Sei sulla pagina 1di 240

CARLO MANGANONI

COLONNELLO D'ARTIGLIERIA
ARMI DA FUOCO POR1'ATILI
MATERIALI D'ARTIGLIERIA
NOZIONI GENERALI
VOLUME II.
P A R.'T' E - Materiali d'Artiglieria
CON ANNES8E 6ti 'l'A VOLE DI :-l C 1-IlZZ I


'rIPOGllAI'JA E:'iR1CO SCHWPPO
( Vl)
PROPRIET.Jl LETTERARiA
PARTE TEHZA
Materiali d'Artiglieria
CAPl'rOLO l
Generalit,
ART. :t. - Caratteristiche e classificazioni.
:-:ii fl, il nOllW di (/}'Ug!ic1'ia sia all a Ocn da fuoco "ia
a1 compleB:-;o clp lla bocca da fUOO o 41cl :-; no :-;nstgTlo, f;ia ::11 ('0111-
plefil'o (l ei relatiyi lllateriaLi. fo'i e] Ji all1ft lllll't' \lWt ])O(Ta eh
fuoco n i l ho('eH, d,) f noeO. (J o il eomp!rsso
della bocca d<l fllOCO, dell'afr nNto p dei llwzzi 1
1
('1' t l'a i Il<ll']j o tr; \-
SpOl' blrli.
Caratteri stiche delle artiglierie:
Il) sul terreno o 1m nua :-;1;11 ,i le, ll(Jdiallte Ull
BOl'teguo a eui l' i dii illlOllIe g:('ll('l'iC'o eli {(Iil/s tu.
b) cIel l avoro ])01' il :-;PITizio tra pi sO'/'f'lIti.
c) }\ Iczzi di forma c organi zzazione l'prciale lwr il tmiuu c il
trasjJol 'to dei lJl'zzi l' (lei loro 111unizionamento.
rl) IIlYlJiegu normale di ]l'l'oie11i SCOllpl1Ili, agL' l lti CI l'olia
proiezione <l. disUI uza dal punto di cli scheggie o proietti
minori atti a otfewlel'e l>eri'ag1i aninul ti, o colla forza dell' esplo-
sione ill OppUl' anch e indipendC'utementt' clagli (Jffett i
d'urto, Il pr oiettu fwoppiallte ('onre1'is('e u na grande efficucia al
inoco delPa,nlla oHelldendo mai"se di truppe con un colpo, o
,Ulmentamlo gl i eJ'tetti del Vl'oiett.o i" ll lwnmgli l'psistCllti, p infine
eOll Beme il ri leYHlllento del punto di s('oppio, e CJuincli l' o8serra-
:::'iOIlC c l'aggiustamento dd bro anelle a grandi ilist<lll z.
e) Impiego (li C'flrielle mul t iple, e C]uindi }Jol';;ibilit fli ot-
t.enel'C' traiettorie della forma, p i C'onn'niellte <dla pOfiiziolle e di-
-- 8 -
SpoSlzlOne del bersaglio, e all a copertura dell'arma, e quindi una
cer ta inelipenelenza elal terreno.
f) Possibilit di controllo del tiro e dell'azione dei singoli
pezzi, e quindi possibilit di azione al di sopra delle nostre truppe;
possibilit di concentramento e ripartizione del fuoco sul campo d i
battaglia secondo le neces,'\it (manocm deZ fuoco).
Qualit tattiche delle artiglierie. - Classificazioni.
Sulle qualit tattiche generali delle anni da, fuoco, nei
speciali delle artiglierie si osserva :
a) Potenza. - Nei r iguardi del calibro, fattore fonda mentale
della potenza, le artiglierie si classificano in: artigl'ierie il i
calibro, fino a mm. 100; artigUerir (l'i mrclio calibrI) da] 20 a :;10 nUll.;
eli grosso c(tlibro, oltre i 210 Illm.
Delle qualit bal'istiche ha speciale importanza la gittuta., che
favorisce l'indipendenza dal terreno e la lllallOna, del fuoto: la prr-
cisione favorisce l'aggiustamento e abbrevia quindi il pl'l'iollo eri-
tico in cui l'artiglieria esposta senza essere in gl'ado di olfetulere;
inoltre l a precisione riveste spetiale i mportanza nel tiro contro
bersagli resistenti; la fo rza viva rrsidna non ha, influenza ('on aleuni
proietti agenti per proiezione di schegg'e o el'clusivamente per esplo-
sione, mentre ha importanza predominante nei tiri contro bel'sal2:i
resistenti.
La fonna elell(t traiettoria, caratterizza le sjiecie di 111'tigl'iCl'ia:
Sono detti cann,oni l e artiglierie atte al tiro di la,nrio, ossia con
grandi velocit iniziali: - ob'im' quelle atte :-;peeialmente al tiro
curvo, - mortai quelle atte. al tiro di e ntro 1'e"i-
stenti; in queste artiglierie la forza ...-iya d'urto aonlta :-:pecial-
mente alla caduta del proietto, che deye quindi avere llll grande
peso; per questo i mortai hanno sempre un ualibro fnrte.
Fattore di potenza per le artiglierie anche l'effetto di ::;co ppio
del pmietto, che deve etisere adattato al gener e di 1m eui
deve agire : acquistano quindi l'peci aIe importanza la ('O li t.-
t uzione del proietto, il tiUO cari ca,mento interno e la spOhttft, che
deve determinare lo scoppio a moment o opportnno.
b) Mobilit. - Si pu dist inguere la mobilit tali ir (( dalla
rnobiz.it strategica: l a prima data daHa, attitudine al mo y imento
iSU terreno vario, o montano, fuori (le Ile la ;;ecoll da la
-9 -
attitudine ,'ti ra,pidi sposta,menti ;l, grandi distanze. Elemento di
mobil it anehe da, consieleral'si la nwneggeoole::z(t in batteria,
il tempo, le manoyre e i layori che Ol"OrrOno per la presa di posi-
zion e e ]I('/' riprendei' e l(t marct.
La, mobilit. in genere (lipende (1<1,1 e quindi dal Cl:Llibro
e dall a spede di artig: li el' ia: "i rifiette fmlla orga,nizzazione generale
dell'affusto, 'in molti dei nH:'ceanismi a esso appli mLti, sui mezzi
animali o l1leecanir-i I che impiega,no per il traino e per il t,r a -
l' porto.
:5ei rignardi della mobilit le artigli erie po>;Kono ilistingu(-\l' si in:
Arliylitrie moMli, qnelle che pO,"'iono passare dalla pOi'i izion e
d i t raino a quella (li tiro e \'ice\"er;,;a immediateLmente, in breve
t empo, e\" entlmlmente mediante manO\Te lavori eli piccola ent,it,
ei-i eguibili dai "'l'n-enti ordina,ri del pezzo: ,-;ono ca,l' a.tterizza t e dal-
})ennanentenwnte, munito di l'not e, oppl1re permanente-
mente su nn n'ieolo ;.t,ntolllobil e, e in qne,..,to caso p1'en-
(lono il 1l0n1l' ili artiy7i uie sr' lIW/l I' llti.
A'liglip/'ic in installaziolli' mobile, qnando il pas:-;aggio dalla
po:-;i7.ione di tiro a quell a (li traino e yic:-en>,l'Cia ri( ' hiede manovro di
forza con m,lechine speciali , ;,; istema,zione del terreno con lav ori
per Ili non gml1cle entiUL ed e,-.;egnibili a,l ma.ssino in una giornata.
Al'tiylierie in insinUazione fi ssa, quelle che pel' la loro siste-
mazione richiedono opere muraI'ie (I metalli che eli gl'anele entit .
Celerit di tiro. - Dipellfle <1al tempo chl\ :-i i impiega per com-
piere le ya.rie opcrazloll i del e dalla pot;s ibilWl di eseguirle
l' imlllt aneamL'ntp. :5 elle artigliel'ie la c- elerit, di tiTo ot;tacolata
prinei}Jalment e dal rinculo cl e] pezzo all \1,tto dello rinculo
che olJbli gl.L ad ugni colpo a riporta,re il pezzo ne tI<"\, pOi'iizione ini-
zia:le. Per le artig'lierin Ili calibro e per le installazioni
"i pu al rincnlo "incola.ndo l'M'fui' to al terreno o
aUe opere murarie, sopprimendo il rincnlo; per ci importa
un aumento (li peso do\'uto al la maggiore che deve
avere J'aJfllsto per ::; opl)orta,re il fort e lcworo di deformazione a cui
::;ottopn'i to per questa mgione (vedi Ca,p. vn - Atlu::;ti -
Tormento). :5 dl e altre arti!4lierie CL nindi llecet' l'i ario o lascia,re
pi o meno libero il pezzo di rine:. ula.re (affuf>t i rigicli) oppure orga-
nizzare l' a,ffu"to in modo (hL permetter e lo della sola
bOcl di L [noo ::; n qua.l ehe organo di 'iostegno, colla. interposizione
di un organo ela,stico e:he si ('omprime nel rinculo a",",orbendo un.a,
-- 10
t:Cl' t.a (juantltit dpll <1 lor1. ,l \' int di rinc. llio dpll a hO(' a d a fuoco e
f'l w Li. riporta po i in jJo:-; i1. io])(' di s paro (affusti a
d ehll'JllilZiOlW), ell('. ha l'i'''o lt.o la qll p"tione ctl'lI a
((' II"ri r;l di t il'o pe!' g li al 'i'u "ti a l'note p IWI' le in"Ldlazioni mobi ti :
anl'll(' e \' identcIIlPntl' "lppli (';!,hil (" (' OH H,ntagg:io l' (;on llmg'goior
l'; wili tiL Ilell e iUNta.l lazion i
L,L {'cleriUl, (ti ti]'1) (\ a lH'he [,1\ ' ol'il;l Ital ia l' c ll' ()('arieu,, dall a
Npe(' iali\ dI'i ('oug:eg'ni di ehin" lll' a della (' ldaHa, dall a
Nlwl' ia l(' (kll<- I1111ni 1. icJlli clw pl'l'llwl t' UIlO i l a1'i(' a -
Il)( ' 1110 s imult a ll eo d ('1 proi el to l' (telb (' <ll'il'a, d I'i cli"l)Oli itiYi di
m:n'll",ione dellH ('ari(' a, d f'i ('()llg:e!! lJi (ti pllnt' l',l',ia (' he IWl'lnettano
il pllll t;'l mento me nlT(' " .I l' ,',('g'I\(', la (:<1 1'[(' ;1, (\, inl'inl', (tl'l.di apJ)a-
n',(' l'l i <li
Protezione. - ('Olllt (' Iloto, " i pu con"i(\(-.I' an lill a
dil'l't /lI , data dall ,I ,l l'pli('<l 1. iolle al 11l:t,t l' l' i<t1 (,\ d i sClicl i, C'operl'lll'e,
('01';IZ1.;l tI11'(' (' h(' 11I ")I\ 'gg';l no pi (J 1II('IlO (,t1i h t('(,Illf' llh; i :-;('l'\'l:'nh t'
g ii organi Vi (l ('li ea l i d( 1 Ill;!kri;t I(', (" lil la /J/'Otl';.; i o1lP i ml et!a.
(tMa (l;ill;l atti tmlilw ,tll 'i llllJil'!-':o (!ipl l'o (' opn'llti. p i o mc no
a lt e, oppnn" d a l)o" izio l ,i (' 0l'l'l'te o lt<llll- pi('('ol(' tlilllen-
(I d Illa,tl'J'ia le, d a ll a ,, ('al' ,.;a \'i 'i ilJili t d l' lI \' \' <1111111' ; itl,:olllilla (ta
t utti '1l1oi 1'11(' n tl ,!!ono ,I l'l'lltl(' l' p difT-j(;i l(\ al 11(' lIli() la
i,JJ(liyidu;IZioIlQ de ll ;-I pos iz ione oC'(' llpata e ([lIindi d im('i le l'ag,Q in-
Kt a llle, lIl () del tiro,
La pl'oteziolH' Il i 1'1'1' LI ,'i i l'i ,, o l \(' ili tll\. a.l1l1l QI II n di poso dI,l
lllal el'ia1u, e quiu(l.i pW' 1 la efli('a,(' ia nelle il1-
s htlLtz ioni fi fise, m en tre Jl egli ,tUri IWlh'riali (tf'\'(' l'''iil' l' O lilllitatn
d a ll e esigcn ze di !1Iohili L'! illllloKlc dallo ';l)('('i;t.!\, illtpi ego Itel ma-
te ri ale.
La proleziolw i IId i l'l'! hl s i l'ill (" II,(' "u ll e dinwll::i ioui (hd 111 a t,e -
l'iate, sulla organi zzziollo dol Silih:' IWI, di ]Iunta men to
.'i nll a, q ll aliHl dI' il e, cari c lt e (li l an(' io , da not a n ' eOlll c ht mobilit
ill1i"c,1 a ll(' lI e 1111 dl'ic,Lce JII ezzo di ]Jrote1. iOII( ', eOnilQntelldo lUl
rapio ;,; p o::; t a,IllQllto d el ll1ntel' ia.l e, ljll,llHto si ,t fatt o R'gno a l tiro
aggiu stato (t e l nelll('O (.'ie l1l}Jre (lll;llilio lo la sit ll azione
tn,uil'a).
Awr. 2. - Breve cenno sulla evoluzione delle artiglierie.
Come p er te anni portati li nelLl eyolll z ioue d e lle artigli erie s i
fJOS;;OllO d istl ug-Ilm' e tTe pel'iodi:
- 11 -
l Pel' i(/( Lo : (lall .. origini fL n o cl mctil, cIel ::,; e( 'ol o Xl X, (l nta
dalla i nt,rodnziollf' Ilell a J'i gMnr<\.: periodo (Lr' ll t' < l' tig lipl'i t, lis(' it, :\(1
:L\"an eal'i(':I.;
20 PL'l'iodo: (l alla, intro(lu zioIH:' (Iell a r i gatul' a a ll a i nt1'odll-
ZlOl1 dplk pol \'Pl' i ili fil 111 i (l SflO); pel'lollo lli tT:ill!<iziOllt';
:3 P\'l'i odo: a Un:-dl"' ,
} O - 1 0 P E RIODO
Le origini.
LI' 1)]' il1w a ri i!.,d i(' rie jl rnsl'O il nOll ll' gf'neri(;(. (li DOli/1)//!'171' ;
fJue ll n d i I1 linol' ea lihJ' u l'nulO di b r ()ll ZO o :111 (' 11 1' di r<l I1 U' , In:1 l' Il
usato a1lC' l1 e il rl'],!"o i n lastr ;! ri pipg'(\bt a tOI'l1I :\, (li tuho t' ,"aI ILUl l.
Qndln Ili ('a lihro (' l'a no in g'(' ]wn' ('() ,stilll itt-' (La. ;Sj)<lITP
iiagOl11 at' (' t' :-mld nl l', l'l' a d i lo r o :t (':lkLo :t g:ui ;; a dell e doghI:' Il i u n :l>
botte, l ' tl'lll\k in,sinll1(' d:1 cel'cl1 i :1 l" onlaJ t u () :1[WJ1I:' ill t' pr\" :t1I:lt i,
111l''' ''-'( a f OI'Z:l ll lPll to, rn g'PI H'l'(' q\ll'st l' !Jomb:IJ'l ip di eil lihrn 1I 1:lg-
g lore l'l' all O l'{j ,,i ituil ... (la d llP par t i : I1l1n d i Ili :,lllet l'O m ag,i!: i nn' ,
11111g':1 ,il 111:t.;"i rno :3 o l uLlilJ l' i, IlntLI f mm!J{f , i n l' Il i si (',ollocaya la
p,tll a , l'alt nl lIdl' ,1 ('odo o go {a o ('(('1/110'1/1' (li ltiametTo lllinon' c (l i
lunghezz,1 ;,[q u:Lnto deLl:l tl'ol\l ha nell,l lllwl\' ('l'a di-
la earil':l; ta lTolt <I , ]wr (olllo(Lit:1. (li tl'< ,'-' L"lOrto , lp IlllP p,lrt i
l'l'ano f-i (' ] );li"<IIt' , (' ,-; i ul\iY;1I1 o (' 0 11 an' it-, a tnl':1 ,ti momen to 11I' ll'ill1-
pj('g'o; ;;i IN ) :l1I('l1e i l ;; i"le11l, <li "l'/Hlral'l' ]p d iI(' l ,arti ;\11 o! .. nli l'Ol]H;,
e di l I IPt1"('l" I' LI cari hl 11('1 canllone ] JI' illl ,1 di appl icarl o ,l l b tl'o mh a
l'l'(l. l izz<llHlo l',osi nll ])1"i1l10 ;, iC' t elll<\ d i )'r!" l'o('nr',1 (hg, I ),
l i;). c(\ri('a {'l'a co, t it lli ta (l:1 pol\"" el'ino "ClOitO, c o n " ;l,l' i d I 1.';111 Il'llti,
(-\ mpiri c: i; la gl':Hl itllra ('l'a ;1 1)('01' ;) Sl'ollosc int<'L; la c<! r il" ;) t' 1' ;1 11i "l, o,st a
n e lla ('ant ('I':1 d t'Il a Il(J(:(:f\. ])1' Jl H'ZZO I Li I I n a ('l(cc71 ia /'({ o ('II ,:: ,::a ;.ppl i-
("M,l li lla (",tn' mitil di 11 11': ISI CI, e 1l'g:g<:'rl1l1' n te (,: I!cata col ('al<- atoiil ,
I I fuoco "l' ni"; 1 l'Olll ll lli('atn all a cfll' iefL Mtra"p)' ;'() il j lJCOIIC l'rati-
ca,lo llpl c'annone :I circa lll('ti! ]ll l1 g'h ezza, e ri emp ito di pol\' ('rino
elle ;; j ,I ('("(' l1d e ":l 1l1(' f i a n/l' li n ferro 1'O'l"ell te,
l ]Jmidli (')":1110 Ilall (, "[erielle di l,iel', r<1 u lk,ll'p, o , JH'l" le hom-
JJ rude Vi pic('l lle. di ft' ITO o anello Ili hronzo; il , -Pllto 1'J";t sempre
pinttosto ril('Y; lllt l ' e pC'1' e l i lll i ll ,W] O "i 11 :-;; \\-, 1 :\T OIg(' I'l' le palli' con
i't OppH, tela, (l alll'lJe C.Oll pelli fr es(' he.
Le 1)(lIl1IJ (tl"ILI' l'l'allO " i " t'elll ;de f-i ll {dii di (ii,!'!', ::? ) ,t
eui ('l'allO rigidalllPnte fi";':ltc (;011 C'C' n,h i d i [1'1'1'0, t'orde o al trUi
pel' il lr;: ,.; pol't o veni\";I IlO e:lri('ate "n t ,llTi, 0, per le hOll1b,H'll u
- 12-
minori, erano munite di rotelle. Il puntamento era molto rudimen-
tale, ed era ottenuto o affondando la pa.rte posteriore del letto nel
terreno, o rialzandone la parte anteriore con travi o cunei. Per le
bombarde minori, per, il letto poteva essere fi si'iato a varie innli-
nazioni su 11n basamento di legno munito di quattro ritti con fori
a diverse altezze nei quali si infilavano due sbarre di ferro che :':0-
stenevano e vincolavano il letto. Il rinculo em soppresso mediant e
paletti conficc::1ti nel terreno (fig. 3).
In molti casi i bombardieri erano protetti dalle offese del ne-
mico mediante nutntelletti di legname, con cannoniera, o gireyoli
lctttorno a perni portati da due ritti, per poter eSSeI'e solleyati al-
l'aUo dello sparo.
Si ebbero, fin dai primi tempi, bombarde di calibro relMiya-
mente grande, ma nel secolo xv se ne costruirono di enormi: 1"i
trovano ancora, esemplari di bombarde di 76 em. di calibro, e ha
notizia di bombarde di 110 cm. (Bombarde turche dei Dardanelli);
palle di pietra fino di 600 Kg. di peso con cariche ,li
Kg. 100 di polvere nera. Ma queste enormi costmzioll i andarono
iu di suso per i miglioramenti che 1" i {'onseguirono nella. eostl'l1zione
di artiglierie pi mobili, lancianti palle di ferro.
Anche fra le bombarde di minor calilJro svc),riatisi'i ime el'ano le
forme e le dimensioni; alla fine del secolo xviu Italia, si dist ingue-
vano le seguenti specie di a,rtiglieeie (secondol!'rallt:t\sco di Giorgio
.\fa,rtini):
cerbottana : calIbro mm. 50 circa: lunghezza calibri 50-80. Palla di piombo Kg. l circa
passavolants
lO)
50
>,
con dado di ferro " 5.500
basilisco
:o
!20

"
50 " di ferro o bronzo

7
spingarda >,
130-150 20

di pietra
4-5
mezzana
"
230 - >}
18-20 17
cortana 240-Z80 18 20-35
mortaio >,
380-400 5
70-100
bombar da
400-410
lO 100

Talune di queste artigl ieeie cominciarono ad essere riccamen te
decorate (fig. 4) .
Secoli XVI e XVII_ - Gi sul finire del secolo xv si cominei a
dare la preferenza bronzo per hL delle artiglierie,
ma anche il ferro colato rest in uso specialmente per le al't igliel'io
di minor calibro.
Le artigli erie di bronzo si fondevano dapprima, con l' anima,
ma gi ileI secolo XVI, data la difficolt di ottenere l'anima esatta-
mente centrata ed evitare i difetti dovuti alla si int,ro-
- 13-
dus"c e si generalizz l'uso di fondeI'(> i pezzi mas"icci e di trapa-
narli.
La, poh-ere comine aeL essere grwrn"ta, sehlJene irregolarmente,
e la cariea yenne sov(>nte confezionata in un cartoccio cilindrico
di carta" ehe do, -eTa eHRer l'otto dal ca.Jca,toio una yolta intl'o(lotto
nella camera coll a elwchiara,. Per si ('ce Il S0 tli stop-
pilli o mJ(;cia, applicata alla estremit di un'asta.
f+i nel xv si erano int,ro(lotti in Franei<L e in
in luogo deg'li antichi letti , dei veri alf'llst1' {( 1'!/Ote (fig. 5) a cui la
bombarda era per rigidamente collegata e che riehieeyano l' af-
fondamento delh coda nel terreno per il pnlltamento. Ma :mlla
fine del seeolo yennero in Francia adot-, tate le artiglierie C'on orec-
chioni, iJJcHyalcate H1l a,JInfih a r uote, cost ituiti da ue eOHcie o
aSilOni divel'gcnti ,-e l' HO l a, cocla. o coll egati (b tran>l'st> () clli(l\-i e
dalla sala (li Jegllu; pure le ruote campanale.
for ma. i a.ff usto si mH-l11-elUlc quas i illalteratn fino al sneolo XIX
(fig' . ti). Siintrodni'st'l'o per affusti a per i lllOJ't, e 1)(>1' le
,1rtig'lierie clol!(' nayi e (lelle opere (fig. I e 8).
t'pecinl111ente nel :-;N'olo X\'I le nl'ti!,.di erie tli bl'OllZO el'<1110 J'ic--
C' al1}(:"nte ecl a rti"tiea lllclItt:' tlecorate ma qU,st'uHHJJZa
anel llUlll mano :-;C'o llqHlr('.lIclo hench trovino ancora <Ll'(.gli()l'il'
fregl;,te 11<: 1 ";N:olo X\'lfl. In ogni e,l ;,n P Pl' ;; j ;\TY<HlO 1ll0tLa-
naturc spl'ci,lli alla l!Oeca e alla cuatta .1 elli si danl il lIOllle di
gioie e dle y\' yallO una V,Irte importantI' nello Ht-abilire la, 1 i 111-' <I (li
mint naturale.
Tntt:'rnallwute ",ypyauo anima cilindrica, eamera a fono
f'ilindriea e co n diametro ng:uale cl quelio dell'anima
(art iglieri e seg1lite o SI gucnti) o tli dia metro minol'p (artig'lieril'
cClmcmi c), () all('IlE' cii l'orma trollco-eonita (artiglil'rie Nllllpwllrtle ).
Jl fOt;une fu pnltieah) al fondo del la C,llllora, e ]lpl ;;peolo Xrlr
si il (j1'01/O a focone, a, di ricambio. Gli oreechiol1i,
di lunghezza c diametro ugmtli al cali bro, in gencre di-
sposti col loro itSSe alquanto al di Ro t to di quello dell'auima, per
dare loro uoa buona superfieie eli attacco, e per impcdirc l' abboc-
camento del pezzo ,111' atto dello sparo, ehe si ver ifieava per
reazione sul cuneo eli puutamento.
Generi di artiglierie (fig. 9). - Coll tL calata eli Carlo VIII in-
sieme alle art iglierie eon orecchioni si c1j:ffu",ero iu Halia nuo\' e
denominazioni in relazione al caliuro, a,lla lunghezza, ;),110 ,.;pessol'e,
- 14-
e anehe il eOl1cdto (li elaii"ifica,l'e 1(( a.rt.igli(lrip. "e('.oll(lo lo RCOpO a,
m'mo pi adatte: si ebbero eolnbrino, eannoni e mortai. La
fabbrica.ziollo dt:>ll c a,rtig:lierie era la-;eiata dapprima all'al'bi trio
ilei fonditori e ,,,i ebbe quindi lIn Il \I mero gnmdi,'>,'l j 1110 di tipi e mo-
delli di ,-er"i (1 i ca,] ibro, re,<.; i"tenza e 111 nghezza. Carlo V in
:--ip1'.S!.'H<L e "otto Enrieo n in Fmn('ia, e poi anche in Olanda e in
Germania ,'ii t ent di riordinare la, fabbriciLziolW, (lp.tcl'lllilla.ndo LlD
numero limita,t.o (li l"ipi in ,'i i"temi (li ;l,rt. i gJi eri a., ma. on scar"o
Jj snlt ato.
finire del :-;eolo XVII :-; i di ",tingnevano in Itali a i suguePti
g'ellCTi di l:Lrtigliel' ie:
COl1tbrine : a,tte cLI tiro a g,'rande distanza, sia, eontro ber sa,gli
animati he contro fortificazioni: a\-evano ealibro d<1 100 a 160 mm.,
e "eeol1(10 il ealibro prendeva no il nome di mezze, doppie colu-
brine, e. I.Janciavano (porta\Tl1no) palle di ferro da Kg:. 4 a Kg. 20
circa (da 1-b lL 60 libhre); avevano lunghezza da 20 a 41 ca.libri.
di cevl:LIlo ordinrie q nelle di media., sl/'O,ordi1wrie le
pi bustm'de le pi corte. Appartenevano a tale genere
i pez,zi ila c(onpu,gnn, special men te atti a lht guerra. campale,
('. ('he in ordine. ("r escente di calibro (da m 111. 2.') a 111 m. fJ2) si ch ia-
manLllO smerig/.i, jalconl'ff i, !nZcon'i e sngri, l'ce.; a,yeva.nol ullg'hezze
(la, 32 ,1 --12 e cLllelw finu a ;')0 cali bl'i, c laniava,uu palle (li ferro da
K!!.. 0, I Il!J cL 1\.g'. :J, GOO.
Cannoni cl(t lJ aller<t: u:-.; at i l)er il tiro a nOli gT:uHle distallza
(' ontl'O benmgli re,'i i:-.; tenti. Si dit.in,g' neV(l, 110 pnre 1ie('onc!o il ea.libro
in doppi ea. nnoni, cannoni, mezzi e q narti di cn,nllone e a;vevano
ca,libro superiol' e e lunghezza infcriore <l, C[unUn, dell e (',olnbr,ne di
dpllomina,zione cOLTipon(l e nte. l eali b1'i a,nda"H ilO da, llun. 100
;t 200, le 1IIIlghezze da, 18 ealihl 'i (eanlloni ordinari ) a 2;)-20; il p 0S0
di, Imll a da Kg. 4 a Kg. 32 circ'L.
Tanto le colubrine che i canna ni l' i (list ingrw\'a nopoi secondo
lo 1ipessol'c p areti o ricchezza (li metallo in solt-ili, c01nnni e
rinforzat'i . Le colnbrine rinfol'ZiLt e, che erano qUHlk Ili mH,ggior
l'!\ tl i:"tenza, a,vevano uno tlpCRSOre di. ca,1. 1.,12;') .
.lfortai, l'rab1,tCehi e Ccmnoni P et.r'i eri: clest.i nMi al t iro curvo
con palle (li pietra" e eorlJi artificiati (t.l' a. elli ,mdw le bornbe)
c(\nt.ro ben;;a.gli di debole l'(' sistenza, e a. 110n grande di :,; t,allza.. I
lIoni petl'ieri avevano ea,l ibro da, mm. 7;) ;;1, 320 cirea., llinghezza, mas-
sima da 8 <L i2 calibri , e la nciavano in gener e p,LlJe di pietra dtL
Kg. 0,600 n, 45 : di quest i cannoni petriel'i di minor ca.libro
1[> -
emoo a retl'ocarica lJ er ht 1mb eariea, posta in un pezzo amovihi.ll'
detto rnasMlo o servitore che veni va, scrrato cont ro l a canua,
mecliallte cUll ei appog'g'illti l' n UI1<1, o braca nnita, l'rdda,-
mente aUa canna, in pl'Olnng',1, ll1ento Ilell'a,nima; qneRti erano in
genere di ferro, ed Cl'<:LIIO n;.;a, ti :-; nll e n avi o in hlOl!:hi
ri str etti,
I mortai n tl'abul'elli (talunn (',hianw,\'", ('Oli 11ltill1(1
nome i morta. i (t,\' ont i Illl IIlIi (' o onw('hi one eilinllri co a ll a, eSf,J'f'mit.,
della enlatt.a,) ;;er vi,a no pt'T il tiro em'vo; a,n>,, -ano
calibro fino a, J20 mlll., lnllg'hezza da 2 a calibri; erano t nt,h
camerati eampanati. I; a nciavano pall e (li pi etnl, o boml Je o
scnffe di s(tssi ecc,
Cariche ili lancio . - I;a (',uie", t' l'a (li n,!!,' ua.le " fJlwllo
cleli a palla per le ('.olubril1e, di 2j:) del }W-: O Ilella pa,ll a, }leI' i l'an
noni, da 1/2 a 1/ 3 per i pet. l'iel'i o ol)ici di I/ ;j p\:\ J' i Illortai, nsanflo
la, polvere :-; a'AO (5 parti (li ;;a.lni tro, lln a (li ea.r bolle p Illta.
di zolfo) . la era d pl li a-:so :+';,-:0, le ca l'i(' he
era.no alqua.nto i nferiol'i .
Obici. - Pnl' il t i]'o (klle bombe :-i i eOlll inciaro!1o ;l,Il nel
secolo XVI[ in (;nl'lllani" Ilni ltlol'ta i pi 11Ing' hi , a i qnali f n ll:tlO i l
nome di o])i(:i.
Cannoni (li, r. /Ioi o. - ];' in d a l lJl'illc ijJio IleI x nI l'f a,no
state idp,at.e e ('o;;tl'nit,e ill I talia. al't.i,!!:lipl'i c (' he fUl'Ono
poi da Gu "ta,yO A(lolfo In, g:nurl'a. .30 <I,nni,
come artigli eria, (li ]'(>,,2:gitllOll to , ]<}rano (o,.; t it nit-i (la tlll l' llbo (li
con enbtkt Il i bro nzo o (Li fu 1'1'0 , r infol' "ah a ll 'e;;t01'1lO da
di ('onl:t C da Ulla, NJjJ(' lt nr:t, Oli (' noio, Non 1'''1>1']'0 larg'o impir'g'o ,
Pr;; ietti speciali. - :-;i il a Ilot i zia di pruietti fin da !' a,
metit. del so(:olo (Bi ring' ll(wio ), e aJl('lw di !JJ'oidh illumjnanti ('
,incendial'i, ma q uesti nOJl a \ ' U\ ' alIO ill\'ollwru Illotalli co; qndli
scoppia,nti, ;1, cui poi s i di(([c i l no me (li p(j,lle urmate l'poi alleOl'a
di bombI' I) !JJ' colCtie, a \' eva ilO in \ ' OIIl Gl'O (li brolJzo, \retro,
creta" c ]Joi ;I,]lehi> di 1'01'1'0, ('oi'itit nito (la dll e pm'ti saldato i n"i utlln,
ed erano ta.nGi:tie daP1H'imil, a mano, in ,W!!, Ilito GIJ I1 modai e 1'0 11
obiGi. :\Ia 1'1l i' () ne era ",,;-;ai lin lil', at o ]101' il p!',l'inolo l' h l'
tali proietti. U 11 i ll1]Jif'[!'o (Li ]H'o iutti j i'ieol>JJianh ,-;j eo mi t]('i
a fal' tra il se.eo]o XVI e il x \'l l in GOl'man ia e poi in Olatlda" clOYIcl s i
ap]Jol't,ar ono i D1ilggiol'i r.l bomlw., fll se in 1111
l:) ol pezzo, avevano forma :-;[nt ir',;), o a neh(\ obl1rnga (fig. IO), Apei'i'Ol' o
- 16-
di parete da, 1/8 a 1/10 del calibro, e carie Ile di polyere ben
innescata con una di legno che yeniva, forzat,a o a \' vitata
in un occhio della bomba, che, f;e (li grof;f;O calibro, era ;}m;he mu-
nita di maniglie; lo spessore delle pareti era tah'olta maggiore nel
punto opposto all'occhio per hl spoletta, ])P1' eyital'e ehe la homba
cadef;fw colla spoletta a terra, l,a "poletLl era un tubo di legno
o anche llletallico, C011 una allargata a ealic(' , ('hc riempin\'
di mjstllra pirica a lellta il tubo si facpya (li lllllghezza
conveniente alla durata della traiettoria. Il tiro delle bombe ' -e-
.Iliva e"eguito a d'ue fttochi o a nn ;1/Oeo solo, el primo caw il bom-
bardiere col bnttafuoco accendeva prima Ja, mieeia della spoletL1
e poi dava fuoco alla carica di lancio; tal \-olta le due operazioni erano
i:lKeglte da due fierventi din'l'f;i; tra la homba l' la cmica disponp-
vasi un tappo di legno o terra lWl' imvedire chp la miecia della S]) O-
letta acc(mdesse la carica del mortaio. ' el tiro a un fnoeo ,":010
il tappo di legno IH'esentava dell e scalla1atnl'p per pennettt'l'e al
gas della carica di laneio di il v,mto (1pl pro-
ietto e accendere la spo1etta: "i u,;ant ;11lf'11(', con spoette
disporre la bomba colla spoleUa l'iyolta yer"o la carica di lall cio.-
Si idearono anche delle spoktte a lWl'CllS-iinne (pietra foc,a, (I
perite, e frizione), ma non fnto no illlpie,!!'ate,
Proietti a mitraglia. - Si n"lY,UlO "in .I,Il lJriw'ipio hmtpl'l1l' o
tOJllwlletti, eio n,eipienti di na:..:tro di ferro (I l'di l' iPtnpite (li
l'otLulli , ece, Poi (mtl'arono nell'n;;o i pro}(,tti (( gmp/lolt) d' lira.
(,o,,,titniti da valle :-;feriche (li v iombo o di fplTO tenntp fl iis iellle
attorno ad un'anima eli lcgno con fondello (hL un l \'()11l('l'0 di te,;-
suto forte; (fig. Il) U fi;JyanO poi an('11(' lE' 8Nlfol c {( mi l/'l/[/ f ia , .'OH
involucro eli latta.
Puntamento e tiro. - Il plllHa nwnto t' il t il'O prano h,ti"ia ti ,':11 1
priucipio, ammesw anche (per approCl ,., itllaziOJw) dal ']l;(r taglia
(1562), che la traiettoria fosse compoClta eli ::\ l'ami; di cui il primo,
moto violento, poteva comiderardi r ettilineo in direzione dell'aNse
del pezzo, il secondo ad areo (li circolo (molo curvo), il tel'ZO l'otti-
liupo (' yerticale (moto naturale), 11 tiro dei cannoni o delle e0111 -
brine era flempre eReguito ne.l primo ramo, ed il puntamento Yt'-
11 i 'l'<I eHottnato semm alcll n Rtr Ull1ento traguardando per il punto
pi alto della gioie di culatta e di volata, alla qna.lp nltima Il i ap-
plic;-Iva talvolta una specie di mirino di Cl'rCL (ealltlelotta) per ,were
la linea di mira pamlleb all'a,,;, , del pt'ZIIO. Il pUlltalllcllto llei Illortai
- 17 -
e degli obiti era e:-; pgn ito coll a squadra del Tartaglia (fig . 12) o
col q nadmnte, seguendo dati eont,enn ti in rudimentali di
t iro. Em stato idca,t,o fino (lalla, mdii, del secolo :XVI l'alzo per il
tiro nel moto curvo, ma questo strume nto, chi'Wl<ttO s('oZr!f((., l'l',
poco conoi'lcinto e mai impieg'ato (fig. ) ;1) .
Le gittate dell c a rtigli('l'ip ('l'ano, speoJl(lo dati estratti da nn
trattato del ]67;:; (Mol'l'tti):
Falcone da f) I i (mm. 75): ti l'O orizwll fal e m. ':l50: alla lIl ass. el eva z. m. ':l 100
Colll hrina dn ( 100 ' 500 ), n 2880
Colubr i nadarJf) " ( ,, 150\ , 1000 ,,WOO,.
I ('.annoni eli batteria tiraya.no " clisl'anzl" (li 1/3 infel'iori a
(l'telle dell e colu lJeine di C'ltlihro.
Traino. - Per tutti qllesti tell1pi per il tra.ino dei pezzi si illl -
}Jiep:ayano ('ayall i di pn nta; a. ll'affn sto eraDO aPllliea,t-e diretta-
mente dnc sta,ng'llP (' hl' form<lya,llo ti monella. per il t'a,\ 'a llo di
oecorrenl (lnin<1i dle la. jJl'P';SiOlW del la C'oda slll t-el'l'l'll0
non molto gTaJHle (fig. ] ,1-). Per nel sc('olo '\:\'11 si illtrodusse
ell'avantreno (,11O Y(,I1lW chiamato Nll'l'etto.
Secoli XVIII e XIX. - l pt'd'ozionallwll h apportati nll e art i-
glierie in questi secoli s il'ifl ettono s peeiall1lent-c sulla mohilitil,
dell e a,rtigli erie e<l,lllpali, snlh), tle1illiziolle esatt a. di Illl nunwl'O
limi tato di s]Jc('ie e ti i ea.1 ibr i, e \I "ari }Jaltieolal'i rip:narda,n ti LL
('olllO( Libt c l a. celerit del tiro. iniziano inolt-.re g.]i sturli il ba,..:(
i.i eiellLific(l di ha1i f t;i('a este1'lll1 (Robiwi, Bnkro, cce. ).
teompa iono a poco a. poco le. ltlllg lw t' pe::i anti ('ollllll'inC\ e
rimangono in tl SO i eallno ni, gli obici e i lIlort a i; viene diminuito
il vento e hl c<lo1'i('''' ridotta a J /3 del petio della. pa.lla per i ca.llnoui.
Tali perfeziona.JlI e nt.i, iniziat,i nel seeolo prp('(\clpute per
0lJera. di Gu stavo Adolfo (art ig:lil'l'ia. rl'g-gimenta le) , and;ll'ollO ma u
mano appliea,ndoc; i ;;ppeia,lnwllte in Pruss ia sotto P(>(lel'ieo 11
(artiglieria a ('a"a,llo) , p. iII. A ll stl'ia, e yennl'l'() (>,,-:attamenk (Idi n it-i
in Franeia, dopo la gllPrl'a, dp. i 7 <l ltni , dal Gl'ilJt'auyal C'hl' ('011-
cret un 1l1:-;tema di ll '1 iglieria sul q,mlp l' i modella,l'ollo
f; val1l Clltp tntti g li altri :-\tat-i. ]n p<lrti('ol a.l'e i Vr illt'i p l1Ji lwde-
zioll amenti del si RtemHo Gl' iJw"'ltntl ""Ii lImt eria, li ] ll'('('pd nl1ti ." 011 0:
Di st inzione doll ' aJ'tig
l
ipria. da earnp;tgna. Ila, q nolla, da- l\ .. ..: ;..:edio
(', (hL pia.zza . . Al la, j)rrll a fil 1'0110 ", .,sogltati ealliloni da .1-, H e lib-
hrc (111l1l. 6:\ 8:) e uri) (' Ull obi('e Ila n voli iei ( I ;10 11111\. ); a (iun!l", da
p i <I.zza, eannon i da I (-j lt 2,b lihbr\' (111 1ll. H), (' cil'C'a) nO[1ch
VoI. I I. - .Armi da .fuoco portatili , ecc.
- 18 -
mortai da 8 e 12 pollici (mm. 20:3 e 305) un petriere da 15 pol-
lici (381) e un obice da 8 pollici (203); artiglierie di bronzo esatta-
mente definite in t utte le loro dimem;ioni e particolari. I cannoni
avevano lunghezza media di 18 calibri, e usavano cariche pari
a 1/3 del peso del proietto. La, velocit iniziale dei c::tilnoni era da
400 a 500 m/s : la gittata ol'izzontale variava, da 400 a 500 m., e
la gittata massima da 3000 a 1000 metri secondo il calibro.
Grano a focone di rame avvitato, anzicll 'fol'lI,to dalL' m;terno.
Zoccoli degli orecchioni.
Cartoccio di teslmto for te, incollato e colla palla unita mediante
legature, per le art iglierie da campagna; il cartoccio veJliva forato
mediante uno sfondato io a pnnta introdott o nel focone. ::)catoia
;\, mitragLia in fl ostitnzione (lei proietto a grappolo d'uva.
Affust i con flala (li ferro, c l'notc con boccola, di ghi ,c;a; vite di
punteria, invece del cuneo flconevole (fig. 15).
Generalizza,zione del I ' i mpiego <li un aLzo rettilineo scorrevole,
con graduazione lineare, :-;istemato nella culatta nel piano di sim-
metria del pezzo, e con congeg' no di manovr a a dentiera e roc-
chetto dentato.
Avantreno con ruote di f[ ll<Lsi uguale a q nell e del
pez7.0; attacco dei cavalli a pariglie.
Negli affnRti da piazza adozione (li un :-;o(',ta,fIusto a liscie in-
clinate con perno fifl SO (fig. !6).
Sul principio del flecolo XIX :-;i ebhero ancom i perfe-
zionamenti:
Introduzione degli ohici lunghi e (li maggior calibro (calibro
22 cm. e lunghezza da 10-12 calibri) per l ' impieg:o dei proietti scop-
pi anti con tiro di lancio contro le (Obici all a P aixhans).
(.largo impiego dell a ghisa limit;atalllente all e artiglierie da
piallza, (o muro), in con"egnenzL <1(>] lIlag:gior pc;.;o e q Ilindi
del maggior costo di quest i Ilu1terla.li.
Artiglieria da montagna sistemata per il t rasport o a, SOl1\a
(in Piemonte).
Introduzione nell' uso ordinario dello sltl'apnel (1803) dovuto
al colonnello Sbrapnel dell'artiglieria, inglese, chiam:Lto allora,
goranata, a lll'ttole.
St. stitllzionc della, miccia P(:,!, l'a;'censinll e carica, coi
ca,nnelli fulmimu1ti a fl';ziol1<-' (ca, nnelli all a D'Arnbr,v) (in Piemonte
nel ] 849) .
- 19 --
Impiego della e del 1erro per b eostrm:ione degli
('ILa I 1835).
In Inghilterra ' (prima che al trove-guerrp ;-; i
adottano gli aft usti a ruote del ti a fTecc'ia., (.;;:s ia. enn ii ( \Ol'pO
COStitUilO da un unico robusto trave, con aloni di riporto di legno
o anche metallici per le orecchionierc, in uogo ([pile dne co;-;ci ..
o assoni (fig. 17) .
Affusti eclisse, dH;tinati all'armamento dclle piazze, co'i1o
:scopo di permettere l a pl'otezione dei serventi cl ietro aHi pHl'a pe!-, t i
nel dol pezzo; Ki idearono divIni tipi . n primo da
] 775 (R, edlichkeit-Aia): ;t ca,s,,>a :m rotelle lllngn
un Kott::dfusto colle liscio inclina te indietro, e nel rinculo :-iolloqt \'<1
un contr:,ppcso, che lo riportava poi in tattena. 11 Lfl Fre (187Cij
propose delle runte a mozzo) eccentrico; GassemLi dell e l'note eon
corona a spirale; Chas:-;elonp (1793-1803) un sitltema alq nanto p i
complicato applicato a(l nn :11fusto ruote: un allustino colla,
bocca da fuoco rineulav9, lungo liscie dell'affusto inclinat o indi etro
e svolgeva unn fune o catooa, avvolta spire s a,l a, :-ic tlil.ai e
colle ruote; nell'inculo e nell'abbassamento d! ll'a[ustino Si provo
cava anchc il rinculo e quando questo veniva riportato
avanti (8 uomini con manovelh) l'aff:m:tino tornava in posiJ\ione
di sparo (figg. 18, 19, 20, 2l) .
Rigatura. - - La rigatura delle armi portatili em gi stata
pmticata ma scarsamente applicata fin da'! secolo XVII, e il
ailerma chc nnche artiglierie da J4 libbre in Germmlia, e Svizzem
erano rigate (e anche a l'(.trocarica), ma non precisamente all o
;:; eo1'o di ottenere maggiore regolarith lli tiro, ma per sfrnttcn'(c'
meglio la carica. Il R,obins stesso propngn la rigatura, preconiz-
zandone l grandi vant.aggi; anche gn!pro Rtndi questione, ma
av,rersundo le idee del
Intanto si andavano applicando altl'i mezzi per rendere pi
rel?:obre Il tiro <lei pro iett i l'ferici di ferro (' di g]m,a: i di legno
() di corda per tenere cl.' nt.rato i l proietto nell'anima !' impedire
gli sbattimenti; lll'oietti sferiei <:0n cavit eceentriea, tale da, pro-
vocare un movimento di l'ota,zione lllngo la traiettoria.
notcvole anche la propostn fatta dal Saint Hobert (1857),
di una bocm1 da fuoco con anima l! sezione ellittica, e con 1'1'Oiet'o
-
di forma ]entieolare, ehe, l'azione elf i (\pll,H'al'i(' a, J'ot.ol ;rnt
Inngo l ' anima, lUI 11l0Villlent o (li rntaziOlw in lui
j)i<l no , erti ea le . :-li idea.rono anl'ile (l e i pJ'oiett .i j-.(Iriti.
('((valli . - Fu il C'aval li , (',apitauo dell 'ar t igli eria
;,;arda, (' he de l Hobin r-;, a dattandoli per n,l pl'O-
idto oblull g:O, cilinll1'o-ogintl(' , (-' eoncret lUI ki:;; tpuUl (li rigatura,
Cl proietto gnidato, (']1(' a l'al' nPl] e offi eine (lel
\-\' a hn1' endo)'ff in Svezia (24 a pril e 1846). [l ( ' a,ntlli ,wcn1 intuito
la, ,--eTa, i-\ oll1zion e dell a, rig:a tiun1, eoll ' aeeoppia,mell to all a 1'et1'O-
eari oa" ell e permette, la, sopprpr-;k ione del vent-, o p c)' forzamellto e
il l'on::;egu ente eentramcnto del proietto, ma per non cOlllplieare
la l'or-; t-l'uzione dell a boeea (l a e del proietto, e data la, diffi -
l'olt, per quei tempi , (]i ott ,cn ere llna (:oHvPllient-e 01'1111:'-
tinI, dopo le prime pl'ove i'l i attenn e a.J l.t anuwal'ca" mantenendo
il , ento per il faei le eariearncll to d a lla bO('(I.
1,;1 l'i).(ata!':1 Cavali i "v('va. !(' sPgl1 ell l-i caral ,lerisl ,i(',11t' cS" (II 7. i ",1 i (fi g- :? :! ) :
d lll' l'i).(h(' eli('oi,da,!i . (l i alll(' lrl.l iJnelll f' opposl e. ('.011 ill<:l i ilazioll( ' {, " l' in';] l' ]Jru -
1110 a fOlldo c-oncent.l'i('I ' (I,ILw i Ili a (',Oli Jiallchi (:0,, 1 il n il,i da (l i ('il'Polo (1 i \)0" ;
il ei proi etto. eililltll'o ogi val e, d\l e il,l etl-e pJi coitl :l li riil'v:tLe di getto, 111 l1glr e
qa'tulo l a p arl e r ili ndrica c lavor a,!;e Osa(talll (' lItc ali<' e,;tT(',llIi Ut :,L copia. ti pi
profilo d,l,Ha r i g:t; sul tli a. lll ctro nonna.l e a ql1(' lI o d(,I /(> a. l f' tlt-. dl1l' (\oppi e d i
g'il ide di (' Plltralll ento_ TI VCll to t,l' a al etto o ri glr e " tra ).( uid( ' (. all illi n fli P0f'O
[liti di ! 111111. 1.1 " i,,(' 111 il , l'-Ulli e ql1all1nql1e pri lllf) telllal i:vo, p re,;enl :wa
i Uf'oIl YOlli nnti: Il lalicanza di f'.entl'alll l' lI(o, Rha,LI,illl l'llt.i, 111'10 :tlln l'al' Lpll;l,iI d, 1
clJlpo (UIIr.1'O il [jall c- o di " pal'fl ; 1\Ill.. ('i 1I 0Ilo"l:l.II l-(' . i ri"llll:lli dplle (' '' !lPTi' 'IIZt'-
illtla>if'f'1'O Lui t i gli ::itaLi il ,,1,lIdia1''' il pl'ohl c- lIl a.
In tiri di ('''peril'llza. (' 01l 1l1i "Li i i, j'il'll ,ollle II(' ! 1f;:'i4- ('{)II 1,11 (iI.Ili10Il e -(la
Il!!!! . 1(>,;) "i uHl'-n;lo pe!' \I n proieil-" :l i K'_ ilO. ('011 e:\r i,:t ,l i K).( , il e el eril -
zi"lI e di :?!}I , ,I.!; i I i ata ,l i l' i r(':I, ii l.OH III.
Hi[jo;11'1'a La H-itte. - J11 Francia, J)I' inl(t ('], C altrovC', fu pr<tti-
{'ameute H-l lpli cata la r igilt'lll' a, ('(l l l' istl'Jn,L La B it h:' , ]ntl'l'- a, prolet1' o
gll idilto, C'he fe C'e l e prime (I ella ri gatura w l ca mpo (li bat-
Llgli ,1 .nell a, C'flmpagna ckl ] Sii!) in Ttali ,t.
( ':tl' al leri,, 1 if'l ll' del "i"tel lla, (fi ,!!_ :{ ): l i ri).(ho ,lil'Oid ali, li "oJll'i e di al('ll C'
eli 7,i ll(' o iii alveol i del ]ll'oif't-Io di ghisa . il tiall"o eli :spa1' o " (' Il e l'igl,(-
l ' l a 1)1\]'1 0 corri" pflnd,ontc ,loll o al pU(' fOl'tf' lI lC'nle i llcl in,.t(' al r agg'io,
]>(' 1' dil r II lodo :lil,' :-li el h' di S,(; 'W1'E' ),(' fiall<, (J di " pa,]'C) 'o fii 1(' 11 1'1'0 i! ('(' 11 I l'a Il I l ' Il I 0,
i"olall do il corpo dpl pl'oi l'Uo l l al l' alli lll a; pf'l' <,vilare' fllrlfl cll' ll a :li dl" " olllro
il fa.II( O d i "'pa ro all i. p:utel l ;l,a . il ti :wc ... d i ,:\ri (,:\,III f'Ii!O. v" ,rso il fCl llci o d, II-allill!"
si avvi (' ina.va al l i al"'o di " 1>: ln l , rf'st.l' ill gpndo la l'ig'a 11f' 1I ' lll t illlfl 11':1-1 10, l' por-
tando lo n.lctl e Ho (;011 I a.tto el ci flalll'!li ,li sl':t.m d"II(' ri g'I,C" ( l'i ,g' ,, ri "Crella ) .
..:\1 La HiHC:' i'legll iJ'O!1o ,1, It- ri Hllalog h i pi O lll llO l){'l'-
fczionat,i, t ut-ti ,t ottP!ll' ]'(' il ({'ut,l';llllent.o del [H'oi pt,t o
t'011 lIna, f:orma parti colnJ'P (lell e l'i g h{' (' (lelle a letll', ('lle Cu rone)
l'empre in piccolo 11 I1n,lC':l'O : i n g'('ll l' l' l' li. a I1 sl1r;1 el i a lplll':
l'ifitenm :1, l'ondo {'('cent-, rieo).
- :!l -
Fra q uesLi "i i tro" f1no j primi esempi di l'jg'a,t ura, pro-
gre"si vfl" introdott;l a,ppnnto per evitare il rasamento delle aJp.1te
d i metallo molle sotto dell a, pre,'\sione, che si cercava i Il-
t allto di anmentare peL' ottenere una maggiore potcnza,
A.nim,a. a sezione di oersa. da.Ua. (J'i1'cola.?'e. - Il Whitwo l' t h
n\]'l' di ottenere il ccntramcnto (lei proictto beendo l'anima p. il
proietto a Kczione opportn namente modificata p er eh
il }Jl'Oietto eontro l'anima, non ,';010 per lill PC, ma, per
Kllpel'ficie (fig. 24) .
Jl !AtllC,1"ter propose in ,-ecc nua sezionc ellittica, o (l'-l't! P.
n Lenle in Anstri a, applie artig:1ieric da camp,lg'ua p da
monta,gna, t'. a neli e nell e armi portatili, il profilo a ::; pi1'ale: la
zione (lell'anima eost it uita da uno o p i archi di e il pro-
ietto ha a ualog'a ma a,l' ehi (li spira,le alq1l<Iollto pi
l"estremih\ di eiaf::icnn arco coll cgata coll 'm'co
Illl tratto non andamento mdiale, il qu a le co::;tit ni ::;ee il fia ll eo di
Ilal' ir.amento: nello s paro i l proietto appog'gia, completalnente per
gTa,l1di ::; upl\rfri sui fi anc hi d i ;.;paro, eostit uiti da,gl i archi eli "pinll e:
il ,-ento ycnin\' <Lllilll[i r idotto a l piceolo nmo nci t n:1t, t i l'a,<[i<lli , 1\
otteney,1 ",nelw nn bno1l eentntlllcnto (fig.
8o!Ij!)'('ss i o11-(, del vento, ['U)'(1.IJcnlo. - Per ,'iOppri.nH'l'(' i \1' 111'
1' (1 e"itare le :-;fng'gite di , a. l fOI1<l cllo proiett i (ki :-; i,1 1'mi
de;-;('ritti fn rn!lo t;'\,/or,l andle i,o, :-: egHito, dcIiI> COPI .l el i
metallo molj (\ o al t r' mat-e> i:i le incOmU!i e: tlbil(\ dc"hll<'te ' llll.\,.; ,.;u'e
d;dl'aziope (ll-,i g'a,'\ dpl1 il ca,l'ie}l, ,;ont' () le l'ig Il l'. e (:! 11Il-
dere i ntni t"l'a, proietto od a nimi!.
Sistemi di !o)'zlLnwnlo rll' ! fJ)'oidto pi' /' cSj)rt.nsione -
1m-e(lo in Ameriea "i ::;egni, -,\' un dJLro u <terio: ti nello i ottell('.l'(\ la,
del vento pH torza.mento merliante l 'espan"i0Jle,
sotto l' a:,t,ionc dei ps della, carica, dell a p ' ,i-;teriore del pro-
Iet t o, ehe modell andosi sulle righe veniva a,utornatlramenl e a co-
::;titllire anche, all'a,tto dello sparo, !p mIrt i cOIHlnU.rici.
Il pl'Of-1o dell t
C
riv1w 11011 a,YO"l), pi l ' imp0rt,w.za <ll:'i :-;Jf; tem[
pn:'.l'I'([I ' lltenwlltl>. acu'llnat;, ' ! fnnzi(dlamento era. a fTillato ,dI a,
partI' ,k"ti rwt-a alla ci,;jJal1 ,C; ioll e: furonc vari t,ipi: Pal'J'Ot ,
;-)tallonl , ()lI('kle, :-chenkl' , il cui apP;ll'l"
(,\ jcll>.nt e (lal1!\tiglll'e; 11m e""i riu:-civano a eliminare il YOllto,
IlOll Ot'tl>1<'.\"i1 110 il eentnunellto, (];\,ta la, diffel'enMl trH, il lliampt l'O
IklLlniJl,1 t'. <jllPllo <1(>1 pl'Oietto, nec<-".;:-;;tr i,\'pel' il facile earic,unellto:
(li piil 1;1 dei pl'Oi 0Hi era abuastamm
f<Jffetti della dell a rigatura alle ar t iglierie di
costrllzione normale per lunghel:za e r esistenza, imono:
aumento del peso del proiet t o fino a dne volte o anche tre
yolte quello del proietto sf.prieo;
diminuzione elcI l' apport o fra peso di carica e peso di pro-
ietto da 1/2, ] /3, a 1/5 e fino a 1/12 (il peso a,ssolnto della carica
rima,ney::\; quindi ]Jressoch uguale a quello dell e a rtigliprie liscie);
dimin1l7.iolle dell e v210cit inizia li da 500 mjs a 300- 400 m/s.
conseguentemente all 'aument o del peso del proietto, e all a limi-
tata resistenza delle bocche da fuoco che non permetteva l'uso di
cariche maggiori;
a ument o delle gittate massime fino a 4000 m. per le arh-
gli ?Tie da eampagna, o a 5000 per quell e d'assedio (in consegue. nza
dell a maggiore densit t rasver sale del proietto oblungo, e della
forma migliore);
aumento di precisione.
/::Hst erni ((, forzarnento lJ er cornpressione atltornatica. - La r etro-
carica permise l' appl icazionc di questo sistema di rigatura, che
liuello oggi esclusivamente impiegat o nelle ar t iglierie.
Dapprima si ebbero proietti a di piombo: i n
Germauia si us la incarniciattl1"Cl pesante (fig. 27), costit uit a, da,
n110 strato di forte spessore di piombo indurit o, applicato alla Sll-
lJt' rfi cie eilinLlrica del proietto che varie i;eft.l1 alature
10ngit ndinaE e a,nulari, per tener fi ssata la in 1n-
ghil term, invece, :-;i ebbe l a, incamiciatu,ra leggera, di piccolo spes-
sore, con dne ri salti anulari verso l'ogi va e ver so il del
llToil:'tto, e tenuta fi si-;a al proietto mediante una fort e saldatuN .
('on questi proietti er a usa,t,a la camer a unica per ca,riea, e
proi etto e qnindi, sebbene eKs i scgnasRero un progresso sugli altri
siHt emi fino allora usati, pure non ottcnevano il eentra mento de-
sider ahile ; inol t re, dat.a la gr ande altezza del metallo da compri-
mersi e intag I iarsi, era impossibil e la adozione dell a rigatura
Hiy<t, che si r endeva necei;saria in segui t o all'au mento di velocit
iui ziale e di pressione imposto dalla ta,ttica, per aver e maggiore
potenza ; al tri inconve nienti gravi deUa incamiciatura di piombo
erano aocora : l' impiornbatuJ'c( <l ell' anima pi sCll sibile colla
r alllat ura che oggi si h1menta), 1ft iiCftl' ii3 attit udine all a penetr a-
zio ne i n mezzi r es;";tenti, la fabbricLzione abba:-;tanza complicata
e lunga.
(;oTone di mme. - Ver so il 1870 la inmLmieia tnra di piombo
- :! J --
venne kostituita da,llp, corone eli rame dapprima in Francia; Krllpp
divul g tal e ..,ifi t ema ('he l' attualmente in uso. (Vedi Cap. Il.
Bocche da fnoco - f- pazio di caricamento, e Cap. IV. Proietti) .
Retrocarica. - I F;j st emi di retro carica usat i o nel primo
ppriocl0 furono abbandonat i in fiegui.to ai perfezionamenti cOllkeguiti
nel l' ay an carica. Fu il Ca\';tlli ('he riprese la quefitione proponendo
fi li dal 18321lll 'iifi t ema di chiu'i ura, a euneo (fig. 29) , ehe a]Jplie
n,nche nelle sne ar tigli erie il cnneo f; el' viva a, for-
zare nel fi no alloggiament o allo f; bocco dell' anima ncll 'alloggia,me1l1'o
del cnneo, un anello a sezione quadrata (li r ame o di g'hi sa, ot. te-
nendo la ehiusnra ermetica col fOl'zamento in izia,l e. Pure a, forza-
ment o iniziale fu il sistema ArJ1l stron:;!: (fig. :,HJ) , a 1>locco ficorrevo1e
yerticale, e n vite eava. .
Il vValmrendorf propose nel :I 8H; e applic \I Il sist-ellla di chiu-
sura a stant uffo, t rattellut o in sit o rla un cilindro t ntsversale
(fig. 31), e con chiusura a. forzament o a,ut,omatico (anello
spaccato investito sulla, t est a tl'oll coconica, dello stant.uffo), ma di
scarsa efficacia.
Miglior successo ebbero i ..,istemi a ennco (-(Hl chiusura erme-
t iea per forzament o misto, la cui prima si deve a.l
Kreiner , con ott uratore a doppio cuneo, pi atto ed anello di rame
(fig. 32) avent(j sezinne COLica a
l
l'i
1
'ltel'llo c cililldrica all 'esterno,
e che forzato inizi almente completava la chiUfmra eomprimendos i
cont ro il piatto e cont ro lo sbocco dell'anima per eHetto dell a
pressione dei gas. Da esso ebbero origine i sistemi pi atto cd anello
Broadwell (1 873) e Piorkowski , applicati Ja.rgamcntc dal Krupp,
e tnt tora in Ufi O in a,lenne art iglierie antiqua,te. (V. Congeg' ni eli
chiusura ).
Gli ottmatori a yite f urono propo;-;ti pl'inm (Li t utti dall '.!-\nn-
strong con un 'i ; tenut a v ite l:011 t iTl Il a; il 'l'reuill{' de Bcanlien,
colonnello dell'artiglieria franee..,e i(le fin dal 1842 b vite fieg-
mentata, che venne ar1pli('ata, eonJO tenta,tjyo, in America, (Schenk
e i::aroni) e adottata in Francia per le artiglierie della Ma.rina
nel l 859. Nel 1860 si hanno i !1I'im i otturatori iL v ite (;ronco-
coni Cft (Bl a-kclcy). ['on questo tipo di ot t uratore f; i ),pplic un
"ist ema di cl] iUfiura er met ica, for zamellt o mi sto, con un anello
d'acciaio bor o sottile fi ssato a,Pa, testa cl ell'otturator e e forzato
inizialmente l Ull alloggiament o tronco conico dell'anima, oppnre
cou lilla, coppa metn.lliea, funzionan te in modo amLlogo. Il Dc
- 24 -
Bange applic poi, nel 1877, a questo t ipo (li ott llratore, il sistema
eli ermetica a forzmnento au tomatico per compressione,
col suo anello plastico, che rappresenta oggi uno dei due sistemi
esclu;;ivamente impiegati nell e artigli erie.
Il capitano spagnuolo Freyre inyece dell 'anello plastico pro-
un anello elast ico metalli co.
I I,ifltemi di chiu ;; ul'<!' ermctica, a fOl'Za rnellto per
e..,;pan"ione eomincial'ono ad app;u'ire coll e coppe di cartone, ca-
nap, o cuoio, rinforzat,e da, eerchietti metallici ehe ;; i applicavano
all'otturatore, a vite o a cuneo, colpo per eolpo; si ebbero poi
fondelli metallici di ;;ta,gno o li tomhac eon ba;.; ;.; i orli e fondo con-
eavo, ehe potevano ;.;ervl'c per p<1recchi colpi; infine, col bossolo
(lel R.effye, cIi latta e fondello (li rame, g'inn;.;c a,l t i po attuale di
bo:;;;.;olo di ottone, i ndi pendente dall' ot,t uratore, contenente t utta
o parte della e t<1h 'olta unit-o al proietto. Questo sistema
fu prima adottato ]leI' le mt igLi erie di piccol issilllo calibro, com:;
lo era stato per le anni llOl' tat ili , (' fjnin(li si estese, col tempo,
a t utte I e
Col bORRolo metallico ;.;i poi a ll ell e i eOllggni di
chinRUl'a a blocco, eon manovra, l'l.pidilisinm, applicati nei cannoni
di piccolo cali bro.
Le prime artigli erie a retroea,ri ca f urollo prati camente alle-
st.ite dall a Pral1eia per hL Marina nel ]8:-;9; eanl10ui 16 cm. con
otturatore Cava,Ili furono impiegati all' a, s:-;edio di Ga,eta :I 861;
artig'lierie eIa, ca,mpa.gna C011 ottura.tori KreilwJ' e W,t harendorf
furono largamente u Rate dalla Cel'lnania, Iwl 18tH (' nel 1866.
Aumenio di potenza e di calibro. -- 1<:, al'tiglierie t eJ'J' ei' tl'i
si imponeva un a llll wll to di potenza, per mantenere la :mperiol'it.
sull e armi portat ili nelle lJ Il a l i la rtg'at ma e la l'etroca,riea yeni-
ya..no larg:LJ1wnte appli<'ak, ! > tale aument o (li potenza nOli
poteya, cOl1Reguirsi, olt.re ell e eoll", dclb l'iga,tl ll',L e
dell a, retro carica" ehe cou bocche da, fuo("o cavaci di a pre;.; -
::;ioni :mporiori (li quelle fino ammi:-sih ili nelle art iglieri e di
bronzo. Pcr le m'tig: lierie da, ('o;;ta, e na,ndi oltre a ci
a nnhe a umenta,l'e il calibro, a ll o scopo di poter vincere la,
delle cora.zza,turo dell e naTi ehe cominciarono ad HIJplie,u".,i nel
185:'"), e eo;.; Iii in izi in questo ( ' <1 m po ht lutta fm cannone e corazza,
eon un progressivo a nmerito di ea, lilJro fiuo a 4;, 0 mIn. e con una,
successiva diminuzione, a('compagna ta. pel' (l a ll n a.umento 110te-
yol nella In ngll ez",a.
- 26-
Sistema di costruzione delle bocche da fuoco. - Snl fillire
c lC' l pI'imo periodo al bronzo, che ent s(,ato fino allora qnasi
va-mente impicg-a,t o per la, delle a rtiglierie, l, i era
ag'g'iUl lta la gh,a o ferraccio, i'l pecialmente per le artig'lierie (li
magg'ior in del suo limitato, 1 perfezio ll a-
menti con.',eg'lliti nella siderurgia fecero ei'ltenere 'wteyolnwnte
l'impieg'o dell a Tle artig' l ieric di bronzo e di I!: h i:.;a, fonde-
yano nlai'lsieee c poi veniva,no trapanate, ma veri'lO il t 860 Rodnl<llln
in America ripi'ese a fonderc le artig' [i erie di ghi,c.;a coll'ani llJ ,1
(comc n ei primi tempi quell e (li bronzo), ma pl'ocedenrlo a l raJ['I'('fl-
da ment o del g'etto dall ' interno a ll' esterno, mediante li lla COl'n'nt-p
d'acllua fl'edd[t nell'an ima, mentre ['esterno delht fOl'HHL c m man-
tennto ri::;ealdato: si ot teneva cos, oltre ad una maggior
dell a snpcrfieic dell' ani ma" una spccie di cmnpl'essiom\ degli strati
e,.;terni fi nQ: li ,'i trati interni che co nferivano nna maggiore resistenza
all 'm'liiglieria.
Nei ri,!!:LUtrdi dell e iel'ie (ti bl'onzo cl;L e he fu
adottato (Illasi eontemporaneamcnte iu Italia 1872) e
in Anstria (Uchatius ) il ii is t,e ma, eli compl'co;sione (hl l'interno n1(' -
di a nt e s pine fIi aceia io troJl co coniche, pcr otte nc l' P maggior (lll-
l'Pozza e mag'giol' re:-;istenza, dell a bocca. fuoco,
L'a ceiaio ordina,rio fn in Francia, fin cl<tl 18,,)6,
111 a, fn pra,ti mune nte (lal Krnpp nelle fi ne ('. ost,r nzion i
solo nel .1 86] : fu miato dappl'ima accia io a l erog'illo\O, p:et,tato in
ling'otti e poi fucinato; in 'legnito il forno Martin,
ht eerehi at ll nL pcr le trova, le pri me appl i(,<1-
ZiOlli ne.! l Sti:') per opera dell 'Arrnstrong, ehe pre:-;ent e(\,nnoni rla
campagna eerch iat i; ma, non vennc a<1ot,ta,ta, ehe p,trceehi an Ili dopo,
q uando l a neecs,., it,, di r afforz arc le artiglierie :-; i f(\I'e Re ntil' c nmg-
giormente col di ffonder si della rig,(\,t nra e colla, nec(\d., it , (li au Illt'n to
,li potenza, pcr t n tte art ig' l ierie.
Le prime ar t iglierie ad eS'';Cl'e (;erchiat e fnrollo le gTor:;i>e arti -
gl inrip" (\,(1 anllH.:a.rica" nell e Cl n;LI i eere a,nelle (li ut,il i. \"pr'ehi
mater'iali ;lcl anima li.'iei a : s\ -;tl'iat i procedimenti fntono seg' lli ti
dai et) ,.;tl' lI ttori nell o appUf'<LZiOJlL elei ,rari ,.,istemi (li eL\ l' ehiahll' <I
:\(1 cleel'f'seent,e (Pa,lli lol', P ar son, H la,kcly ), O a 1'o1' z a 11\(> n lo
(;l)Jl malli eott i !<-oi'itrnzione a tubi forzat,i eOH tnho anima) (Arm-
l' tron.!.!', Wbit., ,,ol'th) o con eerchi (Krupp. eee.), ID da r il e-
yare tr a i \' ari sir:; temi di eost'Tuzione dei t n bi o manieotti quell o
a,clottato ua e altri di ,M"volger e una l unga, sba,n'. c]i
- 26 -
ferro ad elica attorno ad un mandrino e di saldare poi per fucina-
zione le vllxie spire tra di loro, allo scopo di ottenere una notevole
resistenza trasversale. -Le artiglierie ad avancarica si costrnivano
aperte dalle due pa,rti, per facilit e di costruzione e poi
1<1 culatta veniva chiusa con un vitone fisso.
I.,a corchiatura a nastro fu applicata effettivamente
nelle artiglierie in Illghilterra (Armstrong) nel 1875 e in Francia
(Schnltz) ne' ] 876, sebbene i brevetti risalgano a parecchi anni
prima (Londgridge, 1860) e forse siano stati ideati fin dal 1850 in
America (Woodbridge).
Affusti. - La nerossit di costruzioni completamente metal-
li che i-\i fece sentire maggiormente dopo la introdul\ione della riga-
tura elle anmentando, COl peso del proietto, la forza viva di rinculo
della bocca da fuoco, imponeva alle costruzioni di legno dimensioni
con parti metalliche tali da annullare completa-
mente il vantaggio della leggerezza, senza contare gli inconvenienti
propri alle costruzioni miste di legno c ferro, in cni le parti in legno
sono indebolite dagli incastri e sagomature necessarie per l'appli-
cazione delle par ti in ferro, e sia il forro che il legno sono soggetti
:1 rapido logoramento (ossidazione o putrefazione) nelle superficie
a contatto. Si ebbero per anche ottime costruzioni di legno: l'af-
fnsto 1\II. 1844 costruito dal Oavalli per il cannone liscio ad avan-
carica da 8 libbre (mm. 85) fu impiegato con bUOlli risultati anche
por il cannone da 87 e a retrocarica (fig. 33).
Per lo costrul\ioni rnetailiche si impieg dapprima e fin dalla
prima mot dol Recolo, la ghisa, per gli affusti per mortai; ma
l'applicazione del ferro non si diffuse che dopo il 1860; il ferro cm
impiegato in lamiere tagliate flecondo il profi10 dei fianchi o coscie
dell'affnsto e rinforzate a,gli orli da ferri ad angolo. Gli affusti da
(lifefl}L 8i costruivano per ancho con ferro in sbarre cdlegat,e in
in1-('laiat l1J'e di forma conveniente (1g. 34).
Nei rignanli (Iella mobilit da ricordare la proposta dei Oa-
va,lli (1837) di una, art'igl'iert Gacetlori, leggerissima, e il progetto
Nfattei-RoRsi (1870), C01\ affufito di ferro.
La celerit (li t'o fu al' sa,i da,Jl a retro carica,
ma per qnanto riguarda l'affusto, pochi progl'esfli furono fatti in
questo periodo negli affusti a ruote. per da riconlare che fino
dal 1875 il Biancardi, ufficiale d'artiglieria italiana., propose B costru
un vero affusto [L deformal\ione e scndato di cOl'trllzione analoga a
- -
i[llelli attmtlL Negli affust.l e fi::;se invece la,
,lei rinculo dell'affusto sul sottaffusto venne conseguita con l'ap-
plicazione di freni. ad attrito, e poi anche con freni idraulici, che
ebbero origine forse in Inghilterra (Woohvich) ma che erano ap-
plicati certamente in Anwrica, nel 1863 (Collllnbiadi di Rodmann),
in forma per a1qna,nto diversa dall'attuale.
Si hanno nel 1875 gl i affusti a liscie e freni latera.li per le ar t i-
gli erie navali, e nel 1875 compaiono le prime insta.llazioni idrauliche
iL torre a, bordo delle navi per lo al't,iglierie di gTOSSO calibro (
ca ll110ni det 431) .
1.130 protezione non em curata per gli affusti a ruote, nei qna li
il rinculo impediva qual siasi applicazione di copertura,. N elle in-
stfLlI azioni fisse invece si a ndava,no syiluppando gli affusti a eclisse,
colle costruzioni a contrappeso del Moncrieff (fig. 35) e poi colle
costruzioni a sistema artieola,to, col concorso di freni e ricuperatori
a molla e idropneumat ici . (Affust i Bi ancardi, }\1oncrieff, ecc.)
(fig'. 30 bis).
Compaiono anche gli affusti e le instaHa,zioni a cannoniera
minima, dei vari sistemi (a rotazione attorno alla volata, Scott e
::::lchumann) e a rotazione del ca.nnone nel rinculo (Bian-
('ardi, Al'mstrong, Krupp), dei quali si tratter nel capitolo VII,
}Jel'ch tale argomento ancora. di attua.lit. 8i ebbero infine i
:sistemi a soppressione totale del rinculo Ca,valli, e il cosidetto,
allora, Ca.nnone-corazza Krupp, ossia l'installazione a, sfera. (Vedi
('(Lp. VlI) .
Munizioni. Ri d solUmto la. clllunel'l-lzione delle date
pi importanti, l'i serya, 1l <l o la traHaziOlw nei ea,pitoli rela,tivi ai
ull'i materiali.
PollJC1'i . - I consegllit.i nello stlldio della balistica
llltoJ'nn, condncono all a adozione delle polveri progressive a grani
:-:: ta mpat i (Rodma,nll, J 8,,9) conglomera,ti e a. gl':wi pl'ismatici
o di scoida.Li forat i, ece.
Il IJenk in Austria nel 18!14 telJta di alJplicHoJ'e il fulmicotone
cOllle carica di lancio, ma con risultati negativi nei riguardi della
regolar it , cl eli a e ddh (onserva7.ione delle a,rmi.
Pro'ictti . - I proietti oblllnghi ill questo periodo !:lOno general-
mente costruiti con ghisa, fu sa in specia.li per i pro.ietti
perfol'ant,i, ] .1tL forma non migliora di molto dai primi proietti Ca-
ndIi. ::::li adottano prima Shra.pncl a, ea,riea libera, poi a ca,rica ante-
- - 21:)-
l'iore cent r a.le e P er il earicamento (lelle gr a na t e ili Uila.
genm'almente la polYer e ner a , per doro il 1880 :-i i impiega an che
il fulmicot one Si introclucono nel 18 7:') le gr a nate frat-
tum preiltabilit<'L ;-1.UO ilCOpO di dotar e l'artigli eria (la (;a mpagna di un
proietto che pot esse il ia contro bersagli a,ninULt i ehe contro
ber sagli r esist enti. P er ] p a rtiglieri e na vali e (la si impiegano
le p alle dapprima e poi con pi(;uo]a cari c:I, cli polvm'e nera;
anehe adottati proietti contundenti, ad og'iva 1I10l t o corta o
troncata, a vent i lo di le (;Or;Lzzat ure a nzich
(li perforarle.
SlJOlette. - Le spol C'tte a, t ('lllpO ,L focolll\ lon g:i t ndinale gi
ill u so per le bombe, vengono perL"zionate ,Llqn ant o e ridotte a
pi tempi e impicga.te anche per i )JJ'oi et.ti ob111nghi (:-: polctte
Boxer, Ing:hilterra), ma eostrniscono ancll e in metallo, av vitan-
dole a,l1zieh forz a ndol H semplicemente sul proiett o (Schenkle,
Rerra, 1845;) ma gi nel 183;, i! Barman Il propone e fa a,(lot ta,re nel
Belg io limI, Rpol etta metallica ;L focone anulal'(\ :lcl acce ns ione c,<; t crna
e ;-t fora tnra, men t r e il 18;'3, pre:-;enta la prima spo-
letta ad a nello girevol e/ma sempre ad accensione media,nte
sj;op pini. Coll a adozion e delle fLr t ig,'li (-' ri(' a ;-: opjJl'psl-i ione di "Vent o
compa J'\Tpr o le ad aeeell:-; ione interna a (' on cn,,:-; ione iniziale
(Hi ehter, Bazziehel!i , 187:3) , a IIn g'ifo di nli (,,(',ia., dall e qna.li
s i poi qnell e a pi giri eli mi('('ia ( IRFW), Nel deecnni o
18liO-1 8 70 ba. llllo nn(;he le prime pr opo;.; tp d i;; poletta Illeeeaniea..
Le spolette a percllsRiolHl f m'ono inJl'Odnt t !' (lal ( :a valli, con
1111 a urto P(, I' sehia,ecia nH'nt,o ( I H-16), (,L ilI a, ,'-:ll s,;ic1iata
lla. a, lelltli glolmli di ve tro ripie ni di aeido :-: oll'ol'i eo P(W aeeendere
il dorato (li pota'i,-;io in caBO (li nrti latpl'ali ), che t' n a,pplie.ato
anche'1 <1al (tl'a,ncel'io ) B al'ilollzow. Le ,"pol ette a

