Sei sulla pagina 1di 13

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S.

2011/2012

1 / 13

Scheda di Sicurezza Trapani

TRAPANO DA BANCO

TRAPANO RADIALE

La presente Scheda di sicurezza tiene conto dell'uso previsto, includendo l'uso scorretto ragionevolmente prevedibile e le operazioni di manutenzione e pulizia. Essa presume l'accesso alla macchina da tutte le direzioni e descrive inoltre i mezzi per ridurre i rischi per gli operatori e le altre persone espo esposte. Essa tratta i pericoli significativi relativi ai trapani quando sono utilizzati conformemente all'uso previsto e nelle condizi condizioni previste dal fabbricante.

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

2 / 13

ELENCO DEI PERICOLI SIGNIFICATIVI E DELLE PRINCIPALI FONTI DI PERICOLO ASSOCIATI AI TRAPANI
Descrizione Schiacciamento Cesoiamento Taglio o sezionamento Esempio(i) di situazione(i) pericolosa(e) collegata(e) Assi mobili, serraggio dell'attrezzo Assi mobili Attrezzo in funzione Mandrino o attrezzo rotante Impigliamento Altre parti rotanti (per esempio nastri trasportatori, organi di trasmissione) Corsa rapida della tavola o testa portamandrino Trascinamento o intrappolamento Meccanismi rotanti della trasmissione Movimento rapido del pezzo o testa portamandrino, trasferimento automatico del pezzo Movimento inatteso (rotazione) del pezzo Movimento rapido del pezzo o testa portamandrino, trasferimento automatico mento del pezzo Movimentazione attrezzi Attivit associata Messa a punto, cambio manuale dell'attrezzo, manutenzione Funzionamento manuale Foratura tenendo in mano il pezzo Carico/scarico del pezzo, regolazione della posizione, rimozione manuale degli sfridi/trucioli, applicazione di fluidi da taglio Messa a punto, pulizia, manutenzione Movimento motorizzato del pezzo sulla tavola o con l'attrezzo sul mandrino Manutenzione Manutenzione Zona pericolosa collegata Tra gli elementi fissi e mobili della macchina Tra attrezzo/mandrino e tavola/pezzo Zona di lavoro Sul mandrino o attrezzo Raccolta di sfridi/trucioli e zone di scarico, organi di trasmissione Inviluppo del movimento del pezzo sugli assi della tavola; inviluppo del movimento dell'attrezzo nella testa portamandrino Sulla macchina o nei pressi Sulla macchina o nei pressi Zona di lavoro presso la macchina inviluppo del movimento del pezzo e meccanismi di trasferimento del pezzo Facce taglienti affilate

Urto

Durante la foratura con un serraggio non adeguato del pezzo durante la traslazione motorizzata Trasferimento motorizzato del pezzo Durante il cambio manuale degli attrezzi

Perforazione o puntura Movimentazione sfridi/trucioli Durante il carico/scarico e la pulizia

Pezzo, tavola, raccolta di sfridi/trucioli e zone di scarico

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

3 / 13

Descrizione Contatto di persone con elementi in tensione (contatto diretto) Contatto di persone con elementi che entrano in tensione in caso di guasto (contatto indiretto) Descrizione Perdita dell'udito (sordit), altri disturbi fisiologici (per esempio perdita dell'equilibrio, perdita di percezione) Interferenza con la comunicazione verbale, segnali acustici Descrizione Pericoli derivanti dal contatto o dall'inalazione di fluidi dannosi, gas, nebbie, fumi e polveri

Esempio(i) di situazione(i) pericolosa(e) collegata(e) Contatto con elementi in tensione o connessioni Contatto con elementi in tensione o connessioni Esempio(i) di situazione(i) pericolosa(e) collegata(e) Movimento degli organi di trasmissione, processi di taglio e sistemi idraulici Getto d'aria utilizzato per pulire le sedi dell'attrezzo o del pezzo Esempio(i) di situazione(i) pericolosa(e) collegata(e) Condizioni in prossimit della macchina causate dall'eiezione di particelle del materiale di lavoro, gocce di fluido o nebbia di fluidi da lavorazione di metalli Materiale infiammabile, fluidi per la lavorazione dei metalli infiammabili (con un basso punto di infiammabilit) Contatto con i fluidi idraulici o per la lavorazione dei metalli sotto forma di liquidi o di nebbie contenenti detriti e batteri Durante il ciclo di funzionamento della macchina Durante il ciclo di funzionamento della macchina

