Sei sulla pagina 1di 3

RGBHV e Sincronismi

18/05/08 07:44

RGBHV e PROCESSAMENTO del SINCRONISMO PROBLEMA Dovendo procedere a collegare un ricevitore satellitare al mio plasma mi sono posto il problema di come effettuare tale operazione senza sensibili perdite e quindi utilizzando il miglior tipo di segnale disponibile in uscita dal ricevitore stesso. La stessa domanda se la saranno posti anche coloro i quali dispongono di lettore DVD senza connettori di tipo VGA e senza connettori per il trasferimento del segnale Component. Come fare quindi per far digerire il segnale RGB in uscita dalla SCART ad un visualizzatore con ingressi RGBHV (solitamente 5 BNC ma anche VGA)? TECNICA Il segnale RGB nella quasi totalit dei ricevitori satellitari in commercio (e diciamo anche dei lettori DVD) si presenta in uscita sulla presa SCART con questa composizione: Pin 7 : Segnale Blu Pin 5 : Schermo Blu Pin 11 : Segnale Verde Pin 9 : Schermo Verde Pin 15 : Segnale Rosso Pin 13 : Schermo Rosso Pin 20 o 19: Segnale Video + Sync (Ingresso o Uscita) Pin 18 o 17: Schermo Sync Gli altri pins (1,2,3,4 e 6) servono solo per la trasmissione del segnale Audio, i pin 8 e 16 sono opzionali mentre i pins 10, 12 e 14 non sono collegati. Ora, tutti sappiamo che, nella videoproiezione, il pennello elettronico traccia le linee di scansione (il raster) sul piano dei fosfori essendo deflesso orizzontalmente e verticalmente a seconda degli impulsi di sincronismo orizzontale e verticale che consentono di ricostruire limmagine. Questi impulsi di sincronismo, applicati ai circuiti di deflessione, generano correnti che eccitano le bobine dei gioghi di deflessione e guidano il pennello elettronico. Tralasciando le diverse possibilit con cui il segnale RGB pu presentare i sincronismi allingresso del visualizzatore, prendiamo il caso del segnale RGB proveniente dalla Scart. Tale segnale presenta un sincronismo composito inserito in un segnale video in uscita dalla scart al pin 19 (che corrisponder al pin 20 in entrata in un'altra scart) di ampiezza 1 Vpp costituito da 0.3 Vpp di segnale composito di sincronismo (H+V) e da 0.7 Vpp di segnale visivo. Nel caso in cui avessimo bisogno di collegare tale uscita ad un Vpr o Plasma con ingressi separati RGBHV che accetti il segnale composito di sincronismo, avremmo bisogno gioco forza - di un circuito di amplificazione del sincronismo perch il segnale composito (H+V) da 0,3 Vpp, ricompreso nel segnale composito complessivo video, generalmente (non sempre ma
http://www.lucaveneziani.it/RGBHV%20e%20Sincronismi.htm Pagina 1 di 3

