Sei sulla pagina 1di 144

UNIVERSITADEGLISTUDIDIURBINO

FACOLTADISOCIOLOGIA
CorsodiLaureaSpecialisticainAntropologiaedepistemologiadellereligioni

Dallapartedellimpossibile
Lavisionedelmondodeipopolinativi

Relatore:Chiar.mo

Prof.LuigiAlfieri

Tesidilaureadi:

DavidMonticelli

AnnoAccademico20042005
1

SOMMARIO
PREFAZIONE......................................................................................................................................3 INTRODUZIONE................................................................................................................................4 Ilpercorsodellesplorazione............................................................................................................4 Iterminidellaquestione:occidentaliepopolinativi.......................................................................5 Capitolo1.............................................................................................................................................8 LadisputadiValladolid.................................................................................................................10 1.Aristotele,ibarbarieipopolinativi........................................................................................10 2.JuanGinsdeSeplvedaegliapologetidellaConquista....................................................12 3.LaposizionemoderatadeimaestridiSalamanca....................................................................15 4.IlradicalismodiBartolomdeLasCasas,protettoredegliindios..........................................21 5.Diverseconclusioni.................................................................................................................27 Lanascitadellantropologia...........................................................................................................29 1.Glievoluzionisti......................................................................................................................29 2.Tylor,FrazereFreud...............................................................................................................31 3.LacriticadiWittgenstein........................................................................................................36 Capitolo2...........................................................................................................................................44 Ilcerchio.........................................................................................................................................45 Ilwakanelequivocodellanimismo.............................................................................................47 1.Correlazione,appartenenza,sensodelprodigio,ecofilia........................................................48 2.CriticaallanimismoeallantropomorfismoinTylor.............................................................58 3.CriticaalprincipiodicausazioneinFrazer.............................................................................61 LinfiltrazionedellOccidentenellavisionedeinativi...................................................................73 1.Lasovrapposizioneterminologica...........................................................................................73 2.ImeccanismidellinfiltrazionedellOccidenteedellaridefinizioneidentitariadeipopoli nativi...........................................................................................................................................80 Capitolo3...........................................................................................................................................85 Unsaltonellimpossibile................................................................................................................85 1.Laricongiunzionetravisioneoccidentaleevisionedeipopolinativi....................................85 2.Ilparadossodellonda:unipotesisullanascitadellacoscienza............................................107 3.Inversionenelprocessodigenesistoricadellametafora......................................................111 Documentietestimonianzedallimpossibile................................................................................116 1.Lolonismo............................................................................................................................116 2.IlpresentimentodeiBoscimani.............................................................................................120 3.IlparadossodellondaelacosmogoniasonicadeiVeda......................................................122 4.Oltreilprincipiodinoncontraddizione:lalogicaJiaina.....................................................125 5.LautismoelaSavantsyndrome........................................................................................128 6.LatradizionefilosoficadellOrienteelaprassidellameditazione.......................................135 Leportedellapercezione..............................................................................................................137 bibliografia.......................................................................................................................................142

PREFAZIONE
Loscopodelpresentelavoroquellodiesplorarelavisionedelmondodei popoli nativi per evidenziarne le differenze con la prospettiva delluomo occidentale. Laccezione che sintende assegnare al termine popoli nativi sar successivamenteindicatainunappositoparagrafo.Perora,lacosachecinteressa sottolinearechelapproccioaltemadiquestatrattazionevuoleessereadaccesso razionale.Largomentoeffettivamentemoltointeressanteedesistonosicuramente diversi modi di approcciarlo. La via seguita da questo lavoro coadiuvato ovviamente anche da esempi ed esperienze di chi ha affrontato la questione da unaltraprospettivaappuntounaviacheaccedeallimpossibile,passandoper unpercorsorazionaleche,manmanocheprosegue,siritrovainluoghiimpossibili, non consoni alla consueta razionalit, pur essendo il risultato di un cammino razionalmenteineccepibile. Questoapparenteparadossounavoltametabolizzatolosconvolgenteimpatto inizialeche genera sullefondamentadellenostreconvinzioniportaavederela veritdellecoseunpopidavicino.Forselaconoscenzaelaverit,coscomeil mondo stesso, si trovano su un fronte di onde, per raggiungere il quale lunico atteggiamentocorrettoquellodiporsiinunostatodiperennedomanda.Comela crestadellonda,cheinfinitamenteinprocintodiimplodereediabbattersisuse stessa, eppure eternamente viaggia nelle smisurate distese delloceano, cos la domanda deve restare eternamente aperta, in modo che le risposte non siano dei monolitici massi dalla cima dei quali le nostre convinzioni (e convenzioni) tirannegginolenostrevite(tiranneggiandolecontantomaggiorsuccesso,quantopi noidimostriamoidolatricamenteedogmaticamentedicredervi),masianosoltantole temporaneestazionidiuntentativodicrearedeimodelliteoricidinterpretazione,di

abbozzaredellematricidisenso,pronteadissolversidifronteanuovedomandecon lastessafacilitconcuilanebbiavienedissoltadallarrivodelnuovomattino.

INTRODUZIONE
La posizione dalla quale si osserva un determinato fatto influenza linterpretazioneeilgiudiziodelfattostesso.Questaasserzionetantopivera nelle scienze cosiddette umane, dove la natura dei fatti osservati fortemente influenzatadallaculturadiappartenenzadellosservatore.Illuogoincuilosservatore situatoimprescindibile,poichessolunicopuntodipartenzapossibile(per quellosservatoreenonperaltri),dacuiintraprendereunaqualsiasiesplorazioneeun qualsiasitentativodicomprensionediculturediversedallapropria.

Ilpercorsodellesplorazione
Coslanostraricercadovrnecessariamentepartiredalleidee,limmaginario,i luoghicomuni,glistereotipiconcuilOccidentesirappresentaicosiddettipopoli nativi, anche prendendo in esame il punto di vista di alcuni specialisti dellOccidente:nellafattispecie,iteologi,ifilosofieigiuristispagnolidel500egli antropologidellafinedell800.Successivamenteprenderemoinesameilpuntodi vista dei popoli nativi stessi, attraverso la testimonianza e lanalisi delle loro tradizioni,dellalorospiritualitedellalorofilosofiainparticolareriferendocialla culturadegliIndianidAmerica.Infine,basandocisuquestetestimonianzeepartendo dunquedallaloroprospettiva,formuleremoalcuneipotesiealcunimodelliteoriciche avrannolacaratteristicadisovvertire(oquantomenodifornireunalternativa)alla visionedelmondooccidentaledallaqualeeravamopartiti.

Iterminidellaquestione:occidentaliepopolinativi.
Al fine di identificare con chiarezza di che cosa si sta parlando, molto importante specificare cosa intendiamo in questa sede per occidentali e per nativi. Gli occidentali siamo noi, cio quella parte dellumanit i cui riferimenti culturali contemporanei affondanoleproprieradicinellastoriadellEuropaeche sono dunque il risultato di unevoluzione verificatasi originariamente in un determinato luogo del pianeta, per poi diffondersi in tempi relativamente recenti ancheversopaesiextraeuropeilacuiculturaementalitsonopivicineaquelle europee(lAmericadelnordinprimis).Oranoncertoquestalasedeperaffrontare unanalisiseppuresommariadelleragionistoriche,economicheeculturaliche hanno portato allo sviluppo di ci che oggi definiamo Occidente, per quanto nel prosieguo del presente lavoro alcune di queste saranno analizzate e immesse nel circuitodellenostreriflessioni.Peradessobastersoffermarcisualcunifenomeni caratteristicidellOccidentecheanoioccidentalisembranotalmentetantonormalie scontatidacrederechesianoinnatinellinteraumanit. Miriferiscoaiconcettidiuomo(individuo)edi storia,mapiinparticolare alleideologiesviluppatesidaquestidueconcetti:lindividualismoeilprogresso. Il progresso un mito, ocomunque unidea, secondo cui il mondo evolve positivamenteesimuoveindirezionediunprogressivoedindefinitomiglioramento. DiquestatendenzalOccidenterappresenterebbelapuntadidiamante,poich,grazie al primato detenuto nelle conoscenze tecniche e tecnologiche, esso sarebbe il protagonista di un generalizzatomiglioramentoplanetariodellecondizionidi vita materiali, le quali sono gli unici parametri utilizzati dalla cultura occidentale per identificareilsensodelterminemiglioramentoemisurarnelentit.

Lindividualismocomequiintesononunterminechedenotalatendenza afarprevaleregliinteressiindividualisuquellicollettivi.Inquestasedeessonon dunqueintesocomeaccezioneestensivadiegoismo,malenfasipositivapostadalla cultura occidentale sullindividuo, sullUomo, quale protagonista assoluto e indiscusso della sua storia e del suo destino. Lindividualismo potrebbe essere definitoancheumanesimodellamodernit(odellapostmodernit),sevolessimo trovareunneologismoadeguato.Essonasce,oquantomenosiconsolida,allalba delleraindustriale,quandonelsensocomunedellEuropacapitalistadell800leroe cheincarnavalidealeindividualistaeralanuovafigurasocialedellimprenditore, con la suaintraprendenza elasuacapacitdispaziareedi crearenuovi mercati travolgendogliormaiarcaicicodicisocialimedievali,cheeranopercepitidallanuova sensibilitborghesecomeinutiliintralciallespansionedellalibertindividuale,che era intesa prima di tutto come libert di mercato. In America, lo stesso ruolo nellimmaginario fu ricoperto dalluomo della frontiera: gli ostacoli contro cui lindividuosidovevamisurareeranoinquestocasoquellirappresentatidallanatura selvaggiadelWildWest,cheandavadunqueaddomesticatapernonintralciarelo sviluppoeilprogressodelluomo. Perpopolinativi,intendiamoquellichefinoanontantotempofaeranodefiniti popoli primitivi. Laggettivo primitivo oltre al fatto di essere desueto un po dappertuttoormainonsarutilizzatonelpresentelavoroancheperaltredueragioni: laprimaperchnelsensocomuneattualedellalinguaitalianaessounaggettivo connotato abbastanza negativamente (viene usato metaforicamente nel linguaggio quotidiano in virt del suo richiamo allo stereotipo delluomo preistorico, una sagomacaracollanteericurvadallefattezzepiomenoscimmieschechesicomporta inmodoanimalesco);laltraperchsirifadunavisioneetnocentricaoccidentale secondocuialcunepopolazioniextraeuropeesarebberorimasteaglistadiprimitivi dello sviluppo della civilt. Il termine popoli nativi cominci a trovare la sua

fortunaprobabilmentenelmomentoincuifuintrapresalaricercadiunaparolache definisseinmanieranondiscriminatoriagliIndianidAmerica.Ilterminepellerossa (redskins)infatti,utilizzatoperdefiniregliaborigeniamericani,furitenutoadun certopuntopocorispettoso,senondispregiativo.IltermineIndianidAmerica,del resto,recavaconslaclamorosasvistaoriginariadiCristoforoColomboconlasua famosaconvinzionediaverraggiuntoleIndieedunqueperdefinireinmanierailpi pertinente possibile i popoli indigeni che vivevano in America prima della colonizzazione degli europei fuutilizzatoil terminediNativiAmericanioPrime Nazioni,volendoinquestomodosottolineareilfattocheessieranoappuntonativi dellAmericaenoncolonizzatoriprovenientidaaltriluoghi. Tale termine, dunque,etimologicamenteracchiudegilideadiunincontro dellaculturaeuropea(eoccidentale)concultureesotiche:glieuropeiintraprendono un viaggio e stilano una cronaca della loro esplorazione; sul taccuino vengono annotate le popolazioni (apparentemente) native dei luoghi visitati. In questaccezionedunque,tuttiipopolinonappartenentiallaculturadelviaggiatore dovrebberoessereritenutinativi(edelrestolostessoeuropeonativodellEuropa)e arigore ancheil terminenativiresterebbecomunqueproblematico,senon introducessimounaconvenzioneimplicitamenteinvogaoggigiornosecondola qualeessisonoqueipopolichepurvivendoinareedelpianetalontanissimeluna dallaltra,nellassolutaimpossibilitdientrareincontatto(navendolamaiavutain passato),sonocaratterizzatidaunaserieditratticulturalicheliaccomunanoedi archetipiuniversalmentecondivisi.Potremmosinteticamenteriassumerliin: oralitdellacultura, presenzadiunastrutturasocialepococomplessa,incuileistituzionihanno relativamentepocaautonomiarispettoallamitologiaeallatradizione, visionefluidaespiritualizzata(percosdire)delmondoedellarealt. Proprioquestultimoaspetto,sarquellocheanalizzeremonelprosieguodelpresente lavoro.

Capitolo 1
Come loccidente vede i popoli nativi
Ibianchicercavanosempredifarabbandonareagliindianiilloro mododivivereedifarliviverecomeibianchiandarealavorare inunafattoria,sgobbaresodoefarecomefacevanoloroegli indianinonsapevanocomefarloecomunquealorononinteressava Segliindianiavesserocercatodifarvivereibianchicomeloro, ibianchiavrebberooppostoresistenza,elastessacosaaccadevacon moltiindiani1. Wamditanka(GrandeAquila)deiSanteeSioux

Lavisioneoccidentaledelmondosisviluppasullalinearettadellastoriaedel progressochepossiamorappresentaregraficamentenelseguenteschema:
POPOLINATIVI ORIENTE OCCIDENTE

Allinternodiquestavisione,allOccidenteriservatoilruolodiprotagonista, essendo il soggetto al verticedel progresso eil detentoredellaconsapevolezza storicamente e filosoficamente maturata della vera essenza dellintera umanit, dellaqualedunquerappresentainevitabilmenteilmigliorrisultato. In questa prospettiva, le culture diverse da quella occidentale vengono collocate in una posizione di ordine inferiore: le culture con tradizioni scritte millenarie come quella islamica, indiana, cinese e tutto lOriente in genere, si
1GrandeAquiladeiSiouxSantee,citatoinD.Brown,SeppelliteilmiocuoreaWoundedKnee,Mondadori,Milano, 1972,pag.54.

collocherebberoinunaposizionecomunquearretratarispettoallOccidente,maconil riconoscimento di un nostro debito nei loro confronti. La loro filosofia e le loro capacit in scienze quali la matematica e lastronomia, per esempio, sono state acquisitedallOccidenteilqualelehasaputeutilizzareesvilupparefinoagiungere agliattualimeravigliosirisultatidellascienzaedellatecnica.Invirtdiquestodato di fatto storicamente appurato, viene riconosciuta allOriente anche una qualche dignit nel poter interloquire in termini filosofici e scientifici con lOccidente. I popoli nativi invece sono totalmente esclusi da questa dignit, essendo i rappresentantidiunprimitivoederroneomododiinterpretareilmondo,chemerita, al massimo, un paternalistico atteggiamento dindulgenza, della stessa natura di quellodiungenitoreneiconfrontideipropribambini. Lastoriapurtroppocihainsegnatochequestopaternalismoculturalenon stato il peggiore dei mali che lOccidente ha inflitto e continua ancora oggi ad infliggereaipopolinativi.Malgradolemiglioriintenzionidiqualunqueoccidentale vogliasinceramenteecostruttivamentefareunautocriticadelpropriosistemaedil partireversolacreazionediunnuovomodellodiconvivenzaplanetario,lOccidente si muove e continua a muoversi allinterno di un modello espansionista alle cui periferie sono posti degli apparati di distruzione e di sfruttamento (pi o meno deliberati e consapevoli) dei quali purtroppo continuano ancora a fare le spese i popolinativi. Aquestopropositomisembranoinconfutabilileargomentazionisostenutedal sociologoAlessandroDalLago:
Il ruolo degli stati occidentali nel sostenere lespansione capitalistica su scala mondiale, unruolochedasemprehaconfutatoimitiliberistidellosvilupponaturale e pacificodelcapitalismo,tropponotoedocumentatoperesigereillustrazioniparticolari. Fin dalle origini, il capitalismo impensabile senza il supporto di forme giuridiche e politichecapacididefinirelinteromondocomesuoambientenaturalediespansione.Una tendenzaalluniversalismogiuridicopoliticodeltuttocoerenteconlassoggettamentoela

riduzioneinschiavitdipopoliesotici,ilsaccheggioelacanalizzazionedellelororisorse versolEuropaoversoaltrimercaticontrollatidallepotenzeeuropee.Bastiricordarechefin dalliniziodelSedicesimosecololepocadeiconquistadoreslalibertarmatadicorrere ilmondoallaricercadellericchezzechevieranocelateeravigorosamentegiustificatada teologiegiuristi2.

Sarebbe forse opportuno intraprendere una ricerca sulle influenze degli interessiconcretieperfettamenteconsapevolidinaturageopoliticaedeconomicain un determinato periodo storico, sulle linee filosofiche e ideologiche in auge nel medesimoperiodo(eviceversa,ovviamente),edquellocheinpartefaremonel prossimo paragrafo. Per adesso, ci basti soltanto evidenziare come non soltanto luomodellastradailsostenitorediunpregiudizioneiconfrontideipopolinativi, maancheglistessiintellettuali.

LadisputadiValladolid

1.Aristotele, i barbari e i popoli nativi


AllindomanidellascopertadellAmerica,inEuropasierapostalanoncerto facile questione sulla natura e lorigine degli abitanti del nuovo continente, che infiammsinceramenteglianimieildibattitotragliintellettuali.NlaBibbia,n alcunaltrafonteautorevoleericonosciutadelVecchioMondoavevamaiparlatodi similipopolazioni.SiparlavadiluoghiesoticiqualilEtiopiaelAsia,manonsi dicevadanessunapartechealdildellOceanocifosseunaltrocontinente,anzisi dicevamoltochiaramentechenoncera.SempresecondolaBibbia,tuttigliuomini discendono da Adamo e dai successivi Sem, Cam e Yafet. Chi erano dunque i
2A.DalLago,NonpersoneLesclusionedeimigrantiinunasocietglobale,Feltrinelli,Milano,2004,pag.239.

progenitoridegliindios?NonessendodiscendentindiSem,ndiCam,ndiYafet, erano uomini o non lo erano? Anche al di fuori della tradizione cristiana, lautorevolissimatradizionegrecanonavevamaimenzionatosimilipopolazioni,il che alimentava ancor di pi il disorientamento tra gli intellettuali. Infatti, con la riscopertanelXIIIsecolodella Politica diAristoteleladottrinadeglischiaviper naturaeraentrataincircolazionenegliambientimedievalie,grazieallimmensa autoritdelfilosofogreco,avevatrovatounaccettazionepiomenoesplicita.Tale dottrina aveva come scopo principale quello di giustificare il dato di fatto della schiavitlegalenellasocietgrecaallepocadiAristotele.Glischiavierano,infatti,il soggettosocialechefornivaillavoronecessarioalmantenimentodituttoilsistema, permettendocoslesistenzadiunampiospaziodiazionepericittadiniliberi.Allo stessotempo,Aristotelesostenevacheschiavipernaturafosseroesclusivamentei barbari,pressoiqualilospazioriservatoallalibertdeicittadinieramoltoridottoo inesistente.Fraibarbariperciprevalevanoiregimidispoticietirannici,cheerano consideraticontronaturadaiGreci,manaturaliperlesocietcomequellebarbariche nellequalimancavalelementochepernaturacomanda,ciogliuominiliberi. InoltreAristotele,nellEticaNicomachea,avevamenzionatounaltrotipodibarbari, cio quelle popolazioni, poste agli estremi confini del mondo civilizzato, che praticavanocostumimostruosienonvivevanosottolegidadellalegge. SinotiquilalimitatezzaelacompletachiusuraneiconfrontidellAltro(il barbaro)dapartedelpensieropoliticoaristotelico.Isuoivalorielesuecategorie cognitivesonoilfiltrocolqualeguardailmondoeattraversolequalilostrutturaegli d un senso. Contemporaneamente, sono anche il muro che non gli permette di vedereilmondointuttelesuemoltepliciessenze.,infatti,completamenteassente nelsuopensieropoliticoilbenchminimosforzomentalepercercaredicapireil barbaroelaconsistenzaolavaliditdeivaloriacuiilsistemadeibarbarifaceva riferimento.

Una tale impostazione per, poneva alla coscienza cristiana medievale due problemi: vieraunevidentecontrastoconladottrinadelluniversaleuguaglianzae libertoriginariaenaturaledegliuominiedeipopoli; non esisteva un referente empirico al quale applicarla (diverso era, infatti,lostatusgiuridicodeiservidellagleba). Perquestoessarimasefortunatamenteunacategoriavuota,duranteilbasso Medioevooggettodipurespeculazionifilosofiche,finoallascopertadeipopolidel Nuovo Mondo, quando la dottrina acquist una sua rilevanza nel contesto del dibattitosullalegittimitdellaConquistadeinuoviterritoridoltremare.

2.Juan Gins de Seplveda e gli apologeti della Conquista


Alcuniteologiegiurististavanocercandoargomentipergiustificareildatodi fattodella Conquista chesistavaconsumando,ricercandounabaseteologicae giuridicacheidentificasseneinuovipopoliscopertiglischiavinaturalidicuiaveva parlatoAristotele. I popoli del Nuovo Mondo, infatti, possedevano apparentemente le due caratteristiche che individuavano gli schiavi naturali: erano cio incapaci di autogovernoeavevanocostumiselvaggiecontronatura.Questosembravavalere senzaltro per le prime popolazioni scoperte, quelle delle isole e delle coste dei Caraibi, le quali non possedevano forme di organizzazione statale e civile comparabili con le civilt europee e praticavano costumi riprovevoli (per un europeo),comeilcannibalismo.QuantoallegrandiciviltMaya,AztecaeInca,che furonoscoperteinunsecondomomento,ildiscorsosifacevapicomplesso.Era impossibile,difrontealletestimonianzecircailloroelevatogradodicivilt,negare che esso fosse un chiaro indizio della loro razionalit e della loro capacit di

autogoverno.Inquestocaso,gliapologetidellaconquista,perpoterassimilarequesti popoliagliaristotelicischiavidinatura,mettevanoinevidenzagliaspettilacunosie manchevolidellalorocivilt,oillorocaratteretirannicoedispotico.Questodiscorso sintrecciavaconladenunciadeidelitticontronaturacomeicruentisacrificiumani che ne rafforzavano i tratti disumani e giustificavano la necessit dellintervento deglispagnoliperconvincerli,conlaforzasefossenecessario,apraticarecostumi pimitiecristiani. Tale posizione rimase maggioritaria per decenni nelle juntas di teologi e giuristichefindallascopertadellAmericasieranopronunciatesullargomentoe fornivaunabaseteologicaegiuridicaallerisoluzionidelConsigliodelleIndieedel ConsigliodellaCorona,cheavevanoilcompitodisovrintendereatuttoilprocessodi conquistaecolonizzazione.LapologetaperantonomasiadiquestalineaeraJuan Gins de Seplveda (14901573), autorevole umanista che aveva acquisito una grandefamaenotorietcometraduttoreeinterpretediAristotele.Egliripresealla letteraladottrinadellaschiavitnaturale,ecosifacendocostituunsolidosupporto allateologiapoliticapiintransigente,cheprofessavaladottrinadellaguerragiustae lasuacompatibilitconilcristianesimo.Allastessacorrenteappartenevanoipi importanti esponenti dellintelligentia spagnola dellepoca, dai teologi Johannes Maior, Bernardino de Meza, Matias dePaz,agiuristi comeGregorioe Palacios Rubios,acronisticomeFernandezdeOviedo.Addiritturataleimpostazioneaveva fattopresaallinternodellestessecongregazionimissionarie(inmodopiaccentuato fraiFrancescanichefraiDomenicani). Cicheprobabilmentesfuggeadunaletturaconvenzionaledeifattiappena esposti,latautologiadellavisionedelmondoedellavisionedellAltroallinterno della tradizione occidentale. Affermare che tale tautologia sia una caratteristica esclusiva dellOccidente un errore, poich essa in qualche modo congenita e strutturaleallacognizionestessa,allostessoattodeltentarediaverecognizionedel reale e dunque per molti versi potrebbe essere considerato un vero e proprio

universaleditutteleculture.PeronestoccorrepersottolinearechelOccidente forselaculturapiinconsapevoledellesistenzadiunasimiletautologia.LOccidente completamentefagocitatodallapropriarealtesembraessereforselacultura meno consapevole della possibilit di qualcosa al di fuori di s stessa. Avendo espulso fuori Tuttoilresto nella dimensione dialogica dellAltro, non riesce a comprenderlo,senonqualespecchio(distorto)disestessoalqualeattribuiscele proprienegativitrimosse.LOccidentesoffrediunanevrosidellAltro:pinehaun bisognodisperatoepifanaticamenteloallontanadas,senesepara(sipensial razzismo,peresempio). Nelcasoappenaanalizzato,lamiopiadiunasimilecognizionetautologica addirittura eclatante, poich lidea dellAltro lungo la tradizione occidentale si propagataugualeasestessapercirca2.000anni(daAristoteleaSepulveda),anche senelfrattempolaStoriaavevavistoilnascereelosvilupparsidideeesensibilit nobili, come quelle promosse dagli ideali cristiani delluguaglianza e della fratellanza.SeconsideriamoilpensierofilosoficodiAristotelecomelaquintessenza diunapprocciocognitivoalmondodiunadeterminatacivilt(quellaclassica)ese consideriamochelestablishmentintellettualeibericodel500,comepurelostesso Occidentecontemporaneo,sonoglierediculturalieilfruttodellevoluzionestoricadi quella stessa civilt classica salta improvvisamente allocchio come ci che Sepulveda considera unautorevole, definitiva, inconfutabile prova dellinferiorit naturale degli indios (cio il fattocheancheAristoteleallasua epocaaveva parlatodeibarbariqualischiavidinatura),nonaltrocheilriapparireintattodello stessoarchetipo,dellastessaideaedellostessoatteggiamentocolqualelacivilt occidentale ha sempre interpretato lAltro, lungo tutta la sua storia e la sua evoluzione. Sepulveda, probabilmente in buona fede (ancorch la sua posizione lo ripetiamosiaperfettamentestrumentaleallalegittimazionedellaConquistaedegli interessi economici che questa rappresentava), persuaso del fatto che la

testimonianza aristotelica sia la prova di una verit che si ripropone immutabile nellarco della Storia allosservazione degli intellettuali e che anche il famoso filosofogrecoavevaosservatoallasuaepoca(linferioritdialcuniuominiopresunti tali nei confronti di altri). Non accorgendosi in realt che lunica cosa vera e immutata(oquasi),soltantoilproprioatteggiamentomentale,ilpropriopensiero,la propriaideadellAltro,cheaffioranellesueargomentazionisottoaltrespoglie,ma sostanzialmente identica a come era affiorata nelle argomentazioni aristoteliche. Questa idea dellAltro, mutevole nelle sue molteplici forme storiche esteriori, si rivelaperinaspettatamentesolidaalsuointerno,indeformabilenellasuastrutturae refrattaria a qualsiasi reale cambiamento. Essa inoltre stranamente autonoma rispettoallevoluzionedeitempieaipersonaggistoricichedivoltainvoltanehanno rivendicatolapaternitohannopretesodiessereifautoridiunasuamodificazioneo diunsuomiglioramento. Soltantoindividuandoquestofenomenoditautologiacognitivadelmondo iscritto nel patrimonio geneticodituttelecultureumane,ci si rendecontodello sforzo che dovremo affrontare nel prosieguo del presente lavoro per superare limpermeabilit che lOccidente ha nei confronti della comprensione di realt cognitivediversedallapropria.

3.La posizione moderata dei maestri di Salamanca.


Unosforzodiquestotipofucompiutodaunoutsiderrispettoalpanorama degli intellettuali autorevoli della Spagna del 500, che per divent presto il protagonistadeldibattito,dominandoloconlasuafiguraeingranpartesuscitandolo e condizionandolo. Si tratta di Bartolom de Las Casas (14841566), frate domenicanocheentrinscenanel1516,quando,presentandoilsuo Memorialdi

denncias alcardinalCisneros,tutoredelfuturoimperatoreCarloVinattesache raggiungesselamaggioreet,vennenominatoufficialmenteProtectordelosIndios. Inrealtlelementodirompentechediedeinizioadunacontrotendenzarispetto alleposizionidellestablishment eaprildibattito,nonfulirruzionesullascena dellafiguradiLasCasas,mafuronoleaffermazionichepadreAntnMontesinos,a nomedellacomunitdomenicanadirettadapadrePedrodeCordoba,esposenelle sueduefamosepredichepronunciatedifrontealVicereallemassimeautorit coloniali nellAvvento dellanno 1511sullisola di Hispaniola (lattuale isola di Haiti),nellequalifuronoapertamentedenunciatiicriminisubitidagliindios. IteologidomenicaniFranciscodeVitoria(14851546),chereggevaallorala cattedradiPrimaTheologiaaSalamanca,lapiprestigiosadiSpagna,eDomingo De Soto (14941560), suo collaboratore (i cosiddetti maestri di Salamanca), si sentironoalloranellobbligomoralediintervenireanchesenzaesseresollecitatiele questioni che prima si dibattevano negli ambiti delle Cortes cominciarono a risuonare nelle aule delle maggiori universit, come Salamanca e Alcal. Le informazionichearrivavanodalleIndieattraversoletestimonianzedeiconfratellie legestadicuisivantavanoiconquistadoreseranopicheallarmanti.Franciscode VitoriaeDomingodeSotoeranopienamentealcorrentediquestifatti:occorreva ripensaretuttolimpiantoteoricochedavasupportoallaConquista.Nonsitrattava solo di applicare ad un caso concreto delle teorie gi elaborate, come faceva Seplveda,madiaprirenuovicamminichevenivanostimolatipropriodaiproblemi sollevatidalNuovoMondo.NellambitodelladiscussionesuldominiumUtrum barbariessentveridominianteadventumhispanorum (Seibarbarifosseroveri signoriprimadellarrivodegliSpagnoli)essiinauguraronounanuovaconcezione soggettivisticadellarelazionetradominiumeius(proprietediritto)eallinternodi questa delegittimarono la dottrina della servit naturale dei popoli indigeni. Il problema giuridico che si poneva era, infatti, quello della collocazione del dominium nellambitodeldirittoequindidellarelazionefra dominium e ius. De

VitoriaeDeSotositrovaronoadoverdeciderefradueconcezionidellarelazione fra ius e dominium. Da un latolaconcezione oggettivadel dirittocheaveva dominatolastoriadiquestoconcettodaAristotelefinoalsec.XIV,sostenutadalla tradizione e da Tommaso; dallaltra quella soggettiva (o ultrasoggettiva) degli iuniores(cioigiuristimoderni).ImaestridiSalamanca,ripristinandodaunmero punto di vista formale la dottrina tomista, finirono in realt per fare propria la definizionedegliiuniores,ciolidentificazionefradominiumeiuseladefinizione deldominiumcomefacultasetpotestas(facoltepotere)diusareunacosasecondo gliusipermessidallalegge,accogliendocoslaconcezionesoggettivadeldiritto,o megliodeidirittidelluomo.Talepassaggioavvieneinmodoesplicito,adesempio, nella Relectio deIndis, famosaoperadiVitorianellaqualelidentificazionefra dominiumeiusesplicitamenteaffermata. Sembra quindi acquisito, per un certo numero dinterpreti, che, nonostante unapparentefedeltallatradizioneoggettivisticaaristotelicaetomista,iteologi di Salamanca abbiano elaborato una rilettura dei testi che sfocia in una nuova concezionedelluomoedelsuoruolonellordinamentopoliticoegiuridico.Cos facendo,imaestriditeologia(eigiuristicheliseguirono)intrapreseroilcammino che porta verso la costituzione di un diritto naturale soggettivo che avrebbe preannunciatoquellomoderno.ImaestridiSalamancaoperaronounarifondazione delconcettodiproprietsubasinaturalieantropologiche,attuandounacontinuit logicatrailmeeilmio,identificandoildominiumcomeunattributointrinseco delsoggettoliberosecondoladefinizionecheaffermarecheinostriattisonoliberi e che noi abbiamo dominio su di essi la stessa cosa. Questa operazione giuridicamente innovativa (se non rivoluzionaria) rendeva il mio lipostasi necessariadellindividualitefupoicoerentementeportataavantifinoafaredella propriet il sinonimo della libert del soggetto (che sar anche lo slogan del liberismo di l da venire), una caratteristica imprescindibile della sua dignitas (dominium pertinet ad dignitatem) e della sua perfezione come ratio

independentiaeeratiosuperioritatisdelluomoinrelazioneatuttoilcreato,riflesso nelluomodellimmaginediDio,supremoDominus. Taleposizionerappresentaeffettivamentelanellodicongiunzionetraildiritto moderno e quello medievale: essa, infatti, sembra risolvere brillantemente la necessitdiarmonizzareunaconcezionesoggettivadeidirittidegliindividuicheha comesuocentroefondamentolalibertumana,conunaconcezionedeldirittodi emanazionedivina,incuiildivinogovernaedeterminalordinenaturaledellecose. Questanuovasintesifucondizionatapropriodallimpellenteesigenzadirispondere alle questioni nuove e drammatiche poste dal Nuovo Mondo. Quando Vitoria afferma che gli indigeni sono veri domini, publice et privatim, implicitamente riconoscecheildominium,ciolaproprietsusestessi,leproprieazionieipropri benicostituisceunacaratteristicaintrinsecadelsoggetto,chetalecaratteristica tipicadituttigliuominiperdirittonaturaleechenonpuessereperdutanemmeno acausadelpeccato. Ma lincontro coi popoli nativi, con la loro inaudita alterit, stimol negli intellettuali spagnoli la risposta ad una questione indirettamente di ordine esistenziale, primaancorachemorale.Seesistonoaltriuominidiversidame,chi sonoio?Comemiricolloconelmondo?Masoprattutto:comepossoincluderenel miomondoquestincredibilenovit?Leelaborazionisepulvedianediquestistanza cogente, avevano pi o meno consciamente condotto lumanista spagnolo ad una rispostachesiarroccavanellapropriatradizioneenoneraandataoltrelorizzonte dellepropriecategorieculturali.Sieraanziaccontentatadiripiegaresuunriutilizzo letterale delle categorie aristoteliche con tutte le contraddizioni gi menzionate, (contraddizioninonsoltantorispettolanostrasensibilitmoderna,maancherispetto allasensibilitdellepoca).LerispostedeimaestridiSalamanca,purmuovendosi allinterno delle stesse categorie, sfociarono invece in un significativo e storico cambiamento della sensibilit giuridica europea. Del resto, per molti filosofi del dirittocontemporanei,essifuronoloribadiamogliantesignanidiuninnovativa

concezione soggettivistica del diritto che sar poi alla base del diritto positivo moderno:
Nel 1539 [] Francisco De Vitoria riformul i titoli di legittimazione della conquista dellAmerica da parte degli spagnoli ponendo le basi del moderno diritto internazionalee,insieme,deimodernidirittinaturali.Questititolidilegittimazionefurono daluiindividuatinelloiuscommunicationisacsocietatis,[]einunaseriedialtridiritti naturalicheeglinederivcomecorollari:loiusperegrinandiinillasprovinciasetillic degendi, lo ius commercii, lo ius praedicandi et annuntiandi Evangelium, lo ius migrandineipaesidelnuovomondoediacciperedomiciliuminaliquacivitateillorume, achiusuradelsistema,loiusbelliindifesaditalidirittiincasodiopposizionealloro eserciziodapartedegliIndios3.

Questasvolta,per,adunanalisiantropologicadilungoperiodochecontempli la gi citata tautologia di cui prigioniero ogni sistema culturale, risulta essere tuttaltrocheuncambiamento.Inrealtcisipuleggerequellocheeraunatendenza presente in nuce fin dallet classica. Il contattoconlaculturadei popoli nativi, anzich essere stata unoccasione di vero incontro e di apertura alla visione del mondo di questi ultimi, risult essere invece unoccasione di affinamento delle proprie peculiarit culturali e del proprio modello mentale. Nel dibattito fin qui analizzato, infatti, la posizione degli apologeti della Conquista e dei maestri di Salamanca,ancheseapparentementecontrapposte(ecomunqueovviamenteinmolti puntilofurono),risultanoinrealtperfettamenteallineatedalpuntodivistadella tautologiaculturale.Esse,infatti,sonoentrambesituatesuunpianocognitivoche quellodellamenteeuropeaedunquesonoentrambeforierediunaperpetuazione,e anzi di unevoluzione e di un affinamento, del modello mentale occidentale. In sostanza,inentrambiicasi,continuaaripetersilaproiezionedellOccidentesulle altreculture:
3L.Ferrajoli,Daidirittidelcittadinoaidirittidellapersona,inA.DalLago,NonpersoneLesclusionedeimigranti inunasocietglobale,cit.,pag.239.

nel caso di Sepulveda, una proiezione delle proprie negativit e dunque laffiorarediunsentimentoditiporazzistaedemarginante, nelcasodeimaestridiSalamanca,unaproiezioneincludente,concretizzatasi nel tentativodi identificareinativiconsstessi attraversolestensione dei diritti delluomo (occidentale) anche agli indios, operando cos unassimilazionealpropriomodelloculturale,lacuivaliditesuperioritnon maimessaindiscussione. Ilmodellomentaleoccidentale,inentrambeleoccasioni,continuaadessere lunicoveroprotagonistadituttalavicendaecontinuatautologicamenteariprodursi nellarcodellaStoriainvisionidimondosemprenuoveeppuresempreugualiase stesse.SembracheilcontattoconipopolinatividelNuovoMondoabbiagenerato unaforzarespingentenellOccidente,ricacciandoloversoiproprimodellicognitivi chedietrolaminacciainconsciadisvaniredifronteanuoviimpensabilivisionidi mondosiaffinaronoesiperfezionaronoinnuoveversioniincuiblindaresempredi piilproprioparadigmamentale.Enonsoloilcasodellateologiaintransigentee tradizionalistadiSepulveda,maanchedeimaestridiSalamanca.Lipostasitramio eme,daloroprofessatainoccasionedeldibattitosugliindioschevalelapenadi sottolinearlo getter le basi filosofiche per il definitivo avvento nella struttura mentale occidentale dellindividualismo, aveva gi avuto un suo autorevole predecessoreinunparadigmadalleradicistorichemoltoantiche,sesipensagiallo stesso ius utendi et abutendi del diritto romano, in cui si sanciva il diritto del proprietario di utilizzare a suo piacimento loggetto che deteneva. Questo diritto contemplavala vita,il consumototaleolamortedellacosaposseduta, finanche, quindi, la sua distruzione perunsemplicecapriccio.Inessovi sonogitutti gli elementichecondurrannoaisuccessivisviluppisopracitati:visiscorgelanascitadi unprecisosoggetto,lindividuo,lacuiidentitvienefissataattraversolassegnazione deldirittodiusareedabusaredicidicuiproprietario(equindi,estensivamente, del mondo intero). Dunque lindividuo nasce giuridicamente come contenitore di

dirittipotenzialmenteinfinitichesottraealrestodelmondo.curiosonotarecome giuridicamente(eforseanchementalmente)lindividuononesistesseprimadisimili sofferte(earbitrarie)precisazioniechedunqueesso,inultimaistanza,sidentifica coi diritti che gli sono in capo e che ha saccheggiato al mondo. Senza di essi, esisterebbelindividuo?Lasciamoapertaquestadomandaaiprossimicapitoli,non primadiaverresoonoreperallafiguradiBartolomdeLasCasas,che,seppure dallastessapartedeimaestridiSalamancanelladifesadegliindios,senediscostanel momento in cui sembra operare un sorprendente superamento delletnocentrismo europeo, che aveva invece contraddistinto tutti gli altri protagonisti del dibattito, teologidiSalamancacompresi.

