Sei sulla pagina 1di 27

SCHEMI DI RAPPRESENTAZIONE

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione

Creazione del modello geometrico Mediante linee Mediante Superfici Mediante Solidi Mediante Features

Rappresentazione del modello geometrico WireFrame B-Rep CSG Enumeraz. Spaziale

Visualizzazione del modello geometrico WireFrame HiddenLine Shading PhotoRender

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione
modellazione rappresentazione visualizzazione

MONITOR

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione
modellazione

(x4, y4)

(x3, y3)

(x1, y1)

(x2, y2)
Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione
Uno schema di rappresentazione , di fatto, un database geometrico che definisce le modalit di rappresentazione di una geometria allinterno di un sistema CAD. rappresentazione geometria x1 y1 z1 1 1 0 1
P4 P3

P1

P2

x2 x3 x4

y2 y3 y4

z2 z3 z4

1 1 1 0 0 1 1 1 1 0 1 1
Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione

Visualizzazione rasterizzazione sul frame buffer

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione

Un database geometrico costit ito da tre costituito differenti entit: DATI ALGORITMI STRUTTURA Mediante un DB, un sistema CAD pu manipolare, memorizzare, recuparare i dati sulla geometria

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione

I DATI geometrici sono di d ti i numerici e ti i due tipi: i i topologici La STRUTTURA definisce il modello logico di organizzazione dei dati Gli ALGORITMI servono per la gestione dei dati nella struttura (ricerca, attraversamento, cancellazione, ordinamento, ).

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione

DB relazionali: relazionali: l i li I dati sono organizzati in LISTE, mediante array e matrici Le relazioni tra i dati sono definite dalla posizione dei dati allinterno delle strutture all interno dati.

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione
DB relazionali geometria
P4 P3

rappresentazione

P1

P2

x1 x2 x3 x4

y1 y2 y3 y4

z1 z2 z3 z4

dati numerici

1 1 0 1 1 1 1 0 0 1 1 1 1 0 1 1 dati topologici
Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione

DB gerarchici: gerarchici: hi i I dati sono organizzati mediante relazioni di tipo gerarchico e sono generalmente rappresentati mediante strutture dati ad albero.

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione
DB gerarchici rappresentazione
F1 e3 P4 e4 P1 e1 F1 P2 x1 P3 e2 P1 y1 P2 P2 P3 P3 P4 P4 P1 e1 e2 e3 e4

geometria

dati numerici

dati topologici
Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione

DB reticolari: reticolari: ti l i Ogni informazione pu essere messa in relazione con tutte le altre. La rappresentazione reticolare non unica, e si pu arricchire aumentando il numero di relazioni tra gli elementi. Le strutture dati sono generalmente LINKED LIST (cio liste di puntatori)
Prof. Maurizio Muzzupappa

Schemi di Rappresentazione
DB reticolari geometria
e3 P4 e4 P1 e1 F1 P2 x1 y1 P3 e2 P1
dati numerici

t i rappresentazione
F1 e3

e1

e2

e4

P2

P3

P4

dati topologici
Prof. Maurizio Muzzupappa

Requisiti del modello geometrico

Il modello solido che pu essere descritto p mediante sistema CAD deve essere: COMPLETO e NON AMBIGUO e deve soddisfare i requisiti di Rigidezza Chiusura Descrivibilit finita
Prof. Maurizio Muzzupappa

Requisiti del modello geometrico

Rigidezza: un solido ha forma e dimensioni invarianti rispetto a posizione ed orientazione del solido. Non vengono modellati gli aspetti di deformabilit propri di tutti i solidi reali; questa pu essere una approssimazione accettabile in alcuni l i contesti i di progettazione, i e limitatamente ad alcuni materiali.

Prof. Maurizio Muzzupappa

Requisiti del modello geometrico

Chiusura: un solido d Chi lid deve occupare una porzione di spazio finita. Non sono modellabili pertanto solidi aperti o semispazi. In realt questo vincolo verificato solo sul modello finale in quanto durante la procedura costruttiva vengono spesso utilizzati solidi non chiusi.

Prof. Maurizio Muzzupappa

Requisiti del modello geometrico

Descrivibilit finita: vi deve essere un insieme finito di caratteristiche del solido rappresentabili in un elaboratore. Questa peculiarit implica un livello di precisione finito nella rappresentazione delle propriet e caratteristiche geometriche del solido; questo un limite comune a tutti i modelli computazionali.

