Sei sulla pagina 1di 16

Ing.

Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

MODELLI DEI SISTEMI ELETTROMECCANICI Nel seguito ci occupiamo della modellazione di sistemi ibridi che combinano sistemi elettrici con sistemi meccanici, ed in particolare dei motori in corrente continua. Limportanza dei modelli di questi sistemi dovuta al fatto che questi sono spesso presenti come componenti negli automatismi in cui loggetto del controllo sia la movimentazione di un organo meccanico.

MOTORE ELETTRICO IN CORRENTE CONTINUA Un classico esempio di sistema elettromeccanico il motore in corrente continua (c.c.) Si tratta di un dispositivo che trasforma energia elettrica in energia rotazionale attraverso linterazione tra un campo magnetico stazionario detto campo fisso (generato da un magnete permanente detto circuito di eccitazione o di campo o anche statore) e un campo magnetico prodotto da un circuito (detto circuito di armatura o rotore) libero di muoversi, che quindi ruota per via dellinterazione tra i due campi magnetici. Lenergia rotazionale prodotta permette di muovere un carico solidale allasse del motore, per cui questo spesso chiamato attuatore. Un altro appellativo comune quello di servomeccanismo di posizione (di velocit) poich la sua uscita la posizione angolare (la velocit angolare). Oltre alla rotazione dellalbero motore dovuta allaccoppiamento dei due campi magnetici fisso e in rotazione, un motore in c.c. interessato da un altro fenomeno fisico: il conduttore che si muove nel campo magnetico permanente genera ai suoi capi una tensione indotta detta forza elettromotrice. Nella scrittura delle equazioni che descrivono il motore in c.c. si trascurano gli effetti di secondo ordine quali listeresi e la caduta di tensione tra le spazzole (attrito di Coulomb). In un servomeccanismo si identificano in genere tre variabili di ingresso principali: la tensione applicata al circuito di eccitazione (oppure la corrente), la tensione applicata al circuito di armatura (o la corrente) e la coppia di carico (ingresso non manipolabile). Generalmente i servomotori sono pilotati mantenendo costante una delle due variabili manipolabili ed agendo sullaltra come unico ingresso (manipolabile). Fissando ad esempio la tensione (e quindi la corrente) di armatura il servomeccanismo si dice pilotato in eccitazione; viceversa, se si fissa la tensione (e quindi la corrente) di eccitazione il servomeccanismo si dice pilotato in armatura.
Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Per un motore in corrente continua comunque pilotato valgono le seguenti leggi. 1) La coppia motrice vale:

Cm (t) = k m(t)ia (t)


essendo km una costante costruttiva del motore, il flusso di eccitazione e ia la corrente di armatura. 2) Il flusso di eccitazione dipende generalmente in modo non lineare dalla corrente di eccitazione, ma in prima approssimazione si pu affermare che tale relazione sia di proporzionalit diretta (ossia sia lineare):

(t) = kie (t)


essendo k una costante caratteristica del motore e ie la corrente di eccitazione. 3) La forza elettromotrice (f.e.m.) o tensione misurata ai capi del rotore vale:
e(t) = k m(t)m (t) = k m(t) dm (t) dt

essendo km la costante costruttiva gi introdotta al punto 1 (anche se dimensionalmente si tratta di due parametri differenti) e m e m rispettivamente la posizione angolare e la velocit angolare del motore.

MODELLO DI UN MOTORE IN C.C. PILOTATO IN ECCITAZIONE

Re ie(t) ve(t) Le

ia=cost. Jm f m

Cr1 kr 1 1

Cr2 Jc 2 2 Cr fc

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Nel seguito si vuole determinare un modello matematico del sistema in figura, costituito da un motore in corrente continua alimentato con corrente di armatura costante e pilotato dalla tensione ve applicata al circuito di eccitazione. Il rotore del motore possiede un momento di inerzia Jm e un coefficiente di attrito viscoso fm. Inoltre lalbero del motore sia collegato ad un riduttore di giri kr. A sua volta il riduttore trascina un carico che ha momento di inerzia Jc e coefficiente di attrito viscoso fc. presente una coppia resistente Cr che agisce come disturbo del sistema. Si vuole descrivere la variabile di uscita, costituita dalla posizione angolare 2 dellalbero motore su cui calettato il carico. Identifichiamo innanzitutto le variabili di ingresso. Naturalmente una di esse la tensione applicata al circuito di eccitazione del motore ve. Unaltra variabile indipendente che influenza la dinamica del sistema la coppia resistente Cr. Perci il nostro sistema possiede due ingressi (di cui uno una variabile manipolabile e laltro un disturbo) e ununica uscita 2. Esaminiamo ora in dettaglio le relazioni che legano le variabili del sistema. Per il circuito di eccitazione si ha la legge di Kirchoff delle tensioni: ve (t) = R e ie (t) + Le die (t) . dt