4.Il radicalismo di Bartolom de Las Casas, protettore degli indios


Limmagine che Las Casas ci presenta degli indigeni, sia delle civilt pi complesseeraffinate,siadeipopolipiprimitivi,sempreestremamentepositiva, alpuntochealcuniinterpretivihannovistounadellefontiispiratricidelmitodel buonselvaggiorousseauiano,mentrenonmostranessuntimorediferirelorgoglio deisuoiconnazionali,affermandocheiveribarbarieselvaggisonoglispagnoliche sicomportanopeggiodeglianimalipiferoci.Innessunacircostanza,dunque,pu esseregiustificatolasservimentodegliindios,ladistruzionedellelorocultureele praticheperridurliinschiavitcomegliistitutidelrepartimientoedellencomienda, comenonsigiustificherebbesefosserotrattatiinquestomodoisudditispagnolidi suamaest.Occorrevaripristinarenellerispettivecaricheilegittimigovernantidegli indios,restituireilorobeniingiustamentesottrattiepunirechiavevacommessotali atrocit e ingiustizie. Lunica forma di dominio legittima deriva dalla volontaria sottomissione di queste nazioni allautorit dellImperatore, che pu chiedere in cambiounicamentequellochechiedeaglialtrisuoisudditi,ciolariscossionedei

tributi. Addirittura, secondo alcuni interpreti moderni, il pensiero maturo di Las Casasavrebbeelaboratounaveraepropriaideologiaanticolonialista,ovviamente mai manifestata ufficialmente. In base a tali interpretazioni, infatti, il frate domenicanoassegnerebbeallacoronaspagnolanelleIndiesoltantoildoverediuna predicazionecheoltretuttogliindiosnoneranotenutiadascoltareenoneranotenuti neanchealasciarsvolgere.Insomma,anchesesarebbevanocercareilpassoincui Las Casas lo proclama, non arbitraria la conclusione che per lui gli spagnoli avrebberodovutoandarsenedalNuovoMondo:comeerastatainequivocabilmente ingiustalaguerradiconquista,coserainevitabilmenteingiustoildominioacquisito. IldisaccordodiLasCasasneiriguardidiSeplvedadunquetotale:innessun caso,affermailfratedomenicano,possibileintervenireconlaforza,nemmenoper salvareviteinnocenti,perchildannochesiarrecherebbe,echedifattosigi arrecato,maggiorediquellochesivuoleeliminare.Taleposizionepacifista unicaintuttolorizzontedeldibattito,inquantolaposizionedeglistessiteologidi Salamanca nei confronti della guerra e della violenza fu ambigua e fin con lo scivolare fin quasi dentro il giustificazionismo di Seplveda. Le posizioni di FranciscoDeVitoriasuquestoversantesembrano,infatti,averepipuntidiaffinit con quelle di Seplveda. Pur non ammettendo la liceit della guerra a motivo dellinfedelt, dellidolatria, della diversit di religione e nemmeno a causa dei peccaticontronatura,egliparldiguerralecitaegiustanelcasodidifesadellavita degliinnocenti,vittimedelcannibalismoodeisacrificiumanieincasodiresistenza violenta alla predicazione del Vangelo. Non senza suscitare il dubbio della contraddittoriet del suo pensiero, col passare del tempo le sue argomentazioni divennerosemprepiimprontateaduncrescentebellicismo:allinizioegliammise laguerrapuramentedifensivachenonddirittoasottomettereilnemiconafarlo prigioniero e ammise addirittura la possibilit che, per lignoranzacongenita dei barbari,laguerrapotesseesseregiustadaentrambiilati.Inseguitoammiselaguerra preventiva e offensiva fino alla possibilit di trattare gli indigeni come

perfidinemici,spogliarlideilorobeni,ridurliinschiavit,deporreilorogovernantie sostituirli con altri, utilizzando espressioni che erano molto vicine a quelle di Seplveda,addiritturanegandoillorodirittoallalegittimadifesa.Vitoriadefinla rispostaarmatadegliindigeniuniniuriaalloiuspraedicandievangeliumcheandava riparataconlaguerra. MaLasCasas,mettendoincampolesueindubbiedotidipolemista,contest leposizionibellicisteutilizzandolestessetesidiVitoriariguardolaquestionedel dominiumeintalmodomisefuorigiocotutteleargomentazionideisuoioppositori. Se,infatti,lostessoVitorianonavevariconosciutoaglispagnolinessundirittodi scoperta,seammettevachegli indios eranogidaprima veri domini,selaloro ipoteticacondizionediservinaturalinonerasufficienteperspogliarlideilorobenie sottometterli violentemente (poichnonsoloVitoria,malostesso Seplvedaera statocostrettoadammetterecheanchesegliindiosfosserostatigliaristoteliciservi pernatura,lazionecristianaededucatricedeglispagnoliavrebbeloropermessodi diventaredeiveriuomini),senemmenolidolatriaeipeccaticontronatura,infine, eranomotividiguerragiusta,rimanevacomeunicagiustificazionedellaconquista linterventoarmatopersalvaredegliinnocentieperrispondereallaresistenzaarmata allo iuspraedicandievangelium.LattaccodiLasCasasaquestultimoargomento tolseogniresidualegittimitallinteraconquista:nonsolononceranessunainiuria da riparare o innocenti da salvare, ma, al contrario, dovevano essere riparate le ingiuriesoffertedagliindigenicheeranostatelacausadellelorogiusteguerredi ribellionecontroildominiospagnolo:intalmodolaConquistafinivapernonavere pinessunaplausibilegiustificazioneteologica,giuridicaepolitica. Laradicalitdellasuaposizionepolitica,unicanelsuotempo,sirifletteanche nelsuopensieroreligioso,chesievolvesuunalineaassolutamenteoriginalecheper moltiversiricordaaddiritturalapprocciochesarebbestatoadottatodopoquattro secoli dalla moderna antropologia. Infatti, egli si spinse fino ai limiti consentiti

dallortodossiacristianaesipotrebbesosteneresiaarrivatoquasiadunaformadi relativismo culturale, seppure alla fine elabor una spiegazione che ingloba anchessalignotodelNuovoMondonelnotodellaVecchiaEuropacristiana. Losievinceinparticolaredalleargomentazioniespostesullaquestionedeisacrifici umani.Eglicercadirenderemenodistantecicheappareincomprensibileallasua(e alla nostra) cultura, mostrando in unoperazione di vera e propria antropologia comparatacometalipraticheaberrantiecrudelitrovinounalorospiegazionesolo secollocateallinternodellorocontestoculturale.Gliindioschelepraticanonon sonouominimalvagi,nbarbarispietatiesanguinari.Nonvieneovviamentenegato il fatto che essi commettono il male, perch ovviamente i sacrifici umani sono male, essendo atroci e omicidi. Viene per riconosciuto il loro significato allinternodelleculturediprovenienza(seppuredistortoereinterpretatoattraversole categorieeuropeedelsuotempo).Ilsignificatoculturalepergliindiosovviamente nonrisiedenellavolontdisoddisfazionediundesideriosanguinarioinsopprimibile, manelfattocheilmaledeisacrificiumanivieneinrealtcommessoafindibene. Infatti,secondoLasCasasesisterebbenegliindiosunacertaintuizionedellesistenza delpeccatooriginaleedunquedelfattocheluomocolpevoledifronteaDio.Non sisabenecome,mainqualchemodoanchegliindiossonoaconoscenzadelfatto che luomo affetto dal peccatooriginaleesanno chequesta colpadeveessere espiata.Perfarecihannoelaboratolideadeisacrificiumani,cheinssarebbe giusta:avendoluomoundebitoinfinitoconDio,essodeveesserepagatoconun altrettantoinfinitocaricodisofferenza,rappresentatodaisacrificiumani.Maecco che,aquestopunto,lacristianitintervieneconlasuarivelazioneadindicarela giusta via, svelando lerrore commesso dagli indios: nessun sacrificio pu compensarelagrandezzadelpeccatooriginale,poichluomoincapacedipagareil suodebito.PerquestoDiointervienenellaStoriaelosalva,colsacrificiodiGes chefacendosiuomoportaluistessoilpesodiquellacolpa,essendolunicoingrado di portarlo e rendendo vano esuperfluoqualsiasi altrosacrificio.Lacolpadegli

indios quindi una colpa innocente. Essa non consiste nellaver compiuto volontariamente il male, ma nellaver tentato di compiere un bene impossibile: lillusionedipoterespiareilpeccato,mentresoltantoDiopufarlo. In Las Casas non c dunque un rifiuto dellumanit dellAltro, ma c il tentativo, ovviamente nei limiti della cultura dellepoca, di riconoscere nellaltro unestensione della propria umanit. C un accento universalistico nelle sue argomentazioni, poich a suo avviso intuizioni giuste, comuni originariamente allintera umanit, si erano poi sviluppate e ramificate nel corso della storia e avevano portato le altre civilt a delle risposte culturali che non interpretavano correttamentequelleintuizioni.Lunicaeccezioneeracostituitaappuntodallacivilt cristiana,cheerastataingradodiaccoglierelaverarivelazionedivina.LasCasas inauguracoslideadirivelazioneoriginaria,chesarebbestatadestinataadurare in certi ambienti teologici fino ai nostri tempi, seppure con sempre minor convinzione. Tale posizione sosteneva che tutti i popoli fossero portatori di una rivelazione prebiblica e che dunque le idee religiose di base delle popolazioni cosiddetteprimitiveavesseroinqualchemodounfondamentodiverit,derivandoda unarivelazionedivinaoriginaria.Inquestomodo,persinoicultidegliaztechiodei maya potevano essere riconosciuti come involontarie degenerazioni di unidea giusta, agite da unumanit incolpevole che non doveva essere disconosciuta, n perseguitata,madovevaesserecondottasullagiustaviaattraversounapacificaopera dievangelizzazione. NoncedubbiocheinLasCasasilsaltodiqualitnellavisionedeinativi netto.Se,infatti,inSeplvedaeneimaestridiSalamancaavevaagitolaproiezione disestessinellAltro(proiezioneditipoemarginanteinSeplvedaedincludentenei secondi),inLasCasasnonpossibileparlarediqualsivogliaproiezione.Egli,infatti, adifferenzadeglialtriaffrontalasuaanalisipartendodallecategoriecognitive degli indios, nelle quali simmedesima, si mimetizza, si fa piccolo fino quasi a scomparire,neltentativodicomprenderlepienamente,diviverle,sidirebbequasidi

respirarle.Delresto,lavitaastrettocontattocongliindiosaHispaniolaepitardi nelcontinente,inChiapasdovefuvescovo,potrebberoaverglipermessodiacquisire quellempatiaequellesperienzasulcampocheindubbiamentemancavaaisuoi interlocutoriecheloreserounafiguracosunicaestraordinariaperilsuotempo.Se propriovolessimotrovareunaproiezionediqualchetiponellimmaginechesiera fattodeinativi,essasimanifesterebbesoltantoalterminedituttalasuaesegesisulla rivelazione originaria quando non pot fare a meno di dare (e di darsi) una spiegazioneeappuntospiegisacrificiumaniallalucedellasuateoriadella rivelazioneprebiblicaedelpeccatooriginale.PerLasCasasaddiritturapotrebbe soltanto trattarsi di un problema di linguaggio: limpossibilit congenita nelle categorie linguistiche a sua disposizione di tracciare adeguatamente ci che il contattodirettoconinativigliavevafattointuire.Questa,infatti,limpressioneche siha,sesiconsideraadesempiolavicinanzadellasuaspiegazionedelsentimento del peccato originale presso gli indios, con le interpretazioni della moderna antropologiasulsignificatosimbolicodelsacrificioaldiosolepressogliaztechi. Non certo questa la sede per approfondire questa vicinanza apparentemente singolare. Tuttavia se ci mettessimo nella stessa prospettiva utilizzata da Carl GustavJungnellasuaoperaSimbolietrasformazionidellalibidopotrebbeessere ipotizzabilecheunarchetipodellinconsciocollettivosiaallabasedientrambele elaborazioni:ilsensopressogliaztechideldebitoimmensodelluomoneiconfronti deldiosoleche,bruciando,sacrificasestessoperilbenedituttoilmondoeilsenso per i cristiani del peccato originalenei confronti di Dio. Avanzareipotesi di tal genere,sarebbestatotroppoperLasCasas,esoprattuttopocopertinenterispettoalla centralitdellasuavocazioneedellasuamissione:essereiltenace,battaglieroed infaticabileprotettoredeipopolinatividelleAmeriche.Avesseriservatolastessa attenzione e lo stesso generoso slancio nella difesa di altri popoli nativi, quelli dellAfricainquestocaso,deiqualiconsiderandolievidentementeesseriunpo meno umani auspic la deportazione in schiavit nelle Americhe per salvare

appunto gli indios, avrebbe rappresentato un ancor pi eccezionale esempio di generositediaperturamentaleneiconfrontidellAltro,cheinquelcasosarebbe stataveramentecompleta.

5.Diverse conclusioni.
Nel 1551 limperatore Carlo V, dietro suggerimento di Bartolom de Las Casas,chesieraguadagnatolasuastimaederaconsideratodallimperatorelapi autorevole fonte dinformazioni sulle Indie, convoc presso il convento di San GregorioaValladolidquellachesarebbepassataallastoriaappuntocomelajuntadi Valladolid,compostadaimaggioriteologiegiuristidellepoca,perdiscutereinuna pubblicadisputalearticolatequestionioggettodeldibattitosulleIndiechedurava ormaidadiversidecenni. IprincipaliprotagonistidiquestacontroversiafuronoilgicitatoJuanGins deSeplvedaelostessoBartolomdeLasCasas. Durantecinquegiorniconsecutivi,LasCasassiprodusseinunamonumentale edappassionataapologiaindifesadegliindios,avvalendosianchedellaletturadi passiecitazionidallaceleberrimaBrevissimarelazionesulladistruzionedelleIndie che lui stesso aveva scritto. Al termine dei lavori, egli usc vincitore dalla controversia: le sue argomentazioni divennero la struttura portante di una nuova legislazioneprotettivaneiconfrontidegliindiosvaratadallacoronadiSpagna,che pernonsipreoccupmaitropposeriamentedifarlaapplicarenellapratica. La disputa di Valladolid rappresent dunque un evento con quasi nessun effetto concreto (ed forse questo il motivo della sua scarsa notoriet), ma rappresentunasvoltateoricafondamentalepertuttolOccidente,dalpuntodivista filosofico,giuridicoepolitico.

C per un altro aspetto che sfugge esu cui vale lapena soffermarsi: la disputadiValladolidrappresentanchelafinediunacertasimmetriapercettiva che aveva contraddistinto i rapporti tra le civilt fino al medioevo. Fino a quel momento,infatti,eranostatiitempiincuiperesempioilprincipeportoghese Enrico il Navigatore si rivolgeva nelle missive destinate ai capi trib delle popolazionicostieredellAfricaconiqualiiportoghesieranoentratiincontatto,con lespressione Cugino mio, epiteto che in Europa era riservato soltanto agli appartenentiallanobiltdisanguereale.Malimprovvisaeinaspettataapparizione di un intero continente e di popolazioni totalmente sconosciute aveva messo in dubbioiconcetticonsolidatiditempoedispaziochesifondavanosullacronologia biblicaesullageografiatolemaicaeavevapostoallacoscienzaeuropeaecristianale nuoveistanzedicuiabbiamoampiamentediscusso.Leciviltiberiche,cheperprime erano venute a contatto diretto con le nuove popolazioni, furono le uniche ad occuparsi intensamente e sistematicamente dellinterpretazione, del significato e delle conseguenze di questo straordinario avvenimento storico e la disputa di Valladolidchenefulasintesiebbeinrealtduediverseconclusioni:ilvincitore sullacarta,lanobilefiguradiLasCasas,fuinrealtsconfittodallaStoria,mentrelo sconfittoSeplveda,lecuiposizionieicuiatteggiamentifuronoquellipurtroppo applicati concretamente, fu ilverovincitore.Adispettodilegislazioniufficialie proclami,larispostafacileeimmediatadiSeplvedachenelcontattocolNuovo MondovollesoltantoriconoscereunamanifestazionedellasuperioritdellEuropa divenneprestolaveraveritnonufficiale,lacuigiustificazioneteologicaerase possibileancorapisbrigativa:perunmisteriosodisegnoprovvidenzialeDioaveva permessochetalipopoliinferioricadesserosottoladominazionedipopolialoro superiori,cheperquestoavevanotuttoildirittodisottometterli.Ilcamminoverso leurocentrismo erainiziato. LEuropacominciavaasentirsiilcentrodelmondo, incaricatadiunamissionecivilizzatriceuniversalecondotta,inizialmente,innome della religione, poi della civilt, del progresso, della razza, e infine del libero

mercato,deidirittidelluomo,dellademocrazia.Lesuccessivefilosofiedellastoria nonsarebberostatechepotentigiustificazioniideologicheditalepresupposto.Per questo,nonsiregistraronoinseguitodiscussionicosacceseeprofondedaparte dellealtrepotenzecolonialieuropee:lideologiadellasuperioritculturale(quando nonrazziale)avevaormaipresoilsopravventoebastavadasolaagiustificarela colonizzazione. Invece agli albori dellespansione europea la partita era ancora aperta e la coscienza dellEuropa come centro del mondo ancora in formazione; percifupossibileilsorgeredinterpretazionidiversechediederooriginealdibattito dicuiabbiamoparlato.

Lanascitadellantropologia
PerregistrareuninteressealtrettantoprofondodellOccidenteneiconfrontidei popolinativi,occorreattenderecircatresecoliemezzo,quando,allinternodiuna prospettiva eurocentrica ormai consolidata, nasce a cavallo tra il XIX e il XX secololanuovadisciplinascientificadellantropologia.

1.Gli evoluzionisti.
Essaaglialborifucaratterizzatadallegemoniadelmodelloevoluzionistico, cherisultaancoraoggicondizionarelaprospettivadelluomomediooccidentalenei confrontideinativi.Questomodellosibasavasulla
identificazione delle societ allora definite selvagge con la fase iniziale dellevoluzionedellumanitesullasceltadirappresentarleinterminitalidaesaltareil contrastoconlaciviltoccidentale,consideratailpuntodarrivodelprocessoevolutivo. Alla societ moderna, in cui legemonia del pensiero razionale trova espressione nelle

conquistedellascienza,vienecontrappostounmondoprimitivodominatodallamagiae dallanimismo .
4

La lettura degli evoluzionisti, dunque, essenzialmente storicistica. Losservazione comparata della societ occidentale e di quelle selvagge aveva portato alla formulazione di una teoria, pi o meno universalmente condivisa allepoca,perlaqualelastoriadellumaniteradivisaintrefasi: lafaseanimistica,magicaemitologica, lafasereligiosa,suddivisainunperiodoanteriorecontraddistintodal politeismoeinunoposteriore,monoteistico, einfine,lafasescientifica. Alla prima fase corrisponde ovviamente lo stadio dei popoli nativi, che a cavallotra800e900furonooggettodiuninteresseediunaseriediricerche senza precedenti (tra cui, per laprimavolta,spedizioni etnografichemirantiad eseguireaccertamentiscientificisulcampo). Gli evoluzionisti, in sostanza, osservando la varietdelle forme culturali e delle civilt umane in quel preciso momento storico, ne inferirono la tesi che esisteva una sequenza evolutiva ben precisa ed un percorso storico inequivocabilmente determinato, che lumanit tutta suddivisa nelle sue molteplici forme culturali era comunque destinata prima o poi a percorrere. Questomododiprocedereindividuavalaspiegazionedellecaratteristichediogni fasenelprocessochelafacevanascerequaleevoluzioneetrasformazionedellafase precedente.Dunquelaprimafasequellamagico/animistica/mitologicaattraeva enormementelinteressescientifico,poicheraquellapiarcaicaemisteriosae poichperessasiponevailproblemadellaspiegazionedellasuanascitadalnulla chelaprecedeva,percosdire.inquestospazioinesplorato,inquestaterradi
4P.Scarduelli,AntropologiadelritoInterpretazioniespiegazioni,BollatiBoringhieri,Torino,2000,Introduzione, pag.11.

nessuno, che le prime teorie antropologiche prendono forma. Il loro impianto individuavaneimeccanismipsicologiciumanileoriginidelsensodelmondo,della spiritualit,dunqueinunaparoladellastessaepistemologiadeipopoliprimitivi appartenentiallafasemagica/animistica/mitologica. Asecondadelfattoselenfasifossepostasumeccanismipsicologiciditipo razionale o emotivo, gli antropologi evoluzionisti possono essere suddivisi in intellettualisti ed emozionalisti,per quanto,ad onore di cronaca, tracoloro che condividevanolaprospettivaevoluzionisticaerapresenteancheunterzofilone,che poneva per laccento sulle dinamiche sociali (studiosi a met tra la figura dellantropologoequelladelsociologoqualiRobertsonSmitheDurkheim).Tragli intellettualisti, corrente maggioritaria dellantropologia evoluzionistica, menzioneremoperlalorocentralitlefigurediTylorediFrazer,affiancandoloro quelladiFreudnellesuevestidiantropologo.

2.Tylor, Frazer e Freud.


EdwardBurnettTylor(18321917),nellasuaoperaPrimitiveculturedel1871, introduceperlaprimavoltaunterminedestinatoadunsuccessoincondizionato anchealdifuoridellantropologia:animismo. Lanimismounacredenzasecondolaqualeognicosanelluniversopossiede unasua anima,unsuospirito:glianimali,lepiante,glioggetti,lambienteei fenomeni naturali (montagne, fiumi, vento, fulmini). Le origini di una simile credenza,comegianticipato,avrebberounacausapsicologicaditipointellettuale:
SecondoTylorlacredenzanellesistenzadellanimaavrebbeunagenesipsicologica: lesperienzadelsogno[conlapresenzaavolteanchedeidefunti]indurrebbeiprimitivi aritenerechegliesseriumanipossiedanounanimadotatadivitapropriaedestinata,dopo

la morte, a staccarsi dal corpo; essi avrebbero poi finito per attribuire il possesso di unessenzaspiritualeancheaglianimali,aglioggetti,eaifenomeninaturali. Ilfattocheallaradicedellanimismononvisianocondizionamentisocialibensi meccanismi di funzionamento della mente umana, in particolare la tendenza allantropomorfismo (una tesi che risente dellinfluenza di Hume), permette a Tylor di considerarlononsololaformapiprimitivadireligionemaanchelessenzauniversaledi tuttelereligioni,unamatricerintracciabileancheneisistemidicredenzechesecondo Tylorrappresentanofasievolutivesuccessiveallanimismoprimitivo,comeilpoliteismo, ilmonoteismoelereligionirivelate.Ilpassaggioaformepievolutedicultoreligioso accompagnato anche dal progressivo sviluppo del pensiero razionale che culmina nellapparizionedellascienza,basatasempresecondoTylorsuprincipidicausazione impersonale(forza,legge)antiteticiallanozionedicausazionepersonalisticapropria dellanimismoedellamagia.Lascienzasegnadunqueunarotturaconleprecedentiforme dipensieroreligioso,unmutamentodiparadigmarispettosiaallareligioneprimitivasia allamagia,cheTylorconsideravaunapseudoscienzabasatasuassociazionierrate .
5

InveceperJamesGorgeFrazer(18541941),larotturaconleformeprecedenti dipensierononavvieneconlascienza,masarebbeavvenutaconlanascitadella religione,checostituisceunasortadipausatralafasemagicaequellascientifica. Asuoavviso,infatti,magiaescienzasonocontigueedaffini,poichentrambe orientate a cercare nella natura (e non fuori di essa) i fondamenti causali dellesistenza.
Ne IlRamodOro,la magiaassumeunruolocentralenellelaborazionedellateoria sulloriginedellaregalitdivina.SecondoFrazer,infatti,lamagiacaratterizzailrapportotra gliuominielanaturafindalleepochepiremote.Inorigineogniuomomagodise stessoericorreaincantesimi esclusivamente perilproprioutile; inseguitoemerge la figuradellospecialista,cheutilizzaleproprieartiafavoredellinteracomunitcurandole malattie, prevedendo il futuro, controllando il tempo (e in particolare producendo la pioggia). Poich nelle societ che appartengono a quelli che, per gli antropologi evoluzionisti,sonoiprimiduestadievolutividellumanit(lostatoselvaggioelabarbarie)
5P.Scarduelli,AntropologiadelritoInterpretazioniespiegazioni,cit.,pag.12.

ilcontrollodelleforzenaturalirivesteunaparticolareimportanza;colorochesonoingrado didominarleispiranotimore,acquisisconoimportanzaeinfluenza,accumulanoricchezzee diventanocapiore.Listituzionedellaregalitsisarebbequindisviluppataapartiredalla figuradelmagocheoperaafavoredellacollettiviteairesarebbestatoattribuitofindalle originiilpoteredigovernareanchelanatura,regolandoneilcorso.Proseguendonellasua ricostruzionespeculativadellevoluzionedellecredenzeedeirituali,Frazeraffermache conlandardeltempolafalsitdellamagiadivennesemprepievidenteelepratiche magichevennerosoppiantatedallareligione;ilmagocedettecosilpostoalsacerdoteche, rinunciando al tentativo di dominare direttamente i fenomeni naturali si propone di raggiungerelostessoscopoattraversoladivinit.Cosilre,dopoesserestatoinizialmente mago, tende a sostituire progressivamente le pratiche stregonesche con le funzioni sacerdotali della preghiera e del sacrificio. Frazer dunque identifica la magia con una formaabortitadiscienza,unsaperechepresuppone,analogamentealsaperescientificoea differenzadiquelloreligioso,lesistenzadiunordineinvariabilenellanatura,mailcui limiteconsistenellerroneaindividuazionedeinessicausali. LatesidiFrazersidiscostaparzialmentedallaprospettivatyloriana:Tylorsostiene chemagiaereligioneprimitivasifondanosuunateoriadellacausazionepersonalizzata che si contrappone alla causazione impersonale propria della scienza; Frazer invece accentuasomiglianzefralamagiaelascienza,affermandocheentrambesifondanosul principio di causazione, identificato come legge generale del pensiero, e limitandosi a osservarechelamagiaapplicamaletaleprincipio.Latesisecondocuimagoescienziato condividono ilpresuppostodelluniformit della natura edellacausazioneimpersonale esplicitalintentofrazerianodiprivilegiareglielementidicontinuittramagiaescienza, mettendoinsecondopianoledifferenze. Inessicausalisucuisibasalamagiasono,secondoFrazer,ilprincipiodisimilarit (ilsimileproduceilsimile)equellodicontiguit(lecosechesonostateacontattouna voltacontinuanoadagirelunasullaltraancheadistanza).Questadistinzionetramagia simpatica e omeopatica (due nozioni fondate su una concezione della mente come meccanismoassociativochediscendedaHume),insiemealtemadellaregalitdivina,lo spuntopifecondopresentenelloperadiFrazer6.

6P.Scarduelli,AntropologiadelritoInterpretazioniespiegazioni,cit.,pagg.12,13,14

CichecipremeevidenziarenelleprospettivediTylorediFrazer,aldil delledifferentisfumatureedegliaccentipostiinTylorpisulladiscontinuittra magiaescienza,mentreinFrazersullacontinuittraledue,lacomunecredenza nellerroneitdellamagia,intesainsensoestensivocomecognizionedelrealeda parte dei popoli selvaggi. Tylor parla, infatti, di magia come di una pseudoscienzachetendeasovrapporreinessipsichicipersonaliainessicausali impersonalichecaratterizzanoleleggichedominanolanatura,mentreperFrazer lamagialasorellabastardadellascienza,nelsensocheentrambesiprefiggono diindividuareleforzeeleleggiallabasedellanaturaconloscopodidominarlae ditrarnebeneficio,malamagialofapercorrendounastradasbagliatachelaporta allerrore. SullastessalunghezzadondatroviamoancheSigmundFreud(18561939), che rielabora la teoria evoluzionistica della successione delle tre fasi animistica/mitologica, religiosa e scientifica attingendo a piene mani dalle testimonianze etnografiche e dalle opere degli antropologi evoluzionisti, in particolaredaquellediFrazer.Freudrilesseilmodellotrifasicoinunaprospettiva chemiravaconunintentoquasipoliticoadallargaregliambitidellapsicoanalisi dalristrettoambientemedicoeclinicoadunpiampioconsesso,tracuianche quelloantropologico:
Lafaseanimistica/mitologicacredenellonnipotenzadelpensieroumano,cheinquanto formulatoagisce,perimitazioneopercontagio,modificandoilrealesecondolaforma deipropristessinessipsichicietendepertantoaconfondererealtedesideriooggettie rappresentazionidiqueglioggetti. Ildubbiocomeespressionediunatendenzaallarimozioneporterebbeaifenomeni dellafedeedellareligiosit. Ilrapportotramezziedazionedacompieresifigura,infine,nellaconcretezzadella scienza,ispiratricedellaterzafase.

Nevroticoeprimitivo,inquantodispostiacrederenellaonnipotenzadelpensiero sarebberodunquemoltovicini.Edesisterebbeunacorrispondenzadirettafrasviluppotrifase dellumanitedevoluzionedellalibidoinfantile,rispettivamente: Nellafasenarcisistica; Nellafasedelleprimerelazionidoggetto(libidoorientataversologgettomaterno); Enellafasedellaricercaesternadelloggetto,checomportaunprocessodiadattamento alreale7.

Questa rilettura in realt non sposta di un centimetro la precedente interpretazione:ancheinquestocasocitroviamodifronteadunatautologiaattaa riprodurre il sistema cognitivo del reale affinato nella millenaria storia dellOccidente.ConFreudessosicaricadiulteriorisfumature,dinuovestorie,di nuoveipotesi,dinuovespiegazioni,dinuoveprecisazioni,continuandoinrealta riprodurre se stesso allinfinito, col risultato per di determinare nel nostro patrimonioculturaleilprogressivoconsolidamentodiunaprospettivache,lungi dallessereobbiettiva,dimostrasemprepidiassomigliareaduninfondatoluogo comune.Delresto,ilpregiudizioeurocentriconeiconfrontideipopoliprimitivi gipalesementedichiaratoinFreudnelsottotitolodellacelebreoperaTotemetab pubblicatanel1912,cheinfattirecita:Alcuneconcordanzenellavitapsichicadei selvaggiedeinevrotici,dovelacondizionedelnevrotico,equindidelselvaggio, ovviamente vista come una posizione patologica rispetto a quella delluomo normaleoccidentale. Allinternodellopera,inoltre,visononumerosirichiamie similitudinitralinfanziaeipopolinativi,arimarcareappuntolaloroarretratezza evolutivarispettoallOccidente,fruttoadultoematurodellumanit. Intuttietregliautoricitroviamodifronteallostessoatteggiamento:leloro osservazionifuronoeseguiteconcategorieconcettualielinguistichetutteinternea quelconfortevole(econfortante)substratomentalesucuiluomopositivistadifine
7F.Manieri,Psicoanalisieantropologianellagenesidellostudiofreudianosullacultura,inS.Freud,Totemetabe altrisaggidiantropologia,NewtonCompton,Roma,1970,Introduzione,pag.25.

XIXsecolobasavaacriticamentelapropriacognizionedelmondoegraziealquale si sentiva a proprio agio. Queste categorie e questi concetti, utilizzati per la spiegazione,costituivanodunqueessistessilarredamentodiquellaforma mentischeerauntuttunocolloromondocheinquantolorononpoteva essere quello dei nativi. In generale,lerroredifondodegli evoluzionisti,edel positivismotutto,stavaappuntonellapresunzionediessereingradodiosservarein manieraperfettamenteneutraleedidescrivereinmanieraimparzialeattraversoil propriolinguaggiofattiecomportamentideipopolinativiarrivandoagiudicarli erronei,nonaccorgendosichelapplicazionedicategorielinguisticheediconcetti mentali occidentali alla descrizionedi tali comportamentieraessostesso il primocomportamentosbagliato.

3.La critica di Wittgenstein.


Adevidenziarelafallaciadiunsimileapprocciodalpuntodivistalogicoe filosofico, fu Ludwig Wittgenstein(18891951),filosofoaustriacochedal1939 insegnpressoilTrinityCollegediCambridgeechenelmondoanglosassone consideratoprobabilmenteilpiimportantefilosofodelXXsecolo. Wittgenstein, allievo prediletto del filosofo matematico Bertrand Russell, graziealqualeavevaapprofonditoifondamentidellamatematicaesieraformato adunrigorosoempirismologico,pubblicunasolaoperaintuttalasuavita:il TractatusLogicophilosophicus editonel1921,conilqualeeraconvintodiaver risoltodefinitivamentetuttiiproblemidellafilosofia.Successivamentedopoun lungoperiododilontananzadalmondoaccademicoincuisvolseinpatriaillavoro dimaestroelementareduranteilqualematurnuoveconsapevolezzeeriflessioni anchegrazieallaconsuetudinecollinguaggiodeibambiniritornaCambridgee rivisitleposizionioriginariamentesostenutenelTractatus.Inquestasecondafase Wittgensteinrealizzchelateorialogicarendecontosolodiunaparteridottadel

linguaggio e che anche il linguaggio non scientifico pu essere sensato. Non pubblicnulla,tuttavia,nontrovandounaformaadeguataecompiutaperlesue riflessioni.Illibroacuilavoralungo,leRicerchefilosofiche,restincompiuto. inquestoparticolarecontestochesinteressaalla celebreoperadiJames FrazerIlramodoro.Apartiredal1931,cominciamettereperiscrittoalcunesue osservazionipiuttostocriticheapropositoditaleopera,chevenneropubblicateper laprimavoltanel1967coniltitolodiNotesulRamodoro. Wittgenstein, sia nel periodo del Tractatus, sia in quello successivo delle Ricerchefilosofiche,votatoadunafortepolemicaantimetafisicaamotivodelsuo interesse fondamentale: il linguaggio. In esso, nella sua semplice autoevidente esistenza, ilfilosofoaustriacovedelachiavediletturadelrapportotrauomoe mondo:illinguaggiodasolometteluomoincontattocolmondo,anziillinguaggio ilmondostesso,lastessarealt(Ilimitidelmiolinguaggiosonoilimitidel miomondo,recitaunacelebreaffermazionedel Tractatus).Lasuaconcezione della filosofia, infatti, quella di una disciplina intesa come attivit di chiarificazione del linguaggio. Le critiche rivolte a Frazer devono essere intese quindiallinternodiquestosuointeresseperillinguaggioeallinternodellasua personalebattagliacontroilsuoutilizzomistificatoriocheavevacontraddistinto tuttalafilosofiaoccidentale:
Wittgenstein ritiene che la storia della filosofia occidentale, dominata com' dalla speculazione metafisica, sia per lo pi vittima di [] confusioni, di incantesimi del linguaggio,comelidefinisce,chelarendonosemplicementeprivadisenso.DaPlatonea Cartesio, i filosofi hanno postulato entit metafisiche per fondare la conoscenza, per mediareilrapportointellettualetral'uomoeilmondoo(perdirelastessacosasottouna diversaangolatura)traleparoleeillorosignificato.Maquestorapporto,diceWittgenstein, nonqualcosadimisteriosochevadaspiegatoconilricorsoadancorpimisterioseentit intermedie,comeadesempioleideeplatoniche.Tralinguaggioerealtviunlegame immediato,chenonpuesserindagatopermezzodiunsuperlinguaggiochestiaaldisopra dientrambi;unlegamechesemplicementenonpuesserdetto,comesefosseessostesso

unoggettonelmondo,mapuessersolomostratonell'usodelleproposizionidotatedi senso. []Laconnessionedilinguaggioemondopercosdireunacondizioneprimaria della nostra vita: nel momento in cui cerchiamo di fondarla su basi metafisiche, ci avvolgiamoininterminabilispeculazioniprivedisenso.Dobbiamoaccettareilfattoche linguaggio emondosonoconnessi,ecercaredidescrivereilmodoincuilosono.Nel Tractatus Wittgenstein sembra ritenere che la logica matematica rappresenti una simile descrizione. Nella sua riflessione pi tarda, e segnatamente nelle Ricerche filosofiche, abbandona per l'idea che questo legame possa esser descritto nei termini di un unico sistemadiregole.Vipiuttostounapluralitdimodiincuiillinguaggiocorrispondeal mondo,asecondadelcontestopraticoincuiillinguaggiovieneusato.Lachiarificazione filosoficavienedunqueacoincidereconladescrizionedeidiversicontestid'uso,ogiochi linguistici,comeWittgensteinlichiama8.

