Sei sulla pagina 1di 3

Pulire 2011: un successo fortemente voluto

di Simone Finotti

COMMENTI E NUMERI DI PULIRE

TERZA PAGINA

ma arida statistica, stato il tono generale della manifestazione, lumore che si respirava nei padiglioni e fra gli stand: era da tempo che non si tastava tanta voglia di fare, di reagire, di scuotersi di dosso le difficolt, di confrontarsi e di scambiarsi idee, opinioni, prospettive. In molti, durante e dopo la fiera, hanno avuto la stessa sensazione e secondo noi questa la vera vittoria di Afidamp, il cui staff ha contribuito in modo decisivo mostrandosi sempre disponibile, preciso e attento alle esigenze di tutti con competenza, cordialit e tanta passione. Un plauso, quindi, va alla gestione della tre giorni, che ha dato lustro a una squadra, quella di Afidamp, come sempre motivata e affiatata, e a un settore che ha saputo presentarsi nel migliore dei modi.

15
giugno 2011

I numeri del successo Un coraggio premiato

Scelte coraggiose e vincenti per la ventesima edizione di Pulire, che ha confermato il suo ruolo internazionale di promotore del made in Italy. E ora si attende lesordio del format Forum Pulire, in programma nel 2012 a Milano.
Non ne facciamo mistero: quando, presentando il nuovo format di Pulire, Afidamp parl al mondo del cleaning di tutte le novit in vista per la ventesima edizione, qualche perplessit e timore tra gli addetti ai lavori serpeggi, eccome. Quando poi, ciliegina sulla torta delle novit, la fiera venne etichettata con lo scintillante claim La migliore, non furono in pochi a incrociare le dita e a pensare che forse, in un momento di crisi come quello che ancora stiamo attraversando,fosse una mossa quantomeno coraggiosa.

E coraggiosa lo stata, senza dubbio. Al pari della scelta di ridurre a tre giorni la durata della kermesse, di cambiare radicalmente la topografia della fiera (con padiglioni nuovi e un percorso completamente diverso da quello a cui eravamo abituati) e di non organizzare un calendario convegnistico istituzionale per concentrare in un momento successivo (fissato a marzo con Forum Pulire, come vedremo poi) le occasioni di approfondimento e riflessione. Ma adesso, a mente fredda, si deve parlare di un assennato (e lungimirante) coraggio, e non di avventatezza: i fatti, gli umori e i numeri hanno dato ragione ad Afidamp, che ha saputo proporre unedizione di Pulire vivace, ricca di idee interessanti e di novit, e soprattutto sempre pi internazionale, con una presenza di espositori dallestero cresciuta del 33% e un totale visitatori internazionali superiore del 22% rispetto alledizione 2009. Ma ci che ha colpito, al di l della pur importante

Quanto alle cifre, hanno decretato un successo forse anche al di l delle aspettative. In fatto di superficie espositiva, per cominciare, sono stati occupati 16.509 mq, con un + 8% rispetto al 2009 e un aumento della superficie media espositiva per singolo espositore del 16% (55mq contro i 48mq del 2009). Questo dato indice della fiducia che gli operatori hanno riposto nella manifestazione e della volont di essere presenti in maniera significativa sotto laspetto istituzionale e con tutte le novit. Un fattore molto importante per il successo di una manifestazione e per generare fiducia in un intero settore. La superficie complessiva stata pari a 34.884 mq.

Grande soddisfazione anche in termini di visitatori. Le statistiche comparative non erano semplici, perch questanno la fiera si sviluppata in tre giorni in luogo dei soliti quattro. Ebbene: anche considerando questo il numero totale dei visitatori singoli, ovvero

Molti i visitatori moltissimi dallestero

TERZA PAGINA

COMMENTI E NUMERI DI PULIRE

Tipologia di visitatori - ITALIA

Tipologia di visitatori - ESTERO

16
giugno 2011

escludendo il conteggio di tutte le persone che hanno registrato pi passaggi su pi giorni, pari a 10.173, con un + 21,4% rispetto al 2009. Ha spiegato Toni DAndrea, AD Afidamp Servizi: Ladesione degli espositori e il numero di visitatori sono la dimostrazione pi evidente del successo. Proprio per questo abbiamo fornito il numero di visitatori unici e non di passaggi. La crescita del 21,4% significa un sostanziale aumento delle possibilit di contatto e delle opportunit di business. Inoltre un confronto in termini di passaggi con ledizione precedente non sarebbe possibile, data la differente durata della manifestazione. In crescita del 22,8% il numero dei visitatori internazionali. Questo un dato particolarmente significativo perch attesta che Pulire diventata ormai una manifestazione di carattere internazionale, pur mantenendo il suo focus sul mercato italiano. Passando agli espositori, il numero totale ammonta a 294, di cui 64 provenienti dallestero. La presenza estera in fiera rispetto al 2009 aumentata del

