite un sistema di sbarre a pettine, grazie al sistema a cursori possibile sostituire un interruttore senza la necessit di scollegare i rimanenti dalla sbarra con un conseguente vantaggio nei tempi di installazione (figura 5). I doppi morsetti Gli interruttori 5SY sono stati curati sotto ogni aspetto ma una grande attenzione e stata sicuramente posta alla realizzazione dei morsetti. Perfettamente speculari in ingresso ed in uscita, i doppi morsetti dellinterruttore consentono il cablaggio contemporaneo del conduttore e della sbarra collettrice (figure 6 e 7). Il conduttore posto anteriormente rispetto alla sbarra, con il vantaggio di avere pi spazio e di consentire in ogni momento il cablaggio dellinterruttore. Il serraggio del conduttore indipendente da quello della sbarra. Inoltre tutti gli interruttori da 0,3 a 63 A hanno i medesimi morsetti per sezioni da 0,75 a 35 mm2 (figura 8). Grazie a queste innovazioni la nuova serie di interruttori 5SY presenta dei tempi di installazione decisamente ridotti ed una sicurezza ampliata.

Figura 5 - Possibilit di sostituzione del singolo interruttore connesso alla sbarra collettrice. Figura 4 - Per rimuovere dalla guida DIN linterruttore non pi necessario lutilizzo del cacciavite: sufficiente infatti azionare dal fronte dei cursori che consentono lo sgancio dalla guida di fissaggio.

Figura 7 - Ingresso cavi anteriore allingresso sbarra con conseguente migliore accesso e controllo dei morsetti e pi spazio per il cablaggio.

Figura 6 - Possibilit di collegamento contemporaneo del conduttore e della sbarra collettrice sia in ingresso sia in uscita.

Figura 8 - Morsetti identici per tutte le correnti nominali degli interruttori e adatti per sezioni da 0,75 a 35 mm2.

2/4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche costruttive
Il sistema di chiusura a saracinesca Grazie ad una copertura a slitta scorrevole ed integrata (figura 9), i morsetti degli interruttori 5SY non presentano parti metalliche accessibili, anche con sbarra collettrice e conduttore cablati contemporaneamente. Con il cavo inserito con o senza capocorda tutta la zona circostante al morsetto e in ogni direzione risulta completamente protetta contro i contatti diretti (figura 10). Un particolare cinematismo consente inoltre la chiusura dellingresso del conduttore e della sbarretta in maniera indipendente (figura 11). Correttamente cablato linterruttore pu essere anche completamente afferrato senza il pericolo di venire accidentalmente a contatto con una parte in tensione. Questo consente un pi sicuro accesso allinterno di un quadro elettrico sotto tensione.

1 2 3 4 5 6 7

Figura 9 - Durante il serraggio dei morsetti, un sistema di chiusura a saracinesca copre totalmente qualsiasi parte metallica accessibile.

Figura 10 - Totale assenza di parti metalliche accessibili.

Figura 11 - Grado di protezione IP2X su tutta la zona circostante i morsetti e in ogni direzione senza accessori aggiuntivi. Anche con sbarra collettrice.

8 9 10
Interruttore chiuso: indicatore rosso

Il sezionamento visualizzato Tramite la leva di comando lapertura dei contatti viene chiaramente indicata da una finestrella situata sul fronte dellinterruttore: colore verde contatto aperto, colore rosso contatto chiuso (figura 12).

Interruttore aperto: indicatore verde

12 13

Figura 12 - Posizione dei contatti visualizzata anche tramite delle finestrelle situate sul fronte dellinterruttore.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/5

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Introduzione Gli interruttori magnetotermici BETA sono interruttori del tipo limitatore, in quanto prevedono un tempo di interruzione talmente breve da limitare considerevolmente sia il valore di picco della corrente di cortocircuito (figura 13) sia lenergia specifica passante I2t. Tensioni nominali di impiego (Ue) Come definito nella norma CEI 23-3/4a edizione, la tensione nominale di impiego di un interruttore il valore di tensione assegnato dal costruttore al quale sono riferite le prestazioni (in particolare la prestazione in cortocircuito). Allo stesso interruttore possono essere assegnate diverse tensioni nominali e diversi poteri di cortocircuito nominali. Tutti gli interruttori magnetotermici BETA sono previsti sia per il funzionamento in corrente alternata sia in corrente continua. In corrente alternata gli interruttori BETA possono essere utilizzati in reti con tensioni nominali fino 240/415 V per frequenze anche differenti da 50/60 Hz ed in ogni sistema di distribuzione: TT, TN e IT. In relazione al funzionamento in corrente alternata tutti gli interruttori BETA sono marcati con i nuovi valori normali della tensione nominale di 230/400 V previsti sia dalla norma CEI 23-3/4a edizione sia dalla norma CEI 8-6, riguardante la nuova tensione nominale di distribuzione pubblica dellenergia elettrica fissata a 230/400 V a livello europeo. La tensione nominale delle attuali reti a 220/380 V e 240/ 415 V deve evolvere verso il valore nominale di 230/400 V. Per quanto riguarda il funzionamento in corrente continua tutti gli interruttori magnetotermici BETA possono essere utilizzati in circuiti fino a 120 V per le esecuzioni bipolari con due poli protetti e 60 V per le esecuzioni 1P+N e 1P. Per tensioni superiori la serie 5SY5 offre la possibilit di utilizzo fino a 220 V 1P, 440 V 2P (pagina 2/31). Correnti nominali (In) La corrente nominale il valore di corrente assegnata dal costruttore che linterruttore destinato a portare in servizio ininterrotto ad una temperatura ambiente di riferimento specificata. La temperatura ambiente di riferimento per gli interruttori automatici che rispondono alla norma CEI 23-3/4a edizione di 30 C. Se la temperatura ambiente dove installato linterruttore superiore o inferiore a 30 C, la corrente nominale dellinterruttore dovr essere riportata a tale temperatura tramite opportuni coefficienti correttivi (pagine 2/8 e 2/9). Per gli interruttori BETA i valori delle correnti nominali indicate in targa diminuiscono o aumentano del 5% rispettivamente per ogni aumento o diminuzione della temperatura di 10 C. Le correnti nominali degli interruttori BETA coprono un campo compreso tra 0,3 A e 125 A, valore massimo previsto dalla norma CEI 23-3/4a edizione e pi precisamente sono: 0,3, 0,5, 1, 1,6, 2, 3, 4, 6, 8, 10, 13, 16, 20, 25, 32, 40, 50, 63, 80, 100 e 125 A. La massima potenza corrispondente che gli interruttori BETA possono pertanto comandare vale 86,5 kW a cos = 1 con le serie 5SP4. Le caratteristiche di intervento Gli interruttori magnetotermici BETA dispongono di una ampia gamma di caratteristiche di intervento opportunamente definite per soddisfare qualsiasi esigenza impiantistica: dalla protezione di apparecchiature elettroniche a quella dei trasformatori. Queste caratteristiche di intervento sono contraddistinte rispettivamente dalle lettere A, B, C, D ed hanno come temperatura ambiente di riferimento 30 C, in accordo con la norma CEI 23-3/4a edizione. La zona di intervento a tempo inverso, intervento rel termico (pagina 2/7), la medesima per tutte e quattro le caratteristiche: la corrente convenzionale di intervento If pari a 1,45 In mentre la corrente convenzionale di non intervento Inf di 1,13 In. La differenza tra le diverse caratteristiche A, B, C, D consiste invece nei differenti valori che delimitano la zona di intervento istantaneo/intervento magnetico (pagina 2/7). Come si pu notare, le quattro caratteristiche di intervento (pagina 2/7) ricoprono un campo di intervento istantaneo compreso tra 2 In e 20 In. Le zone di intervento istantaneo B, C, D degli interruttori magnetotermici BETA Le caratteristiche di intervento B, C, D definite nella norma CEI 23-3 hanno come valori limite delle rispettive zone di intervento istantaneo quelle indicate a pagina 2/7. Come si pu notare i limiti delle zone di intervento istantaneo degli interruttori magnetotermici BETA, grazie ai valori minimi delle tolleranze costruttive e ad una pi precisa taratura dello sganciatore elettromagnetico, risultano pi restrittivi: in particolare i valori 3 In, 5 In e 10 In della norma CEI 23-3 diventano 3,5 In, 7 In, 15 In (5SY e 5SP4). Il vantaggio che offrono conseguentemente gli interruttori magnetotermici BETA quello di resistere meglio alle correnti di spunto degli utilizzatori in particolare quando si decide di utilizzare la caratteristica C o D. Le curve tempo-corrente Le caratteristiche tempocorrente I-t dei dispositivi di protezione indicano il legame che sussiste tra la corrente che fluisce in esso e il tempo necessario al suo intervento. Questi legami sono espressi graficamente in modo da poter dedurre in modo semplice i valori caratteristici del dispositivo. Le curve tempo-corrente rappresentate nella figura a lato sono riferite ad una temperatura ambiente di 30 C. Con temperature diverse i valori di corrente che determinano lo sgancio variano di circa 5% ogni 10 C di variazione termica. Se la temperatura ambiente aumenta, la corrente In che determina lo sgancio diminuisce del 5% e viceversa. A tale proposito si osservino le tabelle riportate alle pagine 2/8 e 2/9. La temperatura limite di funzionamento pari a 55C. Per applicazioni con temperatura maggiore di 55C, fino a 70C, vedere nota Applicazioni con temperatura fino a 70C a pagina 2/8 e il grafico con tabella a pagina 2/9. Con tensione continua i valori I4 e I5 aumentano del fattore 1,2.

Legenda UN - tensione di rete icc - corrente di cortocircuito presunta Ub - tensione darco i - corrente di cortocircuito limitata ta - tempo di ritardo apertura contatti Figura 13 - Interruzione di un circuito induttivo con limitazione della corrente di guasto da parte di un interruttore BETA.

2/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Curve caratteristiche di intervento secondo CEI EN 60 898 e DIN VDE 0641 parte 11 Caratteristiche di intervento B Caratteristiche di intervento C Caratteristiche di intervento D

1 2 3 4 5 6 7

Curve caratteristiche di intervento degli interruttori magnetotermici BETA della serie 5SY Caratteristiche di intervento A Caratteristiche di intervento B Caratteristiche di intervento C

Caratteristiche di intervento D

8 9 10 12 13

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/7

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Effetto della temperatura ambiente La norma CEI EN 60 898 prescrive che la caratteristica dintervento degli interruttori magnetotermici e il loro valore di corrente nominale siano riferiti alla temperatura ambiente di 30C.
In [A] 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 -25 0,39 0,65 1,30 2,08 2,60 3,90 5,20 7,80 10,40 13,00 16,90 20,80 26,00 32,50 41,60 52,00 65,00 81,90 -20 0,38 0,63 1,25 2,00 2,50 3,75 5,00 7,50 10,00 12,50 16,25 20,00 25,00 31,25 40,00 50,00 62,50 78,75 -10 0,36 0,60 1,20 1,92 2,40 3,60 4,80 7,20 9,60 12,00 15,60 19,20 24,00 30,00 38,40 48,00 60,00 75,60 0 0,35 0,58 1,15 1,84 2,30 3,45 4,60 6,90 9,20 11,50 14,95 18,40 23,00 28,75 36,80 46,00 57,50 72,45 10 0,33 0,55 1,10 1,76 2,20 3,30 4,40 6,60 8,80 11,00 14,30 17,60 22,00 27,50 35,20 44,00 55,00 69,30

Con temperature diverse i valori che determinano lo sgancio variano di circa 5% ogni 10C di variazione termica. Se la temperatura ambiente aumenta, la corrente nominale In che determina lo sgancio diminuisce e viceversa.

La temperatura limite di funzionamento pari a 55C. Per applicazioni con temperatura maggiore di 55C, fino a 70C, vedere la tabella 1, la parte dal titolo Applicazioni con temperatura fino a 70C, in fondo alla pagina, e il grafico con tabella di pagina 2/9.

Di seguito sono riportate le tabelle di declassamento della In in funzione della temperatura ambiente ed in funzione del numero di circuiti adiacenti.

Temperatura ambiente C 20 0,32 0,53 1,05 1,68 2,10 3,15 4,20 6,30 8,40 10,50 13,65 16,80 21,00 26,25 33,60 42,00 52,50 66,15 25 0,31 0,51 1,03 1,64 2,05 3,08 4,10 6,15 8,20 10,25 13,33 16,40 20,50 25,63 32,80 41,00 51,25 64,58 30 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 35 0,29 0,49 0,98 1,56 1,95 2,93 3,90 5,85 7,80 9,75 12,68 15,60 19,50 24,38 31,20 39,00 48,75 61,43 40 0,29 0,48 0,95 1,52 1,90 2,85 3,80 5,70 7,60 9,50 12,35 15,20 19,00 23,75 30,40 38,00 47,50 59,85 45 0,28 0,46 0,93 1,48 1,85 2,78 3,70 5,55 7,40 9,25 12,03 14,80 18,50 23,13 29,60 37,00 46,25 58,28 50 0,27 0,45 0,90 1,44 1,80 2,70 3,60 5,40 7,20 9,00 11,70 14,40 18,00 22,50 28,80 36,00 45,00 56,70 55 0,26 0,44 0,88 1,40 1,75 2,63 3,50 5,25 7,00 8,75 11,38 14,00 17,50 21,88 28,00 35,00 43,75 55,13

Tabella 1 - Effetto della temperatura ambiente valida per interruttori magnetotermici 5SY.
Numero circuiti Fattore di correzione K 1 1,00 2-3 0,90 4-6 0,88 >7 0,85

Fattore di correzione della corrente nominale In in funzione del numero dei circuiti Qualora su una guida DIN siano installati diversi interruttori magnetotermici che alimentano differenti circuiti elettrici, da considerare un ulteriore declassamento della corrente nominale di ognuno di questi, a causa dellinfluenza che ogni interruttore magnetotermico genera su quello adiacente. In questo caso occorre considerare un fattore di correzione della corrente nominale in funzione del numero di circuiti (tabella 2).

Applicazioni con temperatura fino a 70C (solo per 5SY4) possibile ordinare esecuzioni speciali di interruttori magnetotermici adatti ad un funzionamento fino a 70C. Per ottenere queste esecuzioni necessario aggiungere alla fine del numero di ordinazione il suffisso -z=xC dove x il numero di temperatura di riferimento. Esempio: 5SY4 2167-Z = 70C

Tabella 2

2/8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Grafico e tabella per la determinazione del fattore di correzione della corrente nominale in funzione della temperatura ambiente, per gli interruttori magnetotermici 5SY.

1 2 3 4 5 6 7 8

1,3

1,2

Fattore di correzione

1,1

0,9 Curva 1 0,8 Curva 2 Curva 3 0,7 20 10 0 10 20 30 40 50 60 70

9 10 12 13

Temperatura ambiente [C]


Corrente nominale [A] Caratteristica A B C D Poli 1P/2P 3P/4P 1P/2P 3P/4P 1P/2P 3P/4P 1P/2P 3P/4P 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 Curve di riferimento per lidentificazione del fattore di correzione della corrente nominale In in funzione della temperatura 3 2 3 2 2 2 2 1 2 2 3 2 3 2 3 2 3 2 3 2 3 2 2 2 3 2 3 2 3 3 3 3 2 1 2 1 2 2 2 2 2 1 2 2 3 2 3 2 3 2 3 2 3 2 3 2 2 1 3 1 2 2 2 2 2 1 2 1 2 1 2 2 3 1 3 1 3 1 3 2 2 1 2 1 2 1 2 1 3 2 3 2 3 2 3 2

3 2 3 2

3 2 3 2

2 2 2 2

2 1 2 1

2 2 2 2

3 2 3 2

3 2 3 2

3 3 3 3

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/9

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
I vantaggi delle caratteristiche A, B, C e D degli interruttori magnetotermici BETA Per tutte le caratteristiche di intervento il coordinamento tra interruttore e cavo per assicurare la protezione contro i sovraccarichi si esegue applicando la sola relazione: Ib In Iz Ib corrente dimpiego In corrente nominale dellinterruttore Iz portata del cavo. Lampia zona di intervento istantaneo ricoperta dallinsieme dei campi A, B, C e D consente lutilizzo degli interruttori magnetotermici BETA per le pi diversificate tipologie applicative: dalla protezione di apparecchiature elettroniche a quella dei trasformatori. Lomogeneit con la quale sono state definite le quattro caratteristiche A, B, C e D (medesima temperatura ambiente di riferimento, medesima caratteristica termica) e lassenza di sovrapposizioni dei singoli campi dellintervento istantaneo agevolano la scelta della caratteristica pi idonea al tipo di applicazione richiesto. Le zone di intervento istantaneo sono state maggiormente contenute di quanto prescrive la norma per consentire linserzione di carichi con elevate correnti di spunto (pagina 2/7). Il potere di cortocircuito nominale e massimo effettivo Il potere di cortocircuito (chiusura ed interruzione) il valore della componente alternata della corrente presunta, espressa nel suo valore efficace, che linterruttore in grado di stabilire, portare per il suo tempo di apertura e di interrompere sotto condizioni specificate. Ogni interruttore magnetotermico BETA delle differenti serie caratterizzato dallavere tre poteri di cortocircuito: - il potere di cortocircuito nominale Icn, riferito alla norma CEI EN 60 898 (CEI 23-3/4a edizione). - il potere di cortocircuito di servizio Ics, riferito alla norma CEI EN 60 947-2. - il potere di cortocircuito massimo Icu riferito alla norma CEI EN 60 947-2. Ogni potere di cortocircuito poi riferito, in funzione delle differenti esecuzioni polari ad una ben determinata tensione nominale che pu essere: 1P 230 V c.a. 1P+N 230 V c.a. 2P, 3P, 4P 230/400 V c.a. Il potere di cortocircuito nominale quello che viene riportato sulla targa dellinterruttore, come prescritto dalla norma CEI 23-3 4a edizione, ed rappresentato da un valore normale tra quelli definiti allinterno della suddetta norma. Il potere di cortocircuito nominale secondo CEI EN 60 898 deve essere riportato in targa, in ampre in un rettangolo e senza il simbolo dellunit di misura. Il potere di cortocircuito massimo effettivo, degli interruttori magnetotermici BETA, esprime invece il valore massimo della corrente di cortocircuito presunta che effettivamente linterruttore magnetotermico in grado di interrompere. Tale potere di cortocircuito in genere aumenta al diminuire della corrente nominale dellinterruttore stesso, per esempio per 0,3 1,6 A raggiunge un valore addirittura pari a .

2/10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Doppia marcatura, con marchio IMQ, del potere di interruzione Secondo i concetti precedentemente esposti il potere di interruzione deve essere associato ad una norma di prodotto CEI EN 60 898 oppure CEI EN 60 947-2. Marcatura frontale e laterale Gli interruttori magnetotermici BETA sono caratterizzati dalla doppia marcatura sullinterruttore. Le serie 5SY6, 5SY4, 5SY7 e 5SP4 prevedono: marcatura frontale Icn secondo CEI EN 60 898, marcatura laterale Icu secondo CEI EN 60 947-2 in funzione della corrente nominale dellinterruttore. Si consideri un interruttore avente corrente nominale di 10 A della serie 5SY7 per il quale si marca sullinterruttore: il potere di interruzione Icn secondo CEI EN 60 898 di 15000 A riportato sul fronte 15000 , il potere di interruzione Icu secondo CEI EN 60 947-2 di 30 kA riportato sul fianco. Entrambi i valori sono avvallati dallIMQ.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

5SY7; 2 poli

Codice di ordinazione 5SY7 210-7

Icn secondo CEI EN 60 898

Icu secondo CEI EN 60 947-2 Figura 14 - Marcatura frontale dellinterruttore 5SY7 210-7. Marcatura frontale La serie 5SY8 marcata frontalmente secondo i valori Icu della norma CEI EN 60 947-2, variabile in funzione della corrente nominale dellinterruttore. Figura 15 - Marcatura laterale dellinterruttore 5SY7 210-7.

Si consideri un interruttore della serie 5SY8 avente corrente nominale di 40 A, per il quale indicata frontalmente la marcatura del potere di interruzione estremo Icu pari a 25 kA secondo la norma CEI EN 60 947-2.

5SY8; 4 poli

Icu secondo CEI EN 60947-2

Figura 16 - Marcatura frontale dellinterruttore 5SY8 410-7.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/11

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Energia specifica passante I2t La funzione di un interruttore magnetotermico quella di proteggere da sollecitazioni termiche e dinamiche conduttori e apparecchiature elettriche in generale. Tale compito un interruttore lo assolve tanto pi efficacemente quanto pi riesce a limitare lenergia specifica I2t, nota anche come integrale di Joule o energia passante. Tale integrale valutato tra listante di inizio della sovracorrente e listante in cui si ha la completa estinzione dellarco in tutti i poli dellinterruttore.
tf

E sp =

I
t0

dt

E sp = energia specifica ( A 2 s ) In particolare lenergia passante relativa ad una semionda sinusoidale di corrente di valore efficace Icc vale:
2 I cc Esp = ---------100

Per Icc = 100 A

Esp = 100 A2s

Le caratteristiche I2t Le curve o caratteristiche I2t esprimono landamento della massima energia specifica passante (I2t) lasciata fluire dagli interruttori automatici in funzione della corrente di cortocircuito presunta. Ogni singola caratteristica I2t costituita da due tratti curvilinei: il primo (a), con concavit rivolta verso lalto, relativo allo sganciatore termico (bimetallo) mentre il secondo (b), con concavit rivolta verso il basso, relativo allo sganciatore elettromagnetico.

Il secondo tratto di curva quello che definisce la qualit delle prestazioni su cortocircuito dellinterruttore: quanto pi basso il valore di I2t lasciato passare per un determinato valore della corrente presunta, tanto pi elevata risulter la limitazione degli effetti termici e dinamici sui cavi e sulle altre apparecchiature dellimpianto. Da pagina 2/32 sono riportate le caratteristiche di I2t degli interruttori magnetotermici BETA.

Figura 17 - Energia specifica passante relativa ad una semionda di corrente con andamento sinusoidale e di valore massimo

2 Icc.

Figura 18 - Andamento dellenergia specifica lasciata fluire da un interruttore magnetotermico in funzione dellangolo di inserzione relativo allonda di tensione.

Figura 19 - Protezione di un conduttore contro i cortocircuiti per mezzo di un interruttore automatico secondo la norma CEI 64-8: il conduttore di sezione S risulta protetto contro le correnti di cortocircuito se soddisfatta la seguente relazione: I2t K2 S2.

Figura 20 - Caratteristica I2t di un interruttore magnetotermico.

2/12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Le caratteristiche I2t e la norma CEI EN 60 898 - classi di energia limitata Le curve I2t degli interruttori magnetotermici rispondenti alla norma CEI 23-3/4a edizione (CEI EN 60 898) devono essere chiaramente riportate nei cataloghi delle case costruttrici come stabilito dalla norma stessa. Inoltre se gli interruttori sono classificati anche secondo i limiti entro i quali le loro caratteristiche I2t sono contenute, sempre in conformit con quanto specificato nella norma CEI EN 60 898, dovranno essere corrispondentemente marcati riportando in targa il numero della classe di limitazione (1, 2 o 3) posto in un quadrato in aggiunta al potere di interruzione. Il simbolo
6000 3

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

definisce,

Gli interruttori 5SY6 5SY4 10000


3

6000 3

per esempio, un interruttore con un potere di interruzione nominale di 6000 A e con una classe di limitazione 3, la pi severa delle tre classi definite nella norma CEI EN 60 898. Risulta pertanto di grande utilit per il progettista e linstallatore poter leggere sulla targa dellinterruttore anche tale dato in quanto conoscendo la classe di limitazione si ha una prima ed immediata indicazione sul tipo di prestazione che linterruttore in grado di fornire in caso di cortocircuito con riferimento alla protezione delle condutture ed alla selettivit.

limitando i

massimi valori di I2t a valori addirittura inferiori alla met di quelli relativi alla classe di limitazione 3 forniscono le pi ampie garanzie di sicurezza nella protezione degli impianti elettrici contro le sovracorrenti (figure 21a e 21b).

Coordinamento in condizioni di cortocircuito: selettivit e back-up Il termine coordinamento include considerazioni sia sulla selettivit di intervento sia sulla protezione di sostegno (back-up). Per assicurare un determinato tipo di coordinamento necessario prendere in esame le singole caratteristiche di entrambi gli apparecchi collegati tra loro in serie ed anche il loro comportamento in associazione.

Classi di limitazione dellenergia specifica passante I2t secondo CEI EN 60 898: caratteristica di intervento C; P.I. n. = 10000 A; In 16 A; 1P, 1P+N, 3P, 4P; 2P (230 V c.a.) Figura 21a - Valori dellI2t lasciato fluire dagli interruttori 5SY4.

Classi di limitazione dellenergia specifica passante I2t secondo CEI EN 60 898: caratteristica di intervento C; P.I. n. = 6000 A; In 16 A; 1P, 1P+N, 3P, 4P; 2P (230 V c.a.) Figura 21b - Valori dellI2t lasciato fluire dagli interruttori 5SY6.

12 13

Altro dispositivo di protezione contro i cortocircuiti

Interruttore magnetotermico BETA


Figura 22 - Coordinamento in condizioni di cortocircuito con interruttori magnetotermici BETA.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/13

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Selettivit di intervento tra dispositivi di protezione contro le sovracorrenti (selettivit di sovracorrente) Quando pi dispositivi di protezione di sovracorrente sono disposti in serie e quando le necessit di esercizio lo richiedono, le loro caratteristiche di funzionamento devono essere scelte in modo tale che in caso di guasto venga separata dallalimentazione solo la parte dellimpianto nella quale si trova il guasto ovvero deve essere garantita la selettivit, art. 536.1, CEI 64-8. Situazioni di esercizio che richiedono obbligatoriamente la selettivit sono per esempio quelle che riguardano i circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza (art. 563.4, CEI 64-8); gli impianti elettrici nei luoghi di pubblico spettacolo e di trattenimento dove richiesto che le prese a spina fisse, situate nei locali dove pu accedere il pubblico, possiedano una protezione singola contro le sovracorrenti, e in generale che i dispositivi di protezione e la suddivisione dei circuiti siano tali da prevenire linsorgere di panico, sezione 752 nuova norma CEI 64-8. Selettivit totale La selettivit di sovracorrente viene detta totale quando in presenza di due dispositivi di protezione di sovracorrente in serie, il dispositivo di protezione lato carico (a valle) effettua la protezione senza causare lintervento dellaltro dispositivo situato a monte per qualsiasi valore di sovracorrente che si pu verificare. Selettivit parziale Viceversa, la selettivit di sovracorrente risulter essere parziale quando il dispositivo di protezione lato carico effettua la protezione fino ad un dato livello di sovracorrente, senza causare lintervento dellaltro dispositivo a monte. Selettivit tra interruttori magnetotermici - Classificazione Nellesaminare la selettivit di intervento tra due interruttori magnetotermici collegati in serie si possono definire quattro tipi di selettivit: 1) la selettivit amperometrica o per gradini di corrente, ottenibile agendo sulla regolazione degli sganciatori di sovracorrente istantanei, se regolabili, o cambiando il tipo della caratteristica di intervento B, C, D, definite dalla norma CEI 23-3/4a edizione; 2) la selettivit cronometrica o per gradini di tempo1), ottenibile agendo sui tempi di intervento degli sganciatori con ritardo indipendente dalla sovracorrente; 3) la selettivit di zona, realizzabile con lutilizzo di microprocessori e utilizzata quando si desidera mantenere anche la rapidit di intervento; 4) la selettivit dinamica, ottenibile solo con lutilizzo a lato carico di interruttori limitatori e pertanto realizzabile con gli interruttori magnetotermici BETA. Selettivit dinamica con gli interruttori magnetotermici BETA Come si pu rilevare dalla figura 24 a pagina 2/16 la selettivit dinamica assume valori elevati senza la necessit di ritardare intenzionalmente lintervento dellinterruttore lato alimentazione (a monte). Con il vantaggio di una riduzione delle sollecitazioni allimpianto in caso di guasto e di un risparmio nel dimensionamento di alcuni suoi componenti. Con lausilio pertanto della limitazione di corrente e pi precisamente con lutilizzo a valle degli interruttori magnetotermici BETA possibile garantire la selettivit con linterruttore a monte anche per elevate correnti di cortocircuito. In questo caso, infatti, il valore limite della corrente di cortocircuito per cui garantita la selettivit (figura 23 a pagina 2/15) molto pi elevato del valore di intervento istantaneo dellinterruttore a monte che corrisponderebbe anche al valore limite di selettivit nel caso in cui anche linterruttore a valle non fosse limitatore. Nella parte Tabelle di coordinamento sono riportati in forma tabellare i valori di selettivit tra gli interruttori magnetotermici BETA a valle e interruttori scatolati a monte. Selettivit tra fusibili e interruttori magnetotermici BETA Se il dispositivo di protezione, lato alimentazione un fusibile (figura 25 a pagina 2/16), i valori di selettivit con i rispettivi interruttori magnetotermici, lato carico, possono essere ricavati graficamente sovrapponendo la curva di I2t dellinterruttore magnetotermico a quella di pre-arco del fusibile. Il punto di intersezione di dette curve stabilisce il valore limite di selettivit della combinazione, in quanto, la selettivit di un interruttore rispetto al fusibile a monte assicurata fino al valore di corrente per cui il valore di I2t lasciato passare dallinterruttore inferiore al valore di I2t di pre-arco del fusibile. Protezione di sostegno (back-up) Nella scelta del dispositivo di protezione contro i cortocircuiti una delle due condizioni alla quale il dispositivo deve rispondere che il suo potere di interruzione non sia inferiore alla corrente di cortocircuito presunta nel suo punto di installazione. tuttavia ammesso lutilizzo di un dispositivo di protezione con potere di interruzione inferiore se a monte installato un altro dispositivo avente il necessario potere di interruzione. In questo caso le caratteristiche dei due dispositivi devono essere coordinate in modo che lenergia che essi lasciano passare non superi quella che pu essere sopportata senza danno dal dispositivo situato a valle e dalle condutture protette da questi dispositivi, ossia deve essere garantita la protezione di sostegno (back-up) (nuova norma CEI 64-8 art. 434.3.1). Nella parte Tabelle di coordinamento sono riportati in forma tabellare i valori di backup tra gli interruttori magnetotermici BETA a valle e gli interruttori scatolati a monte.

1)

Non applicabile agli interruttori magnetotermici rispondenti alla norma CEI 23 - 3/4a edizione (CEI EN 60 898).

2/14

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Selettivit dinamica con gli interruttori magnetotermici BETA

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

Figura 23 - Esempio di selettivit tra un interruttore scatolato e un interruttore magnetotermico modulare.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/15

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Selettivit tra interruttori magnetotermici

Figura 24 Selettivit tra fusibili ed interruttori magnetotermici

Figura 25

2/16

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Impieghi a frequenza nominale diversa da 50 Hz Gli interruttori magnetotermici BETA possono funzionare a valori di frequenza diversa da quella nominale di 50 Hz considerando le seguenti tabelle in cui vengono riportati i coefficienti da utilizzare.

1 2 3 4

Coefficienti correttivi per limpiego degli interruttori 5SY a frequenza diversa da quella industriale
Curva C Corrente continua Corrente alternata Corrente alternata Corrente alternata Corrente alternata 162/3 Hz 200 Hz 400 Hz 1000 Hz Corrente nominale In In x 1,0 In x 1,0 In x 0,9 In x 0,8 In x 0,7 Coefficiente magnetico I5 x 2 I5 x 1,0 I5 x 1,5 I5 x 1,8 I5 x 2,8

5 6 7 8 9 10 12 13

Tabella 3a
Riscaldamento e potenza dissipata a In Corrente continua ed alternata fino a 60 Hz Corrente alternata 200 Hz Corrente alternata 400 Hz Corrente alternata 1000 Hz Coefficiente x 1,0 x 1,1 x 1,15 x 1,3

Tabella 3b
Potere di interruzione Corrente continua 48 V Corrente alternata Corrente alternata Corrente alternata Corrente alternata Coefficiente 20 kA Ik x 1,0 Ik x 0,7 Ik x 0,5 Ik x 0,3

per polo 162/3 Hz 200 Hz 400 Hz 1000 Hz

Tabella 3c

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/17

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SY6 0, 6000 A


Interruttori magnetotermici modulari adatti allinstallazione nel centralino domestico. Accessoriabili con contatti ausiliari, contatti di segnalazione e bobine a lancio di corrente. Esecuzioni da 1P+N in 1 u.m., per centralini e quadri con ridotta disponibilit di spazio. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito, classe di limitazione 3. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Forte limitazione dellI2t Morsetti per sezioni di cavo Collegamento alla rete di alimentazione Dimensioni H x L x P Marchi e approvazioni IMQ Marcatura CE VDE mm mm2 In Un Ui Icn A V c.a. V c.a. A 5SY6 0 2 40 230 250 6000 B (3 4,5 In) e C (6 9 In) classe di limitazione 3 fino a 16 (fino a 10 con capocorda) indifferentemente da morsetti superiori/inferiori 90 x 18 x 70

> V

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SY6 0

18

44

70

2/18

I2_13656

45 90

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SY3, 4500 A


Interruttori magnetotermici modulari accessoriabili con blocchi differenziali, contatto ausiliario e di segnalazione, bobine di apertura e comando motorizzato. Doppi morsetti con chiusura a saracinesca. Sistema brevettato di sgancio rapido dalla guida DIN senza lutilizzo di utensili. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito, classe di limitazione 3. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, CEI EN 60 947-2 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Forte limitazione dellI2t Sezionamento visualizzato Doppi morsetti per il collegamento contemporaneo della sbarra collettrice sia in ingresso sia in uscita Morsetti con chiusura a saracinesca per garantire la protezione integrale Sistema brevettato di installazione su guida DIN, che consente lo sgancio rapido dalla guida senza lutilizzo di utensili Collegamento alla rete di alimentazione Elementi ausiliari e accessori mm2 Icn Icu In Un Ui A V c.a. V c.a. V c.c. A kA 5SY3 0,3 63 230 (1P e 1P+N); 400 (2P, 3P e 4P) e 60 V c.c. per polo 250 (1P e 1P+N) e 500 (2P, 3P e 4P) fino a 120 (2P) e 60 (1P e 1P+N) 4500 6 C (7 10 In) classe di limitazione 3

cavo con sezioni da 0,75 a 35


indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori blocchi differenziali, comando motorizzato, contatto ausiliario e di segnalazione, bobina a lancio di corrente, di minima tensione, di minima tensione con contatti anticipati, blocco leva con lucchetto, copriforo viti etichettabili, comando rotativo rinviato con blocco porta e sbarre di collegamento mm IMQ Marcatura CE VDE RINA 90 x 18 x 70

Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni

> V

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SY3

Poteri di interruzione secondo CEI EN 60 947-2


Correnti nominali In [A] Icu [kA] Ics [kA] 5 Correnti nominali In [A] 2P (230 V c.a.) 0,3 63 Icu [kA] 6 Ics [kA] 5 1P, 1P+N (230 V c.a.), 2P, 3P, 4P (400 V c.a.) 0,3 63 6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/19

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SY6, 6000 A


Interruttori magnetotermici modulari accessoriabili con blocchi differenziali, contatto ausiliario e di segnalazione, bobine di apertura e comando motorizzato. Doppia marcatura sullinterruttore del potere di interruzione. Doppi morsetti con chiusura a saracinesca. Sistema brevettato di sgancio rapido dalla guida DIN senza lutilizzo di utensili. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito, forte limitazione dellI2t, classe di limitazione 3. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, CEI EN 60 947-2 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Doppia marcatura sullinterruttore del potere di interruzione Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Forte limitazione dellI2t Sezionamento visualizzato Doppi morsetti per il collegamento contemporaneo della sbarra collettrice sia in ingresso sia in uscita Morsetti con chiusura a saracinesca per garantire la protezione integrale IP2X in ogni direzione Sistema brevettato di installazione su guida DIN, che consente lo sgancio rapido dalla guida senza lutilizzo di utensili Collegamento alla rete di alimentazione Elementi ausiliari e accessori mm2 Icn Icu A kA In Un Ui A V c.a. V c.a. V c.c. 5SY6 0,3 63 230 (1P e 1P+N); 400 (2P, 3P e 4P) e 60 V c.c. per polo 250 (1P e 1P+N) e 500 (2P, 3P e 4P) fino a 120 (2P) e 60 (1P e 1P+N) frontale: Icn secondo CEI EN 60 898 laterale: Icu secondo CEI EN 60 947-2 6000 vedere tabella dei poteri di interruzione a fondo pagina B (3,5 5 In); C (7 10 In) e D (15 20 In) classe di limitazione 3

cavo con sezioni da 0,75 a 35


indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori blocchi differenziali, comando motorizzato, contatto ausiliario e di segnalazione, bobina a lancio di corrente, di minima tensione, di minima tensione con contatti anticipati, blocco leva con lucchetto, copriforo viti etichettabili, comando rotativo rinviato con blocco porta e sbarre di collegamento mm IMQ Marcatura CE VDE RINA UL 1077 e CSA 22.2 N. 235M-89 CCC
Germanischer Lloyd

Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni

90 x 18 x 70

> V

Lloyds Register Britannico

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SY6

Poteri di interruzione secondo CEI EN 60 947-2


Correnti nominali In [A] Icu [kA] Ics [kA] Correnti Icu [kA] nominali In [A] 2P (230 V c.a.) 0,3 6 40 (100) 8 32 25 (30) 40 63 15 (25) Ics [kA] 1P, 1P+N (230 V c.a.), 2P, 3P, 4P (400 V c.a.) 0,3 6 8 32 40 63 30 15 10 (100) (20) (12) 23 8 8

30 13 11

2/20

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SY4, 10000 A


Interruttori magnetotermici modulari accessoriabili con blocchi differenziali contatto ausiliario e di segnalazione, bobine di apertura e comando motorizzato. Doppia marcatura sullinterruttore del potere di interruzione. Doppi morsetti con chiusura a saracinesca. Sistema brevettato di sgancio rapido dalla guida DIN senza lutilizzo di utensili. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito, forte limitazione dellI2t, classe di limitazione 3. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

Icu [kA] Ics [kA] Correnti nominali In [A] Icu [kA] Ics [kA]

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, CEI EN 60 947-2 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Doppia marcatura sullinterruttore del potere di interruzione Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Caratteristica che prevede lintervento istantaneo dellinterruttore anche per correnti di basso valore; particolarmente adatta alla protezione di apparecchiature elettroniche Forte limitazione dellI2t Sezionamento visualizzato Doppi morsetti per il collegamento contemporaneo della sbarra collettrice sia in ingresso sia in uscita Morsetti con chiusura a saracinesca per garantire la protezione integrale Sistema brevettato di installazione su guida DIN, che consente lo sgancio rapido dalla guida senza lutilizzo di utensili Collegamento alla rete di alimentazione Elementi ausiliari e accessori mm2 Icn Icu A kA In Un Ui A V c.a. V c.a. V c.c. 5SY4 0,3 63 230 (1P e 1P+N); 400 (2P, 3P e 4P) e 60 V c.c. per polo 250 (1P e 1P+N) e 500 (2P, 3P e 4P) fino a 120 (2P) e 60 (1P e 1P+N) frontale: Icn secondo CEI EN 60 898 laterale: Icu secondo CEI EN 60 947-2 10000 vedere tabella dei poteri di interruzione a fondo pagina B (3,5 5 In); C (7 10 In) e D (15 20 In) A (2 3 In)

classe di limitazione 3

cavo con sezioni da 0,75 a 35


indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori blocchi differenziali, comando motorizzato, contatto ausiliario e di segnalazione, bobina a lancio di corrente, di minima tensione, di minima tensione con contatti anticipati, blocco leva con lucchetto, copriforo viti etichettabili, comando rotativo rinviato con blocco porta e sbarre di collegamento mm 90 x 18 x 70

Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni IMQ Marcatura CE VDE RINA UL 1077 e CSA 22.2 N. 235M-89 CCC
Germanischer Lloyd

> V

Lloyds Register Britannico

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SY4

Poteri di interruzione secondo CEI EN 60 947-2


Correnti nominali In [A] 1P, 1P+N (230 V c.a.), 2P, 3P, 4P (400 V c.a.) 0,3 6 35 (150) 27 8 32 20 (25) 10 40 63 15 (16) 8 2P (230 V c.a.) 0,3 6 45 (150) 8 32 35 40 63 20 (25)

34 18 10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/21

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SP4, 20 kA


Interruttori magnetotermici modulari accessoriabili con blocchi differenziali (caratteristica D non accessoriabile con i blocchi differenziali) con morsetti per lo sgancio a distanza, contatto ausiliario e di segnalazione, bobine di apertura e comando motorizzato. Doppia marcatura sullinterruttore del potere di interruzione. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, CEI EN 60 947-2 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Doppia marcatura sullinterruttore del potere di interruzione Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Sezionamento visualizzato Doppi morsetti per il collegamento Collegamento alla rete di alimentazione Elementi ausiliari e accessori mm2 Icn Icu A kA In Un Ui A V c.a. V c.a. V c.c. 5SP4 80 125 230 (1P e 1P+N); 400 (2P, 3P e 4P) e 60 V c.c. per polo 250/500 (2P, 3P e 4P) fino a 120 (2P) e 60 (1P e 1P+N) frontale: Icn secondo CEI EN 60 898 laterale: Icu secondo CEI EN 60 947-2 10000 vedere tabella dei poteri di interruzione a fondo pagina B (3,5 5 In); C (7 10 In) e D (15 20 In) cavo con sezioni da 0,75 a 50 indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori blocchi differenziali (caratteristica D non accessoriabile con i blocchi differenziali) con morsetti per lo sgancio a distanza, comando motorizzato, contatto ausiliario e di segnalazione, bobina a lancio di corrente, di minima tensione, di minima tensione con contatti anticipati, blocco leva con lucchetto, copriforo viti etichettabili, comando rotativo rinviato con blocco porta e sbarre di collegamento mm Marcatura CE VDE UL 1077 e CSA 22.2 N. 235M-89
Germanischer Lloyd

Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni

90 x 27 x 70

> V

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SP4

Poteri di interruzione secondo CEI EN 60 947-2


Correnti nominali In [A] Icu [kA] Ics [kA] 102) Correnti nominali In [A] 2P (230 V c.a.) 80 125
2)

Icu [kA] 25

Ics [kA] 13

1P (230 V c.a.), 2P, 3P, 4P (400 V c.a.) 80 125 201)


1)

5SP4 in caratteristica D da 80 A e 100 A: Icu = 15 kA.

5SP4 in caratteristica D da 80 A e 100 A: Ics = 8 kA.

2/22

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SY5, 10000 A


Interruttori magnetotermici modulari accessoriabili con contatto ausiliario e di segnalazione, bobine di apertura e comando motorizzato. Doppi morsetti con chiusura a saracinesca. Sistema brevettato di sgancio rapido dalla guida DIN senza lutilizzo di utensili. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, CEI EN 60 947-2 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Sezionamento visualizzato Doppi morsetti per il collegamento contemporaneo della sbarra collettrice sia in ingresso sia in uscita Morsetti con chiusura a saracinesca per garantire protezione integrale Sistema brevettato di installazione su guida DIN, che consente lo sgancio rapido dalla guida senza lutilizzo di utensili Collegamento alla rete di alimentazione osservando la polarit Elementi ausiliari e accessori mm2 In Un Ui Icn Icu A V c.c. V c.a. A kA 5SY5 0,3 63 220 (1P); 440 (2P) e anche 230/400 V c.a. 250 (1P) e 500 (2P) 10000 sia in c.a. che in c.c. vedere tabella dei poteri di interruzione a fondo pagina B (3,5 5 In) e C (7 10 In)

cavo con sezioni da 0,75 a 35


comando motorizzato, contatto ausiliario e di segnalazione, bobina a lancio di corrente, di minima tensione, di minima tensione con contatti anticipati, blocco leva con lucchetto, copriforo viti etichettabili, comando rotativo rinviato con blocco porta e sbarre di collegamento mm Marcatura CE VDE CCC 90 x 18 x 70

Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni

> V

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SY5

Poteri di interruzione secondo CEI EN 60 947-2


Correnti nominali In [A] 1P (220 V c.c.), 2P (440 V c.c.) 0,3 63 2P (400 V c.a.) 0,3 6 8 63 Icu [kA] 15 15 10 Correnti nominali In [A] 2P (220 V c.c.) 0,3 63 1P, 2P (230 V c.a.) 0,3 6 8 63 Icu [kA] 15 15 10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/23

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SY7, 25 kA


Interruttori magnetotermici modulari accessoriabili conblocchi differenziali, contatto ausiliario e di segnalazione, bobine di apertura e comando motorizzato. Doppia marcatura sullinterruttore del potere di interruzione. Doppi morsetti con chiusura a saracinesca. Sistema brevettato di sgancio rapido dalla guida DIN senza lutilizzo di utensili. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, CEI EN 60 947-2 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Doppia marcatura sullinterruttore del potere di interruzione Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Sezionamento visualizzato Doppi morsetti per il collegamento contemporaneo della sbarra collettrice sia in ingresso che in uscita Morsetti con chiusura a saracinesca per garantire protezione integrale Sistema brevettato di installazione su guida DIN, che consente lo sgancio rapido dalla guida senza lutilizzo di utensili Collegamento alla rete di alimentazione Elementi ausiliari e accessori mm2 Icn Icu A kA In Un Ui A V c.a. V c.a. V c.c. 5SY7 0,3 63 230 (1P e 1P+N); 400 (2P, 3P e 4P) e 60 V c.c. per polo 250 (1P e 1P+N) e 500 (2P, 3P e 4P) fino a 120 (2P) e 60 (1P e 1P+N) frontale: Icn secondo CEI EN 60 898 laterale: Icu secondo CEI EN 60 947-2 15000 fino a 63 A vedere tabella dei poteri di interruzione a fondo pagina B (3,5 5 In); C (7 10 In) e D (15 20 In)

cavo con sezioni da 0,75 a 35


indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori blocchi differenziali, comando motorizzato, contatto ausiliario e di segnalazione, bobina a lancio di corrente, di minima tensione, di minima tensione con contatti anticipati, blocco leva con lucchetto, copriforo viti etichettabili, comando rotativo rinviato con blocco porta e sbarre di collegamento mm IMQ Marcatura CE RINA UL 1077 e CSA 22.2 N. 235M-89 CCC
Germanischer Lloyd

Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni

90 x 18 x 70

>

Lloyds Register Britannico

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SY7

Poteri di interruzione secondo CEI EN 60 947-2


Correnti nominali In [A] Icu [kA] Ics [kA] Correnti Icu [kA] nominali In [A] 2P (230 V c.a.) 0,3 6 50 (250) 8 10 45 (50) 13 32 40 40 63 25 (30) Ics [kA] 1P, 1P+N (230 V c.a.), 2P, 3P, 4P (400 V c.a.) 0,3 2 50 (250) 38 36 40 (250) 30 8 10 30 (50) 23 13 32 25 (30) 13 40 63 201) (25) 101)
1)

38 34 20 13

5SY7 in caratteristica D da 50 A e 63 A: Icu = 15 kA, Ics = 8 kA.

2/24

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SY8 ad alto potere di interruzione


Interruttori magnetotermici modulari accessoriabili con blocchi differenziali, contatto ausiliario e di segnalazione, bobine di apertura e comando motorizzato. Doppi morsetti con chiusura a saracinesca. Sistema brevettato di sgancio rapido dalla guida DIN senza lutilizzo di utensili. Caratterizzati da elevate prestazioni su cortocircuito. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, CEI EN 60 947-2 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Alto potere di interruzione Sezionamento visualizzato Doppi morsetti per il collegamento contemporaneo della sbarra collettrice sia in ingresso che in uscita Morsetti con chiusura a saracinesca per garantire protezione integrale Sistema brevettato di installazione su guida DIN, che consente lo sgancio rapido dalla guida senza lutilizzo di utensili Collegamento alla rete di alimentazione Elementi ausiliari e accessori mm2 Icu In Un Ui A V c.a. V c.a. V c.c. kA 5SY8 0,3 63 230 (1P e 1P+N); 400 (2P, 3P e 4P) e 60 V c.c. per polo 250 (1P e 1P+N) e 500 (2P, 3P e 4P) fino a 120 (2P) e 60 (1P e 1P+N) vedere tabella dei poteri di interruzione a fondo pagina C (7 10 In) e D (15 20 In)


cavo con sezioni da 0,75 a 35


indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori blocchi differenziali, comando motorizzato, contatto ausiliario e di segnalazione, bobina a lancio di corrente, di minima tensione, di minima tensione con contatti anticipati, blocco leva con lucchetto, copriforo viti etichettabili, comando rotativo rinviato con blocco porta e sbarre di collegamento mm Marcatura CE UL 1077 e CSA 22.2 N. 235M-89 90 x 18 x 70

Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni

>

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SY8

Poteri di interruzione secondo CEI EN 60 947-2


Correnti nominali In [A] Icu [kA] Ics [kA] 53 38 30 23 15 13 Correnti nominali in [A] 2P (230 V c.a.) 0,3 2 36 8 10 13 16 20 32 40 63 Icu [kA] 60 60 55 50 50 30 Ics [kA] 45 45 41 41 25 15 1P, 1P+N (230 V c.a.), 2P, 3P, 4P (400 V c.a.) 0,3 2 70 36 50 8 10 40 13 16 30 20 32 30 40 63 251)
1)

5SY8 in caratteristica D da 50 A e 63 A: 20 kA.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/25

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SP9, 50 kA


Interruttori magnetotermici modulari accessoriabili con contatto ausiliario e di segnalazione. Caratterizzati da elevato potere di interruzione e da elevate prestazioni su cortocircuito. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, CEI EN 60 947-2 e VDE 0641 Corrente nominale Tensione nominale Tensione nominale massima Tensioni di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Sezionamento visualizzato Doppi morsetti per il collegamento Collegamento alla rete di alimentazione Elementi ausiliari e accessori Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni Marcatura CE mm mm2 Icn Icu Ui In Un A V c.a. V c.a. V c.a. V c.c. A kA 5SP9 6 63 230 (1P) e 400 (2P, 3P e 4P) 690 250/690 fino a 110 (2P) e 75 (1P) 25000 vedere tabella dei poteri di interruzione a fondo pagina C (7 10 In)

cavo con sezioni da 0,75 a 25 indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori contatto ausiliario e di segnalazione 90 x 27 x 92,5

>

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SP9

Poteri di interruzione
Tensione nominale per In = 6 63 A 230/400 V c.a. 440 V c.a. 500 V c.a. 690 V c.a. Icu (kA) secondo CEI EN 60 947-2 50 30 15 6 Ics (kA) secondo CEI EN 60 947-2 25 22 11 3 Icn (A) secondo CEI EN 60 898 25000 -

2/26

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori magnetotermici 5SJ4 secondo UL 489


Interruttore automatico magnetotermico modulare, approvato secondo le norme UL 489 e CSA C22.2 No. 5-02 che ne consentono lutilizzo anche nel mercato americano. Potere di interruzione secondo UL 489 di 14 kA 240 V c.a. e 10 kA 60 V c.c.; secondo CEI EN 60 898 di 10000 A. Doppia marcatura, secondo UL 489 e secondo CEI EN 60 947-2, sullinterruttore del potere di interruzione. Doppi morsetti con chiusura a martello.

2 3 4 5 6 7 8 9 10
Icu [kA] 35 20 15

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 898, UL 489 e CSA C22.2 No. 5-02 Corrente nominale Tensione nominale secondo CEI EN Tensione nominale secondo UL 489 Tensione di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Doppia marcatura sullinterruttore del potere di interruzione Potere di interruzione nominale secondo UL 489 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 898 Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche a campo di intervento magnetico ridotto per un migliore coordinamento delle protezioni Doppi morsetti, sia in ingresso sia in uscita mm2 mm2 Icn Icu kA kA A kA In Un Un Ui A V c.a. V c.a. V c.a. V c.c. 5SJ4 0,3 63 230/400 240 440 60/polo frontale secondo UL 489 laterale Icu secondo CEI EN 60 947-2 14 a 240 V c.a. 10 a 60 V c.c. 10000 vedere tabella dei poteri di interruzione a fondo pagina B (3,5 5 In); C (7 10 In) e D (15 20 In) 0,75 35 conduttore unifilare e multifilare 0,75 25 conduttore flessibile con capocorda AWG 14 AWG 4 (1,5 25 mm2) indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori blocco leva con lucchetto e copriforo viti etichettabili mm Marcatura CE UL 489 CSA C22.2 No. 5-02 File N. E243414 vedere disegni quotati a fondo pagina

Collegamento alla rete di alimentazione Elementi ausiliari e accessori Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni

>

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici UL 489 5SJ4-.HG40

Poteri di interruzione secondo CEI EN 60 947-2


Correnti nominali In [A] 0,3 6 8 32 35 63

12 13

Interruttori magnetotermici UL 489 5SJ4-.HG41


1P 2P 3P

18

36

54

6,4

46

70

45 110

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/27

Interruttori magnetotermici
Schede tecniche di prodotto

Interruttori solo magnetici 5SY8-8BB08, 25 kA


Interruttore automatico solo magnetico modulare accessoriabile con contatto ausiliario e di segnalazione, bobine di apertura e comando motorizzato. Marcatura sullinterruttore del potere di interruzione secondo CEI EN 60 947-2. Doppi morsetti con chiusura a saracinesca. Sistema brevettato di sgancio rapido dalla guida DIN senza lutilizzo di utensili. Sezionamento visualizzato mediante indicatore dello stato dei contatti.

Dati tecnici
Rispondenza normativa: CEI EN 60 947-2 Corrente nominale Tensione nominale Tensione di isolamento Utilizzabilit con tensione continua Potere di interruzione nominale secondo CEI EN 60 947-2 Caratteristiche di intervento Sezionamento visualizzato Doppi morsetti per il collegamento contemporaneo della sbarra collettrice sia in ingresso sia in uscita Morsetti con chiusura a saracinesca per garantire protezione integrale Sistema brevettato di installazione su guida DIN, che consente lo sgancio rapido dalla guida senza lutilizzo di utensili Collegamento alla rete di alimentazione Elementi ausiliari e accessori mm2 Icu In Un Ui A V V c.a. V c.c. kA kA 5SY8-8BB08 10 63 400 V c.a. (2P, 3P e 4P) e 60 V c.c. per polo 440 (2P, 3P e 4P) 60/polo 25 In da 10 A a 40 A 20 In da 50 A a 63 A MA

cavo con sezioni da 0,75 a 35 mm2


indifferentemente dai morsetti superiori/inferiori comando motorizzato, contatto ausiliario e di segnalazione, bobina a lancio di corrente, di minima tensione, di minima tensione con contatti anticipati, blocco leva con lucchetto, copriforo viti etichettabili, comando rotativo rinviato con blocco porta e sbarre di collegamento mm Marcatura CE 90 x 18 x 70

Dimensioni H x L x P (1 polo) Marchi e approvazioni

>

Disegni quotati
Interruttori solo magnetici 5SY8-8BB08

2/28

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata e di resistenza interna


Le seguenti tabelle riportano i valori di potenza dissipata per polo (W/polo) degli interruttori magnetotermici BETA al fine di consentire la verifica dei valori di sovratemperatura allinterno di un quadro in coerenza a quanto previsto dalle norme CEI 17-13 e CEI 17-43; permettono inoltre di verificare che la potenza dissipata dagli apparecchi sia inferiore o uguale a quella che il centralino in grado di dissipare secondo le norme CEI 23-49 e CE 23-51. Resistenze interne e potenze dissipate
In [A] Dati per polo (alimentato con In) Caratteristica A R1 Pv m W 1955 786 510 205 134 58 27 18,1 11,4 8,4 6,2 4,6 3 2,2 1,7 1,5 2,0 2,0 2,0 1,9 2,1 2,1 1,7 1,8 1,9 2,2 2,5 2,9 3,1 3,5 4,3 5,9 Caratteristica B R1 Pv W m 375 91 55 13 9,5 6,6 5,2 3,4 2,3 2,1 1,5 1,4 1,0 1,1 0,8 0,7 55 15,2 12,0 8,4 6,5 4,5 3,5 2,1 1,7 1,7 1,5 1,45 2,0 1,3 1,6 1,7 2,1 2,2 2,4 3,4 3,8 5,4 6,4 7,0 8,0 10,1 1,98 1,52 2,03 2,15 2,60 2,81 3,58 3,36 4,25 6,75 Caratteristica C R1 Pv W m 10 500 3 400 1 210 459 295 137 81 86 44 14 10 8,0 6,3 5,9 4,0 3,3 2,4 2,4 2,0 2,1 1,4 1,4 1,1 1,1 1,0 1,1 0,88 0,7 55 15,2 12,0 8,4 6,5 4,5 3,5 2,1 1,7 1,7 0,9 0,9 1,2 1,2 1,2 1,2 1,3 2,1 1,6 0,9 1,0 1,4 1,4 1,5 1,6 2,1 2,2 2,5 2,4 3,3 2,9 3,5 4,1 4,4 6,4 6,7 8 10,9 1,98 1,52 2,03 2,15 2,60 2,81 3,58 3,36 4,25 6,75 Caratteristica D R1 Pv W m 10 200 3 120 1 030 409 292 131 73 43 12 8,4 8,0 5,8 3,8 3,0 1,9 1,8 1,4 1,1 1,1 0,8 10 7,1 5,0 3,5 3,0 1,9 1,7 1,7 1 0,8 1,0 1,1 1,2 1,2 1,2 1,6 0,7 0,8 1,4 1,5 1,5 1,9 2,0 2,8 3,5 4,4 6,7 8 1,69 1,82 2,00 2,19 3,07 3,04 4,25 6,75

2 3 4 5
0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 5 6 8 10 13 15 16 20 25 30 32 35 40 45 50 60 63 80

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY7, 5SY8, 5SY5 e 5SJ4

6 7 8 9 10 12 13

5SP4
80 100 125

5SP9
6 10 13 16 20 25 32 40 50 63

Fattori di correzione per la potenza dissipata Corrente continua e alternata fino a Corrente alternata 60 Hz x 1,0 200 Hz x 1,1 400 Hz x 1,15 1100 Hz x 1,3

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/29

Interruttori magnetotermici
Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata e di resistenza interna


La seguente tabella riporta i valori di potenza dissipata per polo (W/polo) degli interruttori solo magnetici BETA al fine di consentire la verifica dei valori di sovratemperatura allinterno di un quadro in coerenza a quanto previsto dalle norme CEI 17-13 e CEI 17-43; permette inoltre di verificare che la potenza dissipata dagli apparecchi sia inferiore o uguale a quella che il centralino in grado di dissipare secondo le norme CEI 23-49 e CE 23-51. Resistenze interne e potenze dissipate
In [A] Dati per polo (alimentato con In) R1 m 8,4 7,7 5,8 3,8 3,0 1,9 1,8 1,4 1,1 Pv W 0,8 1,2 1,5 1,5 1,9 2,0 2,8 3,5 4,4

5SY8-8BB08
10 12,5 16 20 25 32 40 50 63

2/30

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Applicazioni in corrente continua

Impiego degli interruttori magnetotermici 5SY in corrente continua


Gli interruttori magnetotermici BETA della serie 5SY possono essere utilizzati anche in corrente continua (60 V c.c. per polo). Per tensioni superiori occorre utilizzare gli interruttori magnetotermici 5SY5, che sono dotati di magneti permanenti supplementari nel campo della camera spegniarco per supportare lestinzione forzata dellarco. Per questo motivo contrassegnata la polarit degli interruttori che deve assolutamente essere rispettata durante il collegamento dei conduttori. comunque possibile alimentare gli interruttori magnetotermici sia dallalto, sia dal basso come indicato di seguito.

2 3 4 5 6 7 8 9 10

Schemi possibili per interruttori magnetotermici 5SY5


Alimentazione dal basso Tensione batteria max. fino a 220 V c.c. Alimentazione dallalto

Tensione batteria max. fino a 220 V c.c. (alimentazione con rete non messa a terra)

Tensione batteria max. fino a 440 V c.c.

Schemi possibili per interruttori magnetotermici 5SY


Gli interruttori 5SY utilizzati in corrente continua fino a una tensione di 60 V c.c. per polo 180 V c.c. garantiscono un potere dinterruzione identico a quello in corrente alternata.
L+ L-

Per tensioni superiori richiesto il collegamento in serie di 2 o 3 vie di corrente.

I valori di sgancio I4 e I5 aumentano del fattore 1.2.

12 13

Interruzione bipolare Pu essere triplicato il massimo valore di tensione ammissibile in c.c. se viene esclusa una dispersione a terra o viene eliminata velocemente (controllo a terra). Interruzione bipolare (collegamento a terra) Il polo a terra sempre la via di corrente con un solo contatto cosicch per una dispersione a terra restano in serie sempre due vie di corrente.
L-

120 V c.c.

L+

L-

180 V c.c.

L+

Interruzione unipolare (collegamento a terra) 3 vie di corrente in serie. Il polo a terra la via di corrente da non interrompere.

240 V c.c.

L+

L-

Interruzione unipolare (sistema collegato a terra) 4 vie di corrente in serie. Il polo a terra la via di corrente da non interrompere.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/31

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY6 0 1P+N in 1 u.m., 230 V c.a., caratteristica di intervento B
6000 3

I2t [kA2s]

6 4 2 101 8 6 4 2 100 8 6 4 2

B32 B20, B25 B13, B16 B10 B6

10-1

10-1

8 100

6 8 101 Ip [kA]

Icc [kA]

2/32

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

I2_13746

I2 t [kA2s]

102 8

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY6 0 1P+N in 1 u.m., 230 V c.a., caratteristica di intervento C
6000 3

2 3 4
C25, C32, C40 C16, C20 C10, C13 C6
I2_13747

I2 t [kA2s]
I2t [kA2s]

102 8 6 4 2 101

5 6 7 8 9 10 12 13

8 6 4 2

C4 C2

100 8 6 4 2 10-1

10-1

8 100

6 8 101 Ip [kA]

Icc [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/33

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY3 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P, 3P e 4P), caratteristica di intervento C
4500 3

I2 t [kA2s]

Icc [kA]

2/34

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY6 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P2), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B
6000 3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I t [kA2s]

1) 2)

40 A fino a 10 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/35

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY6 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P2), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C
6000 3

I2 t [kA2s]

Icc [kA]

1) 2)

40 A fino a 10 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/36

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY6 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D
6000 3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I t [kA2s]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/37

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P2), 3P e 4P), cos = 0,6...1, caratteristica di intervento A 10000
3

I2t [kA2s]

Icc [kA]

1) 2)

63 A, 50 A e 40 A fino a 15 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/38

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P2), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B 10000
3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I t [kA2s]

1) 2)

40 A fino a 15 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/39

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P2), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 10000
3

I2t [kA2s]

Icc [kA]

1) 2)

40 A fino a 15 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D 10000
3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I2

t s]

[kA2

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/41

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SP4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B 10000

I2 t [kA2s]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/42

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SP4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 10000

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I2

t s]

[kA2

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/43

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SP4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D 10000

I2 t [kA2s]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/44

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY5 230/400 V c.a., cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B 10000
3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

I2t [kA2s]

Icc [kA]
1)

40 A fino a 15 kA.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/45

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY5 230/400 V c.a., cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 10000
3

I2 t [kA2s]

Icc [kA]
1)

40 A fino a 15 kA.

2/46

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY7 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B 15000

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I t [kA2s]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/47

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY7 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P2), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 15000

I2 t [kA2s]

Icc [kA]

1) 2)

40 A fino a 20 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/48

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY7 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D 15000

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I [kA2s]

2t

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/49

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY8 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,2...1, caratteristica di intervento C

I2t [kA2s]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/50

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SY8 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I2

t s]

[kA2

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/51

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SP9 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 25000

I2 t [A2s]

3 2 3 4 5

Icc [A]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/52

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SP9 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 25000
6

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

I t [A2s]

3 2 3 4 5

Icc [A]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/53

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SJ4...-6HG40 e 5SJ4...-6HG41 240 V c.a., cos = 0,25...0,5, caratteristica di intervento B 10000 e 14 kA secondo UL 489

I2 t [kA2s]

Icc [kA]

2/54

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SJ4...-7HG40 e 5SJ4...-7HG41 240 V c.a., cos = 0,25...0,5, caratteristica di intervento C 10000 e 14 kA secondo UL 489

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I2

t s]

[kA2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/55

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori magnetotermici 5SJ4...-8HG40 e 5SJ4...-8HG41 240 V c.a., cos = 0,25...0,5, caratteristica di intervento D 10000 e 14 kA secondo UL 489

I2 t [kA2s]

Icc [kA]

2/56

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t [Icc - I2t]


Interruttori solo magnetici 5SY8-8BB08 230/400 V c.a., cos = 0,2...1, caratteristica MA, 25 kA (In = da 10 A a 40 A) e 20 kA (In = da 50 A e 63 A) secondo CEI EN 60 947-2

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

I2 t [kA2s]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/57

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY3 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P, 3P e 4P), caratteristica di intervento C
4500 3

Ip [kA]

Icc [kA]

2/58

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY6 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P2), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B
6000 3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

Ip [kA]

1) 2)

Fino a 10 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/59

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY6 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C
6000 3

Ip [kA]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/60

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY6 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D
6000 3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

Ip [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/61

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P2), 3P e 4P), cos = 0,6...1, caratteristica di intervento A 10000
3

Ip [kA]

Icc [kA]

1) 2)

40 A fino a 15 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/62

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B 10000
3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

Ip [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/63

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 10000
3

Ip [kA]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/64

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D 10000
3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

Ip [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/65

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SP4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B 10000

Ip [kA]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/66

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SP4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 10000

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

Ip [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/67

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SP4 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D 10000

Ip [kA]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/68

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY5 230/400 V c.a., cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B 10000
3

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

Ip [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/69

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY5 230/400 V c.a., cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 10000
3

Ip [kA]

Icc [kA]

2/70

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY7 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento B 15000

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

Ip [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/71

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY7 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 15000

Ip [kA]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/72

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY7 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P3), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D 15000

2
D 131) / 10 / 8

Ip [kA]

3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

Icc [kA]
1) 2) 3)

13 A fino a 25 kA. 50 A e 63 A fino a 15 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/73

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY8 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,2...1, caratteristica di intervento C

Ip [kA]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/74

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SY8 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P2), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento D

2 3 4 5
D 20 D 631) / 501) / 40

Ip [kA]

6 7 8 9 10 12 13
Icc [kA]

1) 2)

50 A e 63 A fino a 20 kA. Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/75

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SP9 230 V c.a. (1P e 1P+N), 400 V c.a. (2P1), 3P e 4P), cos = 0,45...1, caratteristica di intervento C 25000

Ip [kA]

Icc [kA]

1)

Per lesecuzione 2P a 230 V c.a. i valori dellenergia specifica passante relativi allintervento dello sganciatore elettromagnetico sono ulteriormente ridotti del 40%.

2/76

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SJ4...-6HG40 240 V c.a., cos = 0,25...0,5, caratteristica di intervento B 10000 e 14 kA secondo UL 489

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12
Icc [kA]

Ip [kA]

13

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/77

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SJ4...-7HG40 240 V c.a., cos = 0,25...0,5, caratteristica di intervento C 10000 e 14 kA secondo UL 489

Ip [kA]

Icc [kA]

2/78

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori magnetotermici 5SJ4...-8HG40 240 V c.a., cos = 0,25...0,5, caratteristica di intervento D 10000 e 14 kA secondo UL 489

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12
Icc [kA]

Ip [kA]

13

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/79

Interruttori magnetotermici
Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione [Icc - Ip]


Interruttori solo magnetici 5SY8-8BB08 230/400 V c.a., cos = 0,2...1, caratteristica MA, 25 kA (In = da 10 A a 40 A) e 20 kA (In = da 50 A e 63 A) secondo CEI EN 60 947-2

Ip 12 [kA]
40A 50 / 63A 20 / 25A 10 10A 16A 12,5A 32A

0 0 10 20 30 40 50 60 70 80

Icc [kA]

2/80

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY4) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6 0) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY4 Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 6 8 10 13 16 20 10 10 10 10 10 Icn [kA] 10 1) Valori limite di back-up [kA] 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 -

2 3 4 5
25 10 32 10 40 10 50 10 63 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

In [A]

5SY6 0
Caratteristica B Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40

6 7 8 9 10 12 13

1)

I valori si riferiscono allimpiego di interruttori 5SY4 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/81

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6 0) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-6 5SP4-7 Caratteristica B Caratteristica C 80 100 125 80 100 10 10 10 10 Icn [kA] 10 Valori limite di back-up [kA]1) 6 10 10 10 10 10 5SP4-8 Caratteristica D 80 100 10 10

125 10

5SY6 0
Caratteristica B Caratteristica C 2 40 10 10 10

1)

I valori si riferiscono allimpiego di interruttori 5SP4 nelle esecuzioni 1P alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

2/82

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY7) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6 0) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY7 Caratteristica B Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 15 15 15 15 15 Icn [kA] 15 Valori limite di back-up [kA]1) 6 6 6 6 6 6 6 6 6 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 -

2 3 4 5
25 15 32 15 40 15 50 15 63 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15

In [A]

5SY6 0
Caratteristica B Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40

6 7 8 9 10 12 13

Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY7 Caratteristica D 6 8 10 13 16 20 15 15 15 15 15 Icn [kA] 15 Valori limite di back-up [kA]1) 6 6 6 6 6 6 6 6 6 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 -

25 15

32 15

40 15

50 15

63 15

5SY6 0
Caratteristica B Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

1)

I valori si riferiscono allimpiego di interruttori 5SY7 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/83

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY8) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6 0) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY8 Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 40 40 30 30 30 Icu [kA] 50 Icn [kA] 1) Valori limite di back-up [kA] 6 6 6 6 6 6 6 6 6 40 30 30 30 30 30 20 20 20 20 20 20 20 20 15 20 20 20 20 15 15 -

25 30

32 30

40 25

50 25

63 25

5SY6 0
Caratteristica B Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40 20 20 20 20 15 15 15 20 20 20 20 15 15 15 15 20 20 20 20 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15

Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY8 Caratteristica D 6 8 10 13 16 20 Icu [kA] 50 40 40 30 30 30 Icn [kA] Valori limite di back-up [kA]1) 6 6 6 6 6 6 6 6 6 25 20 20 20 20 20 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 -

25 30

32 30

40 25

50 20

63 20

5SY6 0
Caratteristica B Caratteristica C 26 8 10 13 16 20 25 32 40 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

1)

I valori si riferiscono allimpiego di interruttori 5SY8 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

2/84

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.Bk) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6 0) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-8AK 5SU1-7CK 5SU1-8BK 5SU1-7BK In [A] Caratteristica C 100 125 Icn [A] 10 10 Valori limite di back-up [kA] 6 10 10 Caratteristica D 100 10

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

5SY6 0
Caratteristica B Caratteristica C 2 40 10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/85

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6, 5SY7 e 5SY8) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-6 5SP4-7 Caratteristica B Caratteristica C 80 100 125 80 100 Valori limite di back-up [kA]1) 5SP4-8 Caratteristica D 80 100

125

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY5, 5SY7 e 5SY8


Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 63 202) 202) 202) 202) 202) 202) 15 15

Linterruttore 5SY8 ha valori di Icu secondo CEI EN 60 947-2 superiori a 20 kA per tutti i valori di In (0,3 A 63 A).

1) 2)

I valori si riferiscono allimpiego di interruttori 5SP4 nelle esecuzioni 1P alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a. Se vengono impiegati interruttori 5SP4 nellesecuzione 2P alla tensione di 230 V c.a. il valore limite di back-up di 25 kA.

