Sei sulla pagina 1di 7

LEucarestia Il trionfo dellEucarestia Il nostro viaggio comincia dalla Stanza della Segnatura, col trionfo dellEucarestia ce la racconta Raffaello.

LETTURA DEL PASSO DEL VANGELO DI: Vangeli: - Marco 14, 22-23 Nellultima cena con i suoi discepoli, Ges prese il pane, lo spezz e lo diede loro dicendo: Prendete, questo il mio corpo. Poi prese il calice, rese grazie, lo diede loro e disse: Questo il mio sangue, il sangue dellalleanza, versato per molti.

- Matteo 26, 26-29 Ora, mentre essi mangiavano, Ges prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezz e lo diede ai discepoli dicendo: Prendete e mangiate; questo il mio corpo. Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: Bevetene tutti, perch questo il mio sangue dell'alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati. Io vi dico che da ora non berr pi di questo frutto della vite fino al giorno in cui lo berr nuovo con voi nel regno del Padre mio. - Luca 22, 19-20 19 Prese poi un pezzo di pane e, dopo aver ringraziato Dio, lo spezzo e lo diede loro dicendo: "Questo il mio corpo dato per voi. Fate questo in ricordo di me". Dopo cena, fece lo stesso con il calice di vino, dicendo: "Questo calice il nuovo patto nel mio sangue che versato per voi. Cos lEucarestia? il sacrificio stesso del Corpo e del Sangue del Signore Ges, che egli istitu per perpetuare nei secoli, fino al suo ritorno, il sacrificio della Croce, affidando cos alla sua Chiesa il memoriale della sua morte e Resurrezione. il segno dellunit, il vincolo della carit, il convito pasquale, nel quale si riceve Cristo, lanima viene ricolmata di grazia e viene dato il pegno della vita eterna. Quando lha istituita? Il Gioved Santo, dice San Paolo, la notte in cui veniva tradito, (1 Cor 11,23-26) mentre celebrava con i suoi Apostoli lUltima Cena. Io ho ricevuto dal Signore quel che a mia volta vi ho trasmesso: nella notte in cui fu tradito, il Signore Ges prese il pane, fece la preghiera di ringraziamento, spezz il pane e disse: 'Questo il mio corpo che dato per voi. Fate questo in memoria di me'. Poi, dopo aver cenato, fece lo stesso col calice. Lo prese e disse: 'Questo calice la nuova alleanza che Dio stabilisce per mezzo del mio sangue. Tutte le volte

che ne berrete, fate questo in memoria di me'. Infatti, ogni volta che mangiate di questo pane e bevete da questo calice, voi annunziate la morte del Signore, fino a quando egli ritorner. Che cosa rappresenta lEucarestia nella vita della Chiesa? LEucarestia fonte e culmine di tutta la vita cristiana. NellEucarestia toccano il loro vertice lazione santificante di Dio verso di noi e il nostro culto verso di lui. Essa racchiude tutto il bene spirituale della Chiesa: lo stesso Cristo, nostra Pasqua. La comunione della vita divina e lunit del Popolo di Dio sono espresse e prodotte dallEucarestia. Mediante la celebrazione eucarestica ci uniamo gi alla liturgia del Cielo e anticipiamo la vita eterna. Chi il ministro dellEucarestia? il sacerdote (Vescovo o presbitero), validatemnte ordinato, che agisce nella Persona di Cristo Capo e a nome della Chiesa. Quali gli elementi essenziali? Sono il pane di frumento e il vino della vite. In che senso lEucarestia memoriale del sacrificio di Cristo? Nel senso che rende presente ed attuale il sacrificio che Cristo ha offerto al Padre, una volta per tutte, sulla Croce in favore dellumanit. Il sacrificio della Croce e il sacrificio dellEucarestia sono un unico sacrificio. Identici sono la vittima e lofferente, diverso soltanto il modo di offrirsi: cruento sulla Croce, incruento nellEucarestia. In quale modo la Chiesa partecipa al sacrificio eucaristico? NellEucarestia il sacrificio di Cristo diviene pure il sacrificio delle membra del suo Corpo. La vita dei fedeli, la loro lode, la loro sofferenza, la loro preghiera, il loro lavoro sono uniti a quelli di Cristo. In quanto sacrificio, lEucarestia viene anche offerta per tutti i fedeli vivi e defunti, in riparazione ei peccati di tutti gli uomini e per ottenere da Dio benefici spirituali e temporali. Anche la Chiesa del cielo unita nellofferta di Cristo.

