Sei sulla pagina 1di 148

UNIVERSITDEGLISTUDIDIPARMA

FACOLTDIPSICOLOGIA CORSODILAUREAINPSICOLOGIADELLOSVILUPPO: PROCESSIECONTESTIEDUCATIVI,SOCIALIECLINICI

COMUNITDIFAMIGLIEERELAZIONI.

Studiodiuncontestofamiliareallargato.

Relatore: Chir.maProf.ssaLAURAFRUGGERI Correlatore Chiar.maProf.ssaADACIGALA Laureando: FRANCESCONERI

ANNOACCADEMICO20092010

COMUNITDIFAMIGLIEERELAZIONI.

Studiodiuncontestofamiliareallargato.

"L'uomochediovuolperderenellalottaperlavita, primaloindividualizza" (H.Ibsen)

Questatesistatastampatasucartariciclata(80%)eprovenientedaforestegestiteinmaniera correttaeresponsabilesecondorigorosistandardambientali,socialiedeconomici.

Indice 0.Introduzione 1.Prospettivateorica. 1.1.Uncontestofamiliareallargato:lecomunitdifamiglie. 2.Ricerchepsicosociali. 2.1.Lefamigliesiaggregano:diversetipologiecomunitarie. 2.2.LecomunitdiFamiglie. 2.3.Interfacce:identitinrelazione. 3.Laricercaempirica:metodologia 3.1.Obiettividellaricerca 3.2.Tecnichedirilevazionedeidati 3.3.Ilcampione 4.Laricercaempirica:percorsidianalisi 4.1.Areediinteresse. 4.2.Relazioniintime 4.3.Famiglia 4.4.Amicizia. 4.5.Amicizievirtuali. 4.6.Lavoro. 4.7.Progettareilfuturo. 4.8.Rapportoconl'autorit 4.9.Percezionedell'immigrazioneestereotipidigenere. 5.Conclusioni 6.Bibliografia Appendice 5 6 8 12 15 15 18 29 36 36 37 39 43 43 45 61 68 90 102 115 122 127 128 135

Introduzione.

Iltemachesiintendeaffrontareinquestasedequellodeicontestifamiliariallargati:in particolare,diunarealtabbastanzapeculiarechecontraddistingueilpanoramaItaliano, quelladellecomunitdifamiglie.Lacuriositnataperilforteinteressepersonale relativo all'idea di vivereinsieme ad altre persone,ed in particolaresi esplicitato nell'interrogativorispettoacolorochesonocresciutiinunambientecomequesto:che caratteristichehaunapersonachecresciutainuncontestopiampioericcodiuna famiglianucleare?Inchecosadifferisce,esattamente? Questolavorocostituisceancheunapprofondimentodellaricercaesplorativacondotta daGiancaterino(2009):nelnostrocasosisceltodiporrel'attenzioneinparticolare sullasferarelazionalediquestiragazzi.Sitrattadiunambitopressochinesplorato,se siescludonoalcunericerche,spessopiuttostodatate,sulkibbutz(cfr.Bettelheim,1969) osullecomuniamericane(cfr.Francescato,1975). PersvilupparelaricercasifattoriferimentoalcostruttodiByngHall(1995),cheha introdottol'ideadifamigliacomebasesicura,intesacomeretedirelazioniaffidabilie significativeperlapersona.statocospossibilestudiarelacomunitdifamigliein quantobasesicura.Perfarlo,sidecisodicostruireun'intervista(inseritainappendice) che,grazieadomandebasateinbuonapartesutecnicheopache(Bruschi,1999),ha consentito di indagare in profondit diversi aspetti della vita relazionale di queste persone. Ilpercorsoteoricochestaallabasediquestaricercavieneaffrontatonelprimocapitolo. Siavrmododitracciareunabrevepanoramicasull'attaccamentoesullasuaevoluzione, indirezionediunallargamentodellepersoneedeicontestiimplicati,finoaconsiderare l'estensionedellabasesicuraaldildelcontestofamiliare;verrannopresentativari contributichehannocontribuitoadallargareilfocusrispettoalcontestodisviluppo. Infine, verr presentata una breve descrizione del fenomeno comunitario al fine di contestualizzarelecomunitdifamiglie. Nelsecondocapitolovengonodescrittelepirecentiricerchesultemadellecomunit, attraversoicontributiditrelavorichesisonooccupatidell'argomento;talerassegna permetterdiinquadrareinotticapsicosocialelerealtcomunitarie.IllavorodiRovesti

permettedidelineareinmanierapispecificalecaratteristichedellecomunitefornisce un'utile categorizzazione; Bramanti invece offre un'ampia analisi di taglio pi sociologico,cheattraversalecomunitfocalizzandosisugliaspettipeculiaridiqueste realt,focalizzandosisoprattuttosultemadell'accoglienza,oltrechedelledinamicheche hanno luogo all'interno delle singole famiglie; in ultimo, il lavoro di Giancaterino costituisce,comegidetto,unprimoimportantepassonelladirezionedicomprendere qualisianolespecificitdeiragazziedelleragazzecresciutinellecomunitdifamiglie. Nelterzocapitolovieneinveceintrodottaepresentatalaricercaoggettodelpresente lavoro; verranno qui descritti gli obiettivi, le modalit con cui stata costruita l'intervistaecomesonostatiraccoltiidati,oltrechelecaratteristichedeiduecampioni. L'analisideidatioccupatuttoilquartocapitolo:quiverrannopresentatiirisultatiemersi nelle differenti aree tematiche individuate, che corrispondono ai principali ambiti relazionalidellapersonasucuicisifocalizzati:lerelazioniintime,lafamiglia,le relazioni amicali, l'ambito delle amicizie virtuali, il lavoro, la progettualit, ed il rapporto con l'autorit. Inoltre, per cercare conferma dei dati emersi nel lavoro di Giancaterino,sisceltodiinseriredueitemsrivoltiasondareglistereotipidigeneree rispettoall'immigrazione. Infine,ilquintoedultimocapitoloproponeunasintesideidatiemersicorredaticon alcuneriflessioni.

1.Prospettivateorica.
Loscopochestaallabasedelpresentelavoroquellodistudiarecontestifamiliari allargati e i loro possibili effetti sullo sviluppo dei figli. In particolare, il modello propostodaByngHall(1995),secondoilqualelafunzionedibasesicurapuessere svoltadallafamigliainquantoreteaffidabiledifigured'attaccamento,statoapplicato aduncontestofamiliareallargatospecifico,qualelecomunitdifamiglie.Questerealt rappresentanoinfatticontesticaratterizzatidaunaretedifigurediriferimentopiricca enumerosadiunafamiglianucleare;quindiinteressanteanalizzareinchemodouna base sicura pi ampia e complessa interagisce con la crescita della persona e ne influenzagliesiti. Ilpercorsoteoricopercilegatoall'evoluzionedelconcettodibasesicura,ilquale, comesiavrmododidimostrare,simodificatoneltemporelativamenteallepersone edaicontesticoinvolti.EssovennepropostoinizialmentedaBowlby(1951)all'interno dellateoriadell'attaccamento,estudiatosuccessivamentedallaAinsworth(Ainsworthe al., 1978). Secondo questa formulazione la base sicura nasce dalla relazione di attaccamentodelbambinoconlamadre,opiingeneraleconlafiguracheseneprende cura:sequestarelazionesufficientementesicura,grazieaduncaregiversensibilee responsivo(Belsky,Rosenberg,Crnic,1999),allorailbambinoingradodiesplorare l'ambientecircostante.Sonoquattroisistemicomportamentalicheinteragisconocon quellod'attaccamento:oltrealsistemad'esplorazione,troviamoquellodiregolazione dellapaura,quellod'accudimentoe,infine,ilsistemacomportamentaled'affiliazione. Quest'ultimo,inparticolare,spingel'individuoacercaredimantenerelavicinanzacon le altre persone, anche in assenza di un legame d'attaccamento con esse (Cassibba, 2003).Aquestopuntoopportunointrodurreilconcettodimodellioperativiinterni (Bowlby, 1969), ovvero le rappresentazioni che la persona costruisce a partire dalle esperienzediinterazionepirilevantecolmondofisicoesociale.Imodellipermettono all'individuo di percepire e interpretare gli eventi, prevedere le situazioni future e costruire piani d'azione (Cassibba, 2003). Questo, in termini relazionali, si traduce nellapossibilitdistrutturareunsistemaconlafunzionediregolareleinterazioniegli scambiinterpersonali,ovverochepermettadifareprevisioniecrearsiaspettativesugli accadimenti della propria vita relazionale. Le caratteristiche di questo sistema 8

dipendono dalla figura di attaccamento, che, una volta interiorizzata, riveste un'importanzafondamentalelungol'interocorsodellavita.Essapermetteallapersona di sviluppare la consapevolezza che in ogni circostanza esista la possibilit di fare riferimento a qualcuno in grado di trasmettere sicurezza e fiducia, rinforzando l'autonomia(ByngHall,1995).BenchfulostessoBowlbyasostenerecheinrealtla famiglia,garantendorelazionidicuraeattaccamentomolteplici,arappresentarel'unit socialedibaseperl'attaccamento(Marvin,Stewart,1999),graziealcontributodialtri autorichestatopossibileestendereilfocusoltreladiade. Inparticolare,unimportantepassoavantistatocompiutograzieaglistudidi Byng Hall, chehaintrodottol'ideadiuncontestodiattaccamentopiallargato,composto dallamolteplicitdifigurediriferimento:l'ambitofamiliare.Nonpilamadrea ricoprire il ruolo di base sicura per il bambino, ma la famiglia che viene vista integralmentecomestrutturacomplessacapacedioffrirequelsostegnonecessarioperla crescitaeilcambiamento.Essafornisceunareteabbastanzaaffidabiledirelazioni dattaccamentocheconsentonoatuttiimembridellafamiglia,aqualsiasiet,disentirsi abbastanzasicuridaspingersiadesplorarelerelazionichevisonotradiloroequelle chehannoinstauratoallesternodellafamiglia(ByngHall,1995,pp.139).Lasicurezza el'autonomia,intesacomelacapacitdiallontanarsidalcontestod'appartenenza,si pongonoquindiindirettaconnessioneconledinamichedellaretefamiliare.Oltreal rapportodirettoconpersoneaffidabili,chepermettealbambinodiriceverecuraed attenzione,lafunzionedibasesicuraemergeancheallivellodellerelazioniesistentitra glialtricomponentidellafamiglia:selanaturadelrapportotragliadulticollaborativa eorientataallacondivisioneallorapucrearsiunaresponsabilitcondivisatratuttii membri. Epropriograzieaquestaresponsabilitcondivisailbambinopuricevere attenzione e sostegno in ogni momento, poich le diverse figure di riferimento si supportano reciprocamente ediventanoquindi unelementodi aiutol'unoperl'altro (Bastianoni, Fruggeri, 2005; ByngHall, 2005). Oltre ad assolvere alla funzione protettiva, intesa qui come cura dei bisogni, sostegno, aiuto e difesa da eventuali minacce,lafamigliadeveassumersiilcompitodelcontenimento:fornendounorizzonte normativo,egarantendoneilrispetto,lafamigliaaiutaifigliadacquisireunatolleranza alle frustrazioni e alle sofferenze necessaria per far fronte ai compiti della vita (PietropolliCharmet,2000;Bastianoni,Fruggeri,2005). 9

Mapossibileestenderealdildellafamiglial'ideadibasesicura?Alcuniautori(van IJzendoorn,Sagi,Lambermon,1999)hannostudiato,inOlandaedIsraele,situazionidi caretakermultiplo,ossiadovequestoruolovenivasvoltosiadaigenitorichedaaltre figurenongenitoriali.Laricercainparticolarerivoltaadanalizzarelapresenza(ela natura) dell'attaccamentobambinocaregivernonmaterno,elarelazioneesistentetrai differentilegamidiattaccamentochesicreanoconledifferentifigure(lamadre,il padre,eilcaregiverprofessionale).Questostudiononfariferimentoalsistemafamiliare come base sicura, ma si rivolge alla relazione esistente tra i vari rapporti diadici, adottandoperciunaprospettivamultidiadica;epurappresentareunprimosguardoal di l dei confini familiari per quanto riguarda gli attaccamenti multipli. Vengono ipotizzate quattro diverse possibilit: se solamente una sola figura ad essere significativa,mentrelealtrehannounruolomarginaleinterminidiattaccamento,allora siparladimonotropia.Ilmodellogerarchicodescriveinvecequeicasiincui,oltrealla figura di attaccamento privilegiata, gli altri caregiver possono esseri considerati elementi sussidiari quando sia assente la figura d'attaccamento principale. Il terzo modelloquellodell'indipendenza,esiriferiscealcasoincuil'infantehasviluppatoun attaccamentoapicaregivertralorodistinti:ognunodiessi,apattodiaverinteragito perunperiodosufficienteconilbambino,sviluppacosunlegamediattaccamento sicuro all'interno di uno specifico dominio, e solo in quello. L'ultima modalit considerata nello studio quella dell'integrazione: una rete formata da tre figure d'attaccamentosicaratterizzainquestosensoquandogliattaccamentisicurisonoin gradodicompensarequelliinsicuri.Senzascendereulteriormenteneiparticolari,pu essereinteressantealfinedellaricercaevidenziarequalisianoirisultatiemersidallo studio. Gli autori sottolineano come il funzionamento cognitivo e socioemotivo dei bambini (comportamento autonomo, flessibilit dell'io, autocontrollo, empatia) siano correlaticonilnetworkdiattaccamentoesteso,chefariferimentoalleterzaeallaquarta ipotesi(indipendenzaeintegrazione).Piesattamente,sembrachenonsianolesingole relazioni tra il bambino ed i diversi caregiver ad essere significative, quanto la combinazionetradiesse.Pursottolineandolanecessitdiulterioriricercheariguardo, gliautoricomunqueaffermanocheilbambinosembratrarremaggiorvantaggiodatre relazionisicureorganizzatesecondounmodellointegrato.

10

Vi sonopoialtriautoriche,partendodadiverseprospettiveteoriche,hannofornito ulteriori conferme all'idea che il processo di sviluppo del bambino non avvenga unicamenteinrelazioneallafiguramaterna,machesiainstrettarelazioneconaltre personeocontestiimportanti. Bronfenbrenner (1979), all'interno della prospettiva ecologica, considera l'intero contestoincuisisviluppal'individuo,eponeilcaregiverinrelazioneadaltricontestidi sviluppo che il bambino non sperimenta direttamente. I diversi livelli che l'autore descrive vengono rappresentati come una serie di cerchi concentrici inclusi l'uno nell'altro, con al centro l'individuo, e l'accento viene posto non su ci che avviene all'internodeidifferentilivelli,masullerelazionichesisviluppanotradiessi.Oltreal primolivello,cheincludetutteleattivit,iruolielerelazionichelapersonasperimenta direttamente,visonoaltritrecontestipiesterni.Ilsecondocomprendelerelazionitrai differenticontestidicuil'individuohaconoscenzadiretta,mentreilterzofariferimento agli eventi che, pur avendo influenza sullo sviluppo della persona, avvengono in ambientichel'individuononsperimentadirettamente;illivellopiampiodescrivela strutturadeidifferenticontestichecostituisconounadeterminatasociet.Ladiade,in questoquadro,rappresentauncontestodisviluppofondamentaleperl'individuo,mala suaefficaciadipendedallapresenzaedallapartecipazionediterzepersone,epiin generale dalle interconnessioni sociali tra diverse situazioni e dalla natura di tali interconnessioni. AnchesecondoFivazDepeursingeeCorbozWarnery(2000)fareriferimentoalladiade madrebambino era insufficiente a descrivere in maniera esaustiva i processi che andavano a determinare la struttura ed il funzionamento della famiglia. Venne cos introdottonelcampodistudioilpadreo,piesattamente,lafiguracheinsiemealla madre ealfiglioandavaaformareilcontestofamiliare,consideratocomeunit:la famiglia,intalcaso,venivaconsiderataedanalizzatanellasuatotalit,enoncome semplicesommadidiadi.Lacondizionefondamentaleaffinchlerelazioniconglialtri familiarivenganomantenutel'intersoggettivit,ossiaquelprocessoattraversoilqualei componentidellafamigliacondividonoipropristatiinterni.Sipossonoevidenziaretre presuppostiallabasediquestoconcetto:inprimoluogoladefinizionetriangolaredi ogni contesto in cui viene svolta la funzione genitoriale, che non si risolve nella relazionediunsologenitoreconilfigliomapresupponesemprelapresenzadi una 11

terza figura (l'altro genitore, uno dei nonni, etc.), delineando cos un triangolo. Secondariamente,lacaratteristicamultipersonaledelcontestodisviluppo,ossiala costante presenza di molteplici persone nei diversi ambiti di cui il bambino fa esperienza.Inultimo,l'adozionediquestaprospettivaattribuiscealbambinoabilitpi complessediquelledefinibilitriadiche(ossiachepermettonol'interazioneconun'altra personariferendosiadunoggetto):quilacompetenzaditipotriangolare,cioquella chepermettedigestiresituazioniinterattiveconaltreduepersone(Fruggeri,2005).Un quesitoimportanteaquestopuntoriguardalemodalitincuisistrutturanoleabilit relazionalinelbambino:FivazDepeursingeeCorbozWarnerysichiedonoseinrealt lacapacitdigestionetriangolarevengasviluppataparallelamenteaquelladiadica,e noninunsecondomomento.Inaltritermini,vienemessaindiscussionel'ideacheesista un percorsodefinitocheportadalladiadeallatriade,esiintroducel'ipotesichela competenzatriangolare(Trevarthen,1998)possacostituireunaparteintegrantedellapi generale motivazione verso le persone. In effetti, fino a che non stato possibile costruiredisegnisperimentalichepermettesserodivederequestarealt,essanon stataoggettodiattenzione.Senzaentrareneiparticolaridiquestaricerca,importante rilevarechelostrumentomessoapuntodalleautricipermettedistudiarelafamigliaad unlivellodimaggiorcomplessit:itremembrisonopostiaiverticidiuntriangoloe l'attenzione dell'osservatore rivolta sia al tipo di alleanza familiare che viene strutturata(ossiaacomelafamigliaoperainsieme)siaallemodalitconcuilatriade gestisce le transizioni tra le diverse configurazioni possibili. Il buon esito di questi processirendepossibilel'interiorizzazionedell'esperienzatriadica,cheprefigurala possibilitdimoltiplicareicontestidirelazione:seleesperienzeinterattivevengono interiorizzate esse permangono al di l della copresenza degli attori. Viene cos garantita la continuit dei legami e il soggetto ha la possibilit di esplorare il coinvolgimentoinnuovicontestirelazionali(Fruggeri,2005).

1.1.Uncontestofamiliareallargato:lecomunitdifamiglie. Lecomunitdifamiglie,insiemeallecomuni,sonoesperienzenateneglianni'70in seguitoalperiododellacontestazionegiovanile,chevideladiffusionediunpensierodi sinistracriticoeradicale,ispiratoagliautoridellascuoladiFrancoforte,oltrecheal 12

marxismoealfemminismo(Horkheimer,1974;Engels,1970;Marcuse,1976;Millet, 1969). Le esperienze di vita comunitaria in realt contraddistinguono la societ occidentalesindalIIsecoloa.C.edhannoassunto,nelcorsodeltempo,caratteristiche specificheemolteplici.Perquantoriguardaunapossibilestoriadelvivereincomune, possibile far riferimento a Olivares (2003) e Omacini (2003). In questa sede ci si focalizzersullanascita,losviluppoelecaratteristichedellecomunitdifamiglie. Durantegliannidellacontestazionelaprotestasirivolseall'interasociet:lafamiglia borghesesidelineavacomeunluogodiingiustiziaedioppressioneincuiilpotere autoritariogarantivalaperpetuazionedeivaloriconservatori;unaforzaeducativache, attraversolariproduzionedeicaratterichelavitasocialeesige,fornisceun'attitudineal comportamento autoritario (Horkheimer, 1974). Gli esempi di vita comunitaria si configurarono quindi come progetti politici alternativi alla famiglia monogamica tradizionale,ispirandosiagliidealidiparitsessualenell'otticadiunsuperamentodei ruolidigeneretradizionali,delrifiutodell'autorit,delrinnegamentodellafamigliadi origine,econl'obiettivodisperimentareunadiversaorganizzazionesocioeconomicae la partecipazione collettiva ai processi decisionali (Francescato, 1975). Alcune dell'esperienza iniziate allora sono proseguite nel tempo; in quelle attuali spesso previstounospazioprivatoperlerelazioniintime,elafamigliahaassuntounruolopi marcatorispettoall'educazionedeifigli(Vignali,2007;Olivares,2003).interessante notare come questi cambiamenti sembrino rafforzare l'idea che questi laboratori di risocializzazionevolontariafosseroinoriginecaratterizzatidafortitensioniemotive, gestibili solo grazie a meccanismi (valori e norme) che devono essere decisamente chiariedefiniti(Campanini,Donati,1980;Bramanti,2009). Il movimento di contestazione degli anni '70 ebbe degli importanti effetti anche all'internodellaChiesa,laqualesitrovavainunperiododiforterinnovamentointerno ancheaseguitodeicontenutipromossidalConcilioVaticanoII.Laconcomitanzadi questiduefenomenihafattoschenelnostroPaeseleesperienzecomunitariedimatrice religiosa costituiscano una realt importante, oltre che alcune tra le esperienze pi durevoli.Traendoispirazionedalcristianesimodelleorigini,egraziealcontributodi alcune figure significative, nacquero numerose esperienze che tentavano di vivere secondo questi insegnamenti, in opposizione ai modelli culturali dominanti, sperimentandonuovemodalitdirapportotralepersoneemettendoinprimopiano 13

l'attenzioneagliultimi(Bramanti,2009).Lacaratteristicaspecificadiquesteesperienze ladiversaimportanzaattribuitaallacoppia:essarappresental'unitdibasedellavita incomune,elementoprimarioefondamentalepercostituirelemacrofamiglie,ovvero contesti dove sperimentare una socialit pi ampia a condizione di rispettare e mantenerelospazionecessarioallavitadicoppia(Omacini,2003).Lavitaincomune, necessitandouncostanteconfrontoconproblematicitdivariotipo,rappresentauna possibilitdiarricchimentoperlapersonaeperlacoppia,econtemporaneamenteun risorsaedunsostegno.Ivalorichesipossonotrovareallabasediquestecomunitsono lasolidariet,lasobrietnellostiledivita,lagratuitelamutuadisponibilitela condivisione;spessononmancaunamatriceditiporeligioso,piomenomarcata,che costituisceunaguidaperleattivitel'orientamentodellacomunit. I rapporti con l'esterno sono quasi sempre ritenuti fondamentali e vengono perci valorizzati; solitamente si tratta di attivit di accoglienza verso minori o adulti in difficolt, chespessosignifica anche la possibilit di strutturareun rapporto con le istituzioni,odiattivitdivarianaturainsinergiaconentiedassociazionisulterritorio. Inoltre, poich la scelta dell'attivit lavorativa dei membri libera, in linea con le proprieaspirazioniecapacit(tenendoinconsiderazionelenecessitdellacomunit),si pu trattare di mansioni esterne alla comunit, che possono portare a costituire cooperativeincuioperanoaltricomponentidellacomunitstessa(Bramanti,2009). Lacomunitdifamiglie,inquantocontestodovesperimentareunasocialitpiampia, statastudiatacomesistemacomplessoalcuiinternopossibilesviluppareunaretedi relazioniordinatenoncompletamentecomprensibilialdifuoridiquelcontesto(Marvin, Stewart, 1999). Grazie al lavoro di Giancaterino (2009), si evidenziato come la comunitpossaoffrireuninsiemedifiguresignificativealivelloaffettivo:nellaloro compresenza,essepermettonounasimultaneitdirelazionieduncontinuointerscambio traesse,rendendoilcontestorelazionalepiriccoedinamico.Unambientedove possibilecostruireeridefinirecontinuamenteirapporticheleganolapersonaaglialtri membridellacomunit.

14

2.Ricerchepsicosociali.
2.1.Lefamigliesiaggregano:diversetipologiecomunitarie. LaprimaricercapresentatainquestarassegnateoricaquelladiRovesti(2005),volta ad analizzare le diverse tipologie di comunit di famiglie esistenti sul territorio. Partendo da una prospettiva psicosociale, il focus rivolto agli aspetti strutturali e funzionalichecaratterizzanoquestecomunit.Essevengonoinquadrateall'internodel piampiofenomenodell'associazionismofamiliare,chequirappresentalapielevata espressioneprosocialedellafamiglia.Inquestocasoper,oltreaperseguireunobiettivo attraversol'impegnocomune,idiversinucleifamiliariscelgonodicondividerelospazio abitativoepartedellavitaquotidiana. Illavoroiniziaconlapresentazionedelquadrostoricodiriferimento,quibrevemente accennato.Inparticolare,l'accentovienepostosullamolteplicitdelleformefamiliari esistenti:questavarietdipendedanumerosifattoricheinfluenzanolemodalitincuila famigliasiorganizza,lastrutturacheessaarrivaadassumereelefunzionichesvolge. Unprimoelementochecontribuiscearenderevariegatoquestopanoramacostituito dall'organizzazione sociale di una determinata epoca storica; vi poi il particolare contestoculturaleacuisifariferimento,che,asecondadicomeorganizzalefunzionie iruoliall'internodelcontestofamiliare,tendeamodificarneladefinizionedominante. Infine,ancheall'internodellastessacorniceculturalesipossonoindividuarenumerose forme familiari, oltre aquella nucleare: l'autrice cita in particolare le modificazioni avvenuteapartiredaglianni'60neipaesioccidentali(Calanca,2004).Allaluceditutto questo,vienesottolineatocomesisiapassatidallaconcezionedifamiglia,vistacome unico modello a cui far riferimento, a quella di famiglie, che presuppone una prospettiva pluralista, sostituendo al modello normativo quello della differenza (Fruggeri,2005).apartiredaquesteconsiderazionichelacomunitdifamigliepu esserestudiataapartiredallasuastrutturaedallefunzionifamiliariacuiassolve.Un ulterioreaspettoteoricodasottolinearel'adozionediunaprospettivasistemica,che vedelafamigliacomeunsistemachedipendedadueprocessi:ilprimolegatoalla capacitdiinterconnetterelacoesionedelgruppoel'autonomiadeisingolicomponenti, ilsecondoinvecesibasasull'equilibriotrastabilitetendenzealcambiamento.Infine l'autrice,riflettendosulconcettodiconfinecomeelementochesepara,mettel'accento 15

sullepossibilitcheessooffrediconnettere,dimettereinrelazionedueentit:apartire dataleprospettivaverrannoancheanalizzatiirapportichelecomunitintrattengono conl'esterno,ovverolarealtsocialepiampia. Apartiredaunaprimaindagineesplorativa,chehainteressatotrentanovecomunit,e che ha permesso di descriverne gli aspetti organizzativi e strutturali, sono state poi individuatealcunedimensioniutiliafaremergerequattrodiversetipologie.Laprima dimensionetrovataditipostrutturale,edrelativaalgradodiaperturaochiusuradei confini, dei ruoli, delle gerarchie e delle norme in base alle quali le comunit si organizzano. Questa distinzione ci permette di mettere in luce due modalit di configurarsi:lecomunitcentripete,conrigidiconfinisiatrainucleifamigliariverso l'esterno, e un grado di fiducia che tende a favorire l'intragruppo; al contrario, le comunit centrifughe hanno confini labili sia all'interno che all'esterno, ed una propensioneversolerelazioniextranucleari.L'altradimensioneindividuatarelativa agli aspetti motivazionali, e fa riferimento al tipo di prosocialit espressa dalla comunit,ovveroaltipodiorientamentochelacaratterizza.Lerealtcomunitariechesi rivolgonoall'esternohannocomeobiettivoprimariolasolidarietsociale,mentrequelle aprosocialitinternasifocalizzanomaggiormentesulleproprieaspettativeebisogni.Al dildiquestadistinzione,opportunorilevarechelamaggiorpartedellecomunit studiatesiorientaversoentrambeledirezioni,sottolineandocoscomeledueformedi prosocialitrappresentinoinrealtaspetticorrelatireciprocamente.Facendoriferimento a queste due dimensioni, vengono individuate quattro tipologie di comunit, che vengono descritte analizzando molteplici aspetti: la definizione dei confini, la regolazione della vicinanza/distanza interpersonale, la definizione di status, ruoli e gerarchia,lagestionedelruologenitoriale,iconflittidilealtegestionedeiconflitti. Verrannoorabrevementeesposteletipologieemerse. Laprimatipologia,lefamigliedifamiglie,orientataversounchiaroimpegnonel sociale, e si caratterizza per un alto grado permeabilit dei suoi confini, sia verso l'esterno che fra i nuclei che la compongono. L'organizzazione non prevede una gerarchianruoliprestabiliti,l'interessecollettivosolitamenteantepostoaquellodi coppia,l'educazionedeifigliinbuonapartecondivisa,elagestionedeldenarosibasa sull'utilizzodiunacassacomune.Nonsiregistranoparticolariconflittidilealt,poich si tendono a conciliare le necessit di coppia con quelle comunitarie, e i conflitti 16

vengonogestitiinmanieraflessibileericorrendoprevalentementeallanegoziazione. Lasecondatipologia,inucleifamiliariinterconnessieorientatialpropriobenessere, sicontraddistingueperunamaggiorerigiditdeiconfini(interniedesterni).Leesigenze familiari sono pi importanti di quelle comunitarie, e l'educazione dei figli spetta prevalentemente ai genitori, mentre la comunit ha prevalentemente un ruolo di sostegno,funzionalealbenesseredeinucleifamiliari.Solamenteledecisionicollettive vengonopresefacendoriferimentoallacomunit,mentreperquellecheriguardanoi singolinucleiviunacompletaautonomiadapartedellefamiglie.Lacassacomune riguardasololefinanzecollettiveedgestitadaunmembromentreperlapropria gestioneeconomicalefamigliesonoautonome. Unaltratipologiaquelladeinucleifamiliariinunrapportodiinterscambioorientato all'amicizia.Anchequiiconfinitrainucleieconl'esternosonopiuttostomarcati,eai membri richiesto di conciliare le esigenze di intimit ed indipendenza (il polo dell'autonomia)equelledellavitacollettiva(polocoesione),eatalfinegliambitidi intervento sono delineati stabilendo spazi, confini e bisogni. L'educazione dei figli spetta anche in questo caso alla coppia, che ha il primato decisionale rispetto alla comunit.Lesoledecisionipresealivellocollettivosonoquellecheriguardanogli ambitidicondivisionecomunitaria.Inquestatipologialadimensionecomunitariasi basa sul rapporto di amicizia e sul desiderio di condivisione dei membri, e ha prevalentementefunzionedisupportoversoisingolinuclei. Infine,lefamiglieinterdipendentinellacondivisionedeivalorisicaratterizzanoper confiniapertisiaall'internocheconl'esterno;leesigenzecollettiveprevalgonosuquelle private,ec'unrapportoradicatoconentipubblicioaltrefamiglieecomunit.Illivello comunitario ha un influenza piuttosto significativa sulla la vita familiare e sulle decisionipresealsuointerno,anchesel'eventualeaiutodapartedellacollettivitsi attuasoloquandolafamigliaarichiederlo;inoltresiregistraunriccoconfrontofrai diversi nuclei. La necessit di un equilibrio fra il grado di attenzione rivolto alla comunitequellorivoltoallafamigliasimanifestasoprattuttodavantialbisognodi vivereunrapportoprivilegiatoconifigli.Lagestionedeicontrastisiaffidaamodalit dirisoluzionecooperative,anchemediantel'utilizzodiunreferenteaffettivo.Viun discretogradodistrutturazionesiaperquantoriguardalapresadidecisioni(attraverso riunioniacadenzaregolare)siaperl'organizzazionedellemansioni. 17

2.2.LecomunitdiFamiglie. C'unarecentericercasullecomunitdifamiglie,adoperadiBramanti(2009).Oltrea tracciareunamappaturadellevarierealtsulterritorioitaliano,l'obiettivodellavoro proporreelementiinterpretativiperindividuareedescriverelepossibilitgenerativedel socialediquestecomunit.Lapossibilitdiessererisorsapositivaperlasocietrisiede o dovrebbe risiedere nelle famiglie, e le esperienze comunitarie costituiscono, secondol'autrice,unambitoprivilegiatoedesemplareperanalizzarequestadinamica. In esse infatti questa capacit amplificata grazie al meccanismo del dono, che caratterizza in questo caso un area relazionale pi estesa (la comunit) e, contemporaneamente,laretedicondivisionechelegafraloroidiversinucleipermette diaffrontarequestasfidaconmaggioririsorse. Dopounbreveexcursusincuivienedescrittal'originediquesterealtcomunitarie, l'autricepassaadescrivereilmetodoutilizzatoperlaricerca,presentandoleipotesiche laguidano.Ilprimoriferimentolaprospettivarelazionale,introdottadaDonati(2006) per lo studio della famiglia: quest'ultima viene definita come una relazione sociale basica che si struttura a partire da tre dimensioni, intrecciate tra di loro: l'asse referenziale,quellostrutturaleequellogenerativo.Apartiredaquestielementil'autrice introducelanozionedigenomadelfamiliare,chefariferimentoall'ideadiidentit sociale specie specifica (Bramanti, 2009) della famiglia, ed basato su quattro elementilegatifraloro:ildono,lareciprocit,lagenerativitelasessualitcomeamore coniugale.Ilprimointerrogativonascerispettoaltemadellagenerativit:l'eccedenza generativa che si produce in queste forme familiari non riducibile alla categoria dell'azionevolontaristicadell'accoglienza,mafaprobabilmenteriferimentoadunmodo differentediintenderel'intrecciotraiquattroelementichecompongonoilgenoma.Le modalitdiintendereestrutturarelacoppia,lafamigliaelagenitorialitcomportanoun allargamentodeiconfinidelbenerelazionale,chediventapercidisponibileefruibile perunnumeromaggioredipersone. Lasecondaipotesinascedall'analisidelledinamichecheportanoalcostituirsidelle comunit.Vienesottolineatalacaratteristicadiliberaazionedapartedichiscegliedi aderireaformecomunitarie,all'internodiuncontestocheinvececheproponemodelli chevannoindirezioneopposta,all'insegnadellaleggerezzaedell'instabilit.Lepersone chescelgonoquestasoluzionesonoallaricercadiunluogodovepoterdarvitaaquesto 18

ideale,eche,contemporaneamente,permettalorodidargliforzaelasciarlocresceree svilupparsi(Archer,2006).L'autricevuoleevidenziarechenellasocietesisteancora(o forse non mai scomparsa) l'esigenza di appartenenza, di relazioni informali e disinteressate,edicondivisionedivalori,ideeepratiche,enonsoloneltempolibero, maanchenelledimensionipiimportantidellapropriavita. Laterzaipotesicheguidaillavororelativaaltipodilegamecheunisceicomunitari. Sitrattadiundoppiolegamedinaturasimbolicaestrutturale,chesirealizzainun vincoloconiugaleeinunocomunitario:lostudiosichiedesequestosecondovincolo, invecediporsiinaggiuntaalprimo,neformiparte,efungadaelementodibase. Laquartaedultimaipotesiattienealtemadelcapitalesociale.Conquesteparolesifa riferimentoallaretedirelazioniacaratterefiduciarioecooperativodicuiunsoggetto (individualeocollettivo)pudisporrenelsuoambientenaturaledivita,perscambiare beni, materiali e immateriali, utili al suo agire (pag. 40, Bramanti, 2009). Nello specifico, cisiinterrogasullanaturapeculiarediquestocapitale (ametstrada tra famigliaedassociazione),sultipodiorientamentoprosocialechesioriginainquesto modo(bondingvsbridging),esultipodirapportochesivieneacrearetrafamigliee societcontemporaneamenteaquestoscambio. Lasceltadelcampioneevidenziacomel'interessedellaricercatricesiindirizziinegual misura alle caratteristiche delle comunit ed alle modalit d'accoglienza: i due continuumsucuivengonodistribuitelecomunitinfattisonoilgradodicondivisione all'internoequellodiaperturaall'accoglienza. Perquantoriguardaglistrumentiusati,sioptatoperunacombinazionedistrumenti qualitativi e quantitativi: interviste a 23 responsabili di associazioni e fondazioni, questionari strutturati somministrati a 396 coniugi, 10 colloqui di coppia congiunti accompagnatidaltestproiettivodellaDoppiaLuna.Inoltreirisultatiottenutiinuna primafasedellaricercasonostatioggettodidibattitoediconfrontoconimembridi alcune comunit in occasione di un incontro pubblico, dando cos la possibilit ai ricercatoridigiungereadunapiprofondacomprensionedelfenomeno. L'analisiiniziasoffermandosisuquellachela specificit dellafamigliaall'interno della comunit familiare. Queste realt presentano alcuni tratti specifici: ampiezza media elevata, presenza di pi generazioni, coppia stabile, scelta di condurre una carrieralavorativaesternainfunzionedellavitafamiliare(ossiasubordinandolescelte 19

professionaliinfunzionedellenecessitfamiliari),stilidivitasobrienonorientatial consumo.Questecaratteristichesembranoapparentementeaccomunarelecomunitalle famiglie allargate che popolavanole campagne nel secolo scorso:vi sonoper due ulterioriaspettidaconsiderare.infatticentraleillegameamicalecheunisceimembri tradiloro.Nonc' pialcunvincolodisangue,lasceltaliberaenonimposta,e, parallelamente,lafamigliad'originemessainsecondopiano,determinandospesso,al momentodiformazionedellacomunit,unapresadidistanzadeicomunitaridaipropri genitori.Questadistanzarisultaevidentedall'analisidell'ereditricevuta,interminidi educazione,dallafamigliadiorigineodallacomunit;infatti,perquantoriguardale dimensionilegateall'aperturaaglialtri(fiducia,disponibilit,rispetto),lafiduciains, lecapacitrelazionali,glistimoliculturalieivalorireligiosi,gliintervistatiritengono che il lascito delle comunit sia pi significativo rispetto a quello della famiglia d'origine.Unulterioreaspettotrasversalerintracciabileapropositodell'orientamento: pressochognirealtcomunitariasiriconoscenellareligionecattolicaedpraticante, mentrealivellopoliticopidellametdegliintervistatisiidentificanelcentrosinistra. Inoltreivaloridiriferimentoinveceattengonoprevalentementeall'ambitorelazionale: famiglia,fedelt,rispettodeglialtri,fede,coerenza,solidarietedamicizia. Per approfondire questi aspetti, l'autrice adotta le variabili strutturali introdotte da Parsons (1967), rileggendole in chiave relazionale rispetto all'agire sociale. Esse descrivonomodalitfondamentalidell'azionerispettoaivaloricheorientanoilsoggetto, e sono state concettualizzate in cinque variabili: universalismo/particolarismo, orientamento al s/alla comunit, neutralit affettiva/affettivit, realizzazione/attribuzione, specificit/diffusione. La scelta di uno o dell'altro orientamento,rimandano,secondol'autore,all'assettoculturalecomunitario(secondo termine) o societario (primo termine). Innanzitutto importante sottolineare come determinatetendenzesimodifichinoconl'et(lapreferenzaattribuitaallaneutralit affettiva,oall'approcciouniversalista,peresempio,aumentaconl'aumentaredell'et degli intervistati), evidenziando cos l'importanza delle esperienze vissute dai comunitari.Piingeneraleemerge,dall'analisideirisultati,unamodalitpeculiareed originalediintrecciarequestidiversiorientamenti.Sipuaffermareche,afrontedi scelte piuttosto nette per quanto riguarda l'orientamento alla comunit, le altre dimensioni vedono una curiosa combinazione delle varie modalit: l'attenzione alle 20

personeinsiemealsensodigiustiziasociale,lacuradell'altrononrinunciandoall'aiuto delsaperetecnico,lareciprocitvistacomeun'accoglienzavoltaanchealcambiamento dell'altrofacendolevasullerisorserimaste.Sipuevidenziarecomeinquesterealt convivanoinottimasinergiavaloricentratisullerelazioni,sullarealizzazionepersonale e, allo stesso tempo, un'efficace capacit di inventare nuove risposte ai problemi quotidiani.Unaspettoimportanteepercertiversiemblematicocheladisponibilit all'accoglienzavistaquasicomeapprodonaturaledelladecisionepresaalmomentodi costituireunacomunit,comesel'unanonpotesseprescinderedall'altra:edifatto, comeverrillustrato,leduesceltesirealizzanoinunostrettorapportodireciprocit. Il focus sisposta successivamente sulle relazioni di coppia. Partendo dall'approccio relazionale introdotto da Donati (2006), vengono individuate tre dimensioni fondamentaliperanalizzarelafamiglia:quellainterattivostrutturale,relativaarisorse, norme e relazioni che caratterizzano il legame, quella referenzialesimbolica, che fa riferimentoagliorientamentisimboliciedisensodell'agire(comemotivazione)eal circuitodonativo,equellagenerativa,legataall'eccedenzaemergentedallarelazionedi coppia. Ladimensioneinterattivostrutturalenellaricercavieneanalizzataapartiredagliaspetti diorganizzazionenellacoppia,ovveroladivisionedeicompiti,glistilidecisionalie l'ambitodell'intesa/conflittualit.Perquantoriguardalavitadomestica,ladivisionedei compitinonsidifferenziapiditantodallamediadellealtrefamiglie,conanzitendenze pitradizionaliesbilanciaterispettoadalcunerealtpiegualitariepresentiinalcuni contesti. Nonostante sia da sottolineare una certa complementariet, la donna a svolgerediunamolemaggioredilavoro,soprattuttodicaricointerno(ovverolavare, stirare, cucinare,etc.), mentre l'uomo si occupa prevalentemente di altre attivit (manutenzione domestica, cura dell'automobile, etc.). La condizione lavorativa della donnanonsembraincidereinquestoambito,mentreall'aumentaredelnumerodianni del matrimonio aumenta sia un'organizzazione a prevalenza femminile sia una pi egualitaria. Passando ad affrontare l'ambito degli stili decisionali, si configura una coppiachediscutealsuointernolesceltepiomenoimportanti,avvalendosidelpunto divistadipersoneesterneallacoppia.Mentrefrequentementechiamatoincausail responsabiledellacomunitnellequestionirelativeall'usodeldenaroeingeneralenelle decisioni strumentali, minore la sua importanza per quanto concerne le questioni 21