cOll cussione fin ale fmono i Ill piega te per la prim;L , ' 01 t; t (b Ila. Ger-
ma nia nell a g uerra eon t l'O la Dnllimarea (L8ti -J ), e in (luesta
e,poe;L l' i e bbero tellt,a,t iYi di spolett a sen:-; ibile c1.gli 11l' lji lat.er ali
(Pct manll , In,!!:hil terra,).
Datano pure da l 1870 eirca i primi Btlllli s ulle :> pol eUc a (loppio
,_'Jfet t o che vennero in >:iegul t o eOl1 cr etate Cl ;t<.1n tt,a,(;e (in It a.1i a,
1886).
;)0 P.8J{lOJ)(j.
La tratt azio ne p<tr t ieolm'eg:g'iata, dell a, evblnzioue dei mate-
r iali d 'artiglieria, iII periodo a ppunto oggetto di t utti i
-
capitoli seg uf' uti di qll e:;ta parte del lavoro. Si enumerano qui sol-
tanto le innovazioni principali eJw si introdussero successivamente':
a) Poll'cr'i tf'Urni per le. cariche di lancio: e quindi 110/1
soltalLto maggiore' g:it,tata, ma a nche pO:;tiibilit di maggiore preci-
:;ione, e (li maggiore celerit di tiro, per la assenza, di fecce e di
fumo; e <] llindi a nl"lw ric(\l'ea (h' i nwzzi per poter sfruttare queste
po,<;sibilit;
b) A lt i esplos;i per eariche di scoppio dei proietti;
c) Impi eg'o escl usivo dell 'acciaio e dell 'acciaio speciale per
1<1 ("o:; trnzione dell e hocche (la, fuoco, degli affnsti e dei proietti;
d) A ft7lSl'i n dcfol"rna.ziol1l' a ruote (dal 1897, F'ra,ncia ), e
("oll;.;egllente po:;:;ibilit di appLi eazione degli scudi, di appa,l'ecchi
(li pnntanwnto comodi ed esatti;
e) [nslallaz'oni ,in pozzo nell e oper<' permanenti;
f) (li (fitt a/
f
' se'liti/l' P maggio}'1', i:i pecialmente (;01 l1li-
glioramcll to dell a forma dei proietti , lccr cil, accentuata si in modo
pa,rt,ieolare durante e dopo la grande guerra;
g) Traino 1I1 eccam'co, che ehlw la t-; UH prima, vera il,pplirll-
zionr (> il SllO svilnppo iLnr:=\Iltc la grande g'uerm.
CAPI T'( ) LO Il.
Bocche da fuoco
N elle bocche da fuoco delle artiglierie a r etro carica. SOIlO a COll-
siderarsi come elementi caratteristici:
l) Il calibro, indice primo della, po tenza;
2) La lunghezza relativa dell'anima o della parte rigata;
3) La costituzione;
4) Le caratteristiche generali del sistema di chinsul'a;
5) Lo spazio di caricamento;
6) J-1a rigatura;
7) Le parti esterne destinate al collegamento coll 'affusto;
8) Il peso e la lunghez7. a assoluta totale.
ART. 1. - Calibro.
Il calibro delle bocche da f uoco va cons iderato in relazione
all a specialit, per conseguenza, la discussione sui calibri pi con-
venienti per le varie specie e specialit di artiglieria si rimanda
al Capitol o Le specialit di artiglieria. Si pu notare per fin
d'ora che i mortai, per i quali l ' unico t iro conveniente quello di
sfondo, debbono avere necessariamente un calibro notevole percb
il proietto possa acqul;tal'e nel ramo discendente della traiettoria
la forza viva d'urto necessaria per l' azione sui bel'sl:Lgli resistenti
che vengono in genere battuti da questa, specie di artiglieria.
Il calibro si misura fra i pieni della l'gatura, ed general-
mente espresso col numero di millimetri che pi si avvicina alla
misura effettiva (cannone da 77, calibro effettivo mm. 76,5; obice
da 152, calibro mm. 152,4; mortaio da 305, calibro mm. 304,8).
In Francia e iu Germania si usa indicare il calibro in centimetri
per i calibri maggiori e per le artiglierie a,ntiquate.
- :11 -
T..J'Inghil terra e gli Stati Uniti COl1fler Vano la miRunL del ca'\ibro
in pollici (mm. 2G,4) e decimi di pollice; di pi in Inghilterra, Ki
usa ancora, per i cannoni campali, il KiRt ema ant ico di indicare
i materiali col peso in libbre (Kg. 0,454) del proietto la nciat o, ci
che colla forma e la costit uzione variabile dei proiet t i attuali non
d una idea esatta, del calibro effetti vo del cannone. (ER. : cannone
(la 18 libbre = cannone da mm. 83,8 da, campagna ; da 1 :3 libbre =
cannone da mm. 76,2, ecc.).
l minimo applicato in armi da con:-; iderar si, per Ca-
r at teristiche cd impiego, come artiglierie, di 25 mm.: di sotto
di t ale limite difficile organizzare un proietto eon e ffetti di scoppio
osservabil i a dist anza.
I calibri massimi raggiunti nelle in v:1,1"i periodi:
450 mm. - eantloni navali e da cost a nel periodo immedia-
tamente antecedente alle polveri inf umi; poi :-; i ebbe una diminu-
zione, gr adatamente, fino a 305 mm;
420 mm. - mortaio tedesco all' inizio della grande guerra ;
520 mm. - obice francese ver so la fine della gr ande guerra ;
406 mm. - cannoni americani da cost a, periodo post-bellico;
456 mm. - cannoni inglesi (progetto n da costa e navali.
AlrL'. 2. - Lunghezza<
Le lunghezze rebt ive di anima <lelle varie specie di artiglieria,
cannoni, obiei e mortai per le costr'uzion'i moderne, sono comprese
fra i seguent i limiti di massima :
cannoni : lunghezza d' a,nima superiori ai 25 calihri (velocit
iniziali superiori a 400 m.); ,
obici : lunghezze <la 25 a 12 calibri (velocit inizia.li fra 300
c 500 m.);
mortai : lunghezze inferiori a 12 calibri (velocit inizia li <l a,
200 400 tll.).
In Francia si chiamano anche clmnoni corti , obici 120 e
155 di ar t igli eria campale peRante.
Per i callnoni il ser vizio e l'impiego impongono delle limita-
zioni alla lungbezza assoluta e quindi anche quella relativa; in
genere nell e costruzioni odierne si rileva:
per cannoni di" artiglieria leggera: lunghezze da 25 a 30
calibri, con velocit inilliali attorno ai 500 m/s. Per la tendenza
cLttua,le, gi manifestatasi al t ermine della g:uerra con ca nnoni
t ede8chi di 35 calibri, e a.ustriaci di 32, quell a di a n '.r lunghezze
maggiori, e gli Uniti ha nno dato alloro (' annone nnoyo (1923)
ben -12 calibri di lunghezza.
cannoni di a!rtiglicl"ia 1J csante campale, da, 30 (\ 35 (yelOCiUL
da ::;00 a, 600 m/B );
ca.nnoni di a'rt'iglic'/,t pesante da 3;::; lL 40 (velociUl inizicLi e
('.oll1e sopra );
cannoni da costa, naval'i e contro acrei, lunghezze
a -10 ca.libri , e, fino ad ora, non 0I t repa,8:,;a.nti i 50 calibri (velocit .
l1no a 900 m/s.).
Nelle costruzioni antiquate si riscontrano lunghezze infe-
l'iori.
Questa lUll ghezza massima, delle a.rtiglierie ordillarie oltn' c
jm::isata. di molt o Ilell e a.rtiglierie a gra.ndi ss ime g'it t ate
e destinat e ad a,gire pi nel campo mora.J e che iJl q uello t l1ttico; i
::iuper cannoni hanno lunghezze di oltre 150 ca.libl'i, yelocit in i-
zia.!i sui 1500 m. e gittate oltre i 100 !Cm.
Le lunghezze sopr a, esposte hanno un valore inica,t i vo delle
\-elocit iniziali di cui ::i ono capaei le ar tiglierie cOl'l'ispondenti
::iolo in hase al limite di massima (circa 3000
imposto dall a, che possono offrire le ar t iglierie coll a co-
attuahnente in U::i O. Qualora, la vressione massima, ill
Ho nuovi pr ocediment i pOSSL a umentat a,
::: i pot r addivenire, impieg: al1l10 ca.riche maggior i e di granitum
pi vivace, o ad Ull a,Ulnen to delle velocit iL in izj ali () ad 11IUL dimi-
nuzione dell a lUll gnezza, seeo11l10 hL
gl'a,llde lunghezza, dci cannoni porLfL ad incoll venient.i no-
tevoli ; incurvarueu to dell tL vohLta, fort i e irregola.ri vibra.zi oni nell o
:-,;p<1,1'o e qnilldi poca pr ecisione ; inol t r e la grande lunghezza C011-
llessa di ])oh ' e1'i molt o lente e ve che provocano
erosioni in lll <lgg iol' mi sura di quelle v i\'o; di qlli l a. limit azio ne
alla lunghezza u !a tendellza a lunglwzze mi1] o1'i, con J)ol\'('ri pi
(' anche: alll lK'!ltO Il i l' alibl'o.
A KI ' . :,. - costituzione.
Nella eOi:' tit. ll zione occor r e cOll sidorare il ll wtall o Cl la C'Oi3 t n l-
zione.
.,.)
;);)
1. - Metalli per arfiglierie.
I meta.uiimpiegat i per la eostrnzionc delle artiglierie prei;en-
tano le seguenti ca,ratteriRtiehe part icobu i:
Bronzo, - poco elastico, poco duro, suffi cientemente tenace,
ma poco reRistente alle corrosioni, Rpecialmente colle alte tempe-
ratnre che Ri v erifi cano nella esploRioue delle pohreri infnmi e clw
f:t\ -oriscono la. Jiquazione, oRsi a b separa,;-;ione <lei due metalli com-
ponenti dell a l eglL. Fu p er lungo tempo il e,-;eltu;vamell te
impiegato per l e artigliprie, quando non si vPl' ificavano forti pres-
:' ioni interne che cimentassero troppo l a resistcnza elas tica, (arti-
Q'lierie liscie), n alte (lJo1, -eri ncrr.), pcrch di facile
fusione e lftvorazione, di faeile conservabilith, di costo basso, e
indefinitamente r iutilizzabil e per l a rifusione.
Venne abba ndonato i n alla adozione voI v(,l'i
infumi: tut-,ta;Yi a, in Austria cont inu ad impi egarl o anche in
seguito per artig lierie l eggere (cannone dlt 77/27) .
lJ'cno. - Vi ela.stico, Vi (luro c p i tenace del bronzo,
ma non fllsibi le e la, la \'ol"a;-;iollC p(>r fll cina;-;io ne r iRnl ta, diffi eile
e lunga..
Fu impiegn,to in i- Ostitll;-;itHW (ll'J brollzo per piccole artiglierie
ad n,nima liscia, (' per (, Jel11f'n t i di (;n]"(' hi "huH" 11m eOll sca.rsl l'i :;u] -
t a,tl; oggid eOlllplet,}l,l11 clltp <Ibb:tDdonato.
Ghi sa. - Dellenu'ie sp(( i(' eli gll ii'a qu ell a Vi eonyellieut.e .
la ghisa gl"'igicL (poeo (;a,1'1I011io a llo stato g'l'afiti('o ), cll e ])eI'(') non
11", dle in lJiccolo grarlo i cara tteri ncceRsari : dum, llla, poco t'<L-
'it ica, poco tenace e poco r es istente alle ("orToRioni.
Fu da noi ed altrove largamente impiegat a p er mt. iglierie cIi
lllL'Llio e grosso ealib1'o, in cau sa. del suo cOsto e della
fac\il it di b vorazione per fusione.
Acciaio O1"diwlrio. - in grado s ul1iei eDte i caratteri
m(' ('ea.ni ei riebie:.; t i: non molt,o r e,; ii- t. eutp fl 11e e01'1'osioni, inoltre
non hwillllenJe e rinhi ed(-, 1Il0lt p (' :t1' O }Wl' l a ("O]J f;Pl'-
n lzioue.
Acciai 8/){-ci edi . - PJ' I:'S(l ILa.no ili gl'<Ido Illag:gion' e,l -
J'att e.ri::;tielw d(',ll '<tl:cia-io Ol'f[imtl'o ; 1)('1' le a.rhgherie og:gid ,;i i m-
piega. qnm; j l' i'i dnsiv:1,monte l'aeeiain al .IIicltelio, elle ad ulla ele-
v a. ta, elai- Li('"I, (GO Kg'. p er l: ,tllelt e fino , t ]00 Kg .
(" 011 tTaHa,lllCuti Rpeei<I,li) llni::ce ull a gnllld(' I1m'('zza, ottellllta
V ol . II. - A rmi da fuoco por l a/iN, " cc_
colla tempenl, c 11l1a grande ttHla,cit; meno tlell'ac-
iaio onliuario. [;'[L((',i.:.io al C'Tomo ha em'a,t-,tere di dnrezza:
l'acciaio al cromo-nichel h,l, tlnreJl; za e tenaeith tHl impiegato
i'l1)(:'ci;1.1\11enl(' per e coraJl;JI;e.
L 'aciaio al vanadio semhrerebbe riNpolHlere al pil alto grnrlo
a tutti i o olfrirehhH andw. l", proprint, di nOll
altpra.re la s na. cQ,';(,ituJI;iolle p ,.,;np eanlttel',;t.icllO per eJIettn (li
urti , })erem,,,p, \' ihraJl;ioll i, CO\lle ,lyyi cIW in (lopo nn p eriodo
pi o llleno 1U11,2:0 di lIW, ppr i <l11]'j H(,(,j,j i; p""o ,'-'arl',hbe quindi 1111
nwtnl!o j(leale per a,rti,'2'lif'ri(', m H tillll ad ont non (' 1llOltO usat o
lwr il ,'"'ilO plR\<lto.
II, - Costruzione.
::\ei rigrmnli ,1"lla, le arti,\2:lit'l'io ]lO N ,,",o Jl o e:-;"PH'
:se1llplici c CO'flljlo:slc.
ArI1:gZirl'; se'lnlJZici. -Lp artiglierie sempli('i ,--ono eostitnitl'
da un u nicop('l7.7.U, p p m;"ollo aver e le J)treti l'aHona,te col sistema,
dell'a.lltoCel'ehiatllra dall'interno, f)i (li",tingllono
qUiIHli artig1ierie 'lcmpliC'i ol'dil/III': (\ artiglieri e ,.,emIlliei COII/-
p/'csse.
La l'ol'm,l, ('-;ler11<. risulta nte ,hll )Jl' O I i lo deLel'millu,tu ill
aj ]Jl'ineipi genel'a.li e,qpo'l ti nella 1'a,]'lo Prima, ri:mlt,t eilindric,1
in eulaU", fino a qnaJehe e<:1.1ihro oltre il pnnlo cli pl'e::;::;ione ma:s-
:-;illla.; \'t'niO la yolata :,;i hanno uno o pi trol1elli di eOlio; la (',strema
yolata rinforz,Lta, di solit u (hL Ull tu lipa.no () da u rm faseia. III
eul<lttn, (lietro ht faeeia alltel'iOl' e del eH (',llill :'ml'a bI fOl'll l<l
dipt'nde d;l] genere del cOllg:ngllO "tPNCiO.
Ile artiglierie ::;emplini (Jr(1iIi<Ll'i e ,-;ono o,\.\'gi generalmente ab-
balHlonatp,
AJtigZic)': comp/'c:s:sr. - im'lP (la
eonNifleral'si come al'tiglierie :'jempliei lli Ilwtallo a,d ;lIto limite
di el m, tieit. La eOllll1rei''liolle delle da clall'intpl'110
:-; i vratiea,nL neg'li ultimi tempi delle <.trtiglim'in di bl'onw rigate
IllLL e:Silenziall1.ente aUo ,'lf: OpO di ottenere IltJ:L lIlagg:iol'n dnrczza,
della, :-;u pel'fl('(' dell'anima (col. in Piemonte; geD. U ehatim;
in e i'\ i otteneva, eompl'immulo nell'anima. delle hoeche
da fuoco, fnse e tOl'llite ini7.ia,lmenl!o all'iltterno ad un diametro
leggel'meltte inferiore al (',alibru (ldin itiyo, t,o varie
spine troneo-eoniehn di ,weia,io di (lia,llwtl'o fino ad ottJe-
- Sb -
nero il calibro e,',aHo; in AU;-; ll'in il fll ,t,lwhe 1)('1' ]' <11-
euunlllle d,) ;\. I J'tntrodllziol1l', Ilell'acci<1io nelhl
fab1irj( ',a,zOlH' dell e:uti glief'' 1'p,oe. abllaIll lol1Hl'(' il c: i stell l<t, L' h p
per fn )" iprei'o in $,a,mp. ' mwlw ]lor questo metallo a ppl ica to d a,p-
prima dalla (:asa ::\cllllCi del' in ;-;egnito agli :st l1di d e] ('omand<loll t l'
2\lahlval; durantI' la, grande gu el'ra pare ch e siano "t <1t (". me'is(' in
seriizio (bila F.nuwia (Ielle ,1,1tigl il'l'e di gT08:';0 (:a.\ihl'O ,li Llk " i-
ttema, (' (d qnaJt Ol'a .,i fa.hbl'i naHO (',Hl llOni an(' lw ill Haliu,
'La l'uni, ottl'i ll: t H 1)('1' id l'HIl-
]i t:a gnl;ol<1taI1l'(' ntu (' )'('.,,,( e l1t!'. p pl'ol lillga ta, Il('n tl 'o l' <l nilll<l, 1I \\1111t ;("('1I
(fon;,to a di :llIwt,]'(1 ill!:priof(' ai 1\ tnrlli Lo all' l,,;j('l'ilO il (li,I,-
metro <l "llIl,llo <Idi l li! inl), fin o ad nna Ilet(\l'mi -
na.ta (leforn'l, t,zioll l'. pel'mallp.nl ,t' 11ella i'1l1lPl'lid0
(lent'. aHa y ol ul .,! dnfor'IlI,\ ziult' intern;l;
ant'l lP ,-:lljWliol'i ;l, -Ioon atlllo -;j"(.r(.
Con qH!' ,-d l) j ll'Ol ,t'tlillwnto /iu.re ad otJlmel' e i noLi :-i l :lta(,l
nei l'ign <l n1i doll, l ; L ('olbl1tlal'e la (lunJitit de]
bl()l :eo illl pip!.!: ;t,t'\l, j)l\J'('IlP qlmlora (lei tlifetti di [n ,,,io !lI '
() a ltro, e :;; "i c:al'ldl!wro (' er t anwnte nel b overaziollP l' ill
ogni mOtlo. :-;0 i l pe;r,zo ha ;dl'antocer nhi a tnra l' g':lol'a Il I i l <l
la ;'ina ,,(alJ i lit ;tl! o f' pal'O, nel 'qu a l" ,,,i '\,('l'ifieano jll'u,;-
Rion i intl' J'lw di tltlrat,a c 'iHmpre in[0l'iol'i ;I, qllello U-;<l,t l',
nena fabhr icazion e.
Artiglierie composte. - T1U arti,gliel'ie eOlllpoc;t e Illodel'ne " O liO
tjnt,j 'H en:-;trnit,l' l' o] Ristenm della ccrchintll!'((' a. for:;,ollwnll); il ;-; i:-; t,t'.llla,
a fOl';r,"'lllcnto nullo o <:lo ela stieit, d CClw.;('.(>nte ,;tal o poeo
e cnmpletarncllte alJl l,Ll1:1ona!co ; si ,.,;ta. introdtu'cnl1o un lllO\ ' O
si:>tmu<L .li co mpoi; iz ionp, q Ilnll o ilo fOI' .:rt1ltcnto ncyut i no, n ,L fotl l>/'11.
sfilabi7fi.
I y,ari onli ni di l' el'cilia tm'H, in g.'onere, ,'lono tllt.ti (le llo Nki-:NIl
metallo earatteri,ti che l1leoe.a niehe del t uuo i11-
tm']lo eerl"llia(,o, ma ,,, i ri !-;( .ou tl'a,no anclw e:;empi di t ubi
interui <li g hi,,,a cm'( h ial i (ll a eniai o (no., tre lu'ti,L!;lierie df'll'llltimo
ventennio del "ceolo HX ). fnoltre il t ul)(J emehiato, e ane!le talonL
le cen'hi;),llti PO,"i "; 01l0 lLutnforzate o
llnita.mente ll na, n JUa lnm;"e in:-; iellle.
Le ar t igl icrie eompo,-;/j(o "i distinguouo in artigl ierie (f, curpo
d'w/'tiyli cric[ e <CL tubo ([nima, elle l'otturatore poetato dal
tubo i nterno, oppnl'e d a uno l1egli ordini o :> tnLti di eer ell ia,tura .
- 36 -
Nel primo caso (fig. 40, 42, 43 e 45) il tubo interno o corpo del-
l'artiglieria sottopOtlto all'atto dello sparo a sforzi trasyersali
per e longitudinali per tra,zione, t'cl quindi assai
uimentato, e deve avere spessore notevole.
Nel secondo caso invece (fig. 36, 39, 44, 46 e GO) lo sforzo lon-
Qitudinale tlopportato da manicotti che nel sen:-;o trasversale
sono sottoposti principalmente a dilatazione tangenziale (wdi
Parte Prima,), il tubo anima non cimentato longitudinalmente,
quindi pu avere uno tlpessore conveniente per il massimo sfrut-
tamento dello spessore delle pareti.
Il tubo anima o il corpo della bouea da fuoco fatto cii un
unico pezzo, ma in qualehe costruzione molto antica (fig. 36)
composto di duc pezzi uniti mediante anello avvitato.
Nelle costruzioni meno recenti a tubo anima (fig. 86-37) l'al-
loggiamento dell'otturatore praticato direttamente nel mani-
eotto estrcmo di culatta del l ordine di in qnelle mo-
dcnw invece si ha una boccola manicotto ,,>tesso, o
anche su due manicotti di due ordini diveni; in qualche artiglieria
di piccolo calihro (fig. 47-49) invece praticato in un blocco av\'-
tato esternamente sulla culatta, per far concorrere principalmcnte
l'ordine di eerchiatura pi esterno alla resii'tenza longit lldinale.
La cerchiatura pu essere, eOIllG noto, a elementi o a nastro.
Cl elementi - Gli elementi costituenti un ordine
di cerehiatura possono essere C'orti (cachi) e lunghi (manicotti):
il forzamento tra un ordine e l'altro yaria da mm. 0,2 a 111m. ],2
a seconda dei diametri. La cerchiatura a elementi corti fu la, llrinla
ad esseTe imlliegata (fig. 26, 87, 41) nm venne pn' i' to sostituita,
cominciando da]]e artiglierie di minor calibro, con quella a 1unghi
manicotti, chc prefwntano sui cerchi i seguent,i yantaggi:
l) concorso all a reSii'tellza longitudina,le, con un eom e-
niente addentellamento, c alla rigiditiL della artiglieria;
2) minor numero delle l'i ezioni di eontatto, nclle gL1ali :-; i
ha, una sezione di llliuOl"e reRistemm elle fayori see la rottnm della
hocca da fuoco;
:';O))avorazione e composizione pi rapi< La, [Jeleh oeCOlTe
un numero minore di ollerazioni lle!' hL compofl izione della arti
glieria; poich gli elementi, siano essi lUllghi o corti, si debbono
applicare ad uno per volta" dopo ehe completmn8ntc raffreddato
I 'elemento
- :)7 -
Gl j clementi lunghi sono di preparazione pi diff eil e di quelli
corti, :sia nei riguardi della efiatta tornitura interna ed estel'll<L
(I ayorazione e collaudo), sia nei r iguardi della fusione, j cui difeHi
eventuali possono essere pi difficilmente rivelat i. Ma i progre;';fii
dell a tecnica metallurgica hanno permesso di superare tal i diffi-
colt anche per elementi dest inati alle pi grOfise artiglierie (il
cannone da 381 Schneider-Ansaldo costituito dal corpo e da soli
t re elementi di cerchiatura in due ordini), e g:li elementi corti ;.;OJl O
completamente eficlusi fialvo che per scopi di colLeg'ament.o tra le
vari e parti della bocca da fuoco e di qnesta all 'afn;.;to.
Il numero degli ordini di in pratie<L, Jl on lllai
superiore a 5, e nelle artiglierie moderne in genere I i m.itato a
o quattro per le artiglierie di grofiso calibro; per qnell e di medio
calibro in genere di uno o due, c per i piccoli calibri , llUO, pm non
complicare troppo l a. cOtitruzione, senza grande yanfjagg:io nello
spef>sore.
Cerchiatura et nastro. - Ila cerchiatura a na,::;tro ;s i compie a
fr eddo: il nati tro avyolto inizial mente fi U una, bobi na, coll'ac;se
para.llelo al tnbo da cerchiare e yiene a qnefi to attaecato opportu-
nament e in modo ehe facendo l'notare il t ubo attorno (d proprio
aSfie, jl nastro 'd si nastro, con procedimenti sempli(,i
(vedi P abbricazione delle Ar t igli erie ) ::;i pu fl an.>, 11l1L deLl'l'mi-
nata tellfiione prima che si avvolga, :ml t ubo, ottenet1<l o fol'-
zamento necessario di cia::;cun strato ;.;ul preceden te.
Tj [l, sezione del quadrata (filo) o rettangolare; m'Ile
moderne questa genemlmente impiegata.: i ]a,h clel
rettangolo sezione va,riano, lhLturalmente, i l calibro ; 1)('1'
1111 cannone da 381 Rono mlll . 6,;) x 1,5 cin'a.
Il l1nmerodi fi trat i yaria la re,-.; istenza c he de, -e
la. ,bocca da fuoco nelle varie parti; in eorrispo ndenz<L cl cl tratto
sottoposto a pre::;sione masSimtL .il numero di :-; tmti eli L6 per un
cannone da 120, 40 per un cannone da .303. Ila lung'hezza di nastro
oeeorrente molto gTande: per un cannone (hL .3 0;-. /-lG (;er c- hi(1to
nastro'per tutta 1<1 sua lnnghezza occorrono cin:a 120 KI11. di nastro
e fino a 180 Km. per un cannone (hL 381.
Vnntaggi e inconvenienti della cerchttum IL nustl'o l'i bpetto a
quell a ad elementi:
Vantaggi :
a) lavorazione pi semplice e quindi meno c08tosa;
b) g<ll' unzia <leI la, !Jont, dell ' n,ceiaio impi egato f\ mig:liora-
"lucnto dell e SUl' cHol'aMiwist iche nwccan iche <lato <l all a trafi la tnra
Ve1' la riduzione in nastro;
c) maggior fac ilit eli dare lill a conyen ir,nte tClI slone al na,f; tro
e (t'I indi di r egolare te il forzamento.
J nC011 rrn/ienti :
a) Non d, rigidit n'] la bocca da. l'noco, c qui lldi ,L riposo per-
mett( un incunamento iII yolata, l a qll ale :;i raddrizza
yjoleutemente :;otto l' azione dei ga:; all o f; p<ll'O COli. una yibrazione
(olpo (li fr usta) lw proyoca irregolari hL nel tiro;
b) on eoneon e per nnlla all a longitudinale,
]Jet hL impos:;ibilihL del eollegamento fra le va,l'ie iSpire, e quindi
de" c sempre impieg'ata insieme alI "L cerehiatul' a <Ld ele-
ment i, che elevono da soli prov\'edel'e alla longitudinale;
la cpr chia,t l1 ra a ll af;tro dey(' riSHer e Hcm]Jre protetta all 'eBterno
(la pl ementi lett i y iucchelta) sellza fOl' zanwnto, ma, ehe possono
C:OIJ('OlTere all a rcsist' ('l1za in f'Ompl ef; f; o nna arti-
g'liel'ia eerchiata a nastro sempre pi pesante di una di ugllal
r es,t' cnza <:on rcrelliatllra ad elelnenti : ad eiiempio il cannone da
38] /:10 S (Schneidcl' ) )JeHa 62.600 Kg. , gli a naloghi cannoni
cla, 381/40 A (Armf'trong) e V (Virkers) di ll gLH-..1 resistenza, pesano
da 83 a 84 toullellate.
Di solito, l e artiglier il' cer chi ate a nastro :-:;ono cOBtituite da un
tu ho anim<cL, da un primo ordine di cerchiatura a lungh i elementi,
ehe lJOrta. l'ott uratore ; chL nn i'lecondo ordine in tutto O in p arte a
ll ustl'O, e dalla giacellO( t,,,L ; i va,l'i Ol'dini :-; i eiitendono veri:iO la YO-
lata, qu a,nto occorre (fig. ;18-;1H) . L a, eeJ'(' hiatlll"a. <L naKtro Ki estende
iiolo alla parte liottopostn all a pr es:-:; ione ma,:-:; :-:; ima (Hg. 3H, 44, 47),
oppllre a tutta la lunghezza (lg. 38, GO).
Collegamento della cerchiatura. - P er far cou<:orrel'e tutti gli
I!l'clilli ed elementi di eel' chi atura per quant'o possibil e alla rCiSi-
Ktenza long' it lldiua.le, e per impedire elle, a llla.lgnlclo del forza-
mento, si yerifk bino degli :-:;coJTil1l ent.i longit uilillali o (nl:-:;yersa li
fra i yari elementi, 1111 eollcgalllCllto elle t' I' a,:-:;mctta la
prc,'i ,'iiolle 1i nl1 'ottllmtOl'e a t n tti gli plementi e ,d io parti c1cstillate
al collegamento tIel bI bocea dn J \lOCO all 'aIIll i:it o. :-;i usauo <l iversl
(lispoi:iihyi:
w/ella prigioniero, ('OI1l])oxto di due Il lPzzi anelli iucaii trati
-- -
pee met in u n,1 sca,naJatura, rl.ell ' orclilte intPrJlo (' meth
,walogall1Pnte nell 'ordine esterno (fIg'. il2);
incastri c aililentellarnenti (fig. G-I), di limit <1ta
per per mettere l' applicazione dell'element o coll a dil at a,zione per
l' iKc:aldamento;
8pallette e g1'Culini (fi g. 53, 5;;, ,37) decr escent i en:iO bL yolMa
e yorso la eula,tta, secondo il sell KO dell o sforzo ; eKKi sono a nehe in
relazione a ll a diminuzione dello spessor e che si yerifiea verso la,
voh1ta;
anell i ((('vitat'i (fig. 53, 56, 57) a ealdo, gener almente, sui
dne elementi d;1 eollegare, oppure 'av\'itati sull 'element o poste-
r iore e collegati con risalt o interno ad una spa,uptt a dell'elemento
interno anterior e.
I due ultimi sii-l t emi sono quelli pi largament e ui-lah nelle
cOflt rllzioni moderne. Per la loro applieazione yednll Si l e figlll'e
da 36 a 5J,
Estensione della cerchiatura. - 11 numer o di ordini (Li eerehi a-
t ura e la estensione di eiasenno di essi sono rletermina t i da,lla r el' i-
stel1 za che dm' e aver e la bocca da fuoco in oglli sez:ione della sua
lunghezza, in base all'anda mento dell a cnna clelle pressioni: quinrli
in gener ale l a, ei'i t enfl ione di ogni ordine di eel' chiatura inferiore
a quella dell' or dint\ pi interno, e la yolata pu esser e anell o flenza
cerchiat um; per , l' peeianwnte nelle costruzioni di t ipo inglese
di cannoni lunghi, ti i la cen' hiatura e:,; j-, ef;a ]] (' 1' lino o a,nehe
per due or dini fi no al yiyo di volat.a; ei porta. ad nll:t mag'giore
r e,,;istenz: a dell a volata a di i pesNore eon vant aggio nel P060,
in consider azione a nche clt e le poh'eri l1lo(l(,l'ne
pre::-sioni alla l)()cc<"1 l'elatin tmente for t i (an che fino ,t 1000 nt mo-
ffen') a rnalgr arlo delhL lnnghezz:a, dell'aninw.
Q,nesta llispo6iz ione va ntaggiosa, a nche pel' ch Ilella sez: ioll c
i n cui ter mi na un ordine di cerehiatu l' a fl i \rerific;t, Ilcll' online
sottostante, i lllasfl aggio immedia to da ll110 st ato di forte eOlll])l' CI' -
sione allo st<.Lto libero, (\ la eerchiatnra a,giN(' e in li uella
co me una cesoia ehe t.ende iL t r OIl(',a,r e i L tu bo, e ('rea eOlldi ziolli
<:hvoreyoli )) ('1' la refl iflteIl za longitlldi na.le, s pc('inln wllte con r i-
guardo alle forti vibrnzioni <1 cn i possono CNsem :;oggette all o Nll <1l'O
i 0allllolli di gl'a lide lunghezza.
La 0er chiatul'a non neceRfl aria dietro il fondo dell 'allima
(fa('cia anterior e dell' ot,tllrator e), per eh la bocca d;L fuoco deve,
- 40 -
nel tratto corrispondente all'otturatore, avere resistenza solo nel
senso longitudinale; tuttavia si rileva generalmente che la cerchia-
tura si estende fino al vivo di culatta, colle stesse dimensioni che
ha in corrispondenza della camera a polvere e . solo in artiglierie
di modello Krupp antiquato si riscontra la cerchiatura troncata
in corrispondenza della faccia anteriore dell' otturatore, che
sOll tenuto dal corpo (j dal primo Il trato di cerchiatura (fig. 39).
P.rofilo delle artiglierie cerch'iate. - quello risultante dalla
elltensione dei vari ordini di cerchiatura: in genere si ha un cilindro
di cul a,tta, e uno o pi tronchi di cono, con gradino verso la, volata.
Da,l numero dei gradini Il i pu talvolta riconollcerc il numero di or-
dini di cerchiatura.
Il cilindro di culatta termina talvolta anterionnente e poste-
riormente con forma a bottiglia in dipendenza della forma stroz-
zata della camera della carica. L' elltrema cnhLtta pu avere forme
diverse secondo la Ilpecie del congegno di chiusura.
Artiglierie tubate. - artiglierie logorate dal t iro possono
essere rimesse in stato di perfetto ser vizio coll a tubatura ossia col
ricambio dello strato pi intel'llo logorato.
bocca fuoco viene allargata tornio, ed in luogo dell a
parte asportat-1 viene allogato un fodem o carnicicL
Le bocche da fuoco nuove possono essere gi costruite con
un t ubo fodera, da ricambiar si con uno nuovo, quando sia logorato.
L'applicazione di nuovi tubi pu essere fatta caldo, facendo
dilatare col calore la bocca da, fuoco, togliendo il t ubo fodera
vecchio se c', e int roducendo quindi quello nuovo che viene ad
esser e quindi alquanto forzato; oppure a freddo, introducendo
nelle bocche da fuoco il nuovo tubo fodera, che ha diametro esterno
alquant o inferiore al diametro interno dell a, bocca da fuoco e
quindi dilatandolo permanentemente fino a venire a contatto e
a comprimersi contro la parete interna della bocca da fuoco, me-
diante pressione idraulica, praticando cos un autoforzamento
sul t nbo fodera. tubat ura si applica tanto alle bocche da fuoco
con corpo che a quelle a tubo anima; lo spessore del t ubo fodera
varia da l a 2 cm.; talvolta pu essere conveniente ricambiare
t utto il tubo anima.
Fodera sfila bile a freddo. - Allo scopo di poter ricambiare il
t ubo fodera con grande facilit c senza necessit di inviare la,
- 41 -
bocca da fnoco in officina, con evidente risparmio di spesa e di
tempo, in questi ultimi tempi si pensato di costruire il tnbo
fodera con forzamentonegati'vo, oflsia con un certo gioco nel eorpo
:l ella bocca da fuoco.
Il tubo fodera in questo caso deve dil ata.rsi elasticamente.
per effetto della pressione interna, fino a complimersi cont-T'O la,
parete del corpo e far dila tare e lavorare al massimo di
lo strato interno di questo; evidente che il tubo fodem dcyc HYel'e
una grandissima elasticit, in relazione al gioco e allo spessore del
t ubo stesso. Il gioco deve essere tale permettere di infila,re e
,,,filare il tubo senza difficolt (da 0,1 a 0,2 mUl. seconllo il ealibro);
lo spessore deve dare garanzia che il tubo non abbia a deformarsi
nei trasporti (anche questo dipende dal calibro c lnnghezza,
della bocca da fuoco): coll'aumentare del gioco (-\ cLello Rpessore
necessario che sia pi elevato il carico al limit e di cbsticit-it (lei
metallo di cui costituito il tubo fodera.
La, sistemazione del tubo fodera a fOTZarnent() negativo ri-
solve anche bene la questione delle artigl icrie KeOl llpOl1ibili illpm'ti
cIle non debbono olt-repassare, per neceRsit. di tra;;porto, un torto
peso limihLto (Vedi .Artiglierie speciali ) .
Di pi, colla sistemazione di tubi fodera a forzamento nog<"L-
tivo e a grande limite fli elasticit, anche po"sibile ottenere un
vantaggio nella resistenza delle artiglierie ant iqnat:.e, asportando
un certo spessore all'interno e sosti tuenc1010 un tubo fotlera
di elasticit conveniente.
Il tubo fodera sfilabile in genere un tuho Hlltofol'7.a1io.
Applicazioni della cerchicdura nclle artigZm;c in sCrlJiz io.
Tutte le a,rtiglierie attualmente in servizio presso l' Esercito ::- OJlO
cerchiate, meno il eanllone 65/17, da 70/D, Ib 77/27 Moti. !)
(dei quali per alcuni Bono tubati) e gli obiei (la 100/17 Mod. H
e' Mod. 16.
Hanno cerchiatura, a naBtro, e solo per 1In breve tra,tto :--o).!: -
getto all a pressione massima, i cannoni da, 30.')/ 50, da 254/ 30, da
120/40 (tutti di cOBtruzione Armstl'ong) (-\ i elLl1HOlli cla
(costruzione Vickers); gli obici ingleRi da 1;j2/ l3 hanno inyece
cerchiatura a nastro per t utta la lunghez7.a. Tuttc le a,ltre arti-
glierie hanno ad elementi, e di que:,;te solo gli obici
e mortai da 280 dei modclli, i mmnoni da 400 (Krupp) h,l11110
elementi corti; il da 149/35 e il mortaio da 210/8 hanno
elementi di media lu nghezza.
- 4:! -
I-:I.'l,llIlO c:oKti tll/\iolle a corpo d'm'tigli0ria, Lut,ti i modelli di
origine italiamL (cannolle da 149/35, mortaio da 210/8,1 nortaio da
280/8, obice da 280/] (j) e quelli deUa casa Sol! neider-Ansaldo
(caunone da 105/28, cannone da J..!l/3fi S, (',H.ntlOne (la, ] 52/45,
callnOll e da 38 t, mortaio da 260): tutti gli alb'i sono a t n bo anima.
Hipetto al metallo, sono j,n tti di acciaio ordinario o acciaio
i: pecia,le, meno l'obice ed il mor ta io da 280 ell e l1<\,nno il corpo di
e il c<t.IlJl.On0 (hl 77/2'j )l(Hl. il, elle di hronzo compresso
(preda bellica).
Per le artiglierie nsh,'l' e :-ii jJ\l ritellcre in genemle ehe nelle
costruzioni di origine inglese e prevale la cerchiat ura,
a nastro, salvo che in <]nalche modello reccnti ssimo, mentre che
q nelle francesi, tedeKche c austriache SOILO e;;;clll sivamente
a clementi.
AnT, 4, - Spazio di caricamento.
:Nelle artiglierie <l retrocarica lo spazio di caricamento (ca-
mera della carica e camera del proietto) and ma,n mano t r asfor-
mandosi per giullgere <tl la confor mazione l'azionale di una camer a
a polvere di diametro relativamente gTan(le e di llna camera dei
proietto di diamctro minimo , elle il centramento;
conformazione razion ale dlC fu Bolo dalla adozione delle
po1v8ri infumi, che esclndono la formazione di fecce.
varie forme Kueem;:;ivamente iLppliea.te l e seguent i:
Cnrnem '/wica p(>1' ca.rie,1, e proietto (fig. :38), coa.ssicaaU'anima
per proietti a, itH'umiiat lll'a e a jJi corone di rame. Dato il dia-
metro l' elat iYa llwllte gl'anrLe (lell a eamera., il proietto, spinto coll a
pa.rte ilillllri<;a, {ili contl'o l' orig'iup rLelle righe, :-ii <1isponeva obliqua-
mentf>, e l'intaglio dell a illcalili ciatUl'<L (lelle COrolle ayveniva
iJTeg'ol al'lllpnt e; il llroi e1-t.n pen'01'l'PYa, l' mlima i'(>.lli pre in posizione
obliflil'l.
b) crc('ni l'if'((. (tig. ;") D). - La ea,rnera, di c1ic), -
gl'Hl Hle, fu tennta unlhl ;;;ua g'cneratriee infe-
riore ;oml prOllllJga,lIlcn to LlelLL gpneratriee inferiore della :-iupC'rfi eie
ui liwLriun, del fonito dell e righe. L',t:-iKe dell a. camel' a cos p<\'l'allelo a
quello dell'anima, ma non uoiueidellte; di pi al l'inizio del mm'i-
mento la CorOll<L a.nteriore Ka.lo infel'iol' mcnt 8 K11 Il a, origine delle
i gas pOK;;ono tnrbinare :d di sopra (LeI proietto e di !'i t urbare
il movimento, e sf uggire tra la parte superiorc del proietto e l' anima"
- 4:) -
fluindi il Ctltralllcnto gi imp(' l' l'eLto, va perduto. Inoltre, si Jm
a"immetria nello spessore delle pareti in corrispondenza, clella
camera, p lavorazione J' clat ivanlPntr lliffeiln nel
tra ca nH'l'a e parte rigata.
c) ('amcl'(:t dVlJvia. - J.1<1 camcra di,' jStLin dne pa.rti ci-
lilldriebe, eoa f'l' iche all' anima.; quell a anteriore di <liaIllC't,ro a,ppcllu
Sllffieiellto ])(\1' ]wnnettcl'e il C,11'tCanl ullto elel proietto senza incell-
vamenti '(a ncora, polYere IlCl''); Cjuella pi ampia per la
earica; l'aceorarnento tronco conico.
t-;p lle ebllero Sll(;('pssinl,lllente forme, ell e ancoril si
t l'<HlO in artiglierie ili :;p,l'yizio eli modello antiqllat o:
1) con (xt1n('/'(t del ]JI'oieito liscia (fig. 6J). - Fu Il fiata dap-
prima eOIl proietti a ineamiciatura, poi con corone; presenta, lwr
quanto ili modo attt'lHlRto, gli difetti della camera Ilnica;
di pi per i proietti a ]lill corone l' intaglio di queMa H,y ,'eninl ("Oli
urti ('he 11\\ eompromettevallo la resistenza, logorayuno
l'origine delle rig'llC', e dj"turbayano il mOYmento del proietto.
:20) con CarliNa drl ]Jl'Oif' llo J'igot(L (Hg. (j 1). - La eamera.
(leI proietto ha diametro compre:;o fra il calibro e q uello dpl fondo
delle righe, in modo che queste vengono a prolungarsi anche nella,
camera del proiet.to, doye ha,nno, naturalmente, in-
feriore (false righe).
IJa corona di forzalll ento dei proietti ridotta ad una, sola,
e il centrfllllento ottelltl to mediante una LI,scia. o corona, d i iso-
lamento base dell 'oginl, che "i (t1loga nell 'anima. Si elimina
in parte l'urto brusco a ll 'intaglio, e si l'idn("(ll)o di elltit, gli altri
incOlw enienti, diO per persi"tono.
30) con camera dr! proietto t l'onco-conica (fig. (2). - St n-
lliata e adottata dalla ea",1 Krupp : l, limin<l l'illeOIlYCuiellte dd-
l'tUto all'intaglio, il qale avviene gn1(lnalnlOnt'\l, lwrch i pieni
va nno crei'(;endo di altezza lungo la camera del ]Jroietto, la q\lale
rapprei'enta quindi una specie di lungo r<1eeo1'd<l mento tra la ca-
mera della polvere (', l'anima.
d) camC'I'CL pc/' l(L sola carica (fig. - (li una
yera ca.mera del proietto, il qUde tutto allogato nella parte ri-
gata; il proi etto ha quindi una :;ola corona detta, di tOl'zmneuto che
"iene ad appoggiarsi ('ontro l'origine clelle righe, pd tenuto cen-
trato nell ' anima da Ulla corona o di cenI ramcnto (o isola-
mento) tornita, esattamente a un di ametro illferiore al calibro di
- -- 4-l
uno o due decimillimetri, ci che in pratica sufficiente a, dare il
centramento, e permette d'altra pa,rte il caricamento, senza peri-
colo di inceppamento, sebbene la corona di iROlamento si spinga
molto innanzi all'anima, data l' assenza di fecce coll'uso delle pol-
veri infumi.
QueBto tipo di ::ipazio di a,ricamento fu adottato di' 1pprima,
per l Cl artiglierie di piccolo cal ibro e si and mano mano eB ten-
dendo anche a quelle di maggior ea.libro, ed oea quello esclu siva-
mente
Nel raccordamento coll'a,nima hanno origine le righe (fig. 64);
la COl'OWL di forzamento deve impegna,l' Bi il tabiLmente, all' atto del
caricamento, nell 'origine dell e righe, allo ilCOpO di fi ssare il proietto
nella esatta posizione (li mLricamento, eiL evitare, sia che esso possa
scorrer e indietro quando Hi dnno for t i angoli di inclinazione, sia
che esso urti contro le r ighe ::ipar o. Vazione del calca toio deyc
quindi essere pinttmito cnergica.
Il r accordament o coll' anima il i ht preferibilmente a conicit,
poco sentita: l ) allo ilCOpO di crcare una superficie che acco mpagni
la vena fluida dei gaB che si e"pandono in a vanti, e che qualor a
incontrailse un gr adino, ne pro \-ocherebbe un rapido logor amento;
2) per ottenere una compres'l ione e un intaglio (Iella corona piI)
graduale.
Tl-LI volta si vede a nche, nell e artiglierie che hmno uso di pro-
ietti con due corone, un breve tnLtto ciI indrico t r a la camer a cleli a
carica e la parte rigat a, raccordato all' una o all' altra con superficie
coniehe ; ci allo ,;copo di assicurare meglio iL centramento del
proietto, sOil tenendolo eompletamcnte anche al fondello (fig. 65).
della eal':Ct . - riscontr:-:),no tre forme di c:-:tmera:
della earica:
eilindriea: forma ordinaria;
eamera (fig. 66), per le artiglierie in cui hanno
forti pre,,;sioni masilime, per diminuire la lunghellza della camera
<1, fa.vore della della infiammazione, e per non avere
forte pressione totale il ull' ottllratore;
carnem troneo-eonica (fig. 67-68), pcr le :-:Ll' t iglieri e che fanno
U::iO di bossolo metallico per la chillsnnL ermetica. La
tTonco-conica per tutb1 la sua lunghelllll-), se iL bossolo metallico
contiene tutta la carica; o solo in part e nel caso contrario. Nel
primo ea'iO ha tah-olta, qmm(Lo il bO'>i olo porta anche Illlito iL
- 45 -
proietto, il r aceordamento a gohl, anzich trollco- conico, in rela-
zione alla forma elel bosl;olo.
A ln' ;-1 . - Rigatura delle artiglierie.
Particolarit della rigatura neHe artiglierie moderne.
Il sistema di rigatura oggi esdusi,"amente impiegato nell e
a,r tig-lierie a proietto forzato, eon una emona di mme detta di
fOl'zamcnto yerso il fondello, f', unii ('Ol'ona, o zona di centramento
o isolamento base dell'oginl.
Il ,'iP.!l;-i O della rigatura indifI('rentemen Lo applieato a destra
o ;1, siniRtira. Pu essere consigliabile di (lisl)oJTe gli apparecchi di
pnntanwnto da,Ila pa,rte del pC'zzo vor"o la qua le volge la,
ONi;i" Vf'rso la fluale si n'riti ca ho derivazione, porch, nel easo C011 -
trario, potl' ch)(' <Lvypnire (' he, lwl punta,mento diretto con forh
" llgoli .1 i tinJ l (l \ ' 01 ata dpl pezzo inten'dti In, \,j elel ben;aglio :
ci si poteva YCl'ifieare specialmente quando la linea di mira era
costituita di mira o mirino portato IM,eralmeute dal pezzo;
og'gi di caunoC'chiale appliea,to a lla, eulla distanza note-
vole (lal pezzo, la precallzionp nOli fwccsl;aria, ancho per le arti-
g'li C' rie C'h e, come quelle ela cosht (\ llandi , non fanno uso che eccezio-
n<llIll Cll t.(' del }luntarncnto indirettu,
L I1 tempo, que,..;ht cons id er azione blce n t dal'c l a preferenza al
\'(>,1'1;0 de1ib",a, appunto per diKpOlTe l' alzo a destra, o dare
lilla cor ta col IJezzo stesl:i o al pnnt,Ltorc che in ge-
w' re ]mnta,v<J ('o]l' occ hio dCstl'U e ;1,yC'va, cos hl, ripa,ntt,a dalh
('nlatbl; or;! ('ogli sl: udi e (:01 eongegno di puntanwnto IOll tano c1<11
lWZZO la. pref'auzione non lHl pi <l lonna l'agioJle,
Il 7)1'olilo seJl1]ll'( ' a rig:he nnlllPrOlie, .i n lllUllCro pari e soyeutc
di Ylsibil e 1)(\1' ljn <lUl'o, per ragioni (li ht' -ora ziolle: i lJrofi li di riga,
"dottat.i g:eneralmcnte sono quelli iH<l icati nella P al'te L; pi
largamentt' ll sat o il proftlo a fianehipamli eli : in qual che, al't i-
a Il stl'i ,oC<I, si l'ii'wontra ,HH'ht:\ il profilo fi alH'hi diycl'gcnti.
}:,iglw ('Ulwif Ol'1l1i \ a j)l'of'olldit il(' ('1' 1.':-; celi 1' (', :-;0.1 10 stai " i;lw-
ri uHlntat \', 111<1. JlOll ;argamente ndotta.1t' .
Il llnmero dell e righe selJl}lI' (\ notOYOllllHlI Leill IPl'iore, :-;peeia 1-
mente <'oll 'au mc11tare dcI (,<libl'O, al 11llmel'Ci dMo da
4 volt e il calibro i n ('en h llW( li (vedi l'eu't,e I ) pereh i
pielli l'ono tCllll t i sempl' e llloito pill larg'hi (l i lllm. 2; ,"010 lo. arti-
- -16 -
gliel'ie f r an cesi Ki a n 'ieinano :-:i ensibilJlwnt e a taLe limi t e. La, pr o-
foncli t :s empre t en nt.:L d,"" ] /100 (Ll ('::Llibro, ma, Yi t en-
demm Ld una pr ofondit l egger mente snperi ore.
7'I'C/ ("ci ctlo. Nell e artip:lierie moderue, do po una, lunga espp-
l'len Za, h a riprc'No il RU[H'<:LY\'Cl lt o l a r igat ura d ieoida le ]Jer qual-
Hia i' i specie e lung]wzza (li h ocra Ila fnoco; qnell a pro,Q,-ressiva non
"i r iseo1l1,r a oramai r 111 \ in ("ost. ruzioni antjif! Il, lte, ch e v engono per
modificate e l'idotte <lo l' i,!!:atnra eli coida le in O('(' f\Rione di r iprO(]l1-
zioni o (li riparazi oni (Li t nh a t nl' a in ,'ieg uiJo (l, l ogoramento.
8i k . pure ,HL amllent arn l ' i'le lill Hzion e della. r igatura,
i n r elazione a,l C1'c'.;("el\\ d" ] lc in izial i (' itelLe lu nglwzzc ' dci
I Jloietti.
Le a,t!Jiglielie l ran(,('Rill :UlllO fphtRi tn tte inc-liwi 7. ione di ei n' ;
'l 0 (P:1<;RO di 2i) callwi cil'C:a ); J e nostre <1 rt', igl i(,l'i e m:lll tell ,2:o !l o lil la
ind inazioll e me]]o furte, Yl!l 'i nil t e, pel' j l'annoni, e: u('o lldo il calibr(l ,
(ln, 4 (rrWtlOlW ei a ;)8 L) f lUO :I, (-iO.
Per gli o1Jici s; h al l llO illC"li na,zioni fino ;:t !) O, (\ per i mor tai fno a 1:-1.
La, tell(lcnza a, vcloei t ill izial i molto gTand i, e l[nindi alle
gnLIHU pressioni , che s i ri t llllgono Ht'U'SS::lol' ;(, ,-, pee;dll wn tc per il
tini con t roamci, e in gmlCrale comiC.gn ir e :mnwnt i di gi.Uah1,
nOlleh l a eonvellie n;r, <\, (li proietti molto lnl1,g,lti , (:-; i:l 1)('J' cOllsf'g.'nin
(oetfleient.i lmli st.ici. ln n.,Q,'g'ior i, sia per :-l'Ver e 1)] 'uj p1 ti el i ma,g,2:i01'
pot enza eKplos iTa ) ell e riehicdOllO illellMziolw J! ot('vo!e dell a
t I/ l'a, fanno r it'll cn ', neeer,;sal'io nn aume111iO di lkll p
pa,l' t i eonrl ut trici, per il q uale non ,.:;a rehlw 'l ll f-f(i e nt' () l' .:nmwllt o
, li alt ezza ella. emona di l Ol' zanwnto o l a ;J(!ozi oJl o <l i pi 01' 0 l f'
\''iDe, sar ebbe la <;tC;';SfL t:Oe:a.
Il probk lll<t delht eintul'azione dei pro iett i, (' 011 <luesto ,'i ifl t em: l
(li l'igat nr a, sempre abba:st a,nza g,"l <l"e, sia rwi l'i gnaTd i dell a r t'"i-
st enza dell e p art i cond utt rici, cle in qnelli del !'oliegamellto
Uirone a.l proietto (ved i Cap. IV - P roietti ), t be in quelli della dp-
termi nazione dell a llo:-; izionc dell a forma e de!le rl ill emioni della
da eui. dip ende i l b yoro d'int ag'lio (iell e corone, e quindi
la pressione di for z'un ento eh e, eome noto, ag isen in modo assai
sen sibile dell a enrva delle pr cfRion i e e:ugli effetti
rl c11'arma , e ('he lUpende io su a, vol tai r1 aHo f' t iLto d' u :-:i o
del la 1Joeca da, fuoeo.
Si st udiai quindi al oltre che la. :-;o:-;t ituzinue del r a m\!
eon altru met all o pi eOll veniente, Hlll'he i i Ti h T t ]!) a.l sistmna di
r ig,ttnm a proiet.to g uidato.
- -1-7 -
Sistemi moderni di rigatura a proietto guidato . . wl SIl po1' -
cannone (Parisor-KanonJ'\) (vedi Art. 7) si aVllto nna pri-
ma pratica applieal\ione di ta,lp {'hp <tu(',ll(' prirna, (Im'allto
la guerra, e dopo eli qllmlta, in stnftiato in Fl'aneia ftal CharllOunier,
il quale ha compiltto esperieIll\e (',( )]l ealUlOJli (la I i):l j da 7;\ e eOll
proietti molto lltllg:hi. Con tali l e rimaIlg'ono c;empre
molto numero Re e i l profilo nornml e e :mlla parte
cilindriea del pl'oietto l'ono l'ilevate in fauln'ieal\oue nltrettantt'
_ costole di pronlo 1'i,2.'110, e nlH si estO])(10110 per tnHa, la
parte eilindrira o ,;.;o lt anto per lilla P<x(p di
Il centl'amento assieul'ato dal gl' all(lc llllllwro (lelle ]'ig'he, (lalbL
esatta hlVOl'Hl\iolle e dal fatto ehe il (',n'ieanwnto dalhl,
culatta n ('on(' poI n'Ti illfnrni (a flienl\1. <li l'c('C'c) il g-iono o ven to
fra le e08tole (leI proi0i ,to (l le righe pn eR;,Clf('\ tmlllto pi(',eoli;.;si lilO
(mm. 0,1 (li <Li (lianwll'o), ('(J," l , dii' non enJJ pm,;,ibile coi
sistemi a H'.I110 ]w.Jl' a, \-an ctrica (\ colI!' poi ,-m' i .l lel' l'.
I yanbtg-,f.;'i eb" "i po""ono ottenere eoi proie1ti gnirlati
a) )Jo:-;sRibilit di usare proietti molto lnug'ljj (fino 7 calibri
e pi), e qnineL' e011 gl'llde earica <li :;';Goppio ('grando eoefAeknte
balisti (' o, (',OH gTaJHli v(,lne itit, iniziali;
b) po,,'li biiL't di impiegare J)('r il tiro d,L fl loeo anelle
molto logore, tanto da n on poter:< i lltilizl\aJ'(' eoi prointtt ordinari
a C01'01lO; ci peJ'cl: 1) la posil\ione (li eal'ieamentopll essere
fissata in 1110do <-lc; ,'lolnto eon q naldw dispm;iti vo indipendente
dallo stato d' miO dell'origine dlla rigatlll' :, (e qnindi la deIJsiHL (li
caricamento l' iulalW c.;e mprc invariata ); 2) IWTeh le rip;he possono
sempre sen -'c (li g'nida. all e co"tole dpl proietto, anelle Re :,;ono
consumate in modo tal 3 da, non Pr()/llllTt', ,'mlle ('.onme di rame degli
a.ltri proietti, j)al'1i eonduttriei :Luua.staul\a re'l istenti ;
c) del probl ema della eint.nr<1zioJlp Ini lJl'oietti
e <lelle c.;un
Gli incOIwonienti che si llotrehlJcl'O impubl,I'O a questo si:;.;tenut
-, SOliO:
(1) possibilit di flfuggita, dei ga,'i p er gli interstizi in" proietto
e anima;
b) cliHcolt di ])l'lJci'l.lre l:t po"izione di cm'icamellto;
c) di un rapido l ogora.mento del fianco di s1)<[ro
delle righe per effetto del le costole <li aeciaio dcI proietto;
-- 48
cl) difficolt di caricamento, e difficolt di lavorazione dei
pr() ietti.
Tali inconvenienti non si Barebbero verificati nelle numerose
<:'d eFaurienti e;.;perienze eseguite in li'ran<:a, (bl Charbonniel' . Del
]'e:-;to si r ileVl:L:
in quanto <:l,l punto a) che l' esperienza ha confermato la
t eoria che una vena fluida non pu pas;.;are nel vallO tra, due
superficie vicine quando esse i':iano c10tate di un rapido mO\'mento
l'elativo (come nelle t urbine a vapon); inoltre si pu sempre ap-
plicare una piccola, corona di rame a scopo di turavento, e che se1' -
\irebbe anche <1, precisare la posizione di caricamento, nonch
a generare una piccola pressione di forzamento che impedirebbe
a l proietto di esser lanciato fuori dalla, bocca per le semplice azione
dell'innesco carica, nel ca,so di mancata o r it,ardata accen;.;ione
tLi questa (come si :,;arebbe effett ivamente verificato nelle es])C' -
ripJlze):
in qua,nto a b): la pOFi;done di carica,mento pu essere preci-
::-ata o colla corona suddetta, o anche con bottoni a molla ne'l
proietto (che possono per essere lanciati a di:,;tanzH, dalla forza
('entrifuga dopo l'uscita del proietto dalla, bocca da fnoco) o COli
a ltro mezzo analogo :
in quanto a, c) : che l'attrito fra cOFtola e fianco di ::-paro molto
(linlnuito da,l fatto che il contatto a\vienc su una sll perficie molto
ampia.
da rilen.lol'Si, nell' impiego dei pl'Oict.ti riga.t
i
, elle la asscnza.
di pressione di forzamento ha per di tutte
le altre condi7,iolli (peso elci proietto, peso e grauitum della, t:al'ic;l,
inclinazione delle r ighe) lllla curva dell e pre::;::; iolli meno accentuat;l ,
e tluindi lo spostamento del punto di llIa:-;sinm \"e1':';o la.
bocea, ci elle compl'omettere la res;teuza, della. bo(,(,;(,
da, fuoco qualora impi egassero proipt,h ri gat i {'ol1e "le1'i::;(, e<1l' iehe
,di lancio nell e nrt,ig1ierie attll ali.
Alt'!'. (i. - Parti esterne.
Delle pHl'h c,sterne (lelle lllel'itelllO slleciale on"i-
d "nt7,iouc quelle destinate colleg;Ll11ento (inc<Lvalt a-
mento); 10 altre llOH rappresentano che parti accessor ie cii mccc;)-
ni"mi \"uri (coUgUgllO di chinwra, sostegno di a pp:ll'c(,t:hi di ])111 1-
- 49 -
ta mento, ccc.) e verranno nella tratta,zione di tali mee-
e apparecchi.
La ])oeca da fuoco collegata all'affusto in modo da poter
,I mere varie inclinazioni sull'orizzonte (angolo di tiro); essa
qU1([i gireyole attorno ad Ull aSKe orizzontale, disposto in dire-
zione normale all'asse dell 'an ima, rappresentato da due orecch1;on'i
() lJerni cilindrici, gireyoli in ()}' ccchionierc o cuscinetti deU'afluKto;
gli orecchioni pOSSol1n far corpo direttamento colla bOCC,L da flloco
0J lJJllre e,;S3r fi ssa,ti aduna parte intermedia fra, e bocea da
fno<:o, eletta cuna, lungo b qn ale l a bocca da fuoco scorrevole.
ed alla qua,le collegata mediante un organo elastico che ne frena.
il rill culo e b riporta nell a pOi'J izione di sparo.
La boeea da, fuoco o la enl] a i'l OIlO poi i'l Oi:ltenn te, dava.nti (I
di etro agli da l ('Oli gegno ti i punteria. in eleva.zione,
llJefliallte il qnale Ki a determina.te inelinaz iol]i.
Sono quindi. (la con,;i(leral'Ki nomo parti di collegamcnto
l\ltt nsto gli orecchioni e le parti che Rervono a guidare la boeea da
fUMO sulla culla e ;L collep:a,rl"L nE'organo cla stico.
Orecchioni. - S0110 elementi ila (;onsiderar:-;i negJi oreeehioni
(Iella. bocC'a da fuoco (Iwr (ju elli (ldl a eulla vedi ), l a po-
siziunc elel loro aS:l(' , il diametro, e la lllngllCzza.
Posi.zione. - a) al ('ontro di gravit : te l' asse degli
()).' t' (' (',hio ni non pasf.:a per il ecntl'O di gra,yiUL, :,; i ha ,Torso \;:L \' olat,L
(' n ' l' So la cubt1a HIl 11l'epondel'<Lnte che llU quell a, .forza
y( 'nienle ('hl' appli(' ata ad 1 Ill. llaLl'ai:lse degli orecchioni, mHlltiPIl('
1<1 l)ocoa da, fuoco ilI equilibrio sull'rLsi'Je orizzontale).
n pl'eponder ante deve la :,;tabilit della boee,,1 dn
l 1WO dnrallte il tiro, scnz,t fm' rillscire t r oppo faticosa l'a,ziolle slil
l'I) Ilg{'gno d i puntpl'a, nel d,Hl) l' inehua.ziolle.
hl bocca da f uoeo (' i'Joll ecita,ta a ruotarc i oreechioni
;l hi);(,SK,jj l(lo hL nnlatta allo "paro, dagli s])attinmlti dcI proictto,
d,l lh, en' ll tuale aziO.J w eV('.(,Jl1I'i(" u, dei. ga.s fondo d.ell'alli ll l<l,
dal LL ])l'(' ;-::,io11e fra righe e part i tOll duttl 'il'i, cee., nWlltre all,L l'()-
t:u: iolle s oppollgono la i U(' I' ;;,ia, d('li,1 della, bocca da l" 1I()('()
e l'" t tl'ii (j fm o1'oco1J ioni n o1'(\eIonitl'p.
Il ]Jl'epOndonlllte non fannolfice la sLabil itiL (inlla, l)()C,1 (bl
tll()('O t u t ti.L via" in (;oll "idel'az ioue di l'cl,),t i\' (\
,Il ;;:('l'y i z io, a Y(x a i l lll"(p!wd l' rantc in cllbtta IleI' j (j,I,lIIlOlli, dw
il tiro in g (\IWre ("on pieoli ,mgoli d i ineliunzioll(",
VoI. II. - Armi da fuoco porlal-i/i, ccc.
60
mentre si teneva, pl'epOlluera.nt ( nnilo o l eggero in yo]a,ta, p CI' i
mort .i e gh obici, a,llo ,>copo (Li f:t.eiiit are l' op<.'I'(J,zione (li .1i'l porre
la, bocca d a inoco orizzont.alp, per iL earicarncnLo.
Ot'eorreill ogni lnodo che la boeca (hl fnoco 'leguct il congeg' uo
di plInt,pria" (' per ci den' C:-;Wl' (, a qne;;;to saldamente coll p.-
gatfl, :-;0 il pl'cpolHlel'ante in (' III" t ta llon tal e dH, Yineero l'attrij' o
fra orecC'hiolle e o1' e('(' hiol1 ier c.
n vaLOTe (leI prf'ponderante indica C' on llllH f raziono del ])e 'o
clelia bocca (la fnoco (o n ll'ia <l a l / LO n 1/20 ,-;ccon<lo il calibro) e
da el'i ,'w ,.;j PIl dednrre (Legli ol'cc- doni rispetto al centr o
(li gra , ' it,i,t.
b) ris pel't o all'a,;,e dell '(\,nilll <L (fig, GH), - l,'a,.;w (h'gli oj' ct-
dliolli pn i11('ontran" l'a:.;-;(' d('l l' allil1l<L () ]la ';" IfT al d i ,>;otto (Li
qne-;te.
Qllc4' ultim<t di 'iposiziolll\ U I'() a ppli cliLa 11 (' 11( \ (l,t fnOCl)
nei tempi 11a :'; :'i ati pt'l' 1l1l ,1, Il mgg' iol' i'\ upertlcio d'attacco degli
ore('(' hioni e11 corpo di'Ila bocC'a da e per ,.\"t\I' O nn;t flz iolle dellfl
])l'essiolle dei l'i lll fondo dell 'anima. eecontl'iut l';; petto ag'li
oreeell iolli o t' elldeute a (l alJha.;:-;are la (' ulatta, .ll modo da ottmwl'e
1l1l sal(lo apliogg-io di (l'te"ta. eOll!.!'('g'110 di pnnter ia l' Il pyibm'
ell e i l pUl1bl1l t' l1 tO.
N(-\]Je C'o"t r nzioll i pi r ct'oJlti (flg. 'IO), in,-(',('P l'asKo dI'gli 01'1.' (' -
ehi oil i ill( '()ll t.l'a l' a.Rse (l(-\ ll'anilll; L, si ]J II ottenere fl ppli c;-)lIdn
g'li zo(,(;oli c1'o l' (' ('chioni, 1lna, r e:-; ist ell Z() :-; nffil-ienl e (kg'li ol'eceliioni
,<.; ellZa. 1'il'01'1'(;I'( \ "I ripiego acemllla tu, dl e ha l 'i li('onn' ni ('JltH (li hl-
yor iro l'il1ljlol1nanwll to dell 'aJIll sto.
lJiamc/J'O ({('gli o)'(' c(' hioni : ([n del l'l' ilI i Illl.l' "l in modo (l fl,
dare la resistenza. in La,+o a.l la lH'elis io!le dei gas ,'i nl fondo
(leH'a-nim;1, al peso del! ;! Loe('a, (la, fnoco l' <I l meta.llo; in genere,
jH'], sienrezza, tale (la, J't-\ sisterl' allehe se la ho('ca tifi. fuoco con l' af-
fusto nOTl jJ0>;son o rineulm'c. P e l' i ('an no ni il di a metro i'Ofil
ng:ua.lc a L (:,libl'0, al quanto mi nure [)t'l' gli obiei e i mortai.
Per diminllire l 'attrit o culle ol'ee(!tioniel' o, le artigj ierie (li
ma,g'giOl ' calibro ll:.LJll1o ta.lyolta g-Ji ol' occhiolli mnuiti di piecoli
orecchioni sullo stm;:,;o i (]I udi appog,e:ia.lJO Nosteg' ni elai'lt iei
a.llph <,n.t i alle oreeehi onie r6, e (' lw t engono gl i orecehioni ROSj)llfl i
nelle ol'ecc- bi on iere, fa.eili bmdo (;o,.; la rotazione, lIlontre allo sp aro
lasciano prendere pieno appog',':!,'lO e o l'frire la. voluta l'esistenza
(fig'. 70).
dcgl'i o/'('('chion i : ili modo che la,
- - 61 -
;;;nl)(wJlc'ie (l';lppoggio tra oreec11i one o orecchionip1'iL sia n,I,!)al>tanz<l
gl'un dp PPI' ,1 \"l'.]'O nll <l 1111i!-;\1j ;t, Vi ('(' ol a" all o "('opo di
11011 ;: \ ('l'(> ()l' >f'elLioni nl't'. troppo UJllIlIlilltHP: in !lwdi<t (Li llIezzo
f'alihro.
] )(I)tico7((o . - In 1>o('('11e d;t 1'no('o (li t;Ll ibl'o nOI! llloho
" i ore('('llioni ('<.I\' j pe]' aUrggerillw,nto.
Gl i ol'Pt 'chioni IIll tempo " i faetw:Hlo dird j-a ment(\ :-;porg'(>llt-i
da Iln ';Il[wrfei(>, cii i Ild l'i c';[ (Lella boce, l, (la, f ll ol'o; i i Gl'ilJea Il 1-;lI
(iw(' ol" \\' 111 ) rl'o}'('('(;hiolli (fig. 71) 1)('1' aUIl WI I -
ram l a (L'aHaeeo, .., ol'[1' i1':\ nwzzo, coll a, loro ['ae(',ia pi<lll; t
e,(el"1;t (la1l" <ltmie "porge l'OH'C',chio tIP, (li tel1el'e meg'Jio a":,,(' ,,t:th t
l a, h O('(: ; 1 da f!1(H',o fnll e orneclllf} lli el' . ... \ quo:-; t o ;;; ('OPO teJl(lOIlO
<IIH l w (1<>i }'isaZli nnul((''i ,t lle (, j-Temitil (Log-li Ol'Pt \c hi liUi (rig' . 73 ).
Appendici d' attacco e guide per bocche da fuoco scorrevoli. L,'
b(}(( II (' da fllOCU 'illll<'\, elllla, lIrc,eJILallO
d .. lk [l:l l'Li )Jl' 1' l'nni ol lt a ll' o rg';lJlO ico (', l a gu id a lldla
loro t;tl l' c:a.
j,'atta(' ('() ;tll ' org',llIo t'lasj-,i('o i ott L'llli t o ) lel' lIl( ' ZZO di (JI /} {' I/di (i
(( ()('{'h i o sporg('lIti dal l a. (\Idat t-a., l' ('lw so no ai ;.!,'etLo ('ol!:t,
lOCU! da fncH'o o r:oll 'n1l'lllpnto :Ii ('(' l'cll
i
at n nL nh','lIo (Li ('nht!! oh,
o]lpnrl' [<lnllO ]J:trL' di 111 1 ('(,l'l'llio di <1 ]Jpli c;: (n n. <ln l(/o ('. ('<)11
ill c<I"t ru, oppnre anl'llo, m'll e 'Il'tig'liuri( :-;eIllJll i(' i, i II (.})..; ! l':tl(',
('olla \01'0 b ,I :W, ncll a. (' ul,,!ta ( fig'. 7:{) .
LI' :, O!lO (,aleo'ate il1 !J; I,S(; l1:, (lell'ol' -
g, II10 (I:I:>tit(); l'occhio ,;{' n 'l' 1)('1' il pa,>,-mg'g io (li a ,, (-o di (;ol leg;llnnllt 0,
dH' yj leu,-,:ono tv ('OH (htl i (', 15011 t rod atli .
[le apl)(e' lIdie i PO,'';OJIO llmt in (I,lto o i n
I) dnc, Il Ila Stlll(L'l' inJ'(>' (' 1111 <I ini't ;rjo]' e, e nu avere: t1wlw p i li o('('h i,
ill relazione all e P:ll' t,i('oJa,l'i UL dO!l ' 01'.!!:;tnO elasti<:o.
L, e yulc ')OIlO ,,;pol'g'e llze ; L zalll jl:L l'i n:1U; ili de ntro () in fUOl:i:
elle :t}lpogg'iano snllp li"ein (Lulla culb o le avvol g' oHo () 110 sono a\' -
\'ote, pN tntHenon' In- ho((: t (la fuoco f:i nll a, ( nl.l; t. Di solito Ile
l'i,,(,onk:ulo (',l'p o :]\1:1-/.(-1'0 ('_oppi p: 111m, ,,-Ila (',1I1aHa) di
ito r ieayabt (li gd1'o eo! l'pl{)] uonto (Li ccrell iatura, (11-
gura 74-), o enlb bou :;t, da fnoco lo altre tung:o l a bonnll, d;L
fm}('o, e qllC:-;t (, di fanJlo pa.rto di anelli o applieati a
ea1(10 () av\'iiuti ,'illlb, snperfi<:in oRtel'llf1 (fig. 7G). Talvolta. Nono
:-1n('11e applicate (:Oll yit,i tall oni Nj)orgen t i in b asso bocca d,L
fuoco (fig. 70).
- 52
Le g'l1idc Rono rivestite internamente di bronzo, per diminuire
l'at trito o eostituire parte di lir;1I1lbio, e sono munite di fori di ln-
brifi cazione (fig. 77) .
Tra le guide Rituate dalla stessa parte bocca da fuoco
sono fi ssate dell e lamiere iU delle li sci, guernite inter-
namente di feltro per evitarc l'illtroduzione eli poh-ere c materie
cstrane(>.
Talvolta si ha anehe ta bocca da fuoco sospesa ad una culla
disposta superiormente; in questo caso "oIJr,a, la, bocca da fuoco
(fig. 78) sporge una guirla con sezione a 'l' .
Quando la culla. a manictto, ossia a, foggia, di tubo entro
il qualc scorre la bocca da fuoco, hL guida dcI dat a
da umt o pi costole longitndina]i, disposte secondo un piano velti-
eale o orizzolltale per l'asse; in molti materiali, per,
non d alcun di tlpositivo i>peciale di g uida (fig. 79) .
Scorrimento su slitta. - In molti materiali la hocmt da fuoco
non poggia sulla, eull a direttamente, ma pCl' mezzo di una sl'itta,
la qnale porta le parti di attacco e di guida fmUa nulla, e su cui fi s-
sata, rigidamentc ht bocca da fuoco. Nclle a,r t iglicrie (li gl'OSSO
ca. libr tal e coll egament o per mezzo di st aHoni. c brache
tii>sati ai fianchi dell a slitta, e che avvol gono Supcl'iOremellte la
bOC<;Ho da fuoco, allogali dosi tra. r isalti amllC/l' i rileyat i sulla super-
ficie (li qllefi ta (fig. 80).
In boeche (la, fuoco di ca ibl'o millore, eil e ebbano esser 2 tra-
sportat e ::-:eparatamnte dalla slit ta (al'tiglinie somcggiabili)
ri<"il icrlono "istemazioni ta.Ii da, l'pndere as>;,ti spedito, fal il e e siclll'o
il colleg'alllento, che lieve o:., sere fatto al momento di llettel'C in
ba tteri a (fig. 81), (([t'I!Li a 7.ampH, sc,lmtlat,ll re O r isu lti , chiayj-
stelli , etc') . -
A Wl'. 7. - Artiglierie speciali.
ComlJl'Cll(lerenlO sotto qucsto nome tuHe II' COi> t l' llzioni at-
t 1l ate od in ist ll dio che diff'eriscollo in qwt,lclle lllodo dalle lil ce
g,-'nera,li l' sposte precedentemente, e che mira no nd ottenere spe-
C'iali e lIetti rli potel17,,1, o qu alche altro \ ililtaggio lld funzionamento
nell'impi ego.
Bombarde. - :IL un tipo di a,ltigli l'rt d\".,tiJl<l,to al tiro Cl1rYO
di proietti a. g'l'ande rendimento di e,<,plo::>iyo, a,genti ::mperfieial-
llente a ;,;copo lli di ;:;trnzione di (lif{' ,-;e ;1 (;oe;o; s01'i3, c S]1C(",llmell to
dei reticolati di filo (li ferro. furo no impiegate nella, grande
gnerra, per lo scopo Ul-a fletto, in sostituzione delle artigli eri e 01'-
(linaric, che periI loro numero relativamente e per le loro
caratteri,'ltiche balistiehe mal ili prestavano a qnefto specia,le
compito.
h 'l hornharde impieg'ate nell a g-randc guerra ebhero la carat-
artig:lieric c a(l alrneno per il
proietto; non sono quindi ehe mortai ad anima l ';ei a c rappresetallo
nella, loro costit uzione generale un ritorno all'antico. La ragione di
nna tale fu la necefsit di proy\reclere gli eserciti di nn
mezzo di distruzione dei reticolati, con tutta urgenza, e con gl'allele
abbondanza; si imponeva, quindi la (li
zione, qllale, del re-ito, si appnnto lo q nesLo
r<'liiede tiro molto el1lTO, di proietti a granlle t:\ quindi
con pareti fotti li, (l,L quindi eon piccole velocitiL iniziali,
con piccole cal'iehe, che permettono l'uso di in1.pennaggio poste-
riore ai proietti per oUenere una Ruflleiente stabilit wlla traiettoria.
Le bornhanle, jn g'tmere, sono costituite da li n tubo (li limit,ata,
eal ihro variahile tra :")8 mm e 400 mm.; i cal ibri pi
u:-;ati flll'ono: i)8 mm. (Dumzi l), 78 mm. (Van D e \1['('11) , 83 1111l1.
(f3tokes), 240 (Batignolle:-;, lnnghe, corte e allllligahili) , -JOO mm.
Tntt,p a(1 a.vancarica, mCllo gli ultimi mOflelli da, 2,10 a,llllllgabi li p
da 400, che fllrono a(t avancarica per il proietto, e a ]I!"I'
la ca,rica (fig. 82) .
I proiett i (bombe) erano costituiti da un involucro di accio
(li piccolo spesiiOre, munito di alette al fondello, ver illllwnna,ggio.
Quelli del cal ibro ,,8 non entravano, per, nell'anima, ma emno di
aRsai superiore al ctLlibro, e muniti di un codolo del ea-
lihro della homharda ehe introdueeva nella bocca (fi,g'.
Le hombarde presenta,no hL particolarit che hL carica
unita al proietto, c (b una cartu ccia ehe :si dispone in
un picuolo codolo dal fondello; al fonclo dell'anima
fissato lo stelo a pnnta (,Ollt ,ro il qua.le viene a hatten- la eaRsu]a,
della cartuccia quando :-; i ca,rica l'arma; si ha (lnind i inll1lediata-
mentc la partenza del uolpo.
Dopo la gnena la q delle bomba,l'de -itata
in esame, e in gencre :'ii la loro sostitllzione (;on armi ri-
gate e a retro carica, allo scopo di <1 \"e1'e ma.ggiore gitta.ta. e mag-
giore precisione: le bombarde CJ 11 indi rientnLl10 nel Cl lladro generale
delle altre art iglierie.
Supercannone. - 1--:1<1 la em'attpri i' til'a di'Ii;( gralldi",illl;1 ,!!.'it -
La ta, fi llperiore il i 1 UU KI1I" ottenul a faecndo IWI'('OITt'l'(\ ;Ii proit'tto
];1 Il1Hi''iinw parte della -;11a tr;'!ipHoria ;1(1 ( lt'\ ' ;l1 i",illH'
", II " qllali la. dell'aria, i, pitcoli ;..; ;:;illl;L
La dpll ;,: it d " ll'al'ia ;I 18 KIII. s lIl liyello ,l(,1 Il 1:1 l'(' l / I O (1i
qllPILl ol'llillaria; a ;j() KiH. 1/40; i1l)J'oiptto ('ll{' a gn.l!Hll'
;IItil udille con an,golo d,i ill e 1ina,z ione di ,.t r;o (' 111 1;1 gr;tlJ(le
eit' lw],cOl'l' er, il (le lla film t-r aiettori;;t qlla!-i i ('Olllt' llel\'llOto;
hL oocca "L fuoco deyp, C::; ,WI' (-' CJu indi atta a. la"cia/'(' il proietto l' on
gTHll<liRi' ima ycloeit inizial,-' l>, con a ngoli di tiro a -1 ;)0.
La r ealizzazioll e di nna tal e artiglieria f u cOlll piuta ,lai ted esc hi
duraIlt e la gra.nde g ll (wra o] (( Pari:-;er-Kanollp )) (fig', tl -l ),
d a. un ('an none a. 38J , nella c ni anima, l'n int,l'odotto a ;; l' ic'nra to
un tuho anima l'ig'ato, (li calibro 210 o 220 111m. e di IUll ghezza di
cirea 30 m.; a ta,le t nbo era ag'g'iunto un ,dtTO prolungampnto
lifiCio di 13 m. di lllng'h ezza ; si <ycya una lnnglwzha d'allima
di eiJ'e(l ] 70 ealibri. Il proietto pe::;ava eirea J 20 Kg'. (rigato e sO])1'a-
ogivato); la carica, soeondo <'lefInzioni fatte in ba,:-; p alla capaeit
(Ie ll a ea.mera, lnnga 3 m., era e il' ca 300 Kg'. di j)o!\(']'c, lent-a; l'i
ott.ell e, -a lIna velocit in iziale cIi 1500-11300 ml'tl' i,
Rigatura a pa:-;;..;o cOfi tante di circa Mi ea lilJl'i: (inc Lill uziollC -bO) ,
I! t mtto eli a,nima li "cia, tm evidentemente lo ;--;("01)0 di
ma,gg' iol'mente la senza otlriTe la d ella ripltlll'a,
ehe t' molto forte, (:-;el>lwJle l'inelinaziolle !-i in 1'010 di -d.o), I-a.nto (b!
l'il'hip(lere nel pl'Oidt.o l'impiego di dlle fa:-;ie di a lette (J ri ;; alti di
neciaio fl pol'genti dall a ,supcrfieic eilimll'iea , per a \'l' l' P Varti eondl1t -
I-l'iei ;;nfficicntclllente J'(' KiKtp ll t i.
PC'r lIn Ko" en'hio i Il (',1I1'\'a n1(>nto (leI I a [)O('('<I da fuoco
"l'a predisposta :snper ionll (-'nt-e, dalla Cllhlthl a ll a Il O("(",, ilna arma-
11 1.1'a ('o:-; tit-nita da t il' ant i e contl'nft1fi:s i,
Bocche da fuoco scomponi bili. - Ha.nno lo S('Oj)O (li l'ealizz<-1 1'('
111\;1 gT<lmlc potenza, ImI' e:-; sendo faeilmente l ras pol'tahili Il w\1ia nte
la in ])al'ti di pm-;o nOll sU]Jel'iol'(' ad Il Il d;tI-o limite
(a rtigliel'i(" :-;o ulI ',!!.'giabili , tnli'])Ol'to ili Jlolltaglla in !-!-('uen' ), Le
dilli( 'o lt 1))'incipali di tali eo:,; tl'llziolli sono: a :-- :-- ic\Il'an' l;t PPl'-
J'dLI. tennta g' ."; a,;; :..;iIlJ';l l'e la enz,! ddh UO('(';I d a Inoco;
af;:,; i e u l' are la o ntiJlIl it, (lella l'igatun1; (;011lpo:-; i;.-;io11(\ rigida e
beil e.
I nUl tentati vi fatti a ::; C;Opo nOll hallllo tino ad ora dato
65
(']11' r '; \ll tat i: la ('a:;" ::-i. ( ' l1amond ha ito 1111 (';1 Il 11OI1e da.
RO t'lll. da IUIa nllat ;\ (' 11Ila (',nlatt a, ;1 lmrdi
aY\'itati 1' \111 0 ('on Ull l' ma, a. "ite iJl tl' lTOt( a . a i'isie llrat-i
IlIt' (lianl'e ehi ;l "eth', p eon un anello oHllrato]'(' l'l'a
1( parti. (fig. R:"'l).
Prima d e ll a gUPITa (Hn2) s i (,olnpil'ono in Italia (lell e es pe-
ri r llze on obici (la 100/12 p 103/ 12 pl'Psl'lltati l'i ;'; lwt' -
1'iYamellte dalle Kl'uPlJ ('d Bhrardt.: ambndlW erano i-
('\lite <ln 1111 illo('UI di ('nlana n dalla \' olata, eolleg'att llle(!i,lllt(' ; 1 \ ' -
yitat l1r;l ma la giunziolli' ('l'a rana ne l!;l eame ra (Iella.
('arica e la el';j, (la l 1>0 ,';';010 meta lli ('.o (lo! eongpl-!.'l1O
di ehiu:mm; il Ve:,o dell e du(' varti alqualIto
lH',;,;uno Ilei dll e mode1l i fu adottato (fig'. 86) .
In ii i sarpblwl'O (';j,JHlOni da, l1ontn,gmt e a rti-
:;di el'ie pesanti co,; tit11it e da 1111 tubo a nima, snl ii i illvestonu,
a l momento d"ll ' illlpiego 1111 mani cotto di v olata e 1] no di c nlatht,
portante l'otturatol'e; i dlle mani eoUi /l ono poi coll egati fr a di loro
a yite int errotta (fig'. 87). Questo iiiftema, pu utilizzato
pra t icame nte, (l a ndo ll11a cOll\'enic nte celerit, di co 1H1JOsizio Il l',
a p p li calI/lO il prineipio del fOl'zamento negah"o (yc<1i ('0-
>i t r uzione delle bocche da fuoco ) oii:;;ia con un corto gioeo tra
tllho anima (' lllaui coHi <:11(' la. /l enza. iJl('p,p-
jJ<l IIl onti e senza sforzo.
In lng hil tprra ii i ha in sl'nizio un obice da, 9el 111m. composto
di 11n tllbo (li f'lllatta (:011 av \' ita!urH Sul :;;i illyeste in pal'1e
llil tubo di \' ola,ta ( ',0.11 1m ('olIare Sli e lli prend e appoggio lilla
g hi era ;1 l'oma,nd ata (la, 'l'ife l e dne parti
l' h e YOll gOJlO a ('ontatto ri iia lti e illtagli long it 11Jil1(di
('oITispol1 (le nti , in modo (l a poter esse)' forzati 1' llllO (:ontro
.l' a ltro mediallt e la g'h<' ra, pI' ri l' olo elw ii i /l pos tino d a lla
giusta pos izione l'dati"l, ne lla qnale le l'ig.'he d!.' lie dne parh-
i n perfpt ta ('ol'ri SpOII(II'llza (lig'. 88) .
Artiglierie con freno di bocca. - (Fig. 8U). - tOllO baii at' c
))rincipio di iihll Ha l'l' la p('cedcllza di en ergia, elI{' rima,n e ordina-
J'j(l.l llent e illll t ilizzata, d e i gaii che iil ugg'OllO d a ll 'anima. <lietro il
proietto, (' che sono anilll<lti <bL g r a,Jl(lissima forza yiya (Ja,t,;t la
lnro elC\' ata telllperatura I:' l a. note u ll c pressiolle (selllpre <]tmle he
t'l:' lltilmio di a tmo,;fere), per opporre lill a r esistenza, a l mo\' inte nto
(li rillclllo clellt bOI :ea (la fuoeo.
- 50 -
Il principio non nuovo, e venne (oltrech applicato in aleu ni
tipi di arma portatile automatica se non per limitare il rinculo
della canna, per la manovra del congegno di caricamento e sparo)
espoflto in Italia gi parecchi anni prima della guerra. Venne clopo
la, guerra ripreso in esame in Francia dal Oharbonnier e in Italic:
dal Ten. 001. Regii.
11 freno di bocca o autoricupemtorc costituito da una ap pen-
dice a imbuto chiuso alla balle maggiore da un fondo in cui 1>1'a-
t,icato un foro per il pa,s:,:aggio del proietto; vari altri fori e sfoga toi
a, andamento curvo sono praticati l'mIla parte conica in prossimit
della base chiufla ; tale ordigno viene avvitato e rigidamente fi,;-
:,:ato alla volata della bocca da fuoco : i gas clte seguono il proiC'tto
ii espandono nella camera imlmtiforme, premono ,mI fono chill ,';O
e sfuggono attnweri-\O i fori laterali, opponcndo!'ii cOtl colla loro
forza viva al rinculo di tutto il il rendimento dell'alJJ)a-
recchio dipende dalla l' OrIna della Kvasatura a imbuto e dall'anda-
mento degli sfogatoi, che debbono eisere stu(liati secondo le ('on-
dizioni dei gas a.ll'uscita, dalla bocea.
L'azione dei gatl sul freno !'ii effettua quando il proietto "bI
per abbandonare l'arma, e questa ha gi acq ui:,:tato quasi la ma,,;-
sima velocit di rinculo; eS,':\::t interviene q uinc1 i per aRsol'bire una
parte della forza vinI, di rinculo della bocca da fuoeo, indipendente-
mente dalle resistenze che ::;i oppongono al movimento retrogrado
(li qnest11; la bocca, da fuoco pu quin(li c:-;sere (l,l'restata in uno
lipazio pi brevc o con re1:\istenze minori che 1:\e non fosse mllnit,\
di freno. La questione quindi interessa. prineipalmente la. cORtrn-
degli affusti.
N egli esperimenti fino ad ora espguiti 1:\i 1:\ arebue rius('iti a.
ridurre l 'energia di rinculo del 40 % circa in cOlltlizioni fayorpyoli.
:L'inconveniente del sistema 1:\ ta nella groiRa neeesi'ial'ia
per dare all'apparecchio la voluta resistenza, appl ieata alla estl'P-
mit della vohtta" e che ne favorisce p: li incllrvamenti e le yibra-
ZiOlli allo sparo; inconveniente tanto pi lientito quanto pi
lunga la bocca da fuoco, o::;sia qua.ndo ]Ji utile l'impiego del
freno.
Bocche da fuoco a due calibri. - t)ono una. ;t,pplicazione ciel
principio di forzamento negativo e la loro ideazione dovuta al
T. 001. dell' a.rtiglieria francese Rimailho, ehe gi, nel 1912 feee
costruire da.lla m1Sa. St. Oharnond un modello di tale materiale che
- 57 -
(liede alle e"perienze buoni risnltati; un obiee da 120 ineava,lcato
su un affnRto a ruote <l, elefol'mazlone pu rieevere nella flua a nima
11n tubo pi lungo e byorato internamente eome un eannone da
,il mm. , e fnnzionare quindi a nche eome t ale, faeenrlo uso dello
'ites'iO congegno di chiusura,. I-,'introduzione e la eRtrazione del
tllbo cannouc neli'obicc facili sflima in virt del gioco
fra le (lue part,i.: quando il tubo cannone non introelotto nel-
l'obice. a:-;:-;ieurato al di sopra di questo con apposi t i
letti, ill modo da, non cambiare il peso dell a IllaS'i<1 rinc.nlante,
)ler un r eg' olare funziona mento del freno h spa,1"o.
Bocche da fuoco multiple. - Gi nel secolo XVII e anche
si trovano el'lempi di a,rtigliel'ie di td genere, e1w \-engono ora
propot'te elal Ten. Col. Himailho. tratta di rtuc o anche o cl
bocche fuoco, collegate rigidamente tra eli loro oppure rica-
vate dallo biocco e montate cm Ull ordinario a rnote
a deformazione; le varie bocche (la f uoco spanl.llo fl u ccei-ilSiy;-,L-
mente: il gmnde peso del L Ill<1S,-SH, rincula,nt e limit-a la velo('.it
di rincl110, c qnindi g'li anmenti ili peso che snbirebbe l 'affu'ito
]Jer la culla ili sostegno e scorrimento del bloe(:o dell e Cll,lIne
non sal'ebbero molto g'l'<tlldi.
TI ,,, i "t-ern a, proposto eFisenzialmentc per le ;Lr t igl ierie ] cggere,
nurer ebbe Cl concentrarc ill nn sol pezzo la pot.enz<1 di f noco di
una, batteria, intera, coi conFieguenti nmtaggi di economia di per-
sonale, di dirninuzione di lunghezza delle colonne, e a.ltri di ordine
tattico. Si g'ara ntirebbe ,Hlehe l 'economia del consnmo di muni-
zioni , e quineli il prolungament o delht vitl:t delle cannc, pur
hmdo nna rapidit. eli t iro sufficiente, e ugmLl e H, normal-
mente ;tmmi s:s ibile IleI' lill a ba,ttel'ia.
A ta.li \' ant a,ggi si contn1pPollgono yari incoll\' cnienti: peso
del Vezzo troppo forte iL da,nno della. mobili t (a
ci si potrebbe rimedia re col traino meccanico); possibilit che
un solo eolpo nemico illllt ilizzi t ntto il eomplesso; impossibilit
clelIa. a,ziollc (Ielle quattro iII momenti in cui '
necessa,r<,L un' azione specialmente intensa; dittinoH. di correggere
le eventul,li differenze nell e qu alit hali shehe (lellc canne rl erivanti
da diver so ISta,t o d' nso, ec(:.
Turbo-cannone (fig. nO). - Il principio :.;n cui ba,sato questo
nuovo tipo sperimenta,le di art iglieria quello di sfrll ttare dei gas
prodotti ,lall a ci'iplosiollP, non hl llre::-;::-;ione, che agi sce ::-;taticament(' ,
ma, la grandiss inm forza viva da cui sono animaLi, [a('l' lldo nrtare
trll seinare dinamicamente il proietto.
Tl a <ttt llazione di quei'ito principio, che per l;t i'i ua. 'lllu.log'ia eOll
(lUello dell e turbine a vapore ha av uto il nOlll e di tlll'bO-e,Wllone,
dovntn all'ing'egJwre francese Delamm'c; il cannO!le <I,\'1'el1be
lllla camera a poI vpre rdativamente grande, e tCl'millallt e in ayanti
con una ::-;trozz[tt ura; il proietto, nell'origine dell a C[WJl<l, seU7, (t for-
ziLmento, avrebbe il fondello alquanto distante dall a stro7,:l.utura,
e nell'anima, tm la stro:l.zat Ul' a e il fondello del proietto ;'ilLl'ebbel'O
aperti degli ampi canali di sfogo con andamento cuno all' in(lictro.
I gas prodotti dalla carica ::-;i spingoJlo con graJHle yelocit , -erso il
proietto, yelocit ancora aumentat::L quando dalla strozz, t-
tl1l'a, I1 rtano contro il fondello, spingono a'vant i il proietto, e in
parte anche lo sorpasserebbero, ma i.ll gran jJarte
all ' indietro per gli sfogato i.
Con quei'to sistema si potrebbero realizzare i seguenti
pressioni (o anche nulle) lungo la callnacqnind il eg'ge-
rezza della bocca da fnoco'; possibilit di grandi "cloeit iniziaI i
(secondo l'antore anche fino a 1000 m,); po::-;s ibiliUI di abolizione
della riga.tura e del l'incnlo, e qllindi sempli tic<zionp dell' aUnMo.
Gli esperimenti fino ad ora eseguiti han no dato alq nanto
inc di: in ogni modo si pn osservare che per ottenere i vantaggi
enunciati OCCOlTono pef->i (li carica molto superiori (pi di due yolte)
a quelli attualmente in li SO, a. parit di effett i, e qne,,,to difetto
capitale tale da nOIl e:-lse l' e compensato in alcun 1110do, dato che
la provvista della. pohere per iJ mu nizionall1C'nl0 rapprei'cnt a,
anche ora, forRe la spesa pill gravo,m nell ' allc::-;t illlPll t o di un mate-
riale d' artiglieria.
Cannone-obice. -- - Recentement e stiato propo"itu e alkst,ito
d,dIa C:t da Schneidpr lllJ ma,tcriale campale Icgg'el'O da 8[) mm.,
att o a servire sia cOlne cannoue per lanciarc COli Va =- m/s
Ull lH'oieUo lwsallt e J Kg., sia co 111 l' ubice J)l'r la llciare ('0
'
) \"0
(h, 2.-; 0 a 6:) 0 m/K I1n p roietto di Kg. 8,8. ottefll'n' uua densit
di cai' icamento convcniente ]Wl' ]a rf'g'ohuit dpl la di
cal'.iehe di })e,o molto divPl',"i o, quali sono -quelle ])<:'1' C:tllllOJl(' c ]Jer
obice, la canura della ('ariea (> stata in (.i11\, ll<llti, alltel'ore
e jlusterlore: la, camera po;.;tel'o!"c 1m diHllldru alqllanto ,'mperiore
a Cl nella an (eriore ed a qnei'ita l'a cc orda t a COll CiupPl'licil' conil:a, l
LJl'nlnUi [ll'sa,lIh h:UHlO la ('O]'UIl ,L di fUr;l, a l1W llLo di d ia lfl dro normale
c jJO:-;SO llO quindi esscre spinti tHO all 'ol'igiue dell e righe,
qni ndi un a ('811101':1 di gra,ll<le \' oln1llP per le groSSl\ C'm:i(' IlO Il eces-
sarie pm' i l ca nnone ; i proi ett i leggeri (per obice) ha1lllo I ;t corona
di dia,metro tal e (b arrestata nel t o fra l e (lne
camere; r ima nn qnindi 1(' picnole> ca.riehe cLell' obi((" nWl, camcra. eli
vol ullln miliOr(" .
A Cl nesto proposit o a ll e ll e (la, aeeennare a( L llll,l ]J1'0llosbl
dello elle pel'lllct tcl' E',blw di UHfll'e nell a, bo(;('(\,
(la f noeo ]Jl'Oie t,t i di lung;hel\l\o mol to (liven:e con " plocit, ini7, ia li
a,ll che mol to din'l'He; p, ehe 1'i ('. lI ie<1ono quindi (t i r otazione
I proieU i Ha reblH' l'o J'i).?;ati: la bocca, d a fu oco a n'ebbe (hw
una a forte indi nLz ioll o, p er i proietti lunghi a. piecole
voloeit- ; l ' altra a pieeola iudina,l\ione e in xenso OppORtO a lla
prima per i ('orti (' a g'l' a n(Le veloc it.
ARTICOLO III.
Congegni di chiusura della culatta
AIIT. 1. - Generalit.
I congegni di chimml'a della culatta si com11ong'ono i'e-
guenti parti:
a) otturatore; blocco di varia forma dmltinato a cotltitnil'e
colla sua faccia anteriore il fondo dell'anima, prendendo saldo
poggio nella culattl1 bocca da fuoco;
b) parli destinate alla errnetica; sistemate fra ottn-
ratore e fondo dell'anima, in modo da la sfuggita tlpj
gas della carica;
c) congegno o dil>pos'itico di rnanovm dell'otturatore; Ple-
mento importantissimo nei riguardi della del tiro, e elll'
comprende le parti destinate a ottenere imoyimenti dell'ottura-
tore necessari per l'apertUI"<1 e chiusura, della eulatta, ed eventual-
mente anche quelle 11er l'allontanamento delle parti de!'ltinate alla
chiusura ermetica, quando debbollo essere call1bia,te ad ogni colpo
(bossoli metallici).
"Questi !'lono gli clementi essenziali, ai quali vanno ordinaria-
mente aggiunti altri elementi accessori, nUt. pure importanti nci
riguardi delle celerit di tiro, e cio:
(l) il congegno di sparo, o dispositivo per l'acccnsione dclla
carica;
e) i dispositivi di sicurezza, che tendono ad in-
convenienti vari che si verificano nel tiro rapido, c che SOllO quindi
caratteristici delle costruzioni moderne;
1) altri meccanismi e dispositivi secondari, per facilita,re il
caricamento, pcr comando di apparccchi scacciafumo, pcr arrcsto
di proietti, per ottenere il caricamento automatico, ecc.
- 61 -
l cOll gegui di chiurmra s i cl asf:ifi cano secondo l a forma dell'o t -
t ll l'<lton' , il di chiusura ermetica" e secondo ht
11l<t .llO'T'L
Forme di otturatore. - L(, forme (li ottl1r:1,to1'o Sl possono
l'<lg0.'l'ul) pal(, in hpi fonda ment a li:
1.0) (/ l' i le: robnst a \-i tc o ci tane a,vvitabile in
t: hioc(iola o a,ll oggiamen t o rlcantta n ell a. cula l ta (;ol1'asso SII I
prolungame nto di quello <1elL'anima. o a, quekto pa.I'a,ll elo; quando il
y jtollf', (' strat t o d a l suo aHoggianwnto :-; ostenut o da un sostegno
cllll e,!!:ato a lla. c nl att,)" ('he permette di spm;tare l ateralmente il
y ihHH' in mouo d a, ]aseial' (\ apcr t o e lihero lo sboeeo pOfiteri ore (1 1' 1-
l'a me n10 per esegllil'o j] clIl'ic,tlll ento;
20) a CI/ Il eo : (',nneifol' me scorre \'ol e in lilla, apel'hll'a,
IT<l,; Il or mal e a,11 'a Il i IlIa, detta, ,mell e morl'isa, (\ ch e co:'< t', i -
t lIi s('o il l'o Il (lo tlf'lI'alliltl <.\, ('olht f accia a n terion' (!1ta.lldo t',
tutto Il l' lla ll10rtifia , (' la i 11\ ( ' (;1', qwmuo cs1il'a,tto,
J per il ca,ti ca,1l1en1' o a l'.tnty el'::;o un foro () d'i cal'i(:rt -
/l U I/Io j).I" l1' (at o nell a (':i l l'('WI 1' 1Ibtta, di etro la 1ll0r1iisa in prolnn-
!.;"l llll'nt.o JdJ 'a,nima.
;) 0 ) Il b!oeco : l>1()l' cO d lilldl'i co o sfl' l'il' o o di a l1ra fOl' nl<l ,
,lt-n(m (;OLTi :i LJOlldl'Jl1' p ,lll oggimll('llto dell a culat.ta, a.j- -
ti U'1l0 ad 1111 ,1::;;';(' Ll',u\"ul' ::; n.Ie l ' 1100lllale H (lltello d l:' ll 'a.lli lll<l., Opplll' l \
:1 I[lwsto parallel o, ili modo da LJoLt\1' mediantp .1' 01;\-
zinll(',', (lun jJo::; ihioni , in 1111<1 dello qn ali rislllta,
d a l bl oc('o, e 1l.(' II ' a ]f-,I';!' illH'('(' (lue:-; to jJTcRcnta, in corrisllo nunza
ddLln il lla Illl foro Il li ll a elw llcrlll et. h \ il Ci Il' iC<\,ll l<' ll to.
i\ ei l'ig ll Hl'tli dc ll:t. Chiusura ermetica, i ('ongegni (li l' ltin slLl' a,
il dit'l'ni SUllO I II I 1 i Il(' 1 si:,,f' Pllli l, :I forZi l.Jlwntio :.Ln tollla,1',ieo ]lnr e: .. qml1-
"'lllIW (bossolo 'rncl({{{iC(J) Il pel' eOlllvrcssio ne (anello pla.sti co);
]I l'l' il SlllW h lHora in :-; ('l' \' i z io :I ltigli ('l'jl' nntiqllal l' ('011
(' !'I I Id iCL) <I l'o l' Z: Il lHm t' o m i,; I' o,
la manovra p\l eH:"Wl'('. oU(\lluLa ill l'ari 1 ulI l] )i SlI ((I '.",:i\' i
('[aSelillO ' I. d 1111 111O'\' i111\']1 tO d ell ' ot', hll" tOl'(\ (l' d, (' \ ' ('11 -
I lI al lll l' ntl' ]1('[' 011('.111'1'1 ', il fO],Z<llllCllto i nihi,de) , oppllre in Il li sol
1" 11l]J0, (' on Hl)i l ;i ol" <lziono f'<.I.p idil (luI :-;en ;elltl', coll;l' t{lIak
" j l)]'o(lm' o Il 0 , CO]] d i;-; J)(lsi,1 i, ' j acl,tLLi t Ili li j va,l'i 1110" ill;(' llt i (lull'ol-
L lI1'at o l'l' i oppul' e ,lllclll' i \ ' :Io t i JllO" illli', Il t.i possono (,;isen,
- G:! --
non lill a aziolle. ('ont-i Il Il a. ('. dd :Wl'\t' Jl t \, ;I d 1111 \' olallt"ino
() l1MIHlbrio, Il;lllno qnilldi:
<li a mano/,'i'(( onliuaria, iII dll e /I pi
11'mpi - !Wl' 1(\ ,ll1hqua1-e;
(li ehiu'ilIl';l , l Jn ' UW/'J'Il i'Illlir7, (, 1)( '1' In <Ll't i.2;l icl'ie
mOdl'L'llC, di piel;nlo !111\llin (' ,\libro , 1\ t;tho!t;1 ;lIlel! n di gTO'; .';(I
l'alil>1'O;
(,o llgcg'lli di ehi Il 'l nnl, ;\ IIWIIIJ CJ'fI ('Oli/in IlO, pl'1' k m'liglit'l'il '
Ili gTO,;,;O l'n.li hrn ,
TJ ,L lllanO\T;t rapicl: L pn! all(\he sC/nilllllo/llllli(' /(, (} /(1(10-
primo (:a"o, ]'a)J0rtllra o;;pg'niJa ;llll;t1lO, (' !n. (' 11 i 11.-:111' <1
;I.\'\'inl1(' allh)1l1;1,t,i( :alltc' n tn qllaJl(lo tI CO I1 l])ll1t.o il c:aric<lnwntu,
rsc(' ow!o C;t,O, <tlldlC \ Ott.cllilla,
colla in g'()Il('l'(', (lt\! lIloyillll'nto di ],i1H:Il]o d,pIla. hO('(';1
I la f noco.
La 1I1;IJlOlT;1 ('()llt-illlla, in in:-;t';llazioui IH1 \'. ';';{'j'(\ otre-
. llnta co n 1I1.0/l)ri idraulici () elett r i,
Condizioni a. eni rlC\,' OIlO soddi "[;)'l'e i di
oltre alb eowliziollO e"cllziaLc <l eI la, (:hil1.",n )' ;1 Ul'llldi l'a, () (Inl Ll, :"ta-
b i 1 i1 a li o
:,;olirliUt (leU' iIL.,icllle de! (',ollgUgUO e lielle l'<tl'ie parti ('he ll
('D:-; t. i 1-. n ii'l('. I)!lo ;
(li ,111 altl'l )
LnlJJ;,l ,via lilla qua,] i UL a,';'; Lti iu eong<,glli bui I ic' i. i i
pi(\(;olo 11llll1l\l'O !l;-wti, c!H' !';-lf', il it,t i l'ifot'lIlme11 1 i ;
i'lClllpl i('it , f;wilit. e di manona;
rsC;nrezz,L d ' illlpicg'o;
fa.(' i I it<'1. di r iealllbio delle pal'1-i elle, ]le1' akl1l1 i oJ'gan i ,mi ,
eome i cougeglli di ,'qml'o, deve pot\'.]' etIdt uar"i ;1 cnlaHa
a.llo S(\Oj)O di potere, in oa:-;o di guasto, pl'ov-,()clel'() altit riparazione
S()UZ<l. cl}( \ (! pl.'irc l ' ot tl1r<lt ore (lopo nno a vnoto.
Aln. 2. - Chhlsura ermetica.
Sistemi a forza mento misto. - BOllO in nso <I.n('o1';I., per qua.lc!w
arliig'lief'ia antiquata, :-; i<;temi ;L e i'l i..,temi pi atto cd a.nello.
Sistemi coppn (fig. H2), - Un,t eopp"t di eon ln,b b1'o
sottile fi.:,;::;ata COll larga vite <1. 11 a facc ia, ;mtel'iore legger mente
eonve:,;!m <li un ottul'H.tore ;t \' itn: il ]aobl'o, nell a chill sura, si for za.
- --
pnlm 11n ;l lwlJo di 1'<1,I1W ( l'il' ;Llllhi o) ill ('H.; (r;I,to lH'il' atl illl a; la, l)l'(','i-
dI,i g;l'; t'a ill ('III'\";ln, 1;\, ('O})]>;\ ('. ;1(l(' ri l'n (,olllpJd<l,III('lh' il
hthl l'O ;dl';IJlPllo (l i 1' <11111' (;11'1 ig'lil 'l'i<t d :1 ('l'';li! 1'1':i- 1I ('"("w; ,Il'I igli('l'i('
l111(illl1:tl(' dell" llo.; 1 l' a \\ ;ll'ill,I) , L'I Yite (:> 111lIg";1 qn;llllo l ' ottlll'l ltUI'O
pii i.' forala lOllg"itlldillltlllll ' l1h, dal 1' 01 ' 011\ ' ( Ii.,g",
AI/l'fio ('sl l(li/sil'o ( li ,Q', O:) ); di ,l (;('i<lio (' Oli bordo " oltil(" fi ,.;.;;11 o
('O li IIIl pi atto (d I'Ho J'i/r'!/ I/O) illdli i\\-a]'(];lIo ,Illa fa ('I 'l" ant('rioL'e
Il('II'ottlll'atOI'(' ,I \-il (': fU IIZi oll<l ('Oli Il ' ];1 ('OPJll fn)' ll (!p,.;(', appli -
('al o ]l('ll( 1l0,';(I'( , <l l'ti;:.o,li"l'i (' ([;: H-nt-iq ll<ltn, fil l 'al1ello
p"pall ,.;in) lIOIi l' llppl i (' ato di n ' t-t.a Illl'lI t" ,d l ' ott lll ';lIol'(' , llllL ,lI l 1111;1
t"('.;i:1 l i c-:('o id:l! (' lllllllit", ;1 di ('odoJo ell(' ;tftl':\-n\!',.;a !'oili ll raton'
lilll!!'O ]'<1 '; ';(, ,' d i , IT,I I 1('llldo (la, nn d;l do ;t \-"il<lI o, IJ'aJl ill];t. 11011 II; I
;\111'1 [0 d i 1';1 111\ ' f' !;\';IIl H' l'ii(,j p dpll ',dlog'g';llH'lllo d('II ';Llll'l lo (' I;p;tll-
" i \'o (' kg',!!' I'-I'IIH'llt(' t l'Oll('O('oni e;L; \' i d!l e i , lIllO
(, d i di ,tllWi l'O alq ll ll,l l a ill[(',l'iol'o :1,1!'ahl'O, quanlIo 1'<l I'I",i-
gij(' l'i a i , 11 1101 a ,,< i ]"allogg'alll('lIto :tIlI(' ]' iol'("; IjllalHlo
f; :t lI-.;ato ,-.; i illpit-\g; t qllel l o (' ;II11biando II<Ltlll'1I1lllente
("p,.;la li l 'odolo, allello l''' P;lll sinl (' (l. li (' Il e il "i h 'g'llo (kll \ tt1l'1 Io per
11011 por(;ll'(' \ al' i llziolli al \' Olttll W (l nl l a ramm':l.
Qlll' "ti si,h\ll1i ill g' PIH' j 'C pinttoshl d('l i(, ;tli, JWI'(' It ba-
,.;la no pil' ('oll' :lllllll :l('bllt lJ'(' ([('I l:lbhl'll pel" jJI'O\ 'O<:lll'(' -;fng'g: if(' di
,!!';!'; " (';t! t i \ 'o f IlIl ZOII ll-IIWll lo, (\ obblig';), ;1 ('Ulllpli l' :Lzi olii P (\ I' il l'l-
(' :lllillio qltlllHlo si" log'mato l 'all ng'g-i l tlll (l1l.o d(II'anilila (doppio
;Lll.dlo Jl(, l la JlO"tJ';1 art i!.d i('l 'i,t da ftilJziolw IJOll u ali"
pil'l'oll' PI'(' .; ,.;iOlli,
8is(l'lII/ IIttlO ('II II n('17o:
A /Id/o BJ'O(((/ l ccil ( fi ,!!', !tI); di 1I,C( 'i ;IO (] (ll( ' (,; 'i 1Ilwd ,'i e
sl't'ri ('a per pi Lt<:ilu <I ,(l al tall wl lto allll sllpcrfkit, i lltel'J1<t ]Jurf' s!'p-
l 'j(' a, , L<:,ll ' a.J1 o g',Q'ia Illl' Il l o d(' l t': t,llill l:l', (La.lla qu ale sporge alCjnan t,o
indietro; St;;III :tlaLlIm aH' i nLerno per l'(' IlIIl-l'l o lll<lgg'iol'-
menle ('];I..;t. i('o, facci", !lO,'; I ,. l' i<l 1' (' piHIl:I, ('<1 l' :,<!thlllll'ntn
l ' le\-ig'at;t; il 'l/i (t Uo oftuJ' (l inrf' , POl't ; tl,o d:tlPotllll'<d", on', ('OJl bordi
piall i e plll'l' mi :tUa1l1l'llt n 1' C'( ,tit<' at i, n l udg<lLi, ..,-iUlI t\ COlllpl'USflO dal
tOl'zanwntu inizi ale (,ont l'O l'anello, nhe l,i l'm'il <1, n el ,'iIlO a llog'g-i;t-
mellto (' ('onl l'O il lJi:tl"to,
La, \';wei'l' pill,Il;!, ddl' alwllo 1m a,nellO (lelll' anulari
ntc:eog'i ierp g';t :.;, u\'nnt !1 almente i_
Anello Pio/'ko1VSki (tig. 9i'i); an a.logo iLI [)l'cemlcnte, da cui
(liJTeriscc p cr a \-me :mpcrfieie intCI'lla, e la fl calluhttlHa,
- 64 -
li gola, sulla superficie esterna; questo un notevole migliorament o
perch aumenta l'el asticit, dell' a,nello, che funziolUL assai meglio
dell' anello Broadwell; il em usato in tut,l-e le nostre arti-
glierie da, campagna, prima dell a adozionc del bossolo meta.lli co.
In tu tt i N, temi a forz amon to misto pu avvenire che
il inizialc, per deformazione perm:mente (101I' ane110 in
seguit o H, luugo uso, sia defici entc e qnindi fa ccia mancare il fun-
zionamento (li t nt t o i l f ist ema. q11indi necesfal'i() che il fOl'z a-
mcnto inizi ale Kia controllato e mantenuto colla, nULssima cura,
ci che Ni ot tiene di sponendo, nel caso di forziLmento defi ciente,
dei di>:iclli di 1':111)(', ot toni' o an che di car ta" in quantit e di spessore
convcnicntc tra l'ottn l' at ore e la teNI-a a, corLolo, oppure diel-ro il
piatto ott urat or e eoi :-; ist,ol11.i Br oadwoll e P iork(mski.
In que;.;ti duc 11ltillli sist emi ogni bocen d:1 f uoco JI1uniLl ll i
llUl1lel'0;S C serie di piaUi c anell i; in ciaKelllla, :s ('.rie i.l jliM,to o l' anello
KOllO esa Lt a mente l' cl-, tificat-i l 'uno sl111'a1l l'O c eont rad(listint-i ( ,, ( )Il
uno ftesso seguo (let t or a o numero e matricol a dell a boeca d,)
fuoco): [og'ni lJCllo va impiega t o Sl'Il1J ))' (\ ed col
piat t o c in cn,so di gua,.;to dpl l'uno eLcv(' cambian
anc'he l'a lt ro.
Forzamento automatico per espansione. - altuat.o oggi col
hos::>olo mct a llil' o, da cflmbiarNi ad og'ni colpo; il lJoss010, appog'-
giato po:-;tel'iorl1lcnt e all ' ott un.tor e ;.; i dil ahJ, ";01 t o l'azione cLell a
pn \tisione (lei g':lN (:lw Ni sviluppt nel fi no illt crno, a(Lel';.;(;e pel'f'eU,I-
mente a 11:1 eaill el'a, i 1ll j1t'(k udo :.; [ng',!?,' I,a (Li ga:-i, p, l'ipl' PJ)-
cLendo wlJ il o t1op o In Il imonsi oJl i primi I i"c IHl() e>:i:-iere
;.;('nZ, I, ditficolt , qna ndu si :J,j Jl' C la cul: !H,1.
}-:o8soli mcltlllic'i motlcmi ( fi g. Vli) . - j-I,11l1 1U j'ol'lna \( \gg;('l'men t(>
trollco-coniea. per agevobJ'e la 10]'0 lntro(luziollt' e
estrazione dopo ogni c olpo, il fondello eOH rolll1;s t o orlo per dal'
pr e:m alI \.,,,t ,l': Lt t orc, ch e IHl provoca l'c;';j Jll b ioll() :tll'aperLlI}';t, dcl-
l' ott uratore, e al ccnt,l'O dpl fo ndello un alloggi:tllll'nto a, ehioe('iola
per l' in llC:-i l' O :, pel'ensf-l ione; 1(\ pareti hiUUl O SP(',"sorc uni"!'oJ'!1w
X' cr RO l'orifizio c aIqmwto ma,g'g'ion' Y C'l'ciO il j'on(lp.llo, al
qua,le sono l'<1('conLat\' (, O!l superficie CUl' Y(I, ;,t,Il o l"coJlo di ,LY(\l'
umL i'lezin lH' (li mag:giol' i n un ]JUut o doyc l e pJ'( 'sli ioni
h anu o il'('zioll i di\'el's(' c p osllono quilHli [Jl'o \'ocare pi f':willll ClJ1 e
umL r ottlll'a , l'ome i nf' aHi si \' erificato i n pratic'l. L'od o t1l'1 JJos-
sol o da tC'l ll'l'" i fl ottile, ] >01'('.h6 1'0. sa Lldlllll'nLe (lilat.a,l' si li() tI'O r;t-
-
azione di pieeole pressioni interne c aderire perfettamentc alle
pareti della camera, fino dall'inizio dello svolgimento dei gas,
ma deve anche consenal'C una notevole elaRtieit per non defor-
marsi permanentemente, non rimanere forzato contro le pareti
delhl camera e resistere sen;r,a accartocciarRi aUe elevate tempe-
rature; quindi necesRario anehe per l'orlo 11n certo spessore,
ehe favorevole anche per la. riealibratnra del bossolo, che l'i
eseg'uisce dopo 11ll certo nnmero di colpi. l'peeialmente
"ario un certo :-;e il proietto unito al bossolo.
l possono corti, e capaci di contenere 1'010 Ulla
parte, della carica, oppure lunghi e contenere tutta la carica, e
possono anche essere permanentemente uniti al proietto (vc(li
( :'Iluuizioni, Carto('ci ).
La eamera del hostlolo ha t'orma trollco-('oniea nllalog:,l a
ql1dla <id e :-;bocca nell'alloggiamento (\01-
l'oHuratore, con l1n illeayO anulare in cui si alloga l'orlo (leL fon-
dello del bossolo, oppul'n ('on un risalto ,wulare q naIe si appoggia
l'orlo del fondello.
JIetrtllo pc/' - Deye dilatarsi senza rompersi f'
deformarsi JWl'manentemente, dcye c:-;ser0 quindi ela:,;tico e tenacp;
il! g'l'nere fino ad OTa si wmto Fottone per la f:wilit (Iella Ja,yora-
zione e per la, sua facile conNel'va,zione; Rebbene per il funzion;'l-
mfmto sia preferibiJ!' l'ae(jaio ehe P(W troppo costoso e si ossida
facilmente; l'alluminio potI'ehhe ancllO licrvl'n, ma non funziona
bene alle cariclle. ('OllP ripiego, in tempo di guen<l si
anelle il l'aJlW ])('1' i l e01'po del bOC,;olo, um col fondello di ot-
ton(', e anche il ft\l'1'o periI fondello, ('on corpo di rame o di
ottone.
('ctrotterisi'iehc di'l sislt11W IL bossolo metallico. -- D la chiusura.
anche con pic('ole i:lerve anche per la, conserva-
zione delle cariche; lilla grande celerit di tiro; adatta-
bilo a qualsiasi ti])!) di ottundore. Per contro, un siRtema costoso,
c ingoml,rante; que;.;tj ultimi ilH:onvenicnti si f<1nno sentire
tall to llel]( artiglierie campa.li che (leb bono trasportare un peso
mOl'to, c elle dopo un' azionu aJqn,Mlto si trovano il
tprn'nn ing'ombl'o C011 quanto nelle art;igliel'ip, n<l-
yali. quincli C ii:ltmna, ,Hlatto ,-;pl'eialmel1te per le a.rtiglierie
(Ii pic(:olo calibro 1'01' le quali gli inconvenienti sono attenuati
Ilei J'iguardi (leI dell'ingolllbro e della spesa" e che riehiedono
1111 hl'o assai rapido, faYoL'ito da.lla (li unione del pl'O-
Voi. II, -- Armi da fuoco portatili, ecc.
- (1(1 -
i etto al ..;olo, l' h p l' CI'IIH'1 ti' il ('al'inllllenio -; illl l llt ; lllen dell a (.;t-
rica t', del proietto.
P eso Ili aicnni Im,sflli: obin' dii 13 (1IIUgO, S('P111'illo diii pl 'oi('llo) kg-, O,ti/li
Call ii. da 75,i':!.i: Illlilo;1I fJl'oidlll: kg, 1,1 70: oiJir,edil IW' I :! ('01'10) " t, 880
" J;)'::l /37: (1 1111 1-(0) n,7'2IJ: ('111111 . " (1i IIlgO) W.iiO
( 1(ll1g0) :r 'l - : "bi('(' " Q,:!O/12 (1iIIq.W) ;,':!. -
Tutt;rda ]'i ";(, ()ll t l' ;lIlO ili g'J';tll Ill11I1PI'(1 ;( 11('1'1 (' (ki
ma,,, ,,inli ('alibl'i iJ I Il H I ('OH La It- (li (',II i I l';Ul'a m'llH't i(a.
;-;p( 'eial lnente 11('11<, ('o"t"I'II ZiOlli HII..;tri;t('II ( (' t (,dI' ,..:(' I li ',
(./ti /;1I8soli. - l/e.;t l'; lz iol1l' e 1'(',;plI"ioIW d('i
soli dopo ogni ('opo i dlptlllala m('diant( ('onge;.!'ni applica ti
a,u'o(1111';tI' 01'(' eli(' fllllZiollllllO;il t('l'lIli l1p dI' Il a ;qWl'tl l 1'1I (' "i 1)(I' ,-;(I! 1I '
('ol\ " i (ll'rare (,OI1H'bl('('nti }JH!' tl\ (1('1 (' ollgeg' J1o di II I ;IIIO\ T<I,
('011\,('11 [\'II t( e!tl' l \>" t 1' :\ ziotll, ;t\'\'('ng:l ili d ll( ' Il'lllpi: in Ull
JlJ'i l llO tl\l1lpO :-;i d(\\'<, pnJ\'o('al'(' il (li"t;\('('f) del hos"olo elle rinl<i ll ('
tal \'()lta a lqnanto f())'zah) lwl bt (,:\ I11P1'<I, ('( III IIUO "fo)'zo ll'
e relativamnnh' lento, llpi tpmpo ii i <le n ' ottenere 1:1. violenta
e"plll"ioll t-J; ('on tale :-:i:-:telll :t- "i l'yita rti damwg'gian ' l 'orlo (leI fon-
(1e110 (ci C'ho fa,ellllll'nte :-;i \'el'ific]]ereblw ,'I(> Il lllil(':t tW\ il primo
temj)o), p il J1 n (,,-;:-;CI'(\ l' i('nperaJo <: 111 ilizzato per altri
('olpi: ql\(' :-: ta fl iiil'<' nl<lziolJe i 1l(,('ps-':<II'ia pn i ('<lll 11011 i di
nt.! i] Il 'O ,
Forzamento automatico per compressione. - l"if'l n-
si vamente agli olhll'at ,ol'j <I YiU\. - Il:-;uo pl'in('ipio (> g'i
nella, Parte T ( ' '''l!. VI) . :'{p.ll e artig li e ri(" at,tnato ('01
ad u1wlla lila si i('o De BIIllfIC, ;;g-gi 1111 i \'(' l',, , tllllPnt' u allo t I a t i
(fig. 97.).
L' cmella plltstico (Hg, \)8) deve <li Illaloria plasti('"t
per <l el'ormal' si faeilme nte c aderire a ll e wperJi. cie eOIl c ni a eOll-
botto a ll ' atto dPllo ,-;paro, (' (l elastico, per l'il)L'(\Ilc! ol'e dopo lo sparo
la StHt fOl'll1 lL 11l'imitiv:1; eo"t1t uito C:l<t lilla mi:-;('el;L di "eg:o (3,,,) %)
e amia nto (t).") %) fog'g'iata ,Li l a nello :-;agolllu,t o Illcdi,mte llna.
,1 (lnell a di ,-;en' izio, pcr Ibn' l" \'olnta ela:-tiC'it ,
e l'avvolto in teltt ruvida, cOtltituewl0 eosl il corolla; que:-;to di-
sposto tra. dne disehi metalliei forati o (leLti coppe, cogli
orli ingrossati e raffor:mt i, e t ali da la:-;cial'e ,; (,opcl'ta tm di loro
una zona del 001'0110, che a ppnnto quell a <l efl tin ata a dilatar si
sotto l'azione della compressione e :tcL aderire a lle :mperfioie di
contatto, con prcs:-;ione Imita,ria superiore a q uell a che t'i verifica,
nell' anima, e a determinar e quindi la e hiu"ur:.t cl'IlIetic<L.
(j , -
La pi as tl'l1' iL (' od olo, (lpt-t a I{' slo 1/ f lll/(fo () ! l'sln (f ('()l7ota, lUI b
"llpprfi eip <lll t c ri ol' P I (' ,'.!''.! Pl!ll(' ili ('Oll\' u,<; a" llil orl o L<I,I\' ol t <l, It'g'-
'.!'( 'l' Il H' ll l p , pol'gl',ld!' p il I! Il l n'l' O ( , \t ( . a t il': l \ ' (' )" ;, l a.; ;i'll nl tlltr
l'oHlI 1':1 t OI'\ ' n , ho('I' a i Il li lla (', :, \' i t;'t. po>;(niol'(' Ili (j ilI' , (-o, d o \' ('
t n l.(-(l' llIlt o da Il n da d o <I \ ' ij (' () a lno l'i( eg' no. L ';dta.r (o (1,,1 g':lmbo
:llla p i;l, .. ;tl' a (I (' \'e l' n1 a t i"<!I l\ VIl (-P pnl' rl' s.; t.pl'\ a ll' n rto
H ('Ili i P .; po,, (a la t( , j';[; , l' ll ll g' o 11(1 f ll llllionalllPll t' o; i l g':I nll )( ) pre-
."CMH q ll i]l (1j "e n '1)]'(' (l ,\(' pal'l i, di llia lll etm (li q 'r-; o, lllldio Ill,l g' -
g' iorl' <I l! h l'j()] Itl( u hc' , (' d l ' l'(l( '( 'ol' da,to (' ol la f ;t((ia pO,! ('l'i o l'(' ddla
pia" t. r;! (' Oll ( ' 1ll'\'a, ;1 c IIi ,.; i d e \ ' t' , lI:l.t! l ntll l l t' l lf ( , <! I lalt,an '
I:t l' Orina. ill l e)' i la dl "l ' ;\ll l' l io p];: .; ! il'o.
L' al wl ln ]l 1:l s t il'O, 1I ell;\ fO I' m:! ]ll'i li l il i \'a, d l'l S IlO
(' ( .. :t-el' na lJl(,llk !eg''.! ur i.;simH- nWll l e fron (' o-(',oni('o, qlla:-s i (' ili ll lll' ico,
e LI ' ([11 ('. fa, I'(W, ,ml,(, l'i ol'(l l' p o.",t (, l'i oJ'e ,ono pi ;w u \' !l (I !';tl 1('.] 0 ; In
('opp('. ,o110 (l i \ i vi da :Lll rl li (Ii ot -
t' oill', t :t.g l iat i iII obli (ll lO pCI' dal' JOl'O Hl a i'i tioiU1, e tal vol t a m llniti
di sl',:t tl a la tjUl' n a nul ari pl'r ar ros tar e e ven t uali sfup;gi tn di g:t N.
Con la,l (l fO I'Il l:t di HIIOl!O pla,i'it ioo Ni. ver ifiea. per Illl logor a -
1l 1l'nt o :lhha tl b t,ll za rapido d el la zona. di 1' 01' 0 11 0 i'ieop e l' ta., ill i'i t'g' uito
a. ll o "f l'eg'< Il1 Pll to con tro !';t.ll oggia rnpl1t-o, tlp eeiah u enl Cl ]l(,Il 'a.pel' -
tura "nbi to do po l o ''-;1);[.1'0 , q nall(lo l' a nello p la s tico non
(l.J1(:01'a eOlllpl chLmoll Lo la f Ol'ma l)l'imiti\' ",; Yl'l'ifi('a a n eh n, i'iJ)(\'
l' ial mente eolle forti oaridw Cl do po nl1 t im jJl'olnngaf,o , \111 ,1; eer ta
nell' apert ura; Ili pi lo coppe di stagno 110n j'p::; i"t ono
Ill.mo all e for ti p l'eNsio lii. Noi k cost l'tl zioni mo(lerne si i'io no llu in(li
a pport a,te l e tl egu e n t i rno(liti c;Lll io ni forma onlilJ<Ll'ia (le ll'all ello
])e Ball gt' (fig' . H0):
a) f01TWL m;tel'll:t ;\, ('o]liui t p er evi t ano il
men t o c lo :-; t r a p po;
b) facci.L an ter ior e tlnLi'mta a :mper ficie (e eorri sp o n-
den t e forma. d ella te1l t a a, f nngo) p er co mpensa,r e con nna. ma.ggiore
componen t e r adial e della JJl'os1lion e t r asmessa d alla piastra, l a
uo nd izione i b \'oreYole por la ermetimL, d ovn t rt coni-
dell 'anello;
c) por evi tare Ull (listacco brnsco dell'anello d al Fi LlO a llog-
g ia mento, il gambo d ell a te1lt"L a, f ungo porta una molla
elicoic1<tle ch e, ag endo t r a j l d a do di ritegno e il fondo d ell a
del Yito l1e, si compr ime dnra n(,o 1' l:1per t ura dell' otturatore, qu a lora,
non si s t acchi s ubito e n e prov oea il distacco con sforzo
- 68 --
graduale. Il lllollone compie anche l'impor1ante ufficio di rnante-
nere l'anello compresso, ci che neeei-isario per la sua buona C011-
seryazione;
ti) le eoppe sono di ranw e gli anelli di rinforzo agli spigoli,
di aeeiaio.
Camttei'isticfte del s'istf:/rYifA, ad anello plastico.
Vantaggi: funzionamento aBBieurato anche e011 polveri lente,
piecole e anche con alloggiamento alquanto corroso.
IncollTenienti: complicazione nella costituzione dell'ottura-
adattabilit, ai soli otturatori a vite; possibilit di rammol-
limento della miscela e di mancato funzionamento in un tiro pro-
l ungato; neceRsit di conseryazione sotto prm;Rione (per fa;cil-
mente attuabile).
8embra il sistema pi adatto per le artig'lier ie di grosso calibro
e medio calibro, per le quali la celerit., di tim limitat.a d::1 eireo-
s1janze <L"sai I)i senRibili e gravose di qnellC' del carieamento su('-
cessiyo dd proietto e della cariea (peso delle munizioni, puntamento)
e ha neeessit di esser spinta oltre un certo limite.
AliT. iL - Otturatori a vite.
L - Particolarit della filettatura.
Filettat'u.m, inter1'ott(( (fig. 100). - Allo Beopo di ndta,re la
lunga operazione della avvitatura, la filettatura pratieata solo
su met della superfieie estel'lla della vito, in un certo numero di
segmenti filettati alternati con altrettanti seg'menti lisci , ai quali
corrispondono uguali segmenti lisci e filettati a chiocciola, dell'al,-
loggiamento del vitone; in questo modo l 'avvitatura completa si
ottiene eon uno scorriment.o longitudinale dell'otturatore nella
ehiocciola eoi segmenti filettati in orrispondenza di quelli lisci, e
quindi colla rotazione di una frazione di giro, seeondo il numero
totale dei segmenti: in genere, i segmcnti sono da 4 a 12 e l'ay-
vitamento si ottiene con 1/4, ] I li e ] 18 di giro, ete.
I-,'appoggo del vitone sulla bocca da fuoco avviene sulla
met della sua superficie esterna, quindi b wa lunghezza, per
resistere ad una data pressione interna, dlwe essere doppia di quella
ehe avrebbe UI,l otturatore di uguaJ diametro con vite a filettatura
completa.
6H --
Pilettatum a gmehni (Jg. ] 01). - Per otteuel'e l'a,ppoggio del
vito ne l'm una frazione ii llperiol'e all a met della RllH, iiuperfiei(J
eilindriC' fl" riducendo, per eonseguenza, la sua l unghez;m, la caiia,
Vicken; ed altre applieano la vite a gradini, ideata dal Welin.
T,a, snperfieie ei lin(lri ea del vitol\e (fig. 101) divisa, (ad esempio)
in 3 sezioni longitnd inali (AH, Be, CA), ogni ha 3 r,;egrnenti
(a, al' a'2; b, bi , b! ; (:, cI) C'2); i segmenti (I , b, (' iio no liiiei; i segmenh
([), b
ll
c) portano (lei trat-ti di f-i lctt i (li yite Rporgenti; i segmenti
a
2
, b
z
, C'l ROllO sporgellti quanto i filpUi (lpi sp.g mcllti precede,nt-i
e VOl'tallo dei tratti di fileLLi aneor pi sl'0rg'ellti, con inclinaziolH'
ugna1e Cl qu(, lIa (lei filetti elci (I, cec. V,_L11oggia,rnento dI']
vitone nella !\ula.tta (' eonfornlato jn modo ana.logo al vHone;
cio si hanno 3 iiezioni A' B', B' O', ()' 11', e ill ogui e i iiegmcnti
((,', (1,/, ((,'2 eeL; i iicgrnen t i di maggior diarnetl'() h', c')
sono li:-;ci. ('ome appare dalla. figunt qmtl1rlo il \,itone (li"posto in
modo ehp ai segmenti E'Ici della eulatta eorisponclano i r,;egment.i
pi iipOl'g'enti del yitone, e il vitone pu fatto scor-
rere iF\ antl p inllint]'(); quando il Y1t011(, compl etamente introdotto,
in modo che le lileltatnre corri"pondano lilett-atm;e ,L ehioe-
ciol,l della. enlatta, ('o n una rotazione di 1/9 di giro in iienr,; o diretto
si portallo i filetti ([(Ii seg-menti al aL eee, dd \rjtoue a impegnarRi
eoi filetti a ('hiof:l'iola (('2' a'1 ec',c:. della e Il l att.a"
meli tre i 1 isei a, h, c 'leng-ono \' amen Le in 001'1'1-
sponc1l'l1Z,l dei :ie,gllll'nti 1i"ei b', c', (l' della (, lllatta .. ottiene
l'appoggio del vitOJl(\ 2/3 della sila t' nperf-ieie laterale.
ea::;u ('Ollii id(',rato hanllo ::1 a, :3 segmnnti
l'appoggio f;U '3/3 (lella ii Il pl'l'fi cip e -viene ottenuto con l / l:) di ,2.-i1'O
;ie i "eg:nwllh per ogni spzioll e "ono 1 (fig. 102), uno
e 3 f-ilettah e di gradatamente er(\ii('elllie, r,; i h a l'appogg'io
su 3/4 del b ii llpt'rficie, ot,tennto ('OJl J /12 di giro Ij, ); se l e
zioni sono "1, cim;e,lllla con :3 t t'g lllellti, iii ha l' :tppoggio su 2/3
della r,;n peefieie ot t,ennto con 1/ 12 eli giro (-4:Ll) (fig'. 1(3)'
COll qne:-;to ollTe ot,tenere la "tessa resiste nza, di
un norlllalo eOll lung-b!"zza i nferiore, che permette talvolta
al]('!le di tCp}J l'illWl'e il nlO\-inwlIto di t rar,; la,zione, si Ila a.nehe l'av-
vitamento e lo :,;yitameuto con un mo vimento di minore ampiezza.
ang'olare, fcteilitanclo l a 1ll,1ll0n<1, e a,nmentandone 1:1 rapiditit.
Diametro del vitone. - .fu conveniente che il dia.metro del
70 -
fusto "U ('lIi ricantla, la "ite "ia grandi' IW)' anYl'(' g'l'and(' ll1l1g:hpzza
di metti, grande superficie di appoggio (' qnindi unitaria
pieeola, pi('('olo tormento (lei filt'tti (, lJiecolo 11l1111('rO di filptti ('
<Ili iJl(li pi/:cola I nnglu,zza di'l 1J10('('(I. I I dialwtl'o IleI blocco, !il'
('iliudrico, qni l.Hli sempl'c a ll [lUinto e t-a.lyolta 11ote, 'ol111ente
n qnello d(,l lo shocco d('ll 'all illm nell 'alloggiamento (lel-
1'1!tllltl ore.
l<j"ellpio: ('allnolle l ,lUI:);"), rlianwtro d('l Yit0i10 Illlll. 1St;.
I1lchnaziollf, fonlw e n1!1//C'O dci fil etti.
C]pi filPtti (k\'e e!i;-;('rl' t aIe Ila prolltuTe, colla
fra.zione il i giro ,detpl'l1liwt1a rla i nte1'1' l1 ziOlln della fi]etta.tuI'a,
un ,IY,U1Za mento dd yitOllC' sutrieic'nj{' pel' prodlLl'l'e, se OC( ' Ol'1'0, il
forzamentn ini ziale, dpllp parti dp,'iLlute ,l,lI a chiusura
ermetica, ma in ogni ea:-;o ti!:'\'{, e:-;,,(w <I bbastanza gnul(le da evitare
che la pn;:-;:-;iolw (lei gai'; sulla faccia anteriore del vit one pron)chi
lo s vitanwllto dell'ott-nratore;' per que:,;to h1 inclina.zione dei fil etti
g'eneratriei 11011 dp\e c:,;sere inferinre a 83 ((:oJl(Lizione d i
bi li t f p sen 1; > p co" i, ili cui f il coefficiente (L'attrito tra
superfieie legg:el'nwnte In brifi ea tu; P la t-otale
sulla faecia a nteriore del v itono e ,i l\11lgol di inelin,Mione dell,L
filettatura Sillle generatri ci ; qllindi cotg i < f l' pel' t = 0,10,
'i = 8uO); am in ,g'e11el'p l 'inelinazione i tennta di 8Uo,
coi :-; istemi moderni di <.:h imml'H ermetica a fOl'zamento alltomatico,
che non richil;dono 1I11 forz<l mellt Il (h,Ile parti, 111<1, solo Utl eiiatto
asse:-;klllH'utO.
Il P((SSO dei filetti, dipClHh- d,llia inC'liu<lziOlll' e dal dianlet ru
cle!\it:olh', e per incli llazione di S9, ili ('in'a 1/:20 111'1
diametr o.
1,,;1. 8('zio1/(, di'l filetto (Hg. 10-1) a t ri<lllgo lo rettan-
golo o ('olhl ipotenusa Ilgnall' ,ti e adi;L(',PII(e al 1>10('('(1
pm'('h qlJ('i'i ( a for ma Illa,g'giore sta hilib :'lOHo l'azione di nlla
pn' ,c;" iolw, lllell lTE' llOIl llll" g1':tn<Io agm'olezz::L ili 1ll0-
viutnnto ,l,Ila qua.le sareblw hl\'Ol'eYoje la :-ioziouc qWHll'allg:olarc;
questa, forma, per, gI'Jlera 1.11 Hilta \111 iIW,lI11ea,llIcnto I ld \' itoJll'
nella <:llio('ciob :,;otto rm:iollc della pl'efl "ione (l (' i ga,r; , tale ([;i
colan' lo ,,;,'jtamen Lo IwLl 'apertllJ'a do po la )larl ('nza del CI;! UO;
pm- in molte costrnzioJLi lll()(krne il fil(, tto a triaugul o
scakno (fig. 106) e ('01 fianco pO:-itel'io['p llol'lllak o qllatli nOI'lIl ,de
alle generatrici del Ju sJ; in ('aso i 1111'( ti d ulla, ('l1iocciola
risuHanolllolLo pi t,ormclltai i.
71 -
T fldti pi tOl'lll('II Llt i SOIlO fJlwlli aJltpl'iol'i. pt'l'l'hi' il vi fone.
i; i t 'ul11pJ'il1li' l' pel'{j () talllllO jJl'OpOll<' di hl/'(' i fil etti
d("1 Yil"OIH:' ('OH 11lI g' jOl'O [Jl'og'I'P,..; ,;i\' ,mlOllto cl'e"eenf'c' dall ' indi etro
;lll"aVHJlt,i, ill modo ('ho tnUi i f!ln! h ngllalll}('llh' tOJ:lIH'Ll Lat i
qll ;lIl do ,Yn 'eng'u l'alJ}Joggio c()mpl("to; la co:;;t.J' Il zio Il (' p er riesce
,dqll;llto if'ir-ile ])('1' ],1 (' ,.;attezza e(;ces:'Y;t dI('. l'iehic(le . la hi-
YIJJ' l zjolle.
III t li! t i i l'a:-i lo '''' pigolo dei 1ill'tti l' i ra(:corcli (lei filcd t j tra. di
1\)]'1) sono leggpl'l1lpllt e al'l'otolldah, e all('he l'roIlt';lti , ili llLodo da
clan' Ulla :'; PZiO!H' Inlj)('zoirlalp,.
Il llllnwro dei filetti e quilldi hL del yitonc dipende,
ua Ulla parI e, clalle (lillwn;.;ioni d ei filetti, che clata la ill cli nazine e
la. formH, Y<lnllO ,Ulmelltalldo c'oll';lnlllenbtre del dia,metro del
y itoll c; (lall 'altT<l, (l,t! della lll<lssillla pl'ei"iolw l'hl' verifica
Hf'ILLllima, dal (lialllctro cle]]a J'a(:eia allteriol'e c'Ldl'otjturatol'e
totale), dal (lianwlTo (lpl HIH'leo filettato, ehc eonye-
niente sia tenuto quanto c' !l0,-; ... ibil l:' Vi grande (li qlwllo clelIa
fac- (: ia. anteriore per .1IlJlwntal'e la illlH'l'fiei cl'appog'gio ei filetti
e quinili diminuil'(' la lJI' e,-;" iolle unitaria; infine anche dalla forma
dr l yitonr.
bI' J Illlg'JWZZ,1 del tolle ci lill(lrico, parte fikttata, pPI' i ea.n l1oni
(gntl1(li llrrssioni ) (\ 1:01la ",il(' ,-; ("g'1l1l'IlLlta ordinaria riesee in genere
])(jl' l) tliverf;a lla J calibro (dcI ti,!) a I ,J;) per culatta, o v iJonc di ae-
d"io). Col la yit(\;i gTadilli "i ll<tUIlO lllllg'hezze 3/.
1
(li ealibro.
Il.' Forma del vitone .
] \' itolli SOllO (' ilinill' i('i, () tj'OI}('O-l'Ollil'i, o (;ilin(lro-tl'onco-eonici,
oppu]'(" a, dO]lIIo tn)]1co di C'OIlO.
La prjma forllla, cilintli'ien (fig . J mi) iII genel' o, tre
l1loYi l1l ent.i pel' la a]lC'l'tILnl e \;1 l'ilill ;";lII'a, p, ('iOl' s \'iLIIlWllto, ,-;('01'-
rillll'nto loug'illldil1,t!c' "nl '; 0 ,..;1 ('g'!lo, t' quilJ(li l ate-
rale fuori della ('nlatla ('Ili (\ \' icf\\Pl'>i<L JHdla ehinsllra);
l'appoggio v itoll" nella ('IIbIU,1 ;LYeUC ,;010 ve]' 1m piceolo s pc:,; -
SOl' C L1g'ua1e all',llt('zza (lei Hl dl i; 1(' film' delFel(\l1tl'll t o di bocca chL
fnoc-oc- he ]HJl' !a 1'otll11'a101'l' ('iment nte io ltallto in ('OLTljlOn-
denza dri segmenti ti I ettati, mPlltJ'(\ in conisponclellza de i
menti lisci, SOllO eompietalllllntl\ a riposo, e ('ji! gene]',l, UllO st,a,to
d squilioro ne1J;) ti i lll s.'iaggio dai segnwnti lisci H, quelli
filettati, che poco hF\'ol' e\ol( \ alI n, resistelJza.
- 7 ~ --
Colla fonna tronco-conica (fig. 107) l'appoggio avviene su uno
spessore maggiore della culatta, e quindi in condizioni pi favore-
voli alla resistenza della bocca da fuoco; di pi anche possibile,
con una conveniente dif\posizione dei segmenti lisci e avvitati, e
con una posiziolle avanzata sul fianco della culatta dell'asi'>e di
rotazione del sostegno, sopprimere il movimento di scorrimento.
Colle forme cilindro-tronca-coniche e a doppio tronco di cono
(fig. 108-109), oltre ai vantaggi della forum tronco-conica, si po:,;-
sono disporre i :,;egmenti filettati della parte posteriore in corrispon-
denza di quelli lisci della parte anteriore e . cos l'appoggio del
vitone avviene su tutta l a superficie interna della culatta, anzich
su una frallione pi o meno grande a segmenti alternati, e si eli-
mina il terzo inconveniente accennato per i vitoni cilindrici.
I vitoni presentano generalmente una cavit interna a scopo
di alleggerimento, e di alloggiamento per l'applicazione delle parti
per la chiusura ermetica, e per l'applicazione al sostegno.
Le sporgenze dei segmenti filettati sono in genere limitati da
piani pa:,;:mnti per l'asse del vitone, ma per le sistemazioni nelle
quali eliminato il movimento di :,;corrimento, i filetti sono limi-
tati o da, piani che ri:mlbtno, quando il vito ne svitato, normali
all' asse di rotazione del sOi'ltegno, oppure da superficie di rivolu-
zione aventi, nella detta posizione del vitone, l'asse coincidente
con quello di rotazione del sostegno.
In molti casi l'ultimo filetto posteriore non interrotto per
uno o pi segmenti li:,;ci, allo scopo di costituire, nel movimento (li
i'>cOITimento in avanti, un arresto del vitone in posizione esatta
per evita,re contrasti tra, i filetti della vite e q ueni della chiocciola;
per, nella maggior pa,rte dei casi, l'inconveniente evitato COH
altre :,;istemazioni del congegno di manovra.
Forme spe(fi edi (li vitone.
Otturatore leggermente tronco-conico colla b e ~ s e ma!]!] iare i n
(want'i (fig. 110): mira ai seguenti vantag'gi:
a) maggior superfieie d'appoggio e quindi ma,ggior rei'l i-
stenza del filetto anteriore, che il pi tormentato;
b) incuneamento dell'otturatore nella chiocciola per evi-
tare il pericolo di proiezione all'indietro; questo 'secondo vantaggio,
per, pu tradursi nell'inconveniente quasi certo di rendere diffi-
cile l'apertura della cuhttta,. Il sistema applicato in artiglierie
leggere inglesi, spagnuole e a,Tgentine.
- 7:3 -
Otturatore ogi vale a rl ctt'ine, tipo Ehrlmrdt (fig. 111); non
un \'ero otturatore a vite, pereh i filetti non sono elicoidali, ma
disposti secondo piani normali all'astle; il blocco ha forma ogivale,
i filetti hanno se7.ione triangolarc, ma mentre la faccia anteriore
per tutti normaJe all'asse del blocco, la faccia pOi-itcriore di ciascun
filetto costituita (la :mperficie conica chc ha il vertice in un punto
fisso dell'afli-iC dietro la, basc posteriOl'e del blocco; in modo che le
faccie pm;teriori dei filetti succesi-iivi hanno inclimt7.iolle
all'indietro rispetto aU'ai-ise del blocco e qnindi alla
direzione della presi-iione; questa fa, incunearc fortemente i filetti
anteriori del blocco nei loro alloggiamenti, ma eon piecolo tormento,
dat a la, loro piccob inclinazione; mano mano (,he l'i procede verso
la base, i filetti :mhiscono un minore incuneamento, limitando cos
anche quello dei filetti anteriori, e tormentano l'alloggiamento
con illtcntlitit Illolto l'idotta, pereh gi in parte commmata nella
deformazione delle parti anteriori.
In e01nples:>0, il sistema presenta il nlllLaggio di lIna buona
resistemm della culatta dnmnte il tiro; lWSCi un pericolo di apertura
spontanea, perch i filetti non hanno inclinazione; posi>ibilit,
data la fOl'ma ogiva,lc, di sopprimere il Iuovimento di scorrimento,
('lenza portare il perno del RostegIlo in avanti n quindi con maggior
leggerezza del stei>So.
Olt'nmtorc cilindrico con smnssatnre, tipo t-elllleidel' (fig. ] 12);
raggiunge lo scopo di evit::tre il movimento (li scorrimento longi-
tudinale anche con vitoni cilindrici l'elativa,mcllte lunghi; il vitone
cilindrieo ha delle slIlussature nei segmenti liBci secondo superficie
toriche coll'asse wl perno del ,-; ostegno ehe pintto:'ito avanzato
sul fianco (Lella e noll' <LlIoggiamento del vitolle sono pra-
ticate Syu,S<tturc analoghe ehe permettono, quando il vitone
:,;vitat,o, un mo\rimento di rotazione ,1ttorno all' ai'ise del wi>tegno,
senza che O(:cOl'l'a preyellt,ivamenLe il lllovirmmto di scor-
rimento; anche le :mperfkie ehe limitano i se,Q;menti filettati deb-
bono essere SIllURsate ill ma inconvenienti
per la re:-;ii>tenza'della
OttuJ'Cttori II vite cccentrica. - In aleuni ]lmteriali COIl chiusura
ernwt.ica u, Lossolo metallieo, delvitone eccentrico
rispetto all'aIlJ1l<t, ed ba dispoBto a lquanto pi in b(\.;.;,;o;
q l1esta posizione ha lo i>COpO di cOfltituire dispositivo di sicnrez7.a,
poich il congegno di sparo a percusi>ione, disposto in rnodo da
venire in corrisponden7.a dell 'asse dell' anima solo quando il vitone
perfettalllt'lJ te <tyyitato, 110n PI1 1Il ,Ili l'a pm;iziollt' COllLl'O
l a eassula dell'imw:,;co.
HT. - Manovra degli otturatori a vite.
Sostegno del vitone. - ei l'iguanli della manovra fa parte
integrante dell'otturatOll: il sostegno del l'ilone, che organizzato
secondo la forma di qumlto e i movimenti che dpve compiere, e
serve a f>ostenerlo Ilei movimenti di Npo,')t,arnPllto la1'e1'ale fuori
della culatta.
1) Per ivitoni cilinclri che devollo compierc tre movimenti,
rotazione, scorrimento e spostamento laterale eol sostegno, queflt o
pu avere due forme:
a) Cl mensola (fig. 113); tipo in gencre antitjuato: Ulla
cunetta resa solidale media,nte tavole e contrafforti con uua mLZa
verticale imperniata sul yivo di culatta di fianco e pi in basso
dello sbocco dell'anima, in modo che la cunetta risulti finI prolnll-
gamento della parte inferiore dell'alloggiamento del vitone.
Per le artiglierie di maggior calibro in installazione fi ssa la
mensola anzich girevole scorrevole lateralmente su rotaie, portate
dalla installazione, dato che l 'apertura della culatta e il caricamento
si compiono ad un detCl'll1inato angolo di inclinazione;
b) acl anello (o sportello) (fig. 114). - lD la forma attnalmente
pi in uso perch migliore appoggio e guida al vitone e llleglio
si adatta alla manovra rapida e continll<L: eostituita da un anello
solidale con una, rallc( imperniata lateralmente allo Ii /JOCCO dell' anima
sul vivo di C'nlatta.
2) Pc/' gli ottuTatol'i tronco-conici e pOl' quelli cilindrici per
cui soppresfio il movimento di seorrimento, il i'io1iteg;no deve essere
imperniato non sul vivo di culatta, ma lateralmente a, questa e in
posizione avanzata, . e Fi ostiene il vitoll e per Jllezzo di un fu1:\O o
codolo, detto mozzo, elle si adatta in UHa cavitit dd vitone stesi'o
(fig. HG).
Il sOFi t eguo 1m quindi la forma, di un 1'01 )}] fi to braccio ripie-
gato a gomito imperniat o lateralmente alla culatta, e llllltlito,
alla estremit libera, del mozzo sporgente in :l\'<luti al quale il
vitole re1:\O :-; 0lida1e con ri"alti CL eliea, interrotti per rendere pi
rapida la COlTlposizione, e che debbono, naturalment e, avere lo
(1elb fl1pHat1ll'a, tipI Yitoll e, per permettm'(' il movi-
mento di rotazione (' bi an' ita1lua; oppure C011 un dente, o con
11l1<1 yitp (li l'itp,g'1l0 (fig'. Il ;) a e h).
Il mozzo f'ol'a.t o loug'itudinaJnwllte lJel' '(lar }mssaggio
dolla t('!ita ;1 l'llllg'O o a un eodolo (lel\'itolle, e con tie ne
() "os tie-ne il l'01l,2,'ogllO (li
In lllllllP]'(),,,i mutpl'ia li (tlehnpidel') (fig'. 116) il vit,OllP co11e-
,,,-,[ tI) al c; o:,tpg'llo Illl'(li<wto duo o tre filetti di Yite r ilevati Rulht
o,'itrmnih\ (,)'lOrO t' oh e si ay \itano in altretti-tnte 8canaI a-
Tnrc <lo (',hiocujobt ]'<',ay(l(e intonmlllellte ad una (lello r-; por-
I l'!lO, che lJU ;[,n.' I'O o !lO allchC', il 1110ZZ0.
Al ROlite,2.'llo \il0[)(' ;;OHO ,;mnpre <I11pliuati i segnenti di-