Come Ges presente nellEucarestia? Cosa significa transustanziazione? Ges presente nellEucarestia in modo unico e incomparabile. presente in modo vero, reale, sostanziale: con il suo Corpo e il suo Sangue, con la sua Anima e la sua Divinit. In essa presente in modo sacramentale, e cio sotto le specie eucaristiche del pane e del vino, Cristo tutto intero: Dio e uomo. Transustanziazione significa la conversione di tutta la sostanza del pane nella sostanza del Corpo di Cristo e di tutta la sostanza del vino nella sostanza del suo Sangue. Questa conversione si attua nella preghiera eucaristica, mediante lefficacia della parola di Cristo e dellazione dello Spirito Santo. Tuttavia, le caratteristiche sensibili del pane e del vino, cio le specie eucaristiche, rimangono inalterate. La frazione del pane non divide Cristo: Egli presente tutto e integro in ciascuna specie eucaristica e in ciascuna sua parte. Essa continua finch sussistono le specie eucaristiche. AllEucarestia dovuto il culto di latria, cio di adorazione, riservato solo a Dio durante la celebrazione eucaristica sia al di fuori di essa. La Chiesa, infatti, conserva con la massima diligenza le Ostie consocrate, le porta agli infermi e ad altre persone impossibilitate a partecipare alla Santa Messa, le presenta alla solenne adorazione dei fedeli . Quando fare la Comunione: La Chiesa raccomanda ai fedeli che partecipano alla santa Messa di ricevere con le dovute disposizioni anche la santa Comunione, prescrivendone lobbligo almeno a Pasqua Per ricevere la santa Comunione si deve essere pienamente incorporati alla Chiesa cattolica ed essere in stato di grazia, cio senza coscienza di peccato mortale. Chi consapevole di aver commesso un peccato grave deve ricevere il Sacramento della Riconciliazione prima di accedere alla comunione anche il digiuno prescritto dalla Chiesa e latteggiamento del corpo (gesti, abiti)

La santa Comunione accresce la nostra unione con Cristo e con la sua Chiesa, conserva e rinnova la vita di grazia ricevuta nel Battesimo e nella Cresima e ci fa crescerenellamore verso il prossimo.Fortificandoci nella carit, cancella i peccati veniali e ci preserva in futuro dai peccati mortali. I ministri cattolici amministrano lecitamente la santa Comunione ai membri delle Chiese Orientali che non hanno comuniione piena con la Chiesa cattolica, qualora questi lo richiedano spontaneament e siano ben disposti. Per i membri delle altre Comunit ecclesiali, i ministri cattolici amministrano lecitamente la santa Comunione ai fedeli, che in presenza di una grave necessit lo chiedano spontaneamente, siano ben disposti e manifestino la fede cattolica circa il Sacramento. LEucarestia pegno della gloria futura perch ci ricolma di ogni grazia e benedizione del Cielo, e ci fortifica per il pellegrinaggio di questa vita e ci fa desiderare la vita eterna, unendoci gi a Cristo asceso alla destra del Padre, alla Chiesa del cielo, alla beatissima Vergine e a tutti i Santi. Le parole del Papa:
LEucaristia scrive il Papa nellEsortazione apostolica post sinodale Sacramentum Caritatis rende possibile, giorno dopo giorno, la progressiva trasfigurazione delluomo chiamato per grazia ad essere ad immagine del Figlio di Dio. Non c nulla di autenticamente umano pensieri, parole e opere che non trovi nel Sacramento dellEucaristia la forma adeguata per essere vissuto in pienezza. Abbiamo bisogno di questo Pane ha affermato il Santo Padre durante lomelia pronunciata a Bari il 29 maggio del 2005 in occasione del XXIV Congresso eucaristico nazionale per affrontare le fatiche e le stanchezze del viaggio:Partecipare alla celebrazione domenicale, cibarsi del Pane eucaristico e sperimentare la comunione dei fratelli e delle sorelle in Cristo un bisogno per il cristiano, una gioia, cos il cristiano pu trovare lenergia necessaria per il cammino che dobbiamo percorrere ogni settimana. Un cammino, peraltro, non arbitrario: la strada che Dio ci indica nella sua Parola va nella direzione iscritta nellessenza stessa delluomo.Seguire la Parola di Dio, andare con Cristo significa per luomo realizzare se stesso; smarrirla equivale a smarrire se stesso. Il Signore ha aggiunto il Papa nella Messa a conclusione del Congresso eucaristico tenutosi nel 2005 a Bari non ci lascia soli in questo cammino, ma con noi e ci ama:NellEucaristia Cristo realmente presente tra noi. La sua non una presenza statica. E una presenza dinamica, che ci afferra per farci suoi, per assimilarci a s.Il Cristo che incontriamo nel Sacramento dellEucaristia lo stesso in Europa come in America, in Africa, in Asia e in Oceania:E lunico e medesimo Cristo che presente nel Pane eucaristico di ogni luogo della terra. Questo significa che noi possiamo incontrarlo solo insieme con tutti gli altri. Possiamo riceverlo solo nellunit.Poich

