Sei sulla pagina 1di 12

CHECK-UP SEO DEL TUO SITO WEB

Benvenuto! Quella che ti propongo una piccola traccia da seguire per effettuare in autonomia un primo check-up generale del tuo sito web. In particolare tratter laspetto Seo, di ottimizzazione dei contenuti del tuo sito.

Questa guida pu essere liberamente copiata e ripubblicata sul tuo sito web a patto di NON modificare in alcun modo i contenuti, il copyright e i links in essa presenti e con il solo obbligo di segnalarne la fonte (usando l'indirizzo del mio sito web www.foxidea.it)

Per unanalisi completa, ti consiglio di scaricare gratuitamente anche la seconda miniguida, che analizza invece tutto laspetto legato allusabilit di un sito e le regole da seguire per rispettare gli standard di accessibilit.

Ma prima di arrivare a questo, credo sia giusto rispondere ad una domanda:

Perch ottimizzare il proprio sito web?

Innanzitutto necessario capire che essere su Internet con un proprio sito non sufficiente: nella maggior parte dei casi - a meno che non si tratti di un brand conosciuto o in poche altre eccezioni ci che fa la differenza farsi trovare dai potenziali clienti.
Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

Ottimizzare al meglio il proprio sito web il primo passo per poter essere indicizzati dai motori di ricerca, Google in primis, e dunque essere trovati pi facilmente.

Questa breve check list pu essere utile per capire se il tuo sito ha almeno gli standard base per poter essere presente sui motori di ricerca, e non certamente esaustiva: esistono tecniche e strumenti Seo e di Web Marketing molto pi articolati e adeguati ad ogni singolo caso specifico. Se avete curiosit, dubbi o desiderate maggiori informazioni sullargomento e sui servizi offerti, contattatemi pure su info@foxidea.it.

Arriviamo al dunque: come ho detto, ho deciso di condividere questa mini-guida per permetterti di poter avere unidea generale degli elementi essenziali che consentono lindicizzazione sui motori di ricerca, arrivando a capire, perlomeno per linee generali, la situazione del tuo sito o blog.

Per ogni caratteristica sono elencati i principali aspetti da esaminare, le linee guida che spiegano come verificare ladeguatezza o meno del tuo sito e lincidenza di quel fattore specifico sullottimizzazione complessiva del sito, con relativi consigli e best practice.

Non ti resta che iniziare la tua check list!

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

1.

Il nome a dominio del tuo sito (www.miosito.it) include una o pi parole

descrittive, connesse alla tua attivit, che corrispondono alle parole chiave utilizzate dagli utenti per effettuare una ricerca? La presenza nel nome a dominio di keywords significative e altamente rappresentative della tua attivit acquista importanza allinterno del punteggio calcolato per il ranking. Lo spider infatti tiene conto della corrispondenza di eventuali keywords presenti nel nome a dominio e nel contenuto della pagina web.

2.

Hosting: il server su cui il sito allocato ha sede nello stesso Paese in cui

stato registrato il dominio? Lhosting di qualit e con una buona reputazione? Scegliere un hosting conveniente, ma di bassa qualit e con servizi e garanzie scadenti controproducente, perch anche questo aspetto rientra nel calcolo dellalgoritmo. Cos come allocare il sito su un server che ha sede nello stesso Paese in cui registrato il dominio un fattore di coerenza ed valutato positivamente dai motori di ricerca.

3. Che et ha il sito? Un sito relativamente giovane ha bisogno di tempo per arrivare nelle prime pagine di Google, per due motivi fondamentali:

Deve poter essere interamente analizzato ed indicizzato dai vari spider dei

motori di ricerca;

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

Let del sito anche un sintomo della sua stabilit e della continuit dellattivit

che esso rappresenta. Ovviamente questo non sufficiente ad ottenere un riscontro positivo e permanente sui motori di ricerca.

4.

