Sei sulla pagina 1di 1

Politecnico di Milano Facolt di Ingegneria Industriale Ing.

Aerospaziale, Energetica, Meccanica aa 2009/2010

FONDAMENTI di FISICA SPERIMENTALE


(G. Ghiringhelli, G. Isella)

Prova scritta 19 Luglio 2010


Giustificare le risposte e scrivere in modo chiaro e leggibile. Sostituire i valori dopo avere ricavato le espressioni simboliche. Indicare nome e cognome (in stampatello) e matricola su ogni foglio. Tempo a disposizione: 2 ore. Punteggio: 8 punti per ogni esercizio.

1. Un blocchetto di massa m trascinato da una fune lungo il piano di un carrello di massa M. La fune esercita una forza costante F. Tra il carrello e il blocchetto viene scambiata una forza dattrito con =0.2. Il carrello pu correre senza attrito lungo un piano inclinato di un angolo . Inizialmente, allistante t = 0, il sistema fermo. Si sa che m = 5 kg, M = 6 kg, F = 40 N, = 30.

F
m M

a) Ricavare le espressioni per lo spazio percorso dal blocchetto [sB(t)] e dal carrello [sC(t)] nel sistema di riferimento del piano inclinato dopo un tempo t > 0 generico: precisare anche la direzione di ciascuno dei due spostamenti. b) Determinare la velocit relativa del blocchetto rispetto al carrello dopo un tempo t1 = 5 s. c) Calcolare il lavoro fatto dalla forza F dallistante iniziale allistante t1 = 5 s. 2. Un pendolo semplice composto da un filo inestensibile e di massa trascurabile di lunghezza L = 60 cm e da una massa puntiforme M = 400 g. Si sa che il filo si spezza se sottoposto tensioni uguali o maggiori di Tmax = 5.0 N. a) Determinare langolo minimo min (rispetto alla posizione di riposo) da cui fare partire loscillazione del pendolo perch il filo si spezzi durante il moto. b) Determinare a quale distanza (orizzontale) dalla posizione a riposo cade a terra la massa nella caduta che consegue alla rottura del filo di cui al punto a), sapendo che il filo agganciato ad unaltezza 3L dal terreno. 3. Un oggetto solido di materiale omogeneo ignoto ha massa m = 2 kg e temperatura T = 240C. Viene dapprima raffreddato con 1 litro dacqua inizialmente a 20C, fino a quando lacqua e loggetto non arrivano allequilibrio termico. Infine nellacqua viene messa una massa mg = 1/2 kg di ghiaccio a 0C. La temperatura finale Te2 = 25C. [Calore specifico acqua cacqua = 1 cal/(g C);
Calore latente di fusione dellacqua:
fus

= 80 cal/g; Conversione energia: 1 cal = 4.186 J]

a) Determinare il calore specifico cx del materiale di cui composto loggetto. b) Determinare la temperatura dequilibrio Te1 raggiunta dopo il primo raffreddamento con la sola acqua liquida. 4. Un sistema di cariche costituito da tre cariche puntiformi disposte nel piano xy secondo il seguente schema: -Q in (-a,0), -Q in (a,0), 2Q in (0,0). Q una carica positiva. a) Determinare il campo elettrico E (componenti lungo gli assi x e y) in un punto generico P(0,y) appartenenete allasse y e con con y>0. b) Determinare il potenziale V in un punto generico R(x,0) appartenenete allasse x e con con x>0, xa (supponendo V=0 allinfinito). c) Determinare in quale o quali punti dellasse x (x>0) il potenziale V zero.