a) (jult( (lpi \i101w nel mO\i!l1lmto di rota,zione, e arrcsto
llelle posizioni di 'itono HY'i1 nto (> \itolle- ;;yitato, a fnneh i seg-
lTlP llli li sei (ipl \itolw 11'O\'ino in corrispondenza (li quelli filet-
! ;lti della ehio('('iola nello ;;'tamento, e l'a\' yitamento Ria arre-
cOll\'eni pll tenwn1 e Jwlb ehinSlll'a.;
lJ) (j ti irla v i tone Ilei !illoi mo vi Illenti di scorrimento e
1( ,' n ' 8t ll nellt' po,.; izioni estJ'(,!He; nell'avertura, il yitono 1I0n
(' :'!' (\, dal 11(',]1<\, l'hin ,'iIU'a, affinch le filett ature del vito no
(' della. eulatt a uoml,iuillo e,'i(\ttalllp,ntp tra di loro;
c) blo(;CIt[J yio del ritoHI: al ,'w::itegno, in modo che esso non
ill alenn modo Illllo\' or ,'ii quando il siKtema tpostato late-
l'<ll mente, atlill ell J)oi , nella non fa,] se posi-
zioni a el yi tOlll' rislJdt () alla tmlat.ta elle i moyimenti
I [;1 IUlpggiuo, Jler urt i , la tiluULLtura.
(l ) ctl' r r: ,s lo del 8oslr:yno nelle po:,; izioni e:; t reme, OS!ila qua ndo
<t del'ento a,i1 a l' lll att<t, e <jl1al1<10 eompletalllentH l' uotato in fuori;
qlll' ,-; t ' ni t imo (li"l)() itiyo ' I)(ei.almente neeoKsario VeI' le artiglierie
cil e tirano e (' lI e ]JcrrllettUJlO il earieanwn to ancho con angoli di
i ll l'li nazione pilltto,.,to l'orti.
'l' ali di"J)() ,'i ii i\' i IWl1110 [orme :; \,;lriatiK,'iirne e sono sovente
cOIll bi nat i llno (;oll'altl'o; I e mo(hliUI pi usate 80no:
/rili di r ii e(jno ( Ag. L17 - 12 1), avvitate nel 8ostegllo c colla
punt a impegnata in :-;uanaht uro l' nttieate in segmenti li sei del
e vicp,nrs; L, pp]' i di ,-;posihvi a) p b);
dcnte di l'itc(jno; funzionante conw l e v iti;
- 76 -
chiavistelli, o nottolini a funzionamento automatico pcr
a), b), c) e il) (fig'. Jl8-119);
f errnavitoni a molla, per il dispositivo c) (fig. l20). -
forma generalmente per i vitoni movimento di
s('ol'l'imento, e consta di un blocco oblungo o cilindrico a.llogato nel
sostegno, faccia a,nteriore, in corrispondenzl-L dell'orlo el vitone;
0:-;80 spinto ayanti da una IYlOlI a ; q1U1l1do lo sportello aderente
(tUa enlatta tennto addentrato nel suo a.lloggiamento dalla culatta,
stessl-l,; il vitone pu a,llora, libenLmente l'uotare per avvii arsi c
svitarsi; nel vitone st ei'so, sul i:i UO orlo riel;wato un
intaglio eho quanclo il Yitonc svitato viene;L trovarsi in
denza del blocco, di modo che non appPlUL il sOi'ltegno allontanato
(bI bL cul atta, il blocco RtesfiO pn Rporgere spinto dall<L molla e
addentrarsi in pmte nell'intaglio del vHone, ehe ('os resta blo('-
cato. Qnef\to (lispositivo il pi l11-m,t.o ,1 CI ue:-;to s('opo noli e arti-
gliel'in ollierne;
ganci a molla (fig. 118) e <L contl'app():')() portati dal sostegno
e adatta.bili in a.Hri ,2:anei fissi al b eulatt-a in po:-; izioll o eonV8-
niente per i disposi t ivi il), :-;o\' cnLe per sono appli<.:ati u.nche alla
leYH (li -maneggio.
,I
; Manovra ordinaria (fIg. \2\ ). - 11 'lnol!irnrnto di 1'Olaziol/f'
ottenuto per mezzo di un lll,llllbrio detto lev(t , applic;Ltu ,dia,
facc;l, pOBtnriorc (Lell' ottuJ'J.Ol'(\ e nmnO\Ta.to ;L mano ; i n qua.lclw
ca:;o la k"a sno<lat-a e ripiega.bile, e aI :-; 11 0 perllo 1m Ull e<.:centrieo
<.:he q nando l'o tturatore av\"ita,to c I a, I ( \ \ ' a, l'i piegata., "i ada.tta
in un intaglio della cnlat.ta" e del sO'itegno, (l,:-;Ci ienmndo contro
s\-itament.i 'LeeiiLelll'ali. (Artiglieriu hanc'e'i i n ;t,rhglierie della ma-
rina di modello non r ecente).
artiglierie pi groRBe la, len\, rigida (fig_ H9), anzi ch
ma.Jlo, mano\TabL con ingranaggi, conRistellti in arehi dentat i,
in eui ingrana un rocchetto a comando diretto o indireUo; l'arco
dentato fi"flO ,LUa cuhLtta e il rocchetto ::tll a leva o 'viceversa,.
(Artiglierie da costa antiqu ate).
Artiglierie i medio calibro ita,lLne (fig'. 117) hanno alla,
te;;tata posteriore del dtone una corona dentata in eui ingrana un
rocchetto portato thtllo sportello ,-td anello, c COIll'Lna.to da Ull
ma,nubrio.
Il movimento eli scorrimento 101lgitudinale, ottenut o rl1mi:ii
esclusivamente a, mano, meiante maniglie applicate l-tll'ot-tnratore;
77
talvolta, per le artiglierie di grosso ealibro con fiistema di chiusura
a forzamento miHto, il distacco iniziale nella. apertura ottenuto
mediante una vite interrotta (fig. J22), ehe con un giro dell'albero
che la, porta Hnl sostegno, pu eRsere fatta impeg'naTe in una semi-
eh iocciola fissata all'orlo della fm;eia posteriore del vitone. Le
maggiori artiglierie hanno viti eHtrattrici a lungo paHso,
po]'ta te (lal KOfitegno e ingranate in semiehioceiola del vitone.
T,o sl)()siamentu lateTalr del fioRtegno in genere ottenuto
per rotazione attorno ad una ra.lla, verticale e a, mano; per le mag-
giori artigl ieri e ht rota7.ione anche ottenuta mediante ingranaggi.
,y Manovra rapida; perla nmnona rapida, in genere, il vito ne
ha forma con veniente per eliminare il movimento eli scorrimento
(tOllCo-collie,l , SmIlKti a,tllre, ece.); gli altri ' due llloviJ:nenti sono
ot tcunti COl! Iln ,'; 010 tempo di una leva, di maneggio, che produee
(tappril1la la l'ot,tzioue del vitone e q \lindi quella del sostegno
nella tpertUl' a, e vicevenm nella chiusura.
I.Ja leva imperniata sul sostegno, in genere con perno paral-
lelo a quello del sostegno stesso, e talvolta ilullo stesso perno di
questa; si adatta alb forma della culatta e del sostegno; per dare
facile e comoda presa del manubrio di cui munita alla eiltremittt,
di fio lit o la leva disposta orizzontalmente dietro la culatta e
fiott o il sostegno o il opra.
In artiglierie inglesi si nota anche una leva a, perno ori7.zontale
tla"n"nctle nel l': ofitegno (ob. 152) (fig. 127).
I, a rotazione del vitone, per la frazione di giro necesfla,ria,
provocata dalla, rota.zione della leva di maneggio eon trasmiRsioni
\ ' ,l1''\ (1e11p quali le pi u sate fiono l e Roguenti:
a) timnic sl'/mpl1:ce : scorrente nello sportello trasyersalmente
e fi ssato da Ulut. parte all'ottnratore mediante bot tone impegnato
in Rcalla.latUl' a radiale oblunga dclla faccia posteriore e dall'altra'
alht lenl mediante occhio oblungo, in cui si impegna un piolo dell a
(o (eann. 65);
b) f'irante (i cremagl-iera (fig. 124): il tirante agisce sul vitone
perllH\z7.0 di una cremagliera ricaNattt sul suo fusto, in cui ingrana
II n settore dentato flel'V'itone; per i calibri pi grossi anche il
collegamento tra, tirante c leva fatto con ingranaggio (artiglierie
di modello Sehueider), oppure per mezzo di manovella a biella;
78 -
c) {( biellu (' curso!' 1' 12;-, ): l'alll(\1"0 \'(rti("lu dulb h ' \ ;1
m uni to (li lilla. pi ceoht nnita iL ,.;no(lo ad Il Il i), biella
chc il 1ll0\rimnJl1', o a(l lln ("'lIl",,; om ;.; eOI'\'(' \'olp ol"izzontal-
men1' e Iwl sostl'!.nlO (\ che COli llll Violo i'J)Ol'g(lIltp in :t n lllli e impe-
gnato ill una 1'el(1 i;!lL' della fa('ci" pIJ,.;tpl'io!'( d( 1 \i tulll' ,
imp.l'ill le a l(lletito il moyinwnto (li rotaziol!(' (. \l"tigli\'l'i(
e Yielwr;.; );
d ) 1Jias/.m (l culala (fi g. 12til : l' all '( 'I'11 \( 'r1 ical\' dl'lla ll' Y;I
porti), lUI. Toeehd 10 conico (',h( ' ingT;tll<l in Ilil ,etto\'(' dpll(ato di
llna lJia stl';J, la ((na l( !H(\(lia,nLe ingTan<lgg'io o a lt l'O ('ld!eg';llllPll to
(li I 1T; ',:4 mette i I lllo\'n'Wllto a I \' il Il ( L\l'tig'lieri( '
Viel<el' fi ). Taholta il ;.;ettOl'L' i:' J.;.;a.('o (\i n'11'an}(\llte ala
faccia po"teriol'l: dell'otturatore' .
l<' l o l'O l'I1plCS8 i 1"0.
J Jet )'ot,a,ziOlw (lei \itone PC]' la fr,tzio.ll( di p,im 1l(( ' (" ,';: Il' ia ;I lo
:-;vit anwllto (\ ot ,1('nuta eOll Iltl <l, l'Otazio.llc ddla le \';, di DUO
attorno a l :-; uo perno; contiuuall (Lo l'azione ,,\ 111 la ]PY:l , non poh'nll o
p i il \' it one l" ilO taT(>, Ci nl mozzo, pCl'Chl' l' tTilttennt',o dalla yite (li
ritegno, il movi l1lento al ,o;.; (ep:Jlo (.]](' ,!lini ",1 perno :
non appemt il i'lostegno :-;i allonta,na, da,] l' in. di nt!;!1 La, il Vit0111' i,
bloceato (\.1 sostegno dal ferma, vi10ne a l1loLla; IW1' (,hill(Lm'c hl (" 11 -
l atta si agi,'iee in :-;en"o inv(\r :-;o alla 11\1'<1 eli nWll('g,gill , l a CLnaJt>,
es,'iC' ndo il Yit oJH\ hloC'eato al SO I-ite:no, obhl.ig':1, dappl' illl<l fj ncstl! : 1
gira,l' c fin o <1, in1.l'Oflllrre il vito llo npl ,..,n o a llog'g' i,III I('llt o; allori: il
ferma vito ne fatto l'ient,l':il'(', .lwl dal eol \' inl
di eul a1'1a, e l'aziOJw della. 1(,\, ;), ;.;i a l v i1011C', ('lIe (' f a!t l '
LTlotetI'e e a,yy i tal'<'.
Ott11mtorc Duc/'os (fig. J28) . - C'araJtcri"t,it'o (> l'otturatore
DUCfO,<;, nel quale si ha l a ma,nona rapida, pm'p p";"endo il vit()jw
eilindl' ieo e lungo: h a i :-;egllwllt i li s(i H i :-;eg-rnenti filel ,-
tati limitati da (l I iehe a lungo pasNo nello Ntp.,\SO Ne nllO ica,
el ei filetti; il sostegno ad an ell o imperni,Lto i'l U nn edlle1'o oriil zon-
tale parallelo all 'asse del p ezzo e ruCipOi:itO :-;otto lo ;-;boc(',o de11' ,l1-
loggiamento del v.itone; i n CIlSO il vi tone g nill<tto da. ulla o pi \Ti
di ritegno che si i mpegnano in scarml<'tture rieava,tc Il(: i segmenti
lii'lei eLel vito n e eon andarnento elicoidalt\ ;;t l ungo pa:-;:-; o, u gualo iL
quello ell e delimit:t i e che nella pO:-; h:lriol' e si ri-
p iegano eon andamento uguale a quello dei frIeHi.
Il vitone lllunito di una, leva sull a sila faccLt po:-;ter iore; COli
questa si agisce direttamente per svitare il vitonc ; eout,illuando ad
-- 79 -
<1 ,'.!'i l'n, il \' itolw \' imw pel' ('IIpUn (lell "Lw1 anwn!.o plicoid<l.1e
111,11<, "('allalal lll'(' (ll'\lI' \'.ili di ri t<')UlO; qU<1>llcln il
ia llll'nl(\ e4r<ltto, delb 1('\' ;1, "l'lllp1'l\ nello ":UllSO fa,
rllol:arn In ,; pOrl l\ lIo ,ti (orll o .\-1 ,mo jlPl'llO.
/A. Manovra continua (iig. I ,- l'.J peof}1'.ia (klle al't'i,!.:: I.i pj' iu di
p:I'Ot':-<O r,al ihJ'O, e,OH 01'1I1 1I'a,(",0I'p eilindrj(o :I, trl' mO\' ill Wn1' i; In
t l'\I0, {lil ll l!Hllo, l' imperlliar!' ;-<1 11 ,li ('n];llJa, ll10,lianl e Uli a lbero
fol1n " cll i plli> 1l1l1ll1l'Villll'llto ,li l' ot<l,J\iO.llll da nn
'Vol'l1ltino <lo nW.l1nhl'io s il'tmto ill po-" iziollP ('on ' l1l1ipnl (l
nWllh' ,,11<1 ('lIl, ltla, llll',lia'lllu ing'l':tllag'gi l'1ll' tl'<I,SnWIl OHO il
llH'nI'o ('ont illllo 1\('1 \'olalltino a llnH \'il.\1 perpetuH ill gTallab l eOH
llt)a 1' !!O!,1 "l 111l,1, (11'11p c',tl'emit;l, (1l'II 'aIl.>oro.
QIW'it'o, g' inull10, fa prima l'IlOtal'P- e poi l-:eo1'1'OI' O iudi etro il
Ilwdiant'<, -; i"tp1l11 \' HI'i, ( 1 i.llfiuu, l'(.'';O il vi tOllU solid.ale collo
r" ,'.!' il'an andl(' (I li 1' :,1;0. r pil tipi('i Si:, t0I1li di
:-;io llp <lall' a ll)('l' o al \ il 01]('. ;;01l0 i ;w,g llmll i :
a) e(,(,0Ilt,ri('.(), biell,L u eur sore, cr em,tp:!i cn t (rrg. '120) :
lwl'Il pOI'La .-;npel'iormcn te nn llceentrico, con una. biella che comanda
Hn l' \l l' 'iOl'l , ";(;01'l'e\'ole nel :-<o,qtog:no ti coll egato co n una, 1Jiccoh
lL\ya (1(' 1 \' itonp, per olkne)'e lo svitaITumto (li ([ n(' :-; I' o; l'alboro
alla. :-i II ;}. pa rl'c (;Plltr;tle ha nll rocchetto (lelltato, ('01 q ll a le, qnando
l'ottlll'alOI'l' l' ;,;\' irat,o, \'iello :1 illgnL1J<Ll'O nna. (;l' cm'lgliera. fi.'i .-;ata
lllllg'O 1l 1l0 li sci, i n lllO(to (;l1e l a 1'0taziolW tll\H' alhero
l.lo]lo (1. \ '('[' faU,o NYitarp il v it,one, ne prodnee poi Iii
ha I il, 1'ot allione (lp1l0 RpOltull o, eomo 1-I 0p1'<1 detto.
li ) ingnt.nagg'io elicoi<h1le (fig. 130) : l' albero ha un rocehetto
(lont;Lto con Ilna dent at nl' n, obliqua, e il v ito ne p orta. un tiett.ore
denta.to, fi:-< 1-I ,tt'o :1lla l' tll'ifpl'ia della ei:l t r enli t pOi:lteriore, e um1
ll1agl icrn, lnng'o tln ;;ogmcn Lo liscio; 1:1 ercmw.gLiel' a. in
dd "cttorl1 lt en tato e i den!',i ;;ono obliqui e ,L inelimLlIione
(]i <'i rca :1:')0, in 111(1<10 (:he lo ste:-;:-<o rocchctto
;\,\' 01lto oii( llUL ;t, .J. :')o pUSfia agire sueee.'isivamente su
a,llIuedue, :-lenza, interl'uzione. (l\lainz) .
.Negli ott,nratori a due soli movimenti, la. manovnL co ntinua
p u essero ottennta, evidentemente, i'aecndo l'notare i l perno della
leva di nmneggio, an J\ich dil'ett:1mente coll a. l eva, con ingran u,ggi
comanat i da l movilll en to eontinll o di un volantino fisso allo
sportello.
La manovra continua per le grosse a.r1liglierie in impi a nt i fissi ,
80 - -
tenestri u navali pu essere ottenu ta, oltre che a mano, con
energia elettrica o idraulica, applicando con H'nienti motori alle
parti di comando.
Manovra automatica e semi automatica - Oli ottnratori a
v ite non iii pr estano molto a tale fUllzionamento, elle special -
mente applicato a quell i a (.uneo e a bloeco.
Estrazione del bossolo. - I 1listemi impie.9:ati cogli
otturatori a \'ite, si possono di1ltingllere come i-egne:
a) ('stmttm'e a (fig. 131) : in uno spacco praticato nella
parete della culat.ta, all'altezza dello sbocco (lell'anima, nell'allog-
giamento dell'otturatore, dalla parte eh cui Iii compie b rotazione
del fiostegno, mediante d ue piccoli oreccb ioni verti-
eali, o altrimenti, una robusta leva, ht cni estremit int.erna foggiata
(l, ficalpello 1li adaUf1 in un io prati(:;Lto Hel ri :mIto anulare o
nell'incavo anulare di appoggio uell ' orlo del bosfiolo, in modo che
qu ando questo a posto, il fiUO orlo vi fii trovi a contatto; l'estrattore
pu subire una piccola rotazione indietro, e ci avviene quando,
aprendo lo sportello, la ralla di questo direttamente o indiretta-
mente urti contro estremit dell'clitnLttore ehc sporge
,Lll'esterno della culatta; l 'urto avviene flempre con Ulla certa
violenza, L.le da (leterminare l'espnlflione del bossolo. Le superfieie
ehe vengono a contatto della ralla. dello :sportello (-'. dell' estrattore
possono poi essere convenientemente sagoma,te in modo da, produrre,
prima della rotazione violenta, un pic-eolo movimento per snmoyere
il bOflROlo. anzich an're :-:010 nn dente di pl'(-' sa
bossolo, l'U avere, con vant,lggio, 1lll<J fOl'(hetta. agente sn (1nn
punti oppo"ti del fondello.
b) cstmttol' e girevol e (fig. 132): un allJCl'o girm-ole
in un foro eilindrieo orizzontale o obliquo, alla c1llatta,
in posiziolll\ flnalog:1 al lo spaceo (ld sistema. ,1 leva: a.llCL e"t.remitit
interna ehe eorrisponde aUa parte inferiore dello sboeeo dell'anima,
porta un dente elle si adatta in un intaglio della, ;;upedeie d'ap-
poggio dell'orlo del bOfisolo; alla estremit esterna sllorgeute dalla
1m 111m pieeoln, manovella eont 1'o e11i , -iene ad urtare lo
sportello che ne produee la rotazione indietro, c la eOllseguente
espulsiune del bosBolo (ArIIIstrong) .
Non n1<.Lneano efiempi di altre modalit, come l'eBtrattore a,
gancio del eanl10ne da 70 montagna italia,no.
81
ART. IV. - Otturatori a cuneo.
forma. - Votturatorc pn essere a cunco prislUatieo o :1
cuneo cilindrico-prism:1tico, ehe la sezione dcI blocco
un rettangolo o un rettangolo unito posteriormente con una semi-
circonferenza o un arco maggiore (fig. 133).
l,a forma cilindrico-priRmatica avrebbe cm quella sempli ee-
])l ente priRmatica il vantaggio di appoggiarsi snlla mOl'tiRa con
pl'CRRioni dirette secondo linee djvcr,gellti e quindi con condizioni
migliori di r esistenza della culatta, ma l'iRulta (li peso noteyol-
mente maggiore; questa forma pcr oggi qna,si gpneralmente
abbandonata, e il cuneo ha in generalc sezione rettangolare con gli
spigoli pORteriori a,rrotondati, o smu ssati.
La faccia, anteriore del cuneo piana, e normale all ' auinm
(fig. 134), e talvolta, verso la, estrpmit pi pieeola, tagliata
obliqua mente allo seopo di eomplctare la intl'odulI,ione elcI bOSfi Olo
nella camera, durantc il movimento cii ehiusul'a,. Verso la piccola
estremit, il cuneo prescntiL 11n tOTO d1: caricwrnento (fig'. ] 35) che
deve trovarsi in corrispondenza dell'anima, quanclo l'ottur<1I'Ol'e
aperto.
Affinch il cuneo, qnando (hi ll SO non sporga, dalla. culatta,
a(l ostacolare le forti inclina.zioni, urtando contro la i'ua
lnnghezza limita1'a, al diametro dell a cula,tta e il foro (li (':u'i('(l-
ment o, quindi, in generale, l'i sulb illl'Olllpl eto o ridot to ad un
incavo (fig. 135) .
Angolo di cnneo (fig. b 101'111;1, a Cllneo aflo ttata
allo seopo di procurare un con ven<ute forzamento dell e part i
dcstinate a.lla chiusura ermet iea, p l'angolo della facc ia post,eriore
( olla faccia anteriore doveya (lllindi H" ere un eerto \' a,lol'e, nm
pnl' sempre abbastanza piccol< perch l'attrito, come nei cougeg'ni
:1, \'ite, fos.,;e suff1cient e a cletennilUtl'(\ hl stabilit. del t'llllOO anehe
sotto Fazione della pressionp (l ei (Iella, carica snll a sua, faccia
anteriore. l,a, eOlldilliollC di j P cos 'i ':'-> 1'sen i, d, p er
j = 0,10, 'i ':::: .-,0 riO'; in g'enere l'angolo (li cuneo eon apPHI'eechi
di chin:mra t\rtlletica a fOJ'II:tlllent o mi,-;to era tmmto (li ;Jo; col
lltotalli('o a.nche llll allgolo inf(wioJ'e, <]lumto
hasb per render a,gevole' lo scorriment o e la introdnzione nella
nella composizione, e in generale (li ]0.
Disposizione. - - Il a mort isa pu lJl'at ieat.a. llelb
orizzontalmente U vllrticahllllllte.
VoI. n. - Anni a fuoco portatili, ecc.
- 82 -
N el primo caso indi ffel'ente che l' apcrt um dell"L culatta ,,1
abbia per scorrimento '\01',,0 de'it1'3, o yer,-;o sini"t,nL; in generale
per, nei materiali moderni si ri ,'lcontra, l'apertura, dalla parte
opposta a quella da, cui 80no gli apparecchi di punta-
mento, affineh il non sia di:,tllrba,to nel le sue operazioni;
ma nell e costruzioni antiquate a ttro lento, si riSl\OntnL il eontnuio,
perch in genere il puntatol'e a,Ye'\a anelw hncaric:o di aprire e
chiudere la l\ulatta.
ycrtieale ha, il vantaggio di 110n gellerare slJor-
genze latel':1li anche a. cnl a,tbl, apert,;),; C.F; f:;;L ba. i'iempl'c l'a,pertm'a
con i'iecnTirnmlto '10)'1'0' il b<1'l'so, ci chc permette il caricamento
anelle quando hL enlatt;1, ndle !2:randi inclinall ioni, internata
lwll 'afIui'i to, ma l'ichic(le sforzo nella d I i nS\ll':L llerch
il l:ll lleO Pi'i'iere soll eval', n; questa disp08illioJlo si solo
nei piccoli calibri, Il f)ovente a manovra automatica.
Appoggio, guida e arresto.- L'appoggio del cuneo dato in
,genere solo dc1Ua heeia pm;tjerior e della 11l0rtisa, ma in costruzioni
recenti, tLnche all o scopo ili diminuire l a lunghezza (li cul atta
dietro il cuneo, l'cLppog'g;io dato anche da, pa,l' ccchie nervature
r ilevate sulle faceie minori dell a mOl'ti sa (fig. 13ti), pamll elamente
:Ol11a faccia poste1'iol'c e chc si i m peg'll cLll o in delle corri-
f:wce del CIlDeo.
La guicla del euueo nella corRa ata (la n o1'\' ;\ ture
(111 ((.11O esistono, oppure da una :,iola nerya!jUnl, :,i n eta:,;eLln a dell e
f'aceie minori o anche su una ,,,ala (li queste (fl,g. 137); nei eunei
eili ndroprism:ottici, che abbiano la parte eilindl'ina (li. diametro mag' -
g'OI' c dell 'a,ltez,m dell a pm'tc prisnmtien,: dal a dall a parte cilin -
drica. stes8a.
L'arresto dcI cuneo nell':1pel'tnra in pO,'l lllLOlle cOll\!clliente
]Jer il caricamento ottmlllto medi ante una vUe (li ritegno (fig. 135)
avvit,Lta i n Ul1::1 chiocciob della, culatta e i:'lpol'S!,'cnte colla SlUL e8tre-
mit in urm scanalatnl'<t (lei cuneo, parallela alla posteriore
c di lnnghezza eonvclliente, oppure, nei eOLlgeguipnl' bos,-;olo me-
talI ieo, dal congegno di estrazione del bossolo. N ellc artiglierie anti-
quate si riseontrano aneho eatenGUe (fig'. 135), clL8tagne (cl en ti
iOporg011ti e mllo\'ihili per l 'esLnl.,zione eompleta (lel cnncIJ) .
lJo ::;corrimento del ellneo nelle :ITtiglieric d i medio e groiSso
e,lilJr o a ermeo oriz7.onta lc a,gl'volato (la n/W
mente disposti t ra il Cll11 ('O e hL faeia. inferior e della, morti 8:!,.
Pa,rl;olctri dclla /l'lort'isct. - Nei cong:eglli di (']1 (i bo;-; -
i:) olo lll ctallico il foro di cari(',a mento della LaHa l'aperto da]Ja.
parl ,e \'('.1' 1';0 cui f; i vcr in",t lo f;col'l.' imento per la, (hiiISlI e;!, a.llo seopo,
sia di a,gevoln,re l'es[ml-;ione Ild uO'ii:)ol o, :-i ia di m'it,ml (La,uni ,11
servcnt,e (' arieatore, quando l' otturatore venga, (,lIiu :-; o prima dw
egli a bbia {', oHo il ealea.toio p la mano Ila,} foro .
Manovra degli otturatori a cuneo. - - La manona /Legli 01 t' lll'a-
tori ,\ e molto pi :-;mup1i ce (li quelli <l, "Hp" :,1 compi r
in ilI] :-;01 l1lo\-imonto, e non l'ieltied,n a h'un Ild l'ol
il quale non llIai r:-i l l'at to (ompleta.mente d,tlb Illorh:-; a.
Oftttl'ctlori et Citri CO con tOl'.utnw nl o (fig'. 138) , - a rt igli erie
antiqnatc con sif; Lcnm di cII i U:-; llra, Cl' IllP,tiC1L ,, fOl'Za nwllt', o Illl;.; t O
nete;;:';, lrio p l'O \T,rCIlel'n co l ngegno (li Ill,U1O\T a ,ti fo rZ<l,1) [(>111', 0
ini ll i,de !l eI piatto (\/1 a nell o Mf.tll' aLol'n.
ll1 g'(\l IPl'(' ei oLtellltl'o Il1 udi.an te IUlLl, \'ite [JortaLa al l a ,t
del cuneo 1m un albm'o t,l'<Li'\Ven;aJe c che impe,g'namlosi in umL Re mi-
chioceiola nella, m01' t isa, Rcrve a forzare il cuneo e a.d
assicuml'l1e n,nche la all o sparo, in eoneo1'SO \'oluta
inclinazione dclla faccia postcriore; poieh, in genm'e, per detta, \rite
di forzumcnto, in rehtz ione a ll o sforzo compiere, O'(;OJ'l'OIl.O Vi
metti, mentre lo :-ipo:-i tn,mel1 t o de\' e o:-;.;e1' piccolo, ad m' itarc paL'Ceeh i
g'ri dell'albero, i fil etti :-; ono l'as,l i lungo ill'n:-i t:o st'(' ollli o Ulla, super-
ficie uguale a quella eor ri;;pollente Ilclht morti "a, in lllodo da
poter ottenere l' introdllllj one w ma. no fineh i fil ett i del la vite
l,att,i ai l' is pctiLivi intw,di (Iella ehioeeioln" c poi i ' a\,-
vita. mnnl'o c il eon::; eguente fOrll l:L I1l011to con solo mellzo g' il'o (lel-
]'a.lb(wo.
Qncsto (li L'Ctt rLl11onto eh un IInnubr lO a'f)pli cato
< lht Rua testa quam ,-;porg'entc <lalhL t e'ltata, u cile :-: orvc a,nelw
per lfL pr esa, l:LI ser vente per lo -: eonimcnt o del enn eo.
Per le a r tiglierie di m' g:gior cu,lil)l'() il [Ol'7"Ll11ento li ottenuto
con melllli di llmggiol'e d lle,wh, (l lo :-ieOr rilli cnto ]) c;r IllllZIIO di vi te
<l, Ili ngo paKI' O, ln,1110 a, l'nano () eon lnac,uhiIW.
OUurato1'i t cnn()() con bossolo 1nelallico. ,- In genere b
di ta.li ot,tenul"L iil modo rrr,p:lo o con/innu, medi,tll te
l'all ionc indil'etl ,;L di lln;L leva d i maneggio, con di\tol';-;i i: istmni:
lt) a ma no vel la : ,'\cmplice (Hg. 1:)\)): b lenL di maneggio
impcl'lli ,11i<L :-iull a cubtta () il :-;\ lll a,iber o sp orgente nell a lllol'tif;(l
p oeta f "' itta una, lU' LI10Vtlll<L elle co n nn bottone impegn,tto in un;t
-- 84 -
scanalatura rettilinea o leggermente arcuata del cuneo, produce
lo scorrimento di questo, quando si faccia ruotare la leva. La mano-
vella, anzich essere fissata all'albero, pu essere fissata alla leva
stessa. Per assicurare h1 stabilit del cuneo [Lllo sparo, in concorso
colla piccola, inclinazione delln, faccia posteriore del cuneo, la sca-
nalatura eli questo e la manovella sono sistemate in modo che
quando il cuneo chiuso, la manovella abbia direzione normale
alla scanalatura, o meglio sia dirctta alquanto obliquamente in
senso opposto a quello corrispondente al movimento di apertura,.
(Cannone 75 Mod. 906; Krupp in genere);
b) manovella a biella (fig. 140): la manovella comanda una
biella ael eRsa unita a snodo, e fissata, all'altra estremit al
con un piolo impegnato in un foro del cuneo; con questa sistema-
zione si evitano gli attriti eli ,'cOrrimellto elel bottone lnngo la sca-
nalatura e conseguenti inceppamenti; il concorso alla
nello sparo ottenuto disponendo le parti in modo che quando
l'otturatore chiuso, manovella c biella facciano un piccolo a,ngolo
dalla parte opposta a quella, da, cui deve girare la manovella lHllla
apertura, appoggiandosi contro un conveniente risalto del cuneo.
(:::;koda) ;
c) vite e:-;tl'attrice ,1 lungo llflSSO (fig. J41): i'istmnata in
un canale del cuneo, ingranata in lIna ioipmiclrioc(iola della mort,iiia,
e manovrata eon manubrio alla tesi'ata del eU11('O (Krupp).
Questo ioii:-;tema i> speeial mente appl iea.bile alle artiglierie eli
gro:-;w (\,1ib1"0, e il nlOY11pnto vitu estrattrice ottp-
rm to con ingranaggi contell uh in alloggiarncllt. dp 11 a testata, ([l, I
cuneo e comandati da , 'olantino o da nlHllllbrio COl! mO' illlento
Ontlmo. (Mortai da JOil ;:"koda) ,
Estrazione del bossolo. -11 congegno <li mdT;JZI01le
in genere, funziona anche da arresto <l ell'otturatore nella apel'tUl':l ,
pel'eil il :-;no funzionamento detel'll1inatu dalL'mto dell'otturatore
q uando la clllaUa eompletamellte 'L])el'ta.
La forma gellerale <lell'estrattore ,L !ol'chetta (rig' . U2), os:-; ia
un albero con due braeci,L o brallche, tal vo!t;t collegate o rinfo l'-
zate da lilla pia,:-; tra: l'estrattore a.llogah) in Ull analogo alloggia-
ment o ricavato nelh faccia antnl'iore della Inorti",L (fig. J43) dalla
parte verso la, quale il apre l'otturatore, e le et;trcmit cl ell e beanclw
si adattano in intagli nella :mpcrfieie d'appoggio dell'orlo del
solo, eon denti o Slll ll s8.Ltl1re; dw imperniato ]le)
-
sno n,ll oggianH'n t o, mediant e un p erno fi sso aHa <: nl aUa cl IC
ilei RII O allwl'o o semplicemc nt,e Illc(li a nte la cost.ol a cost"i tu it,;;L dall'al-
bero st,csso (figo 14 4), pu l'uotnl'e colle branch e indi etro cd estrarre
i l hl rotaz ione pro\' ocata dal cuneo nell ' III h mo tratto
,"mi COl' ,,,a pOI' mnzzo fli due talloni spol'g:enti indiet ro (1('\-
L tlbr l'o , Inllg: o i qu a li SCOl'l'Ono due se na lat nl' e pl'ati(' ah' lungugli
anteriori del cuneo; le di lnng' h(-zza ( :011\('-
nielltf' 1)('1'ch(> il gTn,dino (' he lo lillliLl urti (oolltro i tall oni d ell ' ottl1 -
tOI'l\ appull to (!lI a uuo per ('""er o a,pnLo lo "bo(' (Oo
(lpl l' ani lll <io La corSa dpll ' oltul'atol'(-, resta (Oo ;-; lillli tahi (b il a ;; iA p-
J1l a z io 11(\ S t !'\ ,-;;-;a o
Xat llntllJl f' nte se la, fae("i cL anteriol'enoll tag:liata oiJliql1 ,IIl}('n1p,
y j si trova.uo d egli intagli per permettere b l'ot az iolH-' d(' lI ('
-Lo s llluovimen t o in izi al e clel bossolo ot.t e nn tll ("(Hl lIll a,lHl a -
I1wnto particolare dell e K(;a na lat ul' c, oppure, lw i c,\Iihl'i Il mgi!,iori
(i-\koda. ) (;Oll delle Ilwe allogoate ll ella lllOl'hloia dalla parte
oppo,,,ta, dllJ funzionan o amdoga l1l entt\ a p ('r
d[!-'tto del rno\ -imento dI' I cuneoo
'1'a l volta. pcr il f Ullzio nalll ento ci i <l l1m' no 1l1ll:L cI(' llp
bn\ll("h r, qup;.; k ;-;ono indipel lILPn t i una aall ' alt nl (ol)i( Op (l a. 100/17
-:\f. l ,I l\ 16)0
[>('1" (' st,l'arre co nlpl et,arnente il cUlIeo (ric<I,mbio, pulizi a) (l(O-
COlTe togliere l 'estrattore : il (l lH' sto scopo l'est'rattol'(' 1l 11llli to di
lUI (",h o ,,;porge all 'u,terI1O clelia culatta attnlVOl'SO
ilJtag' lio cl(' lhL e in lill a , di sem<qwrtnl'a del L: \1lH>,O,
,(' i:(; analat'1LJ"( ' (li (lei t a ll oni {\ l a. fa(Oeia all 1:!" ri on' ([el
C
O
l1l WO dei pr ofondi incavi in e ui P0:-; Ioi O[)O tI'O,", l!' po:-; to
i tall oui (\ l'a l bero, p er p erl) lettJ(' rc all 'e:-; trat-t,()r(l di 1l 1oi ("i]"p d al :,; no
allog'gianwnto, ci dw ot t i(-\ ne dopo a H'I" t.ol t-, o i l p!'mo, age ndo
clell ' e:',f:, l"a ttoro; l'O ,non h a 11 11 perno (>llettiToma
,-;0 10 1l1llliito (li (',o;-;tola (('a nno 7:"'; 90()) (figo 1-14), ta li incayi
S01l0 normnllllUll te oeell ]Jal i dall e t.s t di lIll a O ;I,sli if"o lo
0he attnl,\' erSa yertiealnlOllt e tutto il cUlI eo, c co,,-; l'estrattore
tl"nLl to in sito p er la, manona; quando si vllOle il (,11neo,
vielle pril n,1, aperto, poi si tOil;Lic la, :,pina; f' i richiudt> il euneo,
e :.<rclIclo rd l1 <lsello (ldl'e!::itraLtoro si porta, questo indiet l'O, i II rnodo
elle l t a lloui 'i i a,d a,tt ino nl3gli incavi laseiati libe ri deLll a s pi na c l a
costola. Oilca dai suo a.llogg-iamento; a prendo di nuov o l' ottura.tor o.
1)1l cstO t rascin,t con si'. l 'N,trattore il pu e !::i ser e eo mpietamente " fi,
l ato cb ll ct mortisao
-- 8(i -
Manovra automatica e semiautomatica. - Por 1;(, lll<lllO"J' fl
antom,ltie;l o semiantomatiea l'albero (ldl; l le" , (li m,lilcggio
;.;o lle(itafo dn 1111 riel1['el';1 ;1, !l1(;] ia ehe s i (omp.J'i DI(' nel mo V1-
!l1Pllto d.i apcrt l'a, c l ' olt,uratoJ'(' a rre.-ltnJo ll(Oil n, posizi ono di
(\1l1at.t'I, apl'l'ta, e (luilldi col mollolH'. e0111pr 2s>: 0, in gelwra,lr, c1a1-
!' ei'ltraUne(', 1(' eui branche >: ono <1]11\ di denti di
,I.Yl'(' "to, c.he, q"aru[o l'est l' at.tol'l\ ruoh-I,to inclietl'o, \' OJ1gono li cl i-
;-;pol',.; i ;I, eOllLrasto di (t/'/tatoi) ll ell a t'"tr(, IlII Ut (lei elll lCO
(fig. L46); quando >: i illtrodnen il bOt;soio, l'orl o fli qu osto LI (l\"lll:.-:al'e
le d,elie UntlHjw dJ{' ('esi lilwnl il (,lll1eO,
il f]na11' si riellinde autolll a (,ieanl cll tt) sot t o l'azioI t\ Ikl l'ieupeJ'atore
(;li-.. l'idi stelldendosi, fa m ota,re !';tlbel'o d :> ll" Ima li !1l'lHeggio.
Pn la mano,ir,l, semiautoil! H,hc;l, l'a,pert,ura, ddla, C'll latt,t
cOlllpi nt-,a a, mm,.
P ! l' la manovra automatica (che applif'ata !l 1-dic <tl't ig' jiel'ie
('O!} af'fuRto a d3formazione) ;tnche l' apertura delh Cllhttfl, ott-c-
lI uta <lll t ornal', icam ?Jlte :11 tel;mine dell'itol'llo dl ll; L ho<.:f> ;l cla Ino('O
il) pORiziollP di p:'1' efl'etto (1(: 1 cont rasto ([ 211:1 Jenl (l
o (Ii il I Lra parte sOlit1a.1e eoll 'a llwl'o di, f]lW;.,to, ('Oll t 1'0 pia stre o
bracei fi RSi cuPa . Pr ciil ncneRil,trio che la solida,lp (01-
1';11b<'1'0 ilella leva di ma neggio Ria ulOlLa si ripieghi () rientri
1)('1 suo a. ilogp:jamento nell 'j nizio ilel r inculo, soHo la prC'ssiOlH'
ddLa part,e fisKa all a cnlh:" e veng;<1 eli mIO\O a ])('J' csen',i-
t-' are l a sna funzione Ile
l
ritorno.
f':sC1'I1J1i o: Ca nnone 70/ 50 Mod . 90!) (fig. 147). - CUlWO w rli n il c , movi
J1lf' nto a Ili anovell a sellipli ce (a), a elli il u llil' a la 1I1 0l1a del 1'i eu pel'aIOl:e ;
l' a lbero (b) (\ ca lettato il polli ne (c) 1',011 IlI oJl a (d) ; nel 1'ineto il pollice 1I1'Ia contro
il l' , Ilo (li IIll braccio a lla nnll a , l' s i ril, if'ga in nasso ne ll a c') ;
que8t.o lI"Io vi nl elito da lUI gilll'O (f) c"i,dplIIf' fra il Ili0ZZO del polli ee
e l' alboro; proseguemlo il r in clIlo il pollico, peJ' aziolll' cloll:i 1I1011a , riporl a
n ell a, p os iziollo (r; " ), e Il ol ritorllo ill batteria llrta conl'H) il nl1lo" ]'Ilota indi et ro
DIIO all a pos'izioll c (e"' ), facondo l'lIotarf' a llelll' "l'albfwo t' [!l' ovo('allrlo la di s('c"a
dI" 11' o ttll ratol'c.
lnvellc Il cl e::mllon e da 75 C. le (Ag. 148) (c uneo o1'illzonta lp) il piolo il. lIIoll a
(n) sporgente in a. lt o dalla leva di lIIa.neggio (6), nelrineulo (', in
d a l pi a ll O ill clill ato (c) di lil la. pia,;tl'a (cl) fi",;a a ll a euJJa; lI el ril,ol'llo invl' ,:; e viene
ad urtare ill (/.' ) e scotT(' lIdo Ragollla.l,o (a' e) dI'ila dul (, l'Il1in3 lo
8posla lli c li to dl' lI a leva di 11I 3,II Cggio e lo !:'conilll pnto dpl ClIIl I' O.
L'apertur:1 della cnlatta, p l'odo tta Ltl t(\l']!1ill e del ritorJ!o iu
po;,;iziOl
1
8 di '1p:-l1'O, [Jel' :tyere Iii, sielln'zza, e1w ,1\'vP l1lo!:a qu alldo
n ell' in terno (l eJl' a,Jlil1lC1 non Sllilil"tOfiO pi pre:,; s iopi el evat t\, ci
che si Y0rificl!eJ'chhe illv (Jee quu]ol'a l' apcr tlll'<.1 al l'illizio
- 87 --
dr l rill clllo; (1 ').Hl' a parte, il movimento della bocca da, fuoeo f1iffi-
('i lnwntc potrebbe eFi serc nt.ilizzato immediatalllenh> per il cari-
c:nnento (come nelle armi portatili antomatiche). No n
per ell e talc- fnllziormmento posfi a, es:-; ere reaEzzato.
Aln. -L - Otturatori a blocco.
:-)ono efiduRivamente con ehinsura ermetica a bossolo nlCtal-
li eo e applicati, in gcnere, ad artiglierie di piccolo ('alibro.
:-ii distingnono dne tipi:
a) a 1'ota.zione attorno ctd asse parrtllelo Cl dell'anima
(fig. 149) . Blocco cilindrico eli dia ll letro supe-
riore aJ doppio di quello dello sbocco dell'anima" girevole in allog-
giamento analogo, eccentrico rispet,to all'anima ; presenta un foro
eccentrico di diametro ugu ale a quello dell'anilmL (o anche una
HYasatUl'a) e e011 nna semplice rotazione di circa J 80 pu esser
di sposto in modo che all'anima corrisponda il foro o la svasatura
per il caricamento, oppure la parte piena per dare appoggio al
bosiioIo all' atto deno sparo. La superficie cililldri ea el el blocco
filettata a vite, e analogamente la superficie interna dell' alloggia-
mell t o, per dar e l1n conve1liente appoggio al selll,: a l'inter-
vento di un che dovrebbe eSi;el' ) di grande diametro avere
l a re;.; istenza, e per fac ilit di dell'otturatore
al lJezzo. La n1<111O\'1'a ottenuta mediante una leva C011 manubrio
appl ieato alla posteriore del blocco, e la rotazione arrestata
nelle due pOf>izioni di caricamento e di sparo da un arrofto fissato
culatta (amovibil e per permettere di togliere e applicare ' il
blu(:(:o alla bocca da fuoco), contro il q naIe vanno ad urtare due tal-
loni :sporgenti in posizione conveniente dalla periferi a, dell a faccia
po,; teriore del bloeco. L'estrattore del t ipo a ad asse
orizzontale; l'a'lsc dalb parte oppoStl:1 aUe bra,nehe porta lHl piede
sporgente, che si ada,tta in nria scanalatura m' ClULta, l'ieayata nella
faccia a, nteriore elel blocco, e t erminante con una i;uperfl eie
dale che contrastando, llell' ul t imo tratto della rotazione nell'a,per-
tura, co ntro analoga superfi cie della sporgenza del piede, prodnce
1ft 1'01 a,lIione e la espulsione del bossolo.
b) arotaz1'one attorno acl asse nonna1e all'an1na. (Tipo
t a1l ct) (fig. 150). L'a.sse di rotallione orizzontale e il blocco ha
la forma generale di un iiettore di di sco, di spes;-;oL'c alqu a nt-o sn-
pPl'io!'l' al diametro dello ;,;boeco dell'anima, ed imperlliato mediante
- 88-
due orecchioni lateralmente secondo l'asfie del disco, su
orecchioniere ricavate nell a culatta; uno degli orecchioni ha una
con manubrio pcr il maneggio, e il Llocco pu es:;ere
c1i::;posto colla superficie curva contro lo sbocco dell'anima per dare
::,ppoggio al bosBolo, oppure o::;sere motato di 90 in basso; in questa
posi7,ione una doccia \, ,'ieavato nello Spei'lflOre del blocco,
fra i (lue orecchioni, i'li presenta in prolungamento dell'anima e
pf'l'mette il caricamento.
L'alloggiamento df:'ll'otturatore l'mlta eostituito da due sem ..
p liei gWlnce parallel c. lJ'appoggio nOll dato agli orecchioni
::mlle ol'ccchioniere, ma Cl;1 nel'vatnl'C iLd areo di cireolo rileyate sulla
superficie (lelle gllanee e impegnate in scanalature a naloghe
ricavate :;ulle facce laterali del blocco.
[Ja su perficic (li questo nou cilindri ca, ma sferica con
centro sull'aBRe c'leI blocco, in moo (la (Iare, coll' impiego di bo:ssoli
il fondello concavo seco ndo una i'uperficie Rfel'ica uguale,
l'appoggio a tutto il fondello, ::;enza richiedere, delh, carica,
una cu.nt particolare nel colloeaJ' e il 1>01';;;010 nell 'anima, come :sa-
rebbe necessario se la superfici e (li ehiusu l'a fosse cilindrica.
T/ e:;tntttorc a forchetta e fUllZiol1<L <tmLloga,mente l, quelli
ei congegni a cuneo, determinando l'aner-;to (11\1 blocco in posi-
zione di caricamento.
Anche questo tipo eli otturatore 'ii presta facilmente <tlla ma-
nOYl'a e semiautonmtiea .
Appartiene a, que:sta categoria, di cougegni di chiufiura nn ottu-
l'<LtJO['fl di cni si Il a qualcho notizia, ideato (lal Oharbonnior, che lo
ha ottul'Cttore fqwilibralo (fig. J51). Il bloeeo cost ituito
da un solido a forma (li ba.rile, co n una r-;porgenza ,L :-;ferica
avente jl centro nel centro dj fignra del blocco, cd girevole at-
t orno a l proprio asse, disposto orizzonta,le in un <,1l0gg<1mento
amtlogo della culatta; il b locco in direzione Ilormale
all'asse della cal01ita, :.,ferica, (ht un toro di earicamento, e la culatta
p resenta postcl'ornwnte ::Li bIo eco una cLpcrtnra di in
direzione dell'anima; un,t rotazione (li 90 permette quindi di aprire
o chinderl) la eulatta, :;()J]Za alenuo fl torzo, pm:::h il blocco pertpt-
tamentp equilibra,to sul
Tra gli oUnratori <cL biocco p1ll' C (b quelli di
piccole art iglierie Ctnto'lYletliche di co,.,truzionc alle
mitmgliatrici; ((\ mIlone (b JO/3!J). Si rimHuda]Jerqlleflto alla parte:
(I .. inni portatili l),
- 89 --
Ala. !) . - Congegni di sparo.
Accensione della carica. - Ne1l 0 artiglierie ad avancarica e
11(1\e pl'irne ,trtigliel' io a retrocarioa non esistevano cong'egni (li
sparo; l' accenRione dpll a carica era otteJ11Ita mcdi all te po]veriuo,
miccia, e in ultimo con a fri7.iollC (Vp(li I(
dc1) e ea;'jche "), introdott i in un foro praticato nelle pareti df'll;t
bocca (la fuoco 'veri-l o il della camera (lellapoln')'(', f' eliin-
mato focone.
Il focone, fin (1<11 principio del secolo \\fI (fig'. "-,2 ) non \ellll(',
pnl,tieato direttamente nelle paret i, ma in lln gml/o Il fO('()f!" (li forma
t ronco-colliea, di rame, 1'01'7.ato dall ' interno all '('Citerno o Hn' it,Jto,
allo "copo di cost ih lire parte di ri cambio. Un (li
qnesta prirna forma di grano il gntllO detto alla .\L'l t hiR ([tali ,,),
costituit a ch lIll a pa,t' te cilindrica, inf\:'rioJ'P e da lilla parte tl'OJWO-
i-l upel'iore coi si e vita llli [Oi'Z,lTlAllto (l e]
grano n<-' J sno allog;giamento e si fH()ili ta il rir-(:l mhio.
Il 1'ocone in principio fu praticato !l e] pi,!l (l di :, illlme/'l' iH
(lell a ] )(lCea l a, fnoe,o v\51tiea,lmelltA o ,Wdll ' inclinato in ,lnmtl ('
sbocca nt A a l fondo dell' anima ; poi s i 1'ee(, ve)') ica
1
c e sbocca.nte
a meti de'lI::), carnera per l a istn ntall('itil (le]]: \ infiallllll,tziOllC
della. eJTica.
In segnito, le artiglicri c et /' cti'Oeal'ica ebbero il f()('ouc pra.ticato
nell ' otturatore, in direzione dell'a"se deU' anillw a ott nratore
quei-lta di ;;; poli ir.iolle, poco eOtlH'IJipllt e Ilpi rig'l1 ardi
della della infiammazione dell a cariea , :4 i ('onsigliaY<I
per ragioni di "icnrezza e di faeilitiJ, di ricambio (li lilla parte SO,!..:'-
gettt a 1'orto logor amento. N egli otturatori il focolle pratica t-o
(fig. 153) direlitamente nel meta.llo (l. el1'otturatorc o (lelhl tm;ta a
fungo, oppure in un gra.no di acciaio o (li rame. si"temidi chi n-
sura ermetica, a piat to e(1 a nello, anelle i] pia.tto ri:'mlta 1'orat o dal
focone, e si l'ii-lcontra talyolta l1ua.lehe i-l istcma7.ione per gar a.ntire
la chimmra en netic,L tra piatto e suo allogg:iameuto nel cUlleo,
oppure Ull eo(lolo che indietro da l pia.tto ill nn foro del
cuneo, e nel quale prat icato il focone.
CoUa, introduzione del cannello ((, l'tf, l'orifizio p0,';tcl'iore dl'l
focone fn fatto a chiocciol a ; qucRta i mpt'disee la 1
1
('-
ricolosa proiezione a.ll ' indietr o del eanncllo a.ll' at.to (lello sparo)
ed evita sfLlggite eli gas, pericolose per il personale e dannose per
i.I materiale.
- HO - ,-
11 ;;;i;;;teJl1<l eli ehiusllra ermetica, <I uOi"ii"i010 metallico richiese
d,!li'ill'nesc(i i, ' (annello a lJ1'l'CUss'ioil ,o :\1 J"ondr.do dcI
b0ss
f
.lo f' la di un cOnflCf/1w (li sparo Ilpl cong-cgl'o di
thiu:mra. Qnc'shL dispo;;; i:dolW si estei"ia lJoi a ne]w congegni di
ehiuNuI" con anello plas tico, coi quali in vece dci canJlello a fri-
zione avvitato, siilllpi ega un canDeno perCm;i"iiOll e liRcio pster-
ll<.Lmcnte, detto cal'l1wcia innescu, sistemato a ll a estremit del fo-
cone praticato lllngo il gambo della testa <l l'ungo.
I congegni eli sparo per otturatori con bossolo metallico e
quelli pe!' o itUl'at Ort con <ttl':,'li o rlasi-iet; flln7.iolHLlhl iil lllOl!O nguale,
l1l:1 sono in modo diverso, iu Ilipelldenza delle
([i i"i p osizioni .lelle parti. L'impiego Ilei cannelli a prp-
l'enta RH ((\lell di a frizione a \'it,e il vHmaggio di 11l1a
Ill<lgg iore tapidit Rf'l'Vizio.
In Iuolte artiglierie, s]) ecialmellte in ill il tall azione fi ss;J ,
applicato a nche il cngegno (li Spat'O elett1'1:co, per permettere cl i
comunicare il fuoco alla carica dal puntatorc stesso, che sovente
in posizione relativanwn1ie lontana dalla culatta, appena il pezzo
puntato e senza il concoriSO di trasmi ssiol1 i fi Oyellte ] llnghe e eom-
plica,te.
,I.. Congegni di sparo percussione di otturatori per b05solo metal-
Iico.- T,a parte eRsenzia,le di un congegno di illHln) ,t pel'cuRsioll e
il pe1'c'u8sore che n ella, forma pi generalmc JJte adott<lta costi-
tuito da uno stelo con coll are o da un bussolu (fig. 1 ['i4) i forma varia,
scorrevole in direzione dell'asse dell'anima ill Ull al loggiamcnto
dell ' ottnratore, o munito anteriormente di una pllllta (di solito
fi ::;:,;ata con avviLltl1l'a o con incastro ;;iCOpO di ricamhio ), che pu
d a un foro dell a parete anteriore dell 'alloggi a men t o (di
:-i olito costituit,<L da un pezzo di riporto a, \"y iL< Lto, (ktto gmno), e
v <' 11il'(, a l>Httere snll a, e<lsi"i nLa delL' illllcSCO (lei bossolo; l a 'ipiuta
al Iwrcllssore pn eSi:ler data da una preventiv<lmente C0111-
lIj'(-'i'iI'<:L e poi liberata, o (la, Ull 'martello che l' iaJlOl'l'a10 a p ercuotere
l' est re mit <Ld percuRsore Spol'gcll1'(' a ll ' illdietro daH'o t-
t llratore. III ogni cai-O nel movimento del ri d evuno
, il'rti care le dne cOI1(Li7,ioni:
et) lil)(' rUL di 1Il0vinwnto avanti e iniLioLl'o, ipl'eialllicnte in
a,Y<lnti, per non diminuire lc1 \'iol enza (leUa RII<t <17,iollC tlnlla cas-
,.ml ' l dell' innescu: per questo il percussorc presenhl, 'iulla periferi a
del1<1 part.e che lo gllidR lllngo l 'alloggi a mento, dI'Ile i'iol catul'e o
-
i llta:l' l i elH' lwrrncttOl}() I a sfuggita. (lell ' aria compresiia tra la parte
a nteriore e la cstromitiL di lubrifi-
can ti che chiudono gli intAn:tizi natural i) e che HltrimeJlti
da c!l:-\eirwtLo ;
b) ll oet';-<siUl elw la, pnnta del percussore :,:porga, dal foro
dcll 'Q,tturatol' tl solo q ua ndo deve battere su lla eassula, c venga
rihrala subito dopo lo spm'o o almeno q1lando :si inizia l'apertura
de'l ' ottnrator, e d pereh: a) neg] i otturatori a vite, la vunta
"por,gcnte, della ehiusura, potrebbe attcl'e eontro la eas-
;,nla e dctel'lllimm' lo ;-< paro prima ehe il vitone sia avvitato, con
couseg'1lcnze grav issime; b) negli otturatori a euneo e a bloceo la
})nnta, rimanendo inca;-<t rata llCll' innesco del bOiisolo non permet-
terebbe il movimento dell'otturatore. A q1lm;to scopo sovente il
pel' Cuswre munito (li una, molla an teriore antagonista (fig. ] :)4),
l'he tiene il percuiisore in ternato e a contatto del il quale,
qllllHlo di ste"o eompldanwnte, non obblig:a la. punta a. i-l porgere.
In qll esto il pcrcm;sore non percuote l a mu;sula sotto l'azione
diretta mollone, D'W, :;;010 per effetto dell a forza viva
nel 1l iOvil1lento irnpl'osi'IOgli da moLlone, il quale natundmente
ili lJOtenza ;I,f-;:-;a, i maggiore dell a moll a anteriore.
:-lo\'entc poi il percusso!'e COmljo:;;to di due part i: uno spillo
con mulla onteri01'e (fig . lf>(),) , all ogato in apposito alloggiamento
della e"tl'emiht anteriore dell'alloggiamellto, e una massa battente
dal rnollone dal martello ad agire i'lullo spil!o; questo
dotto (( rimbal zo In qual che cai'io, col sistema a, martello,
agi:-;eo direttamen t e "nl po1'cm::-;ore a rimbalzo senza l'in-
It' lT(\nto d i 111m baHt'ntt> (fig' , 155).
(' o11ucyni di }J('}'c'lI ssi o1?t a rnolla (fig. ]fii) . - I.Ja molla pu
elicoidal e o ;1 lamina. La molla e7i coi dal e appoggiata poste-
]'iol;mente r,m Ull {((PPO ehe chindo l' alloggiamento e che fi ssa,t u
,lII ' (Jtt llra t.oJ'(' ('O li lIll a, baionetta per fa('ilitare e r ender
rapid o i I eamlJio d\'l percn:,: wre in eai'O di !!uasto; la molla pu
\ ' ,;:'H ;l \ ' \ ' O'hl att or no id lH'Tcu:;;soro a stelo, e a'PllOggiar:'i :-;u un
collal'o (li oLJ j)lIre (J.f-;Kcre contenuta nel percussore a ma ni-
\.'tJ tto, appog-,i:ianclo snl fondo chimio a nteriore di qn(' sto.
l ,c mol/(' a lamina (a V) sono l i:\sate con nna dell e br:llwhe ad
npp li f'a. t,a Dil 'ot t nra t orc' ('Oli ill e<1;-<j-,ro li coda eli rondine
" i li ,l Itro !llodo, (' eoll 'alt l' a agiscono :s u nn dente l) ri :-ml t.o n intaglio
(lpi pereustioI'C.
- -
a elica perw,\tto1l0 una corsa pi lunga e SOllO pi.
largamente a,dMtrtt?
.4 rrnarne1tto p, - fnnzioll,lIllt' ll to ,li quest.i
(li percussione occorre dr>inflg' ucre, come in fluelli Ilelle armi por-
tatili, cLue tempi: r'arnuun(:nlo, ossia, retrocessione del pereusiore eon
cumpI"essiorw del rTlollone e an'f:S/O ,ll\1 pereussore in posiziolJ.e
HrTet ra,t a, e lo sccuto, o 8" i <1, lo svineolo del ]Wl'CUil >iOre e disterHiionc
d(>l JTlOllOll e e av,Lllz,lta \'iolenhL ,leI IWl'CllNsore.
UarrnOimenlo avviene pP1' mezzo di lltl;L (l i rtl'1nmnellto
impertli\LbL S11 un perno fl il ,"O ,lll'ottnratorc, agpnt(. con uno dei
suoi hnwei ,,,u un t.allonn dCI !)('rctl,-;:-;ol'e, e 1110>iSa direttamento .da.l-
l' azione cld >iervente o illdirpttamente 1](\1 movime nto di <Ipel'tura
de'l'otturatore. L'w'/'Csto ot', tennt,o per mezzo ,li un (lent e di scatto
,L molla ehe \'ipne ,1 dispon;i, qlUwc10 il }JCl'Cll >i ,';Ore arretr ato, c1a,-
Yanti ad un dentie di "nesto (le1 1Jo scatto avviene per
mezzo di UI1<L i'i ecolldn, lenl, dpLta lOV,1 di 1i}.JafO o anche gTiIl ctto,
elle sul (lPrt!'e di i Il mo,lo d a I i beral'(1 il rWl'en "isore
(fig .. 1;)"7).
t)ccon(lo il modo (;!li Hmg0110 pl'o\<oeati qne:-;ti mo \Ci -
menti, >ii c1i>it'ing'lloHo i ,..,egll enti tijJi di l:ong:eg-no:
et) Al'Ilwnu'nto provocato ,[;t! 1ll0\'imellto di ,1,pertnra ,lella
c lllaHa, e (lallo >i eat to.
La leva di armamento ("omandala ,lal lIL<win wnto di <lpo1'-
t. l \1'(-\, dell 'otturatore o (lclla 1L\\'a, d i CI ITIIClIlWII to, eon cl i-;positiyi
s variati ",ecolldo ehe l'ottunLtoJ'c t\ a ('lltl PO, a. \'ite li a 1)loc('o, e
1.<I>iei", il pereussore annatl) nd mo\'iIlH-\ uto di f'hil1>iura. In c(/ :,; o
di mane,tta <t cccn:-;ione ,ldla ea' :mla (seatto a \'llOtO) per riarmare
il percuiilorc oeeorl'C aprire la enlatta. Per lju2sta opera-
zionp dle pn ':S>ierc pcrieolmm. in d.i ritardo eli aeeellsione,
in molti materiali s i Pll a.rmare il pereHssore t e npndo l'otturatiore
ehiuilo, sia disponendo il percu i sore in modo che sporga indietro
dall'otturatore (fig'. 168), sia organizzando il :-; i:-;tema in modo ehe
la leva di annament,o posf.i a <Issere comandata ,.weh lJ
d il'ett.amellte (r'il) etizione amano).
Qne>iti eonge.2:ni per 1I0n s i J"iscontTa,nn elle nei IIhlteri,;Ji
non reeenti .
b) (Jonyeyni di sparo ripeti;c'io /w antolnal'ca. - Sono com-
plet amente indipendent.i ,tal movimento dell 'otturatore, e per-
mettono di ripetere lo "f:attn SenZ<:l alcuna opcr,.tziOllO plcliminare
- - !-I:l -
di l'ia1'mamellto, c;-:sel)(10 g'iit s(t1tprc per il funziottame.nto
itllC'lW a TII eong'('gni munta il tempo eli
d
u
] armato, c l'nrnmmeuto ce lo scatto si
il1llllcdia talllcnte per effetto di Il na l'o!<t <I zione del ;-:e.l'\'ellte, a l mo-
mento di far partire il tolpo.
T cl nu tempi sono proyocati <I oH llra tore (:ollll,letanwnte eh iU>io
(la 1111 0 ,, (-e',KO organo, per lo pitl ulla lPY<1 pn eli
w//w'II/ enlo c scatto, organizzata iII modo che per <Iz;ione din/ta ()
ilHlil'dtH del produce l'al'lIwlIlC'nto e lo scatto, e ces::;ata
l \ lziolw (\('1 si riporta Hlltonmticumente, per effetto di
una molla, nella posizione primihya (\ III eondiziol1f' di poter di
tlllOYO far fllnr.iollare il ::; istenl'l.
(LispositiYO prescnta il \-"lltagg:io di una, grand(' rapi-
dit di fnl1zionamento, arma, il llloUOl1C f'o lo al lJlOnwlIto dell o
,.;pal'o (' pPl'mettp q nindi Ili t.('neJ'() i I pcr.w carieo anelt e (Ln1'ante i
trn,;porti ( '( )]I 1I1i1lOl' pericolo (li S P (\J'() fortnilo; riehie(Lf\ (lispofitivi
di :-;iCLll'l",ZZ;a, che i rnpedi:-;cH 110 lo sparo li culatta non perfetta mente
ehill sa, ma, si pn',;t,a facilmontf', il lllollolle normalnlPnte
di"tp,;o, a dispositi \' i molto l'lfica('i; (':';"0 quindi genen.llmnnte
impil'g'Hto nelle artiglierie Illollel'l\(' di qltalsiaFi i caliuro.
j di s pa!'o n rivptiz;ione antomatica si ba-
,; ul t'nllziomllllenl ,(j di Illnlll' , l' lw ;,0110 so,g'gette a. l:oHllre o
perditI' cii r. la:- til'it; peJ'ci ,ono as,;a i pl'egf' yo}i i COJlgp!,!ni ('lle
ridll('ollO il IlUIlU'ro dcll\' 11101lp Hl 1I11111ll10.
h'SI'II&JI;: a) T ipo prillii (' ivo (fig. I [iV) - ::lchenla). - a
con 111 0 11011(' e IIII ,lla <JIILel'iol'p; dpn(, e ,li pl'e>:a j)os l m'ioJ'lll c ntc;
leva di al'lIl :.L lliPll to (' seatto, eOIl d(ml-. c di Si'a tto a molla e ('011 1I1Ht qna l'La. Ili olla
cbe la le va 11011a sna ordinaria e elle vicn detta lIIolla. di l'i -
pet.iziolw_ "\ g p;" l e OIl cordicella, o IlIflniglia. ;lUil l eva, s i pl'Otl1L<'P la
6iollt' de l n l' ar lll a lliPll i.o, fiJlell i l dpnle di scatto "fllggc da,l dpnte
,li a llol' ;L k, lo e illllll cdia tull j(nt.p dopo 1I lolia a nl-e l'iorc riport a
il irll1ip('1'0, fino a COllhlL(.o del ILlollolw (li "teKO. l'azion.,
l/w; l, la IliolIa, di l'ipotiziollc lo -riport a 1I pll a Jlol'lna,I(), il dcnt:f' J i
eonLrfls Lanrl .. contro il d"nto d.i ,lel IWl'C'IlSSOl'" il /111:1)(> tenllto
illili etro d.alla IlIoJlaanteriol'e, Ki r ipiega IIcl tino a
il denti' di (. poi dalla. su a IIlo!la, .li ::; ponc di nIlO\o avnllt. i, C' COLI
ci tll t Li g- I i l' lelll () nti WIIO t ornati lIel Le pO::; i;l ioll (' iniziale.
iJ) Tipo eon Ilna IlIoHa (d i --- IlIatcr ia.li :->kod;l ::; 0110 a ppli -
.;tt i Il Il,(blit. .li tipo, di CHi bi es ponc IlllO dei [litl >'C 1lI p ! id (Ag:. lUU) ,
Il ( n). io :;colTevo)P 1I1' 1I ' lloggia. IIIC' 1I10 ch.e chill :;o
dal tappu (h) el w puro l'n'" aver e Iltl :l, piecola ('lll""il avanti_ n 11iOlloli O appoggi a.
:lntcriol"l l,entl' conlro due pioli (c, d) c ile b P " ;gOIlO indietro dal gra.no di cltin:;ul'a.
94 -
a nt eriore c penetrano nell' in terno del pcrcllssore at t.ru, ver so \lll e fori Ilell a estr-
mit, anteriore di questo, in 1II0do che il Illollone, leggerill ell te tiE'I1P
sellipre il t appo n ella posizione pii! arretrata, e il p er cusflol'C PIl ityer e nn a
piccola COril it senza es,,;er e sottoposto all ' azione del lllOllonc. Unu, leva di a rlll a-
Ill ento e scatto (e) portata da un albero trasversale Cf) a ll ' o(,t uratore e co-
mandat o da una leva di s pa ro e"t('Tna su cui agisce il con un suo bot-
tone (g) contrasta cont r o un t allone del tappo, il <]Il a le, (,,,sondo indid ro
dal.mollone obbliga l a le va a t enero la sua estn' lI1iUL a nteriore (h) sollevat a in
Illodo che un dente interno dell a l eva eontrastu,lIClo contro un den te tri angolare (i l
della f accia destra del tiene qnes Lo nella pos iziono pi arretrata "
a contatto tlellllollon('. F acen do ruotar e l 'albero li el 8(,n,,0 Lld lc laneette- dell 'or"
logio il dente an teriom dell a l eva (e) scorre s u un a lLro r i"a It- o a profil o cnr n l
eceentri co (l) della faccia de"tr a del p er enssore e o bbliga, qll.esto a rctroc('crc'
comprimendo il Ill oll one ; nello "tesso tempo il bottone (g) obbliga il tappo ad
ava nzare, cos il rnollone resta eOlllpre;;so da ambedu e le o:; l.r cmit. A un cer to
punt o il dente (h) sfu gge al ri sali o (Z) e il per cu8sore spin t o dal Ili oll one, avanza,
c acquista s uffici ente forza v iv,1 ]101' p ot ere, eouLiunan do l<l "" a eor sa allelj('
q llando il mollollc arrestato dai dlte pioli (e, d) , f ar 1I scire la pllnta del grano
e det erminare J'esploRione della cassula dell' innesco. l I. 1I1 0110ll e r est a ancor,\
compresso, percIH" il t appo po:;izioue av anzata, obbligato dal bottone (g);
quando l' albero l asciato liber o, perch il servente eessa di agire sull a leva di
sparo, il tappo spinto indi et ro daJ mollonc, ch e ", i appoggia a i due pioli fissi
(e, d) a,gisce a sna volta sul bo Lt one (g) dcll a lf'va, e q1l esta soll eva l a su a e8h '(\-
JOi t anteriore, il cui dente p assa in 11l1a san alatura dj etr o il risalto (l ) del per-
Cl!SBOre, sagoma ta in modo da deterlllin ar e Ull a r etrocessione del per cusson ' ,
che v iene poi trattenuto indi etro e eolla punta internata nel gr ano, quando il
dente dell a leva t orna a contrastar e c01ltro il dcute t riangol ar e (i) del
Bore. Tut t o il ::l i"telli a qllilldi tornat o nella posizione ini " iaJe, e lo pn
('sser e ripetuto.
Conyeflni eli sparo ([ cane (fig. ]61). -- ln qll a ll'lln mHtel' Ltie
cLi piecolo calibr o, pel' lo pi con ottnra ton-\ e llll (; O "Verticale, i i
pcr eussol'e 1m hL 10l'lna il i II na sb a l'l' a, i l11pt\l'(! i::Lt,l ,'iII 1U1 albero o1' iz-
sollecib:Lto J et lUl,L moll a, a, b mi ml, Il fI llebl" d a, una moll a
H, iipimie an' olta iinll 'alber o, o ag:ent-e sU l illa Il >\ ',1 (' sh'I'JlH. ]J'{,i;tn' -
llli t l ibera dell a sbaJTeHa nmniLt di bl:(' ('() o oppm'p
agii'ice s lt un pi eeolo pen miiiiUI'(\ a J'illll mlzo. PVI' q n_psti (;0 ngP i!TIi
valgono 10 st.es,'le (;oll :-; iflel'azloni fatto l' el' ,2: li a lt r i "j"Comi, an-l'l'-
tendo ehe i di:-; p0:'i iti vi di a rmamen to (\ ai sn1l 'a1-
bero dJl enne.
f.,cv(/, (li sparo. - [Ja l eva di t catto e q lwl le di c>
congep:ni n, l' ipotizione "ono coma raiatp dall 'est("rno ap]
()o ll geguo di ebimmr:t u n a l /?!' u di sJlaro <" ('.u i :-i ,lgii'ic(' di-
r e1tan1.Hl1te o per nwzzo (li m,wig lia (l el i l:ol' ili(,('l h (t i sJal'O, !'
;; Ih'(' "istem,lziolli e, f' lU' pprllw ( ("1;(\ l ';IZicJ\l' d i 1lI: :- ( '1"
- 9f) -
ven te non disposto precisamente cnl a,t,j,<), r\ clb bocca da fuoco,
come il puntatO['(\ nell e im;talla.zioni moderne.
TJn Inni, cl i (. di:,po"ta 8stcfnHrncntu :illa h 'stat a del
cuneo 110gli o1-.t ll ratori cuneo e agh.;ce w i (1 i o.; pusiti vi i llterni per
mezzo di un g'irevolc in a Uog:gi::tment.o del ('. Iln eo (fig'. 162);
neg'li ott mator i a \-i h' (' a blo('(' o inyeep hl, IO'<l (li sparo
dispOf;ta sulla LH;(i a posteriore d e tl ott1lJ'atol'c, ('. soyeJlle 1'ap-
prci'lcntata d,di a le vI (li. annamento c s<;;\ t Lo, jJcr c h il per-
cussor(', ,'lporg:<, post el'i onnpnt-e ( fig'. Ul9) . Segli oltnl'a,tor i bl ol:('o
Canet la l eYI (li Rparo situat,\' l atcralnwnj-p al la enlatta e agiRee
merlian t,c i ('ontenute in llllO <leg' l i orc('dliolli dd blocco.
In art igli (!I'i(' (li picl:olissi mo ('t li oro a ril1( ' nlo ll ter amente
NOppl' 'fiSO la Im' :1 (li ," paro ha la forma del [fI"il l dto anni portati I i
ed si"temata ill una impngnn t n ra pistola (fip:. J 61 ).
0011[Jf[Jni (( lIu lI 'l cUo. - C'araf't.pri,,;{ici dell e eostl'llzioni
Il a stBl o, a rimhalzo e
postel'io1'll1Bu l B d a ll 'oUul'atore; ,'l uI vivo (li e nlatta gil'cvol e Nn
ellscinel-,ti un albero tmsversa,le :eLI qua,l c un martello, che nor-
mahnen1!e a. hlmNsat o, ma. medin,nte UlllL l'otazione dell'a.lbero pu
esser portato a hatter e co n viol enza s ul determinaIHl o
l ' aCCell i'l ioue de ll a c:lri('a, dopo di ch e, eesfla.nclo l'n,ziOll <l U'a.lbPTo,
ricade nella Il ormale e ))l'rmoUe (li il colpo in
CU!:iO d i Neat,l n :l " !loto (fig. J;:J o).
I II alcuni lllOt!pll i ilma,rt.el1 o, :Lllzich per el'fet.to del S\lO l't'l' O,
wlLccitato <1 <1 1l1l<! moll a , sovoute (' on la intel'posizi olle ili una
cremagl i enL (' Il(' ing:ralll1 in llll rocelwLto rknLato fi ,,:-;o ;1]] 'al Jw]'()
e] martell o ( Iig'. 16:)).
Congegni di sparo a percussione di otturatori con anello plastico.
- I t ipi pi g' cneralmell te m;ati No no cHclnNivliment,p ;i, ripetizione
e costi t uiti i<lpll t ieanWll tn a i ('01 I,!!:egn i p er bOH'<olo llwtallir' o, ,"ahi.
le rlillwn"i oni che :-;O!lO pi\'t piecole : pssi i'i OtlO in lill a ,
toppa, di Spll/'O ,) oi/'/,O'(I101 i llo j-'l 'aKYPl' c,;: LlHrntn () yol'ti ea.I-
melli e I nngo p: Il id(l n N(';\!lU,l:tt'nl' (', pmticate nel NOi: tegno dietro
l a facci.a. (leI viton c e elte al eannello ::lo
percllc; -;i oll e ;),llog':d,o md rO( :oIle (lolb teshl il fllll go, {'Ollle IlU OLt II -
ratore Ho C: UWD l11!lniLo (li I-OI'c ,; (;011g-8,2.'11O di ii [li11'o
al IlDtalli(() Iwl l'a,l )ima.
Il ga,mbo d(lila tes la:L fungo ( fig. 16-1) l-fJ1'Ovvi:; j,o Ili Illl p01' l a-
toppa aV\Tita,to e fi N:-mto Nn!;), Nll:\ e:,trp,mil-, ,'t e munito di iln0 g/l idl'
- 96 -
convenientemente sistenu1Le "elio sportello, lungo le quali sc;o['-
revole la topp;; , che pu q \lindi n modo ehe la punt.a del
percussore corrisponda a,] centro del focone oppure essere spostat a
h1teralmente o in a lto per il focone e permet-tere l ' introdn-
zione del ca nnello, aopo aver pJOyocato nello l'espul-
di quello sparato.
JJO scorrimento della toppa eOll1a n(lato (la l vitonc nel movi-
lIlento di Tot- a ziolld per la s \-ita.t ura e r avYit at ma, con i-i istpmazioni
nLrie, ma, pc]' lo pi mediante un gradino o seaaalat nra ad ana-
mento iL glifo sn cni a,ppoggi a un bottone spol'g'entc avanti delhL
toppa . In mol t i easi la toppa coll egata all a leva di maneggio o
a qualche pezzo dell a tmi-ill i-isione. Questo collegaruento sempre
in llIodo (la, poter efsel'e t,olto, e (hL poter quindi far SCOI' -
rcrc la toppa tenellclo l 'ott matore chiu,;o o avvitato quando, (lopo
11 no i-icatto a \"llOtO, O('eon a ca 111 biare il cannell o.
In qualehe llloLLllo la toppa anche di una
zione contenente uuo o pi cannelli di r i,;er\'a, e(l ,;i,;telllata. in
modo da ottenere il cl;LmlJio del cannell o mediant e azione a dista.nza,
senza che, alcun i-i el'vente debba porta.r;,; i (lidro la, cul a. tta,; ('i
:'iempre a i-i COpO di sicUl' ezz,L per il caso di l'it a,n lo (li
Il porta, toppa non d H1 eSi-iere, in ogni coll egat o l'ig'ida-
mente allo i:\ portello o per jloter "eguil'n i nlO\'imcJlti
della tcst;a, a fnngo all'atto dell o "paro.
JiJscrnpi: (b) Toppa ver t icalmen(,p (fi g. 1M) (::icltneider). - La
toppa con porell si>orc < rilllo:llzo (congegno di a lII aTl: cllo ) h a 1111 tallone
ill av:.t1Iti, clt e si appoggia s u 1m gr adino COli an da Jll ento a (a)
ricavato sulla faccia, pObLe1'i o1'e del vi LOlle. A oLLlI l'aLOl'e el i 1:1, i 0Jlpa P"
soll evaJa a ma 11 0 mc,li allte 1In n::il:HlI o posteriore.
h) Toppa seorre vole lateraJlIlente, con rjlOa lll bio del (' a llllel.lo (fig. IUi:i)
(' \TJlIstrong) . - (a) il por btoppa con guide ol'i;r,zon(nli (h), ill e<):; tra h' :1 II 'cStTI '-
Illi UI, ili Uli int a.glio (c) <1cUo :;portello ; un cur801'e ( ,l) s"o]']'(' volo lllli go l" gui di'
e h a llll OO(.tOllC (e) impeguato in una "cau a!a.(-.unt a. glifo (f) ,Id vih)]l (' . La tOpp:t
(g) purc scorrevole ,.; ulle guide ed vincolat a a l (lIl' ,.;orr I IINli ali te il el li ayi "trll "
a 111 ol l::i, ( h) il qll ale, JlI r di a,ll te lill a leva (i) JHl") es"r re faI Lo ri en t rare llella top pa
per sviueolare la tOjJpa da l Cllr,,01'o. Nel f llJl zimlall lento nOl'lllul o la tOJlpa scorro
lungo le guide, qnallflo apro r si (' hillde 1"0Lt lll':ttul'1' portando in
,l rnza del focoll e drl la tl,,,ta a fllllg'O il ('ollgegll() (l i s paro d i"po:<jo ,1 1':-; t l' a
,! I l! " tOp p:1, op pllre l' a : Ol' t Ul' a ,l i cari camento p) I:t II Il a le vicnr
il cannello fO i Il tTodoLl Il LI n (':1 Il IIr1 lo JlllOVO llri lil a li i ri c,h illdere I ' oUIll'ai 01'1' .
L' e>; t r atLore (11/.) fat (o agiro d:.dl ' in taglio (Z) a llterioJ'O ,]PIl a to ppa, la. cui e"trl'-
lllitiL nell o seon illl ento dostr a urta cont ro il beeeo (-n) tlell 'e:-; (rat tol' e
ob bligantlo qll C::ito a rllo(:l1'e; l' estrattol'e solleci Lato da Ull a Ill oll a (o ) c il bc"':o
( n) ripi rgabil l', iu 1I10<lU chc' a ppell a dal l'i .<alto (1/ )
- 97 -
della toppa l'estrattore ritorna nella sua posizione normale e permette di intro-
durre un nuovo cannello nel focone; scorrendo la toppa vcrso sinistra nella
chiusura il becco (n) si ripiega e non ostacola il movimento. Per cambiare il
cannello automaticamente dopo uno scatto a vu oio, con una cordicella fissata
alla estremit della leva ('i), si agisce su qnesta tirando verso destra; allora la
toppa si svincola dal cursore e scorre verso destra; si ha il funzionamento del
l'estrattore come nella llIanovra ordinaria, e la corsa prosegue fino a portare
in corrispondenza del focone Ull alloggiamento (1') in cui stato preventivamente
di sposto un cannello, che prelllni o iII avanti d alla molla di un tappo a vite
posteriore e quindi spinto nel focone; agendo alla leva di svineolo (i) in senso
inverso si fa' scorrere la toppa fino a portare il ehiavisello (h) (ossia per tutta la
lunghezza della corsa permessa alla toppa dalle guide) in eorrispondellza del cur-
in modo da ottenere di nuovo il vincolamento della toppa.
Congegni di sparo elettrici (fig. 16G). - Non :,;ono mai s1;tema-
zioni indipendellti; il funzionamento elettrico sempre applicato
a ('()ngegni a llerclH;sione, in modo poter dare" a volollt, o il
lllllzionmnento elettrico o quello a percussione, oppure tutti c
due contemporaneamellte, impiegando cannelli. :speciali che funzio-
nallO anche quando siano percon;i da corrente elettriea (vedi
(( Innescamento delle cariche' ). Ila loro costituzionc identica a
quella dei congegni gi visti, flalvo che il peremll'ore, in genere a
stelo, ha lungo il fUi'lto, un'anillla elettricalllente isolat&" termi-
nante anteriormente eolla pnnta del pereussore e pO:-lteriol'mente
sistemata in nw(lo da poter essere collegata ad un conduttore
elettrico isolato. La COl'rente (jlettriea generata da una batteria,
di pile, fis sata in un punto :,;tahilc dell'impianto o affusto, e il Cil'-
cnito da essa percon;o costituito come segne: batteria - condut-
tore isolato rigido e fiessibile, fino al percuswre - eannello-ottura-
o bOSSOLI) metallico - bocea da fuoco - affrlsto - batteria di pile.
Il ('ouduttore eflterno dalla battm'ia al pereu:ssore (o circuito esterno)
ll;tS,; a, per un interruttore comandato dal tiratore, e per diver:-;i
di sicurezza (per impedire lo sparo se tutta la installazione
non pronta); l'interruttorc da una leva in collega-
mento colla leva di sparo a pel'cu:Si'lione, ip '1
1
1\/JO cla ottenere eon-
jl'lllporaneamente il funzionamento a perclls1iolle e\l elettrico;
0l))ml't\ il congcg'no <1i span) a percus"ione sistemato in modo da
portare, nella ehinsnra dell'otturatore, ii percussore adagio a, con-
tatto deJl'inneflco o ciel canllcJlo, che funziona quando si cbiude i
ell'cnito coli 'interruttore; il funzionamento elettrico in questo
caso indipendente da quello a percussione, e nell'interruttore
in de.riv:;zione un avvisatore elet,trico ad alta
Vol. II. - Armi da ;uoco portatili, ecc.
ell e av verte il ti nil ol'c (c ho i n geli ere il che il )J ezzo
.iH'ont;o twr le spar o, qnando tut ti i contat t i sono chiusi; la,
grande r esist enza riduce l' i ntensi t, dell a corrente
nel eil'cnito, in modo che il cannell o elettrico non pnr) funzionar e;
agendo aJ l'int ,UlTuttor c si esC' I Il d e l' av \'saLoJ' u.
A HT. li. - Dispositivi di sicurezza.
i l loro seopo :'i i dist inguono i n quattro eftt,egOl'ie :
a) eOll tr'o!' :1 pmtll l' a aCl:idnnt a le (lPl l'ottnratore i n mar cia
o nel ser vi zio;
b) eontro lo sparo l1r emat,lln. , d urante In (;hi usul' a deb a(;u
c) eonl,1'o lo sparo f Ol'Ll lit,o in marcia per f lLnzionanwll to
aecicl en L:lle del (;Ongegllo di sparo;
d) pm' i mpedire l' apert nra della enj (l,tta, se il eolpo nOLI
partit o, senil:! eompiero u ll a Rpeeial e opcri), zionc, e ci allo scopo di
e vitar e il p cwieolo, nel t il'O i n (;;),so di r itardo d' accen sione
de1 b e;!i ' H' ;\, il ,urvent: , ' ;0 :1 rj ' "y,Jtl llo (:l1e il pezzo [ lO;1 11;1
J' irwllla! n o riteJw n uo ell<' si 1ra Lti d i llll<!. l1mnca!n aee,' ll -
\>iolle, apr:i la i"l L11l ito flO]l o ,\YPi ' ai.." ito al f' On 2,'pg'llo d i spnT.) ,
c appulto fln,t, lIdo anri oll n l'a(:('C'lIsl0Jl P
T \m'i di,.; p(,,,itivi di " l ('I!U;;:-H "Ol iO i-iOV1'ntp ('olllbiu,d i t ra d
hl'o (\ as,mmono formo p d i ,..;po:-" i zl ll !li in g'ellc']',l1e
p Z" ' ;:: i I lall ll U le sngltC'u t i
p (',l' Il ): Jl oHoti ni , i p\-e o ;n\llei cl molia (' lle a" ,;iC'urallo LI
ll>va (li maneggio e ne imjwdi:, (:OIl P lll'l.t(,l'ial nwrlt l\ il 11lO\'imellto,
e liberati qu ando si llllpllg' ll ! , ii IWllllll)j 'i o 1[0111\ le\;t d i ma -
IWgglO 1
I n molti eon,('egni. (li dli n--:: lnl, ;.;i li :\, n i l (,lt ia \ ist ell o a 111 011a
ehefhisa [ft ICVf'. It i i n iuc, o,llor", da p ermet t er le eli
g'irar e sotto l'azi.mw del SOI'Vell t e, lYlH t'li(: 111l ancli l' (' ,-.;ser l,,'-'nto
sb,t iril men j;(\ in modo da im!l l{l i n ' ili modo (jll<1t:..;i ,:,; i
mov iment o.
FJ:;cmpi o: Mat.er ial i SI(()(!::t (fig, 169), - Il (a) , cont cnut o nel
caneo, s porge coll a sil a tes ta trollco-coni ca in alto (O agiscc sa un altro piolo (b)
contenuto nclla cl tl aHa. e che a sila volta coll a sua tronco-conica si int erna
i n Illl in c;1 \-o infor iOl' c\ dell a leva di Jllal lcggio (c); il chi a vist ello wll ecitato in
alto da una mo ll a , (- con un suo ga lll bo vicne a t r ovanli in corrispondenza di
un piolo t r asvcr ;sale ( cl ), el le p rcscnta 1111 int aglio piallO: quando i l p iolo i, di spos to
-- 99 --- --
colla parl(' pi li ndl'ina iII aHo, il 11011 P, I (, la ICI' a di IlI a -
npggio Viil ()"hta ,e in 1-1' C' (' il piolo (' dispos lO eul l' il lt.a,g'li o iII a ll o ,
il Pil abha.''''l1',i , 'l'ulll(lo ,in, v inla, la 1'p"is l,en"a" If' lla llloll a l' I11 Cnl')'l'
l ie il(' iil po"iziolw nOl'lll :"(' la I('I-a di I Il anC' g-gio , non Il' illl!lpdi,,()(' di " po,tar,i
f[lla,ndo il ,, ('l'n 'n 1<' a.g isci' "Il di (""a ohhlig,mdo Ic"la I rOlleo -eonica (l ei piolo
di (l illa I ta a 1' i(,1 1l1'an', l'l'l' " I a hiliz",,]'(' il piolo 11"ISVl'1'''al,' delle dll( ' l' 0,, i;l,iolli
di t iro e ,li "i('II1'p"za, 1',"0 ]1""":1 nt tTal'C]'''() 1111 qll a.dro o l,'l'lio (e) ,:l!e eol SIIO hlo
"1I[1p]'io]'(' pu "ppoggi:ll'f' ,,"I piolo l'a (' s pililo in bai'so d,dia 1I101la. 11 1\ 1 cl liavi -
" Idi o; il l'iolo "II l'i dll(' inl<l g li pi lmi , ch e ,,(' n ' OliO al'plinlo il da rp
a ppoggi o s l' <I"ik al tl'bio, d,,' l' im'ol a. eo" il pi olo Ilc ll'lllla o 'IIc l l'al i,r" d,c ii" dil ('
pn,i:-: inlli, il piolo i , II1<Lll ogg ia lo d"lI ' inli'l'llo IIl edi:IllI, ' 11 11 IIOlloli 'llo, il ql ln l(,
"<'1.'1'<' '111 ,',I,,' 'I illlllIOIJili :-:,,:\l'p la l e ,' a <li ..'p"ro,
1)('1' h): ll e,:.;'11 ol-II
I
I';tJ'ol' i a CIIIWf i, ;,t. i , I(j ('" O U ii! q \Ii'l l i ,\ \ il"
('l' U!ll rl'il'<t, f'PlllP pll:'l' ilJ llll!':] i a \' iLI' C01I l{)ll]Ju \; 1 " il ' ll -
l'('ZZH ('Oll( 1'1 1 III f; ]l<l;'(1 pn' II1,11111'O d,d' a (kl Illm' ill Wl11 o x ! dd-
l"llllll' : llpl'(' (I (!"I I;I t DI ' II ,( (,hl ' Il OII Ili "1)(l 11l' i i iII (' Iu'!' i-
::; pond ' IIZ:t del la ,' ; ' ; ,, \11;1 i1,,11 illlll' i'i (' O o dI'l C,IIl Il I'1I0 l'he ql!ll lldo
!' ol lnt ;, 1 (;1'(' t" jl Pl'td I :t 1' H'llll' l'I l in,;() , n i pii';, "P('s:.;() .. i h ,I IlIi O <ll'lt'i'iti
('lJe i1l11)('lli sl' OII O il 1\l ()\' IIl(' lI lo di Ilualche pezzo del ('Ollgl',r.!:110 di
l' dI(' n ' ll;'::O!IO Il I ,ll1 OTa ti (' tolti dal lllf)\' illwllto d('11 ' o1tll-
l' a /-ol'('. \ ' (;1'SO 1;\ i]]e (l<,lbt (l lill ,'i lll' ;t..
anelw "i ha (,ili' la Jp\ ' ,1 Il i spm'o cOll t'l'a,..;ta colla In"'l di
('d ;t l' l'I' ,Shit; 1 ILa Ilne"t:!" Xl ' n Oli 1'\ i l] Ili cIII li Stl 1'<1 :
0liplll'n <lItI' Il('. n o Ile/IQ'min;l la C'ompld:L l'ob!ziol!l', 1' 0 11 eOll};l\gTl(Jn/n
complerH ('\lill "1 Il',\ dt'l]'ol I \il';ltOl'{' , ,' t" l a lent di fi P;'l'o l' a ""H I pl'll";-
l' lilla alla pOf'izione (li cbiuslil'a (Iig, I
P('l' (' ): nhia vi,.;(-pl li , jt;I ,.;dli II a lt l'O Il l'g,lll ( 1 (kl g'l' !WI' (', l'lll'
di sp osti in 11]] ;1 (lal <lo po,..; iz iou\', \'i \,( ' ll.!2.'O1l0 j nt11 ('111 11 i Ibi. Illl iL molia,
(' 0PPOTl Q:()lIo-ai lIl()\-illH'nl n (li ntl o o pi lll'i pezzi (' () st,ihu'l/ i
il di sp:u'o. :--i ovellto ([llu:-;li disposi t i\' i :..; ono ('olllhinnt,i
l'on qlwlli a);
,,)('1' la sif'1lt'pzza <1 ) .- lUI ('l l i :1 visLello o blo('co i'WOl'l'I' \ 'ok il i
all og'g i a!llt' ll to lon,!2' i ! Ilditl ;ln d('llo i'j )( )rh'Uo o (kll a C'u] att a (' soll(' -
(',i/: l to da UIl:I ;d l'ill!lidl'o in m Ollo d a t l 'JH'I' b loccaJ.o l' o t,I lI-
f ;l ! orc; ;t ll' atin (le] l' ill t: \l l ", il ('hiavis! (llo per inerzia l'
J
lltn l , lI l'l suo
al
l
og'. i; Il Il t'J il o ('. l' i lll; l.j!( <l 1'l'P,,,t;lto i li ialo p01i lzi oHO p or e1Jou.o <li
llll rill\g'Jlo, j)lr llu',t. l ('11 110 la ll1;tnovra Ll ell'ottul'<ltOl'C, Il rilJ('gno
"ione poi spo:..;l:at o q U <Il Il II); dopo l a cUl 'i c a, l' i r ihiude la.
cnlatt::!, () l'i a,;.! i 1i ('(\ al ('()1l,g'eglHl di SP;11'O, Cl il <.: hiayi ;;t.ello t(a' Wl a
blo('C';t.re l 'oLhll' ;LtOl'(' , Ili (, Hi'O di :-:eat l o vuot,o, il pez,zo non r i ncnla,
e l'ottUJ'atoI'c rimano lJlo<:,eato: 1)(\1' l a (mlatta occorl'e agire
:J ma,no sll l chiavistello (fig, 1 ()!) a),
100 -
Inypce (li un chiavist ello l ongitudinal p agent e per inerzia, si
pos,;ono ay er e cbiayi stelli trasyersali agenti per effetto del COTt-
tl'n sto contro r-mperficie o guide oblique fi8F' e aHa culla (fig. 196 b) .
Questa non di appliea.zione genera.le, e, natural-
llwnt e, inlltilp per le art igli eri e di mag:g'ior calibro.
Vi Ij ono poi, Rp(>(i:),lmeJlte in mllJoriali elle per il tra:,;porto
doyono eSi'lere scompostI o dispoljti in modo (la non poter fUllZio-
nar e allo Rparo, dispositivi (".he impeel iliGono il funzionamento del
congegno di spal'o Re t utte lo pmti . (lell a bocea da: fuoco della culla
('. dell'affusto non sono convenientemente colLegato tra loro.
N ei congegni eli liparo elettrici, il eireuito paljli a per Jlllmerosi
contatti mobili che non chiudono il circuito f; tCIi SO che quando
1'0tturatC!re chinso e tutte le pa,rt.i cleli a inlitallazione sono in
owline per funzionare allo :;:pll.rO Renza ineonvenient.i.
Awl' . 7. - Congegni vari applicati agli otturatori.
Suolc d'i ca1'i camcnto. - Per evi t are ehe int roduzione
JlC'lI ' allima del proietto e della earica, quef te pOlisa:no (' ssere (corone,
inv olucri) danneggiati nel passa.ggio Lungo l' alloggiamento del-
l'ot tura.t ore, specia,hnente per gli ot tlll' atori l:t vit o, c che l' a,v ,-iLl-
tura dell' alloggiament o possa elisero danneggiata ti nI proie1to,
uecessario disporre nell'apertura eli earica,men t o una S110lcb o tubo
di car''icarn cnto, in gonere eli ottonC', che SCI' ve allo scopo. I eOll-
gegni di chiusura a vite p i l'(' eenti IiOllO munit i di disposit.i vi
]wr l a manovra automatica di llla li 110 hL eli ca,r if'amento (']IP ,; i
di :spOll(' in posizionI' conveniente diet.ro l o slJoeco d(Il ' a.Jloggin -
mento elf\lI ' ot- t nratore, oppure ::;i Roll nnl delltro l'allogg-i ul1l t' nto
st esso in prolungamelJto 1ell' aJlill111 q11: lHlo Fot111 -
r at ore complet. amente aperto (fig. ] '/0).
A/'/'csto del proietto o del bossolo 'lne{all;o. -- Hanno lo :;;eopo
di ev itar e che IleI tiro con grandi angoli di plevazione il l!rointt.o,
non ben cal cato fino all 'origine dell a rigatura, possa scelldere al -
l' indietro e cadere a terra , oppure di evitare lo f t es:;;o inconv p-
ni ente per il bossolo. Non sono eongegni CU appli cazione molto
estesa (Materiali Schneider-Ansaldo, Kl'upp).
Comando di apparecchi o scacciat mno. -- Gli allparecchi sea('-
(,j afumo hanno lo scopo di immettere nell' anima, dal la cula.tta,
,Il momen t o in cui si apre l ' otturaJo]'(' , una corrente d' aria sot t o
101 -
pressione in modo da espell er e daUa bocca i g,LS inco mplet <1 mente
incombusti (ossido di Cftrbonio), i qu ali altrimenti, nall 'apcrt ul'n,
dpl1 ' otturatorc, specia,lmcnte se a vite, sarebbero a ,'>pi rati ve1' ,"o la
culatta e, per...cssere anconL ad tempera,tura" si accendc-
J'pbbero veJlenilo a eont atto coll'aria con consegnenze gravi "F: iJllc
}lPT' i serventi (fiamma (li ritorno).
L'aria contpres,,;f\, eontcnnta in LlI'affuRto e
giunge attm v'er Ro t nbolature rigide c fl essibili fino alle" culatta
f1ell a bocca (la fuoco, dove si immette in un eanale ricavato nell,L
rulatta stessa, e che sboeca immcdiat amerite dietro l'alloggia,mento
dell' anello plastico (i congegni di chiusura a hossolo llwtalli co
non fi i prestano ad un tale perf'ezion ament o).
J.1a tuboln,tnra, a1lf\, culatta, passa, per una \' ah'ola (; Oll1,uHbl,t a
dal movimento di apertum dell'ott uratore, in modo che dopo
ogni colpo i1l11l1cHsfL nell' anima la CL d' ,H'ia ,'mffi eiente
allo Heopo (fig. 171). In alcuni congegni as,-;ai perf'c;donat.i (Sehneidt'T-
Am;aldo) si hanno disposit,ivi per immettere l'aria antomatica,-
mentc nell ' anima sempre all a stessa pl' mls ione (-iO atmosfer e) e
per r eg'olarc la. dllrata della immissiorw in modo da eompell sm'e
OPPOShL chl \'el1t, o che Hp!ri cventna,]l1l ent.e on t ro la, boeca
dpl
ART. 8, - Confronto fra i vari tipi di congegni di chinsura.
Esamina,ndo i ill vel'si tipi (li cong'cgno di chiusura nei rigua rdi
deUe varie condizioni gCllerali a, cui e,'ls i debbono i'i o(l(]i:;fnn-', l' i
pu r il evar e quanto segue:
Cl) Chi usnru ermetica. - I congegni a e11neo c Cl iJ lo('(' o
obblig'<1110 :dl' Il SO del bossolo metallico, eSHemlo ormai da esc!rul enii
i ;;istemi di ehimmnL ermeti ca H, forza,mento mi :-;to, mentre quelli
a vite ammettono anche hL chiusura ermet ica eOIl <lJle110 lll a
Il tieo, coi vantag'gi inerenti (Vedi Art. 2) .
b) Bl abi l i trL allo Sp U1' O. - Non es,t e diHcl'en;.m sensibil e
fra i vari t ipi,
c) Cos/itu.zione G 1nunOOr(L. - I congegui a cuneo e a bl()(' o
sono assai pil semplici di quelli a vite, non rich iedono sost egn i a,
cula.t ta, e sono di manovr a naturalment;c rapida, senza in-
t er-n1fit o di ingranugg;i pi o meno compli cati e di tnlsmi H" joui;
po;;sono quindi esser e anehe p i solidi e rnstiei ll ell ' insieme e IW11 0
- 102 -
n ldc pa. r t i; q uelli :1 bloceo e a cuneo yel' t icil,lc hanrw :Ilwhc il \':lU-
Lli llon lJl'<>:-:ell tare p arti l' jJorgen t i lHten,ilJI) (> ll te a culatta
ei cil e PlI eHi'Wre "llll tag:g' io:-:o Ilei l'igll ;),l'di ,1<'ll a eo;;; lTlI -
ziuiI\) dI'gli a l1'u i l i lH' J' llllg'uli di t imj infilH' pl'C' "tano
con nmgp: iol' c a lla mano n a
li) SiC1II'C2,Z(/, -- l con!!:('Q: ni 11 (' l1J)(>O L' :,1 bl o{' !'o ]Wl' 1:1 loro
fOl'll Ja t' eo-,titnzione st ci/ia cli impi ego )Ji :-; i(' 11J'() di (111elli a ,
y ite ('if;(' nllo esclnsa l a loro pJ'oiezioJle ;t!l'inc1irt' l'O, ('] l('. JJ11 invece
ycrifieaJ'i'l i pm' qu elli il, vit.e in Ci'O di aeeellOiiolln promatlll'lt della
varica;il fllllzionamcJ1to prematuro del di l'p aro non
detpl'J1I illa l'(' splos ion e <1 ell' iJ11wsco del hO:-; i olo lJl')'(' h i l ]WITl1 :'SOre
11011 :-: i lTOY;L al centoro del fondcllo del bos::;olo dl e ;1 clllal1 a
tamente ehinsa, 11len tl'e p er i eong'ogni a v it e, ,L meno ehc non
s iano n(;('pntrici, si ' ''eJ'ifi ca, la li ot t nl'at'oro non
a \' Yitat'o, PC'l' eonLl'o, i eongeg:ni a ellll eo t' a 11Jo('('o, {]l eon '; l'g'll clIza
(kll a ll('('(':-::-: it drl bo/;:-:olo nHltaUiC'o, non s i p]' p"t a lb apvl iea-
ziune .Ii apparc('ehi :,;eaccin.fn mo.
t' ) Peso. - I cong'ogni a sono Jli dI' gli a lt ri,
s i;1 pe]' BO Sil l per la mnggiorl' lllng'hezza l' :-:])e,.; :-;o1'l' (li (' n 1:1. t ta
chf\ rith ipdono per ;1,\'{']'e appog'gio conv<' lIiel Jt ". J pi legg:eri :-;0110
cJ l]( lli ft blo('. co, j.j po C\ met.
Condlldelldo i-: i JJH a mmet t er e ch e il ('oJ ge::UI() ;t "ite ,'; la
acla1'to per i ealihl' i magg'iol'i, che non JJ{)s:-:ono ('seg' lli]'(, un f'.il'O
1110lto l'apido o pe]' i qnali R01l0 maggiOl'11lellte ;';('111 ih ,Qli iIWOll\'e-
ni Po nti del pe:-: o (ll'.lI' ottnI'atore o del bos/iolo lIlnt'alli (' o; 1)(']' i piel'oli
cl tlibl'i , s pccia,lment' C' p er quelli (lestiuati li 1111 tiro ;I,.; "ai celere',
jlL'efcL'ibil u il e,Oll,!2;egno lL (:11111'0 o :lo blo(; (:o, di 111,lggioL' s i(,l1-
rezza l', l' ,l[li<Lit:\ (li J11 a l1<.'gg io , Tut1a,v ia i' d" ]'il oY11 l',.; i ('!t (> i n GI'1'-
llWll:L c in ,Auiitri,1 si Senl]Jl' e data 1:1 lJl'et:en-' llzl l :I i con,Q'egn i a
cl1neo <'I ncl1<' per i eannol1i eli mag}!:iol' calibro, m enl'1'\' in l<'rnncia
cd iu Illg'hilterr: L la, qll a::; i totalit . dei lilatel'iali h:lJ lll O cong('gllo
cii (' hill sunl II Yit e ('Oll 1).]1(' 110 lll (' llO (!t e p e'l' i jli('\'oli (' a!ibri
per i quali in 11S(J il ])o:>i-: oJo met alLico.
CAPITOV) IV,
II ullizionaluento delle artiglierie - Proietti
A HI' , 1. - Generalit.
l proiet,t i delle art.iglierie sono t.ntt.i proietti scoppianti, eio
ca \" e contell enti nna ('a,l'ica, di esplosivo (carica di scoppio ) inne-
con un cOll H'niellte artificio (ldto 81JoZ('Ua. Eflsi SODO varia,
mente costit uiti e organizzMi "eeondo il g'enerc di ber:mg'li che sono
tle.s tinati Cl battere c dC,s!,'li pfret t i ebc flU di questi debbollo
produrre.
I proietti dell e artiglierie, per eOllfegm'IlZ,l, oltre <:lJe fl otto
il pnnto di Yi:lta baliflt ico (conservazione clelia velocit,
sull;t traiettoria, rcgohriU1 di Tllo\' inwnto), ("ome i proietti pieni,
dcyono l'"sere cOlli:liderati ane he nei rigmtl' di degli effett i sui ber-
:-;a,fdi e della fl :lIl'('zza d'impi eg'o, d w pu ei'fler eomprollles:;a. da.ll a
carica di scopio.
:-) ull e li ua.liUL ba li"t ithe (lei proietti h anllo illtilwnza nOll ::;01-
tanto la fOl'lll<.l, oi:l/)(,1'n, l, la InnJlCzza e il JJeKO del proietto, Ul a,
,ul('11o: 1) il yolull\(\, la fOflU<l e la (lella, l'<l\'iUL ill ton u1
l\ il peso clelia carica di dw iutlni,,(:ono kll]hL po;;i;r,ion e del
tent]'o di l a for nm t' la llosiziollt'. delle coron o dm;t,imLte
<l produrre le p,1Jt i ('ondllttrici , o ('hl' hanno iJlf luenza, ''"' lllla l'egola,-
l'iUt del movimen t o,
Xei rignanli (](\,!,di di'dIi bcr"ag'li , i pl'oit \tti dello a.rt igliel'ie
pO,,"0110 agiro eon t re di efrdh: l ) jWl' forza (l' nr(-o, tifrut-
h m]o la \'i \ ' ;1 r(,kirill<l,; !J ) jWl' azio ne l'-"plosiY<l (leI h ca l' e,l di
scoppio; c) por ])l'Oieziolw a (li "tallza da l lJUllto di "{'oPl/io (l(elle
!i l' Iteggie i n en i si fl' an t nmallo le l.)(I.]ol i, o di pallette o al t ri fra III Illt'.n t i
contenute uel la (:avi Ut i nterna. il g' enel' e dei IWJ' ka"o;1i che
destinati a battere, i proietti :sono organizzati in modo d ' agire
p\,(,yalenterncnte o Cli'iclll "iv<ll ll ente eOIl l'uno o l ' aH,l'o dei tillcldeHi
effetti, (\ :-;i hanno qnindi:
- 104 --
proietti (l"w,to, in cui prevale l'azione 'urto, pel' ottcllere
hL l'ottura, o la perforazione di ber sagli molto resistenti, l' il dan-
neggiamento del perwnalp. o ma,teriale da qlH',Kti protetti, media nte
eli lllht ca,rieet interna. r elativamente p iccola ;
proietti ail nz ione esplosiva, i n cui prevetle j'azione della U;t-
r ica eli scop pio pOI' prO(llllTe una commozione el ':-1ria o lo sconvol-
gimento dell 'ambi ente in cui :-wviene l' esplo;.;ione, anche a,ilo
di distrnggeru lll,v"e (;opl'enh i tCl'm, r et icolati e altre difese acC'es-
sor ie;
]1/'otetti acZ aZt01'/,(> p "o!lt'l:a, in cui prevale l'azione dell a,
proiezione disbnza da,I }mnto di xeoppio di xeheg:g'ie o eli pallette,
per batter e maxse di o 7,one di terreno o aerei,
A t,LIi specip vann o H,g'giunt i a,ncoJ' <l! i proietti ad
agire per intossie((zio/1f', e i proietti incendwi; xi hanno :-wche pro-
ietti speciali deKt inati a scopi a ll siliari: fumogeni , ill1l'lninanti,
tmecianti , CiaSCUlht eli quexte varie Rpeeie di proietti richi ede, na-
t uralmente, una, interna ]) mt.icola'l'e, che pu UYPl'e
anche CI nalehe i IIflnenza sulle q nalit
La StG1t1'ezza nell'impiego ric1!iee la, escl nxione (li scoppi <ll'ci-
dentali, sia nel ma.l1eg'g:io dei proietti, nel percorso nel l'anima
e lungo la, tmiettoria a.hneno fino ,t una ecrtiL distan7, a dalla bocra,
da fnoco; por (> J1 eeesBa,rio: JO) accurata della
carica di scoppio; 2) delle pa l'di per impedire
deforma,zioni e rottur e sotto l' azione den c
a, cui esse alla, pa,rtenza, cld c,olpo; 3) irnpecli.rp
l'infil ;-ra,zione ' 1(,j (1 CJ h., (li l<1lwio Il eJ] ' intel'Jl o d el pl'oictti
4) organizzazioue e s;;.;temazi onc con\' cnient e dell a spoktta"
Infine si deve pure (la tener conto <lell e inerellti
all a consCl'vazione del materiale (Jog'ora.mellto dc ]e righe, erosioni,
ramatl1ra), Ltbbl'i c,LZione eeonomica empi:t e in grandi
quantitativi, all a eon1>e1'vaz iono per periodi indeterminati n ill
condizioni JJOn molt o Llvornvoli , al l'arido all eBtimento e ("::Iric'a-
melJ to, ccc.
Awl', - Costituzione generale dei proietti.
i T proietti ;.;ono co;.;t ituiti dc), un COlpO con Ulla, eHvitfj, intf'l'JHt
ehe eontiene la,cal'iea di scoppio c, evcll tu a,lJ1lentf' , pa)'ti destinate ;-1
forllire sclwggie, o o rec-ipionti per l'elemento 1 fl
106 -
cavit comllnicft all'est.erno con lln foro det.to bocchino, cllP si apre
a,lla, punta delhL ogiva o al centro del fondello e che con 1111
tappo a vite o con hL spolctta.
Posizione del bocchino. - JJa posizione Ilcl bocchino det.er-
minata dalla specie del proietto; il bocchino al fondello presenta
seguenti inconvenienti:
l) indebolisce il fondello;
2) espone le spolette all'azione dei gas della carica;
3) determina na possibile via di passag:gio ai gas della,
carica di lancio ver so la carica di scoppio.
Per questa ragione il bocchino posteriore nOll si vede appli-
cato che in quei proietti che debbono avere l' og'va partieola,r-
mente l'obll sta, per gli e l'l'et ti che devono prodUlTI' R1I bersagli pi
o Jlleno l' esistenti.
In t utti gli altri casi sempre appli ca tu il bocchino anteriore
che, inoltre, permette anche il ea1'icfLlllento e l'applicazione tlelh
spoletta, senza banchi speciali e pi il bocehino
anteriore poi cOllveni ent,e per tutti i p1'oi('/ti lo ('ni spolette ri-
chiedono qualche opel'allione eli gl' arlnalliO.lte o di sistemazione
prima, del caricamcnto, e(l a nlli necessario s(' i proietti SOJlO 11 nit i
al bossolo meta1lieo.
Per i pl'oi eJ-.ti a boc(',hino postOl'ion' di eo:-;lTll llione, 1Il0(lerll a
la spoletta protetta (la un ta,ppo ili a('cia io <l \' \'it ato !J0st-, erior-
mente e comprimenJe un disco o UJl anello (li J'lIoIIW o di piornbo,
che determina una chiusura ermeti ca (Fon (1(' 11 n :\1 od. 91 ti (lei pro-
iett i italiani) o si hanno difiposizioni analoghe, ('OUW cOPl'P <lppli-
cate COli v iti :,;U l fOlldello.
In molh casi poi, se il proietto l' dest inaj-o a pCJlctnue in
masse non mol to r ORistenti, nome t erra" e non don' avere l' ogiY<L
robustissima., pur essendo conveni ente e]w etisa :,; ia a,euminata,
(granM,a mina) si ha il bocehino antmioJ'(' colla :-; poletta n, nitata"
e chiu i::i o poi da un t<q1l)() ogiva ( Ag.
Il corpo pu di un soio IWIIIIO (lnollobloeeo) ottellu t o
per fucinatura. o pcr fUfi ione, oppnre pu avere 1'0g't\Ca, I) il fomlello,
o ambedue, costruiti sepa,r ata,mente e lliliti mediante a, ' \'itat-, llnl.
Il tipo monoblocco (fig. l72) permette una lavoralliolle Vi nL-
pida e speditiva, ma per questo fatto stesso rende necesRarin uun.
tolleranza notevolp nel peso, pOch la camem di seoppio !1(1) pu
lOG -
oli::;el'e el' aLtal1lr.J1tn lavorata, (' ci porta, per (,()lll' l1gllellZa, alla lle-
(li C:Ol'l'l' lI iOlli ai da,ti di tiro in base al effdtiyo del pro-
iet; to. Il tipo llIo11ohloee:o non adatto a t ut. t o 1( :-: pl (ir di proietti,
e rielliede il c-;t,rienlTl(-\lIto diretto, ol'sia mediaMo ill1Toduzion o del-
l' esplosivo allo li tato liquido o polveruloll t o a ttl' L \ -(' ]'fiO il bocehino.
In ;:!:enera-k q nOl' to tipo avplicato a proidt i eol bocehiuo ante-
riore, il quale spesl' o non r icayato direttamen1-c n(' lla punt a del -
l ' ogin1, ma in un pie:e:olo tappo ayvit ato all'pl' tremit ddJ ' ogiva..
I proietti di tipo c01n}Josto (tg. 173 ) hanno ill H'ce il fondello
e l' ogiva a,vvit at i al e:oJ'po del proietto, e :-; on' llt(' anche fi ssa,t i
mciante viti. Fm il fondel lo uxdtato (' i l eo1'po (' in g(' ncl' alc c1j,;posto
11 n anello otturatore di rame o di piombo cOlnpn' sso tra lo du e parti,
in Illodo d,t csclnder e ht possibilit di passa.ggio ili gas :lt tnv,:er ;.; o
l'av dtatura.
L' avvitatnra df'l fUildello o d<:l lt' oginl. deH\ ,l \-er o opposto
a quello dell a rig a,tura" per evitare e:he per eJIetto della gTnllde acce-
lerazione di rotazione e:he impressa al proie tto (lalla ri gat ura"
si determini per inerzia uno svitamento dalla parte (-\ anche la FI na
separazione da.J eorpo. Anche con questo pI'O \Tect i Il lCll t o conye-
niente che le parti avvitate, e specialmente il fOllc1 Pllo, sia bloccato
al eorpo in modo da nOli poter si svita.re, perch aIL' arriyo ml ue1'-
saglio il corpo elcI proi etto :mbise:e una fort e rita,rd,Lzione nel mo-
vimento di rotu.zione, che potrebbe provocare lo svitarnent o p ar-
zial e del fondello e per eOll Fl eguenza l'allontuuarnento della spo-
letta dalla e:arie: a.
QneFl to ti])o di cOkt ituzione OH(,llUtO pcr fnciu <J ziollO p kll e('f' S-
si\-a, ]avora,zionn a, feed(lo delle varie parti, cLiI, la ga.ranzia di Ull a,
ppl'fetta l'ispollClenza al modello, sia nelle c1iml'l1sioni che nel pCFlO,
e p ennet te il (;arie: a,mento con eariehe di scoppio g iil appr estat e in
custodie l\ di [JekO b('n yel'ifkato; ma riellielle nuttll';dnlel1t e lill a
la pi lUllg,L e cOl-i tosa.
Cavit interna: spessore di pareti. - La ('al><l('it , la furma e
];1 (li 'lVosiziolle dell a C;-tyit ill terll a o lo spe;;::;ol'e elell!' paret i hterali
lI pllc -vari e (lal fOlldello all' ogjY<J , (lilWlHloli o C' ii iienzial-
lll l' llt(' dall a spt>ci e del proie1-to ili base agli t'fldti. ]n gener ale; si
PUil notare e:11e:
l ) La cayit illterna, e;.;senclo in gel1l'l' (, d(' i; ( inata a cunte-
W )'( l1n di (lcn::;it inferiore ,l (LUell a del metall o ell e cc) -
st.i1-lIi ::;ce il ])l'oi r Uo, deye esser e t enuta pc)' l[l1 fl 1l1 0 posii ibiJe
- 10 7 -
a,netrata in modo elle il centro di grat l'isnlti per qnan t o pOR-
"ilJile avanzato;
2) IJa posizione dal fondo della eavith quindi determi-
n,tta dallo spessore clie deve aver e il fomlello per rosister e alla pres-
sione dei gas nell'all ima, ehe io sottopongono ,1d 11110 sforzo di f1eR-
:,; ione e di taglio : oeeorre tener eonto per anche della, inerzia della.
eLr iea o altri lllateria.li contenuti 1101ht caYith;
3) IJo Rpessore delle lat emli ha lln lilllit e minimo
imposto dalla. resistenza all' urto di partenza, l' ei'i istellza (:11e deve
,-in cer e, in ogni i:\ezione dal fondello all' ogiva, l' inel' zi<t dolla,
eli proietto a,ntistantc. Jja l'esistenza e quindi lo spessore devp ossor
massimo al fondello; per questo il ra.eeorda. mento interno (lella
parete laterale clolla. cavith colla faocia anteriore del fondello
sempre enrvo in mOll O da elilr!ill al'e Bl)igoli vi, i, () lo spessore pn
andar diminuendo \'orso i 'ogiv<1. 1>.0'1' lo sp J"snre delle p areti OCeOIT0
teller eonto auche della inerzia dolle ma,sse contenute nelht eavit,
quando i1011 "inno praticamente rigide, defornmbili (ei'i plosivi
a caricamenh diretto, palleLte di shl'a}Jnel ) e deJh forza celltri-
fuga!!,' 211C'rata da.l movimt' llto eli rotHzione;
.:t
0
) Ijo spessOl'c in or!'va es .. l nsival1lcnt e (I ipellflen Le dall a
"p('(:ie elel proietto,
Metalli. - J plOicLLi d' urto deh'bono agire contro hersagli
l'esistenti e tutto le altre specie d.i proietLi d0bbollO contenere
nn alt ro elemento ntti,-o, esplosivo o prepa.mt,o tos:,;ieu, ;;(?luggie
o nella massimlL quantit pm;sibil e; ne(',ci:\sarb qu indi nel
metf:,llo per proietti la ea.ratteristica della granrle l'e'<i,,!'cnza alla.
deforma.l,iooe e alla rottun L, per potere nOli Ili) romp0rsi
all ' urto di pmtollza pm' eOll sentendo UlH1 g;ralld3 cap:1Cith della
ca illternd. anell e neeessHol'io ehe lft resistenza sia talo da
non permet,tol'e :1110 P,ll',:ti (li l'olllpcrsi allo seoppio, dw qu ando
l'e;;plosiolle (l"Ha GariGa illtel'l1<l cOlllpleta, as;; ieuranc1one la
mGls::ima etfieaeia.
P er com,eg:ucll za, il met aUo oggi preferito l'acciaio, e
l'aeeiaio al Cl'omo per i proietti d' urto, che richiedono una speciale
(lurezza e te naeit, per poter perronne l e eorazze.
La. ghisa, un tempo lUl'gamente impiegat a per i proietti,
C{ llandu la carica di scopp io era, di polvere nera, stata abbando-
nta qu asi compl(taulCut e c')Jla introdnzione degli a1ti l')splosivi,
(il suo ilnp iego 01' :1 limit ato all a speeie ghisa accia:iosa, come
- 108 --
l'lplego econo mico p01' alcune :-;peci e ('ti proietto in Cl i ilOlI si
ca.vit,, ill tern a di gntn('tc ca,panit,., e per i proiet t i d'esercizio. La.
pre:-;enta, a nelLe l'illconn'nient,e di una (:erta. porofit (, III-' put\
es>: m'c ass,ti pPI' icolo:-;a.
'Ii; da no t:-u:-; i che il vantag:gio derin\.l1te dall'illlpiego (li u n lll('
taUo ad alta resi,,,tenza (lato, sia dal f<ltto ehe occorre un miIlOl'( '
spessore di jJarf'ti a parit di sforzo, sia comeguente di111inn-
ilione clelb massa. l a cui inerzil coneOITe a g'p,nerar e lo ,,,foi'zO de-
l'onnatar?
Aln'. :L - Forma del proietti.
Tntti i proietti attua.lmente u sati (bUe artiglierie h anno
fnrm:l, eilinclro-ogivalc; i'ogiva qu asi sempre un solido di ri volu-
zione generato eh L un solo arco (li circol o, ma si riscoutrano anche
ogive ('tue archi , uno ('ti grande raggio "J L'altro di piccolo raggio
all a pnnta; oppure anche ogive termin ate a cono (fig. ISo); infine
si h a nno anche tentativi di sost it uzione delhL forma conica alla
forma ogivale; sembra anzi che u na tale forma sia favorevole alla
penetrazione. La, forma dell'ogiva dipende an che "UO seopo a
cui sono dt\st inati i proietti.
li; in ogni ('aso conn' lli f\ lltl \ (.lw l'ogil'l./ : .. da, lisa/a, c l'l'golel/ 'r' ;
i pl'Oidti ;I, bO('f'hillo <lntel'i o]'(' hallJlo r og,'nt tl'OIH",ata COli nn pin,no
norma le pel' (Lar po:-;t o alla 'ipoldhl, l' rl ,i' l',OIl\'Pfl ient' l'
(;h e Ijlwsta segna l'and,tmmlto (1f'.II'og int (,() l1l pldan(lol a (fig. 174) .
Da 'tppmm <L,(',eenllaLa lI ell e prime ap pli(;a.ziolli ,
in <.Llennp. eo:-;trllzioni model'llt\ si C'st,endE <tJl f' Ill\ fino a Il)( 'zzo (;a.1 ibl'o
di lnn,Q' Jwilza (\, part ire dal fo ndello: pl'Oipt' t i te(ll'S(' hi da 77 h a.nno
<L ;) (i 111m. e OIl ang'olo (li 7 20' (fig'. 17-1).
Sopraogivazione. - pJ'oietti SOp i'(wg'ivati (fig . .17 ;) a, b, c)
qneLli in eui 1'0g'inL il sormoll ta.ta, (lfL Ilua ogic(L ( letta anche
tagliwJcnto), eli lamiera., c di r aggio o,g iva.le magg'iOl'o, oppUl'e
qnelli ehe appaioll o l',01110 t.roncati all a hase dell ' ogiva, l a. qn al e
totaLmellte o qU:L'ii t otalmente :-;ostit nita da.ll a faL'i, 1 ogiva. a
gTallde n1.gg'io. J:", t, ,'l oprao,([iva, ilione, p ll r ,LUlllPllt:,ll1clo la di"tanz, l
fr a eentro di r e;:; i::;tenza e eell t ro di gr,tdtiL, h,L per e llett o di lllig}j o-
nu'e la forma a,ntf1ri ore del proietto, Senil<l, influire noteyol meu t,('
sul suo momento di inerzi a l'ii' IWHo aH'nsl'l(\, di modo che il moyi -
me nt.o di rota,zionn intorno a ({!lesto pu (:on venienten-,l'llt.e eOll l
- --
pUl';-;i con quello determinato dalla eop pia pel'tUl'lnLl1.t t' pPJ' ottl'uere
la stahilit del proietto sulla traiettoria,
e:-;pl"Tiel17;p eompillte in Franeia tareb/Je risultat-o elw,
,'1111'0 ('l'l'ti limiti di veloeit ini7.ial( l' per Ul/a data iuelillHziollC
.lelle rig-he, da un dato proietto di forma mi1.!,'!iorata ,'ii pu
dl'l'ivan, lllediante la t]'nneatnra (' 1<\ wllrangivnzione, un proietto
('Ile dia g-ittata magg:iol'p pUl' l1lantenpfl(Loti qrw:-;j ugllalmente sta-
hile, e q Il inel i eon precisione 11gl1alp o d i poco infp1'lOre, Tnoltl'f'
;;(ll'elJhe anehe risultato ehe un proietto pieno eecm;tivamente lungo
}ll'r una rigat ura tant,o da dare aecoreiamenti di gittata e
_2. nIH(Le irregolarit in eonfronto di proietti pi eorti, pn, mediante
la trOll('atunl e la wpnwgiya,ziolle di forma uguale, dar luogo a
grandi gittat,/' ('(In ;-;nffieiollte l)l'(>eisione,
Il nmtaggio della :>opraoginlzione pu e;-;sere, naturalmente,
per otteJll'rp, impiegando la (',ariea nlastima, gittate
Ill<t""mw elle non potrebbero ra,ggillnp:ersi <:on i. proieHi ordinari;
ma. llU ei:>:>e re utilizzato nel tiro eon eariehe ridotte a
(li;:tanze inferiori, le quali per riehiederehbero la cariea ma::;::;ima
lJl'l' i proietti onlinal'i, ottenendo eos il risultato rli l'ispanniaa'e
LI bocea. dt fuoeo, il emi logoramento colla eal'iea ma::;sima assai
ehe con una earieH aJche di poco ridotta.
TJa falsa ogiva rli larnien:t dello di 2 nUll. cirea;
l-t}lplicata <11 proietto in geJwrale lImL avyitatura e fi Rs atL
po i eon viti rad<lli, Opplll'(' mediante (;0 mprcssione dell'orlo i n
una sl'allalatllra (LeI proietto, 0, infine, anelle mediantc
forte ad un arwllo avvitato sul proietto.
T:ll volht la fab(\. ogiva preRcnhL eLei fori per Ia. tfng[!;ita d(>I-
1':I1'i<1 illt"erna ehe si dilata sotto l'azione dPl forte r,ealcLamento
1ll1lg0 la fJ [L fal sa ogi\a, t el'milm generalmente ,L punta
aenminata; ma se la spoletta ad urto (lil'etto (yeeLi )
])n!il'uta estremit 1Ul foro per il llHStaggio della spilla, foro
clic yimH' chiuso da nl1 tappo a vite, quando l:t, spilla non irnpic-
gata ,
Impennaggio posteriore e falso fondello. - Avrebbe lo scopo di
pOl'tal'r. il eentro di resistenza indietro ri;qwt to <tI eentro di. gravit
e dare la stabilit al proietto.
elle artiglierie queste ::; istemazioJli non S0110 state finora appli-
cato, per la poea resitt,enza che preseutano all'atto dello sparo sotto
le forti pressioni: ai soli proietti delle bombarde furono applieati
-- 110 -
ntilmente (Le;:di applllll0 1)(')'(,ll piecole WIIO ]n pn -;
sioni (fig', 176), Tn Fl'aueia " i " pel'illll'lItal'ono bL-;i fondelli l'<t"tl'l'-
mn,t i , (l. \ '" it,a t,i al fondello d.d pt'Oietto, ma. la ma "" i ma, V<lrt e "i
stal:(';t n 111 o f' "i allo spal'o; nei casi iu ('Ili r ima,.; ('1' o
inl- all ,i 1'i oLtonlln II.Il a. nl11nll t.o di git,l ;\,(.;i, do] 10 % l'il' (';!.
Sistemi vari per modificare la influeJ1!a della resi stenza del!'aria.
J'ifu)'ltlt/'ici (fig, 177 ), - ( 'oll."i "l ono in (!i.,,(']l i mdalli(' i
da, appli l'<lI' i'\ i a ll a llrmt,;l, ([('lJ ' Ogi\'; I, dt'i J'l'Oi('t ti (ll'(lil l<1 l'i per ott(-
11f'1'e 11 t;l ggiol'(' d('II' ,\l'l" (' ql1ilHLi un:1 C'U1'-
vat,lIl 'a dd!a. FlIl.'ono i<Lcah ili .F'r'lL1H'ia, prima (!t-Ua gm'l'LI
a, Ll o SCOJlO di fOl'nire all'art-, ig'lil'l'ia leg'g('I':I Illl IlI(' ZZO 1)('1' c'll ]>p lin'
delk ,iel1za (Li al't i,glieriu :t t il'O ('\1!'\'o, IWI'IllPj-!( 'IHlo (li ba,tten'
bersa,gli fOl' t ('illellle ddil at.i ,u\('\ w {'oi eall 110 Il i (\ ('Oli {'<ll' i('a normal(',
f;o l'ag'giullto, nm (J (lell,1 IJI '((,jsioll l' , (,Ile di Illol lo
(lirni illlii;a. Il 101'0 imp iego 1l0H ,.., i ('o (lllill<1i alferm,t Lo , l' 11 <1 il
il (lella (lelLe c<\.r it'l le HIll' Il(' Pf']' i
C;11ll'101li lngg'eri.
_l)' iam',l'na rl ' o(jiCII . - COJts:.;Le illlill (li " pn:-: i (.i\"() ,lppl i('Hto al LI
og'in\, dei !Jl'oiet Li , l1lP<1iallL(\ il qnal o lilla (' ;J.l'ica, (li p:-; ploHin) I(' nto
di ., po.;t a, ! lla plln t ;t si \{'('l'!l(ln ;dl,\ jJ:!l' !.',IlZ;t (lei ('01 po l '
g'enp,I'H, l:L t,raiettori;l" un,I, q I !;J,Jl t iL;\di ga"(' al<li ('lll', a \-yol g'oll o
tut-t:! l'og int. Il "i::; tema ,,1; at o IJI'opo"to iII Fl'al1c i,\ d,ti ( 'lIilo\\' -;I,i
e l\.\'J'niJlw dato l'j:-;nlt,lti :-;o(Ldi sL!('pnt i, elw ('oll ,\ [01'1I1, !-
ziollo di Illl:t SIH',('io di f:.t1 Sl, og' i,' a g \\s:-: osa , o ('u]l'niTdro di 1'a1't'f;\-
lIione (l ell 'ari a eil' i'ost;mte all 'og'in!.
h a anche notizia di ;Lltl'i " t.,t-, p,mi i (le,i! i ;J qlll' -;to ,-;copo
ma non Hi (;ono:.;eono e011 i (og'i V;1 J)(II ig'onah
DncIH>s IW; impennL,2.'g io (l ' og'i,-n, [<},.,l'lagol1),
Awl'. il. - Corone.
1-1(l eut'one oblwro le ,-;(\,!,nwnt i fOl.' lIle <.' dispo-
sizioni in rela.z io nc alle vari e forme di eamel'it dd proi et-to appli-
ca,to nell e bocehe l'nuco :
n) due o pi corone u g na li sulla p,Lett\ eililldl'i(',L (fi g. 17K);
sost it uivano l:L incami ci at-, m a di piombo, ((1 erano adatte a.lla
eamer a unica p er pl'uietto e (\aTi('a, o all a (:amera doppia ('011
cmnel' ;l del proiettu 1\1' !)]'()ietti (li pi(' eolo ca,libm si li sa \'imo
- 111 -
,u l(,he (Ille ili anell i, Ima, all a del l'og' i\' a, l'altm
'"l' l' SO il fOlIl[pllo; tra gli ,lllnl l i (li C'opp i:: \'011l\' ;[ di,"l' o"to
(1('[ lubri f ,',IIi1-('
li ) Iln,L (;Orfln<1, di Iorzamento al e('ntro, llILH, COrOl1l di
t ]' <\. tlllm t-o , (li (li a lllct-]'() int<'t'iore al (;al ibro, all ,t ha'i{-\ dcll 'og'iya,
e(l una pi 1>" s:-;<\ e (li (liametm ;..;upeI'ore a q uello (lelta emoJl a di
fOl'zalllento ,Il fondello; LI prima y(qlint a tnrnt.nii nella cnmera,
dd proietto, la st\c'ulitLl, all'inizio nlltl ri gIH', la t erza ]lei l' aecol' d,\.-
Jlwnto frn C'a mera <11'1 proietto (' ea 1Il('';1 ,Iella (;;tl'ie<L (fig. 185);
c) Iln a, ,,,ul a ('Ol'Oll a di forza.mento (o nna ('o]lJlia di (lue
COl'O IH' a (li,-;tawm una dall' aI1Ta) p 11 11 <1 ('OJ'(J!l;( Ili ('ell -
t n I11l811tu, ,W l' (',Illlel'( ' (Id pl'Oiot. to (f1g' , 18G l ,
Qll c:,;j.' ul t im;1 i la di ,po:-; izio ll P att ll a.le (,l(ol !e (' oJ' ulle, TK'r l a
(',OI' OIW (li (' n n t. i' ; 11l l<'11I o i: qU:t 'i i ;;( ' mpl 'e ,,;o,,ti1-11i t-a (l;t lll ta j aiirt
o di NItIJ' (I/1u' n/o, dal tOl'VO ;l 1 proietto ,I Ila,
lm:-;e (lel l'o,!\';t. u m'c.IIl',!I-, a llHJute tOL'J1iLa.
Corona di forzamento. - ::\Iella ('OI'OIl <l di ('Ol'I',,1ll1eILto sono
po'iizione r ispet-t.p al fOllllello e al di gl'a vit,
([('l pI'oi(\( i-o, la fOl'IllU, (a ltr'zz,1 , e proflo ), i l md ,all o, e
i i modo d 'i lllpi ,lnto,
Posi :: iolll', - P e1' la trasmi s'i ioll\' a l COl' I)() dd Vl' oicLLo del
lll oviml' n t o !'Orator io ;tS" ll ll t o (bIla corOlla 1)('1' eilu1 t(l ,lella riga,
t ll : :! , :-; are!))e C'o ll\ (' ui :'nl-l' l'ho la (: ()l'()WI di fOrZ<lllwnto :-; i t,rov<l ss(,
allct alt ezza dul ('nn l l'o (li m,l, pJ' ovC/-
(',/) pL'ebbc (oi(\( ' OI Hl o il Kl'llpp) (lei tnl'billlLllenti (U g'a s tnL pl' oi(' tto
e alli ma (lietm la, ('()J' OIl<l, ('OH eou"e;2.'lwn t i lwrhll'haziolLi del m O' j
ll1ent,() e oi bat t inw.n1 i dd pro ietto ; illOl! re hl ('mona di spm;i,H a
m,'t,it (LeUa pa rtt! (,i i i callscrebbn Iln indeho]i lllellto d ell e pa
l'O t i ,colla "ole:! tll ra II l'l!a qnale impi antata,
In qu i ndi 1<1 COl'OIlH di j'OI'Z,HHJ1l(O t(JJlllt a 'eniO il
fOll(l pl1o do\'(, II' ll11'd i sono Vi robn:.;t t' , t', lH'{,ferjbHlll('ld;e, nello
::;pee; SOl' e del fonddlo ,.;tc:-;su; :-i i otLionc alJe! l e eho l a l'igatlll' a
ag;iil<:a F' nl proietto p er t ut.to il pere01' 80 n ell' alli nUl,. T ntta-va, si
rerca. d i t ell orla p i lontana ehe Ricl pORs ib ile (la
l
fOlld ello, peI' <] Ilftutn
consentito da,Ilo " ,W'l:i01'O del fowlello e dab e n 'ntmi1n nts Lre-
m.-It ura, p oiell "i \' el'ifeato <:110 1a, (',orona. di fOl'z:\.nwnt o troppo
vieirw, al fO!l(l oll o h a pel' ('ITetto di i\l lllWll t,tr C la. ]'('si,-: tellzi1 del
l'aria.
La forma don a eorona la al forzarnenj ,(
- 112 -
nel l'accorciamento e aU' intag'lio per parte delle righe, nonch la
resi stenza delle part,i conduttrici al rasa mento e al consumo per
attrito lungo il percorso nell 'anima . La resi stenza al forza mento
e a.ll ' intaglio dat<L da.! \"olumc di metallo ch':l (l eve essere compresso
per il modcllamellto della corona nella rigatura, e ehe dipende,
oltre che dall a larghezza dei pieni, dalla. e daLlo spessore
dollit eorona; la re::;istenza, al r asamento e all'att.J'ito dipeniLe ditl-
l' areit del fian eo della conduttrice che :,: i appoggia e scorre
lungo il fi anco (Li deLLa riga" a,rea che, per Ull a, ata, profondit,,
di riga, dipende unieitmente dall'altezza della e01'ona. conve-
niente an're llno :,:pesi:i ore ili corona piuttosto forte pcr i seguenti
motivi:
1) Si ha lilla maggiOl'c compressioll e (1(-'1 mebllo, COll
aumento della dnrezlla e <luindi [con Yan tagg lo nella rpf;istenll<l
al rasamento e a.l1'aHl'ito;
2) l'i ha nna ])l 'PKsione di forzamento 11m ('nergieu, ('011
conseguente va,ntaggio nella ut ilizzazione della ('a.rica.;
3) si ha un forzarncnto suffi ciente allche qll ando la botcn
da fuoco logora, al punto che una corona di s]ws:,:orc minore non
darebbe pi buoni risultati; si evita, nel ea:-;o di rigatma )H'ogl'ei; -
siva, di un la\"oro d' intaglio troppo :-; ent i. to lung'o i]
percorso nell'anima" potendo ottenere una con'd 'n iente pressione
di forzamento con una a.ltezza di corona l'elatiyamente piccola.
A qucsto ri guaro l'ono da llotan i provvedimenti usati e
pTOposti. per il tiro eon bocche da fu oco 10go1'P:
a) i lJl'oietti in 2 o J seri e, una COl! forza mento
normale, per le bocche lb fnoco nuov2, le altre con coroll e di for-
zamento pi gr ane per le bocche logore;
b) appli care ai proiptti da, ll sar,-;i COl I bocche eia fuoeo
logore clelle cint111'C (l'aumento (}\farina), of' ,:i a cl IJPlicare, wpra la
corona normale un l nello eli ram c pi HP orge Il t-c.
Profilo. - Il profilo della, emona di fOrZaJlHlll t o assume forme
svariatissime secondo ] (> idee del costruttore: sembra conveniente
avere un profilo trjangolarc anteriormente per l'adattamento ]le1
raccordamcnto della pa,rte r igata colla camcra l' nell'origine clpll e
r ighe, l'etLangolal'c al centro per costituire Unl:L guida pi stabil e
e clare la voluta altezza alla, coron a; anche conveniente terminare
il profilo posteriormente (;on un risalto a scopo di t nravento (fi-
gura 180).
11:3 -
'1'utta,yia si riscontrano aneh8 corone a profilo complet.amento
l'rttangolare, e anch e con risalto a spigolo v ivo dalla parto ante-
rioro che fa.cilita l'impeg:uamento della, COTon a nel ra,ecordamfmto
e la st,abili t del proietto nella. camera (fig. J81).
Spesso la corona l\ solcata. da una o pi sca n alature anulari
p i o meno profonde nella ]wrt.e ,mtel'iore, per ])(>rmett(')'c al pro-
jrtto di impegnariii facilnll'nte lll-',ll 'origine delle r igh e e re,'Itarvi
ti:;;::;ato anche con g:rarHli ft ll g:o li di tiro, e nella parte cen tra le, rH'l'
faci li tare l' in taglio , l'il',eH:ll'(, il l1l f> tallo as portato )wll ' ill ttlgli () (>
contenf>l'e lubrifica,nti (fig:. J 82) .
Yumel'o. - In gpnere l a corona (> Ulla sola: solo )J('.r l e art i-
gliel'ie di nwp:giol' calibro o di gnlllde potenza ne r iscol ltnll1o
due, una vicina ,tll 'a.ltTR, allo S('opo di <tY('n, part-i eonduttrici di
re"i::; tellza, lIIa l'hl' f unziollano conte. un ull ita (, (,l'ona
(' OJ] Ulla lnrg'a i'icanal at-l1l'a :llll tl are; ili pl'oict,ti t('de1-i(' hi PC)' ('an-
Jlotti di grosso ('alibl'o s i hflllllO aneh(' C01'On (-' ,
JI etaZlo. - 11 llleta.llo i IIlpi egato per le <': 01'ono aJl(:ol'a l' i'icl u-
si \ amento il rame, questo metallo llresent,i, nell e eondi-
zioni at,tllaJi, (11w inc,onn' ILi('nt i: l ) la cio il dp]>oi'i ito
in determina ti JmuticlelL',1ll iJlla, di nno 1-itl'uto (li l-a nw (yed i rallitolo
XlI, : Inconvenienti nell ' ll i'io (\(>11(' :11't-i gJ jerif\) che ha, J)(,J' cfl'et,to,
lnngo andare, lllla dimill Uzioll(' di ("t1ib1'o e il riempiownto tl l' lle
righe (arrC':o;to o dimitlIlZiol(\ di \' nlociUt fle.l p]'oietto, delle
('(WOIW); 2) n tl'naf' i .. d di<- icllti in cOlr[ro1l1-o dI'IlI' t'J'(-.,"C' enti
l1oclol'J1e, ch(' Jllin\,lIo ,1 n>lo('jt.;\ iniziali (\ quindi a
"i(lni interne o lllllghr,zzt' d ' ,ltlima, iiomJ)I'('. maggio]'i, ch e ('iJllPlILallO
1(' ('O l'O no al pi alto gTal1o.
l tentativi pl'l' hl "ostil llZiolll' r!01 rame col f(,I'Fo, ,tllo scopo di
<l\ ' Ne un metallo ug' u<lll1ll'lIte plmltico, ma, duro e in grado
COli \-en ient e, non han 110 fillo :Id ora, a,pprodato a, ri i'iul t ali soddi sfa-
(:t'J Ii-, i.
Impianto (lcZlr coronr (Hg: . ] 83). - Le corone di forzaJlwlIto
(lpbbono essere 1-i;-\,ldmnnnte <.:o lleg'ate a l proietto 1)(-'1' e"itare scorri-
IIJ('nti r ebtivi, ili segll ito ai quali il proietto non a ssllJllel'ebbo 1<1
yvlocit di rotazionu \' olnta_ Lt:\ COI'O II(' sono ineastnttl', ])01' (:Olll-
Vrc:s:,;ion(-' o martellatul'a, ('n tl'o scanalatnre <lllllla,l'i, con :;('ziollo a
coda di import a. lIt e cIle la ('Ol'ona. ri(-,Tl1llia 1-ot a l meJl(e 1:1
n vi a rl{' l'i sc:t co Il YIJ I eLIl Jl(>lIte, pt'l'('ll (\, a Jt-riJl1ellti, nej
pUliti in eni nOli i'i i 11:1 il ('onLntto IllancJwrehlw il fOl'Z'-ll\ C' nto. Ti
Volo II. - Anni da fuoco l)Orlafili, ect' .
114 -
eollf'g:amelltu pi ,'.;aldo medi a nte nll'i Ili cui i
Vi ll sat.i ;';OllO:
l 0) nervat,ure rettilinee rilevate i' ul foudo e interrotte in
S'(lri punti; non mol to pel'dl ",i ha faeilmente l'intaglio (leI
rame e lo i'cOl'J'iIlH' Jlto; 2) nCynLturn ondulate; 3) zig'I' inatura del
fonlloi 4) nervature o (dieoi(lali a, inelinazioni Tarie
gentll'atrieii GO) intagli 11l1lgO ,gli orli (lella :-;('ana, latnra; 6) pel'lli
o (',hiodi (li rame,
W/ltt o" f'O "1m
Di a metro della ]Jltl'/ r cilindrica IleI proietto:
ila mm, I il mm, ;) mOllO del (';Llih1'o, H ", (woll(lll (lei ra,lilJro
stmiHO:
Dialllll t l'O ddla ('01'Oll a n ZOll<l di cen/ramento:
Ila mm, 0,,1 ;l, mlll. 1,2 meno del calibro (in alle toll('-
ranze nella lavorazione e quindi al calibro),
Di a metro mlu.;s imo (lella eorona di jorzarnento :
da mm, I ,;; a, ml1, 7 pi del ealibro (mentre la profondit
dI'il e r ig'he S'aria da, mm, J ;) JllIH, ;3), quilldi il forz ament,o varia
(la mm, 0,2G a mm, 0,5,
Proietti rigati. - H,ichialllallllo l[ll;mtn eletto al Capitolo no,
H.ig'atunl,, i proi etti riga.tifillO ad Ol'a. uKati () t'''rwrimelltati sono
dei dne tipi:
a) Proielli rigati elel S1'lJl' /,('(1111/()) W ledcl>co (fig, : 80), - Rcb-
uellc hl ri gatura in que;.; t-, o (',}I. 'iO <\.yp,-;;-: \ \ l'iJ wlinazioJ1e (li ;-; oli LJO, pn l' e
la pre.'i Hione era ta.nto elevata e KO]Jrat'lIt-t- o il pel'eol' 1i o nell' aniJll; L
rigata (lGO ealibri) t,anto lungo, d w le (' Or'Olle di rame Ki ;;arebbero
r:umte () completamente eOHKl1lllate; il pl'oiet-, t o nella, parte ci lin-
clriea fII munito di dne ZOl1n di co;-;tolo elieolali , eiaKc unaprov' ista,
pOi' teriormenk (li una p ieeola co rOlla (li !,;I1lW t nra \-en to : il proi etto
lnllgo compleKK lYlLlIlellte 5 talibrl (li eni 2,,) di fuba ogi \' a ,
b) l'mi /t'i O}' (fig. 181) (Obu-; ray,<;) , - :-lOJlO molto lunghi
(anche fino a 7 caliori) e le r ighe (tnilllli molto i nelinate (fino il J2,
sperimenta.te anche fino a. 15) c, naturalnwJlte, a passo co;.;tante;
le costole si estendono per tntta la pa del proietto ehe
ha fal sa ogi nL eonica IUllga, 2 ('a,lihI'i, e forte rastrematuLL del
fOllilello; le costole terrninallo anteriorrnente a pUJlta )J er facili-
tare il loro impegnarnento nella rig;atura, all' atto della caTirlt,
Non eKiste alenll tn1'a\'o11to. n a,l b l'nlazione L1cll e esperienze
rompiutt\ risu lta, che IWi'l snn i ll uoIIH'nie nt-e, si (' l' ilc\;J,jo J\('lla (,<l l'il '<I
(' dw ne;;;Sllll Jog'o]'a,ntellto ..:i l' l'il pud o Iwll ' <lllilll;t a 1l1ul -
gr ado drl , '('nto (\ 'i i,t ,('lItr t ra pl'oid,t () (\ aninl ,L
Allche la la \'()I';J,z iol w IIOn l' i;.; nllpl'phlll' 1'( (( ;-; iU\,li l(' nlp 1II II ,!.!<I
(' diffic:ile.
,Aln' ;-). - Carica di scoppio.
X l,Il a, carcJa di scoppio oeOI 'J' (\ ('on sidel' ;Il,(' h \s plo;;; i\'() elll' I;t
cost itllisee, la, sna ndpl'Oietto p,
Esplosivi !Ii scoppio. - De bbollo ['i"ponden\ all e i') ('Q ll ent i
condiz io Ili:
] 0) Gra n(le potere dil'omj)Pllte, ('OH gTalltl l' , ' iql.( i1. ;\ di l'pa -
7-one (1 ;,J1uhe nMit,nc1ille ;,d una azione proptil ,'i iy a d.ell e
a dist a ll :t.a e alla fOf llIazione di numerose ,wheg'p;i e 11 n iform i )1t;-t
non troppo minnt e, che perderebbero facilmente la loro fona
viva;
2) Pm;sibilit di forti densit di c;wica.ment o (gTande d,'n-
sit, a,s"olll ta, compn'ssibil it) pcr aumentarc g1i effetti, non (li -
minuire (li t', roppo la (lp!1 "iJ,}L t ra svprsal e del proiet to, evitare nrti
e :sbattimenti che pot-' I'ebbero produrre ,,;coppi prematuri alla
tenza, evita,r e il fmlOmelto <l ell ' u)'/'Occwmcnto all a p ar t cll:t.a, (' 111 '
compromette hL sicll1ozza. (ltgl i e lIptti, sot- t l' aclI<l o ,dI' arriyo I;t
carica all' azione dell ' inneseament;o (sj)olette posteriori); :;OJl O
quindi pco conv enicnti gli esp losivi pulvcrolent i a meno clw
1J0n possano essere compressi forteme nte neL proietto.
3) Poca. :s cnsihiliti.L agli urti e al ri;-; cc,ll1Ll1lcnto per cvita.r o
l' esploi> ionc alla partcn:t.a. cl el colpo e a i:ls i. cura.re il r it ardo dcll ' e:s pl o-
siono all' arri"o qU<ln do n Cl:
1) F'aci! c in nc;;eament o, co n con vcoientl-\ .'2,Ta,c1n a. zione , se nza
l'impieg'o (li forti eal'i('he (li fnlrnin a to (li mCl' eurio, che sono sC'l'upn'
fll',rien]osei
:") 0) Consen -abiJiUl, i 0;;:-; in, sta,bili t , chimi ca (\ J-i sica; assen:t. ;\,
di aJtinit:'t chi.mi c;L col meta,1I0 <lei proi!' t ti p or evi tar e il dct,cl'io-
ramento di. que'lt i, o 1<1, formazione (li composti p ericolosi. o iner t i;
6) (li f ll l1l.0 vi:s ibil c a distan:t.a pcr l ' osserva.-
zioIll-l <l eI t iro, sel17-a il concorso <li materie fumog' cue la cui agdnnta
an,ll'ebbe a scapito dell a q lla nt itiL attiv ;-t ell' esplosivo;
- 116 -
7) IWH'nsibilit all e esp10sioni pf'r influenza per evitare
gli scoppi per effetto dei colpi nemici eh<-, ;.;coppino ili immediata
v icinatna.;
8) manipolazione relativamente sielll'a per il caricamento;
ci che richiede una grande il1fwnsibilit, assenza cl i emanazioni
dannose, temperatura di fu sione ba;ssa, e molto inferiore a quella
per cui pu ayvenire l'esplosione, eCL
gO) PosHihilit cli produzione sn larga scala in breve te.rnpo
e con prodotti dci paese.
Degli esplosivi attualmente in uso quello che meglio di ogni
<tUro risponde aHe va,rie condizioni il tritolo o tl'in itrotoluell c.
L'acido picrieo pnre molto u sato, ;;pecialmente in Francia ed
Inghilterra (meloni te e lydclite), con provvedinwnti ;.;peciali per
pliminu,re alcuni i11con venil-llI ti che eSfO pn ]JreClen tare. Come
ripiego, durante la g'uerra, furono impieg:ate Illl;ieele Iii
C:>plOi; ivi a b::Li;e di nitnLto d'ammonio e <L lt.ri , cLi domti e perclo-
rati; quei;ti ultimi esplosivi (chedditi), per h loro sensibilit
abha:>ta,nza grande agli urti, i;ono impiegabili solo por le bombe
a mano, da bombarda e pw: i proietti di eadnla dagli aerpi.
Sistemazione dell e cariche. --- Il e;;tl'ic<),mento (L('i jJl'oiptt i pu
n fine mo(li: eal'i(':! Bleut o il il'dto (' c;wie3111Cllto ill
custodia.
1\ l cwricamel1to dh'ettu (fig . .172) fi i ]J](';;tano tn tli gl i l'f'plosiyj
(Li cho possono a t em pN'a,tura.
bassa (120-130) molto lOll ta,n;.L (laLl a temperatnnt d' accensione,
o esser prodotti o facilmente ridotti in poh' ere o in grlllni; l'm;plo-
l' iy!> viene veri;ato nella cavit del proietto attraverso il bocchino,
e i;e la, natura deU'ei;plosivo lo permette, compresso mediante
pre;si;ione idraulica, che richiecLe impia,nt i specL1i. Se l' esplosivo
di natura acida o f'onmnque attH ad aLtaeeHl'e i metalli, llL caYt
int(wna deve essere prevent ivanwnte spal mata eon 1111<1 , 'erni co
llro tettiva.
Per il cwricwnento 'In cttstodt (fig. 17;{) l 'esploRi\!o vielle pra-
ventivamen te compresso e layonLto, :-;e pOCl:-; ibil e, ill forme com-
nienti e quindi avvolto in ell stodie cli cartone, di parafinat a,
o anche di lamiera (li ferro o di zinco o piornbo; sovente l a custodia,
prima di essere introdotta nel proietto vi ene spa.lmatJ abbondaI l-
temente di pa,rafina fusa che :-;oli (lificanclo, t-iell e assestata, ]a carie;;t
-- ]]7 -
e la costringe a seguin"l ei-\,uamente il moviment o (li rota,zione del
proietto, e ci per evit are inconvelJienti nel movimento del proietto,
c la. po:,sibilit di riscl-Lldament o della ca,rica.
L'arroccamento pw\ evitato con una. di
eariea,mento (li inten<: it '''lLlperiore a q nella che essa subisce per
inerzia a,l1 'atto dell a pal't enza del colpo.
)reI di proiett i molto l unl!;hi, l a carica di visa in dne ele-
menti, e la ea ,it interna, del proi etto divisa, in dne par t i da nn
di aframma forato ayvitat o sulle par eti (fig. 173) .
Per e, -itar e, qua ndo la cayit del pr oietto 1m i l foudo ant e-
riore o post erior e non pi ano, l'arr occamento, il i nsa in gelw,re
disporre sui fondi dei tacchi di legno, sull a cui faecia p iana a,ppoggia
la carica,.
A wl' . Ii. - Le varie specie di proietti.
1. - Proietti d'urto.
I pr oietti Il 'LU'to moderni sono dcstinati essenzialmente a
per fora zione <l cUe eOl' azze delle nayi, dei carri d\ LRRalto, delle 00-
pert,tUe metalJiehe e cement izie delle opere Ili fortificazione, e
all a <l,zione espl osiya nell' interno dei loea.li protetti.
Le Vl' ime nayi corazzate di lamiera eli ferro ,' enivano lJiJ
con SC<1rsa efficacia, (on !!,Tana,te; poi si usarono pall e cilindro-ogi-
vali piene, che ,LginulO c1iclut ivamente per urt o; in feguito le palle
ebbero una, piccola cavit posteriore per portare ,rvant i il ( entr o
di grayit; ca,v iUL venne poi r iempita con ca,l'iea eli poh ere
ner, senza ::i poletta, per ch la, polvere nera e,-;plodeva per effe tto
del riscalc1 a,mel1to dovuto a.ll a vcr for azionc; 1>oi, volenelo ottenere
lo i'lcoppio dopo la perforazione, la polvCl"e yenne protetta da un
,,<,(;( hetto di lllLteria isolante (la na) e inneseata con spoletta a
r itaro. Si U S; l rullO anche proietti a,d ogiva iLppiattita, (pro:lti
coutnnd/'1!li) aHo scopo di la (:orazzat ura, m non
furono tp,1l1lti in servizio a lungo, date le lOTO s!-,ar::ie qualit
ualir-:t ichc. Attualmcnte si hanno in uso le palle e le granat e
perforanti (C' he f; ono anche chiamate r ispettivamente granate perfo
1anti e w ana[ c 8G1nip erforanU) , le prime destina to ael agire contro
le corazze (li gTande con grande velocit r csiua e quil1(li
in t inl di la ncio (emmoni di grof;so e medio calibro) , le seconde per
agiro contro deboli cor azzat ure (ponti elelle navi) o contro lll a ff'O
-- I t8 -
(' ('11leutil\ie, quindi con FLllgO:i di cadll ta mag'giori e forza viva
t!()\ 'uta pi alla nlai:ii:ia ehe alla velocit (obici e lliortai
ti i ('a l iuro).
Nono (la d:l :'i :-i ifiem\'ii fra proietti (l'urto anche le granate
!Ji'I!i/1((l'lr del lTlIlnizionanwnto (' le gl'amate dirornllenti
del 1l1l0\' O I1l11JlizioJl<lll1ento desti nate ad <,ontro hen;agli
solidi m;l non molto res.;tenti, ('Ollle muri (oven' in muratnra e
kl'!',1 <I(']1e fortificazioni pa:;"a te), lamiere di ferro (' ;lCeiaio (naTi
11011 ('ora2I\atp, "('lidi) pd ,tJlellp ppr azioflP proidtin cklle
In ('Ili Ci i frantulllallo Le pal'di,
Palle (fig. 18o-IR6). - Dato il loro seo])o, debbono presentar e
ht 1I1<lii "im<L attitUllillp all;l pelletraziolle nelle eorazze di aeciaio
c:elJH'nta1o, ('i ehe richiede una grande l' esistenza delle pareti,
oth' ll ti la (:01 gl'allele ;;pe:;:,;ol'e e l'oll'impiogo di metalli ad alta r esi-
"lellza, e nna forllla appropriata dell'oginl, elle (leve 01lBere aeu-
ltIin<lta e qniu(ll illlpOIH' il bocchino pOll teriol'e.
Lo sllessOI'(' !lrZZe pw'di (levo f'ssel'e masRimo in corrispondenza
dl'll'ogi\' a, e Ilel'ci la C'a\it, risulta piccola II \erso il fon-
dello, in modo (la las\'iare snll'a,t;:,;e dell'ogiva 11110 di
(,;tElll'i I 1,2.
La cavit intema ha forme 'l'arie; Tua tutte hanno per ri:-ml -
1;11 CI (li alle parotiullo ereseente l'ogiya; si
ri:;coutl'ano fOl'lne a pera , a C'opia della forma ellterna, trollCO-
('Oli JOlJdi o a;lche ei]iLHlriehe a lJasi pian\'. In
('a,';o LO :'pec::,;orn mil11mo d e,;: p. j'i,"' pondOl'e a,]a eOllf1i"jone gPlle-
l'all' (lpLla l'( 'SSlefll\<1 all ' llrto di partenl\a, l'PRistellza ehe l1ev e
.. wn' <[ ,'il'ai gralltle IWI' la grande J1l,u"sa dell'ogiva e ver le gTandi
\'e]ocit illiziali (Inali (le\'(" e,':-:prp lanciato il proietto; di
"olito lo :,})(' s,'iore lllillilllO 1/ , di (:alibro.
J/nnghcz,zn (' 1)/'ojJOJ'z ioni, - , Que:'ite stesse ul ti me c0l111izioll i
alwlw 111l:! Limitaziollll alla lunghezza dnl V1'oietto, per
e\'ita lino spes:ioro minimo di pareti troppo graneLe iL Reavito
\'olllllw (ldla <',t \:it, intentll: 1(, pallp, anehe le pi moderne, non
l'aggitlng:oJto m,Ii la lItll,2.'hezza di 1 calibri, e in gmlel'O ,-;ono al di
sotl0 di ;) 12, quali qna:ii due, in I,::enefe, :;pettano
allo di f<l \'ol'i1'8 la eon,-;c'l'nlzion-e della velocit nell' aria o l a
IWIH'trazione 11 ella corazza; l a fo1'nHI ogini1e ('l'a Iln tempo tel'lui-
]),I t " (La una ,'iupel'r-ieie conica, allo di favorire l a TH' j elnt-
ZiOllP (tg. t8:J ), ma t ale forma iudeboliRce l'ogi,' a, e v' enne ab 1M II ,
(lon a ta, Il or la forll.a ogiyalo selllJllief' acuminata (lg.li'I)),
- 119 -
:lletallo. - Ii metallo per palle deve al
;':,[,:1do i r!:'<luisiti di dnl'ezzu n di Fu impiep,1ta ,!2i la g:hi'<l
eoll 'ogiya indurita non procediment o di fURiOlW ill 1)('-
trella, per produrre un raffreddamento pi rapido del g-dto e utla
struttura pi resistente della superficie ; ma anche con questo
sisteTll,1 e palle di ghisa non poterono vineere, per la loro fragilit,
le corazze di acciaio cementato; il rnetallo ora rnpieg:ato micllll'i-
vamente l'acciaio, allzi acciaio :-:peeiale al cromo ('he ha caratteri
particolari eli dUI'(w;za ('. la propriet di aNsumere lllla temppra ('lw
indurisee il metHllo senza renderlo troppo fragilc.
Ca/'iwmento e altTi lJarticolaT/:. - Il caricumeJlto delle palle
oggi e:-;elll:,;ivamente fatto con tritolo, che :-:010 presenta le volute
condizioni di, poca sensibilit e efficacia; il caricamento sempre
eseguito in custodia; inueRcamcnto CO li spolC'tt a a percuNNione ad
azione ritardata.
Il fondello u\'vitato; l a corona di forzanWlllC) nella parte
corrispondente al fondello; il c<mtramellto ottennto Nempre colhL
zona tornita sull'acciaio del proietto e llon eOlI corona di rame
incastrata, per evitare indebolimenti della ogiya.
Cappuccio (fig. 187). - nn blocco di conypuiente forma,
fissato sull a ogiva dei proietti ed ha gli effetti Neg llPllti:
principalmente:
1) Aumenta la potenza di IWlletraziono cipI proiptto nella
corazza;
seconda.r iamente:
2) DiminuiRce l'angolo di illcideIlza per cui <lyy i('!ll' il rim-
balzo del proietto Inngo la corazza (' rat!(lrizza, entro (' erti limiti,
il proietto che colpisce o h1iq llanwntl' unu corazza, in mollo (la p1'O-
dm;re lln foro coll'aRRe nonw1le aUa corazza stE'Nsa.
Il cappuccio fu i<leato nel 1878 prima d'ogni altro (la n11 inge-
gnere ingle:,;e, (al quale fu RlIg"gerito dal riNultato di tiri PReguiti
contro corazze di acciaio pro"yiste :l ll' esterl1o di una laNt-ra eli
ferro dolce, cl che venivano attraversate Pl facihnente di quelle
semplici); lna la scoperta nOl i fii a ,0,110 tempo Rfrutbta dall' Am-
miragliato inglese. Fu il russo J\J9.karoff che riprese gli Ntndi, (' (lal
l.l393 i l cappnecio v('nne ;:ulnttat.o Ila tntte Ip mariJw p dalle :uti-
g"!ierie da eosta.
1] fUlizioll:m,ento dei cappuccio s}.\ ieg:d ( colli' Neguel1ti
('onsiaen!zioni (teoria dI'l Tressiddpr):
- 120 -
QU:1l1do un proietto lllt, n, contro uua corazza" la forza viva
va. consumata in lavoro di deformazione o rottura del proietto e
della corazza c in riscaldamento. Al di sotto di una certa
d'urto (prima critica) il proiettc, non si rompe e l a corazza
non anneggiata; imperando questo limite di velocit, se la
cora7.7.a resiste, il proietto si deforma e si rompe e la corazza potr
essere pi o meno (larllleggiata; aumentando la velocitft d'urto
giunge ad un punto (2
a
yclocitL critica) in cui i frammenti hanno
forza viva. suffi ciente per perf'Ol'are la coraZ7. a prima di disgre-
garsi. A(lllna ... eloeit elevatisiSirna (3
a
velocit critica) e non r ag -
giunta <),ncora, iII pratica il proietto potrebhe perforar e la eo-
razza senza rompeL' si. Tra l.a 2
a
e la 3
a
velocit critica il proietto
pur perforando la cora7.7.a, si rompe, e ma,llcherebbtl,Jo quindi gli
effetti (li scoppio. Per ottenere questi effetti occorre impedire la
rottnra del proietto. Om tale l'ottura avverrebbe per un ricalra-
mento o incunea,mento dell,L punta dell' ogiva verllo l'interno
lungo l' asse del proietto, in moclo elw h1 stessa andrebbe
gradatamente aprendosi e sC,Lllciandoll i, con spaccature secondo
meridiani. 8e attorno ;.; i dispongono degli anelli, a
guisa, (li cerchiat nra, elle ne impediscano lo sfasciamento, si impe-
disco anclle l' incuneament o i nir.iale, e il proietto, animato da velo-
cit pl'ossime 2,t veloci t cl'itica, perfora la, cora7.za senza rom-
per si, trafil andoll i alquanto nel foro pn"ticato d::Lll' ogiva.
questa t.eoria, il 'metallo del cappuccio <'leve esse1'('
moll o ma tenace, e infatti si ebbero di r ame, ferro e in-
fine di acciaio uo1 ce.
Tla fornuL originaria che ebbe il cappuccio fu cilindrica, o tronco-
coniell COJl la faccia anteriore tronco-conica molto appiattita
(fig. J 87); poi si ebbero, pel' migliorar e la forma be:lli::>tica, cappucci
ogiva l pielli (fig. 188), ehe presentavano per l'inconveni ente di
um1 (lImnt it eli metallo eceeiis i\"a che creava un ostacolo di pi
all'og-iv,L e ne diminuiva, l a potenza di pcnetrazione.
La forma che ha dato migliori risultati quella del cappucciu
Firt h (fig. 189), in cui il cappuccio t ronco-ogi vale e coll}L faccia an-
teriore leggermen te concava sormontato da un tagliavento di
lamiera, fissato con viti e che si schiaccia u si stacca al primo mto
senza incepparo il funr.ionamento; dava,nti an a punta dell ' OgiYl
si ha un piccolo speiSsore di metallo, per non rinunciare al vantaggio
di uno schiacciamento e eompreflsione del cappurcio, con aumellto
di resistenza.
- 121 -
La, natura, del metallo rela.tivamente molle, in confronto ana,
punta dell'ogiva, e la forma appiattita del cappuccio, spiegano a
RUfficiel17. a la. diminuzione dell' angolo di imbatto per cui i' i verifica
il rimbalzo; non altrettanto facilmentc f piega il raddrizza-
mento del proietto.
Recenti esperienze in Inghilterra, e in America avrebbero
dati buoni risnltati con cappucci di forma analoga a quell a Firth,
ma di acciaio indurito; l 'azione di un tale cappuccio si spiega,
collo scrostamento o intaccatura pi o meno estetla che subirebbe
la. superfi cie della contzza, che la parte pi dura" per effetto del-
l'urto della massa durissima del cappuccio che ag' irebbe come
un proietto seeondario che si rompe al] ' urto, lasciando seoperta
all'a,zione della punta una superfi cie meno r esi", tente.
L'unione del eappuceio all'ogiva si fa o mediant e forte salda-
tura, oppure con ineastro anulare: nel proietto ineayata una sca-
l'orlo del eappueeio presenta nn rigonfiamento all' esterno
che poi viene compresso a maeehina entro la seanalatura dell' ogiva,.
Granate perforanti (fig. 190). - Si introdl1f-isero nel munizio-
)lamento navale e da eOf-ita quando, in seguito effi -
cacia delle palle, le navi cel'earono di diminui re la parte in emer-
sione pel' offriJ:e piccolo bersaglio vertiea.le e quindi si dovette
cercare di colpirle anche con tiri dirett i Fiui ponti e sull e parti
meno corazzate che non riehiedevano grande potenza di perfora
7,i011e e rendevano pos,"i ibile una ca,rica interna maggiore atta, ad
agire effic<Lcemente dopo la. penetrazione nel ben,aglio.
Il loro impiego si estese poi anche alle artiglierie terrestri di
medio c gTOili>O calibro per agire eontro opere di calcei>truzllO.
Hanno le stesse caratteristiche delle palle, ma in pi
attenuata; lnnghezz<:L fino l'L qnil,ttro ealibri, eavit. interna di
ma.ggior volume, flpessore (li pareti inferiore: da l /G a 1/ () del ea-
libro; rendimento di eflplosivo 7 o 8 % .
.!YIcLalli: acciaio, <Lcc iaio al cromo.
Granate ordinarie. - Erano esclusinLmente di ghifl 3, 111ono-
blocco a bocehino allteriore con pareti alquanto pm robuste
all'og\'a che nella )Jarte cilinch' ie,t per aver c resistenza, all'urt o
eontro i ber sa!,!'] i; spetlsore di par eti l aterali circa 1/6 di calibro ;
la carica di scoppio orig'inal'iamente era di polvere nera a gran a
fina, poi anche di fu] mieotone idratato, o di pertite, per a,umentar<,
l' efficacia; rendimen t o circa G %.
- 122 --
Le granate onlinario si franturnaJlO irregol armellte.
PosKono considerarsi come granate ordinnrie le moderne
gl'(I1wte d'i gh'iiiu acctiosa (fig. 172) cariche di alto eiiplosivo, adot-
tat e uome mUl1izionamonto economico e di ripiego. ]nnoscamonto
eo Il ,t percusii iolle.
Granate diroHl)enti. - t-ono d'acciaio, e KaJvo la, grossey.za
delle pal'et, i , ehe millOl'n, ha ltllU le i'iteRse eal'attel'istiche dell e
granate ordinarie. Lo sTWi'sorc delle pareti cil'ea ] / 7 del cnlibro;
hanno in gP1H're frantumazionc abbastanza r egolare e grande
raggio rl'azlonn; sono sempre eariche di alt,o psplosivo e pOi'iROnO
innesc,tte ('011 a percuRsione .per battere artiglierie
:,w1!f];tte o troppo seopprte, o con spoletta a tempo, allo scopo di
a,gil'P truppe riparate, Rcoppiando Rul ciglio dell'oRtacolo, o anche
contl'il bersn,g)i ampi.
]'.} nll lllnnizionamf'.llto proprio delle artiglierie leggere e contro-
aerei, ma, K\lIWl'ato (lallo a frattura, preRtabilita, dagli
shra,pnel dalle gl'aliate torpedini, Reeondo i vari impieghi.
[I. - Proietti ad azione eS;Hosiva.
C]nelli elle principalmentc }Jel' effetto della
eRplosione di nna grande <'ariea di al to esplosivo, sia per offendere
lJers,Lgli animati che fi i j-'l'ovino nel loro raggio d'azione, che eye
essere il pi gl'allele pOf;:-;ibile (col concorso anche delle Rcheggie
dellt\ pareti), :-; ia p('l' scoll\'olgere maRRe eopl'enti di trna dopo la
pent ,tra;-;ione, :"l ia JW)' reticolati e altre difese acces-
sOl'ie ; seconrlo qneo.; j-j tre diyerfi l'copi Ki. hanno rispettiyamente
y1'il1wtc tor1u'd''11 i, granatI' mina, e yr(mat e bomba o bombe.
fipe:"lSOl'c dclle ]HtTeti il minimo p08siIJile in l'elazione all a
re:-;iCiteny.a all'm'to tli pal'tenza e a,lIa completa e:-;plosione della
('a l'il',lin teI'll<l ; le gT,lllH te torpe'dilli, e1l(' Kono iu genere la.ntiat.e
d,ii (',lllHoni, li<lnno qnilldi nno :-;pl\-;,'iOl'e di pareti alqnanto mag-
giol'n dellc granate 1l1ina e delle gnl.nate bomba elw f'ostituiscono
il Illlilz;iouanlCll10 di ohici e dilllorta i.
Granate torpedini (tig. 174, un,I U2). - (Granat. e a grande
(,;ljlaeit, granate .A.ID; ;lltO esplosivo): lungbey';-;l ordinaria. 4 ca-
libri cir ca, SpCS:-OlT di pareti cii l,alibro i earie:,L 20 %; bocchino
a uLpriore () postpJ'iol'e; innescamento a pel'rufi:,;ione istantaneo o
alldlP k gg Pl'mente ribtrdato per ottenere lo SeoPlJi o nel rimbalzo;
-- -
hal1l10 c'ffetti buoni a Iwlw ('on( 1'0 p ic'('o l(' masse (li terra (\ bel'li<lg'l i
poco pl'otd.ti : in Francia ."i 1I 1i<lrono H nell c per l a di li(TlIziOlI(' (li
l'(ticol ati. in genere a questi 1ll'oiet1 j ('Iw applicata bi
Y<\7. ione e la co:-; tl'llZiOIW monoblo<:eo.
Granate mina (fig. l'i;; Cf e b). - t)01O lall!'ale Iipewia lllll'I111' da
oIJici e mortai; h anno g)';JJl(le lungh e7.za, :-;lllll'riol'e il "1 calibri )
ogiY< acuminata e bocchino pOIi1-o1'io]'(', o <In('h e a nt eriore, pl'Otp( (o
da t a'jJ]Jo a, punb; dat;1 la, gnUJde 11lug'h ezza dell a ca,Yi 1"
"oyp,1l1", e di\'iR(l. in dl lt' pm't,i da Ull (l":aframnm foraLo (-\ la em
i
(."
cOfitit uita dn cl.IH-\ plementi; i111l e;;(:<I>lIl(-mto <:Oll lipold ,( a, a, 1ll'J'-
nUisionc ad <t,ziono 1'ihl,nl ata. 'l'alyol bl, in Cl ue:-;t i t ipi (1 i p1'oie1 t i
('011 cal'ica di K('oppio in (lu(-\ e1elllCIIti \('(le avplieato IIn dopp io
inneRcamento (dne-\ Kpo lette), o an(' h e lilla eari('a, eli infiallllllazio1(-\
s p eeiale per l 'el emento l,i 101lta,1I0 (lpll a :-; pol etta.
Granat e bomba (fig. 1 U3). - -:\1.I1.; ,.;i1l1<1. azione eNploKi \'a; grall-
d ifis illla ('<I\-itA int,crna, pa-rct i molt o i'iottili c quind i iJlll''gabili
solo da m01'1 a i ('011 p i0(;0Ic veloeit ini 7. ia li ; W 11 0 dPRtilla1 (\ ad aYC:'l'e
aziolle fi upe1'fic:ia lc, c quindi inneseamun1"o a ])('J'-
cUfiRione PC-' RO d ell a e31'ica d al ::li) al ;'0 %; nlti)110
dato "i rift'ri:-;('c esscnzialmentt\ alle bombe dell e bombardo l .:c- ip,
impiegate (lurantc la gu erra. 80vente le pareti di que:-;ti proietti
sono comp0ti t o (La tre j);l1'ti : ogiva, fo])(l (' ]]o (a ('al ot1a) e parte ('i-
lillriea, fuc inate sC])i!,rHhIll Len1 (' <'po i mlite modiallr(' :-; ,ddaturn.
Granate a rimbalzo (fig. 1 HJ) _ - lln tillo (li gl'annUI torJl('-
dille applieato iu art ,ig"lie]'i(' di pil'(:olo caJilJr o, " Ilo :;<:o po di ott(-
nero lo scoppio fuori del tP!'I'PllO: l'ogi\' a LI lJlI nta e aUa LI ])(')'fo-
nHe piccole l'cKiRtenzn ('ontil'lle la 1 a a, [l('.] (IIi-;:;ioJ)c c lill a
piecol a ('''l'ie;l cl.i poh-e1'c ]10)'<1>, t'cl i ('OlUO I tf c for za ia. np.l curpo
del proietto, che contiene l a ca.l'.ca di i'i('OP11io, :-;epal'a 1a dalla ]lol-
".ero 11.01' <1 dell'ogiva. mediant e un diafrarnrrm aJtntY(,l':-; a1o da una
miccia. All ' imba tto l a 0(\.1' ie;1 eli polvel't' ]le'ra, ])('1' aziono
del la :-;poletta., Ian0ia illdietro il ('Ol'pO dplhl g,ran:lta che ('md K(,oJI]lia,
in aria .
Granate per bersagli subacquei i) (fig. 19;; ). -
Sono Cl tol'pedin i ol'cl imu'ie ma ('oll a ogiYfI t nlllu!1 a ).loco
oltre LI bali e. Ci fatto ailo 1'100110 di c,ilare II' ele-\iazioll chc lJel'
ef[eUo dcI moYimento el i rOUtZiOlle e dell'ogiYa appuubtn tillbi -
- ]24
scono, nell'acqua, i proietti di fonmL ordinaria.. Queste granate,
di forma bali"tica pochissimo conveniente, yanno usati soltanto
alle piccole di"tanze, contro sommerg'ibili in immersione.
III. - Proietti ad azione proiettiva.
Si eomprendere in categoria i proietti destinati
a(l agire essenzialmellte per offetto di :,;eheggie o pallette laneiat,e
a distanza dal punto di scoppio; e cio le grcmat e a f1'nttun'/' P1"(,s/((-
bilita che lanciano le soheggie in tutte le direzioni; e gli shrapl1fl
ohe palletto di piombo soltanto nella direzione del tiro.
Granate a frattura prestabilita. - Que;.;to tipo di proietto, dp-
stinato a frant,um,;),l'si in numerose scheg:gie ,Lbbastanza,
secondo linee di minor re:-;istenza ricavate nelle pareti, fu intro-
dotto al tempo dei llroietti (li ghisa (1871) noi mnniziona,mento
delle artiglierie leggere, per rimediare agli ineonvenienti delle gra-
nate ordinarie nella frantnmazione; m:-;e vennpl'O poi abolite in
seguito alla adozione delle grana,te dirompenti e torpedini, ma ora
tornano ad e:,;sero pre:-;e in co nsidera,z ione, <L1lI\i furono g:i riadot-
tn,t.e in Au:,;tr ia dUl' antie l a guerra, sia, per ba,ttere truppe a terra ,
St per LI.rito eo nt l'O bOl':-;a,!:di a.eJ'ei.
Granal.e ([ frattul'u 1irestabilite[ nntich(' (fig'. 1 f)6 a, b, (:,) . - BrallO
di ghi :'<L e da Iln nlleleo interno compm;to da pile (li anelli
segmentati (Armstrong) o di anelli a denti o da un
bossolo bugnato (Krupp), rivestito (la llll di ghisa di
t'orma ciitema eiJindro-og'ivale con fondello, che veniva fuso diret-
imi nllcleo; hL cavit, cOi'it it nita flag'li allolli o dal bossolo,
oontenenL ht eariO;L di scoppio di polyere nera; :-; i nsavano anche
gr;;tm1tie di un , ilol pezzo con cavit in1-erlla ". osagonale
(granate ilca,nalat-e).
I ri:,;ultati di fn.mtumLzione erano soddi:-;feenti per le gTanate
ad l:melli t denti o a bo:,;solo bugnato; i'ioar::;i per lo aItre specie;
l:LVeVa,no :,;empre tlpoletta a peroussione e avevano Ja, massima,
nffioacia quando sooppiavano di rimbalzo immediatamente dopo
l 'ul'to.
Granate a fratt'ura moderne (fig. U.l7 a, b). - SOllO
oOtltituite da un bioohiere di acciaio a pareti relativamente sottili,
l / IO cir ca, contenente una pila di anelli di ghisa o di aociaio, seg-
mentati o lL stell a, oostituenti cavit, per la carioa di seoppio di
- 125 -
a lto e,.;ploBiyo; l'involucro chiuso da, una piena o cava,
a n ritata fortemente. Questo tipo di proietto pu <wer e anche
ql1<1lehe effetto rl.'nrto e di scoppio successi vo alla penetrazione
in mezzo no n molto l'esi,.;tente, ma, la sua massima, efficacia si esplica
coll o scoppio a percussione a terra, prima, dell a penetrazione (che
:-.ii ottiell('. con spolette Cl- percussione ad azione istantanea,), oppure
a, t-empo, me(liantc la proiezione delle scheggie in tutte le direzioni;
lo scoppio ,L tempo anzi sm'euue il pi vantaggioso, perch tutte le
possono eSl'er e effi caci, mentre collo scoppio a terra una
parte (li esse si interra. Lo scoppio a tempo per r eso di difficile
appli cazione daJl a, nenessit, di ottenerlo in vicinanza del bersaglio,
;;pceiahnent-e per i beesagli riparat i dietro un ostacolo, ci che ri-
chiede nelle spolette llna esattezza (ii funzionamento non ancora
r,l,g: innt-a : esso tut.taYa ii i impone per i t iri eOlltroaerei, e pcr
f{lle iito di (lar c al proi etto il ma:-; simo raggio d'azione. L'in-
Il(\ii('mrlent-o proprio delle granate il fra.ttura presta1Ji lita quindi
con l'i polel"te ,l (loppio cftptto (eoll pel'en<;:-; ionf\ il'it antanea) per i
bf\rsagli H, terra c a, telHpo per i heniagli aerei.
Shrapnel. -- Gli shrapnel sono anche stati ascritti ad una categoria
specia.le di proietti detti} roieiti a mitraglia .. iII cui er ano comprese le scatole a
mitTaglia (fig. 198).
Queste erano deri vate da certi artifizi delle antiche bombarde detti canestri
o Zanterne (ed erano infatti canest.ri di ferro ripicni di rottame) ed er ano costi -
t ui te da \I II bossolo di l amier a di zinco, chiuso da due fondelli e contenente
pallette di piombo o l'erro cc ment. at(', da I\ o]fo o cfJlofonia fusa; qnef\to proietto,
lancia.to a r:ar i(,a ma. sima e a pe7,7,o quasi ori7Zontale, si sfa"eiava all ' \l seita
dalla bocf' a .. hl pallette si dispcrclev:w o in largo fap, cio con notevole e fficacia
ali .. cont ro di trllppe ,)rano !!: h 11 Il imi
colpi cht, si '1ttact'at a, cd ngni peZ70 ne aveva in doh'-
zione 4 o 6.
l e scaloi'l a lQetraglia sono ora c'coll1parse dal Illunizion -I,mento, e 13 0110
state sostituite dallo shrapr, el con a tempo gradua' il a O, e fUl1zio -
nante a 30 o 40 metri dall a bocca del pezzo.
Gli s hmpnel a cm"'ca ante1'ioTe (fig. 199) furono i primi adottati comc la
piil semplice soluzione colla forma oblunga: le pallette erano separate dalla
carica contenuta dall' ogiva da un diaframma; oppure anche non esisteva al
cun a separazione; la spoletta a telllpo accendeva direttamente la cari ca che
produceva la rottura delle pareti e la dispersione delle p alle Lte. Que;;te per
subivano una diminuzione di velocit dalla esplosione della carica e perdevano
di efficacia.
Si pass poi agli shmpnel a cllTica centmle (f-g. 200); la cari ca contenuta
in un t ubo centr ale, a pareti sotti li , generalmente di ottone, che si estende dal
bocchino al fondello, e attorno al quale sono Ji sposte le pall ette; anehe per
- J2(i -
t ipo le p all eLLc ;:;01\0 _Iall ciate l' adia.lllt cnte da ll a cari e" di e
irl Illl COttO larg-o e poco profondo; p:;:;ere e fficaci con!,)' o
(-, ruppe l'iparate, ma richi elotto, Co ttt e le gl' auatc a tetttpo, Ull aggiustamento
IIl o,lt o p""tto.
Shrapnel a dlaframma. - La forma pi verEezionat a e attual-
fruente di Ui-l O esclusivo, qnella <lia,fn1nllna, in cui la cayit in-
'terna di \Ti'la in due parti da un iliCLji'urnnw,; ;:mterioTmente al quale
sono di"poste le palleHe, e posteriormentn In, car ica di "coppio,
la, quale acce"a, dall a spolett;-L [lol\-cl'iuo o cilindretti di
poh-el'e contenuti in nn M/bo di ca rica dii-l jJoi-lto lungo l'a sfie del
proiett,o. Questa, :-i istenmzione di ('OfitTuzione pi cOJllpli.ata.
dell e pre<:edenti, c (li pi colla pre:-;enza del t nbo <li carica e del
diaframma, che eleve avere un (:erto i-l pessOl' e pel' f ustenere la pres-
sione da,ta dalla inerzia delle pallette alla pnr l,enza, (lnl eolpo,
wttrae uno spazio notevole H <]uello di sponibile per g'Jj elemeut i
a,ttivi elle sono le p al ette; ma presenta i vantaggi seguenti: a.) fa -
cendo le p l:Lre t i a bbasta,nza resiftenti percll non :-ii rompano l' a-
dialmente, le pallette vengono spinte <lal in aya,nt i e
ricevono dall a carica di scoppio un incremento <li velocit rL (da hO
a, 80 m. al secondo); b) le p aUette si disperdono in I1n cono ristr etto
c battono per conseguenza una zona molto proj'on<;L nell a dil'ezionp
<lei tiro, con efficacia, a nche se il tiro non molto prel'so; c) le
pall ette possono esser e di p eNO inferiore alle alt r o :c;pecie di shrapnl' 1
perch l'incremento di velocit cOllfer ii-lce loro forza \'iv a
p qui1lili pi nUlll erONe.
Nello ftudio degli shrapnel si elibeJ'O dapprima, dne tendenze:
lO) r idurre al minimo lo spei-li-lOrfl dl:'lI' involli cro lL yantaggio ilei
numero di p l:Lllette, pel' 11I J mezzo molto et-1 ca,ce cS:-ienzial-
mente cont ro beri-lagli lLnimati; LI!' C'oneol'J'CI'C le })flllette alla.
l'esistenza del proietto, allo i-lCOpO di ot tenen l Ull mezzo efficace
SilL cont ro i ber sagli a nimat i 0111' cont ro i bel' i-lngli resist,pllti, rag-
giungendo la unicit, di proietto per l' a,rtip,lieria campale. TJa dif-
di una, solltzlo ne soddisfacente di questo lIltimo sistema,
propugnata special mente in r"l'Hlleict (obus il, mi t ra. ill n), hanno fatto
generalmente dare In jJrefel'euza al primo.
Il modo d'agire jJroprio dello shrapnel lL di afl'mmna lo
seoppio a tempo a di Nta.nza dal bersaglio: le pallntte sotto l'a.zione
dcll tt forza vi\-a re;:; idl1<l del proietto, eleUa e<l1'i('l1 di scoppio e della,
forza centrifuglt, dOVlI tifi. a.l mo v imento di l'otaz io1ll ', si di sperdono
in un cono di 1JJ'oi ez ion e la cni amIJiezza dall'entit dalle
127 -
t re azioni ,') nddelte. Pel'eh le pa1l et.te battano il tpneno eon la
voluta, den"it ocwrre elle la distanza del pnnto di "coppi o dal 1)(\1'-
(i11tl'l'rallo d'i scoppio e altezzo (11" scoppio) "ia regolata eOIlYC-
nientemente in base al cono di dispersione, nOllch a11 'allg'olo (li
arriyo e alla pendenza del terreno battn h).
Lo shrapne] il proietto per battere trllppe
per questo, scarso impieg'o esso ha troyato ne11'nltima gnel'ra; nes-
suna efficacia, presenta nel tiro a pe1'eu""ione, data, la piccola po-
tenza della carica di f;coppio e l'interramento dflle pallette; anche
contro gli aerei eRflO di Rcar:m effwn.cia per hl, ri"trettezza del ('OliO
di di spersione e la dir-fieolt di regolare la graiLl1<lZione della "po-
letta, per ot ,tene1'e pnnt. i di f;coppio ( Olwenienti.
In Ttali a (Esercito Cl lVIa,rina) lo shrapnel lallciato dai en.ll-
noni e obici di e medio calibro, ma in Anf;tria e Germania
CKSO impiegato allche con calibri.
Particola1it i costrnzione dello a, diaframma:
Oorpo (lcl proietto. - L'og'iva deve stacearsi faci lmente dal
corpo del proietto per la,seiar libent l'useita alle palletto, che deb-
bono lanciatc fuori dal proietto come da una bocca da fuoco;
perci gli shraphel (li ghisa, nei qmtli ottenuta, di fusione
insieme al eOl]lO, essa presenta una, sczione anulaTi' di minor 1'e-
si'itenza, (fig. 20L), e in lluclli di ac('ia.io moderni essa avvitat: nel-
l'interno delle pareti al eorpo con filettatnra sottile o dipiceola l"e-
sistemm, o fis :mta eon pice,oli pioli (fig. 202 e 204).
J ie Tltl' eti laterali debbono ayere speR:;ore sufleiente per
stere, oltre ehe all'urto (1i partc za" alla, delle pal lette
che per inerzi (L e per b forza centrifuga t.cndono ad
radiahnente; ql1ef;te hanno massimo y:\lo)' e yprso il fon-
dello e (luindi le pareti ll;t.nno deel'e:-;eento vcr"o l'ogiYH;
nceessar io pure c'lw le pareti non si rompano allo scoppio per
permettere aUa earica <ii scoppio (li esereitare l'azione eLi propul-
sione sulle paUette per mezzo del diaframma,; lo scopo raggiunto
quando le ya.reti }mnno resi:-;Lenza sufficieute per gli altri sforzi
a cui sono soggctte, ma in corrispondenza della cmncnL di scoppio
necessario un aumento di spessore. Riimltf1 qnindi in gcnerale un
gradino su cui viene appog'giaio il Gli sln'c1pnd di ghisa
richiedono di abbastanza l'levant i; di qui il grande
vanta,g'gio elle ha coll'impiego dell'acciaio per la costruzione del-
l'involucro dello shra,pnel, perch si aumenta di molto lo spazio
dispon ibile per le pallette.
-- 128 -
I.1o slJessore massimo delle pa,reti all' altezza del diaframma
varia da 1/6 a 1/10 del caliLro.
Diatrar/'I/Ipa (fig. 201, 202 e 203). - Deve avere resistenza, suf-
ficiente per resistere all 'inerzia del nucleo delle pallette all a par-
tenza del colpo; per questo, mentre nei modelli antiquati esso
piano e di ferro o di ghisa, perch eulLJ erano i proietti e piccole
le velocit iniziali, si vedono applicate ora forme coniche oppure a
coppa, rovesciata" in acciaio.
I,a faceia anteriore del diaframma conveniente che sia piana
e normale all' a sse per evitare componenti radiali dell'inerzia, delle
pallette, che aumenterebbero la pressione contro le pareti ; le forme
coppa rispondono a questo principio, l e forme con iche no, e
per qnesto si vedono alcuni modelli (anstriaci) in cui la, faccia
a,nteriore foggiatn, a gn.dini decl'csctmti dal ecntl'O alla peri-
feria.
Tuho di cetrica. - Serye a cOllmni eare lafiamllht dell'innei;co
della spoletta anteriore car:L di scoppio; appoggiato
posteriormente sull'orlo di un foro centrn,l e del diaframma, e ante-
riormente a contatto clella, spoletta, che lo tiene centrato; in
molti t ipi di shrapnel di acciaio esso tenuto centrato :mlla ogi"a,
avvitata anche dn, una, fi pecie di diafntmma anteriore che fa, parte
della ogiva stesfia e che chiude anteriornwnte la cavit eontenente
le pallct.te (fig. 204-206). Negli shmpncl di ghisa, che ri chiedono
uno sforzo notevole per il distacco dell'ogiva, il tubo eli ca.rica
di ferro o cd 1m le pa,reti l'obu,.;te, per tras mettere diretta-
mente alla, ";PO]ott,L e quind i all'ogiva ;,;ulla quale qnesta salda-
men1", e l 'urto che iJ diafra. mma l'iee\"e dalb earica, di scop-
pio; neg'li ShnljHlel ogiva a.vvitata inveef' questo di staceo pro-
vocato (la11a delle pallette e il tn bo li i C'arie,) di semplice
lamient di ottone.
Carica di 8copp'io. - f: costit uitt da, esplosiTo ell e dm'e HTere
elfetto pi proyml:,;ivo che dirompente; deve permettere
forte densiUL di (<H'ic'.men to, per oeellpare tutto lo ,.;pazio ui,.; po-
nibile (,.;1 Jatt illl(:' 11 h), (k\'e essere di fa.cile ,wcenfiione e produrre
fumo abbondant e per prodnrre una, nuvoletta visibile all e glandi
per l'o,.;sel'vazione del tiro. La, lJolce?' e nera a gl'Cina fina
l'i,.;ponde bOlle a tutte queste condizioni ed l'esplosivo general-
mente impiegato. Le polveri infllmi non si prefit<llW a lFossena-
zione del tiro S(lJlza, l'aggiunta. Iii speciali SOlltallze fnmi gent' e
non pernw.ttollo gl'aneli densH (li carie:unento :"enza traBforrl'HI'"i
- 129 -
in alto esplosiyo; i (entati'\i fatti per introdurl e come caricamento
dello shrapnel non hanno :-n' uto fino ad ora buoni risultati.
Il peso della ea.riea di polHlH" nera necesRario per prochnre
l' effetto voluto (diRtacro dell'ogiva r incremento di delle
pallette) relati\' amente piccolo; in genel'u varia da 0,01 a 0,0][;
elel del proietto.
Il t ubo di carica, per la (lella fiammata della
spoletta alla carica di :O;t'.oppjo, riempito di pohen, a gl'una fina,
o meg:lio di r ilindJ'dti forati di polyerino comprN',o, u1Yyolti iII
carta, che non Rono all'arroccamento alla partenza e quilldi
non ,,;i sottraggon0 all 'azione della spolet t,l, come a" ielw rwr la
poI n"l'e sciolta.
Pnllette. - L(l palleHe sono di piombo, che per la SlIa forte
dpnsit meglio ;,i i pl'eRta. alla comer,azione della, velocit; ]Wl' dal'
10m durezz[L Rono compresse, o pi gencralmentu
sono costituite di una, lega di piombo e antimonio; l'acciaio pllrt'
stato impiegato negli shrilPl1e! austriaci, allo scopo di ottenere la
perforazione degli scudi (e .in fleficienza di piombo), ma questo
metallo di peso specifico minore Cl si diminuisce eOR il p<,:,;o e Ja,
densit. trasver sale del a ,,,capito delle sue qualit- ba-
li stiche.
Esemp i: Shrapuel da 75/ 1:3 con pallette di ferro Kg. 5,540; con paJlette
di piombo Kg, 6,550. t: hrapnel da 100/ 17, Kg. lJ ,920 e Kg, 14,320,
Le pallette hanno, in generale, forma iSferica, clw qllolla ehe
meglio si presta di qual sia si altra, per la conservazione della, yc'-
lo('iUt in qual siasi direzione esse vcngano lanciate all 'at to dello
,;t' oppio; stato tentato di comprimerle nell a loro ca,Yit, una
'olta introdotte nel proietto, Hmmacca,ndole in forma poliedric
1)('1' ottenere un maggior nUllwro di pallette nello stesso spazio,
In" con risultati Don fayorevol i.
In alcuni shrapnel le pallette di ac:ciaio sono ci-
lindriche.
Il lJ CSO di ascuna pallettn deve essere regolato in modo
t1w abbia anche alle maggiori gitta.te forza v iva sllHciente
1)('1' mettere fuori eombattimento un uomo o un cava.llo; per l'uomo
Lll c forza viva si ritiene (li 9 Kgm., pcr il cayallo Hl; sulla base
ddla velocit l'pi'idua del proietto alle lnassime git ta.te e dell'iu,
f' remellto di ve!oeitit dato dall a carica di scoppio f' i pu d('durn'
]Jeso ehe ogni palletta de've per Il' varie bo('('he da fnuc(,:
\ "II!' Il. - . .:trmi da fuoco pO'I'f(ltili, ('cc . 9
- 1:30 - -
da.l peso si deduce il diametro, ('. da, Cl ueo;;to si pu avere il nunwl'O
deUe pa.Hette di cui capace la cfI, \'it del proietto, fluando esse
sono ben inta.sate. 11 peso della, palletta. aumenta coll' a.umentare
del ca.libro della bocca cla, fuoco , perch a.1l mentano le gitta.te ma.l>-
sime e diminuiscono iIt rela7,iOn0 le veloeit, reRidue; per le bocche
cla l'noco che fanno u so di caricbe mnltiple, si deve ca.lcolare in
ba.se a.lla ca.riClt minore, oppllJ'e l'impi ego dello shrapnel
coll e cariche el)(-'. danno fon a viya r ei-lidll (:l, RuJ-fi ciente. In genere
per si ha lo shra,pl1
p1
che per e(tllJ1oni e obici dello stesso
calibro, per economi,L e pm'ch il C-linono fa, fll}('h e uso di cariche
ridotte.
T'ah' olt a, nello I> tesso shrapnel si Il<tl1l1O p,tll n{', j'e (li peso e dia-
metro diverso, sia per a,umcntare il numero, sia, per a nmental'e la
cli xpersione. Il peso minimo della panetta, fino ad ora. adotta.ta
di 9 grammi ; pare per che qnesto peso si sia dimoi-itrato insufft-
eiente nell'ultima guen',1 c per conseguenza. esso stato lwmenta.to
fino a 13 g. diminuendo il numero delle pallette.
Esempi: Shrapnel da 75 Mo1. 906: N. 360 pall ette di 9 gl'. oppur e N. 260
circ:.L palle tt .e mist c di J 2 a 14 gramlOi . Shrapnel da 65 Ifl ont: N. 216 da 11 gr .
da 149 A (cannone): N. 575 li t gl'. 2:3, 250, Shrapnel da 149 A (obice)
N. l 2GO di gl'. 16. ShTa,pnel da 301.i (Krllpp ): N. 2775 di cni 75 di 300 gl'., 850
di p 1850 di 26.
Le pallette ::;ono tenute nell ,t 10 1'0 cavit da una
materia cementante, che viene col ata dentro lo ::; Ill'apnel quando
esse wno state bene intasate; si evitano gli ::; ba,ttimenti e si
diminuiscono gli effetti dell a forza centl' if:up:a. m,ttoria cemeu-
tante non deve restare aderente alle palLette ,dl 'atto dello scoppio.
Si impiega colofonia fusa, spalmando prevonti \ramente le pall ette
con grafite, oppure zolfo COll p all ette spalrwtLo cii olio; si impiega
pure tritolo e si usa anche l' aggiunta di rnfl.1cm' ic rosse o
<L7,7, lIfL' e per b cilita.re 1'0si-ierva,7,ione (lei C'o lpi e differ enziare gli
scoppi di p)'oiet t,i t irat i da va,l'ie batLm' ie o aJt.l'o scopo simil('.
Qua.ndo l'ogiva 1101! munit.a di di 'l.fmHllll<lo di aRi-ies tamellto, la
materia cementante protetta da lill a cass I/lo, (fi;.:. 205) di zinco
O di ottone, formata a. cavit per (\ol1toll e1' O la (slTorniti. posteriorr
(Iella spoletta.
Benclimento dello sh/'apnel. - :::li in t.ellcl(\ il ra,pporto fra il pe:-;i!
totale delle pall ette c il peso eomplesi-iivo del proietto pronto per
lo sparo: bmw che q nesto rappor to sia il ma$simo possibilr, J) Pl' ch
dall e cRperPl17,(\ ri snlt,) n1w. Hll(']W se !' ill volnero si l'Ollpn, pochi ssimi
131 -
suno i [JUHt i colpiti dalle seheg;g; ie ; di fini la COllyelliellZa g' i ac('en-
nata di avere le pa.reti per quanto posl'\ibile sottili , illlpiC'garc
l'aecia,io. l] rendimento (' l' esce eol (,.l'eseere cLellH Inllghez7,H (11:'1
proietto, ma questa non pu C;-i'ierc molto gran(Lo il peso
risulta gi notevole anche CO.lI Lnllg']w;I,za (li :3 calibri. (hL
75 Rmont ., rendimento 17; (La 7;) N]o. !)O{i, 0.498, :-hl'aprwl
ih ] 4!) per cannone 0.30:3, per ohict' OA!) L
871rupncl speciali. - All o fCOpO di avC' re la i PPl'l'o-
razione degli scudi con le p allette, er a.no ftati ]Jl'0J.Hmt,i l'\h1'a1>nel
C011 palleUe di a,ceia io ; quef te non erano liber e
ma introdo tte in speeie di C:1nllC a rigatura elicoidale, sistr.Jll ate
nella cavi t. llello shraplleL, erano infilate ::; u <1S t icoli, pure
a,d a,ndamento elicoidale. La Citrica di scoppio es pf\ ll eva lo pallette,
che assumevano un mo\rimento di rotazione.
La, propo::;Ll non 11<1 avutjo :.; eg'Llito.
Per il tiro eontroa,erei in Austria sono stati impiegati sftrapne l
a catena, ossia, con pallette unite due a due da una spranghetta,
allo scopo di maggiore contro gli aerei.
IV. - Proietti unici - Granate shrapneI.
Da molto tempo (L890) em sorta l ' idea, ),110 di sempli-
ficare il munizionamento e il imo rifornimento sul campo, ,li otare
l'artiglieria campale di un proietto che a,vesse effwlcLe ia sia, contro
i benmgli resistenti che eontro le masse di bersagi animati. [ primi
passi sn Cl \lesta via erano gi. ::; tjati fatti colht adozione delht gmnatit
a frattura, prestabilita, e dell e gTanate con spolettit a doppio effetto
(Spreng-grctnaten tedesche, intL'OdotLe per, pi allo sopo di bat -
ter e tjl'llppe ripm'ate dietro pa,rapetti). L'<:tdm>;ione gener a. le degli
scudi per parte dell e art ig'lierie (1906) diede un nuo\' o
jmpulto agh Rtufli, che per non hanno nuti portato ad lma ::;olu-
ziono pienamente Rod(]isfaeente. Il problema pu essOl' risolt.o m

