Sei sulla pagina 1di 1

ILINFORMAZIONE il DomaniI

DOMENICA 9 GENNAIO 2011

VIA EMILIA EST, 1570 -MODENA-

CRONACA di MODENA
E-mail redazionemodena@linformazione.com

059 28.63.911

LA MEMORIA SPACCATA

LINTERVISTA Mauro Manfredini (Lega Nord) critico con lidea dei suoi colleghi di partito

Stele ai fascisti? Un porcellum


Bocciata anche lidea di un monumento per tutti i caduti: C gi

di Massimiliano Papasso

na stele per ricordare anche i nazifascisti? Per dirla alla Calderoli, mi sembra una vera porcata. Non sar di certo una citazione aulica ma lespressione utilizzata da Mauro Manfedini (capogruppo regionale della Lega Nord) per definire la proposta di erigere un monumento in memoria di repubblichini e nazisti, arrivata dei suoi stessi colleghi di partito in Consiglio provinciale, lascia pochi dubbi. Per lex leader modenese del Carroccio, quellidea sulla quale poi i vertici della Lega hanno aggiustato il tiro - non pu avere nessuna realizzazione. Insomma, a Modena non sha da fare. Manfedini, il Pd premeva per conoscere la sua opinione. Una stele anche per i nazifascisti: lei daccordo? Il mio giudizio superato visto che la Lega ha gi precisato che non era quella la sua proposta. In ogni caso, lidea, perafrasando le parole del ministro Calderoli, mi sembrava una porcata. Quindi meglio un monumento per tutti i caduti delle guerre civili?

A sinistra il capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale Mauro Manfredini: lex leader modenese del Carroccio critico nei confronti dei suoi colleghi di partito che hanno avanzato la proposta di erigere una stele in ricordo di tutte le vittime delle guerre civili

LA POLEMICA Il Carroccio aggiusta il tiro: Cambieremo lordine del giorno

Dal Pd un attacco inaccettabile


Ghelfi: Le parole di Trande un concentrato di violenza ideologica

Al momento non ne vedo la necessit visto che abbiamo gi quello ai caduti nel parco della Resistenza. Sarebbe una replica inutile. Insomma, questo monumento proprio non le piace. Io dico che a Modena ci sono altri problemi da affrontare. Non sono questi i temi sui quali chi vuole fare opposizione deve confrontarsi . Una questione di priorit?

Certo. Ci sono altre questioni della quale bisogna parlare. Noi dobbiamo convincere la gente a non affidare pi il proprio voto alla sinistra. Uscite del genere sono del tutto fuori luogo. Ripeto, sono contento che alla fine si sia aggiustato il tiro, che non sia stata confermata lidea di costruire una stele per i nazifascisti. Se fosse stato cos, sarebbe stata davvero una porcata. Come avrebbe detto Calderoli.

n monumento per tutte le vittime delle guerre civili (comprese quella statunitense e spagnola) e non una stele in ricordo dei nazifascisti uccisi dai partigiani. E questa la proposta di ordine del giorno - riveduta e corretta - della Lega Nord in Provincia sul tema mai cos scottante della memoria. Il Carroccio, dopo la valanghe di critiche piombate sia da destra che da sinistra, ha quindi deciso di fare marcia indietro, specificando con Stefano Corti di non voler giustificare chi, dalla Repubblica di Sal, si macchiato di crimini ma solo di tentare di attuare una riconciliazioni della memoria di tutte le vittime deella Guerra Civile. Precisato lobiettivo per, le polemiche restano. E al Carroccio, soprattutto le critiche mosse dal Pd, non sono proprio

andate gi. Le parole di Trande, un concentrato di violenza ideologica e di aggressivit repressa, hanno un significato ben chiaro: noi non vogliamo che quei tempi passino perch speriamo che quei tempi tornino - spiega il segretario provinciale Riad Ghelfi - La sinistra si sente sfuggire il territorio, perch non pi in grado di proporre sistemi di governo allaltezza delle nuove sfide della modernit. Ma come ogni potere che si rifiuta di riconoscere lineluttabile, si produce in colpi di coda dalle conseguenze non sempre preventivabili. Il Pd sta strumentalizzando la situazione per ricompattarsi- aggiunge il consigliere Nicola Rossi - per nascondere la propria incapacit nel risolvere i veri problemi dei cittadini, la sicurezza e la crisi economica davanti a tutti.

