Sei sulla pagina 1di 3

Consiglio Comunale 16/06/11 - Linee programmatiche

Signor Sindaco, consiglieri, pubblico qui presente, buona sera. Sono Roberto Cant` e u sono stato eletto Consigliere Comunale per lista Cassano Etica Ecologista. Ci troviamo qui per il primo consiglio comunale della nuova amministrazione dopo una lunga e faticosa campagna elettorale, che alla ne ha incoronato sindaco Roberto Maviglia, a cui facciamo i nostri pi` sentiti auguri per questi cinque anni che lo aspettano. u Un successo meritato che ha premiato la seriet` che ha dimostrato in questi anni e la sua a sensibilit` nel proporre un progetto per Cassano eettivamente vicino ai suoi abitanti. a Siamo qui stasera dopo una grande vittoria che, per il nostro modo di vedere, ` stata sia e il frutto di mesi di duro lavoro ed impegno, ma anche un chiaro segnale della cittadinanza verso un certo modo di fare politica e di amministrare la cosa pubblica. Crediamo sia giusto rimarcare il risultato ottenuto da Cassano Etica Ecologista, un 16.33% che, per una lista civica, sembra un risultato pi` unico che raro, ma che in realt` conferma che u a lequazione - persone competenti + buone idee = buona politica - sia condivisa ancora da molte persone, in questo paese che, ogni giorno che passa, ha sempre meno ducia nei propri amministratori. Purtroppo la felicit` del nostro trionfo ` stata da subito oscurata dalla dicile realt` a e a comunale che stiamo vivendo. Chi ci ha preceduto ha lasciato in carico alla nuova amministrazione una serie di problematiche che continuano ad apparire molto preoccupanti, nonostante il nostro entusiasmo e la nostra volont` di riscatto. a Di fronte a tutto questo non ci siamo demoralizzati in passato e non abbiamo di certo intenzione di farlo adesso. Abbiamo quindi deciso di arontare le elezioni proponendo un programma molto articolato e sicuramente non di facile attuazione, che per questo qualcuno ha criticato. Dalle situazioni critiche per` ` possibile uscirne solo con la dinamoe icit`, lentusiasmo e la voglia di fare. Com` possibile risolvere una situazione dicile, la a e quale richiede tanto impegno, quando ` presente tutta questa staticit` e questo ostruzione a ismo verso la novit`, che ha caratterizzato la nostra politica in tutti questi anni? Com` a e possibile attuare la tanto predicata politica del fare quando in realt` non si avanzano a progetti e proposte nuove? Il nostro obiettivo e limpegno che ci prendiamo per questi cinque anni ` quello di sostenere e una politica che possa essere, non solo nominalmente ma anche praticamente, al servizio del cittadino; promuovendo una serie di interventi che possano migliorare, sotto tutti i punti di vista, la vivibilit` del nostro comune e il benessere di chi lo abita. a Tutto questo si traduce gi` da subito in una serie di scelte concrete: prima di tutto il a completamento della tangenziale, che dopo tanti anni, nonostante gli innumerevoli incidenti di percorso, nalmente non sar` pi` solo un progetto su carta, e permetter` di dare a u a un po di respiro alle boccheggianti vie principali soocate dallo smog e dal traco. La nostra volont` inoltre ` quella di sostenere la politica del consumo zero di territorio, a e promuovendo il recupero degli edici degradati, molti dei quali si trovano nel nostro centro storico, per il quale, grazie a questi due interventi, ` possibile pensare ad una concreta e ri-qualicazione. Il centro storico dovrebbe essere il cuore pulsante di una citt`, con il a completamento della tangenziale verrebbero restituiti ai cittadini tutti quegli spazi che oggigiorno sono invasi dalle automobili, e un suo rinnovamento gioverebbe sicuramente anche tutte quelle attivit` di piccolo commercio che lo popolano. a