2/86

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP9) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6, 5SY7 e 5SY8). La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP9 Caratteristica C 6 63 Valori limite di back-up [kA]1)

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY5, 5SY7 e 5SY8


Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D

2)

0,3 63

50

1) 2)

I valori si riferiscono allimpiego di interruttori 5SP9 alla tensione di 230/400 V c.a.; con un impiego alla tensione di 440 V c.a. tutti i valori limite di back-up sono di 30 kA. Linterruttore 5SY8 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a., con In = 0,3 2 A, ha valori di Icu secondo CEI EN 60 947-2 superiori a 50 kA; e nellesecuzione 2P alla tensione di 400 V c.a., con In = 0,3 10 A, ha valori di Icu secondo CEI EN 60 947-2 superiori a 50 kA.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/87

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-7KC) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6, 5SY7 e 5SY8) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7KC Caratteristica C 16 63 Valori limite di back-up [kA]1) 50

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY5, 5SY7 e 5SY82)


Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 63

1) 2)

I valori si riferiscono allimpiego di interruttori magnetotermici differenziali 5SU1-7KC alla tensione di 230/400 V c.a.; con un impiego alla tensione di 440 V c.a. tutti i valori limite di back-up sono di 30 kA. Linterruttore 5SY8 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a., con In = 0,3 2 A, ha valori di Icu secondo CEI EN 60 947-2 superiori a 50 kA; e nellesecuzione 2P alla tensione di 400 V c.a., con In = 0,3 10 A, ha valori di Icu secondo CEI EN 60 947-2 superiori a 50 kA.

2/88

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6, 5SY7 e 5SY8) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-8AK 5SU1-7CK 5SU1-8BK 5SU1-7BK In [A] Caratteristica C 100 125 Caratteristica D 100

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

Valori limite di back-up [kA]

5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6, 5SY7 e 5SY8


Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 63 20 20 15

Linterruttore 5SY8 ha valori di Icu secondo CEI EN 60 947-2 superiori a 20 kA per tutti i valori di In (0,3 A 63 A).

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/89

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione non regolabili In [A] 16 20 25 32 40 50 63 80 100 125 160 200 Icn [kA] 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 40/70/ 70 70 70 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 100 Valori limite di back-up [kA]

225 40/70/ 100

5SY3
Caratteristica C 0,3 631) 6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6/6 6/6/6 6/6/6

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione regolabili 40 50 Icn [kA] 40/ 70/ 100 50 63 40/ 70/ 100 63 80 40/ 70/ 100 80 100 40/70/ 100 100 125 40/70/ 100 125 160 40/70/ 100 3VF3 protezione motori senza mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70 3VF3 protezione motori con mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70

Valori limite di back-up [kA]

5SY3
Caratteristica C 0,3 631) 6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 3VF3 per avviatori 63 100 Icn [kA] 70 70 160 70 solo magnetici 100 160 70 70 3VF4 per distribuzione non regolabili 125 160 200 250 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 3VF4 per distribuzione regolabili 100 125 160 200 125 160 200 250 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100

Valori limite di back-up [kA]

5SY3
Caratteristica C 0,3 631) 6 6 6 6 6 6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 3VF4 3VF5 per avviatori solo per distribuzione non regolabili magnetici 3VF5 per distribuzione regolabili 3VF5 per distribuzione elettronici regolabili 200 400 45/70/ 100

In [A]

125 Icn [kA] 70

160 70

200 70

250 40/70

200 45/70/ 100

250 45/70/ 100

315 45/70/ 100

400 45/70/ 100

160 200 45/70/ 100

200 250 45/70/ 100

250 315 45/70/ 100

315 400 45/70/ 100

Valori limite di back-up [kA]

5SY3
Caratteristica C 0,3 631) 6 6 6 6 6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

2/90

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF5 3VF5 3VF5 protezione protezio- per avviatori motori sen- ne motoza mancan- ri con za di fase mancanregolabili za di fase regolabili 160 - 315 160 - 315 200 250 315 In [A] Icn [kA] 40/65 40/65 65 65 65 Valori limite di back-up [kA] 0,3 631) 6 6/6 6/6 6 6 6 3VF5 3VF6 solo per distribuzione non regolabili magnetici

2 3 4 5
6/6/6 6

400 40/65

315 400 500 630 800 45/70/100 45/70/100 45/70/100 45/70/100 50

5SY3
Caratteristica C 6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF6 3VF6 3VF6 per distribuzione regolabili per di- protestribu- zione zione motori eletsenza tronici manrego- canza labili fase regolabili In [A] 250 - 315 - 400 - 500 315 250 315 400 500 630 630 500 Icn [kA] 45/ 45/ 45/ 45/70/ 45/70/ 40/65 70/ 70/ 70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di back-up [kA] 3VF6 protezione motori con mancanza fase regolabili 250 500 40/65 3VF6 per avviatori 3VF6 3VF7 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili

6 7 8 9 10 12

315 65

400 65

500 65

500 65

630 40

400 800 50/70/ 100

630 1250 50/70/ 100

5SY3
Caratteristica C 0,3 631) 6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6/6 6/6 6/6 6 6 6 6 6 6/6/6 6/6/6

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF7 3VF8 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili In [A] 800 1250 800 - 1600 1000 - 2000 1600 Icn [kA] 50/70 50/70 70/100 70/100 70/100 Valori limite di back-up [kA] 0,3 631) 6 6/6 6/6 6/6 6/6 6/6 3VF8 solo magnetici 2000 65

13

5SY3
Caratteristica C 6

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/91

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VL, 3WN e 3WS) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6, 5SY4 e 5SY7) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I > [A] Icn [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3VL1 fisso 50 63 80 100 125 500 630 800 1000 1250 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di back-up fino a kA 3VL2 regolabile 50 63 400 500 40/70/ 40/70/ 100 100

160 1600 40/70/ 100

80 630 40/70/ 100

100 800 40/70/ 100

125 1000 40/70/ 100

160 1280 40/70/ 100

5SY6
Caratteristica B Caratteristica C 0,3 6 8 32 40 63 0,3 6 8 32 40 63 6 6 6 10 10 10 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25 35 25 20 40 30 25

5SY4
Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D

5SY7
Caratteristica B Caratteristica C 0,3 2 3 10 13 32 40 63 0,3 2 3 10 13 32 40 50 63 15 15 15 15 15 15 15 15 15 50 45 40 35 50 45 40 35 30 50 45 40 35 50 45 40 35 30 50 45 40 35 50 45 40 35 30 50 45 40 35 50 45 40 35 30 50 45 40 35 50 45 40 35 30 50 45 40 35 50 45 40 35 30 50 45 40 35 50 45 40 35 30 3VL6 400 4000 45/70/ 100 315 3200 45/70/ 100 400800 15756400 45/70/ 100 50 45 40 35 50 45 40 35 30 50 45 40 35 50 45 40 35 30 3VL7 4001250 15000 50/70/ 100 50 45 40 35 50 45 40 35 30 3VL8 16002000 20000 70/100 50 45 40 35 50 45 40 35 30 3WN1/ 3WS1 3156300 378075600 65/100 50 45 40 35 50 45 40 35 30 3WN6 3153200 378048000 65/75

Caratteristica D

Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I > [A] Icn [kA]

Interruttori automatici scatolati a monte 3VL3 3VL4 200 2000 250 2500 200 2000 250 2500 315 3150 45/70/ 100

40/70/ 40/70/ 45/70/ 45/70/ 100 100 100 100 Valori limite di back-up fino a kA 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25

5SY6
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 6 8 32 40 63 0,3 6 8 32 40 63 6 6 6 10 10 10 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25 30 15 10 40 30 25

5SY4
Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D

5SY7
Caratteristica B Caratteristica C 0,3 2 3 10 13 32 40 63 0,3 2 3 10 10 32 40 50 63 15 15 15 15 15 15 15 15 15 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30 50 45 35 35 50 45 40 35 30

Caratteristica D

2/92

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione non regolabili In [A] 16 20 25 32 40 50 63 80 100 125 160 200 Icu [kA] 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 40/70/ 70 70 70 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 100 Valori limite di back-up [kA]

2 3 4
225 40/70/ 100

5 6 7 8 9 10 12

5SY6
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 61) 8 32 40 63 30 25/40/ 70 20 15/15/ 15 15 10/10/ 10 25/40/ 70 15/15/ 15 10/10/ 10 25/40/ 70 15/15/ 15 10/10/ 10 25/40/ 70/70 15/15/ 15/15 10/10/ 10/10 25/40/ 70/70 15/15/ 15/15 10/10/ 10/10 25/40/ 70/70 15/15/ 15/15 10/10/ 10/10 25/40/ 70/70 15/15/ 15/15 10/10/ 10/10 25/40/ 70/70 15/15/ 15/15 10/10/ 10/10 25/40/ 65/65 15/15/ 15/15 10/10/ 10/10 25/40/ 65/65 20/20/ 20/20 15/15/ 15/15 25/40/ 65/65 20/20/ 20/20 15/15/ 15/15 40/50/ 50 15/15/ 15 10/10/ 10 40/50/ 50 15/15/ 15 10/10/ 10

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione regolabili 40 50 Icu [kA] 40/ 70/ 100 50 63 40/ 70/ 100 63 80 40/ 70/ 100 80 100 40/70/ 100 100 125 40/70/ 100 125 160 40/70/ 100 3VF3 protezione motori senza mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70 3VF3 protezione motori con mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70

Valori limite di back-up [kA]

5SY6
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 61) 8 32 40 63 30 40/ 40/ 40/ 40/70/ 70/70 70/70 70/70 70 20 15/ 15/ 15/ 15/15/ 15/15 15/15 15/15 15 15 10/ 10/ 10/ 10/10/ 10/10 10/10 10/10 10 40/70/ 70 15/15/ 15 10/10/ 10 40/70/ 70 15/15/ 15 10/10/ 10 40/50 15/15 10/10 40/50 15/15 10/10 40/50 15/15 10/10 40/50 15/15 10/10 40/50 15/15 10/10 40/50 15/15 10/10 40/50 15/15 10/10 40/50 15/15 10/10

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 3VF3 per avviatori solo magnetici 63 100 160 100 160 Icu [kA] 70 70 70 70 70 3VF4 per distribuzione non regolabili 125 160 200 250 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 3VF4 per distribuzione regolabili 100 125 160 200 125 160 200 250 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100

13

Valori limite di back-up [kA]

5SY6
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 61) 8 32 40 63 30 50 20 15 15 10 50 15 10 50 15 10 50 15 10 50 15 10 35/35/ 35 15/15/ 15 10/10/ 10 35/35/ 35 15/15/ 15 10/10/ 10 35/35/ 35 15/15/ 15 10/10/ 10 35/35/ 35 15/15/ 15 10/10/ 10 35/35/ 35 15/15/ 15 10/10/ 10 35/35/ 35 15/15/ 15 10/10/ 10 35/35/ 35 15/15/ 15 10/10/ 10 35/35/ 35 15/15/ 15 10/10/ 10

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/93

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 3VF4 3VF5 per avviatori solo per distribuzione non regolabili magnetici 3VF5 per distribuzione regolabili 3VF5 per distribuzione elettronici regolabili 200 400 45/70/ 100

In [A]

125 Icu [kA] 70

160 70

200 70

250 40/70

200 45/70/ 100

250 45/70/ 100

315 45/70/ 100

400 45/70/ 100

160 200 45/70/ 100

200 250 45/70/ 100

250 315 45/70/ 100

315 400 45/70/ 100

Valori limite di back-up [kA]

5SY6
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 61) 8 32 40 63 30 35 20 15 15 10 35 15 10 35 15 10 35/35 15/15 10/10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF5 3VF5 3VF5 protezione protezio- per avviatori motori sen- ne motoza mancan- ri con za di fase mancanregolabili za di fase regolabili 160 - 315 160 - 315 200 250 315 In [A] Icu [kA] 40/65 40/65 65 65 65 Valori limite di back-up [kA] 0,3 61) 8 32 40 63 30 30/30 20 15/15 15 10/10 30/30 15/15 10/10 30 15 10 30 15 10 30 15 10 3VF5 3VF6 solo per distribuzione non regolabili magnetici

400 40/65

315 400 500 630 800 45/70/100 45/70/100 45/70/100 45/70/100 50

5SY6
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 30/30 15/15 10/10 30/30/30 15/15/15 10/10/10 30/30/30 15/15/15 10/10/10 30/30/30 15/15/15 10/10/10 30/30/30 15/15/15 10/10/10 30 15 10

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

2/94

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF6 3VF6 3VF6 per distribuzione regolabili per di- protestribu- zione zione motori eletsenza tronici manrego- canza labili fase regolabili In [A] 250 - 315 - 400 - 500 315 250 315 400 500 630 630 500 Icu [kA] 45/ 45/ 45/ 45/70/ 45/70/ 40/65 70/ 70/ 70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di back-up [kA] 3VF6 protezione motori con mancanza fase regolabili 250 500 40/65 3VF6 per avviatori 3VF6 3VF7 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

315 65

400 65

500 65

500 65

630 40

400 800 50/70/ 100

630 1250 50/70/ 100

5SY6
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 61) 8 32 40 63 30 30/ 30/ 30/ 30/30/ 30/30 30/30 30/30 30 20 15/ 15/ 15/ 15/15/ 15/15 15/15 15/15 15 15 10/ 10/ 10/ 10/10/ 10/10 10/10 10/10 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30 15/15 10/10 30/30 15/15 10/10 30 15 10 30 15 10 30 15 10 30 15 10 30 15 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10 30/30/ 30 15/15/ 15 10/10/ 10

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF7 3VF8 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili In [A] 800 1250 800 - 1600 1000 - 2000 1600 - 2500 Icu [kA] 50/70 50/70 70/100 70/100 70/100 Valori limite di back-up [kA] 0,3 61) 8 32 40 63 30 30/30 20 15/15 15 10/10 30/30 15/15 10/10 30/30 15/15 10/10 30/30 15/15 10/10 30/30 15/15 10/10 3VF8 solo magnetici 1600 2000 65 65

5SY6
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 30 15 10 30 15 10

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/95

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra fusibili e interruttori magnetotermici modulari (5SY6, 5SY4 e 5SY7) La tabella seguente indica in kA Se lintensit della massima le correnti di cortocircuito fino corrente di cortocircuito nel alle quali garantita una punto di installazione protezione di sostegno dellinterruttore (back-up) utilizzando fusibili magnetotermico non nota o si secondo DIN VDE 0636 supera il potere di interruzione parte 21. nominale indicato, occorre inserire a monte un ulteriore elemento di protezione di sostegno (back-up) per impedire un eccessivo sovraccarico dellinterruttore magnetotermico. Di norma a tale scopo si utilizza un fusibile. Valori limite di back-up tra fusibili/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] 0,3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 Fusibili a monte 50 A 63 A 80 A 100 A 125 A 160 A

5SY6
nessuna protezione di back-up necessaria dopo 50 kA 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 35 50 50 50 35 50 50 50 35 50 50 50 35 50 50 50 35 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 35 25 nessuna protezione di back-up necessaria 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 45 50 50 50 45 50 50 50 40 50 50 50 40 50 50 50 45 50 50 50 45 50 50 50 40 50 50 45 40 50 50 50 40 50 50 50 35 30 25 30 30 25 25 25 35 35 35 30 30 25 25 25 15 15 15

5SY4 e 5SY7
0,3 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 80 45 45 40 40 35 35 40 40 35 35 35 45 45 35 35 30 30 30 30 25 25 25

2/96

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY4) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione non regolabili In [A] 16 20 25 32 40 50 63 80 100 125 160 200 Icu [kA] 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 40/70/ 70 70 70 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 100 Valori limite di back-up [kA]

2 3 4
225 40/70/ 100

5 6 7 8 9 10 12

5SY4
Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 61) 8 32 40 63 35 25/40/ 70 20 25/30/ 30 15 15/15/ 15 25/40/ 70 25/30/ 30 15/15/ 15 25/40/ 70 25/30/ 30 15/15/ 15 25/40/ 70/80 25/30/ 30/30 15/15/ 15/15 25/40/ 70/80 25/30/ 30/30 15/15/ 15/15 25/40/ 70/80 25/30/ 30/30 15/15/ 15/15 25/40/ 70/80 25/30/ 30/30 15/15/ 15/15 25/40/ 70/80 25/30/ 30/30 15/15/ 15/15 25/40/ 70/80 20/20/ 20/20 15/15/ 15/15 25/40/ 70/80 20/20/ 20/20 15/15/ 15/15 25/40/ 70/80 20/20/ 20/20 15/15/ 15/15 40/60/ 60 30/30/ 30 15/15/ 15 40/60/ 60 30/30/ 30 15/15/ 15

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione regolabili 40 50 Icu [kA] 40/ 70/ 100 50 63 40/ 70/ 100 63 80 40/ 70/ 100 80 100 40/70/ 100 100 125 40/70/ 100 125 160 40/70/ 100 3VF3 protezione motori senza mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70 3VF3 protezione motori con mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70

Valori limite di back-up [kA]

5SY4
Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 61) 8 32 40 63 35 40/ 40/ 40/ 40/70/ 70/80 70/80 70/80 80 20 30/ 30/ 30/ 30/30/ 30/30 30/30 30/30 30 15 15/ 15/ 15/ 15/15/ 15/15 15/15 15/15 15 40/70/ 80 30/30/ 30 15/15/ 15 40/70/ 80 30/30/ 30 15/15/ 15 40/60 30/30 15/15 40/60 30/30 15/15 40/60 30/30 15/15 40/60 30/30 15/15 40/60 30/30 15/15 40/60 30/30 15/15 40/60 30/30 15/15 40/60 30/30 15/15

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 3VF3 per avviatori solo magnetici 63 100 160 100 160 Icu [kA] 70 70 70 70 70 3VF4 per distribuzione non regolabili 125 160 200 250 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 3VF4 per distribuzione regolabili 100 125 160 200 125 160 200 250 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100

13

Valori limite di back-up [kA]

5SY4
Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 61) 8 32 40 63 35 60 20 30 15 15 60 30 15 60 30 15 60 30 15 60 30 15 40/50/ 50 20/20/ 20 15/15/ 15 40/50/ 50 20/20/ 20 15/15/ 15 40/50/ 50 20/20/ 20 15/15/ 15 40/50/ 50 20/20/ 20 15/15/ 15 40/50/ 50 20/20/ 20 15/15/ 15 40/50/ 50 20/20/ 20 15/15/ 15 40/50/ 50 20/20/ 20 15/15/ 15 40/50/ 50 20/20/ 20 15/15/ 15

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/97

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY4) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF6 3VF6 3VF6 per distribuzione regolabili per di- protestribu- zione zione motori eletsenza tronici manrego- canza labili fase regolabili In [A] 250 - 315 - 400 - 500 315 250 315 400 500 630 630 500 Icu [kA] 45/ 45/ 45/ 45/70/ 45/70/ 40/65 70/ 70/ 70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di back-up [kA] 3VF6 protezione motori con mancanza fase regolabili 250 500 40/65 3VF6 per avviatori 3VF6 3VF7 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili

315 65

400 65

500 65

500 65

630 40

400 800 50/70/ 100

630 1250 50/70/ 100

5SY4
Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 61) 8 32 40 63 35 35/ 35/ 35/ 35/35/ 35/35 35/35 35/35 35 20 20/ 20/ 20/ 20/20/ 20/20 20/20 20/20 20 15 15/ 15/ 15/ 15/15/ 15/15 15/15 15/15 15 35/35/ 35 20/20/ 20 15/15/ 15 35/35 20/20 15/15 35/35 20/20 15/15 35 20 15 35 20 15 35 20 15 35 20 15 35 20 15 35/35/ 35 20/20/ 20 15/15/ 15 35/35/ 35 20/20/ 20 15/15/ 15

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF7 3VF8 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili In [A] 800 1250 800 - 1600 1000 - 2000 1600 Icu [kA] 50/70 50/70 70/100 70/100 70/100 Valori limite di back-up [kA] 0,3 61) 8 32 40 63 35 35/35 20 20/20 15 15/15 35/35 20/20 15/15 35/35 20/20 15/15 35/35 20/20 15/15 35/35 20/20 15/15 3VF8 solo magnetici 2000 65

5SY4
Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 35 20 15

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

2/98

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY7) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione non regolabili In [A] 16 20 25 32 40 50 63 80 100 125 160 200 Icu [kA] 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 40/70/ 70 70 70 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 100 Valori limite di back-up [kA]

2 3 4
225 40/70/ 100

5 6 7 8 9 10 12 13

5SY7
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. nota1) nota1) 40 40/40/ 70 30 30/40/ 70 25 25/40/ 65 20 25/30/ 30 ved. nota1) 40/40/ 70 30/40/ 70 25/40/ 65 25/30/ 30 ved. nota1) 40/40/ 70 30/40/ 70 25/40/ 65 25/30/ 30 ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) 40/70/ 80 40/50/ 50 40/40/ 40 30/30/ 30

40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/70/ 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 80 30/40/ 70/70 25/40/ 65/65 25/30/ 30/30 30/40/ 70/70 25/40/ 65/65 25/30/ 30/30 30/40/ 70/70 25/40/ 65/65 25/30/ 30/30 30/40/ 70/70 25/40/ 50/50 25/30/ 30/30 30/40/ 70/70 25/40/ 50/50 25/30/ 30/30 30/40/ 65/65 25/40/ 45/45 25/30/ 30/30 30/40/ 65/65 25/40/ 45/45 25/30/ 30/30 30/40/ 65/65 25/40/ 45/45 25/30/ 30/30 40/50/ 50 40/40/ 40 30/30/ 30

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione regolabili 40 50 Icu [kA] 40/ 70/ 100 50 63 40/ 70/ 100 63 80 40/ 70/ 100 80 100 40/70/ 100 100 125 40/70/ 100 125 160 40/70/ 100 3VF3 protezione motori senza mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70 3VF3 protezione motori con mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70

Valori limite di back-up [kA]

5SY7
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 ved. ved. ved. ved. ved. nota1) nota1) nota1) nota1) nota1) 40 40/ 70/ 100 40/ 70/ 100 40/ 70/ 100 40/70/ 100 ved. nota1) 40/70/ 100 40/70/ 70 40/65/ 65 30/30/ 30 ved. nota1) 40/70/ 100 40/70/ 70 40/65/ 65 30/30/ 30 ved. nota1) 40/70 ved. nota1) 40/70 ved. nota1) 40/70 ved. nota1) 40/70 ved. nota1) 40/70 ved. nota1) 40/70 ved. nota1) 40/70 ved. nota1) 40/70

8 10 13 32 40 63

30 40/ 40/ 40/ 40/70/ 70/70 70/70 70/70 70 25 40/ 40/ 40/ 40/65/ 65/65 60/60 60/60 65 20 30/ 30/ 30/ 30/30/ 30/30 30/30 30/30 30

40/50 40/40 30/30

40/50 40/40 30/30

40/50 40/40 30/30

40/50 40/40 30/30

40/50 40/40 30/30

40/50 40/40 30/30

40/50 40/40 30/30

40/50 40/40 30/30

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/99

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY7) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 3VF3 per avviatori solo magnetici 63 100 160 100 160 Icu [kA] 70 70 70 70 70 3VF4 per distribuzione non regolabili 125 160 200 250 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 3VF4 per distribuzione regolabili 100 125 160 200 125 160 200 250 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100

Valori limite di back-up [kA]

5SY7
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. nota1) nota1) 40 70 30 50 25 40 20 30 ved. nota1) 70 50 40 30 ved. nota1) 70 50 40 30 ved. nota1) 70 50 40 30 ved. nota1) 70 50 40 30 ved. nota1) 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 20/20/ 20

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 3VF4 3VF5 per avviatori solo per distribuzione non regolabili magnetici 3VF5 per distribuzione regolabili 3VF5 per distribuzione elettronici regolabili 200 400 45/70/ 100

In [A]

125 Icu [kA] 70

160 70

200 70

250 40/70

200 45/70/ 100

250 45/70/ 100

315 45/70/ 100

400 45/70/ 100

160 200 45/70/ 100

200 250 45/70/ 100

250 315 45/70/ 100

315 400 45/70/ 100

Valori limite di back-up [kA]

5SY7
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. nota1) nota1) 40 65 30 30 25 25 20 20 ved. nota1) 65 30 25 20 ved. nota1) 65 30 25 20 ved. nota1) 40/65 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :


Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/100

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY7) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF5 3VF5 3VF5 protezione protezio- per avviatori motori sen- ne motoza mancan- ri con za di fase mancanregolabili za di fase regolabili 160 - 315 160 - 315 200 250 315 In [A] Icu [kA] 40/65 40/65 65 65 65 Valori limite di back-up [kA] 3VF5 3VF6 solo ma- per distribuzione non regolabili gnetici

2 3 4 5
800 50

400 40/65

315 45/70/ 100

400 45/70/ 100

500 45/70/ 100

630 45/70/ 100

5SY7
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. nota1) nota1) 40 30 25 20 40/60 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 40/60 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 60 30 25 20 ved. nota1) 60 30 25 20 ved. nota1) 60 30 25 20 ved. nota1) 40/60 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 40/40/40 30/30/30 25/25/25 20/20/20 ved. nota1) 40/40/40 30/30/30 25/25/25 20/20/20 ved. nota1) 40/40/40 30/30/30 25/25/25 20/20/20 ved. nota1) 40/40/40 30/30/30 25/25/25 20/20/20 ved. nota1) 40 30 25 20

6 7 8 9 10 12

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF6 3VF6 3VF6 per distribuzione regolabili per di- protestribu- zione zione motori eletsenza tronici manrego- canza labili fase regolabili In [A] 250 - 315 - 400 - 500 315 250 315 400 500 630 630 500 Icu [kA] 45/ 45/ 45/ 45/70/ 45/70/ 40/65 70/ 70/ 70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di back-up [kA] 3VF6 protezione motori con mancanza fase regolabili 250 500 40/65 3VF6 per avviatori 3VF6 3VF7 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili

315 65

400 65

500 65

500 65

630 40

400 800 50/70/ 100

630 1250 50/70/ 100

5SY7
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. ved. ved. ved. nota1) nota1) nota1) nota1) nota1) 40 40/ 40/ 40/ 40/40/ 40/40 40/40 40/40 40 30 30/ 30/ 30/ 30/30/ 30/30 30/30 30/30 30 25 25/ 25/ 25/ 25/25/ 25/25 25/25 25/25 25 20 20/ 20/ 20/ 20/20/ 20/20 20/20 20/20 20 ved. nota1) 40/40/ 40 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 40/40 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 40/40 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 40 30 25 20 ved. nota1) 40 30 25 20 ved. nota1) 40 30 25 20 ved. nota1) 40 30 25 20 ved. nota1) 40 30 25 20 ved. nota1) 40/40/ 40 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20 ved. nota1) 40/40/ 40 30/30/ 30 25/25/ 25 20/20/ 20

13

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/101

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY7) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF7 3VF8 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili 800 1250 800 - 1600 1000 - 2000 1600 - 2500 Icu [kA] 50/70 50/70 70/100 70/100 70/100 Valori limite di back-up [kA] ved. ved. nota1) nota1) 40 30 25 20 40/40 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 40/40 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 40/40 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 40/40 30/30 25/25 20/20 ved. nota1) 40/40 30/30 25/25 20/20 3VF8 solo magnetici 1600 2000 65 65

5SY7
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. nota1) 40 30 25 20 ved. nota1) 40 30 25 20

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :


Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/102

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY8) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione non regolabili In [A] 16 20 25 32 40 50 63 80 100 125 160 200 Icu [kA] 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 25/40/ 40/70/ 70 70 70 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 100 Valori limite di back-up [kA]

2 3 4
225 40/70/ 100

5 6 7 8 9 10 12 13

5SY8
Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. nota1) nota1) 50 50/50/ 70 40 40/40/ 70 30 30/40/ 70 25 25/40/ 65 ved. nota1) 50/50/ 70 40/40/ 70 30/40/ 70 25/40/ 65 ved. nota1) 50/50/ 70 40/40/ 70 30/40/ 70 25/40/ 65 ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 80 40/50/ 50 40/40/ 40

50/50/ 50/50/ 50/50/ 50/50/ 50/50/ 50/50/ 50/50/ 50/50/ 50/70/ 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 100 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/40/ 40/70/ 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 70/100 80 30/40/ 70/70 25/40/ 65/65 30/40/ 70/70 25/40/ 65/65 30/40/ 70/70 25/40/ 65/65 30/40/ 70/70 25/40/ 50/50 30/40/ 70/70 25/40/ 50/50 30/40/ 65/65 25/40/ 45/45 30/40/ 65/65 25/40/ 45/45 30/40/ 65/65 25/40/ 45/45 40/50/ 50 40/40/ 40

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 per distribuzione regolabili 40 50 Icu [kA] 40/ 70/ 100 50 63 40/ 70/ 100 63 80 40/ 70/ 100 80 100 40/70/ 100 100 125 40/70/ 100 125 160 40/70/ 100 3VF3 protezione motori senza mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70 3VF3 protezione motori con mancanza fase regolabili 40 - 80 80 100 160 100 160 205 40/70 40/70 40/70 40/70

Valori limite di back-up [kA]

5SY8
Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 ved. ved. ved. ved. ved. nota1) nota1) nota1) nota1) nota1) 50 50/ 70/ 100 40 40/ 70/ 100 50/ 70/ 100 40/ 70/ 100 50/ 70/ 100 40/ 70/ 100 50/70/ 100 40/70/ 100 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 70 40/65/ 65 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 70 40/65/ 65 ved. nota1) 50/70 ved. nota1) 50/70 ved. nota1) 50/70 ved. nota1) 50/70 ved. nota1) 50/70 ved. nota1) 50/70 ved. nota1) 50/70 ved. nota1) 50/70

8 10

40/70

40/70

40/70

40/70

40/70

40/70

40/70

40/70

13 32 40 63

30 40/ 40/ 40/ 40/70/ 70/70 70/70 70/70 70 25 40/ 40/ 40/ 40/65/ 65/65 65/65 65/65 65

40/50 40/40

40/50 40/40

40/50 40/40

40/50 40/40

40/50 40/40

40/50 40/40

40/50 40/40

40/50 40/40

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/103

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY8) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 3VF3 per avviatori solo magnetici 63 100 160 100 160 Icu [kA] 70 70 70 70 70 3VF4 per distribuzione non regolabili 125 160 200 250 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 40/70/ 100 3VF4 per distribuzione regolabili 100 125 160 200 125 160 200 250 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100

Valori limite di back-up [kA]

5SY8
Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. nota1) nota1) 50 70 40 70 30 50 25 40 ved. nota1) 70 70 50 40 ved. nota1) 70 70 50 40 ved. nota1) 70 70 50 40 ved. nota1) 70 70 50 40 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 40/70/ 70 35/35/ 35 25/25/ 25

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 3VF4 3VF5 per avviatori solo per distribuzione non regolabili magnetici 3VF5 per distribuzione regolabili 3VF5 per distribuzione elettronici regolabili 200 400 45/70/ 100

In [A]

125 Icu [kA] 70

160 70

200 70

250 40/70

200 45/70/ 100

250 45/70/ 100

315 45/70/ 100

400 45/70/ 100

160 200 45/70/ 100

200 250 45/70/ 100

250 315 45/70/ 100

315 400 45/70/ 100

Valori limite di back-up [kA]

5SY8
Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. nota1) nota1) 50 70 40 65 30 35 25 25 ved. nota1) 70 65 35 25 ved. nota1) 70 65 35 25 ved. nota1) 50/70 40/65 35/35 25/25 ved. nota1) 50/70/ 100 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/70/ 100 45/65/ 65 30/30/ 30 25/25/ 25

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :


Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/104

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY8) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF5 3VF5 3VF5 protezione protezio- per avviatori motori sen- ne motoza mancan- ri con za di fase mancanregolabili za di fase regolabili 160 - 315 160 - 315 200 250 315 In [A] Icu [kA] 40/65 40/65 65 65 65 Valori limite di back-up [kA] 3VF5 3VF6 solo ma- per distribuzione non regolabili gnetici

2 3 4 5
800 50

400 40/65

315 45/70/ 100

400 45/70/ 100

500 45/70/ 100

630 45/70/ 100

5SY8
Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. nota1) nota1) 50 40 30 25 50/65 40/60 30/30 25/25 ved. nota1) 50/65 40/60 30/30 25/25 ved. nota1) 65 60 30 25 ved. nota1) 65 60 30 25 ved. nota1) 65 60 30 25 ved. nota1) 50/65 40/60 30/30 25/25 ved. nota1) 50/65/65 40/40/40 30/30/30 25/25/25 ved. nota1) 50/65/65 40/40/40 30/30/30 25/25/25 ved. nota1) 50/65/65 40/40/40 30/30/30 25/25/25 ved. nota1) 50/65/65 40/40/40 30/30/30 25/25/25 ved. nota1) 50 40 30 25

6 7 8 9 10 12

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF6 3VF6 3VF6 per distribuzione regolabili per di- protestribu- zione zione motori eletsenza tronici manrego- canza labili fase regolabili In [A] 250 - 315 - 400 - 500 315 250 315 400 500 630 630 500 Icu [kA] 45/ 45/ 45/ 45/70/ 45/70/ 40/65 70/ 70/ 70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di back-up [kA] 3VF6 protezione motori con mancanza fase regolabili 250 500 40/65 3VF6 per avviatori 3VF6 3VF7 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili

315 65

400 65

500 65

500 65

630 40

400 800 50/70/ 100

630 1250 50/70/ 100

5SY8
Caratteristica C Caratteristica D 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. ved. ved. ved. nota1) nota1) nota1) nota1) nota1) 50 50/ 50/ 50/ 50/65/ 65/65 65/65 65/65 65 40 40/ 40/ 40/ 40/40/ 40/40 40/40 40/40 40 30 30/ 30/ 30/ 30/30/ 30/30 30/30 30/30 30 25 25/ 25/ 25/ 25/25/ 25/25 25/25 25/25 25 ved. nota1) 50/65/ 65 40/40/ 40 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/50 40/40 30/30 25/25 ved. nota1) 50/50 40/40 30/30 25/25 ved. nota1) 50 40 30 25 ved. nota1) 50 40 30 25 ved. nota1) 50 40 30 25 ved. nota1) 50 40 30 25 ved. nota1) 50 40 30 25 ved. nota1) 50/50/ 50 40/40/ 40 30/30/ 30 25/25/ 25 ved. nota1) 50/50/ 50 40/40/ 40 30/30/ 30 25/25/ 25

13

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/105

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up
Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY8) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF7 3VF8 solo magnetici per distribuzione elettronici regolabili In [A] 800 1250 800 - 1600 1000 - 2000 1600 - 2500 Icu [kA] 50/70 50/70 70/100 70/100 70/100 Valori limite di back-up [kA] 0,3 2 36 8 10 13 32 40 63 ved. ved. nota1) nota1) 50 40 30 25 50/50 40/40 30/30 25/25 ved. nota1) 50/50 40/40 30/30 25/25 ved. nota1) 50/50 40/40 30/30 25/25 ved. nota1) 50/50 40/40 30/30 25/25 ved. nota1) 50/50 40/40 30/30 25/25 3VF8 solo magnetici 1600 2000 65 65

5SY8
Caratteristica C Caratteristica D ved. nota1) 50 40 30 25 ved. nota1) 50 40 30 25

1)

Per In = 0,3 2 A il valore del potere di interruzione Icu :


Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/106

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6 0) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici 5SP4 e gli interruttori magnetotermici 5SY6 0, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-7 Caratteristica C In [A] 80 100 125 Valori limite di selettivit [kA] 2 6 0,8 8 0,6 10 0,6 13 0,6 16 0,6 20 0,6 25 0,6 32 0,6 40 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 0,8 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 5SP4-8 Caratteristica D 80

2 3 4 5
100 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2

5SY6 0
Caratteristica C

6 7 8 9 10 12 13

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/107

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6 0) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY6 0, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-8AK 5SU1-7CK 5SU1-8BK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] 100 125 Valori limite di selettivit [kA] Caratteristica D 100

5SY6 0
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 0,8 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2

2/108

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6, 5SY7 e 5SY8) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici 5SP4 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-7 Caratteristica C In [A] 80 100 125 Valori limite di selettivit [kA] 0,3 1,6 0,5 1,6 1 1,6 1,6 1,6 2 1,6 3 0,8 4 0,8 6 0,8 8 0,8 10 0,8 13 0,8 16 0,8 20 0,8 25 0,6 32 0,6 40 0,6 50 0,6 63 0,3 1,2 0,5 1,2 1 1,2 1,6 1,2 2 1,2 3 0,8 4 0,8 6 0,8 8 0,6 10 0,6 13 0,6 16 0,6 20 0,6 25 0,6 32 0,6 40 50 63 4,2 4,2 4,2 4,2 4,2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 4 4 4 4 4 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 0,8 0,8 0,8 5,6 5,6 5,6 5,6 5,6 3 3 3 3 3 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 5 5 5 5 5 3 3 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 5SP4-8 Caratteristica D 80

2 3 4 5
100 15 15 15 15 15 3 3 3 3 3 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 15 15 15 15 15 3 3 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 15 15 15 15 15 5 5 5 4 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2,5 15 15 15 15 15 4 4 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2 2 1,5

5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7


Caratteristica A Caratteristica B

6 7 8 9 10 12 13

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY5, 5SY7 e 5SY8


Caratteristica C Caratteristica D

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/109

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6, 5SY7 e 5SY8) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-8AK 5SU1-7CK 5SU1-8BK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] 100 125 Valori limite di selettivit [kA] Caratteristica D 100

5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7


Caratteristica A Caratteristica B 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 4,2 4,2 4,2 4,2 4,2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 4 4 4 4 4 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 0,8 0,8 0,8 5,6 5,6 5,6 5,6 5,6 3 3 3 3 3 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 5 5 5 5 5 3 3 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 15 15 15 15 15 5 5 5 4 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2,5 15 15 15 15 15 4 4 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2 2 1,5

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY5, 5SY7 e 5SY8


Caratteristica C Caratteristica D

2/110

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3) secondo CEI EN 60 947-2 e In caso di cortocircuito fra DIN VDE 0660 parte 01, gli interruttori automatici sussiste selettivit fino ai scatolati 3VF e gli interruttori valori in kA indicati. magnetotermici modulari 5SY3, Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I > [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 regolabile 40 - 50 50 - 63 63 - 80 80 - 100 100 125 500 630 800 1000 1250 Icn [kA] 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1) 3VF3 fisso 50

2 3 4
63 80 100 125 1000 40/70/ 100 160 1280 40/70/ 100

125 160 1600 400 40/70/ 40/70/ 100 100

5 6 7 8 9 10 12 13

500 630 800 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100

5SY3
Caratteristica C 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 3 5 10 16 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 1,9 1,9 1,9 1,7 1,7 1,5 1,5 1,5 1,1 1,1 0,9 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,2 4,2 4,2 4,2 4,2 3,4 3,4 2,2 2,1 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 2,6 2,5 2,0 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 2,8 2,8 2,2 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 3,1 3,1 2,7 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,4 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 2,5 2,5 2,5 2,3 2,3 2,1 2,1 2,1 1,9 1,9 1,4 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 3,7 3,7 3,7 3,7 3,7 3,0 3,0 2,1 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 3,8 3,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2 2,1 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 3,8 3,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2 2,1 1,7 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,4 4,4 4,4 3,6 3,6 2,3 2,2 1,9 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 2,9 2,9 2,2

Valori limite della selettivit di interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 3VF5 125 160 200 250 200 250 3VF6 315 3VF7 400 1250 15000 50/70/ 100 3VF8 800 2500 20000 3WL1 315 6300 3780 75600 70/100 65/80/ 100

In [A] I > [A]

400 800 1250 1600 2000 2500 2000 2500 3150 4000 3200 1575 6400 Icn [kA] 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 45/70/ 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1)

315

400

5SY3
Caratteristica C 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 3 5 10 16 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,0 4,0 4,0 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/111

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3RV1) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6 e 5SY7) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3RV1 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6 e 5SY7, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 101 sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I >[A] Interruttori automatici scatolati a monte 3RV1.1 3RV1.2 10 12 8 10 12,5 120 144 96 120 150 Icn [kA] 50 50 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1) 10 0,2 10 10 10 10 6/10/15 0,2 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 -

16 192 50

20 240 50

22 264 50

25 300 50

5SY4
Caratteristica A 2 10 16 32 40 6 30 48 96 120 30 50 65 80 100 125 160 200 250 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,6 0,3 0,3 0,3 0,3 0,2 0,2 0,5 0,5 0,5 0,5 0,3 0,3 0,3 0,2 0,2 0,2 0,2 0,4 0,3 0,2 1,2 0,5 0,4 0,5 0,4 0,4 0,4 0,6 0,6 0,6 0,6 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,6 0,4 0,4 1,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,4 0,4 0,4 0,6 0,6 0,6 0,6 0,5 0,5 0,5 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,6 0,4 0,4 -

5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7


Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 50

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7


Caratteristica C 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 5 4,5/6/10/15 0,2 10 4,5/6/10/15 0,2 16 4,5/6/10/15 0,2 20 4,5/6/10/15 0,2 30 4,5/6/10/15 40 4,5/6/10/15 60 4,5/6/10/15 80 4,5/6/10/15 100 4,5/6/10/15 130 4,5/6/10/15 160 4,5/6/10/15 200 4,5/6/10/15 250 4,5/6/10/15 320 4,5/6/10/15 400 4,5/6/10/15 500 4,5/6/10/15 630 4,5/6/10/15 40 120 200 320 640 800 1000 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 -

5SY6, 5SY4 e 5SY7


Caratteristica D 2 6 10 16 32 40 50 Valori per 5SY8 su richiesta.

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i limiti di selettivit devono essere ridotti del 10%. I > = corrente di intervento.

2/112

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3RV1) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6 e 5SY7) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3RV1 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6 e 5SY7, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 101 sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I >[A] Icn [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3RV1.3 16 20 25 32 40 192 240 300 384 480 50 50 50 50 50 Valori limite di selettivit [kA]1) 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,3 0,3 0,3 0,3 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,3 0,2 0,8 0,4 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,5 0,5 0,5 0,5 0,3 0,3 0,3 0,2 0,2 0,2 0,2 0,5 0,3 0,3 1,2 0,5 0,4 0,5 0,4 0,4 0,4 0,4 0,6 0,6 0,6 0,6 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,6 0,4 0,4 2,5 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,5 1 1 1 1 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,5 0,8 0,6 0,5 0,5 3 0,8 0,8 0,6 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,6 0,6 1 1 1 1 0,8 0,8 0,8 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 1,2 0,8 0,6 0,6 -

2 3 4 5
45 540 50 50 600 50 10 10 10 10 10 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6 1 0,8 0,8 1 1 1 1 1 0,8 0,8 1,5 1,5 1,5 1,5 1 1 1 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 1,5 1 0,8 0,6 0,6 6 1,2 1 0,8 0,8 1,2 1,2 1 1 1 0,8 0,8 0,8 3 3 3 3 1 1 1 1 1 1 1 1 0,8 0,8 0,8 1,5 1 0,8 0,8 0,6 -

5SY4
Caratteristica A 2 10 16 32 40 6 30 48 96 120 30 50 65 80 100 125 160 200 250

6 7 8 9 10 12 13

5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7


Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 50

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7


Caratteristica C 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 5 4,5/6/10/15 10 4,5/6/10/15 16 4,5/6/10/15 20 4,5/6/10/15 30 4,5/6/10/15 40 4,5/6/10/15 60 4,5/6/10/15 80 4,5/6/10/15 100 4,5/6/10/15 130 4,5/6/10/15 160 4,5/6/10/15 200 4,5/6/10/15 250 4,5/6/10/15 320 4,5/6/10/15 400 4,5/6/10/15 500 4,5/6/10/15 630 4,5/6/10/15 40 120 200 320 640 800 1000 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15

5SY6, 5SY4 e 5SY7


Caratteristica D 2 6 10 16 32 40 50

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i limiti di selettivit devono essere ridotti del 10%. I > = corrente di intervento.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/113

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3RV1) e interruttori magnetotermici modulari (5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6, 5SY7 e 5SP4) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3RV1 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY3, 5SY4, 5SY5, 5SY6, 5SY7 e 5SP4, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 101 sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati.

Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I >[A] Icn [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3RV1.4 16 20 25 32 40 50 192 240 300 384 480 600 100 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1) 0,5 0,3 0,2 0,2 0,2 0,8 0,4 0,3 0,4 0,3 0,3 0,3 0,6 0,6 0,6 0,6 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,5 0,3 0,3 1,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,8 0,8 0,8 0,8 0,5 0,5 0,5 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,6 0,4 0,4 2,5 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,5 0,8 0,8 0,8 0,8 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,5 0,8 0,6 0,5 0,5 3 0,8 0,6 0,6 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,6 0,6 1 1 1 1 0,8 0,8 0,8 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 1 0,6 0,6 0,6 6/7,5 1,2 1 0,8 0,8 1,2 1 1 1 1 0,8 0,8 0,8 3 3 3 3 1 1 1 1 1 1 1 1 0,8 0,8 0,6 1,5 1 0,8 0,8 0,6 -

63 756 100

75 900 100

90 1080 100

100 1140 100

5SY4
Caratteristica A 2 10 16 32 40 6 30 48 96 120 30 50 65 80 100 125 160 200 250 5 10 16 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 40 120 200 320 640 800 1000 1600 2000 10 10 10 10 10 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10 1,5 1,5 1,5 1,2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1 1 3 1,5 1,5 1,2 1 1 1 6/10 2,5 2 2 1,5 3 2,5 2 2 2 2 2 1,5 1,5 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 2,5 2,5 2,5 2 2 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,2 4 2,5 2 1,5 1,5 1,2 1,2 6/10 3 3 2,5 2 6/10/15 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 5 5 5 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2 1,5 1,5 6/10/15 3 3 2,5 2 1,5 1,5 6/10 4 3 3 2 6/10/15 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 5 5 5 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2 2 1,5 6/10/15 3 3 2,5 2 1,5 1,5 1,2 -

5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7


Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 50

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7


Caratteristica C 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 4,5/6/10/15 0,4 4,5/6/10/15 0,4 4,5/6/10/15 0,4 4,5/6/10/15 0,4 4,5/6/10/15 0,2 4,5/6/10/15 0,2 4,5/6/10/15 0,2 4,5/6/10/15 0,2 4,5/6/10/15 0,2 4,5/6/10/15 0,2 4,5/6/10/15 4,5/6/10/15 4,5/6/10/15 4,5/6/10/15 4,5/6/10/15 4,5/6/10/15 4,5/6/10/15 6/10/15 0,4 6/10/15 0,2 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 10 10 -

5SY6, 5SY4 e 5SY7


Caratteristica D 2 6 10 16 32 40 50

5SP4
Caratteristica C 80 100

5SP4
Caratteristica D Valori per 5SY8 su richiesta. 80 100 1600 2000 10 10 -

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i limiti di selettivit devono essere ridotti del 10%. I > = corrente di intervento.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/114

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori magnetotermici modulari (5SY4-7, 5SP4-7 e 5SP4-8) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici 5SY4-7, 5SP4-7 e 5SP7-8 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici modulari/interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I >[A] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY4-7 5SP4-7 Caratteristica C Caratteristica C 20 25 32 40 50/63 80 100 200 250 320 400 500/630 800 1000 Icn [kA] 10 10 10 10 10 10 10 Valori limite di selettivit [kA] 1) 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 0,2 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,3 0,3 0,3 0,3 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,5 0,5 0,5 0,5 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,5 0,5 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,8 0,8 0,8 0,8 0,5 0,5 0,5 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,3 0,3 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,4 0,4 0,4 0,8 0,8 0,8 0,8 0,5 0,5 0,5 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,6 0,6 0,6 0,6 1,2 1,2 1,2 1,2 0,8 0,8 0,8 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1 4 4 4 4 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 0,8 0,8 0,8 5SP4-8 Caratteristica D 80 100 1200 1500 10 10

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

5SY6, 5SY4, 5SY5 e 5SY7


Caratteristica B 6,0 10,0 13,0 16,0 20,0 25,0 32,0 40,0 50,0 Caratteristica C 0,5 1,0 1,5 2,0 3,0 4,0 6,0 8,0 10,0 13,0 16,0 20,0 32,0 35,0 40,0 50,0 63,0 30 50 65 80 100 125 160 200 250 5 10 15 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 3 3 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 3 3 3 2,5 2,5 2 2 2 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 5 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 4 4 4 3 3 3 3 3 2,5 2,5 2 2 1,5

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/115

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VL) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6, 5SY4, 5SY7 e 5SP4) secondo CEI EN 60 947-2 In caso di cortocircuito fra gli e DIN VDE 0660 parte 101 interruttori automatici scatolati sussiste selettivit fino ai 3VL e gli interruttori valori in kA indicati. magnetotermici modulari 5SY6, 5SY4, 5SY7 e 5SP4, Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I >[A] Icn [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3VL1, TM fisso 50 63 80 100 125 500 630 800 1000 1250 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1)

160 1600 40/70/ 100

3VL2, TM regolabile 50 63 400 500 40/70/ 40/70/ 100 100

80 630 40/70/ 100

100 800 40/70/ 100

125 1000 40/70/ 100

160 1280 40/70/ 100

5SY6, 5SY4, 5SY7


Caratteristica A 2,0 10,0 16,0 32,0 40,0 6,0 10,0 13,0 16,0 20,0 25,0 32,0 40,0 50,0 0,5 1,0 1,5 2,0 3,0 4,0 6,0 8,0 10,0 13,0 16,0 20,0 25,0 32,0 40,0 50,0 2,0 6,0 10,0 16,0 32,0 40,0 50,0 80,0 100,0 80,0 100,0 6 30 48 96 120 30 50 65 80 100 125 160 200 250 5 10 15 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 40 120 200 320 640 800 1000 800 1000 1600 1200 10 10 10 10 10 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 6/10/15 10 10 10 10 10 1,6 1,4 1,2 1 5,5 3,1 2,5 2,5 2,0 2,0 2,0 2,0 T T T T 3,2 3,2 3,2 2,5 2,5 2,5 2,0 2,0 2,0 2,0 1,5 2,4 1,4 1,3 1,1 10 4,7 4,7 3,6 2,5 5,5 3,1 2,5 2,5 2,0 2,0 2,0 2,0 1,5 T T T T 3,2 3,2 3,2 2,5 2,5 2,5 2,5 2,0 2,0 2,0 1,5 1,5 6 1,4 1,3 1,1 10 6 6 4,6 3,1 T 6,7 5,0 4,4 4,3 3,9 3,7 3,7 3,2 T T T T T T 7 5,4 5,4 4,3 4,0 3,7 3,6 3,5 3,3 3,1 6 4,8 4,5 3,2 2,3 10 10 10 10 6 T 6,7 5,0 4,4 4,3 3,9 3,7 3,7 3,2 T T T T T T 7 5,4 5,4 4,3 4,0 3,7 3,6 3,5 3,3 3,1 6 5 5 3,2 2,3 2,1 1,0 10 10 10 10 10 T 6,7 5,0 4,4 4,3 3,9 3,7 3,7 3,2 T T T T T T 7 5,4 5,4 4,3 4,0 3,7 3,6 3,5 3,3 3,1 6 6 6 3,2 2,3 2,1 2,0 1,2 1,2 10 10 10 10 10 T 6/12/4 8,0 7,2 6,6 6,1 5,0 5,0 4,0 T T T T T T 6/10/ 13,9 6/9/2 6/9/2 7,1 7,1 6,3 5,5 5,5 5,1 4,0 6 6 6 4,0 4,0 3,8 2,8 2,0 1,5 10 2,5 2,3 1,8 1,5 2,5 2,0 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 T T T T 2,5 2,5 2,5 2,3 2,0 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 4,2 2,3 1,9 1,7 10 4 3,7 3 2 2,5 2,0 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 T T T T T T 2,5 3,7 2,0 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 6 4,1 3,7 3,3 10 4 3,7 3 2 5,1 3,0 3,1 2,0 2,0 2,0 2,0 2,0 1,5 T T T T T T 5,1 3,8 3,0 2,5 2,5 2,0 2,0 2,0 2,0 1,5 6 4,2 3,7 3,7 10 4,5 4,4 3,5 2,4 7,3 3,9 3,4 3,1 2,5 2,1 2,1 2,1 2,0 T T T T T T 7,3 3,9 3,4 3,4 3,1 2,5 2,5 2,5 2,5 2,5 6 4,2 3,7 3,3 2,4 10 4,9 5 3,7 2,7 T 5,0 4,5 4,0 3,9 3,4 3,4 3,3 2,5 T T T T T T T 5,6 5,6 4,5 4,0 3,9 3,5 3,4 3,3 2,5 6 4,3 4 3,5 2,7 1,5 1,2 10 10 10 6 3,2 T 8,6 5,8 5,1 5,0 4,6 4,8 4,3 3,6 T T T T T T T 8,6 8,6 5,8 5,1 5,0 4,6 4,5 4,3 3,6 6 6 6 4,7 3,7 3 2,6 1,5 1,5

Caratteristica B

Caratteristica C

Caratteristica D

5SP4
Caratteristica C Caratteristica D

Valori per 5SY8 su richiesta.

T = selettivit totale fino al potere dinterruzione nominale Icn del dispositivo di protezione a valle.
1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori limite della selettivit si riducono del 10%. In presenza di dispositivi di scatto regolabili, i valori limiti della selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/116

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VL e 3WN) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6, 5SY4, 5SY7 e 5SP4) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VL e 3WN e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY6, 5SY4, 5SY7 e 5SP4, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 101 sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati.

2 3 4
3VL7, ETU 400-800 15756400 45/100 3VL8, ETU 3WN1 3WN6 3153200 378048000 65/75 400-1250 800-2500 3156300 15000 50/100 20000 70/100 378075000 65/100

Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I >[A] Icn [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3VL3, 3VL4, TM TM 200 2000 250 2500 200 2000 250 2500 315 3150 45/100 400 4000 45/100 3VL6, ETU 315 3200 45/100

5 6 7 8 9 10 12 13

40/100 40/100 45/100 45/100 Valori limite di selettivit [kA]1)

5SY6, 5SY4, 5SY7


Caratteristica A 12 6 10 30 16 48 32 96 40 120 Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 50 10 10 10 10 10 T T T T T T T T T T T T 6 6 T T T T T T T T T T T T 6 6 T T T T T T T T T T T T 6 6/10/ 14,1 T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T

30 6/10/15 50 6/10/15 65 6/10/15 80 6/10/15 100 6/10/15 125 6/10/15 160 6/10/15 200 6/10/15 250 6/10/15

Caratteristica C 0,5 1 1,5 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 5 6/10/15 10 6/10/15 15 6/10/15 20 6/10/15 30 6/10/15 40 6/10/15 60 6/10/15 80 6/10/15 100 6/10/15 130 6/10/15 160 6/10/15 200 6/10/15 250 6/10/15 320 6/10/15 400 6/10/15 500 6/10/15 T T T T T T T T T T T T T 6/10/11 6/10 6/10 T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T 6/10/ 14,2 T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T

Caratteristica D 2 6 10 16 32 40 50 40 6/10/15 120 6/10/15 200 6/10/15 320 6/10/15 640 6/10/15 800 6/10/15 1000 6/10/15 T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T

5SP4
Caratteristica C 80 800 100 1000 Caratteristica D 80 1600 100 2000 10 10 10 10 3 3 3 3 3 3 2,5 3 3 2,5 3 3 3 3 3 3 3 3 6 5 5 5
1)

8 6 6 6

T T T T

T T T T

T T T T

T T T T

T T T T

Valori per 5SY8 su richiesta.

T = selettivit totale fino al potere dinterruzione nominale Icn del dispositivo di protezione a valle.

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori limite della selettivit si riducono del 10%. In presenza di dispositivi di scatto regolabili, i valori limiti della selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/117

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF3) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6, 5SY4 e 5SP4) 5SY4 e 5SP4 secondo In caso di cortocircuito fra CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 gli interruttori automatici parte 01, sussiste selettivit fino scatolati 3VF3 e gli interruttori ai valori in kA indicati. magnetotermici modulari 5SY6, Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I > [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 regolabile 40 - 50 50 - 63 63 - 80 80 - 100 100 125 500 630 800 1000 1250 Icn [kA] 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1) 3VF3 fisso 50

125 160 1600 400 40/70/ 40/70/ 100 100

63

80

100

125 1000 40/70/ 100

160 1280 40/70/ 100

500 630 800 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100

5SY6 e 5SY4
Caratteristica A 2 10 16 32 40 50 63 6 10 13 16 20 25 32 40 50 63 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 2 6 10 16 32 40 50 63 80 100 125 80 100 6 30 48 96 120 150 189 30 50 65 80 100 125 160 200 250 315 3 5 10 16 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 40 120 200 320 640 800 1000 1260 800 1000 1600 1600 2000 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 10 10 10 10 10 10 1,6 1,4 1,2 1,0 2,1 1,8 1,6 1,6 1,6 1,4 1,4 1,3 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 1,9 1,9 1,9 1,7 1,7 1,5 1,5 1,5 1,1 1,1 0,9 2,4 1,4 1,3 1,1 10 4,7 4,7 3,6 2,5 2,5 6/10 6/6,6 5,1 5,1 5,1 3,5 3,5 2,4 2,4 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/9,5 6/9,5 6/9,5 4,2 4,2 4,2 4,2 4,2 3,4 3,4 2,2 2,1 6,0 4,2 3,9 3,5 10 6 6 4,6 3,1 3,1 3,1 6/10 6/10 8,2 8,2 8,2 4,6 4,6 2,8 2,8 2,8 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/7,9 6/7,9 5,5 5,5 5,5 4,5 4,5 2,6 2,5 2,0 6,0 5,8 5,5 4,2 3,3 10 10 10 10 6 6 6 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 5,5 5,5 3,3 3,3 3,3 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 5,4 5,4 2,8 2,8 2,2 6,0 6,0 6,0 4,9 3,9 3,1 1,5 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6,0 6,0 4,5 4,3 4,3 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 5,7 5,7 3,1 3,1 2,7 6,0 6,0 6,0 6,0 4,2 3,3 2,9 2,9 1,5 1,5 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6,7 5,8 5,8 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/8,8 6/8,8 4,8 4,8 4,4 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 4,9 4,8 4,8 2,5 2,0 1,3 10 2,5 2,3 1,8 1,5 3,2 2,5 2,3 2,3 2,3 2,1 2,1 1,8 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 2,5 2,5 2,5 2,3 2,3 2,1 2,1 2,1 1,9 1,9 1,4 4,2 2,3 1,9 1,7 10 4,0 3,7 3,0 2,0 6/10 6/6,2 4,6 4,6 4,6 3,4 3,4 2,3 2,3 2,3 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/8,2 6/8,2 6/8,2 3,7 3,7 3,7 3,7 3,7 3,0 3,0 2,1 6,0 4,1 3,7 3,3 10 4,0 3,7 3,0 2,0 2,0 2,0 6/9,7 4,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2 2,2 2,2 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/6,3 6/6,3 6/6,3 3,8 3,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2 2,1 6,0 4,2 3,7 3,7 10 4,5 4,4 3,5 2,4 2,4 2,4 6/10 6/6,2 4,6 4,6 4,6 3,4 3,4 2,4 2,4 2,4 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/8,2 6/8,2 6/8,2 3,8 3,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2 2,1 1,7 6,0 4,2 3,7 3,3 2,4 10 5,0 5,0 3,7 2,7 2,7 2,7 6/10 6/6,5 5,1 5,1 5,1 3,7 3,7 2,7 2,7 2,7 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/8,6 6/8,6 6/8,6 4,6 4,6 4,4 4,4 4,4 3,6 3,6 2,3 2,2 1,9 6,0 4,3 4,0 3,5 2,7 1,5 1,2 10 10 10 10 3,2 3,2 3,2 6/10 6/10 6/8,9 6/8,9 6/8,9 5,2 5,2 3,6 3,6 3,6 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/9,4 6/9,4 6/7,5 6/7,5 6/7,5 4,9 4,9 2,9 2,9 2,2 6,0 6,0 6,0 4,7 3,7 3,0 2,6 2,6 1,5 1,5 1,0 -

Caratteristica B

Caratteristica C

Caratteristica D

5SP4
Caratteristica C

Caratteristica D

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/118

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF4, 3VF5, 3VF6, 3VF7, 3VF8 e 3WL1) e interruttori magnetotermici modulari (5SY6, 5SY4 e 5SP4) modulari 5SY6, 5SY4 e 5SP4, In caso di cortocircuito fra secondo CEI EN 60 947-2 e gli interruttori automatici DIN VDE 0660 parte 01, scatolati 3VF4, 3VF5, 3VF6, sussiste selettivit fino ai 3VF7, 3VF8 e 3WL1 e gli valori in kA indicati. interruttori magnetotermici Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 3VF5 125 160 200 250 200 250 3VF6 315 3VF7 400 1250 15000 50/70/ 100 3VF8 800 2500 20000 3WL1 315 6300 3780 75600 70/100 65/80/ 100

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

In [A] I > [A]

400 800 1250 1600 2000 2500 2000 2500 3150 4000 3200 1575 6400 Icn [kA] 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 45/70/ 45/70/ 45/70/ 45/70/ 45/70/ 45/70/ 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1)

315

400

5SY6 e 5SY4
Caratteristica A 2 10 16 32 40 50 63 6 10 13 16 20 25 32 40 50 63 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 2 6 10 16 32 40 50 63 80 100 125 80 100 6 30 48 96 120 150 189 30 50 65 80 100 125 160 200 250 315 3 5 10 16 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 40 120 200 320 640 800 1000 1260 800 1000 1600 1600 2000 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 3,9 3,9 3,9 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/9,6 6/9,6 6,0 5,1 5,1 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/8 6/8 3,6 3,6 3,3 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 4,0 4,0 3,0 1,5 1,5 10 10 10 10 4,6 4,6 4,6 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6,0 5,9 5,9 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/9,1 6/9,1 4,8 4,8 4,4 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 4,9 4,8 4,1 2,0 2,0 2,0 10 10 10 10 6,0 6,0 6,0 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6,0 6,0 6,0 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/6,5 6/6,2 5,7 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 5,5 3,0 3,0 3,0 3,0 10 10 10 10 6,0 6,0 6,0 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6,0 6,0 6,0 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/6,5 6/6,2 5,7 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 5,5 3,0 3,0 3,0 3,0 2,5 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6,0 6,0 6,0 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/6,5 6/6,2 5,7 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 5,5 3,0 3,0 3,0 2,5 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6,0 6,0 6,0 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/6,5 6/6,3 6,0 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6,0 5,0 5,0 5,0 5,0 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 8,0 6,0 6,0 6,0 6,0 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 6/10 10 10 10 10 10

Caratteristica B

Caratteristica C

Caratteristica D

5SP4
Caratteristica C

Caratteristica D

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/119

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra fusibili e interruttori magnetotermici modulari (5SY6) In caso di cortocircuito fra i fusibili e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY6, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Icn [kA] Fusibili a monte 16 A 20 A 25 A 35 A 50 A 63 A 80 A 100 A

5SY6
Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 50 Caratteristica C 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 0,3 0,3 0,3 0,3 0,4 0,4 0,5 0,4 0,4 0,4 0,7 0,6 0,5 1,2 0,8 0,6 0,6 0,5 0,5 1,2 1,0 1,0 1,0 1,7 1,4 1,1 1,0 0,9 0,9 0,8 0,8 3,0 2,2 2,2 2,0 2,0 6 4,0 3,0 2,4 1,4 1,4 1,3 1,3 1,3 3,2 3,0 3,0 2,4 2,4 2,0 1,7 6 5,0 4,0 3,2 2,6 2,1 2,0 2,0 2,0 2,0 6 5,0 5,0 4,0 4,0 3,5 2,9 2,0 6 6 6 6 3,1 3,1 3,0 3,0 2,7 2,4 2,2 6 6 6 6 6 6 6 4,0 4,0 6 6 6 6 6 6 6 6 6 5,0 4,0 3,5 3,0 3,0

2/120

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra fusibili e interruttori magnetotermici modulari (5SY4, 5SY7 e 5SP4) In caso di cortocircuito fra i fusibili e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY4, 5SY7 e 5SP4, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Icn [kA] Fusibili a monte 16 A 20 A 25 A 35 A 50 A 63 A 80 A 100 A 125 A

2 3 4 5
0,8 0,7 0,7 1,5 1,1 0,9 0,8 0,6 0,5 1,0 0,9 0,8 0,7 1,4 1,2 1,2 1,0 1,0 2,0 1,6 1,4 1,4 1,2 1,2 1,0 1,0 1,8 1,5 1,2 1,1 0,9 3,2 2,5 2,5 2,0 2,0 1,7 1,7 9,0 5,0 3,5 2,7 2,2 2,0 1,6 1,5 1,3 5,0 4,0 3,0 2,5 2,1 2,1 4,5 3,5 3,5 2,8 2,6 2,2 2,2 1,6 10 6,0 5,0 4,5 3,5 3,0 2,4 2,2 2,2 2,2 7,0 5,0 3,8 3,1 2,5 2,5 2,5 2,2 9,0 5,0 5,0 4,2 4,2 3,7 3,7 2,2 2,2 10 10 9,0 6,0 5,0 4,2 3,4 3,0 3,0 2,9 2,4 2,0 10 8,0 5,5 4,4 3,5 3,5 3,5 3,1 2,7 10 10 10 9,0 9,0 7,0 7,0 4,0 4,0 3,0 10 10 10 10 7,0 7,0 6,0 6,0 6,0 5,0 4,0 3,5 3,0 3,0 10 10 10 8,1 6,2 6,2 6,2 5,1 4,3 4,0 3,5 10 10 10 10 10 10 10 6,0 6,0 5,0 10 10 10 10 10 10 10 10 10 9,0 7,0 4,0 4,0 3,5 10 10 10 10 9,3 9,3 9,3 7,5 6,3 5,5 4,8 4,0 -

5SY4 e 5SY7
Caratteristica A e B 6 10 13 16 20 25 32 40 50 Caratteristica C 63 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 Caratteristica D 2 3 4 6 8 10 13 16 20 32 40 50 63 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 10/15 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,4 0,4 0,5 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 -

6 7 8 9 10 12 13

Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici modulari in kA


Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] Icn [kA] Fusibili a monte 100 A 125 A 160 A 200 A 224 A 250 A

5SP4
Caratteristica B 80 100 125 80 100 125 80 100 10 10 10 10 10 10 10 10 2,8 2,5 2,3 3,8 3,5 3,5 3,3 3,3 2,8 5,7 5,2 5,2 5,1 4,5 4,5 4,6 4,3 8,1 7,0 7,0 7,5 6,5 6,5 6,9 6,2 10 10 10 9,2 8,0 8,0 8,1 7,5 10 10 10 10 10 10 10 9,2

Caratteristica C

Caratteristica D

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/121

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF3) e interruttori magnetotermici modulari (5SY7) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF3 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY7, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I > [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 regolabile 40 - 50 50 - 63 63 - 80 80 - 100 100 125 500 630 800 1000 1250 Icn [kA] 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1) 3VF3 fisso 50

125 160 1600 400 40/70/ 40/70/ 100 100

63

80

100

125 1000 40/70/ 100

160 1280 40/70/ 100

500 630 800 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100

5SY7
Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 50 63 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 2 6 10 16 32 40 50 63 30 50 65 80 100 125 160 200 250 315 3 5 10 16 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 40 120 200 320 640 800 1000 1260 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 2,1 1,8 1,6 1,6 1,6 1,4 1,4 1,3 15 15 15 15 15 1,9 1,9 1,9 1,7 1,7 1,5 1,5 1,5 1,1 1,1 0,9 2,4 1,4 1,3 1,1 15 6/6,6 5,1 5,1 5,1 3,5 3,5 2,4 2,4 15 15 15 15 15 15 15 15 4,2 4,2 4,2 4,2 4,2 3,4 3,4 2,2 2,1 6,0 4,2 3,9 3,5 15 15 8,2 8,2 8,2 4,6 4,6 2,8 2,8 2,8 15 15 15 15 15 15 15 15 7,9 7,9 5,5 5,5 5,5 4,5 4,5 2,6 2,5 2,0 6,0 5,8 5,5 4,2 3,3 15 15 15 15 15 5,5 5,5 3,3 3,3 3,3 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 5,4 5,4 2,8 2,8 2,2 6,0 6,0 6,0 4,9 3,9 3,1 15 15 15 15 15 6,0 6,0 4,5 4,3 4,3 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 5,7 5,7 3,1 3,1 2,7 6,0 6,0 6,0 6,0 4,2 3,3 2,9 2,9 15 15 15 15 15 15 15 6,7 5,8 5,8 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 8,8 8,8 4,8 4,8 4,4 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 4,9 4,8 4,8 3,2 2,5 2,3 2,3 2,3 2,1 2,1 1,8 15 15 15 15 15 2,5 2,5 2,5 2,3 2,3 2,1 2,1 2,1 1,9 1,9 1,4 4,2 2,3 1,9 1,7 15 6,2 4,6 4,6 4,6 3,4 3,4 2,3 2,3 2,3 15 15 15 15 15 8,2 8,2 8,2 3,7 3,7 3,7 3,7 3,7 3,0 3,0 2,1 6,0 4,1 3,7 3,3 9,7 4,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2, 2,2 2,2 15 15 15 15 15 6,3 6,3 6,3 3,8 3,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2 2,1 6,0 4,2 3,7 3,7 15 6,2 4,6 4,6 4,6 3,4 3,4 2,4 2,4 2,4 15 15 15 15 15 8,2 8,2 8,2 3,8 3,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2 2,1 1,7 6,0 4,2 3,7 3,3 2,4 15 6,5 5,1 5,1 5,1 3,7 3,7 2,7 2,7 2,7 15 15 15 15 15 8,6 8,6 8,6 4,6 4,6 4,4 4,4 4,4 3,6 3,6 2,3 2,2 1,9 6,0 4,3 4,0 3,5 2,7 1,5 15 15 8,9 8,9 8,9 5,2 5,2 3,6 3,6 3,6 15 15 15 15 15 15 15 15 9,4 9,4 7,5 7,5 7,5 4,9 4,9 2,9 2,9 2,2 6,0 6,0 6,0 4,7 3,7 3,0 2,6 2,6

Caratteristica C

Caratteristica D

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/122

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF4, 3VF5, 3VF6, 3VF7, 3VF8 e 3WL1) e interruttori magnetotermici modulari (5SY7) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF4, 3VF5, 3VF6, 3VF7, 3VF8 e 3WL1 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY7, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 3VF5 125 160 200 250 200 250 3VF6 315 3VF7 400 1250 15000 50/70/ 100 3VF8 800 2500 20000 3WL1 315 6300 3780 75600 70/100 65/80/ 100

2 3 4 5
315 400 400 800 1250 1600 2000 2500 2000 2500 3150 4000 3200 1575 6400 Icn [kA] 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 45/70/ 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1)

In [A] I > [A]

5SY7
Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 50 63 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 2 6 10 16 32 40 50 63 30 50 65 80 100 125 160 200 250 315 3 5 10 16 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 40 120 200 320 640 800 1000 1260 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 5,1 5,1 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 8,0 8,0 3,6 3,6 3,3 10 10 10 10 10 3,3 3,3 3,0 15 15 15 15 15 15 15 6,0 5,9 5,9 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 9,1 9,1 4,8 4,8 4,4 10 10 10 10 10 4,5 4,5 4,1 15 15 15 15 15 15 15 6,0 6,0 6,0 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,5 6,2 5,7 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 6,0 6,0 6,0 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,5 6,2 5,7 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 6,0 6,0 6,0 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,5 6,2 5,7 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 6,0 6,0 6,0 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,5 6,3 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10

6 7 8 9 10 12 13

Caratteristica C

Caratteristica D

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/123

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF3) e interruttori magnetotermici modulari (5SY8) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF3 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY8, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle In [A] I > [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 regolabile 40 - 50 50 - 63 63 - 80 80 - 100 100 125 500 630 800 1000 1250 Icn [kA] 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1) 3VF3 fisso 50

125 160 1600 400 40/70/ 40/70/ 100 100

63

80

100

125 1000 40/70/ 100

160 1280 40/70/ 100

500 630 800 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100

5SY8
Caratteristica C 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 2 6 10 16 32 40 50 63 3 5 10 16 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 40 120 200 320 640 800 1000 1260 15 15 15 15 15 1,9 1,9 1,9 1,7 1,7 1,5 1,5 1,5 1,1 1,1 0,9 2,4 1,4 1,3 1,1 15 15 15 15 15 15 15 15 4,2 4,2 4,2 4,2 4,2 3,4 3,4 2,2 2,1 6,0 4,2 3,9 3,5 15 15 15 15 15 15 15 15 7,9 7,9 5,5 5,5 5,5 4,5 4,5 2,6 2,5 2,0 6,0 5,8 5,5 4,2 3,3 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 5,4 5,4 2,8 2,8 2,2 6,0 6,0 6,0 4,9 3,9 3,1 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 5,7 5,7 3,1 3,1 2,7 6,0 6,0 6,0 6,0 4,2 3,3 2,9 2,9 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 8,8 8,8 4,8 4,8 4,4 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 4,9 4,8 4,8 15 15 15 15 15 2,5 2,5 2,5 2,3 2,3 2,1 2,1 2,1 1,9 1,9 1,4 4,2 2,3 1,9 1,7 15 15 15 15 15 8,2 8,2 8,2 3,7 3,7 3,7 3,7 3,7 3,0 3,0 2,1 6,0 4,1 3,7 3,3 15 15 15 15 15 6,3 6,3 6,3 3,8 3,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2 2,1 6,0 4,2 3,7 3,7 15 15 15 15 15 8,2 8,2 8,2 3,8 3,8 3,8 3,8 3,8 3,0 3,0 2,2 2,1 1,7 6,0 4,2 3,7 3,3 2,4 15 15 15 15 15 8,6 8,6 8,6 4,6 4,6 4,4 4,4 4,4 3,6 3,6 2,3 2,2 1,9 6,0 4,3 4,0 3,5 2,7 1,5 15 15 15 15 15 15 15 15 9,4 9,4 7,5 7,5 7,5 4,9 4,9 2,9 2,9 2,2 6,0 6,0 6,0 4,7 3,7 3,0 2,6 2,6

Caratteristica D

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/124

Interruttori magnetotermici
Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit
Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF4, 3VF5, 3VF6, 3VF7, 3VF8 e 3WL1) e interruttori magnetotermici modulari (5SY8) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF4, 3VF5, 3VF6, 3VF7, 3VF8 e 3WL1 e gli interruttori magnetotermici modulari 5SY8, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici modulari in kA
Interruttori magnetotermici modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 3VF5 125 160 200 250 200 250 3VF6 315 3VF7 400 1250 15000 50/70/ 100 3VF8 800 2500 20000 3WL1 315 6300 3780 75600 70/100 65/80/ 100

2 3 4 5
315 400 400 800 1250 1600 2000 2500 2000 2500 3150 4000 3200 1575 6400 Icn [kA] 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 45/70/ 45/70/ 45/70/ 45/70/ 45/70/ 45/70/ 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 Valori limite di selettivit [kA]1)

In [A] I > [A]

5SY8
Caratteristica C 0,3 0,5 1 1,6 2 3 4 6 8 10 13 16 20 25 32 40 50 63 2 6 10 16 32 40 50 63 3 5 10 16 20 30 40 60 80 100 130 160 200 250 320 400 500 630 40 120 200 320 640 800 1000 1260 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 8,0 8,0 3,6 3,6 3,3 10 10 10 10 10 3,3 3,3 3,0 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 9,1 9,1 4,8 4,8 4,4 10 10 10 10 10 4,5 4,5 4,1 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,5 6,2 5,7 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,5 6,2 5,7 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,5 6,2 5,7 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,5 6,3 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10

6 7 8 9 10 12 13

Caratteristica D

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I > = corrente dintervento.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/125

Interruttori magnetotermici
Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta per gli interruttori magnetotermici


Le seguenti tabelle indicano il numero massimo di lampade supportate, durante il funzionamento, da un interruttore magnetotermico. Protezione di circuiti elettrici di lampade Numero massimo di lampade fluorescenti
In [A] Lampada Alimentatori elettronici inserzione diretta a 230 V a 1 lampada 1) a 2 lampade inserzione a gruppi a 230 V a 1 lampada 2) a 2 lampade D 35 19 12 47 25 16 58 32 20 76 41 26 94 51 32 117 64 40 147 80 51 188 103 65 235 129 81 294 161 102 370 203 128 B 66 37 19 111 62 32 144 81 41 177 100 51 222 125 64 277 156 80 355 200 103 444 250 129 555 312 161 700 393 203 C 66 37 19 88 50 25 111 62 32 144 81 41 177 100 51 222 125 64 277 156 80 355 200 103 444 250 129 555 312 161 700 393 203 D 66 37 19 88 50 25 111 62 32 144 81 41 177 100 51 222 125 64 277 156 80 355 200 103 444 250 129 555 312 161 700 393 203 B 35 19 12 58 32 20 76 41 26 94 51 32 117 64 40 147 80 51 188 103 65 235 129 81 294 161 102 370 203 128 C 35 19 12 25 16 58 32 20 76 41 26 94 51 32 117 64 40 147 80 51 188 103 65 235 129 81 294 161 102 370 203 128 D 35 19 12 47 25 16 58 32 20 76 41 26 94 51 32 117 64 40 147 80 51 188 103 65 235 129 81 294 161 102 370 203 128

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SP4, 5SY7 e 5SY8


Caratteristica 6 L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W L 18 W L 36 W L 58 W B 17 17 17 36 36 32 44 44 41 56 56 51 70 70 64 85 85 80 100 100 100 126 126 126 180 180 161 170 170 170 C 37 37 19 50 50 25 67 62 32 81 81 41 100 100 51 117 117 64 157 156 80 144 144 103 216 216 129 247 247 161 340 340 203 D 66 37 19 88 50 25 111 62 32 144 81 41 177 100 51 222 125 64 277 156 80 355 200 103 444 250 129 555 312 161 567 393 203 B 17 17 12 36 32 20 44 41 26 56 51 32 70 64 40 85 80 51 100 100 65 126 126 81 180 161 102 170 170 128 C 35 19 12 47 25 16 58 32 20 76 41 26 94 51 32 117 64 40 147 80 51 144 103 65 216 129 81 247 161 102 340 203 128

10

13

16

20

25

32

40

50

63

Impedenza del circuito elettrico:

il numero di lampade sopra riportato riferito ad un valore di impedenza del collegamento di 800 m. Per un valore di 400 m occorre ridurre il numero di lampade del 10%.

