Sei sulla pagina 1di 7

ATTENDESI GES URGENTEMENTE

Questo un messaggio che qualche anno fa lanciai nellUniverso alla ricerca di Ges. Cercasi Ges disperatamente, perch c urgente bisogno che Lui ritorni sulla Terra! Oggi pi che mai, tutta la creazione geme e soffre nelle doglie del parto, nellattesa della restaurazione di tutte le cose. Cos pregavo Ges, lo imploravo e continuavo a domandargli: O mio Ges, dove sei andato ad abitare? Si dice nellalto dei Cieli, seduto alla destra del Padre. Io, come tanti fedeli, sto cercando di far vedere Dio ai fratelli e di insegnare loro come ascoltarlo! Ma sono un servo inutile. Se non torni Tu, Ges, tutto inutile! Mentre lo stavo cercando, leggendo il Vangelo, trovai la risposta: Se uno mi ama, osserver la mia parola e il Padre mio lo amer e Noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui (Gv 14, 23). Allora, osservando la Sua Parola, lo amai con tutto il mio cuore e venne a trovarmi insieme al Padre dicendomi: Fratello, Noi abitiamo dove ci si lascia entrare, ma troviamo difficilmente dimora qui sulla Terra. Cerca di ospitarci il pi a lungo possibile nella tua casa, che sia libera, pulita e adorna. Per far comprendere degnamente questa realizzazione, che oguno di noi ha la possibilit di raggiungere, fondo il mio pensiero con quello di Pietro Charles S.J., cos espresso: Nostro Signore va cercando dove possa riposare in seno ad un amore forte e vigilante; va cercando unanima che laccolga, felice di vegliare al Suo fianco anche quando Egli taccia; unanima che si paga di possedere Lui, anche quando se ne stia immobile e silenzioso; unanima ospitale e sacrificata che lo accolga al sicuro, ove Egli possa adagiare il suo corpo (Mt 8, 20). Egli la va cercando e la trova difficilmente: perch la maggior parte degli uomini sono troppo occupati di se stessi e non possono mettere la 1

loro felicit esclusiva nel riposo che il loro Dio vorr gustare in loro. Egli va cercando unanima ricca di virt forti e robuste, pieghevole e nello stesso tempo consistente e solida. Io sogno ideali splendidi, traccio meravigliosi programmi di santit, mi prefiggo un grado di perfezione che mincanta, ma non penso quasi mai a filtrare i miei desideri attraverso il Suo Divin volere e a correggere le mie viste con le Sue. E in unanima cos fatta potr Egli trovare asilo? E sopra un tale cuscino, tutto ripieno di elementi terreni e disparati, potr posare, la Sua testa divina? I propositi di perfezione sono certo necessari, ma se non vogliamo che si riducano ad un puro gioco fatto per illuderci, conviene basarli su un perfetto distacco interiore, e in una disposizione danimo che si abbandona dolcemente e senza riserve alla provvidenza di Dio per noi. Signore, plasmami secondo il Tuo beneplacito: io non voglio cosa alcuna prima che per me labbia voluta Tu, e mi contenter sempre di essere conforme al Tuo desiderio. Lanima mia sar per Lui una casa di raccoglimento in cui, come nel santuario, non si cammina che sulla punta dei piedi e non si permette di parlare che sottovoce. Raccoglimento fatto di silenzio, di attesa e di amore, perch non si vegli il Signore come un morto, ma come un risorto glorioso; col cuore infiammato di desiderio, sapendo che Egli ha vinto tutte le tenebre, che ha unaurora pari ad un pieno meriggio e che, a suo tempo e a Suo piacere, sorger dalla Sua immobilit apparente, ed allora tutti lo vedranno! Voglio sedermi a cena con Lui e il cibo Suo invisibile la volont del Padre Celeste eseguita in modo perfetto. Egli mi dir della Sua vita nascosta in me, dei Suoi sforzi e della Sua strategia divina per potermi conquistare e perch, nonostante tanti disinganni e tanti scacchi provati, non abbia mai rinunziato a perseguitarmi e a farmi suo. Non mi basta incontrarmi con Te, Signore, un momento come per caso; tienimi ben vicino a Te come lamico intimo al quale si confidano sottovoce le cose pi segrete e le speranze pi care. Lo so che non son degno di conoscere i Tuoi pensieri eterni, ma tienimi ben vicino a Te come un oggetto di Tuo uso, che ti pu servire e non mancher di fare la parte sua. Tu vuoi aver bisogno di 2