Scriviamo poi lequilibrio meccanico allalbero motore, sapendo che la coppia motrice sviluppata dal motore proporzionale al flusso di eccitazione e alla corrente di armatura: Cm (t) = k m(t)ia (t) . Il flusso dipende dalla corrente di eccitazione. Supponendo tale dipendenza di diretta proporzionalit (ipotesi valida se il motore lontano dalla saturazione) e ricordando che la corrente di armatura costante, si ha in definitiva:

Cm (t) = k 'm ie (t) .


Le coppie resistenti allalbero del motore sono la coppia di inerzia, la coppia di attrito e la coppia resistente riportata a monte del riduttore.
Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Ne consegue che lequilibrio meccanico allalbero motore si scrive come segue: k 'm ie (t) = J m d1(t) + f m1(t) + Cr1(t) . dt

Esaminiamo ora il riduttore, la cui equazione : 2 (t) = k r 1(t) , ossia

2 (t) = k r 1(t)
con kr<1 (trattandosi di un riduttore). Inoltre lequilibrio delle coppie allingranaggio si scrive: C (t) Cr2 (t) = r1 . kr Ancora, possibile scrivere lequilibrio meccanico al carico considerando che la coppia Cr2 pari alla somma della coppia di inerzia del carico, della coppia di attrito e della coppia resistente esterna Cr (si tratta di una coppia resistente non controllabile e quindi interpretabile come un disturbo): Cr2 (t) = J c d2 (t) + f c2 (t) + Cr (t) . dt

Le diverse equazioni di equilibrio delle coppie possono essere trasformate in ununica relazione. In particolare, sostituendo questultima relazione allequilibrio delle coppie allalbero motore e tenendo conto dellequazione dellingranaggio si ha: k 'm ie (t) = J m d1(t) d (t) + f m1(t) + k r J c 2 + f c2 (t) + Cr (t) dt dt

e tenendo conto della relazione sulle velocit angolari si ha: k 'm ie (t) = (J m + k r 2J c ) d1(t) + (f m + k r 2f c )1(t) + k r Cr (t) . dt

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Posto ora J = J m + k r 2 J c , f = f m + k r 2f c si ottiene: k 'm ie (t) = J d1(t) + f1(t) + k r Cr (t) dt

che come noto esprime linerzia e lattrito complessivi riportati allalbero del motore, a monte del riduttore. Trasformando secondo Laplace lequilibrio elettrico relativo al circuito di eccitazione e lequilibrio meccanico allalbero motore si hanno le due equazioni: Ve (s) = (R e + Les)Ie (s) e

k 'm Ie (s) = (Js + f )1(s) + k r Cr (s) .


Ricaviamo dallultima equazione la trasformata di Laplace della velocit angolare del motore e sostituiamo quindi la trasformata di Laplace dellingresso Ve:
1(s) = 1(s) = k 'm kr Ie (s) Cr (s) , (Js + f ) (Js + f )

k 'm kr Ve (s) Cr (s) . (Js + f )(Les + R e ) (Js + f )

Ricordando poi che la posizione angolare lintegrale della velocit angolare, ossia, nel dominio della frequenza complessa s: 1 = 1 s e che per la presenza del riduttore si ha:
Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

2 = k r 1
si deduce che la trasformata delluscita vale
k r k 'm kr2 2 (s) = Ve (s) Cr (s) . s(Js + f )(Les + R e ) s(Js + f )

Poniamo ora
Le k r k 'm kr2 J , ke = m = , e = , kc = . Re fR e f f

Si ottiene quindi 2 (s) = ke kc Ve (s) Cr (s) . s(1 + ms)(1 + es) s(1 + ms)

La precedente espressione descrive la relazione tra i due ingressi e luscita nel dominio della frequenza complessa s. Si osserva che la funzione di trasferimento relativa allingresso in tensione comprende un polo nellorigine, dovuto alla scelta come uscita della posizione angolare, un polo meccanico che dipende dalle caratteristiche costruttive del motore e dal carico, e un polo elettrico che dipende dal circuito di eccitazione. Invece la funzione di trasferimento relativa al disturbo (la coppia resistente) comprende un polo nellorigine, dovuto alla scelta come uscita della posizione angolare, e il polo meccanico dovuto al motore e al carico. Cr(s)

kc s(1 + ms)
-

Ve(s)

ke s(1 + ms)(1 + es)

