Sei sulla pagina 1di 33

Installazione linux: Ubuntu, Ubuntu-FF

Fulvio Ferroni fulvioferroni@teletu.it

2011.02.13

Copyright Fulvio Ferroni fulvioferroni@teletu.it Via Longarone, 6 - 31030 - Casier (TV) Le informazioni contenute in questa opera possono essere diffuse e riutilizzate in base alle condizioni poste dalla licenza GNU General Public License, come pubblicato dalla Free Software Foundation. In caso di modica dellopera e/o di riutilizzo parziale della stessa, secondo i termini della licenza, le annotazioni riferite a queste modiche e i riferimenti allorigine di questa opera, devono risultare evidenti e apportate secondo modalit appropriate alle caratteristiche dellopera stessa. In nessun caso consentita la modica di quanto, in modo evidente, esprime il pensiero, lopinione o i sentimenti del suo autore. Lopera priva di garanzie di qualunque tipo, come spiegato nella stessa licenza GNU General Public License. Queste condizioni e questo copyright si applicano allopera nel suo complesso, salvo ove indicato espressamente in modo diverso. II

Indice generale
Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IV 1 Ubuntu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 1.1 1.2 1.3 1.4 Presentazione di Ubuntu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 Installazione di Ubuntu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 Usare Ubuntu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 Aggiunta pacchetti software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

2 Ubuntu-FF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 2.1 2.2 Motivazioni per la creazione di Ubuntu-FF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 Natura delle modiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 2.3.1 2.3.2 2.3.3 2.3.4 2.3.5 2.3.6 2.4 Programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 Educational . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 Documentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 Server e Data Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Utilit varie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Svago . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

2.3 Elenco dei pacchetti aggiunti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

Installazione di Ubuntu-FF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 2.5.1 2.5.2 2.5.3 2.5.4 2.5.5 2.5.6 2.5.7 2.5.8 2.5.9 Terminale per comandi testuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 Menu del boot manager grub . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 Risoluzione dello schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Accesso al sito locale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Accesso al CMS joomla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Accesso a phpmyadmin e phppgadmin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Accesso a webmin e usermin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Accesso a tomcat . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 Uso di netkit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

2.5 Note di utilizzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

2.6 Informazioni varie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 3 Uso di VirtualBox in MS-Windows XP per installare Ubuntu su macchina virtuale . . . . .23 3.1 3.2 Installazione di VirtualBox su MS-Windows XP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 Attivazione di VirtualBox e denizione della macchina virtuale . . . . . . . . . . . . . . . . 23

III

Premessa
Questo documento spiega come installare le distribuzioni Ubuntu, (versione 10.04 desktop per architettura i386) e Ubuntu-10.04-FF (versione 2011.01.23) nel disco rigido. Ubuntu-10.04-FF una versione di Ubuntu-10.04 a 32 bit modicata dallautore con laggiunta di numerosi pacchetti potenzialmente utili per una scuola ad indirizzo informatico. Vengono anche illustrate linstallazione e luso di VirtualBox in ambiente MS-Windows allo scopo di denire una macchina virtuale da usare per installare Ubuntu o Ubuntu-FF. La scelta di utilizzare la versione 10.04 (aprile 2010) anzich la pi recente 10.10 (ottobre 2010) motivata da due considerazioni: la distribuzione 10.04 LTS (Long Term Support) e quindi ha un supporto pi lungo nel tempo: 36 mesi (60 per la versione server) anzich i 18 (36 per i server) delle distribuzioni normali; le differenze tra la 10.04 e la 10.10 non sono rilevanti (infatti i rilasci di aprile sono quelli che portano le grosse novit, mentre quelli di ottobre sono di consolidamento).

IV

Capitolo

Ubuntu
In questo documento si prende in considerazione la versione desktop di Ubuntu, cio quella utilizzabile come distribuzione live e poi installabile con procedimento semiautomatico. E per importante sapere che esistono anche la versione per server, per architettura amd64, oltre alla versione alternate) con la quale il procedimento di installazione quello tradizionale, meno semplice ma preferibile per chi vuole un livello maggiore di personalizzazione del sistema. I requisiti hardware per potere installare e usare in modo accettabile le varie distribuzioni di Ubuntu sono: CPU: almeno Pentium III o equivalente (preferibile almeno un Pentium IV); Memoria centrale: almeno 512 MB (meglio almeno 768 MB); Spazio su disco: per il sistema 3 GB, per larea di swap uno spazio pari ad una volta e mezza la memoria centrale.

