Sei sulla pagina 1di 4

Nel dominio dellOmbra Larcano potere della Luce: dinamiche occulte dellEssere Sottile La vita nelle sue manifestazioni

pi intime notevolmente diversa da quanto appare a prima vista, superficialmente. La connessione con elementi sconosciuti, negati a chi non versato nella comprensione di quei meccanismi segreti che sono alla base dellesistenza, il perno centrale di qualsivoglia realizzazione di ordine magico. E proprio la conoscenza di questi aspetti nascosti porta a capire il perch di certe forme vitali inusitate, per esempio lenergia vivificata che celata in un minerale, in un metallo apparentemente interte. Ciascuna parcella della creazione contiene in se una scintilla intelligente e divina che presiede alla sua corporeit e al contempo alla sua radianza invisibile. Nel dominio di ci che occultato si snoda la matrice arcana di ogni cosa, la sua anima reale. Il principio della forma: analogia dazione Linfluenza che agisce su un dato organismo umano, animale, minerale correlata a determinate linee denergia che sottendono alla impronta eterica (radiazione sottile) che determina il ciclo centrale di vita occulta. Questo postulato spiega lemissione di onde vibratorie emanate nelletere (sostanza sottile primitiva) le quali, una volta intercettate, sono in grado di agire a distanza sulla forma stessa che compone gli organismi menzionati. Da quanto esposto si evince che la forma in magia fondamentale per ogni operazione analogica che miri a influire sulla struttura primaria dalle valenze eterico-alchimiche (trasmutanti). Il grande Paracelso (Phillippus Theophrastus di Hohenheim, 14931541), non a caso curava le infermit servendosi di testimoni (arti di cera e altre parti del corpo del medesimo materiale), con lo scopo di intervenire terapeuticamente e a distanza sulla parte malata operando guarigioni prodigiose. Egli agiva sulla forma, sul contorno, ottenendo il risultato voluto. Nellambito della sua dottrina taumaturgica, rinveniamo i tratti del pensiero filosofico neoplatonico sorto in Alessandria nel 3 - 6 secolo, che privilegiava la sostanza primeva o Archeus, lo spirito della vita. Secondo Paracelso il simile va curato con il simile, nel rispetto dellequilibrio universale naturale. La forma dunque, lo strumento elettivo che conferisce potere al pensiero dinamizzato interagente con la forma

del paziente. A tale scopo era fondamentale anche luso dellimmaginazione o visualizzazione creativa. Visualizzazione: la potenza dellImago Immaginare correttamente importante ai fini di unopera ermetica ben diretta. Limmagine di una cosa la cosa stessa. La forma che compone strumento attivo della realt oggettivante che deve agire magicamente. Vedere nella mente, nel buio dellastrale (da astreo = senza luce) vuol dire creare. Richiamare nella mente traendo dal serbatoio delle immagini buie significa dare vita alla creazione pensata. In seguito questa va dinamizzata e proiettata consciamente al di fuori, per renderla viva e autonoma. La visualizzazione magica la prte pi complessa delle pratiche ermetiche e a ragione viene considerata, assieme ai riti, una potenza in atto. Limmaginazione plastica e tridimensionale poi, potere allo stato puro, ma non er tutti e, come gi spiegato, la sua forza proporzionale al duro lavoro svolto per attivarla. Alcuni individui, per altro rarissimi, possiedono gi tale peculiarit che in ogni caso va ulteriormente affinata. Osservare un oggetto e riprodurlo nelloscurit della mente il primo passo per la riuscita. Ricreare la forma delloggetto, al principio un esercizio fondamentale, ma richiede molto tempo e impegno. Nel dominio dellOmbra celato il segreto ascoso di tutti gli incanti. LOmbra e i suoi misteri: lArcano della formazione Scriveva Virgilio Bernard, uno dei discepoli pi validi di Giuliano Kremmerz, nel suo volumetto Iniziazione alla Scienza dei Magi 1906 (Edizioni Rebis, Viareggio 1991): Ogni cosa esiste e si afferma per il suo contrario... la Luce combatte con lombra e genera le forme visibili. Ma poich la luce creatrice di forme visibili, la forma visibile una fatalit della luce. Luomo che entra nella vita dellintelligenza e vuole le manifestazioni del mondo sottile, deve allontanarsi dal mondo delle forme visibili: luomo che vuole sentire lirradiazione del suo Sole spirituale, deve evitare la luce del sole materiale. Le idee nelloscurit si purificano, perch si liberano della schiavit della forma plastica. Oltre ci, ogni germe sviluppa nelloscurit; ogni cosa nel primo periodo di vita occultata dalla Natura nel buio segreto. Ora luomo che si purifica tende alla ricreazione del suo Essere sottile, quindi egli deve rientrare nelloscurit dellutero materno. Analogicamente, dunque, il silenzione e loscurit sono coefficenti preparanti la