';-,'cl
I 0) Ull pl'o iet tjo che ::lerva tanto rla granata fl t'Op-
piando a pel' cnssion0, eonw (la shrl1pnel collo scoppio a
sarebbe la sol uz ionn pi ma (li difficile attna:7,o ne, per la
grande diversit. delle clcLl'attel' istiche elei ue proietjti ; in Francia
:'l i eere di attuarb impiogando come materie" cementante delle
pallette dello shra,pnel 11n er:;plosi VO, che dcfiagnt sem-
- 13;! -
plieemente oppure (letona secondo minore o maggiore
dell' inneseammito, e provvedendo il proietto cii una spoletta a
doppio effetto che permttta di bI' funziollare a volont un innesca-
nH'uto energico e uno debole. Questo il H'l'O p1'o'ietto unico.
2) Costituirc il proietto eon due element i, uno shra,pnel e
ll11CL g;ranata, indipendent i; lo f;hrapnel a tempo, la gra-
nata prosegne il movimento fino ad urtaTe f;ul t ClTeno, scoppiando
a percussione; sistemaziolle non P li n proietto unico, ma
la riunione di due proi ett.i riuniti in uno :-; 010: la soluzione pi
imperfetta ma di pi f<Lcile attuazione, c perci ha ayuto maggior
llumero di applicazioni: il difetto essenziale dipende dal fatto che
entro dati limiti di peso e yolul1le complessivo non si pu ottenere
che umt scarRa, efficacia da ciascuno dei due elem(mti .
Le modalit di applicazione cii questo s,t(".ma Rono :,.;tate
i:> (-\guenti:
o) Kmpp (fig. 207) . - L'plenwnto grHnata di sposto poste-
riormente all'elemento shrapnel ed ha illll esamento e funziona-
men to affa.tto indipendente; la eHri ca della gr anata molto limit ata;
b) Ehrhanlt (fig. 208) . - L' elemento gra.nata, disposto
all' ogiva di uno shrapnel a di aframma e porta la. spolet ta a doppio
cHett,o elle funziomL primH ft t.empo lwr lo Rln'a,pnel e quindi. li, per-
per la gTanateL: su queii t.o tivo iiono costruit o t utte le gra-
nat,e-tihrapnel dell e artiglierie di modello an::>triaco;
c) Paleani (fi g. 209). - da ] 02-105 ita-
liana) . 8 nna derivazione del tipo Ehrllanlt, moitcato yantag-
giosa.mente inll10(10 (la otL(\!lf']'e llll H noteyol e poteJl za dell'elemento
gl'aJlata senza diminuire t. roppo quella (lello "hl'npnel. Il lJllcl{'o
gTanata, parpt i r elat ivamente l'oOl1sle., "i prolull ga dall ' ogi\"a
lino al diafnt mnm; tra di esso e l ' iuYollleI'o () bi('chicl'e esterno del
proietto sono R1Rtemati a.nelli di piombo e antimonio ::;egmentati
in modo da. costituire un nunWl"O notcyolp (:300 eLi -16 gl') di pallette
cnbiche (pcr guadagnare Jlello ::-: pazio). La spoletta a
doppiu effetto, sistemata sul nucleo granata, conwnie;-t, colla ca-
rica di :-;coppio di.etro il diaframma mediante tre tu bi di ca.rica
si:;temat i tra nucl eograllata e involucro lungo fori praticati !}("l
1111 cleocostitllito dagli anelli di piomuo.
Tutte queste specie di proietto llllic(} non ]Jo:-;:;0110 con\"enieu -
tement.e sosti t nirc n la granata n lo shrapJlel, e infatti l'artigli (,liil
<ln i:> tr iaca. che aveva tali proietti in dotazione per tutte le sue bocche
_ . -
(b fuoco (la,ll e minori all e ma,g"!.!" iori (fino <tI mortaio dH :)0;"), a,veva,
a ncllf\ le gr anate e ftli fi hl'apnel , veneno cO' ad una complicl.t-
zione del mnniziona mt'.n t o all a fle mplificazLone.
Gmnate mu.ltiple. - Tra i proietti ad azione proiettiva si pO;;80no ricordare
an(lhe 1(' granate mul t iple usate un t empo dalla marina coo cannoni di grosso
cali bro ad uso di shrapnel contro batterie a terra e navi non corazzate. Erano
da u n involucro di ghisa a cavit ci lindrica. chiuso da un disco e da
II na ogiva di legno: contenente un diaframma, una carica di scoppio e un t ubo
<li carica ('.o lll e UIIO shrapuel: invece delle pall ette attorno al tubo di carica
erano disposte dell e granate cave a forma di settore circolare, contenenti una
carica di scoppio di polvere nera e innescate ,mI t ubo di carica med iante miccie
(lf' lb durata di 4 secondi .
TI proietto era innescato con SlJoletta a doppio effetto.
V. - Proietti ad azione tossica.
Hanno (;ostituzione <lltaloge1 :et quella delle grannte ad azione
eoll a tendenza ad lUlO fl possore di pareti ancora minore
all o "copo di potcr contener e la quantit di agente tos-
Ni('.o insieme a(l 11n a, ('a,rica di scoppio.
L' ell t itit (lella, earica eli >J('.oppio seeondo le propriet
p il modo di a,gire delL'ag'ente tossico; di solito essa li mitata al
])(\'; 0 nece8sario per far )'0 mpcr e le pareti del proietto e mettere in
il liqllido t 088<: 0 senza, proiezione di scheggj(.
i)oH' nte per una esplosione ab hastanza
per rellder e maggiormente effi cace l' agente tORRico.
Inoltre la carica debole differenzia fiemibilmen te lo scoppio
dei proietti tossici da quello (l('i proietti ordinari e il nemi co pu
qnindi rilevare immediatamente qua,ndo sia iniziato un tiro di
intos>i ieazione e pJ'enrlere in tempo i pro\,ycdime nti pl'otettiyi ;
p er que;-;ta com-eni ente u na carica a bbastanzeL potente
da,. simu lare l o i'l co ppio di proietti e;-;ploRiYi; e (' i specialme nte per
a,gent i t os8ici <li neLtnra in,,;id iosa , nOIl r ileva,bili col bt \' j"j-a e col-
l 'o!lorn l'o.
lJa sistema,zione ([( \ll; t di ficoppio e (lell ' ngent e tossico
ojten nta eoUe ;l(\g-uell t i mo(tal iti1 :
LO) rccipicme un recipiente metallic'.o di l amien1
sott ile eOlltell ente h1g-cll te to";.,,, Leo sistemato nella del pro-
ietto, e lL':i sieu rato con Il1;Lsti(;e, mentr e la caric<1 d i scoppio sistf>-
ma ht nell ' o.g i va, o ctt1(:he nell a pa.rte cilindri ca, Recondo l' entit,;
2) reci piente di l' ciro; il r eeipiente di y etro a nnegato
nella, carica di scoppio che riempie il proietto c risulta, qnindi
abbastanza potellte;
3) Cf, dia!r-urnrnu "aldato o avyitato.
Il liquido riempie la parte postpriore dpl proietto, ehe chiusa
da nn diaframma, sa,ldato o avvitato, eon tappo per il riempimento;
allteriormentu al (liaframma sistemata la carica (li scoppio.
4) {( codo7o; il liqnido r iempie t utto il e la carica
lii :-:coppio contenuta in un eodolo o bossolo portato dall'ogiva;
fiO) ca1ica centrale; come il precedente, llla la earica
contennta in un t uuo centrale che Ri eRtpnde dall'ogi va al fondello.
T ... e varie modalit sono sug:g:erite cSNenzialmente liall a natura
del liq nido tossico.
VI. - Proietti incendiari.
80no granate Cles ti nate a pro\rocar e incendi eolla proiezioue
di materie che durano in combustione per IIn tempo Lb bai-tanza
lungo da appiecare il fuoco iLi materia.li eo mbustibili sui quali
yadano a cadere. f-\i impiegano contro bnn;ag"li a telTH e ora spe-
contro i dirigibili.
Un tempo era.no gTanate ordinarie insiemp a.lla.
earica Cli scoppio, (lei rilindrett'i incendiar{ in nllmero 'dlriabilp
seco ndo il ealib)'o (fino a D4 pe]' le granate da, 240). ]
incendiari erallo costituiti da un a (zolfo, TC':-;iua, pol-
verino l\ peee) (letta roccaf'lloco, eompreRfilL in cilinrlretti o conte-
nuta in bossoletti di ottone innp,'wa,ti a.lla ei-tremit (;on miccia.
Si a,ycvano anel!e gTanate ]lnramelltc ilH:endillTie (-\ cio ('ontpllenti
la materia iJH'endia]'i a, tienZ"L (a.rica di :-;co ppio; il pl'oietto quindi
non eNplodenl (' la spoletta. a(;('endeya, la I1liscela inenll(liaria; la
fiannna si sprigiona,\'lL da fori pratieati nell'ogiya.
I t ipi moderni di llroictti incendiari ver bersa.gli et terra sono
del t ipo a eil i ma (;0 Il mu,teria.1e i Ilt'ucliario pi effic:wc.
Per qncl
l
i dCfitina,ti ad n,gire eSfie llzialme nte i dirigibili e
gli aOl"Ostati fllrono studiati ,,,iRte-mi dw "i ll0:-;SOllO l"lIp;gTllI;-
pare ne'Ile seguent i ca.tegorie:
a) proietti co ntenenti una 'miscela, incendiaria. che si aceeude
ad un ccrto punto liella traiettoria generando ga R in ca,nde,.,centi
che si sprigiona no da sfogatoi pratieati nC' ll 'ogi va, allo scopo di
-- li)!) --
l'involucro dell'aereo o l'idrugeno, nel cm.;o che lo ven-
gano a colpire (Krupp);
b) proietti muniti di spolette ultra Rensibili o di altri di:,;po-
:,; itivi (aste scorrevoli, alette spugne di platino) aotte a
deterrninal'e l'accensione di una casl'ula oppure la, produzione di
scin:_ ille, () fli una fiammata (per L! mescolanza di liquidi appropriati),
a,JJ'atto in (mi il pruietto incontra, l'aereo; sono in genere sistema-
zioni di duhbia effieacia; la ultrasensibile aatta a,ncora
in studio;
c) proipt,j-,i sul genere delle granate multiple (fig. 210), fun -
zionanti a tempo e che dal punto di seoppio lancia,no a distanza
numerosi piccoli proietti contenenti la. materia incendiaria che si
accende all'atto dello scoppio. Questo tipo quello applicato nei
proieUi incen(lia,ri dei cannoni eoutroaerc'i; el'SO presenta il van-
taggio di non richiedere neeessariamente che il proiptto incontri
il bersaglio.
La soluzione del proietto per sempre oggetto
di studio, anche per berRagli a terra.
VII. - Proietti speciali.
Oomprenderemo sotto questa denominazione i proietti desti-
lhLti a scopi non direttamente offensivi, ma ausiliari.
Proiett'i fumogeni. - Hanno lo scopo di produrre cortine di
nebbia atte ad accecare gli osservatori ne miei o a coprire movi-
menti di navi, di truppe o di carri d'aRsa.lto.
Hanno costituzione perfettamente analoga a quella dei pro-
ietti ad azione tossica; all'agente 'tossico sost ituito Ull liquido che
vaporizzando provoca la condensazione del vapore acqueo del-
l'aria, oppure produce vapori e wstanze opaehe che restano in
sospensione nell 'aria.
Proietti illuminant'i (fig. 2]]). - Hanno lo scopo di illuminare
il bersaglio o una data zona di terreno. Hanno costituzione analoga
ad una granata ad azione esplosiva, con spoletta a tempo e con-
tengono uno o pi apparecchi a paracadute muniti di un artifizio
illuminante, sistemati in un manicotto metallico; la carica di
scoppio, di piccolo peso, disposta nell'ogiva e separata dall'ar-
t ifieio con un diaframma eh3 appoggia SUl manicotto; il fondello
leg'!.!,'Cl'mente forzato nel proietto e viene espul so, all'atto dello
- 1:30 -
seoppio, dal manit2otto, iLal quale ,':i ,ibera il paracadl\te che l'inwJl c
SOSpE'SO t1ei!'aria COll 'iLl't ifizio dali;), carica d; licoppio
Proietti traccianti . - Hanno lo scopo di segnare la traiettoria
percorsa, per facilitare l'aggiustamento del tiro contro ber:-;agli
aerei. Sono granate contenenti una mi:-;t ura, pirica, che si accende
ad un certo punto, piuttosto lontano da,Ila bocca del pezzo per
non rivelarne la posizione; i gai; sprigionandoi'li da fori del proietto
generano una scia luminosa e fumosa, (per servire sia, di notte 8ho
di giorno).
Questa disposizione preseut,a l'inconveniente che il proietto,
perdendo continuamente del proprio peso, c per effetto anche ei
gas che esso sprigiona, percorre una traiettoria diversa da quell'a
dei proietti destinati all'azione efficace, a meno che tutto il tiro
non sia eseguito coi proietti traccianti, clle per hanno un relldi -
mento e una efficacia, inferiore.
OAPITOT..JO V.
Munizioni Spolette
Awr. 1. - Generalit.
l ,e spolette sono gli a,rtifizi ell e si applicano a,i proiet ti per
determinar e 16 scoppio al moment o pi conveni ente per ot t enere
i massimi effet t i sul bersaglio; cm,tituiscono quindi una parte
del muniziona,ment o, dalla qnale dipende in gr an parte
il valore intrinseco del proiet-to.
L'azione innescante dell e i; polet t e, per i proietti eftrichi di
alt i e:-;pl osivi, che in gener e i;ono poco sen:-; ibili , dai
(letonat o1'_i, mediante i qun,li i; i r a,ggiung:e, con una, conveniente
gr a,duazione, l'impul so inil\ialc necessario per det ermina,r e la pronta
esploi;ione della ,ca,rica di seoppio.
Secondo il modo di funziona.meuto, le spolett e si dividono in
due grandi cat egorie: s]Joletl e et pel'c1lssionc, se richiedono per il
un nr t o del proietto cont ro nn ost acolo, e spolettc
et tempo, se determina.no lo scoppio in un punto preftabilito della
traiettori a, dopo un determina.to tempo dalla partenza del colpo;
queste ultime richiedono, prima, del ca,ricament o del proiet t o,
l'oper azione della graclnaz-ione.
Le prime 8polette impiega t,e coi proiett i scoppiant i sferi ci dall e artiglierie
ad ava ncarica, er ano eselusivall1ent- e a t elllpo ; in origine uon erano che degli
introdotti nel bocchin o del proictto, che si accendevano o a mano
(tiro COli lliortai ) prilli a di far par t ire il colpo, (t iro a due fll ochi), oppure per
effetto dci gas dcll a, carica di la ll cio ; poi 11 sar ono dei t ubi di leg no (spoletta
(b f ocone ) cont enenti del polverino cOllipresflo e terminante da una parte con un
c:Jlice CUli tenente gli stoppini , protett i da Ull;), tel a cera t a elle si str appava al
momento del caricament o; il t ubo veni v:), prilila di esser e iil t.l'Od<:tto nel boe-
ehino del pr oiet t o, t agli ato ad un a cert a luug-hezz'l, oppllre forato r adia llll ente
ad una di sta' lza dal calice detf'nl lina t-- l1 sul fusto da segni ("()l'l'i sp onenti a
vari e dura,te; si cer cava di ottener e lo scoppio a ll ' arrivo del proietto sul bersaglio,
o a nche prima se ::l i t r atta va di :sltrapnel (spoletta alla Boxer ).
Si a veva no anche spolette met alli cll e a cui si av vitava un canll ello con
polverr, di luuglu-zza adeguata al bi sogno.
- 1:; 8 ---
Colla mtrodu"ione dei proi etti oblllnglli , che urtavano il bersaglio colla
ogiva, apparn'ro le prime spol et1e a percussionI' , sulla (l eI onazione di
una cassul a fulminante al momento dell' urto, p si perfezionar ono le spolette a
tempo, colla sistemazione nell a test a dell a spol et t a di lIna miccia in gall eria
circolare, comunicante col condotto centrale. La, miccia poteva essere acces-
in un punto qualunque, a una determinata distanza daJl a cOlJlunicazione sud
detta, Inediante UIlO stoppino disposto in un foro di un anello girevde sulla t esta
e che era acceso aUa par tenza del colpo dai gas dell a carica che passavano
attraverso il vento (acct'I1 sione esterna) (Spolet U' Borman e Breithaupt).
In seguito le spol ette fecero tutte metalliche, e colla introduzione dei
sistemi di rigatura a sopprrssione di vento, nell e spol ette a tempo si sostitu
l'accensione esterna colla accensione interna, medi ante la casi:l ula clLe veniva
f atta esploder e per concussione alla partenza del colpo (accensione interna);
gli artifizi presero allora le generali che conservano attualmente
Le condizioni che attualmente si richiedono daUe spolette.
80110: regolarit di funzionamento, facilit d' impiego, fa('ilit di
conservazione, semplicit e robustezza di costruzione, cosi o non
eccessivo;
Costituzione generale. -. Le cOmltuno, in general e,
delle seguenti pa,l'ti:
un corpo, che cont iene e sostiene le altre parti (in spolette
antiquate esso manca ed sostituito dall e pa.reti del bocchino)
e viene fi ssato al bocchino del proietto in genere mediant e avvita-
t ura. praticata al suo esterno;
gli organi iH t tvnz'ionamcnto, di cui le parti eS:-ienziali sono;
una cassula di materia dp,tonante; uno spi llo o pnnl'a destina,ta a
battere contro la a. l momento opportnDo e a. det erminarne
l' accensione; una serie di m.lcc'i c c trasmiss'ioni di poLvere che ser-
vono a rillforza.re la fi a. mma.ta, della cassllla e a trasmetterla alla
carica di scoppio del proietto;
gli o1'yani (h sicurezza, di forma e funziona.mento assai
varia,ti, ma, t enden t i t u tti aUo StOpo di eyitare lo ::il'oppio del proietto
dUl'l:tnte i tra.sporti, il Illanegg'io, l a eRricl:L e lo spa,l'o, nnch il pro-
ietto non sia uscito dalla bocca (la fno('o () abl)ia percorso almeno
Ull breve tratto della. t.n.Liettoria."
Posizione. - Possono e:-isere di spo:-;te al l' ogiYa (ont c'I'ion:)
(ftg. 22]), o al fondello (}Jost e1"ior-i ) (fig. 229) del proietto; oppure
possono essere interne. Sulla (lisposizione dell a spoletta si possono
rar e le ."tesse considemzioni ' fatte per i I bocchino dei proietti.
Inoltre si pu aggillnger e:
- 139 -
le spolett<:' a t empo hatiMe RUlla. combustione di una miccia, tro-
\ crebbero miglior sistemazione al fondello, per essere sottratte
a.[l'influenza della pressione dovuta alla resistenza dell'aria; ma
a ci si oppone la necessit, di non mettere la miccia a conta.tto
con i gas dell a carica, di facilitarne l a graduazione che, anzi, non
;;arebbe pO/lsibile per i proietti uniti al bossolo Per
eonsegnenza le tipolette a tempo sono tutte anteriori.
T, e spoletto a percussione sono anteriori o posteriori, fieeondo
il genere del proietto e cio anteriori per tutti i proietti, meno che
per le palle, le granate perforanti e le granate min:1', e in questi
casi o Rono munite di umt gTossa testa, oppure, nei modelli moderni,
sono tiottratte al pericoloso contatto diretto coi gas della carica
di lancio media,nte tappo avvitato al bocchino posteriormente
alla spoletta stessa, con convenienti dispositivi per evitare l'infil-
t,razione di gas (fig. 222).
neces/lario che le spolette siano anteriori quando si ri chie-
dono ::;peeial i caratteri di sensibilit o istantaneit,.
Le spolette interne sarebbero convenienti per la possibilit
di esser ditiposte nel centro della carica di scoppio, ma non sono
pi usate, data anche hL presenza del detonatore e del caricamento
ad alto esplosivo, per la, loro incomodit di applieazione e difficolt
fU ispezione quando sono applicate, perch richiedono in genere
lo svitamento del tappo ogiva o del fondello.
Forma esterna e loro ai proietti . - Le spolette
anteriori che sporgono molto dal bocchino dehbono avere forma
l:he /legua l'andamento (lell'ogiva, per non <1lterarne la forma;
(1 uesta neeesRit non /lempJ' c st ata rispettata nel pa,l;sato, ma nelle
;;polette moderne, li ia a, tempo che a percussione, si vedono appli-
('a te forme perfettamente ogivali (fig. 216), salvo qualche ecce-
zione (spoletto franceRi istantanee allungate) (fig. 2] 7).
Le avvitature esterne mediante le quali elise sono appli cate
al bocchino, hanno sempre senso opposto quello del movimento
di rotazione del proietto, per evitare lo svitamento alla partenza
del colpo; di pi, in genere, eRse sono fLssate con una vite radi ale,
oltre che eSi:lel'e spalmate di mastice di minio al momento della
applicazione, per evitare lo i:lvitamento e quindi la possibilit di
manca,re la comunicazione del fuoco alla carica del proietto all'atto
dell' urto eontro il Talvolta la spoletta ant,eriore non
,rnitata, ma soltanto fi ssata con viti.
- 140 -
Tra la spoletta e il bocchino viene in genel' e i e pu:-lto un anellu
di piombo o st agno per aver e la chinsura ermeh u:'l', e pecialment p
colle spolette posteriori.
Tutte le spolette pre'l entano all ' e"temo iat u,g-li o t este ( ' '' <l-
gonali per (hl' pre" a all e chia, -i per l' applicaz ione a i proietti.
Metalli. - Il metallo pi g'cneI' a.lment,(\ m;at o per la fabbriea-
",ione del (Iella spol etta e (lci yari ol'g'ani l' otl onr per la
Sl1 fL facile eUllservabiLitil , r apifla bl"O!'azioJlP di }><ll' t i mi111II(' e
piut tosto peso spccifi eo eonYenienl'o. \I bronzo, pi
duro e r e:-l i:-; tente impie,2'a to }JeI' i corpi di "polette Vo,-;t' (l'iol'i esposti
all' azione dci g: as. In e polett e )l si i .. 1'l'('(,llt emente adottat o
anehe l' alht,m inio, a malgTado (1<:,1 pieeolo ])l' SO spN' ifi l' o, per la
sua facile lavorabilit e coneenabilitil, l'ami' , e ,:H;tiaio [ W l'
al cune par t i, come apparir nella tl' at t azi01H' . Per ri piego ed 1' 1' 0 -
nomia, durante la guerra eono e t ato impicg'ate i I corpo alI ehp
leghe varie di zinco,
Awl' . 2, - Spolette a percussione.
e polette (J, percue "io/1l' IHOdCI']lI', olt r e all e condi %i(lIli
generali espoiite, si ri chi,eelono tal voI tu altril' eq ni"it i ]leI' ;') ()(Ielbfar
odierne, seeonflo le speci e Il i IWl' saj!'1 io :
istltntaneit, per produrre lo ,-;cop[lio l'l'ill1<L 1'11 (' il pl'oipt to
penetri nel ber saglio, per i proietti (']W dpll))o]lo a d[etti "olo
alla, superficie;
sensibilit, per fnnzionare allc.lll' all ' lI!' t o eonl'!'o iJ el' :-l a,di
di piccolissimf1 re"ist emm, come !'i ono ,!.!.' Ji ill\ol1\(' l'i ddle l1;ni
aer ee;
sensibi lit alfli n,d i la,tercdi , per )lJl('ll e quando il
proi etto urt i il terreno con p iccolo angolo di iUl'idenza, (Liro molto
t eso) oppure comunque il proietto sul bel' eaglio; flllCst ' ultin1<t
condizione r ichiesta specialmente per In ;-; pol et tp di ]H'ointt i clI C'
non hanno stabilit sull a traiettoria e non a.s,., ienrano la eadn t a
coll a spolet t a in ayant i (bombe a mano, bombe degli aer ei; Y( ' (1i
Appendice 2:1).
Secondo il modo con cui lo t>pillo p In ca. eeula sono port a ti a
contatto all' arrivo sul ber saglio si hanno s)lol cttr a 1lrto di rett o \I
spolette a C01'/.01/ ssion e.
- l41 -
. SpoleUe ad urto diretto.
anteriOJ'i; la caf'Rula
tlul <.;01'pO della spoletta, che forato per tutta la RlUl lunghezza;
lu ]J11 nmto in due modi :
Il) spill o fbsato rigidamente ad un cappelletto ileforma.-
bil e, ehe ('hiuIln anteriormente l' orrnzio del foro della.
l'oll\' enientemente aJJarg'ato : il ca.ppelletto si schiacci.a e
lo ,;pil lo urta contro b casfmia (spolette et sehiaeciamento). Questo
tipo stato il pl'imo ad essere adottato pcr le spolette a percussione.
(Spolett.}L Cavalli , di piombo (fig, 2H): l1Yeva nn t.appetto che schiae-
l'i(\tldo,.,i all'11rto, anda'v' ;:t a battere eOlltro la cassula di sposta su
1111 Inminello); una notevole Rie11rezza, nu scapito
cleli a sCllsibili.t ; eR,.,O fn a bbandonato per il sistema conc11ssione,
ma stato riadotta.to in qua.lehe spoletta moderna unitamente al
a IO!H'.ll ss iolln. U':po10tta G11erritore) (fig'. 2JG);
b) ::i pillo !-issa,to ad. o spina pi. o meno lunga c spor-
gente a nteriormente dalla spoletta nella quale per trattenuta
(hL un collare: una molla a spirale (oltre ad al tri dispositivi di si-
tiene l'asta spint"L in in modo che lo spillo non vada
ad urtare eontro la cassula che quando l'estrernit anteriore del-
incontra un oRtacolo (fig: . 216).
blJO i spol etta (slJolelta a spina) ado-
zione e venne 'it llcliato allo 'iOOpO di ottenere l'istau-
talleit elel f nnzionamento, eon una eonveniente lunghezza della
,.,pina, in modo che la, cafiR ula ,., ia fatta cletmmre primfL ehe il corpo
(lei proietto lll't.i il terreno; inoltre questo sistema si prefita anche
,Id una certa wn'i ibili.t agli urti laterali, facendo la testa, della
,pini\, a fungo; la, spina inoltre, pu essere anche eomposta
di due parti, 11lllL interna poLtante lo spillo, e una esterna separa-
hile facilmente dell' altm parte; co::; la spoletta pu (jssere disposta
lil'ima clello ilparo per il funzionamento istantaneo e per il funzio-
na.mento ordinm'io, che avviene per concussione.
Ha l'inconveniente di l'ich iedere, per essere veramente dIi-
e<1ce, una grande lunghezza di spolett a ei'ternamente al prnietto,
ci che non 'iempre co mpatibile eon una forma cOl1yenientc
(,.;poletta francese I A, istantanee allungate) (fig. 217), a meno di
Ilon costituire quasi tntta l'ogiva del pJ'oietto coll a spoletta (spo-
tedesca Mod. 17) (fig. 2 \ G) . QneRti i'istemi a, spina trovano
per questo fatto adatto impiego l1('i proietti sopraogiyatj (fig. 226).
- li:!
Spolette a concussione.
Possono essel' e anteriori e posteriori. l,a cassub fi ssata al
corpo con un cappelletto che chiude anteriormente una cavit
assiale dcI corpo stesso; lo spillo portato da una massa pesante
detta percotito'io, scorrevole nella cavit st essa e t cnuta normal-
mente a dist anza dalla da una molla (e dai dispositivi eli
sicurczza ); all' urt o il percot itoio prosegll e la sua eorS;t per inerzia
e determina la detemazione della cal-ii'ml a ; il pcr cot itoio for ato
per dar passag'gio alla fiammata. La disposizione deno
fpiLlo e della casrmla pu essere anf'he invert,ita, :-lenza che il fun-
ziol1<.tment o sia altentto.
Dat a la res iftenza delta molla, pu ayvenire che quando il
proietto urta il terreno con piccolo angolo di incidenza e rimbalza,
il percotitoio non avanzi colLa energia necessaria; per ai:sicurare
il funzionamento anche in questo caso il percotHoio pu essere
fatto avanzare per l'effetto di una massa pesante che all'urto si
sposti trasversalmente; ad esempio, una sfer a di piombo compresa
tra una superficie conica del corpo e un' altra superfi cie conica del
percotitoio (spoletta Allways) (fig. 219) o un anello a sezione trian-
golare, interposto fra il percotitoio e il fondo della cavit e che pu
giocare in una cavit anulare. In altre spolette (Ol ergon) si hanno
anche altri disposit ivi (vedi Bombe a mano ).
Dispositivi di sicurezza.
Secondo lo scopo, si ha nno dispositi vi che immobilizzano il
per cotitoio, oppure che chiudono il delht fi a mmata della
cassul a alla carica, di scoppio.
l) Immobil'izza,zione del percotitoio: svariat issimi si-;temi :
a) TIa1.'Msino (fig. 218): u na lamina o un asl,icolo disposto
t r a lo spillo e la cassula, rimanendo incastr ato 0011a sua estremit,
in fori del corpo. Il traversino pu essere o estratto a mano prima
di caricare, o espulso per for z:1 ceutrifllga dal moviment o rotatorio
del proiet t o; un sistema alq LULll t O imperfetto, percb non d la
sicurezza contro lo scoppio del proietto nell'a,nima, anche se la.
espulsione avviene per il moviment o rotatorio, poich ci pu
verificarsi ancho nell' :1ninu; il primo sistema di sicnrnzza appli-
cat o nelle spolettc a eoncUSSiOll(\ (spoleU<t, prllssimm) ; ora a,ppli-
- l-:l -
,0 in qualche 1;}Joletta ma fempre in eOneOl':'i() con altri
I traversino flstratto a mano prima, della car iea.
Nr.lle spolettn morlenle un sistema analogo ('ostitnito da un
ieolo di rame che attraversa il percotitoio () la spill a tnlfver-
mellte, e viene rotto per fforzo di ta,gl io dall' inerzia (leI perco-
)io stesso (Traversino fisso) (fig. 217) .
h) Inne8co amo/'ibile. - ApplieltLile solo all e spolette an-
iori a co neussiote; il cappelletto (fig. 220) che porta tlt
oggiato a, tappo a v ite (detto inncsco) e ,si applica alhL spoletta,
momento di naricare il pezzo. S()rV(l wlo Jl er la f icul' ezza nei
sporti; usato molto lJeI' il passato in unione ad alI l'i rlifpositiyi,
Ira aLhandonato pereh rappre,'ionte" una operazione eli pi da
npi er si per la, ea,rioa e qnindi sfaNorevole alla di tiro,
leroll la anehe nei tl'a-;porti or:l ottellnt,a, non mezzi
retlanto (> []j( n( i.
i c) Doppia concn88ione. - n percoljito io non pu giungere
)attere snll a ca,1;1; nht se prima le une parti non si sono disposte
pm;izione convenien te per effetto (li una concu8sione iniziale
l non pu ,1Yvenirc che per inerzia aJI'att-,o dello spa,ro.
Il fnnzionamento avviene quindi per una concuss ione iniziale
ier UlU1 concussione finalc; di qui il nome dato all e con
e disposi l i \ TO di sicurezza. Dn e l1lodalit :
l ) La, COJ1('llHsione ini ziale da,Il a (fi!,!'. 220);
?sta non rip:ida,ment,() coll egata no] tappo, m,L sisteJmtt,L in
porta ca,;;snla <li un cert,o pe::;o, nel tappo e t,rattoll ul,o
l'int erno di questo da una molla, a c:rocera, i n modo c: he lo spillo,
311c se il pereotitojo avanza, non possa toceure la eassllia.
Allo sparo le alette clelIa molla, ,L crocera ripipg'f1110 per
fetto della, inerzia dell a massa del port<t ca,Sl-m]a, e la e:1ss nl a
De a sporgere posteriormentc a i t appo; l e a,lette poi si rielisten-
lO subito 1\ all argandosi in una svasatuTa rl el tappo, trattengo ilO
)ol'ta cassnla, a nche al momento dell'urto pel beJsaglio, in po-
ione da poter esser raggiunto dallo spi ll o.
2
C
) Ila concussione iniziale subita dal pereoj-, ito io (fig'. 221) :
la estremit anteriore di quefito invpst it, a ulla ghmx a forza-
nto, che ha, lunghezza, t,11 c da Rorpa,';sare la punta dello spillo,
modo da rendere imp0I' Rihile il cont atto di as-
a; allo spa,ro la ghiera, per inerzia , si investe sul percotitoio,
allora pu portarsi abbastanza avanti, all 'arrivo del proietto,
- 14-! -
per produue la accensione della ('Ls i;nl a. La ghiera si faceva un
t empo tagliata :;; econdo una. generatri ce e messa, a forzamentoj
per evitare per i nve:st. imenti obliqui e ili CCppfl ml'nt.i, la ghiera
si fa ora con n n leggel'O gioco e sostermta, nna molla, ad alette,
e a. lla concussione inizialc essa. si forza su llna parte tronco-conica
posteriore etel pereotitoio, formando (;os1 una unica massa. Il.
sistema, della conclHisione inizi a,l( sul pcrcotit,oio preferito al-
l 'fLltro, pcrch la eassnla subiRce UI' urto mcno' semiibil e alla par-
t enza del colpo e et qllindi ma,ggior ::; icurezza (spo1. ette
dt'i yari modelli).
d) (1 forza ccnt1 fuga. - Il percotitoio trattelluto fisso
al corpo da qualche elemento che lo libera :;; ol tanto qua,ndo il prQ-
ietto abbi a i.nizi ato il movimento di rotazione, in modo da comu-
nicargli nna forza centrifuga suffi ciente per spostarlo r adi.a.lmentej
sovente questi elementi Rono pi di uno e ad azione :;;ucccessiva
in modo cho il proietto debba .LYt' l' comp iut o <ulche p i di un giro,
o due prima che il percotitoio sia completamente liberato, allo
scopo di aver la sicurezza fino a che il Ill'oiotto non uscito da.lla:
bocca e di ovitare quindi gli scoppi nell ' animH.
Gli elementi sono costit'uiti da sferette (fig. 222), chiavistelli
scorrevoli (fig. 224), nottoli ni girevoli attorno ad un as;:;e eccen-
trico (fig. 223-226) che sporgono internamente dalle pareti del
corpo in intagli o Rol cature del pel'cot itoio, e ehe quando si spostano,
trovano posto in appositi alloggiamenti del corpo. E ssi sono in
generalo trattcnnti nell a pOfliziOJ w inizi ale da, un bosfioletto (fi-
gure 222-226), o (la Ull CL molla (fig. 223, 225) , o leg-
germente forzato, ma flcolTO\"ole longitndina1mellte indietro, quando
agisco l a forz:-L d' inerzia a.lla pa.r tenza <lei colpo, pCl' libprare gli
element.i di :;; icurezza. In qm.Llch(' hpo mello perfnzionato (fig. 225) '
qu est.o ritegno ora fatto a,gire dalla pre"i-lioll(, dei ga;.: per l e :;;polette
posterior i, ma questo sifl tema a,ncll(' perclt apre un
adito ai gaR (Iell a, Cipoletta.
In spolet te fra,lwesi si ha a 11(' 11<' nn<1 ghiera tagliata in 3 o
4 segmenti, tenuti in(',ast-nl,t"1 in un a w l('atura del pel'cotitoio da
nna moll a. a spirale, (' che "i all nrg."< IIlO 1w.1' forza eentrifuga qmmdl'
-parte il proietto (fig. 227) .
.Fra i a forza tputrif uga va a. nell o r icordato quell o a
nast,ro applic::1t,o all e spol(' ttt:' a Npina (spolotte francesi I . .A.)
(fig. 217); l'asta (Iella sp in a anteT<)l'mento all a spolett a con
una testa che :;; i appoggia f; 1l un na,stTo metalli co avvolto a spirale
- 146 -
sull 'ast a st essa tra la t est a e il corpo della spol etta , c ('he, pOI Ia
all a sua estre mit libera, una massa pesante; il nastro impedisce
,t lla. ,- pina eli muover si, ma quando il proietto in moto, per ef1etto
dell a, forza, eent rifuga e dell a rot,azione, i l nastro si syol ge, e quando il
proietto hH compiuto nn certo numero di giri si st acca e libera l' asta.
Tutti i r itegni ili qu esti dispositivi di Ricurellza ehe agiscono
per inerzia a ll a partenza del colpo, devono esserI? muniti di mezzi
(mollet te) che Li fi ssino in posizione stabil e dopo che hanno fnnllio-
nat o, in modo (la l'yitar c elw possa no intralciare il llloyil1l e nto
dell e al t r e p ar t i.
e) acl azione ((r/'Orlinamica. -- 11 pel'eohtoio avvitato
nn' <1 :-i ta che spol'g'e an tcL'iorme,nt,e a,ll a. spoletta con nna piccola
l'I iell ehe 11m ptTetto dcI moy imen t o del proiett o fa ruotar e l' asta,
:-i \'itando il pen :ot itoio, il qua le e a un certo punt o si li-
IWl' a dall'asta n fi i }lmt a in posizioll o da poter essere r aggiunto
dulla casslll a, che all'urto. Si hanno ancll e altre di "l'0"i-
zioni combinat e ('on s1' (-' )'(\ e (spol ette p or bombe (li
aer oplani ). Que"to sist enm non impiegato n elle a r t igli erie.
I
')o, f ) a cil1;ndl' etto di 1J oloC1'e. (Spol ctte austria,ehe) (fig. 228 ).
- I ,a ca;';flnl a port a t a YOl'w la estl'cllIiti1 pORt crioJ' o di nna ma ssa
peli anto scorrcyole nella ('aYit (lpl corpo, e :01 t tra \'er sata in uno
spacco (liametrale ei a. una, d ' acciaio con lo spillo ri volto
lll1ietro ; la. massa p esan te, anteriornlf'nte, h a llll piolo cli P si
appogg'ia cont ro uno stant llffo alloga t', o in llllll caYit separat a
quella in eni si trO\' :t la IUHS,-la p esant e port a (;;t,ssula, e tn1l' -
tcnuto fe,rmo (la un ('iLindretto di poh 'er f) ; il porb l, cl! :-; s nl a l'csta
co.; imlllObilizllato pel (' ilupedita In concu ssione.
Alla p <ll'tenza. (lpl ('01 po, per concnss ionc inizia le, fatt a esplo-
([ere un 'altra picco!;1 (';l,ssul a. contenuta nella p arte anteriore dell a
,; pol etta e che ('ollllllli ca il f uoeo al cilindretto di polyoro il qu al e
'i pnoeos aceoso e brucia; Rolo quando esRO completmnente com
husto (e c,io ll (lovo llll eer t o tempo dalla concu ssion e inizi ale) lo
li I ibmo di UyallZa r O, ed libero ancho il por ta, cassula , ehe
;tnlll za qnanclo :-; i JUL l' mto a. ll' arr ivo. La fiammat a (lel eilincll'eHo
non l)\t l'ag'!!.'inng(re la e,l s:-: nla fina le poieh il p Hssagg'io ehill:-; o
dallo :-itant ullo .
/ 2) ( ,' hl8'W' (/ d('7 pas8uf!f! io ai gas della vasst tl (l.
dato (hL nUfL y a lvola longi t ll(lina lp eho [Wl' ilH' l' zia,
oj)pnre da llna yal\'ol a, tnl s \' l\r:" ale che ag'iseo per for za i'Plltorifllg:a.
Vol. H. - .J.rm'i da fuoco I )01'/ u/ i/i, ccc. 10
- 14fi -
L'estremit delh cavit in cui situato il percoti-
toio chiusa da una vaZIJoZa, lon!Jitu(Zinalc a seele cOlliea (fi g. 229)
(8polette italiauc), cno, nel mLW che la cu,8sul a si accenda prematu-
ramente, impedisce alla fiammata eli pa'lsare nel proietto e tl i
forza nella 1'\ 11:1 sede per effetto della pressione
che si genera neUa cavihL anteriore. Il pa,ss1ggio, nel funziona-
mento normal e, resta ehiuso fino all'arrivo fluI ber saglio; in questo
momento la val vola ,vanza per e <"pro il passaggio
restando fi "l"l<,ta, nella nuova, posizione da, due alette a moll a in
modo diL non poter pi es'\nre r espinta indietro chLlla pressione
dci ga'l .
Nel mL'lO deihL valvola tl'as/'crsalc (fig. 22-1, 22;,), il pa,s,'laggio
si apre dopo che per forza eent rifuga la valvol a si. portata later al-
mente, cosa che possibile solo qlU1ndo due ehi avistelli trasversali
l'hanno liberata, spostandosi anch'essi per forz[1 cen1Jrifuga; quindi
il proietto ha dovuto percorrere un certo spazio e u scire dalla bocca
prima che il Ria aper t o.
SicuFczza a Fitardo. - sicurezza contro scoppio nell'anima
pu essere anche ottenuta con un cilindretto di polvere compretiSiL
sit uato nel passaggio della fi ammata dall a ca,vit della spoletta
al proietto; ma tale sistema ora in genere abbandonato perch
esso provoca necessariamente un ritardo allo Rcoppio anche al-
l' arrivo, cosa che pu non essere conveniente.
Ritardi.
Per alcuni tipi (li oerliaglio neeossario M,tellero lo scoppif"
con un ritardo anche note, 'ole da.! momento dell ' urto (palle, gra,-
na,te pe]'fontn t i, gran:1tc mina" ('Olltro illasse d; 1 C(' -
struzzo, ma.Hse di terra).
Ritardo a m;c'ia. - Il sistelll<1 usa.to pas.'\a'to
nell'interporre t.n.L la spoletta o la carica. cii i-l(; oppi o nn tubetto
contenente polvore compressa a l enta eomouft ione (cadetta 1'i tar-
datan:a del nOftro vecchi o mnnil\ionamento). Que::;to sistema. ayeva
l' inconvollien te di dover e:-;sore predisposto all' at1io della applica-
ziono della Rpoletta proietto e quindi HYOre un CNto
qll<Lntitat,i ,-o di proi ett i (',011 rita.rdo ehe non 1Jofev;l no nRSf'rf' nti-
lil\ zati ael altri scopi.
- 147 _ .
Ritm'do a ristretto e tortnoso. - In vece della micc. ia
tra ea'is ula, e di scoppio interpoRto nu diRCO o eilindretto
con un pa,,,,, a,!!,'gio ristrett;o e tort noso che rallenta, il passaggio dell a
fiammat,L: sifltema non l'inconveniente delb pe1'1)1<1,-
ll enza del r itanlo.
Rita/'do volont (fig. 22/1) . - :-; polette mo([erne iny(' (:o
si tende ad avere una di sposizione che permette di ottenen-, o no
il rital'do a seconda. d0i ea"i. eon una man ipola,;t,io ll c (l p11 a
spolett.a al momento (li caricare il pezzo. In genero ,,,j ha la "i"temH-
ziolle tra. la, cavit, contenente la e la cm'lc<\' di
scoppio <101 proietto "i hanno nel fondo della spoletta (lne pa,"'lagg' i,
uno ampio e libero, l' altl' o organizzato a ri tardo con uno doi du e
sifitemi sua,ccennati; attnrverso il passaggio ampio siRtemato nn
robinetto maneggia,bilo dall'esterno della spoletta, col qnale si pu
tenere aporto o chiudere il paRsagg)o stesso; nel primo caso, si II a
il funzionamento ordinario, nel seoondo, si ha il funzionamento
con ritardo, perch i gas della cassula non possono pa,ssare per il
passaggio ampio e fl uindi debbono procedere a,ttraverso il r itardo.
In qualche t ipo di spoletta posteriore invece del rubinetto l a
spoletta stessa che girevole in un astuccio che contiene i due pas-
saggi (fig. 223. - PaRsaggio centrale con Titardo, lMo-
l'aIe senza ritardo) .
Sensibilit e istantaneit.
La sensibilit dipellde dalla massa delle parti che debbollo
muoyer Ri e dalla resistemm dell e molle che
oppongono al movimento. I..Ja sen1libilit richiesta al massimo
grado per il tiro contro le a,eI'ona, e anche por assicunLre il fnnzio-
namento imm.odiato anche q nando il proietto il terreno con
piccolo angolo e Rnbi <; ee quindi nna, pi ccola, diminm;one di velo-
cit,
Nelle flpo let-Le ,1 urto dirett,o con ,<;pincL pu essere ottenuLn,
llW1 sellsibl iUL J'elatiy,t mcllte gralHh" [,Leend!) la spina di maSS,L
molto piccola, in mo(lo dIO la forz,t viva, d,L ef;,' ,L acquista,t.-l
pure molto pir-l:o la c po,'m ps:,cre a;,;sorbita (e quindi la spina ;),1'1' 0 -
stata.) d<L IUl di piccola re1li" tenza.
La islnnlanr. it (liplmde rla,lhL velocit con cni ;,; i spostano
a.ll".Lt;to dell'urto lo mas.,e cho debbono muoversi, e quindi <l aHa
10m m,Ls:,;a, e (bIl e ro"istcllze (,1ttrjj',i, molle) che ;,; i oppongono al
- 148 -
movimento, nonch dalla ampiezza dell e comunicazioni dall' in-
nesco alla carica di scoppio. I il istemi a ;;pina sono da considerarsi
come iiltantanei; anzi, con essi pu ottenersi una precessione dello
scoppio del proietto imI momento in cui qlleilto urta il terreno.
ART. 3. - Spolette a tempo.
Le spolette a tempo hanno lo scopo di lo scoppio
del proietto ad un dato momento, prestabilito prima di caricare il
pezzo.
Per tutte le spolette usate fino ad ora il momento dello scoppio
quello corrispondente al punto della traiettoria nel quale il pr0-
ietto, secondo la propria natura (granata o ilhrapnel), la disposi-
zione del bersaglio e del terreno, pu ottenere i maRsimi effetti:
a tali spolette si appropria la nomenclatura a tempo; es Re possono
combinate con una spoletta a percussione e dar l uogo alle
spolette a doppio effetto. Non eRcluso che per l'avvenil'e possano
essere impiegate anche in combattimento spolette destinate a de-
terrninare lo scoppio del proietto dopo un tempo lungo
(un giorno o due) dal loro arrivo sul terreno; e che nell'ultima
guerra furono impieg'ate soltanto a scopo insidioso, frammischiando
proietti innescati in tal modo in masse di proietti ordinari da
abbandonarsi in mano del nemico in cafO di ritirata; tali spolette
sono state chiamate ad azione differ'itcc
Le spolette a tempo possono essere a miccia o meccaniche.
Il funzionamento delle prime bafat o f ulla durata di combustione
di una miccia sistemata tra la carica di scoppio del proiett o e un
congegno di accensione automatico alla partenza del colpo, e la
cui lunghezza pu essere regolata prima della carica del pezzo in
base alla, durata della traiettoria; quello (Ielle seconde invece sul
movimento di meccanismi che si mettono in moto alla partenza
del colpo, e dopo un certo tempo prestabilito determinano lo scatto
di un congegno di percussione a molla che accende hl casRula la
cui fiammata si comunica immediatamente alla carica di scoppio.
Di queste ultime sp.olette sar trattato a parte.
,1) Spoletfe a tempo a miccia.
Il eorpo della spoletta in generale consta, di un /,usto a vite
per essere applicato al bocchino del proietto, di una parte discoi-
dale o piatto e di una parte allungata anteriore o collo.
-- 1-i!) -
La dispost a a,ttorno al collo, o fl uI lliatto, e da llna
parte comunica, per mez7.0 di un focone obl1qno, con una ca, "it,
ricavat a nell a estremit posteriore (lei fusto e riernpita di polverino,
per rinforza,r e l'azione del La miccia . La miccia, pn ayere un solo
giro attorno al collo, oppure pi giri, e pUl esser e (ti due :-; pe(ie:
con inyolncro o senza involtwro: quando la mi ceia ' con involucro,
necesf>ario Fontre l'involucro nel l'un to in (mi si v nol provoc:),1'e
l' accensione, oppure occorre una fi a m ma t a. Fort e per fondere l' j Il-
volucro ill quel punto; se inveee la miceia SPUZH, in vohwro, basta.
la fiammat a del congeg'no di aceensione.
Il cong:eg:no di accensione illi ;;i;tl e eOf;tituit o semprp da un
sistenut a eoncnsf>ione, cio da un pel' cotitoio con "pilLo, trattcnu to
da una sospen:-;ione, elastica o frangibiLe con nn certo I-iforzo , a
distanza eIa una, cas:mb, e che, aUa par t em\a del colpo, vincendo
per inerzia la resifl t enza della sospem;ione, batte contro la ca,ssul a ;
il sistema pu essere contjenut o o nel collo della "poletta (accensione
centrcde) (fig' . 230) oppure ent ro un anello g'irevo1 e attorno al
collo (accensione perijerica) (fig. 23 L) e la cavit in cui esso
dispofl to comnnica con la miccia in modi ,rari secondo il tipo cLella
spoletta.
Miccia a un :;010 giro (fig. 230-231). - l ,a miceic1 non di f3 po:-:i ht
aderente al collo, ma, ver so la periferia del piatto, per aver e una
maggiore lunghezza, e q \lindi una ma,g:giore durata, ed intcrnata
in una ga,Heria del piatto quale interrotta per un
breve tratto; ad una estremit comunica col focone. Attorno al
collo girevole un anello dett o anello 'l'nobile trattenut o da llll
coperchietto avvitato a.l [',ollo. Qnan(lo l' acceufl ione ' peri fer ica,
l'anello mobile stesso la cavit (;01 congegno d'accensio1le,
che presenta un' apertul'a seorrC\' ole lnng:o la, miccia, e se ocr,01'1'e,
t t1 che nn foro per il p a:-:isaggio deLl :l pnnt a cLi nno "trumellto detto
fOl'uln'iccia, u altro :-:i istema di asport a,zione !'lL' involucro in n11
det erminato punt o.
Qua ndo l'accemone eentralc, l' anello mobile ha un canal e
r adi ale collo sbocco esterno scorrevole lungo la miccia e l'interno
che si mant iene, con vfLrie disposir,ioni, (seanalat nra anulare c
fori r adtli nel collo) , in comunicazione colla cavit, del collo con-
tenente l' appar ecchio di accensione; inolt r e, se occorre, ha i di spo-
sitivi per la foratura o la fusione dell'involucro. La posiziono r e
lativa dell'anello rispetto al corpo determina il punto in CIIi 1::1
- 150-
miccia viene accesa (pi o meno distante dal focOIIP), e ql1indi la
durat a di combustione.
Queste spolettc a un solo glrO di miccia hanno dura t-a troppo
l)]'e,'-p p, sono quindi scomparse dal munizionamf' nto delle arti-
glierie moderne.
Spolette a lii giri di miccia. - La miccia pu e,%ere disposta
a elica lnngo il collo oppure essere a pia,ni e contenuta in yari anelli
ronvenientemente comuniranti tra di loro. La disposizione a elica
fn la prima ad essere adottata quando si resero necessarie dmate
lJi lunghe di quelle permesse da un solo giro di miccja.
Spolette con rniccia a elica,. - Le miccie ad elica ;,;ono, in genere,
con involucro e richiedono quindi la foratura; l'accensione pu
essere centrale o periferica.
nel primo tipo (fig. 232) sono le spolette francesi. Il collo
cont iene l' apparecchio eli accensione a concussione iniziale, e la

