Sei sulla pagina 1di 1

Bcl-2 proteina antiapoptotica presentata sui tumori (una delle vie usata per sfuggire al SI) C1 INH proteina

che lega C1 per evitare che leghi Ab C4bp previene lassociazione di C2a e C4b con conseguente formazione di convertasi; cofattore del fattore I CCR7 recettore per citochine presente sulle cellule T naive e T central memory CD1d molecola presentante i glicolipidi alle NKT CD19 corecettore del BCR CD28 recettore su T CD3 molecola del complesso TCR CD40 recettore su B che lega CD40L su T, ha un ruolo nellattivazione dei B CD44V isoforma di CD44 che una proteina che lega lacido ialuronico fissandosi cos ai tessuti CD59 lega C5b, C6, C7 e C8 rubandoli a C9 CD80/86 costimolatori di cellule T che si legano ai recettori CD28 (sono B7.1 e B7.2) CLIP frammento proteico che rimane legato ad MHC in seguito a scissione della catena invariante CR1 previene lassociazione di C2a e C4b con conseguente formazione di convertasi; cofattore del fattore I CR2 corecettore del BCR CSF citochina che stimola la maturazione delle cellule della linea mieloide DAF previene lassociazione di C2a e C4b con conseguente formazione di convertasi FAS recettore che legandosi a FASL media lapoptosi GM-CSF citochina prodotta dai cheratinociti che stimola la produzione di eosinofili e monociti HLA-DM molecola che toglie il frammento CLIP dal sito di legame dellMHC ICAM-1 uno dei principali ligandi di LFA-1 (una delle principali integrine dei T insieme a VLA) IFN e IFN mediano risposta innata verso infezioni virali (stimolazione dellespressione di MHCI) IFN attiva i macrofagi; induce espressione di MHC II; promuove indirettamente CD4+ naiveTh1 IL-2 fattore di crescita per T; citochina di proliferazione per B; principale mediatore per la risposta immune specifica (stimola la proliferazione di T, con produzione di citochine, di B con produzione di Ab e di CTL) IL-4 inibisce CD4+ naiveTh17; principale fattore di crescita dei linfociti B e anche citochina di differenziazione; fattore di differenziazione in Th2; inibizione dellattivazione dei macrofagi IL-5 induce differenziazione dei linfociti B in plasmacellule; citochina di differenziazione per Linfociti B IL-6 stimola CD4+Th17; proinfiammatoria; stimola crescita dei linfociti B IL7 importante per passaggio PRO B-PRE B IL-8 chemiochina che si lega allendotelio e promuove la chemiotassi dei neutrofili IL-10 citochina soppressoria secreta da Treg IL-12 stimola attivazione CTL; stimola la sintesi di IFN da parte di Th1, CTL e NK IL-15 stimola NK nelle risposte innate IL-17 citochina secreta da Th 17 in forma a ed f IL-18 azione sinergica con IL-12 IL-21 citochina secreta da Th 17 IL-23 stimola CD4+Th17 JAK chinasi utilizzate dai recettori di tipo I e II delle citochine Lck protein chinasi associata a coda di CD4 o CD8 e media la fosforilazione di CD3 e LMP-2 e LMP-7 sub unit catalitiche del complesso del proteasoma MASP-1 e MASP-2 proteine che cooperano con MBL per attivare C3 MBL proteina legante il mannosio MCP cofattore del fattore I PIN-1 preforina rilasciata da CD8+ in grado di uccidere le cellule PROTEINA S lega C5b, C6 e C7 evitando che attivino aree non infettate PRR recettori che riconoscono strutture molecolari comuni a molti patogeni STAT proteina che agisce come trasduttore e trascrittore in seguito al legame con una citochina TAP-1 e TAP-2 proteine responsabili del passaggio del peptide antigenico nel citosol TAPA-1 corecettore del BCR TGF- stimola CD4+Th17; citochina prodotta da Treg; citochina di differenziazione per linfociti B; pone fine a risposte immuni ed infiammatorie TGF-1 stimola passaggio CD4+ naive Treg e Tregsoppressione immune TLR un PRR che riconosce patogeni PAMP TNF principale mediatore della risposta infiammatoria TRAIL ligando della famiglia TNF inducente apoptosi