Sei sulla pagina 1di 1

Zanatta Nicole 5 BL

Il ritratto di Dorian Gray


Oscar Wilde
Oscar Wilde, scrittore, poeta e drammaturgo irlandese vissuto a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, stata una figura di spicco ed uno degli autori pi famosi della sua epoca, autore dalla scrittura apparentemente semplice ma sostanzialmente ricercata, il quale tra i propri capolavori vanta Il ritratto di Dorian Gray, romanzo pubblicato tra il 1890 e 91. Il romanzo, che si focalizza soprattutto sulle vicende e sulle riflessioni del protagonista principale e della tela in cui stato dipinto, ha il preciso intento di scioccare lopinione pubblica inglese, mescolando temi soprannaturali al fascino del peccato. Le scelte e la vicenda del rampollo inglese di nome Dorian, infatti, colpisce direttamente con il suo fare scandaloso unInghilterra puritana, diventando inacettabile. Il tema principale dellopera sicuramente quello della contrapposizione tra arte e vita reale, infatti, sebbene risulti evidente il fatto che il Dorian dipinto su tela sia quello pi strettamente legato allarte, anche vero che il quadro stesso a vivere realmente e non il Dorian in carne ed ossa, il che crea cos una dualit presente anche nellindecisione del protagonista tra il bene ed il male e nella sua mancata capacit, ormai accecata dal gusto per la bellezza, di controllare i propri comportamenti degenerati, una volta realizzato laccaduto, verso la fine dellopera. Dorian dunque in un certo senso diviso tra bene e male, e in questo lautore ha voluto porre una violenta critica alla Londra aristocratica del tempo. La vacuit dei rapporti interpersonali e delle conversazione degli esponenti di spicco di questo romanzo riescono infatti a corrompere lanimo buono del giovane protagonista che allinizio dellopera ci appare cos umile e ingenuo. Da ci nasce anche un altro tema, ovvero quello della caducit della vita e soprattutto quello dellautodistruzione, questultimo fondamentale se si pensa alla morale del romanzo stesso. Lautore tenta di celebrare il culto della bellezza gi dallinizio della vicenda, ed anche quello dellarte, mescolandoli e creando tra loro risultati incredibili. Metaforicamente parlando e prendendo spunto dalla trama del libro, la vita pu essere paragonata ad unopera darte, oppure essa pu essere direttamente un risultato dellarte stessa, secondo lautore, che in questo modo introduce il tema della ricerca del piacere da un lato, e quello di uno stile di vita disinibito dallaltro. Lautore ricordato soprattutto per la sua scrittura apparentemente semplice ed allo stesso tempo ricercata, ma anche per uno stile sferzante e diretto, che tenta di risvegliare lopinione dei lettori. Nel testo quindi sono presenti frequenti aforismi e paradossi, mentre il linguaggio decisamente ricercato nella costruzione delle espressione e nella scelta dei vari vocaboli. La lingua limpida, lineare, senza segni di sbavature dialettali o segni caratteristici ed adornata da numerosi dialoghi e descrizioni. Nonostante alcune espressioni che oggi non sono di uso corrente nel linguaggio parlato, il testo e la trama risultano essere comunque lineari, come del resto la trama stessa. In conclusione, il tono del testo misterioso e talvolta accusatore, il che permette allautore di introdurre le varie critiche verso la societ inglese dell'epoca. Il romanzo si rivela essere un puro contrasto tra apparenza e essenza, cio tra ci che visibile agli occhi e ci che intimamente nascosto in ognuno di noi. Da questo punto di vista Wilde gioca abilmente il suo ruolo e racchiude le sue tematiche in una cornice gustosa ed intrigante, velata da un pizzico di mistero e da una manciata di suspense.