personali.Lacoppiasidimostracoscapacedidifferenziareiprocessidecisionalia seconda del tipo di scelta, privilegiando la discussione interna e il confronto tra i coniugiperquantoriguardaleproblematichepersonali,ealtempostessoaprendosial confrontoconunafiguraesternaquandolaquestionesiadialtrotipo.Perquelche riguardal'intesa/conflittualit,nonsirilevatonessunaspettodiparticolareinteresse: unabuonaqualitdellegamerappresenta,com'eralecitoaspettarsi,unarisorsasiaperi dueconiugisiaperlacomunit. Sisceltodianalizzarel'assereferenzialesimbolicopartendodagliaspettidicuradel legame (sia come patto sia come reciprocit): questo compito rappresenta l'ambito primarioincuisimantieneesisviluppalarelazione,acostodiunimpegnoquotidiano da parte di entrambi i partners. Il legame di coppia ha una doppia natura, essendo contemporaneamenteunlimiteeunarisorsa,epuesserevistocomeunentitdinatura eticoaffettivaincostanteevoluzioneancheacausadellesfidecostantiacuidevefare fronte.Risultapiuttostoalto,qui,ilgradodiconcordanzatraiconiuginell'indicaregli elementiprimarichecaratterizzanolalorounione,ovverolafiducia,lafede,l'affinite l'impegno.Unelementosalientel'identificazionediunprogettocomunechenecessit stabilit,soliditecomunanzadivedute:unaprogettualitcosradicataderivaancheda unprocessoriflessivointensochehapermessounaprofondaelaborazionediquelleche possonoessereledifferenzepersonali.Sottolineandopoil'aspettointergenerazionaledel pattoconiugale,laricercahaanalizzatoglielementichecostituisconol'ereditricevuta dallefamiglied'origine.Sievidenziaquiunarielaborazioneoriginaledeiruoliedei valorisolitamenteassociatiallafiguramaternaepaterna:lamaggioranzadichiaradi averappresodaentrambiigenitoriilsentimentodiresponsabilitversosstessiegli altri, mentre la strumentalit/conoscenza rappresenterebbe pi un'eredit materna, a frontediquellapaternacostituitadall'aperturaefiduciaversol'altro.Diventanecessario introdurre, a questo punto, l'ultimo aspetto analizzato all'interno della dimensione referenzialesimbolica:l'aspettodonativo.Essosibasasullareciprocit,(Homas,1975) ovvero,ingenerale,l'equitnegliscambididareeaveretrapartiinrelazione,inmodo talecheentrambedianoericevanoallostessomodo.All'internodellaretefamiliare, tuttavia,questadinamicaassumeuncaratterepeculiare,cheladifferenziadalrapporto chesicreanormalmentetrachidonaechiriceve.PartendodalleriflessionidiGodbout, (1993),sipuevidenziarecomelarestituzionediquantosiricevuto(siaintermini 22

affettivicheinscambiconcreti)nondebbaperforzaavvenirenellospaziodelquied ora,mapossadilatarsiattraversolegenerazioni:questoapparentesquilibriochesicreae si dilata nel tempo condizione fondamentale al perdurare delle relazioni. Proprio analizzando il materiale disponibile , emerge che una percentuale significativa di intervistatidichiaradiavereundebitopositivo(ovverodiriceverepidiquantonon dia)versoilpartner,mentrelamaggioranzasisenteincondizionedipienareciprocit. Quasi nulla la percentuale di chi sente di avere un debito negativo: questa rappresentalacondizionepotenzialmentepipericolosa,poichlapersonasisentedi darepidiquantononriceva.Inultimo,significativosottolinearecomeilgiudizio espresso riguardo all'equit della relazione non sembra tenere conto dello scambio realmenteavvenuto,esidistaccapercidaimeccanismidegliscambimercantili:ciche sembradarevaloreaquestiintreccil'importanzaattribuitaallarelazioneins. La terza dimensione considerata quella generativa, legata al capitale sociale della coppia.Sonostateindividuatetresottodimensioninecessarieadescriverlo:l'affidabilit dellegame,ovverolapossibilitdipotercontaresulpartnerinmomentididifficolt,il supportoreciprocoofferto,ciol'aiutoemotivo,informativoepraticodatoericevuto,e lafrequenzadeimomentichelafamigliatrascorreinsieme.Intrecciandoquestitreindici si ottenuta una misura globale del capitale sociale. Secondo questi valori, una percentualepiuttostoaltadellecoppieintervistatedotatadiuncapitalesocialemedioo alto.Sitrattadiuncapitaleditipobonding,ciointernoallacoppiaeperciindicatore ulteriore della coesione interna. Ci che viene misurato da questo indice, inoltre, concorrealmantenimentodiunabuonarelazioneperlacapacitautorigeneranteche possiede una volta messo in gioco: esso collegato ai beni relazionali primari, un elementocapacedidareforzaerivitalizzarelarelazionestessa. Proseguendoildiscorsosullagenerativit,ilfocussispostasultemadell'accoglienza. Questasceltanascespessonellafasediformazionedellacoppia,comeelementoche contribuisce a creare una progettualit condivisa alimentata anche dalla matrice religiosa.L'aspettomotivazionalequiduplice,eleduecomponenticonnessetradi loro:daunapartealtruisticosolidaristico,nell'ideadirispondereaibisognideglialtri, dall'altra personaleideale, nel tentativo di dar voce ad una scelta personale di vita. Inoltrel'accoglienza,inquantoattivitchesirealizzanellafamigliaall'internodella comunit,unimportantepontefraquesteduerealt,contribuendoamantenernei 23

confini permeabili e flessibili. Attraverso l'accoglienza, di fatto, si struttura un'importantelegametraladimensioneinternadellafamigliaeilcontestocomunitario, dandovitaadun'esperienzachecontribuisceaconnetterequestiduelivelli:lafamiglia che trae forza dal sostegno fornito dalla comunit e la comunit stessa che trova nell'accoglienzaunimportanteelementodicondivisione. L'autriceinoltrerilevaundatospecificoemersodallasuaricercarispettoallasceltadi accoglienza,chefariferimentoalrapportotraimembridellecomuniteleproprie famiglie d'origine. Sembra che le decisioni, al momento di accogliere una persona all'internodelproprionucleofamiliare,venganopresesoprattuttodiscutendocongli altrimembridellacomunitecongliamici,esolopiraramenteconsultandolarete parentale.L'affido,inoltre,purappresentareunduplicemodoperprendereledistanze dallafamigliad'origine:siainquantosceltainusualeepocoaccettata,siacomeattodi introdurrenuovisignificatialdifuorideilegamidisangue.Lacomunit,inquestocaso, costituisceunarisorsafondamentaleperlafamigliachedecidadiintraprenderequesto percorso, sia mettendola alla prova sia valorizzando e supportando le sue capacit. Delicatoinveceilruolodeifiglinaturalidurantequesteesperienze:troppospessoil prezzofamiliarenonconsideratodaiconiugi,nonsemprecapacidiconsiderarele conseguenzechel'ingressodiunanuovapersonacomportainterminidiridefinizione deiconfiniediperditadell'equilibriofunzionale(Bastianoni,Taurino,2005).L'ambito dove forse la presenza del nuovo arrivato risalta di pi quello della quotidianit: nonostantelapresenzadiunsupportoprofessionaleediuncontributoeconomicoda partedeiservizi,oltrechedell'appoggiodelrestodellacomunit,sononumerosele sfideperlacoppiaeperlafamigliaintera.Nonsipunonrilevareinfattiungenerale decrementoneivaloridiaffidabilitdellegameeinquellidell'intesadicoppiafrale coppie che da pi tempo vivono l'esperienza dell'affido. Nonostante questo, stato sottolineatocomelafamigliaadottivapossacaratterizzarsiancheinsensopositivo:pu diventareunluogodimulticulturalit(nelcasositrattidiun'adozioneinternazionale); pupermetterediampliarelaretedirelazionidellafamiglia(attraversoassociazionio altrefamiglieadottive);favoriscelaculturadelleappartenenzemultipleelacoesistenza dipassatoepresente(Bastianoni,Taurino,2005). Dopoaverapprofonditoquestoaspettol'autriceproponequindiunaclassificazionedelle comunit studiate. Innanzitutto vengono distinte sei differenti tipologie comunitarie, 24

partendodadueassi:selefamiglieconvivonoono,eladimensionedisenso;eincosa consistelacondivisione,sesitrattadielementimateriali,valoriotempolibero.Va sottolineatoinoltrechequestiindicanolapercezionechehannoisoggettirispettoalla propria esperienza,ecipermettediidentificareimarginidilibertdicuigodono rispettoalmodellocomunitarioincuivivono.Facendoriferimentoalletretipologie individuate che scelgono lo stile di convivenza, vengono individuate: le comunit radicali,divitaedetiche.Lecomunitradicalisicontraddistinguonoperunostiledi condivisione piuttosto alto a livello strumentale, espressivo e valoriale; sono caratterizzate inoltre per una significativa adesione alle regole della comunit. Le comunitdivitainvece,nonostantesistrutturinoconlastessamodalitabitativa,sono dotatediunascarsacondivisionesullestessetredimensioni.Nellecomunitetiche, infine,troviamounapialtaimportanzaattribuitaalladimensionevalorialementre quasi assente la condivisione negli altri ambiti. Una volta illustrate le tipologie individuate,vengonointrodottetredimensioniperun'ulterioreanalisi.Laprimaquella strutturale,chevienequiesplicitatocomelivellodidensitdelleretifamiliarieamicali, partendodallatipodistrutturaincuisicostituitalacomunitedalmodellodipresadi decisione esistente. Vi poi quella funzionale, cio la qualit degli scambi e del supportoreciprococonfamiliarieamici.Infineladimensionegenerativadellarete,che fariferimento,comegidettoallaformadicapitalesocialeprodotto. Perquantoriguardalaprimadimensione,opportunopremetterecheiltipodireteche vieneacrearsinellacomunitintimamentelegatoalcomeessasioriginata.Qui troviamoduepossibiliscenari:daunapartequellenateperiniziativadiunsacerdote(il casodellecomunitradicali),chesibasanosull'obbedienzaadun'autoritedovele decisioni vengono esternalizzate; dall'altra le comunit originatesi da un gruppo di famiglie(quelledivitaedetiche),incuiladecisionerimandataallefamiglieoaffidata astrategiecondivise.Pertutteetreletipologie,comunque,leattivitcomunitendonoa concretizzarsiinriunioniadiversacadenza(mensile,settimanale,etc.)perstabilireed organizzareleattivit,e,rispettoallavitaquotidiana,inalcunimomentipiomeno stabiliti:ipasti,imomentidipreghiera,leoccasionidifesta.Parlandoinvecedellereti nello specifico troviamo anche qui tipologie diverse: pur confermando la tendenza precedentementeesposta(prossimitconlareteamicale,distanzadallaretefamiliare), lefamigliechescelgonolasoluzioneabitativacondivisasiconfiguranoasecondadella 25

tipologiacomunitariaincuivivono.Nellecomunitradicalilastrutturareticolarevede una scarsit di contatti sia per quanto riguarda la rete amicale che quella amicale, caratterizzandosiperunacondizionedichiusuraabbastanzafrequente.Lecomunitdi vita,alcontrario,godonodiunaretepiuttostoestesadicontattisiaconlafamigliache congliamici,mentrequelleetichevedonounaprevalenzadellareteamicale.Questoil panorama in termini quantitativi, ma quali componenti di queste reti sono pi significativeperlefamiglie?Incosasiconcretizzaesattamenteilruolodellarete?A questadomandaprovaarisponderel'analisidelladimensionefunzionale,inquestocaso voltaacomprenderelanaturadiquesterelazioni.Essesiconfigurano,ingenerale,come legamipiuttostoforti,connessiconunelevatocontrollosociale,chesiaccompagnaad un significativo apporto di sostegno emotivo, psicologico e materiale, reso particolarmente intenso dalla frequenza dei contatti, e dall'omogeneit territoriale, culturaleevaloriale.La relazioneamicalequindicaratterizzatadaunaltogradodi reciprocit,siaalivelloaffettivochealivellodiscambi.Diventaopportunoquifare riferimentoaldono,nellasuaaccezionedirelazionesocialestrutturante,nelconfigurare unasituazioneincuiduepersonesonoindebitoreciproco(DiNicola,1998),Inquesto modo si genera una condizione di correlazione che nasce dall'essere debitore, che rafforzacos ilrapportodiinterdipendenzatragliamici.Perarricchireulteriormente l'analisidellareteamicale,siprendeinconsiderazioneunaltro elemento:ilsensodi appartenenzaallacomunit.Questo,nelleparolediMartinieSequi,(1995),definito comeilsentimentochepermettedisentirsipartediuninsiemesignificativo,all'interno delqualevivereesperienzerelazionalidiqualitelevata.Lapercezionedisentirsiparte ed in relazione con gli altri mediamente elevata in tutte le tipologie individuate; ciononostantepossibilerintracciareanchequidifferenzeall'internodelletretipologie individuate.Lecomunitradicalisonoquelleconlapercentualepielevatadimembri chedichiaranoaltilivellisull'indicediappartenenza,mentrelepersonecheaderisconoa comunit di vita sono quelle evidenziano la percentuale pi bassa rispetto a questo indice.Probabilmentequestodatorispecchiaunaspettodiquestecomunit,ovverola tensionetral'opportunitdisentirsiinrelazioneconglialtriecontemporaneamentela volontdiallontanareipossibilirischidifusioneconl'entitcomunitaria,perdendoo indebolendoinquestomodolaprospettivadelnucleofamiliare. Prendendo in considerazione l'ultima dimensione utilizzata, quella generativa, 26

opportunorichiamareiconcettidicapitalesocialebondingebridging(Putnam,2000) per inquadrare l'analisi svolta. Quello bonding di tipo esclusivo, si riferisce a un legame versol'interno,ehailruolodicollanteall'internodiungruppolimitatodi persone, dando vita rapporti con un elevato grado di reciprocit e di solidariet. Il capitalesocialebridging,invece,hacarattereinclusivo,creauncollegamentotradiverse personeappartenentiadifferentiambiti:permettedigoderedeibeneficidelleretisociali anche a chi fa parte dell'ambiente circostante. La ricerca qui si focalizza su tre interrogativi:qualetipodicapitalesocialevienegenerato(bondingobridging),inquale contestoessoverrsviluppato(familiare,comunitarioosocietario),equaledimensione vienevalorizzatainquestoprocesso(quelladellerelazioniedeilegamistrutturaleo quelladegliorientamenti,delleaspettativeedellenormevaloriale).All'internoditutte lecoppieintervistate,sisonoindividuatetrediversetipologie.Lapercentualepialta caratterizzatadaunasignificativaaperturaversol'esterno,(capitalebridging),siain terminidipartecipazioneadattivitassociativesiacomefiduciageneralizzata;queste persone vivono una relazione di totale reciprocit all'interno della rete amicale e all'interno della comunit. Essi si trovano perci in condizione di generare, com' intuibile, capitale sociale per la famiglia, la comunit e la societ. Nella seconda tipologia,quasiunterzodegliintervistati,troviamoinveceunosquilibrioafavoredei membridellapropriacomunit:conessivienepercepitoundebitopositivo(ricevopi diquantonondia),siacomeaffettichecomescambi.Perquestaragioneviunelevato livellodifiduciaversolapropriacomunitealcontrariodiffidenzapergliamiciin generale,parallelamenteallamancanzadiapertureversoaltrerealtassociativeesterne allacomunit.Sipuquindiaffermarecheiltipodicapitalegeneratoditipobonding erimaneall'internodellafamigliaedellacomunit.Ilterzoedultimogruppodescrive unapercentualepiuttostobassadelcampione,dovesirilevalacondizionedidebito negativo(dopidiquantononriceva)siaversogliamicicheversolacomunit,siain terminidiaffettochediscambi.Com'intuibile,illivellodifiduciaversotuttociche risiede all'esterno della propria famiglia piuttosto basso, e si verifica perci un ripiegamentoall'internodiquest'ultima.Lafamigliadivental'unicoambitoincuiviene generatocapitalesociale(ditipobonding),edpermoltiversoassenteoscarsala relazioneconlacomunitelasociet. Inconclusione,laricercaaffrontaedanalizzanumerosiaspettidiestremointeresseper 27

chivogliaavvicinarsiallerealtcomunitarie,sebbeneilfocussiaspessodirettosugli aspetti dell'accoglienza; elemento che, secondo la terminologia utilizzata da Rovesti (2005),contraddistinguelerealtcomunitarieconprosocialitrivoltaall'esterno,ossia orientataallasolidarietsociale.Quellocheinvecenonadeguatamentesottolineatonel lavorodiBramantilacomponentediprosocialitinternachecontraddistinguemolte dellerealtpresentisulterritorio.Vivereinsiemeadaltrepersonenonsolounmodo perrenderepisolidelefamiglieallorointernoepercreareunlegameconaltrinuclei familiari,maancheinfunzionedellobenesserepercepitodachifaquestotipodiscelta. Nonsitrattasolodicontestichepermettonodifarfronteinmanierapiadeguataalle difficolt della vita, o di essere risorsa per la societ (rispondendo al tempo stesso all'esigenza personale di sentirsi utili): condividere spazi e tempi di vita con altre personeanche(osoprattutto)unmodoperaumentarelaqualitdivitadellepersone stesse(Omacini,2003;Volpi,1998;Olivares,2003). Lecomunitfamiliarivengonoquistudiatepartendodallesingolecomponenti,inquesto casoinucleifamiliari,edescrivendoiprocessi,lecaratteristicheeledinamicheesistenti all'internodellegamedicoppia,nonchlerelazionicheintercorronotraiconiugie l'ambientecircostante.Risultaparticolarmentestimolanteiltemadeldonoedellalogica donativa,presentenormalmentenellesingolefamiglie,chepernelcasodellecomunit si diffonde anche all'interno della comunit stessa. Contemporaneamente, bisogna ricordarechelapossibilitdiallargarealdifuoridellafamigliameccanismielogiche tipichediessa,puportareconsancheeffettinegativi.Unelementorilevatorispettoa questodatosiriferisceallachiusuraintimisticatipicadialcuni contestifamiliari,un aspettochecaratterizzaalcuneesperienzecomunitarie:ossiavederelapropriacomunit comeunrifugio,uncontestopositivoesicuroincontrastoconunesternocattivoche lopotrebbecontaminare.Cicostituisceunrischioperlasalutestessadellacomunit, che probabilmente fatica a trarre giovamento da uno scarso livello di scambi ed interazionicon lasocietesterna,oltrearenderepi difficoltosoil rapportoconle istituzioni e perdere in questo modo un valido appoggio per svolgere l'attivit di accoglienza.

28

2.3Interfacce:identitinrelazione. LaricercadiGiancaterino(2009)siponeinstrettaconnessioneconilpresentelavoro, costituendounfondamentaleelementoesplorativodellarealtcomunitariaperquanto riguarda il tema dei figli. L'obiettivo principale consistito nell'analizzare ed approfondire le caratteristiche psicosociali dei figli di comunitari, attraverso lo strumentodiindagineutilizzatodall'istitutoIARDperilRapportoGiovani2003(Buzzi e al.) e focalizzandosi sulle peculiarit emerse nel panorama giovanile italiano. La ricercastatapoiarricchitadall'analisidelvissutodeiragazzicresciutinellecomunit rispettoaimolteplicilivellirelazionalisperimentatiognigiorno,edellemodalitcon cui essi si muovono e si confrontano con tali livelli. Per quanto riguarda le caratteristichedelcampionediquestostudio,essosostituitoda trentaragazzirappresentatividiunampiorangediet,chevada12a27anni;le comunitdiappartenenzasitrovanoprevalentementeinLombardia,inEmiliaRomagna enelleMarche.Vasottolineatoinoltrecheiragazzichehannopartecipatoallaricerca provengonodadodicirealtcomunitariedifferentievivonotuttinellacasadellapropria famigliad'origine.L'ampiezzadellecomunitd'appartenenzapiuttostovariabile,dalla pi piccola che conta una quindicina di membri alla pi grande composta da circa cinquanta.Rispettoaglistrumentidellaricerca,statautilizzataunaversioneabbreviata einpartemodificatadellostrumentoquantitativoadottatodallIstitutoIARD,nellasua indaginesullacondizionegiovanile(Buzzieal.,2003).Talequestionariostrutturato, compostoda174domande,comprendedomandechiusearispostaunicaearisposta multipla, domande aperte e domande classificatorie, ed stato ideato degli autori dellindaginegiovanile(Buzzieal.,2003).Nellospecifico, leareeapprofonditesono state: istruzione e scuola, valori e norme, transizione scuolalavoro, soddisfazione personale,percezionedis,strategiedicoping,famiglia,atteggiamentoversolapolitica elapartecipazione,consumiculturali,fiducianelleistituzioni,idealidigiustiziasociale, associazionismo,appartenenzareligiosa,nuovetecnologieeloroutilizzo,tempolibero, gruppodeiparieaddiction.Oltrealquestionariosisceltodiutilizzareanchealcune storiedilemmatiche,unostrumentoditipoqualitativoutileadapprofondireledinamiche e i processi quotidiani nei contesti familiari oltre che le molteplici interazioni che avvengononelquotidianocontestocomunitariotralivellirelazionalidiversi.Ildilemma, inparticolare,costituitodaunastoria,connessaadunoscenarioquotidianodivita, 29

doveiprotagonistisonochiamatiadoperareunadecisione,completandoinquestomodo lospuntodinarrazioneproposto. Per quantoriguardairisultati emersi,essipossonoesserepresentatiinmaniera pi chiaraattraversoledifferenzeesomiglianzerilevatenelcampionerispettoalpiampio dato nazionale, rispetto alle aree indagate dal questionario. Cominciando dalle convergenze, si fa riferimento innanzitutto alla libert di movimento e di scelta relazionaleall'internodelpropriocontestoabitativo,ovveroallapossibilitdiospitare amici, fare feste, frequentare amicizie e luoghi personalmente scelti. In quest'area entrambiicampionisimuovonosucoordinatesimili,edanziiragazzidellecomunit vedonoaccentuatoquestoaspetto,probabilmentegrazieadunamaggiorepossibilitdi spazidomesticidicuidisporre.Unsecondoimportanteaspettoincomunecostituito dall'orientamentovaloriale:gliambitiacuifariferimentolasocialitristretta(famiglia, amicizia,amore)sonoquelliritenutipiimportantinellegerarchievaloriali,seguiti,in entrambiicampioni,daistanzequalilalibert,lademocraziaeilrispettodelleregole.I dati che riguardano questo aspetto, in particolare, si prestano per ad un'ulteriore interpretazione:sel'importanzaattribuitaaquestivalorilamedesima,fondamentale distinguerecomequestistessivalorisonointerpretatidaipartecipanti.Infatti,allaluce di altri tendenze evidenziate (in aree quali la partecipazione associativa, soprattutto nellareadellimpegnosociale,lorientamentoversoladifesadeidirittidegliimmigrati, lascarsaammissibilitpersonaleconferitaacondottecherecanodannoallasociet), possibileaffermarecheiragazzidellecomunitattribuisconoavaloricomelibert, democraziaerispettoperleregoleunavalenzasociale,mentreilcampionenazionale sembra declinarli maggiormentead unlivello individuale. Unulteriorescartoche importantesottolinearerelativoalleposizionisuccessivenellagerarchiadeivalori.Il campionecomunitarioinfattiattribuisceaivaloriditipostrumentale(ovveroconnessial prestigiosocialeeallacarriera)unimportanzanettamenteinferiorerispettoalpiampio datonazionale. Perquelcheriguardalapolitica,siregistraingeneraleunridottogradodiinteressee partecipazione,inparticolareperleiniziativelegateaipartiti.Unaltropuntodicontatto traiduecampionicostituitodallepercezionisulmondodellascuolaedellavoro,sia rispettoaicriterinecessariperaveresuccessonellavoro(inprimoluogolacompetenza) , sia rispetto alle motivazioni che spingono i ragazzi ad iscriversi ad un corso 30

d'istruzione superiore o all'universit: sono qui preponderanti motivazioni di tipo espressivostrumentali.Oltreaci,ilgradodisoddisfazioneespressoversolavitain generale simile tra i due campioni, e si accompagna ad un'analoga sensazione di benessere percepitonellapropriavitaattuale(rispettoalleproprierisorsefisichee psichiche,eaquelleambientalierelazionali).Parlandopoidell'areadeiconsumi, nell'utilizzodelletecnologieinformaticheenell'ambitodelconsumodisostanzechesi incontranotendenzesimilitraiduecampioni.L'usodelcomputerpiuttostodiffuso,e le funzioni principali a cui esso assolve sono di tipo ludico, comunicativo ed informativo, soprattutto grazie ad internet. Anche rispetto all'area della droga si evidenzianonumerosiaspettisimili.Percicheconcerneglialcolici,sipuparlaredi unagrandediffusionedellebevandericreazionali(birraedaperitivi),ediaspettidi criticitrispettoaglieccessi(ubriacature),ancheseilcampionecomunitarioevidenza datidifrequenzaminoririspettoaldatonazionale.Ladiffusionedelladroga,piin generale,sembraaverelastessapervasivitall'internodeiduecampioni,siaarispetto all'usosiaalivellodiaccettabilitsociale.Sembracheinquestocasolacomunitnon rappresenti un elemento capace di modificare atteggiamenti e comportamenti cos diffusamentepresentinelcontestosociale.Gliultimidueelementidiconvergenzasono invece relativi ai sentimenti di appartenenza territoriale e agli indici di fiducia istituzionale.Alivellodiappartenenzaterritorialesipossonoidentificareduetendenze principali: un radicamento ai contesti pi vicini all'esperienza quotidiana dei partecipanti(alivellolocale,regionalee,inmanieraminore,nazionale);maancheun sentimentodiappartenenzachecombinapilivelliterritorialicontemporaneamente,e chefariferimentoancheadunsensod'appartenenzaperilmondoingenerale.Inoltre, questidatihannomessoinlucecheilcriteriodelladistanzaspazialenonsufficientead individuare e descrivere le modalit con cui i ragazzi strutturano le proprie appartenenze. Infine, sono gli indici di fiducia istituzionale ad offrire un ulteriore elementocheaccomunaiduecampioni.Ungradodifiduciaelevatoaccordatoagli scienziati,alleorganizzazionichesvolgonocompitidiprotezioneecontrollosocialee agliattoriconnessiallasocialitristrettaqualiinsegnanti,sacerdotieinmisuraminore lapolizia,deiqualiiragazzihannoesperienzadirettanellalorovitaquotidiana;invece, inlineacolgeneraleatteggiamentoespressoversolapolitica,gliattoriconnessialla gestionepoliticadelPaese(ilgoverno,ipartitiegliuominipoliticiingenerale)sono 31

oggettodiscarsafiduciadaentrambiicampioni. Masonoforseledivergenzeemersetraiduecampioniadoffrireunamaggiorricchezza dispuntid'analisi:essecipermettonodidescrivereecaratterizzarepiaccuratamentei ragazziappartenentiallecomunit.Leprimedifferenzechesievidenzianosonorelative aglistereotipidigenere:oltreadunnettocalodegliatteggiamentistereotipici,c'un elevatogradodiconsensorispettoall'importanzaattribuitaallacollaborazioneegalitaria deiduesessi,neicompitidicuraenellemansionidomestiche.Questodatosiponein relazione con una delle condizioni che caratterizzano le realt comunitarie: ovvero l'opportunitdisperimentarequotidianamenteuncontestodivitaispiratoadidealidi uguaglianzadigenereebasatosuunequasuddivisionedicompitieresponsabilittra uomini e donne. Una seconda divergenza si trova a livello di percezione dell'immigrazione:leattribuzionidiminacciaeilsensodiostilitnettamenteminore nelcampionecomunitario,chesicaratterizzainoltreperlapresenzadiatteggiamenti positivi verso il fenomeno migratorio. C' infatti un significativo accordo verso la possibilitdiconcederedirittiagliimmigratieversolavalorizzazionedellepeculiarit dipersonedietniedifferenti.Questetendenzesipongonoinnettocontrastoconilpi ampiodatonazionale,chesiorientamaggiormenteversoatteggiamentidichiusurae percezioni di minaccia. Un'ulteriore elemento di differenziazione riguarda gli atteggiamentineiconfrontidelfuturoedellaprogettualit.L'autriceillustrainmaniera approfonditacomenelpiampiocontestosocialeprevalganoatteggiamentidichiusura versoilfuturo,vistocomepossibileminaccia,cheportanoadunripiegamentonella sferaprogettuale.Alcontrario,ilcampionecomunitariosicaratterizzaperunanetta propensioneallaprogettualitedunatteggiamentopositivoversoilfuturo,vistocome fontedipossibilitesorprese.Analogamente,ilsuccessonellavitavieneattribuitoa dimensionichedelineanounatendenzaautodeterministicaneiragazzidellecomunit,i qualisembranofareaffidamentosulleproprierisorsenell'affrontareicompitidellavita. Perquestiragazzil'impegnoinfatticonsideratounelementopirilevanterispettoalla fortuna, e allo stesso modo il lavorare sodo ritenuto una modalit efficace di affrontareicompitidellavita;alcontrario,ilcampionenazionaleattribuiscemaggior importanzaallafortuna.Anchelapercezionedelcontestosocialeunelementoche differenziaiduecampioni.Afrontediunapercezionediunsensodiinaffidabilit attribuitoaglialtri,perquelcheriguardailcampionenazionale,iragazzidellecomunit 32

accordanounaltogradodifiduciaalprossimo:cirappresentaunsegnodimaggior aperturaversoilcontestosocialeeversolepossibilitcheessopuessereingradodi offrire.Perquantoriguardaiconsumideimedia,seinternetrappresentaunpuntodi contattotraiduecampioni,visonoaltrepeculiaritchecontribuisconoadifferenziarli. L'utilizzodellatelevisione,inprimis,cheregistraunutilizzomoltopielevatodaparte delcampionenazionale,soprattuttoconfunzionericreazionale,ovveroall'insegnadi unafruizionedisimpegnatadelmezzotelevisivostesso.Alcontrario,iltempodedicato allaletturamaggioredapartedeiragazzidellecomunit.Semprefacendoriferimento altempolibero,leattivitassociativevedonounnettoaumentodipartecipazioneda parte del campione comunitario, soprattutto nell'ambito dell'impegno sociale e delle organizzazioniditiporeligioso.Anchenell'ambitodellapartecipazioneallemansioni domestichelapartecipazionedelcampionecomunitariopielevata:civienemesso inrelazionedirettaconlecaratteristichedellavitaquotidiananeicontesticomunitari,in cui solitamentesicondividonosiaipastisiaicompitinecessariperprepararli.Per quantoriguardailrapportoconlenorme,troviamosiapuntidicontattosiadifferenze. Entrambi i campioni sembrano percepire il clima permissivo e scarsamente critico rispettoadareecomeirapportifamiliariesessualiol'ambitodeivaloridivitaodella salute,eanchelaconsapevolezzadelladisapprovazionesocialeversocomportamenti connessi alla violenza o al vandalismo, o rispetto all'uso delle droghe pesanti, unanime.Siregistraunatteggiamentosimile,traiduegruppiconsiderati,ancherispetto al livello di ammissibilit per le condotte connesse all'uso di alcolici, marijuana, materiale pirata e la possibilit di avere esperienze omosessuali. Tra le principali differenze, invece, importante sottolineare come sia pi netta la disapprovazione personale rispetto alle condotte di evasione economica da parte dei ragazzi delle comunit. Ma le divergenze in questo ambito emergono ad un altro livello, ovvero rispetto alle modalit di combinare diversi orizzonti normativi (societario, amicale, personale).Senellapopolazionegiovaniletroviamounampioscollamentotral'ambito societarioequelloamicale,cheassumeunafunzioneidentitariaalternativarispettoalle visionidelmondoadulto,ritenutopiintransigente,nelcampionecomunitarioquesti due livelli appaiono meno lontani. Qui il sistema normativo amicale si avvicina maggiormenteaquelloadulto,e,inalcunearee,siponeinpienacontrotendenza(per esempio rispetto al migliorare il proprio aspetto attraverso la chirurgia o ad avere 33

rapportisessualiapagamento)assumendounruolopiresponsabileecriticorispetto allecontestosocietario.Infine,emergonodifferenzesalientinell'areadellareligionee delbenessererelazionaleascuola.L'appartenenzareligiosa,purregistrandovalorisimili tra i due campioni, si differenzia nel campione comunitario configurandosi come maggiormenteconsapevoleepartecipataeconnessaadunamaggiorefrequentazione diesperienzedirette.Rispettoalbenessererelazionaleascuola,afrontedivalorisimili nelrapportocoicompagni,ingeneralepositivo,larelazionecoidirigentiscolasticia evidenziare una peculiarit nel campione comunitario. Infatti, se nel dato nazionale emergono alcune criticit (soprattutto a livello normativo), i ragazzi delle comunit sembranomantenererelazioniingeneralepositiveconidirigenti. Apartiredaidatiemersi,l'autriceutilizzaduedimensioniperanalizzarelefunzionidel contestocomunitario,quellastrutturaleequellanormativa.Alivellostrutturale,sipu affermarechelapossibilitdivivereinuncontestointerattivoquotidianopicomplesso permette di identificare altri confini chevengono tracciati attorno all'individuo oai nucleifamiliari.Maquesticonfininonhannofunzionediseparare,bensrappresentano interfacce che facilitano non solo una comunicazione con lesterno, contrastando la chiusuraintimisticadelsingoloedellefamiglie,maaccresconoaltreslecomunicazioni interne,siatranucleicheallinternodellareafamiliarestessa(Giancaterino,2009,pp. 116117,).Lafunzionestrutturaledellacomunitpu quindiesserericondottaadun allargamentodellabasesicuradeiragazzichevivonoalsuointerno,influenzandone l'aperturaalladimensioneprogettuale,adunfuturovistocomepossibilit,alladiversit etnicaerinforzandoilsentimentodifiduciapercepitarispettoaglialtri.Allostesso tempo, il rapportodi interdipendenza che lapersonaviveall'internodella comunit consentedisvilupparelegamisolidiemolteplici:talecontestosiconfiguracoscome un'areaintermediatral'individuoelafamigliadaunaparte,elasocietdall'altra.La comunit si configura quindi come un interfaccia che permette un passaggio pi gradualedallasferaprivatadell'individuoallapiampiarealtsociale.Rispettoalla dimensionenormativa,lapresenzadilivellirelazionalimolteplicinellavitaquotidiana sollecitalapersonaastrutturarelacapacitdimuoversitrapiriferimentinormativi,di conoscerli e contestualizzarli. La comunit si configura come ambito societario pi ristrettoeprotettivo,erappresentacosunlivellosocietariopivicinoallindividuo,in cuieglidirettamentepartecipeedicuicondividelanormativitelastrutturazione.Il 34

sistemanormativocomunitario,infatti,altempostessodiversodaquellofamiliare,che vienenegoziatoall'internodiessa,siadifferentedaquellosocietariopiampio,basato invecesuuncodicenormativoformaleedauninsiemediregoletacite.Lanecessit possibilitdimuoversifraquestidiversilivelliconsenteallapersonadicostruireunapi riccastrutturanormativa,chesembraaccompagnarsiall'acquisizionediunamaggiore familiaritconidiversicontestinormativi,edicreareunsistemanormativoflessibile, capacedidiscriminareecontemporaneamentedicombinareopinionidiverseinun'utile sintesi. Questiaspettiportanoarichiamareilconcettodibasesicura,secondoleteorizzazionidi ByngHall(1995):sel'autore,partendodalleideediBowlby(1988),haintrodottol'idea chelafamiglianelsuocomplessopuassolvereaquestafunzione,quisifariferimento adunulterioreallargamentodelcontestorelazionalediriferimento.Periragazzidelle comunit, la struttura complessa capace di offrire quel sostegno necessario per la crescitaeilcambiamentoassumeicontornidellarealtcomunitaria.Essapucio fungere dacontestoallargatodiriferimento,capacedioffrireuninsiemedifigure affettivamente importanti, che nella loro compresenza consentono di arricchire il contesto relazionale in cui la persona si trova immersa. Le relazioni interne alla comunitsonofontedisicurezzaesostegno,eprovvedonoaibisognipsicologicidei suoi membri: in questo modo che il contesto comunitario si struttura come un ambientesuccessivoaquellofamiliareeingradodiassolvereafunzionianaloghe.

35

3.Laricercaempirica:metodologia
3.1Obiettividellaricerca L'obiettivo generale del presente lavoro consiste nello studio dei contesti familiari allargati a partire dai loro effetti sullo sviluppo dei figli. La ricerca esplorativa di Giancaterino(2009)hapermessodidisegnareunquadrodescrittivorispettoallarealt deifiglidellecomunit,approfondendo,comegiindicato,ungrannumerodiaree.Tra di esse, si scelto in particolare di sviluppare in maniera pi organica l'area delle relazioni,inunotticasistemicaeapartiredaicontributidialcuniautori(par.1). L'ipotesidibasediquestaricercasirivolgeairagazziealleragazzecresciutinelle comunit di famiglie, in quanto contesto familiare allargato e, secondo quanto gi accennato,pidinamicoericcodellafamiglianucleare:larealtcomunitariaingrado ingradodifornireelementididiscontinuitrispettoalcontestosocialepiampio? Qualispecificitrelazionalicontraddistinguonoigiovanicresciutinellecomunit? Unadelleipotesipispecifichefariferimentoallaresponsabilitrelazionalediqueste persone: se esse si comportano secondo le tendenze prevalenti nella nostra societ (Bauman, 2002; Buzzi e al., 2007), ovvero all'insegna di uno scarso impegno nelle relazioniediuntimoreadassumersileresponsabilitinquestoambito,oseinvecesi muovonoseguendoaltrecoordinateefacendoricorsoadifferentistrumentieabilit.Ci siinterrogatiancherispettoallecaratteristichedeirapporticheiragazzicostruiscono: i nascentilegamiavrannoaltrespecificitrispettoaquellicheCarrMittini(1999) definisce col termine trib, ossia all'insegna di fragili legami di consumo, in cui l'appartenenza si misura dall'adesione a codici precisi ma di natura principalmente estetica?Secondol'autrice,talirelazionihannounavalenzaprovvisoriaerelativa,e rappresentano un elemento che contribuisce ad aumentare la debolezza dei legami sociali, oltre che l'identit degli individui. Inoltre, quali stili relazionali mettono in gioco,all'internodeilororapporti,ifiglidellecomunit? Qualirappresentazionied aspettativeguidanoilloroagiresociale? Apartiredaquestiquesitilaricercasiperciconcentratasiasugliambitirelazionali pi vicini alla persona (relazioni intime, amicizia, famiglia), sia su quelli di tipo macrosociale,inparticolareilcontestolavorativo(perunadistinzionevediparagrafo

36

3.4). Un'altraipotesinascedaidatiemersinellaricercadiGiancaterino,rispettoagli stereotipi di genere e al tema dell'immigrazione: ci si dovrebbe aspettare una netta riduzionedaccordosulleaffermazionistereotipiche,nonchadundecisoaumentodi consensisuopinioni controstereotipichedaparte dei ragazzi dellecomunit. Infine, l'areadellaprogettualitedegliatteggiamentiversoilfuturoequelladelrapportocon l'autorit costituiscono ulteriori temi d'interesse: a partire dai dati della medesima ricerca,chevedonounanettadivergenzarispettoalcampionepiampio,sisceltodi approfondirel'analisidellecaratteristicheedellanaturastessaditalirappresentazionied atteggiamenti.Questeleareespecifiched'interesse;attraversolaloroanalisi,eapartire daessa,verrpoidelineatounquadrod'insiemerispettoaifiglidellecomunit.

3.2Tecnichedirilevazionedeidati Lo strumento utilizzato l'intervista strutturata, condotta individualmente con il partecipantepressolacomunitstessao,nelcasodelleduepersonecheabitanofuori dallacomunit,nellelorocase.Primadidescriverebrevementecom'statocostruitolo strumento,opportunointrodurreunariflessionerispettoalsignificatodellasuascelta: nonsitrattainfattidiquestionipuramentetecniche,bensdifarriferimentoauninsieme didiversepremesseteoricheedepistemologiche,oltrechedisignificati.Inoltre,nonsi pudimenticarechel'impiegodiunaparticolaremetodologiainfluiscesiasuchila utilizzasiasullepersoneallequalirivolta,edinfluenzainevitabilmentel'analisidei dati.Oltreaquesteconsiderazioni,importantesottolinearecomelavaliditdiuno strumento non possa essere considerata l'unico elemento al momento della scelta, poich,comeinogniintervento,sicontribuisceallacostruzionedirelazioni,realted identit(Fruggeri,2005).Unulteriorespuntoperintrodurreleriflessionimetodologiche fornitodaWeber(1958),ilqualeciricordacomelavitacioffracontinuamenteuna molteplicit di processi, che stanno fra di loro in rapporto di successione e contemporaneit: questa infinit non diminuisce quando consideriamo un singolo oggetto isolato. Sono i concetti che permettono all'essere umano di raccogliere e rappresentare in categorie qualcosa che altrimenti si perderebbe nel flusso dell'esperienza (Marradi, 1984). I concetti, nell'intervista, assumono un significato convenzionale, e permettono di plasmarla ed adattarla alle esigenze delle ipotesi di lavoroassunteall'internodellaricerca(Guala,1993).Questotipodistrumentoconsiste 37

nel fornire una sollecitazione (le domande) e registrare le risposte verbali; secondo Bruschi (1999) essa rappresenta uno sviluppo di un preciso atto sociale, ossia la conversazione,mainunaformapispecializzata.Guala(1993)fanotarechelatraccia ineffettilastessadelquestionario,manell'intervistac'qualcosainpi:lanaturadel rapportochesicreatraricercatoreepartecipante.Daunaparte,ilfattochel'osservatore partecipi apertamente ed attivamente a questo processo di comunicazione globale (Bruschi,1999),faschel'interazionetraiduesoggettiavvengaanchealivellonon verbale,epucontribuireadinfluenzareilprocessodiraccoltadati(cisiriferiscequiai fattori di influenza verbalilinguistici, socioculturali e psicologici). Dall'altra, questo aspetto permettedirenderepicomplessaericcal'osservazione,massimizzandogli elementi positivi dell'approccio qualitativo senza scontarne i limiti; lo scambio comunicativo nelle sue molteplici manifestazioni l'oggetto specifico dellanalisi qualitativa,eidatiraccoltimettonoinlucelunicitdiunevento,nellasuacomplessit situazionaleerelazionale.Inoltrelapresenzadelricercatoredurantel'intervistapermette diripetereoriformulareledomande(probing),pergarantireunapienacomprensione dellarichiestadapartedelpartecipanteedellarispostadapartedelricercatore stesso (Guala,1993).L'intervistahapermessodiavvicinarciallaprospettivadelpartecipante, cogliendolesuecategorieconcettualielesueinterpretazionidellarealt,favorendo losservazionecriticadisedelproprioagireel'esplicitazionedegliesitidiquesta riflessione (Bichi, 2002; Cicognani, 2002; Guala, 2000). In ultimo, questa scelta consentedisuperarelecriticitconnessealladispersionedelcampione,epermettedi evitarel'usodiunostrumentoilquestionariodicuispessoinpsicologiasocialesifa unusoindiscriminatoeriduttivo. L'intervista stata costruita in seguito ad alcuni momenti di brainstorming ed in seguitotestatasualcunivolontariconl'obiettivosperimentarnel'efficacia.formatada 27items,esitrattadiun'intervista strutturata,compostadadiversitipididomande, alcunedellequalicostruiteapartiredastrumentigiesistenti:iltestdellaDoppiaLuna (Greco, 1999), scale Likert, Reattivo di Sacks (Passi Tognazzo, 1999), le matrici numerichedi Tajfel(Tajfele al.,1971).Perquantoriguardal'ambitodelle relazioni virtuali, esso stato indagato a partire da una breve batteria di domande dirette. I restantiitemspossonoessereinveceinclusiinunatipologiachesiponeametstradatra letecnichediretteequelleindirette.Sequesteultimemiranoadevitarel'attivazionedi 38

resistenzenelpartecipante,cheall'oscurodeicriteripervalutarelerisposte,nelcaso delletecnicheopache(Bruschi,1999)lapersonaintuisceisignificatidellesingole domande,manoncoglieildisegnocomplessivoincuiessesonoinserite.Nellestorieda completare,peresempio,l'attenzionenonpostasulleespressioniverbali,benssuun livello divitapratica:ci consentedimantenereunbassolivellodiastrazioneedi limitareperciilpesodellarazionalizzazionenellarisposta.Perbilanciarelostrumento diraccoltadeidatirispettoalgenere,negliscenaripropostiilnomedeipersonaggi venivaadattatomodificandoneilgenereasecondadelpartecipante. Inoltre,inaltredomandecisiservitidiimmaginidicuilapersonadovevamotivarela scelta; in altri casi sono stati utilizzati di oggetti, con funzione analoga; anche per l'utilizzo della scala Likert ci si avvalsi di piccoli stratagemmi per rendere meno freddalasomministrazione,epergarantirealpartecipantelapossibilitdimotivareo spiegare il punteggio attribuito: il ricercatore leggeva l'affermazione, e la persona, tramiteunapedinachespostavasuunfoglioconidiversipunteggi,indicavacomesi ponevarispettoaquell'enunciato.Lanaturariccaemultiformedellostrumentohaavuto l'obiettivo,tral'altro,direnderepigradevolelaconduzionedell'intervista,siaperil ricercatoresiaperipartecipanti. Lostrumento,chesitrovainappendice,hafornitolabasepercondurreleinterviste,le qualisonostateregistrateepoitrascritteperprocedereall'analisi.

