Sei sulla pagina 1di 6

Bruno Marien, Corso DOL, anno scolastico 2009-2010.

Produrre contenuti di qualit, 02 maggio 2010

Scegliete all'interno di un sito web di vostro interesse, 3 pagine significative. Ad esempio, in un sito museale, la presentazione della collezione permanente, la descrizione di un'opera e la descrizione di una mostra. Analizzate la qualit della comunicazione secondo i criteri definiti nella seconda parte del modulo.

Materiale e metodo
Per questo lavoro ho scelto un sito di recente pubblicazione dedicato al Concilio Vaticano II e reperibile all'indirizzo http://www.vivailconcilio.it. L'ultimo mio accesso risale a venerd 30 aprile 2010. Le tre pagine significative che analizzo e di cui inserirsco l'immagine sono: 1. la pagina principale (Home) all'indirizzo http://www.vivailconcilio.it/ 2. la pagina Chi siamo all'indirizzo http://www.vivailconcilio.it/index.php? option=com_content&view=article&id=2&Itemid=2 3. la pagina Perch 'via il Concilio' all'indirizzo http://www.vivailconcilio.it/index.php? option=com_content&view=article&id=93&Itemid=47 Analizzando queste pagine sar inevitabile far riferimento a contenuti presenti in altre parti del sito. I criteri definiti per analizzare la qualit della comunicazione sono: i cinque criteri di qualit delle biblioteche: accuratezza, autorevolezza, obiettivit, aggiornamento e ambito; i due criteri di buona testualit: coerenza e coesione (con particolare attenzione ai meccanismi forici) Anche se non richiesto dall'alternativa della consegna scelta, nelle note faccio qualche volta un riferimento ai criteri di qualit nello scenario comunicativo (prima opzione alternativa della consegna), cio la pertinenza, l'informativit e la referenza.

Pagina 1 di 6

Bruno Marien, Corso DOL, anno scolastico 2009-2010. Produrre contenuti di qualit, 02 maggio 2010

La pagina principale

Non ho potuto inserire un'immagine completa della prima pagina perch molto lunga. Per comprendere a pieno l'analisi che segue necessario andare a vederla online. La pagina principale la porta d'ingresso del sito. Personalmente sono venuto a conoscenza del sito grazie ad una segnalazione da parte di un amico e quindi ero gi al corrente del suo contenuto. Per chi arriva senza preconoscenze, la homepage non offre una presentazione o introduzione necessaria: non ci sono problemi di accuratezza (non ci sono errori grammaticali o ortografici), ma problemi di autorevolezza1: manca qualsiasi presentazione di chi scrive e a chi indirizzato il sito. Si tratta di una persona competente, un apologeta del Concilio, un gruppo di laici o sacerdoti? In nome di chi si parla? Le risposte a queste domande si trovano mettendo insieme informazioni sparse in diverse pagine (in particolare le pagine che sono raggiungibili nel sottomenu di Chi siamo sulla sinistra). Ma anche in queste pagine, non chiaro chi sia l'autore vero e proprio del sito e chi sono sostenitori a vario titolo (tra persone fisiche e enti)2. La prima pagina sembra un collage di citazioni presi da discorsi (Giovanni XXIII), articoli giornalistici (Marco Vergottini, Corriere della Sera, 25.01.10) e citazioni di libri (Le bolle del Concilio, Gribaudi, Torino 1967, p. 69), con qualche contributo orginale di chi gestisce il sito (ma solo in fondo alla pagina, Invito alla lettura firmato con la sigla Redazione ViC - acronimo che suppongo stia per Redazione Viva il Concilio3). In tema di obiettivit, oltre al titolo (Viva il Concilio) e sottotitolo (Promuovere e valorizzare il Vaticano II), non chiara l'intenzione del sito. Pu sembrare una promozione del Concilio, ma navigando e analizzando tutte le risorse del sito si viene alla conclusione che il sito non ha molti contributi propri e invece mette a disposizione del pubblico della rete risorse di vario tipo sul
1 Qui si pone anche un problema di pertinenza: quale comunicazione, da chi, per chi e su che cosa? Le varie parti della prima pagina a prima vista non hanno nessun nesso logico tra di loro. Le varie citazioni sulla home possono anche essere interessanti in s, ma non sono inserite esplicitamente in un contesto comunicativo. Anche l'immagine in alto a sinitra sullo fondo verde risulta superflua perch ad una prima o rapida visita non si nota neanche che si tratta di vescovi con mitra e pastorale che alludono all'assise conciliare. 2 Una ricerca sul database whois della nic.it rivela come proprietario del dominio vivailconcilio.it Marco Vergottini che ha registrato il nome il 26 novembre 2009. 3 E' un errore di referenza: suppone conoscenze condivise che non lo sono. Nel sito viene usato anche spesso un linguaggio del settore teologico che non sempre chiaro a tutti gli utenti.
Pagina 2 di 6

