Sei sulla pagina 1di 4
Il documento che hai tra le mani è stato redatto impiegando solo software open-souce Quest'opera

Il documento che hai tra le mani è stato redatto impiegando solo software open-souce

mani è stato redatto impiegando solo software open-souce Quest'opera è stata rilasciata con licenza Creative

Quest'opera è stata rilasciata con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Per leggere una copia della licenza visita il sito web http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/ o spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA.

Prima di stampare, pensa all'ambiente.

Cos'è una “documentazione propedeutica”?

Un barcamp è una rete di non conferenze in cui nessuno sta a guardare e tutti possono salire in cattedra; non c'è un oratore principale e i partecipanti non sono pubblico passivo. Ha regole molto precise, per esempio ogni intervento non può durare più di tre minuti e, cosa più importate, deve essere pertinente al tema in discussione.

Proprio perché la parola è data a tutti, si parte dal presupposto che tutti si preparino un minimo sull'argomento trattato. È diritto di ognuno esprimere la propria opinione; è dovere di tutti preparasi prima di parlare. Per questo esiste la “documentazione propedeutica”. Si tratta di poche righe scarne ed essenziali che suggeriscono suggestioni e forniscono dati al barcamper. Sono, in un certo senso, l'anteprima del lavoro che svolgeremo insieme.

Se hai domande, sentiti libero di scrivere a redazione@knowledgeworkers.it o segui il link alla pagina facebook dell'evento.

o segui il link alla pagina facebook dell'evento. Ti aspettiamo giovedì 15 marzo alle ore 21:00

Ti aspettiamo giovedì 15 marzo alle ore 21:00 in via Matteo Pescatore 7, Torino.

Buona lettura!

Negli ultimi anni si è fatta strada nella nostra società una nuova categoria professionale: i lavoratori della conoscenza, o knowledge workers,

professionisti in grado di mettere il proprio capitale intellettuale al servizio dello sviluppo di una comunità o di un'azienda. Non si tratta solo di lavoratori in possesso di un determinato bagaglio culturale. Stiamo parlando di individui in grado di immaginare e progettare scenari futuri, che si occupano di sviluppare nuove idee in grado di apportare crescita e benessere. In poche parole: sono coloro che “producono conoscenza per mezzo di conoscenza”, quella ricchezza difficile da quantificare, ma che rappresenta l'indice di lungimiranza e coraggio di una società. Quella dei knowledge workers è dunque una categoria trasversale che comprende lavoratori di settori in apparenza lontanissimi, accomunati però dal ruolo che ricopre la “conoscenza” nel loro operare quotidiano.

Possiamo tranquillamente affermare che i lavoratori della conoscenza sono sempre esistiti e da sempre ricoprono un ruolo centrale nella società per la

crescita e lo sviluppo del Paese. Sono stati sempre "lavoratori privilegiati": riconosciuti, valorizzati, retribuiti e compensati adeguatamente, perché facenti parte di ordini professionali, "corporazioni", "lobby" che hanno garantito loro rappresentanza politica, sindacale e la tutela e la rivendicazione di diritti. Potremmo definire questi lavoratori "KW di serie A", i quali hanno potuto scegliere tra un lavoro da dipendente o svolgere la libera professione, diventando dei veri imprenditori di se stessi, intraprendendo un vera carriera professionale.

Di contro, negli ultimi anni è sono cresciuti in maniera esponenziale i

"KW di serie B"che si trovano ad affrontare un mercato del lavoro nel quale si sentono spesso soli e operano in molti casi in condizioni svantaggiate, se non direttamente di sfruttamento. Un quadro complesso peggiorato da una politica contrattuale che in gran parte dei casi non assicura la tutela di diritti fondamentali e dalla scarsa o nulla rappresentanza sindacale e politica. Forse anche per tali ragioni questi lavoratori della conoscenza si ritrovano spesso a percepire la propria condizione come singoli in lotta per la sopravvivenza, di frequente in concorrenza con altri KW di serie B. E forse è qui che vanno ricercate le ragioni di questa mancanza di forza sociale e coscienza collettiva.

Ecco allora alcune domande fondamentali.

- Perché non c’è coscienza di classe? Di certo, in questo, giocano un ruolo le vecchie

categorie, le stesse con le quali continuano a relazionarsi i partiti e i sindacati. Categorie con identità

e storia consolidate che delineano una prospettiva difficile da superare e che spinge verso una forte

parcellizzazione. Ma questo non è certo l’unico fattore che condiziona l’attuale assenza di autoconsapevolezza dei KW. Vi è una difficoltà, per i singoli KW, nel modificare la propria prospettiva, superando - loro per primi - i limiti generati dal ragionare solo in base al proprio settore di appartenenza.

- I nuovi KW sono il nuovo "proletariato", ma non se ne rendono conto o non vogliono rendersene

conto, perché significherebbe ammettere magari il fallimento di investimenti di studio, tempo e denaro?

- Le posizioni dominanti dei KW di serie A impediscono ai nuovi lavoratori della conoscenza di essere valorizzati, riconosciuti e rappresentati?

È forse giunto il momento di andare oltre, di creare una coscienza collettiva trasversale, di riconoscersi e riconoscerci come nuovi lavoratori della conoscenza.

Tra gli altri motivi che impediscono maggiormente il nascere di una coscienza di classe fra Lavoratori della Conoscenza l'esistenza ben radicata nel nostro Paese di un forte Welfare familiare, croce e delizia delle nuove generazioni. Se, infatti, la solida presenza economica dei genitori alle spalle evita ai giovani lavoratori, alle prese con lavori discontinui e malretribuiti, di sprofondare in uno status di indigenza (permettendo loro di investire anche somme extra rispetto alle proprie risorse, da destinarsi alla formazione), dall'altra parte questo riuscire comunque sempre a "galleggiare" fa sì che essi non sviluppino, di fatto, una presa di coscienza della propria condizione lavorativa all'insegna della precarietà e della svalutazione professionale. La condizione lavorativa è vissuta a livello privato, come "tragedia individuale" e gli stessi indicatori economici, che dovrebbero descrivere la presenza di situazioni di questo tipo sollevando il problema, sono in realtà regolati dal reddito familiare, e falsificano la percezione di questa classe di lavoratori da parte della società e di loro stessi.

Come si abolisce il Welfare familiare?

1. Sarebbe il caso di superare gli indicatori legati al reddito familiare, permettendo ai giovani di raggiungere quanto prima una propria indipendenza economica, aiutati dallo Stato che ne riconosce la singola finte di reddito?

2. L'introduzione del reddito di cittadinanza, una somma mensile modesta che spetta al lavoratore in quanto cittadino, e che lo mette al riparo dai periodi di disoccupazione permettendogli di investire nella propria formazione, sarebbe uno strumento adatto? 3. All'interno di questa discussione, come si pone il problema del pensare un altro modello di sviluppo? La società ha bisogno della conoscenza? E' vero che in Italia ci sono "troppi laureati" o è vero, piuttosto che c'è poca offerta di lavoro della conoscenza, per mancanza di innovazione e di ricerca? Se vi fosse più offerta di lavoro nel campo della conoscenza, la flessibilità sarebbe soltanto un male?