Cassano negli ultimi anni purtroppo ha assunto laria di un paese trascurato. Sono mancati tutta una serie di interventi quotidiani quali: manutenzione delle strade, dei marciapiedi, delle piste ciclabili, la cura del verde urbano e unattenta valorizzazione delle aree uviali. Una citt` bella si presta molto di pi` ad essere vissuta, un parco curato a u incentiva la gente a frequentarlo. Credo che molti genitori al momento non si dino a portare i loro gli in alcuni nostri parchi perch` hanno paura di perderli tra lerba troppo e alta. Una citt` vivibile e a misura duomo per` non ` fatta solo di strade e parchi belli a o e e puliti. Deve avere anche una forte vocazione nella valorizzazione e nellarricchimento delle risorse individuali e della collettivit`, per il miglioramento della qualit` della vita. a a Noi siamo convinti che uno dei modi per perseguire questo obiettivo sia quello di investire concretamente nella Cultura. La cultura non ` n` di destra n` di sinistra, signica seme e e plicemente incontro con laltro, scambio di pensieri e di opinioni, un momento di crescit` a e di socializzazione che rinvigorisce il vivere civile: crea appartenenza e stimola progetti sul futuro. La cultura ` uno strumento al favore dellunit` e non della divisione, perch` e a e in questo caso non si parla pi` di cultura ma piuttosto di propaganda. u Tutto questo ` possibile attraverso un potenziamento della Biblioteca Comunale, con e lavvio di una serie di iniziative da concordare con le scuole, le associazioni e i Comuni limitro, e con una serie di progetti volti allo sviluppo del turismo locale. Questo perch` e fare cultura signica anche promuovere la conoscenza e la fruizione del territorio e ci` o permette di restituire alla citt` la consapevolezza del suo valore e il raorzamento della a sua identit`. a Unamministrazione davvero attenta alle necessit` del cittadino deve per` avere un a o occhio di riguardo per le politiche sociali. Siamo convinti che il Comune debba essere vicino ai cittadini soprattutto nel momento in cui hanno bisogno. In questo senso nei prossimi anni, in collaborazione con le realt` a di volontariato presenti sul nostro territorio, si dovr` per esempio cercare di aumentare a loerta di assistenza domiciliare per anziani e malati, anche nel ne settimana e nelle giornate festive; soprattutto durante il periodo estivo, quando i servizi sono ridotti e troppi anziani restano soli. Garantire i servizi di trasporto verso le strutture di cura per chi non ha altre possibilit` per raggiungerle e un servizio di consegna di farmaci a domicilio. a Ma ` opportuno studiare anche la possibilit` di realizzare servizi nuovi per gli anziani e a autosucienti. In sostanza continuare a tutelare le fasce pi` deboli, orendo e nel caso potenziando servizi u per tutte le eta: minori, adulti, anziani. Un problema importante del nostro Comune, ma anche dellItalia tutta, ` quello di e non riuscire a fare un discorso serio per quanto riguarda le politiche giovanili. Come un genitore fa sacrici immensi per accompagnare un glio no alla sua et` adulta, ina vestendo di fatto sul suo futuro, cos` dovrebbero fare le amministrazioni nei confronti dei cittadini pi` giovani. Una mancata scommessa sui giovani di oggi signica inevitabilmente u un mancato investimento sul domani del nostro paese, che rimarr` sempre pi` indietro a u rispetto ai nostri partner internazionali. 2

In questi cinque anni vorremmo lavorare seriamente in questo campo, con una serie di proposte non solo dal punto di vista ricreativo, ma anche di ampliamento di servizi che possano avere un riscontro positivo sul futuro dei nostri giovani. Il nostro sogno ` quello di creare un Centro per il protagonismo giovanile, uno e spazio di creativit` e socializzazione per consentire ai giovani di incontrarsi, conoscersi e a scambiare esperienze e idee, uno spazio nel quale dovrebbe essere possibile sperimentare liberamente le proprie passioni creative e artistiche con il supporto e la consulenza di altri giovani. Il Centro dovrebbe caratterizzarsi per lo spazio che ore ai diversi linguaggi artistici, che attraversano il mondo giovanile (musica, teatro, video, arti grache, pittura, ...), mettendo a disposizione dei giovani che lo frequentano laboratori, sale prove per la musica e spazi per attivit` varie. a Proponiamo inoltre unulteriore potenziamento della Biblioteca, come lestensione dellorario di apertura e internet gratuito, cos` da poter essere un luogo ancora di pi` al servizio u dei tanti studenti, ma non solo, che la frequentano. Occorre inoltre portare avanti un serio progetto Ecologico per Cassano. Pensare ad una politica energetica volta al risparmio e alluso delle fonti rinnovabili. Il Comune spende ogni anno tanto per riscaldare e illuminare i suoi edici e per illuminare le strade e le piazze. Si pu` spendere meno e meglio attuando un piano complessivo di o interventi di risparmio energetico per ridurre i consumi in tutti gli edici pubblici e si potrebbe produrre tutta lenergia elettrica consumata dagli edici pubblici da fonti rinnovabili usando lenergia del sole. In relazione al Teleriscaldamento invece, ` necessario vericare in maniera rigorosa la cone gruit` dei costi di questa fornitura, tenendo conto delle considerevoli innovazioni tecnoa logiche intervenute e della liberalizzazione del mercato dellenergia, e, conseguentemente, rinegoziare con la Societ` A2A i parametri di calcolo dei costi e quindi una revisione della a Convenzione. Concludo rinnovando i nostri auguri per il sindaco neoeletto, con la speranza che i sogni che abbiamo per Cassano possano tramutarsi davvero nella svolta di cui questo paese ha tanto bisogno, e che il nostro impegno e la nostra dedizione riescano a ridare un po di credibilit` alla politica, cos` da poter ri-avvicinare i cittadini ai loro amministratori a eventualmente con tante idee e progetti nuovi per il futuro. Grazie