Bruno Marien, Corso DOL, anno scolastico 2009-2010. Produrre contenuti di qualit, 02 maggio 2010

Concilio Vaticano II (sezione Documentazione ed eventi): i testi prodotti e emanati dal Concilio (Fonti conciliari), documenti del magistero, saggi e segnalazioni bibliografiche4. Nella pagina Tabula Gratulatoria Persone veniamo a conoscenza che il sito sorto per riscoprire e valorizzare la lezione e lo spirito del Vaticano II, con particolare riguardo alle nuove generazioni [corsivo mio]. La documentazione messa a disposizione utile soprattutto a studenti di teologia e non tanto ad un target ampio di interessati in genere. Da una lettura completa del sito e conoscendo il dibattito teologico intorno al Concilio si capisce che sotto l'intenzione divulgativa c' anche una nota polemica contro coloro che dentro e fuori della Chiesa cattolica (p.e. Fraternit di san Pio X - Lefevriani) contestano il Vaticano II e sognano una restaurazione della chiesa in chiave tradizionalista. Questa impressione indicata nell'editoriale della prima pagina e rafforzata dall'organizzazione della sezione Chi siamo, soprattutto dal lungo elenco di sostenitori (le due Tabula gratulatoria5) che sembra quasi una petizione. Oltre alla mancanza di una indicazione esplicita sul legame tra i vari testi presenti in homepage, non chiaro il riferimento temporale delle voci pubblicate. Il tutto fa pensare ad uno stile blog, ma sono assenti sia le date di pubblicazione che i nomi degli autori dei contributi. In basso alla pagina si scopre che il sito costruito sul CMS Joomla! Scelta progettuale e tecnologico che implicitamente motivata da una scelta editoriale condivisa nella Rubriche del 25, dove si capisce anche la struttura della home: il 25 di ogni mese le 4 rubriche della homepage del sito saranno rinnovate, collocando in archivio quelle del mese precedente. Il riferimento al futuro evoca il momento in cui la frase stata scritta (progettazione e pubblicazione del sito), ma potrebbe essere corretto in un semplice indicativo presente per evitare un deittico temporale. Sulla pagina dedicata alle donazioni, Per sostenerci, leggiamo inoltre che le donazioni serviranno a coprire le spese vive dellorganizzazione e a provvedere a breve ad un restyling del sito, divenuto improrogabile in ragione dellampio numero e consenso dei visitatori. Almeno la prima di queste due indicazioni di aggiornamento sarebbe stata utile sulla pagina iniziale. Infine abbiamo gi fatto dei cenni all'ambito del sito: dalla homepage non si evince l'obiettivo comunicativo (deposito di documentazione e annunci di eventi sul Concilio), n chi il destinatario e come si intende raggiungere l'obiettivo (elementi per rispondere a questa domanda sono presenti nelle pagina Chi siamo che parla di case editrici, teologhe e teologi che metteranno a disposizione i loro studi). Le varie parti della home prese in s sono coerenti, ma non se riferite le une alle altre: non chiaro cosa ci faccia il contributo ORA E APPENA LAURORA [TANTUM AURORA EST] sulla prima pagina e in che rapporto sia con gli altri paragrafi (Editoriale, Perle del Concilio, Bolle del Concilio,...). Manca anche chiarezza sul senso della presenza del contatore e delle immagini (pittura di Jean Guitton e medaglia commemorativa6) inserite sotto le voci del menu a sinistra.