Prof. Maurizio Muzzupappa

Propriet degli SdR


Dominio: Il dominio di uno schema di rappresentazione ne individua il potere descrittivo o in modo equivalente la copertura geometrica. Pi ampio il dominio maggiore la variet degli oggetti solidi rappresentabili con uno schema di rappresentazione.

Prof. Maurizio Muzzupappa

Propriet degli SdR


Validit: La validit fornisce una indicazione sulle capacit dello schema di garantire il senso fisico delle rappresentazioni. In alcuni casi la validit pu essere controllata solo dallutente o automaticamente d un algoritmo. t ti t da l it

Prof. Maurizio Muzzupappa

10

Propriet degli SdR


Completezza: Complete a la capacit del modello rappresentato di rispondere ad un ampio spettro di interrogazioni.

Prof. Maurizio Muzzupappa

Propriet degli SdR


Unicit: La capacit di uno schema di rappresentare in modo univoco un modello. Ad una rappresentazione corrisponde uno solo modello.

Prof. Maurizio Muzzupappa

11

Schemi di rappresentazione
Rappresentazione Wire Frame Rappresentazione Costruttiva R t i C t tti Schema CSG (Constructive Solide Geometry) Rappresentazione del contorno Schema B-rep (Boundary Representation) B rep Rappresentazione ad enumerazione spaziale Schema mediante voxel
Prof. Maurizio Muzzupappa

Schema WF
Rappresentazione Wire Frame
Sono rappresentati solo gli spigoli e i vertici del modello

Prof. Maurizio Muzzupappa

12

Schema WF
Rappresentazione Wire Frame geometria
P4 P3

rappresentazione

P1

P2

x1 x2 x3 x4

y1 y2 y3 y4

z1 z2 z3 z4

1 1 0 1

1 1 1 0

0 1 1 1

1 0 1 1

dati numerici

dati topologici
Prof. Maurizio Muzzupappa

Schema CSG
Il solido viene rappresentato come composizione di istanze parametrizzate di primitive di solidi, mediante operazioni booleane (unione, intersezione e differenza) e moti rigidi (traslazione e rotazione). Il modello solido d d ll lid descritto come sequenza di itt operazioni: il solido rappresentato implicitamente dalla procedura
Prof. Maurizio Muzzupappa

13

Schema CSG

primitive solide

operatori booleani

UNIONE

DIFFERENZA

INTERSEZIONE
Prof. Maurizio Muzzupappa

Struttura dati del CSG


Normalmente si utilizza una struttura ad albero binario che ha p per foglie le primitive solide, alle quali pu essere applicato un g p , q p pp moto rigido (il punto base delle primitive coincide con lorigine), e per nodi non terminali gli operatori booleani regolarizzati.

struttura dati di tipo gerarchico


Prof. Maurizio Muzzupappa

14

Propriet di uno schema CSG


1. Dominio: limitato. E determinata dalle primitive di base. E possibile la rappresentazione esatta dei E solidi il cui contorno trovi riscontro nelle primitive di dotazione. 2. Validit: assicurata dal fatto che gli operatori booleani sono essere regolarizzati (il risultato tra due primitive solide deve essere sempre una primitiva 3D). 3. Completezza: completo.
Prof. Maurizio Muzzupappa

Propriet di uno schema CSG


4. Unicit: lo schema non unico, in quanto il modello pu essere costruito in diversi modi d ll t it i di i di

Prof. Maurizio Muzzupappa

15

Architettura di un sistema CSG


Modellazione con Primitive

Motore CSG Boundary Evaluation Visualizzazione E uno schema non pi utilizzato dai moderni sistemi CAD
Prof. Maurizio Muzzupappa

Il CSG uno schema procedurale

Schema B-rep
Il solido definito mediante il suo confine (faccespigoli-vertici) spigoli vertici) e le relazioni esistenti tra di essi essi.

Si basa su una struttura dati reticolare


Prof. Maurizio Muzzupappa

16

Schema B-rep
Ciascuna faccia una porzione di superficie di area non nulla delimitata da spigoli collegati tra loro in nulla, vertici e senza punti isolati.

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schema B-rep
Propriet della facce: chiuse, orientate e non autointersecanti

Prof. Maurizio Muzzupappa

17

Struttura dati B-rep

Prof. Maurizio Muzzupappa

Schema B-rep
La rappresentazione di un sistema B-Rep pp p pu essere:
Esatta, mediante le equazioni delle superfici, degli spigoli e le coordinate dei vertici; Approssimata, Approssimata si rappresentano tutte le superfici mediante un insieme di trinagoli (solidi poliedrici).