WittgensteindunquesiinteressaaTheGoldenBoughpoichconsideralopera diFrazeruncasoemblematicodimistificazionespeculativa.FabioDeisottolinea infatticheWittgenstein


trovavaottusoeinsopportabileilmododiprocederediFrazer,inparticolarelesue argomentazionispeculativeeisuoitentatividispiegazionerazionaledellepraticheedelle credenze magiche. Le spiegazioni frazeriane eranoperlui degli ottimi esempi di errori filosofici, di confusioni concettuali. Dissipare questi errori e queste confusioni, per Wittgenstein,ineffettiilcompitoprincipaledellafilosofia.Sec'untrattocheunificale diversefasidellasuariflessione,proprioquesto:lafilosofia(diversamente,adesempio, dalle scienze naturali) non mira a scoprire cose nuove e sconosciute, leggi misteriose, essenzealdisottodelleapparenze,ecosvia.Essamirapiuttosto,comeWittgensteinsi esprime nel Tractatus, alla chiarificazione logica dei pensieri, al superamento della

8F.Dei,Usanzesinistreeprofonde:Wittgenstein,Frazerelamagia,DocumentopubblicatosulsitodelDipartimento

diStudiglottoantropologici eDisciplinemusicalidellUniversit deglistudidiRomaLaSapienzaFacoltdi lettere e Filosofia. Corso di Laurea in teorie e pratiche dellantropologia a.a. 20042005, pagg. 23, http://rmcisadu.let.uniroma1.it/glotto/index.html.

confusionecuisiamospessoindottidaunaconcezioneerratadeirapportitralinguaggioe realt9.

Lafilosofiawittgensteiniana,dunque,attraversoilsuorigorosoformalismo, sembraessereunadellepocheformedipensieroallinternodellOccidentecapace dismascherarelatautologiacognitivadeisistemiculturalidicuiabbiamoparlato nei precedenti paragrafi: una tautologia che evidentemente si alimenta della confusioneindottadallinguaggiodicuiparlaWittgenstein,echeanziforse proprioquestastessaconfusione.QuandoconleRicerchefilosoficheaffinalesue riflessioniasserendocheilluogodellachiarificazionefilosoficalosidevetrovare divoltainvoltanelladescrizionedeidiversicontestiduso(giochilinguistici),egli scardinainsostanzailpositivismoeurocentricoconlesuepretesedidetenerela veritsullastoriaesulmondoinvirtdellapropriasuperiorecapacitrazionaledi analisidellarealt(caratteristicachelodifferenzierebbedatuttelealtreculture). Daltrocanto,ilfilosofolegittimagiustamenteladignitdituttiglialtrimodelli culturali (compreso quello dei popoli nativi), in quanto particolari e irripetibili contesti duso del linguaggio. Egli si accanisce su Frazer, infatti, proprio criticandonelespiegazionirazionalistichecircalerroneitdellamagia,intesacome visionedelmondodeipopolinativi.
Wittgensteinintendedirechesipupropriamenteparlaredierroresolonelcaso dell'espressione in forma proposizionale di uno stato di cose: quando, ad esempio, un'affermazione sia costruita in modo da poter essere smentita dall'evidenza empirica contrariaodadimostrazionidifallaciaargomentativa,diincongruenzalogicaetc.Suerrori diquestotipopubasarsiunapraticaponiamo,uscendoprendol'ombrelloperchcredo, erroneamente,chefuoripiova.Intalcaso,probabilecheioabbandonerlapraticaquando mi rendo conto dell'errore: mi si fa notare che in effetti non piove, e dunque lascio l'ombrelloacasa.Maquestanozionedierrorenonpuessereattribuitaadunainterapratica culturale,adunatteggiamentocomplessivochel'uomohaneiconfrontidelmondoedella
9Ivi,pag.2.

propriavita [].Cosfacendo,Frazerbanalizzal'oggettodelsuostudio:edforseper questo,comeinmoltihannonotato,cheisuoiselvaggisembranocosinfantili,atratti persinoridicoli.L'approcciocheeglisegueloportaapresentareallettoreiritimagicicome meresciocchezze:manonsarmaiplausibilechegliuominifaccianotuttoquestopermera sciocchezza,commentaWittgenstein.Edaggiunge,tentandoasuavoltadiridicolizzare Frazer,cheeglisarebbecapacedicrederecheunselvaggiomuoiapererrore10.

Eancora:
lafilosofianonunaspiegazionedellecose(comefunzionaillinguaggio,comesi formanoiconcettietc.),maunaterapiacontrol'insanatendenzaacercareatuttiicostiuna spiegazione. Nelle Note sul Ramo d'oro, il linguaggio del rituale e della magia sottoposto per l'appunto a una simile terapia, contro i tentativi di sottoporlo a una spiegazionerazionalistica. []Frazerfuorvianteperchpretendedifondareunagrammaticadelritualesu complicatieimprobabiliprocessimentali,ipotetichespeculazionidelfilosofoselvaggio. Mainquestoerrore,occorreosservare,Frazeraccomunatoagranpartedell'antropologia moderna.Ilsuointellettualismoforseparticolarmenterozzo.Maancheisuoicriticinon mettonomaiindiscussioneilpuntodivistacheWittgensteinchiamerebbemetafisico: anch'essisonoossessionati dall'idea dispiegare ilrituale eilsuolinguaggio simbolico, consideratoanomalorispettoallenormeidealidirazionalit(ricavateimplicitamente,aloro volta,daun'epistemologiaingenuamentepositivista).Ancheperloro,spiegarevuoldire costruireunateoriachefacciariferimento ainvisibili entitpsicologiche opsicologico sociali (il funzionamento della mente o della ragione, le rappresentazioni collettive, il prelogismo, la funzione pragmatica e quella simbolica e cos via). La filosofia di Wittgenstein,nelsuocomplesso,rappresentaungrandiososforzopereliminarenozionidi questogeneredairesocontidelrapportotralinguaggioerealt.questocheegliintende per metafisica: invece di guardare come funziona il linguaggio, si tenta di dedurlo da presuntifondamentiextralinguistici11.

10Ivi,pag.4. 11Ivi,pagg.89.

MaFrazerinuncertosensoilcaproespiatoriocontrocuisiabbattela criticawittgensteinianaatuttalantropologia.FabioDeiinfattiprosegue:
Questacritica,tuttavia,nonriguardasoloFrazer,mal'interatradizionedominante dell'antropologiascientifica.Essaignoral'affinitprimitiva,percosdire,franoieglialtri leconcordanzepraticheelinguistiche,adesempio.Tendeinveceadescrivereladiversit culturale attraverso un linguaggio oggettivo, fortemente distanziante, e a spiegarla ponendolainrelazioneaentitteoreticheintermedie,aconcezionigeneralisulrapportotra l'uomoeilmondo.PerWittgenstein,invece,proprioillinguaggioscientificoeteoretico conpretesedioggettivitaostacolarelacomprensione.Abbiamoancoraachefareconun esempiodicomeilpensarepossaimpedircidivedere:laricercadellaspiegazione,comeegli siesprime,l'ottusasuperstizionedellanostraepoca. Ilterminesuperstizione,qui,deveesserpresoallalettera.Wittgensteinponeinfatti sullo stesso piano le credenze magiche (nella misura in cui la magia effettivamente sostenuta,diciamo,comedottrina)elecredenzemetafisiche,incluseleentitteoretichecui fannoricorsogliantropologi.Entrambesonoprodottedagliincantesimidellinguaggio,dalla fortetendenzaafraintenderneilfunzionamentodalprendereallaletteraunarelazione retorica, diciamo. Ed entrambe credenze magiche e metafisiche possono svanire se guardatenellagiustaluce,sesottoposteadunaterapiafilosofica12.

PursenelpassoappenacitatosievincecheWittgensteinponesullostesso livello della superstizione le credenze metafisiche degli scienziati occidentali e quellemagichedeipopolinativi,inaspettatamentesembraattribuireaquesteultime unamaggioreautenticit:
Frazer attaccato per la sua mancanza di sensibilit, ma anche perch il suo pensiero,letteralmente,unpensieromagico.Elostessosipudirediognialtroapproccio scientificoossessionatodall'ideadispiegare,diricondurrelepraticheumaneafondamenti metafisici,amitologie[metafisiche].Perlaverit,cisimbattequiinun'ambiguitdelle Note diWittgenstein.Eglivuolmostrarelanaturamitologicadellametafisicafrazerianae
12Ivi,pag.10.

dellasuaossessioneesplicativa;evuolecombatterequelmododipensareproprioinquanto mitologico. Dall'altra parte, tuttavia, vuole anche difendere l'autonomia del mito e della magia,legittimarlicomepraticheculturaliirriducibiliaunconcettopositivisticodiragione. Inaltreparole,eglirivendicalanaturalezzadellamitologiaprimitiva,madenunciacome artificiosalamitologiadellascienza. []IndiversisuoiscrittiWittgensteinparladellametafisicacomediunamagia,un incantesimo che imprigiona in una gabbia di illusioni. Ma qui egli esplora un diverso concetto dimagia, intesa comepensieroinqualchemodopiautentico enaturale delle speculazioni intellettualistiche della filosofia: e si preoccupa di non liquidare questo concetto equiparandolo appunto alla metafisica, di cui sarebbe anzi, per certi versi, l'opposto13.

Sihaquasilimpressionechealdildellesueargomentazionistrettamente logicofilosoficheinWittgensteincisiaunacertasimpatiaperlerappresentazioni culturali dei popoli nativi, per il loro gioco linguistico, e una totale disapprovazioneperilpaternalisticoimmotivatoatteggiamentodisuperioritdel positivismo europeo, che viene tacciato invece di bigottismo etnocentrico e di ristrettezzaimmaginativa.NefalespesecomealsolitoilpoveroFrazer,chenei seguentiduepassidelle NotesulRamodoro vienefattooggettodiundurissimo attacco:
QualeristrettezzadellavitadellospiritoinFrazer!Quindi:qualeimpossibilitdi comprendereunavitadiversadaquellainglesedelsuotempo! Frazernoningradodiimmaginarsiunsacerdotecheinfondononsiaunpastore inglesedelnostrotempo,contuttalasuastupiditeinsipidezza14. Frazermoltopiselvaggiodellamaggioranzadeisuoiselvaggi,perchquestinon potrannomaiesserecosdistantidallacomprensionediunfattospiritualequantoloun
13Ivi,pag.11. 14L.Wittgenstein,NotesulRamodoro,1967,inF.Dei,Usanzesinistreeprofonde:Wittgenstein,Frazerela magia,cit.,pag.24.

inglesedelventesimosecolo.Lesuespiegazionidelleusanzeprimitivesonomoltopirozze delsensodiquelleusanzestesse15.

Effettivamente, la severit del giudizio di Wittgenstein su Frazer andrebbe forse ridimensionata, pensando allimmenso contributoapportatodallantropologo scozzese alla scienza: dopo una vita passata nelle biblioteche, instancabile e sistematicocompilatoredirepertori,analistachesidotavadiunametodologiabasata suunampiavisualecomparativista,nonmeritalasprezzadiquellecritiche.Tuttavia nonpossiamononallinearciaisarcasticicommentidiWittgensteinsepensiamoa Frazernellasuavestediconvintoeboriososostenitoredellapresuntasuperiorit intellettualedellEuropaeinparticolaredellaGranBretagnavittoriana.Quellastessa boria,infatti alla domandapostagli suqualifosserostatelesueimpressioni al contattocongliuominiselvaggigliavevafattoaffermareinunaormaicelebre risposta:Perfortunanonnehomaiincontratounoinvitamia!. Il prossimo capitolo, allora, alla luce delle testimonianze sulla cultura, la spiritualitelavisionedelmondodegliIndianidAmerica(presiqualicampionedel piampioparadigmadeipopolinativi),oltreapresentarciunapproccioallesistenza alternativoaquellooccidentale,tenterdimostrarecomeleaccusedibigottismo etnocentricoediristrettezzaimmaginativalanciatedaWittgensteinabbianounaloro solidaragionedessere.

15L.Wittgenstein,Notesulramodoro,1967,cit.ivi,pag.10.

Capitolo 2
Come i popoli nativi vedono il mondo
Coyote,miapotenza,vieni! Attraversoilventoiotichiamo, Attraversolapioggia,nellatempesta. Io,ungiovaneuomo,tichiamo. Rispondiaquellochecnelmiocuore. Verme,tunonseiuntotemperunoSciamano! IocercolUomocrisalide Chesenestanascostonellasuacasa Acalcolarelasuapotenza Miarrampicosullamontagna Cercounlagoinuncratere. Chenessunomisegua,sononeiguai. Debbocantarelamiaamarezzaallago, Dasolo. Nonhoarco. Nonhofrecce. Portolamiatestanellafaretra. Nonhomocassinienonhoniente attornoailombi. Stodrittosullamontagnasenzatesta Einvocopiangendolapotenza. Mihaiabbandonato!Iopiango. Lasabbiaardesottoilmiopiede Ilsoleaccecaimieiocchi Dovesei,omiopotere? Parloallago. Parloatuttiquellidellago. Iononsonounessereumano.16

Nel presente capitolo come giaccennato prenderemocome culturadi riferimentoquelladegliIndianidAmericaenellafattispeciequelladeiSiouxLakota oTetonSiouxoSiouxoccidentali. ILakotasonounapopolazionenativaamericanaappartenenteallapiampia schieradinazioniindianenomadi(Cheyenne,Crows,Blackfeet,Ojibwa,Pawnee, ecc.)chevivevanocacciandolemandriedibisontinellaparteovestdellaregione delle grandi pianure nordamericane, corrispondenti agli odierni stati del North e South Dakota, del Montana, del Wyoming, del Nebraska e in parte anche del Colorado settentrionale. Cugini dei pi orientali Yankton Sioux e Santee Sioux (ovveroSiouxNakotaeDakota),sonoforse,insiemeagliApachedelsudovestdegli Stati Uniti, la nazione indiana pi conosciuta, poich protagonista di una tenace
16JaimeDeAngulo,RaccontiIndiani,Adelphi,Milano,1973,pagg.152155.

resistenzacontrolapenetrazionedelluomobianco,condottadaabilipersonaggiquali ToroSeduto,CavalloPazzoeNuvolaRossa,lacuifamavabenoltreilristretto orizzontedelleriserveincuipurtroppoiLakotasonooggicostrettiavivere. Trail1995eil2004hovisitatoapiripresequeiluoghi,inparticolarele riservediPineRidgeediRosebudinSouthDakota,eletestimonianzecheriporter siavvarrannoovviamenteanchediquelleesperienzesulcampo.

Ilcerchio

Se, parallelamente a quanto fatto nel primo capitolo relativamente alla prospettivaoccidentale,volessimorappresentaregraficamentelavisionedelmondo deipopolinativi,citroveremmoindubbiamentedifronteaduncerchiooppureaduna spirale.

Tralasciamoperorailsignificatodellaspirale(ovortice),acuisiispiraspesso liconografialakota,econcentriamolanostraattenzionesulcerchio.

Contemplandolasuaimmagine,cisiaccorgecheessarappresentapienamente sialavisionenativadellospazio,siaquelladeltempo. Lacognizionespazialedelmondodeinativisiconfperfettamenteaquelladel cerchio.Ilcerchioinfattihauncentro.Daquestopuntofondamentale,pressocui dimoralequilibrio,siirradianotuttelecoordinatedisensodellacomunit. Lacosmogoniadeilakotanarrachelanascitadellospazioavvennegrazieai figlidi Tate (iQuattroVentichesonoifiglidelVento),chesprigionandosidaun centro crearono le direzioni quando non esisteva nessuna direzione. Tale evento mitologicorappresentatoancoraogginellafasedicostruzionedelcerchioalcui internosisvolgelacerimoniaannualedellaSunDance:ilcostruttoredelcerchio srotolalacordasacradalcentroemarcaadovestperprimalentrataoccidentale;poi, proseguendolungoilbordoesternodelsuoloresointalmodosacro,stabilisceil nord,poilest,poiilsud,incorrispondenzadeiqualivengonomarcatelerispettive entrate.LastrutturadelcerchiosacrodellaSunDancedelrestoidenticaaquella della medicine wheel (la ruota di medicina): un cerchio con le quattro direzioni cardinaliinscrittealsuointerno,icuiquadrantisonospessocoloraticonicolori associatiairispettivipunticardinali:neroperlovest,rossoperilnord,gialloperlest ebiancoperilsud.Trattasievidentementediunarchetipouniversale,datochela stessamedicinewheelmoltosimilealmandala(cheinsanscritosignificacerchio), ciolarappresentazionesimbolicadelcosmonellatradizioneinduistaebuddista. interessante notare solo di sfuggita come lo stesso spazio, il continente nordamericano, nellimmaginariodei nativi americani rappresentatodal cerchio, mentreerarappresentato dallaFrontieranellimmaginariodeipionieribianchi.La frontierageneralmenteconcepitacomeconfinecheseparaduespazicontrapposti, mainquestocasofinperdiventareessastessaunospazioveroeproprio,grazieal quale si riproduceva continuamente la possibilit di stabilire un nuovo punto di partenza e lennesimo nuovo puntodiarrivo.Ceraeci sarebbesemprestatoun

puntoincuiarrivareoqualcosadaraggiungeredaqualcheparte,l,nellaFrontiera. Nonuncaso,infatti,che,anchedopolascomparsadellaFrontierareale,essasia rimasta ben viva quale dimensione idealizzata nellimmaginario statunitense. La Frontiera in sostanza riproduce nella spazialit lo stesso modello lineare che contraddistinguelapercezionedeltempodellOccidente. Per i nativi, invece, anche la dimensione temporale adeguatamente rappresentatadalcerchio.Ilcerchioinfinitoenonhanessunadirezione.Nonhan uninizio,nunafine.Semplicemente. Ilpassareinesorabiledeltempo,colsuosensoangosciosodifinitezzaedi irripetibilit,unesperienzapocosignificativaperinativi.Perloroiltemposiperde in una dimensione circolare, dove tutto cos, ma potrebbe anche essere diversamente, dove il mito delleterno ritorno annulla la distanza tra passato e presente,doveperiodicamenteattraversoilritualesiriviveladimensionetemporale arcaicaemitologicadegliavi,chevieneriprodottaidenticanelpresentefinoafar confondere e sovrapporre le due epoche. In una tale prospettiva, chiaro che il concettostessodistoria,oaddiritturaquellodiprogresso,sonoconcettididifficile collocazioneeinfattihannounapresablandasullaloromentalit,quandanchela abbiano. Il cerchio, infine, rappresenta anche il forte senso di correlazione e di interdipendenza sentito da queste popolazioni con la natura e il cosmo tutto, sentimentoprobabilmenteallabasedelleerroneeinterpretazionichehannoportatogli antropologi evoluzionisti a coniare il termine di animismo, i cui malintesi affronteremonelprossimoparagrafo.

wakan Il elequivocodellanimismo

1.Correlazione, appartenenza, senso del prodigio, ecofilia.


Ilconcettochiaveperpenetrarenellacomprensionedellamentalitdeipopoli nativi quello di wakan. Si tratta di un termine Lakota che ha innumerevoli significati.Potrebbeesseretradottoiningleseconterminiquali: power, unknown, holy, sacred (potenza,ignoto,santo,sacro).Unmodochepufarciavvicinarealla comprensionedi wakan quellodiimmaginareunasortadienergia(piomeno mistica)chepervadetuttoluniverso:luomo,glianimali,lepiante,lanaturaelo stessopianetaTerra.Wakanunconcettocherimandafortementeallimmaginedel cerchioedunquealsensodicorrelazionetipicodellafilosofiaedellaspiritualit degliIndianidAmerica,secondoilqualetuttocorrelatoetuttalesistenzavista comeungrandecerchiocherappresentalinterdipendenzaelunitdituttelecose. Ilwakandunquelenergiasacrachepervadeluniverso,chefaschetuttosia intimamentecorrelatoecheallabasediogniconcezioneepercezionedellarealt dei Lakota. Contrariamente alla visione occidentale del mondo, basata sulla sua strutturazioneinoggettieambitibendefinitiedelineati,quellaindianaunavisione fluida, oceanica, che ravvisa lunit di tutte le cose. Lapparizione del principio linearecausa/effetto,derivantedaunpianocognitivoincuiinattounanettaetotale separazionetrasoggettoeoggetto,hadefinitivamentespezzatoilconcettocircolare indianodiunioneedicorrelazione,cioquellacatenadicollegamentiinvisibilealla qualelegatoilparticolareoggettoofenomenoempirico.Ilragionamentointermini di causa/effetto decontestualizza e isola uno specifico punto di questo cerchio di interazioni, cercandovi lintima e intrinseca ragione dessere, che non potr mai essereesaustivamentetrovatainquestoistantaneospaziointerno,masoltantonel considerarloqualepartediuninterazionepigrande.Questomododiprocedereha apertoalluomooccidentaleleporteaisegretiimmediatidellamateria(leconquiste

dellatecnica),maglihapreclusoisuoisegretiultimieciolapercezionedellunione dellanaturachesimanifestainondeeciclilunghiesinuosi,ilcuisensoglobalenon puesserepercepitonellalogicainternaadunsegmentoistantaneo.Loggettopergli Indiani acquisisce senso soltantoallinternodellasua relazionecontuttoil resto, proprioinvirt,quindi,delprocessocircolarealqualeappartiene. LipostasidelprincipiofluidodelwakanWakanTanka(ilGrandeWakan).Il concetto di Wakan Tanka stato oggetto di uno dei pi grandi fraintendimenti registratinellincontrotralaculturadeipopolinativinordamericaniequelladegli europei. Come abbiamo visto, i significati di wakan sono svariati: potenza (in unaccezione alquanto energetica del termine), ignoto, sacro. Wakan Tanka pu dunque essere reso nei termini di Grande Potenza, di Grande Ignoto (quindi di Grande Mistero), o di Grande Sacro. Potremmo cercare di renderne il senso complessivo in una traduzione che racchiuda tutte le accezioni sopra riportate. PotremmodunquetradurloconGrandeemisteriosaPotenzasacra,nelsensodiuna grande(dunqueincommensurabile)manifestazionediunaqualcheenergiasacrae misteriosa.Potremmodivertirciancheasostantivizzarelealtreaccezionidi wakan che in questa prima traduzione sono state utilizzate come aggettivi e otterremo comunque una descrizione di Wakan Tanka parimenti accettabile. Le altre due traduzioni sarebbero quindi: Grande e potente Mistero sacro e Grande Sacro, potente e misterioso. In nessun caso comunque avremmo potuto tradurre come feceroimpropriamenteiprimimissionaricristiani,conGrandeSpirito,credendodi riconoscerviunconcettosimileaquellodiDiopresentenellatradizionemonoteistica cristiana.Sitrattadiunadistorsionedovutaallatendenzaallantropomorfismodella culturaeuropeadicuiparleremonelprosieguodelpresenteparagrafo. WakanTanka unconcetto,unadimensioneontologica,incuiil wakan che pervadetutto(ochepervadeilTutto)simanifesta.Potremmoavvicinarciaduna corretta interpretazione del senso di Wakan Tanka se lo considerassimo appunto

comeilTuttochesimanifestacolwakanecontemporaneamentecomeilTuttoche a sua volta manifesta la presenza del wakan. La natura fluida del wakan si rapprende,sisolidificainunipostasi,includenteeomnicomprensiva,cheappunto WakanTanka,macheaguardarlabene(eproprionellattodiguardarlabene),non affattosolida,nchiusa,macontinuaamantenerelasuafluidamutevolezza,tanto chesipotrebbedirechewakaneWakanTankasonolastessacosa.Ritorneremosu questeriflessioninelprossimocapitolo.Peroracibastisapereche,aprescindereda qualesialasuanaturaeilsuoprofondosignificato, WakanTanka vieneinvocato praticamenteintutteleoccasioniincuilaspiritualitdeilakotaentrainscena.Nella cerimoniadellaSunDanceperesempio,oinquelladellinipi (lacerimoniadella saunapurificatrice),vieneinvocatonellecanzonichesiintonanoinquelleoccasioni. Gli stessi sundancers lo invocano e cercano di penetrarne il mistero nel fatidico momentodelbreak17. Mailwakanchiamatoincausaancheognivoltacisiimbattainunqualche fenomeno fuori dal quotidiano. Ci sono due aneddoti uno storico e laltro geograficochepossonochiarirebenelutilizzodeltermineinquestaaccezione. Precedentemente allintroduzione del cavallo da parte degli spagnoli nel continenteamericano(icavallioriginariamenteavevanopopolatolAmerica,manel frattemposieranoestinti),lavitadomesticadegliindianidellepraterieeralegataal cane. Presso i Lakota il cane era utilizzato, oltre che per le sue funzioni convenzionali, anche come animaledasomaneltrainodi piccoleslittecariche
17LacerimoniadellaSunDance,coscomepraticatadaiSiouxLakota,consistenellallestimentodiunsitodiforma circolarealcentrodelqualevieneissatounalberodipioppoconunabiforcazionebenevidentealcentro.Aquesto alberovienelegataunestremitdellefunisacredeidanzatori.Allaltraestremitpermezzodel piercing,ciola praticaditrafiggerecondeglispiedidilegnoipettoralidelpartecipante(nelcasodegliuomini),oilbraccio(nelcaso delledonne)isundancersrimangonoattaccatiperunperiodoindefinitochepuandaredallepocheoreatuttiequattro igiornididuratadellaSunDance.Aduncertomomentoquandoi commitments,gliimpegnivotividecisidaogni singolo danzatore prima della cerimonia lo stabiliscono arriva il momento del break: il danzatore si avvicina allalberoperquattrovolte,arrotolandolasuafune.Pertrevolteseneallontanalentamentedispiegandolacordafinoa chenonraggiungaladistanzamassimadallalbero.Laquartavoltaquestoallontanamentoavvienemoltovelocemente: buttandosiindietrocontuttoilpesodel propriocorpoeconlaforzadellavelocitacquisita,strappalacarnedei pettoraliliberandosidaglispiedi.Unaversioneleggermentediversaecomunquepidolorosaprevedecheilquarto allontanamentoavvengalentamente.Ilsundancercontinuaadanzareecontemporaneamenteadallontanarsidallalbero finoalmomentoincuilafuneentraintensione.Aquelpuntoeglibuttailpesodelcorpoindietro,continuandoa danzareconlemaniaperteeaspingersiallindietro.Lacarnesitendeprogressivamentefinoacederee,lacerandosi, liberaildanzatore.

delle suppellettili necessarie per la vita quotidiana di una popolazione nomade. Lavventodelcavallodeterminovviamentelasostituzionedelcanenelsuoruolo storicopressoilakotaoltrearivoluzionarecomenotoilmetodoelaproficuit della caccia al bisonte. Ora, non forse ben immaginabile leffetto di inaudita sorpresachelavistaelutilizzodeiprimicavallideveaversuscitatonegliindiani. Essaper,tuttafissatanelnomecheilakotainventaronoperidentificarequesto esseresconosciuto.Caneinlakotasidice shunka:ilcavallofuchiamato shunka wakan. LaltroaneddotoriguardaunluogochiamatoBearButte.Sitrattadiunacollina isolatachesiergeanorddelleBlackHills,nonlontanodaSpearfish,nellestremo ovest del South Dakota vicino al confine con lo stato del Wyoming. La sua inconfondibile sagoma, unica formazione morfologica visibile nel raggio di chilometridisconfinatepraterie,ricordaquelladellorso,dacuiilsuonome(anche sealcunisostengonocheilnomederividaunastoriariguardanteunorso,avvenutain quelluogo,narratadaunmitoindiano).PeriSiouxilBearButteunholyplace, unpostosacro,unpostopienodiwakan.Inquestocasocichecontalasingolarit delluogo.Secisipensaafondo,infatti,benstranoimbattersiinunacollinaisolata quandotuttintornomagaridurantelunghispostamentinonsivistoaltrocheuna prateriasconfinatasempreugualeasestessa.Ogniforma,oggettoomanifestazione dellanaturachesiainqualchemanieradifferentedaglialtri,attraeprofondamente linteresse degli Indiani. Essi anche in questo caso vi riconoscono un segno particolarmenteintensodelwakan,lenergiachepervadetuttoluniversoechefas chetuttosiacorrelatoeunito. Ilwakandunquesuscitaquelsentimentointeriorechelantropologoamericano RobertLowieavevafelicementecatturatoconiandoilterminedi spiritofwonder (sensodelprodigio).Questosensodelprodigio,nonunsentimentocheinducenel nativo un atteggiamento atterrito di timore o di venerazione dogmatica e incondizionata.Il narratoreantropologoJaimeDeAngulo,inunsuoarticolosugli

indianiPitRiverdellaCalifornia,intitolatoIfondamentidelsentimentoreligiosoin unatribprimitiva, incuispiegailruolonellimmaginarioPitRiverdeglianimali chesecondo laloromitologiafuronoicreatoridelmondo,chiariscebenequesto aspetto:


Nessunanimaleinparticolarepisacrodiqualsiasialtro.VolpeArgentatacreil mondoconlaiutodiCoyote.Manlunonlaltroveneratoinalcunmodo.Nonesistela minima tendenza a fare di questi o di altri animali degli di. Non potr mai insistere abbastanzasuquestopunto18.

Questatendenza,cheprimaopoiporterebbeallidolatria,nonfortunatamente mai stata agita neanche dai lakota. Diciamo che se volessimo usare una terminologiajunghianalidolatriaquellasituazioneincuiilsoggettosiauto espropria di una parte pi o meno consistente della propria libido (intesa junghianamente come energia psichica) e la proietta nellidolo, il quale diventa loggetto intoccabile a cui va rivolta una ossequiosa, distanziata e indiscussa venerazione.Questomeccanismoinnatonelprocessostessodioggettivazione, ciodiseparazionecognitivatraIOeTU,trasoggettoeoggettoenepercerti aspettiunaconseguenzacongenitaedinevitabile.Laseparazioneelallontanamento delloggetto provoca in qualche modo una sorta di compensazione energetica residuale:loggetto,separandosidalsoggetto,portaconsunpodellenergiadi questultimo.Trattandosidiunenergiaresiduadelloriginariacomuneappartenenza, dilivelloqualitativamentedifferenterispettoaquellaoriginaleormaisvanita,genera nelsoggettocomeunaspeciedifantasmaaguardiadiunanticopattotraditodauna delle due parti (il soggetto) unasorta di sentimento angosciato di obbedienza postuma (per dirla con Freud), una atterrita venerazione acritica e incomprensibilmentecogente19.Poichtalevenerazionenoninnatanellindividuo,
18JaimeDeAngulo,Thebackgroundofreligiousfeelinginaprimitivetribe,inAmericanAntropologist,vol.28, n.2,1926,pagg.35260,cit.inRaccontiIndiani,Adelphi,Milano,1973,pag.238. 19 Unaltraespressionechehatentatodidescrivereinmanierapertinenteilsensoperinatividellospiritofwonder introdottodaLowie,ilterminepartecipationmistique,coniatodallantropologofranceseLucienLvyBruhl.Jungsi appropridiquestaespressioneelaintrodussetraledefinizionidelsuopersonaleglossarioreinterpretandoladal punto di vista della sua psicologia presentandola in unaccezione che ricorda molto da vicino i meccanismi di

essa imposta dai condizionamenti culturali di quelle societ allinterno del cui modello mentale si insediata ormai da tempo questo tipo di separazione e di allontanamento. Lo spiritofwonder invecepichealtrounacontemplazionevicinadella misteriosabellezzaeinconoscibilitdellanatura,unasortadicuriositdeferente riguardolesistenza,unsentimentoconcuiilnativohaunagrandissimafamiliarit e padronanza, poich loggetto che lo suscita sentito come affine, contiguo, familiare,correlato.Traloggettoosservatoeilsoggettocheesperiscelosservazione non c addirittura una completa separazione, proprio in nome di una comune appartenenzachenonsimaifratturata.Ancheneicasipiestremi,incuiilsenso delprodigiosuscitatodaifenomenidellanaturapiarcaniepipericolosi(comeil tuonooiterribiliblizards,iventifreddiinvernalichesoffianodallartico),lindiano americanosi senteinparteunitoaquesti,confidandocheanchequesti fenomeni abbianounsensoeunaragionediesistere.Iltimoreneiloroconfronti,chepure indubbiamente si manifesta, quindi mitigato da questo senso di appartenenza comune. Questoapproccioallesistenzacaratteristicodituttiqueipopolicheallinizio delpresentelavoroabbiamodefinitonativi:ilwakansicuramenteununiversale pressoquestipopoli.Ilterminepolinesianoperdesignarlomana,pressogliindigeni deldeltadelPurarinellaNuovaGuineaimunu.LaseguentedescrizionediEverard ImThurnapropositodegliindigenidellaGuyanaingleseemblematica:

separazione tra soggetto e oggetto sopra descritti: Questa espressione stata introdotta da Lvy Bruhl. Per partecipationmistiquesiintendeunancoramentopsicologico(suigeneris)alloggetto,sicchilrapportodirettocheli lega pu essere definito di parziale identit. Questa identit riposa su una aprioristica unit tra i due. Quindi la partecipationmistiquequantorimanediquestostatoprimordiale.Mailrapportofrasoggettoeoggettocosstretto soloindeterminaticasi.Ovviamentesipalesanelmodopieclatanteneiprimitivi;permoltofrequenteanchese non altrettanto intenso anche tra le persone civilizzate. Nelluomo civilizzato esso si verifica tra persone, pi raramentetraunapersonaeunacosa.Nelprimocasositrattadelcosiddettorapportoditransfert,nelqualeilsoggetto attribuiscealloggettouninflussomagicocuinonriesceassolutamentearesistere,nelsecondositrattadiunanalogo influssoesercitatosullapersonadaunacosa,odiunasortadiidentificazionedellapersonaconlacosaoconlidea dellastessa.Cfr.C.G.Jung,Tipipsicologici,NewtonCompton,Roma,1993,pagg.367368.

PerlIndiano,tuttiglioggettianimatioinanimatisembranopartecipareesattamente allastessaessenza:essi,nondifferisconocheperlaformadeilorocorpi,ilchepuro accidente molto difficile per noi afferrare questa concezione indiana di identit profondaecompletafraluomoeglialtrianimali,salvoperquantoriguardalaformadel corpo;edtantopidifficileinquantolideadegliIndianiabbracciaunorizzonteancora piampio,ciononfaalcunadifferenzaeccezionfattaperlaformacorporeatraoggetti animatiedinanimati20.

Gli fa eco un altro branotrattodi JaimeDeAnguloche chiariscebene lo specialerapportodeinativiingenereconlanatura:

Esiste[]inunambienteselvaggiounamoltitudinediinterazioniacuilamente delluomocivilenonaccordata,perchnecessariamenteorientataversounaltroaspetto dellenergiamentale,ecioilrazionale.PercapirelapsicologiadeiPitRiver,necessario rappresentarsi concretamente illoro contatto straordinariamente intimo congli alberi, le rocce,iltempoeidelicatimutamentidellatmosfera,conleformediognioggettonaturalee ovviamenteconleabitudininonsolodivariespeciedianimali,maanchedimolti individui.quasiimpossibileperunuomocivilefarsiunideadelgradodiintimitconla naturachetuttocirappresenta.Nessunuomocivileavrebbemailenergiaelapazienzadi oziare in una localit selvaggia abbastanza a lungo da cogliere questo ritmo sottile di interazioni21.

Trailakotaquestostatodicoseperfettamenterappresentatonellespressione MitakuyeoyasinosemplicementeMitakuye,chesignificaTuttocorrelato,Sono correlatocontuttelecose,Tuttiimieiparenti,oSonoinrelazionecontuttoci che.Questaespressionecontemporaneamenteunsaluto,uninvocazioneeuna preghiera. Emblematico il fatto che,come saluto, esso sia utilizzatoalla stessa
20E.ImThurn,AmongtheIndiansofBritishGuyana,citatoinL.LvyBruhl,Lanimaprimitiva,BollatiBoringhieri, Torino,1990,pag.29. 21J.DeAngulo,Thebackgroundofreligiousfeelinginaprimitivetribe,cit.,inRaccontiIndiani,cit.,pag.232.

streguaeconlastessafrequenzadelnostrociaoodelnostrobuongiorno.Siaprono dentronoiscenaribellissimisesolocisoffermiamounistanteaconsiderarecosa profondamentesignifichiilfattochepressounpopolo,incontrandounaltroessere umanoperstrada,losisalutidicendogli:Siamotutticorrelati. Innomediquestacomuneappartenenza,gliuominisisentonolegatigliuni aglialtri,unitidallenergiafluidadelwakanchestaintutto.Essageneraunavisione energeticadellecoseedelmondo,unavisioneoceanica.Hointenzionalmenteparlato divisioneenergeticaperutilizzareunterminechefosseilpipossibileneutralee chenonevocassedunque,acausadieventualiconnotatiemotiviadessoassociati, particolariimmaginiosensazionigipresentinellettore.Proprioperquestononavrei comunquenessunproblemaaparlaredivisionespirituale.Ilmondodeinativi unacontinuaesperienzaspirituale.Dalpuntodivistaetico,cisignificachelarazza umana per prima poich dotata di intelletto ha una forte responsabilit nei confronti della natura e del mondo tutto. Il nativo ecofilo per costituzione. Il richiamoaltermineecofiliaanzichecologia,ancheinquestocaso,voluto. Lecologia una disciplina che razionalmente si pone il problema delleccessivo inquinamentochelindustrializzazioneproducenellecosistemaplanetario:poichi rischieipericoliderivantidallinquinamentosonoelevati,lecologiasipreoccupa coerentemente e utilitaristicamentediproteggerelambiente.Rinuncerebbepera questo atteggiamento altrettanto utilitaristicamente, se il problema non avesse raggiuntoquestedimensioni(cosacheinfattisistoricamenteverificata:inoccidente lecologiaunadisciplinarecente,chehaacquisitounminimodiinfluenzanelle decisionipolitichesoltantonegliultimi30anni).Lecofiliainveceunsentimento pregnodiquelsensodiappartenenzaedicorrelazionedicuiabbiamoparlato,peril qualeinativiesperisconoaddiritturaunaveraepropriasofferenzasesiimbattonoad esempio in una cava di ghiaia che squarcia il ventre di una montagna o nellabbattimentodiunaforestasecolare.Unodeiprincipalimotividiscontrotrai Sioux e lesercito degli Stati Uniti, e a dire la verit, proprio il motivo che

storicamente scaten la guerra,fulascopertadelloronelle PahaSapa,leBlack Hills.PerinativierainaccettabilecheleCollineNere,illuogodacuigliuomini eranoemersidalleprofonditdellaterranellanottedeitempieavevanopopolatoil mondo, il centro geografico del loro cosmo, il luogo pi sacro di tutta la loro tradizione,fosseaggreditoesfiguratodaiminatori22. Sullastessa lunghezzadondasituatalaccusalanciatadaRussell Means, intellettualesioux,traifondatoridellA.I.M.(AmericanIndianMovement)chenel lugliodel1980,allemigliaiadipersoneintervenuteallaBlackHillsInternational SurvivalGathering,nelSudDakota,pronunciundiscorsodallemblematicotitolo: PerchlAmericaviva,lEuropadevemorire. Meansaccusailpensieroeuropeodi avere una forte propensione a despiritualizzare il mondo. La sua capacit di razionalizzare, di oggettivare, di spezzettare, ha trasceso gli ambiti nei quali costituivaunvantaggio(qualiilmiglioramentodellatecnicafunzionaleallacrescita della qualit materiale della vita) e ha invaso pericolosamente tutti i campi dellumanoe,primotratutti,lastessaintegriteinviolabilitdelluomo. Glioccidentalisonoingradodiapplicaresualtriesseriviventi,adesempio nellamodernazootecniaindustriale,ilmedesimostatodanimo,lastessarazionalit applicataperriuscirearicavareunpontedaunprecedentemucchiodipietre.stato ampiamente dibattuto, poi, su quanto sia pericolosamente facile sconfinare nellapplicazioneallostessohomosapiensdiquestalogica,chemanmanochesi allontanadalsuoepicentro,perdesemprepidilogicaesitrasformainperversione (vedisututtiloperaLabanalitdelmalediHannahArendt).