4 Unico luogo dove questa intenzione viene esplicitamente dichiarato la pagina Perch 'Viva il Concilio' che analizzo sotto: Vi si troveranno a) fonti; b) interventi magisteriali; c) saggi teologici; d) iniziative (testi, video, convegni e pubblicazioni) [...]. 5 Queste liste non aggiungono informazioni importanti in riferimento alle intenzioni dichiarate del sito (quindi c' un problema di informativit), ma svelano un'intenzione non dichiarata: l'azione della pubblicazione del sito sostenuto da un folte gruppo di personalit pi o meno importanti. Alcune voci sulla home nel menu del sito sulla sinistra presentano problemi di referenza: sono poco comprensibili perch non si capiscono (legame tra il titolo Bolle del Concilio e la citazione sulla home), suppongono conoscenze condivise (l'espressione Tabula gratulatoria) e utilizzano termini interni (Rubriche del 25). 6 Si potrebbe dire che c' un problema di informativit: questi elementi non aggiungono informazione utile allo scopo comunicativo implicito e esplicito.
Pagina 3 di 6

Bruno Marien, Corso DOL, anno scolastico 2009-2010. Produrre contenuti di qualit, 02 maggio 2010

Chi siamo

Molte osservazioni che sono venute fuori nell'analisi della prima pagina sono valide anche qui (in particolare in riferimento al men a sinistra e le immagini ivi presenti), ma non le ripetiamo. Acuratezza. In questa pagina lo stile e la grammatica abbastanza pesante. Un esempio che contiene anche un errore grammaticale si trova nel punto 6: se alcuni hanno preso liniziativa di assicurare il coordinamento e la regia delliniziativa, molti saranno a prendere voce sulla scena a beneficio di tutti coloro che ne vogliono trarne profitto [corsivo mio]. Autorevolezza. Ci si aspetta di trovare in questa pagina una presentazione dei fautori del sito, invece il contenuto crea una tale confusione tra il mittente e il destinatario che non solo si parla di attori e attrici che entrano in gioco, ma gli stessi destinatari sembrano diventare mittenti7. Anche il punto 6 sembra pi un pio desiderio (wishful thinking) che una descrizione dei fatti8: si auspica che gli utenti diventeranno autori e collaboratori del sito. Obiettivit. Arrivando su questa pagina e basandosi sul titolo, ci si aspetta una spiegazione di chi ha progettato e realizzato il sito. Il testo per parla del Comitato Promotore (che non necessariamente coincide con chi ha realizzato il sito), della Segreteria e di tanti altri attori e attrici (cfr. sopra). L'intento della pagina sembra non essere (sol)tanto di esporre chi sta dietro al sito, ma invitare alla collaborazione e raccogliere contributi. Ambito. Anche qui l'obiettivo comunicativo non chiaro: questa pagina non offre semplice informazione, ma intende anche invitare, invogliare. Il testo d pi l'idea di un manifesto che di una presentazione oggettiva. Quindi non totalmente chiaro a chi si rivolge davvero, coinvolgendo uno spettro molto ampio di attori e attrici (cfr. per esempio punto 6 pastori, formatori pastorali, insegnanti, studiosi e punto 7 singoli, associazioni culturali, parrocchie, comunit ecclesiali, scuole).
7 7. Non ultimi ci saranno i fruitori delliniziativa (singoli, associazioni culturali, parrocchie, comunit ecclesiali, scuole). Anchessi sono e saranno protagonisti di unavventura che non pu esservi dubbio alcuno - appartiene a tutti coloro che intendono favorire il rilancio della lezione dellultimo Concilio, nella consapevolezza che limmagine della Chiesa conciliare fraterna, comunitaria e sinodale. 8 6. Sulla ribalta saliranno poi altri personaggi. In primis, teologhe e teologi soci dellATI, come pure di altre associazioni teologiche che a pieno titolo non si sottrarranno a mettere in circolazione i loro studi e la loro competenza. La maggior parte di essi avrebbe potuto fare parte del Comitato promotore; daltra parte, se alcuni hanno preso liniziativa di assicurare il coordinamento e la regia delliniziativa, molti saranno a prendere voce sulla scena a beneficio di tutti coloro che ne vogliono trarne profitto. Oltre a rappresentanti del mondo teologico, da prevedere il concorso di pastori, formatori pastorali, insegnanti, studiosi che vorranno concorrere allarricchimento del sito
Pagina 4 di 6