Fattori di riduzione per interruttori magnetotermici con contemporaneo inserimento di lampade a incandescenza riferiti alla corrente nominale dellinterruttore magnetotermico e alla corrente totale di esercizio delle lampade
Fattore di riduzione comando con interruttore magnetotermico comando con interruttore separato

5SY e 5SP4
Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D 0,3 0,5 1 1 0,35 0,6 1 1

1) 2)

Tutti i reattori elettronici vengono inseriti contemporaneamente. I reattori elettronici vengono inseriti in gruppi.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/126

Interruttori magnetotermici
Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta per gli interruttori magnetotermici


Numero massimo di lampade a scarica di vapori metallici (HQ), ad alogenuri metallici (HQI) e a vapori di sodio ad alta pressione (NAV) compensate e non compensate
Potenza nominale della lampada [W] 35 70 150 250 [A] 0,5 1 1,8 3 0,5 1 1,5 [A] 0,3 [A] 10 18 36 60 In [A] Potenza nominale della lampada [W] 35 70 150 250 400 3,5 2 70 1000 9,5 6 120 2000 10,3 5,5 125 3500 18 9,8 220

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12 13

Corrente nominale lampada Corrente nominale lampada compensata Corrente massima di inserzione

400 0 0 1 1 1 2 2 3 4 3 0 1 1 1 2 2 3 3 4 5 7 1 1 2 2 3 4 5 6 8 10 12 11 14 16 20/16 26/20 26/25

1000 0 0 0 0 1 1 1 1 2 2 0 0 0 1 1 1 2 2 2 3 4 0 0 0 1 1 1 2 2 3 4 4 6 8/7 9 9/6 11/7 14/9

2000 0 0 0 0 1 1 1 1 2 2 0 0 0 1 1 1 1 1 2 3 4 0 0 0 1 1 1 1 2 2 3 4 6/5 8/6 9/8 10/5 12/6 15/8

3500 0 0 0 0 0 0 0 1 1 1 0 0 0 0 0 0 1 1 1 1 2 0 0 0 0 0 0 1 1 1 2 2 3 4 5 5/3 7/4 8/5

5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY7 e 5SY8


Caratteristica B 6 2 10 5 13 7 16 8 20 11 25 13 32 16 40 20 50 28 63 26 6 6 8 8 10 10 13 13 16 16 20 18 25 25 32 22 40 33 50 38 63 53 6 8 8 11 10 14 13 16 20 25 32 40 50 63 18 22 28 35 44 56 70 88 76 98 116 143/112 186/140 186/175 1 3 4 5 6 7 8 11 15 14 3 4 6 7 9 10 14 12 18 21 29 4 5 7 9 11 14 17 22 28 35 44 42 54 64 80/56 103/70 103/87 0 1 2 2 3 3 4 5 7 7 1 2 3 3 4 5 7 6 9 10 14 2 3 4 5 6 7 9 12 15 19 24 21 27 32 40/31 51/39 51/48 0 1 1 1 1 2 2 3 4 4 1 1 1 2 2 3 4 3 5 6 9 1 2 2 3 3 4 5 7 9 11 14 12 16 19 24/18 31/23 31/29

Caratteristica C

Caratteristica D

5SP4 1)
Caratteristica C 80 100 125 80 100 125

Caratteristica D

1)

La differenza tra il numero di lampade indicato dovuta alluso di lampade compensate/non compensate.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/127

Interruttori magnetotermici
Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta per gli interruttori magnetotermici


Numero di lampade fluorescenti permesse, per fase, con interruttori magnetotermici 5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SP4, 5SY7 e 5SY8, caratteristica C
Corrente nominale interruttore (A) 10 Tipo lampada Monolampada Monolampada rifasata Bilampada collegamento DUO Funzionamento con reattore elettronico Monolampada Monolampada Bilampada Tre lampade collegata in gruppo 51 51 51 35 74 74 74 50 92 92 92 63 115 115 115 78 88 48 46 31 140 78 74 50 176 97 93 62 220 122 116 78 35 35 35 16 50 50 50 22 63 63 63 28 78 78 78 35 20 20 20 11 29 29 29 15 37 37 37 19 46 46 46 24

16

20

25

L18 L36 L38 L58 L18 L36 L38 L58 L18 L36 L38 L58 L18 L36 L38 L58

27 23 23 14 43 37 37 23 54 46 46 29 67 58 58 37

32 32 32 20 51 51 51 33 64 64 64 41 82 82 82 53

23 23 23 15 37 37 37 24 46 46 46 30 58 58 58 37

Numero di lampade a scarica a vapori metallici permesse, per fase, con gli interruttori magnetotermici 5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SP4, 5SY7 e 5SY8
Corrente nominale interruttore (A) 6 10 16 20 25 32 40 50 6 10 16 20 25 32 40 50 Caratteristica dintervento 35 70 150 Potenza delle lampade (W) 250 400 1000 2000 3500

6 10 16 20 26 32 40 50 3 5 8 10 13 16 20 21

3 5 9 11 14 17 22 27 1 2 4 5 7 8 11 12

1 2 4 5 7 8 11 13 1 2 2 3 4 5 6

1 1 2 3 4 5 6 8 1 1 2 2 3 3

1 2 2 3 4 5 6 1 1 1 2 3 2

1 1 2 2 3 4 1 1 1 1

1 1 1 2 3 3 1 1 1

1 1 1 2 1

Carico permesso con gli interruttori magnetotermici 5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SP4 e 5SY7 in presenza di lampade ad incandescenza
Corrente nominale interruttore (A) 6 10 16 20 25 6 10 16 20 25 Caratteristica dintervento Massimo carico permesso a 220 V (W) 1320 2200 3520 4400 5500 1050 1760 2820 3520 4400 Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/128

Interruttori magnetotermici
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici 5SY6 0

2 3 4 5
Contatti ausiliari 5ST3 Contatti di segnalazione di intervento 5ST3
liberamente affiancabili successivamente allinstallazione
45 90

18

44

70

Interruttori magnetotermici 5SY3, 5SY6, 5SY4, 5SY5, 5SY7 e 5SY8

I2_13656

6 7 8 9 10

Interruttori magnetotermici Interruttori magnetotermici UL 489 5SJ4-HG40 UL 489 5SJ4-HG41


1P 2P 3P

Interruttori solo magnetici 5SY8-8BB08

18

36

54

6,4

46

70

Interruttori magnetotermici 5SP4

45 110

Bobine a lancio di corrente 5ST3 Bobine di minima tensione 5ST3


liberamente affiancabili successivamente allinstallazione

12 13
Interruttori magnetotermici 5SP9

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

2/129

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


3/2 3/9 3/15 3/27 3/53 3/54 Caratteristiche generali Caratteristiche di intervento Curve I2t e di limitazione Tabelle di coordinamento Potenza dissipata Dimensioni dingombro

3/1

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche generali

Descrizione generale
Protezione contro correnti elettriche pericolose secondo DIN VDE 0100 parte 410 Impiego Protezione da contatto indiretto (protezione indiretta di persone) come protezione guasti mediante disinserimento in presenza di uneccessiva tensione determinata da contatto del corpo con i componenti elettrici. Limpiego di interruttori differenziali con In 30 mA garantisce anche unelevata protezione in caso di contatto diretto (protezione diretta di persone) sotto forma di protezione supplementare Zone di intensit di corrente secondo CEI EN 60 479 mediante il disinserimento al contatto delle parti attive. Protezione Mentre gli apparecchi per corrente differenziale nominale In > 30 mA proteggono contro il contatto indiretto, con limpiego di apparecchi con In 30 mA viene garantita anche una considerevole protezione supplementare in caso di contatto indiretto accidentale delle parti attive. La figura sopra riportata mostra le reazioni fisiologiche del corpo umano in presenza di flusso di corrente, raggruppate in zone di intensit. Pericolosi risultano i valori corrente/tempo della zona 4 in quanto possono determinare fibrillazione cardiaca con conseguente possibile decesso della persona colpita. delineato anche il campo dintervento dellinterruttore differenziale con corrente differenziale nominale di 10 mA e 30 mA. Il tempo dintervento in media fra 10 ms e 30 ms. Il tempo di intervento ammesso dalla norma VDE 0664 o CEI EN 61 008 di max. 0,3 s (300 ms) non viene preso in considerazione. Gli interruttori differenziali con corrente differenziale nominale di 10 mA o 30 mA offrono anche una protezione affidabile qualora in caso di contatto accidentale diretto di componenti attivi una corrente attraversi il corpo umano. Questo grado di protezione non garantito da nessunaltra misura comparabile in caso di contatto indiretto. Utilizzando un interruttore differenziale occorre comunque collegare un adeguato cavo di protezione messo a terra alle parti dellimpianto e ai componenti da proteggere. Un flusso di corrente pu quindi attraversare il corpo umano anche soltanto in presenza di due guasti o in caso di contatto accidentale di parti attive.

Esempi di un contatto diretto accidentale

In caso di contatto diretto di parti attive, lintensit del flusso di corrente determinata da due resistenze: la resistenza interna del corpo umano RM e la resistenza del punto di passaggio RSt. Per valutare linfortunio occorre considerare il peggiore dei casi, ovvero quando la resistenza del punto di passaggio pressoch nulla. La resistenza del corpo umano dipende dal percorso della corrente. Da alcune misurazioni risulta ad esempio che con un percorso della corrente da mano a mano o da mano a piede la resistenza di circa 1000 . Con una tensione di guasto di 230 V c.a. per il percorso mano/ mano si ha una corrente di 230 mA.

IM: corrente nel corpo RM:resistenza interna del corpo umano RSt:resistenza del punto di passaggio RA: resistenza di messa a terra di tutti i corpi collegati con un dispersore di terra

Schema di principio: protezione supplementare in caso di contatto diretto con parti attive

3/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche generali

Descrizione generale
Protezione antincendio secondo DIN VDE 0100 parte 720 Protezione Impiego Per gli stabilimenti industriali a In caso di impiego di interruttori rischio dincendio la norma differenziali con protezione di In 300 mA contro la DIN VDE 0100 parte 720 impone formazione di incendi di causa misure per la prevenzione di elettrica dovuti ad un difetto di incendi causati da difetti di isolamento. isolamento. In tal caso si opera una distinzione fra: - protezione da incendi dovuti a cortocircuiti - protezione da incendi dovuti a dispersione verso terra - distanza di protezione (solo per posa di cavi e conduttori). Struttura e funzionamento degli interruttori differenziali Caratteristiche Solo in questo modo garantita la completa protezione La struttura di un interruttore dellinterruttore differenziale differenziale determinata in anche in presenza di un guasto generale da 3 gruppi funzionali: della rete, ad esempio di un 1. trasformatore di corrente conduttore esterno o in caso di cumulativa per il rilevamento interruzione del conduttore di corrente differenziale, neutro. 2. sganciatore per la commutazione della Tasto di prova grandezza elettrica in un La funzionalit dellinterruttore disinnesto meccanico, differenziale pu essere 3. serratura con i contatti. controllata dal tasto di prova di Il trasformatore di corrente cui dispone ogni interruttore di cumulativa comprende tutti i questo tipo. Premendo il tasto di conduttori necessari per la prova viene generata una conduzione di corrente, quindi corrente differenziale artificiale eventualmente anche il e linterruttore differenziale deve conduttore neutro. scattare. In un impianto senza guasti gli Si consiglia di controllare la effetti magnetizzanti dei funzionalit alla messa in conduttori attraversati dalla esercizio dellimpianto e a corrente si annullano per il intervalli regolari (circa ogni sei trasformatore di corrente mesi). cumulativa in quanto secondo la Inoltre occorre rispettare i tempi legge di Kirchhoff la somma di di controllo prescritti dalle tutte le correnti uguale a zero. disposizioni o dalle normative Non rimane alcun campo (ad esempio norme magnetico residuo che potrebbe antinfortunistiche). indurre una tensione La tensione minima di nellavvolgimento secondario. funzionamento del tasto di Quando invece, a causa di un prova di 100 V c.a. difetto di isolamento, viene fatta (gamma 5SM). passare una corrente differenziale, lequilibrio viene compromesso e nel nucleo del trasformatore rimane un campo magnetico residuo. In questo modo nellavvolgimento secondario viene generata una tensione che tramite uno sganciatore e la serratura dellapparecchio disinserisce il circuito elettrico in cui presente il difetto di isolamento. Questo principio di sgancio indipendente dalla tensione di rete o da energia ausiliaria. Ci rappresenta anche il presupposto per lelevato livello di protezione offerto dagli interruttori differenziali secondo la norma CEI EN 61 008 (VDE 0664). La protezione da incendi dovuti a cortocircuiti garantita da dispositivi di protezione contro le sovracorrenti mentre quella da incendi dovuti alla dispersione verso terra da interruttori differenziali. In questo caso richiesto limpiego esclusivo di interruttori differenziali con una corrente differenziale nominale massima di 0,5 A. Questo limite superiore non dovrebbe essere utilizzato. La protezione ottimale si ottiene con apparecchi di max. 0,3 A. La protezione supplementare da incendi con interruttori differenziali non dovrebbe essere limitata soltanto a stabilimenti industriali a rischio dincendio ma essere utilizzata in generale.

Utilizzo di interruttori differenziali 3P+N in sistemi trifase senza neutro Gli interruttori differenziali 3P+N possono essere utilizzati nei sistemi trifase senza neutro, mantenendo inalterato lutilizzo del tasto di prova T. In questo caso necessario eseguire i seguenti collegamenti: alimentare linterruttore differenziale ai morsetti 1, 3 e 5; eseguire un collegamento tra il morsetto 1 e il morsetto N (oppure eseguire un collegamento tra il morsetto 3 e il morsetto N) per alimentare il tasto di prova T.

Utilizzo di interruttori differenziali 3P+N in sistemi monofase Gli interruttori differenziali 3P+N possono essere utilizzati nei sistemi monofase, mantenendo inalterato lutilizzo del tasto di prova T. In questo caso necessario eseguire i seguenti collegamenti: alimentare linterruttore differenziale ai morsetti 5 e N.

Utilizzo di interruttori differenziali 3P+N in sistemi bifase Gli interruttori differenziali 3P+N possono essere utilizzati nei sistemi bifase senza neutro, mantenendo inalterato lutilizzo del tasto di prova T. In questo caso necessario eseguire i seguenti collegamenti: alimentare linterruttore differenziale ai morsetti 3 e 5; eseguire un collegamento tra il morsetto 3 e il morsetto N per alimentare il tasto di prova T.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/3

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche generali

Descrizione generale
Impiego Gli interruttori differenziali possono essere utilizzati in tutte le tre forme di rete (DIN VDE 0100 parte 410), nel sistema IT a condizione che la capacit della rete verso terra sia sufficiente a far s che in caso di guasto la corrente di differenziale sia almeno pari al relativo valore nominale. Il sistema IT pu inoltre essere sorvegliato anche con un controllore disolamento. I due dispositivi di protezione non si influenzano reciprocamente.

3/4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche generali

Descrizione generale
Tipi di corrente Con limpiego di componenti elettronici in elettrodomestici e impianti industriali, in caso di difetto di isolamento attraverso un interruttore differenziale possono passare anche correnti differenziali non sinusoidali negli apparecchi dotati di collegamento al conduttore di protezione (classe di protezione I). Le disposizioni per gli interruttori differenziali contengono requisiti supplementari e condizioni di prova per correnti differenziali che entro un determinato periodo della frequenza di rete diventano nulle o pressoch nulle. Gli interruttori differenziali che scattano sia con correnti differenziali alternate sinusoidali che con correnti pulsanti unidirezionali (tipo A), sono contrassegnati con .
Tipo di corrente Forma di corrente Normale funzionamento di interruttori differenziali del tipo AC Corrente alternata Corrente pulsante unidirezionale (semionde pos. o neg.) Semionda parzializzata Angolo di ritardo 90 el Angolo di ritardo 135 el Corrente pulsante unidirezionale con componente continua sovrapposta di 6 mA Corrente continua
1)

Corrente dintervento1)

A X X

B X X 0,5 ... 1,0 In 0,35 ... 1,4 In

X X X

X X X X

0,25 ... 1,4 In 0,11 ... 1,4 In max. 1,4 In+ 6 mA 0,5 ... 2,0 In

Correnti dintervento secondo CEI EN 61 008-1 (VDE 0664, parte 10); per correnti continue unidirezionali secondo CEI 60 755. Gli interruttori differenziali che scattano anche con correnti continue unidirezionali (tipo B) sono contrassegnati con .

Correnti differenziali continue Nelle utenze elettriche industriali vengono sempre pi utilizzati tipi di circuiti in cui in caso di guasto possono comparire correnti continue unidirezionali o con una minima ondulazione residua. Ci illustrato dalla figura seguente relativa a utenze elettriche con circuiti di raddrizzatori trifase. Fra queste utenze rientrano ad esempio convertitori di frequenza, apparecchiature medicali (ad esempio apparecchiature per radiografie e TAC) e UPS. Gli interruttori differenziali sensibili alla corrente pulsante non sono in grado di rilevare e interrompere queste correnti differenziali continue; inoltre la loro funzione di intervento viene influenzata negativamente.

Pertanto le utenze elettriche che in caso di guasto generano queste correnti non possono essere utilizzate con interruttori differenziali nella rete di alimentazione elettrica. Una misura di protezione pu ad esempio essere la separazione che per realizzabile soltanto con trasformatori pesanti e costosi. Con i nuovi interruttori differenziali per tutti i tipi di corrente stata realizzata una soluzione economica e tecnicamente ineccepibile. Questo tipo di interruttore differenziale (tipo B) rientra nel campo dapplicazione della norma DIN EN 50 178 (DIN VDE 0160) Apparecchiature elettroniche da utilizzare negli impianti di potenza.

Schema di principio con punto di guasto

Corrente nominale e corrente differenziale fino a 70C per interruttori differenziali 5SM3 I valori della corrente nominale possibile utilizzare gli In devono essere ridotti interruttori differenziali 5SM3 per un funzionamento fino a moltiplicando gli stessi per i 70C. coefficienti indicati nella seguente tabella.
Temperatura di funzionamento 60C 70C Corrente differenziale In 100 mA 0,8 0,7 In 100 mA 0,88 0,8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/5

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche generali

Descrizione generale
Interruttore differenziale per tutti i tipi di corrente (tipo B) Caratteristiche La base per un interruttore differenziale per tutti i tipi di corrente rappresentata da un interruttore differenziale sensibile alla corrente alternata e pulsante con intervento indipendente dalla tensione di rete, integrato con ununit supplementare per il rilevamento di correnti continue unidirezionali. La sua struttura di principio illustrata nella figura a fianco. Il trasformatore di corrente cumulativa W1 controlla come sempre la presenza di correnti differenziali pulsanti e alternate nellimpianto elettrico. Il trasformatore di corrente cumulativa W2 rileva le correnti differenziali continue unidirezionali e in caso di guasto tramite la centralina elettronica E trasmette allo sganciatore A il comando di disinserimento. A Sganciatore M Meccanica del dispositivo di protezione E Elettronica per intervento con correnti differenziali continue unidirezionali T Dispositivo di prova n Avvolgimento secondario W Trasformatore di 1 corrente cumulativa per il rilevamento delle correnti differenziali sinusoidali W Trasformatore di 2 corrente cumulativa per il rilevamento delle correnti continue unidirezionali Funzionamento Per unelevata sicurezza di alimentazione, la centralina elettronica alimentata da tutti e tre i conduttori esterni e dal neutro. Inoltre lalimentazione dimensionata in modo tale che lelettronica possa intervenire con sicurezza anche con un abbassamento della tensione al 70% (ad esempio fra conduttore esterno e neutro). In questo modo si ha un intervento in presenza di correnti differenziali continue unidirezionali se queste forme di correnti differenziali possono comparire anche in caso di guasti della rete di alimentazione elettrica, ad esempio in caso di rottura del conduttore N. Persino nel caso pi improbabile che si guastino due conduttori esterni e il neutro e che il conduttore esterno ancora integro causi un pericolo dincendio per cortocircuito, la parte dellinterruttore sensibile alla corrente pulsante determina il disinserimento affidabile con un intervento indipendente dalla tensione di rete.

Corrente di cortocircuito condizionale (Inc) e condizionale differenziale (Ic) il valore della componente alternata della corrente di cortocircuito presunta che linterruttore differenziale, protetto da un adatto dispositivo di protezione di cortocircuito (SCPD) posto in serie, pu sopportare senza subire alterazioni che ne compromettano la funzionalit.

il valore della componente alternata della corrente differenziale presunta che linterruttore differenziale, protetto da un adatto dispositivo di protezione di cortocircuito (SCPD) posto in serie, pu sopportare senza subire alterazioni che ne compromettano la funzionalit.

Secondo la nuova norma CEI EN 61 008-1 il costruttore deve dichiarare i valori massimi di I2t e della corrente di picco Ip che linterruttore differenziale pu sopportare. Se questi valori non sono indicati si applicano i valori minimi della norma. Il costruttore deve inoltre indicare il riferimento di uno o pi idonei dispositivi di protezione da cortocircuito.

3/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche generali

Descrizione generale

Correnti differenziali nominali di intervento In Le correnti differenziali nominali di intervento In sono: 30 mA, 0,3 A e 1 A. La corrente differenziale nominale di non intervento Ino pari a 0,5 In (per correnti differenziali alternate sinusoidali). Caratteristica di intervento per sovracorrente La caratteristica di intervento dello sganciatore magnetotermico di tipo C in accordo con la norma CEI EN 61 009-1 ed esattamente la stessa prevista dalla norma CEI 23-3/4a ed. (CEI EN 60 898).

Caratteristica di intervento in presenza di corrente differenziale I valori, in accordo con la norma CEI EN 61 009-1, della durata di interruzione in caso di corrente differenziale sono indicati nella tabella riportata di seguito. Energia specifica passante I2t e classi di limitazione Tutti gli interruttori magnetotermici differenziali presentano una forte limitazione dellenergia specifica passante I2t: tutte le differenti serie possiedono infatti la classe di limitazione 3 secondo CEI EN 61 009-1, a beneficio di una migliore protezione dei conduttori contro i cortocircuiti e di valori pi elevati di selettivit.

Coordinamento in fase di cortocircuito: selettivit dinamica Grazie alla notevole limitazione di corrente offerta in caso di cortocircuito dagli interruttori magnetotermici differenziali possibile garantire la selettivit con linterruttore a monte anche per elevate correnti di guasto, e senza la necessit di ritardare lintervento.

Tenuta agli interventi intempestivi dovuti a sovratensioni impulsive Tutti gli interruttori magnetotermici differenziali resistono alle sovratensioni impulsive (tenuta agli interventi intempestivi) in accordo con la norma CEI EN 61 009-1. In particolare gli interruttori di tipo A resistono anche alla prova di corrente impulsiva 8/20 s secondo VDE 0432 parte 2 per valori di corrente superiori a 1000 A.

Coordinamento dellinterruttore differenziale con un dispositivo di protezione contro i cortocircuiti (SCPD) Il coordinamento deve garantire le seguenti due condizioni: 1 - Inc Icc 2 - Ic Ig Inc corrente di cortocircuito nominale condizionale Ic corrente di cortocircuito nominale condizionale differenziale

Valori di durata dinterruzione in presenza di corrente differenziale Tipo In (A)


1)

In

Valori nominali di durata dinterruzione ad una corrente differenziale alternata sinusoidale (I) uguale a (valori in secondi): In 0,3 2 In 0,15 5 In 1) 0,4 durate massime dinterruzione

(A)

generale qualsiasi valore qualsiasi valore

In il valore superiore tra 500 A e il limite superiore del campo di intervento B, C o D.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/7

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche generali

Descrizione generale

Tabella di scelta degli interruttori differenziali in presenza di circuiti elettronici allinterno degli apparecchi utilizzatori di Classe I

La presente tabella indica, in accordo con le norme CEI 64-8, CEI EN 61 008-1, CEI EN 61 009-1 e IEC 755, il tipo corretto di interruttore differenziale da utilizzare in base alla forma donda della corrente
Circuito elettronico

di guasto differenziale e, conseguentemente, in base al circuito elettronico contenuto allinterno dellapparecchio utilizzatore di Classe I connesso allimpianto di terra.

Interruttori differenziali 5SM del tipo

Corrente di carico

Corrente di guasto differenziale

AC

Esempi di apparecchi utilizzatori di Classe I per i quali si impiegano in accordo con la norma CEI 64-8, interruttori differenziali di tipo A
Apparecchi utilizzatori personal computer, macchine da scrivere elettroniche, registratori di cassa, apparecchiature elettromedicali, bilance elettroniche, unit disco, calcolatori di processo, videogiochi professionali, Juke-box, centraline telefoniche, controlli a logica programmabile, inverter, circuiti di comando per robotica, rotori di antenne paraboliche, ecc.

3/8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche di intervento

Definizione delle caratteristiche di intervento


Progettazione Nella progettazione e realizzazione di impianti elettrici occorre far s che alle utenze elettriche che in caso di guasto possono generare correnti continue unidirezionali sia assegnato un proprio circuito elettrico con un interruttore differenziale per tutti i tipi di corrente (tipo B). La derivazione di circuiti elettrici con questi tipi di utenze in base a interruttori differenziali sensibili alla corrente pulsante (tipo A) non consentita. Le utenze che in caso di guasto possono generare correnti continue unidirezionali comprometterebbero lintervento degli interruttori differenziali sensibili alla corrente pulsante (tipo A). Le condizioni di intervento secondo la norma CEI EN 61 008-1 (VDE 0664, parte 10) valgono anche per linterruttore differenziale per tutti i tipi di corrente (tipo B). Per lintervento in presenza di correnti continue unidirezionali tali condizioni sono state estese conformemente alle curve di compatibilit elettrica a norma CEI EN 60 479 in modo che il disinserimento avvenga ad una corrente dintervento da 0,50 a 2 In.

Gli interruttori differenziali per tutti i tipi di corrente (tipo B) sono contrassegnati con . Per questo nuovo dispositivo di protezione il VDE ha rilasciato un simbolo di controllo.

Nota Con i contatti ausiliari disponibili (vedere Catalogo Generale BETA, capitolo 3 Blocchi differenziali ed elementi ausiliari) gli interruttori differenziali possono essere integrati nei sistemi di automazione per edifici con instabus EIB e bus AS-i o PROFIBUS. I settori di utilizzo degli interruttori differenziali 5SM di tipo A Gli interruttori differenziali 5SM di tipo A sono utilizzati in ogni settore da quello civile a quello industriale in virt di quanto previsto dalle norme impianti. Infatti in accordo con la norma CEI 64-8 art. 532.2.1.4 e la Guida CEI 64-50 art. 5.2.6 nellambito delle protezioni contro i contatti indiretti per interruzione automatica dellalimentazione, si raccomanda, in presenza di apparecchi utilizzatori di classe I incorporanti circuiti elettronici (vedere Esempi di apparecchi utilizzatori di classe I per i quali si impiegano in accordo con la norma CEI 64-8, interruttori differenziali di tipo A a pagina 3/8), lutilizzo di interruttori differenziali di tipo A.

Caratteristica tipo A - Correnti di guasto alternate e pulsanti unidirezionali Interruttori differenziali 5SM Gli interruttori differenziali LUltraperm F a parit del tipo A 5SM di tipo A con corrente valore massimo dellinduzione differenziale nominale di saturazione Bs presenta infatti Attraverso lutilizzo di specifici In 30 mA presentano un valore dellinduzione residua materiali magnetici a basso inoltre allinterno del circuito Br particolarmente basso in valore di induzione residua per il dellavvolgimento secondario modo tale da garantire una toroide differenziale come del trasformatore toroidale un sufficiente variazione lUltraperm F e il Permax F e di condensatore, opportunamente dellinduzione magnetica B, particolari accorgimenti necessaria per assicurare dimensionato per compensare costruttivi, gli interruttori lintervento dellinterruttore le reattanze induttive del differenziali 5SM tipo A sono in differenziale anche per correnti circuito stesso. grado di intervenire anche in di guasto a massa di tipo A parit del valore della tensione presenza di correnti di guasto pulsante unidirezionale. applicata al rel di sgancio, differenziali di tipo pulsante In accordo con le norme necessario per lintervento unidirezionale, in accordo con le CEI EN 61 008-1 e CEI 23-18/V3 dellinterruttore, risulta inferiore relative norme CEI EN 61 008-1 gli interruttori differenziali di il valore della tensione indotta e CEI 23-18/V3. tipo A devono riportare in targa sullavvolgimento secondario il simbolo . rispetto ad un circuito senza condensatore, con il vantaggio di poter contenere le dimensioni dellinterruttore anche per le correnti differenziali nominali pi basse.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/9

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche di intervento

Definizione delle caratteristiche di intervento


Cicli di isteresi dinamici e relative tensioni indotte sul magnete di sgancio
Cicli di isteresi dinamici Tensione indotta applicata al magnete di sgancio

B
Correnti differenziali sinusoidali

v 1

H
a c

t
1 - valore di sgancio

Interruttori differenziali tipo AC Materiale magnetico del toroide di tipo tradizionale a - andamento dellinduzione per correnti alternate sinusoidali cui corrisponde una tensione (c) sul magnete di sgancio sufficiente per il corretto funzionamento b - andamento dellinduzione per correnti unidirezionali pulsanti cui corrisponde una tensione (d) sul magnete di sgancio insufficiente per il corretto funzionamento

B
Correnti differenziali pulsanti unidirezionali

v 1

H t
b Cicli di isteresi dinamici d 1 - valore di sgancio

Tensione indotta applicata al magnete di sgancio

v
Correnti differenziali sinusoidali

H t
e g 1 - valore di sgancio

Interruttori differenziali tipo A Materiale magnetico del toroide: Ultraperm F e - andamento dellinduzione per correnti alternate sinusoidali cui corrisponde una tensione (g) sul magnete di sgancio sufficiente per il corretto funzionamento f - andamento dellinduzione per correnti unidirezionali pulsanti cui corrisponde una tensione (h) sul magnete di sgancio ancora sufficiente per il corretto funzionamento

Correnti differenziali pulsanti unidirezionali

0,25 A/cm

1 - valore di sgancio

3/10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche di intervento

Definizione delle caratteristiche di intervento


Caratteristica B Correnti di guasto anche di tipo continuo Un numero sempre maggiore di equipaggiamenti industriali sono forniti di circuiti che in caso di guasto generano correnti differenziali verso terra di tipo continuo con una ondulazione residua molto bassa, inferiore al 10%. Nellazionamento di motori a corrente continua per pompe, ascensori, macchine tessili ecc. vengono, per esempio, sempre pi frequentemente usati raddrizzatori a ponte trifasi. In caso di guasto a massa la forma della corrente differenziale quella indicata in figura qui di seguito.

Gli interruttori differenziali sia di tipo AC sia di tipo A non sono in grado di rivelare tali tipi di correnti differenziali, solo gli interruttori di tipo B riescono ad intervenire correttamente interrompendo il circuito affetto dal guasto, vedere tabella a pagina 3/8. La norma CEI 64-8 art. 532.2.1.4, commento, raccomanda di prendere opportuni provvedimenti per la protezione contro i contatti indiretti quando si in presenza di correnti di guasto del tipo indicate nella figura qui di seguito, ricorrendo o alla protezione per separazione elettrica, assai costosa, oppure allutilizzo degli interruttori differenziali di tipo B. Gli interruttori differenziali di tipo B sono definiti nella norma IEC 755 variante 2 del maggio 1992.

Secondo tale variante questi interruttori devono essere in grado di rivelare anche le correnti di guasto rivelate dagli interruttori di tipo AC ed A, vedere tabella 4, pagina 3/5. Linterruttore differenziale della serie 5SM3 tipo B si basa costruttivamente sulla tecnologia del tipo A adatto per correnti di guasto differenziali alternate e pulsanti unidirezionali e con funzionamento indipendente dalla tensione di rete. Per la rivelazione delle correnti di guasto di tipo continuo, il tipo B prevede unulteriore unit elettronica, con funzionamento dipendente dalla tensione di rete.

Massima affidabilit di funzionamento Per ottenere le massime garanzie di funzionalit di questo interruttore, lalimentazione dellunit elettronica viene realizzata utilizzando le tre fasi ed il neutro della rete di alimentazione. Cos facendo sono sufficienti 2 conduttori qualsiasi su 4 per garantire il corretto funzionamento. Inoltre lunit elettronica stata dimensionata per poter funzionare con una tensione anche ridotta al 70% del valore nominale.

Raddrizzatore a ponte trifase

Raddrizzatore trifase a stella

Camera di carico

Camera di guasto a terra

Figura 1 - Con questi tipi di circuiti le correnti di guasto a terra sono del tipo continuo.

Figura 2 - Gli utilizzatori che in caso di guasto a massa provocano correnti verso terra di tipo continuo non devono essere n collegati n derivati a valle di interruttori differenziali di tipo AC ed A in quanto ne potrebbero inibire il corretto funzionamento. Tali utilizzatori devono essere collegati a valle di interruttori differenziali di tipo B.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/11

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche di intervento

Descrizione generale
Disinserimento con breve ritardo In presenza di utenze elettriche supera la corrente differenziale che allinserimento possono nominale In dellinterruttore differenziale. causare brevi ed elevate correnti disperse (ad esempio correnti Per le applicazioni nelle quali differenziali transitorie che non possibile o possibile solo passano fra conduttore esterno in parte eliminare la fonte di e PE tramite condensatori disturbo si possono utilizzare antiradiodisturbi), possibile un interruttori differenziali con intervento accidentale di breve ritardo. interruttori differenziali non ritardati se la corrente dispersa Disinserimento selettivo Di norma gli interruttori differenziali intervengono senza ritardo. Ci significa che il collegamento in serie di questi interruttori differenziali a scopo di disinserimento selettivo in caso di guasto non funziona. Per garantire selettivit nel collegamento in serie di interruttori differenziali, gli apparecchi collegati in serie devono essere scaglionati sia per quanto riguarda il tempo di intervento che nella corrente differenziale nominale. Gli interruttori differenziali selettivi presentano un ritardo dintervento temporizzato. Questi apparecchi hanno un tempo di intervento minimo di 10 ms, ovvero non possono scattare con un impulso della corrente differenziale di 10 ms. In questo modo si rispettano le condizioni di intervento previste dalla norma CEI EN 61 008-1 (VDE 0664, parte 10). Gli apparecchi presentano una resistenza alla corrente impulsiva di 3 kA, superiore ai requisiti della VDE 0664. Gli interruttori differenziali con breve ritardo sono contrassegnati con .

Inoltre gli interruttori differenziali selettivi devono presentare una elevata resistenza alla corrente impulsiva di almeno 3 kA a norma CEI EN 61008-1 (VDE 0664, parte 10). Gli apparecchi Siemens hanno una resistenza alla corrente impulsiva di 5 kA. Gli interruttori differenziali selettivi sono contrassegnati con . La tabella a fianco mostra il possibile scaglionamento di interruttori differenziali per il disinserimento selettivo in un collegamento in serie con apparecchi senza ritardo temporale e con breve ritardo .

1)

Per gli interruttori differenziali del tipo AC vale: < 40 ms.

Per impiego in ambienti aggressivi Per limpiego di interruttori Gli interruttori differenziali per differenziali in condizioni limpiego in condizioni ambientali particolari (ad ambientali particolari sono esempio piscine coperte, stalle, contrassegnati con . impianti industriali) consigliamo linterruttore differenziale contrassegnato con che con misure adeguate impedisce efficacemente la corrosione dovuta alla formazione di umidit con influsso di gas nocivi sulle parti sensibili del meccanismo di intervento.

Note importanti consigliato realizzare il collegamento alla rete dai morsetti inferiori (2, 4, 6 e N). Misurazioni dellisolamento: a) con interruttore differenziale inserito con tensioni di prova fino a max. 500 V c.a.

b) con interruttore differenziale disinserito sono ammesse tensioni di prova superiori solo sul lato di carico (morsetti 1, 3, 5 e N). Autoconsumo: ca. 0,05 VA.

3/12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche di intervento

Definizione delle caratteristiche di intervento


Potere di interruzione, resistenza al cortocircuito Conformemente alle La resistenza al cortocircuito di disposizioni di installazione della questa combinazione deve norma DIN VDE 0100 parte 410 essere indicata sugli apparecchi. (protezione contro correnti Oltre alladeguato fusibile di pericolose nel corpo) gli protezione gli interruttori interruttori differenziali si differenziali Siemens hanno una possono impiegare in tutte le resistenza al cortocircuito di tre forme di rete (sistema TN, 10000 A. Si tratta del massimo TT e IT). grado di resistenza al cortocircuito previsto dalle In tal caso utilizzando il disposizioni VDE. conduttore neutro come I dati relativi al potere protezione nel sistema TN dinterruzione nominale possibile la comparsa di correnti secondo CEI EN 61 008 o la di cortocircuito nelleventualit massima protezione contro il di un guasto. Pertanto gli cortocircuito del fusibile interruttori differenziali devono ammessa per gli interruttori possedere unadeguata differenziali sono indicati nella resistenza al cortocircuito e un tabella seguente. fusibile di protezione. Le prove a tal proposito sono state stabilite.
Corrente nominale dellinterruttore differenziale Potere dinterruzione nominale Im secondo CEI EN 61 008 (VDE 0664) con periodo reticolo di 35 mm Max. protezione contro il cortocircuito del fusibile NH, DIAZED e NEOZED Classe dimpiego gL/gG per interruttore differenziale 125 V c.a. 500 V c.a. fino a 400 V A A 63 100 100 100 100 100 100 125 -

Tipo A A 16 - 40 63 80 25 40 63 80 125 2 u.m. 2,5 u.m. 2,5 u.m. 4 u.m. 4 u.m. 4 u.m. 4 u.m. 4 u.m. Tipo B 25 - 80 4 u.m. 800 A 500 800 800 800 800 800 800 1250

63 63 63

100

Resistenza alla corrente impulsiva In caso di temporali, La prova viene effettuata con sovratensioni atmosferiche una corrente impulsiva con onda sotto forma di onde migranti in normalizzata di 8/20 s. Gli una rete aerea possono interruttori differenziali Siemens penetrare nellimpianto e far sensibili alla corrente pulsante scattare gli interruttori hanno una resistenza alla differenziali. Per evitare questi corrente impulsiva di 1000 A. disinserimenti indesiderati gli interruttori differenziali sensibili alla corrente pulsante devono superare prove ben definite per dimostrare la resistenza alla corrente impulsiva.
Onda di corrente impulsiva di 8/20 s (tempo di salita di 8 s: durata dellonda fino allemivalore di 20 s)

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/13

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Caratteristiche di intervento

Definizione delle caratteristiche di intervento


Impieghi speciali: interruttori differenziali per frequenza fino a 400 Hz Gli interruttori differenziali che vengono usualmente utilizzati sono adatti per limpiego a frequenza industriale, 50 Hz. A frequenze pi elevate, in conseguenza dellaumento della riluttanza magnetica del toroide differenziale, il valore della corrente differenziale di intervento aumenta, figura in basso, raggiungendo a 400 Hz valori anche 4 5 volte superiori a quelle della corrente differenziale nominale a 50 Hz. Per quanto riguarda la protezione contro i contatti indiretti tale aumento della corrente differenziale di intervento non comporta in genere particolari problemi. Se invece si vuole garantire la protezione addizionale contro i contatti diretti offerta da un interruttore differenziale con In 30 mA anche a frequenze superiori a 50 Hz, necessario ricorrere ad interruttori differenziali il cui valore della corrente differenziale di intervento non aumenti allaumentare della frequenza di rete. Una esecuzione speciale degli interruttori differenziali modulari serie 5SM con In 30 mA garantisce la costanza del valore della corrente differenziale di intervento per frequenza da 50 a 400 Hz, vedere figura in basso. Questi interruttori differenziali sono particolarmente utilizzati nelle linee di montaggio dove vengono impiegati utensili ad alta velocit, nei laboratori, nellindustria tessile, nella tecnica delle telecomunicazioni ed inoltre sono di tipo A e quindi adatti anche per correnti differenziali pulsanti unidirezionali.

Dipendenza del valore della corrente differenziale di intervento dalla frequenza di rete

I [mA]

f [Hz]

3/14

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 1P+N (2 u.m.); 230 V c.a.; P.I. = 4500 A; Tipo A e Tipo AC; caratteristica di intervento C. 5SU1.53-.KK

I2t [kA2s]

13/16/32/40 8/10/20/25 6

Ip [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/15

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 1P+N (2 u.m.); 230 V c.a.; P.I. = 6000 A; Tipo A e Tipo AC; caratteristica di intervento B. 5SU1.56-.KK

I2t [kA2s]

13/16/32/40 8/10/20/25 6

Ip [kA]

3/16

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 1P+N (2 u.m.); 230 V c.a.; P.I. = 6000 A; Tipo A e Tipo AC; caratteristica di intervento C. 5SU1.56-.KK

I2t [kA2s]

13/16/25/32/40 10 20 6

Ip [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/17

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 1P+N (2 u.m.); 230 V c.a.; P.I. = 10000 A; Tipo A e Tipo AC; caratteristica di intervento B. 5SU1.54-.KK

I2t [kA2s]

25/32/40 13/16/20 10

Ip [kA]

3/18

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 1P+N (2 u.m.); 230 V c.a.; P.I. = 10000 A; Tipo A e Tipo AC; caratteristica di intervento C. 5SU1.54-.KK

I2t [kA2s]

32/40 20/25 13/16 10 6

Ip [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/19

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 2P (3 u.m.); 230 V c.a.; P.I. = 10000 A; Tipo A; caratteristica di intervento B. 5SU1 324-.FA

I2t [kA2s]

25/32/40 13/16/20 10

Ip [kA]

3/20

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 2P (3 u.m.); 230 V c.a.; P.I. = 10000 A; Tipo A; caratteristica di intervento C. 5SU1 324-.FA

I2t [kA2s]

32/40 20/25 13/16 10 6

Ip [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/21

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 2P da 125 V c.a. a 230 V c.a. e 4P da 230 V c.a. a 400 V c.a.; P.I. = 50 kA secondo CEI EN 60 947-2; Tipo AC; caratteristica di intervento C. 5SU1-7KC

I2t [A2s]

40/63 25 16

Icc [A]

3/22

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 4P da 400 V c.a. e 480 V c.a.; P.I. = 10000 A; Tipo B; caratteristica di intervento C. 5SU1-7AK, 5SU1-7CK e 5SU1-7BK

I2t [kA2s]

100 / 125

Icc [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/23

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve dellenergia specifica passante I2t


Interruttori magnetotermici differenziali 4P da 400 V c.a. e 480 V c.a.; P.I. = 10000 A; Tipo B; caratteristica di intervento D. 5SU1-8AK e 5SU1-8BK

I2t [kA2s]

100

Icc [kA]

3/24

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione

Interruttori magnetotermici differenziali 4P da 400 V c.a. e 480 V c.a.; P.I. = 10000 A; Tipo B; caratteristica di intervento C. 5SU1-7AK, 5SU1-7CK e 5SU1-7BK

Ip [kA]

125 100

Icc [kA]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/25

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Curve I2t e di limitazione

Curve di limitazione

Interruttori magnetotermici differenziali 4P da 400 V c.a. e 480 V c.a.; P.I. = 10000 A; Tipo B; caratteristica di intervento D. 5SU1-8AK e 5SU1-8BK

Ip [kA]

100

Icc [kA]

3/26

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY6) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY6 Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D In [A] Icn [kA] 6 6 8 6 10 6 13 6 16 6 20 6 25 6 32 6 40 6 50 6 63 6

Valori limite di back-up [kA]1) 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY6 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/27

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY4) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY4 Caratteristica A Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica D In [A] Icn [kA] 6 10 8 10 10 10 13 10 16 10 20 10 25 10 32 10 40 10 50 10 63 10

Valori limite di back-up [kA]1) 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY4 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

3/28

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-53-.KK e 5SU1.56-.KK) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-6 Caratteristica B 80 10 100 10 125 10 5SP4-7 Caratteristica C 80 10 100 10 125 10 5SP4-8 Caratteristica D 80 10 100 10

Valori limite di back-up [kA]1) 10 10 6 10 6 10 6 10 6 10 6 10 6 10 6 10

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 40 6 40 4,5 6

5SU1.56-.KK
Caratteristica C

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SP4 nelle esecuzioni 1P alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/29

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY7) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY7 Caratteristica B Caratteristica C In [A] Icn [kA] 6 15 8 15 10 15 13 15 16 15 20 15 25 15 32 15 40 15 50 15 63 15

Valori limite di back-up [kA]1) 10 15 15 10 10 15 15 15 15 10 10 10 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY7 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

3/30

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY7) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY7 Caratteristica D 6 15 8 15 10 15 13 15 16 15 20 15 25 15 32 15 40 15 50 15 63 15

Valori limite di back-up [kA]1) 10 15 15 10 10 15 15 15 15 10 10 10 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 15 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 10 10 10 10 10 10 10 10 10 15 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY7 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/31

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY8) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icu [kA] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY8 Caratteristica C 6 50 8 40 10 40 13 30 16 30 20 30 25 30 32 30 40 25 50 25 63 25

Valori limite di back-up [kA]1) 15 30 50 15 15 25 25 40 40 15 15 15 25 25 25 40 40 40 10 10 10 10 20 20 20 20 30 30 30 30 10 10 10 10 10 20 20 20 20 20 30 30 30 30 30 10 10 10 10 10 10 20 20 20 20 20 20 30 30 30 30 30 30 10 10 10 10 10 10 10 20 20 20 20 20 20 20 30 30 30 30 30 30 30 10 10 10 10 10 10 10 10 20 20 20 20 20 20 20 20 30 30 30 30 30 30 30 30 10 10 10 10 10 10 10 10 10 20 20 20 20 20 20 20 20 20 25 25 25 25 25 25 25 25 25 10 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 25 25 25 25 25 25 25 25 25 10 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 25 25 25 25 25 25 25 25 25

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY8 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.

3/32

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici modulari (5SY8) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icu [kA] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SY8 Caratteristica D 6 50 8 40 10 40 13 30 16 30 20 30 25 30 32 30 40 25 50 25 63 25

Valori limite di back-up [kA]1) 15 25 50 10 10 20 20 40 40 10 10 10 20 20 20 40 40 40 10 10 10 10 15 15 15 15 30 30 30 30 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 30 30 30 30 30 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 30 30 30 30 30 30 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 30 30 30 30 30 30 30 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 30 30 30 30 30 30 30 30 10 10 10 10 10 10 10 10 10 15 15 15 15 15 15 15 15 15 25 25 25 25 25 25 25 25 25 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10 20 20 20 20 20 20 20 20 20 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10 20 20 20 20 20 20 20 20 20

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

1)

I valori si riferiscono all'impiego di interruttori 5SY8 nelle esecuzioni 1P e 1P+N alla tensione di 230 V c.a. e 2P, 3P e 4P alla tensione di 400 V c.a.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/33

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-53-.KK e 5SU1.56-.KK) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] Icn [kA] 100 10 125 10 Caratteristica D 100 10 5SU1-8AK 5SU1-8BK

Valori limite di back-up [kA]

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 40 6 40 4,5 6 6 10 6 10 6 10

5SU1.56-.KK
Caratteristica C

3/34

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Im > [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 regolabili 50 500 Icu [kA] 40/70/100 Icn [kA] 63 630 40/70/100 80 800 40/70/100 100 1000 40/70/100 125 1250 40/70/100 160 1600 40/70/100 3VF3 non regolabili 50 400 40/70/100 63 500 40/70/100 80 630 40/70/100 100 800 40/70/100 125 1000 40/70/100 160 1280 40/70/100

Valori limite di back-up [kA]

5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica B Caratteristica C 6 840 6 840 60 80400 60 80400 4,5/6 4,5/6 10 10 70 15 80 30 70 15 80 30 70 15 80 30 70 15 80 30 70 15 80 30 65 15 80 20 70 15 80 35 70 15 80 35 70 15 80 35 65 10 80 35 65 10 80 35 65 10 80 35

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA

Valori limite di back-up tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF4 In [A] Im > [A] 125 1250 160 1600 200 2000 250 2500 3VF5 200 2000 250 2500 315 3150 400 4000 3VF6 315630 32006300 3VF7 4001250 15000 50/70/100 3VF8 16002000 20000 70/100 3WN1/ 3WS1 3156300 378075600 65100

Icu [kA] 40/70/100 40/70/100 40/70/100 40/70/100 45/70/100 45/70/100 45/70/100 45/70/100 45/70/100 Icn [kA] Valori limite di back-up [kA]

5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK
Caratteristica B Caratteristica C Caratteristica B Caratteristica C 6 840 6 840 60 80400 60 80400 4,5/6 4,5/6 10 10 34 15 50 20 34 15 50 20 34 15 50 20 34 15 50 20 30 15 50 20 30 15 45 20 30 15 45 20 30 15 45 20 30 15 35 20 30 15 35 20 30 15 35 20 30 15 35 20

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/35

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di back-up

Protezione di back-up tra fusibili e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) La tabella seguente indica in kA le correnti di cortocircuito fino alle quali garantita una protezione di back-up secondo DIN VDE 0636 parte 21. Valori limite di back-up tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Valori limite di back-up [kA] Fusibili a monte 50 63 80 100 125 160

5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK
6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 10 10 10 10 10 10 10 10 10 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 35 35 35 35 35 50 50 50 50 35 30 25 30 30 25 35 35 35 30 30 25 25 25 15

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


6 8 10 13 16 20 25 32 40 nessuna protezione di back-up necessaria 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 45 45 40 40 45 45 45 45 40 40 35 35 40 40 45 45 35 35 30 30 30 30

3/36

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici modulari 5SP4 e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Im [A] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-7 Caratteristica C 80 800 10 100 1000 10 125 1250 10 5SP4-8 Caratteristica D 80 1200 10 100 1500 10

Valori limite di selettivit [kA]

5SU1.56-.KK
Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 30 50 65 80 100 125 160 200 60 80 100 130 160 200 250 320 400 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 1 0,8 0,6 0,6 0,8 0,8 0,6 0,6 0,8 0,7 0,6 0,6 0,6 0,7 0,6 0,6 0,6 2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,5 1,2 1,2 1 1 1,2 1,2 1 1 2 1,5 1,2 1,2 1,5 1,2 1,2 1,2 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 4 2,5 2 2 2,5 2 2 2 2,5 2 1,5 1,5 1,5 2 1,5 1,5 1,5 5 4 2,5 2,5 4 2,5 2,5 2,5 4 3 1,5 1,5 1,5 3 1,5 1,5 1,5

5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/37

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori magnetotermici modulari (5SP4) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici modulari 5SP4 e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Im [A] Icn [kA] Interruttori magnetotermici modulari a monte 5SP4-7 Caratteristica C 80 800 10 100 1000 10 125 1250 10 5SP4-8 Caratteristica D 80 1200 10 100 1500 10

Valori limite di selettivit [kA]

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 30 50 65 80 100 125 160 200 60 80 100 130 160 200 250 320 400 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 1,2 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,6 0,6 1 0,8 0,8 0,8 0,8 0,7 0,6 0,6 0,6 2,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 3 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 2 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 6 3 2,5 2,5 2,5 2 2 2 3 2,5 2,5 2,5 2,5 2 1,5 1,5 1,5 8 4 4 4 4 2,5 2,5 2,5 5 4 4 3 3 3 1,5 1,5 1,5

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

3/38

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK, e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] Im [A] Icn [kA] 100 1000 10 125 1250 10 5SU1-8AK 5SU1-8BK Caratteristica D 100 1500 10

Valori limite di selettivit [kA]

5SU1.56-.KK
Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 30 50 65 80 100 125 160 200 60 80 100 130 160 200 250 320 400 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 4,5/6 2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,5 1,2 1,2 1 1 1,2 1,2 1 1 2 1,5 1,2 1,2 1,5 1,2 1,2 1,2 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 5 4 2,5 2,5 4 2,5 2,5 2,5 4 3 1,5 1,5 1,5 3 1,5 1,5 1,5

5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/39

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) In caso di cortocircuito fra gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori magnetotermici differenziali modulari/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori magnetotermici differenziali modulari a monte 5SU1-7AK 5SU1-7CK 5SU1-7BK Caratteristica C In [A] Im [A] Icn [kA] 100 1000 10 125 1250 10 5SU1-8AK 5SU1-8BK Caratteristica D 100 1500 10

Valori limite di selettivit [kA]

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 30 50 65 80 100 125 160 200 60 80 100 130 160 200 250 320 400 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 2,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1 1 3 1,5 1,5 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 2 1,5 1,5 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 1,2 8 4 4 4 4 2,5 2,5 2,5 5 4 4 3 3 3 1,5 1,5 1,5

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

3/40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660, parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite di selettivit tra interruttori automatici scatolati/interruttori magnetotermici differenziali
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Im [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3-3F 50 400 Icu [kA] 40 100 Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] 5SU1.56-.KK Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 6 8 10 13 16 20 25 32 40 30 50 65 80 100 125 160 200 60 80 100 130 160 200 250 320 400 6 6 6 6 6 6 6 6 4 2,5 2 2 2,5 2 2 2 6 5 4 4 5 4 4 4 4,5/ 6 4 3 3 3 4 3 3 3 6 5 4 4 5 4 4 4 4,5/ 6 4 3 3 3 4 3 3 3 6 5 4 4 5 4 4 4 4,5/ 6 4 3 3 3 4 3 3 3 6 6 4 4 6 4 4 4 4,5/ 6 4 4 3 3 4 4 3 3 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 6 6 6 6 6 6 6 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 4,5/ 6 63 500 40 100 80 630 40 100 100 800 40 100 125 40 100 160 40 100 3VF4-3D 125 40 100 160 40 100 200 40 100 250 40 100 3VF5-3D 200 45 100 250 45 100 315 45 100 400 45 100 3VF6-3D 315 45 100 400 45 100 500 45 100 630 45 100

1000 1280 1250 1600 2000 2500 2000 2500 3150 4000 3200 4000 5000 6300

5SU1.53-.KK e 5SU1.56-.KK Caratteristica C 4,5/6 3 4,5/6 2 4,5/6 2 4,5/6 1,5 4,5/6 1,5 4,5/6 2 4,5/6 2 4,5/6 1,5 4,5/6 1,5

1)

Icu: potere di interruzione nominale estremo di cortocircuito a 380/415 V c.a. per gli interruttori 3VF.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/41

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite di selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3-3F In [A] Im [A] 50 400 Icu [kA] 40 100 Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] 63 500 40 100 80 630 40 100 100 800 40 100 125 40 100 160 40 100 3VF4-3D 125 40 100 160 40 100 200 40 100 250 40 100 3VF5-3D 200 45 100 250 45 100 315 45 100 400 45 100 3VF6-3D 315 45 100 400 45 100 500 45 100 630 45 100

1000 1280 1250 1600 2000 2500 2000 2500 3150 4000 3200 4000 5000 6300

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 30 50 65 80 100 125 160 200 60 80 100 130 160 200 250 320 400 10 6 10 3 10 3 10 2,5 10 2,5 10 2 10 2 10 2 10 3 10 3 10 3 10 2 10 2 10 2 10 2 10 1,5 10 1,5 10 6 6 5 5 4 4 4 10 6 6 4 4 4 3 3 3 10 6 6 5 5 4 4 4 10 6 6 4 4 4 3 3 3 10 6 6 5 5 4 4 4 10 6 6 4 4 4 3 3 3 10 6 6 6 6 4 4 4 10 6 6 5 4 4 4 3 3 10 10 10 8 8 8 6 6 10 10 10 8 8 6 6 5 5 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

5SU1.54-KK e 5SU1 324-.FA

1)

Icu: potere di interruzione nominale estremo di cortocircuito a 380/415 V c.a. per gli interruttori 3VF.

3/42

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK) In caso di cortocircuito fra i fusibili e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.53-.KK, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Fusibili a monte In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 0,35 0,55 0,45 0,45 0,40 0,40 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 0,60 1,5 1,4 1,4 1,2 1,2 1,2 1,2 2,8 2,3 2,3 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 4,5 3,3 3,3 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 4,5 4,2 4,2 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/43

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.56-.KK) In caso di cortocircuito fra i fusibili e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.56-.KK, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Fusibili a monte In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1.56-.KK
Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 0,4 0,35 0,70 0,50 0,45 0,45 0,55 0,45 0,45 0,40 0,40 1,1 0,75 0,70 0,70 0,70 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 0,60 2,0 1,4 1,3 1,3 1,3 1,3 1,5 1,4 1,4 1,2 1,2 1,2 1,2 4,1 2,4 2,0 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 2,8 2,3 2,3 2,0 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 3,4 2,7 2,7 2,7 2,7 2,7 2,7 4,7 3,3 3,3 3,0 3,0 3,0 3,0 2,8 2,8 4,2 3,6 3,6 3,6 3,6 3,6 3,6 4,2 4,2 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 -

5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

3/44

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) In caso di cortocircuito fra i fusibili e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Fusibili a monte In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica B 6 10 13 16 20 25 32 40 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 0,45 0,40 0,70 0,55 0,50 0,50 0,60 0,50 0,50 0,50 0,50 1,1 0,80 0,75 0,75 0,75 0,90 0,80 0,80 0,70 0,70 0,60 2,2 1,5 1,4 1,4 1,4 1,2 1,7 1,5 1,5 1,3 1,3 1,2 1,2 5,0 2,8 2,3 2,3 2,3 2,0 2,0 1,8 3,3 2,7 2,7 2,3 2,3 2,0 2,0 1,8 1,8 4,6 3,9 3,9 3,9 3,1 3,1 2,8 6,5 5,0 5,0 4,0 4,0 3,2 3,2 2,8 2,8 7,0 6,0 6,0 6,0 4,5 4,5 4,0 7,0 7,0 5,0 5,0 4,4 4,4 3,6 3,6 8,0 8,0 7,0 8,0 8,0 7,0 7,0

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/45

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili (NEOZED) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) In caso di cortocircuito fra i fusibili NEOZED e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] Fusibili a monte NEOZED gL/gG 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10 0,35 0,35 0,35 0,55 0,50 0,50 0,40 0,40 0,55 0,50 0,50 0,40 0,40 0,55 0,50 0,50 0,40 0,40 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 0,60 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 0,60 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 0,60 1,7 1,4 1,4 1,3 1,3 1,2 1,2 1,7 1,4 1,4 1,3 1,3 1,2 1,2 1,7 1,4 1,4 1,3 1,3 1,2 1,2 3,3 2,6 2,6 2,2 2,2 2,2 2,2 2,2 2,2 3,3 2,6 2,6 2,2 2,2 2,2 2,2 2,2 2,2 3,3 2,6 2,6 2,2 2,2 2,2 2,2 2,2 2,2 4,5 3,3 3,3 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 4,7 3,3 3,3 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 4,7 3,3 3,3 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 4,5 4,2 4,2 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 6,0 4,2 4,2 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 10,0 4,2 4,2 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 10,0 10,0 10,0 10,0 10,0 8,0 8,0 7,0 7,0

5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

3/46

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili (DIAZED) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) In caso di cortocircuito fra i fusibili DIAZED e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] Fusibili a monte DIAZED gL/gG 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10 0,40 0,40 0,40 0,55 0,45 0,45 0,45 0,45 0,55 0,45 0,45 0,45 0,45 0,55 0,45 0,45 0,45 0,45 0,80 0,75 0,75 0,65 0,65 0,65 0,80 0,75 0,75 0,65 0,65 0,65 0,80 0,75 0,75 0,65 0,65 0,65 2,0 1,8 1,8 1,4 1,4 1,3 1,3 2,0 1,8 1,8 1,4 1,4 1,3 1,3 2,0 1,8 1,8 1,4 1,4 1,3 1,3 3,0 2,6 2,6 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 3,0 2,6 2,6 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 3,0 2,6 2,6 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 4,5 4,0 4,0 3,3 3,3 3,3 3,3 3,0 3,0 6,0 4,0 4,0 3,3 3,3 3,3 3,3 3,0 3,0 8,0 4,0 4,0 3,3 3,3 3,3 3,3 3,0 3,0 4,5 4,5 4,5 4,0 4,0 4,0 4,0 3,6 3,6 6,0 5,6 5,6 4,0 4,0 4,0 4,0 3,6 3,6 10,0 7,0 7,0 5,0 5,0 4,4 4,4 3,6 3,6 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 10,0 10,0 10,0 10,0 10,0 9,0 9,0 7,5 7,5

5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/47

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra fusibili (NH) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA) In caso di cortocircuito fra i fusibili NH e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK, 5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA, secondo CEI EN 60 269-2, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra fusibili/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] Icn [kA] Valori limite di selettivit [kA] Fusibili a monte NH gL/gG/aM 16 20 25 35 50 63 80 100

5SU1.53-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6 6 6 6 6 6 6 6 6 10 10 10 10 10 10 10 10 10 0,55 0,55 0,55 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 0,80 0,70 0,70 0,60 0,60 1,5 1,4 1,4 1,2 1,2 1,2 1,2 1,5 1,4 1,4 1,2 1,2 1,2 1,2 1,5 1,4 1,4 1,2 1,2 1,2 1,2 2,8 2,3 2,3 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 2,8 2,3 2,3 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 2,8 2,3 2,3 2,0 2,0 2,0 2,0 1,8 1,8 4,5 3,8 3,8 3,0 3,0 3,0 3,0 2,8 2,8 4,8 3,8 3,8 3,0 3,0 3,0 3,0 2,8 2,8 4,8 3,8 3,8 3,0 3,0 3,0 3,0 2,8 2,8 4,5 4,5 4,5 4,0 4,0 4,0 4,0 4,0 4,0 6,0 5,0 5,0 4,0 4,0 4,0 4,0 4,0 4,0 10,0 5,0 5,0 4,0 4,0 4,0 4,0 4,0 4,0 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 6,0 10,0 10,0 10,0 10,0 10,0 10,0 10,0 8,0 8,0

5SU1.56-.KK
Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

5SU1.54-.KK e 5SU1 324-.FA


Caratteristica C 6 8 10 13 16 20 25 32 40

3/48

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VL) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VL e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit di interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] I > [A] Icn [kA] Interruttori automatici scatolati a monte 3VL1, TM fisso 50 500 40/ 70/ 100 63 630 40/ 70/ 100 80 800 40/ 70/ 100 100 1000 40/ 70/ 100 125 1250 40/ 70/ 100 160 1600 40/ 70/ 100 3VL2, TM regolabile 50 400 40/ 70/ 100 63 500 40/ 70/ 100 80 630 40/ 70/ 100 100 800 40/ 70/ 100 125 1000 40/ 70/ 100 160 1280 40/ 70/ 100

Valori limite di selettivit [kA]

5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK


Caratteristica C Caratteristica D 100 100 1000 1200 10 10 1,2 1,5 1,5 -

1)

T = selettivit totale fino al potere dinterruzione nominale Icn del dispositivo di protezione a valle. In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I corrente d'intervento.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/49

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VL e 3WN) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VL e 3WN e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 101 sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte In [A] In [A] I >[A] Icn [kA] 3VL3, TM 200 2000 250 2500 3VL4, TM 200 2000 250 2500 315 3150 400 4000 3VL6, ETU 315 3200 400 800 1575 6400 3VL7, ETU 400 1250 15000 3VL6, ETU 800 2500 20000 315 6300 3780 75000 315 3200 3780 48000 3WN1 3WN6

40/100 40/100 45/100 45/100 45/100 45/100 45/100 50/100 70/100 65/100 65/100 65/75 Valori limite di selettivit [kA]1) 3,0 3,0 2,5 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 5,0 5,0 6,0 6,0 T T T T T T T T T T

5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK


Caratteristica C Caratteristica D 100 100 1000 2000 10 10

1)

T = selettivit totale fino al potere dinterruzione nominale Icn del dispositivo di protezione a valle. In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I corrente d'intervento.

3/50

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF3) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF3 e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit di interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle In [A] I> [A] Interruttori automatici scatolati a monte 3VF3 regolabile 40-50 500 Icn [kA] 40/70/ 100 50- 63 630 40/70/ 100 63- 80 800 40/70/ 100 80 100 1000 40/70/ 100 125 250 1250 40/70/ 100 125 160 1600 40/70/ 100 3VF3 fisso 50 400 40/70/ 100 63 500 40/70/ 100 80 630 40/70/ 100 100 800 40/70/ 100 125 1000 40/70/ 100 160 1280 40/70/ 100

Valori limite di selettivit [kA]

5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK


Caratteristica C Caratteristica D 100 125 100 1000 1600 2000 10 10 10 1,5 2,0 1,3 1,5 1,0 -

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I corrente d'intervento.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/51

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Tabelle di coordinamento

Tabelle di selettivit

Selettivit tra interruttori automatici scatolati (3VF4, 3VF5, 3VF6, 3VF7, 3VF8 e 3WL1) e interruttori magnetotermici differenziali modulari (5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK) In caso di cortocircuito fra gli interruttori automatici scatolati 3VF4, 3VF5, 3VF6, 3VF7, 3VF8 e 3WL1 e gli interruttori magnetotermici differenziali modulari 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK, secondo CEI EN 60 947-2 e DIN VDE 0660 parte 01, sussiste selettivit fino ai valori in kA indicati. Valori limite della selettivit tra interruttori automatici scatolati/ interruttori magnetotermici differenziali modulari in kA
Interruttori magnetotermici differenziali modulari a valle Interruttori automatici scatolati a monte In [A] In [A] I >[A] 3VF4 125 1250 160 1600 200 2000 250 2500 3VF5 200 2000 45/70/ 100 250 2500 45/70/ 100 315 3150 45/70/ 100 400 4000 45/70/ 100 3VF6 315 3200 45/70/ 100 400 800 3VF7 400 1250 3VF8 800 2500 3WL1 315 6300

1575 - 15000 20000 3780 6400 75600 45/70/ 100 50/70/ 100 70/100 65/80/ 100

Icn [kA] 40/70/ 40/70/ 40/70/ 40/70/ 100 100 100 100

Valori limite di selettivit [kA]1)

5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK


Caratteristica C Caratteristica D 100 125 100 1000 1600 2000 10 1,5 10 10 2,0 2,0 3,0 3,0 3,0 3,0 2,5 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 3,0 5,0 5,0 5,0 6,0 6,0 6,0 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10 10

1)

In reti da 240/415 V c.a., 50 Hz i valori di selettivit devono essere ridotti del 10%. Per gli sganciatori regolabili i valori di selettivit valgono per il valore massimo, In = corrente nominale. I corrente d'intervento.

