Sei sulla pagina 1di 10

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

Capitoli 9, 10. Il vantaggio competitivo e la dinamica concorrenziale Obiettivi:


Definire il concetto di vantaggio competitivo Illustrare la visione per risorse e i requisiti per il vantaggio competitivo Chiarire limpatto competitivo delle dinamiche non concorrenziali

Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese Copyright 2004 EGEA S.p.A.

Sommario
1. Il vantaggio competitivo 2. Le strategie come fonti del vantaggio competitivo
Le strategie di base La catena del valore

3. Le risorse come fonti del vantaggio competitivo


I requisiti dello stock di risorse Le tipologie di risorse

4. Limpatto competitivo della dinamiche non concorrenziali


Le forme delle relazioni cooperative Le fonti del vantaggio competitivo relazionale

5. Conclusioni

Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese Copyright 2004 EGEA S.p.A.

Il vantaggio competitivo
Punto 1 Punto 2 Punto 3 Punto 4 Punto 5

Il vantaggio competitivo la condizione che consente alle imprese una perdurante superiorit dei propri risultati economici Esistono due principali approcci che spiegano lorigine del vantaggio competitivo
Porter
vantaggio competitivo = tipo di strategia

Resource-based view
vantaggio competitivo = caratteristiche delle risorse
Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese Copyright 2004 EGEA S.p.A.

Le strategie come fonti del vantaggio competitivo


Punto 1 Punto 2 Punto 3 Punto 4 Punto 5 Tutto il mercato

Focus: come si ottiene il vantaggio competitivo? Soluzione: perseguendo una delle strategie di base
Fattore competitivo Costo Differenziazione

Leadership di costo

Differenziazione

Ambito di mercato Focalizzazione

Un segmento

Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese Copyright 2004 EGEA S.p.A.

(segue)

Le strategie come fonti del vantaggio competitivo

Punto 1 Punto 2 Punto 3 Punto 4 Punto 5

Le strategie di base sono perseguite introducendo miglioramenti nelle attivit (primarie e secondarie) che limpresa svolge al suo interno Ogni attivit contribuisce alla generazione di valore aggiunto, supportando cos il vantaggio competitivo dellimpresa.
Infrastrutture
ATTIVITA ATTIVITA DI SUPPORTO DI SUPPORTO

Ricerca e sviluppo

Produzione

in entrata

Logistica

Marketing

Logistica

ATTIVITA ATTIVITA PRIMARIE PRIMARIE

e vendite

in uscita

Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese Copyright 2004 EGEA S.p.A.

Servizi

VA LO RE

UN GI AG

TO

Risorse Umane

Le risorse come fonti del vantaggio competitivo


Punto 1 Punto 2 Punto 3 Punto 4 Punto 5

Focus: cosa supporta lesistenza di un vantaggio competitivo? Soluzione: le caratteristiche delle risorse a disposizione dellimpresa e la sua capacit di sfruttarle
Senza valore Risorse Con valore Non scarse Imitabili Scarse Non imitabili Non organizzate Organizzate Meccanismi di sfruttamento
6
SVANTAGGIO COMPETITIVO PARIT COMPETITIVA VANTAGGIO COMPETITIVO TEMPORANEO VANTAGGIO COMPETITIVO SOSTENIBILE VANTAGGIO COMPETITIVO REALIZZATO

Opportunit
Copyright 2004 EGEA S.p.A.

Meccanismi Rendite di isolamento

Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese

(segue)

Le risorse come fonti del vantaggio competitivo

Punto 1 Punto 2 Punto 3 Punto 4 Punto 5

Le risorse che potenzialmente sono in grado di supportare il vantaggio competitivo sono in larga parte immateriali. Risorse di competenza
- tecnologiche - di mercato - Integrative.

Risorse di fiducia
- interna - esterna.

Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese Copyright 2004 EGEA S.p.A.

Le dinamiche non concorrenziali


Punto 1 Punto 2 Punto 3 Punto 4 Punto 5

Teorie e modelli legati al vantaggio competitivo considerano la competizione un gioco a somma zero ove unimpresa guadagna posizioni sul mercato a scapito di altri attori economici
in senso orizzontale (i concorrenti) in senso verticale (i fornitori o i distributori)

Recentemente gli studi di management hanno analizzato anche gli effetti competitivi di:
comportamenti cooperativi, cio quelle strategie messe in atto non contro qualcuno ma assieme a qualcuno per ottenere mutui vantaggi comportamenti di tipo sociale, volti ad ottenere legittimit presso cittadini ed istituzioni.
Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese Copyright 2004 EGEA S.p.A.

Limpatto competitivo della cooperazione


Punto 1 Punto 2 Punto 3 Punto 4 Punto 5
RELAZIONI DEBOLI RELAZIONI FORTI

Il vantaggio competitivo relazionale pu essere perseguito attraverso diverse forme di accordo e di cooperazione. Tali forme, a partire dalle teorie sui costi di transazione, si possono identificare come alternative e intermedie a mercato e gerarchia.

Associazioni Alleanze Network Consorzi Joint Incrocio ventures stabili amministratori categoria

Puro scambio
Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese Copyright 2004 EGEA S.p.A.

Acquisizioni Fusioni
9

Conclusioni
Punto 1 Punto 2 Punto 3 Punto 4 Punto 5

Il vantaggio competitivo pu essere individuato come la conseguenza del possesso di risorse con determinate caratteristiche
Competenze Tecnologiche Di mercato Integrative Fiducia Interna Esterna Con valore Scarse Non imitabili Organizzate

VANTAGGIO COMPETITIVO

Copyright 2004 Sergio Pivato, Nicola Misani, Andrea Ordanini, Francesco Perrini, Economia e gestione delle imprese Copyright 2004 EGEA S.p.A.

Il vantaggio competitivo pu essere realizzato sul mercato attraverso ladozione di una strategia di costo, differenziazione o nicchia Le dinamiche non concorrenziali, quali la cooperazione e i comportamenti sociali hanno implicazioni competitive
10

Potrebbero piacerti anche