Il tuo sito ricco di contenuti originali e utili relativi alla tua attivit

(descrizioni dei prodotti/servizi, della tua attivit, storia dellazienda, informazioni utili per gli utenti..) ? La presenza di contenuti di qualit sta diventando un fattore molto rivelante nella valutazione di un sito web. Basta pensare che recentemente Google ha apportato importanti modifiche al proprio algoritmo (per ora valide solo negli Stati Uniti, ma che a breve arriveranno anche in Italia) che penalizzano siti e blog considerati poco utili per i navigatori o con contenuti palesemente copiati da altri siti. Importantissimo dunque avere un sito ricco di contenuti testuali ben scritti, utili ed originali, che offra, in definitiva, un servizio di qualit. Assolutamente vietato, dunque, copiare integralmente o parzialmente testi trovati in giro per il web. Un plus sicuramente una organizzazione delle informazioni ben realizzata: necessario dare risalto a titolo e sottotitolo rispetto alla descrizione successiva, per rendere chiaro ed evidente ci di cui si parla. Questa gerarchia devessere sottolineata graficamente con una impaginazione che rispecchi i livelli di importanza. Ancora meglio se i contenuti vengono organizzati in differenti pagine in base ai temi trattati e per categorie, in modo da ottenere un sito con un numero di pagine interessante, e una struttura intuitiva che permetta di trovare con facilit ci che stiamo cercando. Per concludere, importante posizionare i contenuti fondamentali allinizio della pagina, nella parte alta: gli spider infatti leggono solo una parte ridotta del codice
Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

sorgente della pagina. Fate dunque un uso intelligente e mirato di parole chiave soprattutto nelle prime righe del sito, mettetele in evidenza usando il grassetto o il corsivo e fate lo stesso con i link rilevanti.

5.

Il sito aggiornato in maniera costante?

Altrettanto importante che i contenuti siano aggiornati costantemente: lo scopo principale di Google e degli altri motori di ricerca offrire agli utenti risultati di qualit. Questo implica due caratteristiche essenziali: risultati che abbiano una forte attinenza con la query di ricerca inserita (trovo esattamente quello che sto cercando) e che siano recenti (trovo risposte attuali e aggiornate). Ecco perch un sito aggiornato di continuo con news, eventi, informazioni utili o aggiornamenti relativi ai prodotti/servizi offerti considerato di qualit dai motori di ricerca, e di conseguenza avr maggiori possibilit di risultare tra le prime posizioni.

6.

Allinterno del sito presente del testo nascosto?

Lutilizzo di testo nascosto una tecnica di alcuni anni fa, utilizzata da webmaster inesperti e da Seo cosiddetti black hat, che utilizzano tecniche poco corrette, ma che continua ad essere utilizzata ancora oggi. In pratica si inserisce del testo nascosto (solitamente un lungo elenco di parole chiave), utilizzando diverse tecniche: Nascondendo il testo tra il colore di sfondo (ad es. bianco su bianco); Impostando una dimensione pari a 0 al testo;

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

Inserendo il testo dietro unimmagine; Inserendo il testo in aree del sito difficilmente visualizzabili dagli utenti; Utilizzando Javascript e CSS per renderlo invisibile.

Spesso questo testo non neanche coerente con il contenuto del sito, ma viene utilizzato solo perch molto ricercato sui motori di ricerca. In questo modo le parole chiave vengono indicizzate dagli spider, ma non sono visibili dagli utenti. Google per ormai in grado di individuare questi trucchi e penalizza pesantemente chi li usa, anche inconsapevolmente. Google stesso infatti ammonisce che Se nel tuo sito vengono rilevati testo e link nascosti con intento ingannevole, il tuo sito pu essere rimosso dall'indice di Google e non comparir nelle pagine dei risultati di ricerca.

Come verificare quindi se presente del testo nascosto tra le pagine del nostro sito?

Un modo grossolano ma spesso efficace quello di individuare eventuali spazi bianchi sospetti, spesso a fondo pagina, che potrebbero nascondere un trucco simile. sufficiente sottolineare lintera pagina (Ctrl + A la scorciatoia per Pc, Cmd + A per Mac) per verificare leventuale presenza di testo nascosto. Una seconda opzione consiste nel disabilitare le funzioni Javascript dal tuo browser e ricontrollare sia la pagina memorizzata che quella aggiornata. Lalternativa pi complessa controllare, se si ha un minimo di conoscenza di html, leventuale presenza di testo nascosto nel codice sorgente della pagina, anche tramite lutilizzo di fogli di stile CSS.

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

Se pensi che il tuo sito abbia subito delle penalizzazioni, Google offre uno strumento, Google Webmaster Tools, per controllare cosa vede Google del tuo sito: link errati, pagine non trovate o errori vari. Una volta risolto il problema sar possibile inoltrare a Google una richiesta di reinclusione sempre attraverso Google Webmster Tools.

