Sei sulla pagina 1di 216
mx-24s.1.I.indd 1 01.07.2008 12:47:04

mx-24s.1.I.indd

1

mx-24s.1.I.indd 1 01.07.2008 12:47:04

01.07.2008

12:47:04

Contenuti

Note Generali

Note di Sicurezza Prefazione Sistema computerizzato mx-24s Note Operative Presa DSC Descrizione del Radiocomando Descrizione del display Primo utilizzo del radiocomando Note preliminari Selezione della lingua Scanner Selezione del canale di trasmissione Ricevente Note applicative Definizioni e Terminologia Diagramma di Flusso segnale Operazioni di base Pulsanti Controllo rotativo Tasti Rapidi Impostazioni menù Assegnare controlli tx, interruttori ed interrutori di controllo Trim digitali Aeromodelli Sequenza prese ricevente Elicotteri Sequenza prese ricevente

4

7

8

12

18

20

22

23

23

23

24

25

26

27

28

29

30

30

30

30

31

32

34

36

37

42

43

Breve guida alla programmazione

Istruzioni di programmazione rapida

44

Programma - Descrizione

Impostare un nuovo modello

58

2

Contenuti

mx-24s.1.I.indd

2
2

Descrizione programmazione dettagliata

mx-24s.1.I.indd 2 Descrizione programmazione dettagliata Memorie Pag. Pag. Scelta Modello Copia / Cancella
Memorie

Memorie

Pag.

Pag.

Scelta Modello Copia / Cancella Annulla codici Annulla modelli

59

59

60

60

62

62

62

62

Impostazioni basiche Trasmittente, Modello, Servi

Impostazioni basiche Trasmittente, Modello, Servi

Impostazioni base modello Tipo modello Tipo elicottero Configurazione servi

64

66

70

72

74

74

Controlli Trasmittente

Controlli Trasmittente

Configurazione stick Configurazione canali Limite Gas Dual Rate/Expo Curva canale 1

76

77

78

80

82

86

88

90

92

Interruttori

Interruttori

Posizione interruttori Commutatore Canali Interruttori logico

93

93

94

94

97

97

Fasi di volo

Fasi di volo

Come programmare una fase? Impostazione fasi Assegnazione fasi Trimm phase F3B Canali non ritardati

98

98

100

102

104

104

105

105

105

98 100 102 104 104 105 105 105 Orologi Pag. Pag. Orologi (generale) 106 106
Orologi

Orologi

Pag.

Pag.

Orologi (generale)

106

106

Orologi fasi

108

108

Miscelazioni

Miscelazioni

Come funziona una miscelazione? Miscelazioni alari Miscelazioni elicotteri Impostare la curva motore e collettivo Auto-rotazione

110

110

110

122

129

132

Note generali sulle miscelazioni

libere

134

134

Miscelazioni libere Attivazione MIX

135

135

142

142

MIX

di un canale

142

142

MIX

incrociata

144

144

Mixer del piatto

145

Special functions

Special functions

 

Impostazioni Fail-Safe, PCM 20 Impostazioni Fail-Safe, SPCM20 Impostazioni Fail-Safe, APCM24 Istr. / allievo Asseganzione canali

146

146

148

148

149

149

150

150

153

153

Generale Funzioni

Generale Funzioni

 

Impostazioni generale Corsa servi

154

154

156

156

Test

servi

156

156

Codice segreto

157

157

servi 154 154 156 156 Test servi 156 156 Codice segreto 157 157 01.07.2008 12:47:04

01.07.2008

12:47:04

mx-24s.1.I.indd

Esempi di Programmazione Aeromodelli (generale) Aeromodelli (Alianti) Impostare un motore elettrico Stick C1 con
Esempi di Programmazione
Aeromodelli (generale)
Aeromodelli (Alianti)
Impostare un motore elettrico
Stick C1 con funzione sdoppiata:
158
160
165
Motore elettrico e butterfly
Motore elettrico ed aerofreni
Orologi operati da stick od interruttore
Servi accoppiati
Due aerofreni o Flap
Plurimotori
Elevatore comandato da due servi
Bideriva
Utilizzare le fasi di volo
Sequenze temporizzate
Ala ad otto Flap
Delta / Tuttala
Modelli F3A
Elicotteri
167
169
170
172
172
172
173
173
174
182
184
188
192
196
Appendice
Accessori Allievo Maestro
Accessori trasmittente
Frequenze assegnate
Dichiarazione di conformità
Indice
Certificato di garanzia
204
205
206
207
208
215
3

Note Normativa ambientale

Note sulla salvaguardia ambientale La presenza di questo simbolo su un pro-

dotto, sulle istruzioni o sulla confezione in- dica che non è possibile smaltirne i compo- nenti nella spazzatura casalinga. Il corretto smaltimento avviene tramite gli appositi rac- coglitori atti al riciclaggio dei componenti dell’appa- recchiatura stessa. Potete contribuire alla protezione dell’ ambiente nel quale viviamo tramite semplici ope- razioni. Le celle o batterie ricaricabili quando esauste vanno lasciate nei raccoglitori per batterie o nei centri di raccolta per le stesse. Se non ne conoscete l’ ubi- cazione chiedetela all’autorità competente per il vo- stro territorio.

l’ ubi- cazione chiedetela all’autorità competente per il vo- stro territorio. Contenuti 3 01.07.2008 12:47:05

Contenuti

3

l’ ubi- cazione chiedetela all’autorità competente per il vo- stro territorio. Contenuti 3 01.07.2008 12:47:05

01.07.2008

12:47:05

Note sulla Sicurezza

Leggere attentamente!

Per poter avere le massime soddisfazioni al vostro hobby modellistico, leggete con attenzione queste av- vertenze e seguite soprattutto i consigli per la sicu- rezza. Se siete dei principianti nel pilotaggio di modelli di ae- rei o barche oppure auto radiocomandati, dovreste assolutamente chiedere l’aiuto di un pilota esperto. Queste avvertenze sono da consegnare assoluta- mente ad un eventuale prossimo utente della trasmit- tente.

Ambito di utilizzo Questo sistema di telecomando può essere utilizzato solo per lo scopo previsto dal costruttore, cioé la gui- da di modelli telecomandati che non trasportino per- sone. Ogni altro tipo di utilizzo è vietato.

Consigli per la sicurezza LA SICUREZZA NON E’ UN CASO e … I MODELLI RADIOCOMANDATI NON SONO GIOCATTOLI … anche modelli di piccole dimensioni possono cau- sare danni a cose o persone, se utilizzati in maniera impropria.

Difetti tecnici di origine tecnica o meccanica possono causare l’indesiderato funzionamento del motore e /

o provocare il distacco di parti che potrebbero ferirla.

Evitate assolutamente cortocircuiti di qualsiasi gene- re! Un cortocircuito non solo danneggia i componen-

ti della trasmittente, ma anche degli elementi ad essa

collegati ed all’accumulatore con pericolo di incendio ed esplosione. Tutte le parti di un motore in movimento come eliche di aerei o barche, rotori di elicotteri, ingranaggi, ecc. sono un potenziale pericolo di ferimento. Queste non devono essere toccate in alcun modo! Un’elica che gira ad elevata velocità può, ad esempio, amputarle un dito! Fate attenzione che nessun oggetto esterno

4 Note sulla Sicurezza

mx-24s.1.I.indd

4
4

entri in contatto con un motore in moto! Come regola non fermatevi mai vicino ad un motore elettrico che è collegato ad un accumulatore o ad un motore in moto! Fate anche molta attenzione durante la fase di pro- grammazione del modello che il motore non sia in moto oppure nella versione elettrica, armato. Spegnetelo oppure tenete la batteria di trazione scol- legata. Proteggete tutte le apparecchiature da polvere, spor-

co, umidità e altri corpi estranei. Evitate le vibrazioni

e non esponetele ad eccessivo calore o a freddo in-

tenso. L’utilizzo del radiocomando è consentito solo con temperature esterne “normali”, cioè comprese tra -15°C e +55°C. Evitate colpi e pressioni eccessive. Controllate costantemente che le apparecchiature non presenti- no danneggiamenti all’involucro o ai cavetti. Apparec- chiature danneggiate o bagnate non devono essere utilizzate, neppure una volta asciugate!

Possono essere utilizzati solo componenti e ricambi consigliati dal costruttore. Utilizzate esclusivamente spinotti originali GRAUPNER compatibili fra loro, del- la medesima costruzione e materiale e quarzi origina-

li GRAUPNER della giusta frequenza.

Fate attenzione al momento della stesura dei cavetti

o delle prolunghe, che tali non siano danneggiati op-

pure passino vicino a parti calde o taglienti, Fate attenzione inoltre che tutti gli spinotti siano sal- damente collegati e nel separarli non tirate mai dal cavetto. Non possono essere apportate modifiche di alcun

tipo alle apparecchiature. Evitate inversioni di polarità

e cortocircuiti di ogni tipo: gli apparati non sono pro- tetti contro questi inconvenienti.

Installazione dell’impianto ricevente e posiziona- mento dell’antenna ricevente La ricevente dev’essere assicurata contro i colpi, pro- tetta con gommapiuma. Negli aereomodelli va po- sizionata dietro un’ordinata di forza e nei modelli di auto e navi in posizione protetta da polvere e spruz- zi d’acqua. La ricevente non dev’essere mai collegata diretta- mente alla fusoliera od alla scocca, perché le vibra- zioni del motore o i colpi degli atterraggi si trasmette- rebbero direttamente ad essa.

Quando si installa un sistema ricevente in un model- lo dotato di motore a scoppio, bisogna proteggerne sempre tutte le componenti, in modo che i gas di sca- rico e residui di olio non vi possano penetrare. Que- sto vale particolarmente per tutti gli interruttori di ac- ceso/spento che vengono fissati nel rivestimento esterno del modello. Fissare la ricevente in modo che l’antenna ed i cavet- ti di collegamento ai servocomandi ed all’accumulato- re non siano in trazione. L’antenna della ricevente è direttamente collegata alla ricevente. La sua lunghezza è di circa 100 cm e non può essere né allungata né accorciata. L’anten- na dovrebbe venir posizionata possibilmente lontano da motori elettrici, apparati per il comando dei timo-

ni, astine metalliche, conduttori di corrente, ecc

tre l’antenna non va posizionata esttamente rettilinea, ma negli aeromodelli va un po’ inclinata, ad esempio sopre il timone di profondità, gli ultimi 10 – 15 cm an- drebbero piegati a L, per evitare buchi nella ricezione del segnale. Se questo non è possibile, allora convie- ne posizionare il cavo dell’antenna formando una S, direttamente nella fusoliera, ad esempio in prossimi- tà della ricevente.

Installazione dei servocomandi Fissare i servocomandi direttamente con gli allega- ti gommini antivibrazioni. Solo così vengono protetti

Inol-

servocomandi direttamente con gli allega- ti gommini antivibrazioni. Solo così vengono protetti Inol- 01.07.2008 12:47:05

01.07.2008

12:47:05

mx-24s.1.I.indd

dalle vibrazioni più forti e pericolose.

Montaggio degli elementi di comando Il montaggio deve avvenire in modo che le aste di co- mando si muovano libere e con facilità. E’ particolar- mente importante che tutte le leve delle superfici di comando possano raggiungere la corsa massima, senza che vengano limitate meccanicamente. Per poter fermare in ogni condizione un motore in moto, bisogna aver installato il comando della farfalla in modo che quando lo stick e la leva del trim vengo- no portati in posizione del minimo del gas, il carbura- tore sia completamente chiuso. Porre particolare attenzione che nessuna parte me- tallica, per es. durante il movimento dei timoni, vibra- zioni o parti in movimento, sfreghi una contro l’altra. Da ciò si genererebbero interferenze che disturbereb- bero la ricevente.

Per inviare comandi, estrarre sempre completa- mente l’antenna Il campo magnetico generato assume, in direzione dell’ideale prolungamento dell’antenna, un’intensità li- mitata. Perciò è sbagliato “mirare” al modello con l’an- tenna della trasmittente per cercare di migliorare il comportamento della ricevente. Nel caso di utilizzo contemporaneo di radiocomandi con valori delle frequenze prossimi tra loro, i piloti de- vono raggrupparsi il più possibile. Se i piloti si sparpa- gliano, mettono in pericolo il proprio e l’altrui modello.

Verifiche prima della partenza Se sul campo sono presenti più modellisti, prima di accendere la propria trasmittente, assicuratevi sem- pre di essere l’unico ad utilizzare la vostra frequenza. L’utilizzo della stessa frequenza da parte di più pilo- ti, provoca interferenze e può causare la caduta di al- tri modelli. Prima di accendere la ricevente, assicuratevi sempre che lo stick del gas sia in posizione di STOP/folle.

5
5

Accendere sempre prima la trasmittente e poi la ricevente. Spegnere sempre prima la riceventee e poi la trasmittente. Se questa procedura non viene rispettata, e viene ac-

cesa la ricevente quando la relativa trasmittente è an- cora spenta, allora la ricevente può essere portata a rispondere ad altre trasmittenti attraverso interferen-

ze, ecc

Il modello si muove in maniera incontrollata

e

può provocare danni a persone o cose. Le superfi-

ci

di comando possono arrivare a finecorsa e rovinare

trasmissioni, sistemi di comando, ecc

In particolare nei modelli con giroscopio meccanico

vale:

prima di spegnere la ricevente, assicurarsi che stac- cando l’accumulatore il motore non possa aumentare

il numero di giri.

Il giroscopio in fase di arresto può a volte produr- re un valore di tensione tale da essere riconosciu- to dalla ricevente come un segnale del gas vali- do. In questo modo il motore può inavvertitamen- te salire di giri!

Verifica del raggio d’azione Prima di ogni utilizzo, verificate il corretto funziona- mento e il raggio d’azione. Allo scopo, controllate da debita distanza dal modello se tutte le superfici si muovono senza ostacoli e nella direzione giusta. Ripetete questa verifica a motore acceso, mentre un aiutante tiene fermo il modello.

Utilizzo dei modelli di aerei, navi, elicotteri ed auto

Non sorvolate mai spettatori o altri piloti. Non mette-

te mai in pericolo persone o animali mentre pilotate il

vostro modello. Non volate mai in prossimità di linee dell’alta tensione.

Non utilizzate il vostro modello neanche in prossimità

di zone di aperta navigazione o di chiuse.

Inoltre deve essere vietato l’utilizzo su strade aperte

al traffico e su autostrade, sentieri, spiazzi, eccetera.

Controllo degli accumulatori di ricevente e tra- smittente

Al più tardi quando sul display luminoso della trasmit-

tente lampeggia la scritta “La batt. è da caricare!!”, e un segnale acustico segnala il basso livello di tensio- ne degli accumulatori, bisogna spegnere il sistema e ricaricare gli accumulatori della trasmittente.

Controllate periodicamente la condizione in partico- lare dell’accumulatore della ricevente. Non bisogna

aspettare fino a quando il movimento delle superfici

di comando è divenuto sensibilmente più lento! Sosti-

tuite per tempo gli accumulatori usati.

Bisogna in ogni caso seguire i consigli di caricamen-

to riportati dal costruttore degli accumulatori, e rispet-

tare attentamente i tempi di carica. Non ricaricate mai gli accumulatori senza sorvegliarli. Non tentate mai di ricaricare le batterie a secco (peri- colo di esplosione). Tutte gli accumulatori devono essere caricati prima dell’utilizzo. Per evitare cortocircuiti: collegate prima gli spinotti dei cavetti di ricarica nella giusta polarità al caricatore e solo successivamente alle boccole di ri- carica della trasmittente e dell’accumulatore della ri- cevente. Quando non si usa il modello, disconnettere sempre tutti gli accumulatori.

Capacità e tempi di utilizzo Per tutti gli accumulatori vale la seguente regola: alle basse temperature la capacità diminuisce sensibil- mente, e quindi al freddo anche i tempi di utilizzo sono decisamente più brevi. Anche un utilizzo improprio degli accumulatori, com- porta una diminuzione della capacità. Gli accumulato- ri devono essere misurati regolarmente; verificate che forniscano la sufficiente capacità.

5

Note sulla Sicurezza

misurati regolarmente; verificate che forniscano la sufficiente capacità. 5 Note sulla Sicurezza 01.07.2008 12:47:05

01.07.2008

12:47:05

Note sulla Sicurezza

Utilizzate solo ed unicamente accumulatori origina-

li GRAUPNER!

FiItraggio dei motori elettrici Per un sistema tecnicamente senza difetti, i motori

elettrici devono essere filtrati, perché tra collettore e spazzole generano scintille, che a seconda del tipo di motore disturbano più o meno le funzioni del sistema

di radiocomando.

Nei modelli con trazione elettrica ogni motore deve quindi essere accuratamente filtrato. I filtri abbattono completamente questi impulsi di disturbo, e devono per questo essere installati.

Si consiglia perciò di seguire le indicazioni riportate

nelle istruzioni di montaggio del motore. Per ulteriori dettagli sui filtri antidisturbo consultate il catalogo generale GRAUPNER FS.