3.4Ilcampione Per la costituzione del campione sono state contattate numerose realt comunitarie, sparsesulterritorioitaliano,siatelefonicamentechetramiteemail.Ladifficoltad entrare in contatto con queste realt, e le limitazioni pratiche legate al raggiungere materialmentelesingolecomunithannoportatoacircoscriverel'attenzionealleregioni LombardiaedEmiliaRomagna.Ilprimocontattato,avvenutonelgennaio2010,stato necessario per conoscere le caratteristiche delle singole comunit, e per ottenere informazionicircaladisponibilitapartecipareallaricercaerispettoallapresenzadi figli.Leesperienzedilungaduratanonsonocoscomuni,eperquestaragionesono pochelecomunitdovevisianofiglimaggiorenni,ovveronellafasciad'etoggetto d'interesse.Unaltroproblemaemersorelativoalladifficoltdistabilireuncontatto 39

conquesterealt:nonsempliceavereinformazioniemancanofontiprivilegiatedacui ottenere i recapiti. Inoltre le comunit spesso si trovano in aperta campagna o in montagna, non di rado lontano dalle citt: per queste ragioni non sempre stato immediatoraggiungerle.Unavoltaindividuatelecomunitdisponibili,siprovvedutoa prendere contatto direttamente con i ragazzi, per trovare un momento adatto ad effettuareleinterviste,chesisonoconcluseintornoallametdimarzo.Lasceltadi condurrepersonalmenteleintervistehapermessodientrareincontattodirettoconle comunit,conlepersoneeconiluoghi,oltrecheconipartecipantistessi:nonsipu negarechecisiastataunapossibilitdiarricchimentopersonalenotevole. Ilcampionecomunitariocompostodaventipartecipanti(12ragazzie8ragazze),di etcompresatrai18edi28anni.All'internodiquestapopolazionepossibilefaredue ulterioridistinzioni:unarispettoall'occupazione(7lavoratorie13studenti)el'altra rispettoallefasced'et(13partecipantidietinferioreai23annie7dietsuperiore). Semprefacendoriferimentoaquestogruppo,sipuaggiungerechetrepartecipanti, studentiuniversitari,vivononellecittdovestudiano,erientranoperilfinesettimana; uno vive stabilmente all'esterno della comunit, e un altro, infine, al momento dell'intervistaerainprocintodifarelastessascelta.Cinonostante,benericordare chequestiragazzihannovissutoquotidianamenteall'internodelcontestocomunitario finoallafinedellescuolesuperiori.Le10comunitstudiatesicaratterizzanoperuna notevolevarietallorointerno:perquantoriguardaledimensioni,inprimoluogo,siva daquellepipiccolechecomprendonounadecinadimembri,sinoallepigrandi, formate da circa 40 persone. Sono tutte esperienze centrate sulla famiglia e caratterizzate da un forte radicamento sul territorio, oltre che da una forte matrice religiosa.Tuttelecomunitprevedonospazicondivisi,comeilgiardinooillaboratorio (frequentelacondivisionediattivitmanualidivariotipo),edeglispaziall'interno della casa (cucina, sala da pranzo, magazzino). Nell'unico caso dove assente uno spaziocomune(lacomunithacomunqueintenzionedicercareunospaziopiadatto)i momenticondivisinonvengonosacrificatimasemplicementecisiritrovaacasadiuna dellefamiglie.Inoltre,troviamointuttelecomunitl'usodellacassacomune,sebbene condiversemodalitdigestioneecondiversiutilizzi:inalcunicasil'interostipendio messoincomune,inaltriogninucleofamiliarepagaunaquotafissa,oinaltrilaquota 40

proporzionale alle entrate economiche di ogni nucleo; rispetto all'uso, vi sono sia comunitincuituttelespesevengonoaffrontatetramitelacassacomune,siaaltreincui viunadistinzionefralespesecomuniequelledeisingolinuclei.Rispettoalleattivit condivise,ilmomentodelpranzoodellacenaritenutomoltoimportante,emolte comunitscelgonodimangiareinsiemepivolteasettimana.Sonofrequentiinoltrele riunioniedimomentidipreghiera.Ancheleattivitmanualicostituisconounambitodi condivisione: esse vengono declinate in vari modi, sia all'interno della comunit (riparazioneemanutenzionedispaziedoggetti)siaall'esterno(peresempiotraslochi). Un altro aspetto caratteristico delle realt comunitarie quello relativo all'impegno associazionistico e alle attivit divolontariato; infine l'accoglienza considerato un compitoprimarioespessoinscindibiledall'ideastessadicomunit.L'organizzazionedei compitidomesticiaffidatainparteainucleiinparteallacomunit,esoloinalcuni casic'latotaleautonomiadellesingolefamiglie.Quasituttelecomunitoggettodi studiosisonostabiliteincascineincampagnaoaridossodipiccolipaesi,conlasola eccezionediunacomunitsituatainunagrandecitt. Per quanto riguarda il campione di controllo, si proceduto a individuare 20 partecipanti, bilanciatirispettoal campione comunitarioperquantoriguardal'et,il genere, e l'occupazione, provenienti dall'Emilia Romagna e dalla Lombardia. Questi ragazzisonorappresentatividellapiampiapopolazionegiovanileitaliana,che,come indicanonumerosiautori,caratterizzatadaalcunecriticit(Benasayag,Schmit,2003; Buzzi e al., 2007; Pietropolli Charmet, 2000; Bauman, 2001; Giancaterino, 2009). Rimandandoaisuddettiautoriperun'analisipiapprofondita,sicercherdiindicarele areeproblematicheeletematicheprincipali.Viinprimoluogoungeneralevissutodi precariet, dovuto ad una condizione di moratoria prolungata nei giovani adulti, collegata a difficolt nell'affrontare i compiti di sviluppo; il processo di nuclearizzazione della famiglia rende difficoltoso il necessario riferimento alla dimensionestoricoculturaleesocialeesterna,einquestomodoriducelapossibilitdi unconfrontocritico,ostacolandol'interazioneel'integrazioneconglialtri,condizione necessariaperlosviluppocompletodellapersona;gliidealitradizionalmentelegatialla sferasocialeedallattenzioneversoglialtri,vengonovissutiinchiaveautoreferenzialee soggettivistica,evaloricomelalibert,lademocraziaeilrispettodelleregolesono consideratiinchiaveprivata,picomegaranziepersonalichebenicollettivi;lerelazioni 41

sonovissuteprincipalmenteinotticacontrattualeecompetitiva,all'insegnadicriteri comel'utilit,ilprofittoedilpotere,inuncontestoculturaledovedominanteuna visioneutilitaristadelmondo;l'aumentaredelleincertezze,dellapercezionedirischio, chenonpermettedifarpresasulpresenteechecontribuisceacreareatteggiamentidi chiusura verso il futuro, che assume i tratti di un orizzonte minaccioso e di una potenzialefontedipericoli.

42

4.Laricercaempirica:percorsid'analisi.
4.1.Areed'interesse. L'analisideidatiorganizzatasecondoalcunemacroareechecostituisconogliambiti principalidellasferarelazionaledellapersona.Seguendoladistinzionepresentatanel rapportoIard (Buzzieal.,2007), sipossonoidentificareduetipidicapitalesociale: il primo, a livello micro, riguarda le relazioni personali sperimentate direttamente dallindividuo,chesisviluppanoallinternodeigruppiinformalieprimari,qualila famiglia o il gruppo amicale; il secondo ambito relazionale, cui ci si riferisce col terminemacro,coinvolgeigruppiformaliesecondari,ovverotutteleformedirelazioni associative.Sipossonopercifarrientrare,aifinidiquestolavoro,lerelazioniintimeed amicalinelcapitalemicrosociale,mentrequellelavorativeinquellomacrosociale. All'interno del livello microsociale, le relazioni intime sono state analizzate focalizzandosi su alcuni aspetti che caratterizzano questo ambito relazionale. In particolare, sulla rilevanza del rapporto di coppia, sulla funzione attribuita alla relazione, il grado di fiducia, i confini interni ed esterni, il livello di impegno, le aspettative, l'importanza della progettualit e la tipologia di questi progetti. Inoltre, all'interno di questa area, l'indagine si rivolta anche all'atteggiamento e alla rappresentazioni dei partecipanti rispetto alla famiglia, a diversi livelli: rispetto all'ideale, rispetto alla percezione della famiglia nel contesto attuale, ma anche relativamenteaitimori(Buzzieal.,2007;Fruggeri,2005). Rispettoall'areadelleamicizie,ledimensionianalizzatesonolarilevanza,lefunzioni svoltedalgruppoamicale,leattivitcomuni,lafiducia,l'impegno,ilconflittointerno,i rapporti conl'esterno, la progettualit (Donati, Colozzi, 1997; Buzzi e al., 2007; PietropolliCharmet,2000;Corsano,2007).Oltreaci,nell'areadelleamiciziesifatta rientrare anche il tema delle amicizie virtuali, ossia le relazioni che i ragazzi costruisconoevivonotramiteilcomputeredinternet.Questoinoltreharappresentatoun mezzoperindagarepiapprofonditamenteiltipodiusochevienefattodiquestomedia, lasuafunzione,lafrequenzadelsuoutilizzo,lasuarilevanza,ilrapportodiqueste amicizie rispetto a quelle visavis, la composizione della sfera amicale virtuale, il livello di intimit percepito, e in generale gli atteggiamenti verso i social network (Whitty,Carr,2008;Bisi,2003). 43

stataanalizzataanchel'areadellavoro,equigliambitid'interessesonolemodalitdi ricerca,ilrapportocoicolleghi,l'orientamentoalruolooallarelazione,ilrapportocon lautoritelagestionedeiconflitti(Depolo,1998;Csikszentmihalyi,Schneider,2000). Infine, coerentemente con gli spunti forniti da Giancaterino (2009), si scelto di approfondire il tema della percezione dell'immigrazione e quello degli stereotipi di genere,oltreaquelli,spessotrasversali,dellaprogettualitedelrapportoconl'autorit. Rispettoallemodalitattraversocuisonostatielaboratiidati,ledomandeapertesono statecodificateinbaseagriglieelaborateadhocedicuisifornirannochiarimentidi voltainvoltanell'analisideidati. Si provveduto ad attribuire un punteggio a seconda della presenzaassenza di un determinatoelemento,orispettoallasuanatura,secondouncriterioprestabilitoeda partediduegiudiciindipendenti.Isingolipunteggidiciascunpartecipantesonopoi statisommatitradiloroperottenereunindicequantitativoperognidimensione. L'itemn.1statoconsideratoperleinformazioniditipograficochehafornito,ossia rispetto al contenuto delle rappresentazioni, alla loro natura e alle diverse relazioni esistentifraloro. Lerisposteagliitems21e25(ossialamatricenumericaeladomandacheutilizzavalo stimolovisivodeicerchi),coscomequelleagliitemsn.16e26(cheutilizzanolascala Likert),sonostateelaboratedirettamenteattraversoilprogrammaSPSS. IpunteggisinteticicosottenutisonopoistatiprocessatiattraversoilprogrammaSPSS etrasformatiinpunteggiz,cosdaavereunadistribuzioneconmedia0edeviazione standard1.Diquestivalorisipoiprocedutoadottenerelamediapericampionieper ognisottogruppo.

44

4.2.Relazioniintime. Whitaker(1999)affermachel'individuo,presosingolarmente,mancaintrinsecamentedi qualcosa,poichnonhalapossibilitdicontinuareneltempo.Secondol'autore,parte del desiderio irrinunciabile per l'altro risiede proprio in questo aspetto. Non solo, ovviamente: il partner rappresenta anche la possibilit di ricreare un rapporto di dipendenzadinamica,doveconvivonoaltempo stessounioneeseparazione.Secisi focalizzasull'adolescenzaesullaprimaetadulta,sipuosservarecomelosviluppo dellavitasentimentalesiaunmomentofondamentale,capacedicatalizzareipensieri della persona pi di tanti altri avvenimenti della sua vita; secondo alcuni autori la capacit di stabilire relazioni intime pi mature con coetanei costituisce la sfida evolutiva pi complessa dell'adolescenza (Maggiolini, 2004; Confalonieri, Gavazzi Grazzani, 2002). Il rapporto di coppia costituisce una delle tre aree della socialit ristretta,insiemeallafamigliaeagliamici,edunodegliaspettipirilevantinellavita deigiovanidelnostroPaese(Buzzieal.,2007).Attraversoilrapportodicoppia,inoltre, sidefiniscel'identitdigenere,sistrutturalacapacitdisviluppareun'intimitsessuale edaffettivaesisperimentalacapacitdiassumereimpegniall'internodellarelazione. Oltreaquestiaspetti,nonsipudimenticarecomelavitasentimentalediunapersona abbiaun'importanteinfluenzasuglialtriambitirelazionaliincuilapersonastessa inserita(2004).Peresempio,unelementoevidenziatodanumerosericerchelegatoai cambiamenti a cui sottoposta la cerchia amicale del partner al momento della formazionedellacoppia(DiNicola,2002;Buzzieal.,2007). Analizzandoiltemadellerelazionidicoppianonpensabileevitaredisoffermarsi brevementesulcontestostoricoesocialeincuiessesiinseriscono,ossiaquellodei cosiddettipaesiadeconomiaavanzata.IntuttigliStatieuropei,apartiredaqualche decennio,sipotutarilevareunasignificativadiminuzionedelnumerodimatrimoni, oltre cheunaloroposticipazione. Questodatosiaccompagnatoadunconsistente aumentodellecoppiedifatto,deisinglee,soprattuttoneiPaesimediterranei,adun prolungamentodellapermanenzanellacasadellafamigliad'origine.Inlineaconquesti dati,sirilevatocomel'uscitadicasacoincidasemprepispessoconlaformazione dellacoppia,e,tralealtrecose,comelasceltadiavereunfigliovengaposticipata sempre pi (Buzzi e al., 2007). Intrecciando gli elementi appena citati con il tema 45

dell'individualismo(Bauman,2002),eriflettendosulledinamichechecaratterizzanola coppia,visonoulterioriconsiderazionidafare.Galimberti(2004)evidenziachel'amore l'unico l'unico luogo in cui l'individuo pu esprimere fino in fondo s stesso, a prescinderedairuolichehanellasociet;contemporaneamente,lapossibilitdiliberare le proprie componenti spontanee porta spesso a esasperare le proprie tendenze individualiste.RiprendendoleconsiderazionidiAndolfi(1999),interessantechiedersi comelepersoneriescanoadadattarel'esigenzadicostruireunarelazionedicoppiacon ilmitodellalibertindividuale:possibileusciredalcomplessodellalibertinmodo dariuscireadapprezzarneilsensodellimite? Se passiamo a considerare i dati emersi dalla nostra ricerca, possiamo innanzitutto osservareildiversogradodirilevanzaattribuitoallarelazionedicoppiadapartedei partecipanti.Ivaloriemersisonostatiottenutiapartiredallerisposteagliitem1,2,3, 10, 18, 21. I punteggi ottenuti dai due campioni non si differenziano in maniera sostanziale, essendo di 0,12 per il campione comunitario e di 0,12 per quello di controllo.Differenzeemergonoinveceseconsideriamolavariabiledellacondizione esseresingle/esserecoppia.Infatti,ilgradodirilevanzaattribuitoallarelazionedi coppiadecisamentemaggioreperipartecipantichesonoeffettivamenteimpegnatiin unarelazionedicoppia(intornoalpunteggiodi0,5)rispettoaisingle,cheottengono valoridecisamentenegativi. 4.2.1.Funzionedellarelazionedicoppia. La relazione con il partner pu assolvere a diverse funzioni. In particolare, nell'et dell'adolescenza e nella prima et adulta, le componenti preponderanti sono quelle legate al divertimento, alla sperimentazione, alla costruzione della propria identit, all'autorealizzazione,albisognodisupporto,sostegnoeconforto,allanecessitdiun rapporto intimo, paritario e stimolante; pi in generale, dalla relazione intima ci si aspetta spesso che sia appagante, che dia significato alla nostra vita, ed infatti il presuppostonecessarioperrenderepossibilelacostruzionediunafamiglia,diqualsiasi tipo essasia(Maggiolini,2004;Mitchell, 2003;Carli,Cavanna,Zavattini,2009).Il rapporto di coppia, secondo Lutte (1987), sostanzialmente ci che permette alla personadiemanciparsidaigenitoriediporsisuunpianoparitariocongliadultiin 46

generale.Comesipotrnotare,all'internodell'elencoappenafattovisonofunzioniche richiamanoaspettidiversifraloro,maanchealcunielementisimili.Perdelineareun quadrorispettoallafunzionecheassolvelarelazionedicoppiaperiragazzieleragazze delnostrocampione,sisceltodicostruiretrecategoriechepossanorenderepivisibili letendenzeall'internodeidatiemersi.Laprimacategoriaquelladellafruizione,ed relativaallacomponentedellarelazionedicoppiapiorientataaldivertimento,allo svago,allacondivisionediattivitpiacevoli.Lafunzionedisostegnosiriferisceinvece alvaloredisupportoeappoggiochepuassumereilrapportoconilpartner,attraverso ilconfidarsi,laricercadiconferme,egrazieallapossibilitdiaffidarsi,checontribuisce alla costruzione del senso di sicurezza all'interno della coppia. L'ultima categoria individuata, denominata realizzazione, fa riferimento alla relazione intima come elementoimprescindibileperconsentireallapersonadisentirsirealizzata,attraversola proiezionenel futurodi sstessi edel partner; l'accentoquipostomaggiormente sull'aspetto progettuale e di slancio verso il futuro. opportuno aggiungere che la categorizzazioneappenapropostanonesaustivanpretendediisolareartificialmente questetrecomponenticheconvivonoall'internodellamaggiorpartedellerelazionidi coppia.Alcontrario,lasuautilitconsistenell'evidenziarequalisianoledimensionipi importanticherendonopeculiareognicoppia.Idatirispettoaquestadimensionesono statiottenutidall'analisidellerisposteagliitems2,4,6,7,18.
fruizione -0,04 0,04 sostegno 0,21 -0,21 realizzazione 0,03 -0,03

Comunit Controllo

Tab.1.Funzioni:valorimedi, Osservandoidatimedirispettoaiduecampioni(tab.1),l'unicadifferenzasostanziale relativaallafunzionedisostegno,chesembraesseredecisamentepirilevanteperi ragazziprovenientidallecomunit(0,21)cheperilcampionedicontrollo(0,21). invecefocalizzandosisuisottogruppicheemergonoaspettipiinteressanti.In primo luogo,rispettoallacondizioneincoppia/single,ipunteggirimangonosimiliaquelli dei campioni d'appartenenza, evidenziando cos l'importanza di questa variabile. L'appartenenzacomunitarianonsembraperincideresuunaspettorelativoaisingle:in entrambiicampioniquestosottogrupposembraattribuirepiimportanzaagliaspettidi 47

fruizionedellarelazione(punteggidi0,18e0,22)rispettoachiincoppia(0,23e 0,07)cheinveceottengonopunteggilievementepialtinell'areadellarealizzazione. Un'altratendenzaemersachesembrasvincolatadall'appartenenzarispettoall'et.In particolare,imaggioridi24anniattribuisconoun'importanzamaggioreallafunzionedi realizzazione(campionecomunitario:0,17;campionedicontrollo:0,07)rispettoagli aspettidifruizione(rispettivamente0,29e0,11).Questafunzionedecisamentepi significativaperiminoridi24annidientrambiicampioni(0,16e0,17),cheinvecesono moltomenoorientatiallarealizzazione(0,08e0,12).Sembraquievidenziarsiuna tendenzalegataallet:peripartecipantipigrandigliaspettirealizzativiacquistano maggiorimportanzaascapitodiquellidifruizione,mentreperipigiovaniletendenze si invertono. Questo non dovrebbe sorprendere visto che l'aumentare dell'et vede modificarsi interessi, valori e priorit: si tende a diminuire l'importanza dedicata al divertimento eallo svagofine a sstesso e,contemporaneamente, diventa rilevante l'aperturaversoilfuturo(Buzzieal.,2007;Tonolo,1999),decisamentecontiguaalla dimensionerealizzativadellarelazione. Anche il genere traccia una discontinuit pi ampia di quanto faccia la variabile appartenenzacomunitaria.Sel'importanzaattribuitaalsostegnosegueivalorimedidei duecampioni,gliaspettirealizzativiedifruizionesonodecisamentepicaratteristici dell'appartenenzadigenere.Lefemminesicaratterizzanoperunpinettoorientamento per gliaspettirealizzativi(punteggiodi0,2),concedendopocospazioallafruizione (valoridi0,3circa).Alcontrario,questoaspettorisaltadipinellerappresentazionidei maschi(valoriintornoallo0,2circa),checonsideranomenorilevantelacomponente realizzativa (valori intorno al 0,2 circa). Questa differenza in linea con quanto sottolinealaletteratura(Confalonieri,GavazziGrazzani,2002)rispettoallamaggior importanzachelefemmineaquest'etattribuisconoalladuratadelrapportoneltempoe allecomponentiprogettualinelrapportocolpartner. Questidati,nellorocomplesso,sembranoporreinrisaltol'influenzadialcunevariabili (l'etedilgenere),chesembranoesserepisignificativeecapacididifferenziarele attribuzioni dei partecipanti rispetto alla funzione attribuita al rapporto di coppia. L'unicoaspettoincuil'appartenenzacomunitariasembragiocareunruoloimportante quellodelsostegno:quiivaloridivergonoinognisottogruppopresoinconsiderazione, ed emerge che sono soprattutto i partecipanti del campione comunitario a porre 48

l'accentosuquestafunzione(tab.2).
fruizione -0,04 0,04 -0,23 -0,07 0,18 0,22 -0,07 -0,26 -0,03 0,21 -0,29 -0,11 0,16 0,17 0,15 0,28 -0,33 -0,31 sostegno 0,21 -0,21 0,17 -0,27 0,25 -0,11 0,16 -0,29 0,23 -0,16 0,29 -0,25 0,14 -0,17 0,05 -0,27 0,45 -0,11 realizzazione 0,03 -0,03 0,1 0,02 -0,05 -0,11 -0,06 -0,13 0,09 0,02 0,17 0,07 -0,08 -0,12 -0,07 -0,19 0,2 0,2

Comunitario Controllo Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo - minore di 24 anni Comunit maschio Controllo maschio Comunit femmina Controllo - femmina

Tab.2.Funzionidellarelazionedicoppia.

4.2.2.Fiducianelpartner. La centralit della fiducia nelle relazioni intime stata evidenziata da pi parti. Marazziti(2002)ritienechelafasedell'innamoramento,inunacoppia,nonostantesia fondamentaleaffinchduepersoneentrinoincontatto,siconoscanoeinizinoacostruire aspettativereciprocheeprogettifuturi,nonsufficienteastrutturareunrapporto.Dopo ilmomentodell'attrazione,necessariochefaccialasuacomparsaunaltroinsiemedi processi, che vanno sotto il nome di attaccamento. Questo concetto, gi presentato all'iniziodelpresentelavoro(par.1),sembraessereutileancheperdescriverelafasepi matura dellacoppia.L'attaccamentoassolveaunaimportantefunzionebiologicaed evoluzionistica: permetteallaspecieumanadigarantirelasopravvivenzadellaprole graziealprolungarsidell'unionedeiduegenitori.Maquestoprocessopermetteancheai duepartnerdisperimentareunlegamestabilefontediconforto,fiduciaesicurezza (Carlieal.,2009;Cassibba,2003).Angelo(1999)identificaduebisognifondamentalie primordiali a cui risponde la relazione, e connessi al sistema motivazionale dell'attaccamento.Ilprimolegatoallaricercadisicurezza,mentrel'altroconsistenella spintariproduttivachespingelapersonaacercareunpartner.Ma,affinchiduebisogni 49

possano essere soddisfatti, l'autore sottolinea come sia necessaria la presenza della fiduciadibaseneiconfrontidell'altro.Sembraquindichelapossibilitdisentirsisicuri all'interno della relazione sia un elemento fondamentale per la strutturazione di un attaccamento sicuro reciproco per i partners. Questa condizione, secondo alcune ricerche(Carlieal.1999)siassocianellepersoneadunmaggiorgradodiapertura, sicurezzaepositivit,caratteristichechegarantiscono,sepresentineiduemembridella coppia,unmigliorfunzionamentorelazionale. Nelpresentelavorocisiriferisce,conlaparolafiducia,algradodiaffidabilitattribuito alpartner.Consapevolidelfattochenontuttiipartecipantiavevanounarelazioneal momento dell'intervista, si cercato di far riferimento alla fiducia che viene generalmenteattribuitaalpartner,indipendentementedallasuarealepresenza. Questi datisonostatirilevatiapartiredagliitemsn.2e6. Osservando i punteggi emersi nei due campioni, emerge una tendenza, anche se piuttostolieve:iragazziprovenientidallecomunitattribuisconoungradodifiduciaal proprio partner leggermente pi alto (0,08) del campione di controllo (0,08). Considerando invece i differenti sottogruppi, le tendenze diventano pi chiare. Relativamenteacolorochehannounarelazionedicoppia,peresempio,ladiscrepanza pinetta,conilvaloredelcampionecomunitariocheildoppio(0,82)diquellodi controllo(0,41).Lafiducianelpartnerdunqueconnessaconlessereincoppia,matra coloro che sono in coppia il sentimento della fiducia maggiore per i partecipanti comunitari.

4.2.3.Confini. Iltemadeiconfiniacuifariferimentoquestoparagrafoverraffrontatoaduelivelli:i confiniinterni(traiduepartners)equelliesterni(dellacoppiarispettoall'esterno). Primadianalizzarequestiduetemi,opportunopremetterecheirapportiinterniele modalit con cui essi vengono strutturati e costruiti di continuo non sono aspetti svincolatidallaposizionesocialedelgruppofamiliare(oltrechedeisingolimembri) occupanoall'internodellapiampiacomunit(Fruggeri,2005).Taleriflessionepu essereutileancheperanalizzareledinamichedellacoppia. Il rapporto con l'esterno uno degli aspetti attraverso cui possibile leggere i cambiamenti che hanno interessato la famiglia a partire dal periodo successivo 50

all'industrializzazione,ossia,nelnostroPaese,allafinedeldiciannovesimosecolo.In particolare,insiemeadaltricambiamentichehannoavutoluogoapartiredaquesto periodo (diminuzione del numero dei membri, crollo dell'autorit patriarcale), si assistito alla separazione tra famiglia e lavoro.Questomutamento hacomportatola nascitadellospaziofamiliareprivato,separatodalresto;unluogodovededicarsialla vitadomesticaeairapportitraisuoimembri.Lafamigliaverrquindiacostituirsi come entit nuclearizzata ed autocontenuta, con confini definiti che la separano e distinguonoinmanieranettadall'esterno(Fruggeri,2005).Inquestomodo,irapporti cheassumonoimportanzasonosolamentequellipistretti,ossiadelconiugeedeifigli, mentre ivicinivengonotenutialdifuoridellemuradomestiche.;lesceltestesse rispettoallasessualit,larelazionecolpartneroall'averefigliappartengonounicamente all'ambito privato, ossia la famiglia, diventato l'unico contesto in cui ricercare il benessere.Questachiusuraperpuanchecostituireunadifficoltnell'accettareirapidi cambiamentisocialienell'adattarvisi;davantialledifficolt,privadelleconnessionicon lasocietingeneraleepotendofarriferimentoadunaristrettaretesociale,essamanca dirisorserelazionalichepossanosostenerla:ledifficoltstessecosrisultanoancorapi insormontabili(Donati,1995;Omacini,2003;Giancaterino,2009).AnchePietropolli Charmet(2000)rilevalatendenzasemprepievidente,nellefamigliedelnostroPaese, achiudersialpropriointerno,rinforzandoilegamietracciandoiconfiniinmaniera netta,conl'obiettivodicontrastarelespintecentrifugheversounesternominaccioso. Davantiaquestetendenze,diventaproblematicoilruolodiintersezionefrapubblicoe privato che essa svolge. Pur essendo sfera del privato, essa non pu smettere di relazionarsi alla societ, pena la minaccia che la privatizzazione diventi soggettivizzazione,onarcisismo,ecompromettendocoslapossibilitchenellasociet simantenganonormeevaloricondivisi(Donati,1995). Dopoaverintrodottoiltemadeirapporticonl'esterno,sipupassareadanalizzareidati emersirispettoaquestadimensione.Ivaloriemersichepisiavvicinanoa1indicanola presenzadiconfinipermeabilieflessibiliconl'esterno,mentrequellichetendonoa1 sonoassociatiaunmaggiorgradodichiusuradellacoppia,conconfinimoltopirigidi. Ipunteggirispettoaquestadimensionesonostatirilevatiattraversogliitemsn.3,5,7e 18. I punteggi dei due campioni evidenziano una tendenza piuttosto netta: il grado di 51

apertura verso l'esterno della coppia sembra essere pi pronunciato per i ragazzi provenientidallecomunit(punteggio0,14)cheperilcampionedicontrollo(0,14).Se si osservano i partecipanti che hanno una relazione intima, i valori si accentuano, evidenziando sempre una prevalenza del campione comunitario (0,88) su quello di controllo(0,21). Perquantoriguardaillivellointernodellacoppia,sifariferimentoquialmodoincuii duepartnersstrutturanoipropriconfinireciproci.L'importanzadiquestoaspettoviene evidenziatadanumerosiautori.Satir(1999)affermachelacoppiasanaquellache riesceaconiugareunitediversitallostessotempo,ossiadovevienevalorizzatasia l'unicitdelsingolopartnersialacomunionetraidue.AncheFromm(1956)affrontail tema, asserendo che l'unione simbiotica tra due persone, sia in realt una forma incompletad'amore,chericalcailmodellobiologicodirelazionetramadreefeto.Nella coppia unita simbioticamente i membri sono separati da un punto divista fisico, e l'unione di tipo psicologico; l'autore attribuisce a chi esercita un ruolo passivo nell'unionelaposizionesottomessa(masochista)neiconfrontidichiinveceesercitail ruoloattivoodominante(sadico).Alcontrario,l'autoretedescoidentificainquelloche chiamaamorematurounlegamecheconsentedimantenerelapropriaintegriteal tempostessodiinfrangerelepareticheloseparanodall'altrapersona:inamore,ein coppia, due esseri diventano uno, e tuttavia restano due (pp. 35, Fromm, 1956). L'ultimocontributopresentatoperintrodurrel'argomentodiWalsh(1999).L'autrice, parlando a proposito della coesione di coppia, sottolinea come sia fondamentale mantenereunequilibriotravicinanzaeilrispettodellaseparazione.Peresempio,nelle coppie in cui entrambi i partners lavorano, comune che vengano mantenute aree separate;masequestosignificaunadifficoltadedicaretempoedenergiealrapporto, allora ci pu contribuire a mettere in crisi la coesione e l'intimit. Nelle coppie tradizionali,attesacomunechesialadonnaadadattareleproprieesigenzeaquelledel marito. Ma, come evidenziano Buzzi e al. (2007), questo modello sta lentamente lasciandoilpostounoditipomenosquilibrato,dovenondettochesiadefinitoapriori chidebbasacrificarsi.perciunprocessodicontinuacostruzionediconfinipio menoflessibiliecostantementenegoziatodaentrambiipartners.Nelnostrocasosono statiindividuatiduepoli,alcuiinternosidistribuisceleduepopolazionistudiate. Il 52

valoredi1indicailmassimogradodisovrapposizionetraiduepartners,condizionein cuiiconfininonsonoquasipernulladefinitiedecisamentelabili.All'opposto,col valore1cisiriferisceadunostatodiquasitotaleseparazione,doveiduepartnershanno sfereprivatepiuttostorilevantiedoveprevalequindigliaspettididueunitpiuttostoche quellidicomunione.Ipunteggirelativiaquestadimensionesonostatirilevatidagli itemsn.1,5,7,18e25. Ilprimodatodaevidenziarerelativoaipunteggimedideiduecampioni:benchnon cos profonda, si evidenzia comunque una discrepanza. I ragazzi provenienti dalle comunitsembranodistinguersiperunlivellodiseparazionemenonetta(0,17)rispetto alcampionedicontrollo(0,17),cheapparecaratterizzarsiperungradopiaccentuatodi separazione.Maivaloriassumonoentitdifferentineidiversisottogruppi:percoloro chehannounarelazionedicoppia,ilvaloredecisamentepielevatonelcampionedi controllo(0,94)rispettoaquellocomunitario(0,46).Questosembraevidenziareche, purcaratterizzandosientrambiperlapresenzadiconfinimegliodefiniti,ilcampione dicontrolloatenderemaggiormenteversoilpolodellaseparazione.Ancherispettoal genere sembra emergere una tendenza abbastanza netta: le femmine sembrano caratterizzarsiperrelazioniintimedaiconfinipidefiniti(comunit:0,11;controllo: 0,44),mentreimaschievidenzianovaloripibassieche tendonomaggiormenteal polodellasovrapposizione. La tabella 3, mostra i dati appaiati relativi ai due campioni divisi per condizione single/coppia.
Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit maggior di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo - minore di 24 anni confini interni confini esterni 0,46 0,88 0,94 0,21 -0,94 -0,97 0,29 0,73 -0,55 -0,28 -0,77 -0,67 0,8 0,34 -0,4 -0,53

Tab.3.Confiniinterni:1separazione/1sovrapposizione.
Confiniesterni:1confinipermeabili/1confinirigidi

Ungradomaggiorediseparazionetraipartners(ossialapresenzadiconfinimolto definiti)sembraassociarsiadunaminoreaperturaversol'esternodapartedellacoppia; 53

alcontrario,confinipiflessibili(equindiunmaggiorgradodiunione)all'internodella coppia corrispondono ad una maggior apertura verso l'esterno. I due andamenti caratterizzanorispettivamenteipartecipanticomunitariequellidelgruppodicontrollo.

4.2.4.Impegnoedaspettative. Fromm (1956) molto chiaro nel sottolineare un fatto: l'amore richiede sforzo. Nonostante questo, sono numerose le persone che sembrano dare pi importanza all'essere amati, a ci che si riceve piuttosto di quanto sia necessario dare. Analogamente,lestesseconsiderazioninonsembranofuoriluogosecisiconcentra sullarelazionedicoppia. Leaspettativecostituisconounelementofondamentalenelmomentodellaformazione dellacoppia,inquantoinbuonapartesudiessechesibasal'innamoramento,cheha infattipermoltiaspettiuncarattereidealistico:lapersonaamataoggettodigrandi aspettativeemoltesuecaratteristiche(vereopresunte)vengonoidealizzate(Marazziti, 2002;Mitchell,2002).Mal'importanzadelleaspettativenonvienemenocolpassaggio adunarelazioneditipopimaturo:leatteserispettoalpropriopartnersimodificano purcontinuandoaguidareilnostroagire.Costituisconoinsommaunaspettoimportante checoncorrearenderepeculiarelacoppiaoltrechelerappresentazionidellepersone rispetto al partner e alla relazione stessa. Nel nostro caso si scelto di chiamare aspettativa ci che la persona si aspetta dal partner; oltre ad una dimensione pi quantitativa,ossiaunpunteggiorispettoallarilevanzadiquesteaspettative,cisi focalizzatianchesulcontenutodiquesteaspettative. Ma,tornandoalleparolediFromm,cisembratointeressanteancheprovareaoccuparsi dell'altrafacciadelleaspettative:ossiaquantolapersona,oltreadattendersiqualcosadal partner,siaanchedispostaamettersiingioco,agarantirepresenzaedisponibilit;sifa riferimentoquiall'ideadisforzochel'autorepresenta,intesoinquestocasocome voglia di spendersi all'interno della relazione. Ardone e Chiarolanza (2007) si sono interrogate sul ruolo dell'impegno come elemento predittivo che contribuisce al mantenimentodellarelazione.Esselodefinisconosiacomesentimentodilealtversoil partner, siacomeintenzioneastareinquellarelazione(pp.94).Lestesseautrici affermano anche che l'impegno di un solo partner non sufficiente a garantire il benessere della coppia; ci che invece sembra essere rilevante in questo senso la 54

naturareciprocadell'impegno,ossiacheessoprovengadatuttiedueimembri.quindi lecito chiedersi in che modo le aspettative e l'impegno vengano coniugati da ogni partecipante.Idatirelativialledimensionidelleaspettativeedell'impegnosonostati rilevatiapartiredagliitemsn.2,4,5,7e10. Nelleduedimensionioggettodiattenzionesievidenzianoduetendenzepiuttostochiare (tab.4).
Comunitario Controllo Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single
Tab.4.Punteggiperimpegnoeaspettative

impegno 0,22 -0,22 0,64 0,32 -0,3 -1,02

aspettative -0,21 0,21 -0,09 0,39 -0,36 -0,06

Iragazziprovenientidallecomunitsembranocaratterizzarsiperungradodiimpegno decisamentepielevato(0,22)rispettoalcampionedicontrollo(0,22).Viceversa,le aspettative sono decisamente pi elevate nei partecipanti del campione di controllo (0,21)diquantononsianoinquellocomunitario(0,21).Mainteressanteosservare anchecomequestivalorivarianoneisottogruppi. Cominciando da coloro che al momento della rilevazione erano coinvolti in una relazioneintima,ilpunteggiorelativoall'impegnodeiragazzidellecomunitdoppio rispettoalcampionedicontrollo:0,64ilprimo,0,32ilsecondo.Purtrattandosididue valoripositivi,ildatocomunqueabbastanzanetto.Sesivaaconfrontarelostesso grupponell'ambitodelleaspettative,sinotacomeilrapportosiinvertachiaramente: sonoiragazzichenonprovengonodallecomunitadaspettarsidipidalpartner(0,39), chevieneinvestitodimenoattesedapartedeipartecipanticresciutinellecomunit( 0,09). Relativamenteaisingle,ipunteggisonotuttidisegnonegativoinentrambiicampioni. Inquestocasoildatomoltoprobabilmenteinfluenzatodallamancanzadiunpartner: in assenza di una relazione di coppia vera e propria aspettative ed impegno, inevitabilmente,diventanoaspettimoltomenorilevanti.comunqueindicativoilfatto che,ancheseconvaloridecisamentepibassi,ilrapportotraleduedimensionirimane invariatotraiduesottogruppi,seguendoletendenzedelcampioneacuiappartengono. 55

Oltreallamodalitincuilepersoneconiuganoimpegnoedaspettative,purisultare interessanteinterrogarsianchesuqualilcontenutodiquesteaspettative;unavolta chiaritalalorointensit,lecitochiedersi:dipreciso,checosacisiaspettadalpartner? Ancheinquestocaso,percercarediindividuaretendenzepichiaresonostatecostruite trecategoriediaspettative.Laprimalegataalladimensioneprogettualerealizzativa: cichecisiattendedalpartnerchepermettaallapersonadirealizzareisuoidesideri rispettoalfuturo,direndereconcretelesuesperanzerispettoalladuratadelrapportoo allapossibilitdicostruireunafamigliaodiaveredeifigli.Leaspettativelegatealla possibilitdiricevereappoggio,supporto,opiingeneraledipotersiaffidarealpartner, sono state incluse nella categoria sostegno. L'ultima tipologia individuata stata chiamata stile, e comprende sia le attese rispetto a particolari modalit di comunicazionecolpartner,siarispettoalleformedigestionedelrapporto,siarispetto acaratteristichedelpartnerstesso. Sebbenenonemerganodifferenzeeclatanti,idaticiaiutanoacostruireunquadropi precisodiquestoaspettodellerelazioniintime(tab.5).
realizzazione 20,00% 15,00% 36,36% 8,33% 0,00% 25,00% sostegno 20,00% 40,00% 18,18% 41,67% 33,33% 25,00% stile 55,00% 45,00% 36,36% 41,67% 55,56% 50,00%

Comunitario Controllo Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single

Tab.5.Tipologiediaspettative.

Le categorie realizzazione e stile non sembrano rappresentare elementi di particolaredivergenzaperiduecampioni.Circalametdientrambiicampioninutre soprattuttoaspettativerispettoallemodalitdigestionedelrapportodapartedelpartner (categoriastile):il55%delcampionecomunitarioeil45%diquellodicontrollo.Vi poicircaunquintodientrambiicampioni(rispettivamente,20%e15%)chehaattese soprattuttolegateagliaspettiprogettualirealizzativi,ovverochesiaspettacheilpartner siaattivonellacostruzionediunfuturodellacoppia.Lacategoriasostegnoinvece quella che interagisce in maniera pi evidente con la variabile appartenenza: qui 56

prevalenteilcampionedicontrollo(40%)rispettoaquellodellecomunit(20%).I partecipanti non cresciuti in comunit si aspettano soprattutto di poter contare sul partneretrovareappoggio. Idatideisottogruppinondivergonoparticolarmentedaivaloriappenaesposti,mavi sonoalcunepeculiaritdarilevare.Considerandoipunteggirelativiacolorochehanno unarelazionedicoppia,emergeunaprimadivergenza:leaspettativedeiragazzidelle comunitsonopiorientateagliaspettirealizzativi(36%),mentreperilcampionedi controlloleattesesiriferisconomaggiormentealsostegnoeallostile(entrambecon percentualioltreil40%),equasipernienteallequestioniprogettualirealizzative(8%).I singleevidenzianoorientamentidifferenti:quellidelcampionedicontrollosembrano avere aspettative pi alte rispetto alla realizzazione dei propri progetti (25%), contrariamenteallo0%delcampionedellecomunit.Latendenzasiinverterispettoalle aspettativesulsostegno:il33%delcampionecomunitarioe25%dellapopolazionepi ampia.

