Sei sulla pagina 1di 4

1 810 832 1140 1173 1175 1176 1218 1321 1325 1326 1444 1989 2033 2043 2058

2643 2727 Art. 1 Capacit giuridica La capacit giuridica si acquista dal momento della nascita. I diritti che la legge riconosce a favore del concepito sono subordinati all'eve nto della nascita (462, 687, 715, 784). (3 comma abrogato). Art. 810 Nozione Sono beni le cose che possono formare oggetto di diritti. Art. 832 Contenuto del diritto Il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed escl usivo, entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi stabiliti dall'ordinamento giuridico. Art. 1140 Possesso Il possesso e il potere sulla cosa che si manifesta in un'attivit corrispondente all'esercizio della propriet o di altro diritto reale. Si pu possedere direttamente o per mezzo di altra persona, che ha la detenzione d ella cosa. Art. 1173 Fonti delle obbligazioni Le obbligazioni derivano da contratto (1321 e seguenti), da fatto illecito (2043 e seguenti), o da ogni altro atto o fatto idoneo a produrle (433 e seguenti, 651, 2028 e seguenti, 2033 e seguenti, 2041 e seguenti) in conformit dell'ordinamento giuridico. Art. 1175 Comportamento secondo correttezza Il debitore e il creditore devono comportarsi secondo le regole della correttezz a (1337, 1358). Art. 1176 Diligenza nell'adempimento Nell'adempiere l'obbligazione il debitore deve usare la diligenza del buon padre di famiglia (703, 1001, 1228, 1587, 1710-2, 1768, 2148, 2167). Nell'adempimento delle obbligazioni inerenti all'esercizio di un'attivit professi onale la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell'attivit esercitata (1838 e seguente, 2104-1, 2174-2, 2236). Art. 1218 Responsabilit del debitore Il debitore che non esegue esattamente (1307, 1453) la prestazione dovuta tenuto al risarcimento del danno (2740), se non prova (1673, 1681, 1693, 1784, 1787, 1805-2, 1821) che l'inadempimento o il ritardo stato determinato da impossibilit della prestazione derivante da cau sa a lui non imputabile (1256; att. 160). Art. 1321 Nozione Il contratto l'accordo di due o pi parti per costituire, regolare o estinguere tr a loro un rapporto giuridico patrimoniale.

Art. 1325 Indicazione dei requisiti I requisiti del contratto sono: 1) l'accordo delle parti (1326 e seguenti, 1427); 2) la causa (1343 e seguenti); 3) l'oggetto (1346 e seguenti); 4) la forma, quando risulta che prescritta dalla legge sotto pena di nullit (1350 e seguenti). Art. 1326 Conclusione del contratto Il contratto concluso nel momento in cui chi ha fatto la proposta ha conoscenza dell'accettazione dell'altra parte (1335). L'accettazione deve giungere al proponente nel termine da lui stabilito o in que llo ordinariamente necessario secondo la natura dell'affare o secondo gli usi. Il proponente pu ritenere efficace l'accettazione tardiva, purch ne dia immediatam ente avviso all'altra parte. Qualora il proponente richieda per l'accettazione una forma determinata, l'accet tazione non ha effetto se data in forma diversa. Un'accettazione non conforme alla proposta equivale a nuova proposta. Art. 1444 Convalida Il contratto annullabile pu essere convalidato dal contraente al quale spetta l'a zione di annullamento, mediante un atto che contenga la menzione del contratto e del moti vo di annullabilit, e la dichiarazione che s'intende convalidarlo. Il contratto pure convalidato, se il contraente al quale spettava l'azione di an nullamento vi ha dato volontariamente esecuzione conoscendo il motivo di annullabilit. La convalida non ha effetto, se chi l'esegue non in condizione di concludere val idamente il contratto (1423,1451). Art. 1989 Promessa al pubblico Colui che, rivolgendosi al pubblico, promette una prestazione a favore di chi si trovi in una determinata situazione o compia una determinata azione, vincolato dalla promessa non appena questa e resa pubblica. Se alla promessa non e apposto un termine, o questo non risulta dalla natura o d allo scopo della medesima, il vincolo del promittente cessa, qualora entro l'anno dalla promessa non gli sia stato comunicato l'avveramento della situazione o il compimento dell'azione prevista n ella promessa. Art. 2033 Indebito oggettivo Chi ha eseguito un pagamento non dovuto ha diritto di ripetere ci che ha pagato. Ha inoltre diritto ai frutti (820 e seguenti) e agli interessi (1284) dal giorno del pagamento, se chi lo ha ricevuto era in mala fede, oppure, se questi era in buona fede (1147), dal giorno della domanda (Cod. Proc. Civ. 163). Art. 2043 Risarcimento per fatto illecito

Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obblig a colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno (Cod. Pen. 185). Art. 2058 Risarcimento in forma specifica Il danneggiato pu chiedere la reintegrazione in forma specifica, qualora sia in t utto o in parte possibile. Tuttavia il giudice pu disporre che il risarcimento avvenga solo per equivalente, se la reintegrazione in forma specifica risulta eccessivamente onerosa per il debitore (att. 194). Art. 2643 Atti soggetti a trascrizione Si devono rendere pubblici col mezzo della trascrizione: 1) i contratti che trasferiscono la propriet di beni immobili (812); 2) i contratti (1350, 2651) che costituiscono, trasferiscono o modificano il dir itto di usufrutto (978 e seguenti) su beni immobili, il diritto di superficie (952 e seguenti), i diritti del concedente e dell'enfiteuta (957 e seguenti); 3) i contratti che costituiscono la comunione (1100 e seguenti) dei diritti menz ionati nei numeri precedenti 4) i contratti che costituiscono o modificano servit prediali (1027 e seguenti), il diritto di uso sopra beni immobili, il diritto di abitazione (1021 e seguenti); 5) gli atti tra vivi di rinunzia ai diritti menzionati nei numeri precedenti; 6) i provvedimenti con i quali nell'esecuzione forzata si trasferiscono la propr iet di beni immobili o altri diritti reali immobiliari (Cod. Proc. Civ. 574, 586, 590), eccettuato il c aso di vendita seguita nel processo di liberazione degli immobili dalle ipoteche a favore del terzo acquire nte (2896); 7) gli atti e le sentenze di affrancazione del fondo enfiteutico (971); 8) i contratti di locazione (1571 e seguenti) dei beni immobili che hanno durata superiore a nove anni (1350, 1599, 2923); 9) gli atti e le sentenze da cui risulta liberazione o cessione di pigioni o di fitti non ancora scaduti (1605), per un termine maggiore di tre anni (2918); 10) i contratti di societ (2247 e seguenti) e di associazione (14 e seguenti, 254 9 e seguenti) con i quali si conferisce il godimento di beni immobili o di altri diritti reali immob iliari, quando la durata della societ o dell'associazione eccede i nove anni o indeterminata (att. 231); 11) gli atti di costituzione dei consorzi (862 e seguenti; 2602 e seguenti) che hanno l'effetto indicato dal numero precedente (att. 231); 12) i contratti di anticresi (1960 ss; att. 231); 13) le transazioni (1965 e seguenti) che hanno per oggetto controversie sui diri tti menzionati nei numeri precedenti; 14) le sentenze (1032, 2932) che operano la costituzione, il trasferimento o la modificazione di uno dei diritti menzionati nei numeri precedenti (2932). Art. 2727 Nozione Le presunzioni sono le conseguenze che la legge o il giudice trae da un fatto no to per risalire a un

fatto ignorato (Cod. Proc. Civ. 115).