Filtri dei servocomandi con cavi allungati Cod. No. 1040

Il

filtraggio dei servocomandi é necessario con l’uso

di

cavetti dei servocomandi particolarmente lunghi. In

questo modo viene meno l’eco nella ricevente. Il filtro viene montato direttamente all’ingresso della riceven-

te. In casi critici può essere abbinato al servocoman- do un secondo filtro.

Installazione di regolatori di velocità elettronici

La scelta del regolatore elettronico ottimale avviene principalmente in funzione della grandezza del moto-

re elettrico adoperato.

Per evitare di sovraccaricare o danneggiare il regola- tore, il carico di corrente del regolatore dovrebbe cor- rispondere ad almeno la metà della massima corren-

te di bloccaggio.

Porre particolare attenzione con i cosiddetti motori- Tuning che, a causa del loro basso numero di avvolgi- menti, in caso di bloccaggio assorbono un valore mul- tiplo della loro corrente nominale e possono così dan- neggiare il regolatore.

6 Note sulla Sicurezza

mx-24s.1.I.indd

6
6

Interferenze elettriche Anche l’accensione di motori a scoppio provoca delle interferenze, che possono influenzare negativamente le funzioni del radiocomando. Effettuate l’accensione elettrica sempre attraverso ac- cumulatori separati. Utilizzate esclusivamente candele, spinotti e cavi d’accensione che siano schermati. Mantenete una distanza sufficiente tra gli elementi dell’accensione e quelli dell’impianto ricevente.

Corrente Statica Durante l‘utilizzo del radiocomando in presenza di temporali, anche lontani, vi è la possibilità di scariche elettrostatiche causate da fulmini perciò … … Non volate mai durante o poco prima di un tem- porale in quanto l‘antenna del trasmettitore può trasformarsi in un parafulmine con conseguenze letali!!

Attenzione L’uso dei radiocomandi è permesso solo con le fre- quenze omologate nei rispettivi paesi della Comunità Europea. Le indicazioni a questo riguardo sono con- tenute nel paragrafo “frequenze ammesse” a pagina 206. L’uso del radiocomando con frequenze diverse da quelle omologate è proibito ed é punito dalla legge.

Consigli per la manutenzione Non pulite mai le plastiche, l’antenna etc. con benzi- ne, detergenti, acqua e similari, ma esclusivamente con uno straccio asciutto e soffice.

Componenti ed accessori La ditta GRAUPNER Gmbh & Co. KG come produt- tore si raccomanda di abbinare solo ed unicamen- te componentistica ed accessoristica prodotta dal- la stessa, in quanto testata e assicurata nel funziona- mento dalla Ditta GRAUPNER stessa. In questo caso specifico di malfunzionamento, la Ditta GRAUPNER

si dichiara responsabile. Nello stesso tempo la Ditta GRAUPNER non si ri- tiene responsabile se vengono utilizzati acces- sori e componenti prodotti da altre marche non GRAUPNER.

Esclusione della responsabilità / Risarcimento danni La ditta GRAUPNER non è in grado di controllare né il rispetto delle istruzioni di montaggio e di funziona- mento, né le condizioni e le modalità di installazione, utilizzo, funzionamento e cura dei componenti del ra- diocomando. Perciò la ditta GRAUPNER non si as- sume responsabilità di alcuna specie nei confronti di danni, perdite, o spese che dovessero derivare da un utilizzo errato, o in una qualunque circostanza ad esso associata. Per quanto permesso dalla legge, l’obbligo della dit- ta GRAUPNER al risarcimento dei danni, indipenden- temente da qualunque motivo giuridico, è limitato al valore dei danni riportati dai soli materiali della ditta GRAUPNER coinvolti nel sinistro. Ciò non vale, se la ditta GRAUPNER, a seguito di disposizioni giuridiche coattive, risponde illimitatamente dei danni causati in- tenzionalmente o per grossa trascuratezza.

coattive, risponde illimitatamente dei danni causati in- tenzionalmente o per grossa trascuratezza. 01.07.2008 12:47:05

01.07.2008

12:47:05

mx-24s: Radiocomando con tecnologia di nuova generazione

mx-24s.1.I.indd

La nuova mx-24s viene presentata in una confezio- ne sofisticata, ergonomicamente efficiente che of- fre la massima facilità operativa e sicurezza in tra- sporto. Rappresenta uno sviluppo della mc-24 PRO- FI, modello già utlizzato con soddisfazione da miglia- ia di modellisti. La semplicità operativa è stata miglio- rata ulteriormente, le procedure di programmazione semplificate, utilizzando solo 4 pulsanti ed il controllo ROTATIVO 3D che opera su due livelli. Come la sorel- la minore mx-22, la nuova trasmittente è semplice da usare anche da modellisti alle prime armi. Abbiamo raccolto le esperienze ed il feedback di pilo- ti di grande esperienza che utilizzano la mc-24 PRO- FI per implementare nuove funzioni nel software del- la mx-24s Il team di sviluppatori software di GRAUPNER, in col- laborazione con piloti di tutto il mondo, professioni- sti e concorrenti in ogni area dell’attività modellisti- ca, ha lavorato senza sosta per produrre un softwa- re che rappresenta un ulteriore passo avanti nella ge- stione delle trasmittenti di alto livello. Lavoro di squa- dra, test intensivi in competizioni nazionali ed interna- zionali, eventi in ogni disciplina hanno generato que- sto nuovo sistema, basato sul successo mondiale della mc-24, senza per questo ignorare le necessità dei principianti. La mx-24s viene fornita già in versione standard con tutti i controlli ed interruttori richiesti per gestire fino a dodici servi, che significa che gli amanti delle riprodu- zioni o delle barche con numerose funzioni accesso- rie non sentiranno la mancanza di alcuna funzione od opzione di controllo. Un’altra funzione implementata come standard è la presa DSC per collegare una ricevente direttamen- te alla trasmittente, che permette di verificare la fun- zionalità dei sistemi di bordo senza che sia necessa- rio per la radio di irradiare alcun segnale RF. La stes- sa presa DSC può essere utilizzata per la connessio- ne allievo maestro, o per comandare un simulatore di volo su pc. Le modulazioni già familiari PPM18, PPM24, PCM20

7
7

e SPCM 20 vengono ora completate da due nuovi modi di trasmissione

• PPM10 Per riceventi micro da modelli indoor, fun- fly, mini elicotteri, automodelli, ed ogni tipo di mo- dello equipaggiato con un massimo di cinque ser- vi. Questo modo di trasmissione permette un ciclo

di treni di impulsi più breve, ottenendo in tal modo

tempi di risposta ai comandi estremamente più ve- loci.

• APCM24 è dedicata al pilota che desidera opera-

re modelli fino a dodici servi, ed è destinata a sod-

disfare la richiesta di precisione e sincronismo tra tutti i servi, ad esempio in modelli veloci.

Un nuovo modulo RF SINTETIZZATO elimina la ne- cessita di quarzi sulle bande dei 35/35B MHz e dei 40/41 MHz. La frequenza di trasmissione viene impo-

stata via software, ed è accessibile tramite conferma

di

sicurezza. Una innovazione importante dal punto

di

vista della sicurezza è lo scanner a doppia conver-

sione integrato, che può essere utilizzato per verifica-

re

all’ accensione della trasmittente se un determina-

to

canale è già in uso.

Dal punto di vista dell’ hardware il display di dimen- sioni generose è retroilluminato, il che lo rende leggi- bile anche in condizioni critiche di illuminazione. Una EEPROM (Electrically Erasable Programmable Read- Only Memoy) sostituisce la classica batteria al Litio di backup, indispensabile fino ad oggi. La struttura del software è stata ulteriormente miglio- rata: nei menù tutte le regolazioni vengono mostrate

in maniera grafica, il che ne rende chiara la funzione.

Se ancora ce ne fosse bisogno e non aveste il ma- nuale con voi il tasto help fornisce un aiuto ulteriore con la sola pressione di un tasto.

La mx-24s possiede 40 memorie modello ognuna delle quali può contenere fino ad 8 differenti fasi di

volo. Le fasi di volo possono essere richiamate duran-

te il pilotaggio tramite uno switch, cosicché è possi-

bile sperimentare nuove impostazioni velocemente e senza rischio. Questa funzione può essere utilizzata per testare o sperimentare variazioni dei parametri di

volo in ogni fase. Tra le nuove possibilità del software:

Funzione “Auto-Trim”: il modello viene trimmato all’assetto desiderato con i due stick di comando. Quando si attiva l’ interruttore autotrim il software riconosce la posizione degli stick e ne memorizza la posizione come la nuova posizione neutra.

“Limite ciclico”: Questa funzione limita la deflessio- ne del ciclico quando gli stick di rollio e beccheg- gio vengono portati al limite simultaneamente.

Il

nuovo software viene completato da una serie di

nuove ed estremamente importanti funzioni, come il blocco della tastiera, l’impostazione del livello di allar- me per la carica della batteria ed un nuovo innovati- vo metodo di commutazione del controllo tra Motore elettrico ed aerofreni.

Questo manuale descrive dettagliatamente i menù

e fornisce anche numerosi suggerimenti, note ed

esempi di programmazione a complemento delle in- formazioni basiche. Termini di uso generale come Controlli Trasmittente, Riduttori, Butterfly ed molti altri vengono spiegati nel manuale, che contiene un com- pleto indice finale Le sezioni a pagina 44 … 56 inclu- dono una rapida guida schematica alle operazioni es- senziali di programmazione.

Leggere attentamente le nome relative alla sicurezza,

e le specifiche tecniche. Consigliamo di iniziare con-

trollando tutte le funzioni cosi come descritto nel ma-

nuale. Quando avrete programmato un modello è im- portante controllare che tutte le funzioni vengano te- state a terra prima di procedere all’involo del model- lo. Utilizzate il vostro modello radiocomandato in ma- niera responsabile evitando di creare situazioni di pe- ricolo per voi stessi e per gli altri. Tutti noi del gruppo GRAUPNER vi auguriamo ogni successo e molti anni di divertimento con la vostra mx-24s, il radiocomando di qualità superiore.

Kirchheim-Teck, Giugno 2008

Introduzione

7

la vostra mx -24s, il radiocomando di qualità superiore. Kirchheim-Teck, Giugno 2008 Introduzione 7 01.07.2008 12:47:05

01.07.2008

12:47:05

mx-24s

mx -24s Radiocomando computerizzato da 5 a 9 canali in modo PPM10 / PPM18, fino a

Radiocomando computerizzato da 5 a 9 canali in modo PPM10 / PPM18, fino a 10 canali in modo (S)PCM e fino a 12 canali in modo PPM24 e APCM24

in modo (S)PCM e fino a 12 canali in modo PPM24 e APCM24 TECNOLOGIA ECCEZIONALE La

TECNOLOGIA ECCEZIONALE La nuova GRAUPNER’s mx-24s innalza gli standard per le radio di fascia superiore. I programmi inclusi nel radiocomando professionale mx-24s costituisco- no una pietra miliare nel progresso della tecnologia dei radiocomandi, siano essi per principianti che per professionisti. Un modulo RF a sintesi di frequenza con integrato

8 Descrizione del radiocomando

scanner consente di cambiare frequenza di trasmis- sione in maniera rapida e sicura Il selettore 3d rotativo, ampiamente testato, è estre- mamente semplice da utilizzare in quanto abbinato al software moderno e logicamente strutturato. mx-24s: Tecnologia per radiocomandi che è un pia- cere usare!

mx-24s.1.I.indd

8
8

• Menù in quattro lingue (Tedesco, Inglese, France- se, Italiano).

• La più recente tecnologia per la selezione del ca- nale, con menù di sicurezza nel caso il radioco- mando venisse acceso inavvertitamente.

• Assolutamente nuova funzione “Auto-Trim”: pre- mere un singolo pulsante per adottare la posizio- ne corrente degli stick come nuova posizione neu- trale, con transizione graduale dalla vecchia alla nuova posizione trim.

• Metodo semplice ed intuitivo per programmare

l’uso duale dello stick del canale 1 per il controllo

di Motore ed aerofreni dei motoalianti.

• Tipo di modulazione e spot frequenza visibili a di- splay.

• Assegnazione dei controlli automatica tramite l’at- tuazione del controllo stesso.

• Quaranta memorie modelli.

Software aggiornabile. Future espansioni ed ag- giornamenti adegueranno la radio alle necessità future.

• Il selettore rotativo 3-D assieme ai quattro pulsan- ti di programmazione rendono la programmazione semplice ed immediata.

• LCD GRAFICO MULTI-DATA a toni di grigio per una eccellente visibilità, rappresentazione chiara ed efficace di curve e grafici, linee caratteristiche, spot frequenza, etc

• Retroilluminazione del display regolabile in »Impo- stazioni generali«.

• Nuovo tipo di monitor interruttori per controllare la posizione fisica di controlli ed interruttori.

• SEMPLICE SELETTORE DI MODO. Fornisce un metodo semplice di scelta del modo di pilotaggio tra 1 e 4 (Motore a sx, moto a dx).

• Real Time Processing (RTP). Tutte le impostazio-

ni si riflettono immediatamente alla fine della cate-

na di commando (uscita ricevente), virtualmente in

si riflettono immediatamente alla fine della cate- na di commando (uscita ricevente), virtualmente in 01.07.2008 12:47:08

01.07.2008

si riflettono immediatamente alla fine della cate- na di commando (uscita ricevente), virtualmente in 01.07.2008 12:47:08

12:47:08

tempo reale.

• Trim digitali su tutte le Quattro funzioni stick, fun- zionanti globalmente o separatamente per fase, azionati separatamente per ogni funzione, con re- golazione del numero di step per click e funzione Motore al minimo istantanea.

• Sei tipi di modulazione selezionabili:

PPM10

Modulazione super veloce per riceventi pico, adat-

ta a controllare fino a cinque servi. Ideale per au-

tomodelli, modelli indoor, fun-fly etc

PPM18

La più usata nei sistemi di radiocomando (FM e FMsss). Per riceventi C 6, C 8, C 12, C 16, C 17,

C

19, DS 18, DS 19, DS 20 , e riceventi XP 4, XP

8,

XP 10, XP 12, XN 12, XM 16, R16SCAN, R 600

light, R 600, R 700, C 6 FM, SB6 SYN 40 S, SR- 6SYN miniaturizzate.

PPM24

Trasmissione PPM multi servo, per il control-

lo simultaneo fino a dodici servi. Per la ricevente

DS 24 FM S.

PCM20

PCM con risoluzione di 512 passi. Per riceventi mc-12, mc-20, DS 20 mc.

SPCM20

Super PCM per sistemi ad alta risoluzione di

1024 passi per ogni canale. Per riceventi smc-14

S, smc-16 SCAN, smc-19, smc-19 DS, smc-20,

smc-20 DS, smc-20 DSYN, smc-20 DSCAN.

APCM24

PCM avanzato per sistemi ad alta risoluzione e si- stema di codifica ultra rapida, per riceventi amc. Si possono controllare fino a dodici servi.

• Dodici mixer liberamente programmabili per mo-

delli ad ala fissa ed elicotteri con ingressi ed usci-

te liberamente programmabili, quattro dei quali uti-

lizzano il nuovo sistema di curve ad otto punti re-

mx-24s.1.I.indd

9
9

golabili in incrementi dello 0.5%. Utilizzando intel- ligentemente l’approssimazione polinomica una curva ideale arrotondata può venire generata dai punti definiti con la sola pressione di un tasto.

• Le curve di collettivo e Motore disponibili nel menù elicotteri utilizzano il sistema multi-point curve sy- stem (MPC). Anche in questo caso una curva ide- ale arrotondata può essere generata dai punti de- finiti.

• Quattro Mixer incrociati.

• Otto fasi di volo per modelli ad ala fissa, sette + auto rotazione per elicotteri. Ognuna può essere regolata separatamente per adattarsi a particolari esigenze, e ad ognuna si può assegnare un nome ed un tempo di transizione.

• Super-menù per servi, che fornisce un quadro completo dei settaggi di ogni servo e la possibilità

di regolare rapidamente i quattro parametri base

(direzione corsa, centro, corsa indipendente per ogni estremo del movimento, limiti della cosa indi- pendenti in ogni direzione del movimento, per tutti e dodici i servi).

• Super Dual Rate / Expo per tre controlli ed otto fasi di volo. Regolabili separatamente per ogni me- moria modello, e selezionabili durante il volo.

• Menù di espansione controlli: regolazione cen- tro corsa in ingresso. I controlli laterali, i tasti INC / DEC , il canale 1 possono essere utilizzati come controlli del radiocomando.

• Menù estremamente sofisticato multifunzione per modelli ad ala fissa ed elicotteri. Impostando il nu- mero dei servi alettoni e dei servi Flap automati- camente si attivano tutte le funzioni necessarie nel menù multi-funzione.

• Menù multi-Flap ridisegnato, è ora possibile impo- stare in maniera semplice e chiara modelli ad ala fissa con sei servi per ala regolabili separatamen-

te per fase, senza ricorrere ad alcun mixer libero.