rigenerazione spirituale. In molti riti loscurit perfetta prescritta. Pitagora si ritirava ogni giorno in una grotta oscura e vi passava lunghe ore in meditazione. Lombra, da quanto appreso, non negativa come spesso si pensa, ma costitutiva della vita segreta che presiede alla formazione dellIndividuo storico dimorante nelle profondit della parte nascosta (germe occultato). Non bisogna confondere lombra con loscurit, che diversamente uno stato particolare che fa capo alle energie squilibrate del caos interno. Se mai, sullombra fisica che si pu agire creando dei danni mediante lutilizzo di pratiche negative. In molte culture primitive e non, limbra lelemento vitalizzato sul quale agire magicamente e oscuramente. Nel Voudou (questo il nome corretto) africano, per esempio, sono contemplati quattro principi, o per meglio dire quattro anime connesse con i vari elementi della natura, che pongono in risalto una semplice legge fisica occulta, ossia che le leggi e le forze che governano la vita devono tenere conto di questi principi strettamente legati gli uni con gli altri e al contempo indipendenti tra loro. Operare per condizionare una delle quattro anime corrisponde, in termini metafisici, ad una modificazione dellaspetto esteriore maggiormente appariscente della natura e contemporaneamente allintervento stregonico mirato alla deformazione della volont dellessere umano. Una di tali ombre denominata Ombra Chiara. Su di essa possibile intervenire attraverso inquietanti sortilegi, essendo la pi esposta ed anche naturalmente predisposta ad essere condizionata. Nellambito della tradizione magica africana sufficiente raccogliere un pugno di sabbia su cui proiettata lombra di una persona, o colpirla con una lancia per agire anche sul corpo materiale e psichico del soggetto prescelto. Infatti, sullombra o pi propriamente sui contorni sfumati (forma linare) che si manifesta e si rende visibile il principio vitale menzionato, indifeso nei confronti di un potere mentale notevolmente potente. Lo stregone votato al male seguir colui al quale vuole rubare lessenza vitale (Ombra Chiara) e al momento giusto si impadronir di una manciata di terra catturando lanima del malcapitato. Giuliano Kremmerz, il maestro di Portici, parlava della croce magica degli elementi (Fuoco, Aria, Acqua, Terra) originata dalluomo eretto con le braccia aperte e le gambe unite. Lombra creata dalla luce solare alle sue spalle (ombra della croce umana), rappresenta simbolicamente il demone personale. Limmagina in questione e la sua simbolica ricordano lUomo Vitruviano, magistralmente realizzato da Leonardo. Nellombra si sostanzia la vita vera che procede dal buio e viene alla luce. La luce egualmente fuoriesce dalle oscure profondit della materia invisibile dove risiede lEssere Celeste. Il Sole Invictus la controparte del Sole Nero. Ombra e luce si rincorrono e si interpenetrano. Nella

ricerca del Graal il lato ombra che cela la magia del fare di merliniana memoria. Quando la Coppa Sacra si concreta nella luminescenza cristallina e la riverbera, il seme occulto che la genera ne propaga le onde umratili connesse con lutero sottile. Le vibrazioni del verbo luminoso e nascosto si formano nellombra e vengono partorite allorch il mago ne formula lenergia realizzativa. Tutto si crea nellassenza di luce e trasmette londa germinativa che la fonte secretata (da secrezione). In essa custodito il magma fluidico definente la forma nella gestazione occulta che annuncia il parto di luce. Nel reame astrale tutto nasce e si riproduce nel lunare nero. La Luna nuova, invisibile allocchio umano, allude alla generazione e creazione di luce. Quando la prima sottilissima falce lunare si affaccia nel cielo trapunto di stelle, simboleggia la nascita e lo stato di Immacolata Concezione o condizione verginale dellanima purgata dalle concreazioni della materia e della corrente volgare. Le idee innate, le folgorazioni geniali (da generazione) a ciuscuna applicazione che ne deriva, prendono vita nel nero pi nero del nero (Nigredo alchimica). Dalla putrefazione alchimica si realizza lAlbedo, che corrisponde alla fulgida luce creativa, pura e incontaminata. Dietro il sipario, il proscenio mostra la scenografia che resta occultata finch lo spettacolo non incomincia. Egualmente, nel mare energetico radiante oscuro, autentico crogiolo, le forme vengono appena abbozzate, si palesano lentamente come il seme gettato nella terra che fruttificher e porter alla luce le forme ormai definite. Ecco la creazione, la trasmutazione degli elementi amalgamati e fecondati nella nera materia creatrice. Il segreto, larcano, contenuto in questo non luogo che concentra la semenza rigenerativa, il fulcro gravido di forza virtuale che attende di essere sprigionata. Allora, e solo allora, la materia diverr vita e la vita materia. Nella pulsazione del Macrocosmo tutto vibra. Nella negritudine di plasma la materia si forma. Qui, il raggio divino risplende e la sua luce irradia il mondo. Qui, la sostanza vitale viene partorita dal Dio che legge suprema, numero, perfezione. Nellanelito divinizzante lanima si illumina di luccicanza, di eterna ragione.