4.2.5.Progettualitdellarelazionedicoppia. BenasayageSchmit(2003)sottolineanol'importanzadeldesiderare,delprogettareedel creare,comeunicimezzipercrearelegamieperdarformaallapropriavita.Gliautori poi,riferendosialcontestodellasocietpiampia,constatanocomeildesideriovenga costantemente scoraggiato nel mondo attuale, all'insegna di una situazione di crisi diffusachespingearidurreleprospettiveeaconcentrarsisullamerasopravvivenza. Nonquestalasedeperapprofondirequestotema;perimportantericordarecomeil temadellaprogettualitnonpossaessereesaminatoestudiatosenzatenercontodel contestosocioculturaleincuilepersonevivono. Ladimensioneprogettualecaratteristicadellarelazionedicoppia,poichquest'ultima, soprattuttocolprogrediredell'et,diventaunodeipernisucuiimmaginareilproprio futuro.RiprendendoTonolo(1999),possibileaffermarecheorientarsiversoilfuturo condizioneindispensabileperl'attivazionedell'individuo(e,potremmodirenelnostro caso,dellacoppia);laprospettivadeldomaniquellacheconsentediorganizzarele proprie azioni dando loro un ordine ed un significato, regolando cos pensieri e comportamenti. quindi abbastanza evidente quanto l'apertura verso il futuro ed i 57

progetti relativi alfuturostessoabbianounruolofondamentale nelcaratterizzarela coppia.Idatisonostatirilevatiapartiredallerisposteagliitemsn.2,3,5e10. Rispetto ai dati emersi, si evidenzia una differenza piuttosto lieve rispetto alla dimensioneprogettuale,afavoredeiragazziprovenientidallecomunit(0,08rispettoal 0,08delcampionedicontrollo).Ladiscrepanzatraiduecampioniquipocorilevante, esiritrovaconvaloripressochidenticiancheprescindendodalgenere:isottogruppi maschio/femminadelcampionecomunitariosimantengonosuvalorisensibilmentepi altideglistessisottogruppidellapopolazionedicontrollo.Ildatorimaneanalogose consideriamo poi il fattore et: bench per i partecipanti maggiori di 24 anni la dimensione progettuale sembri aumentare d'importanza, l'appartenenza comunitaria restaunfattorediscriminantechesiassociaapunteggipialtirispettoalcampionedi controllo. Marelativamenteallacoppiacheincontriamodeidatiinaspettati.Quiivalorisono sensibilmentepialtinelcampionedicontrollo(0,41)cheinquellocomunitario(0,13): cisembraindicarecheperiragazzichehannounarelazionedicoppial'appartenenza comunitariasiassociadunaminoreimportanzaattribuitaalladimensioneprogettuale. Rispettoaisingle,ildatoribaltato:chiappartienealcampionedicontrolloottieneun valore molto pi basso (0,82) rispetto al campione comunitario (0,02). Dunque, la dimensione progettuale sembra essere pi rilevante per i ragazzi provenienti dalle comunitchenonhannounpartner,mentrerisultaquasiinconsistenteperisingledella popolazionedicontrollo. Curiosamente anche il dato relativo alla condizione lavoratore/studente va in questa direzione,ricalcandoancordipiivalorideisottogruppiappenadescritti.Tracoloro chehannogifattoilloroingressonelmondodellavoro,l'importanzaattribuitaalla progettualit inferiore per il campione comunitario (0,21) rispetto a quello di controllo(0,67).Alcontrario,seosserviamoglistudenti,ilvalorenettamentepi bassoperilcampionedicontrollo(0,49)diquantononsiaperiragazzidellecomunit (0,24).Considerandoidatinellorocomplesso,curiosonotaredueaspetti:daunlato l'appartenenzacomunitariasembraaccentuarequellachespessolatendenzalegata all'et,chevedeunaumentogradualedelladimensioneprogettualedurantelacrescitae conl'avvicinarsidell'etadulta(Buzziaal.2007;Tonolo,1999).Dall'altro,nelledue condizionisolitamenteassociatealdiventareadulti,cioquelladilavoratoreedipartner 58

all'interno di una relazione intima (Di Nicola, 2002), i ragazzi provenienti dalle comunitsembranoattribuireun'importanzaminorerispettoalcampionedicontrollo. Alcontrario,sonoglistudentiedisingledelcampionecomunitarioacaratterizzarsiper unpimarcatoorientamentoallaprogettualit. Unavoltachiarital'importanzacheladimensioneprogettualerivesteperidifferenti sottogruppi,possibileinterrogarsisulcontenutodiquestiprogetti:inchedirezionesi esplicital'aperturaversoilfuturo?Qualicaratteristichehannoquestiprogetti? Sono state individuate due dimensioni utili a descrivere i diversi aspetti legati alla progettualit.Laprimarelativaallasuanatura:sitrattadiunorientamentoditipo effettivo o affettivo?Coniltermineaffettivosiintendequil'insiemediprogettiche mettono l'accento sul benessere della coppia, sulla possibilit di stare bene con il partner, sulle componenti intime ed emozionali: emergono dalle interviste dei partecipanti parole come amore, sincerit, fedelt, felicit, serenit. La tipologia effettiva mette invece l'accento sugli aspetti pi pratici di condivisione, sostegno reciproco, impegno e rispetto; la proiezione qui maggiormente orientata verso le componenti concrete dello stare insieme, con chiari riferimenti ad avere dei figli e formareunafamiglia.Benchovviamentesiararochesipresentiunool'altroaspetto separatamente,statopossibileidentificare qualedei duefossepreponderante nella rappresentazionideipartecipanti. Lasecondadimensionesucuicisifocalizzatifariferimentoalleproiezionirispetto all'aperturaall'esternodellacoppia(odellafamiglia),ossiaalgradodipermeabilitdei confinichelapersona,nellesueproiezioni,attribuisceallapropriarelazione.Questo aspetto,approfonditoinprecedenza(par.4.2.3),siriferisceallacondizionedichiusura intimisticachecaratterizzasemprepilafamigliaattuale,chetendeadallontanarsidalla propriaparentelaeadisolarsidallasocietinnomedellerelazioniintimechevengono costruitealsuointerno(Donati,1995;Fruggeri,2005).Qualisarannoleconnessionied i rapporticonl'esterno,nellacoppiaonellafamigliacheilpartecipanteprogettadi costruire? Idatisonostatirilevatiattraversogliitemsn.2,3,5,7e10delquestionario.Rispetto alleduedimensioniindividuate,sievidenzianoalcuneimportantidivergenzetraidue campioni. La progettualit di tipo effettivo caratterizza in maniera piuttosto netta il 59

campione delle comunit (0,42) rispetto a quello di controllo (0,42), mentre quest'ultimosembraorientarsidecisamenteversoquellaaffettiva(0,36),diversamente dalcampionecomunitario(0,36).Semprefacendoriferimentoaquestiduecampioni,i ragazziprovenientidallecomunitsembranoattribuiremaggiorimportanzaall'aspetto diaperturadellarelazione,checaratterizzalalorodimensioneprogettualeinmisurapi rilevante (0,29) che per il campione di controllo (0,29). I valori all'interno dei sottogruppi si mantengono molto simili a quelli appena descritti, e confermando le diversetendenzechecaratterizzanoiduecampioni. Ciononostante,visonoalcunepeculiaritcheimportanterilevare.Innanzituttorispetto aivalorichepisidiscostanodallemedie:sonoisingledelcampionedicontrollo coloropercuimenorilevanteladimensioneprogettualeeffettiva(0,91),mentreil valorepialtoassociatoaimaggioridi24annidelcampionedellecomunit(0,82).Il fattoreetsembrainoltredeterminareladiscrepanzamaggioretraiduesottogruppi:pur mantenendosiledifferenzelegateall'appartenenzacomunitaria,ilpunteggiolegatoalla progettualiteffettivatendeadaumentareconl'et(tab.6),mostrandocheladimensione progettualesifapiconcretaedorientataall'ideadicostruirelafamigliamanoamano chesicresce.
Progettualit effettiva Comunitmaggioredi24anni Comunitminoredi24anni Controllomaggioredi24anni Controllominoredi24anni

0,82 0,09 0,07 0,71

Tab.6.Progettualit

Considerando l'altro aspetto su cui si scelto di focalizzarsi, ossia la progettualit rispettoall'aperturaeallaconnessioneattribuitaallapropriacoppia(ofamiglia),anche in questo caso l'appartenenza comunitaria ad essere rilevante per comprendere le tendenzeevidenziatesi.I ragazziprovenientidallecomunitimmaginanolapropria relazionepiconnessaconl'esterno(0,29)diquantononaccadaperipartecipantidel campionedicontrollo(0,29).Questivalorisipossonoritrovareinmanierapiuttosto chiaratracolorochehannoconcretamenteunacoppia(rispettivamente0,79e0,13peri duecampioni).Unaltrodatointeressanterelativoalvalorepialto(immediatamente

60

dopoquelloassociatoachiincoppia):sonolefemminedelcampionecomunitario (0,66) per cui l'apertura all'esterno nei propri progetti di coppia sembra essere decisamenterilevante. Unaltroaspettointeressantelegatoalledifferenzeassociateall'et,allacondizione lavoratore/studenteeaquellasingle/incoppia.Daquestidatisembraemergereche,pur mantenendosiledifferenzelegateall'appartenenza,ilavoratori,imaggioridi24annie colorochehannounarelazioneintimaprogettanounacoppia(ounafamiglia)piaperta econnessaconl'esternorispettoastudenti,singleeaipartecipantipigiovani.Sempre considerandoildatochetendeavedereconnesselacondizionelavorativa,quelladi coppiael'etmaggiore(Buzzieal.,2007;DiNicola,2002),sipuforseipotizzareche il rapporto con l'esterno assuma maggiore importanza via via che ci si avvicina al momentodistrutturarelarelazioneinmodopimaturo.

4.3.Famiglia Iltemadellafamigliaverrquiaffrontatoapartiredallerappresentazioni.Davantiadun panoramavariegatoedinevoluzionecomequellodellafamiglianelnostroPaese(vd. Fruggeri, 2005), l'orientamento prevalente stato a lungo quello della cultura della devianza,checonsideravaincompletequelleformefamiliarichesiallontanasseroda quella nucleare. Solo in tempi recenti si fatto strada un approccio orientato alla differenza,capacediriconoscereevalorizzarelamolteplicitelavariabilitdelleforme familiari(Fruggeri,Mancini,2001).Apartiredataliconsiderazioni,sonostateindagate lerappresentazionideipartecipantirispettoallafamiglia;leimmaginiconcuiessaviene associata concorrono a formare, secondo Ganong (1990), un sistema di premesse a partiredallequaliicomponentidellefamigliecostruisconosstessieilcontestoincui sitrovano.Daquestepremesse,inaltreparole,essisviluppanorelazioni,affrontanoi problemi,costruisconoruolieidentit(Fruggeri,1998). Partendo da quest'ultimo aspetto, sono stati rilevati tre ambiti relativamente alla famiglia:unolegatoallarappresentazionecheipartecipantihannodellafamiglia,uno rispettoaitimoricheessinutronoversolastessa,infinequellodellafamigliaideale. Prima di presentare i risultati, c' da fare una premessa di carattere metodologico: 61

rispetto alle rappresentazioni e ai timori, poich le risposte sono due per ogni partecipante,iltotaledellepercentualisuperioreal100%. Idatirelativiallerappresentazionisonostatirilevatiapartiredall'itemn.22.Sonostate individuate5categoriechesonoemersedallerisposte.Laprimacategoria,denominata variet, comprende quelle risposte in cui i partecipanti mettevano l'accento sulla naturaeterogeneadellafamigliaattuale,sottolineandocomeoggineesistanonumerose forme:questacategoriasembraesseremoltovicinaall'ideadellaculturadelladifferenza presentata in precedenza. Nella seconda categoria, chiamata oasi, le risposte delineanoun'ideadifamigliacomeluogocaldoedintimo,protettoesicurorispettoad un contesto societario vissuto in maniera pi negativa. Le ultime tre categorie individuatesiriferisconoinveceacaratteristichedecisamentemenopositiveattribuite allafamiglia.Inquelladenominataproblemiallaparolafamigliavieneassociatoun insieme di difficolt e problemi generici, sottolineando come il momento attuale presenti numerose difficolt (economiche, sociali) a cui deve far fronte anche la famiglia,nonsempreconmezzierisorseadeguati.Inquestocasolasceltadelnome dellacategoriavolutamentegenerica:lerispostenonsembranometterel'accentosu questioniprecisequantosullanaturaproblematicadelcontestoincuilafamiglia inserita oggi, e sulle difficolt conseguenti. La categoria intrafamiliare, pur mantenendo il focus sugli aspetti critici, comprende risposte in cui il partecipanti sembranoindividuareall'internodellafamiglial'originedeiproblemi;irapportichesi fanno pi superficiali, problemi di comunicazione tra i membri, difficolt di fronteggiarecrisiotransizionicheinteressanoivaricomponenti.Puressendoaspetti chenonpossonoessereconsideratiprescindendodalcontestoesterno,laspecificitdi questacategoriarelativaalfocuschevieneorientatomaggiormentesullerelazionitra membriosuiloroproblemiindividuali.L'ultimatipologiadirisposteindividuatestata denominata interfamiliare: qui le criticit della famiglia sono viste soprattutto in relazione alla chiusura del nucleo familiare su se stesso: venendo a mancare le connessioniconaltrepersone,famiglieopiingeneralecongruppiesternialcontesto familiare, questo ripiegamento su s stesso comporta un isolamento che nuoce al benessere della famiglia e dei suoi membri. A partire da queste categorie, stato possibileosservarecomeiduecampioniedidiversigruppisidistribuisconoaseconda dellerispostefornite(tab.7). 62

1 variet Comunit Controllo 20,00% 35,00%

2 oasi 50,00% 30,00%

3 problemi 40,00% 75,00%

4 intrafamiliare 5 interfamiliare 20,00% 25,00% 40,00% 5,00%

Tab.7.Rappresentazionirispettoallafamiglia.

Considerando i valori generali emersi tra i due campioni, si possono notare alcune peculiarit . Rispetto alla categoria variet, troviamo percentuali simili tra i due campioni, con una lieve prevalenza di quello di controllo (35%) rispetto a quello comunitario(20%).Lacategoriaoasivedeinveceribaltarsiquestadifferenza:50% delcampionecomunitarioe30%diquellodicontrollo.Passandopoiaconsiderarele altre tre categorie, emergono tendenze piuttosto nette. I ragazzi provenienti dalle comunit sembrano attribuire importanza in misura analoga alle problematiche pi generiche (40%) e a quelle chiamate interfamiliari (40%); i problemi che invece interessanoisingolimembri(livellointrafamiliare)sonoritenutiimportantidauna percentuale minore di partecipanti (20%). Passando a considerare il campione di controllo,emergonoalcunedifferenze.Iproblemilegatialripiegamentodellafamiglia susstessaemergonoinunnumeroesiguodirisposte(5%),mentreleproblematiche generichesonoquelleindicatedallamaggioranzadelcampione(75%);chiinvecefa riferimento al livello intrafamiliare numericamente analogo al campione comunitario(25%).Confrontandoquestivalori,sipossonofarealcuneconsiderazioni: se si considerano le prime due categorie, variet e oasi, si evidenzia come la popolazione di controllo sia maggiormente sensibile alla natura eterogenea della famigliaattuale,dicuivengonosottolineatelediverseformecheassumenelnostro Paese senza per questo smettere di utilizzare la parola famiglia. I ragazzi delle comunitinvecesembranodarepiimportanzaallafunzionedirifugiodellafamiglia, allecaratteristichetalipercuiunluogosicuro,caldoedaccoglienteincontrastoconil contestopiallargato.Rispettoallecategoriechemettonoinveceinrisaltolecriticit dellafamiglia,periragazzidellecomunitledifficoltdinaturainterfamiliaresono pi rilevanti di quanto non lo siano per il campione di controllo; al contrario, quest'ultimo attribuisce maggior importanza alle problematiche pi generiche. Se 63

consideriamoingeneraleilnumerorispostecherientranelleultimetrecategorie(quelle chefannoriferimentoallecriticit)notiamochelapercentualepressochidenticatrai duecampioni:sipudireinsommachequestoatteggiamentononsiacaratteristicodi unoodell'altro.Ciononostante,sembracheiragazzidelcampionedicontrolloriescano inmanieraminoreaidentificarelecaratteristicheprecise(oltrecheledinamiche)delle problematiche percepite, mentre nel campione comunitario sembrano essere meglio identificatiquellichepossonoessereglielementicriticidelcontestoattuale,giustao sbagliata che sia questa lettura. comunque opportuno ricordare come il tema del ripiegamentodellefamigliesustessecostituiscaunodeitemiprincipalidimolteanalisi chesisonooccupatedelledifficoltdellafamigliaattuale(Fruggeri,2005;Omacini, 2003;PietropolliCharmet,2000). 4.3.1.Timori Perquantoriguardailtemadeitimori,idatisonostatirilevatidall'itemn.22.Anchein questo caso sono state individuate 5 categorie di risposta. La prima, denominata instabilit, fa riferimento a coloro che hanno indicato come timore principale il deterioramentochepuinteressareilnucleofamiliare,dettatodall'aumentodellecrisi che possono presentarsi, o dal pericolo che con il semplice trascorrere del tempo i rapportisiincrinino.Lasecondacategoriastatachiamataseparazione,ecomprende le risposte dove emerge il timore di disgregazione o frammentazione del nucleo familiare, e connesse quindi al restare solo in caso di abbandoni o separazioni tra coniugi,odiperdereicontatticoniproprifamiliari.Latipologiasfiderelativaachi indicaicompitieletransizionidellavitafamiliarecomefonteditimore;avereunfiglio, sposarsi,l'ideadiunrapportochedurituttalavita,sonoelementidicuivienemessain luceinquestocasolapotenzialedirischio.Leultimeduecategorieindividuatesonoin parteconnessel'unaconl'altra:conilnomeaperturasifariferimentoaquellerisposte cheindicanonellamancanzadiconfinienellastrutturalabiledellafamigliaiprincipali timori rispetto ad essa. La categoria chiusura invece rappresenta un ideale polo oppostorispettoallaprecedente:quiitimorisonorelativiaconfinifamiliaritroppo rigidi,aduneccessodistruttura(secondoalcuniconilrischiodivedersorgereuna gerarchia) che porta alla chiusura del nucleo familiare. Se si osservano i dati cominciandopropriodaquestedueultimecategorieemergonoduetendenzedifferenti 64

(tab.8).
instabilit Comunit Controllo 20,00% 50,00% separazione 30,00% 45,00% sfide 25,00% 10,00% apertura 50,00% 10,00% chiusura 35,00% 40,00%

Tab.8.Timoririspettoallafamiglia.

I timori rispetto alla chiusura rivestono un'importanza analoga per i due campioni, intorno al 40%; diverso il discorso per la categoria apertura. I timori legati all'assenzadiconfinibendefinitisonoindicatiinmanierapiconsistentedairagazzi provenientidallecomunit(50%),mentreunaspettodecisamentepimarginaleperi partecipantidelcampionedicontrollo(10%).Proseguendoconlealtrecategorie,il timorelegatoaldeterioramentodelnucleofamiliarerivesteunimportanzadecisamente maggiorperilcampionedicontrollo(50%)rispettoaquellocomunitario(20%).Anche i timori legati alla separazione e alla solitudine sono considerati pi rilevanti dal campionedicontrollo(45%),sebbeneancheperbuonapartedeiragazzidellecomunit nonsitrattidiquestionisecondarie(30%).L'ultimacategoriaindividuata,relativaal timoreversoicompitichedeveaffrontareunafamiglialungoilsuopercorso,anchese convaloripiuttostobassi,sembrapirilevanteperilcampionecomunitario(25%)che per quello di controllo (10%). Confrontando i dati, gli unici aspetti che sembrano differenziare realmente i due campioni rispetto ai timori verso la famiglia, sono le categorieinstabiliteapertura.Quest'ultimasiassociainmanierapiuttostochiaraal campionecomunitario,perilqualeprobabilmentesonopievidentiirischidiunnucleo familiare privo di confini definiti che gli consentano di differenziarsi dall'esterno e percepirsicomeunito;inquestocasosembrachel'orientamentosiapisuiproblemiche interessanolafamigliainquantosistema(vd.Marvin,Stewart,1999)chesuisingoli membri. Rispetto alla categoria instabilit, essa caratterizza maggiormente i partecipanti del campione di controllo: per essi sono quindi il timore principale rappresentatodallapossibilitcheirapportiall'internodellafamigliasideteriorinoo entrinoincrisi.L'attenzione,inquestocaso,pirivoltaacicheaccadealivellodei membridelnucleofamiliare.Considerandobrevementequantoemergedaisottogruppi, bench la maggior parte dei valori nonsi discostino pi di tanto daquelli dei due campioni,visonoalcuniaspettidasottolineare.Innanzitutto,itimorilegatiaicompiti 65

dellafamiglia(categoriasfide)haunatendenzacuriosaseosserviamolacondizione single/in coppia e le differenze d'et, tenendo presente che queste due condizioni tendonoatrovarsiassociate(Buzzieal.,2007;DiNicola,2002).

Comunit Controllo Comunit - in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo - single Comunit maggiori di 24 anni Controllo maggiori di 24 anni Comunit - minori di 24 anni Controllo minori di 24 anni

25,00% 10,00% 9,09% 16,67% 44,44% 0,00% 11,11% 22,22% 36,36% 0,00%

Tab.9.PunteggicategoriaSfide. Questatipologiaditimori,seconfrontiamoancheidatideiduecampionidiriferimento (tab.9),haunarilevanzadiversapercolorochehannounarelazioneeperipigrandi: periragazziprovenientidallecomunitlapercentualediminuiscerispettoalcampione dicontrollo.Maladifferenzaemergeinmanierapinettatraisingleediminoridi24 anni:itimoridiquestotiposonoassentidallerispostedelcampionedicontrollomentre sonodecisamenterilevantiperiragazzidellecomunit.Questodatopuessereindice dell'importanza che hanno questi momenti della vita familiare e di coppia per la persona.Sipuipotizzarechepercolorochenonhannounarelazione(oltrecheperi pi giovani), e perci hanno meno probabilit di dover affrontare questi compiti nell'immediato,transizionicomeilmatrimonio,olanascitadiunfigliodovrebbero rivestireunarilevanzarelativamentebassa:cosperilcampionedicontrollo.Invece,il dato associato ai single e ai minori di 24 anni del campione comunitario, diametralmenteopposto,sembrerebbeindicareperchequestiragazzilesfidedellavita rappresentinogiunelementopresenteneiloropensieri.Dauncertopuntodivista, questodatoinlineaconquantoemergerispettoall'importanzadellaprogettualit,che havaloripielevatiperquestisottogruppidelcampionecomunitario(par.4.2e4.4).

66

4.3.2.Famigliaideale. Per quanto riguarda l'ultimo ambito studiato, quello degli ideali, anche qui si procedutoadindividuaredellecategoriesullabasedellerisposteemerse.Idatisono statirilevatiapartiredall'itemn.27.Sonostateindividuatecinquetipologiedifamiglia ideale.Laprimaquellaallargata:conquestoterminesiintendeunaformafamiliare numerosacheprevedelapresenzasignificativadialtriparenti(nonni,zii)oltreaidue coniugi eaifigli.Latipologiaautonomafariferimentoacolorocheimmaginanola famigliacomeunlegamechenoncompromettalaproprialibertediproprispazi: l'elementocardineinquesterispostedatodall'esigenzadigarantireunaltogradodi indipendenzaaimembri.Nellaterzacategoria,chiamatalegame,l'accentovieneposto sull'importanza della famiglia in quanto luogo dei sentimenti. L'aspettoprincipale proprioillegametraimembridellafamiglia,capacedidaresicurezza,offrireconfortoe generarebenessere.Latipologianucleareinvecefariferimentoadunafamigliadai contornibendefiniti,unita,moltoincentratasullacoppia(mentreifiglisonomessia volteinsecondopiano)esull'intimit,ancheseilfocusrivoltoalraggiungimentodel benessere.L'ultimacategoriaindividuata,definitapermeabile,compostadagenitori efigli,masiconnotaperunampiogradodiscambierelazioniconl'esternoeper numeroseinterferenzedapartedialtrepersone(3:unafamigliachenonsichiudesu sestessa..[..]chesiadispostaadaccogliere..semplicementeunafamigliasemplice,che nonsiatroppolegataallavoro,aisoldi..pisullepersone,sugliamiciesuiparenti..).A partiredaquestecategorie,lapopolazionesidistribuitacomeintab.10.

Comunit controllo

allargata 5,00% 15,00%

autonoma 5,00% 10,00%

legame 30,00% 20,00%

nucleare 20,00% 35,00%

permeabile 40,00% 20,00%

Tab.10.Famigliaideale

Si pu notare subito come per le categorie con percentuali pi basse (allargata e autonoma),puressendoagliantipoditradiloro,ladistribuzionedeiduecampioni piuttosto simile, con una lieve prevalenza del campione di controllo. La famiglia incentratasullegameritenutaunmodelloidealepiperilcampionedellecomunit cheperquellodicontrollo,sebbeneladifferenzanonsiacossignificativa.Madovei duecampionisidifferenzianonettamenterispettoalleultimeduetipologie:ivalori 67

sonoquasiidenticimainvertiti.Sievidenziacoscomeperquasimetdelcampione comunitariol'orientamentoversounafamigliatradizionalemaconaltogradodi interscambio con il contesto esterno. Al contrario, pi di un terzo del campione di controlloritienechelasuafamigliaidealesiaquelladitiponucleare.Questadifferenza si amplifica notevolmente se si guardano i valori di chi in coppia: nel campione comunitariochisceglielafamiglianucleareil9%,mentresialzaal64%chipropende perquellaimpermeabile.Alcontrarionelcampionedicontrolloil42%orientatoad unafamiglianucleare,mentreil25%propendeperquellapermeabile.interessante anche notare come rispetto all'et alcuni valori tendano a modificarsi. Rispetto ai maggioridi24anni,ipartecipantidellecomunitsiorientanoancorapinettamenteper l'idea di famiglia permeabile (77%), mentre il campione di controllo si scinde tra quest'ultima(33%)elafamigliaallargata(33%).Diversamente,peripartecipantipi giovani le scelte sembrano pi moderate: il 45% della popolazione di controllo immaginaunafamiglianucleare,mentreiragazziprovenientidallecomunitsonopi orientativersolafamigliadellegame(54%).Visipotrebbequasiriconoscereuntrend evolutivo differente per i due campioni: la popolazione di controllo pi giovane caratterizzata da un orientamento alla famiglia nucleare, che poi si modifica con l'aumentaredell'etdividendositral'idealedifamigliaallargataequellapermeabile.Al contrario,seilsottogruppodeiminoridi24anniprovenientedallecomunitorientato allafamigliacomelegame,peripigrandiquestapreferenzasirivolge(aumentandodi percentuale)versolafamigliapermeabile.

4.4.Amicizia. Irapportiamicalihannoun'importanzafondamentalenellavitadellepersone,eilloro ruoloancorapievidenteedessenzialepergliadolescentienellaprimaetadulta (Garelli, Palmonari, Sciolla, 2006). Alberoni (1999) definisce l'amicizia come una formadiamore(laformaeticadell'eros,p.33),erispettoallealtreformeattraverso cuil'amoresirealizzaessasicontraddistingueperlasuanaturaelettiva:gliamiciinfatti vengonosceltidallapersonaelarelazioneconessivacoltivatavolontariamente.Inoltre, un'altraspecificitdelrapportoamicaleilsuocarattereparitario:questosignificache 68

tra amici non c' la necessit di diventare guida per l'altra persona ma si tende a rimanere all'interno di un rapporto orizzontale e non vincolante (Di Nicola, 2002; Bellotti,2008).Irapportidiamiciziatendonoinoltreaperdurareneltempo,ancheseil tempodedicatoall'amiciziavedeunprogressivodeclinomanoamanochelepersone inizianounarelazionedicoppiaoquandocomincianoalavorare;ingeneralesipu riscontrareuncalodiimportanzacorrelatoconl'aumentodell'et(Buzzieal.,2007;Di Nicola,2002).L'amiciziasembraessereingradodirispondereadungrannumerodi problematicheenecessitpersonali;senzaapprofondireulteriormentel'argomento,basti qui accennare all'enorme influenza che essa esercita all'interno del processo di costruzionedell'identitdellapersona(Garellieal.,2006).Inoltre,daunpuntodivista sociologico, l'interesse rivolto alle relazioni amicali negli ultimi anni ha progressivamentesostituitoquellorivoltoalconcettodiruolosociale.Senzaaddentrarci ulteriormenteinquestotema,comunqueimportantesottolinearechel'amiciziauna delle dimensioni attraverso cui si esplicita la sfera intima degli individui. Se consideriamocheil privato diventatounodegliambitidistudioimprescindibiliper analizzarelarealtsocialenelsuocomplesso,l'amiciziadiventaunarelazionesociale specificaconcaratteristiche,normeecodicipeculiari.Unelementochecontribuiscein manierasostanzialeadefinirelaretediriferimentodellapersonaeadelinearneitratti identitarieleappartenenzeall'internodellasocietglobale(DiNicola,2002;Bellotti, 2008). Facendoriferimentoalcontestoitaliano,irisultatidellericerchemostranochel'amicizia rappresentaunadelletrecoseritenutepiimportantidaigiovani,insiemeallafamigliae all'amore.Inoltrelasuaimportanzasembraesserecresciutaapartiredaglianni'80,a scapitodialtriambiticomequellolavorativo(Buzzieal.,2007).Ivaloririspettoa questadimensionesonostatirilevatidagliitemsn.2,6,18e21. Se consideriamo i dati emersi nel presente lavoro rispetto a questa dimensione, emergonovaloriviciniallamediaperentrambiicampioni,senzagrandidivergenze (campionedellecomunit:0,13;campionedicontrollo:0,13).Maimportanteprestare attenzioneancheaivaloricheemergononeisottogruppi(tab.11).

69

Rilevanza Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni Comunit maschio Controllo maschio Comunit femmina Controllo femmina Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente Controllo uso internet frequente

-0,28 -0,42 0,63 0,31 0,08 -0,62 0,15 0,14 -0,13 -0,28 0,34 0 0,19 0,21 0,04 -0,63 0,35 -0,18 -0,29 -0,09

Tab.11.Rilevanzadellerelazioniamicali. Una prima tendenza abbastanza netta relativa alla condizione single/in coppia. L'importanzaattribuitaaipropriamicidaisingledecisamentepialtainentrambii campioni(conilvaloredelcampionedellecomunitparia0,63rispettoaquellodi controllodi0,31)diquellaottenutadachihaunarelazionedicoppia(rispettivamente, 0,28e0,42).Considerandopoilealtrevariabili,l'appartenenzaallacomunitsembra tracciareunadifferenzarispettoacolorochelavorano.Mentreneiduecampionigli studentisicaratterizzanopervalorimoltosimili(comunit:0,14;controllo:0,15),nel caso dei lavoratori vi un ampio divario: i ragazzi provenienti dalle comunit attribuisconoun'importanzadecisamentepielevata(0,08)diquantononfaccianoi partecipantidelcampionedicontrollo(0,62).Se,comesottolineaDiNicola,pensiamo cheillavorospessounelementochechiudee/orestringealcunecerchiesociali (2002,pp.47),sembracheperiragazziprovenientidallecomunitquestatendenzasi attenuinotevolmente,almenoperquantoriguardalarilevanzadellacerchiaamicale. Il dato rispettoall'et ci mostra invece dei valori pi omogenei, che confermano la mediadeiduecampioni.Inoltre,conformementeaquantoemergedallericerche(Buzzi

70

eal.,2007),l'importanzaattribuitaalleproprierelazioniamicalidiminuisceconl'et. Ancheidatirispettoalgeneresonoinlineaconletendenzepivastedellapopolazione italiana,anchesecondifferenzepimarcateperilcampionedicontrollorispettoa quellocomunitario.SesifariferimentoallasestaindagineIARD,emergecheilgenere maschileassociatoconunacerchiaamicalepinumerosaconcuihacontattipidi frequenterispettoallefemmine(Buzzieal.,2007);elementichepossonoinfluiresul diverso grado di importanza attribuita alle proprie relazioni amicali. In entrambi i campionisembracheperimaschileproprieamiciziesianopirilevantidiquantonon losianoperlefemmine,conilcampionedicontrollochesicaratterizzaperunadistanza ancorapinettatraiduevalori(0,21perimaschi,0,63perlefemmine).L'ultimo elementochevalelapenadiconsiderarerelativoalledifferenzecheemergonorispetto all'uso pi omeno frequente diinternete delmediuminformatico.L'interazionedi questavariabileconl'appartenenzacomunitariaportaadueesitisensibilmentediversi. Considerandoilcampionedicontrollo,larilevanzadellerelazioniamicalimaggiore percolorochehannounapiriccavitavirtuale(0,09)rispettoachiutilizzainternet pi raramente (0,18). Nel campione comunitario, invece, i punteggi si distanziano maggiormentedallamediaesiinvertono:perchiutilizzainternetmaioraramentele amiciziesonomoltopiimportanti(0,35)rispettoacolorochesonopifamiliaricol medium informatico, che ottengono un punteggio nettamente inferiore (0,29). Considerandoquestidati,sembracheglistereotipidicuiparlanoWhittyeCarr(2006) (rispetto all'influenza negativa dell'uso di internet sulle relazioni visvis) trovino confermanelcampionecomunitariomentrevenganodecisamentesmentitidaquellodi controllo. 4.4.1.Funzionidell'amicizia. Rispetto a quelle che sono le funzioni svolte dall'amicizia, pu essere utile far riferimentoadalcuniricerchegieffettuate.DiNicola(2002)affermacheperigiovani egliadolescentiirapportiamicaliconsentonodimettereinrelazionecomportamenti individualianorme,valori,regole,stilidivitaediconsumochecaratterizzanoquesta fase dellavita,erendonopossibilelacostruzionediun'identitsocialechenonsia semplicementeunaduplicatodiquellaadulta,ossiadellefigureconcuilapersonaha una relazione asimmetrica (genitori, maestri, etc.). Il contesto amicale rappresenta 71

inoltre un ambito in cui sperimentare le proprie competenze sociali ed emotive: si cercano conferme, ci si confida ed affida, si costruisce il proprio senso di autodeterminazione,simisuralapropriacapacitdiriuscireel'affidabilit,simettealla provalapropriaautonomiaesiimparaadaverefiducianeglialtri,aconfrontarsiea collaborare con essi (Garelli e al., 2006; Di Nicola, 2002). Inoltre, non si pu dimenticarecomespessoilrapportoamicalesiaspessounfinegidipers:l'assenza difinalitparticolari,all'internodellarelazionetraamici,undatofrequenteediffuso; l'amicocoluiconcuisicondividelacircostanzaesistenzialedell'esserci(Ghisleni, Moscati, p. 80, 2001), con cui l'importante spesso semplicemente stare insieme (Amerioeal.,1990;Garellieal.,2006). Idatiemersi,rilevatidagliitemsn.8,13e15delquestionario,sembranodelineare alcunetendenzepiuttostochiarerispettoaiduecampioni.Sisceltodisuddividerele possibilifunzionisvoltedallerelazioniamicaliintremacrocategorie:fruizione,crescita esostegno.Lacategoria sostegno relativaallafunzionediappoggioeconfortoche assolve l'amicizia nel quotidiano, che si concretizza nel confidarsi, nel ricercare confermeenelsensodisicurezzachenascedallapossibilitdiaffidarsiall'internodella relazione amicale. La funzione di fruizione fa riferimento principalmente alla dimensione di tipo espressivo, ovvero lo stare insieme senza scopi specifici se non quellodidivertirsiedicondividereattivitpiacevoli.Lacategoriacrescitasiriferisce inveceaglielementidiconfrontoestimolochel'amiciziaoffre;l'accentoquisulruolo cheassolvelarelazioneamicalenelfavorirel'instaurarsidell'autonomia,delsensodi autoefficaciaedellacapacitdiimparareaconfrontarsieacollaborareconlealtre persone.Lacategorizzazioneappenapropostanonesaustivanpretendediisolare artificialmentequestetrecomponenticheconvivonoall'internodellerelazioniamicali. Al contrario, la sua utilit consiste nell'evidenziare quali siano le dimensioni pi importanticheconnotanoundeterminatorapportod'amicizia. Facendoriferimentoaivaloriottenutidaiduecampioni,sipuinnanzituttorilevare comeiduecampionitendanoacaratterizzarsiinmanierapiuttostonettaperquanto riguardaivalorimedi(tab.12).

72

sostegno
Comunit Controllo Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni Comunit maschio Controllo maschio Comunit femmina Controllo femmina Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente Controllo uso internet frequente
Tab.12.Funzionidell'amicizia.

fruizione

crescita

-0,01 0,01 -0,1 0,44 0,1 -0,63 0,12 0,2 -0,09 -0,09 -0,13 0,27 0,08 -0,2 -0,2 0,01 0,27 0,01 -0,05 -0,37 0,05 0,27

-0,21 0,21 -0,37 0,03 -0,01 0,47 -0,41 0,23 -0,1 0,2 -0,39 -0,14 -0,06 0,49 -0,34 0,54 -0,01 -0,29 -0,23 0,61 -0,17 -0,06

0,29 -0,29 0,34 -0,37 0,22 -0,17 0,18 -0,45 0,34 -0,2 0,6 -0,16 0,03 -0,39 0,46 -0,6 0,03 0,19 0,36 -0,23 0,15 -0,32

Ladimensionesostegnoottienepunteggipressochidentici(campionecomunitario: 0,01;campionedicontrollo:0,01),evidenziandocoscomelafunzionediconfortoed appoggiorivestaun'importanzaanalogaperentrambiicampioni.Rispettoallacategoria fruizione,invece,ipunteggiciindicanocomeessaconnotiinmanieramoltopinetta irapportiamicalidelcampionedicontrollo(0,21),mentreperiragazziprovenientidalle comunitsembrarivestireun'importanzadecisamenteinferiore(0,21).Perquest'ultimi ladimensionedicrescitaadesserenettamentepiconsistente(0,29),mentreperil campionedicontrollolosignificativamentemeno(0,29).Masoloconfrontandoi valori dei sottogruppi che possibile approfondire e comprendere pi a fondo le divergenzecheemergono. Inprimoluogo,sesiconsideranoipartecipantichehannounarelazionedicoppia,si punotarechel'aspettodifruizionequellochecaratterizzainmisuraminoreleproprie relazioni amicali, ottenendo punteggi decisamente inferiori alle medie: 0,37 per i ragazziprovenientidallecomunit,0,03perilcampionedicontrollo;manonostantela 73

somiglianza rispetto a questa dimensione, le due popolazioni divergono considerevolmente.Ilpunteggiodeiragazziprovenientidallecomunitchehannouna relazionedicoppianonsidiscostapiditantodalvaloremedionrispettoallafunzione dicrescita(0,34)nrispettoaquelladisostegno(0,1),mentresesifariferimentoal campione di controllo si rileva una netta prevalenza della dimensione del sostegno (0,44). Passando poi a considerare i single, emergono tendenze pi nette: se per entrambiilvalorecheottienelafunzionedicrescitanonsidiscostaeccessivamente dalle medie generali, assumono invece maggior importanza gli aspetti legati alla fruizione(0,01perilcampionecomunitario;0,47perilcampionedicontrollo).Maci chelidifferenziainmanierasostanzialeladimensionedelsostegno:quasiirrilevante perisingledelcampionedicontrollo(0,63),pisignificativaperiragazziprovenienti dallecomunitchenonhannounarelazionedicoppia(0,1). Anchefacendoriferimentoalgruppodeilavoratorieaquellodeglistudentisipossono evidenziarealcunepeculiarit.Sesiconsideranoladimensionefruizioneecrescita, iduegruppinonsembranodifferenziarsiinmanierasostanzialerispettoaivalorimedi. Vapersottolineatocomelacondizionelavoratore/studenterappresentiunelementodi discontinuitneiduecampionirispettoalladimensionedellafruizione.Nelcampionedi controlloquestafunzionesembracaratterizzareinmanieraanalogairapportiamicalidei lavoratoriedeglistudenti(0,23e0,2);inquellocomunitario,invece,menoimportante perilavoratori(0,41)cheperglistudenti(0,1).Inoltre,ancheconsiderandolafunzione di sostegno emerge una tendenza piuttosto chiara: qui l'appartenenza comunitaria sembrapassareinsecondopiano,edlacondizionedilavoratore/studenteatracciare unadifferenza.Emergeinfattichepercolorochestudianolafunzionedisostegnodelle relazioniamicalisiamenoimportante(0,09perentrambiicampioni)diquantononlo siaperilavoratori(0,12perilcampionecomunitario,0,2perquellodicontrollo). Un'ulterioreelementocapaceditracciarealcunediscontinuitl'et.L'appartenenza comunitariainquestocasopassainsecondopianoperdescrivereledifferenzerispetto alladimensionedellafruizione.Ilvalorechevieneattribuitoaquestiaspettisembra diminuireconl'et:com'eralecitoaspettarsi,sonoiminoridi24anniaritenerele relazioni amicali una fonte di divertimento e svago. Al contrario, questo stesso sottogruppoottienepunteggiinferioriperquantoriguardalafunzionedicrescita(anche sedientitsimileaivalorimedi).All'internodelcampionedellecomunitvisonodue 74

aspettidarilevare:perimaggioridi24anniledimensionilegateallacrescitaassumono unvaloredecisamenteelevato(0,6),mentrecuriosalaposizionedeiminoridi24anni. I punteggi di questo sottogruppo (tutti prossimi allo 0) delineano una situazione assolutamentebilanciatarispettoatutteetrelefunzioni:sembracheperlorononvisia una dimensione prevalente rispetto alle altre, bens le tre funzioni convivano (tiepidamente)l'unadifiancoall'altrasenzachenessunaprevalga.Diversoilcasoperi minoridi24annidelcampionedicontrollo:perlorogliaspettilegatiallacrescitaela funzionedisostegnosembranoesserepiuttostosecondari(0,39e0,2),mentreassume una certa importanza la dimensione di fruizione (0,49). Un ultima divergenza che emergeall'internodeimaggioridi24anni.Se,comedetto,questosottogruppodel campionecomunitariodecisamenteorientatoagliaspettidicrescitadellarelazione amicale,ottenendopunteggimoltopibassinellealtreduedimensioni,ilorocoetanei delcampionedicontrollosembranoessered'accordonelmetterel'accentosugliaspetti legatialsostegno(0,27).Comegiaccennato,all'aumentaredell'etsembradiminuire l'importanzadellecomponentidifruizione,mal'orientamentocheassumonoleproprie relazioniamicalisembraesseredisegnodifferenteperiduecampioni. interessantepoinotarecomeilgeneresicombiniconl'appartenenzacomunitaria.In primo luogo emerge nitidamente una peculiarit delle femmine provenienti dalle comunit: mentre i punteggi attribuiti alla fruizione o alla crescita sono moderati (percentualiprossimeallo0),ilvalorecheassumelafunzionedisostegno(0,27) decisamentesuperioreaquelloattribuitodaimaschi(0,2),nonchdaquelloottenuto daiduesottogruppidelcampionedicontrollo(0,01perentrambi).Ancherispettoalla fruizione il genere i sottogruppi delle femmine evidenziano tendenze peculiari: in particolare,questadimensione dell'amicizia ritenuta piimportante dallefemmine provenientidallecomunit(0,01)chedaquelledelcampionedicontrollo(0,29).Per queste ultime sono gli aspetti legati alla crescita a prevalere (0,19). Rispetto ai sottogruppideimaschi,essi,purricalcandolemediedeiduecampionid'appartenenza, sono coloro che ne accentuano maggiormente le rispettive tendenze. Infine, c' un elemento che sembra confermare ci che emerge dai dati di questo studio rispetto all'utilizzo dei social network e pi in generale dei nuovi media. I valori ottenuti sembranoporsiin contrastoconalcuneidee disensocomune rispettoacoloroche utilizzanoinmanierapifrequenteinternet:unaltogradodifamiliariteunutilizzo 75

frequente di questi strumenti non viene associata solitamente con elevate abilit relazionali (Whitty, Carr, 2006). Al contrario, nei dati ottenuti sembra che proprio colorochehannounapiriccavitavirtuale,soprattuttonelcampionedicontrollo,siano pispessoingradodiorientareleproprierelazioniamicaliversoilsostegno(usodi internetfrequenteospesso:0,27;usodiinternetmaioraramente:0,37). Peravereunquadropiriccodeirapportiamicalideipartecipanti,puessereutile gettareunosguardosulleattivitcheessifannoinsieme;Tonolo(1999)affermache ogginonpossibilecomprendererealmenteiragazzisenoncisiconcentrasuimomenti in cuiessipossonoesprimersiliberamente,ossianeltempolibero.Lostessoautore procedepoiadelencarealcunedefinizionideltempolibero:lapicompletacisembra essere quella che lo descrive come l'insieme delle attivit quotidiane giudicate in qualchemodocome libere:inbaseaicontenuti[..],ailuoghifrequentati[..]oallo stilediutilizzo[..](pp.50,1999).Possiamoquindichiederci:cosafannoquestiragazzi insiemeailoroamicineltempolibero? Idatisonostatirilevatidall'itemn.18.Sullabasedell'ampiavariabilitdellerisposte ottenute,sisceltodiindividuaretremacroareecheraccolganoleprincipalitipologiedi attivitemerseechecipermettanodidescriverepichiaramentelediversepeculiarit. Laprimacategoriaquelladellosvago.Essacomprendesiaimomentididivertimento edispensieratezza(andareaballareoadunaperitivo,giocareconlaplaystation,andare afareshopping,etc.),sialeattivitsportivedivarianatura(peresempioandarein palestra).Lasecondacategoriaindividuatastatachiamatatemporelazionale:cisi riferiscequiaimomentipiinformalienonstrutturatiincuilapersonametteinrisalto l'importanzadellostareinsiemeedellacuradellarelazione(ceneopranziinsieme, trovarsiperfareduechiacchiere,andareafareunapasseggiata,etc.).Benchquestedue categoriepossanosovrapporsiinalcunicasi,l'elementocentralecheledistinguenella presenzaoassenzadiunafinalit:nellacategoriasvagosemprepresenteunaqualche attivitcondivisaacuiilpartecipanteedisuoiamicisonoorientati,unacorniceche qualificailmomento;alcontrario,iltemporelazionaleponel'accentosuimomentidi condivisionedimomentiinformalieintimicaratterizzatidalsolofinedistareinsieme. Infine,laterzacategoriacomprendetutteleattivitditipoculturaleocreativo(andarea teatrooalcinema,suonareconilpropriogruppo,collaborareconun'associazionedi 76

volontariato,ecc.).Ancheinquestocasoimportantesottolinearecomenonsitrattidi unadistinzionerigidaenetta,madiunmododidescrivereidatiemersiedidareloro un particolarevalore;partendodallaconsapevolezzachequasitutteleattivitchei partecipantihannocitatocomprendonopidimensioniallorointerno,siquicercatodi identificarequalediquestedimensionifossepreponderante. Ebbene,mentrerispettoaltemporelazionaleeaquelloculturalecreativononsirilevano differenzeparticolaritraiduecampioni,chenonsidiscostanodallamedia,rispetto alleattivitdisvagocheemergeunatendenzapeculiare(tab.13).


svago
Comunit Controllo Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni Comunit maschio Controllo maschio Comunit femmina Controllo femmina

tempo relazionale

Cultural-creativo

-0,36 0,36 -0,52 -0,12 -0,17 1,08 -0,57 -0,29 -0,25 0,71 -0,31 -0,08 -0,41 0,73 -0,53 0,36 -0,11 0,37

0,01 -0,01 -0,27 0,21 0,34 -0,33 -0,08 0,19 0,05 -0,12 0,15 0,26 -0,11 -0,23 0,18 0,07 -0,25 -0,13

0,1 -0,1 0,1 -0,13 0,1 -0,07 0,02 0 0,15 -0,16 0,1 -0,17 0,1 -0,05 0,11 0,02 0,09 -0,28

Tab.13.Attivitcomuni.

