Sei sulla pagina 1di 2
Al Signor Sindaco Al Presidente del Consiglio Alla Giunta Comune di Carpi ORDINE DEL GIORNO

Al Signor Sindaco Al Presidente del Consiglio Alla Giunta Comune di Carpi

ORDINE DEL GIORNO

Piano di zona distrettuale per la salute e per il benessere sociale- Richiesta di inserimento dei progetti:

“Mamme oltre il blu per la depressione post parto” “Costruzione e rafforzamento della rete di servizi per il sostegno a donne che subiscono violenza”

PREMESSO

- Che il Piano Socio Sanitario 2008-2010 della Regione Emilia Romagna prevede la predisposizione di piani di zona distrettuali per la salute e per il benessere sociale che tengano conto di una integrazione tra servizi, tra professionisti e operatori dei servizi sanitari e socio-sanitari definendo ruoli e responsabilità dei soggetti coinvolti dove l’ambito distrettuale diventa la sede elettiva dell’integrazione;

- Che il predetto obiettivo si sviluppa attraverso reti integrate di servizi: tra servizi ospedalieri, tra servizi ospedalieri e servizi sanitari del territorio, tra servizi sociali e servizi socio-sanitari e sanitari

- Che la salute e il benessere sociale della donna, del bambino e della coppia devono rientrare prioritariamente nei piani socio sanitari;

- Che solo attraverso la sinergia tra sociale e sanitario si possono dare risposte ai cittadini e tentare di mantenere servizi e attività che, con il ridimensionamento delle risorse, sono difficili da assicurare;

CONSIDERATO (per il progetto Mamme Oltre il Blu)

- Che dal 2005 è stato attivato nel nostro distretto socio-sanitario il progetto “Mamme oltre il blu” (ora esteso in ambito provinciale) che si sviluppa nella collaborazione tra consultorio familiare, reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Ramazzini, Centro per le Famiglie per il supporto alle donne e alle famiglie con disagi legati alla depressione post partum;

- Che l’attività svolta nell’ambito del progetto è notevolmente incrementata nel corso della sperimentazione (nel 2005 le persone che hanno usufruito del servizio sono state 787, 1083 nel 2006, 1448 nel 2007) consolidando la richiesta e la qualità dei servizi offerti;

- Che fino al 2007 le risorse economiche per il progetto sono state a carico, in massima parte, della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi

CONSIDERATO INOLTRE ( per il progetto “Costruzione e rafforzamento della rete di servizi per il sostegno a donne che subiscono violenza”)

- Che è stato costituito, a seguito di un ordine del giorno del 18/01/2007, un tavolo tecnico interistituzionale al quale partecipano i Servizi Sociali, scolastici e pari opportunità, rappresentanti del Consiglio Comunale, delle forze dell’Ordine, dei Servizi Sanitari in particolare dei reparti di Pronto Soccorso e Ginecologia, del Consultorio familiare, Commissione Pari Opportunità e Associazioni di volontariato che si fanno carico del tema della violenza, coordinato dalle Assessore alle Politiche Sociali e alle Pari Opportunità e con un referente tecnico che coordina le attività del tavolo e si rapporta con il Tavolo Provinciale sulla violenza alle donne, promosso dalla prefettura di Modena;

- Che il gruppo di lavoro ha individuato come priorità la formazione degli operatori della rete e l’intervento informativo e di sensibilizzazione nelle scuole superiori di Carpi

- Che nel maggio 2007 è stato realizzato un percorso formativo rivolto a 40 operatori delle organizzazioni partecipanti al tavolo e che nel 2008 sarà completato il primo intervento nelle scuole superiori, che prevede il coinvolgimento di circa 150 ragazzi tra i 16 e i 18 anni sui temi della violenza e della differenza di genere;

- Che la formazione agli operatori è stata finanziata con risorse dell’AUSL mentre il progetto con gli studenti è stato finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e dal Comune di Carpi

VALUTATO

- Che i predetti progetti rientrano nella promozione del benessere sociale e della salute dei cittadini

- Che l’impatto della sperimentazione, attuata su specifica richiesta delle cittadine, ha portato a una istanza di servizi strutturati sul territorio affinché le famiglie possano essere sostenute con continuità

- Che i predetti progetti sono stati valorizzati anche al di fuori dell’ambito territoriale di riferimento, valorizzando l’analisi del bisogno e la progettazione iniziale fino alla loro stabilizzazione;

CHIEDE Al Sindaco e alla Giunta

- Che i suddetti progetti siano inseriti nel Piano di zona distrettuale per la salute e per il benessere sociale, in sintonia con il dimensionamento delle risorse a disposizione dei distretti socio-sanitari

- che siano previste le necessarie risorse economiche per la continuità dei servizi offerti.

- Che siano previsti report semestrali sui predetti servizi alla terza Commissione.

Si chiede che il presente Odg venga inviato a:

Assessorato Politiche Sociali Regione Emilia Romagna, Assessorato alla Sanità Regione Emilia Romagna, Provincia di Modena (Assessorato politiche sociali e Sanità), al Responsabile del distretto Azienda AUSL del nostro territorio, al direttore dell’Azienda Ausl di Modena, Al direttore del Dipartimento Materno-infantile salute donna di Modena, alla Responsabile Consultorio familiare Carpi.

22 ottobre 2008

Consigliere Comunale Daniela De Pietri

donna di Modena, alla Responsabile Consultorio familiare Carpi. 22 ottobre 2008 Consigliere Comunale Daniela De Pietri