1.1 Presentazione di Ubuntu


Accanto a Ubuntu vengono sviluppate alcune versioni denominate derivate ufciali che sono supportate dalla Canonical che lazienda che sviluppa Ubuntu; esse si differenziano per lambito di utilizzo o, pi spesso, per il gestore dellambiente graco (diverso da quello di Ubuntu che Gnome); tra le altre possiamo citare: Kubuntu, che ha lambiente graco KDE; Edubuntu, che comprende molti programmi in ambito educatico; Ubuntu Netbook Edition, progettata per i netbook. Ci sono poi le distribuzioni derivate riconosciute (da Canonical) come ad esempio: Xubuntu, che ha lambiente graco XFCE molto leggero e quindi adatto per hardware non recente; Lubuntu, che ha lambiente graco LXDE anche esso molto leggero e quindi indicato per macchine poco potenti; Ubuntu Studio, adatta alla produzione di materiale multimediale. Inne troviamo le distribuzioni derivate non ufciali che non sono supportate da Canonical e hanno obiettivi e repository (archivi dei pacchetti software) separati da quelli ufciali; sono molto numerose e tra esse si distinguono: Fluxbuntu, che ha lambiente graco leggero FluXbox; Linux Mint, che contiene nativamente alcuni codec non liberi; Easy Peasy, nota precedentemente come Ubuntu eee, adatta ai netbook. Riguardo alla scelta della versione da utilizzare, le discussioni su quale sia la migliore non sono mai giunte ad una conclusione condivisa dalla maggior parte degli utenti e sono (a mio parere) anche abbastanza sterili; la cosa pi opportuna che ognuno provi le varie soluzioni e poi usi quella che lo convince di pi o che pi rispondente alle proprie esigenze.

Ubuntu

1.2 Installazione di Ubuntu


Non prendiamo in considerazione la possibilit di installare Ubuntu direttamente dallambiente Windows, cosa possibile grazie alleseguibile wubi.exe presente nel cd live, preferendo linstallazione con il dual-boot tradizionale. Avviando la macchina con il cd di Ubuntu si deve per prima cosa scegliere la lingua utilizzata nella fase di installazione, e il tipo di attivit da svolgere, come mostrato in gura 1.1;
Figura 1.1. |

Come si vede si pu scegliere di provare il sistema live dal cd senza alterare la situazione presente sul disco sso oppure di installare direttamente Ubuntu. Supponiamo di scegliere la seconda alternativa notando che comunque anche dalla versione live possibile fare linstallazione, in modo del tutto equivalente, cliccando sullicona mostrata nella gura 1.2.
Figura 1.2. |

Ubuntu Linstallazione inizia con alcune schermate (delle quali mostrata solo la prima in gura 1.3)
Figura 1.3. |

con le quali si effettuano le scelte relative al fuso orario e al tipo di tastiera. La schermata successiva molto importante in quanto si riferisce al partizionamnto del disco (gura 1.4).
Figura 1.4. |

Vengono proposte alcune alternative di congurazione dello spazio su disco per la maggior parte automatiche; il consiglio di optare per la prima scelta che solitamente non d problemi e ridimensiona automaticamente una delle partizioni presenti per fare spazio per GNU/Linux. Con la schermata successiva si ha la possibilit di immettere nome e password dellutente principale del sistema nonch di denire il nome del computer (vedi gura 1.5).

4
Figura 1.5. |

Ubuntu

Inne, dopo una eventuale schermata utile ad importare i proli relativi a utenti presenti in altri sistemi installati, appare un riepilogo delle impostazioni utilizzate per linstallazione (gura 1.6).
Figura 1.6. |

Da questo punto linstallazione procede in modo del tutto automatico no a giungere alla schermata di conferma (gura 1.7).

Ubuntu
Figura 1.7. |

Riavviando la macchina si ottiene il menu del boot-loader grub (simile a quello della gura 1.8);
Figura 1.8. |

esso viene congurato automaticamente durante linstallazione in modo un po partigiano, cio impostando Ubuntu come sistema da avviare per default a scapito di altri sistemi operativi preesistenti; questi ultimi vengono comunque riconosciuti ed inseriti nel menu la cui struttura pu poi essere modicata (con le modalit mostrate nel prossimo paragrafo) intervenendo sul le di congurazione /etc/default/grub. Tornando al boot del sistema: se scegliamo di avviare Ubuntu, terminate le operazioni di avvio, si arriva alla schermata di login graco (gura 1.9) e si pu iniziare a lavorare accreditandosi con il nome utente e la password denite in sede di installazione.

6
Figura 1.9. |

Ubuntu

1.3 Usare Ubuntu


Se si dispone di un collegamento veloce a Internet opportuno rispondere affermativamente alleventuale richiesta di installazione del supporto per le lingue (tale operazione potrebbe essere anche avvenuta durante linstallazione, in caso fosse stata gi disponibile la connessione alla rete). Questo paragrafo non vuole essere un manuale di uso di Ubuntu (ben altro sarebbe lo spazio necessario) da aggiungere ai numerosi presenti in rete (ad esempio in http://help.ubuntu-it.org/ ) o in libreria; il suo scopo solo quello di dare qualche suggerimento relativo allesecuzione di quei comandi per i quali necessario possedere i diritti del superuser root. Nelle varie versioni di Ubuntu infatti tale utente disattivato per default e ci si collega con il nome utente denito al momento dellinstallazione. Se si devono eseguire, dallinterfaccia testuale, comandi che necessitano dei privilegi di root, occorre anteporre ad essi il comando sudo; in questo modo prima dellesecuzione del comando viene richiesta limmissione della password dellutente. Se invece si eseguono funzioni presenti nei menu dellinterfaccia graca, il sistema che richiede automaticamente, con apposito modulo a video, la password per acquisire i suddetti privilegi. Come esempi di quanto detto vediamo prima le operazioni da svolgere per modicare il le /etc/default/grub di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente: si apre un terminale graco dal menu Applicazioni-->Accessori-->Terminale (gura 1.10;

