Sei sulla pagina 1di 37

Le Norme Tecniche per le Costruzioni D.M.

del 14 Gennaio 2008

I requisiti di qualit nelle strutture saldate


Seminario Tecnico Universit di Cagliari 17 Giugno 2011 Bureau Veritas Italia SpA Ing. Davide Molinas davide.molinas@it.bureauveritas.com www.bureauveritas.it

I Centri di Trasformazione degli Acciai I requisiti della ISO9001 e ISO3834 La qualifica del Processo di Saldatura

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

CENTRO DI TRASFORMAZIONE

Definizione di Centro di Trasformazione degli Acciai (11.3.1.7): Impianto esterno alla fabbrica e/o cantiere, fisso o mobile che riceve il materiale base (barre, rotolo, lamiere, reti, profilati, tubi ecc) e confeziona elementi strutturali direttamente impiegabili in cantiere, pronti per la messa in opera o per successive lavorazioni. Il centro di trasformazione deve impiegare materiale qualificato secondo paragrafo 11.3.1.5 I centri di trasformazione vengono definiti in base alla tipologia del prodotto e del processo di trasformazione (formatura, taglio, saldatura, ecc.), e i requisiti minimi per essere riconosciuti dal Servizio Tecnico Centrale sono differenti.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

CENTRI DI TRASFORMAZIONE: SALDATURA


I requisiti minimi per lattestazione di un CdT che esegue strutture saldate sono i seguenti (11.3.4.5): Sistema gestione qualit certificato in accordo UNI EN ISO 9001:2008 rilasciato da un ENTE Terzo In relazione alla tipologia dei manufatti saldati il costruttore dovr essere certificato in accordo UNI EN ISO 3834:2006 parte 2, 3 o 4 rilasciata da un ENTE Terzo. La scelta del livello della ISO 3834 legata alla tipologia del manufatto secondo tabella 11.3.XI Qualifiche del personale che esegue i giunti saldati (saldatori) in accordo alle EN 287-1 Qualifiche dei processi di saldatura in accordo alle EN 15614-1 rilasciate da un ENTE Terzo Gli operatori dedicati al controlli non distruttivi dei giunti saldati devono essere qualificati come II livello in accordo alla EN 473

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

UNI EN ISO 9001:2008


Para. 11.3.1.7 Il sistema di gestione della qualit del prodotto, che sovrintende al processo di trasformazione, deve essere predisposto in coerenza con la norma UNI EN ISO 9001:2008 e certificato da parte di un organismo terzo indipendente, di adeguata competenza ed organizzazione, che opera in coerenza con la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17021:2006.

La UNI EN ISO 9001:2008 una norma che fissa i requisiti generali di gestione dei propri processi e che pu essere adottata da una qualsiasi organizzazione che ha come scopo la produzione di prodotto o lerogazione di un servizio ad un suo cliente.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

UNI EN ISO 9001:2008


Il SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA ha lo scopo di garantire il rispetto di:

Normative cogenti Sistema Qualit (Normative interne) Specifiche contrattuali

Organizzazione orientata al MIGLIORAMENTO CONTINUO

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

UNI EN ISO 9001:2008


E una norma generale ma necessita che sia applicata e calata sulla specificit dei processi aziendali (esempio la trasformazione di manufatti in acciaio). Deve essere rilasciata da un Ente Terzo indipendente con indicazione nel certificato del settore EA17 Fabbricazione di prodotti in metallo e loro leghe. Laccreditamento per il settore EA17 rilasciato allEnte Terzo che certifica, fornisce un valore aggiunto alloperato dellEnte ed un modo per riconoscere le sue competenze in quella materia.