• Mixer per elicotteri con ciclico ad uno, due, tre o quattro punti di controllo.

• Linearizzazione dei servi del ciclico: compensazio- ne elettronica per corse non lineari dei servi del ci- clico.

Limite del ciclico: limita l’angolazione del ciclico quando i comandi di rollio e beccheggio vengono impartiti contemporaneamente.

• Piani di coda: tradizionale, a V, delta / ala volante e due servi per Elevatore indipendenti 3 + 8 (che fornisce un sistema standard di controllo di due servi collegati all’Elevatore senza l’ utilizzo di mi- xer liberi o duali).

• Numero di servi Flap: 2 AL / 4 FL: Supporto com- pleto per ali con sei servi, ora anche senza l’utiliz- zo di mixer liberi.

• Ritardo selezionabile del cambio fase, regolabi- le per fase: Il tempo di transizione da fase a fase può essere potato a zero per ogni canale separa- tamente, ad esempio nel caso del commando Mo- tore OFF su modelli con Motore elettrico, o per il controllo dell’attivazione del Heading Lock su eli- cotteri.

• Dieci nomi supplementari per fasi di volo: oltre ai nomi di default si possono assegnare dieci nomi a scelta ad ogni fase.

• Funzione copia modello per ogni memoria.

• Copia tutti i modelli a PC. Tutte le memorie utiliz- zate posso essere salvate su pc con un singolo commando.

• La presa integrata si interfaccia con un modulo op- zionale che permette la copia delle memorie tra due trasmettitori mx-24s o tra una mx-24s ed un PC.

• “Info” nel menù »Impostazioni base modello«: un numero di informazioni supplementari possono essere introdotte in questa area della memoria modello (max 15 caratteri); Queste informazioni

Descrizione del radiocomando

9

area della memoria modello (max 15 caratteri); Queste informazioni Descrizione del radiocomando 9 01.07.2008 12:47:08

01.07.2008

area della memoria modello (max 15 caratteri); Queste informazioni Descrizione del radiocomando 9 01.07.2008 12:47:08

12:47:08

mx-24s

mx -24s appaiono nel menù Seleziona modello. • Interruttori logici: Questa funzione permette di as -

appaiono nel menù Seleziona modello.

• Interruttori logici: Questa funzione permette di as- sociare due interruttori secondo la logica “E” o “OR” ; la funzione risultante può essere utilizzata come interruttore virtuale.

• Allarme soglia Motore all’accensione regolabile nel menù elicotteri.

• Monitor del fail safe su otto servi; su dodici servi in modo APCM24.

• Il tasto HELP fornisce importanti suggerimenti sul- la programmazione del menù in uso. Scorrere le pagine dell’HELP tramite il tasto stesso od il con- trollo 3D rotativo.

• Menù timer completo: include otto cronometri, conteggi alla rovescia, contagiri etc., due timer ed un contagiri possono essere visualizzati simulta- neamente nell’ ampio display.

• Cronometro con memoria: il conteggio giri viene completato da “temp1”, che registra il tempo tota- le di accensione, e “temp2”, che registra separata- mente i rispettivi tempi di azionamento e riposo.

• I valori di over-run vengono percepiti dall’utilizza- tore in quanto convenientemente evidenziati.

• Funzione reset dei timer rivista: anche se i timer individuali sono ancora in funzione la funzione CLEAR resetta i timer rimanenti.

• Registro dei tempi di utilizzo per ogni modello.

• Il tempo dello Slot può venire registrato premendo il controllo rotativo + il bottone ESC, ed essere re- settato premendo CLR.

• Il tempo di funzionamento della radio viene auto- maticamente azzerato alla ricarica delle batterie.

• Predisposta per l’utilizzo come Allievo o Maestro.

Utilizzo in sicurezza e funzionalità operative

10

Modulo RF SINTETIZZATO con funzione scanner con tecnologia a doppia conversione: controlla i canali utilizzati sull’intera banda di trasmissione.

Descrizione del radiocomando

mx-24s.1.I.indd

10

• Il blocco della tastiera selezionabile evita modifi- che accidentali o non volute durante il volo.

• Codice di sicurezza a protezione dei programmi.

• Allarme audio in caso di connessione incorretta Allievo.

• Soglia allarme batteria scarica impostabile.

• Memoria non-volatile di backup delle memorie fun- zionante anche in caso di batteria scarica o non presente.

• Funzione Enter del controllo rotativo: il software in- terpreta la pressione del controllo rotativo come ENTER. Nel menù selezione modello è possibi- le selezionare il modello ed attivarlo utilizzando il solo controllo rotativo.

• Chiavi rapide per impostazione contrasto, display servi (virtualmente da tutti i menù) blocco tastiera e selezione modello.

• Le uscite della ricevente possono essere modifica- te da software.

• Icone modello: display grafico del tipo modello (ala fissa, elicottero).

• Tavola caratteri chiara per un semplice input del nome modello.

01.07.2008
01.07.2008
modello (ala fissa, elicottero). • Tavola caratteri chiara per un semplice input del nome modello. 01.07.2008

12:47:08

mx-24s.1.I.indd

Microcomputer-Radiocomando mx-24s

Solo trasmittente, con modulo sintetizzato a PLL, bat- teria ricaricabile installata, valigia in alluminio:

Cod. No. 4730.77 Cod. No. 4748.77

Banda 35 / 35B Banda 40 / 41 * MHz

* 41 MHz omologata solo in Francia.

Caricabatterie e cavi di carica (accessoy opzionali)

Cod. No. 6422

Minilader 2

Cod. No. 6427

Multilader 3

Cod. No. 6426

Multilader 6E*

Caricabatterie automatico con programmi speciali per batterie NiMh:

Cod. No. 6419 Cod. No. 6409 Cod. No. 6410 Cod. No. 6412

Cod. No. 6412.200 Ultramat 12*

Cod. No. 6414 Cod. No. 6417

Cod. No. 6417.200 Ultramat 25*

Cod. No. 6416 Cod. No. 6425

Ultramat 5*, ** Ultramat 6*, ** Ultramat 10*, Ultramat 12*, **

Ultramat 14*, Ultramat 25*, **

Ultra Duo Plus 30*, ** Twin Charger

Si prega di fare riferimento al catalogo principale GRAUPNER FS per le descrizioni dettagliate di altri caricabatterie.

* Per ricaricare la batteria è necessario il cavo di ricarica Cod. No.

3022.

Per ricaricare la Batteria Ricevente richiedere Cod. No. 3021.

** Necessita di alimentazione a 12 V.

11

Specifiche –Trasmittente mx-24s

Modi di trasmissione

Selezionabile: SPCM20, PCM20, PPM10, PPM18, PPM 24, APCM24

Sezione radiofre-

Sintetizzatore (spaziatura 10 kHz), bande 35 / 35B, 40 / 41 MHz

quenza

Lista canali

Banda 35 MHz : 61-80, 281*, 282* Banda 35 MHz banda-B : 182 … 191 Banda 40 MHz : 50 … 59, 81 … 92 Banda 41 MHz : 400 … 420**

Spaziatura canali

10 kHz

 

Num. Max comandi

SPCM20 = 10, PCM20 = 10, APCM24 = 12, PPM10 = 5, PPM18 = 9, PPM24 =12

Funzioni di controllo

Quattro comandi proporzionali con trim digitali, due comandi proporzionali, due canali su interruttore, due pulsanti INC / DEC

Lunghezza impulsi

1,5 ms ± 0,5 ms

 

canale

 

Risoluzione

SPCM20/APCM24: 10 Bit (1024 passi),

PCM20:

9 Bit (512 passi)

Antenna

Antenna telescopica, dieci sezioni, l. approx. 1150 mm

Tensione di funziona- mento

9,6 … 12 V

 

Consumo

85 mA (Modulo RF rimosso)

150

mA (Modulo RF spento)

230

mA (Modulo RF acceso)

250

mA (Modulo RF e display retroillu- minato)

Dimensioni (ca.)

200

x 195 x 98 mm

Peso

1100 batteria inclusa

 

* I canali 281 e 282 non omologati in Germania. ** 41 MHz omologata solo in Francia.

Accessori consigliati

Cod. No.

Descrizione

70.25

Tracolla (25 mm)

4178.1

Cavo diagnostica

3290.22

Modulo Istr/Allievo / PC

4182.9

Cavo interfaccia PC

mc-22(s)/mx-22/mx-24s/PC

4185

Interfaccia USB PC

mc-22(s)/mx-22/mx-24s/PC

Parti di ricambio Cod. No. 3100.6 Antenna telescopica Si prega far riferimento alla appendice del catalogo principale GRAUPNER FS per una descrizione det- tagliata di tutti gli accessori disponibili per il Radioco- mando mx-24s.

Descrizione del radiocomando

11

di tutti gli accessori disponibili per il Radioco- mando mx -24s. Descrizione del radiocomando 11 01.07.2008

01.07.2008

di tutti gli accessori disponibili per il Radioco- mando mx -24s. Descrizione del radiocomando 11 01.07.2008

12:47:08

Note Operative

Alimentazione Radiocomando

La mx-24s viene fornita con una batteria standard NiMh a 9.6 Volt (8NH-2000TX) (specifiche possono variare). Alla consegna viene fornita con carica mini-

ma. Durante l’utilizzo si può monitorare lo stato di ca- rica sul display LCD. Se la tensione scende al di sot- to di un valore definito (vedi menù »Impostazioni ge- nerale« pag. 154) la radio emette un segnale audio

di allarme. Il display quindi mostra la seguente scritta

per ricordare che è necessario ricaricare la batteria:

La batt. è da caricare!!
La batt.
è da
caricare!!

A questo punto è necessario spegnere la radio, ideal-

mente la batteria dovrebbe essere ricaricata prima di raggiungere la soglia di allarme.

Rimozione pacco batteria

raggiungere la soglia di allarme. Rimozione pacco batteria Per rimuovere la batteria rimuovere il coperchio del

Per rimuovere la batteria rimuovere il coperchio del comparto batteria nella parte posteriore della radio

facendolo scorrere nella direzione della freccia, quin-

di sollevandolo.

Con cautela scollegare la spina dal connettore sulla scheda-tirando gentilmente i cavetti o tirando il con- nettore tramite una pinzetta. Non ti-

rare verso l’ alto o verso il basso, ti- rare parallelamente alla faccia del-

o verso il basso, ti- rare parallelamente alla faccia del- Marrone o nero rosso la scheda.

Marrone o

nero

rosso

la

scheda.

12

Note Operative

Polarità del con- nettore batteria

mx-24s.1.I.indd

12

Ricarica della batteria

La batteria ricaricabile può essere ricaricata tramite il connettore sul lato destro della radio.

Il radiocomando deve essere spento e deve essere

lasciato spento per tutto il tempo della ricarica. Non accendere la radio mentre è collegata al carica- batterie, anche una breve interruzione del proces- so di carica può generare un aumento della ten- sione di alimentazione che può raggiungere valo- ri che danneggerebbero immediatamente il Radio- comando. Per evitare ciò controllare accuratamente che tutte le connessioni elettriche siano sicure, verifi- cando l’affidabilità di tutti i contatti.

Polarità del connettore di carica della mx-24s Cavi per caricabatterie di altri produttori spesso hanno po- larità inverse. Per questa ra- gione suggeriamo di utilizzare esclusivamente cavi originali GRAUPNER.

Attenzione: è importante che il cavo venga prima col- legato al caricabatterie tramite le spine a banana, e solo dopo può essere collegato al connettore sulla ra-

dio; questo allo scopo di prevenire corto-circuiti. Evita-

dio; questo allo scopo di prevenire corto-circuiti. Evita- re accuratamente che gli estremi scoperti di un
dio; questo allo scopo di prevenire corto-circuiti. Evita- re accuratamente che gli estremi scoperti di un
dio; questo allo scopo di prevenire corto-circuiti. Evita- re accuratamente che gli estremi scoperti di un

re

accuratamente che gli estremi scoperti di un cavo

di

ricarica si tocchino quando il cavo è connesso!

Ricarica della batteria tramite caricabatteria stan- dard

La regola base per la ricarica della batteria tramite caricabatteria standard, ossia senza controllo di fine carica, è di caricare una batteria scarica per quat- tordici ore alla corrente corrispondete ad un decimo della capacità nominale indicata sulla batteria. Nel caso della batteria standard tale valore corrisponde

a 200 mA. Sta all’utente terminare la ricarica manual- mente trascorso il tempo necessario alla ricarica.

Ricarica della batteria tramite caricabatteria auto- matico La trasmittente è ideata per l’utilizzo di caricabatterie automatici per la ricarica del pacco batterie. Se desiderate utilizzare un caricabatterie automati- co dedicato alle NiCd per ricaricare la batteria NiMh installata nella trasmittente, consigliamo di effettua- re una serie di ricariche di test verificando che il cari- cabatterie termini il processo di carica correttamente. Se il vostro caricabatteria fosse provvisto del settag- gio del delta della tensione di picco potrebbe essere necessario correggere tale valore.

Massima corrente di carica Non eccedere la corrente massima di carica di 1.0 A, ignorare questo limite può danneggiare la trasmitten- te.

Fusibile: La trasmittente è equipaggiata di un fusibi- le da 20 mm (tipo: 3 Ampere, rapido). Se la batteria ri- fiutasse la carica, o se non fos- se possibile accendere la tra- smittente controllare tale fusibile (v. “Apertura della trasmittente” a pag. 14). Non bypassare in alcun caso il fusibile di si- curezza. Fusibili di ricambio possono essere reperiti presso ogni negozio di ricambi elettronici. Controllare che il fusibile sia montato saldamente nella sua sede, è possibile sia necessario piegare leggermente i con- tatti a molla di ritegno.

piegare leggermente i con- tatti a molla di ritegno. Visualizzaz. a Display del tempo operativo batteria
Visualizzaz. a Display del tempo operativo batteria : Cronometro 0 00 #01 0:00h SPCM20 0
Visualizzaz. a Display del tempo operativo batteria
:
Cronometro
0
00
#01
0:00h SPCM20
0
:
Tempo Volo
00
10.9V
0:00h
C62
0
0
0
0
SPCM20 0 : Tempo Volo 00 10.9V 0:00h C62 0 0 0 0 Questo orologio mostra

Questo orologio mostra il tempo totale di utilizzo della trasmittente dal momento dell’ultima ricarica.

orologio mostra il tempo totale di utilizzo della trasmittente dal momento dell’ultima ricarica. 01.07.2008 12:47:09

01.07.2008

12:47:09

Questo timer viene automaticamente resettato a “0:00” quando la tensione del pacco batterie è signi- ficativamente maggiore dell’ accensione precedente, ad esempio dopo una ricarica. Questa è la condizio- ne mostrata nella figura.

Alimentazione della Ricevente

Esistono diversi modelli di batterie a 4.8 V NiMH, di capacità variabile. Per questioni di sicurezza sarebbe preferibile evitare l’utilizzo di pile alcaline su aeromo- delli, elicotteri od altri tipi di modelli veloci. Per lo stes- so motivo evitate l’utilizzo di celle singole su portapile; Utilizzate sempre pacchi batterie preconfezionati con celle saldate. Non esiste maniera di controllare lo stato delle batte- rie della ricevente mentre si vola. Abituatevi a controllare lo stato delle batterie ad inter- valli regolari. Caricate le batterie per tempo, non at- tendete che le reazioni dei servi siano rallentate pri- ma di ricaricare. Far riferimento al catalogo principale GRAUPNER FS per informazioni dettagliate su batterie, caricabatterie, strumenti di misura e controllo da utilizzare in abbina- mento alle batterie ricaricabili.

Ricarica della batteria della ricevente

Il cavo di carica, Cod. No. 3021, può essere connesso direttamente alla batteria della ricevente per la ricari- ca. Se la batteria è installata su un modello ed avete installato uno dei seguenti accessori: Cod. No. 3046, 3050, 3934 o 3934.3, allora è possibile ricaricare la batteria tramite il connettore dedicato od il cavo di ri- carica annesso all’interruttore. L’ interruttore sul cavet- to di ricarica deve essere posizionato su “OFF” duran- te la ricarica.

Polarità del connettore della batteria ricevente.

ricarica. Polarità del connettore della batteria ricevente. mx-24s.1.I.indd 13 Note generali sulla carica delle batterie

mx-24s.1.I.indd

13
13

Note generali sulla carica delle batterie

• Collegare sempre il cavo di ricarica prima al cari- cabatterie e solo dopo alla batteria trasmittente o ricevente. Questa accortezza evita la possibilità di cortocircuiti accidentali tra i terminali scoperti del cavo.

• Rispettare sempre le avvertenze del produttore del caricabatterie. Impostare la corrente di carica suggerita dal produttore della batteria. Per evita-

re danni alla trasmittente la corrente di carica non

deve mai essere superiore ad 1.0 A; Normalmente è possibile limitare la corrente di carica sul carica- batterie stesso.

• Non scaricare la batteria ne effettuare programmi

di

manutenzione della stessa tramite il connettore

di

ricarica della trasmittente in quanto non predi-

sposto per questo tipo di operazioni.