Attivit associata Durante messa in funzione, manutenzione, ricerca guasti Durante il funzionamento, l'ispezione e la manutenzione della macchina Attivit associata

Zona pericolosa collegata Quadro elettrico, scatole di terminali, quadri di comando macchina Sulla macchina o sulla parte difettosa Zona pericolosa collegata

Nei pressi della macchina

In prossimit della macchina

Attivit associata

Zona pericolosa collegata

Durante il ciclo di funzionamento della macchina

Sulla macchina o nei pressi

Incendio o esplosione

Durante il ciclo di funzionamento della macchina Durante il funzionamento, il controllo della lavorazione e la manutenzione

Sulla macchina o nei pressi

Pericoli biologici o microbiologici (virus o batteri)

Sulla macchina o nei pressi

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

4 / 13

Descrizione Posture insalubri o sforzi eccessivi (sforzi ripetitivi) Inadeguata considerazione dell'anatomia di manobraccio o piede-gamba Inadeguata illuminazione locale

Esempio(i) di situazione(i) pericolosa(e) collegata(e) Sollevamenti e gesti svolti mentre si postano i pezzi, gli attrezzi e le parti della macchina Posizione inadeguata dei comandi Valutazione e precisione delle azioni manuali che possono generare pericoli durante la movimentazione/posizioname movimentazione/posizionamento dei materiali di lavoro e degli elementi da taglio Uso scorretto ragionevolmente prevedibile, azionamento inatteso dei comandi, materiali di lavorazione e movimentazione e messa a punto degli elementi da taglio scorretti Azionamento inatteso dei comandi

Attivit associata Durante il carico/scarico, il controllo della lavorazione e la Manutenzione Durante il carico/scarico, il controllo della lavorazione e la manutenzione

Zona pericolosa collegata Nelle posizioni di carico/scarico e di montaggio dell'attrezzo, nei punti di intervento per la manutenzione Nelle posizioni di carico/scarico e di montaggio dell'attrezzo, nei punti di intervento per la manutenzione

Durante il carico/scarico, il controllo della lavorazione e la movimentazione degli attrezzi

Nelle posizioni di carico/scarico e di montaggio degli attrezzi

Errore umano, comportamento umano Inadeguata progettazione, posizionamento o identificazione dei comandi manuali Inadeguata progettazione o posizionamento di dispositivi di segnalazione visiva Descrizione Guasto/malfunzionamento del sistema di comando

Durante il carico/scarico, il controllo della lavorazione e la movimentazione degli attrezzi

Nelle posizioni di carico/scarico e di montaggio lle degli attrezzi

Durante la messa a punto, il ciclo di funzionamento

Sulla macchina o nei pressi

Interpretazione sbagliata delle informazioni visualizzate Esempio(i) di situazione(i) pericolosa(e) collegata(e) Pericoli di natura meccanica associati al movimento selezionato della macchina

Durante la messa a punto, il ciclo di funzionamento

Sulla macchina o nei pressi

Attivit associata

Zona pericolosa collegata

Durante la messa a punto, la pulizia

Sulla macchina

Ripristino dell'erogazione di energia dopo un'interruzione Influenze esterne sull'equipaggiamento elettrico

Movimenti inattesi della macchina Comportamento imprevedibile dei comandi ei elettronici dovuto all'interferenza elettromagnetica

Durante la messa a punto la pulizia o la manutenzione Durante la messa a punto o il ciclo di funzionamento della macchina

Sulla macchina o nei pressi

Sulla macchina o nei pressi

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

5 / 13

Descrizione

Esempio(i) di situazione(i) pericolosa(e) collegata(e) Disfunzioni dei comandi con conseguente errata applicazione dell'energia o della corrente accumulata. Guasto nell'alimentazione dei dispositivi di bloccaggio per la lavorazione, velocit eccessiva del motore. Rottura di parti che causa il movimento degli elementi della macchina mediante la forza residua (inerzia, gravit, molle/mezzi di accumulo dell'energia) che provocano un movimento inatteso degli elementi esterni

Attivit associata

Zona pericolosa collegata

Guasto nell'alimentazione di energia

Durante il funzionamento, il controllo della lavorazione e la manutenzione

Sulla macchina o sugli elementi della macchina mantenuti in condizioni di sicurezza mediante l'applicazione di energia elettrica o della pressione di fluidi

