Sei sulla pagina 1di 7

Onoranze e Trasporti Funebri

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS


CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS F.I.S.S.C.
AFFILIATO

SERVIZI FUNEBRI COMPLETI E DI LUSSO CON MEZZI PROPRI CREMAZIONI SALME GRATUITE - DISBRIGO PRATICHE OVUNQUE VESTIZIONE SALME OVUNQUE - MONUMENTI CIMITERIALI OVUNQUE
SERVIZIO FUNEBRE: CASSA NOCE/LARICE - AUTOFUNEBRE (MERCEDES) - AUTOFIORIERA - PERSONALE - MANIFESTI - DISBRIGO PRATICHE

LA PRECISA DAVINO
. 1.300,00

ALERNOranata g
www.salernogranata.it
via r. jemma, 337 battipaglia (sa) tel. 0828.300440 info@artigraf.org

PERIODICO SPORTIVO - ANNO 0 - NUMERO 7 - DOMENICA 18 MARZO 2012

DISTRIBUZIONE GRATUITA

In Collaborazione con:

800 256 111


24
PONTECAGNANO FAIANO Via Picentino, 6 - Tel. 089 489 459 P.zza Medaglie Doro, 1 Fratte - Salerno

Allinterno il poster di Biancolino

SALERNO - VIA IRNO, 78

NOCERA INF. - Via Fucilari, 63 - Tel./Fax 081 517 22 00 PELLEZZANO - Via Nicotera, 46 - Tel./fax 089 521 452

337 905453 089 330227

DAVINO & PISAPIA 08 MEMOLI S.R.L. Tel.: 089 27 49 Bronzi, Fotoceramiche Lavorazione Marmi e Monumenti Funerari, Articoli

089 794447
24
ORE SU

Tutti uniti per la

Volata finale
Tutto lo shopping che cercavi 24 ore su 24
Siamo anche su:

Info: 348.3109143 e-mail:info@tuttoshop24.it

TuttoShop24

UFFICIO E PUNTO VENDITA:

Via Dei Mille, 90 - 84100 Salerno


Tel./Fax 089.3053402 - Cell- 389.4361061
SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: Via Aria Serre, 1 84090 - Giffoni Sei Casali (SA) - Tel./Fax 089.883319 Cell. 389.4361061 www.mondoimpianti.it e.mail:info@mondoimpianti.it
VENDITA AUTO NUOVE ED USATE PLURIMARCHE

A G E N Z I A A U T O M O B I L I S T I C A

BELLIZZI (Sa) - Tel. 0828.507689

Via Marconi, 17 Loc. Taverna delle Rose 84091 BATTIPAGLIA (SA) gianfrancodinapoli@libero.it tel. 0828 345276 - fax 0828 1843859 - cell. 334 8275332

PESCE FRESCO E SURGELATO - BACCALA E FRUTTI DI MARE VIA DELLA REPUBBLICA, 63 - MONT. PUGLIANO (SA) Cell. 338 1506963

Pagliarulo Franco

Pescheria

MAGLIANO GROUP
MUTUI & PRESTITI

BENEDETTO CROCE
ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - INFORMATICA LICEO SOCIO - PSICO - PEDAGOGICO CORSI DI LAUREA MASTER UNIVERSITARI CORSI DI LINGUA INGLESE IC3

Cessioni del V - Leasing Fidejussioni - Consolidamento prestiti Mutui in tutta Italia - Prestiti - Factoring
Via F.lli Rosselli, 91 - Macchia di M. Rovella (SA) Tel. 089.981939 - 349.4433718 - e-mail:maglianogroup01@gmail.com

Via San Domenico Savio, 4 - 84100 SALERNO tel. e Fax 089 2756077

2
Qui Salerno
Antonio Lombardi, il Cavalluccio e il Trust
entenza del tribunale di Napoli che condanna la Salernitana Calcio ad elargire una quota pari a di 3,5 milioni di euro per uso improprio di marchio ed inibisce la societ all'utilizzo dello stesso previo pagamento di 10mila euro, fallimento della societ istituita da Lombardi tramite il Lodo Petrucci nel 2005 e possibile coinvolgimento dell'Energy Power proprietaria dei beni immateriali della fu Salernitana Sport, rischio revocatoria in caso di acquisizione dei simboli da parte di terzi, pericolo bancarotta fraudolenta che pende sul capo dell'ex patron e, sullo sfondo, una tifoseria divisa e che chiede a gran voce il ritorno di denominazione sociale, colore granata e simbolo dell'ippocampo disertando in massa l'Arechi incurante di leggi che inducono il neonato sodalizio blaugranata ad agire con cautela. Che la questione relativa al marchio fosse, per usare un eufemismo, confusa era ormai noto a tutti, ma nelle ultime settimane si sono aggiunti elementi nuovi e che rischiano di complicare ulteriormente una situazione probabilmente destinata a durare ancora per molto tempo; mentre alcuni esponenti del Centro di Coordinamento Salernitana Clubs capeggiati dal presidente Riccardo Santoro, e in collaborazione con Mirko Cantarella e Antonio Carmando, si dichiaravano pronti ad accettare la proposta di Lombardi e prelevare in comodato d'uso gratuito i simboli storici della Salernitana per poi girarli in fitto oneroso al Salerno Calcio con ricavato da devolvere interamente in beneficenza, ecco la nuova

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ALERNOranata g
di Gaetano Ferraiuolo

ALERNOranata g
Area Comunicazione CCSC

11
News dal CCSC
di Albino Iuzzolino

trovata dell'istitore vallese che, a gennaio 2012, ha blindato il proprio patrimonio e le proprie societ con l'Istituto del Trust, strumento che permette di strutturare in vario modo "posizioni giuridiche" basate su legami fiduciari. Antonio Lombardi, in esecuzione e in conformit allatto istitutivo del Trust PI.GI.MA a rogito notaio del 18 gennaio 2012, registrato allagenzia delle entrate il 19.01.2012, ed in esecuzione del programma in esso contenuto, trasferisce in propriet segretativa, affidandone al trustee Clorinda DAngelo (moglie n.d.r.) che in tale qualit accetta, il diritto di piena ed esclusiva propriet, la sua quota di partecipazione (100%) la societ Energy Powersi legge nel passaggio ufficiale. Una mossa che, tuttavia, ha insospettito ulteriormente la curatela fallimentare della Salernitana Calcio ed in particolar modo il Curatore Walter Ivone da settimane impegnato a ricostruire i rapporti tra Salernitana Calcio ed Energy Sport, capogruppo della Energy Power e sicuramente non ha intenzione di considerare questo ultimo spostamento come un atto di ordinaria amministrazione. Stando a quanto dichiarato dallo stesso Ivone, il pericolo revocatoria divenuto un'ipotesi concreta e la domanda pi ricorrente questa: perch Lombardi ha effettuato tale operazione quasi 4 mesi dopo la dichiarazione ufficiale del fallimento della Salernitana Calcio? In un'intervista esclusiva rilasciata al sito granatissimi.com, invece, l'avvocato Gentile, legale di fiducia di Lotito, ha addirittura rincarato la dose mettendo in discussione la

paternit dei beni, ma confermando la volont da parte della societ di acquisire il marchio qualora venisse attestata l'effettiva appartenenza all'Energy Power (che nel frattempo dovrebbe impugnare la sentenza emessa in Primo Grado dal tribunale di Napoli che non tiene conto dell'acquisto a mezzo asta dei simboli avvenuto nel 2009):"Non commento il Trust, ma sicuramente approvo la rigidit del curatore fallimentare, ribadisco che la situazione molto complessa ed, oltre a noi, coinvolge l'ex proprietario della Salernitana Calcio, tanti creditori e addirittura due curatele fallimentari. Non abbiamo mai visto alcun contratto che attestasse l'acquisto dei beni immateriali, c' una sentenza del tribunale di Napoli che vieta a tutt'oggi l'utilizzo dei simboli e questa l'unica cosa certa; ad oggi quella sentenza non stata impugnata, lecito chiedersi allora se nel 2009 il marchio stato acquistato o meno. Non si spiega, infatti, il motivo per il quale l'ex presidente non ha fatto ricorso avverso ad un dispositivo che non teneva evidentemente conto dell'operazione d'acquisto che l'Energy Power dice di aver fatto circa 3 anni fa. Eravamo e siamo disposti a sederci ad un tavolo e trattare con il reale proprietario del marchio, ma ogni giorno emergono situazioni nuove che a noi non erano state riferite e dunque lasciamo la parola alle carte prima di esporci in maniera ufficiale". In questo clima di confusione ed in cui si parla anche di giustizia penale, vogliamo rivolgere una domanda agli "inceppati", ovvero ai tifosi che non si identificano nella

Chi C1 ferma pi?

