Sei sulla pagina 1di 58

ANPA

Agenzia Nazionale per la Protezione dell'Ambiente

LINEE GUIDA PER LA SELEZIONE E L'APPLICAZIONE DEI MODELLI DI DISPERSIONE ATMOSFERICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALIT DELLARIA

RTI CTN_ACE 4/2001

ANPA
Agenzia Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
Dipartimento Stato dellAmbiente, Controlli e Sistemi Informativi

Linee guida per la selezione e l'applicazione dei modelli di dispersione atmosferica per la valutazione della qualit dellaria

Francesco Lollobrigida, ARPA Piemonte Giuseppe Brusasca, CESI Monica Clemente, ARPA Piemonte Roberta De Maria, ARPA Piemonte Marco Deserti, ARPA Emilia - Romagna Franco Desiato, ANPA Francesca Lena, ANPA Gianni Tinarelli, CESI Gabriele Zanini, ENEA

Responsabile di progetto ANPA Franco Desiato

Responsabile CTN_ACE
Centro Tematico Nazionale Atmosfera Clima Emissioni

Gianfranca Galliani

Informazioni legali LAgenzia Nazionale per la Protezione dellAmbiente o le persone che agiscono per conto dellAgenzia stessa non sono responsabili per luso che pu essere fatto delle informazioni contenute in questo rapporto.

Supervisione editoriale a cura di: Daniele Violetti, in collaborazione con Francesca Fini (ARPA Emilia - Romagna)

Riproduzione autorizzata citando la fonte Stampato in Italia

Stampato su carta ecologica

Agenzia Nazionale per la Protezione dellAmbiente Dipartimento Stato dellAmbiente, Controlli e Sistemi Informativi Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma

Centro Tematico Nazionale Aria Clima Emissioni c/o ARPA Emilia Romagna Via Malvasia, 6 40124 Bologna

Indice
1 INTRODUZIONE ..................................................................................................... 1 2 SCENARIO 1 DISPERSIONE DI INQUINANTI RILASCIATI DA SORGENTI LINEARI, AREALI, PUNTIFORMI NON ISOLATE, DI CUI SI VOGLIANO DETERMINARE LE CONCENTRAZIONI MEDIE ORARIE E LE DEPOSIZIONI AL SUOLO A BREVE E LUNGO TERMINE ................................ 2
2.1 2.2 TIPOLOGIE DEI MODELLI APPLICABILI ........................................................................................ 3 2.1.1 Modelli di screening........................................................................................................... 4 2.1.2 Modelli di complessit superiore ....................................................................................... 4 DATI DI INGRESSO PRINCIPALI ................................................................................................... 5 2.2.1 Dati meteorologici.............................................................................................................. 5 2.2.2 Rappresentativit spaziale.................................................................................................. 6 2.2.3 Rappresentativit temporale .............................................................................................. 6 2.2.4 Dati emissivi e chimici ....................................................................................................... 7 2.2.5 Dati territoriali................................................................................................................... 7 2.2.6 Condizioni al contorno....................................................................................................... 8 MODULI SPECIFICI ..................................................................................................................... 8 RISORSE DI CALCOLO ................................................................................................................. 9 DATI IN USCITA.......................................................................................................................... 9 ASPETTI CRITICI......................................................................................................................... 9

2.3 2.4 2.5 2.6

3 SCENARIO 2 DISPERSIONE DI INQUINANTI RILASCIATI DA SORGENTI PUNTIFORMI ANCHE ISOLATE, AREALI, LINEARI IN RELAZIONE AL TRAFFICO EXTRAURBANO.................................................... 10
3.1 TIPOLOGIE DI MODELLI APPLICABILI ........................................................................................ 11 3.1.1 A) Modelli analitici stazionari a pennacchio, Gaussiani e non........................................ 11 3.1.2 B) Modelli non stazionari a puff o a segmenti.................................................................. 12 3.1.3 C) Modelli 3D Lagrangiani ed Euleriani ......................................................................... 12 DATI DI INGRESSO PRINCIPALI ................................................................................................. 13 3.2.1 Dati meteorologici............................................................................................................ 13 3.2.2 Rappresentativit spaziale................................................................................................ 14 3.2.3 Rappresentativit temporale ............................................................................................ 15 3.2.4 Dati emissivi e chimici ..................................................................................................... 15 3.2.5 Dati territoriali................................................................................................................. 15 3.2.6 Condizioni al contorno..................................................................................................... 15 MODULI SPECIFICI ................................................................................................................... 16 RISORSE DI CALCOLO ............................................................................................................... 16 DATI IN USCITA........................................................................................................................ 16 ASPETTI CRITICI....................................................................................................................... 17

3.2

3.3 3.4 3.5 3.6

4 SCENARIO 3 FORMAZIONE E DISPERSIONE DI INQUINANTI SECONDARI ................................................................................................................ 17


4.1 4.2 TIPOLOGIE DI MODELLI APPLICABILI ........................................................................................ 19 DATI DI INGRESSO PRINCIPALI ................................................................................................. 19 4.2.1 Dati meteorologici............................................................................................................ 19 4.2.2 Dati emissivi e chimici ..................................................................................................... 20 4.2.3 Dati territoriali................................................................................................................. 21 4.2.4 Condizioni al contorno..................................................................................................... 21 4.3 MODULI SPECIFICI ................................................................................................................... 22 4.3.1 Il modulo chimico............................................................................................................. 22 4.4 RISORSE DI CALCOLO ............................................................................................................... 22 4.5 DATI IN USCITA........................................................................................................................ 23

4.6

ASPETTI CRITICI....................................................................................................................... 23

5 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI RISULTATI DEI MODELLI DI DISPERSIONE ............................................................................................................. 23


5.1 5.2 CASO 1 .................................................................................................................................... 26 CASO 2 .................................................................................................................................... 27

BIBLIOGRAFIA .......................................................................................................... 31 APPENDICE ................................................................................................................. 33 ALLEGATI ................................................................................................................... 35 ALLEGATO A - ELEMENTI CHE CONCORRONO ALLA DEFINIZIONE DEGLI SCENARI......................................................................................................... 35 ALLEGATO B .............................................................................................................. 36 LIMITI DI LEGGE ATTUALMENTE VIGENTI ................................................... 36 LIMITI DI LEGGE RIPORTATI NELLE DIRETTIVE E PROPOSTE DI DIRETTIVE COMUNITARIE ................................................................................... 40

II

INTRODUZIONE

Il presente documento contiene i risultati delle attivit svolte da un gruppo di lavoro del Centro Tematico Nazionale Atmosfera Clima Emissioni in aria (CTN-ACE) nel corso del 2000, anche come proseguimento e approfondimento di attivit, inerenti allo sviluppo di linee guida per la selezione dei modelli di dispersione atmosferica, gi iniziate nel corso del 1999. In particolare, si proceduto ad una rivisitazione e all'approfondimento di alcuni elementi della norma UNI Valutazione della dispersione in atmosfera di effluenti aeriformi - guida ai criteri di selezione dei modelli matematici (Anfossi et al., 2000), dal punto di vista: delle procedure di valutazione della qualit dell'aria ambiente previste dal D.lgs n. 351/99 (Attuazione della Direttiva 96/62/CE in materia di valutazione e di gestione della qualit dell'aria ambiente) e dal D.M. 163/1999 (Regolamento recante norme per l'individuazione dei criteri ambientali e sanitari in base ai quali i sindaci adottano le misure di limitazione della circolazione); delle valutazioni di impatto sull'aria ambiente generato dalle emissioni di una o pi fonti inquinanti.

Con lobiettivo di semplificare e di rendere pi chiara larticolazione delle possibili applicazioni dei modelli nellottica considerata, sono stati presi in considerazione e analizzati tre scenari cos caratterizzati: scenario 1 - Dispersione di inquinanti rilasciati da sorgenti lineari, sorgenti areali, sorgenti puntiformi non isolate (microscala e scala locale); scenario 2 - Dispersione di inquinanti rilasciati da sorgenti puntiformi anche isolate, areali e lineari relative al traffico extraurbano (scala locale e mesoscala); scenario 3 - Formazione e dispersione di inquinanti secondari (mesoscala).

La suddivisione proposta si presta, come tutte, a una parziale sovrapposizione degli scenari che la compongono, ma stata preferita ad altre in quanto ogni scenario relativo ad una delle situazioni che coloro che operano nel campo dell'inquinamento atmosferico si trovano ad affrontare con pi frequenza: la valutazione dell'aria ambiente su un'area urbana anche di dimensioni estese (scenario 1), la valutazione di impatto sull'aria ambiente di unemissione industriale o di una infrastruttura viaria (scenario 2), la valutazione dell'inquinamento da ozono troposferico sul territorio di una o pi regioni confinanti (scenario 3). da sottolineare inoltre che le indicazioni relative agli scenari 2 e 3 , nel loro insieme, forniscono l'inquadramento metodologico utile all'utilizzo dei modelli all'interno della valutazione dell'aria ambiente in ambito regionale, prevista dal D.lgs n. 351/1999. Il documento si articola in quattro capitoli e due allegati. I primi tre capitoli sono dedicati ai tre scenari applicativi sopracitati, secondo uno schema analogo a quello adottato nelle schede UNI, con un particolare approfondimento degli aspetti critici di applicazione delle vari tipologie di modelli. Il quarto capitolo dedicato alle modalit di rappresentazione grafica degli output dei modelli, sulla base dei parametri previsti dalla normativa vigente e dalle direttive europee emanate o in corso di preparazione. Si propone il lavoro in forma di Rapporto Tecnico a circolazione ristretta nellambito della rete delle agenzie ambientali, al fine di consentire un proficuo scambio di
1

informazioni per acquisire ulteriori elementi utili alla redazione dello stesso per una diffusione pi ampia, nellambito della serie editoriale ANPA (Linee guida/Manuali).

SCENARIO 1 DISPERSIONE DI INQUINANTI RILASCIATI DA SORGENTI LINEARI, AREALI, PUNTIFORMI NON ISOLATE, DI CUI SI VOGLIANO DETERMINARE LE CONCENTRAZIONI MEDIE ORARIE E LE DEPOSIZIONI AL SUOLO A BREVE E LUNGO TERMINE

Campo di applicabilit: microscala o scala locale; periodo qualunque; qualsiasi sito e sorgente; inquinanti non reattivi.

Esempi: calcolo delle concentrazioni al suolo ed in quota in un canyon urbano; calcolo delle concentrazioni prodotte da una rete di strade; stima delle concentrazioni medie annue in area urbana, delle concentrazioni e deposizioni medie annue nei pressi di estesi impianti energetici e industriali ove la presenza di edifici pu influenzare la dispersione; valutazioni di impatto sulla qualit dellaria locale di parcheggi superficiali e gallerie.

Lo scenario considera situazioni di grande complessit topografica ove le concentrazioni possono raggiungere livelli elevati, dovuti alla concomitanza di forti flussi di traffico e scarsa ventilazione. Altra situazione compresa nello scenario quella nella quale uno o pi camini, solitamente appartenenti ad impianti industriali, energetici, per la produzione di energia e riscaldamento a livello di quartiere o alle ventilazioni di importanti tunnel percorsi da autoveicoli, emettono una miscela inquinante di cui si voglia conoscere la concentrazione vicino al punto di emissione. Terreno complesso e presenza di edifici influenzano significativamente la dispersione e possono condurre a fenomeni di accumulo delle concentrazioni e delle deposizioni. Gli edifici prossimi al camino possono indurre un brusco atterramento dellemissione con conseguente aumento delle concentrazioni, a parit di condizioni dispersive e di distanza, rispetto alla situazione che vede la sorgente isolata. I modelli sono solitamente utilizzati: per interpretare dati misurati in punti prossimi alla sorgente in ambiente urbano; per la progettazione urbanistica e per la gestione del traffico. Sono inoltre propedeutici alla stima dellesposizione degli abitanti e di particolari categorie professionali agli inquinanti emessi dal traffico autoveicolare; per valutazioni di impatto ambientale o per la progettazione stessa dei camini e per definire le caratteristiche quantitative e temporali dellemissione. Nei grandi complessi industriali la simulazione a microscala pu servire alla progettazione di

piani di emergenza e per prevenire croniche esposizioni del personale (progettazione dellorientamento delle bocche di ventilazione). Scala spaziale: il dominio spaziale di riferimento varia da 500x500 m2 a 10x10 km2 ; ovviamente si possono considerare domini rettangolari per descrivere sorgenti lineari. Scala temporale: solitamente sono calcolate medie orarie. Lanalisi di scenario possibile considerando la ciclicit delle emissioni, evidente nel traffico veicolare e nelle produzioni industriali e le caratteristiche del giorno tipo o del giorno rappresentativo. Per le simulazioni climatologiche o statistiche i modelli vengono alimentati con serie annuali o serie temporali di estensione limitata ma di rappresentativit stagionale o periodica, composte da dati orari. Ambito territoriale: territori urbanizzati, vasti complessi industriali prossimi ad aree antropizzate, grandi infrastrutture di collegamento, anche situati in orografia complessa o zone costiere. Non esistono peculiarit dipendenti dalla latitudine che non siano gi comprese nelle caratteristiche meteorologiche. Flussi peculiari dellinterfaccia acquasuolo o monte-valle, dovrebbero risultare compresi nel calcolo dei parametri dinamici. Tipologia di sorgente: sorgente lineare singola (tipo street canyon), sorgenti lineari intersecantesi (serie di strade fra blocchi di edifici), camini o ventilazioni isolate ad espulsione naturale o forzata, elevate rispetto al piano campagna. Possono essere considerate sorgenti areali, i parcheggi o gruppi di sorgenti lineari difficilmente caratterizzabili come entit separate. Solitamente molti modelli possono trattare tutti i tipi di sorgenti fino ad un limite massimo che dipende dal modello. Tipologia di inquinante: teoricamente, tutti i modelli possono includere le reazioni che coinvolgono i precursori. Le reazioni variano in numero ed in complessit come, di pari passo, variano le richieste riguardanti linsieme dei dati di input. In assenza di qualunque relazione fra precursori e prodotti, si considerano gli inquinanti inerti.