fiamma, della cassula pu uscire attraverso llumerosi fori radiali
e accendere un anello di polvere, che rinforza la fiamrna.. Esterna.-
mente collo applicato al piatto un ma,nicotlo tronco-conico
di piombo; la micia, a partire dal focone, a elica in una
sC<1nahtura elicoidale del manicotto ed protetta da un cappelletto
fisso che porta tanti forellini, paticati lungo una linea elicoidale
che segne della micci a, e ciascuno dei quali corrisponde
ad nna determinata dura.ta della miccia stessa. La fora.tura. si fa
attraverso uno dei forellini e si spinge anche il mani-
cotto, aprendo cos la alla fiammata della cass ula alla miccia
che viene accesa esattamente nel punto determinat o.
Del secondo tipo (fig. 233) a accensione periferica ;,;ono le
;,;polette italiane JVlod. 89 e 96; la miccia a involucro a quadra.
avvolta sul collo della spoletta per 3 (o 4) giri, e :sititemata in una
scanalatura ad elica, dalla quale sporge alquanto; attorno alla
miccia girevole un a,nello mobile che contiene il congegno (l '(( ccen-
censione perimetrale e, in vicinanza di questo, un C1l1'801' e, scorre-
vole in. uno spa,cco verticale dell' anello munito di 3 (o 4) fori, il
eursore mediante le sporgenze interne si appoggi:ct sulla miccia
sporgellte, di modo ch ciascuno e1ei suoi fori si mantiene, gira,udo
l'anello, sempre in corrisponellza di uno dei giri della mi ccia;
attraverso uno dei fori si fa passa.re il foramiecia., dopo lWCl'
dato lI11l'L rotazione (che per hL disposizione sudetta ba sta ell e
sia inferiore a un giro completo) all 'anello mobile; si pu quindi
- ll
forare la miccia in un punto qnalfi iasi <lei fi UO fi yilllPPO combinando
convenientemente l'ampiezza <lella rotazione dell 'a,nello mobil e con
il foro di pafisaggio.
Spolette con miccia ad anell'i. - Sono tutte a, miccia Renza
ilwolucro e ad accensione centrale ; non si riscontrano tipi con pi
di tre giri o piani di micci a.
La miccia costituita da polvere ll era compressa in una
ga1J eria a,nlllare scavata sull a faccia, posteriore di anelli di sposti
a ttorno al collo ; in ciascun anello la galleria int,elTotta per un
breye tratto (lJ71nto morto) (fig. 234 bis).
Nell e s]Jolette a dne anelli (fig. 234) l'anello inferiore (poi;teriore)
girevole e l'anello imperiore (lwteriore) fi sso; l'anello illferiore
ha la galleria di raggio conveniente per mantenersi :;eplpre in cor-
rispondenza dello Rbocco del focone del corpo l'mi piatto, e munito
ad una delle estremit di un foro o focone che attraversa tutto lo
spessore dell'anello Rboceando :;ul1 a faccia anteriore, e che contiene
un cilindretto di polverino compreRso (petardetto eli trasmissione);
l' anello superiore fi sRo al collo e vi trattenuto da un coperehietto
che chiude anche la cavit del collo contenente l' apparecchio di
accensione; la sua galleria di raggio conveniente per ch il foro
dell ' anello posteriore, quando quefi to Yenga fatto ruotare, si man-
tenga flempre in corrispondenza ; di pi ana estremit d e l L ~ L galleria
opposta a quella che nell' anello posteriore munita del foro, ha
un focone radtle a cui fa seguito un foro praticato nel collo, e sta-
bilii'ice cos la comunicazione fra l a"cavit contenente la cassula
e la miccia.
L'anello fi ssato in moclo ehe il l' no focone si trovi nello ste:;so
. piano meridiano del focone del corpo della spoletta. Oiascuno dei
due anelli, in corriRpondenza del focone, ha uno sfogato'io aperto
sull a superfi cie esterna e chinso da una piastrina di stagno. Oon
questa fi istemazione Ri posRono ottenere tre disposizioni a cui cor-
ritlpondono tre funzionamenti di versi della spoletta (fig. 236):
Ct) l' anello mobile dispol'Lo in modo che il suo focone
corrisponda al focone dell' anello fi sw, c quindi anche a quello del
corpo: fi i ha la comunicazione qnaRi immedi ata dalla c<t ssula alla
carica di seoppio, e la durata minima; lo scoppio avviene a pochi
metri fuori dalla. bocca del pezzo (f1l11zionamento et zeto );
b) l'anello mobil e disposto in modo che -il suo focone
cOJTi:sponda ad un certo punto della miccia dell'anello fisso; si
- -
ha il f'unzionamento a tempo, e cio la fiammata della cassula ac-
cende la miccia superiore; quando la combustione arrivata ai
punto in cui si trova il focone dell'nello inferiore, si comunica
anche alla miccia inferiore che, bruciando, comunica il fuoco al
focone del corpo, quando la combustione arrivata in corrispon-
denza di questo; la durata totale della combustione data dalla
lunghezza, di due m'chi di miccia di ugualc ampiezza, uno dell'anello
imperiore fi 'RO, l' altro dell'anello inferiore, a mpiezza detcrminata
dall'angolo da cui si fatto ruotare l'anello inferiore mobile; la
durata maf;sima si ha quando il focone dell' anello mobile messo
corrispondenza dell'estremit chim;a dell a miccia fi ssa;
c) mobile disposto in modo che il suo focone
corri;; ponda a,l punto morto dell'anello superiore e quindi il suo
punto morto corri;;; ponde al focone del corpo ; la fiammata dell a
cassula si comunica alla miccia dell'anello f-i sl:l o, ma non pu pas-
sare nell'anello mobile e quindi nemmeno alla carica di scoppio:
la posizione di fi icurezza oppure, nelle spolette a doppio effetto,
la posi:one che deve avere l'apparecchio a tempo quando si vuole
ottenere lo scoppio a percussione.
;, SpoZette a tre aneZZ'i (fig. 237). - Hanno disposizione analoga
e la fiammata della cassula si comunica prima all'anello ante-
riore, poi a quello di mezzo, indi quello posteriore e finalmente
al focone del corpo. I tre anelli hanno costituzione analoga a
quell a, gi descritta; i du anelli hanno il focone alla stedsa
e:-;tremit della galleria, mentre q nello di mezzo lo ha all 'estremit
opposta. I due anelli estremi !:l ono mobili, e !:l ono collegat i fra di
loro da una graffa e':iterna, in modo da subire lo stesso
durante la graduazione; il focone r adiale dell'anello anteriore
sbocca in corrispondenza di una scanalatura anulare del collo
in cui sboccano parecchi fori praticati nel collo stesso per lasciar e
il p afisaggio alla fiammata della ca.ssula. La durata dell a combu-
stione data dall a lunghezza complefi!:l iva di ar chi di miccia
di uguale ampiezza, determina ta dallo spostamento angolare dei
due anelli mobili. Anche per queste spolette si ha il funzionamento
a zero, e la sicurezza, come nel caso di due anelli (fig. 238).
Si possono sistemarc gli anelli mobili e fi ssi in varie altre llla-
niere; ma quella descritta la pi conveniente, perch la sola
che permette che t utte e tre le miccie inizino la combustione all a,
origine, in corrispondenza degli sfogatoi, favorendo la regolarit
della co mbust ione.
- 153
Fissagg'io clegl1: anelli mobili. - Per evitare uno Rpostamento
degli anelli mobili durante il percorso del proietto nell'aria per
effetto del movimento di rotazione del proietto, necessario che
essi siano trattenuti; a ci si provvede, a seconda dei casi, con
spilli a concussione iniziale che aITondandosi in un anello di metallo
molle, portato da una parte fi:;;:;a, vi agganciano l'anello mobile
(spoletta Mod. 99) (fig. 233), oppure con anelli di panno interposti
fra i vari anelli (incon venientc dell'indnrimento e difficolt di gra-
duazione), oppure anche con anelli elastici fistiati al collo della spo-
letta (fig. 239), all'interno degli anelli mobili con un certo gioco
iniziale, e che permettono la facile graduazione della spoletta;
ma dilatandotii per effetto della forza centrifuga alla partenza del
proietto, aderiscono agli anelli mobili, impeflendone lo spostamento.
L,) Spolette a doppio effetto.
Sono costituite da IlIl1 spoletta a percussione e da, una spoletta
a tempo riunite in un Ilnico corpo. Sono evidenti i vantaggi che
esse prm;entano nei rig;nardi dell'impieg'o rispetto alle :;polette
solo a tempo; solo per i tiri controaerei le spolette a doppio effetto
non si pretltano, perch dovendo etisere :,;empre in grado di funzio-
nare a percussione quando fallismL il funzionamnto a tempo, rap-
presentano un pericolo per le nOtitre trnppe, nelle azioni contro
aerei che volino entro le nOKtre lince, pericolo elle :;i quando
non esista l'apparecchio a percu:;:;ione: per questo motivo, le flpO-
lette a tempo gi escluse completamente dal l1luuizionamento
prima del sorgere dalla aviazione, sono ora invece necessariamente
impiegate contro gli aerei.
Le spolette a doppio effetto debbono permettere a volont
il funzionamento a tempo o quello a percussione, c in ogni caso
debbono garantire il funzionamento a percussione anche quando
siano disposte per quello a tempo, per il caso che questo abbia a
fallire.
N aturalmentc, q uando sono diRpo:;te pC!' il funzionamento a
percussione, esse debbono cselnderc qualsiasi funzionamento a
tempo.
I due apparecchi eomunicano il fuoco della rispettiva ea:;-
BuIa alla eamera di scoppio situata nel fusto della spoletta.
N ei primi tipi di spoletta a doppio effetto ad aceensione
perimetrale l'apparecchio a pereussione ent contenuto nel eollo
- i 54-
della (\ tempo (fig. 231, 233) ma si verificava l'inconve-
niente che quando il proietto cadeva con piccoli angoli di incidenza,
la spol ett a si ossia la parte ester na al proietto si r ompeva
pr ima che l'apparecchio a per cussione potelSse funzionar e. Nei t ipi
pi r ecenti quindi l 'apparecchio a perculSsione contenuto in una
appendice fi ssat a pOlSteriormente al fusto (fig. 234) del corpo
oppure in un bossolo r obusto di accia,io avvitato sa,lda mente al
corpo stesso (fig. 237).
Nella posizione iniziale l 'apparecchio a percussione sempre
lasciato in grado di funziona,r e, ment r e quell o a tempo immobi-
lizzato da una spina di sicurezza che t r attiene i l percotitoio (miccia
ad elica) oppure nel caso dell a miccia ad sono disposti '
coi punti morti in corrispondenza dei foconi. Per ottener e il funzio-
m1mento a tempo (o a zero) si toglie la spina di sicurezza, se esiste,
e si gradua la spolet ta a t empo; per ottener e il funzionamento a
per cussione si mant iene la spoletta nella posizione iniziale.
L e spolette a doppio eff etto per sMapnel-granata (fig. 239) con
nucleo granat a a nteriore o eentrale (se il nucleo granata non ha
una propria spoletta a per cussione indipendeute a quella a d. e.
dello shrapnel) hanno una disposizione speciale della comuni ca-
zione dei due appaTecehi colle cariche di scoppio, per eh il nucleo
gr anat a deve scoppia,re a per cu ssione anche la spolet ta
ha gi funzionato a tempo: per questo necessario, che la fi amma
delle cassule dei due app ar ecchi non comunichi no con una unica
carica di scoppio, ma abbiano percorsi diversi e indipendenti fino
a due eamere di scoppio pure diverse e indipendent i, e a contatto
l'una, col nucleo gr anata, l' altra col t ubo o coi t ubi di carica dello
shrapnel; sono, in complesso, due vere e proprie spolette, complete
e indipendent i, riunite in un unico. corpo. N elhL fi gura 239 (spoletta
a,u;;triaea) per il congegno d 'accensione a tempo' anche a
far f unzionar e il di spositivo di sicurezza a per-
cu;;" io.ne.
c) Sp'olette ad azione differita.
Consistono in un corpo diviso in due cavit da un i afr amma;
nell a cavit pOlSteriore contenuta una cassul a fissa sul fondo
for ato, per comunicare COll' interno <leI proi etto, e una massa
battente con spill o, solleci tata ver so la cassul a da lllUL molla com-
pressa, ma t r attenu ta da un filo metalli co, che a t tr a.yer sa il dia-
- 155
fra mma c Ifl cavit anterior e ed unito afl un cappelletto ehe chiude
anteriormente quefi ta ultima cavit . Questa, per mezzo di un foro
pra,t.icato nel cappelletto e chiudibile con un t appo a yite riem-
pito, al momento opportuno, di nn liquido corrosiyo, atto a cor-
rodere il filo e et diminui re 1::\, r esiRtenza, fino al punto da eRRere
Yint a dall a pressione della molla ; il filo allora si ro mpe e la
ma:-;sa battente, spinta dall a molla, determina l'accensione dell a
cl sRul a.
Secondo il grado di concentmzione del liquido eorrosi\"o il
filo met allico pu conser ya,r e per un tempo pi o meno lungo la
l' esistenza :mfficiente per l'esistere alla tensione dell a moll a, e, in
base acl eRperienze, l' i pORllfJllO determinare vari gradi eli concentra-
zione corrispondenti ad altrettante durate dell a spoletta, che
Ri estendere anche, C'on una certa a.pprossimazione, a
due giorni.
Awr. 4. - Particolari del caricamento delle spolette.
a) Cassule.
Bsplosico delle caRsule dell e spolette deve essere un detonante
di granfle sensibilit all a, per eussione o alla frizione, ma poco sen-
il ibile alle SCORse ed alt ri urti; di fa.cile conservazione, non igro-
scopico, e capace anche di dare una fiammata sufficente per ac-
cender c miccie e trasmiBilioni a una certa fli Rtauza pnr eRsendo
impiegato in quantit P iccoli si:l ime.
Il f1{ lminato di mercurio, isol ato, non ri sponde eh' all a prima
delle condi zioni , e pen:i IlSO q nasi Rempre impiegato in miscela
con clorato di potassio o solfuro d i a. ntimonio, che hanno lo scopo
di diminuire la sensibili t agli urti c alle scoBse, senZ;:L influire su
quella all e percoBse, anzi fa,yorendola. (solfuro e quello
di fornirp, r eagendo t.ra di loro, hl fiammata di cui il fnlminat,o
deficente. t:; i usano anche eaHsule con fulminato di me1' cn1'io me-'
Rcdato a pob'ere di "etro, e contenenti anche un disehetto di pol-
" er e nera; i due ingredi enti aggiunti hanno gli fitess i scopi dei pre-
cedenti, c permettono una. preparazione pi facile dell a mi scela.
Si sta ora. studiando la. sORtitll zione del fulminato di mercurio
con a,zot uri rnetallic:i, o azoiflrati, che Bnrebbero pi effi caci come
inn esc-a nti, meno perieol o:-; i, e sopra tu tto meno igroi:lcopici del
fulminato.
- 156-
L'wol1,lCrO (fig. 241) e 111 genere di rame, dello spessore di
qualche decimo di millimetro; esso pu essere:
sempl1:ce: 'lenza coperchietto, e l'esplosivo vi tra,ttenuto
da un dischetto di stagnola o di carta pergamenata;
semplice, con coperchietto di mme, tcnuto in sito da piegatura
elel bordo dell'involucro esterno;
doppio, costituito da dnc bOFsoletti, uno dentro l'altro,
iII Illodo da avere una chiusura complcta;
triplo, due bosso]etti come i precedenti, rinforzati da un
terzo tubetto esterno ehe ha i bordi ripiegati in dentro ad ambedue
le estremit.
Queste varie forme furono sueeessivamente studiate per otte-
nere umt migliore protezione dell'esplosivo dalla umidit e da;?:li
urti, ed evitare la dispersione nei trafiporti. Per, la oggi
preferita, speeialmente col fulminato di mercurio meseol:1to a pol-
vere di vetro, quella t,;e mpliee eon eoperchietto di rame.
IJ'esploRivo delle eassnle leg,germente compresso, per evi-
tare lo sgretolamento.
Sistemazione delle cassule (fig. 242). - Le parti delle spolette
chc portano le cassule, dette porta mtssula, di solito, le conteng'ono
in una eavit cilinclrica, nella quale la cassula trattenuta e a,';i'\e-
sta,ta da 11n tappetto a vite, La cavit, a seconda del funzionamento
dellf1 ,'\poletta, presenta da una pa,rte, o da ambedue le parti, attra-
verso il fondo, e attraveniO il coperchietto, un foro per dar
saggio alla fiamma,ta. T alvoltf1 le car-;c;nle sono semplicemente
forzate nella cavit e ne sporgono alquanto.
Jja cassula tenuta aS'eRtata nel sno aIloggiamento dal tap-
petto vite, per mezzo di anellini di gomma o di stag;no; oggi
r-; i impiega esclusivamente lo stf1gno, perch la gomma col tempo
si indurisce ; le casdule triple non richiedono alcuna fiistemaziOlw
di anelli.
Il tappetto a yite, pur tenendo bene assestata la cassu]a,
non deve schiacciare, per inerzia, la caRsula stessa all'atto della
partenza del colpo; perci deye essere disposto indietro rispetto
alla cassula, oppure essere munito di una testa tiporgente che
appoggiandosi su un gradino del porta eassula impedisca qualsiasi
moyimento che potrebbe effettuarsi in conseguenza dell ' inevitabile
gioco nelle filettature.
I fori di comunicazione tra le varie llarti della spoletta SOllO
- 157 -
,;empre chiusi co n dischetti di tela cer a t a, per ed t nre il passaggio
doll 'u midit.
b) Miccia.
,La, miccia uelle spolette l.L tempo, come gi accenn a to, pu
di (lup :-:i pecie : con in volucr o e trafilata, oppme senza
ir lyolncro a J)oh'cl' e cOlllprofifia ill galleria.
J1iccia a invol 1wro. -La, miccia l:L invohtero co rnpost a d i
polyere neTa a gr ana fi na, verniciata (oRsia meRcolata con una
di etere, alcool e mastice in determinate proporzioni, che
a (' onferire lentezza e regol arit di combustione) e contenuta
ill nn ill volu tl' o di piofnbo o di stagno di sezione quadrata o cir -
colar e; la. mi(\cLa. ottenuta per trafil at ura da un t ubo di deter-
min ahl 11lng'hezza o spesROr e di par et i e riempi to di Ull deter-
minaJo di pol ver e yerniciata; l a trafil atul' a (80 oper azioni
ad unifOl'memente le par eti dell' in-
\'olucl'o e 11p110 tempo <t comprimer e la mistunt pirimt.
L 'inyol unro ora fi i f::t, m; clusival1len t e di stagno, per ch il piombo
" l e si rompe.
J['ci a senza in uolll cJ'O. - ID ottenuta comprimendo di pol-
\ "Ol' U '" ,!!,Tana fiJl ,L, in quant it ben determi nat a, direttamente
ent ro le g'alleri e (lug:li a nelli dell e spol ette; la compr essione
n u!a ('0 11 pre6:-:iO potenti ed 0sattiRsime (yedi (, F abbr icazione dei
Jllcbtcr ia l i ) in Illodo (b.L a,fis icll1'<l,re la unifor mit di COfl1-
in (,Il tt i i p]'()( Lotti.
( 'ornbustio/t e ddI a 1n'icci a. - La velocit di combusti one della
nll('la, ,mzi t n t to (1a.lI a, qualit <lella polyor e i lllpiegiLta"
(lall a. w'l'uieiatlu' a, () dal gTado di compresfiione ; all 'atto dell ' im-
piego influiKcOllO (li combust.ione, oltre che la pressione
<I tmo"feri ca li b t,emV<:\l'atura cLl1lbiente, ,bnche alt.re circostanze:
a) I n nelocil drl }J /' oictto, per ch l' aria addemmta all ' ogiva
o;-;t"<Lcola la lihera, eRjlall Siorw dei g:aR qnilldi mlIliell t,a
l,t In'ps:-; ione :m11a, miccia, accelf' J' andone la combustioll e, in
t anto f]u anto ln aggiore il sno val oro.
Di qui la COlwcHiellza di una speciale dis}Josizi onc dcgli sfo-
!l a/oi VOI' evitare }Wl' (ll1 a nt o possibile questa infuellza" che ine
g' olHl'o; si r i:-;conti),{I.1l0 pun:i Rpolet t e clw ha,ono gli i:;fogatoi obliqu i,
colla ind inazi ollp dalla l lar te opposta a qllPll a del movinwnt,o (h
rotazione; ma iII gener e tu tti gli :-; fogato i sono r adiali;
b) lct (lurat(j, delZet combustione: llWll mano la miccia
bruci,1, la ::;poletta si riscalda, e quindi si accelera la combm;tione
della miccia, di modo che la velocit eli comblUltione, auche 1)('1'
questo motivo, nOJl . costante in tutti i punti (Iella traiettoria;
c) l'umidit assorbita durante la conservazione; diminuisce
la velocit di combustione e pu anche, in casi gn1\' i, rendere inn-
tilizzabil(1 la spoletta; a questo incon veniellte VH,uno soggette
specialmente le miccie senza involucro; per fjlle,-;to motivo le
miccie degli anelli sono protette da un anello di CM{Ct pNgamenata
applicato con adesivo speciale; e di pi tutta la spuleUa protetta
da una cuffia di latta o ottone, rivestita, internamente di eart,,,
bibula, verniciatf1, e fisimta alla spoletta (fig. 24;)) mediante 'una
bandella di latta saldata leggermente alla cufI1a steNsa e uH'orlo
del piatto della spoletta; l a cuffia deve misere tolta ,lI momento di
graduare la spolett a, e perci la bandella munita di un anello
che permette di Ntrapparlo con facilit. A malgrado di questa pre-
cauzione, le spolette conservate in ambienti umidi presentano
sempre graudi irregolarit di tiro;
d) alterazione della vernice col tempo; di solito rallenta la
combustione (vetust dellct spoletta), non sempre in modo regolare
c determinabile a priori senza eseguire dei colpi di prova.
Oonfronto fra miccia elicoidale con involucro p miccia ad anell i,
senza involucro.
Lr1 richiede foratltn1 per la, graduaJ\ione, ci che rallenta
il tiro, e non permette, una volta eseguita, variailitmi in pi della
durata della spoletta; d'altra parte, la foratura determina con mag-
giore esatt(1Zila il punto di inizio della combustione.
Si putrebbe evi.tare la foratllra , eomp l'i ril'col;tra in qualehe
Rpoletta rmtiquata, eon un2 azione li potente della fiammat a
della casNula, atta a fondere l'involucro; ma queNto i'liftemfl poc'o
preciso, e quindf ftato abbandonato. Di pi Ri ha l'inconveniente
della vetust della Rpoletta che richiede correzioni non sempre
determinabili preventivamente.
1-1e miccie ad senza involncro sono maggiormente sog-
g'ette alla influenza della, umidit, che pu giungere punto di
imp\;dil'e la graduailione (lella spoletta perch gli anelli di panno
assorbono l'umidiUt e a:,;eiugfll1do:,;i ripetutamellte, a,deriseollo agli
anelli meta,'liei, impedendone la, rotazione. Innltre,il passag'gio del
[noco da un ane1lo attraverso il potanletto causa di
- l G9 -
irregolaritit, ni che eOll siQ:lia a non aVAre nn nnmero (Li anelli :m-
periorc H t,r e. Oi port a per eonseguemr,a UlUI, limi tazione (l f'11a lun-
ghezza f' fkl 11IlmNO (lni p)1'i dell a mi ceia, che ill\"eefl non neces-
saria ('olIa mi ('ci; t a el il.t iJella q naIe la combu>;t ione procede sempre
in modo continuo e regolare (micce ad eliea a,nehe ('on 9 giri ).
Coll a miccia ad aneLl i, IIn eventjuale elTore di graduazione 'l i molti-
plica per dne () per Recondo il nnmero degli anelli.
Si ha, qnindi elle la miccia arI elica permett e (bwate aRs a i mag-
giori dell a miccia ad <I,uelli.
micc:a, ad a,noHi richiede l a f' lI ffia (li protezione dall a
umidit., e quini nn'oper azione di pi da compiersi durante il
t iro, per to' lieJ'e la c llfi.a .
PAr tutte questn r agioni la miccia ad anelli, che era stata
sostit uita alla micci,L eon involncro per a \' er e nwggiore celerit
di tiro, eilsere posposta, ora, ill feg'uito aUe nuove csigenze
della maggiore dnrata, all 'altro sistema, tanto pi che colla, ado-
zione di appar ecchi graduatori delle spolette si pu ottenere l a
foratura eontemporaneamente alla gr aduazione, oppurp in modo
celerissimo all'ultimo momento senza perdita di tempo.
)( L:) Detonatori.
Sono (fig. 229, 2l7) in genere composti da due parti: la car'ica
di 1'inforzo e la eli infiammazionc, ciascuna dell e quali
da esplosivo cOlltenuto in 1lIl bossolet t o.
La carica di rinforzo serve ad allment;1,re l'azione inneseante
dell a R]) olet ta, che, per ::; e stessa, di piecola entit; l a, narica di
::;e1'\'e a propaga,re lmes('md,e rH,pic1ameli te
per tutta la massa dell a. carica i seoppio, e deve per questo adden-
tl:ar si nella maRSa stesR'1.
Il detonatore pu fa.r parte integrallte della spoletta ed essere
a questa permanentemente unito, oppure es::;ere im' ece ullito
compl etamente ael nna parte dd proietto, eome pure l'i hanno
detonatori (l ivisi noll e loro due par t i, f1elle qlmll a carica d i r inforzo
uni tR ana i'polptta (0 r(lwll,\' di infi aruma,ziollf\ rtnit a nl proietto.
Gli esplosivi, da (;l'Ii Nonu costit ui t e ]o due Iml'ti de] detonat ore,
debbono eswre Ili nat lll';l tal e da l'isponderl\ ;l l pl'in('iI)ju dell a
grachwzio )/ c del( in n C8carncnto.
h ,l, corica di rill foJ'zo contplll1t.a in un LOKs ol et tn lI1eDSO a
contat t o coll a :-; polett a colla c<Lriea di i nfiamma,zione; l' esp] of VO
di eni eo::; t itllit;1, deyf' esscre (li sensibilit r elat inuncnte gr:l,ndf'
- 160 -
all 'accenxione, e di grande potere dirompente; la sua azione pu
explicarsi in due modi: a) la sua detonazione provoca la rottura
del bossoletto in cui contenuta (flg. 2] 7); b) il lJosl'\oletto abba-
stanza resistente (fig. 229) per non rompersi alla det onazione della
carica, ma presenta, verso l a carica di infianunazione, un piccolo
foro dal quale eRcono con grande violenza i !?:as che determinano
la detonazione del1:-t carica di infiammazione per elietto d'urto sulla
carica steRRa. Il secondo RiRtema prcRenta Rnl primo i seguenti van-
taggi: l) l a ca.ricl:t di rinforzo maggiormente protettf1; 2) tutta l 'e-
nergia della carica utilizzata sulla carica di infiammazione, mentre
caso una parte va consumata nel rompere il bossoletto.
Si impiega balistite in polvere leggermente compressa, con
un piccolo nucleo centrale di balistite non compressa; e anche
balistite a, titolo attenuato di nitroglicerina; nei proietti di tipo
austriaco si riscontra anche fulmicotone. 11 pew di esplosivo
sempre di pochi grammi (3 grammi).
Una carica di r inforzo di grande emcada cORtitnita da
una cassula contenente due grammi di fulminato di mercurio, di-
sposta nel bossoletto con imbottiture atte a protcggerla dagli urti
maneggio e nello sparo (proietti francesi).
La ca1'ica di infiammazione costituita da esplosiyo con-
tenuto in un bossoletto di resistenza maggiore o minore Recondo
la massa della carica di i:coppio e l a sua flensibilit; Ri l'iRcontrano
bossoletti di cartone, chil1si da fondelli di ottone; 0vpure di lamie-
rino di ottone o anche di lamiera d'acciaio dello Rpessore di 1/
2
mil-
limetro circa. La carica di infiammazione Re mvro completamente
annegata nella delht carica di Rcoppio, il suo ])CSO in rela-
zione peso di qum;ta. L'esplosivo smrente della stessa natura
di quello della ca,rica (li Rcoppio e sotto fonua di ,ersa pi seu-
sibile (eristalli).
Sovente, specialm.ente per eRplosi vi di minor !:el1i: ibilit, oltre
la carica di infi ammazione in bossoletto si riscontra un'altra. ca-
rica aggiuntint, costituita da un bloceo o ci limlro di esplosivo
pi facilment e annegato direttamente nella carica di
scoppio (p. eB., c<Jndela di trito]o nelle cariche di selmeiderite).
Al{T. rl. - Spolette meccaniche.
L'idea di una spol et.ta lt tempo indipendente dalle irregolarit
e dagli ineonvenienti Iniccia sorta qua.si immediatamente
- 16t --
dopo l'adozione della (le prime proposte datano da.l ] 866,
Tremel), che permetteva di sfruttare il movimento di
rotazione abbastanza, regola.re per faTe ag'ire un a,ppa,reechio pura,-
mente meceanico. Le diffieolt incontrate nella produzione di una
spoletta mcceanica e d'altra parte i progressi conseguiti nelle spo-
lette a miccia feccro traseurare il nuovo ordigno, di cui si ebbero
per proposte abbaRt,a.nza numerose. Attualmente il problema Ri
impone di nuovo a,g:li artiglieri , in ca.u:-;a, delle grandissime gittate
n (Ielle necm,sit.fL del t' ito ('ontroaerei, elle hanno per confeguenza.
grandi durate e grandi altezze di tra.iettoria, e quindi varia.zioni
tali nella. velocitfL di combustione della miccia da rendere troppo
:;ew; ibili le irregola.rit inevita bili dell'artificio a mi ccia, irregolarit
che, colle gl'aneli velociti1 da cui animato il proietto a l punto di
scoppio, si traclncono in una, dispersione enorme.
Costit uzionz generale. - Le spolette mpccaniche :-;ono, uome
dctto, basate sul lJl"ineipio del movimento di una parte
mobile rispetto a. l corpo della spoletta, il quale porta una cass ula.
h1 un punto fi sso; la. pa.rte mobile, di sposta inizia.lmente in una,
posizione deterrninata in base alla durata della traiettoria, inizia
il movimento alla pa,rtenza del colpo, e dopo un eerto tempo,
dipendente dalla velocit da cui essa animata e dana. lunghezza
(leI percorso, determina l 'accensione dell a, cassuhL o mediante fri-
zione, o liberando un percotitoio soll ecitato da un" molla o dalla
forza cen trifuga (scatto) .
Per rispondere allo scopo, il mO\'ll1nnto della parte mobile
dOTebbe essere perfettamente nrvijorme (\ HOll risentire ddle
\'ll'iazioni eli del proietto, di pressione atmosferica, eli
l'esistenza dell 'aria. , di temperatura, ccc. Inoltre, il movimento
deye essere lento, per permettere grandi durate, e infine pure
neessario che si possano ottenere, colla graduazione della spoletta,
Y<Tiazioni di durata molto piceole cd esatte, per avere pi ccola
dei punti di scoppio.
Nelle spolette mecca.lliche si eleve considerare: a) l'agente
m.olorc, che determina il movimento elella pa.r te mobile r if'petto a
quella fi ssa della, spolpt,ta; b) la I1 'Clsmiss'':one, medi ante la. quale
l'azione dell'agente motore tra:-;meSS:CL alla parte mobile; c) il
d.is]Jositi'lo di 1'egolazione, che rende un iforme il mOyiIYl ento della,
parte mobile; d) il s'islema d'i graduazione, ell e pu agire, sia sulla.
lnnghezza del pereor;.:o della parte mohile, sia sulla velocit del
;,; uo movimento.
Vol. II. - Armi a fuoco pattuii/ i , ecc. Jl
162 -
'l'une lo :-; poletto (Le \' ono :1ycre poi di :-; po:-; jh\' j di fissaggio
che impcdisca,no quahiasi mOyimell to prima. dell a vartenza del
colpo, e di sicu /" ezza ana,]og-hi a quelli (Lell n ordinar ie a