Bruno Marien, Corso DOL, anno scolastico 2009-2010. Produrre contenuti di qualit, 02 maggio 2010

Si fa uso di abbreviazioni e acronimi che possono essere indovinati (ATI) o che solo adetti al lavoro conoscono (FUCI). Coerenza. Il testo non contiene contraddizioni manifeste, ma il legame logico tra i vari punti non sempre ottimale. Il contenuto non compatto ma sembra voler abbracciare tutti, nella maniera pi ampia possibile, perdendo quindi consistenza e focus. Coesione, rimandi forici. Dopo la frase introduttiva sui diversi attori e attrici, si legge al primo punto: I nove membri del Comitato Promotore. Si tratta di sei teologi: gli ultimi tre presidenti dellAssociazione Teologica Italiana, lattuale vice-presidente, il web-maker del sito ATI (www.teologia.it) e un teologo del Qubec studioso del Concilio Vaticano II. Non c' nessuna ulteriore specificazione chi siano questi nove membri. L'autore della pagina suppone che il visitatore abbia gi letto l'elenco del Comitato promotore (che per diventa visibile solo cliccando su questa pagina!). E' un chiaro caso di un rimando anaforico semantico. Ulteriori rimandi simili si trovano negli altri punti: I tre membri della Segreteria (punto 2), presente iniziativa (punto 5), etc. Una ripresa pragmatica si vede nell'espressione la lezione e lo spirito dell'ultimo Concilio (punto 3; cfr. punto 7) che suppone ci sia chiarezza e unanimit sull'insegnamento del Concilio.

Perch Viva il Concilio?

Questa pagina non raggiungibile direttamente dalla prima pagina, ma diventa visibile nel men a sinistra solo quando l'utente clicca sulla voce Chi siamo. Non ci sono problemi di accuratezza del testo (non ci sono errori ortografici o grammaticali), forse piuttosto di pertinenza9. Il problema di autorevolezza lo stesso gi segnalato per le altre pagine: chi parla? Di che cosa (progetto, corrente, ...)? A chi (credenti si parla di ringraziamento e Spirito Santo quasi a forma di preghiera; sacerdoti, vescovi si parla della responsabilit apostolica; operatori pastorali si parla di una sicura bussola per orientarci nel cammino del secolo che si apre; teologi e teologhe, cattolici si parla del contenuto del sito e si esprime l'intenzione di sollecitare il popolo di Dio [...])? Rimangono quindi aperte le domande: chi il mittente, quali competenze ha e in nome di chi parla. Per quanto riguardo l'obiettivit, si evince chiaramente dal testo l'orientamento di chi scrive. Un problema di aggiornamento potr nascere nel momento in cui scompariranno alcune delle persone nell'elenco dei promotori (i pi anziani come i cardinali Martini e Tucci): la pagina dovr essere aggiornata (problema di manutenzione). Oltre alle perplessit espresse sopra in riferimento ai destinatari in merito all'ambito della pagina si trova solo nell'ultimo paragrafo una risposta alla domanda di che cosa tratta esattamente il sito: Vi si troveranno a) fonti; b) interventi magisteriali; c) saggi teologici; d) iniziative (testi, video, convegni
9 Infatti, ci si aspetta di trovare una spiegazione sulle intenzioni del sito, ma in realt si scopre che il mittente intende Viva il Concilio come qualcosa di molto pi ampio, quasi una corrente, un movimento. Solo nell'ultimo punto si dichiara che Viva il Concilio vuol esserer per ultimo un sito web [corsivo mio].
Pagina 5 di 6

Bruno Marien, Corso DOL, anno scolastico 2009-2010. Produrre contenuti di qualit, 02 maggio 2010

e pubblicazioni). Sembra quindi che il mittente abbia fatto solo un'analisi parziale del suo obiettivo comunicativo (cosa intende comunicare, a chi e come) e che, sotto l'influsso di altri obiettivi non esplicitati, abbia costruito delle pagine qualitativamente non ottimali. Anche qui, il testo non contiene delle contraddizioni esplicite, ma non molto compatto e coerente perch il messaggio stesso che si vuole comunicare non semplice e univoco.

Pagina 6 di 6