Gli accreditamenti rilasciati da ACCREDIA agli Organismi di Certificazione per i diversi settori EA possono essere verificati attraverso il Data Base pubblico:

www.accredia.it
Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

UNI EN ISO 3834:2006


Para. 11.3.4.5 In relazione alla tipologia dei manufatti realizzati mediante giunzioni

saldate, il costruttore deve essere certificato secondo la norma UNI EN ISO 3834:2006 parti 2, 3 o 4; il livello di conoscenza tecnica del personale di coordinamento delle operazioni di saldatura deve corrispondere ai requisiti della normativa di comprovata validit. I requisiti sono riassunti nel Tab. 11.3.XI. La UNI EN ISO 3834:2006 una norma che fissa i requisiti generali di gestione delle attivit di saldatura.
Non una norma di prodotto!

Prevede (come per la ISO9001) ispezioni annuali sul Centro di Trasformazione

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

TABELLA 11.3.XI
Tipo di azione sulle strutture Riferimento Materiale base: Spessore minimo delle membrature Strutture soggette a fatica in modo non significativo A S235, s 30 mm S275, s 30 mm B S355, s 30 mm S235 S275 C S355 S235 S275 S460, s 30 mm Strutture soggette a fatica in modo significativo D S355 S235 S275 S460(1) Acciai inox e altri acciai non esplicitamente menzionati (1) Livello dei requisiti di qualit secondo EN 3834:2006 Livello conoscenza tecnica del Coordinatore saldatura secondo la norma UNI EN 719:1996 Elementare EN ISO 3834-4 Medio EN ISO 3834-3 Medio EN ISO 3834-3 Completo EN ISO 3834-2

Di base

Specifico

Completo

Completo

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

Il Coordinatore di Saldatura
La norma UNI EN ISO 3834:2006 essendo una norma tecnica risulta essere molto chiara lasciando poco spazio alle libere interpretazioni. Lunico punto da prendere in considerazione la figura del Coordinatore di Saldatura (requisito 7.3). Il Coordinatore di Saldatura deve operare in accordo alla ISO 14731 che definisce i compiti e le responsabilit di tale figura allinterno di unazienda certificata ISO 3834. Lazienda deve definire: la posizione del Coordinatore di Saldatura nellorganigramma le sue responsabilit

pu coincidere con la figura del Direttore Tecnico di Stabilimento


Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

10

Il Coordinatore di Saldatura
Per le conoscenze (requisiti) che deve avere il Coordinatore di Saldatura, si fa riferimento all Annex A della ISO 3834-5:
LINEE GUIDA SULLO SCHEMA DI QUALIFICAZIONE/FORMAZIONE PER IL PERSONALE ADETTO AL COORDINAMENTO DI SALDATURA.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

11

Il Coordinatore di Saldatura
Il personale addetto al coordinamento di saldatura che soddisfa i requisiti elencati dallAnnex A, o che possiede qualificazioni nazionali accettabili, considerato in grado di soddisfare i relativi requisiti.

Soluzioni alternative:

Corsi di formazione specifici per Coordinatori di Saldatura nellambito della produzione di carpenterie metalliche strutturali. Valutazione attraverso test/questionario in sede di verifica di certificazione ISO 3834 da parte dellEnte Terzo certificatore.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

12

UNI EN ISO 3834:2006

Qual lo scopo della ISO 3834?


Garantire alla Committenza il riesame tecnico del progetto/contratto gi prima di impegnarsi formalmente. Razionalizzare il metodo di gestione delle attivit di saldatura allinterno del Centro di Trasformazione. Attraverso il rispetto dei requisiti imposti dalla norma, avere uno strumento per validare il processo di saldatura come processo speciale.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

13

La Qualifica del Processo


Nel percorso di certificazione che un costruttore intraprende, sono numerosi gli elementi che egli deve considerare, per poter dichiarare il suo sistema conforme ai requisiti di qualit definiti dalla normativa ISO 3834 nelle sue parti 2, 3 o 4. Quelli che tratteremo ora, sono relativi alla qualifica del personale di saldatura (saldatori/operatori di saldatura) ed alle attivit di saldatura (procedimenti di saldatura).