Guasto del circuito di comando Errori di accoppiamento

Movimenti inattesi della macchina

Durante la messa a punto, la pulizia o la manutenzione

Sulla macchina o nei pressi

Guasto oppure oscillazione inattesa degli elementi della macchina Eiezione di parti della macchina, pezzi o attrezzi causati da guasti del dispositivo di serraggio, del sistema di comando o collisione dovuta ad errori di dati Macchine o parti della macchina non incastrate (mantenute in posizione dalla gravit), cadute o ribaltamenti Eiezione o fuoriuscita di fluidi per la lavorazione dei metalli e lubrificanti (anche il fluido idraulico, se utilizzato); lavorazioni a particolari altezze

Durante il funzionamento della macchina

Sulla macchina o nei pressi

Caduta o eiezione di oggetti o fluidi Perdita di stabilit, ribaltamento della macchina

Durante il funzionamento della macchina Durante il carico/scarico e il controllo della lavorazione per pezzi pesanti/poco lavorabili durante la manutenzione (smontaggio/cambio di sede) Durante il carico/scarico del pezzo, messa a punto, controllo della lavorazione e manutenzione lavorazioni a particolari altezze, rabbocco dei fluidi (per esempio i lubrificanti)

Sulla macchina o nei pressi ne

Sulla macchina

Scivolamento, inciampo e caduta di persone

Tavola della macchina, area del pavimento attorno alla macchina e al pezzo mezzi di accesso permanente alla macchina

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

6 / 13

Check-list di SICUREZZA dei TRAPANI


MARCA: MODELLO: LABORATORIO: DATA INDAGINE: PERSONA / E COINVOLTE CHE EFFETTUANO LINDAGINE: ___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________ ___________________________________________________________________ _________________________

REQUISITO DI SICUREZZA E/O MISURA DI PROTEZIONE

ESITO VERIFICA PERICOLI DI NATURA MECCANICA POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

VERIFICA

NOTE

Zone di lavoro L'accesso ai pericoli di natura meccanica, derivanti dal mandrino/da attrezzi in rotazione dei trapani manuali, deve essere impedito mediante ripari fissi o diante regolabili oppure ripari mobili interbloccati. Laddove i ripari non sono applicabili, essi possono essere sostituiti da dispositivi di protezione Ripari Il(i) riparo(i) deve(devono) schermare il naso del mandrino, il portamandrino/ portattrezzo e l'attrezzo da taglio per impedire l'accesso almeno dalla parte frontale e da entrambi i lati quando il mandrino/la punta nella pos posizione normale di riposo Dispositivi di protezione Per alcuni tipi di macchine (per esempio i trapani radiali) in cui le applicazioni ragionevolmente prevedibili possono impedire l'impiego dei ripari, devono ente essere installati i dispositivi di protezione (per esempio un dispositivo sensibile telescopico associato ad un impianto frenante) Tali dispositivi di protezione devono essere posti a non pi di 150 mm dal i diametro esterno di ogni mandrino della macchina e nel primo quadrante di

Esame visivo

Esame visivo

Mediante esame visivo, prova pratica

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

7 / 13

rotazione del mandrino rispetto alla posizione normale dell'operatore.

Frenatura del mandrino La prestazione d'arresto degli impianti frenanti del mandrino associati ad un dispositivo sensibile deve avere la seguente capacit minima: giri/min del mandrino (n) numero di giri max. per l'arresto numero di giri max. giri/min del mandrino per l'arresto (n)

Misurazione

n 250 250 < n 1000 1000 < n 1500 n > 1500

1 2 3 4
Esame visivo

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Bloccaggio del pezzo Per tutti i trapani manuali il fabbricante deve integrare dei dispositivi che fissano con la massima sicurezza il pezzo alla tavola di lavoro (per esempio mediante fori, fessure a T, fori di montaggio) Protezioni primarie Le zone di lavoro dei trapani automatici devono essere protette. Le misure di protezione devono essere progettate per impedire l'accesso a situazioni pericolose.

