Sei sulla pagina 1di 5

Finalmente una notizia originale: una discarica sulle sorgenti di Sarno.

La proposta elaborata dalla Provincia di Salerno


La legge n. 26 del 26 febbraio 2010, ha definitivamente sancito, solo dal punto di vista amministrativo mentre di fatto persistono le stesse condizioni che hanno caratterizzato circa 18 anni di scandalo rifiuti, la fine dello stato di emergenza e del commissariamento straordinario in Campania, trasferendo gli oneri tecnicoamministrativi della gestione del ciclo integrato dei rifiuti alle Province. In Provincia di Salerno stata costituita la Societ Provinciale EcoAmbiente Salerno spa, per garantire la piena operativit del sistema di gestione dei rifiuti solidi urbani. Dal momento che in 18 anni di emergenza i gestori nazionali dello stato emergenziale non hanno voluto realizzare gli impianti dedicati al trattamento dei rifiuti, realizzare un'adeguata rete impiantistica, per la gestione dei flussi derivanti da raccolta differenziata e di quelli ad essa residuali. Siccome non facile recuperare 18 anni di ritardi voluti n c tuttora la volont di farlo, nelle more del completamento della filiera, la Provincia di Salerno si vede costretta a realizzare nuovi impianti di discarica, per lo smaltimento della frazione umida derivante dal trattamento di tritovagliatura del rifiuto indifferenziato, operato presso l'impianto STIR di Battipaglia. Per evitare di realizzare un solo grande impianto la Provincia di Salerno ha suddiviso il territorio in vari ambiti nei quali prevedere discariche sufficienti alle esclusive necessit della popolazione residente. Secondo la Provincia gli impianti devono essere considerati opere recuperabili, da reintegrare nel territorio e da valorizzare a beneficio delle comunit e allambiente circostante mediante lattuazione di due piani, dotati delle opportune garanzie economiche: il piano di ripristino ambientale ed il piano di sorveglianza e controllo. Il piano di ripristino ambientale individua la destinazione dellarea di discarica a seguito del suo esaurimento e gli interventi che il gestore deve effettuare per il recupero e la sistemazione dell'area della discarica a chiusura della stessa; il piano di sorveglianza e controllo assicura che siano adottati tutti gli accorgimenti necessari per ridurre i rischi per l'ambiente ed i disagi per la popolazione durante tutte le fasi del ciclo di vita della discarica (realizzazione, gestione e post-chiusura). La Provincia ha individuato vari siti ritenuti potenzialmente idonei in via preliminare in base allanalisi cartografica e ai sopralluoghi eseguiti. In altre parole, per la Provincia, basta attenersi pedissequamente alla vigente legge relativa alle discariche e attuare il piano di ripristino ambientale e il piano di sorveglianza e controllo per non creare pericoli di inquinamento del suolo, dellacqua, dellaria e per non mettere a repentaglio la salute dei cittadini. Con questi presupposti, praticamente, qualsiasi sito potrebbe risultare idoneo per la realizzazione di una discarica di rifiuti inquinanti. I due siti sulle sorgenti di Sarno ritenuti potenzialmente idonei in via preliminare in base allanalisi cartografica e ai sopralluoghi eseguiti.

Figura 1: ubicazione delle cave individuate

La Provincia di Salerno, facendo proprie le proposte degli specialisti ai quali ha affidato il delicato incarico di individuare i siti, ha indicato due cave in roccia calcarea fratturata e carsificata ubicate poco a monte delle sorgenti di Sarno; una nel Comune di Nocera Inferiore e laltra nel Comune di Castel San Giorgio (figure 1, 2, 3 ,4).

Figura 2: Individuazione delle due cave in relazione alle sorgenti di Santa Marina captate per uso idropotabile.

Figura 3: Individuazione delle due cave in relazione alle sorgenti di Santa Marina e allAgro NocerinoSarnese. E evidenziato il deflusso delle acque sotterranee che alimentano le sorgenti di Santa Marina e le falde dellAgro Nocerino-Sarnese utilizzate dalle industrie conserviere, come risulta da varie pubblicazioni scientifiche. Le cave sono state realizzate per lestrazione delle rocce calcaree, molto permeabili per lintensa fatturazione e lo sviluppato carsismo, che rappresentano il serbatoio naturale delle acque di falda.

