Sei sulla pagina 1di 3

Il proprio Percorso Personale. Iniziare un Percorso, il proprio Percorso Personale, non cosa da tutti i giorni.

. Tutti, chi prima chi poi, ci 'avviamo', e non c' un inizio vero e proprio. Semmai a un certo punto ci si accorge di essere partiti, ormai gi in viaggio, senza ricordare da quando, da quanto, da dove e su quale sentiero esattamente si sia. N se sia il sentiero giusto, il pi giusto per noi o se ce ne siano altri, magari migliori, pi adatti. Sono domande lecite e frequenti, anzi sono LE domande minime e siologiche che a un certo punto compaiono nella nostra vita e alle quali, per, non sapremo mai dare risposta se non proseguendo sul sentiero intrapreso. Qualunque esso sia perch tornare indietro impossibile. Quando. Come, Cosa. Che si lavori con le Regressioni o con la Psicogenealogia, con le Rune o con i Tarocchi, coi I Ching, la Kabbalah, la Psicomagia, la Psicoanalisi junghiana, freudiana, lacaniana e molto altro ancora, non fa molta differenza. Nulla meglio di altro in assoluto ma semmai il "come" ci si pone, con quali modalit di ascolto e di ricerca di s stessi ci si muove. Con quanta sincerit, questo si, questo fa la differenza. Quello di cui ci si accorge, a un certo punto, che QUI e OGGI, oltre a lavorare far la spesa e poi l'aperitivo 'andare a dormire e il rialzarsi il giorno dopo per ripetere il ciclo, ebbene oltre questo c' dell'altro. E pian piano questo "altro" diventa pi importante di ci che prima era 'la vita', ovvero il ciclo quotidiano, normale delle proprie cose. Ci si accorge, cio, che il non visibile, il non sociale, il non manifesto acquista maggior importanza e interesse per noi e diviene ci che pi ci riguarda, ci chiama, ci che pi ci da' delle possibili risposte o che almeno ci fa porre delle domande. E, arrivati a questo punto, ormai si in viaggio... Iniziare, procedere, avanzare. Quando, da dove e con cosa iniziare, il proprio viaggio-percorso? E come proseguirlo? Semplicemente con ci che in quel momento si ha "a portata di mano", ovvero qualcosa o qualcuno che non a caso sar proprio in quel periodo e in quel momento vicino a noi. Un seminario che vedi caso proprio in quei giorni e proprio in quella palestra e proprio tramite quella conoscenza (ci) verr proposto. Senza fare passi pi lunghi della gamba baster provare, ascoltare e ascoltar-si per fare un ulteriore passo, lentamente e senza fretta. Anche se la sensazione di aver 'perso tanto tempo' pu esser forte e ci spinga a un affanno bulimico di ricerche ed esperienze che rischiano di sommarsi inutilmente, vale la pena proceder con calma in un momento nel quale non siamo ancora pronti per qualunque esperienza ma solo per alcune, per crescere poi lentamente. Non serve, cio, bruciare le tappe ma avanzare con consapevolezza. Fermarsi, provar a conoscersi meglio, poche domande, lasciarsi andare. Ecco tutto.

