Sei sulla pagina 1di 3

Cuba

I colori pastello de La Habana


DISCOVERY
Sulle vetrine delle botteghe che si incontrano dietro al
maestoso ed|fc|o de| Oap|to||o Nac|ona| c| sono ancora
band|ere s|mbo|o de||a r|vo|uz|one e man|fest| f|ocastr|-
st|. |e strade che s| aprono da qu| nascondono uno fra
| quart|er| p| autent|c| de||a c|tt, dove | tur|st| vengono
ancora guardat| con occh| cur|os| e sorpres|. E |a c|tt e
|`Avana, ovvero San Or|stoba| de |a Habana, |a cap|ta|e
d| Ouba, |a p| grande de| Oara|b|.
LAvana - annota lo scrittore e traduttore Gordiano
|up| - la citt delle colonne e dei colori pastello, ocra,
blu, seppia, beige, verde oliva, ma anche citt fatta
per sfruttare lombra, bene prezioso a queste latitudi-
||. |'/.a|a, c|||a cos||0||a da| co|o|| s0||e ||.e de| /0me
Almendares, si espande tra colonnati e porticati verso
un centro sempre pi distante dal vecchio porto, lungo
strade piene di chiasso e fermento, tra ambulanti e com-
mercianti invadenti, carretti di frutta, carne, tamarindo,
granite e gelati.
Per conoscere LAvana
e |o sp|r|to cubano b|sogna v|s|tare un mercato vero,
dove c| sono | vend|tor| d| guarrapo (bevanda energet|-
ca r|cavata da||a canna da zucchero}, g|| ambu|ant| che
smerc|ano frutta racco|ta |n campagna, g|| str|||on| che
t| fanno avv|c|nare a| banco d| carne e pesce, |e per-
sone che t| ch|edono d| comprare un cartocc|o d| man|
(nocc|o||ne trop|ca||}. |o str|||o de| vend|tore ambu|ante e
stato |mmorta|ato da vecch|e canzon| come E| man|cero,
annunc|o voca|e che mette |n guard|a, spesso accompa-
gnato da strument| mus|ca||, a vo|te basta |a voce. S| puo
certo dare uno sguardo al mercato che viene allestito
d|etro P|aza de |a Oatedra|, ma e quas| tota|mente per
tur|st| e c| s| comprano oggett| che s| trovano |n ogn| par-
te de| mondo. |a v|ta de| cuban| s| svo|ge per |a magg|or
parte de| tempo su||a strada. Nessuna |n|b|z|one frena |
p| g|ovan|, che su| marc|ap|ed| de||a cap|ta|e ostentano
uno st||e d| v|ta d|s|nvo|to ed emanc|pato. O`e |a sensa-
z|one che s| v|va con |eggerezza, senza tropp| affann|,
con |a gente che g|orno dopo g|orno |nventa v|e d`usc|ta
per un`es|stenza |ncerta.
|A HABANA vlEJA
Da dove part|re per cercare d| cog||ere queste sensaz|o-
n|? Natura|mente da |a Habana v|eja, || centro stor|co,
un tr|pud|o d| st||| arch|tetton|c| fra neoc|ass|co e baroc-
co. Da un |ato c`e Oa||e Ob|spo, |a strada tur|st|ca che va
da| vecch|o r|fug|o d| Ernest Hem|ngway, || |oca|e E| F|or|-
da, fno a P|aza Armas, una p|azza de| vl seco|o. Oa||e
Ob|spo, r|gorosamente pedona|e, e |a strada p| affo||ata
de||a c|tt; e frequentata |n qua|s|as| ora de| g|orno e de||a
notte, p|ena d| vetr|ne, negoz|, ga||er|e d`arte caffetter|e,
bar an|mat| da mus|ca da| v|vo. v| s| affacc|ano pa|azz|
d| grande fasc|no, da||a sede de| M|n|stero de||e fnanze,
neg|| ann| Trenta || centro fnanz|ar|o de||a c|tt; a| Pa|azzo
de| Oap|tan| Genera||, vecch|o ed|fc|o co|on|a|e che mo-
stra una targa ded|cata a G|useppe Gar|ba|d|.
S| d|ceva d| P|aza de Armas: e |a p|azza p| ant|ca de||a
c|tt, dove affondano |e rad|c| de| nuc|eo or|g|na-
|e de||`Avana; e || |uogo |n cu| ne| seco||
g|| st||| deg|| ed|fc| sono v|a v|a
mutat|. S| puo par-
tire dal
cent r o de||a p|az-
za, dove s| trova || parco Oespedes, buon punto da cu|
avv|ars| per |`esp|oraz|one de| quart|ere, ma anche |dea|e
per r|tag||ars| un momento d| re|ax, a||`ombra de||e |mpo-
nent| pa|me o de||e be||e buganv|||ee che qu| donano una
p|acevo|e frescura.