• Non lasciate incustodite le batterie durante la ricarica.

Non lasciate incustodite le batterie durante la ricarica. Smaltimento delle batterie a secco e degli accu-

Smaltimento delle batterie a secco e degli accu- mulatori

Le Batterie usate o gli accumulatori ricaricabili non vanno gettate nella spazzatura di casa, ma vanno portate negli appositi centri di raccolta, per permette- re il loro riciclaggio e per garantire il loro smaltimen- to ecologico.

Note Operative

13

permette- re il loro riciclaggio e per garantire il loro smaltimen- to ecologico. Note Operative 13

01.07.2008

12:47:10

Note Operative

Regolazione lunghezza stick

Entrambe gli stick possono essere regolati in lun- ghezza a piacimento, permettendo di personalizzarli a seconda delle proprie preferenze per ottenere il mi- glior controllo del modello. Allentare la vite di blocco utilizzando una chiave a brugola da 2, quindi avvitare o svitare la parte alta dello stick per accorciarlo od allungarlo rispettiva- mente. Stringere di nuovo la vite in cima allo stick per bloccare il tutto.

di nuovo la vite in cima allo stick per bloccare il tutto. 14 Note Operative mx-24s.1.I.indd

14 Note Operative

mx-24s.1.I.indd

14

Apertura del radiocomando

Leggere attentamene le seguenti note prima di pro- cedure all’apertura del radiocomando. Se non avete

esperienza in questo tipo di operazioni vi consigliamo

di rivolgervi al centro assistenza GRAUPNER più vi-

cino a voi.

Il radiocomando deve essere aperto solo per effettua-

re le seguenti operazioni:

• Per commutare uno stick dal funzionamento con ri- torno al centro a libero, e viceversa; v. pag. 16;

• Per regolare la forza di ritorno al centro degli stick;

• In caso di sostituzione del fusibile di sicurezza (3 A, rapido);

• Per installare un modulo Maestro od interfaccia dati; v. pagine 15 e pagina 204 dell’ appendice.

Prima di aprire il radiocomando è essenziale control- lare che sia spento (muovere l’interruttore di accen- sione verso il display). Non è necessario rimuovere

la batteria, ma bisogna prestare attenzione partico-

lare a non accendere inavvertitamente la radio men- tre è aperta. V. pag. 12 per informazioni sulla rimozio-

ne della batteria. Anche il modulo RF può restare nel-

la sua sede.

Utilizzare un cacciavite a croce (dim. PH1) per svita-

re le sei viti incas-

sate nelle posizio-

PH1) per svita- re le sei viti incas- sate nelle posizio- ni indicate nella par- te

ni

indicate nella par-

te

posteriore del ra-

diocomando. Tenen- do le due metà del-

la

radio rovescia-

re

la radio stessa fa-

cendo cadere le viti.

Il coperchio può ora venire rimosso con cautela.

Attenzione:

Un fascio di cavi connette la scheda elettronica nel coperchio posteriore a quella nel coperchio anteriore, è quindi possibile aprire il coperchio posteriore solo verso un lato o verso il basso.

Note Impotanti:

Non modificare in alcun modo il circuito della trasmittente in quanto ciò invalida la garanzia e la certificazione del radiocomando.

Per nessun motivo toccare il circuito elettroni- co con oggetti metallici, non toccare i contatti sul circuito con le dita.

Non accendere il radiocomando mentre è aper- to.

Chiusura del radiocomando:

• Inserire i due moduli proporzionali laterali nelle pro- prie sedi a lato del radiocomando;

• I due particolari in gomma le cui sedi sono a lato del radiocomando vanno fissati con lo smusso in direzione del coperchio posteriore, posizionarli in sede prima di chiudere i semigusci della radio;

• Assicurarsi che il fascio di cavetti tra il coperchio posteriore e la scheda sia bloccata;

• Controllare che i contatti elastici a V al centro della trasmittente non siano piegati o deformati.

• Verificare di non pizzicare alcun cavetto mentre si chiude il coperchio posteriore.

• Assicurarsi che i due semigusci siano allineati pre- cisamente prima di stringere le viti di fissaggio del coperchio. Non forzare mai la chiusura dei due se- migusci. Si prega di fare riferimento alle immagini nella pagina seguente durante le operazioni di apertura e chiusu- ra della radio.

alle immagini nella pagina seguente durante le operazioni di apertura e chiusu- ra della radio. 01.07.2008

01.07.2008

12:47:11

Comandi proporzionali laterali Controllare che i comandi laterali si incastrino sia supe- riormente che inferiormente
Comandi proporzionali laterali
Controllare che i comandi laterali si incastrino sia supe-
riormente che inferiormente nelle apposite sedi. In nessun
caso forzare la chiusura dei semigusci. Tutti gli altri coman-
di ed interruttori sono solidali alla radio.
Imbottiture
Se le due imbottiture interne si spostassero all’apertura della
radio riposizionarle verificando che gli slot siano in direzione
della parte inferiore del coperchio posteriore della radio, dove
si incastrano sul riferimento presente sul coperchio.
Fusibile
Spina interfaccia
Spina a 14 poli per mo-
dulo opzionale Maestro
allievo / PC, Cod. No.
3290.22, disponibile come
accessorio (v. Appendice).
(3A, rapido)
Predisposizione accessori
Il modulo accessorio Maestro – Allievo/PC
(Cod. No. 3290.22) va posizionato in que-
ste due sedi; v. Appendice.
Contatto di messa
a terra
Questa connessione
Direzione irradiazione antenna
Prima di utilizzare la radio avvita-
re l’antenna completamente nella
sua sede ed estenderla comple-
tamente. Non pun-
tare l’antenna ver-
so il modello, il se-
gnale risulta attenuato lungo la
linea immaginaria prolungamento
dell’antenna.
completa la messa a ter-
ra
del coperchio alla sche-
da elettronica. Prestare
massima attenzione a non
piegare o deformare questi
contatti. Se i terminali ap-
paiono sporchi pulirli de-
licatamente con un panno
morbido ed asciutto.
Imbottiture (v.alto a dx)
Sede antenna
Verificare che l’antenna sia avvitata
completamente nella sua sede prima
dell’utilizzo del radiocomando.
Non accendere mai la radio mentre è aperta.
ATTENZIONE: Per nessun motivo toccare le piste del circuito con oggetti metallici: PERICOLO DI CORTO CIRCUITO. Tale evento invalida la garanzia del radiocomando.
Note Operative
15

mx-24s.1.I.indd

15

CIRCUITO. Tale evento invalida la garanzia del radiocomando. Note Operative 15 mx-24s.1.I.indd 15 01.07.2008 12:47:11

01.07.2008

12:47:11

Note Operative

Modifica del modo degli stick

Ogni stick può essere settato come ritorno automa- tico al centro o libero. Aprire la radio come descritto precedentemente. Se desiderate passare dal ritorno al centro a libero seguite la seguente procedura:

1. Localizzare il fermo in ottone fornito insieme alla radio, posizionarlo sullo stick di destra o sinistra utilizzando un cacciavite a croce (v doppia freccia nella figura).

2. Utilizzare una pinzetta per scollegare la molla di ritorno dal braccetto dello stick, sol-

Neutralizzazione di leva e molla
Neutralizzazione di
leva e molla

levare poi il braccetto scolle- gandolo a sua volta.

3. Collegare la molla di ritenzione :

Collegare la molla di ritenzione al piloncino in pla- stica, regolare la tensione di ritegno avvitando o svitando la vite M3 sul piloncino in ottone.

Piloncino in ottone Piloncino in plastica
Piloncino in
ottone
Piloncino in plastica

16 Note Operative

mx-24s.1.I.indd

16

4. Se desiderate riconverti-

Molla di ritenzione Piloncino Piloncino in in ottone plastica
Molla di
ritenzione
Piloncino
Piloncino in
in ottone
plastica

re gli stick al funzionamento

con ritorno al centro rimuo- vere prima la molla di rite- gno in ottone, quindi svita-

re

la vite di regolazione del-

la

tensione stick, v figura a

destra. Ricollegare la leva

di ritorno al centro e far passare un cordino attra-

verso l’ occhiello superiore della molla (non fare

un nodo). Utilizzando una pinzetta connettere l’oc- chiello inferiore della molla al gancio sul sistema

di

regolazione (v. foto a lato). Per ultimo collega-

re

l’occhiello superiore alla leva neutralizzatrice.

Si

può ora regolare la tensione di ritorno al centro

dello stick. Diventa necessario a questo punto “informare” il sof- tware del cambio di modo di pilotaggio; Questa impo- stazione può essere effettuata per ogni modello sin- golarmente nel menù »Impostazioni base model- lo«” (pag. 64 / 66). Per impostare il modo di pilotaggio

lo «” (pag. 64 / 66). Per impostare il modo di pilotaggio in generale per tutti

in generale per tutti i modelli utilizzate il menù »Impo- stazioni generale« (pag. 154).

Forza di ritorno al centro

La forza di ritorno al centro dello stick può essere re- golata a piacimento: Il sistema di regolazione si trova a lato di ogni molla di ritono al centro. Ruotare la vite di regolazione con un cacciavite a cro- ce per regolare la forza di ritorno al centro secondo le vostre preferenze:

Ruotare a destra (senso orario)

= aumenta la forza di ritorno;

Ruotare a sinistra (senso anti-orario)

= diminuisce la forza di ritorno.

aumenta la forza di ritorno; Ruotare a sinistra (senso anti-orario) = diminuisce la forza di ritorno.
aumenta la forza di ritorno; Ruotare a sinistra (senso anti-orario) = diminuisce la forza di ritorno.

01.07.2008

12:47:12

mx-24s.1.I.indd

Cambio della banda di frequenze e canali

Il radiocomando mx-24s viene fornito equipaggiato

con un modulo RF sintetizzato a PLL. La frequenza di trasmissione (canale) viene selezionata tramite il con- trollo rotativo, non sono quindi necessari quarzi sulla trasmittente.

Il modulo sintetizzato comprende anche uno scanner

a doppia conversione, necessario a controllare se il

canale di trasmissione è occupato o meno, può inol- tre venire utilizzato per determinare canali liberi sulla vostra banda di frequenze.

La descrizione dettagliata dell’utilizzo dello scanner e della selezione dei canali si trova a pag. 24 e 25 della sezione “Utilizzo della radio per la prima volta- scan- ner e selezione del canale”.

Il canale selezionato viene mostrato a display. La ra-

dio non emette radiofrequenza all’accensione. Il mo- dulo RF deve prima venire attivato tramite software, il che fornisce un’ ulteriore sicurezza d’uso.

Al momento esistono due versioni distinte del radio- comando: per la banda dei 35 / 35B MHz e per la banda dei 40 / 41 MHz.

Solo Trasmittente:

Cod. No. 4730.77 MHz Cod. No. 4748.77

per la banda dei 35 / 35B*

per la banda dei 40 / 41* MHz

* I canali da 182 a 191 sulla banda dei 35 MHz, i canali da 85 a 92 sulla banda dei 40 MHz e tutti canali sulla banda dei 41 MHz, non sono omologati per l’utilizzo in Italia, v anche la ta- bella frequenze a pag. 206. La stessa tabella indica quali canali sono utilizzabili a seconda del tipo di modello, aeroplano, auto- modello o barca.

I canali ammessi in ogni singola nazione vengono in- dicati a pag. 206 (verificare la legislazione vigente). La ricevente deve operare sulla stessa frequenza e sulla stessa banda della trasmittente. Si possono controllare tutte le riceventi a PLL GRAUPNER ma anche tutte le preesistenti riceven-

17

ti GRAUPNER con quarzo, se le stesse sono com- patibili con i modi di trasmissione PCM20, SPCM20, PPM18 o PPM24. Se desiderate utilizzare riceventi a quarzo è indispen- sabile utilizzare quarzi originali GRAUPNER FMsss destinati alla banda di interesse (v. pag. 206). Il quar- zo per ricevente è marchiato “R” (Ricevente), e deve essere inserito completamente nella sua sede sulla ricevente.

Nota importante:

Il modulo RF Sintetizzato viene collegato alla trasmit- tente mx-24s tramite due connettori. Se il modu- lo RF non venisse collegato in maniera corretta il ra- diocomando all’accensione passerà direttamente alla schermata base. Comparirà quindi il messaggio

alla schermata base. Comparirà quindi il messaggio “C– –” lampeggiante, ad indicare che il modulo RF

“C– –” lampeggiante, ad indicare che il modulo RF

non è pronto all’uso.

#01 0:00h SPCM20 10.9V 0:05h C-- 0 0 0
#01
0:00h SPCM20
10.9V
0:05h
C--
0
0
0

Cronometro

0 : 00 0 : 00
0
:
00
0
:
00

Tempo Volo

0
0

Cambio della banda di frequenze

Se desiderate passare dalla banda 35 / 35B MHz alla banda 40 / 41 MHz o viceversa, dovete sostituire il modulo RF Sintetizzato nella trasmittente:

Cod. No. 3853.35 MHz Cod. No. 3853.40

per la banda dei 35 / 35B

per la banda dei 40 / 41 MHz

Note Operative 17 01.07.2008
Note Operative
17
01.07.2008
MHz Cod. No. 3853.40 per la banda dei 35 / 35B per la banda dei 40

12:47:13

Presa DSC

Direct Servo Control

La funzione originale di questa presa era il controllo diretto dei servi, da cui l’abbreviazione, tuttora in uso. Ma nel tempo si è evoluta in uno strumento ben più versatile del semplice controllo dei servi. La presa a due poli DSC viene ora utilizzata anche per collegare due radiocomandi in un sistema Allievo-Maestro (pag. 150) e come interfaccia PC per simulatori di volo.

Per l’ utilizzo della presa DSC procedere come se- gue:

1.

Effettuare le impostazioni necessarie nei menù appropriati:

Per collegare il radiocomando ad un simulatore di volo, o se si vuole utilizzare la mx-24s come Allie- vo in un sistema Allievo-Maestro è necessario im- postare il modo di trasmissione “PPM18” alla linea “Modulazione” del menù »Impostazioni base modello«. Se si volesse collegare un cavo dia- gnosi (Cod. No. 4178.1), la linea “Modulazione” va settata in base alla ricevente utilizzata.

2.

I’ interruttore di accensione della trasmittente va lasciato su OFF in questi casi, in quanto al- trimenti la sezione RF del modulo trasmittente non verrà disattivato connettendo il cavo DSC. Questo è particolarmente importante se utilizzate il cavo diagnosi od il cavo Allievo-Maestro in quan- to la vostra trasmittente potrebbe causare interfe- renze ad altri piloti. Solo nel caso la trasmittente sia impostata come Maestro il cavo potrà essere collegato dopo l’accensione della trasmittente (v. pag. 150). Collegare il cavo a due poli dedicato alla presa DSC. Si attiva la trasmittente ed il display mostra la schermata di pronta all’uso, senza richiesta di conferma canale. Allo stesso tempo il display mo- stra la scritta “DSC” in sostituzione del canale di trasmissione:

18

Note Operative

mx-24s.1.I.indd

18
18
Nome modello Cronometro 0 : 00 #01 0:30h SPCM20 Tempo Volo 0 : 00 H-J.Sandbrunner
Nome modello
Cronometro
0
: 00
#01
0:30h SPCM20
Tempo Volo
0
: 00
H-J.Sandbrunner
10.2V
0:30h
DSC
0
0
0
0
3. Collegare quindi il cavo al dispositivo da accoppia-
re, dopo aver letto le istruzioni del dispositivo stes-
so.

4. Se si desidera utilizzare il cavo diagnosi, Cod. No. 4178.1, non connetterlo direttamente alla riceven- te. Collegare prima il cavo alla batteria della ri- cevente tramite un cavo ad Y (Cod. No. 3936.11 o 3936.32), quindi connettere lo stesso alla pre- sa d’alimentazione della ricevente al posto della batteria ricevente. Il terminale jack del cavo può a questo punto essere collegato alla presa DSC sul- la trasmittente. Una volta collegata alla ricevente come detto so- pra, la trasmittente può essere utilizzata per veri- ficare i comandi e le funzioni di controllo anche se un altro pilota sta utilizzando la “vostra” frequen- za. Dato che in questa modalità la trasmittente non emette alcun segnale (“OFF”) è possibile per esempio preparare il proprio modello senza il peri- colo di causare interferenza ad altri modellisti. Un altro vantaggio è che la potenza assorbita dalla trasmittente viene ridotta in quanto la sezione RF viene disattivata. L’utilizzo del modo diagnosi al- lunga in maniera considerevole il tempo operativo della batteria.

Importante:

Verificare che tutti i connettori siano saldamente inseriti in sede.

Nota riguardante i simulatori di volo:

Esiste una vasta gamma di simulatori di volo, potreb- be essere necessario per alcuni di questi invertire le connessioni all’estremità jack del cavo DSC. Questa

operazione può essere effettuata presso un centro

assistenza GRAUPNER.