il cerchio amaranto ilcerchioamaranto@gmail.com

Le proposte. Quello che si propone dunque anche solo una Chiacchierata Conoscitiva, di s e con s. Il verbalizzare la propria persona, raccontarla ad un 'esterno' e contemporaneamente a s stessi. Poich aver dentro di s un groviglio di pensieri, sentimenti e sensazioni e aver inne l'occasione di organizzarli in un discorso, metterli in ordine e ascoltarsi mentre li si espone gi un enorme passo avanti verso una maggiore personale Consapevolezza. Analizzare il proprio rapporto col cibo, coi cibi, con latto del mangiare, il valore che se ne da, il tempo e la qualit disposti a riconoscere a questo gesto fondamentale nella propria esistenza sia da un punto di vista personale sia da un punto di vista sociale. Il rapporto col bere alcolici e superalcolici, droghe leggere e pesanti, dipendenze dal gioco, sesso, azzardo eccetera. Il rapporto con i vari sistemi di appartenenza, siano essi la famiglia, gli amici, i colleghi, lordine professionale, i concittadini e via discorrendo. Un altro percorso pu essere quello della Psicogenealogia, delle Costellazioni Familiari collettive e-o individuali, Costellazioni Sistemiche -seguendo una delle scuole relative- per indagare su noi stessi, sulla vita che stiamo conducendo pi o meno pienamente a causa/grazie a tutto il nostro bagaglio genetico ma anche a quello emotivo-emozionale ricevuto dai nostri avi e che ci portiamo dietro in questo ciclo di vita cos da vivere la nostra esistenza senza caricarci di vite e karma altrui. Tracciare una 'mappa' della propria linea genetica e visualizzare eventi, traumi, accadimenti trasmessi di generazione in generazione e avviare un risanamento e una propria guarigione che parta da lontano per giungere no a noi liberandoci da quelli che Jung chiamava 'irretimenti'. Una ulteriore via quella delle Regressioni (in stato cosciente). Regredire, cio, nella vita attuale, tornando alla propria adolescenza, all'infanzia no alla nascita e ai primi anni di vita per ricercare le fonti della nostra gioia e di eventuali eventi dolorosi o forti tali da aver creato nel corso della vita dei blocchi emozionali, delle paure, delle fobie. E necessario, a un certo punto, prenderne coscienza, accoglier in s questi eventi e affrontarli senza pi fuggirne. Si pu andare oltre, arrivando ai momenti prima della 'nascita' e prima ancora allo stato di non vita. O alla vita precedente e da qui alle vite ancor prima vissute, nei cicli che hanno preceduto questo dove si 'incontreranno' quelle stesse persone che oggi ci accompagnano ma con ruoli e legami differenti. Nostro padre sar stato un'amica, un fratello, un datore di lavoro. Nostra madre un nemico feroce, una sorella il nostro amico del cuore e via dicendo. Ri-conoscere i legami che ci appartengono da 'tempo' un tempo che non quello umano codicato, ma un tempo circolare non-lineare cartesiano, innito e che continueranno ad appartenerci anche nelle future vite-reincarnazioni.

il cerchio amaranto ilcerchioamaranto@gmail.com

Una ricerca, come si vede, ancora pi profonda e approfondita di ci che ci ha segnato nelle esperienze precedenti prima che di/in questa vita attuale. Di diversa modalit di approccio, sia indagativo sia di cura, il percorso dei trattamenti e dei massaggi di vario genere, natura e losoa. Lanalisi condotta pi diretta e personale, pi sica e materiale poich si lavora sul piano corporeo, ma non solo in realt. Trattamenti e Massaggi Shiatsu, Ayurvedici, Linfatici e Linfodrenanti. Decontratturanti, Rilassanti. Sono trattamenti differenti tra loro per profondit, vibrazioni e capacit curative proprie. Lo Shiatsu, antico massaggio cinese -Tui Na- poi sviluppato in Giappone, consiste in digitopressioni lungo i 'meridiani' energetici del corpo. L'Ayurvedico ha origine in India ed una delle componenti dell'Ayurveda, la medicina-losoa pi antica che considera la malattia quale semplice squilibrio o meglio come transitoria non-salute dell'individuo, riequilibrabile attraverso l'alimentazione e altre pratiche speciche. Linfatico, Linfodrenante, Decontratturante e Rilassante, sono trattamenti pi 'occidentali' e immediati nel loro effetto anche se meno profondi. Una analisi posturale e la personale anamnesi, precede i vari trattamenti. Grazie. Per qualunque domanda, chiarimento e altro ancora, scrivere alla mail indicata in calce, ilcerchioamaranto@gmail.com. Grazie.

il cerchio amaranto ilcerchioamaranto@gmail.com