3/52

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Interruttori differenziali 2P e 4P 5SM3 Numero di poli Corrente nominale In [A] 25 40 4 63 80 63 2 80 16 2 25 40 4 125 Corrente differenziale nominale In [mA] 30 300/500 30 300/500 30 300/500/1000 30 300 30 100/300 30 100/300 10 30 30 300 30 300 30 100/300/500 Potenza dissipata per polo PV [W] 1,20 0,65 3,20 1,65 4,00 3,20 6,80 4,80 4,20 3,25 4,40 3,65 2,50 0,82 2,00 1,00 4,00 2,50 8,90 8,90 4 2 2,5 4 Unit modulari

Interruttori magnetotermici differenziali 1P+N in 2 u.m. Tipo A e Tipo AC 5SU1.53-.KK, 5SU1.56-.KK e 5SU1.54-.KK Corrente nominale Corrente differenziale nominale In [mA] 10 30/300 30/300 10 30/300 10 30/300 10 30/300 30/300 30/300 30/300 30/300 Caratteristica B Polo L Ri [m] 76 72 18,7 15,4 15,4 12,1 12,9 9,6 7,1 6,1 4,1 3,4 Polo N Ri [m] 5,5 2,1 5,5 2,1 5,5 2,1 5,5 2,1 2,1 2,1 1,5 1,5 Potenza dissipata totale Pv [W] 2,8 2,7 2,4 1,8 3,5 2,4 4,7 3,0 3,7 5,1 5,7 7,8 Polo L Ri [m] 56 52 16,4 16,7 13,4 14,2 10,9 12,0 8,7 6,1 6,0 4,1 3,4 Caratteristica C Polo N Ri [m] 5,5 2,1 2,1 5,5 2,1 5,5 2,1 5,5 2,1 2,1 2,1 1,5 1,5 Potenza dissipata totale Pv [W] 2,2 1,9 1,2 2,2 1,6 3,3 2,2 4,5 2,8 3,3 5,1 5,7 7,8

In [A] 6 8 10 13 16 20 25 32 40

Interruttori magnetotermici differenziali 2P in 3 u.m. Tipo A 5SU1 324-.FA. Corrente nominale Corrente differenziale nominale In [mA] 30 30 30 30 30 30 30 30 Caratteristica B Valore per polo Ri [m] 72 15,4 12,1 9,6 7,1 6,1 4,1 3,4 Potenza dissipata totale Pv [W] 5,2 3,1 4,1 4,9 5,7 7,6 8,4 10,9 Caratteristica C Valore per polo Ri [m] 52 13,4 10,9 8,7 6,1 6,0 4,1 3,4 Potenza dissipata totale Pv [W] 3,7 2,7 3,7 4,4 4,9 7,5 8,4 10,9

Interruttori magnetotermici differenziali 4P - In= 30 mA e 300 mA - Tipo B 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK Corrente nominale Caratteristica C Resistenza interna per polo Ri [m] 1,25 1,15 Potenza dissipata per polo Pv [W] 12,5 17,9 Caratteristica D Resistenza interna per polo Ri [m] 1,25 Potenza dissipata per polo Pv [W] 12,5 -

In [A] 6 10 13 16 20 25 32 42

In [A] 100 125

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/53

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Interruttori differenziali 5SM3 da 16 a 80 A

5SM. 111 5SM. 311 5SM. 312 5SM. 314 5SM. 412 5SM. 414 5SM. 612 5SM. 614 5SM. 311-6KK13 5SM. 312-6KK 5SM. 314-6KK

Esecuzione con blocchetto contatti ausiliari

5SM. 316 5SM. 317 5SM. 416 5SM. 417 5SM. 616 5SM. 617 5SM. 316-6KK 5SM. 317-6KK

Esecuzione con blocchetto contatti ausiliari

5SM. 342 5SM. 342-4 5SM. 344 5SM. 344-4 5SM. 346 5SM. 346-4 5SM. 347 5SM. 347-4 5SM. 352 5SM. 354 5SM. 356 5SM. 442 5SM. 444 5SM. 446 5SM. 342-6KK 5SM. 344-6KK 5SM. 346-6KK 5SM. 347-6KK 5SM. 446-6KK

5SM. 642 5SM. 642-4 5SM. 644 5SM. 644-4 5SM. 646 5SM. 646-4 5SM. 646-5 5SM. 647 5SM. 647-4 5SM. 647-5 5SM. 652 5SM. 654 5SM. 656 5SM. 742 5SM. 744 5SM. 746 5SM. 846 5SM. 644-6KK 5SM. 646-6KK 5SM. 646-8KK

Esecuzione con blocchetto contatti ausiliari

3/54

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Interruttori differenziali 5SM3 2P da 100 A a 125 A

3
5SM3 318-6KK 5SM3 315-6KK 5SM3 418-6KK 5SM3 415-6KK 5SM3 618-6KK 5SM3 615-6KK 5SM3 318-0KK 5SM3 315-0KK 5SM3 418-0KK 5SM3 415-0KK 5SM3 618-0KK 5SM3 615-0KK

Interruttori differenziali 5SM3 4P da 100 A a 125 A

5SM3 345-6 5SM3 445-6 5SM3 645-6 5SM3 745-6 5SM3 645-8 5SM3 745-8

5SM3 345-0 5SM3 445-0 5SM3 645-0 5SM3 648-0 5SM3 745-0 5SM3 648-2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/55

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici differenziali 5SU1.-.KK 1P + N in 2 u.m. da 6 A a 40 A

44

70

5SU1.53-.KK 5SU1.56-.KK 5SU1.54-.KK Interruttori magnetotermici differenziali 5SU1-.FA 2P in 3 u.m. da 6 A a 40 A

5SU1 324-.FA

3/56

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Interruttori differenziali e magnetotermici differenziali


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Interruttori magnetotermici differenziali 5SU1-7KC da 50 kA L = 150 mm fino a 40 A 180 mm da 50 A a 63 A

75
44

92 80 56,5

125
44

92 80 56,5

45

35

2 poli 5SU1 322-7KC16 5SU1 322-7KC25 5SU1 322-7KC40 5SU1 622-7KC63

4 poli 5SU1 342-7KC25 5SU1 342-7KC40 5SU1 342-7KC63 5SU1 642-7KC63

Interruttori magnetotermici differenziali 5SU1-.AK, 5SU1-.CK e 5SU1-.BK da 100 A a 125 A Tipo B


196 6,7 64

5SU1 374-7AK81 5SU1 374-7AK82 5SU1 374-8AK81 5SU1 674-7AK81 5SU1 674-7AK82

5SU1 674-7BK82 5SU1 674-7CK81 5SU1 674-7CK82 5SU1 674-8AK81 5SU1 674-8BK81

max 67

90

35

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

3/57

45

B locchi differenziali ed elementi ausiliari

4/2 4/8 4/9 4/10

Caratteristiche generali Scheda tecnica di prodotto Potenza dissipata Dimensioni dingombro

4/1

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Caratteristiche generali

Blocchi differenziali
Blocchi differenziali ad alta resistenza contro gli interventi intempestivi Con la nuova serie di blocchi differenziali per gli interruttori 5SY il problema degli interventi intempestivi causati da sovratensioni di manovra o di origine atmosferica risolto. Infatti tutti blocchi differenziali di tipo A sono stati realizzati con un particolare circuito dotato di un varistore e di un filtro passabasso, che consente allinterruttore differenziale magnetotermico di intervenire solo in presenza di un reale guasto a massa. Funzionamento dei blocchi differenziali assemblati a interruttori magnetotermici 5SY o 5SP4 a 4 poli nei sistemi trifase senza neutro I blocchi differenziali 5SM2 assemblati agli interruttori magnetotermici 5SY o 5SP4 a 4 poli sono utilizzabili in sistemi trifase senza neutro. Il funzionamento del tasto di prova garantito eseguendo il cablaggio nel modo seguente: dopo aver effettuato lassemblaggio meccanico tra il blocco differenziale e linterruttore magnetotermico 4P esclusa la Caratteristica D), necessario alimentare il magnetotermico differenziale, cos ottenuto, ai morsetti 1, 3 e 5 dellinterruttore magnetotermico ed eseguire un collegamento tra il morsetto 7(N) e il morsetto 5 o tra il morsetto 7(N) e il morsetto 3 per alimentare il tasto di prova T. Corrente nominale e corrente differenziale fino a 70 C. possibile utilizzare i blocchi differenziali per un funzionamento fino a 70 C. I valori della corrente nominale In sono relativi ad un funzionamento fino a 30 C; per temperature di funzionamento superiori a questo valore necessario considerare un fattore di riduzione della corrente nominale In pari a -5% ogni 10 C in pi rispetto alla temperatura nominale che di 30 C.

4/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Caratteristiche generali

Comando motorizzato 5ST3 050 per interruttori e sezionatori, e 5ST3 051 per differenziali puri
Impiego Il comando motorizzato 5ST3 050 pu essere utilizzato per la manovra a distanza, tramite pulsante, di: interruttori magnetotermici 5SJ3-7WM, 5SY e 5SP4, interruttori magnetotermici assemblati a blocchi differenziali 5SM2, tramite accessorio in dotazione al comando motorizzato, interruttori magnetotermici differenziali 1P+N in 2 u.m. 5SU1.53-1WM, 5SU1-.KK e 5SU1-7VK, interruttori magnetotermici differenziali 5SU1-1WM, 5SU1-.FA, 5SU1.24, 5SU1.44 e 5SU1.74, interruttori di manovrasezionatori 5TE2 e 5TE8. Il comando motorizzato 5ST3 051 pu essere utilizzato per la manovra a distanza, tramite pulsante, di: interruttori differenziali 5SM3. possibile utilizzare entrambi i comandi motorizzati, secondo gli schemi sotto indicati, anche in presenza di: contatti ausiliari (CA), contatti di segnalazione (CS), bobine a lancio di corrente (BL) e bobine di minima tensione (BM).

Funzionamento Le manovre eseguibili con il comando motorizzato sono le seguenti: - ON.......................... chiusura - OFF......................... apertura - Reset+ON................ in caso di intervento di una protezione o in caso di sgancio manuale Un selettore, presente sul fronte dellapparecchio, consente di variarne il funzionamento nel modo seguente: - OFF+Lucchetto........ apparecchio disinserito con leva di comando bloccata, possibilit di lucchettaggio o piombatura - RC OFF.................... solo comando manuale - RC ON ..................... comando manuale e/o comando remoto (RC = Remote Control)

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

4/3

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Caratteristiche generali

CA, CS, BL e BM per interruttori magnetotermici e magnetotermici differenziali


Rispondenza normativa: EN 60 947-5-1 e DIN VDE 0660-200. Gamma completa di elementi ausiliari comprendente bobine a lancio di corrente, bobine di minima tensione, contatti di segnalazione di intervento e contatti ausiliari di stato. Ogni elemento ausiliario pu essere affiancato successivamente allinstallazione dellinterruttore. Descrizione del funzionamento Contatti ausiliari Ogni blocchetto costituito da due contatti elettricamente indipendenti (vie elettriche distinte e separate). Le posizioni assunte dai contatti ausiliari sono meccanicamente stabili e variano sia se linterruttore viene azionato manualmente, sia che intervenga per sovraccarico o cortocircuito. I morsetti hanno grado di protezione IP2X, possono ospitare conduttori con sezioni fino a 2,5 mm2 e sono forniti di viti imperdibili adatte per cacciaviti a stella ed a lama. Contatti di segnalazione di avvenuto intervento Il blocchetto dei contatti di segnalazione strutturalmente e dimensionalmente identico a quello dei contatti ausiliari. La funzione del blocchetto dei contatti di segnalazione (scattato rel) quella di segnalare a distanza lavvenuto intervento dellinterruttore a causa di un sovraccarico o di un cortocircuito. Azionando manualmente la leva di comando dellinterruttore, i contatti del blocchetto non cambiano posizione. Bobina di apertura a lancio di corrente La bobina a lancio di corrente svolge la funzione di apertura a distanza dellinterruttore; una possibile applicazione di questo elemento ausiliario pu essere individuata nella necessit di ottenere uno sgancio di emergenza (ad esempio tramite un pulsante a fungo) dellinterruttore in caso di pericolo. Laccoppiamento della bobina di apertura con linterruttore non viene realizzato solo attraverso un blocco meccanico con la leva di comando, ma anche tramite un collegamento diretto con lo sganciatore magnetotermico. Bobina di minima tensione La bobina di minima tensione provoca lapertura dellinterruttore sia in caso di mancanza tensione, sia in caso di riduzione della tensione di alimentazione ad un valore compreso tra il 35% ed il 70% della tensione nominale (secondo CEI EN 60 947-1 art. 7.2.1.3). Inoltre secondo quanto indicato dalla norma CEI EN 60 204-1 la bobina di minima tensione disponibile anche nellesecuzione con i contatti anticipati, in modo da poter garantire, in caso di intervento, il sezionamento del circuito di alimentazione della bobina ed evitare la presenza di circuiti sotto tensione qualora lalimentazione di rete venga ripristinata. Nelle condizioni di mancanza o riduzione di tensione sopra indicate, la bobina di minima tensione impedisce la richiusura dellinterruttore. Gli elementi ausiliari possono essere collegati a sistemi di supervisione e controllo (quali instabus EIB e AS-Interface) che sono in grado di ricevere dei segnali in ingresso (ad es. commutazione di contatti) e fornire comandi in uscita (ad es. comando della bobina a lancio di corrente). Dimensioni di ingombro ridotte ed elevate prestazioni elettriche anche per esigenze di lavoro gravose. Il montaggio dei componenti ausiliari avviene sui lati degli interruttori magnetotermici. Morsetti di connessione con grado di protezione pari a IP2X in tutte le direzioni. I morsetti di collegamento degli elementi ausiliari sono adatti a cavi con sezioni da 0,75 a 2,5 mm2.

Valori di assorbimento delle bobine di minima tensione 5ST3 040 e 5ST3 043 W 2,30 5ST3 041 e 5ST3 044 1,74 5ST3 042 e 5ST3 045 1,44

Valori di assorbimento delle bobine di apertura a lancio di corrente Ws 5ST3 030 e 5ST3 031 1,6

CA per interruttori differenziali


Rispondenza normativa: CEI EN 60 947-5-1 e DIN VDE 0660-200. Contatti ausiliari per lindicazione dello stato dellinterruttore. I blocchi di contatti ausiliari possono essere aggiunti successivamente allinstallazione dellinterruttore. Possibilit di collegamento a sistemi di supervisione e controllo (quali instabus EIB e AS-Interface). Dimensioni di ingombro ridotte ed elevate prestazioni elettriche. Il montaggio dei contatti ausiliari avviene sul lato destro degli interruttori differenziali. Morsetti di connessione con grado di protezione pari a IP2X in tutte le direzioni. I morsetti di collegamento degli elementi ausiliari sono adatti a cavi con sezioni da 0,75 a 2,5 mm2.

Descrizione del funzionamento Contatti ausiliari Ogni blocchetto costituito da due contatti elettricamente indipendenti (vie elettriche distinte e separate).

Le posizioni assunte dai contatti ausiliari sono meccanicamente stabili e variano sia se linterruttore viene azionato

manualmente, sia che intervenga per sovraccarico o cortocircuito. I morsetti hanno grado di protezione IP2X,

possono ospitare conduttori con sezioni fino a 2,5 mm2 e sono forniti di viti imperdibili adatte per cacciaviti a stella ed a lama.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

4/4

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Caratteristiche generali

Morsetti con interruttore di protezione


I morsetti con interruttore automatico svolgono la funzione di protezione dei circuiti ausiliari o dei relativi trasformatori contro il cortocircuito o il sovraccarico. Vantaggi Risparmio di spazio grazie alla forma costruttiva del morsetto, chiara disposizione dei morsetti sulla guida profilata (guida profilata da 35 mm), segnalazione univoca dello stato dellinterruttore e indicazione di scattato, tecnica senza fusibili, interruttore con posizione di sezionato, segnalazione mediante contatti ausiliari integrati, collegamento passante a potenziale sero parallelo ai contatti di commutazione, possibilit di doppio allacciamento dei morsetti, siglatura con accessori idonei. Norme e prescrizioni DIN VDE 0660 parte 101 e CEI EN 60 907-2 nonch quanto pertinente per morsetti con interruttore automatico. Protezione a prova di dito a norma CEI EN 50 274. Criteri di scelta dei morsetti Per la scelta dei morsetti con interruttore automatico occorre prestre attenzione alle differenti curve di intervento. Per le utenze di corrente alternata di tipo induttivo come bobine di contattori ed elettrovalvole con picchi di corrente allinserzione pari a 10 volte la corrente nominale permanente, si devono impiegare morsetti con interruttore automatico dotati di sganciatori elettromagnetici istantanei, in modo che non intervengano durante linserzione. Attreverso i morsetti con interruttore automatico e sganciatore magnetotermico pu transitare una corrente nominale permanente cos bassa che non pu essere sentita dallo sganciatore che interviene solo su alti valori di corrente. Curve caratteristiche
0

Caratteristica dello sganciatore elettromagnetico istantaneo

Caratteristica dello sganciatore magnetotermico a 40 C di temperatura ambiente Corrente di cortocircuito, di chiusura e di apertura a norma DIN VDE 0660 parte 101 per morsetti con interruttore di protezione 5SK9.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

4/5

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Caratteristiche generali

Elementi ausiliari e accessori per interruttori magnetotermici, interruttori differenziali, interruttori magnetotermici differenziali
e interruttori-sezionatori Gamma completa di accessori ausiliari idonea ad ogni tipo desigenza e comprendente articoli quali manovra rotativa con blocco porta, blocco leva di comando, copertura foro viti ed altri. Ogni accessorio ausiliario stato realizzato in piena conformit ai requisiti normativi impiantistici. Le calotte, le coperture e le manovre sono realizzate in materiale termoplastico resistente anche a sforzi meccanici elevati ed in grado di operare anche in presenza di condizioni gravose di funzionamento. Il blocco porta stato realizzato considerando le normative vigenti in materia di sicurezza e quindi conforme ai requisiti tecnici e meccanici indicati dalle norme CEI EN 60 439-1 e CEI EN 60 204-1. La manovra rotativa rinviata garantisce un grado di protezione a fronte quadro, con porta del quadro chiusa, pari ad IP54. Accessori ausiliari a completamento della gamma di prodotto tra cui il blocco leva di comando. Ogni accessorio ausiliario stato realizzato in piena conformit ai requisiti normativi impiantistici. Il blocco della leva di comando stato realizzato in materiale termoplastico resistente anche a sforzi meccanici elevati ed in grado di operare anche in presenza di condizioni gravose di funzionamento.

Descrizione del funzionamento Blocco leva di comando con lucchetto Realizzato in materiale termoplastico con elevata resistenza alle sollecitazioni meccaniche, questo accessorio consente il blocco della leva di comando dellinterruttore sia nella posizione di interruttore aperto, sia in quella di chiuso, a seconda delle esigenze di funzionamento dellimpianto. Il blocco della leva avviene tramite lucchetto (il lucchetto non compreso nella fornitura del blocco). Manovra rotativa rinviata con blocco porta Il blocco porta stato progettato e costruito in completa osservanza a quanto prescritto dalle norme CEI EN 60 439-1 e CEI EN 60 204-1. Questo dispositivo permette infatti lapertura della porta del quadro, solo se linterruttore si trova in posizione di aperto ed inoltre, essendo conforme alle norme di sicurezza impiantistica, non consente la chiusura dellinterruttore se la porta del quadro aperta, in quanto lasta di manovra della leva di comando dellinterruttore rimane fissa internamente alla porta del quadro. Grado di protezione: IP54. Copriforo viti Le viti di serraggio dei morsetti possono essere coperte tramite dei copriforo in materiale plastico isolante, che inoltre consentono la sigillatura e letichettatura degli interruttori. La copertura garantisce, nella zona viti di serraggio, un grado di protezione pari a IP3X. Accessori La gamma degli accessori ausiliari si completa con la presenza di due articoli necessari per la realizzazione di quadri finiti ed ordinati. Il primo articolo denominato distanziatore modulare (o falso polo) consente la copertura di spazi modulari lasciati liberi o disponibili per future esigenze di installazione, che altrimenti rimarrebbero aperti provocando una mancanza di sicurezza, nonch di estetica; laltro articolo che composto da un set di etichette autoadesive, consente di realizzare lindicazione e lindividuazione univoca delle denominazioni delle singole utenze sottese dai vari interruttori.

4/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Caratteristiche generali

Sbarre di collegamento
Sistema di collegamento a pettine realizzato in sbarre di rame in accordo alle norme DIN 57 606 e DIN 57 659. Disponibile nella sezione di 10 mm2 e 16 mm2. Tensione massima di esercizio 400 V c.a. Tensione di prova ad impulso 4 kV. Corrente ammissibile di breve durata 25 kA. Sbarre di collegamento disponibili nelle esecuzioni monofasi, bifasi, trifasi e trifasi con neutro. Le sbarre di collegamento sono completamente isolate con custodia di protezione in materiale termoplastico. La distanza tra le connessioni di rame delle sbarre di collegamento di 18 mm. In caso di alimentazione degli interruttori dal basso, non necessario utilizzare il morsetto di collegamento aggiuntivo.

Sistema di cablaggio rapido SIKclip


Il sistema per il cablaggio rapido SIKclip idoneo allalimentazione di apparecchiature modulari monofasi e trifasi. Realizzato in materiale termoplastico, conforme alla norma CEI EN 60 439-3, in grado di lavorare anche in presenza di sollecitazioni termiche elevate. La connessione alla sorgente di alimentazione avviene tramite sbarre di rame elettrolitico delle dimensioni di 25 x 2 mm2. Il distributore stato realizzato in conformit alla norma CEI EN 60 947-1. Permette una veloce e facile connessione agli elementi modulari e garantisce un cablaggio ordinato e sicuro con grado di protezione IP 20. Tramite opportune staffe di fissaggio possibile montare il distributore modulare sia su guida DIN sia su montanti per quadri ALPHA 630 e SIKUS di Siemens.

Distributori modulari di fase


I distributori di fase permettono di realizzare sistemi monofasi e trifasi di distribuzione modulare. Idonei allutilizzo con correnti nominali fino a 400 A, i distributori in questione sono stati realizzati in modo da suddividere il circuito di alimentazione in pi circuiti di uscita, aventi diverse sezioni di collegamento. Il montaggio pu essere realizzato sia a scatto su guida DIN, che su piastra di montaggio tramite opportune asole di fissaggio con viti M5. Realizzato in materiale termoplastico, conforme alla norma CEI EN 60 439-3, in grado di lavorare anche in presenza di sollecitazioni termiche e dinamiche elevate. Il grado di protezione, garantito sui morsetti di entrata e di uscita, pari a IP20. Il distributore stato progettato in conformit alla norma CEI EN 60 947-1 ed inoltre certificato secondo la normativa UL. Tutti i distributori di fase hanno marcatura >.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

4/7

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Scheda tecnica di prodotto 5ST3 05 comando motorizzato

Dati tecnici
Messa in servizio Frequenza di manovra 5ST3 050 5ST3 051 dopo aver applicato la tensione di alimentazione 4 manovre/minuto Indicazioni: il superamento del valore della frequenza di manovra pu causare la disattivazione del comando motorizzato, per evitare eventuali sovraccarichi. In questo caso bisogna recarsi presso il comando motorizzato e portare il selettore della scelta della funzione in posizione RC OFF e quindi riportarlo in RC ON. s s <2 0,2; possibile un comando permanente 20.000 manovre oppure 5.000 inserzioni del blocco differenziale bisogna effettuare da un punto remoto una manovra di Reset del comando motorizzato, eseguendo cos unoperazione di apertura, dopo di ci possibile effettuare una nuova manovra di chiusura 3,5 70 P, N 1 2 3

Tempo di commutazione Durata minima di comando Durata meccanica Possibilit di reinserzione dopo lintervento di una protezione Larghezza Profondit Morsetti di collegamento

u.m. mm

= = = =

tensione di alimentazione comune comando di apertura comando di chiusura

Sezioni del conduttore Tensione nominale dimpiego Potenza assorbita Comportamento al mancare della alimentazione o della tensione di comando

min. mm2 max mm2 V c.a. permanente durante la manovra VA

1 x 0,5 1 x 2,5 230 nessun autoconsumo 26 in posizione di chiuso o aperto, lo stato non cambia. Durante una manovra di chiusura o di apertura, la leva del comando motorizzato si porta in posizione aperto. Al ritorno della tensione, bisogna ripristinare il comando motorizzato con un Reset (manovra da effettuare con lapparecchio in posizione aperto) a norma IEC 68 parte 2-30 variante 1, 28 cicli -25 +55 -40 +75 a norma VDE 0115 parte 200: 5 fino a 150 Hz, 2 mm / 5 g, a norma IEC 68 parte 2-6, 10 fino a 150 Hz, 0,35 mm / 5 g, 20 cicli a norma VDE 0115 parte 200: met sinusoide 5 g / 50 ms, 3 urti ogni direzione; met sinusoide 15 g / 20 ms, 3 urti ogni direzione a norma CEI EN 50 081-1, CEI EN 55 022 valore limite classe B e CEI EN 55 014 valore limite classe B

Resistenza agli agenti atmosferici Temperatura ambiente ammissibile Resistenza alle vibrazioni in esercizio C di stoccaggio C

Resistenza agli urti

Compatibilit elettromagnetica

4/8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Blocchi differenziali
Corrente nominale In [A] 16 40 63 40 63 80 80 100 100 2 2/3/4 2/3/4 2/3/4 2/3/4 2/4 2/4 2/4 2/4 Numero di poli Corrente differenziale In [A] 0,01 0,03 0,03 0,3/0,5/1 0,3/0,5/1 0,03 0,3/1 0,03 0,3/1 Resistenza interna Ri [] 0,00976 0,00225 0,00115 0,00187 0,00075 0,00075 0,00078 0,00060 0,00050

Istruzioni per il calcolo effettivo della potenza dissipata ottenuta mediante assemblaggio di un blocco differenziale a un interruttore magnetotermico

Importante La potenza dissipata da un interruttore magnetotermico differenziale ottenuto assemblando un blocco differenziale a un interruttore magnetotermico data dalla somma delle potenze dissipate dai due diversi apparecchi. La potenza dissipata da un blocco differenziale dipende e deve essere calcolata in funzione della corrente nominale dellinterruttore magnetotermico che gli viene assemblato e dal numero di poli. Esempio di calcolo della Potenza dissipata (PvTOT) da un interruttore magnetotermico assemblato ad un blocco differenziale: Blocco differenziale 5SM2 In = 40 A In = 0,03 A 2 poli

Interruttore magnetotermico 5SY6 In = 10 A curva C 2 poli

Pv5SM2/polo = Ri In2

0,00225 102 = 0,00225 100 = 0,225 W (In = corrente nominale dellinterruttore magnetotermico da assemblare al blocco differenziale) 0,225 2 = 0,45 W 0,45 + (1,1 2) = 0,45 + 2,2 = 2,65 W

Pv5SM2 = Pv5SM2/polo n. poli

PvTOT = Pv5SM2 + (Pv5SY/polo n. poli) (Pv5SY/polo


Contatti ausiliari
N. di ordinazione

vedere capitolo 2, pagina 2/32)

Potenza dissipata a 6 A Pv [mW]

5ST3 010 5ST3 011 5ST3 012 5ST3 013 5ST3 014 5ST3 015 5ST3 020 5ST3 021 5ST3 022

300 300 300 300 300 300 300 300 300

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

4/9

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Blocchi differenziali 5SM2 2P, 3P e 4P da 0,3 A fino a 40 A e da 0,3 A fino a 63 A
2P 3P 4P

5SM2 121-0 5SM2 121-6 5SM2 322-0 5SM2 322-6KK01 5SM2 322-6 5SM2 325-0 5SM2 325-6 5SM2 325-6KK01 5SM2 622-0 5SM2 622-2 5SM2 622-6 5SM2 622-8 5SM2 425-6 5SM2 625-0 5SM2 625-2 5SM2 625-6 5SM2 625-8 5SM2 725-0 5SM2 725-6 5SM2 822-8 5SM2 825-8

5SM2 332-0 5SM2 332-6 5SM2 332-6KK01 5SM2 335-0 5SM2 335-6 5SM2 335-6KK01 5SM2 435-6 5SM2 632-0 5SM2 632-6 5SM2 635-0 5SM2 635-6 5SM2 635-8 5SM2 735-0 5SM2 735-6 5SM2 735-8 5SM2 832-8 5SM2 835-8

5SM2 342-0 5SM2 342-6 5SM2 342-6KK01 5SM2 345-0 5SM2 345-6 5SM2 345-6KK01 5SM2 445-6 5SM2 642-0 5SM2 642-6 5SM2 645-0 5SM2 645-2 5SM2 645-6 5SM2 645-8 5SM2 745-0 5SM2 745-6 5SM2 745-8 5SM2 842-8 5SM2 845-2 5SM2 845-8

Blocchi differenziali 5SM2 2P e 4P da 80 A fino a 100 A


2P 4P

5SM2 327-0 5SM2 327-6 5SM2 627-0 5SM2 627-6 5SM2 627-8 Comando motorizzato 5ST3 05

5SM2 347-0 5SM2 347-6 5SM2 647-0 5SM2 647-6 5SM2 647-8 5SM2 847-8

5ST3 050 5ST3 051

4/10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Contatti ausiliari e di segnalazione 5ST3 0 Bobina a lancio di corrente e bobina di minima tensione 5ST3 0

4
5ST3 010 5ST3 011 5ST3 012 5ST3 013 5ST3 014 5ST3 015 5ST3 020 5ST3 021 5ST3 022 5ST3 030 5ST3 031 5ST3 040 5ST3 041 5ST3 042 5ST3 043 5ST3 044 5ST3 045

Contatti ausiliario e di segnalazione 3ST3-0KC

Contatti ausiliari 5SW3 3

13,5

70

5ST3 018-0KC 5ST3 028-0KC

5SW3 300 5SW3 301 5SW3 302 5SW3 330


22,5 12 22,5

Morsetti con interruttore di protezione 5SK9


22,5

81

89 73

41

81

I2_13686

89 73

10,7

76

92

76

92

5SK9 011-4KK24 5SK9 011-4KK25 5SK9 011-4KK26 5SK9 011-4KK27 5SK9 011-4KK28 5SK9 011-6KK24 5SK9 011-6KK25 5SK9 011-6KK26

5SK9 011-6KK27 5SK9 011-6KK28 5SK9 011-8KK23 5SK9 011-8KK24 5SK9 011-8KK25 5SK9 011-8KK26 5SK9 011-8KK27 5SK9 011-8KK28

5SK9 011-1KK24 5SK9 011-1KK25 5SK9 011-1KK26 5SK9 011-1KK27 5SK9 011-1KK28

5SK9 011-2KK24 5SK9 011-2KK25 5SK9 011-2KK26 5SK9 011-2KK27 5SK9 011-2KK28

Connettori di fase di neutro 1P 5TE9 1

5TE9 112 5TE9 113

I2_13685

41

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

4/11

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Sistema di cablaggio rapido SIKclip 5ST2 52 e 5ST2 53

Sezione

4/12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Distributori modulari di fase 5ST2 50 e 5ST2 51
4P 4P

4
98 45 49 74,5

88

45 48

5ST2 501
4P

85

5ST2 502
1P

90

160,5

45 49

27

42 47

5ST2 503
1P

5ST2 504
1P

74

27

42 47

35

45 50

5ST2 505
1P

5ST2 507
1P

95,5

92

44,5

45 50

44,5

45 50

5ST2 508
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5ST2 511

95,5

66

4/13

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Manovra rotativa rinviata con blocco porta 5ST9 0 Legenda T = targhetta indicazione pos. interruttore M = mostrina R = rotella per blocco interruttore in aperto B = corpo mobile bloccaporta A = corpo fisso bloccaporta A1 = guide di appoggio bloccaporta A2 = finestrella per copertura 4 polo A3 = ogiva del comando d = viti di fissaggio corpo fisso g = viti di fissaggio mostrina

T g

A3

A2

A1

4/14

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Manovra rotativa rinviata con blocco porta 5ST9 0

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

4/15

Blocchi differenziali ed elementi ausiliari


Note

4/16

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


5/2 5/7 5/8 5/17 5/19 Caratteristiche generali Glossario Soluzioni applicative Tabelle di coordinamento Dimensioni d'ingombro

5/1

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Caratteristiche generali Caratteristiche generali

Caratteristiche di installazione e aspetti normativi


Origine delle sovratensioni e criteri di protezione Le sovratensioni negli impianti elettrici sono classificate secondo la loro natura nel seguente modo: - LEMP (Lightning Electromagnetic Pulse): sovratensioni di origine atmosferica, - SEMP (Switching Electromagnetic Pulse): sovratensioni dovute alle manovre di apertura o commutazione di circuiti elettrici, - ESD (Electrostatic Discharge): sovratensioni dovute a fenomeni di accumulo di cariche.

Le sovratensioni di origine atmosferica sono dovute alle scariche elettriche dirette o indirette che colpiscono l'edificio, oppure i sistemi elettrici entranti nell'edificio. Le correnti di forma impulsiva che tipicamente ne seguono sono caratterizzate da: - elevato contenuto energetico, - elevato valore di picco, - rapido fronte di salita. Per la protezione contro i primi due fenomeni (LEMP e SEMP) si ricorre all'uso di dispositivi chiamati SPD (Surge Protective Device).

Secondo le norme internazionali la corrente generata da una sovratensione di origine atmosferica pu essere schematizzata con una forma d'onda 10/350 s (vedere curva 2); gli SPD di Classe I rientrano in questa categoria. Le correnti, invece, generate da scarica remota di origine atmosferica o da commutazioni nel circuito elettrico vengono modellizzate come forma d'onda 8/20 s (vedere curva 1); rientrano in questa categoria gli SPD di Classe II.

Gli scaricatori e i limitatori di sovratensione sono realizzati con diverse tecniche costruttive, tuttavia possibile chiamarli in modo generico SPD. Nel presente catalogo il nome SPD svincolato dalle caratteristiche costruttive.

Legenda

1 Fulmine sulla struttura 2a Fulmine sui servizi entranti nella struttura 2b Fulmine in prossimit dei servizi entranti nella struttura 2c Fulmine in prossimit della struttura

5/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Caratteristiche generali

Caratteristiche di installazione e aspetti normativi


Il concetto di protezione da scariche atmosferiche a zone Al fine di definire ed identificare tutte le protezioni necessarie, la norma CEI EN 62 305-1 suddivide l'edificio in zone di protezione LPZ associando ad ogni zona un determinato pericolo. In generale, quindi, l'apparecchiatura da proteggere deve trovarsi all'interno di una zona di protezione LPZ in cui le

caratteristiche del campo elettromagnetico siano compatibili con la capacit dell'oggetto stesso di resistere alle sovratensioni. Definito questo, gli SPD devono essere scelti in funzione del punto in cui devono essere installati, e precisamente (in accordo con la norma CEI EN 62 305-4):

a) all'ingresso della linea entrante nella struttura (ossia al confine di LPZ 1 o ad esempio nel quadro di distribuzione MT): - SPD provati con Iimp (Classe di prova I); - SPD provato con In (Classe di prova II); solo nel caso le linee entranti siano completamente all'interno di un LPZ 0B.

b) in prossimit degli apparati da proteggere (ossia al confine di LPZ 2 o ad esempio nei quadri secondari di distribuzione o nelle prese): - SPD provato con In (Classe di prova II); - SPD provato con onda combinata (Classe di prova III).

5
Zona di protezione LPZ 0A LPZ 0B LPZ 1 LPZ 2 Descrizione Zona dove il pericolo dovuto alla fulminazione diretta e all'esposizione al totale campo magnetico. Gli impianti interni possono essere soggetti alla corrente di fulmine (totale o parziale). Zona protetta contro la fulminazione diretta, ma dove il pericolo l'esposizione al totale campo magnetico. Gli impianti interni possono essere soggetti a frazioni della corrente di fulmine. Zona in cui la corrente limitata dalla suddivisione della corrente di fulmine e dalla presenza di SPD al confine della zona stessa. Zona in cui la corrente ulteriormente limitata dalla suddivisione della corrente di fulmine e dalla presenza di ulteriori SPD ai confini delle diverse zone. Schermi addizionali possono essere utilizzati per ridurre ulteriormente il campo magnetico.

Legenda

LPZ EBB

Zona protezione fulmine Nodo equipotenziale

Schermo 1 Schermo edificio Schermo 2 Schermatura ambiente

Scaricatore di sovratensione Tipo 1 (CEI EN 61 643-11) Classe I (IEC 61 643-1) Classe B (DIN VDE 0675-6)

II

Limitatore di sovratensione Tipo 2 (CEI EN 61 643-11) Classe II (IEC 61 643-1) Classe C (DIN VDE 0675-6)

III

Limitatore di sovratensione Tipo 3 (CEI EN 61 643-11) Classe III (IEC 61 643-1) Classe D (DIN VDE 0675-6)

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/3

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Caratteristiche generali

Caratteristiche di installazione e aspetti normativi


Livello di tenuta all'impulso degli utilizzatori e livello di protezione SPD Per ottenere una protezione efficace, le apparecchiature interne sono adeguatamente protette se viene rispettata la seguente relazione: Uw Up/f

ed sempre garantito il coordinamento energetico con gli SPD a monte. Per un corretto dimensionamento delle protezioni fare riferimento allo schema sottostante.

Uw definita come valore di picco della tensione ad impulso (1,2/50 s) che l'apparecchiatura in grado di sopportare senza subire danni. Up/f definita come il livello di protezione effettivo del SPD.

Se il costruttore dell'apparecchio utilizzatore in oggetto non fornisce i dati dell'isolamento, la norma IEC 60 664-1 d un'indicazione generale definendo 4 categorie di tenuta all'impulso per apparecchi utilizzatori con tensione d'alimentazione 230/400 V c.a. (vedere tabella sotto riportata).

Schema di calcolo Up/f: SPD Classe I (es. spinterometri) Up/f = max (Up , U) Se lo scaricatore del tipo ad innesco (Classe I), occorre verificare che la tensione Up/f sia uguale al massimo valore tra Up e U.

Up/f =

SPD Classe II (es. varistori, diodi, ecc.) Se lo scaricatore del tipo a limitazione (Classe II), occorre verificare che la Up/f sia uguale alla tensione di protezione Up pi la caduta di Up/f = Up + U tensione U a seguito della sovratensione stessa.

(equivalente DIN VDE 0675-6/1A)

Categoria di tenuta all'impulso Categoria IV III II I Tensione di tenuta 6 kV 4 kV 2,5 kV 1,5 kV Descrizione Per apparecchi installati a monte del quadro di distribuzione Per apparecchi che fanno parte dell'impianto fisso (ad esempio quadri di distribuzione) Per apparecchi dalla tenuta all'impulso normale (ad esempio elettrodomestici) Per apparecchi molto sensibili (esempio apparecchiature elettroniche)

5/4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Caratteristiche generali

Caratteristiche di installazione e aspetti normativi


Coordinamento tra SPD: Active Energy Control II coordinamento si presenta ogni volta che due o pi SPD sono installati nell'impianto elettrico. Questi dispositivi interagiscono tra loro al fine di distribuire l'energia associata alla sovratensione. Una corretta scelta tra SPD garantisce quindi una ripartizione del disturbo ed evita il danneggiamento degli stessi.

Il coordinamento garantisce un corretto intervento delle protezioni, evitando per il sovraccarico energetico del dispositivo con livello di protezione pi basso. Perch ci avvenga, la corrente impulsiva deve fluire via via nell'apparecchio installato a monte maggiormente sollecitabile dal punto di vista energetico.

La soluzione pi efficiente sia in termini di funzionalit, che in termini di spazio a praticit I'impiego di scaricatori di corrente atmosferica (Classe I) concepiti in base al principio AEC (Active Energy Control). Normalmente gli spinterometri degli scaricatori di Classe I tradizionali hanno una tensione d'intervento pari a 4 kV questo non permette il collegamento diretto in parallelo dei varistori. Per ovviare a questo problema si utilizza il sistema AEC di controllo attivo dell'energia.

Questo sistema, infatti, attraverso un circuito elettronico riesce a ridurre sensibilmente la tensione d'intervento dello spinterometro mantenendo inalterata l'elevata capacit di dispersione dello stesso. In questo modo si riesce ad ottenere una tensione residua limitata che pu essere tranquillamente gestita da un varistore o da uno scaricatore di sovratensione di Classe II, impedendo il sovraccarico e prolungando la vita dell'apparecchio.

<1350 V

Elettronica di triggenerazione
900 V 780 V

600 V

Scaricatore di corrente atmosferica (Classe I)


Fig. 1: Principio di funzionamento del controllo attivo dell'energia AEC

Scaricatore di sovratensione (Classe II)

400 V

1 mA

8A

1 kA 20 kA >3 kA

Fig. 2: Andamento dell'energia con principio AEC

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/5

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Caratteristiche generali

Caratteristiche di installazione e aspetti normativi


Distanza di protezione Ipo e Ipi L'efficienza di un sistema di SPD dipende non solo da una scelta appropriata, ma anche dalla loro corretta installazione. Tra gli aspetti da considerare vi la distanza di protezione, che definisce la massima lunghezza del circuito tra SPD e l'apparato per la quale la protezione ancora adeguata.

Qualora queste distanze superino i limiti stabiliti dalla norma CEI EN 62 305-4 occorre installare ulteriori SPD in prossimit dell'apparato da proteggere, ad es. nei quadri secondari di distribuzione. Esistono due tipologie di distanza di protezione da considerare: - Ipo determinata dai fenomeni di oscillazione; - lpi determinata dai fenomeni d'induzione;

La prima Ipo prende in considerazione la propagazione di impulsi che pu generare fenomeni di oscillazione. In questo caso se la lunghezza elevata la sovratensione pu aumentare fino a raggiungere valori pari a 2UP/f e ci pu determinare il danno all'apparato anche se Uw Up/f.

Nel caso di rischio di fulminazione diretta o in prossimit della struttura occorre prendere in considerazione anche la distanza lpi. Tale distanza pu essere ignorata quando prevista schermatura delle linee o dei locali dell'edificio. Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla norma CEI EN 62 305-4.

Schema di calcolo della distanza di protezione Distanza di protezione lpo dovuta alle oscillazioni lpo si trascura quando: Uw = 2 Up/f d 10 m Distanza di protezione lpi dovuta all'induzione lpi si trascura quando: edificio schermato (LPZ1); cablaggi interni schermati o in canalizzazioni metalliche

Uw Up I po = ------------------------f ; dove k = 25 V/m k

Uw Up I pi = ------------------------f ; dove h = (V/m)* h


* V/m per fulmini al suolo in prossimit o sulla struttura (vedere Art. D.2.4 della norma CEI EN 62 305-4)

Capacit di estinzione della corrente susseguente If


Un SPD deve essere in grado di interrompere la corrente If, chiamata corrente susseguente alla corrente impulsiva, che generalmente si manifesta a frequenza industriale di 50 Hz, alla tensione continuativa Uc. Da questo ne segue la necessit di installare un dispositivo di protezione esterno in grado di separare un SPD dalla rete prima che si danneggi. evidente che se la corrente di cortocircuito, presente nel punto d'installazione, inferiore alla massima corrente susseguente estinguibile dal SPD, non necessario alcun dispositivo di protezione; in caso contrario necessario inserire un fusibile di protezione F oppure un interruttore magnetotermico. Gli scaricatori di corrente atmosferica (Classe I) 5SD7 41.-1 possiedono una capacit di estinzione della corrente susseguente elevata senza alcuna protezione addizionale da sovracorrente. Per ulteriori informazioni vedere quanto indicato nel capitolo sul coordinamento di SPD con la protezione da sovracorrente.

Linea Fusibile

Linea

Magnetotermico

5/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Glossario

Definizione dei parametri tecnici


Tensione nominale di tenuta ad impulso Uw Tensione di tenuta ad impulso assegnata dal costruttore ad un apparecchiatura o ad una parte di essa, per caratterizzare la capacit di tenuta del suo isolamento contro le sovratensioni. Tensione nominale Un Corrisponde alla tensione nominale del sistema da proteggere. Nel caso di tensione alternata viene indicata in valore efficace. Tensione max. continuativa (tensione di riferimento) UC il valore efficace della tensione massima, che pu essere applicata ai morsetti di collegamento dell'apparecchio di protezione da sovratensioni. Essa la tensione massima, compresa nel campo definito non conducente di uno scaricatore, la quale garantisce dopo l'innesco (intervento) il ripristino dell'isolamento. Corrente impulsiva nominale di scarica In il valore di cresta di una corrente impulsiva della forma 8/20 s, alla quale lo scaricatore riferito con un programma di prova ben definito. Lo scaricatore per reti di energia deve scaricare la corrente impulsiva nominale di scarica, con la contemporanea applicazione della tensione max. continuativa UC per 20 volte, senza che le altre caratteristiche peggiorino (Isn secondo la norma VDE 0375-6). Corrente impulsiva massima di scarica Imax il valore di picco massimo della corrente di prova della forma d'onda 8/20 s, con la quale non devono presentarsi danni meccanici allo scaricatore (Isn max secondo la norma DIN VDE 0675-6). Corrente impulsiva di scarica Iimp una corrente impulsiva standardizzata della forma d'onda 10/350 s. Essa rispecchia con i suoi parametri (valore di cresta, carica ed energia specifica) le sollecitazioni da correnti da scarica atmosferica. Gli scaricatori costruiti per sollecitazioni con corrente impulsiva da scarica atmosferica devono essere in grado di scaricare diverse volte una corrente da fulmine senza danneggiarsi. Corrente impulsiva complessiva di scarica Il valore corrispondente alla portata complessiva di corrente impulsiva di apparecchi di protezione da sovratensioni multipolari e le combinazioni di apparecchi di protezione unipolari. Livello di protezione Up Il livello di protezione di un apparecchio di protezione da sovratensioni il valore di cresta momentaneo pi alto della tensione ai morsetti di uno scaricatore, definito dalle prove singole standardizzate: tensione impulsiva di innesco 1,2/50 s (100%), tensione di innesco con una rapidit 1 kV/s, tensione residua con corrente impulsiva nominale di scarica. Il livello di protezione caratterizza l'apparecchio di protezione da sovratensioni nella sua capacit di poter limitare le sovratensioni su un livello restante. Inoltre viene determinato con il livello di protezione il luogo di montaggio di scaricatori adatti all'applicazione per reti di energia, in riferimento alla categoria di sovratensioni secondo CEI EN 60 439-1 (DIN VDE 0110-1:1997-04). Capacit di estinzione della corrente susseguente di rete If il valore efficace non influenzato (valore presunto) della corrente susseguente di rete che pu essere interrotta autonomamente dall'apparecchio di protezione da sovratensioni con l'applicazione di UC. Questa capacit viene testata nella prova di lavoro secondo DIN 0675-6/A1:1996-03. Protezione da sovracorrenti sul lato rete/fusibile di protezione dello scaricatore un dispositivo di protezione da sovracorrenti (per esempio fusibile oppure interruttore magnetotermico) che viene installato, sul lato d'alimentazione, all'esterno dello scaricatore, con lo scopo di interrompere la corrente di cortocircuito a frequenza industriale (50 Hz), quando viene superata la capacit di estinzione dell'apparecchio di protezione da sovratensioni. Impulso combinato UOC L'impulso combinato viene prodotto da un generatore ibrido (1,2/50 s, 8/20 s) con un'impedenza fittizia interna di 2 . La tensione a vuoto di questo generatore viene chiamata UOC. L'UOC viene indicata preferibilmente con scaricatori della Classe D. Scaricatori N-PE Sono apparecchi di protezione previsti esclusivamente per l'installazione tra il conduttore N e PE. Corrente di guasto Ia Valore di picco minimo della corrente di un fulmine, in grado di provocare danno a una linea. Tensione residua Ures Valore di picco della tensione che si manifesta tra i terminali di un SPD, a seguito del passaggio di una corrente di scarica. Corrente di corto circuito presunta di una rete di alimentazione Ip Corrente che potrebbe fluire in un dato punto di un circuito, quando esso venga cortocircuitato in quel punto mediante un collegamento di impedenza trascurabile. Valore nominale di interruzione della corrente susseguente Corrente di corto circuito presunta che un SPD in grado di interrompere da solo. Livello di protezione effettivo Up/f Valore di picco della tensione misurata tra i conduttori dell'impianto BT e la barra di equipotenzializzazione (EBB), in presenza del SPD, durante il passaggio della corrente nominale di scarica o della corrente ad impulso nel SPD. Esso dipende dal livello di protezione del SPD e dalle cadute induttive nei collegamenti e negli eventuali dispositivi di protezione da sovracorrente.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/7

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Soluzioni applicative Soluzioni applicative

Schemi elettrici
N

Scaricatori di sovratensione combinati - Classe di prova I e II 5SD7 44


12 14 CS 11 PE/N 12 14 CS 11

PE

L1

L1

L2

L3

5SD7 442-1
12 N 14 CS 11

5SD7 443-1

PE

L1

L2

L3

5SD7 444-1

Scaricatori di sovratensione di origine atmosferica - Classe di prova I 5SD7 41


N 12 14 CS 11 PE/N 12 14 CS 11

PE

L1

L1

L2

L3

5SD7 412-1
12 14 CS 11

5SD7 413-1

PE

L1

L2

L3

5SD7 414-1

5/8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Soluzioni applicative

Schemi elettrici
N

Limitatori di sovratensione di linea a ingombro ridotto - Classe di prova II 5SD7 42


12 14 CS 11 PE/N 12 14 CS 11

PE

L1

L1

L2

L3

5SD7 422-.
N 12 14 CS 11

5SD7 423-.

PE

L1

L2

L3

5SD7 424-.

Limitatori di sovratensione di linea unipolari e multipolari - Classe di prova II 5SD7 46 e 5SD7 48


N 12 14 CS 11

12

L/N (PE) 14 12
CS 11

PE (L/N)
PE L1 L2 L3

11 14

5SD7 461-.
12 14 CS 11

5SD7 464-.
PE/N 12 14 CS 11 N

PE/N

L1 L1 L2 L3

PE

5SD7 463-.

5SD7 466-.

5SD7 481-0

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/9

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Soluzioni applicative

Schemi elettrici
L 5

Limitatori di sovratensione di utenze di linea - Classe di prova III 5SD7 43


6 11 L

12

1 N 3 PE

2 N 4 PE

5SD7 432-.

Limitatori di sovratensione di linea in esecuzione presa a spina Schuko 2P+T - Classe di prova III 5SD7 435
L L PE N L

N PE

N PE

5SD7 435-0

5SD7 435-5 e 5SD7 435-7


3 La 4 Lb 2 La 5 Lb

La

Lb

PE

PE

La

Lb

La 3

Lb 4

La 2

Lb 5

5SD7 435-2
b2 5 a2 4 b1 6 a1 3

5SD7 435-6

PE

5SD7 435-3

5/10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Soluzioni applicative Soluzioni applicative

Schemi di collegamento
Esempi di collegamento di scaricatori di sovratensione combinati - Classe di prova I e II 5SD7 44 Scaricatore combinato quadripolare per sistemi TT e TN-S: 5SD7 444-1 Collegamento passante a "V" Collegamento in derivazione

5
Scaricatore combinato tripolare per sistemi TN-C: 5SD7 443-1 Collegamento passante a "V" Collegamento in derivazione

Esempi di collegamento di scaricatori di sovratensione di origine atmosferica - Classe di prova I 5SD7 41 Scaricatore di sovratensione di origine atmosferica quadripolare per sistemi TT e TN-S: 5SD7 414-1 Collegamento passante a "V" Collegamento in derivazione

Scaricatore di sovratensione di origine atmosferica tripolare per sistemi TN-C: 5SD7 413-1 Collegamento passante a "V" Collegamento in derivazione

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/11

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Soluzioni applicative

Schemi di collegamento
Esempi di collegamento di scaricatori di sovratensione di linea a ingombro ridotto - Classe di prova II 5SD7 42 Scaricatore di sovratensione di linea quadripolare ad ingombro ridotto per sistemi TT e TN-S: 5SD7 424-1 Collegamento passante a "V" Collegamento in derivazione

Scaricatore di sovratensione di linea tripolare ad ingombro ridotto per sistemi TN-C: 5SD7 423-1 Collegamento passante a "V" Collegamento in derivazione

Esempi di collegamento di limitatori di sovratensione di linea unipolari - Classe di prova II 5SD7 46 e 5SD7 48 Scaricatore di sovratensione di linea unipolari: 5SD7 466-0 (5SD7 466-1), 5SD7 461-0 (5SD7 461-1) e 5SD7 481-0 Sistema TT o TN-S (3+1) Sistema TT o TN-S (4+0)

Sistema TN-C o IT (3+0)

5/12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Soluzioni applicative

Schemi di collegamento
Esempi di collegamento di limitatori di sovratensione di linea multipolari - Classe di prova II 5SD7 46 Scaricatore di sovratensione di linea quadripolare: 5SD7 464-1 Sistema TT 3+1 Sistema TN-S

5
Scaricatore di sovratensione di linea tripolare: 5SD7 463-1 Sistema TN-C

Limitatori di sovratensione di utenze di linea - Classe di prova III 5SD7 43 Scaricatore di sovratensione di linea bipolare: 5SD7 432-. Collegamento passante a "V" Collegamento in derivazione

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/13

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Soluzioni applicative

Esempi di applicazione

Nelle pagine seguenti sono riportati alcuni esempi pratici di scelta di SPD Siemens in funzione del sistema di distribuzione.

Gli schemi sono da considerarsi indicativi e sono stati realizzati esaminando i casi pi comuni. Si lascia comunque al progettista il compito di verificare la scelta delle protezioni pi idonee.

I primi due esempi sono realizzati con il software di progettazione elettrica Sienergy Integra.

Sienergy Integra risulta disponibile sul sito al seguente indirizzo:

www.siemens.it/sienergyintegra

Esempio di Power Center Si consideri il caso tipico di una piccola industria alimentata mediante un sistema TN-S: il Power Center. Nel quadro generale si scelto di installare uno scaricatore combinato 5SD7 444-1 idoneo per un sistema TT o TN-S trifase, mediante collegamento di derivazione.

Gli schemi sono da considerarsi indicativi e sono stati realizzati esaminando i casi pi comuni. Si lascia comunque al progettista il compito di verificare la scelta delle protezioni pi idonee.

I primi due esempi sono schemi multifilari realizzati con il software di progettazione elettrica Sienergy Integra.

Sienergy Integra risulta disponibile sul sito al seguente indirizzo: www.siemens.it/sienergyintegra

5/14

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Soluzioni applicative

Esempi di applicazione
Esempio di quadro di distribuzione Si consideri il caso tipico di un La protezione del limitatore non sistema TT: un impianto del risulta necessaria considerando settore civile. la taglia dell'interruttore generale a monte. Se il rischio di fulminazione basso possibile predisporre la Il limitatore 5SD7 422-0 sola protezione di limitatori di realizzato in esecuzione "1+1" e classe II, omettendo gli pu essere installato a valle scaricatori di classe I. dell'interruttore differenziale evitando di mettere in crisi la protezione contro i contatti indiretti. Se un SPD risulta installato a valle dell'interruttore differenziale si consiglia la scelta di un interruttore differenziale di tipo selettivo. Se invece un SPD installato a monte l'interruttore differenziale pu essere di tipo generale. Se la distanza dell'utenza dal SPD superiore a 15 metri consigliabile l'installazione di un ulteriore protezione da sovratensioni. Se gli utilizzatori risultano sensibili consigliabile l'installazione di un SPD di protezione fine in prossimit del carico.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/15

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Soluzioni applicative

Esempi di applicazione
Esempio di quadro di automazione Si consideri il collegamento alla La protezione dell'alimentatore rete trifase di un sistema SITOP contro le sovracorrenti d'automazione SIMATIC per la realizzata mediante l'utilizzo di realizzazione di una protezione un interruttore tripolare della contro gli effetti delle serie 5SY. sovratensioni.
PE N L1 L2 L3

Il limitatore in classe III 5SD7 434-1, installato in prossimit dell'alimentatore permette di garantire il migliore livello di protezione contro le sovratensioni.

Armadio elettrico

Interruttore automatico

Alimentatore trifase SITOP Power

SITOP

s s

13

14

6EP1 436-3BA00
15 15

SPD
6EP1 436-3BA00 1 2 3 4 5

15

15

15

15

s
2A 10A

SITOP select

6EP1961-2BA00

1 2 3

15

15

L1

L2

L3

PE

OUTPUT

!
3AC 24V OK OVERLOAD SHUT DOW N

INPUT
400V 500V 50/60Hz

24V-28.8V -

L1

L2

L3

PE

Controllore programmabile SIMATIC S7-300


s s

SIMATIC S7-300

5/16

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Tabelle di coordinamento

Impianto protetto con fusibili

Le tabelle di coordinamento seguenti indicano le condizioni in cui necessario prevedere la protezione massima corrente suggerendo la corrente nominale massima del fusibile associabile al SPD.

I dati tecnici presenti da pagina 5/7 indicano i massimi valori nominali della protezione di massima corrente consentiti per ogni limitatore o scaricatore di sovratensione.

Se invece il valore della protezione dell'impianto superiore al valore nominale della protezione massima consentita sar necessario collegare la protezione di valore nominale indicata nei dati tecnici.

La scelta dei fusibili in luogo dei magnetotermici consigliata perch offre una minore caduta di tensione che permette di garantire un migliore livello di protezione Up.

Collegamento passante a "V"

Collegamento in derivazione

5
DIN V VDE V 0100-534; IEC 60 364-5-534 DIN V VDE V 0100-534 (a, b 0,5 m) IEC 60 364-5-53; (a + b 0,5 m) CEI 81-8:2002-02

Scaricatori di sovratensione di origine atmosferica - Classe di prova I (5SD7 41.-1) e combinati - Classe di prova I e II (5SD7 44.-1)

Collegamento passante a "V"


S2 mm2 10 10 10 10 10 16 25 35 SPE mm2 16 16 16 16 16 16 16 16

Collegamento in derivazione
F2 A (gL/gG) S2 mm2 10 10 10 10 10 10 16 16 25 35 35 50 50 SPE mm2 16 16 16 16 16 16 16 16 25 35 35 50 50

F1 A (gL/gG) 25 35 40 50 63 80 100 125

Legenda:
F1 F2 S2 Spe Fusibile di protezione della linea Fusibile di protezione del SPD Sezione del conduttore verso un SPD Sezione del conduttore di messa a terra

F1 A (gL/gG) 25 35 40 50 63 80 100 125 160 200 250 315* >315

* max. Fusibile consentito 315 A secondo IEC 61 643-1, CEI EN 61 643-11 Fusibile raccomandato dal costruttore

Limitatori di sovratensione di linea a ingombro ridotto (5SD7 42.)

Collegamento passante a "V"


S2 mm2 6 6 6 10 10 SPE mm2 6 6 6 10 10

Collegamento in derivazione
F2 A (gL/gG) S2 mm2 6 6 6 6 10 16 25 25 25 SPE mm2 6 6 6 6 10 16 25 25 25

F1 A (gL/gG) 25 35 40 50 63

F1 A (gL/gG) 25 35 40 50 63 80 100 125 >125

Legenda:
F1 F2 S2 Spe

Fusibile di protezione della linea Fusibile di protezione del SPD Sezione del conduttore verso un SPD Sezione del conduttore di messa a terra

125

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/17

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Tabelle di coordinamento

Impianto protetto con fusibili


Limitatori di sovratensione di linea unipolari - Classe di prova II (5SD746. e 5SD7 481-0) Per le varie composizioni dei prodotti sopraelencati i valori della corrente nominale del fusibile di protezione sono riportati di seguito. A titolo di esempio riportato lo schema di collegamento per un sistema TT o TN-S (3+1), per le altri composizioni rimangono comunque validi tali valori. Sistema TT o TN-S (3+1) Fusibili di protezione: F1 > 125 A gL F2 125 A gL F1 < 125 A gL F2 = 80 A gL

Limitatori di sovratensione di linea multipolari - Classe di prova II (5SD7464-. e 5SD7 463-.) I valori della corrente nominale dei fusibili di protezione per i due tipi sopra elencati sono quelli riportati sotto.

Scaricatori di sovratensione di utenze di linea - Classe di prova III (5SD7 43.) F1 25 A gL, F2 F1 25 A gL, F2 25 A gL

5/18

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Dimensioni d'ingombro Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati

Scaricatori di sovratensione combinati - Classe di prova I e II 5SD7 44


CS CS

45 90 99

72

6,7

43,5 64

108

6,7

43,5 64

45 90

5SD7 442-1
CS

5SD7 443-1

144

6,7

43,5 64

5SD7 444-1

Scaricatori di sovratensione di origine atmosferica - Classe di prova I 5SD7 41


CS CS

45 90 99

45 90 99

72

6,7

43,5 64

108

6,7

43,5 64

5SD7 412-1
CS

5SD7 413-1

144

6,7

43,5 64

5SD7 414-1

45 90 99

45 90 99

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/19

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
CS

Limitatori di sovratensione di linea a ingombro ridotto - Classe di prova II 5SD7 42


CS

45 90 99

26

6,7

43,5 64

38

6,7

43,5 64

5SD7 422-.
CS

5SD7 423-.

50

6,7

43,5 64

5SD7 424-.

Limitatori di sovratensione di linea unipolari e multipolari - Classe di prova II 5SD7 46 e 5SD7 48


CS CS

45 90 99

45 90 99

45 90 99 72 6,7 43,5 64

18

6,7

43,5 64

5SD7 461-., 5SD7 481-0


CS

5SD7 464-.
CS

45 90 99

54

6,7

43,5 64

18

6,7

43,5 64

5SD7 463-.

5SD7 466-.

5/20

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

45 90 99

45 90 99

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati

Limitatori di sovratensione di utenze di linea - Classe di prova III 5SD7 43

45 71 90

18

6,7

29 45 58

36

6,7

29 45 58

45 71 90

5SD7 432-.

5SD7 434-1

Limitatori di sovratensione di linea in esecuzione presa a spina Schuko 2P+T - Classe di prova III 5SD7 435

52 63

2 36 79

5SD7 435-.

103 4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

5/21

Scaricatori e limitatori di sovratensione


Note

5/22

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


6/2 6/11 6/16 6/26 6/34 Caratteristiche generali Soluzioni applicative Scelta di apparecchi per il comando di lampade Potenza dissipata Dimensioni dingombro

6/1

Apparecchi di comando e segnalazione


Caratteristiche generali

Informazioni tecniche
Inserzione di utenze Spesso vengono sottovalutate le elevate correnti di inserzione dei diversi carichi e di conseguenza il rischio di saldatura dei contatti. Carico ohmico Il carico ohmico, ad esempio di un apparecchio elettrico di riscaldamento, non provoca un incremento della corrente di inserzione. Lampade a incandescenza In lampade a incandescenza o alogene la spirale incandescente allo stato freddo determina per circa 10 ms una corrente di inserzione da 6 fino a 10 volte superiore. Lampade fluorescenti non compensate La corrente di riscaldamento della spirale incandescente e la corrente d'esercizio determinano all'accensione su diversi periodi una corrente induttiva di 2 fino a 2,5 volte superiore. Lampade fluorescenti compensate in parallelo Il compensatore determina all'accensione per circa 10 ms una corrente estrema fino a 13 volte superiore. Lampade fluorescenti in collegamento bilampada Il compensatore modulare determina la compensazione. Tuttavia, su diversi periodi si verifica un incremento della corrente di inserzione, come per le lampade fluorescenti non compensate.

Scelta dei contatti per impianti di illuminazione Negli apparecchi modulari in Contatti di rel con apertura serie si utilizzano contatti di > 3 mm, come nel caso degli diverso tipo. interruttori per comando a distanza. Contatti di contattore con apertura > 3 mm, come nel Contatti azionati caso degli interruttori per manualmente con apertura comando a distanza > 3 mm, come nel caso degli sottocarico. interruttori. Disinserzione di utenze Se un contatto in cui passa la corrente si apre, al di sopra dei 24 V - 30 V si accende sempre un arco voltaico, che dipende dalla tensione, dalla lunghezza della linea di separazione, dalla velocit del contatto, dall'angolo di commutazione e dall'intensit di corrente. Secondo il principio del cosiddetto spegnimento di fase, al pi tardi dopo 1 semionda l'arco voltaico si estingue al passaggio per lo zero.

Contatti di rel di tipo (con apertura > 0,5 mm), come quelli utilizzati sui circuiti stampati degli apparecchi elettronici.

Le tabelle di scelta degli apparecchi riportati alla fine del presente capitolo forniscono un valido aiuto per scegliere il tipo di apparecchio adatto per i diversi impianti di illuminazione.

In questo caso non si pu contare su altri ausili di estinzione o limitazioni di corrente, come nel caso degli interruttori magnetotermici.

Temperature ambiente dei contattori Le norme IEC 60 947-4-1 e IEC 60 947-1 forniscono le seguenti temperature limite (temperature superficiali): "per tutte le parti non metalliche che non sono soggette al contatto diretto, la temperatura ammessa di 50 C". Ad una temperatura ambiente di 40 C tali valori limite corrispondono a 90 C! Le temperature superficiali sono il risultato della media tra calore in uscita e calore in entrata. Il calore in entrata si ottiene dalla potenza dissipata. La potenza dissipata Pv si compone della potenza dissipata dalla bobina e di quella risultante dalla resistenza dei contatti. Se si impiegano diversi contattatori, il quadro deve essere esposto ad una temperatura massima di 40 C. In tal caso occorre posizionare un distanziatore di 0,5 u.m. (5TG8 240) ogni due contattori.

6/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Caratteristiche generali

Sequenza dei contatti


Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo)

5TT4 101-.

5TT4 102-.

6
5TT4 103-.

5TT4 104-.

A2 1 A1

1-2 (inverso) 3-4

2 4

5TT4 105-.

8 7 (idem per contatti 3-4, 5-6 e 7-8) 1-2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/3

Apparecchi di comando e segnalazione


Caratteristiche generali

Sequenza dei contatti


Comando centralizzato

5TT4 125-0

ZA ZE A1 1

2 4

(inverso)

5TT4 122-0

ZA ZE A1 1

5TT4 123-0

ZA ZE A1 1

A1-N

Comando in cascata 5TT4 142-0 5TT4 142-2 5TT4 142-3

A1 N

11 23 12 24

Comando in serie 5TT4 132-0

A1 N

11 23 12 24

6/4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Caratteristiche generali

Sequenza dei contatti

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo)

5TT5 511 501 551 521 541 531

5TT5 512 502 522 542 532

5TT5 503 523 543 533

5TT5 516 506 526 546 536

5TT5 411 421 441 431

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/5

Apparecchi di comando e segnalazione


Caratteristiche generali

Sequenza dei contatti

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) con comando centralizzato o comando a gruppi ON/OFF

5TT5 535

5TT5 534

5TT5 537

5TT5 150 5TT5 151

5TT5 152 5TT5 153

Indipendentemente dalla posizione del contatto dell'interruttore per comando a distanza, quando alimentati tramite il comando A1/N oppure L/N, i contatti si pongono sempre sulla posizione di OFF se vengono azionati gli ingressi ZA/N o GA/N, mentre assumono sempre la posizione ON se vengono azionati gli ingressi ZE o GE.

6/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Caratteristiche generali

Sequenza dei contatti

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) con comando centralizzato o comando a gruppi ON/OFF

5TT5 535

5TT5 534

6
5TT5 537

5TT5 150 5TT5 151

5TT5 152 5TT5 153

Indipendentemente dalla posizione del contatto dell'interruttore per comando a distanza, quando alimentati tramite il comando A1/N oppure L/N, i contatti si pongono sempre sulla posizione di OFF se vengono azionati gli ingressi ZA/N o GA/N, mentre assumono sempre la posizione ON se vengono azionati gli ingressi ZE o GE.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/7

Apparecchi di comando e segnalazione


Caratteristiche generali

Sequenza dei contatti


Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo)

Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) a cascata 5TT5 163

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) in serie 5TT5 164 5TT5 165

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 603 5TT5 601 5TT5 602 5TT5 607 1) 5TT5 605 1) 5TT5 606 1)

5TT5 611 5TT5 612 5TT5 613 5TT5 614

Con la tensione continua sui comandi ZE o ZA le entrate dei pulsanti da T1 a T4 non funzionano. I sistemi 2, 3 e 4 con i morsetti T2, T3, T4 oppure 23/24, 33/34, 43/44 funzionano in maniera analoga.

5TT5 621 5TT5 623

Con la tensione continua sui comandi ZE o ZA le entrate dei pulsanti da T1 a T4 non funzionano. Con la tensione continua sulle entrate dei pulsanti le funzioni centralizzate ON/OFF o di gruppo rimangono inalterate. I sistemi 2 e 3 con i morsetti T2, T3 oppure 23/24, 33/34 funzionano in maniera analoga.

1)

Con interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 607, 5TT5 605 e 5TT5 606 con due sistemi, entrambi i sistemi funzionano allo stesso modo.

6/8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Caratteristiche generali

Schemi elettrici
Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT4 101-0 Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT4 122-0 con comando centralizzato ON/OFF

6
Collegamento monofase per illuminazione con tensione dimpiego di 230 V c.a., ad esempio per lilluminazione di uffici Agendo sui due pulsanti per il comando centralizzato ON e OFF, tutti gli interruttori per comando a distanza vengono inseriti e disinseriti dalla postazione centrale di controllo, ad esempio allinizio e alla fine di una giornata di lavoro. Inoltre si pu utilizzare a scelta un orologio interruttore con comando impulsivo di un secondo. Dopo laccensione o lo spegnimento degli interruttori per comando a distanza a livello centrale, possibile disinserirli o reinserirli a livello locale. Ai morsetti ZA, ZE ed A1 possibile collegare fasi diverse. Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT4 122-0 con comando a tempo ON/OFF

Schemi elettrici

Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT4 101-4

Collegamento monofase per impianto di illuminazione con bassa tensione dei sicurezza 8 V c.a., pulsante luminoso

Allinizio della giornata di lavoro, stampanti e fotocopiatrici devono essere accese con il pulsante. A fine giornata, ad esempio dalle ore 18.00 alle ore 22.00, lorologio interruttore invia ad intervalli di unora un impulso di 1 s per disinserire la presa di corrente. Si ha cos la sicurezza che le stampanti e le fotocopiatrici non possano essere dimenticate accese e che, nel caso vengano nuovamente attivate dopo le ore 18.00, lo spegnimento avverr comunque nellarco di unora.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/9

Apparecchi di comando e segnalazione


Caratteristiche generali

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT4 132-0 Collegamento di un meccanismo a 3 posizioni con azzeramento (1, 2 e 3)

Apparecchi da utilizzare: 5TT4 132-0 2 x 5TT4 205-0 5TT5 802 Esempio di collegamento di un interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT4 132-0 Collegamento di un meccanismo a 4 posizioni (1, 2, 3 e 4)

Apparecchi da utilizzare: 5TT4 132-0 5TT4 206-0 e 5TT4 207-0 5TT5 802

6/10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 511 Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) centralizzato 5TT5 535 Comando temporizzato ON/OFF

5TE4 800

7LF4 411-0

L1

6
5TE6 800

Collegamento monofase per impianto di illuminazione con bassa tensione di sicurezza di 8 V c.a. e pulsante 5TD2 114 con lampada a incandescenza 5TG7 313.

