Sei sulla pagina 1di 5

L istruttore- educatore nella Scuola Calcio

Un compito semplice ?

Alfonso Fiorillo Istruttore Coni -Figc

Parlare di calcio ,nel nostro paese cosa alquanto difficile, in quanto tutta la popolazione italiana maschile ed ,oggi , anche femminile, discute ,analizza,critica,contesta e si trasforma, allorquando l argomento tratta di diagonali ,raddoppi, tagli etc. ,etc. Si parla di investimenti, di costi ,di attese e speranze e tutti, compreso chi scrive ,alle volte ,dimenticano la natura e l essenza di ci che rende questo sport il pi bello del mondo: la semplicit di una palla che rotola . Tutto questo grande show si trasferito ,negli ultimi anni ,anche nell ambito del settore giovanile e ,quindi, delle scuole calcio ,con conseguenze evidenti in termini di tensioni e stress , che si riversano ,soprattutto,sui ragazzi. Tutto diventato pi complesso e difficile ed il povero istruttore educatore deve fare i conti con molteplici varianti che di seguito elenchiamo e cerchiamo di analizzare per punti :

Istruttore-Educatore e Scuole Calcio Istruttore-Educatore e Ragazzi Istruttore-Educatore e Genitori Istruttore-Educatore e se stesso

Istruttore-Educatore e Scuole Calcio


Trenta anni fa la strada e le Parrocchie erano lo scenario principale delle avventure calcistiche di molti ragazzi. Si combatteva quotidianamente con i compiti da fare e i secchi d acqua della signora del primo piano che ,in mancanza di spogliatoi ,provvedeva ,anzi tempo , a farti fare la doccia. Alle volte,anche gli zaini scolastici ,utilizzati come porte improvvisate per strada,finivano tra le mani di qualche solerte vigile urbano che,in assenza di traffico, si dedicava alla raccolta di testi ,forse ,nel tentativo di migliorare la propria cultura di base. Per i pi fortunati c era il campetto di Fra Valerio ,accompagnato dalla veste bianca da chierichetto della Domenica e dei giorni di festa. Strada ,quindi , e oratorio ,partite interminabili ,dove quelle che oggi si chiamano situazioni di gioco ,si proponevano di continuo con variabili innumerevoli ed impreviste . Non a caso le generazioni di campioni , dai Mazzola ai Baggio ,nascono e provengono da questo scenario. La scomparsa della strada e il declino dell Oratorio hanno visto la nascita delle Scuole Calcio ,fatto di per se positivo ma che , nel tempo ,ha evidenziato aspetti negativi mutuati dalla nostra realt calcistica. Scuole calcio ,istruttori educatori e genitori, volendo fare una similitudine il risultato sarebbe il seguente: Scuole Calcio = Club Istruttori Educatori = Mister Genitori = Tifosi Tale similitudine racchiude , nel bene e nel male , tutte le contraddizioni di un sistema consolidato ma sempre pi esasperato e privo di regole, codificate ,ma il pi delle volte disattese e inosservate, in una logica che obbedisce alla dinamica contorta e contradditoria del risultato associato al profitto economico .

Scuole Calcio,quindi, che si configurano, quasi , come dei Club professionistici in miniatura , dove tutte le componenti chi pi ,chi meno ,si adeguano e si conformano a tale realt. Istruttori che si sentono Mister e non tanto educatori,genitori che si trasformano in supporter sfegatatI, societ sempre pi aziende , cui manca solo la quotazione in borsa. Un cocktail dalle proporzioni alcoliche da far girare la testa,produttivo di effetti che nulla hanno a che veder con lo spirito dell avvicinarsi allo Sport.

Istruttore-Educatore e Ragazzi

Il confronto adulto ragazzo ,allo stato attuale, il nodo fondamentale per capire la strada da percorrere in quanto quest ultima , sia essa tortuosa o pianeggiante , deve essere affrontata in due . Oggi importantissimo che l adulto ,impegnato in questa passione attivit si senta ,non un precettore d altri tempi ,ma un autorevole e non autoritario maestro. La sua figura deve trasmettere fiducia ed entusiasmo , stimoli e input , il tutto accompagnato da una ricerca continua di dare sempre di pi nell interesse dei propri interlocutori , attori protagonisti e non semplici comparse. Si pu parlare e discutere di metodologia induttiva o deduttiva ,di vantaggi e svantaggi, ma la persona , l adulto che si confronta con i ragazzi, dovrebbe ,prima di tutto, essere una sorta di padre per capire la diversa psicologia dei propri figli e adeguare il proprio atteggiamento a seconda delle caratteristiche caratteriali di ognuno di loro. Attenzione,quindi,alla componente psicologica,fondamentale per riuscire a svolgere al meglio il proprio compito. Nel mondo del calcio giovanile tale componente viene ,spesso, trascurata ,all autorevolezza si preferisce l autorit , con il risultato di raggiungere velocemente la cima della salita senza,per,aver lasciato nei nostri ragazzi alcun segno che non sia quello di saper calciare etc, etc, il tutto a scapito della conoscenza di s , della crescita dell autostima ,della coscienza di gruppo.

Istruttore-Educatore e Genitori
La figura del genitore oggi fondamentalmente diversa da quella del passato, anni fa la presenza dei genitori era lontana dalle attivit sportive dei propri figli ,tutto veniva vissuto con distacco e si privilegiava dare attenzione ad altre componenti del vivere quotidiano ,in primis lo studio. Oggi la scena si modificata ed ha visto una partecipazione costante ed attiva dei genitori alle pratiche sportive dei propri figli che,spesso, vengono vissute in prima persona ,in una sorta di transfert in cui l adulto si sostituisce al bambino ragazzo . E l adulto-bambino a soffrire per una mancata o ridotta partecipazione ad una partita,per una sconfitta o un presunto dolo nell arbitraggio di una gara. Ha , spesso, una visione distorta della realt, nel suo momento di transfert vive i suoi sogni e condiziona il presente del proprio ragazzo che ne acquisisce logiche di pensiero che ,di norma, non gli appartengono. L istruttore deve quindi relazionarsi non pi solo con il ragazzo ma , spesso,anche con l adultobambino che molte volte vanifica in una sorta di egoismo affettivo il lavoro di aggregazione e socializzazione ,insito nelle dinamiche degli sport di squadra ,compiuto dall Istruttore educatore.

Istruttore-Educatore e se stessoy

Il dubbio uno dei nomi dell intelligenza ( Jean Louis Borges ) Dubitare del nostro operato fondamentale per crescere e far crescere