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) CHECK-LIST TRAPANI

Esame visivo

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

8 / 13

Generalit La zona di lavoro deve essere schermata, dove possibile, per mezzo di ripari fissi e/o mobili interbloccati durante le operazioni di lavorazione. Nei casi in ioni cui la schermatura non fattibile (per esempio a causa della dimensione del pezzo, della sua geometria, di altre caratteristiche speciali della macchina o della sua applicazione), devono essere protetti gli operatori e le altre persone esposte mediante la combinazione di altri mezzi [per esempio la posizione operatore protetta (cabina), protezione perimetrale, altri dispositivi di protezione] Schermatura Dove ragionevolmente fattibile le protezioni della zona di lavoro devono essere fissate alla struttura della macchina

Esame visivo, valutazione

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Esame visivo, esame dei disegni

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Zone di lavoro multiple Nei casi in cui c' pi di una zona di lavoro su una singola macchina, le protezioni (per esempio i ripari fissi e mobili interbloccati) devono proteggere l'(gli) operatore(i) dai pericoli della zona di lavoro attiva adiacente ricoli (per esempio durante il carico/scarico dei pezzi in una zona di lavoro non attiva, operazioni di pulizia). Il movimento non autorizzato della macchina in una zona di lavoro adiacente non attiva deve essere impedito utilizzando un dispositivo di limitazione (per ito esempio arresti meccanici, limitatori, raggi ottici) Altezza e posizione Dove i ripari sono montati a pavimento (per esempio la recinzione perimetrale), essi devono essere fissati fermamente ed avere un'altezza minima di 1,4 m. Qualsiasi apertura tra la parte inferiore del riparo e il pavimento non deve essere maggiore di 300 mm Contenimento I ripari devono essere progettati per contenere e/o impedire l'esposizione a sfridi/trucioli, fluidi e parti che possono essere scaricati o eiettati. Osservazione Dove occorre l'osservazione di routine del funzionamento della macchina devono essere previsti i mezzi (per esempio finestrelle) per poterla eseguire senza dover aprire, rimuovere o interrompere il riparo della zona di lav lavoro o altro/i dispositivo/i di protezione.

Esame visivo, prova funzionale per garantire la conformit e la corrispondenza ai disegni/alle specifiche

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

CARATTERISTICHE DEI RIPARI


Misurazioni per assicurare la conformit alla EN 294

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Controllo pratico

Esame visivo

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

9 / 13

INTERBLOCCO
Tutti i ripari mobili attraverso i quali richiesto un accesso frequente alla zona di lavoro devono essere protetti da un dispositivo di interblocco. avoro L'apertura di un riparo o l'azionamento di un dispositivo di protezione deve causare l'arresto dei movimenti pericolosi. Modalit di funzionamento La selezione di una modalit di funzionamento (manuale, semiautomatica, altro) deve svolgersi per mezzo di un interruttore a chiave, di un codice di accesso o mediante mezzi ugualmente sicuri e deve essere permessa zi soltanto dall'esterno della zona di lavoro. La selezione di una modalit non deve originare situazioni pericolose. Movimenti assiali ad una velocit massima di 2 m/min oppure con un incremento massimo di 10 mm/s. Questi movimenti devono essere selezionati per un asse alla volta e i possono essere iniziati e mantenuti mediante uno dei seguenti mezzi: - dispositivo di comando ad azione mantenuta; - un volante elettronico; -immissione manuale dei dati (MDI) seguito dall'avviamento del ciclo insieme ad un dispositivo di consenso. La velocit del mandrino deve essere limitata dalla frenatura d'arresto che non deve superare 2 giri. La rotazione del mandrino deve essere iniziata e mantenuta soltanto mediante uno dei seguenti mezzi: - dispositivo di comando ad azione mantenuta; - dispositivo di comando di avviamento del mandrino insieme ad un dispositivo di consenso. Il rilascio di un dispositivo di consenso deve iniziare un arresto della macchina. Si devono prevedere i mezzi per impedire il movimento pericoloso degli assi verticali o inclinati per effetto della gravit. Controllo pratico Esame visivo, controllo pratico

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Esame visivo, controllo pratico