Ubuntu
Figura 1.10. |

si esegue il comando:
$ sudo gedit /etc/default/grub

in seguito al quale si riceve richiesta di immissione password (gura 1.11); prestare attenzione al fatto che digitando la password non si ottiene alcuna eco sullo schermo di quanto digitato (neanche i consueti asterischi);
Figura 1.11. |

se la password (deve essere quella dellutente collegato) giusta si apre leditor gedit sul le /etc/default/grub. Le righe da modicare sono:
|GRUB_DEFAULT=0 |GRUB_TIMEOUT="10"

Ubuntu La prima riga serve a indicare quale sistema parte per default: il valore zero signica che parte il primo sistema fra quelli disponibili; ovviamente il valore deve essere cambiato in modo da indicare il sistema che ci interessa privilegiare, facendo riferimento alla lista che appare nel menu di partenza (simile a quella di gura 1.8) e tenendo presente che la numerazione delle righe inizia da zero. La seconda riga permette di impostare il ritardo in secondi dopo il quale viene avviato il sistema di default se non viene premuto alcin tasto. Torniamo al comando eseguito da terminale per osservare che il bisogno di acquisire i privilegi del superuser non nasce dallesecuzione del comando gedit in se, quanto dal fatto che si deve con esso modicare un le che pu essere variato solo dal superuser. Il comando gedit, tra laltro pu anche essere eseguito (solo come utente normale) direttamente dai menu scegliendo: Applicazioni-->Accessori-->Editor di testo gedit.

Come esempio di esecuzione di una funzionalit graca che richiede i privilegi del superuser vediamo invece come attivare il programma per la gestione dei pacchetti software: si sceglie la funzione sul menu Sistema-->Amministrazione-->Gestore pacchetti (gura 1.13);
Figura 1.13. |

si ottiene la richiesta di immissione password (gura 1.14);

Ubuntu
Figura 1.14. |

soddisfatta la quale si apre il programma desiderato (gura 1.15).


Figura 1.15. |

1.4 Aggiunta pacchetti software


Se necessario installare pacchetti aggiuntivi e non possibile usufruire di uno degli ottimi strumenti di aggiornamento on-line come synaptic (utilizzabili solo se abbiamo un collegamento veloce a Internet) possiamo procurarci i pacchetti software da installare su un cd o una penna usb (ad esempio da un amico munito di linea ADSL) e poi operare come segue: collegarsi ad una console testuale o aprire un terminale nellinterfaccia graca; inserire il cd o la penna usb;

10

Ubuntu il dispositivo removibile dovrebbe essere montato automaticamente ad esempio in /media/cdrom o in /media/usb; in caso ci non avvenga, eseguire il comando:
$ sudo mount /dev/hdc /mnt

oppure:
$ sudo mount /dev/sda1 /mnt

il nome del dispositivo da montare (/dev/xxxx varia in base al dispositivo e alla congurazione del sistema; per conoscere quale il nome da usare occorre eseguire il comando:
$ dmesg

subito dopo aver collegato il dispositivo e osservare le ultime righe di risposta del comando stesso; eseguire poi il comando:
$ cd /mnt

e quindi:
$ cd dir_dove_sono_i_pacchetti

e inne:
$ sudo dpkg --force-all -i *.deb

alla ne, per poter togliere il cd o la penna usb, eseguire:


$ cd / $ sudo umount /mnt

11

Capitolo

Ubuntu-FF
Come detto Ubuntu-FF nasce come modica di Ubuntu 10.04 versione desktop a 32 bit, ottenuta usando il pacchetto remastersys.

2.1 Motivazioni per la creazione di Ubuntu-FF


Ubuntu-FF stata da me concepita allo scopo di avere una distribuzione comprendente tutto loccorrente per le attivit didattiche di programmazione (tradizionale, ad oggetti, per il Web) e di congurazione e gestione dei principali servizi di rete. Lidea quella di fornire una distribuzione di questo tipo agli studenti di scuole superiori ad indirizzo informatico (come lITIS Abacus in cui insegno Sistemi Informatici). Infatti, a quanto mi risulta, una distribuzione con queste caratteristiche non esiste; le varie distribuzioni EDUqualcosa sono rivolte ad altri tipi di scuole oppure si pongono lobiettivo (comunque da apprezzare) di fornire strumenti liberi per la didattica di altre discipline.

