Sei sulla pagina 1di 4

LETTERA ALLE FAMIGLIE

D E L L U N I T A P A S T O R A L E D I

CAPEZZANO PIANORE - MONTEGGIORI


Via Sarzanese 147 - Tel. 0584 914007 - 347 64 66 961 e-mail: parrocchia.capezzano@alice.it

Visitateci sul Sito Internet: chiesacapezzano.altervista.org

N 545
UN

18 MARZO 2012

IV SETTIMANA DI QUARESIMA - LITURGIA DELLE ORE IV SETTIMANA

DIO INNAMORATO

Il deserto, il Tabor e il Tempio di Gerusalemme: la liturgia ci ha regalato proprio bellissimo tour quaresimale per vivificare la nostra fede! Il brano di questa domenica, tratto dallincontro di Ges con Nicodemo, ci aiuta ad andare ancora pi a fondo nel nostro cammino di autenticit della vita cristiana. Qualche tempo fa, in fila col carrello davanti alla cassa di un supermercato, ho incrociato una signora che mi ha confidato che pochi giorni prima aveva subito un grosso furto e - essendo molto credente in Dio - mi disse che se lass qualcosa esiste, prima o poi, gli avrebbe uccisi tutti quei mascalzoni! . Molto bene Ma davvero Dio cos? Davvero Dio questo super-terrorista assetato di vendetta? Dio questo giustiziere implacabile? Ges (per fortuna!) sembra proprio pensarla diversamente: Dio ha tanto amato il mondo da mandare il suo Figlio... non per giudicare il mondo, ma perch il mondo si salvi. Ges ci parla di un Dio follemente innamorato delluomo, di un Padre che dona quanto ha di pi prezioso, per farci passare dal buio del nostro peccato alla luce del suo amore. Pi passa il tempo, pi mi convinco che il vero problema non interrogarci se crediamo o non crediamo in Dio, ma in quale Dio crediamo! Diverse volte mi capitato sentirmi dire: Sai, ho fatto cos e cos... ho sbagliato tutto, e ho capito che non valgo nulla!, . ecco quanto vali: Dio ha dato la vita per te! Dio ti ama fino a morirne! Tu sei la sua passione! S, proprio cos: tu vali la vita di Dio! Ma che ci vuoi fare, Lui fatto cos! E se saremo morsi dai serpenti velenosi della disperazione, della sfiducia, della delusione, alziamo gli occhi al Dio Crocifisso e sentiremo ripeterci la misura smisurata del Suo amore!

Credo in Te, Padre,


Dio di Ges Cristo, Dio dei nostri Padri e nostro Dio: Tu, che tanto hai amato il mondo da non risparmiare il Tuo Figlio Unigenito e da consegnarlo per i peccatori, sei il Dio, che Amore. Tu sei il Principio senza principio dell'Amore, Tu che ami nella pura gratuit, per la gioia irradiante di amare. Tu sei l'Amore che eternamente inizia, la sorgente eterna da cui scaturisce ogni dono perfetto. Ti ci hai fatti per Te, imprimendo in noi la nostalgia del Tuo Amore, e contagiandoci la Tua carit per dare pace al nostro cuore inquieto.

Credo in Te, Signore Ges Cristo,


Figlio eternamente amato, mandato nel mondo per parlarci dellamore del Padre. Tu sei la pura accoglienza dell'Amore, Tu che ami nella gratitudine infinita, e ci insegni che anche il ricevere divino, e il lasciarsi amare non meno divino che l'amare. Tu sei la Parola eterna uscita dal Silenzio nel dialogo senza fine dell'Amore, l'Amato che tutto riceve e tutto dona. I giorni della Tua presenza tra noi, il silenzio di Nazaret, la primavera di Galilea, il viaggio a Gerusalemme, la storia della passione, la vita nuova della Pasqua di Resurrezione, ci contagiano il grazie dell'amore, e fanno di noi, nella sequela di Te, coloro che hanno creduto all'Amore, e vivono nell'attesa dell incontro.

Credo in Te, Spirito Santo,


Signore e datore di vita, che Ti libravi sulle acque della prima creazione, e sulle acque della nuova creazione. Tu sei il vincolo della carit eterna, l'unit e la pace. Tu sei l'estasi e il dono di Dio, Colui in cui l'amore infinito si apre nella libert per suscitare e contagiare amore. La Tua presenza ci fa Chiesa, popolo della carit, unit che segno e profezia per l'unit del mondo. Tu ci fai Chiesa della libert, aperti al nuovo e attenti alla meravigliosa variet da Te suscitata nell'amore. Tu sei in noi ardente speranza, Tu che unisci il tempo e l'eterno,

la Chiesa pellegrina e la Chiesa celeste, Tu che apri il cuore di Dio all'accoglienza dei senza Dio, e il cuore di noi, poveri e peccatori, al dono dell'Amore, che non conosce tramonto. In Te ci data l'acqua della vita, in Te il pane del cielo, in Te il perdono dei peccati in Te ci anticipata e promessa la gioia del secolo a venire.