Agente motore. - Nei var i t ipi di spolef" t a fino a(l orn.
tat,i l' agente motore 1lI10 Ilei scg nellti.:
a) il pcso: una mas'la pC'lanto ('('(' ent('a, imperuiatHi
foll e :-; n un a,s:-; c dell a iipoletta. c di :-; posto fil.condo l' asse del
lJroi cUo; nel movimento di rotazione l'a,:-; :.;('. 1m i:l e stesso, mentre
la, ma:-;sa eccentrica si ma nt iene di:-; pol:ita socolHlo In. verticale (o
P()(',o in COJ1,';cg:ncmm dell'n,t tri to); il moyimento l'plaJ i\'o
dell e cl ne parti pu ei:lsnre t r asmesso all a pa,et(, mohile final c me-
dian te ltL tra smifisione;
b) la forzct (:('ntrifnga: llll o.';,;e1'e utili zzata per determi.nare
lo l:ipolS t,H.mento di ficorre\"oli mdialmente, o girevoli su perni.
eccentrici;
(') l' inerzia ri,-.;petto al movimento di rotazione (li un disco
pCi:lante, folle su un albero longit udinale, come nel caso del peso;
fl) l'1:nel'zia rispetto al movimen to di t,ra,shLzione; che pu
agire su una massa scorrevole, oppure :CLnche su nn l iq uido, che
obblig-a,to a paiisare da una, cn.viUL n. nt cl'iore delhL spolettn, n,d una
eavit, posteriore;
e) la resiste'ltZCt rlell'aria: pn esseI'(' \I t ilizzat n, mediante
etichette o tnrbine, solidali co n un albero a vite; oppure mediante
alettc l)tne, che conser nLno il loro ori entamell to mentre
il proietto gira; oppure anche mediante un disco a nteriore trasver-
sale solidale con una spina scorrevole nell a fi polntta, e l:i ul quale
l 'aria agisce per presl:i ione;
f) la tensione di nna molla.
Su qU2sti vari sistemi di agen te motore :-; i pn osservar e:
1) i sistemi a ) e c) genern.no per i'l lStcsiii 1111 llloYmento
uniforme, perch l a componente della di rotazione del
p['() ietto diretta secondo l 'asse del proietto :-;tesi'lO costante, e
quindi cOl:itante, in un tempo lbto, i l numero (li giri che il proietto
co mpie. In tali sistemi t eoricamente sarebbe inutile i l regolatore;
2) tutti gli al t ri sistemi richieono un r egolatore, perch
l a loro azione variab ile; a nche hL forza centrifuga non pu consi-
derarsi costante per ch la rotazione del proietto non avviene
- Hi:3
attorno (101 proietto st esso, e <] llini ntria eoshllll amell te
la di un (lato lmnto dolla dall 'as.'w (li
Tot ,t 7:iOIlC';
;)0) il a) pn (li\' enire (li funzionamento in certo
nel ti ro \'erticale, p el'eh la llla""a, yiene a gT<l \ ' ,II' U ,'m l
cnsei netto c ;;;i i lltro<lnrrob bo un attrH. o ehe Pll tra-
scinare la maf;Ka NteNfla .
-lO) nei si,.,temi a liq nido, oeoo1're , t01101" uonto dell a dilata-
zione ]) 21' effetto (leI rii'icalda rnento. Jl liqnido p it e" e1' e NONtitnito
da sostan7:e granllloNe (panini) o pohornlel11 e.
5) nei Nii'ite mi a molla Na.robbo eonveniente ell e la molla
essere in ten,ione soltanto a l momento <lell' illl-
piego, sia per ."iellre7:za, sia per evit,:u'e la. perdit a di elas tieit',
in una Inn,2: a conservazione.
Trasmis 3ioni. - L'agente motore pu, in alcuni casi, agire
direttamente snlb parte mobile; ma in generale si hanno delle
trasmissioni colle quali si possono ottenere lunghe durate, faci-
litare le operazioni di graduaJlione e i di spositiYi di rego-
lazione. Le trasmisi'l ioni possono essere:
trasmissioni fiess ibil i: fi lo inestensibile avvolto su una
bohina e unito alla estremit, libera ad un albero dall'agente
motore;
b) t rasmissioni liq ui(le: possono influire sulla velocit del
movimento coll a loro ensit c vischiosit;
c) ingranaggi yari: e chiocciola,; l' note dentate e roc-
chetti piani e eoniei; vite perpet ua c l' not a ece. ]fl da
ri tenersi conveniente che a.ssi degli ingTanaggi siano disposti
parallelamente all' asRc (lei proietto e, per quanto possi bile, con
queste coincidenti, per evitare sforzi di fl e,, 8ione, e l'influenza
della forza centrifllga.
La parte mobile finale pu eRsere, sia un blocco scorrevole
oppnre un (ENCO o cilindro girevole.
-{ Rcgolazione. - , Comc elemento regolatore stata assunta,
come si detto, l'ulJiformit del moyimento rotaJorio del proietto
attorno al proprio aNse, oppure qualclw altro mezllO: p assaggio di
liquido attraYCI'SO una piccola apertura; l'al,lirito tra urm Yite c l a
sua chiocciola; una molla che agisca sui denti di una ruota dentata,
- - 164 -
o anche una specie di volano fissato ad un al bero degli ingranaggi.
Questi mezzi sono, evidentemente, di iicarsa preciiiione, perch
risentono iiempre o dell'intem;it dello iiforzo dell 'agente motore
o della forza centrifug'a. Il sistema da cui si pu ottenere il miglior
risultato quello del b'ilancicr-c con scapl) amcnto, che trasforma il
meccaniiimo in Iln vero e proprio orolog'io, e che delicato e costoso.
GraduazionI:!. - La graduazione in generale ottenuta collo
spostamento della massa mobile fin ale in posizione conveniente
rispetto al punto fisso della spoletta in cui sistemata la cassula.
Le varie modalit dipendono dal sistema, di agente motore e di
tra;.;missione. N elle spolette a liquido si pu ottcnere la gradua-
zione variando convenientemente l'ampiezza eli aperture attr aycrso
le quali deve passare il liquido.
Tipi di spolette meccaniche. - - A chi arimento ddle cOl1sidp-
razioni suesposte si elnno le caratterist iche e schizzi
schematici eli alcune spolette tipiche proposte nei tempi passati
(mai impiegate e forse nemmeno sperimentate), e di due Rpolette
tedesche che furono impiegate durante la grande guerra.
Spolctta Trcrnel (1865) (fig. 244). - Forza ccntrifuga per la
massa mobile (a), per il regolatore () (pallini di piombo) e pcr il
percotitoio (e), che viene libc1'ato quando, es:-;endo evacuati i
pallini attraverso l'apertura (cl), la maSfla mobile (a) permette al
cuneo ( c) di spo 13 tarsi.
S]Jolclta Smit h (fig. 245). - 1\ lnolla (a); con azione di-
diretta fl ull a IYlastia mobi le (b), il cni movimento regolato dal pas-
sag'g'io di liquido lungo il ca,nalc (c) ela. pa,l'te all 'altra, dello
stantnffo della massrt mobile; la gradnazione data, NOlTando pi
o meno la, vite ((l) che cltinde pi o il1eno il can,de di
La parte mobiLe tenuta. fi ssa nella posizione i niziale dali 'asti-
eolo (c), che, per effetto den a pressione dpi gas (spoletta posteriore)
si sposta. in avanti; il (f) a moll a liberato dalla parte
mobile al termine della corsa.
S]Jolett(t Br-clan (1870) (fig . 24G) . - .Massa eccentrica (a)
fiss"t su asse longitudinale (b) impemiato collp "lle estremitt, sulh!
spoletta. Trasmissione a ingranaggi: rotell a dentata (c) portata
da.lla massa (a) e ingranante simnUaneamenj'e ('on una -v it e 1)('1' -
petua (d) fi ssa, e una ruot a dentata, conica (c) follp :mlFalbero (b) ;
qucRta solidale con un diseo (f) sul cni orlo rica\'a to 11ll illtaglio;
- ]65 -
percmisore a molla portato dalla massa eccentrica, con un dente
a contatto del disco iato; quando il disco girando presenta
al dente l'intaglio, il percussore scatta. P er graduare si deve giral' e
a mano il difico, che fie mplicemente forzato la ruota den-
tata conic .. t ; si deve levare il coperchietto.
J!I(mbc'U[J c (fig. 247). - Inerzia long;i t udinale rm li-
quio (petrolio o alcool), che deve passare dalla cavit (a) alla
cavit (b) , attraver so il foro (c) del cappelletto (d) che costretto
ad avanzare. Non vi apparecchio di regolazionc. La graduazione
si ottiene facendo girare, insieme al corpo dell a spoletta, il Cal)pcl-
letto, che, in questo modo, mediante una scanalatura elicoidale
interna (l giro), determina dopo un dato tempo lo scatto di un
nottolino che libera il per cussore a molla.
Spolctta I nclra (fig. 248) . - A peso foll e : trmi missione a filo;
con sistemazione analoga alla Berdan, fi i 'provoca l a rot azione di
un tamburo (a), su cui si viene ad avvolgere un filo preventivamente
avvolto RU IIJ1 a bobina, (b) . Il filo , quando completamente svolto
dalla bobina, agisce su una seghetta ehe determina l'accensione
della cassul a. La graduazione si ottiene facendo girare l' asse (c)
mediante il bottone ((l) e ottenendo cos lo svolgimento di una
lun,g' hezza conyeniente di filo.
S]JOlctl a Jlaxim-No/' clcnfcldt (fig. 249). - Ad azione aerodi-
namica con alette piane ; trasmi ssione con ingran aggi, che co-
mandano un diseo (a) co n intaglio e funzionament9 analogo a,ll;t
lYIallbeuge. Gra,duazione per rotazione di tutta la parte superiore
della spoletlia, in modo da spostar e il disco e il sno in-
taglio rispetto a,Ha scanalatura in cui scorrevole un dent e (b) del
sistema di percll 'isione a Inolla.
S polettet (fig. 250). -- A molla ; t r smissione a
vi te e chiouciohl. ; r egolazione per semplice attrito. Funzionamento
evidente dall a. fignra,. Graduazione per iniziale dell a
chiocciola che pi o meno il per eussore.
1npfJ 1908 (fig. 251). - A molla c ingranagg i; 1'e-
gnlazione a bil a nciere co n scappa mento; un vero c proprio 01'0-
logio, dell' orologio coma nda un disco (a.) con un
i ntaglio Fmll'orlo; itl tale intaglio pu penetra re il dente di una
leva (bl portata da un a hero (c) sollecitato da una molla, e munit o
di un gTac1ino interrotto ehe sostiene un mollone (d) ad a nello
con pe1'e ll ,,::;oro a pnntc1; quando il di r;co, girando, presenta al dente
- 166
della leya l'intaglio, l'albero gira, il mollone sfug'ge dal gradillo
o si ha l'accensione della cassula. Per si SpOf;ta, il di sco
ris petto a11 'albero, al quale esso i:l collegato wlo per forzanwnto; la,
rota,zione del di8eo , ottenn ta per mezzo della rotazione del eoper-
chietto (e) che collegato al di sco meiant e llll dente a molla,
che poi si allontana dal disco, quando il ]Jroietto l'arie, per pfletto
della forza cpntrifuga e lascia libero il disco di J'llOta]'(' "onza tra-
8cinare il cappelletto. Questo si schiaccia contro iL corpo della f;pO-
letta, ver effetto della scanaJatura (f), e vi rill1aJle fb"ato in modo
da non pert11rbare con movimenti irregolari il funzionamento.
VOJ'olog,'io flempre carico, e fino alla, partenza elel colpo tenuto
fermo da un ehiavil:ltollo longitudinalp elle rimane indietro per
inerzia. Dispositivi di fl ieurezza vari.
8poletta tedesca 1916 (fig. 252).' - A forza cpntrifl1ga, con
trasmil:l8ioni a ingranaggi; l'egolatore a bilanciere. La spol etta
piuttosto complicata. I.,a forza centrifuga agisce :m due settori
dentati (n e n'), che mettono in moto il congegno di oroLogeria.
Il sistema di seatto analogo a quello della spol etta Krupp pre-
cedentemente trattata, ma il pereuswre a stelo e ROllpeitato da
una molla elicoida,le. Anche la graduazione avvinne in modo ana-
logo. Il fissaggio in posizione ordinaria dato da un ritegno a molla,
che libera gli ingTanaggi per forza centrifuga alla partenza del
colpo.
Le :-;polette meccaniche posteriori alla grande guerra sono
ten u te segrete.
Sembra per che risultati soddisfacenti fli pOfll'\<1nO ottenere
dalle "polette con regolatore a bilanciere, che il solo sistema
assolutamente indipendente dal movimento del proietto. I., a diffi-
colt sta anzitutto nel concordare la delicatezza di un congeg'no
di orologeria con la rustieit e la robustezza neces8aria pOI' r el'\istere
uJI'urto della partenza con grandi velocit iniziali; in secollcLo luogo,
nel costo elevato dell'artifizio e nella produzione accurata ed esatta
pnr essendo fatta fl U vasta l'cala.
Aln'. (i. - Graduazione delle spolette a tempo.
Graduazioni. --- La graduazione delle l'\ polette a ea])pel ll'tto
1'j8so. ti po fraIHwse, data dalla u bicazione defori del cappelletto;
quella ch,ile spolette ad anello mobile deve miiiurare lo sposta-
mento angolare di detto anello rispetto al corpo; ed segnata
- 167-
sul c: urpiJ st CfiSU o sull ' all<>llo, in corri spondenza di un indi ee pOl'ta fo
dall ' altro elemento.
hl gr: dll::lzione r l'() miser e fatta in t e1n1)'/: , in 11lnghl'zzP di
miccia, oppllre a distanze. Le prime due r ichiedono l' inlpiego dell e
t: \'ulr. di tiro, ehe diano in eOlTif;pondenza di og'lli dil;tanza ('
pH o!!.lli earica la graduazione da dare alla f;poletta.
La graduazione a di stanza es ime dall'impiego dell e t avol e eli
t iro, ma applica.bile ]ler Ulla, f;o la, bocca da fuoco c per 1111'llniea
ea.riea; pf' rci f; pol ette di uno stesso modello debbono a ,yeI'C gra-
duazioni rliyene per ogni bocca (hL fuoco ehe le impi ega: la
duazione a c1if;tanze segnata generalmente in ettometri e mezzi
ettometri e quindi obbliga a eOl"rezioni fi sHe, ment,re gli ,li tri t ipi
di gr aduazioni si prest ano (\ eorrezioni pi elaHtiehe.
I,a graduazione a distanze era quindi escluRiva per i cannoni
da campagna leggeri, ma l'eRtelldorRi anche a qnesta specie di
al'tiglierie delle eariehe multiple, obblig'a ad adottal'e anche per
queste una gT::1,dnazione a tempo.
1-1a gr aduazione a distanze, inoltre, pn anche fornire al ne-
mico un elemento utile per la individuazione delle nORt rc batterie;
anche, per questo motivo Ii i le lipolette senza gradua-
zione: eoll' impiego di graduatori meecanici di spolet t e.
Graduatori di spolette.
Sono apparecchi Ch8 l':i i possono graduare come le spolett, e
ehe applieati a quste, co n un a Re mpliee rotazione di un manubrio
determinano la esatta graduazione o forat ura della mi ccia della
spoletta.
Come dill1ll"ioni si posso no distinguere in graduat.ori a mano
e grCtcltlCtlori fissi: i primi sono di pi ccolo pe;;; o e piccole (limensioni,
si applicano alle spolette; i seeondi inyece Hono di peso piuttosto
eonsiderC\' ole, fi ssat i un Ho:steg'no stabile portato dal cas-
sone o dall'affufito, e l':i OllO atti a eontenere l'ogiva del proietto e
la spoletta, su cui fi i agisee per mezzo di un lnanllbrio che eOlflancla
degli ingranaggi.
Come funzionamento, si possono distinguere in ordinar'i e
automatici : i primi richiedono l'fLpplicazione alla spoletta, in una
determimtta po:s izione; nei secondi invece la :spolctta pu esser e
disposta comunque nel gra,cllla,tore, e Iii ottiene qual siasi gTadua-
ZiOlW sempl' i:( collo RtesRO rnovimento del manubrio.
- 168 -
bene distinguere fra gracltuttori Ct foratum e g}'aduedori pcr
s polette ad anelli.
Grad uatori a fo ratur a (fig. 2;')3). - Sono graduatori fissi, ordi-
nari. In una cassetta parallelepipeda sistemata anteriormente
una coppa (a) atta a, ricevere e a sostenere il proietto disposto
coll'ogiva in basso e colla spoletta sporgente in basso dalla coppa
stessa, in modo da poter essere raggiunta dalla punta di una
lama (bl ad una longitudinale scorrevole orizzontal-
mente in avanti tlotto di una leva situata lateralmente
alla la coppa, esternamente, ha una filettatura a vite
di passo ngnale a quello dell'elica della miccia, della spoletta, e
pu essere fatta ruotare, mediante ingranaggi comandati da un
manubrio esterno; l'notando, la vite si avvolge o tli i'lVolge nella chioc-
ciola trascinando con tl il proiet to e la Hpoletta e se la spoletta
inizialmentc in modo che nno dei forellini del eoperchietto
si trovi hl corrispondcnza dclla punta della lama, muovendo la.
coppa, la linea elicoidale dci forellini tli mantiene sempre in corri-
spondenza delh lama ; hL coppa viene quando di fronte
alla lama si tl'Ova, il forellino corrispondente alla graduazione
voluta. Tale posizione determinata mediante un disco graduato
girevole Hul coperchio della cassetta, e mosso dallo stesso manubrio
di comando della coppa, o direttamente o mediante ingranaggi;
il disco ha una gUl,duazione (semplice, o multipla per cariche mul-
tiple o a curve per controaerei) che si legge in corrispondenza di
un indice dal coperchio.
Il proietto deve essere introdotto nella coppa con un deter-
minato orientamento rispetto alla coppa tltessa, e a questo scopo,
nell'interno della coppa ricavata una scanalatura secondo un
meridiano, in cui si deve adattare un tallone sporgente dalla spo-
letta. La scanalatura svasata verso l'alto, in modo da facilitare
l'intl'Oduzione del proietto.
Graduatori per S)olette ad - Debbono provvedere sol-
tanto a determinare una certa rotazione dell'anello mobile della
spoletta. In generale sono costituiti da due parti (una coppa e
un manicotto) girevoli una sull'altra e costituenti nel loro interno
una cavit in cui si adatta esattamente la spoletta: la coppa COl'-
risponde all' anello mobile della spolet ta, il ma,nicott.o, al corpo
della spolet.t.a; ciascuna, delle due parti ha dei denti, in genere a,
molla, mediante i quali pu far presa snll'anello' mobile o sul corpo
- ]69 -
dena spoletta, che sono sistemati in modo conveniente (intag'li):
quelli della coppa sono organ'i di presa dell'anello mobile, c servono
a trascinare l'anello mobile: quelli dcI nnni cotto sono organi (li
arresto e servono arrestare il movimento ur tando contro a una
parte fi ssa del corpo.
La coppa e il ma nicotto, per deter minare la della,
spoletta, possono essere fatti in diversi modi:
a) (fig. 254) la cOIJpa in del dente di presa,
porta un indice, il manicotto una graduazione collo O in corrispo n-
denza del dente di arresto (o viceversa) . Un sistema con vite o
nasello di pressione permette il fi ssamcnto reciproco dolle due pa,rti;
manubrio di maneggio. 1-,0 strumen'to, fi'\i'ato l'ig'idamente ad una
data graduazione, ha il dente di presa, e quello (li arresto scostati
angolarmente l'ullO dall'a.ltro di quanto l'anello mobile deve essere
fatto l'llotare sulla spoletta: il graduaton applicato alla spoletta
in modo che il dente di presa afferri l'anello mobile, e fatto girare
finch il dente di arresto urta, contro b sistemazione corri,;pondente
del corpo.
l't forma pi semplice di gmduatore; richiede una applica-
zione eMLtta alla spoletta: q nella in genere a,ppli cat;L ai gmduatori
a mano, di piccole dimem;ioni; in ei'lsi la coppa e il manicotto possono
essere sostituiti anche da due a nelli che si adattano all a spoletta;
b) il manicotto (fig. 255) port.a il dente di arresto e nn bot-
tone che pu essere scostato e fi ssato rispetto al rlente di l1rreRto di
quanto si vuoI fare l'uotare l'anello mobile, e ci in ba"se ad ll na
gradnaz ione convenientemente disposta; la coppa ha il dente di
presa a molla che, qua ndo impegnato nell'intaglio dell'anello op-
pure q uando non contiene la spoletta, fa sporger e una
leva che pn urtare contro il bottone del manicotto, quando si
faccia, girare la coppa rispetto al manicotto; mentre invece tale
incontro non poss ibile se il dente di presa tenuto spinto dalla
spoletta nel suo allogg'amento.
Graduato lo fltrnmento, esso si applica comunque (o in esso
comunque si introdl1ce) l'ogiva del proietto: in generale l ' intaglio
dell'anello mohile non corri sponde all a posizione in cui si trOY3 il
dente di presa, e quinrLiquesto fatto rientrare (fig. Ct); la lfwa da
esso comandata non pu urtm'e il bottone e quindi l a coppa pu
ruotare liberamente ri spetto a,l manicotto; la rotazione della coppa
ottenuta con un rrmn nbrio a,d essa applicato, e si compie tenendo
170
fermo il proietto; quando il dente di presa pa KKa Knll 'intaglio del-
anelI" lllobilt" .<;pintll dalla "1 ,a Hwll a, vi Ki <!(lc!Yli!r<l, (fig:. b); la leva
allora si di NpOllC in moli " da. poter iueontl' are il bo t telw, ei elte
avviene continuando a g:irare1a cOpp: ; pro:-o eg'uen<lo la 1'Mazione
la leva tra"cina con :-; il bottone (fig.c) e qlLillfli tuLt-o il mani-
cotto, o:-; ;;.:ia i l llULnicotto diventa solidale colla. covpa, c l'inkieme
g']'(t finch il dente eli arresto non urta COlltro l'anesto dena sp-
letta (fig'. cl); queKta rmlta quindi gTaclllata. Lo "tCi'lt4 0 si v m'ifica
:-;e nella rotazione della coppa, dopo che il dent e di pl' e:-; a. ha affer-
rato l'anello mobile, que;.; to traseina con s Lutto il proietto, e
q viene arrestato dal dente di arresto prilll<L elle la leva
incontri il bottone; il risultat o finale ehe l 'anello molJ il e ha l'UO-
tato rispetto alla spolet ta di quanto il bottone era stato "co"t ato
ri:; petto al dente d'arresto.
Il manubrio deve essere fatto girare, tenendo fermo il proietto,
finch non si avverte un arresto del movimento. La graduazione
si ottiene con due giri di manubrio al ma:-;"imo.
Oon questo siktema, che pu ehiamal'ki aUlornat'ico, pel'eh
non richiede a leum1 preeauzione nella appliea,zione dello strumento
alla spoletta n nella operazione, si possono cOi-.itruil' e graduatori a
mano e anehe graduatori fissi (graduatori meccaniei da 75 906
e 75 CK - fig. 256).
c) la coppa e il manicotto (fig. 257 e 258) sono contenuti
in sostegno robukto, e in ekRi il proietto introdotto coll a ogiva
in basso; essi possono essere disposti in modo che il dente di presa
e il dente di al'l'mlto Riano convenientemente seOF;tati, in base ad
una graduazione, e poi possono esser fatti l'notare in kenkO inverso
l'uno a ll 'altro con Ull unico manubrio che ingranaggi
vari, e che con una rotazione ekatta di 360, fa compiere a cia-
selluo di essi un giro eRatto pure di 360; in llH)(lo che, Ill timato
il movimeuto, essi :-;i trovano nella identica cLell ' inir.io:
dll rante il movimento, necessariamente, comnnque ;,i trovi <1i-
:-;po,Lo i l proietto, il dente di preta della coppa ilcolltnlj l' intaglio
(lel
1
'anello mobile e il dell te di aI'rekto del manicotto l' arresto della
spoletta, quindi l'anello fatto g irare in un SOI!W, la t4}lo lctta nel-
l'altro; IlHilll:lto il movimento, l'anello ha ruotat o di qna'lto il
dClIte di presa scost ato da l dente di arresto, os;.;ia. la ::;polctta gra-
dnata. (Graduaturi autonmti6 Kl'upp).
Questo tillO di graduaton pu chiamanli a dOP1) ia rotazione
ill l' ersa.
- 171 -
L<l l' il ILe, irnenLo inver:-;o della coppa e del rna-
llieotto ot tenuta (',on il ingrunaf.'gio (fig. 2(8): la coppa
e il manicotto hanno nna corona dentata conica in cui
ingr anano dne ruote dentate eoniele montate
.:mllo eomandato dal lnanubrio strnlllen to.
F na \111<' rnn l-(, (n) ' f,;,.,a all' alhprll
j
l':,ltl'a (b\ ('
foll e ioinll':1. dw,ro ('fl ali " pl'im" m!lmllte una -vite t::ll1gente
ingranata in ulla ruota (lentata eli cciclale.
Ag'clldo a talp d te tang'ent,c l' i fa ruotal'e la eoppa risp ?tto
al manicotto (o viclwersa) e :-;i ottiene la gra,dnazione ; ageno
al manubrio, ambeclne le l'note dentate girano nello stesso :-;e nflO
e qnindi gir ano in KCllflO OppOi'ito l' uno all 'altro le corone dentate
del manicotto e della coppa che irlg:ranano in punti diametralmente
oppost i al KiRtema dplle l'note (1entate.
Alcuni modelli Knlpp hanno anelle una :-; istemazione per otte-
nere au tomatieamente la varial\ione eli graduazione per il tiro a
serie, arrestall(Lo il ma nubrio prima che giunga a compiere un giro
eRatto, di un areo erl'i:-; pondente CL 1 Em. o 2 Em.
Graduazione correttri ce. - In generale nei graduatori rnecca-
!lici l'indice graduazione (o anche la graduazione stm;sa)
non I;ono rigidamente fi :-; :mt i alla pa.rte a cui sono ma sono
s'p0l;tabi1i a ngolarmente lungo llIla gTaduazione detta correttT'ice
(fig. 256) ehe permette di apportare alla graduazione base delle
eorrezioni dipendenti dalle eil'CoRtanl\e pal'tieolari del momento
in eni :-l i e:-;eguisee il tiro Renza "Uerare il numero elle e:-lprime la
gradua zioue bai'c q nc:-ta Ulla q nasi neceClsaria colle
g'l'ac1n:\I\IOlli a !Jt:

' ; 1\ ore .<e nrpm 13 f' ollCordanza Lra alzo


e gradllaz ioll u ba:-;" ddla ma anehe convemente nelle
gradLl azioni a dnratn () a luughcl\l\a ci i miecia, perch permette di
apportare le correzioni eolla semplice enumerazioue dell e correzioni
litcflse, senza elle OC( :Ol'l' L r ipetere la. graduazione base, ei che
molto comodo nella con(1o tt"t del fuoco.
Vantaggi dei graduatori di spol ette. - Da qnanto stato
eKposto risulta che i gra(1na tol'i (li spolette:
1) Agevolano l 'operazione (lella, gl' t ll uzione, perch per-
mettono ull a azione pi cfficaee Ci ugli anelli mobili , clw debbono
es sere alquauto forzat i, per evitare spostameuti uceident ali lungo
la traiettoria e q Llindi pl'eiwntano Ulla certa al HlOvimento,
-- 172 -
resistenza che pu esserc accresciuta dallo iltato di mediocre con-
servaJzione.
2) ]D ,' it ft no ('!Tori, quand(l si (}fbbollO sll:ll'Hre pi COI])]
coll a ilteilsa. graduazione.
3) la condotta CI fuoco coll'impiego ddla gra-
duazione cOITcttrice.
4) Permettollo di dare gradna:r.iolli ilvi1uppo pi ampio
di quello po;.;s ibile sugli aneli i delle spoleUc c quindi diminuiscono
gli errori di coincidenza.
fiO) Permettono graduazioni molteplici, per lc varie cariche
di cui fa uso una bocca da fuoco, e quindi ogni graduazione pu
essere segna,ta, a di stanze, l'cndendo inut i\ " l ' impiego dell e tavole
di tiro per la detenninar.ione dell a graduar. ione da dare spoletta.
6) Pcr i c, tnnoni controaerei permettono gTlctduazioni com-
pIe Sile secondo la di;.;tanza effcrt i \-a del bcrsaglio e ilecon(l o l'angolo
di sito (clementi che determinano la durata) e permcttono quindi
la llecesilaria celerit di operazioni (fig. 2fi6) .
7) Rendono inutili lc graduazioni slllle i'\ polette.
8) Per le ,'>polette a foratura tipo francese, pcrmettono di
seguire le variar.ioni di graduazione fino al momellto di caricare
il pezzo e di ottcllere la foratura scnr.a perdita di tempo .
1 f)N,dual,ori a1l!o nuttici hanr,o su quelli ol'dill a,ri il vuntaggio
di nOIl richiedere alcun adattame
1
1to Rpeci,tlc nekt applicazione
delJo strumento a.lla spoletta o nella j n troduzioll e del proietto
nello strumento, e di eseguire l 'operazione sempre collo st.esso
movimento di rotaJzione del manubrio, filiO che questo arrestato.
I graduatOl"i fissi sono pi imgombranti di quelli a mallo, e
pi complicati, ma permettono una maggiore comodi t e celerit
nelle operazioni, e pOSSOIlO anche essere congegll at i in modo da
I
graduare contemporaueamente due proietti, qualldo lo stesso ma-
nubrio faccia agire nello stesso movimento due congegni separati
CAPITOLO VI.
Polveri, cariche e cartocci
Awl' . 1. - Polveri.
Le polTeri oggi impiegate neUe cariche di lancio sono esclll-
polveri infumi alla llitrocellulo:,;a pura, o all a nitro-
glicerina. La polvere nenL impiegab1 ancora per facilitare l' accen-
delle polveri inf umi, con cal'ichette di trasmisRione per lo
pi con po1\"e1' e ner a a gl'lIna fina, data l a sua facilit. di
accensione.
Gli Rtudi at,tm1li tendono alla ricer ca di p91veri meno e1'o-
siye, per li mitar e il logorament o delle armi, ci che si cer ca di
ottenere colla introduzione nella costit uzione dell'esplosivo di
ingr edient,i ehe diminui scono la temperatura di esplosione senza
per influi re troppo Rull a potenza ba.\istica, per evitar e l'impiego
eli cariche Il i ma,ggior pei"o, e inconveni ent i consegu en t i
nolla l'i pesa, nei t raRporti, ecc. Le polveri fino ad ora pr oposte
contengono per lo pi una oerta qanti t di nitrotoluene e di cen-
t r ali te.
Un'alt,m e:,;igeuza, ehe si fa. or a sent ire pi che per il pas-
/iato, La soppressione o quanto meno l 'attemmzione dell a
vampa, che l'elemento r ivelatore cl ella posizione del pezzo; sono
sta:te proposte polveri a vampa H,t t enu at a, ma per lo pi ora si
lJl' Oyvede coll 'ag'giullta: all e cariche di polvere comune, di UHa
('orta q nantit di so:,;ta.nze atte allo scopo; per esempio clorur o di
pota,ssio, che pur non dimunucndo la intensit della vampa, le
cl it, una C'ol orazioue <Lzzurra, che meno visibile a dist a nza.
Lp gl' a Ili ture usat e per le polv'3ri infmni sono.
Bali st ite itali alla : piastr elle doppie, piastrell e decuplC' ,
;q h'i.:;cie doppie e triple ; fogli placche.
Balistite pi astrelle, striseie, dischi forati al centH' .
Cordite polver e Co: : tubi e bacchette.
Polveri <lnl ericaJlO fl lla nitror cllul osa: tubetti (1180 sol ent<-, ),
- 114 -
e ciIi n dI'etti con 1 fori IOllgitndinali, (li lllllg'hl'zza (ll'(a i! doppio
del diametl'o.
Polveri 13 francm,i: o b,mddle.
Aln. 2. - Cariche.
Oarica rnrJ,ssirna. - Il l', la !:!.T,tllit ul'<l, della, carica mas-
di deduce, nel pl'ogetto della buc(:a (la flloeu , ill lmse alla
velocit iniziale dw Ni vuole ottenere con llll detenninato proietto,
terwlldo COll(JO deLLe limita\lioni impo"te al pe,.,o dell ' arma, e quilHli
anche e lunghezza, dall'impiego CL eui eBsa
deRti nata.
Oariche r.lotle - T,e cariche ridot te liarobhel'O proprie delle
artiglierie a tiro curvo, obi ci e mortai, m,1 in g'enerale o,,:-:e :;ono
state impiegate sempre anche coi cannoni dell e artiglierie terreRtri.
Per i cannoni leggeri un tempo erano esclu:;e, allo :;copo di otte-
nere semplicit di impiego e di rifornirnento e celerit di tiro:
l'esperienza della grande -guerra ha dimostrato ht convenienza
delle cariche ridotte anche per que;.;te artiglierie, sebbene P?ssano
portare ad una diminuzione della rnassna celerit di tiro consen-
tita dal materiale. Le ragioni che com;ig1iano le cariche ridotte
per i leggeri non rignardano soltanto il loro impiego,
che certamente avantaggiato dalla possibiliUL del tiro curvo,
ma anche la conservazione dell'arma" perch il continuo lliO della
m1rica massima nel tiro celere camm di grandI', e rapidissimo
logoramento; d'altra parte, la mas'linu celerih1 confe ntita dal ma-
teriale non , in pratica, quasi mai di assoluta neee1lsit, e del resto
si studiano dispositivi nella, eOftituzione del cartoccio a
bossolo ehe pos1lano con"entire anche questa massima celerit
qW1ndo le circostanze del combattimento lo richiedano. (V. Car-
tocci a proietto). In ogni modo, per i cannoni leggeri sono previste
in gcnere una carica di impiego eccezionale, nna carica
normale e una o due cariche ridotte di impiego eventuale.
Per lo stesso motivo della conservazione delle armi in ge-
nerale prevista una carica ridotta, anche per i cannoni navali e
da costa, che essendo de-;tinati esdllsivamente al tiro di lancio,
dovrebbero sempreimpiegf1re la carica massima; la carica ridotta
impiegata nei limiti di ditltanza per cui essa pu (hre velocit
residue :;ufficienti allo scopo c per esercizio.
-- 175 - -
Pm' i eanllolli cOlltroaerei 110n ammi""ibile alenna carica,
ri <lotta, pereh la loro la m:uisima celpl'it di tiro
e 8I'nLj)}'/' ('ol Ia ma';Rinm veloei1,il, iniziale.
Oomprnctrazionr rlrlle eal'iehc l'lotle.
Per le artiglierie erw fanno lI!O delle cariche ridotto in linml
normale, il Ri stellta (li (lp.\'e in gel1el'(' alla eOll-
dizione di o1"tenere ll11:L certa eompenetrazione (ldle zone ba.ttute
da due cariehe RtWCeSKive, C011 un angolo di cadnta snperiore ad
UJI eerto lilnite, deterrninato da di impif'g'o Necondo il
genere (lella hoC'ea (la. [nooo e ci aver oampo di
il ea.mbiamento di carina, tempe:,tivamellte qua,])(lo il bersaglio
in movimento: qlle:'ita nna per g'li obici da, eOi'ita, i
quali 1irallo !i ll 1Jel'!iagli assai v('lo('i, ehe eOIlyeniente battere C'on
angoli di eadllta HOJ] i nft'l'iori a 20
o
-:)()O P('T ottenere i nwsRimi
eHetti di !ifowlo (lei ponti corazza,Li. Anelw per le artig'lierie eam-
pali eon\'f'nientp. avere una eerta per di
caduta sllpriol'i per a Ci c; ienrare il fnllzionamento della
spoletta, evitare rimbalzi, battere berCia,g'li defilati. L'estensione
della. corn11enetl'a.;r,ione variabile seeondo la velocit normale
dei bel' ,'iagli da. battel'Ri; e per gli obiei da costa conviene anche
elle la zona battnta da eiafi cuna, carica, Ralvo le due f'fitreme, pOSCia
eSRere battuta per la met lli lontana dalla carica, iJ11LIwdiatamentc
superiore e per la pi vieina della cariea immediatamente
inferiore, oRsia ehe la, zona battuta (1<t ogni earica Ci i estenda finQ
il quella delle non imn1.ediatamente inferiore e superiore.
JJJsernpio,'
Obice da 305/ 17. - Tiro a granata pesante: ? 45"-
P carica battc da 1900 m. a 2350 metri con
2
a
2400 a 3550
3
a
4"
5
a
6"
7"
8
a
2950
3700
4600
5600
6700
8550

)'


))

a 4400
a 5550
a 6950
a 8300
a 9050
a 12650
Sistmnt Ih cari/w a elementi ugual'i.
21.9
22.1
21.7
---- 21.8
21.5
21.9
22.6