22Personalmentesonostatotestimonediquantoprofondaeradicatasialecofilianeilakota.Inoccasionedelloscavo diunabucaperilfuocodelladimensionedi2metrix2nellafasedipreparazionedellaSunDancedel2000organizzata dalclanHollowHornBearnellariservadiRosebud,mifuchiesto,primadiiniziareascavare,ditagliareascacchi lerbasopralasuperficieinteressatadalloscavoedisistemarlicondelicatezzalvicino.AlterminedellaSunDance,la bucasarebbestataricopertaditerraelerbainmattonellecheavevoritagliatosarebbestatarimessaalsuoposto,cos dapotercontinuareavivere.

Latradizionematerialistaeuropeadidespiritualizzareluniversomoltosimileal processo mentale che conduce alla disumanizzazione di un altro individuo. E chi pare dimostrarsipiespertoneldisumanizzareilprossimo?Eperch?Isoldatichehannomolto combattutoimparanoacomportarsicosprimadicombattereilnemico.Gliassassinifanno lastessacosaprimadicommettereunaltroomicidio.LeSSnazistefacevanolostessonei campidiconcentramentoconlelorovittime.Ipoliziottilofanno.Ileadersdeisindacatilo fannoconilavoratorichemandanonelleminierediuranioonelleacciaierie.Ipoliticilo fannocontuttiquellicheglicapitanoatiro.Taleprocessoaccomunaquellicheperpetrano lazionedidisumanizzareglialtri,nelfattodilegittimareluccidereoildistruggereper lappuntoglialtri.UnodeicomandamenticristianirecitaNonuccidere,almenonongli esseri umani, cosicch il trucco consiste nel convertire le vittime in nonumani, il che consentediproclamarelaviolazionedelcomandamentocomevirt. Interminididespiritualizzazionedelluniverso,ilprocessomentalelavorainmodo da rendere virtuoso luccidere il nostro pianeta. Termini quali progresso e sviluppo vengonousatipercoprirealtreintenzioni,leparolevittoriaelibertvengonousateper giustificarelestragidelprocessodidisumanizzazione.Peresempio,unospeculatoreterriero puriferirsiaunappezzamentoditerrenodaconvertireinunacavadighiaiainterminidi sviluppodelterrenostesso.Losviluppo,inquestosenso,significadistruzionetotalee permanentedelsuolochevienerimosso.Malalogicaeuropeahaguadagnatounpodi tonnellatedighiaiaconlequalialtraterrapuulteriormentesvilupparsiconlacostruzione distrade.Avantidiquestopasso,linterouniversonellalogicaeuropeadaconsiderarsi apertoaquestotipodifollia23.

Aquestopunto,siamoingradodiargomentareadeguatamentealcunecritiche neiconfrontidelleinterpretazioniintellettualistichediTyloreFrazercheliportarono allacreazionedelconcettodianimismo.

23E.Braschi,Ilcerchiosenzafine,Mursia,Milano1997,pagg.167168.

2.Critica allanimismo e allantropomorfismo in Tylor.


Comesiricorderdalprecedentecapitolo,Tyloripotizzavachelacredenza nellesistenzadellanimaderivassedallesperienzadelsogno,cheinducevaiprimitivi aritenerechegliesseriumanipossedevanounanimadotatadivitapropriadestinataa staccarsidopolamortedalcorpo.Perestensione,avrebberofinitoperattribuireil possessodiunanimaocomunquediunessenzaspiritualeancheaglianimali,agli oggettieaifenomeninaturali. Comeabbiamoappurato,per,taleprocedimentologicosbagliato.Infattia prescindere dal fatto che Tylor commette lingenuit di chiamare in causa lesperienzadelsognocoscomelaconosceunoccidentaleeperanalogiaimmagina chelerappresentazionionirichepressoipopolinativisianoidentichetaletesi smentitadaifattiappenaesposti:lessenzaspirituale,lanima(il wakan potremmo ormai dire), non viene attribuita dai nativi anche ad animali, oggetti e fenomeni naturali, per estensione di un processo logico che ha riconosciuto lanima come caratteristicapropriadellarazzaumana,maesattamentealcontrarioquellessenza spirituale percepita come pervadenteeunificantetuttelecose,tuttoluniverso, compresanondaultimolastessarazzaumana. Lanimismo, se vogliamo convenzionalmente continuare ad adottare questo termine,dunque,nonunarozzasuperstizioneounbanaleerroreincuiindulgono intereculture,macasomaiunatteggiamentoimprontatoadunaprofondariflessione esistenziale e ad una profonda sensibilit, la stessa che Wittgenstein, pur non addentrandosinegliambitidellaspiritualitdeinativi,avevaprobabilmenteintuito. Unaltroerroredellateoriatyloriana(ereditatadaHumeeprimaancoradilui evidentementedallafamosacriticaallantropomorfismodeglididiSenofane24)
24 Nato probabilmente tra il 580 e il 565 a.c. Senofane di Colofone apparteneva alla corrente filosofica della
cosiddettascuoladiEleaoeleatismo,fondatadaParmenide,chesibasavasullaconcezionedellEssereuno.

quellodiconsiderarelatendenzaallantropomorfismounodeimeccanismiuniversali di funzionamento della mente umana, che dunque sarebbe anche alla radice dellanimismo.Ancheinquestocasotroviamoinazionelatautologiadellaforma mentisoccidentalecheinterpretalarealtinbaseallapropriastruttura.Secuna culturailcuipensieroelacuicapacitdiimmaginazionetendeallantropomorfismo, questaquellaoccidentale.BastipensareallibrobiblicodellaGenesi,incuiDio creando luomo lo fece a sua immagine e somiglianza. Gi luomo biblico totalmenteseparatodalmondochelocircondaedunesserespeciale:Dioinfattigli assegna la facolt di disporre a suo piacimento delle altre razze animali. Quale predisposizioneculturalemiglioreperinaugurareunatendenzaallantropomorfismo? Comeabbiamoavutomododiosservare,lavisionedelmondodeinativiinvece fluida,tendenteallindifferenziato.Ilconfinetrauominieanimalivagoenonvi unanettaseparazionenellamentedeinativitraleduecategorie.Ilruoloattribuito allanimaletotemico,quellodiavereincomunecolclanappartenenteaqueltotem ilprogenitoreancestrale.Nonsitrattadiunadiscendenzametaforica:imembridel clandellavolpesannocheilloroprogenitoreancheilprogenitoredellevolpie dunqueevitanodicibarsene,poichgliesemplaridivolpevengonoconsideratialla streguadifratelli,appartenentialmedesimoclan.perfettamenteplausibile,perla loromentalit,cheunavolpesitrasformiinuomoeviceversa. JaimeDeAnguloapropositodeiraccontidellamitologiadeiPitRiverdice:

OgniindianoPitRiverneconoscedueotreversioni,edinteressatoaimpararne altre,propriocomeinteressatoaimpararenuovestoriedelciclodiCoyote,delciclodi

Famosoilpassoincuicriticalantropomorfismodeglidigreci:Maimortaliritengonocheglidi venganogenerati,echeabbianovesti,vociefigurecomeloro.Maseibuoi,icavallieileoniavesseromaniose potesserodipingereecompierequelleoperechegliuominicompionoconlemani,icavallidipingerebberoimmagini deglidisimiliaicavalli,ibuoisimiliaibuoi,eplasmerebberoicorpideglidisimiliallaspettochehaciascunodi loro. Evidentemente, la critica di Senofane era rivolta ad una mente in cui si era gi consolidata la consapevolezzadiunanettaseparazionetragliuominieglianimalieincuiilsoggettoeragiseparatoedistanziato dalloggetto.AllepocadiSenofanedunquelaGreciasieragiincamminatasuquellastradacheavrebbeportatopoial progressivoaffinamentodelmodellomentaleoccidentale.

Donnola,ounaqualsiasialtrastoria,tramille,diqueltemponontantoremotoincuigli animalieranouomini,ogliuominieranoanimalicomepreferite.Difatti,nonesistevera differenzatrauominieanimalidalpuntodivistadegliindianiPitRiver.Nondobbiamo dimenticarecheperloroquestiraccontinonsononarrazionistoriche,bensdrammiletterari. E questi li affascinano perch contengono, in uneccellente forma artistica, i problemi emotiviepsicologicidellavita,naturalmentedaunpuntodivistaindiano.UnindianoPit Riverinterrompersemprequalsiasicosastiafacendo,mettendosiasedereaccantoanoi,se gliracconteremounastoria,ancheselasaamemoria25.

Queste,comealtremillecitazionichepotremmoaddurre,appartengonoaduna lunga schiera di dati scientificamente documentati ormai da pi di un secolo e ampiamenteconosciutinellatradizioneantropologica. PoniamoilcasocheTyloravesseriflettutosuunsimilestatodicoseeavesse interpretato questa indifferenziazione come la tendenza ad un qualche antropomorfismo, nel senso che tale tendenza antropomorfizzante si attuava attraverso il tentativo di inglobare la categoria animali vari, nella categoria uomini. Anche in questo caso ci troveremmodi fronte adunainversionedella verit delle cose: infatti la categoriauomininonsempreesistita cos come presentenellanostramenteoggi.Nondunqueplausibilechefindallanottedei tempiesistesselaconsapevolezzadiappartenereaquestacategoria,percrearea immagine e somiglianza della categoria stessa lintera struttura cognitiva del mondoedelreale.Lacreazionediunconcettomentaledeltipocategoria:uomini separatadacategoria:animalivariinvirtdiunascorporazioneescissionedauna precedenteentitindifferenziataprecategoriale,stataunaconquistaavvenutain un preciso momento storico ed evidentemente non stata conseguita da tutte le cultureumane.NTylor,nnessunaltrodunque,avrebbepotutoriscontraretendenze allantropomorfismopressotaliculture.
25J.DeAngulo,Thebackgroundofreligiousfeelinginaprimitivetribe,inRaccontiindiani,cit.,pagg.238239.

3.Critica al principio di causazione in Frazer.


Un altro punto su cui vale la pena soffermarsi, riguarda laffermazione di Frazer secondo la quale latteggiamento magico/animistico, al pari di quello scientifico, si fonda sul principiodi causazione.Taleprincipiosarebbeanchesso innatoinqualchemodo,poichFrazerloidentificacomeleggegeneraledelpensiero, chepresiedealladecisioneneicomportamenti.Inessi causalisui qualipoggiala magia,derivantiquindidalloriginarioprincipiodicausazione,sarebberoilprincipio disimilarit(ilsimileproduceilsimile)equellodicontiguit(lecosechesono stateacontattounavoltacontinuanoadagirelunasullaltraancheadistanza).Tali principisonoallabasedellamagiasimpaticaediquellaomeopatica:laloroesistenza determinata dal fatto che lamente vieneconsideratada Frazer unmeccanismo associativo. Wittgensteincontestailprincipiocausalequalebasedeicomportamentiumani: anche lui in questo caso, come noi nei confronti delle teorie sullanimismo e sullantropomorfismo,operaunribaltamentodellaposizionedegliintellettualisti.Lo fasmascherandolinconsapevoleinversioneeseguitadallinterpretazionefrazeriana deicomportamentimagiciedelsignificatodellorolinguaggio.
Secondolafilosofiaclassica,illinguaggiocausaleavrebbeoriginedaunprocesso cognitivochepartedall'osservazionedisequenzeregolaridieventi,tentalaformulazionedi una regolauniversale di connessionetra glieventi, einfine sichiede setale regola sia soddisfatta dagli eventi specifici in questione. [] per Frazer le leggi della magia simpatica poggiano proprio su un simile meccanismo di generalizzazione causale, differenziandosidalleleggiscientifichesoloperunosvolgimentoinsoddisfacentedell'ultimo passaggio,chepotremmodefinirecomequellodeldubbioodellaverificaempirica. Per Wittgenstein,invece,questiprocessidipensierosonosoloelaborazionisecondariediun nessopreconcettuale,chepoggiasuunareazioneimmediataedistintiva.

Cerchiamodichiarirequestopuntopensandoalcasodiunbambinochesiscontra con un altro facendolo cadere. Quest'ultimo, probabilmente, reagir in modo aggressivo versoilprimo:possiamoforsedirechereagisceallacausadellasuacaduta.Maquanta componentediriflessioneintellettualeviinquestoriconoscimentodellacausa?Ilbambino si pone forse un dubbio su cosa lo ha fatto cadere? Naturalmente no. Il bambino non reagisceall'altroperchsaocredecheeglisialacausadellasuacaduta,nperchpossiede iconcettidicausaedeffettoeliapplicaaquestocasoparticolare.Lasuareazionenonil fruttodicongetture,inferenze,conclusionigeneralizzanti:semmai,questiprocessipossono seguire la reazione. La forma primitiva del gioco linguistico la certezza, non l'incertezza, scriveWittgenstein; intendendonontantounacertezza intellettuale, che si possaesprimere informaproposizionale (ilbambinocheafferma mentalmente la verit dell'enunciatol'altrobambinomihafattocadere),quantounacertezzaistintiva.Ilgioco linguisticodelrintracciarelacausariposasuunmodod'agireprimitivo;equesto,asua volta,unprototipodelpensieroenonilrisultatodelpensare.Inquestosensovaletta l'annotazionediWittgenstein:illinguaggiodireiunaffinamento:inprincipioera l'azione26.

Lesempio appena riportato che chiama in causa listintivit del comportamentoinfantile,tendeafarloassociareaquellodeinativi:potrebbecio sembrarecheilprincipioallabasedeicomportamentimagicoanimisticideinativisia dicarattereesclusivamenteistintivo,comesesitrattassediatteggiamentigeneratida unasortadiriflessocondizionato,solidificatosiinistituzioniculturaliqualirituali, miti e cerimonie. In realt, laspetto istintivo nella sua accezione di reazione automatica,meccanicaeirrazionaleindubbiamentepresenteedtestimoniatoin diversidocumentietnograficiearischiodicadereinfuorviantigeneralizzazioni potremmoaffermarecheessopivividoepipresenteneipopolinativichenon nellOccidente. Su questo versante stata posta del resto particolare enfasi dal modello antropologico prelogista,invogafinoagli anni 20delXXsecolo,che succedetteaquellointellettualista.Iprelogistiritenevanocheilcomportamentodei popolinativiappartenesseadunafaseanterioreallanascitadellalogicaefossero
26F.Dei,Usanzesinistreeprofonde:Wittgenstein,Frazerelamagia,cit.,pagg.67.

dunque comportamenti prevalentemente irrazionali. Tuttavia laspetto meccanico/istintivo,sucuitorneremonelprossimocapitoloapropositodelfenomeno dellolonismo,soltantounapartedellaquestione:inrealtinessipreconcettualiin cui Wittgenstein situa lorigine del linguaggio e sui quali il pensiero si sarebbe inscrittosoltantosuccessivamentequalelorocommentario,nonsonosoltantodi naturaistintiva,cioazioniereazionimotorieinteriorizzateinnessi.Talireazioni primitivehannoancheunaltranatura,chepotremmodefinireditipomorale,ma forseancorameglio,spirituale:
Come hanno suggerito alcuni interpreti di Wittgenstein, la nozione di reazioni primitivepurisultaremoltofecondaperlacomprensionedelcomportamentoritualee simbolico. H. O. Mounce propone in proposito un interessante esperimento mentale. Immaginiamodichiedereaqualcunodiinfilaredeglispilliinunritrattodellapropriamadre, mirandoconattenzioneagliocchi.Chisarebbedispostoafarlointuttatranquillit?Echi potrebberesisterealsensodicolpase,qualchetempodopo,lamadreperdesselavista?Vi sarebbeinquestocasolapercezionediunaconnessionetraidueeventi,chetuttavianon avrebbenulladicausale.Ilsensodicolpa,chedifficilmentepotremmononprovare,non scaturirebbedaunariflessionesulleconseguenzedell'attocompiuto,ndaunaeventuale credenza nella sua efficacia magica. Siamo piuttosto di fronte ad una reazione morale primitiva, prerazionale. D. Z. Phillips, un filosofo della religione di orientamento wittgensteiniano,riferiscediaverdiscussoquestoesempioconunampiogruppodistudenti, granpartedeiqualihadichiaratodinonsopportareneppurel'ideadiconficcareglispillinel ritrattodellamadre.Richiestidispiegareilperch,hannoaddottovarieragioni,facendo soprattuttoriferimentoall'intrinsecaimmoralitdell'atto,chesembragiocareconcoseseriee gravi.Macinonsignificacheilrifiutodipiantarespilli,oilsensodicolpachequell'atto farebbeinsorgere,sianounaconseguenzadiquesteriflessioni;coscomenonsarebbero conseguenza di eventuali credenze in un effettivo nesso causale di tipo magico. Le motivazionirazionalicuipossiamopensaresono,percosdire,deicommentiallareazione primitiva,enonlasuacausa.ComesiesprimePhillips,nonconcordiamodireagirein questomodo:piuttosto,ilfattocheconcordiamosimostrainquestareazione. Dobbiamo per resistere alla tentazione di considerare le reazioni primitive una spiegazione del rituale. Il fatto che Wittgenstein le definisca istintive non deve farci

pensare a un fondamento biologico, naturalistico: i termini primitivo e istintivo alludono semmai a uno sfondo di precomprensione, a un piano dell' elementarmente umanosulqualepossiamoritrovarciinpratichealieneeapparentementeirrazionali.Una voltacheabbiamocompresoquestaqualitelementarmente umanachestaallabasedel rituale magico, ritrovandola anche in noi stessi, non abbiamo spiegato il rituale, ma abbiamosemmaieliminatoilbisognodispiegarlo27.

Nellamiaesperienzanelleriservelakotamicapitatodiesperireletteralmente lasensazioneprovocatadaquestacatarticaeliminazionedelbisognodispiegazione. DurantelacerimoniadellaSunDancenotaichenellalberosacroeranoconcentrati unagrandequantitdisimbolimaschiliefemminiliedivariaaltranaturaeognunodi essi presentava molteplici significati. Svariati altri dettagli e simboli di quella cerimonia mi erano sconosciuti e cos cercai di raccogliere diverse testimonianze poicherointeressatoaconoscernelorigine.Quasiognipersonaacuimirivolsili spieginmanieradifferente.Maquestespiegazioni,contrariamenteaquellochemi sarei aspettato, non mi diedero limpressione di essere contraddittorie. La contraddittoriet il risultato dellimpostazione tutta occidentale che si sviluppa sullasselinearecausaeffetto.Lasensazione,perunLakotaoancheperchiabbia vissutounperiodosufficienteconloro,deltuttodiversa:nelladimensionecircolare eolisticadegliIndiani,tuttopucoesistere.Differentispiegazioninonsiescludono lunlaltra,masiintegrano,coesistono.Seesistonodelleparoledordinenelmododi pensareLakota,questesonosenzaltrocorrelazione,totalitesincronicit,piuttosto cheesclusione,dettaglioecausalit.Cisiaccorgesubitochedentronoisiespande unsensodiarmoniasesiprovaapensareinqueitermini,cioallamanieraindiana. Viceversatalearmoniascomparesesipensainterminidicausaeffetto,intermini di o luno o laltro. Prende campo con la raggiunta, esaustiva spiegazione razionaleunasensazionedinadeguatezza,dincompletezza,dinonappagamento, che il risultato di una rottura: qualcosa di unito e gioiosamente perfetto si
27Ivi,pagg.78.

frantumatointantipiccoliframmentirazionali,senzaltroperfettamentelegittimati nellaloroesistenza,maappuntosoltantoframmentiedireianchetristi.Lametafora diunvasoche,unavoltarotto,vienericostituitoincollandopezzettodopopezzetto, marimanepursempreunvasorotto,credodescrivabeneladifferenzadelledue concezioni. In qualche maniera, lo stesso Wittgenstein parla di una sensazione simile quandoaifinidiunacorrettacomprensionediculturediverse,comepurediuna correttacomprensionedeidiversiambitiallinternodellanostraculturadeterminati dai differenti giochi linguistici che la compongono raccomanda di sostituire la spiegazione causale con la pura descrizione. Per il filosofo austriaco dovremmo cercare di contrastare gli incantamenti del nostropensieroper mezzodel nostro linguaggio componendo correttamente ci che gi sappiamo, attingendo a quel substrato appartenente allelementarmente umano attraverso una ricognizione aerealapuradescrizionechesvelaallenostreconsapevolezzeuna strutturadi connessioni sincroniche formali, piuttosto che intraprendere un fuorviante procedimentoesplicativocausaledinaturadiacronicaedevolutiva28:
Credochel'impresadidareunaspiegazionesiasbagliatagiperilsemplicemotivo chebastacomporrecorrettamentequelchesi sa,senzaaggiungervialtro,perchsubito si producadasquelsensodisoddisfazionechesiricercamediantelaspiegazione[...]Quisi pusolodescrivereedire:coslavitaumana29.

Unaltroesempiopuessercifornitodaunpassotrattodalmitodelbandicoot (lopossum) presso gli Aranda settentrionali dellAustralia centrale, raccolti da StreloweriportatidaEliasCanettinellasuaoperaMassaepotere.
28Wittgensteinatalepropositoargomenta:Laspiegazionestorica,laspiegazionecomeipotesidisviluppo,soloun mododiraccogliereidatidellalorosinossi.ugualmentepossibilevedereidatinellalororelazionereciprocae riassumerli in un'immagine generale che non abbia la forma di un'ipotesi sullo sviluppo cronologico [...] Tale rappresentazione perspicua media la comprensione, che consiste appunto nel vedere le connessioni. Di qui l'importanzadeltrovareanelliintermedi.Cfr.L.Wittgenstein, Notesulramodoro, 1967,citatoinF.Dei, Usanze sinistreeprofonde:Wittgenstein,Frazerelamagia,cit.,pag.11. 29Ibidem.

il terzo giorno [di caccia]. I figli [umani di Karora, lantenato del totem del bandicoot, padre degli opossum e degli uomini] stanno tornando, affamati e stanchi, in grandesilenzio.[]Cercano,ecercano,ecercano.Caccianoibastoniintutteletaneei luoghidisostadegliopossum.Dimprovvisoqualcosasioscuroedipelosobalzafuori,ed gilontano.Risuonaungrido:uncangurochescappa.Ifigliscaglianoilorobastoniin quelladirezioneespezzanounazampaallanimale.Odonopoileparolediuncantoche giungedallanimalecolpito: Io,Tjenterama,orasonostorpio, s,storpio,elapurpureaeternitpremesudime. Iosonounuomocomevoi.Nonsonounopossum30.

Tjenterama,chenelprosieguodelmitodiverrungrandecapo,uncanguro cheprotestapernonesserestatoriconosciutocomeuomodagliuomini,ifiglidi Karora, che lo hanno scambiato per un opossum. Una storia pi incongruente e contraddittoria di questa non potrebbe esistere! Eppure il racconto, alla lettura, presentacomunqueunasuarotondaeappagantecoerenza.Ilsensodiappagamento chepercepiamodentrodinoi,dadoveproviene?Dacosadeterminato?Noncerto dallasoddisfazionedinessiesplicativiecausaliche,anzi,vengonocompletamente disattesi. Ritornando ai lakota e riflettendo sui tratti salienti della loro societ, ci si accorgechelassenzadellanecessitcogentediunacoerenzalogicachesoddisfiil principio causale e quello di non contraddizione, porta la loro cultura ad essere particolarmentetollerante.Noncisonoatteggiamentiortodossi,nunaliturgiarigida nelle loro cerimonie. Il concetto di ortodossia totalmente fuori luogo nella spiritualitindiana,untermineadessacompletamentealienoedinapplicabile.Gli indianisannochecisonomoltimodiperfarelecose.Inquesto,siosservatuttala
30T.G.H.Strelow,ArandaTraditions,inE.Canetti,Massaepotere,Adelphi,Milano,1981,pag.423.

saggezzadiunpopolocheriescesempreamantenerelequilibrioeanoncaderein fanatismi n dogmatismi, che sono lucidamente considerati come inutili eccessi. EmblematicheinquestosensosonoleraccomandazionidipadreWilliamStolzman, nellasuaoperaComepartecipareallecerimonieLakota:
importante per un principiante essere preparato contro atteggiamenti negativi piuttostofrequenti.Giovani,energiciseguacidiparticolari medicinemen,eperfinoalcuni stessimedicinemen,sonocosconcentratisusestessichedicono:Ilmioritualelunico vero.Ilsuoritualediverso.Quindi,eglisbaglia!Questepersonesannochesonoglispiriti iveridesignatoridellareligioneLakota,madimenticanocheglispiritisonoliberididirigere personedifferentiafarecoseinmanieredifferenti.Acausadelleesigenzetotalizzantidel fervorereligioso,facilediventaredogmaticiedassolutisticicircalequestionispirituali. Poichsonoglispiriticolorochespecificanoilgiustomodo,laprincipaledomandadafarea questepersone:Percasolaltrapersonastafacendotuttonelmodoincuiglispiritihanno dettoaluisoltantodifarlo?31.

Questa indeterminatezza, questa fluidit culturale totalmente disancorata da qualsiasi osservanza di protocolli esplicativocausali, come pure da qualsiasi sovrastrutturaculturalesocialmentecondivisaeimposta(nelcasodeilakotafaremmo meglio a dire proposta), ancora pi pronunciata negli indiani Pit River della California, che secondo Jaime De Angulo, che visse a lungo tra di loro, si troverebberoinunostadioassolutamenteprimitivo32.
31W.Stolzman,HowtotakepartinLakotaCeremonies,TipiPress,Chamberlain,SD,1986,Prefazione,pag.VII. 32LatribdeiPitRiverdellaCalifornianordorientale,dicuigliAdzumawiegliAtsugerappresentanoduegruppi locali,sonounpopoloestremamenteprimitivo.Inveritlacaratteristicapisalientedellaloroculturalassenzadi quasiognicosa:nientetotemismo,nienteorganizzazionesociale,osocietsegreteocerimoniereligiosediqualsiasi genere,osacerdozio,eneancheveritab.Unquadroditrattinegatividavveroimponente,insomma.Daunpuntodi vistamaterialelaloroculturaquasialtrettantospoglia:arcoefrecce,coltellodiossidiana,copertedipellidiconiglio, panieridimediaqualit,manientevasellame;vestiti,dinverno,deisemplicipezzidipellicciaavvoltielegatiintorno alcorpo,oppurecucitiassairozzamentesdaadattarsipiomenoalleforme:destate,nulla;nientetessitura,nessun senso della decorazione e nessuno sviluppo di qualsiasi tecnica artistica; niente agricoltura. Dinverno vivevano rinchiusiinenormicasecomunitarie,cheospitavanofinoadiecifamiglie,einestatescorrazzavanodiquaedil. Praticavanolacacciacollettiva,usandoilsistemadellebattuteedellefosse,piuttostochelacacciadipostaindividuale.

Laloroesperienzareligiosaintima,personale,individuale.Nonmaimodellata secondo una forma prescritta, e meno ancora in un rituale, quale che sia. Tutto questo sviluppoverrinunostadiopitardodellevoluzionedelsuperorganico.Maquestostadio estremamenteprimitivocaratterizzatodaestremaelasticite casualit [attenzione!:non causalit].Noncisonodueuominicheabbianoglistessisogni,eunodeicommentichesi odonopifrequentementesuunosciamano:Nonlhomaivistocurare,nonsocome lavori33.

Dunquepotremmoazzardarciasostenerechelasensazionediappagamento derivanteperdirlaconWittgenstein,dallaperfettaadesioneallagrammaticadel linguaggioinundeterminatogiocolinguisticonascedallanaturalezzadellostatus mentaleanterioreallavventodelprincipiodinoncontraddizionechehacondizionato tuttalevoluzionedellalogicanellastoriadellOccidente,naturalezzapreesistenteche Wittgensteinavevabenindividuato:


Wittgenstein sottolinea costantemente come l'idioma espressivo del rituale sia qualcosa non di strano e misterioso, ma di perfettamente naturale (il che, ripeto, non equivaleanaturalisticamentefondato),einquantotaleimmediatamentecomprensibileda tutti.Tantonaturale,epresentenell'intimodinoistessi,che,diceWittgenstein: potremmo
benissimoinventarcinoistessidelleusanze,esarebbeuncasoseinqualcheluogononsitrovasserodavvero. ValeadirecheilprincipiocheregolaquesteusanzemoltopiuniversalediquelchedichiaraFrazered presente nellanostraanima,tant'verochenoipotremmoescogitarci tuttequellepossibilit[...]Anzi,le spiegazioni di Frazer non sarebbero affatto spiegazioni se in ultima istanza non facessero appello a una tendenzainnoistessi.

Benchnonavesseroagricoltura,avevanosviluppatoaunaltogradoquellachepuesseredefinitaculturadelbastone dascavo.Ciimplicaunavastaconoscenzadiredicieduli,semieverdureselvatiche,nonchdeiluoghidovecrescono meglioesonopidolci;incheprecisoperiodosonomatureinognisingolospiazzoerbosoopendicedicollina,einfine dicomecuocereamezzoetrattare,aifinidellaloroconservazione,grandiquantitdiprovvisteperlinverno. Questipochielementisarannosufficientiadareallettoreunideadellavitadiquestagente.Sesideve definirequalcunocomeprimitivo,essilosono.Cfr.J.DeAngulo,Thebackgroundofreligiousfeelinginaprimitive tribe,citatoinRaccontiindiani,cit.pagg.231232. 33Ivi,pag.239.

Laconoscenzadellagrammaticadelrituale,dellesueregolegenerative,fapartedel corredodell'elementarmenteumano.WittgensteincitailcasodelfratellodiSchubertche, dopolamortedelmusicista,taglilepartitureinpiccoliframmentidipochebattuteche donagliallieviprediletti.Noicomprendiamoimmediatamentequestoattocomeattodi piet;ma,osservaWittgenstein,cisarebbesembratoaltrettantonaturalecomeattodipietil bruciarelepartiture,oppureilconservarleintatteeinaccessibili.C'unprincipioallabasedi tuttoquesto,anchesedifficileenunciarloneiterminidiunageneralizzazioneempirica.34

Questoprincipiocheineffabileechepotremmodefinireprincipiospirituale (maforseprincipiointuitivounadefinizionepipertinente),costituisceassieme allaltroprincipio,quellodiazioneistintivacitatonellesempiodelbambinochesi scontraecade,ilnessopreconcettualedicuiparlaFabioDeichestarebbeallabase dei giochi linguistici o almeno di quelli che non possibile descrivere con la grammaticadellinguaggioempiricologico.TaleprincipiocomefanotareFabio Deidifficilmenteenunciabileneiterminidiunageneralizzazioneempirica,se questadebbaoltretuttorispettareicrismidiunalogicatuttainternaalprincipiodi noncontraddizione.Seprovassimoadestendereilconcettodilogicaancheoltrele colonnedErcolesancitedalprincipiodinoncontraddizione,ciaccorgeremmoche certe azioni e certi principi, che classifichiamo come irrazionali o prelogici, ci svelerebberounalorosupremaluminosalogica:unalogicachepotremmodefinire esistenzialeospirituale. Anchequestotemasaroggettodiunapprofondimentonelprossimocapitolo. Peradessocibastitentaredicomprenderemegliolanaturaditaliprincipiineffabilie nonfacilmentedescrivibili.Sepensiamo,adesempioalcasodelfratellodiSchubert sopracitato,ciaccorgiamocheesisteunampiagammadisceltecheinnomedel principioineffabilewittgensteinianosarebberostatetutteegualmenteconsiderate legittimiattidipietanchenellanostrasocietsuperrazionale.Taleampiagammadi scelte va dalla conservazione degli spartiti del musicista alla loro completa
34F.Dei,Usanzesinistreeprofonde:Wittgenstein,Frazerelamagia,cit.,pag.8.

distruzione,passandoperqualsiasialtroattopossavenirciinmente.Eppurelatto dellaconservazioneequellodelladistruzionesonodueazionisituateesattamenteagli antipodidalpuntodivistadiunalogicacausalerazionale.Compossibile,allora, chenellanostrasocietrazionalesarebberolegittimicomunqueentrambigliatti,se consideratiallinternodellasferadegliattidipiet? Questariflessionecidladimensionedicomeesistaunalogicaquotidiana oltrequellarazionale,oltreilprincipiodinoncontraddizione,chesemplicementenon riusciamoavedereacausadellastrutturadelnostromododipensareechesecondo Wittgensteinpossiamocoglieresoltantoevitandocidipensare,nelsensodievitareun approccioesclusivamentecausaleallarealt. Effettivamente,nonutilizzandoquestotipodiapproccionellosservazionedi tantiaspettidelcerimonialenellaSunDancepressoilakota,siriesceapercepirne lintimaenudaessenza.Cisonodueepisodiinparticolarechepossonochiarirecosa intendo. IlprimoriguardalallestimentodellalberosacroduranteilTreeDay.Primadi esserepiantatoalcentrodelcerchio,lalberovienedecoratoconnastri,bandieree offerteditabacco.Leofferteditabaccosonoracchiuseallinternodipiccolissimi fagottidistoffacoloratalegatiinsiemeinunaspeciedirosarioindiano.Leofferte, comelebandiere,sonodisvariaticolori,tuttiallinternodellagammaprevistadal ritualeecioilnerodellovest,ilrossodelnord,ilgiallodellest,ilbiancodelsud,il blu delcielo e il verdedellaterra.Lebandiereeleofferteditabacco,preparate pazientementeneigiorniprecedentilaSunDance,sonoattaccateairamipialti. Alcune offerte di tabacco, assieme alle offerte di pelle (skin offers)35, vengono avvolteinveceattornoaltronco,chestatodipintoconvernicerossasacraed completamenteglabro,poichlacortecciastatarimossaedistribuitaallagenteegli eventuali piccoli ramoscelli sono stati tagliati. Limmagine di un uomo e di un
35Leoffertedipellehannolostessoaspettoesteriorediquelleditabacco.Allinternopercisonodeipezzettidipelle presidalbracciodicolorochehannovolutodonarlainsegnodidevozione.Loperazionediprelievovieneeseguita conunbisturidaunparticolareofficianteconquellincaricoprecisonellacerimonia.

bisonte, ritagliate nella pelle di bisonte, vengono attaccate alla diramazione dellalbero. Generalmente, entrambe le figure possiedono organi genitali di dimensioniabnormi.Lalorocompresenzahaloscopodiaccrescereilredpower.I lorosignificatihannoinnegabiliconnessioniconlafertiliteconlacaccia. Viene quindi la volta del fagotto sacro: anchesso viene appeso alla biforcazionedellalbero.Contieneutensili eoggetticheeranoindispensabili nella vitaquotidianadeiLakota,necessariacostruireepreservarelavita:ilwahintke(un attrezzoperconciarelepelli),ilcoltello,unpezzodi papa(carneseccadibisonte) conunafrecciaverniciatadirossoconficcatadentropersimboleggiarelafrecciache ha ucciso il bisonte, un punteruolo da donna per cucire, un palo da tenda per imbrigliarciilcavallo.Sempreallaltezzadellabiforcazione,vienequindilegatoun fascio di rami di ciliegio, perpendicolarmente rispetto allasse del tronco. un ennesimo simbolo di abbondanza. Secondo alcuni esso rappresenta anche il nido dellaquila,luccellocheportalepreghiereincieloodelThunderBird,ilmitico uccellodeltuonoilqualevaariposarsinellabiforcazionedellalbero. Ilsecondoepisodioriguardailgiornosuccessivo,cioilprimodeiquattro giornidiSunDanceveraepropria.Primadiiniziareladanzacunparticolare ritualedacompiere.Unapipavieneriempitacondeltabaccosacro,cheidentifica simbolicamentetuttelecosedelluniverso.Igraniditabaccosonoattentamentemessi inunaciotola.Laciotolastessa,cherappresentailcentrodelmondo,vienemessaa contattoconlalberosacro,cheanchessorappresentauncentro.Aquelpuntolapipa vienepresaeimpugnatadallaDonnaBisonteBianco36 chelaoffreaiPoteri(nord, est, sud, ovest, cielo e terra). Dopo tale procedimento la danza pu finalmente iniziare.