2.1

Tipologie dei modelli applicabili

La quasi totalit dei modelli ha, attualmente, la possibilit di trattare pi di un tipo di sorgente, mentre ancora un numero limitato di essi pu farlo contemporaneamente. La sorgente puntiforme quella per la cui trattazione sono nati i modelli di dispersione in atmosfera. A fronte quindi di un gran numero di proposte, il processo di scelta allo stesso modo complicato da un gran numero di eccezioni. I modelli gaussiani, ad esempio, hanno incorporato nel corso del tempo, fattori di correzione o algoritmi per ladattamento al terreno complesso e alla presenza di edifici non adottate per nella totalit dei modelli di tale famiglia. Per calcolare la media annua delle concentrazioni nelle simulazioni di lungo termine, teoricamente, si potrebbe iterare un modello cosiddetto short term per tutte le ore di un anno, a patto, naturalmente, di conoscere le condizioni meteorologiche ed emissive di ciascun intervallo temporale elementare. Con lanalisi delle serie annuali di dati meteorologici orari o triorari per possibile costruire le cosiddette Joint Frequency Functions (JFF), ossia aggregati statistici che incorporano dati di almeno un decennio,
3

relativi ad una particolare stazione meteorologica. Le JFF forniscono in pratica la frequenza con la quale, in un dato sito, una particolare classe di stabilit atmosferica associata ad una data direzione di provenienza del vento e ad una determinata classe di velocit. Tuttavia, per alcuni inquinanti vengono richieste statistiche pi complesse della media oraria sullanno, come ad esempio la media corrente, o quella su 8 ore o il calcolo dei percentili. In tali casi occorre predire le concentrazioni di ciascuna ora dellanno, raggrupparle nelle sequenze volute e determinare leventuale superamento dellobiettivo di qualit. Unaltra possibilit risiede nel determinare una sorta di relazione empirica fra media oraria e media nella sequenza dovuta, in modo da conoscere per quali valori della concentrazione oraria si avr il superamento. In questo modo, sar possibile eliminare quel sottoinsieme di concentrazioni orarie che sicuramente non produrranno il superamento del limite.

2.1.1

Modelli di screening

Sono modelli semplici, progettati per fornire risposte immediate a fronte di pochissimi ed essenziali dati di ingresso; si basano su relazioni empiriche derivanti da esperienze sul campo oppure su simulazioni effettuate con modelli pi complessi. Questi modelli calcolano le concentrazioni orarie o elaborano percentili in caso di condizioni meteorologiche avverse e per un tipo di sorgente alla volta. La risposta del modello immediata, lapplicazione molto economica ma lobiettivo del calcolo circoscritto a controllare la prossimit o meno delle concentrazioni ai limiti; solo in caso di non prossimit possono essere evitate ulteriori indagini. I dati di ingresso necessari sono quelli relativi allemissione e alla velocit del vento. In qualche caso sono richieste scelte relative alla lunghezza di rugosit (classi predefinite).

2.1.2

Modelli di complessit superiore

Modelli gaussiani classici o modificati per rappresentare lorografia complessa o le distorsioni indotte dalla presenza di edifici, modelli a plume e a box o composizioni delle soluzioni precedenti. Sono modelli analitici della famiglia gaussiana con diversi livelli di complicazione, dipendenti dalla parametrizzazione meteorologica e dal tipo di funzione utilizzata per descrivere linfluenza degli ostacoli. La presenza dellostacolo non risolta esplicitamente ma considerata tramite una funzione che corregge la forma della distribuzione. I modelli gaussiani tradizionali o di nuova generazione, ossia quelli con una trattazione pi sofisticata della turbolenza, possono essere predisposti per incorporare linput meteorologico basato sullelaborazione di dati meteorologici statistici aggregati. I modelli in versione short - term possono essere eseguiti per simulare lintervallo elementare e quindi iterati per coprire lintervallo temporale di interesse.

Modelli iterativi tridimensionali Utilizzano serie temporali di campi di vento 3D e simulano la diffusione mediante schemi lagrangiani o euleriani. Sono molto utili in casi di orografia complessa e superficie disomogenea. Modelli fluidodinamici CFD (Computational Fluid Dynamic models) Sono modelli complessi che risolvono equazioni tridimensionali per vento, temperatura, umidit e concentrazioni. Sono utilizzati per simulazioni molto dettagliate nello spazio e nel tempo. Gli ostacoli, si tratti di edifici o altre particolarit orografiche o architettoniche, sono risolti esplicitamente nel modello. A questa famiglia appartengono anche i cosiddetti modelli fisici tratti da esperienze di laboratorio dove la situazione reale riprodotta mediante plastici in scala.

2.2 2.2.1

Dati di ingresso principali Dati meteorologici

Dati meteorologici primari comuni a tutti i modelli Velocit e direzione del vento al suolo o al di sopra del livello medio dei tetti, possibilmente un profilo verticale; temperatura al suolo e gradiente termico; umidit dellaria, pressione atmosferica, radiazione solare globale e netta, precipitazione.

Per i modelli tridimensionali Campi di vento in tre dimensioni ricostruiti con modelli a conservazione di massa, oppure da modelli linearizzati se si in presenza di orografia semplice. Dati meteorologici derivati Altezza dello strato di rimescolamento; categoria di stabilit (modelli gaussiani); lunghezza di Monin-Obukhov, velocit di attrito con la superficie, flusso di calore sensibile.

Dati particolari per i modelli CFD (insieme delle possibili richieste) Temperatura delle superfici e gradiente termico; flussi di calore dalle superfici orizzontali e verticali; radiazione solare sulle superfici; campo tridimensionale della turbolenza.

Per le simulazioni a lungo termine Tabelle statistiche di dati meteorologici aggregati in frequenze congiunte di accadimento per: - classi di velocit del vento; - settori di provenienza del vento; - classi di stabilit atmosferica; - frequenze di classi di intensit di precipitazione (per specie che depositano). 2.2.2 Rappresentativit spaziale

I dati meteorologici devono essere rappresentativi delle condizioni medie nell'area esaminata. Sia per valutazioni a livello di gruppo di strade sia per quelle a livello di singola strada o confluenza di pi strade, il dato di vento quello medio sopra gli ostacoli presenti (per esempio edifici). Talvolta il dato di vento utilizzato deriva da uninterpolazione delle misure disponibili. Nella maggior parte dei casi, i dati meteorologici per simulazioni su aree urbane derivano da postazioni presso gli aeroporti, ovvero in zone molto lontane dal teatro della simulazione, che presentano regimi anemologici e profili termici sensibilmente diversi da quelli delle zone a forte antropizzazione. Lintensit e la direzione del vento sono fortemente condizionate dalle aree edificate e soprattutto in presenza di regimi locali con periodicit diurna (brezze di mare o monte), le differenze fra la misura aeroportuale e la situazione reale allinterno della citt pu risultare decisamente non trascurabile. Anche al di fuori dellarea urbana, tuttavia, la distanza fra il luogo di simulazione e la postazione anemologica non pu essere grande a piacere; occorre invece valutare con cura la rappresentativit spaziale della misura che sar tanto pi ridotta quanto pi elevata sar la complessit dellorografia, la diversa esposizione dei versanti, la presenza di regimi locali e periodici. I modelli analitici utilizzano una sola misura di vento effettuata nei pressi della sorgente, mentre i modelli fluidodinamici o a griglia hanno necessit di campi di flusso dettagliati. Nel caso di sorgenti puntiformi con emissione calda o a cui si imprime una velocit verticale, occorrono dati di vento e temperatura (misurati o calcolati) allaltezza del camino, onde calcolare laltezza effettiva del rilascio. 2.2.3 Rappresentativit temporale

I dati meteorologici devono rappresentare valori medi nell'intervallo di tempo su cui sono calcolate le concentrazioni (tipicamente un'ora). Le tabelle statistiche devono essere ricavate da osservazioni su un periodo di alcuni anni, con passo temporale minore di 3 h. Per i modelli iterativi occorre almeno un anno di dati. In alcune simulazioni di scenario, sono considerate caratteristiche meteorologiche e dispersive medie per un giorno o per un periodo; in altre parole si ricostruisce landamento orario delle grandezze dinamiche e termiche, a partire dallanalisi statistica di periodi corrispondenti, effettuata sulla serie di dati disponibili. In tal modo, si definisce un giorno - tipo o periodo - tipo (settimana, stagione) sul quale viene eseguito il modello. In tali casi, il confronto fra le concentrazioni calcolate e quelle misurate possibile a patto che, anche per queste ultime, sia possibile produrre una statistica consolidata relativa allintervallo considerato.

Una scelta pi efficiente rappresentata dalla selezione del cosiddetto giorno rappresentativo costruito a partire non gi ai dati meteorologici bens dalle misure di inquinamento. Se infatti si analizza la serie delle concentrazioni orarie dellinquinante da simulare, si pu individuare un giorno, entro un periodo dato, durante il quale landamento delle concentrazioni ha il minimo scostamento dalla media. In tal modo, sar un giorno reale a rappresentare un periodo pi lungo. Per il giorno rappresentativo, sia i dati meteorologici sia quelli di concentrazione, saranno reali ed i confronti con le concentrazioni calcolate non risentiranno dellincertezza dei processi di media. Lanalisi statistica viene, in altre parole, resa esterna e preliminare alla sequenza di simulazione eliminando un ulteriore elemento dincertezza. 2.2.4 Dati emissivi e chimici

Le fonti di emissione si schematizzano in sorgenti elementari di tipo puntiforme (camini), lineare (strade) e areale (sorgenti diffuse sul territorio, per esempio traffico su tratti secondari, riscaldamento, serbatoi industriali). Ad ogni sorgente associata la quantit di emissione dell'inquinante considerato nell'intervallo di interesse (per esempio emissioni orarie di monossido di carbonio); tale emissione si considera solitamente distribuita uniformemente su tutta la figura geometrica che schematizza la sorgente elementare. Nel caso di emissioni da traffico, la sorgente espressa in unit di massa / unit di lunghezza nellintervallo di tempo specificato, relativa ad una particolare classe di veicoli e per una velocit media definita. Nella definizione del termine sorgente entrano quindi la lunghezza della strada, volumi di traffico per le diverse direzioni, velocit di percorrenza del tratto. In presenza di moduli che calcolano le reazioni chimiche, occorre fornire le emissioni dei precursori o la speciazione dei COV (composti volatili organici) con il dettaglio richiesto dallo schema utilizzato. Per le sorgenti puntiformi, oltre al tipo e quantit di inquinanti emessi, sono richieste le coordinate della base, laltezza ed il diametro del camino e, nel caso di sorgente non isolata o bassa, le dimensioni orizzontali e verticali della sezione di edificio perpendicolare alla direzione del vento. Per il calcolo dellinnalzamento del pennacchio sono necessari la velocit di uscita dei fumi e la loro temperatura. 2.2.5 Dati territoriali

Per la simulazione street canyon sono richiesti laltezza media degli edifici e la larghezza del canyon, in alcuni casi richiesta la natura delle pareti del canyon (edifici, alberi), coordinate dellinizio e della fine del tratto stradale, la sua altezza sul piano campagna (pu essere anche negativa se la strada in trincea). Per le sorgenti areali sono richieste le dimensioni geometriche e laltezza sul piano campagna; in alcuni casi serve il coefficiente di dispersione verticale iniziale per la sorgente areale. La cartografia del dominio indispensabile per visualizzare le concentrazioni ed incrociare cos altre informazioni utili per la valutazione, quali la densit di popolazione o la presenza di siti di particolare interesse storico e/o naturalistico. Dove necessario, pu essere impiegato un modello digitale del terreno, ossia un file che riporta laltezza sul livello del mare di punti del terreno posti in un grigliato, disponibile a diverse risoluzioni. Da questo file possibile ottenere le curve altimetriche della zona simulata.

In alcuni modelli richiesto luso del suolo: in assenza di una carta esplicita possibile ricostruire luso del suolo definendo la categoria dominante entro la cella con cui si suddivide il territorio. 2.2.6 Condizioni al contorno

Per i modelli gaussiani non applicabile il concetto di condizione al contorno intesa come raccordo termico e dinamico con ci che accade al di fuori del dominio di calcolo. Tale raccordo invece determinante nei modelli che risolvono gli ostacoli per i quali gradienti termici e caratteristiche dinamiche devono essere raccordate con i campi al di fuori della zona di alterazione della turbolenza causata dagli ostacoli. Nelle simulazioni a microscala non semplice il collegamento fra i fenomeni chimicofisici allinterno del canyon e quelli dominanti allesterno del volume. Solitamente, direzione e velocit del vento sono riferite alla quota dei tetti; in altri casi richiesto un profilo verticale imperturbato (ovvero misurato o stimato al di fuori della zona urbanizzata o considerato da una quota a partire dalla quale assente linfluenza della topografia). Sulla delicatezza dellinterpretazione del dato meteorologico si gi detto; stessa cautela occorre nella definizione di concentrazioni di fondo che nel caso specifico assumono un significato diverso da quello impiegato in altri contesti. La concentrazione di fondo, nel caso di simulazioni in canyon, dovrebbe essere la concentrazione residua e immutabile su base statisticamente consolidata che persiste al di fuori del canyon ma in luoghi non remoti rispetto alle sorgenti. Nelle simulazioni a scala urbana, il fondo dovrebbe essere calcolato coinvolgendo linsieme dei punti della rete e garantendo una base statistica solida per depurarlo della variabilit delle sorgenti e meteorologica.

2.3 -

Moduli specifici Moduli per la determinazione dei flussi di traffico nei tratti di strada e nelle intersezioni (quantit di veicoli, distribuzione dei veicoli nei diversi stati (veicolo che viaggia a velocit di crociera, veicolo che accelera, veicolo che decelera, veicolo in attesa ecc.). Questi moduli utilizzano come dati di input le matrici originedestinazione e misure di flussi veicolare laddove sono disponibili. Moduli per il calcolo delle emissioni in situazioni di traffico congestionato (correzione dei fattori di emissione tramite funzioni del tempo di verde, numero di veicoli, lunghezza del tratto stradale). Moduli per la determinazione delle emissioni in funzione dello stato della flotta di veicoli nei tratti di strada considerati. Innalzamento del pennacchio (in caso di rilascio ad alta temperatura e/o elevata velocit verticale); Correzione dei parametri dispersivi per effetto degli edifici e/o per la presenza di complessit orografiche; Routine per il calcolo della deposizione secca e/o umida. Alcuni modelli presentano routine chimiche di diversa complessit. Lo schema pi semplice si concretizza in una correlazione che conduce a concentrazioni di NO2 a partire dalle emissioni di NOx. Si possono trovare schemi pi complessi che coinvolgono anche i COV: il caso ad esempio di ADMS che contiene il

cosiddetto Generic Reaction Set in cui le reazioni che coinvolgono NO, NO2, O3 e gli idrocarburi, sono condensate in sette relazioni. Moduli per il calcolo della turbolenza indotta dai veicoli, sono necessari nei CFD ma alcune semplici funzioni sono comprese anche nei modelli di complessit intermedia. In questi definita una zona ad aumentata turbolenza ed i tempi di scala dellenergia cinetica turbolenta sono legati alla lunghezza dei veicoli ed alla loro velocit.