7. stata realizzata una Mappa del sito? La mappa del sito una semplice pagina che riassume lintera struttura del sito e che svolge due principali funzioni: una funzione-guida per lutente, ed una funzione di indicizzazione delle pagine del sito per i motori di ricerca. pensata innanzitutto per facilitare la navigazione degli utenti, agevolandone lorientamento, soprattutto allinterno di siti molto complessi, con un elevato numero di pagine. In questo modo il navigatore sar in grado di capire come sono organizzati i links e i contenuti allinterno del sito e di raggiungere facilmente una determinata pagina, senza troppi click. Questo strumento per anche di fondamentale importanza per gli spider, perch permette loro di analizzare tutte le pagine del sito, soprattutto nel caso in cui il men o altri link importanti siano stati realizzati in Flash e dunque non siano navigabili dai motori di ricerca. buona norma che la mappa contenga link solo alle sezioni pi importanti del sito, e non a tutte le pagine: in ogni caso non deve contenere pi di 100 links (regola che del resto vale per qualunque pagina).

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

Anche in questo caso Google ci viene incontro fornendoci un servizio che consente di creare una mappa del sito particolarmente congeniale per questo motore: Google Sitemaps. Se vuoi usufruire di questo strumento basta visitare questindirizzo.

8. Qual il tempo di caricamento della Homepage? Pu sembrare poco rilevante, ma lalgoritmo di Google tiene conto anche di questo fattore per la valutazione del tuo sito. Una pagina lenta, che si visualizza con difficolt, rende problematica la navigazione di un utente, e va dunque contro gli obiettivi e la mission di Google, che invece punta a fornire un servizio ottimale a chi naviga: far trovare ci che la gente cerca nel minor tempo possibile. Per avere un sito veloce ed efficace importante ottimizzare la lunghezza delle pagine e non eccedere con la grafica. Ricordati che spesso il navigatore ha fretta, e non disposto ad aspettare pi di trenta secondi per il caricamento di una pagina web. bene quindi evitare pagine troppo cariche, contenenti file flash, immagini e video eccessivamente pesanti, soprattutto in home-page.

9. Il sito stato realizzato interamente in Flash o presenta una Intro in Flash? Questa domanda ovviamente correlata alla precedente. Innanzitutto la tecnologia Flash, se pur dimpatto, ha bisogno di un tempo di caricamento maggiore rispetto ad una semplice pagina html. In secondo luogo, come ho scritto in maniera pi approfondita in questo post, non visualizzabile su alcuni tablet e cellulari (come ad esempio Iphone e Ipad).

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

Volendo tralasciare queste considerazioni, ci che conta di pi che gli spider dei motori di ricerca non sono in grado di navigare interamente i file in Flash, per cui le pagine che utilizzano questa tecnologia sono difficilmente indicizzabili. Immagina quindi il danno che ne potrebbe derivare se proprio la Home page, o peggio la Intro, del tuo sito sia interamente realizzata in Flash. Se si decide di costruire comunque un sito web interamente in flash, buona regola crearne anche una versione alternativa in html, in modo da offrire una lettura migliore dei contenuti ai motori di ricerca. vero che esistono dei rimedi (abbastanza complessi e costosi) per arginare questi problemi, e che i motori di ricerca stanno migliorando nellindicizzazione dei file swf e del loro contenuto, ma bisogna chiedersi: ne vale realmente la pena? A te la scelta finale!

10. Le pagine del sito hanno keywords e tag differenziate in base al contenuto? Lutilizzo di parole chiave pertinenti alla base di un buon posizionamento sui motori di ricerca: se in una pagina web non c una prevalenza di alcuni termini, i motori non capiscono qual largomento trattato e quindi non sono in grado di indicizzare la pagina in maniera ottimale. Lottimizzazione dei siti d grande valore al tag Title di ciascuna pagina. Questo tag deve quindi essere una frase incisiva, contenente la parola chiave principale: il solo inserimento del nome dellazienda o di slogan non facilita il raggiungimento di una buona posizione. Le keywords utilizzate nei meta tag e nel titolo della pagina devono trovare un riscontro anche nel testo del sito: i robots analizzano non solo il Title della pagina e i

