Sei sulla pagina 1di 1

Nel 45 dopo il 25 aprile lItalia era libera ma paralizzata dal conflitto non era n monarchia n repubblica.

Si forma un governo presieduto da Ferruccio Parri di cui facevano parte il Partito dazione, i comunisti, i socialisti, la Dc e i liberali che per sono marginali. Ci sono grandi problemi come la ricostruzione non solo delle fabbriche ma anche delle infrastrutture. C disoccupazione e leconomia in crisi. Servono nuove istituzioni. Bisognava schierarsi in unorbita, sovietica o americana, svalutare la lira, prendere una decisione riguardo ai funzionari fascisti, se allontanarli o mantenerli. Lepurazione per non ebbe successo. Con una grande amnistia, promulgata da Togliatti hanno mantenuto il loro posto. In un momento in cui mancavano le istituzioni sarebbe stato peggio. Iniziano lotte che Parri non controlla dallaprile del 45 a dicembre, mese in cui diventa capo del governo il democristiano De Gasperi. Si dovuto scegliere tra monarchia e repubblica. Il 2 giugno 1946 si tengono le elezioni per lAssemblea costituente e per la forma istituzionale. La DC ottenne il 35%, i socialisti il 20% e i comunisti il 19%. Si scelto per la repubblica, guidata dalla potenza americana che spinge la DC alla repubblica per gli aiuti economici e in cambio le sinistre dovevano lasciare il potere per il piano Marshall.. Socialisti e comunisti vengono esclusi dalla maggioranza parlamentare perch mentre la Dc optava per il blocco atlantico loro optavano per la neutralit. Gli USA sostennero la DC. Alle elezioni del 48 ci fu uno scontro radicale tra DC e PCI. La DC condusse una propaganda anticomunista e rasent la maggioranza assoluta. Nel 48 ci sono problemi, le sinistre si , gli operai e i contadini chiedono migliori condizioni di vita e il malcontento tocca lapice, quando c un attentato a Togliatti, leader comunista, che si salva. La reazione del popolo fu cos forte che si temette la rivoluzione. Togliatti si riprende e invita il popolo alla moderazione. C il problema dellItalia che era stata dichiarata paese sconfitto. LIstria e parte della Venezia-Giulia sono cedute alla Jugoslavia. Rimane in sospeso la questione di Trieste, dove cerano italiani e slavi in conflitto. Trieste viene era occupata sia dagli inglesi sia dai partigiani sloveni. Si decise per la creazione di un Territorio libero di Trieste, diviso in due aree, in attesa di unaltra decisione: zona A, con la citt e i dintorni, sotto controllo britannico, zona B, con Capodistria e dintorni, sotto controllo jugoslavo. Nel 54 un accordo tra Italia e Jugoslavia assegna la zona A alla prima e la B alla seconda ma provvisorio. Nel 75 il trattato di Osimo assegna Trieste allItalia e lIstria alla Jugoslavia stabilendo i confini tra i paesi. Il problema maggiore nel Sud. Al nord c lindustria , la crisi si risolve e il S si trova in netto svantaggio. Leconomia in crisi perch le terre non sono distribuite, non viene varata alcuna riforma agraria. La DC gestisce il problema con aiuti che per non risolvono i problemi. Nel 1950 viene istituita la Cassa del Mezzogiorno, costituita da finanziamenti ricavati dalle tasse per costruire industrie e infrastrutture al sud, che furono assegnati secondo logiche clientelari e che la mafia ha usato per atti illeciti. LItalia degli anni 50 proiettata al boom economico degli anni 60.