Prof. Maurizio Muzzupappa

18

Propriet di uno schema B-rep


1. Dominio: il pi ampio possibile; infatti permette di rappresentare t tti i possibili oggetti rigidi e t tutti ibili tti i idi chiusi. 2. Validit: garantita dal soddisfacimento della regola di Eulero-Poincare: VE+F=2(SH)+R
V: numero di vertici F: numero di facce H: numero di fori passanti E: numero di spigoli S: numero di shell (volumi) R: numero di loop interni alle facce
Prof. Maurizio Muzzupappa

Propriet di uno schema B-rep

E V

H F R

VE+F= 2 8 12 + 6 = 2

V E + F = 2 (S H) + R 16 24 + 10 = 2 (1-1) + 2
Prof. Maurizio Muzzupappa

19

Propriet di uno schema B-rep

3. Completezza: soddisfatta perch attraverso una struttura a grafo si pu aumentare la complessit; 4. Unicit: non unico,cio a fronte dello stesso oggetto solido possono esservi due diverse rappresentazioni.

Esempio di non unicit:

Prof. Maurizio Muzzupappa

Architettura di un sistema B-rep


Modellazione con sezioni e traiettorie t i tt i Modellazione con Primitive Modellazione feature based

Motore B-Rep

Visualizzazione
Prof. Maurizio Muzzupappa

20

Considerazioni
Vantaggi: 1. semplice ottenere informazioni sui singoli elementi del modello 2. immediato visualizzare il solido creato 3. adatto per generare viste, con eliminazione automatica delle parti nascoste 4. Ampia copertura geometrica

Prof. Maurizio Muzzupappa

Considerazioni

Svantaggi: 1. descrive solo il risultato finale, 2. difficile da modificare

Prof. Maurizio Muzzupappa

21

Schema ad enumerazione spaziale

Il solido rappresentato da un i i insieme di celle spaziali ll i li adiacenti. Le celle sono solitamente cubiche e di dimensioni uniforme (voxel), non si sovrappongono ed hanno lo stesso orientamento (suddivisione regolare);
Prof. Maurizio Muzzupappa

Rappresentazione mediante VOXEL

Prof. Maurizio Muzzupappa

22

Struttura dati della rappr. Voxel rappr.


La struttura dati di tipo relazionale: loggetto viene rappresentato tramite una l i i matrice 3D dove ogni elemento un voxel. Il singolo voxel pu contenere due informazioni: 1. pieno 2. vuoto

Prof. Maurizio Muzzupappa

Struttura dati della rappr. Voxel rappr.

La matrice ha dimensioni finite n*m*p n*m*p. Maggiori sono le dimensioni di questa matrice maggiore sar la memoria occupata. Problema: comprimere la matrice per occupare meno memoria. i

Si utilizza la codifica OCTREE


Prof. Maurizio Muzzupappa

23

La codifica Octree
Q Questo modello rappresentato da un albero: pp ogni nodo padre ha 8 figli; Lo spazio suddiviso ricorsivamente: ogni passa genera 8 figli; Ad ogni figlio viene assegnato un codice:
1. Completamente contenuto nel solido; 2. Completamente esterno al solido; 3. Parzialmente contenuto nel solido.

Prof. Maurizio Muzzupappa

La codifica Octree

Prof. Maurizio Muzzupappa

24

Impiego della rappresentazione Voxel

La rappresentazione mediante voxel non direttamente utilizzabile per l modellazione ma viene i i t per l tili bil la d ll i i impiegata la rappresentazione di modelli solidi ottenuti mediante TAC o risonanza magnetica

Prof. Maurizio Muzzupappa

Propriet di uno schema Voxel

1. Dominio: illimitato (anche se la rappresentazione approssimata ); 2. Validit: garantita dalla validit del voxel; 3. Completezza: garantita; 4. Unicit: lunico schema che la garantisce lunicit della rappresentazione.
Prof. Maurizio Muzzupappa

25

Gli Schemi di Rappresentazione

Creazione del modello geometrico Mediante linee Mediante Superfici Mediante Solidi Mediante Features

Rappresentazione del modello geometrico WireFrame B-Rep CSG Enumeraz. Spaziale

Prof. Maurizio Muzzupappa

Gli Schemi di Rappresentazione

Rappresentazione del modello geometrico WireFrame B-Rep CSG Enumeraz. Spaziale

Visualizzazione del modello geometrico WireFrame HiddenLine Shading PhotoRender

Prof. Maurizio Muzzupappa

26

Gli Schemi di Rappresentazione

Visualizzazione del modello geometrico PhotoRender Shading WireFrame

Prof. Maurizio Muzzupappa

27