3 Edizione Organigramma CCSC SALERNITANA BEST PLAYER AWARD


nche quest'anno il "Mai Sola/Quello di Cagliari Group" organizza la manifestazione "salernitana best player award", il prestigioso trofeo che premia il calciatore che per meriti sportivi e capacita' di sacrificio ed abnegazione si mette in mostra piu' di altri con la maglia della squadra di calcio della nostra citta'. Memorabili furono le prime due edizioni che furono ad appannaggio nel 2010 dell' indimenticabile motorino del centrocampo granata, il "guerriero" Evans Soligo e nel 2011 dal "bomber" Dino Fava, protagonista della sfortunata cavalcata granata dello scorso campionato. Quest'anno la manifestazione si terra' ad Olbia, capitale della famosa "costa smeralda", dove il Salerno Calcio soggiornera' in attesa della gara con il Budoni. La triade organizzatrice della manifestazione, Antonio Carmando, Ernesto Natella ed Antonio Di Giacomo (salernitano trapiantato in sardegna) avranno il piacere, alla presenza de alcuni esponenti del CCSC, il presidente Riccardo Santoro e del vice presidente Alfonso Pugliese, di assegnare il prestigioso riconoscimento al calciatore che uscira' vincitore dal ballottaggio in corso. La manifestazione si terra' domenica mattina della meeting room dell'hotel che ospita il Salerno Calcio alla presenza della rosa della squadra e dello staff tecnico e dirigenziale. confermata la presenza di una larga rappresentanza di tifosi provenienti dai clubs Milano Granata, club Emilia, club salernitana-Torino ed una delegazione della Nuova Guardia di Salerno. Sabato sera, in un noto ristorante di Olbia, in anteprima, ci sara' una particolare serata gastronomica con pietanze regionali a cui parteciperanno una folta delegazione di tifosi granata residenti in Sardegna, il CCSC oltre agli organizzatori della manifestazione.

nuova realt calcistica cittadina(non sar la Salernitana, ma l'unica squadra che in futuro candidata ad esserlo e ne rappresenta comunque la pi logica continuit sportiva):comprereste voi a cifre importanti ed in un momento di crisi un bene senza sapere a chi effettivamente appartiene, che non si pu utilizzare e che potrebbe essere soggetto alla revocatoria? La storia insegna che se oggi ci troviamo in quella situazione proprio perch i tifosi spinsero Lombardi ad acquistare il marchio in quella maledetta estate del 2009 e da l inizi un calvario che si trascina ancora a 3 anni di distanza; finalmente Salerno ha una societ che vuol fare le cose con oculatezza e nel rispetto delle regole ed individuare in loro i capri espiatori del problema un errore davvero grave che una citt fallita due volte in sei anni e declassata in quinta serie non si pu proprio permettere.

' molto facile dare consigli, ed e'ancora piu' facile fare programmi di vita con la vita degli altri...Abituati a un calcio che cancella in fretta il passato prossimo e affida a tutti i suoi giudizi soltanto al presente, corriamo cosi il rischio presto di diventare sempre piu' affamati di un calcio spettacolo che da anni manca nella nostra citta'. La scorsa estate tutti noi tifosi della Salernitana, nessuno escluso, avrebbe mai pensato di trovarsi nella seguente situazione: primi in classifica. Reso onore a quanto il Salerno ha fatto finora, e' inevitabile indagare sui problemi passati che hanno generato un crollo, per poi arrivare ad un fallimento societario. In fondo parte di questo entusiasmante lavoro e'un omaggio da attribuire all'allenatore Perrone, alla Societa'...perche' se l'appetito vien mangiando noi tifosi prima della Salernitana, oggi del Salerno Calcio abbiamo molta fame arretrata. Cosi' nasce qualche considerazione nebulosa da parte di qualcuno che forse ancora oggi non crede del tutto in questo esaltante progetto calcistico targato Lotito - Mezzaroma. Non possiamo sempre correre a cento all'ora e' umanamente impossibile, il calo a volte e' fisiologico. La Societa', lo staff atletico del Salerno sono stati gli artefici di questo capolavoro e adesso sta studiando le soluzioni migliori per restituire brillantezza a giocatori affaticati. Il turnover, come si dice nel gergo calcistico sara' un'arma importante per far tirare il fiato a qualcuno. La duttilita' e'sempre un pregio, mai un difetto, questa e'la nostra stagione ne siamo tutti convinti, insieme al recupero psicofisico di alcuni giocatori comprensibilmente stanchi, potrebbe ridare il giusto slancio a una squadra apparsa un po' affaticata a volte anche confusa. In questo bellissimo gioco che e'quello del calcio non esistono formule magiche, ma la necessita'che la squadra faccia il proprio dovere, Biancolino faccia il Biancolino...Mounard faccia il Mounard, Vincere il Campionato e' il nostro obiettivo, dunque tutti uniti fino alla volata finale..Forza Salerno

Riccardo Santoro
V. Presidente

Presidente

Giovanni Cuffa
V. Presidente Esecutivo

Alfonso Pugliese Mario Santaniello Giovanni Pagliarulo


Delegato allo Stadio Delegato trasferte Delegato ai Clubs

Osvaldo Marcantuono Antonio Fiore


Delegato alle Cerimonie Delegato al Tifo

Cesare Clemente
Delegato Attivit Sociali e Culturali

Rocco Calenda
Addetto Stampa

Giuseppe Alviggi Mario Sposito


Vice Delegato FISSC Delegato FISSC

Carmine Prisco
Delegato al Salerno Calcio

Antonio Carmando Carmine Murante Domingo Petrocelli


Addetto al Sito Web Economo Segretario

Antonio Carbone
Delegato Lombardia

Luigi Coppola
Delegato Emilia

Eugenio Mautone
Delegato Piemonte

Luigi De Sio
Delegato Sardegna

Antonio Di Giacomo
Periodico SALERNO GRANATA
in attesa di registrazione Direttore Responsabile

Mirko Cantarella
Collaboratori

Il migliore in campo contro lAstrea: Simone Calori


uesta settimana il migliore in campo sicuramente Simone Calori, anche se un bel p di meriti vanno dati anche al giovane Puglisi che con le sue prove ha dimostrato di meritarsi la maglia che indossa, nonostante il giallo (di esperienza) che gli causer la squalifica nel prossimo turno di campionato. Tornando a Calori, prova maiuscola contro lAstrea, gara in cui stato abilissimo a rintuzzare gli attacchi capitolini che avevano nella catena di sinistra un punto di forza non indifferente. Bosi ci ha abituati a tagli al centro che lo portavano in zona gol, ma Calori lo ha tenuto a bada con diligenza, nonostante spesso si trovasse davanti al raddoppio di Gramacci. Interventi in

di Catamari OGNI GIOVEDI ALLE 20.30 SU TELECOLORE SALERNO CANALE SKY 826 E DIGITALE TERRESTRE CANALE 16.