2.4

Risorse di calcolo

I modelli di screening sono eseguiti anche su semplici calcolatrici ed in alcuni casi sono rappresentati da semplici normogrammi. I modelli pi complessi possono essere eseguiti su personal computer con prestazioni medio alte, salvo diverse prescrizioni che vengono rese note dagli sviluppatori. I modelli fluidodinamici devono essere eseguiti su mainframe potenti, cluster di PC e work station. Occorre precisare che computer con prestazioni elevate sono spesso necessari non tanto per lesecuzione del modello in s quanto per le fasi precedenti e successive di connessione con data base, GIS e sistemi di grafica avanzata.

2.5

Dati in uscita

Concentrazione media oraria degli inquinanti considerati in determinati punti ricettori. Valori medi di concentrazione in aria per un tempo di campionamento pari a quello della serie di dati meteorologici con cui sono state costruite le tabelle statistiche, e per un periodo di riferimento pari a un anno medio. Valori di deposizione accumulata su un anno medio. Serie di valori orari da cui ricavare la distribuzione statistica voluta.

2.6 -

Aspetti critici Determinazione accurata dei flussi di traffico e delle emissioni. Con il raffinarsi della scala di simulazione diventa sempre pi importante la definizione del termine sorgente. Il calcolo delle emissioni con i fattori di emissione CORINAIR pu indurre sottostime della sorgente in modo considerevole soprattutto nei canyon dove il traffico pu essere fortemente congestionato. Impiegare un modello sofisticato con una non accurata definizione della sorgente comporta risultati mediocri che non giustificano la scelta, indubbiamente pi onerosa di utilizzare un modello complesso. Stima dell'altezza dello strato rimescolamento. Stima dellinnalzamento del pennacchio e trattamento della penetrazione parziale dello strato di inversione. Trattamento di sorgenti non stazionarie. Accuratezza dei campi di vento: pi complessa l'orografia, tanto pi devono essere numerose e significative le stazioni anemometriche, in particolare i sondaggi verticali. Stima dei coefficienti di dispersione o dei parametri di scala. Calme di vento e fenomeni di accumulo (non stazionariet).

Diffusione in atmosfera stabile. Schematizzazione della geometria degli edifici e stima delle dimensioni efficaci che interferiscono con i processi dispersivi. Parametrizzazione dell'interazione del vento indisturbato con l'orografia urbana. Approssimazioni nella simulazione del fenomeno di ossidazione del monossido di azoto in biossido, che in talune situazioni possono non essere accettabili. Codice fluidodinamico non-idrostatico. L'impiego dei modelli CFD oggettivamente ostacolato dalla complessit intrinseca e dalla necessit di grandi capacit di calcolo.

SCENARIO 2 DISPERSIONE DI INQUINANTI RILASCIATI DA SORGENTI PUNTIFORMI ANCHE ISOLATE, AREALI, LINEARI IN RELAZIONE AL TRAFFICO EXTRAURBANO

Campo di applicabilit: scala locale e mesoscala; periodo, sito e sorgente qualunque; inquinanti non reattivi. :

Esempi

dispersione di fumi da un camino; dispersione degli inquinanti emessi dal traffico veicolare su un arteria stradale; dispersione di inquinanti emessi da un agglomerato industriale o da una discarica.

Lo scenario considera situazioni molto comuni e con una grande variet di casistiche: dalla valutazione delle ricadute al suolo di inquinanti emessi da alti camini a distanza di decine di chilometri, alla valutazione della qualit dell'aria nelle vicinanze di un'autostrada o di una discarica; dallo studio di episodi critici della durata di pochi minuti fino alla definizione delle concentrazioni medie annue; i domini di calcolo su cui effettuare le valutazioni possono essere pianeggianti o di grande complessit topografica e le caratteristiche meteo - diffusive semplici o complesse. La disponibilit attuale di modelli per queste casistiche elevata e poco differenziata rispetto alle scale spaziali o temporali o ai tipi di sito e di sorgente: nella scelta dei modelli da utilizzare occorre principalmente tenere presente il grado di accuratezza che si vuole o si pu raggiungere. Sar presentata successivamente una gerarchia di modelli che permettono simulazioni sempre pi realistiche della dispersione degli inquinanti in atmosfera, ma nella scelta di un modello o un altro occorrer valutare le risorse disponibili intese in termini di dati a disposizione (in particolare misure meteorologiche e caratteristiche del territorio), potenza di calcolo, tempo disponibile per lo studio, target da raggiungere, preparazione del personale a disposizione. I modelli di questa scheda servono per valutare e interpretare i dati misurati da reti di monitoraggio nella regione di impatto delle sorgenti, per stimare l'esposizione delle persone o di ecosistemi agli inquinanti emessi in atmosfera dalle varie sorgenti; sono inoltre utilizzabili ed indispensabili negli studi di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) per nuovi insediamenti industriali o infrastrutture civili.
10

Scala spaziale: i domini di interesse per il calcolo delle concentrazioni al suolo variano da pochi chilometri, tipicamente 5x5 per piccole emissioni, fino a diverse decine, anche 100x100 per grandi sorgenti. Ovviamente si possono considerare domini rettangolari per sorgenti lineari estese solo in una dimensione. Scala temporale: sono considerati i casi critici relativi ad episodi di breve durata (rilasci accidentali o code e traffico bloccato), come pure l'analisi del giorno tipico (riproduzione delle caratteristiche ripetitive legate all'alternarsi giorno/notte) fino alla simulazione di tipo climatologico relativa alla stima delle medie stagionali e annuali. Ambito territoriale: aree industriali e grandi arterie stradali sono presenti in siti di varia complessit (pianura, zone costiere, valli, nelle vicinanze di rilievi, ecc.). Flussi peculiari dellinterfaccia acqua-suolo o monte-valle, dovrebbero risultare compresi nel calcolo dei parametri dinamici. Tipologia di sorgente: sorgente puntuale singola o multipla (ciminiere), sorgenti lineari singole o grafo semplificato (arterie stradali importanti in un determinato dominio); possono essere considerate anche sorgenti areali quali le discariche o complessi industriali estesi con molti punti di emissione di non rilevante entit da trattare separatamente. Tipologia di inquinante: vengono considerati solo inquinanti primari con scarsa reattivit o con processi di trasformazioni non rilevanti sul dominio di calcolo e per il loro tempo di permanenza. Possono comunque essere trattate i fenomeni di deposizione secca ed umida e le trasformazioni al primo ordine, cio con decadimento espresso mediante una costante di tempo.

3.1 3.1.1

Tipologie di modelli applicabili A) Modelli analitici stazionari a pennacchio, Gaussiani e non

Sono modelli semplici dove il calcolo della concentrazione risolta da una singola formula analitica in cui sono inseriti i dati meteorologici e di emissione e per la loro praticit sono stati e sono tuttora molto utilizzati. Questi modelli sono adatti a simulare situazioni omogenee nello spazio e stazionarie nel tempo. Esistono formulazioni tradizionali (modelli gaussiani), in cui la dispersione turbolenta viene parametrizzata con coefficienti empirici ricavati da campagne sperimentali (curve di Pasquill - Gifford o di Briggs), e pi avanzate (modelli ibridi), in cui la dispersione viene parametrizzata direttamente in funzione dei dati meteorologici che forniscono informazioni sulla struttura termica e meccanica dei bassi strati dellatmosfera. Non consigliabile l'utilizzo di questi modelli per singole simulazioni di eventi in quanto la loro semplificazione del fenomeno dispersivo rendono poco realistici i risultati su singola media oraria e su singoli punti del dominio di calcolo, mentre l'uso di tipo statistico (medie stagionali / annuali) pi corretto. Questi codici possono essere usati in 2 versioni:

11

Long term, che prevedono l'utilizzo delle Joint Frequency Functions (JFF) - tabelle di frequenze (stagionali, annuali o pluriennali) calcolate sulle statistiche della velocit, direzione del vento e condizioni di stabilit dell'atmosfera; Short term, se si dispone di serie temporali di dati meteorologici (vento e stabilit) per almeno 1 anno completo con risoluzione oraria o trioraria.

La prima modalit va considerata solamente come valutazione qualitativa e presenta alcune controindicazioni: il calcolo dei percentili problematico e non si possono considerare correttamente sorgenti con emissioni variabili nel tempo (tipicamente impianti funzionanti a pieno carico di giorno e a carico ridotto di notte o modulazione giornaliera del flusso di traffico). Le condizioni pi critiche per lutilizzo di questi modelli sono rappresentate dalla calma di vento e dalla presenza di terreno orograficamente complesso anche se l'introduzione di parecchi accorgimenti correttivi, consentono in linea di principio di utilizzarli in tutte le condizioni. Questi modelli possono essere utilizzati come primo screening per valutare l'importanza dell'impatto di una sorgente, per le simulazioni di sorgenti di modeste emissioni e qualora si disponga di pochi dati meteorologici. Utilizzando questi modelli con opzioni conservative si pu valutare se passare all'uso di altri modelli pi realistici e complessi qualora vengono previste condizioni critiche. 3.1.2 B) Modelli non stazionari a puff o a segmenti

Questi modelli sono un miglioramento dei modelli stazionari poich oltre a considerare una formulazione gaussiana per la dispersione, hanno la possibilit di variare la direzione di trasporto nello spazio e nel tempo. In questi modelli ogni pennacchio emesso segue il percorso indicato da una singola traiettoria nel campo tridimensionale di vento che descrive il movimento del suo centroide. Essi possono essere considerati validi finch una singola traiettoria rappresenta adeguatamente il trasporto degli inquinanti. In condizioni di forte disomogeneit questa approssimazione comporta una sensibile riduzione dellaccuratezza dei risultati finali. Una traiettoria che rappresenta il movimento del centroide di un puff non rappresenta adeguatamente il trasporto della nube inquinante poich lintensit e la direzione del vento variano generalmente con la quota. In condizioni pi complesse, come ad esempio nelle situazioni di brezza, ununica traiettoria non sufficiente a riprodurre correttamente quanto accade in atmosfera. 3.1.3 C) Modelli 3D Lagrangiani ed Euleriani

I modelli lagrangiani a particelle e quelli euleriani a griglia sono gli strumenti pi avanzati per la simulazione della dispersione in atmosfera: i primi simulano la dispersione degli inquinanti emessi con particelle computazionali che si muovono nel campo di vento e di turbolenza tridimensionale, mentre i secondi risolvono numericamente l'equazione di diffusione dell'inquinante emesso nello stesso dominio tridimensionale suddiviso in griglie anche di dimensione variabile. Essi possono tenere conto compiutamente di tutte le misure meteorologiche disponibili e delle loro variazioni spaziali e temporali; i limiti sono costituiti attualmente nellincompleta conoscenza dei meccanismi della turbolenza e delleccessivo tempo di calcolo che richiedono le simulazioni pi complesse. Simulazioni complete della durata di un anno sono onerose, pertanto questi modelli vanno utilizzati prevalentemente per valutare le

12

situazioni che si presumono pi critiche. possibile comunque ricostruire gli andamenti medi stagionali anche con limitati mezzi di calcolo, simulando alcune decine di giorni statisticamente significativi nellarco dellanno (suddivisi equamente tra le diverse stagioni) e successivamente, pesando le diverse situazioni meteorologiche in base alla loro frequenza, si possono ricavare le mappe di concentrazione medie stagionali ed annuali. I modelli a particelle sono preferibili alla scala locale per il maggior dettaglio vicino alla sorgente, poich i modelli a griglia diluiscono immediatamente il termine di sorgente sul volume di una cella che, per esigenze computazionali, non pu essere di dimensioni troppo piccole. Inoltre, nel caso di diverse sorgenti, al fine di attribuire il peso che ha ciascuna di esse nella determinazione delle concentrazioni in aria (matrici sorgenti-recettori), occorre ripetere le simulazioni per poter calcolare il contributo di ogni sorgente; nel caso dei modelli a particelle si pu invece colorare diversamente le particelle in funzione delle diverse sorgenti e dei diversi inquinanti e calcolare in una sola simulazione i diversi contributi. Lutilizzo dei modelli a griglia invece indispensabile per le simulazioni in cui entrano in gioco le reazioni chimiche (si veda il 3 scenario). Infine, lutilizzo di modelli tridimensionali, lagrangiani o euleriani, praticamente indispensabile nel caso di simulazioni a mesoscala, in quanto occorre tenere conto della circolazione atmosferica a scala sinottica e delle sue variazioni spaziale e temporale.

3.2

Dati di ingresso principali

Occorre precisare che per i modelli pi semplici (gaussiani classici) la seguente lista di dati in ingresso sovrabbondante: infatti per tali modelli occorrono fondamentalmente, oltre ai dati di emissione, le serie storiche di dati di vento e stabilit atmosferica misurate in un solo punto; per i gaussiani ibridi occorre aggiungere alcune variabili meteorologiche locali per la definizione dei parametri di scala della turbolenza, mentre i modelli delle tipologie B e C possono utilizzare tutte le altre informazioni disponibili. 3.2.1 Dati meteorologici

Velocit e direzione del vento per la definizione del trasporto degli inquinanti; occorrono una o pi misure al suolo e di profilo verticale in funzione della complessit del caso in studio; gradiente termico verticale per la definizione delle condizioni di stabilit dellatmosfera e per la definizione dellaltezza e intensit di inversioni termiche; dati tradizionali al suolo quali temperatura e umidit dellaria, radiazione solare globale e netta, precipitazione e pressione: contribuiscono insieme ai dati territoriali e agli altri dati meteorologici alla definizione delle caratteristiche diffusive dellatmosfera; dati meteo - sinottici per la definizione eventuale delle componenti del vento in quota e la caratterizzazione dei tipi di tempo (ad esempio, condizione anticiclonica, passaggio di perturbazioni, ecc.).

