Sei sulla pagina 1di 8

PETROLIO E FONTI ENERGETICHE

Il petrolio un combustibile naturale a base di idrocarburi ed una delle pi importanti fonti energetiche. Lunit di misura pi utilizzata per lenergia la tonnellata equivalente di petrolio (TEP). Definizione merceologica: il petrolio un materiale combustibile liquido, oleoso, pi o meno viscoso, di colore bruno chiaro a nero, di odore spesso sgradevole, che si incontra in natura in rocce sedimentarie. PETROLEUM: miscela complessa di idrocarburi reperibile in natura sotto forma solida (asfalto), liquida (greggio), e gassosa (gas naturale). Dopo il 1960 il petrolio diventato la fonte energetica prevalente al posto del carbone. Nonostante laumento del consumo energetico, la distribuzione delle fonti di energia non cambiata di molto: petrolio, gas naturale e carbone restano le principali fonti energetiche mentre una minima parte dellenergia proviene dal nucleare e da fonti energetiche rinnovabili.

Nel 73-74 il petrolio aveva raggiunto il suo massimo percentuale nella distribuzione delle varie fonti collocandosi intorno al 52% del totale. Attualmente si attesta intorno al 40%.

Una variazione del quadro energetico nel breve periodo non possibile. Il petrolio la risorsa energetica pi velocemente sfruttabile e commerciabile e unalternativa ad esso difficile e poco conveniente.

Consumi energetici nel mondo In consumo energetico disuniforme per area geografica in quanto in relazione al grado di sviluppo industriale dei singoli paesi. Si evidenziano anche squilibri locali nella distribuzione delle fonti energetiche. Ancora pi significativa per lo stato di squilibrio di consumo il consumo annuo di energia per abitante in TEP a seconda dellarea geografica.

Altro significativo squilibrio osservabile dalla differenza tra aree di produzione e aree di sfruttamento delle risorse petrolifere.

Nel futuro Il consumo di energia mondiale continuer a crescere a causa dellaumento di popolazione, mentre il consumo procapite si manterr a livelli pressoch costanti. In diminuzione invece il consumo energetico per unit di PIL (prodotto + costo dei servizi) a causa dello spostamento verso il settore terziario e laumento di sofisticate tecnologie nel paesi pi sviluppati. Per quanto riguarda la distribuzione delle fonti energetiche le variazioni saranno graduali nel tempo: sulla base della conoscenza o stima delle riserve accertate o presunte, si prevede che il consumo di carbone continuer a crescere, il consumo di petrolio e gas naturale destinato a diminuire mentre la crescita dei consumi dovrebbe essere assicurata da un sempre maggiore ricorso al nucleare grazie allo sviluppo di nuove tecnologie. Il consumo di prodotti petroliferi in questo periodo intorno ai massimi assoluti, mentre si prevede che il massimo del gas naturale si toccher nei prossimi anni. Modalit di valutazione rapporto riserve/produzione confronto velocit con cui si accertano nuove risorse con la produzione. Larea mediorientale risulta esaurientemente esplorata e nonostante laccertamento di nuove riserve nel resto del mondo, la produzione ha superato le nuove scoperte annue per cui il termine di accumulo diventato negativo.

Settori di utilizzo del petrolio Lutilizzo principale come fonte energetica a seguito di combustione mentre solo una minima parte destinata allutilizzo come materia prima dellindustria chimica. In previsione dellesaurimento delle risorse petrolifere il petrolio deve essere sostituito nei settori in cui possibile: come materia prima chimica insostituibile mentre come fonte energetica pu

essere soppiantato da altre.. Per utilizzi domestici si utilizza gi il gas naturale mentre il settore dei trasporti rimane dipendente dal petrolio in quanto la fonte di energia trasportabile che fornisce la maggior quantit di energia per unit di massa (considerando anche serbatoio, mezzi di conversione e sistemi di sicurezza necessari).

