Sei sulla pagina 1di 1
C onduciamo una riflessione a 360° con Davide Canavesio, Presidente del Gruppo Giovani imprenditori di

C onduciamo una riflessione

a 360° con Davide

Canavesio, Presidente del

Gruppo Giovani imprenditori di Torino, Amministratore Delegato del Gruppo Saet, azienda di oltre 350 dipendenti con sede a Leinì e stabilimenti in tutto il mondo, specializzata in trattamenti termici a induzione, dall’automotive, all’eolico, al fotovoltaico. Presidente Canavesio, come valuta l’attuale fase di crisi? «Va detto che la crisi attuale, che noi percepiamo come drammatica, è tale solo in parte dell’Europa, mentre il resto del mondo è già tornato a crescere. Quindi, per le imprese internazionalizzate, le opportunità ci sono. Se vogliamo imboccare un sentiero di stabile sviluppo, posto che oggi la competizione avviene tra macroaree – Cina, India, Stati Uniti, Russia e Sudamerica - credo sia indispensabile puntare al più presto ad una unità politica europea. Solo così il Vecchio Continente può giocare un ruolo rilevante nello scacchiere geopolitico mondiale». Torino sta vivendo da circa 20 anni un lungo processo di metamorfosi tutt’ora in corso:

come vede il futuro della nostra città ? «Torino deve dotarsi di un nuovo piano strategico. Secondo me, questo è il punto di partenza essenziale per proseguire in modo razionale il percorso avviato negli anni ’90: dobbiamo fare squadra nel nostro territorio. Piano strategico e impegno della società civile – parliamo in particolare dei soggetti intermedi - sono due driver fondamentali per pilotare la trasformazione della nostra Città. E’ necessario dare, cioè, tutti gli

IInntteerrvviissttaa aa DDaavviiddee CCaannaavveessiioo,, PPrreessiiddeennttee ddeell GGrruuppppoo GGiioovvaannii

Un nuovo piano strategico per Torino

i i o o v v a a n n i i Un nuovo piano strategico
i i o o v v a a n n i i Un nuovo piano strategico

elementi di contesto per poter attrarre gli investimenti dall’estero, quelli delle grandi imprese e delle multinazionali». E quindi come vede l’economia locale in prospettiva? «Penso che Torino diverrà una città multitasking: ancora legata all’auto ed alla metalmeccanica, votata ai settori dell’alta tecnologia, ma anche al turismo, al food, al cinema, alla cultura. Credo che molto del nostro futuro si giochi adesso e che sia quindi fondamentale agire, unendo le forze. Le priorità sono quella del credito alle aziende dei vari settori, comprese quelle dell’indotto, per poter realizzare gli investimenti legati alla decisione di Fiat di rilanciare Mirafiori - scelta fondamentale per Torino e la sua industria; un’altra è quella di far crescere il nostro sistema produttivo sui mercati extraeuropei». Che contributo possono dare i giovani nelle loro aziende? «Un contributo rilevante di modernità attraverso una mentalità nuova, più aperta e più internazionale. I giovani di oggi si sono formati in un periodo di crisi e hanno interiorizzato l’instabilità come costante elemento di base. Sono più cosmopoliti, hanno ruoli di

maggior responsabilità in azienda, sono più aperti al management e alla crescita, ottenuta anche attraverso operazioni di equity. Nell’immediato, riconoscono come priorità le attività di ricerca e innovazione e sono più possibilisti rispetto a ipotesi di aggregazione fra imprese». Il Gruppo Giovani in questo contesto che ruolo svolge? «La nostra ambizione è essere molto concreti e lanciare sul territorio dei progetti-pilota di alta qualità. Stiamo lavorando su due temi: il primo è la “Torino che vogliamo”, un documento, redatto insieme a tutte le associazioni imprenditoriali professionali locali, che potrebbe costituire un valido spunto per il piano strategico. Il secondo impegno riguarda la formazione dei giovani con Università e Politecnico, sul modello dei progetti dell’UCLA statunitense, ove facciamo da tutor ai futuri giovani imprenditori». In vista dei rinnovi si parla molto di quale ruolo debba assumere in futuro il sistema confederale. Cosa ne pensa? «Me la cavo con una battuta: una struttura più efficiente e snella e un’azione di rappresentanza più incisiva».

e snella e un’azione di rappresentanza più incisiva».   IN BREVE     Settore ferrotramviario:
e snella e un’azione di rappresentanza più incisiva».   IN BREVE     Settore ferrotramviario:
e snella e un’azione di rappresentanza più incisiva».   IN BREVE     Settore ferrotramviario:
 

IN BREVE

 
 