In questocasosonoiragazzidelcampionedicontrollochesembranodedicarepi tempo a questo genere di attivit, con un valore medio di 0,36; per il campione comunitario questa dimensione decisamente meno rilevante, con un punteggio di 0,36. Pur con sfumature diverse, sembra che in questa dimensione oltre all'appartenenza comunitaria siano la condizione single/in coppia e quella studente/lavoratore, insieme all'et, a delineare alcune tendenze. possibile infatti affermarecheintuttiicasiglistudenti,isingleediminoridi24anni,inentrambii campioni,sidedicanopispessoadattivitdisvagodiquantononfaccianoilavoratori,

77

imaggioridi24anniecolorochehannounarelazionedicoppia.Questodatononin contrastoconidatiemersiinaltrericerche(Buzzieal.,2007),chevedediminuireil tempodedicatoaldivertimentoconl'aumentaredell'et(econduecondizioniassociate aquestoaumento,ossial'attivitlavorativaelarelazionedicoppia). Rispettoaltemporelazionaleeaquelloculturalecreativo,essinonsonoelementicapaci di differenziare in maniera evidente i due campioni, sebbene la differenza sia pi evidentesesifariferimentoalladimensioneculturalecreativo;inveceall'internodei sottogruppichesipossonoindividuarealcunedivergenze.Peresempio,considerandola condizioneincoppia/singletroviamoduetendenzeprincipali:laprimavedeconvergere, iduesottogruppiasecondadell'appartenenzacomunitaria.Nelcampionedicontrollo, siaisinglecheipartecipantichehannounarelazioneintimasipongonolievementealdi sottodellamedia(rispettivamente0,13e0,07),mentrenelcampionecomunitarioi valorisonoparia0,1.Cisembraindicareunalievepreferenzadapartedeiragazzi provenientidallecomunitperleattivitditipocreativoeculturale.Idatirelativial temporelazionalesembranopoitracciareunadifferenzapinettaneiduecampioni.Nel campione comunitarioessosembrarivestireunruolo menoimportanteperchiin coppia(0,27)mentreperisinglequestaattivithapivalore(0,34).Periragazziche nonprovengonodallecomunitivalorisiribaltano:iltemporelazionaleassumepi importanzaperchihaunarelazionedicoppia(0,21)rispettoaisingle(0,33). I punteggi ottenuti invece a partire dalla condizione lavoratorestudente non si discostanopiditantodallamedia,ancheseilavoratoridelcampionenoncomunitario sembrano dare importanza ai momenti informali e relazionali in maniera analoga a colorochehannounarelazionedicoppia(0,19).Emergeinveceunadivergenzaevidente tra la popolazione degli studenti; se quelli appartenenti al campione di controllo sembranodedicareprevalentementeilpropriotempocongliamiciadattivitdisvago (0,71),glistudentidelcampionecomunitariosonodecisamentepiorientatiaimomenti culturaliocreativi(0,15).Questodatopufarerifletteresulladiversitdiinteressiedi priorit che caratterizza i gruppi amicali dei partecipanti, poich queste attivit rappresentano un'occasione per costruire ed esprimere la propria personalit, per definireleproprieappartenenzeepersviluppareipropriinteressi(Buzzieal.,2007, pp.333). Undiscorsoanalogopuesserefattoperquantoriguardalavariabileet:imaggioridi 78

24 anni sembrano condividere un ridotto interesse per i momenti di svago (0,13 e 0,28),mentreentrambiprivilegianoiltemporelazionaletraleattivitcondivisecoi propri amici (0,15 e 0,26). Per quanto riguarda i partecipanti di et minore, l'appartenenzacomunitariaingradoditracciareunadiscontinuit:seperilcampione dicontrollo,comegiaccennato,preponderanteladimensionelegataaldivertimento, per i ragazzi provenienti dalle comunit l'accento viene posto maggiormente sulle possibilitcreativeeculturalideltempotrascorsocongliamici(0,1).Questovalore,tra l'altro,oltreadaccomunareipartecipantidietdifferenti,unaspettocondivisoanche daimaschiedallefemminedelcampionedellecomunit:l'importanzacherivestonole attivit creative e culturali sembra essere perci un elemento trasversale a queste variabiliedesserepilegatoall'appartenenza.interessantepoirilevarecomeildiverso usodeimediainformaticiassociatoalleattivitcondivise(tab.14).
svago
Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente Controllo uso internet frequente

tempo relazionale Cultural-creativo

-0,4 0,61 -0,29 0,2

0,11 -0,04 -0,18 0,01

0,18 -0,09 -0,04 -0,11

Tab. 14 . Attivit condividise e utilizzo internet Perquantoriguardailcampionecomunitario,lamaggiorfamiliaritconilcomputered internetassociataadunadiminuzionesiadeltemporelazionalechediquelloculturale. Infattisonocolorocheutilizzanoilmediuminformaticomaioraramenteadedicare piattenzionealleattivitditipoculturaleoaltemporelazionale(rispettivamente0,18e 0,11). Alcontrario,nonemergonodifferenzerilevantirispettoaquestavariabilenel campione di controllo, mentre si ha solo una diminuzione del tempo dedicato alle attivitdisvagopercolorocheutilizzanomaggiormenteilcomputer.

4.4.2.Fiduciaeimpegnonellerelazioniamicali. Per chiarire l'importanza ed il ruolo della fiducia e dell'impegno all'interno della relazioneamicale,puessereutilefareriferimentoaquantoscriveDiNicola(2002) accostandoall'amicizialaparolaalleanza.Questaaccezionedell'amiciziacontribuiscea metterneinevidenzal'aspettointrinsecamenterelazionale,econtemporaneamenterende manifestaunadellecaratteristicheprincipalidegliesseriumani,ossiailbisognodegli

79

altri come elemento necessario alla sopravvivenza. Se ci si focalizza su questa dimensionedellarelazione,emergel'ideadidipendenzadaglialtri:unadipendenzache pu svilupparsi positivamente e mantenersi in maniera adeguata se si ha la consapevolezzadipotersiaffidareallealtrepersone.Lafiducianeglialtriquindiuno deipresuppostiimprescindibilideilegamitraesseriumani.Ma,sedaunlatosiha bisogno di riporre fiducia negli altri, al tempo stesso fondamentale, affinch la relazioneamicalesiabiunivoca,cheglialtripossanofarelostessoconnoi.Eperchci siapossibilelapersonadevegarantirelapresenzaeladisponibilit,dimostrandola propriavogliadispendersiall'internodellarelazione,dialimentarlaedicurarla.Questi aspettisonostatidefiniti,all'internodelpresentelavoro,conilconcettodi impegno.I datirispettoadentrambequestedimensionisonostatirilevatiapartiredagliitemn.2,6, 12e21.Seconsideriamoipunteggiemersi,possiamonotarealcunedivergenzefraidue campioni(tab.15).
fid c u ia C mn o u it C n llo o tro C m n inc p ia o u it op C n lloin c p ia o tro op C m n s g o u it in le C n llos g o tro in le C m n la o to o u it v ra re C n llola o to o tro v ra re C m n s d n o u it tu e te C n llos d n o tro tu e te C m n m g io d 2 a n o u it a g re i 4 n i C n llom g io d 2 a n o tro a g re i 4 n i C m n m o d 2 a n o u it in re i 4 n i C n llom o d 2 a n o tro in re i 4 n i C m n m s h o u it a c io C n llom s h o tro a c io C m n fe m a o u it m in C n llofe m a o tro m in C m n u o in rn t s a o o u it s te e c rs C n llou oin rn t s a o o tro s te e c rs C m n u o in rn t fre u n o u it s te e q e te C n llou oin rn t fre u n o tro s te e q e te im e n pgo

0 4 ,3 -0 4 ,3 0 3 ,1 -0 7 ,3 0 1 ,6 -0 ,3 0 3 ,6 -0 4 ,3 0 9 ,1 -0 4 ,3 -0 9 ,1 -0 ,6 0 8 ,7 -0 3 ,1 0 8 ,5 -0 2 ,1 -0 1 ,0 -0 8 ,6 0 5 ,6 -0 4 ,3 -0 2 ,2 -0 4 ,3

0 6 ,0 -0 6 ,0 -0 3 ,1 -0 ,1 0 8 ,2 0 0 6 ,3 -0 2 ,0 -0 1 ,1 -0 8 ,0 -0 7 ,3 -0 9 ,2 0 1 ,4 0 4 ,1 0 2 ,3 0 7 ,0 -0 5 ,3 -0 4 ,2 0 ,2 -0 8 ,1 -0 1 ,2 0 3 ,0

Tab.15.Fiduciaeimpegno.

Ilvaloreassociatoallafiducianeiragazziprovenientidallecomunitdecisamentepi elevato (0,34) di quanto non sia quello del campione di controllo (0,34). Inoltre, all'internodeisottogruppiemergonodifferenzeincontrotendenzaconidatievidenziati daaltrericerche.Peresempio,considerandoisingleeipartecipantichehannouna

80

relazionedicoppia,emergeunaprimasostanzialedifferenza:nelcampionedicontrollo ilvalorenonsimodifica,attestandosisottolamedia(0,37perisingle,0,3perchiin coppia);invece,periragazziprovenientidallecomunitilgradodifiduciamaggiore perisingle(0,61),mentrechihaunarelazioneintimahaunvalorenettamenteinferiore (0,13).Passandopoiaconsiderarelacondizionelavoratore/studente,nonosserviamo nessuna differenza dal valore medio per quanto riguarda il campione di controllo, mentrecompareunatendenzapeculiareperquantoriguardalapopolazioneproveniente dallecomunit.Quiinfattilafiduciapercepitainmisurapiaccentuatadapartedei lavoratori (0,63) che dagli studenti (0,19). Prima di ipotizzare le ragioni di queste divergenze,puessereutilepresentareivaloririspettoaisottogruppididiversaet.In questocasoc'unatendenzacomuneneiduecampioni,anchesedientitdiversa:la fiducia nelle proprie amicizie diminuisce con l'aumentare dell'et. Se proviamo a confrontarequestidaticonquelliottenutirispettoallarilevanza,vediamocheessisono sostanzialmente concordi a parte per il sottogruppo dei lavoratori, per i quali l'importanzadellerelazioniamicalianalogaaquantoloperglistudenti.Selafiducia nelleproprieamicizie,parallelamenteallalororilevanza,maggioreinqueisottogruppi chehannopitempodadedicarvi(iminoridi24annieisingle),comemaiildatodei lavoratorisiponeincontrotendenza?Unadelleragionipuessereindividuatanelle particolaricaratteristichedeipartecipantichelavorano.Illavoroelarelazionedicoppia, comesidetto,sonoelementiingradotraccianounadiscontinuitnellavitadeigiovani adulti,modificandoilmodoincuilepersonevivonoestrutturanoleproprieamicizie. Questadiscontinuitspessoassociataall'aumentodell'et,manonnecessariamente: soprattuttoinunmomentodovelamoratoriapsicosociale(Erikson,1968)siprolungain maniera indefinita (Garelli e al., 2006). Ma in che modo l'ingresso nel lavoro e lo stabilirsidiunarelazionedicoppiainteragisconoconlarelazioniamicali?Illavoro,in quantoluogodovesitrascorronomolteorealgiorno,nonchambitorelazionalenuovo doveicolleghipossonorappresentareuntramiteperaltreconoscenze;lacoppia,cheper ledinamicheconnesseallasuaformazionesignifica,almenoall'inizio,unbisognodi ritagliarsiunospazioesclusivo.Inseguito,unodeglielementiprincipalicheportaadun calodeglispaziedeitempidedicatiallerelazioniamicalel'iniziodellaconvivenza(Di Nicola, 2002). Ma proprio questo l'elemento che manca nel campione studiato: nessunodeipartecipantiinfatticonviveconil/lapartner.Considerandoquestiaspetti, 81

possibile concludere come nel nostro caso solamente la condizione di lavoratore rappresentiquellofattorecapaceditracciareunadiscontinuitpidefinitarispettoalle amicizie.Perquesto,probabilmente,ilsottogruppodeilavoratoril'unicopercuile relazioniamicalisimodificanoinquestadirezione:ovvero,perdirlaconDiNicola (2002),picresconoleresponsabilit,ilsensodidovereagireemuoversidasoliedin autonomia[..],piforteilbisognodiconfrontarsi,affidarsiefidarsidichisentiamoa noipivicini(pp.46). Oltreaquestoaspetto,puessereinteressanterilevarecomeilgenereinteragiscecon l'appartenenza.Emergonoinquestocasovaloridecisamentepialtiperquantoriguarda ilsottogruppodeimaschi:questodatosembraconfermareivaloriemersirispettoalla rilevanza ed in generale, seppur in maniera pi accentuata, quanto emerge da altre ricerche(Buzzieal.,2007).Infine,l'ultimoaspettodaconsiderareilrapportotrail gradodifiducianellerelazioniamicaliel'utilizzopiomenofrequentedelmedium informatico.Ancheinquestocasoipunteggidelcampionedicontrollononsembrano discostarsidallamedia,nrispettoacolorocheutilizzanoilcomputeredinternetpi frequentemente, n per chi ne fa un uso pi occasionale. All'interno del campione comunitariotroviamoinveceunadifferenza,chericalcaildatosullarilevanzaesembra confermarequantoemergenell'ambitodelleamicizievirtuali(par.4.5).Infatti,peri ragazziprovenientidallecomunitilgradodifiduciadecisamentesuperioretracoloro cheutilizzanointernetedilcomputermaioraramente,mentrecalainmanieranetta trachidichiaradiutilizzarlopispesso.Sesiconsiderachelafiduciaunacondizione necessariaasviluppareemantenererelazionisoddisfacenti,emergeancoraunavolta comenelcampionecomunitariounariccavitavirtualecorrispondaarelazionivisvis menosignificative(par.4.3e4.5). Se passiamo a considerare i valori dell'impegno che i partecipanti attribuiscono al proprioagirerelazionalecongliamici,osserviamocheessisonospessospecularia quelli della fiducia percepita. Bench i punteggi generali dei due campioni non si discostinosignificativamentedalvaloremedio(0,06perilcampionecomunitario,0,06 perquellodicontrollo),sievidenzianotendenzepeculiaritraisottogruppi.Facendo riferimentoalcampionedicontrollo,notiamocomeivaloriottenutisianomoltovicini allo0siaperlecondizionisingle/incoppiasiaperquellelavoratore/studente.Diverso ilcasodelcampionecomunitario.Idatiquisembranoricalcareinmanierapiuttosto 82

fedelecicheemergerispettoallafiducia:isingleeiminoridi24anniritengonodi metteremaggiorimpegnonelleproprierelazioniamicali(rispettivamente0,28e0,41) rispetto a coloro che sono in coppia (0,13) o che hanno pi di 24 anni (0,37). I lavoratori inveceottengonounpunteggio pi alto(0,36)deglistudenti (0,11).Se correttoilragionamentofattoinprecedenza,eseveralarelazionedescrittatrafiducia edimpegno,alloraildatononsorprende:perchihaunarelazionedicoppiaeperi maggioridi 24anninonsembra esserecominciata quella serie dicambiamenti che porteradimpegnarsimaggiormente(earicercaremaggiorefiducia)nellarelazione amicale.invecenelsottogruppodeilavoratorichesipossonoritrovareisegnalidi questedinamiche. Considerando poi le variabili rimaste, si pu evidenziare come rispetto al genere l'impegnononrisentadell'appartenenza:imaschiottengonopunteggidecisamentepi elevatidellefemmine.Infine,perquantoriguardalediverseabitudinirispettoall'utilizzo diinternetedelcomputer,sembratrovareconfermalapresenzadiduetendenzeopposte trai duecampioni.Rispettoaquellocomunitario,l'impegnoaumentacoldiminuire dellafrequenzad'usodelmediuminformatico(maioraramente:0,2;spessoomolto spesso:0,21),dandovigoreall'ideagipresentatacherelazionivirtualifrequentinon sianod'aiutoastrutturarerapportivisvis.Alcontrario,nelcampionedicontrollochi utilizzapispessointernetedilcomputersembraaveremaggioricapacitdimettere impegnonellarelazione(0,03)dichimenofamiliareconilmondovirtuale(0,18).

4.4.3.Conflittointernoerapporticonl'esterno. Larelazioneamicale,comeaccennato,assolveavariefunzioniperlapersona:trale altrecose,uncontestoincuimettereallaprovalepropriecompetenzesociali,dove misurareiproprilimitielapropriacapacitdiriusciresoprattuttograziealconfronto costante con le altre persone; inoltre, non dimentichiamo che anche grazie al riconoscimento da parte degli amici che si pu strutturare l'identit soggettiva (Di Nicola,2002;Saottini,2004).Ilconflittounadellesituazioniincuiquestoconfronto puassumeretrattipiasprimaancheesplicitarsiinmanierapichiara,rilevandone dinamiche,modalitevissuti.Inoltreilrapportoamicale,inquantolegamedinatura volontaria,sicostruisceproprio attraversocontinuenegoziazioni,cheassumonoun 83

sensonelmomentodell'interazione:chepu,appunto,prenderelaformadidiscussione odiconflitto(Bellotti,2008).Ancheperquestosisceltodiapprofondirequestotema. Rispettoaidatiottenuti,sisceltodifocalizzarsisullemodalitconcuiipartecipanti affrontanoilcontrastoconl'amico:inparticolare,ivaloriemersisidistribuisconosuun continuum in cui i valori pi alti descrivono un atteggiamento pi direttivo e una tendenzaadimporreilpropriopuntodivistainmanierapideterminata,risolutae,per certiversi,rigida.Alcontrario,ivaloripibassifannoriferimentoadunamaggiore aperturaalconfronto,adunatteggiamentopiflessibileetolleranteversolaposizione dell'altro.Idatiottenutisonostatirilevatiapartiredagliitemsn.8e12. I valori medi dei due campioni non sembrano divergere in maniera evidente, e si attestano entrambi vicino allo 0 (0,08 per quello comunitario, 0,08 per quello di controllo).Inoltre,sesiconsideranoivalorideisottogruppi,sembrachel'appartenenza comunitarianonsiaingradoditracciareunadiscontinuit:sonoaltriifattorichefanno emergereletendenzepinette(tab.16).
conflitto interno
Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni Comunit maschio Controllo maschio Comunit femmina Controllo femmina Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente
Tab.16.Conflittointerno.

0,16 0,05 -0,01 -0,28 -0,39 -0,51 0,33 0,15 -0,19 0,25 0,3 -0,35 -0,41 -0,35 0,82 0,32 0,03 -0,38 0,18

Ipartecipantiincoppiasembranocaratterizzarsiingeneralepermodalitsensibilmente pidirettivedeisingle,che,ottenendopunteggipibassi,sembranopiorientarsiverso modalitpiflessibilidigestireilconflitto.Ancheperisottogruppideilavoratorie 84

degli studenti, insieme a quelli associati al genere, i valori sembrano prescindere dall'appartenenzacomunitaria.Glistudentisidelineanocomecoloromenodisponibilia confrontarsi in caso di contrasto con un amico; al contrario i lavoratori, ottenendo punteggipibassi(0,39perilcampionecomunitario,0,51perquellodicontrollo), sembranoesserepiorientatialdialogoealconfronto.Analogalatendenzaperi maschi,conpunteggisimiliaquellideilavoratori,mentrelefemminesembranoavere modalitpidirettive. Iduecampionisembranoinvecedifferenziarsirispettoall'et.Considerandoiragazzi provenientidallecomunit,l'aperturaaldialogoealconfrontosembraaumentarecon l'et:imaggioridi24annihannounpunteggiodi0,19rispettoallo0,3ottenutodai partecipantipigiovani.Alcontrario,nelcampionedicontrollol'aumentodell'et correlatoapunteggipialti,associati,comedetto,adatteggiamentimenoflessibilie allatendenzaadimporreilpropriopuntodivista:sipassainfattidaun0,35deipi giovanialvaloredi0,25perimaggioridi24anni.Cichepossiamorilevareinquesto casosonoduedifferentitendenzechesembranocaratterizzareiragazzidietdifferenti: avvicinandosiall'etadulta,ipartecipantidelcampionecomunitariosembranodiventare piflessibiliedapertialconfronto;alcontrario,iragazzidelcampionedicontrollo passanodaunamaggioraperturaaunatteggiamentopidirettivoerigido. Un ultimo dato rispetto a coloro che usano internet ed il computer pi o meno frequentemente.Inquestocasol'appartenenzacomunitarianoninteragisceinmaniera sostanzialeconquestavariabile.Seppuresenzadivergenzeparticolarmenteprofonde, sembra emergere che chi utilizza il medium informatico mai o raramente si contraddistingua per atteggiamenti pi flessibili nei contrasti, mentre coloro che lo utilizzanospessoomoltospessotendanoadesserepidirettivi. Rispettoairapporticonl'esterno,sifariferimentoquialgradodiaperturaochiusuradel gruppoamicaleversoaltrepersoneocontesti.Laletteraturarileva,inmerito,tendenze differenti.Secondoalcuniautori(Garellieal.,2006)lachiusuradellecerchieamicali tendeadaumentareconl'et,portandoagruppipieterogeneiedisponibiliall'apertura; invece caratteristico delle persone pi giovani la presenza di un gruppo pi totalizzante, omogeneo al suo interno e decisamente pi chiuso. Di Nicola (2002) sottolinea invece come il gruppo amicale tenda a diventare pi selezionato col 85

progrediredell'et,assumendotrattipidefinitiperviadelladiminuzionedeltempoda dedicareallerelazioniamicali.Contemporaneamenteper,l'ingressoinnuovicontesti (peresempioquellolavorativo)purappresentare,comegiaccennato,unelementoche condiziona notevolmente la propria vita relazionale, portando a restringimenti e chiusure nel proprio gruppo o, al contrario, a contaminazioni ed aperture. Va sottolineatocomunquechelanaturadelgruppoamicaleinfluenzatodavarifattori, solo in parte legati alla persona che ne faparte. Al tempo stesso, per, l'individuo contribuisceacreareemodificareilgruppodicuifaparte;ungruppoche,essendo compostodaamiciconcuispessohamoltoincomune(sicuramentel'et,ilgenereelo status sociale, ma anche gli interessi, i valori e le priorit), tende a rispecchiarlo (Bellotti,2008;DiNicola,2002).Idatisonostatiottenutiapartiredagliitemn.1,8e 18delquestionario. Rispettoaquestadimensione,l'appartenenzacomunitariaunfattorecapaceditracciare unadiscontinuitsignificativa,ancheconsiderandoidiversisottogruppi(tab.17).
confini esterni 0,4 -0,4 0,69 -0,44 0,04 -0,33 0,4 -0,63 0,39 -0,27 1,08 -0,3 -0,17 -0,48 0,24 -0,35 0,63 -0,47 0,55 -0,37 0,12 -0,41

Comunit Controllo Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni Comunit maschio Controllo maschio Comunit femmina Controllo femmina Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente Controllo uso internet frequente

Tab.17.Confiniesterni. Ilvaloremedioperilcampionecomunitariodi0,4,mentrequellodicontrollodi 0,4: emerge in maniera piuttosto netta come i ragazzi provenienti dalle comunit considerinolapropriacerchiaamicalepiapertadiquantononsiaperilcampionedi 86

controllo. Questa discrepanza tra i due campioni si mantiene significativa in tutti i sottogruppi, anche se il punteggio tende ad oscillare. Considerando per esempio la condizionesingle/incoppia,ipartecipantichehannounarelazioneintimahannoun punteggiomaggioredeisingle(0,69rispettoa0,4),coscomeimaggioridi24anni (1,08)rispettoaipartecipantipigiovani(0,17).Questodatosembraavvalorarequanto sostengonoGarellieal.(2006)rispettoall'aumentodelgradodipermeabilitdeiconfini delgruppoamicaleconilprogrediredell'et.Sesipassaaconsiderareilgenere,le femmine ottengono punteggi pi elevati dei maschi (0,63 rispetto a 0,24), i quali sembrano quindi considerare la propria cerchia amicale un po' pi chiusa. Un dato analogosiripresentarispettoacolorocheutilizzanoilmediuminformaticoinmaniera pi assidua (0,12), mentre chi meno familiare con questo strumento considera il propriogruppoamicalepiaperto(0,55).Questabrevepanoramicaerainriferimentoai ragazzi provenienti dalle comunit: per quanto riguarda il campione di controllo, i puntegginonsidiscostanodallamediapigenerale;l'unicaeccezionerappresentata dalsottogruppodeilavoratori,incuisievidenzaunaflessionedelvalorecon0,63.

4.4.4.Progettualitdellerelazioniamicali. La progettualit, intesa come la capacit di immaginare e progettare in maniera razionaleundisegnosulfuturo,econnessaconlavolontdiadoperarsimaterialmente inquelladirezione,unodeglielementichetendeacaratterizzarecostantementeil nostroagire.BenasayageSchmit(2003)affermanocheilfuturostessononsoloci cheaccadrneiprossimigiornioneiprossimimesi,macicheciconsentediprendere ledistanzatemporaneamentedalpresenteedimetterciall'internodiunaprospettiva,di ideareedifareprogetti.Tonolo(1999)affermachelaprospettivafuturaunaspeciedi cantieredellacrescitaumana(pp.157). Inparticolare,considerandoilcontestodellerelazioniamicali,l'importanzaattribuita alla dimensione progettuale e il tipo di progetti sono connessi con almeno due importantiaspetti.Inprimoluogo,lacapacitdifareprogettisulfuturoinstretta relazioneconlacondizionedistabilitpercepitarispettoalpresente;senonsiingrado di fare presa sull'oggi, diventa decisamente complicatoimmaginarequalsiasi tipo di 87

futuro (Bourdieu, 1998). Riprendendo le considerazioni di Giancaterino (2009), possibile descrivere questa situazione attraverso il concetto di base sicura, fondamentalenelgarantirelafiducianecessariaadesplorare;ossia,nelnostrocaso,a proiettarsinelfuturo.Comesirilevatodapartedipiautori(Benasayag,Schmit, 2003; Bauman, 2001; 2002), oggi questa condizione pressoch assente per gli individui,poichilcontestosocialecaratterizzatodaunaforteprecarietchescoraggia progetti di ampio respiro. Pertanto, a seguito di queste considerazioni pu essere interessante analizzare qual la rilevanza della dimensione progettuale nel gruppo amicale.Questodatopuinfattisuggerirespuntiimportantisullaforzadellegameche uniscegliamici,esulgradodifiduciachelapersonariponeinessi;sullacapacitdi proiettarsi nel futuro da parte del gruppo amicale; nonch, se si confrontano altri elementi,sullaprogettualitdellapersonastessa.infattiancheattraversoilgruppoche essapuesprimersi,consentendodidelineareunquadropiriccoecomposito. Inoltre, il tipo di progetti che vengono fatti e la direzione verso cui sono orientati possonoessereutiliindicatoridegliinteressi,delleprioritedeivalorichelapersona condivideconilpropriogruppodiamici. I dati rispetto a questa dimensione sono stati rilevati dagli items n. 8, 11 e 13 del questionario. Seconsideriamoidatiemersirispettoalcampione,sievidenziacomelaprogettualit sia un elemento che caratterizza in maniera decisamente pi netta la popolazione comunitaria(punteggiodi0,47)rispettoaquelladicontrollo(0,47).Ancheinquesto casoivaloririmangonomoltosimilisesiosservanoisottogruppi. All'internodelcampionecomunitarioivalorinonsidiscostanodallamedia,eccezion fattaperquantoriguardal'et:ilvalorelegatoallaprogettualitdecisamentepialto perimaggioridi24anni(1,08)diquantononsiaperipigiovani(0,02).Anchenel campionedicontrolloidatiottenutinonsembranodifferenziarsidallamediagenerale. Solamenteperilsottogruppodellefemmineladimensioneprogettualesembrarivestire un'importanzasignificativa(0,01),mentreperimaschiilpunteggioinferiorealla media(0,77).Questidatinonsonoincontrastoconquantoemersofinora,vistoche nell'areadelleamicizieladimensionedellafiducia(par.4.4)seguetendenzesimili.Se, comesidetto,ladimensioneprogettualenecessitaunabasesicuradacuipartire,la fiduciapercepitaall'internodellerelazioniamicaliunacondizioneessenziale. 88

Maqualisonoiprogetticheanimanoigruppidiamicidicuifannoparteipartecipanti? Ancheinquestocasosisceltodioperareunacategorizzazionealfinedirenderepi chiara l'esposizione dei risultati. Sono state individuate tre aree progettuali, due di naturapistrutturataedefinita,econunobiettivopideterminato,eunaterzadinatura menoconcretaepispontanea,edirespiromenoampio.Quest'ultimafariferimentoai progettiditipoespressivo,epresentaalcunielementiincomuneconlelefunzionidi tipoespressivoesostegnogidescrittenelpar.4.4.1.Inparticolare,l'areaespressiva comprendeunaprogettualitchemettel'accentosull'appoggioemotivo,sulconforto,ma anchesulleaspettativedisvagoedidivertimentodasoddisfareinsiemeaipropriamici. Laprogettualitditipovagoepocostrutturato,senzaunveroslancioversoilfuturo mamoltoorientataalquiedora.Lasecondaelaterzatipologiaprogettualeindividuata, invece,sonoorientateinmanieraconcretaedesplicitaalfuturo,inunotticadipilungo termineeconprogettimegliodefiniti.Percertiversi,possibileaffermarecheesse abbianopiachefareconlafunzionechenelpar.4.4.1statadenominatacrescita: questogenerediprogettualitrichiamainparteladimensionediautonomiaenonpu prescinderedallacapacitdicollaborareconlealtrepersone. Ci che differenzia queste ultime due aree per la direzione a cui tende la progettualit.Lacategoriastrumentaleponel'accentopisullarealizzazionepersonale che su quella di gruppo, che comunque considerato elemento (per certi versi, un mezzo)necessariopergiungerearealizzareipropriprogetti.Inoltrequestacategoria progettuale hacome finequello economico.Ilterzo edultimotipo diprogettualit, denominatoprosociale,sidifferenziaperlasuanaturacheverrebbedadefiniresenza scopodilucro,ossianonorientataalguadagnomaall'insegnadifinalitdiutilit sociale.L'utilizzodiquestoparticolarelessicononcasuale:leparoledeipartecipanti hanno fatto riferimento in maniera piuttosto chiara a progetti di diffusione (o condivisione)diattivitculturaliesociali,caratterizzatedalloscopodiportarequalche beneficioallasocietnelsuocomplesso.Inoltre,l'altroaspettochecontraddistingue questo tipo di progettualit rispetto al ruolo degli amici. Qui il ruolo del gruppo amicalesicuramenteessenzialeperperseguireundeterminatofine,maildesideriodi realizzazionepersonalenonsvincolatodaquelladigruppo:l'ideainquestocasodi portareavantiqualcosatuttiinsieme. Rispetto alle tre tipologie di progettualit individuate, i due campioni sembrano 89

distribuirsiinmanierapiuttostonetta.Lacategoriaespressivavedepercentualiintorno al30%perentrambilepopolazioni,evidenziandocoscomeunafrazioneconsistentedi partecipantisembriavereunaprogettualitdecisamentemenostrutturata.Rispettoalle altreduecategorie,emergonoduetendenzepiuttostochiare.Laprogettualitditipo strumentalecaratterizzaprevalentementeilcampionedicontrollo(55%),einmisura minore quello comunitario (30%). Al contrario, quest'ultimo prevale nettamente per quantoriguardalacategoriaprosociale,conlapercentualedel40%afrontedel10%del campionedicontrollo(tab.18).

espressiva Comunit Controllo


Tab.18.Progettualitdellerelazioniamicali.

strumentale 30,00% 55,00%

prosociale 40,00% 10,00%

30,00% 35,00%

4.5.Amicizievirtuali. Quest'areafariferimentoallerelazionicheiragazzicostruisconoevivonotramiteil computeredinternet,partendodalpresuppostochequestirapporti,chesisonoformati grazie ai nuovi media (ossia quelli sviluppatisi posteriormente alla nascita dell'informaticaeincorrelazioneadessa),nonsonoassolutamenteseparatidalmondo delle relazioni che intratteniamo nella realt, ma si intrecciano e si influenzano reciprocamente(Whitty,Carr,2006).Nellapresentericercasisceltodioperareuna distinzionetrasocialnetworkechat(Facebook,Myspace,Twitter,Messenger)rispetto adaltriprogrammiconfunzioneanaloga(comequellibasatisutecnologiaVoIP,come Skype,oleemail).Benchsitrattidiundistinguoarbitrario,ingeneraleipartecipanti sisonoriferitiaquestiduegruppidisoftwareattribuendolorocaratteristicheefinalit differenti.LeemaileiprogrammicomeSkypevengonoutilizzatiquasiunicamenteper mantenere i rapporti con le persone lontane, e sono utilizzati per la possibilit che offronodiscriverelettereeditelefonare.Isocialnetworkelechat,invece,sembrano 90

essereutilizzatipispessocomesvagoocomecanalealternativoperportareavanti relazionidivarianatura,e,sempreinriferimentoaiduecampionistudiati,hannola particolaritdiincluderepersonechenonappartengonodirettamenteall'ambitodella socialit ristretta dei partecipanti. Inoltre, alcune ricerche hanno evidenziato una correlazionetrausodichatroomeproblemididipendenzadainternet,mentrel'utilizzo diemailnonsembraavernessuntipodilegameconquestofenomeno(Bisi,2003).Le chateisocialnetworksembranoquindiconfigurarsicomeunelementoqualitativamente diversoperalcuniaspetti;questo,ingenerale,l'atteggiamentodeipartecipantirispetto aglistrumentiappenaaccennati.Idatirelativiall'areadellerelazioniamicalisonostati rilevatiattraversogliitemsn.12,14,17,19,20e25. Ivaloriemersirispettoallafrequenzad'usoevidenzianosostanzialidifferenzetraidue campioni(tab.19).
mai Comunit Controllo 25,00% 10,00% Qualche volta 40,00% 25,00% spesso 25,00% 30,00% molto spesso 10,00% 35,00%

Tab. 19. Frequenza utilizzo internet.

I ragazzi provenienti dalle comunit sembrano utilizzare i nuovi media con una frequenzasignificativamenteinferiorerispettoalcampionedicontrollo.Infatti,il25% delcampionecomunitariodichiaradinonutilizzaremaioquasimaiquestiservizi,e poco meno della met dello stesso (40%) dice di usarli qualche volta, ovvero massimo una o due volte a settimana. Nelle stesse due categorie troviamo una percentualemoltoinferioredipartecipantidelcampionedicontrollo:il10%chenonli utilizzanomaioquasimaieil25%nellacategoriaqualchevolta.Alcontrario,pi diunquartodellostessocampioneparladiunutilizzofrequente(spesso),eil35% affermadiaccedereaqualchesocialnetworkquasiognigiorno;nellestessecategorie troviamovaloriinferioririferitiairagazziprovenientidallecomunit(25%spesso, 10%moltospesso).Sesiguardanoidatinellorocomplesso,emergeunatendenza abbastanzachiara:quasitrequartidelcampionecomunitarioutilizzaquestiservizisolo qualchevoltaomai.Alcontrario,pidellametdeipartecipantinonappartenentialle comunit(60%)dichiaradiutilizzarlispessoomoltospesso,afrontediun10%che dichiara dinonusarlimai.Inoltre,all'internodelcampionecomunitario,possibile

91

individuarealcunecaratteristichedeipartecipanticorrelateconparticolariabitudinidi utilizzo:inparticolare,iragazzichehannounarelazionedicoppiaecolorochelavorano sonoquellichesicaratterizzanoperunafrequenzad'usopibassa,rispettivamentedi 0,46e0,75,mentreisingleeglistudentievidenzianovaloripielevati(0,06e0,03), anchesesemprealdisottodeivaloridelcampionedicontrollo.Poich,comeavremo mododimostrare,imediuminformaticivengonousatiprevalentementecomecanale ulterioreperessereincontattocoipropriamici,nonsorprenderilevarecomeilloro utilizzodiminuiscatracolorochehannounarelazionedicoppiaolavorano.Questedue condizioni,spessoconnesseconl'aumentaredell'et,sonoinfattisolitamenteassociate adunadiminuzionedellafrequenzadeicontatticonilpropriogruppoamicale(Buzzie al.,2007;DiNicola,2002). Inoltre,importanterilevarecheinalcunecomunitnon tutti i membri posseggono un computer: spesso si tratta di uno per ogni nucleo familiare,oppure,inaltricasi,anchediunsolocomputerpertuttalacomunit,nelcaso diquellepipiccole.Ciovviamentesignificacheiragazzinonpossonoaccedervi semprefacilmente,echequindil'utilizzodiinternetavvienespessoinspazicomuni doveillivellodiprivacylimitato.Epoichilluogodovepifrequentementeinternet vieneutilizzatocasapropria,secondounaricercadiScanagattaeSegatto(2007), facileintuirecomevisianopochialtrispazicheoffranoquestapossibilitaigiovani. Perquantoriguardal'atteggiamentoversoisocialnetwork,anchequil'appartenenzaalla comunitsembracostituireunelementodidiscontinuit.Lascalacompostadaun polonegativo(1),cherappresentaunatteggiamentodinaturacriticaechesottolineagli aspettinegatividiquestimedia,edaunopositivo(1),cheindicainvecechifavorevole versoisocialnetworkmettendoneinevidenzalaloroutilit. Ilcampionedicontrollohaunpunteggiomediodi0,4, mentreiragazziprovenienti dallecomunitdi0,4.All'internodiquest'ultimo,ivalorideisottogruppisembranoin partericalcarequellirelativiallafrequenzad'uso,quindilecitoipotizzarechecoloro cheutilizzanoinmanierapisporadicaisocialnetworkabbianoancheunatteggiamento maggiormente negativo verso questi media. Troviamo infatti un punteggio medio di 0,71trailavoratoriedi0,47tracolorochehannounarelazioneintima;inoltreemerge unpunteggiopiuttostobassoancherispettoairagazzidietinferioreai24anni(0,69). Questadifferenzadiventapinettasesifariferimentoaiduesottogruppiindividuatia partiredallafrequenzad'uso:chiaffermadiutilizzarequestomediummaioqualche 92

volta ha un punteggio medio di 0,84, mentre chi si caratterizza per un uso pi frequente evidenzia un valore medio di +0,42. Un elemento che pu contribuire a contestualizzarequestivaloriquellorelativoallecondizionideiragazziprovenienti dalle comunit. In particolare, se si distinguono coloro che hanno accesso ad un computeragevolmente(perchneposseggonouno,operchincasapossonofacilmente accedervi)dacolorocheinvecedevonofareaffidamentosuunnumeropilimitatodello strumento informatico, emerge una differenza negli atteggiamenti che pu suggerire un'ulteriore riflessione: chi pu accedere pi facilmente al computer ha un atteggiamento meno negativo (0,23) di coloro che incontrano pi difficolt nell'utilizzarlo(0,51).Ancheseladifferenzanoncosmarcata,possibileipotizzare cheiragazzidellecomunitchenonhannounaccessoagevoleadinternet(eperciai social network) tendano a valutarli negativamente proprio per questa difficolt che sperimentano:nonpotendonefarusoquandolodesiderano,sonoportaticonpifacilit asminuirloeavalutarlonegativamente;unatendenzachepotrebbeesserespiegatacon ilcomportamentodellavolpedellafavoladiEsopo(Lavolpeel'uva),o,utilizzando unriferimentopirecente,laTeoriadellaDissonanzaCognitivadiFestinger(1957).