collaboratori, n vuoi fare da solo la Tua opera di redenzione del mondo. Tienimi ben vicino a Te e col servirti di me, insegnami a servirti con perfezione. Per rassomigliare a Lui, non ho bisogno di mutare le mie condizioni di vita quaggi: non necessario che io cessi di essere uomo, ma solo di esserlo malamente, cio allinfuori di Lui. Ci che luomo teme sopra ogni altra cosa, non gi di soffrire, n di essere disprezzato e neppure di morire. Egli si riconcilia col dolore, accetta di esser disprezzato e non rifiuta neppure la morte, anzi qualche volta la desidera. Ma ci che luomo teme soprattutto di credersi o di sapersi un essere inutile. Signore, mi hai preso a lavorare nella tua vigna, ma io sono un servo inutile (estratto da: La Preghiera vissuta). Quando Ges mi venne a trovare, rispose a molte mie domande mentre io, emozionato, mi misi a piangere senza chiedergli niente! Confortandomi mi disse: Il Padre mio non ritarda nelladempiere la sua promessa, come certuni credono; ma usa pazienza verso di voi, non volendo che alcuno perisca, ma che tutti abbiano modo di pentirsi (2Pt 3, 9). Io non ho fallito. Il mio sacrificio non stato inutile, ma prima che il buon seme seminato, dopo esser morto, risorga portando frutto, ci vuole il suo tempo. C un tempo per seminare, un tempo pi lungo per aspettare e un tempo per raccogliere. Se tornassi oggi sulla Terra per il Giudizio, troverei pi ciechi e sordi di 2000 anni fa! Io e il Padre mio non vi abbiamo abbandonati, ma siamo sempre con voi, limitando nel possibile le vostre sofferenze, ma operiamo in incognito, nascosti e silenziosi. Molte sofferenze sono la pena per espiare il peccato; sono comunque sempre l'esperienza di qualcosa di negativo, utili a segnalare errori che minacciano la vostra salvezza. Mia Madre, i Santi e gli Angeli Custodi vegliano giorno e notte su di voi, manifestandosi raramente a bimbi innocenti e a persone integre. "Beato chi crede senza aver visto". Mio Padre, per provare la vostra fede, permette che siate tentati dal demonio, ma in misura 3

sempre inferiore alle vostre forze, indicandovi anche la via duscita, lasciandovi comunque sempre liberi di fare le vostre scelte. Dio immensamente buono, ma anche esigente. SantAgostino ricorda che: "Chi ti ha creato senza di te, non pu salvarti senza di te". Anche se Dio concede a qualcuno Grazie di predilezione, nessuno mai presuma di salvarsi senza merito. Sarebbe un peccato contro lo Spirito Santo, non perdonabile! Infatti a chiunque vien dato molto, molto sar richiesto (Lc 12, 48). Vestitevi perci delluomo nuovo; quello secondo Iddio creato in vera giustizia e santit (Ef 4, 24). Poi, ogni tanto succedeva che trascuravo il Signore, e Lui, rincresciuto, non poteva venirmi a a trovare. Non basta che io conosca tante cose e sappia parlare o scrivere in forma elegante, ma, per sentirmi un uomo nuovo, necessario che io perseveri ad esser traboccante di Cristo! Adesso lo amo, gli parlo e gli dico: O mio Ges ascoltami, qui sulla Terra le cose stanno andando assai male. Errare humanum est, perseverare diabolicum: errata corrige!. Le vicende predette da Giovanni nellApocalisse si stanno avverando sempre pi. Satana e i suoi demoni sono come leoni ruggenti e come avvoltoi, che si precipitano su di noi per possederci, farci perire, anima e corpo e divorarci! Urge la Tua presenza. Ma non c bisogno che io Te lo dica perch Tu lo sai benissimo: Tu vedi e conosci tutto! O Padre celeste, perdona i miei peccati, la mia ignoranza, la mia presunzione, la mia fretta e la mia preoccupazione. Dovrei piuttosto preoccuparmi di compiere sempre la Tua volont e di essere Tuo testimone. Tu sai quello che fai, Tu non sbagli e hai calcolato tutto al millesimo, anzi allinfinitesimo! Sia fatta la Tua volont. Tu sai quando dovr essere il tempo del ritorno di Cristo per il Giudizio, e quanto al giorno e all'ora, per nessuno lo sa, neanche gli Angeli del cielo e neppure il Figlio, ma solo il Padre (Mt 24, 36). Perci anche voi state pronti, perch nell'ora che non immaginate, il Figlio dell'uomo verr. (Mt 24, 44). 4

