Sei sulla pagina 1di 4

Commodity Report del 18 Gennaio 2012

Siamo in guerra Segui Giancarlo DallAglio anche su Twitter. Diventa follower e leggerai tutti i commenti sulla crisi e sui mercati in tempo reale Accedi qui e diventa follower

Il titolo di oggi una provocazione, ma neanche tanto se riflettiamo sul fatto che qui non abbiamo a che fare con marcati cattivi e fantomatici speculatori che ordiscono un complotto contro alcuni Stati, mettendoli in ginocchio a colpi di rialzi dei rendimenti dei relativi titoli sovrani; esattamente al contrario, la politica che intervenuta pesantemente sui mercati manipolandoli, dapprima dando un potere illimitato alle banche (salvataggi 2008 e seguenti), e gestendo poi malissimo qui in Europa la fase successiva, quella dei debiti accumulati dagli Stati stessi. Oggi ci ritroviamo con ununione europea che non c, esiste invece una Germania che ha tutta laria di voler imporre una nuova dittatura, con tutta larroganza di chi ha il coltello dalla parte del manico e vuole sfruttare fino in fondo la sua supremazia economica. Attorno alla Merkel ruota un burattino francese che poco a poco ha smesso di ridere e un premier, quello italiano, che oggettivamente subentrato in una situazione estremamente difficile e a cui stato dato il compito di portare avanti le direttive imposte proprio dalla Germania e dalla Bce, ritenute indispensabili per la sopravvivenza del nostro paese. Il nostro attualmente sempre pi simile ad uno stato di polizia, si perseguono coloro a cui in qualche modo possibile sottrarre in qualche modo del denaro, si trascura invece ad esempio che da Latina in gi, c un sommerso talmente grande da non poter essere stimato. Chi paga le tasse, paradossalmente le paga pi volte e se lo Stato dice che io non posso detrarre tutte le spese dai miei ricavi ai fini fiscali, automaticamente sta rallentando la velocit della circolazione della moneta, che il motore della crescita e del benessere. Ben vengano anche le liberalizzazioni, ma non iniziando dal basso perch cos troppo semplice. Come mai non si inizia dai potentati, dalle vere lobby e dai tanti monopoli che vigono nel nostro paesecos non cambieremo mai il volto dellItalia. Intanto, tra un downgrade di S&P alla serie B, e una minaccia di serie B anche da parte di Fitch entro gennaio, la signora Merkel scarica Monti con un gelido: lItalia faccia da solae allora forse si, siamo in guerra.

Copyright www.giancarlodallaglio.it

Fonte: CMA vision

Visita www.giancarlodallaglio.it Il trading sulle materie prime a portata di click

Commodities
LOro inizia di nuovo a risentire delleffetto pompaggio di liquidit; si vocifera gi infatti, che il prossimo LRTO potrebbe essere di un trilione, soldi inesistenti che vengono versati alle banche con un semplice click. La risposta degli Usa, se cos fosse, non si far attendere perch dallaltra parte delloceano tutto vogliono tranne un dollaro forte e faranno di tutto per inflazionare, anche se, nellanno delle elezioni, sar difficile che possa passare un altro QE. Siamo in area 1645 e le prossime resistenze sono in area 1670 e 1700. Lo spread Platino Oro, dopo una puntata in area -220 il 9 gennaio, ha invertito improvvisamente la rotta stringendosi in pochi giorni fino a -130. Oggi arretra a -145, sempre molto volatile, ma inevitabilmente, prima o poi, si torner alla normalit. Argento nuovamente in area 30, come per lOro su livelli critici di resistenza.

Copyright www.giancarlodallaglio.it

Il Petrolio sopra 100 $, le tensioni geopolitiche sembrano perdere smalto negli ultimi giorni e il focus appare pi puntato sulla congiuntura economica e sulle previsioni dellEia che vede una riduzione della domanda per il 2012 a causa della recessione che riguarda la zona euro e il rallentamento della Cina. Molto interessante la situazione del Natural Gas, sui minimi dal 2009 e sotto i costi di produzione per molti raffinatori. Non potendo calcolare il timing, si potrebbe prendere posizione con opzioni.

I grani hanno risentito del report dello scorso 12 gennaio che ha provocato vendite soprattutto sul Corn. Continua lanomalia dello spread Wheat / Corn, e prima o poi il razionamento della domanda e dei prezzi far il suo corso, premiando il Wheat, a partire dalla scadenza relative al nuovo raccolto 2012/2013. Sulle carni lo spread intermarket tra hogs e cattle a livelli interessanti per tentare un trade, complice anche la stagionalit. Tra le soft lo Sugar tiene bene il supporto in area 23 e rimbalza, rimbalza anche il Cacao dopo la forte discesa dei prezzi delle ultime settimane, mentre resta lateral ribassista il Caff, nonostante i tentativi di rimbalzo, sulla scia emotiva della lieve riduzione delloutlook per il raccolto brasiliano.

Copyright www.giancarlodallaglio.it

Partecipa a Opzionaria 2012 Sabato 28 Gennaio a Bologna. Agosto 2011: perch i volatili traders sono stati spazzati via. Clicca qui per il programma e i dettagli

Disclaimer
Le analisi su esposte non sono un servizio di consulenza e non vogliono essere sollecitazione al pubblico risparmio. I suddetti servizi non sono configurabili come consulenza ne gestione finanziaria che prevede sempre lo studio delle esigenze del cliente e della sua propensione al rischio. Larticolo ha valore esclusivamente informativo e chi scrive non potr mai e in nessuna forma essere ritenuto responsabile delle conseguenze derivanti dalluso che il lettore, in totale autonomia ed indipendenza, potr fare dei dati ottenuti mediante la consultazione del servizio stesso. Tutte le analisi, valutazioni e commenti, non intendono promuovere alcuna forma di investimento o speculazione.

Copyright www.giancarlodallaglio.it