4.5.1.Funzionedeisocialnetwork. Ma altri fattori concorrono a produrre differenze rispetto alla frequenza d'uso e all'atteggiamento. Unprimo elemento puesserela funzione che viene attribuita ai social network. Emergono qui, tra coloro che utilizzano questi media, tre diverse modalitd'usodeisocialnetwork,checorrispondonoallacategorizzazionepropostada Bisi(2003).Laprimatipologiaindividuata,chel'autricedefiniscedimensioneintima, fa riferimento all'uso di internet e del computer per fini personali, per facilitare la comunicazione con gli amici e la condivisione di esperienze. Questa tipologia comprendelametdipartecipantidientrambiicampioni:iragazziattribuisconoai social network il ruolo di canale alternativo, e dichiarano di farne un uso principalmenteditipopratico;isocialnetwork,perloro,rappresentanounmodopi economicoperessereincontattocongliamici(16:comeavereuntelefonogratis..); oppure, unsistemapi comodopercomunicazioniditipoorganizzativoe/oconun numeroelevatodipersone;infine,permettedimantenereicontatticonpersoneche abitanolontanooconvecchiamici(tab.20). 93

Comunit Controllo Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni Comunit maschio Controllo maschio Comunit femmina Controllo femmina Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente Controllo uso internet frequente
Tab.20.Funzioneattribuitaaisocialnetwork.

canale alternativo 50,00% 50,00% 36,36% 50,00% 66,67% 50,00% 28,57% 57,14% 61,54% 46,15% 44,44% 55,56% 54,55% 45,45% 33,33% 58,33% 75,00% 37,50% 53,85% 75,00% 42,86% 33,33%

ludica 10,00% 40,00% 9,09% 41,67% 11,11% 37,50% 14,29% 28,57% 7,69% 46,15% 0,00% 33,33% 18,18% 45,45% 8,33% 33,33% 12,50% 50,00% 7,69% 12,50% 14,29% 58,33%

utilitaristica 25,00% 5,00% 27,27% 0,00% 22,22% 12,50% 28,57% 0,00% 23,08% 7,69% 44,44% 0,00% 9,09% 9,09% 41,67% 0,00% 0,00% 12,50% 15,38% 0,00% 42,86% 8,33%

email/VOip 15,00% 5,00% 27,27% 8,33% 0,00% 0,00% 28,57% 14,29% 7,69% 0,00% 11,11% 11,11% 18,18% 0,00% 16,67% 8,33% 12,50% 0,00% 23,08% 12,50% 0,00% 0,00%

Anche in questo caso interessante rilevare quali sono le tendenze all'interno dei sottogruppi: in linea con le riflessioni precedenti, sono proprio i sottogruppi degli studenti e dei single del campione comunitario ad evidenziare percentuali pi alte rispettoaquestotipodiutilizzo,entrambiintornoal66%.Alcontrario,ilsottogruppo deilavoratoriquelloconlapercentualepibassa,intornoal28%.Inoltreimportante sottolinearecheunaltrovalorepiuttostobasso(33%)siriscontraancheall'internodel campionedicontrollotracolorocheutilizzanointernetspessoomoltospesso.Siavr modosuccessivamentedievidenziarequalefunzionaassolvailmediuminformaticoper chiloutilizzapifrequentemente. C' poi un elevato numero di partecipanti che dichiara di utilizzare il medium informaticoelareteprincipalmentecomepassatempo:questatipologiasembraricalcare quellacheBisidefinisceludica,orientatacioaldivertimentoeall'intrattenimento. Infatti, qui l'accento posto sulla possibilit di postare video, musica, immagini o commenti, e di leggere e vedere quelli altrui, o anche di utilizzare i giochi (36: condividerecosestupidesullebachechedeimieiamici.E'prevalentementeunmodo perfarsiduerisate;14:potercondividereanchesolodeimomenti,dellefrasi,delle 94

immagini..).Viinquestocasounanettadivergenzafraiduecampioni:soloil10% deiragazziprovenientidallecomunitaffermadifarneuntaleutilizzo,mentreil40% del campione di controllo che utilizza il medium per questo scopo. Rispetto ai sottogruppideiduecampioni,possibileancheinquestocasorilevarealcunispunti ulteriori.Inparticolare,sonoipartecipantimaggioridi24anni,inentrambiicampioni, coloro che utilizzano meno i social network a fine ludico: in questo caso l'et a costituireunfattoredidiscontinuit.Inoltre,interessantesottolineareledifferenzeche emergono tra i sottogruppi individuati rispetto alla frequenza d'uso del medium informatico.Lapercentualepialtadicolorocheloutilizzanoconscopiludicisonoi ragazzinonprovenientidallecomunitchedichiaranodiutilizzarlospessoomolto spesso (58%), mentre, all'interno dello stesso campione, per chi lo utilizza meno frequentementeladimensioneludicadecisamentemenorilevante(14%). La terzacategoriaindividuatafariferimentoacolorochedichiaranodifareunuso professionaledeisocialnetwork,epresentanumeroseanalogieconlaterzadimensione individuata da Bisi, ossia quella utilitaristica: internet come strumento per aggiornarsi,farericerca,condividerenotizieedinformazionicommercialiolavorative. Quinettalaprevalenzadelcampionecomunitario,conunapercentualedel25%a frontediun5%delcampionedicontrollo:sonocoloroche affermanodiutilizzare questimediaperdareericevereinformazioniperquantoriguardal'ambitolavorativoo accademico (31: domenica ho uno spettacolo, mando a tutti gli amici di teatri, compagnie,cos..uncanaleincredibiledicomunicazione).interessanterilevaredue aspettiall'internodelcampionecomunitario:ilprimochequasimetdeimaggioridi 24 anni utilizza i social network con questa finalit (44%): segno di una discreta capacitdiutilizzareapropriovantaggioquestinuovimedia;secondariamente,questo tipodiutilizzostatoindicatodaunapercentualeanaloga(intornoal43%)dicoloro che utilizzano spesso o molto spesso i social network. Questo dato piuttosto rilevante se confrontato con il dato dello stesso sottogruppo ma del campione di controllo:inquestocasoiltipodiutilizzopifrequente(58%)quelloludico.Infine, l'ultima categoriaindividuatacompostadacolorochedichiaranodinonutilizzare nessunsocialnetwork,madiservirsiunicamentediemailodiprogrammiVoIP.Si tratta di una percentuale piuttosto bassa in entrambi i campioni (15% per quello comunitario,5%perquellodicontrollo),echerappresenta,rispettoalcampionedelle 95

comunit, soprattutto i partecipanti che lavorano (27%) e coloro che hanno una relazionedicoppia(28%). Considerandoquestielementinelloroinsieme,possibiletracciareunprimoquadro generale.Ledivergenzeprincipali,traiduecampioni,siriferisconoaltipodiusoealla frequenza:ilcampionecomunitariocaratterizzatodaunutilizzomenofrequentedel media informatico; rispetto alla sua funzione, oltre ad essere usato come canale alternativoperleamicizie,prevalentementeutilizzatoperscopiprofessionali,mentre viunadiscretapercentualedipartecipantichesiorientaversoleemailoletecnologie VoIP.Ilcampionedicontrollosiattestasuunafrequenzamaggiordiutilizzodelmezzo informatico,eseanchequiisocialnetworkhannolafunzioneprevalentedicanale comunicativoulteriore,emerge,oltreadessa,unasignificativavalenzaricreativa. Primadidescriverelacomposizionedellasferarelazionalevirtualediquestiragazzi, interessante soffermarsi ulteriormente su quello che il loro atteggiamento verso i socialnetwork.Cichesembraemergereunsostanzialeaccordotraiduecampioni rispettoaglieventualiaspettinegatividiquestimezzi:pidellametdeipartecipantidi entrambiicampioninonritienechevisianessunparticolareaspettonegativoconnesso all'usodeisocialnetwork,conunalieveprevalenzadelcampionecomunitario(65%) rispetto a quello di controllo (55%). Tra coloro che condividono questa posizione rispetto ai social network, interessante notare come la percentuale pi alta sia rappresentatadalsottogruppodeilavoratori,inentrambiicampioni:questovalore,se incrociato con altri dati emersi, indica pi che altro un atteggiamento di generica indifferenzapicheunatteggiamentopositivo. Il principale inconveniente rilevato, da parte di entrambi i campioni, rispetto alla possibilit che i social network possano rappresentare un limite o un ostacolo alle relazionivisvis(8:magariprimacisiandavaabereuncafftutteinsieme..ora inveceognunasibeveilcaffacasasua..sufb!;13:tutteleespressioni,tuttele intonazionicheavreipotutoaverenelcasoincuiquellecoseglieledicevoavoceleho perse).Questoaspettoemersodapidiunterzodientrambiicampioni(35%),con alcune peculiarit all'interno dei sottogruppi. Tra i partecipanti provenienti dalle comunit,sonocolorochelavoranoarilevareinmisuraminorequestoelemento(14%), in lineaconleconsiderazionifattefinora.Perquelcheriguardagliaspettipositivi, 96

emerge una gamma di risposte pi ricca. Conformemente a quanto gi illustrato, il principalevantaggiooffertodaisocialnetworkdovutoallalorofunzionedicanale ulteriorepermantenereicontatticonleproprieamiciziedituttiigiorni(tab.21).
Canale per amicizie utilit extra 25,00% 15,00% 45,00% 5,00% nessun aspetto positivo 25,00% 15,00% canale per amicizie lontane 35,00% 35,00%

Comunit Controllo

Tab.21.Aspettipositivideisocialnetwork.

Viungeneraleaccordodapartedientrambiicampionisuaquestoaspetto,anchese puessereinteressanterilevarecheunnumeromaggiorediragazzinonprovenientidalle comunitnesottolineal'utilitperquantoriguardaleamiciziedituttiigiorni:il45% dei partecipanti del campione di controllo rispetto a 25% di quello comunitario. Rispetto all'utilizzo per mantenere i contatti con persone che vivono lontano, la percentualeidenticainentrambiicampioni(35%).C'poichifariferimentoalle possibilitchequestimezzioffronoperquantoriguardal'ambitoprofessionaleoper tenersiaggiornati(15%),mentreunristrettonumerosottolineacomeisocialnetwork possanocostituireunrimediocontrolasolitudine.Nonostanteci,quasiunquartodelle rispostetotali(25%delcampionecomunitarioafrontedel15%diquellodicontrollo) rileva che i social network non hanno aggiunto niente. Tra questi, soprattutto il sottogruppodeilavoratori,all'internodelcampionecomunitario,adevidenziarevalori che pi si discostano dai valori medi. In particolare, essi rilevano in percentuale maggiorel'assenzadiaspettipositividiquestimedia(57%),mentreunapartepiuttosto esiguanericonosceipossibilivantaggi.Altridatipeculiariemergonodalsottogruppo femminiledelcampionedellecomunit.Mentreinferiorelapercentualedicoloroche liritieneprividiaspettiproblematici(37%),leconseguenzenegativedeisocialnetwork rispettoallerelazionivisvissonoritenutepiimportantidalsottogruppofemminile delcampionecomunitario(62%);poichlastessapercentualeritienecheilvantaggio principaleconsistasoprattuttonellapossibilitdirestareincontattoconpersonelontane (62%), pi che come canale per le amicizie quotidiane (25%), sembra emergere il profilodiunamaggioresensibilitdiquestosottogrupporispettoataliargomenti.Le femminedelcampionedicontrolloinvecenonsidiscostanodaivalorimedi.Chiinvece 97

sottolinea maggiormente la funzione di canale alternativo per comunicare con le amicizienellaquotidianitsonoisottogruppideisingle(62%)edeiminoridi24anni (72%),all'internodelcampionedicontrollo.Sonoprobabilmentecoloropercuidiventa pirealisticalapossibilitcheilmediumvirtualeostacoliolimitileamicizievisvis, ancheseglistessisottogruppinondannoparticolarepesoaquestapossibilit,cheviene lievementesottostimata(25%)rispettoaivalorimedi(35%).Inultimo,interessante rilevarecomeperentrambiicampionilafrequenzad'utilizzodelcomputerediinternet nonsembrainfluenzarelerappresentazionirispettoaisocialnetwork:questisottogruppi evidenzianovalorisimilitradiloroperquantoriguardalapresenzadipossibilieffetti negativiopositividiquestimedia. 4.5.2.Composizioneecaratteristichedellasferarelazionalevirtuale. Passandopoiaconsiderarelacomposizioneelecaratteristichedellasferarelazionale virtualedeipartecipanti,emergonoulterioridivergenze.Unapercentualesignificativadi entrambiicampioni(60%)affermachelepersoneconlequaliintrattienerapportisui socialnetworksonoamicianchenellarealt,ocomunquepersonechehaconosciuto visvis.Ledifferenzeemergononellerispostedeglialtripartecipanti:viunafascia significativadelcampionedicontrollo(35%),chetramiteisocialnetworkinteragisce ancheconamicidiamicieindividuichenonconoscepersonalmente,mentresoloil 10%delcampionecomunitarioevidenziaquestoaspetto.Semprenellostessocampione, colorocheutilizzanoquestimediaperquestioniprofessionaliaffermanoinfattidiavere unicamentecontattieconoscenzeinerentiaquell'ambito.Sesifapoiriferimentoai sottogruppi, emergono altri dati rilevanti. Una variabile che sembra tracciare una discontinuitall'internodeiduecampioniquelladell'et.Colorochedescrivonola propriasferaamicalecomeunarealtpiallargataemenoselettivasonoiminoridi24 anni, all'interno del campione di controllo (54%)e in quello comunitario (18%); al contrario,imaggioridi24annievidenzianovalorinettamentepibassi.All'interno delle differenze derivanti dall'appartenenza comunitaria, la tendenza emersa rispetto all'etmostraquindicomeilgruppodiamicizievirtualitendaadessereformatoanche dapersonenonconosciutedipersonasoprattuttoneipigiovani.Inoltre,comepotrebbe essere in parte lecito aspettarsi, la percentuale pi elevata anche per coloro che dichiaranodiutilizzareinternetspessoomoltospesso(50%)eperisingle(50%), 98

semprenelcampionedicontrollo.Ilsottogruppodeisingledelcampionecomunitario invecequellocheevidenziapercentualipialtetracolorocheintrattengonorelazioni virtualisoloconpersonecheconosconoanchenellarealt(88%):questovaloresembra inlineaconildatogiillustratorispettoallamodalitd'usodeisocialnetwork,cheperi singlerappresentanosoprattuttouncanalealternativopercomunicarecongliamicidi tuttiigiorni.Infine,ilgeneresembratracciareun'ultimadiscontinuit:perlefemmine di entrambi i campioni sembra essere pi marcata (75%) l'importanza di conoscere personalmentelepersoneconcuisiinteragiscesuinternet. Peravereunpanoramapiprecisorispettoaquestotema,sisceltodiapprofondirele caratteristiche attribuite dai partecipanti alle proprie amicizie virtuali. importante sottolinearequichemoltipartecipantihannomanifestatoreazioniscettichedavantialle domande rispetto alle amicizie su internet, sottolineando che da parte loro non consideranovereamiciziequellevirtuali.Latipologiadirispostapifrequenteinfatti descrivequestasferaamicalecomequalcosadipocodefinito,spessocaoticoeconfuso (25:unassemblaggiodicosediverse,tuttevicinechemagarinonc'entranol'unacon l'altra).Iduecampionihannopercentualisimili,conunalievemaggioranzadiquellodi controllo (40%) rispetto a quello comunitario (30%). La seconda caratteristica che emerge maggiormente dalle interviste fa riferimento alla superficialit e all'inconsistenza dei rapporti su internet (13: i contatti con questi amici sono pi, vabb,pifreddi,piorganizzativi).Quasiunterzodelcampionecomunitario(30%) sottolineaquestoaspetto,afrontediun10%delcampionedicontrollo.all'internodi quest'ultimocheemergelapossibilitdiinstaurareamicizievereepropriegraziead internet:il25%delcampionedicontrollosottolineacheoltreaiconoscentivisono ancherapportipiprofondi(38:gliamicivericomunquehannounruoloprincipale, poicenesonotantialtriconcuimagariqualchevoltacisipusentire),evidenziando comeiduegruppicoesistanoall'internodeisocialnetwork.Tralerestantitipologie individuate, vi unristrettogruppochesottolineala corrispondenzatracoloroche compongonolapropriacerchiaamicalenellarealtesuinternet(10%delcampione comunitarioe15%delcampionedicontrollo).Infine,opportunoricordarecheil30% delcampionecomunitarioedil10%deipartecipantinoncomunitari affermadinon intrattenerealcuntipodirapportoamicalegrazieaisocialnetwork:sonocolorochenon 99

liutilizzanoonefannounusounicamenteprofessionale. Puessereopportuno,aquestopunto,cercarediapprofondirequalisianoirapportitra ladimensionerelazionalevirtualeequellarealeperipartecipanti.Anchequisipossono rilevaredifferentitendenzechesembranoconfermareidatiemersifinora,allalucedi una maggior familiarit e di un uso pi frequente da parte del campione non comunitario.Inparticolare,soloall'internodiquest'ultimochevisonopartecipanti cheabbianoconosciutoqualcunoprimasuinternetepoinellarealt(25%),mentre nessunodeiragazziprovenientidallecomunitrilevaquestoaspetto.Rispettoallasfera dell'amicizia, la differenza sembra mantenersi all'interno delle due popolazioni. La distanza tra amicizie reali e quelle che si strutturano tramite internet ritenuta decisamentepiampiadairagazziprovenientidallecomunit,conunvaloremediodi 0,29,rispettoadunvalorenettamenteinferiorecheemergedalcampionedicontrollo( 0,29). Inoltre, conformemente a quanto emerso finora, il sottogruppo comunitario dei lavoratori sembra indicare che la distanza sia anche maggiore (0,55), valore quasi identicoaquelloemersotracolorocheutilizzanointernetmaioraramente(0,54).Al contrario, sempre facendo riferimento al campione comunitario, coloro che percepisconounadistanzaminoretral'ambitoamicalerealeequellovirtualesonogli studenti e i maggiori di 24 anni. I partecipanti appartenenti a questi sottogruppi, considerando gli altri dati emersi, sembrano delinearsi come coloro che utilizzano maggiormenteilmediuminformaticoepercihannounamaggiorefamiliaritconesso, all'internodelcampionecomunitario.Allalucediquestidati,possibileaffermareche ladimensionevirtualeequellarealesembranomantenersisulivellidistintiperquanto riguarda il campione comunitario, mentre questa differenza appare meno netta nel campionedicontrollo. 4.5.3.Intimitesocialnetwork. Un ultimo elemento d'interesse rappresentato dal grado di intimit che contraddistinguelecomunicazionitramiteisocialnetworkdeiduecampioni.Alcune ricerchehannoevidenziatoche internet,grazieallacondizionedianonimatovisivo chegarantisce(Lea,Spears,1995)unluogoincuilepersonepossonorivelaredegli 100

aspettidisconservandounatranquillitchesarebbepidifficilemantenereinuna conversazionefacciaafaccia(Parks,Roberts,1998).Potremmoquindiaspettarciche, nonostante i risultati emersi rispetto al differente grado di rilevanza attribuito alle proprieamiciziedapartedeipartecipanti,iltipodiargomentitrattatiedillivellodi intimit che caratterizza le conversazioni in chat possano essere in qualche modo svincolatidaglialtriatteggiamentiriguardoalleamicizievirtuali.Facendoriferimentoai datiemersi,edescludendocolorocheaffermanodinonutilizzarequestimezziodi farneunusodifferente,sipossonoindividuaretrediversetipologie.Lapinumerosa compostadacolorochenellechattrattanosoloargomentisuperficialiepocopersonali, qualiattualit,aggiornamentigenericisuamicieconoscenti,ochiacchierenonmeglio specificate(9:comeva,sesochequalcunohafattounesame,oillavoro,sequalcuno che non vedo da molto tempo, cosa ha fatto). Questa tipologia vede una leggera prevalenzadelcampionedicontrollo(65%)rispettoaquellocomunitario(50%).La seconda categoria individuata comprende coloro ai quali gi capitato di trattare argomentipersonaliattraversounachat,ochecomunqueritienepossibilefarlo(18:a voltesi,perchpifacileparlarneconqualcunochenonhaimaivisto,echepersai chetipuanchegiudicaremanontiinteressa).Quiilcampionecomunitarioin prevalenza,conunapercentualedel35%rispettoal15%diquellodicontrollo.L'ultima categoriaindividuatacomprendecoloroche,intrattenendorelazioniviachatsolamente conipropriamici,nonrilevanonessunadifferenzatralediscussionivisvisequelle telematiche.Sitrattadipercentualisimiliall'internodeiduecampioni,il15%diquello comunitarioeil20%diquellodicontrollo. Cercandodiriassumerequantodescrittoinquest'ultimapartedelparagrafo,sipossono evidenziare quali sono le principali differenze tra i due campioni rispetto alla composizioneeallecaratteristichedelleamicizievirtuali.Unapercentualesignificativa dientrambelepopolazioniaffermachelepersoneconlequaliintrattienerapportisui social network sono amici anche nella realt, mentre soprattutto nel campione di controllochetroviamochiinteragisceancheconamicidiamicieindividuichenon conoscepersonalmente.Inparticolare,colorochesembranoaccentuarequestatendenza sonosoprattuttoipigiovaniinentrambiicampioni. Rispetto alle caratteristiche attribuite a queste amicizie, la risposta pi frequente 101

descrivelasferaamicalevirtualecomecomequalcosadipocodefinito,spessocaoticoe confuso;sonopoiiragazzidellecomunitasottolinearemaggiormentegliaspettidi superficialitediinconsistenzadeirapportisuinternet;alcontrario,unapercentuale rilevantedelcampionedicontrollosottolineaanchelapresenzadirapportipiprofondi. Inlineaconquestidati,sonoinfattiiragazzidellecomunitapercepireunadistanza maggioretraamicizierealiequellechesistrutturanotramiteinternet. Infine, rispetto al grado di intimit percepito nelle comunicazioni via chat, stato possibileidentificaretregruppi.Ilpinumeroso,perentrambiicampioni,costituito da colorochenelle chat trattano soloargomenti superficiali e pocopersonali. Vi inveceunasensibileprevalenzadeiragazzidellecomunitnellasecondacategoria:ossia tracoloroaiqualigicapitatoditrattareargomentipersonaliattraversounachat,oche comunqueritienepossibilefarlo.L'ultimogruppocomprendeinveceunapercentuale similedientrambiicampioni,efariferimentoachi intrattenendorelazioniviachat solamenteconipropriamici,nonrilevanonessunadifferenzatralediscussionivisvis equelletelematiche.

4.6.Lavoro. Ilprocessolegatoaldivenirelavoratorecostituisceunambitoimportantepermettersi allaprova,interessandolapropriaidentitpersonaleesociale,epersperimentarele competenze sviluppate nel periodo precedente e dare continuit al proprio apprendimento sociale (Sarchielli, 1998). Csikszentmihalyi e Schneider (2000) sottolineano che in epoche remote i giovani avevano davanti un numero limitato e prevedibile di scelte lavorative, all'interno di una suddivisione piuttosto semplice (i fattorideterminanti,inquestosenso,potevanoessereilgenere,lafamigliad'origine,la zona di residenza). solo apartiredagliultimidecennicheiragazzi sisonovisti obbligatiacambiareattitudini,valorieconoscenzeinvistadell'ingressodelmondodel lavoro;mercatodellavorocheoggicaratterizzato,perdirlaconBauman(2010),perun alto grado di incertezza fabbricata e per una politica di precarizzazione, che rendonolosviluppodellapersonalitperennementeincompleto.Laricercadellavoro

102

quindiuncompitocomplesso,acuiilgiovanedevefarfronteconstrumentierisorse spessoinsufficienti(Sarchielli,1998). Idatirispettoaquest'areasonostatirilevatiapartiredall'itemn.23dellostrumento. Partendodaltemadellaricercadellavoro,statopossibileindividuarecinquedifferenti modalit con cui i partecipanti fanno fronte a questo compito. La prima modalit comprendecolorochefannoricorsoaicurriculumealleagenzieinterinalicomemezzi primariperentrarenelmercatodellavoro.L'usodiquesticanalidelineaatteggiamenti canonicidiapproccioallaricercadellavoro:glistrumentiacuivienedatapirilievo sonoappuntoquellilegatiall'inviodicurriculumequellichepossonoessereforniti dalleagenzieinterinali.Ipartecipanticonfidano(piomeno,ovviamente)inqueste soluzioniperottenereun'occupazionesoddisfacenteocomunqueperintraprendereun possibilecamminoinquelladirezione.Unasecondamodalitidentificatafariferimento invece alle conoscenze e alla rete informale, ed quindi caratterizzata da un atteggiamentopiinformaleemenostrutturatodiaffrontareilmondodellavoro.Qui lestrategie(epiingeneralel'approccio)sibasanosulricorsoaconoscenzediverse (professori,amici,colleghi)peravereconsigli,informazioni,agganci,indicazionidi variotipo,tuttevoltearenderepiefficaciquandononsostituendole,ointegrandole le classiche modalit di ingresso nel mondo del lavoro. Vi poi un gruppo di partecipantichepossibileiscriverenelterzogruppo,chesicaratterizzapermodalite strategiepigeneriche.Inquestocasoipartecipantihannoaffrontatolaquestionein manierapococoncretaogenerica,evitandodi entrarenello specifico oesprimendo un'ideapiuttostovagadiapproccioaquellocheilmercatodellavoro.Nonvienefatto riferimentoastrategieostrumentiprecisi,eleideeemergentisembranodelineareuna visionenonparticolarmenterealisticaestrutturatadeimezziadisposizionesiadelle modalitconcretediricercadellavoro.Infine,viungruppodirispostechesipossono includereinunaquartamodalit,chevedeilricorsoadiversestrategie.Lerisposteche rientranoinquestacategoriadescrivonoinfattiunatteggiamentopicomplesso,che sembra far riferimento a un a maggior ricchezza di risorse personali. Il riferirsi a conoscenze pi o meno formali (amici, parenti, professori) viene qui affiancato all'utilizzodicurriculum,acuivienedatoperunsignificatodiverso.Lungidall'essere ritenutosufficientecomestrumentodicontattoversol'azienda,vienevistocomeun elemento complementare al presentarsi di persona o ad altre forme pi dirette di 103

avvicinamento. Inoltresi fa quiriferimento adulteriori modalit pi specifichedi ricerca,chesembranodelineareunmaggiorgradodirealtediconcretezza,oltreche unapiconcretaconsapevolezzadeimeccanismiedellenormecheregolanoquesto ambito.Ebbene,lametdelcampionecomunitario(50%)esprimeunatteggiamentoche pu essere annoverato in quest'ultima categoria, a fronte di una percentuale minore (30%) del campione di controllo che fanno la stessa scelta. Pur non essendo una differenza cos marcata, questo dato pu comunque essere indicativo di una caratteristica peculiare dei figli delle comunit, che sembrano caratterizzarsi per un approcciopiefficacealcompito,apartiredaunaconoscenzadiretta(peresperienza propria)omediata(dapartediqualcheconoscente)diquellechesonolecaratteristiche della domanda. Al contrario, il 25% del campione di controllo sembra affidarsi a modalitpigeneriche,mentreunaltro25%dellostessocampionefariferimentoad atteggiamentimaggiormentecanonicidiapproccioallaricercadellavoro:daciemerge chelametdeiragazzinonprovenientidallecomunitutilizzerebbestrategiegeneriche ocomunquenonparticolarmentesofisticatepercercaredientrarenelmondodellavoro. invecesimileilnumerodicoloroche,inentrambiicampioni,siaffiderebbealle conoscenze e alle reti informali (15% nel campione comunitario, 20% in quello di controllo):questodatoinlineaconidatiemersinelrapportoIARD(Buzzieal., 2007), che evidenziano una diminuzione dell'importanza attribuita alle reti di conoscenzaamicalieparentalialmomentodell'ingressonelmondolavorativo. Facendopoiriferimentoagliindiciottenutiapartiredaquestidati(quellolegatoai mezzirisorse e quello connesso al senso di realt), possibile analizzare pi approfonditamenteletendenzedeisottogruppi(tab.22).

104

Comunit Controllo Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni Comunit maschio Controllo maschio Comunit femmina Controllo femmina Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente Controllo uso internet frequente

Mezzi-risorse senso di realt 0,2 0,23 -0,2 -0,23 0,29 -0,12 0,09 -0,33 0,03 -0,47 0,29 -0,06 0,28 0,12 0,13 -0,47 -0,02 -0,33 0,53 -0,01 0,12 -0,12 0,36 -0,26 0,28 -0,06 0,16 -0,49 -0,02 -0,28 0,36 -0,2 0,3 0,23 0,17 -0,6 -0,06 -0,36 0,65 -0,03 0,13 -0,11 0,41 -0,31

Tab.22.Ricercalavoro:mezzi/risorseesensodirealt.

Inprimoluogointeressanteevidenziareivaloricheemergonorispettoailavoratorie aglistudenti.Sonoproprioquestiultimi,inentrambiicampioni,acaratterizzarsiper punteggipielevati(0,29e0,36nelcampionecomunitario,0,06e0,02inquellodi controllo)rispettoacolorochelavorano(0,03e0,02nelcampionecomunitario,0,47e 0,28inquellodicontrollo)relativamenteallerisorseposseduteealsensodirealt.In questocasosipuipotizzarechechigiinseritonelmondodellavorononconsidera laricercadellavorocomeuncompitorilevanteavendogiun'occupazione;alcontrario, chistudia,nelnostrocasoinambitouniversitario,vedeavvicinarsiilmomentodella ricerca dellavoro(quandononl'abbiagiaffrontatoduranteglistudi)eritienepi importantededicareaquestocompitotempoerisorse. Considerandopoicolorochehannounarelazionedicoppiaeaisingle,troviamoquidue tendenzesimili:rispettoairagazziprovenientidallecomunit,ipunteggirispettoal sensodirealtealladisponibilitdimezzierisorsenelcercarelavorosonomaggiori percolorochehannounpartner(0,29e0,28),mentrepibassoperisingle(0,09e 0,16; media del campione comunitario: 0,2). Anche nel campione non comunitario troviamo la stessa tendenza. I single infatti hanno punteggi inferiori in entrambe le 105

dimensioni(0,33e0,49)mentrechihaunarelazionedicoppiahapunteggipialti( 0,12e0,06).Questodatopuesserespiegatosiaapartiredaglielementisolitamente connessi con il fatto di essere in coppia, per esempio l'aumento dell'et, ma anche ipotizzandochelapossibilitdiconfrontarsiconilpartnerrappresentiunpuntodiforza chearricchiscemezzierisorseeconsolidailsensodirealt. Anchel'etsembraessereunelementocapaceditracciareunadifferenzaall'internodei duecampioni,soprattuttoinquellodicontrollo.Inlineaconquantoaccennatorispetto aisottogruppideilavoratoriedeglistudenti,ossiachel'imminenzadellaricercadel lavoroconnessaconunamaggiordisponibilitdimezzierisorseeconunpiforte sensodirealt,ipartecipantidientrambiicampionimaggioridi24annihannopunteggi pielevatisiaperquantoriguardaimezzielerisorsesiarelativamentealsensodi realt.Seperall'internodelcampionecomunitarioladifferenzadecisamentepi lieve (con uno scarto non superiore allo 0,2 tra i due sottogruppi), il divario nettamentepiampionelcampionedicontrollo.Iminoridi24annisembranodisporre dimezzierisorseinmisuradecisamenteminore(0,47)rispettoaimaggioridi24anni (0,12), e lo stesso si pu dire rispetto al senso di realt: qui la differenza anche maggiore (0,23 per i maggiori di 24 anni, 0,6 per i minori di 24 anni). Ci che sembrano indicare questi dati nel complesso che l'acquisizione di risorsee mezzi adeguati e lo strutturarsi di un senso di realt abbiano tempi e modalit diversi all'internodeiduecampioni,eingeneraleportinoarisultatipiconcretineiragazzi provenientidallecomunit. Unaltroaspettodarilevare,riguardoaquestotema,sonoivaloricheemergonorispetto aisottogruppichesidifferenzianoperunusopiomenoaccentuatodelcomputeredi internet. In particolare, sembra che per entrambi i campioni l'utilizzo del medium informaticorappresentiunelementocheconsolidaleproprierisorseeaumentailsenso direalt,probabilmenteperleinformazionielapossibilitdicontattiulteriorichein gradodioffrire.Infine,sembracheilgenererappresentiunaltroelementocapacedi creareunadiscontinuit:lefemminedientrambiicampioniinfattievidenzianovalori pialtirispettoaimaschi,conunadifferenzapiaccentuatatrairagazziprovenienti dallecomunit. Comunquesia,opportunoricordarechequestigiovanisiaffaccianosuunmercatodel lavoroinpienacontrazione,cheapparetutt'altrocheprontoadaccoglierli.Iltemadella 106

precariet lavorativa al centro del dibattito pubblico attuale, ed una condizione determinata in buona parte da l'esasperazione di quegli elementi di flessibilit introdotti con le riforme del mercato del lavoro (Buzzi e al., 2007). Beck (1986) scrivevachesolouneuropeosuduepuaccedereadun'occupazioneregolareeatempo pieno,peraltrosenzalasicurezzadellungoperiodo.Pertuttiglialtrilaprospettivasar legataalavorioccasionaliedibrevedurata,senzagaranziendirittiallapensione.In questomodolapossibilitditrovareunlavoro,eventoacuidirettamentelegatala possibilitdidiventareadulti(Bozuffi,2006),diventaquantomenocomplicata.Questo breve excursus ha l'obiettivo di chiarire il quadro sociostorico in cui necessario inserirelerispostedeipartecipanti,efornisceunelementoinpipercomprendereiloro atteggiamentieleloroaspettativeariguardo. 4.6.1.Rapportocoicolleghi. Passandopoiadanalizzareilrapportoconicolleghisulpostodilavoro,emergono elementididivergenzafraiduecampioni(tab.23).Idatirelativiaquest'areasonostati rilevatiapartiredagliitemsn.14e24.
importanza colleghi -0,1 0,05 0,12 -0,12 0,24 -0,44 0,05 0,05

Lavoratore Studente Comunit Controllo Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente

Tab.23.Importanzarapportoconicolleghi.

Inprimoluogo,perquelcheriguardal'importanzaattribuitaalrapportoconicolleghi,i valori medi che emergono se si osserva unicamente la condizione di lavoratore o studente,prescindendodall'appartenenza,nonemergonodifferenzesostanziali.Anchei valorimedideiiragazziprovenientidallecomunit(0,12)equellidelcampionedi controllo(0,12)nonsidifferenzianoinmanierarilevante.Ledifferenzeperassumono valori pidefinitisecisifocalizzasualcunisottogruppi.lecitoaspettarsichele

107

rappresentazionirispettoalcontestolavorativosianodidiversanaturaasecondacheil partecipantevisiaincontattodirettoosibasisolosuinformazionimediate.Ineffetti, tra i sottogruppi dei lavoratori le tendenze sono decisamente pi nette. I ragazzi provenientidallecomunitchelavoranohannounpunteggiopialto(0,24)rispettoalla mediadelcampione,mentreilavoratoridelcampionedicontrollosicaratterizzanoper unvaloremedionettamentepibasso(0,44),mentrecolorochestudiano,inentrambii campioni,ottengonounvaloreugualeemoltovicinoallo0(0,05),chesembrapiche altro indicare indifferenza riguardo a questo aspetto. Sembra quindi delinearsi una tendenzapiuttostonetta:ilrapportoconicolleghiritenutounaspettodecisamentepi rilevante per chi lavora e proviene dalle comunit piuttosto che dai lavoratori del campionedicontrollo. Sisceltodianalizzareilrapportoconicolleghisulpostodilavoroapartiredaquanto emerso in una delle storie utilizzate (item n. 24). Si tratta di una storia che il partecipante doveva proseguire a partire dalla situazione presentata, in questo caso ambientatainuncontestolavorativodoveicolleghisidimostranoostili;apartiredalle risposte fornite, sono state individuate diverse risposte che fanno riferimento a tre diversetipologie.Laprimacomprendequeipartecipanticheaffrontanolasituazione orientandosi sul compito, ovvero a risolvere la questione facendo riferimento ad un superioreoancheconfrontandosidirettamenteconicolleghi.Inparticolare,l'obiettivo quellodiristabilirecondizionichegarantiscanolapossibilitdilavorareinmanierapi efficienteeproduttiva,el'accentopostosullanecessitdirispettareleprocedureele regolechequalificanoilcontestolavorativocometale(3:setiimpedisconodilavorare alpostodilavoro..;4:unambientedilavorodev'esserepositivo,senoaltrimentiuna personanonriesceadarequellochepotrebbe;17:magaricirimettepureconilcapo perchappuntononhaportatoquellochedovevafare). Unasecondatipologiainvecerelativaaquellerispostecheevidenzianounattenzione maggioreall'aspetto emotivo oaquello relazionale:quilanecessitdiunambiente lavorativoadeguatovienemessainsecondopianorispettoalbenessererelazionale,chei partecipantireputano assolutamente fondamentale(15:probabilmente neparlerebbe sempreconisuoifamigliarieconlesueamiche..Sequellasituazionelicomportail fattodistaremalenevadellasceltadirimanere..;21:sisenteunavittimaquindi 108

esplode,nelmomentoincuisonotuttipresenti;29:..pensochesiainsostenibilecome situazione..nonostantemagarisiaillavorochelepiace..).Oppure,inaltrerisposte l'accentovienepostosullecomponentiemotive,elasituazionevienevalutataperle conseguenzechepuaverealivelloemotivo,interminidirabbia,tristezzaodelusione (15:Cirimanemalissimociorimanemoltomoltocolpitainnegativo;19Penso chesiarrabbiamolto,dipendeanchedalcarattere,almenoio,sefossiilsoggetto,mi arrabbiereimolto..). Laterzaedultimatipologiaindividuata,purpresentandoalcuniaspettiincomuneconle altredueindividuate,sicaratterizzaperunelementoinparticolare:ipartecipanti,dopo aver ravvisato i problemi (relativi alle difficolt professionali o a quelle emotive), esprimonol'impossibilitdicontinuarealavorarenellostessoposto,emanifestanola necessitditrovareun'altraoccupazioneilprimapossibile(5:..iomeneandreialvolo, piuttostochepassareancoraunmeseodue..;7:bio..nonriuscireialavorare..vab io mi identifico sempre.. lei non riuscirebbe a lavorare in un posto cos..e quindi cercherebbeunaltrolavoro..;31:ehcambialavorosepuoi..trovailmododiandare immediatamenteviadal..). Ancheinquestocasoemergonodifferenzerilevanti.Laprimatipologiaquellache vedeunnumerodirispostepielevato,pidimetdelnumerototale,mailloronumero decisamentesquilibratoinfavoredelcampionenoncomunitario:trequartidiesso (75%)hadatorisposteascrivibiliallatipologiaorientatasulcompito,rispettoal30% deicomunitari.Anchelealtreduemodalitvedonounadifferenzasignificativanella prevalenzadiunodeiduecampioni.Colorochesisonoorientatimaggiormenteverso gliaspettiemotivorelazionalisembranoessereiragazzidellecomunit:quasilamet del campione(40%)haevidenziatoquestoatteggiamento,afrontedel10%deinon comunitari.Infine,anchenell'ultimatipologia(costituitadacolorocheopterebberoper una fuga quasi immediata dal posto di lavoro), troviamo una prevalenza dei comunitari, anche se meno marcata: sei di essi rispetto a tre del campione non comunitario.Riassumendo,possibileevidenziareleduediversetendenzeprevalenti all'internodeiduecampioni:nelcomplesso,trequartideiragazzidellecomunitsembra metterealprimopostolanecessitdiunambienterelazionalepositivoesoddisfacente, oritieneimpossibilecontinuareavivereunambientesfavorevole;alcontrario,lostesso numero di partecipanti del campione di controllo sembra ritenere pi importante la 109

necessitdilavorareinuncontestoprofessionaleadeguato. Sono poi state individuate due dimensioni utili a descrivere ulteriormente le caratteristiche delle rappresentazioni e gli atteggiamenti dei partecipanti rispetto al rapportoconicolleghi:l'orientamentoalruolooallarelazione.Inparticolare,laprima dimensione pone l'accento sull'importanza che riveste lo svolgimento della propria mansione, e sulla necessit di rispettare le procedure e le regole che qualificano il contestolavorativo;lerelazionisulluogodilavorovengonoviste,inquestocaso,come condizioni necessarie a garantire la possibilit di lavorare in maniera ottimale. Nell'orientamentoallarelazioneinveceirapporticonicolleghisonoconsideratiuna componentedelpigeneralebenessererelazionaledellapersona;ilpostodilavoronon inquestocasoconsideratounicamentecomeluogodoveportareatermineilproprio compitomacomecontestodivitaincuiintrecciarerelazionisignificative. Ledifferenzerispettoaquesteduedimensionisonopiuttostonettetraiduecampioni. (tab.24).
Lavoratore Studente Comunit Controllo Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni Comunit maschio Controllo maschio Comunit femmina Controllo femmina Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente Compito 0,17 -0,09 -0,28 0,28 0,21 0,6 -0,89 -0,19 -0,37 0,71 -0,24 0,05 -0,05 0,37 -0,48 0,21 -0,5 0,23 0,05 0,36 -0,33 0,6 -0,19 Relazione -0,28 0,15 0,36 -0,36 0,25 -0,66 0,5 0,09 0,39 -0,95 0,35 -0,04 0,26 -0,38 0,44 -0,34 0,36 -0,48 0,36 -0,18 0,46 -0,9 0,18

Tab.24.Relazionisullavoro:orientamentoalcompitooallarelazione. 110

possibileaffermarecheiragazziprovenientidallecomunitsianodecisamentepi orientatiallerelazioni(0,36)diquantononsiailcampionedicontrollo(0,36).Al contrario,ipartecipantidiquest'ultimosonodecisamentepiorientatialruolo(0,28)di quantononsiailcampionecomunitario(0,28).Considerandoperancheildatodei lavoratoriedeglistudenti,prescindendodall'appartenenzacomunitaria,sipuosservare comechilavorasembricaratterizzarsiperunorientamentoversoilruolo;alcontrario, perglistudentiemergeunvalorepialtonell'orientamentoallarelazione. Diventainteressanteaquestopuntofocalizzarsisullevariazionideivaloriaseconda dellacondizionedilavoratoreostudenteerispettoall'appartenenza. Ilavoratoridel campione di controllo si caratterizzano per un deciso orientamento al ruolo (0,71) mentrequasinullal'attitudineallerelazioni(0,95).Alcontrario,traipartecipanti provenienti dalle comunit, coloro che lavorano sono decisamente pi orientati alle relazioni(0,39)chealruolo(0,35),maconvaloripicontenuti.Glistudentiinvece, chepossiamopresumereabbianoavutoinmisuraminorelapossibilitdifareesperienza delcontestolavorativo,ottengonorisultatiinpartedivergentidaquelligeneralideidue campioni. Mentre da questo sottogruppo del campione di controllo emerge una posizionepiuttostoindefinita,convaloriprossimiallo0perentrambigliorientamenti (0,05e0,04),glistudentiprovenientidallecomunitottengonopunteggimoltosimiliai lavoratori dello stesso campione: anch'essi sembrano orientarsi decisamente alle relazioni. Visonopoialtrepeculiaritemersecheimportanterilevare.Lacondizionesingle/in coppiasembrarappresentareunprimoelementodidiscontinuit:peripartecipantidi entrambiicampioniivaloridell'orientamentoalcompitosononettamentepielevati perchihaunarelazionedicoppia(campionecomunitario:0,21;campionedicontrollo: 0,6),rispettoaivalorideisingle(0,89e0,19).Rispettoaquestiultimi,essisonoipi bassitralepercentualiemersedaivarisottogruppi;inoltre,seandiamoaconfrontarli con altre dimensioni come l'importanza attribuita al rapporto con i colleghi e l'orientamento alla relazione, emerge un filo conduttore. I valori vanno infatti nella stessadirezione,edescrivonoipartecipantisingledientrambiicampionicomepersone 111

percuiilrapportoconicolleghidecisamenteprimarioenonconloscopodicreareun contesto adeguato ad aumentare l'efficienza lavorativa; al contrario essi sembrano ritenere fondamentali queste relazioni indipendentemente dalle condizioni in cui si svolgono.Ivaloririspettoall'orientamentoallarelazionesonoinfattisignificativi,0,5 per il campione comunitario e 0,09 per quello di controllo. Per quanto riguarda i partecipanticonunarelazionedicoppia,l'appartenenzacomunitariasembratracciare una netta demarcazione. Se, come gi accennato, in entrambi i campioni i valori dell'orientamentoalruolosonodecisamentepielevatiperquestosottogruppo,la diversa importanza alla relazione che ci permette di inquadrare meglio questi dati. Infatti,ilpunteggiorelativoall'orientamentoallarelazione,all'internodelcampionedi controllo, di 0,66: quindi possibile affermare come essi siano decisamente pi orientati al ruolo. Invece, se passiamo a considerare i partecipanti del campione comunitariochehannounarelazionedicoppia,troviamounapeculiarit:essiottengono unvalorepositivointutteedueledimensioni.Questodatosembraperciindicarecome essisianoingradodiconciliareentrambigliorientamenti,considerandofondamentale larelazioneconicolleghisiaperilpropriobenesserechepergarantireuncontesto lavorativoadeguatoasvolgerelapropriamansione. Sesiosservanoinveceipunteggideglialtrisottogruppi(ossiarispettoallecondizioni lavoratore/studente,maggiore/minoredi24anni,maschio/femminaerelativamenteal diversousodiinternet),sinotacomeessi,nellamaggiorpartedeicasi,tendanoad essereinversamenteproporzionali.Inaltritermini,colorocheottengonounvalorepi elevatoinunodeidueorientamentievidenzianoinvecevaloripibassinelsecondo,e viceversa. Vi sono due ulteriori sottogruppi che sembrano capaci di tenere insieme con pi efficacia entrambe le dimensioni, o che comunque non evidenziano valori cos divergentirispettoaidueorientamentipresentati.All'internodelcampionecomunitario siaimaggioridi24annichelefemminesicaratterizzanopervaloriprossimiallo0 rispettoall'orientamentoalruolo,mentrehannovalorisimiliallamediapigenerale. possibileaffermarecome,ancheperloro,l'importanzaattribuitaalbenessererelazionale sulpostodilavorononsiaincontrastoconlenecessitlegateallosvolgimentodella propriamansione.