All'inizio della giornata di lavoro, stampanti e fotocopiatrici devono essere accese con il pulsante. A fine giornata, ad esempio dalle ore 18.00 alle ore 22.00, l'orologio interruttore invia ad intervalli di un'ora un impulso di 1 s per disinserire la presa di corrente.

Si ha cos la sicurezza che le stampanti e le fotocopiatrici non possano essere dimenticate accese e che nel caso vengano nuovamente attivate dopo le ore 18.00, comunque presente ogni ora un controllo che ne garantir lo spegnimento.

Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) centralizzato 5TT5 535 Comando centralizzato ON/OFF Agendo sui 2 pulsanti per il comando centralizzato ON/OFF, tutti gli interruttori per comando a distanza vengono inseriti e disinseriti dalla postazione centrale di controllo, ad esempio all'inizio o alla fine di una giornata di lavoro. possibile utilizzare, se desiderato, un orologio interruttore digitale 7LF4 con comando impulsivo di 1 secondo. Dopo l'accensione o lo spegnimento degli interruttori per comando a distanza a livello centrale, possibile disinserirli o reinserirli a livello locale. Ai morsetti ZA, ZE e A1 deve essere sempre collegata la stessa fase.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/11

Apparecchi di comando e segnalazione


Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 153 Comando centralizzato e di gruppo ON/OFF Agendo sui 2 pulsanti per il comando centralizzato ON/OFF, tutti gli interruttori per comando a distanza vengono inseriti e disinseriti dalla postazione centrale di controllo, ad esempio all'inizio o alla fine di una giornata di lavoro. Agendo invece sui 2 pulsanti di gruppo ON/OFF, vengono comandati tutti gli interruttori per comando a distanza che appartengono ad un determinato gruppo, ad esempio il gruppo "Pavimento". Per le funzioni "Centrale" o "Gruppo" possibile utilizzare a scelta un orologio interruttore digitale 7LF4 con comando impulsivo di 1 secondo. Dopo l'accensione o lo spegnimento degli interruttori per comando a distanza a livello centrale, possibile disinserirli o reinserirli a livello locale. Ai morsetti ZA, ZE e GA, GE nonch L possibile collegare fasi diverse. Se si utilizza il contatto 13/14 come contatto di risposta della funzione di comando centralizzato ON/OFF (come descritto sopra), possibile collegare la stessa fase ai morsetti 13 di tutti gli interruttori per comando a distanza. Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 602 Comando unico di lampade Collegamento lampade monofase con tensione dimpiego di 230 V c.a., a diversi punti di accensione e un unico interruttore per comando a distanza (rel passo-passo), ad esempio per lilluminazione di uffici (settore terziario).

6/12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 613 Collegamento trifase di lampade con comando centralizzato ON/OFF L'interruttore per comando a distanza 5TT5 613 costituito da 3 interruttori per comando a distanza attivabili separatamente con funzione centralizzata ON/OFF e cablaggio interno delle funzioni. Per il comando centralizzato ON/OFF si utilizzano appositi pulsanti. Qualora i pulsanti locali da T1 a T3 siano bloccati permanentemente, devono essere utilizzati degli interruttori invece dei pulsanti per la funzione di comando centralizzato ON/OFF. Inoltre non possibile lasciare sotto tensione contemporaneamente i morsetti ZA e ZE. Devono essere utilizzati commutatori (5TE8 141) o deviatori a 2 poli (5TE8 162) in esecuzione a incasso. Schema di un collegamento trifase di un impianto di illuminazione con funzione di comando centralizzato ON/OFF.

Pulsanti locali

Pulsanti locali

Se i morsetti ON/OFF vengono messi in tensione contemporaneamente, gli interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) vengono azionati in maniera indefinita. Dopo aver tolto la tensione sui morsetti di connessione ON/OFF, gli interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) possono essere azionati dopo 1 minuto, in maniera definita.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/13

Apparecchi di comando e segnalazione


Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento dellinterruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 623 Collegamento trifase di lampade con comando centralizzato e di gruppo ON/OFF L'interruttore per comando a distanza 5TT5 623 costituto da 3 interruttori per comando a distanza attivabili separatamente con funzione centralizzata/di gruppo ON/OFF e cablaggio interno delle funzioni. Per il comando centralizzato/di gruppo ON/OFF si utilizzano appositi pulsanti. Qualora i pulsanti locali da T1 a T3 siano bloccati permanentemente, devono essere utilizzati dei doppi deviatori invece dei pulsanti per la funzione di comando centralizzato/di gruppo ON/OFF (vedere esempio riportato sotto). Non tuttavia possibile lasciare sotto tensione contemporaneamente i morsetti ZA/ZE nonch GA e GE (vedere esempio riportato sotto). Una funzione prioritaria di questo tipo con blocco permanente dei pulsanti di un impianto, ad esempio all'interno di un carcere o di un edificio di pubblica sicurezza (banca o museo), dovrebbe poter essere gestita solo da una postazione centrale.

Schema di un collegamento trifase di un impianto di illuminazione con funzione di comando centralizzato e di gruppo ON/OFF.

Se viene utilizzato il collegamento permanente con funzione centralizzata e di gruppo ON/OFF, i pulsanti di gruppo devono essere collegati privi di tensione.

6/14

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 164 Collegamento di un meccanismo a 4 posizioni (1, 2, 3 e 4) Apparecchi da utilizzare: 5TT5 164 5TT3 065 o 5TT3 075 5TT3 421

6
Esempio di collegamento di un interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 164 Collegamento di un meccanismo a 3 posizioni con azzeramento (1, 2 e 3) Apparecchi da utilizzare: 5TT5 164 5TT3 065 o 5TT3 075 5TT3 421

Esempio di collegamento di un compensatore (5TG8 230) Collegamento per linee di carattere capacitivo determinato dalla presenza di pulsanti con lampade di orientamento al neon Le lampade al neon nei pulsanti, necessarie per l'orientamento in condizioni di oscurit, in presenza di un interruttore per comando a distanza (rel passopasso), prelevano corrente, a pulsante aperto, attraverso la bobina dello stesso. Un numero eccessivo di questo tipo di lampade, collegate in parallelo, pu causare la diseccitazione dell'interruttore per comando a distanza (rel passo-passo). In queste condizioni, per garantire il funzionamento, necessario installare, in parallelo alla bobina di comando, un compensatore 5TG8 230 (vedere schema).

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/15

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte (DULUX) con bobina di reattanza (KVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Compensate in parallelo Collegamento bilampada I dati valgono per apparecchi di illuminazione con 2 lampade ciascuno L58 7,0 2xS11 2x L18 2x L24 2x L36 2x L58 -

Tipo di lampada Capacit del condensatore

W F

S11 -

L18 -

L24 -

L36 -

L58 -

S11 4,5

L18 4,5

L24 4,5

L36 4,5

Interruttori di comando
5TE8 111 5TE8 112 5TE8 113 20 A 35 35 25 50 50 35 30 30 20

Lampade fluorescenti con reattore elettronico (EVG) Numero massimo di lampade


A 1 lampada Tipo di lampada W L18 L36 L58 A 2 lampade 2 L18 2 L36 2 L58

Interruttori di comando
5TE8 111 5TE8 112 5TE8 113 20 A 45 45 30 22 22 15

6/16

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


5TT4 101-. 5TT4 102-. 5TT4 105-. Tipi di contatto 1NA 2NA 1NA+1NC W W mA 2400 1200 3 5TT4 103-. 5TT4 104-. 5TT4 12.-0 5TT4 132-0 5TT4 142-.

3NA 4NA

centralizzato

in serie per tapparelle

Incandescenza Alogene con trasformatore Carico lampade al neon

Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte (DULUX) con bobina di reattanza (KVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampada Capacit del condensatore W F L18 L36 L58 Compensate in parallelo L18 4,5 L36 4,5 L58 7 Collegamento bilampada gruppo da 2 lampade 2 x L18 2 x L36 2 x L58 -

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo)


5TT4 101-. 5TT4 102-. 5TT4 105-. 5TT4 103-. 5TT4 104-. 5TT4 12.-0 5TT4 132-0 5TT4 142-0 1NA 2NA 1NA+1NC 3NA 4NA centralizzato in serie per tapparelle 35 35 35 30 30 30 30 30 35 35 35 30 30 30 30 30 25 25 25 20 20 20 20 20 40 40 40 50 50 50 50 50 40 40 40 50 50 50 50 50 28 28 28 30 30 30 30 30 30 30 30 24 24 24 24 24 30 30 30 24 24 24 24 24 30 30 30 16 16 16 16 16

Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte con reattore elettronico (EVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
A 1 lampada Tipo di lampada W L18 L36 L58 A 1 lampada 2 x L18 2 x L36 2 x L58

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo)


5TT4 101-. 5TT4 102-. 5TT4 105-. 5TT4 103-. 5TT4 104-. 5TT4 12.-0 5TT4 132-0 5TT4 142-0 1NA 2NA 1NA+1NC 3NA 4NA centralizzato in serie per tapparelle 36 36 36 30 30 30 30 30 36 36 36 30 30 30 30 30 24 24 24 20 20 20 20 20 22 22 22 18 18 18 18 18 22 22 22 18 18 18 18 18 15 15 15 12 12 12 12 12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/17

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte (DULUX) con bobina di reattanza (KVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Compensate in parallelo Collegamento bilampada I dati valgono per apparecchi di illuminazione con 2 lampade ciascuno L58 7,0 2x S11 2x L18 2x L24 2x L36 2x L58 -

Tipo di lampada Capacit del condensatore

W F

S11 -

L18 -

L24 -

L36 -

L58 -

S11 4,5

L18 4,5

L24 4,5

L36 4,5

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo)


5TT5 511 5TT5 5. 2 5TT5 5. 3 5TT5 535 5TT5 501 5TT5 521 5TT5 531 5TT5 541 5TT5 5. 6 5TT5 15 5TT5 16 5TT5 6 10 A 22 22 14 16 A 20 16 A 35 35 25 40 40 28 30 30 20 16 A 30 30 20 50 50 30 24 24 16

Lampade fluorescenti con reattore elettronico (EVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
A 1 lampada Tipo di lampada W L18 L36 L58 A 2 lampade 2 L18 2 L36 2 L58

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo)


5TT5 511 5TT5 5. 2 5TT5 5. 3 5TT5 535 5TT5 501 5TT5 521 5TT5 531 5TT5 541 5TT5 5. 6 16 A 36 36 24 22 22 15 16 A 30 30 20 18 18 12

6/18

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Scelta di apparecchi per il comando di lampade


Comando in corrente continua DC-1 Correnti di comando ammesse per contatti di lavoro (NA) su carico ohmico
Tipo di contatto 1 contatto 2 contatti in serie 3 contatti in serie 4 contatti in serie

Contattori
5TT5 80, 2 poli, 20 A le per Ue = 24 V c.c. le per Ue = 110 V c.c. le per Ue = 220 V c.c. 5TT5 83, 4 poli, 25 A le per Ue = 24 V c.c. le per Ue = 110 V c.c. le per Ue = 220 V c.c. 5TT5 84, 4 poli, 40 A le per Ue = 24 V c.c. le per Ue = 110 V c.c. le per Ue = 220 V c.c. 5TT5 85, 4 poli, 63 A le per Ue = 24 V c.c. le per Ue = 110 V c.c. le per Ue = 220 V c.c. A A A A A A A A A A A A 20 1 0,5 25 2 0,5 40 4 0,8 63 4 0,8 20 3 1,5 25 4 1,5 40 10 6 63 10 6 25 6 2,5 40 30 20 63 35 30 25 8 3,5 40 40 40 63 63 63

Comando in corrente continua DC-1 e DC-3 Correnti di comando ammesse per contatti di lavoro (NA) su carico ohmico
Tipo di contatto 1 contatto in serie DC-1 DC-3 2 contatti in serie DC-1 DC-3 3 contatti in serie DC-1 DC-3 4 contatti in serie DC-1 DC-3

Contattori
5TT5 73, 4 poli, 24 A le per Ue = 24 V c.c. le per Ue = 48 V c.c. le per Ue = 60 V c.c. le per Ue = 110 V c.c. le per Ue = 220 V c.c. 5TT5 74, 4 poli, 40 A le per Ue = 24 V c.c. le per Ue = 48 V c.c. le per Ue = 60 V c.c. le per Ue = 110 V c.c. le per Ue = 220 V c.c. 5TT5 75, 4 poli, 63 A le per Ue = 24 V c.c. le per Ue = 48 V c.c. le per Ue = 60 V c.c. le per Ue = 110 V c.c. le per Ue = 220 V c.c. A A A A A A A A A A A A A A A 24 21 17 7 0,9 40 23 16 8 1 50 26 20 9 1,1 16 8 4 1,6 0,2 19 10 5 1,8 0,3 21 11 5,5 2 0,3 24 24 24 16 4,5 40 40 32 17 5 63 43 35 19 5,5 24 18 14 6,5 1 40 20 16 7 1,1 44 22 18 8 1,2 24 24 24 24 13 40 40 40 30 15 63 63 60 33 17 24 24 24 16 4 40 40 34 18 4,5 63 47 38 21 5 24 8 3,5 24 8 3,5 63 20 -

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/19

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


Lampade a incandescenza Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Tipo di lampade W 1000 500 200 100 60

Contattori
5TT5 80, 2 poli 5TT5 73, 4 poli 5TT5 83, 4 poli 5TT5 74, 4 poli 5TT5 84, 4 poli 5TT5 75, 4 poli 5TT5 85, 4 poli 20 A 24 A 25 A 40 A 40 A 63 A 63 A 1 1 1 3 4 5 5 3 2 3 6 8 10 10 7 5 8 15 20 25 25 14 10 16 30 40 50 50 23 17 29 50 65 83 85

Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte (DULUX) con bobina di reattanza (KVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampade Capacit del condensatore W F L18 _ L36 _ L58 _ Compensate in parallelo L18 4,5 L36 4,5 L58 7,0 Collegamento bilampada gruppo da 2 lampade 2 x L18 _ 2 x L36 _ 2 x L58 _

Contattori
5TT5 80, 2 poli 5TT5 73, 4 poli 5TT5 83, 4 poli 5TT5 74, 4 poli 5TT5 84, 4 poli 5TT5 75, 4 poli 5TT5 85, 4 poli 20 A, contatti NA 24 A, contatti NA 25 A, contatti NA 40 A, contatti NA 40 A, contatti NA 63 A, contatti NA 63 A, contatti NA 22 26 24 85 90 135 140 17 20 20 52 65 95 95 14 12 17 40 45 60 70 7 8 8 16 48 67 73 7 8 8 16 48 67 73 4 5 5 10 31 43 47 30 26 40 85 100 140 150 17 20 24 65 65 105 95 10 12 14 40 40 60 60

Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte con reattore elettronico (EVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
A 1 lampada Tipo di lampade W 1 L18 1 L36 1 L58 A 2 lampade 2 L18 2 L36 2 L58

Contattori
5TT5 80, 2 poli 5TT5 73, 4 poli 5TT5 83, 4 poli 5TT5 74, 4 poli 5TT5 84, 4 poli 5TT5 75, 4 poli 5TT5 85, 4 poli 20 A, contatti NA 24 A, contatti NA 25 A, contatti NA 40 A, contatti NA 40 A, contatti NA 63 A, contatti NA 63 A, contatti NA 25 24 35 55 100 76 140 15 16 20 34 52 47 75 14 14 19 32 50 46 72 12 18 17 34 50 48 70 7 11 10 20 26 29 38 7 8 9 17 25 24 36

Lampade a vapori metallici e a vapori di mercurio ad alta pressione (HQL) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampade Capacit del condensatore W F 50 14 14 18 36 38 50 55 80 10 10 13 27 29 38 42 125 7 7 9 19 20 26 29 250 4 4 5 10 10 14 15 400 2 2 3 7 7 10 10 700 1 1 2 4 4 6 6 1000 1 1 1 3 3 4 4 Compensate in parallelo 50 7 4 5 5 10 31 43 47 80 8 4 4 5 8 27 37 41 125 10 3 3 4 6 22 26 33 250 18 1 2 2 3 12 15 18 400 25 1 1 1 3 9 10 13 700 45 0 0 0 1 5 5 7 1000 60 0 0 0 1 4 4 5

C Contattori
5TT5 80, 2 poli 5TT5 73, 4 poli 5TT5 83, 4 poli 5TT5 74, 4 poli 5TT5 84, 4 poli 5TT5 75, 4 poli 5TT5 85, 4 poli 20 A, contatti NA 24 A, contatti NA 25 A, contatti NA 40 A, contatti NA 40 A, contatti NA 63 A, contatti NA 63 A, contatti NA

6/20

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


Lampade ad alogenuri metallici (HQI) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampade Capacit del condensatore W F 70 150 250 400 1000 2000 Compensate in parallelo 70 12 150 20 250 33 400 35 1000 95 2000 148

Contattori
5TT5 80, 2 poli 5TT5 73, 4 poli 5TT5 83, 4 poli 5TT5 74, 4 poli 5TT5 84, 4 poli 5TT5 75, 4 poli 5TT5 85, 4 poli 20 A, contatti NA 24 A, contatti NA 25 A, contatti NA 40 A, contatti NA 40 A, contatti NA 63 A, contatti NA 63 A, contatti NA 10 5 12 14 23 20 32 5 3 7 8 12 11 18 3 2 4 5 7 7 10 3 1 3 4 6 6 9 1 0 1 1 2 2 3 0 0 0 1 1 1 1 2 3 3 5 18 18 25 1 1 1 3 11 9 15 0 1 1 2 6 5 9 0 0 0 2 6 4 8 0 0 0 0 2 1 3 0 0 0 0 1 0 2

Lampade ad alogenuri metallici (HQI) con reattore elettronico Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Compensate in parallelo Tipo di lampade W 20 35 70 150

Contattori
5TT5 80, 2 poli 5TT5 83, 4 poli 5TT5 84, 4 poli 5TT5 85, 4 poli 20 A, contatti NA 25 A, contatti NA 40 A, contatti NA 63 A, contatti NA 9 9 18 20 6 6 11 13 5 5 10 12 4 4 8 10

Lampade a vapori di sodio ad alta pressione (NAV) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampade Capacit del condensatore W F 125 250 400 1000 Compensate in parallelo 150 20 250 33 400 48 1000 106

Contattori
5TT5 80, 2 poli 5TT5 73, 4 poli 5TT5 83, 4 poli 5TT5 74, 4 poli 5TT5 84, 4 poli 5TT5 75, 4 poli 5TT5 85, 4 poli 20 A, contatti NA 24 A, contatti NA 25 A, contatti NA 40 A, contatti NA 40 A, contatti NA 63 A, contatti NA 63 A, contatti NA 5 4 6 15 17 20 22 3 3 4 9 10 15 13 2 1 2 6 6 8 8 0 0 1 3 3 4 3 1 1 1 3 11 15 16 0 1 1 2 6 9 10 0 0 0 1 4 6 6 0 0 0 0 2 2 3

Lampade a vapori di sodio a bassa pressione Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampade Capacit del condensatore W F 18 35 55 90 135 180 Compensate in parallelo 18 5 35 20 55 20 90 26 135 45 180 40

Contattori
5TT5 80, 2 poli 5TT5 83, 4 poli 5TT5 84, 4 poli 5TT5 85, 4 poli 20 A, contatti NA 25 A, contatti NA 40 A, contatti NA 63 A, contatti NA 22 27 71 7 9 23 7 9 23 4 5 14 3 4 10 3 4 10 6 7 44 1 1 11 1 1 11 1 1 8 4 5

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/21

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


Lampade alogene a 12 V c.a./c.c. Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 12 V c.a./c.c.
Tipo di lampade W 20 50 75 100 150 200 300

Contattori
5TT5 73, 4 poli 5TT5 74, 4 poli 5TT5 75, 4 poli 24 A, contatti NA 40 A, contatti NA 63 A, contatti NA 52 110 21 50 16 25 12 27 9 19 5 14 4 9

6/22

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte (DULUX) con bobina di reattanza (KVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Compensate in parallelo Collegamento bilampada I dati valgono per apparecchi di illuminazione con 2 lampade ciascuno L58 7,0 2S11 2xL18 2L24 2L36 2L58 -

Tipo di lampada Capacit del condensatore

W F

S11 -

L18 -

L24 -

L36 -

L58 -

S11 4,5

L18 4,5

L24 4,5

L36 4,5

Contattori in esecuzione piombabile


5TT3 9 20 A NA 100 43 47 37 24 15 15 15 15 10 -

Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte con reattore elettronico (EVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V c.a./220 V c.c.
Funzionamento in c.a. a 1 lampada Tipo di lampada W L18 L36 L58 a 2 lampade Funzionamento in c.c., 3 percorsi di corrente in serie a 1 lampada a 2 lampade L36 L58 2 L18 2 L36 2 L58

2 L18 2 L36 2 L58 L18

Contattori in esecuzione piombabile


5TT3 9 4 poli 20 A NA 39 39 26 26 26 12 22 12 8 12 6 4

Lampade a vapori metallici e a vapori di mercurio ad alta pressione (HQL) Numero massimo di lampade per percorso corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampada Capacit del compensatore W F 50 80 125 250 400 700 1000 Compensate in parallelo 50 7 80 8 125 10 250 18 400 25 700 40 1000 60

Contattori in esecuzione piombabile


5TT3 9 4 poli 20 A NA 13 9 6 3 2 1 1 10 9 7 4 3 1 1

Lampade ad alogenuri metallici (HQI) Numero massimo di lampade per percorso corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampada Capacit del compensatore W F 70 150 250 400 1000 2000 Compensate in parallelo 70 12 150 20 250 32 400 35 1000 85

Contattori in esecuzione piombabile


5TT3 9 4 poli 20 A NA 6 5 3 2 0 0 6 3 2 2 0

Lampade a vapori di sodio ad alta pressione (NAV) Numero massimo di lampade per percorso corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampada Capacit del compensatore W F 50 70 110 150 250 400 1000 Compensate in parallelo 50 8 70 12 110 12 150 20 250 36 400 45 1000 100

Contattori in esecuzione piombabile


5TT3 9 4 poli 20 A NA 13 10 8 5 3 2 1 8 5 5 3 1 1 0

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/23

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


5TT3 0 Carico lampade a incandescenza W/polo 1200 5TT3 081

Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte (DULUX) con bobina di reattanza (KVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampade Capacit del condensatore W F L18 L36 L58 Compensate in parallelo S11 4,5 L18 4,5 L24 4,5 L36 4,5 L58 7 Collegamento bilampada gruppo da 2 lampade 2 x L18 2 x L36 2 x L58 -

Rel ausiliari
5TT3 0 5TT3 081 16 A 16 A 36 31 20 20 20 20 20 13 -

Lampade fluorescenti e fluorescenti compatte con reattore elettronico (EVG) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
A 1 lampada Tipo di lampade W L18 L36 L58

Rel ausiliari
5TT3 0 5TT3 081 16 A 16 A 58 32 20 -

Lampade a vapori metallici e a vapori di mercurio ad alta pressione (HQL) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampade Capacit del condensatore W F 50 80 125 250 400 700 1000 Compensate in parallelo 50 7 80 8 125 10 250 18 400 25 700 40 1000 60

Rel ausiliari
5TT3 0 5TT3 081 16 A 16 A 16 12 8 4 3 2 1 13 11 9 5 3 2 1

Lampade ad alogenuri metallici (HQI) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampade Capacit del condensatore W F 70 150 250 400 Compensate in parallelo 70 12 150 20 250 20 400 35 1000 85

Rel ausiliari
5TT3 0 5TT3 081 16 A 16 A 10 5 3 2 7 4 3 2 1

6/24

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Scelta di apparecchi per il comando di lampade

Tabelle di scelta degli apparecchi di comando


Lampade a vapori di sodio ad alta pressione (NAV) Numero massimo di lampade per percorso di corrente a 230 V, 50 Hz
Non compensate Tipo di lampade Capacit del condensatore W F 50 70 110 150 250 Compensate in parallelo 50 8 70 12 110 12 150 20 250 36 400 45

Rel ausiliari
5TT3 0 5TT3 081 16 A 16 A 13 10 8 5 2 11 7 7 4 2 2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/25

Apparecchi di comando e segnalazione


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TE2 411-0 5TE2 412-0 5TE2 413-0 5TE2 414-0 5TE2 511-0 5TE2 512-0 5TE2 513-0 5TE2 514-0 5TE2 812-0 5TE2 813-0 5TE2 814-0 Breve descrizione Interruttore di manovra - sezionatore 40 A 1NA Interruttore di manovra - sezionatore 40 A 2NA Interruttore di manovra - sezionatore 40 A 3NA Interruttore di manovra - sezionatore 40 A 3NA+N Interruttore di manovra - sezionatore 63 A 1NA Interruttore di manovra - sezionatore 63 A 2NA Interruttore di manovra - sezionatore 63 A 3NA Interruttore di manovra - sezionatore 63 A 3NA+N Interruttore di manovra - sezionatore 125 A 2NA Interruttore di manovra - sezionatore 125 A 3NA Interruttore di manovra - sezionatore 125 A 3NA+N Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando per polo o contatto 1) 2,2 2,2 2,2 2,2 5,4 5,4 5,4 5,4 7,6 7,6 7,6

Numero di ordinazione 5TE8 311 5TE8 312 5TE8 313 5TE8 314 5TE8 411 5TE8 412 5TE8 413 5TE8 414 5TE8 511 5TE8 512 5TE8 513 5TE8 514 5TE8 611 5TE8 612 5TE8 613 5TE8 614 5TE8 711 5TE8 712 5TE8 713 5TE8 714 5TE8 811 5TE8 812 5TE8 813 5TE8 814

Breve descrizione Interruttore di manovra - sezionatore 32 A 1NA Interruttore di manovra - sezionatore 32 A 2NA Interruttore di manovra - sezionatore 32 A 3NA Interruttore di manovra - sezionatore 32 A 3NA+N Interruttore di manovra - sezionatore 40 A 1NA Interruttore di manovra - sezionatore 40 A 2NA Interruttore di manovra - sezionatore 40 A 3NA Interruttore di manovra - sezionatore 40 A 3NA+N Interruttore di manovra - sezionatore 63 A 1NA Interruttore di manovra - sezionatore 63 A 2NA Interruttore di manovra - sezionatore 63 A 3NA Interruttore di manovra - sezionatore 63 A 3NA+N Interruttore di manovra - sezionatore 80 A 1NA Interruttore di manovra - sezionatore 80 A 2NA Interruttore di manovra - sezionatore 80 A 3NA Interruttore di manovra - sezionatore 80 A 3NA+N Interruttore di manovra - sezionatore 100 A 1NA Interruttore di manovra - sezionatore 100 A 2NA Interruttore di manovra - sezionatore 100 A 3NA Interruttore di manovra - sezionatore 100 A 3NA+N Interruttore di manovra - sezionatore 125 A 1NA Interruttore di manovra - sezionatore 125 A 2NA Interruttore di manovra - sezionatore 125 A 3NA Interruttore di manovra - sezionatore 125 A 3NA+N

Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando -

per polo o contatto 1) 0,7 0,7 0,7 0,7 0,9 0,9 0,9 0,9 2,2 2,2 2,2 2,2 3,5 3,5 3,5 3,5 5,5 5,5 5,5 5,5 8,6 8,6 8,6 8,6

1)

Con corrente nominale di impiego.

6/26

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TE1 210 5TE1 220 5TE1 230 5TE1 240 5TE1 310 5TE1 315 5TE1 320 5TE1 325 5TE1 330 5TE1 335 5TE1 340 5TE1 345 5TE1 410 5TE1 415 5TE1 420 5TE1 425 5TE1 430 5TE1 435 5TE1 440 5TE1 445 5TE1 610 5TE1 620 5TE1 630 5TE1 640 Breve descrizione Sezionatore sottocarico 100 A 2NA trasparente Sezionatore sottocarico 125 A 2NA trasparente Sezionatore sottocarico 160 A 2NA trasparente Sezionatore sottocarico 200 A 2NA trasparente Sezionatore sottocarico 100 A 3NA trasparente Sezionatore sottocarico 100 A 3NA rosso/giallo Sezionatore sottocarico 125 A 3NA trasparente Sezionatore sottocarico 125 A 3NA rosso/giallo Sezionatore sottocarico 160 A 3NA trasparente Sezionatore sottocarico 160 A 3NA rosso/giallo Sezionatore sottocarico 200 A 3NA trasparente Sezionatore sottocarico 200 A 3NA rosso/giallo Sezionatore sottocarico 100 A 4NA trasparente Sezionatore sottocarico 100 A 4NA rosso/giallo Sezionatore sottocarico 125 A 4NA trasparente Sezionatore sottocarico 125 A 4NA rosso/giallo Sezionatore sottocarico 160 A 4NA trasparente Sezionatore sottocarico 160 A 4NA rosso/giallo Sezionatore sottocarico 200 A 4NA trasparente Sezionatore sottocarico 200 A 4NA rosso/giallo Sezionatore sottocarico 100 A 3NA+N trasparente Sezionatore sottocarico 125 A 3NA+N trasparente Sezionatore sottocarico 160 A 3NA+N trasparente Sezionatore sottocarico 200 A 3NA+N trasparente Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 2,9 4,5 6,5 10 2,9 2,9 4,5 4,5 6,5 6,5 10 10 2,9 2,9 4,5 4,5 6,5 6,5 10 10 per polo o contatto 1) 2,9 4,5 6,5 10

Numero di ordinazione 5TE9 005 5TE9 006

Breve descrizione Contatto ausiliario 6 A contatto di scambio a 1 polo Contatto ausiliario 6 A contatto di scambio a 2 poli

Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando -

per polo o contatto 1) 0,1 0,1

Numero di ordinazione 5TE8 101 5TE8 101-3 5TE8 102 5TE8 103 5TE8 108 5TE8 111 5TE8 112 5TE8 113 5TE8 114 5TE8 118 5TE8 141 5TE8 142 5TE8 151 5TE8 152 5TE8 153 5TE8 161 5TE8 162 5TE8 211 5TE8 212 5TE8 213 5TE8 214 5TE8 218

Breve descrizione Interruttore di comando 20 A 1NA Interruttore di comando 20 A 1NA Interruttore di comando 20 A 2NA Interruttore di comando 20 A 3NA Interruttore di comando 20 A 3NA Interruttore di comando 20 A 1NA Interruttore di comando 20 A 2NA Interruttore di comando 20 A 3NA Interruttore di comando 20 A 3NA+N Interruttore di comando 20 A 3NA+N Commutatore 20 A 1P Commutatore 20 A 2P Interruttore di comando 20 A 1NA+1NC Interruttore di comando 20 A 2NA+2NC Interruttore di comando 20 A 3NA+1NC Deviatore 20 A 1P Deviatore 20 A 2P Interruttore di comando 32 A 1NA Interruttore di comando 32 A 2NA Interruttore di comando 32 A 3NA Interruttore di comando 32 A 3NA+N Interruttore di comando 32 A 3NA+N

Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando -

per polo o contatto 1) 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,7 0,7 0,7 0,7 0,7

1)

Con corrente nominale di impiego.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/27

Apparecchi di comando e segnalazione


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TE4 805 5TE4 806 5TE4 807 5TE4 808 5TE4 800 5TE4 810 5TE4 811 5TE4 812 5TE4 813 5TE4 814 5TE4 820 5TE4 821 5TE4 822 5TE4 823 5TE4 824 5TE4 804 5TE4 830 5TE4 831 5TE4 840 5TE4 841 Breve descrizione Pulsante 1NA+1NC 20 A Pulsante 1NA+1NC 20 A Pulsante 1NA+1NC 20 A Pulsante 1NA+1NC 20 A Pulsante 1NA+1NC 20 A Pulsante 1NA+1NC 20 A Pulsante 2NA 20 A Pulsante 3NA+N 20 A Pulsante 4NC 20 A Pulsante 2 contatti di scambio 20 A Pulsante 1NA+1NC 20 A Pulsante 1NA 20 A Pulsante 1NA 20 A Pulsante 2NA 20 A Pulsante 2NC 20 A Doppio pulsante luminoso 1NA e 1NA 20 A Doppio pulsante luminoso 1NA e 1NC 20 A Doppio pulsante luminoso 1NA+1NC e 1NA+1NC 20 A Doppio pulsante luminoso 1NA e 1NA 20 A Doppio pulsante luminoso 1NA e 1NC 20 A Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando per polo o contatto 1) 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6

Numero di ordinazione 5TG8 050 5TG8 051 5TG8 052 5TG8 053 5TG8 054 5TG8 055

Breve descrizione Diodo luminoso 12 V c.a./c.c. Diodo luminoso 24 V c.a./c.c. Diodo luminoso 48 V c.a./c.c. Diodo luminoso 60 V c.a./c.c. Lampada al neon 110 V c.a./c.c. Lampada al neon 230 V c.a./220 V c.c.

Potenza dissipata Pv (mW) c.a. 70 160 350 420 70 170 c.c. 85 190 450 550 50 135

Corrente assorbita IB (mA) c.a. 5,80 6,70 7,30 7,00 0,61 0,74 c.c. 7,10 8,00 9,40 9,20 0,41 0,60

1)

Con corrente nominale di impiego.

6/28

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TT4 101-0 5TT4 101-1 5TT4 101-2 5TT4 101-3 5TT4 101-4 5TT4 102-0 5TT4 102-1 5TT4 102-2 5TT4 102-3 5TT4 102-4 5TT4 103-0 5TT4 103-2 5TT4 104-0 5TT4 104-2 5TT4 105-0 5TT4 105-1 5TT4 105-2 5TT4 105-3 5TT4 105-4 5TT4 115-1 5TT4 115-2 5TT4 115-3 5TT4 122-0 5TT4 123-0 5TT4 125-0 5TT4 132-0 5TT4 142-0 5TT4 142-2 5TT4 142-3 Breve descrizione Potenza dissipata Pv della bobina di comando1) (VA) 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 12 12 12 12 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 7,2 5,6 12 5,6 7,2 7,2 7,2 7,2 per contatto 2) (W) 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8 0,8

Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 115 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 8 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 115 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 8 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 3NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 3NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 4NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 4NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 1NA+1NC Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 115 V c.a. 16 A 1NA+1NC Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 1NA+1NC Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.a. 16 A 1NA+1NC Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 8 V c.a. 16 A 1NA+1NC Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 110 V c.c. 16 A 1NA+1NC Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.c. 16 A 1NA+1NC Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.c. 16 A 1NA+1NC Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) centralizzato 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) centralizzato 230 V c.a. 16 A 3NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) centralizzato 230 V c.a. 16 A 1NA+1NC Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) in serie 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) per tapparelle 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) per tapparelle 24 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) per tapparelle 12 V c.a. 16 A 2NA

1) 2)

Solo per funzionamento impulsivo. Con corrente nominale di impiego.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/29

Apparecchi di comando e segnalazione


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TT5 150 5TT5 151 5TT5 152 5TT5 153 5TT5 163 5TT5 164 5TT5 165 5TT5 166 5TT5 411 5TT5 421 5TT5 501 5TT5 502 5TT5 503 5TT5 506 5TT5 511 5TT5 512 5TT5 516 5TT5 521 5TT5 522 5TT5 523 5TT5 526 5TT5 531 5TT5 532 5TT5 533 5TT5 534 5TT5 535 5TT5 536 5TT5 537 5TT5 541 5TT5 542 5TT5 543 5TT5 546 5TT5 551 5TT5 552 5TT5 601 5TT5 602 5TT5 603 5TT5 605 5TT5 606 5TT5 607 5TT5 611 5TT5 612 5TT5 613 5TT5 614 5TT5 621 5TT5 623 5TT5 650 5TT5 150 5TT5 151 5TT5 152 5TT5 153 5TT5 163 5TT5 164 5TT5 165 5TT5 166 Breve descrizione Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) a cascata 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) in serie 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) in serie 24 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) in serie 12 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) per montaggio incassato 16 A c.a. 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) per montaggio incassato 16 A c.a. 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.a. 16 A 3NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.a. 16 A 1 contatto di scambio Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 8 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 8 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 8 V c.a. 16 A 1 contatto di scambio Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a./c.c. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a./c.c. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a./c.c. 16 A 3NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a./c.c. 16 A 1 contatto di scambio Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a./c.c. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a./c.c. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a./c.c. 16 A 3NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 1 contatto di scambio Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a./c.c. 16 A 1 contatto di scambio Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 3NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 110 V c.a./c.c. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 110 V c.a./c.c. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 110 V c.a./c.c. 16 A 3NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 110 V c.a./c.c. 16 A 1 contatto di scambio Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.c. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.c. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.a. 16 A 1NA esecuzione normale Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 10 A 1NA 2 sistemi Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 10 A 1NA 2 sistemi Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 12 V c.a. 16 A 1NA 2 sistemi Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 10 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 8 A 1NA 2 sistemi Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 10 A 1NA 3 sistemi Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 10 A 1NA 4 sistemi Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 10 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 10 A 1NA 3 sistemi Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) di serie elettronico 230 V c.a. 16 A Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 1NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 24 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) a cascata 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) in serie 230 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) in serie 24 V c.a. 16 A 2NA Interruttore per comando a distanza (rel passo-passo) in serie 12 V c.a. 16 A 2NA Potenza dissipata Pv (W) della bobina di per polo o contatto1) comando 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 0,9 2) 0,8 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 0,9 2) 1,9 2) 1,9 2) 1,9 2) 0,8 2) 0,8 2) 0,8 2) 0,7 2) 1 2) 0,3 2) 0,3 2) 0,7 2) 0,8 2) 0,8 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5 2) 1,5

1) 2)

Con corrente nominale di impiego. Nessuna considerazione, in quanto soltanto funzionamento impulsivo.

6/30

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TT5 80. 5TT5 83. 5TT5 84. 5TT5 85. Breve descrizione Contattore 20 A Contattore 25 A Contattore 40 A Contattore 63 A Potenza dissipata Pv Potenza di eccitazione (VA/W) 15/13 27/17 62/50 Potenza di mantenimento (VA/W) 3/1,9 2,6/1 7,7/3 Per ogni contatto (VA) 1,7 2,2 4 8

Numero di ordinazione 5TT5 70. 5TT5 73. 5TT5 74. 5TT5 75.

Breve descrizione

Potenza dissipata Pv Potenza di eccitazione (VA/W) 8/5 4/4 5/5 65/65

Potenza di mantenimento (VA/W) 3,2/1,2 4/4 5/5 4,2/4,2

Contattore 20 A, 2 poli Contattore 25 A, 4 poli Contattore 40 A, 4 poli Contattore 63 A, 4 poli

Per ogni contatto AC-1/AC-7a (VA) 1 1,5 3 6

Numero di ordinazione 5TT3 983 5TT3 984 5TT3 985 5TT3 986 5TT3 987 5TT3 988 5TT3 990 5TT3 991

Breve descrizione Contattore 230 V c.a. 20 A 4NA Contattore 110 V c.a. 20 A 4NA Contattore 24 V c.a. 20 A 4NA Contattore 24 V c.c. 20 A 4NA Contattore 230 V c.a. 20 A 3NA+1NC Contattore 110 V c.a. 20 A 3NA+1NC Contattore 24 V c.a. 20 A 3NA+1NC Contattore 24 V c.c. 20 A 3NA+1NC

Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5

per polo o contatto 1) 1,7 1,7 1,7 1,7 1,7 1,7 1,7 1,7

1)

Con corrente nominale di impiego.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/31

Apparecchi di comando e segnalazione


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TT4 201-0 5TT4 201-1 5TT4 201-2 5TT4 201-3 5TT4 201-4 5TT4 202-0 5TT4 202-1 5TT4 202-2 5TT4 202-3 5TT4 202-4 5TT4 204-0 5TT4 204-1 5TT4 204-2 5TT4 204-3 5TT4 204-4 5TT4 205-0 5TT4 205-1 5TT4 205-2 5TT4 205-3 5TT4 205-4 5TT4 206-0 5TT4 206-1 5TT4 206-2 5TT4 206-3 5TT4 206-4 5TT4 207-0 5TT4 207-1 5TT4 207-2 5TT4 207-3 5TT4 207-4 Numero di ordinazione 5TT3 041 5TT3 042 5TT3 043 5TT3 044 5TT3 045 5TT3 051 5TT3 052 5TT3 053 5TT3 054 5TT3 055 5TT3 061 5TT3 062 5TT3 063 5TT3 064 5TT3 065 5TT3 071 5TT3 072 5TT3 073 5TT3 074 5TT3 075 5TT3 076 5TT3 077 5TT3 078 5TT3 080 5TT3 081 Breve descrizione Rel ausiliario 230 V c.a. 16 A 1NA Rel ausiliario 115 V c.a. 16 A 1NA Rel ausiliario 24 V c.a. 16 A 1NA Rel ausiliario 12 V c.a. 16 A 1NA Rel ausiliario 8 V c.a. 16 A 1NA Rel ausiliario 230 V c.a. 16 A 2NA Rel ausiliario 115 V c.a. 16 A 2NA Rel ausiliario 24 V c.a. 16 A 2NA Rel ausiliario 12 V c.a. 16 A 2NA Rel ausiliario 8 V c.a. 16 A 2NA Rel ausiliario 230 V c.a. 16 A 4NA Rel ausiliario 115 V c.a. 16 A 4NA Rel ausiliario 24 V c.a. 16 A 4NA Rel ausiliario 12 V c.a. 16 A 4NA Rel ausiliario 8 V c.a. 16 A 4NA Rel ausiliario 230 V c.a. 16 A 1NA+1NC Rel ausiliario 115 V c.a. 16 A 1NA+1NC Rel ausiliario 24 V c.a. 16 A 1NA+1NC Rel ausiliario 12 V c.a. 16 A 1NA+1NC Rel ausiliario 8 V c.a. 16 A 1NA+1NC Rel ausiliario 230 V c.a. 16 A 1S Rel ausiliario 115 V c.a. 16 A 1S Rel ausiliario 24 V c.a. 16 A 1S Rel ausiliario 12 V c.a. 16 A 1S Rel ausiliario 8 V c.a. 16 A 1S Rel ausiliario 230 V c.a. 16 A 2S Rel ausiliario 115 V c.a. 16 A 2S Rel ausiliario 24 V c.a. 16 A 2S Rel ausiliario 12 V c.a. 16 A 2S Rel ausiliario 8 V c.a. 16 A 2S Breve descrizione Rel ausiliario 8 V c.a 16 A 1NA Rel ausiliario 12 V c.a 16 A 1NA Rel ausiliario 24 V c.a 16 A 1NA Rel ausiliario 110 V c.a 16 A 1NA Rel ausiliario 230 V c.a 16 A 1NA Rel ausiliario 8 V c.a 16 A 2NA Rel ausiliario 12 V c.a 16 A 2NA Rel ausiliario 24 V c.a 16 A 2NA Rel ausiliario 110 V c.a 16 A 2NA Rel ausiliario 230 V c.a 16 A 2NA Rel ausiliario 8 V c.a 16 A 1D Rel ausiliario 12 V c.a 16 A 1D Rel ausiliario 24 V c.a 16 A 1D Rel ausiliario 110 V c.a 16 A 1D Rel ausiliario 230 V c.a 16 A 1D Rel ausiliario 8 V c.a 16 A 2D Rel ausiliario 12 V c.a 16 A 2D Rel ausiliario 24 V c.a 16 A 2D Rel ausiliario 110 V c.a 16 A 2D Rel ausiliario 230 V c.a 16 A 2D Rel ausiliario 24 V c.c 16 A 2D Rel ausiliario 110 V c.c 16 A 2D Rel ausiliario 12 V c.c 16 A 2D Rel ausiliario 230 V c.a 16 A 1D piombabile Rel ausiliario 230 V c.a 16 A 1D carichi capacitivi Potenza dissipata Pv (VA) per contatto1) 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 1,1 1,2 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1 2,1

per polo o contatto1) 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

1)

Con corrente nominale di impiego.

6/32

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TE5 800 5TE5 801 5TE5 802 5TE5 804 Breve descrizione Lampada di segnalazione 1 lampada Lampada di segnalazione 2 lampade Lampada di segnalazione 3 lampade Lampada di segnalazione 1 lampada Potenza dissipata Pv (W) vedere lampada 5TG8 vedere lampada 5TG8 vedere lampada 5TG8 vedere lampada 5TG8

Numero di ordinazione 5TG8 050 5TG8 051 5TG8 052 5TG8 053 5TG8 054 5TG8 055

Breve descrizione Diodo luminoso 12 V c.a./c.c. Diodo luminoso 24 V c.a./c.c. Diodo luminoso 48 V c.a./c.c. Diodo luminoso 60 V c.a./c.c. Lampada al neon 115 V c.a./110 V c.c. Lampada al neon 230 V c.a./220 V c.c.

Potenza dissipata Pv (W) 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,4

Numero di ordinazione 4AC3 008 4AC3 016 4AC3 116 4AC3 140

Breve descrizione Trasformatore per campanello con PTC 8 VA; 230 V c.a.-2 x 4/8 V c.a. Trasformatore per campanello con PTC 16 VA; 230 V c.a.-2 x 4/8 c.a. Trasformatore per campanello con PTC 16 VA; 230 V c.a.-2 x 12/24 V c.a. Trasformatore per campanello con PTC 40 VA; 230 V c.a.--2 x 12/24 V c.a.

Potenza dissipata Pv (W) funzionamento alla massima corrente a vuoto di funzionamento 1,8 5 2,4 23 1,6 8,2 1,2 17,2

Numero di ordinazione 4AC3 408 4AC3 516 4AC3 524 4AC3 540 4AC3 616 4AC3 624 4AC3 640 4AC3 663

Breve descrizione

Trasformatore di comando per servizio continuo con PTC 8 VA; 230 V c.a.-8 V c.a. Trasformatore di comando per servizio continuo con PTC 16 VA; 230 V c.a.-2 x 4/8 V c.a. Trasformatore di comando per servizio continuo con PTC 24 VA; 230 V c.a.-8 V c.a. Trasformatore di comando per servizio continuo con PTC 40 VA; 230 V c.a.-8 V c.a. Trasformatore di comando per servizio continuo con PTC 16 VA; 230 V c.a.-2 x 12/24 V c.a. Trasformatore di comando per servizio continuo con PTC 24 VA; 230 V c.a.-2 x 12/24 V c.a. Trasformatore di comando per servizio continuo con PTC 40 VA; 230 V c.a.-2 x 12/24 V c.a. Trasformatore di comando per servizio continuo con PTC 63 VA; 230 V c.a.-2 x 12/24 V c.a.

Potenza dissipata Pv funzionamento a vuoto (VA) 3,5 10,3 8 13,8 8 13,1 8,3 23

alla massima corrente di funzionamento (W) 2,6 4,6 2,7 6,9 3,6 6,3 5,7 10

Numero di ordinazione 4AC2 400 4AC2 401 4AC2 402

Breve descrizione Alimentatore di sicurezza per servizio continuo con PTC 40 VA; 230 V c.a.-12 V c.c. Alimentatore di sicurezza per servizio continuo con PTC 63 VA; 230 V c.a.-24 V c.c. Alimentatore elettronico c.c.

Potenza dissipata Pv (W) funzionamento alla massima corrente a vuoto di funzionamento 5 10 6 15 -

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/33

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Interruttori di manovra-sezionatori 5TE2 da 40 A e 63 A

5TE2 411-0 5TE2 511-0

5TE2 412-0 5TE2 512-0

5TE2 413-0 5TE2 513-0

5TE2 414-0 5TE2 514-0

Interruttori di manovra-sezionatori 5TE2 da 125 A

5TE2 812-0

5TE2 813-0

5TE2 814-0

Interruttori di manovra - sezionatori 5TE8 da 32 A e 125 A

5TE8 311 5TE8 411 5TE8 511 5TE8 611 5TE8 711 5TE8 811

5TE8 312 5TE8 412 5TE8 512 5TE8 612 5TE8 712 5TE8 812

5TE8 313 5TE8 413 5TE8 513 5TE8 613 5TE8 713 5TE8 813

5TE8 314 5TE8 414 5TE8 514 5TE8 614 5TE8 714 5TE8 814

6/34

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Sezionatori sottocarico 5TE1 da 100 A e 125 A Contatti ausiliari 5TE9

5TE1 210 5TE1 310 5TE1 410 5TE1 610 5TE1 315 5TE1 415

5TE1 220 5TE1 320 5TE1 420 5TE1 620 5TE1 325 5TE1 425

5TE9 005 5TE9 006

6
Morsetti a gabbia 5TE9 004

Sezionatori sottocarico 5TE1 da 160 A e 200 A

5TE1 230 5TE1 330 5TE1 430 5TE1 630 5TE1 335 5TE1 435

5TE1 240 5TE1 340 5TE1 440 5TE1 640 5TE1 345 5TE1 445

Varianti di collegamento

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/35

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Comandi rotativi 5TE9 0 con prolunga per sezionatori sottocarico con sezionatori sottocarico da 100 A e 125 A con sezionatori sottocarico da 160 A e 200 A

5TE9 010 5TE9 011 5TE9 012 5TE9 013

Possibilit di apertura della portina sia con comando rotativo chiuso che aperto.

5TE9 010 5TE9 011 5TE9 012 5TE9 013

6/36

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Interruttori di comando, deviatori e commutatori 5TE8 1 da 20 A Interruttori di comando con lampada di segnalazione 5TE8 1 da 20 A

5TE8 151 5TE8 152 5TE8 141 5TE8 142 5TE8 153 5TE8 161 5TE8 162

5TE8 101 5TE8 102 5TE8 103 5TE8 101-3

Interruttori di comando 5TE8 1 e 5TE8 2 da 20 A e 32 A

Interruttore di comando con lampada di segnalazione e contatto ausiliario preassemblato 5TE8 1 e 5TE8 2 da 20 A

5TE8 111 5TE8 112 5TE8 113 5TE8 114 5TE8 211 5TE8 212 5TE8 213 5TE8 214

5TE8 118 5TE8 108 5TE8 218

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/37

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Pulsanti 5TE4 8

5TE4 820 5TE4 823 5TE4 824

5TE4 821 5TE4 822

5TE4 800 5TE4 805 5TE4 806 5TE4 807 5TE4 808 5TE4 810 5TE4 811

5TE4 812

5TE4 813

5TE4 814

Pulsanti doppi 5TE4 8

5TE4 830

5TE4 831

5TE4 804 5TE4 840 5TE4 841

6/38

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) STT4 1

5TT4 101-0 5TT4 101-1 5TT4 101-2 5TT4 101-3 5TT4 101-4

5TT4 102-0 5TT4 102-1 5TT4 102-2 5TT4 102-3 5TT4 102-4

5TT4 103-0 5TT4 103-2

5TT4 104-0 5TT4 104-2

5TT4 105-0 5TT4 105-1 5TT4 105-2 5TT4 105-3 5TT4 105-4

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT4 12 per comando centralizzato

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT4 14 per comando tapparelle e 5TT4 132-0 per comando in serie
A1 A2

5TT4 122-0 5TT4 125-0

5TT4 123-0

5TT4 142-0 5TT4 142-2 5TT4 142-3 5TT4 132-0

Contatti ausiliari 5TT4 90

5TT4 900 5TT4 901

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/39

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 5

24 44 64

5TT5 501 5TT5 511 5TT5 521 5TT5 531 5TT5 541 5TT5 551

5TT5 502 5TT5 512 5TT5 522 5TT5 532 5TT5 542 5TT5 552

5TT5 503 5TT5 523 5TT5 533 5TT5 543

5TT5 506 5TT5 516 5TT5 526 5TT5 536 5TT5 546

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 5 per comando centralizzato ON/OFF

45 67 90

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 163 per comando tapparelle, 5TT5 16 per comando in serie e 5TT5 650 elettronico per comando in serie
14 24

45 67 90

A1A2 13 23

24 44 64

18

43 64

5TT5 534

5TT5 535

5TT5 537

5TT5 163 5TT5 164 5TT5 165 5TT5 166 5TT5 650

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 15 per comando centralizzato e di gruppo

Compensatore 5TG8 230 per interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5

45 90

24 44 64

5TT5 150 5TT5 151

5TT5 152 5TT5 153

5TG8 230

Interruttori per comando a distanza (rel passo-passo) 5TT5 6 a inserzione silenziosa

43 64

5TT5 601 5TT5 602 5TT5 603

5TT5 605 5TT5 606 5TT5 607

5TT5 611

5TT5 612

5TT5 613

5TT5 614

5TT5 621

5TT5 623

6/40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

45 90

45 67 90

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Contattori da 20 A a 63 A per comando in c.a. con e senza comando manuale 5TT5 8

5TT5 80.-0 5TT5 80.-2

5TT5 83.-0 5TT5 83.-1 5TT5 83.-2

5TT5 84.-0 5TT5 84.-2 5TT5 85.-0 5TT5 85.-2

5TT5 84.-6 5TT5 84.-8 5TT5 85.-6

5TT5 80.-6 5TT5 80.-8

5TT5 83.-6 5TT5 83.-8

Contatti ausiliari 5TT5 9 per contattori 5TT5 8

5TT5 910-0 5TT5 910-1

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/41

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Contattori da 24 A a 63 A per comando in c.a./c.c. 5TT5 7

5TT5 730

5TT5 731

5TT5 732

5TT5 733

5TT5 740 5TT5 750

5TT5 741 5TT5 751

5TT5 742 5TT5 752

Contatti ausiliari 5TT5 9 per contattori 5TT5 7

5TT5 900 5TT5 901

Contattori 20 A in esecuzione piombabile 5TT3 9

5TT3 983 5TT3 984 5TT3 985 5TT3 986

5TT3 987 5TT3 988 5TT3 990 5TT3 991

6/42

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Rel ausiliari 5TT4 2

5TT4 201-.

5TT4 202-.

5TT4 204-.

5TT4 205-.

5TT4 206-. 5TT4 207-.

Rel ausiliari 5TT3 0

5TT3 04. 5TT3 085

5TT3 05.

5TT3 06.

5TT3 07. 5TT3 080 5TT3 082

5TT3 081

Lampade di segnalazione 5TE5 8

5TE5 800 5TE5 801 5TE5 802 5TE5 804

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/43

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Trasformatori per campanello 4AC3 0 e 4AC3 1

4AC3 008 4AC3 016 4AC3 116

4AC3 140

6/44

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Trasformatori di comando per servizio continuo 4AC3

4AC3 516 4AC3 616

4AC3 408

4AC3 663

4AC3 524 4AC3 540

4AC3 624 4AC3 640

Alimentatori di sicurezza c.a./c.c. per servizio continuo 4AC2 4

4AC2 400

4AC2 401

Alimentatore elettronico c.c. 4AC2 402

4AC2 402

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

6/45

Apparecchi di comando e segnalazione


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Prese 2P+T 5TE6 8

5TE6 800

5TE6 803

5TE6 801

5TE6 804

5TE9 120

5TE6 802

6/46

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo

7/2 7/10 7/33 7/35

Caratteristiche generali Soluzioni applicative Potenza dissipata Dimensioni dingombro

7/1

Apparecchi di controllo
Caratteristiche generali

Descrizione generale e informazioni tecniche


Rel differenziale 5TT3 001-0Y Impostazione $ % & ( ) * + , . Regolazione della corrente dintervento Regolazione del ritardo dintervento Pulsante di prova Pulsante per il riarmo manuale Led segnalazione apparato acceso Valore percentuale della corrente dispersa Led segnalazione rel differenziale intervenuto Led multifunzione per la segnalazione di: guasto dellelettronica interna / temperatura interna fuori range / t(s) centrato correttamente Led della soglia di preallarme Microinterruttori per limpostazione dello strumento

Dati tecnici

5TT3 001-0Y Tensione di alimentazione Frequenza Consumo massimo Precisione della corrente Precisione del ritardo Contatti in uscita Campo di taratura della corrente Campo di taratura del ritardo Temperatura di funzionamento Temperatura di stoccaggio Umidit Grado di protezione Prova disolamento Classificazione del differenziale Compatibilit elettromagnetica Scarica elettrostatica Immunit ai disturbi CEI EN 60 529 CEI 41-1 CEI EN 60 255 IEC 755 CEI EN 50 082-2 CEI EN 50 081-2 CEI EN 61 000-4-2 IEC 1000-4-4 kV kV kV/Hz C C n.; A V c.a. Hz W 115/230/400 V -20/+15% 50/60 2,7 -10%/+0% -0%/+5% 2 (NA-C-NC); 5 25 mA fino a 25 A 30 ms fino a 5 s -10 fino a +55 -20 fino a +80 < 90% IP20/frontale IP50 2,5/50 Tipo A immunit emissione 8 in aria/4 contatto 2

Riduttori di corrente toroidali 5TT3-0Y Dati tecnici

5TT3 002-0Y 5TT3 003-0Y 5TT3 008-0Y 5TT3 004-0Y 5TT3 009-0Y 5TT3 005-0Y 5TT3 006-0Y 5TT3 007-0Y Rapporto di trasformazione Nucleo Soglia minima corrente rilev. Prova disolamento Diametro interno utile Sovraccarico permanente Sovraccarico termico mA mm A kA 500/1 chiuso 22 35 1000 40 per 1 s 25 60 80 250 110 260 160 219 110 kV;Hz 3;50 per 60 s 210 apribile chiuso 1A

7/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Caratteristiche generali

Descrizione generale e informazioni tecniche


Sistema per il controllo dell'isolamento per locali adibiti a uso medico 7LQ3 35 La funzione Il dispositivo per il controllo dell'isolamento 7LQ3 350, unitamente ai suoi componenti ausiliari, un sistema per il controllo permanente dell'isolamento verso terra dell'impianto elettrico. Esso destinato a segnalare una qualsiasi riduzione significativa del livello di isolamento dell'impianto per permettere di trovare la causa di questa riduzione prima che si produca una situazione di pericolo o un secondo guasto, evitando cos l'interruzione dell'alimentazione. Con il dispositivo 7LQ3 350 possibile controllare una rete in corrente alternata con tensione nominale compresa tra 0 V c.a. e 230 V c.a.. Campo d'impiego Nelle sale operatorie degli ambienti ospedalieri, negli studi medici e dentistici, nei centri medici mobili, nei centri estetici e in tutti quegli ambienti dove prescritta la sorveglianza continua dello stato d'isolamento verso terra. La tipologia delle reti da controllare Il dispositivo per il controllo dell'isolamento pu essere inserito solo in sistemi di distribuzione che non hanno alcuna parte attiva (conduttore di fase o di neutro) collegato a terra, sostanzialmente nei sistemi IT o nelle reti alimentate da un trasformatore di isolamento. Nei sistemi TT e TN il dispositivo per il controllo dell'isolamento non pu essere impiegato. Dove obbligatorio il dispositivo di controllo dell'isolamento Il dispositivo di controllo dell'isolamento deve essere inserito obbligatoriamente: a) nei sistemi IT, CEI 64-8 art. 413.1.5.4; b) sul circuito secondario del trasformatore di isolamento utilizzato per realizzare la protezione contro i contatti elettrici mediante separazione elettrica nei locali adibiti ad uso medico, CEI 64-8, sezione 710, Sistema IT-M. In questo caso la tensione del circuito secondario del trasformatore non deve essere superiore a 230 V c.a. Le prescrizioni che deve soddisfare il dispositivo per il controllo dell'isolamento nei locali adibiti ad uso medico in accordo con le norme CEI 64-8/710 e VDE 0100 parte 710. In accordo con tali norme il dispositivo di controllo deve: indicare otticamente ed acusticamente se la resistenza dell'impianto scesa al di sotto di un valore prefissato non inferiore a 50 k; essere predisposto per la trasmissione a distanza dei suoi segnali; avere una spia di segnalazione a luce verde per indicare un funzionamento regolare; avere una spia di segnalazione a luce gialla che si illumini quando sia raggiunto il valore minimo fissato per la resistenza di isolamento; non deve essere possibile spegnere questa spia o staccarla dalla sua alimentazione; un allarme acustico che suoni quando sia raggiunto il valore minimo fissato per la resistenza di isolamento; questo segnale acustico pu essere interrotto; il segnale giallo deve spegnersi quando il guasto sia stato eliminato e la condizione regolare sia stata ripristinata; avere una separazione tra circuito di alimentazione e circuito di misura con caratteristiche non inferiori a quelle prescritte per i trasformatori di sicurezza dalla CEI EN 61 558-2-6; avere la possibilit di accertare in ogni momento l'efficienza tramite un pulsante di prova e una resistenza; inoltre: la tensione del circuito di misura in corrente continua deve essere di 25 V c.c.; la corrente di misura anche in caso di guasto a terra dell'impianto deve essere di 1 mA c.c.; la resistenza interna in corrente alternata deve essere di 100 k; il dispositivo di controllo dell'isolamento non disinseribile. Il dispositivo 7LQ3 350 risponde completamente a tutti i requisiti sopra specificati. Caratteristiche di funzionamento del controllore 7LQ3 350 e dei suoi componenti ausiliari. Controllo dell'isolamento e del sovraccarico Il dispositivo per il controllo dell'isolamento 7LQ3 350 pu controllare una rete in corrente alternata con una tensione nominale compresa tra 0 V c.a. e 230 V c.a. a 50 60 Hz. Le segnalazioni vengono attivate al vendicarsi dei seguenti eventi: al di sotto del valore preselezionato (da 50 k a 500 k) si ha immediatamente una segnalazione acustica e luminosa attraverso l'apparecchio di segnalazione 7LQ3 351 collegato elettricamente al dispositivo 7LQ3 350. Il segnale acustico emesso dall'apparecchio di segnalazione pu essere tacitato per consentire, per esempio, di terminare un intervento clinico senza che il personale medico venga disturbato. Un segnale luminoso giallo rimarr invece attivo fin tanto che non sar eliminato il guasto d'isolamento. In caso di sovraccarico, sia in termini di eccessiva corrente che di eccessiva temperatura, viene attivata una segnalazione ottica di colore giallo ed una segnalazione acustica, anche in questo caso tacitabile. regolabile per correnti nominali comprese tra 0,5 A e 50 A c.a., mentre l'indicazione relativa alla temperatura determinata dall'intervento di una o pi resistenze PTC, montate sul trasformatore d'isolamento. Il controllore 7LQ3 350 dispone di un contatto in deviazione per poter inserire altri dispositivi di segnalazione e registrazione. Segnalazione della perdita d'isolamento e del sovraccarico Il pannello di segnalazione e di prova collegato al dispositivo di controllo 7LQ3 350 ed ha la funzione di segnalare otticamente ed acusticamente a distanza il guasto d'isolamento, la sovracorrente, la sovratemperatura e di verificare, attraverso un pulsante di prova, il corretto funzionamento del controllore e dello stato della rete. Direttamente al dispositivo 7LQ3 350, installato nel quadro, possibile collegare fino a 32 pannelli.

Sorgente di sicurezza By-pass 7LQ3 351 230 V c.a. 230 V c.a. Luce Pannello di controllo 7LQ3 351 7LQ3 350 Controllore

230 V c.a. Bus 24 V c.a.

7LQ3 351 7LQ3 351 7LQ3 350

Apparecchi per illuminazione scialitica

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/3

Apparecchi di controllo
Caratteristiche generali

Descrizione generale e informazioni tecniche


Sistema per il controllo dell'isolamento per locali adibiti a uso medico 7LQ3 35 Apparecchi che compongono il sistema Controllore dell'isolamento 7LQ3 350 1 display di testo illuminato (2 x 16 caratteri) 2 LED ALARM (giallo), che si accende al superamento di un determinato valore di risposta 3 tasti freccia in modalit di visualizzazione: nessuna funzione in modalit menu: servono per spostarsi allinterno delle opzioni del menu e per modificare i parametri dimpostazione 4 tasto MENU/ENTER in modalit di visualizzazione: serve per passare dalla modalit di visualizzazione alla modalit menu in modalit menu: serve per confermare la selezione di unopzione del menu o di un parametro 5 tasto TEST in modalit di visualizzazione: serve per attivare la funzione TEST (autotest) in modalit menu: serve per tornare da qualunque punto in modalit di visualizzazione; se lo si preme durante le operazioni di modifica di un parametro, lultima modifica non viene memorizzata Pannello di segnalazione 7LQ3 351 1 led verde: accensione; 2 led giallo: perdita d'isolamento; 3 led giallo: sovraccarico; 4 led giallo: sovratemperatura; 5 tasto: tacitazione allarmi; 6 tasto: test per la simulazione di una perdita d'isolamento e la verifica dei collegamenti al controllore. Trasformatore 7LQ3 352 1 led verde: accensione
A1 A2 L1 L2 Z1 Z2
ALARM

I
A C MONITOR

7LQ3 350

TEST MENU

KE

11

12

14

2 3

7LQ3 352

Parametrizzazione e indicazioni del controllore 7LQ3 350


Dopo l'alimentazione del controllore 7LQ3 350 viene eseguito un test automatico e in seguito il passaggio al modo visualizzazione. In figura riportato un esempio. 1 messaggio di stato 2 tipo di errore 3 perdita d'isolamento in k 4 corrente di carico in % I messaggi possono essere i seguenti: Messaggi di stato
INDICAZIONE Perdita isolam. Sovracorrente Sovratemperat. Connes. Rete Connessione PE Cortocircuito TA Connessione TA Guasto dispos. Isolamento OK Carico OK **** Autotest **** DESCRIZIONE Valore dell'isolamento < valore impostato Ralarm Corrente di carico > valore impostato Ialarm Temperatura del trasformatore d'isolamento > 120 C Connessione di L1/L2 al sistema interrotta Connessione E/KE al PE interrotta Corto circuito fra k/l del riduttore di corrente Interruzione fra k/l del riduttore di corrente Errore interno nel dispositivo Resistenza d'isolamento nella norma Corrente di carico nella norma Test automatico in esecuzione

Messaggi derrore (dopo il test automatico, sul display possono apparire i seguenti messaggi)
INDICAZIONE Guasto dispos. 1 Guasto dispos. 2 Guasto dispos. 3 Guasto dispos. 4 Guasto dispos. 5 Guasto dispos. 6 Guasto dispos. 7 Guasto dispos. 8 Guasto dispos. 9 TIPI DI ERRORE R R+ RDESCRIZIONE Errore dopo test automatico a 42 k Errore nel circuito di misura della temperatura Errore nel circuito di misura dell'isolamento Errore nel circuito di misura della corrente, dopo il test automatico Errore nel circuito di misura della temperatura, dopo il test automatico Errore nella tensione d'alimentazione Errore nella memoria parametri Errore nella memoria dati Errore nella memoria programmi DESCRIZIONE Perdita d'isolamento sulla componente alternata o sulla componente continua simmetrica Perdita d'isolamento sulla componente continua positiva Perdita d'isolamento sulla componente continua negativa

**** Sistema IT **** Funzionamento normale, nessun errore

7/4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Caratteristiche generali

Descrizione generale e informazioni tecniche


Sistema per il controllo dell'isolamento per locali adibiti a uso medico 7LQ3 35 effetti di fulmini Sistema IT sovracorrente Nella denominazione sistema IT, la prima lettera della sigla indica le forma donda condizioni di messa a terra del sistema di alimentazione. I sta per Influssi meccanici isolamento delle parti attive da terra o collegamento a terra di un colpi, urti punto mediante unimpedenza. piegature, schiacciamenti La seconda lettera indica le condizioni di messa a terra delle masse. oscillazioni T indica che le masse sono collegate direttamente a terra, infiltrazione di corpi estranei indipendentemente dalla messa a terra di un punto del sistema di Influssi ambientali alimentazione. clima umidit temperatura influssi chimici sporco, polvere, oli esalazioni e scarichi daria aggressivi invecchiamento Altri effetti animali (ad esempio, morsi di) piante collegamenti non regolamentari Conseguenze di errori disolamento Pericolo per le persone a causa di elevata tensione di contatto pericolo di lesioni Costi elevati a causa di mancanza di personale a seguito di lesioni interruzioni dellattivit danni alle cose Pericolo di incendio/esplosione a causa di archi voltaici calore Interruzione dellattivit a causa di: spegnimento indesiderato apparecchiature difettose mancanza di controllo Vantaggio dinformazione nel sistema IT La tempestiva informazione sulla riduzione della resistenza disolamento si rivela di decisiva importanza, in particolare in campi estremamente delicati come quello degli impianti tecnici medicali. Nei sistemi IT, il necessario vantaggio dinformazione viene garantito dal controllore dell'isolamento.
[ ]

Sistema IT rispondente alle norme DIN VDE 0100 parte 300 e IEC 60 364-3.

Il sistema IT con compensazione di potenziale supplementare e controllore dell'isolamento Il sistema IT viene alimentato da un trasformatore di disaccoppiamento o da una sorgente di corrente indipendente (ad esempio, una batteria). La particolarit consiste nel fatto che in questa rete non ci sono conduttori attivi direttamente collegati a terra. Questa soluzione presenta il vantaggio che, in caso di un guasto allisolamento, possa scorrere soltanto una piccola corrente di guasto, sostanzialmente provocata dalle capacit di dispersione della rete. Il fusibile collegato a monte non scatta, non interrompendo cos la tensione di alimentazione e quindi il funzionamento. Lelevato grado di affidabilit di un sistema IT viene garantito dalla continua sorveglianza dellisolamento. Il controllore individua guasti dellisolamento mentre si generano e segnala tempestivamente il superamento di un valore limite, prima che si possa arrivare col sopraggiungere di un altro guasto disolamento ad unimprevista interruzione del funzionamento.

Vantaggio dinformazione in un sistema IT Struttura tipica di un sistema IT con compensazione aggiuntiva di potenziale e monitoraggio dellisolamento.