Attenzione:

Alcune riceventi, come la R16SCAN – posseggono

una spina servo nella quale può essere connessa sia la batteria che un servo tramite una spina ad Y. Non è possibile utilizzare un cavo DSC con que- sto tipo di riceventi.

servo tramite una spina ad Y. Non è possibile utilizzare un cavo DSC con que- sto

01.07.2008

servo tramite una spina ad Y. Non è possibile utilizzare un cavo DSC con que- sto

12:47:13

mx-24s.1.I.indd

mx-24s.1.I.indd 19 Note 19 01.07.2008 12:47:13

19

mx-24s.1.I.indd 19 Note 19 01.07.2008 12:47:13
Note 19 01.07.2008
Note
19
01.07.2008
mx-24s.1.I.indd 19 Note 19 01.07.2008 12:47:13

12:47:13

Descrizione del Radiocomando

Fronte

Interruttori Otto interruttori esterni standard (SW = interruttori), dei quali a due posizioni: SW 1,
Interruttori
Otto interruttori esterni standard (SW = interruttori), dei quali a
due posizioni: SW 1, 2, 3, 4, 7, 8 (switch 8: self-neutralising) a
tre posizioni: SW 5 + 6, 9 + 10. Gli interruttori a tre posizio-
ni sono utilizzati anche come controlli della trasmittente non
proporzionali. In questo caso vengono descritti nei menù
corrispondenti come: interruttore destro “Can. 7”, ed interruttore
sinistro “Can. 8”.
Antenna radiocomando
(telescopica a dieci
sezioni)
Buzzer Piezoelettrico
Attacco cinghia tracolla
Interruttore ON / OFF
Nota:
Controlli Proporzionali
Due controlli proporzionali sono posti a lato del radioco-
mando come standard. Un dente centrale fornisce un riferi-
mento per il centro del comando. Vengono definiti nei menù
corrispondenti come: comando destro “Can. 9”, comando
sinistro “Can. 10”.
Accendere sempre prima la trasmittente, e di se-
guito la ricevente. Alla fine del volo: spegnere pri-
ma la ricevente, e di seguito la trasmittente.
Pulsanti Incrementali
Due controlli proporzionali come standard: ogni volta che il
pulsante viene premuto verso il basso o verso l’alto il servo
associato si muove dell’ 1% della corsa.
INC = direzione positiva, DEC = direzione negativa. Questi
controlli sono numerati come segue: pulsante destro “Can.
5”, pulsante sinistro “Can. 6”. Questi due pulsanti possono
essere utilizzati in alternativa al controllo rotativo se non già
destinati ad altre funzioni.
Stick
Due stick a doppio asse per quattro controlli indipendenti.
Lunghezza stick regolabile. Le funzioni di controllo (modo di
pilotaggio) possono essere assegnate nel menù »Imposta-
zioni base modello« (Motore a destra o a sinistra). Lo stick
Motore può inoltre venire impostato come frenato oppure a
scatti v. pag. 16.
Controllo rotativo, per due livelli di controllo
(normale o premuto)
Scorre tra linee di menù quando viene tenuto premuto.
Quando viene tenuto premuto ruotare il cilindro dalla
parte superiore, per un miglio grip.
Trim Digitali
Per aggiustamenti fini dalla posizione centrale dei
servi. Premuti brevemente producono uno spo-
stamento del servo pari all’offset impostabile nel
menù »Configurazione Stick«. Il display mostra la
posizione dei singoli trim.
PULSANTI:
ENTER
Pulsante Conferma
ESC
Pulsante Indietro
CLEAR
Pulsante Cancella
HELP
Pulsante Help
Una breve pressione della parte alta del controllo
rotativo cambia il campo menù, o conferma un dato
selezionato. Premendo il tasto HELP mentre è premu-
to il controllo rotativo porta al menù »Corsa Servi« sia
da menù principale che dalla maggior parte degli altri
menù.
Display LCD (v. Pag. 22 per ulteriori dettagli)
La sottile pellicola protettiva sul display può essere rimossa se desiderato.
Impostazione Contrasto: Dal menù principale ruotare il controllo rotativo tenendolo contemporaneamente premu-
to; in alternativa premere il controllo rotativo ed azionare i pulsanti dei CTRL 5 o 6, se non già assegnati ad altre
funzioni.
Indicatori di allarme
Se la tensione della batteria scende al di sotto della soglia impostata • In caso di malfunzionamento del Sistema
Maestro / Allievo • se il Canale 1 è vicino al massimo all’accensione del radiocomando • se le impostazioni di fail
safe non sono corrette • allarme accensione (controllo della posizione degli interruttori).
Se ruotato senza venire premuto il controllo rotativo
seleziona la voce evidenziata dalla lista del menù mul-
tifunzioni. Una volta selezionata una voce del menù
procede alla modifica del valore evidenziato (caratteri
chiari su sfondo scuro) che appare sulla linea bassa
del display. Ogni modifica ha effetto immediato. Quan-
do non viene tenuto premuto ruotare il cilindro dalla
parte bassa per un miglio grip.

20 Descrizione del Radiocomando

mx-24s.1.I.indd

20

il cilindro dalla parte bassa per un miglio grip. 20 Descrizione del Radiocomando mx-24s.1.I.indd 20 01.07.2008

01.07.2008

12:47:16

Pannello posteriore

Apertura del radiocomando Svitare le sei viti di ritegno posteriori utilizzando un caccia- vite a
Apertura del radiocomando
Svitare le sei viti di ritegno posteriori utilizzando un caccia-
vite a croce (misura PH1). Leggere attentamente la sezione
a pag. 16 prima di procedere!
6
5
Modulo RF Sintetizzato e Scanner
La banda di frequenza di trasmissione può venire modifi-
cata in maniera semplice e veloce estraendo il modulo RF
tramite le due alette di fissaggio. Nota: non sono necessa-
ri quarzi in quanto il radiocomando impiega la tecnologia di
sintesi a PLL.
Il canale di trasmissione viene generato dal software all’ac-
censione del radiocomando; v. pag. 25. Un nuovo scanner
con ricevente a DOPPIA CONVERSIONE è integrato nel
modulo RF. Questo ha la funzione di controllare quali canali
sono già in uso nelle vicinanze; v. pag. 24.
Prestare attenzione a non piegare i contatti delle connes-
sioni al modulo RF nel riposizionarlo in sede.
Presa diagnosi (DSC*)
Uno speciale cablaggio Cod. No. 4178.1 è disponibile per
collegare la mx-24s direttamente alla ricevente. Se il radio-
comando è spento l’inserimento della spina DSC lo accen-
derà automaticamente. Il modulo RF viene disabilitato, col
risultato che la Trasmittente non emette alcun segnale attra-
verso l’antenna.
La presa DSC può venire utilizzata anche come connessio-
ne Maestro-Allievo in un sistema scuola; per maggiori det-
tagli consultare pag. 18 e la descrizione del menù »Istr. /
allievo« a pag. 150.
1
4
Moduli sintetizzati per il radiocomando
mx-24s
Cod. No. 3853.35
Cod. No. 3853.40
banda 35 MHz
banda 40 / 41 MHz
2
3
Presa di ricarica
Si prega consultare le note relative alla rica-
rica a pag. 12 … 13.
Polarità:
Comparto Batteria
Se fosse necessario rimuovere la batteria, premere le due
aree zigrinate del coperchio posteriore e farlo slittare verso
il basso nella direzione delle frecce.
Modulo Allievo/Maestro, Cod. No. 3290.22
Un modulo opzionale è disponibile per convertire la mx-
24s in radio Maestro di un sistema scuola tramite una con-
nessione opto-elettronica. Per utilizzarla come radio Allievo
è necessario collegare un cavo ottico nella presa dedicata
sulla trasmittente: anche questa disponibile come accesso-
rio opzionale. La seconda presa sulla trasmittente serve ad
interfacciare due radiocomandi mx-24s, od una mx-24s
ad un PC. Gli accessori necessari a questo scopo vengono
elencati nell’ Appendice.
Nota:
Se doveste effettuare delle modifiche all’interno del-
la radio ricordate di non accendere la radio mentre è
aperta. Scollegare la batteria trasmittente dalla presa
sulla scheda. Prestare la massima attenzione a non toc-
care le saldature sulla scheda elettronica con qualsivo-
glia oggetto metallico.
* DSC = Direct Servo Control = Controllo Servi Diretto

Descrizione del Radiocomando

21

mx-24s.1.I.indd

21

= Direct Servo Control = Controllo Servi Diretto Descrizione del Radiocomando 21 mx-24s.1.I.indd 21 01.07.2008 12:47:18

01.07.2008

= Direct Servo Control = Controllo Servi Diretto Descrizione del Radiocomando 21 mx-24s.1.I.indd 21 01.07.2008 12:47:18

12:47:18

Descrizione del Display

ENTER (Pulsante conferma) Messaggi di allarme in sovrimpressione* Passa a lista multifunzioni Seleziona un menù
ENTER
(Pulsante conferma)
Messaggi di allarme in sovrimpressione*
Passa a lista multifunzioni
Seleziona un menù
La batt.
comm.ruot
Gas
install.
No
è da
e CLR
troppo
!Avviso!
fail
segnale
ESC
(Pulsante Esci)
Tipo modello
Ala fissa od Elicottero
caricare!!
per sblocc
alto !
safe!
allievo!
Ritorna passo per passo da ogni
menù alla videata principale
La Batteria è da
caricare*
Tastiera Bloccata
Gas troppo Alto**
Allarme Interr. in
accensione
Solo in PCM20,
SPCM20 e
Problema coll.
Istr/Allievo
CLEAR
(Pulsante Cancella)
Memoria modello
1 … 40
APCM24
Resetta all’impostazione di default
Nome proprietario
(max. 15 caratteri)
Note:
*
HELP
(Pulsante Aiuto)
Richiama un breve messaggio di aiuto
in relazione al menù selezionato
Tempo
operativo
Nome modello
(max. 10 caratteri)
modello
Cronometro in min:sec
(avanti/indietro)
Tempo di Volo in min:sec
(avanti/indietro)
Tensione batteria, mostrata sotto forma di bar-
ra con indicazione dinamica. Se la tensione del-
la batteria scende al di sotto di un determinato
valore (soglia selezionabile v. pag. 155), appare
un messaggio di allarme sul display, accompa-
gnato da un segnale acustico.
Logo GRAUPNER, in alternativa il
nome della fase di volo. Fasi di volo differenti possono essere com-
mutate
tramite interruttori programmati a tale scopo.
Blocco Tastiera:
Premere il pulsante
CLEAR
mentre si tiene premuto il controllo rotativo
Tempo operati-
vo trasmittente.
Viene automati-
camente reset-
tato alla ricarica
della batteria.
Canale in
uso. Il nume-
ro lampeg-
gia se il mo-
dulo RF vie-
ne disabili-
tato.
v. pag. 76 / 77). Eccezione: il trim del
canale 1 è sempre comune a tutte le fasi di volo.

Se la tensione della batteria è troppo bassa appare il messaggio “Non possibile, Batteria troppo scarica” nelle finestre »Scelta modello« e »Copia / Cancella«. ** Per ragioni di sicurezza questo allarme può venire disabilitato solo per modelli di aliante: in questo caso selezionare il menù »Tipo Modello« (v. pag. 70) ed impo- state “nessuno” nella linea “Motore”.

(Nota: un cronometro ag- giuntivo può essere atti- vato) Il controllo rotativo può ve- nire utilizzato in due ma- niere diverse per regolare il contrasto del Display: dal menù principale ruotare il controllo rotativo tenendolo premuto, o: premere il con- trollo rotativo e regolare il contrasto con i pulsanti 5 o 6, se non già assegnati ad altre funzioni.

Display della posizione di tutti e quattro i trim digitali, con indicazione numerica ed indicatori di di- rezione: “t” o “s”. Trim speciale di taglio Motore sul canale 1 (v. pag. 34). Per ogni trim l’ombreggiatura indica se il trimmaggio è indipendente per fase o comune a tutte le fasi (= ombreggiato). Questo parametro può essere modificato nel menù »Configurazione Stick«,

22 Descrizione del Display

mx-24s.1.I.indd

22

essere modificato nel menù » Configurazione Stick «, 22 Descrizione del Display mx-24s.1.I.indd 22 01.07.2008 12:47:19

01.07.2008

12:47:19

Primo utilizzo del Radiocomando

Note Preliminari, selezione della lingua

mx-24s.1.I.indd

Note preliminari

Il radiocomando mx-24s viene consegnato imposta- to di default in modo SPCM20, adatto alle riceventi di tipo “smc”. Oltre al modo SPCM-20 sono disponibili I seguenti tipi di modulazione:

PCM20 per tutte le riceventi GRAUPNER/JR “mc” e “DS mc”.

PPM18 per tutte le riceventi GRAUPNER/JR “FM- PPM”.

PPM24 per tutte le riceventi GRAUPNER/JR DS 24 FM S.

PPM10 per tutte le riceventi GRAUPNER/JR FM fino a 5 servi, ad es. SR6SYN o XP10FM.

APCM20 per tutte le riceventi GRAUPNER/JR “amc”. La possibilità di selezionare diversi tipi di modula- zione permette di comandare tutti i tipi di riceventi GRAUPNER esistenti, cosi come tutte le riceventi for- nite insieme a tutti i radiocomandi in PPM-FM e PCM (con l’ eccezione della FM6014 / PCM18). Se non intendete utilizzare una ricevente di tipo “smc” il primo passo è impostare il tipo di modulazio- ne adatta alla vostra ricevente. Se si selezionasse un modo incompatibile la ricevente non risponderà alla trasmittente. Il tipo di modulazione può essere impostato alla linea “Modulazione” del menù »Impostazioni base model- lo«, e l’assegnazione dei comandi sugli stick alla li- nea “Ordinam.Comandi” (v. pag. 64 e 66) per il mo- dello in uso, od in generale per tutti i modelli futuri nel menù »Impostazioni Generali« (descritto a pag.

154).

23
23

Che tipo di quarzi utilizzare?

La mx-24s non richiede l’utilizzo di quarzi. Il canale

di trasmissione viene selezionato da software, v. pag.

seguente …

La batteria è carica? Quando ritirate la vostra mx-24s, la batteria è scari-

ca, dovete quindi prima di tutto procedere alla sua ri- carica come descritto nelle pag. 12 … 13. Se non pro- cedete alla ricarica la tensione del-

la

batteria scenderebbe presto sot-

to

la soglia di allarme, e si attive-

La batt.

è da

caricare!!

di allarme, e si attive- La batt. è da caricare!! ranno gli allarmi acustici e visivi.

ranno gli allarmi acustici e visivi. La soglia di allarme batteria scari- ca può venire impostata a qualsiasi valore compreso

tra 9.3 e 11.0 V alla linea “Soglia Attenzione Batteria” del menù »Impostazioni Generali«. L’ impostazione

di default è 9.3 V.

Antenna Non accendere la trasmittente se l’antenna non è montata ed in posizione. Montare l’ antenna ed estenderla completamente ogni volta viene attivata la

trasmissione, la non osservanza di questa regola può inficiare l’efficienza del radiocomando, e causare dan-

ni al modulo RF.

Per radiocomandare un modello è indispensa- bile avvitare l’antenna nella sua sede ed esten- derla completamente. La portata del radiocoman-

do è minima lungo la linea immaginaria prolungamen-

to dell’antenna. Risulta quindi essere un errore la pra-

tica diffusa di puntare l’antenna verso il modello per migliorare la ricezione del segnale da parte della rice- vente.

Selezione della Lingua

La mx-24s permette di selezionare una tra le se- guenti quattro lingue per i menù:

• Tedesco

• Inglese

• Francese

• Italiano

La selezione della lingua si effettua accendendo la ra-

HELP
HELP

dio tenendo premuto il tasto te menù:

; appare il seguen-

D GB F I
D
GB
F
I

Il controllo rotativo viene quindi utilizzato per selezio- nare la lingua desiderata. Confermare la scelta con una breve pressione del controllo rotativo, o premen-

ENTER .
ENTER
.

do il tasto

Tutte le impostazioni e le memorie modelli riman- gono inalterate variando la lingua menù.

Primo utilizzo del Radiocomando

23

le memorie modelli riman- gono inalterate variando la lingua menù. Primo utilizzo del Radiocomando 23 01.07.2008

01.07.2008

12:47:19

Primo utilizzo del Radiocomando

Scanner e Selezione Canale

Scanner

Il modulo RF SINTETIZZATO dispone di uno scan- ner di frequenza a doppia conversione. Questo modu- lo consente di rilevare la presenza di canali occupa- ti nelle vicinanze sulla banda utilizzata prima di attiva- re il modulo RF. Prima di accendere la trasmittente controllare che il modulo SINTETIZZATO sia posizionato correttamen- te nella sua sede. Se cosi non fosse la trasmittente all’ accensione passerà automaticamente al display principale, e sul display al posto dell’indicazione del

principale, e sul display al posto dell’indicazione del canale di trasmissione apparirà una “ giante. C–

canale di trasmissione apparirà una “ giante.