Via M. A. Vicinanza, 3 BATTIPAGLIA - Salerno


Tel. 0828.370902 - Cell. 333.8199020

scivolata, chiusure, diagonali e attenzione sempre alta lo hanno portato ben al di sopra della sufficienza; lAstrea ha esaltato le caratteristiche di Calori da difensore centrale, doti che lex Pisa ha nel bagagliaio visti i suoi trascorsi. La sua ironia e sincerit oltre che la sua voglia di far bene e di impegnarsi lhanno fatto riscattare dopo un inizio di stagione in cui si era attirato molte critiche. Lex Pisa ha ormai una certa esperienza di gare professionistiche e questo traspare chiaramente sul terreno di gioco. Ha comunque saputo mettersi alla prova smentendo chi lo criticava e confermando, invece, le aspettative di chi lha voluto fortemente in quella squadra. Nella partita disputata ieri non ha lasciato spazi

agli avversari, generoso come sempre ha offerto un gran contributo e mettendo i compagni nelle migliori condizioni per poter ripartire. Ma quello che pi ci piace di questo ragazzo che non ha peli sulla lingua, sta gi diventando salernitano di adozione, il toscanaccio si innamorato subito di questa citt e dei suoi tifosi, soprattutto dopo le dichiarazioni sui segni distintivi; ma si tratta di un amore corrisposto in quanto il s u o m i g l i o r amento,li ha aiutati molto ad avvicinarsi a lui.

Giovanni Adinolfi Anna Maria Catastini Valerio Lai Federica Pisani Gaetano Ferraiuolo
Progetto Grafico e impaginazione

Rocco Calenda
Stampa

ARTIGRAF- Battipaglia

In collaborazione con Ciro Simeoli

Vieni in trasferta con il CCSC e Salerno Granata


Il CCSC organizza tutte le trasferte del Salerno Calcio, per la stagione sportiva 2011-2012, in BUS o altri mezzi quando consentito. Per venire con noi contatta il Delegato tifo e trasferte; G I O VA N N I PA G L I A R U L O . INFO:333.8648299

Il CCSC ringrazia tutti i media e gli organi dinformazione che sono sempre vicini alle nostre iniziative; Granatissimi.com, Salernitana Fans Forum, Telecolore, Lira TV, Rete1, TV Oggi, Telediocesi, Set TV, La Citt, Il Mattino, Lettera 24, Telereporter, Il Corriere del Mezzogiorno, Roma Cronache, Salernomania, Radio MPA, Radio Bussola 24, Radio Stella, Radio Alfa, Radio Unisound e Salernitana Sporting.

10

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ALERNOranata g
di Rocco Calenda

ALERNOranata g
di Mirko Cantarella e Antonio Calenda

CLUB EMILIA Il club della settimana


Il primo covo della torcida granata fuori regione
L CLUB EMILIA nasce in una fredda sera di NOVEMBRE del 1998 in una citt del nord, MODENA, il primo club di tifosi della SALERNITANA che nasce in ITALIA al di fuori della grande e splendida provincia di SALERNO. Nasce dallincontro di alcuni salernitani che sono uniti da una passione per il calcio e in primis per la SALERNITANA, il suo primo vero nome fu SALERNITANI DEL NORD poi in seguito per poterci identificare si cambi in CLUB EMILIA poich la maggioranza degli elementi del club era residente in Emilia e in particolare in quel di Modena. I fondatori del gruppo sono EUGENIO MAUTONE, attuale presidente, ANDREA LA PADULA, presidente onorario, ALFONSO RINALDI, colui che ha dato modo di poterci ritrovare tutte le domeniche nel suo bar, dando cos al gruppo anche una sede quella di Via Cassiani,107, MASSIMO ESPOSITO, socio, VITO BISCARDI, socio, ed organizzatore delle trasferte. (Foto 1 e 2 ) Oltre ad essere un gruppo di tifosi della salernitana il club nato anche per essere un punto dincontro e di unione di salernitani che risiedono in Emilia e non solo, infatti, nel tempo abbiamo avuto anche delle adesioni di tifosi e salernitani che non risiedevano solo in Emilia ma nel veneto, da Verona e addirittura dalla svizzera con lamico BRUNO GIOVANNI. Innumerevoli sono state le iniziative che il club ha avuto nel corso degli anni anche associandosi con altri club del nord quali quelli di Torino, per SALERNITANA TI SCRIVO , e milano, con lacquisto di

3 Calcio Economy

Notizie dalla FISSC


na delegazione formata dai vertici della FISSC, composta dal Presidente Lotito, e dai vicepresidenti Munaf e Sala, ha preso parte alla riunione con l'Osservatorio Nazionale sulle manifestazioni sportive tenutasi al Ministero dellInterno in data 27/02/2012, constatando con sorpresa che il nuovo presidente Dr. Pasquale Ciullo aveva gi sostituito l'ex presidente Spalla. Al tavolo del confronto era presente, quale elemento di continuit, il vicepresidente Dr. Roberto Masucci. I vertici della FISSC hanno preso atto, con apprezzamento, dell'emanazione da parte dell'Osservatorio delle direttive n. 5 dell1/02/2012 e n. 6 dell 8/02/2012, che hanno di fatto autorizzato il vaucher elettronico di tagliandi per le partite casalinghe (il classico carnet), predisponendo inoltre varie misure di semplificazione per laccesso agli stadi. Da sottolineare con grande soddisfazione della Federazione, come nella premessa della direttiva n-6 sia contenuta la frase "sentita anche la FISSC" a testimonianza

biglietti pur non essendo presenti allo stadio. Il gruppo, presso la sede, ha avuto innumerevoli riconoscimenti di stima e affettuosit dimostrati nel tempo dalle varie presidenze che la nostra amata salernitana ha avuto. Con la presenza di PIETRO MENNEA, nellanno della nostra inaugurazione, del presidente LOMBARDI nellanno del nostro ritorno in serie b, e non ultima quella di maggio 2011 con la presenza di BREDA, SALERNO, e del direttivo del centro coordinamento, al quale il club stato negli anni associato.Ovviamente negli anni le trasferte sono state innumerevoli.Tra le tante trasferte come non ricordare la prima di serie A ROMA, indimenticabile, in cui si carezz il sogno della prima vittoria con il gol si SONG, nella finale dei play off a GENOVA 04-062006 dove solo da MODENA il club riusc a organizzare un pullman di 54 posti, in serie C come non ricordare lultima di VERONA e tutte quelle di luoghi come LUMEZZANE, PIZZIGHETTONE, BOLZANO, BASSANO DEL GRAPPA ecc. Siamo anche su FB. Info Eugenio; 347 6679065; Andrea 347 3811754

on la caduta del Governo, inesorabile dopo qualche mese, arrivata anche la fine della tessera del tifoso con larrivo dall'anno prossimo di una vera e propria fidelity card. Addio dunque alla tessera croce e delizia, che aveva dato grandi risultati secondo il Viminale, ma non pochi problemi riguardo la sua accettazione da parte degli ultras di tutta Italia. La fidelity card sar una tessera meno di controllo e pi legata alla responsabilit dei tifosi e dei club, con procedure snellite e molti servizi per chi se ne dota ha dichiarato Antonello Valentini, direttore generale della FIGC che aggiunge supereremo cos l'effetto negativo del messaggio passato all'avvio dell'iniziativa della tessera del tifoso: ovvero di AREA COMUNICAZIONE FISSC un meccanismo di operazione di Federazione Italiana Sostenitori polizia. Non erano queste le Squadre di Calcio intenzioni del Viminale, ma cosi Mario Sposito vennero recepite da molti. Francesco Formisano Lobbiettivo sar dunque evolvere un modello molto simile alla card 'vivo azzurro' per i tifosi della Nazionale ha invece dichiarato il capo della polizia Manganelli responsabilizzando e fidelizzando i tifosi incentivandone cos il senso di appartenenza verso la propria squadra del cuore. Ma quale saranno le sostanziali differenze rispetto alla Tessera del Tifoso? In realt a dispetto delle dichiarazioni di facciata di Valentini e dell'ottimo lavoro svolto fin qui con le autorit calcistiche. L'Osservatorio ha fatto sapere di essere sempre impegnato a proseguire il confronto con i vari GOS (gruppi operativi speciali), in modo tale da riuscire ad emanare una circolare che porter a una maggiore omogeneit nelle varie procedure di accesso agli stadi, e pi in generale a regole uguali in tutte le citt interessate. La FISSC e il nuovo presidente dell'Osservatorio, il dottor Pasquale Ciullo, hanno infine calendarizzato la prossima riunione, in programma luned 02/04/2012, dove tra le altre cose attesa una proposta della FISSC di modifica alla disciplina "tessera del tifoso" di cui al protocollo d'intesa del 21/06/2011, dovendosi necessariamente procedere prima dell'inizio della prossima stagione alla sottoscrizione di un nuovo documento.