Sicurezza elettrica per le persone e per i macchinari La resistenza disolamento molto importante per gli obiettivi da proteggere. In mancanza di una resistenza disolamento adeguata: non si ha una protezione sicura in caso di contatto diretto o indiretto le misure di protezione contro le sovracorrenti e le correnti di guasto portano continuamente ad interruzioni del funzionamento le correnti di cortocircuito e di dispersione a terra possono provocare focolai dincendio e danneggiare irreparabilmente impianti interi o loro singole parti si devono sostenere costi elevati per linterruzione dellattivit e per i danni subiti. Cosa influisce sulla resistenza disolamento? Influssi elettrici: sovratensione statica sovratensione transitoria variazioni di frequenza

Principio di funzionamento di un controllore dell'isolamento Il controllore dell'isolamento viene collegato tra un conduttore attivo e la terra (conduttore di protezione) e sovrappone alla rete una tensione di misura. A seconda della rete da sorvegliare, pu trattarsi di una tensione continua o di una tensione attivata ciclicamente. Quando si verifica un guasto disolamento, il circuito di misura si chiude, facendo scorrere una piccola corrente di misura. Questa corrente un riferimento misura per la resistenza disolamento e viene analizzata e valutata da un apposito dispositivo elettronico. Sicurezza di misura Le reti moderne hanno un grande spettro dinterferenza che spesso rischia di falsare o impedire le misure del controllore dell'isolamento. I sorvegliatori Siemens, grazie allimpiego di tecniche di misura davanguardia e di componenti accuratamente selezionati, sono in grado di coprire le interferenze e misurare con precisione la resistenza disolamento. Come esempio, viene qui indicato il metodo di misura brevettato AMP, utilizzato in sistemi IT singoli, in particolare se dotati di invertitore.
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/5

Apparecchi di controllo
Caratteristiche generali

Descrizione generale e informazioni tecniche


Sistema per il controllo dell'isolamento adibito a uso industriale 5TT3 47 Diagrammi di funzione 5TT3 470 e 5TT3 471 Vista frontale
5TT3 470

5TT3 471

5TT3 470 per reti a corrente alternata e trifase Le tensioni continue esterne non danneggiano propriamente le apparecchiature, ma alterano i rapporti nel circuito di misura. In una rete da controllare pu essere collegato un solo controllore dell'isolamento. Si deve tenere conto di ci negli accoppiamenti di rete. Le capacit della rete rispetto alla terra di protezione CE non alterano la misura dellisolamento, perch questa viene eseguita con corrente continua. Tuttavia, il tempo di risposta in caso di errore disolamento pu aumentare nellordine di grandezza della costante temporale RE per CE. La tensione ausiliaria del controllore dell'isolamento pu essere prelevata da una rete separata, ma anche da quella da controllare. In questo caso per, occorre tener conto del campo di variazione della tensione sullingresso della tensione ausiliaria. Diodi luminosi: il LED verde si accende in presenza della tensione di attivazione Uc il LED rosso si accende in presenza di errori disolamento. 5TT3 471 per reti a tensione continua Il controllore dell'isolamento pu essere utilizzato in reti con elevata capacit di dispersione sul conduttore PE. Se i valori dallarme impostati sono nellordine di molti ohm, in concomitanza con linserzione della rete da controllare, la capacit di dispersione a terra pu far scattare una breve segnalazione di allarme. Per i seguenti valori impostati di R, i valori della capacit CE sono: R = 200 k: CE > 0,8 F R = 50 k: CE > 2,0 F R = 20 k: CE > 4,5 F In questi casi, si dovrebbe lavorare senza memoria allarmi. A causa del principio di misura con ponticellamento, il controllore dell'isolamento non risponde in caso di contemporaneo ed esattamente simmetrico scarico a terra di L+ e L-. Tuttavia, nella pratica si escludono casi di dispersione a terra esattamente simmetrici. Diodi luminosi: il LED verde si accende in presenza della tensione di attivazione Uc il LED 1 rosso si accende in presenza di errori disolamento di L+ verso PE il LED 2 rosso si accende in presenza di errori disolamento di L- verso PE

7/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Caratteristiche generali

Descrizione generale e informazioni tecniche


Controllore di cos 5TT3 472 Diagrammi di funzione Vista frontale

Se, per la durata del ritardo inserzione predefinito, il valore rilevato di cos inferiore al valore impostato sul controllore, il rel duscita passa in posizione di allarme. Il contatto 11-14 si chiude e si accende il LED rosso.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/7

Apparecchi di controllo
Caratteristiche generali

Descrizione generale e informazioni tecniche


Applicazioni dell'interruttore di arresto di emergenza 5TT5 200 Disposizioni La Direttiva macchine 98/37/CE in vigore a partire dal 31.12.1994 definisce soltanto gli standard di sicurezza generali. Le specifiche dettagliate di realizzazione dei requisiti di sicurezza sono definite in norme elaborate ad esempio dal Comitato europeo di normalizzazione elettrotecnica (CENELEC) sulla base di norme internazionali. Le norme pi importanti IEC 60 204-1; 1997 "Electrical equipment of industrial machines. Part 1: General requirements" Direttiva macchine 98/37/CE CEI EN 60 204-1; 1997 "Sicurezza del macchinario. Equipaggiamento elettrico delle macchine. Parte 1: Regole generali" EN 292 Parte 1; 1991 "Concetti fondamentali, principi generali di progettazione. Parte 1: Terminologia, metodologia di base" EN 292 Parte 2; 1991 e EN 292-2/A1; 1995 "Concetti fondamentali, principi generali di progettazione. Parte 2: Specifiche e principi tecnici" EN 418; 1992 "Sicurezza del macchinario. Dispositivi di arresto d'emergenza, aspetti funzionali. Principi di progettazione" EN 954-1; 1996 "Sicurezza del macchinario. Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza. Parte 1: Principi generali per la progettazione" EN 1088; 1995 "Sicurezza del macchinario. Dispositivi di interblocco associati ai ripari. Principi di progettazione e di scelta" CEI EN 60 204 Parte 1 (DIN VDE 0113 Parte 1); 1998 "Sicurezza del macchinario. Equipaggiamento elettrico delle macchine. Parte 1: Regole generali" Categoria delle parti di sistemi di comando legate alla sicurezza a norma CEN/TC 114 e DIN EN 954-1
Categoria B Breve definizione dei requisiti Le parti di sistemi di controllo legate alla sicurezza e/o i relativi dispositivi di protezione nonch i loro componenti devono essere progettati, costruiti, selezionati, assemblati e combinati in modo da resistere ai previsti influssi esterni. Devono essere soddisfatti i requisiti della categoria B. Occorre utilizzare componenti e principi di sicurezza collaudati. Comportamento del sistema La comparsa di guasti pu comportare la perdita delle funzioni di sicurezza. Alcuni guasti non vengono identificati. Come descritto per la categoria B, ma con una affidabilit maggiore relativamente alla sicurezza. Eventuali guasti possono comportare la perdita delle funzioni di sicurezza fra un controllo e l'altro. Il guasto viene rilevato in seguito al controllo.

Devono essere soddisfatti i requisiti della categoria B e occorre utilizzare collaudati principi di sicurezza. Le funzioni di sicurezza devono essere verificate ad opportuni intervalli di tempo dal sistema di controllo macchina. Nota: sono l'applicazione e il tipo di macchina a determinare i relativi intervalli.

Devono essere soddisfatti i requisiti della categoria B e occorre utilizzare collaudati principi di sicurezza. I sistemi di controllo devono essere progettati in modo che: a) un singolo guasto nel sistema di controllo non comporti la perdita delle funzioni di sicurezza e b) se possibile, il singolo guasto venga adeguatamente identificato con strumenti conformi allo stato dell'arte.

Alla comparsa di un singolo guasto, la funzione di sicurezza non deve mai essere pregiudicata. Vengono identificati alcuni guasti, ma non tutti. La combinazione di pi guasti non identificati pu comportare la perdita delle funzioni di sicurezza.

Devono essere soddisfatti i requisiti della categoria B e occorre utilizzare collaudati principi di sicurezza. I sistemi di controllo devono essere progettati in modo che: a) un singolo guasto nel sistema di controllo non comporti la perdita delle funzioni di sicurezza e b) se possibile, il singolo guasto venga identificato durante o prima del controllo del rispetto dei requisiti oppure c) se b) non possibile, una combinazione di guasti non comporti la perdita delle funzioni di sicurezza.

Alla comparsa di guasti, la funzione di sicurezza non deve mai essere pregiudicata. I guasti vengono tempestivamente identificati al fine di evitare la perdita della funzione di sicurezza.

7/8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Caratteristiche generali

Descrizione generale e informazioni tecniche


Applicazioni dell'interruttore di arresto di emergenza 5TT5 200 Campo di validit Il campo di validit della Direttiva macchine CE non si limita come sino ad ora alle macchine industriali, ma comprende quasi tutti i macchinari da utilizzare nel settore industriale, commerciale e privato ed valido per: macchine stazionarie, macchine mobili, macchine manuali, macchine trasportabili, macchine di lavorazione e trasformazione, macchine motrici e di lavoro, compressori, macchine di controllo e imballaggio, macchine da miniera, macchine movimento terra e di raccolta, sollevatori, trasportatori interni, macchine per il sollevamento di persone, impianti, equipaggiamenti intercambiabili come spazzaneve a vomere e attrezzi di inversione.

Valutazione dei rischi e scelta di una categoria adeguata Costruttori e utenti si assumono Il rilevamento quantitativo del la responsabilit per la corretta rischio complesso e per questo valutazione dei rischi. per la scelta della categoria possibile definire il rischio rappresentabile all'interno di una vasta gamma.

Ci risulta evidente quando nel diagramma dei rischi (vedere figura) si sceglie come parametro "F Frequenza e durata di permanenza" invece di "F1 da raramente a spesso", "F2 da frequentemente a permanentemente".

Tra la valutazione "spesso" e "frequentemente" pu eventualmente rientrare un'intera gamma di categorie di sicurezza.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/9

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un interruttore a tempo per luci scale 7LF6 111 in un circuito a 4 conduttori, con attivazione di fase, ripristinabile Circuito normalmente usato per nuovi impianti con linee separate per pulsanti e luci. Con linterruttore supplementare DE possibile attivare esternamente una luce permanente. A scelta, pu essere utilizzato anche un orologio interruttore . possibile un collegamento supplementare del tetto indipendente dal temporizzatore, anche se sullo stesso circuito di corrente. Il temporizzatore pu essere riattivato prima dello scadere del periodo impostato. Esempio di collegamento di un interruttore a tempo a risparmio energetico 7LF6 115 con preavviso di spegnimento Il temporizzatore viene collegato come il 7LF6 111 in circuiti a 4 o 3 conduttori. Il temporizzatore a risparmio energetico si accende premendo il pulsante la prima volta e si spegne premendolo la seconda volta. Se non viene spento manualmente, si disattiver automaticamente dopo un periodo di tempo preimpostato, pari ad un massimo di 60 minuti. Come preavviso dellimminente spegnimento, 40 secondi prima dello scadere del periodo di attivazione si ha un breve funzionamento intermittente. Prima dellinizio del preavviso sempre possibile spegnere linterruttore, mentre dopo linizio del preavviso possibile riattivarlo.

te = intervallo di attivazione

Esempio di collegamento di un interruttore a tempo per luci scale 7LF6 110 in un circuito a 3 conduttori, con attivazione di fase, non ripristinabile Circuitazione per nuovi impianti con linea comune per pulsante e luci. Il temporizzatore pu essere riattivato soltanto al termine del tempo di attivazione preimpostato.
te = intervallo di attivazione

Esempio di collegamento di un interruttore a tempo per luci scale 7LF6 111 in un circuito a 3 conduttori, con attivazione di neutro, ripristinabile Applicazione possibile solo con un numero limitato di fili. Il temporizzatore pu essere riattivato prima dello scadere del periodo impostato. Anche se tecnicamente questo collegamento a tre conduttori con attivazione di N possibile, esso non risponde tuttavia alle prescrizioni delledizione attualmente in vigore della norma DIN VDE 0100-460. Viene comunque utilizzato a scopo sostitutivo in impianti vecchi.
te = intervallo di attivazione

Esempio di collegamento di un interruttore a tempo per luci scale 7LF6 113 con preavviso di spegnimento Il temporizzatore viene collegato come il 7LF6 111 in circuiti a 4 o 3 conduttori. Come preavviso dellimminente spegnimento, 40 secondi prima dello scadere del periodo di attivazione si ha un breve funzionamento intermittente.

te = intervallo di attivazione

Esempio di collegamento di un interruttore a tempo per ventilatori fino a 200 VA 7LF6 112 Linterruttore accende la luce immediatamente, ad esempio in una toilette. Il ventilatore viene attivato con 1 minuto circa di ritardo. Quando la luce viene spenta, il ventilatore continua a funzionare per il periodo di tempo impostato sul temporizzatore.

te = intervallo di attivazione

Esempio di collegamento di un interruttore a tempo per impianti di illuminazione 7LF6 114 con preavviso di spegnimento Il temporizzatore viene collegato come il 7LF6 111 in circuiti a 4 o 3 conduttori. Il temporizzatore dilluminazione si accende premendo il pulsante per un intervallo di tempo preimpostato, pari ad un massimo di 5 minuti. Se il pulsante viene tenuto premuto per oltre un secondo, lintervallo di attivazione potr arrivare fino a 20 minuti, ossia a quattro volte il periodo di tempo preimpostato. determinante lultima volta che il pulsante stato premuto. Come preavviso dellimminente spegnimento, 40 secondi prima dello scadere del periodo di attivazione si ha un breve funzionamento intermittente. Ogni volta che viene premuto il pulsante, si d inizio allintervallo di attivazione.

te = intervallo di attivazione

te = intervallo di attivazione

7/10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un interruttore di comando per reattori elettronici EVG Dynamic 5TT1 303 Lapparecchio pensato per comandare reattori elettronici EVG Dynamic con ingresso in tensione continua. Quando si preme il pulsante, viene lasciata passare la tensione di alimentazione e i reattori elettronici dimmerabili funzionano con illuminazione normale per il periodo di tempo prestabilito, pari a un massimo di 10 minuti. Al termine di questo intervallo di tempo, il reattore elettronico inizia a ridurre gradualmente lilluminazione in funzione del grado di dimming preimpostato. Se in questo intervallo il pulsante viene nuovamente premuto, si ritorna al normale funzionamento con piena illuminazione. Se per un periodo di 30 minuti non viene effettuata nessuna richiesta dilluminazione mediante il pulsante, la luce si spegne completamente. Oltre alle suddette funzioni, possibile comandare il periodo di riduzione dellilluminazione e la fase di piena illuminazione con un pulsante separato o un temporizzatore collegati agli ingressi dei comandi B1 e B2. possibile aumentare la durata dellimpianto contenendo la frequenza di attivazione dei reattori elettronici e di accensione di lampade fluorescenti.

Illuminazione di corridoi in case di riposo Durante lorario dei pasti, dalle ore 17,00 alle 19,00, la luce nei corridoi resta costantemente accesa grazie ad un orologio interruttore (contatto B1). Tra le ore 19,00 e le 22,00, mediante linterruttore B2 si ha una riduzione parziale dellilluminazione, che pu essere riattivata pienamente in qualunque momento con il pulsante collocato nel corridoio. Dopo le ore 22,00 la luce viene completamente spenta. possibile riaccenderla premendo il pulsante del corridoio.

Illuminazione di corridoi in ospedali Durante il giorno (nei periodi di maggiore attivit, per il pranzo, gli orari di visita, il cambio dei turni, le visite mediche) la luce accesa. Nei periodi di riposo durante il pomeriggio e la sera, lilluminazione viene parzialmente ridotta. In qualunque momento, premendo il pulsante del corridoio i pazienti possono accendere completamente le luci. In caso di emergenza, le infermiere possono accendere unilluminazione costante (senza limitazioni temporali) posizionando linterruttore B1 su funzionamento demergenza.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/11

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un rel differenziale a toroide separato 5TT3 001-0Y Schema dinserzione 5TT3 001-Y Simulazione di guasto

TRIP (sicurezza standard)

Eventuale interruttore esclusione allarme Attorcigliare tra loro tutti i fili di collegamento 1-2-3-4 o utilizzare un cavetto multiplo

Generalit Il rel 5TT3 001-0Y, ultimo nato nella famiglia dei differenziali, un differenziale industriale a microprocessore con doppia soglia. Caratteristiche funzionali Il 5TT3 001-0Y dispone della miglior diagnostica (e autodiagnostica) mai realizzata per un differenziale. In particolare dotato di tre test, di cui due sono svolti in modo automatico dallo strumento: 1. test manuale (pulsante di prova), 2. test automatico del collegamento toroide-rel (guardia), Istruzioni di cablaggio Non effettuare collegamenti su circuiti sotto tensione. La sezione dei conduttori deve essere compresa tra 1,5 e 2,5 mm2. Attorcigliare tra loro i fili di collegamento al toroide, tenere lontano da cavi di potenza e in presenza di forti campi elettromagnetici usare un conduttore schermato. Inoltre, ridurre al minimo la distanza tra toroide e rel. possibile collegare in parallelo alla bobina di apertura un segnalatore acustico o visivo utilizzando gli stessi morsetti del rel di scatto. La corrente massima per tali morsetti pari a 5 A (con carico resistivo).

3.test automatico dellelettronica di bordo. Ogni due secondi il microprocessore controlla tutta lelettronica compresa tra i morsetti dingresso e quelli duscita. Il test risulta trasparente alloperatore il quale non ha modo di rendersi conto di ci che sta accadendo e non pregiudica in alcun modo il normale funzionamento dello strumento. In caso di guasto viene fatto scattare il rel di uscita e acceso di luce fissa il led Fault.

Grazie alladozione di una logica a microprocessore, il 5TT3 001-0Y in grado di funzionare correttamente anche in presenza di distorsione armonica o comunque con segnali molto disturbati. Nel caso in cui la temperatura interna superi la soglia di buon funzionamento, viene fatto lampeggiare il led Fault. Per facilitare lutente nellimpostazione del ritardo dintervento, la rotazione del potenziometro t(s), in corrispondenza di una tacca di riferimento, provoca il lampeggio del led Fault per alcuni secondi. Messa in tensione A impostazioni ultimate dare una tensione pari alla nominale e verificare limmediata accensione del led On. Leventuale intervento del rel da attribuire allinterruzione del circuito toroide-rel (funzione di guardia) o alla presenza di corrente dispersa. In questo caso riprovare aumentando la soglia di corrente (I).

possibile scegliere se, a riposo, il rel di uscita debba essere diseccitato N (sicurezza negativa) o eccitato P (sicurezza positiva). La sicurezza positiva offre un notevole vantaggio: in caso di guasto o spegnimento del differenziale, infatti, il rel di uscita si apre evitando di lasciare limpianto senza protezione. Per il funzionamento in sicurezza positiva necessario che la tensione di alimentazione sia sufficientemente stabile. Il differenziale comunque in grado di superare buchi di tensione della durata massima di 300 msec. Una barra di led indica il valore percentuale della corrente dispersa rispetto al valore impostato. Simulazione di guasto Collegare a valle del toroide un resistore di simulazione del guasto tra il conduttore di una fase e quello di terra oppure tra il conduttore di fase e il neutro a monte del toroide come indicato nella figura a pagina precedente.

Predisposizione dello strumento Prima dellaccensione dello strumento necessario configurare alcuni parametri. In questo modo possibile personalizzare il funzionamento dello strumento adattandolo alle esigenze della particolare installazione. $ Impostazione della corrente dintervento tramite potenziometro I(A) e microinterruttori. % Impostazione del ritardo dintervento mediante potenziometro t(s) e microinterruttore. & Selezione della modalit di reset mediante microinterruttore (manuale / automatico). ( Selezione della polarit dello scatto mediante microinterruttore (sicurezza negativa N o positiva P). ) Selezione della soglia di preallarme mediante microinterruttore (30% o 60%).

7/12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un controllore dell'isolamento 7LQ3 350 per locali adibiti a uso medico

7
A1, A2 L1, L2 Z1, Z2 k, l E, KE A, B 11, 12, 14 collegamento della tensione di alimentazione Us collegamento del sistema da sorvegliare collegamento del controllo della temperatura collegamento del controllo della corrente di carico doppio collegamento a PE connessione apparecchi di misura-interfaccia collegamento rel dallarme K F Us) CT K fusibile di cortocurcuito 6 A (tensione di alimentazione convertitore di corrente di misura conduttore freddo (oppure contatti normalmente chiusi) nellavvolgimento del trasformatore. Collegare fino a un massimo di 6 conduttori freddi di misura rel dallarme senza memoria errori per la segnalazione di errori di isolamento, di sovracorrente, di sovratemperatura e di apparecchiatura.

Indicazioni per il corretto collegamento del 7LQ3 353


Sigla P1 (K) P2 (L) S1 (k), S (I) Descrizione Verso la sorgente d'alimentazione Verso il carico Morsetti di collegamento (dal secondario del riduttore di corrente al controllore d'isolamento)

Indicazioni per il corretto collegamento del 7LQ3 351


230 V c.a. 50 60 Hz

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/13

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un controllore dell'isolamento 5TT3 470 per reti trifase IT a neutro isolato Esempio di collegamento di un controllore dell'isolamento 5TT3 471 per reti in corrente continua

Esempio di una rete trifase, senza messa a terra, 3 x 0 500 V c.a. e con una frequenza da 10 a 1000 Hz La tensione di alimentazione dei morsetti A1 e A2 pu essere prelevata dalla rete da controllare. Si deve comunque tenere conto del campo di variazione della tensione indicato nelle specifiche tecniche. Se si esegue un ponticello tra i morsetti LT1 e LT2: il messaggio di errore non viene memorizzato; lapparecchio si riattiva autonomamente quando la resistenza disolamento migliora. Se non si esegue un ponticello tra i morsetti LT1 e LT2: il messaggio di errore resta memorizzato; possibile cancellarlo premendo un pulsante che deve essere opportunamente collegato tra i morsetti LT1 e LT2. Premendo un pulsante che deve essere opportunamente collegato tra i morsetti PT e PE si simula un errore.

Esempio di una rete in corrente continua, senza messa a terra, da 12 a 280 V c.c La tensione di alimentazione dei morsetti L+ e L- contemporaneamente la tensione di misura. Se si esegue un ponticello tra i morsetti LT e X1: il messaggio di errore non viene memorizzato; lapparecchio si riattiva autonomamente quando la resistenza disolamento migliora. Se non si esegue un ponticello tra i morsetti LT e X1: il messaggio di errore resta memorizzato; possibile cancellarlo premendo un pulsante che deve essere opportunamente collegato tra i morsetti LT e X1. Premendo un pulsante che deve essere opportunamente collegato tra i morsetti PT e X1 si simula un errore.

7/14

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un controllore di cos 5TT3 472

Collegamento di un carico trifase

Collegamento di un carico monofase

Collegamento di motori con avvolgimenti separati

7
Collegamento di un carico trifase con trasformatore di corrente esterno. Deve essere rispettato il senso dellavvolgimento del trasformatore di corrente.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/15

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento dei rel di tensione 5TT3 195 e 5TT3 40 1, 2 e 3 fasi rispetto al conduttore di neutro

Minima tensione. Nel diagramma sopra riportato sono indicati i tempi di minima tensione e di asimmetria.

Esempio di collegamento dei rel di minima tensione 5TT3 401, 5TT3 403 e 5TT3 405 Limpiego del rel di minima tensione risponde ai requisiti della norma DIN VDE 0108 secondo cui dopo un guasto il rel deve commutare su una tensione di sicurezza. Gli edifici vengono differenziati in base alluso in uffici, aree espositive o alberghi. In questo caso si tratta di edifici e/o locali destinati a gruppi di persone. presente un guasto se la tensione dellalimentazione generale per 0,5 secondi scende per pi del 15% rispetto alla tensione nominale (a 230 V si tratta di 195 V). In tal caso, a seconda del tipo di impiego, dopo un intervallo da 0,5 s a 15 s occorre passare allalimentazione di sicurezza per lilluminazione. Per alimentazione di sicurezza si intende: impianto a batteria, gruppo elettrogeno, eventualmente anche un gruppo dintervento rapido.

Esempio di collegamento del rel di tensione 5TT3 404, 5TT3 405, 5TT3 406 e 5TT3 408

Esempio di collegamento di un rel di tensione per interruzioni di breve durata 5TT3 407

Questi rel di tensione possono funzionare solo in reti trifasi e non controllano soltanto la minima e massima tensione conformemente alla loro descrizione dimpiego,

ma anche la tensione di ritorno, lasimmetria e linterruzione del conduttore di neutro.

Si possono verificare delle interruzioni di breve durata > 20 ms quando si in presenza di scariche atmosferiche a seguito di commutazioni. In caso di processi particolarmente sensibili, spesso non possibile riconoscere se il sistema stato disturbato da questa interruzione.

Il rel interrompe lalimentazione di corrente che quindi pu essere ripristinata con il pulsante di reset.

7/16

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un rel di tensione per interruzioni di breve durata 5TT3 407
3230 V c.a.

Nei casi pi semplici pu essere sufficiente la registrazione di uninterruzione di breve durata senza necessit di staccare lalimentazione elettrica. Linterruzione di breve durata viene registrata dal contaimpulsi che alloccorrenza pu essere azzerato.

Esempio di collegamento e diagramma funzioni di un controllore conduttore di neutro 5TT3 410

In impianti trifasi con conduttore di neutro, nella maggioranza dei casi vengono collegate non solo utenze trifasi simmetriche, ma anche determinate utenze monofasi. Qualora in un impianto di questo tipo si verifichi linterruzione del neutro, la conseguenza la dissimmetria delle tensioni con successivo squilibrio delle correnti di carico, che potrebbe risultare molto pericoloso per gli utilizzatori stessi. In particolare gli apparecchi monofase potrebbero subire danni irrimediabili nel caso di sovratensioni asimmetriche, o non funzionare affatto in seguito a mancanza o abbassamento eccessivo della tensione.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/17

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento e diagramma funzioni di un rel di tensione per corrente continua 5TT3 196 Con valori inferiori a 0,82 Uc o superiori a 1,18 Uc o con uneccessiva ondulazione residua, il contatto 11/12 chiuso e il contatto 23/24 aperto.

7/18

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un rel di minima corrente 5TT6 111

Esempio di collegamento di un rel di massima corrente collegato a un riduttore di corrente (es.: riduttore 60/5 A 5TT6 006-0Y) 5TT6 114

Esempio di collegamento di un rel di massima corrente collegato direttamente (fino a 15 A) 5TT6 114

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/19

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Diagramma delle funzioni dei rel di minima corrente 5TT6 1 Diagramma delle funzioni dei rel di massima corrente 5TT6 1

Esempio di collegamento di un rel di minima/massima corrente collegato direttamente (fino a 5 A) 5TT6 120

Diagramma delle funzioni di un rel di minima/massima corrente 5TT6 120

7/20

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Diagramma delle funzioni di un rel di minima/massima corrente 5TT6 115

7
A differenza di tutti gli altri rel di corrente i guasti vengono segnalati sempre tramite i contatti 11-14 (21-24). Dai LED rossi possibile distinguere se si tratta di una segnalazione di minima o di massima corrente. Esempi dimpiego dei rel di corrente 5TT6 1 Controllo illuminazione di Esempio di impostazione emergenza con lampade ad (operativo) incandescenza 12 lampade da 100 W, per un La funzionalit delle lampade di totale di 1200 W, equivalgono a emergenza deve venire ca. 5,2 A. il rel deve quindi verificata ad intervalli regolari entrare in funzione appena secondo VDE 108. Attraverso il raggiunti i 5,2 A. Se una delle rel di corrente possibile lampade brucia, la corrente controllare continuamente la scende a ca. 4,8 A. Questa corrente desercizio. pertanto differenza di 5,2 A meno 4,8 A = irrilevante se questo tipo di 0,4 A corrisponde a ca. l8% del illuminazione integrata valore totale pari a 5,2 A. Questo nellimpianto di illuminazione 8% deve essere generale o se viene alimentata fondamentalmente la pi con corrente durgenza solo in piccola potenza di perdita di una caso di necessit. lampada ad incandescenza, poich da soli i rel di corrente Il rel di corrente viene hanno una isteresi di ca. 4%. impostato in modo che entri in funzione quando tutte le Illuminazione a faretti o di lampade sono accese; se una orientamento in edifici delle lampadine si brucia il rel Sui corridoi di volo gli edifici pi segnala il guasto. alti devono essere dotati di luci di posizione. Per il controllo di queste luci e di quelle delle piste di rullaggio valgono le indicazioni di programmazione dellesempio sopra descritto per il controllo dellilluminazione demergenza.

La misurazione della corrente trova il suo principale impiego nella protezione dei motori. Una tempestiva segnalazione di allarme permette di eliminare un guasto prima che linterruttore interrompa il circuito allinterno del motore, quindi senza doverlo far ripartire nuovamente. Trasportatore a coclea La presenza di oggetti di una particolare consistenza che possono infiltrarsi in impianti trasportatore a coclea, come per esempio in impianti di depurazione, comportano spesso il blocco del dispositivo di trasporto. Se impostato appositamente, il rel di corrente segnala attraverso i suoi contatti che sta per verificarsi una situazione pericolosa che potrebbe causare larresto del motore. Agitatore Come per il processo di trascinamento, leventuale variazione di viscosit potrebbe causare un sovraccarico del motore.

Aspiratori in macchine per la lavorazione del legno Per motivi di sicurezza sul lavoro per proteggersi da una eccessiva produzione di polvere deve venire garantito il perfetto funzionamento dellaspiratore, prima che vengano messe in funzione seghe o smerigliatrici. I rel di corrente garantiscono in maniera affidabile il controllo del funzionamento motore e sono dal punto di vista funzionale pi adatti dei rel di tensione, che sono pensati particolarmente per la protezione dei motori. Controllo motore delle gru Il controllo della corrente del motore principale (motore di sollevamento) garantisce che il freno elettrico venga rilasciato solo quando il motore principale in funzione ed il carico viene trattenuto.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/21

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un bio-rel (disgiuntore) per la riduzione dei campi elettromagnetici 5TT3 171 Se lassorbimento di potenza scende a valori compresi fra 2 VA e 20 VA (regolabili), il rel separa la linea dalla tensione di rete e si commuta su una tensione inferiore. In caso di consumo elevato ripristina la tensione di rete. Unutenza elettronica deve essere dotata della resistenza di carico di base 5TG8 222.

7/22

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento e diagramma delle funzioni dei rel di protezione motori con termistori 5TT3 431 e 5TT3 432 Questo apparecchio trova impiego nella protezione di motori dotati di termistori per il controllo della temperatura del motore. Se uno dei termistori raggiunge la temperatura di sollecitazione (fino a 6 termistori) il rel entra in funzione. Lapparecchio 5TT3 431 (morsetti X1/X2 e pulsante RESET) entra nuovamente in funzione dopo il raffreddamento ed una volta giunto al di sotto dellisteresi impostata. Una inserzione anticipata possibile arrestando brevemente la tensione. Il 5TT3 432 memorizza lerrore e rimane spento fino a che non viene premuto il pulsante di Reset. Un reset a distanza possibile attraverso i morsetti X1/X2. Il led di colore verde indica che lapparecchio acceso, mentre quello di colore giallo si illumina in caso di guasto.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/23

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento e diagramma delle funzioni di un rel di segnalazione allarmi e relativa unit di espansione 5TT3 460 e 5TT3 461 Il rel di segnalazione allarmi e lunit di espansione, possono venire collegati a piacere secondo il principio della corrente di eccitazione o diseccitazione. Il controllo della corrente di lavoro avviene quando si in presenza di un ponticello X1/X2. I contatti 13/14 e 23/24 si chiudono al verificarsi dellallarme. A questo punto vengono ad accendersi il rispettivo LED e il LED per la segnalazione cumulativa degli allarmi (SM). Il trasmettitore di allarme (contatto 13/14) viene disinserito per mezzo dellapposito pulsante di Reset. Il rispettivo LED e il LED per la segnalazione cumulativa rimangono accesi ed il contatto 23/24 rimane chiuso finch il guasto non viene risolto. I conduttori S e H hanno una tensione inferiore ai 42 V (potenziale a bassa tensione). In presenza di collegamenti molto estesi tra quadri diversi, parallelamente allimpiego dei conduttori di alimentazione necessario impiegare anche un conduttore schermato. I morsetti A1, da S1 a S4 e QH devono venire alimentati dalla stessa fase. Qualora esternamente non sia stato collegato un pulsante di Reset allora il morsetto QH deve comunque venire collegato ad L1. Come indicatore luminoso per la segnalazione degli allarmi si consiglia di utilizzare le lampade di segnalazione della serie 5TE5 8; come segnalatori acustici di allarme le suonerie o i ronzatori della serie 7LQ2 2.

7/24

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un modulo di allarme GSM 5TT7 1 Il modulo dallarme GSM invia un comando daccensione. I contatti del rel ausiliario 5TT4 205-0 cambiano stato e portano tensione al morsetto ON del comando motore 5ST3 051. Questo comando chiude linterruttore differenziale puro 5SM3 346-6 e il relativo contatto ausiliario 5ST3 010. I contatti del 5ST3 010, passando in posizione ON, scambiano la tensione sugli ingressi digitali del modulo dallarme GSM il quale abilitato a inviare un messaggio di conferma dellaccensione ai cellulari registrati.

Schema di collegamento

+24V

D0 8 7

DI2 6 5

DI1 4 3

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/25

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento e diagrammi delle funzioni di un rel di regolazione e controllo del livello dei liquidi 5TT3 435 Regolazione a 1 livello La funzione di regolazione ad 1 livello particolarmente adatta per la protezione a secco e a troppo pieno per adduzione o scarico libero di liquidi. A tale scopo devono essere impiegati gli elettrodi COM e MAX. Lelettrodo MAX deve venire posto sul livello di soglia desiderato. Se questo livello del liquido si trova al di sopra o al di sotto di quello MAX fissato, il rel commuta dopo il tempo di ritardo impostato. In questo modo il liquido viene aggiunto o tolto. Senza il collegamento a ponte X1-COM entra in funzione solo il rel MAX (21-22-24), con il collegamento a ponte X1-COM entrano in funzione entrambi i rel in uscita.
t = tv max regolabile da 0,2 s a 20 s.

Regolazione a 2 livelli Il rel di regolazione a 2 livelli mantiene il livello del liquido entro un limite di soglia minimo e massimo. A tale scopo devono venire impiegati 3 elettrodi MIN, MAX e COM. Se il limite di soglia sale su MAX a seguito di una libera induzione, il rel di livello commuta su scarico dopo il tempo di ritardo impostato. Se il limite di soglia si abbassa su MIN, il rel in uscita rimane in funzione finch si supera il livello MIN. Trascorso il tempo di ritardo impostato il rel si spegne. A questo punto il limite di soglia si alza per libera adduzione. Per questo apparecchio possibile scegliere tra due tipi di funzionamento attraverso i morsetti X1-COM: comando separato dei rel in uscita senza collegamento a ponte X1-COM, comando di entrambi i rel in uscita con il collegamento a ponte X1-COM. Nel caso di comando separato entrambi i rel, ognuno con il suo commutatore (trasformatore), vengono comandati separatamente attraverso il rispettivo elettrodo, in modo che ad ogni elettrodo corrisponda un rel in uscita. Il relativo ritardo di commutazione pu venire impostato separatamente.

tv max e tv min regolabili da 0,2 s a 20 s.

7/26

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento dei regolatori di temperatura 7LQ2 0 Regolatore di temperatura 7LQ2 0 in modalit di refrigerazione con differenza di temperatura dinserzione impostabile. Regolatore di temperatura 7LQ2 0 in modalit di riscaldamento con differenza di temperatura dinserzione impostabile.

La lunghezza della linea tra lapparecchio e il sensore di temperatura pu essere al massimo di 100 m. La sezione del conduttore deve essere almeno pari a 2 x 0,75 mm.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/27

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento e diagramma funzioni di un controllore di intervento fusibili 5TT3 170

In caso di guasto di un fusibile il motore viene spento immediatamente (interdizione di funzionamento bifase). Dopo la sostituzione del fusibile il motore deve essere riavviato con il pulsante ON. A differenza dei normali interruttori salvamotore, non possibile laccensione del motore in caso di fusibile difettoso. Nota La resistenza interna del circuito di misura del controllore di intervento fusibili compresa nel campo dei M, cosicch nel caso di fusibili difettosi vengano soddisfatte le norme VDE relative alla tensione di contatto (> 1000 /V). Per il sezionamento del circuito si deve utilizzare linterruttore principale. A tal proposito si consiglia di applicare sullimpianto lapposito adesivo.

7/28

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento di un controllore di fase 5TT3 421

Collegamento monofase

Collegamento bifase

Collegamento trifase

Esempio di collegamento di un controllore di sequenza fasi 5TT3 423

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/29

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un avviatore elettronico trifase 5TT3 440 Lavviatore elettronico consente di comandare elettronicamente lavviamento di motori asincroni trifase. Due delle tre fasi vengono influenzate dal controllo dellangolo di ritardo di fase in modo tale che la corrente aumenti costantemente. Aumenta cos anche la coppia di avviamento e lazionamento avviene gradualmente. Gli azionamenti vengono protetti e risultano pi convenienti. Oltre ad una netta riduzione del rumore di avviamento si evita anche il ribaltamento o lo scivolamento del prodotto trasportato. La corrente di avviamento viene ridotta sensibilmente. Per evitare perdite nellapparecchio, dopo lavviamento lelettronica di potenza viene ponticellata con i contatti del rel. Nota Non possibile impostare il numero di giri. Senza un carico accoppiato meccanicamente non si ottiene alcun avviamento graduale. In caso di frequenti accensioni si consiglia limpiego di termistori per il controllo della temperatura del motore. Lavviatore elettronico non pu funzionare con carico capacitivo. Lapparecchio non deve essere sistemato su fonti di calore. Gli avviatori elettronici possono comunque essere disposti luno accanto laltro.

Esempio di collegamento di un avviatore elettronico monofase 5TT3 441 Lavviatore elettronico consente di comandare elettronicamente lavviamento di motori asincroni monofase. Con il comando per il ritardo di fase la corrente aumenta costantemente. Aumenta cos anche la coppia di avviamento e lazionamento avviene gradualmente. Gli azionamenti vengono protetti e risultano pi convenienti. Oltre ad una netta riduzione del rumore di avviamento si evita anche il ribaltamento o lo scivolamento del prodotto trasportato. La corrente di avviamento viene ridotta sensibilmente. Per evitare perdite nellapparecchio, dopo lavviamento lelettronica di potenza viene ponticellata con i contatti del rel. Nota Non possibile impostare il numero di giri. Senza un carico accoppiato meccanicamente non si ottiene alcun avviamento graduale. Qualora durante lavviamento si renda necessario proteggere il semiconduttore di potenza da cortocircuito o cortocircuito di terra, necessario impiegare un fusibile ultrarapido; sono altrimenti da applicare le comuni misure di protezione di motore e conduttori. In caso di frequenti accensioni si consiglia limpiego di termistori per il controllo della temperatura del motore. Lavviatore elettronico non pu funzionare con carico capacitivo. Per garantire la sicurezza di persone e impianti, lapparecchio deve essere azionato soltanto da personale qualificato (specializzato).

7/30

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento di un interruttore di arresto di emergenza 5TT5 200

Collegamento diretto a 230 V/400 V fino a 5 A La logica di controllo verifica tramite contatti a rel non rappresentati se entrambi i rel sono scattati prima dellinserzione, impedendo cos che i contatti si incollino. Viene inoltre controllato il livello di tensione sul morsetto A1. I contatti NC collegati in parallelo di K1 e K2 (morsetti 41 e 42) sono liberi.

Collegamento di contattori esterni I contattori esterni possono essere impiegati se provvisti di contatti condizionati ai sensi delle norme di sicurezza ZH 1/457. Devono essere impiegati contattori con 3NA e 1NC, in cui i contatti NC devono essere integrati nel loop di controllo (morsetti Y1/Y2). I contatti NC collegati in parallelo di K1 e K2 (morsetti 41 e 42) sono liberi.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/31

Apparecchi di controllo
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempio di collegamento di un interruttore di priorit 5TT6 10 Nel funzionamento misto di riscaldamenti ad acqua calda sia elettrici che elettronici linterruttore di priorit, in caso di richiesta di acqua calda, interrompe il processo di ricarica dellapparecchio di riscaldamento ad accumulo di energia nel periodo di bassa tariffazione, limitando cos la potenza allacciata.

7/32

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 7LF6 110 7LF6 111 7LF6 113 7LF6 114 7LF6 115 7LF6 112 5TT1 303 Numero di ordinazione 5TT3 181 5TT3 182 5TT3 183 5TT3 184 5TT3 185 Numero di ordinazione 5TT3 001-0Y Breve descrizione Interruttore a tempo 230 V c.a. 16 A per luce scale, 3 fili, 0,510 min. Interruttore a tempo 230 V c.a. 16 A per luce scale, 4 fili, 0,510 min. Interruttore a tempo 230 V c.a. 16 A per luce scale, 4 fili, con preavviso spegnimento, 0,510 min. Interruttore a tempo 230 V c.a. 16 A con preavviso spegnimento, 0,510 min. Interruttore a tempo 230 V c.a. 16 A a risparmio energetico, 4 fili, 360 min. Interruttore a tempo 230 V c.a. per ventilatori fino a 200 VA, 0,510 min. Interrutore a tempo 230 V c.a. 10 A per reattori elettronici, 110 min. Breve descrizione Temporizzatore 220240 V c.a. 8A ritardato alleccitazione Temporizzatore 220240 V c.a. 8 A passante allinserzione Temporizzatore 220240 V c.a. 8 A a intermittenza Temporizzatore 110240 V c.a./c.c. 5 A ritardato alla diseccitazione Temporizzatore 12240 V c.a./c.c. 4 A multifunzione Breve descrizione Rel differenziale con toroide separato Funzionamento normale Funzionamento con entrambi i rel eccitati Breve descrizione Rel di tensione 230/400 V c.a. 2D 0,9/1,3 Rel di tensione 230/400 V c.a. 2D 0,9/1,3 Rel di tensione 24 V c.c. 1NA+1NC Rel di tensione 230/400 V c.a. 1D 0,7/0,9 Rel di tensione 230/400 V c.a. 1D 0,85/0,95 Rel di tensione 230/400 V c.a. 2D 0,7/0,9 Rel di tensione 230/400 V c.a. 2D 0,85/0,95 Rel di tensione 230/400 V c.a. 2D 0,7/0,9 Rel di tensione 230/400 V c.a. 2D 0,85/0,95 Rel di tensione 230/400 V c.a. 2D 0,7/0,9 Rel di tensione 230/400 V c.a. 2D (20 ms) Rel di tensione 230/400 V c.a. 2D 0,9/1,3 + 0,7/1,1 Breve descrizione Rel di corrente 230 V c.a. 10 A monofase Rel di corrente 230 V c.a. 10 A monofase Rel di corrente 230 V c.a. 1/5/10/15 A monofase Rel di corrente 230 V c.a. 1/5/10/15 A monofase Rel di corrente 230 V c.a. 1/5/10/15 A monofase Min/Max Rel di corrente 230 V c.a. 5 A trifase Min/Max Breve descrizione Interruttore riduzione campi elettrici 230 V 50 Hz Breve descrizione Rel protezione motore a termistori V c.a. 4 A Rel protezione motore a termistori V c.a. 4 A + reset Breve descrizione Rel di segnalazione allarmi 230 V c.a. 5A Rel di segnalazione allarmi 230 V c.a. - espansione Breve descrizione Controllore di livello 230 V c.a. 4 A min/max Breve descrizione Controllore intervento fusibili 380-415 V c.a. Potenza dissipata Pv (VA) della bobina di comando 5 5 5 5 5 5 5 Potenza dissipata Pv (VA) della bobina di comando 5 5 5 1 1,5 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 1,25 1,7 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 2 2 0,6 6 6 6 6 8 8 8 8 8 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 7 7 3,5 3,5 3,5 7,2 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 5 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 1,5 3,5 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 8 8 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 2 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 2

per polo o contatto1) 0,33/0,38

Numero di ordinazione 5TT3 194 5TT3 195 5TT3 196 5TT3 400 5TT3 401 5TT3 402 5TT3 403 5TT3 404 5TT3 405 5TT3 406 5TT3 407 5TT3 408 Numero di ordinazione 5TT6 111 5TT6 112 5TT6 113 5TT6 114 5TT6 115 5TT6 120 Numero di ordinazione 5TT3 171 Numero di ordinazione 5TT3 431 5TT3 432 Numero di ordinazione 5TT3 460 5TT3 461 Numero di ordinazione 5TT3 435 Numero di ordinazione 5TT3 170
1) Alla

per polo o contatto1) 0,2 0,2 0,8 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2

per polo o contatto1) 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3

per polo o contatto1) 2,6

per polo o contatto1) 0,3 0,3

per polo o contatto1) 0,4 0,4

per polo o contatto1) 0,3

per polo o contatto1) 0,5

corrente nominale.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/33

Apparecchi di controllo
Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TT3 421 5TT3 423 Numero di ordinazione 5TT3 440 5TT3 441 Numero di ordinazione 5TT6 101 5TT6 102 5TT6 103 Breve descrizione Controllore di fase 230 V c.a. 4 A Controllore sequenza fasi 230 V c.a. 4 A Breve descrizione Avviatore elettronico 400 V c.a. 300-5500 W trifase Avviatore elettronico 400 V c.a. 1660 W monofase Breve descrizione Interruttore di priorit 230 V c.a. 48 A max. 27 kW Interruttore di priorit 230 V c.a. 55 A max. 33 kW Interruttore di priorit 230 V c.a. 6-40 A max. 27 kW Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 4,6 9 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 3,5 1,7 Potenza dissipata Pv (W) della bobina di comando 4 2,9 4,8 per polo o contatto1) 0,2 0,2

per polo o contatto1) 4,6 0,7

per polo o contatto1) 0,1 0,1 0,1

1)

Alla corrente nominale.


Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/34

Apparecchi di controllo
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Interruttori a tempo 7LF6 e 5TT1

7LF6 110

7LF6 111 7LF6 112 7LF6 113 7LF6 114 7LF6 115

5TT1 303

Temporizzatori 5TT3 18

7
5TT3 185 5TT3 182 5TT3 183 5TT3 184 5TT3 181

Interruttori crepuscolari 7LQ2 1 e 5TT3 3

7LQ2 100 7LQ2 102 Modello per montaggio a parete

7LQ2 101 7LQ2 103

5TT3 303

7LQ2 910

7LQ2 911 Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/35

Apparecchi di controllo
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Rel differenziale a toroide separato 5TT3 001-0Y Riduttori di corrente toroidali 5TT3-0Y

5TT3 001-0Y Numero di ordinazione A B C D E F G H I mm mm mm mm mm mm mm mm mm 5TT3 002-0Y 5TT3 003-0Y 5TT3 008-0Y 5TT3 004-0Y 5TT3 009-0Y 5TT3 005-0Y 5TT3 006-0Y 5TT3 007-0Y 35 99,5 70 44,5 26 104 92 60 125,5 94,5 57 26 117 103 80 144,5 114,5 67 26 125 111 110 180,5 150,5 85 31 155 141 160 230,5 200,5 110 31 197 183 210 280,5 250,5 135 31 227 213 110 178,5 198 84 21 150,5 31 155 141 210 278 298 134 21 250,5 31 227 213

7/36

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Controllore dell'isolamento 7LQ3 350 per locali adibiti a uso medico Trasformatore di alimentazione 7LQ3 352

7LQ3 350

7LQ3 352

Pannello di comando e segnalazione 7LQ3 351

7LQ3 351

Riduttore di corrente 7LQ3 353 Variante di montaggio 1 Variante di montaggio 2

7LQ3 353

A piede darresto B staffa di montaggio C vite autofilettante 3 mm x 8 mm D vite cilindrica M3 x 6 mm E connettore a spina P1 (K) dallalimentazione P2 (L) al carico S1 (k), S2 (l) contatti del riduttore di corrente

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/37

Apparecchi di controllo
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Controllori dell'isolamento per uso industriale 5TT3 47

5TT3 470

5TT3 471

Controllore di cos 5TT3 472

5TT3 472

7/38

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di controllo
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Rel di tensione 5TT3 19 e 5TT3 4
L1 N L1 L2 L1 L2 L3 L1 L2 L3 N L1 L2 L3 N

12 14 11

12

22

12

22

12

22

14 11 24 21

14 11 24 21

14 11 24 21

18

36

36

36

43 64

5TT3 400 5TT3 401

5TT3 402 5TT3 403

5TT3 404 5TT3 405 5TT3 407

5TT3 194 5TT3 195 5TT3 406

Rel di controllo del neutro 5TT3 410


L1 L2 L3 N

45 90

45 90

12

22

14 11 24 21

7
5 43 64

36

5TT3 410

Rel di tensione per corrente continua 5TT3 196

5TT3 196

Rel di corrente 5TT6 1


L/i L/i
N L/k A1 A2 i k Z2 Z3 Z1 Z4 A1 A2 i k Z2 Z3 Z1 Z4

Rel di corrente 5TT6 120

12 14 11

12

22

12

22

14 11 24 21

14 11 24 21

18

36

36

43 64

5TT6 111 5TT6 112

5TT6 113 5TT6 114

5TT6 115

45 90

5TT6 120

Bio-rel (disgiuntore) per la riduzione dei campi elettromagnetici 5TT3 171


L N

18

43

5TT3 171

64

45 90

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/39

Apparecchi di controllo
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Rel di protezione motori con termistori 5TT3 431 e 5TT3 432
A1 A2 P1 P2 A1 A2 P1 P2 X1 X2

Rel di segnalazione allarmi 5TT3 460 e 5TT3 461


A1 S H A1 S H S1 S2 S3 S4 S1 S2 S3 S4

45 90

12

22

12

22

13 23 X1 X2 14 24 QH A2

X1 X2 A2

14 11 24 21

14 11 24 21

36

36

43 64

36

36

43 64

5TT3 431

5TT3 432

5TT3 460

5TT3 461

Moduli di allarme GSM 5TT7 1

5TT7 110-0 5TT7 120-0

Rel di regolazione e controllo del livello dei liquidi 5TT3 435


X1COM X2 MIN MAX A1 A2

Elettrodo a immersione 5TG8 223


21

45 90

13

12

22

5
5 43
I2_12435

14 11 24 21

36

5TT3 435

64

5TG8 223

Regolatori di temperatura 7LQ2 0

Sonda termica di ricambio KTY 11-6 7LQ2 900

7LQ2 900

7LQ2 001 7LQ2 002 7LQ2 003 7LQ2 005

7/40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

79

16

140

45 90

Apparecchi di controllo
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Controllore di intervento fusibili 5TT3 170
L1 L2 L3 14

15 L1 L2 L3

36

43 64

5TT3 170

Controllori di fase 5TT3 421 e 5TT3 423


L1 N L2 L3 L1 L2 L3

45 90

12 14 11

12 14 11

45 90

18

18

43 64

5TT3 421

5TT3 423

7
L1 N

Avviatori elettronici 5TT3 440 e 5TT3 441


L1 L2 L3

45 90

T1 T2 T3

T1 T2

105

43 55

36

43 64

5TT3 440

5TT3 441

Interruttore di arresto di emergenza 5TT5 200

5TT5 200

Interruttori di priorit 5TT6 10

5TT6 101 5TT6 102 5TT6 103 con calotte coprimorsetti

45 90

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

7/41

Apparecchi di controllo
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Orologi interruttori digitali 7LF4 4

18

44 64

7LF4 401-0

45 83

7LF4 41. 7LF4 42. 7LF4 43.

7LF4 444-0 7LF4 444-2

7LF4 940-0

7LF4 940-1 7LF4 940-2

Orologi interruttori meccanici 7LF5 3

7LF5 300-1 7LF5 300-7 7LF5 301-7

7LF5 300-5 7LF5 300-6 7LF5 301-4 7LF5 301-5 7LF5 301-6 7LF5 301-7

7LF5 301-0 per fissaggio a parete 7LF5 305-0 per fissaggio a parete

7/42

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di misura

8/2 8/10 8/12

Soluzioni applicative Potenza dissipata Dimensioni dingombro

8/1

Apparecchi di misura
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento dei contaore e contaimpulsi 7KT5 8

7KT5 821

7KT5 822 7KT5 823 7KT5 833

Contatore elettrico Affinch lapparecchio possa visualizzare costantemente i valori di misura, necessario che i morsetti 1 e 3 siano alimentati. Se il morsetto 3 alimentato (in c.c. +), ha inizio loperazione di conteggio. Se il morsetto 4 alimentato per breve tempo (in c.c. +), il contatore viene riazzerato. In caso di caduta di tensione, il risultato del contatore memorizzato senza limitazioni nella EEPROM. Una volta ripristinata la tensione, il conteggio prosegue a partire dal valore memorizzato.

8/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di misura
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento dei voltmetri e amperometri digitali 7KT1 1 Voltmetro digitale Amperometro

Selettore del campo di misura dellamperometro digitale 7KT1 120

8
Esempi di collegamento dei commutatori voltmetrici e amperometrici 7KT9 0 Commutatore voltmetrico Commutatore amperometrico

7KT9 011-1Y

7KT9 012-1Y

7KT9 013-1Y

Commutatore amperometrico unipolare, 4 posizioni (1 di riposo + 3 amperometriche L1-L2-L3).

Commutatore voltmetrico 4 posizioni (1 di riposo + 3 concatenate L1-L2 / L2-L3 / L3-L1)

Commutatore voltmetrico 7 posizioni (1 di riposo + 3 tensione fase-neutro + 3 concatenate)

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

8/3

Apparecchi di misura
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento dei contatori meccanici monofase 7KT1 14

7KT1 141

7KT1 140

7KT1 141 Commutazione tariffa Se sul morsetto 1 presente una tensione di 230 V c.a., viene attivata la tariffa 2.

7KT1 140

8/4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di misura
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento dei contatori elettronici trifase 7KT1 5

Inserzione diretta 63 A, collegamento a 4 conduttori Inserzione a trasformatore 63 A, collegamento a 4 conduttori

Inserzione diretta 63 A, collegamento a 3 conduttori

Inserzione a trasformatore 63 A, collegamento a 3 conduttori

Inserzione diretta 63 A, monofase

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

8/5

Apparecchi di misura
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento degli strumenti multifunzione 7KT1 16 Inserzione diretta 10 (63) A Inserzione a trasformatore 5 (6) A

Interfaccia S0

Collegamento dellinterfaccia S0 Loptaccoppiatore protetto contro i cortocircuiti viene fatto funzionare con 5 ... 30 V c.c. La corrente deve essere selezionata in un intervallo massimo di 20 mA. La durata dellimpulso di 125 ms. Lo schema mostra il circuito con il contatore dimpulsi 7KT5 780 o 7KT5 751 e con lalimentatore 4AC2 321 per la visualizzazione esterna delle tariffe 1 e 2. Nota per il collegamento di contatori a trasformatore In caso di riduzione della sezione, a seconda della protezione delle fasi L1, L2, L3 per lalimentazione in tensione dei morsetti 2, 5 e 8 necessaria una posa protetta contro i cortocircuiti. A protezione della linea, si consiglia un fusibile da 6 A.

8/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di misura
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento dei multimetri digitali 7KT1 30

Inserzione diretta 63 A, collegamento a 4 conduttori

Inserzione a trasformatore 63 A, collegamento a 4 conduttori

Inserzione diretta 63 A, collegamento a 3 conduttori

8
Inserzione a trasformatore 63 A, collegamento a 3 conduttori

Inserzione diretta 63 A, monofase

Inserzione a trasformatore 63 A, monofase

Nota per il collegamento di multimetri a trasformatore In caso di riduzione della sezione, a seconda della protezione delle fasi per l'alimentazione in tensione dei morsetti L1, L2 e L3, necessaria una posa protetta contro i cortocircuiti. A protezione della linea, si consiglia un fusibile da 6 A. I trasformatori non devono essere messi in funzione con morsetti aperti. Potrebbero essere presenti alte tensioni pericolose. La mancata osservanza di queste precauzioni pu provocare lesioni personali e danni materiali. Inoltre, il trasformatore verrebbe sovraccaricato termicamente.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

8/7

Apparecchi di misura
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento dei multimetri - contatori digitali 7KT1 31 e 7KT1 34

Inserzione diretta 63 A, collegamento a 4 conduttori

Inserzione a trasformatore 63 A, collegamento a 4 conduttori

Inserzione diretta 63 A, collegamento a 3 conduttori

Inserzione diretta 63 A, monofase

Inserzione a trasformatore 63 A, collegamento a 3 conduttori

Inserzione a trasformatore 63 A, monofase

Nota per il collegamento di multimetri - contatori a trasformatore In caso di riduzione della sezione, a seconda della protezione delle fasi per lalimentazione in tensione dei morsetti L1, L2 e L3 necessaria una posa protetta contro i cortocircuiti. A protezione della linea, si consiglia un fusibile da 6 A. I trasformatori non devono essere messi in funzione con morsetti aperti. Potrebbero essere presenti alte tensioni pericolose. La mancata osservanza di queste precauzioni pu provocare lesioni personali e danni materiali. Inoltre, il trasformatore verrebbe sovraccaricato termicamente.

8/8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di misura
Soluzioni applicative

Schemi elettrici
Esempi di collegamento del LAN server 7KT1 390

Collegamento dellapparecchio alladattatore LAN Tutti gli apparecchi collegati in parallelo mediante un cavo schermato a 2 conduttori. Non sono consentite configurazioni a stella, derivazioni, disposizioni circolari. Potenziale di terra necessario collegare a terra sia il cavo LAN con il connettore RJ45 che il cavo schermato dellinterfaccia LAN. Questo accorgimento vale anche per gli apparecchi collegati alladattatore LAN.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

8/9

Apparecchi di misura
Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 7KT5 801 7KT5 802 7KT5 803 7KT5 804 7KT5 806 7KT5 807 7KT5 821 7KT5 822 7KT5 823 7KT5 811 7KT5 812 7KT5 814 7KT5 833 7KT5 500 7KT5 505 7KT5 501 7KT5 502 7KT5 503 7KT5 504 7KT5 600 7KT5 601 7KT5 602 7KT5 603 7KT5 604 Numero di ordinazione 7KT1 000 7KT1 010 7KT1 011 7KT1 012 7KT1 015-0Y 7KT1 015-1Y 7KT1 020 7KT1 024-0Y 7KT1 050-0Y 7KT1 050-1Y 7KT1 110 7KT1 120 Numero di ordinazione 7KT1 130 7KT1 131 7KT1 132 7KT1 133 Numero di ordinazione 7KT9 010 7KT9 011 7KT9 011-0Y 7KT9 012-0Y 7KT9 013-0Y Breve descrizione Contatore meccanico 1224 V c.c. Contatore meccanico 24 V c.a. 50 Hz Contatore meccanico 115 V c.a. 50 Hz Contatore meccanico 230 V c.a. 50 Hz Contatore meccanico 115 V c.a. 60 Hz Contatore meccanico 230 V c.a. 60 Hz Potenza dissipata Pv (VA) bobina/comando autoconsumo1) Pa (VA) <1 <1 <2 <2 <2 <2 -

<1 Contatore digitale 12150 V c.c./24240 c.a. 50/60 Hz <1 Contatore digitale 12150 V c.c./24240 V c.a. 50/60 Hz con azzeramento elettronico Contatore digitale 12150 V c.c./24240 V c.a. 50/60 Hz con azzeramento meccanico ed elettronico < 1 Contaimpulsi meccanico 1224 V c.c. Contaimpulsi meccanico 24 V c.a. 50/60 Hz Contaimpulsi meccanico 230 V c.a. 50/60 Hz Contaimpulsi digitale 12150 V c.c./24240 V c.a. 50/60 Hz con azzeramento meccanico ed elettronico Contatore fronte quadro 48 mm x 48 mm 1080 V c.c. Contatore fronte quadro 48 mm x 48 mm 24 V c.a. 50 Hz Contatore fronte quadro 48 mm x 48 mm 115 V c.a. 50 Hz Contatore fronte quadro 48 mm x 48 mm 230 V c.a. 50 Hz Contatore fronte quadro 48 mm x 48 mm 115 V c.a. 60 Hz Contatore fronte quadro 48 mm x 48 mm 230 V c.a. 60 Hz Contatore fronte quadro 72 mm x 72 mm 1050 V c.c. Contatore fronte quadro 72 mm x 72 mm 115 V c.a. 50 Hz Contatore fronte quadro 72 mm x 72 mm 230 V c.a. 50 Hz Contatore fronte quadro 72 mm x 72 mm 115 V c.a. 60 Hz Contatore fronte quadro 72 mm x 72 mm 230 V c.a. 60 Hz Breve descrizione Voltmetro analogico per attacco diretto fino a 500 V c.a., 50 Hz 4 u.m. Amperometro analogico per attacco diretto fino a 25 A, 50 Hz, 4 u.m. Amperometro analogico per attacco diretto fino a 40 A, 50 Hz, 4 u.m. Amperometro analogico per attacco diretto fino a 60 A, 50 Hz, 4 u.m. Amperometro analogico 72 mm x 72 mm per attacco a TA -/5 A con scala 0 - 150 A Amperometro analogico 96 mm x 96 mm per attacco a TA -/5 A con scala 0 - 150 A Amperometro analogico per attacco a TA -/5 A, 50 Hz con scala da 0 - 150 A, 4 u.m. Voltmetro analogico 72 mm x 72 mm per attacco a TV -/100 V c.a. con scala 0 - 24 kV c.a. Voltmetro analogico 72 mm x 72 mm per attacco diretto con scala 0 - 500 V c.a. Voltmetro analogico 96 mm x 96 mm per attacco diretto con scala 0 - 500 V c.a. Voltmetro digitale 230 V c.a. FS 600 V c.a., 2 u.m. Amperometro digitale 230 V c.a. per attacco diretto (20 A) e a TA (-/5 A) FS 999 A, 2 u.m. Breve descrizione Multimetro digitale per inserzione diretta fino a 63 A, 3x230/400 V c.a., 50 Hz, 6 u.m. Multimetro digitale per inserzione a TA -/5 A, 3x230/400 V c.a., 50 Hz, 6 u.m. Multimetro digitale per inserzione diretta fino a 63 A, 3x230/400V c.a., 50 Hz, con S0, 6 u.m. Multimetro digitale per inserzione a TA -/5 A, 3x230/400 V c.a., 50 Hz, con S0, 6 u.m. Breve descrizione Commutatore voltmetrico per linee trifasi a 4 fili, 400 V c.a., 12 A, 3 u.m. Commutatore amperometrico per linee trifasi, 400 V c.a., 12 A, 3 u.m. Commutatore amperometrico per linee trifasi, 48 mm x 48 mm, 660 V c.a., 16 A Commutatore voltmetrico fase-fase per linee trifasi, 48 mm x 48 mm, 660 V c.a., 16 A Commutatore voltmetrico fase-fase/fase-neutro per linee trifasi, 48 mm x 48 mm, 660 V c.a., 16 A <1 <1 <2 <1 <1 0,2 0,2 1,8 0,9 1,8 <1 <1 <1 <1 <1

Potenza dissipata Pv (W) bobina/comando autoconsumo1) Pa (VA) <2 < 1,1 < 1,1 < 1,1 1,1 1,1 <1,1 3 3 3 <2 <2

Potenza dissipata Pv (W) bobina/comando autoconsumo1) Pa (VA) 10 10 10 10

Potenza dissipata Pv (W) bobina/comando autoconsumo1) Pa (VA) -

1)

Con corrente nominale di impiego.

8/10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di misura
Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 5TT6 004-0Y 5TT6 005-0Y 5TT6 006-0Y 5TT6 010-0Y 5TT6 010-1Y 5TT6 015-0Y 5TT6 015-1Y 5TT6 020-0Y 5TT6 025-0Y 5TT6 030-0Y 5TT6 040-0Y 5TT6 060-0Y 5TT6 080-0Y 5TT6 100-0Y 5TT6 125-0Y 5TT6 160-0Y 5TT6 200-0Y 5TT6 250-0Y 5TT6 320-0Y 5TT6 400-0Y Numero di ordinazione 7KT1 140 7KT1 141 Numero di ordinazione 7KT1 500 7KT1 501 7KT1 510 7KT1 511 7KT1 502 7KT1 503 7KT1 512 7KT1 513 7KT1 520 7KT1 521 Numero di ordinazione 7KT1 162 7KT1 165 Numero di ordinazione 7KT1 300 7KT1 301 7KT1 302 Numero di ordinazione 7KT1 310 7KT1 311 7KT1 312 7KT1 340 7KT1 341 7KT1 342 7KT1 350 7KT1 351 7KT1 352 Breve descrizione Diametro cavo (mm) 21 21 21 23 21 23 21 23 23 23 35 35 35 Dimensioni sbarre (mm) cl. 0,5 16x12,5 16x12,5 16x12,5 30x10 - 25x11 - 20x12 16x12,5 30x10 - 25x11 - 20x12 16x12,5 30x10 - 25x11 - 20x12 30x10 - 25x11 - 20x12 30x10 - 25x11 - 20x12 40x10 - 2x20x10 40x10 - 2x20x10 40x10 - 2x20x10 81x112) - 81x10 - 2x63x10 81x112) - 81x10 - 2x63x10 34x842) - 2x80x10 - 3x80x5 34x842) - 2x80x10 - 3x80x5 38x1272) - 3x100x10 - 3x125x10 38x1272) - 3x100x10 - 3x125x10 54x1272) - 3x100x10 - 3x125x10 2 1,5 3 4 6 7,5 8 12 10 6 8 15 20 20 25 50 Prestazioni (VA) cl. 1 1,25 1,25 2,5 2,5 5,5 4 7 9 11 12 15 12 8 10 20 25 25 30 60 cl. 3 1 1,5 2 5 3,5 6,5 5 8,5 11 13,5 15 15 15 10 12 25 30 -

Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 40/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 50/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 60/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 100/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 100/5 A, idoneo al montaggio nei quadri ALPHA 125 UNIVERSAL Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 150/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 150/5 A, idoneo al montaggio nei quadri ALPHA 125 UNIVERSAL Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 200/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 250/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 300/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 400/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 600/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 800/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 1000/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 1250/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 1600/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 2000/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 2500/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 3200/5 A Trasformatore di corrente per cavo e sbarra passante 4000/5 A Breve descrizione

Potenza dissipata Pv (W) bobina/comando autoconsumo1) Pa (VA) 0,8 per fase 0,8 per fase

Contatore monofase di energia attiva 230 V c.a., 10 (63) A, 50 Hz, con S0, 2 u.m. Contatore monofase di energia attiva a due tariffe 230 V c.a., 10 (63) A, 50 Hz, con S0, 2 u.m. Breve descrizione Contatore trifase energia attiva a inserzione diretta con interfaccia S0 e interfaccia IR, a 1 tariffa Contatore trifase energia attiva a inserzione a TA -/5 A con interfaccia S0 e interfaccia IR, a 1 tariffa Contatore trifase energia attiva a inserzione diretta con interfaccia S0 e interfaccia IR, a 2 tariffe Contatore trifase energia attiva a inserzione a TA -/5 A con interfaccia S0 e interfaccia IR, a 2 tariffe Contatore trifase energia attiva e reattiva a inserzione diretta con interfaccia S0 e interfaccia IR, a 1 tariffa Contatore trifase energia attiva e reattiva a inserzione a TA -/5 A con interfaccia S0 e interfaccia IR, a 1 tariffa Contatore trifase energia attiva e reattiva a inserzione diretta con interfaccia S0 e interfaccia IR, a 2 tariffe Contatore trifase energia attiva e reattiva a inserzione a TA -/5 A con interfaccia S0 e interfaccia IR, a 2 tariffe Contatore trifase energia attiva e reattiva a inserzione diretta con interfaccia LAN e interfaccia IR, a 2 tariffe Contatore trifase energia attiva e reattiva a inserzione a TA -/5 A con interfaccia LAN e interfaccia IR, a 2 tariffe Breve descrizione Strumento multifunzione en. attiva/reattiva, 3x230/400 V c.a., 10 (63) A, 50 Hz, 2-S0, EIB, 6 u.m. Strumento multifunzione en. attiva/reattiva, 3x230/400 V c.a., -/5 A, 50 Hz, 2-S0, EIB, 6 u.m. Breve descrizione Multimetro digitale a inserzione diretta Multimetro digitale a inserzione a TA -/5 A o -/1 A Multimetro digitale a inserzione a TA -/5 A o -/1 A per fronte quadro Breve descrizione Multimetro - Contatore trifasse a inserzione diretta con interfaccia S0 Multimetro - Contatore trifase a inserzione a TA -/5 A o -/1 A con interfaccia S0 Multimetro - Contatore trifase a inserzione a TA -/5 A o -/1 A con interfaccia S0 per fronte quadro Multimetro - Contatore trifasse a inserzione diretta con interfaccia LAN Multimetro - Contatore trifase a inserzione a TA -/5 A o -/1 A con interfaccia LAN Multimetro - Contatore trifase a inserzione a TA -/5 A o -/1 A con interfaccia LAN per fronte quadro Multimetro - Contatore trifasse a inserzione diretta con interfaccia PROFIBUS DP Multimetro - Contatore trifase a inserzione a TA -/5 A o -/1 A con interfaccia PROFIDUS DP Multimetro - Contatore trifase a inserzione a TA -/5 A o -/1 A con interfaccia PROFIDUS DP per fronte quadro

Potenza dissipata Pv (VA) bobina/comando < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 Potenza dissipata Pv (W) bobina/comando autoconsumo1) Pa (VA) 0,8 per fase 0,8 per fase

Potenza dissipata Pv (VA) bobina/comando < 10 < 10 < 10 Potenza dissipata Pv (VA) bobina/comando < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10 < 10

1) 2)

Con corrente nominale di impiego. Dimensioni della finestra Siemens - Catalogo Tecnico BETA

8/11

Apparecchi di misura
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Contaore e contaimpulsi 7KT5 8 Contaore fronte quadro 48 mm x 48 mm e 72 mm x 72 mm 7KT5 5 e 7KT5 6

7KT5 801 7KT5 802 7KT5 803 7KT5 804 7KT5 805 7KT5 806 7KT5 807

7KT5 821 7KT5 811 7KT5 812 7KT5 814 7KT5 821 7KT5 822 7KT5 823 7KT5 833

7KT5 500 7KT5 501 7KT5 502 7KT5 503 7KT5 504 7KT5 505

7KT5 600 7KT5 601 7KT5 602 7KT5 603 7KT5 604

Voltmetri e amperometri analogici 7KT1 0

Voltmetri e amperometri digitali 7KT1 110 e 7KT1 120

7KT1 000 7KT1 010 7KT1 011 7KT1 012 7KT1 020

7KT1 110 7KT1 120

Voltmetri e amperometri analogici fronte quadro 72 mm x 72 mm 7KT1-0Y

Voltmetri e amperometri analogici fronte quadro 96 mm x 96 mm 7KT1-1Y

7KT1 015-0Y 7KT1 050-0Y 7KT1 024-0Y

7KT1 015-1Y 7KT1 050-1Y

8/12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di misura
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Commutatori di misura 7KT9 0 Commutatori di misura fronte quadro 7KT9 0-1Y

7KT9 010 7KT9 011

7KT9 011-1Y 7KT9 012-1Y 7KT9 013-1Y

Trasformatori di corrente trifase 7KT1 2

7KT1 200 7KT1 201 7KT1 202

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

8/13

Apparecchi di misura
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Trasformatori di corrente per cavo e sbarra passante 5TT6-0Y e 5TT6-1Y

*Fissaggio per binario 35 mm (DIN EN 50 022) * Coprimorsetto sigillabile 5TT6 004-0Y 5TT6 005-0Y 5TT6 006-0Y 5TT6 010-1Y 5TT6 015-1Y 5TT6 010-0Y 5TT6 015-0Y 5TT6 020-0Y 5TT6 025-0Y 5TT6 030-0Y

5TT6 040-0Y 5TT6 060-0Y 5TT6 080-0Y

5TT6 100-0Y 5TT6 125-0Y

5TT6 250-0Y 5TT6 320-0Y

5TT6 160-0Y 5TT6 200-0Y

* Coprimorsetto sigillabile 5TT6 400-0Y

8/14

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Apparecchi di misura
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Contatori meccanici monofase di energia attiva 7KT1 140 e 7KT1 141

7KT1 141

7KT1 140

Contatori elettronici trifase di energia 7KT1 5

7KT1 500 7KT1 502 7KT1 510 7KT1 512 7KT1 520

7KT1 501 7KT1 503 7KT1 511 7KT1 513 7KT1 521

Strumenti multifunzione per sistemi trifase 7KT1 162 e 7KT1 165

7KT1 162

7KT1 165

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

8/15

Apparecchi di misura
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Multimetri digitali 7KT1 30

7KT1 300

7KT1 301

7KT1 302 per montaggio fronte quadro

Multimetri - Contatori digitali 7KT1 31, 7KT1 34 e 7KT1 35

7KT1 3.0

7KT1 3.1

7KT1 3.2 per montaggio fronte quadro

LAN Server 7KT1 390

7KT1 390

8/16

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili di bassa tensione

9/2 9/5 9/13 9/31 9/73 9/91

Fusibili di bassa tensione Fusibili NEOZED Fusibili DIAZED Fusibili NH Fusibili cilindrici Fusibili extrarapidi SITOR

9/1

Fusibili di bassa tensione


Caratteristiche generali

Descrizione generale

Selettivit In un impianto sono generalmente collegati diversi fusibili in serie. In caso di guasto la selettivit garantisce che in un impianto venga interrotto solo il circuito interessato e non l'intera linea di produzione. I fusibili Siemens della categoria di impiego gL/gG operano in modo selettivo nel rapporto di 1:1,25 in presenza di una tensione nominale fino a 230 V c.a., ossia da un campo di corrente all'altro. Occorre notare che le norme CEI EN 60 269-1 e DIN VDE 0636 ammettono una tolleranza sulle caratteristiche tempo-corrente 10% per quanto riguarda la corrente, mentre le serie di fusibili Siemens garantiscono una tolleranza massima 5%, che migliora la selettivit ad un rapporto 1:1,25, cio di gradino in gradino, ad esempio 63 A con 80 A e 80 A con 100 A. Le sezioni dei cavi possono quindi presentare dimensioni pi piccole grazie alle ridotte correnti nominali. Classi di impiego I fusibili sono suddivisi in classi di impiego secondo la loro funzionalit, dove la prima lettera indica la classe funzionale e la seconda l'oggetto da proteggere. 1a lettera a r protezione parziale (accompanied fuses): cartucce che sono in grado di condurre in modo permanente almeno correnti fino alla loro corrente nominale indicata e di interrompere correnti al di sopra di un determinato multiplo della corrente nominale fino alla corrente di interruzione nominale. g r protezione totale (general purpose fuses): cartucce che sono in grado di condurre in modo permanente almeno correnti fino alla loro corrente nominale indicata e di interrompere correnti dalla minima corrente di fusione fino alla corrente di interruzione. Protezione da sovraccarico e da cortocircuito.