C– –lampeg-

Nome modello #01 0:30h SPCM20 H-J.Sandbrunner 10.9V 0:10h C 0 0 0
Nome modello
#01
0:30h SPCM20
H-J.Sandbrunner
10.9V
0:10h
C
0
0
0

Cronometro

0 : 00 0 : 00
0
:
00
0
:
00

Tempo Volo

0
0

Per motivi di sicurezza, ogni volta che viene acce- so il radiocomando è necessario confermare al mo- dulo RF che il canale che si intende utilizzare è quel- lo selezionato. Tale conferma viene richiesta allo sco- po di eliminare la possibilità che il radiocomando ven- ga accidentalmente acceso su una frequenza già oc- cupata. Il display mostra la scritta “HF off” “attivare” e “NO – SI”. L’ultimo canale utilizzato viene evidenziato (Bianco su sfondo scuro) e lampeggia:

C61
C61

HF

off

attivare

Canale

NO
NO

SI

SCAN

---

NO SI SCAN ---

Lo scanner integrato verifica immediatamente tutti i canali della banda in uso, a prescindere dal canale in uso impostato. Se un altro segnale viene rilevato sul

24 Primo utilizzo del Radiocomando

mx-24s.1.I.indd

24

canale impostato (in questo caso “61”) venite avvisa- ti da un messaggio a display e dal suono dell’ allarme acustico. L’ intensità del segnale rilevato viene indica- ta dal diagramma a barre sul display:

C61 HF off
C61
HF
off

OCCUPATO !

attivare

NO
NO

SI

SCAN

Canale
Canale

Al centro – sopra il simbolo “

tensità del segnale ricevuto sul canale in uso, men- tre alla destra e sinistra dello stesso vengono mostra-

ti i segnali ricevuti sui canali adiacenti a quello di tra-

smissione selezionato.

(Nel nostro esempio il canale 61 è il canale più bas- so nella banda dei 35 MHz e quindi non viene mo- strato alcun indicatore a barra alla sinistra del cana-

le stesso) Nel nostro esempio è chiaro che il canale 61 è già uti- lizzato da un altro modellista. Ciò significa che è ne- cessario trovare un altro canale di trasmissione libe- ro prima di attivare il modulo RF. Accedere al menù

libe- ro prima di attivare il modulo RF. Accedere al menù ”– viene mostrata l’in- SCAN

”– viene mostrata l’in-

SCAN
SCAN

tramite il controllo rotativo per effettuare tale

operazione.

---------------------- 61 65 70 75 80
----------------------
61
65
70
75
80
---------- 182 186 191
----------
182 186
191

In questa videata è possibile accedere alla lista di tut- ti i canali utilizzabili dal modulo RF installato sul radio- comando. Lo Scanner automaticamente effettua una ricerca sulla banda di frequenze utilizzata, e ne moni- tora lo stato alla ricerca di segnali estranei. In questo esempio possiamo vedere che i cana-

li “190” e “61” sono occupati. I segnali di entità mino- re sui canali 62, 65, 189 e 191 possono essere dovu-

ti a radiocomandi in uso a grande distanza od al pro-

dotto dell’intermodulazione di sistemi nelle immediate vicinanze. Per verificare questa circostanza allontana- tevi di qualche metro da altri trasmettitori in funzione ed osservate se tali segnali diminuiscono la propria intensità. In alcune circostanze, specialmente quando altri trasmettitori sono nelle vicinanze, quelli che sem- brano segnali di entità minore sono spurie di altri ca- nali.

Nota importante:

• Il modulo RF può venire attivato anche se sul display appare il messaggio “OCCUPATO!”. Abilitare la trasmissione in questo caso però è rischioso per il proprio modello oltre che per i modelli degli altri in quanto si verifica una so- vrapposizione di segnali sulla stessa frequen- za.

• La portata dello scanner della mx-24s è limita- ta, ossia potrebbe non essere in grado di rile- vare segnali provenienti da sorgenti a distanza elevata. Eseguire ulteriori verifiche nel caso ci siano altri piloti in distanza, specialmente nel caso vi siano ostacoli di mezzo.

• L’ intensità del segnale visualizzato dipende dalla potenza di trasmissione di altri radioco- mandi, dalla lunghezza della loro antenna, dal- la loro distanza dalla mx-24s, dalla posizione relativa tra l’ antenna della mx-24s e quella de- gli altri trasmettitori. La sensibilità dello scan- ner integrato varia in funzione della lunghezza alla quale è estesa l’antenna della mx-24s.

• La figura comprende frequenze non ammesse in Italia, vedere la lista delle frequenze omolo- gate alla pagina seguente.

frequenze non ammesse in Italia, vedere la lista delle frequenze omolo- gate alla pagina seguente. 01.07.2008

01.07.2008

12:47:20

mx-24s.1.I.indd

Selezione del canale di trasmissione

Selezionare un canale non utilizzato, ad es. (in que- sto caso) 65, dopo aver verificato che il segnale che compare su tale canale è dovuto solo ad intermodu- lazione di altri radiocomandi nelle vicinanze. Preme-

ESC
ESC

re il pulsante

per ritornare al menù precedente,

ed entrare in Selezione Canale “è” utilizzando il con- trollo rotativo:

C61 HF off
C61
HF
off

OCCUPATO !

attivare

NO

SI

SCAN

Canale
Canale
ENTER ,
ENTER
,

Premere il controllo rotativo od il pulsante

e selezionate il canale desiderato – in questo caso il 65 – dalla lista ruotando il controllo rotativo:

C61

C62

C63

C64

C65
C65

C66

C67

C68

C69

C70

C71

C72

C73

C74

C75

C76

C77

C78

C79

C80

C281

C282

C182

C183

C184

C185

C186

C187

C188

C189

C190

C191

ENTER
ENTER

Premere il pulsante

od il controllo rotativo per

terminare la selezione canale. Se voleste ora attivare il modulo RF su questo cana- le tramite il controllo rotativo selezionate “SI” confer-

ENTER
ENTER

mando con

(o premendo brevemente il con-

trollo rotativo); Viene quindi attivata la trasmissione sul canale impostato.

C6 5
C6 5

HF

off

attivare

Canale

NO

SI
SI

SCAN

C6 5 HF off attivare Canale NO SI SCAN

25

Il display passa automaticamente alla videata princi- pale, che indica evidenziata la frequenza di trasmis- sione:

Nome modello #01 0:30h SPCM20 H-J.Sandbrunner 10.9V 0:10h C65 0 0 0
Nome modello
#01
0:30h SPCM20
H-J.Sandbrunner
10.9V
0:10h
C65
0
0
0

Cronometro

0 : 00 0 : 00
0
:
00
0
:
00

Tempo Volo

0
0

Il radiocomando è ora pronto all’ uso. I seguenti canali sono disponibili:

Banda

Canali*

35

/ 35 B MHz

61 … 80 / 281, 282

 

182 … 191

40

/ 41 MHz

50… 92 / 400 … 420

* L’utilizzo di alcuni canali sui 35 MHz ei 40 MHz, e di tutta la ban- da 41 MHz non è ammesso in Italia. Verificare la legislazione vi- gente aggiornata per la lista di frequenze ammesse, la tabella a pag. 206 è aggiornata alla data di pubblicazione.

Per impostare un nuovo canale di trasmissione è ne- cessario spegnere e riaccendere il radiocomando. La programmazione di base di un modello viene de- scritta a pag. 58, e nella sezione a pag. 158 con esempi di programmazione.

ATTENZIONE:

IN NESSUN CASO SPEGNERE IL TRASMETTITO-

RE DURANTE IL PILOTAGGIO DI UN AEROMO- DELLO! SE LO FATE RISCHIATE SERIAMENTE DI PERDERE IL MODELLO IN QUANTO RISULTA DIF-

FICILE RIATTIVARE IN TEMPO IL MODULO RF IN QUANTO LO STESSO RICHIEDE LA CONFERMA

DI SICUREZZA “ATTIVARE RF SI/NO” ALL’ACCEN-

SIONE.

CONFERMA DI SICUREZZA “ATTIVARE RF SI/NO” ALL’ACCEN - SIONE. Primo utilizzo del Radiocomando 25 01.07.2008 12:47:20

Primo utilizzo del Radiocomando

25

CONFERMA DI SICUREZZA “ATTIVARE RF SI/NO” ALL’ACCEN - SIONE. Primo utilizzo del Radiocomando 25 01.07.2008 12:47:20

01.07.2008

12:47:20

Ricevente

(non inclusa nel set)

Si raccomanda di leggere le note relativa alla riceven- te, alla sua antenna alla pagina seguente. Se la ricevente è del tipo che utilizza quarzi intercam- biabili il numero del canale del quarzo installato sul- la ricevente deve essere lo stesso impostato sulla tra- smittente. Utilizzare quarzi marchiati “R” (per Riceven- te) come mostrato nella tavola a pag. 206. Non è ne- cessario il quarzo ricevente se si utilizza una riceven- te sintetizzata a PLL GRAUPNER. In base al tipo di ricevente il canale viene impostato tramite il seletto- re apposito oppure tramite la scansione della banda, consultare le istruzioni della ricevente. Le riceventi GRAUPNER posseggono un connettore non reversibile polarizzato affinchè le spine servi ed alimentazione non possano essere inserite in manie- ra errata; le spine presentano due angoli smussati a tale scopo Collegare la batteria ad un cavo interrutto- re (v. cat. generale GRAUPNER FS), e collegate l’in- terruttore alla presa “Batt” sulla ricevente. Se utilizzate la ricevente DS 24 FM S o amc24D- SCAN potete controllare fino a dodici servi, regola- tori Motore etc. direttamente. I servi da 1 a 12 pos- sono essere comandati con i due stick proporziona- li o – dopo adeguata programmazione – ogni altro con- trollo proporzionale od interruttore presente sul radio- comando mx-24s. I due ultimi tipi di controllo posso- no essere assegnati alle entrate 5 … 12 tramite sof- tware; consultare il menù »Configurazione canali«, pag. 78 / 80. Ogni servo può anche essere control- lato tramite mixer, vedi menù »Miscelazioni libere« menù a pag. 135.

26 Note applicative

mx-24s.1.I.indd

26

Nota:

rosso 1 3 2 Batteria Elimination Circuit (BEC) Cavo interruttore Batt. Ricevente Antenna Batteria Ricevente
rosso
1
3
2
Batteria Elimination Circuit (BEC)
Cavo interruttore
Batt.
Ricevente
Antenna
Batteria
Ricevente
Servos
2 3 4 5 6 7 8 91

Se intendete utilizzare una batteria riceven- te separata ed un re- golatore Motore con si- stema BEC integrato è normalmente neces-

sario scollegare il polo positivo (rosso) dalla spina a tre vie del regolatore. Controllare le istruzioni fornite con il regolatore Motore. Utilizzare un piccolo cacciavite per sollevare la lin- guetta centrale della spina (1), sfilare il filo rosso (2) ed isolare il terminale scoperto con nastro adesivo per prevenire corto circuiti (3).

*

filo rosso (2) ed isolare il terminale scoperto con nastro adesivo per prevenire corto circuiti (3).

01.07.2008

12:47:21

Note applicative

mx-24s.1.I.indd

Note applicative

La ricevente va installata correttamente all’ interno del modello. A seguire alcuni utili suggerimenti per l’in- stallazione della ricevente sul modello:

1. Avvolgere la ricevente in gomma piuma (antistati- ca) spessa almeno 6 mm per proteggerla da vibra- zioni, atterraggi duri ed in caso di incidente.

2. L’antenna della ricevente deve essere fissata in maniera che non possa, muovendosi, andare ad interferire con i comandi o l’elica del modello. Non estenderla lungo una linea retta, ma preferire una sistemazione che preveda una piega, ad esempio arrivare fino al piano di quota e poi lasciare gli ul- timi 10 - 15 cm liberi, questo limita la presenza di zone d’ ombra di ricezione durante il volo. Se non fosse possibile raccomandiamo di disporre la par- te iniziale dell’antenna a formare una S all’interno del modello, il più vicino possibile alla ricevente.

3. Tutti gli interruttori devono essere installati in posi- zione tale da non essere soggetti ai fumi di scari- co ed alle vibrazioni.

4. Fissare in sede i servi utilizzando i gommini am- mortizzanti e le boccole in ottone fornite con i ser- vi. I gommini ammortizzanti proteggono i servi da shock meccanici e vibrazioni. Il disegno a destra mostra la maniera corretta di montaggio di un ser- vo. I distanziali metallici vengono inseriti all’interno dei gommini dalla parte inferiore. Non serrare esa- geratamente le viti di fissaggio dei servi, in quan- to ciò comprimerà i gommini riducendone l’effet- to ammortizzante. Questo sistema di fissaggio of- fre una efficace protezione dalle vibrazioni ai ser- vi, ma solo se le viti di fissaggio sono serrate cor- rettamente.

5. I bracci di comando dei servi devono poter gira- re liberamente per tutta la propria corsa, nessu- na parte del comando deve impedire il movimento del servo. Verificare che il servo non venga blocca- to meccanicamente in alcun punto della sua corsa.

27

Se si presentasse il caso, riconnettere il comando in maniera da ridurre la corsa, o ridurre la corsa del servo dal menù appropriato sulla trasmittente. La sequenza con la quale i servi vengono collegati alla ricevente è definita dal tipo di modello. Consultare l’assegnazione prese elencata a pag. 37 e 43. Assicuratevi di aver letto le note relative alla sicurez- za a pag. 4 … 6.

Montaggio servi

Orecchie di fissaggio Vite di fissaggio Gommino am- mortizzatore Boccola in ottone
Orecchie di fissaggio
Vite di fissaggio
Gommino am-
mortizzatore
Boccola in ottone

Se la ricevente viene accesa mentre la trasmittente è spenta i servi possono muoversi in maniera incon- trollata. Per evitare che questo avvenga seguire la se- guente regola all’accensione :

Accendere sempre prima la trasmittente e poi la ricevente.

Ed allo spegnimento:

Spegnere prima la ricevente e poi la trasmittente. Durante la programmazione della trasmittente assicu- ratevi che nessun Motore elettrico possa avviarsi, e che eventuali motori a scoppio con avviatore non ab- biano la possibilità di accendersi inavvertitamente. Ai fini della sicurezza è sempre consigliabile scollega- re la batteria Motore, o la linea di alimentazione car- burante, prima di effettuare la programmazione del- la radio.

Controllo portata Prima di ogni volo bisogna controllare che ogni si- stema di bordo funziona correttamente, ed effettua- re una prova di portata radio con modello a terra. L’ antenna della trasmittente deve essere montata ma non estesa. Portarsi a distanza appropriata dal mo- dello controllando che i comandi vengano eseguiti in maniera rapida e precisa durante il test. Se il model- lo possiede un Motore ripetere la prova con Motore in moto, assicurandosi che lo stesso non produca inter- ferenze che riducono la portata radio.

Note applicative

27

che lo stesso non produca inter- ferenze che riducono la portata radio. Note applicative 27 01.07.2008

01.07.2008

12:47:22

Definizioni e terminologia

Funzioni di comando, Controlli trasmittente, Ingresso funzione, Canale di comando, Mixers, Interruttore esterno, Interruttore di comando, Interruttore fisso

Per rendere più facile la comprensione del manua- le della mx-24s, presentiamo a questo punto i termi- ni che verranno utilizzati nel manuale spiegandone il significato ed un diagramma di flusso a blocchi che evidenzia il percorso del segnale in ogni componen- te del radiocomando fino alla sua trasmissione trami- te l’antenna.

Funzioni di comando

Per funzione di comando si intende il segnale prodot- to da uno specifico comando indipendentemente dal percorso del segnale nella trasmittente. Nel caso di

un modello ad ala fissa Motore, deriva ed alettoni rap- presentano funzioni di comando, cosi come i control-

li di collettivo, rollio e beccheggio lo sono sugli elicot- teri. Il segnale di una funzione di comando può esse- re applicato direttamente ad un canale oppure trami- te un miscelatore a più canali. Un tipico esempio di quest’ultimo è il comando separato di due servi per

il controllo separato degli alettoni, od il controllo del

piatto ciclico tramite due o tre servi negli elicotteri. In particolare, la funzione di comando esprime l’azione del movimento meccanico dell’elemento di controllo sul servo corrispondente. Tale azione può essere am- plificata o ridotta tramite software, è anche possibile modificarne le caratteristiche della cosa da lineare ad esponenziale indipendentemente per ogni semicorsa.

Controlli trasmittente (CTRL)

Per controlli della trasmittente si intendono i disposi- tivi meccanici azionati dal pilota sulla trasmittente. Il loro azionamento produce il movimento dei servi, re- golatori etc alla ricevente. I controlli della trasmitten- te includono:

28

I due stick proporzionali per le funzioni da 1 a 4; Queste quattro funzioni sono intercambiabili tra- mite software, per es. Motore a destra o sinistra, senza che sia necessario spostare i servocoman- di. Il controllo bivalente Motore o aerofreno viene chiamato spesso C1 (Canale 1).