Figura 4: Individuazione delle due cave in relazione alle sorgenti di Santa Marina e alle falde presenti nel sottosuolo dellAgro Nocerino-Sarnese. Le due cave individuate dagli esperti sono ubicate nelle rocce carbonatiche che costituiscono lacquifero, vale a dire il contenitore geologico, che alimenta le sorgenti di Santa Marina e le falde presenti nei sedimenti alluvionali e vulcanici dellAgro Nocerino-Sarnese. Si stima che le rocce carbonatiche alimentino le falde dellAgro, solo nella zona compresa tra Sarno e Nocera Inferiore, con una portata complessiva di almeno 5000 litri/secondo equivalente ad un volume annuo di circa 150 milioni di metri cubi di acqua potabile. Le industrie conserviere dellAgro nel processo produttivo usano lacqua potabile prelevata con pozzi dalle falde; durante il periodo di lavorazione si valuta che siano prelevati da 40 a 50 milioni di metri cubi, prevalentemente nel periodo compreso tra agosto e settembre. Si tratta di un enorme volume di acqua potabile che, se venisse inquinato, non potrebbe essere rinvenuto in altre zone. E evidente che linquinamento delle falde e delle sorgenti Santa Marina metterebbe in crisi le attivit industriali e creerebbe danni irreparabili allassetto socio-economico regionale. Alla luce di questi elementi, accessibili a persone normalmente dotate mentalmente, ci si chiede come abbia fatto la Provincia di Salerno ad individuare i due siti ritenuti potenzialmente idonei in via preliminare in base allanalisi cartografica e ai sopralluoghi eseguiti. E palese che i due siti non sono assolutamente idonei per la realizzazione di discariche di rifiuti inquinanti! Le motivazioni dellidoneit secondo la Provincia di Salerno Ecco come la Provincia di Salerno motiva lidoneit del sito nel Comune di Nocera Inferiore. Con riferimento agli aspetti di carattere ambientale, dall'esame delle carte dei vincoli presenti sul territorio si evince che l'area in oggetto: - prossima a zone adibite alla coltivazione di frutteti; - non rientra in aree

4
naturali protette e aree di tutela paesaggistica istituite ai sensi del D. Lgs. 42/2004, n in Siti di Importanza Comunitaria (SIC) o in Zone di Protezione Speciale (ZPS); - non ricade in zone caratterizzate da acquiferi vulnerabili. Il livello di naturalit e quello di biodiversit dell'area variano da medio a medio-alto. Per quanto attiene i vincoli di carattere idrogeologico, invece, l'area risulta interessata da un moderato livello di pericolosit da frana, cui non corrisponde un significativo livello di rischio attesa l'assenza di elementi esposti rilevanti. La classe di rischio sismico associata quella identificativa di un medio grado di sismicit (categoria S2). Ecco come la Provincia di Salerno motiva lidoneit della cava sita nel Comune di Castel San Giorgio. - interna ad unarea di tutela paesistica ai sensi del D.Lgs. 42/2004; - non rientra in aree naturali protette e aree di tutela paesaggistica istituite ai sensi del D. Lgs. 42/2004, n in Siti di Importanza Comunitaria (SIC) o in Zone di Protezione Speciale (ZPS); - ricade in unarea caratterizzata da acquiferi vulnerabili. I livelli di naturalit e di biodiversit dell'area sono elevati. I vincoli di carattere idrogeologico risultano privi di particolare significativit. La classe di rischio sismico associata quella identificativa di un medio grado di sismicit (categoria S2). Nelle conclusioni si precisa quanto segue: La localizzazione delle discariche rappresenta da sempre elemento di conflitto territoriale, aggravato nella nostra Regione dalla mancanza di fiducia dei cittadini nelle istituzioni preposte alle scelte territoriali ed al controllo ambientale, dalle strumentalizzazioni politiche, da interessi economici spesso connessi ad attivit illecite conseguenti allattuale stato di emergenza, dal teppismo scientifico rappresentato dalla mancanza di adeguata professionalit e competenza sulle problematiche di smaltimento dei rifiuti, sulle quali chiunque abbia generiche conoscenze di carattere tecnico si ritiene intitolato ad esprimersi aumentando la confusione, confondendo le discariche controllate con le discariche abusive prive di presidi tecnici di tutela ambientale, creando panico ingiustificato ed opposizione strenua da parte delle popolazioni residenti nelle aree interessate dalla possibile realizzazione di un impianto di smaltimento dei rifiuti. Sempre nelle conclusioni si legge: In Italia, le caratteristiche costruttive e di esercizio delle discariche devono soddisfare i requisiti previsti per la tutela ambientale nelle modalit riportate nellallegato 1 del D. Lgs. 36/03, mentre la localizzazione soggetta, oltre che alle indicazioni del D. Lgs. 36/03, a diversi ulteriori riferimenti normativi correlati ai caratteri fisici, agli usi del suolo, alla protezione della popolazione dalle molestie, alla protezione delle risorse idriche, alla tutela da dissesti e calamit, alla vulnerabilit idrogeologica, alla tutela delle risorse naturali, alla protezione di beni ambientali, paesaggistici, artistici, storici, archeologici, paleontologici, agli aspetti urbanistici. Alcuni di tali riferimenti normativi costituiscono fattore di esclusione per la localizzazione delle discariche, altri rappresentano motivo di non preferibilit rispetto ad altre possibili soluzioni. In un territorio, come quello della provincia di Salerno, ricco di aree protette, con elevata densit abitativa allesterno delle aree di tutela, con gravi conflitti sociali gi vissuti, raramente possibile, infatti, individuare il sito perfetto ma , invece, necessario localizzare le discariche in siti le cui caratteristiche complessive presentano maggiore preferibilit rispetto ad altri, assicurandone con gli accorgimenti progettuali e gestionali la realizzazione adeguata a garantire lassoluta tutela dellambiente e della salute pubblica. La Provincia di Salerno conclude affermando che alla scelta finale dei siti dovr procedersi con indagini specifiche da esperire in una fase di ulteriore approfondimento tecnico.