2a lettera G r protezione di cavi e conduttori (general applications). M r protezione di circuiti di comando motore (for protection of motor circuits). R r protezione di circuiti con semiconduttori/tiristori (for protection of rectifiers). S r protezione di cavi, conduttori e semiconduttori. L r protezione di cavi e conduttori (secondo DIN VDE). B r protezione di circuiti nell'industria mineraria. Tr r protezione di trasformatori. Per i fusibili DIAZED sono inoltre previste le classi "rapida" e "ritardata", definite nelle norme IEC/CEE/DIN VDE. Nella caratteristica "rapida" il fusibile scatta pi velocemente nel campo di cortocircuito rispetto alla classe di impiego gL/gG. Per quanto riguarda le cartucce DIAZED per protezione di impianti a nastro a corrente continua, la caratteristica "ritardata" idonea in particolare per l'interruzione di correnti continue ad elevata induttivit. Entrambe le caratteristiche sono adeguate anche per la protezione di cavi e conduttori. I fusibili di protezione totale (gL/gG, gR, rapido, ritardato) intervengono con affidabilit sia in presenza di sovraccarico non ammesso che di correnti di cortocircuito. I fusibili di protezione parziale (aM, aR) sono concepiti esclusivamente per la protezione da cortocircuito. Il programma comprende le seguenti classi di impiego: gL (DIN VDE)/gG (IEC) r protezione totale di cavi e conduttori. aM (DIN VDE/IEC) r protezione parziale di circuiti di comando motori. aR (DIN VDE/IEC) r protezione parziale di semiconduttori. gR (DIN VDE/IEC) r protezione totale di semiconduttori. rapido (DIN VDE/IEC/CEE) r protezione totale di cavi e conduttori. ritardato (DIN VDE) r protezione totale di cavi e conduttori.

Potere di interruzione I fusibili si contraddistinguono per il loro elevato potere di interruzione nominale e per il minimo ingombro. I requisiti fondamentali nonch i dati del circuito di corrente per le prove, quali tensione, fattore di potenza, angolo di inserzione ecc. sono riportati nelle norme CEI EN 60 269-1 e DIN VDE 0636. Per ottenere un potere di interruzione nominale costante dalla pi piccola corrente di sovraccarico non ammessa alla pi elevata corrente di cortocircuito, occorre tenere presente numerose caratteristiche qualitative in fase di progettazione e produzione di cartucce. Oltre alla scelta dell'elemento di fusione, al suo dimensionamento, formato e posizione nel corpo del fusibile sono di notevole importanza anche la resistenza alla pressione e alle variazioni di temperatura del corpo del fusibile, la purezza chimica, la grandezza e lo spessore dei granuli della sabbia di quarzo. Il potere di interruzione nominale in corrente alternata per i fusibili NEOZED e la maggior parte dei fusibili DIAZED di 50 kA, mentre per i fusibili NH raggiunge persino i 120 kA.

Limitazione della corrente Oltre al sicuro potere di interruzione nominale, molto importante per la redditivit di un impianto la funzione di limitazione della corrente di una cartuccia. In caso di disinserzione per cortocircuito da parte di un fusibile, la corrente di cortocircuito rifluisce nella rete fino all'interruzione della cartuccia. La corrente di cortocircuito limitata soltanto dall'impedenza di rete. Grazie alla contemporanea fusione di tutti i punti stretti dell'elemento di fusione si verificano archi parziali in serie che garantiscono una veloce disinserzione con elevata limitazione della corrente. Anche la limitazione di corrente fortemente influenzata dalla qualit di produzione ed particolarmente elevata nei fusibili Siemens. Una cartuccia NH di grandezza da 2 A a 224 A limita ad esempio una corrente di cortocircuito con un possibile valore efficace di ca. 50 kA su una corrente di passaggio con un valore di picco di ca. 18 kA. Tale forte limitazione di corrente protegge in qualsiasi momento l'impianto da eccessivi carichi.

Rapido sviluppo dell'arco e preciso spegnimento sono le premesse per un sicuro potere di interruzione.

9/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili di bassa tensione


Caratteristiche generali

Descrizione generale

Assegnazione della protezione di cavi e conduttori Per l'assegnazione di fusibili per la protezione di cavi e conduttori in caso di sovraccarico, ai sensi della norma DIN VDE 0100 parte 430 necessario soddisfare le seguenti condizioni. (1) IB In Iz (corrente nominale) (2) I2 1,45 x In (sganciatore) IB: corrente di impiego del circuito In: corrente nominale del dispositivo di protezione scelto Iz: corrente massima ammessa alle condizioni di impiego definite di cavo o conduttore I2: corrente di intervento del dispositivo di protezione alle condizioni definite ("elevata corrente di prova").

Il fattore 1,45 un compromesso accettato a livello internazionale tra il grado di utilizzo e di protezione di un conduttore tenendo conto del comportamento di disinserzione del possibile dispositivo di protezione (ad es. fusibili). In conformit alle parti integrative delle norme CEI EN 60 269-1 e DIN VDE 0636 le cartucce Siemens della classe di impiego gL/gG soddisfano la seguente condizione: "Disinserzione con I2 =1,45 In nella durata di prova convenzionale alle particolari condizioni di prova ai sensi delle integrazioni citate alle parti delle norme CEI EN 60 269-1 e DIN VDE 0636". Ci consente quindi un'assegnazione diretta.

Potenza erogata nominale La redditivit di un fusibile dipende in larga misura dalla potenza erogata nominale (potenza dissipata), che dovrebbe essere il pi ridotta possibile e presentare un minimo riscaldamento proprio. Per la valutazione delle perdite proprie di un fusibile tuttavia necessario tenere presente che sussiste un'interdipendenza fisica tra potere di interruzione nominale e potenza erogata nominale. L'elemento di fusione dovrebbe essere da un lato di uno spessore elevato al fine di garantire il minimo valore di resistenza possibile, mentre un elevato potere di interruzione nominale presuppone elementi di fusione sottili al fine di ottenere il sicuro spegnimento dell'arco. Tenendo conto dell'elevata sicurezza di disinserzione i fusibili Siemens presentano la minima potenza erogata nominale possibile. Tali valori sono notevolmente inferiori ai valori limite indicati nelle disposizioni normative, conseguendo un ridotto riscaldamento, un sicuro potere di interruzione e un'elevata redditivit.

Carico ammesso a temperature ambiente elevate L'andamento della curva caratteristica tempo/corrente di cartucce NEOZED/DIAZED/NH si basa ai sensi della norme CEI EN 60 269-1 e DIN VDE 0636 su una temperatura ambiente di 20 C 5 C. In caso di impiego ad una temperatura ambiente pi elevata (vedere diagramma) necessario prevedere un inferiore carico ammesso.

Ad una temperatura ambiente di 50 C la cartuccia NH deve ad esempio essere dimensionata soltanto con il 90% della corrente nominale. Il comportamento di cortocircuito non influenzato dall'elevata temperatura ambiente.

Prova ai sensi delle norme CEI EN 60 269-1 e DIN VDE 0636/201

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/3

Fusibili di bassa tensione


Caratteristiche generali

Curve caratteristiche tempo-corrente


Il tempo di intervento delle cartucce viene rappresentato in funzione della corrente presunta in un diagramma tempocorrente in scala logaritmica. La caratteristica tempo-corrente procede in modo asintotico dalle pi basse correnti di fusione, per le quali l'elemento fusibile non viene ancora asportato per fusione, fino alla retta I2t degli stessi valori di corrente nella zona di correnti di cortocircuito pi elevate che danno valori costanti di I2t. Nel diagramma della caratteristica tempo-corrente qui riportato viene per semplificazione trascurata l'indicazione delle retta I2t. L'andamento della curva caratteristica dipende dalla dissipazione di calore del fusibile.
Fig. 1 Rappresentazione di una curva caratteristica tempo-corrente per una cartuccia in classe di impiego gL/gG. Imin minima corrente di intervento a curva caratteristica del tempo di fusione in funzione della corrente b curva caratteristica del tempo di funzionamento c retta I2t

Le norme CEI EN 60 269-1 e DIN VDE 0636 stabiliscono un campo di tolleranza nella curva tempo-corrente per le caratteristiche dei fusibili, nel quale deve essere compresa la curva. Lungo l'asse della corrente sono consentite differenze del 10%. Per le cartucce NH Siemens della classe di impiego gL/gG le differenze ammontano a meno del 5%, il che costituisce un segno di qualit. La caratteristica tempo di fusionecorrente per correnti fino a 20 In risulta uguale alla curva che descrive il tempo di funzionamento in funzione della corrente. Per correnti di cortocircuito pi elevate le due curve si allontanano, a causa della differente durata dell'arco.

La differenza tra le due curve dipende (tempo di scarica), oltre che dalla durata dell'arco anche dal fattore di potenza e dalla tensione di esercizio, come anche dalla corrente di interruzione. Le caratteristiche dei fusibili Siemens rappresentano le caratteristiche del tempo di prearco medio calcolato a una temperatura ambiente di 20 5 C. Esse sono calcolate in assenza di precarico.

L'elemento fusibile delle cartucce fonde cos rapidamente a correnti molto elevate, che non pu generarsi una corrente di picco di cortocircuito Ic. Il pi alto valore istantaneo della corrente che viene generata durante l'interruzione del circuito viene definito corrente nominale In. La limitazione della corrente viene rappresentata in diagrammi per i quali si parla comunemente di diagrammi della corrente limitata. Questi hanno inizio dal valore efficace della corrente di cortocircuito presunta Ieff, in corrispondenza della quale la retta della corrente nominale In interseca la corrente di picco di cortocircuito non limitata Ic, vedere figura 2.

Fig. 2 Oscillogramma dell'interruzione di una corrente di cortocircuito tramite una cartuccia. s Tensione d'arco Massimo valore della corrente Ic limitata Tempo di fusione ts Tempo di scarica tL IP Corrente di picco di cortocircuito

Fig. 3 Diagramma della limitazione di corrente. Diagramma della corrente limitata di una cartuccia NH Gr.00 con classe d'impiego gL/gG. Correnti nominali 6 A, 10 A, 50 A, 100 A.

Legenda
tvs Ic Ieff I ts
2

tempo di prearco massimo valore della corrente limitata valore efficace della corrente di cortocircuito presunta valore di I2t di prearco

I2ta In Pv ka

valore di I2t totale corrente nominale potenza dissipata riscaldamento fattore di correzione per i valori di I2t totale

Uw s Ip $

tensione di ritorno tensione d'arco corrente di picco di cortocircuito valore di picco della corrente di cortocircuito

% U I ts tL

valore di picco della corrente di cortocircuito senza componente unidirezionale tensione corrente tempo di fusione tempo di scarica

9/4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NEOZED
Indice

9/6 9/9

Curve caratteristiche Dimensioni dingombro

9/5

Fusibili NEOZED
Curve caratteristiche

Cartucce NEOZED
Gamma 5SE2 Grandezza D01, D02 e D03 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 400 V c.a./250 V c.c. Corrente nominale 2 - 100 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NEOZED
Curve caratteristiche

Cartucce NEOZED
Gamma 5SE2 Grandezza D01, D02 e D03 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 400 V c.a./250 V c.c. Corrente nominale 2 - 100 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
5SE2 202 5SE2 204 5SE2 206 5SE2 210 5SE2 216 5SE2 220 5SE2 225 5SE2 235 5SE2 250 5SE2 263 5SE2 280 5SE2 300

In A
2 4 6 10 16 20 25 35 50 63 80 100

Pv W
1,8 1,3 1,4 1 1,6 1,5 1,7 2,4 3,1 4,2 5,4 6,3

I2ts 1 ms A2s
3,9 14 54 116 518 880 1310 3200 6650 9150 17000 31500

K
21 16 18 20 28 26 28 34 42 49 38 38

I2ts I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. (t 4 ms) A2s A2s A2s
3,7 15 56 149 603 950 1140 3440 7180 9940 18900 34500 8,3 21 112 305 780 1560 2500 5700 12300 18600 28600 48000 10,5 24,5 140 360 920 2000 3300 7000 15200 23000 34400 62500

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/7

Fusibili NEOZED
Curve caratteristiche

Cartucce NEOZED
Gamma 5SE1 3 Grandezza D01 e D02 Classe di impiego gR Tensione nominale 400 V c.a./250 V c.c. Corrente nominale 10 - 63 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma dei valori di I2ts di prearco


10 6 6 4

tvs [s] 2

I2ts [A2s] 2

10 0 s 10 -1 s 10 -2 s 10 -3 s 10 - 4 s

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 10 A 20 A 16 A 25 A 35 A 63 A 50 A

10 5 6 4 2 10 4 6 4 2 10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 10 1 2 4 6 8 10 2 2

63 A 50 A 35 A 25 A 20 A 16 A 10 A

4 6 8 10 3

4 6 8 10 4 2

Ieff [A]

4 6 8 10 5

Diagramma della limitazione di corrente


10 4

Ip [A]

Ic 6 [A]
4 1 2 2

Numero di ordinazione
63 A 50 A 35 A 32 A 20 A 16 A 10 A

In

Pv

I2ts 1 ms 4 ms A2 s 30 34 56 120 182 540 932 A2s 64 61 64 63 30 31 50 120 145 460 845

I2ta 230 V c.a. 400 V c.a. A2 s 56 92 146 166 361 1510 3250 A2 s 73 120 190 215 470 1960 4230

A 5SE1 310 5SE1 316 5SE1 320 5SE1 325 5SE1 335 5SE1 350 5SE1 363 10 16 20 25 35 50 63

W 6,9 6,2 8,1 8,2 16,7 12,0 15,5

10 3 6 4

100 80 96

10 2 4

6 8 10 2

6 8 10 3

6 8 10 4

Ieff [A]

6 810 5

9/8

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NEOZED
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Sezionatori sottocarico MINIZED 5SG7 7, tecnica a cassetto estraibile, D01, P = 55 mm

5SG7 7 Sezionatori sottocarico MINIZED 5SG7 1.2, tecnica a cassetto estraibile, D02, P = 70 mm

5SG7 1.2 Sezionatori NEOZED 5SG7 6.0, tecnica a cassetto estraibile, D01, P = 70 mm

9
5SG7 6.0

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/9

Fusibili NEOZED
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Basi NEOZED con protezione da contatti BGV A2 (VBG4), P = 70 mm

Basi NEOZED in ceramica, P = 70 mm Basi NEOZED 5SG in ceramica

5SG1 5SG5
Esecuzione Numero di ordinazione Grandezza Tipo di a collegamento b c d e g non piombabile/piomb abile 23/26,5 23/26,5 23/26,5 23/26,5 23/26,5 23/26,5 23/26,5 23/26,5 23/26,5 44 23/26,5 23/26,5 23/26,5 23/26,5 23/26,5 44 23/26,5 23/26,5 23/26,5 h i k

montabile a scatto con copertura 1P 3P 5SG1 573 5SG1 673 5SG1 683 5SG5 573 5SG5 673 5SG5 683 5SG1 582 5SG1 672 5SG1 682 5SG1 812 5SG5 572 5SG5 672 5SG5 682 5SG1 580 5SG1 670 5SG1 810 D01 D02 D02 D01 D02 D02 D01 D02 D02 D03 D01 D02 D02 D01 D02 D03 D01 D02 D02 B S KS B S KS B S KS KS B S KS B S KS B S KS 26,9 26,9 26,9 80,5 80,5 80,5 26,9 26,9 26,9 44,9 80 80 80 26,9 26,9 44,9 80,8 80,8 80,8 36 36 36 36 36 36 36 36 36 50 36 36 36 36 36 50 36 36 36 42 42 42 42 42 42 42 42 42 44 42 42 42 39,8 39,8 46 39,8 39,8 39,8 56 56 56 56 56 56 56 56 56 54,5 56 56 56 56 56 54,5 55 55 55 70 70 70 70 70 70 70 70 70 76 70 70 70 70 70 76 70 70 70 59 59 60 59 59 60 59 59 60 86 59 59 60 59 59 86 59 59 60 20 20 32 74 74 74 22 22 32 22 22 22

montabile a scatto senza copertura 1P

3P

avvitabile senza copertura 1P 3P

5SG5 570 5SG5 670 5SG5 680 Tipo di collegamento: K =sotto testa B =anello S =mantello

KS =ingresso sotto testa uscita mantello

9/10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NEOZED
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Basi NEOZED in materiale isolante, P = 70 mm Basi NEOZED in materiale isolante con morsetto a gabbia D01/D02 Coperture NEOZED per base NEOZED in materiale isolante con morsetto a gabbia D01/D02

5SG1 5SG5 Basi NEOZED 5SG1 con calotta

5SH5 244 5SH5 245

D01/D02 5SG1 584 5SG1 684 Calotta 5SH5 235 Coperture NEOZED 5SH5 D01/D02/D03

D03 5SG1 813 Calotta 5SH5 234

9
D01/D02 5SH5 231 Portacartucce da avvitare NEOZED Portacartucce da avvitare NEOZED 5SH4
Numero di Grandezza ordinazione 5SH4 116 5SH4 163 5SH4 316 5SH4 363 5SH4 100 D01 D02 D01 D02 D03 Piombabile x x Per profondit 55/70 55/70 70 70 76 Dimensioni a b 24,5 24,5 33 33 37 23 23 26,5 26,5 44

D01/D02 5SH5 232

D03 5SH5 233

Cartucce NEOZED Cartucce NEOZED 5SE2


Grandezza D01 D02 D03 In A 2 - 16 20 - 63 80 - 100 Dimensioni d 11 15,3 22,5 h 36 36 43

Cartucce 5SE1 5SE1


5,5 max

Grandezza D01 D02


d4

In A 2 - 16 20 - 63

Dimensioni d 11 15,3 h 36 36

d3 d2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/11

Fusibili NEOZED
Note

9/12

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili DIAZED
Indice

9/14 9/28

Curve caratteristiche Dimensioni dingombro

9/13

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SA2 Grandezza E16 Caratteristica di intervento ritardato Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 25 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/14

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SA2 Grandezza E16 Caratteristica di intervento ritardato Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 25 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
5SA2 11 5SA2 21 5SA2 31 5SA2 51 5SA2 61 5SA2 71 5SA2 81

In A
2 4 6 10 16 20 25

Pv W
0,85 1,3 1,9 1,4 2,4 2,6 3,4

K
15 17 14 17 30 36 34

I2ts 1 ms A2s
1,2 8,5 40 200 290 470 1000

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 320 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s A2s
2,3 13 80 190 550 1990 2090 6,6 22 66 240 890 1200 2400 7,8 26 76 270 950 1350 2600 10,7 34 100 340 1090 1620 3450

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/15

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SA1 Grandezza E16 Caratteristica di intervento rapido Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 25 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

9/16

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SA1 Grandezza E16 Caratteristica di intervento rapido Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 25 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
5SA1 11 5SA1 21 5SA1 31 5SA1 51 5SA1 61 5SA1 71 5SA1 81

In A
2 4 6 10 16 20 25

Pv W
1,5 1,9 2,7 3,4 3,7 4,4 4,9

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/17

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SB2 5SB4 5SC2

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

Grandezza DII, DIII e DIV Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 100 A

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/18

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SB2 5SB4 5SC2

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

Grandezza DII, DIII e DIV Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 100 A

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
5SB2 11 5SB2 21 5SB2 31 5SB2 51 5SB2 61 5SB2 71 5SB2 81 5SB4 11 5SB4 21 5SB4 31 5SC2 11 5SC2 21

In A
2 4 6 10 16 20 25 35 50 63 80 100 0,85

Pv W
1,3 1,9 1,4 2,4 2,6 3,4 3,6 5,7 6,9 7,5 8,8

K
15 13 14 20 23 26 38 25 41 40 41 46

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 320 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s A2s
3,7 15,1 42 160 630 810 1600 3450 6500 11000 14600 28600 6,6 22 66 240 890 1200 2400 5200 9750 16500 23000 44500 7,8 26 76 270 950 1350 2600 5700 10200 17900 25800 50000 10,7 34 100 340 1090 1620 3450 7200 14500 26500 32500 65000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/19

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SB1 5SB3 5SC1

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

Grandezza DII, DIII e DIV Caratteristica di intervento rapido Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 100 A

tvs [s]

Ieff [A]

9/20

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SB1 5SB3 5SC1

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

Grandezza DII, DIII e DIV Caratteristica di intervento rapido Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 100 A

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
5SB1 11 5SB1 21 5SB1 31 5SB1 41 5SB1 61 5SB1 71 5SB1 81 5SB3 11 5SB3 21 5SB3 31 5SC1 11 5SC1 21

In A
2 4 6 10 16 20 25 35 50 63 80 100

Pv W
1,5 1,9 2,7 3,4 3,7 4,4 4,9 8,3 9,9 12,8 12,7 15,4

K
3 13 18 23 24 31 34 39 49 63 45 55

I2ts I2ta 4 ms 500 V c.a. A2s A2s


2,5 15,6 36 102 130 185 250 640 1960 3880 10890 17400 5 31,2 72 204 260 370 500 1280 3920 7760 21780 34800

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/21

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SD8 Grandezza DIII Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 660 V c.a./600 V c.c. (adatti anche per tensione nominale 690 V c.a. + 5%) Corrente nominale 2 - 63 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/22

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SD8 Grandezza DIII Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 660 V c.a./600 V c.c. (adatti anche per tensione nominale 690 V c.a. + 5%) Corrente nominale 2 - 63 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
5SD8 002 5SD8 004 5SD8 006 5SD8 010 5SD8 016 5SD8 020 5SD8 025 5SD8 035 5SD8 050 5SD8 063

In A
2 4 6 10 16 20 25 35 50 63

Pv W
1 1,2 1,6 1,4 1,8 2 2,3 3,1 4,6 5,5

I2ts I2ta 4 ms 242 V c.a. A2s A2s


4,4 40 88 240 380 750 2000 3300 7000 9500 7 62 140 380 600 1200 3200 5100 11000 15000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/23

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SD6 Grandezza DIII Caratteristica di intervento rapido (protezione per impianti ferroviari) Tensione nominale 750 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 63 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

20/25 A

Ieff [A]

9/24

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce DIAZED
Gamma 5SD6 Grandezza DIII Caratteristica di intervento rapido (protezione per impianti ferroviari) Tensione nominale 750 V c.a./c.c. Corrente nominale 2 - 63 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
5SD6 01 5SD6 02 5SD6 03 5SD6 04 5SD6 05 5SD6 06 5SD6 07 5SD6 08 5SD6 10 5SD6 11

In A
2 4 6 10 16 20 25 35 50 63

Pv W
2,8 4 4,8 4,8 5,9 6,3 8,3 13 16,5 18

I2ts I2ta 4 ms 500 V c.a. A2s A2s


0,7 4,5 10 50 78 125 265 550 1800 3100 2 13 29 135 220 380 800 1600 5500 9600

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/25

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce SILIZED
Gamma 5SD4 5SD5 Grandezza DII, DIII e DIV Classe di impiego gR Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 16 - 100 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/26

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili DIAZED
Curve caratteristiche

Cartucce SILIZED
Gamma 5SD4 5SD5 Grandezza DII, DIII e DIV Classe di impiego gR Tensione nominale 500 V c.a./c.c. Corrente nominale 16 - 100 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
5SD4 20 5SD4 30 5SD4 40 5SD4 80 5SD4 50 5SD4 60 5SD4 70 5SD5 10 5SD5 20

In A
16 20 25 30 35 50 63 80 100

Pv W
12,1 12,3 12,5 13,4 14,8 18,5 28 34,3 41,5

K
63 69 61 65 62 66 84 77 83

I2ts I2ta 1 ms 500 V c.a. A2s A2s


16,2 35,8 48,9 85 135 340 530 980 1950 60 139 205 310 539 1250 1890 4200 8450

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/27

Fusibili DIAZED
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Basi DIAZED Basi DIAZED 5SF1
Esecuzione Numero di ordinazione NDz/25 A 5SF1 012 5SF1 01 DII/25 A 5SF1 005 5SF1 024 DIII/63 A 5SF1 205 5SF1 215 5SF1 224 5SF1 214 DIV/100 A 5SF1 401 bullone vedere figura BS S BS S 45,5 45,5 45,5 45,5 46 46 46 46 47 47 47 47 54 54 54 54 83 83 83 83 43 43 43 43 78 78 78 78 4,3 4,3 KB KB 38,4 38,4 41 41 46,6 53 46,6 53 83 34 83 34 63 63 4,3 K K 29 29 49 49 44,6 55 44,6 55 75 32 75 32 49 49 4,2 Tipo di Dimensioni collegamento a b c d e g h i

5SF1 401 Basi DIAZED 5SF5 3P DII 3P DIII

3P, con calotta DII/DIII


Esecuzione Numero di ordinazione DII/3 x 25 A 5SF5 067 5SF5 066 DIII/3 x 63 A 5SF5 237 5SF5 236 127 127 130 130 54 54 32 5,2 45 45 52 52 85 85 106 106 106 106 48 48 32 5,2 45 45 52 52 86 86 Dimensioni a b c d e f g h

Basi DIAZED 5SF4 750 V c.a./c.c., per cartucce DIAZED da 750 V c.a.

5SF4 230

9/28

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili DIAZED
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Basi DIAZED a cavaliere Basi DIAZED a cavaliere EZR 5SF6

5SF6 005

5SF6 205

5SF2 07 Componenti assemblabili per basi DIAZED Sbarre di collegamento 5SH3 5 per basi DIAZED a cavaliere EZR

9
5SH3 54

5SH3 55

5SH3 56 Coperture DIAZED Coperture DIAZED in materiale isolante 5SH2


Grandezza DII DIII Numero di ordinazione 5SH2 032 5SH2 232 Dimensioni a b 41 52 51 51

c 27,5 34,5

d 19 18,5

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/29

Fusibili DIAZED
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Coperture DIAZED Calotte DIAZED in materiale isolante 5SH2
Grandezza NDz/E16 DII/E27 DIII/E33 DIV/R 1 Numero di ordinazione 5SH2 01 5SH2 02 5SH2 22 5SH2 44 Dimensioni a max. b max. 33 43 51 67 68 74,7 90,5 118

c max. 51,7 53,6 53,6 74,5

d max. 75 83 83 104

Anelli di copertura 5SH3


Grandezza DII/E 27 DIII/E 33 NDz/E 16 DII/E 27 DIII/E 33 Numero di ordinazione 5SH3 401 5SH3 411 5SH3 30 5SH3 32 5SH3 34 Dimensioni a b 39,5 49,5 28 41,5 51,5 35 45 38 44 35,5 45,5 c 33,5 41,5 d 17,5 17,5 15 17,5 19

Portacartucce da avvitare Portacartucce da avvitare DIAZED 5SH1


Grandezza NDz/E 16 DII/E 27 Numero di ordinazione 5SH1 11 5SH1 221 5SH1 12 5SH1 22 5SH1 231 5SH1 13 5SH1 23 690 V c.a. 5SH1 170 750 V c.a./c.c. 5SH1 161 Dimensioni a b 35 42 45,5 43 42 45,5 47 68 48 28 33 34 39 40 43 45 43 48

Portacartucce da avvitare DIAZED 5SH1 141


DIII/E 33 DIII/E 33 S

Grandezza DIV/R 1 Cartucce DIAZED/SILIZED 500 V c.a./c.c. $ %


Cartuccia Corrente nominale A Dimensione d DII/E 27 $ 2 6 4 6 6 6 10 8 16 10 20 12 25 14

&

Cartuccia Corrente nominale A Dimensione d

DIII/E 33 % 35 16 50 18 63 20

DIV/R 1" & 80 5 100 7

Cartuccia Corrente nominale A Dimensione d

NDz/E 16 (, TNDz/E 16 ( 2 6 4 6 6 6 10 8 16 10 20 12 25 14

Cartucce DIAZED 5SD 690 V c.a./600 V c.c. e 750 V c.a./c.c.


5SD8 e 5SD6 Cartuccia Corrente nominale A Dimensione d DIII/E 33 2 6 4 6 6 6 10 8 16 10 20 12 25 14 35 16 50 18 63 20

9/30

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Indice

9/32 9/59

Curve caratteristiche Dimensioni dingombro

9/31

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 8 3NA6 8 3NA7 8

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

Grandezza 00 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./250 V c.c. Corrente nominale 2 - 160 A

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/32

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 8 3NA6 8 3NA7 8

Diagramma dei valori di I2ts di prearco


I2t [A2s]

Grandezza 00 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./250 V c.c. Corrente nominale 2 - 160 A

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 802 3NA3 804 3NA3 801 3NA3 803 3NA3 805 3NA3 807 3NA3 810 3NA3 812 3NA3 814 3NA3 817 3NA3 820 3NA3 822 3NA3 824 3NA3 830 3NA3 832 3NA3 836 3NA6 803 3NA6 805 3NA6 807 3NA6 810 3NA6 812 3NA6 814 3NA6 817 3NA6 820 3NA6 822 3NA6 824 3NA6 830 3NA6 832 3NA6 836 3NA7 803 3NA7 805 3NA7 807 3NA7 810 3NA7 812 3NA7 814 3NA7 817 3NA7 820 3NA7 822 3NA7 824 3NA7 830 3NA7 832 3NA7 836

In A
2 4 6 10 16 20 25 32 35 40 50 63 80 100 125 160

Pv W
1,3 0,9 1,3 1 1,7 2 2,3 2,6 2,7 3,1 3,8 4,6 5,8 6,6 8,9 11,3

K
8 6 8 8 11 15 17 18 21 24 25 28 33 34 44 52

I2ts 1 ms A2s
2 11 46 120 370 670 1200 2200 3000 4000 6000 7700 12000 24000 36000 58000

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s A2s
2 13 50 130 420 750 1380 2400 3300 4500 6800 9800 16000 30600 50000 85000 4 18 80 180 580 1000 1800 3400 4900 6100 9100 14200 23100 40800 70000 120000 6 22 110 265 750 1370 2340 4550 6750 8700 11600 19000 30700 56200 91300 158000 9 27 150 370 1000 1900 3300 6400 9300 12100 16000 26500 43000 80000 130000 223000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/33

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 0 Grandezza 0 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 6 - 160 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/34

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 0 Grandezza 0 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 6 - 160 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco


I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 001 3NA3 003 3NA3 005 3NA3 007 3NA3 010 3NA3 012 3NA3 014 3NA3 017 3NA3 020 3NA3 022 3NA3 024 3NA3 030 3NA3 032 3NA3 036

In A
6 10 16 20 25 32 35 40 50 63 80 100 125 160

Pv W
1,5 1 1,9 2,3 2,7 3 3 3,4 4,5 5,8 7 8,2 10,2 13,5

K
6 9 11 13 15 13 17 17 24 27 34 37 38 44

I2ts 1 ms A2s
46 120 370 670 1200 2200 3000 4000 6000 7700 12000 24000 36000 58000

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s A2s
50 130 420 750 1380 2400 3300 4500 6800 9800 16000 30600 50000 85000 80 180 580 1000 1800 3400 4900 6100 9100 14200 23100 40800 70000 120000 110 265 750 1370 2340 4550 6750 8700 11600 19000 30700 56200 91300 158000 150 370 1000 1900 3300 6400 9300 12100 16000 26500 43000 80000 130000 223000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/35

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 1 3NA6 1 3NA7 1

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

Grandezza 1 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 16 - 250 A

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/36

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 1 3NA6 1 3NA7 1

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

Grandezza 1 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 16 - 250 A

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 105 3NA3 107 3NA3 110 3NA3 114 3NA3 117 3NA3 120 3NA3 122 3NA3 124 3NA3 130 3NA3 132 3NA3 136 3NA3 140 3NA3 142 3NA3 144 3NA6 105 3NA6 107 3NA6 110 3NA6 114 3NA6 117 3NA6 120 3NA6 122 3NA6 124 3NA6 130 3NA6 132 3NA6 136 3NA6 140 3NA6 142 3NA6 144 3NA7 105 3NA7 107 3NA7 110 3NA7 114 3NA7 117 3NA7 120 3NA7 122 3NA7 124 3NA7 130 3NA7 132 3NA7 136 3NA7 140 3NA7 142 3NA7 144

In A
16 20 25 35 40 50 63 80 100 125 160 200 224 250

Pv W
2,1 2,4 2,8 3,2 3,6 4,6 6 7,5 8,9 10,7 13,9 15 16,1 17,3

K
8 10 11 16 16 20 21 29 30 31 34 36 37 39

I2ts 1 ms A2s
370 670 1200 3000 4000 6000 7700 12000 24000 36000 58000 115000 145000 205000

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s A2s
420 750 1380 3300 4500 6800 9800 16000 30600 50000 85000 135000 170000 230000 580 1000 1800 4900 6100 9100 14200 23100 40800 70000 120000 218000 299000 420000 750 1370 2340 6750 8700 11600 19000 30700 56200 91300 158000 285000 392000 551000 1000 1900 3300 9300 12100 16000 26500 43000 80000 130000 223000 400000 550000 780000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/37

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 2 3NA6 2 3NA7 2

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

Grandezza 2 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 35 - 400 A

tvs [s]

50 A 35 A

80 A 63 A

125 A 100 A

200 A 250 A 355 A 160 A 224 A 300/ 400 A 315 A

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

400 A 300/315 A 224 A 160 A 100 A 63 A 35 A

355 A 250 A 200 A 125 A 80 A 50 A

Ieff [A]

9/38

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 2 3NA6 2 3NA7 2

Diagramma dei valori di I2ts di prearco


I2ts [A2s]

Grandezza 2 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 35 - 400 A

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 214 3NA3 220 3NA3 222 3NA3 224 3NA3 230 3NA3 232 3NA3 236 3NA3 240 3NA3 242 3NA3 244 3NA3 250 3NA3 252 3NA3 254 3NA3 260 3NA6 214 3NA6 220 3NA6 222 3NA6 224 3NA6 230 3NA6 232 3NA6 236 3NA6 240 3NA6 242 3NA6 244 3NA6 252 3NA6 260 3NA7 214 3NA7 220 3NA7 222 3NA7 224 3NA7 230 3NA7 232 3NA7 236 3NA7 240 3NA7 242 3NA7 244 3NA7 252 3NA7 260

In A
35 50 63 80 100 125 160 200 224 250 300 315 355 400

Pv W
3,2 4,7 5,9 6,8 7,4 9,8 12,6 14,9 15,4 17,9 19,4 21,4 26,0 27,5

K
12 16 16 21 22 27 34 33 31 38 34 35 49 52

I2ts 1 ms A2s
3000 6000 7700 12000 24000 36000 58000 115000 145000 205000 361000 361000 441000 529000

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s A2s
3300 6800 9800 16000 30600 50000 85000 135000 170000 230000 433000 433000 538000 676000 4900 9100 14200 23100 40800 70000 120000 218000 299000 420000 670000 670000 800000 1155000 6750 11600 19000 30700 56200 91300 158000 285000 392000 551000 901000 901000 1060000 1515000 9300 16000 26500 43000 80000 130000 223000 400000 550000 780000 1275000 1275000 1500000 2150000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/39

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 3 Grandezza 3 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 200 - 630 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/40

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 3 Grandezza 3 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 200 - 630 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco


I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 340 3NA3 344 3NA3 350 3NA3 352 3NA3 354 3NA3 360 3NA3 362 3NA3 365 3NA3 372

In A
200 250 300 315 355 400 425 500 630

Pv W
14,9 17,9 19,4 21,4 26,0 27,5 26,5 36,5 44,0

K
32 36 19 22 26 28 34 41 50

I2ts 1 ms A2s
115000 205000 361000 361000 441000 529000 650000 785000 1900000

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s A2s
135000 230000 433000 433000 538000 676000 970000 1270000 2700000 218000 420000 670000 670000 800000 1155000 1515000 1915000 3630000 285000 551000 901000 901000 1060000 1515000 1856000 2260000 4340000 400000 780000 1275000 1275000 1500000 2150000 2270000 2700000 5400000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/41

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 4 Grandezza 4 (IEC) Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 630 - 1250 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ip [A]

9/42

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 4 Grandezza 4 (IEC) Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 630 - 1250 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco


I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 472 3NA3 475 3NA3 480 3NA3 482

In A
630 800 1000 1250

Pv W
47 59 74 99

K
37 43 56 65

I2ts 1 ms A2s
1900000 3480000 7920000 11880000

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s A2s
2700000 5620000 10400000 18200000 3630000 7210000 13600000 23900000 4340000 8510000 16200000 29100000 5400000 10400000 19000000 34800080

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/43

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 6 Grandezza 4a Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 500 - 1250 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/44

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 6 Grandezza 4a Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 500 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 500 - 1250 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 665 3NA3 672 3NA3 675 3NA3 680 3NA3 682

In A
500 630 800 1000 1250

Pv W
43 47 59 74 99

K
30 37 43 56 65

I2ts 1 ms A2s
785000 1900000 3480000 7920000 11880000

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s A2s
1270000 2700000 5620000 10400000 18200000 1915000 3630000 7210000 13600000 23900000 2260000 4340000 8510000 16200000 29100000 2700000 5400000 10400000 19000000 34800000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/45

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 8-6 3NA6 8-6 3NA7 8-6

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

Grandezza 00 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 690 V c.a./250 V c.c. Corrente nominale 2 - 100 A

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/46

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 8-6 3NA6 8-6 3NA7 8-6

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

Grandezza 00 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 690 V c.a./250 V c.c. Corrente nominale 2 - 100 A

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 802-6 3NA3 804-6 3NA3 801-6 3NA3 803-6 3NA3 805-6 3NA3 807-6 3NA3 810-6 3NA3 812-6 3NA3 814-6 3NA3 817-6 3NA3 820-6 3NA3 822-6 3NA3 824-6 3NA3 830-6 3NA6 802-6 3NA6 804-6 3NA6 801-6 3NA6 803-6 3NA6 805-6 3NA6 807-6 3NA6 810-6 3NA6 812-6 3NA6 814-6 3NA6 817-6 3NA6 820-6 3NA6 822-6 3NA6 824-6 3NA6 830-6 3NA7 802-6 3NA7 804-6 3NA7 801-6 3NA7 803-6 3NA7 805-6 3NA7 807-6 3NA7 810-6 3NA7 812-6 3NA7 814-6 3NA7 817-6 3NA7 820-6 3NA7 822-6 3NA7 824-6 3NA7 830-6

In A
2 4 6 10 16 20 25 32 35 40 50 63 80 100

Pv W
1,3 0,9 1,3 1 1,7 2 2,3 3,1 3,6 3,6 4,9 5,7 6,7 9,1

K
8 6 8 8 11 15 17 19 23 18 28 33 38 40

I2ts 1 ms A2s
2 11 36 90 330 570 1200 1600 2100 3200 4400 7600 13500 21200

I2ts I2ta I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 660 V c.a. 690 V c.a. A2s A2s A2s A2s A2s
2 13 44 120 360 690 1380 2600 3100 4700 7400 10100 17000 30500 4 18 80 180 580 1000 1800 3100 4000 6000 9100 13600 24300 42400 6 22 110 265 750 1370 2340 4100 5000 8600 11200 17000 32000 52000 9 27 150 370 1000 1900 3300 5800 7800 12000 19000 24000 55000 75000 10 29 160 390 1050 2000 3500 6100 8200 12700 20000 25400 58000 75000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/47

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 1-6 3NA6 1-6 3NA7 1-6

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

Grandezza 1 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 690 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 50 - 200 A

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/48

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 1-6 3NA6 1-6 3NA7 1-6

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

Grandezza 1 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 690 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 50 - 200 A

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 120-6 3NA3 122-6 3NA3 124-6 3NA3 130-6 3NA3 132-6 3NA3 136-6 3NA3 140-6 3NA6 120-6 3NA6 122-6 3NA6 124-6 3NA6 130-6 3NA6 132-6 3NA6 136-6 3NA6 140-6 3NA7 120-6 3NA7 122-6 3NA7 124-6 3NA7 130-6 3NA7 132-6 3NA7 136-6 3NA7 140-6

In A
50 63 80 100 125 160 200

Pv W
6,7 7,6 6,7 8,7 10,5 13,8 16,6

K
21 22 22 28 29 33 35

I2ts 1 ms A2s
4400 7600 13500 21200 36000 58000 132000

I2ts I2ta I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 660 V c.a. 690 V c.a. A2s A2s A2s A2s A2s
7400 10100 17000 30500 50000 85000 144000 9100 13600 24300 42400 69500 120000 211000 11200 17000 32000 52000 82200 155000 240000 19000 24000 55000 75000 130000 223000 360000 20000 25400 58000 79000 137000 235000 380000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/49

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 2-6 3NA6 2-6 3NA7 2-6

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

Grandezza 2 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 690 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 80 - 315 A

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/50

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 2-6 3NA6 2-6 3NA7 2-6

Diagramma dei valori di I2ts di prearco


I2ts [A2s]

Grandezza 2 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 690 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 80 - 315 A

300 A

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 224-6 3NA3 230-6 3NA3 232-6 3NA3 236-6 3NA3 240-6 3NA3 242-6 3NA3 244-6 3NA3 250-6 3NA3 252-6 3NA6 224-6 3NA6 230-6 3NA6 232-6 3NA6 236-6 3NA6 240-6 3NA6 242-6 3NA6 244-6 3NA6 250-6 3NA6 252-6 3NA7 224-6 3NA7 230-6 3NA7 232-6 3NA7 236-6 3NA7 240-6 3NA7 242-6 3NA7 244-6 3NA7 250-6 3NA7 252-6

In A
80 100 125 160 200 224 250 300 315

Pv W
6,6 8,5 9,8 13,3 16,1 19,9 23 25,6 28,2

K
22 26 29 31 33 38 44 38 42

I2ts 1 ms A2s
13500 21200 36000 58000 132000 125000 180000 300000 300000

I2ts I2ta I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 660 V c.a. 690 V c.a. A2s A2s A2s A2s A2s
17000 30500 50000 85000 144000 162000 215000 380000 380000 24300 42400 69500 120000 211000 300000 453000 480000 480000 32000 52000 82200 155000 240000 300000 350000 625000 625000 55000 75000 130000 223000 360000 450000 525000 940000 940000 58000 79000 137000 235000 380000 475000 555000 990000 990000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/51

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 3-6 Grandezza 3 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 690 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 250 - 500 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/52

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3NA3 3-6 Grandezza 3 Classe di impiego gL/gG Tensione nominale 690 V c.a./440 V c.c. Corrente nominale 250 - 500 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco


I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3NA3 344-6 3NA3 352-6 3NA3 354-6 3NA3 360-6 3NA3 362-6 3NA3 365-6

In A
250 315 355 400 425 500

Pv W
23 28,2 32,5 33,2 35,3 43,5

K
44 42 40 42 44 52

I2ts 1 ms A2s
180000 300000 380000 540000 625000 810000

I2ts I2ta I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 660 V c.a. 690 V c.a. A2s A2s A2s A2s A2s
215000 380000 470000 675000 765000 1000000 453000 480000 585000 847000 925000 1300000 350000 625000 760000 1100000 1200000 1700000 525000 940000 1150000 1650000 1800000 2500000 550000 990000 1210000 1740000 1900000 2640000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/53

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3ND1 8 Grandezza 00 Classe di impiego aM Tensione nominale 500 V c.a. Corrente nominale 6 - 160 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

6A 10 A

16 A

25 A 35 A 50 A 20 A 32 A 40 A

80 A 125 A 63 A 100 A 160 A

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

160 A 125 A 80 A 50 A 35 A 25 A 16 A 100 A 63 A 40 A 32 A 20 A 10 A

6A

Ieff [A]

9/54

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Gamma 3ND1 8 Grandezza 00 Classe di impiego aM Tensione nominale 500 V c.a. Corrente nominale 6 - 160 A

Diagramma dei valori di I2ts di prearco

I2ts [A2s]

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3ND1 801 3ND1 803 3ND1 805 3ND1 807 3ND1 810 3ND1 812 3ND1 814 3ND1 817 3ND1 820 3ND1 822 3ND1 824 3ND1 830 3ND1 832 3ND1 836

In
6 10 16 20 25 32 35 40 50 63 80 100 125 160

Pv W
0,8 0,5 0,8 1 1,2 1,5 1,8 2 2,4 3,3 4,5 4,9 6,3 9,3

7 5 7 8 9 10 11 12 14 17 20 18 22 31

I2ts 1 ms A2s

32 150 570 830 1400 2300 2600 3700 5800 9300 15000 26000 41000 64000

I2ts 4 ms A2s

55 260 800 1200 2000 3300 3800 5500 8400 13000 21000 37000 60000 92000

I2ta 230 V c.a. A2s

60 280 1000 1300 2200 3800 4200 5700 8200 15000 21500 44000 76000 105000

I2ta 400 V c.a. A2s

75 320 1300 1600 2800 4500 5100 7200 10500 16500 27000 56000 98000 130000

I2ta 500 V c.a. A2s

110 430 1600 2200 3300 5400 6300 9300 12500 21000 34000 76000 135000 170000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/55

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Grandezza 1, 2 e 3

Gamma 3ND1 3 e 3ND2

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente


I2ts [A2s]

Classe di impiego aM Tensione nominale 690 V c.a. Corrente nominale 63 - 630 A

Ieff [A]

9/56

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Grandezza 1, 2 e 3

Gamma 3ND1 3 e 3ND2

Diagramma della limitazione di corrente


Ic [A]

Classe di impiego aM Tensione nominale 690 V c.a. Corrente nominale 63 - 630 A

Ieff [A]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/57

Fusibili NH
Curve caratteristiche

Cartucce NH
Grandezza 1, 2 e 3

Gamma 3ND1 3 e 3ND2

Diagramma dei valori di I2ts di prearco


tvs [s]

Classe di impiego aM Tensione nominale 690 V c.a. Corrente nominale 63 - 630 A

Ieff [A]

Numero di ordinazione
3ND2 122 3ND2 124 3ND2 130 3ND2 132 3ND2 136 3ND2 140 3ND2 144 3ND2 232 3ND2 236 3ND2 240 3ND2 244 3ND2 252 3ND2 254 3ND2 260 3ND2 352 3ND2 354 3ND2 360 3ND1 365 3ND1 372

In A
63 80 100 125 160 200 250 125 160 200 250 315 355 400 315 355 400 500 630

Pv W
4 4,9 5,8 8,1 11,4 14,1 18 8,1 11,4 14,1 18 22,6 24,7 30,8 22,6 24,7 30,8 47 50

K
12,2 13 15 16,5 18 19,5 22 16,5 18 19,5 22 30 29 35 30 29 26 40 43

I2ts 1 ms A2s
14000 24200 45600 57000 90000 150000 250000 57000 90000 150000 250000 370000 540000 615000 370000 540000 615000 730000 920000

I2ts I2ta I2ta I2ta 4 ms 230 V c.a. 400 V c.a. 690 V c.a. A2s A2s A2s A2s
17700 30800 59000 74300 114000 198000 313000 74300 114000 198000 313000 450000 643000 750000 450000 643000 750000 933000 1375000 19300 36500 65000 73000 107000 172000 260000 73000 107000 172000 260000 460000 645000 688000 460000 645000 688000 876000 1300000 25600 48000 85000 97000 142000 228000 340000 97000 142000 228000 340000 610000 855000 910000 610000 855000 910000 1095000 1800000 42000 80000 140000 160000 235000 375000 565000 160000 235000 375000 565000 1000000 1400000 1500000 1000000 1400000 1500000 1825000 2600000

9/58

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Basi NH Basi NH 3NH3 Grandezza 000/00 Basi NH 3NH4 Grandezza 000/00

3NH3 0 Basi NH 3NH3 Grandezza 0

3NH4 0 Basi NH 3NH3 Grandezza 1

3NH3 1 Basi NH 3NH4 Grandezza 1

3NH3 2 Basi NH 3NH3 Grandezza 2

3NH4 2

3NH3 3

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/59

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Basi NH Basi NH 3NH3 Grandezza 3 Basi NH 3NH3 Grandezza 4

3NH3 4

3NH3 5 In caso di affiancamento delle basi NH senza parete divisoria necessario mantenere la distanza minima di a = 125 mm.

Basi NH 3NH3 03 a cavaliere Interdistanza sbarre 40 mm

3NH3 036

3NH3 037

3NH3 048

9/60

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Basi NH Basi NH 3NH7 con maniglia di apertura 1P Grandezza 4a

9
3NH7 520 Grandezza 000/00 Grandezza 1 e grandezza 3

3NH7 03

3NH7 230 3NH7 330


Dimensioni Numero di ordinazione 3NH7 230 3NH7 330 a 68 90 b 230 270 c 68 96 d 123,5 153,5 e 23 15,5 f 102,5 122,5 g 25 25 h 30 30 i 10,5 10,5 k 10,5 10,5 l 177 220,5 m 25 30,5

Base NH Grandezza 1 3

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/61

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Basi NH Basi NH 3NH4 0 a cavaliere, esecuzione tandem Interdistanza sbarre 40 mm 3P Grandezza 000/00

3NH4 037 3NH4 045 Componenti assemblabili per basi NH Coperture isolanti NH 3NX3 10 Grandezza 000/00 Grandezza 1, 2 e 3

Grandezza 1 2 3

Numero di Dimensioni ordinazione a b 3NX3 106 3NX3 107 3NX3 108 61,4 74 81,5 57,3 65,3 77,5

c 42,5 51 57,5

d 4,2 4,2 4,7

3NX3 105 Pareti divisorie NH 3NX2 0 Grandezza 000/00

Grandezza 0,1, 2 e 3

Grandezza 0 1 2 3

Numero di Dimensioni ordinazione a b 3NX2 030 3NX2 024 3NX2 025 3NX2 026

d 12,3 12,3 25,1 37,2

87,6 178,5 7,7 107,3 202,5 7,7 115,3 227,5 14,2 129,8 242 20,2

9/62

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Componenti assemblabili per basi NH Copertura di protezione NH IP2X, Grandezza 000/00 Cuffia di copertura NH IP2X, Grandezza 000/00 Coperture isolanti NH 3NX3 1 per basi NH Esecuzione tandem, 1P e 3P

3NX3 115

3NX3 116

3NX3 105

3NX3 113

Pareti divisorie NH 3NX2 0 per basi NH Parete divisoria di fase Parete di chiusura

Per basi 3NH4 037 e 3NH4 047

9
3NX2 027 3NX2 028 3NX2 031 Componenti assemblabili per fusibili NH Base per segnalazione intervento fusibili NH Cartucce di segnalazione

3NX1 021

3NX1 022 3NX1 023

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/63

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Componenti assemblabili per fusibili NH Maniglie 3NX1 01 Grandezza 000, 00, 0, 1, 2, 3, 4 e 4a

3NX1 013 3NX1 014 Coltelli sezionatori 3NG1 0 Grandezza 000, 00, 0, 1, 2 e 3
Grandezza 000/00 0 1 2 3 Numero di ordinazione 3NG1 002 3NG1 102 3NG1 202 3NG1 302 3NG1 402 Dimensioni a b 44 60,5 61 61 61 15 15 20 26 32 c 48 48 53 61 73 d 78 125 135 150 150 e 54 68 72 72 72 f 20,5 20,5 23 23 23 g 8 8 9 9 9 h 19 19 24 29 36

Coltelli sezionatori 3NG1 503 e 3NG1 505 Grandezza 4

Grandezza 4a

3NG1 503

3NG1 505
Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/64

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Cartucce NH 3NA 500 V c.a., con attacchi sotto tensione Grandezza 000/00

3NA3 8 3NA7 8 2 A fino a 100 A Grandezza 0

3NA3 8 3NA7 8 125/160 A

9
3NA3 0 6 A fino a 160 A Grandezza 1

3NA3 1 3NA7 1 16 A fino a 160 A

3NA3 1 3NA7 1 200 A fino a 250 A

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/65

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Cartucce NH 3NA 500 V c.a., con attacchi sotto tensione Grandezza 2

3NA3 2 3NA7 2 35 A fino a 250 A Grandezza 3

3NA3 2 3NA7 2 300 A fino a 400 A

3NA3 3 200 A fino a 400 A

3NA3 3 425 A fino a 630 A

9/66

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Cartucce NH 3NA 500 V c.a., con attacchi sotto tensione Grandezza 4 Grandezza 4a

3NA3 4 630 A fino a 1250 A

3NA3 6 500 A fino a 1250 A

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/67

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Cartucce NH 3NA 690 V c.a., con attacchi sotto tensione Grandezza 000/00

3NA3 8-6 2 A fino a 35 A Grandezza 1

3NA3 8-6 40 A fino a 100 A

3NA3 1-6 50 A fino a 160 A Grandezza 2

3NA3 140-6 200 A

3NA3 2-6 80 A fino a 200 A

3NA3 2-6 250 A fino a 315 A

9/68

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Cartucce NH 3NA 690 V c.a., con attacchi sotto tensione Grandezza 3 Grandezza 3

3NA3 3-6 200 A fino a 400 A 500 V c.a., con attacchi liberi da tensione Grandezza 000/00

3NA3 3-6 355 A fino a 500 A

3NA6 8 2 A fino a 100 A Grandezza 1

3NA6 8 125/160 A

3NA6 1 16 A fino a 160 A

3NA6 1 200 A fino a 250 A

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/69

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Cartucce NH 3NA 500 V c.a., con attacchi liberi da tensione Grandezza 2

3NA6 2 35 A fino a 250 A 690 V c.a., con attacchi liberi da tensione Grandezza 000/00

3NA6 2 300 A fino a 400 A

3NA6 8 2 A fino a 35 A Grandezza 1

3NA6 8 40 A fino a 100 A

3NA6 1 50 A fino a 160 A

3NA6 1 200 A

9/70

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili NH
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Cartucce NH 3NA, 3ND1 e 3ND2 690 V c.a., con attacchi liberi da tensione Grandezza 2 Classe di impiego: aM Grandezza 00

3ND1 8 6 A fino a 80 A

3ND1 8 100 A fino a 160 A

3NA6 2 80 A fino a 200 A Grandezza 1 Grandezza 2 Grandezza 3

3ND2 1 63 A fino a 250 A

3ND2 2 125 A fino a 400 A

3ND1 3 3ND2 3 315 A fino a 630 A

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/71

Fusibili NH
Note

9/72

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili cilindrici
Indice

9/74 9/87 9/88

Curve caratteristiche Potenza dissipata Dimensioni dingombro

9/73

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW6 30 Grandezza 8 x 32 Classe di impiego gG Tensione nominale 400 V c.a. Corrente nominale 2 - 20 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/74

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW6 30 Grandezza 8 x 32 Classe di impiego gG Tensione nominale 400 V c.a. Corrente nominale 2 - 20 A

Diagramma dei valori di Its di prearco

I2t [A2s]

In [A]

Numero di ordinazione
3NW6 302-1 3NW6 304-1 3NW6 301-1 3NW6 303-1 3NW6 305-1 3NW6 307-1

In A
2 4 6 10 16 20

Pv W
2 1,5 1,5 0,7 1,1 1,7

K
27 19 20,5 15 29 34,5

I2ts I2ta 1 ms 400 V c.a. A2s A2s


1,6 5 48 230 600 790 6 21 85 530 1400 1800

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/75

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW6 0 Grandezza 10 x 38 Classe di impiego gG Tensione nominale 500 V c.a. Corrente nominale 2 - 25 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/76

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW6 0 Grandezza 10 x 38 Classe di impiego gG Tensione nominale 500 V c.a. Corrente nominale 2 - 25 A

Diagramma dei valori di Its di prearco

I2t [A2s]

In [A]

Numero di ordinazione
3NW6 002-1 3NW6 004-1 3NW6 001-1 3NW6 008-1 3NW6 003-1 3NW6 006-1 3NW6 005-1 3NW6 007-1 3NW6 010-1 3NW6 012-1

In A
2 4 6 8 10 12 16 20 25 32

Pv W
2,2 1,2 1,6 2,3 0,7 0,9 1,3 2,1 2,1 2,5

K
32 16,5 23 35 16 33 38 51,5 54 51

I2ts I2ta I2ta 1 ms 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s
1,6 5 48 111 230 390 600 640 1300 2360 6,5 19 84 140 570 600 1300 1700 2800 4200 7,8 22 95 150 650 720 1700 2000 3100 -

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/77

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW6 1 Grandezza 14 x 51 Classe di impiego gG Tensione nominale 500 V c.a. (4 - 40 A) 400 V c.a. (50 A) Corrente nominale 4 - 50 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/78

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW6 1 Grandezza 14 x 51 Classe di impiego gG Tensione nominale 500 V c.a. (2 - 40 A) 400 V c.a. (50 A) Corrente nominale 2 - 50 A

Diagramma dei valori di Its di prearco


I2t [A2s]

In [A]

Numero di ordinazione
3NW6 102-1 3NW6 104-1 3NW6 101-1 3NW6 103-1 3NW6 105-1 3NW6 107-1 3NW6 116-1 3NW6 112-1 3NW6 117-1 3NW6 120-1

In A
2 4 6 10 16 20 25 32 40 50

Pv W
2,5 1,9 2,5 0,8 1,6 2,3 2,2 3,2 4,5 4,8

K
27 19 25 12 27 32,5 31,5 39,5 48 55

I2tS I2ta I2ta 1 ms 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s
1,2 5 48 230 600 670 1300 2500 3600 8000 6,5 20 100 750 1400 1800 2800 5500 8000 16000 9 35 150 1100 1800 2100 3200 6000 10200 -

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/79

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW6 2 Grandezza 22 x 58 Classe di impiego gG Tensione nominale 500 V c.a. (16 - 80 A) 400 V c.a. (100 A) Corrente nominale 16 - 100 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/80

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW6 2 Grandezza 22 x 58 Classe di impiego gG Tensione nominale 500 V c.a. (16 - 80 A) 400 V c.a. (100 A) Corrente nominale 16 - 100 A

Diagramma dei valori di Its di prearco


I2t [A2s]

In [A]

Numero di ordinazione
3NW6 205-1 3NW6 207-1 3NW6 210-1 3NW6 212-1 3NW6 217-1 3NW6 220-1 3NW6 222-1 3NW6 224-1 3NW6 230-1

In A
16 20 25 32 40 50 63 80 100

Pv W
1,6 2,4 2,7 3,2 4,9 5,9 6,8 7,5 8,4

K
14,5 22,5 24 28 35 46 48 48 55

I2ts I2ta I2ta 1 ms 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s
600 670 1300 2450 3600 6800 12500 24700 46000 1400 1800 2800 6100 8000 16200 24000 43000 80000 1800 2100 3100 6600 10100 20100 30000 51000 90000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/81

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW8 Grandezza 10 x 38 14 x 51 22 x 58 Classe di impiego aM Tensione nominale 500 V c.a. 400 V c.a. per 3NW8 010-1 e 3NW8 120-1 Corrente nominale 0,5 - 100 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente

tvs [s]

Ieff [A]

Diagramma della limitazione di corrente

Ic [A]

Ieff [A]

9/82

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche
Gamma 3NW8 Grandezza 10 x 38 14 x 51 22 x 58 Classe di impiego aM Tensione nominale 500 V c.a. 400 V c.a. per 3NW8 010-1 e 3NW8 120-1 Corrente nominale 0,5 - 100 A

Diagramma dei valori di Its di prearco

I2t [A2s]

9
In [A]

Numero di ordinazione
3NW8 000-1 3NW8 011-1 3NW8 002-1 3NW8 004-1 3NW8 001-1 3NW8 008-1 3NW8 003-1 3NW8 006-1 3NW8 005-1 3NW8 007-1 3NW8 010-1 3NW8 102-1 3NW8 104-1 3NW8 101-1 3NW8 108-1 3NW8 103-1 3NW8 106-1 3NW8 105-1 3NW8 107-1 3NW8 110-1 3NW8 112-1 3NW8 117-1 3NW8 120-1 3NW8 203-1 3NW8 206-1 3NW8 205-1 3NW8 207-1 3NW8 210-1 3NW8 212-1 3NW8 217-1 3NW8 220-1 3NW8 222-1 3NW8 224-1 3NW8 230-1

Grandezza
10 x 38 10 x 38 10 x 38 10 x 38 10 x 38 10 x 38 10 x 38 10 x 38 10 x 38 10 x 38 10 x 38 14 x 51 14 x 51 14 x 51 14 x 51 14 x 51 14 x 51 14 x 51 14 x 51 14 x 51 14 x 51 14 x 51 14 x 51 22 x 58 22 x 58 22 x 58 22 x 58 22 x 58 22 x 58 22 x 58 22 x 58 22 x 58 22 x 58 22 x 58

In A
0,5 1 2 4 6 8 10 12 16 20 25 2 4 6 8 10 12 16 20 25 32 40 50 10 12 16 20 25 32 40 50 63 80 100

Pv W
0,5 0,1 0,15 0,25 0,4 0,5 0,56 0,75 0,8 1 1,25 0,2 0,35 0,5 0,6 0,65 0,85 1,08 1,3 1,7 1,9 2,25 2,8 0,75 1 1,2 1,46 1,7 2,5 3 3,4 4,1 5 6,1

K
9 1,5 2,3 4,5 7 8 10 22 15 20 23 2,5 4 6 7,5 8 19 14 18,5 20 23 24 34 7,5 16 13 16,6 17,8 27 23 29 32,6 38 43

I2ts I2ta I2ta 1 ms 400 V c.a. 500 V c.a. A2s A2s A2s
1,5 7 30 100 140 240 440 600 800 1350 2300 30 100 140 240 440 600 800 1350 2300 3600 5800 10000 440 600 800 1350 2300 3600 5800 10000 17000 28000 46000 2,5 15 70 220 300 510 960 1400 2200 3200 5000 70 220 300 510 960 1400 2200 3200 5000 8000 13000 23000 960 1400 2200 3200 5000 8000 13000 23000 36000 62000 118000 4 20 82 250 340 610 1100 1500 2500 3200 82 250 340 610 1100 1500 2500 3800 5700 9500 14500 26000 1100 1500 2500 3800 5700 9500 14500 26000 44000 70000 135000

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/83

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche CC
Gamma 3NW1-0HG Grandezza 10 x 38 Classe di impiego CC Ritardato Tensione nominale 600 V c.a. Corrente nominale 0,6 - 30 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
0,5 A 0,6 A 0,75 A 0,8 A 1A 1,125 A 1,25 A 1,5 A 1,8 A 2A 2,5 A 3A 3,2 A 3,5 A 4A 5A 5,6 A 6A 6,25 A 7A 7,5 A

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente


10 3 8 6 4 2 10 2 8 6 4 2 10 1 8 6 4 2

15 A 20 A 6 8 10 1

tvs [s]

tvs 10 2 [s] 8
6 4 2 10 1 8 6 4 2 10 0 8 6 4 2 10 -1 8 6 4 2 10 -2

10 0 8 6 4 2 10 -1 8 6 4 2 10 -2 10 0 2 4 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 2

30 A

Ip [A]
6 8 10 0 2 4 6 8 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4

Ip [A]

9/84

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche CC
Gamma 3NW2-0HG Grandezza 10 x 38 Classe di impiego CC Rapido Tensione nominale 600 V c.a. Corrente nominale 1 - 30 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 3 8 6

tvs [s] 4
2

8A 10 A

15 A 20 A

10 2 8 6 4 2 10 1 8 6 4 2 10 0 8 6 4 2 10 -1 8 6 4 2 10 -2 10 0

30 A

1A

2A

3A

5A

6 8 10 1

6 8 10 2

6 8 10 3

Ip [A]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/85

Fusibili cilindrici
Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche CC
Gamma 3NW3-0HG Grandezza 10 x 38 Classe di impiego CC Ritardato - Limitatore di corrente Tensione nominale 600 V c.a. 300 V c.c. (In < 3 A e > 15 A) 150 V c.c. (In 3 15 A) Corrente nominale 1 - 30 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
3,5 A 4A 6 A 4,5 A 8A 10 A 12 A 15 A 20 A 25 A 30 A

Diagramma della limitazione di corrente


4

0,5 A 0,6 A 0,8 A 1A 1,25 A

Ic [A] 2
10 3 8 6 4 2 10 2 8 6 4 2 10 1 10 1 30 A 25 A 20 A 15 A 2,8 A 1,25 A

tvs 10 2 [s] 8
6 4 2 10 1 8 6 4 2 10 0 8 6 4 2 10 -1 8 6 4 2 10 -2

3A

6 8 10 2

6 8 10 3

Ip [A]

6 8 10 0

6 8 10 1

6 8 10 2

Ip [A]

6 8 10 3

9/86

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili cilindrici
Potenza dissipata

Valori di potenza dissipata


Numero di ordinazione 3NW73.. 3NW70.. 3NW71.. 3NW72 Grandezza 8 x 32 10 x 38 14 x 51 22 x 58 Breve descrizione Basi portafusibili con campo di tensione nominale di 500 V c.a. e di 690 V c.a. Basi portafusibili con campo di tensione nominale di 500 V c.a. e di 690 V c.a. Basi portafusibili con campo di tensione nominale di 500 V c.a. e di 690 V c.a. Basi portafusibili con campo di tensione nominale di 500 V c.a. e di 690 V c.a. Potenza dissipata Pv (W) per polo 2,6 3,0 5,0 9,5

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/87

Fusibili cilindrici
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Basi modulari 3NW7 per fusibili cilindrici Grandezza 8 32 1P 1P+N 2P 3P

Fusibili cilindrici 3NW6 e 3NW8

3P+N

3NW7 3 Grandezza 10 38 1P 1P+N 2P

3NW6 3

3P

3P+N

3NW7 0 Grandezza 14 51 1P 1P+N 2P

3NW6 0 3NW8 0

3P

3P+N

3NW7 1 Grandezza 22 58 1P 1P+N 2P

3NW6 1 3NW8 1 3P 3P+N

3NW7 2

3NW6 2 3NW8 2

9/88

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili cilindrici
Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Grandezza 8 32 1P 2P 1P+N

Basi modulari a ingombro ridotto 3NW7 per fusibili cilindrici

Fusibili cilindrici 3NW6 e 3NW8

3P 3P+N

81

18

36

54

44 64

3NW7 3.3 Grandezza 10 38 1P 2P 1P+N 3P 3P+N

45

3NW6 3

81

18

36

54

44 64

3NW7 0.3

45

3NW6 0 3NW8 0

Basi modulari 3NW7-0HG per fusibili cilindrici CC Grandezza 10 38 1P 2P 3P

18

36

54

3NW7 5.3-0HG Cartucce cilindriche CC 3NW-0HG Grandezza 10 38


10,3

37 49 58

3NW1-0HG 3NW2-0HG 3NW3-0HG

38,1

45 81

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/89

Fusibili cilindrici
Note

9/90

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Indice

9/92 9/103 9/104 9/135

Caratteristiche generali Glossario Curve caratteristiche Dimensioni d'ingombro

9/91

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Criteri di scelta

La scelta delle cartucce avviene in base alla tensione nominale, alla corrente nominale, al valore I2tA e al fattore di carico variabile, in considerazione delle ulteriori condizioni indicate. Tutti i dati seguenti, salvo diversa indicazione, si riferiscono ad un impiego di corrente alternata con frequenze comprese tra 45 e 62 Hz. Tensione nominale Un La tensione nominale di una cartuccia SITOR la tensione indicata nei documenti di ordinazione e progettazione, nei parametri caratteristici e sulla cartuccia stessa (valore effettivo di una tensione alternata). La scelta della tensione nominale di una cartuccia deve garantire una scarica sicura della tensione che aziona la corrente di cortocircuito. Tale tensione non deve superare il valore Un + 10%. A tale proposito, occorre osservare che anche la tensione di rete Uv0 di un convertitore pu essere aumentata del 10%. Nel caso di due derivazioni del circuito di un convertitore collegate in serie, in presenza di una corrente di corto circuito sufficientemente elevata bisogna tenere conto di una ripartizione uniforme della tensione. Osservare scrupolosamente le indicazioni di pagina 9/98, "Collegamento in serie di cartucce". Raddrizzatori Nei convertitori che lavorano solo come raddrizzatori, la tensione di corto circuito la tensione di rete Uv0. Inverter Nei convertitori che lavorano anche come inverter pu verificarsi un'anomalia dovuta a un difetto di commutazione. In questo caso nel circuito si presenta la tensione UWK che la somma della tensione continua di alimentazione (p. es. EMK della macchina a corrente continua) e della tensione della rete a corrente trifase. Per il dimensionamento del fusibile, la somma pu essere sostituita da una tensione alternata il cui valore effettivo corrisponda a 1,8 volte il valore della tensione della rete a corrente trifase (UWK = 1,8 Uv0). Le cartucce devono essere dimensionate in modo tale da garantire un effetto sicuro nei confronti della tensione UWK.

Per condizioni d'esercizio diverse da quelle indicate, la corrente di carico In' della cartuccia SITOR deve essere calcolata a partire dalla seguente formula: In' = ku x kq x k x kl x WL x In dove In corrente nominale della cartuccia1) ku fattore di correzione temperatura ambiente (pagina 9/93) kq fattore di correzione sezione di contatto (pagina 9/93) k fattore di correzione angolo di conduzione (pagina 9/93) kl fattore di correzione raffreddamento ad aria maggiorato (pagina 9/93) WL fattore di variazione del carico (pagina 9/94) Sezioni di collaudo
Corrente nominale In A 10 16 20 25 35 40 50 63 80 100 125 160 200 224 250 315 350 400 450 500 560 630 710 800 900 1000 1250 Sezioni di collaudo (serie 3NC1 0, 3NC1 1, 3NC1 4, 3NC1 5, 3NC2 2, 3NE1 ..., 3NE8 0.., 3NE4 1) Cu mm2 1,0 1,5 2,5 4 6 10 10 16 25 35 50 70 95 120 2 x 70 2 x 95 2 x 95 2 x 120 2 x 120 2 x 150 2 x 185 2 x (40 x 5) 2 x (50 x 5) 2 x (80 x 4) (tutte le altre serie) Cu mm2 45 45 45 45 45 45 45 60 80 100 125 150 185 240 260 320 320 400 400 480 560 560 720 720 960

Corrente nominale In Portata La corrente nominale di una cartuccia SITOR la corrente indicata nei Dati per la scelta e l'ordinazione e nelle Curve caratteristiche e sulla cartuccia stessa, ossia il valore effettivo di una corrente alternata per la gamma di frequenze comprese tra 45 Hz e 62 Hz. Per l'impiego della cartuccia con la corrente nominale valgono le seguenti condizioni d'esercizio normali: raffreddamento automatico ad aria con una temperatura ambiente di +45 C le sezioni di contatto corrispondono a quelle di collaudo (vedi tabella Sezioni di collaudo), per l'uso in basi portafusibili NH e sezionatori sotto carico vedi "dati per la scelta e l'ordinazione" angolo di conduzione di un semiperiodo 120 el carico continuo max. con corrente nominale.

1) Per l'uso di cartucce SITOR in basi portafusibili NH a norma IEC/EN 60269-2-1 e sezionatori sotto carico si devono osservare anche le indicazioni contenute nei dati per la scelta e l'ordinazione.