Addio alla Tessera del Tifoso in arrivo la Fidelity Card

Manganelli le differenze vere e proprie con la tessera del tifoso non sono poi cos eclatanti. Infatti la nuova fidelity card, cos come stata per la tessera, sar obbligatoria per seguire la propria squadra in trasferta e per sottoscrivere labbonamento alle partite casalinghe. Tuttavia non verr agganciata con carte di credito (cos come invece accaduto con la tessera) ma comunque potr offrire una serie di servizi e facilitazioni ai tifosi come sconti per biglietti e gadgets. In questo modo dunque i club saranno pi responsabilizzati nella creazione di iniziative verso i propri supportes mentre diminuiranno le funzioni di controllo. Le procedure, infatti, per lemissione della futura tessera saranno di molto snellite e velocizzate in modo che si arrivi a possederla in pochissimi giorni dalla richiesta. Ma c anche chi storce il naso verso questa nuova evoluzione come ad esempio lex ministro Maroni che sulle pagine di facebook dichiara che cos hanno vinto le tifoserie ultras violente e le societ, come la Roma, che mai avevano accettato le regole

dal 1964

LANDI GOMME
s.n.c.

L ANDI GOMME
S.N.C.
di D. & M. LANDI

PNEUMATICI DELLE MIGLIORI MARCHE - ASSETTO RUOTE ED EQUILIBRATURA COMPUTERIZZATA


ASSOCIATO
CENTER

VALUTAZIONI GRATUITE
UFFICI AFFILIATI: MONTECORVINO TEL. 0828.351032 - BELLIZZI TEL. 0828.51412 BATTIPAGLIA TEL. 0828.340668 - PONTECAGNANO TEL. 320.6610716 OGNI AGENZIA HA UN PROPRIO TITOLARE ED E AUTONOMA

Driver
Pneumatici & Assistenza

Via Lung. C. Colombo, 229/231 - 84129 SALERNO Tel./Fax 089.339040

ICA SERVICE - Impresa Pulizie


di Barbara Perazzo
C.so Concordia, 9 - 20129 Milano Tel./Fax 02.76 02 85 49 - Cell. 349.77 05 352 E-mail:icaservice@tiscali.it

4
Lavversario di oggi
rossimo avversario sulla strada del Salerno Calcio lAssociazione Sportiva Dilettantistica Cynthia, squadra di Genzano, nellarea dei Castelli Romani che dista 30 km da Roma. Questo nome una parola greca che stava ad indicare la dea Artemide; il nome deriva dal monte Cinto dove si narra che sia nata la figlia di Zeus, rappresentata con arco e frecce perch dea della caccia e della luna. Nella sua storia lunga 91 anni, la Cynthia ha disputato solamente due campionati professionistici, entrambi conclusi con una retrocessione: nella stagione 1974/1975 in serie C e nella stagione 1988/1989 in C2; per la maggior parte la squadra romana ha partecipato a 18 campionati in serie D e gli altri giocati in Eccellenza. Nel campionato 74/75 ha affrontato la Salernitana, ed in entrambe le sfide ha perso. Al magico Vestuti fin 1-0 per la Salernitana, e a Genzano i granata si imposero per 3-1. Il 1993 un anno buio per la storia della squadra romana; infatti la citt conosce il fallimento e per quattro anni resta senza calcio, favorendo per il boom di pubblico di calcio a cinque. E solo nel 1997 che alla citt viene restituita una squadra di calcio ad 11 e da allora si susseguono solo promozioni finch, nel 2007, vincendo i play-off approda alla serie D. A settembre, a Genzano, c stato un cambio societario e sono arrivati nuovi proprietari, gli imprenditori Massimiliano Ricci (proprietario di tre grandi centri sportivi) e Marco Palumbo dalla Lupa Frascati. Anche

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ALERNOranata g
di Federica Pisani

ALERNOranata g
a cura del Dott. Mario De Laurentis

9
Calcio e Salute: da Ippocrate ad oggi
sanzioni. La maggior parte delle sostanze dopanti sono farmaci utilizzati anche per scopi medici, specialmente per il trattamento di malattie gravi. Sotto questo aspetto, tali farmaci ottengono da una parte l'effetto previsto sulla malattia, ma d'altra parte esercitano anche degli effetti collaterali indesiderati. Questi effetti collaterali biomedici sono controllati e testati in diversi studi specifici, e si sono rivelati accettabili rispetto ai problemi provocati dalla malattia originaria. Il problema dell'uso di alcuni farmaci per potenziare le prestazioni sta nel fatto che gli atleti sani assumono tali farmaci senza una necessit effettiva. Inoltre, la maggior parte delle sostanze abusate vengono assunte nelle cosiddette "dosi sovraterapeutiche" o in diverse combinazioni ("stacking") senza ricorrere ad alcuna consulenza medica, esponendo cos gli atleti a effetti collaterali biomedici spesso totalmente imprevedibili. La "Lista delle sostanze proibite" dell' Agenzia Mondiale Antidoping strutturata nel modo seguente: Sostanze proibite in ogni caso (sia in gara che fuori gara): S1) Agenti anabolizzanti. S2) Ormoni e sostanze correlate (es. EPO). S3) Beta-2 agonisti. S4) Antagonisti e modulatori degli ormoni. S5) Diuretici o altri agenti mascheranti. Metodi proibiti in ogni caso (sia in gara che fuori gara): M1) Potenziamento del trasporto di ossigeno. M2) Manipolazione chimica e fisica. M3) Doping genetico. Sostanze e metodi proibiti durante le gare: S6) Stimolanti (ad esempio amfetamine, cocaina, efedrina, pseudoefredina, caffeina). S7) Narcotici. S8) Cannabinoidi. S9) Glucocorticosteroidi. Effetti collaterali e rischi per la salute: STIMOLANTI (euforia; falsa sensazione di sicurezza e forza; aumento della frequenza cardiaca pressione arteriosa temperatura corporea; causa gravi danni come infarto miocardico e patologie cardiache, insonnia, cefalea grave, rischio di emorragia cerebrale, allucinazioni, disturbi psicologici fino alla paranoia e alla schizofrenia). NARCOTICI (falso senso di invincibilit; illusioni di acquisire ulteriori capacit atletiche; aumento della soglia del dolore e incapacit di avvertire i danni). STEROIDI ANDROGENIANABOLIZZANTI (favoriscono la comparsa del cancro e provocano danni gravi alla salute, come fibrosi, cisti, ascessi, calcificazione e rottura delle fibre muscolari, emorragie, trombosi, arresto cardiaco, ictus, emorragia cerebrale e cirrosi epatica; negli uomini, gli steroidi portano alla riduzione del volume e della funzione dei testicoli fino a provocare impotenza, cancro della prostata; nelle donne, gli steroidi producono effetti virilizzanti, scomparsa delle mestruazioni e conseguente impossibilit a procreare). BETA-2 AGONISTI (potenziali effetti collaterali dei beta-2 agonisti sono l'alterazione del ritmo cardiaco e della pressione del sangue, cefalea, insonnia, nausea, tremori e irritabilit). BETABLOCCANTI (insufficienza cardiaca fino al blocco; asma; depressione; allucinazioni; convulsioni e morte). DIURETICI ED AGENTI MASCHERANTI (i diuretici assunti senza il controllo medico possono provocare l'eccessiva perdita di potassio dal sangue fino alla morte; altri effetti collaterali possono essere la perdita eccessiva d'acqua corporea e di sali con disidratazione, crampi muscolari e abbassamento della pressione sanguigna). GLUCOCORTICOSTEROIDI (effetti collaterali acuti comprendono ritenzione di liquidi, iperglicemia e alterazione dell'umore. I potenziali effetti collaterali cronici comprendono infezioni sistemiche, osteoporosi, lassit del tessuto connettivo e indebolimento di muscoli, ossa e legamenti). ORMONI E S O S TA N Z E C O R R E L AT E (ipertensione; convulsioni; angina pectoris; occlusioni vascolari e ischemia miocardica o cerebrale (ictus); infarto intestinale; emorragia retinica; shock emolitico; nefrite; ittero; reazioni allergiche e crampi muscolari). ALCOOL e CANNABINOIDI (l'alcool ed i cannabinoidi (marijuana e hashish) distorcono la percezione e non consentono una corretta valutazione dei rischi). In conclusione, il messaggio utile che desidero dare, quello che lo sport, come la vita, comporta Dott. Mario De Laurentis applicazione, passione e spirito di sacrificio; si pu nascere sani fisicamente, grazie a mamma e pap geneticamente ben predisposti, ma non si diventa uomini o campioni senza rigore, determinazione, costanza, voglia di migliorare e disciplina, che rappresentano punti cardine per la riuscita di un obiettivo in ambito sportivo, ma anche e soprattutto nella vita in generale. ClubAquara Granata P e r i n f o : m a r i o . d e l a u r e ntis@yahoo.it Dott. Mario De Laurentis