Conclusioni
Con la presente relazione si evidenzia una carenza conoscitiva delle caratteristiche geoambientali delle cave individuate e la conseguente infondatezza geoambientale del giudizio di idoneit preliminare. Sorprende come gli esperti della provincia di Salerno abbiano ritenuto che le rocce calcaree fratturate e carnificate costituiscano un acquifero vulnerabile a Castel San Giorgio mentre lo stesso acquifero sarebbe non vulnerabile nella cava di Nocera Inferiore. Stabilire erroneamente lidoneit, sia pure preliminare, di un luogo in cui costruire una discarica di rifiuti inquinanti senza preventive adeguate e complete conoscenze geologiche e senza una trasparente valutazione delle interferenze che si potrebbero determinare nel tempo tra i rifiuti inquinanti che verrebbero abbancati e ambiente estremamente pericoloso per la sicurezza ambientale e la salute dei cittadini. Non si deve fare finta di non sapere che i rifiuti inquinanti rappresenteranno un nuovo giacimento geologico di materiali inquinanti che permarrebbe nelle cave per leternit, alcune decine di metri al di sopra della falda che continuer ad essere usata, a valle della discarica, anche nel prossimo futuro. Non pu sfuggire che la sicurezza ambientale deve essere garantita per secoli e non solo per qualche anno. A questo punto non si pu dimenticare che il substrato carbonatico molto permeabile in quanto molto fratturato e carsificato.

5
Si deve sempre tenere presente che le attuali disposizioni di legge sono carenti e che non garantiscono la difesa delle acque sotterranee qualora una discarica di rifiuti inquinanti sia realizzata su un substrato molto permeabile e carsificato. Vi un problema tecnico insuperabile rappresentato dalla tenuta plurisecolare del sistema impermeabilizzante alla base a sui lati dei rifiuti. I consulenti della Provincia di Salerno non devono dimenticare di essere tecnici al servizio di tutti i cittadini e che agiscono per garantire una reale sicurezza ambientale. E evidente che dovendo essere garantita la sicurezza ambientale e la salute dei cittadini per secoli una discarica nelle cave di Nocera Inferiore e Castel San Giorgio non si pu realizzare in sicurezza. Qualora si realizzi, evidente che sar al di fuori delle leggi che devono tutelare lambiente, le risorse idriche e la salute dei cittadini. Alla luce di queste considerazioni, al di fuori di qualsiasi forma di terrorismo scientifico, tese a tutelare, realmente, lambiente, le risorse naturali, la salute dei cittadini e lassetto socio-economico appare evidente che i motivi che hanno fatto ritenere idonei preliminarmente i siti in esame sono privi di concretezza tecnica ed estremamente preoccupanti perch infondono una ingiustificata tranquillit e garanzia di sicurezza. I dati esposti nella presente relazione evidenziano che i siti di Nocera Inferiore e Castel San Giorgio sono stati valutati preliminarmente idonei per la realizzazione di una discarica di rifiuti inquinanti senza una approfondita conoscenza delle caratteristiche geoambientali pi importanti. La sicurezza dellambiente, la tutela delle risorse idriche e la difesa della salute dei cittadini richiedono una onest istituzionale sia nellacquisire conoscenze tecniche geoambientali complete sia nellevidenziare i limiti delle frasi contenute nel D.L. 36/2003. Per concludere si sottolinea che i siti in esame sono stati erroneamente ritenuti preliminarmente idonei per la realizzazione di una discarica di materiali inquinanti e che deve essere riconsiderata la proposta della Provincia di Salerno in quanto basata su una incompleta e inadeguata conoscenza geoambientale. Franco Ortolani Ordinario di Geologia Universit di Napoli Federico II 9 febbraio 2012