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

tag H1, H2, H3, ma anche il contenuto di ogni pagina web, il nome del dominio, delle cartelle, dei singoli file. Ai fini del posizionamento nelle SERP ha un suo peso anche il metatag description, che tra laltro pu diventare la descrizione che compare sotto al titolo del nostro sito nei risultati della ricerca. E consigliabile dunque utilizzare una descrizione diversa e mirata per ogni pagina. Anche le immagini e i link possono essere ottimizzati per i robots: per ogni immagine e link utilizzati possibile specificare una breve descrizione con il tag ALT. Daltra parte bene non eccedere con luso di parole chiave e links: i motori di ricerca tendono a penalizzare chi fa uso di una keyword density eccessiva (stuffing). I lunghi elenchi che non trovano riscontro poi, oltre ad essere considerati spam, provocano una diluizione della keywords density, svalutando limportanza della pagina. importante quindi usare gli attributi alt e title in maniera appropriata: nelle sue linee guida Google dice apertamente che gli attributi alt e title devono essere descrittivi e precisi.

11. Quanti link in entrata e in uscita avete? Dove sono posizionati? Uno dei principali fattori per lindicizzazione su Google il PageRank, che misura la popolarit di una pagina web valutando il numero e la qualit dei link che puntano al nostro sito. I link da siti esterni, soprattutto se autorevoli, sono una garanzia della qualit del nostro sito, e sono dunque molto importanti. Altrettanto importante che provengano da siti strettamente correlati al nostro e che siano link spontanei: la pratica di acquistare o scambiare link non ben vista da Google.

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

I motori di ricerca valutano anche i link che rimandano a pagine interne e quelli che rimandano a siti esterni: anche in questo caso si valuta la coerenza tematica e la qualit dei siti in questione. Il concetto quello del TrustRank, che misura laffidabilit dei siti e si basa sul concetto che un sito affidabile non linker mai un sito spam. Attenzione dunque a chi concedi i tuoi link e a chi li richiedi: la qualit conta pi della quantit. Inoltre, cerca di fare in modo che il testo linkabile che richiama il tuo sito contenga le keywords per le quali vuoi essere trovato. Anche in questo caso non bisogna esagerare: meglio variare le parole chiave utilizzate come anchor text e ricorrere ogni tanto ad un semplice clicca qui, per non rischiare di essere considerati come spam o ottenere una dannosa sovraottimizzazione. Verifica periodicamente che non ci siano link errati verso le tue pagine interne n verso lesterno che spesso cambiano senza che tu lo possa sapere: gli spider dopo il riscontro di un URL inesistente possono abbandonare lindicizzazione di ulteriori pagine. Oltre ad ostacolare la possibilit di indicizzare tutte le pagine, i link errati possono confondere i navigatori del tuo sito. Per quanto riguarda il posizionamento dei link allinterno del sito vale lo stesso discorso che si applica alle keywords e al contenuto: i concetti e le parole chiave pi importanti devono essere inseriti allinizio della pagina, dove pi probabile che lo spider arrivi. Evitate comunque ripetizioni eccessive e poco naturali o lunghi elenchi di links e parole chiave.

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.

Per ricapitolare, il concetto ricorrente che il sito web devessere progettato non per i motori di ricerca ma per gli utenti, che saranno i veri fruitori del sito. Un sito usabile, con una struttura lineare e accessibile sar automaticamente apprezzato anche dai motori di ricerca.

Questi sono solo alcuni, probabilmente i principali, degli elementi che condizionano il tuo posizionamento su Google, ma il suo algoritmo presenta un numero di variabili ben pi alto (si parla di circa 200). Unanalisi approfondita di ogni singolo caso permette di valutare le strategie migliori da mettere in atto per ottenere risultati positivi. Questa mini-guida comunque un primo passo per poter analizzare la situazione del tuo sito, e spero possa esserti utile!

Per approfondire gli argomenti trattati in questa guida visita la sezione degli approfondimenti su www.foxidea.it. Per qualsiasi chiarimento o per avere maggiori informazioni sui servizi offerti puoi consultare il materiale presente sul sito o contattarmi su info@foxidea.it

Grazie e Buona analisi!

Questa guida pu essere liberamente copiata e ripubblicata sul tuo sito web a patto di NON modificare in alcun modo i contenuti, il copyright e i links in essa presenti e con il solo obbligo di segnalarne la fonte (usando l'indirizzo del mio sito web www.foxidea.it)

Copyright Foxidea Tutti i diritti riservati.