La Cyhthia 1920
il direttore generale, Marziale, ed il d i r e t t o r e s p o r t i v o , To m e i , provengono dalla Lupa, attuale Monterotondo. Oltre i dirigenti sono cambiati anche i giocatori, di cui otto provengono dai campionati professionistici. Lallenatore fino a domenica stato Daniele Scarfini, reduce da due anni a Zagarolo con cui vanta una promozione nel campionato di Eccellenza; il modulo da lui adottato era il 4-4-2. Si dimesso nella giornata di marted dopo che nellultima partita disputata la squadra non andata oltre lo 0-0 contro il Fidene, dimostrando di non attraversare un ottimo periodo in fase offensiva; infatti la Cynthia da quattro partite non va a segno. Dopo aver ottenuto un pareggio in casa contro il Budoni, non andata oltre lo 0-0 contro lAnziolavino, per poi cadere in casa contro il Pomigliano. Attualmente si trova in quartultima posizione in classifica e, se il campionato finisse adesso, si troverebbe a dover disputare i playout. Sono 28 i gol fatti e 31 quelli subti. Eppure di giocatori forti ce ne sono, come ad esempio Bacchiocchi, Caputo, De Angelis e Mammetti. Hanno lasciato Genzano Miale, DOrazio e lex Salernitana Cammarota, mentre sono arrivate due punte, Morbidelli e Turrazza.

Le probabili formazioni
Salerno Calcio: 4-3-3 All. Perrone
SESTITO

Gli effetti negativi del Doping nella pratica sportiva


Doping ormai una parola che da qualche anno alla ribalta delle cronache sportive. Purtroppo nel mondo dello sport, molto spesso non si parla pi di vittorie, successi, nuovi record stabiliti, bens di inchieste per doping, squalifiche, raggiri. La competizione e la voglia dellatleta di rendere di pi ed essere superiore ad altri, fanno s che nello sport il doping sia sempre pi diffuso, compromettendo non solo la sportivit e la legalit della competizione, ma anche la salute dellatleta stesso. Ma in realt cos' questo doping di cui si parla tanto? Va sotto il nome di doping, la somministrazione o l'assunzione di farmaci o di sostanze b i o l o g i c a m e n t e o farmacologicamente attive e l'adozione o la sottoposizione a pratiche mediche, non giustificate da condizioni patologiche ed idonee a modificare le condizioni psicofisiche o biologiche dell'organismo, al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti. Com' risaputo, la legge italiana non prevede un regolamento preciso per la gestione di questi preparati; in pratica, chi fa uso di questi farmaci o pratiche, non commette reato, quindi non incorre in sanzioni civili n penali, ma soltanto in squalifiche comminate dai comitati sportivi, poich solo in quel campo hanno commesso una violazione. Tuttavia, anche le federazioni sportive non sono d'accordo n sulle sostanze proibite, n sull'applicazione delle

CALORI CHIAVARO GIUBILATO

AVAGLIANO

MONTERVINO

PROIA

GIACINTI

CAPUTO

BIANCOLINO

DE CESARE (MOUNARD)

DE ANGELIS M. MAMMETTI

BIANCHI

DE ANGELIS T.

TALEVI MORBIDELLI

RAMDANE CASCIOTTI

PESOLI CAPUTI

CIMINI

Cynthia 1920: 4-4-2 All. Mazzieri


Vittoria senza se e senza ma, invece, per i Giovanissimi, che rifilano un 8-0 allEuro Calcio, netto e convincente. La giornata porta la firma di un ragazzo dal futuro assicurato, fratello minore del Giammario giallorosso: Simone Piscitella, che in pieno Messi style realizza 5 gol personali.
SQUADRA Pt. Gi. V N

a Juniores vince senza scendere in campo, dal momento che al Vestuti il Monterotondo non si presenta e perder la gara a tavolino. Il team laziale paga le difficolt societarie che stanno costando tante pene anche alla Prima Squadra; per cui sono bastate un paio di assenze, qualche infortunio e diversi prestiti alla compagine di Pochesci per non formare un numero sufficiente alla trasferta salernitana. Ecco perch il Direttore di Gara ha certificato il forfait e i ragazzi di Viscido hanno svolto un leggero allenamento, consapevoli di aver comunque messo in cascina la quinta vittoria consecutiva nel momento migliore della loro stagione, cambiata da cos a cos nel giro dellultimo mese. Lunico ko del weekend lo subiscono gli Allievi, battuti in casa per 4-3 dal

Il punto sulle giovanili

di Catamari

Real Airola, capaci di bissare la vittoria di misura (2-1) del girone di andata. La gara si mette in salita subito per i ragazzi di Avella, che dopo un quarto dora sono gi sullo 0-2 grazie alla doppietta di Daria. La reazione non giunge in tempi utili e il Real Airola affonda ancora con il gol del 3-0 di Annunziata. La partita sembra ormai compromessa, ma prima del riposo Lamberti trova il gol che permette di accorciare le distanze ed andare al riposo con un p di fiducia in pi. Distanze ristabilite da Iodice, che dopo 5 minuti della ripresa porta il tabellino sull1-4. Partita finita? Macch! Nel giro di 6 minuti Cassetta e Salzano riportano sotto il Salerno Calcio, che fa vivere 20 minuti da incubo agli ospiti. Gli assalti per non producono il gol del pareggio e finisce 3-4 per i beneventani.

CLASSIFICA GIRONE H
P GF GS DR

Marino Fidene Palestrina Anziolavinio Viterbese Atl. Boville Astrea SALERNO CALCIO Zagarolo Monterotondo Cynthia Gaeta (-1) Civitavecchia Sora

57 56 49 48 41 34 31 28 24 24 19 17 14 0

22 22 22 22 22 22 22 22 22 22 22 22 22 22

18 18 15 15 11 11 9 9 7 7 6 5 4 0

3 2 4 3 8 1 4 1 3 3 1 3 2 0

1 2 3 4 3 10 9 12 12 12 15 14 16 22

58 12 46 81 16 65 69 24 45 75 24 51 47 29 18 31 33 -2 32 35 -3 39 42 -3 35 44 -9 32 51 -19 29 60 -31 18 34 -16 28 55 -27 5 120 -115

SALERNITANA 1986/87
In Piedi da sx: Tusini, Ferrara, Miggiano, Pedrazzini. Leccese. Mancuso Accosciati: Tappi, Perrotta, Rizzo, Fava, Brancale

8
Laltro calcio
I tifosi salernitani: tra falsi miti e contestazioni assurde
l calcio da sempre definito lo sport pi bello del mondo, materia opinabile e che vede ogni giorno milioni e milioni di tifosi trasformarsi improvvisamente in allenatori, avvocati e direttori sportivi. Salerno, citt che notoriamente vive di pane e pallone, non fa eccezione, anzi da sempre stata definitiva una piazza calorosa, ma allo stesso tempo esigente e molto particolare soprattutto perch spesso ha contestato calciatori che, al contrario, avevano fatto benissimo con la maglia granata ed esaltato persone che, invece, pur vantando un curriculum importante avevano clamorosamente fallito con la Salernitana. Prendiamo il caso pi eclatante ovvero quello che riguarda l'attaccante Raffaele Biancolino, uno dei colpi messi a segno quest'estate dal direttore generale Pagni:18 gol (compresi i 2 di Bacoli tolti per la vittoria decretata a tavolino dal giudice sportivo), quasi tutti decisivi ed alcuni davvero da cineteca, capocannoniere indiscusso del girone G e tanta esperienza al servizio dei pi giovani, eppure non pi tardi di un mese fa uno sparuto gruppo di supporters granata gli riserv una sorta di mini-contestazione durante un'amichevole memore di un passato neanche tanto lontano con la maglia dell' Avellino, la sbandierata fede per i rivali storici del Napoli ed un'esultanza polemica sotto la curva Sud dopo un gol decisivo segnato in un derby contro gli irpini. In un mondo come quello del calcio dove le bandiere non esistono pi ed in cui interessi meramente economici vengono anteposti a valori che, al contra-