36LaDonnaBisonteBiancoopermegliodirelaDonnaVitellodiBisonteBianco(WhiteBuffaloCalfWoman)un personaggio molto importante della mitologia lakota, che nelle cerimonie viene in genere interpretato da signore anziane.

Idueepisodiappenacitatimisonosembratisignificativiperchinentrambi chiamataincausalazionedelmettereacontatto,cheanchequellachiamatain causa da Frazer quando parla della magia omeopatica, che secondo lui avrebbe origininelpensierocausale,comesappiamo.Nelprimodeidueepisodiilcontattoin questione quello tra lincredibile serie di oggetti simbolici preparati nei giorni precedentielaparteaereadellalberosacro;nelsecondocasoquellotralaciotola riempita dei grani di tabacco e la base dello stesso albero sacro. Lessenza, il significatoprofondodiquesticomportamentidelmettereacontatto,ocomunque granpartediquestolorosignificato,evidente,sitrovaracchiusoinquelprincipio ineffabiledifficilmenteenunciabileinterminidigeneralizzazioniempiriche,dicui parlaFabioDei.Vogliodirechepurammettendocheunapartedeisignificatidi questomettereacontattopossanoesserestatiindotti,comesostieneFrazer,dal principiomentaledicausazioneepiprecisamentedaquellodicontiguitsottesoalla suaconcezionedimagiaomeopaticaquestaparteunaparteinfinitesimale.Dalla semplice lettura dei passi sopra descritti, in cui lassiduit, la convinzione e linsistenzadiqueicomportamentisimostradasola,ginaturalmenteevidentea qualunque lettore che la centralit del loro significato, il succo del discorso, indubbiamente non risiede nel principio omeopatico frazeriano eventualmente riscontrabileinunaqualchemisurainqueicomportamenti. Ad esempio, entrare virtualmente in contatto con la persona amata baciandonelimmagine,nonpoggiasunessunacredenzachetaleattoabbiauneffetto sullapersonarappresentatanellimmagine.Agiamocoseci sentiamosoddisfatti, non c altro da spiegare. C sicuramente un principio alla base di questa soddisfazione,manonfacilmentespiegabile,comedetto,esicuramentenonloin baseallalogicacausaeffettodellarazionalit. Lambitodiquestoprincipioineffabilechecisiamoazzardatiachiamare principiointuitivo,caratterizzatodaitrattiedallesfumaturetuttedascoprirediuna logicaoltrelacontraddizione,semmai,puesserecontemplatopermezzodiuna

corretta descrizione e di una corretta composizione linguistica, come consiglia Wittgenstein.Tuttavia,amioavvisocisarebbeilmodononsolodicontemplarlo,ma addiritturadiintrodurvisiediesplorarlo.Questaesplorazionenonpuavvenireper mezzodellaragione,comeabbiamoappurato,mapermezzodiunaltrafunzione dellamente:lintuizione. Vedremo addirittura nel prossimo capitolo come paradossalmente, in una visionedelmondocaratterizzatadallalogicaoltrelacontraddizione,ladifferenza traintuizioneeragionesiassottiglisinoascomparireeidueterminisivadanoa sovrapporrefinoacoincidere.Potremmoaccorgercidicomeaddiritturasiasuperflua ladistinzionedeidueterminiutilizzataperidentificareleduediversefacoltmentali. Ciolaloroclassificazionelinguistica(intesonelsensodicreazionediduetermini diversinelvocabolario,associatiaduediversisignificati)forsesiresanecessaria soltantonelmomentostoricoincuilalogicaoltrelacontraddizionesiristretta allalogicacausaledellatradizioneoccidentale.

LinfiltrazionedellOccidentenellavisionedeinativi

Inquestoparagrafo,chechiudequestosecondocapitolo,cioccuperemodiuna questioneforsemarginalerispettoagliargomentioggettodelpercorsoesplorativodel presentelavoro,machecomunqueandavaaffrontatapercompletarelobbiettivodi questocapitolocheeraquellodirispondereinmanierailpipossibileesaustivaalla domandasucomeipopolinativivedonoilmondo.

1.La sovrapposizione terminologica.

Abbiamo osservato che le categorie concettuali appartenenti ai particolari giochilinguisticicheriguardanoinativi,sonoavoltedidifficilecomprensioneper noi.Ladifficoltsituataproprioneimeccanismisoggiacentiallinguaggioenella nontotalecapacitdiesprimere,conlaterminologiadiunadeterminatacultura,dei significatiespressidallinguaggiodialtreculture,cosachedimostralasserzionedi Wittgenstein secondo cui la grammatica di un linguaggio non pu dipendere da unontologiaextralinguistica,maessastessaesprimeunontologia.Esistonoquindi dellescollatureneltentativoagitodallinguaggiodellaculturatraduttricediaderire perfettamenteallinguaggiodellaculturatradotta.Intaliscollaturesiannidanoalcuni concetti veicolati da specifici termini/fonemi della lingua tradotta che non sono commensurabili alla lingua traduttrice: quindi esiste comunque una certa dose di incommensurabilittraduedifferentilingueoalmenoindeterminatiambitidiqueste. Quantopileculturesonolontanetraloro,tantopiquestaincommensurabilitsar accentuata. Insostanzaesistonodellezonedombra,incuivilimpossibilitdi tradurre nei termini della lingua del traduttore. Queste bolle daria linguistiche dovrebberoesserecolmate,importandocoscom,iltermineoriginalenellaltra linguaconilrelativofonema,lasciandonesedimentareemetabolizzareilsignificato nelvocabolariodeltraduttoreinmanieragraduale. Tale questione, lungi dallessere una semplice speculazione filologica o linguistica, fondamentale per la preservazione dei significati originari delle minoranzeetnicheeperevitarelaperditadapartediquellestesseminoranzedella propria visione di mondo originaria, della propria forma mentis, del proprio approcciocognitivoalreale. Lastoriadellatraduzioneininglesedegliidiomideinativiamericani,lingue caratterizzatedallamusicalitdeifonemiedallapoesiadeiconcettiespressi,la cronaca di una continua banalizzazione e distorsione dei significati originali. La terminologia indiana originaria stata mantenuta soltanto nelle indicazioni geografiche(nomidellecittispiratialprecedentenomeindianodelluogoincui

sorsero,nomideifiumi,deimonti,ecc.),mentretantissimiconcettiesfumaturedella loroculturarischianodiperdersidefinitivamente. Per esempio, nella societ lakota esisteva una figura sociale denominata itancan (sipronuncia:eethanchun,conlannasale).Ipotizzandounoschema cherappresentigraficamentelastrutturasociale,eglisarebbeposizionatoaldisotto delrestodellacomunit.SecondolaconcezioneLakota,litancan appartenevaalla gente.Eglidavavoceaidesideriealleintenzionidellasuacomunitenonstabiliva affattocosadovesseonondovessefarelasuagente.Egliavevadelledotinaturalidi leadershipedovevadimostrarleprimachechiunquepotessedecidersiaseguirlo.Le particolariabilitchedimostravadipossedere,lorendevanoindicatoagestirealcune situazioni,maquandoquellesueparticolariabilitnoneranopirichieste,rientrava neiranghietornavaadessereunocometuttiglialtri. Iltermineitancan,delqualehopreferitovolutamentenonrivelarefinoadora latraduzioneininglese,futradottoconiltermine chief,ciocapo.Comeabbiamo visto,questatraduzioneimpropria.Probabilmentesarebbestatopigiustoinglobare ilterminelakotacoscomeranelvocabolarioinglese,proprioperchsimilivocaboli dimostranocomespessoisignificatinonsonosempretraducibilidaunalinguaad unaltra. Come detto, la questione si estende al di l di una mera disquisizione linguisticaevaadinteressaremoltoinprofonditimeccanismidiscambioosmotico spessoinvisibilieicontagichecaratterizzanolevoluzionediculturedifferentiche entranoincontattolunaconlaltra.Laculturaeuropeanonavevadimestichezzacon lafiguradellitancan,emersadallagenesidiunaculturacoslontanacomequella lakota,eilmalintesofupraticamenteimpossibiledaevitare.Lafiguraeuropeadel chief,delleader,eraperesattamenteinversaallidealakotadi itancan:illeader stavaalverticedellapiramidesocialeederacasomaiilrestodellacollettivitche dovevastarealsuoservizioeasuadisposizione.Lasovrapposizionelinguisticadel termine chief, dunque, non consistita soltanto in un semplice cambiamento del fonemacolqualecisicominciariferirealsignificatosemanticoprecedentemente

veicolatodalfonemalakotaitancan,mafinpercambiaregradualmentequellostesso significatosemantico.Ovviamente,lasovrapposizioneterminologicanonfulunica responsabilediquestocambiamentodisignificatoedinfluironoanchealtrifattori, quali la sedentariet forzata nelle riserve e il conseguente abbandono di alcuni caratteri fondamentali del modo di vivere lakota, che provocarono ripercussioni anche sugli aspetti prettamente culturali e sui meccanismi di autodefinizione identitaria.Ilrisultatocheogginelleriservelakotanonesistonopiitancancome ToroSedutooNuvolaRossa,maesistonosolochiefs,figureciocheassomigliano semprepiallafiguradelleaderoccidentale(manonsolooccidentale),ilqualedopo avercompiutolasuascalatasocialeputranquillamenteinfischiarsenedeiproblemi dellapropriagente,laqualeanzitenutaarivolgereunaossequiosavenerazionea talipersonaggi.Lascomparsadeltermineitancancio,hadeterminatoletteralmente lascomparsadellafigurasocialechequeltermineidentificava. Altriesempiditraduzionidistorteriguardanoinomidellecerimonielakota.La SunDancedicuiabbiamoparlato,inlakotaerachiamataWiwanyapiWachipioWi wanyang wacipi, che tradotto letteralmente significa Fissano il sole o anche Fissandoilsole,danzano37enoncertoDanzadelsole. LacerimoniadellaVisionQuest(iningleseletteralmenteRicercadivisione) era chiamata hamblecheya o hamblecheyapi che in lakota significa Piangere nelloscuritoanchePiangereperunavisionenelloscurit,terminecheriescea

37 Ilfattocheunostessoterminepossaesseretrascrittoinduemodidiversi WiwanyapiWachipi o Wiwanyang wacipiderivadaldiversometododitrascrivereisuonidapartedichitraduce,essendoilLakotaunalinguaorale.

descrivere bene lo stato danimo di colui che pratica la hamblecheya38, ben pi poeticoedesaustivodiquelloinglese. Sulmalinteso riguardantelatraduzionedelterminelakota WakanTanka in Grande Spirito, abbiamo gi parlato allinizio di questo capitolo. Tuttavia non guaster sapere che un termine alternativo a Wakan Tanka Tunkashila, che letteralmente significa nonno. In questo caso ovviamente Tunkashila sta per Grandepadre,cioavoancestraleacuivannorivolteleinvocazionielepreghiere. Duranteuncolloquionellagostodel2004,CalvinJumpingBull,pronipotediToro Seduto,insegnanteecofondatoredellOglalaLakotaCollege,miconfidchenei tempiandati(siriferivaquindiallafinedel800,inizidel900probabilmente),il termine prevalentemente utilizzato non era Tunkashila o Wakan Tanka come oggigiorno,ma Takuskanskan,unconcettodellaspiritualitindianatraducibilecon CichemuoveoconCichefaschetuttelecosesimuovano. ArthurAmiotte,artistaLakotaeprofondoconoscitoredelletradizionidelsuo popolo,descrivendoil nagila,unadellequattroanimechecompongonolapersona secondolapsicologiaLakota,ciaiutaachiariremeglioilconcettodiTakuskanskan:

La terza anima, il nagila, il piccolo fantasma, un approccio al concetto di Takuskanskan, CiCheMuove, o CiCheFaSCheTutteLeCoseSiMuovano. 38Lahamblecheyalaricercadiunavisioneilcuiscopoquellodistabilireuncontattoconsapevoleconilmondo
spirituale.Peragevolarealmassimoquestocontatto,coluichecercalavisionevieneaccompagnatosullasommitdi unacollinadaunosciamano.Lvengonoeffettuatiipreparativiperilsitodellacerimonia.Essovienedelimitatoda alcunipalilegatilunoallaltrodatrecceditabaccooffertedalricercatoredivisioneedabandierinecolorateconi colori sacri delle sei direzioni. Dopo aver approntato il sito, il candidato scende la collina ed esegue il rito di purificazione dellinipi (sauna purificatrice). A quel punto pronto per la prova. Accompagnato dallo sciamano nuovamentesullasommitdellacollina,entranellospazioprecedentementedelimitato,conlasuapipapreparatadal medicinemanchenelfrattempointonalesuecanzonipropiziatorieelesuepreghiere.Alloccasionepotrebbeessere portato allinterno dello spazio delimitato anche un teschio di bisonte. Lo sciamano ridiscende quindi la collina, lasciandoilricercatoredivisionecompletamentesolo.Eglirimaneintotalesolitudineperalcunigiorni,digiunandoe pregandonellamanieracaratteristicadellavisionquest:inpiediconlebracciaaperte,avoltecolteschiodibisontenelle mani.Egliaspettadiavereunmessaggiodalmondodeglispiritiattraversounsegnaledellanaturacircostante: un particolareeventoatmosfericoomagariunapparizioneimprovvisadianimali.Quandolavisioneounostranosogno finalmentesimanifestano,ilcandidatodiscendelacollinaeneriferisceilcontenutoallosciamano,ilqualeneinterpreta il significato assieme al ricercatore di visione in un secondo rito purificatorio nella sweat lodge (capanna dessudazione),conilqualesiconcludelacerimonia.

Inerente a questo concetto c la visione di un intero universo infuso con una forza di movimento.PossiamopensareaTakuskanskancomeacichefascheilsolesplenda,le stelleluccichino,laterrasimuova[],lalucedelsoleraggiungalaterra,lacquapenetrila terra,ilsemeiniziarigenerarsidentrodisperfarvenirelavita.Takuskanskan[]ci chefaschetuttelecosesianoinmotoesianovive.IlNagila,inqualchemodo,quella partediTakuskanskancheinognunodinoi.SecunapreghierainLakotacheesprime adeguatamentetuttoquesto,pensochesiaMitakuyeoyasin,chesignificaSonocorrelato contuttelecose,Tuttiimieiparenti,oSonoinrelazionecontuttociche.Sesi considerachecondividiamolacomuneenergiadiTakuskanskan,ovviamente,noisiamo collegatialtutto.ILakotanonlodimenticanomai39.

Takuskanskan sembradunqueunterminecheveicolapiomenolostesso significatocheavevamoriscontratonelconcettodi wakan edi WakanTanka,ma evidentementerappresentapispecificamentelaccezionedienergiafisica,diforza vitale, piuttosto che gli altri cosignificati dei suddetti due termini. Quello che interessantenotarecheoltrea itancan,ancheiltermine Takuskanskan staquasi scomparendo,econlui,laccezioneenergeticaefluidacheveicolava.Tuttoquestoha provocatoiltramontodellaccezioneenergeticaancheneltermineaffine Wakan Tankacheinvecevieneancorautilizzatooggigiorno,machelasciatosolo,percos dire,dallascomparsadeltermineTakuskanskanstasubendounacontaminazionee unprocessodisovrapposizionetendenteadunadefinitivaidentificazionecoltermine Tunkashila,ilcuisempremaggiorutilizzounachiaratestimonianzadellinfluenza della concezione religiosa occidentale, caratterizzata dalla figura di una divinit trascendenteeantropomorfainrapportodialogicoeasimmetricocolcreato. Riflettendo attentamente su questa testimonianza, ci si rende conto che i risultatidellestessericercheantropologichesonotuttiinfluenzatidaitempiincui
39A.Amiotte,TheLakotaSunDanceHistoricalandContemporaryPerspectives,inR.J.DeMallieD.R.Parks (acuradi),SiouxIndianReligion,UniversityofOklahomaPress,Norman,1988,pagg.8788.

lantropologia storicamente intervenuta con le sue ricerche sul campo, essendo riuscitaomenoaraccogliereasecondadiquandosisonosvoltestoricamentele testimonianzeeidocumentietnograficiprecedentilacancellazioneprogressivadei significatioriginaripressoleminoranzeetnicheinseguitoallinfiltrazioneosmotica delleculturecosiddettedominanti.Senonfossestatoperlaconfidenzaraccolta dalla viva voce di Calvin Jumping Bull, probabilmente avremmo inferito altre conclusionirispettoquellecheilconosceretaletestimonianzacipuportareafare. Ildubbiocheleconclusionidegliantropologipossanoessereinfluenzatedaun inquinamentodelleprovesullascenadeldelittopercosdire,ciodalfattochela condizionepuraeoriginariadiunacertapopolazionenativapossaesserestata giperturbataecambiatadalprecedentecontattoconlaculturaoccidentaleprima dellarrivodeidetectiveantropologi,rimanealto40.undubbioadesempiochein unaltrocontestogeograficosiponelegittimamentelantropologaAliceBellagamba quandosiinterrogasulleinterpretazionioriginariedellastregoneriadapartedegli africani.
anchevero,tuttavia,cheilsovrapporsidiunaterminologiaeuropeaaquestotipodi concezioni [magiche], il ricorso sempre pi frequente a termini come witchcraft (stregoneria) e sorcery (fattucchieria) nellAfrica anglofona, o sorcellerie in quella francofona, entrati nelluso grazie allopera di missionari e funzionari coloniali, ha progressivamente oscurato quanto di positivo cera nelle interpretazioni africane della stregoneria:connotatenegativamente,questeparoleevocanounmondopopolatodasoggetti inlottafralorochenelraggiungimentodeilorofininonesitanodifronteanulla41. 40Forseancheoziosoporsiinunasimileprospettiva.Sipurischiareintalmododiidealizzarelostadioculturalein
cui una determinata popolazione nativa si trovava prima della primissima contaminazione con luomobianco e considerarequellafasecomepiautenticadiquellasuccessiva.Maqualilgradodiquestaautenticit?Nonsiamoin gradodisaperloperch nonsiamoingradodiconosceresestoricamente cenesianostatedipiautentiche in precedenza.Comeabbiamoavutomododiosservare,unaculturanonunentitrigidastabilitapersempre,mail risultatodiunacontinuareciprocacontaminazioneosmoticaconlealtre,perennementeinmovimentoeinevoluzione. Soltantoqualcheintransigentexenofoboefondamentalistapupensareilcontrario(conidisastrosirisultatichelastoria hapivoltepurtroppotestimoniato). 41ABellagamba,Ilritoeiprocessidimodernizzazione.LastregonerianellAfricapostcoloniale,inP.Scarduelli(a curadi),AntropologiadelritoInterpretazioniespiegazioni,cit.,pag.120.

2.I meccanismi dellinfiltrazione dellOccidente e della ridefinizione identitaria dei popoli nativi.
Sarinteressante,infine,tentaredirifletteresulmeccanismograziealquale questa infiltrazione dellOccidente si verificata. Per farlo occorre lasciare momentaneamentelambitostrettamentelinguisticoeterminologicodicuicisiamo occupatierivolgerciadunpiampioambitoculturale,socialeestorico. Nel primo capitolo, a proposito della tautologia sottesa alla cognizione del reale,allavisionedelmondoeallavisionedellAltro,congenitaquindiallostesso atto di vivere unidentit culturale e di appartenervi, avevamo osservato come lOccidenteinparticolarefosseunadelleculturemenoconsapevolidellesistenzadi questatautologiaedunqueunadellemenoconsapevolidellapossibilitdiqualcosaal difuoridisstessa.42 Latteggiamento etnocentrico e aggressivo che ne storicamente scaturito, manifestatosiattraversolaperpetrazionediattivotaticostantementeallaprepotenza, allosfruttamentoeallasopraffazioneneiconfrontidellAltro,hannogeneratonelle altre culture un effetto specchio, se cos possiamo esprimerci. Essehannocio reagito in maniera speculare, demonizzando lOccidente, identificandolo nel loro immaginariocomeuncontenitorediconnotatiesclusivamentenegativi.Eclatanteil casodelmondoislamico,maanchenelcasodeipopolinativilareazionenonstata meno intensa. Mi riferisco ai cosiddetti miti e culti di liberazione, che hanno caratterizzato in tutte le aree del pianeta la disperata reazione dei popoli nativi allOccidente,maforseinunaprospettivastoricisticasarebbepicorrettoparlare
4 42

Vedi pag.16.Avendo espulsofuori TuttoilrestonelladimensionedialogicadellAltro,nonriesce a comprenderlo se non quale specchio (distorto) di s stesso al quale attribuisce le proprie negativit rimosse. LOccidentesoffrediunanevrosidellAltro:pinehaunbisognodisperatoepifanaticamenteloallontanadas.

direazioneallamoderniteallasuadisumanizzante,despiritualizzanteedisgregante essenza,dicuilOccidentestatoecontinuaadessereilpiomenoconsapevole agentepropagatore. Uncultodiliberazioneabbastanzafamosodalpuntodivistaletterario(anche sesicuramentetroppoenfatizzatorispettoallasuaduratatemporaleeallesuereali conseguenze culturali), fu ad esempio la celeberrima Ghost Dance (Danza degli Spettri)tragliindianiamericani,cheeradiventatamoltopopolareallapprossimarsi dellafinedelleGuerreIndiane,quandolecondizionidellebandeancoralibereerano ormaidisperate.LaprofeziadiWovoka,ilMessiaPaiute,coluicheavevaricevutola visionedellaGhostDanceinunatranceduranteleclissisolaredel1889,sosteneva che chiunque avesse praticato questa danza si sarebbe salvato da un cataclisma universale cheavrebbespazzato vialuomobiancodallafacciadellaterra,eche chiunque avesse indossato le Camicie degli Spettri, dipinte con simboli magici, sarebbestato invulnerabile allepallottole.Unavoltascomparsoluomobianco,il mondosisarebbetrasformatoinunaspeciediparadisoterrestre,riccodiognigenere dibenessere(ovviamentebenesseresecondolaconcezioneindianadeltermine), quindi un mondo ricco di selvaggina in cui si sarebbe ricostituita larmonia tra luomoelanatura.Ilmovimentofuconnotatodaunforteaccentomillenaristico,in cuilapercezionedellapocalisse,chedasempreilprodottoculturaleincuiluomo esprimelasuaribellioneneiconfrontidellaStoria,fumoltonitida.Iseguacidella GhostDanceeranofermamenteconvintidellaprofeziadiWovokaeillorofervore nelpraticarelesueindicazionieratale,chemoltideipartecipantidanzavanofinoa svenire43. Tale fermento spirituale preoccup e innervos molto le autorit
43EccounbranodelleindicazionidiWovokasullaGhostDance:Tuttigliindianidevonodanzare,dovunquedevono continuareadanzare.Frapoco,laprossimaprimavera,vieneilGrandeSpirito.Egliriportertuttalaselvagginadiogni genere.Laselvagginasarabbondantedovunque.Tuttigliindianimortiritornerannoevivrannodinuovo.Sarannotutti forticomeigiovani,esarannodinuovogiovani.IlVecchioIndianoCiecovedrdinuovoediventergiovaneevivr bene.QuandoilGrandeSpiritoarriverinquestomondo,alloratuttigliindianiandrannosullemontagne,inalto, lontanodaibianchi.Ibianchinonpotrannoalloraferiregliindiani.Poi,mentregliindianisalirannoinalto,verruna grandeinondazioneetuttiibianchimorirannoannegati.Dopodicheleacquesiritireranno,epoisologliindianisi incontrerannodovunque,evisarinabbondanzaselvagginadiognigenere.Poilosciamanodiragliindianidipassare parolaatuttigliindianidicontinuareadanzare,everrannoitempibuoni.

statunitensi,perlequalilatmosferadieccitazionecheserpeggiavatragliindianiera incomprensibile.LaGhostDancefincosperaccendereunescalationditensione checulminconlassassiniodiToroSedutoil15dicembredel1890epocodopo, conilfamigeratomassacrodiWoundedKneeavvenutoil30dicembredellostesso anno,cheposestoricamentefinealleguerreindiane. Il fatto interessante che la Ghost Dance costitu un inconsapevole e rivoluzionario cambiamento culturale, poich essa fu una delle prime forme di reazione globale panindiana. La nascita di una nuova coscienza panindiana, utopiaauspicatainprecedenzasoltantodallelungimirantifigurepolitichediPontiac degliOttawaediTecumsehdegliShawnees,erastoricamentesemprefallita44.La GhostDanceinvecerappresentuneventosorprendenteproprioperlavelocitcon cuisidiffuseelaccoglienzatrasversalechericevettepressounamoltitudinedi nazioniindianeanchemoltodiversetraloropercostumietradizioni.Wovokainfatti, eraun Paiute,nazioneindianadelsudovestdeditaessenzialmenteallattivitdella pescapressoilaghiPyramideWalker(Nevada).EppurelasuaDanzadegliSpettrisi diffuse tra decine di etnie diverse conlavelocitdel fuocochesi propaga nella prateriainunagiornataventosa.Nellautunnodel1890,neancheunannodopola visione di Wovoka, era praticata presso i Sioux Lakota nelle riserve Dakota di CheyenneRiver,Rosebud,PineRidgeeStandingRock. Limpatto con la soverchiante potenza tecnicoorganizzativa dellOccidente (rappresentato dagli U.S.A. in questo caso), dopo aver sconvolto gli assetti tradizionalidellenazioninativeamericane,provocunalororidefinizioneidentitaria cheiniziandoconfenomenispontaneicomelaGhostDance,proseguinmaniera sotterraneapertuttoilXXsecolofinoagiungerenellasecondametdeglianni60 alla nascita di movimenti politici rivendicativi a carattere panindiano come lAmerican Indian Movement (A.I.M.). Tutto ci, parallelamente ad eventi prettamentestoriciepoliticicomeilconfinamentonelleriserve,leducazionecoatta
44 La mancanza di un approccio politico panindiano fu la causa principale oltre lampio divario numerico e tecnologicodellinsuccessodellaresistenzaindianaallapenetrazionedelluomobianco.

nelle scuole statunitensi e lassistenzialismo di cui oggi vive la stragrande maggioranzadeinativiamericani,haprovocatosvariaticambiamentinellalorovita sociale.Mahaprovocatoancheuncambiamentodellalorovisionedelmondo,poich pur reagendo allOccidente attraverso un orgoglioso ritorno alle origini, hanno involontariamente inglobato nella propria ridefinizione identitaria lidea dellOccidente,lasuaombra.CunasortadiinvisibilepresenzadellOccidentegi attivadentroinuovi frames cognitividegliinconsapevolinativiamericani,gisolo perilfattodiesserequellenormeedimmensaentitconcuilaloronuovaidentit costrettaarelazionarsiquotidianamente. Simileeparalleloaquestoeffettospecchio,anchesepercertiversisene collocaagliantipodi,quellochepotremmodefinireleffettoclessidra,cioquello riguardante la progressiva scomparsadei termini linguisticinativi dicui abbiamo parlato allinizio di questo paragrafo. Il significato semantico inglese, infatti, ha cominciatoaprenderecampogradualmente,riversandosigranellodopogranellosu quellooriginario,inunasortadieffettoclessidra,appunto. LinfiltrazionedellOccidenteinattodunqueattraversoquesteduemodalit: conleffettospecchio,lareazionecoscienteeimmediatadirigettooperata dai nativi cela lintroiezioneelametabolizzazioneinconscia dellimmagine rigettata, conleffettoclessidra,attraversounosmosigraduale,sistaverificandouna progressiva cancellazione dellontologia dei nativi attraverso la sovrapposizione e la sostituzione dei loro significati linguistici con nuovi terminicheesprimonoinvecelontologiaoccidentale,cheviceversadaparte suanonrisultaquasipernullainfluenzatadaquellanativa. Questo dunque il quadro che esprime in maniera probabilmente pi pertinenteedesaurientelattualevisionedelmondodeipopolinativi.Ilprossimo capitolo non tratter tuttavia questa visione. In esso cercheremo di illustrare un

modellocognitivodelmondocheraccolgalessenzaprofondaeitrattifondamentali delparadigmadeipopolinativicoscomeloabbiamoconosciutoinquestocapitolo, pichepretenderediparlarediunontologiarealmenteesistitadaunpuntodivista storico.Lavisionedelmondocheipotizzeremoedesploreremosarciounasortadi idealtipoweberiano,unmodellosperimentaledalaboratorioincuiavrannovoce ledomande,leidee,leintuizionielerispostecheidocumentieletestimonianze raccoltehannofattonasceredentrodinoi.

Capitolo 3
Dalla parte dellimpossibile
Theoldhorseplayer
hewearsthesamepants thesamecoat thesameshoes dayafterday. hisshirttailhangsout. hisshoesareunlaced. ishairiswhiteand uncombed. heisbalding. hewatcheseachrace withoutemotion. heishookedonnothingbut animpossibility heissotired. theoldhorseplayer.

theskies,themountains, hewalksslowlytomakehis music,nothingmattersto bets,then him walksslowlybacktohis seat. heshookedonanimpossibility.45

CharlesBukowski

Unsaltonellimpossibile.

1.La ricongiunzione tra visione occidentale e visione dei popoli nativi


Nelprecedentecapitolo,apropositodelwakan,abbiamoasserito: PROPOSIZIONEN.1 Ilwakanintutto.

45C.Bukowski,Ilvecchiogiocatoredicavalli:haaddossoglistessipantalonilostessocappottolestessescarpe

giornodopogiorno. glipenzolaillembodellacamicia. halescarpeslacciate,icapellibianchiespettinati. sta diventandocalvo.lentamentevaafarelesuescommesse,poilentamentetornaalsuoposto.guardaognicorsasenza emozione.siaggrappasoloaunacosacheimpossibile.cosstanco.ilvecchiogiocatoredicavalli.icieli,le montagne,lamusica,noncnullachegliimporti.luiaggrappatoallimpossibile.TrattodaSedutosulbordodel lettomifiniscounabirranelbuio,Minimumfax,Roma,2002,pagg.112115

Questa energia fluida dunque in tutto e tutto pervade. Soffermiamoci a riflettereunattimosullimmaginecheunataleproposizioneevocanellenostrementi. Diciamocheimmagineremmounaserieindefinitadioggettivari:varicorpi,vari individui,varianimaliepiante,variambientinaturalicomemontagneefiumi,ecc., Se volessimo estendere questa serie ai confini astronomici attualmente concepiti, potremmo semplicemente allargare questa serie di oggetti terrestri aggiungendo pianeti,comete,asteroidi,stelle:concettualmentelanostraimmaginementalenon cambierebbe.Tuttiquestielementisonopercorsidal wakan,questaenergia,questo qualcosa invirtdelqualedovremmosentircilegatilunoconlaltro,dovremmo provareuncertoqualsensodivagafratellanzaconglialtri,dicomuneappartenenza contuttoilmondo,comeinunasortadimetaforicovincolodisangue. Limmagine appena descritta una situazione ancora allinterno di unimpostazione strutturata secondo laformamentisoccidentaleedunqueancora abbastanza padroneggiabile mentalmente. Graficamente, potremmo disegnare la rappresentazione della situazione sopra menzionata, immaginando un immenso insiemedi oggetti messiunoafiancoallaltroinunaserieapparentementeinfinita, mainrealtesattamentepariaiterminiinventatidainostrilinguaggiedepositatinei nostrivocabolari.Probabilmentecomeoccidentalirappresenteremmoilwakancome unasortadicorrentedariachespiratraquestioggettiomeglioancoracomeuna correnteelettricachescorreinuninvisibilecircuitoeraggiungelevarielampadine del circuito elettrico, gli oggetti di cui sopra, esistenti gi in una loro essenza indipendenteedesistentigiproprioattraversoquestaloro essenza,consistentedi globodivetro,baseinmetalloavvitabileeresistenzaaltungstenoallinterno. Poniamoinbaseaquantoabbiamodettosoprachelarappresentazione stereotipatadelmondoedelrealediunoccidentalepossaessererappresentatanel seguentedisegno.

Un uomo

Un cane

Un alber o

Una pietra

Una volpe

Una sedia

Il vento

Un altro uomo

Il sole

Una casa

Un fiume

Un falco

Un mont e

Un altro alber

Una stella

Un fiore

Una giraff a

Una donn a

Aggiungendo il concetto di wakan cos come ce lo possiamo immaginare dallesplorazionepercorsafinoadora,ildisegnocambierebbeinquestomodo:

Un uomo

Un cane

Un alber o

Una pietra

Una volpe

Una sedia

Il vento

Un altro uomo

Il sole

Una casa

Un fiume

Un falco

Un mont e

Un altro alber

Una stella

Un fiore

Una giraff a

Una donn a

Ilwakanpervadefluidamentetuttoilmondocheciimmaginiamo:unmondo fattodioggetti,dicorpi,consistentidiunaloroessenzaspecifica. Ora proviamo ad indagare la proposizione n. 1. Allinizio eseguiamo un affinamentodellaproposizione,variandoneleggermentelaformamalasciandone ovviamenteintattoilsignificato. PROPOSIZIONEN.1 Cioinaltritermini,possiamodireche oanche Ilwakanintutto. Ilwakanpervadetutto Ilwakansimanifestaintutto

Lavverbiotutto,siainformasingolare(tuttalapersona,tuttalatorta),siain forma plurale (tutti gli uomini, tutte le citt) si rifiuta di enumerare le parti delloggettooglioggettialqualeriferitoefuggevelocissimamenteversouna

dimensionedicompletezza, versolimmaginementalediunaimmensa,totalee completainterezzacheincludeglioggettiacuiriferito. Questadimensionelipostasidellavverbiotutto,chepotremmorendere scrivendolo in maiuscolo: Tutto; nel senso de il Tutto, quindi nel senso di CosmoodiUniverso.Quinonclanecessitdiunarigorositterminologica,ma la necessit di evocare dentro ognuno di noi unimmagine mentale che ci sia familiare.IlTuttoolUniversooqualsiasialtroterminevabeneapattocheevochi innoilagiustaimmagine,potremmodirequasi,apattocheaccendaedillumini larchetipodellimmaginedellinteroUniversodentrodinoi. Inbaseaquantosuggerito,laproposizionen.1sipumodificareeleggere: PROPOSIZIONEN.2 IlwakanpervadeesimanifestanelTutto IlwakanpervadeesimanifestanellUniverso SiccomeilwakanintuttolUniversoesimanifestaintuttolUniverso, (potremmodirechesimanifestaattraversotuttolUniverso),siamoingradodi invertirelordinedellafraseedirechelUniversolamanifestazionedelwakan, edunquesubitodoporibaltareancheilsensodellastessafraseedirelUniversosi manifestacolwakan.CioselUniversolespressionedellamanifestazionedel wakan,lasuaepifania,alloraancheverolinverso,ciochelUniversoesistee manifestalasuaesistenzainvirtdelwakan,dunquesimanifestacolwakan. PROPOSIZIONEN.3 LUniversosimanifestacolwakan LUniversosimanifestagraziealwakandicuipervaso CdunqueunacorrispondenzatraUniversoewakan,anziunidentit. PROPOSIZIONEN.4 LUniversoilwakan

LUniversoeilwakancorrispondono:sonolastessacosa IlTuttoeilwakansonolastessacosa:corrispondono Del resto, oltre che dallanalisi linguistica appena operata, questa identit poteva emergere gi dal fatto di considerare lUniverso pervaso e dunque compostodiwakan,comeilmarecompostodiacquaedunquequellastessa acqua46. Questa, che sembra una banalit e che pu continuare tranquillamente ad essere considerata tale, in realt nasconde una grande rivoluzione. Gli incantamentidellinguaggiodiWittgensteinhannosceltoproprioinquestabanalit illuogoperil loroagguato,chedobbiamoammetteresiconclusocongrande successo. Infatti, tra la proposizione n. 2 e la proposizione n. 3 avviene il salto nellimpossibile.lchehaluogolarivoluzioneingradodisovvertirelanostra percezionedellarealt:lenfasielattenzionepostasulTuttoenonsuglioggetti chenoiriteniamolocomponganoochenoiriteniamoessocontenga. Pocosopraavevamoconvenutochelarappresentazioneoccidentaledelcosmo una visione corpuscolare di un insieme di oggetti, con una loro specifica essenza,chevieneloroconferitaperesclusivamenteesemplicementedalfattoche talioggettisonostatidainoinominati.Lavacuitelinconsistenzadiunessenza
46 EccochiaritaancoradipilidentittrawakaneWakanTankadicuiavevamoparlatonelsecondocapitolo.Ed eccoancorainattoleintraducibilittraduecultureinalcuniambitilinguisticielasplendidacapacitdellalinguadegli indianidamericadirendereconesaustivasemplicitconcetticosprofondi.davverodifficileriproporreinitalianoil lorosignificatoprofondoproprioacausadellanaturaopacadeiterminiedeifonemicheveicolanoconcettiche potremmoriteneresimiliecontiguiinitaliano.Laprofonditelacomprensionedelconcettotuttaresaalloradalla contemplazione contemporanea dei duetermini lakota: wakan e WakanTanka; wakan e Grandewakan, Immenso wakan. Initaliano(mapossiamotranquillamente estendere questatendenza atuttolOccidente) usiamoiltermine Universo, un contenitore di oggetti, quindi un oggetto che contiene oggetti, incommensurabile con la fluidit, la mutevolezza,lancestralevitalitespressadallappaiamentodi wakan e WakanTanka.Cichecirimanedafaresu questoversantealloramentregiocherelliamocoiguscivuotideinostriconcettitralemaniforsesemplicemente contemplareitermininativi,fissarliintensamente,concentrarsisullaloroessenza,magariprovarearecitarli,aripeterli dentrodinoicomeunmantra,comeunsermoneprivodisensorivoltoanoistessi,nellasperanzadipoterliungiorno trovarealnostrointerno,vederlisbucaredaunaqualcheprofonditdellanostraanimaesapereinquelmomentodi poterli vivere ed esperire, di averli compresi senza aver pensato a come fare per comprenderli. Quel giorno naturalmentepotrebbeessereancheoggi.