2.2 Natura delle modiche


Le modiche consistono nellaggiunta di molti pacchetti software e di le di documentazione; non stato tolto nessun pacchetto dalla versione originale di Ubuntu-10.04. Per questo le dimensioni dellimmagine iso della distribuzione sono molto cresciute (intorno ai 3 GB) ed quindi necessario utilizzare un DVD anzich un CD mentre la dimensione del sistema installato sale a circa 9 GB. La memoria centrale necessaria per poter lavorare con tempi accettabili di almeno 768 MB. Oltre ai pacchetti utili per le attivit di programmazione e di congurazione di alcuni servizi di rete sono stati aggiunti molti materiali di documentazione su tali tematiche e su GNU/Linux e il software libero. Inne sono inclusi alcuni pacchetti di varia utilit e altri da usare per svago.

2.3 Elenco dei pacchetti aggiunti


2.3.1 Programmazione
bin86 (assembler e loader); bluesh (editor per applicazioni Web); boa-constructor (ide per python); codeblocks (ide multipiattaforma); cssed (editor css); cvs (per gestire versioni concorrenti di sorgenti); ddd e ddd-doc (debugger); dia-gnome (disegnatore di diagrammi); eclipse (ide per java e altri linguaggi);

12 emacs (leditor dei "veri" programmatori); fpc (free pascal); g++ (compilatore c++); gambas2 (clone di visual basic); gazpacho (editor per GTK); geany (ide "leggero" per vari linguaggi); glade e glade-gnome (costruttore di interfacce GTK); idle (ide per python); joe (editor); kompozer (editor wysiwyg per pagine Web); lazarus (clone di Delphi basato su free pascal); libapache2-mod-perl2 (modulo perl per apache); libapache2-mod-perl2-dev (modulo perl per apache, sviluppo); libdbd-mysql-perl (librerie per linguaggio perl); libdbd-odbc-perl (librerie per linguaggio perl); libdbd-pg-perl (librerie per linguaggio perl); libdbd-sqlite3-perl (librerie per linguaggio perl); libdbi-perl (librerie per linguaggio perl); libncurses5-dev (librerie di sviluppo ncurses); libqt4-core (librerie QT); libqt4-gui (librerie QT); libqt4-sql (librerie QT); mono-apache-server2 (modulo per eseguire ASP.net in apache); mono-2.0-devel (strumenti di sviluppo per mono); mono-tools-dev (strumenti di sviluppo per mono); mono-tools-gui (strumenti di sviluppo per mono); mono-utils (strumenti di sviluppo per mono); monodevelop (ide per mono); monodevelop-database (plugin per DB per mono); nasm (linguaggio assembly per x86); netbeans (ide per java); newlisp (linguaggio lisp); open-cobol (compilatore cobol);

Ubuntu-FF

Ubuntu-FF perl-tk (libreria per graca tk in perl); php5 e php5-cli (linguaggio per applicazioni Web); r-base (R linguaggio per la statistica); rails (framework MVC basato su ruby); ruby (linguaggio a oggetti per applicazioni Web); TCL e TK (toolkit graco); umbrello (tool UML); yasm (assemblatore multisintassi); z80asm (linguaggio assembly per z80).

13

2.3.2 Educational
avogadro (modellazione molecolare); celestia (simulatore dello spazio); drgeo e documentazione (programma di geometria); octave e documentazione (linguaggio compatibile con matlab).

2.3.3 Documentazione
apache2-doc (documentazione di apache2); doc-linux, doc-linux-html, doc-linux-it e doc-linux-nonfree (versioni testo e html contenenti FAQ e HOWTO); gambas2-doc (documentazione di gambas); libapache2-mod-perl2-doc (documetazione modulo perl di apache2); manpages-it (manuale on-line in italiano); manpages-dev (parte del manuale on line riguardante la programmazione); monodoc e monodoc-http (documentazione su mono); mysql-workbench (manuale in pdf); rubybook (manuale di ruby); sqlite3-doc (documentazione di sqlite3); tomcat-doc (documentazione tomcat6). Sono inoltre stati inseriti e sono disponibili nel sito Web locale (http://localhost), attivabile dopo linstallazione, i seguenti materiali: Bash programming howto; Dispense Samba e OpenLDAP di Fulvio Ferroni;

14 Guida alla programmazione Linux di Simone Piccardi; Linux da zero di Marcello Missiroli; Linux facile di Daniele Medri; Programmazione dei socket di rete di Fulvio Ferroni;

Ubuntu-FF

Programmazione in assembly in GNU/Linux con sintassi AT&T di Fulvio Ferroni; Tecnologie Web di Fulvio Ferroni; Uso avanzato di Debian GNU/Linux di Mauro Darida.