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ALERNOranata g
di Gaetano Ferraiuolo

ALERNOranata g
di Giovanni Adinolfi

5
Statistiche
Pt. Gi. V N P GF GS DR

rio, dovrebbero essere alla base dello sport, assurdo che una tifoseria critichi un calciatore che, a suon di gol e prestazioni eccellenti, sta portando praticamente da solo il Salerno Calcio tra i professionisti ripetendo, di fatto, lo stesso errore commesso con Francesco Montervino, bersagliato per 2 anni dai pi in quanto ex capitano del Napoli ed oggi vero e proprio idolo della torcida granata, che finalmente gli riconosce qualit professionali ed umane che, nelle stagioni passate, lo hanno spinto a rifiutare migliaia e migliaia di euro pur di non gravare sui bilanci della vecchia propriet. Prendiamo, ora, il caso contrario e facciamo il nome di Roberto Merino che, sebbene ribattezzato "Maradona delle Ande", a 31 anni suonati si ritrova a giocare in serie B ed in una squadra mestamente ultima in classifica; il peruviano stato per 3 anni il beniamino dei tifosi, che ricordano ancor oggi con emozione lo strepitoso gol messo a segno nella gara con l' Albinoleffe (che nell'elenco delle partite truccate, ma la Salernitana parte lesa), rete che gli ha permesso di "campare di rendita" perch obiettivamente il fantasista sudamericano non mai riuscito a fare la differenza neanche in terza serie, finendo in poco tempo ai margini della squadra. "Amo troppo Salerno e rispetto i tifosi, mai andrei al Napoli o al Benevento" dichiar qualche tempo fa e la gente gli riserv cori di osanna e frasi di encomio, salvo rivederlo sabato scorso esultare sotto la curva del "San Francesco" e baciare la maglia rossonera della Nocerina mentre tutto lo stadio intonava un

CLASSIFICA GIRONE G
SQUADRA

coro poco simpatico "chi non salta di Salerno". Salerno, come detto, non nuova a questo tipo di eccessi ed a prese di posizioni apparentemente incomprensibili e poi pagate a caro prezzo negli anni: dall' irruzione in sala stampa al grido di "Delio Rossi al" che sanc, di fatto, la retrocessione in serie B (troppo comodo ricordare il "profeta" solo per le due promozioni e per il gioco spettacolare, ma l'artefice principale del ritorno tra i cadetti stato proprio lui, che port all'ultimo posto una squadra da coppa Uefa, come dimostrato da Oddo nelle ultime giornate) al "Lombardi uno di noi" dopo l'acquisto del marchio a titolo personale che gi all'epoca doveva destare qualche sospetto e che oggi porta la Salernitana ad essere ostaggio dell'artefice principale del declassamento in quinta serie. Ed ancora, l'aggressione ad Arturo Di Napoli, reo di aver segnato "soltanto" 40 gol in 2

anni, i fischi a David Di Michele, che invece ne realizz "appena" 43 in tre stagioni, gli applausi a prescindere riservati a Luca Fusco, storico capitano capace di abbandonare la nave due volte e guarda caso dopo due retrocessioni fino ad arrivare all'assurdo "Lotito vattene a Roma" urlato al patron poco prima della conferenza stampa tenuta dal numero uno laziale all'Hotel Mediterranea 20 giorni fa. Tanti episodi che se confermano Salerno come una piazza capace di infondere emozioni incredibili ed uniche ai propri calciatori, dall'altro insegnano che passare troppo facilmente da un eccesso all'altro o dar peso al passato di qualcuno non certamente un atteggiamento maturo da parte di una piazza che, con un ulteriore salto di maturit, sarebbe davvero di cinque categorie superiore. Cresciamo e meditiamo sugli errori passati...

54 Citt di Marino 48 Fidene Calcio 41 Porto Torres 41 Budoni 40 Palestrina 39 Astrea 37 Pomigliano 36 Selargius 35 Arzachena 32 Monterotondo Lupa 32 Anziolavinio 32 G. e C. Sora 31 Civitavecchia 28 Cynthia 27 Progetto S. Elia 24 Bacoli Sibilla 21 A. Boville Ernica 21
SALERNO CALCIO
Precedente Giornata
Giornata 26 del 11-03-2012 Arzachena - Sora Astrea - SALERNO CALCIO Boville Ernica - Anziolavinio Bacoli Sibilla - Palestrina Budoni - Pomigliano Civitavecchia - Marino Cynthia - Fidene Monterotondo Lupa - Porto Torres S. Elia - Selargius

26 26 26 26 26 26 26 26 26 26 26 26 26 26 26 26 26 26
0 0 0 1 0 0 0 2 1 0 1 2 0 0 2 0 1 0

15 13 11 11 9 10 8 9 9 7 8 8 7 6 5 6 4 5

9 9 8 8 13 9 13 9 8 11 8 8 10 10 12 6 9 6

2 4 7 7 4 7 5 8 9 8 10 10 9 10 9 14 13 15

44 46 35 33 28 38 32 27 40 29 25 36 16 32 28 29 21 22

22 22 27 19 29 6 31 2 24 4 28 7 27 5 30 -3 37 3 28 1 26 -1 40 -4 17 -1 31 1 31 -3 42 -13 39 -18 49 -27

Classifica Marcatori
16 reti Biancolino (Salerno) 15 reti Caboni (Selargius) 13 reti Miani (Marino) Angelilli (Marino) 12 reti Amassoka (Anziolavinio) 11 reti Virdis (S. Elia) 10 reti Borrotzu (P. Torres) Di Iorio (Astrea)) Pippi (Marino + Monter.) Massella (Fidene) Pau (Budoni) 9 reti De Angelis (Cynthia) Mounard (Salerno) Macciocca (Palestrina) 8 reti Giuntoli (Astrea) 7 reti Gallaccio (Anziolavinio) Mammetti (Cynthia) Mesina (Budoni) Caputo (Salerno) Oggiano (P. Torres) 6 reti Steri (Arzachena) Franceschi (Cynthia)

Giornata Odierna
Giornata 27 del 18-03-2012 Anziolavinio - Astrea Fidene - Civitavecchia Marino - Bacoli Sibilla Palestrina - Arzachena Pomigliano - Boville Ernica Porto Torres - Budoni SALERNO CALCIO - Cynthia Selargius - Monterotondo Lupa Sora - SantElia

Prossima Giornata
Giornata 28 del 25-03-2012 Arzachena- S. Elia Astrea - Marino Boville Ernica - Fidene Bacoli Sibilla - Selargius Budoni - SALERNO CALCIO Civitavecchia - Sora Cynthia - Palestrina Monterotondo Lupa - Pomigliano Porto Torres - Anziolavinio
Via Picarielli, 70 Pastena - SALERNO Tel. 320 7645154 089 759356