cosattribuitaciperfettamentechiaraeintelligibilesepensiamoadunamontagna. Quallessenza dellamontagna?Aquestarispostaqualsiasi occidentaleadulto risponderebbe:Nessuna.Lamontagnanondetienenessunaessenzaindipendente, nessunaindividualitontologica,poichinrealtsitrattasoltantodiunenorme ammassoditerra,sassiepietrecheacausadeimovimentiorogeneticidellacrosta terrestresiinnalzatarispettoallealtreareecircostanti,ugualmentecomposteda terra,sassiepietre.Parlaredimontagne,ditavoli,dicasecifaappariredunque questioggettidotatidiunaloroessenza,quandoinrealtnonlaposseggono.Ci avvieneperilfattocheillinguaggiosicomponedicontinuenominazionidici chelocchiovedenelmondocircostante.Lamentehabisognodiclassificareil materiale percepito e di organizzarlo per avere cognizione del mondo. Usare il terminecasacifaquasidimenticarecheessononaltrocheuninsiemedipareti, pavimenti,soffitti,conuntettosopra,chealorovoltasonouninsiemedimattoni, cemento,tegole,pietre.Lapietraasuavoltanonaltrocheunconglomeratodi cristalli di uno o pi minerali. Aver nominato il termine casa per, ha fatto improvvisamentenascereunentit,laCasa.Essa,soltantoperilfattodiesserestata individuatacome oggetto dallanostramente,dunquecreatacometermineacui associato un fonema e a cui viene attribuita la dignit di abitare il nostro vocabolario,assumerebbeunostatusontologicoperlastessamentechelhacreata, quasi comeseessapossedesse unasuaspecificaessenza, ciolacasalit.Lo stesso valeperlatavolinitdeltavolooperlamontagnitdellamontagna. Questoprocessomentaledisolidificazione,disostanzializzazionedeglioggetti facilmentedisinnescabileinsituazioniriguardantiglioggettiinsensostretto,nel sensodioggettiinanimati.Unavoltafattaquestaprimafacilericognizioneerisolto questoprimoproblema,potremmoaddiritturapermettercidiipotizzarecheanchein questocasosiainattodapartedelsoggettouncertotransfert dienergiapsichica nelloggetto,attraversoilprocessomentaledisostanzializzazionecheattribuisce

inmanieraimmotivata47unessenzaaglioggetti,chenonlahanno,quandoinrealt essaappartieneadaltrielementidelrealecheinvecelaposseggonoeccome! Il riferimento ovviamente agli esseri viventi e in particolare agli esseri umani. Esiste unessenza negli uomini, una specifica natura ontologica che si esprimenellidentitdellindividuo.AttraversolesperienzadiunIocosciente,di unEgo,ogniindividuosadiavereunasuaidentiteunasuapersonalit,anzisadi esserequellaidentit.Ilverboesserelanarrazioneasestessieaglialtridellatto stesso di vivere, di esistere, che avviene secondo una specifica modalit che lidentit,cioilsaperediessere(inuncertomodo).Unessereumanodunqueun essere concluso,completo,conchiusoins,conunasuaessenzainquestocaso sostanzialeenoneffimeracomenelcasodeglioggettiinanimatichelasua identit. Quindi, secondo questa prospettiva, potremmo legittimamente rappresentare graficamente gli individui come dei cerchi chiusi con una loro essenzaspecificaeciolaloroidentit. Larivoluzionedelmodellomentaledeipopolinativi,staproprionelfattoche essocifapresentechelecosepotrebberononstareesattamentecos. Il concetto fluido, mutevole ed energetico del wakan permette di spostare facilmentelaccentodallindividuoallatotalit,alTutto.Ciaccorgeremmoaquel punto,coscomeabbiamosvelatolavacuitdellessenzaattribuitalinguisticamente agli oggetti, che lidentit individuale essa stessa uninvenzione, una rappresentazione anchessa priva di sostanzialit. Lessenza conchiusa in cui dovrebbeontologicamenteconsisterelidentitindividuale,inrealtvuota. Ilconfinetraunindividuotuttocichelocirconda,infattiunpuroarbitrio mentale,cheunavoltaconsolidatosinellenostrementi,hafinitopercamuffarsiin unaveritontologica.Chistabilisceadesempioladifferenzaqualitativatracosun uomoecosunanimale,ciotracicheesprimonolelororispettiveesistenze?E
47 Probabilmentenonsbaglieremmonellavanzarequestaipotesi.Casidipsicopatologia,comeilfeticismo,stanno proprioadindicarciunaperditadicontrolloeunadisfunzioneabnormediquestafacoltmentaleattaanominaree dunqueacreareglioggettichepotremmodefinirecapacitdirappresentazionedelloggetto.

ammettendocomunquecheunadifferenzaqualitativapossastabilirsi(probabilmente nelfattocheluomopossiedeunacoscienzaelanimaleno),chidecidecheessa debbaanchecorrispondereadunadifferenzareale,ontologica?Nonlostabilisce(e delrestononpotrebbestabilirlo)nessuno(trannenoistessi).Potremmodescrivereun uomoeunorsoparlandoneneiterminidiorganismoviventepocopelosoedi organismo vivente peloso, nel qual caso riscontreremmo pi similitudini che differenzetraledueentit.giustificatalimmediataobiezionechesaltaallenostre mentiechegridaalloscandaloperunasimileaffermazione?Abenvederenonlo affatto. Pensiamo ad esempio agli sviluppi della genetica dopo la scoperta del D.N.A.,lacidodesossiribonucleicocheallabasedellacodificazionegeneticadella vita:sappiamocheunadeterminataspecieviventetaleperchladoppiaelicadel D.N.A.presentaunadeterminatasuccessionedeglielementichelacompongono.Se invertissimolordinedeglielementidiquellasuccessione,otterremosemplicemente unaltraspecievivente.Questosignificacheglielementidellevariesuccessionisono identiciequindilasostanzadifondodellavitaesattamentelastessa,comunea tuttigliesseriviventi.Questaoriginecomune,questacomuneappartenenzahauna naturaautopoietica:siaccendeedanimatadaunconnaturatoprincipiodinamico, mutevoleedanzante,infinito,chedisegnasincronieericorrenzedienergiaemateria, paraboleediperbolicaleidoscopichedipurosignificato,ecopulsantisempreugualia sstesseeppuresemprenuove,chefannosgorgarealtrevivificantiinfinitesincronie. Il wakan,maquichiamereiincausailpispecificotermineTakuskanskan,sembra essereilperfettointerfaccialinguisticodiquestaverit,anzipotremmodireforseche quellaveritespressalinguisticamente.Tuttociperfettamentecontemplatonella visionedeipopolinativi,tantochepossiamoesserecertiche,seciprendessimola brigadispiegareadunnativoilD.N.A.eleconsiderazionisucuiabbiamoappena riflettuto,questinonnerimarrebbeaffattosorpreso,poichilD.N.A.confermain pienolasuavisionedelmondo.Allalucediquantoabbiamoesposto,lavisionedel mondodeinativipuessererappresentataoltrechedalcerchio,anchedaunaspirale

odaunvortice48.Comeaccennatoalliniziodelsecondocapitolo,liconografiaela tradizionelakotasonoricchediriferimentialvortice.DuaneHollowHornBear,uno deiwichasawakan,ciodeileaderspiritualidellaHollowHornBearSunDanceche avevoavutomododiconoscerenelleriserve,visitlItalianel2002.Inoccasionedi una conferenza tenuta alluniversit di Urbino, parl dellalbero della Sun Dance come di un vero e proprio vortice. Il centro di questo vortice si trova nella biforcazione. Egli parl della necessaria simmetria che nella Sun Dance deve stabilirsitrailcieloelaterra,chesimanifestanellasimmetriatrailfasciodiramiche divergendodallabiforcazionesiprotendeversoilcieloeilfasciodellecordetesedei sundancers,chesiprotendonodallostessopuntoversolaterra.Labiforcazione,il centrodelvortice,allorailpuntodiseparazione,maallostessotempodicontatto, tracieloeterra:uncroceviapostoaiconfinidiquestidueuniversi,attraversoilquale si deve passare per raggiungere laltra parte. Non acaso nellabiforcazione sono attaccatetuttelefunideisundancers:essisonocosdirettamentecollegatiaquesto puntonevralgico,aquelcentroversocuituttoluniversosiammassa,risucchiatoe contemporaneamente espulso dal vortice, in una vertiginosa apoteosi. NelliconografialakotailvorticedellalberosacrodellaSunDancestilizzatonella seguentefigura:

Il vortice comunque un archetipo universale dellumanit e la sua rappresentazioneutilizzatainsvariateculture.Sequalunquepopolonativofossein


48LadoppiaelicadelD.N.A.nondelrestounaspirale?

gradodidipingereunacosasimileaquellachesegue,lautilizzerebbeprobabilmente perrappresentarelapropriavisionedelmondo:

CaraJane, alpostodiquestorettangoloceraunfrattale.Eundisegnoche escefuoriinbaseallosviluppodicertefunzionimatematiche comeprovoaspiegarenellerigheseguenti. Immaginaunvorticeilcuidisegnononunalinea,ma compostonelsuodisegnodavorticipipiccoliidentici,iquali sonoalorovoltasonocompostidaaltrivorticipipiccoliecos allinfinito. Eraunimmaginemoltobella,solocheilfileeratroppo pesante(26Megabyte!)enonriuscivoadinviartelo. Sperodiavertiresolidea. Ciao.

Questa immagine un frattale. In geometria gli oggetti che presentano la propriet di autosimilarit (o autosomiglianza) vengono definiti frattali. Lautosimilaritquellaproprietperlaqualeunapartedelloggettosimilealtutto. Essipossonoesserecostruitiseguendopreciseregoleditipomatematico.Laseguente definizionedellaprofessoressaLauraLolliinsegnantedimatematicaefisicapresso illiceoginnasioPontanoSansidiSpoleto,cheinseguitoadunacollaborazionecol Progetto Innovamatica dellUniversit degli studi di Perugia ha ideato il sito Frattali.it entra nellambito del principio matematico alla base dei cosiddetti frattaliI.F.S.:

ConsideriamouninsiemediNtrasformazionidelpianocartesiano:{T1 ,T2 ,T3 ,...,TN }edapplichiamoleallostessosottoinsiemeAdelpiano.Comerisultatootterremo unafamigliadiNsottoinsiemidelpianocartesiano{T1(A),T2(A),T3(A),...,TN(A )}.

SiaA1l'insiemeottenutocomeunionediquestisottoinsiemi.Applichiamodinuovo leNtrasformazioniall'insieme A 1 cosottenutoeconsideriamol'unionedegliNinsiemi immagine.ChiamiamoquestoinsiemeA2.AgiamonellostessomodosuA2eotteniamoA 3. Continuandoallostessomodo,otteniamounasuccessionediinsiemi{A1,A2,A3, ...}. Il problema che ci poniamo il seguente: continuando in questo modo, la successionediinsiemiconvergeraduninsiemeAoppureno?Convergereinquestocaso vuoldirechelasuccessionesistabilizzer,edauncertopuntoinpoinonnoteremopi cambiamentiapprezzabilinell'immaginesulloschermo.(Sitrattadiun'operazionedilimite.) SottocertecondizionilasuccessionediinsiemiconvergeraduninsiemelimiteF. QuestoinsiemelimiteFsidefiniscefrattale,anzifrattaleI.F.S.(IteratedFunctionSystem) ovvero"frattaleottenutoiterandouninsiemeditrasformazionidelpiano"49.

Liter di trasformazioni sopra riportato, ricalca in termini matematici il

principioallabasedellavisionedeipopolinativi:lafluidamutevolezzadel wakan, con le sue infinite trasformazioni; la correlazione, la reciproca appartenenza e laffinitdituttigliesseridelcosmo,doveilmicroeilmacrosiscopronosimilie addirittura identici (autosomiglianza); il principio autopoietico e vitale di Takuskanskan. Lasensazione chenederivaunasensazione oceanica,difluidaeinfinita possibilit di trasformazione, di libero mutamento, una sensazione che trova una esaustivarappresentazionevisivainunennesimafigura(potremmoforsedireinun ennesimoarchetipo):londa.Nonsbaglieremmodunquese,accantoalvorticeeal cerchio,rappresentassimoilmodellomentalenativocomeunoceano.

49L.Lolli,Unintroduzioneaifrattali,pubblicatosulsitoFrattali.itacuradiL.Lolli,ultimoaggiornamento:aprile 2003,paginaunica. <http://www.frattali.it/introduzioneaifrattali.htm>.

Per noi occidentali invece, lindeterminatezza, lindifferenziazione, larbitrarietmessaanudodaunsimilestatodicose,cifaapparireinunistantele nostreesistenzefragilissime,sottopostealcapricciodiunainsignificantemolecoladi D.N.A.laqualeseavesseinvertitolasequenzadeglielementichelacomponevano avrebbemagarifattodinoiuncavallo,anzichunuomo50.Nederivaunafragilite unevanescenzadellenostreidentitcheveramenteinammissibileagliocchidiuna tirannica volont dentro di noi, che si dimena pretendendo di difenderle strenuamente. Essa asserisce categoricamente: noi siamo ci che siamo! senza rendersicontodistardicendo:noisiamocicheriteniamodiessere. Lidentitvadifesafinoallamorte(eancheoltre,comedimostranoalcune formedifanatismoefondamentalismoreligioso):difenderlasignificanonmettere maiindiscussionelapropriaassiomaticavisionedelmondo,evitandoilpipossibile diporsidubbiedomandealriguardo,checondurrebberoallascopertachelaRealt,
50Tralaltro,questainversionesemprepossibilesecondolamentalitdialcunipopolinativicomeiPitRiver.

dipersestessa,unatautologiachecisiamoinventati,unillusioneincuivogliamo disperatamentecredere. La sensazione di realt reale che maschera la sua illusoriet e la sua arbitrariet, a mio avviso ben descritta dalla definizione di religione secondo CliffordGeertz,antropologoamericanochefondlascuolainterpretativista:

La religione [ma nel nostro caso mutuiamo il concetto e lo riferiamo alla realt tautologicamentecostruita,cioalsistemacognitivodiunacultura],unsistemadisimboli intesiastabilirenegliuominidisposizionidanimoemotivazioniforti,persuasiveedurevoli formulandoconcezionidellesistenzadiordinegeneraleedandoaquesteconcezioniunaura di tale concretezza che disposizioni danimo e motivazioni sembrano assolutamente realistiche51.

Cos la cognizione di realt della mente occidentale deve assolutamente continuareadessererappresentatadallinsiemedioggetticonchiusi,perfettamente isolati,stagliatiedelineaticheabbiamodisegnatoalliniziodelcapitolo.Unarealt cosideataedimmaginata,somigliamoltoadunacquarioincuiipescisonointal modoliberidimuoversi(diavereciocognizionedelreale),unacquariochedpunti diriferimentoecoordinatedisensoutiliaipesciaffinchessirafforzinolideadi esserePescienonmagariqualcosaltrocomeAcquariooppureOceanodacuistata presalacquaetuttoilrestodicidicuilacquariocomposto. Nellarealtdeinativi,invece,questairreversibilitnonmaiavvenuta,eil pesce sa di essere un pesce e proprio quello specifico pesce, ma sa anche che potrebbeessereunaltropesceoaddiritturatuttolAcquario,perchinqualchemodo sente diesserneparte.Lenfasinonpostaunilateralmenteeincondizionatamente sullindividuo.Lindividualitdiminuiscediintensit.Inativipercepisconodunque unEgomoltoattenuatoelatotalitpucosfarsispaziodentroloro.
51 C.Geertz, Interpretazionidiculture,1973,citatoinW.Burkert,Lacreazionedelsacro,Adelphi,Milano,2003, pag.21.

In Occidente, con la definitiva chiusura mentale a queste possibilit metamorfiche,abbiamosolidificatoilprincipiofluidoedindifferenziatodelwakanin dueparadigmidicotomiciarroccatiagliantipodichenonsonopiingradodiessere connessi,ndicomunicaredirettamente:unsoggettocheesperisceeunoggettoche esperito. Il residuo energetico ormai inutilizzabile della connessione originaria, dissoltasinelprocessostoricodiseparazionetrasoggettoeoggetto,potremmodire leceneriquasicompletamentespentediquellanticolegame,agisconotenuemente nel blandomeccanismo automaticodellasostanzializzazionesottesaalprocesso linguistico di oggettivazione concettuale, come appurato, oppure in maniera pi intensa nei casi di transfert vero e proprio, riferendoci sia ai transfert che normalmentesiverificanoinnatura(innamoramento,mitizzazionediunpersonaggio, desideriodiunparticolaregiocattolodapartediunbambino),siaaquellipatologici (feticismo). La tendenza del soggetto dunque quella di fuggire loriginaria indifferenziazioneoceanicaedidrenareedespellerefuoridaslapropriaoriginaria fluidit,lapropriapotenzialetrasformabilit,ilpropriostatodifusionenellatotalit. In tali condizioni infatti il soggetto sarebbe difficilmente identificabile poich discioltoefusoconlatotalit.Volgendolespalleallasuaorigineindifferenziata, decidendodiestraniarsidalflussocontinuoalqualeappartiene,solidificaintalmodo la propria struttura. Questo processo di prosciugamento avviene attraverso lutilizzo della funzione selettiva della razionalit e del principio lineare causa effetto, che riconoscono una coerenza e una legittimit ontologica soltanto a determinati processi, a determinati nessi psichici propedeutici alla solidificazione dellIoeallevasionedellarichiestadicertezzedellEgoriguardolapropriaesistenza. Lalegittimitelutilitdelrisultatodiquestoprocessofuoridiscussione:la coscienzadelrestolacaratteristicachecontraddistinguelhomosapiens52.
52 Lenfasipostafinorasullafluiditelindifferenziazionechecontraddistingueilmodellomentaledei nativi,nondevetrarreversoconclusionierrate:taleenfasipropedeuticaarisaltareledifferenzeconlaformamentale

Tuttavia ci troviamo oggi di fronte adun fenomeno di ipertrofizzazione di questoprocesso,siamodifronteadunparossismocherischiadidiventaresemprepi incontrollabile. Abbiamo gi parlato dellesito culturale a cui giunta questa tendenza: la nascita di miti come lindividualismo e la contestuale despiritualizzazione del mondo, sempre pi oggettivato e dunque sempre pi consideratounareaextra,emarginataelontanadanoi:unmondoacuiabbiamo arbitrariamenteconfiscatoognidigniteognidirittoallesistenza,senoninfunzione dellasoddisfazionedeinostriegoisticiinteressi. ConlindividualismoabbiamochiusolaportaallUniversodentrodinoi,alla capacitdisentircipartedeltutto.Ciallontaniamodaquestaancestralecapacit,di cui sentiamo per il richiamo. limpasse incui si trova la nevrotica tirannia dellEgoinOccidente:pihaunbisognodisperatodirecuperarequestorapportocon il Tutto e pi fanaticamente lo allontana da s, se ne separa, perch soltanto rifiutandoloerelegandoloalruolodioggettoconfermaasstessolillusionedella propria esistenza ontologica, quella che graficamente avevamo raffigurato con i cerchiperfettamentechiusi. Queicerchipernonpotrannomaiessereperfettamentechiusi:potrannoessere piomenovicinialpuntodicongiungersi,manonpotrannomaifarlo,perchinquel varcoapertopiccoloograndechesiacilnostrocollegamentoconilTutto,c ilnostroesserequellostessoTutto. Riprendiamo allora lo schema occidentale di rappresentazione del reale e modifichiamoloinbaseallenostrenuoveasserzioni:

dellatradizioneoccidentale,edinparticolareconquellaattualmenteinauge.chiaroquindichelecaratteristichedei popolinativicheabbiamoelencato,costituisconouncorredodiesperienzeediapproccichesiintegranoconlaloro coscienzaeconlalororazionalitedunqueconaltreesperienzeedaltricomportamentiperfettamentecomprensibili anchedanoi.Ilfattocheinquestolavoroanoiinteressanopiuttostoiprimi,cioquellianoiignotiechenonriusciamo acomprendere,nonsignificacheneinativinonsianopresentiancheglialtri.

Un uomo

Un cane

Un alber o

Una pietra

Una volpe

Una sedia

Il vento

Un altro uomo

Il sole

Una casa

Un fiume

Un falco

Un mont e

Un altro alber

Una stella

Un fiore

Una giraff a

Una donn a

Percomoditgraficarappresenteremotuttiquesticerchiinvariamisuranon completamentechiusi,conlafiguradelsemicerchio:

Un uom o

Un cane

Un albe ro

Una pietr a

Una volp e

Una sedi a

Il vent o

Un altro uom

Il sole

Una casa

Un fium e

Un falc o

Un mon te

Un altro albe

Una stell a

Un fiore

Una giraf fa

Una don na

nei paraggi di quellapertura che bisogna aggirarsi per perlustrare le possibilitinesploratediunnuovoapprocciocognitivoalmondo.Eckart,mistico cristianodelmedioevo,parlavadelsuopercorsoasceticoneiterminidiunprocesso mentalediinabissamentointerioreallaricercadiquelfondo dentronoistessiche avrebbedovutocostituireilsubstratodisostanzialitontologicadelluomo,lanostra essenzapipuraedautentica.Maalterminedellaricerca,raggiuntoquestofondo,si accorsecheessononesisteva:ilfondoerasfondato. Standocoslecose,allora,lasostanzafluidarappresaecoagulatanellentit chiamataindividuo,nonessendovifondo,deveprovenireperforzadallesternoecon lesternoessereconnessa:comelacquadiunportochepursemprecollegataal mareeddunquequellostessomare. Inquestaprospettiva,chiarocheilnostrostessoconcettodimentepuessere messoindiscussione. Ladomandachedobbiamoporci:ilnostrocervellolasededeiprocessi psichici che gli attribuiamo, il motorevulcanicodacui fuoriesconoecheesso

autonomamente produce o un terminale e un punto di arrivo finale nel quale, attraversolagrammaticadiqueglistessiprocessipsichici,ilTuttosimanifesta?Noi occidentalirisponderemmosenzaombradidubbiocheilnostrocervelloilsolo protagonista.Qualchealtrouomoappartenenteadaltreculturedirebbeesattamenteil contrario.Adirelaverit,per,ancheallinternodellanostraculturaedellanostra tradizionefilosoficacisonostatidegliapproccichehannovalorizzatounaprospettiva di questo tipo, per quanto tali approcci siano stati sempre posti in minoranza o addiritturaindiscredito.Direcentefortunatamenteavvenutaunalororiscoperta stimolata dai risultati della ricerca scientifica che in alcuni ambiti risultavano paradossali e incongruenti con le impostazioni convenzionalmente accettate. Abbiamo gi accennato alla scuola eleatica e alla filosofia dellESSEREUNO inauguratadaParmenide,mapotremmoanchericordareilprincipiorinascimentale dellanimamundi,oilconcettodellauniversalmind. AldousHuxleyparladiIntellettoinGenere,nelsuosaggio Leportedella percezioneincuidescriveglieffettidellamescalina53,ilprincipioattivodelpeyote, unpiccolocactuschecresceneidesertidelMessicoedelsudovestdegliStatiUniti, usatodagliindianiMescalerosedaaltrenazioniindianenellelorocerimoniesacre:
Riflettendo sulla mia esperienza [con la mescalina], mi trovai daccordo con leminente filosofo di Cambridge dottor C.D. Broad,che faremmo bene a considerare, moltopiseriamentediquantofinorasiamostatiindottiafare,iltipoditeoriacheBergson esposerelativamenteallamemoriaeallapercezionedeisensi.Lipotesichelafunzionedel cervelloedelsistemanervosoedegliorganideisensisiaprincipalmenteeliminativaenon produttiva.Chiunquecapaceinognimomentodiricordaretuttocichegliaccadutoedi percepire tutto ci che accade dovunque nelluniverso. La funzione del cervello e del sistemanervosodiproteggercicontroilpericolodiesseresopraffattieconfusidaquesta massadiconoscenzaingranparteinutileeirrilevante,cacciandovialamaggiorpartedici 53 Lamescalinacheilpipotenteprincipioattivocontenutonelpeyote(AnhaloniumLewinii,successivamente
LophophoraWilliamsii),contenuta,inconcentrazioni minori,ancheinaltrecactacee: ilSanPedro(Trichocerus Pachanoi)elaTorciaPeruviana(TrichocerusPeruvianus)edforselapianticasostanza psichedelica conosciuta dall'uomo.

che altrimenti percepiremmo o ricorderemmo in ogni momento, e lasciando solo quella piccolissimaeparticolareselezionechehaprobabilitdiessereutileinpratica. Secondoquestateoria,ciascunodinoipotenzialmentelIntellettoinGenere.Main quanto animali, nostro compito sopravvivere ad ogni costo. Per rendere possibile la sopravvivenza biologica, lIntelletto in Genere deve essere filtrato attraverso la valvola riducentedelcervelloedelsistemanervoso.Cichevienefuoriallaltrocapoilmisero rigagnolo della specie di coscienza che ci aiuter a vivere sulla superficie di questo particolare pianeta. Per formulare ed esprimere il contenuto di questa ridotta consapevolezza,luomohainventatoedelaboratoallinfinitoqueisistemidisimboliedi implicitefilosofiechechiamiamolingue. Ogni individuo nello stesso tempo il beneficiario e la vittima della tradizione linguisticanellaqualenato:ilbeneficiarioinquantoillinguaggioglidaccessoairicordi accumulatidellesperienzadeglialtri;lavittimainquantoloconfermanellaconvinzioneche laridottaconsapevolezzasialasolaconsapevolezzaeperchstuzzicailsuosensodella realt,inmodocheeglifintroppoprontoaprendereisuoiconcettiperdati,lesueparole percosevere.Quellochenellinguaggioreligiosochiamatoquestomondoluniverso dellaridottaconsapevolezza,espressoe,percosdire,pietrificatodallinguaggio.Ivarialtri mondiconiqualigliesseriumaniirregolarmenteprendonocontattosonotantielementi nellatotalitdellaconsapevolezzaappartenenteallIntellettoinGenere.Lamaggiorparte dellagente,perlamaggiorpartedeltempo,conoscesoltantocichepassaattraversola valvoladiriduzioneevieneconsacratocomegenuinamenterealedallinguaggiodelluogo. Alcunepersone,tuttavia,sembranonateconunaspeciediscorciatoiacheevitala valvola di riduzione. In altri temporanee scorciatoie possono essere ottenute o spontaneamente o come conseguenza di deliberati esercizi spirituali, o per mezzo dellipnosi,opermezzodidroghe.Attraversoquestescorciatoiepermanentiotemporanee passa, non la percezione di tutto ci che avviene dovunque nelluniverso (poich la scorciatoia non abolisce la valvola di riduzione, che ancora esclude il contenuto totale dellIntellettoinGenere),maqualcosadipi,esoprattuttoqualcosadidiversodalmateriale utilitarioaccuratamentescelto,chelenostreristrettementiindividualiconsideranocomeil completooperlomenosufficientequadrodellarealt54.

54A.Huxley,Leportedellapercezione,Mondatori,Milano,1990,pagg.2225.

Huxley entra quindi nei processi chimici di funzionamento del cervello e prosegue:
Ilcervellofornitodiunaseriedisistemidienzimicheservonoacoordinareil lavoro.Alcunidiquestienzimiregolanolafornituradiglucosioallecelluledelcervello.La mescalinainibiscelaproduzionediquestienzimiecosdiminuiscelammontarediglucosio disponibileaunorganochehacontinuobisognodizucchero. Checosasuccedequandolamescalinariducelanormalerazionedizuccherodel cervello?Troppopochicasisonostatiosservati,equindiunarispostacompletanonpu essere data ancora. Ma ci che accade alla maggioranza dei pochi che hanno preso la mescalinasottocontrollopuessereriassuntocomesegue. 1) Lacapacitdiricordareedipensaredirettamentepoco,sepurelo,ridotta. (Ascoltando le registrazione della mia conversazione sotto linfluenza della droga,nonpossodirechefossipistupidodiquantolosianormalmente). 2) Le impressioni visive sono molto intensificate e locchio ritrova un po dellinnocenza di percezione dellinfanzia quando il senso non era immediatamenteeautomaticamentesubordinatoalconcetto.Linteresseperlo spaziodiminuitoelinteresseperiltempocalaquasiazero. 3) Sebbenelintellettorimangainalteratoesebbenelapercezionesiaenormemente migliorata, la volont subisce un profondo cambiamento in peggio. Il consumatoredimescalinanonvederagionedifarenienteinparticolareetrovala maggiorpartedellecauseperlequali,intempinormali,eglieraprontoadagiree asoffrire,profondamenteprivediinteresse.Eglinonpupreoccuparsene,perla buonaragionechehadimegliodapensare. 4) Questomegliopuesseresperimentato(comeiolosperimentai)siafuoriche dentro, o in entrambi i mondi, quello interiore e quello esteriore, simultaneamenteosuccessivamente. Chesiamegliosembraessereevidentea tuttiiconsumatoridimescalinachevengonoalladrogacolfegatobuonoela mentesana. Questi effetti della mescalina sono il genere di effetti che ci si pu aspettare in seguitoallasomministrazionediunadrogachehailpoteredialterarelefficienzadella valvolacerebralediriduzione.Quandoilcervellolavoraazuccheroridotto,lIodenutritosi

indebolisce, non si pu preoccupare di intraprendere le azioni necessarie, e perde tutto linteresseinqueirapportidispazioeditempochesignificanotantoperunorganismo soggettoamantenersinelmondo.QuandolIntellettoingenerecolainfrettanellavalvola nonpiimpermeabile,ognispeciedicosebiologicamenteinutilicomincianoadaccadere.In alcunicasivipossonoesserepercezioniextrasensorie.Altrepersonescopronounmondodi irreale bellezza. Ad altri inoltre si rivela la gloria e linfinito valore e significato dellesistenza nuda,dellavvenimento dato enon concettizzato. Nello stadio finale della condizione di Nonio vi una conoscenza oscura che Tutto in tutto, che Tutto effettivamenteciascuno.Questo,meneresiconto,quantodipivicinounamentefinita possaarrivareapercepireognicosacheavvienedovunquenelluniverso55.

SequindiTuttointuttoedeffettivamenteciascunoequestostatodicose simostranelfattocheluniversofinneisuoielementipisemplicihaunanatura autopoieticaomnipervasiva,noicomeesseriumani,siamolennesimoanellodiuna catenaautopoieticauniversaleenesiamoquindiunodeitantirisultati,unaennesima eco,unondanelloceanodiondedellEssere.Coerentementesiamoalloraingradodi disegnare lultima trasformazione della rappresentazione grafica occidentale del reale:isemicerchiaperticherappresentavanolanuovavisionediindividualit,si trasformano in onde. Quei semicerchi aperti si uniscono in un mare di onde. loceanodellEssere.Ricongiungendosiinunavivificantevisioneunitaria,lavisione delmondodeipopolinativielanuovavisioneoccidentaledelmondovannoinfinea sovrapporsi56.

55Ivi,pp.2527. 56 A questo proposito sono limpide e illuminanti le considerazioni del fisico Werner von Heisenberg: probabilmenteveroinlineadimassimachedellastoriadelpensieroumanoglisviluppipifruttuosisiverificano spessoai punti dinterferenza tra duediverse lineedipensiero. Questelineepossonoavere lelororadici inparti assolutamente diverse della cultura umana, in tempi diversi e in ambienti culturali diversi o di diverse tradizioni religiose;perci,seesserealmentesiincontrano,cio,sevengonoatrovarsiinrapportisufficientementestrettidadare origine ad uneffettiva interazione, si pu sperare che possano seguire nuovi e interessanti sviluppi. Cfr. W. v. Heisenberg,citatodaF.Capra,IlTaodellafisica,Adelphi,Milano,2005,pag.9.

Un uomo

Un cane

Un alber o

Una pietra

Una volpe

Una sedia

Il vento

Un altro uomo

Il sole

Una casa

Un fiume

Un falco

Un mont e

Un altro alber

Una stella

Un fiore

Una giraff a

Una donn a

Ovviamente la rappresentazione appena mostrata presenta una dimensione metaforica. Sia un qualsiasi nativo in cui interiorizzata, sia noi che labbiamo disegnata,sappiamobenechelametaforadellondautileperlacomprensionedi questavisioneoceanicadellessere,mapursempreunametafora.

2.Il paradosso dellonda: unipotesi sulla nascita della coscienza.


Proviamo invece ad eliminare il carattere metaforico di questa rappresentazioneeatentareunveroeproprioscandalointellettuale:noisiamoonde. Proviamoadaccettaresemplicementequestocodiceimposto,questabizzarria,questa pazzia:siamoonde.Ondevereeproprie.Cacciamovialaprotestachesaledalle profonditdelnostrointellettoechecidicechecinonpossibile.Tuttavianon

spegniamolintellettoanziteniamoloinallerta,ricordandocichenonsiamouomini, maonde.Nientemetafora:lametaforainquestaconvenzionepazzaabolita. Siamoonde. Oraimmaginiamodiimbatterciinunascena,conallinternocinqueprotagonisti presiinprestitotraglielementidellenostrerappresentazioniprecedenti: Unuomo(cionoistessipresentisullascena,quindiunuomoonda,anziuna ondauomo) Unfalco Unavolpe Ilvento Unalbero Unamacchinafotograficaeterna,dasempreposizionatalvicino,noncostruitada nessuno o, se preferiamo, costruitada unaciviltextraterrestreoraestinta,scatta unistantaneadiquellascena.Eccolistantanea:

Quiceraundisegnocherappresentavala fotografiadellascena:unavolpe,unfalco, unuomo,unalbero,ilvento.

Questalascenachesipresentaainostriocchi.Sefossimodelleondeche cosa percepiremmo? Vedremmo forse un qualcosa che ha quattro zampe ed di colorerossastrosulladestrainbasso,poivedremmounacosamarroneeverdechesi slancia verso il cielo, poi vedremmo una cosa che vola in quel cielo ed infine udremmo un fruscio nellaria e una sensazione di refrigerio sul corpo, ma non sapremmo che nome dare a queste cose? Potrebbe essere plausibile, del resto listantaneastatascattataenoncisonodubbichetuttequeste cose sonopresenti sullascena. Inrealtnonvedremmonientedituttoquesto:vedremmosoltantoonde,altre ondecomenoi.Anzi,no.Nonsaremmoneancheingradodidistinguerequaleonda siamonoitralecinque.Infattiessendocinqueondedellostessomare,apparterremmo nello stesso momento anche ad ununica ininterrotta massa liquida fluttuante e dunque saremmo contemporaneamente ununica onda57. Quindi quella stessa istantaneaciapparirebbecos:

Qui cera un disegno dove la volpe, il falco, luomo, lalbero e il vento erano scomparsi e dove si vedevano soltanto delleonde.

57 Credocheunaopivoltenellavitasiacapitatoatuttidiincantarsiaguardareilmare:seguendoconlocchio unonda,credotutticisiamoaccorticomesiadifficilestabiliredoveessainiziaedovefinisce.

Nelparadossocheabbiamoimposto,proviamooraasostituirelondacheci eravamoimmaginatidiessere,ciounasortadiondauomocomedetto,conun uomoveroepropriogeneticamenteappartenenteallaspecie homosapiens,dunque contuttelecarteinregolaperessereunindividuoperfettamentenormaleinuna qualsiasi societumana.Questo homosapiens perunaspeciediTarzan:anzi, peggioancoradiluicheerastatoallevatodallescimmie,nonharicevutolabench minimaistruzionesucosasiailmondo.Costui,chepotremmodefinireilprototipo delprimouomo,moltosimileallaondauomodiprima.Eglistaemergendo dallatotalitindifferenziatadicuiancoraunaparte,sistasvegliandoalmondoelo vedeperlaprimavolta.Nonlhamaivistoprimaenondunqueingradodisapere chiocosasonolavolpe,lalbero,ilfalco,ilventoenemmenochiocosasialui.Non haconcezionedinullaperchperluituttocompletamentearcano.Nonsapendochi eglisia,ingradodiintercambiarsicontuttiglialtrielementidellascena:cioin grado di essere anche unaltra parte dellonda. Pu esserlo perch ancora non mentalmenteseparatodallambiente.Staemergendodallambiente,maancorafuso (econfuso)inesso:indistintodaesso.Pupensare,vedendolavolpediessere ancheluiunavolpeeancheseunapozzangheragliriflettelimmaginedisconle bracciaelegambe,eglinonlaconsideraunaprovachenonunavolpe. Questalasituazioneincuisitrovailnostroprimouomo.Poi,aduncerto puntointervieneunanovit:ilsuonoforse,ilsuonodisstessoeilsuonodellaltro; lapercezionediquestosuonovieneelaboratacomelelementoidentificativodiuna differenza.Lapercezionedidifferentirumoriprovenientidadifferentiareedionda prese in considerazione, gli permettono di creare una prima distinzione rispetto allavvolgenteunitarietprecedente.Sentecheegliemettesuoniconlavoce,lalbero stormisceconlesuefronde,lavolpeemettelatrati,ilventosibilaeilfalcoemette gridistriduli.Suonidiversi:nasconoipriminomi(onomatopeici).Econlanascita delnomenascelindividuazione,nasceilsoggettoeloggetto.Lapossibilitdidareil

nomemetteibordi,lestaccionatechedelimitanounambitorispettoadunaltro. Dandoilnomeadunacosalafacciamoesistere,laoggettiviamo,lastacchiamo.La isoliamodallatotalit,dalrestodellonda,leassegniamounostatutoontologico,le diamo la dignit di cosa reale. Ovviamente il processo storico in cui queste definizionisisonostabilite(estabilizzate)nonstatoistantaneo,nonavvenutola primavolta,unavoltapersempre.Sisonosuccedutiinnumerevolitentativiecon laccumuloprogressivodiquestitentativisivia,viaampliatoloiatotraluomoe lambientecircostanteeluomohacominciatoapercepirsicometale.Oggipernoi addirittura pazzesco, anzi inimmaginabile (nel senso di non pi immaginabile), pensarecheilfattochenoiabbiamobracciaegambeelavolpezampeecodanonsia unaprovainconfutabiledelfattoche dunque noisiamoqualcosa(uomini)edesse sonoqualcosaltro(volpi)58.Perarrivareaqueldunquesonostatefatteprovesu prove,errori,incongruenzescartate,incastrimessiinsiemepianopianoinunsistema logicoorganizzato(oltrechemoltocomplesso,ovviamente)cheprendeilnomedi sistemacognitivodellamenteumana.Luomostatoinnumerevolivoltevolpeprima dicapirediessereunuomoenonunavolpe.Lostatoveramente,noninsenso metaforico: stato veramente convinto di esserlo. Di conseguenza realmente esistitountempoincuigliuominieranovolpi. Lametaforauninvenzionerelativamenterecenteedstatauninvenzione rivoluzionariaperchhaapertolaviaallastrazionerazionale,cheunnostromodo dirappresentarcilecose.