Po| non s| puo trascurare |a Oattedra|e, ded|cata a||a ver-
g|ne Mar|a de||`lmmaco|ata Ooncez|one o, anche, a San
Or|stoforo,ne||a p|azza omon|ma, a due pass| da Oa||e
Ob|spo. |a caratter|st|ca che sa|ta sub|to a||`occh|o os-
servando |a facc|ata e |a sua ch|ara as|mmetr|a: |a tor-
re su||a destra e |nfatt| mo|to p| |arga de||`a|tra. Non e
questo, tuttav|a, |`un|co mot|vo per cu| va|e |a pena d|
v|s|tar|a; s| tratta |nfatt| d| un |mponente esemp|o d| arte
barocca. vo|uta da| gesu|t| ne| 1748, fu u|t|mata so|o 40
ann| dopo, avendo come |sp|raz|one |e opere de||`arch|-
CUBA
25
travel
26
travel
DISCOVERY
tetto |ta||ano Francesco Borrom|n|. |a notte aumenta |a
suggestione: la chiesa diventa laffascinante scenario del-
|e att|v|t che s| svo|gono ne||a p|azza ant|stante, punto d|
|ncontro d| tur|st| e ab|tant| de||`Avana, con un sottofondo
cont|nuo d| mus|ca cubana e r|sate. D`a|tra parte un a|tro
ango|o coo| de||a cap|ta|e d| Ouba e d| certo |a Bodegu|-
ta de| Med|o, appunto d|etro a||a Oattedra|e. n |oca|e
noto |n tutto || mondo, con |a targa d| Hem|ngway, | mur|
r|copert| d| scr|tte, mus|ca da| v|vo e f|e |nterm|nab||| d|
persone che vog||ono sorsegg|are moj|to. |a troppa fama,
pero, |o sta appesantendo. Attorno s| possono trovare
a|tr| |oca|| dove s| resp|ra ancora |a vera ar|a habanera.
OENTRO AvANA
E |a zona che s| trova tra Avana veja e vedado, quart|ere
popo|are p|uttosto fat|scente ma a|trettanto affasc|nante,
cuore pu|sante de||a c|tt. va|e |a pena avventurars| |n
queste v|uzze strette, p|ene d| buche, carrette, mus|ca e
can|, meg||o d| g|orno pero, a||a scoperta de| co|orat|ss|m|
e fantas|os| mura|es che tappezzano |e mura d|roccate d|
questa zona. S| puo po| r|percorrere |nd|etro Oa||e Ob|spo,
o sceg||ere |a p| amp|a strada O`Re|||y fno a a||`Aven|da
de |as M|s|ones e a| Paseo de Mart|; s| arr|va cos| a| Oap|-
to||o Nac|ona|. E uno fra g|| ed|fc| monumenta|| p| famos|
e |mportant| de||`Avana. vo|uto da| governo f|o statun|-
tense d| Gerardo Machado, e stato |a sede de| governo
fno a| 1959, anno de||a R|vo|uz|one Oubana. Da a||ora,
|| Oap|to||o Nac|ona| osp|ta |`Accadem|a Oubana de||e
Sc|enze. |`|ntero ed|fc|o e maestoso e |mponente, con
cort||| |ntern| ed enorm| sa|e a||e qua|| s| accede da magn|-
fc| porta|| (spettaco|are que||o d| |ngresso, |n bronzo, con
|e raffguraz|on| de||a stor|a cubana}. A||`|nterno s| trova |a
Statua de||a Repubb||ca, rappresentata da una donna: e
a|ta 17 metr| e pesa 49 tonne||ate. A| d| | de||a p|azza,
sotto g|| a|ber|, s| trovano p|cco|e botteghe che vendono
grand| confez|on| d| caffe, fra | m|g||or| de| mondo. Da non
perdere, po|, Ma|econ, || |ungomare de||`Avana. Oonv|ene
farc| un g|ro a| tramonto (|n p|eno g|orno s| r|sch|a d| arro-
st|re a| so|e}: |n questo momento de||a g|ornata, quando
|| mare dec|de d| offr|re | suo| frutt|, troverete f|e d| pesca-
tor| |ntent| ne||a cattura d| pesc| da||e d|mens|on| enorm|,
tra | qua|| | pesce spada, che una vo|ta pescat| vengono
CUBA
27
travel
espost| |n be||a mostra. E | co|or| de| pa|azz| co|on|a|| che
sembrano su| punto d| cro||are e che |entamente || gover-
no sta cercando di restaurare.
vEDADO
E || quart|ere p| moderno de||a c|tt, |n rea|t fortemen-
te |n contrasto con |e zone precedent|. va|e |n ogn| caso
vedere |a Rampa, |a strada che conduce fno a| Ma|econ
attraversando |`|ntero quart|ere. v| sorgono ed|fc| d| no-
tevo|e |mportanza come |`Hote| Habana ||bre |n cu|, a|
temp| de||a r|vo|uz|one, F|de| e || Ohe |nsta||arono || |oro
quart|er genera|e. Degno d| nota e anche |`Hote| Nac|ona|
de Ouba, appena fuor| da||a Rampa, rea||zzato ne| 1930
per osp|tare | tur|st| amer|can|. Ma c`e anche Ooppe|||a, |a
ge|ater|a p| grande e popo|are de||a c|tt. Po| P|aza de
|a Revo|uc|on, enorme d|stesa d| asfa|to che m|sura fno
ad un ch||ometro d| |unghezza; e || cuore po||t|co d| Ouba.
