Sei sulla pagina 1di 7

Lamore nellarte:

Il Bacio
Klimt Hayez Rodin

Il Bacio di Klimt
Il bacio di Gustav Klimt un po la summa dellepoca doro della sua pittura e dellepoca doro di Vienna capitale culturale del mondo di quel tempo. Il bacio un dipinto ad olio su tela di cm 180 x 180 realizzato nel 1907-08 , custodito nel Museo del Belvedere di Vienna, ispirato allo stile Liberty, con decorazioni e mosaici in color oro sullo sfondo. Il bacio rappresenta lapice del "periodo d'oro" di Gustav Klimt, influenzato anche dai suoi viaggi a Ravenna, citt che lo ha notevolmente impressionato per i suoi mosaici dorati. Il bacio rappresenta una sintesi dellarte e del mondo culturale di Gustav Klimt. E presente lamore per la preziosit, loro, che avvolge i personaggi, le linee dei volti, lincarnato pallido della donna. La faccia e le braccia dei personaggi emergono dal resto del quadro, formato da tinte piatte e volumi geometrici accostati. La faccia della donna racchiusa fra le mani delluomo, il quale ha il braccio della donna sul collo. Klimt ha vestito i suoi personaggi con una lunga tunica, che permette di avvolgerli in una intimit unitaria che lascia scoperti solo le braccia, la faccia ed il ginocchio della donna dando limpressione della nudit e semplicit della passione.

Il Bacio di Klimt (2)


I sentimenti sono nello stesso tempo autentici ed individuali ma corrispondenti ai ruoli: il senso di totale abbandono e dedizione della donna piegata, nei confronti dell'uomo, rappresentato proteso in avanti, in atteggiamento di forza protettiva e tenerezza nei confronti di chi si abbandona totalmente a lui. In realt non si tratta di un vero e proprio Bacio passionale tuttavia c tutto il sentimento che Il Bacio esprime nellunione tra Uomo e Donna. Il Bacio infatti forse latto damore di pi profonda intimit tra gli amanti. Il Bacio unopera completa e dopo averla creata Klimt attraverser una crisi esistenziale ed artistica: la stessa crisi che affronter limpero austriaco e la citt di Vienna.

Il Bacio di Hayez
In questo quadro, l'autore riunisce le principali caratteristiche del romanticismo storico italiano, ovvero un'assoluta attenzione verso i concetti di naturalezza e sentimento puro (l'amore individuale verso gli ideali risorgimentali). Ci che colpisce immediatamente l'osservatore l'enorme sensualit che scaturisce dall'abbraccio dei due amanti. Questo legame tanto forte che riesce ad annullare ogni contrasto, come quello del freddo celeste della veste della donna e del colore caldo dell'abito dell'uomo (il quale ha le gambe posizionate in modo tale da assecondare linclinazione del corpo femminile). L'uomo, mentre bacia la sua amata, appoggia la gamba sul gradino: Hayez comunica, con questo particolare, l'impressione che egli se ne stia andando, e d pi enfasi al bacio. La scelta dell'artista di celare i volti dei giovani conferisce importanza all'azione e le ombre che si possono scorgere dietro al muro, nella parte sinistra del quadro, indicano un eventuale pericolo. per da non dimenticare il reale significato storico dell'opera, infatti Hayez attraverso i colori (il bianco della veste, il rosso della calzamaglia, il verde del cappello e del risvolto del mantello e infine l'azzurro dell'abito della

Il Bacio di Hayez (2)


donna) vuole rappresentare l'alleanza avvenuta tra l'Italia e la Francia (accordi di Plombires).
Bisogna ricordare che questo quadro venne presentato all'Esposizione di Brera del 1859, a soli tre mesi dall'ingresso di Vittorio Emanuele II e Napoleone III a Milano. L'intera scena, a giudicare dagli abiti e dall'architettura, si svolge in un'ambientazione medioevale, ma in realt del tutto immersa nel presente a causa del significato e del soggetto iconografico (il bacio) del tutto nuovo. Inoltre quest'opera non solo esprime il concetto sentimentale, ma crea al suo interno un vero e proprio spazio intimo di coinvolgimento emotivo dell'osservatore; la presenza di mistero legata alla figura in penombra dell'androne non appare primaria alla visione globale, in quanto l'osservatore viene catturato dall'intensit degli amanti che sono posizionati sull'asse di simmetria. Curiosit: Federico Seneca, direttore artistico della Perugina negli anni 20, che rielaborando l'immagine del quadro di Francesco Hayez Il bacio, cre la tipica scatola blu con l'immagine di due innamorati dei Baci Perugina.

Il Bacio di Rodin
Commissionata dal governo francese a Rodin nel 1888, per l'Esposizione Universale del 1889, venne invece esibita al pubblico a lSalon del Louvre nel 1898. Esistono circa trecento copie di questo gruppo scultoreo anche in bronzo e di diverse misure. Il bacio (Le Baiser) un gruppo scultoreo di Auguste Rodin, conservata al Muse Rodin di Parigi. Inizialmente intitolata Francesca da Rimini, l'opera raffigura l'unione tra Paolo e Francesca, narrata nel V Canto della Divina Commedia di Dante (uccisi dal marito di Francesca che li ha sorpresi mentre si scambiavano il loro primo bacio, i due amanti sono stati condannati a vagare in eterno attraverso l'Inferno), per questo doveva essere inserita nel battente sinistro della porta dell'inferno. Rodin decide poi di non inserirla perch la tematica della passione cos rappresentata si integrava poco con la drammaticit della Porta e perch quest'opera ha una propria indipendenza che mal si integra con le altre figure del battente. Secondo alcuni, la giovane studentessa di disegno Camille Claudel, divenuta poi amante di Rodin, stata ritratta nella figura di Francesca , e nel "Bacio riconoscono anche lo stesso Auguste , anche perch le figure, pur nello slancio dell'abbraccio, appaiono ben distinte e separate. L'uomo appare pi distaccato, freddo, con la posizione rigida del corpo da lui assunta, mentre la donna completamente abbandonata, in estasi, complice nel gioco folle della passione. Nelle coppie rappresentate dalla Claudel (anchella scultrice), invece le figure tendono a fondersi l'una nell'altra. Questo confronto tra le opere dei due anche un paragone tra le loro personalit: Camille cercava un amore assoluto, esclusivo, mentre Rodin non poteva darglielo, restando quindi pi autonomo, meno legato.

Il Bacio di Rodin
(2)
La rottura definitiva tra i due avvenne nel 1898. Dopo un fecondo periodo di ritrovata autonomia, Rodin sprofond nel dolore pi cieco e profondo, fino ad impazzire completamente. Camille, oltre ad essere musa, modella, amante , madre di suo figlio e fattore determinante negli umori e nell'equilibrio dell'artista, ne fu fattiva collaboratrice, realizzando per lui moltissimi studi di mani e piedi, utilizzati principalmente per I borghesi di Calais tra il 1885 e il 1895. L'amore e la lussuria e la sensualit. Due corpi che si fondono nell'abbraccio. Due anime perse in un tenero bacio. "Il Bacio" di Auguste Rodin, un opera epocale del pi importante scultore del secondo Ottocento, dove i corpi nudi dei due amanti sono avvinti in un vortice centrifugo di pulsioni, con la luce che serpeggia mobile sulla loro superficie animando un gioco di forti contrasti con le zone in ombra. E' lo stesso Rodin ad affermare che "il corpo un calco su cui si imprimono le passioni": l'intero corpo, o parte di esso, ad esprimere e rendere intensamente esplicite le sensazioni attraverso contrazioni, torsioni corporali.