Occorre disporre di serie temporali di uno o pi anni di dati completi, almeno per le variabili di base (velocit, direzione del vento, stabilit atmosferica) con risoluzione oraria o trioraria; la disponibilit di una serie di almeno un anno di dati auspicabile

13

anche se la simulazione riguarda tempi brevi, poich permette di valutare la percentuale di accadimento dei vari episodi e di individuare la frequenza dei casi critici. Possono essere utilizzati i dati acquisiti presso le stazioni del Servizio Meteorologico dellAeronautica, da altri Servizi Regionali o dalle reti per il controllo della qualit dellaria, in funzione della loro vicinanza con le sorgenti inquinanti da simulare. Nelle valutazioni su lungo periodo a scala locale possono essere utilizzati anche dati statistici aggregati, costituiti generalmente da tabelle di frequenza rappresentate dalle rose dei venti in funzione della stabilit atmosferica (Joint Frequency Functions): esiste un lavoro - realizzato dallENEL in collaborazione con il Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare ITAV - nel quale tali statistiche sono calcolate con i dati delle stazioni dellAeronautica Militare sul periodo 1951-1991 (Caratteristiche diffusive dellatmosfera, 1995 - Pubblicazione fuori commercio1). Negli studi a scala regionale necessario utilizzare i campi meteorologici sinottici (vento e temperatura) disponibili presso i Centri e i Servizi Meteorologici. I modelli di dispersione necessitano, oltre ai dati di base citati sopra, di altre variabili meteorologiche acquisibili con strumentazione avanzata o stimate da opportuni pre processori meteorologici i principali parametri sono: laltezza del Planetary Boundary Layer (PBL) lo strato verticale di atmosfera a contatto con il suolo dove avviene la dispersione verticale degli inquinanti; la categoria di stabilit atmosferica (modelli Gaussiani) e / o pi compiutamente le tre componenti della turbolenza; i parametri di scala quali ad esempio la velocit di attrito con la superficie, il flusso di calore sensibile e la lunghezza di Monin - Obukhov.

A seconda delle scale spaziali e temporali di applicazione e delle disomogeneit presenti nel dominio di calcolo, alcuni di questi parametri devono essere considerati variabili nello spazio (e quindi calcolati su grigliato regolare in funzione delle variabili primarie) e/o nel tempo. 3.2.2 Rappresentativit spaziale

A parte i modelli analitici che utilizzano una sola misura di vento (possibilmente da un anemometro posto nelle vicinanze del punto di emissione o rappresentativo del vento medio sull'area della sorgente), gli altri tipi di modelli necessitano di campi di vento 3D, ottenibili o con modelli che ricostruiscono il flusso sullorografia del dominio imponendo la sola conservazione della massa (modelli mass - consistent), oppure da codici meteorologici completi che risolvono lintero set di equazioni di conservazione (eq. di Navier - Stokes). L'utilizzo della modellistica meteorologica per la ricostruzione del campo di vento 3D, pu essere utilizzata qualora non si disponga di dati nei pressi della sorgente che si sta studiando: possibile, disponendo delle caratteristiche orografiche del territorio e di dati meteorologici sinottici ricostruire il campo di moto ora per ora (o ogni 3 ore) ed estrarre dalle matrici 3D le misure di vento nei punti di interesse (per esempio vicino al suolo, nei pressi della strada o a quota rilascio degli inquinanti dal camino).

1 I dati statistici relativi ad alcuni parametri meteodiffusivi vengono utilizzati all'interno del pacchetto software GIADA, scaricabile dal sito internet dell'ANPA (www.sinanet.anpa.it/aree/atmosfera/qaria/GIADA/giada.htm).

14

3.2.3

Rappresentativit temporale

I dati meteorologici devono rappresentare valori medi nell'intervallo di tempo su cui sono calcolate le concentrazioni (tipicamente un'ora). In base alle diverse necessit pu essere utile la definizione del giorno medio o di quello tipico e di quello pi inquinato. Si deve tenere presente l'importanza dell'alternarsi giorno / notte (condizioni instabili/stabili) che fondamentale per i processi dispersivi. 3.2.4 Dati emissivi e chimici

Numero e localizzazione sul dominio delle sorgenti emissive; caratteristiche geometriche degli impianti: altezza e diametro camino, larghezza e numero corsie delle strade; temperatura e velocit di uscita dei fumi - flussi e velocit medie del traffico; tipo e quantit degli inquinanti emessi, eventualmente in funzione del tempo; possibili alternative per attuare un impatto minore.

La disposizione e le localizzazioni degli impianti determinano le dimensioni del dominio di calcolo per i modelli, insieme alle caratteristiche territoriali e meteorologiche del sito: si deve considerare un dominio che contenga le sorgenti in posizioni centrali, avendo cura di privilegiare i settori maggiormente sottovento, si devono includere quei rilievi che possono alterare il campo di vento, come pure le disomogeneit spaziali che innescano fenomeni di brezza locale che interferiscono sulla dispersione degli inquinanti emessi. 3.2.5 Dati territoriali

Cartografia - utilizzata in genere come background su cui riportare i risultati delle simulazioni e di chiara utilit per la valutazione degli impatti e delle zone a pi alto rischio o di maggior attenzione ecologico (parchi, aree protette) e sanitario (zone ad alta densit di popolazione); orografia - in presenza di rilievi occorre disporre per la definizione del campo di vento e delle concentrazioni degli inquinanti al suolo, delle quote altimetriche del sito in studio; sono disponibili base dati con risoluzione spaziale diverse a secondo delle dimensioni del dominio di calcolo dei modelli: tipicamente si passa da 100 200 metri per la risoluzione a scala locale, a 1-2 km per la scala regionale; land-use - la presenza di discontinuit nel territorio induce caratteristiche dispersive differenti in atmosfera, che i modelli devono tenere in considerazione: per esempio c un differente input energetico nellinterazione suolo / aria o acqua / aria oppure la deposizione di inquinanti su terreno nudo diversa da quella su bosco; data base in Internet a partire da dati satellitari sono disponibili con risoluzione di 1 km oppure possono essere costruite in modo semplificato (con poche categorie) a partire dalla cartografia; per ogni cella del dominio di calcolo pu essere definita la categoria dominante o la percentuale dei diversi tipi di suolo di cui i pi importanti possono essere considerati i seguenti: coltivato, erba, vigneti / uliveti, conifere, decidue, paludi, terreno nudo, ghiacciai, urbano, acque interne e mare. Condizioni al contorno

3.2.6

In genere non servono per la diffusione mentre sono molto importanti per la modellistica meteorologica.
15

3.3 -

Moduli specifici Moduli per la determinazione dei flussi di traffico sui tratti di strada simulati: possono essere l'output di un vero e proprio modello di traffico oppure pi semplicemente (nel caso di grafi stradali non complessi) possono essere determinati dai conteggi dei passaggi degli autoveicoli (per esempio i passaggi ai caselli autostradali o le misure effettuate da telecamere o da spire lungo le arterie pi importanti e trafficate); moduli per il calcolo delle emissioni del traffico: a fronte della conoscenza delle caratteristiche del traffico (numero di veicoli, distribuzione in classi leggeri/pesanti, velocit medie di percorrenza, pendenza e larghezza della strada) pu essere utilizzata la metodologia COPERT per la definizione delle emissioni dei vari inquinanti; speciazione degli idrocarburi e del particolato fine a seconda delle varie sorgenti emissive per l'individuazione di quei composti pericolosi che si vogliono simulare; plume rise per il calcolo del sovrainnalzamento dei pennacchi caldi o con notevole velocit di uscita; preprocessore per la turbolenza: dai dati meteorologici standard si possono ricavate tramite opportuni algoritmi o modelli completi le variabili che determinano le caratteristiche dispersive del sito; nel caso dei gaussiani classici questo si riduce alla definizione delle sigma orizzontali e verticali e dell'altezza del PBL; modello meteorologico: calcolo del campo di vento tridimensionale; modulo per il calcolo della deposizione secca ed umida: occorrono dati di pioggia per la deposizione umida e il calcolo delle velocit di deposizione (funzione del tipo di suolo, dei tipi di coltura e dei vari inquinanti) ottenibile con un modello di tipo inferenziale; la stima della deposizione in genere importante su lunghi periodi.

3.4

Risorse di calcolo

Modeste per i Gaussiani e non eccessive per i puff; per i codici 3D Lagrangiani ed Euleriani, crescono allaumentare della risoluzione spaziale richiesta e per lunghi periodi di simulazione; in ogni caso, con PC potenti o WS si possono effettuare simulazioni annuali anche con questi codici.

3.5

Dati in uscita

Per ogni inquinante trattato vengono calcolate: il campo tridimensionale di concentrazioni nel dominio di calcolo; i percentili; massimi, medie su ogni intervallo temporale; mappe con ogni tipo di risoluzione temporale; eventuale evoluzione temporale dellinquinamento in condizioni e in siti critici; mappe 2D di deposizione al suolo; valutazione percentuale delle interferenze/sovrapposizione tra diverse sorgenti.

16

I modelli di tipo gaussiano utilizzati con le JFF consentono solo il calcolo delle concentrazioni medie in modo diretto. I codici Lagrangiani e Gaussiani permettono la separazione delle sorgenti sulle mappe di concentrazione; con i codici 3D sono inoltre disponibili campi 3D di vento e di turbolenza.

3.6

Aspetti critici

Le difficolt maggiori nell'affrontare le simulazioni in questo scenario risiede nella nostra attuale incompleta conoscenza dei fenomeni di trasporto e delle caratteristiche peculiari della turbolenza atmosferica: nei siti ad orografia complessa o in presenza di forti gradienti termici, l'innescarsi di moti locali (brezze) e la presenza di ostacoli, interagisce con il flusso sinottico generando complessi campi di moto tridimensionali non sempre ricostruibili con i modelli attualmente disponibili. Inoltre risulta spesso difficile la definizione dei parametri di turbolenza in particolari condizioni quali la calma di vento o le condizioni di forte stabilit, come pure la definizione della struttura del PBL in terreno complesso. Queste difficolt risiedono sostanzialmente in una mancanza di dati all'interno del PBL, cio in genere nella definizione della struttura verticale delle prime poche centinaia di metri sopra il terreno dove si svolgono gran parte delle variazioni e degli aggiustamenti del flusso sinottico. Questo evidente osservando le misure meteorologiche effettuate vicino al suolo che spesso non concordano con i valori forniti a livello sinottico dai centri meteorologici (particolarmente critica la situazione creata dalla catena alpina che rende difficile la ricostruzione corretta del flusso nella pianura padana): la difficolt nel reperimento dei dati che descrivano coerentemente queste caratteristiche una delle limitazioni maggiori per la buona riuscita delle simulazioni numeriche. Un aiuto notevole fornito da modelli meteorologici completi di tipo non-idrostatico che sono in grado di risolvere attraverso nesting successivi, scale spaziali sempre pi piccole effettuando numericamente il raccordo tra dato sinottico in quota e misure vicino al suolo; l'uso di questi strumenti sta crescendo notevolmente, favorito da un aumento della potenza di calcolo dei calcolatori e dalla maggiore disponibilit di misure di profilo verticale: radiosondaggi, palloni, Wind - profiler, SODAR Doppler, RASS, Radar meteorologici. (per tali strumenti, che possono fornire profili verticali di vento e temperatura nei primi km ogni ora, presente una rete completa negli Stati Uniti ed anche in Europa si sta provvedendo a svilupparla). Da sottolineare infine la necessit di una sforzo a livello di ricerca per una maggior conoscenza e miglior applicabilit sia dei modelli tridimensionali meteorologici che di quelli di dispersione.

SCENARIO 3 FORMAZIONE E DISPERSIONE DI INQUINANTI SECONDARI

Campo di applicabilit: mesoscala; breve periodo; qualsiasi sito e sorgente;

17

inquinanti reattivi.

Esempi: - formazione; - trasporto e trasformazioni chimiche di inquinanti secondari. Questo scenario dominato da inquinanti secondari (ozono ed ossidanti fotochimici che si producono in atmosfera per effetto di reazioni di inquinanti primari, detti precursori, immessi in una area estesa e distribuiti dai sistemi atmosferici) e risulta caratterizzato da una minore variabilit nello spazio della concentrazione di inquinanti rispetto agli scenari urbani e da un marcato ciclo diurno e stagionale. In questa sede ci si limita ad alcune considerazioni di carattere generale riferite alla mesoscala. Per il trattamento dettagliato di questi casi si rimanda agli specifici rapporti CTN ACE 1999: OB09.02a Osservatorio dei modelli su smog fotochimico e ozono troposferico: rassegna critica delle esperienze e OB09.01 Linee guida per la selezione e l'applicazione dei modelli, lutilizzo dei modelli nella valutazione della qualit dellaria e CTN ACE 2000, OB09.02b Valutazione modellistica dell'inquinamento a grande distanza; specifiche tecniche su modello per ozono troposferico. Scala spaziale: le scale tipiche di questo fenomeno variano indicativamente da unestensione orizzontale di 50 x 50 km2 a 500 x 500 km2 e unestensione verticale che deve tenere in considerazione la variazione dello strato atmosferico superficiale, che si estende tipicamente fino a 1 o 2 km di altezza, in dipendenza dalle condizioni meteorologiche. Generalmente si definiscono le applicazioni di modelli a queste scale spaziali come applicazioni a mesoscala. Scala temporale: i processi atmosferici tipici dellinquinamento fotochimico si svolgono su intervalli di tempo da 1 giorno a 3 - 4 giorni. Per rispondere alle necessit poste dallattuale quadro normativo devono essere considerate due possibili dimensioni temporali delle applicazioni modellistiche: analisi a breve-medio termine (da unora fino a una settimana), che coprono lanalisi di singoli episodi di inquinamento fotochimico; questo tipo di analisi viene usualmente applicata per la valutazione di strategie di riduzione dellinquinamento fotochimico (analisi di scenario); analisi di lungo periodo, cio applicazioni per periodi stagionali e annuali; questo tipo di analisi si rende necessaria per valutare linquinamento (ossia il superamento dei livelli di riferimento stabiliti dalla normativa).