3.Inversione nel processo di genesi storica della metafora


Se ognuno di noi prova ad immaginare come avvenuta la nascita nel linguaggio della figura retorica della metafora, essa risulter nata da una
58Comunquealivellopuramentelogicoquestacontinuaancheoggianonessereunaprovaincontrovertibile.

trasformazione della similitudine. La similitudine figura retorica di formazione antecedenteasuavoltanascedallosservazionedirettadelmondo.Cunoggetto conunadeterminatacaratteristica.Vieneriscontratocheunacaratteristicasimile presenteancheinunaltrooggetto(oinmestesso)equindinascelasimilitudineche linterfaccialinguisticodellosservazioneedelmeccanismoassociativomentaleche abbiamoappenadescritto:lavolpefurba;iosonofurbo;quindiiosonofurbo comeunavolpeoppureiosonocomeunavolpe.Procedendopoialleliminazione dellavverbiocome,nascelametafora:iosonounavolpe. Inrealtlecosenonsonoaffattoandateinquestomodo. Comeabbiamoappurato,alloriginenonesistevalacapacitperilsoggettodi poter osservare un oggetto distanziandolo da s e applicando ad esso i processi mentali associativi basati sul principio di similarit. Il soggetto era indistinto dalloggetto. Vi era dunque una identit. Come abbiamo visto nellesempio del primo uomo, egli identicoallavolpeeaffermaiosonolavolpepoichin qualche maniera quelluomo una volpe. In una fase successiva lidentit si trasformainmetafora.Iosonounavolpenelsensocheeglisisentepartecipedelle caratteristiche della volpe. Solidarizza con la volpe, si attarda in uno stato di partecipazioneaffettiva,diempatiaconlavolpe,dicuinelfrattempoproprioin virtdiquestasuarelazioneancorafortemaattenuatarispettoallaprecedentesta creandosi unimmagine mentale. Ovviamente questa fase di empatia laffievolimentodicicheprimaerapropriocosentire,inquantoentrambionda uomovolpe. Proprio in questo primo tenue allontanamento dallasfissiante contiguitconloggetto,inizianoacrearsiqueglispaziincuieglipucominciarea percepirsicomesoggetto.

La metafora, in termini linguistici, ma anche mentali59, genera quindi il definitivodistaccodellindividuodatuttoilresto.Lametaforasegnailpuntoincui cominci lapprendersi, il comprendere, il rappresentare s stessi come un dato unitariocapacediautoconsapevolezza. La similitudine, infine, lultimo stadio della trasformazione. Essa linterfaccia linguistico della completa separazione tra soggetto e oggetto, della completarecisionediqualsiasilegametraidue.Iosonocomeunavolpe:quel
59Mentali,nelsensocheillinguaggiohaconseguenzerealisullamente,produceeffettiereazioniditipochimiconel
cervello,cheinfluenzanolaformazionedellamente.Illinguaggioelamentesonoinrapportobiunivocodireciproca poiesi:possiamoinfattiaffermarechelametaforahafattonascerelacoscienzanellamente.Viceversaaltrettantovero che la mente ha creato la metafora grazie alla quale nata la coscienza. dunque confermata lasserzione di Wittgenstein per la quale il linguaggio non dipende da ontologie extralinguistiche, ma esprime esso stesso unontologia.Anzibenoltreognisuapiroseaaspettativapossiamoaffermarecheessoesprimeaddiritturauna chimicaeunafisica!. A tale proposito pu essere ulteriormente illuminante il seguente brano tratto dal celebre InterpretazionidiculturediCliffordGeertz:Lacultura,[][quindiillinguaggioqualecomponentestrutturaledella cultura],nonunornamentodellesistenzaumanamalabaseprincipaledellasuaspecificit,unacondizioneessenziale peressa.Nellambitodellantropologia,alcunedelleprovepieloquentiasostegnodiquestaposizionevengonodai recentiprogressinellanostracomprensionediquellachesisolevachiamareloriginedelluomo:lemergeredellHomo sapiensdaunosfondogeneralediprimati.[]Nellaconcezionetradizionaledeirapportitrailprogressobiologicoeil progressoculturaledelluomo,quellobiologicoerastatocompletatointuttiisuoifinieintentiprimachecominciasse quello culturale. In altri termini, tale concezione era ancora stratigrafica: lessere fisico delluomo si era evoluto attraversoilsolitomeccanismodellavariazionegeneticaedellaselezionenaturale,finchlasuastrutturaanatomica noneraarrivatapiomenoallacondizioneincuilatroviamooggi:poisieramessoinmotolosviluppoculturale.Aun certoparticolarestadiodellasuastoriafilogenetica,uncambiamentogeneticomarginalediqualchetipoloresecapace diprodurreetramandareculturaedaquelmomentolasuaformadirispostaadattativaallepressioniambientalifuquasi esclusivamenteculturaleinvecechegenetica.[]Daquelmagicomomento,ilprogressodegliominididipesequasi interamentedallaccumulazioneculturale,dallalentacrescitadellepraticheconvenzionaliinvecechedalmutamento organicofisicocomenelleepochepassate. Ilsologuaiochequestomomentoparenonsiamaiesistito. Secondo lopinione corrente, levoluzione dellHomo sapiens luomo moderno dalla sua immediataoriginepresapiensiniziquasiquattromilionidiannifaconlacomparsadegliorafamosiaustralopitechi icosiddettiuominiscimmiadellAfricameridionaleedorientaleeculminconlemergeredellostessosapiensinun periodo valutato da centomila a trecentomila anni fa. Quindi, sembra che forme di attivit culturale, o se volete protoculturale,almenoelementari,fosseropresentitraalcunidegliaustralopitechi:cifuunasovrapposizionediforse pidiunmilionediannitraliniziodellaculturaelacomparsadelluomocomeloconosciamooggi.[] Gliuominifesteggianoillorosingolocompleanno,maluomocometalenonlopufare. Questosignificachelacultura,invecediessereaggiunta,percosdire,adunanimaleormaicompleto, ovirtualmentecompleto,fuuningrediente,eilpiimportante,nellaproduzionediquestostessoanimale.[]Il perfezionamentodegliattrezzi,ladozionedellepraticheorganizzatedellacacciaedellaraccolta,gliinizidellavera organizzazionefamiliare,lascopertadelfuocoe,cosaassaiimportante,benchancoradifficiledaricostruireinogni particolare, il crescente affidamento a sistemi di simboli significanti (il linguaggio, larte, il mito, il rituale) per lorientamento,lacomunicazioneelautocontrollocrearonotuttiperluomounnuovoambienteacuieglifuquindi obbligatoadadattarsi.[]Trailmodelloculturaleilcorpoeilcervellofucreatouneffettivosistemadiretroazionein cuiciascunofoggiavailprogressodellaltro,[].Sottomettendosiallaguidadiprogrammisimbolicamentemediatiper produrremanufatti,organizzarelavitasocialeoesprimereemozioni,luomodetermin,ancheseinconsciamente,le fasi culminanti del suo destino biologico. Letteralmente, anche senza saperlo, cre se stesso. Cfr. C. Geertz, Interpretazionidiculture,IlMulino,Bologna,1998,pagg.6063.

comehaloscopodiessereesattamenteunabarrierachesiinterponetrasoggettoe oggetto.Iosonocomeunavolpesignifica cheesistonocaratteristichevagamente comuni, ma che risiede soltanto l la relazione con la volpe, in quella vaga similitudine sottolineata da quel come. Non si percepisce pi nessuna partecipazione empatica, n affettiva con la volpe: essa stata definitivamente oggettivata. Siamo giunti alla totale despiritualizzazione del mondo. Un modello meccanicosisostituitoadunarelazioneancestrale. Nellaseguentetabellariportiamoschematicamentequantoosservato:

Nelleimmaginiseguenti,unevoluzionevisivadellostessogenere:

Dallaindifferenziazioneoceanica
Quiceranotredisegni,dovedalla fotografiadiondeconisoggetti dellascenamoltoindistinti,si passavapiano,pianoalla scomparsadelleondeealla visionesemprepinitidadeivari soggetti(volpe,falco,uomo, albero,vento).

allemersionedellacoscienzaedeiprimioggetti
Quiceranotredisegni,dovedalla fotografiadiondeconisoggetti dellascenamoltoindistinti,si passavapiano,pianoalla scomparsadelleondeealla visionesemprepinitidadeivari soggetti(volpe,falco,uomo, albero,vento).

finoalladefinitivascomparsadellafluiditnellapercezionedelreale.

Quiceranotredisegni,dovedalla fotografiadiondeconisoggetti dellascenamoltoindistinti,si passavapiano,pianoalla scomparsadelleondeealla visionesemprepinitidadeivari soggetti(volpe,falco,uomo, albero,vento).

Documentietestimonianzedallimpossibile
Quanto ipotizzato finora potrebbe continuare ad apparirci quantomeno insolito,senoninammissibileedunquefarnascereunmotivatoscetticismo.Di seguitoriporteremoquindidocumenti etnografici(manonsolo)cheavvaloranole nostreipotesi.

1.Lolonismo
Ne Il mondo magico, lantropologo Ernesto De Martino riporta diverse testimonianzeetnografichesulfenomenodellolonismo:
Inunareadidiffusionechecomprende (almenoinbaseagliaccertamenti finora eseguiti)laSiberiaarticaesubartica,ilNordAmericaelaMelanesia,stataosservatauna singolare condizione psichica in cui molto spesso cadono gli indigeni, quasi vi fossero naturalmente disposti. Questa condizione, chiamata latah dai Malesi, olon dai Tungusi, irkunii dagliYukagiri, amurak dagliYakuri, menkeiti daiKoriaki, imu dagliAinustata osservataedescrittadaparecchiautori.Nellostatolatah,coscomedescrittodaSirHugh Clifford,lindigenoperdeperperiodipiomenolunghieingradovariabile,lunitdella personaelautonomiadellio,equindiilcontrollodeisuoiatti.Inquestacondizione,che subentrainoccasionediunaemozione,oanchesoltantodiqualchecosachesorprende,il soggettoespostoatuttelesuggestionipossibili.Unapersonalatah,ovelasuaattenzione siaattrattadalmovimentooscillatoriodeiramiscossidalvento,imiterpassivamentetale movimento; due latah, sorpresi da un rumore improvviso, entrarono in uno stato di automatismomimeticoreciproco,nelqualepercircamezzoralunocontinuaimitarei gestidellaltro;sesifailgestodisvestirsi,illatahsisveste;sesifailgestodimetterela manosullafiamma,illatahlamettesenzaltro.SecondoilCliffordtuttiiMalesiadultisono

suscettibilididiventarelatah.PressoiTungusi,lacondizioneinquestionechiamataolon dagliindigeni,oveilnomediolonismopropostodallaShirokogoroffperdesignarla.Talorai Tungusisfruttanointenzionalmenteladisposizionedeisoggettiadiventareolon,ecercano di sorprenderli con determinati movimenti, che lolon imiter passivamente. La cosa oggetto didivertimento editrattenimento. Shirokogoroffebbeoccasionediosservare il seguenteepisodio:mentreuntalemangiailsuomiglioinuncircolodipersone,unodei presentiattraeimprovvisamentelasuaattenzionefingendodiriempirsilaboccadimiglio fino a soffocarne. Laltro entra immediatamente nella condizione di ecocinesia che costituisceunodeicaratteripisalientidellacondizione olon,eprendesubitoaimitareil rimpinzamentodellaboccacolmigliofinchlaboccadiventapienaeilrespiroimpossibile. Persottrarsiallasuggestione,lolonfuggevia,mentrelacompagniaridedicuore.Unaltro esempio:duranteunariunione,sicolpisceimprovvisamenteeleggermenteconlamanoun manci,equesti,automaticamente,colpisceconlostessogestoilsuovicino.Laprincipale attrazione consiste nella reazione di persone che non conoscono il numero, e che, vedendositoccatedallolon,perdonoilumiesiindignano,ilchedivertemoltoipresenti, soprattuttoquandolapersonatoccataunadonnaounanziano.Uncasointeressantedi olonismo collettivoriferitodaV.L.Priklonski:ungiorno,duranteunaparatadelterzo battaglionedicosacchidellaTransbaicalia,unrepartocompostointeramentedaindigeni entrimprovvisamentenellacondizioneolon:invecedieseguireicomandidelcolonnello cheerarussopresearipeterliecolalicamente.Naturalmenteilcolonnelloandincollera,e coprdiingiurieisuoiuomini:iquali,semprenellostessostatoolon,ripetevanoanchele ingiurie. Aggiunge lo Shirokogoroff che il fenomeno per la sua semplicit e la sua potenzialeuniversalitpuegualmenteprodursiincondizionietnografichereciprocamente indipendenti, cio non dovuto a semplice diffusione, essendo radicato nel normale complessopsicomentale60.

Lolonismorappresentadunqueunritornoaquellafasediindifferenziazionee di identit trasoggettoeoggettoantecedentelaloroseparazione.Laconfusione traidueterminisimanifestaneifenomenidiripetizioneautomaticaeriflessada parte del soggetto dei suoni (ecolalia) e dei movimenti (ecocinesia) delloggetto.
60E.DeMartino,IlmondomagicoProlegomeniaunastoriadelmagismo,BollatiBoringhieri,Torino,1997,pagg. 7071.

AncheDeMartinoriconosceinquestostatuslafragilitdiunacoscienzanonancora completamentesolidificata:
Se analizziamo lo stato olon, ravvisiamo, come suo carattere, una presenza che abdicasenzacompenso.Tuttoaccadecomeseunapresenzafragile,nongarantita,labile, nonresistesseallochocdeterminatodaunparticolarecontenutoemozionante,nontrovasse lenergiasufficientepermantenersipresenteadesso,ricomprendendolo,riconoscendoloe padroneggiandoloinunaretedirapportidefiniti.Intalmodoilcontenutoperdutocome contenutodiunacoscienzapresente.Lapresenzatendearestarepolarizzatainuncerto contenuto,nonriesceadandareoltrediesso,eperciscompareeabdicacomepresenza. Crollaladistinzionefrapresenzaemondochesifapresente:ilsoggetto,inluogodiudireo divederelostormirdellefoglie,diventaunalberolecuifogliesonoagitatedalvento,in luogodiudirelaparoladiventa laparola cheodeecc. Perlacarenza diogni funzione discriminante, il contenuto della presenza manca di ogni interna discriminazione, presentazionechenonputrattenersidaldiventareatto:larappresentazionedellefoglieche stormiscono non pu sottrarsi dal tramutarsi nellazione speculare dello stormire, la rappresentazionediuncertosuonononpusottrarsidalrisolversinellaripetizioneecolalica delsuono61.

Soffermiamoci in particolare sulla considerazione di Shirokogoroff con la qualeaffermachelolonismo perlasuasemplicitelasuapotenzialeuniversalit pu egualmente prodursi in condizioni etnografiche reciprocamente indipendenti, essendoradicatonelnormalecomplessopsicomentale.Possiamoriconoscerviedin talmodoidentificaremeglioilprincipioevocatodaWittgensteinnellesempiodel bambinochesiscontravaconunaltroechecadeva.Avevamoappuratocomela reazioneaggressivachesegueloscontro,eraoriginatadaunarispostaistintivache avevamoidentificatoessereunodeiduefattori62allabasedeinessipreconcettuali checontraddistinguonoalcunigiochilinguisticiedunquealcunicomportamenti.

61Ivi,pag.72. 62Laltroeraquelprincipioineffabilecheabbiamodecisodichiamareprincipiointuitivo.

Conlesempiodellolonismoabbiamolapossibilitdientrarepiinprofondit nellacomprensionedellanaturadiquestarispostaistintiva":essapotrebbeavere appuntodelleoriginiecocinetiche.Lostatodiindifferenziazioneincuisitrovail bambino allorigine della reazione. Il bambino non ancora sufficientemente distanziato dalloggetto. La sua risposta tuttavia non pura ecocinesia, ma una reazionechesisostanziaesiesplicitainunriflessosimmetricoespeculareaquello che lha provocata. In qualche modo, cio, la reazione del bambino non completamente persa e disciolta nelloggetto, non il risultato di una immediata identificazioneconesso,masemicosciente.Essasimaterializzaconlasostanzae si colora dei pigmenti dellunico materiale che ha a disposizione: la collisione originariaconlaltrobambino.Nelbambinochereagisceesistegiinquestocaso unacoscienzaabbozzata,laqualesisolidifica(econtinuerafarlo)proprioattraverso laccumulodiunaseriediesperienzeincuientranoinscenatalitipidireazionisemi coscienti,cheperaffondanolelororadiciemodellanolaloroconsistenzasuuna materiaprimordialedinaturaecocineticaoecolalica.Allastessaidenticacategoria difenomeniappartieneancheunaltroepisodioclassicoinquestocasodiecolalia semicoscienteriguardanteilmondodellinfanzia.Sarcapitatoatuttidiimbattersi inungruppodibambinimoltopiccolinelmomentoincuiunodiquesti,peruna cadutaoaltro,cominciaapiangere:unoallavolta,ancheglialtriinizierannoafarlo. Anche questa una reazione dello stesso tipo, completamente diversa dalla pura ecolalia indifferenziata che invece si verifica in unet pi tenera: nei reparti maternit degli ospedali la reazione ecolalica al pianto di un primo bambino si diffondenelgruppodineonatiinmanierapiveloceepervasivaeovviamentesenza alcuninterventomediatorediunaqualchevagacoscienza,cheaquelletnon neancheabbozzata.Infatti,comelapsicologiadellosviluppociinsegnaormaida decenni,neiprimiseimesidivitailbambinoinunrapportoditotalefusioneconla madre(piingenerale,potremmodireconlambientecircostante).Soltantodalsesto meseinpoi,nellafasecosiddettaanale,ilbambinocominciaademergeredaquesto

suostato.Iprimidentinichenellasuzionedellatteprovocanodoloreallamadree dunqueilrepentinoallontanamentodelsenomaternooleprimeesperienzedipiacere determinate dal trattenimento edal successivo rilascio dellefeci per mezzodello sfintereanale,inauguranoabbozzidisperimentazionidellapropriapresenzanel mondo.

2.Il presentimento dei Boscimani


Il seguente passo, tratto da Massa e potere di Elias Canetti, si avvale dei documentietnograficiraccoltidaBleekeLloyd:
In unopera sul folklore dei Boscimani [] si trova un paragrafo sui [loro] presentimenti dal quale si possono trarre importanti conclusioni. [] I Boscimani si accorgonodalontanodellarrivodiuominicheessinonpossononvederenudire.Essi presentono anchelavvicinarsidiunabestiaedescrivonoisegnisullorostessocorpoin base ai quali si accorgono di tale presenza incombente. Citeremo testualmente qualche esempio. Un uomo disse ai propri bambini che stessero attenti per vedere se arrivava il nonno.Guardateviintorno,misembracheilnonnosiavvicini.Vedosulsuocorpoisegni dellevecchieferite.Ibambinistetteroattenti,eviderounuomoinlontananza. Dissero alloraalpadre:Unuomostavenendoqui.Ilpadredisseloro:ilvostrononnocheviene qui.Sapevochestavavenendo.Misonoaccortodellasuavenutadaisegnidellesuevecchie ferite. Volevo che voi stessi vedeste: egli viene davvero. Voi non credete ai miei presentimenti,eppuresonoveri. Cichesisvolgeinquestascenadiunameravigliosasemplicit.Ilvecchio,nonno diqueibambini,eraevidentementeassailontano.Inundeterminatopuntodelsuocorpoegli portavailsegnodiunavecchiaferitabennotoalsuofiglioadulto,padredeibambini.Era unadiquelleferitechelascianounsegnovisibilepersempre.Dalvecchiosenerasentito parlarespesso.Eracichenoichiameremmounsegnocaratteristico.Quandoilfiglio pensaalpadre,pensaallasuaferita.Manonsitrattasoltantodiunpensiero.Ilfigliononsi

limitaapensareallaferitaealpuntoprecisoincuiessalasciilsuosegnonelcorpodel padre: egli la percepisce nel punto corrispondente del proprio corpo. E non appena la percepisce,nededucecheilpadre,nonpivistodauncertotempo,sistaavvicinando.Egli sentecheilpadresiavvicina,poichsentelasuaferita.Lodiceaibambini,esembrachei bambininonglicredano.Forsenonhannoancoraimparatoacredereallesattezzaditali presentimenti.Ilpadrealloraliesortaastareattenti:e,davvero,unuomosistaavvicinando. Puesseresoloilnonno:lo.Ilpadreavevaragione:cichesentivanelpropriocorponon lhaingannato. Unadonnaescedicasaeportaconsilsuobambino,appesoallespalleconuna cinghia.Ilmarito,chenonlhaseguita,senestatranquillo.Ladonnaandataadoccuparsi diqualcosa,erestaviaalungo.Dimprovvisoilmaritosisentesullespalleilpesodella cinghiadilei.Nehalasensazione,proprioinquelpunto.comeseeglistessoportasseil bambino.Nonappenasentelacinghia,luomosachelamogliestatornandoindietroconil bambino. ImedesimipresentimentiriguardanoanchequeglianimalicheperilBoscimanosono importantiquantoiparentipiprossimi:glianimalipiprossimipercosdire,quellicheil Boscimanocacciaedicuisinutre. Unostruzzopasseggiainpienosole.VienemorsodauninsettonerocheiBoscimani chiamanopidocchiodellostruzzo.Lostruzzosigrattadietrolanucaconlazampa.Il Boscimano sente qualcosa sulla propria nuca, nel preciso punto in cui lo struzzo sta grattandosi:halasensazionediunbattito.TalesensazioneannunciaalBoscimanocheuno struzzositrovanellevicinanze.Lantilopeunanimaleparticolarmenteimportanteperi Boscimani. Molti presentimenti si ricollegano a tutti i possibili movimenti e a tutte le caratteristichedellantilope. Abbiamo nei piedi unasensazione particolare, percepiamo lo strofinio dei piedi dellantilope traicespugli. Questasensazioneneipiedisignificacheleantilopi stanno giungendo.Gliuomininonhanno udito lostrofiniodellezampedelleantilopi,chesono ancoratroppolontane.Mailoropiedisubisconoilmedesimostrofiniodellezampedelle antilopi. E questo non tutto: dallantilope al Boscimano si trasmette ben pi che il movimentodeipiedi.Abbiamonelvoltounasensazionechecorrispondeallastriscianera sulmusodellantilope.Questastriscianeraincominciaametdellafronteesiestendefino allestremitdellenarici.IlBoscimanosisentecomeseavesselamedesimastriscianerasul

propriovolto.Abbiamovicinoagliocchiunasensazionechecorrispondeaisegninerisugli occhidellantilope63.

Leggendoquestetestimonianze,vengonoperforzaallamentegliscenariche avevamoipotizzatoriguardolatotaliteilsoggettoinquantofusoconquellastessa totalit.Nelpropriofluttuareinquelloceanodicoappartenenzachelatotalit,il Boscimanoestendelepropriesensazionilungolininterrottamassaliquidafluttuante dicuiparteedunquepercepiscesulsuocorpo,propriocomesefosseilsuo,ciche sta avvenendo nel corpo di un altro uomo o di un animale, anchesso parte di quellunica onda. Ci sono altre svariate testimonianze etnografiche molto significative,comegliepisodiabbastanzacomunidichiaroveggenzaeditelepatiatra gli sciamani. Essi potrebbero essere letti alla luce degli scenari che abbiamo ipotizzato,tuttaviadobbiamovietarcidiaddentrarciinuncampochemeritadiessere esploratoconunlavorospecificoedapprofondito64.

3.Il paradosso dellonda e la cosmogonia sonica dei Veda.


Nel precedente paragrafo abbiamo utilizzato il concetto paradossale dellondauomoqualeutilemezzodiincursionenecessarioallesplorazionedegli scenari ignoti nei quali ci eravamo addentrati. Per allargare gli orizzonti delle riflessionichelimpossibilestimola,sarforseopportunovenireaconoscenzadel fattocheiVeda,laraccoltadiinniallabasedellaquadrimillenariaciviltindiana, parlanodiunoriginesonicadelluniverso.Perarmonizzarsiaquestanaturaeallesue vibrazioni,i Veda dettanoleregoleperlacreazionediunparadigmasonicoche impregn di s lintera storia sociale e culturale dellIndia. Suggestiva anche
63E.Canetti,Massaepotere,cit.,pagg.407409. 64 Nonpossiamocomunquenonnotare chelambitoincui questotipodifenomeni vienestudiatocheviene comunementedefinitoparanormale dopoilnostropercorso esplorativorisultaesserebenpocopara emolto normale.

lorigine degli stessi Veda, che sono anchessi una eco della matrice sonica universale,essendoconsideratiproveniredirettamentedallAssoluto,ascoltati(enon inventati,nscritti)daimisticiveggentidellamitologiaindiana,iRsi. GianlucaMaginelsuoQuadernoindianoriporta:
Da questa raccolta di inni, scritti in sanscrito la scrittura sacra degli di (devanagari) , discendono i rituali, il simbolismo politeista, la mitologia, larte e lorganizzazione sociale degli indiani (llite sacerdotale, i brahmani, asservita a unaristocraziamilitare,gliksatriya,icommercianti,allevatorieartigiani,ivaisya,eisenza casta,isudra). I Veda furono affidati alla scrittura solo tra il 1500 e il 500 a. C., mentre per moltissimi secoli furono imparati a memoria: venivano tramandati oralmente, attraverso evolute tecniche mnemoniche di grande efficacia per preservare esattamente lessenza misticadellaformasonora(sabda).Iritmi,lerimeeleparolevenneroascoltati(sruti) direttamente dallAssoluto da parte dei mistici veggenti (rsi) inebriati dal soma, la leggendaria bevanda divina inebriante, e rafforzati dal loro calore interno (tapas). I rsi armonizzaronocosilmondoattraversoundesignacusticoconilqualepoterrecitareiritmi duranteisacrifici.Intalmodoilsacerdotecheofficiailsacrificiononsoloattrarrglidi, masisituernellombelicodelcosmo,ovverosirestaurernelcentrodisestesso.[]I VedahannounnucleoanticochesichiamaSamhita(Collezione),formatodallinsiemedi formuleermetichepresentatenellaformadiunmigliaiodiinnidicaratterereligioso,aiquali sonoattribuitipoterimagici.Nel RgVeda vienecelebratolordinedelmondo(rta),una sortadiprincipiodinamicoinerenteluniverso.Tuttoavvieneinconformitameccaniche fondamentali,chesiripetonocostantemente.Ognifenomenonaturaleconsideratodivinoe degnodadorazione.Seleazioniumanesarannoinarmoniacolrta(ovverosenasconodalle nostresorgentiinterioriincuileinclinazionioppostesonoconciliate)allorailmicrocosmo umano sar collegato allordine del macrocosmo. Nei Veda vengono cantati e adorati parecchidi,checorrispondonoalleenergiebasilaridellanaturaenonaentificazioniveree proprie.Glidivediciinsegnanoalluomoaorientarsiconchiarezza,asentirsifermamente incardinatoinsestessoacospettodelmondo.Glidivedicisonoinfattimetaforedeipunti cardinali,cositemplicheliospitanosonolorizzonteresoanimatoeparlante.[]

A ognuno dei quattro Veda sono collegati un insieme di libri, di commentari ritualisticiperlaclassesacerdotale:iBrahmana,ossiailibrideibramani.Elaboratiintorno al900800a.C.,fornisconoscrupolosicommentisugliinnivedici,espongonoiprincipi,i metodi e il simbolismo delle azioni sacrificali. Nella psicologia dellindiano antico lassoluto(brahman)identificato,contemporaneamente,nelsacrificio,incicheviene ucciso,nellostrumentoconilqualeilsacrificiovienecelebrato,nelfuococheconsumail sacrificio.Tutto brahman.Tuttocicheaccadealluomo brahman.Percependotutto comeunsacrificio,lindianovedicosiliberavadaltempoedallospazio(cicheilfilosofo tedescoImmanuelKantavrebbechiamatodiversisecolidopolaprioridellaconoscenza)e siconnettevaaquellarealtpercuisisemplicementeunonda,unabollasullasuperficie increspatadellarealt,incuituttovaeviene.Chivedelazionedelbrahmanintuttelecose sulla via della realizzazione di se stesso come brahman. I Brahmana concepiscono lassolutocomeunsuono,comeunavibrazionesonora.Nonvinullaprimadelsuono.E questosuonoprimigenioPrajapati,lUomoCosmicoprogenitoredituttelecreature,lacui energiacreativailprana(ilsoffiovitalecheanimatuttigliesseri)65.

Ovviamente, inutile evidenziare le eccezionali somiglianze riscontrate in questo brano con i punti principali del modellodei popoli nativi di cui abbiamo abbondantementeparlato.Ladifferenzasostanzialetraiduestanelleconseguenze che hanno generato a partire dalle medesime premesse: nei nativi la fluidit ondulatoriadellapropriavisionedelmondosiriflessainunadinamiciteinuna fluidit culturale e soprattutto sociale, contraddistinte dalla massima tolleranza e libert; nella tradizione brahamanica dellIndia, invece, lo stesso principio ondulatorio e fluido alla base del loro modello sonico stato elaborato per la produzionediunastrutturasocialecontraddistintadallagerarchiarigidadellecaste, la cui rigidit indispensabile proprio per preservare larmonizzazione del microcosmo umano (lordine sociale), con rta, la matrice sonica che caratterizza lordinenelmacrocosmo.

65 G.Magi, QuadernoindianoNoteperunastoriadellafilosofiaDalleoriginialTantrismo,Quadernidella ScuolaSuperiorediFilosofiaOrientaleeComparativa,Rimini,2002,pag.7.

4.Oltre il principio di non contraddizione: la logica Jiaina


Nelsecondocapitolocieravamoripromessidiesplorarequellocheavevamo definito lambito della logica oltre la non contraddizione, per gettare una luce diversaeilluminantesuquellocheavevamodefinitoilprincipiointuitivoinerente in alcuni comportamenti umani. Ci domandavamo cio se grazie alla facolt mentaledellintuizione fosseplausibileesplorareleoriginidiquestoprincipio lucidamenteindividuatodaWittgensteinoltrelenebbiediunutilizzoillusionistico dellinguaggio66 inoltrandociinununiversodiverso,nonillusorio,contraddistinto daunalogicaoltrelacontraddizione,nelqualelastessaintuizioneelarazionalit (nonpicausale)potevanoaddiritturasovrapporsifinoacoincidereinunafunzione mentaleunitariachepotremmoforsedefinireintellettouniversale. Il principio di non contraddizione introdotto nella filosofia occidentale da AristoteleasseriscecheAAeperquestononpuessereB,ciocheunacosa quellacosaedunquenonpuessereun'altracosa.Dettoinaltritermini:
I. unacosa; II. unacosanon; III. unacosaonon.

Questoprincipio,comeabbiamovisto,perdedivaliditinunmondofluidoin cui,invirtdellaindeterminatezzaedellindifferenziazionechelocontraddistingue, AAmapucontemporaneamenteessereB,cioessereentrambi.Ovviamente potendoessereancheB,ApunonesserepiA,nelsensodinonesisterepiin quantooggettoidentificatoconlaletteraA(identificatocioinvirtdiunprocesso mentalecheimplicitamenteladelimita,laindividuaelericonoscelacaratteristicadi Aezza).QuindiA(eovviamenteancheB)sonoconcettirelativienonassoluti. Questalogicaoltreilprincipiodinoncontraddizionesmascheralillusorietdelle


66Difronteallaconsapevolezzadiquestoprincipio,lunicocomportamentoplausibileperilfilosofoaustriaco,come visto,eralacorrettadescrizionecontemplativadicichegisisa.

definizionilogichechesibasanosullacredenzadiunessenzaontologicadellecose (AconlasuaAezza,BconlasuaBezza),cheinvecevieneloroattribuitadagli arbitriidellinguaggioedellamente.Forseogniontologiaunarbitrio,edquesto sospetto che ci insopportabile.Il principiodinoncontraddizionestal alloraa rassicurarci,sussurrandoci:Staitranquillo,lecosestannocos!. Questoargomentofucomunqueampiamentedibattutodaljainismo,unodei movimentifilosoficospiritualichepreserovitanelsubcontinenteindianonelperiodo chevadal600al500a.C.echeinsiemeal buddismo eal materialismoindiano costituironoilfrontediribellioneallortodossiabrahmanicadellescuoleeterodosse cosiddette nastika, (non cosi, negazione riferita ovviamente alla tradizione brahamanica).Aldildeglialtriaspettidicuiilsistemajiainasioccup(fisica, astronomia, psicologia, morale)pernoidinteresse losviluppodel lorosistema logico.AncoraGianlucaMagiinpropositoafferma:
Un altro aspetto rilevante del giainismo la logica cognitiva che formula una concezione multiprospettica della realt e una visione relativistica della verit. Questa concezionevieneinfattichiamata syadvada (dottrinadelpotrebbeessere),ossiadottrina del carattere provvisorio della conoscenza che dipende dai sette modi di accostarsi alloggetto,percuidiunacosasipuaffermare: I. che; II. chenon; III. cheonon; IV. cheenon(quindiindefinibile); V. cheedindefinibile; VI. chenonedindefinibile; VII. che,non,edindefinibile. Ogniaffermazionehauncarattereprovvisoriocondizionalevalidosuunpiano,ma inficiatosullaltro.Nellalogicadeipianidirealtgiainaildogmatismononhadirittodi cittadinanza:senoncisirendecontodiunarealtcinonsignificacheessanonesista67.
67G.Magi,Quadernoindiano,cit.,pag.26.

Ilprincipiodinoncontraddizionesifermadunqueallaterzaproposizionedella logicagiaina,chenepresentainvecealtrequattro.Laquartaproposizionequella fondamentale, mentre le successive tre potremmo considerarle dei corollari della quarta.Essasiaccordaallenostreriflessionicircalafluiditnonimprigionabiledella cosa,quindilafluiditnonimprigionabile nella cosa68. Limmaginevisivachemi viene in mente per esprimere questa indefinibilit, se pu essere daiuto, la seguente:inuntelevisoresottopostoafortiinterferenzeunacosaoraapparenitida, orapocodefinitaesgranata,orascomparenellatempestadicrepitiiediscariche. Ilprincipiointuitivodicuiabbiamoparlatopotrebbeesserealloraallabase diqueicomportamentiumani(primitratuttivengonoinmentequellirituali),che, oltrepassatoinconsapevolmenteilvalicodelprincipiodinoncontraddizione,trovano la ragione della loro esistenza nel loro essere in sintonia con lindefinibilit delluniverso,nelcavalcarnelestesseevanescentifrequenze,alpassaggiodellequali la razionalit occidentale non riesce invece a salire su. Ma questo principio intuitivodepositatoneicomportamentienellinguaggioumanipotrebbesciogliersi in una intuizione infinita di cui latto di intuire che esperiamo nella nostra quotidianitunafulmineavampata,unflashistantaneo.Grazieaquestaintuizione infinitacheavevamoancheprovatoadefinireintellettouniversale69,ilmondosi manifesta per ci che veramente : la nostra percezione del mondo aderisce perfettamente e non si discosta dallessenza del mondo, tanto che lessenza del mondo lanostrapercezione(eviceversa,ovviamente),tantochedunquele nostre percezioni si perdono, identificandovisi, nellessenza del mondodi cui del restosonoparte.

68Lasuccessionedelleduefrasi:lafluiditnonimprigionabiledellacosaseguitadalafluiditnonimprigionabile nellacosa(oquestogiocodiparole,sepreferiamodefinirecostalesuccessione),cifacapireancoradipilanatura indefinibiledellacosastessa. 69Universalmind,IntellettoinGenereoAnimamundi,pensovadanotuttiugualmentebene.

