Sei sulla pagina 1di 4

Siamo uomini o topi? di Jeremy Rifkin Cosa accade quando si incrocia un essere umano e un topo?

Sembra l'inizio di una barzelletta e invece si tratta di un serio esperimento hi-tech svolto di recente da un gruppo di ricercatori guidati da un esimio biologo molecolare, il dottor Irving Weissman dell'Istituto di biologia e medicina delle cellule staminali e cancerogene dell'Universit di Stanford (Institute of Cancer-Stem Cell Biology and Medicine). Gli scienziati hanno iniettato cellule del cervello umano nel feto di un topo, creando una specie all'1 per cento umana. Il dottor Weissman sta seriamente e attivamente considerando di effettuare un secondo esperimento che produrrebbe topi concervello umano al 100 per cento. E se i topi fuggissero dal laboratorio e cominciassero a proliferare nell'ambiente esterno? Quali potrebbero essere le conseguenze ecologiche di topi che pensano come gli uomini, lasciati liberi in natura? Il dottor Weissman afferma di avere tutto sotto controllo: i topi sarebbero tenuto sotto stretta sorveglianza e qualora dovessero mostrare anche il minimo segno di "umanit" sarebbero immediatamente uccisi. Risposta poco rassicurante. In un mondo in cui l'inconsueto divenuto fin troppo comune, sono ormai poche le cose che scioccano la psiche umana. Tuttavia, esperimenti come quello portato avanti dall'Universit di Stanfors, che ha avuto come risultato la creazione di un topo parzialemnte umanizzato, ampliano i limiti dell'uomo e del suo trafficare con la natura fino ai confini del patologico. Il nuovo campo di ricerca d'avanguardia della rivoluzione biotech si chiama sperimentazione chimerica. I ricercatori di tutto il mondo stanno combinando cellule umane e animali e stanno creando creature chimeriche, met uomini e met animali, che ricordano i miti chimerici dell'antica Grecia, ibridi umani e animali. Il primo esperimento chimerico di questo tipo ebbe luogo molti anni fa a

Edimburgo, quando alcuni scienziati scozzesi fusero insieme una pecora e un embrione di capra. Due specie animali assolutamente non imparentate fra loro, incapaci di accoppiarsi e di generare una prole ibrida in modo naturale. L'esperimento diede vita a una creatura, denominata Geep (fusione dei due termini inglesi goat, capra, e sheep, pecora), che aveva la testa di una capra e il corpo di una pecora. Ora gli scienziati mirano a rompere l'ultimo tab nel mondo naturale: incrociare esseri umani e animali per creare nuovi ibridi umano-animali di ogni tipo e descrizione. A parte il topo umanizzato, gli scienziati hanno gi creato maiali con sangue umano che gli scorre nelle vene e pecore con fegato e cuore per lo pi umani. Gli esperimenti hanno lo scopo di promuovere la ricerca in campo medico. A dire il vero, un numero crescente di ingegneri della genetica asserisce che gli ibridi umano-animal inaugureranno un'era d'oro della medicina. I ricercatori affermano che pi riusciranno a umanizzare le cavie, meglio potranno seguire la progressione delle malattie umane, testare nuovi farmaci e raccogliere tessuti e organi per il trapianto sul corpo umano. Ci che tralasciano di citare che esistono alternative ugualmente promettenti e meno invasive a questi tipi di strani esperimenti, inclusi sofisticati computer costruitiper studiare le malattie, nonch per testare l'efficacia e la tossicit dei farmaci cos come la coltura in vitro di tessuti, la nanotecnologia, e le protesi artificiali per sostituire organi e tessuti umani. Quando si parla di sperimentazione chimerica, allora, la domanda : a quale prezzo? Alcuni ricercatori stanno meditando sulla creazione di uno humanzee: una creatura chimerica met uomo e met scimpanz. Lo humanzee rappresenterebbe il lalboratorio di ricerca animale ideale vista la prentela degli scimpanz con gli esseri umani. Queste creature condividono infatti il 98 per

cento del genoma umano. E un esemplare adulto di scimpanz ha le stesse abilit mentali di un bambino di quattro anni. La fusione di un embrione umano con quello di uno scimpanz - impresa alquanto fattibile a detta dei ricercatori - potrebbe generare una creatura cos umana da suscitare tante e tali domande sul suo status legale e morale da gettare nel caos pi assoluto 4mila anni die tica dell'uomo. Una creatura simile godrebbe di diritti umani e protezione legale? Sarebbe tenuta a superare un qualche tipo di test di "umanit" per guadagnarsi la libert? Sarebbe obbligata a espletare lavori umili e servili o sarebbe utilizzata per attivit pericolose? Le possibilit sono tante, orribili e al tempo stesso sbalorditive. Per esempio, cosa accadrebbe se le cellule staminali dell'uomo, osia le cellule primordiali che si trasformano negli oltre 200 tipi di cellule del corpo umano, dovessero essere iniettate in un embrione animale e diffondersi in ogno organo del corpo animale? Alcune cellule umane potrebbero migrare nei testicoli e nelle ovaie dove potrebbero svilupparsi e diventare sperma e ovuli. Se due delle creature chimeriche topo dovessero accoppiarsi fra loro, potrebbero potenzialmente concepire un embrione umano il quale, qualora rimosso e impiantato in un utero umano, diverrebbe un bambino che avrebbe per genitori biologici due creature chimeriche topo. E' importante comprendere che nulla di quanto detto finora e fantascienza. L'Accademia nazionale americana delle scienze (American National Academy of Sciences), l'ente scientifico pi venerabile del Paese, dovrebbe pubblicare a breve le linee guida della ricerca chimerica, anticipando una raffica di nuovi esperimenti nel fiorente campo della sperimentazione chimerica umano-animale. I bioetici stanno gi spianando la strada agli esperimenti chimerici umano-animali sostenendo che, una volta superato il fattore repulsione da

parte della societ, quella di nuove creature parzialmente umane sar una prospettiva che avr molto da offrire alla razza umana. E, ovviamente, questo esattamente il tipo di ragionamento che stato pi volte avanzato per giustificare ci che sta velocemente diventando un macabro viaggio all'interno di un mostruoso "Brave New World" (Mirabile mondo nuovo, dal titolo del libro di Aldous Huxley) in cui tutta la natura pu essere inesorabilmente manipolata e reinventata per adattarsi e convenire ai bisogni momentanei e persino ai capricci e ghiribizzi di una sola specie, l'Homo sapiens. Ma ora, con gli esperimenti chimerici umano-animali, rischiamo persino di minare l'integrit biologica della nostra stessa specie in nome del progresso umano. Con la tecnologia chimerica, gli scienziati hanno il potere di riscrivere la saga dell'evoluzione, di disseminre parte della specie dell'Homo sapiens nel resto del regno animale e di fondere parti di altre specie con il nostro stesso genoma e persino di creare niove sotto-specie umane e super-specie. Siamo all'apice di un rinascineto biologico, come credono alcuni, o stiamo piantando i semi della nostra stessa distruzione? Forse tempo di chiedersi come si intende per progresso?