33%. La maggior parte proviene dalla Germania e dalla Spagna, con una rappresentanza della Turchia, che diventa sempre pi il Paese di riferimento per il collegamento con il Medio Oriente. Si segnalano anche espositori provenienti dalla Cina, dal Brasile, dalla Russia, dagli Stati Uniti. Il 79%, degli espositori italiani proviene dal Nord. La Lombardia la regione con il maggior numero di soggetti presenti, 83, seguita dal Veneto con 38 espositori. Da segnalare che il Veneto detiene il primato della produzione, con le maggiori aziende a livello nazionale. Significativa la presenza dellEmilia Romagna, con 31 espositori. L11% degli espositori proviene dal Centro, Toscana, Lazio, Umbria, mentre il 10% dal Sud. Giustificata la soddisfazione in casa Afidamp, espressa per bocca di DAndrea, che ha ripercorso le due sfide principali che hanno portato alla scelta del nuovo format: Siamo particolarmente orgogliosi di questa edizione di Pulire. Due erano le sfide principali: la prima quella di fare una fiera che reagisse alla crisi e che

rappresentasse il momento di rilancio del mercato dopo la contrazione del 2009 e la seconda di proporre tre giorni di manifestazione invece dei quattro abituali. In entrambi i casi lobiettivo stato raggiunto. Sulla stessa linea Michele Redi, Presidente AfidampFab: un onore per me aver presieduto alla ventesima edizione di Pulire in qualit di Presidente. La presenza continua di visitatori nei corridoi e la sensazione positiva che si respirava hanno dimostrato che tutti gli sforzi volti a far s che la fiera riesca al meglio non sono stati vani. Molto sentito, dunque, il ringraziamento a tutti i partecipanti: Ringraziamo tutti gli espositori intervenuti e diamo loro appuntamento al 2013.

Non certo secondaria la politica di ecosostenibilit abbracciata da Pulire, che, proprio in qualit di grande appuntamento internazionale del cleaning, ha scelto di diventare sempre pi una manifestazione amica dellambiente. Proprio di recente Pulire stata raccomandata per lottenimento della certificazione BS 8901 per la gestione sostenibile degli eventi rilasciata dallorganismo inglese BSI-British Standards Institution. Si tratta di una fra le pi autorevoli certificazioni di eventi sostenibili a livello internazionale, che considera sia i singoli aspetti tecnico-organizzativi che la gestione complessiva della manifestazione con unanalisi degli impatti a livello economico, sociale e ambientale. A questo proposito sono state adottate misure a tutela dellambiente che hanno previsto un uso limitato dei mailing cartacei e della carta in ufficio, lutilizzo di sola carta ri-

Una fiera sempre pi ecosostenibile

COMMENTI E NUMERI DI PULIRE

TERZA PAGINA

ciclata, luso di stampanti a basso impatto ambientale per risparmio energetico e con stampa fronte/retro, la spedizione delle proposte solo su formato elettronico, la presenza di materiale pubblicitario elettronico facilmente scaricabile dal sito, luso del car pooling per i viaggi aziendali, il riutilizzo o riciclo della maggior parte del materiale usato durante gli eventi, la scelta di fornitori che accolgono questa filosofia, la stampa del catalogo ufficiale della manifestazione su carta riciclata, lutilizzo di inviti elettronici al posto di cartoline invito cartacee, la predisposizione di una navetta per espositori e visitatori durante i giorni di fiera, luso di moquette riciclabile per gli stand istituzionali, per gli stand pre-allestiti e per le aree comuni, luso di luci a basso consumo per gli stand istituzionali dellAssociazione e della fiera, il riuso di elementi di allestimento e arredo per tutti gli stand pre-allestiti standard e top. Inoltre il sito internet www.pulire-it.com ha deciso di fare la sua parte per contrastare il riscaldamento globale. Infatti le emissioni generate da questo sito internet sono compensate dalla creazione e tutela di foreste in crescita in Costa Rica.