Storia del petrolio Sec. XVI - XVII 1820 - 1830 1859 1870 1890 Scoperte di nuovi giacimenti. Prime distillazioni Inizia il commercio mondiale del petrolio russo e americano Prima perforazione meccanica Fondazione della prima grande societ petrolifera: Standard Oil of Ohio. Le societ petrolifere nascono come societ di raccolta e lavorazione. Legge anti trust Smembramento dellimpero di Rockefeller, successiva formazione delle sette 1900 - 1910 sorelle. Sviluppo dellindustria automobilistica. Progressivo aumento della richiesta di energia e nascita dellesigenza di trasformare i residui pesanti in prodotti leggeri. Inizialmente si utilizzavano solo i tagli del gasolio per oli combustibili 1916 1925 non volatili, eliminando sia la nafta che il catrame. Primo processo di cracking Le sette sorelle si accordano sul sistema Gulf Plus Viene fissato il prezzo del petrolio + costo del trasporto a partire dal golfo del Messico. Gli USA sono molto favoriti, in seguito lEuropa riesce a ottenere di 1953 1960 1970 1973 1983 fissare due punti di riferimento (1943). Nascita dellENI Nascita dellOPEC per fronteggiare lantagonismo compagnie produttori che presto si sposta ad antagonismo paesi produttori paesi consumatori. Crisi libica: aumento del prezzo del grezzo (20%) e riduzione della produzione. Guerra del Kippur: aumento del prezzo del petrolio prima del 70% poi del 130% Riduzione ufficiale del prezzo del grezzo a seguito della riduzione della domanda di petrolio a causa della regressione mondiale. Tra i paesi dellOPEC inizia la concorrenza per la necessit di vendere greggio per poter pagare le opere di sviluppo. Inoltre vengono scoperti nuovi giacimenti in Europa e in oggi Texas. La necessit di migliorare lefficienza, causata dallelevato flusso di denaro con poco valore aggiunto gestito dalle raffinerie, ha determinato la nascita di raffinerie moderne con conseguente eccesso di capacit produttiva.

Prezzo del grezzo Esistono due possibili andamenti della relazione tra quantit venduta di un bene di mercato e il suo prezzo. Il mercato elastico caratteristico dei beni non indispensabili per cui a grandi variazioni della quantit venduta non corrisponde un altrettanto significativo cambiamento del prezzo: al minimo aumento di prezzo la domanda crollerebbe e cos la quantit venduta.

Il mercato rigido tipico dei prodotti indispensabili, tra cui il petrolio, per cui qualsiasi sia il prezzo la quantit venduta rimane pi o meno costante. La rigidit della domanda variabile nel tempo:con il tempo possibile trovare prodotti sostituti di beni prima indispensabili.

Il prezzo del petrolio stabilito mediante confronto con un greggio di qualit nota come il Brent o il Light Arabian (rese ottenibili per ogni taglio ben definite e costanti nel tempo) di cui viene fissato il prezzo. Il costo degli altri grezzi dipender del loro valore rispetto al petrolio di riferimento. Le societ petrolifere non seguono il prezzo del petrolio SPOT (prezzo del momento) ma hanno dei contratti decennali che tengono conto di una proiezione dellaumento dei prezzi. I prodotti derivanti dal petrolio risentono delloscillazione dei prezzi del grezzo in maniera smorzata: allaumento del costo della materia prima consegue un leggero aumento del costo del prodotto derivato dallindustria chimica con leggero calo dei guadagni dellindustria produttrice. Al calo del prezzo del petrolio non corrisponde per la diminuzione del costo del prodotto finito con un incremento significativo dei guadagni dellindustria chimica. Il prezzo del petrolio in continuo aumento: spesso laumento del costo coinciso con le crisi politiche nei paesi produttori e tra paesi produttori e paesi consumatori, tuttavia la stima dellevoluzione del prezzo del petrolio estremamente incerta.

POTERI CALORIFICI

Esempio di calcolo: PCI del metano

Valutazione del PCI del petrolio 1.

2.
C n H 2 n +2 + O2 nCO 2 + ( n +1) H 2 O
of hCO 2 = 94000 kcal / kmol of hH 2 O = 57000 kcal / kmol

PCI molare = 151000 n + 57000 PCI


ponderale

=
P P

n n 0

lim PCI

151000 n + 57000 14 n + 2 = 151000 14 = 10500

lim PCI

= 57000 2 = 28000

Aumentando il numero di carboni il PCI diminuisce fino a tendere a un valore costante

Equivalenze