Settore ferrotramviario:

 

forum per subfornitori

 

Nell’ambito delle attività di promozione dedicato alle

aziendecheoperanonelsettoreferrotramviario,l’Unio-

ne industriale di Torino, in linea con la politica adotta- ta da alcuni anni, sta organizzando un forum per fare incontrare il gruppo Deutsche Bahn AG, la più grande azienda statale del settore, con aziende locali, poten- ziali fornitrici per il colosso tedesco. L’incontro con DeutscheBahnAG,cheèleadernel trasportopasseg- geri ed è presente in ben 11 paesi europei, si terrà a Berlino il 31 maggio e sarà caratterizzato da incontri B2B con le imprese interessate. Per informazioni e per confermare la presenza entro il 29 febbraio: Servizio Export, tel. 011.5718296, export@ui.torino.it

informazioni e per confermare la presenza entro il 29 febbraio : Servizio Export, tel. 011.5718296, export@ui.torino.it
informazioni e per confermare la presenza entro il 29 febbraio : Servizio Export, tel. 011.5718296, export@ui.torino.it

Leghe d’alluminio, convegno

 
 

Le leghe di alluminio sono utilizzate in una vasta gam- ma di settori che vanno dall'industria aerospaziale al- l’automotive. La ricerca nel settore ha avuto una for-

te

accelerazione in questi anni: sono state avviate nuo-

ve lavorazioni tecnologicamente sempre più avanzate

e

oggi sono disponibili sul mercato nuovi prodotti con

 

prestazioni superiori a quelli tradizionali. Mercoledì 22

febbraio dalle ore 9.00, L’AMMA organizza un conve- gno sul tema presso il Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino, introdotto dal Presidente Amma Vincenzo Ilotte, durante il quale verranno illustrate le innovazioni piùsignificativenel campodelleleghed'al- luminio e le loro applicazioni. Per informazioni ed ade- sioni: Segreteria organizzativa: tel. 011.5718378, e- mail: sosena@amma.it

le loro applicazioni. Per informazioni ed ade- sioni: Segreteria organizzativa: tel. 011.5718378, e- mail: sosena@amma.it
le loro applicazioni. Per informazioni ed ade- sioni: Segreteria organizzativa: tel. 011.5718378, e- mail: sosena@amma.it

Brevetti e marchi

 

Sisvel, in collaborazione con AEIT Federazione Italia- na di Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Infor- matica e Telecomunicazioni, organizza mercoledì 15 febbraio dalle ore 17.00 alle ore 19.00, un incontro sulla tutela e sulla valorizzazione della Proprietà Intel- lettuale,dei Brevetti edei Marchi,asostegnodellacre- scita. L’incontro - gratuito e fino ad esaurimento dei posti disponibili - si terrà presso la Sala Consiglio di Facoltà del Politecnico di Torino. Per informazioni e iscrizioni: intellectualproperty @aeit.it, tel.02.87389965.

di Facoltà del Politecnico di Torino. Per informazioni e iscrizioni: intellectualproperty @aeit.it, tel.02.87389965.
di Facoltà del Politecnico di Torino. Per informazioni e iscrizioni: intellectualproperty @aeit.it, tel.02.87389965.

Investire “glocal”

 

Continua il ciclo “Un futuro davanti a noi” al Circolo dei Lettori, organizzato dalla Junior Enterprise Torino dell’ ESCP Europe, per comprendere l’economia e analiz- zare le prospettive che si aprono a chi si affaccia per

 

la

prima volta sul mercato del lavoro. Think glocal, act

local: martedì 14 febbraio alle ore 21.00, la discus- sione verterà sulle esperienze virtuose di chi porta le eccellenze locali nel mercato globale. Partecipano tra gli altri, l’economistaAldoBonomi, GuidoGobino, pre-

sidente dell’omonima cioccolateria artigianale e Gui- do Martinetti, cofondatore di Grom.

sidente dell’omonima cioccolateria artigianale e Gui- do Martinetti, cofondatore di Grom.
sidente dell’omonima cioccolateria artigianale e Gui- do Martinetti, cofondatore di Grom.

Digital Direct

 

Mercoledì 22 febbraio alle ore 18.15 presso il nostro Centro Congressi il Cdvm organizza un incontro con Cemit DS, l’unità Digital di Cemit Interactive Media per studiare l’Online Advertising, il nuovo strumento dei social media e le opportunità che offrono rispetto al- le pubblicità online tradizionali. Introduce e modera il Presidente CDVM De Carolis. Per confermare la partecipazione: segreteria Cdvm, tel.011.5718438, e-mail cdvm@ui.torino.it