fessionale, ma per lintera societ, alla presenza di tutti i soggetti che interagiscono in maniera rilevante con luniverso del cleaning professionale. Anche in questo caso lidea di fondo di Afidamp Servizi affascinante quanto impegnativa: Pensiamo che lItalia sia un grande paese, e che meriti una profonda ricostruzione. Anche in questo caso a farla da padrona la voglia di mettere in campo tutte le energie positive e riflettere sul presente e soprattutto sul futuro del settore. Si parte dallassunto che Pulizia Qualit della Vita per declinare questo valore in sei capisaldi rappresentativi del fondamento del vivere civile: societ, sostenibilit, competenza, qualit, salute, economia, futuro. Si analizzano poi in maniera pi dettagliata i settori in cui la pulizia professionale maggiormente coinvolta, ovvero la sanit, il turismo, i trasporti, le costruzioni, la formazione per trovare una risposta concreta alle esigenze sempre pi pressanti di qualit, di igiene, di sicurezza, di competenza. La struttura prevede due giornate di lavori, che ospiteranno alla mattina interventi di scenario e di alto profilo dedicati al futuro, il primo giorno, e al presente, il secondo giorno, mentre il pomeriggio sar riservato a workshop di approfondimento specifici per i settori indicati. Le due mattinate saranno strutturate secondo la formula della tavola rotonda. La prima vedr la presenza di un filosofo, di uno scienziato, di

Il pulito? Un valore assoluto!

Appuntamento al 2013, dunque. Ma un momento: anche nel 2012 il nome Pulire risuoner in Italia. Lanno prossimo, infatti, si inaugurer a Milano, il 21 e il 22 marzo, il Forum Pulire, e sar il primo momento di incontro di tutto luniverso della pulizia professionale, che intende coinvolgere non solo produttori e distributori, ma anche utenti finali. GSA, che media partner dellevento, ne aveva gi parlato il mese scorso, intervistando DAndrea sullargomento, ma la presentazione ufficiale avvenuta a Verona. Nel corso di una affollata conferenza stampa con numerosi rappresentanti di media stranieri, il 24 maggio, in occasione dellapertura di Pulire, Afidamp ha presentato il suo obiettivo ambizioso di realizzare il primo congresso nazionale del settore, dal titolo Forum Pulire. Questo perch giunto il momento di dare il giusto spazio alla riflessione, allanalisi, al confronto alla condivisione e al dibattito su temi di grande attualit e di forte rilevanza, non solo per il settore della pulizia pro-

Presentato Forum Pulire, in programma a Milano il prossimo marzo

un economista, di un imprenditore, di una persona legata alle tematiche ambientali. Si analizzeranno gli scenari futuri in una prospettiva economica e sociale, per cercare di capire come saremo nei prossimi decenni, quale sar la propensione alla sostenibilit, come cambier lo stile di vita, quali scenari economici si prospetteranno, al fine di delineare il contesto in cui tutti i settori, e in particolare quello della pulizia professionale, si troveranno ad operare. La tavola rotonda del secondo giorno sar invece dedicata al presente, allo stato dellarte del settore, a cosa esiste e a cosa si deve tendere per operare in un futuro quale quello delineato nella prima giornata. Gli ospiti saranno un sondaggista, un demografo, un politologo, un amministratore pubblico, un economista, che accompagneranno i congressisti in un percorso di valutazione dei dati attuali e apriranno il dibattito su come agire per migliorare. Le sessioni pomeridiane vedranno invece la presenza di soggetti rappresentanti la domanda e lofferta di servizi integrati nei settori turismo, sanit, costruzioni, formazione. Questi momenti avranno il compito di individuare tematiche attuali e specifiche del settore del cleaning, per affrontare esigenze concrete e valorizzare la pulizia come un vantaggio, ovvero un valore assoluto, e non come una semplice voce di costo. La scommessa delle pi ardue: costruire un futuro partendo dal pulito, inteso in senso concreto ma anche, se ci permesso volare un po con limmaginazione, metaforico: ce ne sarebbe un gran bisogno.

17
giugno 2011

Gli ospiti