2.3.4 Server e Data Base


apache2 (server Web); italc client e server (programma di gestione aule didattiche); moduli di autenticazione per apache2, plain e basati su Mysql, PAM, postgreSQL; moduli php5 per MySQL, ODBC, postgreSQL, sqlite; MySQL-client (strumenti lato client per MySQL 5.1); MySQL-server (server MYSQL versione); mysql-workbench (disegno DB MySQL); nfs-server (network le system); opennptd server (server sincr. ora); openssh server (server telnet sicuro); phpmyadmin (interfaccia Web per gestire MySQL); phppgadmin (interfaccia Web per gestire postgreSQL); portmap (remote procedure call); postx (server di posta); postgreSQL e postgreSQL-client (DB postgres); samba e smbfs (condivisione con Windows e sostituzione PDC Windows); slapd (server ldap); sqlite3 (DB leggero); tomcat6, tomcat6-user, tomcat6-examples (contenitore di servlet); vnc4 server (server graco remoto); webxml (generatori di web.xml per tomcat); xinetd (gestore servizi di rete); xtightvncviewer (client vnc).

Ubuntu-FF

15

2.3.5 Utilit varie


a2ps (convertiore di testi in formato ps); aspell-it (corr. ortograco ita); bluetooth (utility bluetooth); chrome (il browser di Google); cups-pdf (stampante virtuale pdf); dbview (convertiore di archivi dbf); dosemu (emulatore dos e s.o. freedos); elinks (browser testuale); epdfview (visualizzatore pdf); evince (visualizzatore pdf); gftp (client ftp graco); gifsicle (manipolatore immagini gif); grsync (gui per rsync); gv (visualizzatore ps); inkscape (graca vettoriale); ldap-auth-cong (client di autenticazione ldap); k3b e k3b-i18n (masterizzazione); kile (ambiente latex); konqueror (browser di KDE); joomla (il CMS pi usato per creare siti); unrar (scompattatore le rar); linux-rmware-nonfree (rmware per driver kernel); mc (clone di norton commander con editor mcedit); mimms (gestore protocollo mms://); moonlight (plugin compatibile co silverlight di MS); netkit (creazione di reti virtuali); nmap (analizzatore di rete); nscd (cache servizio risoluzione nomi); ocsinventory (gestore inventario hw); pdftk (editor pdf); phpfpdf (generatore pdf da php); psutils (utilit per le in formato ps);

16 pyrenamer (rinomina multipla di le); quota e quotatool (gestione quote utente); remastersys (creazione di live e distr. personalizzate); skype (voip); scribus e scribus-doc (desktop publishing); texlive (latex); texlive-lang-italian (supporto ita per texlive); tofrodos (todos e fromdos per conv. le di testo); traceroute (monitor connessioni); ttf-mscorefonts (font MS); tweak (editor esadecimale); ubuntu-tweak (personalizzazione ubuntu); unrar (scompattatore le rar); ufraw, gimp-ufraw (manipolazione foto raw); virtualbox (emulatore PC); webmin e usermin (amministrazione del sistema via Web); wine (emulatore windows); wireshark (analizzatore trafco di rete); xpdf (visualizzatore pdf).

Ubuntu-FF

2.3.6 Svago
audacity (gestione musica); avidemux (conversione video); compizcong-setting-manager (settaggio effetti 3d); digikam (foto digitali); devede (creazione dvd e vcd); dvd:rip (estrazione video da dvd); dvdstyler (creazione contenuti dvd); ffmpeg (player e encoder); ash_player (plugin ash player per refox); frozen-bubble (gioco); gebabbel (gui per gpsbabbel); googleearth (imm. dal satellite);

Ubuntu-FF gpsbabbel (conversione mappe GPS); gstreamer-alsa (plugin per gstreamer); gstreamer-esd (plugin per gstreamer); gstreamer-ffmpeg (plugin per gstreamer); gstreamer-uendo-mp3 (plugin per gstreamer); gstreamer-plugins-bad (plugin per gstreamer); gstreamer-plugins-base-apps (plugin per gstreamer); gstreamer-plugins-ugly (plugin per gstreamer); kaffeine (media player); icedtea6-plugin (plugin java per refox); imagination (presentazioni su dvd); kino (video editing); lbreakout2 (gioco); libdvdnav4 (libreria per gestire dvd); libdvdread4 (libreria per gestire dvd da cui si installa libdvdcss2); libpt-plugin-alsa (libreria per progr. di teleconferenza); libpt-plugin-v4l (libreria per progr. di teleconferenza); libpt-plugin-v4l2 (libreria per progr. di teleconferenza); mencoder (codica video); mp3gain (regolatore volume mp3); openshot (video editor); pencil (animazioni 2D); sinthgunt (gui per ffmpeg); soundconverter (converte le audio); supertux (gioco); vlc (media player).