Ambito territoriale: la mesoscala comprende lambito territoriale tipicamente interessato dai processi di diffusione e trasformazione chimica degli inquinanti, e si estende su domini orizzontali individuabili in base alle dimensioni del bacino aerologico nel quale sono incluse le sorgenti di inquinanti. A seconda della conformazione orografica del territorio e della circolazione atmosferica tipica, lambito territoriale pu variare da pi regioni (come nel caso della pianura padana) a realt urbane estese. Proprio per le estese scale spaziali interessate dallinquinamento fotochimico, le applicazioni modellistiche includono tipicamente siti complessi (orografia complessa, caratteristiche territoriali e / o meteorologiche disomogenee).

18

Con riferimento alle situazioni tipiche del territorio italiano possiamo individuare alcuni esempi relativi a scenari di inquinamento fotochimico a mesoscala: il bacino padano adriatico (il pi esteso bacino aerologico italiano), con le grandi concentrazioni urbane e industriali di Torino, Milano, Venezia, Bologna; le regioni alpine e prealpine (situazione complessa, flussi da bacino padano e regione transalpina), comprendono aree urbane come Aosta, Bolzano, Trento; aree metropolitane collocate in altri bacini aerologici dellItalia centrale e meridionale (ad es. Firenze, Roma, Napoli, Bari); zone costiere mediterranee ad elevata complessit orografica (situazione tipica di molti siti costieri Italiani, come ad es. Genova e Palermo).

Per gli scenari 1 e 2 esistono esperienze di applicazione di modelli fotochimici euleriani per lo studio di episodi di inquinamento fotochimico, mentre per i rimanenti scenari non sono ad oggi disponibili esempi applicativi (Rapporto tecnico ANPA-CTN ACE Osservatorio dei modelli su smog fotochimico e ozono troposferico: rassegna critica delle esperienze). Tipologia di sorgente: tutte le tipologie di sorgente in grado di emettere precursori interessano potenzialmente linquinamento fotochimico. Di solito tali sorgenti vengono distinte in: - puntuali (punti di emissione convogliata); - lineari (strade); - areali (sorgenti distribuite su una superficie); - biogeniche (emissioni da vegetazione e dal terreno). Tipologia di inquinante: i precursori dellinquinamento fotochimico vengono usualmente raggruppati in due grandi categorie: ossidi di azoto (NOx) e composti organici volatili (COV).

4.1

Tipologie di modelli applicabili

La complessa struttura spaziale e la natura fortemente non lineare dei processi che portano alla produzione di ozono rendono necessario lutilizzo di modelli 3D euleriani fotochimici.

4.2 4.2.1

Dati di ingresso principali Dati meteorologici

La predisposizione di un input meteorologico adeguato rappresenta una attivit chiave per la applicazione di modelli 3D euleriani fotochimici. La qualit delle informazioni meteorologiche fornite in ingresso condiziona infatti pesantemente il risultato finale. Le informazioni meteorologiche richieste sono quelle necessarie a descrivere le propriet dello strato limite planetario (PBL) e sono in genere costituite dai campi tridimensionali di vento (tre componenti), temperatura, umidit, dallaltezza di rimescolamento e dai parametri di diffusivit turbolenta (lunghezza di Monin Obukhov

19

L, velocit di attrito con la superficie (o friction velocity) u*, e velocit convettiva di scala w*. Linput meteorologico pu essere ottenuto applicando preprocessori meteorologici diagnostici o modelli meteorologici prognostici. I preprocessori meteorologici diagnostici provvedono, sulla base dei dati osservati, alla ricostruzione dei campi meteorologici tridimensionali tenendo conto della caratteristiche orografiche dellarea ed al calcolo dellaltezza di rimescolamento e dei parametri della turbolenza tenendo conto delle caratteristiche della superficie. Date le estese scale spaziali, per la predisposizione dellinput meteorologico necessario avvalersi di dati in grado di riprodurre i campi meteorologici sullintera area di applicazione e basati su misure che rispondono agli standard meteorologici. sconsigliato lutilizzo di stazioni collocate solamente in aree urbane. inoltre necessario utilizzare profili atmosferici di radiosondaggio. I modelli meteorologici prognostici provvedono, sulla base della soluzione delle equazioni del moto atmosferico, alla ricostruzione dei campi meteorologici tridimensionali ed al calcolo dellaltezza di rimescolamento e dei parametri della turbolenza. Nei modelli meteorologici prognostici le informazioni meteorologiche vengono introdotte in fase di inizializzazione. Alcuni modelli prevedono una assimilazione dinamica dei dati osservati. Alcuni Servizi Meteorologici forniscono le informazioni richieste dai modelli elaborate mediante lutilizzo di preprocessori diagnostici o modelli prognostici utilizzando in modo ottimale tutte le informazioni meteorologiche disponibili su una determinata area (ad esempio www.smr.arpa.emr.it). Nel caso non si possano ottenere informazioni adeguate dal competente servizio meteorologico si rende necessaria la applicazione diretta di modelli meteorologici, opportunamente tarati e verificati che determinino sui nodi della griglia tridimensionale di applicazione del modello 3D euleriano le grandezze meteorologiche richieste. 4.2.2 Dati emissivi e chimici

I dati di emissione devono riprodurre le emissioni dei singoli inquinanti richiesti come ingresso dai modelli (in genere in numero di 50 o pi specie chimiche, a seconda del meccanismo chimico considerato) su ciascuna cella del grigliato prescelto. Per la simulazione di episodi le emissioni devono essere valutate su base temporale oraria. Il metodo pi frequentemente applicato per la predisposizione delle emissioni si basa sulla combinazione di un metodo di disaggregazione di dati stimati su unit territoriali estese e su periodo annuale (metodo top down) con dati di dettaglio, provenienti dalla valutazione delle singole sorgenti di emissione (metodo bottom up). La principale fonte di informazione per le emissioni aggregate linventario CORINAIR predisposto su base nazionale e disponibile sul sito dellEuropean Topic Center on Air Emissions: http://etc-ae.eionet.eu.int/etc-ae/index.htm. Queste stime nazionali sono rese disponibili in varie successive disaggregazioni a scala regionale e provinciale dal centro di riferimento nazionale (http://www.sinanet.anpa.it/aree/atmosfera/emissioni/emissioni.asp). Il livello di disaggregazione spaziale normalmente utilizzato nelle applicazioni di modelli a mesoscala su base comunale. Questo livello di disaggregazione stato ottenuto in varie regioni italiane a partire dalla base CORINAIR applicando una metodologia di disaggregazione spaziotemporale dei dati sulla base di informazioni locali (si veda ad esempio il rapporto RTI CTN_ACE 1/2000, Inventari locali di emissioni in atmosfera, prima indagine conoscitiva).
20

Per le emissioni dettagliate, provenienti dalla valutazione delle singole sorgenti di emissione (metodo bottom - up) valgono le considerazioni fatte per la applicazione di modelli a scala locale. Le fonti di queste informazioni sono anche in questo caso le competenti Amministrazioni Provinciali. Le informazioni raccolte devono essere strutturate in modo da consentire la facile predisposizione dellinput per i modelli ed il loro inserimento allinterno della catena modellistica. opportuno inoltre incapsulare le informazioni in moduli indipendenti, che consentono un facile aggiornamento qualora si rendessero disponibili aggiornamenti o nuove informazioni. 4.2.3 Dati territoriali

Dati orografici: sono necessari nella applicazione di modelli tridimensionali, sia per la ricostruzione dei campi di vento che per la ricostruzione delle caratteristiche superficiali (lunghezza di rugosit) che influenzano la turbolenza e quindi la dispersione degli inquinanti. Per lapplicazione di un modello a griglia lorografia deve essere riportata alla risoluzione del grigliato del modello. La risoluzione spaziale delle quote altimetriche varia quindi in funzione delle dimensioni del dominio di calcolo dei modelli: tipicamente 1-5 km alla mesoscala. Una buona fonte di informazioni disponibile in internet per la cartografia digitale lo statunitense EROS data Center: (http://edcwww.cr.usgs.gov/). Dati di uso del suolo: le caratteristiche della superficie influenzano la capacit dispersiva dei bassi strati dellatmosfera e le modalit e lentit delle deposizioni, di cui i modelli devono tenere conto. In Europa la principale fonte di informazioni sulluso del suolo lEuropean Topic Center on Land Cover: (http://etc.satellus.se/) parte della rete EIONET dellAgenzia Europea per Lambiente (http://www.eea.eu.int/). Dati di uso del territorio ottenuti da osservazioni satellitari generati dal U.S. Geological Survey (USGS) con la collaborazione dell'Universit del Nebraska-Lincoln (UNL) e del centro europeo di Ispra (JRC) alla risoluzione 1 km, sono reperibili in Internet ("Global Land Cover Characterization" all'indirizzo: (http://edcwww.cr.usgs.gov/landdaac/glcc/glcc.html). Sono disponibili diversi tipi di classificazioni alla risoluzione di 1 km. (Per utilizzare questi dati occorre citare una dichiarazione che si trova all'indirizzo dell'USGS: http://edc.usgs.gov/landdaac/citation.html These data are distributed by the EROS Data Center Distributed Active Archive Center (EDC DAAC), located at the U.S. Geological Survey's EROS Data Center in Sioux Fall, South Dakota). Alternativamente, luso del suolo pu essere ricostruito in modo semplificato (con poche categorie) a partire dalla cartografia. Per ogni cella del dominio di calcolo pu essere definita la categoria dominante o la percentuale dei diversi tipi di superficie, tra cui: coltivato, erba, vigneti/uliveti, conifere, decidue, paludi, terreno nudo, ghiacciai, urbano, acque interne e mare. 4.2.4 Condizioni al contorno

Linizializzazione e lesecuzione di un modello euleriano 3D richiede la specifica del campo di concentrazione iniziale 3D su tutte le celle del dominio e sulle celle di bordo. Queste informazioni sono richieste per tutti gli inquinanti trattati. I modelli possono risultare molto sensibili a queste informazioni specialmente se il dominio prescelto risulta molto influenzato da processi di trasporto di prodotti e precursori dallesterno del
21

dominio. Questo in genere si verifica se il dominio scelto di dimensioni troppo limitate. Le possibili fonti di informazione per la predisposizione delle condizioni iniziale ed al contorno possono essere i risultati di modelli a scala pi ampia, sul quale innestare il modello in uso e dati sperimentali. Il ricorso a dati sperimentali risulta difficoltoso dato lelevato numero di specie chimiche che occorre conoscere, sia al suolo che in quota. Le soluzioni devono quindi essere attentamente valutate da personale esperto. Tra i modelli a scala ampia attualmente disponibili in Europa ricordiamo i modelli EMEP, LOTOS, EURAD e CHIMERE.

4.3

Moduli specifici

I moduli tipici di un modello 3D euleriano fotochimico sono, schematicamente: modulo di trasporto e diffusione orizzontale; modulo di trasporto e diffusione verticale; modulo per la deposizione secca e per le emissioni; modulo chimico.

Tali moduli vengono utilizzati in sequenza per il calcolo della concentrazione al passo temporale n+1-esimo in funzione della concentrazione ottenuta al passo precedente. In realt tutti i fenomeni da essi trattati accadono simultaneamente in atmosfera, ma la complessit del sistema di equazioni a cui si giungerebbe tale da risultare intrattabile dalla maggior parte dei calcolatori attuali. Ovviamente il fatto di trattare separatamente questi fenomeni introduce degli errori, che vengono in parte eliminati con vari accorgimenti a seconda del modello utilizzato. 4.3.1 Il modulo chimico

Come noto, le reazioni che avvengono in atmosfera coinvolgono diverse centinaia di specie chimiche con velocit di reazione che differiscono tra loro anche di parecchi ordini di grandezza. Non sono quindi tutte rappresentabili allinterno di un modello data lenorme quantit di spazio di memoria e di tempi di calcolo che richiederebbero. Solitamente, in un modello di dispersione, il 70-90% del tempo macchina impiegato per compiere una simulazione, viene utilizzato per risolvere il sistema di equazioni chimiche. I vari modelli fotochimici utilizzati si differenziano tra loro per il modulo chimico utilizzato. Alcuni modelli consentono di utilizzare diversi meccanismi chimici o meccanismi chimici flessibili, appositamente studiati per la situazione nella quale il modello viene utilizzato.

4.4

Risorse di calcolo

Il numero di operazioni necessarie per eseguire una simulazione con un modello fotochimico euleriano molto elevato, e quindi sono richieste elevate risorse di calcolo, ma gli attuali sviluppi tecnologici nel campo dellinformatica rendono ormai possibile eseguire un modello fotochimico a griglia anche su sistemi tipo Personal Computer. Attualmente il tempo di esecuzione su una stazione di lavoro RISC per la simulazione di alcuni giorni su un dominio della estensione di una regione (7326 punti griglia = 37 * 18 * 11 livelli verticali) dellordine delle ore.
22

Per lesecuzione di simulazioni di lungo periodo comunque opportuno adottare opportuni accorgimenti di ottimizzazione dei codici. Un altro possibile approccio consiste nel considerare simulazioni di breve periodo per alcune situazioni meteorologiche ricorrenti e pesare i risultati in modo proporzionale alloccorrenza delle diverse situazioni.

4.5

Dati in uscita

Il risultato della applicazione di un modello costituito da un insieme di valori {Cit} della concentrazione di ciascun inquinante per ciascun punto griglia ed in un determinato periodo di tempo t (tipicamente 1 ora). Se il dominio di integrazione individuato da un volume x,y,z (come nel caso dei modelli euleriani tridimensionali a griglia), questo insieme di valori viene rappresentato come una matrice 4D Cx,y,z,t . Si avr quindi una matrice per ogni inquinante simulato.