9/92

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Criteri di scelta
Fattore di correzione temperatura ambiente ku L'influsso della temperatura ambiente sul carico ammesso della cartuccia SITOR considerato per mezzo del fattore di correzione ku in base al grafico seguente.
1,2
u

1,1 Fattore di correzione 1,0 0,9 0,8 40

Fattore di correzione angolo di conduzione k La corrente nominale delle cartucce SITOR si basa su una corrente alternata sinusoidale (da 45 Hz a 62 Hz). Nei convertitori, tuttavia, i fusibili delle derivazioni sono sollecitati con una corrente discontinua e, nella maggior parte dei casi, l'angolo di conduzione di 180 el o 120 el. Se la curva della corrente di carico assume questa forma, la cartuccia riesce a sopportare l'intera corrente nominale. Se l'angolo di conduzione pi piccolo, la corrente deve essere ridotta in base al grafico seguente.
1,1 1,0

Fattore di correzione

20

0 +20 +40 +60 Temperatura ambiente

+80 C

0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 30

Fattore di correzione sezione di contatto kq La corrente nominale delle cartucce SITOR vale per il funzionamento con sezioni di contatto corrispondenti alla rispettiva sezione di collaudo (vedi tabella a pagina 9/92). Se la sezione di contatto inferiore si deve applicare il fattore di correzione kq, come illustrato nel grafico seguente.
1,00
q

45

60

90 120

180 240

360 el

Angolo di conduzione

0,95 a 0,90 0,85 0,80

Fattore di correzione

Fattore di correzione raffreddamento ad aria maggiorato kl Nel caso di un raffreddamento d'aria maggiorato, il carico ammissibile delle cartucce aumenta all'aumentare della velocit dell'aria; velocit dell'aria > 5 m/s non provocano un ulteriore incremento sostanziale del carico ammissibile.
1,4
l

9
0 4 2 Velocit dellaria 6 m/s

Fattore di correzione

0,75 0,70 0,65 100 % 80 60 50 40 30 20 15 Sezione di contatto (in % della sezione di controllo) 10

1,3 1,2 1,1 1,0

a = riduzione della sezione di un collegamento b = riduzione della sezione di entrambi i collegamenti

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/93

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Criteri di scelta
Fattore di variazione del carico WL Il fattore di variazione del carico WL un fattore di riduzione con l'ausilio del quale possibile determinare il carico ammissibile resistente all'invecchiamento delle cartucce con cicli di carico qualsiasi. A seconda della costruzione, le cartucce SITOR hanno diversi fattori di variazione del carico. Nelle curve caratteristiche delle cartucce indicato il rispettivo fattore di variazione del carico WL per > 1000 variazioni di carico(1 ora "on", 1 ora "off") durante il tempo di funzionamento previsto delle cartucce. Se, nel corso del tempo di funzionamento previsto delle cartucce, il numero di variazioni del carico inferiore, in base al grafico seguente pu essere sufficiente una cartuccia con un fattore WL inferiore.

In caso di carico uniforme (nessun ciclo di carico e nessuna disinserzione), si pu presupporre un fattore di variazione del carico WL = 1. Per cicli di carico e disinserzioni aventi una durata superiore a 5 min. e che si verificano con una frequenza superiore a 1 volta alla settimana, si deve scegliere il fattore di variazione del carico WL indicato nelle curve caratteristiche delle singole cartucce.

1,1 I LA /I n 1,0

1,0 0,95

0,9

0,9 0,85

0,8

0,8

0,7

0,6 1 10

10

10

10

10

Numero di cicli di carico ammessi

Andamento del fattore di variazione del carico WL per cicli di carico

Correnti di protezione in caso d'impiego nei convertitori Il valore effettivo della corrente di protezione per i circuiti dei convertitori pi diffusi pu essere calcolato in base alla seguente tabella, a partire dalla corrente continua (livellata) Id o dalla corrente di linea IL.
Circuito convertitore Collegamento midpoint monoimpulso Collegamento midpoint a due impulsi Collegamento midpoint a tre impulsi Collegamento midpoint a sei impulsi Doppio collegamento midpoint a tre impulsi (parallelo) Collegamento a ponte a due impulsi Collegamento a ponte a sei impulsi Collegamento alternato monofase (M1) (M2) (M3) (M6) (M3.2) (B2) (B6) (W1) Valore effett. corrente di linea (protezione lato) 1,57 Id 0,71 Id 0,58 Id 0,41 Id 0,29 Id 1,0 Id 0,82 Id 1,0 IL Valore effett. corrente derivata (protezione derivazione) 0,71 Id 0,58 Id 0,71 IL

9/94

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Valore di I 2t Durante un corto circuito, la corrente della cartuccia aumenta durante il tempo di fusione ts fino al valore della corrente Ic (valore di picco della corrente di fusione). Durante il tempo di scarica tL si sviluppa l'arco e la corrente di corto circuito viene scaricata (vedi grafico seguente).
1
A

Fattore di correzione

0,8

0,6

0,4

0,2 100
s A L

200 300 400 500 Tensione di ritorno

600
w

700 V

Fattore di correzione kA per valore di I 2t Esempio: serie 3NE8 0..

Andamento della corrente all'intervento delle cartucce

L'integrale del quadrato della corrente ( I dt ) per il tempo totale di interruzione (ts+tL), denominato in breve valore totale di I 2t determina il calore che viene condotto all'elemento semiconduttore da proteggere durante il procedimento di disinserzione. Per ottenere una protezione sufficiente, il valore totale di I 2t della cartuccia deve essere inferiore al valore totale di I 2t (integrale del carico limite) dell'elemento semiconduttore. Dato che il valore totale di I 2t della cartuccia, all'aumentare della temperatura (e quindi del precarico) in pratica diminuisce come il valore di I 2t di un semiconduttore, sufficiente confrontare i valori di I 2t in assenza di carico (a freddo). Il valore totale di I 2t la somma del valore di I 2t di prearco (I 2tA) e del valore di I 2t di scarica (I 2tL).
2

Considerazione della tensione di ritorno Uw La tensione di ritorno Uw deriva dalla tensione che genera la corrente di corto circuito. Questa tensione, nella maggior parte delle situazioni di guasto, uguale alla tensione di rete Uv0, mentre nel caso di un difetto di commutazione di un invertitore pari a 1,8 volte il valore della tensione di rete Uv0 (vedi tensione nominale, pagina 9/92). Se nel circuito interessato dal corto ci sono due derivazioni del circuito di un convertitore, e quindi due cartucce in serie, in presenza di una corrente di corto circuito sufficientemente elevata (vedi collegamento in serie, pagina 9/98) si pu presupporre una ripartizione uniforme della tensione, quindi Uw = 0,5 x Uv0 oppure, in caso di difetto di commutazione di un invertitore, Uw = 0,9 x Uv0. Influsso del fattore di potenza cos I dati delle curve caratteristiche dei valori di I 2t (I 2tA) si riferiscono ad un fattore di potenza cos = 0,35 (eccezione: per le cartucce SITOR 3NC5 8.., 3NE6 4.. e 3NE9 4.. cos = 0,2). Il grafico seguente illustra il rapporto di dipendenza dei valori di I2t dal fattore di potenza cos con 1,0 x Un e con 0,5 x Un.
%
120 b

( I dt ) (semiconduttore, tvj = 25 C, 2 tp = 10 ms) > ( I t A ) (cartuccia)

Valore I 2 A con cos (in % del valore di I 2 A per cos = 0,35 e 0,2)

Valore di I 2t di prearco I 2ts Il valore di I 2t di prearco pu essere calcolato per tempi qualsiasi a partire dalle coppie di valori della curva caratteristica tempo/corrente della cartuccia. Al calare del tempo di fusione, il valore di I 2t di prearco si avvicina ad un valore limite minimo in corrispondenza del quale, durante la fusione, in pratica non viene emesso calore verso l'ambiente circostante dai punti stretti dell'elemento di fusione. I valori di I 2t di prearco indicati nei dati per la scelta e l'ordinazione e nelle curve caratteristiche corrispondono ad un tempo di prearco tvs = 1 ms. Valore di I 2t di scarica I 2tL Mentre il valore di I 2t di prearco una caratteristica della cartuccia, il valore di I 2t di scarica dipende dai dati del circuito elettrico e precisamente dalla tensione di ritorno Uw dal fattore di potenza di corto circuito cos dalla corrente presunta Ip (corrente nel punto d'installazione della cartuccia se questa viene esclusa) Il massimo valore di I 2t di scarica, a seconda del tipo di fusibile, si raggiunge con una corrente compresa tra 10 x In e 30 x In. Valore totale di I 2t I 2tA, fattore di correzione kA I valori di I 2t delle cartucce sono indicati nelle curve caratteristiche della tensione nominale Un Per il calcolo del valore di I 2t con tensione di ritorno Uw si deve considerare il fattore di correzione kA. I 2tA (con Uw) = I 2tA (con Un) x kA La curva caratteristica "fattore di correzione kA" (vedi grafico seguente) indicata nelle curve caratteristiche delle singole serie di fusibili. I valori di I 2t cos calcolati valgono per correnti presunte Ip 10 x In e cos = 0,35.

100 a 80

60

0,2

0,4

0,6

0,8

Fattore di potenza cos

Valore di I 2tA delle cartucce SITOR in funzione del fattore di potenza cos per 1,0 Un per 0,5 Un a = per cartucce SITOR 3NC5 8.., 3NE6 4.. e 3NE9 4.. (riferito a cos = 0,2) b = per tutte le altre cartucce SITOR (riferito a cos = 0,35)

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/95

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Caratteristiche tempo/corrente Le curve caratteristiche tempo/corrente continue del grafico seguente indicano il tempo che intercorre fino alla fusione della cartuccia a vuoto e a freddo (max. +45 C).
S

1x10 4
3

Tempo di prearco

1x10

1x10

Considerazione sul precarico, fattore del valore residuo RW Un precarico della cartuccia riduce la durata di sovraccarico ammessa e il tempo di fusione. Con l'ausilio del fattore del valore residuo RW, possibile determinare il tempo per il quale una cartuccia pu essere utilizzata in assenza d'invecchiamento con una corrente di sovraccarico ILa qualsiasi, durante un ciclo di carico periodico o non periodico e con la corrente di caricoIn' precedentemente calcolata. Il fattore RW dipende dal precarico V (Ieff valore effettivo della corrente di protezione durante il ciclo di carico per la corrente di carico ammessa In')

vs

1x10

35A

160A

1x10 0

I eff V = -----In e dalla frequenza dei sovraccarichi (vedi grafico seguente, curve a e b).
1 0,9 0,8 b c

1x10

-1

1x10

-2

Fattore di valore residuo

1x10 -3

0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0 0 0,1

1 x10 1

6 8 1 x10 2

6 8 1 x10 3

4
p

Corrente di corto circuito presunta I

6 81 x10 4 A

35 A: classe di impiego gR 160 A: classe di impiego aR

Quando la curva caratteristica tempo/corrente tratteggiata (cartucce della classe aR) nell'area dei tempi pi lunghi (tvs > 30 s), indica il limite di sovraccarico ammissibile dallo stato freddo. Se la parte tratteggiata della curva caratteristica viene superata, si corre il rischio di un danneggiamento del corpo ceramico della cartuccia. In questo caso la cartuccia pu essere utilizzata solo come protezione dal corto circuito, per la protezione dal sovraccarico necessario un ulteriore dispositivo (rel di sovraccarico. interruttore di potenza). Nei convertitori regolati sufficiente la regolazione della limitazione di corrente. Se la curva caratteristica tempo/corrente continua nell'intero lasso di tempo (cartucce della classe gR o gS), la cartuccia pu intervenire sempre e pu essere utilizzata per la protezione dal sovraccarico e dal corto circuito. Tempo di prearco effettivo Nelle curve caratteristiche tempo/corrente, il tempo di prearco tvs indicato in funzione della corrente presunta. Si tratta di un valore valido per corrente di forma rettangolare (di/dt) = ). Per tempi di prearco tvs < 20 ms il tempo di prearco tvs si discosta dal tempo effettivo ts. Il tempo di fusione effettivo (a seconda della pendenza dell'aumento di corrente) pu essere superiore di vari millisecondi. Per uno spazio di alcuni millisecondi, in cui l'aumento della corrente di corto circuito pu essere considerato lineare, con un aumento della corrente sinusoidale e una frequenza di 50 Hz il tempo di fusione effettivo si calcola con la seguente formula: 3xI t s t = -------------s 2 I c
2

0,2

0,3

0,4

0,5

0,6

0,8 0,7 0,9 Fattore di precarico

Sovraccarico ammesso e tempo di fusione con precarico a = correnti di picco/ciclo di carico frequenti (> 1 settimana) b = correnti di picco/ciclo di carico rare (< 1 settimana) c = tempo di fusione con precarico

Durata del sovraccarico ammessa = fattore RW x tempo di prearco tvs (curva caratteristica tempo/corrente) La riduzione del tempo di fusione di una cartuccia in presenza di precarico si deduce dalla curva c. Tempo di fusione = fattore RW x tempo di prearco tvs (curva caratteristica tempo/corrente)

9/96

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Corrente limitata Ic La corrente limitata Ic pu essere determinata a partire dalle curve caratteristiche della limitazione della rispettiva cartuccia (limitazione della corrente a 50 Hz) e dipende dalla corrente presunta e dalla componente unidirezionale presente al momento del corto circuito (momento dell'inserzione). Il grafico seguente mostra la corrente limitata Ic di una cartuccia in funzione della corrente di corto circuito presunta Ip nell'esempio di una cartuccia SITOR 3NE4 333-0B.
A

Tensione d'arco s Durante il processo di scarica, in corrispondenza dei collegamenti della cartuccia si genera una tensione d'arco s che pu superare di molto la tensione di rete. L'entit della tensione d'arco dipende dalla tipologia costruttiva della cartuccia e dall'entit della tensione di ritorno ed rappresentata in curve caratteristiche in funzione della tensione di ritorno Uw (vedi grafico seguente).
V
s

2000 1800 1600 1400 1200 1000 800 600 400 200 0 200 400 600 800 1000 1200 V w

Valori massimi non limitati:


Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

Corrente limitata I c

1x10

450A

1x10 3

Tensione darco

1x10 5

Tensione di ritorno

Esempio: Cartuccia SITOR 3NE4 333-0B


1x10 2

2 1 x102

4 6 1 x105 Corrente di corto circuito presunta Ip A

4 6

1 2 x10 3

4 6

2 1 x10 4

La tensione d'arco, negli elementi semiconduttori che non si trovano in corto circuito, si presenta come tensione di blocco. Per scongiurare il rischio legato alla tensione, la tensione d'arco non deve superare il valore di picco della tensione di blocco degli elementi semiconduttori. Potenza dissipata, riscaldamento Gli elementi fusibili delle cartucce SITOR, al raggiungimento della corrente nominale, presentano temperature molto pi elevate rispetto agli elementi fusibili delle cartucce per la protezione di conduttori. La potenza dissipata indicata nelle curve caratteristiche corrisponde al valore massimo che si presenta se la cartuccia viene sollecitata con la corrente nominale. In caso di carico parziale la potenza dissipata si riduce in base al grafico seguente.
Potenza dissipata a carico parziale (in % della potenza dissipata % a corrente nominale) 100

Esempio: Cartuccia SITOR 3NE4 333-0B

Potere di interruzione nominale Il potere di interruzione nominale di tutte le cartucce SITOR di almeno 50 kA, salvo l'indicazione di valori pi alti nelle curve caratteristiche. I dati valgono per una tensione di collaudo di 1,1 x Un, frequenza da 45 Hz a 62 Hz e 0,1 cos 0,2. Per tensioni d'intervento inferiori alla tensione nominale e per correnti nominali delle cartucce inferiori alla corrente nominale massima di una serie di cartucce, il potere di interruzione notevolmente superiore a quello nominale.

80

60

40

20

60 80 20 100 40 % Corrente di carico (in % della corrente nominale I n )

Il riscaldamento indicato nelle curve caratteristiche vale per il rispettivo punto di riferimento citato ed stato determinato durante il collaudo della cartuccia (collaudo secondo DIN VDE 0636, parte 23 e IEC 269-4).

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/97

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Collegamento dei fusibili in parallelo e in serie Collegamento in parallelo Se nella derivazione del circuito di un convertitore sono presenti pi elementi semiconduttori, e quindi pi cartucce collegate in parallelo, al verificarsi di un corto circuito interno interviene solo la cartuccia che si trova in serie con l'elemento semiconduttore difettoso. Questa cartuccia deve scaricare l'intera tensione nominale. In caso di necessit, per aumentare la corrente, possibile assegnare ad un elemento semiconduttore due o pi cartucce parallele senza riduzione della corrente. Il valore totale di I 2t risultante aumenta cos con il quadrato del numero di collegamenti paralleli. Onde evitare ripartizioni errate della corrente, in questo caso si dovrebbero utilizzare solo cartucce dello stesso tipo. Collegamento in serie Sono possibili due casi di collegamento in serie: collegamento in serie nella derivazione del convertitore due derivazioni del convertitore protette vengono attraversate in serie dalla corrente di corto circuito In entrambi i casi si pu presupporre una ripartizione uniforme della corrente solo nel caso in cui il tempo di fusione della cartuccia SITOR non superi i valori indicati nella tabella seguente.
Cartucce SITOR Tipo 3NC1 0.. 3NC1 1.. 3NC1 4.. 3NC1 5.. 3NC2 2.. 3NC2 4.. 3NC5 8.. 3NC7 3.. 3NC8 4.. 3NE1 0.. 3NE1 2.. 3NE1 3.. 3NE1 4.. 3NE1 8.. 3NE3 2.. 3NE3 3.. 3NE3 4.. 3NE3 5.. 3NE3 6.. 3NE4 1.. 3NE4 3.. 3NE5 4.. 3NE5 6.. 3NE6 4.. 3NE7 4.. 3NE7 6.. 3NE8 0.. 3NE8 7.. 3NE9 4.. 3NE9 6.. Tempo di fusione max. per ripartizione uniforme della tensione ms 10 tanne serie 3NE1 0.., 3NE1 8.. 40 10 10 20 10 10 20 10 20 10 20 10 10 20
amm

Utilizzo in corrente continua Per le cartucce utilizzate in circuiti a corrente continua, i dati sono in parte diversi da quelli indicati per la corrente alternata nelle curve caratteristiche. Tensione continua ammessa La tensione continua ammessa Uamm delle cartucce dipende dalla tensione nominale Un, dalla costante di tempo = L/R del circuito a corrente continua e dalla corrente presunta Ip. La tensione continua ammessa riferita ala tensione nominale Un ed indicata in funzione della costante di tempo , la corrente presunta un parametro (vedi grafici seguenti).
1,00

I p > 20 I n
amm

0,90

I p = 10 I n
Tensione contina ammessa Tensione nominale n 0,80

Ip = 5 I n
0,70 0,60 0,50 0,40 0 10 20 30 40 50 60 Costante di tempo = 70 80 ms

0,90

I p > 20 I n
0,80 Tensione continua ammessa Tensione nominale n (600 V)

I p = 10 I n
0,70

Ip = 5 In
0,60 0,50 0,40 0,30 0 10 20 30 40 50 60 Costante di tempo 70 80 ms

tranne serie 3NE1 0.., 3NE1 8..

Le condizioni di raffreddamento delle cartucce installate in serie devono essere all'incirca uguali. Se si prevedono guasti in occasione dei quali, in conseguenza di una salita lenta della corrente, si verificher il superamento dei tempi di fusione citati, non si potr pi contare su una ripartizione uniforme della tensione. Le cartucce, quindi, dal punto di vista della tensione devono essere dimensionate in modo tale che una sola cartuccia sia in grado di scaricare da sola l'intera tensione nominale. Per quanto possibile, si dovrebbe evitare il collegamento in serie di cartucce nella derivazione del circuito di un convertitore, preferendo al suo posto una sola cartuccia con una tensione nominale adeguata.

Valore totale di I 2t I 2tA Il valore totale di I 2t I 2tAdipende dalla tensione, dalla costante di tempo = L/R e dalla corrente presunta Ip. Il valore si calcola a partire dal valore di I 2tA indicato per la tensione nominale Un nelle curve caratteristiche della rispettiva cartuccia e dal fattore di correzione kA, inserendo al posto della tensione di ritorno Uw la tensione continua contro la quale deve agire la cartuccia Il valore totale di I 2t cos calcolato valido alle seguenti condizioni: costante di tempo L/R 25 ms per Ip 20 x In costante di tempo L/R 10 ms per Ip = 10 x In i valori totali di I 2t aumentano del 20% per Ip 20 x In e costante di tempo L/R = 60 ms per Ip = 10 x In e costante di tempo L/R = 35 ms

9/98

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Tensione d'arco s La tensione d'arco s si determina a partire dalla caratteristica indicata nelle curve caratteristiche della rispettiva cartuccia, inserendo al posto della tensione di ritorno Uw la tensione continua contro la quale deve agire la cartuccia. La tensione d'arco cos calcolata valida alle seguenti condizioni: costante di tempo L/R 20 ms per Ip 20 In costante di tempo L/R 35 ms per Ip = 10 In Le tensioni di intervento aumentano del 20% per Ip 20 In e costante di tempo L/R = 45 ms per Ip = 10 In e costante di tempo L/R = 60 ms Indicatore L'intervento della cartuccia reso visibile da un indicatore. Le cartucce SITOR dispongono di un indicatore con una tensione d'intervento compresa tra 20 V (Un 1000 V) e 40 V (Un > 1000 V). Accessori Basi portafusibili, maniglie di estrazione Una parte delle cartucce SITOR pu essere inserita in apposite basi. Le basi adeguate (unipolari e tripolari) e le relative maniglie di estrazione sono riportate nella parte "Corrispondenza tra cartucce SITOR e basi/sezionatori", da pagina 9/81 in poi del Catalogo Generale BETA. Nota Anche se i valori della tensione e/o della corrente nominale delle basi sono inferiori a quelli della cartuccia corrispondente, i valori validi sono quelli della cartuccia. Sezionatori sottocarico, sezionatori sottocarico con fusibili Alcune serie di cartucce SITOR sono indicate per l'uso in sezionatori sottocarico 3NP4 e 3NP5 e in sezionatori sottocarico con fusibili 3KL e 3KM (vedi catalogo LV 10 e LV 30). Per l'impiego in sezionatori sottocarico si devono osservare i seguenti punti: dato che la potenza dissipata delle cartucce SITOR superiore rispetto a quella dei fusibili NH per la protezione di conduttori, la corrente nominale ammessa delle cartucce deve essere parzialmente ridotta, vedi sotto (manuale di progettazione). Le cartucce con correnti nominali In > 63 A non possono essere utilizzate come protezioni da sovraccarico anche se corrispondono alla classe di impiego gR. Nota Tutte le cartucce della serie 3NE1... con correnti nominali In da 16 A fino a 850 A e delle classi di impiego gR e gS, invece, possono essere utilizzate come protezione da sovraccarico. La tensione nominale e la tensione di isolamento nominale dei sezionatori sottocarico devono corrispondere almeno alla tensione disponibile. In caso d'impiego di cartucce delle serie 3NE3 2.., 3NE3 3.., 3NE4 3.., 3NC2 4.. e 3NC8 4.., il potere di rottura dei sezionatori sottocarico a fusibili non pu essere sfruttato a causa delle asole sulle lame. consentito l'intervento occasionale di correnti fino alla corrente nominale delle cartucce. Le cartucce della serie 3NE4 1, se utilizzate in sezionatori sotto carico a fusibili, possono essere inserite solo occasionalmente e solo in assenza di corrente, perch il coltello soggetto ad una forte sollecitazione meccanica. Nella parte "Corrispondenza tra cartucce SITOR e basi/sezionatori", a partire da pagina 9/81 del Catalogo Generale BETA, illustrata la correlazione tra le singole cartucce e i rispettivi sezionatori sottocarico.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/99

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Determinazione della corrente nominale In per funzionamento con carico variabile I convertitori spesso non sono utilizzati con un carico continuo, bens con carichi variabili, che possono superare per breve tempo la corrente nominale del convertitore. Di seguito descritto il metodo di scelta delle cartucce SITOR per quattro situazioni di carico tipiche.1) carico continuo carico variabile ignoto, ma con una corrente massima nota carico variabile con ciclo di carico noto picco di carico occasionale da precarico con sequenza ignota A tale proposito si devono osservare i diagrammi dei fattori di correzione ku, kq, k, kl, pagina 9/93 e del fattore del valore residuo RW, pagina 9/96. Il fattore di variazione del carico WL per le cartucce indicato a pagina 9/94. Il calcolo della corrente nominale In della cartuccia avviene in due fasi: 1. Determinazione della corrente nominale In sulla base del valore effettivo Ieff della corrente di carico: 1 I n > I eff ------------------------------------------------k u k q k k l WL Corrente di carico ammessa In' della cartuccia prescelta: In' = ku kq kl kl WL In 2. Controllo della durata di sovraccarico ammessa dei blocchi di corrente che eccedono la corrente di carico ammessa In'. Tempo di prearco tvs (curva caratteristica tempo/corrente) x fattore del valore residuo RW durata di sovraccarico tk A tale scopo occorrono il fattore precario I eff V = -----In la curva caratteristica "Sovraccarico ammesso e tempo di fusione con precarico" (pagina 9/96, curva a) e la "Curva caratteristica tempo/corrente" della cartuccia prescelta. Se la durata del sovraccarico calcolata inferiore alla durata del sovraccarico richiesta, si deve scegliere una cartuccia con una corrente nominale In pi elevata (in considerazione della tensione nominale Un e del valore totale di I 2t) e quindi si deve ripetere il controllo. Carico continuo I eff = Carico variabile ignoto, ma con una corrente massima nota

I max
Corrente di carico I La
0

Corrente nominale In della cartuccia

1 I n I max k u k q k k l WL
Imax = massima corrente di carico della cartuccia (valore effettivo)

Carico variabile con ciclo di carico noto

I La1
Corrente di carico I La

I La3

' In

I eff

I La2

k=n I
2 Lak

------------------------------------------SD
2 2

k=1

I
Corrente di carico I La

La

I eff =
ILK =

I La1 t 1 + I La2 t 2 + I La3 t 3 ---------------------------------------------------------------SD


massima corrente di carico della cartuccia (valore effettivo)

Corrente nominale In della cartuccia

1 I n I La ----------------------------------------------------k u k q k k l WL
ILa = corrente di carico della cartuccia (valore effettivo) Meno di una disinserzione alla settimana: WL = 1 Pi di 1 disinserzione alla settimana: WL = vedere i "Dati tecnici" da pagina 9/93 in poi del Catalogo Generale BETA.

9/100

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Picco di carico occasionale da precarico con sequenza ignota Il calcolo della corrente nominale richiesta In della cartuccia avviene in due fasi: 1. Determinazione della corrente nominale In sulla base del valore effettivo Ieff della corrente di precarico Ipre: 1 I n > I pre ----------------------------------------------------k u k q k k l WL Corrente di carico ammessa In' della cartuccia prescelta: In' = ku x kq x k x kl x WL x In 2. Controllo della durata di sovraccarico della corrente di picco Ipicco Tempo di prearco tvs (curva caratteristica tempo/corrente) x fattore del valore residuo RW tempo di picco tpicco A tale scopo occorrono il fattore di precarico I eff V = -----In la curva caratteristica "Sovraccarico ammesso e tempo di fusione con precarico" (pagina 9/96, curva a o b) e la "Curva caratteristica tempo/corrente" della cartuccia prescelta. Se la durata del sovraccarico calcolata inferiore alla durata del sovraccarico richiesta tpicco, si deve scegliere una cartuccia con una corrente nominale In pi elevata (in considerazione della tensione nominale Un e del valore totale di I 2t) e quindi si deve ripetere il controllo.
I picco
Corrente di carico I La

Carico continuo ininterrotto

I La

493 A

Corrente continua Id = Idn = 850 A ILa = Id x 0,58 = 493 A Scelta: Cartuccia SITOR 3NE3 335 (560 A/1000 V), WL = 1 Valore totale I 2t I 2tA = 360 x 103 x 0,53 = 191 x 103 A2s Sezione di collaudo di pag. 9/92: 400 mm2

Si devono applicare i seguenti fattori di correzione: ku = 1,02 (u = +35 C) kq = 0,91 (sezione di contatto su entrambi i lati: 40% della sezione di collaudo) k = 1,0 (angolo di conduzione = 120) kl = 1,0 (non c' raffreddamento ad aria maggiorato) Corrente nominale necessaria In della cartuccia SITOR: 1 I n I La ------------------------------------------------- = 493 A k u k q k k l WL 1 493 A --------------------------------------------------------------------- = 531 A 1, 02 0, 91 1, 0 1, 0 1, 0

picco Pause

Carico variabile ignoto, ma con corrente massima nota


I max = 435 A I La

' In

I pre

Condizione: tpausa 3 x tpicco tpausa 5 min

Esempi Per una serie di convertitori in circuito (B6) A (B6) C con una corrente continua nominale Idn = 850 A, si devono scegliere cartucce destinate ad essere installate come protezioni di derivazioni. Di seguito sono indicati i fusibili da scegliere per i diversi modi di funzionamento della serie di convertitori. Dati dei convertitori Tensione di rete allacciata UN = 3 AC 50 Hz 400 V Tensione di ritorno UW = 360 V = UN x 0,9 (per difetto di commutazione dell'invertitore) Tiristore T 508 N (marca eupec), integrale carico limite i2 dt = 320 x 10 3A2s (10 ms, freddo) Cartucce con autoraffreddamento ad aria, temperatura ambiente u = +35 C Sezione di contatto per le cartucce in rame: 160 mm2 Fattore di conversione corrente continua Id/Corrente di carico fusibile ILa : ILa = Id x 0,58 Negli esempi seguenti, con carichi che superano la corrente continua nominale della serie di convertitori, si presuppone che quest'ultima sia dimensionata per tali carichi.

Max. corrente continua Idmax = 750 A Max. corrente fusibile Imax = Idmax x 0,58 = 435 A Scelta: Cartuccia SITOR 3NE3 334-0B (560 A/1000 V), WL = 1 Valore totale di I 2t I 2tA = 260 x 103 x 0,53 = 138 x 103 A2s Sezione di collaudo di pag. 9/92: 400 mm2

Si devono applicare i seguenti fattori di correzione: ku = 1,02 (u = +35 C) kq = 0,91 (sezione di contatto su entrambi i lati: 40% della sezione di collaudo) k = 1,0 (angolo di conduzione = 120) kl = 1,0 (non c' raffreddamento ad aria maggiorato) Corrente nominale necessaria In della cartuccia SITOR: 1 I n I max ------------------------------------------------- = 493 A k u k q k k l WL 1 435 A --------------------------------------------------------------------- = 469 A 1, 02 0, 91 1, 0 1, 0 1, 0

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/101

Fusibili extrarapidi SITOR


Caratteristiche generali

Caratteristiche tecniche
Carico variabile con ciclo di carico noto
I La1 = 696 A I La I 'n I La3 = 580 A
I La I picco = 1015 A

Picco di carico occazionale da precarico con sequenza ignota

I eff = 317 A
I La2 = 290 A

picco

=8s

I vor = 406 A

= 330 s

Corrente continua: 1200 A Id1 = 500 A Id2 = 1000 A Id3 = 0A Id4 =

t1 = 20 s t2 = 240 s t3 = 10 s t4 = 60 s

Corrente continua: Idvor = 700 A Ipicco = 500 A tpicco = 8 s Corrente del fusibile: Ivor = Idvor x 0,58 = 406 A Ipicco = Idpicco x 0,58 = 1015 A Le condizioni tpausa 3 tpicco eund tpausa 5 min sono soddisfatte Scelta: Cartuccia SITOR 3NE3 333 (560 A/1000 V), WL = 1 Valore totale di I2t I2tA = 360 x 103 x 0,53 = 191 x 103 A2s Sezione di collaudo di pag. 9/92: 400 mm2

Corrente del fusibile: 1200 x 0,58 = 696 A ILa1 = 500 x 0,58 = 290 A ILa2 = 1000 x 0,58 = 580 A ILa3 = Valore effettivo della corrente di carico
2 2 2

I eff =

696 20 + 290 240 + 580 10 -------------------------------------------------------------------------------- = 317A 330

Scelta: Cartuccia SITOR 3NE3 333 (450 A/1000 V), WL = 1 Valore totale di I2t I2tA = 175 x 103 x 0,53 = 93 x 103 A2s Sezione di collaudo di pag. 9/92: 320 mm2

Si devono applicare i seguenti fattori di correzione: ku = 1,02 (u = +35 C) kq = 0,94 (sezione di contatto su entrami i lati: 50% della sezione di collaudo) k = 1,0 (angolo di conduzione = 120) kl = 1,0 (non c' raffreddamento ad aria maggiorato) 1. Corrente nominale necessaria In della cartuccia SITOR: 1 I n I Eff ------------------------------------------------- = 493 A k u k q k k l WL 1 317 A --------------------------------------------------------------------- = 331 A 1, 02 0, 94 1, 0 1, 0 1, 0 Corrente di carico ammessa In' della cartuccia prescelta: In' = ku x kq x k x kl x WL x In = 1,02 x 0,94 x 1,0 x 1,0 x 1,0 x 450 = 431 A 2. Controllo della durata di sovraccarico ammessa dei blocchi di corrente che eccedono la corrente di carico ammessa In' Fattore di precarico: I eff 317 V = ------ = ------- = 0,74 431 In Fattore del valore residuo RW: per V = 0,74 in base alla curva a (curva caratteristica di pagina 9/96, correnti di picco/ciclo di carico frequenti) RW = 0,2 Blocco corrente ILa1: tempo di prearco tvs : 230 s (curva caratteristica tempo/corrente per 3NE3 333) tvs x RW = 230 s x 0,2 = 46 s > t1 Blocco corrente ILa3: tempo di prearco tvs : 1200 s (curva caratteristica tempo/corrente per 3NE3 333) tvs x RW = 1200 s x 0,2 = 240 s > t3

Si devono applicare i seguenti fattori di correzione: ku = 1,02 (u = +35 C) kq = 0,91 (sezione di contatto su entrambi i lati: 40% della sezione di collaudo) k = 1,0 (angolo di conduzione = 120) kl = 1,0 (non c' raffreddamento ad aria maggiorato) 1. Corrente nominale necessaria In della cartuccia SITOR: 1 I n I vor ------------------------------------------------- = 493 A k u k q k k l WL 1 406 A --------------------------------------------------------------------- = 437 A 1, 02 0, 91 1, 0 1, 0 1, 0 Corrente di carico ammessa In' della cartuccia prescelta: ku x kq x k x kl x WL x In = In' = 1,02 x 0,91 x 1,0 x 1,0 x 1,0 x 560 = 520 A 2. Controllo della durata di sovraccarico ammessa della corrente di picco Ipicco Fattore di precarico: I vor 406 V = ------- = ------- = 0,78 520 In Fattore del valore residuo RW: per V = 0,78 in base alla curva a (curva caratteristica di pagina 9/96, correnti di picco/ciclo di carico frequenti) RW = 0,18 Corrente di picco Ipicco: tempo di prearco tvs : 110 s (curva caratteristica tempo/corrente per 3NE3 333) tvs x RW = 110 s x 0,18 = 19,8 s > tSto Fattori di correzione a pagina 9/92 e 9/93.

9/102

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Glossario

Definizione dei parametri tecnici

Questa sezione contiene una spiegazione dei principali termini relativi alle cartucce per la protezione di semiconduttori. Ulteriori definizioni sono contenute nella DIN EN 60269-1.

Potere di interruzione nominale Il potere di interruzione nominale indica la massima corrente di corto circuito presunta Ip che una cartuccia in grado di interrompere ad una tensione pari a 1,1 volte la tensione nominale e nelle condizioni prescritte. Frequenza nominale La frequenza nominale la frequenza per la quale la cartuccia dimensionata in riferimento a potenza dissipata, corrente, tensione, andamento delle curve caratteristiche e potere di interruzione. Tensione nominale Un La tensione nominale la tensione che designa il fusibile e che stata stabilita in base alle condizioni di collaudo e ai limiti della tensione d'esercizio. Nelle cartucce SITOR, la tensione nominale sempre il valore effettivo di una tensione alternata. Corrente nominale In La corrente nominale di una cartuccia la corrente che designa la cartuccia e con la quale la stessa pu essere caricata in maniera prolungata alle condizioni prescritte (vedi pagina 9/92) senza subire cambiamenti sfavorevoli. Classe di impiego La classe di impiego designa la classe funzionale di una cartuccia associata all'oggetto da proteggere. Classe di impiego gS: protezione totale di semiconduttori per l'impiego in apparecchiature elettriche di protezione Classe di impiego gR: protezione totale di semiconduttori Classe di impiego aR: protezione parziale di semiconduttori Corrente limitata Ic La corrente limitata Ic il massimo valore istantaneo della corrente raggiungibile durante l'azione di disinserzione di un fusibile. Curva della limitazione di corrente La curva caratteristica della corrente limitata indica il valore della corrente limitata in funzione della corrente presunta per una frequenza di 50 Hz. Campo di interruzione La classe funzionale indica la capacit di una cartuccia di condurre determinate correnti senza danno e di interrompere le sovracorrenti entro una gamma di valori predeterminata (area del potere di interruzione). Campo di interruzione a Fusibili a protezione parziale: cartuccia limitatrice di corrente, in grado di interrompere, in condizioni specifiche, tutte le correnti comprese tra la minima corrente indicata alla caratteristica tempo/corrente e il suo potere di interruzione nominale. Campo di interruzione g Fusibili a protezione totale: cartuccia limitatrice di corrente, in grado di interrompere, in condizioni specifiche, tutte le correnti che provocano la fusione dell'elemento fusibile al suo potere di interruzione nominale.

Valore di I 2t Il valore di I 2t (integrale dei Joule) l'integrale del quadrato della corrente per un dato intervallo di tempo: t1 I t =
2

i
0

dt

I valori indicati sono il valore di I 2t di prearco (I 2ts) e quello totale (I 2tA somma dei valori di I 2t di prearco e di scarica). Potenza dissipata La potenza dissipata la potenza che, in condizioni prestabilite, viene convertita all'interno di una cartuccia caricata con la sua corrente nominale. Tensione d'arco s La tensione d'arco il valore massimo della tensione che si raggiunge nei contatti della cartuccia durante il tempo di scarica. Fattore del valore residuo RW Il fattore del valore residuo un fattore di riduzione per la determinazione della durata di carico ammessa della cartuccia con correnti che eccedono la corrente di carico ammessa In' (vedi corrente nominale In). Corrente di corto circuito presunta Ip La corrente di corto circuito presunta il valore effettivo della componente di corrente alternata della rete o il valore della corrente continua prevista nel caso di un corto circuito a valle del fusibile, immaginando che il fusibile venga sostituito da una componente con impedenza trascurabile. Tempo virtuale tv Il tempo virtuale il lasso di tempo che si ottiene dividendo un valore di I2t per il quadrato della corrente presunta: i dt t v = ----------2 Ip Nella curva caratteristica tempo/corrente indicato il tempo di prearco tvs. Fattore di variazione del carico WL Il fattore di variazione del carico un fattore di riduzione per la corrente nominale in condizioni di carico variabili. Tensione di ritorno Uw La tensione di ritorno (valore effettivo) la tensione che si presenta nei contatti di una cartuccia dopo l'interruzione della corrente. Caratteristica tempo/corrente La curva caratteristica tempo/corrente indica, per determinate condizioni di impiego, il tempo virtuale (p. es. il tempo di prearco) in funzione della corrente presunta.

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/103

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NC2 4 Grandezza 3 Classe di impiego gR o aR Tensione nominale 500 V c.a. Corrente nominale 150 - 400 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

6 4

Ic 6 [A]
4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%


400 A 350 A 300 A 250 A 200 A 150 A

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 150 A 250 A 350 A


10 3 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 2 10 4 6 4 2

200 A

300 A

400 A

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8

s 1200 [V]
1000

0,6

800 600

0,4

400 200 0 0 100 200 300 400 500 600

0,2

200

400

600

Uw [V]

Uw [V]

800

9/104

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Grandezza 000 Classe di impiego gR o aR

Gamma 3NE8 71.-1 e 3NE8 70.-1

Tensione nominale 690 V c.a. / 700 V c.c. Corrente nominale 20 - 63 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 4

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

03 6 4 2 02 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 10 2 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 20 A 32 A 25 A 50 A 40 A 63 A 2 10 3 6 4 2

63 A 50 A 40 A 32 A 25 A 20 A

6 8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8

s [V]

1200 000 800 600

0,6

0,4

400 200 0

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

100

200

300

400

500

600

Uw [V]

Uw [V]

700

800

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/105

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Grandezza 000 Classe di impiego aR

Gamma 3NE8 72.-1 e 3NE8 731-1

Tensione nominale 690 V c.a. / 700 V c.c. Corrente nominale 80 - 315 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic 6 [A] 4
2

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 10 4 2 6 4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

10 4

315 A 250 A 200 A 160 A 125 A 100 A 80 A

315 A 250 A 200 A 160 A 125 A 100 A 80 A

10 3 6 10 2

6 8 10 3

6 8 10 4

6 8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8

s [V]

1200 1000 800 600

0,6

0,4

400 200 0 0 100 200 300 400 500 600 700 800

0,2

100

200

300

400

500

600

Uw [V]

Uw [V]

700

800

9/106

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NC8 4 Grandezza 3 Classe di impiego gR o aR Tensione nominale 660 V c.a. Corrente nominale 150 - 1000 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente

tvs [s] 2

Ic [A]
Valori massimi non limitati Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0% 5

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 1000 A 500 A 350 A 250 A 200 A 150 A

1000 A

500 A

350 A

250 A 200 A 150 A

9
Ip [A]

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8
1000 A

s 1200 [V]
1000
1000 A

0,6
150 ... 500 A

800
150 ... 500 A

600

0,4
400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0

200

400

600

Uw [V]

Uw [V]

800

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/107

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE1 8..-0 Grandezza 000 Classe di impiego gR/gS Tensione nominale 690 V c.a. Corrente nominale 16 - 80 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 4 80 A

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 10 2 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 80 A 63 A 50 A 40 A 35 A 25 A 20 A 16 A 2

63 A 50 A 40 A 32 A 25 A 20 A 16 A

10 3 6 4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

6 8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8

s [V]

1200 1000 800 600

0,6

0,4

400 200 0 0 100 200 300 400 500 600 700 800

0,2

100

200

300

400

500

600

Uw [V]

Uw [V]

700

800

9/108

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Grandezza 00 e 1 Classe di impiego gR/gS Tensione nominale 690 V c.a. Corrente nominale 100 - 315 A

Gamma 3NE1 02.-0 e 3NE1 2..-0

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente


10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4
10 3 10 3 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

315 A 250 A 200 A 160 A 125 A 100 A

10 4 6 4

315 A 250 A 200 A 125/160 A 100 A

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8
3NE1 2..-0 3NE1 02.-0

s [V]

1200 1000 800 600

0,6

0,4

400 200 0 0 100 200 300 400 500 600 700 800

0,2

100

200

300

400

500

600

Uw [V]

Uw [V]

700

800

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/109

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Grandezza 2e3 Classe di impiego gR/gS Tensione nominale 690 V c.a. Corrente nominale 350 - 800 A

Gamma 3NE1 33.-0 e 3NE1 43.-0

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente


10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 800 A 710 A 630 A 560 A 500 A 450 A 400 A 350 A


10 4 6 4 2

800 A 710 A 630 A 560 A 500 A 450 A 400 A 350 A

10 3 10 3

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8

s [V]

1200 1000 800 600

0,6

0,4

400 200 0 0 100 200 300 400 500 600 700 800

0,2

100

200

300

400

500

600

Uw [V]

Uw [V]

700

800

9/110

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Grandezza 3 Classe di impiego gR Tensione nominale 600 V c.a. Corrente nominale 710 - 800 A

Gamma 3NE1 437-1 e 3NE1 438-1

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente


10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic [A]
6

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

10 3 6 4

800 A 710 A

2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5
10 4 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6

800 A 710 A

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8

s [V]

1200 1000 800 600

0,6

0,4

400 200 0

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

100

200

300

400

500

600

Uw [V]

Uw [V]

700

800

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/111

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Grandezza 00 e 1 Classe di impiego gR Tensione nominale 690 V c.a. Corrente nominale 125 - 500 A

Gamma 3NE1 022-2, 3NE1 2..-2 e 3NE1 33.-2

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente


10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4
10 3 10 3 2 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezonale 0%


500 A 450 A 350 A 315 A 250 A 200 A 160 A 125 A

500 A 450 A 350 A 315 A 250 A 200 A 160 A 125 A

10 4 6 4

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2000 1800

kA

0,8
160 A

s 1600 [V]
1400 1200

160 ... 315 A

0,6
125 A

1000 800
125 A 350 A

0,4

600 400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0 0 200 400 600 800

Uw [V]

Uw [V]

9/112

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE1 4..-2 Grandezza 3 Classe di impiego gR Tensione nominale 690 V c.a. Corrente nominale 560 - 850 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic [A]
6

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

10 3 6 4

2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 850 A 800 A 710 A 670 A 630 A 560 A


2

850 A 800 A 710 A 670 A 630 A 560 A

10 4 10 3

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2000 1800

kA

0,8

s 1600 [V]
1400 1200

0,6
1000 800

0,4

600 400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0 0 200 400 600 800

Uw [V]

Uw [V]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/113

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE8 0..-1 Grandezza 00 Classe di impiego gR o aR Tensione nominale 690 V c.a. Corrente nominale 25 - 160 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 4

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 160 A 125 A 100 A 80 A 63 A 50 A 35 A 25 A 10 3 6 4 2

160 A 125 A 100 A 80 A 63 A 50 A 35 A 25 A

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%


2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 2 4

10 2 10 2

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2000 1800

kA

0,8

s 1600 [V]
1400 1200

0,6

1000 800
0,4

600 400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0 0 200 400 600 800

Uw [V]

Uw [V]

9/114

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Grandezza 2 Classe di impiego aR Tensione nominale 800 V c.a. Corrente nominale 250 - 710 A

Gamma 3NE4 3..-0B e 3NE4 337

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente


10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 710 A 500 A 450 A 315 A 250 A


2 10 4 6 4 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

710 A 500 A 450 A 315 A 250 A

10 3 10 3

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2000 1800

kA

0,8
450 A

s 1600 [V]
1400 1200
315 A

0,6
1000 800

0,4

600 400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0 0 200 400 600 800 1000

Uw [V]

Uw [V]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/115

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE4 1 Grandezza 0 Classe di impiego gR o aR Tensione nominale 1000 V c.a. Corrente nominale 32 - 160 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 4 160 A

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

125 A 100 A 80 A 63 A 50 A 40 A 32 A

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 160 A 125 A 100 A 80 A 63 A 50 A 40 A 32 A 2 10 3 6 4 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%


2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 2 4

10 2 10 2

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2500

kA

0,8

s 2000 [V]
1500

0,6
1000

0,4
500

0,2
0

200

400

600

800

1000

200

400

600

800

Uw [V]

Uw [V]

1000

1200

9/116

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE3 22 Grandezza 1 Classe di impiego aR Tensione nominale 1000 V c.a. Corrente nominale 100 - 250 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


2

tvs [s] 2

Ic 10 4 [A]
6 4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 250 A 200 A 160 A 125 A 100 A

250 A 200 A 160 A 125 A 100 A

2 10 3 6 4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

10 2 10 2

6 8 10 3

6 8 10 4

6 8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2500

kA

0,8

s 2000 [V]
1500

0,6
1000

0,4
500

0,2
0

200

400

600

800

1000

200

400

600

800

Uw [V]

Uw [V]

1000

1200

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/117

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE3 23 Grandezza 1 Classe di impiego aR Tensione nominale 1000 V c.a. Corrente nominale 315 - 450 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4
2 10 4 6 4 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%


450 A 400 A 350 A 315 A

450 A 400 A 350 A 315 A

10 3 10 3

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2500

kA

0,8

s 2000 [V]
1500

0,6
1000

0,4
500

0,2
0

200

400

600

800

1000

200

400

600

800

Uw [V]

Uw [V]

1000

1200

9/118

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE3 3 Grandezza 2 Classe di impiego aR Tensione nominale 1000 V c.a. (fino a 630 A) 900 V c.a. (710 A) 800 V c.a. (800 A) 690 V c.a. (900 A) Corrente nominale 400 - 900 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 900 A 800 A 710 A 630 A 560 A 500 A 450 A 400 A


2 10 4 6 4 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

900 A 800 A 710 A 630 A 560 A 500 A 450 A 400 A

10 3 10 3

9
2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 2

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2500

kA

0,8

s 2000 [V]
1500

0,6

400 ... 630 A 710 A 800 A 900 A

1000

0,4
500

0,2
0

200

400

600

800

1000

200

400

600

800

Uw [V]

Uw [V]

1000

1200

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/119

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE3 4 e 3NE3 6 Grandezza 3 Classe di impiego aR Tensione nominale 1000 V c.a. Corrente nominale 100 - 710 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


4

tvs [s] 2

Ic [A] 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 710 A 630 A 500 A 450 A 400 A 315 A 224 A 100 A


2 6 4 104

710 A 630 A 500 A 450 A 400 A 315 A 224 A 100 A

103 6

8 10 3

6 8 10 4

6 8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2000 1800

kA

0,8

s 1600 [V]
1400 1200

0,6

1000 800

0,4

600 400

0,2 0 200 400 600 800 1000

200 0 0 200 400 600 800 1000 1200

Uw [V]

Uw [V]

9/120

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE5 4 Grandezza 3 Classe di impiego aR Tensione nominale 1500 V c.a. Corrente nominale 160 - 450 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Ic [A] 2 Componente unidirezionale 0%

tvs [s] 2

450 A 350 A 315 A 224 A

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 450 A 350 A 315 A 224 A 160 A


103 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 2 6 4 104

160 A

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
4000 3600

kA

0,8

s 3200 [V]
2800 2400

0,6

2000 1600

0,4

1200 800

0,2 0 500 1000 1500

400 0 0 400 800 1200 1600 2000

Uw [V]

Uw [V]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/121

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE5 6 Grandezza 3 Classe di impiego aR Tensione nominale 1500 V c.a. Corrente nominale 250 - 600 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


4

600 A 450 A

tvs [s] 2

Ic [A] 2

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 250 A 600 A
103 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 2 2 6 4

250 A
104

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

450 A

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
4000 3600

kA

0,8

s 3200 [V]
2800 2400

0,6

2000 1600

0,4

1200 800

0,2 0 500 1000 1500

400 0 0 400 800 1200 1600 2000

Uw [V]

Uw [V]

9/122

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE7 4 e 3NE7 6 Grandezza 3 Classe di impiego aR Tensione nominale 2000 V c.a. Corrente nominale 200 - 710 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 710 A 630 A 525 A 450 A 400 A 350 A 250 A 200 A


10 4 6 4 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

710 A 630 A 525 A 400/450 A 350 A 250 A 200 A

10 3 10 3

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
4000 3600

kA

0,8

s 3200 [V]
2800 2400

0,6

2000 1600

0,4

1200 800

0,2 0 500 1000 1500 2000

400 0 0 400 800 1200 1600 2000 2400

Uw [V]

Uw [V]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/123

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce NH SITOR
Gamma 3NE9 63 Grandezza 3 Classe di impiego aR Tensione nominale 2500 V c.a. Corrente nominale 400 - 630 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 5

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

630 A 500 A 400 A

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 630 A 500 A 400 A


2 10 4 6 4 2

10 3 10 3

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
6000

kA

0,8

s 5000 [V]
4000

0,6

3000 2000 1000

0,4

0,2
0

400

800

1200

1600 2000

2400 2800

500

1000

1500

2000

Uw [V]

Uw [V]

2500

3000

9/124

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce per impieghi speciali SITOR


Gamma 3NC5 531 e 3NC5 8 Classe di impiego aR Tensione nominale 800 V c.a. (350 A e 630 A) 1000 V c.a. (600 A e 800 A) Corrente nominale 350 - 800 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


105

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 2 350 A 600 A 630 A 800 A 103 10 3 104 6 4 2

800 A 630 A 600 A 350 A

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2000

kA

0,8
630 A

s 1600 [V]
1400
600 A 800 A

1800
600 A 800 A

1200 1000 800


350 A 630 A

0,6

0,4
350 A

600 400

0,2 0 200 400 600 800 1000

200 0 0 200 400 600 800 1000 1200

Uw [V]

Uw [V]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/125

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce per impieghi speciali SITOR


Gamma 3NE6 4 e 3NE9 4 Classe di impiego gR e aR Tensione nominale 800 V c.a. (710 A e 1250 A) 1000 V c.a. (850 A e 900 A) Corrente nominale 710 - 1250 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente


10 4 6

tvs [s] 2

tvs 4 [s] 2
10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 850 A 710 A 6 4 900 A 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 6 8 10 3 6 8 10 4 6 8 10 5 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 1250 A

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 2 4 2 4

Ip [A]

Ip [A]

9/126

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce per impieghi speciali SITOR


Gamma 3NE6 4 e 3NE9 4 Classe di impiego gR e aR Tensione nominale 800 V c.a. (710 A e 1250 A) 1000 V c.a. (850 A e 900 A) Corrente nominale 710 - 1250 A Diagramma della limitazione di corrente
105 6 850/900/1250 A 710 A 2

Ic [A] 4

104 6 4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

103 10 3

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Tensione d'arco s
2000

9
710 A 900 A

kA

0,8

800 A 1250 A

s 1600 [V]
1400 1200

1800

0,6
900 A

1000 800 600 400


850 A 1250 A

0,4

710 A

0,2 0 200 400 600 800 1000

200 0 0 200 400 600 800 1000 1200

Uw [V]

Uw [V]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/127

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce per impieghi speciali SITOR


Gamma 3NE3 5.5-5 e 3NE4 1..-5 Classe di impiego gR e aR Tensione nominale 800 V c.a. (170 A) 1000 V c.a. (50 A, 100 A, 200 A e 450 A) Corrente nominale 50 - 450 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


4

tvs [s] 2

Ic 2 [A]
10 4 6 4

450 A 170 A 200 A 100 A 50 A

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 50 A 170 A 100 A 200 A 450 A

2 10 3 6 4 2 10 2 10 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

6 8 10 3

6 8 10 4

6 8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2000

kA

0,8
170 A

s 1600 [V]
1400 1200

1800
170 A 200 A

0,6
50/100 A 200/450 A

1000 800 600 400

0,4

0,2 0 200 400 600 800 1000

200 0 0 200 400 600 800 1000 1200

Uw [V]

Uw [V]

9/128

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce per impieghi speciali SITOR


Gamma 3NE4 3..-6B e 3NE4 337-6 Classe di impiego aR Tensione nominale 800 V c.a. Corrente nominale 250 - 710 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


105

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%


710 A

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 710 A 500 A 450 A 315 A 250 A 2 104 6 4 2

500 A 450 A 315 A 250 A

103 10 3

8 10 4

8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2000

kA

0,8
450 A

s 1600 [V]
1400 1200
315 A

1800

0,6
1000 800

0,4

600 400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0 0 200 400 600 800 1000 1200

Uw [V]

Uw [V]

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/129

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce per impieghi speciali SITOR


Gamma 3NC7 3..-2 Classe di impiego aR Tensione nominale 680 V c.a. Corrente nominale 250 A e 350 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


105

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

350 A 250 A

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 350 A 250 A 103 10 3 2 4 6 8 10 4 2 4 6 8 10 5 2 104 6 4 2

Valori massimi non limitati: Componente unidirezionale 50% Componente unidirezionale 0%

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
2000

kA

0,8

s 1600 [V]
1400 1200

1800

0,6
1000 800

0,4

600 400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0 0 200 400 600 800 1000 1200

Uw [V]

Uw [V]

9/130

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche SITOR


Gamma 3NC1 0 Grandezza 10 38 Classe di impiego aR Tensione nominale 600 V c.a. / 400 V c.c. Corrente nominale 3 - 32 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10
4

tvs [s] 2

Ic 4 [A]
2 10 3 6 4 2 10 6 32 A 25 A 20 A 16 A 12 A 10 A 8A 6A 3A 4 2 101 10 1
2

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 0 2 4 6 8 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3

32 10 A 25 A 8 20 A 6 3 16 A

12 A 10 A 8A 6A 3A

4 6 810 2

4 6 8 10 3

4 6 8 10 4

Ip [A]

4 6 8105

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8

s 1200 [V]
1000

0,6

800 600

0,4
400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0

200

400

600

Uw [V]

Uw [V]

800

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/131

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche SITOR


Gamma 3NC1 40 e 3NC1 41 Grandezza 14 51 Classe di impiego aR Tensione nominale 660 V c.a. / 700 V c.c. (1 - 4 A) 690 V c.a. / 700 V c.c. (5 - 50 A) Corrente nominale 1 - 10 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10
4

tvs [s] 2

Ic 4 [A]
2 10 3 6 4 2 10 2 6 4 10 A 6A 5A 4A 3A 2A 1A 2 101 10 1 5A 10 A

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 0 2 4 6 8 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3

4 6 810 2

4 6 8 10 3

4 6 8 10 4

Ip [A]

4 6 8105

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8

s 1200 [V]
1000

0,6

800 600

0,4
400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0

200

400

600

Uw [V]

Uw [V]

800

9/132

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche SITOR


Grandezza 14 51 Classe di impiego aR Tensione nominale 690 V c.a. / 700 V c.c. Corrente nominale 15 - 50 A

Gamma 3NC1 415, 3NC1 42, 3NC1 440 e 3NC1 450

Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente


10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10
4

tvs [s] 2

Ic 4 [A]
2 10 3 6 4 2 10 2 6 4 50 A 40 A 32 A 30 A 25 A 20 A 15 A 2 101 10 1

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4

50 A 40 A 32 A 30 A

25 A 20 A 15 A

4 6 810 2

4 6 8 10 3

4 6 8 10 4

Ip [A]

4 6 8105

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8
30 A

s 1200 [V]
1000

0,6
32 A

800 600

0,4
400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0

200

400

600

Uw [V]

Uw [V]

800

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/133

Fusibili extrarapidi SITOR


Curve caratteristiche

Cartucce cilindriche SITOR


Gamma 3NC2 2 Grandezza 22 58 Classe di impiego aR Tensione nominale 690 V c.a. / 700 V c.c. (20 - 80 A) 600 V c.a. / 700 V c.c. (100 A) Corrente nominale 20 - 100 A Diagramma della curva caratteristica tempo-corrente
10 4 6 4

Diagramma della limitazione di corrente


10 4

tvs [s] 2

Ic 6 [A]
4

10 3 6 4 2 10 2 6 4 2 10 1 6 4 2 10 0 6 4 2 10 -1 6 4 2 10 -2 6 4 2 10 -3 10 1 2 4 6 8 10 2 2 4 6 8 10 3 2 4 6 8 10 4 100 A 80 A 63 A 50 A 40 A 32 A 25 A 20 A 2 10 3 6 4 2

100 A 80 A 63 A 50 A 40 A 32 A 25 A 20 A

10 2 10 2

6 8 10 3

6 8 10 4

6 8 10 5

Ip [A]

Fattore di correzione kA per valore totale di I2t


1

Ip [A]

Tensione d'arco s
1400

kA

0,8

s 1200 [V]
1000

0,6

800 600

0,4
400

0,2 0 100 200 300 400 500 600 700 800

200 0

200

400

600

Uw [V]

Uw [V]

800

9/134

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Fusibili extrarapidi SITOR


Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati

Cartucce NH SITOR Cartucce NH SITOR 3NE8 7-1 Grandezza 000

Cartucce NH SITOR 3NE1 8-0 Grandezza 000


15

Cartucce NH SITOR 3NE1 0 e 3NE8 0-1 Grandezza 00


15

Cartucce NH SITOR 3NE4 1 Grandezza 0


15 14

8,5

50,3 2,3

53,8 79,9

54 78 100

53 79

48

47

20

8,5 21 40

21

10

10

10

35,8 60

58

3NE8 7-1 Cartucce NH SITOR 3NE1 2 Grandezza 1


25

3NE1 8-0 Cartucce NH SITOR 3NE3 Grandezza 1 e 2


10,5 12,5 12,5

3NE1 02-0, 3NE1 022-2 e 3NE8 0-1 Cartucce NH SITOR 3NE1 3 Grandezza 2

3NE4 1 Cartucce NH SITOR 3NE4 3 Grandezza 2


11,5 14,5 12,5 10,5

66,5

73 149

66,5

107,5

30 10,5 11,5 71 48 60 10 6 141,5 73,5

35,8 53,3

73 135

110

52

10,5

73 a

6 30

65 125

40,5

49,4 2,2

6 52

14,5

12,5

10

3NE1 2-0 e 3NE1 2-2 Cartucce NH SITOR 3NE1 4 Grandezza 3


32

3NE3 22, 3NE3 23 e 3NE3 3 Cartucce NH SITOR 3NE1 4 Grandezza 3


3 2

3NE1 33-0 e 3NE1 33-2 Cartucce NH SITOR 3NC2 4 e 3NC8 4 Grandezza 3

3NE4 3-0B e 3NE4 337 Cartucce NH SITOR 3NC2 4-3 e 3NC8 4-3 Grandezza 3
14 18 12 11,5

2,5

73 151

2 ,5

71,5 140

108

68

6 8

7 3 1 5 1

108

71,5 11,5 14 81 60 70 18 6

60

40,5 63,5

10

d f

10

25 47,5 60 72

60

70

7 3

11,5 14
6 70

18 81 60 70

12

12

10

1 0

6 7 3

70

60,4 82,1

6 0 ,4 8 2 ,1

I2 _ 1 2 4 2 7

10

10

3NE1 43-0 e 3NE1 43-1

3NE1 4-2

3NC2 4 e 3NC8 4

3NC2 4-3 e 3NC8 4-3

70

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

140

9/135

Fusibili extrarapidi SITOR


Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
14 18

Cartucce NH SITOR Cartucce NH SITOR 3NE3; 3NE5; 3NE7 e 3NE9 Grandezza 3


12 c b c 14 81 60 70 10 6 18 12

3NE3 4, 3NE3 6, 3NE3 637-1, 3NE5 4, 3NE5 433-1, 3NE5 6, 3NE7 4, 3NE7 6 e 3NE9 63-1

Numero di ordinazione 3NE3 4 e 3NE3 6 3NE3 635-6 3NE3 637-1 3NE5 4, 3NE7 4 e 3NE7 6 3NE5 433-1 e 3NE7 6-1 3NE5 6 3NE9 63-1

Dimensioni a 160 170 240 240 200 287 b 128 138 208 208 168 255 c 11,5 13 11,5 13 11,5 13 d 91,5 91,5

70

d a

Numero di ordinazione 3NE3 22 e 3NE3 23 3NE3 3


10

Dimensioni a 135 149 b 31 38


10 M10

c 12,5 19,5

d 40,5 47,5

e 13,5 15

f 52 60

g 63,5 72

vedi disegno a lato 171,5 171,5 131,5 220

70 81,5

3NE3 635-6

9/136

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

70

96 109

28

Fusibili extrarapidi SITOR


Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
50 28

Cartucce per impieghi speciali SITOR Cartucce per impieghi speciali SITOR 3NC5
M10 50

Cartucce per impieghi speciali SITOR 3NC5


11 M10 40 M24

SW41

0,3 91

9 24,5

M10

SW41

M10

b a

73

3NC5 531

3NC5 8
Numero di ordinazione 3NC5 838 e 3NC5 841 3NC5 844 Dimensioni a 98 119 b 88,5 109,5 c 25 20,5

Cartucce per impieghi speciali SITOR 3NE6 e 3NE9


10

Cartucce per impieghi speciali 3NE6-7 e 3NE9-7


11

10

M10

10 10 M10 100 125 75,5 83 70 28 28

70 81,5

70
b a

3NE6 4, 3NE9 4 e 3NE9 4-6


Numero di ordinazione 3NE6 437, 3NE9 440-6, 3NE9 450 3NE6 444 Dimensioni a 89 99 b 76 86

3NE6 4-7 e 3NE9 4-7

70 81,5

9
M10 20 68 57 79 15

Cartucce per impieghi speciali 3NE3-5


55 10,5 77 15

Cartucce per impieghi speciali SITOR 3NE4

73 82,5

M10

60

20

60

3NE3 5-5 Cartucce per impieghi speciali SITOR 3NE4-5


47 30 66 62

60

3NE4 3-6B e 3NE4 337-6 Cartucce per impieghi speciali SITOR 3NC7-2
12,5

53 54

10,5

3NE4 1-5

3NC7 3-2

7 30 57

10,5

52 57

26 40

10,4

119

10

60 76 77

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/137

Fusibili extrarapidi SITOR


Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati
10,2

Cartucce cilindriche SITOR Cartucce cilindriche SITOR 3NC1 0 Grandezza 10 x 38


9,5 38

Cartucce cilindriche SITOR 3NC2 2 Grandezza 22 x 58


22,2

16

3NC1 0 Cartucce cilindriche SITOR 3NC1 4 Grandezza 14 x 51


14,3

3NC2 2

58

10

3NC1 4 Sezionatori per cartucce cilindriche SITOR Sezionatori per cartucce cilindriche SITOR 3NC1 09 Grandezza 10 x 38 1P 2P 3P

51

3NC1 09 Sezionatori per cartucce cilindriche SITOR 3NC1 49 Grandezza 14 x 51 1P 2P 3P

3NC1 49 Sezionatori per cartucce cilindriche SITOR 3NC2 29 Grandezza 22 x 58 1P 2P 3P

3NC2 29 Sezionatori con segnalazione di intervento per cartucce cilindriche SITOR Sezionatore con segnalazione di intervento per cartucce cilindriche Sezionatore con segnalazione di intervento per cartucce cilindriche SITOR 3NC1 491-5 SITOR 3NC2 291-5 Grandezza 14 x 51 Grandezza 22 x 58 1P 1P 70 69
27 49 43 36 43

45 92 96

122

28

24 24

3NC1 491-5

3NC2 291-5

9/138

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

28

143

112 118

45

Fusibili extrarapidi SITOR


Dimensioni d'ingombro

Disegni quotati

Basi per cartucce cilindriche SITOR Basi per cartucce cilindriche SITOR 3NC1 038 Grandezza 10 x 38 1P 2P 3P

3NC1 038-1 3NC1 038-2 3NC1 038-3 Base per cartucce cilindriche SITOR 3NC1 451-1 Grandezza 14 x 51 1P

3NC1 451-1 Base per cartucce cilindriche SITOR 3NC2 258-1 Grandezza 22 x 58 1P

3NC2 258-1

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

9/139

Fusibili extrarapidi SITOR


Note

9/140

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

10

S TA B I T C ent ra li ni d appa r t a m e n t o S I M B OX Qua dri c ent rali n o


10/2 Dimensioni dingombro

10

10/1

STABIT - Centralini dappartamento SIMBOX - Quadri centralino


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
STABIT - Centralini dappartamento

Cassetta

Guida DIN

Frontalino

Frontalino 8GB5 304 e cassetta 8GB5 504 4 moduli

10/2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

STABIT - Centralini dappartamento SIMBOX - Quadri centralino


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
Frontalino 8GB5 308 e cassetta 8GB5 508 8 moduli

Frontalino 8GB5 312 e cassetta 8GB5 512 12 moduli

10

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

10/3

STABIT - Centralini dappartamento SIMBOX - Quadri centralino


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
SIMBOX UNIVERSAL LC 8GB1 31, 8GB1 32 e 8GB1 1 Montaggio da incasso (I)*
C

A A
L

N M

G H

K C A L M N D B F G K I J E H1

Montaggio sporgente (S)*


N

J C L M D F G E H2

*
per 4 u.m. per 8 u.m. per 12 u.m. I I I

Tipo

H1 min 115 115 115 -

H2 -

E -

F -

G 5 5 5 5 5 5

I 150 150

L 12 12 -

L min 12 12 12 10 12 10

L max 27 25 27 25 27 25

M 48 48 48 48 48 48 48 48

N 35 35 35 35 35 35 35 35

8GB1 111-2 e 8GB1 121-2 164 264 114 8GB1 111-3 e 8GB1 121-3 236 264 114 8GB1 111-1 e 8GB1 121-3 328 264 -

136 236 208 236

110 100 110 100 120 100 120 100 120 120 120 120

300 236 190 130

S 8GB1 311-1 e 8GB1 321-1 per 24 u.m. I

113 300 236 190 130 300 405 208 266

8GB1 112-1 e 8GB1 122-1 328 434 -

S 8GB1 312-1 e 8GB1 322-1 per 36 u.m. I

113 300 405 208 266 300 570 208 430

8GB1 113-1 e 8GB1 123-1 328 599 -

150 x 2 135 120 150 x 2 135 120

S 8GB1 313-1 e 8GB1 323-1

113 300 570 208 430

10/4

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

STABIT - Centralini dappartamento SIMBOX - Quadri centralino


Dimensioni dingombro

Disegni quotati
SIMBOX UNIVERSAL WP 8GB1 37

Numero di ordinazione

Per u.m. A

Ingombro B 143 215 298 410 298 410 410 410 C 100 100 140 140 140 140 140 160 D max 75 75 75 75 75 75 75 75 E 48 48 48 48 48 48 48 48 F 15 15 48 48 48 48 48 48 G 105 105 117,5 117,5 147,5 154 162,5 175

Dimensioni H 105 105 142,5 142,5 122,5 134 142,5 155 P 150 175 175 200 D max 102 102 102 102 102 102 E _ 75 75 75 75 75 75 F _ 21 21 21 21 21 21

Numero punti di fissaggio 3 4 4 4 4 4 6 6

Interasse fissaggio I 156 110 161 185 320 363 293 394 L 67 115 200 310 200 310 319 319

8GB1 371-0 8GB1 371-1 8GB1 371-2 8GB1 371-3 8GB1 372-2 8GB1 372-3 8GB1 373-3 8GB1 374-3

4 8 12 18 24 36 54 72

210 210 260 285 420 463 655 878

10

Morsettiere per SIMBOX UNIVERSAL WP 8GB2 0

8GB2 052-0

8GB2 052-1

8GB2 052-2

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

10/5

STABIT - Centralini dappartamento SIMBOX - Quadri centralino


Note

10/6

Siemens - Catalogo Tecnico BETA

Automazione e Infrastrutture Direzione tecnico-commerciale Siemens S.p.A. Viale Piero e Alberto Pirelli, 10 20126 MIlano - Casella Postale 17154 Tel. 02 243 62654 - Fax 02 243 62652 Organizzazione di vendita Elenco Filiali AREA NORD MILANO Varese, Piacenza, Como, Lecco, Sondrio, Bergamo, Brescia, Cremona, Verbania, Novara, Biella, Vercelli, Pavia Viale Piero e Alberto Pirelli, 10 20126 Milano Casella Postale 17154 Tel. 02 2431 Fax 02 243 63416 TORINO Regione Valle dAosta Torino, Cuneo, Asti, Alessandria Via Pio VII, 127 10127 Torino (TO) Tel. 011 6173.1 Fax 011 6173.202 GENOVA Regione Liguria Via Scarsellini, 119 Torre B 16149 Genova Tel. 010 3434-764 Fax 010 3434-673 PADOVA Regione Trentino-Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia, Verona, Vicenza, Rovigo, Padova, Venezia, Treviso, Belluno Via Lisbona, 28 35129 Padova Tel. 049 8533.1 Fax 049 8533.346

BOLOGNA Repubblica di San Marino, Mantova, Parma, Reggio-Emilia, Modena, Bologna, Forl, Ferrara, Ravenna, Rimini, Pesaro-Urbino, Ancona, Macerata Via Brini, 45 40128 Bologna Tel. 051 6384.1 Fax 051 638 4602 AREA CENTRO-SUD FIRENZE Regione Toscana Via Don Lorenzo Perosi, 4/A 50018 Scandicci (FI) Tel. 055 75956.1 Fax 055 75956.30 ROMA Regione Lazio, Umbria, Abruzzo, Molise, Sardegna, Prov. di Ascoli Piceno e Malta Via Laurentina, 455 00142 Roma Tel. 06 59692.1 Fax 06 59692.200 BARI Regione Puglia, Prov. di Matera Via delle Violette, 12 70026 Modugno - BA Tel. 080 5387.410 Fax 080 5387.404 NAPOLI Regione Campania, Calabria, Sicilia, Prov. di Potenza Via F. Imparato, 198 80146 Napoli Tel. 081 2435.391 Fax 081 2435.33

Customer Support Hot line, Service e Servizio ricambi


telefono: 02 24362000 fax: 02 24362100 e-mail: adsupport.it@siemens.com

Siemens S.p.A. Settore Automation and Drives Electrical Installation Technology Viale Piero e Alberto Pirelli, 10 20126 Milano Tel. 02 243 62979 - Fax 02 243 62844 www.siemens.it www.siemens.it/ad/et/index_beta.html