17

2.4 Installazione di Ubuntu-FF


Una immagine della distribuzione disponibile per lo scaricamento allindirizzo http:// www.maxplanck.it/ubuntuff . Linstallazione avviene con gli stessi passi di quella della versione standard di Ubuntu se si eccettuano le prime schermate. Effettuando il boot da dvd (o da chiavetta usb) si ottiene infatti una prima schermata contenente solo un prompt boot: sul quale basta premere [ Invio ]; si arriva cos al menu mostrato nella gura

18

Ubuntu-FF

2.1 con il quale si pu scegliere di provare la versione live (prima scelta) oppure di installare il sistema (terza scelta).
Figura 2.1. |

Contrariamente alle versioni live normali, la live di Ubuntu-FF impone di accreditarsi per usare il sistema; lutente da usare ubuntu con password ubuntu (vedi gura 1.9). Nel desktop, mostrato nella gura 2.2, non presente licona per linstallazione diretta dal sistema live; si pu ovviare usando il comando ubiquity in un terminale graco oppure selezionando la voce Installa RELEASE del menu Sistema --> Amministrazione.
Figura 2.2. |

Si consiglia di denominare lutente predenito come ubuntu con password ubuntu; infatti questo lutente usato per la congurazione dei vari servizi installati (webmin, slapd, ecc.) nella distribuzione personalizzata. In qualche caso, dopo linstallazione sul disco sso, lutente predenito potrebbe non essere attivo; provare allora con root con password ubuntu.

Ubuntu-FF

19

Questo vale anche per alcuni servizi (esempio phpmyadmin) in cui lutente amministrativo pu essere root (sempre con password ubuntu); quindi se qualcosa non funziona con la prima alternativa occorre provare anche con laltra.

2.5 Note di utilizzo


Elenchiamo alcuni comandi e interventi di congurazioni molto importanti.

2.5.1 Terminale per comandi testuali


Per aprire un terminale da cui eseguire comandi testuali occorre attivare la scelta Terminale dal menu Applicazioni-->Accessori. In caso sia necessario eseguire comandi con i privilegi del superutente (root) occorre far precedere il comando da sudo; si riceve richiesta della password (quella dellutente ubuntu) per procedere. Cosa analoga accade quando si eseguono compiti amministrativi accedendo alle relative funzioni dai menu dellinterfaccia graca; anche in questo caso si deve inserire la password, stavolta in un apposita maschera di richiesta. Se si vuole eseguire un programma graco per cui non servirebbero i privilegi di root, ad esempio edit, avendo per tali privilegi (in modo da poter editare dei le altrimenti inaccessibili), occorre eseguire da un terminale:
$ gksudo gedit

per procedere si riceve la richiesta di password.

2.5.2 Menu del boot manager grub


A causa di un problema in grub2 il menu del boot manager al riavvio dopo la riaccensione prevede solo la voce del sistema Ubuntu appena installato. Per ripristinare il corretto funzionamento di grub2, in modo che riconosca anche gli eventuali altri sistemi presenti, eseguire i seguenti comandi come utente ubuntu in un terminale:
$ sudo chmod 755 /etc/grub.d/30_os-prober $ sudo update-grub

Se si vuole anche che ubuntu non sia il sistema selezionato per default da grub allaccensione, occorre modicare il le /etc/default/grub variando la riga:
| |GRUB_DEFAULT=0

in:
|GRUB_DEFAULT=n

dove vale 1 per settare la seconda voce del menu, 2 per la terza ecc. e poi eseguire:

20
$ sudo update-grub

Ubuntu-FF

2.5.3 Risoluzione dello schermo


Per cambiare la risoluzione dello schermo usare la funzione disponibile in Sistema->Preferenze-->Visualizzazione.

2.5.4 Accesso al sito locale


Con il browser collegarsi a: http://localhost; si ottiene il menu con la documentazione aggiuntiva (Appunti informatica libera, Dispense Samba e LDAP ecc. ); se la visione dei lmati non funzionasse direttamente dal browser, provare a scaricarli sul desktop e aprirli con Riproduttore lmati.

2.5.5 Accesso al CMS joomla


Con il browser collegarsi a: http://localhost/joomla; in questo modo si accede al sito costruito con joomla. Se invece si accede a: http://localhost/joomla/administrator ci si collega al back-end amministrativo. Lutente amministratore admin con password joomla. I dati usati in sede di installazione di joomla per il collegamento alla base dati MySQL indispensabile per il suo funzionamento sono: database: joomladb; utente: joomla; psw: joomla. Nnon dovrebbe essere necessario cambiare questi dati che comunque sono contenuti nel le /var/www/joomla/configuration.php. Maggiori dettagli sulluso di questo pacchetto si trovano in numerosissimi siti (fra cui http:// www.joomla.it ) e anche su alcuni libri in italiano di recente uscita.

2.5.6 Accesso a phpmyadmin e phppgadmin


Con il browser collegarsi a: http://localhost/phpmyadmin e a: http:// localhost/phppgadmin rispettivamente.

2.5.7 Accesso a webmin e usermin


Con il browser collegarsi a: https://localhost:10000 localhost:20000 rispettivamente. e a: https://

Ubuntu-FF

21

2.5.8 Accesso a tomcat


Con il browser collegarsi a: http://localhost:8080. Per accedere alle funzioni di amministrazione occorre modicare la congigurazione nel le /etc/tomcat6/conf/tomcat-users.xml aggiungendo i ruoli admin, manager allutente tomcat (con password tomcat), oppure denendo uno o due utenti specici per tali ruoli.