5.Lautismo e la Savant syndrome


Esistequindi,nellaquotidianit,unoscostamentoeunadistanzaimplicitatrala percezionedellarealtelasuaessenza,sullaqualenoncicapitanormalmentedi riflettereabbastanza70.ProprioperquestomotivoKantavevaformulatolacelebre distinzionetraiconcettidinoumenoedifenomeno71. Tuttavia a pensarci bene, questa verit conclamata gi nel dato statistico inerente la scarsa percentuale della popolazione capace di dipingere bene. Lidea mentale di quello che vediamo, infatti, ci condiziona anche quando lo dobbiamo rappresentare graficamente, una volta entrati in possesso di una matita. Se per esempiodovessimodisegnareunpalazzo,ungrattacielomagari,citroveremmodi fronte a unidea del grattacielo che nella nostra mente la seguente: un parallelepipedochesiinnalzanelcielo.Questaidea,cheunnostroschemamentale, una nostra rappresentazione, ci influenza per nel momento in cui ci troviamo nellesigenzadidisegnareadesempioglispigolidelgrattacielo:noncipermettedi vedereunqualcosachesolosoffermandociarifletterepiattentamentedefiniremmo gi in maniera diversa da spigolo magari utilizzando una serie di frasi pi dettagliateespecifiche.Potremmodescriverecichevediamocomeuninsiemedi puntiincuisicongiungonolelucieleombredellatoassolatoediquelloinombra:
70Larbitrarietdellapercezionesensorialeconfermataanchedallafisiologia,chehadimostratocheisensiumani generalmente funzionano in modo logaritmico. Se per esempio osservassimo una lampadina che irradia la luce allintensitdi50wattepassassimoallapotenzadi100watt,noteremmounnotevoleaumentodellaluminosit.Mase da quella arrivassimo fino a 150 watt, noteremmo un aumento di luminosit che ci sembrer molto inferiore al precedente,ancheseinrealtcstatolostessoaumentodipotenza(ecio50watt).Unaltroesempioquellodel peso:potremmodistinguereconfacilitladifferenzatraunoggettochepesamezzochiloeunaltrooggetto,diuguali dimensioni,chepesaunchilo,semplicementesoppesandoliinmano.Manonciriusciremmoselofacessimoconun oggettodiquindicichilieunaltrodiquindicichiliemezzo,nonostantelavariazionesiasempredimezzochilo.Inostri sensisonoingradodiavvertireunadifferenzadipesodel100%comenelprimocaso,manonunadel3%scarsocome nelsecondo. 71Ilnoumeno"essenzapensabile,mainconoscibiledellarealtins"nellafilosofiadiKant,postocheisensiumani sianolimitatinelleloropercezioni,l'oggettoinconoscibilenellasuainterezzasensoriale,"lacosains".Dunqueil noumenol'oggettodell'intelletto,dellaconoscenzapura,ovverocichesipuconoscereutilizzandonull'altrochele capacitintellettuali,contrappostoaglioggettidell'esperienzacomune,conosciutiinmodopiimmediatopermezzo deisensi(ilfenomeno).Ilnoumenosiidentificanellarealtinconoscibileenonraggiungibileattraversolaconoscenza diretta,masolograzieall'intuizionedellasuasempliceesistenza. Trattodallasito:<http://it.wikipedia.org/wiki/Kant>,paginaunica.

taledescrizionesarebbeintalmodopifedeleallimmaginequaleessasiimprime nellanostraretina.Stiamovedendo,apensarcibene,unqualcosachenonsappiamo benecosasia,machesedovessimoaffidarciallesolenostrepercezionisensoriali, dovremmo definire come una macchia di colore sottile e allungata con diverse sfumature di luminosit che si imprime nella mia retina. Ma la nostra idea precedentedigrattacielo,depositatanellanostrastrutturamentale,cifarappresentare lostessocomeunparallelepipedo.Eognunodinoidisegnaunparallelepipedocon dellelineechesiincontranoindegliangoli.Lanostraconoscenzarazionaledella figurageometricacicondizionaeperquestodisegniamolanostraideadigrattacieloe nonilgrattacieloqualeessooggettivamente(odovrebbeessere),ciopercome esso si manifesta a noi e si offre alla nostra percezione visiva. In altre parole, abbiamosostituitocondellelinee(geometriche)presentinellanostramente,lezone dicoloresottilieallungatecondiversesfumaturediluminositcheamaggiortitolo sonoiverilatidiungrattacieloelasuaveraessenza. Lartistaoilbravopittore,quindi,ingradodinonfarsicondizionaredallasua strutturamentale,madirappresentarelecoseinmanieramoltoprossimaacome veramentesono:quindiingradodiaccedereallIntellettoinGenereattraversoun varcopigrandechenonilmiserorigagnolodelqualepubeneficiarelagente comune. La presenza della struttura cognitiva mentale che opera organizzando e coordinando innumerevoli interazioni di oggetti ed immagini mentali, dunque, escludetirannicamentelapossibilitdipercepireesattamentelarealt.Perchmai, infatti, sorge spontaneo domandarsi non dovremmo essere in grado di rappresentareperfettamentelarealtcoscomessa(diciamocoscomeessaci vieneincontro),senonacausadiunaqualcheinterferenzaedimpedimentodentro dinoi? Nonuncasodunquecheinalcunicasidiautismo,soprattuttonellaforma dellaSindromediAsperger,dettoancheautismoadaltofunzionamento,sianostate osservatedelleincredibilicapacit,siaartistiche(musicali,pittoriche),siaintellettive

(matematiche), tanto che per questi casi stato coniato il termine (non proprio felicissimo)diSavantsyndrome(letteralmenteSindromedeldottooSindrome dellerudito). Lattivit selettiva della struttura cognitiva mentale che, per dirla con le parolediHuxley,permetteunadattamentoutilitaristicoalmondograziealperfetto funzionamentodellavalvoladiriduzionecerebrale,laqualeperresponsabile anchedellaincapacitdelcervellodiaccederedirettamenteallIntellettoinGenere insoggettiautisticipresentadellegravidisfunzioni:
L'autismoconsideratodallacomunitscientifica internazionale undisturbo che interessalafunzionecerebrale.Normalmenteisintomisonorilevabilientroilsecondo/terzo annodietesimanifestanocongravialterazioninelleareedellacomunicazioneverbalee non verbale, dell'interazione sociale e dell'immaginazione o repertorio di interessi. Le personeconautismopresentanospessoproblemicomportamentalicheneicasipigravi possono esplicitarsi in atti ripetitivi (rituali, stereotipie ecc.), anomali, auto o etero aggressivi.[] Lapersonautilizzaillinguaggioinmodobizzarrooapparedeltuttomuta;spesso ripeteparole,suoniofrasichesentepronunciare(ecolalia).Ancheselecapacitimitative sono integre, queste persone spesso hanno notevoli difficolt ad impiegare i nuovi apprendimentiinmodocostruttivoinsituazionidiverse.Spessopresenteritardomentale. Apparentecarenzadiinteresseedireciprocitconglialtri;tendenzaall'isolamentoe alla chiusura; apparente indifferenza emotiva agli stimoli o ipereccitabilit agli stessi; difficoltadinstaurareuncontattovisivo(es.guardarenegliocchilepersone),adiniziare una conversazione o a rispettarne i turni, difficolt a rispondere alle domande e a partecipareallavitaoaigiochidigruppo.Noninfrequentechebambiniaffettidaautismo sianoinizialmentediagnosticaticomesordi,perchnonmostranoalcunareazione,comese nonavesserouditoappunto,quandosonochiamatipernome. Disolitounlimitatorepertoriodicomportamentivieneripetutoinmodoossessivo; sipossonoosservaresequenzedimovimentistereotipati(peres.torcersiomordersilemani lemani,sventolarleinaria,dondolarsi,ecc.)dettiappuntostereotipie72.
72 IgorCenciarelli(acuradi),Autismo,descrizionegenerale,inB.M.A.BibliotecaMultimedialeAutismopubblicato sulsitoGliargonauti.org,paginaunica. <http://www.gliargonauti.org/bma/def/autismo.htm>.

LaprincipaledifferenzatraAutismoeSindromediAsperger,cheinquest'ultimavi assenzadiritardinellecapacitdiautoaccudimento,nell'acquisizionedellinguaggioedi ritardo mentale (presenteincirca il7075%degli autistici). IlQ.I.diquestepersone uguale o superiore alla media, tanto che ci si riferisce a questo disturbo anche con l'espressioneAutismoadaltofunzionamento. Rimangonotuttaviagravicompromissioninellaqualitdell'interazionesocialeedel repertorio di interessi e della fantasia, che si manifesta in modalit di comportamento e attivitristrettiripetitiviestereotipati. Comeperl'Autismo,ledifferenzeindividualineisintomisonomoltomarcateevariano dal mediolieve al grave. Si possono osservare deficit nelle abilit sociali, resistenza al cambiamentoetendenzaall'isolamento.Sonospessopresentiritualiossessivioeccessivo interesse per alcuni argomenti o oggetti particolari. Di solito si osservano difficolt nell'interpretare correttamente i gesti e il linguaggio non verbale, con problemi nel determinare correttamente la posizione del corpo nello spazio. Alcuni mostrano un'ipersensibilit agli stimoli sensoriali (udito, vista, olfatto, gusto, tatto). Malgrado la ricchezzadelvocabolario,sipossononotareinmolticasianomalieneltonoenellaprosodia ecomunqueunageneraledifficoltadutilizzareillinguaggioinuncontestosociale73.

Tuttiisintomidellautismosonodunquesegnalidiunadeficitariaformazione di quelle facolt di cognizione del reale funzionali ad orientarsi allinterno di coordinatedisensospaziotemporaliesociali.Nonstupiscechesianospessopresenti fenomenidiecolaliaedecocinesia(stereotipie),coscomenellolonismo:percerti versi,entrambisonoinfattiduestadiaffini,ancheseprodottiincontestidiversida causediverse.Tuttavia,marcatamenteneisoggettiaffettidallaSindromediAsperger, parallelamente a queste disfunzioni, ma forse anzi esattamente in virt di queste disfunzioni,siosservanocapaciteccezionaliindeterminatefacolt(artisticheedi calcolo),chefannopensareadundilagaredellintuizioneinfinita,delTuttocos
73I.Cenciarelli(acuradi),SindromediAsperger,descrizionegenerale,inB.M.A.BibliotecaMultimedialeAutismo, cit.,paginaunica. <http://www.gliargonauti.org/bma/def/asp.htm>

com,neisoggettiautistici.Essisonodunqueunterminaleprivilegiatonelqualela veritnonmediata,cioilpurosignificato,liberodiautomanifestarsiedirivelarsi inloroeattraversolorointuttalasuaperfettaeautoconcludenteessenza. Ilseguentebrano,trattodaunarticolodiSteveSilberman,parlapropriodi questeeccezionalicapacit,ovviamentedallaprospettivadellaneurologia:


Iltalento artisticodellamaggiorpartedegliautistici, peresempio,nonderivada alcuna preparazione, istruzione o pratica. come se quellabilit fosse l da sempre, perfettamentecompiuta,inattesasolodiaccedereaimezziperesprimersi.Ibambiniche sembrano nascere con doti fuori dal comune sono oggetto di interesse da secoli, ma le recentiscopertedimostranochetuttinoipotremmoavereungeniodentrocheaspettasolodi venireallaluce. Uno dei primi studiosi a collegare genio e anomalie neurologiche stato Bruce Miller,dellUcSanFrancisco.Fuluianotarechealcuniindividuiaffettidademenzafronte temporale sviluppavano attitudini artistiche e musicali pur vedendo al tempo stesso danneggiatelepropriefacoltlinguistiche.Unodeisuoipazienti,unlinguistadi78anni, iniziacomporremusicaclassicapurnonavendonessunapreparazione;sentivachelasua mente era stata catturata da note e intervalli. Unaltra, famosa paesaggista, si dette allastrattismo dipingendo quadri sempre pi espressivi via via che le parole labbandonavano. Le scannerizzazioni di questi malati indicano danni cerebrali simili a quelli dellautismo. Con il progredire della malattia, questi individui vivono curiose alterazionidellapercezione,ediventanopiattentiaidettagli,alleimmaginieaisuoni. Comincianoaessereossessionatidalleproprienuoveinclinazioniartistichepropriocomegli autisticidallemappe,dagliorariedallaroutinequotidiana.Lapaesaggista,a57anni,smise di lavorare da sola nel suo studio per agganciare gente nei bar e dipingere nudi. La provocatoriaconclusionediMillerfucheidementi,via,viachepeggiorano,inrealtstanno meglio.Lapatologianoninventailtalentoinquestiindividuimalo scopre.Ildisordine mentale cancella leinibizioni dei lobitemporali sinistri,consentendoalle abilit sepolte nellemisferodestrodiemergere.[] Via,viachelenuovericerchescopronoareedelcervellofinorainesplorate,alcuni neurologiinizianoachiedersiseesiste,perunapersonanormale,unmododiattivarequesti talenti nascosti senza subire il trauma sofferto dai dementi di Miller. In un laboratorio

australiano,unoscienziatorivoluzionariohadecisodiliberareilgeniocheinnoidalla benevola tirannia dellemisfero sinistro. Partito come fisico, Allan Snyder ha accelerato lavventodellamodernaeradellafibraotticaconlesuescoperteinmateriaditrasmissionea onde ottiche negli anni Sessanta. Al Centre for the Mind di Sydney, ha poi iniziato a lavoraresulleteoriediTreffert,Sacksealtrisostenitoridellipotesisecondocuigliautistici avrebberounaccessoprivilegiatoallamateriaprimacerebralequandononstataancora smistataefiltratadallefunzionimentali.Secondolui,igenimusicalihannounorecchio assolutoperchsfruttanodirettamenteirecettoricorticalidifrequenzasenzalamediazione dellemisferosinistro.Eipittoriautisticidipingonoconestremaaccuratezzaperchvedono ilmondocomveramente.Ilsapereelesperienza ciaccecano, spiegaSnyder. Se potessimodisattivarelenostrefunzioniconcettuali,avremmounavisionecomplessivadella realtchecicirconda.[] IltalentoartisticodiunautisticadinomeNadiaunabambinainglesecheatreanni disegnavamegliodiunpittoreadultoscomparveanoveanni,quandoimparaparlare.E labrillantecarrieradimoltifenomenimusicalisiinterrompeconladolescenza, quando tuttovienetrasformatoinroutinedallemisferosinistro74.

Idisturbiditipoautistico,oltrecheacausadipatologiechesiverificano durantelafasedellosviluppoinfantile,possonoaverluogoanchepermancanzadi queglielementiculturalichevengonointeriorizzatidallambientecircostante(madre, famiglia)echeabbiamovistoessereparteintegranteedimprescindibilealpari deglielementidinaturafisiologicaegeneticadelsetdiinformazioninecessariealla menteumanaperpotersisvilupparepienamente.ilcasodeicosiddettibambini scimmia,casirealidipiccoliTarzancheintenerissimaetpercircostanzefortuite, comeincidentiaereinelleforesteoaltro,sonorimastisenzagenitoriesonostati salvati dalle scimmie che li hanno allevati. Quando questi bambini sono stati successivamenteritrovati,presentavanotuttitrattipiomenomarcatidiautismo75.
74S.Silberman,Ilcervelloinnetworkparte2,pubblicatosulsitoMagazineenel.it,paginaunica.
<http://magazine.enel.it/boiler/arretrati/wired_dett.asp?iddoc=724297&titolo=Wired%20%20Il+cervello+in+network+ %26%23150%3B+parte+2>

75 Perlacronacadunque,ilnostroprimouomoipotizzatonelprecedenteparagrafo,avrebbepresentatoglistessi trattiautistici.Difronteallatotalenovitdelmondo,inmancanzadiistruzionidainteriorizzaresucomeriusciread interpretarlo,ereditabilidaunapreesistenteculturachenelsuocasoavevamodeliberatamentestabilitononfossemai

UnulterioreevenienzainfinequellariportataanchedaSilbermannelcasodi BruceMilleredeisuoipazientichecominciaronoapresentaresintomidegenerativi del sistema cognitivo in et avanzata. Uno dei casi pi famosi di questo tipo indubbiamentequellodelmusicistafranceseMauriceRavel.
Ilcervellodeigrandimusicistipuforniredatiutiliallaneurologia. Laveridicitdiquestaaffermazioneriscontrabileneidatifornitidaunostudio,pubblicato dallarivistascientificaNature,sullamusicadiMauriceRavel,autoredelcelebreBolero.I ricercatorisostengonochelamalattiaalcervellochecolpilfamosocompositoreabbia influitosullesueultimecreazioni,compresaquellagicitata.Leultimecomposizionidi Ravel sono caratterizzate da una prevalenza dei timbri orchestrali sulla complessit melodica eparecheitimbrisianocontrollati soprattutto dallapartedestradel cervello mentrelasinistra,cheeraquelladanneggiatadallamalattiacheloaffliggeva,controllala partemelodica.Ilcompositorefrancesehainiziatoasoffrire,acirca52anni,diunaforma misteriosa di demenza progressiva. Egli ha gradualmente perso la capacit di parlare, scrivere e suonare il pianoforte. La sua ultima opera risale al 1932 e la sua ultima prestazioneateatrosoloallannosuccessivo.venutoamancareneldicembre1937. Moltineurologihannocercato,nelcorsodeglianni,discoprirelamalattiachelo colp. [] Franois Boller, del Paul Broca Research Centre di Paris, sostiene che il musicistastatocolpitodaunafasiaprimariaditipoprogressivo,chehadanneggiato i centridellinguaggiodelcervelloresidentinellemisferosinistro,edaunadegenerazione "corticobasale"chehaprovocatolaperditadicontrollodelmovimento.Quindiloscienziato giuntoallaconclusionecheRavelnonabbiapersolacapacitdicomporremusicama soltantodiesprimerla,inquantolecapacitmusicalisonodiffuseatuttoilcervelloesono diverseleareechesioccupanodellamelodia,dellarmoniaedelritmo.Gliultimiduelavori diRavel,ilBoleroeilconcertoperlamanosinistra,sonoperglistudiosilachiaveditutto. Il concerto perla mano sinistra suonato soltanto conla mano sinistra efu composto dallautoreperunpianistainvalidodiguerracheinbattagliaperseilbraccio[destro.Trattasi delfratellodiLudwigWittgenstein,Paul!].PicheinqualsiasialtroconcertodiRavel,il

esistita,sarebbestatoimpossibilitatoasviluppareunaperfettacapacitcognitivapsichica,cheinvecegliavevamo assegnatoperifinidimostratividelcontesto.

pianofortefadasolistanellorchestra.IlBolerocontienesoltantoduetemi,chesiripetono individualmenteottovolte,conben25combinazionidisuoni76.

LaripetitivitdeltemadelBolerocifavenireinmenteancoraunavoltale stereotipiedellautismoedellolonismo.Accantoaci,occorresottolinearecheil concertopermanosinistra,ultimaoperadiRavel,compostaquandolasuamalattia era gi in fase avanzata, unanimemente considerata unopera di stupefacente genialit.

6.La tradizione filosofica dellOriente e la prassi della meditazione


Ilettoricheconosconoinmanierapiomenoapprofonditalaculturaorientale sisarannogiaccortidellenumerosesimilitudinicheintercorronotraitemitrattatiin questolavoroelatradizionefilosoficaeculturaledellOriente.Quindiunminimo accennoaquestinessisembraquantomenodoveroso.Nellinduismo,adesempio,si possonoindividuarecorrispondenzetrailprincipiovitaleuniversaledel brahman atman(brahman,Suniversaleeatman,Sindividualechelinteriorizzazionedel brahman)eleconsiderazionicheabbiamofattoriguardoilwakanWakanTankae lanaturafluidadelluniverso.Oppurelacorrispondenzadelconcettodisunya(vuoto) allabasedellavisionebuddista,conlavacuitcheabbiamoriscontratocelarsidietro ilprocessodinominazioneedioggettivazionedelreale. TuttaviaibrevirichiamiallOrientechefaremoinquestasederiguarderannola prassidellameditazione.AdifferenzadellEuropa,infatti,lafilosofiaelaspiritualit orientali non erano incentrate soltanto su un substrato di esperienze puramente

76 CosettaM.redazioneGT, Ilcervellodeigrandimusicisti,pubblicatosulsitoEcplanet.com,maggio2002, paginaunica. <http://www.ecplanet.com/canale/salute7/superconscio75/0/0/230/it/ecplanet.rxdf>

teoricheespeculative,masibasavanosusperimentazioniconcreteesperiteattraverso lameditazione. Ilprimorichiamoriguardalo yoga,unaprassichesiprefiggeattraversoun protocollo di tecniche da applicare progressivamente (postura, respirazione, concentrazionementale),diraggiungereunostatochescavalchilIogiungendooltre ilpensierocognitivo.Loyogasiriproponediriuscirci,attuandocichechiamato cittavrttinirodha(loyogalacessazionedellattivitturbinosadelpensiero).
Ilpercorsodelladdestramentoyogico[sisviluppa]inottofasi[].Iprimiduestadi (yama e niyama)sonounaseriediprecettietici.Ilterzolasana,laposturacorporea.Il quartoilpranayama,ilcontrollodellattivitrespiratoria.Ilquintoilpratyahara,la dissoluzione del condizionamento percettivo. Ilsesto il dharana,la concentrazione mentale. Il settimo il dhyana, la contemplazione meditativa. Lottavo il samadhi, lestasi, il perfetto compimento. Giunti a questo stadio si capir che loggetto delle attivitmeditativeprecedentiprivodinaturapropria(svarupa)edvuoto(sunya).Lintera attivitmentalesirivelacossenzaalcunoscopo.Intuttoquestopercorsolatteggiamento delmeditantedovrebbeessereunosolo:cercareilsamadhisenzaaverelaconsapevolezzadi cercarlo,senzaattaccarsialsamadhieaisuoirisultati77.

IlsecondorichiamoinveceriguardaunaneddotochemiharaccontatoilProf. MauricioYushinMarassi,docentediBuddismoediReligionidellestremooriente pressolUniversitdiUrbino,nonchmonacozendellascuolaSotochevissutoper diversianniinmonasteroinGiappone.Lapraticadellozazenconsistenelsedersicon il corpo eretto generalmente davanti a un muro bianco ad una distanza di circa cinquantacentimetri,unmetro. Zazen latraslitterazionedelfonemacolqualei giapponesi pronunciano lideogramma cinese zuo chan, che significa sedersi nel chan.Chan(inorigineforsechanna),asuavoltalatraslitterazionedelsanscrito dhyana,terminegeneratosullaradicedhyaichesignificapensareecontemplarenella cultura indiana prebuddista e poi in quella buddista significa profondo
77G.Magi,Quadernoindiano,cit.,pag.13.

assorbimento.Dunque,anchelozazenunaformadimeditazione.Essasiprefigge di raggiungere la condizione del risveglio, obbiettivo fondamentale del buddismo (Budda significa risvegliato): oltre lillusoriet della percezione razionale del mondoesistelapossibilitdirisvegliarsiattraversolapraticadellozazen. IlProf.Marassimiraccontcheungiornosimiseconaltrimonacidavantiad unospecchioinvecechedavantialsolitomuroediniziaronoapraticarelo zazen. Dopounpoditempoeglinonfupiingradodistabilirechiluifosseechifossero gli altri. Il richiamo di questo episodio piuttosto significativo, poich oltrea confermare il ruolo selettivo ed interferente del pensiero conferma le nostre riflessionisullindifferenziazioneesullavisionefluidadelreale.

Leportedellapercezione
Tuttiidocumentipresentatinelprecedenteparagrafo,alqualesenesarebbero potuti aggiungere numerosi altri,testimonianocheil salto nellimpossibile in realtpossibile.Esperendolonelleformedideliberatiesercizimeditativiespiritualio per mezzo di droghe o attraverso linibizione di determinate funzioni cerebrali collegate alla cognizione spaziotemporaleo attraverso la visionariet di un estro artisticochesihalafortunadipossedere,siriesceapenetrarequelmondochenon unmondofantasticopostoinunaltradimensione,maquestostessomondo,quied ora,percepitoconmodalitdifferentidaquelleallabasedelnostrosistemacognitivo cerebraleincentratosullaillusoriaconcezionespaziotemporalecontraddistintadalla successioneirreversibiledipassato,presenteefuturo. Inquestoimpossibile,ilnoumenoeilfenomenosiricongiungonoefiniscono persvelarelalorooriginariaunit,mairealmenteseparatasiesisvelalEsserenella suaeternitistantanea,doveiltemposidissolveelacuimutevoleessenzarisplendee traboccadisedellesuecontinuetrasformazioni.

Leparoleingradodidescriverequestotipodiesperienzaprobabilmentenon sono state ancora inventate, per di seguito, riportiamoduebrani chein qualche manieracipermettonodiavvicinarcimoltoaquellacheriteniamopossaesserela sensazioneinquellecircostanze.IlprimoriportalatestimonianzadiArthurAmiotte sulmomentofatidicodelbreaknellacerimoniadellaSunDance:

Cos nella Sundance, quando la carne dei danzatori tagliata e le corde sono attaccate,luomopercepiscechequestanonunatorturamapiuttostounincarnazionedella profonda verit che tutte le sue quattro parti sono letteralmente unite col sacro potere inerentealsole,lalbero,lozenit,eilnadir,tutteleforzedellaterrachesonoconcentratel. Attraversoilsacrificio,attraversolesserfattosacro,attraversolessertrasformato,lesue personalitspiritualisonocollegateconCiCheSacro. Tutti noi sappiamo che pericoloso cercare di stare nel mondo sacro per molto tempo,percilinsegnamentochesidebbacercarediliberarsiilpivelocementepossibile. Altrimentisipotrebbetrovarlocosmeravigliosochesivorrebberestare.Cosiquelliche sonoattaccatiallalberosacrodevonousareognisforzoperliberarsivelocemente.Qualcuno erroneamente percepisce questo come unautotortura, ed esattamente per questa incomprensionecheladanzaeraoriginariamenteproibitacomeunritopagano.Cuna profondarealizzazionenelladanza,unasacraestasi,unatrasformazioneattraversocuisi realizzalinterezzaelunitdituttelecose.Lospirituale,iltemporale,lamassa,ilprofano, ilcomune, sono tuttiinsieme,tuttoinunavolta.Attraversoquestolindividuotrascende tutto ci che conosciamo di questa vita e finalmente arriva nel mondo reale, nel posto reale78.

La seconda una specie di telecronaca, quella che fa Aldous Huxley descrivendoconilsuostileadrenalinico,concitatoecoinvolgente,lasuapersonale esperienzaconlamescalina:
78A.Amiotte,TheLakotaSunDanceHistoricalandContemporaryPerspectives,cit.,pagg.8889.

Mezzoradopoaveringoiatolamescalinadivenniconsapevolediunalentadanzadiluci dorate.Unpopitardivifuronosontuosesuperficirossecheondeggiaronoesidistesero danodibrillantidienergiavibrantidivitaricopiata,continuamentemutevole.Poiimiei occhichiusirivelaronouncomplessodistrutturegrigie,entrolequalipallidesferebluastre emerseroinunaintensasolidite,unavoltaemerse,scivolaronosilenziosamenteinalto, fuoridellavista.Maiperfuronofacceoformediuominiodianimali.Nonvidipaesaggi, ndisteseimmense,napparizionimagicheemetamorfosidiedifici,nientechesomigliasse lontanamente a un dramma o una favola. Laltro mondo nel quale la mescalina mi introducevanonerailmondodellevisioni:esistevafuoridiesso,incichepotevovedere congliocchiaperti.Ilgrandecambiamentoeranelregnodelfattoobiettivo.Cicheera accadutoalmiouniversosoggettivorelativamentenonavevaimportanza. Presi la pillola alle undici. Unora e mezza dopo ero seduto nel mio studio, guardandofissounpiccolovasodicristallo.Ilvasocontenevasolotrefiori:unarosaBella del Portogallo completamente aperta, rosa allesterno, con una sfumatura pi calda e fiammeggianteallabasediognipetalo;ungrangarofanocremisiemiele;e,pallidaporpora allestremit dellincerto gambo, lardito, araldico fiore di iris. Fortuito e provvisorio il piccolo mazzo rompeva tutte le regole del buon gusto tradizionale. Quella mattina a colazioneerostatocolpitodallavivacedissonanzadeisuoicolori.Manonsitrattavapidi questo.Nonguardavoadessounainconsuetadisposizionedifiori.VedevocicheAdamo aveva visto la mattina della sua creazione: il miracolo, momento per momento, dellesistenzanuda. piacevole? chiese qualcuno (durante questa parte dellesperimento tutte le conversazionifuronoregistratesuunnastromagnetico,emistatopossibilerinfrescarmila memoriacircaquantofudetto). Npiacevole,nspiacevolerisposi.. Istigkeit: non era questa la parola che Meister Eckhart amava usare? Essenza. LEsseredellafilosofiaplatonica,solochePlatonesembraaverfattolenormeegrottesco errore di separare lEssere dal divenire, identificandolo con la matematica astrazione dellIdea.Eglinonavrebbemaipotutovedere,poveruomo,unfasciodifioribrillarediluce interioreepalpitaresottolapressionedelsignificatodicuieranosaturi;nonavrebbemai potutopercepirechecichelarosa,liriseilgarofanosignificavanocosintensamentenon eranpinmenochecicheerano:latransitorietchepureeravitaeterna,laperpetua

deperibilit che era nello stesso tempo puro Essere, laffastellamento dei minuti, unici particolari,incui,perqualcheinesprimibile,eppureevidenteparadosso,eradavederela divinafontedituttalesistenza79. Chedicecircalerelazioni dispazio? chiese linvestigatore, mentre guardavo i libri. Fudifficilerispondere.Inveritlaprospettivasembravapiuttostocuriosaelepareti dellastanzanonsembravanopiincontrarsineigiustiangoli.Maquestinoneranoifatti veramenteimportanti.Importanteeracheirapportidispazioavevanocessatodiaveregran pesoelamiamentepercepivailmondointerminidiversidallecategoriedispazio.Intempi normali locchio si interessa di problemi come Dove?, A quale distanza?, Qual la posizioneinrelazioneachecosa?Nellesperienzadellamescalinaledomandeimplicitealle qualilocchiorispondesonodiunaltroordine.Postoedistanzacessanodiaveregrande interesse.Lamentepercepisceinterminidiintensitdiesistenza,profonditdisignificato, relazionientrounoschema.Iovedevoilibrimanonmiinteressavaaffattolaloroposizione nellospazio.Cichenotai,cichecolplamiamentefuilfattochetuttisplendevanodi luceviva,echeinalcunilagloriaerapimanifestacheinaltri.Sottoquestoaspetto,la posizione ele tre dimensioni eranofuori causa.Nonche,senza dubbio,la categoria di spazio fosse stata abolita. Quando mi alzai e presi a camminare, potei farlo del tutto normalmente, senza falsare icontorni degli oggetti. Lospazio erasempre l, ma aveva cessatodipredominare.Lamentesiinteressava,soprattutto,nondimisureedicollocazioni, ma diesseree disignificato. E conlindifferenza perlo spazio venne unaindifferenza ancorapicompletaperiltempo. Sembrachevenesiaingranquantitfuquantorisposiallinvestigatorechemi chiesecosaprovassicircailtempo. Grandequantit,maquantoesattamente,eradeltuttoirrilevante.Avreipotutosenza dubbioguardarelorologio;mailmioorologio,losapevo,erainunaltrouniverso.Lamia effettivaesperienzaerastataederaancoradidurataindefinita,oalternativamentediuna composizionesemprepresente,diunaapocalissecontinuamentemutevole80. Linvestigatorediresselamiaattenzionedailibriaimobili.Untavolinodamacchina perscriverestavanelcentrodellastanza;dietrodiesso,dalmiopuntodivista,eraunasedia
79A.Huxley,Leportedellapercezione,cit.,pagg.1517. 80Ivi,pagg.1921.

di vimini e dietro la sedia una scrivania. I tre pezzi formavano un intricato schema di orizzontali, verticali e diagonali, uno schema tanto pi interessante, in quanto non era interpretatointerminidirelazionidispazio.Tavolino,sediaescrivaniasiunironoinuna composizione che somigliava a qualcosa di Braque o di Juan Gris, una vita tranquilla evidentementeattinentealmondoobiettivo,maresasenzaprofondit,senzaalcuntentativo direalismofotografico.Guardavoimieimobili,noncomelutilitaristachedevesederesulla sedia, scrivere alla scrivania e alla tavola, e non come il fotografo o lo scienziato che registra,macomelestetapuroilcuiinteressesoloperleformeeperilororapportientro il campo visivo olo spazio del quadro. Mentre guardavo, per, questa vista puramente estetica da cubista fu sostituita da ci che posso descrivere soltanto come la visione sacramentaledellarealt.Erotornatodoveerostatoquandoguardavoifiori,erotornatoin un mondo dove tutto brillava di Luce Interiore, ed era infinito nel suo significato. Per esempio, le gambe diquella sedia, comera miracolosa la lorolucida levigatura! Passai diversiminutioeranosecoli?nonsoltantoafissarequellegambedibamb,maessendo effettivamentequellegambeopiuttostoessendoiostessoinloro;operessereancorapi preciso(perchIononeroimplicatonellaquestione,ninuncertosensoloeranoesse) essendoilmioNonionelNoniocheeralasedia81.

EvidentementeilvecchiogiocatoredicavallidicuiciparlaCharlesBukowski, nonebbemaimododiascoltareleparolediHuxley,ndileggerle.Seloavessefatto, forsesarebbesaltatodentrolimpossibileeavrebbeesclamatoinunistantedilucida illuminazionecicheWilliamBlakeavevaprofetizzato: Seleportedellapercezionefosserosgombre, ognicosaapparirebbecom,infinita. Maeglieraaggrappatoallimpossibileeforsenonerainteressatoasaltarci dentro.Gliandavabenecos.Beh,vabeneancheanoi.

81A.Huxley,Leportedellapercezione,cit.,pagg.2122.

bibliografia
Braschi,Enzo Ilcerchiosenzafine,MursiaEditoreSpa,Milano,1997. Brown,Dee BurymyheartatWoundeedKnee,(tr.it.diFurioBelfiore,Seppelliteilmiocuorea WoundeedKnee,ArnoldoMondadoriEditore,Milano,1972). TheLastNightoftheEarthPoems,1992(tr.it.diTizianaLoPorto,Seduto sul bordo del letto mi finisco una birra nel buio, Minimum Fax, Roma,2002). CreationoftheSacredTracksofBiologyinEarlyReligious,Thepresident and fellows of Harvard College, Harvard, 1996 (tr. it. di Franco Salvatorelli,AdelphiEdizioniSpa,Milano,2003)

Bukowski,Charles

Burkert,Walter

Canetti,Elias MasseundMacht,ClaassenVerlag,Hamburg,1960(tr.it.diFurioJesi, Massae potere,AdelphiEdizioniSpa,Milano,2004) Capra,Fritjof TheTaoofPhysics,1975(tr.it.diGiovanniSalio, IlTaodellafisica, Adelphi EdizioniSpa,Milano,2005) Cenciarelli,Igor Autismo,descrizionegenerale+SindromediAsperger,descrizionegenerale inB.M.A.BibliotecaMultimedialeAutismo DocumentipubblicatisulsitoGliargonauti.org.
http://www.gliargonauti.org/bma/def/autismo.htm http://www.gliargonauti.org/bma/def/asp.htm

Cosetta,M.

Ilcervellodeigrandimusicisti DocumentopubblicatosulsitoEcplanet.com,maggio2002

http://www.ecplanet.com/canale/salute7/superconscio75/0/0/230/it/ecplanet.rxdf

DalLago,Alessandro

Nonpersone Lesclusione dei migranti in una societ globale, FeltrinelliEditore,Milano,2004

DeAngulo,Jaime

Indian Tales, Hill and Wang Inc., New York, 1953 (tr. it. di Romano Mastromattei,RaccontiIndiani,AdelphiEdizioniSpa,Milano,1973).

Dei,Fabio

Usanzesinistreeprofonde:Wittgenstein,Frazerelamagia, Documento pubblicato sul sito del Dipartimento di Studi glotto antropologici e Discipline musicali dellUniversit degli studi di RomaLaSapienzaFacoltdilettereeFilosofia.CorsodiLaurea inteorieepratichedellantropologiaa.a.20042005,pagg.23.
http://rmcisadu.let.uniroma1.it/glotto/index.html.

DeMallie,RaymondJ. Parks,DouglasR.

SiouxIndianReligion,UniversityofOklaomaPress,Norman,OK, 1987.

DeMartino,Ernesto Ilmondomagico,BollatiBoringhieriEditore,Torino,1997. Freud,Sigmund Totemundtabu.Ubereinigeubereinstimmungeninseenlebenderwilden der neuro, Heller, Leipzig, Wien, 1913 (tr. it. di Celso Balducci, Cecilia Galassi e Delia Agozzino, Totem e Tab e altri saggi di antropologia, Grandi Tascabili Economici Newton, Divisione della NewtonComptonEditori,Roma,1970). TheInterpretationofCultures,BasicBooksInc.,NewYork,1973(tr.it.di EleonoraBona,Interpretazionediculture,IlMulino,Bologna,1998). TheDoorsofPerception,(tr.it.diLidiaSautto, Leportedellapercezione, ArnoldoMondadoriEditore,Milano,1980). Psychologische Typen, (tr.it. di Stefania Bonarelli, Tipi psicologici, GrandiTascabili Economici Newton, Divisione della Newton ComptonEditori,Roma,1993). WandelungenundSymbolederLibido,F.Deuticke,LeipzigundWien,1912 (tr. it. di Girolamo Mancuso, La libido, simboli e trasformazioni, Grandi Tascabili Economici Newton, Divisione della Newton ComptonEditori,Roma,1975).

Geertz,Clifford

Huxley,Aldous

Jung,CarlGustav

Jung,CarlGustav

LevyBruhl,Lucien Lameprimitive.PressesUniversitairesdeFrance,Paris,1927(tr.It.diAnna Macchioro,Lanimaprimitiva;BollatiBoringhieri,Torino,1990). Lolli,Laura Unintroduzioneaifrattali DocumentopubblicatosulsitoFrattali.itacuradiLauraLolli, ultimoaggiornamento:aprile2003,paginaunica.

http://www.frattali.it/introduzioneaifrattali.htm

Magi,Gianluca

QuadernoindianoNoteperunastoriadellafilosofiaDalleoriginial Tantrismo, 2002, Quaderni della Scuola Superiore di Filosofia OrientaleeComparativa,Rimini,2002. Antropologia del rito Interpretazioni e spiegazioni, Bollati Boringhieri Editore,Torino,2000 Ilcervelloinnetworkparte2 DocumentopubblicatosulsitoMagazineenel.it

Scarduelli,Pietro

Silberman,Steve

http://magazine.enel.it/boiler/arretrati/wired_dett.asp?iddoc=724297&titolo=Wired %20%20Il+cervello+in+network+%26%23150%3B+parte+2

Stolzman,William Tosi,Giuseppe

HowtotakepartinLakotaCeremonies,TipiPress,Chamberlain,SD,1986. LadottrinadeidirittidegliindiosnelpensierodeiTeologidiSalamancaedi BartolomDeLasCasas DocumentopubblicatosulsitoGiuseppetosi.blog.kataweb.it


http://giuseppetosi.blog.kataweb.it/giuseppetosi/2005/09/la_dottrina_dei.html