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

14

NORME DI RIFERIMENTO
Le Norme Europee di riferimento richiamate dalle NTC2008 sono:

EN 287:2007 Prove di qualificazione dei saldatori Saldatura per fusione Parte 1: Acciai

EN 15614:2008 Prove di qualificazione della procedura di saldatura per materiali metallici Parte 1: Saldatura ad arco e a gas degli acciai e saldatura ad arco del nichel e leghe di nichel

Sono le norme di riferimento che lENTE Terzo utilizza per qualificare il procedimento di saldatura e il personale di saldatura.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

15

LA QUALIFICA DEL SALDATORE


La qualifica del saldatore viene fatta attraverso lesecuzione di un test, chiamato anche tallone di saldatura, in presenza di un ENTE Terzo.

Il tallone viene quindi saldatato utilizzando il procedimento di saldatura (elettrodo, TIG, filo continuo) scelto e che si deve utilizzare in produzione.
Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

16

LA QUALIFICA DEL SALDATORE


Che tallone devo preparare? La norma di riferimento, la EN287, prevede una serie di variabili essenziali che sono: il procedimento (elettrodo, TIG, filo continuo, ecc.) EN ISO 4063 il tipo di prodotto (lamiera, tubo) il materiale (acciai del gruppo 1, ecc.) lo spessore il tipo di giunto (testa-testa, dangolo, ecc.) la posizione (in piano, verticale, sovratesta, ecc.) EN ISO 6947

CEN ISO/TR 15608

La scelta di queste variabili determina il campo di qualifica allinterno del quale il saldatore verr qualificato e pu operare in produzione.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

17

LA QUALIFICA DEL SALDATORE


Una volta completato il provino di saldatura, lispettore incaricato valuta labilit del saldatore e la bont del giunto saldato attraverso un esame visivo. Se lesito positivo, il provino saldato viene identificato e spedito al laboratorio per i controlli non distruttivi e prove distruttive (dove applicabili). Esempio: Controllo Radiografico Pieghe Fratture Macro Ecc..

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

18

LA QUALIFICA DEL SALDATORE

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

19

LA QUALIFICA DEL PROCEDIMENTO


Oltre alla qualifica dei saldatori la norma ISO 3834, per le sole parti 2 e 3, specifica che il costruttore deve, prima dellinizio della produzione, qualificare i propri Procedimenti di saldatura.

Perch la saldatura un processo speciale,cio un processo per il quale la qualit non pu essere verificata completamente con un controllo finale.

La qualifica dei procedimenti di saldatura, come quella dei saldatori, diventa quindi uno dei vari controlli indiretti preventivi che il costruttore aggiunge alle fasi di fabbricazione.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

20

LA QUALIFICA DEL PROCEDIMENTO

A differenza della qualifica del saldatore, la qualifica del procedimento di saldatura, prevede che il costruttore elabori un documento chiamato Specifica di saldatura preliminare (pWPS). Tale documento ha il compito di formalizzare i principali parametri che influenzeranno le caratteristiche del giunto saldato. Lo stesso conterr inoltre le variabili essenziali, definite dalle normative di riferimento, tipiche del procedimento che intendiamo qualificare. Come per la qualifica del saldatore, il cambiamento di una variabile essenziale comporta il rifacimento della procedura.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

21

LA QUALIFICA DEL PROCEDIMENTO

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

22

LA QUALIFICA DEL PROCEDIMENTO


Anche per la qualifica di procedimento le normative applicabili forniscono un elenco delle prove che si devono eseguire e superare, per qualificare un determinato procedimento. Tuttavia vogliamo rammentare che in alcuni casi necessario dover integrare queste prove con eventuali test aggiuntivi definiti nei Codici Costruttivi (es. prove di resilienze per strutture progettate con materiali J0 o J2). Le prove per la qualifica di procedimento saranno sia di tipo Qualitativo (prove non distruttive come esame visivo, radiografico, etc.) sia di tipo Quantitativo (prove di trazione, resilienza, etc). La saldatura, nella qualifica di procedimento, oltre ad essere di buona qualit deve poter soddisfare requisiti di resistenza meccanica tipici del materiale base che unisce. Se lesito delle prove soddisfa i criteri di accettabilit definiti dalla norma, e/o da eventuali specifiche aggiuntive il procedimento pu ritenersi qualificato!! Si potr quindi emettere un verbale di qualifica del procedimento.
Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