2.5.9 Uso di netkit


Netkit costituito da un insieme di strumenti che permettono di simulare interi laboratori di rete allinterno di un sistema linux; stato creato presso lUniversit di Roma3 ed di grande utilit soprattutto a scopo didattico. Il pacchetto installato in /opt ed gi congurato per il funzionamento. La documentazione si trova presso http://wiki.netkit.org/index.php ; qui vediamo brevemente i comandi per creare due macchine virtuali (da lanciare da un terminale graco):
$ vstart m1 --eth0=hub0 $ vstart m2 --eth0=hub0

In questo modo si creano e avviano le due macchine di nome m1 e m2 su due ulteriori terminali, entrambe con interfaccia di rete eth0 appartenenti al dominio hub0. In entrambe le macchine abbiamo a disposizione un sistema Debian solo testuale ma perfettamente funzionante e possiamo congurare la rete, vericare il collegamento, testare i vari servizi disponibili. Notiamo anche che nella directory /hostname delle macchine virtuali, risulta disponibile la directory personale dellutente che le ha attivate, cosa che permette un comodo scambio di le tra la macchina reale e quelle virtuali. Inne citiamo la presenza dei comandi vlist e vhalt nome_macchina che servono rispettivamente ad elencare le macchine attivate e a spegnere una macchina virtuale; per tutti questi comandi comunque disponibile il manuali in linea.

2.6 Informazioni varie


Una volta installato il sistema sul disco sso si iniziano a ricevere avvisi di disponibilit di aggiornamenti on-line; ovviamente si pu rispondere positivamente alle relative richieste solo se si ha una connessione veloce a Internet. Per molti dei programmi installati viene resa disponibile la relativa voce di attivazione in uno dei menu della barra delle applicazioni di Gnome; per i pacchetti per i quali ci non avviene pu esserci qualche difcolt per riuscire a lanciare leseguibile (o uno degli eseguibili) presente nel pacchetto; in questo caso occorre prima di tutto conoscere il nome delleseguibile (o degli eseguibili): un modo semplice per ottenere questa informazione lanciare Gestore Pacchetti Synaptic dal menu Sistema --> Amministrazione, poi cercare il nome del pacchetto con la funzione Cerca, quindi selezionarlo e attivare il pulsante Propriet e poi la scheda File installati; gli eseguibili sono i le contenuti solitamente in /usr/bin, /usr/sbin, /bin, /sbin, /usr/X11R6/bin;

22

Ubuntu-FF procedendo in questo modo si pu ad esempio scoprire che nel pacchetto di statistica r-base-core presente un eseguibile con nome R; per utilizzare il proramma sufciente a questo punto digitare in un terminale graco il comando:
$ R

Si ricordi che la documentazione disponibile per tutti i pacchetti installati, di solito in /usr/share/doc/nome_pacchetto; si possono inoltre consultare il manuale in linea con il comando:
$ man nome_comando

e gli howto e le faq presenti in /usr/share/doc/HOWTO e /usr/share/doc/ FAQ, nonch la documentazione installata nel sito locale della distribuzione e quella reperibile in Internet.

23

3 Uso di VirtualBox in MS-Windows XP per installare Ubuntu su macchina virtuale


Capitolo

VirtualBox un interessante prodotto disponibile sia per MS-Windows che per GNU/Linux che permette di emulare una completa piattaforma di tipo Personal Computer. Questo avviene in parte sfruttando le risorse della macchina reale in cui VirtualBox installato e condividendole con essa, in parte emulando certe altre risorse. Esempi del primo caso sono la CPU e la memoria, del secondo il disco sso, emulato attraverso le memorizzati nel disco della macchina reale. La macchina virtuale si pu anche collegare in rete con quella reale e questo aumenta le potenzialit del prodotto che pu essere davvero molto utile per provare applicazioni, sistemi operativi, ambienti di rete. In questo contesto lo prendiamo in esame per avere unalternativa in pi per installare Linux senza alterare la congurazione della nostra macchina. Possiamo infatti utilizzare la versione per MS-Windows di VirtualBox per creare una macchina virtuale sulla quale installare Ubuntu e poter poi usare i due sistemi in contemporanea e senza alcun rischio di danneggiare lambiente preesistente. Ovviamente questo possibile solo se la macchina reale ha delle caratteristiche adeguate relativamente alle risorse che vengono condivise con la macchina virtuale: occorre avere almeno un processore Pentium IV o equivalente, 512 MB di RAM e spazio sufciente su disco per la creazione del disco virtuale.

3.1 Installazione di VirtualBox su MS-Windows XP


Una volta procurato il le di installazione (circa 70 MB, scaricabile allindirizzo http://www.virtualbox.org/wiki/Downloads ) lo si esegue con le modalit consuete nellambiente MS-Windows. Nelle prime schermate occorre accettare la licenza e rispondere nel modo preimpostato alle altre domande.