2(s)

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Il diagramma a blocchi equivalente del sistema rappresentato nella figura precedente. Si osserva che le due funzioni di trasferimento avrebbero potuto essere dedotte una alla volta, considerando singolarmente i due ingressi e applicando il principio di sovrapposizione degli effetti, valido per lipotesi di linearit dei sistemi. Un modo alternativo per determinare le due funzioni di trasferimento viste quello di descrivere le diverse relazioni del sistema mediante uno schema a blocchi, in cui ciascun blocco esprime una delle relazioni viste in precedenza. Applicando quindi lalgebra dei sistemi a blocchi possibile pervenire ad un sistema minimo come quello della figura precedente. Riesaminiamo in tal senso le relazioni gi scritte, operando direttamente con la trasformata di Laplace, e introducendo i corrispondenti blocchi. Per il circuito di eccitazione si ha il seguente blocco.
1 Re Ie (s) = Ve (s) (1 + es)

Ve(s)

1 Re (1 + es)

Ie(s)

Per lequilibrio meccanico allalbero del motore si ha il blocco che segue.

Cm (s) = k 'm Ie (s)

Ie(s)

km

Cm(s)

Passiamo ora ad esaminare la relazione tra coppia motrice e coppia resistente allalbero motore. Cm (s) = (J ms + f m )1(s) + Cr1(s) C (s) Cr1(s) 1(s) = m . (J ms + f m ) Cm(s) + Cr1(s) 1 J ms + f m 1(s)

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Vediamo ora il riduttore, che fornisce due equazioni e due corrispondenti schemi a blocchi. Cr2(s) 2 (s) = k r 1(s) , 1(s) 2(s) kr kr Cr1(s) = k r Cr2 (s) . Cr1(s) Esaminiamo poi lequilibrio allalbero del carico. Cr2 (s) = (J cs + f c ) 2 (s) + Cr (s) . 2(s) Cr(s)

J cs + f c

Cr2(s)

Scriviamo poi il legame di integrazione esistente tra la velocit angolare e la posizione angolare allalbero del carico: 2 (s) = 2 (s) . s 2(s) 1 s 2(s)

Aggreghiamo quindi tutti i blocchi. Cr(s) + Cr2(s) Cr1(s) Ve(s)


1 Re (1 + e s)

+ J cs + f c

kr

Ie(s)

km

+ Cm(s)

1 1(s) J ms + f m

kr

2(s) 1 s

2(s)

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Portiamo la seconda giunzione sommante a monte della prima e effettuiamo la serie tra due blocchi. Cr(s)
kr

k r (J cs + fc )

Ve(s)

k 'm Re 1 + es

kr J ms + f m

2(s)

1 s

2(s)

Risolviamo ora lanello di retroazione.

Cr(s)
kr

Ve(s)

k 'm Re 1 + es

kr

k r (J cs + f c ) + (J ms + f m )

1 s

2(s)

Poniamo come prima: J J = J m + k r 2 J c , f = f m + k r 2f c , m = . f Si ottiene:

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Cr(s)
kr

Ve(s)

k 'm Re 1 + es

kr f s(1 + ms)

2(s)

Infine, portando a valle la giunzione sommante si ottiene il diagramma a blocchi riportato di seguito, dopo aver posto: k k' k 2 ke = r m , kc = r . fR e f
Cr(s)

kc s(1 + ms)
-

Ve(s)

ke s(1 + ms)(1 + es)

2(s)

Evidentemente si ottiene lo stesso risultato ottenuto con il primo metodo.

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

10

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

MODELLO DI UN MOTORE IN C.C. PILOTATO IN ARMATURA

Ra

La ia(t) ie=cost. Le

J f

va(t)

Cr

Determiniamo ora il modello matematico del motore in corrente continua alimentato con corrente di eccitazione costante e pilotato dalla tensione va applicata al circuito di armatura. Consideriamo direttamente un momento di inerzia J e un coefficiente di attrito viscoso f ridotti allalbero motore, dunque comprensivi del carico, eventualmente collegato con un riduttore, e del motore stesso. Inoltre sia Cr la coppia resistente riportata allalbero motore che agisce come disturbo del sistema. Si vuole descrivere la variabile di uscita, costituita dalla posizione angolare dellalbero motore. Le variabili di ingresso sono in questo caso la tensione applicata al circuito di armatura del motore va e la coppia resistente Cr. Perci il nostro sistema possiede due ingressi (di cui uno una variabile manipolabile e laltro un disturbo) e ununica uscita . Costruiamo il modello matematico. Per il circuito di armatura si ha il seguente blocco. va (t) = R a ia (t) + La dia (t) + e(t) dt

essendo e(t) la forza elettromotrice misurata ai morsetti del rotore. Trasformando secondo Laplace con condizioni iniziali nulle si 1 Ia(s) Va(s) + ha: V (s) E(s) Ia (s) = a (R a + La s) E(s)