Definizioni e terminologia

mx-24s.1.I.indd

28
28

• I due potenziometri sistemati la- teralmente, che in diversi punti del programma vengono chiama- ti come potenziometro numero 9 (potenziometro destro) e 10 (po- tenziometro sinistro).

• I due controlli chiamati CTRL 5 e 6. Sulla mx- 24s questi hanno una doppia funzione:

5 e 6. Sulla mx - 24s questi hanno una doppia funzione: a) Se non assegnati
5 e 6. Sulla mx - 24s questi hanno una doppia funzione: a) Se non assegnati

a) Se non assegnati ad alcuna funzione nel menù »Configurazione Canali« (v. pag. 78 e 80), possono essere utilizzati come pulsanti di INCremento o DECremento di un valore sele- zionato in alternativa al controllo rotativo. b) Se vengono impostati come controlli nel menù »Configurazione Canali« spostano il servo as- sociato dell’ 1% della corsa (relativa alla corsa totale del servo impostata nel menù »Configu- razione Servi«) ogni volta che vengono premu- ti. La posizione del comando viene visualizzata

a display ogni volta che ven- gono utilizzati, oppure pre- mendo il pulsante rotativo brevemente. Tale controllo è ideale per impostare la Flap- patura nelle varie fasi di volo.

Se premuti a lungo la veloci- tà di avanzamento aumenta automaticamente e viene evidenziata da un aumento della velocità dei bip di avanzamento. Un segnale acustico ed una pausa indicano il raggiungimento del centro corsa.

Nota:

La posizione di questi controlli viene memo- rizzata in maniera separata per ogni fase di volo se assegnati ad uno dei canali 5 … 12 nel menù »Configurazione Canali«.

elo Crono PCM20 Tempo er C65 0 0
elo
Crono
PCM20
Tempo
er
C65
0
0

• Inoltre i servi possono essere portati in tre posizioni fisse (avanti-centro-indie- tro) tramite gli interruttori a tre posizioni

tro) tramite gli interruttori a tre posizioni chiamati 7 ed 8, oppure solamente in due posizio-

chiamati 7 ed 8, oppure solamente in due posizio- ni (avanti-indietro) tramite gli interruttori a due po- sizioni. La posizione che il servo assume con l’atti- vazione di un interruttore può essere regolata sin- golarmente per ogni estremo, v. menù »Configu- razione Canali«, pag. 78 ed 80, e menù »Confi- gurazione Servi« , pag. 74). I controlli che agiscono su uno dei servi 5 … max. 12 sono liberamente programmabili, senza restrizioni.

Nota importante:

Nelle impostazioni di default tutti questi controlli sono impostati come “liberi”, ossia non assegnati ad alcun comando.

La numerazione indicata sulla trasmittente serve esclusivamente a facilitare la programmazione. Solo sul menù Elicotteri il controllo laterale destro (Control- lo 9) è assegnato al funzione “limite del gas”; v. pag. 82. Nel menù Elicottero anche i controlli 6, 7 e 12 sono già assegnati, rispettivamente alle funzioni Mo-

tore, Giroscopio, e Limite del gas, in quanto funzioni specifiche per questo tipo di modelli utilizzano questo tipo di controllo. Fisicamente e concettualmente ogni controllo della

trasmittente termina sull’ingresso della funzione as-

sociata

Ingresso funzione

Questo è un punto immaginario del percorso del se- gnale e non deve essere considerato come il punto sulla scheda alla quale è collegato il controllo asso- ciato. In effetti i menù »Ordinam.Comandi« e »Con- figurazione Canali« influenzano la sequenza della connessione tra controlli e funzioni e può, anzi è pro- babile, che vi siano delle differenze tra il numero che definisce il controllo ed il numero che definisce la fun- zione associata a quel controllo.

Canale di comando

Esiste un punto nel percorso del segnale in cui il se- gnale contiene tutte le informazioni necessarie a co-

un punto nel percorso del segnale in cui il se- gnale contiene tutte le informazioni necessarie

01.07.2008

12:47:22

mx-24s.1.I.indd

Diagramma di flusso

Per attivazione mixers, auto- rotazione, fasi di volo … Funzioni di comando Ingresso funzione Canale
Per attivazione mixers, auto-
rotazione, fasi di volo …
Funzioni di comando
Ingresso funzione
Canale di comando
Curva canale 1
1
Per
esempio:
Stick
D/R
EXPO
2
Tipo modello
Elicottero
D/R
EXPO
3
Stick
Commutat. Canali
D/R
EXPO
4
Interruttori logici
CTRL 5 (pulsante digitale)
5
5
Impostazioni fasi
CTRL 6 (pulsante digitale)
6
6
Assegnazione fasi
RF
Controllo 7
(Interr. A 3 posizioni)
Canali non ritardati
7
7
Miscelazioni alari
Controllo 8
(Interr. A 3 posizioni)
8
8
Miscelazioni Elicottero
Controllo 9
(controllo rot. lat. Destro)
9
9
Miscelazioni libere
Controllo 10
( controllo rot. lat sinistro)
10
10
Attivazione Mix
11
Mix
di un canale
11
Assegnazione libera
dei controlli 1, 5 … 10
e di tutti gli interruttori
tramite software
Mix
incrociata
12
12
Controlli radiocomando
Di default ai controlli 5 …12
non è controllo
assegnata
alcuna
funzione,
(ad eccezione
del
limite
gas)
Controlli
1 riassegnati
… 4 modello«
possono
venire
nel
menù
»Impostazioni
base
Modo stick 1 … 4Assegnazione
libera funzioni 5 … 12
Controlli
10 ordine
possono
essere
alle
funzioni
5 menù
… assegnati
12 1,
in 5 ogni
nel
Configurazione Canali: offset - corsa - velocità
»Configurazione
Canali«.
Ingresso Mixer
mx-24s-Programme
Interr. a 2 posizioni
o
Interr. a 3 posizioni
Uscita Mixer
Configurazione Servi: REVerse - centro - corsa - limitazioni
Antenna

29

mandare un determinato servo. Sia che vengano ge- nerate da un controllo della trasmittente o indiretta- mente tramite un mixer viene definito comando. Tale segnale viene generato individualmente per ogni ser- vo, e viene trasmesso attraverso il modulo RF per co- mandare il servo corrispondente sul modello.

Mixers

Il

diagramma di flusso comprende numerose funzio-

ni

di miscelazione. Il loro scopo è quello di legarsi agli

ingressi funzione cosicchè possano agire su più ser-

vocomandi. I Mixer predisposti all’ interno del software

coprono una vasta gamma di necessità e sono estre- mamente versatili, Consultare la sezione del manuale

a pag. 110, in cui vengono descritti dettagliatamente.

Interruttori (SW)

Abbiamo già visto che gli interruttori a due e tre po- sizioni della mx-24s possono essere associati a dei

servocomandi per portarli a due o tre posizioni prede- finite. Possono inoltre essere impostati anche per abi- litare o disabilitare determinate opzioni di programma, ad es. per avviare un cronometro, per attivare un mi-

xer, per attivare il funzionamento del modo istruttore/ allievo etc. Per questa ragione gli interruttori a tre po-

sizioni vengono definiti come “SW 5 + 6” e “SW 9 + 10”. L’interruttore SW 8 – in alto a dx, dietro – è un in-

terruttore con ritorno al centro a molla. Ogni interruttore può essere associato a numerose funzioni anche in contemporanea. L’associazione di

più interruttori in base alla logica selezionabile “E” o “O” (v. menù »Interruttori Logici« a pag. 97) permet- te di utilizzarli in sistemi complessi estremamente ver- satili. Numerosi esempi verranno descritti più avanti in questo manuale.

Commutatori Canali

Alle volte può risultare necessario attivare o disatti- vare una funzione in un determinato punto di un altro controllo del radiocomando, ad es. in una determina- ta posizione di uno stick proporzionale. Esempi tipici

Definizioni e terminologia

29

in una determina- ta posizione di uno stick proporzionale. Esempi tipici Definizioni e terminologia 29 01.07.2008

01.07.2008

in una determina- ta posizione di uno stick proporzionale. Esempi tipici Definizioni e terminologia 29 01.07.2008

12:47:23

sono l’attivazione di un cronometro con lo stick Moto- re, o l’ abbassamento dei Flap automaticamente. Il software della mx-24s include otto interruttori sof- tware di questo tipo, definiti “G1 … G8”. Tutto quel- lo che è necessario per attivarli è definire il punto di commutazione sulla cosa del comando di controllo, per fare ciò è sufficiente premere un pulsante. All’as- segnazione del controllo si potrà inoltre determinare per quale lato della corsa del controllo è attivato e per quale lato della cosa è disattivato. Nel menù »Commutatori Canali« a pag. 78 e 80, tro- verete che due funzioni comunemente utilizzate sono già pre-programmate: entrambe sono abbinate allo stick Motore, con punti di attivazione a -75% (G1) e +75% (G2) della corsa stick Motore (Controllo 1). Naturalmente, gli interruttori sulla trasmittente posso- no anche essere abbinati allo scopo di risolvere situa- zioni particolari: Possono essere ad esempio venire abbinati agli interruttori fisici del radiocomando, che sono già stati descritti in precedenza. Una serie di esempi rende la programmazione di que- ste funzioni un gioco da ragazzi; consultare in propo- sito gli esempi di programmazione a pag. 94, 170, …

Interruttori fissi FXI e FX

a pag. 94, 170, … Interruttori fissi FXI e FX Questo tipo di interruttori attiva in

Questo tipo di interruttori attiva in maniera permanen- te una funzione, ad esempio un timer (normalmente chiuso) oppure disattiva in maniera permanente una funzione (normalmente aperto). Questo tipo di interruttore appartiene alla serie di in- terruttori estesi alla quale appartengono anche gli in- terruttori logici. Possono essere programmati da qua- lunque menù nel quale appaia la seguente finestra durante l’assegnazione delle funzioni (v. pag 32 per la descrizione dettagliata):

Interr. selezionato in posizione ON (altri interr: ENTER)

30 Pulsanti Radiocomando e controllo rotativo

mx-24s.1.I.indd

30
30

Operazioni di base

Tastiera, Tasti rapidi, funzioni del controllo rotativo

ENTER
ENTER
, ESC , CLEAR ,
,
ESC
, CLEAR
,

HELP, Regolazione Contrasto, Blocco Tastiera

Pulsanti Tastiera

Il radiocomando viene programmato utilizzando sola- mente i quattro pulsanti sul lato sinistro del display in abbinamento all’ elemento cruciale: il “controllo rotati- vo 3D” sulla destra del display, il cui utilizzo viene de- scritto alla seguente pagina.

Pulsanti della tastiera:

• ENTER
• ENTER
ENTER ENTER
ENTER
ENTER

La prima pressione del tasto

dal menù

principale porta al menù multifunzioni. La succes-

siva pressione del tasto

ci porta all’interno

della voce evidenziata del menù multifunzione.

ESCI

ESC
ESC
• ESC =
ESC
=

La pressione del tasto

fa risalire di un passo

dal menù in cui ci si trova, le pressioni successive potano a ritroso fino alla videata principale.

• CLR =
CLR
=

CLEAR

CLEAR CLEAR
CLEAR
CLEAR
fino alla videata principale. • CLR = CLEAR CLEAR CLEAR • HLP = Durante la programmazione
• HLP =
HLP
=

Durante la programmazione la pressione del tasto

resetta un parametro al valore di default. viene anche utilizzato per scorrere all’in-

dietro le pagine dei menù all’interno dell’ Help.

HELP

In ogni momento durante la programmazione è possibile premere questo pulsante per richiama- re un breve testo di aiuto relativo al menù dal qua-

le viene richiamato. All’interno dell’ HELP potete scorrere le pagine con i pulsanti HELP e
le viene richiamato. All’interno dell’
HELP
potete
scorrere le pagine con i pulsanti
HELP
e
CLEAR
,

rispettivamente per procedere o rivedere una pa- gina precedente.

Tasti rapidi, funzioni del controllo rotativo 3D

L’utilizzo standard del controllo rotativo 3D è stato già descritto a pag. 20. Mostriamo ora l’utilizzo del con- trollo rotativo in una applicazione pratica. Accendere il Radiocomando (la procedura di sele- zione canale ed utilizzo dello scanner è stata già de- scritta a pag. 24). Premete semplicemente il tasto

ENTER
ENTER

, in maniera da non abilitare il modulo RF. Vi

trovate ora nella videata principale.

Nota:

Se non assegnati ad altre funzioni l’azionamento dei due controlli 5 e/o 6 equivale alla rotazione del con- trollo rotativo.

• Regolazione Contrasto

Nome modello : Premere e Cronometro 0 00 #01 0:00h SPCM20 0 : ruotare Tempo
Nome modello
:
Premere e
Cronometro
0
00
#01
0:00h SPCM20
0
:
ruotare
Tempo Volo
00
H-J.Sandbrunner
10.9V
0:05h
C65
0 0
0
0
Potete regolare il contrasto del display per adattar-
lo alla luminosità dell’ ambiente premendo e ruo-
tando il controllo rotativo 3d dalla videata princi-
pale.
tando il controllo rotativo 3d dalla videata princi- pale. • Blocco/Sblocco Tastiera Nome modello 0 :

• Blocco/Sblocco Tastiera

Nome modello 0 : Cronometro 00 #01 0:05h SPCM20 Tempo Volo 0 : 00 H-J.Sandbrunner
Nome modello
0
:
Cronometro
00
#01
0:05h SPCM20
Tempo Volo
0
:
00
H-J.Sandbrunner
10.9V
0:30h C65
0 0
0
0
+ CLEAR
+
CLEAR

Il simbolo della chiave alla sinistra del logo GRAUPNER/JR indica il blocco della tastiera. Per bloccare o sbloccare la tastiera premere il tasto

CLEAR vo.
CLEAR
vo.

mentre si tiene premuto il controllo rotati-

o sbloccare la tastiera premere il tasto CLEAR vo. mentre si tiene premuto il controllo rotati-

01.07.2008

o sbloccare la tastiera premere il tasto CLEAR vo. mentre si tiene premuto il controllo rotati-

12:47:23

Pulsanti di accesso rapido, funzioni accessorie del controllo rotativo

mx-24s.1.I.indd

Tasti rapidi di accesso a: Cosa Servi, Scelta modello, lista multifunzione, Scelta rapida e tempo slot; Uso del controllo rotativo durante la programmazione

• Tasto rapido Corsa Servi

• Selezione rapida

Impostare nuovo valore: IMPOSTAZIONE BASE MODELLO Nome modello Info Ruotare Ordinam.Comandi 2 Modulazione SEL
Impostare nuovo valore:
IMPOSTAZIONE BASE MODELLO
Nome modello
Info
Ruotare
Ordinam.Comandi
2
Modulazione
SEL
Confermare impostazione ed uscire:
IMPOSTAZIONE BASE MODELLO
Nome modello
Info
Breve
pressione
Ordinam.Comandi
2
Modulazione
SEL
Nel caso ci fossero dei campi nella zona bassa del
display, oltre ai campi
SEL
, potete accedervi ruo-
tando il controllo rotativo.
Premere
ESC
per ritornare passo a passo alle pa-
gine precedenti.

����

����������

��

����

����������

����

����

�������

�����

����

�������

��

����

��� ���

��

���

��� ���

��

+ HELP
+
HELP
 

Tutti i codici

  Tutti i codici Memoria Commutatore Fasi di volo Miscelatori Finzioni globali

Memoria Commutatore Fasi di volo Miscelatori

Finzioni globali

Inst. base Servi Interruttore  Tutti i codici Memoria Commutatore Fasi di volo Miscelatori Finzioni globali Orologi Funzioni special

OrologiFunzioni special

Funzioni special

Tenere pre- muto il cont. rotativo

Funzioni special Tenere pre- muto il cont. rotativo Durante la programmazione potete passare diret- tamente al

Durante la programmazione potete passare diret- tamente al menù »Corsa Servi« (v. pag. 156) sia dalla videata principale che virtualmente da ogni

HELP
HELP

menù premendo il tasto

mentre si tiene pre-

Dalla lista multifunzione potete spostarvi al “som- mario strutturato di programmazione” tenendo pre- muto a lungo il controllo rotativo. Ai fini della chia- rezza di esposizione in questo sommario i menù vengono raggruppati a blocchi logici di influenza. Tenendo sempre premuto il controllo rotativo se- lezionare il blocco menù di interesse. Al rilascio del controllo rotativo la lista mutifunzione mostrerà solo i menù appartenenti al blocco selezionato.