RGBHV e Sincronismi

18/05/08 07:44

0,3 Vpp, ricompreso nel segnale composito complessivo video, generalmente (non sempre ma spesso) non sufficientemente forte per il sync processor del visualizzatore che richiede, in media, almeno 0.5 Vpp (anche fino a 2V) di segnale composito di sincronismo. In realt i segnali di sincronismo H e V separati, hanno ampiezze comprese tra 0,3 V e 5 V,indipendentemente dalla polarit che potr essere positiva o negativa e si comprende che un segnale composito (H+V) avente uguale ampiezza di 0,3 V avr bisogno di una spinta per essere accettato da un visualizzatore. Se a questo aggiungiamo la necessit di separare il segnale video da quello composito di sincronismo H+V, allora sar chiara limportanza del sync processor presente allingresso dei visualizzatori. SOLUZIONE La separazione del sincronismo dal segnale video pu essere effettuata dal visualizzatore - come avviene per i Vpr che accettano segnali compositi di sincronismo inseriti in un segnale video tramite dei comparatori a soglia che separano e riportano a livello TTL (5V) i sincronismi H+V o anche quello gi separati H e V. Vi sono casi, invece, in cui il visualizzatore (soprattutto Plasma ma anche Vpr) non in grado di effettuare tale separazione ma riesce soltanto a gestire segnali RGB aventi sincronismi compositi isolati (RGB H+V) o separati (RGBHV). In questo caso ci viene in aiuto un semplicissimo circuito della NATIONAL SEMICONDUCTOR denominato LM1881N che svolge la duplice funzione di amplificatore del segnale composito dei sincronismi e, all'occorrenza, di separatore degli stessi. I vantaggi ottenuti sono che, tramite ladozione di un semplice capacitor e di un resistor (le cui funzioni vi risparmio con piacere) il LM1881N accetta segnali di sincronismo compositi di livello compreso tra 0.3 Vpp e 5Vpp, lavora a frequenze di sincronismo orizzontale da 15 a 60 KHz, e Verticale da 50 a 75 Hz. Lapplicazione di tale circuito consente, quindi, di connettere in ingresso il segnale video composito (comprendente il segnale di sincronismo composito) ed ottenere in uscita un segnale di sincronismo composito ed un segnale di sincronismo verticale.

Sar sufficiente, quindi, prelevare il segnale dal pin 19 dal connettore Scart della nostra sorgente ed inviarlo al circuito LM1881N, ottenendo, in uscita i due segnali del sincronismo e consentendoci di allestire un bel cavo RGBHV ove presente una semplice presa SCART. Il segnale di sincronismo composito in uscita dal LM1881N non sar altro che la riproduzione della forma donda che si trova al di sotto del livello del nero del segnale video composito, con il video completamente rimosso. Un consiglio per esperienza personale che se il monitor al plasma o VPR non funzionasse con un cavo RGBHV costruito con tale circuito, bisognerebbe semplicemente provare a
http://www.lucaveneziani.it/RGBHV%20e%20Sincronismi.htm Pagina 2 di 3

RGBHV e Sincronismi

18/05/08 07:44

un cavo RGBHV costruito con tale circuito, bisognerebbe semplicemente provare a disconnettere il sincronismo verticale e lasciare solo quello orizzontale, visto che quest'ultimo a livello TTL ed pi facilmente processato. Infine, se si vuole ottenere una separazione pi adeguata (professionale) dei sincronismi, consigliabile utilizzare al posto del LM1881N, il chip EL4583C della ELANTEC, visto che questultimo (leggermente pi costoso) fornisce in uscita anche il segnale di sincronismo Orizzontale puro in aggiunta ai segnali di sincronismo composito e verticale disponibili sul LM1881N. Il chip 41881 della ELANTEC identico al LM1881 mentre il 44581 analogo ma di consumo inferiore Una ultima considerazione: mi sono sempre chiesto come facesse il mio VPR a non risentire delleffetto Macrovision presente sul software che normalmente utilizzo. I due impulsi Orizzontali e Verticali che escono dal separatore di sincronismi e che pilotano i circuiti di deflessione del VPR, infatti, non sono sempre uguali. In particolare, in caso di sorgenti quali DVD ed alcune VHS, limpulso del sincronismo orizzontale pu contenere alcuni disturbi video in corrispondenza delle prime righe del tracciato video al fine di inibire la duplicazione del software disturbando il sync separator dei videoregistratori. Ovviamente tali spurie disturberebbero molto anche la riproduzione tramite VPR; al fine di eliminare tale pericolo i produttori di VPR hanno pensato bene di inserire dei circuiti a monostabile - allinterno del circuito di separazione dei sincronismi i quali generano impulsi Orizzontali e Verticali puliti.

http://www.lucaveneziani.it/RGBHV%20e%20Sincronismi.htm

Pagina 3 di 3