Caso Cavalluccio: tutti professori...a chiacchiere


iorno dopo giorno tiene sempre pi banco a Salerno e tra i tifosi della Salernitana il caso Marchio. Il Centro di Coordinamento ha infatti formalizzato la proposta a Lombardi della cessione gratuita e definitiva del marchio al comitato dei saggi, i quali lo girerebbero a loro volta alla societ del duo Mezzaroma e Lotito, mentre invece lex patron della Salernitana sembra essere intenzionato a cedere i beni solo in comodato duso gratuito, soluzione che non soddisfa il presidente del CCSC Riccardo Santoro, insieme con tutto lesecutivo. Le parti comunque si riuniranno di nuovo un ultima volta e nei prossimi giorni sar comunicato ufficialmente

di Rocco Calenda

lesito della trattativa che tiene in apprensione una intera citt. Salerno, tuttavia si s, come il suo patrono San Matteo, ovvero ha due facce. Infatti mentre nella maggior parte delle persone linziativa ha riscosso molti consensi ed apprezzamenti, dobbiamo purtroppo costatare che alcuni soloni anzich dare supporto alla fattispecie continuano pubblicamente a gettare fango e denigrare lo sforzo di questi tifosi che come unico interesse, hanno quello di riportare la Salernitana a Salerno e nelle mani dei Salernitani. La cosa inoltre che fa pi stupore, strappando anche un sorriso amaro, che questi personaggi che ora criticano aspramente loperato dei tifosi facendoli passare

come i creduloni e mandanti di Lombardi sono gli stessi (e gli unici) che fino a poco tempo fa difendevano strenuamente lo stesso ex patron granata, nonostante la strada verso il fallimento e quindi, la morte calcistica della societ cittadina, era ormai segnata. E allora ci chiediamo e mi chiedo, dove finita la coerenza? E vero, siamo andati a cena con Cala e abbiamo fatto una raccolta fondi in favore dei calciatori, questultima, fatta anche su richiesta di tanti semplici tifosi e poi non mantenuta, ma lo abbiamo fatto sempre con il cuore e lamore verso questo colore e verso Salerno, il pi delle volte rimettendoci anche, ma sempre con la tenacia di vedere

salire in alto il nostro vessillo. Al CCSC, anche in caso di esito negativo della trattativa, va comunque dato il merito di aver almeno smosso le acque torbide facendo venire a galla dinnanzi allopinione pubblica situazioni e movimenti di cui prima si ignorava completamente lesistenza (il caso Trust ne un esempio). E chiaro che una svolta decisiva a tutta questa vicenda la dovr dare oltre che la giustizia, che sicuramente far il suo corso, anche la societ di Lotito e Mezzaroma che una volta chiariti tutti gli aspetti della vicenda, saranno chiamati a compiere il passo decisivo per riportare finalmente di nuovo la Salernitana in campo.

IACOVAZZO s.r.l.
Via Zanotti Bianco,62 tel./fax 089 336317 Lungomare Trieste,13 tel.089 228984 Via Robertelli, 36/C tel. 089 712525 P .zza XXIV Maggio, 16/b Tel. 089 234412 84100 SALERNO
www.lodatotraslochi.com email:lodatotraslochi@hotmail.it

GRANATA SERVICE
di Riccardo Santoro

Ristrutturazione appartamenti Impianti Termoidrici Gas e Condizionamento Via R. Cocchia, Salerno Tel. 089/725757

6
Passato e presente: Gattuso - Proia
Ivan Gennaro Gattuso: Ringhio
ennaro Ivan Gattuso (Corigliano Calabro, 9 gennaio 1978) campione del mondo con la Nazionale italiana nel 2006, con il Milan ha conseguito i titoli di campione d'Europa nel 2003 e nel 2007, campione del mondo per club nel 2007 e campione d'Italia nel 2004 e nel 2011. Gattuso ha creato nel 2003 una fondazione ONLUS, "Forza Ragazzi", per dare un aiuto agli adolescenti meno fortunati della Calabria. A Corigliano Calabro, suo paese natale, nel dicembre 2006 ha aperto un'attivit chiamata Gattuso & Catapano destinata alla depurazione e all'allevamento dei molluschi. In suo onore la comunit calabrese di Oshawa, in Canada, ha istituito il "Gattuso Day", che si celebra il 25 giugno. Gattuso ha scritto tre libri: In Rino Veritas, uscito in allegato nel 2005 con La Gazzetta dello Sport; Se uno nasce quadrato non muore tondo, Rizzoli, 2007; Il Codice Gattuso, Rizzoli, aprile 2008. Centrocampista incontrista, si caratterizza per carica agonistica, personalit, forza fisica e resistenza atletica, tanto da essere stato soprannominato Ringhio e da aver acquistato un'indiscussa leadership all'interno dello spogliatoio e tra i tifosi. Gattuso giunto al calcio presto, seguendo le orme del padre Franco che aveva giocato in Serie D. All'et di dodici anni ha effettuato il suo primo provino. Scartato dal Bologna, stato scelto dal Perugia, dove ha avuto inizio la sua carriera. Con gli umbri ha debuttato in Serie B a 17 anni e in Serie A a 18, il 22 dicembre 1996 contro il Bologna e con la

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ORGANO UFFICIALE DEL CENTRO COORDINAMENTO SALERNITANA CLUBS

ALERNOranata g
di Mirko Cantarella

ALERNOranata g
di Valerio Lai

7
La Storia della Salernitana dal 1919
squadra napoletana, mentre contro l'imbattuto Messina la Salernitana conquista una meritatissima vittoria fuori casa per 2-1. Frattanto in citt passa sulla bocca di tutti gli appassionati di calcio il nome dell'ingegnere Carola, titolare di una impresa di costruzioni di Napoli, che ha ricevuto l'appalto per la costruzione del nuovo stadio, in via Nizza. La realizzazione dell'ovale si fa sempre pi necessaria a causa dell'istituzione, a Salerno, della scuola allievi ufficiali dell'esercito. I militari necessitano nuovamente di Piazza d'Armi, e dunque la Salernitana, senza un campo da gioco vero e proprio, non potr proseguire le attivit. Dopo il pareggio contro la Reggina sul campo di Reggio Calabria, la Salernitana si aggiudica tre vittorie consecutive, contro il Savoia, contro il Syracusae e contro la Bagnolese. Ma questa serie di trionfi si conclude con una sconfitta contro la squadra di Cosenza, dopo un rigore alquanto dubbio, nel corso dell'ultima partita del girone di andata. In attesa della ripresa delle attivit del campionato, la Salernitana disputa alcune amichevoli, mentre si avvicina sempre pi l'inaugurazione del nuovo stadio. Il taglio del nastro era previsto per il 28 dicembre, ma viene rinviato di pochi giorni. Il 2 gennaio del 1931, il Campo Littorio viene inaugurato sotto una pioggia battente, alla presenza delle massime autorit cittadine. In programma due gare amichevoli. La prima, tra Salernitana B e Vomero B, termina quando l'arbitro, accortosi che la Salernitana, in vantaggio di 4 reti e con la compagine napoletana

Primavera ha vinto lo scudetto 1996-1997, torneo del quale stato nominato anche miglior giocatore. Dopo aver disputato con il Perugia 8 partite in Serie A, Gattuso si trasferito a parametro zero in Scozia ai Rangers. Il trasferimento non stato per cos semplice, date le resistenze dei dirigenti del club umbro, tant' vero che, come gesto estremo per poter andare a giocare all'estero, il calciatore scappato via dal centro sportivo del Perugia senza alcun preavviso. Giunto in Scozia nell'aprile del 1997, non ha potuto giocare per due mesi, date le resistenze della FIGC nel concedere il transfer per il tesseramento del giocatore, che gi aveva firmato un contratto quadriennale per 2 miliardi di lire per le 4 stagioni. Nei Rangers Gattuso si segnalato come grande lottatore in un campionato "duro", adatto alla sue caratteristiche. Con gli scozzesi ha esordito, subentrando dalla panchina, il 4 agosto 1997 nella partita di campionato contro gli Hearts (3-1) E diventato da subito uno degli idoli dei tifosi scozzesi, che lo hanno ribattezzato Braveheart. Nella stagione

seguente ai Rangers al posto di Walter Smith, allenatore che lo aveva voluto promuovere subito titolare e considerato da Gattuso come un "secondo padre", arrivato Dick Advocaat. L'allenatore olandese ha deciso di utilizzare "Ringhio" nel ruolo di difensore, posizione a lui poco consona, e i successivi dissidi sull'utilizzo in campo hanno sancito l'addio all'esperienza scozzese. Rifiutando offerte dalla Premier League, nell'ottobre 1998 Gattuso tornato in Italia alla Salernitana per 9 miliardi di lire, diventando il giocatore fino ad allora pi pagato dai campani. In maglia granata il giovane Gattuso riuscito ad affermarsi come giocatore chiave del centrocampo, divenendo uno dei calciatori pi ambiti da tutte le grandi squadre e affermandosi come un calciatore di grande grinta. Il suo apporto (25 partite in Serie A), tuttavia, non stato sufficiente per salvare la squadra dalla retrocessione per un solo punto, dopo un ottimo girone di ritorno. Quella stagione per Gattuso, beniamino di Salerno, ha segnato comunque la svolta della sua carriera. Nell'estate del 1999, consigliato al Milan dal team manager della Salernitana ed ex rossonero Ruben Buriani, si trasferito nella formazione meneghina, rifiutando una proposta della Roma. A Milano gli stata assegnata la maglia numero 8, con la quale non ha faticato a conquistarsi un posto da titolare e a diventare beniamino dei tifosi. Fino ad ora ha totalizzato con il Milan 463 presenze e 11 gol.