4.6

Aspetti critici

Il trattamento di questo processo di inquinamento richiede lesecuzione di studi condotti con un alto livello di specializzazione. I codici sono infatti particolarmente onerosi e richiedono utenti esperti per poter essere utilizzati. Si riscontra una carenza di studi di verifica e validazione di modelli fotochimici applicati in Italia. La applicazione di tali modelli su domini sufficientemente estesi da includere le fonti di emissione ed i processi meteorologici in grado di influenzare linquinamento fotochimico richiede dati di emissione e dati meteorologici estesi a tutto il dominio e sufficientemente dettagliati. Pu risultare difficoltoso ottenere tutte le informazioni necessarie quando queste interessano il territorio di pi regioni. Per le applicazioni su bacini aerologici estesi necessario inoltre disporre di adeguate condizioni iniziali ed al contorno, che possono essere fornite in modo ottimale da modelli fotochimici innestati allinterno di modelli a scala pi ampia. Questo approccio praticato in modo agevole e sistematico nei codici di nuova generazione. La formazione di particolato secondario fine e ultrafine, rappresenta un processo fondamentale nei processi fotochimici. Per quanto riguarda lo sviluppo dei codici, particolarmente critico , anche nei codici pi recenti, il trattamento degli inquinanti reattivi in fase eterogenea (reazioni in fase acquosa e con il particolato sospeso), queste sono molto importanti in nube o in nebbia, per la conoscenza dei processi che avvengono non ancora assestata. Alcuni codici di nuova generazione contengono moduli per il trattamento dellaerosol.

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI RISULTATI DEI MODELLI DI DISPERSIONE

Il risultato delle applicazioni modellistiche relative alla dispersione di inquinanti in atmosfera, indipendentemente dalle finalit prefissate, necessita di un'opportuna

23

rappresentazione grafica che permetta, anche ai non addetti ai lavori, l'immediata percezione dell'informazione ricavata. Nel corso di questo capitolo verr affrontato il problema della visualizzazione dei risultati di un'elaborazione modellistica, mettendo in evidenza gli aspetti che hanno particolare rilevanza ai fini della valutazione della qualit dell'aria, secondo quanto previsto dal D.lgs n. 351 del 4 agosto 1999; si riprende in tal modo la trattazione riportata nel Rapporto conclusivo L'utilizzo dei modelli nella valutazione della qualit dell'aria della task OB09.01 (Linee guida per la selezione e l'applicazione dei modelli, realizzato nel corso dell'anno 1999). Il risultato di una simulazione modellistica rappresentato, in generale, da un insieme di valori stimati di concentrazione Ci ad un dato istante tj (media aritmetica su un periodo pi o meno lungo, a seconda della finalit della simulazione). Ad ogni valore di concentrazione Ci sono associate le coordinate dei ricettori o dei punti griglia dello spazio bidimensionale (o tridimensionale) che rappresenta il dominio di calcolo utilizzato dal modello. Quello che si ottiene pertanto una matrice di concentrazioni a tre o quattro dimensioni (Cx,y,t o Cx,y,z,t ) per ognuno degli inquinanti dei quali si simulata la dispersione. La scelta della modalit con la quale rappresentare graficamente le concentrazioni dipende dal tipo di informazione che deve essere evidenziata; in generale possibile fornire: serie temporali per ricettore o punto griglia; istogrammi o distribuzioni di frequenza per ricettore o punto griglia; mappe istantanee aventi passo temporale coincidente con quello del modello o cumulative (in termini di concentrazione) di pi passi temporali.

La rappresentazione con mappe pu essere realizzata attraverso carte tematiche oppure con mappe riportanti campi di isoconcentrazione. Nel caso delle carte tematiche si tratta di attribuire il valore di concentrazione - ottenuto in un punto griglia o in un ricettore - ad un'area che pu essere predefinita (nel caso in cui il dominio di calcolo sia un grigliato regolare) oppure determinata attraverso criteri di omogeneit geometrica (dipendente dalla disposizione dei ricettori) o attraverso criteri derivanti dalla conoscenza del territorio oggetto di studio. Nel caso delle mappe di isoconcentrazione i risultati ottenuti dal modello di dispersione vengono elaborati da programmi in grado di fornire l'interpolazione dei dati, al fine di fornire rappresentazioni grafiche di pi facile comprensione. da ricordare per che l'ulteriore elaborazione dell'informazione pu modificare lo scarto fra dato simulato dal modello di dispersione e dato misurato. In generale va inoltre sottolineato che la comprensione dell'informazione risulta agevolata quando la rappresentazione grafica dei risultati (mappe o istogrammi) viene sovrapposta alla cartografia dell'area coincidente con il dominio di calcolo. Pi in dettaglio, ai fini della redazione delle mappe per la valutazione della qualit dell'aria ai sensi del D.lgs n. 351/99 risulta necessario: individuare il limite previsto dalle direttive comunitarie (o dalla normativa vigente in attesa dell'emanazione o recepimento delle stesse) al quale si intende riferire la mappatura e, conseguentemente, la risoluzione temporale da adottare nel corso delle simulazioni modellistiche; definire la modalit pi idonea alla rappresentazione grafica del limite al quale si sta facendo riferimento; pu risultare infatti opportuna una rappresentazione che
24

evidenzi i valori di concentrazione ottenuti nei diversi ricettori o punti griglia piuttosto che il numero dei superamenti dei limiti di legge calcolato per ogni ricettore. Nel presente capitolo verranno fornite, a titolo esemplificativo, indicazioni sulle modalit di calcolo delle concentrazioni da confrontare con i riferimenti normativi. Sia nella legislazione attualmente vigente che nelle direttive comunitarie in attesa di recepimento troviamo valori limite orari. In questo caso opportuno eseguire le simulazioni modellistiche su intervalli di tempo coincidenti con quelli del limite di riferimento. Nella fase successiva si andranno a confrontare le concentrazioni simulate con i valori limite, allo scopo di verificare il numero di superamenti; in base a tale indice verr realizzata la mappatura del territorio. Qualora non vi fossero superamenti, possibile procedere ad una rappresentazione grafica che evidenzi le classi di concentrazione. Un discorso analogo si applica nel caso di valori limite che fanno riferimento ad intervalli temporali multipli dell'ora. Il modello pu ancora essere applicato in modo da fornire risultati a cadenza oraria, che dovranno essere successivamente mediati sull'intervallo necessario (ad esempio 24 ore per le medie giornaliere), oppure pu essere direttamente applicato ad un intervallo coincidente con quello previsto dalla norma. Anche in questo caso si proceder alla valutazione dell'eventuale numero di superamenti. Nel caso di valori limite su base annuale risulta opportuno completare l'informazione fornita dalle carte che adottano come tematismo il numero di superamenti - con mappature riportanti le classi di concentrazione. Una delle innovazioni introdotte dal D.lgs n. 351/99 l'individuazione e la definizione di zone nelle quali, per alcuni dei limiti, si verificano superamenti delle soglie di valutazione superiore ed inferiore. In questo caso, nella realizzazione delle mappe, si tratter di suddividere i risultati della simulazione in funzione delle diverse soglie ed evidenziare, all'interno del dominio di calcolo, il numero di accadimenti nelle diverse classi. In allegato a questo documento (Allegato 2) e a supporto di chi ha il compito di realizzare la mappatura della qualit dell'aria, si riporta in un quadro riassuntivo l'indicazione dei limiti di legge attualmente vigenti e dei limiti indicati nelle direttive e proposte di direttive che attuano le indicazioni previste dalla Direttiva Comunitaria 96/62/CE. Di seguito vengono riportati alcuni esempi di mappatura, realizzati secondo criteri diversi in funzione della singola applicazione. Per la loro creazione stato utilizzato un software di visualizzazione grafica dei dati di concentrazione georeferenziati su una base cartografica. Il set di dati utilizzato non frutto di una elaborazione modellistica, ma stato costruito ad hoc al fine di favorire una visualizzazione dei possibili risultati.

25

Figura 5.1: Esempio di mappatura (caso 1) - Rappresentazione del valore medio annuale per punti griglia. Sono evidenziati i punti nei quali il modello di dispersione individua superamento del valore limite e superamento del valore limite aumentato del margine di tolleranza. Fra le possibilit alle quali si accennato all'inizio di questo capitolo, si scelto di riportare due esempi di visualizzazione la cui applicazione pu essere facilmente estesa a mappature di tipo diverso.

5.1

Caso 1

I risultati numerici di una elaborazione modellistica finalizzata alla stima della media annuale per un inquinante qualsiasi, confrontata con il valore limite previsto dalla normativa, sono stati elaborati secondo due diverse modalit grafiche. Nella Figura 5.1 i valori di concentrazione media annuale riferiti ai punti griglia sono stati suddivisi in classi, ponendo attenzione ad evidenziare quelle nelle quali si ha superamento del valore limite e del valore limite aumentato del margine di tolleranza. Nella Figura 5.2 gli stessi dati sono stati interpolati al fine di fornire una visualizzazione grafica pi immediata - attraverso curve di isoconcentrazione - che comporta per una ulteriore elaborazione dell'informazione ottenuta dal modello dispersivo. In questo caso i valori di concentrazione sono suddivisi in un numero di classi scelto in funzione della distribuzione dei valori ottenuti nel dominio studiato; sono state inoltre evidenziate le aree nelle quali si ha superamento del valore limite (delimitate inferiormente da una linea tratteggiata) e del valore limite aumentato del margine di tolleranza (delimitate inferiormente da una linea continua).

26

In riferimento a quanto precedentemente affermato circa l'utilizzo dell'interpolazione nella realizzazione delle mappe, si ritiene necessario accompagnare (a scopo di chiarezza) la visualizzazione dei risultati ottenuti con l'indicazione del metodo di interpolazione adottato.

Figura 5.2: Esempio di mappatura (caso 1) - Rappresentazione del valore medio annuale attraverso interpolazione dei dati. Sono evidenziate le aree nelle quali il modello di dispersione individua superamento del valore limite (delimitate inferiormente dalla linea tratteggiata) e superamento del valore limite aumentato del margine di tolleranza (delimitata inferiormente dalla linea continua).

5.2

Caso 2

La simulazione finalizzata alla valutazione del numero di superamenti del valore limite di un inquinante su base annuale. Il numero di superamenti ottenuto stato suddiviso in tre classi, rispettivamente caratterizzate da nessun superamento, un numero di superamenti inferiore al limite di legge ed un numero di superamenti superiore al limite di legge (Figura 5.3). A conclusione della trattazione si ritenuto utile riassumere in un diagramma di flusso (Figura 5.4) quanto precedentemente esposto nella realizzazione degli esempi relativi al caso 1, e facilmente estrapolabile ad una qualsiasi mappatura.

27

Figura 5.3: Esempio di mappatura (caso 2) - Rappresentazione del numero di superamenti del valore limite per punti griglia. I punti griglia sono stati suddivisi in tre classi caratterizzate rispettivamente da assenza di superamenti del valore limite, numero di superamenti del valore limite consentito dalla normativa e numero di superamenti superiore al limite consentito dalla normativa.

(A pagina successiva) Figura 5.4: Diagramma di flusso - Esempio di utilizzo dei dati di una simulazione modellistica nella redazione di mappe ai fini del confronto con i limiti della normativa vigente.

28

RISULTATO DELLA SIMULAZIONE

MODELLISTICA

RAPPRESENTAZIONE PER PUNTI GRIGLIA

INTERPOLAZIONE

BASE CARTOGRAFICA

MAPPATURA DELLA QUALITA DELLARIA

29

30

BIBLIOGRAFIA Anfossi D., Baffoni C., Brusasca G., Calori G., Caracciolo R., Cirillo M., Desiato F., Finzi G., 2000. Valutazione della dispersione in atmosfera di effluenti aeriformi - Guida ai criteri di selezione dei modelli matematici. Norma UNI 10796:10-2000. Appendix W to Part 51 of the Code of Federal Regulations, 1999. Guideline on air quality models, U.S. Environmental Protection Agency. Bassanino M., Bertolaccini M.A., Brusasca G., Cirillo M., Finzi G., Fortezza F., Graziani G., Mamolini G., Marani A., Tamponi M., Tirabassi T., 1993. Modelli ad integrazione delle reti per la gestione della qualit dellaria. Istituto Superiore di Sanit ISTISAN 93/96. Brusasca G., Carboni G., Finardi S., Sanavio D., Tinarelli G., Toppetti A., 2001. Comparison of a Gaussian (ISC3) and a Lagrangian Particle Model (SPRAY) for regulatory applications in Flat and Complex Terrain Sites representative of Typical Italian Landscapes. In: Atti del convegno Proceedings of the 7th International Conference on Harmonization Within Atmospheric Dispersion Modelling For Regulatory Purposes, Belgirate, Italy, 28-31 May 2001, 130-134. Cirillo M., Tamponi M., Zanini G., 1996. The Italian debate on the role of regulatory models in the frame of the new European directives on air quality. In: Atti del convegno 4th Workshop on Harmonization within Atmospheric Dispersion Modelling for Regulatory Purposes, Oostende, Belgium, May 1996. Deserti M., Spagli L., Bini G., Poluzzi V., Minaci L., De Maria R., Zanini G., Vialetto G., Brusasca G., Angelino E., Liguori F., 2001. Osservatorio dei modelli su smog fotochimico e ozono troposferico. RTI CTN_ACE 1/2001. Deserti M., Desiato F., Brusasca G., Silibello C., Zanini G., 2001. Photochemical models application in the Po valley (Italy): critical review and intercomparison. In: Atti del convegno Proceedings of the 7th International Conference on Harmonization Within Atmospheric Dispersion Modelling For Regulatory Purposes, Belgirate, Italy, 28-31 May 2001, 67-80. Finzi G., Brusasca G., 1991. La qualit dellaria. Modelli previsionali e gestionali. Masson. Finzi G., Pirovano G., Volta M., 2001. Gestione della qualit dellaria. Modelli di simulazione e previsione. McGraw Libri Italia srl, 409 pp. Hanna S.R., Briggs G.A., Hosker R.P, 1982. Handbook on Atmospheric Diffusion. DOE/TIC-11223, Department of Energy, Washington DC (USA), 102 pp. Nieuwstadt, F. T. M, Van Dop H., 1982. Atmospheric Turbulence and Air Pollution Modeling. Dordrecht, D. Reidel Publ.

31

Peters L.K.C., Berkovitz M., Carmichael G.R., Easter R.C., Fairweather G., Ghan S.J., Hales J.M., R. L. Leung, Pennell W.R., Potra F.A., Saylor R.D., Tsang T.T., 1995. The current state and future direction of Eulerian models in simulating the tropospheric chemistry and transport of trace species: a review. Atmospheric Environment, 2, 189222. Royal Meteorological Society, 1995. Atmospheric dispersion modelling: Guidelines on the justification of choice and use of models, and the communication and reporting of results. Policy statement issued by the Council of the Royal Meteorological Society, published in collaboration with the Department of the Environment. Seinfeld J.H., Pandis S.N., 1998. Atmospheric chemistry and physics. From air pollution to climate change. John Wiley & Sons Inc., New York, 1326 pp. Zannetti P., 1990. Air Pollution Modeling. Theories, Computational Methods and Available Software. Computational Mechanics Publication (Southampton) and Van Nostrand Reinhold (New York).

