Sei sulla pagina 1di 2

LA MATEMATICA ATTUARIALE La matematica attuariale si occupa della valutazione di capitali legati ad eventi aleatori ai quali sia per possibile

attribuire una probabilit, sulla base di indagini statistiche. In particolare, la matematica attuariale si occupa delle assicurazioni sulla vita. Il nostro codice civile da la seguente definizione di assicurazione: Lassicurazione un contratto nel quale lassicuratore, verso pagamento di un premio, si obbliga a rivalere lassicurato, entro i limiti convenuti, dei danni a lui prodotti da un sinistro, ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana. Nei contratti di assicurazione quindi uno dei contraenti vuole coprire un rischio e laltro accetta, dietro adeguato compenso (premio), di fornire copertura finanziaria nel caso si verifichino gli eventi assicurati. Rispetto alloggetto del contratto lassicurazione
contro i danni

sulla vita

Il programma prevede solo lo studio di assicurazioni sulla vita, con riferimento particolare a tre casi: 1. assicurazione in caso di vita 2. assicurazione in caso di morte 3. assicurazione mista. In un contratto dassicurazione sulla vita si distinguono: lassicuratore, che si impegna a corrispondere le somme concordate al verificarsi di determinati eventi di vita o di morte; il contraente, la persona che stipula il contratto e che si impegna a pagare una o pi somme; il beneficiario, la persona o le persone a cui lassicuratore dovr pagare le somme assicurate al verificarsi dellevento stabilito; lassicurato, la persona la cui esistenza in vita o la cui morte costituisce levento che determina il pagamento da parte dellassicuratore delle somme dovute. Il capitale versato dal contraente allassicurazione si chiama premio, mentre quello che eventualmente lassicuratore verser al beneficiario detto capitale assicurato.

unico se pagato alla stipulazione del contratto

Il premio
periodico se corrisposto in piu rate

La matematica attuariale studia i modelli matematici che permettono il calcolo del premio puro, cime il premio che si determina tenendo conto solo dellimpegno che lassicurato ha nei confronti del beneficiario. Il premio puro poi caricato dallassicurazione per pagare le spese sostenute e per avere un guadagno. Lassicuratore perde o guadagna, a seconda che si verifichi o no levento coperto dallassicurazione. Pertanto unassicurazione, se si prescinde dal suo significato sociale, non altro che un gioco organizzato, dove i due contraenti. Un assicuratore gestisce un gran numero di contratti e quindi se calcola i premi in modo che, rispetto ai capitali assicurati, ciascun contratto di assicurazione abbia le caratteristiche di un gioco equo, nel complesso non dovrebbe avere ne perdite ne guadagni.
Se in un gioco si ha la probabilit p di vincere la somma S, si definisce speranza matematica della somma S il prodotto della somma S per la probabilit p. In generale, se S1, S2, ...Sn sono delle somme (guadagni o perdite) la cui disponibilit legata al verificarsi di n eventi che costituiscono una partizione dellevento certo, si definisce speranza matematica la somma dei prodotti delle Si per le rispettive probabilit. Questo valore non altro che il valore medio della variabile casuale X = guadagno del giocatore, la cui distribuzione X P S1 p1 S2 p2 .... .... Sn pn

pi = 1 La speranza matematica il valore medio: M(X) = S1p1 + S2p2 + ....+ Snpn Un gioco equo se alla fine di molte partite i giocatori antagonisti si trovano circa nelle stesse condizioni di partenza. Un gioco e equo quando la speranza matematica di ciascun giocatore e nulla. In un gioco organizzato, normalmente, per avere diritto a partecipare al gioco si paga una somma prima di iniziare a giocare, quindi le vincite sono vincite lorde. Il prezzo che si paga per partecipare ad un gioco equo organizzato uguale alla speranza matematica della vincita lorda.