R a + La s

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

11

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Daltra parte per la forza elettromotrice si ha, tenuto conto che il flusso costante (essendo costante la corrente di eccitazione): e(t) = k m(t)m (t) = k m(t) che trasformata secondo Laplace diventa E(s) = k1s(s)
(s) k1s E(s)

d(t) d(t) = k1 dt dt

Passiamo ora ad esaminare la relazione tra coppia motrice e coppia resistente allalbero motore.
Cm (t) = J d 2(t) dt 2 +f d(t) + Cr (t) dt Cm(s) + Cr(s) 1 s(Js + f ) (s)

che trasformata secondo Laplace fornisce C (s) Cr (s) . (s) = m s(Js + f )

Inoltre sappiamo che la coppia motrice data dalla relazione, tenuto conto che il flusso costante: Cm (t) = k m(t)ia (t) = k ''m ia (t) , che trasformata secondo Laplace diventa Ia(s) km Cm(s)

Cm (s) = k ''m Ia (s) .


Aggreghiamo quindi tutti i blocchi.

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

12

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Cr(s) Va(s) + E(s) 1 R a + La s

Ia(s)

km

+ Cm(s)

1 s(Js + f )

(s)

k1s Per ridurre lo schema applichiamo il principio di sovrapposizione degli effetti. Consideriamo prima il disturbo Cr=0. Lo schema equivalente il seguente.

Va(s) + E(s) -

k"m
s(R a + L a s)(f + Js)

(s)

k1s Da cui si ottiene la funzione di trasferimento in assenza del disturbo.

Va(s)

k"m s ( (R a + La s)(f + Js) + k1k"m )

(s)

Normalmente linduttanza del circuito di armatura molto bassa e dunque trascurabile. Perci, posto La=0 nella precedente funzione di trasferimento, si ha:

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

13

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

G1(s) =

(s) Va (s) C =0 r

k"m s ( R a (f + Js) + k1k"m )

k"m K k"m R a f + k1k"m = = = s ( R a Js + (R a f + k1k"m ) ) s (1 + s ) RaJ s 1 + s R a f + k1k"m

con

K= =

k"m ; R a f + k1k"m

RaJ . R a f + k1k"m

In definitiva si ha un polo nellorigine dovuto alla scelta delluscita di posizione e un polo reale negativo dovuto al motore e al carico, oltre che al circuito di armatura ( presente linfluenza della resistenza Ra). Il polo elettrico reale negativo dovuto allinduttanza di armatura viene trascurato.

Va(s)

K s(1 + s)

(s)

Consideriamo ora la tensione Va(s)=0. Lo schema equivalente il seguente.

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

14

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Cr(s) -

1 s(f + Js)

(s)

k"m k1s (R a + La s)

Da cui si ottiene la funzione di trasferimento relativa al solo disturbo.

-Cr(s)

R a + La s s ( (R a + La s)(f + Js) + k1k"m )

(s)

Con le stesse posizioni di prima, e in particolare con La=0, si ha quindi:


G 2 (s) =
(s) C r (s) V = 0 a
Ra

s ( R a (f + Js) + k1k"m )

Ra Ra K' R a f + k1k"m = = = s ( R a Js + (R a f + k1k"m ) ) s (1 + s ) RaJ s s 1 + R a f + k1k"m

con
K' = Ra = ; R a f + k1k"m J RaJ = . R a f + k1k"m

Il blocco equivalente dunque:


Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

15

Ing. Mariagrazia Dotoli

Controlli Automatici NO (9 CFU)

Modelli di Sistemi Elettromeccanici

Cr(s)

K' s(1 + s)

(s)

con gli stessi poli della funzione di trasferimento ottenuta per disturbo nullo. Nel complesso si ha il seguente schema a blocchi, che comprende due funzioni di trasferimento uguali a meno di un fattore moltiplicativo. Cr(s)

K' s(1 + s)

Va(s)

K s(1 + s)

(s)

Copyright 2007 Mariagrazia Dotoli. Lautore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente materiale per i soggetti privati, alla condizione che la fonte originale e lautore siano esplicitamente riconosciuti e citati.

16