32

APPENDICE IL CTN_ACE NELLAMBITO DELLA RETE SINANET Ruolo e struttura dei Centri Tematici Nazionali Il progetto Centri Tematici Nazionali (CTN) ha avuto inizio nellottobre del 1998, nellambito delle attivit di realizzazione e gestione del Sistema nazionale conoscitivo e dei controlli ambientali (SINAnet), con lavvio e la realizzazione di 6 CTN prioritari, da sviluppare in collaborazione con le Agenzie regionali. Il criterio di riferimento per lindividuazione dei primi 6 CTN stato quello di garantire la corrispondenza con gli European Topic Centres (ETC), le strutture che giocano nella rete europea EIOnet un ruolo omologo a quello dei CTN nella rete SINAnet. In tal senso sono stati istituiti i seguenti CTN: Atmosfera, Clima ed Emissioni in aria (ACE) Agenti Fisici (AGF) Acque Interne e Marino costiere (AIM) Conservazione della Nature (CON) Rifiuti (RIF) Suolo e Siti Contaminati (SSC)

I Centri Tematici Nazionali, ciascuno nellambito delle aree tematiche di competenza, rappresentano per lANPA il necessario supporto per lattuazione dei compiti che la legge istitutiva le affida in materia di raccolta e gestione dei dati e delle informazioni ambientali e di controllo. In particolare, il supporto riguarda quanto attiene alla definizione di regole per rendere tali attivit omogenee su tutto il territorio nazionale e disponibili sulla rete SINAnet, in linea con lo sviluppo di attivit analoghe nel contesto comunitario. In analogia al modello europeo, i CTN sono attuati da compagini di soggetti, uno dei quali, il CTN leader, preposto al coordinamento del progetto. Le compagini sono costituite da ARPA/APPA, con lintegrazione di altri soggetti, le Istituzioni Principali di Riferimento (IPR), che hanno competenze specialistiche in materia di azione conoscitiva per i vari temi ambientali. Per ogni CTN, lANPA ha nominato un responsabile di progetto.

Il CTN_ACE Temi di competenza Qualit dellaria Deposizioni atmosferiche Emissioni in atmosfera Clima

33

Composizione Responsabile di progetto ANPA: Franco Desiato Responsabile CTN leader: Gianfranca Galliani Leader: ARPA Emilia - Romagna Co-leader: ARPA Toscana Altri soggetti: ARPA Lombardia ARPA Veneto ARPA Piemonte ARPA Valle dAosta CNR IIA ENEA CESI

34

ALLEGATI Allegato A - Elementi che concorrono alla definizione degli scenari Scala spaziale - Sono definite le seguenti tre scale: - microscala (fino a 1 km); - scala locale (fino a 1020 km); - mesoscala (fino a 100200 km). Scala temporale - Sono considerate due possibili applicazioni: - analisi di breve periodo, cio analisi di singoli episodi (orientativamente da pochi minuti ad alcuni giorni); - analisi di lungo periodo, cio applicazioni di tipo climatologico (periodi stagionali e annuali). Ambito territoriale - Sono distinti due scenari possibili: - sito semplice (terreno pianeggiante, caratteristiche territoriali e meteorologiche omogenee); - sito complesso (orografia complessa, caratteristiche territoriali e/o meteorologiche disomogenee). Tipologie di sorgente - Sono distinte tre tipologie: - puntiforme; - lineare; - areale. Tipologie di inquinante - Sono distinte due tipologie: - inquinante non reattivo (o reattivo al primo ordine, cio con decadimento espresso per mezzo di costante di tempo); - inquinante reattivo.

35

Allegato B Limiti di legge attualmente vigenti Tabella B.1: Biossido di zolfo Tabella B.2: Biossido di azoto Tabella B.3: Polveri totali sospese Tabella B.4: Monossido di carbonio Tabella B.5: Ozono Tabella B.6: Piombo Tabella B.7: Particolato PM10 Tabella B.8: Benzene Tabella B.9: Benzo(a)pirene

RIFERIMENTO NORMATIVO D.P.R. 203/88

LIMITE

PERIODO DI INDICATORE VALORE DI SUPERAMENTI RIFERIMENTO STATISTICO RIFERIMENTO CONCESSI anno (1 apr 31 mar) anno (1 apr 31 mar) inverno (1 ott 31 mar) mediana concentrazioni medie giornaliere 80 g/m --

Valore limite

D.P.R. 203/88

Valore guida

anno (1 apr 31 mar) 24 ore

98 percentile 250 g/m concentrazioni medie giornaliere mediana 130 g/m concentrazioni medie giornaliere media 40 60 g/m concentrazioni medie giornaliere media giornaliera 100 150 g/m media giornaliera media giornaliera 125 g/m 250 g/m

3 giorni consecutivi ----(1)

D.M. 15/4/94 D.M. 25/11/94 D.M. 15/4/94 D.M. 25/11/94

Livello di attenzione Livello di allarme

24 ore 24 ore

Tabella B.1: Biossido di zolfo (SO2) (1) Ai sensi del D.P.R. 203/88 il limite non pu essere superato per pi del 2% delle misure valide su base annua e si devono prendere tutte le misure atte ad evitare il superamento di questo valore per pi di 3 giorni consecutivi.

36

RIFERIMENTO NORMATIVO D.P.R. 203/88

LIMITE

PERIODO DI RIFERIMENTO anno (1 gen 31 dic) anno (1 gen 31 dic)

INDICATORE STATISTICO 98 percentile concentrazioni medie orarie 50 percentile (mediana) concentrazioni medie orarie 98 percentile concentrazioni medie orarie media oraria media oraria

VALORE DI RIFERIMENTO 200 g/m 50 g/m

Valore limite Valore guida

anno (1 gen 31 dic) D.M. 15/4/94 D.M. 25/11/94 D.M. 15/4/94 D.M. 25/11/94 Livello di attenzione Livello di allarme 1 ora 1 ora

135 g/m 200 g/m 400 g/m

Tabella B.2: Biossido di azoto (NO2)

RIFERIMENTO NORMATIVO D.P.C.M. 28/3/83

LIMITE

PERIODO DI RIFERIMENTO anno (1 apr 31 mar)

INDICATORE STATISTICO media concentrazioni medie giornaliere (1) 95 percentile concentrazioni medie giornaliere (1) media concentrazioni medie giornaliere (2)

VALORE DI RIFERIMENTO 150 g/m 300 g/m 40 60 g/m

Standard di qualit

D.P.R. 203/88

Valore guida

anno (1 apr 31 mar) 24 ore

media giornaliera (2) 100 150 g/m media giornaliera (1) media giornaliera (1) 150 g/m 300 g/m

D.M. 25/11/94 D.M. 25/11/94

Livello di attenzione Livello di allarme

24 ore 24 ore

Tabella B.3: Polveri totali sospese (PTS) (1) Misurate con il metodo gravimetrico. (2) Misurate con il metodo dei fumi neri.

37

RIFERIMENTO NORMATIVO D.P.C.M. 28/3/83

LIMITE

PERIODO DI RIFERIMENTO 8 ore 1 ora 1 ora 1 ora

INDICATORE STATISTICO media di 8 ore (1) media oraria media oraria media oraria

VALORE DI RIFERIMENTO 10 mg/m 40 mg/m 15 mg/m 30 mg/m

Standard di qualit Livello di attenzione Livello di allarme

D.M. 15/4/94 D.M. 25/11/94 D.M. 15/4/94 D.M. 25/11/94

Tabella B.4: Monossido di carbonio (CO) (1) La media di 8 ore deve essere effettuata per 3 fasce orarie, definite come 0-8, 8-16, 16-24 (ISTISAN 87/5).

RIFERIMENTO NORMATIVO

LIMITE

PERIODO DI INDICATORE VALORE DI SUPERAMENTI RIFERIMENTO STATISTICO RIFERIMENTO CONCESSI 1 mese 8 ore media oraria media (mobile trascinata) su 8 ore media oraria 200 g/m 110 g/m 1 volta/mese --

D.P.C.M. 28/3/83 Standard di qualit D.M. 16/5/96 Livello per la protezione della salute Livello per la protezione della vegetazione

1 ora

200 g/m

--

24 ore D.M. 15/4/94 D.M. 25/11/94 D.M. 16/5/96 Livello di attenzione Livello di allarme 1 ora 1 ora

media giornaliera media oraria media oraria

65 g/m 180 g/m 360 g/m

----

Tabella B.5: Ozono (O3)

RIFERIMENTO NORMATIVO D.P.C.M. 28/3/83

LIMITE

PERIODO DI RIFERIMENTO anno

INDICATORE STATISTICO media concentrazioni medie di 24 ore

VALORE DI RIFERIMENTO 2 g/m

Standard di qualit

Tabella B.6: Piombo (Pb)

38

RIFERIMENTO NORMATIVO D.M. 25/11/94

LIMITE

PERIODO DI RIFERIMENTO anno (1 gen 31 dic)

INDICATORE STATISTICO media mobile valori giornalieri

VALORE DI RIFERIMENTO 40 g/m

Obiettivo di qualit

Tabella B.7: Particolato sospeso (PM10)

RIFERIMENTO NORMATIVO D.M. 25/11/94

LIMITE

PERIODO DI RIFERIMENTO anno (1 gen 31 dic)

INDICATORE STATISTICO media mobile valori giornalieri

VALORE DI RIFERIMENTO 10 g/m

Obiettivo di qualit

Tabella B.8: Benzene

RIFERIMENTO NORMATIVO D.M. 25/11/94

LIMITE

PERIODO DI RIFERIMENTO anno (1 gen 31 dic)

INDICATORE STATISTICO media mobile valori giornalieri

VALORE DI RIFERIMENTO 1 ng/m

Obiettivo di qualit

Tabella B.9: Benzo(a)pirene

39

Limiti di legge riportati nelle direttive e proposte di direttive comunitarie Per gli inquinanti considerati nella direttiva 1999/30/CE (biossido di zolfo, biossido di azoto, ossidi di azoto, particolato PM10 e piombo) e nella direttiva 2000/69/CE (benzene e monossido di carbonio) alle tabelle riportanti i limiti di legge sono allegati grafici che evidenziano la variazione del limite legislativo nel corso degli anni, conseguente alla prevista diminuzione del margine di tolleranza. Tabella B.10: Biossido di zolfo Figura B.1: Biossido di zolfo Tabelle B.11(a, b): Biossido di azoto e ossidi di azoto Figure B.2 (a, b): Biossido di azoto Tabella B.12: Monossido di carbonio Figura B.3: Monossido di carbonio Tabella B.13: Ozono Tabella B.14: Piombo Figura B.4: Piombo Tabella B.15: Particolato - PM10 (fase 1) Figura B.5 (a, b): Particolato - PM10 Tabella B.16: Particolato - PM10 (fase 2) Tabella B.17: Benzene Figura B.6: Benzene
LIMITE PERIODO INDICATORE VALORE SUPERAMEN DATA PER RIFERIME STATISTICO RIFERIMENT TI CONCESSI IL NTO O RISPETTO DEL LIMITE MARGINE DI TOLLERANZA (1) SOGLIA DI VALUTAZIONE

Valore limite orario per la protezione della salute umana Valore limite giornaliero per la protezione della salute umana Valore limite per la protezione degli ecosistemi

1 ora

media

350 g/m

24 volte/ anno civile

##

SUPERIO INFERI SUPERAME RE ORE NTI CONCESSI 150 g/m (43%) ----

24 ore

media

125 g/m

3 volte/ anno civile

##

--

75 g/m

50 g/m

3 volte/ anno civile

anno civile

media

20 g/m

--

##

--

--

--

--

Soglia di allarme

inverno (1 ott 31 mar) 3 ore consecutive

media media 500 g/m ----

12 g/m --

8 g/m --

---

Tabella B.10: Biossido di zolfo (SO2) - direttiva in fase di recepimento (1) Il margine di tolleranza la percentuale del valore limite nella cui misura tale valore pu essere superato all'entrata in vigore della direttiva 1999/30/CE, con riduzione percentuale annua costante a partire dal 1 gennaio 2001 per giungere al valore di riferimento entro la data di rispetto del limite.

40

BIOSSIDO DI ZOLFO: VALORE LIMITE ORARIO PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE 600 500 500 400 300 200 100 0 entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05 470 440 410 380 350

Figura B.1: Biossido di zolfo (SO2) La linea rossa indica il valore limite orario per la protezione della salute: 350 g/m.

RIFERI MENTO NORM ATIVO

SO2 (g/m)

LIMITE

PERIODO INDICATORE VALORE DI SUPERA DATA PER IL MARGINE DI STATISTICO RIFERIMENTO MENTI RISPETTO DI RIFERIME CONCES DEL LIMITE TOLLERAN NTO SI ZA (1)

SOGLIA DI VALUTAZIONE

1999/30/ Valore limite 1 ora CE orario per la protezione della salute umana 1999/30/ Valore limite anno civile CE annuale per la protezione della salute umana 1999/30/ Soglia di 3 ore CE allarme consecutive

media

200 g/m

18 volte/ anno civile

###

100 g/m (50%)

SUPERIO INFERIO SUPERA RE RE MENTI CONCES SI 140 g/m 100 g/m 18 volte/ anno civile

media

40 g/m

--

###

20 g/m (50%)

32 g/m

26 g/m

---

media

400 g/m

--

--

--

--

--

--

Tabella B.11a: Biossido di azoto (NO2) - direttiva in fase di recepimento (1) Il margine di tolleranza la percentuale del valore limite nella cui misura tale valore pu essere superato all'entrata in vigore della direttiva 1999/30/CE, con riduzione percentuale annua costante a partire dal 1 gennaio 2001 per giungere al valore di riferimento entro la data di rispetto del limite.