112

4.6.2.Rapportoconl'autoritsulluogodilavoro. Iltemadell'autoritrispettoalcontestolavorativostatoindagatoattraversoun'altra storiadacompletare.Inquestocasoilprotagonistanonriuscivaacompletareintempo unlavoroassegnatogli,eperquestaragionevenivarichiamatocreandocoslepremesse peruncontrastoconilcapo.Apartiredatalescenario,statopossibileindividuare quattrodiversiapproccicaratteristici.Duediessi,inparticolare,evidenzianotendenze divergentiabbastanzanettetraiduecampioni:lerispostechefannoriferimentoadun atteggiamento di sottomissione verso l'autorit, e quelle che invece prospettano un confrontopiequilibratofraledueparti.Laprimacategoria,chepuesseredenominata sottomissione,delineaunasituazionedoveildialogocaratterizzatodaasimmetriae unidirezionalit,(2:tantoharagioneilcapo..noncisarebbenessunadiscussione..;18: non riesce ad imporre la sua idea al capo, inutile che ci provi..) e un epilogo negativo (10: secondo me lui perde il lavoro..; 34: Il capo la licenzia): il protagonistahaunatteggiamentorinunciatarioenonhanessunapossibilitdiinfluire sullasituazione.Ebbene,quasilametdelcampionedicontrollopuessereinclusoin questacategoria(45%),mentresoloil10%deiragazzidellecomunithannorispostoin questo modo. La seconda categoria individuata, che vede questi valori quasi completamente invertiti, stata chiamata possibilit. Anche in questo caso il confronto con il capo piuttosto asimmetrico, e l'eventualit di un dialogo viene scarsamenteconsiderata(33:sulpostodilavoropuoifarvalereletueragionimafinoa un certo punto perch alla fine il coltello dalla parte del manico ce lha il capo). Tuttavia,l'episodiovieneconsideratodaunpuntodivistasostanzialmentediverso:quiil richiamodapartedelcapohapiiltonodiunarimprovero,masenzauntonodefinitivo (35:magaridelcapochegliurladietroanchesolopermetterglipressione,poidi sicurononlolicenzia),oppure,nonostantel'asprezzadelrichiamo,vienecomunque concessaunaprorogaounasecondapossibilit(13:effettivamentelocapisceeglida unaltrasettimana;15:ilcapoglifailcazziatone,maglidaunasecondapossibilit). Unulterioreelementochesievidenzia,inquesterisposte,l'importanzaattribuitaal lavorosvoltoeall'impegnoprofuso(13:Robertosiimpegnatoehadatoquelloche poteva dare ; 9: lei ce l'ha messa tutta, che era impossibile): la dedizione del protagonistavieneconsiderataunelementodeterminanteperlareazionedelcapoein 113

generaleperl'esitodellestorie.Sonoicomunitariaprevalereinquestacategoria:infatti il 40% di essi ascrivibile al tipo possibilit, a fronte del 20% del campione di controllo.Lapossibilitdiunconfrontoveroeproprioconilcapoemergeinvecenella terzacategoria.Latipologiadiscussioneinfatticaratterizzatadallapossibilit,peril protagonista,diconfrontarsicolcapoedipoterspiegareilpropriopuntodivista(12: sentireil'imbarazzoperilrimprovero,macerchereidifarevalerelemieragioni),con esitipositivionegativi.Oppure,perquellerispostechevedonoilprotagonistanonsolo nellacondizionedispiegareleproprieragioni(25:nonhasensocomunicarequando uno arrabbiato, molto difficile... non per queste non devi fare valere la tua posizione),maanchedifarlevalerepoichvalideefondate(38:darelasuaversione deifatti,convincereilcapochehafattotuttoilpossibile;19:Iltempoerapoco,tisei impegnato,cel'haimessatutta).Inquesterisposteilprotagonistahaunruoloattivo,e sembra essere in grado di tenere testa al rimprovero del capo e di discutere e confrontarsiinmanieraefficace.Iduecampioniconvergonorispettoaquestoaspetto:il 30%dientrambiicampioniascrivibileaquestacategoria. Infine,stataindividuataun'ultimatipologiadirisposte,denominataresponsabilit: l'accentoinquesterispostepostopropriosull'attribuzionedicolpeemeritidaparte delprotagonista(22:forseavrebbepotutoprimadiiniziareillavorochiederesepoteva avere pi tempo, o comunque non aspettare di arrivare all'ultimo giorno..). Diversamente dalla categoria possibilit, precedentemente illustrata, dove questo aspettoemergevacomeunodeglielementidiconfrontoconilsuperiore,quilaseriete lacorrettezzasonoritenuteprimarieedeterminanti,inunsensoonell'altro.Inparte prescindendodallereazionidelsuperiore,lerispostepongonol'accentosull'importanza diaverelacoscienzaaposto(37:seluihalacoscienzapulitadiaverfattoilbuon lavoro,lodovrebbedirealsuocapo;5:seunosachedilmassimo..apostoconse stesso).Troviamoinquestacategoriaunaprevalenzadelcampionecomunitario(20%) rispettoaquellodicontrollo(5%)(tab.25).

Comunit Controllo

sottomissione 10,00% 45,00%

possibilit 40,00% 20,00%

discussione 30,00% 30,00%

responsabilit 20,00% 5,00%

Tab.25.Rapportoconl'autoritnelcontestolavorativo.

114

4.7.Progettareilfuturo. Iltemadellaprogettualitedellavisionedelfuturogistatoaffrontatopivoltelungo questo lavoro, in particolare rispetto alle relazioni amicali (par. 4.4.4)e a quelle di coppia (par. 4.2.5). Ciononostante, vi sono aspetti specifici legati alla dimensione progettualeindividualechenonpossonoesseretralasciati.Inparticolare,gliaspettiche verrannoaffrontatiinquestoparagrafosonol'atteggiamentorispettoalfuturo,lafiducia neglialtri,l'atteggiamentoversolavitaelamobilit.Idatirispettoaquestedimensioni sonostatirilevatiattraversogliitemsn.2,8,11,12,24e25. L'atteggiamentoversoilfuturorelativoallanaturadelleaspettativechesinutrono rispettoaquantodeveancoraaccadere.Sitrattadiunargomentooggettodiinteresseda parte di molti autori; tra le altre ragioni per cui rappresenta un tema significativo, possiamoricordareleparolediBourdieu(1998)secondocuiilfuturosifatantopi incerto e minaccioso quanto meno stabile il presente, che invece dovrebbe rappresentareunluogostabileesicurodacuimuovere.Inaltritermini,lavisionedel futuro di unapersona ci pu dire molto anche rispetto a come una personaviveil contestosocialeattuale.Sononumerosigliautoricheidentificanoelementidicriticit rispetto all'avvenire della nostra societ (Benasayag, Schmit, 2003; Bauman, 2001; 2002, 2008; Beck, 1986; Pietropolli Charmet, 2000). Non manca nemmeno chi evidenziacomequestiaspettivenganorecepitidaigiovaniedespressiattraversotimorie senso di insicurezza diffuso (Buzzi e al., 2002; 2007; Benasayag, Schmit, 2003). Riprendendo il lavoro di Giancaterino (2009), si pu notare come l'appartenenza comunitariasuquestiaspettirappresentiunelementocapacedirovesciarelatendenza. Difatto,ilcontestocomunitariosembraessereunelementodeterminante,costituendo una basesicuracheconsentedimediarel'aperturaversol'esplorazioneerispettoal futuro. Anchelafiducianeglialtri,chehamoltiaspettiincomuneconglielementiappena presentati, rappresenta un punto critico nel contesto attuale. Come sottolineano pi autori(Bauman,2001;2002; Benasayag,Schmit,2003)oggilafrequentazionedegli altrihalasolafunzionedirispecchiarelanaturaindividualisticadellalottaquotidiana diognipersona:completamenteassentelapossibilitcheidiversiinteressipossano sommarsiperaffrontareinsiemeunproblemacomune.L'atteggiamentochesinutre versoglialtri,genericamente,quellocheportaacostruirerelazioninonvincolantiche 115

possanoessereinterrottedaunmomentoall'altroseguendolospiritodelsisalvichi pu;illegamesinonimodilimitazionedellaproprialibertdiperseguireciche riteniamogiustopernoi.Unlegameche,comesottolineaSennet(1998),cipermette unicamente di condividere l'intimit temporaneamente, fungendo pi che altro da rifugiomomentaneoincuinascondersidaiproblemidinaturaindividuale.IdatiIARD presentanodatipiuttostorilevanti:pidimetdelcampionedeigiovanidelnostroPaese sidichiaradiffidenteversogliestranei,mentresolounterzosiadispostoadaccordar lorofiducia(Buzzieal.,2007). Unaltroaspettosucuisisceltodiconcentrarsiquellorelativoallamobilit,che rappresentaunacomponentedelpiampioatteggiamentoversoilfuturo.Lamobilit, intesacomedisponibilitalasciareilpaesediorigineperunaprospettivadilavoro all'estero,puessereconsiderataconnessaallamotivazioneadesplorarechederivada unabasesicurasolidaestabile.Inparticolare,idatidelcontestoitalianosembrano parlare chiaro:igiovanisembranopocopropensialasciareilpropriopaese,poich questoperlorosignificherebbeabbandonareilcontestod'origineinsiemeconlerisorse di capitalesociale;risorsechesembranoessereattivabiliquasiunicamentealivello localeenonestendibilioriproducibilialtrove(Buzzieal.,2007). IdatidelrapportoIARDindicanochelapercentualedicolorochedispostaalasciare ilcontestod'originediminuitasignificativamenteapartiredal1987,quandoquasiil 70%delcampioneeradispostoamuoversi:oggiquestapercentualescesaamenodel 50%(Buzzieal.,2007). L'ultimotemaquiaffrontatorispettoallaprogettualitquellodell'atteggiamentoverso lavita:perutilizzareiterminidelrapportoIARD,laquestionerelativaall'importanza attribuita alla fortuna (fatalismo) piuttosto che all'impegno personale (autodeterminazione)nell'affrontarelesfidedellavita(Buzzieal.,2007).Quest'ultima categoria si riferisce a coloro che sono in grado di porsi obiettivi, che non fanno affidamento sulla fortuna e ritengono di poter avere effetto personalmente sugli accadimentidellapropriavita.Alcontrario,ifatalistisonopitimorosidelleproprie scelte,icuiesitisonoattribuitiprincipalmenteafattoriesterni. 4.7.1.Atteggiamentoversolavita. Cominciando da questo tema, stato costruito un indice per rappresentare le due 116

tipologie appena descritte. L'estremo di segno negativo (1) rappresentato dall'atteggiamento fatalista, mentre il valore 1 corrisponde al costrutto di autodeterminazione.Osservandoidati,sipunotarecomequestoaspettomarchiuna nettadifferenzatraiduecampioni:ilvaloremedioassociatoairagazzidellecomunit 0,39,mentrequellodelcampionedicontrollonettamenteinferiore,ossia0,39(tab. 26).
imp. Fortuna 0,39 -0,39 0,38 -0,66 0,39 -0,25 0,52 -0,4 0,28 -0,38

Comunit Controllo Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni

Tab.26.Importanzadellafortuna. Ladiscrepanzasembrapoimantenersitaleinciascunsottogruppo,conlievioscillazioni perquantoriguardal'ampiezza.Ivalorimediall'internodelcampionecomunitariosi mantengonoanaloghiallamediagenerale,conlasolaeccezionedellavariabileet,che vedeaumentareilgradodiautodeterminazionetrairagazzipigrandi(0,52)rispettoai pigiovani(0,28).Relativamentealcampionedicontrollo,ancheinquestocasononvi sono particolari cambiamenti tra i punteggi dei sottogruppi, tranne nel caso dei lavoratori,chesembranocaratterizzarsiperunmaggiororientamentofatalista(0,66) confrontati con gli studenti (0,25): questo dato in linea con quanto emerso dall'indagineIARD(Buzzieal.,2007),chevedecolorochehannoterminatoilpercorso educativopiinbaliadellecriticitattualiemenosicuridisstessi.Questopotrebbe significarecheigiovanilavoratoridellecomunitsianopiprotettirispettoaquesti rischi.quindipossibileaffermareche,apartiredaidatiemersi,l'atteggiamentoverso la vita sembra essere correlato in maniera piuttosto significativa con l'appartenenza comunitaria, che evidenziano perci una pi chiara capacit di porsi obiettivi, la tendenzaanonfareaffidamentosullafortunae,infine,adavereuneffettopersonale sugliaccadimentidellapropriavita 117

4.7.2.Atteggiamentoversoilfuturo. Anche rispetto al tema dell'atteggiamento verso il futuro la variabile appartenenza sembragiocareunruoloprimario.Inquestocasoipunteggicheverrannopresentatisi distribuisconoda1,cheindical'estremonegativo,ossiaunatteggiamentochevedeil futurocomeminaccia,elatoredipossibiliincogniteerischi,a1,checorrispondeinvece alpolopositivo.Siintendequiunavisionedelfuturocomepromessa,fontedisorprese epossibilitancorainesplorate.Ebbene,anchequiidaticonfermanoquantoemersodal lavorodiGiancaterino(2009). L'atteggiamento verso il futuro di segno nettamente pi positivo per i ragazzi appartenentiallecomunit,chehannounvaloremediodi0,56,rispettoalcampionedi controllo (0,56). Osservando i dati del campione comunitario, si nota chiaramente come i valori rimangano costanti, con la sola significativa eccezione dei lavoratori: questa condizioneinfattil'unicaadottenereunpunteggioleggermentenegativo( 0,07).Questoelementosembraconfermarequantogiaccennatoinprecedenza,ossia cheall'internodellapopolazionepiampiasonocolorochegilavoranoaviverepi intensamentelecomponentidiinsicurezzaeitimoridiffusi,easubiremaggiormente glieffettiderivanti(Buzzieal.,2007). L'ultimaconsiderazioneinteressanterispettoaquestotemaemergeconsiderandoidue sottogruppiindividuatiapartiredaldiversoutilizzodiinternet(tab.27).
att. Vs futuro 0,33 -0,37 0,98 -0,68

Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente Controllo uso internet frequente

Tab.27.Atteggiamentoversoilfuturo.

Sembracheancheinquestocasoleappartenenzeaiduediversicampioniinteragiscano inmanieradiversaepeculiare.Unamaggiorfamiliaritrispettoalmediuminformatico sembra correlarsi, nel campione comunitario, ad un atteggiamento pi positivo nei confrontidelfuturo:chiutilizzapidifrequenteilcomputeredinternetsembrapi orientatoaimmaginareilfuturocomefontedipossibilit(0,98)rispettoachilousa maioraramente(0,33).Alcontrario,nelcampionedicontrolloilsottogruppodichi 118

ha meno familiarit con il medium informatico a mostrare un atteggiamento meno negativo (0,37) rispetto a chi lo utilizza pi frequentemente (0,68). I valori si mantengonocomunquepiuttostobassi. 4.7.3.Fiduciaversoglialtri. Oltreall'atteggiamentoversoilfuturo,cisifocalizzatianchesuunaltroaspetto,che contraddistingue l'agire delle persone quotidianamente, ossia il grado di fiducia attribuitoaglialtri,lepersoneesterneallasferamacrosociale;altriintesicomecoloro concuinonabbiamorapportidiretti,senoncasualiefugaci:inunaparola,gliestranei. Rispettoaquestadimensione,ipunteggideiduesottogruppisidifferenzianoinmaniera pilievediquantoemersofinora.Ilcampionedicontrollosembracaratterizzarsiper un grado di fiducia minore (0,12) rispetto al campione comunitario (0,12). Anche osservandoglialtrisottogruppi,ildivariotraiduecampionirimanepressochinvariato, evidenziando quindi come l'appartenenza comunitaria sia un fattore significativo rispettoaquestadimensione(tab.28).
fiducia negli altri 0,02 Comunit maggiore di 24 anni -0,01 0,25 -0,3 0,29 0,07 0,03 -0,23 Controllo maggiore di 24 anni Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni Comunit uso internet scarso Controllo uso internet scarso Comunit uso internet frequente Controllo uso internet frequente fiducia negli altri 0 0,02 0,22 -0,24 0,12 -0,49 0,13 0,12

Comunit in coppia Controllo in coppia Comunit single Controllo single Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente

Tab.28.Fiduciaversoglialtri. Visonosolamenteduegruppiincuiladifferenzatraiduecampionisiaffievolisce: quelloformatodachiincoppiaequellodeimaggioridi24anni.Entrambelevariabili sembranosufficientiadannullareladifferenzaassociataall'appartenenzacomunitaria,e ivaloridelcampionedicontrollosonopressochidentici.Emergeinsommacheperi partecipantipigrandiepercolorochehannounarelazionedicoppiailgradodifiducia verso le altre persone sia lo stesso, prescindendo dall'appartenenza comunitaria. Passandoadanalizzareinmanierapiattentailcampionedicontrollo,sipunotare comevisianoalcunisottogruppicheevidenzianovaloriparticolarmentebassi:isingle, gli studenti ed i minori di 24 anni si attestano su punteggi intorno a 0,25, e 119

caratterizzandosi quindi per un grado decisamente basso di fiducia verso gli altri. L'atteggiamentomenoorientatoallafiduciaperassociatoachi,semprenelcampione dicontrollo,faunusomenofrequentedelcomputerediinternet(0,49),mentrechiha maggiorfamiliaritsembranutrireanchemaggiorfiducia(0,12).Questodatodauna partesmentiscealcuneideediffuserispettoall'effettodiquestimediasuchinefaunuso elevato (Whitty, Carr, 2008), che li vedrebbe responsabili di minare le capacit relazionalidellepersone;dall'altroconfermacicheemergedalpresentelavororispetto adalcunearee(par.4.5).Infine,confrontandoidatinellorocomplesso,sipurilevare unaltroaspetto.Leduecategoriedovetroviamounadiscrepanzamaggiorefraidue campioni sono quelle dei single e dei minori di 24 anni: all'interno di questi due sottogruppiincontriamounmaggiorgradodifiduciaversogliestraneiperiragazzi provenienti dalle comunit (0,25 e 0,22), ed un valore decisamente inferiore per i partecipantidelcampionedicontrollo(0,3e0,24).Secondoalcuniautori,igiovani adultichenonhannounarelazionedicoppia(chespessocorrispondonoaipigiovani) sicaratterizzanoperunasferaamicalepiampiaeperunamaggiorequantitditempo trascorsainsituazionisocialiallargate(Buzzieal.,2007;DiNicola,2002).Potremmo ipotizzarechequestestessepersoneabbianomododiinteragireconunnumeropi elevatodipersonerispettoacoloroche,peresempio,hannounarelazionedicoppiao hannounetmaggiore,equindiimpegniditipodiverso.Percertiaspettisembrano perci rappresentare una fascia di persone molto esposta al rapporto con un gran numero di persone. Ebbene, la discrepanza cos evidente tra i valori che emergono relativamenteallafiduciaassumeinquestomodounsignificatoancorapirilevantese pensiamochequestafasciadipersonecomprendechipotenzialmentehapiachefare conglialtri. 4.7.4.Mobilit. L'ultimadimensionechesisceltodianalizzarequelladellamobilit.Questoaspetto, ineffetti,siponeadunlivellopiconcretorispettoaquellipresentatifinora.Sitratta diunorientamentopicircoscritto,esoprattuttolegatoadunaprecisascelta,mentrele dimensionidescrittefinorahannounanaturapicomplessa.Ciononostante,sitrattadi unaltroelementocheconcorreadelinearequal'l'atteggiamentodeigiovaniversoil futuroerispettoallesceltechesarannochiamatiafare.Lamobilitcostituisceinoltre, 120

comegiaccennato,unvalorechecontribuisceachiarireinchemodo(econqualiesiti) il contesto d'appartenenza della persona (nel nostro caso la famiglia nucleare o la comunitdifamiglie)siconfiguricomebasesicura:solounrapportoadeguatoconessa permetteinfattidiallontanarsiperesplorare(Ainswortheal.,1978).D'altraparte,essa anchemisuradelgradodiradicamentosulterritoriodiunapersonaedellerisorsedel capitalesocialepresenti;costituisceperancheunacriticit,comegiaccennato,la difficoltinerentealtrasferireoestenderequesterisorsealtrove(Buzzieal.,2007). Ivalorirelativiallamobilitsonoancoraunavoltaabbastanzanettineldelinearedue diverse tendenze generali: i ragazzi delle comunit decisamente orientati al cambiamento(0,26)afrontediuncampionedicontrollo(0,26)chesembraricalcarele tendenzedelpiampiodatonazionalerilevatodalrapportoIARD(Buzzieal.,2007; 2002).Rispettoaivalorideisottogruppi,sievidenzianoalcunetendenzeprevedibilia fiancodialtrepiinaspettate.Unprimodatorelativoalledifferenzecheemergono nellecondizionisingle/incoppia.Lacondizionedisinglesiassociaavaloriabbastanza elevatiaprescinderedaicampioni,entrambiprossimialvaloredi0,4.Rispettoinvecea chihaunarelazionedicoppiaviunaprimadiscrepanzasignificativa:ipartecipantidel campionedicontrollosembranodecisamentemenoincliniaspostarsi(0,72)mentreper chi proviene dalle comunit (punteggio di 0,2) questa differenzia non emerge. Proseguendo,sipuosservarecomel'appartenenzacomunitariainteragiscaallostesso modorelativamenteallecondizionilavoratore/studenteerispettoall'et(tab.29).
mobilit 0,56 -0,83 0,1 0,05 mobilit 0,49 -0,43 0,07 -0,12

Comunit lavoratore controllo lavoratore Comunit studente controllo studente


Tab.29.Mobilit.

Comunit - + di 24 anni controllo -+ di 24 anni Comunit di 24 anni controllo - di 24 anni

Rispettoalavoratoriemaggioridi24annil'appartenenzacomunitariasembratracciare unadiscontinuit:troviamocosunmaggiorgradodimobilitassociatoaipartecipanti dellecomunit.Ilcampionedicontrollo,invece,inlineaconidatiIARDcherilevano uncalodelladisponibilitatrasferirsiassociatoall'aumentodell'etoallacondizione lavorativa (Buzzi e al., 2007; 2002). Interessante invece ci che si pu osservare rispettoaglistudentieaipartecipantipigiovani.Quil'appartenenzacomunitarianon

121

sembra capace di creare una discontinuit cos netta, cosicch i valori rimangono piuttostoviciniallamedia.Ilgeneresembrainvecepassareinsecondopianorispetto alledifferenzecheemergonotraleduepopolazionistudiate:quiimaschielefemmine del campione comunitario ottengono punteggi nettamente pi alti degli stessi sottogruppiappartenentialcampionedicontrollo;confrontandoidati,anchequiemerge unapeculiaritemersadall'indagineIARD,chemetteinluceunamaggioraperturaalla mobilitdapartedeimaschirispettoallefemmine:discrepanzachetral'altromeno significativanelcampionecomunitario(tab.30).

mobilit

Comunit maschio controllo - maschio Comunit femmina Controllo - femmina

0,32 -0,09 0,17 -0,52

Tab.30.Mobilitrispettoalgenere.

4.8.Rapportoconl'autorit. Iltermineauctoritasinlatinofacevariferimentoadueaspetti:siaaquellodidelegaree attribuire responsabilit a qualcuno incaricato di amministrare la vita civile, sia di sottolinearelacompetenzaassociataalprestigiosociale.Inizialmentesitrattavaquindi di assegnare un particolare ruolo a qualcuno da parte di una comunit, ruolo che permetteva di assumere una posizione di rilievo (Passini, Morselli, 2010). Milgram (1975) sostiene che la relazione tra individuo ed autorit, qualsiasi forma assuma quest'ultima, un aspetto caratteristico di ogni gruppo sociale. Da una parte, l'obbedienzaaregoleenormenecessariaaffinchsiapossibilevivereinsiemeadaltri, enerappresentaunfondamentaleprerequisito.Bastipensarealprocessoeducativo,che verrebbe minato alla base se all'educatore non fosse riconosciuto un certo grado di autorevolezza. Contemporaneamente, questa stessa obbedienza ha portato, nel corso deglianni,adavvenimentidrammaticidettatidallaciecaosservanzadiordinidiscutibili oimmorali;bastipensareaquantoaccaddenellaGermanianazista,o,pirecentemente, allaFord(Dowie,1977).Emergequindiilproblemadicomecomportarsidavantiad 122

un'autorit,oadellenorme,moralmentediscutibili:inquesticasiladisobbedienzanon soloammessa,masipotrebberitenereancheconsigliabile.Essainfattipuessere indice di una crescita di consapevolezza della persona o di un gruppo, oltre che dell'autonomia di pensiero, e costituisce un primo punto di partenza per mettere in discussioneunostatusquoingiusto(Passini,Morselli,2010). Ilrapportoconl'autoritstatoaffrontatoedibattutosottomoltipuntidivistaduranteil novecento(vd.Horkheimer,1974;Fromm,1941).SecondoBenasayageSchmit(2003)il principiodiautoritoggiradicalmentemessoindiscussione,diventandopidebole ancheinquellerelazionichesibasanointrinsecamentesull'asimmetriatraduepersone. Iltracollodell'autoritstacontribuendo,secondogliautori,acreareunaprofonda crisiall'internodellanostrasociet,ecolorochedovrebberoeducare(imaestri,in sensolato)stannoprogressivamenteperdendolaloroautorevolezza.Senzadilungarci oltre,comunqueimportantesottolineareun'altraconsiderazionecheoffronogliautori. Anche l'autorit, insieme a chi ubbidisce, deve osservare le stesse regole, che rappresentano il fondamento a priori della relazione; vi per entrambi un bene condiviso,unostessoscopopertutti.Elafiguraautoritariadovrebberappresentareuno stimolo,uninvitoadirigersiversol'obiettivocomune.Malapresenzadiunobiettivo comuneecondivisoimplicalapossibilitdiimmaginareedattendersiunfuturoche offralestessepossibilitdiieri,oquantomenodioggi:edpropriolamancanzadi questagaranziache,secondogliautori,minalepremessedelrapportotragiovanied autorit. Nel presente lavoro stato possibile individuare tre indici per analizzare il tema dell'autorit: le aspettative rispetto alle figure autoritarie, le modalit di rapportarsi all'autoritel'importanzaattribuitaallenorme.Ipunteggirelativiaquestiaspettisono statirilevatiapartiredagliitems12,14e24dellostrumento. La dimensione delle aspettative fa riferimento alle attese della persona rivolte al comportamentooall'atteggiamentodellapersonacherappresental'autorit.Nell'indice chestatocreatoilvalore1ilpoloassociatoacaratteristichenegative:inparticolare, rigidezza,inflessibiliteseverit.All'opposto,ivalorichetendonoa1comprendono aspettativerispettoaduncomportamentocomprensivoetollerantedapartedellafigura autoritaria. Osservandoidatinellorocomplesso,sievidenziaunadifferenzapiuttostonettatraidue 123

campioni.Iragazzidellecomunithannounpunteggiochetendemaggiormentead1 (0,28) mentre il campione di controllo ha una media di valore negativo (0,28). Relativamente ai valori medi, sembra quindi che il campione comunitario sia caratterizzato da aspettative pi positive verso l'autorit. interessante confrontare questodatoconquantoemergerispettoaltemadell'autoritsulluogodilavoro(par. 4.6.2). Emerge in tale area come i ragazzi delle comunit si caratterizzino per un comportamento non rinunciatario, ma che invece comprende la discussione e il confrontoconlafiguraautoritaria:tenendopresentequestoaspetto,possibilequindi leggere l'atteggiamento positivo verso l'autorit non in termini di acquiescenza, ma comemododiporsidichidavaloreall'autoritsapendocheessapuesserecriticatanel casosidimostriingiusta. Lasecondadimensioneanalizzatarelativaalledifferentimodalitdeipartecipantidi rapportarsiall'autorit.Ancheinquestocasosiprocedutoacreareunindicecondue estremi:ilpolo1siassociaadunamodalitpipassivaerinunciataria,checaratterizza chi tende ad accettare acriticamente la posizione di inferiorit all'interno di una relazioneasimmetrica.Alcontrario,ilpolo1indical'atteggiamentodichisiponein maniera pi direttiva, e, nonostante il rapporto asimmetrico sfavorevole, cerca comunquediprevalereediimporsineiconfrontidellafiguraautoritaria. Rispettoaquestadimensione,sinotaunadifferenzapiuttostonetta:iragazziprovenienti dalle comunit sembrano orientati maggiormente verso la polarit positiva, con un punteggiodi0,31,mentreilcampionedicontrollosicaratterizzaperunatteggiamento pidinaturapassiva(punteggio0,31).Questadifferenzatraiduecampionisimantiene costante (anche se varia nell'ampiezza) in quasi tutti i sottogruppi, con una sola eccezione:lacondizionesinglesembrainquestocasoinfluiremaggiormentedella variabiled'appartenenza,efascheilpunteggiosiaprossimoallo0perisingledi entrambi i campioni. Un altra tendenza che si evidenzia, che in questo caso si sovrapponeall'appartenenzaaunooall'altrocampione,sembraessereassociataall'ete allacondizionelavoratore/studente(tab.31).

124

Comunit lavoratore Controllo lavoratore Comunit studente Controllo studente Comunit maggiore di 24 anni Controllo maggiore di 24 anni

atteggiamento 0,94 -0,51 -0,02 -0,21 0,7 -0,36 -0,01 -0,27

Tab.31.Atteggiamentoversoautorit.

Comunit minore di 24 anni Controllo minore di 24 anni

Se,comegiaccennatopivolte,puesserecorrettoassociarecolorochelavoranocon un'etpiavanzata(Buzzieal.,2007;DiNicola,2002),nonsorprenderilevarechegli studentiediminoridi24anniottengonorisultatisimili(disegnonegativo).Poich ancheipunteggideilavoratoriedeipartecipantipigrandihannovalorisimilitradi loro,possibileipotizzare,apartiredaidatiemersi,unatendenzaevolutivarispetto all'atteggiamentoversol'autorit.Confrontandoidatiemergeinfatticheconl'aumento dell'et i partecipanti sembrano acquisire una sicurezza di s che permette loro di confrontarsiinmanierapiparitaria(odicercarediimpostareilconfrontoinquesta direzione)conlafiguraautoritaria.Questodatosiassociaforseancheconunaltro aspetto.Comedetto,imaggioridi24annisonocolorochehannoprobabilmentegi avutoesperienzedilavoro,dovepossibileavereesperienzadiun'autoritdiversada quellapresentenell'ambientescolastico(senonperlecaratteristiche,almenoperilfatto chefisicamenteun'altrapersona);forsepossibileipotizzarecheproprioilcontatto (spesso in condizioni diverse da quelle scolastiche) con un'altra autorit possa contribuirearenderepifamiliareepercimenodisagevoleilrelazionarsiconessa. Laterzaultimadimensioneindividuatarelativaall'importanzaattribuitaallenorme. Scopodiquestoparagrafononanalizzareilrapportoconalcunenormespecificheo rispettoadalcunearee,quantorilevaresenell'importanzaattribuitageneralmentealle normel'appartenenzacomunitariasiacapaceditracciareunadifferenza.opportuno ricordarequiladoppiavalenzadelconcettodiregola:daunaparteillororispettoci chefondamentalmentepermettelaconvivenzatraesseriumani.D'altrocanto,affinch siapossibileilprogressoedilrinnovamentodellasociet,questeregoledevonoanche poteresseremesseindiscussioneemodificate(Passini,Morselli,2010).Inoltrequesta 125

dimensione,contrariamentealledueprecedenti,nonimplicailriferimentoapersone concrete:benchlaregolerichiedanoobbedienza,esattamentecomel'autorit,essenon sonoassociateadunapersonaoadungruppoinparticolare:cichesicercatodi analizzarequiilvaloreattribuitoallenormeins. Ledifferenzetraiduecampioni,considerandoilvalorigenerali,sonominime:entrambi lepopolazionisembranoattribuireunvaloreanalogoallenorme,enonsidiscostanodal valoremedioinmanierasignificativa(0,05perilcampionecomunitario,0,05perquello dicontrollo).Rispettoaisottogruppi,emergonoinvecealcunepeculiaritpichiare.Per quanto riguardalacondizionemaschio/femmina,quil'appartenenzacomunitarianon sembrainfluireinnessunmodo:sebbenecondifferenzalimitata,inentrambiicampioni le femmine sembrano attribuire alle norme un'importanza maggiore di quanto non faccianoimaschi.Unatendenzacheinvecesembraesserecorrelataconl'appartenenza comunitariaemergeosservando,nellorocomplesso,idatirispettoall'et,lacondizione lavoratore/studenteequellaincoppia/single.
rilevanza norme Comunit maggiore di 24 anni 0,13 Comunit maggiore di 24 anni -0,21 Controllo minore di 24 anni 0,65 Controllo minore di 24 anni 0,44
Tab.32.Importanzaattribuitaallanorme.

rilevanza rilevanza norme norme Comunit in coppia -0,18 Comunit - lavoratore -0,27 Comunit - single 0,11 Comunit studente 0,06 Controllo - single -0,59 Controllo lavoratore 0,63 Controllo in coppia 0,48 Controllo - studente 0,26

Come si pu notare (tab. 32), sembra che le tre variabili interagiscano con l'appartenenza comunitaria in maniera piuttosto peculiare. Tenendo presente che l'aumentodell'etpuessereassociatoconlacondizionedilavoratoreeconquelladi partner(Buzzieal.,2007;DiNicola,2002),eipotizzandoquindichequestitrefattori possanovariareinsieme,sipunotarecomeperimaggioridi24anni(lavoratoriein coppia) l'importanza delle norme aumenti nel campione comunitario, e decresca in quello dicontrollo.Alcontrario,peripi giovani(singleestudenti)l'appartenenza comunitariasiassociaadunpialtogradod'importanzaattribuitaallenorme,mentre per i loro coetanei del campione di controllo le norme sembrano avere un valore inferiore. Possiamo pertanto osservare due tendenze opposte: per il campione comunitariol'importanzaattribuitaallenormediminuisceconl'aumentaredell'et;al contrario,nelcampionedicontrolloessasembraaumentare. 126

4.9.Percezionedell'immigrazioneestereotipidigenere. Rispetto a queste due aree, i dati emersi non hanno evidenziato nessuna differenza sostanzialetraiduecampioni.LaricercadiGiancaterino(2009)avevamessoinluce come l'appartenenza comunitaria si associasse ad una riduzione degli stereotipi in entrambelearee,rispettoalcampionenazionale(IARD,2002).Nelnostrocaso,ivalori ottenutinonpermettonodirilevareunatendenzasimile.Questo,lungidalrappresentare unadisconfermadelladifferenzarilevataprecedentemente,puforseessereinrelazione con il tipodistrumentoutilizzato.SeGiancaterinosieraservitadiquestionariche prevedevanol'autosomministrazione(tecnicachepermettediesprimereiproprigiudizi autonomamenteeaprescinderedallapresenzadiqualcunaltro),lanostraricercasi inveceavvalsa,comegispiegato,diun'intervista.Tecnicachenecessitalapresenzadi unintervistatoreperesserecondotta,echequindirichiedeall'intervistatodirispondere alledomandeinpresenzadiun'altrapersona.Ciforsehasignificato,difronteatemi cosrilevanti, un'attenuazione deigiudizideipartecipantirispettoalleaffermazioni proposte; partecipanti che si sono espressi in maniera pi neutra davanti ad una personachenonconosconoqualeeral'intervistatore,attestandosicossupunteggimedi.