aniele Proia, nato a Roma il 16 gennaio del 1993, prima di approdare nel Slaerno Calcio, nello scorso campionato s messo in luce nelle giovanili dellAtletico Roma, tanto che stato anche aggregato alla prima squadra, per la quale s accomodato due volte in panchina senza per mai scendere in campo in Prima Divisione. Ad inizio estate, per, i problemi incontrati dalla societ capitolina hanno fatto s che lui, come il compagno di squadra Stefano Ramiccia, si svincolassero dufficio. Labilita di Pagni e company hanno avuto la ragione soffiandolo ad una agguerrita concorrenza. Migliore in campo assieme a Sante Giacinti, quasi sempre e Proia si sistemato sul centrosinistra, ed ha dimostrato di avere doti notevoli sia nella fase di costruzione della manovra che in quella di interdizione, proprio come il suo idolo De Rossi, latleta a cui si ispira. Proia deve crescere ancora sia sotto il profilo fisico che dal punto di vista tattico, ma lo sta facendo di giorno in giorno dimostrando assolutamente di non essere inferiore a nessuno.

Daniele Proia; Io come De Rossi

La Salernitana degli anni del dopo guerra


a conclusione del campionato 1929/1930 vede un cambio al vertice della Salernitana. A tenere le redini della societ, questa volta, il barone Giovanni Negri, noto avvocato salernitano. Ma la sua permanenza sullo scranno pi alto dura pochissimo tempo. Nel giro di poche settimane il neo eletto presidente si dimette, lasciando vuoto il posto. Intanto si avvicina l'inizio della nuova stagione agonistica, che vede la nomina, in qualit di nuovo presidente, del tenente colonnello Chiari. Krtsz viene confermato allenatore, mentre i nuovi acquisti riguardano il centrocampista livornese Cucciolini, il terzino Bertagni proveniente dalla Nocerina, il centravanti Miconi proveniente dall'Udinese, seguiti da Agostinelli e Stoppa. La formazione appare forte nei progetti di Krtsz, equilibrata nei reparti e forte in difesa. La Salernitana inclusa nel girone E del nuovo campionato 1930/1931, composto da 12 squadre tra le quali l'Angri, ammesso al posto della Nocerina. La prima gara viene disputata sul campo di Piazza d'Armi il 28 settembre contro l'unione sportiva Catanzaro. L'incontro termina per 3-1 in favore dei granata, seguito la settimana successiva dalla sconfitta per 2-0 contro il Vomero,
1948/49 Parma - Salernitana

L-

ridotta a soli sei elementi, decide di sospendere la partita, la seconda, contro il Gladiator non viene disputata a causa della pioggia insistente. Il giorno dell'Epifania del 1931 segna la ripresa delle partite per i granata. Un pareggio a Catanzaro, ed in casa il Vomero viene sconfitto per 4-1. Il nuovo stadio porta bene alla compagine salernitana, che si affianca al Vomero, primo in classifica. Una nuova vittoria viene messa a segno contro il Messina, ma dopo questa partita Krtsz decide di lasciare la panchina della Salernitana dopo innumerevoli successi sportivi, passando al Catanzaro. Lo Stadio Vestuti Te m p i o d e l l e g l o r i e d e l l a Salernitana lo stadio comunale Donato Vestuti, voluto fortemente dal regime fascista ed inaugurato nel 1932. Inizialmente era noto come Stadio Littorio, ma terminata la guerra e caduto il fascismo,

prese il nome di Stadio Comunale, per poi cambiare nuovamente nome venendo intitolato a Donato Vestuti, il primo fondatore di una squadra di calcio a Salerno. Lo stadio, con la sua facciata dalle linee essenziali e regolari, tipiche dell'architettura del ventennio, venne utilizzato nel 1962 da Nanni Loy per girare alcune scene del suo film Le quattro giornate di Napoli. In quell'occasione lo stadio Vestuti impersonava, se cos si pu dire, lo stadio del Vomero di Napoli, dove ci fu uno dei rastrellamenti di cittadini napoletani da parte dei militari tedeschi durante la guerra. L'anno successivo un triste episodio segn per sempre il rettangolo di gioco. A seguito di una serie di disordini che accompagnarono la partita Salernitana-Potenza, un poliziotto spar in aria un colpo di pistola, uccidendo Giuseppe Plaitano, un tifoso della Salernitana divenuto, suo malgrado, la prima vittima in uno stadio in Italia.

Dal 1972 Onoranze e Trasporti Funebri

CONCESSIONARIA

Cav. Pres. ANTONIO GUARIGLIA

GaldieriAuto
s.r.l.

CLUB SALERNITANA

Unica Sede: Via S. Mobilio,45/47 DI Fronte Ufficio dIgiene SALERNO

Strada Statale 88 Km 10+400 84080 Lancusi - SA Tel. +39 089 827 211 - Fax +39 089 827 200 lancusi@galdieriauto.it

MILANO GRANATA
SEZ. LUCA FUSCO

Tel. 089790719

FRANCESCO: 347 2605547 VITO: 329 2929774


www.antonioguariglia.it
www.lodatotraslochi.com email:lodatotraslochi@hotmail.it

VALUTAZIONI GRATUITE
UFFICI AFFILIATI: MONTECORVINO TEL. 0828.351032 BELLIZZI TEL. 0828.51412 BATTIPAGLIA TEL. 0828.340668 PONTECAGNANO TEL. 320.6610716
OGNI AGENZIA HA UN PROPRIO TITOLARE ED E AUTONOMA

Alfonso Siano
ottico
Via Madonna di Fatima,100/106 - Tel. 089.753720 - Salerno
Via G. Ronca,16 Tel. 0825.581335 - Solofra (Av)

CENTRO ODONTOIATRICO
UFFICIO E PUNTO VENDITA:

M.B. LABORDENT
Autorizzazione Sanitaria dal 18/02/1997
www.mondoimpianti.it e.mail:info@mondoimpianti.it

Via Dei Mille, 90 - 84100 Salerno


Tel./Fax 089.3053402 - Cell. 389.4361061
SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: Via Serre, 1 84090 - Giffoni Valle Piana (SA) - Tel./Fax 089.883319 Cell. 389.4361061

Via G. Cuomo, 41 - BELLIZZI (SA) Tel. 0828.53408

s.n.c.

Scuola Professionale di Estetica Italiana


Via G. Pascoli, 43 - Bellizzi (Sa) Tel. 0828.53859
www.scuolaspei.it
SALERNO - Via G. Gonzaga 9/15 - Tel. 089 22 43 72

Via P. Baratta,79 Battipaglia (SA) tel. 0828.344849

Via U. Nobile, 35 Eboli (SA) Cell.338.6475798

VENDITA AUTO NUOVE ED USATE PLURIMARCHE


Via M. Di Fatima, 17 - Salerno Tel. 089.6307510

Tel. 0828.507689 BELLIZZI (Sa)

Raffaele BIANCOLINO

NEW

ARVE PROFUMERIA
Via Roma, 294 - BELLIZZI (SA) Tel.e Fax 0828.53267 mancininino@gmail.com

Via Europa, 42/44 Pontecagnano (Sa) Tel. 089.849988