Ou|, |nfatt|, ogn| 1 Magg|o s| ce|ebra |a festa de| |avora-
tor| p| partec|pata de| mondo. lntorno a essa vennero
costru|t| | pr|m| grand| ed|fc| modern| a part|re dag|| ann|
O|nquanta. v| s| trova || monumento rea||zzato |n memor|a
d| Ernesto Ohe Guevara. S| tratta d| una sagoma |n acc|a-
|o posta su||a facc|ata de||`ed|fc|o che osp|ta || M|n|stero
de||`lnterno.
|`Avana, non c`e b|sogno d| d|r|o, e mo|to d| p|. E fatta
d| cocotax|, que| buff mezz| a tre ruote || cu| des|gn r|cor-
da una noce d| cocco, d|spost| ad accog||ere a| mass|mo
due passegger|; e d| semp||c| p|att| d| 'congr|` (r|so e fag|o-
||}, che accompagnano |a carne d| po||o, | gamberett| o ||
pesce spada. Ma non s| possono d|ment|care due 'must`
d| Ouba: || rum (o|tre a que||| |mportant| ne| mondo, vanno
assagg|at| |a Oaney, || Sant|ago Anejo e || Pat|cruzado} e |
sigari. RlPRODZlONE RlSERvATA
VisitacisuPressTours.it
EXPLORACafSolClubPelicano
Cayo Largo
EXPLORACafTurquesaBungalows
Varadero
EXPLORAParadiseGiardinidellaRegina
Giardini della Regina
EXPLORACafCayoLevisaEcoResort
Cayo Levisa
EXPLORACaf
V
aradero
EXPLORACafPalacioOFarril
A
vana
A
vana
EXPLORACafPalacioSanMiguel
A
vana
Cuba Cuba
EXPLORAResortPlayaPesquero
P
laya P
esquero
CUBA
29
travel
Z
O
O
M
I sigari sono un simbolo di Cuba. Le foglie del mi-
glior tabacco del mondo si raccolgono nelle verdi
vegas di Vuelta Abajo dove sorge lo stabilimento
di Ricardo Donatien a Pinar del Ro, un ex prigione
adibita dopo la rivoluzione a fabbrica, nella quale
ancor oggi le foglie di tabacco sono trattate e arro-
tolate a mano. Da l escono i puros, gli Avana cari
a Marx come a Churchill, ad Al Capone come a
Orson Welles, a Hemingway come a Juan di Bor-
bone. Vuelta Abajo unarea relativamente picco-
la (di circa 32.000 ettari), situata allestremo ovest
dellisola che, grazie le sue particolarit meteorolo-
giche nonch per il suo unico terroir (un po come
avviene in Francia per lo champagne), permette la
produzione del miglior tabacco del mondo.
Nel 1810 venne registrato il primo marchio di siga-
ro della Real Fbrica de Tabaccos, da allora sono
comoa|se |0me|ose a|||e ma|c|e, /|o ad a|||.a-
re a 39 fabbriche distinte; alcune marche: Bolivar,
H.Upmann, Ramon Allones, Romeo y Julieta. Di
questultima se ne possono trovare confezioni da
25 pezzi a 80 dollari nelle Tienda di turismo; in Italia
costano almeno il doppio. Oggi sostanzialmente
funzionano solo quattro fabbriche (tutte allAvana)
producono il 90 per cento di sigari cubani: la Fran-
cisco Perez German, situata in pieno centro, che
produce da sempre i Partags e oggi anche Boli-
var, Ramon Allones e La Gloria Cubana; la fabbrica
La Corona, che produce da sempre Montecristo
ed H. Upmann e attualmente anche Diplomaticos,
Hoyo de Monterrey, Punch, Vegas Robaina, Por
Larraaga e San Cristobal de la Habana; la Briones
Montoto, che produce Romeo y Julieta, Cuaba,
Juan Lopez, Sancho Panza e El Rey del Mundo;
||/|e |a /aoo||ca E| |a0||o, s||0a|a a||a oe||/e||a de
LAvana nel quartiere Vedado, che produce Cohi-
ba e Trinidad. I sigari sono composti di tre strati.
La prima foglia, la pi interna, chiamata tripa d la
forma al sigaro, la seconda la hoja de fortaleza o
capote lo mantiene integro mentre la terza, capa
detta anche de combustin garantisce la combu-
stione del sigaro. E si chiamano puros perch tut-
te le foglie provengono dallo stesso paese, Cuba
appunto. Un consiglio: per portare sigari in Italia
meglio non metterli nel bagaglio a mano perch
verrebbero subito sequestrati.
Puros, simbolo di Cuba