Misurazione

Controllo pratico

Misurazione

Controllo pratico

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

10 / 13

Rilascio di persone intrappolate Devono essere forniti i mezzi per il movimento degli assi della macchina per scopi d'emergenza (per esempio il rilascio di persone intrappolate). Tali mezzi sono per esempio: a) Con l'alimentazione disinserita: - valvole di scarico azionate manualmente per depressurizzare i sistemi sotto pressione; - rilascio manuale dei freni azionati, purch esista il bilanciamento dei pesi. b) Con l'alimentazione inserita: - comandi manuali di valvole/azionamenti pilotati; - dispositivi di comando per avviare i movimenti contrari. Raccolta e rimozione di sfridi/trucioli (1) L'accesso alle parti mobili pericolose dei sistemi di raccolta e rimozione di sfridi/trucioli deve essere impedito per mezzo di ripari fissi. Nei casi in cui gli operatori necessitano di accedere pi frequentemente devono essere installati dei ripari mobili interbloccati. Raccolta e rimozione di sfridi/trucioli (2) L'apertura di un riparo mobile interbloccato, che consente di accedere alle parti mobili pericolose del sistema degli sfridi/trucioli, deve far arrestare il movimento e mantenerlo inibito. Raccolta e rimozione di sfridi/trucioli (3) Se il movimento del sistema degli sfridi/trucioli con un riparo interbloccato essenziale (per esempio per la pulizia) il movimento deve essere permesso soltanto sotto il controllo di un comando ad azione mantenuta con un to dispositivo d'arresto d'emergenza adiacente. Un segnale di avvertenza deve indicare l'area pericolosa del sistema di raccolta degli sfridi/trucioli. Meccanismi di trasmissione (1) L'accesso alle parti pericolose della trasmissione (per esempio cinture, catene,ingranaggi, pulegge, alberi) deve essere impedito mediante ripari fissi, tuttavia devono essere installati dei ripari mobili interbloccati nei casi in cui gli operatori necessitano di accedervi frequentemente. Meccanismi di trasmissione (2) L'apertura di un riparo mobile interbloccato, che espone parti in movimento della trasmissione, deve arrestarne il movimento e mantenerle inibite. Meccanismi di trasmissione (3) Dove possibile raggiungere le parti pericolose in movimento prima che si ove fermino, deve essere applicato il bloccaggio del riparo per impedire l'apertura del riparo finch il movimento pericoloso cessato. Lo sbloccaggio ro ritardato deve essere ottenuto con un rilevatore di movimento o con un

Esame visivo, verifica in base agli schemi dei circuiti, controllo pratico

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Esame visivo, controllo pratico

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) CHECK-LIST TRAPANI

Esame degli schemi dei circuiti, controllo pratico

Esame degli schemi dei circuiti, controllo pratico

Esame visivo

Esame visivo

Esame visivo

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

11 / 13

temporizzatore. Contatto diretto Devono essere forniti i mezzi per isolare la macchina dalle sorgenti di energia elettrica. In particolare tutte le parti in tensione devono essere protette contro il contatto diretto. Fluidi, nebbie, fumi e polvere (1) Nei casi in cui prevista la generazione di nebbie fini, vapori o fumo nella zona di lavoro devono essere forniti i mezzi di contenimento per impedirne la fuga e per l'aggiunta di dispositivi di estrazione incorporati oppure esterni. a Il sistema deve impedire versamenti, perdite e traboccamenti del fluido per la lavorazione dei metalli. Fluidi, nebbie, fumi e polvere (2) I serbatoi dei fluidi e altri componenti del sistema (per esempio tubazioni e tubi flessibili) devono essere realizzati in materiali che garantiscono l'integrit del sistema e devono essere fornite le informazioni sull'uso dei fluidi per la lavorazione dei metalli. Fluidi, nebbie, fumi e polvere (3) Dove previsto che gli operatori debbano introdurre necessariamente le mani nella zona di lavoro (per esempio durante le operazioni di carico/scarico, durante la messa a punto), il fluido per la lavorazione dei metalli deve essere arrestato automaticamente o deviato.
Nota: Si possono fornire i mezzi per attivare manualmente l'alimentazione di fluido per la lavorazione dei metalli a scopo di regolazione con il riparo aperto.

Esame visivo

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Esame visivo, esame dei disegni meccanici, controllo pratico

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Esame visivo, esame dei disegni meccanici, controllo pratico

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Esame visivo, esame dei disegni meccanici, controllo pratico

Posture insalubri o sforzi eccessivi (sollecitazioni ripetute) Le macchine devono essere progettate in conformit ai principi ergonomici al fine di evitare sforzi eccessivi, posture insalubri o movimenti faticosi durante l'uso e in particolare: - pezzi, attrezzi ed accessori devono essere rimossi facilmente. Le attrezzature di sollevamento possono essere necessarie per le parti che ecessarie pesano pi di 10 kg. - Nei casi in cui sono richiesti attrezzature di movimentazione, paranchi o dispositivi di sollevamento devono essere adottate le disposizioni per la relativa installazione e funzionamento (per esempio rendendo accessibile la do zona di lavoro attraverso la parte superiore della macchina quando i ripari sono aperti). - Nei casi in cui le parti sono caricate manualmente, i dispositivi di fissaggio, gli attrezzi da tasca o i portautensili devono essere posizionati in modo da impedire