23.9
Per le artiglierie campali, conveniente che ogni carica ri-
sulti dall 'agp;iunta all a carica immediatamente inff'riore di un
dato peso di polvere; l a carica minim:l l' elemento tonda,rnentale,
a cui si aggiungono uno o pi eZemenH aggiunt'ivi, tutti uguali
176 -
fra di loro, per ottenere le cariche successivamente superiori.
Questa sistemazione permette di impiegare elementi di carica gi
confezionati, e di facilitare i rifornimenti, perch per ogni bocea
da fuoeo non si hanno ehe due specie di elementi, e per sempli-
ficare il servizio.
Esempi;
Obice da 149 A. p. c. - ta carica (elemento fondamentale) g. 540; elementi
aggiuntivi di g. 270 ciascuno( 5:0); 2
a
carica g. 810 =- (540 + 270); 3
a
car ica:
g. 1080 ='. (540 + 2 X 270); 5
a
carica g. 1620 = (540 + 4 X 270) (progetto).
Granitura, delle cariche ridotte (Vedi Parte I).
Per poterRi avvicinare colle cariche ridotte alla pressione di
regime della bocca da fuoco, (e ci allo RCOpO di assicurare rego-
larit di combuRt ione, combustione completa dei grani, funziona-
mento del congegno di chiuRUra, ermetica e delle spolette) talvolta
necessario impiegare per le minori delle cariche ridotte graniture
pi vivaci di quelle usate per le cariche superiori.
In genere, in un sistema di cariche possono bastare due grani-
ture, ma talvolta ne sono necessarie anche tre o quattro.
Esempi: Obice da 305/ 17: 16 cariche;' le prime dodici di balistite 2 X 4 X 4
le quattro rimanenti di balistite 3,5 X 35 X 35 (oppure 4 X 40 X 40 in peso
rispettivamente superiore).
Mortaio da 210: Cariche minori balistite l X 2 X 2; medie di bali stite
2 X 4 X 4 o anche 2 X 20 X 20; massima 3 X 30 X 30).
Questa necessit nOll permette l'uso del sistema di cariche a
elementi uguali, perch in genere non si impiegano nella steRsa
carica due polveri di granitura diversa (per quanto vi sia, quaJehe
esempio di carica composta di poI vere delb ste,'<1'a speeie e Il i dne
graniture diverse (obiee da ] 52 I; cariel1 'la).
Non del l'eRto questo un inconveniente scm;ibile pernh il
sistema di cariehe ~ L d elementi a,ggiullt iYi lIg:naJi una neeesRit
solo per le artiglierie eampali ::;peeialmente leggere, per le quali,
dato il pieeolo 1l11 ll1erO di earie]w, la gTa niJnra sempre la steRRa .
ART. B. - Cartocci.
J-le eariche, per rendere pi agevole, rapido e sicuro il servlzlO,
sono confezionate in cartocci, i quali debbono andlO Cfisere eosti-
t uiti in modo cla. fayorire, per ([uanto possibil o, l a. ist,antaneit
177 -
della infiammazione dei grani (similletria rispetto al punto (l'ac-
censione) e da evitare le formazioni di pressioni ondulatorie, che
si verificano specialmente quando la carica occnpa solo una parte
della camera, verso l'estremit.
Questa ultima condizione richiede che il cartoccio abbia lun-
ghezza uguale a quella della camera; per le polveri nere, che am-
mettevano forti dew;it i caricamento, questa disposizione non
presentava alcnna difficolt; per le polveri infumi invece che
non ammettono densit di caricamento :mperiori a 0,65, il car-
toccio lungo quanto la camera risulta di diametro inferiore, e si
c1ii'pone lungo la parte pi bassa e asimmetricamente rispetto al
punto di ignizione, ci che non favorevole alla istantaneit della
infiammazione. Per questo Illotivo conveniente i cartocci
di polvere infumi avere fonDa tllbolare (fig. in modo
da avere diametro uguale n quello della camera, e un yu010
intc'rno assiale elle laseia, la, masRinla libert, ai gaR dell'innm;co
di propagarsi rapidamente per tutta la lunghezza.
N elle artiglierie con focone nelle pareti, il focone stesso poteva
farsi sboccare a met della camera, e, con un cannello lnngo e a
punta, l'azione innescante poteva portarsi IleI centro di figura
della camera e del cartocf:io (cannelli Mod. 91 del cannone da,
87 B): colle disposizioni attuali del focone nel congegno di chimmra,
e sboecante al centro del fondo dell'anima, si hanno, nei riguardi
della istantaneit della infiammazione, conizioni meno favorevoli,
a cni si cerea di rimediare] O)con la CO:-;titllzione tnbolare del car-
toccio, qnando posRibile; 2) coll'impiego del petardetto d'il1
llescamento, che serve anche a dare all'azione dell' innescam.ento il
rinforzo necessario per le polveri infumi; 30) colla sistemazione, per
i eartocei molto lunghi c quindi composti di pi elementi, di cari-
chette di trasmissione (li polvere nera, di facilissima accensione,
alla estremit postmiore di ogni elemento (fig. 260) .
Per il confezionamento dei cartocci, la polvere viene dispol't}t
in un involucro o RacelwtLo eli tessuto conveniente, che vengono
in1rodotti direttamente nell'anima, oppure nel lJostlolo metallico
del congegno di chiusura, al quale pu eSRere o no unito il proietto;
taholta, per certe graniture, b polvere viene introdotta IleI bos-
solo tlenza sacchetto.
I cartoeci sono attualmente confeziqnati, in generale, negli
::; talJilimenti di produzione; un tempo questo era Jimi-
tato ai cartoeci delle artig'lierie leggere e navali, mentre quell i
V 01. II. - Armi da fuoco portal i li, ecc. l:!
-- 178 -
dell e artiglierie pesaJlti da e da eOtlht, si confe-
zionavano in batteria, e tal \rolta ancho dnrante il hro; ei 1)('1'
semplifieare il riforniment,o delle polv Cl'i, ch e venivano tnLsportate
in casse. Il sist-omlL di eostituzione delle cariche a elementi anche
non nguali reneio possibil e il riforniment o rli cartocci gi confe-
zionati con grande vantag'gio per la f4 icurezza nei e in
batteria, e per la celerit del tiro, e per la regolarit del confezio-
namento e p er b garanzia dell a esattez,m (leI
In oglli eons bL di llll 1l11l11CrO val' io di em'tocci
o el eltlenti: per l e cariche dei canlloni di maggior calibro l a suddi-
visione in elementi ha lo scopo di ren(loro pi f acile l'operazioTlf' eli'
rla,ta, 1(\, gralHIn lunghezim che assume talvolta la
carica, (anche 3 m.): in questo caso i eartocc- i ,'iono tlltti
lIgna li l ' uno all'a ltro.
Cartocci a sacchetto. - :Per i eartocei da eonfezionarsi in bat-
teria, i sacchetti hanno forma cil indrica, con un fondo cucito e
l'a,l tra estremit aperta; in essi la polvere viene introdotta alla
rinfnsa se di grallitura. minuta o in piastr ello, o per il se di
forma allnngata ; il sacchetto viene chiuso con legatura di spago.
I cartocci gi confezionati hanno forma cilindrica (fig. 2(1), eoi.
due fondi cuciti: l e graniture minute v i sono contenute alla,rinfusa;
le graniture lUJ\ ghe sono invece onlinatamente a forma. di
t ubo, assestate attorno a tubi o allelli (li cartone o aneho eli mate-
rial e esplosivo, con di spago o (li seta; i :-;0110
a flpimle 2':;9). Gli clcrnoJlti nei :-;isterni eli cariche
ridotte sono di sposti av anti [l'i.di elemellti [oJl(lamelitali, tenuti
assestati con leg,Lture (fig. 2(2), i h a,nno forma discoidale
imposta da.lla speeie di gra,nitura; oppmte ancllp posRono essere 18-
gati all'el'itcrno dell' elemento Jonrlamentale per lUllgo (fig. 2(3), o
inteodotti nell a eavit dell' el e mento fonllall1olltal e (fig. 2(4). I
1mHlo ROvcnte cncitll' (l eI nno el ci fondi o ael ambec1uC' le
c<l ri e h(tte (li tras rni'isione (li )lol ver e ner n, eo ntcuente in sHcchptt i
rliseoidali od anulari (fig. 2(0); eolle gra.ni tllro elle potrelJ-
bero eventnalmellte danneggiare tali eariehette, in loro corrispon-
d('nza si dei gl'alli (tubi, stri,'w.ie) alqualJto pi cort i
dello al tre.
Cartocci a bossolo. - il 11l1lg'O, tut ta la (ariea
noI osl;olo; se eorl:o, un a. parte !lO re,'l t a sporgentoe
(rn81\O elle [Wl' l_d i obiei (' i 1ll00"tai): l ei ,'iN: orHli i' nC(lPssltrlo elle la
- 17D -
carica contenuta in sacchetto, e in genere tale disposizione
praticata :tllnhe p er i hO'\!-I oli lnng'hi (fig. 266 e 266).
! i bos"oli !-I ono cOld'ozionati nome quelli senza
bos'\nlo, sa l\'o il che pn es "er o di matertle m OllO l'e,i stenl e.
Poich in genere del 00ss010 sporg' e pm o meno in
avanti, l' e
1
emf,mto in fondo al 00s,>010 1m un incavo, ottenuto
median te nll alloggiamento di eartone, per dar posto all'inne,'-wo .
La carica tenuta assestata nel bosfOlo da anelli di nol;o11e o
altro materiale eombni'ltibile che la tengono centrata, e da cappel-
letti o coppe di cm'tone o (li lmni erino, che chindollo il bORsolo
e devono Oi'isere facilmente mTIo\' ibili per pot er praticare la ridn ,
zione delle cariche' .
In genero, i car t occi a sono colla cariea
masRima : per impiegare cariche ridotte occorre tog'liere il numero
di element i llece,'\sario ; g'li olornellti Rono lHlmer ati se sono
uno dall' altro.
I cartocci il, bossolo prmlentano sui ordinari (nei
riguardi della carica ) il vantaggio di una migliore conservazione
della carica stt\ SSLI.
Cartocci a proietto. - Hanno sui cartocci a bossolo il van-
taggio di permettere una maggiore di tiro, col caricamento
simultaneo della carica e (leI proietto (fig. 267).
Essi contengono le cariche confezionate e siNtemate nome
nei cartocci a bossolo lunghi; di solito fra. la carica e il fondello dpl
proietto disposto llll di feltro. I:;ui cartocci a proietto Ri
pm;sono fare due
l) Gollegarnento del proietto uZ bossolo: pu essere fatto
per semplice jorzumento, o per strozzatunt del bossolo entro nna Kca-
nalatura del pl'oietto, oppnre per Imnzonatllrrt del bos"olo sul pro-
ietto, generalmente in t re punt i. I tre equinllgono; sembrp-
l' ebbe per cle i due nltimi debbano avere una infiuenza :mlla pres-
Rione di forzamento, illf-Iuenza ehe pu anche non essere uguale
ppr t l1th i colpi; ment r e il sompliee forzamento assicura in ogni
caso una conveniE\llte sistemazione del bossolo sul proietto, senza
influenza ap pn'zzabile :mlla pressione di forzamento; eli pi
quei-ito ,.; iHtema non ap portLL deforrnazione sensibile al bossolo e
ne permette II l'l'impiego dopo n na eventuale riealibratura.
2) Cariche rido/il;. - Col pl'oietto unito al bo,'\wlo impos-
Riblle fare UHO (lelle r idotte, ;), meno che il bossolo presenti
- 180-
Ull<L sii-itemazione i-ipecia,le, ana quale appunto si dedicano ora studi
]W1' poter wmfrllire del vantaggio dcI eartoccio a proietto, senza
rinullcifLre all'impiego delle ridottr.. Gi, nel passato era
vroposto un bossolo con larga a, \T\-ikLt nl' a. per l'innesco, e
con la carica confezionata in forma ili dIO poteva essere
e;-;tratta e asportata in mi ,'ml':l eOllycniente: d imponeva natural-
mente llllfl granitura molto piccola (fig. 2tiS). Gli ktudi attuali l' i
volgono inyece al fondello amovibile, la ("Ili applienzione present a
diffi colt per la, fl icurezza dell a ehiustll' a ermetica e por la 1'eimpie-
ga bilit del bO;-;i-iolo.
I yari sistemi di foncllo <1 rap]Jrosentati dalla
fig. 269; il tipo (a) <L l'iemplice fOl'zamento pu presentare l 'i ncon-
yeniente di nOll l'estraziolle del COl'pO del bossolo, quaudo
questo eceess.ivamente forzato nella <:<l l1l cr a, ; il tipo b)
di difteil e scomposizione; il tipo c) pu pl'CK(\Jlt al'O qualehe incon-
yeniente nella resistf'llZa o Iwl funziollanwnt-. o per effetto dell a
:t n ,-itatnra; il tipo cl) quello che :si preSI'IIt<t in migliori COll-
dizioni.
Tessuti per i sacchetti - I tessuti pcr i l'iaecltetti dci car-
tocci dm-ono risponder e alle seguent,i eondizioni : sollit e 1igi-
ilezza, per n011 deforIllmsi nei t.rntlpol"ti e nel llmneggio, special-
mente per le eariehe di peso noteyol e e (;omposto di grani nOll
lunghi; facile accensione, facne c comb11stione, pcr evitare
fecce, residui incombnsti o pa.rzialmente accesi ehe possono p1'o-
yoeare inceppamenti e aecensioni prPlnature dolle cal'che intro-
dotte successivamente nell 'anima; falc conse1Tazione; 1)OCO costo.
Itessnti generalmente nsati sono:
La tela cotonina loggera" e la tda di cotOJll' , Jwntralizzat e,
p0r i cal'to("ci da int r odurl'i i nei bosl'i oli mcbtll i(.i;
Il tessnto di fil aticelo di sebL gm'za" che robusto, rado
c l) ermette nna facili ssima infiammazione deHa carica, IJer i CH1'-
tocci a sacchetto in geuer e:
Il filaticcio forte per le cariche di maggio!' peso ; i cartocci
per haullo i fondelli con un disco di tessuto pi leggero in cor-
rispondenza doll a, c:trichetta di tra.smissionc.
Sono pure impi egati invogli di carta tol a ; e clIlche la seta arti -
fi ciale, per le cariche in bosfioli m(tallici (materiali austria.ci ).
Come materiale per i sacchotti sono stati sperimentati anche
tessuti esplosivi (set,a o coto11e nitrati), all o scopo eli oyitarf'
- 181 ---
lutamente la formazione di fecce e di fumo, e di evitare l'-impiego
di carichette di trasmiRsione; essi quindi non l'a,ppresenterebbero
Ull peso morto: taU tessuti per sono poco resistenti, di difficile
conservazione, sensibili all e intemperie; i tentativi fatti fino arI
om non hanno dato l'i :mltati soddisfacenti.
ART. 4. - Innescamento delle cariche.
B ottenuto per mezzo di cannclli che possono eSRere f'riziorw,
percussione o elettrici; i cannelli a percussione sono da noi chia-
mati 'innesch'i se Rono l:"LpplicabiI i a i bossoli metallici, ca/'t'llccie
,innesco se servono per otturatori ad anello plastico.
Cannelli a frizione. - Possono eSRere lisci o <-1 vite.
I c(mnelli lisci (fig. 270) sono costituiti da un tubetto di ot-
tone o di mme, contenente un tubicino di mistura fulminante
(clorato di pota,ssio o solfuro di antimonio; il fulminato di mercurio
inutile perch la miscela ora detta abbastanza sensibile alla fri-
zione); una seghetta ricavata alla estremit appiattita di un filo
di ottone nella mistura fulminante e ripiegata wl
tubicino; il filo di ottone sporge dalla estremit del tubetto (-'Cl
foggiato a, fibbia, per ricevere il gancio della cOl'dieclla di sparo;
un tappetto di legno, forato per il paRsaggio del filo di ottone
e trattenuto mediante strozzatura, chiude ad IIna estremit il
tubetto, che dalla ' parte opposta riempito di polverino com-
presso, protetto da una chiuRura di mastice o l acca. In Inghilterra
e in Germania, sono anche in uso cannelli a T, nei qnali il tubicino
colla miscela fulminante e la seghetta sono difrpost i in un tubetto
trasversale alla estremit del tubetto destinato ad allo!!:ar si nel
focone (fig. 27 J).
I cannell'i a vite (fig. 272) hanno costituziolle in terna aualoga
a quella dei canuelli lisci; il tubetto per sostitu ito rla un corpo
di ottone piuttosto robURto foggiato esternamente lt vite, pCT t's::;cre
avvit ato al focone e con una testa per dar presa, alla chiave; i
cannelli a vite hanno il. vantaggio di dare una chiu:mra ermetica
dell'orifizio del focone, e di evitaJ.'e la, pericolosa proiezione tIel
cannello all ' atto dello sparo. l,a chiusura ermetica compIet-ata,
anche da una rosetta conica rilevata sul filo dell a seghetta che si
adatta in una conveniente sede dell'interno del corpo.
I cannelli a vite possono avere anche un'azione inneseante
-- 182 -
notevolmente maggiore di quelli lisci; l'u so di qneRti ('l' a quincli
limitato alle artiglierie di piccolo calibro, per le quali il eannello
a vite stato di impiego troppo lento.
I c:lnnelli a frizione, per, in genere, hanno lafl ciato il pORtO
ai cannelli a per("llflfl ione, ehe fIOno di impiego pi rapido e sicuro.
Cannelli a pero:ussione. - Sono cla disting'uen;i (l'w11i per ot t u-
ratore a(1 anello plastico, da quelli pm> boswli metaljj(o, sono
clliamati inneflehi, e che, pur essendo in floRt anza la :,; teRIi ? C' osa,
differiscono notevolmente dai primi per la forma e,;; t el'll u. In
bedue i tipi la mistnra fulminante (fulminato di mcrcurio, clorato
di potassio e flolfuro di antimonio) eontenuta in una eafls ula ap-
poggiata su una incudinetta, eontro la quale all'atto dello sparo,
fatta sehiaeeiare dalla azione del pereussore.
Oartuccia innesco (fig. 273). - un b08liolo llletallieo liseio
con fondello a foro centrale per la cassula e a orlo
i'lporgente (estrazione) e con un diaframma forato e portante
l'incudinetta sn cui appoggiata la cassula, talvolta contenuta
in U11 porta eassnla. Anteriormente al diaframma il bossolo riem-
pito di polverino libero o compresso, convenientemente protetto
da una chiusura di mastice.
Innesco pc'/' bossoli (fig. 274). - Hanno cOi'l tituzione analoga
ai precedenti; l'involucro foggiato esternamente a vite, per
eSf;ere applicato solidamente al bossolo, e contiene una forte ca-
riea di polvere nera che agisce come petardetto di illlleSCamento:
talyolta hanno anche, a questo stesso i'lCOpO, 1m tubetto earieo
(fig. 275) as:,;ai i'lporgente in avanti e addentrantesi nella eariea di
lancio, realizzando cos una condizione favorevol e per l'istanta-
neit dell' infiammazion e.
N l'i modelli pi recenti, ano scopo di sottrarre la cassula ad
evelltual i urti nel maneggio e nei trasporti, il fondello cOl1lple-
tmuente chi nso , posteriormente e la eai'li'lula non risnlta visibile:
in questo caso il diaframma porta-ineudinetta avvitato interna-
mente all 'involucro, e il fondello ha in corri spondenza della cas-
suia UllO i'lpessore tale da poter ei'lsere deformato dall ' azione del
perClltiWre: questa disposizione fayori :,we anche Ja chiusura er-
metica.
Inneschi elettrici. - Funzionano sotto l'aziolie di un a conelite
elettrica che rende incandescente un filo di platino interno alFill-
- - 18;J - -
nC:-Jco e situato in mellzo a mistnm fnlminant-e. I pr imi t ipi di i ll-
ne"chi. elettri ci 1'ervinmo escln"ivamente per C]1H' RtO LI SO (fig. 276)
ed er ano di. impiego non molto r apido. I camICI li o inncsch i elettrici
attuali sono scmpre organizzati per funzionare anche percn,,-
sione. In Il ono costituit i da un involucro avente forma
e1i t-erna di un cannello o di un bossolo per inneRco ordinario a per-
cll :-Jsionc; internamente una ghiera avvitata,eontencnte miscela
fulminante, diyide il canncll o in due part i: vel'W l'orlo (;ontenuto
polverino compresso, tenu to i.n sito da un copere hietto; verso
il fondello si ha Ull involucro di materia. isolante che avvolge una
incudinetta e un porta cassula la cui eRtremit pORteriol' e paRs,1
attraver Ro un foro pratica,t o nel fondell o, e vi tratjtenut,o for-
zamento, (;ol1a cassnl a. a breye di stan:1,(t clalla incuclinetta. QueRta
porta pure un asticolo che la, materia isola,nt,e, e Rporge
nella ghiera, e porta alla sua estrenlit un filo di platiuo, coll egato
anche colla ghiera e quindi immerso nella miscela fulminante.
Quando il pe1"("ussore, al qual e coll egato il eonduttore elet-
trico (Vedi Cap. HL, Cong'egni di sparo) si appoggia SUI porta
cassula, hL corrente pu passar e per jl porta J' incudinetta"
il filo di platino, che sono isolati, dal pcrcussore all a ghiera e al
corpo del canll ello, e il filo di platino r eF\O inca.ndescente; Ile
l' appoggio del percussore ayviell e con yiolenza Sl ha anche la
denotazione della
PetardeUi d'innescamento.
I ca. nnelli frizione, a perenssione ed elettrici per otturatori
ad anello tlon eRsendo a cOll tatto della carica, perch
sistemati alla estremit posteriore dell a testa a fungo, richiedono
che la lpro azione sia eonvenientemente rinforzata seeondo le esi-
genze delle polveri infumi , da un elemento indipendente, detto
petanletto di mesca1ncnto (fig. 278) che f; i deve a.pplicare all 'orifizio
anteriore del focolle, oppure esser e sistemato tiul fondello dell'ele-
mento di carica posteriore: la prima di"pofli7,ione assicura l' azione
del petardetto, che invece non sempre atisicuI' ata, col secondo
sistema ]l ereh il C"l'toccio pu anche trovarsi alquanto c1iRcosto
dall'otturatore.
N egli inneschi per bossoli, il peta,rdetto di innescamento
costituito dalla ca,rica piuttosto forte di polvere nera contenuta
o applicata all'innesco stesso.
- 184 -
Il petardetto d'innescamento in uso per le nostre artiglierie
costituito da una carica di polvere nera a grana fina di peso
variabile secondo la carica di lancio, contenuto in un sacchetto
o involucro di percalle, in modo da formare un disco; al centro
sono disposti cilindretti di polverino compressi e forati, e attraver-
sati da un tubetto di celluloide (o di penna d'oca) destinato ad
essere introdotto nel focone, al quale rimane aderente per effetto
d'una rigonfiatura ottenut nel tubetto stesso mediante quattro
spacchi: il tubetto contiene un altro cilindretto di polvere nera.
L'inconveniente che si presenta in questo petardetto che se
il forzamento del tubetto non sufficiente esso pu cadere quando
si chiude l'otturatore e quindi fallire allo scopo. Occorre quindi
assicurarsi che il rigonfiamento sia suffif'pnte ad assicurare l'ailt>-
renza.
OAPITOI;O VII.
A.ffusti
ART. 1. - Affusti in generale.
Si chiama aftnsto il sostegno dell a bocca da fuoco, cost ituito
iu modo da permettere l'impiego efficace, ossia il fe rvizio, il t iro
ed eventualmente anche i L trasporto. Si d, illlome di installazione
al complesso della sistemazione del S;)ftegno quando n,ll'affusLo
propri amente detto sono annesse altro p'Otr1Ji che servono a dargli
migliore appoggio sul terreno, o a concorrere all a protezione, uni-
tamente alle costr nzioni murarie o metalLichc che gli servono di
sostegno; ie prendono iL nome eLi impianti quando
la ma,novra ottenuta l10rmal mente mediante macchillari elet-
trici o idraulici.
Un affusto costitui to (la nn compLesso eli parti sul q IULl e
la bocca da fuoco incavalcata in modo <la pot or l'notare at.torno
ad un asse trasversale, per poter assumere varie inclinazioni nel
puntamento o, se occorre, una posiziono determinata per il car i-
camento; l' asse trasver sale costituit,o dagli orecchi oni, che fanno
corpo coll a bocca da fnoco, oppure sono applicati ad una parte
dell ' affusto sulla quale la bocca da fuoco fl vincola ta,; gli orecchioni
sono allogati c gireVOli in incavi fi etti orecchi oniere, r icayati alla
parte superiore deLL'affusto; il mo';rimento di ottelluto
pei' mezzo di nn congegno di pttnter( in elevazione che. serve aflche
a stabilizza,re La bocca da fuoco nelle varie inelioazioni. Per il
purltam: lI to in l'affusto f postabii c su!
piano d'appoggio, oppure fii viso in due parjji: una
al terr 3no, L'altra girevole sulla prima attorno ad un asse verticale.
Condizioni generali a cni dev ono gLi a tIuf;t i:
a ) Res'istenza. - V affusto deve sopportare senza romper si
o deformarsi permanentemente gli sforzi di deformazione a cUI e
sottoposto all'atto dell o sparo per effetto dell a pressione d 3i gas
- 186 -
sul fondo dell' anima della bocca da fuoco, provocano il rinculo
di questo e che gli vie Ile trasmessa per mezzo degli orecchioni
delle orecchiollicre.
Alla resistenza si provvc'de coll'impiego di materiali di alta
resistenza elastica, colle dhnen,,,ioni delle varie parti e col loro
solido
b) Stetbilit. - La pressione dei gas stel' :m sollecita t'affusto
a seorcere indietro sul piallo d'appoggio (Tinci/lo) e a ruotare
attorno al punto d'appoggio posteriore (impcnnamcnto). "Evidente-
mente conveniente che il rinculo sia contenuto entro piccoli
limiti o possa essere anche completamente tioppre:,;:,;o. lJ'impenna-
merIto anche da limitarsi o sopprimersi, e non den mai giungere
evidentemente al punto di provocare il rovesciamento ael pezzo.
Quetlto deve inoltre non rovesciarsi lateralmente.
La stabilit pu eStiere assicurata colle proporzioni fra le
varie dimensioni dell'affusto, oppure con'aggrappamento al ter-
reno o coll'appoggio ane opere mural'ie o metalliche della instal-
lazione.
c) Facilit, comodit c sicurezza del seT'L'izio; ottenuta (on
meccanismi e dispositivi vari.
d) Rapidit ili tiro, che pu essere raggiunta, sia con un
conveniente sistema di meccanismi che agevolino e accelerino
le varie operazioni, sia, e con maggior efficacia, con conformazione
generale e funzionamento dell'affusto che sopprima il rinculo,
evitando cos la perdita del tempo occorrente per rimettere il pezzo,
dopo ogni colpo, in posizione di sparo, e permettendo di compiere
pi operazioni contemporaneamente.
e) Smnpl'im:t ili costTuzionc, compatibilmentc colle altre
esigenze; T'Usticit, ecc.
Forme di affusto, sistemazione delle installazioni.
::Sulla conformazione generale degli affulti ha influenza deter-
minante l'impiego a cui sono destinate le artiglierie, ossia il grado
di mobilit che clse debbono possedere, in rela.zione al loro calibro
e a.lla loro specie: le artiglierie campali richiedono la massima
mobilit compatibile col calibro, e chc cOllsiste non iSolo nella pos-
sibi lit di percorso pi o meno celere in strada o :m terreno vario,
ma anche nel rapido pasRaggio dal traino al la posizione di tiro,
- - 187 -
e i'i cnza ehe oeCOlTano grayos{' manopere di forza o la-
\ori di del piallO di appoggio, specialmen te por i
calibri minori; mentre le ;trtig' liel'ie in postazione n flsa nell e opore
() "u110 n3, 'i pm;so\1o co ncedere aggruppament i dell'affnsto al t('y-
rellO e J'applieazione di meeca nismi 'l'ari; le artiglierie da costa p
w\val i, quel le di millOr caiibl'o, destinata ad ag: ire
su berfi ugli rapidissimi e ft brovi dii' t,a nz.:, debbono pr.:sentare la
massima facili t di puntamento in dir ?zioni:' ; l 3 artiglier ie eontro-
aeree a qll estfl condizione aggiungollo quella della possibilit del
tiro con grundiNsimi angoli di inc1inazion(>.
Co ll a, conformaziollc geunrale, in reI aziono anche alla sif-i (;e-
lllazioue del matf>l'j,llp, f-i i pll pJ'ovH'derc\ in grado diverso a ll a
lll'Otcziol1C dei serrenti .
See()J)do la conformazione genl"rllie si distinguono le i:leg'nellti
forme di affu sto:
a) Altust'i li 1'uotc. - - Il corpo d'affm;to (la 11lla
tra, 'a, lWI' lo pi di due parti dette cosC'ic, rigidamente
collegate tra di loro, ehe colla eRt remit. posteriore, detta
coda, snl e colla ef-i tremit a,nteriore, detta testata su una
salc( con 'l"uote. sono a!t1lsi' 'l'nobili per eccellenza, e non richie-
dono alenna trm;fornmzione per essere messi in batter ia o adatta ti
,Il traino: Tua per ' ; ; ' 1, a l loro scopo non debbono riehiedere
nemmello alcnn la voro importante per la loro meSf-ia in batteria;
la stabili t deve CNi:lere quindi assicurata unieamente dallc propor-
zioni e dimensioni dell'aHusto.
b) A l ftlsti a r:assu. - Il corpo d'affusto costituito da due
fianchi, eollegati l' i,!.ddalllcnte, di forma generale triangolare, tra-
pezoidale o et, tnn-e, che >i uper iornwnte hanno Rist emate le oree-

chioniere; efiSO appoggia inferiormente Nnl pinno d'appoggio, o
su un ii ostegno interme dio el etto, secondo i easi, sotto o
piattaforma, vincolato al piano d 'appoggio sul quale g'irevol e
attorno ad Ull a,sse yertiealc. Gli a'fusti a ea,f-if-ia pONi:lOnO essere
:5 i:' tel1lati: l ) in installazioni amovib'ili, quando sono organizzati
in modo da potersi r idurre atti al tntino e mettere in b\1ttel'i a con
lavori e con manoper e di forza, di lieve entit (durata di qualche
ora); 2
a
)installazion'i scmovcnt' e 'installaz'ioni t crrovia}'ic: quando
l' affu sto propriamente detto i:l istemato su un veieolo automobil e
o ferroviario, o ne fa parte in tegrante ; 3
a
) Installazioni c imp'ianti
fis si uell e opcre terreNtl' i e cORtiere.
Dati i (li im;tallazione degli affusti a cassa, la stabilit
- 188 -
pu essere assicurata dall'aggrappamento al ter-
reno e dall'appoggio contro sostegni murari o metallici.
Per le illfltallazioni amovibili, smuoventi o ferroviarie, la pro-
tezione non pu ottenersi che: ('ome per gli affusti a ruote, coll a
applicazione di scudi, o coll'altezza dell'asse degli orecchioni che
permetta la sistemazione dietro maiifle coprenti di grande altezza.
Per le im;tallazioni fisse invece P0:';SOIlO anche essere adottate
r-;i"temazioni atte a dare la ma'3sima protezione ai serventi: in ca-
sa,matta, con cannoniera normale o minima, in pozzo, eon copertura
metallica leggera o pesant3.
c) Afhtsti a pieclestallo. - Il corpo d'aifusto da
due fia,nchi di piccole dimensioni, collegate inferiormente da un
fondo con un robusto maschio spol'i!:ente in ba::;so e girevole su Hll
piedestallo ancorato al piano d'appoggio.
Questi affllf,ti si prestano in ::;pecia.1 modo alh1 rapidit del
puntamento in direzione e al tiro verticale, c sono impiegati solo
per artiglierie di calibro non grande. Sono sistemabili come gli
affu::;ti }1 cassa.
d) Affusti aTticola,ti. -- Fianchi a forma di trave, imperniati
inferiormente su un asse orizzontale fisiio ad una piattaforma, e
portanti la bocca da, fuoco incavalcata snperiormente in modo da
sopravanzare sulla mafiiia coprepte per lo sparo; al rincnlo i fianchi
l'notano in basso e indietro comprin13ndo un siRtema, ela,stico o
sollevando un contrappeso, e sono arrestat i in posizione conve-
niente perch la bocca da fuoco posRa essere dopo di che
sono laRciati risollevare in posizione di sparo. Questi affusti, co-
struiti specif11mente allo scopo di dare nua grande protezione ai
serventi, sono sistemati unicamente in install azioni fisse dette a
ecl'isse o a scomparsa, ma sono oramai in disuso.
AHT. 2. - Affusti rigidi e affusti a deformazione.
Gli affusti, secondo il modo con cui portano incavalcata la
bocca da fuoco, possono essere rigidi o a, deformctzione.
Nagti a/t'Usti rigidi la bocca da fuoco incavalcata, mediante
gli Ol'eccbioni, su oreechioniel'c applicate rigidam(' nt,e al com-
plesso d 311'affusto, in modo eh il pezzo, fatta astraz;one dal mo-
vimento di attorno agli orecchioni per il puntamento,
forma, Dei riguardi del rinculo, un unico sistema, rigido. N egli
a/!1tsti et deformazione invece la bocca dfl, fuoco, con sistemazioui
- -
yarie, scorreyole su una parte dell'affusto, ed a questo colle-
gata mediante nn s'islema eli f/'rno e rieuperatm'e, ili modo da con-
alla bocca da fnoco un certo rinculo lungo l'atfusto ehe ri-
UJaIle fmmo e da riportarla automaticamente in posizione di
"paro.
A) - Affusti rigidi.
affusti rigidi l'affm;Lo solleeitllto a rinclllHre e ad im-
pennarsi pcr l'azione dei gas della carica sul fondo dell'anima della
bocca da fuoco che gli integralmente per mezzo delle
urecdliol1ien', quindi si pu considerare (fig. 279) come un sistema
rig'ido 'iottopm;to all'azione di una forza P applicata alle orecchio-
niere e diretta fiecondo l'asse dell'allima.
Rinculo. - La componente di detta fonm parallela al piano
Iti appoggio sollecita il pczzo a rillculare lungo il piano di appoggio
la , 'elocit del rinelllo Y<cL rapidameni'e ereseendo fin elle
cIura l'azione dei ga,,; il pez;.-;o a,nquista una forza viva di ri ll eulo,
per effetto della quale proi-iegne la i-iua corsa. indietro per uno spazio
tanto magg:iore quanto maggiore la componente in parola (il
l'ui valore dipende dall'angolo di inclinazione della bocca da fuoco)
e quanto minori sono le che si oppongono a,l movimento
u nelle quali si esaurisce la forza \ya del sistema. Le resistenze
]'apprcsentate dall'attTito, dipendente dal peso della
ri ll(ml<lllto n (lal valore della componente nonnale al piano d'ap-
(lPl!a preN::;ione; dalle resistenze al't'ifieiali (freni) e eventual-
mente (lalla im;lina;t,ione (tel piano d'appoggio. A parit di ad,re
,:OJldi;.-;i('li i' l'ri GU, . ' dimili l1is('t' ("o, :'mlmeuta,re ildl'allgolo di l!-
diJJHzio!1p.
ltllpVl11
1
0mw
1
lto. - - 11 punto d'appogg io pt,steriore dell'aJf\lsto,
,U1cbe se non vinco19.to a l terreno, per effetto dell'attrito tende
a star fmno, e, quindi, sotto l'aziolle della pressione, tutto il si-
"tema tende a l"llOtare attol'110 a eletto punto d'appoggio. sol-
lecitazione all'impennamellto data dal momellto del la prm;siolle
ri spetto al punto d'appoggio; all'impennamento si oppone il mo-
mento del peso ri spetto allo punto. Ora il momcnto ddla
pressione varia col variare del suo braccio, quindi diminui sce
col crescere dell'angolo di iuclinaziolle della bocca da, fuoco, melltre
il momento del peRO rimane eostante. Il sistema, si impenna
quindi solo per allgoli di inclinazione per i quali il IllOmento dell a
presRione mafigiore di quello del peso (angolo di t iro limite) .
- J!JO -
Qua, ndo la direzione J ell 'a,'i"le (lell' a,lIilll<1, p a.,s,., a, al di fi otto del
p unto Ji a, pp0g.'i!,'io po::; te1'io1'3, i l moment o pressione tende a
co mprimere la, par te anterior e dell 'affust o cont ro il t'err ell o.
Per evitare che il pezzo si rovesci, e limitm'n anzi per quan t o
pos'l ibile l' impenna,mento, che sempre c1a. nlloso pNeh il mate-
riale si deteriora. quando rica o al :molo, occorr e quindi che gTande
sin, il momento del peso e piccolo quello clelI a prcsfi iotw; per questo :
a) l' altezza delle orecchioniere (l u,] piallO (l 'appoggio deve
essere p iccola, perch minore r iesce eOi'i , in ogni e,Lso, il br accio
(leI moment o (Iell a pr e:-:s iollc;
b) ]a. orizzonta,le delle orecchiollier e dal pnl lto
d'a,ppoggio posteriore deve eSRer e grande, per la stessa rag' ione, e
per ch cos il valo!' J dell' angolo per eni il pezzo non
pi sollecitato ad impennarsi;
c) la dii'i ta,nza del centro fIi gmvit dal punt o d' appoggio
deve esser e grande per aumen tar e il braccio del momento del peso.
In complesso dunque l ' impenua ment o tant o meno sent ito
quant o pi la massa del materiale concent rata iII ava,nt i e quant o
pi basse sono le orecchionicre e lnngo l 'affusto; questa ul t ima
coudizione espreSStL compless ivan1ente dal valore (lell'cLnYoZo di
co(Za, ossia dall'angolo formato coll a orizzontale itali a congiungente
delle orecchionier e (een tro ) col pun to d'a,ppoggio posterior e, che
deve esser e piccolo.
'l'orrn'3 nto. - J.J a sul fondo eLl ' anima HlI
L.LVOL' misrrriLto dalla forza. v iva, che a vroLbe bL bocca da fnoco "e
fosse isola,t l1 e liber a di r inculare Mb V,,2 ) Tale lavoro va consu-
lU:LtO parte nell' imprimer e al sistema pezzo la, forza viva di rincul o
e di impennamento V/) e par te in lavoro di deformazioll e