Tu sei degno, o Signore Dio nostro, di ricevere la Gloria, lonore e la potenza, perch Tu hai creato tutte le cose, e per la Tua volont furono create e sussistono. Tu sei degno di prendere il libro e di aprirne i sigilli, perch sei stato immolato e hai riscattato per Dio con il Tuo sangue uomini di ogni trib, lingua, popolo o nazione e ne hai fatto per il nostro Dio un Regno e dei Sacerdoti, e regneranno sopra la Terra. (Ap 5, 9-10). Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Tu dimorerai tra di loro ed essi saranno Tuo popolo e Tu sarai il "Dio-con-loro". E tergerai ogni lacrima dai loro occhi; non ci sar pi la morte, n lutto, n lamento, n affanno, perch le cose di prima saranno passate. (Ap 21, 3-4). La Santa citt, la nuova Gerusalemme, non avr bisogno della luce del sole, n della luce della luna perch la gloria di Dio la illuminer e la sua lampada sar l'Agnello. Le nazioni cammineranno alla sua luce e i re della terra a lei porteranno la loro magnificenza. Le sue porte non si chiuderanno mai durante il giorno, poich non vi sar pi notte. E porteranno a lei la gloria e l'onore delle nazioni. Non entrer in essa nulla d'impuro, n chi commette abominio o falsit, ma solo quelli che sono scritti nel libro della vita dell'Agnello. (Ap 21, 23-27).

Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volont. Ho sperato, ho sperato nel Signore, ed egli su di me si chinato, ha dato ascolto al mio grido. Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo, una lode al nostro Dio. Sacrificio e offerta non gradisci, gli orecchi mi hai aperto, non hai chiesto olocausto n sacrificio per il peccato. Allora ho detto: Ecco, io vengo. Nel rotolo del libro su di me scritto di fare la tua volont: mio Dio, questo io desidero; la tua legge nel mio intimo. Ho annunciato la tua giustizia nella grande assemblea; vedi: non tengo chiuse le labbra, Signore, tu lo sai. (Salmo 39). Ti aspettiamo Ges, Tu sei la Luce del mondo. Tu sei disceso dal cielo e ti sei incarnato nel seno della vergine Maria per farti uomo e per salvarci. Tu sei la nostra salvezza. Tu sei il Buon Pastore. Tu sei la vera vite, noi i tralci! Tu hai vinto la morte, Tu sei la Via, la Verit e la Vita, Sei la Verit, che guarisce la gente ammalata come un bisturi in mano ad un buon chirurgo. Tu sei il mio medico personale, Sei il mio chirurgo di fiducia. 6

Quando ho bisogno, Ti trovo l nella tua casa, la Chiesa; cos, dopo averlo localizzato, ti confesso il mio male. Con mano sicura e decisa, incidi le mie viscere ed estirpi il peccato; era come un tumore maligno, anzi peggio! Poi con Grazia mi hai medicato e usato i Tuoi farmaci: amore, misericordia e perdono. Cos mi hai guarito da morte certa, da morte eterna m'hai salvato! Torno periodicamente da Te, a farti visita, riconoscente, e a farmi visitare, per non aver ricadute. Grazie di tutto! Fa' che io possa imitarti, curando tanti fratelli con lo stesso Tuo amore.

mimonatta@yahoo.it

mimonatta.blogspot.com