Prova pratica per verificare che i pesi, le distanze e i requisiti di postura non siano eccessivi e che siano conformi alle norme di riferimento

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

12 / 13

l'avvicinamento eccessivo alla macchina. - I dispositivi di comando per azionare i dispositivi di serraggio o di bloccaggio, come per esempio le barre di trazione o i mandrini, devono essere posizionati in modo da impedire l'avvicinamento eccessivo mentre si to sostiene il peso dell'attrezzo o del pezzo. - I ripari mobili devono essere dotati di azionamento quando l'uso pu provocare sforzi eccessivi ripetuti. Inadeguata illuminazione locale L'illuminazione all'interno della zona di lavoro deve avere un minimo di 500 lux, misurati a livello della punta dell'attrezzo con il riparo mobile interbloccato aperto. Guasto/malfunzionamento del sistema di comando I movimenti inattesi della macchina (per esempio rotazione del mandrino, movimento assiale, rilascio dell'attrezzo dal mandrino) devono essere impediti. Ripristino dell'erogazione di energia dopo un'interruzione La progettazione del sistema di comando deve garantire che il riavvio automatico sia impedito e che l'azionamento ripetuto del comando di e avviamento sia sempre richiesto per iniziare un movimento seguente, per esempio, un cambio di modalit, la selezione di una funzione opzionale, il riarmo del sistema, l'interruzione dell'interblocco del riparo, il ripristino della pristino pressione o della tensione adeguate oppure la correzione di un'anomalia del sistema. Guasti nell'alimentazione di energia (1) I sistemi devono essere progettati in modo che l'interruzione di una linea in e un circuito qualsiasi (per esempio un filo, una tubazione o un tubo flessibile rotto) non provochi la perdita della funzione di sicurezza. Guasti nell'alimentazione di energia (2) L'interruzione o il guasto di una qualsiasi alimentazione di energia non zione devono provocare un pericolo. La pressione o la tensione inadeguate devono essere rilevate e il ciclo della macchina deve essere interrotto o inibito. Funzioni di sicurezza dei sistemi di comando Ogni macchina deve essere dotata di uno o pi dispositivi di comando darresto d'emergenza.

Misurazione, esame visivo

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare) POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Prove pratiche

Esame degli schemi dei circuiti, controllo pratico

Esame degli schemi dei circuiti, controllo pratico

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Esame degli schemi dei circuiti, controllo pratico

Esame visivo, esame degli schemi dei circuiti

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

CHECK-LIST TRAPANI

SCHEDA DI SICUREZZA TRAPANI LABORATORI GIORGI TREVISO A.S. 2011/2012

13 / 13

Contenimento di materiali e fluidi lavorati I ripari devono essere installati per limitare o contenere la prevedibile vono eiezione di materiali lavorati e fluidi per la lavorazione dei metalli. Essi possono essere realizzati sotto forma di ripari regolabili deflettenti, fissati al portamandrino per dirigere i materiali lavorati/fluidi per la lavorazione dei riali metalli verso l'area di raccolta oppure per mezzo di un riparo fisso che copre l'intera area di eiezione. Perdita di stabilit, ribaltamento della macchina Le macchine devono essere progettate e costruite in modo da essere stabili nelle condizioni di funzionamento prevedibili e non devono comportare il rischio di ribaltamento, caduta o movimenti inattesi. Quando l'uso della base imbullonata una delle misure adottate per impedire il ribaltamento, essa non deve essere rimossa. Requisiti generali I luoghi di lavoro e i mezzi d'accesso alle macchine (come scale a pioli, piattaforme e passerelle integrate) devono ridurre al minimo la probabilit di scivolamenti, inciampi e cadute per mezzo dell'installazione di maniglie di enti, tenuta, protezioni dei piedi e, dove necessario, superfici antisdrucciolo. Le avvertenze relative ai pericoli e alle precauzioni devono essere indicate nelle "Istruzioni per l'uso".

Esame visivo, controllo pratico

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Mediante osservazione e, dove necessario, misurazione durante il normale funzionamento

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

Esame visivo

POSITIVO NEGATIVO ALTRO (specificare)

CHECK-LIST TRAPANI