Credo in Te, unico Dio d'Amore,


eterno Amante, eterno Amato, eterna unit e libert dell'Amore. In Te vivo e riposo, donandoti il mio cuore, e chiedendoti di nascondermi in Te e di abitare in me. Amen!
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

STORIA DELLA GOCCIA D'ACQUA


Allora disse il gran Padre, il Padre di tutte le cose: "Vai, vai e non ritornare da me prima di aver mostrato agli esseri la mia presenza!" E ne fu spaventata. Non era che una piccola goccia d'acqua. Come avrebbe potuto dimostrare la potenza di Dio? Voleva tornare indietro ma non poteva. Era stata mandata. Quando cadde dal cielo altissimo l'avvolse l'aria e quasi la consum. Poi fu impastata dalla terra. Si vergognava perch prima era stata un piccolo specchio del cielo, ora invece, era piena di polvere attaccaticcia. E sent una radice vicina. E la radice l'afferr. Divenne parte di una pianta. Fu una fibra, un velo verde, un goccio di frutto. Si sent bere pi volte. Spesso soffiata via nel vapore, si rapprese col freddo e ricadde gi. Una lunga storia. Impar a sentirsi terra e vegetale. Visse molte volte pulsazioni nel sangue dei viventi. E fu fiume, lago, filo di perle quando cadeva nella rugiada del mattino. Le sembr di perdersi, di sparire. Soffr molto. Ora cercata con rabbia, ora pestata e dimenticata. Poi un giorno, il sole la prese con pi forza del solito, e la port con s in alto. Le disse: "Sono finite le tue stagioni, gocciolina, sali di nuovo. Ti aspetta il Gran Padre!". La goccia sal e le sembr di essere felice. Ma quando vide protendersi in alto, verso di lei, rami, lingue vive, ebbe nostalgia. Il Padre delle cose le sorrise: "Hai fatto bene, piccola mia - le disse - ora cosa vuoi?". "Ritornare gi, pap, ritornare gi! Qui vicino a te, sono un cristallo di gioia, ma laggi, nel mondo pieno di sete, io sono molto di pi: sono la tua presenza".

CALENDARIO DELLA SETTIMANA


DOMENICA 18 MARZO
SANTE MESSE ORE 7 - 9 - 11 - 17 (A MONTEGGIORI) ORE 14,30 POMERIGGIO INSIEME

Saranno benedette le famiglie che vivono in: Via Acquarella - Arginvecchio - Massoni -Caduti di SantAnna 2 Giugno - Unit D Italia, Ceppeto Paesetto - Benedetti XII Agosto - Ceccardi - Sarzanese - Dietromonte - San Ginese Giacosa - La Marmora - Illica - Pardini Paduletto - Polesine LUNEDI 19 ORE 9,15 - PULIZIA DEI LOCALI PARROCCHIALI ORE 21 GRUPPI: DOPO CRESIMA, GIOVANISSIMI, GIOVANI MARTEDI 20 ORE 18 - RITROVO DEL GRUPPO I COLORI DEL CIELO. ORE 21 - IN ASCOLTO DELLA PAROLA DI DIO. N.B.: PORTARE LA BIBBIA O IL VANGELO, UNA MATITA E IL DESIDERIO DI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLA PAROLA DI DIO MERCOLEDI 21 ORE 15 RITROVO DEL GRUPPO I COLORI DEL CIELO.
ORE 21 RIUNIONE PER TUTTI I CATECHISTI

GIOVEDI 22 ORE 21 - STAZIONE QUARESIMALE ALLA PIEVE DI CAMAIORE SABATO 24


ORE

14,30 PULIZIA DELLA CHIESA

16 CONFESSIONI 17 MESSA FESTIVA DOMENICA 25 MARZO SANTE MESSE ORE 7 - 9 - 11 - 17 (A MONTEGGIORI) ORE 18,30 GRUPPO FAMIGLIE
ORE ORE
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

OFFERTE PER I LAVORI DELLA CHIESA

100,00 Da B.G. In suffragio dei suoi defunti


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

DOMENICA 25 MARZO , a Capezzano e a Monteggiori, LE FAMIGLIE CHE ABITANO NELLE VIE: Pennelle - San Michele - Delle Pianore - Bagnetti - Sarzanese Barsottelli - Rotaio - Cannoreto - Localit Terria Il Monte - Comunale di Monteggiori - Orti - Balza Della Culla - Il Borgo - Localit le Banche - Scalpello.