23

LA QUALIFICA DEL PROCEDIMENTO

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

24

LA QUALIFICA DEL PROCEDIMENTO


Qual lo scopo della qualifica del procedimento?

Creare un mezzo per controllare indirettamente il processo di saldatura Validare il processo di saldatura quale processo speciale ai sensi della ISO9001 (requisito 7.5.2) Garantire la ripetibilit in termini qualitativi e quantitativi del giunto saldato Incrementare linsieme delle conoscenze in materia di saldatura e migliorare la confidenza durante la produzione Adempiere ad un requisito di Legge!!!

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

25

LE SCADENZE Che durata hanno le qualifiche?

La qualifica del procedimento NON ha scadenza ( intestata allazienda e rimane valida perennemente)

La qualifica del saldatore ha validit 2 anni dopodich si pu richiedere il rinnovo allEnte Terzo che lha emessa dimostrando la continuit del saldatore oppure si ripete la prova.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

26

I NOSTRI SERVIZI Bureau Veritas opera come Ente Terzo riconosciuto per la qualifica dei procedimenti e la qualifica del personale di saldatura. Il nostro compito sar quello di:
Assistere il CdT nelle fasi iniziali di definizioni delle qualifiche Supervisionare alla realizzazione del tallone di saldatura Identificare i provini per linvio al laboratorio di prova Presenziare alle prove di laboratorio Emettere le certificazioni finali

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

27

Altre norme tecniche


Le NTC2008 richiamano una serie di altre norme tecniche da considerare nella realizzazione di elementi strutturali saldati: Nellesecuzione delle saldature dovranno inoltre essere rispettate le norme UNI EN 1011:2005 parti 1 e 2 per gli acciai ferritici e della parte 3 per gli acciai inossidabili.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

28

Altre norme tecniche


Per la preparazione dei lembi si applicher, salvo casi particolari, la norma UNI EN ISO 9692-1:2005.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

29

Altre norme tecniche


UNI EN ISO 9692-1:2005

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

30

Altre norme tecniche


Le saldature saranno sottoposte a controlli non distruttivi finali per accertare la corrispondenza ai livelli di qualit stabiliti dal progettista sulla base delle norme applicate per la progettazione. In assenza di tali dati per strutture non soggette a fatica si adotter il livello C della norma UNI EN ISO 5817:2004 e il livello B per strutture soggette a fatica.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

31

Altre norme tecniche


UNI EN ISO 5817:2004

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

32

DIFETTOLOGIA DELLE SALDATURE

Difetti nelle saldature


Si definisce imperfezione qualsiasi deviazione dalla saldatura ideale e difetto unimperfezione che pu essere classificata come accettabile o non accettabile. Le imperfezioni sono suddivise in 6 gruppi:
1) cricche 2) cavit 3) inclusioni solide 4) mancanza di fusione e di penetrazione 5) difetti di forma e dimensionali 6) altre imperfezioni
Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

33

DIFETTOLOGIA DELLE SALDATURE

Cricca

Inclusione di scoria
Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

34

DIFETTOLOGIA DELLE SALDATURE

Porosit

Mancata fusione
35

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

DIFETTOLOGIA DELLE SALDATURE


I difetti tipici delle carpenterie saldate con giunti dangolo si possono evidenziare con controlli non distruttivi quali: Test con Liquidi Penetranti Test Magnetoscopico Test Ultrasuoni

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

36

Grazie per lattenzione


davide.molinas@it.bureauveritas.com

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 17 Giugno 2011

37