deLL'affust o, al quale si d il nome di tormento, che . l',Lppresentato
d
m - 1 M V _ M V J , "he d'\ve avere il minimo valor e
a .J'- ':!lbb ':!l JlJl,e v '-
poss ibil e. quindi che sia piccolo } Mu V
I
/ e r elat ivamellte
grande 1\1]> V
p
2. ,Ora, a parit di proi etto, carina, e v(' loeit iniziale
del ]lr oietto, rimane costante la quant it di mo to dell a bocea da
fnoco st rssa ( Vb = l' " ( 111 -/- fJ l'. -cc O) ) (vedi Pll r te Cflpitolo I V);
, C \
'luindi varill,ndo Mb l a Vb in l'a,.ginn e ill ' "!'l'I:;;t, ( VI. = e la
- Hll -
fOl'J': LJ viva (LeLLa boee<1 l UVL'O varia JllU'(' In ragiOll c alla
(':\'1 '" 1 (;2 l COl ') ' L' t " 'I
j ;" ) ' " /J" = O) j ' Il = 0) , q1lln( I qn a n Jl1<lgg'lOre e l
li /, 2 il i, )
peso della bocca da fuoco tanto minor e I n, li1Ut forza yi eli l'i 11-
culo. D' altm parte la VI' c quinrli l a forza viva del pozzo tanto
mag'giol'o qua,nto minore :-i ono il i:\ UO pei:\ o (;omple,sli i\'o, e l o
stenze che si oppongono al liUO movinlcllto,finch dura l'azione dci
ga'i , Ne con,,;eg'llc che per avere 11n tormento pie,colo Ii i dm 'e a,vere :
a) bocea da tnoco peliante rispetto al pelio eomplessivo del
pezzo (bocca, (l a fuono e aJfu"to);
b) liber!i di rinculo del pezzo fineh dura l' azione
dei g'a,,,, in modo che es,'iO pOlisa acqui stare 1lll<L gmllele veloci t.
Osr-lOrvando poi ell e la velocit di rinculo del pezzo diminuisce
col erescere dell'angolo di Liro, c elle nelle stn:-i:-i e eondiJ':ioni a,ument a.
la componente verticale della e quindi l'attrito sul
piallO d'appoggio Ii i (leduce che:
c) il tormen to a umenta coll' aumentare dell'angolo di tiro;
anclle per effetto dell'azione della componente ver t icale che com-
prime il materiale contro il terreno.
Ossen Tando ancont che, a p:,trit cli pet;o dell a bocca, da fuoco,
la sua quanti t eli moto aumenta coll' aumentare del peso del
proietto, del pmi o della carica, della iniziale del proietto,
si deduce ehe nelle RteCiRe condizioni a umenta il tormento del-
l'affusto.
Da qua nt o sopra eSpORto si deduce ehe:
n) quawlo il materiale per ragioni dimobili Ut non deve
et;ser e troppo pe'iante, e q uin\li cii limibbt rei:\iRtemm al tOl'lnento,
occolTe laliciare, fineh dunt l' azione elei ga:." la ]l,L'-is ima libprt di
rinclllo;
b) o:-; ,;clleLo lIecn:,i:\ario limit a.re il riJwnlo, In rpsistoHze (freni,
piall i PVOtlO illteryenire dopo ell e c('i:\snta 1',1zione
fl i gas,
c) gli al terreno, per limit are l'im])enna-
mento, a umentano il tormento, che massimo quan(10 l' <tffusto
sia vincolato ill modo da, sOI)primcre totn.]mente il
cl) f;OllO dannose tutte le parti ehe annlOntano il peso senza
concorrere a,lb resiste nza (per es., le rnote degli aiIust i a, ruote).
- Hl2 --
B) - Affusti a deformazione.
Negli a,ffmi t. i a deformazione la boeea da fuoco scorrevole
sull 'affu sto, in modo da poter r incular e sot.to l' azione dei gas dell a
carica; la sua forza viva di rinculo si eflanrisce nel vincer e la resi-
st enza di un freno di sparo, che collega la boeca da fuoco all'affusto
e nel comprimere un riC1/']J cratore elastico (o analogo), che
ridistendendosi qu ando cessato il rincnlo, ripOTt a la, bocca da
fuoco in posizione di !'ipar o. 1 .. 0 spazio in eHi si esauricse la forz a,
viva. dell a. bocea da. fuoco, ossia la lunghezza. del rinculo, pi o
meno grande n, seconda del valore della forza viva stessa. e dell a
r esist enza compl essiva del freno e elel ricuper atore (pi gli attrit i).
I tTeni impiega,ti negli affu st.i a deformazione sono treni
l'ici , costit uit i da Hn cilindr o chiuso allc est.remit e in cui scor-
r evole uno stant uffo, la eni asta Rporge da uno dci fOlldi at trav er so
un foro a ten Llt a di liquido ; il cil indro riempito di liquido, ed
collegato alla bocm\ da fuoco, ment r e l' URta collegata all'affusto
(o vicever sa); nell'embolo sono pra,ticate delle a,per t ure dett e lttci
di efflusso; nel rinculo l 'embolo scorre ileI cilindr o pr emendo sul
liquido, che costretto a passare da una part e all' altra dell' em-
bolo at t r averso l e luci di efflusso e offre quindi al movimento del-
l ' embolo una resistenza dipendente dalla vischiosit del liquido,
dalla ampiezza, delle luci di efflusso, dalla veloci t dell 'embolo;
quanto pi piccola la veloci t dell' embolo, tanto minore a pari t
di ampiezza di luci di efflusso ]a, resistenza del freno. Si dimostr a
\ "
che l a r esistenza del freno in un dato moment o data, da R = B ,
[1 -
in cui B un coeffi ciente dipendente natura del liquido,
V la veloci t, dell 'embolo, (ossia, della boeca da fuoeo ), nel momento
consider a to e a,J l 'area dell e luci di effiUKKO.
I ric'uperatori sono Ol'l2:tLni elastici, cOfiti t ui ti (b moll e met al-
liche o da serba toi di aria compressa, slfitemati in rnodo bt eSRere
compressi durall te il ri11eul0 della, bocca dtL fuoco; essi assorbono
quindi una par te della forz a viva della bocca da fuoco, eoncorrendo
eol freno a limi tare l'ef; t ensione del r ineulo, e ridlstendendosi ,1
rinculo ultimato, r iportando la bocca da fuoeo in pOtl izime di sparo.
Negli affusti a deformazione si possono a.ver e le seguenti
disposizioni diver se:
(t ) Athlsti a liscie (fi g. 280); la bocca da, fuoco iucavalcata
eoi F' uoi oreeehiolli 811 orecehioniere portat e da un blocco rigido,
- - 19.'1 -
kHo :,; ('or1'eyol(' :m (hl(' mta.ie l1eHe Ziscie, ;,; ist-ematc S ll-
H'l'iOl'lnentp ai fialHhi dell ' aHllsto; nel bloeco, in gCJl er<', S(lJl() :-:i-
t('nJati i eillldri d el t'l'l'ilO l' In <-I ste :-:ono fi ssflte a, 11 a, e:-:tl'emih\
IIltel-iore delln li s('jf\. Q1W,st l' sono in geller,t!e inclill ate in av<\.n1'i (ma,
psscre orizzontali, o all(i1e indill a,tc illdi(\h'o) o allora
H(' iLit ano l'azione dI'! ri(,llIWI'<ilol' t\ "istp1l1n.t-o tr<i <ifTnsto e a fTn stjno
) t-,t!V' Olt }L allzi lo sostit-, lli s(',ollo (olllj)lebimellt(-'. Il eongogno cii
\Ipntzione portato (lall':tllmdino, la, Il ("1<',(. a da fno('o hL
n('lillaziO!l(e yolnhl , (, l'ill( ' ''!;1 p,tntilelallwllt (' a:-: f; ' SS,t, in di-
'l-' zione dell e liscie.
b) et C11llu ( fig. 28 I ); snlle oreeehiolli(\n , fi ;';li<' dcll ' a1'-
incavalC' Hto media,lIt-C', ol'('('(' hioHi nnpezzo int C'l'lll cdio, dcU-o
sul qnal n SeOlTO\-oln I;t I>o('(" t da f uoco che yj (' C'oll eg'abL
nwdi anto 11n freno t\ 1111 rienp('l'ato]'(-',. La ('nlla ''-[lIJuggi ,t. s lll ('011 -
g<,gllo di eJc-nl:r,ione, e la \)o('('a da f uoeo l'ine' lIla :-:P,I11PI'( , iII dirn-
zione del proprio a f's e. L a ('nlla llll u:-:sel'(\ ('ostituita da 1II1 m:llli -
('otto on tro il quale, l a h()('ca, (la, f uo(;o g'uid<lbl da nen-atul'c,
0PIJ1ll'e da, una lunga Clll'Sntta, o da, nna, ([OCC;L 1111111 iht, :-:l1perio)'-
mente di liscie snll o qnali l a bO('ca (la. flloCO guidata da guide a
za mpa, cho yt la, tengo))o v ill<'olata .
In t.utt i i hpi di a.ffust () ;-1 tkfonnazionc:-:i ha dtIIHP](' md rinculo
l';nionc concomita,n tc del freJlo ('. <lei ri('llveratOl'n; nel l'i t orno in
ha I toria agisoe il l'i('11}J oratOl'e soltanto, }J(\]'('h essendo la '\'('loeit-it,
<:011 cui l a. bocoa da fuoeo )'itoma iJl hatt-eria, a Sl'ai minol'e di Cjllella-
con cui ha r ineul a to, la l'eBist(\Ilza del frcllo insigliiJi(aHte. 11 ri-
('uperatol'c <10\ ' 0 a\'(1rc per LUla t,ctls iOIW inizia.l(" s peei:t!1Ill\1l1" nogli
;tlTn:,;ti a cull a, per poter k ll (\r hloe' ca,j,a. e riporta.re la. };o('('a, da, f l1o(' o
in posi:r,ionc di sparo an eh o a ll (1 mnBs inw inelina:r, iolli (lell a culla;
l!(' lTi il ritorno in hat.ter ia , alle lli(',('oh' illdina:r,ioni , jJll ayvemire
('011 troppa yjolcnza e 1)l'Oyoc,\J'(\ m'ti al s no tprIlliJl(' , s i ha (lllimii
a.n eh o un 1'],('110 ciel ri1"ol' lIo ili lmttm' ia, (,11( \ jn g'(,JH'1'<\ com-
hill ato col frello (lcl riJlcul o. (V(' (I i Cap. VITl , Fr('J]i di :,; pllro ).
1\011 sarebbe p Of;;.; il,il o <1\,('1' 0 la sist-e!lllzio!lo ( ' 0 1 Sfilo J'i('Il]ll' -
l'al ore, perche:. questo irnll'la g'azzillC\rebbe t utta, la, forza yiya di
rinculo clelia bocca, da fllOeo (\ la, ]\:ls titllin]he C]l1u siilltogl'alnwllte
Il ol riclist enc1or s
i
, in modo che l a l JO(;C'a (h, fuoco tornel' l-'be in pos i-
zione di sp aro colla steSI'<1 ve!O(:i U1 con (mi ne p a,rtit<l, pl'o\oca nc1o
urto, . posta,J1lclItc/ e (l eformazioJ1(', come ])pI caso dnll 'affll sto l'i
g ido, anrl1l11 a]l(10 (]tI i JJCl i i Y<I 11 t,aggi che s i tendono a eOll s(\gll ire
C'oll'af(nsto a dcfOl'!11zionc.
VoI. II. - Armi da fuoco jJorla./ili, ecc.
- 1!).+ -
Resistenza costante del freno.
La H l . .,istellz"L el freuo (Il =, R l i i i eiu,Kt' llfl lmnto del l'in-
; I I
e nl o, fllilzione d ella, ampiezim (Ielle ILl ei <li effl ll s;,;o c d ella velo-
e iUL di r ilwulo <l ell}1 massa l'iw'l1l a nt(' , e poi e ll ques ta ya, cYJ clellt,e-
mente, eont inlUtll1tlllt.C d el'( \l'c-wello, la 1' ('" is t ellZ<I, p11re (li milllliwe,
i'lC k luei res La no e(mtall t i, 0 1'a a Sl'ai eOH\'(\llie ll k, in ogni eaw,
aver e la. l' esis tenza (LcI fre no eoshl,nt-e, (\ vi J)l1<', o t tener s i facenno
in modo dle il mo\"irne llt o (li r inclllo, (' Oll HWZZ! lllw'eaniei fi ya-
l' iat i, f,H'l,i a iminuite la, ampi ezza (klle LII(,i in proporzione all a
veloe it,,\ (vedi Ca'pitoln VE), t(:, llendo per wnJ,() (Lella reNistel1l1a
d e L l'<'npn l'ato l'e, cil e (' yariahi le, (' (le,g-li attrit i. Cos
in ogni P Ullt-O d e ll a IlllI g l1(' zza ([ (' I rillc,nln 1<1 l'\' s is t-(-1 nza d e l fl' ono
c l'imall e eos t a Il k e uguale a li nell a alI ' inizio drl
mO\ 'ill wllhL Colla, t'p,i "tp-nz<l (,\) ,, 1<1 111 (' .;i hallilo i seg'nent i \"<t,ntaggi :
l) i I ",d.ore eo;,ta ll t e (h., II;t, n ',.;iKtenza (:ertamonte infe-_
)'i01'( \ ,ti 1//assimo dI(' ,l \TCbbe la, rnKis t enZ<l n ll'iabile (li 1111
frell o ch e efitinglla la, forz<I v i nl di )'illc nlo iII 1I1Ul e,Q' uaIe InnghellzH;
inolt-re l' (' qrws to massimo ,'i i ynr if1('a SK(' nll ' inizi o, fi i an'ebbe 11110
str :Lppo e ei si <Lyvie illol'cbbe a ll (\ (,olll l izioJ]i di I Ul alTnKto rigido,
so f'o s,\( \ ,dl<t fine, s i <l,\Tebbo la n' Kis t <:' llza nml' "illl:l. <lPIJUld-o qll<llldo
la. l)()( ' ea d a fWH',O s[)Os tat-:l in( li d ,ro, {' qnilldi l'a lT II 'i to Ki troni in
(\OJHLiz iolli sfa,\"o['l\\"o li ])('1' b
2) fae ile dc(llllTP il ntlol'l\ (lf'.la (:o'lt <lllte <1 a
quello <1 e1la, Inng'l1 ell za d e l l' ill e nlo, (l \ i('l\Y(,I' '';a. qll :\' il(10 UllO rl ei
Ilne (ll\bb<l, l'i ,-,pOllde re :1. (lctorminah\ eOIHlizinlli iml)Oi>te da,lJa
() dall ' impieg o, p ereh. il pl'o\lotto Il i (Incsti fl 11 e e lementi
sempre ug-Ilaln a ll a fo!'za \"inl (li l'i lw,nlo d e ll a nmSS<I , ri llenlante
(
, I '\-1 V 2 \
I{ " ,= ijl " {' : '
;3
fJ
) La. lll ll glwzza (kl l' ilt (' ldl) 1'1Ill<1Il( ' .-:t \ll lpl' l,\ la ,; 1 e ,'; ,';<1 ,
;t,nelHl ,"e Y:ll'i,l ];t vc lo(' it :\, illizi a l(\ dI'.I l'i nl'n lo ( pel' Ii(d tiro ('Oll
carich e ridotiLo), p er elL taI.l, , a)' i:t;t, io!I (', po l'f <I , I U ' alllile llf-o (I 1ll!<1
diminn;t,ioll c della fOrLm v iya l1i l' ill(' lIlo (la (\,.;,tlI l'il' l' , ma ,I IH' he 1I1lH-
rispondente va,riaz ionn d.el la l'eS istell;t,,\, dd -(')"('1 LO , dll\ LI
l'm'11 ft v iv<I :-;e mpro n ell o i'h\ :'I '';o ,,;p: lzio ,
aa" l ' al'l\: lini zialp ([(,11( , 111( ' i di (dlll.1 ;;';o V
o
la \'(loeit:'1 di
. , " .. V
o
" . \I \' ,, " '\1",,"
nnelll(l a. 11' III IZI0. I{ co'" n '
i
: <11'<1 8 ,co - Wl ' .= -" "1 - ('Il e i, inl-li -
(( u - \ -
p\ ' nd(\ ll tr' da \' 0 (, [ll'Odotf-o d i <] 11 <l1 l! il<\ ('o';j;tllf i ),
- 195 -
,jo) Re il rineul0 Ni inizia qmmdo LI bO('(' a (1a fuo('() nOli ;,
perfeUalllellie in h <1 t( pl' ia, 1(1 1\wi (' OH (' Ili si inizi,1 il rim' nlo ri C'ul-
j-aJlO al(11I<lIlt o Ill inol'i d i q lil'lll" Il Ol'l II al i, <t1Lindi I:i (kl
Jreno :i1qn,l,nto mag:giol'e (Li ([ nul li( (' he u \rehl H' ,;(' la liO( ' I' a cI :1 J' 1l()(' O
fm;se rwlla posizionu 1l0rm:IIC' ; 1Wl' la forza ,i n.l (li j'jlH' Il]O
in llllO Rpazio illfCl 'ion" e il rineulo termina nello Rtp;.; ,.;o
pllnto (leI fllllziona mento nbunale eyitando llrti e sh:: l timcn1 i.
Tu t,ti i fJ'('ni i(1l':lllli ei appli('ati a i matel'i,tli ,I ttnali SOll() :l
resist ellza, ('oi'taute, o almello 'l'i si il y\-jeimllio ( pl l" \ :ll'i:l1)jli til
delle lnd.
R rZa:::: iollc 1m }' rsist r ll za del 11'(,1/0, 'l' l'SO della 1U/8sa r i 1u"ulllut,.
c lnnghczza clel l'inclt to. - Dalla relaziOlw Il,,
l \1, \' , 2 l'i dp-
'l u I
du('u elle la lnng- lw)<;za (lel l'itwnl0 tanto q nanto minore ('
la. r esi"t euza fnmo (' mag:g: ior e i:L forza y inl di r inn1110 d ell a
bocca (la fuoeo, coll<:l parh ehe pal'teeipa-no al llloyimento (ma;.,s,L
rineul ante) ; perci, (Juando oceorra aver e una lunghezza- di rinclJlo
limit ata e una cLel freno non troppo forte Ri tlcye a;ye1'O
mut limitata forza vint (li rineulo; il parit di qnan t iUL di moto
NIu Vu , eOlne si Il dett,() per g'l i afEu1:h r igidi, l a forza yiva (liminlli H'('
col en'lseere della. 111,) qui n(li n e] ca-w ,'-;lHldeUo ('onYiene an--' J'('
peso l'da.ti \' anHJu t e gTande (Lella m a :"m rineubnt e, ei dHJ tl i OtLiPlll'
collegando colla boeea eia fuoeo le parti pi pes:Mlti (lp] freno (\
del ricuperatore, oppure anch e agg'inng-emlovi dei pe:-;i morti ,
poiclt nuche con que:-;to "ist em<-t si pu ottenere lln nUlta,g'gio npl
complessi\'() (Lr\ll'allnsto, colla limitazione (1(-111e inlClI Rio lll
delle yarie p arti di que:.,(o.
Le COll:,Ag' nenze d el N,tema a deformazione Rulla r e"i,, 1- ellza
e la st abilit degli a 1'1' 11 ,,1 i , nOJl cb nei rignar(li della eelel'Wl, (li tiro
e della protezione d"i :;o no:
la) alla a zione violenta e qu asi iNtanhmea della pressione
dei gas, si so;.; t it ui"c.e la lllo(lerata e g,'1' :Hlnale del freno
n cIpl l'inupel' <1tOl '(); "n t-alo resi::; tl\nza ,,, i P0,", SOIlO faro le ,<;tef:se eonsi -
clerazioui faLLo pUI' alTll :-; jj r ig'i(li nei rig'1l<tnli cll' l l' inenlo, clell'illl-
]WllllaIl WIl io n del tOJ'lllOlitO; oNsia:
2
0
) lllinor(\ la forza (\lw iL fanl l' inenlare (-\ impeunanl
e il ddormarl o, p p er pill faeil e otten()l'e
l'a;.;sol11t a imJllo bili t- fLell ' ,tll us10, eolle I)]'Opo1'zioni o eogli aggr ap-
pamellti, senza l' (Hl(lorc cneessjya moll te fort e il l avoro di deforrml'
- 196 -
zione; i'i pu quindi ottenere la necessaria con dimen-
Bioni m.illori, e quilJ(ti con minor pel-io di materiali, ci che serve
a cornpensare l',ggiunta, di ol'g:ani elle non sono necessari llegli
affnsti rigidi;
3) data l'immobilit dell'affm;t,u, gli a,pparecchi di punta-
mento possono essere applicati alla enl la anzich alla. bocca da
fuoco, e si pu ottenere Quindi di e,';(>gni1'e il puntamellto anche
durante il rinculo e la ea.Jiea; d specialmente per il sistema, a
cull a;
4) permettono l'applicazione (li scudi all'affusto, perch
I-ierventi non debbono spostarRi all'atto dello sparo.
I seguenti esempi danno idea della J ivel'Rit delle forze a cui
sono sottopost i affnsti rigidi e (d'fu sti a (leforma,zione:
Cann. da 38L/4,0 Caull. 152/Mi ..
Pressione massima in culalta
K g. / mm.
2
2/,6 24-
Press ione totale s ul fondo del-
l' anima. Tonn.
ei['ca
i13Mi 672 l23
Peso d eli a massa rin culante
Kg.
()4.0(){J I . 6820 380
. (' [['(' a
Velocit, di rinculo m/ s l3 \ \l ,6 10,36
Forza viva di rinculo. Tonn,/m, Q,57 35,793 2,079
Lungh ezza di ritlrmlo m.
.1 ,Oi) I
0,450 1,imO
dali
Hes islenza del fr eno e ricupe-
t'salli
l'alore. Tonn.
"4(j
79,440 i, ti!J9
Gli a,ff usti H. deformazione moderni sono tutti H, cull a; anzi
si pu dire che gli a fIm,j',j a liS(' i(e sono hpi di transizione dagli
aIInst i rigidi a ([uelli a clIll a, i ((mdi l'aggiunguno lo scopo eon mag-
giore regola.rit, e ReJ1Za l ' interyento delle l unghe e ingombranti
liscie, e permettono sistemazioni Jli sempli ei e spedit e dei congegni
(li pu n teria.
11 sistema a. li,,,cie per attuato an(\01'a, in unione al sistema
a cull a, da,ndo luogo ad affu sti detti a r-inrulo combinato, che ri sul -
tano convenieilti in alcuni casi, che si.vedrallllO nella tTattazione
iII particolare della varie forme di affust.i.
- 197-
AJusti a lanciata (det ti anche <:L cannone avanzante o a
cliffcl'cnziale). - Mira no allo scopo di ridnTre la lunghezza del
rinculo, ut ilizzando la forza viya impressa alla bocca da fuoco dal
r icuparatore nel ritorno in batteri a, p0r diminuire la forza viva di
rinculo. 1..1a costit uzione generale qnell a di un affusto
CL culla ; il caricamento (\ il punt amento so no esegniti colla bocca
da fuoco 1l C\ ll a posiziollt: dI massimo rinculo, in cui eSSa trat(-,enuta
rla riteg'ni a moll a e a co mando; per far p artir(' il colpo si svincol a
la, bocca da fuoco, che portata in dal r icupnratore, e acqui sta
umt certa forza viva; q na,urlo la bocca da fuoco giuuge in posizione
di "paro, mentru a ncom in mo\' imento, agisce a ll tomatieamente
il congegno di sparo, e la bocca (hl fnoco rill cula e a.l termine di
rinculo rimane agganciata dai ritegni a molla.
La forza viva di rinculo in parte assorbit:1 per vincere la
forza viva che bocca da fuoco aveva nella avanzata, e quindi,
con un freno di debole reKi,'l tenza, si potr ottener e una, lunghezza
di rinculo limitata; a nzi, teorica mcnt.j, si potrebbe fare a meno
del freno, a,f-ftdando tutto il funzionamento al solo ricuperatore,
perch la re8istenza del freno negli a ffusti a culla ordinari qui
sost ituita dalla forza vi va eli aVal17.ata.
Sono e videnti i vant(tggi che si potrebbero otteere da tale
sisternazione nei riguardi della legger ezza del materiale, c delle
sue dimensioni, special mente se si potesse sopprimere il freno .
NIa senza un freno, si potrebbero verificare i seguenti inconve-
lliell ti:
l ) In di scatto a vuoto o di lm1llCato arresto dell a,
bocca da f uoco nella posizione la bocca da fuoco urta
contro la anteriore dell::L cull a, con del materiale
e con po,'ls ibilit tt di abboccamento del pezzo in avanti;
2) In C(LSO di ritardo d'accenqione, il rincnlo si inizierebbe
quando la bocca da fuoco gi ferma in posizione avanzata, e
q uindi rincul erebbe COll v iolenza, f[Lce ndo rovesciare
il pezzo;
3) molle del riellperatore non possono essere tenute
sempre co mpresi-le dllran te la mar cia, c perci si r ende necessario
co mprimerl e al momento di metter e il pezzo in batteria, di i-l po-
nendo la bocca da fuoco in p08izione di caricamento. Se 11 0n si
co mpisi-ic qnesta ma novra la bocca, da fuoco rinculerebbe con grande
velocit co me nel caso precedente. Ora, ht manovra di tirare ill-
- 198 -
dietro la bocca da fnoco, data la pot enza che (leye a,\'erp il l'Cll-
Ill'ratore, potrebbe essere ai'lsai filtif'osH.
Col la ]Jresenza di Ull freno, gli ineoJ1yenienti suddetti, Hon
KUll.O totalnH,mt(, esclusi, ma Yengollo attenuati, perch la r esi-
del freno aumenta colla Yf'locit, e il rinculo pu eSRere
nontenuto Rempre nei limiti yolnti anche se la partenza el colpo
H,Tenga colla bocca da fuoco ferma nelhL ]JoRizioll C avanzata;
,L\T uno si (witano nrti; di pHI il ,
ricnperatore plt p"sere fatto d minore resf;tcnz:CL e q llindi facil-
mente comp)'f' ;.;sibil e a hraecia.
Questo si"tenla dell' affusto a lanciata evidentemente adatto
!Je!' le H,rhgli(,q'ie di calibro, e non ha avuto fillO ad ora che
llocheapplicazioni, tra le quali pi nota quelht dell'affnsto da
monta,gm1 frallce,.,p ])er cannone da 65 Mod. 1906, in cui il rinculo
ll'idotto a 40-;50 cm (nell'afJusto del cannone Gr, italiano il rinellio
() di In. 0,930), col concorso di un freno idraulico iL debole 1"e8i-
sj'('.Jlza.
AltT. 2 - Affusti a ruote.
]. Conformazione generale.
Gli a l'Ilote oltre che alle condizioni inerenti al tiro,
debbono soddisfare a quelle inerenti al traino, ehe sono in parte
contrarie alle prime. Per il traino gli affusti iL ruote vengono tra-
sformati in 111l carro a, quattro ruote coll'accoppiamento ad un
avantreno, costituito da, una ,.,ala con due ruote, alla quale COIlve-
nientemente collegato un timone e una bilancL per l'attacco del
motore animale, o una stanga di traino per l'attacco al motore
lnecc'Ll1ico.
L'afl'nsto unito all'avantreno mediall te un occhione alla estre-
deUa coda che si agganci,l, a,d un ga.Jlcio portato dalla sala,
dell'avantreno, o rnediante U1l foro o boccola, della coda, cbe ::; i
su 11n 'lnctseh'io Pm' es::;ere in condizioni
fa,'oreyoli al traino l ' affnsto Don deve essere cii lunghezza ecces-
siva, n avpre grande larghezza ana eocla,)Jf'reJl ci irniuuin:bbe
la beili t,\ di volta (vedi Cap. X, ({ 1'raino (lelle Artiglierie l)); di
pi la eoda deye esercitare ulLa certa ::lu ll'avantrclI(' :
p cr ch il pC'w conveniclltemmlte l'ipartito fra i due tn-ui,
e il timone risulti :-tabile; d'altra pnrte, per facilitare l'unione dei
treni tale prel'siorw non deye ecc2!'l'int j)(' l ' poL>J' fa-
- 1\)\) -
ni lll1l'Ht e vi nhl d, ti macchinc e Infine
lp ruote drhbolHI (' :'; l';(,1'e di gl'<tlld(' diametro (n'di Cfql. :\).
'l A) - Affusti a ruote rigidi.
Gli allll sti rigidi (Ag. 282, 285) stanno [H']' S('mparire (1ft I
material(' d'artig'li oria., (' <luimli lo considerHziolli saranno !.imitate
a.Q li elemen ti ell(, ei'isi h ali llu lJl c011lune ('ol sii'i tcma a (1('fOl' I11HZioll C,
a lIo SCOl lO ti i mettpre meg! io in ('yidl'l1za i Yllll hlggi di \l'I( .--to
ultimo.
Angolo di coda :
a) Cogli a ffusti rigidi a l'Ilote, non ('s.'iOllll0 Vos:;jlJile 1111
aggrappamento della, tostata al nOll "i JlIl evit-aro t'im-
pennamento pi o meno kentito, pen'h oC'(,ol'rel'f'bbo Ull<t co(b
molto lunga e quindi pesa.nte e "fa.Y()J'(wolf' al traino;
l'angolo di c:oda pi g'eneralment e usato fu di 30 pOI' i cannoni e
alquanto maggiore p er gli obici;
b) L'alt ezza delle orecchi onicrc era st.ltbilita in ha,s(, H, con-
dizioni di ser vizio secondo il gr ado di dominio :ml terreno circo-
stante che cm necessario per il pnutauwnto diretto, e la possi-
bilit di protezione dietro rmtsse copre n t i d1e "i vole' a ottenere,
:,;empre per obbedendo al principio eli t,enerla pi piecola ell e
possibile per favorire la stabilit; in genere, si a\'eva alte7,za <li
m. 0,65-0,70 per gli affusti da montagna, m. 0,00 per le arti-
gJerie campali leg-g-erc, Ill . .l ,80 pCI' quelle lWi'allh (gi}L elette <1 'a:-;-
sedio ).
Diametro dell e 1'uote. - Jlgr(lJ1(le diametro facilita. il traino, ma
rende le ruot E' a 1';:-; a i pel-ia nh e qllindi allmentl:L il tormellto; (li pi
aumenta l'altezza dell e orecehiol1iere e l'n.ngolo di coda: l'i compen-
,myallO le due esig'Cll7,e eon :,;ale a g:olllit.i oppure COl] "ala pas:,; (\.ntp,
cio a,ttraver:;allte la tesbLt-" L (lell'afIusto.
Car/' eggiala. - hL gl'<I.ndf' fa,yorevole all a sta-
bilit trasv('\l'"al;' , ma l'iehiede UI1<1, Illll g;-l, e IIllill<l pi robn i' t a
per aJlo sforzo di lI e,,::;iolll:) dm'<lll t-e lo spa ro.
Per il traino l a gr a nde earregg:iat<l il f, l.\Ore\' o]{>. fLlla sta-
lJiliL, lll,l, ofi taeoJa il pa.ssaggio nelle sI rade ristrette.
La. ealTeggiata sempre stahilita, quindi, ili <lll'impiego
Ho cui de::; tinata l'artiglieria, e a i telTell i che percorrere e al
ca libro.
- 200 -
Pressione della coda, s'al tei''I'eno. --- Dcyc p<:; rm(1ttere il fari
1
(='
spostamento laterale per il puntamellto per parte di uno o dlle
servent i agenti alla manovella di mira; pu var'iare da Kg. 60 circa
a Kg. 200, secondo che neceRsal'io Ro lleval'e la coda o semplice-
mente spostarla; t ale pressione anehe cOJlycniente nei riguardi
della manovra per l ' unione a,ll'anmtreno.
l,a della ('oda determinata posizione delle
orecchioniere rispett o alla sala, pel'ch da questa dipende la posi-
zione del cOlltro di gravit rispet-to a,1 pnnto (l' appoggio posteriore
e rispetto all a sala: tale posiz;ionc delle ol'ecchioniere ha pure
influemm sull a pressione della ('oda all 'atto dello sparo, e quindi
sull' attrito, e sulla estensione del rinculo e sul tormento; in generale
le orecchioniere erano disposte avanti alla sala pm t,ntti i materiali
(sebbene vi fosse qualche tendenza, a (lii'iporl e dietro la, ::ia,la peI' le
artiglierie Ooll e ol'eechioniore alla, sala, e anche
in relazione alla loro distamm clalla sa,la stes;;a, pu variare note-
volmente la pr essione della coela ;; nl terreno, da quella della coda
sull'avantreno, in questo caso la coda. soll evata e qnimli
le orecchioniere, e conseguentemente il centro di gravit del i' i-
stema, ancor pi in a,\"illlti.
Limitazione (leZ J"incu,Zo. - Per Limitare i I ri nculo si usarono
diversi sistemi:
a) An'esto delle /'1lOl e, e trasform<lz-:iJlc dell '<.t ttrito di roto-
lamento in attrito di striscio; l' i otteneva o vincolando una ruota,
dell'affusto con freni a sca1']Jct o <l sltolc d'altrito in genere fistiat e a
una stanga (vedi Oap. X), e che serviY'.\.l10 anche per il traino; aYe-
vano tutti il difetto di agire irregolarmente :mlle due ruote e fin
dall'inizio del movimento, cio an<.:he durante l ' azione dei gas
aumentando il tormento; pi conyenienti apparvero sistemaziolli
con freno a e suole d'ctt trit.o azionate da una cO'l'da, elette
perci freni a co l'clct , che entravano in fallziono solo dopo un breve
tratto di rinculo. Un tipo perfezionat-o di questo ultimo sist ema
fu applicato nel nostro cannone da 7:') A che C1yeya C,l,z;ione progres-
siva, iniziata dopo un certo tratto dil'in<Julo, funzionava
camente nel rinculo, e lasciava libere le ruote per il ritorno in ba t-
teria; funzionava anche come freno di via.
b) Cunei treno, per gli d'artiglieria (d'assedio),
disposti ad una certa distanza dalle ruote, per permettere il libero
rinculo nel primo periodo.
201
c) Freni idrwtlici, per le art igl iel'ie pCRant i (d'assedio),
sistemate su paioli per il t iro (aboliti coll ' impiego delle rotaie a
cingolo) ;
d) Vomcri elasl'ici; cl'i coda c di setla: miravano allo scopo
di diminuire il rinculo e nello :-;te:-;:-;o tempo, mcdi ;w te la, compreR-
sione di robuste mollo, facilita re il ri torno ill batteri a : q nelli appli-
cat i alla sala, erano robuste stampelle el ast i che articolate alla Hal a
stessa e vincolate a lle CORele, in modo da appoggiare contro il ter-
r eno c opporre una rC'i iHtemm al rinculo; non oHbwola vano il pun-
tamon to, ma favori vano l'impennanlelil:o; i v orneri elastici di
coda, erano rohnste piastre ch e si affondanLllo ncl terreno cd erano
collcgate alla cOdet eon robusto moll e, C' he YOllivano compresse
dUl' ant e il rincnlo, ai'lsorbcndo una Cel' t:l della forza viva
del rinculo, che veniva, sottrattn, al t orment o; n2.ll'i(]i stendersi subito
dopo, riso spingevano il pezzo in batteria (eannone da 75 A);
erano in genere preferiti, sebbene o:-;tacolai'li'lero a lquanto il punta -
mento, per ch non favorivano l'impennamenLo come i vomeri
di sal n,.
Guscinelt'i cZetst;i. - Per dimin uire alq uan to il tormento del-
l 'affusto, la sab.t fu collegtta ;dle coscie mediante sist emi di cu sci-
netti di gomma vul canizzata , dotata di una corta libert di corsa,
in modo da p ermettere all' affusto un certo rinc-ulo, co,} l a compres-
sione dei cuscin?tti, che t r asmettevano poi il mo \'imento all a sala
con azione gradual e (Hi fltema Engelharcl).
B) - Affusti a ruote a deformazione.
La celerit di tiro non pu esser e ottenuta clw coll a immobilit
dell'affur; to, p crch questa sola, pcrmette l a cont inuit del punta-
mento d uran te la carica e il r incnlo; occorre quindi impedire in
modo aHsolnto l'impennamento e il r incnlo.
soppre:-iso colle seguenti di sposizioni:
a) Grandc lunghezza di coda; ehe pn attua rsi, semm
inconven ien t i, ma.ggiore ehe J1tlgl i affust i r ig'idi, perch l a coda
soggetta (1, lavoro Cl i piecolo, e quindi non r isulta
troppo p l'sante; b lung her.za limitata :-i Oltall to da 11e necessi t
di traino;
b) M:a:-;s:1 dell 'a,ffusto concen tratet molto in avanti, rispetto
agli affusti rigidi, p er ch la coda non de ve essere mol t o r esistente
e quindi r isul t ... t leggera, ment r e il freno e il ricuperatore sono di-
- 202 -
spost i YCl'SO la, testata; l' i ag:g'inng-e il pe:-;o dello o <]uell 0 dI'i
sel'yent i, c Il(', eSRendo l'affuRto immobil c, pORiOIlO (' ,'iRer e sedut i
snll 'affuRto;
o) P iccola rel'istenza del l'l'ono, che n e ('(\I-i ,'i},ri a a malgrado
(1('1 1('. condizioni fayoreyoli prccedCl lti; ei ottellu to:
l ) 001 lung-o r incul o, e:-:tendello la lunghezza elcI rinculo
a.l massimo con:-:cnti to dall e dimensioni dell 'affll Rto c dal ficrvizio;
per qucsto moti\'o cil e il sistema a mal l'i. proRta per gli
affuRti a. ruote, perell It;> li :-:cie risulterebbero aRRn i ingombranti e
pcsanti, e nOli ormai pi applicato;
2) 001 gnmcle p eso dell a rinculall te; prl' diminuire
la \' t;> locit del rinC1Jl o, facendo rincubre coll a bocca da fuoco le
pa.rti p i pesanti del freno e del ricupcratore, ossia i ci li ndri. :;\'folte
volt', e necessario il peRO della, maf:m rincul ante con
un organo fra la bocca da fnoco c oSfia con la
sli tta sulla qmde hl. bocca da fuoco fi ssata, e che scone lungo la
cull a g:l1ida ta deL gn ide a za,mpa e collegata per mezzo del freno e
ricn peratore; questa si:-:I:emazione f pecialmentc applicata nelle
ar tiglierie da montagna, in cui la bocca da fuoco, per necessi t di
trafiporto, n on pn :-:nperm'c nn certo limite di pcso che troppo
piccolo per adatt ar si ad un freno di piccola rcs istellza.
d) A lt ezza dell e ort;>,echioniere; si cerca, di tcnere pi viecola
('h(\ "ia pORsibi le, tcnen<lo copto di altre esigellzc r iguardanti il
pUJlt amento.
Il 'l''inonlo (lell' a 1'I' llsto sopprefiso colla appliceLZione di un
V01'noro rigido cOl la ; qu cf ta mi sura necoRsa,l' ia perch hL pres-
sione clell a coda sul t,cn eno piccola, da ta ht piccola, iu tensit
dell a, res istenz:L del freno, e qnindi potrebbe
cilmellte. Il vomel'ol'ig'icLo si afTonda terreno al primo colpo e
nei tolpi :mece,.;siyi il1lnlOuilizza l'a.fTnsto; ci pu farsi sellza pre-
gindizio della rCl' istell z,L (lelle eoscie, per('h l 'azione el freno
molto piccola,. ,
a l isol .
Oli a fTnst.j :1 eOJI li fwie (fig- . 286) non flll'OJlO rcalizzati
ell e, ilJ alCllni mat eria li eli p icl'olo ca.Jibro, come tell tativi di evitare
gli inconvenienh dell ' a,rrll sto r igido : data la p ic('ola, eften:;; ione cbe
fi i poteva dare aHI' li sci e, il freno do\;eya essere di, Jloteyole resi-
stenza p llon :-; i pehw,) ottelll're la im11l obili t, In questi
Illateriali l e li scie erano pOl'tate da Hll af'fui'itino i mpel'll ia to sulla
testata ddl' allusto, L, illudo da pel'mettere un certo settore oriz-
zontale di tiro senza spoi'ltare la coda; avevano ill !!:enere 1111 vOl11oro
elastico.
Affusti ([ culla.
Gli affusti a deformazione a ruote odierni Nono quindi tutti
il culla ; Ilei riguardi del (liametro dene ruote e della CalTC'!!:giata
ad eCi Ni si possono applicare le conNiderazioni fatte per gli alluNti
rigidi; generalmente u sata la sala a gomiti, o la NaIa passante,
o addirittura la sala disposta snperiormente alle cOtleie, per abbaCi-
:,; are le orecchioniere.
Puntarnento 'in direz'ior.w (fig'. 287). - Il vomero ostacola il
puntamento in direzione per mezzo dello spostamento della coda;
inoltre, qUCNtO siftema di puntare in direzione richiede l'azione COIl-
corde di due serventi (puntatore (' aiutante puntatore) ed quindi
lento e poco preciso; gli al'fusti moderni :,;ono quindi organizzati
in modo da permettere un certo settore orizzontale di tiro indi-
pendentemente spostamento della coda, cosiceh il punta-
tore stesso che dirige il piano di mira al ber:mglio, il coneorso
del seryente alla eoda del pezzo.
l Cl;,temi a quetito tiCOpO wno i scguenti:
a) (fig. 287) imperniato eon maCchio yertiealt\
sulla testata e munito di oreeehioniere Nulle quali
incavalca ta la culla;
b) lJOrtacnZll[ (H,g'. 288): cmlle oreeehioniere, o mng'lio RU un
a,; ;;; e trasyersale della te"tata dell'a l'fUNto, e che pu Cf;fiere la :mla
:-l tesRa, imperniata una ;,bal'ra detta lI01'taculla, che appoggia
posteriormente sul eong'egno di pnnteria; la culla, naturalmente
ti enza orecchioni, unita al portaeulla eon un rnai'ehio normale
all'asse predetto, in modo (la poter ruotare laJ-eralmente i'ul por-
taeulla;
c) scol'rirnenlo dell ' affusto sulla sala (fig. 289); la sala 110n
rigidamente fi sfl ata all ' affusto, ma questo pu spostarl'i lateral-
mente sulla sala Nte:-li'm (ehe pu rettilinea o anche areuata),
l'notando attorno al punto (l'appoggio pm;terionl rappresentato
c1aJ v omero.
Il 1' istcma a port a culla p1'e1' enta sul sii'l tema ad aHustino il
vantaggio eli avere il punto d'attaceo della culla all ' affusto pi
- - -
basso, ed quindi conveniente nei riguardi della :-;tabilit; di pi,
esso risulta anche pi leggero e meno complicato; per si hanno
degli errori di puntamento, tutti dipendenti dal fatto che il pemo
di rotazione della culla non verticale ma inclinato, quando il
portaculla e quindi anche la culla hanno l'ang'olo di tiro;
essendo questo perno inclinato, lo spost.amento ang'olaxe della cnlla
rispetto al porta-culla provoca una Y<LricLzione nella inclinazione
della culla ste:-; :-m, e di pi un elT01'e nel pllnt.amento in direzione,
come se il pezzo fos:-;e sbandato latel'al mente; inflne ,<;i pu notare
anche che gli sposhmwnti <Lngobri della enlla snl ])orbLculla nOll
sono uguali esattamcnte a quelli dcI piano eli tiro; qnesti errori
sono poco i'iensibili q nando l'angolo di Iwlillazioue piccolo, ma
richiedono per sempre cOlltinue (:orrezioni <li puntamento. pre-
ferito quindi quasi ovunqne il :-; istema ad aJfui-itino, mentre il si-
stenm a portaculla applicato in caulloni loggeri,co.'itruiti Cf;f;Cll-
zialmellte per il tiro teso (cannolle <la 7["; j 27 Y[od. 1906).
I due sistemi porta culla e ad alfuiitino pJ'p,'iontano ]'in-
conveniente (fig. 290) di proYocal'e a/l coI1)0, per
della obliqnit della culla rispetto al piano mecliano ddl'affuf.:to,
nel quale sitnato il punto d'appog'g'io ll0'ltel'iore, che genera
una, compollente laterale della. del frello, nna tendenza
alla rotazione dell'affusto attorno <I <[UC'iito lJllnto d'appog:gio, dalla
parte opposta H quella della dpyiaziOlW della tnlla; ten/lenza ('l1e ,
quando l'i ]Junta sempre <(,' lo io, :llIJl1eIl ta ad ogni
colpo, tant o da portare iu ureye <I raggiungl'l'(' il limite permesi' o
dall'affusto, e bisognerebup. allora, 1'('1' l"llll"m'l', ,,,vo,,hlre JI1lOya
mCllte la eoda.
Questo inconveniente pu ei-i i-i el'e in pmte ovyiato faeendo
un vomero abba);;tallza largo percll le direzioni ei-l treme a destra e
a sinistra della bocca da fuoco pas,,,ino ancora per nn pnnto del
vomero. In ogni modo, la immobilit dell'affusto
Per, questi sistemi sono semplici; il peso da spostare rif:lpetto
all'affusto piccolo, e pu efser mosso eon meccani"mi leggf'ri e
poco complicati .
.N el s'istema a scorrimento sulla sala, invece, la bocea <la f uoco
sempre mantenuta nel piano mediano dell \ tJEusto, e il rinculo
avviene sempre in questo piano in modo che, teoricamente, sareb-
bero evitate le rota,zioni attorno alla coda ad ogni colpo. da os-
servarsi per che la coda munita di un VO\1)ero pi o meno largo
e che la rota,zioue dell'affusto per il puntamento non avvielle pre-
.- -
attorno al plln1"O (li mezzo eli questo Yomo1'o, ma attorno
a, el una s ua ciit r(>.mit., c qualora anche t1VYenil'se :1,ttorno al
punto <li mezzo, a,yrebbe elle met del \'omero appog'gi:1,ta
terreno, ('ht>, ha eOlnpreSI'O, mentre l,'altnt met. non al'Poggia, sul
tel'l'eno; il rillculo (Iella hoeca (b 1'uoeo, cos, non in una
direzione (:he per i pllllti ai quali appog'g'iatn, In, coda, e
ha quindi anche qni la po,';sibili hl di spostamento IM,erale pi
umeno (Lell ' allm;to a,(l ogni colpo. Di pi, ("Oli qllel'ito
.. pew d::t lnng:o l a Kala rilenlollte (aITnsto, c nlla,
Ulllnone e quindi richie(le meecanismi robusti, P eFlan ti,
e complicn.t-o; facile ad el'iBere imbrattato, e l'imhrat-
tamento pu anehe oshwolan>, nol', eyolmeute il Illoyinwnto; gli
cho .-;ono portati dall ' aftuflto, non PO,,\ ,,;OllO oeeupare tntto
lo compreso fr), l e l'uMe, qnin(Li la (lei sernmti
l' pi II Limi tata; inAne II' mot.(>, non pm,:>ollo BI'.'iere frf'na t e C'OH frelli
a(L attrito, pm'eht> "i de \'Ollo poter muovere pm' i.1 PII Il tamcllto, a
lIleno che Ln .-; ala JIOI1 ,'i ia a,rCl1ahl, ci <:11(' l a l' elide IH\r pi
Un'altra differenza fra i clue sil'temi deriva dal t'atto che
l'a ffu sto per permeLterc una. gra.l1I1e inclinazione lella cull a. deve
llreflentare nna apertura attl'a.\'erw la quaLe pOfl sa pal'flare la estre-
mit, po;,;teriore (Lella ('nlla o l a, culatta dL'lh bocca da, t'noco !leI
]'iI1Cll lo; nel a .'icorrimento w lhl, .'i a hL ta. le a,pertura, non
,lIt('m il tl' a. ceiato dclle (.of-ici e d IO POSSO))O (S.'iere jlHl'aLldp o Hnche
l"OllYCrg'enti la co(l,,: upi sistemi ad aff ll stino p a porkLc nila
il1\' 0ce, por permettere il rilJcnlo aIJ(:he quando la enlla s i lirova,
estremi del .'icttOl'O orizzontale di tiro, le cos(;ie dOYOllO O.'isC're
lliYC'rg2llti, ci elle limita l'ampiezza, el eL settore Ol"izzo llt ale .'i n(l-
ILetto, e olJblig'a, poieh l e eORcie clobbono conyergerc H'J' ,' O la
('o(la per non dare larghezza nei l'ignHnli del t.ra,ino.
a li IUl tracC"ato ' spezzato che non t'avol'(wle alla re;.;i:>Lel1zH.
A qne.'i to l'iguanLo ha arwhe importanza la pO.'i izione del perno
ILt'lL'aJf ufltino rispetto al L'aJf n.'ito; evidente c he eOllveng'a avere
tale p Pl'110 il pi arretrato ell e i-l i tt po,-; ,,, ibik.
'Tut ti e tre i sistemi, qtlincti, J\on JI P1'lii eU,ollO lIJ l<t :2.nwfi p
awyi!zza, dei settore di tiro ul'i7.zonta
1
f', di elli illvBen (' indi:o;cnti-
bile ' a granfle convimiellza. Ln i;olnzione ciel ]Jl"ohbnw
l't:,,;.lizzata d;lJl DepOl't eo ll'affm;to DJ coscic dival'icabili o a d01YP ia
cod(t (ti?' . 291) : le (:os('i<:\ .'i0110 imperniate sa.] a" o a lla k.'itata
dell'a l'ftl i;to; :-; ono r iunite per i l t.raino; per la mcI' i:' a in bllt,teria si
pO:-; S0I10 divaricare a snffieellZlt per permnltore nn s('ttol'e
- :!Oli - -
orh:zontale di col sisteJlla ad affustillO. Poiell per l'affusto
in batteria viene ad a,ppoggiare sul teneno ('011 quaUro punti, le
t111e ruote e h estremit delle cOl'cie, necessa rio prm'ycd(>re perch
tntti tl'ovino saldo appoggio :-:ul terreno : ci ottenuto facendo
il g'iiluto d ell e ("d;-ei" a lla () Dll'afl'ustn <lopjJio o ",!'tTico (Can-
nOlW d a 7R/27, JHod. Il), oppnre l a ::ml a ('olle.gala ail'affllsto con
1111 pel"llo e lon,2;itudinah' (CaUllOJW da J[)ij francese,
Filtom:) .
La, ('ai:<L S. ChauHH1(l (Col. Rimail ho) pl'opoJTPhbe, anzichl'
l' ;d'l'n:-;to a (loPll i;l noda, (he richicIl(> una m a,IiO\ l'<l per I"
mCl'lia in hatteria, un affnsto eolle eoscie completamente (hHl'-
genti (fig'. 292), e rigidamente collegate a1la t-estata, e riunite alla
estremit posteriol'e da una travercm; sahL a perno longitu dina,}e;
per il tnLino, a met, della, sarebhe ,Lpplicata 1Ilm Rtang' a
con oeehione per l'nniolle all'ay,mtnmo.
Un'altra. proposta fatta gi da moHo tmnpo (blla Cm;a l{l'UpJl
(fig. 2UO) per avere un eiettore di tiro gralHle, anzi illimitato, e
ehe tendeva ad ottenere un l'note atto al t iro contro-
aerei, la :-;eguente : i tURi delle l'note sono imperni ati con un perno
. verticale estremiUt della :-;ala, e pORROno due posi-
zioni in ciaseuna delle quali veng'ono fi ssa,ti con coi
in pl'olungam(mto della sala" ."i ha nn aITu,';1o normale; coi
fn"j ripiegati in avanti, in modo che il loro a ,qse paRsi per il punto
d'appoggio po:-; teriore, le ruote vengono a dispor,,,i normalmente
'.L detti aRsi, e permettono di far ruotare l'affuRto attorno al punto
d'appogg'io po."teriore ilimitatamente; natnrahnellte il vomero
org'anizzato in modo da permettel'P tale rotazione c;enza diminuire
del RUO appoggio.
III complesso, ,''iU questo argome1l10 del puntmneuto in dire-
zione si pu nonellldore ehe i sisLemi pi m;ati "OliO qnelli ad affn-
:-;tino collegato o no noI dispositivo delle emicic llival'i('abili, e quello
1 scorrimento ,'mlla imla.
La presenza dell'affllstino l'elIderebbe le orecehioniere piut-
tOi-ito a l te, e per Il lle'ito, eon tale ,,,i,tema, (\ applicaLa in generale
la 1mb passante o la sala a gomiti.
Gl'tmelo settore eli tiro 'lJc/'ticale; una ueee,,, ,.., iUl, plll' le bocehe
da tuoeo ,, tiro curvo, ma ora rich iesto anche per i cannoni per
poter all'oecorrenza al ma'iNimo la potenza della bocca
da faono, e per poter esegnire il tiro con grandi angoli di sito, cio
llelle azioni in montagna (e eontroaerei, ev(mtnalrnente).
- --
TJ,t diflf'oltiL pl'ineipa lo (']10 la di alTlI,ti
a 1' 1Iot(\ a deformaziolle 1)('.1' g'l"II)(\p. f;pttore (li til'O Yf'l'tica\(' (' la
"n il l'ill eu!o (' Inngo, 11(, 1 t,jl'O a g'l'<lJHit' ,1,ll g'olo la cul a tla
Y;I a lll'blrU contl'O il tl'rl'l'no, IW' ld,l'c ,'le il rim'nlo ('Ol't,o, t anto
(La m'jtar o <jllcsto iJlC'onvPlli elltc, i l freIlo .l(jvn (li gl' ;1,nde l' -
si,,,I-cllza e /lan'blw la imlltohilit<1 ll e1 l il'o ('0 Il pie c' o li
<Lllg: ol i.
A tal e di(lcoH, ('('n'a (li riIl HJ(li;ln\ ili Y:l ri mo(li:
JO) ()r('cchioni IJrl' clmti (flg'. 2R7 p Zn:2): gli o)'(',(W.J IiOlli
dplill (' ulla <l ll zil'l )(\ (' ",,('ro :-; itllal-, i pn'",.;o ,ti ( ' (']}! l'O (li gnl \' it (IPI
:-; i:-; l-ellla clIll;l-I)O('(',1 CI;I fllO('O, :-; OIlO iII ('OJTiWOJHlpIlZt d ella
\,lllat,ta (l('11:t /)0('(' , 1 ila fuoco ill modo (' Iw ,111('11(' con a l-
l pzza limitat a, (Lelk Ol'('(' (' lliolli('l'(' Pll a"d' r 1i i, ]le]' i Il ('\iIl:-Lzioni eli
, \; O-;-,oo, un l'ill( ' lIlo Inllg'o ( il I, 1-.1 ,GO) :-; cllza (' hn la ('11 I a 1'. (.: 1 u rti imI
t ('l'I'(' I! () ,
(lue;.,hl pOI' (',OII:-;oglwnza Illl g'r;IIl(lu prl'pOll-
del' anl(' in yolata, eh(' n ' Ilde (Liffieil e dare l'el e \azionc al ]WZZO;
perci l' i rnJl(lollo cOllg'ng'lli di pUllt!'rit n :l1-n-
ndllll '1l1(' ;I\ anti ag' li OI '('C'C'hiolli) molto potl'n li l' lllol t.ipli<.; a tori
dell o fi f'orzo dd fieI' \'enl(' ; couyl'(J/li ('qnilibratori co';1 ituiti d a, molle
di J'c' i' ii' I('l)"" alqliallto illfel'i crc :Il 111'C'1)()1l(l(')';'lI!1n de' n:; (' 1l1!;1 e
b o ('<,;;: d; ; f110 (' O, di ;.; post i 1'1';\ l' a..fIn :-; l,itlo -, la enlhl, in ll lOdo (la ('011-
corre!';' ('01 ('O ll g;'gll< ' di [lIlJIt-('l' ia. a /l nll('nu'l' la \'olat n: ('oJl pl'inwndosi
ill\'('( 'I' <jn lt P<!o r[!\ye 0pplIH> ';I !l('I! i\ (,I!1le
n l(rlt o e I))' ollll!!-!:;11 u ill(lie1'J'o n nnlllitB alla l' "ln' ndl:'! llost-e-
l'iOl 'l' (li 1111 COll tJ'lf/ i llcSO C'he ('OJllpl'lli'i iII pmtu i l prepolldl' l';llIt('
in yol a hl: qli(, ,, t ' lli t im,l, (-lilla p}'rti('ol al'iti,l (1(-)11(' ( '(1 -
Jn oglli C' m;n, <l ngli (lJ'P\, -
('hiulli ;IlTdrati a l Y<lIlI'(l gg i (1('\1;1 (ld l'n' no, t!plla,
d('l l ' a.1t('z;l, ;t ([('Il a ('\11 ,11 l'a, <.; he p erllld.t (' il
;! Ilchl' (li artig liprie di II ll'dio (':dibJ'o i,enZH, (lifi pOrrn il pez;l,o oriz-
zOI!t:dl', l'ill('oll\'('nipnt(' t hn il ('('litro di g1' <I \'il (ltd PPzzo
'''J)oI' 1.;I, 1'01 <1d b iIWlil1<lZioll(" indietro (\ ili a lto,
(' I:<' <!,lldo ('ondi;'.olli fil'aYOn \y (l I i ;Il/;L ;.; !ahil it, "ia lOllgihldinal e che
Int,pral( '. .
N'(' I (';\';0 (li ol'(e('.ch ioai HlT( 'trati per fLlTui'i t,i n, :-;COl'I'illl () lltO s ulla
-< ,da, \(o orn('('/; io Il i ('l'e l' ono porta I-n ;;d lIU;1 (;('rta
dnll:t. l,,, trem,) te-;t,at a ('!In avpog'g' a, /l;:h:, a llo S(' o J)() di portm'e
a lql1a
1
1t-o indi e1;m il C'l' nlTo di g'l'a\' it del ,\ per poteI' ap-
pli('(ll'l\ il <li punt el'ia ili 8Itezz;l, (fig. 297).
- 208-
2) Lunghezza di rinculo 1Ja1"'iabilr (fig. 287) . - Il freno
sil'temato in modo da aument are l a. resil't,enza coll'aumentare del-
l'a.ngolo di inclinazione, ottenendo cm lo l' COpO di avere delJole
resistenza ai piccoli angoli, e non compromettere la immobilit
dell'affusto, e di limitare la lunghezza <h'l rin culo col crescere della
inclina,;done, evitando l'nrto della. eu1ott-a, snl terreno; ci possi-
bile /lenza compromettere la immobiliUL, ll erch, come stato
detto, la, wllecita;t,ione aH'impennarmmto diminui Rce col creRcere
dclla inclinazione. Il heno munit o di Ull congegno ridutto/'c de7
rinculo, funzionante in vari modi (vedi Capitolo VIII) ma che ri-
sulta sempre. complicato. I y antaggi elel /l istema sono
la possibilit fIi eq nilibrio RllgJi orecchioni della massa oscillalLte(
l a di piCCOle aJt.ezze dell e or2C'chioniere; gIiinconve'1ienti
oltre l a complieaziollE (' la dpl cong'egno i'ic1uttor e, sono:
la neeessit di ret t.if ch !, htblwsl!ll mento della eu]aU;), a,i grandi
a.ngoli di tiro, chI' pu obbligare a disporre il v ezzo orizzolltale per
I . .
il caricamento e infine il maggior t ormento a cui sono /l ottoposte
l a sala e le ruote nel tiro a grandi angoli in oonseguenza della
maggiore r esistenza del frelJo.
I due sistemi a O1' oochiolli arretr ati e CL rillculo vHriabil:J so no
sovente applicati unitamente nello stesso affusto.
3 ) Rinculo comb'i1tato o fr cn'i conitlgat'i (fig. 294).
Si app1i ca il si/ltema, a culla, ullitamente al a li Rcie
convenientemente modificato: la realizzazione <10\"11 ta al Deport,
e fu applicala per la prima yolta nel 110 Ntro oannone da 75/ 27,
Mod. ml.
Sn una, lnngn, li,soi a alla (detta clIlla dell' atIu sto)
e che rimane or i;t,zontitl e o logg:ermente incinata, sconeole, re-
gola.ta da un freno e (la U11 rieuperatOJ'e, 1111 ;1, NliUa , nmnita poste-
ri01'meM,(\ di aloni con oreC'chioniere, nelle quali ill caaleata nna.
culla, entro eui scorrevole la bocca da fuoco, ]llll'P coll a intrr-
posizione <1 i 1111 freno e di 11ll ri eu]wratore. Il
f1'8110 della li ,'\eia l' a deholp l'esi:-;tellza e permdte Ull )'ill (,1Ilo
(circa m. 1), il freno clelI a cnll a del ea,nnone pm'l1wUe 8010l1n eortis-
8imo rinculo (111. 0,80). Coi grandi angoli di in('linazione della eulla
del ca,nnone l a (mlatta non urta, con tro il terJ'{'llO, perch ne]i a (li
re;t,ione del proIJlio asse la boCeft da fuoco lI on pu l'lwnlare C' he
poco; coi piecoli la immolJj]jt per eh il freno
della /l litta di debol e resi stenza. Questa :,;i/ltema ha la compJi-
cazione di c1 e freni e ai dne ricuperatori.
- 209 --
4
0
) Affusto et clne ginocchielli (fig. 294). - Pu essere rea"
lizzato in clue modi:
al La sala a gomiti, cd gi1'e\'01e nell'affusto, il quale
lJ U lluindi assumere due posizioni, una per il t iro con
grandi angoli, quando i gomiti dell a sala sono rivolti in alto, e Ulla
abbassata per il tiro COIl piccoli angoli, quando i gomit i sono ri-
\-olti in batlso. Il sif; tema un po' pefante, richiede lIna manovra
per il pa,ssa.ggio d. a una pOfizione al l' a.ltm e non molto appli oato.
b) L' affusto pI'eRenta due alloggiamenti per la l'ala, che
cuuovibile, e pu essere fi:-; f;ata nell'uno o nell'altro, il seconda del
gilLOcchiello che si vuole aver0. AllclLe questo fislema riohiede una
manovra anche pi eompli ('a,ta lunga di quello preeedente.
fiO) A /fus to snoilato (fig. 2HG). - Allo seopo di poter ottenere
di\'el'si ginocchielli sccondo l'angolo di tiro, in stat o ac1ol-
LltO per artiglierie da montagll a, col :-; istOlua di rincnlo diHerom;iale,
un a,ffusto snodato; cio l' eomposto di tre pa,rti: hL eoda, una pa,rte
mediana e la testata, tutte unite a fra di loro; la cull a inea-
yalcata al vertice dell'tIlg'olo costit uito dalle due pa,rti a nteriori,
la sala scorrevole sit uata alla estremiUL anteriore della testata;
la estremit anteriore della tostat.a e qnl'lla posteriol'e dJlla parte
mediana sono collogatp (la un tirante a yit c, mediante il quale si
pu avvicinare o allonta.nare la estremit delle due parti e quindi
alzare o abbassare deg' li orecehioni.
Scudi. - Il primo ma teriale pratieamellt0 impiega tu lmmito
di fu il canll one fra ncese da 75 M 0(1. 1897, a deformaziolle.
Gli scudi img
1
i a.ffust i a. ruote non possono dare che una prot e,
zione, frontale, e limitaJa (fuC'ileria e pallette eli shra)Jnel) per non
diminuire troppo il campo per il puntamento incl'etto
non falsi soopi laterali, e nOJl aumentare eceesRiyamente il peso ;
la loro effioaeia bmt,o l11 nggiol'e quanto pi i RPryent i vi pmlsono
rl' stare adcloflflat i (ll1l' an te i l ,.wl'vizio.
I primi scudi l' nl'o)1o cOf;1'itui ti da dun lami ere ap]lli c, lte 1:1to-
r<l lnll'nte all a cn11a, ma ora, in ge11(' l e, si Il a un Reudo unico,
cost ituito da una lamiera d i accia io aSRieurata con purl telli e f(O-
':itegni all 'affusto; in essa praticata una cannoniera. per il pas-
saggio della bocca da fuoco e della eull a, e uua feritoia, chiudibil e
con sportello, per il puntamento diretto.
Per avere la cannonier a di mini me dimensioni 10 scudo do-
Vol. lI. - Armi da fuoco porl aNti, ecc.
14
- 210 -
vrebbe essere disppsto in corri,-; pondenza dcgli orecchioni, e la wa
larghezza allora Jimit,ata dall e ruote, e, ncl caso cii orecchioni
arretrati, rimarrebbero scoperti gli ;lpparccchi di punteria; in
generale quindi gi scudi passano per la estremit anteriore del-
l'affusto, c sono inclinati indietro prr dare maggior protezione
ai scrventi; la, cannoniera che risulta ampia" chiusa da un piccolo
sendo applica.to ana culla. Nel caso di affUiito con puntamento in di-
rezione per scorrimento sulla iiala, allo scopo di non limitare troppo
la larghezza dello iicudo, questo fatto passare anche avanti
aHe l'note, ma si ha diminnziolJ0 di protezione e canuoniera pi
ampia.
notevole, nei rccenti affnsti americani, la dispoiiizione degli
scndi dietro le l'note, ail'altezza degli orecchioni della culla cbe
sono molto arretrati (fig. 296).
anche particolare hL ,<;istemazione degli scudi del canuone
italiano da 75/27 Nfod. !Hl, in cui si hanno due scudi laterali fissi
all'affusto, e uno scudo centrale longitudinale, portato dalla culla
del cannone (fig. 297), che proteggc anche da tiri obliqui.
L'applicazionc degli scudi presenta dcgli inconvenienti dcri-
vati dal peso di un materiale che non concorre alla resistenza del-
l'affusto e va a scapito della mobilit, o del munizionamento che si
pu trasporta,re colla vettura pezzo, quando questa non deve
un certo limite di peso; qucsto inconveniente attenuato
dall'impiego di acciaio al nichel-cromo che consente spessori di
soli 4 mm. limitando cos il peso: inoltre, si pu osservare che il
peso dello scudo disposto vcrso la dell'a.tIusto concorre alla
stabilit del pezzo. In alcuni casi gli Rcndi pORsono essere utiliz-
zati come seggioli per serventi.
Altri inconvenienti degli scndi sono la maggiore visihilit
ehe offrono p, la limitazione della diretta del bersaglio;
inconvenicnte e]w perde d'importa nza dato il principio della ri-
cerca delle pOiiizioni coperte e la facilit e conyenienza del pnnht-
mento indiretto cogli apparecchi i pnntamellto odierni.
2 - Gli affusti a. ruote rispetto al servizio.
N p,i riguardi del serVlZlO a cui sono destinate le artiglierie si
potrebbero distinguere affusti da montagna, da campagna, per arti-o
gliel'ie pesanti; a quest;l distinzione ne.g-li affusti nioderni Don eo1' -
- 211 -
ri'pOIHlollO sosta,nziali nelhL eORtit llziolle generale, dato
elle' :) l' rt.llUi per t utte le Rpeeie di art iglierie si richiedono eondi zion i
!wi r i[!,'uarcli (lpll a, stfLb ilit e dei settori (li t iro vert icale e
orizzonta, l(>; le differenze COJlSi,':tono, olt recb Iwlle dim(\nsioni , in
par t icolari di costruzione:
a) Art'igli er da montagna. - Debbono
bili ]Jet' il somegg;io o pel' il t ra ino sull e stn Lde mulat t iere. Nel ]Jr imo
caso le par t i non debbono supel' are il peso di HlO-120 Kg- . ; e poidl
la bocca da fuoco nOll pu superare lo stesso peso, ,,, i ha, q nasi semp1'<'
una slitta sn cui si fiSS,1 il cannone, allo seopo di aumenta.re il IW:-;o
della massa, rinculante e diminuire la, velocit di rinculo e la n>;;i-
stemm del freno, senza avere lunghezze di r inculo eccessive. Di
solito, la culla e la slitta l'ormano il carico di un quarl mpede; il
corpo d'affusto divisibile in due part i : testata e coel a; gli scuili
formano pure un carieo a parte.
conveniente, nell a composizione dei carichi, evitare P)
qua, nto possibile i carichi centrali che affaticano molto il qna-
drupede e richiedono quindi quadrupedi di grossa mole. Le sill gole
parti non devono avere lunghezze superiori a ffi. 1.-1,20, percll l'
risulter ebbero piuttosto squilibrate.
Inoltre, tutte le parti debbono eSi:iere ol'ga,nizzate in modo
da potjer eSi:iere f'acilmente e rapidamente collegate colla massima
sicurezza automatica che non si pm;sa far partire il colpo se il pezzo
non perfettamente composto.
Oondizioni meno restrittive si per gli affusti non
somcgg-iabili; sono necessarie: carreggiata, r istretta, centro
di gravit molto basso, r a1)ida e sicura composizione e scomposi-
zione; di sol ito l'affm,t o colle proprie ruote forma una vettura;
la culla e la bocca da fnoco, altr e dne yetture, speRso
di carrelli spciali (vedi Traino).
b) Le a'/"t'iyl'ier'ie pesant'i e pcsanti campali ROvente hanno
un peso piuttosto forte per costit uire una sola vett ura colla bocca
da fuoco incavalcata; l'affusto deve essere quindi studiato in modo
da permettere la trasposizione della bocca da fuoco su un altro
carro, e il materiale COR trainato in due vett ure; quasi sempre
per, nel caso di tnl.ino sull'affusto, (essendo l'a.vantreno sprov-
Tisto di munizioni, che renderebbero t roppo pesante la vettnra),
deve esser e prevista la posi,zione di traino delle bocche da fuoco;
in tale posizione qneRta sfil ata indi:3t ro fuor i (lell a cull a, e a,ppog-
giata con la culatta sull a, cod[L dell 'affusto.
- -
c) Ppr il traino, tutte le parti mobili rispetto aU'a.ffusto
deouo!lo esserc cOlwenienwmente bloccate () ancorate in modo da
il1lpeelirc che gli urti e le Bcosse nel traino \'cngano sopportate nei
eong;egni di pnnteria in dire7,ione e elevazione; ci ottcnuto me-
diante sbarrc, tiranti, cavalletti, travenw, :-;taffe, ecc., tutte ten-
(lenti allo scopo di fisi3are rigiltamente la cull a e la bocca da fuoco
a.ll'affusto, indipendentement.e dai cong-eg'lli eli punteria., secondo il
piano di simmetria" e coll a elevazione pi conveniente per il traino.
d) Le artiglierie cle,<;t inate al tra,ino meccanico 1Ion possono
essere rimorchiate a celere a ndatura riportare danni ab-
basbwza gravi, speeialmente tl 2i eongegni cii. punteria se non
SOllO provviste eLi sospcnsi01le clal$tica; ppr evitare l'impiego di e<l1'-
l'd] i speci.ali (vedi Traino meecanico ) ) quindi convenientp
chc l'unione cleli a Rala alL'aJfllRto non sia l'igida, ma ela st ica.
3
0
- Particolari di costruzione.
Corpo d'affusto. - costituit.o ill gencrale d, t (Iue coscie di
lami0ra d'a,cciaio, collegate solidamente da lamiere trasversali,
dette calastrell'i, q nando lanno anilamento normale al la dimen-
sione maggiore, e tral'CI'se qlUt,ndo han no a.ndamen to a quest a
parallelo.
Profilo delle cosc'ie. - In base agli Bfoni ai quali eBRc SOllO wt-
toposte, l'altezza delle coscie va, decresceno dalla teBtata verso
la coda; tale diminuzione i'i pecialmente rilevabile negli afflUiti
rigidi, meno in quelli a dcformazione; il profilo inferiorc in gellt'l'c
rettilineo, meno che alla est.remit, posteriore, do\'o ineurvato
per l' appoggio snl tcrreno, e testata, per l'adattamento alla
sala; il profilo sllporiore rettil ineo, nWllo ehc in tm,tatn, doye ::; i
adatta alla specie di affnsto, r1mlta qnindi riahato lievemellte
neg'li a l'fu sti rigidi per artiglierie leggero a piccolo gillocchicllo,
fortemente ri::Llzato ti, fmmarc alon'i in qnel! i per artigli erie pesant,i
(d'assedio), in mo(lo da ottenere 11n fort e ginocchiello scnza richie-
dere ruote di diametro troppo grallde; rettilineo e orizzontale negli
affusti a deformazionc con affllstino. Nel profilo si e\'itano tutti gli
angoli o spigoli vivi.
Se,zione delle coscic (fig. 298) . Nei primi af[ll i'iti metallici le
coscie erano di lamiera piana rinforzata agli orli COH ferri ad angolo
fissati con chiodi ribaditi all'interno o all'ol$terno, e sporgenti ilI
c1en tro o in fuori; questa di il posizionc il sistema, per i
- 21:3 -
numel'OSI fori che si dove va,no praticare nell e lamiere, e presellt.a ya
il peri colo di seol111ettitme in seguito al tormento nel tiro e ll el
t-raino o per effetto di eolpi lI emici, i qnali ultimi poteva,no proyo-
e<l,re a,nehe la rottura e la proie7.ione delle teste dei chi odi. Negli
afIui:l ti recenti invecc le coscie ,,;ono ottcnute a stampo con g'li orli
ripiega ti ad angolo retto in dentro o in fuori, e talvolta, anche a.
doppia r ipiegatura: la lavorazione alquanto pil diffi cile, ma il
si::;tema acquista in fl olidit, e rigidezza.
Neg li a ffusti dell e artigli erie di maggior cali bro le coseie coi
borc1 i ripiegat i in fuori :, ono anche rinforzati da aUre hHllier (' )la-
l'allele a quell e delle co::; eie, ili mo(lo (hL formare ull a "peci!" (l i
c}1:ssetta.
T-, o spe,,:-;ore delle lamiere r egolato in baRe all a I nng' hpzz,,,
e all 'a.l tezz:CL dell e coscie, all a qn:CLlit del metallo e ag'li ::; forzi a, cui
sono sottoposte al tiro e al traino; per larnier a di acciaio al
nichel ad esempio, nell'affusto da 75 A (rigido) si ha spessore di
mm. 8, nell'aiIusto da 7)) Mod. 906, mm. 3,5; per l'affnsto chI,
149 A (rigido) mm. 20; per l'affullto da l fl2!37 (a deformazione)
111m. 9.
Il aeUe coscie dipende dalla. si.'itemaziolJ e per' il ]Junta-
mento in direzione, comc :,; i veduto; i n genere :-; ono pal'HIII:'.lt,
in te'itata, e convergenti verso la coda; uegli affu,'i ti con a lTn'it.ino
ha,nno un tratto pi o meno lungo d ive rg'ente per permettere il
rinculo agli estrmni del :-;ctto1'e d i tiro orizzont.de.
Golleuarnento delle cosc'ie (fig'. 299). - I calastrelli e le
a UlllentfLl10 la r esi,<; tenza deUe coscio e le rendono pi rigide; ,'iono
fi r;sati an e eoscie mediante orli ripiegati ad angolo oppure ferri ad
a ngolo con chiodi ribaditi. Negli affusti rigidi ha ,'lpeciale impor-
t.anza il calasfr cllo cli testata di"posto sotto le orecehionier c e ineIi-
nato seconclo il m,v.,:-; imo angolo el i elevazione conce,;s!) dall ' a,lfll sto.
, Importante in ogni specie di a l1mto il l) iastrone ili
che collega le cOi:i cie alla estremitL posteriore p 'ielTe di <LppOgg io
a,ll' affll 'ito; esso deve ellser e speeLlmente robn i'ito ncg' li aJl' nli h ri -
g' idi ; in quelli a deformazioll e bt Lvolta allargato llel' clan,' migLi ore
appog,!.!,'io e impedire l 'aifondarnento delb coda .
Spgl i a l'fm;ti somcggiabili in genere il corpo di afTmto sconl,
ponilJilc in due parti che si coll egano verso la Inet dell e coscio;
la tCi'itakl ri ;; ulta. ili genere pi pesante e costituiBce da soht il (adco
di un qU<llrnpedc ; la coda pi loggera e in genero costitll i:-; ('l' 1111
ca rico im:icme all e l'note o ad altri element i .
- 21-! -
Il co1l0gamento ottenuto mediante rob1lf;ti arpioni e chiavi-
stelli a manovra rapida (fig. 300).
Stn ,/ttw'(j, rt (fi,!?:. 30J). -- Tn qualche easo le cOficie, in
tntta la loro l nllgl1ezza, oppure solo in testata, sono ricavate da una
Ull ica, lamiera c sagomat;,t in modo da l'ormare dei fiall chi
e llll fondo; ci evita l'applicazione di JlUmerosi ealastrclli e r ende
l'im;ieme pi robusto e leg'gm'o, ma non si possono aycre grandi
angoli di elenlziollc, senza, prat ieare dell e aperture ileI fondo, ci
ehe ,Lunulla il vantagg'o.
Tra, i yari slt'i tnmi di costruzionc iLe! corpo di affusto anche
L1a. notarsi la stmtl'/fJ' u ll/bolMe a,ppl;ata dalla Casa Ehrhardt e
a nell e iu Inghilterra, per (J .rtigJierie di piccolo calibro. IL corpo
costituito da lIHil t,estata. eon orecchionicre o affustino e da una coda
t llboh:re ; in qualehe caso la coda COlli posta di due tubi scorrevoli
11110 dcnf ,ro l'alt.ro, ill mode da poter essere convenientemente
a("('f)J'dati per il tmillo (fig. 30] bis). In ::ltri modelli si hanno
due tllbi lluru,Jl cli coll egati all a testata, a guirm di coscie,
c l'illni1.c posteriol'lnentc da ull a tr aver sa ::t. cui un terzo
tu ho che costituise(, La coda.
Sala. - sempn; di accia) ad aHa, resistell za. c in gener o a
spzioll c circol are e molte volte ca.ya (fig. 302). Un tempo si faceva
nsivamcnto rettilinea; cogli afl'u sf-i a deformazione mocLel'lli,
molte yoltc si impone la. sala a gomiti, che si pu ottenere
di cOlwenientt\ l'esistenza mediante processi perfeziomLti di fu ei-
natura; in quesh casi la. Noziono della sala variabil e secondo il
mOllo ('011 cui essa collegata
La. sala, pn esscro dispost"t: 'u) sotto o sopra l 'affusto e in
(l11 esto caso allog'ata in ilJe;LVi delle coscie rinforzati da siaffoni
(fig. 303) di aceiaio fncina.to e vi trattenuta da controstaflon'i
coll egati agli ;:; tittLoni mediante chiavistelli; h) attraverso la test a ta
(imI a passante); i fori attraverso le coscie sono guerniti con Tosoni
cont1'o1'osoni di a.cciaio (fig. 304). l,e sale a gomito sono fi sRate soU'o
l ' affusto eOlll e quellc e talvolta. anche i braeci ripiegat.i
della sala sono per inea stran,i in guide appl icate all e
pn.rd.i dell e coscio, r endendo ('os pi salda l'unione al,
l 'aJIusto.
La Ila la termina alle due estremit median te i !11Si (l'i sala l'ill
eui vengono invcNtiti i mozzi delle ruote (vedi Traino delle arti
glierie ) . III rnolti caRi il coll egamento coll 'aLfusto rinforzato
- --
cou tirar/ti fli sala, sbanc coll egate con oerhi a ll a. sala a.Ila ba,,-:e
dei fu si, e nnitji coll 'aH,nl PstTPI1l itil, all 'a l'fu sto mrdiallte r hi ocla tu l' a
o pern i; essi hanno ] 0 I:ICOpO di impedire dell a sala nl-
l'atto del rill<mlo per effetto della inerzia. dell e ruote, e sono ll(' Cl' S-
i5art sJlecialmente quando le cosci e sono molto r a,vvicina te fra di
101'0; q lI. efta condizione ra.ranwnte si verifiea lwgli affusti a d('fo]'-
mazione.
Casi sll cciali di sala. - Sala scol'l'cl'olc (pllut,<Lment,() in dire-
zione) . _ . In g-pnera le OSRta. att l' <!'venm la t l'stata
(fig- . 289) ; ed allogata. in un mallicotto che collega (111 0 eo:cwic
in soRtit nziono della sala steRsa, che non 11U servire a questo
sC;Opo; ::;oYell te esw prolungato da al t ri ma lli eot ti anche
I:Iterno; questi lIlanieott i sono fi si-lati li Il e cosci.!' media n te rosoli i,
e l:I ostengono gli el ementi de'l C'ong'eg'no cl i pn n t',eri a in irczion e
destina,t i a prodnrre lo scorrimento dell' al1nsto snlh1 Rala. N clIC'
artiglierie di ma.vgior calibro lo scorrimento dell'a,f[usto l:I ul]a sala
facili tato da r ulli o rotelle, spesso a KORpemione elaRtic(l.
Salct con sospensione elctsticct (fig. 30f ). - L'affnsto non appoggia
direttamente sulla sal a, ma ppr mezzo di robm;te moll e a balestra
o elicoidali ; el:listono dispoRit i vi per aKsieural' e il cotlegamCllto
della sala e dell'a,ffusto, e per rendere ri gido l 'appoggio delL'i1ffnRto
sulla allo scopo di sottrarre le molle al tormento dello sparo
quando si eseguisce il tiro; qu est' ult imo di sposi t i\'o co nsiste in
bloechet,t i o cUllei che l:I i interpongono fra sala e a ffnsto, in modo
che questo poggi per loro mezzo sull a sala l'ig:idamente, senza
comprimere le molle.
Saln osciUrtnte. - Negli affust,j a do pp ia (fig. 306), oppure
con larga coda, la f;al a 1Ion r ig' idallletite fi ssata all'affusto ma
impernia ta al sno punto eli mezzo con 1111 occ,hio RU lIn robuRto
perllo fi ssato an teriormente a ll 'alfusto: iu mOllo da permettere
Bic uramente che le due ruote c le delle coscie poggino
sul terreno; per il traino l a sala fi ssata in posizione normale con
opportuni arresti.
Affustino. - costituito da due fi anchi di profilo triangolare
coll egati da un fondo pia.no; negli affust,i per artiglierie di piccolo
calibro, fi anchi e fondo possono essere ricavati da un unico blocco
per fueillatura (fig. 307); in genere p er i fianchi sono di lamiera
stampata e C'ogli orli ripiegati ad angolo retto, e collegati al fondo
con ch iodature e calastrelli. Il fondo ha applicato il masehio cbe
- 216 -
penetra in una boccola ricavata nella parte piana, dell a t estata
d 'affll sto (fig:. 30R), oppure ha una boccola, ill cui impegnato un
maschio sporgente in alto dalla testata (fig. 309); in genere il maschio
cavo, e l'unione del1 'affustino all'affm;to ai:sicurata mediante
dadi avvitati :mlla est,remit libera del maschio.
Il colleg:amento dell' aff ustillo all' affusto completato da
zampe o uUf/hie applicate alle estremit anteriori e posteriori dei
fi a nchi e scorrevoli lnni.!:o f/1
1
7e CI r'itellno , arcuate e disposte secondo
circonferenze col centro ,'mll' asse del maschio in modo da tener
aggra,ppato solicb1mente l'affustino.
Ila forrrm dell' affustino in genere triangol are ; l'asse dell e
ol'ecehionierc, disposto al vertice, corrisponde all'asse del maschio;
. preferibile che l' asse dd maschio sia situcLto verso la parte poste-
riore dell'affufitino, in modo che non sia troppo grande la l:1rghezza
da dare alh1 apertura del rinculo llell'affusto, per permettere i l
pafisaggio detla culatta agli efitremi del settore di tiro orizzontale.
notevole la forma di ,1ffm:tLlo dell 'affusto dell'obice da
149/17 austriaco (fig. 310) che munito di una lunga coda che giung e
fin quasi a met della coda dell'affusto, evidentemente allo scopo
di ripartire su una maggiore lunghezza il tormento, e di opponii
con maggior effi cacia aUa soll ecitazione all'impennamento a cui
sottoposto l 'affustino. '
Nelle artiglierie di maggior calibro la rotazione dell'affustillo
sUll'affusto faeilita,ta da rulli o rotelle contenuti ill casse portate
dall'affustino e poggianti su piani della testata; sovente questi
rulli o rotelle sono ad appoggio elastico, in modo da tener sollevato
l'affust ino dura nte il puntamento, e permettere, all' atto dello sparo
colla loro compressione, l'appoggio completo dell' affustino w l-
l'affusto; si ha anche l'affustino sostenuto elasticamente dal suo
perno appoggi ato su moll e (fig. :n I ).
Culle e slitte. - Le forme di culla applicate negli affusti a de-
formazione a ruote sono a caflsetta e a doccia, che sono le forme
pi leggere e permettono grande lunghezza di r inculo senza essere
di pew rilevante.
Culla a cassetta. - Ull a cassetb1 di lamiera di acciaio COli
sezione a ~ 1 -;- c a U o anche a ii (fig. 3 12); gli orli sono foggiati a
liscia su cui scorre il m1nnone; la par te superiore in genere chiusa
da un coperchio inchiodato che lascia per libere le lh;cie. Anterior-
mente la culla chiusa da un robui:to sportello a cel'lljera, oppme
- 2J7 -
con bnlloni a dado, al quaJe sono in g:enel'e le aste
del freno e del rieuperatore e posteriormente da una boccola attra-
verso la quale passano le parti rinculanti della bocca da fnoco.
N cH'interno fl ono sistemate delle g:uiclc per guidare j] movi-
mento della, parti rinculanti.
La culla incavalcata sulle orecchionierc (lf>ll 'affusto o del-
l'affustino, mediante oreeeh'ioni (fig. 313), che in genere fanno parte
di un robui:\ to stallone che avvolg> inferiormente e lateralmente la
culla alla quale assicurato mediante chiodatura; sovente lo sta,f
fone ha le braccia abbastanza lunghe perch (leg:li orecehioni
alla "tessa altel\za di quello del pezl\O, ottClwwlo condil\ioni
migliori per la stabilit e la rcsi'ltenl\a; in qnesto na1nral-
mente, pi alti devono ':;SCiere i fianchi clell' altn'itiuo, per dar pmd;o
alla culla e alla .bocea da fuoco anche ag'li a ngoli di elevazione
massimi. Gli orecc.hioni della culla sono di diametro assai inferiore
a quello degli orecchioni delle bocche da fuoco, ;> in genere cavi,
p erch non sono sottoposti che ad uno sforzo relativamente piccolo.
Le enU!! a doce;t, (fig>. 31
L
b) non differiscollo clalle enlle f1 eai; ;.;Mta
che p er la mancanza del eopcrehio; in "Cise Neorrevole la slitta,
la quale portl.t superioremente fi ssrtto il cannor;e: ques to tipo di
cull a una particolarit dei modelli della :::khlleider e di ,'.;olito
la enIl a prolungata all'indif'trv per una lung>hel\l\a uguale a quella
del rinculo, ci allo RCOp di dare appogg'io alla ,,, litta durante il
rincu Lo , equilibrare il forte preponderante di volata, a qllesto
scopo talvol.ta la estremiti1 posteriore porta d('lle maNse pesanti)
dipenclente dalla situazione arretrata degli orecchioni, e dm'c la
sieurezza che la culatta non vada ad urta,re eOlltTo il terreno.
In qualche caso particolare la eu lla ha forma di anello e
porta superiormente i cilindri del freno e del rinperatore, la bocea,
da fuoco sospesa dentro la culla Inediante una groi;sa nervatura
a T (fig. 314 b'is) (Affn:s ti da campagna inglesi; culla del cannone
da 75 Deport).
slitta, un blocco di aeciitio seorrevole lUllgo la culla a doeei it
ed ha lo scopo di aumentare il peso dell a maSf'a
rincul ante, p 2,r diJninuire la velocit e la lunghezza del rinculo
sellza riehieden, UW1 troppo grand3 del frello; esso porta
superiorment e la bocca da fuoco, fissl1ta con filettature anulari e
mediante bandelle o brache, oppure anche con ritegni a zarnpa e
ehiavifltel1i (fig. 315) di facile manovra per la rapida applicazicne
della bocca da fuoco alla slitta. Talvolta la slitta ha forma <'i un
-- :218 -
rnflukotto in <:ui introdott:1 e flss icurat:1 la bocclL da fuoco, per
ottenere un pm;o convelliente senza eccei"si"Ya, (fig. 316).
La slit t:1 di solito cost ituisce il blocco iu cni sono ricav ati i
ciliudri dei freni e elci ricuperatori (fig. 314); per talvolta negli
affu sti da montagna, allo scopo di ottenere una convel li ente ripar-
tizipne dei carichi, Ilon seguita queRta rcgola (fig. 3] 5).
Vomeri. - J vomeri attllalmente in u:';o SOllO esclusivamente
vOl1leri di coda; i vomeri di il:11a, wno escI mi, in seguito agli incon-
venienti gi, accennati. T vomeri da:,;tici wno e:;cl nsiyj degli affusti
e non sono ({\lindi pi in UFl O.
Vomeri 'I "igh. - "I vomori rigidi sono cOiltituiti da robuil te
lamiere rinforza.te da neryatnre e da. b:1ndelle; la la.miera diFl posta
sotto il pi astl'oll e di coda in direzione obliqua a.1l?indietl'o, in modo
da IleI tel'l'eno e dare il mas:;imo appoggio; il vomero
poi superiormente ripiegato indietro ad angolo, in modo da costi-
tuire piailtra d'appog'gio, cvitaudo quindi la ll ecess it di avcre il
pia strone di coda dell 'alInsto allargato (fig. 3] 7). J.J[L larghezza e
l'a,Jtezza, del vomero dipendono naturaLmente da Uo sforzo ehe
devono sostenel'e in seg-nito alla resistenza delf'reno, e SOllO calcolati
in oa ::;e a lla resiftenza che offre al rinculo lln terreno molle e cede-
volp; le dimen::; ioni r isultano quindi pinf-tosto fort.i (Larghezze da. m.
O,JO t m. ] ,60 secondo il calibro e la sp3cie della bocca da fuoco) .
IL profilo inferiore della. lamiera del vomero fatto general-
men te a punta per f aeiJitare l'affondamento in terreni pi solidi.
Nel caso di terreni molto duri o rocciosi iL vornaro non pu
affondarsi nel n ci porta a due incoIlvel denti : l0) il YO-
mero pu dcforl1lan;i; 2) si diminuisce l' angolo di t iro di cui ca-
pace l 'affusto. Per questo i yomeri non sono, nelle costruzioni rc-
centi , rigidamente fi ssati all a. COlla dell 'affusto, ma sono o ribal-
tabili sopra la, coda (fig. 318) o 1'ipiegabili sot,to (fig. 3] 9), e possono
q \lindi essere disposti in modo da non appog'giare sul terreno, e
la,<;c iare invecc appoggiare la coda, la quale munita di un robusto
:ul:ionc detto dente di roccia, molto meno sporgente d?] vomero,
ricavato per fucin aziouc da l piastrone eli coda, oppure fissatovi
COli ('hiodatmn robusta, che compie lo stesso ufli cio elel vomero.
Per ribaltare il vomero questo imp ilrniato mediant0 braceia
:l. l'alle fi ssate alla. della coda" in modo da poter essere
di sposto :;otto o sopra, di questa; llelle due posizioni trattenuto
da chiv,vistelli o da, ganci a molla.
'._. 219
! vorn eri amO/cibili (fig . . 320) sono applicati essen;t;ialmi:l llt e
Ilellfl artiglierio di calibro mflggiore, per poter aBportati c
dispONti sopra a coda in pOfl izioll e pi conveniente dm'ante il
t raino, perch, rla te le lor grandi dimensioni, qualora rimaneflscl'o
alla della coda ostacolerebbero la yolta, impedend0 all e
ruote di Y(,lliI' ;; fI , contatto della coda.
In alcuni materiali il vomcro pu assumere due 1losizion1,
(li tiro, uua pi SpOl'gmlte per i tcncIli molli, un 'altra nwno spor-
gonte per i tf\lTeni pi duri (fig. 321).
VomeTi (l'i cost}'1!z'ionc spfc" l c. - Nt'l c<Jnnone da 7D;27
:Jlod. )11, e ili altri materiali fra.ncesi, i vOll'leri sono costit uiti da
robu ste sbarre, a 11lwta c con tONta, al1a.rgata" scorrevoli en t ro fen-
diture della estremit delle coscie. e Ri affondano nel terrono COli
eolpi di mazza (lp:. 322).
Affusti a cassa.
1. - Affusti rigidi.
I pri mi a lf ust i rigidi a cas:-:;a poggiavano direttameu te imI ter-
reno, ma si troy poi ('onveniellte dispol'li NU un sottafl'llsto (fig:.323)
,; ul quale potessero SCOrTere lI e
l
riuculo e nel ritorno in battel'ia,
raggiu ngenclo i t i yan faggi: possibilit dei un ginocchiell o
alto, senza compromettere la stabilit iLeI sistcmtt; facili t di plln-
tarnento in (li re;t;io ne, pot,eudo il sottaffll sto essere girevole at-
t orno ad un pcmo y('rtie;1.le e pogg,'iare Sll rotelle o rulli; limi-
ta.zionc del l'illenlo, ('o lla inclinazione. ciel piallO di :-:;corrimell to
dcll 'aiTu,.;to; facili tazione del r itoruo in batteria .
Gli affu sti rigidi (:on :-;ottoffnsto erano dektinati a installazioni
fisse di etro pfl rapeHo in barbetta, o in casamatta; lI el primo caso
ri chledeyauo una altezzll (li orccchionier e grande per dare la volut a
protezione ai scryenti; Ilei i'econdo caso l' altezza poteva et'serc
anche i nferiorc, ma ri ehiedeva.no il perno fii rotaziOlle aV;:,llIzato
VeT avere la elLll11011iera rnill ima almeno nel senso later ale.
In questo tipo di affn sti si potrebbe provvedere all a stabilit
eol solo aggrappamento dell 'aiTusto al sottaffu sto e di quest o
al (orreno, ma. si ricbi ederebbno viu('oli di resistenza molto
granele, specialmente per le artiglierip cl to teso, p pi COIl-
v('ni ell te sfru ttare anche le proporzioni fra altezza dcgli or ecchioni
e lunghezza dell 'affUflto, tanto pi che da t.a la pr':>8enza del sottaf-
- 220 -
fusto, si possono avere dimell sioni (li affusto abbastanza piccole,
pur con altezze d'orecchioni sul piano d'ap]Jog'gio sufficienti pel'
la protezione. Per le art igli erie a tiro curvo le <:ondiziolli di Fltabilit
sono naturalmente pi fayorevoli, mfL <1, seapito di quelle relatiye
aUa rei-l istenza; in tal uni affuFlti per queste artiglierie di calibl'o
non molto gTallde pu allche ottenere la soppressione del rinculo.
Afftisto (fig. 323) . - - I fianchi (lell'aHuFlto appoggiano per tutta
la I unghezza sul i-lO ttafl'u sto, snl qu a le strisciano nel rillculo; in
gellere, essi sono muniti cIi rotelle eccent"-ridw, che entrano in
Ennilione solo Hel ritorno in batteria, facjlit--ando il movimento.
Valtezza, dci fianchi dipende non altezila che si Yl101
dfl.re aIl ' aFl;;; e delle orecchioni ere, a tale ,'jcopo sel'YP il sotto-
atIllsto, ma, fLlla, massima {'leyazionc chc si -vuoI dare a.Jla, bo-cca
da fuoco; in queRto mOllo l'a,i'[uRto riewe piuttosto basso sul sotto-
a ltll,';to, e pi leg-g-ero, non yantaggio sia per la l'c'li;--;tenza, perch
si diminuisce il tormento di milluellllo la nms,sa dell 'a l'fusto, e otte-
nendo nn iORieme pi w lido, per la ::;tabilit (lelI'affusto sul
::>o ttaffusto. Per la stabili t conyeniente ehe l' aHIl Rto sia lungo,
e le orecchioniere pi avanti che "ia possibil e, tennto conto della
possibilit di ab hoccamellto (leI pez;.,u Cl l tel'm i ne del ritorno in
batteria, quamio l -affusto arrestato da ritegno del sottaffusto;
in genere le orecchioni ere sono alquanto indietro dalla vertical e
passante per la anteriore dei fianchi.
(fig. 323-32-t). - cm;tituito in genel'e da due traY
a I, dette Uscie, inclinate in avanti e da calestrelli, tra-
cec-., sostenute alle estremit da l'lllli e rotelle aventi gli
as::;i in direzione del perno di rotazione, e poggiate su rotaie dell a
piazzola o di Ull L pia,ttaforma fissa.
I.Ja luughezza del sottaffusio deye e'lsere, per quanto possi-
bile, piccola per avere una minore profondit _di piazzola ti di ca -
samatta; quindi conviene che il rinculo dell' a1Iusto sia limitato
al minimo compatibile col tormento che, come si
visto, 0 relativamente piccolo, da,ta la grande massa della bocca
da fuoco rispetto alraffllsto : alla limitazione del rinculo si pro""\"-
vede colla inclinazione delle liscie e con freni idraulici o ad attrito;
l'aIteJlza della parte anteriore del sottaflnsto clipendente dal
ginocchiello che si vuoI quindi mass ima per gli affusti in
ba,rbetta (l m. circa) (fig. 323), minore per quelli iu casamatta
(m. 0,70), e relativamente piccola per le artiglierie a tiro ClUV0
(fig. 324) che, t irando nel settore superiore, sono riparate dietro
- 221 -
lllHi.i:'lC copr ell ti molto alte' p non r ichiedo no che la yo lata dei P{' 7.ZO
snl parapetto.
L'illC"lillil,7.ione (b Il e li:'lcie era tenuta di 6
0
-7
0
, mi:mra che
t'OlT; ]londoya, conyenien t ClllPLLt e a ll o circH, la lnnghezza
t1d ri ncnlo, la, faci Li t. del ritul'llo in bat.teria e il tormento dell ' af-
fusto. Il litorno in batteria em per sempre ageyo' ato dfl rotell e.
11 sottaf[usto a,nCh' i'RRO sol1 2citato ad imp('n narsi, per l' azione
t' he su cii esso esercit :t l 'affu :'ltn, dato lo ;<corrmp,nto indietro di
la \'(t (: r (\f; (, pndo mano mano C' he procede il
rinc ul o; ,llla, immobilit "i lH'Oyyecle con Punione al
]H'l'1l0 di l'Otaziol le, elw tl' nll ta pi a lta che sia
t', <,on 111m (.() !I Yt' nic'nte diNt,ri,lJlI7.iolW (10
1
peso.
Pf'I' l e artigl'iaic (f tiro ( ''/(l'/' O (f-ig' . 324,) il soth:rHll i' to non
;Hl aziolw (li imlwlJna ment o, ma i"
tIl I'JlH' 1J t a to pe), l (leI l'Olll pOlJ r]1te yertiC'ale dell a !:)}'c:-siollc
fO Il (lo dell 'a llim:l, l"Iw t. PIl(lP , I inflC'tteJ'1' le q ua lora qll (' Kt-P
,..; ia ilO ;;oll <,'yate da tl'na; jl(-'f(' i l)('l' lju e;;/<.' artigJ ip,rie le Kono
trnute di prolUo triallgolul"e, eoll ato al pi all O
d'appog:gio, o add irittura, pog'g"iante Nn di questo, qual onL il peso
drl Tllateri<i1 e (la per il pl1ntcmento non ;-;i a t roppo forte;
11C' 1 p/'imo il KOt,ta(Tu f-; t,() sllllt> l'otellr mediante
,'i pl' n:-; iol C' in m()(lo da :-oll pyato norma. lmente e prl'-
mettl]'(, il faei le p: ]' il puntamento in dire7.ione, e
prendl'l'(\ ,,; lIdo a ppoggio "ul 1'< \I 'l' P 11 o ;-dl 'atto d ello Rp<11' O; nel KecolHlo
('<1>;0 ]10:;; ,";0110 C1 lwlJl'. mHIJf"Hl'O 1(', rot e' ll e.
l' N i mortai (' borlibo}'({r' di Jlwlii o (' piccolo ca libro era <l.l1t he
po,; "ibik >; opprinwl'e t-oj-almcll te i l r illC"ll lo di sponendo l'<tfTn,, to (li-
]'('ttanlen te ('o]l C'g,lto al prrno di rotazione e agg.rappato (onY('
;td p iat t,afol'IlIH ti:-; ';, ;tI terreno 82;-,).
(' Pos izione del perno di ro[o;: ioll(' (fig . . 326). - Il per ne di rota-
zione pu e:-;Kere,ri;.; petto al KO! taiTlI Nto, pOfiteriore, central e, a.nt.e-
riore o <1 \" lll"',lto; la, pOfi i7.iolle del 1)<.' 1'no Il;! i nfhwnza KlIlla IHl'gbezza
dd la piazzola, :mll a ampi e7. za del ;-;ettol' <.' di tiro, w ll a protezione
dei o ])('1' le sist,(' ll1<lzioni in e;J :-;am a1tp Ku !l a larg hezza
ddl a. .
.Il perno posteriore ];1 di KJlu:-: izionf' ]))eno 1'a'l'o]'('\01e (li t utte,
IJl' ]'(:hi:' ri ehi ede U'11a gl'antle l;1 rgl!pz7. u ili pia7.7,OIa, e r ende p iccolo
l'Hll g'olo (li di1' ozion e minimo pl:'r il Cjmd e la bocca del pe7.zo trova
a l l' int,erno del parapetto, che p n e:- ,'ieI' C danneggia to dallo sparo.
--- 2:22 -
Il perno centrale d la mininu larghezza di piazzola, e a,nche
pOl'isibilit di settore di tiro estel'i o, quando gli altri pezzi siano
abbastanza dititanti; specialmente impieg'ato per artiglierie a
t iro curvo.
Il perno anteriore richiede una grande I}Lrghczza di piazzola,
ma permette una maggiore protezione dei serventi dietro il para-
petto; limita alquanto il settore di tiro, perch l e estremit ante-
riori delle liscie urtano contro il parapetto.
Il perno avanzato richiede la masflima larghezza di piazzola,
ma necessario nelle siRtemazioni in casamatta e in caverna
p erch offre la possibilit della minima cannoniera, quando il
perno sia disposto in corrispondcnza di questa.
In complesso si vede applicato il perno centrale nelle instal-
lazioni di obici e mortai, dietro parapetti molto alti, o senza pro-
tezione, e nei salienti anche per i cannoni; il perno anteriore sui
tracciati r ettilinei in barbetta; il pl\rno avanzato nelle infltallazioni
111 casamatta.
Affusti per cannoniera minima (fig. 327). - Come gi si accen-
nato, per ottenere la massima protezione nelle sistemazioni in casa-
ma,tta, conveniente che la cannoniera abbia le minime dimen-
sioni, sia nel senso verticale che orizzontale; cogli affusti rigidi ci
stato ottenuto con due sistemi :
a) l'affusto a cassa con sottaffusto a perno avanzato porta
la bocca da fuoco non incavalcata sulle orecchioniere; la bocca
da fuoco, senza orecchioni, provvista di due sporgenze laterali,
verso la culatta, scorrevoli in guide arcuate fi sse internamente
ai fianchi dell'affusto e aventi il centro nella cauponiera, quando
l'affusto in batteria ; il congegno di elevazione deve essere assai
potente; in genere idraulico o aiutato da nn contrappeso.
Un l'i istema di guide snoate impedisce cile nel rinculo la vo-
lata della bocca. da fuoco urti contro il cielo della cannoniera e
la, obbliga, al ritorno in batteria, ad infilare la cannoniera (Grusoll) .
b) cogli affusti a sfera (fig. 328i; la bocca a fuoco munita
aLLa cstr0ma vointa di una sfera. chiusa entro una pia.stra mumta
nella parete frontalt:> della casamatta; la cuhttta appoggia su un
sostegno seorreyole verticalmente per il puntamellto in altezza,
lungo un eavalletto a tela,io, che pu esseTe spoRtMo lateralmente
p ( ~ r 11 puntamellto in direzione (Krupp).
Installazione in pO.zzo. - Un tipo speciale di affusto (austriaco)
che pu considerarsi come un affusto a cassa per installazioni in
pozw rappresentato nella figura 329; il pozzo protetto da llmt
cupola girevole su sfere; alla cupola stesfa fOno assicurati j fianchi
dell'affusto, sui quali scorrevole il blocco che porta la bocca da
fuo co, che per il pnlltamento in altezza ruota attorno ad un punto
situato sulla cannoniera, appoggiando la culatta imI congegno di
punteria, sostenuto sul fondo del pozzo in modo da poter seg'uire
gli spostamenti della cupola per il }mntamento in direzione.
Il rin culo soppresso e tutto lo sforzo sostenuto dalla, cupola ;
l 'impenna mento evitato, perch il punto d'applicazione dcllo
sforzo in genere pi basso del punto d'appogg'io posteriore.
2. - Affusti a Iiscie.
Gli affust,i a cassa a liRcie so 110 costituiti da un cassone con
fi anchi a forma tmpezoidal"l , un fondo, e due l amiere anteriore
e posteriore. Sono in genere a perno celi traI e e il fondo porta una
boccola su cui imperniato e assicnrato il maschio di un rocchio
fissato alla piatta,forma fi ssa; alle estremit i due fianchi sono prov-
visti di casse per rulli o rotelle, sovente a sospensione elastica, che
poggiano su r o t ~ t i e della piattaforma fissa. Superiormente i fianchi
sono foggiati a T, cio a liscie, con inclinazione in ava,nti.
L'affustino o blocco scorrevole costituito da due blocchi
porta orecchionierc, foggiat i a zampa per abbraccia,re le liscie,
internamente ed esternamente, collegati da una, traversa arenata
in basso per dar posto alla bocca da fuoco; eli solito ai blocchi
sono collegati i cilindri dei freni idranlici, che spesso sono ricavati
anzi nei blocchi ste,';si; le aste dei cilindri sono iJlvece ilnite a tal-
loni sporgenti alla estremit anteriore delle I i:-;cie. Il congegno
di punteria in elevazione portato direttamen te dall'affustino e
agisce sull a bocca da fuoco; soyente per gli organi di comaudo
del congegno di elevazione sono fi N,';i all'aJf' ll flto, e quindi il eongegno
richiede una. sistemazione special e (vedi Capitolo VTI).
N el loro complesso gli afl'uflti a cassa a liscie rappresentano
um1 varia,nte degli affusti rigidi con sottaffusto, in cui l'affusto
ridotto alle minime dimensioni, cio alle oreecllioniere. I ~ e condi-
zioni di resistenza. e stabilit sono quindi analoghe a quelle di tale
tipo di affusti; il tormento ridotto al minimo, data la piccola
massa dell'affustino riflpetto alla boeca da fuoco. Il ginocchiello
Don pu essere molto grande, per assicurare la stabilit, ma alla
-- -
prot3zionc si pu ])]'ovvedere con scndi a corazzatura portate
da'l'affupto. che riman e immobile e attorno al qnale possono re-
i'itare raggruppat.i j Rerventi.
Qnesto tipo di affnsto fu laqwmente impiegato per le arti-
glieri e, nava.]i di mcdi<' o calibro, sia per complessi di bat-
tert che da coperta" prima della introduzione deg'li alIusti a culla,
e ancora in s(wvizjo in costiere (' su pontolJi per la (li-
fesa, C'ost,'.
T'ilJ1: lia1'ticolan: di a/hlsti a liscie:
A/!1lst'i idropenmatici (fig. 332), per bocche da fuoco a tiro
Cl1rvo (Mortai da 280/9). - Le li scie sono inclinate a 60 indietro;
l'afruRtino per il liro sostenuto all a, estremit superiore di queste
mediante le aste (li freni ricuperatori pneumatici, che Re1'vono a
frenare il rinculo, e a,cl assorbirne l'encrgia per produrre poi il ri-
torno in batteria. All'atto dello sparo l'affui'itino rincula abbas-
sandosi lungo le li sf'ie; il freno sistemato in modo da non p1'o\'o-
care immediatamente il sollevamento del pez7,(), il quale rimane
quindi in posizione abbassata e conveniente per il caricamento;
ultimate le operazioni di caricamento, il pezzo viene laficiato
risalire in posizione di sparo.
L'affusto appoggia in genere su nna piattaforma girevole
mediante corona di rulli su ptttaforma fi sfia e pu eSfiere conyc-
nientemente sistemato in ba,tterie eOll parapetto molto alto e
quindi con grande protezione dBi serventi.
I rnpianti iclra11li ili m't'lglicrie navali di gl'OSSO calibro (fig. M2
bis).
Oostituivano b si:,;tBmazionc di tali art iglierie sull e na\'i
tipo Italia, l,epanto, Duilio. Ora sono ancora flisternat
i
sn pontoni
per la difesa costiera.
li:,;cie sono orizzontali, e appoggi:1no in gcnere su una ro-
busta piattaforma girevole con perno centrale, che portt a nelle I<l
coraZ'imtura di prote?:ione.
n rilJeulo ell'afrufit ino wlle li:,;cie limitato da torchi idraulici;
in questi illiqnido, anzich pa,ssare da, una parte all'altra (]('ll 'em-
bolo, espulso dal cilindro attraverso fori chiusi da valvole a
che offl;ono una grande resisten?:a; per far rientrare il pellzo in bat-
teria, bisoglla immettere acqua sotto pressione entro il torchio,
ci che si fa mediante condutture a snodo provenienti da un accn'-
mnlatore idraulico.
L' affustino costit nito da due blocchi a oreechioniere, e in
- 2<?5 -
questo caso, i torchi di rinculo sono disposti sopra. le Iiseie dietro
l' affustino; oppure costituito <l a due fianchi triangolari e i torchi
di rinculo sono disposti sotto di esso, tra le liscie, avvicinandosi
cos al tipo di un afftisto rigido con sottaffusto.
3.) - Affusti a culla.
L'affusto con oreechioniere fi sse girevolc su una piattaforma
a.l pia,no d'appoggio, o direttamente o per mezzo di una piat -
taforma, mobil e coll a qua,le esso solidale. La forma e la costitu-
zione di questi elemellti diver sa secondo il modo con cui il mate-
riale sistemato nei riguardi della mobilit e della protezione:
e Ki debbono quindi considerare separatamente affu sti per inst(tl-
lazioni mobili, sia da rimorchio che ferroviarie o semoventi, e affust i
per installazioni fiss e, allo in pozzo, e in casmnatta gire-
vole. Si deve anche considerare, sebbene non abbia avuto ancora
a,pplicazione con questo sistema di affusto, la sistemazione in ca-
yorna o in caSa.Illatta.
In queste ultime specie di installazioni fi sse il principio infor-
matore quello di r endere minima la lunghezza del rinculo delle
bocche da, fuoco, ci che )Jos:,;ibile, quasi sempre, usufrue11cto dell a
pOi:i:libilit di aggrappare il materiale al piano di appoggio e far
CO)1('01'1'ere le strutture fi sse dell a sistemazione difensiva , per aSfii-
Cll]',ll'(=> la Ktahilit, che sarebbe compromesRa dalla grande resi-
stenza necessaria per il freno; il l1w.teria,]e quindi sottoposto a
sforzi di deformazione assai maggiori che negli affusti a ruote
l' "i ri ehicclono quindi dimensioni e pesi maggiori; ma il peso risulta
sempre contenuto in limiti ammissibili per queste categorie di
limiti che possono essere naturalmente pi larghi
che cogli affusti a l'note e per le installazioni mobili in gener!',
tanto pi che I 'aumen t o in parte: o anche <leI tutto, compensato
dalJe minori dimen sioni e minor peso che devono avere la culla:
i i ricuperatori, per il rinculo corto; l'inconveniente quindi
limitato sotto questo riguardo mentre la piccola lunghezza del
rincnlo r appresenta in ogni caso una necessit per vari motivi,
ma principalmente per r agion i <li spazio.
Anche per le insta,uazioni mobili conveniente avere la mi-
nima lunghezza di rinculo; ma, ili quC'ste l 'aggrappamellto al t er-
reno non pu essere mol t o salo., c si cerca quindi di raggiungere
lo scopo abbassando per qua.nto possibil e l'altezza dell 'asse degli
VoI. lI. - Armi da fuoco portalili, ecc. 15
- -
orecchioni (allche se debba o'\egnil'c qualche seavo), o ricorrendo
al rinculo combinato, a meno elw non si tratti di artiglierie a tiro
curvo per le q unii la stabilit, anche con corto rinculo, Cl fl.i'sicnrata
dall a grandezza. di tiro.
In tutti qnesti tipi di a.ffn"to il rilleulo quindi assai limitato
(h tre a sei calibri) , in eonfl'Onto degli affusti a ruote, llei quali
:mpel't.L generalmente i dieci calibri e ginngo anche a J7 -J8.
Esempio: LU;lgllllzzC di rincul o :
Cannon i) d a 152( 17 S11 aff 'l>\to a ruote: III. l , SO; cannone da 1.52/50, in
stall a,,,, iol[() in p07.Z0 II I 0, + ;
C:1:IilOne da 1G2/ -I- 5, ins1;alla,ilioll e mobi le III. 0,50;
( ;annone da :n; / 50, impianto eostiero. 111. 0,9:30;
d a "\');)1 [ /, mobile, III. 0,950;
Canllone d'l :33 1, ill 'ltall azioll c f()lTovi al' ia, m. l ,O:) ;
''lortaio f1 fl 230 l' mnccf; c, (i nst'tll azione mobile), Hl. 1,4/);
Cannone da fra llces(), ill , t all azionc mobile a culla c a liscie, s lllla
c :lll a IlL n,90, s ul.le lis('.i(' IIL 1. 2(1.
Un'Itra caratteristiea comune a quasi t utti qU<ls ti tipi di
affusto la forma di cull a chI' conseguenza dell a piccola lunghezza
del rinculo; la forma generalmente adottata l1 manicotto, ossia
costituita da un tubo con orocchioni, entro il quale scorre la bocca
da, fuoco: q uesta in confl'on to di quella a cassetta e a doccia
degli affusti a ruote, permette una sistemazione pi eqnilibrata,
del .., ist,:"nv cull a-boeca, da f1Jo()0, t.: permette di applicare
freni r ieuperat.ori sopra e sotto ht ottenendo ('.() s ulla
simmetrica della da fuoco sull a culla e :mgli orecchioni.
Vi sono per delle eccezioni questa forma di enl1:l . specialmente
nelle costruz:ioni Rehlleider C'hamollCl, nelle quali si risco ntra
sovente la forma di culla a doccia con i'litb1 .
.il) I nstallaz'ioni fisse.
lJe install a7.ioni fisse sono sisLema(;<l snll e navi e n\llia opere;
esse quilidi pOSSOllO eSBere contemplatI' per artigli eria di qualunque
ca libro e di qualsiasi spe('i2. Data, la possii:Jili t di ancora.re solida-
mente la, piatta.forma fi ssa al piano d 'a,ppoggio: l'affll sto pu avere
la minima IUllghezza, ci che a:-s'l.i eon vellionte in ogni caso,
percb si dimi11l1i sce lo spaz:io occtlpato c da proteggere; e l e orec-
chionieT'C' pOI'BOnO ('S8('1'1:' sullevatc w l pi<wo di appoggio quanto
w'r evitar<-' l'nrto d( ll a ('Illattu Fili l terrello anelli, Hi
massimi angoli lli tiro.
Si sempre una }liaitafrwma (;ir('(,(o('e (Issa. {' :" oJidamente
anorata meili ant t> chi ava rde al piall O cl'appoggio, (Cl mnnita di
227 -
una rotaia filllla qu<Lle media nte una. corona ih rull'/: n
sfere, una piattaforma, circolare qirewle e he porta l'alinsto, RIl CIIi
inca\' al[',ata let cnlla ; la piatt,lforma mobi le ,ggn1pP<tta a quella
fi ssa l1lp,/liante piastl'(, a za.mpa o a nelli [',hp aJlr lTa.no un orlo SP0l'-
gente d A'hL l'ota,ia della, pi<ttta,fomm fi ssa , P, sovente, f1Jl('h e medi allLe
un J'obl u;to p omo.
lnslallctz'ioni a,llo scoperto (lig'. 3,33) . - La forma dei fianchi
eolll:' Ol'pcehioniere verso la ma in
cOstruzioni modernp per artig'lierir di piccolo e medio caliuro s i
1l<\,llno fianch i <L tri;-Lllgolo (:ogli orec,('hioni a l \'l,rti (,t>
(fig. 334) . IJa cnlia iL ma ni('otto o a mezzo m<ln i(\otto uon
per di piecolo e medio caliuro installate Nn n avi Icgge rf\,
a scopo di riSTla,J'miaf(' si sono introdott.e rU[' tmf ,(;lllenk
affu.sti a culla doppia (fig. :334), cio port anti una ('Il11a NIl (mi Nono
::wol'l'cYoli (l,w eanlloJli, dw v(\n,!!,'ono pnntati (\
l'a IlPa
sisf,(\ Ill(},ti ill insLa ll azioni allo seu pertu obiei da emif-, a o
allche ca,nnoni (la, eo:;ta, protezione (bta mediante s(\luli a
forma di eltin so s npe rioemento e aperto d <Lllct p a rte poste-
riore, o di cnff-b, fi s;.;ato mcdi,Lllte l'ol>ns te braccia a ll 'al'f'ust,o (' ('1 1( '
copre Lntta la clll atta d el pezzo; oppure a.nche (la (lil O ui eehie fis -
sato lateralmonto all ',LI'f'u:-;to, e ch e co prono >< olhLllto i s('l'\ ' Cllf i
pUll tatol'i c g li <tpp,tl'OC',('hi (li jJltn t a Il wnto.
Inslalla<;ioni in /JOZZO :tFi ). - In'itallaz ioni eOIl ",fEu sto a
cassa., C" Pl;ttt,t!'OI'Ill<L ,LIla IO!,!,'! 1O ,LUe :; iste matl '
s ni fOllf lo di Itll pozzo, pl'Otetto (la una e npol<.t gi}'(woJ(\, d 'LIla. quale
:'; pOl'g'o, af fTa\([' :-; o nna (\<!dlllOnier,L, la. ))() C(\:J, da, l'nono. i\J pozzo F i
acced e dall'intol'llo (l(d l' o peJ' <1, per lllezzo eli lill a sea 1<1 rinnva,t:l
llella ma SF a. c(' nwntizia; il s uo orlo 1'inforz, \' t.o da, un a a,Y<l I}( 'Ol'a, Z]';<.L
e b c Ullol ;;t F oRtenllf'a in modo <b poter l'LLo t are, ,., Il 'lli gntdino
ver so la :,;ommit, dI'I pozzo, pOl' mezzo (li un<l l ',ororw di rn11i , ()
per mezzo di Rfet'l'. La, Cllj O]fL (' l' a,lIn sfo sono eo ll eg' ati fra, di 101'0
per mezzo di bl'<l,(; ('; 1 cL,:-:t iche, in mod o clt e i movimenti impreRFi
a ll 'aJfusto pe!' il pllJlLamollto in (liJ' (\zioJl<\ s iano (,rasmcss i
a lla C' lIpol a; in (lllaldw (a,,.,o 1){\ 1' il plllll,a lllento in direzion e fi i l'a
rotare la eupolu, (',hp f'l'a:; (:ill<l. ('Oli " l'affll i'to. Amnch la
si:1 eli pi ceo]e (lilli em;o ni vmt i(' aJi , ihmlChi d e l! ' af-fm,to :;nno in
gene rl \ spill t i in ,Ly,t n ti, in 11l(l(lo d a ,Lvvieina r e, p er q l nLll to , p ossi,
bile, le oJ'ecchiOJliere a ll a utlllonier a; in aJr. ull l' illstallazi o ui ,
gli orecchio Ili Ijl'OV:i llO nell<1 ('anllollinra c he ehill sa complp.t a -
- 228-
mente ed ermeticamente da una lamiera cilindrica fissa alla culla
(fig. 33f)).
Vi sono anche installazioni in eui la cupola portata diret-
tamente dalla piattaforma (fig. 335 bili).
In queste installazioni, minima deye essere la lunghezza
della bocca da fuoeo dietro g,'li orecchioni e minima la lunghezza
del rinculo per non rendere necessario un diametro troppo gmnde
del pozzo e dell a cupda.
Impianti navali e costim"'i a casmnrttta fi i /'ewle (fig. 336-37).
Nel complesso sono installazioni in pozzo in cui il piano della
piattaforma mobile allivello dell'orlo del pozzo, e la piattaforma
fissa rappresentata da una robusta struttura meta.llica a tamburo,
detta anello di jonila;.,ione, allogata su un gradino del pozzo, il quale
si prolunga, in basso fino alle gallerie dPLl'openL e della nave, prove-
nienti dalle proietti e magazzini del le carich3. La piatta-
forma mobile un tamburo di lamiera, rinforzato da trayersc, e
portante delle travi sulle quali sono fh;sate alla, efitremit a nte-
riore i fianchi dell 'affusto.
Talvolta questi fianchi sono rio.otti a semplici orecchionicre
:mlle quali incavalcata la culla a manicotto. In altri a,ncne man-
cano le orecchioniere e in loro vece le travi aUa estremit anteriore
portano un p 2rno trasversale sul qm11e imperniata la culla) che
ha ht forma di un telaio, costituit o ,la due travi laterali, collegate
fra, di loro, costituenti liscie su cui SC01']'e la bocca da fuoco, colla
interposizione di una slitta, e mUllit,o di braccia, sporgenti in avanti
per collegarsi ai. perno.
In ogni caso l;: 1 culla appoggia posteriormente sul congegno di
e nell'assumere di inclinazione l' i interna entro
il tamburo della piattaforma, che deve avere profondit suffi-
cente per dar posto alla culatta del cannone sul riuculo; questo deve
essere quindi limitato per quanto possibile; in genere di m. l
circa, per i pi grossi ('alibri.
La piattaforma porta anche la corazzatura costituita 11elle
sistemazioni pi antiche da una cupola di ghisa, nelle sistemazioni
moderne invece da una casamatta a forma di ZOCCOlO di cava1]o
che protegge tut;to l'impianto, e ('he ha spessor(\ di pareti variabile
secoudo la posizione; questa protezione limitn,f,a, contro l'azione
di granate di medio calibro nella parte frontale, ed anche minore
nelle pa,reti laterali, posteriori e sul cielo.
I.Ja piattaforma superiore costituisce il piano di servizio <Id
-- 229 -
cannoni e gli orgalli (li comando dci vari meccaniRmi occor-
renti per la manovra dell ' impi anto, soll evamCllto di munizioni,
caricamento, puntal11Cllto.
P er le conHmiC' az ioni col fo ndo (l eI pozzo, }Jm il sollevamento
(Ielle munizioni, e per eontel1pre i vari macchinari occorrenti per '
la mallona, si vCflollO applieatc (1110 disposizioni diverse:
(I) llel J)OZZO (fi,!!: .. ').)6), a met circa, sistemato un piano
fisso, sotto 1<1, piattaformH, girevole, s111 q11ale vengono, dal fondo,
mediante elflva.tori, sollevate le munizioni carrelli che possono
correrc poi S11 un piccolo hiaario circolare; la pia,tta.f'onna mo bile
ha Ulla ap('rtura. munita di un congcgllo elevatore, che, nella rota-
zione per il puntamento in direzione si mantiene sempre in corri-
spondenza del hinar io; le munizioni possono quindi etlflere soll evate
nella. camera dci pezzi, in qualunque posizione de'la, piattaforma.
Sul piano sono poi sistemati i macchinari per ht manovra;
h) Rotto la piattaforma girevole (fig. 337), :-;olidale con
questa, :-;istemata nna camera cliindr ica, detta ca,mera di manovra,
in cui SOIlO eontcllllti i macchiIULri, ed alla quale uni to un grosso
tubo assiale che prol uugandosi in basso ginnge fino al fondo
del pozzo; questo tubo tlerve di i-iOstegno ai congegni elevatori
per le munizioni; qne"te Yengono, in lmsso, si:-;temate in i!.' abbie
ehp, mediante verricelli, :-; i sollevano luogo gli elevatori fino al
piano dei pezzi, o diretta,mente o con tra.vaso nella ca,mera di nut.-
novl'a, dagli elevatori ordinari in elevatori speciali di caricamento.
La manovra. degli impianti normalmente es.?gnita per mezzo
di energia elettrica o di pressione idranlica, generate da maeuhi-
nario comune:cL t utti gli impianti della na,ve o dell'opera e che giunge
n, ciascnn impianto per mezzo di condu tture che fanno capo a
giunti o contatti di sposti sul fondo del pozzo o sul piallO intermedio
in corrispondenza dci pozzo tltesi-o ; in que:-;ti ginnti o
contatti sono :-; istemate ]e prese chp, salendo lung'o il cilindro o
direttamente, Ya,nno a,2: 1i orga.ni distributori e intermedi nelle camere
fIi ma.novra, e ag'li org',m i d i comando nelht camera di dei
pl'zzi. Nelh1 camera di lll:lll0Vm "ono sistemati a ll ehe i meZ7;i p eI'
la eventuale manona a !mLCcifL dell'impianto.
Gli impwti per lIIlO, due o tre cannoni: (irnpianti bi-
1wti e tripli); questi nltimi hanno lo scopo di r isparmiare peso e
spazio, HI "L pretlentallo l' inco tl veniente di concentrare i mezzi e di
aumentan'i danni eli UI! solo (;ulpo nemi co che colpisca ['im-
pianto; essi sono sull e na.v i; negli impianti cos'ieri,
--- 2:)0 -
in cui lo spazio lIon fa difetto e il peso pu essere illimita, to,
prefeFibile l ' impiant o per c;anlloni isol ati.
Sono in impi anti a easamatta girevol e i eaunoni di grosso
ealibro; per in fJu al che nave si hanno anche impi all t i per cannoni
di medio calibro.
B) I t/stallaz'ioni mobil'i.
dmi till ate essenzialmente ad ar t iglierie a t iro t eso e a
Liro curvo di medio e grosso calibro, di potenza, pereh
quell e mOllO put,ent i possono essere, con maggiore mohilit, inca-
valcate su affu sto a ruote. Oon l'interramento o con yomeri si pu
impedire il rinculo dell a piat tafOl"ma, ma non si pu fa.re assegila-
mento sull'aggrappament o per impe(lire il sOllevamento della
t est at a, perci necessario far concorrere a questo scopo anche un
conveniente angolo di coda, specialment e pcr i cannoni.
Sovente anche l' affn sto che porta ineavaleat a la cnIl a scor-
revole su un sottafIusto li scie inclina,t e, ehc appoggia sulla piat-
t aforma, allo scopo di favorire la immooilit di quest'ult.ima,
ot tenendo cos una dsposizione a rinculo combinato.
In quest e installazioni la protezione dci serventi otteuuta
scudi fi ssi ali 'affnsto, ma sovente mall ca Il uidsiasi disposit ivo
c1i protezione.
I nstallazioni a rimorchino - Sono scomponibili in varie parti
(bocca da fuoco, affusto, piattaforma intera o divisa in
che si di spongono per il t raino con l'::"pplicazione di ruot e cari-
candole su carrelli sist ema ti allo scopo.
Tn quest e install azioni speci,,,lment e, si manifestano le carat-
tcrist iche esposte per le installazioni mohili in gellcralc; per i can-
BOlli, in modo particol a,re, ehe SOllO dotati di gr ande forza viva di
rineulo c t irano con piccoli angoli di inclinazione, si richiede un an-
golo di coda piccolo per quanto possibile; le orecchi oni ere, dat a
l' asse nza di l'note, possono essere t ellute basse, relativamente, ma
ci rende Twcessario uno scavo nel t.erreno, per dar posto all a cu-
la tta del pezzo nel puntarnent o e nel rinculo, per ch, data la mole
della l,occa da fuoco, poco conveniente (c del n' sto immffi ciente)
si din,ostrerebbe la disposizione degli orecchi oni dell a cull a alla
a lt('zza della, cuhttta, del cannone.
Pcr le artiglierie che eseguiscono il t.iro con angoli di t iro
inferiori a 45 8i\ cde quilldi adottat a la seguente disposizione:
Una piattafo1"11/ a /i ss([ fi ssata al t en ello con aper t ura per il
rincul o (lella bocca da fuo(;() in corrixpondenza. della. qll .. !I e xi pra-
tica uno S(%vo nel t erremo (in <:ni si ;(Ildent ra 1111 ca :-;:-; on('.-vonwro
dell a (fig. 338- 33!J ), opplll'e (;Olllposta di due parti,
,1nterio1'e e posteriore, collegate fra di loro, e fm 1(\ qua.li j.JrHt icato
lo scavo (fig. 340); affusto a cassa, composto di due fianchi collegati
in modo da. lascire nel fondo una apertura per il rin culo, girevol e
dirctt amente sulla piattafor ma per il puntamento in dirozione;
cret' chioniere vor"o la pmtc a nteriore d0i fia nchi; 111 nglwzza, di
coda notevolc. [J sr tto]'(-. di t il"o orizzontale f.iOvente a:-;sai limi t a. t o,
pmch, da,ta If1 lunghezza dell 'affusto, la pi attafol'l1l:\, ('.011 ampio
settore; l'inseirebbe t,roppo larga; il perno di rota,zioll c pu essere
anteriore o posteriore, e anebe eent ra.l e, ma in q nesto easo non
mat erializzato, data la neeessit dello seavo. Va,ffm, t o a,ppoggia.
sulla, piattaforma eon rot,('\ll e a sospensione el a:-;t iea.
In Franeia si hanno in senizio inst a.ll::tzioni (Schneider) per
eannoni di grosso ealibro ltlm.), in cui per evitare lo scavo si
appliea, il del rinculo combinato. Una fi ssa
con vomeri al terreno porta UJl sottaffu sto con perno anteriore e
con li scie inclinate, su cui scorrevole l 'affnsto, eb.:- ])()l' ta, a sna
volta, incavalcata la culla snl1<1 orecchioniere (fig. 34-').
Per le artiglierie a t iro curvo (obici e mortai
di modello Skoda ), non e"sendo necessario un piccolo angolo di
coda, si ba invece la sist emazione (fig. 342): piattaforma
fissa, costituita da un rolmsto che si illterra nel terreno,
recante sul suo fOlldo una rotaia circolare per una corona di rulli,
sui quali appoggia la piattaforma mobile che porta, fi ssati i fi anchi
dell'aff1/sto; i fi anchi non hanno grande lunghezza, ed
perci possibile sempre }wel'e, tienza, gTandi dimem;ioni, il set-
t ore di t iro orizzontale illimi tato.
Per lc artiglierie controaerei ,ti piccolo c ,lib1'o (fig. 343) sono
state recentemente e applicati speciali tipi di pi attforme
adattabili facilmente al traino a rimorcbio; la pi attaforma fi ssa
uatUl' altllente di piccolo rag'gio e l' a ffn sto costituito da una specie
di colonna cava, costit uente inferiormente piattaforma girevol e;
la piattaforma fi ssa mUllita di quat tro lunghe gambe unite a
doppio snodo, mediante perni disposti all e est.remit di due (1i ametri
normali l' uno all ' altro. Le gambe, per il tiro, sono di st ese in dire
zioni radiali, c possono essere vincol ate alla pi attaforma in modo
che questa ri sult.i a,ppoggiata al suolo e orizzontale, ottenendo ('o s
un appoggio saldo sul t erreno e la sta,bilit in qualunque direzione
di t iro; pei' il traino, una delle gambe amovibile, altre due si l'i-
pieg'ano e si collegano alla quarta, costituendo una, coda per la
unione al trattore o ad un avantreno; in corrispondenza della gamba
amovibile sistema,ta una saia, a cui si applicano de, le ruote e
sula quale pu (sser fatto rimolltare con un ingranaggio, tutto
l'a.ffusto, che cos tnl,sformLto in modo da poter essere trainato.
Perle installazioni di q u0stO genere la cui stabilit, nel ca,so
di t iro con piccoli angoli, compromessa, se le orecchioniere SOllO
abbastanza alte per impedire l'urto de]la culatta, sul terreno nel
tiro verticale, la Casa Saint Chamond ha. proposto la sistemazione
seguente: l'affusto cavo, contiene umL colonna scorrevole che porta
superiormente gli orecchioni per hl cull a, e munita, di una crenia-
glierl:L verticale in cui ingrana un rocchetto mosso da ingranaggi
comandati dallo stesso volantino del cong'cgno di elevazione. A
culla orizzontale l'altezza degli orecchioni tale da assicurare la
stabilit; col creRcere della inclinazionc per mezzo della sistemazione
suaeccnnata la colonna cogli orecchioni scorre automaticamente
in alto, cos l'a,sse degli orecchioni si porta, man mano ad altezze
sufficienti per evitare Durto culatta contro il terreno.
I nsialla"ioni ferr01;
r
rie. - Si riscontrano t,re tipi di sistema-
zione:
a) quando la resistenza del freno non molto grande, una
piattaforma girevole sul piano di carico di un carro ferroviario
di costruzione conveniente, il qu:.,t,l e per deve essere talvolta vin-
colato al binario, e puntellato lateralmente per avere la yoluta
immobilit in qualsiasi direzione (fig. 344);
b) una piatb1Jforma fi ssa con piattaforma circolare girevole
su rulli, e pOTtante l'affusto, appoggiata mediante lunghi bra,cci
su due carrelli ferrovia,ri iII modo da poter abbassata fino
a poggiare per il t iro piano del binario, convenientemente
(fig. 3:l5) ;
c) per i cannoni di gra.nde potenza (fig. 346), non essendo
possibile 'ottenere la voluta stabilit con nna piattaforma, di dimen-
sioni compatibili colla circolazione Rn ferrov ie, si adotta il sistema
del tiro su binario; I 'af[u:-;to costit ui to da una lunga tra,ve composta,
di due fianchi sui quali sono sist.emate le orecchiolliere per hL culla ;
la tra.ve appoggia colla sua estremit su carrelli ferroviari mediante
perni; l'affusto munito di zoccoli o pattini che "j pOi'SGIlO abbal'-
sare medtnte mal't.ilwll i a vite (-\ apppoggiare piano ileI billario,
- > 233 -
in modo da poteI' soll evar e l' affnsto dai earrelli; all o ,.,paro, data,
la grande rcs,tenza del tntta l'instfLll a.zio ll f' ri nc:ula alquanto
sul binar io. Per il pUlltamento OCCOlTe spost a,r c l ' inst all azione sul
binario, il quale ha t,racciato ad areolo di circolo; di pi l' affusto
pu essere alqua nto :-;post .. 1to sn uno dai earl'e1li , in modo da poter
r ettifi care il puntamcnto ent.ro piccoli limiti . II settore di tiro
rest a naturalmeJlte molto limitato. I Tedeschi, la gl'a,nite
guerra, per evitare questo inconveniente, costruirono sovente delle
grandi piattaforme snlJe quali veniva tliNvost a. l' i ntera
i nstalLa,zio ,) P.
In iust all azi oll e fplToviari :l dei. tre tipi SOIl O sfati ,Ill(:he Or(2:3-
nizzati affu st i soltan t o a liscie.
Tu tti quest i tipi eli install .. Miolle ferroviar ia, meno il primo,
che nOll ada1.to che Pf']' artiglieria di nOli grande potenza, richie-
dono nna si stemazione speciale dI'I binario, quelli all a, lettera b)
strutture in cemento o metalliche j1er l'appugf!' io della, piattaforma;
quelli alla lcttara, c) un binario eli tiro delb lungh:\zza di al meno
100 metri e r aggio di cir ca. 1;')0 met.ri per un di (:irca 20
0
;
il binario di t iro (l eve rinfol';"ato con armamento robusto,
e eompl ctato con lUl tavolato sn cui appoggiano e strisciano nel
rinculo i p3 tt in i dcll ' a,ffnst o; ad ogni col po occorre riportare il
pezzo Tl011 a posi;"ionc di tiro, ci che si f ,t coll' aiuto di argani .
Noteyole la di sposiz ione di un r,annon(' ela, 356/50 aHlflr icallo
in cui sull a trave principulc (> imperlliatl) posteriore
un affusto, che per il t.i.ro pn misere sollevato a mezzo di m,uti-
nelli a yite, in modo da p<' rmet.terp elevazioni anche di -L) o ment.re
per il trasporto abbassato all'interno dell a trave principale.
Installazioni semoventi. - :::)ono stade stUt Li ,Lt e ill Fra,ncia e
in America, al lo iWOPO di <hm, nna gTande mobilit ad artiglierie
di gl'OSSO (;a,li hro.
I l carr o, :i U cui sbUm1,Lto l ' a II n:-;t,o, del t ipo a rota ie con-
tinue (vedi Cap. XL (' Tn-tino meceanico ) (tip'. 347) ed ha la pos-
sibilit di muo \'eJ' si age\' olmellte snl t t:' LTc no \',Hio, con mezzi pl'oprii
o mOfiSO d,L energia e1ettri c:t gennrata S\l nn alt l'O (' <11'1'0, e t,rasmes-
sagli per mezzo di 1111 (;ayo tlessibile. L' affusto costituito in genere
da due fi anchi triallg'olari, e porta incClvalca,ta l a culla ; nei modelli
presentat,i dalle Case ::::; chlleider e Saint Cbamond, l' affust.o anche
SCOlTeyolc, ilei rinc \11 0, !i n un sottaff usto <l liscie inclinate, imper-
niato snl ca,no cou \111 perno verticale in modo da poter a"vere un
certo settore di t.iro orizzontale senza spostare jj carro.
Affusti a piattaforma i piccole dimensioni possono poi essere
sistemati SII un automobile qnalsiasi che pu quasi sempre
dev(-\ essere pun tel lato longitudinalmente e latera lrnen te per avere
la voluta stabilit .
4. - Particolari degli affusti a cassa.
Affusti. - Le forme dei fianchi, come si veduto, possono
essere a"ssai diverse secondo la sistemazione. In genere son di
lamiera di acciaio (ferro per le costruzioni meno recf'nti) rinforzata
da ferri ad a,ngolo o ripiegata ael angolo retto; negli affusti di mag-
gior calibro sono anche composti di ferri a T convenientemente
codegati fra eli loro con piastre di acciaio (fig. 348). Era usata un
tempo anche la costruzione a cassettH, cio con una ossatnra di
ghisa copf'rta, con lamiere. Per le artiglierie di piccolo calibro che
debbono servire anche per il tiro eontroaerei necessario che la
bocca da fuoco possa, f'ssere disposta anche verticalmente, perci
il profilo eleve essere regolato in conseguenza colle ol'ecchioniere
sporgenti indietro.
In qualche ma,teriale di questo genere l' affusto costituito
da una unica lamiera stampata in forma troncoconica, simulante
un affusto a piedestallo (fig. 348 bis).
Culle e slitte. - In generale le culle SOllO a manicotto o a
mezzo manicotto. prime (fig. 349) possono essere di bronzo o
di a,cciaio, e in questo caso sono munite internamente di anelli di
bronzo di guernitura con scanalature sinuose per contenere del
lubrificante e facilitare lo scorrimento delle bocche da fuoco. In
general e questa guida,ta nel movimento dentro la culla da una
o ue costole longitudinali scorrevoli in corrispondenti intagli
degli anelli di guernitura. Di solito a queste cull e sono applicati i
cilindri dei freni e dei ricuplratori, superiormente o inferiormente,
oppure anche superiormente e inferiormente, a seconda della dispo-
sizione della culla, dell'angolo eli elevazione massimo, del calibro,
ecc.: detti cilindri possono essere ricavati lI el corpo stesso della
culla, oppure esservi fissa,ti all'estemo mediante alette con chia-
vette o bulloni.
Gli orecchioni sono sempre alla estremit anteriore della culla.
Le culle a mezzo memicotto (fig.350) (dette mezze culle in Ma-
rina) sono costituite da un mezzo cilindro cavo, con orecchioni alla
estremit anteriore e munito in corrispondenza degli orecchioni
di un cappello o braca, j-jSi-l ato bulloni ana, enlla , e C'he sorve
n t rattenere o guida,l'c la boc' ca da fuoco; 1 eilindri dei frelli e (lei
f ieli peratori sono Fiit nati inferiormente.
L e cttlle a telm'o (fig', :351) i-l ono costit,ui te da, due Lnl yi CL li fi(' ia"
l'oll egati fra di loro da centine ricurve in basso, per far posto a. ll a
bocca da fuoco e all a Blitta; di solito, con queste for me di cull a i
cilindri dei fren i e dci ricnperatori Bono affidati all a slittn, e rincn-
l:-lllo col cannone mentre le aste BOllO fi sFinte all ,l estremit
rime. Il telaio imperniato sull'aJfn Fi to o per mezzo di o1'e('ch10ni
portati da, due aloni sporgenti l nLto, o per mezzo di lIn perno
orizzontale, CL cui In travi BOno imperniate mediant e dne braecia
in avant i.
Le slitte (1ig. 351) SOltO dei bLo(:chi di accia. io, foggiati lateral-
Illellte n, zampa, per ag:gra,pparsi all e liscie; in esse sono ricava ti i
cilindri. del freno e del r icuperatore; il cannone fi sFiato Bull a slitta
ordinariamentc mediante scanalat ure anulari dell a :-; litta in cui
il i adattano lwnatlll'e norriFi pondent i del cannone e mediante
brache o staffe.
Tu tte 1p {,lllle portano, naturalmente, gli attacchi per il CO II-
gogno di puntnl'ia in elp,vazione, in posizione va,ri a Ficcondo il
nere di afIll ilto: di solito inferiormente, ma speFiso a.nche latera,I-
mente.
Oulle doPVi e, o b'inale (fig. 352). - SOllO cOBtituite dalln unico
blocco di acciaio fnso (\ Ia.vorato, in cui sono ricavate due cavit
cilindriche per lo dci eannoni ; i cilindri dei freni e dci
rif'npel'a.tori kono fi :-;saf"i li opm < i-l otto al blocco medi a nte bulloni
a vite; una, uniea, appencliee ilI baf:so per il congegno di punteria ;
orecchioni n ' l' fiO la parte <Hlteriore.
, Rotelle di per gli affl18ti scorrevoli. -- Iu genere quattro :
due anteriori 8U ila l" normale, due po:-;teriori su ::;nla con fusi ec-
celltrici; nel rinculo le rotelle non poggiano sul li,) li Bcie; per far ri-
torn ar e il pezzo in batteria Fii agisce alle rotell e posteriol" in modo
(l a, farl e appoggiar e il ltll c Iiilcie e Bollevare la coda, allora' anche
le rot elle antC'riori a,ppogg'iano Fi ull o li scie, e l' affusto poggia sull('
lisci ) solo per mezzo <,!p ll p rotell p. Suole dei fianchi, liste di bronzo
applicatc Botto i fian cbi dell ' affusto per costituire parte di ricambio
e diminuir e l'a ttrit o contro lc liscie. Gtlde : ferri ad allgolo fi ssati
co n cbiodi ribacl iti all e lamiere di fOlldo per tell ere l'affusto asse-
sta to sul sottaffll sto e impedirne il sollevamento.
- 23('> - -
Sottaffusto - Le liscie sono travi a, T o a !- , o compost!',
a profilo rettilineo o a ventre di pesce, per avere ma,ggiore resi-
stenza (profilo di r esistenza uniforme) . Calastrdl'i e tra,verse di
unione, e per sostegno di apparecchi o pedana . Rotclle di Rott af-
fusto: sono per lo pi eli ghisa e, se di piccolo diametro, maRRiccie;
sup3rficie di rotola.mento conica, oppure convessa o concanl,
p er prendere appoggio convenientemenl,e sulle rotaie ; i perni
convergono al centro di rotazione ; diametro in proporzione della,
distanza dal centro di rotazione, dell'altezza dell e 1iRcie da terra,
della r apidit e faciliti1 di punta mento che si richiede; il numero di
rotelle in genere di quattro, dlW anteriori e due queste
ul t ime non all 'estremi t dell e 11scie, ma alquanto pi avanti; tal-
vol ta anche sei rotelle, con una coppi a ileI punto di mezzo delle
liscie, per evit are in fi ession e.
Cassc di rotelle; forchetta a perno superiore, nell e quali le ro-
telle ,'lono imperniate; il perllO allogato in controcassa applicate
sotto o esternamente alle liscie; per la sospcns'ione elastica (fig. 353)
tra le casse e le cont rocasse sono disposte dell e moll e discoidali
la cui pressione pu essere r egol ata media,nte nn dado avvi tato
sulla sporgenz<.1. del perno.
Piattaforme. - L8 piatletforme fi sse ha nno forma e costitu-
zione varia secondo il tipo di installazione; in t ntte per si ha una
rotaia cir colare cost ituita da una bmiera con profilo a - Ii _ avent e
la superficie superiore secondo nna snperficie conica col vertice
dell' asse di rotazione, per l e corOlle di l'nlli; oppure ccn una cu-
lI etta per le sfere.
Le coronc di ntll',; (fig. 3;-)4 ) ,;ono cOI,t it ni t e da una serie di rulli
tronco-coniei, preferibilmente con orli ,; porgent i, per restare bene
assestati sulle rotaie, impcrniati ll1edia nte il loro asse su due
gr andi a nelli, uno in terno e l'altro esterno, ehc preSeJl tano fori fl
bronzina o intagli per r icevere i perni dei rulli.
Le s fere di accia io tiono disposte a con tatto una dell 'altra nelle
cunette.
preferibile la sisternar,ione con r ulli, perch si ha UJla mag-
giore rigidit del siBterna, e magg' iore r esistenr,a, agli nrt i.
I ... a p'iattaforma mobi lc pu esser e costituita da un telai o di
tnwi che porta superiol' mente una lamier a circolare, e inferior-
mente una rotaia analoga a quell a dell a piat ta,forma fi ssa. oppure
det un letmburo di fle mpli cc o doppio, rillfol'zato da lamipra
- 237 -
sn cui fi sf'ata la lamier a circol are, sost enut a c irrigi-
dita da mell soloni.
P er l'ag'grappament o della piattaforma mobile alla piatta-
forma fi ssa, quest a provvist a di un orlo sporgente in fuori, per lo
pi facen te corpo colla rotaia, e la\ pi attaforma mobile munita
di piastre a, zampa, o anelli che abbracciano l 'orlo st esFlO (fig. 355) .
Qua,ndo possibil e si pu a,Yel'e an che un perno centrale fisso
alla piattaforma fi ssa, e infilat o in una boccola con bronzina della
piat taform,L mobile che vi vincolata per mezzo di un grosso dado
avvitato :mlla etremit d3l perno.
N elle 'inslaZZctz'ioni mob'ili con pia tt aforma fi ssa divisa in due
par t i, b posteriore costit uisce a,nche vomero, ed quindi
munita, di una robust a lamier a, rinforzata. da eOf;tole o in altro
modo, che si a ffonda nel terreno a, quest o scopo; \a, parte ant eriol'e
inveee (leve esser e provvist a di un si:, tema di aggrapparnento
dell 'affu sto, ('he pu PSfierp, costitui t o dal perno di rotazioJl e, op-
pure da piastre a zampa dell 'affust o clw abbraeciano la rot aia di
scorrimento, se il pernu post eriore.
ART. 4. - Affusti a piedestallo.
:-)0110 costit uit i da un piedest allo met allieo, entro il quale
sititemato e gireVOle il gamho di una forchetta le cui branche co-
stituisc)Oo i fi ' lllChi Il eH'aff Ll sto, su eui ;ncav1,lc",tt a ia lJOC('lt
o ri gidann nte o COlI sistemazjoue a li bci e o a culla,.
Pr r h stabilH non si lm aBseg'namento che sUll'aggrap-
pament o <h l phd piano d'appoggio, aggTappament o 00-
stiti liit o (l a robuste chiavarde, che fissano il piedestallo al pont e
dell a nave o alle piazzole di calcestrU7;zo.
Questi affu sti non sono impiegati che per artig:li3ri 3 di piceoio
e medio caiibro, destinate ad agire cont r o ber sag;j mOl t o r apidi ,
data la g:rarlde facilit che presentano pr il p un tamento in di
r ezione.
N on si riscontrano appli.cazioni di q uest.a forma di affnsto
col sistema rigido, salvo che per bocche da fuoco di piccolissimo
calibro, oppure inst allat e in torre corazzata.
Il sist ema a deformazione a liscie fn largamente impiegato per
;-lJrtigliee na vali e delle oper e; 110n present a particolarit notevoli;
ora. compl etamente abbandonato.
Il sist ema, a deformazione a cull a a, ttnalmente impieg'uto
per navali e costiere di piccolo e medio ealibro, per arti-
glierie controaerei, sia in sistemazione fissa, che su autocarro.
TI piedestallo, Cl seconda del calibro della bocca da fuoco
costituito: a,) da u n blocco (fig. 356) di acciai() fucinato, cilindrico
o troncoeonico, con una fi angL alla base, munIta di fori per le
chiavarde, e cavo per ricevere il gambo della b) da una
la miem ripiegata a forma tronco conica (fig. 357), fissata inferior-
mente a un anello o diseo, con fori pel' le chiavarde, e portante
superiormente lUl ceppo forato per ricevcre l'affutitino; c) da tre
o quattro g'ambe, riunite inferiormente all'a1l 311o ti uperiormente
al eeppo, conte per la forma prececlente.
n pieclestaJlo tiuperiormentt-\ piano per df1re appoggio all a
fOl'ehetta.
Per le artiglierie controaerei su :-1utocarro neeessa,rio che
l'asse del piedestallo verticale; perci esso (fig .. 357) in questo
caso, composto di due parti: un piedestallo della b) port ante
tiuperiormente una coppa con cavit emisferica, in cni allogato
un porta affustino, costituito da un eeppo e da un gambo cavo;
sul ceppo appoggia la forchetta" il cui gambo RiRte mato nel g'ambo
mwo; questo inferiormente ha fi ssata a snodo una v ite (',on volan-
tino sporgente da una feritoia del a l quale fi ssata
hL chioceiola. Il gambo inferiormente scorrevole in una triwersa,
alla ima volta /lcorrevole su guida del pieclest allo in senso Ilor mal(
a quello del porta, afIustino, e comandata pure da una vite ft :,;sa
al piedest allo e la cui chioceiol tL portata rlalbL trfl,ver s, l,; in qnesto
n'lodo l'asso del porta, affUf;tino pu m;sore ditiposto perfettamente
ver ticale, secondo le indicazioni di due livelli bolla, (l 'arlL.
L'a/!nst'ino o perno a forcell a, o forchetta, di wlito di aeciaio
fucinato; i fi anchi terminano /l uperioI'lllellte con le oreechioniere;
per gli affusti controaerei i fianchi SOllO protm;i indietro (fig. 357),
in modo ehe hL culla possa essere di:-; posta anche verticalmente.
lj'aff ustino appoggia sul piedest allo mediante una eorona di pic-
coli l'lllli, o mediante sfere, disposta a,l la sommit del piedest allo,
oppure al fondo di questo. Si hanno ta.lvolt'L dei rulli verti-
cali tra gambo e piedestall o;' tutte quei' te sistema.zioni hanno lo
scopo di facilit are la rotazione dell' aff ustino sul piede"t allo.
Il puntamento in direzione e:-; cgllito facelldo girare l'affu
:,;tino /l uI ei si ottiene in genere mediante ingmnaggi
(corona dentata elicoidale al piedestallo e vite perpet ua all 'affu-
stino), ma sovente, specie per le pi ecole a rtiglieri e,
_ . -
svincolabil e c lo sposta,ment,o eseguito a Rpall a, dal puntatore
stesso.
Qnancl0 i fi anchi (l.ell' affnst ino sono di piccole dimenfmi
rispetto H, quelle della bocmL da fuoco, il congegno di punteri;.), in
elevazione sistemato a,li a, estremit di un braccio sporgen te in-
dietro da uno ilei dnf' fi anchi (fig. 3:'0).
La Cl111a sempre a manicotto o a mezzo mani cotto, e non
presenta differemm ndla, cost ituzione' geneiale da quelle deg'li
affusti a cassa.
Torrette corazzate (fig. 358). '- Cos furono chiamate installa-
zioni in pozzo di vecchio modello, con affusto a pi edestallo e a
rincnlo sopprefso, in cui si ottiene la stabilit facendovi concorrere
anche La cupola che appoggia sull'orlo del pozzo. Il piedestallo
eostitn ito da una colonna la, cui base appoggia sul fondo del pozzo;
su di questa girevole il gambo di una grande forchetta, i cui
fianchi si fino a collegarsi alla cupola chiude l' aper -
t ura (1.(' 1 pozzo. Ai fianchi rigidamente unita la bocca da fuo co,
:,; i ... mc(l ian(" nrp('chic,llt,r () aval:"ate suli e qLUt,i essa riF:l1Jta inc3-
valC'Ma coi sl10i orecchioni, sia mediante ad arco di circolo
avent,i il centro sulla aperta, nella cupoJa, e lung'o Le
q ual i possono scorrere delle ,Lppendici applicate <-l lJa
clJ.latta clelia bocea da fn'oco; in qnest\1 cas, ' il congl'gno di punteria
che Noshell.e la cllbtta coadiuvato da Ull eontra,ppeso.
'rutta, la pn i:: nl>irp, per mezzo di mecca, uiNmi v1I'i,
un pie,nolo Ilpostamellto in mOllo ehe la cnpola pOSNl1 essere
fatta appogg'ial'e Nnll<L LvancorlLzza, q Ilando n011 si i I tiro;
0plm1'e e:-;fiel'e Ilo llevata di qnalche millirrietro dalla, aVcLllcorazza,
in modo da poter fieg' llire la rotazione per il puntamento in dire-
zione. impresso alla forchetta dal di direzione; all ' a,tto
(leLlo Nparo t ut ta L;1 forchet ta, ,' j pieg'a alqnanto sulla eolonna, p,d
per ilO r;tellIl ta dalla. cllpola, cbe viene ad ;Llla a.vafl-
eOI':tzza (rrOfTO corazzata, 8chnmann).
Talvolta., per artiglierie di piccolo eali bro, lo fipost,1mento
vod,icaln Illolto gl'audo fi i 1M un l llllzionarnoll to a scornparsl;), ;
la cupola rnlll l ta di un tambu l'O cii illdl"i(',o, in eni aperta l::L can-
notJiem: qu,ulc1o non si esegln il tiro, il C,LlllLOlle r ientra,to tutto
nell a cnpola, e qnesta lLl'pog'gi a ped'etta mente sull'avancomzza;
per eseguire i I t iro si solleva la cnpob, Il si b il C<l,UnOli e.
Lo spostamellto verticale ottenuto in questo caso
cont l'a,ppesi.
- 240-
VI. - Affusti articolati.
Tipo antiquato (fig. 359). - Le ultime costruzioni del genere
e che sono ancora attualmente in servizio come materiali anti-
quati, hanno la costruzione seguente: su una piattaforma a perno
centrale sono imperniati anteriormente due lunghi aloni, travi
sagomate, muniti superiormnte di orecchioniere su cui illcaval-
cata la bocca da fupco.
A questa si d la voluta inclinazione mediante un congegno
di punteria unito a snodo alla piattaforma, e munito di una lunga
asta di collegamento alla culatta. I due aloni sono uniti da una
traversa, media,nte la quale appoggiano su un ricuperatore idro-
pneumatico; all' atto dello sparo la bocca da fuoco rinculando
obbliga gli aloni a ripiegarsi indietro, comprimendo il ricuperatore;
ed obbligata da un ritegno, o anche dalla sistemazione a valvole
nel ricuperatore, a restare abbassata per il caricamento; anche
il puntamento pu essere in genere eseguito in posizione abbas-
sata; liberando poi la bocca da fuoco, il ricuperatore risolleva gli
aloni in posizione di sparo.