REAZIONI/1 Luca Gozzoli non fa sconti: Impossibile fraintendimenti su questi temi

Troppo tardi per fare dietro front


E domani in programma un presidio davanti al sacrario della Ghirlandina

REAZIONI/2 La Destra promuove liniziativa

Proposta coraggiosa
Basta dividere lItalia in buoni e cattivi

nora di presidio davanti al sacrario della Ghirlandina per ribadire lattualit della Resistenza e il rifiuto di qualsiasi equiparazione tra vittime e carnefici durante la guerra di Liberazione. Liniziativa del gruppo consiliare Pd del Comune di Modena che domani dalle 14 alle 15, render omaggio agli antifascisti modenesi caduti per la libert. Liniziativa fa seguito alla proposta della Lega definita vergognosa e provocatoria dal Pd modenese di dedicare una stele alla memoria di tutti i caduti della Resistenza, quindi anche fascisti e repubblichini. La proposta, presentata dai consiglieri provinciali leghisti, ha provocato la durissima reazione di

tutti i democratici modenesi e non bastata nemmeno la retromarcia del consigliere Corti a fargli cambiare idea. La retromarcia del consigliere leghista Corti finta e tardiva: sulla pi grande tragedia del ventesimo secolo non sono ammessi fraintendimenti - dice Luca Gozzoli - I nazisti spalleggiati (la dove non erano protagonisti) dai regimi fascisti hanno progettato ed eseguito lannientamento di milioni di uomini, donne e bambini ebrei. Se a Modena citt medaglia doro uno dei simboli della memoria della Shoah viene violato non si pu tenere il piede in due staffe come fa Corti, per questo ogni aggiustamento getta ancora pi ombre e

pi equivoci. Corti ha gi disconosciuto in Consiglio provinciale i valori Risorgimentali, oggi disconosce i valori di libert e fratellanza contenuti nella Costituzione frutto della guerra di Liberazione, tutto ci ancor pi grave se penso che Corti sta guidando il centrodestra a Montefiorino prima Repubblica partigiana dellItalia libera. In sintesi: la Lega cerca spazi a destra, mi auguro che i suoi elettori non la seguano sulla strada del federalismo di regime. Siamo alla vigilia di unaltra celebrazione: leccidio del 9 gennaio 1950, momento drammatico ma fondante del pensiero collettivo della nostra citt. Chiss se i vari Corti, Biagi, Degli Esposti

U
Luca Gozzoli (Pd)

sanno qualcosa di quei tragici fatti e se pensano che vadano o dimenticati o riscritti. Per noi, anche a distanza di 61 anni, mantengono intatto tutto il loro valore e nessuno potr mai banalizzarli o lasciarli cadere nelloblio per miseri calcoli di parte. Perch quei 6 operai modenesi morirono per difendere non solo il loro lavoro ma anche la democrazia e la libert di tutti. Come i partigiani.

na proposta coraggiosa. E piaciuta a La Destra lidea della Lega di una stele per tutte le vittime delle guerre civili (reubblichini compresi). Le scomposte reazioni dei massimi dirigenti del cosiddetto Partito democratico, di fronte alla coraggiosa proposta della Lega Nord, di erigere una stele in ricordo degli Italiani, caduti, combattendo nelle file della Repubblica Sociale Italiana, dimostrano ancora una volta la volont di dividere lItalia e gli Italiani, in

buoni e cattivi - spiega Cesare Falzoni, segretario della Federazioni de La Destra di Modena - Se in questo 2011, in cui verr celebrato 150 dell unit dItalia, i compagnucci dellex Pci, si attardano ancora in questa squallide polemiche, noi de La Destra rispondiamo, che per un vero senso dell unit nazionale, bisogna rispettare tutti gli italiani, e soprattutto quelli che sono morti per essa, difendendo il Tricolore e non uno straccio rosso.