3.2 Attivazione di VirtualBox e denizione della macchina virtuale


Ultimata linstallazione si pu lanciare il programma e denire una nuova macchina virtuale (gura 3.1).

24 Uso di VirtualBox in MS-Windows XP per installare Ubuntu su macchina virtuale


Figura 3.1. |

Si assegna un nome alla macchina virtuale e si seleziona il sistema operativo ospite e la relativa versione: ad esempio Linux e Ubuntu rispettivamente (gura 3.2).
Figura 3.2. |

Successivamente occorre assegnare parte della memoria della macchina reale alla macchina virtuale (gura 3.3) e creare o usare un disco sso virtuale (gura 3.4).

Uso di VirtualBox in MS-Windows XP per installare Ubuntu su macchina virtuale 25


Figura 3.3. |

Figura 3.4. |

Nel caso di creazione di un nuovo disco virtuale si deve accettare lingresso nella relativa procedura guidata e scegliere lopzione Archiviazione a espansione dinamica. Nella schermata successiva (gura 3.5) si devono denire nome e grandezza del disco virtuale.

26 Uso di VirtualBox in MS-Windows XP per installare Ubuntu su macchina virtuale


Figura 3.5. |

Si arriva cos al termine della denizione delle caratteristiche della macchina virtuale con la schermata di riepilogo (gura 3.6).
Figura 3.6. |

Prima dellattivazione opportuno rinire la congurazione assegnando un lettore ottico (pu essere uno di quelli reali o una immagine ISO) selezionando la voce Archiviazione e anche una interfaccia di rete selezionando la voce Rete (gura 3.7).

Uso di VirtualBox in MS-Windows XP per installare Ubuntu su macchina virtuale 27


Figura 3.7. |

Riguardo alla scheda di rete ci sono varie possibilit (gura 3.8): Non connesso: scelta dal signicato ovvio; NAT: la scelta predenita e permette alla macchina virtuale di ottenere un indirizzo IP dinamico con il quale uscire in rete grazie al mascheramento di tale indirizzo effettuato nella macchina reale (la macchina virtuale risulta per irraggiungibile da parte di quella reale); Scheda con bridge: la scheda non riceve un indirizzo dinamico ma alla stessa si pu assegnarne uno della stessa sottorete della scheda della macchina reale; in questo caso la macchina virtuale un nodo in pi della rete preesistente (occorre per che la scheda reale si attiva e collegata ad un altro dispositivo di rete come uno switch); Rete interna: alla scheda viene assegnato dinamicamente un indirizzo valido per il collegamento alle scgede di altre macchine virtuali (che, ovviamente dovranno avere analoga denizione riguardo linterfaccia di rete); in questo caso non ci pu essere per trafco da e verso la macchina reale; Scheda solo host: alla scheda viene assegnato un indirizzo dinamico della stessa sottorete della scheda vboxnet0 che viene creata allinterno della macchina reale; in questo modo si ha un collegamento esclusivo tra questultima e la macchina virtuale senza possibilit di contattare altri nodi di rete.

28 Uso di VirtualBox in MS-Windows XP per installare Ubuntu su macchina virtuale


Figura 3.8. |

A questo punto ovviamente possibile denire altra macchine virtuali con lavvertenza per di non usarne pi di una alla volta per ovvi motivi di esaurimento delle risorse (soprattutto CPU e memoria RAM). Per attivare una macchina virtuale si seleziona il suo nome a sinistra e si clicca sulla freccetta verde. Come si vede nella gura 3.9, il comportamento della macchina virtuale del tutto sinile a quello di un sistema reale (nella schermata vediamo il BIOS in funzione).
Figura 3.9. |

Per poter usare tastiera e mouse nella macchina virtuale occorre cliccare allinterno della nestra; per rilasciare tastiera e mouse alla macchina reale si deve premere il tasto [ Ctrl destro ]. Per concludere vediamo, nella gura 3.10, linizio dellinstallazione di Ubuntu-FF, ottenuto inserendo il relativo dvd nel lettore prima di accendere il PC emulato, e la modalit di uso dei

Uso di VirtualBox in MS-Windows XP per installare Ubuntu su macchina virtuale 29 dispositivi USB attraverso lattivazione della voce Dispositivi USB del menu Dispositivi.
Figura 3.10. |

Per evitare possibili rallentamenti nella procedura di installazione dovuti alla ricerca di aggiornamenti in rete, consigliabile disattivare la scheda di rete della macchina virtuale cliccando con il pulsante destro sullicona indicata con la freccia in basso a destra nella gura 3.10. Procedendo con linstallazione, al momento del partizionamento del disco, possiamo scegliere di utilizzare tutto il disco per Ubuntu visto che nella macchina virtuale non presente nessun altro sistema. Per gli altri aspetti dellinstallazione vale quanto illustrato nei capitoli precedenti. Ultimata linstallazione consigliabile procedere allaggiunta dei programmi di utilit Guest Addictions selezionando lapposita voce del menu Dispositivi mostrata in gura 3.10.