c un solo pane scrive lapostolo Paolo ai Corinzi noi, pur essendo molti, siamo un corpo solo: tutti infatti partecipiamo dellunico pane (1 Cor 10, 17).

DallAngelus del 26 giugno 2011 Corpus Domini. Oggi, in Italia e in altri Paesi, si celebra il Corpus Domini, la festa dellEucaristia, il Sacramento del Corpo e Sangue del Signore, che Egli ha istituito nellUltima Cena e che costituisce il tesoro pi prezioso della Chiesa. LEucaristia come il cuore pulsante che d vita a tutto il corpo mistico della Chiesa: un organismo sociale tutto basato sul legame spirituale ma concreto con Cristo. Come afferma lapostolo Paolo: Poich vi un solo pane, noi siamo, bench molti, un solo corpo: tutti infatti partecipiamo dellunico pane (1Cor 10,17). Senza lEucaristia la Chiesa semplicemente non esisterebbe. E lEucaristia, infatti, che fa di una comunit umana un mistero di comunione, capace di portare Dio al mondo e il mondo a Dio. Lo Spirito Santo, che trasforma il pane e il vino nel Corpo e Sangue di Cristo, trasforma anche quanti lo ricevono con fede in membra del corpo di Cristo, cos che la Chiesa realmente sacramento di unit degli uomini con Dio e tra di loro. In una cultura sempre pi individualistica, quale quella in cui siamo immersi nelle societ occidentali, e che tende a diffondersi in tutto il mondo, lEucaristia costituisce una sorta di antidoto, che opera nelle menti e nei cuori dei credenti e continuamente semina in essi la logica della comunione, del servizio, della condivisione, insomma, la logica del Vangelo. I primi cristiani, a Gerusalemme, erano un segno evidente di questo nuovo stile di vita, perch vivevano in fraternit e mettevano in comune i loro beni, affinch nessuno fosse indigente (cfr At 2,42-47). Da che cosa derivava tutto questo? DallEucaristia, cio da Cristo risorto, realmente presente in mezzo ai suoi discepoli e operante con la forza dello Spirito Santo. E anche nelle generazioni seguenti, attraverso i secoli, la Chiesa, malgrado i limiti e gli errori umani, ha continuato ad essere nel mondo una forza di comunione. Pensiamo specialmente ai periodi pi difficili, di prova: che cosa ha significato, ad esempio, per i Paesi sottoposti a regimi totalitari, la possibilit di ritrovarsi alla Messa domenicale! Come dicevano gli antichi martiri di Abitene: Sine Dominico non possumus senza il Dominicum, cio senza lEucaristia domenicale non possiamo vivere. Ma il vuoto prodotto dalla falsa libert pu essere altrettanto pericoloso, e allora la comunione con il Corpo di Cristo farmaco dellintelligenza e

della volont, per ritrovare il gusto della verit e del bene comune.

E si potrebbe chiudere tornando nella Stanza della Segnatura, dove Raffaello ha anche dipinto Il Miracolo di Bolsena, levento dal quale fu istituito il Corpus Domini nel 1263. Affidarsi allEucarestia vuol dire essere davvero cristiani:

Il riferimento a quel miracolo, nel quale lostia spezzata da un vescovo che aveva dubbi sullEucarestia liber del sangue, lincontro tra la difficolt umana del credere, dellabbandonarsi alla Salvezza, e il segno tangibile di Cristo nella storia.