127

5.Conclusioni. L'analisi condotta nelle pagine precedenti permette di tracciare un quadro generale rispettoallasferarelazionaledeipartecipantideiduecampioni.Perfarlo,puessere utileripartiredalledomandeinizialichehannoguidatoilpresentelavoro.L'ipotesidi baserelativaallapossibilitchelacomunitdifamiglie,inquantocontestofamiliare piriccoedinamico,possafornireelementididiscontinuitrispettoalcontestosociale piampio,inparticolarerispettoall'ambitorelazionale.Nellospecifico,cisichiestise l'agiredeiragazzicresciutinellecomunitsiaiscrivibilenelletendenzeprevalentinella nostrasociet(scarsoimpegnonellerelazionietimoreadassumersileresponsabilitin questoambito(Bauman,2002;Buzzieal.,2007),oseinveceseguaaltrecoordinate. Un'altra questione importante riguarda le caratteristiche dei rapporti che i ragazzi costruiscono:ilegamisonobasatisulconsumo,sull'adesioneacodiciprecisimadi naturaestetica,edhannovalenzaprovvisoriaerelativa(CarrMittini1999)?Oppurei ragazziprovenientidallecomunitcostruisconorelazioniconaltrecaratteristiche? Infine,itemidellaprogettualit,degliatteggiamentiversoilfuturoedelrapportocon l'autoritcostituisconoambitirispettoacuieranogistateevidenziatedifferenzeconla popolazionepiampia(Giancaterino,2009). Se si confrontano i valori generali espressi dai ragazzi appartenenti al campione comunitario e a quello di controllo emergono numerose differenze. Relativamente all'areadellerelazioniintime, l'atteggiamentodeiragazziprovenientidallecomunit sembrapiorientatoall'impegno,che,comesidetto,fariferimentoallapossibilited allavogliadispendersiall'internodellarelazione.Illivellodiaspettative,intesoqui comecichelapersonasiaspettadalpartner,minoreperiragazzidellecomunit.I ragazzidelcampionedicontrollosembranoinveceavereneiconfrontidelpartnerun gradodiaspettativedecisamentepielevato,mentreipunteggirelativiall'impegnosono significativamentepibassi..L'appartenenzaallacomunitsembrerebbeinquestocaso un fattore capace di invertire una delle tendenze attuali, che vedono le persone impegnarsi in misura sempre minore nelle relazioni, privilegiando un'ottica individualistaeinlineaconivaloriutilitaristicicheguidanolasociet(Bauman,2002; Buzzieal.,2007).Seirapporti,nelpigeneralecontestosociale,portanolepersonead impegnarsisempremenoneiconfrontidell'altro,troviamoquiunsignificativoelemento didiscontinuit.Iragazzidellecomunitsembranoinfattiinvestireleproprierelazioni 128

intimediunlivellodiimpegnodecisamentesuperioreailorocoetaneidellapiampia popolazioneitaliana. Ancherispettoallerappresentazionidellafamigliatroviamodifferenzerilevanti.Seil campionedicontrollosembraesserepisensibileallanaturaeterogeneadellafamiglia attualeeallevarieformecheessaassume,iragazzidellecomunitinvecesembrano darepiimportanzaallafunzionedirifugiodellafamiglia,allecaratteristichetaliper cuiunluogosicuro,caldoedaccogliente.Inoltrequestiultimisembranoesserepi capaci diidentificarequellichesonoglielementicriticidellafamiglianelcontesto attuale, mentre il campione di controllo riesce in maniera minore a identificare le caratteristicheprecise(oltrecheledinamiche)diquesteproblematiche.Anchenell'area deitimoririspettoallafamigliaemergonoduemodalitdiversediosservarelafamiglia stessa:periragazzidelcampionecomunitarioilfocussembraorientarsiallafamiglia nelsuoinsiemeeallecriticitlegateaisuoiconfiniealsuorapportoconl'esterno; viceversa,ilcampionedicontrolloponemaggiormentel'accentosulleproblematiche legateagliindividuichelacompongono.Infine,gliidealidifamigliachecaratterizzano leduepopolazionisonodinaturadifferente:peripartecipantidelcampionedicontrollo l'immagine pi rilevante quella di una famiglia molto incentrata sulla coppia e sull'intimit,econilfocusrivoltoalraggiungimentodelbenessere.Periragazzidelle comunitinvecelafamigliasiconnotaperunampiogradodiscambierelazionicon l'esterno e per numerose interferenze da parte di altre persone, e il legame tra i membriconsideratofontedisicurezzaeconforto. Se passiamo a considerare le relazioni amicali, le differenze principali emergono rispetto alla dimensione della fiducia, dei confini e della progettualit. Quest'ultima sembrarivestireinambitoamicaleunruolopiimportanteperiragazziprovenienti dalle comunit, che la orientano anche in maniera differente dalla popolazione di controllo,ossiaversolimpegnonelladiffusionecondivisadiattivitculturaliesociali, caratterizzatedalloscopodiportarequalchebeneficioallasocietnelsuocomplesso.I datirispettoallaprogettualitsembranomettereinevidenzalediversecaratteristichedel legamecheunisceagliamici,cheapparepiingradodifornireallapersonaglielementi perproiettarsinelfuturoversoprogettidiversidaquellichecaratterizzanoilcampione dicontrollo.Lefunzionichevengonopoiattribuiteall'amiciziacostituisconounaltro elementodidivergenza:mentreperilcampionedicontrollositrattapidiunambito 129

espressivo,caratterizzatodaunostareinsiemesenzascopispecificioltrealdivertirsie alcondividereattivitpiacevoli,periragazziprovenientidallecomunitl'amiciziaoffre soprattuttounconfrontoedunostimolointerminidicrescita.significativo,aquesto proposito,ricordareanchecheperquestiultimiiltipodiattivitchecaratterizzanoil tempoamicalemenoorientatoallosvagofineasstessodiquantononavvengaperil campionedicontrollo. Anche la dimensione dei confini della cerchia amicale presenta delle differenze: i ragazziprovenientidallecomunitconsideranoilpropriogruppodiamicipiapertodi quantononsiaperilcampionedicontrollo.Infine,ilvaloreassociatoallafiducianei confrontidegliamicineiragazziprovenientidallecomunitdecisamentepielevatodi quantononsiaquellodelcampionedicontrollo. Relativamenteall'areadellavoro,emergonoaltredifferenze.Lasfidadelcercarelavoro vedeiragazzidelcampionecomunitario(soprattuttochiunlavoroancoranoncel'ha, comeglistudenti)caratterizzarsiperunsensodirealtpimarcatoefareaffidamento suunmaggiornumerodimezzierisorse;inoltre,perquantoriguardalerelazionisul postodilavoro,irapporticonicolleghihannoun'importanzamaggioreperilavoratori del campione comunitario rispetto a quelli del campione di controllo. Anche sulle modalitconcuivivonoquesterelazionitroviamounadifferenza:ipartecipantidella popolazionedicontrollodannopiimportanzaallosvolgimentodellapropriamansione, elerelazionisulluogodilavorovengonoviste,inquestocaso,comecondizioniche garantiscono la possibilit di lavorare in maniera ottimale. Al contrario, i ragazzi provenientidallecomunitconsideranoirapporticonicolleghiunacomponentedelpi generalebenessererelazionaledellapersona;ilpostodilavorononsolounluogodove portareatermineilpropriocompitomauncontestodivitadoveintrecciarerelazioni significative. Considerandopoiladimensionetrasversaledellaprogettualitcomeatteggiamentoin generale verso il futuro, vediamo qui confermati in buona parte i risultati della precedentericerca(Giancaterino,2009):ilcampionedellecomunitsicaratterizzaper un atteggiamento verso la vita pi autodeterminato, dove l'impegno personale ha maggiorrilevanzaesifamenoaffidamentosullafortuna;alcontrario,nelcampionedi controlloviuntimoremaggioreversolesceltedaprendere,edunatteggiamentopi fatalistarispettoagliesiti. 130

Anche l'atteggiamento verso il futuro di tipo diverso: i ragazzi delle comunit sembranodispostiadaffrontarloconmaggiorfiducia.Ilfuturoperloropuancora esserefontedisorpreseepossibilitancorainesplorate.Alcontrario,ilcampionedi controlloconfermaletendenzegiemersenelrapportoIARD(Buzzi,2007),eviveil futurocomeunaminaccia,portatoredipossibiliincogniteerischi.L'ultimadimensione legataallaprogettualitquelladellamobilit:sonoiragazzidellecomunitadessere pipropensirispettoaquestapossibilitrispettoaipartecipantidellapopolazionedi controllo.Questodatocontribuisceachiarireinchemodo(econqualiesiti)ilcontesto d'appartenenzadellapersona(lacomunitolafamiglia)siconfiguricomebasesicura: comegiaccennato,soloapartiredaunrapportoadeguatoconessasipuconsiderare l'ideadiallontanarsidallabaseedesplorare(Ainswortheal.,1978). Relativamenteall'areadelleamicizievirtuali,ilcampionedellecomunitsicaratterizza perunusonettamenteminoredelmediuminformaticorispettoalcampionedicontrollo. Questodatoprobabilmenteinfluisceanchesull'atteggiamentorispettoaisocialnetwork, che infatti negativo per i ragazzi provenienti dalle comunit e significativamente positivoperquellidelcampionedicontrollo.L'utilizzoprincipalediinternetedeisocial network in larga misura legato alla possibilit di comunicare con i propri amici; ciononostante,ilcampionedicontrollosembraorientarsiversounutilizzopiludico mentre i ragazzi provenienti dalle comunit danno pi importanza agli aspetti strumentaliedutilitaristicidiinternet.Considerandopoiidatirelativiallaprossimit percepitacoipropriamicisuinternet,oltrechelacomposizioneelecaratteristichedella sferaamicalevirtuale,quest'ultimaelasferaamicalerealesembranomantenersisu livellidistintiperquantoriguardailcampionecomunitario,mentreladifferenzaappare menonettanelcampionedicontrollo. Infine,ancheconsiderandoiltemadelrapportoconl'autorit,iduecampionisembrano differenziarsiinmanierapiuttostonettarispettoalleaspettative:iragazziprovenienti dallecomunitsiaspettanopiuncomportamentocomprensivoetollerantedaparte dellafiguraautoritaria,mentrequellidelcampionedicontrollomaggiorrigidezzae severit. Relativamente alle modalit di rapportarsi all'autorit, il campione delle comunitsembraporsiinmanierapidirettiva,cercandocomunquediprevalereedi imporsi nei confronti della figura autoritaria. Questo dati, se osservati insieme ai precedenti,sembranoavvalorarel'ipotesicheilrapportoconl'autoritnonsiabasato 131

sull'acquiescenza:essapuessereinveceoggettodicritichesesidimostraingiusta. Questeappenaelencatesonoledimensionichevedonoiduecampionidifferenziarsi rispetto ai totali: puressendo numerose, vi sono ancheaspetti che non hannovisto emergeredifferenzesignificativerispettoall'appartenenza.Maosservandoanchealtre variabili(quellechecaratterizzanoisottogruppi)chespessosonoemersedivergenze rilevanti. Nell'areadellerelazioniintime,spessol'essereomenoincoppiaafaremergereuna differenzapisignificativa.Relativamenteacolorochehannounarelazione,ilgradodi fiduciaattribuitoalpartnernettamentemaggioreperiragazzidellecomunitrispetto aquellidelcampionedicontrollo;considerandoladimensionedeiconfiniinterni,i ragazzi provenienti dal campione di controllo evidenziano un grado maggiore di sovrapposizionetraiduepartners,condizioneincuiiconfininonsonoquasipernulla definitiedecisamentelabili;invece,iragazziprovenientidallecomunitchehannouna relazioneintimasembranobilanciaremeglioilbisognodivicinanzaeilrispettodella separazione.Perquantoriguardaiconfiniesterni,anchequisonoipunteggirelativia chiincoppiaamettereinevidenzaledivergenze.Iragazziprovenientidallecomunit sembrano rilevare confini pi permeabili e flessibili verso l'esterno, mentre i partecipantidellapopolazionedicontrolloevidenzianounmaggiorgradodichiusura dellacoppia,conconfinimoltopirigidi.Rispettoallaprogettualitdicoppia,mentre per il campione di controllo questa dimensione sembra essere pi rilevante, osservando pi attentamente la natura di questi progetti che emergono aspetti pi interessanti. Infatti, i ragazzi provenienti dalle comunit pongono l'accento maggiormentesugliaspettipipraticidicondivisione,sostegnoreciproco,impegnoe rispetto;laproiezionequimaggiormenteorientataversolecomponenticoncretedello stare insieme, con chiari riferimenti ad avere dei figli e formare una famiglia; al contrario, lapopolazione dicontrollo piorientata albenesseredellacoppia, alla possibilitdistarebeneconilpartner,edallecomponentiintimeedemozionali.Inoltre, ilcampionecomunitariosembradaremaggiorimportanzaallacaratteristicadiapertura dellarelazione,quindialleconnessioniedairapporticonl'esterno,diquantononsia perilcampionedicontrollo.Infine,rispettoallafunzioneassoltadallarelazioneintima, troviamo la differenza principale rispetto alla dimensione del sostegno: il valore di supportoeappoggiochepuassumereilrapportoconilpartner,basatosulconfidarsie 132

sulricercareconferme,decisamentesuperioreperiragazziprovenientidallecomunit. ConfalonierieGavazziGrazzani(2002)sostengonochepotercontaresuunapersona che faciliti il processo che porta a separarsi dalle figure genitoriali (che le autrici chiamanobisognoaffettivo)determinanteall'internodelprocessodiindividuazione.Il bisogno affettivo, secondo le autrici, tra i pi importanti tra quelli associati alla relazionedicoppia;edessoinpartericalcalacategoriasostegnoutilizzatainquesta sede.possibileipotizzarecheiragazziprovenientidallecomunit,attribuendouna rilevanzacentraleaquestafunzione,possanoinqualchemodoesserefacilitatinelloro processodisviluppo? Considerandopoil'areadellerelazioniamicali,ilvaloredellarilevanzaanalogoperi duecampioni.Relativamentepoialladimensionedell'impegno,purnonevidenziandosi divergenzerilevantitraiduecampioni,emergonotendenzedivergentisesiosservanoi datidichilavora,deisingleedeiminoridi24anni:questevariabilisembranopiin grado di mettere in luce le differenze legate all'appartenenza comunitaria. Anche rispetto alle modalit di gestione del conflitto tra amici non emergono differenze sostanziali tra le due popolazioni, mentre si pu rilevare un trend divergente relativamenteall'et. Infine,visonodueulterioriaspettiperiqualil'appartenenzacomunitarianonsembra immediatamente rilevante. Relativamente alla fiducia negli altri, i valori sono significativamentediversisolosesiosservanolecondizionideisingleedeiminoridi24 anni:quiemergenettamenteladifferenzafraleduepopolazioni.Perquantoriguarda invece l'importanza delle norme, le differenze emergono considerando le variabili dell'et, la condizione lavoratore/studente e quella in coppia/single mettendo cos in evidenzaduetendenzeopposteperiduecampioni. Considerando i dati nel loro complesso, possibile affermare come l'appartenenza comunitariasembrirappresentareunelementocapaceditracciareunadifferenzasia relativamenteallemodalitconcuilepersonecostruisconolerelazionielevivono,sia rispetto alle loro rappresentazioni rispetto a questo ambito. Questa considerazione sembraesserevalidasiaperlerelazioniintimecheperquelleamicali,oltrecheper quelle lavorative; rispetto alla sfera virtuale, tale differenza va a sommarsi con le particolaricondizionichecaratterizzanolecomunit:lasceltadisobriet,peresempio, 133

significacheinalcunerealtviunridottonumerodicomputersrendendonemeno agevolel'accessoaimembri.Anchelerappresentazionirispettoallafamigliaedallasua situazione nel contesto attuale sembrano risentire dell'appartenenza comunitaria. Quest'ultimasembraingradodiinfluireanchesugliatteggiamentiversoilfuturoesulle rapporto con l'autorit. Infine, non stato possibile rilevare differenze rispetto agli stereotipidigenereeversogliimmigrati:questodatoprobabilmenteconnessoconle modalitdisomministrazionedellostrumento,cheimplicavalapresenzadiunestraneo (l'intervistatore)chepuavercontribuitoadun'attenuazionedeigiudizideipartecipanti rispettoaquestitemi. Uncontestofamiliarepiampio,comequellodellecomunitdifamiglie,sembraquindi in grado di influire sulle caratteristiche di coloro che vi crescono al suo interno. L'appartenenzaallacomunitnonsembrarappresentareunfattorecheisolalepersone chenefannoparte,secondolacredenzachevivereinquestiluoghipossarappresentare unfattorediseparazionenonsolamenteditipofisico(Bramanti,2009).Maappare invececapacedirafforzarealcuniaspettiutiliacostruirelegamipiprofondi,solidie duraturi.Questo,abenvedere,sembrerebberenderelerealtcomunitarieluoghidove sviluppare caratteristiche ed atteggiamenti che si pongono in controtendenza con il contesto sociale pi ampio; un contesto che, come gi detto, caratterizzato da dinamicheeprocessicheportanoall'indebolimentodellasferarelazionaledellepersone, sempre pi sole ed incapaci di costruire legami che le facciano sentire sicure. RiprendendoleriflessionidiAinsworth,soloapartiredaunlegamesaldoestabile che si creano le premesse per sentirsi sicuri e perci liberi di esplorare l'ambiente circostante. Davanti a quanto viene affermato incessantemente nella societ individualizzata(Bauman,2001),eciochesolamenterecidendotuttiilegamisiliberi (e perci felici) per davvero, si potrebbe rispondere che invece la possibilit di costruirelegamistabilieduraturiacostituirelacondizioneessenzialepersentirsisicuri e,perci,liberi.

134

Bibliografia Ainsworth, M.D.S, Blehar, M., Waters, E., & Wall, S. (1978). Patterns of attachment. Hillsdale, NJ: Erlbaum. Alberoni, F. (1999). L'amicizia. Milano: Garzanti. Amerio P., Boggi Cavallo, P., Palmonari, A., Pombeni, M.L. (1990). Gruppi di adolescenti e processi di socializzazione. Bologna: Il Mulino. Andolfi, M. (a cura di) (1999). La crisi della coppia. Milano: R. Cortina. Angelo, C. (1999). La scelta del partner. In Andolfi, M. (a cura di). La crisi della coppia. Milano: R. Cortina. Ardone, R., Chiarolanza, C. (2007). Relazioni affettive. Bologna: Il Mulino. Archer, M. S. (1997). La morfogenesi della societ: una teoria sociale realista. Milano: Angeli. Bastianoni, P., Taurino, A., (2005). Famiglie per affetto e per professione. In Fruggeri, L. Diverse normalit. Roma: Carocci. Bauman, Z. (2001). Voglia di comunit. Bari: Laterza. Bauman, Z. (2002). La societ individualizzata. Bologna: Il Mulino. Bauman, Z. (2008). Does ethics have a chance in a world of consumers? Harvard university press. Trad. It. L'etica in un mondo di consumatori. Bari: Laterza, 2010. Beck, U. (1986). Risikogesellschaft: Auf dem Weg in eine andere Moderne. Frankfurt a.M.: Suhrkamp. Trad. It. La societ del rischio. Verso una seconda modernit. Roma: Carocci, 2000. Bellotti,E.(2008).Amicizie.Leretisocialideigiovanisingle.Milano:Ed.Franco Angeli. Belsky,J.,Rosenberg,K.,Crnic,K.(1999).Leoriginidell'attaccamentosicuro.(pp. 141173)InCarli,L.(acuradi).Dalladiadeallafamiglia:ilegamidiattaccamento nellaretefamiliare.Milano:R.Cortina. Benasayag, M., Schmit, G. (2003). Les passions tristes. Souffrance psichique et crise sociale. Paris: Ed. La Dcouverte. Trad. it. Lepoca delle passioni tristi. Milano: Feltrinelli Editore, 2004. Bettelheim, B. (1969). I figli del sogno. Milano: Mondadori Bichi, R. (2002). L'intervista biografica : una proposta metodologica. Milano : Vita e Pensiero Universit. 135

Bisi, S. (2003). I giovani e internet. Milano: Ed. Franco Angeli. Bourdieu, P. (1998). La domination masculine. Paris: Minuit. Trad. it. Il dominio maschile, Milano: Feltrinelli 1999 Bowlby, J. (1951). Cure materne e igiene mentale del fanciullo. Trad. it. Firenze: Giunti Barbera Editore, 1957. Bowlby J. (1969). Attaccamento e perdita: vol. 1, L'attaccamento alla madre. Tr. it. Torino: Boringhieri, 1972. Bowlby, J. (1988). Una base sicura. Applicazioni cliniche della teoria dell'attaccamento. Trad. it. Milano: R. Cortina, 1989. Bozuffi, V. (2006). Psicologia dell'integrazione sociale: la vita della persona con disabilit in una societ plurale. Milano: Ed. Franco Angeli. Bronfenbrenner, U. (1979). The Ecology of Human Developement. Experiments by Nature and Design. Cambridge: Harvard University Press. Trad. It. Ecologia dello sviluppo umano. Bologna: Il Mulino, 1986. Bruschi, A. (1999). Metodologia delle scienze sociali. Milano: B. Mondadori. Buzzi, C., Cavalli, A., de Lillo, A., (a cura di). (2002). Giovani del nuovo secolo. Quinto rapporto IARD sulla condizione giovanile in Italia. Bologna: Il Mulino. Buzzi, C., Cavalli, A., de Lillo, A., (a cura di). (2007). Sesta indagine dellIstituto IARD sulla condizione giovanile in Italia. Bologna: Il Mulino. Byng-Hall, J. (1995). Le trame della famiglia. Trad. it. Milano: Raffaello Cortina, 1998. Calanca, D. (2004). Famiglia e famiglie. In Sorcinelli, P. (pp. 97-176). Identikit del Novecento. Roma: Donzelli. Campanini, G., Donati, P. (1980). Le comuni familiari tra pubblico e privato. Milano: Ed. Franco Angeli. Carli, L. (a cura di) (1999). Dalla diade alla famiglia : i legami di attaccamento nella rete familiare. Milano: R. Cortina. Carli, L., Cavanna, D., Zavattini, G.C. (2009). Psicologia delle relazioni di coppia. Bologna: Il Mulino. Carr Mittini, E. (1999). La famiglia globale. La sfida delle generazioni nella societ del rischio. Milano: Ed. FrancoAngeli. Cassibba, R. (2003). Attaccamenti multipli. Milano: Unicopli. Cicognati, E. (2002). Psicologia sociale e ricerca qualitativa. Roma: Carocci. 136

Confalonieri, E., Gavazzi Grazzani, I. (2002). Adolescenza e compiti di sviluppo. Milano: Unicopli. Corsano, P. (2007). Socializzazioni: la costruzione delle competenze relazionali dall'infanzia alla preadolescenza. Roma: Carocci. Csikszentmihalyi, M., Schneider, B. (2000). Becoming adult. Trad. it. Diventare adulti: gli adolescenti e l'ingresso nel mondo del lavoro. Milano: Raffaello Cortina, 2002 Depolo, M. (a cura di) (1998). L'ingresso nel mondo del lavoro. Roma: Carocci. Di Nicola, P. (1998). La rete: metafora dell'appartenenza: analisi strutturale e paradigma di rete. Milano: F. Angeli. Di Nicola, P. (2002). Amichevolmente parlando. Milano: Ed. FrancoAngeli. Donati, P. (1995). Famiglia. In Scabini, E., Donati, P. Nuovo lessico familiare. (pp. 15-29). Milano: Vita e Pensiero. Donati, P. (2006). Manuale di sociologia familiare. Bari: Laterza. Donati, P., Colozzi, I. (1997). Giovani e generazioni: quando si cresce in una societ eticamente neutra. Bologna: Il mulino. Dowie, M. (1977). Pinto madness. Mother jones Engels, F. (1970). Lorigine della famiglia, della propriet privata e dello Stato. Roma: Editori Riuniti. Erikson, E.H. (1966). Infanzia e societ. Roma: Armando. Erikson, E.H. (1968). Identity youth and crisis, New York, W.W. Norton & Company. Trad. it. Giovent e crisi d'identit. Roma: Armando, 1974. Festinger, L. (1957). A theory of cognitive dissonance. Stanford University Press. Trad. it. Teoria della dissonanza cognitiva. Milano: F. Angeli, 1973. Fivaz-Depeursinge E., Corboz-Warnery, A. (2000). Il triangolo primario: le prime interazioni triadiche tra padre, madre e bambino. Edizione italiana a cura di Cristina Riva Crugnola. Milano: R. Cortina. Francescato, D., Francescato, G. (1975). Famiglie aperte: la comune. Milano: Feltrinelli. Fromm, E. (1956). The art of loving. Trad. It. L'arte di amare. Milano: Il Saggiatore, 1963 Fromm, E. (1941). Escape from freedom. Trad. It. Fuga dalla libert. Milano: A. Mondadori, 1994 137

Fruggeri, L. (1998). Famiglie. Dinamiche interpersonali e processi psico-sociali. Roma: Carocci. Fruggeri, L. (2005). Diverse normalit. Roma: Carocci. Fruggeri, L. (2005). Sviluppo individuale e contesti familiari. In Bastianoni, P., Fruggeri, L. Processi di sviluppo e relazioni familiari. (pp. 109-83). Milano: Unicopli. Fruggeri, L., Mancini, T., (2001). "Vecchie" e "nuove" famiglie. Rappresentazioni e processi sociali. Adultit, 14, pp. 87-10 Galimberti, U. (2004). Le cose dell'amore. Milano: Feltrinelli. Ganong, L. H. (1990). A meta-analytic review of family structure stereotypes, Journal of marriage and the family, n. 52, pp. 287-297. Garelli, F., Palmonari, A., Sciolla, L., (2006). La socializzazione flessibile. Bologna: Il Mulino. Ghisleni M., Moscati, R., (2001). Che cos' la socializzazione. Roma: Carrocci. Giancaterino, I. (2009). Interfacce: identit in relazione. Studio psicosociale sui figli cresciuti nelle comunit di famiglie. Tesi di laurea non pubblicata, Universit degli studi di Parma. Godbout, J. T. (1992). L'esprit du don. ditions La Dcouverte, Paris. Trad. it. Lo spirito del dono. Torino: Bollati Boringhieri, 1993. Greco, O. (1999). La doppia luna. Test dei confini e delle appartenenze familiari. Vita e Pensiero, Milano. Guala, C. (1993). Posso farle una domanda?: l'intervista nella ricerca sociale. Roma: NIS. Homas, G. (1975). Le forme elementari del comportamento sociale. Milano: FrancoAngeli Horkheimer, M. (a cura di) (1974). Studi sull'autorita e la famiglia. Torino:UTET. Lea, M., Spears, R. (1995). Love at first byte? Building personal relationships over computer networks. (pp. 197-233) In Wood, J. T., Duck, S. W. (a cura di) Understudied relationships: Off the beaten track. Newbury Park, CA, Sage Lutte, G. (1987). Psicologia degli adolescenti e dei giovani. Bologna: Il Mulino. Maggiolini, A., (2004). Relazioni sentimentali e sessuali. In Maggiolini, A., Pietropolli Charmet, G. (A cura di) (pp.153-167). Manuale di psicologia dell'adolescenza: compiti e conflitti. Milano: Ed. Franco Angeli. 138

Marazziti, D. (2002). La natura dell'amore. Milano: Rizzoli Marcuse, H. (1976). Eros e civilt. Torino: Ed. Piccola Biblioteca Einaudi. Marradi, A. (1984). Concetti e metodo per la ricerca sociale. Firenze: Giuntina. Martini, E. R., Sequi, R., (1995), La comunit locale. Roma: Carrocci. Marvin,R.S.,Stewart,R.B.(1999).Unacornicesistemicofamiliareperlostudio dell'attaccamento. (pp.1964) InCarli,L.(acuradi). Dalladiadeallafamiglia:i legamidiattaccamentonellaretefamiliare.Milano:R.Cortina. Milgram, S. (1975). Obbedienza all'autorit. Milano: Bompiani. Millet, K. (1969). Theory of Sexual Politics. In Sexual Politics. Granada Publishing Mitchell, S. (2002). Can love last? The fate of romance over time. Estate of Stephen Mitchell. Trad. It. L'amore pu durare? Milano: R. Cortina, 2003 Mutti, A. (1998). Capitale sociale e sviluppo. Bologna: Il Mulino. Olivares, M. (2003). Comuni comunit ed ecovillaggi in Italia. Roma: Malatempora Editore. Omacini, S. (2003). Le comunit di famiglie, Cinisello Balsamo (MI): Edizioni San Paolo. Parks, M. R., Roberts, M. D. (1998). Making MOOsic: The development of personal relationships online and a comparison to their off-line counterparts. Journal of social and personal relationships, 15, pp. 517-537 Parsons, T., (1967). Sociological theory and modern society. New York: Free press. Trad. it. Teoria sociologica e societa moderna. Milano: Etas Kompass, 1971. Passi Tognazzo, D. (1999). Metodi e tecniche nella diagnosi della personalit: i test proiettivi. Firenze: Giunti. Passini, S., Morselli, D. (2010). Psicologia dell'obbedienza e della disobbedienza. Roma: Carrocci. Pietropolli Charmet, G. (2000). I nuovi adolescenti. Padri e madri di fronte a una sfida. Milano: Cortina. Putnam, R. (2000). Bowling alone: the collapse and revival of American community. New York: Simon & Schuster. Trad. it. Capitale sociale e individualismo. Crisi e rinascita della cultura civile in America. Bologna: Il Mulino, 2004. Rovesti, R. (2005). Le famiglie si aggregano: diverse tipologie comunitarie. Tesi di laurea non pubblicata, Universit degli studi di Parma. Saottini, D. (2004). Il gruppo dei pari. In Maggiolini, A., Pietropolli Charmet, G. (A 139

cura di) (pp.168-183). Manuale di psicologia dell'adolescenza: compiti e conflitti. Milano: Ed. Franco Angeli. Sarchielli, G. (1998). Divenire lavoratore: il lavoro come contesto di socializzazione. In Depolo, M. (a cura di). L'ingresso nel mondo del lavoro. Roma: Carocci. Satir, V., (1999). Il cambiamento nella coppia. In Andolfi, M. (a cura di). La crisi della coppia. Milano: R. Cortina. Scanagatta, S., Segatto, B. (2007). Le nuove macchine sociali. Milano: FrancoAngeli. Sennet, R. (1998). The Corrosion of Character: The Personal Consequences of Work in the New Capitalism. New York: Norton. Trad. It. Luomo flessibile: le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale. Milano: Feltrinelli, 2000. Tajfel, H., Billig, M., Bundy, R.P., Flament, C. (1971). Social categorization and intergroup behaviour, in European Journal of Social Psychology, 1, pp. 149-178 Tonolo, G. (1999). Adolescenza e identit. Bologna: Il Mulino. Trevarthen, C. (1998). Empatia e biologia: psicologia, cultura e neuroscienze. A cura di Stefano Castelli. Milano: R. Cortina. Van Ijzendoorn, M., Sagi, A., Lambermon, M.W.E. (1999). Il paradosso del caretaker multiplo. In Carli, L. (a cura di). Dalla diade alla famiglia: i legami di attaccamento nella rete familiare. Milano: R. Cortina. Vegetti Finzi, S. (1992). Il romanzo della famiglia. Milano: Mondadori Vignali, E. (2007). Comuni, ecovillaggi e comunit familiari. Studi di caso a confronto. Tesi di laurea non pubblicata. Volpi, E., Volpi, B. (1998). Unalternativa possibile. Saronno (VA): Monti. Walsh, F., (1999). Coppie sane e coppie disfunzionali: quale differenza? In Andolfi, M. (a cura di). La crisi della coppia. Milano: R. Cortina. Weber, M. (1958) Il metodo delle scienze storico-sociali. Torino: Einaudi. Whitty, M. T., Carr, A. N. (2006). Cyberspace romance. Palgrave Macmillan. Trad. it. Incontri@moci: le relazioni ai tempi di internet. Ed. Erikson, 2008. Whitaker, C.A., (1999). Le funzioni del matrimonio. In Andolfi, M. (a cura di). La crisi della coppia. Milano: R. Cortina.

140

Appendice. L'intervista. 1. Il rettangolo: questo rettangolo rappresenta il tuo spazio di vita; disegna attraverso dei simboli/dei puntini dove ti poni tu e dove poni, allinterno o allesterno del rettangolo, le persone per te pi importanti. E quelle con cui studi o lavori? E i tuoi coinquilini? 2. Help!: immagina di trovarti in queste situazioni: 1. Da alcuni giorni non riesci a dormire bene a causa di intensi incubi notturni. Ti senti ansioso quando devi uscire di casa e il tuo umore sempre pi basso. Non trovi per una spiegazione per queste sensazioni, che sono sorte apparentemente da un giorno allaltro. Con chi per primo affronti il problema? Con chi ti confidi? 2. Sei ormai prossimo alla fine dei tuoi studi; ti viene offerta una opportunit di lavoro inerente al tuo campo di studi al Nord della Francia. Contemporaneamente ti viene proposto un incarico rilevante nellazienda di famiglia. A chi chiedi consiglio per la scelta? Cosa fai? 3. Casa: immagina di arredare la casa in cui vivrai fra dieci anni. Come sar la tua casa? Puoi descrivere almeno tre stanze? E chi ci abita nella casa? Come sono coloro che 4. Spaccti 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Quando non sono con loro, i miei amici Quando vedo un uomo e una donna insieme... Io stimo il mio migliore amico anche se... La maggior parte delle famiglie che conosco... Quando vedo due donne che stanno insieme Da un amico mi aspetto Le persone con cui vivo Io vorrei che il mio partner Ci che mi stupisce nelle coppie Quando vedo due uomini che si tengono per mano

5. Prospettive di coppia - Se ti dico prospettive di coppia, quali 3 parole/aggettivi ti vengono in mente? Prova ad immaginare uno scenario che associ alla tua idea di prospettive di coppia. Descrivimelo come fosse una foto. 6. Il carico importante: puoi dirmi 3 oggetti che rivestono un importante significato simbolico/affettivo per te o che per te contano particolarmente? Per esempio, l'anello che mi ha lasciato mia nonna.. Potresti dirmi a chi ti sentiresti di affidare ciascun oggetto e perch? 7. Immagini - COPPIA: Scegli tra queste figure le 2 che ti sembrano pi adatte a rappresentare il tuo rapporto di coppia, se ne hai uno, e spiega perch le hai scelte. Scegli altre 2 immagini che rappresentano il tuo ideale di coppia, spiegando perch. 141

Scegli altre 2 immagini che rappresentano dei tuoi timori rispetto al rapporto di coppia, spiegando perch. 8. Storia - AMICI : Una zia di Luca/ia possiede un locale che non utilizza pi, e decide di lasciarlo in uso al/la nipote. Si tratta di un locale non tanto grande, un ex ufficio, interamente da risistemare visto che da anni nessuno lha pi utilizzato. Luca/ia pensa che sia una buona idea metterlo in comune con i/le suoi/e amici/he. Cosa gli viene in mente di farci? Quando il progetto ormai ben avviato e si creato un gruppo abbastanza affiato, due ragazzi/e del posto, che non conoscono Luca/ia e i/le suoi/e amici/he, chiedono se possono entrare a far parte anche loro della organizzazione. Come procede la storia secondo te? .. Una sera Donato/a, il/la migliore amico/a di Luca/ia, che fa parte dellorganizzazione del luogo, porta i suoi cugini nel locale, per fare una piccola festicciola fra di loro. Ma quando se ne vanno dimenticano la stufa a gas accesa: il locale prende fuoco, e i danni sono ingenti. Come va a finire la storia secondo te? 9. Oggetti: Quelli che vedi sono vari oggetti, diversi tra loro. Tra questi, scegline uno che ti sembra che pi esprima quello che tu sei, il tuo modo di essereinsomma le tue caratteristiche pi personali e spiega perch. E se ci fosse qui il tuo migliore amico che oggetto sceglierebbe per rappresentarti e perch? E se ci fosse il tuo partner? Adesso fai lo stesso per le persone pi importanti per te, e dimmi le ragioni per cui hai scelto un determinato oggetto/per quali caratteristiche lo hai scelto. Ora indicami quale oggetto/oggetti non sceglieresti mai per descriverti. E quale oggetto hai timore che gli altri potrebbero scegliere per descriverti. 10. Progetto di vita: Se ti dico progetto di vita, quali 3 parole/aggettivi ti vengono in mente? Prova ad immaginare uno scenario che associ al tuo progetto di vita; potresti descrivermelo come se fosse una foto? 11. Canzone: Questo breve pezzo di canzone parla di un gruppo di amici. Potresti proseguirne la descrizione immaginando come procede la storia? Eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo destinati a qualche cosa in piu che a una donna ed un impiego in banca siparlavaconprofonditdianarchiae dilibert

142

12. Storia FRUSTRAZIONE DESIDERIO Giovanni/a si sta preparando da ormai tre mesi per un importante concorso, a cui desidera fortemente partecipare, poich potrebbe aprirle la strada ad una carriera a cui ambisce. Il concorso si terr a Milano, a due ore di treno da dove abita. Il giorno del concorso, durante il viaggio si rompe il vagone motore e il treno rimane bloccato. Quando finalmente Giovanni/a riesce a giungere sul luogo del concorso, questo gi iniziato da venti minuti e i responsabili non transigono, non pi possibile entrare...come prosegue la storia?Come fa Giovanna/i? Come si sente? E i responsabili? E tu, come ti comporteresti? Suonano alla porta. Angelo/a va ad aprire e si trova davanti Nicola/etta, un/a suo/a carissimo/a amico/a. E tutto trafelato/a, agitatissimo/a e sembra decisamente preoccupato. Senza quasi salutare gli/le dice in due parole che si trova in grossi guai, che ora non ha tempo di spiegare e, tirando fuori dalla tasca una manciata di gioielli, gli/le chiede un grande favore: tenerglieli per qualche ora.. al come va avanti la storia? Paolo/a abita con tre persone. Uno dei ragazzi con cui Paolo/a abita solito tenere la musica accesa fino a tarda notte, ad un volume tale da creare fastidio in casa. Gli altri due, sostenendo che Paolo/a quello che per primo andato ad abitare l, sono convinti che spetti a lui prendere in mano la questione. Si sono gi lamentati pi volte, ma sembra che questo non serva a niente. Secondo te come va a finire la storia? Come si comporta Paolo/a? Come si sente? E laltro come si sente? 13. Immagini - AMICIZIE: scegli tra queste figure le 2 che ti sembrano pi adatte a rappresentare le tue amicizie, spiegandomi la tua scelta. Scegli altre 2 figure che rappresentano il tuo ideale di amicizia e motivamelo. Scegli altre 2 immagini che rappresentano dei tuoi timori rispetto alle tue amicizie, spiegandomi perch. 14. Spaccati 1. Da quando esiste facebook, io.. 2. Se delle persone lavorassero per me... 3. Se non ci fossero i social network, probabilmente.. 4. Ci che mi stupisce, sul posto di lavoro.. 5. Il mio impegno associativo, di solito.. 6. La peggior cosa che potrei fare, in ambito lavorativo.. 7. I miei amici che hanno facebook.. 8. Della mia vita associativa, amo in particolare.. 9. Chi non usa i social network.... 15. Foto di gruppo: dimmi i primi tre aggettivi/parole che ti vengono in mente 143

pensando ai tuoi amici pi intimi. 16. Immigrazione - Sei d'accordo con le seguenti affermazioni? Perch? Gli immigrati hanno diritto all'assistenza sanitaria solo se sono regolari Prima di autorizzare nuovi ingressi di lavoratori stranieri bisogna verificare che non vi siano lavoratori italiani o europei disponibili ad occupare quel determinato posto di lavoro I figli degli immigrati devono poter accedere all'istruzione pubblica anche se clandestini Gli immigrati possono organizzare associazioni o scuole che diffondono la loro cultura Lo straniero senza permesso di soggiorno non deve essere espulso se non ha commesso reati Agli immigrati regolarmente residenti in Italia da qualche anno deve essere riconosciuto il diritto a votare Agli immigrati regolarmente residenti in Italia da qualche anno deve essere riconosciuto il diritto ad essere eletti in tutte le elezioni Gli immigrati hanno il diritto di esprimere liberamente la propria fede religiosa 17. Amicizie virtuali Adesso parliamo un po' delle relazioni che si possono intrattenere grazie ad internet: facebook, messenger, twitter.. Li usi? Hai degli amici si internet? Con che frequenza ti metti in contatto con loro? Tutti i contatti che hai su internet riguardano amici che frequenti anche nella tua vita quotidiana, o ci sono persone che conosci e frequenti solo, o per la maggior parte del tempo, su internet? Cosa hanno aggiunto questi social network (facebook, msn...) alle tue amicizie? Cosa hanno sottratto questi social network (facebook, msn...) alle tue amicizie? Hai conosciuto su internet qualcuno che successivamente diventato tuo amico, tuo partner o una persona che frequenti di persona? Fai parte di qualche gruppo virtuale?

18. Agenda Hai a disposizione un'intera giornata libera..quanto tempo dedichi a: i tuoi interessi personali, i/le tuoi/e amici/he, il/la tuo/a partner, le tue amicizie o i contatti su internet?

144

19. Immagini amici virtuali: scegli tra queste figure le 2 che ti sembrano pi adatte a rappresentare le amicizie su internet, spiegandomi la tua scelta. Dimmi i primi tre aggettivi/parole che ti vengono in mente pensando ai tuoi amici virtuali pi intimi.

20. Argomenti virtuali: Pensa a tre argomenti che di solito affronti con i tuoi amici virtuali. Puoi citarmeli? Pensa a tre argomenti personali che affronteresti con i tuoi amici virtuali. Puoi citarmeli? Pensa a tre argomenti personali che non affronteresti mai con i tuoi amici virtuali. Puoi citarmeli?

21. Investimento: se avessi 100 euro da spendere da qui ad una settimana in attivit del tempo libero, che quota riserveresti per 5 differenti momenti? 22. Immagini FAMIGLIA: quale secondo te limmagine che tra queste rappresenta la famiglia contemporanea? Quale rappresenta i tuoi timori rispetto alla famiglia? 23. Ricerca lavoro - Hai da poco terminato gli studi, e ti metti a cercare lavoro. Come ti muovi? Dimmi le cose indispensabili che faresti. 24. Storia. Lavoro Roberto/a lavora ormai da alcuni mesi in un'azienda. Conosce i suoi colleghi, ed ha un buon rapporto con tutti loro. Comincia per a notare che ogni tanto i suoi colleghi, che lavorano tutti quanti l da pi tempo, non gli recapitano lettere a lui destinate, oppure mettono in giro voci maligne sul suo conto, o non lo chiamano quando si ritrovano fra di loro. Ad un certo punto scopre che non gli stato detto di un lavoro che avrebbe dovuto portare a termine. Come procede la storia? Come si sente Roberto/a? Dopo qualche tempo gli viene affidato un lavoro importante, con una precisa scadenza entro il quale dev'essere improrogabilmente finito. Ci si impegna duramente, ma alla fine non riesce a completarlo in tempo. A questo punto il capo lo riprende pesantemente, lamentandosi della sua scarsa efficienza e del ritardo. Secondo Roberto/a, invece, il tempo che era stato calcolato per lo svolgimento del lavoro non era sufficiente. Come va a finire? Come si sente Roberto/a? 25. Cerchi. Se dovessi rappresentare con dei cerchi il rapporto che senti esistere tra: il tuo/la tua partner (se ce l ha!) e te la famiglia e te 145

I tuoi amici e te le altre persone e te? Quale immagine tra queste sceglieresti? 26. Stereotipi di genere Sei d'accordo con le seguenti affermazioni? Perch? 1. La maggior parte delle donne non apprezza appieno quanto gli uomini fanno per loro. 2. Molte donne interpretano osservazioni e atti innocui come maschilisti. 3. E tipico che, quando le donne perdono una competizione corretta con gli uomini, si lamentino di essere discriminate. 4. La gente non realmente felice nella vita se non coinvolta sentimentalmente con una persona dellaltro sesso. 5. In presenza di figli piccoli, e nella coppia entrambi lavorano, sempre meglio che il marito continui a lavorare e la moglie resti in casa a curare i figli. 6. Le donne sono ancora in una posizione inferiore rispetto alle 7. Per luomo, pi che per le donne, molto importante avere successo nel lavoro. 8. In generale, penso che le differenze sociali tra maschi e femmine siano eque 27.IdealediFamigliaDescrivimilatuafamigliaideale.

146

Luned,13giugno 9:00 11:00 11:00 13:00 13:00 15:00 15:00 17:00 17:00 19:00 19:00 21:00 21:00 23:00 23:00 01:00

Conchi

Attivit

Ripartizione dei 100 euro Momenti di coppia Attivit con gli amici Attivit associative Svago con gruppo pi allargato di persone Organizzare qualcosa con i tuoi coinquilini ..............

147

Ringraziamenti Grazieallamiarelatrice,peravermiappoggiatoeseguitocostantemente,perlepoche paroleche,avolte,bastavanoadarsensoun'ideaoafarnescaturirealtre;peraverdato profonditespessoreacosechenonritenevodegnedinota. UngrazieimmensoedevotoadIrene:pertroppecosechenonstonemmenoadelencare qui.Semplicemente,senzalasuapresenzanonavreineppureiniziatoapensareaquesta tesi. Grazieallamiafamiglia,perilsupportomaterialeenon,perglistimolidirettiequelli unpo'menodiretti,volontari,casuali,passatiepresenti. GrazieadAlessandra,peravermisupportatoesopportato(quasi)sempreinquestimesi esoprattuttonegliultimi. GrazieaZavo,perlacompagnianellelunghegiornateall'ANMIGeperaverprovatoa convincermichestiamofacendoqualcosadiutile. UngraziesimbolicoallabibliotecaEstense,dovehopassatofintroppeoreinquesti ultimianni;edunomenosimbolicoaRobertoeZompa,perlepausepranzo,iprimaei dopo. GrazieaMarinaperlechiacchieresparseinquestimesi:atrattimihannofattosentire, nelmiopiccolo,unricercatore. GrazieaLuciaperilpreziosoaiutonellefasidilavoropifaticoso. Grazie a Luca Caricati per l'aiuto nell'affrontare le questioni statistiche: le sue consulenzeplurimesonostateun'importantefontedirassicurazione. GrazieancheaRenatoeBabsi,peressercistatiinbrevimasignificativifrangenti. GrazieaMarianna,peravermispintoversoquestaideaalmomentodidecidersiper davvero. Grazieaimieiamici,coniqualihocondivisoesperienzeechiacchierechehannoreso questoperiodo(enonsolo)riccoestimolantesottoogniaspetto.. Ungraziesentitoallecomunit,epiingeneraleachihasceltodivivereincomune: senzadilorononavreidicertopotutoscrivereniente,esicuramenteavreimoltemeno speranzeperl'umanit.

148