41

RIFERI MENTO NORM ATIVO

LIMITE

PERIODO INDICATORE VALORE DI SUPERA DATA PER IL MARGINE DI STATISTICO RIFERIMENTO MENTI RISPETTO DI RIFERIME CONCES DEL LIMITE TOLLERAN NTO SI ZA (1)

SOGLIA DI VALUTAZIONE

1999/30/ Valore limite CE annuale per la protezione della vegetazione

anno civile

media

30 g/m

---

###

----

SUPERIO INFERIO SUPERA RE RE MENTI CONCES SI 24 g/m 19.5 --g/m

Tabella B.11b: Ossidi di azoto (NOx) - direttiva in fase di recepimento (1) Il margine di tolleranza la percentuale del valore limite nella cui misura tale valore pu essere superato all'entrata in vigore della direttiva 1999/30/CE, con riduzione percentuale annua costante a partire dal 1 gennaio 2001 per giungere al valore di riferimento entro la data di rispetto del limite.

BIOSSIDO DI AZOTO: VALORE LIMITE ORARIO PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE

400 300 300 NO2 (g/m)

290

280

270 260 250 240 230

220

210

200

200

100

0 entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05 1-gen-06 1-gen-07 1-gen-08 1-gen-09 1-gen-10

Figura B.2a: Biossido di azoto (NO2) La linea rossa indica il valore limite orario per la protezione della salute:200 g/m.

42

B SSID D AZO : IO O I TO VALO ELIMITEAN U PE LA PR TE N D LLA SALU R N ALE R O ZIO E E TE

80 60 58

56

60 NO2 (g/m)

54

52 50 48 46 44 42

40

40

20

0 entrata in 1-gen-01 vigore della direttiva 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05 1-gen-06 1-gen-07 1-gen-08 1-gen-09 1-gen-10

Figura B.2b: Biossido di azoto (NO2) La linea rossa indica il valore limite annuale per la protezione della salute: 40 g/m.

RIFERI MENTO NORM ATIVO

LIMITE

PERIODO INDICATORE VALORE SUPERAME DATA PER MARGINE DI DI STATISTICO DI NTI IL TOLLERANZA (1) RIFERIME RIFERIM CONCESSI RISPETTO NTO ENTO DEL LIMITE

SOGLIA DI VALUTAZIONE

2000/69/ Valore limite CE per la protezione della salute umana

8 ore

media mobile

10 mg/m

---

###

6 mg/m

SUPERIO INFERIO SUPERA RE RE MENTI CONCES SI (60%) 7 mg/m 5 mg/m ---

Tabella B.12: Monossido di carbonio (CO) - direttiva in fase di recepimento (1) Il margine di tolleranza la percentuale del valore limite nella cui misura tale valore pu essere superato all'entrata in vigore della direttiva, con riduzione percentuale annua costante a partire dal 1 gennaio 2003 per giungere al valore di riferimento entro la data di rispetto del limite.

43

MONOSSIDO DI CARBONIO: VALORE LIMITE PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE


20 16 15 CO (mg/m) 14 12 10 10

0 entrata in vigore della direttiva 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05

Figura B.3: Monossido di carbonio (CO) La linea rossa indica il valore limite (media 8 ore) per la protezione della salute: 10 mg/m.

RIFERIMENTO NORMATIVO

LIMITE

PERIODO DI RIFERIMENTO

INDICATORE STATISTICO

VALORE DI RIFERIMENTO

SUPERAMENTI CONCESSI

ANNO PER IL CONSEGUIMENTO DEL VALORE OBIETTIVO (1)

Proposta Valore 1999/0068 (COD) obiettivo per la protezione della salute umana Valore obiettivo per la protezione della vegetazione Valore obiettivo a lungo termine per la protezione della salute umana Valore obiettivo a lungo termine per la protezione della vegetazione

anno solare

media massima di 8 ore nell'arco di 24 ore (2)

120 g/m (3)

20 giorni/anno solare come media su 3 anni

2010

maggio luglio

AOT40 (4) calcolato sulla base di valori di 1 ora media massima di 8 ore (6)

17000 g/m h (5)

--

2010

anno solare

120 g/m

--

--

maggio luglio

AOT40 calcolato sulla base delle concentrazioni di 1 ora

6000 g/m h

--

--

Tabella B.13: Ozono (O3) - Direttiva proposta (1) Data a partire dalla quale si verifica la rispondenza ai valori-obiettivo. Ci significa che i valori del 2010 saranno utilizzati per verificare la concordanza con gli obiettivi nei successivi 3 o 5 anni. (2) la media massima fra le medie ottenute in base a moduli di 8 ore rilevati a decorrere da ogni ora.
44

(3) Se non possibile calcolare la media di 3 o 5 anni poich non si ha un insieme completo di dati relativi a pi anni consecutivi, i dati annuali minimi necessari per la verifica della rispondenza con i valori-obiettivo sono i seguenti: - per il valore - obiettivo per la protezione della salute umana: dati validi relativi a 1 anno; - per il valore - obiettivo per la protezione della vegetazione: dati validi relativi a 3 anni. (4) Per AOT40 s'intende la somma della differenza tra le concentrazioni orarie superiori a 80 g/m e 80 g/m in un dato periodo di tempo, utilizzando solo i valori di un'ora rilevati ogni giorno tra le 8:00 e le 20:00, ora dell'Europa centrale. (5) Media su 5 anni.

RIFERIME LIMITE PERIODO INDICAT VALORE DI SUPERAMEN DATA PER IL MARGINE DI NTO DI ORE RIFERIME TI CONCESSI RISPETTO TOLLERANZA NORMATI RIFERIM STATISTI NTO DEL LIMITE (1) VO ENTO CO

SOGLIA DI VALUTAZIONE

SUPERIO INFERIO SUPERAME RE RE NTI CONCESSI 1999/30/CE Valore anno civile limite annuale per la protezion e della salute umana media 0.5 g/m --1-gen-05 (2) 0.5 g/m (100%) 0.35 g/m 0.25 g/m ---

Tabella B.14: Piombo (Pb) - direttiva in fase di recepimento (1) Il margine di tolleranza la percentuale del valore limite nella cui misura tale valore pu essere superato all'entrata in vigore della direttiva 1999/30/CE, con riduzione percentuale annua costante a partire dal 1 gennaio 2001 per giungere al valore di riferimento entro la data di rispetto del limite. (2) Nelle immediate vicinanze di fonti industriali specifiche, in siti contaminati da decenni di attivit industriali (notificati alla Commissione entro il 19 luglio 2001), la data viene fissata al 1 gennaio 2010.

45

PIO O MB : VALO ELIMITEAN U PE LAPR TE N D LLASALU R N ALE R O ZIO E E TE 1.2 1.0 1.0 0.8 Pb (g/m) 0.6 0.4 0.2 0.0 entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05 0.9 0.8 0.7 0.6 0.5

Figura B.4: Piombo (Pb) La linea rossa indica il valore limite annuale per la protezione della salute: 0.5 g/m.

RIFERI MENTO NORM ATIVO

LIMITE

PERIODO INDICAT VALORE DI SUPERAME DATA PER DI ORE RIFERIME NTI IL RIFERIME STATISTI NTO CONCESSI RISPETTO NTO CO DEL LIMITE

MARGINE DI TOLLERANZA (1)

SOGLIA DI VALUTAZIONE

1999/30/ Valore limite CE giornaliero per la protezione della salute umana 1999/30/ Valore limite CE annuale per la protezione della salute umana

24 ore

media

50 g/m

35 volte/ anno civile

###

25 g/m (50%)

SUPERIO INFERIO SUPERAME RE RE NTI CONCESSI -------

anno civile

media

40 g/m

---

###

8 g/m (20%)

---

---

---

Tabella n. 15: Particelle (PM10) - direttiva in fase di recepimento - fase 1 (1) Il margine di tolleranza la percentuale del valore limite nella cui misura tale valore pu essere superato all'entrata in vigore della direttiva 1999/30/CE, con riduzione percentuale annua costante a partire dal 1 gennaio 2001 per giungere al valore di riferimento entro la data di rispetto del limite.

46

PAR TICO LATOPM10: VALO ELIMITEG R ALIE OPE LA PR TE N D LLA SALU R IO N R R O ZIO E E TE

100 PM10 (g/m) 80 60 40 20 0 entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05 75 70 65

60

55

50

Figura B.5a: Particolato (PM10) La linea rossa indica il valore limite giornaliero per la protezione della salute: 50 g/m.

PAR TICOLATOPM10: VALOR LIMITEAN U E N ALEPE LA PR ZION D LLA SALU R OTE E E TE

80 70 PM10 (g/m) 60 50 40 30 20 10 0 entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05 48 46.4 44.8 43.2

41.6

40

Figura B.5b: Particolato (PM10) La linea rossa indica il valore limite annuale per la protezione della salute: 40 g/m.

47

RIFERI MENTO NORM ATIVO

LIMITE

PERIODO INDICATO VALORE DI SUPERAME DATA PER DI RE RIFERIME NTI IL RIFERIME STATISTIC NTO CONCESSI RISPETTO NTO O DEL LIMITE

MARGINE DI TOLLERANZA (1)

SOGLIA DI VALUTAZIONE

SUPERIO INFERIO SUPERAME RE RE NTI CONCESSI 1999/30/ Valore limite CE giornaliero per la protezione della salute umana 1999/30/ Valore limite CE annuale per la protezione della salute umana 24 ore media 50 g/m 7 volte/ anno civile ### in base ai dati 30 g/m 20 g/m 7 volte/ anno civile

anno civile

media

20 g/m

---

###

10 g/m (50%)

14 g/m

10 g/m

---

Tabella B.16: Particelle (PM10) - direttiva in fase di recepimento - fase 2 (2) (1) Il margine di tolleranza la percentuale del valore limite nella cui misura tale valore pu essere superato all'entrata in vigore della direttiva 1999/30/CE, con riduzione percentuale annua costante a partire dal 1 gennaio 2001 per giungere al valore di riferimento entro la data di rispetto del limite. (2) Valori limite indicativi, che vanno riveduti alla luce delle ulteriori informazioni relative agli effetti sulla salute e sull'ambiente, alla fattibilit tecnica e all'esperienza acquisita nell'applicazione dei valori limite della fase 1 negli Stati membri.

RIFERI MENTO NORMA TIVO

LIMITE

PERIODO INDICATO VALORE DI SUPERAM DATA PER IL MARGINE DI RE RIFERIME ENTI RISPETTO DI RIFERIME STATISTIC NTO CONCESSI DEL LIMITE TOLLERAN NTO O (2) ZA (1)

SOGLIA DI VALUTAZIONE

SUPERIO INFERIO SUPERAMEN RE RE TI CONCESSI 2000/69/ Valore limite CE annuale per la protezione della salute umana anno civile media 5 g/m --### 5 g/m (100%) 3.5 g/m 2 g/m ---

Tabella B.17: Benzene - direttiva in fase di recepimento (1) Il margine di tolleranza la percentuale del valore limite nella cui misura tale valore pu essere superato all'entrata in vigore della direttiva, con riduzione percentuale annua costante a partire dal 1 gennaio 2006 per giungere al valore di riferimento entro la data di rispetto del limite. (2) Costituiscono eccezione le zone e gli agglomerati nei quali stata approvata una proroga limitata nel tempo, conformemente all'articolo 3, paragrafo 2.

48

BENZENE: VALORE LIMITE ANNUALE PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE


12

10
10

9 8

Benzene (g/m)

7 6 5

0 entrata in vigore della direttiva 1-gen-06 1-gen-07 1-gen-08 1-gen-09 1-gen-10

Figura B.6: Benzene La linea rossa indica il Valore limite annuale per la protezione della salute: 5 g/m.

DIRETTIVA 1999/30/CE BIOSSIDO DI ZOLFO: VALORE LIMITE ORARIO PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE Entrata in vigore del valore limite entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05

SO2 (g/m) Valore limite (aumentato del margine di tolleranza) (g/m) 500 470 440 410 380 350

49

DIRETTIVA 1999/30/CE BIOSSIDO DI AZOTO: VALORE LIMITE ORARIO PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE Entrata in vigore del valore limite entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05 1-gen-06 1-gen-07 1-gen-08 1-gen-09 1-gen-10

NO2 (g/m) Valore limite (aumentato del margine di tolleranza) (g/m) 300 290 280 270 260 250 240 230 220 210 200

DIRETTIVA 1999/30/CE BIOSSIDO DI AZOTO: VALORE LIMITE ANNUALE PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE Entrata in vigore del valore limite entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05 1-gen-06 1-gen-07 1-gen-08 1-gen-09 1-gen-10

NO2 (g/m) Valore limite (aumentato del margine di tolleranza) (g/m) 60 58 56 54 52 50 48 46 44 42 40

DIRETTIVA 2000/69/CE MONOSSIDO DI CARBONIO: VALORE LIMITE PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE Entrata in vigore del valore limite entrata in vigore della direttiva 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05

CO (mg/m) Valore limite (aumentato del margine di tolleranza) (g/m) 16 14 12 10

50

DIRETTIVA 1999/30/CE PIOMBO: VALORE LIMITE ANNUALE PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE Entrata in vigore del valore limite entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05

Pb (g/m) Valore limite (aumentato del margine di tolleranza) (g/m) 1.0 0.9 0.8 0.7 0.6 0.5

DIRETTIVA 1999/30/CE PARTICOLATO PM10: VALORE LIMITE GIORNALIERO PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE Entrata in vigore del valore limite entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05

PM10 (g/m) Valore limite (aumentato del margine di tolleranza) (g/m) 75 70 65 60 55 50

DIRETTIVA 1999/30/CE PARTICOLATO PM10: VALORE LIMITE ANNUALE PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE Entrata in vigore del valore limite entrata in vigore della direttiva 1-gen-01 1-gen-02 1-gen-03 1-gen-04 1-gen-05

PM10 (g/m) Valore limite (aumentato del margine di tolleranza) (g/m) 48 46.4 44.8 43.2 41.6 40

51

DIRETTIVA 2000/69/CE BENZENE: VALORE LIMITE ANNUALE PER LA PROTEZIONE DELLA SALUTE Entrata in vigore del valore limite entrata in vigore della direttiva 1-gen-06 1-gen-07 1-gen-08 1-gen-09 1-gen-10

Benzene (g/m)

Valore limite (aumentato del margine di tolleranza) (g/m) 10 9 8 7 6 5

52