• Tempo slot Il tempo slot può venire fermato premendo il tasto

ESC
ESC

mentre si tiene premuto il controllo rotativo,

CLR .
CLR
.

ed anche resettato premendo il tasto

Impostazione menù Una breve pressione del controllo rotativo o del ta-

sto ENTER
sto
ENTER

porta all’ interno del menù selezionato,

ESC
ESC

fa uscire da un

mentre la pressione del tasto

menù. Selezionare una linea all’ interno di un menù:

IMPOSTAZIONE BASE MODELLO Nome modello Info Ordinam.Comandi Modulazione Evidenziate un campo: IMPOSTAZIONE BASE
IMPOSTAZIONE BASE MODELLO
Nome modello
Info
Ordinam.Comandi
Modulazione
Evidenziate un campo:
IMPOSTAZIONE BASE MODELLO
Nome modello
Info
Ordinam.Comandi
1
Modulazione
SEL

Premere e

ruotare

Info Ordinam.Comandi 1 Modulazione SEL Premere e ruotare Breve pres- sione muto il controllo rotativo. Tale

Breve pres-

sione

1 Modulazione SEL Premere e ruotare Breve pres- sione muto il controllo rotativo. Tale menù mostra

muto il controllo rotativo. Tale menù mostra le corse servi considerando le regolazioni effettuate ed i mixer attivati. La pressione del controllo rotativo riporterà diretta- mente al menù precedente.

• Tasto rapido scelta modello

01 Graubele 1:25h PCM20 1675Gr 02 Soarmaster 2:45h PPM18 070707 03 DV20KATANA 5:46h Anc.mett.punto 04
01
Graubele
1:25h PCM20 1675Gr
02
Soarmaster 2:45h
PPM18 070707
03
DV20KATANA 5:46h Anc.mett.punto
04
Starlet 50 8:31h
Pronto per trim
+
05
 libero

06
 libero 
ENTER
Dalla videata principale potete accedere al menù
»Scelta modello« (v. pag. 59) premendo il tasto
ENTER
mentre si tiene premuto il controllo rotati-
vo.
• Richiamo della lista multifunzioni dalla videata
principale
Scelta modello
Impostaz. base
Config. servi
Copia / cancella
Annull. modelli
Tipo modello
Config. stick
Seleziona
Annull. codici
Config. canali
Dual Rate / Expo
Curva canale 1
Posiz. interr.
Una breve pressione del controllo rotativo o del ta-
sto
ENTER
porta alla lista multifunzioni, mentre il
tasto
ESC
riporta indietro al menù precedente.
Selezionate il menù al quale accedere ruotando il
controllo rotativo o utilizzando i controlli 5 o 6.
31

Pulsanti Radiocomando e controllo rotativo

31

controllo rotativo o utilizzando i controlli 5 o 6. 31 Pulsanti Radiocomando e controllo rotativo 31

01.07.2008

12:47:25

Assegnazione controlli radiocomando, interruttori ed interruttori di controllo

Procedura base, significato di Interruttori fissi “FX”

Assegnazione dei controlli del radiocomando e degli interruttori

La mx-24s offre la massima flessibilità per quanto ri- guarda l’ assegnazione dei controlli a particolari fun- zioni. Dato che la procedura di assegnazione dei controlli è la medesima in ogni menù, spieghiamo qui il procedi- mento base, cosicchè ci si possa poi concentrare sui contenuti particolari dei menù durante la lettura della descrizione dettagliata degli stessi.

Nel menù »Configurazione Canali« … … (v. pag. 78 / 80) potete assegnare il controllo 1, ed ogni altro controllo del radiocomando, definito quindi “CTRL”, od interruttore definito quindi come “SW”, agli ingressi 5 … 12 allo scopo di comandare il servoco- mando corrispondente. La videata si presenta in que- sto modo:

Muovere l’interrutt. o il commut desider.

Azionate ora uno dei seguenti controllo (CTRL) od in- terruttore (SW):

Motore stick C1 CTRL 5 + 6 CTRL 7 + 8 o int. SW 1
Motore stick C1
CTRL
5 + 6
CTRL 7 + 8 o int.
SW 1 … 10
CTRL
9 + 10

Nota:

Il software percepisce l’azionamento dei pulsanti 5 + 6 solo dopo alcuni “beeps”. Questo significa che è ne- cessario tenerli premuti in una delle due direzioni af- finchè non viene confermata l’assegnazione a display. Se non ci fosse sufficiente cosa nella direzione scelta invertite semplicemente il verso di azionamento.

32 Configurazione Interruttori

Nel menù »Commutatori Canali« … … (v. pag. 94) viene mostrato il seguente messaggio:

muovere l’interr. desiderato Nota: 3. Inversione degli Interruttori: nella linea in basso del display. Interr.
muovere
l’interr.
desiderato
Nota:
3. Inversione degli Interruttori:
nella linea in basso del display.
Interr. selezionato
in posizione ON
(altri interr: ENTER)
Interr. selezionato
in posizione ON
(altri interr: ENTER)

dente. Il simbolo dell’ interruttore accanto al nume- ro mostra lo stato dell’interruttore associato a tale numero. Gli interruttori a tre posizioni designati CTRL 7 e 8 ed anche SW 5 / 6 e SW 9 / 10 possono esse- re utilizzati come puri interruttori ma anche come controlli, il che significa che sono disponibili in to- tale ben 10 interruttori (SW 1 … 10) liberamente programmabili.

Importante:

Se desiderate assegnare uno dei controlli tra- smittente (in particolare 5 e 6) è ESSENZIALE che vengano prima assegnati ad una delle funzioni da 5 a 12, questa operazione viene effettuata all’in- terno del menù »Configurazione Canali«.

La posizione nella quale spostate l’interruttore du- rante la sua assegnazione viene interpretata dal software come posizione “ON” (Attivato). Si sugge- risce quindi di portare l’interruttore nella posizio- ne di “OFF” prima di entrare nel menù assegnazio- ne interruttori.

Oltre ai controlli summenzionati (colonna di sinistra) è anche possibile assegnare uno dei quattro controlli su stick semplicemente azionando lo stick dall’alto in basso o da destra a sinistra.

Assegnazione interruttori

Nei menù in cui è possibile assegnare un interruttore

Se l’ interruttore dovesse commutare nella dire- zione errata (ad. Es. attivando una funzione quan- do spostato verso l’alto, mentre si preferisce ven- ga attivata quando spostato verso il basso), proce- dere come segue: spostare l’interruttore verso l’al- to, selezionare il simbolo dell’interruttore di nuovo e riassegnarlo spostando la leva verso il basso.

appare il simbolo

spostando la leva verso il basso. appare il simbolo Se spostate il cursore su questo campo

Se spostate il cursore su questo campo tramite il con- trollo rotativo il simbolo viene evidenziato (sfondo

scuro):

Ecco come assegnare un interruttore:

1. Premere brevemente il controllo rotativo

4. Cancellare una assegnazione Selezionare il simbolo dell’interruttore come pre-

CLEAR .
CLEAR
.

cedentemente descritto e premere il tasto

Assegnazione interruttori da lista estesa Da vari menù è possibile assegnare gli interruttori de- nominati “SW”. Questi menù sono contraddistinti dalla accessibilità alla seguente finestra …

2. Appare la seguente finestra:

Selezionate l’ interruttore che desiderate assegna- re semplicemente muovendolo, come da istruzio- ni a display; Questo è tutto, l’interruttore assegna- to appare ora sulla schermata del menù corrispon-

In tali menù è inoltre possibile assegnare gli interrut- tori dalla cosiddetta lista estesa.

mx-24s.1.I.indd

32
32
è inoltre possibile assegnare gli interrut- tori dalla cosiddetta lista estesa. mx-24s.1.I.indd 32 01.07.2008 12:47:25

01.07.2008

12:47:25

EN-
EN-
TER
TER

Seguire le istruzioni a display: premere il tasto

per entrare in “Altri interruttori”: viene mostrata la

lista comprendente i due interruttori fissi “FX” e gli in- terruttori logici “L1 … L8” e “L1i … L8i”:

in- terruttori logici “L1 … L8” e “L1i … L8i”: Gewünschten Schalter Interr canale/fisso oder Geber
Gewünschten Schalter Interr canale/fisso oder Geber betätigen FXI FX L1 L2 L3 L4 (erw. Schalt.:
Gewünschten Schalter
Interr
canale/fisso
oder Geber betätigen
FXI
FX
L1
L2
L3
L4
(erw. Schalt.: ENTER)
L5
L6
L7
L8
L1i
L2i

Ruotare il controllo rotativo per selezionare l’ interrut- tore desiderato; gli interruttori da L3i a L8i sono sulla seconda pagina della lista, alla quale si accede subito dopo l’ultimo interruttore della prima:

Gewünschten Schalter Interr canale/fisso oder Geber betätigen L5FXI L6 L7 L8 L1i L2i (erw. Schalt.:
Gewünschten Schalter
Interr
canale/fisso
oder Geber betätigen
L5FXI L6
L7
L8
L1i
L2i
(erw. Schalt.: ENTER)
L3i
L4i
L5i L6i
L7i
L8i
Interruttori Fissi

I due interruttori fissi FX attivano (“FXI”) o disattivano

(“FX

Interruttori Logici Utilizzo degli Interruttori Logici – v. menù »Interruttori Logici«, pag. 97 – potete abbinare due interruttori e / o controlli secondo la logica selezionabile “E” o “O”. Vi sono ben otto Interruttori Logici “L1 … L8” (più altret-

tanti ulteriori otto Interruttori Logici invertiti, con senso

di attivazione opposto ai primi).

Inoltre il risultato dell’abbinamento logico di questi pri- mi può essere utilizzato come interruttore a sua volta

in sistemi complessi. Consultare la guida al menù ap-

propriato per maggiori dettagli.

Utilizzo degli interrut. tramite controllo “G1 … G8”

Per alcune funzioni è necessario che l’attivazione av- venga ad una determinata posizione di un controllo del radiocomando, piuttosto che manualmente trami-

te un interruttore (SW). Naturalmente è possibile im-

postare la posizione del controllo alla quale azionare

im- postare la posizione del controllo alla quale azionare ”) una funzione in maniera permanente. mx-24s.1.I.indd

”) una funzione in maniera permanente.

mx-24s.1.I.indd

33
33

l’interruttore.

Vi sono otto interruttori di questo tipo, denominati G1

… G8; La direzione di attivazione può venire invertita

nel menù “Commutatori Canali” ; v. pag. 94.

Come assegnare un commutatore canale Selezionare (evidenziandolo) il simbolo dell’interrut-

tore

lo quando appare la finestra:

simbolo dell’interrut- tore lo quando appare la finestra: dal menù appropriato ed azionare il control- Interr.

dal menù appropriato ed azionare il control-

Interr. selezionato in posizione ON (altri interr: ENTER)

La direzione del movimento durante l’assegnazio- ne determina il verso di attivazione. Un simbolo a lato dell’ assegnazione indica lo stato dell’interruttore:

” o “

Se la direzione di attivazione non fosse quella deside-

“
”
CLEAR
CLEAR

rata, premere il tasto

per cancellare l’ impo-

stazione, e procedere a riassegnare l’interruttore in- vertendo il movimento necessario al riconoscimento dello stesso.

Nota:

Tutti gli interruttori descritti finora possono es- sere assegnati a molteplici funzioni contempora- neamente. Prestare particolare attenzione a non assegnare funzioni che possano interferire tra

di

loro allo stesso interruttore. Si raccomanda

di

scrivere una lista delle funzioni assegnate ad

ogni interruttore.

Campi di selezione

SEL, STO, CLR, SYM, ASY, , A/S, è, ENT In alcuni menù troverete i campi
SEL, STO, CLR, SYM, ASY,
, A/S, è, ENT
In alcuni menù troverete i campi di selezione in bas-
so nella videata; possono essere selezionati tramite il
controllo rotativo:
A/S
SEL
STO CLR
SYM ASY
ENT 

A/S:

Chiudere / sopprime un menù o fun-

zione

SEL (select): Seleziona

Simbolo interruttore (assegna inter- ruttori, interruttori con controllo e lo- gici)

STO (store): Memorizza (salva) (ad es. pos. contr. radiocom.)

CLR (clear): Cancella (ad. es. punto su curva ca- nale)

Regola un valore simmetricamente

:
:

SYM:

Regola un valore asimmetricamente

ENT (enter): Solo nel menù »Codice segreto«

è:

ASY:

Passa a pagina seguente

Configurazione Interruttori / Campi di selezione

33

segreto« • è : ASY : Passa a pagina seguente Configurazione Interruttori / Campi di selezione

01.07.2008

12:47:26

Trim Digitali

Descrizione, taglio Motore C1

Trim digitali con indicazioni visive ed acustiche

Entrambe gli stick sono forniti di trim digitali. Quando premete brevemente su un trim (un “click”) la posizio- ne centrale del canale associato viene modificata di uno step. Se tenete premuto il trim a lungo la posizio- ne centrale del canale si sposta con velocità crescen- te nella direzione scelta. La quantità di movimento as- sociata ad ogni step è impostabile da “1” a “10” nel menù »Configurazione Stick« (v. pag. 76 / 77), che corrispondono circa allo 0.2% … 3% della corsa ser- vo rispettivamente. La posizione dei trim viene mo- strata a display anche in forma numerica.

Il tono del trim durante il movimento varia lungo la sua corsa, a riflettere il grado di deflessione dal cen- tro. Inoltre è possibile ritrovare il centro del trim senza che sia necessario guardare il display, in quanto una pausa durante la corsa indicherà che la stessa è arri- vata al centro. Le posizioni trim vengono memorizzate quando si passa da una memoria modello ad un’ altra.

I trim digitali possono essere memorizzati globalmen-

te o separatamente per ogni fase di una memoria mo-

dello, ad eccezione del trim del “C1” (Canale 1) che è

il trim del controllo Motore/Aerofreno su un aeromo-

dello. L’impostazione “globale” o “per fase” viene sele-

zionata nel menù »Configurazione Stick« (v. pag. 76

/ 77). Notare che il trim del C1 è sempre “globale” os- sia sempre la stessa per ogni fase indipendentemen- te dal numero delle stesse. Nella videata principale questa impostazione viene mostrata sulla barra trim corrispondente che si pre- senta ombreggiata o meno a seconda del settaggio:

• Ombreggiata = trim globale,

• Senza ombreggiatura = trimmaggio specifico per fase. Nella memoria modello alla quale la seguente figura si riferisce due trim sono impostati come indipenden- ti per fase:

34 Trim Digitali

mx-24s.1.I.indd

34
34
Nome modello #01 0:05h SPCM20 H-J.Sandbrunner 10.9V 0:10h C65 0 0 0
Nome modello
#01
0:05h SPCM20
H-J.Sandbrunner
10.9V
0:10h C65
0
0
0

Cronometro

0 : 00 0 : 00
0
:
00
0
:
00

Tempo Volo

0
0

1. Aeromodelli

Il trim del C1 ha la facoltà di impostare la posizio-

ne di “Motore al minimo” per motori a scoppio, ma solo se avete impostato “minimo gas indietro” o “min gas avanti” nella linea “Motore su ch 1” del menù “Tipo Modello” (v. pag. 70). In caso contrario tale funzione viene disabilitata.

Posizione

corrente trim Ultima posizione trim m Modèlello : Crono 0 00 Trim C 1 30h
corrente trim
Ultima posizione trim
m Modèlello
:
Crono
0
00
Trim C 1
30h SPCM20
0
:
Tempo
00
dbrunner
0:30h V65
28100
0
Valore
Trimmaggio
Direzione del trim
Direzione min. Mot.

Settare la posizione del trim necessaria al minimo Motore desiderato. Se muovete il trim del C1 nel-

la direzione di spegnimento del Motore in una uni-

ca soluzione appare un segno sulla barra del trim

a ricordare l’ultima posizione prima dello spegni-

mento. Potete tornare a tale posizione con un sin- golo click del trim in direzione del massimo Moto- re.

Nota:

Essendo questa funzione attiva solo nella dire- zione del minimo Motore una diversa imposta- zione della stessa nel menù »Tipo Modello« modificherà la finestra mostrata corispondente- mente.

Naturalmente è possibile assegnare il C1 allo

stick di sinistra, v. menù »Impostazioni Base«,

descritto a pag. 64.

2. Elicotteri Nel modo elicotteri il trim del C1 possiede un’altra

funzionalità oltre a quella descritta per gli aeromo- delli: stavolta in abbinamento alla funzione “limite Motore”: utilizzando uno slider di limitazione posi- zione Motore la corsa del servo Motore viene limi-

Contrassegno indicatore ultima posizione trim (Motore al minimo) èlello Slider limitazione max Motore 0 :
Contrassegno indicatore ultima
posizione trim (Motore al minimo)
èlello
Slider limitazione
max Motore
0
:
Crono w
00
CM20
0
:
Tempo
00
er
K65
28100
Posizione trim Motore spento
0

tata nella direzione del massimo Motore. Per mag- giori dettagli consultare pag. 82.

Nota riguardante gli elicotteri:

Il trim del C1 agisce solo sul servo Motore e non sui servi del collettivo: agisce inoltre solo nella parte di cosa del minimo Motore. Il servo Motore va collegato all’ uscita 6 della ricevente (v. Asse- gnazione uscite ricevente a pag. 43).

Motore va collegato all’ uscita 6 della ricevente (v. Asse- gnazione uscite ricevente a pag. 43).

01.07.2008

12:47:27

mx-24s.1.I.indd

35
35
mx-24s.1.I.indd 35 Note 35 01.07.2008 12:47:27